Docstoc

SE

Document Sample
SE Powered By Docstoc
					SE.AM.CO.                                      SERVIZI AMMINISTRATIVI CONTABILI
di Turci Maurizio & C. s.a.s.
Corso Mazzini, 19/g
48015 CERVIA (RA)
P.IVA C.F. Reg. Impr.Ravenna nr. 01017980390
Tel. 039 0544970959 Fax 039 0544917179
www.seamco.it mail - servizi@seamco.it


Ai Signori Clienti, novità in vigore per l’anno 2011
                                                                                     Cervia 21/01/2011

1) Nuovo ed ulteriore limite alle compensazioni di imposta

Nell’ambito della “manovra correttiva” DL 78/2010 il Legislatore ha posto un limite all’utilizzo dei crediti in
compensazione nel mod.F24 in presenza di imposte iscritte a ruolo e non pagate entro 60 giorni dalla notifica della
cartella di pagamento.

A decorrere dal 1 gennaio 2011 è vietato l’utilizzo in compensazione di crediti erariali (IRPEF,
IVA, IRES, ecc.) fino a concorrenza dell’importo dei debiti relativi ad imposte erariali (IRPEF, IVA,
IRES, ecc.) di importo superiore a € 1.500,00 e per i quali è già scaduto il termine di pagamento
di 60 gg dalla notifica. La sanzione prevista per le compensazioni eseguite in difetto dell’esistenza di tale
impedimento è pari al 50% degli importi compensati!!! Al fine di eliminare qualsiasi rischio di errata compensazione
e di incorrere in sanzione è necessario che lo Studio incaricato di gestire la compensazione venga
tempestivamente informato di eventuali cartelle esattoriali non pagate. In assenza di tali informazioni lo scrivente
Studio effettuerà come di consueto la compensazione tra i crediti erariali e gli importi risultanti a debito e si ritiene
sollevato da qualsiasi responsabilità derivante dall’indebito utilizzo dei crediti.


2) Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA
L’art. 21 del D.L. 78/10 (convertito in L. 122/10) ha introdotto l’obbligo della comunicazione telematica delle
operazioni rilevanti ai fini IVA di importo non inferiore a € 3.600, demandando ad un apposito provvedimento
dell’Agenzia delle Entrate l’individuazione delle modalità e dei termini di invio. Il Provvedimento, del 22 Dicembre
u.s., stabilisce che sono obbligati alla comunicazione tutti i soggetti passivi IVA che effettuano operazioni
rilevanti ai fini di tale imposta, consistenti in cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute per le
quali i corrispettivi sono di importo pari o superiore ad € 3.000 (al netto dell’IVA) o ad € 3.600 (al lordo
dell’IVA). La comunicazione deve essere inviata entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento
(quindi, la comunicazione relativa all’anno 2011 deve essere trasmessa entro il 30 aprile 2012).
Esclusivamente per il periodo d’imposta 2010, il limite delle operazioni oltre il quale è obbligatorio effettuare la
comunicazione è elevato ad € 25.000 e la comunicazione è limitata alle sole operazioni soggette all’obbligo di
fatturazione.
         La decorrenza di tali nuovi rilievi è per le operazioni effettuate dal 1° maggio 2011, pertanto da tale data
per le operazioni conseguenti emissione di fattura (anche frazionata per la stessa operazione come
acconto e saldo) di importo superiore € 3.000 + IVA è necessario prestare attenzione alla correttezza di C.F.
e P.IVA delle parti intervenenti, mentre per le operazioni documentate da Scontrini e Ricevute Fiscali
di importo superiore ad € 3.600 si dovrà raccogliere copia di un documento di identità
(possibilmente in corso di validità) e del Codice Fiscale oltre a tenere memoria del documento
emesso (nr. data importo) onde procedere entro il 30 aprile dell’anno successivo alla comunicazione
telematica dei dati così raccolti.
        In caso di omessa comunicazione ovvero di comunicazione con dati incompleti o non veritieri è
applicabile la sanzione amministrativa da euro 258,22 a euro 2.065,82 (per ogni omissione!!!) prevista dall’art.11,
comma 1, D.Lgs. n. 471/97.

3) Obbligo di preventiva autorizzazione per coloro che intendono acquistare o vendere
beni e servizi a/da soggetti ubicati nella UE

Il Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 29/12/2010 ha attuato le disposizioni contenute nella
lettera 7-ter dell’art. 35 del decreto IVA. In particolare, il provvedimento dispone che tutti i soggetti dotati di P.IVA
che intendono acquistare/vendere beni o servizi da/a soggetti IVA ubicati nei paesi UE, devono
preventivamente richiedere l’autorizzazione all’Agenzia delle Entrate. L’autorizzazione va richiesta all’atto della
apertura della P. IVA compilando le previste caselle degli appositi moduli AA7 e AA9.
Per coloro già in attività, l’autorizzazione va presentata con apposita istanza in carta semplice rivolta ad un
qualunque Ufficio dell’Agenzia delle entrate.

L’Agenzia delle entrate ha chiarito che la richiesta di autorizzazione deve essere presentata sia per
l’effettuazione di servizi intracomunitari (acquisto/aggiornamento                     di   software/antivirus,
pubblicità, ecc.), sia acquisto/vendita di beni.
        Per i soggetti già in attività il nulla osta si richiede mediante un’apposita comunicazione da
indirizzare all’Agenzia delle entrate competente per territorio. Se non viene comunicato il diniego entro 30
giorni, l’autorizzazione si da per accordata (silenzio-assenso). Prima dei 30 giorni il soggetto non è
autorizzato ad effettuare acquisti/vendite di beni e servizi intracee.

       I Soggetti che hanno aperto la P. IVA prima del 31 maggio 2010 e che:
      hanno effettuato nel 2009 e nel 2010 operazioni intracomunitarie (valgono sia quelle relative a beni sia
       quelle relative ai servizi) inviando telematicamente i relativi modelli INTRA;
     hanno correttamente spedito nei termini la dichiarazione IVA dell’anno 2009,
non deve richiedere alcuna autorizzazione per effettuare operazioni intracomunitarie.

       Tutti gli altri Contribuenti devono richiedere l’apposita autorizzazione preventiva per effettuare
operazioni intracomunitarie senza applicazione dell’IVA, pena il pagamento dell’Imposta nello stato CE ed il
pagamento dell’IVA anche in Italia!!… oltre alle conseguenti sanzioni per tardivi adempimenti in tema di IVA
che vanno dal 120% al 240% dell’imposta!!!!!


Cordiali Saluti

                                                rag. Maurizio Turci

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:4
posted:9/25/2011
language:Italian
pages:2