Docstoc

informatica

Document Sample
informatica Powered By Docstoc
					                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it




                            DISPENSA Aggiornata a Febbraio 2003



L
    ’informatica     (INFORMAZIONE-AUTOMATICA) è l’insieme delle discipline che
    studiano l’elaborazione automatica delle informazione nel più breve tempo possibile; lo
    strumento utilizzato è il computer.

Due sono i vantaggi dell'utilizzo del computer: 1) la velocità di esecuzione misurata in Mhz
2) la capacita di memorizzazione espressa in Byte

Per HARDWARE si intende la struttura fisica del calcolatore ,cioè l’insieme di tutte le sue
parti (video ,cavi, tastiera, memorie scheda madre, drive ,modem, scanner, ecc..).

Il SOFTWARE è costituito dall’insieme dei programmi che fanno funzionare l’hardware e
controllano le operazione di input ed output viene diviso in:

   Software applicato (o pacchetti):programmi di uso comune (Word,Excel,Access, ecc )
    programmi creati per risolvere le singole applicazioni in qualsiasi settore.

    Software di base o di sistema operativo :insieme di programmi per il funzionamento del
    sistema hardware e software. Non esiste computer senza sistema operativo; il Windows
    95/98/2000 e MS DOS sono sistemi operativi

   I sistemi di elaborazione vengono in genere classificati secondo diversi livelli:

   Calcolatori: in questa fascia rientrano i calcolatori tascabili , che sono macchine di
    dimensioni e prezzo molto limitati ,sanno eseguire le operazioni aritmetiche e calcolatore
    le funzioni matematiche fondamentali . Sono anche in grado di accettare ed eseguire
    programmi di calcolo definiti dall’utente.

   Piccoli sistemi di elaborazioni: questa fascia comprende l’HOME computer, elaborato di
    prezzo molto contenuto orientato per uso domestico o per hobby; il personal computer o
    microcomputer ,particolarmente adatto per piccoli ambienti di lavoro ,è dotato di discrete
    risorse di potenza di elaborazione e di memorizzare; il computer portabile LAPTOP ,che è
    un computer avente una forma tale da poter essere trasportato facilmente e per certi tipi
    di elaborazione può essere collegato ad elaboratori di livello e prestazioni più elevate .

                                                 1
                                       Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
   I computer di questa fascia usano supporti magnetici per le registrazione dei programmi e
    dei dati e possono trattare piccoli archivi di dati ,permettono però l’accesso al sistema ad
    un solo operatore (monoutenza).

   Medi sistemi di elaborazione: questa fascia comprende i Minicomputer che sono in grado
    di gestire contemporaneamente il lavoro di più utenti collegati all’unità centrale del
    sistema attraverso i terminali (multiutenza),gestiscono inoltre archivi di dati aventi
    capacita notevoli.

   Grandi sistemi di elaborazioni (MAINFRAME):sono i grossi sistemi caratterizzati da una
    grande velocità di elaborazione ,dall’elevato numero di terminali che si possono collegati
    (anche un migliaio ), dalla possibilità di gestire grandi volumi di dati con tempi molto brevi
    e dalla connessione con altri computer.

   Un sistema di elaborazione è una macchina che ,compiendo un insieme di operazione
    elementari, è in grado di:

   Acquistare dati dal mondo esterno (INPUT)

   Registrare le varie informazioni (i dati, gli eventuali valori intermedi, i risultati) per
    mezzo di una MEMORIA ,cioè di un dispositivo in grado di ricevere ,conservare e
    restituire le informazioni opportunamente codificate ;

   Svolgere le funzioni di calcolo sia aritmetico che logico per mezzo di un dispositivo di
    calcolo chiamato UNITA’ ARTMETICO-LOGICA (elaborazione ALU );

   Interpretare le istruzioni costituenti l’algoritmo da eseguire e controllare il
    funzionamento dall’interno sistema per mezzo di un dispositivo chiamato (UNITA’ DI
    CONTROLLO CU);

   ALU +CU= CPU Central Preocessing Unit( Governo di unità centrale )

   La CPU(Centrale Processing Unità centrale di elaborazione )o microprocessore è
    l’elemento più importante del computer : esso costituisce il ―cervello‖ del PC ed esegue i
    programmi (serie di istruzione).Essa è costituita da un circuito integrato quadrato con
    minuscoli piedini, i pin,       conficcati al di sotto. E’ composta da una piccola piastra di
    silicio sulla cui superficie sono stati creati, utilizzando strumenti a laser, milioni di
    componenti elettronici miniaturizzati (CHIP).All’interno del microprocessore si possono
    distinguere :l’Unità logico-aritmetica o ALU (arithmetic logic unit) che esegue le
    operazioni logiche ed aritmetiche richieste dalle varie istruzioni ;un’unità di controllo o
    CU (Control Unit) che determina l’operazione da eseguire a partire dall’istruzione e dai
    dati presenti in ingresso, ed una serie di registri, elementi di memoria molto veloci che
    consentono di immagazzinare dati e indirizzi. Alla CPU si accompagna un circuito integrato
    speciale chiamato coprocessore matematico. Esso abilita la CPU ad effettuare più
    velocemente i calcoli soprattutto per effettuare operazioni matematiche intensive

   Restituire i risultati dell’elaborazione (OUTPUT).
                                                2
                                          Informatica di base
                                        www.salvodimaggio.it
   Per unità periferiche si intendono quei dispositivi che consentono di inserire o ricevere
    dati o istruzioni da elaborare in un sistema di elaborazione .collegati dall'esterno al CPU
    Tramite interfaccie

   Si distinguono in :

   UNITA’ DI INPUT                    UNITA’ DI OUTPUT           UNITA’ DI INPUT/OUTPUT
   Tastiera
   Mouse                              Unità video                Memorie di massa
   Penna ottica                       Stampante                  Terminali
   Scanner                            Plotter                    Modem
   Joystick


   La tastiera è l’unità di input per eccellenza: tramite la tastiera l’operatore comunica con
    l’unità centrale digitando comandi e testo.

   La tastiera è così suddivisa:

   Tastiera alfanumerica (1): simile a quella della macchina per scrivere, i tasti comprendono
    lettere, numeri, simboli, segni di punteggiatura ed alcuni tasti operativi .

   Tastiera funzionale (3): è costituita da tasti contrassegnati da una ―F‖ (da F1 a F12) che
    si trovano sulla parte superiore della tastiera. Essi danno diverse possibilità di comando
    secondo il software in uso al momento .

   I tasti di controllo e spostando cursore (4): sono situati tra la tastiera alfanumerica e il
    tastierino numerico

   Il tastierino numerico (2) sul lato destro della tastiera ,è formato da tasti numerati da 0
    a 9, da tasti per le quattro operazioni e dal tasto invio.

   Per poter digitare i numeri è necessario attivare il tasto BLOC NUM; nel caso contrario, i
    tasti funzioneranno come tasti di spostamento del cursore.

   La tastiera e il video formato anche il posto di lavoro, detto terminale, che collega l’utente
    a un sistema di elaborazione di medie e grandi dimensioni .

   Altre unità di INPUT sono :

   Il mouse è un dispositivo che , spostandosi su di una superficie piana , permette di fare
    eseguire comandi al computer mediante lo spostamento di un cursore sullo schermo. La
    maggiore parte dei mouse ha due pulsanti con i quali si possono eseguire delle azioni
    sull’elemento puntato: sinistro, quello principale, serve per selezionare e confermare le
    principale operazioni ;il pulsante destro consente l’apertura di menu a scelta rapida
    collegati al contesto in cui si sta operando .


                                                   3
                                       Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
   La penna o i sistemi ottici per leggere i codici a barre (BAR-CODE);

   Lo scanner ,che consente di leggere fogli contenenti immagini o parti scritte di documenti
    trasformandoli in segnali digitali che vengono immessi nel PC;

   La tavoletta grafica per rivelare le coordinate dei punti di un disegno ;

   Il video sensibile al tatto (TOUCH SENSITIVE SCREEN),dotato di una rete di raggi
    infrarossi: l’utente, puntato il dito sullo schermo, interrompe un raggio attivato il comando
    presentato sul video nel punto corrispondente;

   I sistemi ottici per il riconoscimento di caratteri prodotti su documenti, secondo un
    formato predefinito .

   Il video (o display ,o monitor ,o schermo ) può essere considerato anche come una unità di
    output perché oltre a riportare i caratteri battuti sulla tastiera, può essere usato per
    visualizzare messaggi o dati di output.

   L’unità d’uscita (OUPUT) più usata è la stampante (PRINTER): un’apparecchiatura per
    riprodurre i caratteri, che compongono risultati e messaggi, in un foglio di carta.

   Nelle stampanti a non impatto, il carattere viene prodotto sulla carta attraverso impulsi
    di tipo elettrico o magnetico oppure ottico (ad es. a getto d’inchiostro con cartuccia, laser
    con Toner inchiostro polverizzato).

   Le stampanti ad impatto sono generalmente quelle ad aghi(9 o 24 aghi), il carattere viene
    composto dalla pressione degli aghi sul nastri inchiostrato (Testina ad aghi).

   Un’altra unità di OUTPUT è il Plotter o tracciatore di disegni, una tavola o un rullo sul
    quale è appoggiato un foglio dove la penna , collegata ad un braccio meccanico disegna il
    grafico .

   La connessione tra il sistema e le periferiche viene effettuata per mezzo di un’interfaccia
    che consente alla C.P.U. di comunicare con l’esterno ed una connessione (generalmente un
    cavo).

   Le tecniche usate per effettuare le connessione sono due :

   Collegamento parallelo       dove i BIT vengono inviati per mezzo di un filo per ogni BIT
    da trasmettere (per es. la stampante)

   Collegamento seriale       dove i BIT vengono inviati una alla volta lungo lo stesso filo ad
    intervalli regolari di tempo (per es. il modem ) La velocità di trasmissione viene misurata in
    BAUD (1bit/1sec.).

   Le informazioni trattate dai calcolatori elettronici possono esistere solo sotto due stati :
    passaggio o interruzione di corrente, magnetizzazione o tensione positiva o negativa, è

                                                4
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
    evidente che tali informazioni possono essere rappresentate da un linguaggio che possiede
    due soli simboli.

   Il linguaggio binario è composto da due sole cifre, 0 e 1, che prendono il nome di bit
    (binary digit, cifre binarie ).Il BIT è l’unità elementare di informazione.

   Il raggruppamento di 8 bit prende il nome di byte e a ciascun byte corrisponde un’unica
    lettera o carattere, rappresenta quindi l’unità di misura dell’informazione.

   I multipli del byte sono il:

   Kbyte( kilobyte, Kb) che vale 1024 byte                1.000 circa

   Mbyte (Megabyte, Mb) che vale 1024 X Kbytes; 1.000.000 circa

   Gbyte (gigabyte,Gb) che vale 1024 X Mbytes              1.000.000.000 circa

   Tbyte (terabyte, Tb).che vale 1020 X Gbyte               1.000.000.000.000 (mille miliardi)

   Il CHIP di silicio o circuito integrato è una minuscola particella di silicio su cui vengono
    realizzati circuiti elettronici chiamati circuiti integrati o Microprocessori.

   Essi vengono inseriti in piccoli contenitori di plastica muniti di piedini di rame rivestiti in
    oro o stagno, detti PIN. Tutti i componenti elettronici del PC sono fissati su una piastra
    di fibra di vetro detta SCHEDA MADRE o scheda base. La fibra di vetro è un cattivo
    conduttore di elettricità e perciò ciascun componente risulta isolato da tutti gli altri.
    Sottili fili di metallo sulla superficie della piastra collegano i PIN da un componente
    all’altro, formando i circuiti elettrici del computer. Alla scheda madre vengono poi
    collegate, in appositi alloggiamenti detti connettori di espansione , altre schede, quali la
    scheda video, la scheda di controllo del drive, la scheda per il suono, ecc.

   Le MEMORIE sono dei dispositivi in grado di ricevere, conservare e restituire le
    informazioni opportunamente codificate. Un sistema di elaborazione è dotato di vari tipi di
    memorie:

   Memoria RAM (Random Access Memory ,memoria ad accesso casuale ) detta anche
    memoria centrale o di lavoro, attraverso la quale passano tutte le informazioni fornite
    dall’unità di input oppure dall’unità aritmetico logica. E’ una memoria di tipo ―volatile‖, nel
    senso che, nel momento in cui cessa l’alimentazione , il suo contenuto viene perso; essa
    consente, quindi una memorizzazione temporanea .

   Memoria ROM (Read Only Memory, memoria di sola lettura ), programmata dalle case
    costruttrici, contiene informazioni memorizzate permanentemente o raramente
    modificate. Quest’insieme di programmi registrati nella ROM (firmware:firm=stabile e
    ware=componente) prende il nome di BIOS(basic imput output system) cui scopo e quello
    di controllare l’efficienza della macchina sia in senso fisico che logico ed avviare il sistema.


                                                 5
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
   Memorie ausiliarie o permanenti o di massa che memorizzano e conservano le informazioni
    in maniera permanente le memorie ausiliarie più utilizzate sono dischi fissi (hard disk ), i
    dischetti flessibili (floppy disk) e i compact disk o CD-ROM.Il disco fisso è la principale
    unità di registrazione permanenti del PC ed è in grado di conservare grandi quantità di dati
    e di programmi, i dischetti invece contengono meno dati dei dischi fissi e sono rimovibili.
    inoltre, sui dischi fissi, la velocità di lettura /scrittura delle informazioni è notevolmente
    superiore che sui dischetti i floppy disk e i CD-ROM o DVD si inseriscono in apposite
    feritoie nella parte frontale del PC. gli hard disk si trovano all’interno del PC. I meccanismi
    che accolgono i dischi si chiamano drive e servono a far ruotare i dischi.

   Un hard disk o disco fisso può essere formato da più piatti circolari sovrapposti. Questi
    piatti ruotano molto velocemente; le informazioni registrate su di essi vengono lette da
    speciali testine che possono anche scrivere sul disco. Sebbene non è possibile vedere il
    drive del disco fisso, tuttavia una piccola spia verde o gialla nel pannello frontale del PC
    indica quando il drive è attivo.


                               Le Memorie di massa
                                         Approfondimento



                                           Hard Disk
Le memorie di massa o memorie esterne (per distinguerle dalla memoria centrale) sono i
supporti che servono per registrare archivi di dati ,testi programmi dell’utente o programmi
forniti dalla casa costruttrice dei computer. Hanno la caratteristica peculiare di essere
memorie permanente ovvero le informazioni in esse contenute possono permanere in
differentemente dal fatto che l’unità di elaborazione sia accesa o spenta.

Attualmente le memorie di massa utilizzate sono costituite da materiale magnetizzabile, ma si
stanno diffondendo sempre più supporti ottici e magneto-ottici per la loro grande capacità.

Sulle memorie di massa, che si chiamano cose perchè‚ possono contenere quantità rilevanti di
dati rispetto alla memoria centrale, possono     essere fatte operazioni di input, quando si
leggono i dati registrati sul supporto di memoria e operazioni di output, quando si registrano
nuovi dati.

Quindi possono essere considerate unità di I/O.

Le memorie di massa sono caratterizzate da alcuni parametri fondamentali che ne
descrivono le caratteristiche:

   il tempo di accesso (access time), espresso con i sottomultipli dei secondo, indica il tempo
    richiesto affinché‚ il computer possa ritrova- re i dati registrati per poter elaborare poi
    in memoria centrale;


                                                 6
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
   La capacità indica la quantità di informazioni (espressa in numero di byte, in sostanza di
    caratteri, e misurata con i suoi multipli, KByte, MByte, GByte, Tbyte) che il supporto può
    contenere;
   La velocità di trasferimento dei dati (transfer rate) indica la rapidità con la quale i dati
    vengono trasferiti dal supporto alla memoria centrale e si misura in KByte per secondo
    (KBps) o MByte per secondo (MBps).

I supporti di tipo magnetico più diffusi sono i dischi e i nastri.

I dischi possono essere di tipo diverso: dischi rigidi o hard disk, che possono contenere grandi
quantità di dati e vengono usati per i sistemi medi e grandi, e i floppy disk o dischetti o dischi
flessibili, usati per memorizzare piccole quantità di informazioni, quale un documento o un
applicativo di dimensioni contenute.
Quasi sempre i dischi contenuti nelle unità di memoria per sistemi medi e grandi sono più di
uno, e sono disposti uno sopra l'altro ruotanti tutti attorno allo stesso asse verticale.
Dal punto di vista fisico il disco è organizzato per tracce e settori. Le tracce sono tanti
cerchi concentrici; i settori sono simili a ―fette‖. All’incrocio tra la traccia e il settore si
forma il blocco fisico dei dati registrati su disco.

 Per funzionare il disco ha bisogno di un’apparecchiatura per leggere e scrivere i dati sulla sua
superficie, dotata di una testina che si posiziona sulla traccia desiderata muovendosi dalla
periferia al centro dei disco viceversa, mentre il disco ruota velocemente attorno a un asse
verticale passante per il centro.
In questo caso si dice che l’unità dischi è dotata di testina mobile.

Quando invece l’unità dischi è dotata di tante testine quante sono le tracce si parla di testine
fisse.

Il meccanismo che trascina il disco si chiama drive, e spesso questo termine viene usato come
sinonimo di unità a dischi.

Le memorie di massa hanno di solito, data la loro funzione all’interno dei sistema di
elaborazione, capacità molto grandi rispetto alla memoria centrale.

La capacità di un disco si misura in KByte per i dischi di capacità limitata (minidisk o floppy
disk) e in Mbyte e Gbyte per i dischi di capacità più elevata. Nei moderni computer le
memorie di massa possono avere capacità anche di ordine superiore al Giga e perciò è
diventata di uso comune anche l’unità di misura che indica le migliaia di Gigabyte, che si chiama
Terabyte, equivalente a 1024 Gigabyte.

Un floppy disk può avere capacità da 160 KB fino a 2,88 MB.
Le dimensioni di un disco si determinano attraverso la misura dei diametro espresso in pollici:
le misure standard nei dischi delle precedenti generazioni di computer erano 8‖ e 5‖1/4,
mentre lo standard dei dischi moderni è la misura di 3‖1/2. Il simbolo ― indica l’unità di
misura in pollici.


                                                 7
                                         Informatica di base
                                      www.salvodimaggio.it
  I nastri (in inglese tape) hanno funzioni e capacità analoghe a quelle dei dischi, anche se
  l’organizzazione e l’accesso ai dati registrati seguono una tecnica diversa.

Mentre l’accesso ai dati di un disco avviene in modo diretto, sul nastro i dati sono registrati in
modo sequenziale (uno di seguito all’altro) e l’accesso Š di tipo sequenziale, che si ottiene con
l’avvolgimento veloce in un verso o nell’altro dei nastro. Il nastro può avere la forma di una
bobina oppure di una cartuccia (cartridge).



                                            Cd-Rom

                                           Approfondimento

Negli anni più recenti sono stati introdotti nell’ambito dei supporti per la registrazione dei dati i
CD-ROM (Compact Disk - Read Only Memory), dischi di grandissima capacità basati su un
sistema di lettura di tipo ottico.
I dati vengono registrati sul disco ottico, attraverso apparecchiatura dette masterizzatori per
CD-ROM, e il disco diventa di sola lettura per l’utente finale che utilizza per la riproduzione
appositi lettori di CD-ROM collegati al computer, dei tutto simili ai lettori di CD musicali.

Un lettore di CD-ROM viene caratterizzato dalla velocità di lettura (8X,16X, 32X, ... ); più alta è
la velocità, più efficiente è la presentazione di filmati e immagini in movimento.

I primi lettori di CD-ROM operavano con una velocità di trasferimento dal disco alla memoria dei
computer pari a 150 KByte per secondo (KBps), indicata con 1 X e detta velocità singola
(single speeci). Le versioni successive delle periferiche per la lettura dei CD-ROM hanno

   raggiunto velocità molto più elevate: le sigle 2X, 4X, ..., 32X e 48X indicano l’incremento della
velocità rispetto alla velocità dei primi lettori a singola velocità

  Per esempio un lettore 32X permette una velocità di trasferimento di 4800 KBps (Kbyte per
secondo).


  Un CD-ROM può contenere fino a 650 MB di dati o 74 minuti di audio: risulta quindi
particolarmente adatto per conservare documenti multimediali, dizionari, Codici, norme fiscali,
documentazioni tecniche di prodotti, consultabili facilmente e in tempi brevi: ci si può rendere
conto dell’elevata capacità di questi dischi se si pensa che un libro medio occupa circa 2 Mb.

  Lo sviluppo della tecnologia dei dischi ottici ha poi prodotto i dischi WORM (Write Once Read
Many), cioè dischi sui quali si può anche scrivere, ma una sola volta. Questa tecnologia risulta
particolarmente adatta alla conservazione di documenti originali che non devono essere
modificati in momenti successivi.

In questa categoria rientrano anche i dischi ottici CD-R (Recordable), cioè CD registrabili con il
masterizzatore connesso al personal computer, per la creazione di CD che possono essere poi
                                                   8
                                           Informatica di base
                                      www.salvodimaggio.it
letti con un drive standard per CD; il contenuto dei CD perciò non può più essere modificato con
registrazioni successive.
Per fare questo occorre usare i dischi CD-RW (Rewritable), che consentono aggiunte, modifiche
e cancellazioni in fasi successive, come con un normale dischetto.
Negli anni pi— recenti la tecnologia ha creato i nuovi lettori e i nuovi supporti per la Tecnologia
DVD (Digital Versatile Disc). Gli appositi lettori di dischi DVD possono leggere anche i normali
CD-ROM, ma sono stati progettati per trattare le informazioni multimediali in formato digitale
con alta qualità di riproduzione nel video e nel suono.
1 video seguono lo standard MPEG, per la compressione delle informazioni video; la qualità di
riproduzione dei suoni Š di tipo stereo o Dolby Digitale, che consente un suono nitido su canali
multipli e in modalità surround, come nei moderni impianti Hi-Fi. Un altro vantaggio dei dischi
DVD è costituito dall’alta capacità di memorizzazione, che può essere di 4.7 Gigabyte su uno dei
suoi due lati, corrispondenti a circa 1 33 minuti di filmato. Alcuni dischi DVD possono non solo a
doppia faccia, ma anche a doppia densità di registrazione, quindi possono potenzialmente
contenere circa 1 7 GB di video, audio o altri dati.



In ogni sistema di elaborazione, sia esso piccolo o grande, ha una grande importanza il
salvataggio di archivi e programmi su altri supporti di copia (backup). La copia può essere fatta
su supporti uguali a quelli che contengono i dati originali: si usa spesso anche il nastro per fare la
copia dei contenuto di un disco.
Tutto quello che può essere registrato su un supporto di memoria di massa si indica con il
termine generico di file: un file può essere un testo, un programma, o un archivio di dati.



     FLOPPY DISK

     Come un hard disk, un floppy è un disco trattato magneticamente sul quale possono essere
      registrato le informazioni. I primi floppy avevano un diametro di 8 pollici ed erano
      veramente flessibili. Agli inizi degli anni 80 i floppy furono ridotti a un diametro di 5,25
      pollici e adesso sono state sostituite dai dischi da 3,5 pollici (3‖1/2).Questi dischetti sono
      ancora sottili, ma essendo protetti da una custodia rigida di plastica non sembrano più
      flessibili.

     Dimensioni e densità dei dischetti

     3",5 bassa                                Bassa densità, 720 Kb, oppure DS/DD
     3‖,5 alta                                 Alta densità(HD),1,4 Mb , oppure DS/HD
     3‖,5 estesa                               Densità estesa 2,8 Mb oppure DS/ED
     La densità del carattere del dischetto si riferisce alla quantità di informazioni che
      possono essere contenute nel dischetto stesso.




                                                    9
                                     Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it


Per installare una periferica   Plug and Play

1) Spegnere il computer.
2) Collegare la periferica al computer seguendo le istruzioni del produttore dell'hardware.

3) Accendere il computer e avviare Windows. La nuova periferica Plug and Play verrà rilevata
   automaticamente e il software necessario verrà automaticamente installato.

Note
    Se la nuova periferica Plug and Play non viene rilevata automaticamente, significa che il
     componente hardware non funziona correttamente, la periferica non è installata in
     modo corretto oppure non è stata installata. Non utilizzare l'Installazione guidata
     Nuovo hardware poiché non è in grado di risolvere i problemi sopra riportati.
    Se la periferica non supporta la tecnologia Plug and Play, fare clic su Argomenti
     correlati per informazioni sull'installazione di nuovi componenti hardware.




Per installare un modem

Per avviare la procedura guidata Installazione nuovo modem.
1) Seguire le istruzioni visualizzate.

Note
    Per avviare la procedura guidata Installazione nuovo modem, è anche possibile fare
       clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di controllo e infine
       fare doppio clic sull'icona Modem.
    Se nel passaggio 1 viene visualizzata la finestra di dialogo Proprietà - Modem anziché
       la procedura guidata Installazione nuovo modem, scegliere il pulsante Aggiungi per
       avviarla.
Fig3) Installazione del modem.




                                              10
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it




Per rimuovere un programma dal computer

1) Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Installazione applicazioni.
2) Seguire le istruzioni visualizzate.

Note
    Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Installazione applicazioni, è anche
     possibile fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di
     controllo e infine fare doppio clic sull'icona Installazione applicazioni.
    Solo le applicazioni create per Windows possono essere rimosse tramite la finestra di
     dialogo Proprietà - Installazione applicazioni. Per tutte le altre applicazioni,
     consultare la relativa documentazione per determinare i file da rimuovere.




                             Dorsale linea telefonica Telecom

                                      Modem         Modem



                                       PROVIDER
                                        LIBERO



                                            modem
                Modem                                                 Modem




INTERNET           Rappresenta la più grande rete mondiale che, grazie al protocollo TCP/IP,
               interconnette migliaia di computer e reti locali anche diverse tra di loro
               utilizzando il modem (convertitore di impulsi)
WWW           WORLD WIDE WEB (Protocollo per la comunicazione sulla rete delle reti
               Mondiale)
URL            UNIFORM RESOURCE LOCATOR (indicatore uniforme di risorse, indirizzo
               completo usato da Browser Web
              per richiamare un sito es.( www.libero.it/postaweb)
              www = Protocollo libero= Dominio /postaweb =percorso
BROWSER       Programma utilizzato per la ricerca dei siti in Web (Exsplorer ,Netscape,
              Neoplanet,Opera ecc)
                                                  11
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
SITO         Indirizzo Elettronico a cui collegarsi
TCP/IP       TRASMISSION CONTROL PROTOCOL /INTERNET PRPTOCOL



PROTOCOLLO Insieme di comandi che regolano la trasmissione dei dati tra due o più
           Computer
HTTP      HYPERTEXT TRANSPORT PROTOCOL (Protocollo utilizzato per un collegamento ad un
          altro ipertesto)
FTP       FILE TRANSFER PROTOCOL (Protocollo di comunicazione per gestire i file)
E-mail    Indirizzo Posta Elettronica   Es. ialcisl@libero.it

HTML      HYPERTEXT MARKUP LANGUAGE (Linguaggio di marcatura Ipertestuale)
          I file che devono essere visualizzati o elaborati nella rete Web devono essere
          scritti in questo linguaggio, e prendono il nome di Pagine Web estensione HTM
           es. (ial.htm)
NEWSGROUP Gruppi di discussione
LAN       LOCAL AREA NETWORK (rete locale Intranet)



ISDN       INTEGRATED SERVICES DIGITAL NETWORK_(reti digitali di servizi
           integrati, rete di comunicazione veloce )
DOMINIO SOCIETA' CHE GESTISCE UN SITO
PROVIDER NODO CHE GESTISCE UN SITO PER COLLEGAMENTI AD INTERNET
           (Es Libero Tiscali Clubnet )
POP        POINT OF PRESENCE (punto di collegamento)
HOST Computer remoto(lontano) a cui si è collegati

ACCOUNT       Meccanismo utilizzato per controllare l'accesso ad una rete o ad un sistema
              Multiutente; comprende informazione sulla password e sul nome utente




                                                 12
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it




PROCEDURE OPERATIVE WINDOWS


   Copiare una cartella o un gruppo di file da C in A (Floppy Disk)

    Start -> Clik destro -> Esplora ->selezionare col mouse cartella o File ->clik destro ->invia a
    Floppy 3,5

       Copiare da Floppy disk(A) in C(Hard Disk)

    Start o Avvio -> Clik destro -> Esplora -> selezionare col mouse nel percorso icona
    Floppy 3,5 -->Selezionare cartella o file da copiare -> Cliccare su icona copia della
    barra degli strumenti -> selezionare dal percorso la cartella su cui copiare -> cliccare su
    icona incolla della barra degli strumenti



    Percorso




                                                13
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it


      Memorizzare un documento o un foglio di lavoro in A Floppy disk

       File -> salva con nome ->scegliere nel percorso Floppy Disk 3,5 -> scegliere il nome ->
       cliccare su icona salva




 Procedura SCANDISK (Start -> programmi-> accessori-> utilità di sistema -> scandisk )da
effettuare ogni 100 ore di lavoro; controlla le cartelle, file ma viene utilizzato per riparare il
disco rigido o il floppy disk da eventuali errori fisici.

La procedura memorizza in un file di nome scandisk.log               tutti i cluster danneggiati
,permettendo al CPU di non utilizzarli nelle future registrazioni.

Procedura Defrag 0 Deframmentazione (Start -> programmi-> accessori-> utilità di sistema
-> deframmentazione )da effettuare ogni 100 ore di lavoro; controlla riordina le cartelle, file,
e ricopia tutta la struttura delle directory togliendo spazi vuoti nei cluster ,permettendo così
di compattare ed aumentare lo spazio del HAD DISK.(da effettuare dopo Scandisk)

Procedura Backup (Start -> programmi-> accessori-> utilità di sistema -> backup )da
effettuare periodicamente permette di ottenere delle copie di sicurezza del disco fisso o di
determinate cartelle in Floppy disk o su unità di backup come cd rw o nastro 59GB


1) Fare clic sul pulsante Avvio, quindi scegliere Programmi.
2) Se il programma non è visualizzato nel menu, scegliere, da gestione risorse la cartella
    contenente il programma che si desidera avviare.
3) Fare clic sul programma.



                                                14
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
Suggerimenti
Dopo aver avviato un programma, verrà visualizzato un pulsante sulla barra delle applicazioni.
Per passare da un programma in esecuzione all'altro, fare clic sul pulsante corrispondente
sulla barra delle applicazioni.
Se il programma che si desidera avviare non è visualizzato nel menu Programmi né nei
sottomenu corrispondenti, scegliere Trova dal menu Avvio, quindi fare clic su File o cartelle.
Utilizzare la finestra di dialogo Trova per individuare il file del programma.

Per trovare un file o una cartella
1) Fare clic sul pulsante Avvio, quindi scegliere Trova (Fig.1)
2) Fare clic su File o cartelle.
3) Nella casella "Nome", digitare il nome completo del file oppure una parte di esso.

   Se non si conosce il nome di un file o se si desidera definire meglio la ricerca,     fare clic
    sulla scheda Data o Avanzate.
   Se si desidera specificare il punto di inizio della ricerca, fare clic sul pulsante
   Sfoglia.
4) Fare clic sul pulsante Trova.

   Suggerimento
   Scegliere Guida rapida dal menu "?" per informazioni della Guida su un oggetto specifico,
    quindi fare clic sull'oggetto su cui si desiderano informazioni.
   Se nella casella "Testo contenuto" della scheda Avanzate vengono digitate lettere
    minuscole e maiuscole e si desidera che la ricerca ne tenga conto, fare clic sul menu
    Opzioni e assicurarsi che Maiuscole/minuscole sia attivato.
   Per salvare i risultati della ricerca di file o di cartelle al termine della ricerca, scegliere
    Salva il risultato della ricerca dal menu Opzioni.
   Accanto a Salva il risultato della ricerca verrà visualizzato un segno di spunta.
   Scegliere Salva ricerca dal menu File.
   Sul desktop verrà visualizzata un'icona che rappresenta i risultati della ricerca o i
    criteri di ricerca.
Nota
   È possibile iniziare nuovamente la ricerca o aggiornarne i risultati facendo clic
     sull'icona dei risultati sul desktop e scegliendo il pulsante Trova.




Fig1) Trova
                                               15
                                       Informatica di base
                                     www.salvodimaggio.it



Per visualizzare il contenuto del computer

1) Fare doppio clic sull'icona Risorse del computer.
2) Fare doppio clic sull'icona dell'unità che si desidera visualizzare.
   Verranno visualizzati i file e le cartelle presenti su quell'unità. Le cartelle  possono
    contenere file, programmi e anche altre cartelle.
3) Per aprire un file o una cartella oppure per avviare un programma, fare doppio clic su di
    esso.

Suggerimenti
Per tornare alla cartella precedente, fare clic sulla barra degli strumenti oppure premere
BACKSPACE. Se la barra degli strumenti non è visualizzata, scegliere Barra degli strumenti
dal menu Visualizza.
Per visualizzare l'ordine gerarchico di tutte le cartelle presenti sul computer, è possibile
utilizzare Gestione risorse. Scegliere Programmi dal menu Avvio, quindi fare clic su Gestione
risorse.

Per copiare un file o una cartella

1) In Risorse del computer o in Gestione risorse, fare clic sul file o sulla cartella che si
    desidera copiare.
2) Scegliere Copia dal menu Modifica.
3) Aprire la cartella o il disco in cui si desidera collocare la copia.
4) Scegliere Incolla dal menu Modifica.
Suggerimento
Per selezionare più file o cartelle da copiare, tenere premuto CTRL mentre si fa clic sugli
oggetti desiderati.
Fig2) Contenuto del computer.




                                               16
                                         Informatica di base
                                       www.salvodimaggio.it
Per eliminare un file o una cartella

1) In Risorse del computer o in Gestione risorse individuare il file o la cartella che si desidera
    eliminare.
2) Fare clic sul file o sulla cartella.
3) Scegliere Elimina dal menu File.

Suggerimenti
Se si desidera recuperare un file eliminato, si consiglia di cercarlo nel Cestino. I file eliminati
restano nel Cestino finché esso non verrà svuotato.

Per copiare un file su un disco floppy

1) Inserire il disco nell'unità disco floppy.
2) In Risorse del computer o in Gestione risorse fare clic sul file che si desidera copiare.
3) Scegliere Invia a dal menu File, quindi fare clic sull'unità su cui si desidera copiare il file.

È inoltre possibile trascinare file o cartelle sull'icona Cestino. Se durante il trascinamento si
tiene premuto MAIUSC, l'oggetto verrà eliminato direttamente senza essere conservato nel
Cestino.

Per creare una nuova cartella

1) In Risorse del computer o in Gestione risorse aprire la cartella in cui si desidera creare
    una nuova cartella.
2) Scegliere Nuovo dal menu File, quindi Cartella. La nuova cartella verrà visualizzata con un
    nome temporaneo.
3) Digitare un nome per la nuova cartella, quindi premere INVIO.




Per rinominare un file o una cartella

1) In Risorse del computer o in Gestione risorse, fare clic sul file o sulla cartella che si
    desidera rinominare. Non è necessario che il file o la cartella siano aperti.
2) Scegliere Rinomina dal menu File.
3) Digitare il nuovo nome, quindi premere INVIO.

Suggerimento
Un nome di file può contenere un massimo di 255 caratteri, inclusi gli spazi, ma non può
contenere alcuno dei seguenti caratteri: \ ? : * ? " < > |




                                                 17
                                               Informatica di base
                                           www.salvodimaggio.it

Per modificare lo sfondo del desktop

1) Fare clic qui per visualizzare le proprietà dello schermo.
2) Nella casella "Motivo" o "Sfondo" fare clic sul motivo o sullo sfondo da utilizzare.

Suggerimenti
Per coprire l'intero schermo con copie di un'immagine di sfondo di piccole dimensioni, fare clic
su "Affiancato". Per posizionare un'immagine di sfondo al centro dello schermo, fare clic su
"Centrato".
È possibile impostare allo stesso tempo sia uno motivo che uno sfondo. Tuttavia se per lo
sfondo è stata selezionata l'opzione "Affiancato", non sarà possibile vedere il motivo.
In base all'impostazione predefinita, durante l'installazione di Windows vengono installati solo
alcuni sfondi. Per informazioni sull'installazione di altri sfondi, fare clic su Argomenti
correlati, quindi fare doppio clic su "Installazione di un componente di Windows
successivamente all'installazione di Windows".

Per visualizzare tutti i file e le estensioni dei nomi di file

1) In Risorse del computer o in Gestione risorse aprire la cartella che si desidera esaminare.
2) Scegliere Opzioni dal menu Visualizza.
3) Fare clic sulla scheda Visualizza, quindi scegliere "Tutti i file".
    Se si desidera visualizzare tutte le estensioni dei nomi di file, assicurarsi che la casella
     "Non visualizzare le estensioni MS-DOS per i file" sia disattivata.


Presentazione del browser Web Microsoft Internet Explorer
Internet è un insieme di reti che connette milioni di computer in tutto il mondo. Microsoft
Internet Explorer consente di connettersi a Internet e di avere accesso all'enorme quantità
di informazioni memorizzata su questi computer. Sia che si desideri cercare delle
informazioni o scaricarle automaticamente nel proprio computer, si consiglia di leggere le
sezioni che seguono dove verranno illustrate alcune caratteristiche di Internet Explorer che
agevolano l'esplorazione del Web.

installare una stampante
1) Fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Stampanti e infine fare doppio clic sull'icona Aggiungi
    stampante.
     Seguire le istruzioni visualizzate.

     Se si desidera stampare una pagina di prova, assicurarsi innanzitutto che la
     stampante sia accesa e pronta per la stampa.
Nota
    Se si desidera utilizzare una stampante di rete condivisa, sarà possibile installarla
     velocemente individuandola in Risorse di rete, facendo clic sull'icona corrispondente,
     quindi scegliendo Installa dal menu File.
                                                          18
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it


Per stampare un documento
1) Se il documento è aperto, scegliere Stampa dal menu File.
2) Se il documento non è aperto, trascinarlo da Risorse del computer o da Esplora risorse
   sull'icona della stampante in uso nella cartella Stampanti.

Note
    Durante la stampa di un documento verrà visualizzata un'icona a forma di stampante
     sulla barra delle applicazioni accanto all'orologio. Al termine della stampa l'icona
     scomparirà.
    Per facilitare l'accesso alla stampante, è possibile creare un collegamento sul desktop

Per modificare le impostazioni della stampante

1) Fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Stampanti.
2) Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona della stampante in uso, quindi scegliere
    Proprietà.
   Le impostazioni modificabili dipendono dal tipo di stampante utilizzata. Fare clic sulle
    diverse schede per visualizzare tutte le opzioni disponibili.
Nota
    La modifica delle proprietà della stampante sarà valida per tutti i documenti stampati
       con quella stampante. Per modificare le impostazioni di un documento, scegliere
       Imposta pagina o Imposta stampante dal menu File dell'applicazione in uso.



Utilizzo di Sincronia file

Se si desidera lavorare sui file con un computer portatile, è possibile utilizzare Sincronia file
per mantenere i file aggiornati.
Fare doppio clic sull'icona Sincronia file sul desktop, quindi per informazioni sul
funzionamento.

Per avviare il computer senza accedere a Windows

1) Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Chiudi sessione.
2) Selezionare il pulsante di opzione Riavvia il sistema, quindi scegliere OK e        tenere
    premuto CTRL fino a quando non verrà visualizzato il menu di avvio di Microsoft Windows
    98. In alcuni computer è possibile utilizzare F8 anziché CTRL per visualizzare il menu di
    avvio di Microsoft Windows 98.
3) Se si desidera caricare i file Autoexec.bat e Config.sys e specificare gli oggetti da
    omettere durante il processo di avvio, immettere il numero corrispondente all'opzione
    Conferma passo-passo, quindi premere INVIO.



                                               19
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
  Se si desidera caricare i file Autoexec.bat e Config.sys e passare al prompt dei comandi,
    immettere il numero corrispondente all'opzione Prompt dei comandi con supporto di
    rete, quindi premere INVIO. Se la scheda di rete dispone di driver in modalità Reale,
    verrà fornito supporto di rete.
   Se si desidera ignorare i file Autoexec.bat e Config.sys e passare al prompt dei comandi,
    immettere il numero corrispondente all'opzione Prompt dei comandi in modalità
    provvisoria, quindi premere INVIO.
Nota
    Una volta avviato il computer in ambiente MS-DOS, sarà necessario riavviare il sistema
       prima di poter eseguire nuovamente Windows.



Per riavviare il computer in modalità    MS-DOS

Fare clic sul pulsante Start, scegliere Chiudi sessione, quindi selezionare il
pulsante di opzione Riavvia il sistema in modalità MS-DOS.

Per assegnare un nome a un disco

1) In Risorse del computer o in Esplora risorse selezionare il disco a cui si desidera assegnare
    un nome.

2) Scegliere Proprietà dal menu File.
3) Nella casella di testo Etichetta digitare il nome da assegnare al disco. Per modificare
    un'etichetta esistente, immettere il nuovo nome dopo averla selezionata.
   Il nome può contenere un massimo di 11 caratteri.

Per aprire file rapidamente
1) Per avviare l'Utilità di deframmentazione dischi.

2) Dalla casella di riepilogo a discesa selezionare l'unità che si desidera .

3) Scegliere OK.
Note
    Per avviare l'Utilità di deframmentazione dischi, è anche possibile fare clic sul
      pulsante Start, scegliere Programmi, quindi Accessori, Utilità di sistema e infine
      Utilità di deframmentazione dischi.
    Per modificare le impostazioni dell'Utilità di deframmentazione dischi, scegliere il
      pulsante Impostazioni.
    Durante la deframmentazione del disco è possibile eseguire altre operazioni, anche se
      il sistema risulterà più lento e il processo richiederà più tempo. Per interrompere
      temporaneamente l'Utilità di deframmentazione dischi in modo da poter eseguire altri
      programmi a velocità normale, scegliere il pulsante Sospendi.
    Durante il processo di deframmentazione l'utilità viene avviata ogni volta che altri
      programmi scrivono sul disco. Se questo avviene troppo spesso, si consiglia di chiudere

                                                20
                                      Informatica di base
                                  www.salvodimaggio.it
       i programmi in esecuzione fino a quando l'operazione di deframmentazione non sarà
       completata.
   

Per modificare la qualità del suono nelle registrazioni

1)   Per visualizzare la scheda Audio della finestra di dialogo Proprietà – Multimedia.
2) Nella casella di gruppo Registrazione fare clic sull'icona Microfono per visualizzare il
     controllo con cui regolare il volume di registrazione.
Nota
    Per visualizzare la scheda Audio della finestra di dialogo Proprietà - Multimedia, è
      anche possibile fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di
      controllo e infine fare doppio clic sull'icona Multimedia.

Per inviare i segnali audio di un CD direttamente a una periferica di output digitale
1) Per visualizzare la scheda CD musica della finestra di dialogo Proprietà – Multimedia.
2) Selezionare la casella di controllo Se possibile, usare riproduzione digitale su questa
      periferica per inviare i segnali audio del lettore CD a periferiche digitali, quali gli
      altoparlanti USB.
Note
    Per visualizzare la scheda CD musica della finestra di dialogo Proprietà - Multimedia,
        è anche possibile fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello
        di controllo e infine fare doppio clic sull'icona Multimedia.
    La selezione di questa opzione consente di riprodurre i brani registrati in modalità
        digitale anziché in modalità analogica.
    Per informazioni sulla regolazione del volume degli altoparlanti, consultare la
        documentazione allegata al Lettore CD.




Per calibrare la visualizzazione alle dimensioni reali

1) per visualizzare la scheda Impostazioni della finestra di dialogo Proprietà – Schermo, dal
    menù del tasto destro del mouse.
2) Assicurarsi che il valore impostato nella casella Area dello schermo sia maggiore di 640
    per 480 pixel. Se 640 per 480 pixel è l'unica impostazione disponibile, non sarà possibile
    calibrare la dimensione dei caratteri visualizzati per portarla alle dimensioni reali.
3) Per visualizzare la finestra delle proprietà del computer, scegliere il pulsante Avanzate.
4) Nella scheda Generale selezionare Altri dalla casella di riepilogo Dimensione caratteri.
5) Avvicinare un righello allo schermo, quindi trascinare il righello visualizzato nella casella
    Esempio fino a farli corrispondere.
Nota
    Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Schermo e la scheda Impostazioni, è
       anche possibile fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di
       controllo e infine fare doppio clic sull'icona Schermo.
                                               21
                                      Informatica di base
                                  www.salvodimaggio.it

Per impostare uno screen saver

1) Per visualizzare la scheda Screen saver della finestra di dialogo Proprietà – Schermo dal
    menù aperto dal tasto destro del mouse.
2) Dalla casella di riepilogo a discesa Screen saver selezionare lo screen saver che si
    desidera utilizzare.
3) Per personalizzare lo screen saver, scegliere il pulsante Impostazioni.
Note
    Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Schermo e la scheda Screen saver,
       è anche possibile fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello
       di controllo e infine fare doppio clic sull'icona Schermo.
    Lo screen saver viene avviato quando il computer rimane inattivo per il numero di minuti
       specificato nella casella Attesa. Per disattivare lo screen saver, muovere il mouse
       oppure premere un tasto qualsiasi.
    In base all'impostazione predefinita, durante l'installazione di Windows vengono
       installati solo alcuni screen saver. Per informazioni sull'installazione di altri screen
       saver, fare clic su Argomenti correlati.



Fig6) Screen saver




Per modificare la password di Windows

1) Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Password, è anche possibile fare clic sul
    pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di controllo e infine fare doppio
    clic sull'icona Password.
    Se si sta utilizzando Windows in rete, la password di Windows potrà essere modificata
    solo dopo aver effettuato l'accesso alla rete




                                               22
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
2) Fare clic sul pulsante Cambia password di Windows, quindi scegliere OK. Se sono state
    impostate altre password di rete, queste saranno visualizzate nell'elenco. Se necessario,
    è possibile modificarle, in modo che corrispondano alla nuova password di Windows.
3) Digitare la vecchia password.

4) Digitare la nuova password, quindi specificarla nuovamente nella casella Conferma nuova
    password.



Gestione del risparmio energetico

L'utilizzo delle funzionalità di risparmio energetico consente di ridurre il consumo di energia
delle periferiche o dell'intero sistema. A tale scopo, è possibile scegliere una combinazione
risparmio energia, ovvero un insieme di impostazioni che consentono di gestire l'energia
utilizzata dal computer.
È inoltre possibile regolare le singole impostazioni di una combinazione risparmio energia. Ad
esempio, a seconda dell'hardware di cui si dispone, è possibile:
     Impostare la disattivazione automatica del monitor e dei dischi rigidi per risparmiare
        energia.
     Mettere il computer in standby quando è inattivo. Quando il computer è in standby, il
        monitor e i dischi rigidi vengono spenti in modo da ridurre il consumo di energia.
        Quando si desidera riprendere l'attività, il sistema uscirà rapidamente dallo standby e
        il desktop verrà riportato allo stato originale. Questa modalità di risparmio energetico
        è particolarmente utile per prolungare l'autonomia delle batterie nei computer
        portatili.
     Impostare la sospensione del computer. La funzionalità di sospensione implica la
        disattivazione del monitor e del disco rigido, il salvataggio su disco di tutti i dati
        presenti in memoria e lo spegnimento del computer. Quando si avvia nuovamente il
        sistema, il desktop verrà riportato alle condizioni precedenti lo spegnimento. Il
        ripristino dell'attività del sistema dopo la sospensione richiederà più tempo rispetto
        all'uscita dallo stato di standby.
In genere la disattivazione automatica del monitor o del disco rigido viene utilizzata per
risparmiare energia quando il computer rimane inattivo per poco tempo. Nel caso in cui ci si
debba assentare per un breve periodo, è possibile mettere il computer in standby, ovvero
l'intero sistema in modalità a basso consumo.
La funzionalità di sospensione viene generalmente utilizzata quando si prevede di non
utilizzare il computer per un periodo di tempo piuttosto lungo o fino al giorno successivo.
Quando si riavvia il computer, il desktop verrà riportato alle stesse condizioni in cui si trovava
prima della sospensione.
Per utilizzare la gestione di risparmio energetico, è necessario che il computer supporti tali
funzionalità. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione fornita con il computer.




                                               23
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
Per chiudere un programma che non risponde
1) Premere CTRL+ALT+CANC.

2) Nella finestra di dialogo Termina applicazione selezionare il programma che non risponde,
   quindi scegliere il pulsante Termina applicazione.

Nota
    È anche possibile premere CTRL+ALT+CANC, quindi fare clic su Arresta il sistema
     nella finestra di dialogo Termina applicazione per spegnere il computer.

Per aggiungere un programma al menu Avvio o al menu Programmi

1) Fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Barra delle applicazioni & Menu
     Avvio.
2) Scegliere la scheda Applicazioni del menu Avvio.
3) Fare clic sul pulsante Aggiungi, quindi sul pulsante Sfoglia.
4) Individuare il programma che si desidera aggiungere e selezionarlo.
5) Scegliere il pulsante Avanti, quindi fare doppio clic sul menu in cui si desidera visualizzare
     il collegamento al programma.
6) Digitare il nome che si desidera venga visualizzato sul menu, quindi scegliere il pulsante
     Fine.
7) Se viene chiesto di scegliere un'icona, selezionarne una e fare clic sul pulsante Fine.
Note
     Per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà - Barra delle applicazioni, è anche
         possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota della e scegliere
         Proprietà.
     È inoltre possibile aggiungere un programma nella parte superiore del menu Avvio
         trascinandone l'icona sul pulsante Start.
     Se si desidera aggiungere un programma utilizzando Esplora risorse, fare clic sul
         pulsante Avanzate.




                                               24
                                                 Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
Presentazione del        browser Web Microsoft Internet Explorer
Internet è un insieme di reti che connette milioni di computer in tutto il mondo. Microsoft
Internet Explorer consente di connettersi a Internet e di avere accesso all'enorme quantità
di informazioni memorizzata su questi computer. Sia che si desideri cercare delle
informazioni o scaricarle automaticamente nel proprio computer, si consiglia di leggere le
sezioni che seguono dove verranno illustrate alcune caratteristiche di Internet Explorer che
agevolano l'esplorazione del Web.

Utilizzo dei canali per il download automatico di contenuti Web aggiornati
Tramite i canali è possibile ricevere direttamente nel proprio computer i contenuti Web più recenti dai migliori provider
di tutto il mondo. Se si è installato il nuovo desktop, di Internet Explorer 4.0 sarà inoltre possibile visualizzare i canali
direttamente sul proprio desktop o utilizzarli come screen saver.


Aggiornamento di siti Web preferiti e visualizzazione delle pagine a proprio piacimento
Effettuando la sottoscrizione ai siti preferiti è possibile aggiornare automaticamente il
contenuto memorizzato nel proprio computer con la frequenza desiderata, ad esempio
giornalmente, settimanalmente o mensilmente. Con Internet Explorer è possibile scaricare
singole pagine Web o interi siti in background, mentre si effettuano altre operazioni o persino
durante la notte. È quindi possibile visualizzare tali pagine in un secondo momento, come e
dove si preferisce: nella modalità in linea, non in linea, al lavoro, a casa o in viaggio.


Le pagine Web più utilizzate a portata di mano
Per facilitare l'accesso alle pagine è possibile creare un nuovo pulsante sulla barra dei
collegamenti semplicemente trascinando su di essa un collegamento dalla barra degli indirizzi
o da una pagina Web. È quindi possibile personalizzare la barra dei collegamenti per
visualizzare i pulsanti nel modo desiderato. In alternativa, è possibile aggiungere una pagina
Web all'elenco Preferiti in modo da potervi accedere con facilità dal menu Preferiti o dalla
barra di Explorer.
Utilizzo della barra di Explorer per un'esplorazione facile e veloce del Web
Per cercare i siti Web è possibile utilizzare la nuova barra di Explorer, che può essere
visualizzata facendo clic sul pulsante Cerca sulla barra degli strumenti. La barra di Explorer
verrà visualizzata nella parte sinistra della finestra del browser e potrà essere utilizzata per
fare clic sui vari collegamenti in modo da visualizzare le pagine corrispondenti nella parte
destra dello schermo, mentre l'elenco con i risultati della ricerca rimarrà visualizzato nella
parte sinistra. Analogamente, è anche possibile scorrere ed esplorare gli elenchi Preferiti e
della cronologia, i canali e i propri documenti.


Completamento automatico degli indirizzi Web
Grazie alla caratteristica di completamento automatico, non appena si inizia a digitare sulla
barra degli indirizzi un URL visitato frequentemente, la restante parte dell'indirizzo verrà
completata automaticamente. Inoltre, se l'indirizzo Web che si digita o sul quale si fa clic in

                                                             25
                                         Informatica di base
                                       www.salvodimaggio.it
una pagina Web è errato, verranno proposti automaticamente indirizzi Web simili per agevolare
l'individuazione di quello corretto.


Maggiore sicurezza durante l'esplorazione
Utilizzando le aree di protezione è possibile impostare livelli di protezione differenti per zone
diverse del Web e proteggere in tal modo il proprio computer. Utilizzando le restrizioni
d'accesso a Internet è possibile impedire la visualizzazione di contenuto inappropriato o che
potrebbe risultare offensivo. Con Microsoft Wallet è possibile memorizzare nel computer i
dati della propria carta di credito e le informazioni per il recapito di prodotti acquistati, oltre
a utilizzare server protetti per connettersi ai siti Web. Con Microsoft Profile Assistant è
possibile memorizzare le informazioni personali richieste da alcuni siti Web e controllarne la
condivisione con altri siti.




                                                 26
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it



                               Sintesi a cura di Salvo Di Maggio
                                Formatore IAL-CISL SICILIA
                                      TERMINI IMERESE

L' Excel è un foglio di calcolo che fa parte del pacchetto Applicativo OFFICE. Noi parleremo
in particolare della versione Microsoft Excel 97

Nuove caratteristiche di base sono:

le operazioni più frequenti, quali l'immissione di riferimenti di intervallo nelle finestre di
dialogo, il salvataggio di più file e lo scorrimento, l'ingrandimento o la riduzione del foglio per
visualizzare i dati e altre caratteristiche che oggi semplificano i lavori di ogni giorno.
Nuova caratteristica della versione 97 è l'Immissione semplificata dei riferimenti di
intervallo nelle finestre di dialogo. Le finestre di dialogo che accettano i riferimenti di
intervallo dispongono ora di un pulsante che riduce le dimensioni della finestra di dialogo, in
modo da poter selezionare liberamente l'intervallo desiderato sul foglio di lavoro.
Altra particolarità della versione 97 è la Periferica di puntamento IntelliMouse. Questo nuovo
tipo di mouse viene proposto contemporaneamente al rilascio di Office 97. È possibile
utilizzare la rotellina per scorrere, ingrandire o ridurre la visualizzazione di un foglio di lavoro
ed esaminare i dati di tabelle pivot, strutture ed elenchi dei subtotali.
Nella versione 97troviamo anche l 'Intestazioni di colonna e riga per indicare la cella attiva
Spostando la selezione della cella attiva, il numero di riga e la lettera di colonna vengono
evidenziati, consentendo di individuarne immediatamente la posizione.
Suggerimenti delle celle e suggerimenti delle barre di scorrimento. Nei suggerimenti delle
celle vengono automaticamente visualizzati i commenti, o note, relativi a una cella quando si
posiziona il puntatore del mouse su una cella con un indicatore commenti, rappresentato nella
versione 97 da un triangolo rosso nell'angolo superiore destro della cella.
Nuova caratteristica della versione 5.0 è il Comando Schermo intero. Il comando Schermo
intero del menu Visualizza consente di nascondere elementi dello schermo, quali barre degli
strumenti e barre dei menu, in modo da visualizzare un'area più grande del foglio di lavoro.
 Caratteristica aggiornata nella versione 5.0 è poter Salvare un elenco di cartelle di lavoro
aperte come file dell'area di lavoro. Come nelle versioni precedenti, il comando Salva area di
lavoro del menu File consente di salvare un elenco delle cartelle di lavoro aperte, della relativa
dimensione e posizione, così che alla successiva apertura il file dell'area di lavoro verrà
visualizzato nello stesso modo.




                                                27
                                     Informatica di base
                                  www.salvodimaggio.it

ESEGUIRE UNA MACRO IN MICROSOFT EXCEL



La Macro è un piccolo programma scritto o registrato in cui è memorizzata una serie di
comandi di Microsoft Excel utilizzabile successivamente come un singolo comando. Le macro
consentono di automatizzare attività complesse e ripetitive. Le macro vengono registrate nel
linguaggio di programmazione Visual Basic, ma è anche possibile scriverle utilizzando
direttamente l'Editor di Visual Basic.
Come si esegue una macro? La risposta è semplice basta eseguire le istruzioni di seguito
elencate:
 Scegliere Macro del Menu Strumenti, quindi Macro
 Registra nuova Macro
 Posizionarsi nel foglio con cui desidero lavorare, Eseguire le operazioni che m'interessano
    (Copiare, Incollare, Tagliare,…..)
 Scegliere nuovamente Macro dal Menu Strumenti
 Interrompi Nuova Macro
 Creare pulsante a cui associare Macro (Tasto destro Assegna Macro)

MODIFICARE UNA MACRO

Per modificare una macro, è necessaria una buona conoscenza dell'Editor di Visual Basic. È
possibile utilizzare tale programma per scrivere e modificare le macro di una cartella di
lavoro.

   Scegliere Macro dal menu Strumenti, quindi Macro
   Nella casella Nome macro immettere il nome della macro.
   Scegliere il pulsante Modifica.




IL FILTRO AUTOMATICO



In Microsoft Excel è possibile analizzare i dati di un elenco in diversi modi. Per visualizzare
solo le righe che soddisfano criteri specifici, è ad esempio possibile filtrare un elenco
utilizzando il comando Filtro automatico.
Eseguire un Filtro automatico è semplice :
 Selezionare la colonna che soddisfa le mie condizioni
 Scegliere Filtro dal Menu Dati
 Fare clic su Filtro Automatico
Automaticamente la colonna precedentemente scelta mi visualizzerà una piccola freccia nera
sull’etichetta. (vedi esempio)
                                              28
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it




Cliccando sulle frecce nere posso scegliere delle opzioni che il Filtro Automatico mi offre :

Opzioni del filtro automatico

Per                             Scegliere

Visualizzare tutte le righe Tutto
Visualizzare tutte le righe contenenti valori che rientrano nel limite superiore o inferiore
specificato, per elemento o per percentuale, come ad esempio le somme che rientrano nel
primo 10 % di vendite                                                             Primi 10
Visualizzare solo le righe che contengono una cella vuota nella colonna Vuote
Visualizzare solo le righe che contengono un valore nella colonna           NonVuote

Nota Le opzioni Vuote e NonVuote sono disponibili solo se la colonna che si desidera filtrare
contiene una cella vuota.




                                               29
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it


FILTRO AVANZATO

In Microsoft Excel è possibile ricercare dati da un elenco in modi diversi rispetto al Filtro
Automatico e questa possibilità la offre il Filtro Avanzato.
I criteri di filtro avanzati possono includere più condizioni applicate a una singola colonna e più
criteri applicati a più colonne. E' consigliabile associare il Filtro Avanzato ad un pulsante che
sia collegato ad una Macro.
Esecuzione Filtro Avanzato:
 Inserire l'etichette per la ricerca e tra quest'ultima e l'elenco dati, lasciare un rigo che
    verrà utilizzato per visualizzare il risultato del filtro;
 Scegliere Strumenti, Registra nuova Macro;
 Selezionare le celle di ricerca;
 Dal Menu Dati seleziono Filtro Avanzato;
 Inserisco l'intervallo dei Criteri delle celle che soddisfano la mia condizione, quindi ok;
 Interrompo Macro;
 Creo un Pulsante, associo la Macro al Pulsante, inserisco nel rigo vuoto il dato di ricerca e
    attivo il Pulsante.




                                                30
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it



SUBTOTALI

In un lungo elenco di dati, è possibile utilizzare i subtotali per strutturare automaticamente le
informazioni su un foglio di lavoro.
I valori dei subtotali vengono calcolati utilizzando una funzione di riepilogo, quale Somma o
Media. È possibile visualizzare i subtotali utilizzando in un elenco più tipi di calcolo
contemporaneamente.
I valori dei totali complessivi vengono ricavati dai dati di dettaglio, non dai valori delle righe
di subtotale. I valori dei subtotali e dei totali complessivi vengono ricalcolati automaticamente
quando si modificano i dati di dettaglio.

ESECUZIONE DEI SUBTOTALI:

          Ordinare l'elenco in base alla colonna di cui si desidera calcolare i subtotali. Per
           riepilogare ad esempio le unità vendute da ciascun commesso in un elenco di
           venditori, incassi e pezzi venduti, ordinare l'elenco in base alla colonna Commesso.
           Per ordinare fare clic dal Menu Strumenti, quindi Ordina.

       Procedura

  Fare clic su una cella dell'elenco.
  Scegliere Subtotali dal menu Dati.
  Scegliere la funzione che si desidera utilizzare per calcolare i subtotali nella casella Usa la
   funzione, quindi ok.
(vedi esempio)




                                                31
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it




Rimuovere subtotali da un elenco

Quando si rimuovono i subtotali da un elenco, verrà rimossa anche la struttura e tutte le
interruzioni di pagina applicate all'elenco durante l'inserimento dei subtotali.

   Fare clic su una cella dell'elenco contenente i subtotali.
   Scegliere Subtotali dal menu Dati.
   Scegliere Rimuovi tutti.

COSTRUIRE UN GRAFICO CON MICROSOFT EXCEL
I possibile visualizzare in un grafico i dati di Microsoft Excel. I grafici sono collegati ai dati
del foglio di lavoro da cui sono stati creati e vengono aggiornati quando tali dati vengono
modificati.
È possibile creare un grafico incorporato al foglio di lavoro o un foglio grafico.
Procedura per creare un grafico:

                                                32
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it


   Selezionare le celle contenenti i dati che si desidera rappresentare nel grafico.

Se si desidera visualizzare nel grafico le etichette di riga e di colonna, includere nella
selezione le celle che le contengono.


   Fare clic sul pulsante Autocomposizione Grafico .
   Seguire le istruzioni riportate in Autocomposizione Grafico.

E’ possibile aggiungere al grafico un’altra serie di dati da inserire nel sistema cartesiano,
basta scegliere in Autocomposizione Grafico l’opzione Serie, quindi Aggiungi e inserisco
Valori delle celle corrispondenti a cui mi riferisco.

Tipi di grafico personalizzati

Quando si crea un grafico o si desidera modificare il tipo di grafico, è possibile scegliere tra
un tipo di grafico standard e un tipo di grafico personalizzato.
Con un tipo di grafico personalizzato, che è simile a un modello o a uno stile, è possibile
modificare velocemente l'aspetto del grafico. Ciascun tipo di grafico personalizzato è basato
su un tipo di grafico standard e contiene ulteriori formattazioni e opzioni, come una legenda,
griglie, etichette dati, un asse secondario, colori, motivi, riempimenti e scelte riguardo il
posizionamento dei vari elementi del grafico.

Eliminare un tipo di grafico:

     Fare clic con il Pulsante Destro sull'area del Grafico;
     Scegliere TAGLIA.

ESEMPIO DI GRAFICO




                                               33
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it




CALCOLARE CON MICROSOFT EXCEL

Microsoft Excel è un foglio di calcolo programmato per facilitare tutte le nostre operazioni,
anche le più complesse. Con il comando Incolla Funzione fx o con il Calcolo Manuale si possono
effettuare svariati calcoli matematici, da semplici operazioni aritmetiche a quelli che
analizzano modelli complessi di formule.
Il calcolo è il procedimento di valutazione delle formule seguito dalla visualizzazione dei
risultati sotto forma di valori nelle celle contenenti le formule. Esso viene effettuato sui
valori memorizzati nelle celle.



È possibile che il processo di calcolo impieghi più tempo se la cartella di lavoro contiene una
grande quantità di formule, se i fogli di lavoro contengono tabelle dati o se i fogli di lavoro
contengono funzioni che vengono ricalcolate in seguito a ogni ricalcolo della cartella di lavoro.



                                               34
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it


Operatore aritmetico                     Significato                 Esempio
+ (segno di addizione)       Addizione                             3+3
– (segno meno)                    Sottrazione                          3–1
* (asterisco)                Moltiplicazione                         3*3
/ (segno di divisione)      Divisione                               3/3
% (segno di percentuale)     Percentuale                     20%
 ^ (accento circonflesso)      Elevamento a potenza             3^2

Aggiungere una serie numerata
Scrivere il numero minimo > posizionarsi sulla cella > segnare intervallo di celle > modifica >
effetti di riempimento > serie > scegliere l'incremento >ok

Inserire una formula
Posizionarsi sulla cella scrivere il simbolo = inserire la formula es. = a1+b2

Orientamento celle
Segnare le celle > pulsante destro mouse > formato celle >allineamento

Larghezza colonne righe
Segnare colonne o righe > formato >colonna > larghezza > cliccare sul valore , inserire nuovo
valore >ok

Inserire colonne o righe
Segnare le colonne o le righe >Inserisci colonna o riga

Cancellare colonne o righe
Segnare le colonne o le righe >pulsante destro del mouse elimina intera riga o colonna

Copiare una formula
Posizionarsi sulla cella contenente la formula > ancorare con il mouse pulsante sinistro la cella
sul punto in basso a destra > trascinare nelle celle dove si vuole copiare

Per qualsiasi operazione sul formato della celle
Segnare le celle > pulsante destro mouse > formato celle > scegliere opzione




                                                35
                                        Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it

ESEMPIO      I due punti separano l’intervallo di celle

Segno di uguale(se la funzione è all’inizio di una formula)

=SOMMA(A2:A12)



Nome della funzione      Le parentesi racchiudono il tutto
Sintassi

Funzione logica             Condizione specificata



SE(A10=100;SOMMA(B5:B15);"")


                  Nome della funzione      stringa vuota



È possibile scrivere una formula per verificare se le spese per un determinato mese rientrano
nel budget, creando il testo per un messaggio con le seguenti formule:

SE(B2>C2;"Fuori budget";"OK") è uguale a "Fuori budget"

SE(B3>C3;"Fuori budget";"OK") è uguale a "OK"
FUNZIONE E

La funzione E restituisce VERO se tutti gli argomenti hanno valore VERO e restituisce
FALSO se uno o più argomenti hanno valore FALSO.
Sintassi

Funzione logica di confronto                              Messaggio da visualizzare



SE(E(1<B4; B4<100); B4; "Il valore non è compreso nell'intervallo.")



Funzione logica esaminata                Condizione specificata

Si supponga di voler visualizzare B4 se contiene un numero compreso tra 1 e 100 e di voler
visualizzare un messaggio qualora il numero non sia compreso nell'intervallo. Se B4 contiene il
valore 104:



                                                36
                                        Informatica di base
                                     www.salvodimaggio.it
SE(E(1<B4; B4<100); B4; "Il valore non è compreso nell'intervallo.") è uguale a "Il valore non è
compreso nell'intervallo."

Se B4 contiene il valore 50:

SE(E(1<B4; B4<100); B4; "Il valore non è compreso nell'intervallo.") è uguale a 50

Funzioni annidate
SE(E(I6>=10;I6<=20);"Valore da 10 a 20";SE(E(I6>20;I6<=300);"Valore da 21 a 300"))
FUNZIONE O
La funzione O restituisce VERO se uno o più argomenti hanno valore VERO e restituisce
FALSO se tutti gli argomenti hanno valore FALSO.

Sintassi                 Separatore di argomenti

 Funzione logica di confronto                        Messaggio da visualizzare



=SE(O(A2=10;A2=20);‖HAI VINTO‖;‖RITENTA‖)



     Funzione logica esaminata                 Condizione specificata

Sono da 1 a 30 le condizioni da verificare che possono avere valore VERO o FALSO.

·      Gli argomenti devono essere uguali a valori logici come VERO o FALSO oppure essere
matrici o riferimenti che contengono valori logici.
·      Se una matrice o un riferimento contiene testo, valori logici o celle vuote, tali valori
verranno ignorati.
·      Se l'intervallo specificato non contiene valori logici, la funzione O restituirà il
valore di errore #VALORE!

Esempio

Si supponga che in un gioco si vince solo quando si totalizza 10 oppure 20 punti, il punteggio
deve visualizzarsi nella cella A2, inoltre si desidera far comparire un messaggio che sia di
vincita o meno. La funzione sarà la seguente:

=SE(O(A2=10;A2=20);‖HAI VINTO‖;‖RITENTA‖)

Si supponga di voler assegnare un gruppo di lettere ai numeri ai quali si riferisce il nome
Punteggio Medio. Consultare la seguente tabella.

Se PunteggioMedio è            Restituirà
Maggiore di 89     A
                                                37
                                      Informatica di base
                                   www.salvodimaggio.it
Compresa tra 80 e 89         B
Compresa tra 70 e 79         C
Compresa tra 60 e 69         D
Minore di 60 F
Si possono utilizzare le seguenti funzioni SE nidificate:

SE(PunteggioMedio>89;"A";SE(PunteggioMedio>79;"B";
SE(PunteggioMedio>69;"C";SE(PunteggioMedio>59;"D";"F"))))

Nell'esempio precedente, la seconda istruzione SE è anche l'argomento se_falso della prima
istruzione SE. Analogamente, la terza istruzione SE è l'argomento se_falso della seconda
istruzione SE. Ad esempio, se il primo test (Media>89) è VERO, verrà restituito "A". Se il
primo test è FALSO, verrà calcolata la seconda istruzione SE e così via.

=CONTA.SE(A1:A30;"A")
Conta nell'intervallo di celle A1:A30 quante volte ricorre il simbolo A ,   funziona anche con i
numeri
=SOMMA.SE(C1:C20;"Medicina";S8:S20)

Importante
Il foglio di calcolo completo di formule va protetto

1.   Segnare le celle che si vogliono utilizzare per inserire i dati
2.   Cliccare pulsante destro mouse
3.   Formato celle > Protezione >togliere il segno di spunta su bloccato > cliccare OK
4.   Strumenti >protezione >proteggi foglio
     Con questa procedura il resto del foglio rimane protetto
     Per togliere la protezione
     Strumenti >protezione >rimuovi protezione

Somma le celle specificate secondo un criterio assegnato.
Somma.se
Sintassi
SOMMA.SE(intervallo;criteri;int_somma)

Intervallo è l'intervallo di celle che si desidera calcolare.
Criteri sono i criteri in forma di numeri, espressioni o testo che determinano le celle che
verranno sommate. Ad esempio, criteri può essere espresso come 32, "32", ">32", "mele".
Int_somma sono le celle da sommare. Le celle in int_somma vengono sommate solo se le celle
corrispondenti in intervallo soddisfano i criteri. Se Int_somma è omesso, verranno sommate le
celle in intervallo.




                                               38
                                      Informatica di base
                                  www.salvodimaggio.it
Esempio
Si supponga che l'intervallo A1:A4 contenga rispettivamente i seguenti valori patrimoniali
relativi a quattro abitazioni: L. 100.000.000, L. 200.000.000, L. 300.000.000, L. 400.000.000.
L'intervallo B1:B4 contiene le seguenti commissioni sulle vendite su ciascuno dei
corrispondenti valori patrimoniali: L. 7.000.000, L. 14.000.000, L. 21.000.000, L. 28.000.000.
SOMMA.SE(A1:A4;">160000000";B1:B4) è uguale a L. 63.000.000

INCOLLA FUNZIONE fx

Ultima spiaggia in cui approderemo, per quanto riguarda il mondo delle operazioni con
Microsoft Excel, è il comando fx
Con questo comando esploreremo un ambiente molto specifico, che va dai calcoli finanziari, a
quelli statistico-matematici. Facendo clic sulla finestra Incolla Funzione sarà visualizzato un
Menu diviso in due parti: a sinistra sono riportate le categorie di appartenenza delle funzioni,
ad esempio ―Statistiche‖, ―Finanziarie‖, ―Matematiche e trig.‖, a destra avremo il Nome
Della Funzione. A questo punto è possibile scegliere la Categoria con cui vogliamo lavorare,
selezionarla e fare lo stesso con il Nome Della Funzione, quindi scegliere OK.



NOTA
Accanto alla finestra Incolla Funzione esiste un’altra finestra che può facilitare le nostre
operazioni di addizione, è il comando Somma Automatica. Bisogna selezionare le celle che
contengono gli addendi e fare clic sul comando Somma Automatica, il gioco è fatto!



PERSONALIZZA LA BARRA DEGLI STRUMENTI

Molte volte capita di dover ripetere ogni giorno le stesse azioni, soprattutto nel mondo del
lavoro, questo può succedere anche con il nostro computer. Per sveltire tutte le nostre
operazioni è consigliabile    Personalizzare la Barra degli strumenti con i comandi che
utilizziamo di più. Come? Segui le istruzioni che ti consiglio:


  Scegliere dal Menu Visualizza il Comando Barra degli Strumenti, quindi fare clic su
   Personalizza;
 Selezionare Barra dei Menu Foglio di Lavoro, cliccare su Nuova, dare il nome quindi OK:
 Trascinare la Barra Personalizzata sulla Barra Standard , fare clic su Comandi e scegliere
   quelli che mi servono maggiormente, quindi li trascino sulla Barra appena creata.
Adesso potrai lavorare più velocemente senza sentire i rimproveri del tuo Capoufficio,
BUONA FORTUNA.
CONVALIDA

E’ un comando di controllo, può essere molto pratico ed utile. Microsoft ha pensato pure a
questo!


                                               39
                                       Informatica di base
                                    www.salvodimaggio.it
   Selezionare le celle che abbiano bisogno di un controllo;
   Scegliere dalla Finestra Dati il comando Convalida, fare clic
   Impostazioni: compilare i Criteri di Convalida che più soddisfano le mie condizioni ed
    immettere un valore massimo ed un valore minimo;
   Messaggio di input: Inserire il Titolo;
   Messaggio di errore: Scegliere lo Stile ed Inserire il titolo, quindi OK.




SUGGERIMENTI

PER INSERIRE UN FOGLIO DI CALCOLO:

   Scegliere dalla Finestra Inserisci il comando Foglio di lavoro, fare clic.
   Per eliminare: fare clic sul pulsante Destro del mouse, fare clic su Elimina.




                                                40
                                                                    Informatica di base
                                                              www.salvodimaggio.it



                                                                            Sommario

Le Memorie di massa ........................................................................................................................................... 6
Per installare una periferica Plug and Play ................................................................................................. 10
Per installare un modem ................................................................................................................................... 10
Per rimuovere un programma dal computer ................................................................................................11
Procedure operative windows ......................................................................................................................... 13
Per trovare un file o una cartella .................................................................................................................. 15
Per visualizzare il contenuto del computer ................................................................................................ 16
Per copiare un file o una cartella .................................................................................................................. 16
Per eliminare un file o una cartella ............................................................................................................... 17
Per copiare un file su un disco floppy .......................................................................................................... 17
Per creare una nuova cartella ......................................................................................................................... 17
Per rinominare un file o una cartella ............................................................................................................ 17
Per modificare lo sfondo del desktop .......................................................................................................... 18
Per visualizzare tutti i file e le estensioni dei nomi di file ................................................................... 18
Iinstallare una stampante................................................................................................................................ 18
Per riavviare il computer in modalità MS-DOS ....................................................................................... 20
Per modificare la password di Windows .................................................................................................... 22
Per chiudere un programma che non risponde.......................................................................................... 24
Per aggiungere un programma al menu Avvio o al menu Programmi ................................................... 24
Excel eseguire una macro in microsoft ..................................................................................................... 28
Modificare una macro ...................................................................................................................................... 28
Il filtro automatico .......................................................................................................................................... 28
Filtro avanzato.................................................................................................................................................. 30
Subtotali ............................................................................................................................................................... 31
Costruire un grafico con microsoft excel ................................................................................................. 32
Tipi di grafico personalizzati ........................................................................................................................ 33
Calcolare con microsoft excel ....................................................................................................................... 34




                                                                                    41

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:78
posted:9/22/2011
language:Italian
pages:41