PIANO DI GESTIONE

					                        06_360_P
                                                Città:Ricerche:Territorio:Innovazione:Ambiente
Rev.   Versione       Redatto      Verificato     Approvato               Data
1      Bozza

2      I emissione
3      II emissione

4      Finale
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




Indice

Premessa ........................................................................................................................................ 3
Attività di partecipazione con gli Enti Locali per la redazione del Piano di Gestione ...... 5
III PARTE – PIANO DI GESTIONE ........................................................................................... 6
1     Valutazione generale del sito .............................................................................................. 6
   1.1     Valenze vegetazionali .................................................................................................. 8
      1.1.1 Habitat e specie floristiche di interesse comunitario ............................................. 8
   1.2     Valenze faunistiche .................................................................................................... 14
      1.2.1 Ornitofauna ............................................................................................................... 14
      1.2.2 Altre specie ................................................................................................................ 15
   1.3     Valore del sito Natura 2000 e aree contermini ....................................................... 16
2     Individuazione dei fattori di criticità e minaccia ........................................................... 17
   2.1     Analisi dei principali fattori di minaccia e criticità per il sito .............................. 17
      2.1.1     Valutazione per gli habitat di interesse comunitario .................................... 17
      2.1.2     Valutazione per le specie floristiche di interesse comunitario .................... 21
      2.1.3     Valutazione per le specie animali di interesse comunitario ......................... 21
   2.2     Criticità presenti nelle diverse parti del SIC ........................................................... 23
   2.3 Sintesi delle criticità ......................................................................................................... 26
   2.4     Analisi SWOT.............................................................................................................. 30
3     Obiettivi ............................................................................................................................... 32
   3.1     Obiettivi generali ........................................................................................................ 32
   3.2     Obiettivi di sostenibilità ecologica ........................................................................... 33
      3.2.1     Obiettivi specifici a breve-medio termine ....................................................... 34
      3.2.2     Obiettivi specifici a lungo termine ................................................................... 35
   3.3     Obiettivi di sostenibilità socio-economica .............................................................. 35
      3.3.1     Obiettivi specifici a breve-medio termine ....................................................... 36
      3.3.2     Obiettivi specifici a lungo termine ................................................................... 36
4     Strategia di gestione ........................................................................................................... 38
   4.1     Strategia per la sostenibilità ecologica..................................................................... 38
      4.1.1     Strategia a breve-medio termine ...................................................................... 38
      4.1.2     Strategia a lungo termine .................................................................................. 40
   4.2     Strategie per la sostenibilità socio-economica ........................................................ 40
      4.2.1     Strategia a breve-medio termine ...................................................................... 40
      4.2.2     Strategia a lungo termine .................................................................................. 40
   4.3     Quadro sintetico degli strumenti finanziari ........................................................... 41
5     Individuazione del soggetto gestore ............................................................................... 42
6     Regolamentazione .............................................................................................................. 43
7     Interventi di gestione ......................................................................................................... 45
   7.1     Interventi per la sostenibilità ecologica ................................................................... 46
      7.1.1     Interventi per la gestione degli habitat e della flora...................................... 58



                                                    RE_06/360/P                                                                                   I
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




      7.1.2     Interventi per la gestione della fauna .............................................................. 59
   7.2     Interventi per la sostenibilità socio-economica ...................................................... 62
      7.2.1     Interventi per la fruizione ................................................................................. 62
      7.2.2     Interventi per la comunicazione ....................................................................... 62
      7.2.3     Interventi per la sorveglianza e la manutenzione ......................................... 62
   7.3     Schede intervento ....................................................................................................... 64
8     Valutazione dell’attuazione e monitoraggio del Piano di Gestione ......................... 144
   8.1     Monitoraggio della sostenibilità ecologica ........................................................... 145
      8.1.1     Monitoraggio degli habitat ............................................................................. 145
      8.1.2     Monitoraggio delle specie vegetali ................................................................ 146
      8.1.3     Monitoraggio della fauna ................................................................................ 147
   8.2     Monitoraggio della sostenibilità socio-economica .............................................. 148
9     Organizzazione gestionale .............................................................................................. 150
   9.1     Interventi di gestione ordinaria .............................................................................. 151
   9.2     Interventi di gestione straordinaria ....................................................................... 151
10      Piano di azione.............................................................................................................. 153
   10.1 Identificazione delle priorità di intervento ........................................................... 153
BIBLIOGRAFIA ........................................................................................................................ 157




                                                RE_06/360/P                                                                            II
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Premessa

Il Piano di Gestione del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod.
ITB040020) è lo strumento gestionale del sito e ha come finalità generale quella di
garantire la presenza, in condizioni ottimali, degli habitat e delle specie che hanno
determinato la proposizione del sito, mettendo in atto strategie di tutela e gestione che
lo consentano pur in presenza di attività umane. Poiché all’interno dell’area SIC sono
comprese anche due Zone di Protezione Speciale (ZPS) denominate “Isola Serpentara”
(cod. ITB043026) e “Isola dei Cavoli” (cod. ITB043027), il seguente Piano di Gestione
comprenderà la gestione anche di queste.
Il Piano di Gestione, coerentemente con l’art.6 punto 1 della Direttiva 92/43/CEE
“Habitat”, è quindi mirato ad individuare misure di conservazione e tipologie di
interventi ammissibili, previa valutazione dello status degli habitat e delle specie di
interesse comunitario e delle relative criticità.
Gli habitat e le specie cui è rivolto questo tipo di tutela sono elencati rispettivamente
nell’Allegato II della Direttiva 92/43/CEE “Habitat”e nell’Allegato I della Direttiva
79/409/CEE “Uccelli”.
I Piani di Gestione, insieme agli altri strumenti di governo del territorio, contribuiscono
alla pianificazione per garantire la tutela e la valorizzazione dei sistemi ambientali.
Il presente Piano di Gestione, coerentemente con la normativa di settore, sarà sottoposto
ad istruttoria per approvazione da parte della Regione Sardegna; lo stesso avrà una
validità di 5 anni e sarà sottoposto ad una valutazione dell’attività e ad una revisione
periodica biennale.
Nella figura seguente è schematizzato il percorso logico che porta dalle valutazioni del
sito, vegetazionale, faunistica ed ecologica, alle scelte gestionali vere e proprie elencate
nel piano d’azione, a seconda della loro priorità.




                                      RE_06/360/P                                                     3
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Figura 1-1     Schema logico per la definizione del Piano di Gestione del SIC


                 Valutazione                  Valutazione               Criticità / Minacce
                vegetazionale                  faunistica




                                        Valutazione ecologica




                         OBIETTIVI                               STRATEGIE
                          del PdG                                 di gestione




                                    INTERVENTI DI GESTIONE




                              Monitoraggio




                                             Organizzazione
                                               gestionale




                                                            Piano di Azione




                                      RE_06/360/P                                                     4
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Attività di partecipazione con gli Enti Locali per la
redazione del Piano di Gestione

Il fine ultimo del Piano di Gestione del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis” è quello di arrivare a stabilire una serie di interventi secondo un percorso
logico ben definito: partendo dalla definizione delle criticità che insistono
maggiormente sul territorio, si è passati ad associare le criticità stesse ai diversi habitat e
specie di interesse comunitario, per poi considerare obiettivi e strategie propedeutici
alla determinazione degli interventi.
Componente basilare di questo processo che ha portato alla definizione degli interventi,
è stata la concertazione ed il confronto con l’ Amministrazione locale, e la popolazione
del luogo.
Sono stati quindi organizzati 5 incontri con l’amministrazione comunale dove sono
state condivise le esigenze di tutela e di conservazione, le criticità e le minacce cui è
sottoposto il territorio ed in particolare gli habitat e le specie di interesse comunitario
presenti. Si sono quindi evidenziate le criticità del territorio e quelle più specifiche
presenti nel SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”, si sono individuate le
strategie da mettere in atto per l’abbattimento delle criticità emerse, sia a carattere
territoriale, che comprendessero quindi anche i SIC limitrofi del territorio (il SIC “Coste
di Cagliari” e il SIC “Campu longu”) sia quelle specifiche per il SIC in esame e sono
state recepite tutte le informazioni e le segnalazioni rese note dagli esperti locali e
conoscitori dei luoghi.
Le azioni e gli interventi previsti nel presente Piano sono stati quindi discussi e
concordati con l’amministrazione comunale, al fine di individuare modalità gestionali
operative del sito, basate su una concreta fattibilità ed efficacia, anche in funzione delle
priorità di realizzazione.
E’ stato poi realizzato, in data 25 novembre 2006, un incontro con la popolazione e gli
operatori locali per spiegare loro cos’è un SIC, qual’è la sua importanza nel territorio,
quali sono i SIC ricadenti nel territorio comunale di Villasimius, le loro caratteristiche e
gli habitat e le specie in loro presenti. In quell’occasione è stato anche presentato il
Piano di Gestione del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” in
concomitanza con quello del SIC “Campu longu”. Sono state quindi rese note alla
popolazione e agli operatori locali le criticità emerse nel territorio durante lo Studio
Generale, gli obiettivi, le strategie e gli interventi proposti nel Piano di Gestione,
affinché anche gli abitanti di Villasimius siano a conoscenza di quello che
l’amministrazione Comunale e Regionale fanno per la conservazione e la tutela della
biodiversità nel loro territorio.




                                      RE_06/360/P                                                     5
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




III PARTE – PIANO DI GESTIONE


1   Valutazione generale del sito

Il Sito d’Importanza Comunitaria proposto per la Rete Natura 2000, denominato “Isola
dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”, esteso su 3.427 Ha (di cui 1.371 terrestri e
2.056 marini), comprendente le due ZPS denominate “Isola Serpentara” (cod.
ITBo43026) e “Isola dei Cavoli” (cod. ITB043027), ha la sua ragion d’essere nella
presenza, nel suo territorio, di 21 habitat e di diverse specie floristiche e faunistiche di
interesse comunitario. Per quanto riguarda la parte a mare la sua importanza è dovuta
alla presenza consistente dell’’habitat prioritario “Praterie di posidonie (Posidonion
oceanicae)”, (cod. 1120*), di notevole interesse conservazionistico in quanto dimora di
molte specie faunistiche marine che in esso si riproducono e dimorano. Per la parte
terrestre, l’habitat più rappresentato è “Arbusteti termo- mediterranei e pre-desertici”
(cod. 5330), seguito dall’habitat “Dune costiere con Juniperus spp.”, quest’ultimo
prioritario. Accanto alle tipologie vegetazionali tipiche di ambienti dunali, nel SIC si
segnala la presenza di una laguna costiera (cod. 1150*), habitat prioritario che ospita
numerose specie vegetali ed animali di elevato valore biogeografico.
Durante le indagini svolte sul campo è stata rilevata la presenza di altri due habitat, di
interesse comunitario, non segnalate nella Scheda Natura 2000: “Gallerie e forteti ripari
meridionali (Nerio-Tamaricetea e Securinegion tinctoriae)” (cod. 92D0) e “Foreste di Olea e
Ceratonia” (cod.9320), presenti in piccole percentuali all’interno del SIC.
Durante le uscite sul campo è stato possibile anche rilevare la presenza nel SIC di altre
29 specie faunistiche, 28 ornitiche (14 elencate nell’allegato I della Direttiva Uccelli e 14
elencate nell’allegato II della medesima Direttiva) e una di rettile (Testudo hermanni),
attualmente non segnalate nella scheda Natura 2000.
Pertanto gli aggiornamenti proposti, una volta trasmessi all’organo competente della
Comunità Europea, responsabile dell’approvazione delle liste di SIC/ZPS, potranno
essere utilizzati per avviare l’aggiornamento delle valenze naturalistiche presenti nel
SIC.
Gli habitat presenti in questo sito, caratterizzati da un’elevata biodiversità nonché da
comunità vegetali ed animali esclusive, sono soggetti a facili cambiamenti sia floristici
che faunistici, determinati soprattutto da variazioni nei parametri chimico-fisici e
morfologici. L’alterazione del paesaggio, imputabile alla presenza antropica legata alle
attività turistiche - ricreative e accentuata dal carattere stagionale della frequentazione
(particolarmente intensa nei mesi estivi), è difatti una delle principali minacce alla
preservazione di questo sito: l’attraversamento indisciplinato del ginepreto, habitat di




                                      RE_06/360/P                                                     6
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


passaggio in molti casi, da parte dei turisti, per raggiungere la spiaggia, determina
fenomeni di frammentazione ad esso dannosi che pertanto, non riesce ne a riprendersi
ne a espandersi in quanto eccessivamente frequentato. L’eccessiva frequentazione delle
numerose spiagge presenti nel SIC, nei mesi estivi, ricordiamo tra le più belle e
frequentate di tutta la costa sud della Sardegna, oltre a causare il danneggiamento della
vegetazione dunale, provoca, insieme al vento, l’aumento dei fenomeni erosivi di
questo fragile ambiente.
Non da meno è il danno causato sugli habitat di interesse comunitario dal
ruscellamento superficiale delle acque piovane provenienti dalle lottizzazioni presenti
in prossimità delle spiagge, dovuto alla mancanza di un sistema di raccoglimento e
scarico di queste. Pertanto il dilavamento si riversa, per pendenza dei terreni, a mare,
attraversando tutti gli ambienti pre-dunali e dunali e creando, in questo modo, gravi
fenomeni di erosione.
In sintesi il SIC si caratterizza per l’emergenza ambientale rappresentata dal rischio
concreto di veder scomparire gli habitat e le specie animali e vegetali di interesse
comunitario. Come illustrato, tale rischio è imputabile a diversi fattori di minaccia
quali: la fruizione non regolamentata, l’abbandono di rifiuti, il rischio di incendi, il
ruscellamento superficiale delle acque piovane e il degrado della macchia mediterranea.
Pertanto gli interventi per la gestione del sito dovranno mirare al mantenimento delle
condizioni di alta naturalità del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”,
mediante una pianificazione di sviluppo sostenibile, concentrata soprattutto sulla
regolamentazione della fruizione e sull’utilizzo eco-compatibile del SIC.
La strategia di conservazione sarà differenziata in breve e medio-lungo termine. A
breve periodo sarà necessario attivare forme di tutela passiva che escludano le attività
umane dalle aree con maggiore sensibilità. A medio-lungo periodo sarà invece
necessario attivare una gestione sostenibile dell’intera area che comprenda la
regolamentazione delle attività economiche, interventi di difesa e restauro ambientale e
l’affermarsi di comportamenti rispettosi dell’ambiente.
In un’ottica di sostenibilità degli usi, il Piano di Gestione intende consentire l’accesso e
la frequentazione all’area ma con modalità eco-compatibili, garantendo la possibilità di
usufruire di una serie di servizi nelle aree a minore sensibilità ambientale e migliorando
contemporaneamente lo stato di conservazione degli habitat e delle specie di Interesse
Comunitario nelle aree a maggiore valenza naturalistica, mediante interventi di
salvaguardia e recupero, attività di controllo e monitoraggio.
Grande importanza assume la partecipazione alle problematiche di conservazione ed
alle esigenza di tutela da parte della popolazione locale, degli operatori economici e dei
fruitori dell’area: tale partecipazione dovrà essere stimolata continuando ad applicare
quell’approccio partecipativo già utilizzato per la redazione del Piano di Gestione,
anche in tutte le fasi di attuazione.




                                      RE_06/360/P                                                     7
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



1.1    Valenze vegetazionali




1.1.1 Habitat e specie floristiche di interesse comunitario

La Scheda Natura 2000 riporta la presenza di 19 habitat di interesse comunitario (cfr.
§1.2.1, I PARTE). La lista degli habitat presenti è stata aggiornata in seguito ai rilievi di
campo, permettendo di aggiungere 2 habitat non segnalati in precedenza: “Gallerie e
forteti ripari meridionali (Nerio-Tamaricetea e Securinegion tinctoriae)” (cod. 92D0) e
“Foreste di Olea e Ceratonia” (cod.9320)
I più rappresentativi, per la parte terrestre, sono gli habitat “Arbusteti termo-
mediterranei e pre-desertici”, con un estensione pari al 14%, e le “Dune costiere con
Juniperus spp.”, di interesse prioritario, con un estensione pari al 10% di territorio del
SIC. Per quanto riguarda l’habitat marino prioritario “Praterie di posidonia (Posidonion
oceanicae)” (cod. 1120*), la sua estensione è stata valutata pari al 50 %.
Nel SIC si è riscontrata inoltre la presenza di una delle due specie floristiche citate nella
Scheda Natura 2000, la Brassica insularis, mentre l’altra specie citata nella Scheda Natura
2000, la Rouya polygama, è di dubbia presenza in quanto non rilevata durante i
sopralluoghi e non menzionata come presente nel Sito dai dati bibliografici rinvenuti.
Durante i sopralluoghi sul campo non sono state rilevate altre specie floristiche
appartenenti all’allegato II della Direttiva Habitat.
I principali habitat descritti per il SIC si possono raggruppare in diverse tipologie, le cui
valenze vegetazionali sono descritte qui di seguito.

VEGETAZIONE CLIMATOFILA
Di questa serie è possibile descrivere solo delle tappe sottoseriali di degradazione
derivate da pascolo intensivo, colture agricole, tagli e incendi. Dei boschi di leccio ormai



                                      RE_06/360/P                                                     8
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


scomparsi o confinati nelle zone più interne nel Monte Minniminni e nel territorio di
Castiadas, abbiamo le seguenti cenosi di sostituzione:

ARBUSTETI   – comunità arbustive e dense a Pistacia lentiscus, Calicotome villosa e Phillyrea
angustifolia riferibili prevalentemente all’associazione Pistacio lentisci-Calicotometum
villosae;

GARIGHE  – comunità ampiamente diffuse a Cistus monspeliensis (Lavandulo stoechadis-
Cistetum monspeliensis var. a Calicotome villosa), rappresentanti un’ulteriore fase di
degradazione e che colonizzano le aree percorse da incendio;

PRATERIE   – comunità di graminacee cespitose caratterizzate da Ampelodesmos
mauritanica. Colonizzano le aree degradate dai pascoli intensivi e dal passaggio del
fuoco rappresentando, nella successione ecologica, uno dei primi stadi sottoseriali della
lecceta;
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat ARBUSTETI TERMO-MEDITERRANEI E
PRE-DESERTICI, SOTTOTIPO 32.23, GARIGHE AD AMPELODESMO, codice 5330;


FORMAZIONI TEROFITICHE    – comunità di erbe graminoidi a Hyparrhenia hirta riferibili alla
classe Thero-Brachypodietea.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat prioritario *PERCORSI SUBSTEPPICI DI
GRAMINACEE E PIANTE ANNUE DEI Thero-Brachypodietea, codice 6220.


VEGETAZIONE EDAFOXEROFILA
E’ la vegetazione maggiormente rappresentata in tutto il territorio del SIC influenzata
da situazioni di forte aridità edafica tipiche della fascia costiera. Si rinviene così
abbondante perché le comunità appartenenti alle serie climatofile (leccete e sugherete),
più esigenti dal punto di vista edafico e climatico, non riescono ad instaurarsi. Questo
tipo di vegetazione è riconducibile a due serie principali di comunità potenziali, una
tipica costiera a dominanza di ginepri dell’alleanza Juniperion turbinatae e l’altra
dell’olivastro a dominanza di latifoglie sclerofille dell’alleanza Oleo-Ceratonion che dalle
aree costiere si inoltra sino a 300 m nelle aree basso-collinari più interne.

SERIE SARDA, TERMO-MEDITERRANEA DELL’OLIVASTRO (Asparago albi-Oleetum
sylvestris)
Si tratta di microboschi climatofili ed edafo-xerofili a dominanza di Olea europea var.
sylvestris e Pistacia lentiscus rappresentando gli aspetti più xerofili degli oleeti sardi.
Sono contraddistinti da un corteggio floristico termofilo al quale partecipano Euphorbia
dendroides, Asparagus albus; e nello strato erbaceo Arisarum vulgare e Umbilicus rupestris.
Sono presenti lungo tutta la fascia costiera sarda fino a 200-300 m di altitudine
penetrando in aree pianeggianti interne e limitati al piano bioclimatico termo-



                                      RE_06/360/P                                                     9
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


mediterraneo superiore, con ombrotipo dal secco inferiore al sub-umido inferiore. Si
ritrovano su suoli di vario tipo (calcari mesozoici e miocenici, basalti, marne, arenarie,
scisti paleozoici, graniti etc.).
Le formazioni di sostituzione sono rappresentate da arbusteti a dominanza di
Calicotome villosa e da garighe a Cistus monspeliensis, specie favorite dagli incendi.
Nelle formazioni più mature l’olivastro è accompagnata da Ceratonia siliqua specie
caratteristica di ordine superiore (alleanza Oleo-Ceratonion).
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat FORESTE DI Olea e Ceratonia,
codice 9320. Di cui però sono presenti solo lembi in poche località del territorio.

SERIE SARDA, TERMO-MEDITERRANEA DEL GINEPRO TURBINATO (Oleo-
Juniperetum turbinatae)
Colonizza ambienti prossimi alla fascia costiera e in aree limitate più interne,
indifferentemente dal substrato. Si rinviene in condizioni bioclimatiche mediterranee
pluvistagionali oceaniche, nel piano bioclimatico termo-mediterraneo secco, fino al
mesomediterraneo. Preferisce i versanti esposti a sud o sud-est.



MACCHIA E BOSCAGLIA (GINEPRETI)        – si tratta di microboschi o formazioni a macchia,
costituita da arbusti prostrati e fortemente modellati dal vento a dominanza di Juniperus
phoenicea ssp. turbinata e Olea europea var. sylvestris. Lo strato arbustivo è caratterizzato
da specie spiccatamente termofile, come Asparagus albus, Euphorbia dendroides, Pistacia
lentiscus, Phillyrea angustifolia e Myrtus communis. La specie erbacea più frequente risulta
essere Brachypodium retusum.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat MATORRAL ARBORESCENTI DI
Juniperus spp. codice 5210.

ARBUSTETI TERMOFILI (EUFORBIETI)     – è uno stadio di sostituzione dovuto a tagli e incendi
ed è rappresentato da specie arbustive termofile dell’associazione Asparago albi-
Euphorbietum dendroidis che in particolari condizioni morfologiche e litologiche va a
costituire delle formazioni stabili.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat ARBUSTETI TERMO-MEDITERRANEI E
PRE-DESERTICI, SOTTOTIPO 32.22, FORMAZIONI A Euforbia arborea, codice 5330.


VEGETAZIONE PSAMMOFILA TEROFITICA ALO-NITROFILA – sono comunità annuali che
crescono sulla zona della spiaggia inondata nella stagione invernale, sulla quale le
mareggiate depositano consistenti quantità di sostanza organica, principalmente resti di
Posidonia oceanica (associazione Salsolo kali-Cakiletum maritimae).
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat VEGETAZIONE ANNUA DELLE LINEE DI
DEPOSITO MARINE, codice 1210.




                                      RE_06/360/P                                                   10
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


VEGETAZIONE PSAMMOFILA GEOFITICA E EMICRIPTOFITICA – si tratta di comunità perenni
dominate da piante specializzate ascrivibili alle stesse unità superiori di vegetazione
(classe Ammophiletea), ma che occupano ambienti differenti dal punto di vista ecologico
in quanto influenzati da un gradiente decrescente di salinità e uno crescente di
evoluzione della duna e lontananza dal mare, nonchè dalla diversa granulometria del
substrato (associazioni Sporobolo arenarii-Elymetum farcti e Ammophiletum arundinaceae).
A questo tipo vegetazionale fanno riferimento gli habitat DUNE MOBILI EMBRIONALI,
codice 2110 e DUNE MOBILI DEL CORDONE LITORALE CON PRESENZA DI Ammophila
arenaria («DUNE BIANCHE»), codice 2120.

VEGETAZIONE PSAMMOFILA CAMEFITICA – garighe primarie che si sviluppano nei settori
più interni, sul lato continentale della duna, con sabbie stabilizzate e compatte. Sono
comunità particolarmente vulnerabili in seguito alla destrutturazione della duna bianca
e pregiate, in quanto caratterizzate da entità fitogeograficamente rilevanti come
Helichrysum microphyllum ssp. tyrrhenicum (classe Helichryso-Crucianelletea associazione
Crucianello-Helichrysetum microphylli).
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat DUNE FISSE DEL LITORALE DEL
Crucianellion maritimae, codice 2210.

VEGETAZIONE PSAMMOFILA TEROFITICA – si trova a mosaico con la vegetazione perenne
delle dune embrionali, mobili e fisse del litorale, si rinvengono comunità terofitiche a
fenologia tardo-primaverile, inquadrabili nell’ordine dei Malcolmietalia.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat DUNE CON PRATI DEI
Malcolmietalia, codice 2230.

VEGETAZIONE PSAMMOFILA FANEROFITICA – la vegetazione forestale sulle dune
(psammofila), è costituita da boscaglie a Juniperus oxycedrus ssp. macrocarpa riferibili
all’associazione Pistacio-Juniperetum macrocarpae. Si tratta di microboschi a dominanza di
Juniperus oxycedrus ssp. macrocarpa, costituiti da fanerofite cespitose sclerofilliche come
Pistacia lentiscus, Rhamnus alaternus e Juniperus phoenicea ssp. turbinata. Sono inoltre
frequenti specie lianose: Smilax aspera, Rubia peregrina, Clematis cirrhosa, Prasium majus e
geofite: Ruscus aculeatus, Asparagus acutifolius e Asparagus albus.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat prioritario *DUNE COSTIERE CON
Juniperus SPP., codice 2250.

VEGETAZIONE ALORUPICOLA – nelle fessure delle rocce dei settori più prossimi al mare o
nei terrazzi delle falesie raggiunti dall’aerosol marino si rinviene la vegetazione
camefitica riferita alla classe Crithmo-Limonietea, caratterizzata da entità endemiche del
genere Limonium (associazione Crithmo maritimi-Limonietum retiramei).
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat SCOGLIERE CON VEGETAZIONE DELLE
COSTE MEDITERRANEE CON Limonium spp. ENDEMICI, codice 1240.




                                      RE_06/360/P                                                   11
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




VEGETAZIONE ALOFILA SOMMERSA – Nelle lagune e stagni sono presenti diverse comunità
vegetali mono- o paucispecifiche costituite da fanerofite sommerse: Ruppia maritima, R.
cirrhosa, R. drepanensis e Althenia filiformis. Queste comunità sono riferite alla classe
Ruppietea.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat prioritario *LAGUNE COSTIERE,
codice 1150.

VEGETAZIONE ALOFILA CAMEFITICA
– comunità riferite alla classe Sarcocornetea fruticosi. Si sviluppano in aree
temporaneamente inondate in contatto con le zone perennemente sommerse e con
quelle afitoiche sovrassalate.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat PRATERIE E FRUTICETI ALOFILI
MEDITERRANEI E TERMO-ATLANTICI (SARCOCORNETEA FRUTICOSI), codice 1420;
– comunità dell’ordine Limonietalia. Queste comunità vegetali occupano le depressioni
retrodunali e peristagnali allagate nei mesi invernali, su substrato limoso, con ristagno
temporaneo d’acqua salata ed esposti ad una secchezza estiva estrema con affioramenti
di sale.
Sono riconducibili all’habitat prioritario *STEPPE SALATE MEDITERRANEE (Limonietalia),
codice 1510.

VEGETAZIONE ALOFILA EMICRIPTOFITICA, GEOFITICA ED ELOFITICA
– comunità geofitica, densa, dominata dalla neofita Spartina juncea e da Juncus maritimus
e Juncus acutus, su depositi di sabbia ai margini di canali e bacini esposti all’afflusso
d’acqua marina (associazione Junco maritimi-Spartinetum junceae).
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat PASCOLI INONDATI MEDITERRANEI
(JUNCETALIA MARITIMI), codice 1410.

VEGETAZIONE ALO-NITROFILA
– comunità alonitrofila appartenente alla classe Pegano-Salsoletea, costituita da cespugli
alti e densi e caratterizzata da Atriplex halimus e Artemisia arborescens.
A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat PRATERIE E FRUTICETI ALONITROFILI
(PEGANO-SALSOLETEA), codice 1430.

VEGETAZIONE RIPARIALE – sono caratterizzati da uno strato arbustivo denso ed uno
strato erbaceo assai limitato, costituito prevalentemente da specie rizofitiche e
giunchiformi. Gli stadi della serie sono disposti in maniera spaziale procedendo in
direzione esterna rispetto ai corsi d’acqua. Tali tipologie vegetazionali appaiono
dominate da specie del genere Tamarix e generalmente si riscontrano dei mantelli
costituiti da Rubus gr. ulmifolius ed altre fanerofite igrofile e termofile quali Vitex agnus-
castus e Nerium oleander.



                                      RE_06/360/P                                                   12
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


A questo tipo vegetazionale fa riferimento l’habitat GALLERIE E FORTETI                        RIPARI
MERIDIONALI (NERION-TAMARICETEA E SECURINEGION TINCTORIAE), codice 92D0.


1.1.1.1.1      Praterie di Posidonia oceanica
La caratterizzazione fisionomica e strutturale di questo habitat è data dalla presenza
della fanerogama monocotiledone Posidonia oceanica, ma fanno parte della comunità
anche alghe rosse a alghe brune. Si tratta di biocenosi bentoniche, legate al fondo del
mare, che si insediano prevalentemente su sabbie grossolane e offrono riparo e
sostentamento a numerose specie animali.
Posidonia oceanica è una pianta molto comune in buona parte del Mediterraneo, cresce
interamente sommersa, fino ad una profondità di 30 m, formando dense “praterie” sul
fondo del mare. La sua presenza è rilevata da cumuli sulla spiaggia di parti della pianta
tra cui le basi fibrose delle foglie, che in seguito al rotolamento sulla spiaggia danno
luogo ai caratteristici pelotes de mer, di forma rotondeggiante-ovale.
Attualmente le informazioni sull’estensione e sullo stato di conservazione dell’habitat
prioritario “Praterie di posidonie (Posidonion oceanicae)” all’interno del SIC hanno un
livello di approfondimento preliminare, che potrà essere opportunamente verificato
mediante azioni di monitororaggio.
Il presente Piano di Gestione propone per questi habitat e per le specie floristiche sopra
citate, interventi di ripristino, se necessari, di tutela e di fruizione regolamentata, per
mantenere o migliorare le condizioni di conservazione di essi in uno stato per lo meno
soddisfacente.




                                      RE_06/360/P                                                   13
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



 1.2    Valenze faunistiche




1.2.1 Ornitofauna

 La scheda Natura 2000 riportava 10 specie ornitiche, di interesse comunitario, presenti
nel territorio del SIC, di cui 2 prioritarie (Gabbiano corso e Marangone dal ciuffo),
durante i sopralluoghi sul campo si è potuto confermare la presenza nel SIC delle specie
ornitiche riportate nella Scheda Natura 2000 e osservare la presenza di altre 28 specie di
interesse comunitario di cui, 14 elencate nell’allegato I della Direttiva Uccelli e le altre
14 elencate nell’allegato II della medesima Direttiva. Tra tutte le specie elencate
nell’allegato I della Direttiva, si annoverano 10 indicate come a più basso rischio (LR), 7
vulnerabili (VU) e 2 in pericolo in modo critico (EN) (Gabbiano corso e Falco di
palude), secondo il Libro Rosso degli animali d’Italia (Bulgarini et al. 1998, LIPU e
WWF 1999).
L’avifauna del SIC si è mostrata ampia e variegata comprendendo specie ornitiche
importanti legate all’ambiente marino, all’ambiente delle acque dolci o salmastre e alla
macchia mediterranea.
Il presente Piano di Gestione propone tra i vari interventi, in riferimento alle nuove
specie segnalate, dei monitoraggi dell’ornitifauna che permetteranno di esprimere
valutazioni analitiche sullo status delle specie di interesse comunitario all’interno del
sito, ed in particolare sulla consistenza delle popolazioni e sul loro stato di
conservazione. Propone inoltre degli interventi di tutela per le specie più sensibili
(Gabbiano corso) e maggiormente a rischio all’interno del SIC.




                                      RE_06/360/P                                                   14
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


1.2.2 Altre specie

Per quanto riguarda l’erpetofauna presente nel SIC, le ricerche bibliografiche e i
sopralluoghi sul campo hanno permesso di confermare la presenza in esso delle due
specie citate nella scheda Natura 2000 il Phyllodactylus europaeus e la Caretta caretta e di
segnalare la presenza della Tartaruga hermanni, specie citata nell’allegato II della
Direttiva habitat e non elencata nella scheda Natura 2000. Questa specie vive fino a 300-
400 m di quota, prediligendo gli ambienti di gariga molto soleggiati e svernando nelle
zone di macchia mediterranea e leccete. La sua popolazione subisce un forte declino
dovuto alla forte pressione antropica, agli incendi e ai prelievi a scopo commerciale o di
semplice detenzione in giardini privati. Per quanto riguarda la mammofauna è stata
rilevata la presenza di una specie elencata nell’allegato II della Direttiva Habitat, il
Myotis myotis, anche questa non segnalata nella scheda Natura 2000. Questa specie ama
i climi temperati e caldi, con altitudini fino ai 600 m, frequenta gli ambienti più vari e
non ha difficoltà a colonizzare aree fortemente antropizzate. Altre 5 specie appartenenti
all’allegato IV della Direttiva habitat sono state rilevate all’interno del SIC durante i
sopralluoghi e appartengono alla classe mammalia (Hypsugo savii, Myotis daubentonii,
Pipistrellus kuhlii, Pipistrellus pipistrellus, Tadarida teniotis).
Per queste specie il Piano di Gestione propone dei monitoraggi che permetteranno di
esprimere valutazioni analitiche sul loro status all’interno del sito ed in particolare sulla
consistenza delle popolazioni e sul loro stato di conservazione.




                                      RE_06/360/P                                                   15
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



 1.3    Valore del sito Natura 2000 e aree contermini

In base alle informazioni raccolte ed elaborate emerge che la ragione d’essere del SIC
“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” è la presenza degli habitat *“Praterie di
Posidonie (Posidonion oceanicae), Arbusteti termo-mediterranei e pre-desertici e
*“Dune costiere con Juniperus sp” e di alcune specie faunistiche prioritarie (Gabbiano
corso, Marangone dal ciuffo..).
All’interno del sito questi 3 habitat di elevato valore conservazionistico ( due dei quali
di interesse prioritario, ai sensi della Direttiva “Habitat”), si presentano infatti con una
elevata percentuale di copertura, occupando in totale ben il 74 % dell’area del sito.Il SIC
“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” si inserisce in un contesto ecologico
caratterizzato dalla presenza di altre aree di interesse naturalistico, appartenenti sia al
sistema delle Aree Protette (il sito è localizzato all’interno dell’Area Marina Protetta di
“Capo Carbonara”), che alla Rete Natura 2000 (“Campu Longu” (cod. ITB040055) e
“Costa di Cagliari” (cod. ITB040021), con le quali costituisce un nodo interconnesso,
importante ai fini di una gestione pianificata in un’ottica di rete ecologica.




                                      RE_06/360/P                                                   16
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




2   Individuazione dei fattori di criticità e minaccia

2.1 Analisi dei principali fattori di minaccia e criticità per il sito

L’analisi delle minacce e delle criticità che possono arrecare disturbo agli habitat e alle
specie floristiche e faunistiche di interesse comunitario è finalizzata all’individuazione
di obiettivi e di strategie perseguibili.
Le linee gestionali, gli interventi e la loro organizzazione secondo un piano d’azione
consentiranno infatti di affrontare le minacce, in modo da diminuirne, e se possibile
eliminarne, il grado di incidenza che esse hanno sul sito.


2.1.1 Valutazione per gli habitat di interesse comunitario

Secondo l’aggiornamento della Scheda Natura 2000, gli habitat più rappresentati nel
SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” sono: “Praterie di Posidonie
(Posidonion oceanicae)”(cod.1120*) (50%), “Arbusteti termo-mediterranei e pre-desertici”
(cod. 5330) (14%); *Dune costiere con Juniperus spp. (cod. 2250*) (10%). Le principali
minacce legate a questi habitat sono generalmente rappresentate dall’erosione degli
ambienti dunali, dall’artificializzazione e dalla frammentazione degli habitat naturali,
dagli incendi incontrollati, dall’abbandono e dall’accumulo di rifiuti, dalla presenza di
specie alloctone; è inoltre significativo il danno causato sulla prateria di posidonia dalla
posa indiscriminata di ancore, dall’agitazione delle acque a causa del passaggio di
imbarcazioni, e dall’inquinamento del mare. Di seguito si descrivono, in maniera
generale, le criticità tipiche che insistono su questi habitat:
– Erosione degli ambienti dunali: è imputabile alle attività antropiche che esercitano
    la loro pressione sul sito ed in particolare all’elevata frequentazione delle spiagge,
    agli interventi di pulizia meccanica degli arenili, al continuo calpestio, all’accesso
    non regolamentato di veicoli e fuoristrada, nel SIC in esame anche al ruscellamento
    superficiale delle acque piovane provenienti dalle lottizzazioni prive di un sistema
    di canalizzazione e smaltimento adeguato e infine alla presenza e alla realizzazione
    di infrastrutture (chioschetti, alberghi, stabilimenti) sul sistema dunale. L’insieme di
    tali pressioni hanno determinato e determinano tuttora, una serie di processi che
    comportano la destrutturazione e distruzione della duna e dunque costituiscono
    una criticità ed una minaccia alla conservazione degli habitat di interesse
    comunitario. Un’ulteriore causa di erosione per gli habitat dunali è la presenza di
    numerosi accessi a mare non regolamentati, causa della frammentazione di molti
    habitat.




                                      RE_06/360/P                                                   17
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


–   Fruizione non regolamentata: essa genera la frammentazione di alcuni habitat
    interessati dal continuo passaggio dei fruitori dell’area. Normalmente questo
    avviene in quegli habitat che si trovano tra le strade e/o i parcheggi e il mare, sono
    dei sentieri creati dal passaggio dei bagnanti che li utilizzano per arrivare in
    spiaggia. Essi creano inoltre eccessivo calpestio sulla flora e/o sulla duna,
    impedendo alla vegetazione di crescere.
–   Accesso incontrollato dei veicoli: molti veicoli (fuoristrada e moto da cross)
    utilizzano spesso e volentieri le spiagge e molte volte anche le dune, come piste di
    passaggio, per semplice divertimento, questo crea grossi problemi di calpestio della
    vegetazione e di erosione dunale;
–   Artificializzazione degli habitat naturali: Numerosi habitat hanno subito una
    diminuzione in superficie e una frammentazione a causa della loro sostituzione con
    zone residenziali, strade, parcheggi ed infrastrutture di vario tipo. La riduzione di
    tali ambienti naturali, legata all’artificializzazione, riguarda la maggior parte degli
    habitat terrestri del SIC.
–   Incendi incontrollati. La macchia mostra una spiccata reazione al passaggio del
    fuoco: mediamente in 3-5 anni dopo l’incendio l’ecosistema preesistente riesce a
    ricostituirsi. Le specie di macchia hanno diverse reazioni al fuoco: esistono le pirofite
    attive, piante che reagiscono al passaggio del fuoco con l’emissione di nuovi polloni
    radicali (Arbutus unedo) o che traggono vantaggio dal calore per la germinazione dei
    semi (Cistus ssp.). Euphorbia dendroides, ad esempio, viene completamente distrutta
    per l’alta combustibilità del legno e non ha capacità pollonifera; tuttavia diffonde
    elevati quantitativi di seme ad alta facoltà germinativa favoriti nella germinazione
    dalle alte temperature raggiunte durante il passaggio del fuoco. Così anche le specie
    di macchia appartenenti al Gen. Cistus sono annoverate tra le pirofite attive: esse sono
    tra le prime a ricolonizzare l’habitat in seguito al passaggio dell’incendio. La
    particolarità di questa specie è che le elevate temperature, provocando la spaccatura
    del tegumento dei semi, permettono una maggiore imbibizione degli stessi
    favorendo indirettamente la germinazione. Le pirofile passive hanno sviluppato,
    invece, delle forme di protezione dal fuoco e dalle elevate temperature che si
    raggiungono al suo passaggio: basti pensare alla suberificazione della corteccia della
    sughera (Quercus suber), valida forma di protezione dal fuoco. Gli incendi nel sito in
    oggetto provocano la diffusione sempre maggiore delle pirofite attive, quali
    Euphorbia dendroides e Cistus spp. dando luogo a successioni secondarie.
–   Abbandono ed accumulo di rifiuti all’interno del SIC a seguito della frequentazione
    turistica: si tratta di materiali solidi grossolani e inerti non biodegradabili
    abbandonati dai turisti direttamente sulle spiagge, ma anche spiaggiati dai flutti,
    insieme a contenitori di varia natura. Va comunque detto che l’impatto di queste
    sostanze sugli ambienti litoranei, pur se molto negativo, non è in genere devastante,
    se non sotto il profilo estetico. Contenitori e sacchetti di plastica, lattine, vetri e
    frammenti inerti di varia natura sono certamente deprimenti da vedere, ma, se non



                                      RE_06/360/P                                                   18
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


    manifestano una rilevante percentuale di copertura dei suoli, di norma non
    provocano gravi sconvolgimenti a carico delle biocenosi costiere, e possono
    comunque essere facilmente rimossi manualmente. Sono invece più dannosi negli
    habitat di macchia mediterranea in quanto aumentano il materiale combustibile in
    caso di incendi.
–   Presenza di specie alloctone: L’introduzione di specie al di fuori del proprio habitat
    naturale è un fenomeno globale ed attualmente in forte aumento a causa
    dell’incremento dei trasporti, dei collegamenti e dello scambio di beni. Tali attività
    costituiscono dei vettori di diffusione per piante ed animali, in quanto consentono
    alle varie specie di superare barriere biogeografiche che normalmente
    bloccherebbero la loro diffusione. Pertanto le specie aliene sono considerate ad oggi
    la seconda causa a livello globale di perdita della biodiversità, in quanto alterano gli
    equilibri ecologici e la composizione floristica e faunistica delle comunità naturali,
    fenomeno riscontrato anche all’interno del SIC.
–   Fenomeni di disturbo del fondale marino: criticità riguardante l’habitat marino
    “Praterie di posidonie” sono innescate dalla posa di ancore e dall’agitazione delle
    acque a causa del passaggio di imbarcazioni. Il SIC comprende le spiagge più belle,
    più grandi e più frequentate del comune di Villasimius, soggette quindi ad un via
    vai continuo di barche, gommoni e motoscafi nelle loro vicinanze. Ciò potrebbe
    comportare dei danni sulla prateria di posidonia, ma questa criticità è già
    abbastanza ridotta nel SIC in quanto esso si trova all’interno dell’area Marina
    Protetta di Capo Carbonara e quindi nelle acque che ricomprende, è già presente
    una regolamentazione a proposito.

Altri habitat presenti nel SIC sono: Matorral arborescenti di Juniperus spp (cod. 5210), le
Dune con prati dei Malcolmietalia (cod.2230), le Dune fisse del litorale del Crucianellion
maritimae (cod.2210), la Vegetazione annua delle linee di deposito marine (cod. 1210) , le
Dune mobili embrionali (cod.2110) e le Dune mobili del cordone litorale con presenza di
Ammophila arenaria («dune bianche») (cod.2120), Vegetazione annua delle linee di
deposito marine (cod. 1210), Acque stagnanti, da oligotrofe a mesotrofe, con
vegetazione dei Littorelletea uniflorae e/o degli Isoëto-Nanojuncetea (cod. 3130), * Lagune
costiere (cod. 1150), Scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con Limonium
spp. endemici (cod. 1240), Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi) (cod. 1410),
Praterie e fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornetea fruticosi) (cod.
1420), Banchi di sabbia a debole copertura permanente di acqua marina (cod.1110),
Steppe salate mediterranee (Limonietalia) (cod. 1510), * Percorsi substeppici di
graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea (cod 6220), * Dune con foreste di
Pinus pinea e/o Pinus pinaster (cod. 2270), Praterie e fruticeti alonitrofili (Pegano-
Salsoletea) (cod. 1430), Gallerie e forteti ripari meridionali (Nerio-Tamaricetea e
Securinegion tinctoriae) (cod. 92D0) e Foreste di Olea e Ceratonia (cod. 9320). In base




                                      RE_06/360/P                                                   19
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


all’aggiornamento della Scheda Natura 2000, tali habitat risultano coprire una superficie
pari al 26% del SIC.

Altre minacce legate a questi tipi di habitat, oltre la maggior parte di quelle viste sopra,
sono:

–   Erosione della costa: L’azione erosiva è dovuta sia alle correnti marine sia al
    disturbo antropico legato alla fruizione non regolamentata. Il moto ondoso e le
    correnti causano, con le mareggiate invernali, l’erosione delle spiaggie, il degrado
    delle fasce di vegetazione psammofila e la diminuzione di superficie disponibile per
    gli habitat di Interesse Comunitario. La fruizione non regolamentata interessa
    principalmente le dune costiere, attraversate nei periodi estivi da turisti diretti alle
    spiagge ed in inverno da veicoli che effettuano attività di fuoristrada: in questo
    modo si è persa superficie ricoperta sia della vegetazione dunale sia della macchia
    mediterranea. Anche il ruscellamento delle acque meteoriche non adeguatamente
    smaltite, provenienti dalle lottizzazioni, determinano gravi danni di inquinamento e
    di erosione sugli habitat di interesse comunitario.
–   Attività meccanizzate di ripulitura delle spiagge e delle dune embrionali: Tali
    interventi possono distruggere in modo pressoché irrecuperabile le locali comunità
    di invertebrati sabulicoli, i loro ripari naturali (spesso costituito dagli accumuli di
    organismi spiaggiati) e spesso anche le associazioni di flora pioniera sopralitorali.
–   Abbandono di rifiuti: soprattutto durante la stagione estiva, periodo in cui è più
    elevato il carico turistico.
–   Pascolo non regolamentato: La presenza di pascolo non regolamentato può causare,
    su alcuni habitat, fenomeni di degrado sino alla scomparsa di essi.

Gli habitat contraddistinti dai codici 1150*, 1410, 1420 e 1510* sono inoltre soggetti ad
una criticità dovuta alle variazioni nel regime idrico dello Stagno di Noteri, causate dal
prelievo di acqua salata e all’immissione di acque dolci da parte delle attività di talasso-
terapia che si svolgono nel complesso turistico del “Timiama”. Questo stagno infatti
prima era un habitat prioritario definito “Stagni temporanei” in quanto presentava
acqua al suo interno solo in inverno, mentre era quasi completamente asciutto in estate.
Con le attività di talasso-terapia svolte all’interno del complesso turistico del Timiama,
che scaricano in esso acqua dolce, esso si è trasformato in uno stagno d’acqua dolce
perenne.

Infine esiste una criticità comune a tutte le tipologie di habitat, rappresentata dalla
scarsa sensibilizzazione e dalla scarsa conoscenza degli habitat e delle specie di
interesse comunitario. Popolazione locale, operatori economici e visitatori sono
generalmente disinformati sull’esistenza del SIC, sulle sue valenze ambientali,




                                      RE_06/360/P                                                   20
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


floristiche e faunistiche, su norme comportamentali da tenere e sulle opportunità che il
sito può rappresentare per il territorio.
Gli obiettivi e le strategie individuate in base a questa criticità hanno permesso di
identificare degli interventi di monitoraggio che hanno come obiettivo principale quello
di migliorare il livello di informazione e di sensibilizzare degli operatori turistici ed
economici, la popolazione locale ed i turisti riguardo le esigenze di tutela del sito.



2.1.2 Valutazione per le specie floristiche di interesse comunitario

 La Scheda Natura 2000 individua nel SIC la presenza di due specie floristiche di
interesse comunitario, elencate nell’allegato II della Direttiva Habitat. Le criticità legate
a queste due specie sono le seguenti:
    1) Brassica insularis: questa specie nel SIC è presente solo nell’Isola dei Cavoli,
       prevalentemente nella fascia costiera maggiormente esposta ai venti dominanti,
       tra gli anfratti rocciosi. Tra le specie di interesse comunitario questa è quella più
       diffusa e che corre minori rischi di estinzione. Vegeta in ambienti conservativi e
       normalmente non interessati da attività umane quali le pareti rocciose. Si tratta di
       una rupicola obbligata in quanto appetita dal bestiame che ne impedisce la
       diffusione alla base delle pareti. Al contrario, nell’isola dei Cavoli è molto
       abbondante, probabilmente perché da parecchio tempo non vi pascola nessun
       tipo di bestiame e quindi questo non rappresenta punto di criticità. Il suo stato di
       conservazione potrebbe essere comunque alterato a causa dei continui tagli ed
       estirpamenti per motivi collezionistici da parte dei numerosi turisti che visitano
       l’isola durante il periodo estivo.
    2) Rouya polygama: è una specie che cresce sugli habitat del litorale. La sua
       presenza nel SIC non è stata confermata dai sopralluoghi effettuati sul campo ne
       dalla bibliografia esistente. Tuttavia si segnala che la criticità maggiore a cui
       questa specie è esposta è legata al degrado del suo habitat che subisce un forte
       impatto causato dalle attività turistiche di balneazione.




2.1.3 Valutazione per le specie animali di interesse comunitario

Le minacce che possono arrecare danno alla fauna presente nel sito, vengono qui
suddivise in base alle classi di appartenenza:
Uccelli:
– Disturbo antropico, dovuto alla fruizione non regolamentata presso le aree di
   riproduzione dell’avifauna nel periodo estivo;




                                      RE_06/360/P                                                   21
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


–  Inquinamento delle aree di presenza delle specie animali di interesse
   conservazionistico, legato all’abbandono di rifiuti;
– Randagismo e cani vaganti che disturbano le specie selvatiche, in particolar modo
   durante il periodo riproduttivo;
– Episodi di bracconaggio verso l’avifauna presente nel sito;
– Incendi incontrollati;
– Modificazioni e trasformazioni degli habitat;
– Perdita o frammentazione degli habitat;
– Passaggio dei natanti, cattura accidentale con le reti da pesca, attività di arrampicata
   sportiva in prossimità dei siti di nidificazione e delle aree di falesia, per le specie
   legate all’ambiente marino;
– Attività ludico-sportive, in prossimità dei siti di nidificazione;
– Uso massiccio di pesticidi;
– Eccessivo traffico stradale in prossimità dei siti di nidificazione;
– Interazioni con altre specie (Gabbiano corso-Gabbiano reale);
– Predazione delle uova sulle isole da parte dei ratti;
– Scarsa sensibilizzazione; scarsa conoscenza delle specie di interesse comunitario.
Rettili:
          - Caretta caretta:
                 1) Incidenti causati dalle reti da pesca e dagli altri sistemi di pesca
                    (ferimento causato dagli ami dei pescatori)
                 2) Inquinamento marino
          - Testudo hermanni:
                 1) pressione antropica
                   2) incendi
                   3) prelievi a scopo commerciale o di semplice detenzione in giardini
                      privati.
           -   Phyllodactylus europaeus
                  1) Incendi della macchia mediterranea che riducono l’habitat della
                      specie.
                  2) Utilizzo massiccio di pesticidi per la derattizzazione. Tale criticità è
                      presente in particolare all’Isola dei Cavoli nella quale
                      periodicamente si eseguono campagne di derattizzazione.
Mammiferi:
        - Myotis myotis:
             1) Perdita di habitat
             2) Uso di pesticidi
Pesci:
        - Alosa fallax:




                                      RE_06/360/P                                                   22
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                   1) Depauperamento dei corpi idrici soprattutto a causa della presenza
                      degli sbarramenti che impediscono ai riproduttori la risalita verso
                      le aree di riproduzione
                   2) Inquinamento organico delle acque
Invertebrati:
          - Mutamenti climatici;
          - Prelievo per scopi commerciali
          - Inquinamento delle acque (metalli pesanti, pesticidi, idrocarburi)

La comunità faunistiche presenti all’interno del SIC rappresentano una realtà biologica
in continuo mutamento: è da mettere in risalto, quindi, la necessità di un monitoraggio
delle specie di interesse comunitario per conoscere la consistenza delle popolazioni e
l'ubicazione dei siti di riproduzione, che cambiano spesso.
Come per gli habitat, così anche per le specie di interesse comunitario, gli interventi di
monitoraggio saranno di fondamentale importanza per migliorare lo stato delle
conoscenze delle specie e pianificare nuovi interventi di tutela in base al reale status di
conservazione specifico.




2.2    Criticità presenti nelle diverse parti del SIC

In breve si vogliono indicare, in maniera più puntuale, nelle diverse parti del SIC, le
criticità presenti, in modo da poter poi individuare, per ciascuna di esse, gli obiettivi, le
strategie e gli interventi mirati ad una salvaguardia e se necessario un ripristino, degli
habitat e delle specie di interesse comunitario in esse presenti.

1. Punta Molentis:
           -Forte degrado del ginepreto presente ai limiti di questa spiaggia , a causa
            di un eccessivo disturbo antropico
        - Eccessiva pressione antropica sulla spiaggia, di modeste dimensioni, nei
            mesi estivi.
        - Pulitura della spiaggia, a inizio stagione, con mezzi meccanici che creano
            danni sugli habitat dunali
        - presenza di rifiuti
        - erosione dell’arenile dovuta alla perdita della copertura vegetale
2. A monte di Punta Molentis:




                                      RE_06/360/P                                                   23
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


           -   Rischio di incendi. Un incendio avvenuto negli anni passati ha
               determinato la perdita della vegetazione esistente, ora in lenta ripresa
           -   Pascolo non regolamentato, a discapito di habitat e specie floristiche di
               interesse comunitario

3. Porto Luna:
           -   eccessiva pressione dell’edificato urbano sulla spiaggia
           -   presenza di vegetazione alloctona
          - rimozione della Poseidonia spiaggiata
4. Is Traias:
           -   Erosione dell’arenile dovuta al ruscellamento delle acque superficiali
           -   frammentazione degli habitat per la presenza di numerosi accessi alla
               spiaggia che li attraversano
5. Simius:
           -   presenza di specie alloctone invasive (Acacia saligna e Carpobrotus
               acinaciformis)
           -   eccessivo sollevamento di polvere a causa del numeroso traffico presente
               nel periodo estivo sulle strade sterrate esistenti che portano alla spiaggia,
               ciò determina il soffocamento della vegetazione
           -   frammentazione degli habitat retrodunali per eccessiva frequentazione
               dei bagnanti a causa della mancanza di servizi igienici di servizio alla
               spiaggia
           -   grave erosione della duna di Monte s’Arena per eccessivo calpestio da
               parte dei fruitori che la utilizzano come passaggio da una parte all’altra
               della spiaggia.
           -Pulitura della spiaggia, a inizio stagione, con mezzi meccanici che creano
            danni sugli habitat dunali
6. Serra e Morus:
           -   presenza di specie alloctone invasive (Carpobrotus acinaciformis)
           -   forte stato di degrado del ginepreto presente per eccessivo impatto
               antropico

7. Porto Giunco:
           -   presenza di specie alloctone invasive nelle strutture ricettive che invadono
               gli habitat naturali




                                      RE_06/360/P                                                   24
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


           -   eccessivo sollevamento di polvere a causa del numeroso traffico presente
               nel periodo estivo sulle strade sterrate esistenti che portano alla spiaggia,
               ciò determina il soffocamento della vegetazione
           -   Pulitura della spiaggia, a inizio stagione, con mezzi meccanici che creano
               danni sugli habitat dunali
           -   alterazioni della presenza degli habitat e delle specie floristiche e
               faunistiche presenti nello stagno di Noteri a causa dello scarico di acque
               dolci in esso, da parte delle attività di Talasso-Terapia che si svolgono nel
             complesso turistico del Timiama.
          - Artificializzazione degli habitat dunali data dalla presenza di stabilimenti
             balneari su di essi
          - alterazione del ginepreto presente nella parte retrostante dello stagno di
             Noteri, in quanto utilizzato come area di discarica dei rifiuti ingombranti
8.   Cava Usai:
           -   fenomeni di erosione diffusa della spiaggia a causa dei parcheggi selvaggi
               che arrivano ad interessarla nella sua parte limitrofa, dove è presente
               l’otanteto
        - presenza di specie alloctone (Acace, Eucaliptus)
9. Capo Carbonara:
           - presenza invasiva degli habitat da parte del ficodindia
10. Parte terrestre dopo Capo Carbonara:
           -  presenza di specie vegetazionali invasive (Carpobrotus acinaciformis,
              Ficodindia)
11. Isole dei Cavoli e Serpentara:
           -   presenza eccessiva di ratti che causano danni sulla fauna (predazione di
               uccelli-uova e pulli- e erpetofauna)
           -   eccessiva presenza di Gabbiano reale, a discapito del Gabbiano corso
               (specie prioritaria) con cui compete per i siti di nidificazione. La presenza
               eccessiva del gabbiano determina anche un altro problema sugli habitat e
               le specie floristiche presenti: l’eccessivi nitrificazione dei substrati data dal
               guano
           -   eccessiva presenza di pesticidi , utilizzati per la derattizzazione che non va
               mai a buon fine, ciò causa intossicazione e morte anche di diverse specie
               faunistiche presenti




                                      RE_06/360/P                                                   25
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



2.3 Sintesi delle criticità

Tabella 2.3-1 (I)      Fattori di pressione presenti nel SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis”, habitat su cui insistono e loro relativo livello di priorità
                                                             Habitat di Interesse Comunitario sensibile al fattore di criticità

Fattore di criticità                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              LIVELLO


                                                                     Gallerie e forteti ripari meridionali (Nerio-
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  DI




                                                                                                                                                                                                                                                                       Vegetazione annua delle linee di deposito
                                                                     Tamaricetea e Securinegion tinctoriae)




                                                                                                                                                                                                                                                                       Dune fisse del litorale del Crucianellion
                                                                                                                                                                                                                              Matorral arborescenti di Juniperus spp
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  PRIORIT




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Littorelleteauniflorae e/o degli Isoëto-
                                                                                                                                                   Arbusteti termo-mediterranei e pre-
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  A’
                               * Praterie di posidonie (Posidonion




                                                                                                                                                                                         * Dune costiere con Juniperus spp.




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Acque stagnanti, da oligotrofe a
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   mesotrofe, con vegetazione dei
                                                                                                                     Foreste di Olea e Ceratonia




                                                                                                                                                                                                                                                                       Dune mobili embrionali




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              * Lagune costiere
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Nanojuncetea
                               oceanicae)




                                                                                                                                                                                                                                                                       maritimae
                                                                                                                                                   desertici




                                                                                                                                                                                                                                                                       marine
Fenomeni erosivi                                                                                                                                                                         X                                                                             X              X X                                                                                          ALTA
Fruizione non
                               X                                     X                                               X                             X                                     X                                    X                                        X              X X                          X                                          X                    ALTA
regolamentata
Accesso incontrollato dei
                                                                                                                                                                                                                                                                       X              X                                                                                            ALTA
veicoli
Incendi incontrollati                                                X                                               X                             X                                     X                                    X                                                                                                                                                   MEDIA
Abbandono e accumulo di
                               X                                     X                                               X                             X                                     X                                    X                                        X              X X                          X                                          X                   MEDIA
rifiuti
Artificializzazione degli
                                                                     X                                               X                             X                                     X                                    X                                        X              X                            X                                          X                   MEDIA
habitat naturali
Presenza di specie alloctone   X                                     X                                               X                             X                                     X                                    X                                        X              X X                          X                                          X                   ALTA
Pascolo non regolamentato                                                                                                                          X                                                                                                                                                                                                                              MEDIA
Scarsa sensibilizzazione e
conoscenza degli habitat e
                               X                                     X                                               X                             X                                     X                                    X                                        X              X X                          X                                          X                    ALTA
delle specie di interesse
comunitario
Azioni meccanizzate di
                                                                                                                                                                                                                                                                       X              X X                                                                                          ALTA
ripulitura della spiaggia
Fenomeni di disturbo del
fondale marino                 X                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   ALTA




                                                                                        RE_06/360/P                                                                                                                                                                                                                                                                                26
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Tabella 2.3-2 (II)     Fattori di pressione presenti nel SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis”, habitat su cui insistono e loro relativo livello di priorità


                                                                      Habitat di Interesse Comunitario sensibile al fattore di criticità

Fattore di criticità                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    LIVELLO

                               Scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con




                                                                                                                                              Praterie e fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         * Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster
                                                                                                                                                                                                                                                                                                            * Percorsi substeppici di graminacee e piante annue
                                                                                        Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        DI




                                                                                                                                                                                                            Banchi di sabbia a debole copertura permanente di




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Praterie e fruticeti alonitrofili (Pegano-Salsoletea)
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        PRIORITA’




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Dune mobili del cordone litorale con presenza di
                                                                                                                                                                                                                                                                Steppe salate mediterranee (Limonietalia)




                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Dune con prati dei Malcolmietalia
                                                                                                                                                                                                                                                                                                            dei Thero-Brachypodietea


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Ammophila arenaria
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  («dune bianche»)
                                                                                                                                              (Sarcocornetea



                                                                                                                                                                                                            acqua marina
                               Limonium spp.




                                                                                                                                              fruticosi)
                               endemici




Fenomeni erosivi               X                                                                                                                                                                            X                                                                                                                                                     X                                                  X                                   X                                                                                                                ALTA
Fruizione non
                               X                                                        X                                                     X                                                             X                                                   X                                           X                                                     X                                                  X                                   X                                                      X                                                         ALTA
regolamentata
Accesso incontrollato dei
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  X                                                  X                                   X                                                                                                                ALTA
veicoli
Incendi incontrollati                                                                                                                                                                                                                                                                                       X                                                                                                                                            X                                                                                                               MEDIA
Abbandono e accumulo di
                               X                                                        X                                                     X                                                             X                                                   X                                           X                                                     X                                                  X                                   X                                                      X                                                        MEDIA
rifiuti
Artificializzazione degli
                                                                                                                                              X                                                                                                                 X                                           X                                                     X                                                  X                                   X                                                      X                                                        MEDIA
habitat naturali
Presenza di specie alloctone   X                                                        X                                                     X                                                             X                                                   X                                           X                                                     X                                                  X                                   X                                                      X                                                        ALTA
Pascolo non regolamentato                                                                                                                     X                                                                                                                                                             X                                                                                                                                                                                                                                                            MEDIA
Scarsa sensibilizzazione e
conoscenza degli habitat e
                               X                                                        X                                                     X                                                             X                                                   X                                           X                                                     X                                                  X                                   X                                                      X                                                         ALTA
delle specie di interesse
comunitario
Azioni meccanizzate di
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  X                                                  X                                                                                                                                                    ALTA
ripulitura della spiaggia
Fenomeni di disturbo del
fondale marino                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            ALTA




                                                                                                                                      RE_06/360/P                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         27
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Tabella 2.3-3 Fattori di pressione presenti nel SIC“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”,
specie floristiche su cui insistono e loro relativo livello di priorità


SIC   “Isola     dei   Cavoli,                                           Livello      di
Serpentara        e      Punta                                           priorità
Molentis”
Fattore di criticità               Brassica insularis   Rouya polygama
Tagli ed estirpamenti per                                                BASSA
                                   X
motivi collezionistici
Degrado dell’habitat               X                    X                MEDIA




Tabella 2.3-3 Fattori di pressione presenti nel SIC“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”,
specie faunistiche su cui insistono e loro relativo livello di priorità
SIC   “Isola     dei   Cavoli, Specie di Interesse Comunitario sensibile al fattore di Livello          di
Serpentara        e      Punta criticità                                                    priorità
Molentis”
Fattore di criticità               Avifauna             Erpetofauna      Mammofauna
Randagismo e cani vaganti                                                                   BASSA
                                   X


Abbandono di rifiuti               X                    X                X                  ALTA
Bracconaggio                       X                    X                                   MEDIA
Disturbo antropico                 X                    X                X                  ALTA
Incendi incontrollati              X                    X                X                  MEDIA
Modificazione                  e                                                            MEDIA
trasformazione            degli X                       X                X
habitat
Perdita o frammentazione                                                                    MEDIA
                                   X                    X                X
degli habitat
Passaggio       dei    natanti,                                                             ALTA
                                   X                    X
cattura con le reti da pesca
Attività ludico-ricreative in                                                               ALTA
prossimità      dei    siti   di X                      X                X
riproduzione
Uso massiccio di pesticidi         X                    X                X                  ALTA
Interazione con altre specie X                                                              ALTA




                                              RE_06/360/P                                              28
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Scarsa sensibilizzazione e
conoscenza degli habitat e                                                                  ALTA
                             X                  X                     X
delle specie di interesse
comunitario




                                      RE_06/360/P                                                   29
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



2.4         Analisi SWOT

Le analisi condotte all’interno dello Studio generale e le successive valutazioni riportate
in questo capitolo, tese a restituire un quadro dettagliato del contesto del SIC, sono
oggetto di una sintesi finalizzata ad individuare gli obiettivi e le strategie per il
raggiungimento di tali obiettivi. I risultati di tale analisi critica, effettuata analizzando i
punti di forza e di debolezza, le opportunità e i rischi presenti nel territorio in esame,
definita analisi SWOT1, viene riportata nella tabella seguente.

Tabella 0-1     Analisi SWOT del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”
                RISORSE NATURALI                        CARATTERIZZAZIONE CARATTERIZZAZIONE                                      RISORSE
                                                        SOCIO-ECONOMICA   TERRITORIALE                                           STORICO-
                                                                          AMMINISTRATIVA                                         ARCHEOLOGICHE
                                                                                                                                 PAESAGGISTICHE
    FORZA       –      Presenza di habitat prioritari   –      Importante ruolo del    –      Il SIC ricade interamente nel      –     Alta presenza di
                    ancora in un buono stato di             turismo balneare               territorio comunale di                   siti storico-
                    conservazione                           nell’economia locale           Villasimius                              archeologici nel
                –      Ambiente dunale che in alcuni    –      L’area è vicina al      –      Presenza di vincolistica a            territorio SIC e nei
                    punti è rappresentato da una            porticciolo turistico di       tutela dell’area del SIC (Essa           dintorni
                    successione vegetazionale               Villasimius                    ricade in: 1) Area Marina             –     Discreto valore
                    psammofila integra                  –      L’area del SIC è            Protetta “Capo Carbonara”,               paesaggistico, in
                –      Presenza di specie vegetali di       comunemente utilizzata         istituita con D.M. del                   parte ancora
                    interesse comunitario, endemiche        dalla popolazione              15/09/1998, integralmente                preservato
                    della Sardegna e di specie di           locale a fini ricreativi       sostituito dal D.M. del
                    rilevante interesse biogeografico   –      Elevato livello di          03/08/1999, secondo le finalità di
                –      Presenza di specie ornitiche         utilizzazione delle            cui all’art. 27, comma 3, della
                    prioritarie                             strutture ricettive            L.979/82; 2) Oasi permanente di
                –      Presenza di specie faunistiche       presenti                       protezione faunistica e di cattura,
                    di interesse comunitario                                               Isola Serpentara, Isola dei
                –      Presenza di specie faunistiche                                      Cavoli e Isole Varaglioni ,
                    endemiche                                                              istituita dall’Art. 2 della L.R.
                                                                                           32/78 - “Sulla protezione della
                                                                                           fauna e sull’esercizio della caccia
                                                                                           in Sardegna”3) Oasi permanente
                                                                                           di protezione faunistica e di
                                                                                           cattura, Fascia Litoranea Sud
                                                                                           Orienrtale, istituita con Decreto
                                                                                           dell’Assessorato Difesa
                                                                                           dell’Ambiente della RAS n. 95
                                                                                           del 20 luglio 1978. 4) Zona di
                                                                                           notevole interesse pubblico
                                                                                           istituita con DM del 1 settembre
                                                                                           1967, ai sensi della legge 29
                                                                                           giugno 1939, n. 1497)
                                                                                       –      Presenza di linee di
                                                                                           pianificazione del PUP/PTC
                                                                                           volte alla sostenibilità ambientale




1Acronimo dall’inglese che sintetizza l’Analisi tesa ad identificare: Punti di forza (Strength); Punti di
debolezza (Weakness); Opportunità (Opportunity); Minacce (Threats).



                                               RE_06/360/P                                                                                30
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE

               RISORSE NATURALI                            CARATTERIZZAZIONE CARATTERIZZAZIONE                                     RISORSE
                                                           SOCIO-ECONOMICA   TERRITORIALE                                          STORICO-
                                                                             AMMINISTRATIVA                                        ARCHEOLOGICHE
                                                                                                                                   PAESAGGISTICHE
DEBOLEZZA      –      Diminuzione di superficie            –      Scarsa                   - Presenza di insediamenti turistici a –      Assenza di un
                   disponibile per gli habitat di              armonizzazione dei          ridosso dei sistemi dunali                 circuito storico –
                   interesse comunitario a causa di            servizi turistico-          –      Assenza di strumenti gestionali     culturale –
                   fenomeni erosivi imputabili ad              ricreativi nella fascia         che regolano le attività e le          naturalistico
                   attività antropiche, quali                  costiera                        opportunità di fruizione nel sito      alternativo al
                   realizzazione di strutture ricettive,   –      Forte stagionalità dei       (a parte le zone a mare e le isole)    turismo balnerare
                   fruizione non regolamentata,                flussi turistici            –      Accessibilità e fruizione del       di massa
                   accessi incontrollati dei veicoli ed    –      Assenza di strutture e       SIC non regolamentata (a parte
                   incendi                                     di infrastrutture per la        le zone a mare e le isole)
               –      Degrado della “Vegetazione               fruizione naturalistica
                   annua delle linee di deposito               all’interno del sito
                   marine” e degli habitat dunali          –      Assenza di strutture
                   dovuto ad azioni di ripulitura              ricreative adatte allo
                   meccanica della spiaggia                    sviluppo di attività
               –      Presenza di specie alloctone che         ricreativo-dittatiche
                   alterano la composizione floristica         presso il SIC
                   degli habitat di interesse
                   comunitario presenti nel sito
               –      Conoscenza poco approfondita
                   dello stato di conservazione delle
                   specie floristiche e faunistiche di
                   interesse comunitario
               –      Scarsa conoscenza dell’habitat
                   prioritario “Praterie di posedonia”
OPPORTUNITA’ –        Messa in campo di interventi di      –      Opportunità di           –      Pianificazione e                  –      Valorizzazione
                   gestione attiva e di                        sviluppo sostenibile            regolamentazione delle attività          della Rete Natura
                   regolamentazione mirati al                  legate alla                     antropiche nel SIC mediante              2000
                   mantenimento degli habitat e                valorizzazione di Rete          modalità operative ed interventi         (circuitazione)
                   delle specie di interesse                   Natura 2000                     eco-compatibili                      –      Differenziazione
                   comunitario                             –      Qualificazione           –      Possibilità di networking con i       dell’offerta
               –      Miglioramento dello status di            dell’offerta turistica          siti Natura 2000 circostanti             turistica
                   conservazione ed ampliamento                corrispondente alla             (“Campu longu” (cod.                     integrando le
                   della superficie interessata dagli          tutela degli habitat            ITB040055); “Costa di Cagliari”          risorse ambientali
                   habitat di interesse comunitario        –      Nuove possibilità di         (cod. ITB040021)                         naturalistiche con
               –      Eliminazione delle maggiori              occupazione legate al                                                    quelle culturali e
                   criticità che insistono sugli habitat       turismo ambientale                                                       storico
                   e sulle specie di interesse             –      Opportunità di                                                        archeologiche
                   comunitario                                 sviluppare circuiti
               –      Maggiore tutela del Posidonieto          ricreativi e didattici
               –      Aumento della sensibilità                presso il SIC
                   ambientale riguardo le valenze
                   naturalistiche per cui è stato
                   identificato il SIC
MINACCE                                                    –      Eccessivo carico        –      Impatto ambientale dovuto      –         Degrado e
               –      Alterazione della serie                  turistico balneare nel            all’espansione degli                   monotonizzazione
                   completa della vegetazione                  SIC                               insediamenti turistici                 del paesaggio
                   psammofila, determinata da              –      Eccessiva fruizione e –        Impatto ambientale dovuto alle         dunale e costiero
                   erosione costiera e da un                   sviluppo di attività              modalità non eco-compatibili   –         Mancato
                   eccessivo disturbo antropico                ricreative all’interno del        delle attività degli                   aumento della
               –      Innesco successioni secondarie           sito                              insediamenti turistici e               notorietà dell’area
                   a causa di incendi;                                                           balneari
               –      Danneggiamento della fauna e
                   della flora a causa di un eccessivo
                   disturbo antropico (fruizione non
                   regolamentata, randagismo,
                   bracconaggio);
               –      Danneggiamento del
                   posidonieto;
               –      Rischio di degrado del sito a
                   causa della colonizzazione da
                   parte di specie vegetali ed animali
                   alloctone.




                                                RE_06/360/P                                                                                  31
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



3      Obiettivi




3.1    Obiettivi generali

L’obiettivo generale del Piano di Gestione del Sito d’Importanza Comunitaria proposto
“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” è quello di assicurare la conservazione
degli habitat e delle specie vegetali e animali presenti, prioritari e non, a livello
comunitario ai sensi della Direttiva Habitat (92/43/CEE). In particolare, saranno oggetto
di tutela e conservazione gli habitat e le specie vegetali ed animali elencate dall’Allegato
I e II della Direttiva 92/43/CEE, e dall’Allegato I della Direttiva 79/409/CEE per quanto
riguarda le specie ornitiche.
A tal fine è importante garantire, con opportuni interventi di gestione, il mantenimento
e/o il ripristino degli equilibri ecologici che caratterizzano gli habitat e che sottendono
alla loro conservazione.
Il raggiungimento di tale obiettivo di conservazione rende necessario in particolare
conciliare le attività umane che influiscono direttamente e indirettamente sullo status di
specie e habitat presenti nel SIC con la loro conservazione.
Proprio in un’ottica di riassetto delle attività umane presenti nel SIC per garantire la
tutela delle biodiversità, il Piano di Gestione delinea strategie e propone interventi volti
a promuovere attività economiche eco-compatibili, correlate con la gestione sostenibile
dell’ambiente naturale e delle sue risorse, a beneficio dello sviluppo economico del
territorio interessato.
Quanto sopra esposto è stato sviluppato nel Piano di Gestione (PARTE III) sulla base
dei risultati del quadro conoscitivo e delle analisi dello Studio Generale (PARTE I e
PARTE II) del SIC. Le indagini conoscitive sono infatti strettamente funzionali e
propedeutiche alla fase propositiva del Piano di Gestione, volta ad individuare le
strategie operative e gli interventi da attuarsi nella gestione del SIC.




                                      RE_06/360/P                                                   32
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


L’identificazione degli interventi necessari all’attuazione del Piano ha quindi perseguito
la mitigazione dei fattori che attualmente ostano al mantenimento della biodiversità
nelle sue condizioni ottimali, nonché provocano minacce potenziali per le specie e per
gli habitat.
Per ottenere questo risultato si è perseguita una gestione ecologicamente, socialmente
ed economicamente sostenibile delle attività umane, sia all’interno del SIC, fissando
opportuni vincoli alle stesse, sia nelle aree limitrofe, individuando auspicabili linee di
indirizzo per le diverse categorie d’uso del territorio, da attuarsi evidentemente a cura
degli enti territoriali preposti, compatibilmente con gli strumenti della pianificazione
vigenti.




3.2    Obiettivi di sostenibilità ecologica

Una corretta gestione del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” richiede la
definizione e l’attuazione di misure di tutela appropriate, mirate:
– al mantenimento e alla conservazione della biodiversità;
– all’utilizzazione sostenibile delle sue componenti;
– alla riduzione delle cause di degrado e declino delle specie vegetali ed animali e
    degli habitat.
La salvaguardia delle risorse e dell’integrità ecologica all’interno del SIC implica la
necessità di :
– mantenere e migliorare il livello di biodiversità degli habitat e delle specie di
    interesse comunitario, prioritari e non, per i quali il sito è stato designato;
– mantenere e/o ripristinare gli equilibri biologici alla base dei processi naturali
    (ecologici ed evolutivi);
– ridurre le cause di declino delle specie rare o minacciate ed i fattori che possono
    causare la perdita o la frammentazione degli habitat all’interno del sito e nelle zone
    adiacenti a esso;
– tenere sotto controllo ed eventualmente limitare le attività che incidono
    sull’integrità ecologica dell’ecosistema;
– armonizzare i piani e i progetti previsti per il Sito in esame con il suo ambito
    territoriale di relazione, fino a comprendere i SIC costieri adiacenti di “Campu
    Longu” e di “Costa di Cagliari”, al fine di equilibrare la fruizione turistica e
    ricreativa in relazione alle loro specificità ecologiche;
– individuare e attivare i processi necessari per promuovere lo sviluppo di attività
    economiche eco-compatibili con gli obiettivi di conservazione dell’area;
– attivare meccanismi politico-amministrativi ed attuare interventi concreti in grado
    di garantire una gestione integrata dei SIC a scala di rete ecologica locale,




                                      RE_06/360/P                                                   33
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


    comprendente oltre il Sito di “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” anche
    quello di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
– acquisire la consapevolezza sullo sviluppo sostenibile fondata sulla connettività
    ecologica a scala di rete tra i SIC costieri adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di
    Cagliari”;
Come esposto di seguito, gli obiettivi operativi di sostenibilità ecologica riguardano
(direttamente o indirettamente) aspetti socio-economici o comunque legati alle attività
umane.
E’ per questo che è stato necessario, per la redazione del Piano di Gestione, fissare
anche degli obiettivi di sostenibilità socio-economica funzionali al raggiungimento degli
obiettivi di sostenibilità ecologica.




3.2.1 Obiettivi specifici a breve-medio termine

Il Piano di Gestione si propone di raggiungere, nel breve-medio termine, i seguenti
obiettivi di sostenibilità ecologica:
 Controllare e ridurre le cause di disturbo antropico sugli habitat di interesse
    comunitario legate: alla fruizione non regolamentata all’interno del SIC, al
    ruscellamento superficiale delle acque meteoriche provenienti dalle lottizzazioni,
    alla presenza di strutture ricettive invasive;
 Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia, degli habitat
    dunari, di scogliera e marini attraverso interventi attivi e omogenei tra il SIC in
    questione ed i Siti di “Campu Longu” e “Costa di Cagliari”, in una ottica di
    riequilibrio unitario ed organico dei sistemi marino-costieri della costa sud-orientale
    della Sardegna;
 Analizzare l’andamento dello Stagno di Notteri per verificarne lo stato di salute
 Incrementare le conoscenze sull’habitat prioritario “Praterie di Posidonie (Posidonion
    oceanicae), habitat ancora poco conosciuto e studiato all’interno del SIC;
   Garantire la conservazione, in uno stato “soddisfacente”, degli ambienti idonei alla
    nidificazione e allo svernamento, alla presenza e riproduzione delle specie
    faunistiche, di interesse comunitario nel SIC in questione ed in relazione agli altri
    SIC adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
 Arrestare i fenomeni di erosione degli habitat dunali favorendo processi naturali di
    consolidamento delle dune;
 Mantenere e migliorare l’evoluzione dei processi fisici e biologici funzionali al
    sistema ecologico e alla sua spontanea trasformazione.
 Controllare e verificare continuativamente l’evoluzione dei processi di
    funzionamento ed il grado di trasformazione degli habitat e delle specie di interesse
    coingiuntamente agli altri SIC adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;




                                      RE_06/360/P                                                   34
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


 Prevenire i processi riferibili a criticità potenziali che minacciano la conservazione
  degli habitat e delle specie
 Mitigare i processi riferibili a criticità in atto che agiscono sul degrado qualitativo e
  quantitativo degli habitat, degli ambienti faunistici e delle specie;
 Mettere in campo azioni di tutela diretta degli habitat di interesse comunitario al
  fine di effettuare una gestione eco-sostenibile del sito in modo integrato ed unitario
  con i SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”, in una ottica di
  riequilibrio unitario ed organico dei sistemi marino-costieri della costa sud-orientale
  della Sardegna.




3.2.2 Obiettivi specifici a lungo termine

Gli obiettivi di sostenibilità ecologica che si intendono raggiungere a lungo termine
sono i seguenti:
 Raggiungere uno status di conservazione ottimale degli habitat di Interesse
   Comunitario;
 Ampliare la superficie di copertura degli habitat di Interesse Comunitario
   preservare e tutelare gli habitat in un’ottica di sostenibilità.
 Salvaguardare le interconnessioni biologiche tra il SIC di “Isola dei Cavoli,
   Serpentara e Punta Molentis” e i SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di
   Cagliari”, valorizzando i corridoi ecologici esistenti e creandone di nuovi che
   possano essere di collegamento attraverso le matrici antropizzate;
 Contribuire al mantenimento e alla conservazione degli habitat e delle specie di
   interesse comunitario




3.3    Obiettivi di sostenibilità socio-economica

La conservazione della biodiversità presente in un territorio richiede la condivisione, da
parte dei soggetti pubblici e privati che vi operano, degli obiettivi di tutela.
Questo è vieppiù necessario nelle aree dove si concentrano le attività umane, anche
all’interno di aree protette o ad elevata valenza naturalistica, dove quindi la tutela deve
essere perseguita mediante l’adozione da parte di tutti i soggetti coinvolti di opportune
modalità gestionali.
L’individuazione di criteri gestionali che consentano il raggiungimento degli obiettivi
di sostenibilità ecologica richiede infatti spesso alcune modificazioni nelle prassi
gestionali preesistenti, negli usi e nelle abitudini usuali.
Le nuove prassi gestionali devono essere accettate e condivise da coloro che operano sul
territorio. A tale scopo è possibile individuare obiettivi operativi di sostenibilità socio-



                                      RE_06/360/P                                                   35
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


economica funzionali al raggiungimento degli obiettivi operativi di sostenibilità
ecologica, quali ad esempio quelli legati allo sviluppo di attività turistiche che possono
creare un indotto economico per i soggetti locali.
Dalla corretta adozione del Piano di Gestione dei siti dipenderà la realizzazione ed il
successo di uno sviluppo che abbia come obiettivo la salvaguardia dell’ambiente
naturale, garantendo la rinnovabilità delle risorse e lo sviluppo durevole.
In tal senso la politica di conservazione attiva dell’area e dei territori contermini potrà
determinare i suoi effetti positivi, sia in termini di reddito che di opportunità
occupazionali.
La tutela dell’ambiente naturale e degli aspetti paesaggistici possono costituire la
risorsa principale per il patrimonio ambientale, fonte di benefici economici, anche per le
popolazioni locali che, direttamente e indirettamente, ne fruiscono.




3.3.1 Obiettivi specifici a breve-medio termine

Sono stati individuati i seguenti obiettivi di sostenibilità socio-economica a breve-medio
termine:
– Introdurre misure e forme di controllo e manutenzione all’interno del SIC;
– Informazione, sensibilizzazione e orientamento della fruizione a scala di rete
    ecologica locale comprendente i SIC adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di
    Cagliari”, al fine di limitare i comportamenti e attività economiche dannose;
– Indirizzare la frequentazione del SIC compatibilmente con le esigenze di
    conservazione mediante il miglioramento della fruizione del sito, calibrata sulla
    sensibilità degli habitat e degli ambienti faunistici, attraverso una pianificazione
    integrata tra i SIC adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”.


3.3.2 Obiettivi specifici a lungo termine

Gli obiettivi specifici che si vogliono raggiungere nel lungo termine con il Piano di
Gestione sono finalizzati a:
– Adeguamento degli strumenti di programmazione e pianificazione comunali alle
    esigenze di tutela degli habitat: recepimento del Piano di Gestione da parte del
    Comune di Villasimius negli strumenti urbanistici e nei loro strumenti attuativi;
– Sostenibilità ecologica e sociale dell’uso a fini economici del Sito mediante
    l’attuazione di un modello d’uso degli spazi costieri di rilevante valenza ambientale
    comprendenti anche i SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”, al
    fine di tutelare la biodiversità di interesse comunitario;
– Raggiungimento di una adeguata consapevolezza del valore ecologico dei siti e
    delle loro esigenze di conservazione da parte della popolazione locale;



                                      RE_06/360/P                                                   36
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


–   Promozione di attività economiche sostenibili ed eco-compatibili, anche nel
    territorio circostante e comprendenti i SIC adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa
    di Cagliari”.




                                      RE_06/360/P                                                   37
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




4 Strategia di gestione




4.1    Strategia per la sostenibilità ecologica

Una volta identificati gli obiettivi generali del Piano di Gestione sono stati delineati gli
obiettivi operativi specifici, suddivisi in base al periodo di tempo necessario per il loro
raggiungimento.
L’individuazione di tali obiettivi specifici è propedeutica alla definizione delle strategie
di gestione da attuare, in funzione delle minacce che sono state focalizzate nello Studio
Generale del SIC in questione e schematizzate nel § 2 “Individuazione dei fattori di
criticità e minaccia”.
In quest’ottica la strategia di gestione deve tendere principalmente al mantenimento ed
al miglioramento della biodiversità (obiettivo generale) attraverso il ripristino degli
habitat e alla conservazione delle specie di interesse naturalistico presenti nell’area del
SIC.
L’obiettivo generale viene raggiunto attraverso il raggiungimento degli obiettivi
operativi specifici: le strategie individuate per il raggiungimento degli obiettivi specifici
di sostenibilità ecologica si articolano in una strategia a breve-medio termine, volta a
fronteggiare i fattori di rischio con carattere di urgenza, e in una strategia a lungo
termine, volta invece ad impostare una gestione ambientalmente, socialmente ed
economicamente sostenibile del SIC.


4.1.1 Strategia a breve-medio termine

La Strategia a breve-medio termine si articola nelle seguenti strategie specifiche:




                                      RE_06/360/P                                                   38
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


 Orientare la fruizione presso gli habitat dunali, marini, di scogliera e di macchia
  mediterranea, mediante la realizzazione di infrastrutture naturalistiche atte a
  favorire l’interconnessione del SIC con quelli adiacenti di “Campu Longu” e di
  “Costa di Cagliari”, compatibilmente con la conservazione delle valenze
  naturalistiche proprie dei Siti;
 Avviare studi specifici per incrementare l’approfondimento scientifico sullo stato di
  conservazione degli habitat dunari e dell’habitat “Praterie di Posidonie (Posidonion
  oceanicae)”, congiuntamente agli altri areali marini dei SIC limitrofi di “Campu
  Longu” e di “Costa di Cagliari”;
 Riportare lo stagno di Notteri al suo stato naturale eliminando le cause che lo hanno
  portato a trasformarsi da Stagno temporaneo salmastro a Stagno perenne di acqua
  dolce
 Promuovere studi atti ad individuare e proteggere gli habitat frequentati
  dall’avifauna nidificante e svernante e dalle altre specie di interesse comunitario
  presenti nel SIC;
 Avviare il monitoraggio degli habitat e delle specie di maggiore interesse
  conservazionistico presenti nel sito, per definire il reale status di conservazione
  raggiunto, le criticità maggiori, ed eventualmente pianificare nuovi interventi su
  dati analitici aggiornati, congiuntamente ai SIC limitrofi di “Campu Longu” e di
  “Costa di Cagliari”;
 Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni erosivi di ruscellamento
  diffuso ed incanalato ai margini dei sistemi di spiaggia, congiuntamente all’areale
  interessato dal SIC “Campu Longu”;
 Approfondire la conoscenza scientifica e specialistica per la valutazione dello stato
  di qualità degli habitat e dell’evoluzione del sistema ecologico;
 Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni erosivi costieri in atto,
  coerentemente con gli interventi previsti per gli altri SIC limitrofi di “Campu
  Longu” e di “Costa di Cagliari”;
 Predisporre l’organizzazione compatibile della fruizione balneare della spiaggia
  attraverso strumenti e procedure a scala territoriale che comprenda le aree SIC
  adiacenti di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
 Predisporre interventi per la salvaguardia della biodiversità ecologica e per il
  mantenimento dello stato di conservazione degli habitat e delle specie;
 Controllare e ridurre le cause di disturbo antropico legate all’inquinamento e alla
  fruizione non regolamentata all’interno del SIC, coerentemente con la fruizione a
  scala di rete e comprendente i SIC di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”, in
  una ottica di riequilibrio unitario ed organico dei sistemi marino-costieri della costa
  sud-orientale della Sardegna.




                                      RE_06/360/P                                                   39
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


4.1.2 Strategia a lungo termine

La Strategia a lungo termine si articolerà nelle seguenti strategie specifiche:
– Controllare i processi di evoluzione naturale della copertura vegetale per favorire
    l’espansione degli habitat di Interesse comunitario;
– Monitorare gli habitat per individuare tempestivamente l’insorgere di nuove
    minacce o di eventuali nuovi fattori di stress;
– Innescare processi di sensibilizzazione e di didattica ambientale per far conoscere il
    SIC mediante il coinvolgimento delle scuole, associazioni locali, centri di
    educazione ambientale, etc, congiuntamente ad altre azioni di sensibilizzazione ed
    informazione condotte nei SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
– Controllare i fattori di disturbo che possono limitare la biodiversità e lo stato di
    conservazione di habitat e specie di interesse comunitario




4.2    Strategie per la sostenibilità socio-economica

Per il raggiungimento degli obiettivi generali del Piano di Gestione (cfr. § 3.1) e
nell’ottica di armonizzare ed integrare le attività relative alla gestione e alla fruizione
dell’area con le misure e gli interventi finalizzati alla salvaguardia degli habitat e delle
specie, è stata individuata una strategia per la sostenibilità socio-economica:
coerentemente con le strategie per la sostenibilità ecologica, anche quest’ultima si
articola in una strategia a breve-medio termine e in una strategia a lungo termine.

4.2.1 Strategia a breve-medio termine

La strategia a breve-medio termine per la sostenibilità socio-economica comprende:
– Attivare un servizio di sorveglianza del SIC, con compiti di controllo e
    manutenzione delle strutture, attraverso un programma unitario e coordinato con i
    SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
– Realizzazione di campagne e strumenti di comunicazione e sensibilizzazione per
    l’informazione della popolazione locale, degli operatori economici e dei fruitori
    turistici del SIC, coordinato ad altre azioni di sensibilizzazione ed informazione
    condotte nei SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
– Migliorare le condizioni di fruibilità del pubblico in condizioni di eco-compatibilità.

4.2.2 Strategia a lungo termine

La strategia a lungo termine per la sostenibilità socio-economica sarà costituita
essenzialmente dall’individuazione di un sistema di gestione sostenibile dell’ambito a
scala territoriale comprendente i SIC di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari” volto a




                                      RE_06/360/P                                                   40
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


tutelarla limitandone la fruizione senza ridurre le occasioni di sviluppo economico per
la comunità locale.

4.3    Quadro sintetico degli strumenti finanziari

I contenuti delle linee di finanziamento individuale sono descritti in maniera dettagliata
nel paragrafo 5.5 dello Studio Generale.
In linea generale è possibile individuare nella Misura 1.5.b del POR 2000-2006 della
Regione Autonoma Sardegna il principale strumento finanziario per raggiungere gli
obiettivi di gestione per il presente Piano. In merito alla programmazione successiva in
materia ambientale, va precisato che la preparazione dei nuovi strumenti finanziari per
il periodo di programmazione 2007-2013 è attualmente in pieno corso di svolgimento:
l’elaborazione del presente Piano si interpone proprio nel momento di transizione tra la
precedente e la futura programmazione. Lo strumento finanziario sarà costituito da
LIFE+: adottato nel luglio 2005, LIFE + prevede l’attribuzione di 7,35 milioni di euro al
programma Natura 2000.




                                      RE_06/360/P                                                   41
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



5 Individuazione del soggetto gestore

Tenendo conto delle valenze naturalistiche ed ambientali, delle criticità e degli obiettivi
per la gestione dei SIC in esame, il soggetto gestore del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara
e Punta Molentis” “ è individuato nell’Amministrazione comunale di Villasimius.
Questo anche in considerazione che il sito ricade interamente nel territorio comunale di
Villasimius, e quindi si scongiurano eventuali difficoltà gestionali dovute al
frazionamento del sito tra amministrazioni comunali confinanti.
L’Amministrazione comunale di Villasimius, in qualità in qualità di soggetto gestore,
assicurerà con il coordinamento della Regione Sardegna l’attuazione del presente Piano
di Gestione, definendo in accordo con altri Enti Locali competenti (Provincia di Cagliari,
Corpo Forestale dello Stato ecc.) le modalità di esecuzione di interventi e delle attività,
che potranno essere svolte anche direttamente dal Comune.
L’Amministrazione comunale attiverà una sorveglianza dell’area adeguata alle
necessità di tutela, e qualora necessario e opportuno, coinvolgerà nella gestione del sito
altri Enti operanti sul territorio sopra indicati.
L’Amministrazione comunale attuerà un’azione di monitoraggio tecnico e
amministrativo oltre che scientifico sullo stato d’avanzamento del Piano di Gestione,
sino a completamento dello stesso.




                                      RE_06/360/P                                                   42
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




6 Regolamentazione

Al fine della regolamentazione gestionale del SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis” il presente Piano di Gestione tiene conto ed è coerente con le prescrizioni
degli strumenti pianificatori della Regione Sardegna, della Provincia di Cagliari e del
Comune di Villasimius già in vigore.
In particolare, lo strumento di pianificazione sovraordinato è costituito dal Piano
Paesaggistico Regionale (L.R. 8/2004), del quale si adottano le norme previste e le norme
di tutela per le zone che ricadono all’interno del SIC.

In relazione alle esigenze di tutela del SIC, sono da attuare i seguenti divieti:

a) la cattura, l'uccisione, il danneggiamento ed il disturbo della fauna selvatica, ad
   eccezione di quanto eseguito per fini di ricerca e di studio previa autorizzazione del
   soggetto gestore del SIC;

b) la raccolta ed il danneggiamento della flora spontanea, ad eccezione di quanto
   eseguito per fini di ricerca e di studio previa autorizzazione del soggetto gestore del
   SIC; sono peraltro consentiti, anche in attuazione dell'art. 6, comma 1, lettera b), della
   legge 23 agosto 1993, n. 352, il pascolo e la raccolta di funghi, tartufi ed altri prodotti
   del bosco, nel rispetto delle vigenti normative, degli usi civici e consuetudini locali;

c) l'introduzione in ambiente naturale non recintato di specie e popolazioni estranee
   alla flora ed alla fauna autoctona;

d) il prelievo di materiali di rilevante interesse geologico e paleontologico, ad eccezione
   di quello eseguito, per fini di ricerca e di studio, previa autorizzazione del soggetto
   gestore del SIC;

e) l'introduzione da parte di privati, di armi, esplosivi e di qualsiasi mezzo di
   distruzione e cattura, se non autorizzata;

f) il campeggio al di fuori delle aree destinate a tale scopo ed appositamente attrezzate;
   è consentito il campeggio temporaneo appositamente autorizzato in base alla
   normativa vigente;

g) il sorvolo non autorizzato dalle competenti autorità secondo quanto espressamente
   regolamentato dalle leggi sulla disciplina del volo;




                                      RE_06/360/P                                                   43
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




I divieti sopra elencati saranno adottati dal Comune di Villasimius mediante le
opportune disposizioni normative, alle quali si adegueranno i vigenti strumenti di
pianificazione e di governo del territorio.




                                      RE_06/360/P                                                   44
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




7 Interventi di gestione




Il Piano di Gestione, in base agli obiettivi ed alle strategie di gestione delineate,
individua gli interventi da realizzare per una corretta gestione naturalistica del SIC
“Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”.
Poiché gli obiettivi operativi sono stati suddivisi in quelli che interessano direttamente
gli aspetti di sostenibilità ecologica e in quelli che riguardano la sostenibilità socio-
economica (specificando come questi ultimi siano comunque funzionali al
raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ecologica), anche gli interventi da attuare
per raggiungere tali obiettivi vengono suddivisi in base alla loro relazione con la
sostenibilità ecologica o socio-economica.
Vengono inoltre separati gli interventi straordinari, da eseguire una sola volta, da quelli
ordinari che, invece, vanno ripetuti periodicamente (periodicità intesa come annualità o
stagionalità).
Per ciascuno degli interventi proposti vengono presentate delle schede in cui sono
indicate le prassi tecnico-operative, i costi, i tempi di realizzazione, i soggetti e le risorse
che dovrebbero essere utilizzate nella fase di realizzazione e tutte le ulteriori
informazioni necessarie a chiarire le modalità per l’attuazione di tali interventi.
Ogni intervento viene classificato secondo 5 tipologie:
•      Intervento attivo (IA);
•      Regolamentazione (RE);
•      Incentivazione (IN);
•      Programma di monitoraggio e/o ricerca (MR);
•      Programma di educazione e di informazione (PD).
Gli interventi attivi (IA) sono generalmente orientati a rimuovere/ridurre un fattore di
disturbo ovvero a “orientare” una dinamica naturale.




                                      RE_06/360/P                                                   45
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Attraverso opportune regolamentazioni (RE) possono essere perseguite la tutela delle
formazioni naturali e l’interruzione delle azioni di disturbo sulle diverse componenti
naturali (acqua, suolo, vegetazione, fauna).
Le incentivazioni (IN) hanno la finalità di sollecitare l’introduzione presso le
popolazioni locali di pratiche, procedure o metodologie gestionali di varia natura
(agricole, forestali, produttive ecc.) che favoriscano il raggiungimento delle obiettivi del
Piano di Gestione.
I programmi di monitoraggio (MR) hanno la finalità di misurare lo stato di
conservazione di habitat e specie, oltre che di verificare il successo delle azioni proposte
dal Piano di Gestione; tra tali programmi sono stati inseriti anche gli approfondimenti
conoscitivi necessari a definire più precisamente le regolamentazioni.
I programmi di educazione e di informazione (PD) sono programmi didattici
direttamente orientati alla conoscenza e all’educazione ambientale, indirettamente
mirano al coinvolgimento delle popolazioni locali nella tutela del sito.
In base alla tipologia ciascun intervento viene classificato mediante un numero
progressivo.
Per quanto riguarda le attività di monitoraggio, volte ad analizzare quanto tali
interventi siano efficaci per il raggiungimento degli obiettivi specifici, si rimanda alle
indicazioni fornite nel § 8 “Valutazione dell’attuazione del Piano di Gestione”.


7.1    Interventi per la sostenibilità ecologica

Nelle tabelle seguenti sono riportati gli interventi previsti dal presente Piano di
Gestione in funzione delle valenze naturalistiche ed ambientali del SIC, del fattore di
criticità, dell’habitat su cui insistono, della priorità e della riduzione di criticità atte




                                      RE_06/360/P                                                   46
                                                                                        Punta
                                                                                        Cavoli,




                                            erosivi e
                                            Fenomeni
                                                                                        Molentis”




                                            processi di
                                            degrado dei
                                                                                        Serpentara e



                                                                                        CRITICITA'
                                                                                        FATTORE DI
                                                                                        SIC “Isola dei




                                            sistemi sabbiosi
                                                                * Praterie di posidonie


                                                                Gallerie e forteti ripari
                                                                meridionali
                                                                Foreste di Olea e
                                                                                                                                        Tabella 7.1-1




                                                                Ceratonia

                                                                Arbusteti termo-
                                                                mediterranei e pre-
                                                                desertici

                                                                * Dune costiere con




                          X
                                                                Juniperus spp.

                                                                Matorral arborescenti di
                                                                Juniperus spp

                                                                Dune fisse del litorale del




                          X
                                                                Crucianellion maritimae




RE_06/360/P
                          X
                                                                Dune mobili embrionali
                                                                Vegetazione annua delle




                          X
                                                                linee di deposito marine

                                                                Acque stagnanti, da
                                                                oligotrofe a mesotrofe

                                                                * Lagune costiere
                                                                Scogliere con vegetazione
                                                                delle coste mediterranee
                          X


                                                                con Limonium spp.
                                                                endemici

                                                                Pascoli inondati
                                                                mediterranei (Juncetalia
                                                                maritimi)
                                                                                                     Habitat di Interesse Comunitario




                                                                Praterie e fruticeti alofili
                                                                mediterranei e termo-
                                                                atlantici)

                                                                Banchi di sabbia a debole
                          X




                                                                copertura permanente di
                                                                acqua marina

                                                                Steppe salate mediterranee
                                                                (Limonietalia)

                                                                * Percorsi substeppici di
                                                                graminacee e piante annue
                                                                dei Thero-Brachypodietea
                          X




                                                                Dune bianche
                                                                                                                                                                                                                                                                   Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                                                Dune con prati dei
                          X




                                                                Malcolmietalia

                                                                * Dune con foreste di
                          X




                                                                Pinus pinea e/o Pinus
                                                                pinaster

                                                                Praterie e fruticeti
                                                                                                                                        Sintesi delle criticità associate agli interventi di gestione per il SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”




                                                                alonitrofili
              di
              del
              della


              tutela




              co etc.
              Studio
              dunale a
              la difesa
                                                                                               gestione




              dinamica
              ripristino




              costiera e
              ento della
              attiva degli




              dell’assetto
              di Interesse




              vegetazione




              di Regimaz.
              Interventi di




              specialistico
              Comunitario




              ruscellament
              Realizzazion




              approfondim
              dall’erosione

              e di un Piano
              Interventi per




              o superficiale




              geomorfologi
              habitat dunali
                                                                                               intervento di




47
                                                                                                 v.




                              IA6
                                     IA3
                                                         IA2




                  IA16
                                                                                               codi.
                                                                                               inter
                                                                                                ta'




                              Alta
                                     Alta
                                                         Alta




                  Media
                                                                                               priori
                                                                                                 a
                                                                                                uz.
                                                                                               Rid




                  40%
                              60%
                                     80%
                                                         30%
                                                                                               attes
                                                                                                         s”
                                                                                                         dei
                                                                                                         SIC




                                                                                                         ara e




                                             e non

                                             entata
                                                                                                         Punta
                                                                                                         “Isola




                                                                                                         RE DI

                                                                                                         CITA'
                                                                                                         CRITI
                                                                                                         Cavoli,




                                             regolam
                                                                                                         Molenti
                                                                                                         Serpent




                                             Fruizion
                                                                                                         FATTO




                                                 X
                                                                                        * Praterie di posidonie




                                                 X
                                                                                        Gallerie e forteti ripari
                                                                                        meridionali




                                                 X
                                                                                        Foreste di Olea e
                                                                                        Ceratonia




                                                 X
                                                                                        Arbusteti termo-
                                                                                        mediterranei e pre-
                                                                                        desertici




                                                 X
                                                                                        * Dune costiere con
                                                                                        Juniperus spp.




                                                 X
                                                                                        Matorral arborescenti di
                                                                                        Juniperus spp




                                                 X
                                                                                        Dune fisse del litorale del
                                                                                        Crucianellion maritimae




                                                 X
                                                                                        Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                                                 X
                                                                                        Vegetazione annua delle
                                                                                        linee di deposito marine




                                                 X
                                                                                        Acque stagnanti, da
                                                                                        oligotrofe a mesotrofe




                                                 X
                                                                                        * Lagune costiere




                                                 X
                                                                                        Scogliere con vegetazione
                                                                                        delle coste mediterranee
                                                                                        con Limonium spp.
                                                                                        endemici
                                                 X
                                                                                        Pascoli inondati
                                                                                        mediterranei (Juncetalia
                                                                                        maritimi)
                                                                                                                                 Habitat di Interesse Comunitario




                                                 X




                                                                                        Praterie e fruticeti alofili
                                                                                        mediterranei e termo-
                                                                                        atlantici)
                                                 X




                                                                                        Banchi di sabbia a debole
                                                                                        copertura permanente di
                                                                                        acqua marina
                                                 X




                                                                                        Steppe salate mediterranee
                                                                                        (Limonietalia)
                                                 X




                                                                                        * Percorsi substeppici di
                                                                                        graminacee e piante annue
                                                                                        dei Thero-Brachypodietea
                                                 X




                                                                                        Dune bianche
                                                 X




                                                                                        Dune con prati dei
                                                                                                                                                                    Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                                                                        Malcolmietalia
                                                 X




                                                                                        * Dune con foreste di
                                                                                        Pinus pinea e/o Pinus
                                                                                        pinaster
                                                 X




                                                                                        Praterie e fruticeti
                                                                                        alonitrofili
                                       PdG
                                                                 sosta




                                       SIC che




                                                                                                                       intervento di
              Servizio di
                                       delle strade




                                       comunitario
                                       attraversano




                                                                                                                       gestione
                                       della gestione




              manutenzione
                                       fondo stradale




                                       Pianificazione
                                                                 principali aree




              sorveglianza e
                                       balneazione ed
                                       di supporto alla
                                                                 prossimità delle
                                                                 Realizzazione di
                                                                 servizi igienici in




                                       carrabili interne al




                                       turistico-ricreativa


                                       integrazione con il
                                       habitat di interesse
                                       Stabilizzazione del




48




                                                                                                                               codi.
                               IA21
                                               IA18
                                                         IA11
                                                                                IA17




                                                                                                                              interv.


                                                                                                                             priorita'
                               Media
                                               Media
                                                         Media
                                                                                Media




                                                                                                                       Riduz. attesa
                               80%
                                               60%
                                                         80%
                                                                                70%
              a
              di
                                                                                                s”
                                                                                                dei




                             o di
                                           llati
                                                                                                SIC




                                                                                                ara e




                             ono e


                             rifiuti
                                                                                                Punta
                                                                                                “Isola




              Azioni
                                                                                                RE DI

                                                                                                CITA'
                                                                                                CRITI




                                           Incendi
                                                                                                Cavoli,




              ca della
                             Abband




              ripulitur

              meccani
                                                                                                Molenti




              spiaggia
                                                                                                Serpent




                                           incontro




                             accumul
                                                                                                FATTO




                               X
                                                                               * Praterie di posidonie
                                                                               Gallerie e forteti ripari




                               X
                                           X
                                                                               meridionali

                                                                               Foreste di Olea e




                               X
                                           X
                                                                               Ceratonia

                                                                               Arbusteti termo-




                               X
                                           X
                                                                               mediterranei e pre-
                                                                               desertici

                                                                               * Dune costiere con




                               X
                                           X
                                                                               Juniperus spp.

                                                                               Matorral arborescenti di




                               X
                                           X
                                                                               Juniperus spp

                                                                               Dune fisse del litorale del




                 X
                               X
                                                                               Crucianellion maritimae




                 X
                               X
                                                                               Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                                                                               Vegetazione annua delle




                 X
                               X
                                                                               linee di deposito marine

                                                                               Acque stagnanti, da




                               X
                                                                               oligotrofe a mesotrofe




                               X
                                                                               * Lagune costiere
                                                                               Scogliere con vegetazione
                                                                               delle coste mediterranee




                               X
                                                                               con Limonium spp.
                                                                               endemici

                                                                               Pascoli inondati



                               X
                                                                               mediterranei (Juncetalia
                                                                               maritimi)
                                                                                                                        Habitat di Interesse Comunitario




                               X                                               Praterie e fruticeti alofili
                                                                               mediterranei e termo-
                                                                               atlantici)
                                                                               Banchi di sabbia a debole
                                                                               copertura permanente di
                               X




                                                                               acqua marina


                                                                               Steppe salate mediterranee
                               X




                                                                               (Limonietalia)

                                                                               * Percorsi substeppici di
                               X
                                           X




                                                                               graminacee e piante annue
                                                                               dei Thero-Brachypodietea
                 X
                               X




                                                                               Dune bianche

                                                                               Dune con prati dei
                 X
                               X
                                                                                                                                                           Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                                                               Malcolmietalia

                                                                               * Dune con foreste di
                               X
                                           X




                                                                               Pinus pinea e/o Pinus
                                                                               pinaster

                                                                               Praterie e fruticeti
                               X




                                                                               alonitrofili
                 aree
                 rifiuti
                                          Noteri




                                                                                                              intervento di
                                          del sistema




                 difesa della
                                          vasconi per

                                          antincendio




                 vegetazione
                                          prevenzione




                                                                                                              gestione
                                          birdwatching
                                          attrezzata per
                                          ambientale di

                                          Portu su Forru




                                          discese a mare




                 Rimozione dei



                 e bonifica delle




                 dunale pioniera
                 Interventi per la
                                          Riqualificazione




                                          Realizzazione di
                                          Realizzazione di
                                          Capo Carbonara –




                 abbandonati, delle
                 discariche abusive
                                          presso lo stagno di
                                          Realizzazione area




49




                                                                                                                      codi.
                      IA4
                                   IA1
                                                IA8
                                                        IA10
                                                               IA19
                                                                       IA12




                                                                                                                     interv.


                                                                                                                    priorita'
                      Alta
                                   Alta
                                                        Alta
                                                                       bassa




                                                               media




                                                Media




                     %




                                                                                                              Riduz. attesa
                     100
                                   90%
                                                50%
                                                        60%
                                                               60%
                                                                       60%
                                                                                   s”




                                           ne
                                           del
                                                                                   dei




              nza
                                                                                   SIC




                                           ni di




              delle
              degli
                                                                                   ara e




              specie
                                                                                   Punta
                                                                                   “Isola




              Scarsa
                                           habitat
                                                                                   RE DI

                                                                                   CITA'




                                           marino
                                                                                   CRITI




              , scarsa
                                           fondale
                                                                                   Cavoli,




                                           naturali
                                           lizzazio
                                           Fenome




              conosce
                                           disturbo




              sensibili
                                                                                   Molenti
                                                                                   Serpent




                                           Artificia




              habitat e
                                                                                   FATTO




              zzazione
                           X
                                                      X
                                                                  * Praterie di posidonie
                                                                  Gallerie e forteti ripari




                           X
                                                                  meridionali

                                                                  Foreste di Olea e




                           X
                                                                  Ceratonia

                                                                  Arbusteti termo-




                           X
                                                                  mediterranei e pre-
                                                                  desertici

                                                                  * Dune costiere con




                           X
                                              X
                                                                  Juniperus spp.

                                                                  Matorral arborescenti di




                           X
                                              X
                                                                  Juniperus spp

                                                                  Dune fisse del litorale del




                           X
                                              X
                                                                  Crucianellion maritimae




                           X
                                              X
                                                                  Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                                                                  Vegetazione annua delle




                           X
                                              X
                                                                  linee di deposito marine

                                                                  Acque stagnanti, da




                           X
                                              X
                                                                  oligotrofe a mesotrofe




                           X
                                                                  * Lagune costiere
                                                                  Scogliere con vegetazione
                                                                  delle coste mediterranee




                           X
                                              X




                                                                  con Limonium spp.
                                                                  endemici

                                                                  Pascoli inondati
                           X
                                              X




                                                                  mediterranei (Juncetalia
                                                                  maritimi)
                                                                                                           Habitat di Interesse Comunitario




                                                                  Praterie e fruticeti alofili
                           X
                                              X




                                                                  mediterranei e termo-
                                                                  atlantici)
                                                                  Banchi di sabbia a debole
                                                                  copertura permanente di
                           X




                                                                  acqua marina


                                                                  Steppe salate mediterranee
                           X
                                              X




                                                                  (Limonietalia)

                                                                  * Percorsi substeppici di
                           X




                                                                  graminacee e piante annue
                                                                  dei Thero-Brachypodietea
                           X




                                                                  Dune bianche

                                                                  Dune con prati dei
                           X
                                                                                                                                              Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                                                  Malcolmietalia

                                                                  * Dune con foreste di
                           X




                                                                  Pinus pinea e/o Pinus
                                                                  pinaster

                                                                  Praterie e fruticeti
                           X
                                              X




                                                                  alonitrofili
              Cavoli




              Gestore

              studio di



              interesse




                                                                                                 intervento di
              Stangioni
              gavitelli di




              ornitiche di
              delle specie
              nell’Isola di




              comunitario
              Interventi di
              Interventi di




                                                                                                 gestione
              di Posidonia”

              derattizzazione
              Installazione di




              Formazione del
              Serpentari e dei




              Monitoraggio e
              marino “Praterie




              approfondimento
              ancoraggio per la




              zona umida di Su
              riqualificazione e
              tutela dell’habitat




              rinaturazione della



              personale Soggetto




50




                                                                                                         codi.
                                                          IA5




                           IA20
                                   IA22
                                              IA14




                   MR3




                                                                                                        interv.


                                                                                                       priorita'
                           Media


                   Bassa
                                              media




                                   Media
                                                          Media




                                                                                                 Riduz. attesa
                   60%
                           80%
                                   70%
                                              80%
                                                          80%
                       di
                                                         s”
                                                         dei




                       ario
                                                         SIC




                                                         ara e
                                                         Punta
                                                         “Isola




                                                         RE DI

                                                         CITA'
                                                         CRITI
                                                         Cavoli,




                       comunit
                                                         Molenti
                                                         Serpent




                                                         FATTO




                       interesse
                                        * Praterie di posidonie
                                        Gallerie e forteti ripari
                                        meridionali

                                        Foreste di Olea e
                                        Ceratonia

                                        Arbusteti termo-
                                        mediterranei e pre-
                                        desertici

                                        * Dune costiere con
                                        Juniperus spp.

                                        Matorral arborescenti di
                                        Juniperus spp

                                        Dune fisse del litorale del
                                        Crucianellion maritimae

                                        Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                                        Vegetazione annua delle
                                        linee di deposito marine

                                        Acque stagnanti, da
                                        oligotrofe a mesotrofe

                                        * Lagune costiere
                                        Scogliere con vegetazione
                                        delle coste mediterranee
                                        con Limonium spp.
                                        endemici

                                        Pascoli inondati
                                        mediterranei (Juncetalia
                                        maritimi)
                                                                                 Habitat di Interesse Comunitario




                                        Praterie e fruticeti alofili
                                        mediterranei e termo-
                                        atlantici)
                                        Banchi di sabbia a debole
                                        copertura permanente di
                                        acqua marina


                                        Steppe salate mediterranee
                                        (Limonietalia)

                                        * Percorsi substeppici di
                                        graminacee e piante annue
                                        dei Thero-Brachypodietea

                                        Dune bianche

                                        Dune con prati dei
                                                                                                                    Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                        Malcolmietalia

                                        * Dune con foreste di
                                        Pinus pinea e/o Pinus
                                        pinaster

                                        Praterie e fruticeti
                                        alonitrofili
              studio di



              interesse




                                                                       intervento di
              comunitario




                                                                       gestione
              Monitoraggio e


              dell’erpetofauna
              approfondimento

              (anfibi e rettili) di




51




                                                                               codi.
                                MR4




                                                                              interv.


                                                                             priorita'
                                Bassa




                                                                       Riduz. attesa
                                60%
                Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE



Scarsa      X   X     X       X     X      X     X    X      X   X    X     X         X      X      X       X       X     X    X    X   X   Monitoraggio e         MR8   Media   60%
sensibili                                                                                                                                   studio di
zzazione                                                                                                                                    approfondimento
, scarsa                                                                                                                                    della qualità delle
conosce                                                                                                                                     acque dello stagno
nza                                                                                                                                         di Noteri
degli                                                                                                                                       Monitoraggio e         MR7   Media   60%
habitat e                                                                                                                                   studio di
delle                                                                                                                                       approfondimento
specie                                                                                                                                      della dinamica
di                                                                                                                                          costiera e meteo-
interesse                                                                                                                                   marina
comunit                                                                                                                                     Monitoraggio e         MR5   Bassa   60%
ario                                                                                                                                        studio di
                                                                                                                                            approfondimento
                                                                                                                                            degli habitat di
                                                                                                                                            Interesse
                                                                                                                                            comunitario
                                                                                                                                            Monitoraggio e         MR9   Media   60%
                                                                                                                                            studio di
                                                                                                                                            approfondimento
                                                                                                                                            dell’habitat
                                                                                                                                            prioritario
                                                                                                                                            “Praterie di
                                                                                                                                            posidonie
                                                                                                                                            (Posidonion
                                                                                                                                            oceanicae)”
                                                                                                                                            Monitoraggio e         MR1   Bassa   60%
                                                                                                                                            studio di
                                                                                                                                            approfondimento
                                                                                                                                            delle specie
                                                                                                                                            alloctone invasive
                                                                                                                                            Monitoraggio           MR2   bassa   60%
                                                                                                                                            floristico e studio
                                                                                                                                            di
                                                                                                                                            approfondimento
                                                                                                                                            della vegetazione
                                                                                                                                            dunale
                                                                                                                                            Monitoraggio e         MR6   Media   60%
                                                                                                                                            studio di
                                                                                                                                            approfondimento
                                                                                                                                            della specie di
                                                                                                                                            interesse
                                                                                                                                            comunitario
                                                                                                                                            Brassica insularis




                                               RE_06/360/P                                                                                                        52
                                    e
                                    di
                                                                              s”
                                                                              dei




                                    nza




                                    ario
                                                                              SIC




                                    delle
                                    degli
                                                                              ara e




                                    specie
                                                                              Punta
                                                                              “Isola




                                    Scarsa
                                                                              RE DI

                                                                              CITA'
                                                                              CRITI




                                    zzazion
                                                                              Cavoli,




                                    interess
                                    conosce




                                    comunit
                                    sensibili
                                                                              Molenti
                                                                              Serpent




                                    e, scarsa



                                    habitat e
                                                                              FATTO
                                                             * Praterie di posidonie




                                                     X
                                                             Gallerie e forteti ripari




                                                     X
                                                             meridionali

                                                             Foreste di Olea e




                                                     X
                                                             Ceratonia
                                                             Arbusteti termo-




                                                     X
                                                             mediterranei e pre-
                                                             desertici

                                                             * Dune costiere con




                                                     X
                                                             Juniperus spp.

                                                             Matorral arborescenti di




                                                     X
                                                             Juniperus spp

                                                             Dune fisse del litorale del


                                                     X
                                                             Crucianellion maritimae

                                                     X       Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                                                             Vegetazione annua delle
                                                     X


                                                             linee di deposito marine

                                                             Acque stagnanti, da
                                                     X




                                                             oligotrofe a mesotrofe

                                                             * Lagune costiere
                                                     X




                                                             Scogliere con vegetazione
                                                             delle coste mediterranee
                                                     X




                                                             con Limonium spp.
                                                             endemici

                                                             Pascoli inondati
                                                     X




                                                             mediterranei (Juncetalia
                                                             maritimi)
                                                                                                      Habitat di Interesse Comunitario




                                                             Praterie e fruticeti alofili
                                                     X




                                                             mediterranei e termo-
                                                             atlantici)

                                                             Banchi di sabbia a debole
                                                     X




                                                             copertura permanente di
                                                             acqua marina

                                                             Steppe salate mediterranee
                                                     X




                                                             (Limonietalia)

                                                             * Percorsi substeppici di
                                                     X




                                                             graminacee e piante annue
                                                             dei Thero-Brachypodietea

                                                             Dune bianche
                                                     X
                                                                                                                                         Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                                                             Dune con prati dei
                                                     X




                                                             Malcolmietalia

                                                             * Dune con foreste di
                                                     X




                                                             Pinus pinea e/o Pinus
                                                             pinaster

                                                             Praterie e fruticeti
                                                     X




                                                             alonitrofili
              SIC


              web




              della


              reale
              delle
              ad una




                                                                                            intervento di
              sul SIC




              tutela del
              maggiore




                                                                                            gestione
              a didattica,


              il controllo
              e di un sito
              esigenze di
              Produzione




              conoscenza
              informativo
              di materiale




              popolazione
              di Gabbiano
              comunicazio




              Realizzazion



              cartellonistic
              Campagna di




              tabellonistica
              Pannellistica,
              ne finalizzata




              Interventi per




53




                                                                                                    codi.
                          PD1
                                   PD4
                                            PD3
                                                     PD2




                 IA13




                                                                                                   interv.


                                                                                                  priorita'
                                   Bassa




                 media
                          Media
                                            Media
                                                     Media




                %
                         %
                                  %
                                           %
                                                    %




                60
                         80
                                  80
                                           80
                                                    60




                                                                                            Riduz. attesa
                e
                                                        s”
                                                        dei




                a di
                                                        SIC




                                                        ara e




                specie
                                                        Punta
                                                        “Isola




                                                        RE DI

                                                        CITA'
                                                        CRITI
                                                        Cavoli,




                Presenz


                allocton
                                                        Molenti
                                                        Serpent




                                                        FATTO




                      X
                                       * Praterie di posidonie




                      X
                                       Gallerie e forteti ripari
                                       meridionali




                      X
                                       Foreste di Olea e
                                       Ceratonia




                      X
                                       Arbusteti termo-
                                       mediterranei e pre-
                                       desertici




                      X
                                       * Dune costiere con
                                       Juniperus spp.




                      X
                                       Matorral arborescenti di
                                       Juniperus spp




                      X
                                       Dune fisse del litorale del
                                       Crucianellion maritimae




                      X
                                       Dune mobili embrionali




RE_06/360/P
                      X
                                       Vegetazione annua delle
                                       linee di deposito marine
                      X
                                       Acque stagnanti, da
                                       oligotrofe a mesotrofe
                      X


                                       * Lagune costiere
                      X




                                       Scogliere con vegetazione
                                       delle coste mediterranee
                                       con Limonium spp.
                                       endemici
                      X




                                       Pascoli inondati
                                       mediterranei (Juncetalia
                                       maritimi)
                      X
                                                                                Habitat di Interesse Comunitario




                                       Praterie e fruticeti alofili
                                       mediterranei e termo-
                                       atlantici)
                      X




                                       Banchi di sabbia a debole
                                       copertura permanente di
                                       acqua marina
                      X




                                       Steppe salate mediterranee
                                       (Limonietalia)
                      X




                                       * Percorsi substeppici di
                                       graminacee e piante annue
                                       dei Thero-Brachypodietea
                      X




                                       Dune bianche
                                                                                                                   Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE




                      X




                                       Dune con prati dei
                                       Malcolmietalia
                      X




                                       * Dune con foreste di
                                       Pinus pinea e/o Pinus
                                       pinaster
                      X




                                       Praterie e fruticeti
                                       alonitrofili



                                                                      intervento di
              (Cavolo
              tutela di
              Brassica
              insularis




              interesse
              alloctone

              habitat di




                                                                      gestione
              selvatico)

              delle specie




              comunitario
              Interventi di




              Eradicazione


              presenti negli




54




                                                                              codi.
                      IA9
                               IA15




                                                                             interv.


                                                                            priorita'
                      Media
                               Media




                     %
                              %




                     80
                              60




                                                                      Riduz. attesa
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE


Tabella 7.1-2      Griglia degli interventi e percorso logico seguito per arrivare alla loro definizione

TIPOLOGIA       CRITICITA’               OBIETTIVO                                      STRATEGIE                                                          INTERVENTO DI GESTIONE                                    COD
DI HABITAT
Tutti gli       Fruizione non                   Conservare e migliorare                    Orientare la fruizione presso gli habitat dunali, marini,     Realizzazione di discese a mare                         IA10
habitat di      regolamentata                 l’evoluzione spontanea dei sistemi di       di scogliera e di macchia mediterranea, mediante la              Stabilizzazione del fondo delle strade carrabili        IA11
interesse                                     spiaggia, degli habitat dunari, di          realizzazione di infrastrutture naturalistiche atte a favorire   interne al SIC che attraversano habitat di interesse
comunitario                                   scogliera e marini attraverso               l’interconnessione del SIC con quelli adiacenti di “Campu        comunitario
presenti nel                                  interventi attivi e omogenei tra il SIC     Longu” e di “Costa di Cagliari”, compatibilmente con la          Riqualificazione del sistema ambientale di Capo         IA12
SIC                                           in questione ed i Siti di “Campu            conservazione delle valenze naturalistiche proprie dei Siti;     Carbonara – Portu su Forru (Cava Usai)
                                              Longu” e “Costa di Cagliari”, in una          Predisporre l’organizzazione compatibile della fruizione      Realizzazione di servizi igienici in prossimità         IA17
                                              ottica di riequilibrio unitario ed          balneare della spiaggia attraverso strumenti e procedure a       delle principali aree sosta
                                              organico dei sistemi marino-costieri        scala territoriale che comprenda le aree SIC adiacenti di        Pianificazione della gestione turistico-ricreativa di   IA18
                                              della costa sud-orientale della             “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;                          supporto alla balneazione ed integrazione con il
                                              Sardegna;                                                                                                    PdG
                                                Mettere in campo azioni di tutela                                                                         Realizzazione di un capanno di avvistamento per         IA19
                                              diretta degli habitat di interesse                                                                           il bird-watching dietro lo stagno di Noteri
                                              comunitario al fine di effettuare una                                                                        Servizio di sorveglianza e manutenzione                 IA21
                                              gestione eco-sostenibile del sito in
                                              modo integrato ed unitario con i SIC
                                              limitrofi di “Campu Longu” e di
                                              “Costa di Cagliari”, in una ottica di
                                              riequilibrio unitario ed organico dei
                                              sistemi marino-costieri della costa
                                              sud-orientale della Sardegna.
                Scarsa                          Informazione, sensibilizzazione e          Innescare processi di sensibilizzazione e di didattica        Pannellistica, cartellonistica didattica,               PD1
                sensibilizzazione, scarsa     orientamento della fruizione a scala        ambientale per far conoscere il SIC mediante il                  tabellonistica
                conoscenza degli habitat      di rete ecologica locale                    coinvolgimento delle scuole, associazioni locali, centri di      Formazione del personale del Soggetto Gestore           IA20
                e delle specie di             comprendente i SIC adiacenti di             educazione ambientale, etc, congiuntamente ad altre azioni       Produzione di materiale informativo sul SIC             PD2
                interesse comunitario         “Campu Longu” e di “Costa di                di sensibilizzazione ed informazione condotte nei SIC
                                                                                                                                                           Campagna di comunicazione finalizzata ad una            PD3
                                              Cagliari”, al fine di limitare i            limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
                                                                                                                                                           maggiore conoscenza delle esigenze di tutela del
                                              comportamenti e attività economiche           Realizzazione di campagne e strumenti di
                                                                                                                                                           SIC
                                              dannose;                                    comunicazione e sensibilizzazione per l’informazione della
                                                Indirizzare la frequentazione del        popolazione locale, degli operatori economici e dei fruitori     Monitoraggio e studio di approfondimento                MR9
                                              SIC compatibilmente con le esigenze         turistici del SIC, coordinato ad altre azioni di                 dell’habitat prioritario “Praterie di posidonia
                                              di conservazione mediante il                sensibilizzazione ed informazione condotte nei SIC               (Posidonion oceanicae)”
                                              miglioramento della fruizione del           limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;             Monitoraggio e studio di approfondimento delle          MR1
                                              sito, calibrata sulla sensibilità degli       Avviare il monitoraggio degli habitat e delle specie di       specie alloctone invasive
                                              habitat e degli ambienti faunistici,        maggiore interesse conservazionistico presenti nel sito, per     Monitoraggio e studio di approfondimento della          MR8
                                              attraverso una pianificazione               definire il reale status di conservazione raggiunto, le          qualità delle acque dello stagno di Noteri
                                              integrata tra i SIC adiacenti di            criticità maggiori, ed eventualmente pianificare nuovi           Monitoraggio e studio di approfondimento della          MR7
                                              “Campu Longu” e di “Costa di                interventi su dati analitici aggiornati, congiuntamente ai       dinamica costiera e meteo-marina
                                              Cagliari”;                                  SIC limitrofi di “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;         Monitoraggio e studio di approfondimento della          MR6
                                                Controllare e verificare                                                                                  specie di interesse comunitario Brassica insularis
                                              continuativamente l’evoluzione dei                                                                           Realizzazione di un sito web                            PD4
                                              processi di funzionamento ed il                                                                              Interventi di tutela di Brassica insularis              IA15
                                              grado di trasformazione degli habitat                                                                        Interventi per il controllo della popolazione di        IA13
                                              e delle specie di interesse                                                                                  Gabbiano reale


                                      RE_06/360/P                                                                                                                                                               55
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE

                                             coingiuntamente agli altri SIC                                                                               Monitoraggio e studio di approfondimento delle          MR3
                                             adiacenti di “Campu Longu” e di                                                                              specie ornitiche di interesse comunitario
                                             “Costa di Cagliari”;                                                                                         Monitoraggio e studio di approfondimento                MR4
                                                                                                                                                          dell’erpetofauna (anfibi e rettili) di interesse
                                                                                                                                                          comunitario
                                                                                                                                                          Monitoraggio e studio di approfondimento degli          MR5
                                                                                                                                                          habitat di Interesse comunitario
                                                                                                                                                          Monitoraggio floristico e studio di                     MR2
                                                                                                                                                          approfondimento della vegetazione dunale
                 Abbandono e accumulo     Mettere in campo azioni di tutela diretta   Controllare e ridurre le cause di disturbo antropico legate         Rimozione dei rifiuti abbandonati, delle discariche         IA1
                 di rifiuti               degli habitat di interesse comunitario al   all’inquinamento e alla fruizione non regolamentata                 abusive e bonifica delle aree
                                          fine di effettuare una gestione eco-        all’interno del SIC, coerentemente con la fruizione a scala di
                                          sostenibile del sito in modo integrato ed   rete e comprendente i SIC di “Campu Longu” e di “Costa di
                                          unitario con i SIC limitrofi di “Campu      Cagliari”, in una ottica di riequilibrio unitario ed organico dei
                                          Longu” e di “Costa di Cagliari”, in una     sistemi marino-costieri della costa sud-orientale della
                                          ottica di riequilibrio unitario ed          Sardegna.
                                          organico dei sistemi marino-costieri
                                          della costa sud-orientale della Sardegna.
                 Presenza di specie                                                                                                                       Eradicazione delle specie alloctone presenti negli      IA9
                 alloctone                atto che agiscono sul degrado               ecologica e per il mantenimento dello stato di conservazione        habitat di interesse comunitario
                                          qualitativo e quantitativo degli habitat,   degli habitat e delle specie
                                          degli ambienti faunistici e delle specie

Habitat marini   Fenomeni di disturbo     Incrementare le conoscenze sull’habitat     Avviare studi specifici per incrementare l’approfondimento          Installazione di gavitelli di ancoraggio per la         IA5
di praterie di   del fondale marino       prioritario “Praterie di Posidonie          scientifico sullo stato di conservazione degli habitat dunari e     tutela dell’habitat marino “Praterie di Posidonia”
Posidonie                                 (Posidonion oceanicae)                      dell’habitat “Praterie di Posidonie (Posidonion oceanicae)”,
(Posidonion                                                                           congiuntamente agli altri areali marini dei SIC limitrofi di
oceanicae)                                                                            “Campu Longu” e di “Costa di Cagliari”;
(cod. 1120*)
Habitat delle    Artificializzazione       Garantire la conservazione, in uno        Controllare i fattori di disturbo che possono limitare la           Interventi di derattizzazione nell’Isola Serpentara     IA14
dune e habitat   habitat naturali           stato “soddisfacente”, degli ambienti     biodiversità e lo stato di conservazione di habitat e specie di     e dei Cavoli
costieri                                    idonei alla nidificazione e allo          interesse comunitario
(cod.1210,                                  svernamento, alla presenza e                                                                                  Interventi di riqualificazione e rinaturazione della    IA22
2210, 2230,                                 riproduzione delle specie faunistiche,                                                                        zona umida di Su Stangioni
2120, 2110,                                 di interesse comunitario nel SIC in
2250*)                                      questione ed in relazione agli altri
                                            SIC adiacenti di “Campu Longu” e di
Habitat delle                               “Costa di Cagliari”;
zone umide                                 Salvaguardare le interconnessioni
costiere (cod.                              biologiche tra il SIC di “Isola dei
1410, 1420,                                 Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”
1430, *1510,                                e i SIC limitrofi di “Campu Longu” e
3130)                                       di “Costa di Cagliari”, valorizzando i
                                            corridoi ecologici esistenti e
                                            creandone di nuovi che possano
                                            essere di collegamento attraverso le
                                            matrici antropizzate;




                                        RE_06/360/P                                                                                                                                                              56
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020) III PARTE

             Fenomeni erosivi                                                                                                                          Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali    IA2
                                       spontanea dei sistemi di spiaggia, degli    erosivi di ruscellamento diffuso ed incanalato ai margini dei       di Interesse Comunitario
                                       habitat dunari, di scogliera e marini       sistemi di spiaggia, congiuntamente all’areale interessato dal      Interventi di ripristino della vegetazione dunale a     IA3
                                       attraverso interventi attivi e omogenei     SIC “Campu Longu”;                                                  tutela dall’erosione
                                       tra il SIC in questione ed i Siti di        Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni             Studio specialistico di approfondimento della           IA16
                                       “Campu Longu” e “Costa di Cagliari”,        erosivi costieri in atto, coerentemente con gli interventi          dinamica costiera etc.
                                       in una ottica di riequilibrio unitario ed   previsti per gli altri SIC limitrofi di “Campu Longu” e di          Realizzazione di un Piano di regimazione del            IA6
                                       organico dei sistemi marino-costieri        “Costa di Cagliari”;                                                ruscellamento superficiale
                                       della costa sud-orientale della Sardegna;
             Accesso incontrollato                                                                                                                     Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali    IA2
             dei veicoli               spontanea dei sistemi di spiaggia, degli    erosivi costieri in atto, coerentemente con gli interventi          di Interesse Comunitario
                                       habitat dunari, di scogliera e marini       previsti per gli altri SIC limitrofi di “Campu Longu” e di
                                       attraverso interventi attivi e omogenei     “Costa di Cagliari”;
                                       tra il SIC in questione ed i Siti di
                                       “Campu Longu” e “Costa di Cagliari”,
                                       in una ottica di riequilibrio unitario ed
                                       organico dei sistemi marino-costieri
                                       della costa sud-orientale della Sardegna;
             Incendi incontrollati     Tutela degli habitat di interesse           Introdurre misure e forme di controllo e manutenzione               Realizzazione di vasconi per prevenzione                IA8
                                       comunitario presenti nel SIC ed esposti     all’interno del SIC                                                 antincendio
                                       al rischio degli incendi incontrollati
             Azioni di ripulitura                                                                                                                      Interventi per la difesa della vegetazione dunale       IA4
             meccanica della           degli habitat di interesse comunitario al   all’inquinamento e alla fruizione non regolamentata                 pioniera
                                       fine di effettuare una gestione eco-        all’interno del SIC, coerentemente con la fruizione a scala di
             spiaggia
                                       sostenibile del sito in modo integrato ed   rete e comprendente i SIC di “Campu Longu” e di “Costa di
                                       unitario con i SIC limitrofi di “Campu      Cagliari”, in una ottica di riequilibrio unitario ed organico dei
                                       Longu” e di “Costa di Cagliari”, in una     sistemi marino-costieri della costa sud-orientale della
                                       ottica di riequilibrio unitario ed          Sardegna.
                                       organico dei sistemi marino-costieri
                                       della costa sud-orientale della Sardegna.




                                     RE_06/360/P                                                                                                                                                              57
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



7.1.1 Interventi per la gestione degli habitat e della flora

Il SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” presenta ben 21 habitat di
interesse comunitario accumulabili in diversi gruppi:
            - Habitat dunali (cod. 2250, 2210, 2110, 1110, 2120, 2230, 2270)
            - Habitat costieri (cod.1240)
            - Habitat lagunari (cod.1150,3130)
            - Habitat della macchia mediterranea (cod. 5330, 5220, 1420, 6220, 9320)
I più rappresentati all’interno del SIC sono quelli dunali, come ben descritto nello
Studio Generale, alcuni dei quali presenti in buono stato di conservazione, altri a rischio
di scomparsa in quanto fortemente degradati da un errato uso antropico. Il SIC infatti
presenta al suo interno le spiagge più belle e più frequentate dai turisti nel periodo
estivo, di tutta la costa sud della Sardegna.
Oltre al sistema di dune ricoperte da vegetazione spontanea, il sito annovera al suo
interno anche gli habitat a ginepreto (cod. 5210, 2250), molto fragili e degradati, per
alcuni tratti misti ad un rimboschimento di origine antropica e l’habitat “Lagune
costiere” (cod.1150) dello stagno di Noteri, gravemente alterato da un errato utilizzo
antropico. Pertanto, la tutela degli ambienti terrestri di duna, di macchia mediterranea a
ginepro, di scogliera, di laguna, nonché di quelli marini, caratterizzati dalla presenza
del posidonieto, risulta prioritaria ai fini della gestione del SIC “Isola dei Cavoli,
Serpentara e Punta Molentis”.

Durante lo Studio Generale è emerso che il disturbo antropico, sotto forma di erosione
costiera, fruizione incontrollata, incendi e abbandono di rifiuti, ma anche sotto forma di
poca attenzione alla sensibilità e delicatezza degli habitat, dimostrato con un loro
utilizzo sbagliato, rappresenta una significativa minaccia alla conservazione di essi in
uno stato soddisfacente .
Di fondamentale importanza per la tutela delle valenze naturalistiche dell’area in
oggetto risulta quindi:
– la gestione degli ambienti dunali, considerando i forti carichi antropici a cui sono
     sottoposti (Schede IA2, IA3, IA4, IA10)
– la regimazione delle acque meteoriche provenienti dalle lottizzazioni, che
     attualmente si riversano sul suolo creando gravi fenomeni di erosione (Scheda IA6)
– la riqualificazione e monitoraggio e studio di approfondimento dello stagno di
     Noteri (Scheda MR8)
Il monitoraggio degli habitat è un’altra misura per la sostenibilità ecologica utile per la
conoscenza del loro status e per la pianificazione gestionale; per quanto riguarda gli
ambienti marini ed in particolare il posidonieto, la conoscenza limitata sullo stato di
conservazione dell’habitat e la fruizione incontrollata su di esso è causa di fenomeni di
disturbo. Pertanto per tutelare la vegetazione dei fondali a Posidonia oceanica, è
indispensabile attivare un azione di monitoraggio e studio di approfondimento di tale



                                   RE_06/360/P                                                     58
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


habitat (Scheda MR9) e una sua salvaguardia con la messa in opera di interventi
concreti di tutela (Sched IA5).
Ovviamente concorrono all’efficacia degli interventi per la gestione degli habitat tutti
gli interventi per la gestione della fauna, per la fruizione naturalistica, di controllo delle
attività eco-compatibili, per il monitoraggio, per la comunicazione di seguito illustrati.
Per tutelare la flora questo Piano di Gestione propone interventi di difesa e di ripristino
della vegetazione (Scheda IA3, IA4), raccolta e conservazione del germoplasma per il
ripristino in situ degli habitat e delle specie di interesse comunitario (Scheda IA7),
interventi di tutela per il Cavolo selvatico sull’isola dei Cavoli (SchedaIA15) interventi
per il controllo della popolazione del Gabbiano reale sull’Isola dei Cavoli e Serpentari
/(Scheda IA13), che crea gravi problemi sulla vegetazione a causa dell’emissione su essa
di eccessivo guano.

7.1.2 Interventi per la gestione della fauna

Durante i sopralluoghi svolti all’interno del sito sono state censite 24 specie di interesse
comunitario. Per approfondire le conoscenze in merito allo stato e alla fenologia
riproduttiva dell’avifauna di rilievo conservazionistico presente nel SIC, questo Piano
di Gestione propone una campagna di monitoraggio e studio di approfondimento delle
specie ornitiche presenti nel SIC (SchedaMR3.). Per la tutela del Gabbiano corso, specie
prioritaria, questo Piano di Gestione propone un intervento per il controllo della
popolazione del Gabbiano reale sulle Isole dei Cavoli e Serpentara, in quanto specie
competitiva per i siti di nidificazione (Scheda IA13.). Inoltre viene proposta una
campagna di derattizzazione ecologica (senza uso di pesticidi) sulle isole, in quanto
invase da ratti che distruggono le uova e attaccano i piccoli (Scheda IA14).
Per quanto riguarda l’erpetofauna, è previsto un intervento di monitoraggio e studio di
approfondimento (Scheda MR4) che, unito agli interventi di gestione per la tutela degli
habitat terrestri favorirà l’incremento sulle conoscenze, nonché la salvaguardia delle
aree idonee alla riproduzione ed all’alimentazione delle specie rilevate nel SIC,
garantendo così la loro conservazione in uno stato perlomeno soddisfacente.

Istituzione di due nuove ZPS nel Comune di Villasimius

La conservazione della biodiversità in generale e dell'avifauna in particolare è una
missione estremamente ardua: a livello mondiale, quasi il 12% delle specie di uccelli è
minacciato di estinzione e buona parte delle altre sono in declino. La minaccia
principale è costituita dalla perdita di habitat, a sua volta dovuta a molteplici fattori
quali ad esempio la deforestazione, la trasformazione di habitat naturali in terreni
agricoli o la transizione da agricoltura tradizionale ad agricoltura intensiva, la bonifica
delle zone umide, l'urbanizzazione e lo sviluppo di infrastrutture. D'altro canto le
risorse economiche a disposizione sono estremamente limitate: risulta quindi
fondamentale saperle indirizzare in maniera da rendere gli sforzi di conservazione il



                                   RE_06/360/P                                                     59
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


più possibile efficaci. Con questa logica nasce il concetto di IBA (Important Bird Area,
aree importanti per gli uccelli) messo a punto da BirdLife International (una rete che
raggruppa numerose associazioni ambientaliste dedicate alla conservazione degli
uccelli in tutto il mondo).
Le IBA sono state identificate in tutto il mondo, sulla base di criteri omogenei, dalle
varie associazioni che fanno parte di BirdLife International. Molti paesi sono ormai
dotati di un inventario dei siti prioritari per l'avifauna (IBA) ed il lavoro si sta
attualmente completando a livello mondiale.
In Italia il progetto IBA è curato dalla LIPU.
Una zona viene individuata come IBA se ospita percentuali significative di popolazioni
di specie rare o minacciate oppure se ospita eccezionali concentrazioni di uccelli di altre
specie.
Il primo inventario delle IBA italiane è stato pubblicato nel 1989 ed è stato seguito nel
2000 da un secondo inventario più esteso. Una recente collaborazione tra LIPU e
Direzione per la Conservazione della Natura del Ministero Ambiente ha infine
permesso la completa mappatura dei siti in scala 1:25.000, l'aggiornamento dei dati
ornitologici ed il perfezionamento della coerenza dell'intera rete.
Le IBA sono state individuate come aree prioritarie per la conservazione dell'avifauna.
Un costante monitoraggio, standardizzato e prolungato nel tempo, rappresenta un
indispensabile strumento per la corretta gestione degli habitat utilizzati dall'avifauna.
Un ruolo fondamentale rimane comunque quello delle varie istituzioni preposte alla
gestione dell'ambiente, in particolare gli enti territoriali e gli enti Parco. Questo ruolo è
peraltro conforme all'articolo 10 della Direttiva "Uccelli" (79/409/CEE) che prevede
infatti che gli stati membri stimolino le attività di ricerca e monitoraggio finalizzate alla
conservazione. Sarà importante che le attività di monitoraggio siano coordinate tra loro
in modo da permettere una valutazione complessiva della funzionalità del sistema IBA.

Si riporta di seguito una sintesi della Scheda IBA riferita al territorio in esame
aggiornata

187 - CAPI E ISOLE DELLA SARDEGNA SUD-ORIENTALE
Nome e codice IBA 1998-2000: Costa tra Capo Boi e Capo Ferrato - 187
Regione: Sardegna
Superficie terrestre: 462 ha
marina: 2.428 ha
Descrizione e motivazione del perimetro: area rocciosa costiera importante per gli
uccelli marini.
L’IBA è composta da tre zone disgiunte:
   - l’Isola di Serpentara e gli isolotti vicini;
   - Capo Carbonara, lo Stagno di Notteri (escludendo le aree urbanizzate di Santo
        Stefano, di



                                   RE_06/360/P                                                     60
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


    - Notteri e il Tanka Village) e l’Isola dei Cavoli e gli isolotti vicini;
    - Capo Boi con i tratti di costa circostanti tra Solanas e Portu Sa Ruxi.
E’ compresa una fascia di mare larga 2 km di fronte a tutte le coste comprese nell’IBA.
Categorie e criteri IBA
Criteri relativi a singole specie
Specie                  Nome scientifico        Status                   Criterio*

Marangone      dal Phalacrocorax                          W                    C6
ciuffo             aristotelis
Gabbiano corso     Larus audouinii                        B                    A1, C1, C6
* Questi criteri sono riferiti ai documenti ufficiali delle IBA

Specie (non qualificanti) prioritarie per la gestione
Berta maggiore (Calonectris diomedea)
Pellegrino (Falco peregrinus)

In riferimento ai dati sopra riportati si propone (D.C. n. 72 del 27/11/06 - approvazione
proposta istituzione nuova ZPS "Capo carbonara- Notteri" ; D.C. n. 73 del 27/11/06 -
 approvazione proposta istituzione nuova ZPS "Punta Molentis -Simius" ; D.C. n. 74 del
27/11/06 - approvazione Piano di gestione siti natura 2000 " Campu Longu"; D.C. n. 75
del 27/11/06 - approvazione Piano di getsione siti natura 2000 " Isola dei Cavoli,
Serpentara e Punta Molentis" ) l’istituzione nel comune di Villasimius di una nuova
ZPS denominata “Capo Carbonara – Notteri”, già inclusa nel limite IBA, che si estende
per 411,6 ha e comprendente il promontorio di Capo Carbonara e lo Stagno Notteri,
con il limite che nel settore marino fa riferimento all’isobata -10 m e ad un areale esteso
fino a comprendere gli isolotti limitrofi al promontorio.

Inoltre, si propone (D.C. n. 72 del 27/11/06 - approvazione proposta istituzione nuova
ZPS "Capo carbonara- Notteri" ; D.C. n. 73 del 27/11/06 - approvazione proposta
istituzione nuova ZPS "Punta Molentis -Simius" ; D.C. n. 74 del 27/11/06 - approvazione
Piano di gestione siti natura 2000 " Campu Longu"; D.C. n. 75 del 27/11/06 -
 approvazione Piano di getsione siti natura 2000 " Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis" ) l’istituzione di una ulteriore ZPS denominata “Punta Molentis – Su
Stangioni” che si estende per 468,5 ha, interamente inclusa nel Comune di Villasimius e
comprendente il settore di Punta Molentis e dei versanti costieri dell’immediato
entroterra, fino alla Strada Provinciale N°18. La Zona si estende, inoltre, lungo il litorale
sabbioso fino alla zona umida di Su Stangioni. Il limite di tale Zona corrisponde in
parte, nella parte terrestre, alla delimitazione del pSIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e
Punta Molentis”, mentre nel settore marino antistante fa riferimento all’Isobata dei -10
m. La Zona identificata si estende all’esterno del suddetto pSIC fino a comprendere il
sistema umido di Su Stangioni nel retrospiaggia di Simius, in quanto ambito di




                                       RE_06/360/P                                                 61
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


potenziale idoneità faunistica per le specie di seguito identificate, soprattutto in vista di
una possibile riqualificazione dell’area con il recupero funzionale e strutturale del
sistema ecologico originario tipico di questi ambienti, coerentemente con la volontà
espressa dalla stessa Amministrazione Comunale.
L’area, seppur non segnalata come IBA, risulta potenzialmente idonea alla presenza
della fauna segnalata dalla adiacente IBA: Marangone dal ciuffo (Phalacrocorax
aristotelis), Gabbiano corso (Larus audouinii), Berta maggiore (Calonectris diomedea) e
Pellegrino (Falco peregrinus).

7.2    Interventi per la sostenibilità socio-economica

7.2.1 Interventi per la fruizione

La regolamentazione delle attività ed una corretta fruizione all’interno del SIC sono le
basi da cui partire per la tutela e la conservazione degli habitat e delle specie
vegetazionali e faunistiche di interesse comunitario.

7.2.2 Interventi per la comunicazione

La tutela degli habitat di interesse comunitario passa attraverso la sensibilizzazione
della popolazione locale e di chi usufruisce del territorio per la fruizione turistica e per
lo svolgimento di attività produttive. La conoscenza degli habitat e dei relativi punti
deboli porta ad una responsabilizzazione della popolazione locale e più in generale dei
fruitori, facilitando le azioni di tutela del territorio.
Per incrementare la conoscenza delle valenze naturalistiche del SIC si propone un
intervento riguardante la realizzazione di pannelli didattici e segnaletici (SchedaPD1).
Tale intervento mirerà a far conoscere le minacce che si oppongono al mantenimento in
uno stato di conservazione soddisfacente delle emergenze naturalistiche presenti nel
SIC e le norme di comportamento da rispettare per ridurre il danneggiamento degli
habitat ed il disturbo alle specie di interesse comunitario.
La comunicazione sarà inoltre resa più organica ed efficace grazie ad una vera e propria
campagna (PD3) cui strumenti saranno integrati da specifico materiale informativo
come depliant, poster, etc. (Scheda PD2) ed un sito web (Scheda PD4).

7.2.3 Interventi per la sorveglianza e la manutenzione

Per poter garantire la corretta attuazione delle procedure segnalate dal presente Piano
di Gestione è necessario prevedere un servizio di controllo (IA21) che garantisca:
 La corretta regolamentazione delle attività presenti nelle immediate vicinanze del
   SIC e il controllo in particolar modo dell’area marina del sito;
 Il controllo per evitare la raccolta od il danneggiamento delle specie vegetali di
   rilievo conservazionistico;
 Un efficace controllo antincendio;



                                   RE_06/360/P                                                     62
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


 La manutenzione periodica delle infrastrutture leggere previste dal Piano di
    Gestione (pannelli didattici e segnaletici, sentieristica, etc.);
 Le misure per garantire la tutela degli habitat e le migliori condizioni estetiche per la
    fruizione (vigilanza contro l’abbandono di rifiuti, <).
Tale servizio di sorveglianza, coadiuvato dalla collaborazione con gli organismi
preposti alla tutela del territorio, sarà attivo in particolar modo durante la stagione
estiva.




                                   RE_06/360/P                                                     63
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



7.3 Schede intervento

La tabella seguente espone in sintesi gli interventi previsti dal Piano di Gestione del
SIC, rimandando alle relative “Schede intervento” per gli approfondimenti necessari.

Tabella 7.3-1 Sintesi degli interventi previsti dal Piano di Gestione per il SIC “Isola dei Cavoli,
Serpentara e Punta Molentis”
Cod.    Titolo intervento                                                                   Priorità
                                         Interventi Attivi (IA)
       TUTELA E GESTIONE DEGLI HABITAT E DELLE SPECIE DI INTERESSE COMUNITARIO
IA1     Rimozione dei rifiuti abbandonati, delle discariche abusive e bonifica delle aree   ALTA

IA2     Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali di Interesse Comunitario       ALTA

IA3     Interventi di ripristino e rinaturalizzazione della vegetazione dunale a tutela ALTA
        dell’erosione
IA4     Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera                          ALTA

IA5     Installazione di gavitelli di ancoraggio per la tutela dell’habitat marino MEDIA
        “Praterie di Posidonia”
IA6     Realizzazione di un Piano di Regimazione del ruscellamento superficiale             ALTA

IA7     Raccolta e conservazione del germoplasma per il ripristino in situ degli habitat BASSA
        di interesse comunitario e del sistema dunale
IA8     Realizzazione di vasconi per prevenzione antincendio                                MEDIA

IA9     Eradicazione delle specie alloctone presenti negli habitat di interesse MEDIA
        comunitario
IA10    Realizzazione di discese a mare                                                     ALTA

IA11    Stabilizzazione del fondo delle strade carrabili interne al SIC che attraversano MEDIA
        habitat di interesse comunitario
IA12    Riqualificazione del sistema ambientale di Capo Carbonara – Portu su Forru BASSA
        (Cava Usai)
IA13    Interventi per il controllo della popolazione del Gabbiano reale sull’Isola dei MEDIA
        Cavoli e Serpentara
IA14    Interventi di derattizzazione nell’Isola Serpentara e dei Cavoli                    MEDIA

IA15    Interventi di tutela di Brassica insularis Moris (Cavolo selvatico)                 MEDIA

IA16    Studio specialistico di approfondimento della dinamica costiera e dell’assetto MEDIA
        geomorfologico e morfovegetazionale della spiaggia e dei sistemi dunali
IA18    Pianificazione della gestione turistico-ricreativa di supporto alla balneazione ed MEDIA
        integrazione con il PdG
IA22    Interventi di riqualificazione e rinaturalizzazione della zona umida di Su MEDIA
        Stangioni
IA23    Studio specialistico per la valutazione di aree idonee alla istituzione di ALTA
        nuove ZPS




                                     RE_06/360/P                                                       64
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                           GESTIONE DELLA FRUIZIONE NATURALISTICA
IA17    Realizzazione di servizi igienici in prossimità delle principali aree sosta     MEDIA

IA19    Realizzazione di un area attrezzata per il Birdwatching presso lo stagno di MEDIA
        Noteri
                      CONTROLLO E GESTIONE ATTIVITA’ ECOCOMPATIBILI
IA20    Formazione del personale del Soggetto Gestore                                   MEDIA

IA21    Servizio di sorveglianza e manutenzione                                         MEDIA

                     Programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
MR1     Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie alloctone invasive        BASSA

MR2     Monitoraggio floristico e studio di approfondimento della vegetazione dunale    BASSA

MR3     Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie ornitiche di interesse BASSA
        comunitario
MR4     Monitoraggio e studio di approfondimento dell’erpetofauna (anfibi e rettili) di BASSA
        interesse comunitario
MR5     Monitoraggio e studio di approfondimento degli habitat di interesse MEDIA
        comunitario
MR6     Monitoraggio e studio di approfondimento della specie di interesse MEDIA
        comunitario Brassica insularis Moris (Cavolo selvatico)
MR7     Monitoraggio e studio di approfondimento della dinamica costiera e meteo- MEDIA
        marina
MR8     Monitoraggio e studio di approfondimento della qualità delle acque dello MEDIA
        stagno di Notteri
MR9     Monitoraggio e studio di approfondimento dell’habitat prioritario “Praterie di MEDIA
        posidonia (Posidonion oceanicae)”
                  Programma di educazione e di informazione (PD)
PD1     Pannellistica, cartellonistica didattica, tabellonistica                        MEDIA

PD2     Produzione di materiale informativo sul SIC                                     MEDIA

PD3     Campagna di comunicazione finalizzata ad una maggiore conoscenza delle MEDIA
        esigenze di tutela del SIC
PD4     Realizzazione di un sito web                                           BASSA




                                      RE_06/360/P                                                  65
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Rimozione dei rifiuti abbandonati, delle
         IA1                                              discariche abusive e bonifica delle aree

                                                          Generale    X     Localizzata 



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Migliorare le condizioni di fruibilità del pubblico in condizioni di eco-
                           compatibilità.
Gestione                   X straordinaria            ordinaria
Parte     di    territorio Tutta l’area SIC nel settore emerso
interessata
Descrizione dello stato La presenza all’interno del SIC di rifiuti abbandonati, soprattuto all’sola dei
attuale                  e Cavoli e di Serpentara, rappresenta un rilevante elemento detrattore
contestualizzazione        relativamente ai caratteri di qualità ambientale del territori in termini
dell’azione nel PdG        paesaggistici, ecologici nonché per quanto attiene alle opportunità di
(=relazione           con valorizzazione naturalistico-ambientale dell’area.
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione Mettere in campo azioni di tutela diretta degli habitat di interesse
(obiettivo specifico)      comunitario al fine di effettuare una gestione eco-sostenibile del sito in modo
                           integrato ed unitario con i SIC limitrofi.
Descrizione dell’azione Si prevede la rimozione dei materiali secondo due modalità:
(metodologia)              – raccolta manuale: relativamente ai materiali sparsi, sopratutto se
                                localizzati presso aree di maggiore sensibilità ambientale sia
                                floristico/vegetazionale che faunistico;
                           – raccolta meccanica: relativamente ai materiali costituenti accumuli e
                                localizzati in settori accessibili e di minore sensibilità ambientale.
                           Successivamente alla raccolta si provvederà al trasporto dei rifiuti e il loro
                           conferimento presso le opportune sedi autorizzate, conformemente alla
                           normativa in materia.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                  sportiva).
Correlazioni           ed IA14 Servizio di sorveglianza e manutenzione
integrazioni con altri




                                     RE_06/360/P                                                        66
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


interventi e iniziative
Priorità dell’azione    ALTA
Riferimenti             Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee   valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento        della fruibilità
Tempi                   12 mesi
e stima dei costi       Circa 50.000 € per le operazioni di raccolta dei rifiuti
                        I costi del trasporto e del conferimento vanno valutati in relazione alla
                        quantità e tipologia delle differenti categorie di rifiuto.
Risorse           umane Società appaltatrice attive nel settore della raccolta e trasporto dei rifiuti
coinvolte               Associazioni di volontariato
Indicatori target       – Massa delle diverse categorie di rifiuti allontanati dal SIC




                                    RE_06/360/P                                                     67
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Interventi per la difesa attiva degli habitat
         IA2                                               dunali di Interesse Comunitario

                                                           Generale          Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica.
                           Orientare la fruizione presso gli habitat dunali e di macchia mediterranea
                           presenti nel sito, mediante la realizzazione di infrastrutture naturalistiche
                           atte a favorire un utilizzo del SIC compatibile con la conservazione delle
                           valenze naturalistiche per cui è stato individuato.
                           Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni erosivi costieri in
                           atto.
Gestione                   X straordinaria            ordinaria
Parte     di    territorio Sistemi dunali
interessata
Descrizione dello stato L’accesso indiscriminato e la frequentazione in genere dell’ambito dunare
attuale                  e costituisce un aspetto determinante il degrado quali-qauntitativo delle
contestualizzazione        coperture eoliche. Questi fattori di pressione incidono sulla stabilità delle
dell’azione nel PdG        formazioni dunari e sugli equilibri geomorfologici e pedovegetazionali
(=relazione           con determinando il degrado degli habitat e delle specie vegetali coinvolte
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia, degli
(obiettivo specifico)      habitat dunari, di scogliera e marini attraverso interventi attivi
Descrizione dell’azione Interventi per la delimitazione dell’intera area dunale e peridunale realizzata
(metodologia)              con una staccionate in legno, di altezza pari a 90 cm, del tipo tradizionale con
                           due dritti verticali infissi nel terreno, due correnti orizzontali m per regolare
                           l’accesso alla spiaggia e sistemi dunali ed evitare l’eccessivo calpestio sui
                           sistemi dunali che è uno tra i principali fattori di criticità che determinano
                           l’attuale degrado degli habitat dunali. Si riscontra, quindi, la necessità di
                           delimitare attraverso recinti invalicabili le aree più sensibili individuate dal
                           Piano di Gestione del SIC e dal Piano di Utilizzazione dei Litorali in fase di
                           elaborazione.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000




                                      RE_06/360/P                                                        68
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Interessi      economici     Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                    sportiva).
Correlazioni            ed   IA3      Interventi di ripristino della vegetazione dunale a tutela
integrazioni con altri       dell’erosione
interventi e iniziative      IA4      Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera
Priorità dell’azione         ALTA
Riferimenti                  Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee        valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento             della fruibilità
Tempi                        15 mesi
e stima dei costi            Costo totale stimato 90.000 €
Risorse            umane     Ditta specilizzata nella messa in opera delle staccionate
coinvolte                    Un tecnico specilizzato (Ingegnere, Geologo, Forestale) per la direzione dei
                             lavori
Indicatori target            – Grado di frammentazione delle componenti morfo-vegetazionali dei
                                  corpi dunari




                                       RE_06/360/P                                                        69
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                               (ITB040020)


                          Titolo dell’azione               Interventi di ripristino e rinaturalizzazione
          IA3                                              della    vegetazione     dunale    a    tutela
                                                           dall’erosione
                                                           Generale         Localizzata X



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica.
                          Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni erosivi costieri in atto.
Gestione                  X straordinaria            ordinaria
Parte di territorio       Aree degradate della fascia dunale del SIC e dei settori di retrospiaggia e di
interessata               avanduna degradati dalla frequentazione e dalla presenza di concessioni
                          balneari
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione degli habitat dunali non è soddisfacente: in base
attuale e                 alla Scheda Natura 2000, il grado di conservazione risulta essere tuttavia
contestualizzazione       generalmente buono, in alcuni casi medio-ridotto. Gli habitat dunali risentono
dell’azione nel PdG       dell’impatto dovuto all’utilizzo della spiaggia a fini turistico-ricreativi con
(=relazione con           progressivo depauperamento della vegetazione dunale.
l’obiettivo generale di   L’habitat dunale maggiormente rappresentato è “Dune costiere con Juniperus
PdG)                      spp.” (cod. 2250*): esso risulta essere caratterizzato, in base ai dati della
                          Scheda Natura 2000, da un buon grado di conservazione. Le principali
                          minacce che possono minare l’attuale status di conservazione sono dovute alla
                          mancanza di accesso regolamentato ed orientato alla spiaggia (transito
                          spontaneo sulla vegetazione psammofila, utilizzo improprio dei parcheggi,
                          gestione non ecocompatibile dell’arenile<).
                          In casi specifici, ad esempio nel settore settentrionale della spiaggia di Simius,
                          l’assetto morfo-vegetazione delle dune è stato fortemente trasformato
                          dall’inserimento di manufatti ed infrastrutture fisse, come la piccola piazzetta
                          adibita a parcheggio nell’immediato retrospiaggia, impedendo il naturale
                          sviluppo degli habitat dunari.
Finalità dell’azione      Introdurre una gestione a tutela degli habitat di interesse comunitario:
(obiettivo generale)            -   Dune costiere con Juniperus spp. (cod. 2250*)
                                -   Dune fisse del litorale del Crucianellion maritimae (cod.2210)
                                -   Dune mobili embrionali (cod.2110)
                                -   Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria
                                    (“dune bianche”) (cod. 2120)
                                -   Dune con prati dei Malcolmietalia (cod.2230)
                                -   Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster (cod.2270*).




                                     RE_06/360/P                                                       70
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Finalità dell’azione      Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia, degli
(obiettivo specifico)     habitat dunali, di scogliera e marini attraverso interventi attivi
                          Arrestare i fenomeni di erosione favorendo processi naturali di
                          consolidamento dunale.
                          Contrastare la riduzione di superfici disponibili per la colonizzazione da parte
                          degli habitat dunali.

Descrizione dell’azione   La definizione degli interventi di ripristino deriverà dai risultati dello “Studio
(metodologia)             specialistico della dinamica costiera e dell’assetto geomorfologico della
                          spiaggia e del sistema dunale” (IA17): tale studio fornirà utili informazioni sui
                          criteri gestionali da mettere in atto per la tutela degli habitat dunali di
                          interesse comunitario.
                          L’intervento dovrà comunque prevedere la piantagione di specie della
                          vegetazione dunale in aree in cui questa risulta degradata, considerando 4
                          aree sperimentali di 1.500 mq ciascuna.
                          In particolare si tratterà di favorire la diffusione di specie erbacee pioniere
                          quali Cakile maritima, Pancratium maritimum, e Ammophila littoralis per poi
                          passare alla piantagione di specie arbustive che tendono a compattare le dune
                          (Juniperus spp.).
                          Laddove necessario, agli interventi di restauro della vegetazione se ne
                          assoceranno altri di consolidamento e di restauro delle dune con tecniche di
                          ingegneria naturalistica.
                          In alcune situazioni localizzate, come il settore settentrionale della spiaggia di
                          Simius, è prevista la rimozione dei manufatti e delle infrastrutture che
                          impediscono il naturale sviluppo degli habitat dunali. Contestualmente si
                          prevede la ricostituzione del corpo dunare con l’inserimento di specie
                          autoctone.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                   Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca; vivai locali; operatori dei vicini complessi turistici.
coinvolti
Correlazioni ed               -   Studio specialistico della dinamica costiera e dell’assetto
integrazioni con altri            geomorfologico della spiaggia e del sistema dunale (IA17)
interventi e iniziative       -   Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera (IA4)
                              -   Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
Priorità dell’azione      Alta
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Le lavorazioni andranno fatte di preferenza nel periodo invernale; in due




                                    RE_06/360/P                                                        71
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


e stima dei costi         annate successive per complessivi 9 mesi.
                          6,0 €/cad per messa a dimora di talee
                          7,5 €/mq per trapianto di rizomi e cespi
                          26 €/cad per piantagione di arbusti
                          Importo totale previsto: € 20.000 ca. in totale
Risorse umane coinvolte − Un botanico per l’analisi floristico-vegetazionale;

                          − Un ingegnere ambientale o un forestale per la progettazione;
                          − Ditta vivaistica per la realizzazione.

Indicatori target         Estensione degli habitat dunali.




                                    RE_06/360/P                                                    72
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              (ITB040020)


                          Titolo dell’azione               Interventi per la difesa della vegetazione
         IA4                                               dunale pioniera

                                                           Generale          Localizzata X



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
                          Controllare e ridurre le cause di disturbo antropico legate all’inquinamento e
                          alla fruizione non regolamentata all’interno del SIC.
Gestione                    straordinaria           X ordinaria
Parte di territorio       Territorio del SIC caratterizzato dalla presenza di habitat dunali, con
interessata               particolare attenzione alla spiaggia e alla linea di deposito marina
Descrizione dello stato   Gli habitat dunali di interesse comunitario presenti all’interno del sito sono
attuale e                 attualmente in un buono stato di conservazione, in pochi casi medio-ridotto;
contestualizzazione       durante il periodo estivo sono esposti ad un forte impatto antropico legato
dell’azione nel PdG       all’utilizzo della spiaggia a fini turistico-ricreativi con progressivo
(=relazione con           depauperamento della vegetazione dunale.
l’obiettivo generale di   Gli interventi di pulizia meccanica degli arenili costituiscono una minaccia per
PdG)                      il sistema dunale. Questa criticità, dovuta alla mancanza di una gestione eco-
                          sostenibile del sito, nonché alla poca sensibilità e conoscenza riguardo gli
                          ecosistemi costieri, rischia di alterare lo stato di conservazione del sistema
                          dunale, ed in particolare delle linee di deposito di mare, habitat fondamentale
                          per innescare la succesione ecologica degli ambienti psammofili. Attività
                          meccaniche di ripulitura delle spiagge possono inoltre distruggere in modo
                          pressoché irrecuperabile le locali comunità di invertebrati sabulicoli, i loro
                          ripari naturali (spesso costituiti dagli accumuli di organismi spiaggiati) oltre
                          che le associazioni di flora pioniera sopralitorali.

Finalità dell’azione      Introdurre una gestione a tutela degli habitat di interesse comunitario:
(obiettivo generale)            -   Dune costiere con Juniperus spp. cod. 2250*)
                                -   Dune fisse del litorale del Crucianellion maritimae (cod.2210)
                                -   Dune mobili embrionali (cod.2110)
                                -   Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria
                                    (“dune bianche”) (cod. 2120)
                                -   Dune con prati dei Malcolmietalia (cod.2230)
                                -   Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster (cod.2270*).




                                     RE_06/360/P                                                      73
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Finalità dell’azione      Mettere in campo azioni di tutela diretta degli habitat di interesse comunitario
(obiettivo specifico)     al fine di effettuare una gestione eco-sostenibile del sito in modo integrato ed
                          unitario con i SIC limitrofi..
Descrizione dell’azione   L’azione prevede:
(metodologia)                  - la posa in opera di staccionate in legno per difendere la vegetazione
                                   pioniera dal calpestio;
                               - l’introduzione di modalità manuali per le attività di pulizia della
                                   spiaggia.
                          La pulizia manuale della spiaggia con l’ausilio di rastrelli e setacci per filtrare
                          la sabbia dovrà essere applicata soprattutto nei tratti più vulnerabili, in
                          prossimità della vegetazione psammofila.
                          La raccolta manuale dei rifiuti, oltre a garantire la conservazione in uno stato
                          soddisfacente degli habitat dunali, avrà lo scopo di sensibilizzare il pubblico
                          verso un maggior rispetto del territorio costiero.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                   Regione Sardegna.
Interessi economici       Operatori turistici.
coinvolti                 Sarà inoltre possibile pianificare campagne di pulizia manuale dell’arenile del
                          SIC, in accordo con l’associazionismo locale, e con finalità di sensibilizzazione.
Correlazioni ed               - Studio specialistico della dinamica costiera e dell’assetto
integrazioni con altri             geomorfologico della spiaggia e del sistema dunale (IA17)
interventi e iniziative       - Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
                              - Interventi di ripristino e rinaturalizzazione della vegetazione dunale a
                                   tutela dell’erosione (IA3)
Priorità dell’azione      Alta
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Tempi di realizzazione: 1 anno
e stima dei costi        Costi: € 50.000

Risorse umane coinvolte Concessionari delle licenze per l’utilizzo della spiaggia.
Indicatori target       Status di conservazione della vegetazione dunale pioniera.




                                    RE_06/360/P                                                         74
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione             Installazione di gavitelli di ancoraggio per la
         IA5                                             tutela per la tutela dell’habitat marino
                                                         “Praterie di Posidonia”
                                                         Generale         Localizzata X



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                   X straordinaria         ordinaria
Parte di territorio       Territorio del SIC caratterizzato dalla presenza dell’habitat “Praterie di
interessata               Posidonia”

Descrizione dello stato   Nei 2056 ha marini del SIC esistono estese praterie di Posidonia che
attuale e                 costituiscono l’habitat di interesse comunitario “Praterie di Posidonie
contestualizzazione       (Posidonion oceanicae)” (cod. 1120*): esse occupano, in base alle informazioni
dell’azione nel PdG       della Scheda Natura 2000, almeno il 50% dell’intera superficie del SIC.
(=relazione con           Sempre in base alla scheda, l’habitat risulta avere un ridotto grado di
l’obiettivo generale di   conservazione. La tutela dell’habitat risulta quindi essere prioritaria per
PdG)                      accrescere il suo livello di conservazione ponendo le basi per una corretta
                          fruizione del posidonieto.

Finalità dell’azione      Tutela e valorizzazione dell’habitat di interesse comunitario Praterie di
(obiettivo generale)      Posidonie (Posidonion oceanicae) (cod. 1120*).


Finalità dell’azione      Avviare studi specifici per incrementare l’approfondimento scientifico sullo
(obiettivo specifico)     stato di conservazione degli habitat dunari e dell’habitat “Praterie di
                          Posidonie (Posidonion oceanicae)”
Descrizione dell’azione   La metodologia di tutela seguirà le seguenti fasi:
(metodologia)                  - indagine visiva per valutare la presenza/assenza dell’habitat nelle aree
                                    generalmente utilizzate per l’ancoraggio dei natanti;
                               - individuazione delle aree da tutelare rispetto all’ancoraggio;
                               - individuazione delle aree preferibilmente utilizzabili per l’ormeggio
                                    di natanti;
                               - realizzazione di un sistema di gavitelli di ancoraggio per l’ormeggio
                                    delle imbarcazioni nelle aree identificate come meno vulnerabili.
                          Dovrà essere definita la modalità di fissaggio e l’ubicazione, in relazione al
                          numero degli operatori interessati: in linea generale si prevede che ciascun
                          campo-gavitelli sarà costituito da 3 – 4 boe fornite di gavitelli di ancoraggio
                          per l’attracco temporaneo di imbarcazioni. I campi boe saranno localizzati
                          comunque in corrispondenza degli habitat “Praterie di Posidonia” da tutelare
                          ed il sistema di ancoraggio proposto utilizzerà il tipo ad ancore “Manta Ray”.




                                   RE_06/360/P                                                       75
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          “Manta Ray” è un sistema di ancoraggio permanente alternativo ad altri
                          sistemi di ancoraggio più invasivi, che possono arrecare danno all’habitat di
                          interesse comunitario “Praterie di Posidonia”. Ogni gavitello dovrà essere
                          contraddistinto dal nome (SIC “Campu Longu”–Comune di Villasimius), dalla
                          località e da un’apposita sigla.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       Operatori economici locali (imprenditori turistici; operatori portuali locali;
coinvolti                 noleggiatori di natanti; diving club; <).

Correlazioni ed              - Monitoraggio dell’habitat prioritario “Praterie di posidonie (Posidonion
integrazioni con altri           oceanicae)”
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Tempi di realizzazione: 6 mesi
e stima dei costi        Costo indicativo per la realizzazione di n.3 campi-gavitelli: € 50.000

Risorse umane coinvolte n. 1 progettista
                        n.3 operatori subacquei per la messa in opera del campo boe

Indicatori target         - qualità bio-ecologica dell’habitat;
                          - estensione e percentuale sulla superficie totale del SIC;
                          - numero di imbarcazioni presenti in media.




                                    RE_06/360/P                                                            76
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Realizzazione di un Piano di Regimazione
         IA6                                              del ruscellamento superficiale

                                                          Generale           Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Predisporre efficaci misure di mitigazione dei fenomeni erosivi di
                           ruscellamento diffuso ed incanalato ai margini dei sistemi di spiaggia
Gestione                   X straordinaria             ordinaria
Parte     di    territorio Sistema dunare e settore di spiaggia emersa di Campulongu
interessata
Descrizione dello stato Il sistema dunare di Campulongu è interessato da localizzati processi di
attuale                  e erosione a rivoli che determinano in generale un degrado del sistema
contestualizzazione        geomorfologico e vegetazionale. Il processo erosivo si manifesta attraverso:
dell’azione nel PdG        – formazione di canali più o meno profondi e ramificati che determinano
(=relazione           con       l’erosione delle formazioni sabbiose e lo scalzamento della copertura
l’obiettivo generale di         vegetale che stabilizza i corpi dunari;
PdG)                       – deposizione di conoidi detritico-terrigene in corrispondenza dell’innesto
                                dei canali di ruscellamento con l’ambito di spiaggia; la deposizione
                                causa un degrado qualitativo della sabbia riducendo la qualità del
                                litorale e conseguentemente della fruizione.
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Mantenere e migliorare l’evoluzione dei processi fisici e biologici
(obiettivo specifico)           funzionali al sistema ecologico e alla sua spontanea trasformazione.
Descrizione dell’azione Gli interventi di regimazione dei processi di erosione legati allo scorrere
(metodologia)              delle acque di ruscellamento devono essere attuati attraverso tecniche di
                           basso impatto paesaggistico e non devono interferire con gli habitat e la
                           vegetazione presente. In particolare le azioni previste dal Piano dovranno:
                           – Determinare il sistema di alimentazione dei canali e dei solchi di
                                erosione concentrata e le cause (naturali o indotte da infrastrutture o usi
                                del territorio) all’origine dei fenomeni di ruscellamento;
                           – Eliminare, se possibile, la causa/e responsabili o corresponsabili dei
                                fenomeni erosivi (passaggio pedonale e veicolare; scarichi idrici abusivi;
                                aree sosta veicolare; ecc.);
                           – Intervenire, se possibile, a monte dell’area SIC attraverso la captazione
                                delle acque di ruscellamento che innescano il processo erosivo;
                           – Nei settori interessati da erosione diffusa prevedere l’inserimento di
                                vegetazione autoctona, compatibilmente con l’assetto morfo-
                                vegetazionale dell’area di intervento;




                                     RE_06/360/P                                                        77
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                             –
                             Successivamente alla eliminazione delle cause dei fenomeni erosivi,
                             riprofilare le aree interessate da solchi di ruscellamento con materiale
                             idoneo e compatibile (escluso cemento e similari) e impiantare
                             vegetazione autoctona, coerentemente con l’assetto morfo-vegetazionale
                             dell’area di intervento
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di       Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione              della Rete Natura 2000
Interessi      economiciAttività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti               sportiva).
Correlazioni            ed
                        IA3 - Interventi di ripristino della vegetazione dunale a tutela dell’erosione
integrazioni con altri  IA4 - Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera
interventi e iniziative IA5 - Realizzazione di un Piano di Assetto Forestale con Piano antincendio
                        per la pineta
Priorità dell’azione    ALTA
Riferimenti             Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di tutela,
programmatici e linee valorizzazione e salvaguardia ambientale
di finanziamento
Tempi                   12 mesi
e stima dei costi       Costo totale stimato 40.000 €
Risorse           umane Ditte, Professionisti e/o Società specializzate
coinvolte
Indicatori target       – Eliminazione dei processi di erosione concentrata




                                    RE_06/360/P                                                      78
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Raccolta e conservazione del germoplasma
         IA7                                              per il ripristino in situ degli habitat di
                                                          interesse comunitario e del sistema dunale
                                                          Generale         Localizzata X



Tipo azione                 intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Approfondire la conoscenza scientifica e specialistica per la valutazione dello
                           stato di qualità degli habitat e dell’evoluzione del sistema ecologico.
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Tutto il sistema dunare compreso entro l’area SIC
interessata
Descrizione dello stato Il pericolo potenziale di diminuzione, e al limite di estinzione, degli habitat,
attuale                  e derivante dalle azioni antropiche dirette ed indirette, le difficoltà di
contestualizzazione        rinnovazione delle specie di interesse (prioritarie, endemiche, minacciate,
dell’azione nel PdG        ecc.), rendono indispensabile provvedere ad una tutela attiva della
(=relazione           con biodiversità sia con la conservazione "in situ" che con quella "ex situ".
l’obiettivo generale di L'intervento risulta pertanto complementare agli altri interventi di
PdG)                       valorizzazione e tutela e pone al riparo gli habitat, per un periodo
                           ragionevolmente lungo, da eventuali perdite di entità floristiche in situ,
                           garantendo la possibilità di propagazione e ripristino.
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Prevenire i processi riferibili a criticità potenziali che minacciano la
(obiettivo specifico)           conservazione degli habitat e delle specie
Descrizione dell’azione Il programma, finalizzato alla conservazione dei semi in una banca del
(metodologia)              germoplasma utilizzabile per incrementare le popolazioni nei siti di raccolta
                           e la diversità genetica in caso di pericolo di estinzione o, per eventuali
                           reintroduzioni di specie estinte prevede:
                           – la raccolta del germoplasma
                           – il       trattamento      del    germoplasma       (pulizia,   disidratazione,
                                crioconservazione)
                           Il germoplasma, selezionato e preparato sarà sottoposto a test di
                           germinazione nelle apposite camere di crescita.
                           Il periodo di conservazione del germoplasma può variare da un minimo di
                           venti anni fino ad un massimo di 100
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici




                                     RE_06/360/P                                                         79
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


coinvolti
Correlazioni            ed IA3 - Interventi di ripristino della vegetazione dunale a tutela dell’erosione
integrazioni con altri IA4 - Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera
interventi e iniziative    IA5 - Realizzazione di un Piano di Assetto Forestale con Piano antincendio
                           per la pineta
Priorità dell’azione       BASSA
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di tutela,
programmatici e linee valorizzazione e salvaguardia ambientale
di finanziamento
Tempi                      15 mesi
e stima dei costi          Costo totale stimato 30.000 €
Risorse            umane Personale specializzato: 2 biologi o naturalisti esperto in botanica sistematica
coinvolte                  e nel trattamento del germoplasma
Indicatori target          – Specie interessate dal prelievo di germoplasma
                           – Numero di individui campionati per ogni specie
                           – Numero di semi raccolti per ogni specie
                           – Numero di semi totali raccolti
                           – Numero di semi conservati
                           – Analisi test di germinazione




                                     RE_06/360/P                                                       80
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                           ITB040020


                          Titolo dell’azione            Realizzazione di vasconi per prevenzione
         IA8                                            antincendio

                                                        Generale          Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica, e socio-economica.
Gestione                   X straordinaria            ordinaria
Parte     di    territorio Nel settore di cresta di Serra Minnai, alle spalle di Punta Molentis
interessata
Descrizione dello stato La necessità di un adeguato servizio anticendi in unterritorio soggetto a
attuale                  e questo fenomeno, necessità di un bacino idrico accessibile ai mezzi di
contestualizzazione        soccorso in grado di fornire acqua nelle fasi di spegnimento
dell’azione nel PdG
(=relazione           con
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Introdurre misure e forme di prevenzione, controllo e manutenzione
(obiettivo specifico)           all’interno del SIC
Descrizione dell’azione Vasca mobile con capienza non inferiore a lt. 6.000 ad uso antincendio e con
(metodologia)              le seguenti caratteristiche:
                           – telo in poliestere e spalmato in PVC, peso gr./mq 680 +/- 5% con fondo
                                bianco e pareti di colore rosso – bianco alternate
                           – telaio scomponibile in lega leggera con trattamento antiossidante UNI
                                3571;
                           – ignifugazione secondo norma DIN 75200;
                           – scarico di fondo con rubinetto, uscita UNI DN 70 e storz e tubo
                                sagomato per il carico dall'alto,UNI DN 70 e raccordo storz,
                           – bordo con paracolpi imbottito;
                           – telo e contenitori marchiati con la scritta indelebile "Protezione Civile
                                della Regione – Comune di Villasimius“ di altezza non inferiore a 5 cm.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici
coinvolti
Correlazioni           ed IA14 Servizio di sorveglianza e manutenzione




                                    RE_06/360/P                                                      81
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione       MEDIA
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b
programmatici e linee
di finanziamento
Tempi                      12 mesi
e stima dei costi          Circa 40.000 €
Risorse            umane   Personale specializzato
coinvolte
Indicatori target          –   Messa in opera del vascone




                                     RE_06/360/P                                                   82
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                             (ITB040020)


                          Titolo dell’azione              Eradicazione delle specie alloctone presenti
         IA9                                              negli habitat di interesse comunitario

                                                          Generale X       Localizzata 



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
                          Predisporre interventi per la salvaguardia della biodiversità ecologica ed il
                          mantenimento dello status di conservazione degli habitat
Gestione                   X straordinaria         ordinaria
Parte di territorio       Zone del territorio occupate dagli habitat di interesse comunitario
interessata
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione degli habitat di interesse comunitario risulta essere,
attuale e                 in base ai dati della Scheda Natura 2000, generalmente buono; tuttavia la
contestualizzazione       presenza di specie alloctone quali Fico d’India (Opuntia ficus-barbarica), Acacia
dell’azione nel PdG       saligna, Agave spp., Carpobrotus spp., costituisce una minaccia. La presenza di
(=relazione con           queste specie esotiche e la loro naturalizzazione, rappresenta una
l’obiettivo generale di   problematica sulla quale occorre porre molta attenzione, valutando gli effetti
PdG)                      sugli equilibri preesistenti e adottando appropriate misure gestionali.


Finalità dell’azione      Tutela degli habitat di interesse comunitario.
(obiettivo generale)
Finalità dell’azione      Controllare / eliminare i fattori di degrado degli habitat provocato dalle specie
(obiettivo specifico)     alloctone. Favorire la ricostituzione di habitat di interesse comunitario
                          fortemente ridimensionati.
                          Rinaturalizzazione degli habitat.

Descrizione dell’azione   L’intervento sarà volto all’eradicazione sia di specie arboree che
(metodologia)             arbustive/erbacee.
                          Per quanto riguarda gli esemplari arborei l’intervento seguirà le fasi seguenti:
                          − abbattimento delle piante esotiche presenti nel SIC (Acacia saligna etc.),
                          determinanti dell’impoverimento di specie autoctone del sottobosco;
                          − eliminazione delle ceppaie tramite estirpazione purchè ciò non causi
                          fenomeni di dissesto sulle zone di versante. La superficie interessata
                          dall’estirpazione dovrà essere regolarmente ripianata;
                          − concentramento ed esbosco del legname per eventuali utilizzazioni
                          (biomasse etc.).
                          Per quanto riguarda le specie arboree invasive (Robinia pseudoacacia, Ailanthus
                          altissima), si potranno prevedere altri metodi per arginare la loro diffusione,
                          come ad esempio la cercinatura del fusto (asportazione anulare dello strato




                                   RE_06/360/P                                                            83
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          più esterno del fusto) che provoca la morte in piedi della pianta.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                 Regione Sardegna.
Interessi economici       Imprese forestali di abbattimento, allestimento, eradicazione ceppaie
coinvolti
Correlazioni ed          Correlazioni con gli altri interventi di sostenibilità ecologica
integrazioni con altri       - Monitoraggio delle specie alloctone invasive (MR1)
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Interventi da effettuarsi nell’arco dei mesi invernali.
e stima dei costi        Costo previsto per l’intervento: € 15.000

Risorse umane coinvolte n.1 Dottore Forestale
                        n.2 operai forestali

Indicatori target         Composizione specifica delle formazioni vegetali del SIC.




                                    RE_06/360/P                                                      84
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Realizzazione di discese a mare
        IA10
                                                           Generale          Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica;
                           interventi per la sostenibilità socio-economica.
                           Orientare la fruizione presso gli habitat dunali, marini, di scogliera e di
                           macchia mediterranea, mediante la realizzazione di infrastrutture
                           naturalistiche
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Settori dunali di accesso alle spiagge. Duna di Monte Sant’Arena.
interessata
Descrizione dello stato Attualmente solo alcune spiagge risultano dotate di passerelle per la discesa
attuale                  e a mare. L’azione di localizzazione la dove fossero assenti di passerelle
contestualizzazione        amovibili si rende indispensabile per una corretta fruizione del settore di
dell’azione nel PdG        spiaggia.
(=relazione           con
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non;
Finalità     dell’azione Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia, degli
(obiettivo specifico)      habitat dunali, di scogliera e marini attraverso interventi attivi.
                           Riduzione delle cause di degrado e declino delle specie vegetali ed animali e
                           degli habitat.
                           Tenere sotto controllo ed eventualmente limitare le attività che incidono
                           sull’integrità ecologica dell’ecosistema.
Descrizione dell’azione L’azione prevede la localizzazione all’interno del settore di spiaggia e in
(metodologia)              particolare nei settori dunari di passerelle rimovibili per la fruizione turistica
                           (balneazione, naturalistica e ludico sportiva).
                           In un ottica di sviluppo sostenibile si prevede che i percorsi pedonali da
                           realizzare all’interno del Sito vengano realizzati con legno proveniente da
                           foreste gestite in modo corretto dal punto di vista ambientale e sociale. Il
                           legno dovrà provenire da piantagioni, foreste certificate (FSC) o foreste
                           gestite a scopo produttivo. Si preferiscono quei legni con un impatto
                           ambientale accettabile quali: castagno, faggio, quercia, larice etc; per le
                           passerelle sospese su acqua: larice e quercia.




                                      RE_06/360/P                                                          85
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                             Passerelle rimovibili (periodi da marzo a novembre):
                             -   concepite in moduli prefabbricati in materiale ligneo opportunamente
                                 trattato, ad incastro senza parti metalliche;
                             -   i percorsi su passerella sono dotati di moduli speciali con allargamenti
                                 della sede di calpestio per l’alloggiamento di elementi di arredo quali
                                 panchine, cestini rifiuti, segnaletica per l’informazione di tipo
                                 naturalistico e storico culturale (multilingue e braille);
                             -   l’ampiezza delle passerelle dovrà essere minimo di 1.50 m in modo tale
                                 da garantire l’accesso anche ai diversamente abili.
                             -   le passerelle dovranno essere sottoposte ad un’adeguata manutenzione
                                 quando vengono rimosse nella stagione invernale.
                             In particolare per quanto riguarda il settore di spiaggia di Porto Giunco si
                             prevede la realizzazione di un percorso pedonale su passerella sospesa lungo
                             il bordo dello stagno a partire dall’area sosta.
                             Passerelle permanenti:
                             -   sono previsti percorsi su passerella su pali con parapetto a norma di
                                 legge in legno, raggiungibili con rampe di pendenza regolamentare, per
                                 il superamento di aree soggette ad allagamento nei percorsi stagnali e
                                 peristagnali; tali percorsi sono da intendersi anche come luoghi di
                                 osservazione dell’ambiente naturale e di percezione paesaggistica delle
                                 aree umide e dei sistemi dunari;
                          per questo tipo di passerelle dovrà essere prevista una manutenzione e un
                          controllo periodico che garantisca la loro efficienza durante tutti i periodi
                          dell’anno.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di            Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                   della Rete Natura 2000
Interessi      economici     Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                    sportiva).
Correlazioni            ed   IA12 - Realizzazione di servizi igienici in prossimità del parcheggio
integrazioni con altri       esistente
interventi e iniziative
Priorità dell’azione         ALTA
Riferimenti                  Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee        valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento             della fruibilità
Tempi                        1 anno
e stima dei costi             € 120.000
Risorse            umane     Imprese specializzate nella realizzazione di strutture prefabbricate in legno
coinvolte
Indicatori target            - durabilità delle passerelle in legno




                                         RE_06/360/P                                                      86
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Stabililizzazione del fondo delle strade
        IA11                                               carrabili interne al SIC che attraversano
                                                           habitat di interesse comunitario
                                                           Generale X        Localizzata 



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica;
                           interventi per la sostenibilità socio-economica.
                           Orientare la fruizione presso gli habitat dunali, marini, di scogliera e di
                           macchia mediterranea, mediante la realizzazione di infrastrutture
                           naturalistiche
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Strade carrabili a fondo naturale di accesso alle spiagge
interessata
Descrizione dello stato Le aree SIC presuppongono la progettazione e costruzione di infrastrutture
attuale                  e di accesso capaci di coesistere con l'ambiente circostante in maniera poco
contestualizzazione        impattante. I minori requisiti prestazionali delle strade bianche obbligano a
dell’azione nel PdG        fronteggiare tutta una serie di problematiche, come per esempio il
(=relazione           con sollevamento delle polveri al passaggio dei mezzi o il deterioramento della
l’obiettivo generale di superficie stradale in caso di perturbazioni atmosferiche, che alla lunga
PdG)                       possono rendere i percorsi impraticabili e altamente impattanti, per i
                           fenomeni di ruscellamento, erosione e trasporto detritico che possono
                           causare con il degrado generalizzato della vegetazione circostante.
Finalità     dell’azione Tenere sotto controllo ed eventualmente limitare le attività che incidono
(obiettivo generale)       sull’integrità ecologica dell’ecosistema;
Finalità     dell’azione Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia,
(obiettivo specifico)      degli habitat dunali, di scogliera e marini attraverso interventi attivi.
                           Riduzione delle cause di degrado e declino delle specie vegetali ed animali e
                           degli habitat.
                           Tenere sotto controllo ed eventualmente limitare le attività che incidono
                           sull’integrità ecologica dell’ecosistema.
Descrizione dell’azione L’intervento consiste nella stabilizzazione delle strade bianche e dei viottoli
(metodologia)              interni al SIC, al fine di garantirne una maggiore durabilità e resistenza
                           all’usura, ad esempio tramite l’impiego di prodotti ecocompatibili,
                           stabilizzanti e consolidanti, costituiti da ossidi inorganici selezionati e fibre
                           polimeriche inerti. Detti composti sfruttano l’umidità e mediante reazioni di
                           idratazione degli ossidi di cui sono costituiti generano composti idrati
                           insolubili che, distribuendosi nelle microporosità del sistema terreno ne




                                      RE_06/360/P                                                         87
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          riducono la porosità e ne aumentano la compattezza. Tuttavia questo
                          processo non pregiudica la proprietà drenante del suoli, mantenendone le
                          proprietà chimico fisiche e la funzionalità nel rispetto dell’ecosistema
                          esistente.
                          L’indagine sperimentale preventiva del terreno rappresenta allora un
                          momento di fondamentale importanza, sia perchè propedeutica alla buona
                          riuscita del progetto, offrendo una conoscenza più approfondita delle
                          caratteristiche del terreno su cui si dovrà agire, sia per la determinazione del
                          dosaggio dei composti stabilizzanti da utilizzare.
                          La realizzazione dovrà avvenire dunque secondo le seguenti modalità:
                                esecuzione di prove di laboratorio del materiale da stabilizzare
                                  (Curva granulometrica, prova di compattazione,etc.), al fine di
                                  stabilire il corretto dosaggio del materiale e l’idoneità del terreno da
                                  trattare;
                                esecuzione di una corretta sottofondazione dove necessario (per es.
                                  nuovi percorsi);
                                fresatura del terreno per uno spessore di almeno 10 cm;
                                distribuzione e miscelazione dello stabilizzante sul terreno
                                  precedentemente fresato. Il dosaggio, precedentemente determinato,
                                  potrà variare, a seconda della destinazione finale dell’opera e del tipo
                                  di terreno;
                                bagnatura della superficie stradale fino al raggiungimento
                                  dell’umidità ottimale per la compattazione;
                                fresatura finale e se necessario sagomatura o profilatura della sede
                                  stradale;
                                compattazione del terreno trattato con mezzi adeguati (rulli) fino al
                                  raggiungimento di una densità di compattazione adeguata alla
                                  funzionalità stradale.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di            Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                   della Rete Natura 2000
Interessi     economici      Operatori turistici, alberghieri ed extralberghieri
coinvolti                    Concessionari degli stabilimenti balneari e dei servizi di supporto alla
                             balneazione
Correlazioni            ed   IA6 - Realizzazione di un Piano di Regimazione del ruscellamento
integrazioni con altri       superficiale
interventi e iniziative      IA10 - Realizzazione di discese a mare
                             IA17 - Realizzazione di servizi igienici in prossimità delle principali aree
                             sosta
Priorità dell’azione         MEDIA
Riferimenti                  Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee        valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento             della fruibilità
Tempi                        Tempo stimato di realizzazione dell’intervento: 12 mesi
e stima dei costi            Costo stimato di realizzazione: 80.000 €
Risorse           umane      Imprese specializzate nel settore
coinvolte
Indicatori target       Lunghezza totale delle strade carrabili a fondo naturale stabilizzate




                                       RE_06/360/P                                                       88
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                         Grado di fruizione nei diversi mesi dell’anno
                         Rimobilitazione delle polveri dal substrato
                         Alterazione e riduzione della vegetazione perimetrale
                         Sviluppo e rinnovamento della vegetazione perimetrale




                                   RE_06/360/P                                                     89
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Riqualificazione del sistema ambientale di
        IA12                                              Capo Carbonara – Portu su Forru (Cava Usai)

                                                          Generale          Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Migliorare le condizioni di fruibilità del pubblico in condizioni di eco-
                           compatibilità.
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Promontorio di Capo Carbonara
interessata
Descrizione dello stato L’area di intervento si inserisce all'interno di un contesto territoriale di
attuale                  e grande valenza paesistico-ambientale e storico-culturale, i cui principali
contestualizzazione        elementi strutturanti dell’ambito sono definiti dal promontorio granitico di
dell’azione nel PdG        Capo Carbonara, dalle piccole spiagge che si aprono lungo la costa, dal faro,
(=relazione           con dalla Torre costiera di Porto Giunco, dai segni delle pregresse attività di
l’obiettivo generale di coltivazione del granito della Cava Usai. L’Amministrazione Comunale e
PdG)                       l’AMP manifestano una forte consapevolezza sull’importanza e la
                           rappresentatività ambientale, storica e socio-culturale del promopntorio per
                           Villasimius, messa in luce dalle intenzioni di perseguire una profonda
                           valorizzazione del sistema territoriale costiero, anche con attività ed
                           interventi non direttamente collegate alla fruizione esclusivamente balneare,
                           ma che mirano al recupero degli immobili storici esistenti e alla loro
                           riconversione funzionale alle attività dell’AMP. In tale contesto, inoltre, al
                           fine di rafforzare il carattere e la specificità di questi luoghi, anche gli
                           interventi di risanamento e di riconversione ambientale delle aree di cava
                           dismesse potrebbero risultare coerenti con gli obiettivi di recupero
                           funzionale dell’area.
                           Coerentemente con tali valutazioni, data la complessità delle dinamiche
                           territoriali e l’importanza degli elementi strutturanti per il territorio di
                           Villasimius, la valorizzazione di questo ambito non può prescindere, più che
                           in qualunque altro contesto, da una visione progettuale complessiva in
                           un’ottica di integrazione funzionale tra luoghi, elementi strutturanti e
                           attività.
                           Pertanto le scelte di progetto orientano verso interventi coerenti e coordinati
                           con le direttrici d’azione portate avanti dall’amministrazione, garantendo il
                           rispetto dei processi funzionali che regolano l'evoluzione del sistema costiero
                           e degli habitat vegetazionali specifici dell’ambito territoriale.
                           Data l’elevata importanza del luogo per il territorio e gli abitanti di
                           Villasimius, gli orientamenti progettuali sono rivolti a garantire la fruizione




                                     RE_06/360/P                                                        90
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                           pubblica della spiaggia attraverso la riqualificazione ambientale dei percorsi
                           pedonali, degli accessi e delle aree destinate alla sosta veicolare, nel rispetto
                           dei caratteri paesistici e di sensibilità delle diverse componenti ambientali
                           coinvolte.


Finalità     dell’azione   Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione   Conservare e migliorare l’evoluzione spontanea dei sistemi di spiaggia, degli
(obiettivo specifico)      habitat dunali, di scogliera e marini attraverso interventi attivi.
                           Riduzione delle cause di degrado e declino delle specie vegetali ed animali e
                           degli habitat.
                           Tenere sotto controllo ed eventualmente limitare le attività che incidono
                           sull’integrità ecologica dell’ecosistema.
Descrizione dell’azione Gli interventi di riqualificazione del sistema ambientale di Capo Carbonara –
(metodologia)              Portu su Forru (Cava Usai) possono essere ricondotti alle seguenti attività:
                           – Recupero e messa in sicurezza dei piazzali e dei fronti di cava ubicati nel
                                settore costiero di Portu su Forru attraverso la riprofilatura dei versanti
                                e la rinaturazione delle superfici con messa in posto di vegetazione
                                erbacea, arbustiva ed arborea autoctona;
                           – Organizzazione di un sistema di percorsi pedonali che colleghino e
                                rendano fruibili i principali punti di interesse storico (Faro e Torre) ed
                                ambientale (Cale sabbiose e falesie), compatibilmente con la tutela degli
                                habitat e della vegetazione e finalizzati alla conoscenza e
                                sensibilizzazione dei fruitori;
                           – Organizzazione del sistema di accessibiltà alle spiagge e riqualificazione
                                delle aree sosta commisurate alla reale capacità di accoglienza del
                                litorale finalizzati ad una più attenta e compatibile fruizione balneare
                                nell’ottica di tutela e conservazione degli habitat e della vegetazione
                                presente.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                  sportiva).
Correlazioni            ed IA17 - Realizzazione di servizi igienici in prossimità delle principali aree
integrazioni con altri sosta; IA10 - Realizzazione di discese a mare; IA6 - Realizzazione di un Piano
interventi e iniziative    di Regimazione del ruscellamento superficiale
Priorità dell’azione       BASSA
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di tutela,
programmatici e linee valorizzazione e salvaguardia ambientale
di finanziamento
Tempi                      48 mesi
e stima dei costi          Costo totale stimato 500.000 €
Risorse            umane Ditte, Professionisti e/o Società specializzate
coinvolte
Indicatori target          – Recupero e messa in sicurezza della Cava Usai
                           – Realizzazione della rete di percorsi pedonali




                                     RE_06/360/P                                                         91
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                         –    Organizzazione e riqualificazione delle aree sosta veicoalre e degli
                              accessi pedonali alle spiagge




                                   RE_06/360/P                                                     92
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              (ITB040020)


                          Titolo dell’azione              Interventi per il controllo della popolazione
        IA13                                              del Gabbiano reale sull’Isola dei Cavoli e
                                                          Serpentara
                                                          Generale X       Localizzata 



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                   X straordinaria         ordinaria
Parte di territorio       Habitat costieri del SIC
interessata
Descrizione dello stato   Uno dei principali fattori di minaccia per la tutela delle specie ornitiche di
attuale e                 interesse comunitario presenti nel sito (Gabbiano corso, Marangone dal ciuffo)
contestualizzazione       è il depauperamento delle risorse trofiche e il disturbo dato dalla predazione
dell’azione nel PdG       diretta e dalla competizione per i siti di nidificazione, apportato da altre specie
(=relazione con           quali il Gabbiano reale.
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità dell’azione      Tutela delle specie ornitiche di interesse comunitario presenti nel sito:
(obiettivo generale)      Gabbiano corso, Marangone dal ciuffo sono tra le specie maggiormente
                          minacciate.

Finalità dell’azione      La finalità dell’azione è la riduzione della popolazione di Gabbiano reale, a
(obiettivo specifico)     tutela:
                          − delle specie ornitiche di interesse comunitario, ed in particolare di Larus
                          audouinii (Gabbiano corso)(cod.A181);
                          - degli habitat di interesse comunitario maggiormente interessati dalla
                          presenza del Gabbiano reale (Scogliere con vegetazione delle coste
                          mediterranee con Limonium spp. endemici, cod.1240);
                          - delle specie vegetali di interesse comunitario minacciate dalla presenza del
                          Gabbiano reale (Brassica insularis, cod. 1496).
Descrizione dell’azione   L’intervento sarà volto al controllo della riproduzione del G.reale mediante
(metodologia)             tecniche per impedire la schiusa delle uova nei siti di nidificazione. In
                          particolare, le modalità attuabili per l’intervento saranno:
                          - rimozione delle uova e loro sostituzione con altrettante artificiali;
                          - foratura delle uova;
                          - alterazione delle uova (iniezione con formalina, scuotimento, spruzzatura
                          con olii).
                          L’intervento dovrà essere effettuato sistematicamente: solo in questo modo
                          potrà prevenire la schiusa. La longevità del Gabbiano reale non permette un
                          rapido decremento della popolazione: l'intervento dovrà essere ripetuto




                                    RE_06/360/P                                                         93
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          sistematicamente per un periodo da 4 ai 9 anni, al fine di vanificare il
                          potenziale riproduttivo degli individui che di anno in anno diventano atti alla
                          riproduzione. Gli interventi di inibizione della riproduzione saranno presi in
                          considerazione solamente nelle situazioni di grave disagio, in base ai dati dei
                          monitoraggi della popolazione di Gabbiano reale, e la loro gestione sarà
                          affidata ad enti pubblici, che devono in ogni caso essere autorizzati dalle
                          amministrazioni competenti (Amministrazioni Regionali e Provinciali, sentito
                          il parere dell'Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica).
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       − Enti di ricerca
coinvolti
                          − Coop. di pescatori locali.

Correlazioni ed              - Monitoraggio delle specie ornitiche di interesse comunitario (MR3)
integrazioni con altri       - Interventi di tutela del Cavolo selvatico sull’Isola di Serpentara (IA16)
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Tempi: 1 o 2 mesi durante la stagione riproduttiva per almeno 3 anni.
e stima dei costi        Costi: 10.000 € / anno

Risorse umane coinvolte n. 2 esperti ornitologi con patentino INFS

Indicatori target         Riduzione della popolazione di Gabbiano reale




                                    RE_06/360/P                                                      94
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione               SIC                             ITB040020


                            Titolo dell’azione              Interventi di derattizzazione          nell’Isola
         IA14                                               Serpentara e dei Cavoli

                                                            Generale          Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Predisporre interventi per la salvaguardia della biodiversità ecologica e per il
                           mantenimento dello stato di conservazione degli habitat e delle specie
Gestione                   Ordinaria
Parte     di    territorio Isola dei Cavoli e Isola Serpentara
interessata
Descrizione dello stato Allo stato attuale sia l’Isola dei Cavoli che l’Isola Serpentara sono interessate
attuale                  e da un’elevata presenza di ratti che creano problemi sia dal punto di vista del
contestualizzazione        degrado degli habitat e sia da un punto di vista sanitario. Le azioni di
dell’azione nel PdG        derattizazione svolte irregolarmente negli anni non sono state
(=relazione           con sufficientemente adeguate ed hanno causato fenomeni di avvelenamento e
l’obiettivo generale di quindi riduzione di specie “non bersaglio” quali rettili e uccelli, diminuendo
PdG)                       drasticamente il numero dei primi con conseguenti modificazioni nella rete
                           trofica delle specie presenti nelle due isole.
Finalità     dell’azione Riduzione delle cause di degrado e declino delle specie vegetali ed animali e
(obiettivo generale)       degli habitat
Finalità     dell’azione Contribuire al mantenimento e alla conservazione degli habitat e delle specie
(obiettivo specifico)      di interesse comunitario
Descrizione dell’azione L’intervento di derattizzazione delle Isole dei Cavoli e di Serpentara deve
(metodologia)              essere svolto tenendo in considerazione il pericolo di tali azioni nei riguardi
                           delle specie faunistiche presenti nel sito (in particolare dei rettili) che
                           possono essere indirettamente coinvolte. In particolare devono essere svolti
                           studi preventivi circa:
                                - la distribuzione e l’abbondanza dei ratti,
                                - l’esame delle specie “non bersaglio” (es. rettili);
                                - l’esame delle specie potenzialmente minacciate da avvelenamento
                                    secondario (uccelli e rettili);
                                - la definizione del programma operativo dell’intervento di
                                    eradicazione dei ratti.
                           Il programma operativo di derattizzazione deve prevedere la distribuzione
                           delle esche rodenticide con l’utilizzo di appositi erogatori, accessibili ai ratti.
                           Le attività, devono prevedere il posizionamento di erogatori su tutta l’isola
                           arrivando a una distribuzione di esca pari a circa 6-8 kg/ha. Per quanto
                           riguarda l’esame delle specie “non bersaglio”, deve essere attentamente
                           valutato il rischio di avvelenamento diretto, per le specie che possono cibarsi




                                      RE_06/360/P                                                          95
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                        delle esche rodenticide, e quello indiretto, per quelle che si nutrono di
                        animali potenzialmente contaminati. La stagione di intervento, le
                        caratteristiche degli erogatori e la tipologia di esche adottate (blocchi
                        paraffinati) devono escludere o rendere minimi i rischi per rettili, uccelli e
                        mammiferi (conigli per quanto riguarda l’isola Serpentara).
                        Il rischio di avvelenamento diretto di specie non bersaglio può essere causato
                        dalle modeste quantità di esche che i ratti riescono a portare al di fuori dagli
                        erogatori e che non vengono immediatamente portate all’interno delle tane.
                        Tale rischio, evidentemente minimo, riguarda potenzialmente solo il coniglio
                        selvatico, presente nell’Isola Serpentara. Rettili e uccelli, non sono attratti
                        dalle esche utilizzate.
                        L’avvelenamento indiretto o secondario è un evento piuttosto raro anche nei
                        casi in cui vi siano specie che basano la loro dieta in massima parte sulle
                        specie bersaglio. Per ridurre ulteriormente tale rischio è auspicabile che
                        l’intervento più massiccio di derattizzazione sia concentrato nel periodo
                        invernale, quando l’attività dei rettili è ridotta.
Soggetto        gestore Comune di Villasimius, con il coinvolgimento dell’Assesorato ambiente e
dell’intervento         Difesa del territorio “Servizio prevenzione e lotta antinsetti” della Provincia
                        di Cagliari e dell’Università degli studi di Cagliari, dipartimenti di Botanica
                        e Scienze della Terra.
Norme e regole di             - Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              - Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                  della Regione Sardegna.
Interessi      economici − Enti di ricerca, Università
coinvolti                  − Consorzio turistico, Area Marina Protetta
Correlazioni            ed Tutti gli interventi di monitoraggio sulla componente faunistica delle Isole
integrazioni con altri dei Cavoli e Serpentara.
interventi e iniziative
Priorità dell’azione       MEDIA

Riferimenti              POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee      Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
di finanziamento           ambientale;
                         Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                   36 mesi
e stima dei costi       L’operazione di derattizzazione deve essere svolta annualmente. I costi sono
                        stimati in circa € 10.000 all’anno
                        Costi totali 30.000 €
Risorse           umane Personale specializzato nelle opere di derattizzazione;
coinvolte               professionisti esperti in monitoraggi faunistici
Indicatori target       Percentuale di successo dell’intervento di derattizzazione in rapporto ai dati
                        quantitativi rilevati durante il monitoraggio preventivo
                        Stima delle specie non bersaglio interessate dall’intervento di derattizzazione
                        (presenza di rettili, mammiferi, uccelli avvelenati)




                                    RE_06/360/P                                                       96
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              ITB040020


                          Titolo dell’azione               Interventi di tutela di Brassica insularis Moris
        IA15                                               (Cavolo selvatico)

                                                           Generale         Localizzata X



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                   X straordinaria         ordinaria
Parte di territorio       Aree del SIC interessate dalla presenza di Brassica insularis
interessata
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione della specie di interesse comunitario Brassica
attuale e                 insularis risulta essere, in base ai dati della Scheda Natura 2000, buono.
contestualizzazione       Tuttavia possono rendersi utili interventi di tutela della specie.
dell’azione nel PdG
(=relazione con
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità dell’azione      Tutela della specie vegetale di interesse comunitario Brassica insularis
(obiettivo generale)
Finalità dell’azione      La finalità specifica è quella di favorire la conservazione della specie.
(obiettivo specifico)
Descrizione dell’azione   L’intervento potrà prevedere diverse azioni:
(metodologia)                 - conservazione ex situ e in situ: la raccolta del germoplasma sarà
                                  effettuata in campo attraverso escursioni ripetute tra giugno e
                                  novembre;
                              - esecuzione di test di germinazione;
                              - studio e monitoraggio degli habitat più sensibili che ospitano
                                  popolamenti di Brassica insularis Moris.
                          Sarà di grande importanza la divulgazione dei risultati ottenuti dai test di
                          germinazione.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di               -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                                -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                                -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                    Regione Sardegna.
Interessi economici       − Enti di ricerca
coinvolti




                                     RE_06/360/P                                                       97
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Correlazioni ed            Monitoraggio della specie di interesse comunitario Brassica insularis Moris
integrazioni con altri     (MR6)
interventi e iniziative
Priorità dell’azione       Media
Riferimenti                 POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento               Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                         Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                   n.d.
e stima dei costi
Risorse umane coinvolte n.2 botanici
Indicatori target       - Status di conservazione delle popolazioni di Brassica insularis




                                    RE_06/360/P                                                       98
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Studio specialistico di approfondimento
        IA16                                               della dinamica costiera e dell’assetto
                                                           geomorfologico e morfovegetazionale della
                                                           spiaggia e dei sistemi dunali
                                                           Generale           Localizzata X



Tipo azione                 intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Approfondire la conoscenza scientifica e specialistica per la valutazione dello
                           stato di qualità degli habitat e dell’evoluzione del sistema ecologico.
Gestione                   X straordinaria             ordinaria
Parte     di    territorio Tutto il SIC ed il settore marino ad esso relazionato
interessata
Descrizione dello stato Nell’ambito delle attività di ricerca condotte nel “Programma di attività
attuale                  e finalizzate alla realizzazione dell’oasi geoamarina di Capo Carbonara” sono
contestualizzazione        già state in parte definite ed analizzate le dinamiche geomorfologiche del
dell’azione nel PdG        settore costiero in esame. I risultati emersi da queste ricerche pregresse
(=relazione           con dovranno costituire riferimento per gli studi futuri.
l’obiettivo generale di Il settore orientale del territorio di Villasimius è caratterizzato dalla presenza
PdG)                       di estese falcate sabbiose (Simius e Notteri) con sviluppo NNE-SSW, e di
                           piccole spiagge di fondo baia sviluppatesi tra i numerosi promontori
                           rocciosi.
                           I settori retrolitorali della gran parte dei sistemi di spiaggia ospitano sistemi
                           dunari più o meno articolati ed evoluti, la gran parte dei quali risente in
                           misura significativa delle alterazioni e delle interferenze operate dai diffusi
                           insediamenti turistici e dalla disorganizzata frequentazione estiva.
                           Le spiagge sommerse presentano generalmente una grande estensione e
                           mostrano al loro interno complesse morfologie, spesso indizio della presenza
                           di un ingente volume sedimentario a disposizione delle spiagge. Le sabbie, a
                           composizione quarzoso-feldspatica, sono in prevalenza a granulometria da
                           media a fine.
                           Se da un lato è possibile riconoscere una spiccata continuità delle dinamiche
                           marino litorali nel settore sommerso, dall’altro il settore emerso evidenzia,
                           per i diversi ambiti di spiaggia, situazioni morfologiche discontinue e
                           variegate in senso longitudinale, con sviluppo ora di estesi corpi dunari, ora
                           di zone umide o ancora di affioramenti rocciosi. Inoltre, la diffusione
                           insediativa del retrospiaggia spesso si inserisce come ulteriore elemento di
                           discontinuità geomorfologica.
                           All’interno del SIC sono state riconosciute le seguenti unità geoambientali:
                           Unità di Capo Carbonara; Unità dell’isola dei Cavoli; Unità dell’isola di
                           Serpentaria; Unità di Spiaggia di Portu su Forru; Unità di Spiaggia di Portu




                                      RE_06/360/P                                                        99
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                         Giunco – Serra is Morus; Unità di Spiaggia di Simius; Unità di Spiaggia di
                         Accu is Prezzus; Unità di Spiaggia di Is Traias; Unità di Spiaggia di Bau
                         Mannu; Unità di Spiaggia di Punta Molentis.
                         In considerazione degli importanti processi di relazione che intercorrono tra
                         le diverse componenti costitutive una determinata unità di spiaggia, le
                         modificazioni naturali o indotte dalle azioni dell’uomo sui parametri fisici
                         e/o biologici all’interno di una determinata componente, possono avere
                         ripercussioni più o meno marcate e significative, anche sulle altre
                         componenti ad essa relazionate, in osservanza del principio di equilibrio
                         dinamico riconoscibile all’interno del sistema di spiaggia e dell’unità
                         fisiografica costiera di appartenenza.
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)     presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Controllare e verificare continuativamente l’evoluzione dei processi di
(obiettivo specifico)         funzionamento e di trasformazione degli habitat, e del sistema ecologico
Descrizione dell’azione Obiettivo di tale analisi è la comprensione delle dinamiche geomorfologiche
(metodologia)            e sedimentarie del sistema di spiaggia emerso e sommerso e delle sue
                         tendenze evolutive.
                         Lo Studio del sistema di spiaggia dovrà seguire le seguenti fasi operative:
                         – Individuazione di transetti trasversali alla spiaggia, estesi dal settore
                              emerso a quello sommerso, su cui basare i rilevamenti topografici,
                              geomorfologici e sedimentari, posizionati ad una distanza non superiore
                              ai 200 metri tra loro.
                         – Rilevamento morfologico e topografico di dettaglio della spiaggia
                              emersa finalizzato al riconoscimento del profilo d’equilibrio della
                              spiaggia e delle sue variazioni morfologiche tramite rilievi sul campo,
                              interpretazione di immagini telerilevate, utilizzo del GPS differenziale
                              per l’analisi delle modificazioni della spiaggia in tempo reale;
                              realizzazione del profilo di spiaggia invernale e di quello estivo;
                         – Rilevamento geomorfologico e topografico di dettaglio dei fondali
                              tramite rilevamento multibeam e subacqueo finalizzato al
                              riconoscimento delle strutture sedimentarie di fondo e delle sue
                              variazioni morfologiche e all’analisi dello stato del limite superiore della
                              prateria di Posidonia oceanica;
                         – Posizionamento di boe ondametriche e di una stazione correntometrica
                              per la stima dei parametri fondamentali del moto ondoso (in particolare
                              altezza e direzione di propagazione) e delle correnti sottocosta;
                         – Monitoraggio sedimentologico di campioni di sabbia della spiaggia
                              emersa e sommersa per la definizione della composizione mineralogica,
                              attraverso specifiche analisi al microscopio, e granulometrica tramite
                              utilizzo di vagli;
                         – Definizione delle celle di sedimentazione e del bilancio sedimentario del
                              sistema di spiaggia;
                         – Bilancio sedimentario del sistema fisiografico costiero;
                         – Individuazione di transetti trasversali ai corpi dunari, estesi dal limite
                              della berma di tempesta fino al limite interno del settore dunare
                              semistabilizzato su cui basare i rilevamenti topografici, morfo-
                              vegetazionali, geomorfologici e sedimentari, posizionati ad una distanza
                              non superiore ai 100 metri tra loro.




                                     RE_06/360/P                                                        100
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                             –   Rilevamento topografico, morfo-vegetazionale e geomorfologico di
                                 dettaglio della duna, finalizzato al riconoscimento del profilo
                                 topografico, dell’assetto geomorfologico e della seriazione vegetale
                                 psammofila, tramite rilievi sul campo, interpretazione di immagini
                                 telerilevate, utilizzo del GPS differenziale;
                             –   Rilevamento sedimentologico di campioni di sabbia della duna per la
                                 definizione della composizione mineralogica, attraverso specifiche
                                 analisi al microscopio, e granulometrica tramite utilizzo di vagli nei
                                 diversi settori della duna;
                             –   Posizionamento di trappole per sedimenti per la definizione del
                                 trasporto sedimentario dai settori di avanspiaggia e retrospiaggia e per
                                 la individuazione di ambiti di accumulo e di erosione;
                             –   Posizionamento di caposaldi di riferimento per la verifica della mobilità
                                 dei corpi sabbiosi e per le modificazioni volumetriche di materiale
                                 sabbioso; Misurazione dei parametri morfometrici del sistema dunare
                                 mobile e semistabilizzato.

                          I risultati delle analisi e degli studi emersi dalla ricerca nonché le
                          metodologie di rilevamento adottate dovranno costituire il riferimento per le
                          previste azioni di monitoraggio del sistema di spiaggia.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di       Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione              della Rete Natura 2000
Interessi      economiciAttività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti               sportiva).
Correlazioni            ed
                        IA2 - Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali di Interesse
integrazioni con altri  Comunitario
interventi e iniziative IA3 - Interventi di ripristino della vegetazione dunale a tutela dell’erosione
                        IA4 - Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera
Priorità dell’azione    MEDIA
Riferimenti             Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di tutela,
programmatici e linee valorizzazione e salvaguardia ambientale
di finanziamento
Tempi                   36 mesi
e stima dei costi       Costo totale stimato 120.000 €
Risorse           umane Professionisti e/o Società specializzate
coinvolte               Università
Indicatori target       – Bilancio sedimentario del sistema di spiaggia
                        – Distribuzione granulometriche e tessiturali dei sedimenti nella spiaggia
                             emersa e sommersa
                        – Parametri morfometrici della spiaggia emersa-sommersa e delle dune




                                      RE_06/360/P                                                       101
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Realizzazione di servizi igienici             in
        IA17                                               prossimità delle principali aree sosta

                                                           Generale         Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica;
                           interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                   X straordinaria            ordinaria
Parte     di    territorio Area sosta o aree (comunali) esterne ai sistemi dunari
interessata
Descrizione dello stato Attualmente si rileva una forte carenza di servizi igienici in prossimità dei
attuale                  e principali settori di spiaggia ad eccezione della spiaggia di Simius che risulta
contestualizzazione        parzialmente servita. La strategia di localizzazione dei servizi prevede
dell’azione nel PdG        l’individuazione di una serie di aree all’interno delle quali ubicare i servizi a
(=relazione           con supporto delle attività di fruizione turistica (balneazione, naturalistica e
l’obiettivo generale di ludico sportiva).
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non;
Finalità     dell’azione Orientare la fruizione del SIC compatibilmente con le esigenze di
(obiettivo specifico)      conservazione mediante il miglioramento della fruizione del sito.
Descrizione dell’azione L’azione prevede la localizzazione all’interno di aree, appositamente
(metodologia)              individuate, localizzate oltre i compendi dunari e per quanto prossibile in
                           prossimità delle aree sosta per servizi a suporto delle attività di fruizione
                           turistica (balneazione, naturalistica e ludico sportiva).
                           Le strutture saranno composte di pedane di legno appoggiate al terreno
                           (composizione di moduli prefabbricati), strutture di ombreggio (pilastri e
                           travature lignee con pannelli di incannucciato intelaiati in moduli
                           componibili in diverse geometrie di copertura), arredi e box removibili in
                           legno di dimensioni modulari assemblabili (con funzione punto ristoro,
                           servizio igienico, spogliatoi e docce, punti di informazione turistico-
                           ambientale). I servizi igienici verranno realizzati nel rispetto della relativa
                           normativa vigente.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolvti                 sportiva).




                                      RE_06/360/P                                                        102
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Correlazioni            ed   IA11 - Realizzazione di passerelle in legno mobili per l’accesso alla spiaggia
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione         MEDIA
Riferimenti                  Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee        valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento             della fruibilità
Tempi                        15 mesi
e stima dei costi            € 100.000
Risorse            umane     Imprese specializzate nella realizzazione di strutture prefabbricate
coinvolte
Indicatori target            - stima del carico quotidiano sul settore di spiaggia rispetto al numero di
                             servizi localizzati nell’area




                                       RE_06/360/P                                                       103
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Pianificazione della gestione turistico-
        IA18                                              ricreativa di supporto alla balneazione ed
                                                          integrazione con il PdG
                                                          Generale X       Localizzata 



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica;
                           interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Ambito di spiaggia e immediati settori interni
interessata
Descrizione dello stato Attualmente la fruizione balneare non è organizzata e gestita secondo i
attuale                  e criteri di sostenibilità ambientale con la conseguenza che si manifestano
contestualizzazione        fenomeni di degrado sugli habitat dunari e marini.
dell’azione nel PdG        La progettazione del sistema di organizzazione dei servizi turistico-ricreativi
(=relazione           con in ambito di spiaggia, di supporto alle attività balneari, sarebbe necessaria al
l’obiettivo generale di fine di ridurre i fattori di pressioni indotti da questo tipo di pressione. Lo
PdG)                       strumento finalizzato a questo scopo è il Piano di Utilizzazione dei Litorali
                           (P.U.L.), di attuale competenza Comunale ai sensi del recente dispositivo
                           normativo della L.R. 9 del 12 giugno 2006 in merito al trasferimento di
                           competenze e funzioni agli Enti locali.
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non;
Finalità     dell’azione – Adeguamento degli strumenti di programmazione e pianificazione
(obiettivo specifico)           comunali alle esigenze di tutela degli habitat: recepimento del Piano di
                                Gestione da parte del Comune di Villasimius negli strumenti urbanistici
                                e nei loro strumenti attuativi
Descrizione dell’azione Il Piano di Utilizzazione dei Litorali (PUL) disciplina l’utilizzo delle aree
(metodologia)              demaniali marittime di cui all’art. 1 del D. Lgs. 17 aprile 2001, n. 234,
                           regolamentando la fruizione a fini turistici e ricreativi del bene demaniale, in
                           un regime di compatibilità con gli obiettivi di salvaguardia e tutela
                           dell’ambiente costiero e sposando i principi dello sviluppo sostenibile.
                           Attualmente, l’unico riferimento tecnico-metodologico per la redazione dei
                           PUL, in attesa di un atto di indirizzo specifico della RAS previsto dalla L.R.
                           9/2006, è rappresentato dal Piano Regionale di Utilizzo delle Aree del
                           Demanio Marittimo (PRUADM), approvato con la Deliberazione della
                           Giunta Regionale n. 17/20 del 23 marzo 1999, che, oltre a dettare norme per la
                           disciplina delle concessioni demaniali marittime, assume valenza di direttiva
                           per la formazione e redazione dei Piani di Utilizzazione dei Litorali (PUL),
                           che disciplinano l’organizzazione a livello locale dei servizi turistico




                                     RE_06/360/P                                                         104
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          ricreativi attraverso:
                          - l’individuazione e il censimento delle strutture di supporto al turismo, sia
                          esistenti che previste dagli atti di programmazione locale;
                          - la determinazione del carico dei fruitori per i singoli tratti del litorale,
                          distinguendo le diverse tipologie di utenza;
                          - la classificazione del litorale in funzione delle loro caratteristiche fisiche,
                          morfologiche, ambientali e paesaggistiche;
                          - la determinazione dei servizi necessari per i vari tratti di costa in relazione
                          alle attività turistiche previste ed a quelle presenti nel contesto circostante;
                          - l’individuazione, per i tratti di costa già urbanizzati, delle opere
                          infrastrutturali necessarie per il completamento delle urbanizzazioni
                          esistenti;
                          - l’individuazione delle aree da affidare in concessione e delle tipologie di
                          attività consentite.
                          In termini operativi, il piano si configura, quindi, come uno strumento
                          avente diverse finalità che, nello specifico, sono riconducibili a differenti
                          direttrici tra loro coerenti. Il Piano potrebbe avere le seguenti finalità
                          operative:
                          - strumento di supporto alle decisioni in merito alla definizione della
                          fruizione balneare e turistica in ambito costiero nell’ottica di una
                          integrazione tra strumenti e procedure di piani/programmi esistenti o
                          previsti (prioritariamente PUL, PdG e PUC);
                          - strumento per l’aggiornamento e monitoraggio delle attività turistico-
                          ricreative in ambito costiero in relazione all’evolversi delle situazione
                          territoriali    (ambientali,     insediative    e   socio-economiche)       e    di
                          programmazione, indispensabile per il corretto uso della risorsa spiaggia.
                          - quadro conoscitivo delle sensibilità territoriali e specificità locali che
                          interagiscono direttamente con la fruzione turistico-balneare;
                          - strumento per l’organizzazione dei servizi di supporto alla fruizione
                          balneare nella aree del Demanio Marittimo e della costa in genere;
                          - strumento per l’organizzazione e la gestione specifica degli accessi, della
                          viabilità pedonale, della viabilità veicolare e delle aree sosta;
                          - l’identificazione delle Unità di Spiaggia, della Zonizzazione delle unità di
                          spiaggia e della relativa regolamentazione della fruizione balneare.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di            Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                   della Rete Natura 2000
Interessi      economici     Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                    sportiva).
Correlazioni            ed   IA7      Realizzazione di discese a mare
integrazioni con altri       IA12 Realizzazione di servizi igienici in prossimità del parcheggio
interventi e iniziative      esistente
Priorità dell’azione         Media
Riferimenti                  Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee        valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento             della fruibilità
Tempi                        12 mesi
e stima dei costi            Costo totale € 60.000




                                       RE_06/360/P                                                        105
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                        La realizzazione dell’intervento prevede la redazione del Piano di
                        Utilizzazione del Litorale in adeguamento al PPR, il supporto alla
                        costituzione di un ufficio di piano del Comune di Villasimius, formato da
                        funzionari tecnici dell’amministrazione e da consulenze/collaboratori esterni
                        nei settori specialistici.
Risorse           umane Esperti in materie ambientali, urbanistiche, economia e turismo, esperti di
coinvolte               progettazione partecipata.
Indicatori target       - Numero e tipologia di servizi in ambito di spiaggia;
                        - Superfici di concessioni demaniali in ambito di spiaggia;
                        - Superficie concessa in rapporto alla superficie fruibile.




                                   RE_06/360/P                                                     106
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            ITB040020



         IA19             Titolo dell’azione             Realizzazione di un area attrezzata per il
                                                         Birdwatching presso lo stagno di Noteri

                                                         Generale         Localizzata X


Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica;
                          interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                  X straordinaria           ordinaria
Parte di territorio       Stagno di Noteri
interessata
Descrizione dello stato   Attualmente non sono presenti vere e proprie postazioni attrezzate per il
attuale e                 birdwatching.
contestualizzazione
                          Tale intervento permetterà di favorire una fruizione più rispettosa e
dell’azione nel PdG
(=relazione con           “consapevole” del sito oltre che tutelare i siti di nidificazione dal disturbo
l’obiettivo generale di   apportato dai fruitori.
PdG)
Finalità dell’azione      Migliorare la fruizione e incrementare la conoscenza del grande pubblico
(obiettivo generale)      verso le specie ornitiche del sito, al fine di favorire un turismo rispettoso
                          delle esigenze ecologiche delle specie presenti.
Finalità dell’azione      Diminuire il disturbo ai siti di nidificazione e svernamento delle specie
(obiettivo specifico)     ornitiche presenti nel sito, mediante una fruizione concentrata in aree
                          appositamente adibite all’osservazione dell’avifauna.
Descrizione dell’azione   Verrà realizzata un’area di osservazione delle specie ornitiche nella zona
(metodologia)             dello stagno di Noteri.
                          Oltre alla messa in opera di schermature in cannucciato, verranno realizzati
                          dei capanni in legno di castagno o in altre essenze adatte all’impiego in
                          ambiente salmastro. Tali infrastrutture permetteranno di osservare gli uccelli
                          in silenzio, comodamente seduti e soprattutto nascosti, in modo da non
                          disturbare né spaventare le varie specie presenti. I capanni potranno essere
                          anche utilizzati per attività di ricerca, monitoraggio e di educazione
                          ambientale.
                          Le modalità di realizzazione dell’intervento verranno definite nel dettaglio in
                          fase di progettazione, tenendo conto delle esigenze di conservazione e tutela
                          degli habitat e delle specie di interesse comunitario
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di         Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000
attuazione                Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000
                          Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della




                                    RE_06/360/P                                                        107
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                           Regione Sardegna
Interessi economici        Operatori economici locali, associazionismo e comunità locale.
coinvolti
Correlazioni ed            Monitoraggio delle specie ornitiche di interesse comunitario
integrazioni con altri     Correlazione con gli altri interventi di fruizione naturalistica
interventi e iniziative
Priorità dell’azione       Bassa
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di   Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
finanziamento
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                      Tempi esecuzione intervento: 3 mesi
e stima dei costi          Costo: €50.000, esclusi costi per i pannelli didattico-informativi (cfr.
                           intervento PD1)
Risorse umane coinvolte    Progettista dell’intervento
                           Operai per la realizzazione
Indicatori target          Fruizione regolamentata presso la zona sud dello stagno di Noteri e aumento
                           delle conoscenze del pubblico sulla comunità ornitica presente.




                                     RE_06/360/P                                                      108
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione             Formazione     del   personale   del   Soggetto
        IA20                                             Gestore

                                                         Generale X       Localizzata 



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità socio-economica
                          Innescare processi di sensibilizzazione e di didattica ambientale per far
                          conoscere il SIC
Gestione                   X straordinaria         ordinaria
Parte di territorio       Habitat costieri del SIC
interessata
Descrizione dello stato   A seguito dell’approvazione del Piano di Gestione, il Comune di Villasimius si
attuale e                 troverà ad affrontare una serie di problematiche legate alla gestione delle
contestualizzazione       attività ordinarie, straordinarie, alla sensibilizzazione ed alla valorizzazione
dell’azione nel PdG       eco-compatibile del sito. E’ quindi necessaria la presenza di personale in grado
(=relazione con           di gestire il territorio interessato dal SIC, con approfondite conoscenze
l’obiettivo generale di   riguardo la Rete Natura 2000 e le forme di sviluppo applicabili in coerenza con
PdG)                      gli obiettivi di tutela di habitat e specie di interesse comunitario.
Finalità dell’azione      Introdurre una gestione a tutela degli habitat di interesse comunitario;
(obiettivo generale)      impedire i comportamenti non eco-sostenibili dei fruitori dell’area e degli
                          operatori turistici, in particolare nelle aree più sensibili del SIC.
                          Controllare e ridurre le cause di disturbo antropico legate all’inquinamento e
                          alla fruizione non regolamentata.
Finalità dell’azione      Attivare, a seguito dell’attuazione del Piano di Gestione, una struttura
(obiettivo specifico)     adeguatamente formata per la gestione del sito sia a tutela degli habitat di
                          interesse comunitario, sia di fruizione e valorizzazione eco-compatibile del
                          SIC.
Descrizione dell’azione   Si intende organizzare un corso di formazione professionale per la gestione
(metodologia)             dei Siti Natura 2000 dedicato ai tecnici ed ai funzionari del Comune di
                          Villasimius. Il personale del Comune, individuato dall’Amministrazione in
                          base alle proprie specifiche esigenze, sarà sottoposto a formazione
                          professionale frequentando un corso di due settimane, finalizzato
                          all’approfondimento delle modalità di gestione dei Siti Natura 2000, delle
                          principali minacce che minano la tutela delle valenze naturalistiche del SIC e
                          alle modalità di controllo di tali minacce. La formazione sarà organizzata
                          mediante apprendimento in aula, analisi di casi studio regionali, nazionali ed
                          internazionali, escursioni guidate sul sito, verifiche scritte; al termine del




                                   RE_06/360/P                                                       109
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.
                          E’ da prevedere un raccordo con la Regione Sardegna – Assessorato Difesa
                          dell’Ambiente, con la Protezione Civile, con i Soggetti gestori dei SIC/ZPS
                          limitrofi, con l’Ente Foreste della Sardegna.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       Regione Sardegna; Protezione Civile; Ente Foreste della Sardegna
coinvolti
Correlazioni ed          Integrazione e correlazione con tutti gli interventi di gestione attiva
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Due settimane per la formazione del personale del comune (moduli per
e stima dei costi        complessive 36 ore). 4 mesi in totale per l’esecuzione dell’intervento.
                         Costo corso formazione: € 20.000
Risorse umane coinvolte Personale del Comune; docenti composti da esperti in gestione siti Rete
                         Natura 2000
Indicatori target        Numero di funzionari formati.




                                    RE_06/360/P                                                      110
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                             (ITB040020)


                          Titolo dell’azione              Servizio di sorveglianza e manutenzione
        IA21
                                                          Generale X        Localizzata 



Tipo azione               X intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                    straordinaria         X ordinaria
Parte di territorio       Tutto il territorio appartenente al SIC, le aree di maggiore valenza
interessata               naturalistica, le aree con maggior pericolo di incendio e le aree attrezzate.
Descrizione dello stato   Attualmente il SIC non è provvisto di un servizio di sorveglianza e controllo
attuale e                 con personale addetto alla gestione e alla manutenzione naturalistica.
contestualizzazione       L’attuazione del Piano di Gestione necessita di attivare quanto prima una
dell’azione nel PdG       struttura organizzativa e gestionale per rendere operative le misure e gli
(=relazione con           interventi sia a tutela degli habitat terrestri di interesse comunitario, sia di
l’obiettivo generale di   fruizione e valorizzazione eco-compatibile del SIC.
PdG)
Finalità dell’azione      Introdurre una gestione a tutela degli habitat di interesse comunitario;
(obiettivo generale)      impedire i comportamenti non eco-sostenibili dei fruitori dell’area e degli
                          operatori turistici, in particolare nelle aree più sensibili del SIC. Provvedere
                          alle opere di manutenzione delle infrastrutture previste dal PdG (passerelle di
                          discesa a mare, recinzioni, pannelli didattici, servizi igienici ecc.).
Finalità dell’azione      Controllo diretto del territorio contro incendi ed altri fattori di stress per gli
(obiettivo specifico)     habitat, tali da far subentrare successioni secondarie. Attivare un controllo del
                          SIC, con compiti di manutenzione delle strutture, e supervisione per favorire
                          le esigenze di tutela. La finalità ultima è quella di garantire:
                               - il rispetto delle norme di tutela vigenti e delle norme comportamentali
                                   (limitare l’abbandono di rifiuti sul territorio del SIC, la raccolta od il
                                   danneggiamento delle specie vegetali di rilievo conservazionistico, il
                                   vandalismo o la manomissione delle strutture di fruizione accoglienza
                                   e segnalazione, <);
                               - un’efficace controllo antincendio;
                               - la manutenzione delle infrastrutture previste dal Piano di Gestione
                                   per la fruizione (recinti per la regolamentazione del turismo, pannelli
                                   informativi, ecc.) e per la tutela del SIC.
Descrizione dell’azione   L’attivazione del servizio di controllo sarà organizzata mediante l’impiego di
(metodologia)             n. 2/3 addetti part-time con concentrazione delle attività nel quadrimestre
                          giugno/settembre. Il periodo minimo del servizio di controllo/manutenzione è
                          pari a 3 anni.
                          Il personale addetto alla controllo sarà sottoposto a formazione professionale




                                    RE_06/360/P                                                         111
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          frequentando un corso di due settimane finalizzato all’approfondimento delle
                          principali minacce che minano la tutela delle valenze naturalistiche del SIC e
                          alle modalità di controllo di tali minacce. E’ da prevedere un raccordo con la
                          Protezione Civile.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                 Regione Sardegna.
Interessi economici       Regione Sardegna; Protezione Civile
coinvolti
Correlazioni ed          Integrazione e correlazione con tutti gli interventi attivi.
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    Due settimane per la formazione del personale
e stima dei costi        Costo formazione: € 10.000 per Corso di formazione personale addetto al
                         controllo;
                         Costo personale:
                         € 150.000 circa per 3 anni
Risorse umane coinvolte n. 2/3 unità di personale; docenti composti da esperti in gestione siti Rete
                         Natura 2000

Indicatori target         Numero di violazioni delle norme comportamentali;
                          Stato delle infrastrutture di fruizione pose in opera.




                                    RE_06/360/P                                                      112
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                             ITB040020


                           Titolo dell’azione              Interventi      di      riqualificazione e
IA22                                                       rinaturalizzazione della zona umida di Su
                                                           Stangioni
                                                           Generale         Localizzata X



Tipo azione                X intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                            programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Interventi per la sostenibilità ecologica;
                           interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Su Stangioni, zona umida di retrospiaggia di Simius
interessata
Descrizione dello stato La depressione umida localizzata nell’immediato retrospiaggia del settore
attuale                  e mediano della spiaggia Simius è stata di recente oggetto di interventi
contestualizzazione        finalizzati al recupero della funzionalità idraulica e alla rinaturazione del
dell’azione nel PdG        sistema, che hanno interessato esclusivamente le aree di proprietà comunale.
(=relazione           con Il recupero della funzionalità ecologica dell’area umida, affinchè interessi il
l’obiettivo generale di sistema originario che nel tempo ha subito intense trasformazioni a causa
PdG)                       della pressione insediativa, del progressivo interramento dei bacini e delle
                           modifiche alla rete idrografica afferente, è necessario che sia esteso anche ai
                           terreni che attualmente risultano di proprietà privata.
Finalità     dell’azione Mantenere e migliorare il livello di biodiversità degli habitat e delle specie di
(obiettivo generale)       interesse comunitario, prioritari e non, per i quali il sito è stato designato
Finalità     dell’azione Garantire la conservazione, in uno stato “soddisfacente”, degli ambienti
(obiettivo specifico)      idonei alla nidificazione e allo svernamento, alla presenza e riproduzione
                           delle specie faunistiche, di interesse comunitario, presenti nel sito
Descrizione dell’azione L’intervento si articola nelle seguenti azioni:
(metodologia)              - Interventi di disinterrimento e di sistemazione idraulica dei canali
                           immissari finalizzati al miglioramento della circolazione idrica in coerenza
                           con lo sviluppo della vegetazione peristagnale e con la conservazione degli
                           habitat faunistici;
                           - Interventi di sistemazione spondale attraverso riprofilature e messa a
                           dimora di specie autoctone tipiche;
                           Questi interventi sono altresì possibili in ragioni della disponibilità delle aree
                           che attualmente ricadono in proprietà privata ma che fanno parte del
                           compendio umido di Su Stasngioni, al fine di proter recuperare la
                           complessiva funzionalità strutturale ed ecologica dello stagno.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000




                                      RE_06/360/P                                                         113
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Interessi      economici   Attività connesse alla fruizione turistica (balneazione, naturalistica e ludico
coinvolti                  sportiva).
Correlazioni ed            IA 6 - Realizzazione di un Piano di Regimazione del ruscellamento
integrazioni con altri     superficiale
interventi e iniziative    IA10 - Realizzazione di discese a mare
                           MR3 - Monitoraggio delle specie ornitiche di interesse comunitario
Priorità dell’azione       MEDIA
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b
programmatici e linee
di finanziamento
Tempi                      24 mesi
e stima dei costi          € 800.000
Risorse           umane    Professionalità di natura interdisciplinare ed inprese specializzate nella
coinvolte                  progettazione ed escusione di infrastrutture per l’ambiente e regimazione
                           idraulica delle aree umide
Indicatori target          Riuscita dell’intervento (Percentuale di superficie rispetto all’area totale)
                           Estensione e profondità dei bacini idrici delle zone umide
                           Deflussi idrici dei corsi d’acqua immissari delle zone umide
                           Capacità di ricambio idrico
                           Grado di salinità delle acque
                           Naturalità delle fasce ripariali
                           Numero e specie faunistiche presenti in funzione dell’idoneità del Sito




                                     RE_06/360/P                                                        114
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione                SIC                            ITB040020


                             Titolo dell’azione             Studio specialistico per la valutazione di aree
IA23                                                        idonee alla istituzione di nuove ZPS

                                                            Generale           Localizzata X



Tipo azione                  X intervento attivo (IA)
                              regolamentazione (RE)
                              incentivazione (IN)
                              programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                              programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale         Controllare i fattori di disturbo che possono limitare la biodiversità e lo stato
                             di conservazione di habitat e specie di interesse comunitario

Gestione                     X straordinaria        ordinaria
Parte     di    territorio   Localizzato: Capo Carbonara-Notteri, Punta Molentis-Su Stangioni
interessata
Descrizione dello stato  In fase di analisi del presente Pdg, è emersa la necessità di istituire nel
attuale                  e
                         Comune di Villasimius due nuove ZPS: una denominata “Capo Carbonara –
contestualizzazione      Notteri”, già inclusa nel limite IBA, che si estende per 411,6 ha e
dell’azione nel PdG      comprendente il promontorio di Capo Carbonara e lo Stagno Notteri, con il
(=relazione           conlimite che nel settore marino fa riferimento all’isobata -10 m e ad un areale
l’obiettivo generale di  esteso fino a comprendere gli isolotti limitrofi al promontorio, e una
PdG)                     denominata “Punta Molentis – Su Stangioni” che si estende per 468,5 ha,
                         interamente inclusa nel Comune di Villasimius e comprendente il settore di
                         Punta Molentis e dei versanti costieri dell’immediato entroterra, fino alla
                         Strada Provinciale N°18. La Zona si estende, inoltre, lungo il litorale
                         sabbioso fino alla zona umida di Su Stangioni. Il limite di tale Zona
                         corrisponde in parte, nella parte terrestre, alla delimitazione del pSIC “Isola
                         dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis”, mentre nel settore marino
                         antistante fa riferimento all’Isobata dei -10 m. La Zona identificata si estende
                         all’esterno del suddetto pSIC fino a comprendere il sistema umido di Su
                         Stangioni nel retrospiaggia di Simius, in quanto ambito di potenziale
                         idoneità faunistica per le specie di seguito identificate, soprattutto in vista di
                         una possibile riqualificazione dell’area con il recupero funzionale e
                         strutturale del sistema ecologico originario tipico di questi ambienti.
Finalità     dell’azione Mantenere e migliorare il livello di biodiversità degli habitat e delle specie di
(obiettivo generale)     interesse comunitario, prioritari e non, per i quali il sito è stato designato

Finalità     dell’azione Garantire la conservazione, in uno stato “soddisfacente”, degli ambienti
(obiettivo specifico)    idonei alla nidificazione e allo svernamento, alla presenza e riproduzione
                         delle specie faunistiche, di interesse comunitario, presenti nel sito
Descrizione dell’azione Lo studio specialistico per la valutazione di aree idonee alla istituzione di
(metodologia)            nuove ZPS prevede l’esecuzione di censimenti, da effettuarsi con controlli
                         periodici (almeno quattro per semestre) che prevedono l'applicazione dei




                                       RE_06/360/P                                                          115
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          seguenti metodi:·
                              -      L'I.P.A. (metodo degli indici puntiformi di abbondanza): metodo
                                     semiquantitativo attraverso il quale si può ottenere sia una lista
                                     di specie nidificanti sia un indice di abbondanza relativa di
                                     ciascuna specie ( I.P.A. medio), sono necessari due rilevamenti
                                     per ogni stazione;
                              -      L'E.F.P. (metodo dei censimenti frequenziali progressivi) è un
                                     metodo che si basa come l'I.P.A. su rilevamenti eseguiti da una
                                     posizione fissa in cui però si annota solo la presenza delle specie
                                     ed è sufficiente un rilevamento per ogni stazione. Attraverso
                                     l'E.F.P. si può determinare la frequenza e quindi la distribuzione
                                     di una specie in un ambiente. Il numero delle stazioni deve
                                     essere sufficiente a soddisfare la completezza dei dati in
                                     relazione alla diffusione e all'utilizzo degli ambienti.
Soggetto          gestore Comune di Villasimius d’intesa con la Regione Sardegna
dell’intervento
Norme e regole di            Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                   della Rete Natura 2000
Interessi      economici     Operatori economici locali
coinvolti
Correlazioni            ed   Interventi di riqualificazione e rinaturazione della zona umida di Su
integrazioni con altri       Stangioni (IA22)
interventi e iniziative
Priorità dell’azione         ALTA
Riferimenti                     -    POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica
programmatici e linee                Regionale - Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e
di finanziamento                     salvaguardia ambientale;
                            -        Programma LIFE+ (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                   Gli studi dovranno essere svolti per un periodo di 1 anno con un costo totale
e stima dei costi       previsto di € 25.000
Risorse           umane Esperti ornitologi con patentino INFS
coinvolte
Indicatori target       Presenza di specie avifaunistiche prioritarie




                                       RE_06/360/P                                                      116
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione            Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR1                                             delle specie alloctone invasive

                                                        Generale X        Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                   straordinaria         X ordinaria
Parte di territorio       Tutta l’area del SIC
interessata
Descrizione dello stato   Attualmente sono presenti nel sito diverse specie alloctone quali: Acacia
attuale e                 saligna, Carpobrotus spp., Agave spp., Eucalyptus spp., Ailanthus altissima.
contestualizzazione       L’eccessiva presenza di tali specie fa diminuire il grado di naturalità degli
dell’azione nel PdG       habitat presenti nel sito oltre che creare competizione con le specie
(=relazione con           autoctone e di interesse comunitario. Il monitoraggio proposto è volto
l’obiettivo generale di   all’analisi della situazione attuale e al controllo della diffusione di tali
PdG)                      specie.
Finalità dell’azione      Tutela degli habitat e delle specie vegetali di interesse comunitario nel SIC.
(obiettivo generale)      Monitorare lo status di conservazione attuale delle popolazioni floristiche e
                          degli habitat di interesse comunitario.

Finalità dell’azione    Avviare il monitoraggio delle specie alloctone, per determinare l’impatto
(obiettivo specifico)   causato dalla loro presenza negli habitat di interesse comunitario ed il reale
                        status di conservazione degli habitat.
Descrizione dell’azione Il monitoraggio considererà tutte le specie alloctone presenti nel SIC,
(metodologia)           fornendo un elenco dettagliato che possa dare un’idea della reale situazione
                        sia dal punto di vista specifico che dal punto di vista quantitativo.
                        Percorrendo il SIC, saranno quindi segnalate tutte le specie alloctone
                        indicando la loro frequenza.
                        Il monitoraggio dovrà prevedere inoltre un eventuale intervento di
                        controllo, del “riscoppio” delle specie alloctone (Eucaliptus sp., Ailanthus
                        altissima etc.) eradicate nel corso di eventuali interventi di eradicazione di
                        specie alloctone.
Soggetto gestore        Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di            -    Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                             - Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                                -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                    della Regione Sardegna.




                                      RE_06/360/P                                                      117
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed               -   Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario (MR5)
integrazioni con altri
interventi e iniziative       -   Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
                              -   Eradicazione delle specie alloctone presenti negli habitat di
                                  interesse comunitario (IA9)
Priorità dell’azione      Bassa
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     3 anni
e stima dei costi         Costo totale dell’intervento: € 6.000 (2.000 /anno)
Risorse umane             Enti di ricerca
coinvolte
Indicatori target         Numero di specie alloctone presenti nel SIC




                                    RE_06/360/P                                                    118
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione            Monitoraggio floristico e studio di
        MR2                                             approfondimento della vegetazione dunale

                                                        Generale X        Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                   straordinaria         X ordinaria
Parte di territorio       L’area del SIC interessata dagli habitat dunali
interessata
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione degli habitat dunali di interesse comunitario in
attuale e                 base ai dati della Scheda Natura 2000 risulta essere buono, eccezion fatta per
contestualizzazione       “Dune mobili embrionali” in cui risulta essere ridotto.
dell’azione nel PdG       Per poter tutelare tali habitat e le specie vegetali caratteristiche è
(=relazione con           indispensabile conoscerne a fondo l’attuale stato di conservazione e
l’obiettivo generale di   valutarne eventuali modifiche in funzione dei processi gestionali avviati. Il
PdG)                      monitoraggio sarà pertanto uno strumento utile per la conoscenza degli
                          habitat dunali e delle specie in essi presenti.

Finalità dell’azione      Tutela degli habitat e delle specie vegetali di interesse comunitario nel SIC.
(obiettivo generale)      Monitorare lo status di conservazione attuale delle popolazioni floristiche e
                          degli habitat di interesse comunitario.

Finalità dell’azione    Incrementare le conoscenze sulle valenze floristiche presenti all’interno del
(obiettivo specifico)   sito.
                        Valutare l’effettiva presenza delle comunità vegetali, la loro estensione ed il
                        cambiamento nel corso del tempo del contingente di specie che le
                        caratterizza, nell’ottica della comprensione e della gestione delle dinamiche
                        successionali in atto.
Descrizione dell’azione Il monitoraggio floristico-vegetazionale andrà effettuato mediante il metodo
(metodologia)           Fitosociologico classico.
                        Per l’analisi fitosociologica saranno scelti popolamenti elementari con
                        vegetazione omogenea e rappresentativi, sufficientemente grandi.
                        Trovandoci in ambiente dunale, l’area minima su cui ci si orienterà per la
                        scelta del popolamento elementare di riferimento potrà essere di circa 10-20
                        m2.
                        All’interno di queste aree opportunamente scelte, in base all’omogeneità
                        della vegetazione e del substrato, andranno effettuati rilievi fitosociologici,
                        in particolare nel periodo di massima fioritura (marzo-maggio).
                        Il monitoraggio delle specie vegetali permetterà di aggiornare di volta in




                                    RE_06/360/P                                                        119
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          volta l’elenco floristico e quindi la Scheda Natura 2000.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                   della Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed               -   Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario (MR5)
integrazioni con altri
interventi e iniziative       -   Monitoraggio delle specie alloctone invasive (MR1)
Priorità dell’azione      Bassa
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     2 anni circa con campionamenti nel periodo febbraio-giugno e settembre
e stima dei costi         ottobre.
                          Elaborazione di relazione tecnica.
                          Costo totale dell’intervento: € 8.000 (4.000 /anno)

Risorse umane             Enti di ricerca
coinvolte
Indicatori target             -   Presenza/assenza di specie;
                              -   Presenza/assenza di specie d’interesse comunitario;
                              -   Presenza/assenza di comunità vegetali;
                              -   La copertura percentuale delle specie all’interno di ciascun rilievo
                                  vegetazionale.




                                     RE_06/360/P                                                     120
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione            Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR3                                             delle specie ornitiche di interesse
                                                        comunitario
                                                        Generale X       Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                    straordinaria          X ordinaria
Parte di territorio       Tutta l’area del SIC
interessata
Descrizione dello stato   La Scheda Natura 2000 elenca 10 specie ornitiche di interesse comunitario;
attuale e                 la proposta di aggiornamento della Scheda (§ 1.2.2, I PARTE) indica 28
contestualizzazione       nuove specie di interesse comunitario. La valutazione del sito (popolazione,
dell’azione nel PdG       conservazione, isolamento, valutazione globale) in riferimento alle nuove
(=relazione con           specie segnalate e a quelle già presenti nella Scheda natura 2000 non è
l’obiettivo generale di   riportata: è auspicabile un monitoraggio delle popolazioni nidificanti delle
PdG)                      specie di interesse comunitario per conoscere la consistenza delle
                          popolazioni e l'ubicazione dei siti di nidificazione, che cambiano spesso.



Finalità dell’azione      Tutela delle specie ornitiche di interesse comunitario elencate nella Scheda
(obiettivo generale)      Natura 2000

Finalità dell’azione    Migliorare lo stato delle conoscenze delle popolazioni di specie ornitiche di
(obiettivo specifico)   interesse comunitario presenti nel sito e del loro status di conservazione;
                        individuazione delle modalità di gestione del SIC atte a garantire la
                        presenza in condizioni soddisfacenti.
Descrizione dell’azione L’attività di monitoraggio dovrà essere finalizzata a:
(metodologia)           − Valutare la consistenza numerica delle popolazioni;
                        − Valutare la distribuzione per classi d’età delle popolazioni;
                        − Individuare i siti di nidificazione delle specie di maggior valenza
                        conservazionistica;
                        − Valutare la capacità di insediamento delle coppie;
                        − Valutare il periodo esatto di insediamento per ogni specie;
                        − Valutare il successo riproduttivo (numero di pulcini).
                        Il monitoraggio sarà svolto da due ornitologi (con opportuni turni) nel
                        periodo di Gennaio (per il Marangone dal Ciuffo) e aprile-giugno per le
                        altre specie, per almeno 2 anni consecutivi.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius




                                    RE_06/360/P                                                          121
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                   della Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed               -   Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario (MR5)
integrazioni con altri
interventi e iniziative       -   Monitoraggio delle specie alloctone invasive (MR1)
Priorità dell’azione      Bassa
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     5 mesi (Gennaio, Febbraio, Aprile, Maggio, Giugno) per almeno due anni
e stima dei costi         consecutivi con elaborazione di relazione tecnica
                          € 8.000 (€ 4.000/anno)

Risorse umane             Enti di ricerca
coinvolte
Indicatori target         L’attività di monitoraggio sarà finalizzata a evidenziare le variazioni degli
                          indicatori target quali:
                          − Check list dell’ornitofauna;
                          − Fenologia riproduttiva;
                          − Dinamica delle popolazioni (variazione nel tempo del numero di
                          individui);
                          − Struttura delle popolazioni (% delle diverse classi di età);
                          − Distribuzione delle popolazioni nel sito




                                     RE_06/360/P                                                          122
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                             (ITB040020)


                          Titolo dell’azione             Monitoraggio e studio di approfondimento e
        MR4                                              studio di approfondimento dell’erpetofauna
                                                         (anfibi e rettili) di interesse comunitario
                                                         Generale X          Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                    straordinaria          X ordinaria
Parte di territorio       Tutta l’area del SIC
interessata
Descrizione dello stato   La Scheda Natura 2000, riporta tra le specie di anfibi e rettili presenti nel
attuale e                 SIC, due specie: Caretta caretta (Testuggine marina) e Phyllodactylus europaeus
contestualizzazione       (Tarantolino). Nelle proposte di aggiornamento viene indicata un’ulteriore
dell’azione nel PdG       specie: Testudo hermanni (Testuggine comune).
(=relazione con           La mancanza di dati circa l’effettivo stato di conservazione di tali specie
l’obiettivo generale di   presenti all’interno del SIC non rende possibile, allo stato attuale, la
PdG)                      progettazione di interventi di protezione; è auspicabile un monitoraggio del
                          numero di esemplari presenti sull’isola e dei siti più importanti di
                          ovideposizione, per quanto riguarda le due specie di Testuggine.

Finalità dell’azione      Tutela della specie faunistiche, ed in particolare dell’erpetofauna di
(obiettivo generale)      interesse comunitario elencate nella Scheda Natura 2000.

Finalità dell’azione      Migliorare lo stato delle conoscenze sulle popolazioni delle specie
(obiettivo specifico)     faunistiche di interesse comunitario presenti nel sito e del loro status di
                          conservazione al fine di individuare criteri di gestione idonei alla
                          conservazione.

Descrizione dell’azione L’attività di monitoraggio dovrà essere finalizzata a:
(metodologia)           − Valutare la consistenza numerica degli esemplari oggetto del
                        monitoraggio;
                        − Valutare la distribuzione per classi d’età;
                        − Individuare i siti di ovideposizione delle specie;
                        − Valutare la capacità di insediamento delle coppie;
                        − Valutare il successo riproduttivo.
                        Il monitoraggio sarà svolto da due faunisti (con opportuni turni) nel
                        periodo
                        maggio-giugno, per almeno 2 anni consecutivi.




                                    RE_06/360/P                                                         123
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                   della Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed               -   Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario (MR5)
integrazioni con altri
interventi e iniziative       -   Monitoraggio delle specie ornitiche di interesse comunitario (MR3)
                              -   Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
Priorità dell’azione      Bassa
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     3 mesi (Aprile, Maggio, Giugno) per almeno due anni consecutivi con
e stima dei costi         elaborazione di relazione tecnica.
                          Costo totale dell’intervento: € 8.000 (4.000 /anno)

Risorse umane             2 faunisti esperti in erpetofauna
coinvolte                 Enti di ricerca
Indicatori target         L’attività di monitoraggio sarà finalizzata a evidenziare le variazioni degli
                          indicatori target quali:
                          − Check list dell’erpetofauna;
                          − Fenologia riproduttiva;
                          − Dinamica della popolazione (variazione nel tempo del numero di
                          individui).




                                    RE_06/360/P                                                           124
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                            (ITB040020)


                          Titolo dell’azione             Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR5                                              degli habitat di interesse comunitario

                                                         Generale X       Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                    straordinaria          X ordinaria
Parte di territorio       Tutta l’area del SIC interessata da habitat di interesse comunitario
interessata
Descrizione dello stato Lo status di conservazione degli habitat di interesse comunitario, in base
attuale e               alla Scheda Natura 2000, risulta diversificato nei diversi habitat. Si passa da
contestualizzazione     un ridotto stato di conservazione delle “Praterie di posidonia (Posidonion
dell’azione nel PdG     oceanicae)”, a uno stato di conservazione eccellente di habitat come
(=relazione con         “Scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con Limonium spp.
l’obiettivo generale di endemici” e “Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-
PdG)                    Brachypodietea”.
                        Per poter tutelare gli habitat e le specie vegetali è indispensabile migliorare
                        le conoscenze riguardo l’attuale stato di conservazione e valutare eventuali
                        modifiche in funzione dei processi gestionali avviati. Il monitoraggio sarà
                        pertanto uno strumento utile per la conoscenza delle dinamiche in atto che
                        interessano gli habitat e le specie in essi presenti.
Finalità dell’azione    Tutela degli habitat di interesse comunitario e monitoraggio delle
(obiettivo generale)    dinamiche successionali degli habitat elencati dalla Scheda Natura 2000.
Finalità dell’azione    Monitorare lo status di conservazione attuale degli habitat di Interesse
(obiettivo specifico)   Comunitario: valutare le eventuali variazioni di copertura percentuale e di
                        status dovute alla gestione del sito ed in relazione alle dinamiche naturali
                        attualmente in atto. Valutare l’effettiva presenza degli habitat, il
                        cambiamento nel corso del tempo della loro estensione e del contingente di
                        specie floristiche che li caratterizza, nell’ottica della comprensione e della
                        gestione delle dinamiche successionali in atto.
Descrizione dell’azione Il monitoraggio degli habitat andrà effettuato mediante analisi
(metodologia)           (fotointerpretazione) di foto aeree.
                        Quest’azione sarà realizzata con tipologie di mappatura sovrapponibili: 1)
                        gli habitat individuati da comunità vegetali seriali saranno cartografati
                        (definizione di poligoni); 2) gli habitat identificati da comunità vegetali
                        azonali saranno mappati mediante simbologia puntiforme. Tale
                        metodologia è suggerita dalla diversa condizione ecologica di questi
                        differenti habitat: gli habitat azonali occupano spazi limitati (lineari o
                        puntiformi) e difficilmente mutabili nel tempo; gli habitat seriali sono




                                    RE_06/360/P                                                       125
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          invece estesi su vaste superfici e poiché sono legati da rapporti dinamici
                          vanno incontro a notevoli cambiamenti nel tempo, che necessitano
                          monitoraggi a scale spaziali e temporali adeguate. Il prodotto finale sarà
                          una carta degli habitat alla scala 1:5.000 con anche simbologie puntiformi
                          che indicheranno i microhabitat azonali delle falesie, delle dune e delle
                          depressioni umide.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                   della Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed               Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione      Media
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     Lo studio cartografico sarà realizzato per almeno sei anni con frequenza
e stima dei costi         biennale. Elaborazione di relazione tecnica e di prodotti cartografici.
                          Costo totale dell’intervento: € 8.000 (4.000 /anno)

Risorse umane             − Società di rilievi aerofotogrammetrici;
coinvolte                 − Enti di ricerca
                          − cartografo esperto G.I.S.

Indicatori target         - La ricchezza specifica di ciascun habitat di Interesse Comunitario;
                          − La copertura percentuale degli habitat di Interesse Comunitario sul
                          totale;
                          − La frammentazione degli habitat di Interesse Comunitario;
                          − La connettività degli habitat di Interesse Comunitario;
                          − I trend evolutivi o regressivi degli habitat di Interesse Comunitario.




                                    RE_06/360/P                                                      126
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                             ITB040020


                          Titolo dell’azione              Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR6                                               della specie di interesse comunitario
                                                          Brassica insularis Moris (Cavolo selvatico)
                                                          Generale X       Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                    straordinaria          X ordinaria
Parte di territorio       Aree del SIC interessate dalla presenza di Brassica insularis
interessata
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione della specie di interesse comunitario Brassica
attuale e                 insularis risulta essere, in base ai dati della Scheda Natura 2000, buono.
contestualizzazione       Tuttavia per poter tutelare la specie è indispensabile conoscerne a fondo lo
dell’azione nel PdG       stato di conservazione in un arco temporale di almeno tre anni per poterne
(=relazione con           valutare eventuali modifiche in funzione dei processi gestionali avviati. Il
l’obiettivo generale di   monitoraggio sarà pertanto uno strumento utile per la conoscenza delle
PdG)                      dinamiche in atto che interessa la popolazione di Brassica insularis.




Finalità dell’azione      Tutela delle specie di interesse comunitario: Brassica insularis Moris (Cavolo
(obiettivo generale)
                        selvatico)
Finalità dell’azione    Migliorare il grado di sensibilizzazione ed informazione riguardo le specie
(obiettivo specifico)   di interesse comunitario. Monitorare lo status di conservazione attuale di
                        Brassica insularis, le eventuali variazioni di copertura percentuale del suo
                        popolamento.
Descrizione dell’azione Il monitoraggio prevede rilevi fitosociologici nelle aree maggiormente
(metodologia)           interessate dalla presenza di Brassica insularis. All’interno di queste aree
                        opportunamente scelte, in base all’omogeneità della vegetazione e del
                        substrato, andranno effettuati rilievi fitosociologici, in particolare nel
                        periodo di massima fioritura (marzo-maggio).
                        Tale monitoraggio permetterà di aggiornare di volta in volta l’elenco
                        floristico e la copertura % di Brassica insularis: ciò permetterà di
                        comprendere le variazioni del popolamento di Cavolo selvatico.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di               -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione




                                      RE_06/360/P                                                      127
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS
                                   della Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed              Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2)
integrazioni con altri       Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario (MR5)
interventi e iniziative      Interventi di tutela di Brassica insularis Moris (Cavolo selvatico) (IA15)
Priorità dell’azione      Media
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento            Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                            ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     3 anni circa con campionamenti nel periodo febbraio-giugno e settembre
e stima dei costi         ottobre.
                          Elaborazione di relazione tecnica.
                          Costo totale dell’intervento: €6.000 (2.000 /anno)

Risorse umane             Enti di ricerca
coinvolte
Indicatori target             -   Presenza/assenza di Brassica insularis;
                              -   La copertura percentuale della specie all’interno di ciascun rilievo
                                  fitosociologico.




                                     RE_06/360/P                                                          128
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR7                                               della dinamica costiera e meteo-marina

                                                          Generale      X     Localizzata 



Tipo azione                 intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Approfondire la conoscenza scientifica e specialistica per la valutazione dello
                           stato di qualità degli habitat e dell’evoluzione del sistema ecologico.
Gestione                   X straordinaria            ordinaria
Parte     di    territorio Tutto il Sic
interessata
Descrizione dello stato Nell’ambito delle attività di ricerca condotte nel “Programma di attività
attuale                  e finalizzate alla realizzazione dell’oasi geoamarina di Capo Carbonara” sono
contestualizzazione        già state in parte definite ed analizzate le dinamiche geomorfologiche del
dell’azione nel PdG        settore costiero in esame. I risultati emersi da queste ricerche pregresse
(=relazione           con dovranno costituire riferimento per gli studi futuri.
l’obiettivo generale di
PdG)
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Controllare e verificare continuativamente l’evoluzione dei processi di
(obiettivo specifico)           funzionamento e di trasformazione degli habitat, e del sistema ecologico
Descrizione dell’azione Le azioni di studio e ricerca sono finalizzate alla conoscenza dell’assetto
(metodologia)              geomorfologico e dello stato evolutivo dei sistemi di spiaggia e delle dune e
                           devono considerare le forme, i processi e le dinamiche che avvengono nel
                           settore emerso e sommerso. Il monitoraggio dovrà considerare i metodi ed i
                           risultati emersi dalle analisi e dagli studi eseguiti nel progetto IA_17, nonché
                           avvalersi delle strumentazioni in esso previste.
                           Le azioni di monitoraggio possono essere cosi schematizzate:
                           – Rilevamento morfologico e topografico di dettaglio della spiaggia
                                emersa e sommersa lungo i profili di spiaggia finalizzati al
                                riconoscimento del profilo d’equilibrio della spiaggia e delle sue
                                variazioni morfologiche tramite rilievi sul campo, rilevamenti
                                subacquei, interpretazione di immagini telerilevate e utilizzo del GPS
                                differenziale; realizzazione del profilo di spiaggia invernale e di quello
                                estivo;
                           – Misurazione dei parametri ondametrici e correntometrici attraverso le
                                strumentazioni previste nel progetto IA_17;
                           – Campionamento e analisi sedimentologica di campioni di sabbia della
                                spiaggia emersa e sommersa per la definizione della composizione




                                     RE_06/360/P                                                         129
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                            mineralogica, attraverso specifiche analisi al microscopio, e
                            granulometrica tramite utilizzo di vagli;
                         – Monitoraggio della struttura e del funzionamento delle celle di
                            sedimentazione e del bilancio sedimentario dei sistemi di spiaggia
                         – Posizionamento di una stazione meteo per la determinazione dei
                            principali parametri climatici (dati anemometrici, pluviometrici, termici
                            e idrometrici), rilievo e trattamento dei dati
                         – Individuazione di transetti trasversali ai corpi dunari, estesi dal limite
                            della berma di tempesta fino al limite interno del settore dunare
                            semistabilizzato su cui basare i rilevamenti topografici, morfo-
                            vegetazionali, geomorfologici e sedimentari, posizionati ad una distanza
                            non superiore ai 100 metri tra loro.
                         – Rilevamento topografico, morfo-vegetazionale e geomorfologico di
                            dettaglio della duna, finalizzato al riconoscimento del profilo
                            topografico, dell’assetto geomorfologico e della seriazione vegetale
                            psammofila, tramite rilievi sul campo, interpretazione di immagini
                            telerilevate, utilizzo del GPS differenziale;
                         – Monitoraggio sedimentologico di campioni di sabbia della duna per la
                            definizione della composizione mineralogica, attraverso specifiche
                            analisi al microscopio, e granulometrica tramite utilizzo di vagli nei
                            diversi settori della duna;
                         – Posizionamento di trappole per sedimenti per la definizione del
                            trasporto sedimentario dai settori di avanspiaggia e retrospiaggia e per
                            la individuazione di ambiti di accumulo e di erosione;
                         – Posizionamento di caposaldi di riferimento per la verifica della mobilità
                            dei corpi sabbiosi e per le modificazioni volumetriche di materiale
                            sabbioso; Misurazione dei parametri morfometrici del sistema dunare
                            mobile e semistabilizzato.
                         – Controllo e verifica delle azioni previste atte a ristabilire l’equilibrio dei
                            processi geomorfologici e vegetazionali nei settori dunari mobili e
                            semistabilizzati
Soggetto         gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di          Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi     economici    - Operatori turistici delle strutture alberghiere ed extralberghiere locali
coinvolti                  - Titolari delle concessioni demaniali per servizi turistico-ricreativi a
                           supporto delle balneazione
Correlazioni            ed IA2 - Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali di Interesse
integrazioni con altri Comunitario
interventi e iniziative    IA3 - Interventi di ripristino e rinaturalizzazione della vegetazione dunale a
                           tutela dell’erosione
                           IA4 - Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera
                           IA7 - Raccolta e conservazione del germoplasma per il ripristino in situ degli
                           habitat di interesse comunitario e del sistema dunale
Priorità dell’azione       MEDIA
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.5.b – Interventi di
programmatici e linee valorizzazione delle aree anche mediante l’organizzazione dell’accessibilità e
di finanziamento           della fruibilità




                                     RE_06/360/P                                                       130
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Tempi                   Tempo 36 mesi
e stima dei costi       Costo totale 20.000
Risorse           umane 1 geomorfologo eperto in dinamica costiera
coinvolte               1 sedimentologo esperto di sistemi sabbiosi litoranei
                        Professioniltà esperte nel rilavemento subacqueo (Geomorfologia, biologia
                        marina)
                        1 geofisico marino esperto in rilevamenti indiretti del fondale marino e
                        analisi meteomarini
                        1 botanico per il rilevamento della vegetazione dunare
Indicatori target       – Bilancio sedimentario del sistema fisiografico costiero
                        – Regime energetico nel settore sommerso
                        – Portate solide dei corsi d’acqua alla foce
                        – Bilancio sedimentario dei sistemi di spiaggia
                        – Distribuzione mineralogiche e granulometriche dei sedimenti nella
                             spiaggia emersa e sommersa
                        – Parametri morfometrici della spiaggia emersa-sommersa
                        – Parametri morfometrici dei corpi dunari
                        – Grado di seriazione morfo-vegetazionale del sistemi dunari
                        – Grado di frammentazione delle componenti morfo-vegetazionali dei
                             corpi dunari
                        – Numero e dimensione dei blowout presenti all’interno dei corpi dunari
                        – Rapporto tra le superfici delle componenti morfo-vegetazionali dei corpi
                             dunari
                        – Distribuzione granulometriche e tessiturale dei sedimenti nei corpi
                             dunari




                                   RE_06/360/P                                                     131
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione              SIC                            ITB040020


                           Titolo dell’azione             Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR8                                               della qualità delle acque dello stagno di
                                                          Noteri
                                                          Generale        Localizzata X



Tipo azione                 intervento attivo (IA)
                            regolamentazione (RE)
                            incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                            programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale       Approfondire la conoscenza scientifica e specialistica per la valutazione dello
                           stato di qualità degli habitat e dell’evoluzione del sistema ecologico.
Gestione                   X straordinaria           ordinaria
Parte     di    territorio Stagno di Notteri
interessata
Descrizione dello stato Lo stagno di Noteri ha una superficie di circa 34 ha ed una profondità media
attuale                  e di 30 cm. Le acque, oligotrofiche, hanno un elevato grado di salinità. Lo
contestualizzazione        stagno è delimitato da una fascia peristagnale costituita da estesi canneti a
dell’azione nel PdG        Phragmithes australis e nuclei di Tamerici (Tamarix sp.pl.).
(=relazione           con La vegetazione degli ambienti salmastri presente attorno allo stagno di
l’obiettivo generale di Notteri e quella delle acque dello stagno stesso è strettamente legata al
PdG)                       regime idrico e alle attività antropiche ad esso correlate (habitat *1150
                           “Lagune costiere”; habitat 1420 “Praterie e fruticeti alofili mediterranei e
                           termo-atlantici (Sarcocornietea fruticosi)”; habitat 1410 “Pascoli inondati
                           mediterranei (Juncetalia maritimi)”; habitat *1510 “Steppe salate mediterranee
                           (Limonietalia)”; habitat 1430 “Praterie e fruticeti alonitrofili (Pegano-
                           Salsoletea)”. Il cambiamento della tipologia naturale di questi habitat è stato
                           compromesso nel tempo dal prelievo artificiale di acqua salata per le attività
                           di talassoterapia delle strutture alberghiere limitrofe. La conseguente
                           immissione di acqua dolce ha alterato l’equilibrio chimico-fisico delle acque
                           salmastre e di conseguenza delle comunità biotiche ad esso connesse.
                           Testimonianza di questo cambiamento la presenza di Phragmites australis
                           specie caratteristica di comunità elofitiche di acqua dolce della classe
                           Phragmito-Magnocaricetea. Equilibri già di per sé precari, ma di enorme
                           valore naturalistico anche per le relazioni trofiche strettamente correlate a
                           specie animali importantissime quali il fenicottero rosa di cui Notteri è una
                           tappa frequente del suo passaggio. Per completare le vicende storiche che
                           hanno reso frammentari e discontinui questi habitat alofili non bisogna
                           dimenticare le numerose costruzioni e strade presenti da oltre trent’anni e
                           limitrofe allo stagno.
Finalità     dell’azione Assicurare la conservazione degli habitat e delle specie vegetali e animali
(obiettivo generale)       presenti, prioritari e non.
Finalità     dell’azione – Controllare e verificare continuativamente l’evoluzione dei processi di
(obiettivo specifico)           funzionamento e di trasformazione degli habitat e del sistema ecologico




                                     RE_06/360/P                                                       132
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Descrizione dell’azione Sulla base delle conoscenze che derivano dall’attuazione del D.Lgs 152/99 e
(metodologia)              successive modificazioni e integrazioni è opportuno intensificare attraverso
                           un’attenta programmazione le azioni di monitoraggio al fine di conseguire
                           una conoscenza esaustiva e integrata dello stato ecologico – ambientale
                           dell’intero sistema umido di Osalla.
                           A tal riguardo possono essere individuate le seguenti azioni.
                           – individuazione delle stazioni di campionamento in relazione
                           a) alle fonti di impatto diffuso e puntuale del territorio,
                           b) alla peculiarità del sistema in relazione ai processi delle dinamiche idriche,
                           c) alle esigenze territoriali,
                           d)alle potenzialità del territorio
                           – scelta dei parametri e frequenza dei campionamenti
                           – Interpretazione dei risultati anche in relazione alle diverse componenti
                                 biotiche e abiotiche del sistema
Soggetto          gestore Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di Coerentemente alle Direttive, indirizzi e linee guida relativi all’attuazione
attuazione                 della Rete Natura 2000
Interessi      economici Operatori turistici delle strutture alberghiere locali (Timi Ama)
coinvolti
Correlazioni            ed MR7 - Monitoraggio della dinamica costiera e meteo-marina
integrazioni con altri MR5 - Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario
interventi e iniziative    IA19 - Realizzazione di un area attrezzata per il Birdwatching presso lo
                           stagno di Noteri
Priorità dell’azione       Media
Riferimenti                Misura 1.5 – Rete Ecologica Regionale – Azione 1.7c Progettazione e
programmatici e linee implementazione di sistemi e reti di monitoraggio
di finanziamento
Tempi                      36 mesi
e stima dei costi          10.000 €
Risorse            umane Personale specializzato in campionamenti e analisi delle acque oltre che in
coinvolte                  analisi territoriali.
Indicatori target          – Parametri chimico-fisici, chimici e microbiologici delle acque fluviali e
                                 lagunari
                           – Utilizzo di bioindicatori specifici (E.B.I., I.F.F) nel settore fluviale,
                                 benthos nel settore lagunare)




                                      RE_06/360/P                                                        133
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                             ITB040020


                          Titolo dell’azione              Monitoraggio e studio di approfondimento
        MR9                                               dell’habitat   prioritario   “Praterie di
                                                          posidonia (Posidonion oceanicae)”
                                                          Generale        Localizzata X



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           X programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                           programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica
Gestione                    straordinaria          X ordinaria
Parte di territorio       Parte marina del SIC
interessata
Descrizione dello stato   Lo status di conservazione dell’habitat di interesse comunitario “Praterie di
attuale e                 posidonia (Posidonion oceanicae)” risulta essere, in base ai dati della Scheda
contestualizzazione       Natura 2000, medio-ridotto. Esso è infatti soggetto a diverse criticità:
dell’azione nel PdG       fenomeni di disturbo del fondale marino, innescati dalla posa di ancore e
(=relazione con           dall’agitazione delle acque a causa del passaggio di imbarcazioni, e scarsa
l’obiettivo generale di   sensibilizzazione e conoscenza dell’habitat stesso. Il monitoraggio sarà
PdG)                      pertanto uno strumento utile per la conoscenza delle dinamiche in atto che
                          interessano l’habitat e le specie in esso presenti.



Finalità dell’azione      Tutela degli habitat di interesse comunitario e monitoraggio delle
(obiettivo generale)      dinamiche successionali dei seguenti habitat:
                                -   Praterie di posidonie (Posidonion oceanicae) (cod. 1120*)


Finalità dell’azione      Incrementare le conoscenze riguardo l’habitat di interesse comunitario
(obiettivo specifico)     “Praterie di posidonia (Posidonion oceanicae)”.
                          Monitorare lo status di conservazione attuale, creare sensibilizzazione,
                          orientamento della fruizione, individuazione di criteri gestionali

Descrizione dell’azione Il monitoraggio sarà volto in particolare allo studio delle variazioni spazio-
(metodologia)           temporali della struttura delle praterie per diagnosticare le tendenze
                        evolutive e predire eventuali cambiamenti futuri. A tale scopo saranno
                        monitorati dei siti prescelti, fissando dei punti di riferimento permanenti
                        (balises o corpi morti), sulla base dei quali seguire, nel tempo, la dinamica
                        della prateria e l’evoluzione della sua vitalità.
                        Il monitoraggio prevede rilievi da effettuare sul fondale per un totale di
                        circa 30 immersioni: i parametri che saranno considerati per descrivere lo
                        status del posidonieto sono i seguenti:
                        − densità (fasci fogliari/mq) misurata in 5 quadrati (40X40 cm) per ogni




                                      RE_06/360/P                                                      134
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          stazione segnalata da balises;
                          − numero medio di foglie per ciuffo, indice fogliare, coefficiente “A” (% di
                          apici rotti sul numero totale di foglie);
                          − produzione primaria fogliare per fascio.
                          Il monitoraggio permetterà di stabilire l’esatta estensione del posidonieto, e
                          di effettuare quindi una precisa mappatura con relativa cartografia utile ai
                          fini gestionali dell’habitat di interesse comunitario.

Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                              Regione Sardegna.
Interessi economici       Enti di ricerca scientifica e monitoraggio ambientale
coinvolti
Correlazioni ed                -   Monitoraggio floristico della vegetazione dunale (MR2);
integrazioni con altri         -   Monitoraggio delle specie alloctone invasive (MR1);
interventi e iniziative        -   Installazione di gavitelli di ancoraggio per la tutela dell’habitat
                                   marino “Praterie di Posidonia” (IA6).
Priorità dell’azione      Media
Riferimenti                POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee
di finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia
                              ambientale;
                           Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire)
Tempi                     Lo studio sarà realizzato per almeno quattro anni con frequenza biennale.
e stima dei costi         Elaborazione di relazione tecnica e di prodotti cartografici.
                          Costo totale: € 10.000 ca.

Risorse umane             Enti di ricerca; cartografo esperto G.I.S.; tipografia.
coinvolte
Indicatori target         Gli elementi da monitorare per valutare lo stato di conservazione
                          dell’habitat sono:
                          − area totale occupata dall’habitat;
                          − importanza relativa (%) dell’area occupata dall’habitat nel SIC rispetto
                          all’areale totale dell’habitat;
                          − numero di popolazioni (patches);
                          − I trend evolutivi o regressivi.




                                     RE_06/360/P                                                         135
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




Scheda azione             SIC                             ITB040020


                          Titolo dell’azione              Pannellistica, cartellonistica didattica e
         PD1                                              tabellonistica

                                                          Generale          Localizzata X



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                          X programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità ecologica;
                          interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                  X straordinaria             ordinaria
Parte di territorio       Nelle aree del SIC interessate da fruizione
interessata
Descrizione dello stato   La maggior parte delle aree pertinenti al SIC si trova in condizioni non sempre
attuale e                 ottimali dal punto di vista della didattica naturalistica e della
contestualizzazione       sensibilizzazione/informazione: sono sprovvisti di pannelli e di cartellonistica
dell’azione nel PdG       che possano informare correttamente sull’esistenza del SIC, sulla vigenza di
(=relazione con           norme di comportamento, sulle opportunità di fruizione (indicazioni sui
l’obiettivo generale di   sentieri più vicini, aree sosta, rifugi e foresterie, ecc)
PdG)                      La mancanza di una corretta informazione e pannellistica aumenta la
                          possibilità di usi impropri a danno e disturbo degli habitat e delle specie di
                          interesse comunitario. Inoltre tali condizioni pregiudicano le opportunità di
                          fruizione per visitatori e turisti provenienti dalla costa, ed anche degli
                          operatori tecnico–scientifici che frequentano l’area.
Finalità dell’azione      Tutela degli habitat di interesse comunitario mediante il miglioramento
(obiettivo generale)      dell’accesso e della fruizione del sito e la valorizzazione delle risorse naturali
                          ed ambientali presenti sul territorio.
Finalità dell’azione      Indirizzare la frequentazione del sito compatibilmente con le esigenze di
(obiettivo specifico)     conservazione, mediante la produzione di pannelli, cartelli e tabelloni da
                          posizionare lungo i percorsi naturalistici e nei punti più suggestivi del
                          territorio.
Descrizione dell’azione   Gli elementi si differenziano in base alla funzione svolta ed alla loro
(metodologia)             localizzazione:
                          1. i pannelli informativi riportano le informazioni essenziali per la fruizione
                          del sito: la presentazione del SIC, del suo territorio e degli habitat/specie
                          presenti; informazioni generali relative alla Rete Natura 2000; informazioni
                          relative alle principali valenze ambientali e storico-paesaggistiche del sito; le
                          norme di comportamento da rispettare per ridurre il danneggiamento degli
                          habitat ed il disturbo alle specie di interesse comunitario; una cartografia con
                          indicazioni riguardo i sentieri naturalistici, la loro lunghezza e durata media,
                          ecc. generalmente saranno posizionati nei principali punti di accesso al sito.
                          2. i cartelloni svolgono una funzione specifica relativamente alla didattica, in




                                    RE_06/360/P                                                        136
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                           quanto illustrano le caratteristiche del singolo habitat o della singola specie
                           presente. Saranno posizionati lungo i sentieri naturalistici in prossimità
                           dell’habitat oggetto della loro descrizione.
                           3. la tabellonistica ha infine funzione regolamentare, avvisando i visitatori
                           della presenza di esplicite norme, divieti, interdizioni in aree particolarmente
                           sensibili per la flora o per la fauna.
                           Tutte le 3 tipologie di elementi saranno realizzati su strutture dal basso
                           impatto ambientale e paesaggistico in modo da inserirsi nell’ambiente
                           circostante.
                           Si prevede di realizzare una serie di pannelli didattico-informativi da
                           installare nei punti di accesso del SIC: i pannelli, installati su delle strutture
                           portanti in legno (bacheche), saranno del tipo verticale con tettoia per le norme
                           di comportamento e le informazioni sul SIC; saranno invece del tipo a leggio
                           per le informazioni naturalistiche, paesaggistiche-storico-archeologiche.

Soggetto gestore           Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di              -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                               -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                               -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                   Regione Sardegna.
Interessi economici        L’intervento sarà realizzato con il coinvolgimento degli EE.LL. del territorio, le
coinvolti                  forze sociali e culturali; operatori turistici locali.
Correlazioni ed            Integrazione e correlazione con gli interventi di sostenibilità socio-economica
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione       Media
Riferimenti                 POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento                Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                         Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                   1 anno per la progettazione e realizzazione dei pannelli
e stima dei costi       Costo compresi disegni, foto, testi, impostazione grafica € 900/pannello circa.
Risorse umane coinvolte Società di ingegneria ambientale per la progettazione degli articoli;
                        Ditta per la produzione degli articoli;
                        Ditta per la messa in opera degli articoli.
Indicatori target       Numero di visitatori del SIC




                                     RE_06/360/P                                                         137
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              ITB040020


                          Titolo dell’azione               Produzione di materiale informativo sul SIC
         PD2
                                                           Generale X         Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                          X programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                  X straordinaria           ordinaria
Parte di territorio       Intera area SIC
interessata
Descrizione dello stato   Ad oggi il SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” è scarsamente
attuale e                 conosciuto in quanto SIC e come sito della Rete Natura 2000. In merito a ciò, la
contestualizzazione       principale criticità è proprio la scarsa sensibilizzazione e la scarsa conoscenza
dell’azione nel PdG       degli habitat e delle specie di interesse comunitario presenti nel SIC: si tratta di
(=relazione con           un forte limite in quanto la mancanza di informazione ambientale, e di
l’obiettivo generale di   conseguenza la non consapevolezza da parte dei fruitori dell’area delle
PdG)                      esigenze di tutela, porta spesso a determinare comportamenti scorretti che
                          danneggiano il sito; al contrario la sensibilizzazione e l’informazione mirata
                          porta il fruitore ad adottare comportamenti coerenti con gli obiettivi di
                          conservazione del sito. La partecipazione e la sensibilizzazione dei fruitori
                          dell’area risulta quindi indispensabile per una corretta gestione del sito
                          nell’ottica di una fruizione eco-compatibile con gli obiettivi di tutela. In
                          funzione degli obiettivi di tutela delle valenze naturalistiche presenti, si
                          prevede quindi di incrementare la conoscenza del SIC in quanto tale.
Finalità dell’azione      Migliorare l’informazione, la sensibilizzazione e l’orientamento della fruizione
(obiettivo generale)      del SIC, al fine di limitare i comportamenti e le attività economiche dannose.
Finalità dell’azione      Incentivare la conoscenza delle caratteristiche naturalistiche del sito per
(obiettivo specifico)     incrementare un tipo di turismo eco-sostenibile e in accordo con le esigenze
                          conservazionistiche e sensibilizzare le comunità locali, gli enti proposti e gli
                          operatori turistici ai fattori di minaccia che si oppongono alla conservazione in
                          uno stato soddisfacente delle emergenze naturalistiche.
Descrizione dell’azione   Per quanto riguarda il materiale divulgativo si prevede la realizzazione di un
(metodologia)             depliant contenente i riferimenti al SIC, la sua appartenenza alla Rete Natura
                          2000, le sue caratteristiche naturalistiche ed ambientali, le modalità di
                          fruizione (accessibilità, sentieristica, norme di comportamento, <) ed i
                          riferimenti del soggetto gestore (sito internet, numeri utili, servizio di
                          controllo, <)
                          Si prevede un formato del depliant in A4, stampa in quadricromia, almeno
                          2.000 copie; si prevedono delle locandine formato A3, stampa in quadricromia,
                          almeno 500 copie.




                                    RE_06/360/P                                                          138
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          La distribuzione del materiale sarà organizzata dai Comuni ricadenti nel SIC e
                          sarà reperibile presso i principali operatori turistici e gli sportelli informativi.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       L’intervento sarà realizzato con il coinvolgimento degli EE.LL. del territorio, le
coinvolti                 forze sociali e culturali; operatori turistici locali.
Correlazioni ed           Integrazione e correlazione con gli interventi di sostenibilità socio-economica
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    1 anno
e stima dei costi        Costo per la produzione del materiale: € 30.000 (compreso importo per
                         disegni, foto, testi, impostazione grafica)
Risorse umane coinvolte 1 grafico;
                         1 esperto comunicazione ambientale.
Indicatori target        Numero di visitatori del SIC




                                    RE_06/360/P                                                          139
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              ITB040020


                          Titolo dell’azione               Campagna di comunicazione
         PD3
                                                           Generale X         Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                          X programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                  X straordinaria           ordinaria
Parte di territorio       Intera area SIC
interessata
Descrizione dello stato   Ad oggi il SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” è scarsamente
attuale e                 conosciuto in quanto SIC e come sito della Rete Natura 2000. In merito a ciò, la
contestualizzazione       principale criticità è proprio la scarsa sensibilizzazione e la scarsa conoscenza
dell’azione nel PdG       degli habitat e delle specie di interesse comunitario presenti nel SIC: si tratta di
(=relazione con           un forte limite in quanto la mancanza di informazione ambientale, e di
l’obiettivo generale di   conseguenza la non consapevolezza da parte dei fruitori dell’area delle
PdG)                      esigenze di tutela, porta spesso a determinare comportamenti scorretti che
                          danneggiano il sito; al contrario la sensibilizzazione e l’informazione mirata
                          porta il fruitore ad adottare comportamenti coerenti con gli obiettivi di
                          conservazione del sito. La partecipazione e la sensibilizzazione dei fruitori
                          dell’area risulta quindi indispensabile per una corretta gestione del sito
                          nell’ottica di una fruizione eco-compatibile con gli obiettivi di tutela. In
                          funzione degli obiettivi di tutela delle valenze naturalistiche presenti, si
                          prevede quindi di incrementare la conoscenza del SIC in quanto tale.
Finalità dell’azione      Migliorare l’informazione, la sensibilizzazione e l’orientamento della fruizione
(obiettivo generale)      del SIC tra la popolazione locale ed i turisti al fine di limitare i comportamenti
                          e le attività economiche dannose
Finalità dell’azione      Incentivare la conoscenza delle caratteristiche naturalistiche del sito per
(obiettivo specifico)     incrementare un tipo di turismo eco-sostenibile e in accordo con le esigenze
                          conservazionistiche e sensibilizzare le comunità locali, gli enti proposti e gli
                          operatori turistici ai fattori di minaccia che si oppongono alla conservazione in
                          uno stato soddisfacente delle emergenze naturalistiche.
Descrizione dell’azione   L’intervento prevede la realizzazione di una campagna di comunicazione
(metodologia)             finalizzata a migliorare la conoscenza delle esigenze di tutela del SIC da parte
                          della popolazione locale e dei turisti. La campagna è articolata in tre sotto-
                          azioni:
                          1. definizione di un programma di comunicazione;
                          2. realizzazione di materiale divulgativo;
                          3. organizzazione di un evento pubblico.
                          Per quanto riguarda il materiale divulgativo si rimanda a quanto previsto




                                    RE_06/360/P                                                          140
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          dall’intervento PD2 - Produzione di materiale informativo.
                          Il programma di comunicazione ha l’obiettivo di individuare le modalità più
                          efficace per la distribuzione e la diffusione dei materiali prodotti, in modo da
                          raggiungere i soggetti più interessati: la distribuzione del materiale sarà
                          organizzata dal Comune interessato dal SIC.
                          L’evento pubblico ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza della Rete
                          Natura 2000 e delle esigenze di tutela degli habitat e delle specie di Interesse
                          Comunitario presenti nel SIC: a questo scopo si intende prevedere il patrocinio
                          della Regione Sardegna – Assessorato Difesa dell’Ambiente e dell’Azienda per
                          il Turismo.
                          Verranno coinvolte inoltre le scuole, il mondo dell’associazionismo locale, gli
                          operatori turistici.
                          Gli operatori turistici, la popolazione locale e gli enti proposti saranno
                          sensibilizzati sui seguenti aspetti:
                          - presenza, distribuzione e stato di conservazione degli habitat e delle specie
                          faunistiche di interesse comunitario;
                          - rischi che possono derivare da un uso indiscriminato delle risorse naturali
                          presenti nel SIC;
                          - misure di gestione previste dal Piano;
                          - valutazione di proposte provenienti dai partecipanti ai seminari su attività
                          economiche (turistiche, di educazione ambientale, <) che considerino le
                          relazioni tra l’attività stessa e l’ambiente naturale nel quale si inserisce
                          Da concordare le modalità di svolgimento (programma, interventi, <) e la
                          logistica dell’evento pubblico.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       L’intervento sarà realizzato con il coinvolgimento degli EE.LL. del territorio, le
coinvolti                 forze sociali e culturali; operatori turistici locali.
Correlazioni ed           Integrazione e correlazione con gli interventi di sostenibilità socio-economica
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    9 mesi
e stima dei costi        importo: € 40.000
Risorse umane coinvolte 1 grafico; 1 esperto comunicazione ambientale
                         1 addetto part-time per la segreteria e per l’organizzazione dell’evento..
Indicatori target        Numero di visitatori del SIC




                                    RE_06/360/P                                                         141
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



Scheda azione             SIC                              ITB040020


                          Titolo dell’azione               Realizzazione di un sito web
         PD4
                                                           Generale X         Localizzata 



Tipo azione                intervento attivo (IA)
                           regolamentazione (RE)
                           incentivazione (IN)
                           programma di monitoraggio e/o ricerca (MR)
                          X programma di educazione e di informazione (PD)
Strategia gestionale      Interventi per la sostenibilità socio-economica
Gestione                   straordinaria            X ordinaria
Parte di territorio       Intera area SIC
interessata
Descrizione dello stato   Ad oggi il SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” è scarsamente
attuale e                 conosciuto in quanto SIC e come sito della Rete Natura 2000. In merito a ciò, la
contestualizzazione       principale criticità è proprio la scarsa sensibilizzazione e la scarsa conoscenza
dell’azione nel PdG       degli habitat e delle specie di interesse comunitario presenti nel SIC: si tratta di
(=relazione con           un forte limite in quanto la mancanza di informazione ambientale, e di
l’obiettivo generale di   conseguenza la non consapevolezza da parte dei fruitori dell’area delle
PdG)                      esigenze di tutela, porta spesso a determinare comportamenti scorretti che
                          danneggiano il sito; al contrario la sensibilizzazione e l’informazione mirata
                          porta il fruitore ad adottare comportamenti coerenti con gli obiettivi di
                          conservazione del sito. La partecipazione e la sensibilizzazione dei fruitori
                          dell’area risulta quindi indispensabile per una corretta gestione del sito
                          nell’ottica di una fruizione eco-compatibile con gli obiettivi di tutela. In
                          funzione degli obiettivi di tutela delle valenze naturalistiche presenti, si
                          prevede quindi di incrementare la conoscenza del SIC in quanto tale.
Finalità dell’azione      Migliorare l’informazione, la sensibilizzazione e l’orientamento della fruizione
(obiettivo generale)      del SIC, al fine di limitare i comportamenti e le attività economiche dannose
Finalità dell’azione      Incentivare la conoscenza delle caratteristiche naturalistiche del sito per
(obiettivo specifico)     incrementare un tipo di turismo eco-sostenibile e in accordo con le esigenze
                          conservazionistiche e sensibilizzare le comunità locali, gli enti proposti e gli
                          operatori turistici ai fattori di minaccia che si oppongono alla conservazione in
                          uno stato soddisfacente delle emergenze naturalistiche.
Descrizione dell’azione   Costruzione di un sito web dedicato al SIC. All’interno delle pagine web,
(metodologia)             direttamente accessibili al sito istituzionale del soggetto gestore, verranno
                          fornite le informazioni generali relative alla Rete Natura 2000 ed al SIC: in
                          particolare il sito si comporrà di sezioni dedicate a:
                          - Descrizione del territorio del SIC
                          - Habitat e specie di Interesse Comunitario
                          - Modalità di gestione del SIC, norme comportamentali
                          - Accesso al SIC (Come arrivare)
                          - Itinerari/Sentieristica




                                    RE_06/360/P                                                          142
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


                          - Servizi (ad es. Meteo in tempo reale)
                          - Educazione ambientale
                          - Manifestazioni, Novità, Pubblicazioni
                          - Area Download
                          - E-mail e contatti
                          Saranno previsti opportuni LINK con gli Enti locali (Regione Sardegna
                          Assessorato Difesa Ambiente, Ministero dell’Ambiente, Federparchi, Ente
                          Foreste Sardegna, <).
                          Il sito WEB verrà presentato all’interno dell’evento organizzato per far
                          conoscere il SIC.
Soggetto gestore          Comune di Villasimius
dell’intervento
Norme e regole di             -   Linee nazionali per la gestione dei Siti Natura 2000;
attuazione
                              -   Manuale per la redazione dei Piani di Gestione dei siti Natura 2000;
                              -   Linee guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS della
                                  Regione Sardegna.
Interessi economici       L’intervento sarà realizzato con il coinvolgimento degli EE.LL. del territorio, le
coinvolti                 forze sociali e culturali; operatori turistici locali.
Correlazioni ed           Integrazione e correlazione con gli interventi di sostenibilità socio-economica
integrazioni con altri
interventi e iniziative
Priorità dell’azione     Media
Riferimenti               POR Sardegna 2000-2006 Asse I - Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale -
programmatici e linee di
finanziamento              Azione 1.5.b: interventi di tutela, valorizzazione e salvaguardia ambientale;
                          Programma LIFE (programmazione 2007-2013, da definire).
Tempi                    6 mesi
e stima dei costi        importo: € 15.000
Risorse umane coinvolte 1 tecnico web master per l’impaginazione, la messa on-line del sito e per la
                         gestione dei servizi;
                         consulenze specifiche per la parte naturalistica
Indicatori target        Numero visitatori del SIC




                                    RE_06/360/P                                                         143
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




8 Valutazione dell’attuazione e monitoraggio del Piano
  di Gestione




Il Piano di Gestione,una volta approvato dal Comune di Villasimius e dalla Regione
Sardegna, sarà sottoposto ad una valutazione periodica.
La valutazione dell’attuazione del Piano è un elemento importante per valutare
l’efficacia delle azioni intraprese al fine di conseguire gli obiettivi generali di gestione.
La valutazione avverrà sulla base di un piano-programma con periodicità biennale e
sarà coordinata dal Comune di Villasimius, che terrà informata la Regione Sardegna
dello stato di attuazione.
La valutazione avverrà attraverso la verifica dei seguenti elementi:
– Grado di conseguimento degli obiettivi generali di gestione;
– Grado di conseguimento degli obiettivi operativi di gestione;
– Efficacia delle strategie di gestione adottate;
– Stato di avanzamento e/o realizzazione degli interventi previsti.

Attraverso la verifica di questi elementi sarà possibile valutare il Piano e prevederne
l’eventuale miglioramento e aggiornamento, che comprenderà:
– La revisione degli obiettivi operativi;
– La revisione delle strategie di gestione;
– La revisione degli interventi di gestione.

La valutazione del Piano sarà effettuata in base al grado di conseguimento degli
obiettivi operativi fissati per il periodo considerato, attraverso degli indicatori che
andranno monitorati per poter stimare:
– Lo status degli habitat e delle specie di interesse comunitario;
– La diminuzione dei fattori di minaccia;



                                   RE_06/360/P                                                     144
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


–     Il controllo del flusso di visitatori.

Attraverso il monitoraggio verrà verificato lo stato reale di conservazione del SIC e le
tendenze dinamiche in atto. Si potrà così accertare la validità delle misure gestionali
adottate e l’idoneità degli interventi previsti al conseguimento degli obiettivi di
conservazione delle risorse naturali e tutela della biodiversità.




8.1      Monitoraggio della sostenibilità ecologica

Come è stato più volte sottolineato, la valutazione dello status degli habitat e delle
specie di interesse comunitario presenti nel sito e l’analisi delle loro eventuali variazioni
nel tempo è di primaria importanza per una corretta gestione del SIC, caratterizzato da
un’alta valenza naturalistica degli ambienti presenti.
Anche per valutare il grado di attuazione del Piano è necessario monitorare
l’andamento dello stato di conservazione degli habitat e delle specie per poterlo
confrontare con lo status presente prima della realizzazione degli interventi.




8.1.1 Monitoraggio degli habitat

Il monitoraggio sarà finalizzato all’analisi dello status dei seguenti habitat,
comprendendo anche quelli rilevati in base all’aggiornamento proposto della Scheda
Natura 2000 (cfr. § 1.2.2, I PARTE):

             -   * Praterie di posidonie (Posidonion oceanicae)
             -   Arbusteti termo-mediterranei e pre-desertici
             -   * Dune costiere con Juniperus spp.
             -   Matorral arborescenti di Juniperus spp.
             -   Dune fisse del litorale del Crucianellion maritimae
             -   Dune mobili embrionali
             -   Vegetazione annua delle linee di deposito marine
             -   Acque stagnanti, da oligotrofe a mesotrofe, con vegetazione dei Littorellete
                 auniflorae e/o degli Isoëto-Nanojuncetea
             -   * Lagune costiere
             -   Scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con Limonium
                 spp.endemici
             -   Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)
             -   Praterie e fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornetea
                 fruticosi)



                                    RE_06/360/P                                                    145
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


           -   Banchi di sabbia a debole copertura permanente di acqua marina
           -   Steppe salate mediterranee (Limonietalia)
           -   * Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-
               Brachypodietea
           -   Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria
               («dune bianche»)
           -   Dune con prati dei Malcolmietalia
           -   * Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster
           -   Praterie e fruticeti alonitrofili (Pegano-Salsoletea)
           -   Gallerie e forteti ripari meridionali (Nerio-Tamaricetea e Securinegion
               tinctoriae
           -   Foreste di Olea e Ceratonia

Il monitoraggio di questi habitat permetterà di capire la loro effettiva presenza e
localizzazione all’interno del sito, nonché il livello evolutivo raggiunto dalle cenosi
vegetazionali e la loro distanza dalla vegetazione potenziale. Il monitoraggio degli
habitat andrà effettuato mediante il metodo Fitosociologico classico e attraverso l’analisi
delle foto aeree mediante fotointerpretazione.
Per l’analisi fitosociologica saranno scelti popolamenti elementari con vegetazione
omogenea e rappresentativi dell’habitat (minimo areale), in particolare:
– 10X10 metri per la vegetazione arbustiva
– 5X5 metri per la vegetazione erbacea
– transetto di 20 m di lunghezza per le cenosi psammofile legate agli ambienti dunali
    marini, e per le cenosi casmofitiche delle coste rocciose.
Sarà oggetto di monitoraggio anche il posidonieto “Praterie di posidonie (Posionion
oceanicae)”, in particolar modo per valutare le variazioni spazio-temporali della
struttura delle praterie.
Per il monitoraggio andranno utilizzati, in particolare, i seguenti parametri:
– La ricchezza di specie vegetali (ricchezza floristica);
– La copertura % di ciascuna specie;
– La percentuale di specie cosmopolite (che deve essere <10% della flora in un
    popolamento vegetale in buono stato di conservazione);
– La copertura di specie nitrofile (che deve essere <20% della superficie in un
    popolamento vegetale in buono stato di conservazione).


8.1.2 Monitoraggio delle specie vegetali

Per il SIC sono state individuate due specie vegetali inserite nell’allegato II della
Direttiva Habitat, la Brassica insularis e la Ruya polygama, quest’ultima di dubbia
presenza nel SIC. Pertanto saranno necessarie delle ricerche e dei sopralluoghi sul
campo più meticolosi per verificare la reale presenza o l’assenza di questa specie nel



                                   RE_06/360/P                                                     146
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


SIC. Il monitoraggio riguarderà quindi la Brassica insularis, presente nell’Isola dei
Cavoli, e le specie endemiche e d’interesse fitogeografico rilevate nel sito durante i
sopralluoghi svolti (§ 3.1.7 Parte II).


8.1.3 Monitoraggio della fauna

Le attività di monitoraggio dovranno essere finalizzate alla valutazione dello status e
del trend delle popolazioni di specie di rilevanza conservazionistica presenti nel SIC,
comprendendo anche quelle rilevate nelle uscite in campo (cfr. § 1.2.2, I PARTE):


Uccelli:
           -   Alcedo atthis
           -   Calonectris diomedea
           -   Caprimulgus europaeus
           -   Falco peregrinus
           -   *Larus audouinii
           -   * Phalacrocorax aristotelis desmarestii
           -   Phoenicopterus ruber
           -   Sterna sandvicensis
           -   Sylvia sarda
           -   Sylvia undata
           -   Puffinus yelkouan
           -   Egretta garzetta
           -   Milvus migrans
           -   Pernis apivorus
           -   Circus aeruginosus
           -   Alectoris barbara
           -   Recurvirostra avosetta
           -   Charadrius alexandrinus
           -   Sterna albifrons
           -   Melanocorypha calandra
           -   Calandrella brachydactyla
           -   Lullula arborea
           -   Anthus campestris
           -   Lanius collurio

Il monitoraggio delle specie ornitiche sarà svolto integrando tra loro le metodologie dei
punti di ascolto senza limiti di distanza, le osservazioni dirette e le catture con reti
(mist-nets). Queste ultime dovranno essere eseguite da inannellatori, dotati di apposito




                                   RE_06/360/P                                                     147
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


patentino dell’INFS. Tale attività verrà svolta nel periodo pre e post riproduttivo e di
svernamento delle specie sopra elencate.

Rettili :
 *Caretta caretta
 Phyllodactylus europaeus
     Testudo hermanni

Per valutare il trend delle popolazioni di questi rettili verranno organizzate campagne
di cattura e di monitoraggio durante il periodo riproduttivo (marzo-giugno).

Mammiferi:
- Myotis myotis

I monitoraggi di questa specie saranno svolti attraverso il conteggio degli individui
presenti nei roost (posatoi).




8.2      Monitoraggio della sostenibilità socio-economica

Considerando l’importanza che assume il servizio di sorveglianza per una corretta
gestione del SIC, è importante valutare l’efficienza di tale servizio per poterlo
eventualmente tarare in base alle specifiche esigenze gestionali o alle criticità che si
dovessero manifestare.
I parametri da monitorare saranno:
– Presenza di fenomeni di invasione degli habitat naturali ( ad es. da parte dei turisti);
– Presenza di degrado ambientale nelle aree regolamentate ed in quelle a maggiore
    valenza conservazionistica;
– Numero di incendi segnalati tempestivamente;
– Frequenza di incendi;
– Numero di infrazioni segnalate;
– Presenza di rifiuti all’interno del territorio del SIC;
– Presenza di danni alle strutture ed ai pannelli informativi.
E’ inoltre importante monitorare la regolamentazione del flusso di visitatori del SIC
attraverso l’analisi del:
– numero di visitatori che usufruiscono delle infrastrutture previste dal PdG
    (passerelle, cestini per i rifiuti, aree di sosta, ecc.);
– numero di presenze turistiche nelle aree a maggiore valenza ambientale.




                                   RE_06/360/P                                                     148
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


In base al grado di soddisfazione dei visitatori, parallelamente alla valutazione delle
variazioni nello status di conservazione degli habitat e delle specie, è possibile valutare
l’efficacia dell’organizzazione della fruizione e proporre cambiamenti nella gestione in
funzione dei valori raggiunti dai diversi parametri da monitorare. Tali parametri sono:
– Variazione del numero di visitatori negli anni;
– Variazione del numero dei visitatori nei diversi mesi;
– Valutazione delle diverse tipologie di visitatori;
– Sensibilizzazione dei visitatori alle esigenze di tutela del sito;
– Numero e tipo di inosservanze riscontrate a divieti presenti nel regolamento;
– Valutazione del grado di soddisfazione del visitatore alla visita del SIC, attraverso la
     compilazione spontanea di un questionario in cui saranno presenti delle domande
     tipo: il modo in cui sono venuti a conoscenza del SIC, il grado di soddisfazione
     ottenuto dalla visita, quanto ritengono chiare e comprensibili le indicazioni e la
     cartellonistica, quanto sono rimasti soddisfatti dell’accoglienza e della
     professionalità del personale del SIC, ecc.




                                   RE_06/360/P                                                     149
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




9 Organizzazione gestionale




Nell’ambito del Piano di Gestione, si identificano le mansioni necessarie alla gestione
del SIC e quindi le corrispondenti figure professionali coinvolte.

Addetti – personale per la sorveglianza dell’area e per l’esecuzione delle attività di
gestione. In considerazione dell’importanza del servizio di sorveglianza per la tutela
delle emergenze naturalistiche presenti all’interno del SIC, e della necessità di effettuare
i turni, si ritiene opportuna la presenza di almeno 2/3 addetti, di cui uno munito di
decreto prefettizio che attribuisce la qualifica di Polizia giudiziaria.
Gli addetti devono essere in grado di applicare e far rispettare le norme e le indicazioni
legislative insistenti sul territorio in materia ambientale.
Le loro mansioni saranno:
– sorveglianza, controlli, vigilanza sul territorio per il rispetto delle norme, nonché di
    regolamenti, disposizioni e leggi regionali e nazionali in materia di tutela
    ambientale;
– accertamenti degli illeciti, collaborazione con altri organi di vigilanza;
– attività ed interventi di gestione ordinaria delle specie e degli habitat presenti;
– collaborazione alle attività di gestione e ricerca naturalistica;
– sorveglianza antincendio;
– realizzazione e manutenzione periodica di sentieri e delle strutture per la fruizione.

Consulenti esterni – per lo svolgimento di specifiche attività di ricerca, progettazione e
gestione che non possono essere realizzate dagli addetti, è necessario poter usufruire di
consulenti esterni con rapporti sia saltuari che continuativi.




                                   RE_06/360/P                                                     150
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE



       9.1                          Interventi di gestione ordinaria

Tabella 9.1-1 Elenco degli interventi di gestione ordinaria
COD.        INTERVENTO
IA4          Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera

IA14         Interventi di derattizzazione nell’Isola Serpentara e dei Cavoli

IA21         Servizio di sorveglianza e manutenzione

MR1          Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie alloctone invasive

MR2          Monitoraggio floristico e studio di approfondimento della vegetazione dunale

MR3          Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie ornitiche di interesse comunitario

MR4          Monitoraggio e studio di approfondimento dell’erpetofauna (anfibi e rettili) di interesse
             comunitario
MR5          Monitoraggio e studio di approfondimento degli habitat d’interesse comunitario

MR6          Monitoraggio e studio di approfondimento della specie di interesse comunitario Brassica
             insularis Moris (Cavolo selvatico)
MR7          Monitoraggio e studio di approfondimento ella dinamica costiera e meteo-marina

MR9          Monitoraggio e studio di approfondimento dell’habitat prioritario “Praterie di posidonie
             (Posidonion oceanicae)”




       9.2                          Interventi di gestione straordinaria

Tabella 9.2-1    Elenco degli interventi di gestione straordinaria


  COD.                                               INTERVENTO
IA1          Rimozione dei rifiuti abbandonati, delle discariche abusive e bonifica delle aree

IA2          Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali di Interesse Comunitario

IA3          Interventi di ripristino e rinaturalizzazione della vegetazione dunale a tutela dall’erosione

IA5          Installazione di gavitelli da ancoraggio per la tutela dell’habitat marino “Praterie di
             Posidonia”
IA6          Realizzazione di un Piano di Regimazione del ruscellamento superficiale

IA7          Raccolta e conservazione del germoplasma per il ripristino in situ degli habitat di interesse
             comunitario e del sistema dunale
IA8          Realizzazione di vasconi per prevenzione antincendio

IA9          Eradicazione delle specie alloctone presenti negli habitat di interesse comunitario

IA10         Realizzazione di discese a mare

IA11         Stabilizzazione del fondo delle strade carrabili interne al SIC che attraversano habitat di




                                      RE_06/360/P                                                            151
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


           interesse comunitario
IA12       Riqualificazione del sistema ambientale di Capo Carbonara – Portu su Forru (Cava Usai)

IA13       Interventi per il controllo della popolazione del Gabbiano reale sull’Isola dei Cavoli e
           Serpentara
IA15       Interventi di tutela per il Cavolo selvatico sull’Isola Serpentara

IA16       Studio specialistico della dinamica costiera e dell’assetto geomorfologico delle spiagge e dei
           sistemi dunali
IA17       Realizzazione di servizi igienici in prossimità delle principali aree di sosta

IA18       Pianificazione della gestione turistico-ricreativa di supporto alla balneazione ed integrazione
           con il PdG
IA19       Realizzazione di un’ area attrezzata per il birdwatching presso lo stagno di Noteri

IA20       Formazione del personale del Soggetto Gestore

IA22       Interventi di riqualificazione e rinaturazione della zona umida di Su Stangioni
IA23       Studio specialistico per la valutazione di aree idonee alla istituzione di nuove ZPS

MR8        Monitoraggio e studio di approfondimento della qualità delle acque dello stagno di Noteri

PD1        Pannellistica, cartellonistica didattica, tabellonistica

PD2        Produzione di materiale informativo sul SIC

PD3        Campagna di comunicazione finalizzata ad una maggiore conoscenza delle esigenze di tutela
           del SIC
PD4        Realizzazione di un sito web




                                      RE_06/360/P                                                     152
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




10 Piano di azione




Nel seguito sono sintetizzati i principali interventi previsti dal presente Piano di
Gestione, descritti in maniera analitica nel capitolo 7 e riportati negli elaborati
cartografici (cfr.“Carta degli interventi”).
Gli interventi individuati e proposti nell’ambito del Piano di Gestione sono stati
organizzati in base alle diverse priorità di intervento, come specificato nel seguito.
La identificazione delle priorità di intervento è stata effettuata sulla base degli elementi
emersi dalla fase conoscitiva e dal piano di gestione, relativamente agli interventi di
sostenibilità ecologica e socio-economica. E’ importante precisare che le priorità qui
espresse sono tali in senso operativo, ed in relazione all’orizzonte temporale del piano
(2006-2008), dando per acquisito che la priorità “assoluta” della gestione del SIC risiede
nei motivi per cui è stato proposto, e cioè, la tutela degli habitat e delle specie di
interesse comunitario (ai sensi della Direttiva 92/43/CEE).




      10.1                        Identificazione delle priorità di intervento

Gli interventi sono stati classificati rispetto a vari gradi di priorità basati sui seguenti
criteri:

Priorità ALTA          interventi finalizzati ad eliminare o mitigare fenomeni o processi di degrado e/o
                       disturbo in atto che vanno ad interferire con la ragion d’essere del SIC
Priorità MEDIA         interventi finalizzati alla sensibilizzazione dei fruitori dell’area e degli operatori
                       turistici verso le esigenze di tutela del SIC e interventi finalizzati a monitorare lo
                       stato di conservazione del sito
Priorità BASSA         interventi finalizzati alla valorizzazione della fruizione del sito




                                    RE_06/360/P                                                           153
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE




La programmazione delle attività ha tenuto conto della loro fattibilità a breve e medio
termine:
– a breve-medio termine (BMT): tutti gli interventi che potranno essere
    presumibilmente realizzati entro 36 mesi;
– a lungo termine (LT): tutti gli interventi che richiedono un tempo di attuazione
    compreso tra 36 e 60 mesi ed oltre, previa revisione del piano.
Nel seguito sono descritte gli interventi previsti, riportandone il grado di priorità, i
tempi di realizzazione ed i costi stimati.




                                   RE_06/360/P                                                     154
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


Tabella 10.1-1 Piano di Azione per gli interventi nel SIC “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta
Molentis”

INTERVENTI PER LA SOSTENIBILITA’ ECOLOGICA
GESTIONE DEGLI HABITAT E SPECIE VEGETALI                                   PRIORITA’ TEMPI      COSTI
                                                                                                (€)
IA1    Rimozione dei rifiuti abbandonati, delle discariche abusive e         ALTA   12 mesi     50.000
       bonifica delle aree
IA2    Interventi per la difesa attiva degli habitat dunali di Interesse     ALTA   15 mesi     90.000
       Comunitario
IA3    Interventi di ripristino e rinaturalizzazione della vegetazione ALTA         9 mesi      20.000
       dunale a tutela dall’erosione
IA4    Interventi per la difesa della vegetazione dunale pioniera          ALTA     12 mesi     50.000

IA5    Installazione di gavitelli di ancoraggio per la tutela MEDIA                 6 mesi      50.000
       dell’habitat marino “Praterie di Posidonia”
IA6    Realizzazione di un Piano di Regimazione del ruscellamento ALTA              12 mesi     40.000
       superficiale
IA7    Raccolta e conservazione del germoplasma per il ripristino in BASSA          15 mesi     30.000
       situ degli habitat di interesse comunitario e del sistema
       dunale
IA8    Realizzazione di vasconi per prevenzione antincendio                MEDIA    12 mesi     40.000

IA9    Eradicazione delle specie alloctone presenti negli habitat di MEDIA          5 mesi      15.000
       interesse comunitario
IA10 Realizzazione di discese a mare                                       ALTA     12 mesi     120.000

IA11 Stabilizzazione del fondo delle strade carrabili interne al SIC MEDIA          12 mesi     80.000
       che attraversano habitat di interesse comunitario
IA15 Interventi di tutela di Brassica insularis Moris (Cavolo MEDIA                 12 mesi     8.000
       selvatico)
IA16 Studio specialistico di approfondimento della dinamica MEDIA                   36 mesi     120.000
       costiera e dell’assetto geomorfologico e morfovegetazionale
       della spiaggia e dei sistemi dunali
IA18 Pianificazione della gestione turistico-ricreativa di supporto MEDIA           12 mesi     60.000
       alla balneazione ed integrazione con il PdG
IA22 Interventi di riqualificazione e rinaturazione della zona MEDIA                24 mesi     800.000
       umida di Su Stangioni
IA23   Studio specialistico per la valutazione di aree idonee alla ALTA             12 mesi     25.000
       istituzione di nuove ZPS
MR1 Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie BASSA                     36 mesi     6.000
       alloctone invasive
MR2 Monitoraggio floristico e studio di approfondimento della BASSA                 24 mesi     8.000
       vegetazione dunale
MR5 Monitoraggio e studio di approfondimento degli habitat di MEDIA                 24 mesi     8.000
       interesse comunitario




                                     RE_06/360/P                                                   155
Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)
      III PARTE


MR6 Monitoraggio e studio di approfondimento della specie di Media                21 mesi       6.000
       interesse comunitario Brassica insularis Moris (Cavolo
       selvatico)
MR7 Monitoraggio e studio di approfondimento della dinamica MEDIA                 36 mesi       20.000
       costiera e meteo-marina
MR8 Monitoraggio e studio di approfondimento della qualità MEDIA                  36 mesi       10.000
       delle acque dello stagno di Notteri
MR9 Monitoraggio e studio di approfondimento dell’habitat MEDIA                   48 mesi       10.000
     prioritario “Praterie di posidonie (Posidonion oceanicae)”
GESTIONE DELLA FAUNA                                                PRIORITA’ TEMPI             COSTI
                                                                                                (€)
IA14 Interventi di derattizzazione nell’Isola Serpentara e dei MEDIA              36 mesi       30.000
      Cavoli
IA13 Interventi per il controllo della popolazione del Gabbiano     MEDIA         2 mesi        10.000
      reale sull’Isola dei Cavoli e Serpentara
MR3 Monitoraggio e studio di approfondimento delle specie           BASSA         10 mesi       8.000
      ornitiche di interesse comunitario
MR4 Monitoraggio e studio di approfondimento dell’erpetofauna       BASSA         6 mesi        8.000
      (anfibi e rettili) di interesse comunitario
INTERVENTI PER LA SOSTENIBILITA’ SOCIO-ECONOMICA
FRUIZIONE                                                           PRIORITA’ TEMPI             COSTI
                                                                                                (€)
IA17 Realizzazione di servizi igienici in prossimità delle principali MEDIA        15 mesi      100.000
       aree di sosta
IA12 Riqualificazione del sistema ambientale di Capo Carbonara – BASSA            48 mesi       500.000
     Portu su Forru (Cava Usai)
IA19 Realizzazione di un’area attrezzata per il birdwatching BASSA     3 mesi                   50.000
     presso lo stagno di Notteri
COMUNICAZIONE                                                PRIORITA’ TEMPI                    COSTI
                                                                                                (€)
PD1    Pannellistica, cartellonistica didattica e tabellonistica    MEDIA         12 mesi       80.000

PD2    Produzione di materiale informativo sul SIC                  MEDIA         12 mesi       30.000

PD3    Campagna di comunicazione                                    MEDIA         9 mesi        40.000

PD4    Realizzazione di un sito WEB                                 MEDIA         6 mesi        15.000
CONTROLLO                                                           PRIORITA’ TEMPI             COSTI
                                                                                                (€)
IA21 Servizio di sorveglianza e manutenzione                        MEDIA         36 mesi       150.000

IA20 Formazione del personale del Soggetto Gestore                  MEDIA         4 mesi        20.000




                                      RE_06/360/P                                                  156
       Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




       BIBLIOGRAFIA

   AA.VV., 2002 – Dune e spiaggie sabbiose – Ambienti fra terra e mare. Quaderni habitat,
          Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, Museo friulano di Storia
          Naturale – Comune di Udine.
   Alessandria G., Carpegna F., Della Toffola M., 1991. L’Airone guardabuoi (Bubulcus ibis)
          nidifica in Piemonte. Riv. Ital. Orn., 61: 119-123.
   Alieri R., Fasola M. (1992) - Garzetta Egretta garzetta. In: Brichetti P., De Franceschi P.,
          Baccetti N. (Eds.) - Fauna d’Italia Vol. XXIX. Aves. I Gaviidae-Phasianidae.
          Calderini, Bologna.
   Allavena S., (1988). Censimenti dell'avifauna acquatica nelle Riserve naturali dello Stato.
          Atti I Sem. it. Cens. Faunistici, Urbino, 1982: 222-229.
   Alvarez G. (1992). Conservation Programme for Audouin’s Gull in the Chaffarinas Islanda.
          Avocetta, 16: 63-66.
   Amori G., Angelici F.M., Frugis S., Gandolfi G.,Groppali R., Lanza B., Relini G., Vicini G.,
          (1993) - Check list delle specie della fauna d’Italia vertebrata. Calderoni editore
   Arcos J.M. e D. Oro (1996). Changes in Foraging range of Audouin’s Gulls Larus audouinii
          in relation to a trawler moratorium in the western Mediterranean. Colonial
          Waterbirds, 19 (1): 128-131.
   Ardizzone, Corsi, 1997, Atlante delle risorse ittiche demersiali italiane”, Biologia Marina
          Mediterranea, Vol.4-Fasc.2.
   Arrigoni degli Oddi E. (1929) - Ornitologia italiana. Hoepli , Milano 1046 pp. + tavole.
   Arrigoni P.V. & Diana S., 1999. Karyology, chorology and bioecology of the genus
          Limonium (Plumbaginaceae) in Sardinia. Plant Biosystem, 133 (1): 63-71.
   Arrigoni P.V., 1983. Aspetti corologici della Flora Sarda. Lav. Soc. Ital. Biogeogr., n.s., 8: 81-
          109.
   Arrigoni P.V., Camarda I., Corrias B., Diana S., Nardi E., Raffaelli M., Valsecchi F., 1976-
          1992. Le piante endemiche della Sardegna: 1-202. Boll. Soc. Sarda Sci. Nat., 16-28.
   Arrigoni P. V., 2006 – Flora dell’Isola di Sardegna, vol I: 1-448. Carlo Delfino Editore
Atzei A.D., 1980 – Segnalazioni floristiche italiane. Inf. Bot. It., vol.12, num.1: 71.
Bacchetta G. 2000 – Flora, vegetazione e paesaggio dei Monti del Sulcis (Sardegna sud-
      occidentale). Tesi di dottorato e di ricerca in geomorfologia e geobotanica. Università
      degli studi di Ancona, Facoltà di Agraria.
Bacchetta G., Bagella S., Biondi E., Farris E., Filigheddu R. & Mossa L., 2003. Su alcune
      formazioni a Olea europaea L. var. sylvestris Brot. della Sardegna. Fitosociologia, 40 (1):
      49-53.
Bacchetta G., Bagella S., Biondi E., Farris E., Filigheddu R., Mossa L., 2004. – A contribution to
      the knowledge of the order Quercetalia ilicis Br.-Bl. Ex Molinier 1934 of Sardinia -
      Fitosociologia 41 (1): 29-51.




                                                    RE_06/360/P                                                  157
       Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




Bacchetta G., Iiriti G., Mossa L., 2005 – La flora endemica del Sarrabus-Gerrei: un patrimonio
      da tutelare e gestire. Atti del Seminario di Studi “Analisi e sistemi di gestione del
      territorio (Sarrabus-Gerrei)”, Sinnai 30-31/01/04.

   Bagella S., Farris E., Filigheddu R., Pisanu S., Secchi Z., 2004. Temporary ponds vegetation
           in North-Western Sardinia (Italy). Atti XI OPTIMA Meeting: 93. Beograd (Serbia), 5-
           11 settembre 2004.
   Batten L.A., Bibby C.J., Clement P., Elliott G.D., Porter R.F. (eds.) (1990) – Red data birds in
           Britain: action for rare, threatened and important species. London: T. and A.D.
           Poyser.
   Bibby, C.J., D.A. Hill, N.D. Burgess & S. Mustoe (2000): Bird Census Techniques. London.
   Biondi E., Diana S., Farris E., Filigheddu R., 2001b. L’ordine Limonietalia Br.-Bl. & O. Bolòs
           1958 in Sardegna. Fitosociologia, 38 (2): 37-44.
   Biondi E., Mossa L., 1992 – Studio fitosociologico del promontorio di Sant’Elia e dei colli di
           Cagliari (Sardegna). Doc. Phytosoc. Vol. XIV, Camerino: 1-44.
   Blondel J., Ferry C., Frochot B. (1970). Le methode des Indices Ponctuels d’Abondance
           (I.P.A.) ou des relevés d’avifaune pour “stations d’ecoute”. Alauda 38: 55-71
   Boano G. (1993) – Tottavilla Lullula arborea. In: Mingozzi T., Boano G., Pulcher C. e collab.
           1988 – Atlante degli uccelli nidificanti in Piemonte e Val d’Aosta. 1980-1984. Museo
           Reg. Scienze Nat. (monografie VIII). Torino.
Brambilla, Caneva, De Marco, Mossa, 1982 – Analisi fitosociologica della seriazione
      psammofila costiera nella Sardegna meridionale. Ann. Bot. 40: 69-96.
Brichetti P. (1976). Atlante Ornitologico Italiano. F.lli Scalvi Bologna.
   Brichetti P., De Franceschi P., Baccetti N., (1992). Fauna d'Italia. Uccelli. I. Calderini,
           Bologna.
   Brichetti P., Gariboldi A. (Eds.) (1997) - Manuale pratico di ornitologia. Edagricole, -
           Edizioni Agricole della Calderini, Bologna.
   Brichetti P., Guyot I., Monbailliu X., Torre A., (1992) - Marangone dal ciuffo Phalacrocorax
           aristotelis. In: Brichetti P., De Franceschi P., Baccetti N. (Eds.) - Fauna d’Italia Vol.
           XXIX. Aves. I Gaviidae-Phasianidae. Calderini, Bologna.
   Cade T.J., Enderson J., Thelander C., White C., Eds., (1988). Peregrine Falcon populations:
           their management and recovery. Boise, Idaho: Peregrine Fund Inc.
Caneva G., De Marco G., Mossa L., 1981 - Analisi fitosociologica e cartografia della
      vegetazione (1:25.000) dell’Isola di Sant’Antioco (Sardegna sud-occidentale). Collana del
      programma finalizzato “Promozione della qualità dell’ambiente”, CNR:AQ/1/124,
      Roma.
Camarda I., Ballero M., 1981 - Studi sulla Flora e la Vegetazione di Capo Carbonara (Sardegna
      meridionale). I: La Flora. Boll. Soc. Sar. Sci. Nat., 20: 157-185.
C.N.R., 1997, Atlante delle spiagge italiane – Progetto finalizzato alla conservazione del suolo,
      S.E.L.C.A.




                                                    RE_06/360/P                                                  158
       Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




   Collar N.J., Crosby M.J. & Stattersfield A.J. (1994). Birds to watch 2. The World List of
          Threatened Birds. Cambridge, U.K.: Birdlife International (BirdLife Conservation
          n°4).
   Cramp S., & Perrins C.M. (1993) – The birds of the western Paleartic. Vol. I-VII. Oxford
          University Press, Oxford.
   del Hoyo J., Elliott A., Sargatal J. (Eds.) 1992 - Handbook of the Birds of the World. Vol.1.
          Lynx Edicions, Barcelona.
De Marco G., Mossa L., 1973 – Ricerche floristiche e vegetazionali nell’Isola di S. Pietro
      (Sardegna). La Flora. . Ann. Bot. 32: 155-215.
De Marco G., Mossa L., 1983 - La vegetazione psammofila costiera nella Sardegna meridionale.
      Lav. Soc. Ital. Biogeogr., n.s., 7: 171-188.
   Desole L., 1956. Nuove stazioni e distribuzione geografica della Centaurea horrida Bad.
          Webbia, 12: 251-324.
   Esteban Diaz M. (1994) - Calandra Lark Melanocorypha calandra. In: Tucker G.M., Heat M.F.
          (Eds.) - Birds in Europe: their conservation status. BirdLife International (BirdLife
          Conservation Series no. 3), Cambridge U.K
   Fasola M., (1988). Aironi e Gabbiani. Edagricole, Bologna. 190 pp.
   Fasola M., Barbieri F., Prigioni C., Bogliani G. (1981) - Le garzaie in Italia, 1981. Avocetta, 5:
          107-131.
   Fasola M., Bogliani G., (1984). Habitat selection and distribution of nesting Common and
          Little Terns on the Po river (Italy). Colonial Waterbirds, 7: 127-133.
   Fasola M., Canova L., Saino N., Alieri R. (1988) - Variazioni geografiche nei popolamenti
          delle risaie dell’Europa meridionale. Riassunti LII Congr. U.Z.I., Università di
          Camerino: 8.
   Fiori A., 1968 - Nuova Flora Analitica d’Italia, 1-3. Edagricole, Bologna.
   Gilpin M.E. & Soulé M.E. (1986): Minimum viable populations processes of species
          extintion. In: Conservation biology (M.E. Soulé ed.), Sinauer Assoc., Inc. Publ.,
          Sunderland, Mass.,19-34.
   Glutz von Blotzheim U.N., Bauer K.M. (Eds.), (1982). Handbook of the birds of central
          Europe, 8. Wiesbaden: Akademische Verlagsgesellschaft.
   Glutz von Blotzheim, Bauer K.M. (eds.) 1985 – Handbook of the birds of central Europe, 10.
          Wiesbaden: Aula-Verlag. (In tedesco).
   Grussu M., Secci A., 1985 - Dati preliminari sulla garzaia dello stagno di Molentargius
          (Cagliari) nel 1985. In: Fasola M. (red.) - Atti III Conv. it. Orn. Salice terme 1985: 269-
          270.
   Grussu M., Secci A., 1986 - Prima nidificazione in Italia dell'Airone guardabuoi Bubulcus
          ibis. Avocetta, 10: 131-136.
   Gustin M. Petretti F.(1997). Una proposta di Red List degli uccelli italiani sulla base dei
          criteri IUCN. In Avocetta 21: 124.




                                                    RE_06/360/P                                                  159
   Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




Guyot I., (1988) - Relationships between shag feeding areas and human fishing activities in
       Corsica (Mediterranean Sea). In: Tasker M.L. (ed.), Seabirds Food and Feeding
       Ecology. Proceedings of third international Conference of the Seabird Group: 22-23.
Iapichino C. Massa B. (1989). Birds of Sicily. BOU. Check list n. 11.
IUCN (1996). 1996 IUCN Red List of Threatened Animals. IUCN, Gland, Switzerland and
       Cambridge, UK. 448 pp.
Johnson T.H. & Stattersfield A.J. (1990). A global review of island endemic birds. Ibis 132:
       167-180.
Lambertini M. (1982). Mercury levels in Larus Audouinii and Larus Argentatus Michaellis in
       Capraia island (Tyrrenian sea). Riv. Ital. Orn., 52: 75-79
Lambertini M. e Leonzio C. (1986). Pollutant levels and their effects on Mediterranean
       Seabirds. In: MEDMARAVIS & X. Monbailliu (eds), Mediterranean Marine Avifauna
       Population studies and Conservation. Proceedings of the NATO Advanced
       Workshop on Population Dynamics and conservation of the Mediterranean Marine
       Avifauna held at Alghero, Sardinia, March 26-30, 1986, NATO ASI series, Series G,
       Ecological Sciences, Vol. 12: 359-378.
Leonzio C., M. Lambertini, A. Massi, S. Focardi e C. Fossi (1989) An Assesment of the
       pollutants in eggs of Audouin’s Gull (Larus Audouinii), a rare species of the
       Mediterranean Sea. The Science of the Total Environment, 78: 13-22.
Massa B. (Red.), (1985). Atlante degli Uccelli nidificanti in Sicilia (1979-1983). Naturalista
       sicil., 9 (numero speciale). 242 pp.
Meschini E. & Frugis S. (1993) – Atlante degli uccelli nidificanti in Italia. Suppl. Ric. Biol.
       Selvaggina XX.1-344.
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio - Programma di monitoraggio del
       controllo          degli          ambienti           costieri       -        Si.Di.Mar
       (http://www.minambiente.it/Sito/settori_azione/sdm/tutela_ambiente_marino/monit
       oraggio_ambiente_marino/sidimar.asp)
Monbailliu X & Torre A. (1986). Nest site selection and Interaction of Yellow legged and
       Audouin’s Gulls at Isola dell’Asinara In: MEDMARAVIS & X. Monbailliu (eds),
       Mediterranean Marine Avifauna Population studies and Conservation. Proceedings
       of the NATO Advanced Workshop on Population Dynamics and conservation of the
       Mediterranean Marine Avifauna held at Alghero, Sardinia, March 26-30, 1986,
       NATO ASI series, Series G, Ecological Sciences, Vol. 12: 245-263.
Oro D & A. Martinez Villalta (1994) Factors affecting kleptoparasitism and predation rates
       upon a colony of Audouin’s Gull (Larus Audouinii) by Yellow legged Gull (Larus
       cachinnans) in Spain. Colonial Waterbirds, 17 (1): 35-41
Oro D. (1995). The influence of commercial fisheries in daily activity of Audouin’s Gull
       (Larus Audouinii) in the Ebro delta, NE Spain. Ornis Fennica, 72:154-158.
Oro D. (1996). Predation of artificial Audouin’s Gull nests by Yellow legged Gulls. Colonial
       Waterbirds, 19 (2): 285-286.




                                                RE_06/360/P                                                  160
   Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




Oro D. N. Baccetti, D. Boukhalfa, G. Eken, A. El Hili, V. Goutmer, S. Karauz, C.
       Papacostantinou, B. Recorbet e X. Ruiz (2000). Current Breeding distribution and
       status of Audouin’s Gull Larus Auodouinii in the Mediterranean. In: Yesou P. e
       Sultana J (eds.), Monitoring and Conservation of Birds, Mammals and Sea Turtles of
       the Mediterranean and Black Sea. Proceedings of the 5th Medmaravis Symposium
       Gozo, Malta, 29 September – 3 October 1998, Environment Conservation Dept.,
       Floriana (Malta): 69-80.
Oro D., X. Ruiz, L. Jover, V Pedrocchi, e J. Gonzales-Solis (1997). Diet and adult time
       budgets of Audouin’s Gull (Larus audouinii) in response to changes in commercial
       fisheries. Ibis, 139: 631-637.
Pedrocchi V, D. Oro e J. Gonzales-Solis (1996). Differences between diet of adult and chick
       Audouin’s Gull (Larus Auodouinii) at the Chaffarinas Islands, SW Mediterranean.
       Ornis Fennica, 73: 124-130
Peterson R., Mountfort G., Hollom P.A.D. (Eds.) (1988) - Guida degli Uccelli d’Europa.
       Franco Muzzio Editore, Padova.
Pignatti S., 1994. Ecologia del paesaggio. UTET, pp.164-167.
Pisanu S. & Filigheddu R., 2005. Population survey as a basis for conservation of the
       priority species Centaurea horrida Badarò (Sardinia, Italy). Atti XVII International
       Botanical Congress: Vienna (Austria), 17-23 luglio 2005.
Ratcliffe D.A., (1993). The Peregrine Falcon. Second edition. London: T. And A. Poyser.
Rivas-Martìnez S., Dìaz T.E., Fernandéz-Gonzalez F., Izco J., Loidi J., Lousã M., Penas A.,
       2002. Vascular plant communities of Spain and Portugal. Itinera Geobotanica, 15 (1):
       5-432.
Salvo G. (1997) – Movimenti della Calandra Melanocorypha calandra in Sicilia. Avocetta 21:
       69.
Schenk H. (1980). Lista rossa degli Uccelli della Sardegna, p. 1-32. Ed. LIPU, Parma
Schenk H. (1995) – Status faunistico e di conservazione dei Vertebrati (Amphibia, Reptilia,
       Aves, Mammalia) riproducentisi in Sardegna, 1900-93: contributo preliminare. In
       Cossu S. Onida P. & Torre A. (eds) Atti 1° Convegno regionale “Studio, gestione e
       conservazione della fauna selvatica in Sardegna”. Oristano; 41-95.
Schenk H., & Torre A. (1986). Breeding distribution, numbers and conservation of seabirds
       in Sadinia, MEDMARAVIS and X. Monbailliu (ed.), p.449-463.
Schenk H., & Torre A. (1988). L’avifauna nidificante della fascia costiera della Sardegna,
       comprese le isole circuì sarde, 1978 – 87. Naturalista siciliano. XII (Suppl.), p. 187-
       192.
Serra G., Melega L. e Baccetti N. (Acura di), 2001: Piano d’azione Nazionale per il Gabbiano
       corso (Larus Audouinii). Quad. Cons. Natura, 6, Min. Ambiente - Ist. Naz. Fauna
       Selvatica .
Serra G., N. Baccetti, M. Zenatello e L. Serra. (2000). Colony site selection of Audouin’s Gull
       on Sardinia Islands. In: Programme –Summaries of Plenary conferences, oral




                                                RE_06/360/P                                                  161
   Piano di Gestione del Sito Natura 2000 “Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis” (cod. ITB040020)




      communications and Posters of 6th Mediterranean Symposium on Seabirds,
      Benidorm (Alicante, Spain) 11-15th October 2000, p.20.
Sharrock J.T.R. (1976) – The Atlas of breeding birds in Britain and Ireland, Poyser, London.
      479 pp.
Sutherland, W.J. (1996): Ecological Census Techniques. University Press, Cambridge.
Taylor M. (1987). Atlanti ornitologici, passato, presente e futuro. Avocetta 11: 79-83.
Thibault J. C. (1983). Les oiseaux de la Corse. Parc Natural regional de la Corse. Ajaccio.
Torre A. (1993). Magnanina sarda. In: Atlante degli Uccelli Nidificanti in Italia.
      Supplemento alle Ricerche di Biologia della Selvaggina XX.
Tucker, G.M. & M. Heath (1994): Birds in Europe. Their Conservation Status. BirdLife
      Conservation Series No. 3. Cambridge.




                                                RE_06/360/P                                                  162

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:59
posted:8/21/2011
language:Italian
pages:163