Docstoc

PowerPoint Presentation - CNA Startup

Document Sample
PowerPoint Presentation - CNA Startup Powered By Docstoc
					     Legge 215/92




IMPRENDITORIA FEMMINILE
L. 215/92: finalità


                      “Incentivare gli
                      interventi     volti
                      alla promozione
                      di           nuove
                      imprenditorialità
                      femminili       e/o
                      all’acquisizione
                      di servizi reali”
L. 215/92: soggetti beneficiari


   Piccole e medie imprese anche
    artigiane
   Prevalentemente femminili

Operanti nei macrosettori:
1) Agricoltura (A,B Cod. ISTAT 2002);
2) Manufatturiero e assimilati
   (C,D,E,F Cod. ISTAT 2002);
3) Commercio, turismo e servizi
   (G,H,I,J,K,M,N,O Cod. ISTAT 2002)
L. 215/92: settori esclusi



             Siderurgia;
             Fibre sintetiche;
NO           Industria automobilistica
              (con alcune eccezioni);
             Cantieristica navale
              (con alcune eccezioni)
L. 215/92: iniziative ammissibili


   Avvio di attività imprenditoriale;
   Acquisto di attività preesistente;
   Realizzazione di progetti aziendali
    innovativi;
   Acquisizione dei servizi reali
L. 215/92: spese ammissibili



a) Impianti generali;
b) Macchinari e attrezzature;
c) Brevetti;
d) Software;
e) Opere murarie e oneri di progettazione
(max 5 % opere murarie) nella misura max
del 25 % di a) e b);
f) Studi di fattibilità, ecc… (max 2 %
dell’investimento).
L. 215/92: condizioni


•   Tutti i beni devono essere NUOVI;
•   Tutti i beni devono essere acquistati direttamente o
    tramite contratto di leasing;
•   I beni NON possono essere pagati in contanti o con conti
    personali.

INOLTRE:
• Effettuare un investimento minimo di € 60.000,00;

• Avere la piena disponibilità dell’immobile

  ove viene effettuato l’investimento.
L. 215/92: spese escluse

                   Commesse interne di lavorazione;
                   Avviamento (ammessi solo i costi
                    relativi a macchinari, attrezzature,
                    brevetti e software...);
                   Minuteria e materiali di consumo;
    NO
                   Scorte;
                   Beni ad uso promiscuo;
                   Manutenzione ordinaria;
                   Acquisto di terreni e fabbricati;
                   Beni usati;
                   Mezzi targati di trasporto
L. 215/92: decorrenza ammissibilità spese


 1) DE MINIMIS: Programmi ancora da
    avviare o avviati comunque dopo il
    16 aprile 2003;
 2) Agevolazioni con intensità espresse
    in equivalente sovvenzione:
    Investimenti non ancora avviati
    al momento della presentazione
    della domanda.
L. 215/92: intensità di aiuto


   Contributo concesso
   per il 50 % nella forma di
   contributo in conto capitale
   e per il restante 50 %
   nella forma di finanziamento
   a tasso agevolato
L. 215/92: limiti

    “De minimis”: Ogni impresa può richiedere un
     importo massimo di agevolazioni pubbliche di
     euro 100.000 nell’arco di un triennio;
    Divieto di cumulo: I beni oggetto del progetto
     di investimento non possono godere o aver
     goduto contemporaneamente di altre forme di
     agevolazioni nell’ultimo triennio;
    Durata finanziamento: Massimo 10 anni
     (compreso preammortamento) al
     tasso agevolato dello 0,5 % annuo
L. 215/92: criteri di valutazione

 Ai fini della formazione della graduatoria ad
 ogni domanda verrà attribuito un punteggio
 in base a:

Nuovi occupati rispetto all’investimento;
Nuove occupate rispetto all’investimento;
Nuovi investimenti;
Partecipazione femminile nell’impresa;
Certificazioni ambientali e/o di qualità
L. 215/92: tempi di realizzazione

Il programma deve essere ultimato entro 24
mesi dal decreto di concessione.

Per intendersi ultimato, l’investimento deve essere
realizzato per almeno il 60%.


GLI INVESTIMENTI           SI       INTENDONO   REALIZZATI
QUANDO:

 I beni sono stati tutti consegnati o realizzati;
 Il costo è stato interamente fatturato e pagato;
 L’impresa ha corrisposto canoni di leasing
per un importo pari almeno al 30% del valore
agevolabile dei beni
L. 215/92: iter per l’ottenimento dell’agevolazione

FASE DELL’ITER                             TEMPI       SOGGETTO COMPETENTE
Chiusura del bando                     16 MARZO 2006     Ministero delle Attività
                                                               Produttive
Domanda


Istruttoria                               90 giorni      Ministero delle Attività
                                                               Produttive
Graduatoria – Decreto di concessione                     Ministero delle Attività
del contributo                                                 Produttive

Presentazione documentazione
parziale (facoltativo)
Erogazione I quota (facoltativo)          30 giorni      Ministero delle Attività
                                                               Produttive
Presentazione documentazione finale


Erogazione II quota o dell’intera         30 giorni      Ministero delle Attività
agevolazione                                                   Produttive
L. 215/92: scadenziario



Il bando si chiude il 16 MARZO 2006.


Sono ritenuti ammissibili i titoli di spesa
emessi dal 16 APRILE 2003 (chiusura
bando precedente) e quietanzati entro
24 mesi dal decreto di concessione
del contributo.
L. 215/92: iter dell’erogazione



                      Realizzazione del
 Pubblicazione                                     Conclusione
  graduatorie                50%
                                                  dell’investimento
                      dell’investimento




                         Erogazione                  Erogazione
                          I° quota                    II° quota



 P.S.: L’erogazione potrà avvenire anche in un’unica soluzione a saldo
L. 215/92: esperienza del bando precedente


             ESPERIENZA BANDO PRECEDENTE


  100%
                                             Domande
   80%                                       non finanziate
                                             Domande finanziate con
                                             fondi regionali
   60%                                       Domande finanziate con
                                             fondi statali
   40%                                       Totale domande presentate


   20%

    0%
L. 215/92: revoche


 Il contributo assegnato verrà revocato
 qualora non vengano rispettate tutte
 le indicazioni e i vincoli contenuti nel
 bando, ovvero nel caso in cui la
 realizzazione     dell’intervento    sia
 inferiore al 60% dell’investimento
 previsto in domanda.
           Realizzato da
      CNA Start UP – Eur&ca srl


                INFO

            Sportello Start Up
             c/o CNA di Como
              Caspani Paola
tel. 031/ 27644.451 – fax 031/242201
   e-mail: paola.caspani@cnacomo.it
       sito: www.cnastartup.com

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:16
posted:8/9/2011
language:Italian
pages:19