Docstoc

www

Document Sample
 www Powered By Docstoc
					: : : ARISTOCAZIA WEBZINE – Advent – [ITA]

“Il Secondo Tragico” è un album da ascoltare alle 2 di notte, spossati, con le membra a pezzi e il
cervello mangiato.
Dagli Psychofagist non potevo che aspettarmi un album peggiore, in senso positivo.
Approcciandomi all'ascolto, da subito sinistro, di "Uomo O Merda", rimango stupefatto dal
massiccio proporsi del basso e del sassofono che fanno da protagonisti nel folle quadro, con tanto di
pregevole suonata in slap e urlo strozzato con il sax (gli Zu hanno messo lo zampino in tutto il
lavoro!), nel contorto e complesso loro modo di suonare libero da qualsiasi canone.
Se in precedenza con l'esordio autointitolato erano i Gorguts rinati sotto una veste grind e jazzcore
ora mi trovo di fronte ad un "Tema: Collasso" che rielabora il vecchio stile con un suono nuovo,
sbilenco e insano: in preda a visioni di tempi dispari e oscillazioni ipnotiche, la morte calibrata a
metà canzone soffoca l'animo dell'ascoltatore.
I violenti psicotici trasmettono a flussi discontinui paranoia, claustrofobia e follia.
Fortunatamente per le menti sconvolte dopo l'epilettica stile Primus "Untitled (Black On Grey
69/70)" segue "Nouvelle De Spasticite & Epilepsi", una traccia che offre una relativa pausa per soli
due minuti, aprendo con una forte rottura nuove ondate di psycho-grind.
"Defragmentation Rotunda" disturba con un pessimo e grottesco humor nero le nostre orecchie,
violenta i nostri occhi con flash abbaglianti precisamente calcolati dentro i quali tutti gli strumenti
ci scagliano al muro.
Una volta svenuti ci risvegliamo nella mastodontica e magistrale title-track "Il Secondo Tragico",
un tono sludge pesantemente calcolato che si aggira sui nostri timpani e, con un martello, esplode:
sassofoni e cacofonia di riff per una canzone che sembra suonata al contrario! Torna tragico il tono,
piatto, rotto. Ed il paziente torna ad impazzire.
"Corpuscles" continua perfettamente ad infettare i nostri pochi neuroni, traccia depressiva che si
trascina addosso un album che ancora deve dire la sua con "Pithecanthropus Sapiens Sapiens" e con
la Ground Zeriana "Biodegradazioni".
Io mi chiedo da fan, ascoltatore e reviewer come abbia fatto il loro metal ad evolvere naturalmente
in un puro, eccezionale, rumore avant-garde.
E dovrei parlare anche di "Free-Non-Jazz Powerviolence Sonata" ora?
Prendete gli Psychofagist che conoscevate tempo fa, centrifugateli e fateli deflagare.
Possibilmente ad alto volume, che gusto ci sarebbe altrimenti?
Fate come me allora, che stringo tra le mani un gioiello tutto italiano, dove gli Psychofagist hanno
collaborato con gli Zu per produrre qualcosa di perfettamente originale e schizofrenico, dove Elena
Rapa ha prestato la sua mano per dare vita ad un art-work sapientemente disegnato, nulla vi
deluderà di questo Capolavoro.

: : : ASHLADAN.be – Number 17 – 80/100 [BEL]

Een review schrijf ik meestal vanuit het standpunt van een fan van een bepaald muziek genre, dat
maakt het voor mij een stuk makkelijker om objectief te blijven en de punten te behandelen die een
fan wilt horen. Normaal werkt deze manier goed maar wanneer het onduidelijk word wie de fan van
een bepaalde band is word het opeens zeer moeilijk. Bij de band Psychofagist heb ik dit probleem,
want wat voor een mensen luisteren er naar deze stijl muziek?
Psychofagist zag voor het eerst daglicht in 2001. Aanvankelijk leek de band een duidelijke richting
in de gaan, in de beginperiode kwam er namelijk niet veel meer dan deathmetal uit de instrumenten
van de Italianen. Na een hoop geëxperimenteer en een haffel releases verder werd de stijl steeds
technischer. Anno 2009 kwam de band met het derde studio album genaamd Il Secondo Tragico
wat voor het publiek weer een nieuwe dimensie geeft aan de toch al rijke geschiedenis van de band.
Wat mij als eerste opviel was dat de Zu saxofonist Luca T Mai zich aangesloten had bij het
gezelschap. Voor wie deze band niet kent (zoek het eens op), Zu is een avant garde band uit Italië
die vaak een bijna onnavolgbare stijl speelt en daarbij gebruikt maakt van de saxofoon, bas en
drum. Wie kan tellen weet dus dat Psychofagist nu dus ook meer die richting op is gegaan, alleen
dan blijft de band nog ergens een beetje trouw aan de deathmetal achtergrond die hij eerst had.
Het totaal plaatje geeft dus een compleet gestoorde band. De persoon die dit rampzalig noemt zou
ik direct gelijk geven, maar de persoon die dit geniaal noemt ook. Deze muziek zou je het best
kunnen vergelijken met de gedachten van Hannibal Lector (die van de film), een geniale man die
tegelijkertijd compleet gestoord is. Il Secondo Tragico klinkt dan ook als een chaotische moord die
zonder dat het opvalt van voor tot achter is uitgestippeld.
Als ik de CD gewoon even opzet na mijn werk (wat ik dus ook deed toen hij op de deurmat viel) is
het enige dat ik er aan overhoud koppijn. Il Secondo Tragico is een album waar je voor moet gaan
zitten en waarbij je geen seconde mag afdwalen omdat je dan de weg kwijt bent. Wie zijn hoofd er
bij kan houden hoort een groep individuen die stuk voor stuk weten hoe ze hun instrument moeten
bespelen. De bassist is gewoon geniaal te noemen met zijn innovatieve baslijnen en de kersverse
saxofonist krijgt geluiden uit zijn saxofoon die nog nooit eerder gehoord waren.
Onder die dikke laag onnavolgbare herrie zit ook nog een stukje humor verwerkt. Zo begint het
nummer Defragmentation Rotunda met enkel banjo's en worden alle bandleden door een foute
Italiaanse presentator voorgesteld, waarna de muziek natuurlijk weer helemaal uit de hand loopt.

: : : AUDIODROME.it – Michele Giorgi – 4/5 [ITA]

Il Secondo Tragico, comeback della macchina da guerra Psychofagist, è un album devastante che
porta a termine la sua opera di distruzione su più livelli interconnessi: il primo, che per comodità
definiremo dell’estremismo sonoro, è l’innegabile forza d’urto e portata annichilente di cui la
formazione non ha fatto mai mistero, una forza straripante che prende le mosse dalle forme più
violente quali il death e il grind-core (ma non solo) per ridefinirle alla luce di una sensibilità
“posteriore” e perfettamente in linea con il nuovo millennio. Questo è l’aspetto più appariscente e
immediatamente percepibile, quello che cattura l’attenzione al primo ascolto e che potrebbe, al
contempo, sviare il giudizio di chi non è avvezzo a nutrirsi con simili sonorità. Il secondo livello,
quello che alla lunga si dimostra il vero punto di forza e la marcia in più de Il Secondo Tragico, è
l’enorme lavoro svolto sui particolari e sulle dinamiche, un’opera di decostruzione e
riassemblamento, ricerca sonora e contaminazione, in grado di riallacciare le fila con i maggiori
esponenti della sperimentazione in campo estremo, tanto che non stupisce affatto incontrare il nome
di Eraldo Bernocchi tra gli ospiti, né stupisce l’affacciarsi alla mente il ricordo di nomi quali
Laswell, Frith, Patton, Lurie, Ribot e Zorn, tanto per tirare le fila di una genia di musicisti in
qualche modo affini ai percorsi presenti nel secondo parto della formazione in oggetto. Eppure
sarebbe un vero peccato limitarsi a questo facile gioco di rimandi, perché la creatura Psychofagist,
cui da un po’ si è unito anche Luca T Mai al sax baritono (ZU, ma non solo), riesce a frullare il
fattore sperimentale all’interno di un amalgama tenuto saldamente insieme dalla tensione
superficiale e pertanto niente affatto dispersivo o frammentario. All’inizio, il Secondo Tragico
potrebbe spaventare e, così facendo, lasciarsi sfuggire qualche potenziale preda, il che alla lunga
appare come un ulteriore pregio, poiché il non scendere a compromessi e il non limitare le proprie
pulsioni/ambizioni sono di certo due dei meriti maggiori della formazione. Smettiamola con i
complessi di inferiorità per essere nati in Italia, gli Psychofagist dimostrano esattamente il contrario.
Non si temesse di essersi fatti prendere la mano, una stella in più potrebbe ben starci.

: : : CONFLAGRATION.one.pl – Maki – 5/6 [POL]

Dawno nie slyszalem Psychofagist, szczerze mówiac nawet nie wiedzialem, ze tak mocno zaczeli
eksperymentowac z muza. Nie sposób znalezc jakiekolwiek szufladki dla obecnych dokonan
wlochów. Przede wszystkim mamy do czynienia z mikstura jazzu z muza ekstremalna. Pierwsze
skojarzenie, które przychodzi mi na mysl to Naked City i dla fanów takich instrumentalnych
niespodzianek bedzie to mile zaskoczenie. Kilka zagrywek na basie mocno smierdzi Primusem,
jednak z perspektywy calosci zaden to odnosnik. Mamy tu duzo niekonwencjonalnych partii
saksofonu, riffy gitarowe podjezdzajace pod Psyopus, wariackie wokale... Ciezko nadac tej muzyce
jakiejkolwiek definicji, czy doszukac sie jakiegos schematu. Lubie tego typu zagadki muzyczne, ale
bede jeszcze czekac na dalsza ewolucje Psychofagist. Na tym etapie czuc mocno korzenie zespolu i
kilka momentów na plycie uwazam za zbedne, nieco na sile wcisniete poukladane motywy
coreowe. Widzialbym tutaj mocniejszy odchyl w strone jazzu, byc moze innej formy, która
niekoniecznie nadawalaby tej muzyce agresji. To tylko dygresja i moja fanaberia, hehe... Z plyty
bije artyzm w jednej ze swoich bardziej szalonych postaci. Naprawde mocna pozycja, która moze
byc zapowiedzia wejscia zespolu w nowe rejony muzyczne. Zyczylbym tego chlopakom, bo ich
sztuka nadaje sie do popularyzowania w szerszych kregach.

: : : CRUCIAL BLAST RECORDS – Adam Wright [USA]

I've been trumpeting about how rad I think this band is for years, but they've still yet to get much
attention over here in the States; hopefully with the release of their latest album Il Secondo Tragico
and the now-permanent status of saxophonist Luca T Mai of Zu fame, Italy's Psychofagist might
finally start to find more ears over here. I can't imagine anyone into extreme, adventurous grindcore
not digging this band...each of their releases has moved even further into their awesome hybrid of
jazz/prog/avant grind, and now with two saxophonists in the band and a tighter set of songs than
they've ever had before, Psychofagist has delivered what I believe to be their finest record yet.
As before, Psychofagist's sound is equal parts technical death metal and blazing grindcore with an
odd style of riffing and a penchant for angular, difficult arrangements, but where the saxophones
would appear intermittently on previous releases, here they are out in front, as much of a lead
instrument as the guitars, and it sounds ferocious. Luca T Mai's baritone sax is teamed up with the
alto sax of also-guitarist Stefano Ferrian, and the two will tear off into these fierce free-jazz
skronkfests backed by the warped death metal riffs and crushing grind. The dual vocals from
Ferrian and bassist Marcello Sarino trade off with wheezing panicked screams and burly bellowing,
and the songs tumble into chaotic, complex blasts of heaviness that can get pretty dizzying, guitars
swerving from contorted death metal crush to Sharrock-style atonal guitar mangle, slipping into
depths of crushing industrialized dirge on songs like "Defragmentation Rotunda", and ripping
through fields of seriously intense hardcore reed blowing that smacks of a heavy Brotzmann
influence. There's more electronic FX and synths present on this album, too, contributed by guest
musicians like Eraldo Bernocchi (Black Engine / Sigillum S / Charged), Saverio, and noisician
SEC_, and someone named AmenazA (who had also appeared on Psychofagist's The Optician EP
from last year) again contributes flute for the band. Flute? Sax? Obviously, this isn't your typical
grind album. No, Il Secondo Tragico actually feels like it has more in common with the industrial
jazz-core of God, Naked City's Torture Garden, and the Painkiller-inspired jazz/dub/metal of Black
Engine than death/grind, but Psychofagist's sound is still closely tied in to an aggressive tech-death
attack, and the mix of these two sides of their sound makes for a fucking KILLER combo.
And even after listening to this band for the past five years, they still manage to completely throw
me for a loop with some of the stuff that they pull on this disc. The bassist goes nuts on a bunch of
the songs, banging out some very Les Claypool like funk-skronk on the opening track and
elsewhere on the album, merging thick rubbery basslines and massive slap-bass freakouts with
blasting free-jazz skronk and angular grindcore. That first track gets pretty nuts as a matter of fact,
by the end of it sounding like Ayler and Primus and Gorguts all slugging it out at once! Then there's
the bluegrass banjo that appears at the beginning of the song "Defragmentation Rotunda", the
spaced out scum-blues on "Nouvelle De Spasticite", and the squealing sax blowouts that roar in
tandem over the grinding crush of "Tema: Collasso", sounding like Last Exit colliding with Brutal
Truth up until the band slides straight into a trippy jazz/bossa nova interlude...wild! There's the pure
free jazz workout of "Biodegradazioni" that heads into Last Exit/Zu territory, wafts of weird
electronic glitchery that flit through the grinding assaults, and passages of creeping bluesy menace,
like on "Corpuscles" where the band slips into an almost Oxbow style avant-blues dirge with
skeletal guitar winding around an inebriated sax line and deep muttered vocals.
Yeah, not typical grind by a long shot. It's no mindless mess, either, and the band delivers their
strongest set of songs so far with this album. Imagine Gorguts, Last Exit and Zu combined into a
blasting, sax-splattered jazzgrind juggernaut, and you've got a rough idea of what's up. A fucking
ripper, for sure, and highly recommended to anybody into ferocious, far-out jazz-damaged grind!

: : : DAGHEISHA.com – Divine [ITA]

E' davvero enorme il salto qualitativo operato dagli .psychofagist. con 'The Optician' e 'Il Secondo
Tragico'. Non solo la band del novarese ha saputo trovare una dimensione totalmente personale con
l'aggiunta in formazione del sax baritono di Luca T Mai (Zu, Mike Patton) sottolineando finalmente
in maniera più marcata la propria passione per la fusion ma la testardaggine di questi ragazzi nello
scoprire nuovi angoli disturbanti per la nostra mente è qualcosa di soprendente. L'album si muove
in trentadue minuti che sembrano secoli, tra death metal, grindcore e fastidi ipnotici che
scandiscono l'inizio e la fine delle dieci tracce presenti. Il tutto nella più totale, insalubre oscurità.
'Tema: Collasso', 'Untitled (Black On Grey 69/70)' e 'Defragmentation Rotonda' serviranno ai critici
più stanchi a tentare di descrivere il loro suono ma è con il finale composto da 'Biodegradazioni' e
'Free-Non-Jazz Powerviolence Sonata' che si percepiscono veramente le potenzialità dei secondi
tragici .psychofagist.

: : : DEATHMETAL.BE – MVdb – [BEL]

I can safely make the assumption you've never heard anything like this. These crazy Italians must
take all sorts of drugs because there isn't any kind of structure in their songs. They create a lot of
different sounds by torturing guitars, drums, bass and the vocalist in particular. The result is utter
chaos. I can't make anything out of it. It's as if they took the frustration of one million people stuck
in traffic and recorded that. It really was an effort to listen to each song, and boy was I glad this
album only last a good thirty minutes. It's insane.
Chaos has a name!

: : : EXECUTIONERZINE.com – Jeroni Sancho – 10/10 [SPA]

Menuda experiencia ha resultado descubrir a los italianos Psychofagist y su “Il Secondo Tragico”.
Desconocía de su existencia, aunque no son novatos; empezaron tocaron Brutal Death (de ahí
imagino que saldría su nombre) y tenían ya editados una demo, un álbum homónimo y dos splits
junto a Hybrid Viscery y Thousandswilldie.
No es que sea muy fácil encasillarlos, pero más o menos os daría una idea si menciono aberraciones
musicales (o ruidosas) como Brutal Truth, Fantomas, Naked City, The Locust o los primeros The
Dillinger Escape Plan. ¿Por ahora bien, no? Sí, efectivamente estos tíos tienen un nivelazo técnico
con cada uno de sus instrumentos, y son de los que te lo hacen saber, y no cabe duda alguna de que
el Jazz estará entre sus gustos musicales favoritos.
No sabría por donde empezar para daros una descripción precisa la verdad, si por un bajista que le
da al slap como si le fuese la vida en ello, un guitarra al que le encanta meter ruidillos de todo tipo y
que parece alérgico a los riffs o melodías de toda la vida o un batería que, literalmente, es un animal
y que no me podría creer que no tenga que cambiar sus parches cada dos por tres. Ah, perdón, que
me dejaba a Marcello y Stefano y sus berreos, porque tampoco se quedan atrás y nos hacen saber
que les encantan Mike Patton y Kevin Sharpe cuando tienen un día de furia juntos.
Y claro, algunos dirán, “bah, otro clon de los Dillinger, etc…”. Y no, creo que por ahí vamos muy
mal encaminados (y de ellos sólo me referiría a sus dos primeras ediciones de hecho), porque aquí
hay mucha más experimentación, por eso mismo mencioné al resto de bandas. Hay Hardcore y
Grind burro para quedarse a gusto, pero también mucho bizarrismo, partes atmosféricas y oscuras
de las raras a lo Fantomas, hay un saxofón haciendo locuras por ahí en medio (a cargo de Luca T
Mai) e incluso un tema enteramente jazzero, “Biodegradazioni”, que deja claro el nivel que
tienen…
Lo mejor aún es que suena impresionante, no sólo claro y definido, algo importante con tanta idea
retorcida, si no muy potente y pesado, con una presencia bestial del bajo y una agresividad enorme
en las guitarras y la voz. Lo mejor de todo es que para nada es un disco que sature tras una escucha,
tiene ideas realmente inteligentes y aprovechan sus recursos al máximo en todo momento, no sólo la
técnica. Toda una sorpresa en mayúsculas, os los recomiendo. Mientras, aprovecharé para conseguir
sus anteriores ediciones.

: : : GLOBALDOMINATION.se – Khlysty - 7,5/10 [SWE]

Ever since John Zorn “discovered” grindcore and decided that he liked it mucho and that he wanted
to experiment with it –either by using grind’s formalism within the context of his Naked City
project, or by creating a “free-grind” band like Painkiller- there’s been quite a few dudes out there
who thought that this was a damn good idea (that is, mixing grind with elements of other genera of
music, like jazz, funk, ambient, etc). Ergo, we, the poor listeners, have been rained through the past
years with a slew of spastic, hyper-compressed ejaculations of atonality and aggression, that, while
sometimes interesting, usually ended up being for the most part unlistenable and, well, boring.
Psychophagist (which either means eater of souls, or eater of psychos…) is an Italian band that’s
committed to grindcore’s more experimental and decidedly more demented side. Besides guitars,
drums and bass, the quartet uses sax as a lead instrument of its songs and, generally, waxes all free-
jazz and free-form song structure. This means that the songs contained within “Il momento tragico”
are choke-full of jarring tempo, scale and time signature changes and are slathered with sax-choking
all-around craziness.
If one’s looking for linear song-development and hooks, one’ll be sorely disappointed: these ten
songs, whether of short (one-and-change minutes), or of longer (almost six minutes) lengths, are
full of extremely abrupt twists and turns, that create a sense of total chaos and disorientation to even
the hardiest and most experienced listener. So, it would be easy for me to just stamp on the record
an “avoid it, all ye who want to listen to music” and be done with the fucker. But, see, this shit’s got
some things going on for it that make me reluctant to just reject it.
First off, the production choice the band made is of pure genius: instead of going for an
oversaturated sound, they choose a clean and clear production, which gives great instrumental
separation, thus enabling the listener to discern whatever the fuck each instrument does all the time
and follow the songs’ development as closely as possible. This choice is, as I said, pure genius, also
because its shows that the guys here aren’t just noise-mongers: the bandmembers chops are high-
caliber, with everyone of them doing great things with his instrument.
The sax is skronky and noisy, but never sounds out of place within the context of each song. The
guitars, whether slashing away, or doing fretboard runs, or playing little crazy schemata, are always
extremely creative and inventive. The bass is pretty upfront and its jazzy-funky-slapcrazy presence
will be a source of debate for all bass-lovers. The drummer is forceful, powerful and creative and
sounds as a combo between a good grind drummer and an inventive and totally demented free-jazz
percussionist. The vocals are of a desperate screaming type, but are juxtaposed here and there with
spoken word and are pretty effective for this kind of music.
Also, on the songwriting front, the band is pretty effective when it combines free-jazz skronk with
grind dementia, while the songs contain enough “hooks” (in the shape and size of repeating motifs,
smart runs and “melodic” interludes) to warrant repeated listens, just so that one can properly
understand what exactly is going on. If you want an idea of what the band really sounds like, image
early Dillinger Escape Plan going all free-jazz, without losing any of their speed and intensity and
you won’t be far off the mark. Bottom line is that Psychophagist is tight and inventive and “Il
secondo tragico” is a really cool record. Adventurous listeners should take notice immediately!
Well, fuck us with a golden dildo, this shit is actually good. Color us impressed.

: : : HARDSOUNDS.it – Francesco “Crash” La Tegola – 90/100 [ITA]

E' inutile: i grossi nomi internazionali sono stati piuttosto deludenti quest'anno, ma per fortuna lo
Stivale, contrariamente alle previsioni di chiunque, si è rivelato quanto meno interessante. Ed è con
questo spirito che il sottoscritto accoglie il secondo (tragico) album dei Novaresi Psychofagist, che
vedono all'interno della propria line-up nientemeno che il sassofonista degli Zu, Luca T Mai. Avrete
già capito, ci auguriamo, che potete tranquillamente fare tabula rasa dei trascorsi musicali dei nostri,
perchè adesso la band che abbiamo di fronte è una degna erede dei Naked City, che si è lanciata
come un treno verso un assurdo sound che mescola fusion, grind e noise. La mostruosa e
incontrollabile chitarra distorta di Stefano si lancia in un efferato combo di riff e fraseggi lontani da
ogni legge umana e divina, con il basso che insegue percorrendo vie ben più irregolari e tortuose, il
tutto accompagnato dal dissonante ed esagerato sax di Luca. Ne 'Il Secondo Tragico' si possono
incontrare lenti e monolitici deliri noise come "Corpuscles", sempre pronti ad esplodere in un
orgasmo di violenza e fraseggi assurdi ben incastonati nella spaventosa struttura ritmica, come la
title track o la geniale "Nouvelle De Spasticité & épilepsie". Oppure il sincopatissimo 'funk-noise'
"Biodegradazioni" o assalti violenti capaci di percuotere l'ascoltatore col massimo della rabbia e
della ferocia che i ragazzi ci sanno mettere, come con la stupenda "Free-Non-Jazz Powerviolence
Sonata", che chiude il disco nel modo migliore che si possa immaginare. 'Il Secondo Tragico' è una
passeggiata nei campi della lucida follia, degli abissi più tecnici - e irrazionali - della creatività
umana. Per chi non ha paura del nuovo.

: : : INFORMAZIONEMETAL.BLOGSPOT.COM – Maurizio Mazzarella - 7,0/10 [ITA]

Francamente pensavo di aver ascoltato ogni cosa e che non ci fosse più in giro nessuna band capace
di stupirmi. Devo affermare, con grande felicità onestamente, che mi sbagliavo e che in giro
qualche altra band capace di stupirmi in realtà esiste ancora. Sono questi Psychofagist, una band
proveniente dalla città di Novara attiva dal 2001 e che nel proprio percorso artistico ha pubblicato
due dischi, l'omonimo uscito nel 2004 e questo ultimo "Il Secondo Tragico" dato alle stampe ormai
da qualche mese. Detto con molta franchezza, è molto, ma molto difficile inserire questo gruppo in
un determinato settore del metal. Da un certo punto di vista fondono technical death, grindcore,
brutal ed hardcore, ma a conti fatti anche queste etichette sono limitative. Perché lo stile degli
Psychofagist non ha confini ed non ha orizzonti, spazia tra il brutale ed il death, come tra il jazz ed
il fusion, passando anche per il funky e per il rock, in mezzo c'è anche un sassofono, un qualcosa
nel complesso molto originale se vogliamo. Il disco poi, scorre via che è una bellezza, è complesso
certamente, ma non è il classico polpettone indigeribile che ti preparano quei gruppi che vogliono a
conti fatti solamente dimostrarti di essere superiori a qualche altra band. I brani hanno tutti un
impatto molto forte, ed hanno una portata notevole. Gli Psychofagist si dimostrano una band
grintosa e carismatica, ma anche molto energica. Per fare un disco del genere poi, è necessario
essere in possesso di una tecnica sopraffina ed avere pregiate doti compositive, qualità e spessore
arstistico che gli Psychofagist hanno da vendere. Buona anche la produzione, determinante per la
buona risucita di un disco che ci presenta una band dotata una personalità fortissma, nonostante
un'identità pittosto stramba. Bravi Psychofagist, gran bel disco!!!

: : : METALINSIDE.IT – Andrea “Thy Destroyer - 7,5/10 [ITA]

Tutto quello che avete ascoltato in vita vostra non potrebbe nemmeno lontanamente farvi
comprendere che cosa suonino i Psychofagist. Nessuna definizione potrebbe avvicinarsi di un
millimetro alla pazzia/genialità compositiva di questo quartetto, impegnato a demolire le
conoscenze e le sicurezze che la musica vi ha dato fino a questo momento. Ecco, l'unico aggettivo
che esprime appieno l'essenza de “Il Secondo Tragico” (il ragionier Fantozzi sarebbe sicuramente
d'accordo) è estremo. Non credo che nel mio stereo sia mai passato un disco il cui limite tra musica
e rumore (inteso in senso buono, sia chiaro) fosse così sottile, tanto da permettere all'attenzione di
restare altissima, in attesa del prossimo passo seguito da questi folli musicisti italiani. Nell'arco di
una canzone si passa tranquillamente dal funk al grind, dal jazz al rock, per poi puntare tutto sul
noise più sperimentale. Notevole anche le incursioni del sassofono, vera e propria sorpresa che si
integra alla perfezione con il sound dei Psychofagist e che interagisce fortemente con gli strumenti
del metal “tradizionale”, ovvero chitarra, basso e batteria. Quello che piace de “Il Secondo Tragico”
è che è talmente ricco, variegato e schizzato da renderlo terribilmente intrigante ed interessante, una
volta superata l'iniziale diffidenza verso un lavoro così tremendamente ostico. Sorpassato questo
pregiudizio, l'immaginario della band ci accoglie e ci mostra figure di mostri improbabili, come
quelli disegnati all'interno del booklet, permettendoci di evadere dal triste grigiore della vita
quotidiana.
Disco non per tutti, ma i pochi che lo apprezzeranno ne trarranno un notevole giovamento.




: : : METALITALIA – Luca Filisetti - 8,5/10 [ITA] TOP ALBUM!!!

Basterebbe la frase qui sopra riportata (estratta da "Free-Non-Jazz Powerviolence Sonata") per far
capire il nichilismo che trasuda da ogni poro de "Il Secondo Tragico", nuovo album dei piemontesi
Psychofagist. Era dal lontano 2004, anno del debut, che attendevamo il ritorno sulla lunga distanza
della band e le nostre aspettative non sono andate deluse. Dopo diversi split e collaborazioni di
vario genere, i ragazzi tornano con un sound che ha ancora solide basi piantate nel grind e nel jazz,
ma allo stesso tempo travalica qualsivoglia classificazione, tenendo buona solamente quella di
musica estrema libera ed avanguardistica. Ci sono momenti dove si potrebbe parlare di jazz core,
altri di sludge noise, altri ancora di avantgarde math... tutte definizioni che, come vedete, lasciano il
tempo che trovano e che comunque non riescono a cogliere in toto l'essenza del sound del quartetto.
Scendendo nel dettaglio delle influenze, in ambito estremo si colgono echi del grind nervoso dei
Cephalic Carnage o di quello maggiormente core dei Cripple Bastards, miscelato con grandi dosi di
sperimentalismo mutuate da John Zorn, con alcune atmosfere dilatate care ai Neurosis e con il jazz
metropolitano e volgare di "The Black Saint And The Sinner Lady" di Mingus, senza dimenticare
un lavoro di basso degno di Les Claypool e delle suggestioni elettro-noise presenti nei vari brani!
Contrariamente ad altre uscite di questo genere, gli Psychofagist riescono a tenere dritta la barra e a
seguire una linea ben precisa, cosa che fa sì che le composizioni non risultino un'accozzaglia di
mera tecnica masturbatoria strumentale, ma abbiano un senso logico e conseguente. A contribuire a
questo senso di coesione ci pensa una produzione quasi "analogica" davvero inusuale per una
proposta del genere. Grandissima parte del merito della riuscita de "Il Secondo Tragico" va al
pazzesco lavoro di basso di Cello, che sostituisce in tutto e per tutto la chitarra come strumento
principale, e al sax baritono di Luca Mai, proveniente dai meravigliosi Zu, che riesce a far
convivere la lucida follia di Zorn e la malinconia di Jerome Richardson (uno dei più grandi
sassofonisti in ambito jazz bop). Accanto a brani più tipicamente jazz-core quali le iniziali "Uomo
O Merda" e "Tema: Collasso" vi sono episodi stratosferici quali "Nouvelle De Spasticite &
Epilepsie", dal suo incedere quasi bluesy e la meravigliosa "Corpuscles", punto d'incontro tra i
Neurosis ed il free jazz. In mezzo vi sono episodi che faranno la gioia degli amanti dei Painkiller e
dei Naked City. Da segnalare anche la collaborazione con musicisti del calibro di Eraldo Bernocchi
e SEC_: il primo già all'opera con Scorn, Zu ed Ephel Duath, il secondo artista piuttosto noto e
mago dei synth analogici. Insomma, con due soli album alle spalle gli Psychofagist si possono già
considerare come una delle realtà dell'avanguardia estrema più solide e preparate sulla scena
mondiale. Data la proposta, probabilmente li ascolteranno i soliti quattro gatti, ma gli altri sappiano
che si perdono una band attualmente all'apice della forma e della creatività!

: : : METAL HAMMER – Luca Pessina - 08/10 [ITA]

Tra John Zorn e The Red Chord, tra Mike Patton e Ion Dissonance. Il nuovo parto in casa
.psychofagist. è un frullatore di musica schizoide e stralunata, che ha però il raro pregio di essere
incanalata in canzoni degne di questo nome. Non il solito, esagerato, ammasso di riff, urla e stacchi
pretenziosi che troppo spesso ci viene elargito da quelle band comunemente definite “sperimentali”
o “avantgarde”. Gli .psychofagist. rientrano in quest’ultima categoria, intendiamoci, però è anche
vero che il gruppo nostrano è in grado di comporre canzoni. Ed è quindi un vero piacere ascoltare
gli interventi di saxofono di Luca T Mai (ZU) o le sfuriate “total grind” che qua e là fanno la loro
comparsa nei pezzi. Le si ascolta e le si apprezza perché effettivamente hanno un senso e non sono
inserite a caso, con il solo intento di “stupire con effetti speciali”. Un’isteria lucida e ben calibrata
insomma. Cosa che potrebbe certamente apparire come un paradosso, ma le cose stanno
così…ascoltare per credere. Gli .psychofagist. di “Il Secondo Tragico” mettono in mostra un
songwriting di livello ormai sopraffino. Ad oggi pochissime band dedite all’avanguardia jazz-grind-
death-core, o come la volete chiamare, suonano tanto compatte. Ci si chiede come mai questi
ragazzi non siano ancora sotto Relapse Records.

: : : METAL MANIAC - Fabrizio Massignani - 7,5/10 [ITA]

Eh eh, ah ah, eh eh...Perchè volevate una recensione normale per i Psychofagist?
Anche se qui di "normale" non c'è niente? La band novarese torna all'album e lo fa con un titolo
fantozziano e a cinque anni di distanza dal debutto che portava semplicemente il nome del gruppo.
Già allora non è che fossero "normali". Ma ora però sono completamente impazziti. Prendete i
Napalm Death o i Fantomas più un sassofonista schizzoide (John Zorn) che suona più veloce di loro
e più o meno avrete un'idea di cosa fanno gli Psychofagist.
Dieci tracce( e qualche scherzo:L'urlissima 2009, mitica! ) di deviazioni ed isteria, dinamite e
ritorni, bombardamenti e papere sgozzate, con la band impegnata in diecimila cambi di tempo e
seimila note al secondo dietro i grunt disperati di Cello, l'orco singer.
Ci vuole del coraggio almeno per sperare che ci sia qualcuno disposto a seguirli, se non proprio a
capirli, e ci vuole del genio!
Fuori di testa, ipercompressi, micidiali e molto molto avanti rispetto a ... tutto!
Free form jazz-grind.
Grandi!

: : : METALOPOLIS - Dalas - 7,0/10 [CZ]

O italských chaoticích PSYCHOFAGIST nebylo nějakou dobu slyšet. Je tomu už pár let, kdy o
sobě dali v našich končinách vědět zběsilým vystoupením v rámci festivalu Obscene Extreme, které
navíc i zvěstovalo jejich debutové bezejmenné album z roku 2004. Na něm se skupina předvedla
jako slušně zdivočelá sebranka, které jsou jakékoliv hudební konvence naprosto cizí. Zničující
smršť všeho možného, co se dá zařadit do škatulek souvisejících s pojmy jako mathcore, hardcore
anebo grindcore, byla skutečně jen těžce stravitelným soustem, ale o nějakém bohapustém trýznění
hudebních nástrojů nemohlo být řeči.
Po letech kapela opět nabírá síly, vzývá tvůrčího ducha a je tedy zpět s další náloží hudebního
ekrazitu. K tomuto účelu vlastnoručně zhotovená škatulka s názvem „Unstable Grindcore“ myslím
celkem výstižně popisuje pravidla hry, kterou si zvolili PSYCHOFAGIST. Hry, ve které je vše
dovoleno a nic není zakázáno. Nějaká pravidla bychom zde však přeci jen našli. Považujeme-li za
ně snahu absolutně se vymanit z jakékoliv svazující snahy o byť jen náznak standardní písničkové
struktury. Italové ten svůj neuchopitelný zvukový propletenec valí před sebou povětšinou ve vysoké
rychlosti a nijak se přitom neohlížejí na dění v okolním světě. Pouze si dále úspěšně rozvíjejí
koncept z prvního alba, jež spočívá v totální, leč pečlivě naplánované hudební
destrukci. Nezpochybnitelný pokrok lze vystopovat v instrumentálním provedení, které ruku v ruce
s kvalitní produkcí nabízí milovníkům disharmonických divočin vskutku solidní zážitek. K
tradičním nástrojům (kytara, basa, bicí) se tentokráte přidaly další doplňující instrumenty a
především pak lomozivý zvuk barytonového saxofonu, který navíc rozhodně neplní pouze roli
oživujícího doplňku. Naopak, je téměř všudypřítomný a jeho zvuk výrazně napomáhá formovat
maximálně neurotickou náladu jednotlivých skladeb, přičemž v takové „Biodegradazioni“,
mimochodem na nahrávce jedné z mála klidnějších, se nachází přímo v epicentru dění, kolem
kterého se jakoby nesměle potulují ostatní nástroje.
Rozhodně potěší i příjemně vytažený zvuk baskytary. Basa vůbec v některých momentech evokuje
pocit, že do toho zničujícího kolotoče snad ani nepatří, aby však hned vzápětí prostřednictvím
některé z četných vyhrávek sama zavelela ke zklidnění, které předchází další zdrcující chaotické
vřavě. Italům rozhodně nelze upřít ani nadhled a vtip, který se kromě různých hudebních vylomenin
naplno projevuje i v dokonale zaranžované „country představovačce“ „Defragmentation Rotunda“.
Možná se zeptáte, proč je navzdory veskrze pozitivním předchozím slovům u recenze uvedena
taková výsledná známka. Potíž podobných nahrávek, a tato není výjimkou, spočívá v tom, že se
posluchač v celé té spleti riffů, intermezz, nepolapitelné rytmiky a střídání zklidňujících a
zdivočelých momentů prostě občas ztrácí. Přesto zrovna PSYCHOFAGIST nebudí dojem, že by
celé své snažení postavili na ledabyle naskládaných hudebních motivech bez jakéhokoliv
naplánování. Ovšem i v jejich případě přicházejí chvíle, kdy se tato sloučenina všemožných
extrémních žánrů mění v jeden nepřehledný celek. Těch však už i v porovnání s debutem ubylo, a to
i navzdory ještě většímu přitlačení na pilu. A to je výsledek, ze který lze tyto Italy nepochybně
pochválit a jejich desku s klidným svědomím doporučit.

: : : MPNEWS.it – Damiano Rizzo – 8/10 [ITA]

Manifesto elettivo ed effettivo del combo novarese, giunto, dopo 5 anni da "Psychofagist", ed uno
stuolo di produzioni minori (7", EP, split), al secondo, atteso, full length, "Il Secondo Tragico";
evoluzione impressionante di una proposta musicale che, all'epoca era si valida, ma ancora acerba e
fin troppo ancorata a stilemi jazz-grind.Nel 2009, gli Psychofagist hanno definitivamente sciolto le
briglie in favore di un suono sempre più "free" ed incatalogabile, merito anche dell' ingresso in
pianta stabile nella formazione di Luca Mai (Zu, Black Engine) al sax baritono. Schegge acuminate
di breve e media durata identificano "Il Secondo Tragico", dove il rock tutto viene messo al servizio
di un songwriting ricco di mille sfumature e imprevedibili soluzioni. Stop & go fulminanti, raptus
math-noise, free-jazz ("Biodegradazioni"), ironia e non-sense a palate ("Defragmentation
Rutunda"), rallentamenti post-doom ("Il Secondo Tragico" e la Neurosis meets Oxbow
"Corpuscles"), tech grind a la Cephalic Carnage e art - funk / no wave caotica. Tutto questo in un
solo tomo, frammentato in 10 tracce varie e fresche. Per quanto riguarda le band di riferimento si
va' dai già citati Cephalic Carnage ai Last Exit, passando per Flying Luttenbachers, Naked City /
Painkiller, Colossamite, Brutal Truth ed Atomsmasher. Chitarra, basso, batteria, sax baritono e
sax tenore (tra i guest spicca un Eraldo Bernocchi alla chitarra e alle electronics) imbastiscono con
grande padronanza tecnica e gusto, eccellente a tal proposito il lavoro al basso di Marcello Sarino,
un maelstrom grind free form destinato ad accaparrarsi la fetta di pubblico amante delle sonorità
math / cervellotiche o molto più generalmente, rock avanguardistiche. L'album si consuma tutto
d'un fiato, e ammalia per fruibilità d'insieme, sebbene il materiale qui contenuto non sia proprio di
facile approccio. Tentar non nuoce... Sfido chiunque a comporre una "Nouvelle de Spasticitè &
Epilepsie" d'ora in poi, o meglio, sfido chiunque a trasporre così fedelmente la sindrome di Tourette
in musica. Spettacolare.

: : : NCORE WEBMAGAZINE – Michele Marinel – 8/10 [ITA]

Titolo che cita una piccola perla del cinema comico e satirico del nostro Bel Paese, e fantozziano
questo disco lo è per davvero, sebbene non nell'accezione di uso comune. Non si tratta infatti di
tasso di sfiga qui, ma di quel sapore agrodolce delle risate amare che fanno ancora fare quelle
commedie, capaci di ammantare di crasse risate una visione cinica del grottesco stile di vita
medioborghese.
Un mood che gli Psychofagist esprimono attraverso un approccio però tutt'altro che ilare, sbattendo
invece in faccia all'ascoltatore un assalto di grind progredito, un assalto sonoro folle e ultravolento
che si mescola a sbilenche dinamiche jazz rese anche attraverso i disturbanti fraseggi di sassofono
ad opera di Luca T Mai, già negli Zu.
10 tracce che non ti mollano ma che allo stesso tempo cercano di respingerti, che ti affascinano
proprio grazie al loro essere così fottutamente ostiche. Ed è ancora il cinema italiano degli anni che
furono che mi torna in mente ascoltando questo disco che ti fa sentire l'odore d'asfalto e i colori
sbiaditi di una Roma violenta e di una Milano calibro 9, ma senza i lustrini delle due capitali
immorali d'Italia. Novara odia, a quanto pare, e la band piemontese lo dimostra ad ogni secondo di
questo disco, capace di essere aggressivo e straniante, a tratti strafottente, in bilico tra la pura voglia
di farti del male e quella di farti girare la testa con continui cambi stilistici.
L'unico difetto che presenta questo lavoro è forse proprio il suo punto di forza: è difficile. Da
ascoltare con un minimo di predisposizione, altrimenti si rischia di non sopportarlo.

: : : NECROMANCE MAG – David Dèniz – 7,5/10 [SPA]

2º trabajo de estos locos italianos que se hacen llamar PSYCHOFAGIST y que debutaron en este
mismo sello en el año 2004 con el CD "Psychofagist"; desde entonces la banda ha editado 2 split's y
un single hasta llegar a este "il Secondo tragico", un CD compuesto por un total de 10 temas a cada
cual más salvaje y retorcido... los amantes del Grind más experimental están de enhorabuena porque
esto es una dosis de primera clase, 10 cortes donde el sonido Jazz se mezcla con influencias de THE
DILLINGER ESCAPE PLAN, donde los ritmos más salvajes y brutales nos traen a la mente a los
BRUTAL TRUTH o las partes más retorcidas nos hacen recordar a CEPHALIC CARNAGE... cada
tema nos sorprende cob ritmos inpensables, con sonidos realmente caóticos y líneas de bajo
realmente marcadas, todo ello junto a los caóticos registros vocales que acompañan a cada corte y
que hacen áun más salvaje su propuesta musical... no faltan tampoco partes lentas y tranquilas como
las del tema "Corpuscles" con sonidos hasta de saxo!!!, que te dan unos minutos para descansar
antes de la llegada de una nueva tanda de tralla sin límites...Un CD no apto para todos los oyentes,
ya que debes estar preparado para oir riffs muy extravagantes. Si flipas con las bandas
mencionadas, escuchar "il secondo tragico", no te defraudará!!.

: : : NOCLEANSINGING.COM – Islander [USA]

Last week we wrote about a Norwegian band called Shining and their latest album called Blackjazz.
 We thought that collection of songs was wild in every sense of the word. We thought it would be a
long time before we encountered anything quite so inventively insane. Well, we were wrong. It only
took a week. During that week, we stumbled on II secondo tragico, the second full-length release by
Psychofagist on the Subordinate label.
How to describe this? Imagine that extreme metal is a river all its own, with branching tributaries.
The main current is fast and strong, fed with snow melt or heavy rain and rushing with power
beneath overhanging trees that shroud it in darkness most of the time. (continue reading after the
jump . . .)
Somewhere, the river breaks from the trees and on a sunny day, the middle of the main current may
gleam with brightness while it froths in its turbulence. That’s where melodic death metal or
perhaps metalcore crests along the current.
Somewhere else the river is torn into frenzied rapids by sharply protruding rocks, and somewhere in
that chaotic maelstrom you can hear grindcore. Somewhere else a tributary forks through a bed of
sulfur, and the bones of animals who tried to cross litter the banks, their limbs eaten away by the
acidic waters, and there a cascade of black metal hums through the current.
And then somewhere else, far, far out from the main flow, another tributary crashes in a den of
noise down a blackened gorge into a pile of edgy rocks, and from there directly into the shrieking
vortex of a whirlpool that sucks all debris down into a liquid blackened pit. If you could go
there, you’d hear Psychofagist.
Lots of people would just call this music noise. But most of my friends and family say all extreme
metal is just noise. This noise howls and shrieks, stops and turns in sharp angles, screams in the
piercing wail of a saxophone being tortured within an inch of its life, and then breaks down into a
gloomy, meandering trek through a surreal landscape.
The drums and the bass careen unpredictably from wall to wall with power – you feel like ducking
lest your head come off. The guitars scream furiously or shudder in desperation or mutter like the
muted ravings of the insane. No consistent rhythms here. No headbanging riffage to be found. Just a
pummeling but erratic sonic assault that keeps you constantly off-balance.
And then there are those distorted saxophones (baritone and alto), which lend their demented sound
to almost every track – a sound that is both organic and otherworldly at the same time. A sound that
will make you want to scream, or will transfix your attention like the sound of a rattlesnake in the
bush.
Oh, and did I mention the banjo on “Defragmentation Rotunda”? And there’s a flute in the
mix somewhere too.
I suppose you could call this is a demented fusion of grind and jazz (avant grind? violent free jazz?
psycho-tech-death-jazz-grind?). You could also call it noise. All depends on your taste. But if
you’re interested in exploring something that’s way out on the far reaches of the extreme metal
watershed, give this a shot.
If you get into it, you’ll want to listen to the music over and again, because you’ll hear something
new each time. And in fact, to do this justice, you really need to listen to the whole album straight
through, because the songs are clearly constructed to be heard as a collective unit. They differ from
each other, sometimes dramatically, and their specific sequential placement on the album seems
ingeniously planned.

: : : OSSERVATORIESTERNI.IT – Orasputin - 7,0/10 [ITA]

I sentieri della tortura musicale
Psychofagist è sinonimo di sperimentazione, follia e mostruosità. Tradotto alla lettera significa
radere al suolo 30 anni di metal per riedificarlo attraverso partiture jazz core, agevolati da un’
attitudine assolutamente fuori da ogni schema e un assortimento di materiale altamente radioattivo a
disposizione. Ne vengono fuori edifici che hanno già smarrito qualsiasi attributo di bellezza,
linearità e regolarità. Edifici mostruosi in tempo di guerra, che riemergono come totem spigolosi e
appuntiti. Un arma cancerogena che ti perfora le costole, questa è la “musica” degli Psychofagist.
Pugno in faccia che hai deciso di beccarti una sola volta nella vita.
Le influenze spaziano dai pericolosi Dying Fetus alla contaminazione avanguardistica in stile John
Zorn, per approdare a momenti concepiti come un conturbante anello di congiunzione tra il Nick
Cave degli abissi e il Mike Patton sponda indipendente, senza trascurare la suggestione degli
inarrivabili Dillinger Escape Plan. E’ il caso dell’eccitante “Corpuscles”, un mid tempo dai toni
lisergici e sofferenti, con il sax di Luca Tommaso Mai che pare sbucato direttamente da quella
cappa cinematografica fumante nota come “Il Cielo Sopra Berlino”. E’ una traccia che farebbe
automaticamente la gioia di Blixa Bargeld e tutta la scena dark berlinese, sorta di versione
rimodellata di qualche tenebroso passaggio dei primissimi Korn.
Tutte le altre tracce, ad eccezione della zorniana “Biodegradazioni”, hanno lo stesso effetto di un
branco di pirahna pronto a spolparti in pochissimi minuti. Indiscutibile la tecnica della band;
“Tema: Collasso”, per quanto chirurgica, si presenta come corpo gassoso che ti paralizza in un
attimo le vie respiratorie. Con i suoi attacchi fulminanti, il sax baritorno dello storico membro degli
Zu pare l’uccello del malaugurio: ti gracchia nelle orecchie a volumi esagerati.
L’unico lampo sfacciatamente ironico del disco è in sintonia coi primi 50 secondi di
“Defragmentation Rotunda”, una divertente gara di growl in un ipotetico Gira La Ruota dove i
concorrenti sono musicisti death metal.
Ma gli Psychofagist sono anche una band che riesce a prendersi estremamente sul serio (hanno
aperto per ensamble come Brutal Truth, Aborted ed Extreme Noise Terror, tutta gente uscita da
seminari ecclesiastici). A testimoniarlo, un incipit che non lascia scampo: “Opziona il tuo status,
uomo, merda o carcassa stesa al sole. Estati del nostro stesso annichilimento. Ci si presenti al
medesimo fieri e sorridenti”.
E’ un tributo natalizio coraggioso quello che dedichiamo ai nostrani Psychofagist. Per frantumare
definitivamente il tabù che a Natale bisogna apparire necessariamente più buoni quando, invece, si
dovrebbe distruggere (culturalmente) tutto ciò che ci circonda.
Sono i collegamenti malsani che un disco come “Il Secondo Tragico” accende nella nostra
memoria.
Per adesso ci lecchiamo una ferita sanguinosa e lancinante.
-----------------------------------------------------------------------
Adesso vi chiederete? Perché un'altra recensione, ad opera tra l’altro dello stesso recensore? La
storia è semplice: mentre pensavo di averne smarrita una, ne stavo già scrivendo un altra. Poi da un
angolo remoto mi rispunta la prima ma nel frattempo ho già completato la seconda. E adesso tocca a
voi sorbirvele tutt'e due, anzi, già che vi trovate, votate pure la più bella.
Preferite il ritmo lento e ragionato della prima o la cadenza frenetica e nervosa della seconda? Ah
dimenticavo, c’è sempre il caso che vi facciano cagare entrambe A voi l’ardua sentenza.
 Questa volta il sax di Luca Mai pare l’uccello del malaugurio pronto a gracchiarti nelle orecchie.
Vertigini, allucinazioni e claustrofobia le sensazioni che accompagnano l’ascoltatore in questo
viaggio di distruzione musicale, dove la lezione del metal viene resettata da piccoli Terminator
identificabili come punto di arrivo tra l’improvvisazione malatissima di scuola John Zorn e
l’insonorizzazione devastante degli incredibili Dillinger Escape Plan. Se poi ci filtriamo pure una
bella dose di dark claustrofobico, allora i giochi sono fatti, e la falciatrice del male può iniziare a
mietere vittime. Esempio clamoroso è la schizzatissima “Corpuscles”, cantilena sfigurata sul viso da
un’esplosione nucleare, sottofondo di una Berlino futuristica che piacerebbe tanto a Blixa Bargeld,
con gli Psychofagist a vestire i panni dei Crime And The City Solution con le borchie e i capelli
lunghi. Composta pur sempre da esseri umani, la band romana gioca anche la carta del sarcasmo. E’
il caso dei 50 secondi iniziali di “Defragmentation Rotunda”, praticamente un episodio di Gira La
Ruota con protagonisti una combriccola di stakanovisti del death metal.
“Il Secondo Tragico” è un disco che puzza di plastica bruciata, sbatti la testa e al risveglio non
ricordi più nulla. La struttura un palazzo fatiscente con cumuli di gente ammazzata all’interno. Lo
scenario quello di un far west tetro e minimale, dove stupri e scorribande sono dettati da raffiche di
blast beat e repentine inversioni di rotta, come un esercito di velocissimi zombie capitanato da
chitarre brutal, slappate di basso e improvvisazioni free jazz.
Quella degli Psychofagist è anche una cooperativa dove ogni socio deve fornire il proprio
contributo. Troppo facile identificare il risultato come uno dei più furiosi in circolazione quando
l’imprevedibilità è di casa e la tecnica la prerogativa fondamentale. “Tema: Collaso” è un presagio
illuminante. Il monito iniziale di “Uomo O Merda” non cede alle mezze interpretazioni: “Opziona il
tuo status, uomo, merda o carcassa stesa al sole. Estasi del nostro stesso annichilimento, ci si
presenti al medesimo fieri e sorridenti”.
Ascoltando “Il Secondo Tragico” con l’intenzione di buttare giù due righe, il rischio è che persino
le nostre parole possano uscirne sconnesse, confuse e senza le basi di un discorso logico. Nel
frattempo continuiamo a tamponare gli zampilli di una ferita profonda e sanguinante.

: : : RAWANDWILD.COM – Antonluigi Pecchia - 8,0/10 [ITA]

Ritorna una delle realtà più promettenti appartenenti all’underground del metal sperimentale di casa
nostra, gli .Psychofagist. con “Il Secondo Tragico”. L’estremismo e la schizofrenia della band
proveniente da Novara vengono presentati al massimo della creatività nel corso dei dieci brani che
compongono questo lavoro. Momenti di follia pura scadenti nella musica jazz si alternano a scatti di
ultraviolenza death/grind, con un occhio sempre attento a non scadere in banalità o nell’emulazione
di altre band. In questo caso i principali punti di riferimento sono ovviamente gli americani The
Dillinger Escape Plan e i geniali Naked City. Ci troviamo in presenza di un’opera compatta e
matura che rende una piena identità all’act. Ciò viene dimostrato dagli articolati episodi come
“Nouvelle De Spasticitè & Èpilepsie”, l’oscura titletrack e la jazz/fusion fuori dagli schemi di
“Biodegradazioni”. Di sicuro non è facile riuscire a masticare e gustare a pieno le composizioni del
quartetto nostrano che a bocche non abituate al genere potrebbero presentarsi semplicemente come
un marasma sonoro, quindi consiglio questo prodotto agli amanti del mathcore e generi affini.

: : : ROCKERILLA MAG – Stefano Ricco - 8,0/10 [ITA]

Come lascerebbe intuire il monicker della band, si tratta di death metal/grindcore infarciti di
influenze jazzcore, micidiale combinazione che rende il disco pesante, cervellotico e intrigante.
Perizia tecnica ed aggressione sonora vanno di pari passo, combinate ad una certa attitudine
provocatoria e irriverente, che non guasta mai. Schizofrenia è il sostantivo che viene subito in
mente ascoltando le dieci tracce del disco, accentuata da una certa vena improvvisatoria che
caratterizza molti dei brani. Il saxofono di Luca T Mai, entrato in line-up nel 2008, è un ulteriore
elemento interessante, e arricchisce la già attraente proposta musicale. Il gruppo italiano, con “Il
Secondo Tragico”, giunge al secondo full-lenght e merita molta considerazione.

: : : ROCK SOUND MAG – Eros Pasi - 8,0/10 [ITA]

A volte ritornano…e accidenti come ritornano! I Novaresi .psychofagist. a 5 anni di distanza
dall’ultima produzione in studio si fanno risentire in tutta la loro schizofrenia con “Il Secondo
Tragico”. Non cercate appiglio in qualche definizione scontata perché su di loro ne potreste sentire
di ogni. Ciò di cui siamo certi è che qui si parla di geni che si fingono malati di mente.
Titoli come “Uomo o Merda”, Nouvelle De Spasticitè & èpilepsie” sono perle di saggezza, così
come i testi, assurdi e sicuramente più interessanti delle cazzate che la maggior parte dei gruppi
scrive oggigiorno. Grindcore, jazz, death metal e rock al servizio di questa band assumono
connotati allucinogeni dai quali è difficile staccarsi visto che la maggior parte dei brani sono piccole
perle di qualità e lucida follia. In tutta sincerità sono rimasto sbalordito da quanto creato dagli
.psychofagist., un nome che per forza di cose, da oggi in poi deve suonare familiare a ogni amante
dell’estremo che si rispetti. La speranza ora è una sola: che tutta questa follia possa trovare presto
un seguito discografico!

: : : RUMORE MAG - Loris Zecchin - 9,0/10 [ITA]

Organico ampliato per gli Psychofagist, che scendono nell'arena affiancati dal sax baritono di Luca
T Mai degli Zu. Un disco che cita i cantori odierni dell'intellighenzia Relapse, come i Cephalic
Carnage, ma non per questo si accontenta di auto dissanguarsi nel violent groove da eiaculazione
precoce. "Il secondo tragico" infatti volge lo sguardo verso territori out della storia del rock, che
hanno segnato nuovi modi di approcciare e disquisire l'estremismo sonico. Qualche nome? Killing
Time dei Massacre, i God di Kevin Martin, il catalogo Wiiija, la freakedelia tecno-spastica degli
Atomsmasher/Phantomsmasher... chaos sistematicamente organizzato. Giunture tirate allo spasimo.
Spessi vetri fumé, attraverso i quali il coagulo di nevrosi si incista nel profondo, come lo shock
visivo di una morte violenta, in diretta, che ti perseguita senza tregua a distanza di anni. Assieme a
Zu e Putiferio una delle poche realtà italiane esportabili a testa alta.

: : : SHOOTMEAGAIN.COM – Pat [FRA]

Nom de dieu, de nom de dieu....lorsque Deby m'a refilé ce cd sous prétexte que ce n'était pas son
truc, je m'attendais au pire.., mais avant le "cadeau"..., il m'avait prévenu : Pat, ce groupe va très
loin dans ce qu'il propose, mais moi, désolé, je n'ai pas pu aller au bout, c'est trop..
Et je peux le comprendre le frérot, tant ces italiens sont de terribles aliénés qui vous font pénétrer
dans un scénario où la sortie "indemne" parait presque inaccessible. L'accident cérébral est
proche....
Mais P....., que c'est bon !!!
Concrètement, c'est comme si vous écoutiez du Dillinger Escape Plan en regardant le film Saw...
Une tuerie magnifiquement orchestrée par Stefano, Marcello, Frederico et Luca, qui de leur
Piémont natal, nous sortent un mélange détonnant de Jazzy/grindcore/hardcore/deathmetal et d'un
avant gardisme qui me cale encore dans mon fauteuil. Mais c'est quoi ce truc ?? Sur quoi je suis
tombé ???!!!??? Quand pourrais je les voir chez nous ???
Toutes ces questions me hantent depuis que j'ai gouté à Psychofagist ..
Alors plus de blabla, amateurs du genre, PROCUREZ VOUS CETTE TUERIE, et attendez qu'une
bonne âme les fasse venir dans nos patelins !!!

: : : SODAPOP.IT – Andrea Ferraris [ITA]

Se anche avessi avuto dei dubbi sulla statura di questo disco e ripeto "SE" li avessi avuti, il
commento che mi ha fatto un amico sulla eccentricità del disco mi avrebbe dato tutte le conferme
che mancavano. Il Secondo Tragico è un disco notevole sotto diversi punti di vista: innanzitutto per
i pezzi che pur viaggiando alla velocità della luce e nonostante le influenze più disparate non
sembrano l'ennesimo clone dei Dillinger Escape Plan (l'influenza c'è ma non è maggiore della
quantità di alcool che si trova in molte merendine confezionate), poi per il fatto stesso di mixare
grind, Primus, Meshuggah, free-jazz, psichedelia e delicatessen da sangue al naso, e infine il
senso per la malattia ed una autoironia che li porta sempre su quel confine in cui ci si chiede se sia
un risultato di dubbio gusto oppure tale da levarsi il cappello in segno di rispetto.
Io sono per la seconda ipotesi anche perché quando si scende nel concreto ascoltando le tracce che
compongono questo disco, sulla maggioranza dei pezzi c'è poco da scherzare: atmosfere da
esaurimento nervoso in mezzo ad un'invasione di cavallette. Pur suonando meno frammentate, le
tracce nuove dei Novaresi sembrano ancora più malate ed ancora più portate all'eccesso, tanto che il
sax di Luca Mai li avvicina più ai Painkiller o ai God invece che ad un gruppo dell'ambito metal.
Anche la maggioranza dei cantati in italiano relega gli Psychofagist in un settore decisamente
strano. Produzione e suoni regalano al disco quello che manca per risultare abrasivo e comunque
non troppo compresso come un suono del genere necessita; gli Psychofagist non lesinano tecnica
senza per questo rimanerne intrappolati, la malattia ed il delirio la fanno da padroni: un modo
personale per andare alla velocità della luce e con un percorso sempre più autonomo.

: : : STEREOINVADERS.com – Stefano Thiess – 9,5/10 [ITA]
A distanza di cinque anni dal loro omonimo predecessore, ecco la nuova fatica dei novaresi
Psychofagist. “Il Secondo Tragico”, così si intitola, riparte dalla linea tracciata dall’album del 2004,
rientrando a pieno titolo tra le uscite più sperimentali della scena estrema del 2009. Il sound si
muove con estraniante follia tra le righe del Grind Core, il Jazz e il Death più sfrenato e tecnico.
Difficile per noi fare paragoni, possiamo comunque citare i The Red Chord, l’incontrollata frenesia
degli Exit 13 e una spruzzata della geniale proposta di John Zorn e dei suoi Painkiller. L’intercedere
del full-lenght è ossessivo, come tormentata è la ricerca, nei più torbidi angoli della psiche, di ogni
più intima e nevrotica mania. Veramente complicato descrivervi i pezzi di questi ragazzi perché
intrisi di una maniacale rappresentazione di fobiche sensazioni e melodiche suite. Ci pare, nelle
ambientazioni Jazz, vi sia una sorta di distacco, un’improvvisa pausa in cui si riesce con uno slancio
ad evadere dalle ossessioni quotidiane. Tutto ciò è però solo illusione momentanea, nel ricadere
infatti sprofondiamo ancor di più nella nevrosi, tanto da esplodere nella più terribile collera. La
sofferenza è tale da non riuscire più a muoversi, intensità così forte che paralizza ogni movimento.
Il pensiero invece sfoga la sua essenza spingendosi in ogni dove, considerando ogni sfumatura e
consumando vitalità goccia a goccia. “Il Secondo Tragico” è cerebrale, richiede molti ascolti ed una
spiccata voglia di ascoltare un prodotto diverso ed altamente stimolante. Il talento dei musicisti in
questione è innegabile, sta a voi l’impegno di comprenderlo fino in fondo, perché una volta
assimilato prenderete piena coscienza del genio degli Psychofagist.

: : : STORMBRINGER.at – Yuma – 3,5/5 [AT]

Grindcore? Deathcore? Mathcore? Metal? Noise? Für PSYCHOFAGIST passt eigentlich keiner
dieser Begriffe, denn hier wird musikalisches Zähne ziehen zelebriert. Krachfetischisten werden
sicher ihre helle Freude mit "Il Secondo Tragico" haben!
Zunächst einmal möchte ich positiv hervorheben, dass hier die Aggression und die Musik im
Allgemeinen immer zu 100 Prozent authentisch wirkt und in all dem Lärm und Chaos finden sich
immer wieder ruhige, sanfte oder sogar Jazzig, Bass dominierte Parts, die das wilde Spektakel
abwechslungsreich gestalten.
PSYCHOFAGIST erinnern manchmal an CONVERGE, jedoch das CONVERGE schon bei weitem
hörbarer sind als die Italiener. Eines muss man ihnen zugestehen, sie haben eindeutig einen sehr
individuellen Stil entwickelt. Besonders der Song "Nouvelle de Spasticite & Epilepsie" sticht mit
seinen über weite Strecken ruhigen Parts hervor, die dann plötzlich vor lauter Geisteskranker
Energie zu explodieren scheinen. Im Allgemeinen fahren PSYCHOFAGIST ein sehr hohes Level,
auch wenn die meisten hart gesitteten Metalfans diese Art der Musik nicht länger als eine halbe
Stunde hören können ohne einen Nervenschaden zu bekommen. Übrigens finden viele Samples und
ein Saxophon ihren Weg in die doch recht progressive Musik.
Sicher ist, dass jene die auf strukturierten, Rhythmus betonten Metal stehen, hier keine Freude
haben werden. Alle die auf der Suche nach Etwas anarchischem, extremen sind, und ein Album
suchen, das vor Individualität und kranken Ideen strotzt, die können ohne Bedenken zugreifen. Hier
ist ein Album entstanden, das sich an keine musikalischen Beschränkungen hält und so manche
Normen durchbricht

: : : TEETHOFTHEDIVINE.COM – Erik Thomas [USA]

I truly thought that the self released EP from Australia's Brazen Bull would be the most absolutely
bat shit insane band I would hear in 2009.
Wrong.
Apparently this is this Italian band's second album (along with 4 Ep/splits), and it has to be some off
the most of the wall, experimental grindcore/spazz tech metal I've ever heard, putting the likes of
Lye By Mistake, Dillinger, Psyopus, Brutal Truth, and Cephalic Carnage to shame, while calso
ulling from all of them. Throw in a full time baritonesaxophone to the mix, and you have a 31-
minute trip into some truly bizarre and genre shattering noise.
And truthfully, some (maybe most) will term this as noise. There's no real tangible structures or
cohesion just a collage of spastic, stuttering, feral screams, discordance, frantic blast beats, caustic
squealing riffs, industrial programming and FX, sudden jazzy spurts and all of it laced with a
fucking Saxophone. Yes, a saxophone, and its utterly schizophrenic (and borderline grating) use
makes the likes of Pan Thy Monium look like John Coltrane.
Breaking down tracks is rather pointless task as the album is full on typically wacked out 70s Italian
horror movie weirdness played via grindcore. The likes of "Nouvelle De Spasticité & Epilepsie",
"Defragmenting Rotunda", the creepy title track and the aptly named "Free Non-Jazz
Powerviolence Sonata" run the gamut from trippy, dreamy ambience to ear shattering chaos,
lurching discordance, and slow burning atmospherics. It's truly unsettling and unfathomably
psychotic at times. And did I mention there's mother-fucking saxophone squawking along in the
background the whole time? The Sax does slow down for the smoky "Biodegradazioni", but other
wise its, it's a schreeching, skronking, teeth gnashing injection to the already ear shredding
cacophony.
Il Secondo Tragico will be a challenging, mind fuck of a listen, no matter how ardent a metal
listener you are. But it's a great talking piece and novelty album to throw on to get rid of your in-
laws.

: : : TRUEMETAL.it – Michele Carli – 79/100 [ITA]

Non è propriamente semplice, trascrivere la follia in musica. Ci provano in tanti, in molti di più se
ne vantano e basta, ma pochissimi ci riescono sul serio. Gli Psychofagist, manco a dirlo, sono tra
quelli che ci sono effettivamente riusciti.
Già con il vecchio album omonimo, uscito nel 2004 sotto Subordinate, Stefano, Marcello e Fiamma
erano riusciti a creare un gran disco di grindcore tecnico, schizzato, intricato, lontano dalla classica
concezione del genere e più indirizzato verso il mathcore in stile Dillinger Escape Plan e venato di
jazz. Una descrizione che, bene o male, si può applicare anche a questo nuovo Il Secondo Tragico,
ma con alcune differenze sostanziali.
La prima e più corposa riguarda l'ingresso in formazione di Luca T. Mai degli ZU, in veste di
sassofonista. Non guardatemi male se in questa recensione scomodo un mostro sacro come i Naked
City, ma questa aggiunta ha permesso a Il Secondo Tragico di toccare quelle corde già percosse,
tormentate e massacrate dal genio di John Zorn. E anche se non riesce, ovviamente, a eguagliarne le
sue gesta, ci permette quantomeno di riassaporare un po' di quell'atmosfera malata e decadente che
si respirava nei suoi capolavori jazz-grind.
L'altra differenza è, in effetti, più una miglioria che un cambiamento. Sto parlando del songwriting,
decisamente più maturo e profondo rispetto al passato, anche se fondamentalmente segue le stesse
linee guida del precedente album. La struttura delle tracce è ricca di spunti e influenze che spaziano
dal noise, al grindcore di Brutal Truth e Cephalic Carnage, al free jazz e ovviamente al mathcore dei
già citati Dillinger, trattate con un'esasperazione tale, sia a livello di struttura che prettamente
esecutivo, da risultare quasi sfiancante all'ascolto. Seguire gli intrecci di chitarra e basso, le urla del
sassofono e quelle furiose di Marcello e i blast beats di Federico “El Ducaconte” alla batteria è
seriamente difficoltoso, nonostante l'ottima e pulita produzione.
Tutte le tracce hanno qualcosa di particolare che le contraddistingue dalle altre: Free-Non-Jazz
Powerviolence Sonata, come intuibile dal titolo, è una furia di blastate; Nouvelle De Spasticité &
épilepsie è per metà lenta, con pochi suoni di chitarra in sottofondo e sussurrata, e per metà deviata
e furiosa; la title track sembra pure avere radici nello sludge e nel post-hc. Tante cose, insomma, ma
gestite con criterio. Non ho particolarmente apprezzato l'introduzione alla traccia Defragmentation
Rotunda (L'Urlissima 2009!), a mio avviso troppo dispersiva e forzata, anche se riconducibile al
delirio generale. Nonostante i sorrisi che riesce a strappare spezza troppo il ritmo, fino a quel punto
tenuto altissimo da tracce come Tema:Collasso e Untitled (black on grey 69/70).
Qualche imperfezione Il Secondo Tragico ce l'ha. Tuttavia, per gli Psychofagist è un ulteriore passo
in avanti con il quale rendono più e ricca e corposa la proposta senza perdere in violenza. Un disco
da ascoltare con attenzione e che trascrive in musica un efficace spaccato della nostra società, con la
sua frenesia, le sue ossessioni e le sue manie compulsive nascoste a malapena sotto il tappeto buono
del salotto. Un disco che scalpiterà nel vostro scaffale, in attesa di riversare tutto il caos del mondo
moderno nelle vostre sinapsi. Usatelo con cautela.

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:13
posted:8/8/2011
language:Italian
pages:17