Programma di Italiano _Letteratu by fjzhangxiaoquan

VIEWS: 182 PAGES: 4

									                      Programma di Italiano (Letteratura)
                               Classe 3Cs
                         Anno Scolastico 2010/2011
Libro di testo: La letteratura, Volume 1, dalle origini all’età comunale
INTRODUZIONE: IL MEDIO EVO pag. 1
    Lo scenario: storia, società, cultura, idee                                             pag. 2
        1) L’evoluzione delle strutture politiche                                         pag. 2-3
        2) La struttura sociale                                                              pag. 4
        3) Le strutture economiche                                                           pag. 5
        4) Mentalità e visioni del mondo (solo “la visione statica del reale”, “l’universalismo”
            e “l’allegorismo”)                                                         pag. 6-7-10
        5) Istituzioni culturali, intellettuali, pubblico                   pag. 12-14-15-16-17
        6) L’idea della letteratura e le forme letterarie                               pag. 17-18
        7) La lingua: latino e volgare                                           pag. 19-20-21-22

L’ETÀ CORTESE pag. 23
    Lo scenario: storia, società, cultura, idee                                            pag. 26
        1) Il contesto sociale                                                       pag. 26-27-28
        2) La società cortese e i suoi valori                                              pag. 30
        3) L’amor cortese                                                               pag. 31-32

      Percorso 1: Le forme della letteratura nell’età cortese (vedi appunti)   da pag 45 a pag. 73

L’ETÀ COMUNALE IN ITALIA pag. 75
    Lo scenario: storia, società, cultura, idee                                       pag. 78-79
        1) La situazione politica nell’Italia del Due e Trecento                     pag. 79-80-81
        2) Il Comune e la sua organizzazione politica                                  pag. 82-83
        3) La vita economica e sociale del Comune                               pag. 83-84-85-86
        5) Centri di produzione e di diffusione della cultura (fino a “l’università” compresa)
                                                                                        pag. 89-90
        9) La lingua (fino a “la lirica siciliana” compresa)                            pag. 95-96

       Percorso 1: Il sentimento religioso                                           pag. 102-103
           1) I Francescani e la letteratura                                          pag. 104-105
               A1 San Francesco d’Assisi                                                  pag. 106
              Analisi dei seguenti testi:
                    T1 Cantico di Frate Sole, San Francesco d‟Assisi                 pag. 106-107

       Percorso 2: Forme della prosa nel Duecento                                         pag. 131
           1) I libri di viaggi                                                            pag. 143
               A2 Marco Polo                                                         pag. 143-144
              Analisi dei seguenti testi:
                    T4 Il proemio, da Il Milione                                    pag. 144-145

       Percorso 3: La lirica del Duecento in Italia                                      pag. 160
           1) Lingua, generi letterari e diffusione della lirica                      pag. 160-161

           2) La scuola siciliana                                                     pag. 161-162
           A1 Iacopo da Lentini                                                    pag. 162
          Analisi dei seguenti testi:
               T1 Amore è uno desio                                           pag. 162-163

       3) La scuola toscana di transizione                                          pag. 167

       4) Il “dolce stil novo”                                             pag. 167-168-169
           A2 Guido Guinizzelli                                                pag. 169-170
          Analisi dei seguenti testi:
                T3 Al cor gentil rempaira sempre amore           pag. 170-171-172-173-174
                T4 Io voglio del ver la mia donna laudar                      pag. 175-176
                T5 Lo vostro bel saluto e „l gentil sguardo                   pag. 177-178

           A3 Guido Cavalcanti                                                 pag. 178-179
          Analisi dei seguenti testi:
               T6 Chi è questa che vèn, ch‟ogn‟om la mira                 pag. 179-180-181
               T7 Voi che per li occhi mi passaste „l core                   pag. 182-183

   Percorso 4: La figura dell’intellettuale nell’età comunale        pag. 186-187-188-189

   Percorso 6: Dante Alighieri                                                    pag. 226
       1) La vita                                                     pag. 226-227-228-229

       2) La Vita nuova                                                     pag.230-231-232
       Analisi dei seguenti testi:
                T1a Il libro della memoria, dalla Vita nuova, cap. I          pag. 233-234
                T1b La prima apparizione di Beatrice, dalla Vita nuova, cap. II
                                                                               pag. 235-236
                T2 Una presa di coscienza ed una svolta poetica: le “nove rime”, dalla
                   Vita nuova, cap. XVIII                                       pag. 237-238
                T4 Tanto gentile e tanto onesta pare, dalla Vita nuova, cap. XXVI
                                                                       pag. 242-243-244-245
                T5 Oltre la spera che più larga gira, dalla Vita nuova, cap. XLI
                                                                           pag. 245-246-247

       3) Il Convivio                                                          pag. 258-259
       4) Il De vulgari eloquentia                                             pag. 264-265

       8) La Commedia                                                  da pag. 277 a pag. 292
       Analisi dei seguenti testi:
                T13 L‟inizio del viaggio, dall‟Inferno, I            da pag. 293 a pag. 298
                T14 La missione di Dante, dall‟Inferno, II, vv. 1-42
                                                                       pag. 300-301-302-303
                T15 Francesca e Paolo, dall‟Inferno, V, vv. 70-142
                                                                       pag. 304-305-306-307
                T16 Farinata e Cavalcante, dall‟Inferno, X, vv. 22-93
                                                                      da pag. 308 a pag. 313
                T19 Ulisse, dall‟Inferno, XXVI, vv. 85-142           pag. 323-324-325-326
                T21 L‟esordio del canto I, dal Purgatorio, I, v.1-12           pag. 336-337
      Percorso 7: Francesco Petrarca                                                   pag. 386
          1) La vita                                                       pag. 386-387-388-389
          2) Petrarca come nuova figura di intellettuale                            pag. 390-391
          3) Le opere religioso-morali (solo il Secretum)                           pag. 392-393

          5) Il Canzoniere                                                da pag. 412 a pag. 419
          Analisi dei seguenti testi:
                   T9 Erano i capei d‟oro a l‟aura sparsi, dal Canzoniere, XC pag. 430-431
                   T10 Pace non trovo e non ho da far guerra, dal Canzoniere, CXXXIV
                                                                                        pag. 432
                   T12 Italia mia, benché „l parlar sia indarno, dal Canzoniere, CXXVIII
                                                                     pag. 437-438-439-440-441

      Percorso 8: Giovanni Boccaccio                                                  pag. 470
          1) La vita                                                           pag. 470-471-472

          4) Il Decameron (saltando la molteplicità del reale nel Decameron e molteplicità e
             tendenza all’unità)                                          da pag. 480 a pag. 492
          Analisi dei seguenti testi:
                   T2 Il Proemio: la dedica alle donne e l‟ammenda al “peccato della
                      Fortuna”, dal Decameron, Proemio                        pag. 493-494-495
                   T3a La peste, dal Decameron, I, Introduzione         da pag. 496 a pag. 501
                   T4 Ser Cappelletto, dal Decameron, I, 1              da pag. 508 a pag. 519
                   T6 Andreuccio da Perugia, dal Decameron, II, 5 da pag. 525 a pag. 535
                   T8 Lisabetta da Messina, dal Decameron, IV, 5        da pag. 545 a pag. 549
                   T10 Federigo degli Alberghi, dal Decameron, V, 9 da pag. 554 a pag. 560
                   T11 Cisti fornaio, dal Decameron, VI, 2                   da pag. 560 a 564
                   T13 Frate Cipolla, dal Decameron, VI, 10              da pag. 567 a pag. 574

Libro di testo: La letteratura, Volume 2, l'Umanesimo, il Rinascimento e l'età
della Controriforma
L'ETÀ UMANISTICA pag. 1
    Lo scenario: storia, società, cultura, idee                                           pag. 4
        1) Le strutture politiche, economiche e sociali                        da pag. 5 a pag. 9
        2) Centri di produzione e di diffusione della cultura                da pag. 10 a pag. 14
        3) Intellettuali e pubblico                                                pag. 14-15-16
        4) Le idee e le visioni del mondo: l'Umanesimo                       da pag. 16 a pag. 26
        5) Geografia e storia della letteratura: i centri dell'Umanesimo              pag. 26-27
        6) La lingua: latino e volgare                                       da pag. 27 a pag. 29

      Percorso 1: Dal “disprezzo del mondo” alla “dignità dell'uomo”             pag. 36-37-38

      Percorso 2: L'edonismo e l'idillio nella cultura umanistica                pag. 58-59-60
              A1 Lorenzo de' Medici                                                 pag. 61-62

      Percorso 3: Il poema epico-cavalleresco
          1) I cantori cavallereschi                                                  pag. 84-85
L'ETÀ DEL RINASCIMENTO pag. 119
        1) Lo scenario: storia, società, cultura, idee                        pag. 122-123-124
        2) Le strutture politiche, economiche e sociali                       pag. 124-125-126
        3) Centri di produzione e diffusione della cultura               da pag. 128 a pag. 133
        4) Intellettuali e pubblico                                           pag. 133-134-135
        5) La questione della lingua                                     da pag. 135 a pag. 138
        6) Le idee e la visione del mondo (saltando “Generi del classicismo rinascimentale” e
            “Platonismo e aristotelismo”)                                da pag. 140 a pag. 143

       Percorso 1: La trattatistica sul comportamento                              pag. 150-151-152

       Percorso 6: Niccolò Machiavelli                                                    pag. 354
           1) La vita pag. da 354 a pag. 357
           2) Il Principe e i Discorsi pag. 366-367 e da pag. 369 a pag. 377
           Analisi dei seguenti testi:
                    T2 “L'esperienza delle cose moderne” e la “lezione delle antique”, dal
                       Principe, Dedica                                               pag. 378-379
                    T3 Quanti siano i generi di principati e in che modi si acquistino, dal
                       Principe, cap. I                                          pag. 380-381-382
                    T4 I principati nuovi che si acquistano con armi proprie e con la virtù, dal
                       Principe, cap. VI                                         pag. 382-383-384
                    T5 Di quelle cose per le quali gli uomini, e specialmente i principi, sono
                       lodati o vituperati, dal Principe, cap. XV                pag. 386-387-388
                    T7 Perché i principi italiani hanno perso i loro stati, dal Principe, cap.
                       XXIV pag. 392-393-394




Treviso, 30/05/2011


       Firma dell’insegnante                             Firma dei rappresentanti degli studenti

____________________________                              ____________________________

                                                          ____________________________

								
To top