Docstoc

PROTOCOLLI DI CHEMIOTERAPIA

Document Sample
PROTOCOLLI DI CHEMIOTERAPIA Powered By Docstoc
					    AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

 U.O. di Oncologia Medica         DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                         ProtocollinTasca
                    dell’ Oncologo Medico di
                             Cosenza


                 Gennaro Gadaleta-Caldarola



1a Stesura 30/9/2002
1a Revisione 30/9/2003
2a Revisione 4/4/2005
3a Revisione 18/4/2006
4° Revisione 10/11/’07


                     www.oncologia-cosenza.org
  AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

 U.O. di Oncologia Medica        DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
U.O. di Oncologia Medica         DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                            INDICE
       Iter di realizzazione………………………………………………….1
       Tumori Cerebrali………………………………………………………3
       Carcinoma della Cervice uterina…………………………………6
       Carcinoma del Colon………………………………………………..9
       Carcinoma dell’Endometrio………………………………………16
       Carcinoma della Mammella...…………………………………..18
       Melanoma……………………………………………………………..34
       Mesotelioma………………………………………………………….37
       Tumori Neuroendocrini……………………………………………38
       Carcinoma dell’Ovaio………………………………………………39
       Carcinoma del Pancreas………………………………………….42
       Carcinoma Polmonare non a piccole cellule.………………44
       Carcinoma Polmonare a piccole cellule……………………..49
       Carcinoma della Prostata…………………………………………53
       Carcinoma del Rinofaringe………………………………………55
       Carcinoma Renale…………………………………………………..56
       Carcinoma del Retto……………………………………………….59
       Sarcomi dei tessuti molli………………………………………….60
       Carcinoma a Sede Primitiva Sconosciuta…………………..62
       Carcinoma dello Stomaco………………………………………..63
       Tumori stromali gastrointestinali………………………………67
       Carcinoma del distretto Testa-collo………………………….68
       Tumori del Testicolo……………………………………………….73
       Carcinoma della Tiroide…………………………………………..75
       Carcinoma della Vescica………………………………………….76




                                                                    2
                  www.oncologia-cosenza.org
                 AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

              U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
            U.O. di Oncologia Medica                              DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                                                ITER DI REALIZZAZIONE

    1)     Identificazione dei protocolli considerati “standard” o maggiormente utilizzati nella nostra U.O.
    2)     Verifica della loro aderenza all’attuale letteratura scientifica.
    3)     Reperimento del riferimento bibliografico originale ottenuto dal confronto di una serie di manuali di
           Chemioterapia :
                -    Medicina Oncologica (Bonadonna, Robustelli della Cuna)
                -    Chemioterapia antitumorale (Fisher, Knobf, Durivage)
                -    Moduli di chemioterapia antiblastica, complementare e di supporto (Preti, Guaraldi, Angelelli, Poggi)
                -    Protocolli di Chemioterapia antineoplastica (Rosso, Sobrero)
                -    Selected Schedules of Therapy for Malignant Tumours (Baxter)
                -    Handbook of Cancer Chemotherapy (Skeel)
                -    Oncology Pocket guide to Chemotherapy (Berkery, Cleri, Skarin)
                -    Guida pratica alla chemioterapia oncoematologica (Leoni, Brunori)
                -    Working Export Group on Guidelines for specific medical treatment in advanced cancer patients
                -    Terapia medica oncologica (Santoro)
                -    Guide to Cancer Chemotherapeutic Regimens (Adams, Sheehan, Holdswotrh)
                -    Schemi di chemioterapia antiblastica (Zaniboni)
                -    Cancer Management: A multidisciplinary Approach (Pazdur, Coia, Hoskins, Wagman)
    4)     Eventuale conferma del riferimento bibliografico su: “Cancer. Principles and Practice of Oncology” 7h edition
           (DeVita, Hellman, Rosenberg).
    5)     Analisi del lavoro scientifico con particolare attenzione alle indicazioni, schedula (dosi/intervalli), modalità di
           somministrazione, tossicità, ecc.
    6)     Eventuale modifica delle indicazioni originali con nuove indicazioni emerse dalla letteratura attuale e condivise
           nella nostra U.O.
    7)     Aggiornamento continuo sulla base delle evidenze scientifiche più recenti.




                                    TEMOZOLOMIDE + RADIOTERAPIA
                                         (Stupp R, N Engl J Med 2005; 352: 987-996)


Indicazioni: Terapia adiuvante del glioblastoma multiforme.


Dosi: Radioterapia (60 Gy totali in 30 frazioni giornaliere di 2 Gy ciascuna)
                        concomitante alla
         Temozolomide 75 mg/mq/die per 42 giorni
                        seguita dalla sola
         Temozolomide 200 mg/mq/die per 5 giorni ogni 28 giorni per 6 cicli




                                                  TEMOZOLOMIDE

                                                                                                                            3
                                        www.oncologia-cosenza.org
                 AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

              U.O. di Oncologia Medica                              DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                                        (Yung WKA, J Clin Oncol 1999; 17: 2762-2771)
            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr.             Salvatore Palazzo



Indicazioni: Terapia dei gliomi maligni (glioblastoma multiforme ed astrocitoma anaplastico) in recidiva o progressione
dopo chirurgia e radioterapia adiuvante.


Dosi:      Temozolomide 200 mg/mq/die a digiuno
                                            g 1,2,3,4,5.
           (Nei pretrattati 150 mg)


Intervallo: 28 giorni




                                                              PCV

                                          (Levin VA, Int J Radiat Oncol Biol Phys 1990;
                                                           18: 321-324)


Indicazioni: Terapia dei gliomi maligni in recidiva o progressione dopo chirurgia e radiochemioterapia adiuvante.

Dosi: Procarbazina 60 mg/mq/die po
                               dal giorno 8 al giorno 21
      CCNU (Lomustina) 110 mg/mq po g1
      Vincristina 1,4 mg/mq (max 2 mg) ev giorni 8 e 29

Intervallo: sei-otto settimane.




                                                RADIOTERAPIA +
                                            CISPLATINO SETTIMANALE

                                          (Rose PG, N Engl J Med 1999; 340:1144-53)



Indicazioni: Carcinoma della cervice uterina localmente avanzato (IIB, III, IVA).

                              Dosi: Radioterapia pelvica per 24 frazioni (40,8 Gy totali)    oppure
        30 frazioni (51,0 Gy totali) seguita
        dopo 1-3 settimane
        dalla brachiterapia (1 o 2 impianti)

        Cisplatino 40 mg/mq ev alla settimana

                                                                                                                     4
                                         www.oncologia-cosenza.org
              AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                                   per 6 settimane
          U.O. della radioterapia)
     (4 ore primadi Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                                        PACLITAXEL + CISPLATINO

                                      (Rose PG, J Clin Oncol 1999; 17: 2676-2680)


Indicazioni: Carcinoma squamoso della cervice uterina recidivato o metastatico.

Dosi: Paclitaxel 135 mg/mq in 24 h g1
      Cisplatino 75 mg/mq g 2


Intervallo: tre settimane




                                        CISPLATINO + TOPOTECAN

                                    (Long III HJ, J Clin Oncol 2005; 23: 4626-4633)


Indicazioni: Carcinoma della cervice uterina avanzato.

Dosi: Cisplatino 50 mg/mq g 1
       Topotecan 0,75 mg/mq g 1,2,3


Intervallo: tre settimane
N.B.: Questa è la prima combinazione che ha dimostrato nel carcinoma della cervice uterina avanzato,un vantaggio, in
termini di sopravvivenza globale, rispetto alla monochemioterapia con Cisplatino.




                                                                                                                  5
                                      www.oncologia-cosenza.org
              AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                         DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                                                      FOLFIRI

                                       (Douillard YJ, Lancet 2000; 355: 1041-47)


Indicazioni:
      1. Trattamento di prima linea del carcinoma colorettale metastatico nei casi in cui è controindicata l’associazione
          con il bevacizumab;
      2. Trattamento di prima linea (nei pazienti che non possono eseguire regimi contenenti cisplatino) e di seconda
          linea del carcinoma gastrico metastatico.

Dosi: Irinotecan 180 mg/mq giorno 1 (raccomandazioni per l’uso           di   antiemetici, atropina e loperamide previste
nell’uso in monoterapia)
      Calcio folinato 200 mg/mq in 2 h g 1 e 2
                     (100 mg se forma levogira)
      5-Fluorouracile 400 mg/mq in bolo g 1 e 2
      5-Fluorouracile 600 mg/mq in 22 h g 1 e 2

Intervallo: due settimane




                                         FOLFIRI + BEVACIZUMAB

                               (modif da Hurwitz H, N Engl J Med 2004 ;350 : 2335-42)
                      (Van Cutsem E, ASCO Gastrointestinal Cancer Symposium, 2006, abstr 250)


Indicazioni: Trattamento di prima linea del carcinoma colorettale metastatico.

Dosi: Irinotecan 180 mg/mq giorno 1
      Calcio folinato 200 mg/mq in 2 h g 1 e 2
                     (100 mg se forma levogira)
      5-Fluorouracile 400 mg/mq in bolo g 1 e 2
      5-Fluorouracile 600 mg/mq in 22 h g 1 e 2
      Bevacizumab 5 mg/kg ev

Intervallo: due settimane

N.B.: La dose iniziale di bevacizumab deve essere somministrata in 90’ diluita in 100 cc di soluzione fisiologica dopo la
chemioterapia; se ben tollerata,la seconda può essere somministrata in 60’ e le successive in 30’, prima o dopo la
chemioterapia.




                                                     FOLFOX 4

                                   (de Gramont A, J Clin Oncol 2000; 18:2938-2947)


Indicazioni :
      1. Trattamento di prima linea del carcinoma colorettale metastatico nei casi in cui è controindicato l’uso del
          bevacizumab;
      2. Trattamento adiuvante del carcinoma del colon, nei casi in cui il rischio sembra particolarmente elevato (Andrè
          T, N Engl J Med 2004; 350: 2343-51)

Dosi: Oxaliplatino 85 mg/mq in 2 ore giorno 1 (in 250 cc di Destrosio 5% contemporaneamente al Leucovorin che, in
caso di deflussore a Y, va diluito ugualmente iin Destrosio al 5%)
       Leucovorin 200 mg/mq in 2 h g 1 e 2
                   (100 mg/mq se forma levogira)
       5-Fluorouracile 400 mg/mq in bolo g 1 e 2
       5-Fluorouracile 600 mg/mq in 22 ore g 1 e 2
                                                                                                                       6
                                      www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia
Intervallo : due settimane            Medica                    DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo



                                               LV5FU2 (de Gramont)

                                       (de Gramont A, J Clin Oncol 1997; 15:808-15)


Indicazioni :
  1. Terapia    adiuvante del carcinoma colorettale;
  2. Terapia    del carcinoma colorettale metastatico nei pazienti frail;
  3. Terapia    adiuvante del carcinoma gastrico (T3-T4 o N+);
  4. Terapia    del carcinoma gastrico in fase avanzata nei pazienti anziani o con basso PS.

Dosi: Leucovorin 200 mg/mq in 2 h g 1 e 2
                 (100 mg/mq se forma levogira)
      5-Fluorouracile 400 mg/mq in bolo g 1 e 2
      5-Fluorouracile 600 mg/mq in 22 ore g 1 e 2

Intervallo : due settimane




                                                  CAPECITABINA

                                      (Twelves C, N Engl J Med 2005; 352: 2696-704)


Indicazioni :
     1. Terapia adiuvante del carcinoma del colon stadio III (Dukes C).
     2. Terapia del carcinoma colorettale metastatico nei pazienti frail.

Dosi: capecitabina 1250 mg/mq x 2/die per due settimane (gg 1-14) seguita da una settimana di riposo

Durata: ventiquattro settimane (otto cicli).

N.B.: Tale trattamento ha dimostrato pari efficacia, rispetto allo schema “Mayo Clinic”, nella terapia adiuvante del
carcinoma del colon stadio III.




                                        IRINOTECAN + CETUXIMAB

                                    (Cunningham D, N Engl J Med 2004; 351: 337-45)


Indicazioni: Terapia del carcinoma colorettale avanzato EGFR+, in associazione all’irinotecan, nei pazienti refrattari a
regimi contenenti irinotecan.

Dosi: Cetuximab 400 mg/mq ev in 2 ore (prima
                                                                                                                      7
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
       somministrazione) seguito dopo una settimana da
       250U.O. di Oncologia Medica
           mg/mq/sett. ev in 1 ora                               DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
       (premedicazione con anti-H1 ed anti-H2)

       Irinotecan (entro 1 h dalla fine del Cetuximab)
        (dose e schedula utilizzate prima di questa
        terapia)

N.B.: Il paziente deve essere osservato fino ad 1 ora dal termine dell’infusione del Cetuximab.




                                    CAPECITABINA + MITOMICINA C

                                         (Chong G, Br J Cancer 2005; 93: 510-4)



Indicazioni: Trattamento del carcinoma colorettale metastatico dopo la seconda linea.

Dosi: Capecitabina 1250 mg/mq x 2/die per os
                               per 14 giorni seguiti
                               da 7 giorni di riposo
      Mitomicina C 7 mg/mq ev in bolo

Intervallo:
-Capecitabina ogni tre settimane
-Mitomicina C ogni sei settimane




                                                            AP

                                   (Thigpen JT, Proc Am Soc Clin Oncol 1993; 12:261)


Indicazioni: Carcinoma endometriale recidivato o avanzato nelle pazienti in cui l’aggiunta del Taxolo risulti controindicata.

Dosi: Adriamicina 60 mg/mq g 1
      Cisplatino 50 mg/mq g 1

Intervallo: tre settimane

Durata: massimo sette cicli.

Sono essenziali un’adeguata idratazione ed una efficace profilassi antiemetica.

N.B.: Nelle pazienti > 65 anni o sottoposte a RT pelvica è consigliabile una riduzione della dose di adriamicina (ad es.: 45
mg/mq).




                                                 TAP + Filgrastim

                                     (Fleming GF, J Clin Oncol 2004; 22: 2159-2166)
                                                                                                                           8
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Indicazioni: Carcinoma endometriale recidivato o avanzato.

Dosi: Adriamicina 45 mg/mq g 1
      Cisplatino 50 mg/mq g 1
      Paclitaxel 160 mg/mq ev in 3 ore g 2
      Filgrastim 5 mcg/kg dal giorno 3 al giorno 12

Intervallo: tre settimane

Durata: massimo sette cicli.




                                        DOCETAXEL + TRASTUZUMAB

                                        (Marty M, J Clin Oncol 2005, 23: 4265-4274)

Indicazioni: Terapia di prima linea nel carcinoma mammario metastatico con iperespressione del HER-2 (HercepTest 3+
o FISH+)

Dosi: Trastuzumab 4 mg/Kg in 90’ nella prima infusione
      (2 mg/Kg/sett. in 30’ nelle infusioni
      successive fino a progressione)

       Docetaxel 100 mg/mq ev in 60’(il giorno dopo
       nella prima infusione ed immediatamente dopo
       nelle infusioni successive) ogni 21 giorni per 6
       cicli.




   TRASTUZUMAB + ANASTROZOLO

                                            (Mackey JR, SABCS 2006, Abstr 3)

Indicazioni: Carcinoma mammario metastatico in postmenopausa HER2+ (IHC 3+ e/o FISH+) e ER+ e/o PgR +.

Dosi: Trastuzumab 4 mg/Kg in 90’ nella prima infusione
      (2 mg/Kg/sett. in 30’ nelle infusioni
      successive )

       Anastrozolo cpr 1 mg 1 cpr/die

Durata: fino a progressione.



                                                                                                                 9
                                      www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                                          EPIRUBICINA + TAXOLO
                                              SETTIMANALI

                                    (Nisticò C, Proc Am Soc Clin Oncol 2003,abstr 280)

Indicazioni: Carcinoma mammario metastatico HER-2 negativo.

Dosi: Desametazone 8 mg
                        (1 ora prima del Paclitaxel) g 1
      Orfenadina 40 mg ev/im
                            (o antistaminici similari) g 1
      Ranitidina 50 mg ev g 1
      5-HT3 antagonista e.v.
      Epirubicina 25 mg/mq in bolo g 1
      Paclitaxel 80 mg/mq in 60’ g 1

       Filgrastim g 2,3,4

Intervallo: ogni settimana

Durata: sei mesi.




                                                             TEX

                                         (Venturini M, Cancer 2003; 97: 1174-80)

Indicazioni: Carcinoma mammario metastatico HER-2 negativo.

Dosi: Epirubicina 75 mg/mq e.v. in bolo lento g 1
      Docetaxel 75 mg/mq e.v. in 1 h g 1
      Capecitabina 1000 mg/mq x 2/die per os gg 1-14

Intervallo: tre settimane

Durata: 6-8 cicli




                                                                                                  10
                                      www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                            DOCETAXEL + CAPECITABINE Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica       DIRETTORE: Dr.

                                  (O’Shaughnessy J, J Clin Oncol 2002; 20:2812-2823)


Indicazioni: carcinoma mammario metastatico nelle pazienti pretrattate con antracicline.

Dosi: Capecitabine 1250 mg/mq x 2 /die per os g 1-14
      Docetaxel 75 mg/mq e.v. g 1

Intervallo: tre settimane

Durata: dopo sei settimane di trattamento, in caso di RC, RP, SD, prosecuzione del trattamento fino a progressione o
reazioni avverse inaccettabili.




                                   VINORELBINA + CAPECITABINA

                                   (Stuart N, Proc Am Soc Clin Oncol 2003, abstr 183)


Indicazioni: Carcinoma mammario metastatico nelle pazienti pretrattate con antracicline e taxani.

Dosi: Vinorelbina 25 mg/mq e.v. g 1,8
      Capecitabina 1000 mg/mq x 2/die per os g 1-14

Intervallo: tre settimane

N.B.: Tale combinazione può essere somministrata anche completamente per via orale, utilizzando la vinorelbina per os,
alle dosi di 60 mg/mq g 1 e 8 (Nolè F, Ann Oncol 17: 322-329, 2006)




                                      GEMCITABINA + PACLITAXEL

                                  (Albain KS, Proc Am Soc Clin Oncol 2004, abstr 510)


Indicazioni: Carcinoma della mammella metastatico in prima linea dopo terapia adiuvante con antracicline.

Dosi: Gemcitabina 1250 mg/mq g 1,8
      Paclitaxel 175 mg/mq g 1

Intervallo: tre settimane




                                                                                                                   11
                                     www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                                                    CMF ev 1,8

          (Bonadonna G et al. Milan adjuvant and neoadjuvant studies in stage I and II resectable breast cancer.
               In Salmon SE, ed: Adjuvant therapy of cancer VI, Philadelphia,1990, WB Saunders,169-173)


Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario.

Dosi: Ciclofosfamide 600 mg/mq g 1, 8
      Metotrexate 40 mg/mq g 1, 8
      5-Fluorouracile 600 mg/mq g 1, 8

Intervallo: quattro settimane.

Durata: sei cicli.




                                                          AC

                                      (Fischer B, J Clin Oncol 1990 ; 8 :1483-1496)


Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario.

Dosi: Adriamicina 60 mg/mq ev
      Ciclofosfamide 600 mg/mq ev

Intervallo: tre settimane.

Durata: quattro cicli.




                                                                                                                   12
                                      www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia Medica                           TC DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo

                                       (Jones SE, J Clin Oncol 2006 ; 24 :5381-5387)


Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario nelle pazienti a rischio di cardiotossicità con 4 cicli di AC.

Dosi: Docetaxel 75 mg/mq ev
      Ciclofosfamide 600 mg/mq ev

Intervallo: tre settimane.

Durata: quattro cicli.




                                                         FEC 100

                                     (French Adjuvant Study Group, J Clin Oncol 2001,
                                                       19: 602-611)


Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario a cattiva prognosi (N+ > 3, ER-, PgR-).

Dosi: 5-Fluorouracile 500 mg/mq ev g 1
      Epirubicina 100 mg/mq ev g 1
      Ciclofosfamide 500 mg/mq ev g 1

Intervallo: tre settimane

Durata: sei cicli

N.B.: Nella nostra U.O., nei casi non ad alto rischio, la schedula utilizzata è F600E90C600 ogni tre settimane.




                                                    ADRIAMICINA
                                                     seguita da
                                                        CMF

                                        (Buzzoni R, J Clin Oncol 1991; 9: 2134-2140)

Indicazioni: Terapia adiuvante del carcinoma mammario ad alto rischio con più di 3 linfonodi ascellari positivi.

Dosi: Adriamicina 75 mg/mq in bolo g 1
                    Ogni 21 giorni per 4 cicli

                                                                                                                       13
                                       www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia Medica
      Ciclofosfamide 600 mg/mq in bolo g 1                      DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
      Methotrexate 40 mg/mq in bolo g 1
      5-Fluorouracile 600 mg/mq in bolo g 1
                      Ogni 21 giorni per 8 cicli

N.B.: L’adriamicina può essere sostituita dall’epirubicina a 120 mg/mq e gli 8 cicli di CMF g 1 possono essere sostituiti da
4 cicli di CMF g 1,8 (Bianco AR, ASCO 2006, abstr 520)




                                                           TAC

                                      (Martin M , N Engl J Med 2005 ; 352 : 2302-13)

Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario N+.

Dosi: Adriamicina 50 mg/mq ev in 15’ g1
      Ciclofosfamide 500 mg/mq ev in 1-5’ g1
      dopo 1 h Docetaxel 75 mg/mq ev in 1 h g1

Intervallo: tre settimane

Durata: sei cicli

N.B.: Tale schema presenta un’alta incidenza di neutropenia febbrile che può essere ridotta con l’uso del G-CSF (Martin
M, Proc Am Soc Clin Oncol 2004; abstr 620)
Con l’ Epirubicina 75 mg/mq in sostituzione dell’adriamicina (TEC) viene utilizzato anche nel carcinoma mammario
metastatico (Mackey JR, Proc Am Soc Clin Oncol 2002, abstr 137; Piedbois P, Ann Oncol 2007; 18:52-57)



                                          3 FEC 100 + 3 DOCETAXEL

                                       (Rochè H, J Clin Oncol 2006 ; 24 : 5664-5671)

Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma mammario N+.

Dosi: 5-Fluorouracile 500 mg/mq g 1
      Epirubicina 100 mg/mq g 1
      Ciclofosfamide 500 mg/mq g1
                       per 3 cicli seguiti da

      Docetaxel 100 mg/mq ev in 1 h g1
                     per 3 cicli

Intervallo: tre settimane

Durata: sei cicli




                                         TRASTUZUMAB ADIUVANTE

(Piccart-Gebhart MJ, N Engl J Med 2005 ;353: 1659-72)

                                                                                                                         14
                                        www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Indicazioni: Terapia adiuvante del carcinoma mammario N+ (ed N- con T>1 cm) con la seguente positività al HER-2:
          U.O. di Oncologia
IHC (analisi immunoistochimica) 3+ oMedica                     DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
FISH+ (ibridizzazione in situ tramite fluorescenza) dopo almeno 4 cicli di chemioterapia neoadiuvante o adiuvante.

Dosi: 8 mg/Kg ev la prima infusione quindi 6 mg/kg ev
     in 90’

Intervallo: tre settimane

Durata: un anno

N.B.: Dopo la prima somministrazione la paziente va tenuta in osservazione per 6 ore. La dose cumulativa somministrata
di adriamicina deve essere < 360 mg/mq e di epirubicina < 720 mg/mq. La FEV prima della somministrazione di
trastuzumab deve essere > 55%.




                                                       AC
                                             seguito da DOCETAXEL

                                        (Bear HD, J Clin Oncol 2003; 21: 4165-74)

Indicazioni: Terapia neoadiuvante nel carcinoma mammario.

Dosi: Doxorubicina 60 mg/mq e.v.
      Ciclofosfamide 600 mg/mq e.v.
             Ogni 3 settimane per 4 cicli

     Docetaxel 100 mg/mq e.v.
     (Desametazone 8 mg x 2/die per os per 3 giorni
     a partire da 24 h prima della somministrazione
     del docetaxel,
     difenidramina 50 mg e.v. 1 h prima del docetaxel,
     Ranitidina 50 mg e.v. 1 h prima del docetaxel)
            Ogni 3 settimane per 4 cicli

     (Tamoxifene 20 mg/die a partire dal primo giorno
     di Chemioterapia).

N.B.: E’ possibile sostituire la doxorubicina con 90 mg di epidoxorubicina. Tale schema viene utilizzato anche in fase
adiuvante e metastatica.


INTERFERONE alfa-2b ad alte dosi

                                         (Kirkwood JM, J Clin Oncol 1996; 14:7-17)

Indicazione: Terapia adiuvante del melanoma cutaneo resecato ad alto rischio stadi IIB (T4 ) e IIIA (N1).

Dosi: Interferone alfa-2b 20.000.000 U/ mq/die e.v.
                   5 giorni/sett. per 1 mese
      Interferone alfa-2b 10.000.000 U/mq s.c.
                  3 volte/ sett. per 1 anno

(Per la gestione della tossicità vedi Kirkwood JM, J Clin Oncol 20:3703-3718, 2002).

N.B.: E’ l’unico trattamento adiuvante che ha dimostrato un beneficio sulla sopravvivenza nel melanoma. La sua tossicità
è elevata per cui dovrebbe essere proposto ai pazienti in cui i benefici superano i rischi (stadi IIB, IIC, III, non importanti
comorbidità ed aspettativa di vita >10 anni) (Tsao H et al N Engl J Med 2004; 351: 998-1012)




                                                                                                                           15
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                       DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                                                   DACARBAZINA

                                    (Pritchard KI, Cancer Treat Rep 1980; 64: 1123-26)



Indicazioni: Melanoma metastatico.

Dosi: Dacarbazina 850 mg/mq e.v. g 1

Intervallo: 3-4 settimane.




                                                   FOTEMUSTINA

                                        (Avril MF, J Clin Oncol 2004; 22: 1118-1125)


Indicazioni :
     1. Melanoma metastatico.
     2. Tumori cerebrali primitivi (Frenay M, Eur J Cancer 1991; 27(7): 852-856)


Dosi: Terapia d’attacco:
      Fotemustine 100 mg/mq/settimana e.v.
                                      in 60’ per 3 dosi,
      quindi 5 settimane di riposo terapeutico

     Terapia di mantenimento:
     Fotemustine 100 mg/mq e.v.
                          in 60’ ogni tre settimane.




                                        PEMETREXED + CISPLATINO

                                     (Vogelzang NJ, J Clin Oncol 2003; 21: 2636-2644)


Indicazioni: Mesotelioma pleurico non operabile.

Dosi: Alimta 500 mg/mq e.v. in 10’

                                                                                                   16
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
     dopo 30’ Cisplatino 75 mg/mq in 120’
         U.O. 350-1000 mcg/die
     Acido folico di Oncologia Medica                         DIRETTORE: Dr. Salvatore               Palazzo
      a partire da 1-3 settimane prima della CT
      per tutta la durata del trattamento
     Vitamina B12 1000 mcg i.m. ogni 9 settimane a partire da 1-3 settimane prima della CT
     Desametazone 8 mg x 2/die per 3 giorni a partire dal giorno che precede la CT
     Controindicato l’uso di FANS durante il trattamento

Intervallo: tre settimane.




                                         ETOPOSIDE + CISPLATINO
                                        (Mitry E., Br J Cancer 1999; 81(8):1351-5)




Indicazioni: Tumori neuroendocrini indifferenziati.


Dosi: Etoposide 100 mg/mq in ic di 2h g 1,2,3
      Cisplatino 100 mg/mq in ic di 2h g 1


Intervallo: tre settimane




                                      CARBOPLATINO + PACLITAXEL

                                     (De Placido S, J Clin Oncol 2004; 22: 2635-2642)

Indicazioni:
 1. Terapia di prima linea nel carcinoma dell’ovaio avanzato
 2. Terapia di seconda linea nel carcinoma dell’ovaio avanzato nelle pazienti platino sensibili (ripresa > 6 mesi)
 3. Terapia adiuvante del carcinoma ovarico negli stadi FIGO IC, I G3, II.

Dosi: Desametazone 20 mg ev 30’ prima del paclitaxel
      Clorfenamina 1 fl ev 30’ prima del paclitaxel
      Ranitidina 50 mg ev in 15’, 30’ prima del paclitaxel
      Granisetron 3 mg ev in 15’
      Paclitaxel 175 mg/mq in 250 cc di sol.fis. ev
                                              in 3 ore g 1
      Carboplatino AUC 5 in 250 cc di sol. fis. ev g 1
      Granisetron cpr 1 mg 1 cpr x 2/die g 2,3

Intervallo: tre settimane.

                                                                                                                     17
                                       www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O.
Durata: sei cicli.   di Oncologia Medica                        DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo


                                    GEMCITABINA +CARBOPLATINO

                                     (Pfisterer J, J Clin Oncol 2006; 24: 4699-4707)

Indicazioni: Terapia di seconda linea nel carcinoma dell’ovaio avanzato nelle pazienti platino sensibili (ripresa > 6 mesi)
già trattate con carboplatino/paclitaxel e con neurotossicità residua.


Dosi: Gemcitabina 1000 mg/mq ev gg 1 e 8
      Carboplatino AUC 4 ev g 1

Intervallo: tre settimane.

Durata: sei cicli.




                                           DOXORUBICINA
                                     LIPOSOMIALE PEGILATA (PLD)

                                     (Gordon AN, J Clin Oncol 2001; 19: 3312-3322)


Indicazioni: Terapia di seconda linea nel carcinoma ovarico avanzato.

Dosi: Doxorubicina liposomiale 50 mg/mq e.v. in 60’ g 1

Intervallo: quattro settimane.




                                                       GEMOX

                                      (Louvet C, J Clin Oncol 2002; 20: 1512-1518)

Indicazioni :
     1. Terapia di prima linea del carcinoma pancreatico metastatico nei pazienti con buon PS;
     2. Terapia di induzione del carcinoma pancreatico localmente avanzato seguita da RT+5-FU.

Dosi: Gemcitabina 1000 mg/mq

                                                                                                                        18
                                      www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                        in 10 mg/mq/min(100/min)g 1
           U.O. 100 mg/mq in 2 h Medica
      Oxaliplatino di Oncologia g 2                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo

Intervallo: due settimane
Durata:
-Nel carcinoma pancreatico metastatico fino a progressione
-Nel carcinoma pancreatico localmente avanzato per sei cicli seguiti, se le condizioni generali del paziente lo permettono,
da radiochemioterapia concomitante (45 Gy in 25 sedute in 5 settimane associate a 5-FU con dosaggio di 250
mg/mq/die in ic e un boost di 10 Gy sul volume tumorale iniziale, in 8 sedute, nelle ultime due settimane)
                                                  GEMCITABINA

                                      (Burris III HA, J Clin Oncol 1997; 15: 2403-13)

Indicazioni :
     1. Terapia di prima linea del carcinoma pancreatico metastatico nei pazienti in cui è controindicata la
         combinazione con l’oxaliplatino.
     2. Terapia adiuvante del carcinoma pancreatico dopo chirurgia radicale (schedula 1000 mg/mq g 1,8,15 ogni 4
         settimane per 6 mesi) (Oettle H, JAMA 2007; 297 (3): 267-77)


Dosi: Gemcitabina 1000 mg/mq/sett. per 7 settimane seguita da una settimana di riposo, quindi 1,8,15 ogni 4 settimane.




                                      GEMCITABINA + CISPLATINO

                                       (Rinaldi M, Ann Oncol 2000; 11:1295-1300)


Indicazioni:
     1. Carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato
     2. Carcinoma polmonare non a piccole cellule in fase adiuvante (4 cicli) nei pazienti < 70 anni, buon PS, Stadio II,
         che non sono stati sottoposti a pneumonectomia (Crinò, 2005)

Dosi: Gemcitabina 1000 mg/mq g 1,8
      Cisplatino 70 mg/mq g 2

Intervallo: tre settimane.

Durata: sei cicli




                                            VINORELBINA ORALE

                                       (Jassem J, Ann Oncol 2001; 12:1375-1381)


Indicazioni: Carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato in cui è indicata una monochemioterapia (PS: 2 e/o età
> 70 anni) ed è preferibile la somministrazione per via orale.


                                                                                                                       19
                                      www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Dosi: Vinorelbina 60 mg/mq/sett. per os per le prime tre somministrazioni, quindi 80 mg/mq/sett. per os, in assenza di
            U.O. di Oncologia Medica                            < 500/mm3 o Dr. Salvatore Palazzo
neutropenia severa nelle prime tre somministrazioni (Neutrofili DIRETTORE: Neutrofili tra 500 e 1000/mm3 in più di un
controllo).

Intervallo: settimanale.




                                                    ERLOTINIB

                                    (Shepherd FA, N Engl J Med 2005; 353: 123-32)



Indicazioni:Terapia di seconda-terza linea nel Carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato

Dosi: 150 mg/die per os




                                                    DOCETAXEL

                                     (Fossella FV, J Clin Oncol 2000; 18: 2354-2362,
                                    Shephered FA, J Clin Oncol 2000; 18: 2095-2103)



Indicazioni: Carcinoma polmonare non a piccole cellule in seconda linea.

Dosi: Docetaxel 75 mg/mq e.v. in 60’
      (Desametazone 8mg x 2/die per 5 giorni a partire
       dal giorno che precede l’infusione del docetaxel)

Intervallo: tre settimane




                                                                                                                   20
                                      www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                              DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                                DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo

                                                     PEMETREXED

                                        (Hanna N, J Clin Oncol 2004; 22: 1589-1597)


Indicazioni: Carcinoma polmonare non a piccole cellule in seconda linea.

Dosi: -Pemetrexed 500 mg/mq ev in 10’
      -Acido folico 350-1000 mcg/die po da 1-2
       settimane prima dell’inizio a tre settimane dopo la
       fine del trattamento
      -Vitamina B12 1000 mcg im ogni 9 settimane
       da 1-2 settimane prima fino al termine del
       trattamento.
      -Desametazone 4 mg x 2/die po dal giorno prima
       al giorno successivo alla somministrazione del
       pemetrexed.

Intervallo: ogni tre settimane




                                          CISPLATINO + ETOPOSIDE

                                        (Ihde DC, J Clin Oncol 1994; 12:2022-2034)


Indicazioni: Microcitoma polmonare.

Dosi: Etoposide 80 mg/mq ev g 1,2,3
      Cisplatino 80 mg/mq ev g 1

Intervallo: tre settimane.




                                       CARBOPLATINO + ETOPOSIDE

                                          (Smith IE, J Clin Oncol 1987; 5: 185-189)



Indicazioni: Microcitoma polmonare nei casi in cui non è possibile utilizzare il Cisplatino.


                                                                                                     21
                                       www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Dosi: Carboplatino 300 mg/mq
                     Oncologia Medica
          U.O. diin 500 cc di destrosio 5% in 60’ g 1           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
      Etoposide 100 mg/mq
                    in 250 cc di sol.fisiol. in 30’ g 1,2,3

Intervallo: ogni quattro settimane.

Durata: quattro cicli.




                                                      TOPOTECAN

                                        (von Pawel J, J Clin Oncol 1999; 17:658-667)


Indicazioni:
     1. Microcitoma polmonare recidivato
     2. Carcinoma ovarico in seconda linea (nelle pazienti non platino sensibili) e nelle linee successive (ten Bokkel
          Huinink W, J Clin Oncol 1997; 15: 2183-2193)

Dosi: 1,5 mg/mq ev in 30’ gg 1,2,3,4,5

Intervallo: tre settimane




                                                              CAV

                                         (Roth BJ, J Clin Oncol 1992; 10: 282-292)


Indicazioni: Microcitoma polmonare in seconda linea

Dosi: Ciclofosfamide 1000 mg/mq e.v. g 1
      Adriamicina 40 mg/mq e.v. g 1
      Vincristina 1 mg/mq (massimo 2 mg) e.v. g 1

Intervallo: tre settimane

Durata: sei cicli




                                                                                                                   22
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                            DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                               DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo


                                    MITOXANTRONE + PREDNISONE

                                     (Tannock IF, J Clin Oncol 1996; 14: 1756-1764)

Indicazione: Terapia del carcinoma prostatico ormono-refrattario con finalità palliative (dolore).

Dosi: Mitoxantrone 12mg/mq in bolo g 1
                                      ogni 3 settimane
      (dose cumulativa 140 mg/mq)
       Prednisone 5mg x 2/die per os

Valutazione della risposta: si considera risposta una riduzione di 2 punti nella scala di intensità del dolore del
questionario di McGill-Melzack oppure una riduzione del 50% dello “score” analgesico (calcolato dando 1 punto per ogni
dose standard di analgesici non narcotici e 2 per gli analgesici narcotici) confermati dopo 3 settimane.




                                        DOCETAXEL + PREDNISONE

                                    (Tannock IF, New Engl J Med 2004; 351: 1502-12)



Indicazioni: Terapia del Carcinoma prostatico ormonorefrattario.

Dosi: Docetaxel 75 mg/mq e.v.in 1 ora
                         ogni tre settimane per 10 cicli
      (Desametazone 8 mg 12 ore, 3 ore ed 1 ora prima
      del docetaxel)
      Prednisone 5 mg x 2/die per os




                                    RADIOTERAPIA + CISPLATINO
                                             seguiti da
                                   CISPLATINO + 5-FLUOROURACILE

                                     (Al-Sarraf M, J Clin Oncol 1998;16: 1310-1317)



Indicazioni: Carcinoma del rinofaringe localmente avanzato (T3-4 o N1-3)


                                                                                                                   23
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Dosi: Radioterapia 1,8-2,0 Gy/die per 5 giorni alla
           U.O. di Oncologia Medica
      settimana per 35-39 frazioni (dose totale 70 Gy)           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo

                          concomitante con

     Cisplatino 100 mg/mq giorni 1, 22, 43

                              seguiti da sola

     Chemioterapia
     (3 cicli di Cisplatino 80 mg/mq g 1
     + 5- Fluorouracile 1000 mg/mq/die g 1,2,3,4

     ogni 4 settimane)



                                                INTERFERONE alfa-2a

                                        (Motzer RJ, J Clin Oncol 2000; 18: 2972-2980
                                          Motzer RJ, J Clin Oncol 2002; 20: 289-296)

Indicazioni: Carcinoma renale metastatico.

Dosi: 3 MU s.c. x 3 / settimana (prima settimana),
      6 MU s.c. x 3 / settimana (seconda settimana),
      9 MU s.c. x 3 / settimana successivamente.

Durata: fino a progressione

N.B.: La somministrazione deve avvenire in tre giorni della settimana non consecutivi.




                                                SUNITINIB (SU11248)

                                        (Motzer RJ, N Engl J Med 2007; 356: 115-124)

Indicazioni:
     1. Carcinoma renale metastatico.
     2. Tumori stromali del tratto gastrointestinale (GIST) non operabili e/o metastatici dopo fallimento di un
         trattamento con Imatinib
         (Demetri GD, Lancet 2006; 368: 1329-38)

Dosi: 50 mg/die per os per 4 settimane seguiti da 2 settimane di riposo.

Durata: fino a progressione o tossicità inaccettabile.




                                                                                                            24
                                        www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                               DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo

                                                      SORAFENIB

                                         (Escudier B, N Engl J Med 2007; 356: 125-134)

Indicazioni:
     1. Carcinoma renale metastatico dopo fallimento terapeutico ad una terapia con citochine o con controindicazioni
         ad esse.
     2. Epatocarcinoma (Llovet J, Proc Am Soc Clin Oncol 2007, Abstr 1)

Dosi: 400 mg (2 cpr da 200 mg) x 2/die .

Durata: fino a progressione o tossicità inaccettabile.




                                               5-FLUOROURACILE i.c.
                                                 + RADIOTERAPIA

                                 (modif. da O’ Connel MJ, N Engl J Med 1994; 331:502-7)


Indicazioni: Terapia adiuvante nel carcinoma del retto stadio II (ovvero T3,T4 con N0) e III (ovvero ogni T con N1,N2).

Dosi:-Quattro cicli di LV5FU2 (de Gramont)

     -5-Fluorouracile 225 mg/mq/die in i.c. giorni:
             64-105(decima-quindicesima settimana)
                 contemporaneamente alla RT pelvica
                              (dose totale 4500 cGy)

     -Quattro cicli di LV5FU2 (de Gramont)




                                          EPIRUBICINA + IFOSFAMIDE
                                                 “ dosi piene”

                                              (Istituto Nazionale Tumori, Milano)


Indicazioni: Sarcomi dei tessuti molli

Dosi: Epirubicina 35 mg/mq/die in bolo gg 1,2,3
      Ifosfamide 3000 mg/mq/die in 1000 cc di

                                                                                                                     25
                                         www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                   Glucosata al 5% in 2 h gg 1,2,3
           U.O. di Oncologia Medica                               DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
      Utilizzare Mesna 1000 mg/mq in bolo 15’ prima e
      dopo 2 e 6 ore dall’infusione dell’Ifosfamide.


Intervallo: tre settimane.

N.B.: Considerare la somministrazione di G-CSF.




                                          GEMCITABINA + DOCETAXEL

                                        (Hensley ML, J Clin Oncol 2002; 20:2834-2831)


Indicazioni: Chemioterapia di II linea nel leiomiosarcoma metastatico.

Dosi: Gemcitabina 900 mg/mq ev in 90’ gg 1 e 8
      Docetaxel 100 mg/mq ev in 60’ g 8

Intervallo: tre settimane.

Durata: sei cicli (con ulteriori due cicli in caso di risposta)

N.B.: Lo studio prevedeva la somministrazione di G-CSF dal 9° al 15° giorno di ciascun ciclo. Nei pazienti sottoposti
precedentemente a radioterapia le dosi erano: Gemcitabina 675 mg/mq e Docetaxel 75 mg/mq.




                                        PACLITAXEL + CARBOPLATINO
                                               + ETOPOSIDE


                                       (Hainsworth JD, J Clin Oncol 1997 15: 2385-2393)



Indicazioni: Carcinoma a sede primitiva sconosciuta.

Dosi: Paclitaxel 200 mg/mq ev in 1 ora g1
      Carboplatino AUC 6 ev in 20-30’ g1
      Etoposide 50 alternati con 100 mg/die
                                   per os dal g1 al g10

Intervallo: tre settimane

Durata: quattro cicli nei pazienti che rispondono.




                                                                                                                  26
                                         www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                               DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
           U.O. di Oncologia Medica                                 DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo



                                                  PELF SETTIMANALE

                                          (Cascinu S, J Clin Oncol 1997; 15:3313-3319)

Indicazioni: Terapia neoadiuvante nel carcinoma gastrico localmente avanzato.

Dosi: 1500 cc di sol.fis.+20 mEq KCl+10 mEq MgSO4
                                                             g1
                       (2 ore prima del Cisplatino)
     Desametazone 20 mg
                                in 50 cc di sol.fis.in 15 m’ g1
                       (45’ prima del Cisplatino)
     Ondansetron 8 mg in 50 cc di sol.fis. in 15 m’ g1
     Glutatione 1,5g/mq in 100 cc di sol.fis.in 15 m’ g1
     Cisplatino 40 mg/mq in 250 cc di sol.fis. in 30 m’ g1
     1000 cc di sol.fis. in 2 ore g1
     5-Fluorouracile 500 mg/mq
                               in 100 cc di sol.fis.in 15 m’g1
     Epirubicina 35 mg/mq in bolo g1
     Leucovorin 250 mg/mq
                             in 250 cc di sol.fis. in 4 ore g1
                (contemporaneamente all’idratazione)
     Filgastrim 5 mcg/mq/die s.c. g 2,3,4,5,6

Durata: otto settimane (un ciclo di terapia)


                                                                  ECF

                                           (Findlay M, Ann Oncol 1994, 5 : 609-616)

Indicazioni:
 1. Carcinoma gastrico metastatico nei pazienti con buon PS.
 2. Terapia adiuvante del carcinoma gastrico nei pazienti ad alto rischio.

Dosi: Epirubicina 50 mg/mq bolo ev ogni tre settimane
      Cisplatino 60 mg/mq ev ogni tre settimane
      5-Fluorouracile 200 mg/mq/die ic per 21 settimane

Durata: otto cicli

N.B.: Tre cicli prima della chirurgia e tre cicli dopo, nel carcinoma gastrico o dell’esofago distale operabili, hanno
dimostrato un miglioramento della sopravvivenza rispetto alla sola chirurgia (Cunningham D, N Engl J Med 2006, 355:
11-20)




                                                                  TCF

                                      (Van Cutsem E, J Clin Oncol 2006; 24: 4991-4997)

Indicazioni:
     1. Carcinoma gastrico metastatico nei pazienti giovani con buon PS.
     2. Terapia neoadiuvante del carcinoma gastrico nei pazienti con buon PS.

                                                                                                                   27
                                         www.oncologia-cosenza.org
                AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

             U.O. di Oncologia Medica                                  DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Dosi: Docetaxel 75 mg/mq ev g 1
           U.O. di Oncologia Medica
      Cisplatino 75 mg/mq ev g 1                                       DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
      5-Fluorouracile 750 mg/mq/die ic g 1,2,3,4,5

Intervallo: tre settimane

N.B.: La profilassi primaria con G-CSF è raccomandata.




                                      5-FLUOROURACILE + A. F0LINICO
                                             +RADIOTERAPIA

                                         (Macdonald JS, N Engl J Med 2001; 345:725-30)

Indicazioni: Terapia adiuvante dell’adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastroesofagea resecato ad alto rischio di recidiva (T4 N+,
T3 N2, T1-2-3 N3 o Chirurgia inadeguata, ad es. <D1).

Dosi:
Chemioterapia (dal giorno 1):
Leucovorin 20 mg/mq ev g 1,2,3,4,5
5-Fluorouracile 425 mg/mq ev g 1,2,3,4,5

Chemio-Radioterapia (dal giorno 28) per 5 settimane:
4500 cGy (180 cGy/die per 5 settimane per 5 giorni alla settimana) associati a:
Leucovorin 20 mg/mq ev g 28,29,30,31 e 60,61,62
5-Fluorouracile 400 mg/mq ev g 28,29,30,31 e 60,61,62
Chemioterapia (dal giorno 91) dopo 28 giorni dal termine della RT:
Leucovorin 20 mg/mq ev g 91,92,93,94,95
5-Fluorouracile 425 mg/mq ev g 91,92,93,94,95
Chemioterapia (dal giorno 118) dopo un mese dal ciclo precedente:
Leucovorin 20 mg/mq ev g 118,119,120,121,122
5-Fluorouracile 425 mg/mq ev g 118,119,120,121,122



                                                           IMATINIB


                                         (Demetri DG, N Engl J Med 2002; 347: 472-480)




Indicazioni: Tumori stromali gastrointestinali (GIST) non operabili e/o metastatici positivi alla proteina kit (CD 117).

Dosi: 400 mg/die (quattro capsule da 100 mg) da assumersi in un’unica somministrazione giornaliera durante un pasto e
con un abbondante bicchiere d’acqua, fino a progressione di malattia.

N.B.: In caso di progressione, il dosaggio può essere aumentato a 600-800 mg/die, ma i dati sono ancora limitati.




                                                                                                                                     28
                                           www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
          U.O. di Oncologia Medica                         DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
                                                    AL- SARRAF

                                          (Kish J, Cancer 1984; 53(9):1819-24)


Indicazioni: Carcinoma squamoso testa-collo ed esofago recidivato o metastatico.

Dosi: Cisplatino 100 mg/mq g 1
      5-Fluorouracile 1000 mg/mq/die in ic di 4 giorni

Intervallo: tre settimane




                                       CETUXIMAB + CDDP + 5-FU

                                (Vermorken J, Proc Am Soc Clin Oncol 2007, abstr 6091)


Indicazioni: Carcinoma squamoso testa-collo recidivato o metastatico.

Dosi: Cetuximab 400 mg/mq e successivamente 250
      mg/mq/sett. fino a progressione o tossicità
      inaccettabile.

     Cisplatino 100 mg/mq g 1
     5-Fluorouracile 1000 mg/mq/die in ic di 4 giorni

Intervallo: La chemioterapia va somministrata ogni tre settimane per massimo 6 cicli




                                     METHOTREXATE SETTIMANALE

                                    (Forastiere AA, J Clin Oncol 1992; 10: 1245-1251)


Indicazioni: Carcinoma squamoso testa-collo avanzato nei pazienti con PS scaduto.

Dosi: Methotrexate 40 mg/mq e.v. da ridurre a 30 mg/mq in caso di tossicità.

Intervallo: una settimana

                                                                                                 29
                                      www.oncologia-cosenza.org
              AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                           DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
N.B.: Anche se determina percentuali di risposta inferiori al CDDP + 5-FU, la tossicità è inferiore e la sopravvivenza è
         U.O.
sovrapponibile.   di Oncologia Medica                          DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo




                                     CETUXIMAB + RADIOTERAPIA

                                      (Bonner JA, N Engl J Med 2006; 354: 567-78)


Indicazioni: Carcinoma squamoso testa-collo localmente avanzato nei pazienti in cui risulta controindicato l’uso del
Cisplatino.

Dosi: Cetuximab 400 mg/mq ev in 2 ore (una settimana
      prima della RT) seguito dopo una settimana da
      250 mg/mq/sett. ev in 1 ora
      (premedicazione con anti-H1 ed anti-H2)

      Radioterapia della durata di 7-8 settimane con tre
      possibili modalità:
      1) Una volta al giorno (70 Gy in 35 frazioni)
      2) Due volte al giorno (72-76,8 Gy in 60-64 frazioni)
      3) Concomitant boost (72 Gy in 42 frazioni)




                                                          TPF

                                   (Vermotken JB, N Engl J Med 2007; 357: 1695-704)

Indicazioni: Chemioterapia neoadiuvante del carcinoma squamoso testa-collo localmente avanzato e non operabile
(stadio III e IV senza metastasi a distanza)

Dosi: Docetaxel 75 mg/mq ev g 1
      Cisplatino 75 mg/mq ev g 1
      5-Fluorouracile 750 mg/mq/die ic g 1,2,3,4,5

Intervallo: tre settimane per 4 cicli seguito da radioterapia entro 4-7 settimane con una delle tre modalità di
frazionamento:
1) Convenzionale (dose totale: 66-70 Gy)
2) Accelerato (dose totale: 70 Gy)
3) Iperfrazionato (dose totale: 74 Gy)

N.B.: Le profilassi con G-CSF (soprattutto in caso di neutropenia febbrile o infezione, mancata ripresa dei neutrofili al
giorno 28 e neutropenia di grado 4 per oltre 7 giorni) ed antibiotica (ciprofloxacina 500 mg x 2/die dal giorno 5 al giorno
15) sono raccomandate durante la chemioterapia.



                                                          PEB

                                    (Williams SD, N Engl J Med 1987; 316: 1435-40)

                                                                                                                       30
                                      www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                              DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Indicazioni: Tumori a cellule germinali.
          U.O. di Oncologia Medica                                DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
Dosi: Cisplatino 20 mg/mq/die e.v. in 15-30 ’g 1,2,3,4,5
     (In questi giorni sol. fis. 100 ml/h in i.c.)
      Etoposide 100 mg/mq/die e.v. in 30’ g 1,2,3,4,5
      Bleomicina 30 U e.v. in bolo g 2,9,16

Intervallo: tre settimane.

Durata: quattro cicli e quindi valutazione della risposta.




                                                  PEI – salvataggio

                                           (Loehrer PJ, J Clin Oncol 1986, 4:528-536)

Indicazioni : Terapia di seconda linea nei tumori a cellule germinali

Dosi:
Cisplatino 20 mg/mq g 1,2,3,4,5
Etoposide 75 mg/mq g 1,2,3,4,5
Ifosfamide 1200 mg/mq g 1,2,3,4,5
Uromitexan 120 mg /mq ev prima dell’IFO g 1,2,3,4,5
Uromitexan 1200 mg/mq/die in ic g 1,2,3,4,5


Intervallo: tre settimane




                                       ADRIAMICINA + CISPLATINO


                                           (Shimaoka K, Cancer 1985; 56: 2155-2160)



Indicazioni: Carcinoma tiroideo avanzato.

Dosi: Adriamicina 60 mg/mq ev g1
      Cisplatino 40 mg/mq ev g1

Intervallo: tre settimane



                                                                                                     31
                                       www.oncologia-cosenza.org
               AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA - P.O. MARIANO SANTO

            U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE: Dr. Salvatore Palazzo
N.B.: Anche se questa combinazione è superiore alla monochemioterapia con adriamicina in termini di risposte, la
differenza U.O. di Oncologia Medica                             DIRETTORE:
           della sopravvivenza globale non è statisticamente significativa.    Dr. Salvatore Palazzo




                                       GEMCITABINA + CISPLATINO

                                   (von der Maase H, J Clin Oncol 2000; 17: 3068-3077)

Indicazioni:
     1. Carcinoma a cellule transizionali (TCC) dell’urotelio, localmente avanzato (T4b, N2, N3) o metastatico (M1).
     2. Chemioterapia adiuvante del carcinoma della vescica negli stadi T2 G3, T3-4 e/o N+ (4 cicli).

Dosi: Gemcitabina 1000 mg/mq in 30-60’ g 1, 8, 15
      Cisplatino 70 mg/mq g 2

Intervallo e durata: ogni 28 giorni per un massimo di 6 cicli.

N.B.: Nei pazienti con PS scaduto o controindicazioni al Cisplatino somministrare monochemioterapia con Gemcitabina
1200 mg/mq ev in 30’ g 1,8,15 ogni 28 giorni (Stadler WM, J Clin Oncol 15, 3394-3398, 1996; Moore MJ, J Clin Oncol 15,
3441-3445, 1997)




                                                                                                                       32
                                       www.oncologia-cosenza.org

				
DOCUMENT INFO