Your Federal Quarterly Tax Payments are due April 15th Get Help Now >>

UNAIE_ CONGRATURALZIONI BAFILE PER NOMINA NARDUCCI by wulinqing

VIEWS: 55 PAGES: 17

									PD, VELTRONI A ITALIANI ALL’ESTERO: DA VOI UN APPORTO FONDAMENTALE
(NoveColonne ATG) Roma - ―Le primarie del prossimo 14 ottobre rappresentano un appuntamento
storico per il nostro Paese, un‘occasione straordinaria di partecipazione democratica, di
rinnovamento e apertura della politica, al servizio dell‘Italia e degli italiani‖. Inizia così la lettera
aperta che Walter Veltroni, sindaco di Roma e candidato alla segreteria del Pd, ha inviato agli
italiani all‘estero. ―La nascita del Partito democratico – scrive Veltroni - può concretamente
modificare il nostro sistema politico, semplificandone il panorama, rafforzandone l‘aspetto bipolare,
la stabilità e il grado di innovazione. Ma è soprattutto per rimettere in moto l‘Italia, per renderla più
dinamica, moderna e giusta, che ci stiamo impegnando nella costruzione del Partito democratico:
per liberare tutte le potenzialità del nostro Paese, per sbloccarne le tante energie. Credo non sia un
caso se l‘esperienza del Partito democratico è vissuta con tanto interesse e suscita tante aspettative
tra molti dei nostri concittadini residenti all‘estero. Vista da lontano, infatti, l‘Italia appare in tutte le
sue grandi possibilità, ma anche con tutti i suoi limiti: litigiosa, lenta, bloccata dall‘incapacità di
osare, di guardare al futuro, di prendere le decisioni necessarie per il bene del Paese. Il Partito
democratico nasce per dare risposte proprio a questa voglia di cambiare l‘Italia: renderla più
moderna, più giusta, più unita, più aperta, più efficiente e veloce, più attenta a ciò che avviene nel
mondo, dai cambiamenti climatici alle dinamiche del commercio internazionale‖. ―L‘appuntamento
del 14 ottobre – prosegue la lettera - la nascita del Partito democratico, rappresenta una grande
opportunità anche per tutti gli italiani che vivono all‘estero. Mi è capitato in tante occasioni, anche
durante la mia esperienza di governo, di ricordare quale contributo appassionato e prezioso abbiate
recato all‘immagine dell‘Italia in Europa e nel mondo. Non dimentico i sacrifici di chi è stato
costretto a cercare altrove, fuori dal suo Paese, il diritto ad una vita dignitosa. Cittadini verso i quali
troppo scarsa è stata a lungo l‘attenzione della nostra legislazione e delle nostre istituzioni. Nel
corso dell‘ultimo decennio si sono fatti dei passi avanti significativi, ma molto resta da fare sia per
sostenere ed accompagnare i processi di integrazione nei Paesi di residenza, sia per garantire piena
appartenenza alla comunità d‘origine. Con la nascita del Partito democratico, chi vive all‘estero ha
uno strumento in più per sentirsi nuovamente parte di una nazione, per contribuire alla vita politica
italiana. Da voi può venire un apporto fondamentale di esperienze, idee, competenze e capacità,
soprattutto in un tempo come il nostro, contrassegnato dalla necessità di realizzare un‘integrazione
mite tra culture e identità distinte. A partire da questa sfida, che è prima di tutto una battaglia di
civiltà, e valorizzando in modo pieno le vostre energie e le vostre esperienze, possiamo costruire
una nuova, solida, alleanza. Per il futuro dell‘Italia, di tutti gli italiani‖.

RAI INTERNATIONAL, BADALONI: GUARDIAMO AL FUTURO
(NoveColonne ATG) Roma – E‘ iniziata a Caracas e si è conclusa a Montevideo la missione del
direttore di Rai International Piero Badaloni. Dieci giorni in cui il direttore ha incontrato le
comunità italiane nel continente latinoamericano per ascoltare e discutere delle aspettative e dei
problemi della Rete dedicata all‘Italia nel mondo. ―Cerchiamo la sintonia con il nostro pubblico‖ ha
detto a ―Gente d‘Italia‖ Badaloni nel corso dell‘ incontro alla Casa degli Italiani di Montevideo.
Parlando dei giovani e del loro interesse per l‘Italia, il direttore di Rai International ha spiegato alla
giornalista del quotidiano, diretto da Mimmo Porpiglia, che "Non esistono programmi per i giovani
nei canali Rai". "Anche la musica leggera manca – ha sottolineato Badaloni - per questo nel
palinsesto di Rai International abbiamo inserito una finestra dedicata alla musica dentro la
trasmissione culturale ‗Il caffé‘".La nuova programmazione di Rai International oggi è composta da
circa l' 85 percento di selezioni dalle offerte delle altri reti. Un bacino a cui attingere che è stato
recentemente allargato ai canali tematici satellitari come Rai educational, Gambero Rosso, Rai
Cinema e Rai ragazzi. Nel corso dell‘incontro alla Casa degli Italiani alcuni membri della Comunità
hanno detto che in Uruguay il 90 percento di coloro che hanno la cittadinanza non conosce la lingua
e chiedono quindi che vengano sottotitolati i programmi. Dal Comites poi arriva una critica:―pago il
canone perché mi interessa la politica – dice il vice presidente del Comites locale, Franco Magno - e
trovo che ora l'informazione sia piuttosto frammentaria‖. ―Nel corso di questa missione – spiega
Badaloni ai rappresentanti della Comunità - abbiamo raccolto un dieci percento di critiche e un
novanta percento di apprezzamenti per i cambiamenti che abbiamo apportato. Un cammino di
rinnovamento appena cominciato e che mi piace condividere con gli utenti. Mi piacerebbe anche –
dice ancora Badaloni a Gente d‘Italia -, come mi è stato più volte suggerito che il canale si
chiamasse Rai Internazionale o Rai Italia e non più International. Spero che il direttore generale ce
lo consentirà‖. Infine il direttore risponde alle critiche: "vengono dalla generazione più anziana che
è quella verso la quale si guardava in maniera più esclusiva fino a ieri. Lo sforzo - spiega Badaloni -
che stiamo facendo è quello di allargare il bacino d'utenza e guardare al futuro". Per poter vedere i
cambiamenti apportati al palinsesto e all‘organizzazione della rete, si dovrà comunque attendere
fino alla fine dell‘anno. Si tratta soprattutto di novità all'interno di quel 15 percento di nuova
produzione. Tra le novità in arrivo: entro il mese di ottobre con cadenza settimanale andranno in
onda venti film italiani del nuovo cinema. "Un risultato – spiega Badaloni - ottenuto dopo una
difficile trattativa con la Società Autori per ottenere i diritti di trasmissione all'estero". Alla messa in
onda sarà affiancata una rubrica intitolata "Nuovo cinema Italia". Partirà anche una trasmissione
dedicata alla cultura dei dialetti che affiancherà "Qui si Parla italiano". Altra novità una
trasmissione dedicata al melodramma e una striscia quotidiana sulle tematiche care alle comunità
intitolata "Italia chiama Italia". "Le storie di eccellenza italiana saranno raccontate da Sestante, il
nostro TV7 – dice ancora il direttore - mentre i parlamentari eletti all'estero e altri rappresentati
saranno ospiti di Italia World". A chiusura dell‘incontro di Montevideo un suggerimento condiviso
giunge dalla Console Gaia Danese: ―fare una trasmissione in cui le due generazioni, quella dei
nonni e quella dei nipoti, dialogano insieme‖.

FARNESINA: SETTIMANA LINGUA ITALIANA DEDICATA AL MARE
(NoveColonne ATG) Roma - Si è tenuta l‘8 ottobre alla Farnesina la conferenza stampa di
presentazione della VII Settimana della lingua italiana nel mondo, in programma dal 22 al 28
ottobre prossimi. ―Si tratta di uno degli avvenimenti di punta del ministero degli Affari Esteri nel
campo della promozione della nostra cultura e della nostra lingua‖, ha dichiarato il vice ministro
degli Affari Esteri Ugo Intini, presente all‘incontro. Promuovere la lingua per promuovere nel resto
del mondo la cultura italiana, che Intini ha definito ―un immenso patrimonio‖: questo l‘obiettivo
della manifestazione, che quest‘anno sarà dedicata al tema del mare, ―un soggetto – ha dichiarato
Intini – che ha ispirato al nostra intera cultura, ed è stato protagonista di romanzi, poesie, opere
cinematografiche‖. E‘stato Francesco Sabatini, presidente dell‘Accademia della Crusca, a scegliere
il mare come argomento dell‘edizione della Settimana: ―La varietà e la felicità dei temi che ha
sempre caratterizzato la manifestazione ha permesso un coinvolgimento sempre maggiore di enti
locali ed università. Credo che uno degli obiettivi della Settimana sia, infatti, l‘attivazione di un
sistema capillare di diffusione del nostro patrimonio linguistico e culturale‖. La manifestazione ha
registrato, dal 2001 ad oggi, un trend positivo: ―Quest‘anno – ha rivelato Sabatini – ha già superato
la soglia di 1300 iniziative raggiunta nell‘edizione del 2006, e coinvolge un numero sempre
maggiore di istituti di cultura, enti locali, università‖. Quali le novità di questa edizione? Una
mostra dal titolo ―Il mare di Salgari. Gli oceani, i porti, le navi e gli eroi‖, organizzata dalla
Biblioteca Civica di Verona ed esposta nella ―Sala Mappamondi‖ della Farnesina.
―Dell‘esposizione – ha spiegato Gherardo La Francesca, direttore generale per la Promozione e la
Cooperazione culturale del Mae – sarà riproposta una versione virtuale in 30 Istituti Italiani di
cultura sparsi in tutto il mondo: la vedranno a Vilnius, Città del Messico, Edimburgo, Ankara, ed in
molte altre città‖. La mostra, dedicata ad uno scrittore le cui opere spaziano dalla Malesia di
Sandokan all‘isola di Cipro, non è l‘unica: tra le altre, una dal titolo ―Patrimonio e memoria delle
isole minori italiane. Un viaggio per parole e immagini illustrato da foto ed antiche carte
geografiche‖. Si va da un dipinto di Capri realizzato da Jacob Philipp Hackert nel 1792 – uno dei
primi messaggi pittorici diffusi per divulgare l‘attrattiva dell‘isola – ai versi di Dante, che cita
l‘isola Capraia e la Gorgona. Tra le altre iniziative, ―Libri Damare‖: la nave ―Giorgio Cini‖ della
Guardia di Finanza parte dal porto di Bari, e toccherà i porti di Durazzo, Cattaro, Dubrovnik,
Spalato e Capodistria, per approdare, il 29 ottobre, a Trieste. Tra le altre iniziative, il concorso
letterario ―Scrivi con me‖, in cui gli studenti delle scuole medie superiori sono stati invitati a
scrivere un racconto noir: ―Quest‘anno – ha rivelato Sabatini – abbiamo ricevuto risposte da tutti gli
angoli del mondo, a testimonianza del fatto che c‘è sempre maggior richiesta di parlare italiano nel
mondo‖.

SETTIMANA LINGUA ITALIANA, INTINI: PROMUOVIAMO IMMAGINE POSITIVA
(NoveColonne ATG) Roma - Un vivace botta e risposta tra Ugo Intini, viceministro degli Esteri, e
Loredana Cornero, segretaria generale della Comunità radiotelevisiva italofona, e Augusto Milana,
capostruttura della struttura radiofonica di Rai International. Alla conferenza stampa di
presentazione della VII Settimana della lingua italiana nel mondo Intini, che aveva più volte
ringraziato Rai International per il suo contributo all‘evento con una serie di produzioni realizzate
ad hoc, a conclusione della conferenza ha aggiunto: ―Molte formiche portano pagliuzze alla
promozione ed al buon funzionamento del sistema Italia, ma a volte si devono guardare anche le
travi: i telegiornali di fine mattina della Rai sono per lo più bollettini di cronaca nera, e, sebbene
siano buoni catalizzatori di audience, danno un‘idea distorta dell‘immagine del Paese: non ritengo
che sia opportuno promuovere quest‘idea anche nei notiziari rivolti all‘estero‖. ―Proprio in questi
giorni – ha risposto Augusto Milana – stiamo elaborando nuovi contenuti informativi, prendendo il
meglio dei notiziari italiani. La prima edizione di Italia Radio, ad esempio, è dedicata alla Settimana
della lingua italiana. Il programma sia radiofonico che televisivo Italia chiama Italia, inoltre,
promuove nel mondo la nostra lingua‖ . ―Sabato scorso, ad un mese dalla scomparsa di Pavarotti –
ha aggiunto Intini – abbiamo ricevuto del materiale informativo che abbiamo distribuito a numerose
televisioni locali cinesi, canadesi, ungheresi. Se potessimo ripetere più spesso esperienze simili, il
nostro impatto all‘estero sarebbe enorme‖. Loredana Cornero ha concluso il dibattito: ―Abbiamo
elaborato un portale, www.linguaitaliana.rai.it, che, tra le altre cose, sarà utilizzato da 50 Università
statunitensi per la promozione della nostra lingua‖.

CANADA: IL PROGRAMMA DELLA VII SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA
(NoveColonne ATG) Vancouver – In occasione della settima edizione della ―Settimana della
Lingua Italiana nel Mondo‖, quest‘anno dedicata al tema ―La lingua italiana e il Mare‖, la città
canadese di Vancouver ha in programma diversi appuntamenti, organizzati dall‘Istituto Italiano di
Cultura in collaborazione con il consolato generale d‘Italia, e che si svolgeranno anche a Edmonton
e a Calgary. Tra gli ospiti ci sarà Alessandro Piperno, autore del discusso ―Proust antiebreo‖, che
presenterà il romanzo ―con le peggiori intenzioni‖, recentemente tradotto in inglese. Lo scrittore
sarà protagonista, tra l‘altro, di altri due incontri: il 18 ottobre presenzierà al convegno intitolato
―Le finalità della narrativa‖, mentre il 20 ottobre parteciperà ad un momento di lettura assieme ad
altri sei colleghi. Spazio anche al cinema e alla musica, con le proiezioni di ―Mediterraneo‖ di
Gabriele Salvatores (22 ottobre) e ‖Ferie d‘agosto‖ di Paolo Virzì (24 ottobre), entrambi presso
l‘Italian Cultural Centre ―Trattoria‖ di Vancouver, mentre, il 25 ottobre, presso la Ubc School of
Music Recital Hall di Vancouver, andrà in scena un concerto di musica classica dal titolo ―Un...
mare di arie‖ del duo Papale-Marra, che offrirà agli spettatori l‘esecuzione di arie d‘opera di
ispirazione marina. Non mancherà un angolo dedicato ai giovanissimi con l‘iniziativa intitolata
―Un…mare di bambini‖, dove questi verranno invitati a disegnare sui muri, ascoltare storie,
imparare l‘italiano attraverso le parole dedicate al mare. L‘iniziativa è rivolto ad un ―pubblico‖ fra i
5 e i 12 anni ed avverrà a conclusione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, cioè il 27
ottobre prossimo, presso l‘Italian Cultural Centre Trattoria di Vancouver.

SETTIMANA LINGUA ITALIANA: A CRACOVIA "COM'E' PROFONDO IL MARE"
(NoveColonne ATG) Cracovia - Sulla scia del tema dell‘attuale edizione della Settimana della
lingua italiana nel mondo, l‘italiano e il mare, l‘Istituto italiano di cultura di Cracovia organizza
fino al 31 ottobre una rassegna cinematografica dal titolo ―Com‘è profondo il mare‖. Ad aprire il
ciclo, ―Ferie di agosto‖ di Paolo Virzì con Sabrina Ferilli, Silvio Orlando, Laura Morante ed Ennio
Fantastichini. Poi, è la volta di Emanuele Crialese con il suo ―Respiro‖ con Valeria Golino,
Vincenzo Amato ed Elio Giordano. Il 22 verrà proiettato ―Cantando dietro i paraventi‖ di Ermanno
Olmi con Bud Spencer, Jun Ichikawa e Sally Ming Zeo Ni. Sarà di nuovo un film di Crialese a
chiudere la rassegna cinematografica: ―Nuovomondo‖, con Charlotte Gainsbourg e Vincenzo
Amato, verrà trasmesso sempre alle 18 il prossimo 31 ottobre.

VOTO, MAURO BAFILE: DIFENDERE I CANDIDATI ESTERI
(NoveColonne ATG) Caracas – S‘inserisce nel dibattito sulla modifica della Legge elettorale il
direttore del quotidiano italiano del Venezuela ―La voce d‘Italia‖. Mauro Bafile, commentando la
proposta di inserire l‘eleggibilità dei non residenti tra le fila degli eletti all‘estero, scrive: ―Prima o
poi doveva accadere. La proposta è di questi giorni ed è stata avanzata in Senato. Visto che il
residente all‘estero può essere eletto in Italia, perchè il residente in Italia non può essere eletto nelle
circoscrizioni estere? La domanda sembra innocente. Ma non lo è, così come non lo è l‘idea di
aprire le nostre circoscrizioni a chi non è residente oltre-confine‖. Bafile cita poi il Rapporto di
―Migrantes‖ presentato nei giorni scorsi, da cui emerge che gli italiani residenti all‘estero sono 3,5
milioni. ―Una cifra ragguardevole – scrive Bafile - che diventa ancor più consistente se si pensa
agli oriundi che superano i 60 milioni. Una ricchezza enorme della quale l‘Italia non ha ancora
preso coscienza‖. ―Un patrimonio - che secondo Mauro Bafile - va curato e le cui problematiche
vanno affrontate con coraggio e determinazione. Dall‘indigenza al fenomeno di invecchiamento,
dall‘assistenza sociale alle aspirazioni dei nostri giovani‖. ―Nulla è stato regalato a chi decise di
cercare altrove quello che il proprio Paese non poteva offrire‖. Il voto all‘estero e la presenza di
eletti nel Parlamento italiano sono diritti ottenuti dopo anni di lotta; conquiste che vanno difese da
chi insiste nello stereotipo dell‘emigrante con la valigia di cartone. ―Di quella valigia - afferma il
direttore de La Voce d‘Italia - siamo orgogliosi. E‘ parte delle nostre origini, della nostra storia; ma
è anche roba del passato. Le nostre collettività sono oggi ben altra cosa. E lo dimostrano
quotidianamente‖. ―Che senso ha essere rappresentati in Parlamento da chi non conosce la nostra
realtà?‖ Si chiede Mauro Bafile, ―che senso hanno le circoscrizioni all‘estero se poi i candidati
sono residenti in Italia, lontani anni luce dai nostri problemi?‖ ―Chi ci rappresenta – conclude
l‘editoriale - deve avere una conoscenza diretta dei bisogni, diversi da circoscrizione a
circoscrizione. Solo chi vive all‘estero può capire le necessità di chi vive l‘Italia fuori d‘Italia e
lottare per difenderne i diritti. Il voto all‘estero e la possibilità di eleggere i nostri veri
rappresentanti sono ormai diritti irrinunciabili, ai quali non possiamo assolutamente abdicare‖.

ITALIA-ARGENTINA, POLLASTRI: ACCORDO SU CINEMA AVVICINA I DUE PAESI
(NoveColonne ATG) Roma - ―Sono molto soddisfatto di aver ottenuto in qualità di relatore un
riscontro favorevole da parte dell‘intera commissione Affari Esteri del Senato‖. Queste le parole del
senatore Edoardo Pollastri a seguito dell‘approvazione del disegno di legge n. 1630 riguardante
l‘accordo di coproduzione cinematografica tra l‘Italia e l‘Argentina da parte della terza
commissione di cui il senatore fa parte. ―Tale accordo porta, come già è successo con la Turchia e la
Cina, a una più corretta normativa sulle coproduzioni cinematografiche e facilita gli scambi e le
collaborazioni tra Italia e Argentina – dice il senatore –. Il testo va ad aggiornare il precedente
accordo ratificato nel 1987, introducendo alcune precisazioni utili e aggiornando alcune definizioni
tecniche divenute ormai imprecise od obsolete‖. Favorevole il parere di Pollastri anche riguardo alle
ricadute positive per entrambi i Paesi: ―Questo accordo - ha spiegato - non può che favorire lo
sviluppo culturale ed economico dell‘Italia e dell‘Argentina. Il cinema, come altre grandi industrie,
è un‘importante dimostrazione delle eccellenze dei rispettivi Paesi, ma soprattutto attraverso il
cinema i Paesi si avvicinano tra loro, si conoscono reciprocamente, stringendo importanti e durature
relazioni‖. L'esame del disegno di legge proseguirà anche la prossima settimana per poi essere
sottoposto al parere e al voto del Senato.
DANIELI: PRESTO A ROMA MUSEO NAZIONALE MIGRAZIONI
(NoveColonne ATG) Roma - ―In 100 anni, dal 1861 al 1975, sono emigrati verso i paesi esteri
circa 27 milioni di italiani. Da quella data ad oggi, abbiamo accumulato un patrimonio culturale e
umano che non possiamo permetterci di perdere‖. Queste le parole del viceministro degli Esteri con
delega per gli italiani nel mondo Franco Danieli nel corso di un incontro con alcuni studenti italiani
ed australiani, impegnati in un workshop sul museo delle migrazioni che si è svolto a Roma. Il
progetto è stato organizzato in collaborazione tra la Facoltà di Architettura dell‘Università La
Sapienza di Roma e la Facoltà di Architettura dell‘Adelaide University, e vede gli studenti
impegnati nell‘elaborazione di studi progettuali per la costruzione del museo. ―Il fenomeno
dell‘emigrazione – ha spiegato Danieli – ha toccato molte famiglie. Ad oggi sono circa 4 milioni gli
italiani residenti all‘estero e 60 milioni gli oriundi italiani nel mondo. L‘Italia è inoltre uno dei
pochi Paesi che hanno avuto un‘estesa emigrazione, ma ad oggi è soggetta anche ad una forte
immigrazione. Per questi motivi, abbiamo, a mio parere, il dovere storico e morale di non
disperdere i dati che riguardano i nostri flussi migratori‖. Il Museo, che sorgerà nella Capitale,
dovrebbe raccogliere questo patrimonio, e, secondo Danieli, dovrà essere ―un luogo dinamico, e
non statico‖, in cui non sia ricordata soltanto la sofferenza dei primi emigranti che lasciavano le
famiglie in cerca di lavoro. Nel corso dell‘incontro si è infatti sottolineato che l‘emigrazione non è
stata solo un fenomeno negativo: ―Mio papà mi ha bastonato quando gli ho detto: ‗voglio seguire
mio marito in Australia‘. Ma adesso l‘àncora l‘abbiamo buttata in Australia, e qua devo morire‖, ha
detto una simpatica emigrante italiana in un video dal titolo ―Non possiamo lamentarci‖ proiettato
nel corso dell‘incontro. Il meeting è stata anche un‘occasione per discutere degli attuali rapporti tra
Italia ed Australia. ―Rapporti eccellenti – assicura Vincenzo Prati, della Direzione generale per i
paesi dell‘Asia, dell‘Oceania, del Pacifico e dell‘Antartide – ma suscettibili di miglioramento: la
nostra numerosa comunità italiana in Australia, infatti, potrebbe essere un utile ponte per
promuovere il dialogo tra l‘Italia e il continente asiatico. Si tratta di una sfida che, prima o poi,
dobbiamo affrontare‖. Nino Randazzo, senatore dell‘Ulivo eletto nella circoscrizione Estero, ha
espresso, a margine dell‘incontro, l‘augurio che l‘incontro sia un primo passo verso la costituzione
di un istituto di affari italo- australiani: ―Dobbiamo rinsaldare i legami tra i giovani e l‘Italia,
recuperare il nostro patrimonio linguistico e culturale. Alcuni meccanismi burocratici italiani
rendono molto difficile la permanenza dei giovani australiani nel nostro paese. Serve un istituto che
si occupi sistematicamente di questi problemi‖. Norberto Lombardi, consulente del viceministro per
il progetto, ha inoltre prospettato alcuni ruoli che il futuro Museo delle migrazioni potrebbe
ricoprire: ―Credo che sia necessaria l‘istituzione di un Museo dedicati allo studio e
all‘approfondimento del fenomeno migratorio. L‘Italia, infatti, ha dato un contributo molto
importante all‘estero in termini di emigrazione. Il Museo – ha proseguito Lombardi - potrebbe
diventare una sorta di osservatorio permanente della nuova mobilità, un fenomeno intenso ma poco
studiato. Un altro aspetto che potrebbe approfondire è quello dell‘immigrazione: si potrebbe dare
impulso ad un‘indagine sistematica di questo fenomeno a livello non solo statistico, ma
antropologico e sociale. Un altro tema da approfondire: quello dell‘emigrazione femminile e delle
nuove generazioni di origini italiane. Il Museo – conclude Lombardi - potrebbe inoltre mettere in
rete e in sinergia i diversi musei locali, archivi e centri di ricerca sull‘emigrazione, che conservano
un patrimonio molto ricco‖.

MUSEO NAZIONALE DELL'EMIGRAZIONE: CONVEGNO A ROMA IL 26 OTTOBRE
(NoveColonne ATG) Roma - "Museo Nazionale delle Migrazioni" è il titolo del convegno
organizzato dal Centro Studi Emigrazione Roma (Cser) a Roma il prossimo 26 ottobre nella sede
del ministero degli Affari esteri. Riflettere sul nuovo museo italiano delle migrazioni i e la
valorizzazione della rete di centri di ricerca e di musei locali impegnati sul tema dell'emigrazione
sono obiettivi primari del programma di lavoro, la storia dell'emigrazione italiana protagonista del
dibattito. ―E' necessario colmare un vuoto di una delle principali vicende che hanno segnato la
trasformazione della società italiana in età contemporanea. Occorre guardare – spiegano dal Cser -,
a queste vicende con la consapevolezza della transizione che il Paese sta compiendo da terra di
esodo a terra di approdo. In questo senso, l'emigrazione, che per altro non si è interrotta, è un
aspetto rilevante di un processo complesso, quello delle migrazioni, che ci coinvolge ancora oggi‖.
Il Cser è impegnato inoltre nella realizzazione di una struttura centrale che ―sia catalizzatrice per la
comunità italiana nel mondo e riferimento, sostegno e sviluppo per le realtà museali esistenti e in
fieri‖. Due le iniziative in programma a breve: l‘avvio di una sinergia con il Centro Studi
Emigrazione dando sostegno alla pubblicazione di un numero della rivista "Studi Emigrazione", che
offra un quadro aggiornato delle strutture esistenti; e, ancora, la promozione di un momento di
approfondimento e di confronto tra operatori e specialisti della materia, con la partecipazione di
tutti coloro che a livello istituzionale, associativo e operativo sono interessati alla valorizzazione del
patrimonio storico dell'emigrazione italiana, spiegano dal Cser. I lavori del prossimo 26 ottobre si
apriranno con la presentazione delle esperienze museali all'estero: Memorial do Imigrante di São
Paulo, del quale parlerà Ana Maria Da Costa Leitão Vieira, direttrice;Italian American Museum di
New York, presentato da Joseph V. Scelsa, Presidente; The Italian Historical Society—Coasit di
Melbourne, presentato da Gaetano Pagone, Presidente; Migration Museums Initiative di Ginevra,
presentato da Carine Rouah - Unesco e Peter Schatzer – OIM; Museo dell'Emigrante della
Repubblica di San Marino, presentato da Noemi Ugolini, Direttrice; National Trust del Western
Australia, presentato da Enzo Sirna, Vice Direttore. Non mancherà una sezione dedicata ai musei
dell'emigrazione presenti sul territorio nazionale, da quello di Gualdo Tadino, alla Fondazione
Paolo Cresci per la storia dell'emigrazione italiana, al Museo di Genova, al Museo di Napoli. I
lavori del convegno saranno conclusi da Graziano Battistella, preside Scalabrini International
Migration Institute e da Franco Danieli, Vice Ministro agli Affari Esteri con delega per gli italiani
all'estero.

AUSTRALIA: LA COMUNITA’ ITALIANA IN AIUTO DEGLI ABORIGENI
(NoveColonne ATG) Brisbane - Sui mezzi di informazione soprattutto italiani, sono apparsi nei
giorni scorsi articoli sugli Aborigeni in Australia, e sugli incentivi che lo Stato ha messo a
disposizione per incentivare il ritorno degli emigrati. Intervenendo nel dibattito che ne è seguito,
Francesco Capecchi, console d‘Italia in Brisbane, ha voluto sottolineare la ―preziosa attività‖ che lo
stato italiano svolge a sostegno della Comunità aborigena del Nord Queensland, attraverso una
azione coordinata del Consolato, della Direzione Didattica e dell‘Ente Italian School Committee
del Queensland dedicata all‘educazione interculturale e la promozione della lingua italiana. ―Come
Console per il Queensland e i Territori del Nord – scrive Francesco Capecchi - ho visitato la scuola
Kuranda District State School con l‘obiettivo di potenziare l‘impegno per l‘insegnamento
dell‘italiano e per valorizzare l‘esperienza di dialogo tra culture diverse, aborigena, australiana,
italiana‖. La Kuranda District School è una scuola distrettuale del North Queensland e sorge in una
zona rurale ai bordi della foresta pluviale. Nel 2007 è stata unificata con la locale scuola superiore,
assumendo l‘attuale status di scuola distrettuale con 220 studenti di cui 88 appartenenti alla
comunità aborigena. ―Ho avuto modo in quella occasione - racconta Capecchi - di incontrare gli
esponenti della Comunità. Il ―capo spirituale‖, Senior Willie, mi ha raccontato come la scelta di
mandare i bambini a scuola costituisse un passo sofferto, visto che nella cultura aborigena,
l‘istruzione avviene per tradizione in modo diretto attraverso la partecipazione alla vita della
comunità. Gli adulti in sostanza sono anche educatori dei bambini di tutta la Comunita‘‖.
―Considero segno di grande rispetto e stima nei confronti dell‘Italia - scrive ancora il console
italiano - e privilegio, avere avuto l‘invito a fare una esperienza proprio nei luoghi che essi
considerano sacri. Ho avuto modo di constatare come i bambini aborigeni studino la nostra lingua
con profitto e interesse, grazie alla capacità dell‘insegnante di italiano, Abigail Noli e
dell‘insegnante di musica aborigeno che hanno saputo coinvolgerli in attività comuni, quali calcio,
il canto, i giochi. I risultati raggiunti sono frutto di un‘attività preparatoria svolta dal Consolato
italiano e dall‘Ente Italian School Commitee con il lavoro del preside italo-australiano Chris Capra.
Grazie al lavoro congiunto, è stato inserito fra le discipline curricolari della scuola l‘insegnamento
della lingua italiana nelle classi 4,5,6 (equiparabili agli ultimi anni delle ―nostre‖ elementari e alle
scuole medie)‖. Fin dal 2005 la scuola aveva promosso una consultazione della Comunita‘
aborigena al fine di adeguare il curriculum scolastico ai bisogni educativi e di promuovere il
coinvolgimento delle famiglie e la promozione della cultura aborigena. Il risultato di questa fase
preliminare e‘ stata la sperimentazione del programma Faft (Families As First Teachers), che ha
permesso alla scuola di ottenere il Regional Showed Award per l‘eccellenza nella scuola
dell‘infanzia. Il programma valorizza i genitori come educatori e i membri della Comunità come
figure importanti del processo di socializzazione e di educazione diretta. Le interrelazioni tra scuola
e Comunità permettono di riconoscere e utilizzare gli stili di apprendimento parentali, di
organizzare workshops a scuola e nelle comunità anche più remote, con l‘aiuto di un team di
insegnanti e operatori sociali e sanitari. Più di 100 membri della Comunità hanno frequentato in 5
differenti aree i workshop ispirati al ―mutual learning‖ del programma Faft. Dalla valutazione
qualitativa e quantitativa dei dati raccolti è emerso un generale miglioramento dell‘apprendimento,
delle relazioni scuola – famiglia, della comunicazione intergenerazionale. ―In definitiva - spiega il
console - sono stati osservati una riduzione del 74% di comportamenti negativi e l‘aumento del
337% di comportamenti positivi tra gli studenti aborigeni. La frequenza scolastica della prescuola e
del primo anno della scuola primaria e‘ passata dal meno 50% prima della sperimentazione del
programma FAFT a +85% dopo l‘avvio del programma‖.

EMIGRAZIONE, DANIELI: CGIE NON E’ “CARROZZONE” D’ALEMA
(NoveColonne ATG) Roma - ―L‘articolo pubblicato dal Giornale, a firma di Alessandro Caprettini,
richiede quanto meno qualche precisazione, a cominciare dal titolo‖. Lo afferma in una nota il
viceministro degli Esteri con delega per gli italiani nel mondo, Franco Danieli, spiegando che ―il
Cgie non è certamente il ‗carrozzone di D‘Alema‘ come titola appunto il Giornale (perché allora
dovremmo parlare anche di ‗Carrozzone‘ di Berlusconi, Fini, Frattini etc. etc.), poiché si tratta di un
organo istituito con legge dello Stato sin dall‘anno 1989, allo scopo di rappresentare gli interessi
degli italiani all‘estero. E‘ evidente – prosegue Danieli - che tale rappresentatività va oggi ripensata,
alla luce della presenza in Parlamento dei 18 eletti all‘estero e sulla proposta di riforma legislativa
cui si sta già lavorando. Quanto alla sostanza delle critiche – afferma il viceministro degli Esteri -
devo sottolineare che sono già stati presi opportuni provvedimenti per il contenimento della spesa:
viaggi in classe economica o comunque prepagati alle tariffe più economiche, alberghi di categoria
non lusso (quello a Miami per categoria e per prezzi applicati, in base a una convenzione con il
nostro Consolato generale, era il più economico tra le strutture in grado di ospitare un convegno),
limitazione del numero delle riunioni a quelle strettamente previste dalla legge. Si sottolinea –
prosegue la nota - che i 29 membri di nomina governativa si riuniscono solo a Roma (Plenaria,
Comitato di Presidenza Riunioni Tematiche). I membri del Cgie – precisa inoltre Danieli -
percepiscono una diaria di missione e quindi sostengono a proprie spese pranzi, cene, colazioni.
Infine, la pagina web del Cgie è in costruzione e il Forum è on line da pochi giorni, pertanto non ci
si può ancora iscrivere, i risultati dovranno essere giudicati a tempo debito. Su questa strada di
rigore si intende peraltro continuare, nel quadro della citata riforma, affinché – conclude il
viceministro - non vi siano sprechi e le spese connesse all‘organo di rappresentanza delle nostre
collettività all‘estero possano da tutti essere considerate utili e produttive‖.

NERI: GIOVANI IMPORTANTI PER NUOVO CONCETTO ITALIANITA’
(NoveColonne ATG) Roma - ―Da quando il viceministro Danieli ha annunciato l‘impegno del
governo per la preparazione della prima conferenza dei giovani emigrati italiani all‘estero, si stanno
moltiplicando incontri come questi: confronti, aggregazioni spontanee, nelle scuole come in
internet. Quello che emerge e‘ uno spaccato plurale interessantissimo e vivace di una realta‘ fino ad
oggi assolutamente trascurata come quella dei giovani dell‘emigrazione italiana all‘estero‖. Lo ha
affermato Luciano Neri, consigliere politico del viceministro Danieli, che ha partecipato ad un
incontro con alcuni giovani della circoscrizione consolare di Friburgo. ― La presenza cosi numerosa
di giovani e di donne – ha affermato Neri - dimostra che non c‘é distacco o disinteresse delle
giovani generazioni, ma solo la mancanza di opportunità e di strumenti aperti e aggiornati che
consentano una partecipazione effettiva. I giovani hanno la voglia e il diritto di autorganizzarsi, di
gestire in autonomia e con responsabilità scelte e organismi che consentano loro di entrare con la
propria storia e con i propri bisogni nel complesso mondo dell‘emigrazione italiana. Chi pensa di
ingabbiare i giovani nelle strutture tradizionali, senza cambiarle, sbaglia e perde tempo. L‘ingresso
dei giovani – ha affemato Luciano Neri - costituisce anche uno stimolo positivo per le nostre
rappresentanze tradizionali che, tutte, sono chiamate ad accettare la sfida con cambiamenti profondi
e diffusi. Si possono fare molte cose, e l‘unica che non si può fare è restare fermi‖. ―L‘emigrazione
giovanile di oggi, così come le generazioni di figli di emigrati, ha connotazioni sostanzialmente
diverse da quelle del passato, e i giovani affrontano problemi e opportunità esattamente inverse
rispetto a quelle dei padri. La Conferenza dei Giovani dell‘emigrazione italiana nel mondo, ha
concluso Luciano Neri, ―serve da una parte per dare voce a chi oggi non ce l‘ha, e dall‘altra per
ascoltare e interpretare domande delle giovani generazioni che aiuteranno certamente a definire e
focalizzare un concetto di ‗italianità‘ più aggiornato e reale‖. All‘incontro erano presenti anche i
due rappresentanti locali del Cgie, Gianfranco Segoloni e Michele Cristalli. ―Noi abbiamo dato il
nostro contributo – ha affermato Segoloni – abbiamo costruito strutture rappresentative che
rispondevano ad esigenze del periodo in cui sono state pensate, continuiamo il nostro impegno
presente ma per il futuro è indispensabile la vostra partecipazione e il vostro protagonismo‖. Il
consigliere Cristalli si èinvece soffermato sulla ―demistificazione del luogo comune definito come
‗problema giovani‘‖: ―ho la sensazione – ha detto Cristalli – che il problema dei giovani siano i
troppi ‗attempati‘ che pensano ancora con logiche di controllo, di tutoraggio, di accompagnamento
coatto dei giovani, logiche che non funzionano più e che vanno abbandonate una volta per tutte. I
giovani sono una risorsa, possono sbagliare, come tutti, ma devono avere il diritto e la possibilità di
farlo, si apprende dalle affermazioni come dalle sconfitte‖.

DEPUTATI ESTERI, REBUZZI (FI): SODDISFAZIONE PER RICONFERMA NUMERO
(NoveColonne ATG) Roma - "L'esiguo numero di parlamentari che sono stati eletti all'estero grazie
alla legge Tremaglia ha corso il serio rischio di essere ulteriormente ridotto. Esprimo quindi
soddisfazione per la riconferma del numero dei deputati eletti all'estero, dopo l'approvazione delle
norme che riducono sensibilmente la rappresentatività istituzionale". Con queste parole la senatrice
di Forza Italia Antonella Rebuzzi, eletta in Europa, commenta la nuova strategia che Camera e
Senato hanno messo in atto, per rispondere alla pressante rivolta popolare sui privilegi della classe
politica. "L'esiguo numero di parlamentari che sono stati eletti all'estero grazie alla legge Tremaglia
– ha aggiunto la senatrice azzurra - ha corso il serio rischio di essere ulteriormente ridotto dalla
frenetica corsa al consenso popolare che questo governo cerca di recuperare a tutti i costi. Quando
si arriva a dover tagliare, diciamo noi, è facile che vadano perdute le cose buone, e che si tengano
quelle inutili. L'abbiamo scampata bella. A conferma avvenuta - sottolinea l'esponente forzista - mi
preme rinnovare il mio impegno con gli italiani del mondo, perchè il lavoro di raccordo tra
istituzioni e cittadini che abbiamo iniziato sin dai nostri primi contatti, possa proseguire nel tempo e
produrre quei frutti che ci siamo proposti con le nostre iniziative".

PD, SVIZZERA: IN MOLTI ADERISCONO A LISTA “L'ALTRA ITALIA CON
VELTRONI”
(NoveColonne ATG) Zurigo - Emilia Sina, delegata nazionale per la Svizzera al Congresso della
Margherita ed esponente della lista "l'Altra Italia per Veltroni" presentata nel Collegio Europa, ha
dichiarato la propria adesione al "Manifesto appello alle comunità italiane all'estero per sostenere e
votare Walter Veltroni a segretario del Partito Democratico che vede tra i primi firmatari, in Italia
Marco Pezzoni del Centro Studi Sinistra Europea, Daniele Marconcini rappresentante Consiglio
Regionale nella Consulta dell'Emigrazione Lombarda e all'estero l' onorevole Franco Narducci
Presidente Comitato Parlamentare sugli Italiani nel Mondo. Con Emilia Sina in Svizzera altri
quarantuno firmatari. "Andranno tutti a votare per la seconda lista per Veltroni - spiega in una nota
la Sina. Nella lista ci sono Michele Schiavone, segretario Ds Europa, Elio Carrozza Segretario
Generale del Cgie, Gianni Farina e Paolo Vendola". Secondo la Sina "l'importante è partecipare e
promuovere la partecipazione del maggior numero di cittadini italiani all'estero al di là delle
preferenze che esprimeranno perchè la credibilità del futuro Partito Democratico dipenderà dalla
passione politica che esso riuscirà a suscitare sia tra i fautori di un riformismo vero e sia soprattutto
tra coloro che stanno scivolando nell'antipolitica o in un pessimistico distacco dai partiti." "Il Pd -
scrive ancora la rappresentante dei Dl in Svizzera - è una necessaria scommessa e, per vincerla, è
necessario andare d'accordo a cominciare dai gruppi dirigenti. Meno competizione interna e più
competizione fra le coalizioni. Il Pd è un nuovo partito e non la somma di diverse forze politiche".
"Veltroni- secondo la Sina - è oggi la personalità che meglio rappresenta la nuova stagione, con
Dario Franceschini garantisce non solo che nel Partito democratico il pluralismo più ampio sarà
di casa, ma che sarà possibile dar vita ad un nuovo pensiero che vada oltre le culture politiche e
sociali del Novecento. Veltroni e Franceschini, in questa prospettiva, rappresentano la sintesi di
quelle culture politiche che pongono al centro dell'agire la dignità della persona". Lista l'Altra Italia
per Veltroni pone alla base della sua iniziativa politica tre grandi questioni: il lavoro, il futuro per le
giovani generazioni e per una più forte presenza delle donne".

MIGRANTES, CHIOCCHETTI (DS): RAPPORTO E’ FOTO DI PROBLEMI E
POTENZIALITA’
(NoveColonne ATG) Roma - ―Per il secondo anno consecutivo, in occasione della Festa di San
Francesco, la Fondazione Migrantes ha presentato il suo rapporto sulla situazione delle collettività
italiane all‘estero. E‘ un lavoro di grande impegno, che ci offre un'efficace fotografia delle
potenzialità e dei problemi vissuti dagli italiani che vivono fuori dei confini nazionali‖. Lo dichiara
Maurizio Chiocchetti, responsabile Ds per gli italiani nel mondo. ―E‘ una ricerca approfondita, -
prosegue Chiocchetti - appassionata e rigorosa, che analizza i flussi storici, la presenza e l‘attualità
degli italiani nel mondo e che fa i conti con aspetti economici, socioculturali e religiosi del tutto
particolari. Se ne ricava che occorre risolvere molti problemi legati a situazioni di indigenza e di
difficoltà che specie in America Latina sono vissuti da molti nostri connazionali e nel contempo
bisogna valorizzare ed utilizzare appieno le risorse umane, scientifiche, culturali e manageriali
rappresentate dalle nostre collettività. Possono essere un volano importante - conclude Chiocchetti -
per il futuro del Paese e di tutti i nostri connazionali‖.

HELSINKI, LA COMPAGNIA "LA GIOSTRA" IN SCENA AL TEATRO SAVOY
(NoveColonne ATG) Helsinki - ―Musici, cantastorie, commedianti, danzatori e menestrelli... tra
satira, favole e frottole‖. Questo il titolo dello spettacolo, organizzato da Casa Italia in
collaborazione con l‘Ambasciata d‘Italia e l‘Istituto italiano di cultura, che la compagnia La giostra
terrà il prossimo 16 ottobre alle 19 presso il teatro Savoy di Helsinki. L‘ensemble ha preso parte a
numerose manifestazioni come feste medievali, festival nazionali e internazionali, rassegne, cortei e
palii. Nel 2003 la compagnia è stata protagonista del cortometraggio intitolato ―Le parole sono ali‖,
col quale ha partecipato al festival del cinema di Taormina; sempre nello stesso anno, insieme
all‘attrice Mariella Lo Giudice, ha realizzato lo spettacolo ―Una vita per Federico‖, esibendosi
presso il teatro nazionale di La Valletta e all‘ambasciata Italiana di Malta. Successivamente, la
compagnia è stata scelta dal regista Errico Centofanti come gruppo rappresentativo della terra di
Trinacria per la realizzazione dello spettacolo musico-teatrale ―Dante e la Sicilia‖, tenutosi a
Ravenna, in occasione del settembre dantesco 2003.

INTERNET: NASCE IL PORTALE "I-ITALY" PER GLI ITALO-AMERICANI
(NoveColonne ATG) New York - ―Questo nuovo strumento offrirà alla numerosa comunità italiana
un magazine, una web-Tv e una serie di blog e forum, quali strumenti necessari alla creazione di un
punto di incontro, informazione e dibattito sulla Rete‖. Così Anthony J. Tamburri del Calandra
Italian American Institute (Cuny) ha presentato il progetto ―i-Italy‖, disponibile sulla rete dal 2
ottobre scorso agli indirizzi i–italy.us e i-italy.org, dedicato a tutti gli italo-americani che volessero
parlare in rete di sport, politica, moda e cinema, o di qualsiasi altro tema, fare amicizia o ricevere
informazioni sugli eventi culturali da non perdere. ―Ci sono pochi servizi che offrono libero accesso
ai forum di discussione. Quei pochi che esistono - ha aggiunto Ottorino Cappelli, docente
all‘università ―L‘Orientale‖ di Napoli e coordinatore del progetto - sono per la maggior parte in
italiano. Gli italoamericani sono ben presenti sulla Rete, manca solo un servizio in grado di metterli
in contatto. Ed è esattamente questo l‘obiettivo di i-Italy‖. Ma i-Italy, la cui ―i‖ sta per ―io‖, proprio
a indicare la partecipazione diretta degli utenti, non sarà solo un luogo dove fare amicizia e
condividere le proprie emozioni: nel progetto sono stati coinvolti giornalisti e intellettuali, che
attraverso i loro interventi cercheranno di dare ulteriore spessore e autorevolezza al progetto. Inoltre
―l‘area della community - ha sottolineato Cappelli - è aperta a tutti e a qualunque tipo di contributo.
Una redazione si occuperà di selezionare i migliori articoli per spostarli in altre aree del sito, e
dargli il risalto che meritano‖. Questa ultima iniziativa trova sbocco nel tema ―Italy and
ItalianAmerica‖ attraverso cui le opinioni o le storie più interessanti verranno premiate con due
biglietti aerei per l‘Italia, un iPhone e un bonus di 100 dollari da spendere per acquistare canzoni su
―iTunes‖. Alla presentazione erano presenti: Andrea Mantineo, direttore di ―America Oggi‖ quale
partner del progetto, console generale Francesco Maria Tatò, il direttore del settore marketing della
Cuny, Michael Arena, il direttore degli studi itaolamericani della Cuny, Fred Gardaphè, il direttore
esecutivo del Brooklyn College, Robert Viscusi e il presidente dell‘Associazione dei corrispondenti
italiani nel Nord America, Giampaolo Pioli. Nato dopo due anni di gestazione, i-Italy è figlio di
Eusic (acronimo di Empowerment of the Us-Italy community), un progetto finanziato dal ministero
del Lavoro e dall‘Unione Europea. ―L‘idea - ha raccontato Patrizio Di Nicola dell‘Università ―La
Sapienza‖ di Roma e direttore del progetto Eusic - era quella di rinforzare la collettività italiana
attraverso un approccio innovativo‖.

LIBRI, MALAPARTE TRADOTTO IN OLANDESE: PRESENTAZIONE ALL’IIC
(NoveColonne ATG) Amsterdam - L‘Istituto italiano di cultura di Amsterdam dedica due giornate
allo scrittore Curzio Malaparte e in particolare a uno dei suoi romanzi più famosi: ―La pelle‖. Verrà
presentato infatti il prossimo 19 ottobre alle 20 la traduzione in olandese della celebre opera dello
scrittore Kurt Erich Suckert, alias Malaparte, pubblicato dalla Casa Editrice De Arbeiderspers.
Nell‘ambito di questo importante evento verrà anche proiettato il 17 alle 21 presso la sede dell‘IIC
la proiezione dell‘omonimo film diretto da Liliana Cavani.

NUOVA ZELANDA, FILM FESTIVAL ITALIANO: 2 MESI DI GRANDE CINEMA
(NoveColonne ATG) Canberra – Si sta svolgendo in questi giorni ad Auckland la 12esima edizione
del Cathay Pacific film festival italiano, promosso dall‘Ambasciata d‘Italia con il finanziamento del
Ministero degli Affari esteri italiano, che si sposterà in sette città della Nuova Zelanda fino al 5
dicembre. Il festival presenta una selezioni di recenti produzioni italiane; nuovi nomi e nuovi volti
che confermano l‘emergere di una nuova ricerca stilistica nella produzione cinematografica italiana.
In aggiunta alla rassegna quest‘anno è stata allestita anche una mostra fotografica di Philippe
Antonello, che negli ultimi 15 anni ha lavorato sui set delle principali produzioni italiane e
internazionali. Dopo Auckland, dal 3 al 17 ottobre, la manifestazione farà tappa a Wellington dal 17
al 31 ottobre, Christchurch dal 24 ottobre al 7 novembre, Dunedin dal 31 ottobre al 14 novembre, a
Nelson dal 7 al 21 novembre, a Napier dal 14 al 28 novembre per concludersi ad Hamilton dal 21
novembre al 5 dicembre.

SPAGNA: A MALAGA PRIMO INCONTRO ENOGASTRONOMICO ITALIANO
(NoveColonne ATG) Madrid - Si chiama ―Italia Doc 2007‖ il primo incontro enogastronomico
italiano che si è svolto nel salone di esposizione dell‘Hotel Puerta di Malaga. L‘evento, organizzato
dal locale comitato della Società Dante Alighieri e dal Comites di Madrid, rappresentati
rispettivamente dalla presidente Silvana Molin Pradel e dalla segretaria Raffaella Resca, nasce con
lo scopo di mantenere ed arricchire l‘immagine del ―Made in Italy― nella Costa del Sol, di
diffondere i prodotti italiani, educando il mercato internazionale alla ricerca del vero marchio
italiano, di difendere il lavoro e i relativi prodotti e di creare un legame autentico tra la città di
Malaga e le regioni Italiane. La rassegna costituisce perciò una promozione innovativa ed efficace
per muovere ulteriormente questo settore ricco di tradizioni ed atto a consolidare la semplicità e la
genuinità della produzione italiana. Questo incontro enogastronomico vuole essere un invito alla
continuazione dedicato al ―Made in Italy‖, ai sapori autentici della nostra generosa terra, al lavoro
secolare di molte famiglie che hanno dedicato la loro vita con la massima dedizione a far sì che
tutto questo abbia un seguito e un significato. Nel corso delle giornate sono state presentate tre
regioni, la Toscana, il Veneto ed il Piemonte; ogni giornata si sono degustati i prodotti della regione
scelta ed è stata offerta ai visitatori una specialità preparata da cuochi che operano nella zona. A
Malaga, oltre al gran numero di italiani che vivono e commerciano, risiedono anche migliaia di altre
aziende internazionali, rappresentate da hotel e ristoranti che operano nel settore della gastronomia.
Questo incontro rappresenta pertanto un canale diretto tra le aziende ed il consumatore; un passo
strategico per sviluppare ulteriormente le corrette discipline del mercato, convalidando i marchi
italiani di garanzia in un ventaglio di un mercato ampio ed internazionale come quello di Malaga.
Nel ristorante della ―Escuela de Hosteleria de Benalmadena‖, durante i tre giorni della rassegna,
sono stati preparati dagli allievi piatti tradizionali delle tre regioni, riaffermando così la grande
simpatia e collaborazione tra Italia e Spagna. ―Italia Doc 2007‖ è patrocinata dall‘Ambasciata
d‘Italia e dal Consolato Generale d‘Italia di Madrid.

PD: IL 14 OTTOBRE SI VOTERÀ ANCHE IN SPAGNA
(NoveColonne ATG) Madrid - Anche in Spagna si potrà votare per le primarie del 14 ottobre per la
designazione dei delegati esteri alla assemblea costituente del Partito Democratico. Saranno attivi
tre seggi per permettere ai simpatizzanti di esprimere la preferenza in una delle tra liste presentate
nella circoscrizione Europa. Sono solo due i candidati che si presentano dalla penisola iberica:
Pietro Mariani candidado nella lista ―Democratici nel mondo per Veltroni‖ e Lucia Cumpostu
candidata nella lista ―L'altra Italia con Veltroni‖. I seggi saranno aperti dalle 7 alle ore 20 e all‘atto
del voto l‘elettore dovrà indicare le proprie generalità, l‘indirizzo, estremi del proprio documento di
riconoscimento nonché il proprio recapito telefonico fisso/mobile e l‘indirizzo e-mail e manifestare
la propria partecipazione al percorso costituente del partito Democratico, così come previsto dal
regolamento nazionale. Potranno votare anche gli espatriati, gli studenti Erasmus e i militari in
missione. A Barcellona si potrà votare presso la sede del Circolo Sardo San Salvatore da Horta ( c/
Muntanya 50) , a Madrid presso gli uffici del Comites ( C/ augustin de Bethencourt nº3) e infine a
Malaga presso la sede della Società Dante Alighieri ( C/ Ayala 23 bajo E).

COLUMBUS DAY: COMMUOVE IL FILM DI PINO TORDIGLIONE
(NoveColonne ATG) New York – Dopo soli tre minuti di proiezione di ―They discovered
America‖ gli ospiti del 63esimo Gala del Columbus Day riuniti nella sala del Waldorf Astoria di
New York si sono commossi. Il trailer che ha anticipato l‘opera del regista Pino Tordiglione che
andrà in onda a novembre su Rai International e Abc, ha ricevuto tanti gli applausi. Una pellicola
fatta col cuore che vanta musiche originali dell‘astigiano Giovanni Lodigiani e che va ad
aggiungersi al successo degli italaomericani e al contributo artistico dell‘Italia agli Stati Uniti.
Commenti positivi sono giunti anche da celebrità quali, Mario Cuomo, che ha voluto descrivere le
immagini viste ―quali scosse di energia tuonate negli animi degli italoamericani‖ , da Rudolph
Giuliani che sottolineato ―la gioia per noi che ci sentiamo italiani nel cuore‖ e ancora da Nancy
Pelosi che ha dichiarato: ―sono la prima speaker italoamericana del nuovo mondo e non sarò
certamente l‘ultima‖. ―Pino Tordiglione – ha chiosato Frank Guarini - è l‘ambasciatore serio ed
autentico d‘Italia di cui noi tutti apprezziamo l‘esempio di caparbietà, gentilezza, la fierezza e la
creatività che gratifica tutti noi che ci identifichiamo in quell‘Italia amata‖.
DANTE ALIGHIERI: A BUENOS AIRES OTTOBRE DEDICATO AD ANTONIONI
(NoveColonne ATG) Buenos Aires - ―Fare un film è per me vivere‖ è il titolo di un libro di
Michelangelo Antonioni che ben riassume l‘idea del regista nei confronti della settima arte. E a
questo grande rappresentante del cinema italiano è dedicata la rassegna organizzata dal comitato di
Buenos Aires della Società Dante Alighieri che andrà avanti per tutto il mese di ottobre. Il
programma prevede un ciclo di proiezioni che si terranno ogni lunedì presso la sede della Dante.
Dopo ―Le amiche‖, da un soggetto di Cesare Pavese, i prossimi appuntamenti sono lunedì prossimo
con ―L‘eclissi‖, il 22 con ―Blow Up‖ e il 29 con il cortometraggio del 2004 ―Lo sguardo di
Michelangelo‖.

UNAIE, CONGRATURALZIONI BAFILE PER NOMINA NARDUCCI
(NoveColonne ATG) Roma - ―Congratulazioni e l‘augurio di buon lavoro‖ nel messaggio dell‘
onorevole Mariza Bafile per il nuovo incarico affidato all‘onorevole Franco Narducci quale
Presidente dell‘Unaie, l‘Unione Nazionale delle Associazioni degli Immigrati e degli Emigrati.
―Dopo la nomina quale Presidente del Comitato permanente per gli Italiani nel mondo della
Camera, un altro importante incarico è stato affidato a Franco Narducci, a conferma delle sue doti e
conoscenze che ne hanno fatto, nel corso degli anni, un valido punto di riferimento per il mondo
dell‘emigrazione. All‘interno dell‘Unaie, un‘ associazione storica, Narducci saprà senza dubbio
portare avanti tematiche e progetti per tutte le comunità all‘estero e contribuire a rilanciare il ruolo
dell‘associazionismo che tanto ha significato, da sempre, per tutte le comunità‖.

PD, NERI (DL): NASCE DALLA NECESSITA’ DI RISPONDERE A SFIDE INEDITE
(NoveColonne ATG) Roma - ―Partiamo dal presupposto che il mondo è in evoluzione continua e di
fronte ai cambiamenti bisogna evitare due comportamenti simmetricamente negativi: quello di
accettare tutto con una logica ‗nuovista‘ figlia della pigrizia mentale o dell‘opportunismo, e quello
di chi sta fermo e pensa che il mondo stia fermo con lui. Il Pd nasce dalla necessità di rispondere a
sfide inedite rispetto al passato, non per mettere insieme due partiti, e men che meno due apparati‖.
Così Luciano Neri, membro dell‘Assemblea nazionale della Margherita e Coordinatore
dell‘Esecutivo della circoscrizione Estero, commenta in un‘intervista rilasciata al mensile
l‘Altrapagina l‘imminente nascita del Partito democratico. ―Il problema – prosegue Neri - è che c‘è
ancora chi pensa, 50 anni dopo, alle ‗convergenze parallele‘ cioè a tradizioni politiche che marciano
appaiate ma non si incontrano, come le rotaie del treno. Occorre mescolare storie, pensieri e
persone, facendo una sintesi del meglio che ogni tradizione porta con sé. Occorre costruire non
binari ma reti, e quanto più numerosi e colorati saranno i suoi fili tanto più resistente e bella sarà la
rete‖. ―Il percorso della Margherita – aggiunge l‘esponente Dl - è un successo al 50%. Ha dato vita
a un soggetto politico post ideologico, ma non è compitamente riuscita a superare le appartenenze.
Il dato negativo è che chi è fuori dagli apparati partitico-amministrativi in questa fase rischia di non
avere una effettiva possibilità di portare il proprio contributo alla nascita del Pd. Per questo è
importante la partecipazione di tutti, non solo iscritti o simpatizzanti dei partiti fondatori, ma anche
esperienze di base, singoli cittadini, semplici elettori, giovani, mondo della cultura e delle
associazioni. La vera sfida è cambiare in profondità paradigmi, cultura, linguaggi, ridefinire le
priorità ed essere disposti all‘ascolto e all‘incontro‖.
Con quali programmi, su quali priorità? ―Affrontando le sfide attuali – risponde Neri - e non
guardando il mondo dallo specchietto retrovisore della propria appartenenza. Per esempio, è
indispensabile riflettere sul concetto tradizionale di crescita economica, sulla produzione di merci
che non sono beni, su una mercificazione di tutto, su un iperconsumo bulimico di cose materiali, di
affetti, di tempi di vita, che non aumenta il benessere delle persone. Una forza politica, o una
coalizione di governo, non può oggi non interrogarsi su questi temi. Il Pd si afferma se riesce a
ridare vita alla politica, a riempirla di sentimenti e relazioni, cambiando paradigmi e linguaggi, non
avendo paura di parlare di relazione, condivisione, rispetto, affetto, amore, amicizia. Parole
espiantate dal linguaggio politico. Se la politica si occupa delle persone, come si possono cancellare
concetti, valori e parole che rappresentano l‘essenza vitale dell‘esistenza umana?‖. Come si
svolgeranno le primarie all‘estero, e che tipo di riscontro avete sul gradimento dei nostri
connazionali? ―All‘estero voteremo sia utilizzando i seggi che verranno allestiti, sia attraverso il
voto telematico. C‘è un‘attenzione importante, solo questa settimana si sono tenute oltre duecento
iniziative nei diversi paesi per informare e discutere di primarie e Partito democratico. Si percepisce
che il problema italiano ha molto a che fare con la frammentazione del sistema politico e
istituzionale, ma anche della società nel suo complesso che in questi anni si è ulteriormente
frammentata con il rischio di aumento egoistico di corporazioni, anche di caste, sempre pronte a
chiedere riforme e tagli per gli altri ma mai per sé. E lo strumento possibile per ricostruire un
tessuto sociale, una coesione nazionale ed europea fondata su solidarietà e valori forti è il Partito
Democratico, un partito che deve essere plurale, aperto e inclusivo, un progetto importante per
l‘Italia e non solo, una sfida che vale la pena sostenere‖.

AMBURGO, I TESORI DI PAESTUM A AL BUCERIUS KUNST FORUM
(NoveColonne ATG) Amburgo - Grazie al suo tempio greco, Paestum è un luogo magico
d‘attrazione per chi viaggia in Italia. Ma ciò che non tutti sanno è che Paestum conserva nella sue
tombe anche il maggior tesoro della pittura classica antica, che potrà essere apprezzato appieno per
la prima volta in una mostra, che dal 13 ottobre al 20 gennaio sarà aperta al pubblico presso il
Bucerius Kunst Forum di Amburgo, grazie alla collaborazione del locale Istituto italiano di cultura.
I frammenti parietali in esposizione mostrano scene tratte dalla vita della società nobile dei lucani,
che dopo i greci, nel quarto secolo a.C. acquisirono il dominio della città portuale che si affaccia sul
Mar Tirreno. In occasione dell‘allestimento dell‘esposizione, l‘archeologo classico Andreas
Hoffmann, responsabile amministrativo del Bucerius Kunst Forum di Amburgo e direttore dei
progetti di arte e cultura della Fondazione Zeit Ebelin und Gerd Bucerius, ha tenuto una conferenza
all‘IIC per affrontare le tematiche della mostra.

DANTE ALIGHIERI, THOR VILHJALMSSON: ITALIANO AMATO IN TUTTO IL
MONDO
(NoveColonne ATG) Roma- L‘italiano è amato in Islanda e in tutto il mondo perché è la lingua di
un Paese ricco di storia, di cultura e di tradizioni. Per comprendere i meriti straordinari dell‘Italia e
degli italiani, un popolo generoso ed umano, è indispensabile condividerne il patrimonio
linguistico‖. Lo ha affermato Thor Vilhjálmsson, il più importante scrittore islandese
contemporaneo, durante la sua visita in Palazzo Firenze, Sede Centrale della Società Dante
Alighieri. ―L‘Italia – ha proseguito il vincitore del Premio dell‘Accademia Svedese per la
Letteratura nel 1992 - è agli occhi del mondo il simbolo di una profonda ed unica continuità storica,
dall‘antica Grecia fino ai giorni nostri. Nessun altro Paese può vantare una tale ricchezza‖. Thor
Vilhjálmsson, nato nel 1925, è autore di romanzi, saggi, opere teatrali e raccolte poetiche, e
traduttore delle opere principali della letteratura mondiale. I suoi romanzi sono stati tradotti in molte
lingue. Oltre al Premio Nordico dell‘Accademia Svedese ricevuto nel 1992, nel 1998 il suo ―Il
muschio grigio arde‖ si è aggiudicato il Premio del Consiglio Nordico e nello stesso anno Cantilena
mattutina nell‘erba ha ricevuto il Premio della Letteratura Islandese. Lo scrittore, che tuttora sta
terminando un nuovo romanzo, ha rivestito per più di dieci anni la carica di Presidente del Comitato
della Società Dante Alighieri di Reykjavik.

DANTE ALIGHIERI: SUCCESSO IN RUSSIA PER LE CELEBRAZIONI GARIBALDINE
(NoveColonne ATG) Mosca - Un grande successo di pubblico ha accompagnato in Russia le
―Giornate d‘Italia‖ promosse dal comitato locale della Società Dante Alighieri di Rostov sul Don
nell‘ambito delle celebrazioni del 70esimo anniversario della Regione Rostovskaja e del
bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, culminate nell‘inaugurazione del monumento
all‘eroe dei due mondi nella città di Taganrog quale simbolo degli intensi legami storici e culturali
che da tempo uniscono Russia e Italia. Il monumento, ideato su iniziativa della Dante di Rostov sul
Don, è stato progettato dall‘architetto Slava Koslov e dallo scultore David Begalov. Alle
manifestazioni sono intervenute le autorità cittadine, i rappresentanti di numerosi imprenditori ed
istituzioni culturali russe che hanno offerto il proprio sostegno per la realizzazione dell‘evento e la
pronipote di Giuseppe Garibaldi, Annita Garibaldi Jallet. Le ―Giornate d‘Italia‖ sono state
inaugurate da un concerto di musica italiana dall‘epoca del Risorgimento a oggi e sono proseguite
con l‘inaugurazione del monumento a Giuseppe Garibaldi e con la mostra ―Taganrog e l‘Italia:
legami storici‖, un concerto di musica italiana classica e l‘omaggio al monumento del fondatore
della città, Pietro il Grande. Le giornate si sono concluse con una conferenza di Annita Garibaldi
Jannet presso l‘Aula Magna dell‘Università Statale di Rostov.

USA, CASTELLANETA: EMIGRAZIONE SCIENTIFICA COME OPPORTUNITA’
(NoveColonne ATG) Washington – ―Il fenomeno dell‘emigrazione scientifica non va solo visto
come causa d‘emorragia di talenti, ma anche come un‘opportunità di scambi a due vie, di
collaborazioni e di sinergie. Per sfruttare al meglio tale opportunità è necessario il coinvolgimento
di coloro che sono attivi nel campo della ricerca e sviluppo in Nord America, rafforzando gli
strumenti in grado di dare loro una maggiore visibilità in Italia‖. Queste le parole che
l‘ambasciatore Giovanni Castellaneta ha riservato alla Fondazione di Scienziati ed Accademici
Italiani in Nord America, nata di recente con lo scopo di promuovere un network tra scienziati,
accademici e professionisti italiani in Nord America e in Italia. ―Per sfruttare al meglio tale
opportunità – ha proseguito l‘ambasciatore - è necessario il coinvolgimento di coloro che sono attivi
nel campo della ricerca e sviluppo in Nord America, rafforzando gli strumenti in grado di dare loro
una maggiore visibilità in Italia‖. La Fondazione si pone esattamente questi obiettivi, contribuendo
in misura significativa alla promozione di un rientro in Italia di conoscenze favorendo altresì una
preziosa osmosi fra le attività scientifiche, culturali e produttive italiane e competenze presenti in
Nord America. Tutto ciò anche nell‘ottica di agevolare i flussi d‘informazione tra i due Paesi sulle
opportunità di collaborazioni scientifiche, accademiche e post-accademiche offerte da Istituzioni
americane ed italiane. In particolare, l‘Issnaf sostiene l‘interazione di personalità italiane
scientifiche ed accademiche, che operano presso istituzioni accademiche e non accademiche nei due
Paesi, nell‘ambito di progetti di ricerca e sviluppo in numerosi settori, tra cui biologia, medicina,
matematica, fisica, scienze sociali, ingegneria e informazione tecnologica. ―Non ho dubbi – ha
aggiunto Castellaneta - che l‘esistenza della Fondazione permetterà da un lato una crescita di molti
settori culturali, scientifici e tecnologici italiani e dall‘altro un ulteriore rafforzamento dei rapporti
tra Italia e Usa‖. ―Il ruolo dell‘Ambasciata – ha concluso l‘ambasciatore - sarà quello di contribuire
al suo rafforzamento e all‘acquisizione della necessaria visibilità, sia in Nord America, in una prima
fase, sia in Italia in seguito, in linea con il doveroso sostegno istituzionale da rendere a questo
patrimonio di cultura e attività‖.

WASHINGTON, I VINCITORI DEL PREMIO BALZAN ALL’AMBASCIATA D’ITALIA
(NoveColonne ATG) Washington - E‘ stata organizzata dalla International Balzan Foundation, con
la collaborazione delle ambasciate d‘Italia e di Svizzera a Washington, la conferenza Balzan 2007
dal titolo, ―Light from a very distant past: an outline of the BOOMERanG experiment and future
projects in the study of the Cosmic Background Radiation‖. La tavola rotonda, tenuta da Paolo De
Bernardis dell‘Università ―La Sapienza‖ di Roma e da Andrew Lange del ―California Institute of
Technology‖, entrambi vincitori del Premio Balzan del 2006, si è svolta presso la sede
dell‘Ambasciata d‘Italia a Washington nei giorni scorsi. L‘evento si è concluso con gli interventi di
Russell J. Hemley, direttore del Laboratorio di geofisica della Carnegie Institution di Washington,
vincitore del Premio Balzan del 2005, e di Per Olof Lindblad, professore emerito di Astronomia
presso l‘Università di Stoccolma e membro della Royal Swedish Academy of Sciences.
BORSE DI STUDIO: CONCORSO FILITALIA SU LINGUA E CULTURA ITALIANA
(NoveColonne ATG) Philadelphia - Nata a Philadelphia nel 1987, con lo scopo di tutelare e
valorizzare la lingua e la cultura italiana all‘estero, il Centro della Filitalia International ha lanciato
un concorso che mette in palio, per gli studenti più meritevoli, 19 borse di studio, più un ―Premio
del presidente‖, rivolto ai presidenti dei capitoli che si sono distinti nel loro lavoro e nel
propagandare l‘impegno di Filitalia. L‘assegnazione delle borse di studio e dei premi avverrà il 17
ottobre. ―Questo per la Filitalia e per il Comitato Culturale è l‘evento più importante‖, ha dichiarato
Pasquale Nestico, fondatore e presidente dell‘Associazione Filitalia, nonché consigliere Cgie e
presidente del Gruppo Sanità.

USA: 19-21/10 FESTIVAL ITALIANO A MOUNTAINEER, NELL’OHIO
(NoveColonne ATG) Washington – A partire dal 19 fino al 21 ottobre, l‘Ippodromo e Casinò di
Mountaineer, in Ohio, si vestirà di bianco, rosso e verde per celebrare il Festival inaugurale italo-
americano d‘autunno. Per regalare all‘evento, un sicuro successo, la S.a.b. Enterprise di Avon ha
ingaggiato Tony Trolio a presiedere il Festival, già promotore di feste italiane e spettacoli serali a
Youngstown per decenni e attuale presidente del Festival italiano di Mount Carmel. Il programma
culturale prevede l‘esibizione della ―Avanti showband Carmelina‖ e la Banda Mascherata da
Cleveland; Tony Ieluzzi dal Canada; Mirella Volpe e la Banda di Capri da Pittsburgh; Frankie
Gallo, Rocky Chirchiglia e il trio im Frank di Youngstown. Non mancheranno, inoltre, una dozzina
di venditori di prodotti artigianali e banchetti sui quali verranno offerti piatti tipici italiani.

USA: DOCUMENTARIO PER CENTENARIO FEDERAZIONE ITALO-AMERICANA
(NoveColonne ATG) New York – In occasione del centenario della ―Federation of Italian-
American Societies of Western New York‖, il presidente Donald A. Alessi ha annunciato la
realizzazione di un documentario dedicato a quegli emigranti italiani che alla fine del ‗900 giunsero
negli Stati Uniti in cerca di fortuna, e che oggi costituiscono comunità ben ramificate all‘interno del
Paese. Dopo le prime difficoltà, a causa del rifiuto di Neal Radice, impresario che gestisce
l‘Alleyway Theatre, già impegnato nella gestione di un musical sullo stesso soggetto, il presidente
Alessi è riuscito a convincere il ristoratore Joseph Giambra a fare da regista. La pellicola, intitolato
―La Terra Promessa‖, propone antiche interviste, spezzoni di altri film, fotografie e materiale vario
che ricostruisce fedelmente la vita degli emigranti italiani della comunità di Buffalo.

GENOVA: GLI ITALIANI DI BUENOS AIRES RICORDANO MANUEL BELGRANO
(NoveColonne ATG) Genova - Mentre in tutto il mondo si ricorderanno le gesta di Cristoforo
Colombo, la comunità italiana di Buenos Aires non dimentica un altro eroe: Manuel Belgrano. ―Un
eroe argentino che vanta origini genovesi, a testimonianza di quanto radicata sia la presenza italiana
in questo Paese. E‘ stato l‘ideatore della bandiera nazionale, uomo austero e discreto, avvocato, ha
sempre rifiutato ogni onore. Ha dedicato il suo impegno, oltre alla difesa del territorio nazionale con
la lotta all‘indipendenza dagli spagnoli, all‘educazione dei giovani: per questo ha fondato numerose
scuole, e a conferma della sua umiltà, non ha mai voluto lasciare la casa in cui era nato, anche
perché ha vissuto in povertà. Proprio pochi giorni fa, al Museo Storico Nazionale di Buenos Aires,
hanno rubato il suo orologio, un dono che aveva fatto al suo medico personale prima di morire,
visto che non aveva altro modo per poterlo pagare‖. Questo il racconto di Roberto Angelo Mauro,
che insieme a Carlo Bianculli, ex ambasciatore argentino in Italia, a Salvatore Toscano e a Maria
Rosa Mauro fa parte della delegazione del Circolo Italiano di Buenos Aires. I membri della
delegazione, tutti esponenti del Circolo Italiano presieduto da Luigi Bergamasco, sono stati
incaricati di portare una targa al momento che la città di Genova ha dedicato a Manuel Belgrano.
―Per noi – spiega la Mauro - è un grande onore, anche perché si tratta dell‘unico monumento del
nostro eroe presente all‘estero, realizzato con i finanziamenti dei liguri emigrati in Argentina.
Sapere che proprio l‘Italia ospita questo monumento nel cuore di Genova, città di emigranti per
eccellenza, è la testimonianza dei forti vincoli che esistono tra l‘Italia e l‘Argentina, proprio grazie
alla presenza di numerosissimi italiani, e in particolare di genovesi, come gli avi di Belgrano‖.
Attraverso questo omaggio, la comunità italiana intende ricordare anche tutti gli italiani che con il
loro lavoro, ingegno, dedizione, hanno contribuito alla crescita dell‘Argentina: quei pionieri cui è
riconosciuto oggi il merito di aver portato la comunità italiana a raggiungere importanti traguardi:
basti ricordare che politici di spicco, sindaci, economisti, scienziati, vantano oggi origini italiane. La
manifestazione, che si svolge nell‘ambito delle celebrazioni dedicate a Cristoforo Colombo, si terrà
alle 11 del prossimo 12 ottobre a Genova, in Piazza Nicolò Tommaseo, alla presenza, tra gli altri,
del sindaco della città, Marta Vincenzi, e dell‘ambasciatore argentino in Italia, Victorio Maria Josè
Taccetti.

PD, USA: IL PRIMO SEGGIO ALLA CASA DEL CAFFE’ DI NEW YORK
(NoveColonne ATG) New York - Come già in occasione delle primarie del 2005 e del voto politico
del 2006, gli italiani all‘estero saranno chiamati a votare: questa volta per le primarie per la
costituzione del Partito democratico. Gli italiani nel mondo potranno scegliere se votare on-line,
oppure se recarsi in uno dei tanti seggi che verranno allestiti nelle maggiori città del mondo. ―Il
primo seggio per le primarie a New York sarà nel Bronx‖, scrive Emilia Vitale, candidata capolista
nella lista ―Democratici nel Mondo per Veltroni‖ nella ripartizione America del Nord. ―Si tratta del
locale ‗La casa del caffé, di Anna e Domenico Agovino, che risiedono a New York dal 1987. Il
bar/pasticceria è localizzato a 1036 Morris Park Avenue, e rappresenta un luogo di ritrovo per
l‘ampia comunità italiana del Bronx. Una tazza di caffé, un cornetto e una lingua, storie diverse ma
simili, prevalentemente di gente del sud, molti i campani e i siciliani, arrivati da oltreoceano con
valigie piene di speranza. Il pasticcere è uno dei mestieri in cui gli immigrati hanno fatto la loro
fortuna, e il cibo qua è un rito, quasi una religione, che aiuta a non far perdere l‘identità‖. ―In questa
parte della città – continua Emilia Vitale – si respira ancora un senso di italianità molto forte, e non
è un caso che siano proprio gli italiani del Bronx a essere i primi a rispondere all‘appello di
cambiamento che viene dal Partito democratico. Morris Park Avenue – prosegue – è piena di
bandiere tricolori e persino i pali dei parchimetri sono stati dipinti di bianco rosso e verde, facendo
trasparire un po‘ di nostalgia. C‘è quindi ancora un forte legame con il proprio paese d‘origine.
Quasi tutti ritornano almeno una volta l‘anno in Italia, ma gran parte di loro vedono l‘Italia come il
luogo delle vacanze. Gli Usa – prosegue la nota - hanno offerto loro molte opportunità, la possibilità
di lavorare e di assicurare a loro stessi e alla famiglia un futuro certo e dignitoso, cosa che in Italia
sarebbe stato molto più difficile‖. ―Con la nascita del Partito Democratico – conclude la giovane
candidata – vogliamo cambiare l‘Italia e farla diventare un paese che sappia offrire più opportunità
ed un futuro migliore ai giovani. Sono convinta che la nostra esperienza, di persone che vivono a
cavallo tra due culture e due realtà, possa essere un importante contributo per il Pd e per il futuro
del nostro paese. Noi qui, da New York, non mancheremo quindi all‘appuntamento del 14 ottobre‖.

PD NEL MONDO: BLOG E FACEBOOK PER ARRIVARE PRONTI ALLE PRIMARIE
(NoveColonne ATG) Roma – Un blog e un facebook per arrivare preparati alle primarie in
programma il prossimo 14 ottobre. Gli italiani residenti all‘estero che sostengono il Pd avranno due
nuovi strumenti per prepararsi al voto. Il blog www.pdmondo.it fornirà tutte le informazioni
necessarie per il voto, sui candidati e sulla campagna elettorale in generale. Per gli appassionati di
social networking è stato creato all'interno di Facebook un gruppo dedicato al Partito democratico.
Anche qui vale lo slogan: partecipa e porta le tue idee. L‘uso sperimentale del voto via internet – si
legge in una nota – ―fa capire quale dovrà essere la parola chiave del nuovo partito: partecipazione.
Nell‘attuale contesto storico in cui in Italia ma anche all‘estero si parla di antipolitica e di crisi della
forma partito tradizionale, una decisione di questo tipo assume una rilevanza che va ben al di là del
mero significato tecnico. Con questa scelta intendiamo offrire nuove e diverse modalità di
partecipazione e coinvolgimento dei cittadini nella politica e nei partiti politici‖. Per partecipare al
voto on-line per il Pd è necessario registrarsi, visitando il sito www.partitodemocratico.it (oppure
direttamente all‘indirizzo http://votonline.ulivo.it). La registrazione dovrà essere effettuata entro la
data dell‘11 ottobre.

MADE IN ITALY, ARMANI APRE SHOW ROOM A SANTIAGO
(NoveColonne ATG) Roma - E‘ stata inaugurata a Santiago la "Mansion Armani", primo show
room dello stilista italiano in Cile. All'inaugurazione è intervenuto il Ceo di Clothings Brands di
Armani Rudy Gotilib, uno dei più importanti collaboratori dello stilista, responsabile della gestione
dei marchi Emporio Armani, Lacoste, Cacharel, Armani Casa e Exchange.

BENEVENTO, UN PREMIO PER NANCY PELOSI
(NoveColonne ATG) Benevento - Il presidente della Provincia di Benevento Carmine Nardone ha
consegnato a Washington il Premio Icosit 2007 alla speaker del Congresso Usa Nancy
D'Alessandro Pelosi, prima donna a presiedere la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, di
origini appunto italiane. Il Premio della Conferenza Internazionale sulla sicurezza dei trasporti è
stato consegnato nel corso della sessione Usa nella capitale statunitense, dopo quella di giugno
svoltasi a Benevento presso la Scuola Allievi Carabinieri. Alla consegna del premio erano presenti,
oltre allo stesso Nardone, anche il direttore ed il vicedirettore di Icosit, Mimmo Ragozzino ed Elia
Mannetta. La "prima" della Pelosi come speaker donna della Camera ha un precedente illustre in
un'altra italo-americana, Geraldine Ferraro, che nel 1984 fu la prima donna candidata (ma senza
successo) alla vicepresidenza. Dalle sue origini italiane ha detto di aver imparato soprattutto "i
valori della famiglia e l'importanza di prendersi cura di chi ha più bisogno".

VENEZUELA, MARACAIBO CONSEGNA CHIAVI CITTA’ AD AMBASCIATORE
MACCOTTA
(NoveColonne ATG) Maracaibo - A meno di due mesi dall‘inizio del suo mandato, Luigi
Maccotta, ambasciatore d‘Italia a Maracaibo, ha ricevuto ―le chiavi della città‖ dal sindaco italo-
venezolano Gian Carlo Di Martino. ―L‘ambasciatore - ha detto il primo cittadino di Maracaibo - ha
contribuito a consolidare le relazioni economiche, sociali e culturali tra le due nazioni, attraverso il
disimpegno delle sue funzioni come emissario del proprio paese, mantenendo assieme agli italiani
residenti qui relazioni commerciali e sociali‖. Il sindaco, citando gli accordi raggiunti per migliorare
il sistema dei trasporti del municipio di Maracaibo che ha programmato per il 2008 la sostituzione
di circa 2000 veicoli pubblici ha sollecitato l‘aiuto dell‘ambasciatore nelle relazioni con le aziende
italiane produttrici di veicoli. ―Vogliamo visitare la Fiat in Brasile - ha detto Di Martino - con
l‘obiettivo di sostituire i ‗carritos por puestos‘ della città con veicoli Fiat e, per questo, contiamo
sull‘appoggio dell‘ambasciatore‖. Luigi Maccotta dopo aver ringraziato la città di Maracaibo, ha
incontrato alcuni esponenti di Fivavis (associazione delle vittime per i sequestri), tra cui Loreto
Rocca, Geovanna Vassallo, e Paulina di Brino. I tre italo-venezolani hanno sollecitato una maggiore
attenzione dell‘ufficio antisequestri dell‘ambasciata soprattutto nella fase dei negoziati ed hanno
illustrato come la sola presenza dell‘ispettore della polizia di Stato riesca a dar fiducia alle famiglie
colpite dalla criminalità organizzata. Vassallo, Rocca e Di Brino, poi, hanno ribadito la necessità di
un ispettore permanente nella regione. Gli stati Zulia e Táchira sono i piú colpiti da questi crimini.

								
To top