Docstoc

Regione Puglia

Document Sample
Regione Puglia Powered By Docstoc
					                                        Regione Puglia


                               Agenzia Regionale Sanitaria
                                 Via Caduti di Tutte le Guerre, 15
                                           70126 Bari
                                         puglia.sanita.ares@nee.it

                            Regione Puglia
             Albo Fornitori delle Aziende Sanitarie del SSR
                       Categorie Meceologiche




                                      DISCIPLINARE
                           per la tenuta dell'albo fornitori per le
                                     Aziende sanitarie


                                             ARTICOLO 1
                                          Definizione dell'albo

1.- L'albo dei fornitori delle Aziende sanitarie della Regione Puglia individua l'elenco delle
    categorie merceologiche alle quali sono iscritte le ditte fornitrici di beni e servizi delle Aziende
    sanitarie medesime. Le categorie merceologiche si identificano sia per descrizione che per
    codice apposito.

2.- Le Aziende sanitarie utilizzano l'albo come strumento idoneo alla identificazione delle ditte più
    qualificate a fornire loro i beni ed i servizi di cui necessitano.


ARTICOLO                                                                                                  2
Modalità di iscrizione

1.- Le ditte fornitrici che vorranno iscriversi alle categorie merceologiche dell'albo regionale dei
fornitori per le Aziende sanitarie, dovranno compilare un apposito modulo, o sua copia fedelmente
riprodotta, nel quale saranno riportati tutti gli elementi utili alla loro identificazione, il prodotto od i
prodotti di loro produzione, coltivazione o commercializzazione individuati nell'elenco delle
categorie merceologiche previste, nonché tutte le notizie necessarie alla conoscenza del loro grado
di organizzazione, specializzazione ed affidabilità.


                                        ARTICOLO 3
                            Documentazione categorie merceologiche
1.- L'identificazione e la scelta delle categorie merceologiche alle quali le ditte fornitrici di beni e
    servizi intendono essere iscritte, deve trovare debito riscontro nella documentazione allegata
    relativa all'oggetto sociale, nonché all'attività iniziata e regolarmente dichiarata alla CCIAA di
    appartenenza. In assenza della idonea documentazione, relativa all'inizio di attività per le
    categorie merceologiche prescelte, il legale rappresentante della ditta deve presentare apposita
    dichiarazione sostitutiva di atto notorio, comunque provvisoria in attesa della necessaria
    documentazione camerale, senza la quale l'istanza di iscrizione all'albo non può essere accettata.


                                           ARTICOLO 4
                                         Modulo di iscrizione

1.- Il modulo di iscrizione è articolato in sezioni. Ogni sezione deve essere compilata distintamente
    in ogni sua parte.

2.- Le apposite istruzioni ed avvertenze alla compilazione del modulo indicano le ipotesi in cui la
    mancata od incompleta compilazione del medesimo comporta il non accoglimento dell'istanza o
    la necessità di ulteriori integrazioni.

3.- L'articolazione regionale preposta all'esame delle istanze di iscrizione, comunica alla ditta, nei
    sessanta giorni successivi alla data di presentazione dell'istanza medesima, le cause di non
    iscrivibilità della stessa nell'albo, fermo restando il termine dei 15 giorni, successivi all'adozione
    del provvedimento di cancellazione e/o di non iscrivibilità;

4.- L'articolazione regionale preposta all'esame delle istanze, qualora la domanda sia accoglibile ma
    non completa, nella richiesta di integrazione della documentazione, indicherà i tempi e le
    modalità di inoltro della integrazione medesima; la mancata osservanza dei tempi o delle
    modalità di risposta, comporteranno la non accoglibilità dell'istanza, senza ulteriore avviso.


                                            ARTICOLO 5
                                           Durata iscrizione

1.- Le ditte rimangono iscritte nell'albo fino a quando non interviene apposito provvedimento di
    cancellazione. La cancellazione dovrà avvenire nei seguenti casi:

            a) che si trovino in stato di fallimento, di liquidazione o cessazione di attività, di
               concordato preventivo, ovvero a carico dei quali sia in corso un procedimento per la
               dichiarazione di tali situazioni;
            b) nei confronti del cui titolare, se trattasi di ditta individuale, dei cui soci, se trattasi di
               società in nome collettivo, dei cui soci accomandatari nel caso di società in
               accomandita semplice, dei cui amministratori con poteri di rappresentanza, se
               trattasi di altre società, sia stata pronunciata una condanna, con sentenza passata in
               giudicato, per qualsiasi reato che incida sulla loro moralità o serietà professionale;
            c) nei confronti dei soggetti di cui all'art. 5 e di cui all'allegato n. 5 del d.lgs. 8 agosto
               1994, n. 490 "Disposizioni attuative della legge 17 gennaio 1994, n. 47 in materia di
               comunicazioni e certificazioni previste dalla normativa antimafia", qualora nei loro
               confronti sussista una delle ipotesi di cui all'allegato n. 1 del d. lgs. 490/94;
            d) che nell'esercizio della loro attività abbiano tenuto un comportamento contrario alle
               norme di correttezza e buona fede o che comunque risultino scarsamente affidabili
               per il modo in cui hanno eseguito precedenti contratti accertato sulla base della
               obbligatorie relazioni di verifica che dovranno essere redatte dai Responsabili delle
               Aree Gestione del Patrimonio di ciascuna Azienda o Istituto del SSR. Le Aziende
               sanitarie sono tenute a comunicare all'articolazione organizzativa preposta alla
               tenuta dell'albo dei fornitori tutte le notizie a loro pervenute o comunque a loro
               conoscenza che possano portare all'adozione di un provvedimento di cancellazione
               dall'albo delle ditte ivi iscritte;
            e) che non siano in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi
               previdenziali ed assistenziali a favore dei lavoratori o con il pagamento di imposte o
               tasse previste dalla legislazione vigente;
            f) che si siano resi colpevoli di false dichiarazioni nel fornire informazioni relative alle
               precedenti lettere;




2.- La non iscrizione, o la cancellazione, è disposta con provvedimento motivato della Giunta
    regionale ed è comunicata alle Aziende entro 20 giorni dalla data di adozione del
    provvedimento di cancellazione .

3.- Per le ditte iscritte che non hanno comunicato la variazione dell'indirizzo e che per tale motivo
    sono state cancellate dall'albo, la pubblicazione dell'aggiornamento, di cui al successivo
    articolo, vale come comunicazione dell'avvenuta cancellazione.


                                             ARTICOLO 6
                                            Aggiornamento

1.- Il dirigente responsabile della struttura regionale preposta alla tenuta dell'albo, con proprio atto,
     provvederà, di norma con cadenza semestrale e precisamente nei mesi di aprile ed ottobre di
     ogni anno, ad aggiornare l'albo dei fornitori.

2.- L'aggiornamento comprenderà:
- iscrizione di nuove ditte;
- variazioni e/o integrazioni relative a ditte già iscritte, che non comportano un cambiamento tale da
configurarsi come nuova iscrizione;
- cancellazioni di ditte già iscritte ed elenco di quelle non iscrivibili.

3.- La documentazione riguardante la richiesta di variazioni e/o di integrazioni, nonché, le nuove
    istanze di iscrizione, per essere comprese nell'aggiornamento semestrale, devono essere spedite
    entro l'ultimo giorno del mese precedente a quello di adozione dell'atto del dirigente che
    aggiorna l'albo.

4.- L'atto di aggiornamento, unitamente all'elenco dei nuovi iscritti e delle variazioni apportate, è
pubblicato su apposito supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. Tale
pubblicazione equivale a formale attestazione di avvenuta iscrizione nell'albo per cui nessuna
comunicazione scritta sarà inviata alle ditte interessate.

5.- In occasione del secondo aggiornamento semestrale, sul Bollettino Ufficiale della Regione
Toscana, è riportato anche l'elenco di tutte le ditte iscritte nell'albo. Tale pubblicazione viene
effettuata, di norma, entro il 30 novembre di ogni anno.
                                            ARTICOLO 7
                                           Scheda di qualità

1.- Il dirigente responsabile dell'articolazione regionale preposta alla tenuta dell'albo fornitori per le
Aziende sanitarie, approva con proprio provvedimento una scheda, denominata "scheda di qualità" ,
che i funzionari responsabili del procedimento delle Aziende sanitarie medesime, devono compilare
per ottemperare agli obblighi previsti dall'ultimo comma dell'art. 25 della L.R. 14/96.


                                            ARTICOLO 8
                                           Norma transitoria

1.- Alle ditte iscritte nel precedente albo, l'articolazione regionale preposta invia il nuovo modulo di
iscrizione, per consentire loro di iscriversi alle nuove categorie merceologiche, indicando un
termine perentorio entro il quale le ditte interessate devono far pervenire la nuova istanza,
debitamente compilata e corredata della necessaria documentazione.

2.- Alle ditte che presentano la nuova istanza, viene attribuito un nuovo numero di iscrizione, che le
stesse mantengono, fino alla eventuale cancellazione.

3.- L'albo precedente rimane il punto di riferimento per le Aziende sanitarie, fino alla prima
pubblicazione del nuovo albo, al quale, da quella data, deve essere fatto esclusivo riferimento.




                                ISTRUZIONI E AVVERTENZE
AVVERTENZE GENERALI

La Legge Regionale 22.2.1996 n. 14, e specificatamente negli articoli 37 e 38, regola l'iscrizione, il
mantenimento e la cancellazione delle ditte nell'albo Regionale dei fornitori per le Aziende sanitarie
Toscane.
Il disciplinare che regola la tenuta dell'albo, oltre ad individuare le nuove categorie merceologiche
nelle quali è suddiviso, prevede:
a) le modalità di iscrizione;
b) la periodicità dell'aggiornamento;
c) la modulistica e la documentazione necessaria all'iscrizione.
Gli interessati devono compilare il modulo, appositamente predisposto, in ogni sua parte, con la
massima chiarezza (a macchina od a mano con carattere stampatello).
Compilato il modulo, si consiglia di trattenerne una copia assieme alla cartolina postale di ritorno.
Tale documentazione farà fede di avvenuto inoltro, in caso di smarrimento della stessa da parte
degli uffici regionali o per mancato recapito da parte del Servizio Postale (quest'ultimo deve essere
attestato dalla competente Amministrazione postale).
L'istanza di iscrizione, con i relativi allegati, deve essere spedita all'indirizzo indicato sul modulo
apposito. L'invio ad altri indirizzi solleva l'Amministrazione regionale da qualsiasi responsabilità
per la mancata iscrizione all' albo.
MODELLI OCCORRENTI

L'istanza di iscrizione deve essere obbligatoriamente presentata sull'apposito stampato, o su copia
fedelmente riprodotta; gli interessati devono compilare tutte le sezioni nelle quali si articola il
modulo e riportarvi tutti i dati richiesti. Nelle istruzioni relative alla compilazione delle singole
sezioni, sono indicate le omissioni di compilazione e di invio della documentazione occorrente, che
renderanno la domanda come non presentata.
Il modulo è composto di quattro facciate, che corrispondono alle sezioni dello stesso:
- la prima facciata (sezione I) contiene i dati anagrafici ed identificativi del richiedente;
- la seconda facciata (sezione II) contiene l'elenco dei codici e della descrizione delle categorie
merceologiche alle quali si vuole essere iscritti;
- la terza facciata (sezione III) contiene i dati relativi al settore di appartenenza, all'organizzazione
ed alla capacità di fornitura posseduti dal richiedente;
- la quarta facciata (sezione IV) contiene il riepilogo e l'indicazione della documentazione allegata,
nonché la dichiarazione di responsabilità e la sottoscrizione del richiedente.
IL MODULO PUO' ESSERE REPERITO, GRATUITAMENTE, PRESSO GLI UFFICI
REGIONALI PREPOSTI e presso le singole Aziende sanitarie toscane. In alternativa le ditte
possono ricevere il modulo, tramite posta ordinaria, dietro richiesta scritta inviata allo stesso
indirizzo di presentazione dell'istanza, allegando una busta già affrancata per circa 100 gr di
corrispondenza con l'indicazione del loro indirizzo.


SOGGETTI INTERESSATI ALLA PRESENTAZIONE DELL'ISTANZA

Possono presentare l'istanza di iscrizione alle categorie merceologiche dell'albo, tutti quei soggetti,
siano essi ditte individuali, società, consorzi, cooperative ecc., che vogliono fornire beni e servizi
alle Aziende sanitarie toscane. Infatti, secondo le disposizioni della L.R. 14/96, le Aziende sanitarie
toscane non possono acquisire beni e servizi, per un importo fino a 200.000 ECU, da fornitori che
non siano iscritti alle categorie merceologiche dell'albo, corrispondenti all'oggetto della gara.
Non devono presentare l'istanza di iscrizione tutti coloro che svolgono attività di tipo professionale,
di consulenza o similari, i rappresentanti di commercio, gli agenti e/o concessionari di compagnie di
assicurazione, le agenzie senza deposito, e tutti coloro che non possono fatturare in proprio.
Non devono presentare, altresì, l'istanza di iscrizione tutti coloro che svolgono un'attività
convenzionata e rivolta a soddisfare le esigenze dell'utenza, per la quale l'Azienda sanitaria non
acquisisca direttamente sul mercato i beni e/o i servizi (es.: odontotecnici, venditori di ausili per
disabili, venditori di protesi non direttamente acquisiti dalle Aziende tramite gara di appalto, ecc.).
Le DITTE ESTERE possono presentare l'istanza d'iscrizione a condizione che abbiano una stabile
organizzazione di riferimento in Italia, con sede e rappresentanti certi (cfr.art.2506 codice civile).


PRESENTAZIONE DELL'ISTANZA

L'istanza di iscrizione deve essere spedita a mezzo raccomandata A\R al seguente indirizzo:
REGIONE TOSCANA - DIPARTIMENTO DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DELLE
POLITICHE DI SOLIDARIETA' - ALBO FORNITORI PER LE AZIENDE SANITARIE
TOSCANE - VIA DI NOVOLI 26 - 50127 FIRENZE -
entro l'ultimo giorno del mese precedente a quello in cui avviene l'aggiornamento semestrale e
quindi:
entro il 31 marzo per l'aggiornamento di aprile;
entro il 30 settembre per l'aggiornamento di ottobre.
La presentazione dell'istanza con metodi diversi, non garantisce il buon esito del ricevimento della
stessa da parte dell'ufficio regionale competente.


AVVERTENZE E PRESCRIZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SINGOLE SEZIONI
DEL MODULO

SEZIONE I - dati anagrafici.

Il nome della ditta deve essere quello indicato nel certificato della CCIAA.
Indicare correttamente negli appositi spazi, sia la partita I.V.A. che il codice fiscale; se essi
coincidono, riportarli ugualmente.
Applicare nell'apposito spazio, una marca da bollo del valore in vigore alla data di presentazione
dell'istanza.
L'istanza sarà considerata come non presentata se sarà riscontrata la mancata indicazione di un
solo elemento fra quelli richiesti in questa sezione, compresa la marca da bollo. Fa eccezione
l'omessa indicazione del numero di iscrizione, per le ditte già iscritte che richiedono l'integrazione
di categorie merceologiche.
Le ditte sono tenute a comunicare entro 30 giorni dal suo verificarsi, ogni variazione dei requisiti e
dei dati trasmessi ai fini dell'iscrizione, allegando il certificato CCIAA in bollo comprovante la
variazione avvenuta, pena la cancellazione dall'albo.


SEZIONE II - elenco categorie merceologiche.

Le ditte devono riportare il codice e la descrizione delle categorie merceologiche alle quali vogliono
essere iscritte, negli appositi spazi.
Possono essere indicate più categorie merceologiche. Qualora le righe di questa sezione non
risultassero sufficienti per la loro elencazione, si potrà proseguire su altro prospetto fedelmente
riprodotto.
I codici e la descrizione devono essere esattamente uguali a quelli indicati nell'elenco ufficiale
appositamente adottato.
In caso di divergenza si terrà conto del codice, se la descrizione a fianco riportata dalla ditta non è
prevista dall'elenco suddetto o della descrizione se questa, pur essendo prevista dall'elenco ufficiale,
non corrisponde al codice a fianco indicato.
La categoria o le categorie merceologiche alle quali la ditta si vuole iscrivere, devono trovare debito
riscontro nelle attività espletate dalla ditta medesima e rilevabili dal certificato della CCIAA,
allegato all'istanza, alla voce "attività svolta .ed iniziata il....". Qualora nel certificato della CCIAA
allegato non venga riportata l'attività esercitata o ne venga riportata solo una parte, comunque
ricompresa nell'oggetto sociale, la ditta dovrà allegare, oltre al certificato della CCIAA richiesto,
una dichiarazione sostitutiva di atto notorio - in bollo - nella quale riporterà i dati mancanti. Detta
dichiarazione è provvisoria e dovrà essere integrata con un certificato della CCIAA completo.
L'istanza corredata di certificato della CCIAA incompleto e non accompagnato dalla dichiarazione
sopra descritta, sarà considerata come non presentata.
Le ditte che presentano l'istanza per le quali è in scadenza il periodo di durata della loro attività,
riscontrabile dal certificato della CCIAA, devono comunicare la nuova data di scadenza; in caso
contrario, al primo aggiornamento dell'albo successivo alla sopra indicata data, verranno cancellate
dall'albo.


SEZIONE III - scheda informativa del fornitore.
La ditta, nel compilare questa parte del modulo, deve apporre un segno nelle caselle appositamente
predisposte, scegliendo le voci che la riguardano e tenendo conto che:
- area geografica di fornitura - deve essere selezionata l'area nella quale la ditta opera e che sarà
utile alle Aziende sanitarie, in fase di invito a gara, per individuare le ditte che hanno una capacità
di fornitura limitata nel territorio o meno;
- certificazione di qualità - deve essere indicata la certificazione posseduta; la ditta è tenuta a
comunicare le variazioni o le integrazioni avvenute, successivamente alla presentazione dell'istanza;
- strutture operative in Toscana - devono riportare i dati richiesti tutte quelle ditte che con o senza
sede legale in Toscana, possiedono nella regione una struttura quale succursale, deposito, filiale e
simili.


SEZIONE IV - elenco documentazione allegata - dichiarazione di responsabilità e
sottoscrizione dell'istanza.

La ditta deve apporre un segno (X) nella casella corrispondente alla descrizione della
documentazione allegata.
Tale documentazione deve essere in bollo, del valore in vigore alla data di presentazione della
domanda.
La sottoscrizione dell'istanza non va autenticata e oltre a rappresentare una dichiarazione di
responsabilità è indispensabile per l'accoglimento della stessa e la sua mancata apposizione
equivarrà ad istanza non presentata.


CAUSE DI NON ISCRIVIBILITA' E CANCELLAZIONE DALL'ALBO

Le cause di non iscrivibilità o di cancellazione dall'albo sono quelle indicate all'art. 38 della L.R.
22.2.96 n. 14 ed evidenziate nelle presenti istruzioni, sia nelle avvertenze generali che nelle singole
sezioni.
Tutti coloro che hanno presentato istanza nella quale sia stata riscontrata una causa di non
iscrivibilità debitamente comunicata dalla struttura regionale preposta, dovranno ripresentare una
nuova istanza.
Si ricorda che la ditta cancellata dall'albo non può essere iscritta di nuovo, prima che siano trascorsi
due anni dalla data dell'atto che ne ha disposto la cancellazione.



(a cura del Dipartimento del Diritto alla Salute e delle Politiche di Solidarietà - U.O.C.
Osservatorio Prezzi Beni e Servizi alle Aziende Sanitarie)

				
DOCUMENT INFO