Docstoc

FIRENZE BACCARINI

Document Sample
FIRENZE BACCARINI Powered By Docstoc
					4        METROPOLI
         Venerdì 2 giugno 2006                                                         L ' I N T E RV I STA


«Vi svelo il volto esoterico di Firenze»
Il libro di uno studente fiorentino fa da guida alla città occulta e a misteri mai spiegati
ADELE TASSELLI                                                                                                                                                                                       L’ITINERARIO
C’è una Firenze occulta che tanti ignorano. Una
Firenze nascosta, esoterica, che nasconde picco-
li e grandi misteri che persino molti fiorentini                                                                                                                                             Enigmicittadini
neppure immaginano. E’ la città delle “strane”
morti del granduca Federico I de’ Medici e del                                                                                                                                                cheaspettano
giovane Pico della Mirandola. Del Dante tem-
plare e della Massoneria, della Madonna del                                                                                                                                                ancora una risposta
disco volante e di quella del parto. Questa Firen-
ze la conosciamo attraverso le pagine del libro
di Enrico Baccarini, 26 anni, laureando in psi-
cologia, autore di Firenze, esoterismo e mistero
(Editoriale Olimpia, 15 euro).
Come nasce questo volume attraverso il quale ci
imbattiamo in una città di misteri che in tanti
ignorano?
«Sono fiorentino e da quando avevo 10 anni mi
sono sempre interessato di enigmi storici. Così
ho pensato di raccontare quelli della mia città.
Fin dall’inizio, in accordo con la mia casa editri-
ce, l’Olimpia, avevo deciso di non scrivere un
saggio bensì una guida per l’individuo più curio-                                                                                                                                          FRANCESCO I DE’ MEDICI
so, per svelargli una Firenze diversa, esoterica,                                                                                                                                          Era un esoterista e praticava i suoi studi in
oltre a quella artistica nota a tutti».                                                                                                                                                    Palazzo Vecchio. La sua morte è un giallo
Però lei parla di «Firenze città dell’esoteri-
smo» non di «Firenze città esoterica».
«Città esoteriche vere e proprie sono Torino,
Praga e Lione, che costituiscono il triangolo ma-
gico. Firenze ha vissuto l’esoterismo in maniera
alternata. Abbiamo il periodo del Rinascimento
con Lorenzo de’ Medici e Cosimo I che favori-
rono il Neoplatonismo di Pico della Mirando-
la e del valdarnese Marsilio Ficino. Grazie al
mecenatismo dei Medici, furono portati a Firen-
ze testi alchemici come quelli di Ermete Tri-
smegisto. Questa cultura esoterica finì poi per
insinuarsi anche in successivi movimenti filoso-
fico-esoterici, come il Rosa Croce o nella Masso-
neria del Settecento».                                                                                                                                                                     PICO DELLA MIRANDOLA Bellissimo, è
Appunto: nel suo libro parla anche della                                                                                                                                                   passato alla storia per la sua capacità
Massoneria?                                                                                                                                                                                mnemonica. Fu assassinato da Ficino?
«Nacque a Firenze. Dopotutto l’origine è inglese
e la Firenze del Settecento contava la presenza
di 30 mila inglesi su una popolazione di 100
mila abitanti. Erano i primordi, la massoneria
vera e propria la facciamo risalire all’Ottocen-
to».
Eppure racconta anche di riferimenti mas-
sonici già all’epoca di Francesco I.
«Nello studiolo alchemico del granduca, adia-
cente alla Sala dei Cinquecento in Palazzo Vec-
chio, ci sono quadri con chiari riferimenti a
quella che successivamente sarebbe stata la Mas-
soneria. In realtà credo più probabile che la
Massoneria abbia attinto da pratiche esoteriche,
e nel suo studiolo Francesco I era dedito a que-                                                                                                                                           PIERO DELLA FRANCESCA La sua
sto. Si fece portare anche un grosso quantitati-                                                                                                                                           Madonna del parto nasconderebbe
vo di scorpioni perché cercava un antidoto per                                                                                                                                             un messaggio nascosto di conoscenza
tutti i veleni. Pare assumesse anche dei piccoli
quantitativi tutti i giorni per immunizzarsi. Ep-
pure si pensa che morì avvelenato. Morte stra-
na, come quella di Pico della Mirandola, forse
avvelenato da Ficino».
Anche Dante avrebbe fatto parte di una
corrente filosofico-esoterica e anche poeti-
ca, i Fedeli dell’Amore?                               UN VIAGGIO TRA I SEGRETI E GLI ENIGMI DELLA CITTA’ Il sottotitolo di Firenze, esoterismo e mistero. Sopra la copertina del volume
«Nella Divi-
                                                                                                                                                                            LA
na Comme-
                                                    Dante un templare?




                 “
dia ci sono                                                                                                                                                                 RISPOSTA
una serie di                                                                                                                                                                A DAN
dettagli che                               Francesco I un esoterista che cercava                                                                                            BROWN
sono di chia-                                                                                                                                                               Enrico
ra matrice
esoterica e
                                                l’antidoto a tutti i veleni.                                                                                                Baccarini
                                                                                                                                                                            (qui
                                                                                                                                                                                           GLI UFO AGLI UFFIZI La madonna
                                                                                                                                                                                           del disco volante. Incredibile
che Dante
non avrebbe potuto conoscere se
                                                Si fece portare un grande                                                                                                   accanto)
                                                                                                                                                                            ha quasi
                                                                                                                                                                                           ma pare proprio un avvistamento ufo

non fosse venuto a contatto con
qualcuno dei Fedeli dell’Amore.
                                           quantitativo di scorpioni per crearlo.                                                                                           concluso
                                                                                                                                                                            un altro
Dante vive in un periodo nel quale
l’eresia catara stava per finire e l’or-            Eppure è probabile                                                                                                      libro: Il
                                                                                                                                                                            codice
dine templare stava morendo. Due
movimenti che furono definiti ere-                che morisse avvelenato                                                                                                    svelato

tici. Anzi c’è chi sostiene che fosse
un terziario templare, un laico che assolveva          segue uno dei re Magi, che lo studioso Mario                       stati nel 1954. Il 27 ottobre, intorno alle 14.30,
certi compiti dell’istituzione templare. All’epo-      Valdes identificherebbe col giovane Vlad Te-                       la partita Fiorentina-Pistoiese si fermò perché
ca c’era la corrente stilnovista nella quale la        pes, ossia l’uomo che ispirò il personaggio di                     tutti, giocatori e spettatori, videro oggetti miste-
donna veniva idealizzata così come il concetto         Dracula. Poi al Bargello che nelle sue segrete                     riosi che volavano sopra lo stadio. Il primo no-
di Sofia (conoscenza in greco, ndr) che sarebbe        fu luogo di atroci torture. In Santa Croce davan-                  vembre dello stesso anno la contadina aretina
il fine ultimo di tutti i movimenti esoterici e        ti alla quale fu bruciato il negromante Cecco                      Rosa Lotti dichiarò di essere stata derubata di
misterici: l’elevazione intellettuale e spirituale».   d’Ascoli, occultista che si dedicava all’esoteri-                  una calza di seta da due ometti, che parlavano                   DRACULA TRA I MAGI Uno dei paggi
Altri segni di questi movimenti esoterici si           smo nero. Inoltre, fino a due secoli fa, fuori dal                 una lingua incomprensibile, usciti da una strut-                 delle pitture murali di Palazzo Medici
individuerebbero anche in opere di Boccac-             chiostro di Santa Croce campeggiava la scritta                     tura romboidale».                                                Ricciardi sarebbe il principe Vlad
cio e nelle Madonne del parto di Piero della           “Qui si punisce quel che in Dio non Crede e                        C’è ancora qualcosa di misterioso nella Fi-
Francesca.                                             s’assicura nella fede“. Poi, come già detto, c’è lo                renze di oggi?
«C’è chi sostiene che autori e artisti del tempo       studiolo alchemico di Francesco I in Palazzo                       «Di tangibile c’è poco. Quindi se c’è non lo
avessero fatto filtrare certi concetti esoterici al-   Vecchio. Infine gli Uffizi dove è interessante                     sappiamo. Però si è anche detto che dietro gli
l’interno delle loro opere. La Madonna con il          ammirare quella che viene chiamata La Madon-                       omicidi del mostro di Firenze potrebbe esserci
pancione sarebbe la raffigurazione di una cono-        na del disco volante. L’opera in realtà si chiama                  stata una setta esoterica come mandante».
scenza segreta, tramandata attraverso alcuni mo-       La Madonna e San Giovannino e viene attribui-                      E comunque Firenze non è l’unica città to-
vimenti sempre di origine templare, dei quali          ta alla scuola di Filippo Lippi. Nel 1978 l’archi-                 scana ad avere dei misteri?
Boccaccio avrebbe fatto parte ».                       tetto fiorentino Daniele Bedini si accorse di                      «No. Infatti nella seconda parte del libro raccon-
Quindi, se dovesse suggerire un percorso a             una sorta di cupola volante sulla destra della                     to gli altri misteri della Toscana. Gli etruschi
tappe, alla scoperta della Firenze occulta,            Vergine e in basso addirittura un pastore che                      stessi, come i lunigiani, si pensa fossero discen-
cosa suggerirebbe?                                     osserva l’oggetto».                                                denti della popolazione di Atlantide».
«Una visita al Battistero dove c’è un’iscrizione       Un primo avvistamento Ufo?                                         E il prossimo libro? So che ne sta terminan-
palindroma, che si può leggere in qualunque            «Il primo viene fatto risalire al 1947, negli Stati                do già un altro.
verso e rimane identica. Una scritta che richia-       Uniti. Ma già nei libri antichi si trovano dei rac-                «Si dovrebbe intitolare Il Codice Svelato. Pren-                 BEATRICE O SOFIA? La donna stilnovista
ma tutta una serie di concetti di elevazione spiri-    conti. Giulio Ossequente, che visse nell’antica                    dendo spunto dal Codice da Vinci di Dan                          come Sofia, la conoscenza alla quale tende
tuale. Nella Cappella dei Magi di Palazzo Medi-        Roma, raccontò di clypeus ardentes (travi infuo-                   Brown cerco di chiarire molti discorsi che so-                   l’esoterista. E Dante era un templare?
ci Riccardi per osservare uno dei paggi che            cate). Per Firenze due avvistamenti ci sarebbero                   no stati fraintesi o volutamente fraintesi».

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:94
posted:5/3/2011
language:Italian
pages:1