diplomová práce

Document Sample
diplomová práce Powered By Docstoc
					         Masarykova univerzita
          Filozofická fakulta




  Ústav románských jazyků a literatur

          Italský jazyk a literatura



                  Dalibor Holan




La lingua della pubblicità nel settore della
                 cosmesi
                 Bakalářská práce




          Vedoucí práce: PhDr. Jan Pavlík


                      2010
Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracoval samostatně s využitím uvedených
pramenů a literatury. Dále prohlašuji, že elektronická verze je totožná s verzí
tištěnou.


                                                 ………………………………………..
                                                      Podpis autora práce
Mé poděkování patří především panu doktoru Janu Pavlíkovi za jeho trpělivost,
obdivuhodnou ochotu, cenné připomínky a v neposlední řadě čas, který strávil nad
četbou mé diplomové práce.

I miei ringraziamenti vanno anche ai miei cari amici: Lorenzo Polonio e dott.ssa
Fabia Scali-Warner, per avermi sopportato e motivato.

Ringrazio tutti i professori e professoresse presso il Dipartimento di Romanistica per
i loro sacrifici nell‘educare i futuri filologi.
                                    INDICE


PREMESSA                                                              5

CAPITOLO PRIMO

1.    Lingue speciali                                                 6
2.    Alberto A. Sobrero                                              6
3.    Lingua della pubblicità                                         8
4.    Termini di base                                                 9
             4.1. Registro                                            9
             4.2. Lingua scritta                                      10
             4.3. Lingua parlata                                      10
5.    Conclusione                                                     10

CAPITOLO SECONDO

1.    Lessico                                                         11
2.    Tecnicismi:                                                     11
              2.1. Botanica                                           12
              2.2. Chimica                                            13
              2.3. Anatomia                                           14
              2.4. Fisica                                             15
              2.5. Biologia                                           16
              2.6. Matematica                                         16
3.    Terminologia militare                                           17
4.    Terminologia letteraria                                         18
5.    Neologismi                                                      19
              5.1. Neologismi ―esclusivi‖                             20
6.    Formazioni delle parole                                         21
              6.1. Derivazione                                        21
                            6.1.1. Derivazione mediante prefissi      22
                            6.1.2. Derivazione mediante prefissoidi   23
                            6.1.3. Derivazione mediante sufissi       29
              6.2. Composizione                                       30
7.    Comparativi                                                     31
8.    Participi                                                       32
9.    Forestierismi                                                   34
              9.1. Prestiti dall‘inglese                              34
              9.2. Prestiti dal francese                              35
10.   Colloquialismi                                                  36
11.   Sigle                                                           37

CONCLUSIONE                                                           38

BIBLIOGRAFIA                                                          40




                                       4
                                     PREMESSA


       La passione tipicamente italiana per l´aspetto fisico si traduce concretamente
nell'uso quotidiano di prodotti cosmetici di ogni genere; questa passione si rispecchia
necessariamente anche nella lingua pubblicitaria nel settore della cosmesi, creando
costruzioni linguistiche specifiche, la cui diversità, creatività e ricchezza sottolineano
il ruolo importante che svolgono i cosmetici per gli abitanti della penisola
appenninica.


       Il presente lavoro è nato dal desiderio dell‘autore di classificare varie
particolarità morfologiche attribuite alla lingua pubblicitaria nel settore della
cosmesi. Come risorsa fondamentale verranno usate tre pagine web delle ditte
cosmetiche: Clarins, Biotherm e Clinique dove si nota una vasta sezione dedicata alla
cosmesi maschile, il che permette di analizzare il testo pubblicitario di un settore, da
molto tempo associato esclusivamente con la femminilità, su un livello più
approfondito.


       Nel primo capitolo verrà classificata la lingua pubblicitaria dal punto di vista
più ampio. L‘autore cercherà di proporre una classificazione delle lingue speciali, di
cui la lingua pubblicitaria fa parte, seguendo i criteri del filologo italiano Alberto A.
Sobrero.


       Il secondo capitolo, invece, entrerà nel vivo dell‘analisi morfologica. Da una
parte verrà esaminata l‘influenza linguistica delle varie scienze (la biologia,
l‘anatomia, la botanica, la chimica, ecc.) sulla lingua pubblicitaria, isolando i termini
specifici; sull‘altro lato si osserverà la capacità della pubblicità per la cosmesi di
creare dei neologismi strettamente collegati con questa lingua speciale. Nell‘intera
sezione analitica verranno applicati i criteri validi per la lingua pubblicitaria in senso
generale con l‘obiettivo di stabilire, verificare e aggiornare le caratteristiche della
réclame per la cosmesi che si trova sull‘internet – uno spazio virtuale, fortemente
collegato con il ventunesimo secolo.




                                            5
                                          PRIMO CAPITOLO


                 1. Lingue speciali


        La lingua speciale è «una varietà funzionale di una lingua naturale,
dipendente da un settore di conoscenze o da una sfera di attività specialistici,
utilizzata, nella sua interezza, da un gruppo di parlanti più ristretto della totalità dei
parlanti la lingua di cui quella speciale è una varietà, per soddisfare i bisogni
comunicativi […] di quel settore specialistico […].»1


        Tale definizione è coerente per esempio con la lingua propria delle
comunicazioni burocratiche, dove esistono forme lessicali specifiche che non trovano
riscontro al di fuori del loro contesto: lo scarto tra un simile utilizzo della lingua ed il
suo uso quotidiano è tale che gli italiani hanno coniato il termine dispregiativo di
"burocratese" per definire questa lingua speciale. La lingua pubblicitaria, invece, pur
appartenendo alle lingue speciali, tende a rivolgersi al numero più ampio di persone
possibile. La complessità racchiusa nel termine lingue speciali viene spiegata dal
filologo Alberto A. Sobrero, il cui schema servirà di base per il presente lavoro.


                 2. Alberto A. Sobrero


        Va detto che le lingue2 speciali (d'ora in avanti LS), negli studi di differenti
filologi, sono contraddistinte nella loro definizione da una notevole discrepanza3
terminologica. Per superare questa diversità terminologica, si adotterà, come è già


1
  Vedi Cortelazzo M. A., ― Italienisch: Fachsprachen/Lingue speciali‖ in Holtus G., Metzeltin M.,
Schmitt Ch. (a cura di), Lexikon der Romanistischen Linguistik, vol.IV (Italienisch, Korsisch,
Sardisch), Tübingen 1988, p. 246.
2
  «Eventuali utilizzazioni di linguaggi non verbali (uso di formule, simboli, fotografie, ecc.) sono
accessorie, e ricorrono solo in alcune sottovarietà [...] Non parliamo, perciò, di ―linguaggi‖ ma di
―lingue‖» Sobrero A. A., ―Lingue speciali‖ in Sobrero A. A. (a cura di), Introduzione all’italiano
contemporaneo. La variazione e gli usi, Roma-Bari 1993, pp. 238-239.
3
  «lingue speciali (a partire, almeno, da Devoto 1939), con la variante linguaggi speciali (soprattutto
nelle sottospecificazioni linguaggio scientifico, linguaggio filosofico, linguaggio sportivo ecc., ma
anche linguaggio giornalistico, linguaggio pubblicitario, linguaggio televisivo); linguaggio tecnico
(ad esempio Parisi 1962), sottocodice (Dardano 1973 e Berruto 1974), linguaggio settoriale [...]
(Beccaria 1973), tecnoletto (Wandruszka/Paccagnella 1974), microlingua (Balboni 1982)»,
Cortelazzo M. A., op. cit., p. 246.


                                                  6
stato menzionato sopra, lo schema riassuntivo di Alberto A. Sobrero che distingue
le LS secondo il criterio della specializzazione:


                   a) Lingue specialistiche (d’ora in avanti LSP)
                   Il termine lingue specialistiche indica quelle lingue speciali che
                   «riguardano discipline ad alto grado di specializzazione (come la
                   fisica, l‘informatica, la linguistica)4».


                   b) Lingue settoriali
                   Il termine lingue settoriali «riguarda settori, o ambiti di lavoro, non
                   specialistici (la lingua dei giornali, della televisione, della politica,
                   della pubblicità, ecc.)5». Con le lingue settoriali veniamo in contatto
                   prevalentemente attraverso i mass-media.


         Tale divisione è significativa soprattutto per quanto riguarda l‘uso del lessico.
Mentre le LSP «hanno un lessico specifico [...] le lingue settoriali, invece, non
dispongono di un lessico specifico vero e proprio – o meglio, dispongono di un
lessico specifico molto ridotto [...]»6.


         Sobrero considera il suo schema una semplificazione di comodo, ammettendo
una possibile frammentazione delle LSP in sottogruppi che seguono vari criteri p.
es.: quello stilistico, secondo cui si può individuare una certa quantità di tipi di testi e
«per questa strada si potrebbe continuare, con sottoclassificazioni più minute [...]»7.
Secondo Sobrero tale sottodivisione «rischierebbe però di allontanare la nostra
attenzione dalla specificità delle LSP»8. Il filologo, invece, sottolinea «i due poli
stilistici intorno ai quali si addensa la maggior parte dei testi prodotti in ognuna delle
LSP:»9




4
  Sobrero A. A., op. cit., p. 239.
5
  Ibid., p. 239.
6
  Ibid., p. 239.
7
  Ibid., p. 241.
8
  Ibid., p. 241.
9
  Ibid., p. 241.


                                                7
             a) Il livello scientifico
                 «raggruppa tutti i testi in cui le scelte linguistiche vanno nella
                 direzione della massima specializzazione.»10


             b) Il livello divulgativo
                 «raggruppa tutti i testi in cui le scelte linguistice vanno nella
                 direzione della massima divulgabilità.»11


        Prendendo in considerazione la suddivisione delle LSP sul livello stilistico, vi
si nota la possibile similitudine con una lingua settoriale in termini di stile o lessico.
Confrontando p. es. un manuale universitario (appartenente alle LSP) «[...] che fa
uso di un numero molto minore di tecnicismi, è più ricco di glosse, spiegazioni,
illustrazioni, ed esplicita molti (o tutti) i passaggi logici [...]»12, con un testo
pubblicitario (appartenente alle lingue settoriali) in cui i tecnicismi «godono di un
grandissimo prestigio, esercitano un vero e proprio potere fascinatorio sui parlanti»13,
si dimostra quanto una lingua settoriale (in particolare quella della pubblicità) imiti
gli aspetti delle LSP.


                 3. Lingua della pubblicità


        «La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i
potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere la
sensibilità su questioni di interesse generale»14; come tale, essa è diventata un
oggetto di studio anche per gli psicologi, i sociologi, i filosofi, gli antropologi ed i
linguisti.




10
   Ibid., p. 241.
11
   Ibid., p. 242.
12
   Ibid., p. 241.
13
   Ibid., p. 275.
14
   Annunziata, G., Il linguaggio pubblicitario, 2000, disponibile su
www.funzioniobiettivo.it/laboratori/progetti/Il%20linguaggio%20pubblicitario.pdf.


                                                 8
        Poiché la pubblicità, che è considerata uno strumento manipolativo e falso,
non gode di buona fama sin dagli anni sessanta15, sono frequenti le opinioni negative
riguardanti la sua lingua, p. es.: «La lingua pubblicitaria [...] è una lingua selvaggia,
destrutturata, è un contenitore senza contenuto logico»16. In una lingua, che viene
considerata, da Baldini, un contenitore vuoto, si possono comunque rintracciare gli
elementi tipici e ripetitori che la rendono ricca di lessico, di variazioni di stili o di
strutture sintattiche.


                 4. Termini di base


        A questo punto si definiscono alcuni termini di base di cui ci si serve nella
presente tesi.


                  4.1.    Registro


        Il registro potrebbe essere descritto come «una varietà linguistica basata
sull‘uso. Più in generale, è una costruzione che collega la situazione simultaneamente
al testo, al sistema linguistico e al sistema sociale»17
        Secondo Sobrero il registro ha un‘ampiezza immensa per quanto riguarda il
significato: nella linguistica britannica «il registro viene considerato ad esempio un
commento sportivo, pubblicità o una canzone popolare»18 mentre «nella linguistica
francese il termine acquista, a seconda degli autori, il significato di varietà
situazionale (formale vs. informale) [...]»19.




15
   «Intorno alla metà degli anni sessanta il fenomeno pubblicitario godeva presso molti di una pessima
fama, tanto che non gli si riconosceva il benché minimo tratto positivo», Baldini, M. (a cura di), Le
fantaparole. Il linguaggio della pubblicità, Armando, Roma, 1996, p.11.
16
   Ibid., p.33.
17
   Ferrari P. L., ―Seminario nazionale di ricerca in Didattica della Matematica, sessione del 5-7
febbraio 2004‖, Matematica ed educazione: il ruolo fondamentale dei linguaggi, disponibile su:
http://nid.dimi.uniud.it/pages/materials/etc/plferrari/glossario.pdf
18
   Sobrero A. A., op. cit., p. 237.
19
   Ibid., p. 237.


                                                  9
                     4.2.    Lingua scritta


            La lingua scritta è quella che «si fonda su un progetto e su una elaborazione
più accurati. Ciò appare nella disposizione dei contenuti , nella struttura testuale e
sintattica, nella scelta dei vocaboli e degli strumenti grammaticali. Nello scritto si
cerca di evitare ogni ambiguità e incertezza interpretativa; inoltre si vuole conferire
alla lingua quel carattere di stabilità che è richiesto dalla permanenza del testo.»20


                     4.3.    Lingua parlata


            «Il parlato è molto legato alla situazione: staccato da essa, risulta spesso
ambiguo e incompleto. Nel parlato si ha una segmentazione in frasi brevi, talvolta
brevissime; vi sono esitazioni, pause, mutamenti di costruzione, tipiche ridondanze.
[...] Sono semplificate sia la sintassi [...] sia la morfologia.»21


                     5. Conclusione


            L‘uso dei diversi registri rende la lingua pubblicitaria un fenomeno ibrido sia
dal punto di vista sintattico sia da quello morfologico. L‘apparizione di termini
ricercati,       caratteristici    della    lingua     scritta    (registro    formale)         evoca   la
―professionalità‖ dei creatori pubblicitari nel loro settore; la sistemazione della
lingua pubblicitaria nelle brevi unità giustapposte o frasi ellittiche è, insieme con
l‘uso dei colloquialismi o diversi prestiti dalle lingue straniere, l‘elemento tipico per
la lingua parlata (registro informale). Il collegamento dei due registri talmente diversi
pone la caratteristica fondamentale della lingua pubblicitaria.




20
      Dardano, M., Manualetto di linguistica italiana, Zanichelli, Milano, 1996, pp. 202-203.
21
     Ibid., p. 203.


                                                     10
                                  SECONDO CAPITOLO


                  1. Lessico


         Il lessico adoperato nella lingua della pubblicità è caratteristico per il suo alto
     livello di informalità. Vi si possono comunque individuare i termini appartenenti
     al registro formale. Per descrivere diversi aspetti della lingua pubblicitaria si
     adotteranno i criteri di vari filologi22.


                  2. Tecnicismi


         La funzione svolta dai tecnicismi la cui comprensione presume conoscenze su
     un alto livello di specializzazione, il che non è una premessa per i lettori e gli
     spettatori della pubblicità, è di sfruttare la potenza evocativa del termine tecnico
     per affascinare il destinatario23. Pur portando spesso un messaggio illusorio, i
     termini tecnici assicurano il destinatario della qualità del prodotto e hanno quindi
     il valore ―pseudoinformativo‖24.


         I tecnicismi ricorrono in prevalenza nei testi più descrittivi e dettagliati,
     siccome non compaiono quasi mai negli slogan iniziali, bisogna analizzare
     l‘intero corso del testo pubblicitario.




22
   Buratta, P., Il linguaggio della cosmesi femminile (1984-1985), in «Cultura e scuola», 103, luglio-
settembre 1987, in Baldini, op. cit., pp. 145-151; Arcangeli, M., Il linguaggio pubblicitario, Carocci,
Roma, 2008; Cardona, G., R., La lingua della pubblicità, Longo, Ravenna, 1974, in Baldini, op. cit.,
pp.107-114; Calabrese, O., Carosello o dell’educazione serale, Cooperativa libraria Universitatis
Studii Florentini , Firenze, 1975, pp. 66-76, in Baldini, op. cit., pp. 99-106; Sabatini, F., Il messaggio
pubblicitario da slogan a prosa-poesia, in «Sipradue», settembre 1967, n. 9, pp. 3-7, in Baldini, op.
cit., pp. 91-98.
23
   «[...] terminologia scientifica viene diffusamente sfruttata in modo strumentale e mistificante, per
dare la fittizia convinzione al pubblico di aver ricevuto un messaggio informativo [...]», Buratta, P.,
op. cit., in Baldini, op. cit,, p. 145.
24
   «[...] La presenza di tecnicismi in un messaggio pubblicitario dà a colui che lo riceve la sensazione
che esso sia di tipo referenziale, sia cioè un messaggio informativo, anche se i termini tecnici non
vengono capiti», Baldini, M., Parlar chiaro, parlare oscuro, Laterza, Roma-Bari 1989, in Sobrero A.
A., op. cit., p. 275.


                                                    11
                   2.1.      Botanica


    Lait Démaquillante Velours Gentiane25
     Genziana, giglio, biancospino, salvia...questo latte delicato e tonico scivola come una carezza
     lasciando la pelle sorprendentemente detersa e luminosa.
    Crème Douce Démaquillante
     Burro di karité, olio di jojoba, olio di palma, saponaria…attivi efficaci e una crema vellutata per
     un démaquillage estremamente comfortevole.
    Anti-Rides Fermeté
     L‘estratto di acmella oleracea, pianta della farmacopea malgascia, rasoda e rigenera la pelle. La
     caffeina, limitando i grassi, contrasta il rilassamento dei contorni inferiori del viso.
    Baume "Spécial" Contour des Yeux
     Antirughe per pelle secca
     - estratti di semi di cereali: nutrienti, idratanti,
     - estratto di cicoria: levigante, energizzante,
     - pigmenti correttori di luce: sfumano otticamente rughe e rughette.
     - ginkgo biloba: antirughe, rigeneranti,
     - camomilla, aloe: emollienti.


     Nei testi pubblicitari qui sopra elencati si osserva l‘uso del vocabolario ibrido.
I termini botanici su un alto livello di specificità come p. es. i nomi delle piante
erbacee: Genziana, Giglio, Salvia, Saponaria, Acmella oleracea, Farmacopea
malgascia, Cicoria; i nomi delle piante di origine cinese: Ginkgo biloba o i nomi
delle piante perenni provenienti da Africa: Karité o Jojoba sono usati nelle frasi che
comprendono gli elementi appartenenti al registro informale (prestiti di lusso dalla
lingua francese: “Crème Douce Démaquillante”, colloquialismi: “scivola come una
carezza”). Analizzando i termini dalla botanica, si osserva una vasta diffusione di
essi che sovrasta il resto delle LSP. Il destinatario a tale proposito viene in contatto
con numerosi nomi delle erbe in latino: agrimonia eupotaria, arnica montana,
althaea officinalis, calendula officinalis ecc. o con nomi della frutta: actinidia
chinensis – Kiwi, ananas sativus,caryocar brasiliense – Pequi, citrus paradisi –
pompelmo, citrus nobilis ecc.



25
  Nella presente tesi sono stati riprodotti i testi pubblicitari da tre pagine web: www.cliniqueitaly.it,
http://it.clarins.com, www.biotherm.it senza nessuna modifica lessicale o sintattica dalla parte
dell‘autore del presente lavoro. Tutti gli esempi sono stati visualmente unificati.


                                                        12
                    2.2.     Chimica


    Crema antirughe naturale all’acido ialuronico.Per ringiovanire il vostro viso
     L’acido ialuronico forma una pellicola che fissa le cellule cornee dell‘epidermide e trattiene
     l‘acqua, con un effetto tensore e ammorbidente. È efficace anche in piccole dosi. Benefico per
     un‘ottima idratazione della pelle, permette anche di ridurre le rughe.
    Soin Multi-Eclat Auto-Bronzant
     vitamina       A   e   provitamina    B5 (pantenolo): favoriscono           l‘equilibrio   delle cellule
     dell'epidermide, vitamina E: protegge dai radicali liberi e dall'invecchiamento prematuro, zinco
     e calcio: aumentano la resistenza della pelle alle aggressioni, estratto di kiwi: idrata e rende
     morbida la pelle, associazione specifica di DHA stabilizzata e di eritruloso: assicura un colorito
     molto naturale che rimane luminoso, estratto di larrea divaricata (arbusto australiano): accresce la
     durata della vita e la qualità delle cellule colorate, assicura la stabilità dell'abbronzatura.
    Hydra Detox
     Maschera peel off per liberare la pelle da tossine e impurità. Primo trattamento uomo nel suo
     genere, si tratta di una freschissima maschera in una pratica confezione di facile utilizzo. Colorito
     fresco e luminoso in pochi istanti. Il freschissimo gel blu forma immediatamente una leggera
     pellicola trasparente che intrappola ed elimina le cellule morte e le impurità che si depositano
     sulla pelle.



         Per quanto riguarda i termini scientifici dalla chimica, essi, oltre al massiccio
apporto dei termini della botanica, appaiono in tutto il corpus esaminato. I tecnicismi
come: zinco, calcio, acido ialuronico, radicali liberi, eritruloso o tossine, sono
compresi nelle frasi insieme con vocaboli appartenenti al registro informale. Negli
esempi si osserva la presenza di termini ―gel, vitamina A, provitamina B5” che
Buratta non classifica come dei termini tecnici in senso stretto ma come un elemento
assorbito nella lingua parlata26. Analizzando i tecnicismi, in particolare quelli
provenienti dalla chimica, si osserva un certo abuso nel loro utilizzo fino ad arrivare
a casi di un utilizzo del tutto incorretto; pur corrispondendo fedelmente alla propria
forma, il significato originale viene spesso negato dal contesto o a tali termini
vengono attribuiti le charatteristiche di dubbia credibilità p. es. ―vitamina A e
provitamina B5 (pantenolo): favoriscono l’equilibrio delle cellule dell'epidermide”.



26
   «Colorante chimico, solvente, pH, gel appartengono ormai al nostro comune patrimonio linguistico
e sono termini notevolmente diffusi. [...] In alcuni messaggi si associano espressioni più diffuse , quali
per esempio vitamina E e vitamina H [...]». Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p. 147.


                                                      13
                  2.3.     Anatomia


   Crème Jeunesse des Pieds
    Crema ricca, non grassa, che si assorbe rapidamente, ridona elasticità e morbidezza
    all‘epidermide, levigando la pelle secca. Rinvigorisce i piedi stanchi. Dalla punta delle unghie
    fino al tallone, è un trattamento che nutre la bellezza dei piedi e ne previene le rugosità.
   Crème Désaltérante per pelle normale-secca o clima temperato
    Acido Ialuronico: aiuta la pelle a mantenere il giusto grado di idratazione.Scorza di Katafray:
    ristruttura lo strato corneo, limita la disidratazione. Bourgeons de Sorbier: attivano la
    microcircolazione. Complesso Anti-Inquinamento E3P: protegge la pelle dagli inquinamenti della
    vita moderna.
   Deep Comfort Hand and Cuticle Cream
    Una crema nutriente, ricca e riparatrice che idrata la pelle e migliora la condizione di unghie e
    cuticole. Molti ingredienti attivi, tra i quali il Burro di Murumuru, aiutano la pelle a ricostituire la
    sua barriera protettiva d‘idratazione. Assorbe rapidamente e non appiccica.
   Crème de Soins Multi-Hydratante Teintée
    Trattamento Idratante Colorato
    Trattamento che in un solo gesto colora e idrata in modo continuo la pelle, Crème de Soins Multi-
    Hydratante Teintée uniforma e colora la carnagione in tutta naturalezza, donando la luminosità
    satinata della pelle raggiante di salute. La sua formula, inoltre, protegge la pelle da raggi UV
    (filtri minerali SPF 6), inquinamento e radicali liberi. Realizzata in diverse tonalità, si adatta a
    ogni tipo di carnagione.



        Le espressioni provenienti dall‘anatomia non sono diffusi quanto i due gruppi
precedenti. I termini: epidermide, cuticola, carnagione o strato corneo vengono
sostituiti con la locuzione pelle che è largamente diffusa nella lingua parlata e anche
nella lingua della pubblicità; la parola pelle appare sia nel corso del testo
pubblicitario sia nelle formule iniziali, come risulta dal corpus preso in esame. Le
espressioni dall‘anatomia hanno un valore significativo soprattutto per quanto
concerne la formazione dei neologismi.




                                                    14
                  2.4.     Fisica


   Nuovo Clinique Sun SPF 25 Body spray
    La formula in spray con la comodità di un solo gesto, protegge contro l‘invecchiamento e le
    scottature provocati dall‘esposizione ai raggi UVA e UVB. È delicata e adatta anche per le pelli
    sensibili. Dermatologicamente testata. Priva di oli.
   Expertise 3P Brume Ecran
    Complesso Magnetic Defense (rhodiola rosea, thermus thermophillus): rinforza l'effetto barriera,
    protezione biologica contro le onde elettromagnetiche artificiali, tè bianco. antiradicali liberi, ad
    alta tolleranza, lassana: aumenta l'energia cellulare, rinforza le difese naturali.
   Lait Auto-Bronzant SPF 6
    Ideale per intensificare la propria abbronzatura, anche senza esporsi al sole, grazie alla protezione
    solare SPF 6. Senza sole, dona in un paio di ore la tonalità calda e ambrata dell‘abbronzatura
    naturale, favorisce un‘abbronzatura meravigliosa, assicura un colorito uniforme e duraturo,
    protegge dal sole grazie ai filtri UVA-UVB (SPF6), preserva l‘epidermide dai danni provocati dai
    raggi solari, grazie alla Multi Protezione Cellulare Clarins, combatte i radicali liberi e protegge la
    pelle dall‘invecchiamento precoce.


        I tecnicismi che appartengono alla fisica sono di quelli il cui uso è più ridotto
rispetto alla chimica o alla botanica; Raggi UVA e UVB, onde elettromagnetiche,
energia o raggi solari. L‘uso di tali termini è molto ristretto e viene adoperato
prevalentemente in testi riguardanti la cosmesi per la protezione solare. Benchè si
notino dei tentativi di sfruttare tecnicismi dalla fisica anche nelle pubblicità per la
cosmesi dell‘uso quotidiano, tali termini sono abbastanza rari e appaiono solo nel
secondo esempio in cui la cosmesi aiuta a proteggersi dalle onde elettromagnetiche
artificiali emesse dai cellulari. Si può quindi costatare che i termini dalla fisica non
godono di una vasta diffusione all‘interno del corpus esaminato.




                                                    15
                    2.5.    Biologia


    Mousse Sublime Autoabbronzante SPF 15
     Olio di mirabella: idratante. Estratto d‘Aloa: idrata e ammorbidisce. Vitamina E: protegge dai
     radicali liberi. Estratto di cartamo: stimola la sintesi di melanina.
    Douche Exfoliante
     Schiuma detergente, purificante e rinfrescante con microsfere esfolianti e leviganti che eliminano
     le cellule morte e lasciano la pelle tonificata, purificata e morbida. Un vero piacere per il corpo e
     per i sensi!
    Day Control Deodorant
     Lo Stick antitraspirante è due volte efficace: un'azione antitraspirante e un'azione deodorante:
     combatte lo sviluppo dei batteri che causano i cattivi odori. Il prodotto lascia la pelle protetta con
     una sensazione di morbidezza al tatto, senza appiccicare.
    Baume+Jeune+Longtemps: Clarins ti svela il segreto della giovinezza
     Perché la pelle del bambino è rosa, fresca e morbida?
     Il primo motivo, risaputo, è la ricchezza della circolazione sanguigna: una rete di sottili capillari
     sanguigni apportano continuamente alla pelle acqua, nutrimento e ossigeno. Accanto ai capillari
     sanguigni, esiste un altro fattore chiave di giovinezza, spesso trascurato: si tratta delle
     terminazioni nervose cutanee che coordinano l‘attività delle cellule, e quindi anche dei vasi
     sanguigni. Queste fibre nervose agiscono sulla capacità dei capillari dermici di contrarsi,
     regolando di conseguenza il flusso sanguigno.


         La biologia arricchisce il lessico formale della réclame con termini: melanina,
cellule morte, batteri, circolazione sanguigna, capillari sanguigni, vasi sanguigni,
flusso sanguigno. Nel corpus ricorre ripetutamente soprattutto il termine cellula in
varianti: cellula morta o struttura cellulare.


                    2.6.    Matematica


         Nel corpus preso in esame si fa l‘uso di alcuni termini tipici per le scienze
associate con la matematica – in particolare dalla geometria. Buratta utilizza il
termine linea che si applica a specifiche costruzioni27:




27
   «Anche i segni della matematica fanno una breve e fugace apparizione, come elicoidale [...] o
―linea‖ presente sempre in specifici costrutti quali linea di trattamento, di bellezza e di prodotti».
Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p.150.


                                                    16
    Linea Giovani Eclat du Jour
    Linea corpo/bagno – doccia
    Linea corpo/crema per le mani
    Linea uomo/dopo barba
    Linea corpo/esfolianti corpo ecc.


       Nel corpus abbondano i dati percentuali, spesso sotto la forma di 100%. In
casi dove si vuole dare una informazione più precisa, appare la percentuale minore
(come risulta dagli ultimi due esempi):


    Soin Anti-Rides Contour des Yeux UVB30
     100% Schermi Minerali
    Take The Day Off Makeup Remover
     É un prodotto testato oftalmologicamente, contro le allergie ed è privo di profumo al 100%.
    Baume Plus Jeune Plus longtemps
     pino marittimo titolato all'80% di molecole attive, ruscus: attivano la microcircolazione
     cutanea, centella asiatica titolata al 95% di molecole attive: azione rigenerante.
    Savon Doux Nettoyant
     Contiene più del 99% di ingredienti di origine naturale, pulisce perfettamente la pelle del viso e
     del corpo in tutta dolcezza, rispettandone l\'equilibrio cutaneo naturale.



                3. Terminologia militare

    Gel-Crème Solaire Fondant UVB10
     Trattamento solare corpo dalla texture fondente e setosa. È la protezione solare ideale in caso
     di sole moderato o per la pelle naturalmente scure o già abbronzate. Rinforza le difese naturali
     della pelle: estratto di corteccia di platano, accresce la resistenza cutanea: estratto di spiga
     d\'oro, idratano e proteggono la pelle: aloe e vitamina E.
    NUOVO Clinique Sun SPF 25 Body Spray
     La formula in spray, con la comodità di un solo gesto, protegge contro l‘invecchiamento e le
     scottature provocati dall‘esposizione ai raggi UVA e UVB. E‘ delicata e adatta anche per le
     pelli sensibili. Dermatologicamente testata. Priva di oli.
    Youth Surge Night
     Crema antirughe idratante da notte
     Il partner da notte di Youth Surge SFP 15, per rallentare il processo di invecchiamento della
     pelle e apparire più giovani, più a lungo. Prolunga la giovinezza della pelle: a tecnologia
     esclusiva Clinique di attivazione delle Sirtuine prolunga la durata della vita di cellule giovani e



                                                  17
      vitali per ottimizzare la riparazione cellulare. Combatte linee e rughe e stimola la naturale
      riparazione notturna: la riparazione dei danni accumulati con l‘esposizione di urna alle
      aggressioni (raggi UV, inquinamento, radicali liberi) avviene durante il riposo notturno. Un
      complesso di ingredienti antietà selezionati interagisce con l‘orologio biologico della pelle per
      ricostruire collagene ed elastina naturali. La pelle al risveglio appare più giovane e distesa.
      Idrata: idrata intensamente la pelle per mantenerne compatta e vitale la barriera protettiva.



         Nel corpus si nota un massiccio ricorso alla terminologia militare, cosa che
viene spiegata da Buratta con l‘intenzione di rendere più presente questo
―combatimento‖ fra la salute del corpo e gli inevitabili segni dell‘invecchiamento28.
Si individuano gli esempi metaforici: combattere, proteggere, nemico, rinfonzare,
difendere, protezione, resistenza, uniformemente, uniforme, alleato, ecc.


                  4. Terminologia letteraria


         Oltre all‘apporto della terminologia dalle vari LSP, la stessa Buratta29 ricorda
l‘apparizione degli elementi delle lingue settoriali, in particolare di quella letteraria.
Essendo consapevole del fatto che la ricchezza della lingua pubblicitaria consiste
nell‘uso dei vocaboli ricercati, Calabrese sottolinea30 la tendenza da parte dei creatori
pubblicitari a copiare testi di canzoni, poemi o romanzi di autori famosi
generalmente riconosciuti come simboli del ―bello‖ o ―originale‖. Il vocabolario
ricercato si può individuare anche nel corpus preso in esame in cui appaiono
frequentemente le parole ―benessere‖, ―armonia‖ oppure sintagmi di varia fortuna.
La presenza di questi ultimi nei testi pubblicitari è menzionata anche da Arcangeli31
che descrive con tale termine i sostantivi come ―miracolo‖, ―tesoro‖ o ―segreto‖.




28
   «Si scatena una vera e propria lotta contro i nemici della bellezza e della giovinezza, che bisogna
combattere, contrastare, vincere, aggredire affrontare [...] con gli strumenti prodigiosi dell‘industria
cosmetica». Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p.151.
29
   Ibid., p.151.
30
   Calabrese, O., Carosello o dell’educazione serale, Cooperativa libraria Universitatis Studii
Florentini , Firenze, 1975, pp. 66-76, in Baldini, 1996, pp. 99-106.
31
   Arcangeli, M., op. cit., p. 64.


                                                   18
Si prendano in considerazione seguenti esempi:


    Happy for Men
     Il profumo della felicità. Per l'uomo che ogni donna vorrebbe incontrare: felice, dinamico,
     frizzante, sicuro, generoso, un uomo attento ai valori della vita. Un tocco di agrumi, un mix di
     emozioni. Indossalo e sarai felice.
    Clinique Happy Heart
     Segui il tuo cuore.
     Per la donna che infonde gioia e calore: romantica, sicura di sè, passionale, sensibile. E' una
     donna in armonia con le sensazioni del suo cuore, ha uno spirito giovanile e modi affettuosi.
     Happy Heart è un bouquet di fiori, un pizzico di calore, un tuffo nelle emozioni grazie ad un
     cuore di giacinto d'acqua, primula gialla e fiore di carota selvatica. Indossalo e scopri il tuo
     cuore pieno di gioia.
    Aromatics Elixir Natural Spray
     Oltre il profumo... Inebriante, intenso, semplicemente unico, Aromatics Elixir è una vera e
     propria esperienza sensoriale per il corpo e l'anima. Per la donna "unica": sensuale, raffinata,
     elegante, intrigante, che evoca mistero, la donna che rimane nel cuore, nella mente, nei sensi.
     La donna che il tempo non cancella!
    Clinique Happy
     Il profumo della felicità. Per la donna che si apre al mondo con un "sorriso": dinamica,
     frizzante, sportiva, aperta alla vita, alla ricerca di momenti ricchi di felicità. Un tocco di agrumi.
     Un'abbondanza di fiori. Un mix di emozioni. Un raffinato bouquet di pompelmo rosa,
     bergamotto, alloro di montagna e fiore di mora selvatica. Indossalo e sarai felice.



     Negli esempi, citati sopra, si nota la prevalenza dei termini che dovrebbero
evocare il rilassamento e l‘equilibrio della mente come: felice, felicità, armonia,
gioia. Da sottolineare risultano anche le espressioni che cadono nella categoria di
quelle più ricercate e sfruttate spesso da vari letterati: cuore, calore, emozione,
sensuale. Una breve apparizione fanno anche i sintagmi di varia fortuna con la parola
mistero.


                 5. Neologismi


       All‘interno dei testi pubblicitari si riscontrano espressioni che spesso, a prima
vista, sembrano erudite. Tale fenomeno, guardato con un certo disprezzo dagli
esperti del settore, va mano nella mano con la lingua della pubblicità nel settore della


                                                   19
cosmesi, che fa riferimento alle ricerche nei campi della chimica, botanica, anatomia,
biologia, medicina, fisica, ecc.


                  5.1.      Neologismi “esclusivi“


     I neologismi che indicano le scoperte esclusive delle ditte cosmetiche, sono
artificialmente fabbricati per il motivo di preservare i ―segreti― scientifici e di
collegare tali nomi strettamente con l‘industria che l‘aveva prodotto. Le espressioni
del genere non hanno infatti nessuna corrispondenza con la realtà scientifica32. Si
considerino i seguenti esempi:


    Multi-Active Nuit Crème confort vitalitéjeunesse
     Estratto di kiwi e Imudilin® (dipeptide): favoriscono il rinnovamento cellulare. Estratto di seme
     di carruba: favorisce la sintesi di collagene. Contrasta le prime rughe. Burro di karité: idrata la
     pelle.
    Baume Plus Jeune Plus longtemps
     Giovinezza della pelle, più a lungo. Glistin®: protegge le terminazioni nervose cutanee.
    Masque Raffermissant Multi-Régénérant
     Con Auxine Vegetali
     auxine di girasole: rassodanti, agarico e estratti di grano tenero: tensori, astringenti; estratti di
     nocciola e di foglie di nocciola: stimolanti, tonificanti; guaiava: idrata, ammorbidisce;
     Vitacreatina® (complesso di origine naturale esclusiva Clarins): energizzante.
    Baume Anti-Rides Lèvres et Contour
     Balsamo Antirughe Labbra e Contorno Labbra
     Arricchito con olio di lampone e burro di karité, nutre, leviga labbra e contorno labbra e sfuma le
     piccole rughe. Il complesso Maxi Lip® contribuisce a rigenerarle e a donare loro un aspetto più
     giovane e seducente.




32
  «Tali nomi non hanno nessuna rispondenza chimica o biologica, ma assumono un valore
convenzionale per le industrie, che custodiscono gelosamente eventuali formule segrete da loro
scoperte». Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p. 148.


                                                   20
       All‘interno dei testi pubblicitari, tali vocaboli hanno il valore elativo. Si nota la
comparsa delle parole terminanti -in (Imudilin, Glistin). Lo scopo di questi
neologismi dovrebbe essere evocativo e far pensare al prodotto come un farmaco – a
riprova di ciò, non è possibile rintracciare corrispondenze del neologismo con
termini già esistenti. Per sottolineare la esclusività e soprattutto la stretta connessione
con la marca e l‘azienda d‗origine, vengono esplicitamente contrassegnati con il
simbolo del marchio registrato ®. Come è già stato menzionato sopra, tali
espressioni non corrispondono ai termini scientifici. Esistono però le parole
composte di cui i componenti hanno l‘equivalente p. es. nel campo della chimica o
biologia, come si nota nel termine Vitacreatina®. Creatina è «amminoacido presente
nei tessuti dei vertebrati e di alcuni invertebrati, libero o in combinazione con acido
fosforico»33. Per nome dei prodotti esclusivi si adottano spesso i prestiti di lusso
soprattutto dall‘inglese che descrivono la funzione principale di tale ―scoperta‖ come
risulta dall‘ultimo esempio sopra citato.


                    6. Formazioni delle parole


           L‘arricchimento del lessico consiste nella formazione di parole nuove. Tali
parole vengono create per mezzo di derivazione e composizione: questa dicotomia
genera la questione di definire una differenza fra parole derivate e parole composte.
Le opinioni sulla loro classificazione divergono in base al punto di vista. Nel
presente capitolo si tenterà una distinzione applicando un punto di vista parzialmente
sincronico e parzialmente diacronico in modo da comprendere e chiarire le categorie
delle formazioni delle parole. La sistemazione proposta vuole essere un'esposizione
delle differenti definizioni date dai filologi in base ai criteri applicati.


                    6.1.     Derivazione


           Le parole derivate vengono formate tramite prefissi o prefissoidi (sufissi o
sufissoidi). Siccome non esistono criteri assoluti riguardo alla loro definizione, come
prefissi verranno clasificati i morfemi che hanno solo il significato grammaticale

33
     Garzanti linguistica, disponibile su www.garzantilinguistica.it, sub voce creatina.


                                                     21
mentre per prefissoidi si accetteranno gli elementi di origine dotta che portano, oltre
al significato grammaticale, anche quello semantico. Pavao Tekavčić34 accenna al
problema collegato con prefissi: «La categoria formativa dei prefissi è suscettibile
anch‘essa di essere divisa e sistematizzata in vari modi, a seconda dei punti di vista o
criteri [...]»35. Lo stesso Tekavčić a proposito dei prefissoidi con cui va mano nella
mano la formazione delle parole derivate, dice: «Dal punto di vista sistematico essi
non sono ancora completamente integrati nella lingua, sicché è alle volte difficile
stabilire se, come tipo informativo, facciano parte della composizione o della
derivazione. Ad esempio, una parola come cuneiforme è derivata per mezzo del
suffisso -forme o è una parola composta?»36.


                  6.1.1. Derivazione mediante prefissi


     Maurizio Dardano37 descrive il prefisso come: «morfema che compare all‘inizio
di parole derivate da altre parole [...]»38. I prefissi che sono stati individuati nel
corpus esaminato sono usati comunemente anche nella lingua parlata. Si considerino
i seguenti esempi:


    Pre-39


     Lash Building Primer
     Base trattante pre-mascara, aumenta i benefici e l‘effetto dei mascara Clinique. Una
     combinazione di polimeri straordinariamente efficace, fissa il mascara e le ciglia appaiono subito
     più lunghe e più folte. Aumenta la durata del mascara. La sua formula emolliente migliora
     l‘idratazione e ridona benessere alle ciglia aride. Oftalmologicamente Testato.




34
   Tekavčić, P., Grammatica storica dell’italiano Volume III: Lessico, Il Mulino, Bologna, 1972.
35
   Ibid., p. 145.
36
   Ibid., p. 220.
37
   Dardano, M., Manualetto di linguistica italiana, Zanichelli, Milano, 1996.
38
   Ibid., p. 313.
39
   «[...] prefisso che indica precedenza, anteriorità nel tempo [...]»,AA. VV., Dizionario Garzanti
della lingua italiana, Aldo Garzanti Editore, Milano, 1966, sub voce pre.


                                                  22
    Non40


     Clinique Self Sun
     Lozione colorata per il viso
     Questa lozione colorata abbronzante ti regala immediatamente colore e una splendida
     ―abbronzatura‖ dorata che raggiunge l‘intensità ottimale in poche ore, con un effetto naturale,
     uniforme, levigato. Privo di Olii, non-acnegenico. Dermatologicamente testato.



                  6.1.2. Derivazione mediante prefissoidi


         I prefissoidi sono «formativi ripresi dalle lingue classiche (soprattutto dal
greco) e usati per lo più nelle terminologie tecniche e scientifiche. In origine
vocaboli autonomi [...]»41. Il motivo per cui non vengono clasificati, nel presente
lavoro, come i primi componenti delle parole composte consiste nella loro inabilità di
essere usati indipendentemente nella lingua italiana di oggi. L‘origine dei prefissoidi
individuati nel corpus è facilmente rintracciabile per la loro connessione con la realtà
scientifica42. Si riscontrano i preffisoidi associati con la botanica: fito-; la biologia:
bio- o con la chimica: idro-. Per approfondire si considerino i seguenti esempi:


    Anti-43


     Repairwear Lift SPF 15 Crema antirughe rassodante a effetto lifting
     Crema da giorno con filtro di protezione solare SPF 15, dalle proprietà antirughe, liftanti e
     rassodanti. Per un'azione       antietà globale. EFFETTO LIFTING - ANTIRUGHE -
     RASSODANTE: ripristina la naturale produzione di collagene della pelle e dà un immediato e
     prolungato effetto anti-rughe, lifting e rassodante. IDRATAZIONE: mantiene l‘idratazione della
     pelle per tutto il giorno, anche in condizioni climatiche mutevoli grazie all‘innovativa tecnologia
     ―Climate Control‖. PROTEZIONE: difende dagli effetti dannosi dei raggi solari con una
     protezione UVA-UVB ad ampio spettro.




40
   «[...] in certi casi diventa come un prefisso negativo e si unisce strettamente alla parola a cui si
riferisce [...]», ibid., sub voce non.
41
   Dardano, M., Manualetto di linguistica italiana, Zanichelli, Milano, 1996, p. 313.
42
   «Tali neologismi sono facilmente riconducibili alla loro origine. [...] sono quindi, dei prefissi tipici
della terminologia scientifica [...]». Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p. 146.
43
   «[...] usato in parole di origine dotta per indicare opposizione, contrasto, impedimento [...]», AA.
VV., Dizionario Garzanti della lingua italiana, Aldo Garzanti Editore, Milano, 1966, sub voce anti.


                                                    23
     MULTI RECHARGE
     Ginseng - Vitamina E - Specifico Occhi Anti-borse, anti-occhiaie
     Vantaggi: il contorno occhi è perfettamente liscio e idratato, dall'aspetto visibilmente riposato.
     Con l'uso quotidiano costante, il contorno occhi resta disteso e la fatica è meno evidente. Un
     freschissimo gel che penetra rapidamente. Senza profumo.


         Il prefissoide anti- è uno di quelli che viene sfruttato con una frequenza
     relativamente alta nel corpus preso in esame. Vi si possono rintracciare parole
     derivate che creano veri neologismi riguardanti i difetti dell‘epidermide (spesso
     mantenute in inglese o francese) come: antimacchie (in versione con la lineetta
     anti-macchie o in versione inglese anti-blemish), antiarrossamenti, anti-
     eruzioni, antidisidratante, anti-inquinamento (anche in versione apocopata
     antinquinamento), anti-pori dilatati (anti-pores dilatés), antirughe (anti-rides,
     anti-rughe), antilucidità, antiirritazione (antirritazione, anti-irritazione),
     antiborse (anti-borse), antiocchiaie (anti-occhiaie), antigonfiore, anticalcare,
     anticolorito (anti-colorito), anti-secchezza, anti-cellulite, anti-rossori, anti-
     imperfezioni; o termini che esprimono la ―lotta‖ contro il passare del tempo:
     anti-invecchiamento, anti-età (antiage), antirilassamento; o espressioni
     riguardanti il benessere: antifatica (anti-fatica), antistress; altri termini poi
     dichiarano l‘aiuto contro raggi invisibili: anti-UV (anti-UVA-UVB); infine ci si
     trovano termini che rispondono fedelmente alla realtà: antiradicali liberi.


    Auto-44


     Clinique Self Sun Body Daily Moisturizer Idratante corpo
     Questo idratante quotidiano arricchito da un tocco di autoabbronzante regala un‘abbronzatura
     intensa, naturale e luminosa. Puoi conservare o intensificare il colore acquisito con applicazioni
     quotidiane.   Intensità   medio-chiara/   medio   -   scura.   Privo   di   Olii,   non-acnegenico.
     Dermatologicamente testato.




44
  «[...] dal greco o formati modernamente, nei quali significa ―di se stesso‖ [...] oppure ―da sé,
spontaneamente, con mezzi propri‖ [...], Devoto, G., Oli, G., C., Dizionario della lingua italiana, Le
Monnier, Firenze, 1971, sub voce auto.


                                                  24
     Lift Anti-Rides Jour Multi-Régénérante Toutes Peaux
     Crema per tutti i tipi di pelle
     Il trattamento giorno ideale a partire dai 40 anni. Conserva le capacità di autodifese della pelle,
     favorisce il suo dinamismo cellulare aiutandola a rimanere giovane più a lungo. I lineamenti
     appaiono distesi, le rughe levigate e il contorno viso rassodato.


     Il prefissoide auto- non viene usato all‘interno del corpus con una frequenza
relativamente alta; viene sfruttato innanzitutto nei casi specifici quali sono i testi
pubblicitari che reclamizzano i prodotti capaci di lavorare senza l‘aiuto di nessun
altro elemento.


    Bio-45


     AGE REFIRM EYE FORCE
     Contorno occhi antirughe e rassodante arricchito di silicio puro e bio-peptidi stimolanti.
     Vantaggi: La tua pelle è perfettamente idratata, il contorno occhi acquista un aspetto fresco ed
     elastico facendoti sentire a tuo agio tutto il giorno. Le rughe si attenuano a vista d‘occhio subito
     dopo l'applicazione. Usando questo trattamento tutti i giorni, il contorno occhi diventa più sodo,
     le rughe si attenuano, occhiaie e borse si riducono visibilmente.


     Multi-Active Jour Protection Plus Peaux Sèches
     Vitalità Giovinezza
     Il trattamento giovinezza indispensabile delle donne iperattive. Bioregolatrice, tonifica la pelle.
     Idro-termoregolatrice, apporta morbidezza e confort in qualunque condizione climatica.
     Tensioregolatrice, combatte il rilassamento cutaneo. Fotoregolatrice, neutralizza i radicali liberi.


    Fito-46


     Acqua Source Biosensitive Riche
     Idratante dermostabilizzante ai fito-omega 3 e 6 - formula ultra-ricca per pelli molto secche.
     Vantaggi: Risultato: dalle prime applicazioni, un colorito più uniforme e omogeneo. Una pelle
     morbida, lenita, confortevole. Un "antidoto" contro le aggressioni che dura tutto il giorno !


     Aroma FitoTrattamento "Benessere"
     Per rilassare o tonificare corpo e spirito.

45
   «[...] derivati dal greco o formati modernamente [...] significa ―vita, essere vivente‖ [...]», ibid., sub
voce bio.
46
   «[...] valore di ―pianta‖. [dal gr. phytón]», ibid., sub voce fito.


                                                     25
       Multi-Active Sérum Peau Neuve
       Tutti i tipi di pelle
       Estratto di fiore del nopal: leviga la superficie cutanea e le macchie della pelle. Fitosfingosina:
       ottimizza il rinnovamento cellulare e la sintesi di collagene.


      Idro-47


       Multi-Active Jour Protection Plus Toutes Peaux
       Il trattamento giovinezza indispensabile delle donne iperattive. Bioregolatrice, tonifica la pelle.
       Idrotermoregolatrice, apporta morbidezza e confort in qualunque condizione climatica.
       Tensioregolatrice, combatte il rilassamento cutaneo. Fotoregolatrice, neutralizza i radicali liberi.


       Comforting Cream Cleanser
       Pulire in profondità senza disidratare, ecco le caratteristiche principali di questa crema detergente
       in grado di eliminare anche il make-up più sofisticato. Creata per pelli aride o particolarmente
       sensibili, strucca delicatamente senza alterare il giusto livello idrolipidico dell‘epidermide. Dopo
       l‘applicazione può essere risciacquato oppure eliminato con una velina.



Altri esempi individuati nel corpus:
idro-alcoolico, idro-snellente, idrosolubile, idro-captatrice, idra-prottetivo, idro-
regolatrice, idro-isolante, idra-attivo, idro-emolliente, idro-riparatrice, idra-
minerale.


      Micro-48


       Age Fitness Power 2
       Trattamento levigante attivo - primi segni del tempo al concentrato puro di foglie d'ulivo +
       estratto di oliva per pelli secche
       Vantaggi: Trattamento quotidiano che assicura una duplice protezione per una maggiore
       resistenza e qualità della pelle — idratata, liscia e radiosa. In soli 8 giorni, la tua pelle sarà più
       forte, soda e tonificata e le micro-rughe visibilmente attenuate.




47
     «[...] significato di ―acqua‖. [dal gr. hýdór ―acqua‖]», ibid., sub voce idro.
48
     «[...] derivate dal greco o formate modernamente, col sign. di ―piccolo‖ [...]», ibid., sub voce micro.


                                                      26
       Biofirm Lift Yeux
       Crema micro-riempitiva rassodante anti-rughe - contorno occhi
       Vantaggi: Un trattamento contorno occhi che riempie le rughe dall'interno con un effetto lifting
       immediato sul contorno occhi, l'occhio appare più grande e le borse si attenuano.


       7 Day Scrub Cream Rinse-Off Formula
       Esfoliante in crema con microgranuli che rende la pelle più levigata e morbida. Libera i pori
       dalle impurità ed attenua le linee di disidratazione Ideale per pelle mista o normale.



      Multi-49


       Sun Multi Protection
       Lozione solare corpo multi-protezione per pelli sensibili SPF 30
       Vantaggi: Protegge la pelle da ustioni e disidratazione.


Altri esempi individuati nel corpus:
multi-intensivo (anche in versione francese multi-intensif e inglese multi-intensive),
multiattivo (in versione inglese multi-active).


      Oligo-50


       Aquasource NON STOP
       Concentrato oligotermale ultra-idratante
       Vantaggi: Efficacemente protetta dalla disidratazione, la pelle mantiene il suo livello ottimale di
       idratazione, anche in condizioni estreme


       Lift Fermeté La Crème Jeunesse du Corps
       Complesso di piante specifiche Clarins: immediatamente leviganti, progressivamente rassodanti, -
       estratto di ginkgo biloba, silicio (oligoelemento essenziale): rassodante,
       - peridrosqualene vegetale estratto dall'ulivo: idratante ed emolliente.




49
     «[...] indica molteplicità, abbondanza [...] », ibid., sub voce multi.
50
     «[...] sign. di ―quantità limitata‖. [dal gr. olígos ―poco‖]», ibid., sub voce oligo.


                                                        27
    Extra-51


     AQUASOURCE NON STOP
     Crema oligotermale ultra-idratante - Versione comfort - Pelli normali e miste. Vantaggi: La
     crema oligotermale Aquasource Non Stop mantiene un livello ottimale di idratazione per 24 ore
     compensando i naturali sistemi di idratazione intra- ed extracellulare della pelle grazie a Non-
     Stop Hydra Complex. La sua consistenza cremosa e l'elevata concentrazione di burro di karité la
     rendono ideale per le pelli normali e miste che riacquistano benessere.La pelle si mantiene
     elastica e idratata per tutto il giorno, con un colorito più vivo e luminoso.



    Super-52


     Skin Calming Moisture Mask
     Maschera idratante e lenitiva. Calma ed idrata la pelle arida, molto arida, disidratata, delicata o
     irritata. Applicare su pelle asciutta, dopo il Sistema di Cura per la Pelle in 3 Fasi. Lasciare in posa
     secondo l‘esigenza: 5 minuti come veloce maschera d‘idratazione, 20 minuti come trattamento
     calmante e super idratante, eliminare l‘eccesso con una velina. Continuare con il prodotto di
     trattamento necessario.



Altri esempi individuati nel corpus:
superbrillante, superconcentrato.


    Ultra- 53


     Biofirm lift
     Siero riempimento rughe rassodante ultra-tensore
     Vantaggi: I contorni del viso sono istantaneamente ridefiniti, le rughe si attenuano. Se utilizzato
     in combinazione con la crema giorno, le rughe si riempiono e la pelle appare più compatta.




51
   «[...] significa ―fuori‖ [...] indica eccesso, superiorità [...]»,AA. VV., Dizionario Garzanti della
lingua italiana, Aldo Garzanti Editore, Milano, 1966, sub voce extra.
52
   «[...] indica eccesso (superallenamento), preminenza (supervisione), superamento di un limite
(supersonico), sovrapposizione (superstato).», ibid., sub voce super.
53
   «[...] significa ―al di là, oltre‖ [...] oppure indica eccesso [...]», ibid., sub voce ultra.


                                                    28
     Aquasource non stop lèvres
     Balsamo idratante protettivo per labbra SpF 8
     Vantaggi: Un balsamo ultra-idratante per labbra morbide e irresistibili! Le labbra, perfettamente
     idratate, sono più lisce e protette. Soffice al tatto, di aspetto corposo e accattivante, che irradia
     bellezza naturale.


     Nutrisource lèvres
     Nutre - ripara - protegge
     Vantaggi: Un trattamento ultra-ricco per le labbra, in una texture ultra-nutriente e lussuosa.



Altri esempi individuati nel corpus:
ultramoderno, ultra-sottile, ultrarapido, ultra-levigante, ultra-flessibile, ultra-
naturale, ultradelicato.


     Dagli ultimi tre esempi qui sopra elencati risulta la prevalenza del prefissoide
ultra- a differenza dei prefissoidi super- e extra- che fanno solo una breve
apparizione nel corpus esaminato. Il motivo per cui essi non vengono usati con una
frequenza più alta e per cui vengono descritti da Massimo Arcangeli come ―storici‖
consiste nell‗insufficiente potenza persuasiva che hanno nel presente secolo rispetto
ai tempi passati.54


                   6.1.3. Derivazione mediante sufissi


            Un altro tipo di lessico che viene sfruttato frequentemente nel corpus, sono le
formazioni in -izzare. Buratta a tale proposito spiega che l‘apparenza di essi in testi
pubblicitari è dovuta soprattutto al loro carattere tecnico. Questo si conferma anche
con l‘opinione di Dardano che sottolinea la notevole diffusione del sufisso -izzare
«[...] soprattutto nel settore del linguaggio tecnico-scientifico e parascientifico
[...]»55.




54
   «[...] appaiono però già da tempo poco produttivi all‘interno del settore perché troppo inflazionati, e
perciò non più in grado di garantire al messaggio una sufficiente forza espressiva», Arcangeli, M., op.
cit., p. 63.
55
   Dardano, M., La formazione delle parole nell’italiano di oggi, Bulzoni editore, Roma, 1978, p. 33.


                                                   29
         Si consideri il sequente esempio:


         Superdefense SPF 25
         Idratante antietà
         La difesa più completa contro i segni visibili del tempo. Contrasta gli effetti dello stress, che
         può danneggiare la pelle al pari di sole e inquinamento. Superdefense SPF 25 è una crema
         idratante antietà che favorisce la naturale difesa immunitaria della pelle. La aiuta a
         neutralizzare le reazioni superficiali: linee, rughe, tono non omogeneo.



Altri esempi individuati nel corpus:
ottimizzare, minimizzare, opacizzare, nebulizzare, stabilizzare, rivitalizzare,
sprizzare, utilizzare, energizzare, normalizzare, fragilizzare.


                  6.2.       Composizione


     Nella definizione le parole composte si incontrano serie difficoltà a cui si è già
accennato nel capitolo 6.1. del presente lavoro. Per composizione si intende la
«combinazione di due o più parole autonome»56che possono essere usate
indipendentemente portando un significato semantico anche nell‘italiano di oggi. Si
considerino i seguenti esempi:


    Dermo-57


     Biosource Biosensitive
     Tonico nebulizzatore dermo-lenitivo
     Vantaggi: Dalle prime applicazioni, la pelle è morbida, lenita, confortevole. Un "antidoto" contro
     le aggressioni che dura tutto il giorno !


     Biosource Biosensitive
     Struccante dermo-neutro. Latte delicato - PH dolce - viso e occhi.
     Vantaggi: Risultato: dalle prime applicazioni, un colorito più uniforme e omogeneo. Una pelle
     morbida, lenita, confortevole. Un "antidoto" contro le aggressioni che dura tutto il giorno !



56
   Tekavčić, P., op. cit., p. 19.
57
   «[...] sign. di ―pelle‖ [dal gr. dérma ―pelle‖]», Devoto, G., Oli, G., C., Dizionario della lingua
italiana, Le Monnier, Firenze, 1971, sub voce derma.


                                                    30
     Aquasource Biosensitive Riche
     Idratante dermostabilizzante ai fito-omega 3 e 6 - formula ultra-ricca per pelli molto secche.



    Sebo58


     Fluide Hydratant Matifiant
     -estratti di tiglio e di alga verde: idratanti e lenitivi, associazione sebosensibile di crisina,
     garofanino delle morene, ortica bianca, zinco, vitamina B6: opacizzanti, riducono l'iperseborrea
     delle zone grasse,lantana del Madagascar: astringente, purifica la pelle e restringe i pori, nuovo
     Complesso Antinquinamento Clarins (tè bianco, lantana, glycofilm): protegge dai radicali liberi e
     dalle aggressioni ambientali.


     Oil Control Cleansing Mask
     Maschera purificante seboregolatrice
     Maschera a base di argilla naturale.
     Per le pelli che soffrono di eruzioni cutanee
     Purifica e riduce l‘oleosità.Aiuta a guarire le eruzioni cutanee senza inaridire la pelle.



                  7. Comparativi


         Francesco Sabatini59 descrive un elemento che appare spesso anche nel
corpus esaminato. Si tratta di «comparativi senza secondo termine di paragone»60:


    Oil Control Hydrator
     Formula priva di olii che idrata e aiuta a eliminare la lucidità epidermica e a controllare
     l‘eccessiva oleosità. La sua azione immediata e continua nel tempo riduce la presenza di pori
     dilatati. La pelle appare più fresca, più levigata.
    REMINERALE REPAIR
     Trattamento totale anti-età pelli mature al Pro-Xylane e Minerali. Vantaggi: Già dal momento
     dell'applicazione di REMINERALE, la pelle ha un aspetto più pieno e il colorito è più fresco.
     Dopo due settimane, la pelle appare più morbida, liscia, ben nutrita e dà una sensazione di
     benessere. La senti più elastica e con più "sprint". Il colorito è più luminoso e meno spento.



58
   «Materia grassa e untuosa, elaborata da apposite ghiandole, che contribuisce a mantenere morbida
la pelle e a difenderla contro gli agenti esterni [dal lat. sebum]», ibid., sub voce sebo.
59
    Sabatini, F., Il messaggio pubblicitario da slogan a prosa-poesia, in «Sipradue», settembre 1967,
n. 9, pp. 3-7, in Baldini, 1996, p. 91.
60
   Ibid., p. 91.


                                                     31
      Repairwear Lift Night
       Crema antirughe rassodante a effetto lifting
       Un trattamento riparatore antietà da notte per viso e collo, con la tecnologia rivoluzionaria
       potenziata dal Complesso Retinolo/Pepdico esclusivo di Clinique. Accresce la capacità della pelle
       di produrre Collagene strutturale di Tipo 1. La sua azione aiuta a rassodare e donare un effetto
       lifting, ad eliminare e prevenire linee e rughe. Inoltre aiuta a contrastare le aggressioni ambientali
       diurne responsabili della perdita di collagene. Così, la pelle protetta e curata apparirà, giorno dopo
       giorno, più luminosa, giovane e vitale.



            Nel corpus si individuano gli aggettivi che attribuiscono diverse qualità alla
pelle; i lettori vengono in contatto con i comparativi che fanno riferimento alla
giovinezza, p. es.: pelle più fresca, giovane, vitale, morbida, liscia ecc.


                      8. Participi


            La lingua della pubblicità si definisce inoltre per il lessico in cui si nota una
significativa frequenza dei participi che finiscono in -ante e -ente. Come afferma
anche Buratta61, tali parole appaiono nella forma aggettivale o nominale spesso in
riferimento ai settori della medicina o della chimica.


      Formazioni terminanti in -ante:


       Pore Minimizer
       Instant Perfector
       Correttore in gel che riduce all'istante l'aspetto dei pori dilatati. Leggermente coprente e a lunga
       durata, dona al tuo viso un effetto vellutato. Opacizzante. Naturale. Resiste al sudore e
       all'umidità.


       Superdefense SPF 25.
       Idratante antietà
       La difesa più completa contro i segni visibili del tempo. Contrasta gli effetti dello stress, che può
       danneggiare la pelle al pari di sole e inquinamento. Superdefense SPF 25 è una crema idratante
       antietà che favorisce la naturale difesa immunitaria della pelle. La aiuta a neutralizzare le reazioni
       superficiali: linee, rughe, tono non omogeneo.



61
     Buratta, P., op. cit., in Baldini, 1996, p.150.


                                                       32
    MULTI RECHARGE
    Idratante energizzante protettivo quotidiano - pelle normale e mista
    Vantaggi: MULTI-RECHARGE agisce come una ricarica quotidiana assicurando alle cellule
    della pelle dosi ottimali di principi attivi idratanti, rivitalizzanti e protettivi. Il colorito è più
    fresco. La pelle è perfettamente idratata e ha un aspetto tonico e sano. Giorno dopo giorno, la
    pelle sprizza energia ed è più in grado di contrastare l'invecchiamento.



        Considerando le osservazioni di Burrata, si conferma pienamente la presenza
dei participi che hanno la base nella chimica, p.es.: gelificante, detossinante,
antiossidante; si individuano pure le forme che prendono ispirazione dalla fisica:
energizzante; il maggior spazio è lasciato ai termini che sono connessi in qualche
maniera con l‘aspetto sano della pelle: rassodante, traspirante, rinnovante,
rigenerante, elasticizzante, frizzante, esfoliante, tonificante, rivitalizzante,
stabilizzante, rimodellante, drenante, calmante, rinfrescante, stimolante,
dimagrante, levigante, defaticante, purificante, dermostabilizzante, disseccante,
struccante, riequilibrante, vivificante.


   Formazioni terminanti in -ente:


    All About Eyes
    Si tratta di una crema-gel emolliente in grado di attenuare l'apparenza di occhiaie, linee di
    disidratazione, rughe e gonfiori dell'area perioculare. La sua azione idratante ristabilisce la giusta
    barriera idrolipidica, mentre le proprietà lenitive rendono la pelle subito più morbida e luminosa.
    Da applicare sulla zona del contorno occhi, soprattutto la sera, picchiettando delicatamente.


    BIOSOURCE
    Latte detergente addolcente
    Vantaggi: Latte fluido, rinfrescante dal profumo delicato, che rimuove il make-up e pulisce a
    fondo la pelle arida, rispettandone la delicatezza.


    CELLULI LASER SLIM CODE
    Il 1° trattamento effetto snellente avanzato per cellulite genetica o comportamentale.



Altri esempi individuati nel corpus:
termoresistente, evanescente, fondente, astrigente, detergente, nutriente,
decontraente, rinvigorente.

                                                   33
                   9. Forestierismi


         I prestiti dalle lingue straniere, come risulta dall‘osservazione del corpus
preso in esame, sono profondamente penetrati nella lingua della pubblicità. Essi
vengono sfruttati sia negli slogan iniziali sia nel corso del testo in descrizioni più
dettagliate.
         Per quel che riguarda la lingua pubblicitaria nel settore della cosmesi, è
notevole l‘uso di francesismi e anglicismi. La presenza di essi è dovuta al fatto che
Francia e Stati Uniti sono i paesi sede delle più significative ditte cosmetiche62.
         Cardona descrive63 una duplicità nei motivi che spingono gli emittenti ad
usare i prestiti dalle lingue straniere. Lo scopo non consiste solo nel rivolgimento alle
persone che sono in grado di leggere in un‘altra lingua, oltre alla materna, ma
indubbiamente anche nell‘incantare quelli che apprezzano lo snobismo racchiuso in
queste lingue. Cardona accenna anche all‘aspetto di esclusività che rappresentano le
lingue straniere all‘interno della pubblicità, ovvero al fatto che danno la sensazione
di essere appena arrivate dall‘estero e quindi un‘aria di novità al prodotto.
         Il corpus esaminato testimonia una considerevole prevalenza dei prestiti dalla
lingua francese e inglese; vi si possono comunque individuare i prestiti dal latino (i
termini botanici già menzionati nel capitolo 2.1.).


                   9.1.     Prestiti dall’inglese


    Stay-Matte Sheer Pressed Powder Oil Free
     Una cipria compatta priva di oli, specifica per la pelle oleosa. Assorbe l'eccesso di oleosità
     donando un aspetto fresco e una gradevole sensazione di comfort. E‘ disponibile in 4 diverse
     tonalità.
    Teint Multi-Régénérant
     Fondotinta fluido antietà, effetto lifting, coprenza media
     Un colorito fresco e giovane grazie a questo fondotinta antietà effetto lifting per le donne a
     partire dei 40 anni. Fluido e cremoso, si applica con estrema facilità. Per tutti i tipi di pelle.



62
   Questo si conferma anche con tre siti esaminati nel presente lavoro: Clarins è un‘azienda francese
privata, Clinique è posseduta dalla corporazione statunitense Estée Lauder Companies, Inc. e
Biotherm è adoperata da L’Oréal Group di Parigi.
63
   Cardona, G., R., La lingua della pubblicità, Longo, Ravenna, 1974, in Baldini, 1996, pp. 111-112.


                                                     34
   Ultra Confort
    Balsamo dopobarba lenitivo idratante
    Vantaggi: Per la prima volta, un dopobarba con tutta la freschezza di una lozione più l'effetto
    lenitivo immediato di un balsamo ―Cashmere‖. Una tecnologia “end-to-end” attiva 24 ore,
    idratazione e protezione non-stop della pelle, effetto lenitivo tutti i giorni.


Altri esempi che compaiono frequentemente nel corpus:
make-up (makeup), aftershave (post-shave), shave cream, face wash,
antiperspirant, sun, body, long last, lipstick, blush, liner, spray, scrub, foam,
look, waterproof.


                  9.2.      Prestiti dal francese


   Rouge Appeal
    Colore mat, luminoso, texture voluttuosa
    Una texture stupefacente che scivola sulla labbra lasciando un colore intenso per un maquillage
    naturale e luminoso. Labbra morbide, risultato raffinato. Labbra irresistibili, texture sensoriale,
    tenuta eccellente, assolutamente femminile.
   Eclat Minute Embellisseur Teint
    Base effetto luminosità
    Eclat Minute Embellisseur Teint, con il pigmento ―Eclat 3D‖ che regala una luminosità rosata, è
    un vero ―amplificatore di splendore‖ 3 in 1: illumina, corregge, uniforma. Il viso risplende, le
    imperfezioni sono levigate, la pelle vellutata. Utilizzato da solo, dopo la crema da giorno, regala
    un effetto “bonne mine” naturale.
   Nuovo. Even Better Siero antimacchie
    Oggi puoi contrastare l‘aspetto delle macchie scure causate dall‘esposizione al sole, dall‘età e
    persino da passate cicatrici acneiche. Il nostro nuovo siero dona, a qualsiasi tipo di pelle, un tono
    visibilmente più omogeneo, con una luminosità e una trasparenza che pensavi sparite da tempo.
    Come si usa?Applicalo mattina e sera sul viso, se necessario anche sul décolleté e sulle mani.
    Prosegui con la tua crema di trattamento abituale. Di giorno è fondamentale un filtro di
    protezione solare. Per quale tipo di pelle? È adatto a tutti i tipi di pelle.


Altri esempi che compaiono frequentemente nel corpus:
crème douce, moussant, démaquillant, eau, masque, fluide, éclat, douche, chic,
silhouette.




                                                     35
                    10.      Colloquialismi


           Nella lingua della pubblicità si fa largo uso delle espressioni che sono tipiche
per la lingua parlata. Tali colloquialismi possono consistere di vari modi di dire,
proverbi o parole dialettali. In generale tali elementi vengono chiamati i
―catchwords‖64 il cui ruolo è di rendere il testo più attraente e vivace. Nel corpus si
trovano spesso virgolettate.


      RIDES REPAIR CHROMA-LIFT YEUX
       Trattamento a tripla azione: anti-occhiaie – effetto lifting – ringiovanimento cromatico.
       Vantaggi: Istantaneamente : le occhiaie e le rughe sono intensamente attenuate. Giorno dopo
       giorno : le rughe e le ―zampe di gallina‖ sono visibilmente ridotte, le palpebre sono distese, il
       contorno occhi è ri-uniformato per uno sguardo più luminoso.
      Addition Concentré Minceur
       Presentato in confezione stilo-dosatore per un facile utilizzo, Addition Concentré Minceur è il
       primo prodotto concepito per aggiungere un‘azione snellente agli abituali trattamenti corpo.
       Grazie ad estratti di piante dalle grandi performance, le rotondità sono attenuate, la pelle è
       levigata, tonica, contrastando il tipico inestetismo ―a buccia d’arancia‖.
      SOURCE PERFECTION
       Superconcentrato termale rivitalizzante perfezionatore della pelle
       Vantaggi: SOURCE THERAPIE SUPERACTIV è il massimo risultato conseguito dalla ricerca
       dei biologi di Biotherm sull'energia attiva delle sorgenti naturali per darvi la massima perfezione
       per la pelle! MASSIMA PERFEZIONE DELLA PELLE - 5 secondi per una pelle liscia come la
       porcellana! - Pelle liscia, morbida, uniforme! Incarnato uniforme e radioso! - 5 giorni per una
       pelle rivitalizzata che splende dall'interno! Un gel blu che si fonde istantaneamente sulla pelle
       lasciando una sensazione di magica freschezza e morbidezza vellutata!



           Dagli esempi risulta la massima prevalenza delle espressioni appartenenti al
registro informale riferite alla descrizione dell‘epidermide. Nei primi due casi
vengono espresse le condizioni negative: zampe di gallina per descrivere le rughe
attorno agli occhi e buccia d’arancia per rendere più familiare il termine cellulite.
Nell‘ultimo esempio si paragona l‘elasticità della pelle con la porcellana – un modo
di dire usato nella lingua parlata.



64
     «le parole che intrappolano», Baldini, M., 1996, p.43.


                                                     36
                  11.      Sigle

         Analizzando il corpus non si riscontra quasi nessuna sigla che appare con una
frequenza relativamente alta, tranne le diffusissime SPF (Solar protection factor) e
UVA/UVB (radiazione ultravioletta di tipo A e B) la cui presenza si nota nel corso
del testo ma spesso anche nei nomi dei prodotti cosmetici:

    SUN SENSITIVE SPF 50+
     Latte solare per pelli sensibili - protezione UVB/UVA Idratazione prolungata + anti-macchie
     solari. Vantaggi: Non esporre i bambini direttamente al sole. La sovraesposizione al sole è
     pericolosa. Non restare troppo a lungo al sole, anche se utilizzate un prodotto di protezione solare,
     perché non garantisce il 100% di protezione. Indossare un cappello e degli occhiali da sole è
     fortemente raccomandato durante l'esposizione.


     Buratta clasifica65 la maggior parte delle sigle neologismi soprattutto per la loro
scarsa corrispondenza con la realtà scientifica. Le sigle rappresentano spesso solo
invenzioni delle ditte cosmetiche e non si possono rintracciare in nessun dizionario.
In alcuni testi pubblicitari si individuano comunque le forme brevettate dei termini
corrispondenti fedelmente alla terminologia scientifica come si vede nel seguente
esempio dal corpus:

    Gelée Auto-Bronzante Express
     DHA stabilizato e eritulosa: 2 attivi autoabbornzanti complementari per un colorio più naturale.
     - Larrea Divaricata: contribuisce ad aumentare la durata del colorito
     - Complesso specifico idratante (PCA Na): emolliente, rende l'epiderme vellutata
     - Aloe: lenisce
     - Betulla



     La sigla DHA rappresenta il ―diidrossiacetone‖66 dall‘altro lato PCA rimane il
segreto collegato alla fabbrica che l‘ha ―scoperto‖. L‘unico elemento identificabile è
l‘elemento chimico ―Na‖ che sta per il sodio.




65
  Buratta, P., op. cit., in Baldini, M., 1996, p.148.
66
  «Il diidrossiacetone (conosciuto come DHA) è un carboidrato che viene utilizzato principalmente
come componente nei prodotti per l'abbronzatura senza raggi UV», http://it.wikipedia.org, sub voce
diidrossiacetone, (consultato il 18/4/2010).


                                                   37
                                   CONCLUSIONE


        Lo scopo del presente lavoro era di classificare vari fenomeni morfologici che
sono caratteristici della lingua pubblicitaria nel settore della cosmesi. Analizzando i
siti internet di tre ditte cosmetiche, notevolmente diffuse in Italia, si tentava
un‘analisi della lingua usata nello spazio virtuale, ormai parte indispensabile dello
sviluppo economico e sociale.


        Il punto di partenza è stata l‘analisi dei diversi usi possibili della lingua, in
termini di scelte lessicali e sintattiche, che si suddivide in cosidette lingue
specialistiche e lingue settoriali, seguendo il criterio di Alberto A. Sobrero.
Confrontando le diverse opinioni sul problema delle lingue speciali si è sottolineata
la profonda discontinuità terminologica che contraddistingue il lavoro dei vari
filologi.


        A partire dal secondo capitolo inizia la parte della ricerca delle qualità
linguistiche appoggiandosi ai particolari esempi individuati dal corpus preso in
esame. L‘intero lavoro si incentrava sul tentativo di descrivere i segmenti che, messi
insieme, costruiscono i fondamenti della lingua pubblicitaria per la cosmesi.
All‘inizio sono stati individuati i termini la cui origine può essere rintracciata in varie
scienze. È stata confermata la massiccia prevalenza dell‘apporto della terminologia
dalla botanica e dalla chimica. I termini tecnici che vengono sfruttati in minore
misura sono quelli dalla geometria. In seguito si offre la classificazione della
terminologia militare e letteraria i cui vocaboli sono assorbiti nella lingua
pubblicitaria per renderlo sia più piacevole per motivazioni di stile (sono stati
individuati i termini ricercati: armonia, felicità, ecc.) sia più vivace in termini della
creazione dell‘atmosfera ―guerriera‖ (sono stati individuati i termini dal campo
militare: alleato, combattere ecc.). Il fatto che si è mostrato fondamentale ed
attraverso cui si è confermato uno degli attributi cruciali della lingua pubblicitaria
sulla cosmesi al vocabolario italiano, è la formazione dei neologismi che non trovano
riscontro in nessun‘altra lingua speciale. Nel capitolo dedicato alle formazioni di
parole il criterio di sistemazione è stato soprattutto a seconda del primo elemento –
prefisso o prefissoide. Avendo a disposizione un corpus dei testi pubblicitari


                                            38
relativamente alto, si potevano individuare i prefissoidi la cui origine si trova nelle
lingue specialistiche di varie scienze, p. es. fito-, oligo-, idro-. Altri prefissoidi
scientifici p. es. macro- o poli- non sono stati individuati nel corpus studiato ciò che
lascia lo spazio ad una ricerca in futuro che possa confermare la loro scomparsa
assoluta presso la lingua pubblicitaria nel settore della cosmesi. I fenomeni, di cui
non si fa a meno, sono i forestierismi e colloquialismi che rendono la lingua della
pubblicità sintatticamente e lessicalmente ibrida a tal punto da renderne
estremamente difficile una esatta classificazione.


       All‘inizio si è espresso l‘obiettivo di stabilire una classifica morfologica dei
testi pubblicitari sulle pagine web. Tramite la ricerca nella seconda parte del presente
lavoro si è proposta la direzione in cui va la maggior parte delle réclame sulla
cosmesi. A tale proposito l‘autore vorrebbe accennare alle peculiarità del linguaggio
dell'IT non studiate in questo contesto ed alla possibilità di studi futuri in questo
campo; la rapida evoluzione del linguaggio pubblicitario del resto sembra garantire
per il futuro risorse e sorprese per quanti vorranno dedicargli attenzione.




                                           39
Bibliografia:


ARCANGELI, M., Il linguaggio pubblicitario, Carocci, Roma, 2008.

BALDINI, M. (a cura di), Le fantaparole. Il linguaggio della pubblicità, Armando,

Roma, 1996.

BALDINI, M., Parlar chiaro, parlare oscuro, Laterza, Roma-Bari 1989, in

Sobrero1993.

BURATTA, P., Il linguaggio della cosmesi femminile (1984-1985), in «Cultura e

scuola», 103, luglio-settembre 1987, in Baldini 1996.

CALABRESE, O., Carosello o dell’educazione serale, Cooperativa libraria

Universitatis Studii Florentini, 1975 in Baldini 1996.

CARDONA, G., R., La lingua della pubblicità, Longo, Ravenna, 1974. In Baldini

1996.

DARDANO, M., La formazione delle parole nell’italiano di oggi, Bulzoni editore,

Roma, 1978,

DARDANO, M., Manualetto di linguistica italiana, Zanichelli, Milano, 1996.

HOLTUS G., METZELTIN M., Schmitt Ch. (a cura di), Lexikon der Romanistischen

Linguistik, vol.IV (Italienisch, Korsisch, Sardisch), Tübingen 1988.

SABATINI, F., Il messaggio pubblicitario da slogan a prosa-poesia, in «Sipradue»,

settembre 1967, n. 9, pp. 3-7, in Baldini, 1996.

SOBRERO, A. A. (a cura di), Introduzione all’italiano contemporaneo. La

variazione e gli usi, Roma-Bari 1993.

TEKAVČIC, P., Grammatica storica dell’italiano Volume III: Lessico, Il Mulino,

Bologna, 1972.




                                          40
Dizionari:

AA. VV., Dizionario Garzanti della lingua italiana, Aldo Garzanti Editore, Milano,

1966.

DEVOTO, G., OLI, G., C., Dizionario della lingua italiana, Le Monnier, Firenze,

1971.

Dizionari elettronici:

www.garzantilinguistica.it

Grammatiche:

DARDANO, M., TRIFONE, P., La lingua italiana, Zanichelli, Bologna, 1985.

Scritti elettronici:

ANNUNZIATA, G., Il linguaggio pubblicitario, 2000, disponibile su

www.funzioniobiettivo.it/laboratori/progetti/Il%20linguaggio%20pubblicitario.pdf

FERRARI, P. L., ―Seminario nazionale di ricerca in Didattica della Matematica,

sessione del 5-7 febbraio 2004‖, Matematica ed educazione: il ruolo fondamentale

dei linguaggi, disponibile su:

http://nid.dimi.uniud.it/pages/materials/etc/plferrari/glossario.pdf

Siti internet:

www.cliniqueitaly.it

http://it.clarins.com

www.biotherm.it

http://it.wikipedia.org (consultato il 18/4/2010)




                                           41