Docstoc

DANZA ORIENTALE CON JASMINE

Document Sample
DANZA ORIENTALE CON JASMINE Powered By Docstoc
					                                                       DANZA
                                                     ORIENTALE
                                                         con
                                                      JASMINE
 “Lasciati sedurre dall’arte più antica del mondo,
       risveglia la dea che c’è in te”


Nome d’arte: JASMINE
Data di nascita: 01.09.1981
Residente a: Dueville (Vicenza)
Indirizzo e-mail: jasmine.angela@hotmail.com

STUDI E FORMAZIONE:
 Diploma Liceo Socio-Psico-Pedagogico conseguito nell’anno 1999/2000 presso l’ Istituto Don
  G. Fogazzaro a Vicenza.
 Studentessa in Relazioni Pubbliche indirizzo Pubblicitario a Gorizia


FORMAZIONE ARTISTICA:
 5 anni di danza funky e Hip Hop
 5 anni di danza jazz
 3 anni di danza classica
 3 anni di danza del ventre
 1 anno di Flamenco in Spagna
 Sivigliana, folclore Andaluso
 20 ore di stage intensivo danza Bollywood e Bharata Natyam

Da sempre la danza è stata la mia passione, fino a quando un giorno provai un corso di danza del
ventre e rimasi affascinata dalla musica e da quei movimenti così carichi di dolcezza e sensualità.
Nell’anno 2002 iniziai in Italia con lo studio della danza orientale con varie insegnanti,
proseguendo la mia formazione all’estero con le migliori ballerine di Raq Sharki ( danza orientale
in arabo) e folclore arabo.

Zaza Hassan ( ballerino egizio)
Nuria Diez ( insegnante spagnola)
Evento bellyrium con Bellydance Superstar a Valencia (Spagna)
Saida, Mario Kirlis e Matias Hazrum (Argentina)
Amar Gamal (Cuba)
Jilina (USA)
Clara Bueno (Madrid)

ESPERIENZE PROFESSIONALI
Jasmine nell’anno 2005/2006 ha insegnato a gruppi di adulti e bambini in Spagna tramite il
comune di Murcia e varie Associazione culturali della provincia, in particolare:
  Corso intensivo di 40 ore di danza del ventre , Pliego (Spagna)
  Corso intensivo di 12 ore , Beniel (Spagna)
  Corso intensivo nei mesi di Giugno e Luglio c/o “Centro Aguaviva” , Murcia (Spagna)
  In programma uno stage a Murcia c/o “Centro Aguaviva” in Ottobre



                                   SPETTACOLI ED EVENTI:



Gli spettacoli che propongo si possono discutere e variare a seconda dell’evento, la struttura della
serata e dello spazio a disposizione per ballare.
    1. Spettacolo strutturato in una serie di uscite coreografiche da un minimo di una ad un
        massimo di tre dai 5 ai 15 minuti. Questo sarebbe il caso di feste a tema, cene e matrimoni,
        dove il pubblico può interagire con la ballerina (con il consenso della ballerina stessa e a
        discrezione di chi organizza l’evento). Per ogni uscita c’è un cambio di costume, una
        coreografia e diversi stili di danza.
    2. Spettacolo senza interruzione con una durata minima di 20 minuti. Questo tipo di
        spettacolo richiede un palcoscenico abbastanza grande con una illuminazione adeguata ed
        è consigliabile in caso di eventi culturali dove il pubblico è più attento.

In questo tipo di manifestazioni c’è la possibilità di allestire un “Angolo Orientale” per essere
truccati e vestiti come nei tempi dell’antico Egitto in compagnia del Genio della Lampada di
Aladino a disposizione per foto e filmati.


                                         TIPI DI DANZA

Danzare con i veli:
La ballerina danza quasi tutta coperta da veli molto ampi, che lasciano solo intravedere gli occhi.
Ballando gioca con essi e poco a poco li lascia cadere a terra rimanen solo con il velo bianco,
simbolo della purezza rivelando la sua bellezza. In questo tipo di ballo si esalta la dolcezza e il
misticismo della donna e l’eterno ritorno alla vita.
Danza con Ali di Iside:
Nell’antico Egitto la dea Iside era molto venerata e rappresentava la dea della luna, della bellezza,
della magia e del mistero. Era simbolo della sposa fedele e amorevole che concedeva femminilità e
fertilità a tutte le donne che danzavano per lei. Grazie ai suoi poteri magici, si credeva che Iside
potesse trasformarsi in una rondine e utilizzare le sue ali per proteggere la terra e i suoi figli.
Folclore – Saidi:
la danza Saidi è tipica della regione dell’Alto Egitto (Sud d’Egitto) e spesso si accompagna con
l’uso di un bastone, che è simbolo di forza unita all’agilità e la leggerezza della donna. Il ritmo
utilizzato è il Said, la musica è molto allegra e ritmata e i movimenti sono molto energici e in
sincronia con i movimenti del bastone.
Danza a terra:
in questa danza la donna si lascia trasportare dalla musica muovendosi nella terra con movimenti
sinuosi.
Danza con la spada:
Esiste una leggenda che narra che gli uomini egizi quando tornavano della guerra, esibivano le
loro sciabole in balli che sembravano di lotta per rappresentare la forza maschile.
Nella versione femminile si mantiene questa caratteristica, aggiungendo la capacità di tenere in
equilibrio la spada nella testa, nel petto, nel bacino, nel ventre e nelle gambe. I movimenti sono
delicati e sinuosi.
Danza con candelabro (Racks el Shamadan):
Oggi la tradizione di utilizzare il candelabro nel ballo si utilizza soprattutto nei matrimoni, dove la
ballerina danza con un candelabro in equilibrio sulla testa con candele accese, illuminando il
cammino degli sposi e simbolizzando la prosperità e la fertilità della coppia.
Danza con candele:
Con due candele nelle mani, la ballerina si muove aprendo e chiudendo le braccia “illuminando il
corpo” e tenendo in equilibrio le coppe in vario modo...nel ventre, nelle gambe e girando su se
stessa.
Danza dei fiori:
Accompagna le feste matrimoniali, di maternità e dell’arrivo della primavera. Anticamente le
contadine raccoglievano fiori nei campi e il giorno successivo cantavano e ballavano. Ai giorni
nostri, la ballerina, utilizzando un cesto pieno di fiori, crea una coreografia allegra in celebrazione
della vita distribuendoli tra gli invitati.
Stile Flamenco- arabo:
Stile “Andalusì” che mescola la danza araba con il flamenco. Una mescolanza di cultura non solo
storica ma anche artistica. Dolcezza , passione e sensualità sono le caratteristiche di questo ballo
forte e femminile insieme.
Percussione:
Adatta per terminare uno spettacolo. E’ una danza propiziatoria che trasmette una scarica di
energia positiva che regala allegria.E’ un inno alla vita e il ritmo intenso della musica (in
particolare della darbuka) si interpreta come il battito del cuore.
Danza Zar:
E’ una danza rituale popolare egizia, la ballerina danza come se fosse in trance, con vorticosi giri
della testa e dei capelli. A volte le ballerine sono accompagnate da un uomo che con dell’incenso
aromatico“benedica” la donna.
Il ZAR è anche una cerimonia religiosa che si propone come obiettivo di curare quelle malattie
causate dal demonio. In Egitto un uomo un giorno mi disse: “qui le donne non vanno dallo
psicologo in questi casi... vanno dallo ZAR”.Quando si balla è molto difficile sdrammatizzare
questa cerimonia e convertirla in un ballo.
Nelle mie esibizioni utilizzo alcuni movimenti con i capelli per terminare una musica di
percussione.

* Possibilità di inserire il ballo tipico d’Andalusia: “La Sevillana”



                                    JASMINE, L’INSEGNANTE:

Propongo stage di danza del ventre e lezioni regolari per gruppi di livello principianti e
intermedio (per persone con almeno un anno di esperienza) per tutte le età: bambini, adolescenti,
donne e uomini.
Le lezioni variano da una durata di 90 a 120 minuti e sono suddivise per livelli a discrezione
dell’insegnante. Nei corsi si studia la tecnica di base, i diversi stili di danza orientale, il folclore
arabo e andaluso, approfondimento dei ritmi con l’introduzione all’uso della darbuka e dei
cembali, introduzione alla danza India e la fusione dei movimenti della danza del ventre su
musiche moderne hip hop.
Lo stile che propongo è una fusione tra lo stile Egizio (tecnica di bacino e improvvisazione) e
Libanese ( tecnica delle braccia, mani e sguardo)

Non dobbiamo dimenticare che anche se la danza del ventre aiuta le donne a “risvegliare”
l’energia femminile è soprattutto un modo per divertirsi ballando!!!
                         COSA SI FA IN UNO STAGE?

Introduzione teorica alla danza orientale e al folclore arabo
Spiegazione dei benefici di quest’arte e dell’importanza di connessione con la propria
energia
Riscaldamento
Studio della tecnica di base e applicazione dei movimenti in sequenza
Coreografia
Contatto con la propria interiorità attraverso il ballo
E nella pausa un buon tè con pasticcini tipici e video
Per tutti i partecipanti ai seminari e alle lezioni regolari regalo un cd con le musiche
utilizzate e una brochure informativa

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Stats:
views:133
posted:2/12/2011
language:Spanish
pages:4