Previsioni crisi economica 2009-2010 Italia Pil a -4% e by dennishaskins

VIEWS: 1,094 PAGES: 1

									Previsioni crisi economica 2009-2010 Italia: Pil a -4% e disoccupazione al 10%. E inflazione
aumenta.Business on line
Il Pil cala, l'inflazione aumenta: le previsioni del prossimo biennio in Italia.
Il Pil italiano potrebbe calare del 4% nel periodo compreso tra 2009- 2010 e i riflessi della crisi sul
mercato del lavoro potrebbero portare ad un tasso di disoccupazione del 10,1% nel 2010.
Quanto alla flessione dell’occupazione, pari a un -10,1% nel 2010, questa dovrebbe essere il frutto di un
balzo del tasso di disoccupazione per il 2009 che dovrebbe salire al 9,3% dal 7,4% del 2008. Sono queste
le stime previste per i prossimi anni secondo l'ufficio studio della Cgil. Dal punto di vista occupazionale, i
senza lavoro nel 2010 potrebbero toccare i 2,6 milioni contro gli 1,5 milioni del 2007. Più nel dettaglio,
nel 2009 la crescita potrebbe attestarsi sulle 498mila unità, per un totale senza lavoro di 2,350 milioni.
Questa cifra tenderebbe, sempre secondo le stime, a salire di altre 334 mila unità nel 2010, portando,
nell'ipotesi peggiore, ad un numero di 2,686 milioni di disoccupati, pari ad un tasso di disoccupazione del
10,1%. Secondo l’Ires, invece, nel migliore delle ipotesi nel 2010 il tasso di disoccupazione potrebbe
arrivare al 9%, con un totale di disoccupati di 2,294 milioni di unità. I numeri sull’occupazione mettono
un mostra un quadro decisamente preoccupante che non migliore se si guarda ai dati dell’inflazione.
Questa, infatti, a febbraio è rimasta stabile a +1,6% su base annua, con un +0,2% rispetto al mese di
gennaio. A comunicarlo è l’Istat. Secondo l’Istat, gli aumenti più significativi si sono registrati nei
comparti bevande alcoliche e tabacchi (+4,3%), abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+3,9%) e
istruzione (più 3,3 per cento). Variazioni negative si sono verificate nei capitoli comunicazioni (-2%),
trasporti (-1,7%) e abbigliamento e calzature (+0,5%).
Autore:

Marianna Quatraro

								
To top