piccolo libro - Avevo paura by keara

VIEWS: 46 PAGES: 47

									Avevo paura. Anzi, ero in preda ad un vero e proprio attacco di panico, semmai ne        In realtà avevo comunque a disposizione una specie di tuta ripiegata a mo' di
avessi mai avuto uno. Ero riuscito a scavalcare la prima linea anti-intrusione,          key-way, che avrebbe dovuto impedire la traspirazione del sudore, ma, per ragioni
costituita da semplici ed antiquate fotocellule all‟infrarosso installate con tutta      d‟ingombro, era composta da un tessuto molto sottile, e se l‟avessi strappata in
probabilità almeno trent‟anni prima, ed un paio di egualmente obsolete telecamere        qualche punto ne avrei compromesso la tenuta, ed in più non l‟avevamo mai testata
fisse, ed ero penetrato nel giardino del complesso ospedaliero “Santa Virgin”, a Rio     con dei sensori che fossero identici a quelli che avrei trovato dove mi stavo
de Janero, ma da lì in avanti avrebbero potuto trovarmi in qualsiasi momento, ed         recando.
allora non sarebbe stato scontato spiegare cosa stessi facendo, nè prevedere come
avrebbero reagito                                                                        Mi appoggiai al muro, a fianco della grata da cui usciva l‟aria dell‟impianto di
Sorrisi al pensiero del nome dell‟ospedale; per fortuna il mio senso dell‟ironia era     circolazione.
venuto a salvarmi dalla paura. Ero ancora piccolo, un ragazzino di 12 anni, ma           La circolazione dell‟aria serviva solo per il benessere del personale e dei pazienti,
avevo ricevuto un‟istruzione e un‟educazione tale (e in più, modestia a parte, avevo     non certo per le colture, anzi in quelle aree l‟aria veniva controllata, filtrata, e la
anche un‟ottima intelligenza “naturale”) che avrei potuto competere e battere            circolazione era ridotta al minimo, sia per facilitare il mantenimento della corretta
facilmente (a livello mentale naturalmente) la maggior parte degli adulti. Ed inoltre    temperatura, sia per non sovraccaricare gli impianti di filtraggio. L‟impianto di
avevo una grande voglia di divertirmi, di ridere e scherzare, che spesso mi dava         condizionamento poi non serviva solo per abbassare la temperatura e diminuire
coraggio e faceva andare avanti nonostante tutto. Sorrisi appunto pensando               l‟umidità, serviva anche per aggiungere ossigeno all‟aria. Infatti la deforestazione
all‟ironia del destino; l‟ospedale aveva il nome della Madonna, la madre di Gesù         selvaggia che era stata perpetrata durante l‟ultimo secolo aveva già sensibilmente
Cristo per la religione Cristiana, e venerata comunque globalmente come una santa        diminuito la quantità di ossigeno nell‟aria, aumentando parallelamente il livello di
donna che aveva donato la sua esistenza per il bene dell‟umanità; in quell‟ospedale      anidride carbonica, per cui chi poteva permetterselo, adottava impianti di
invece ci si preoccupava solo del bene di chi poteva pagare le cifre elevatissime        condizionamento/riossigenazione per riportare la situazione alla “normalità”,
necessarie per acquistare organi coltivati in vitro o particolari fluidi composti da     mentre gli altri, i poveracci, aggiungevano alla loro miseria anche l'aumentata
cellule staminali “selezionate” per riparare determinati danni fisici o malattie         percentuale di malattie respiratorie croniche.
genetiche.                                                                               Come un flashback mi venne in mente che, anche dopo che si erano resi conto del
Una vera banca della salute quindi, difesa e sorvegliata come tale, anche se             problema, nessuno era riuscito a fermare la distruzione delle foreste. Immensi
all‟interno di un complesso ospedaliero più vasto, per cui era possibile circolare       erano infatti i profitti delle multinazionali che sfruttavano queste “miniere a cielo”
liberamente in certe aree, e tentare, come stavo facendo io, di introdursi in quelle     aperto, facendo lavorare mano d‟opera a bassissimo costo e ricavando prezioso
protette.                                                                                legname. Non si erano fermati di fronte a niente, uccidendo o corrompendo tutti
                                                                                         coloro che volevano o dovevano proteggere le foreste. Emblematico era stato il
Faceva caldo, molto caldo, almeno 39 gradi (l‟effetto serra aveva già innalzato le       caso di Padre Angelo Pansa, un prete missionario italiano che a cavallo degli anni
temperature medie di tutte le stagioni di 1-2 gradi in diversi zone del globo, mentre    duemila aveva piantato circa duecentomila piantine nella foresta amazzonica, con i
in altre l‟innalzamento era stato minore, portando notevoli peggioramenti                propri mezzi, nel tentativo di riforestare la medesima. Era riuscito ad ottenere il
climatici) ma sapevo che avrei dovuto calmarmi, limitare al massimo la                   riconoscimento del governo brasiliano, il sostegno di un gruppo di industriali suoi
sudorazione, se volevo riuscire ad introdurmi nelle celle frigorifere senza far          connazionali, ma era stato tutto inutile. Proprio quando il progetto sembrava
scattare i sensori sensibili all‟umidità che la mia pelle avrebbe emesso. Tali sensori   procedere per il meglio, scomparve in circostanze mai chiarite nel duemilasei, ed il
erano indispensabili, sia per impedire al personale non autorizzato la circolazioni in   suo progetto, senza la sua guida e la sua spinta, ben presto si fermò. Il taglio
tali aree riservate, sia soprattutto per rilevare eventuali malfunzionamenti degli       dell‟Amazzonia proseguì all‟abituale ritmo di 17-18 mila Km quadrati all‟anno,
impianti di refrigerazione che, in caso di guasto e conseguente innalzamento delle       rifornendo società giapponesi, americane, canadesi, scandinave ecc. Gli alberi
temperatura, avrebbero distrutto in breve tempo tutto il “raccolto” di organi            venivano “ovviamente” tagliati anche da zone protette (come scoprì abilmente
coltivati.                                                                               Greenpeace usando vernici invisibili spruzzate sugli alberi delle zone protette, e
ritrovando poi il legno imbrattato da tali vernici nei magazzini di deposito               d‟asino di George “Herbert” Push, il 41° Presidente degli Stati Riuniti, eletto per un
legname). Il governo brasiliano inoltre approvò numerosi progetti di strade che si         pugno di voti, ed anzi, eletto solo per il meccanismo cervellotico previsto dalla
inoltravano per migliaia di Km nell‟interno della foresta, agevolando vieppiù              legislazione di tale paese, anche se risultante perdente in un conteggio assoluto del
l‟opera di coloni e allevatori che per far posto alle culture ed al bestiame bruciavano    voto degli americani. Era stata una vera beffa, ed il pensiero mi dava la forza
le foreste.                                                                                necessaria per togliere la grata ed iniziare a percorrere a tentoni il condotto (Stealth
Nei summit ambientali, che partirono nel 1992 proprio a Rio de Janero, non si              era riuscito a scaricare la mappa di tutte le strutture dell‟edificio entrando
andava mai oltre le promesse ed i buoni propositi, ed il risultato fu che nel 2011 la      semplicemente con la sua auto nel garage sotterraneo, dopodiché aveva estratto
foresta amazzonica venne decretata ufficialmente “compromessa” in maniera                  un‟antenna portatile, l‟aveva fissata con la base calamitata al tetto dell‟auto, e,
irreparabile, visto che le pioggie in breve avevano dilavavato lo strato di humus non      tramite il suo portatile era riuscito ad introdursi abbastanza agevolmente nella
più trattenuto dalla vegetazione, lasciando solo il terreno duro e sterile sottostante,    W-LAN dell‟ospedale). Una delle prime cose che quel coglione di Push pensò bene
in buona pratica un deserto.                                                               di fare, fu quella di ripudiare completamente, unilateralmente, gli accordi di Kyoto.
                                                                                           Gli accordi di Kyoto erano stati stipulati circa 20 anni fa, nell‟1997, e furono allora
Terminata l‟amara riflessione, estrassi la penna laser che Stealth mi aveva fornito, e     salutati come un grande risultato, o meglio, una grande speranza, perché sancivano
che mi sarebbe servita per tagliare la grata ed introdurmi nel condotto. Il condotto,      l‟impegno delle grandi potenze industriali di ridurre considerevolmente
pensai amaramente, era uno dei motivi per cui la missione era stata affrettata al          l‟emissione dei gas responsabili dell‟effetto serra.
massimo; infatti, malgrado cercassi di mangiare lo stretto indispensabile e di             A quel tempo sembrava una presa d‟atto necessaria, persino scontata, in quanto era
tenermi in forma, stavo crescendo di mese in mese, e fra poco non sarei più riuscito       ormai provato scientificamente, al di là di ogni ragionevole dubbio, che l‟effetto
a muovermi con sufficiente libertà nell‟interno del condotto. E siccome dovevo             serra causato della combustione degli idrocarburi avrebbe portato spiacevolissime
compiere almeno un centinaio di metri all‟andata ed altrettanti al ritorno, non si         conseguenze. Ovviamente questo impegno comportava la fine di tutta una serie di
poteva pensare di farcela se avessi dovuto strisciare troppo faticosamente al suo          comportamenti altamente irresponsabili delle grandi multinazionali, che fino a quel
interno.                                                                                   momento avevano fatto bellamente i loro comodi dal punto di vista dei consumi
Comunque meglio così, mio fratello Enrique stava peggiorando, per cui dovevo               energetici. La decisione di Push, presa di punto in bianco verso la fine di marzo
tentare di procurarmi le cellule staminali programmate per curare il suo rene malato       2001, aveva sollevato un enorme coro di lamentele e critiche da parte delle altre
il più presto possibile. Anche se la cosa era molto pericolosa, glielo dovevo;             nazioni, aderenti e non. L‟Europa tutta si era indignata, affermando che quella
Enrique si era tolte più volte il pane di bocca per me, ed in un‟occasione, quando mi      decisione comprometteva tutto il futuro delle strategie ambientali, ma si era ben
venne un carcinoma alla pelle, non esitò a vendere un suo rene per pagarmi le cure         guardata dal compiere una qualche azione concreta per “obbligare” gli USA a
necessarie.                                                                                rispettare quanto promesso. D‟altronde l‟Europa in quegli anni era ancora, per
                                                                                           usare l‟espressione di un noto politico “Un gigante economico, un pigmeo politico,
Già, il carcinoma alla pelle; in brasile, e Rio non faceva eccezione, la maggiora          una larva militare”. Troppe e troppo rilevanti erano le divisioni interne, e troppi
parte della gente era analfabeta, la dorsale in fibra ottica che trasportava il traffico   interessi legavano le lobbies di potere europee a quelle americane.
Internet con una banda di 100 Terabyte/secondo era ad esclusivo appannaggio dei
centri di ricerca e delle VPN private, ed era estremamente difficile superare i loro       - “E intanto io sudo”, pensavo, “sudo veramente parecchio maledizione”, non
Firewall per accedere alle comunicazioni. La gran massa della povera gente poi era         avevamo previsto che le lamiere che costituivano il condotto erano costituite
talmente ignorante da pensare che l‟aumento della temperatura e i relativi disastri        appunto da metallo, ottimo conduttore di calore, e quindi il sole che picchiava, pur
climatici fossero semplicemente naturali, e che non ci fosse nulla di strano.              incidendo direttamente solo su una piccola superficie, dopo diverse ore (erano circa
La realtà era naturalmente un‟altra, purtroppo, si trattava proprio del famigerato         le 4 del pomeriggio) aveva portato la temperatura del condotto stesso molto in alto.
“effetto serra” che era aumentato costantemente anche negli ultimi vent‟anni.              Avevamo deciso di tentare nel pomeriggio, anziché di notte, perché
Digrignai i denti in una smorfia di rabbia profonda, pensando a quel enorme testa          paradossalmente alcuni sistemi di sicurezza erano disattivati, e poi, nel caso mi
avessero trovato all‟interno dei locali riservati, avrei potuto dire che mi ero perso,     durante le pause lavorative, in occasione di visite ad amici e parenti, o più
una scusa puerile, ma per fortuna non ero ancora entrato nella pubertà, ed il mio          semplicemente dopo i pranzi e in molti casi, le cene. “Il caffè” mi diceva “è
aspetto e la mia statura mi aiutavano nel farmi sembrare un bambino piccolo e              probabilmente l‟alimento per il quale maggiore è il deficit tra energia impiegata per
stupido.                                                                                   ottenere la bevanda medesima, ed energia assunta dal consumatore della
Ero a metà percorso ormai, percorso che naturalmente avevo imparato a memoria,             medesima.
che avevo provato e riprovato decine di volte, e continuavo a pensare all‟assurdità        In buona sostanza infatti, per ottenere una tazzina di caffè si deve coltivare la pianta
della decisione del presidente Push.                                                       e procedere al raccolto, e fin qui tutto normale, dopodiché però si deve tostare il
Il Presidente era stato inequivocabile, il protocollo di Kyoto “non era negli interessi    chicco, con un procedimento lento ed estremamente dispendioso dal punto di vista
economici degli Stati Uniti”, il suo rispetto avrebbe comportato “massicci costi,          energetico, perché ovviamente lo si deve scaldare parecchio e per parecchio tempo.
…..sproporzionati ai benefici”......                                                       Poi si passa alla macinazione dei chicchi, per ottenere l‟equivalente di una farina,
Mentre rimuginavo amaramente su quegli avvenimenti lontani, che avevo imparato             ma mentre la “normali” farine, per esempio di frumento, vengono utilizzate al
grazie all‟amicizia di Stealth e degli altri gruppi “Underground”, che mi lasciavano       100% nella preparazione di pietanze, e cioè vengono ingerite completamente dal
utilizzare Internet a mio piacimento, arrivai al termine del mio viaggio d‟andata          consumatore, la farina di caffè si sfrutta pochissimo, in quanto solo una minima
all‟interno del condotto di areazione, sopra la sala motori dell‟impianto di               parte di sostanze viene asportata dall‟acqua calda, il resto, il cosiddetto “fondo di
condizionamento. Stealth aveva amici dappertutto, che lavoravano nei settori più           caffè” viene gettato nell‟immondizia.
diversi, e aveva contattato un ragazzo che lavorava per l‟azienda che aveva                Ma tant‟è, il costo di un chilogrammo di caffè era sempre stato molto basso, e
installato l‟impianto e provvedeva alla sua manutenzione, e, nel corso della suo           quindi tutti potevano permetterselo. Peccato solo fosse così basso perché le
ultimo intervento Nico, così si chiamava questo ragazzo, aveva sistemato una               multinazionali che lo coltivavano avevano sempre utilizzato mano d‟opera pagata
scatola di metallo tra la grata e i macchinari sottostanti, che mi servisse a mo‟ di       praticamente zero, in gran parte bambini-schiavi. Tant'è vero che negli ultimi
scaletta per scendere a terra, e per risalire poi per il ritorno.                          vent'anni del secondo millennio, il costo del caffè, inteso come materia grezza, non
                                                                                           solo non era aumentato come era lecito aspettarsi, ma si era addirittura dimezzato,
Ora veniva il difficile, impugnai nuovamente la penna laser, afferrando con l‟altra        mettendo ulteriormente in ginocchio le economie di quei paesi, naturalmente
mano la grata perché non cadesse a terra rumorosamente una volta tagliata, e               sottosviluppati, che ne coltivavano grandi quantità.
procedetti al taglio. Appena tagliata, la riposi all‟interno del condotto, e, con un po‟
di contorsionismi, scesi, appoggiando cautamente un piede sulla scatola che Nico           Ero uscito dalla sala macchine, ed ora dovevo salire al piano superiore, in cui si
aveva predisposto, per tastarne la robustezza, quindi, una volta accertato che poteva      trovava la sala coltura, e per farlo l‟unico sistema era usare l‟ascensore. Questo era
reggere il mio peso, appoggia anche il secondo piede, mi inginocchia sopra di essa         il punto debole del nostro piano, in quanto se qualcuno mi avesse trovato avrei
e ripetei l‟operazione tra alcuni macchinari finche fui sul pavimento.                     dovuto giustificare la mia presenza in una zona considerata già critica.
                                                                                           Presi quindi l‟ascensore, selezionando il livello “–1”, giacchè io mi trovavo nel
Avevamo studiato gli orari, grazie ad un altro amico infermiere, per arrivare a            “-2”, il cuore cominciò ad accelerare vistosamente il ritmo, ma non feci in tempo a
questo punto durante la pausa del turno pomeridiano, durante la quale la maggior           contare i canonici sei secondi d‟orologio per conteggiare il numero di battiti, che la
parte del personale, compreso quello di sorveglianza, era davanti alle macchinette         porta si aprì e mi ritrovai davanti un‟infermiera. E che infermiera; anche se non ero
del caffè, delle bibite e merendine varie. Stealth mi aveva raccontato che quella era      ancora entrato nella pubertà potevo certamente distinguere ed apprezzare la
una cosa che non era affatto cambiata dai tempi delle sua giovinezza. Stealth aveva        bellezza delle donne, e quella era (per usare un‟espressione di Stelth) “un‟alba
ormai 49 anni, anche se ne dimostrava 10 di meno. Si era sempre mantenuto in               radiosa in un giorno d‟estate”. D‟altronde, nell‟ospedale più esclusivo e costoso del
forma praticando, nei limiti del possibile, diversi sport, e soprattutto mangiando         Brasile, le sceglievano certamente anche in base alla loro avvenenza; gambe lunghe
poco e bevendo molta acqua. Per principio invece non beveva caffè. Diverse volte           e dritte, uniforme bianca corta ed aderente, ad occhio e croce una terza abbondante
avevamo parlato del caffè, della sua importanza “sociale” come bevanda utilizzata          di seno, labbra spesse, nasino francese, occhi chiari su capigliatura scura, con i
capelli raccolti a ciocco sopra la testa, nascosti dal tipico copricapo delle            -“Ti chiami Lucia?” chiesi alla ragazza, lei si chinò leggermente verso di me
infermiere, bianco anch‟esso.                                                                rispondendo
                                                                                         -“Si, e tu come ti chiami?”
-“Chi sei tu, e cosa ci fai qui?”, mi chiese con una vocina dolce, con il tono tipico    -“Josè!”, avevamo già stabilitò che dicessi la verità in questa evenienza, cosicché
     che solo una donna sa usare con un bambino per esternargli affetto e                    la voce risultasse il più possibile sincera e non alterata.
     protezione.                                                                         -“Ascolta Josè, io devo andare via adesso, ma ci vorranno pochi minuti, mi
Per fortuna ero preparato a quest‟evenienza, altrimenti mi sarei messo a ridere,             prometti di aspettarmi qui senza muoverti, così poi ti accompagno all‟uscita?”
come previso il mio aspetto mi avevo aiutato, ma era la mia mente che sapeva             -“Va bene!”
benissimo e da parecchio tempo che non ero più un bambino.                               -“Me lo prometti?”
Scattai in avanti abbracciandola all‟altezza del fondoschiena, piagnucolando che         -“Si!”
mi ero perso e non riuscivo più a trovare l‟uscita, mentre in un lampo pensai che        -“Allora guarda, siediti qui intanto”, disse mentre mi faceva sedere su una panchina
Stealth mi avrebbe invidiato a morte quando gliel‟avessi raccontato, e cominciai a           appoggiata lateralmente al muro “e se qualcuno ti chiede cosa stai facendo digli
singhiozzare convulsamente.                                                                  che stai aspettando che l‟infermiera Lucia ritorni per accompagnarti all‟uscita”,
L‟infermiera mi accarezzò la testa, poi dolcemente mi prese le braccia e le spinse           te lo ricordi?
all‟esterno, fece un passo indietro, si abbassò di fronte a me e cominciò a parlarmi,    -“Si Lucia!”
dicendo di non preoccuparmi, in quanto adesso ci avrebbe pensato lei ad                  -“Bene, adesso vado, tu rimani lì ad aspettarmi, torno fra poco, mi raccomando”
accompagnarmi all‟uscita, oppure se era il caso di cercare i miei genitori……, ma             disse mentre apriva la porta semitrasparente e subito dopo la richiudeva alle sue
io non la stavo a sentire, pensavo a quello che mi diceva Stealth, che non bisognava         spalle, scomparendo dalla mia vista.
mai e poi mai giudicare una persona dal suo aspetto esteriore e dai suoi modi di
fare. Oddio, non si doveva nemmeno andare all‟estremo opposto, ma                        Mi aspettavo una sorveglianza più severa, ma evidentemente di giorno si sentivano
semplicemente era meglio aspettare, mantenere una posizione di sana diffidenza           molto sicuri, ed inoltre, finora nessuno aveva mai tentato di rubare organi o liquidi
neutrale fintantoché una serie prolungata di fatti o azioni non avessero provato         staminali, in quanto le conoscenze richieste per poterli poi usare con successo erano
espressamente le reali tendenze del soggetto.                                            estremamente elevate.
I libri di storia erano stracolmi di esempi che confermavano questo ragionamento,        Mi alzai dalla panchina, ringraziando la dea bendata che mi aveva tolto così
così come erano strapieni di fatti che dimostravano come la maggior parte degli          magnificamente dai guai, e mi diressi verso il mio obiettivo, protetto da un
uomini non aveva sufficiente umiltà o intelligenza per rispettarlo, preferendo quasi     portellone rosso con scritte a caratteri cubitali “Vietato entrare” e “Pericolo” e con
sempre fidarsi del loro “istinto” e della loro abilità a giudicare le persone “a prima   il simbolo del teschio con le ossa incrociate. Spinse il portellone appoggiandomici
vista”, o comunque senza avere elementi sufficienti.                                     con tutto il mio peso, in quanto era effettivamente massiccio, ed entrai nella sala di
La ragazza mi prese per mano e s‟incamminò lungo il corridoio, ma dopo pochi             vestizione che precede la sala coltura vera e propria.
passi udimmo un richiamo alle nostre spalle:                                             La sala di vestizione conteneva tutta una serie di strumenti per manipolare gli
-“Lucia”, “Lucia, vieni subito, il sig. Alonso vuole vederti immediatamente, è           organi e le colture, i contenitori per i medesimi, e le tute da indossare prima di
     urgente”.                                                                           entrare. Le tute servivano sia per l‟igiene (le pareti erano naturalmente verniciate
La ragazza trasalì leggermente, come se avesse ricevuto una piccola scossa               con le pitture contenenti nanoparticelle in grado di uccidere i batteri, ma
elettrica, e mi lasciò immediatamente la mano. Da una porta vicina era uscita una        naturalmente erano inefficaci con quelle circolanti nell'aria), erano monouso e
sua collega, bruttina però, che ora aspettava la risposta:                               sigillate in contenitori sottovuoto, sia per il calore, in quanto termoisolanti. La
-“Vengo subito” si limitò a dire, inespressiva, Lucia.                                   temperatura nella sala coltura infatti era costantemente controllata, e non doveva
La collega sembrò soddisfatta della risposta, e se ne andò chiudendo la porta a vetri    subire variazione rispetto a quanto programmato, nemmeno quelle leggere che
semitrasparente.                                                                         sarebbero conseguite dall‟ingresso di alcuni uomini, con il loro corpo a 36°C.
Non c‟erano tute adatta alla mia taglia, ma avevo con me l‟ultimo oggetto della mia      duemila c‟erano stati diversi tentativi di sostituirle con altri sistemi. Questo era
dotazione: a prima vista sembrava un normale k-way, un sacchettino color rosso,          avvenuto essenzialmente perchè le password erano obiettivamente soggette a
legato con il suo elastico alla vita. Le mutate condizioni climatiche rendevano gli      dimenticanze, anche perché ogni utente ne aveva troppe da ricordare (quella del
acquazzoni su Rio un fenomeno normale e imprevedibile, una giornata di sole              cellulare, del computer, della posta elettronica, del bancomat ecc.) e perché per
poteva trasformarsi rapidamente, per cui era normale vedere la gente girare con un       ognuna di esse c‟erano dei sistemi per decriptarle. Inoltre sembravano un sistema
ombrello portatile o più semplicemente con il suo k-way legato in cinta o a tracolla.    vecchio e scomodo, e sull‟onda dell‟entusiasmo tecnologico erano venuti alla
Solo che il mio non era un k-way normale, ma era costituito dallo stesso tessuto che     ribalta diversi nuovi sistemi. Si era proposto naturalmente il riconoscimento
formava le tute che avevo attorno; essendo io abbastanza piccolo, eravamo riusciti       dell‟impronta digitale, quindi il riconoscimento della voce ed infine il
a compattarlo abbastanza per farlo entrare in un sacchetto del tutto simile ai k-way.    riconoscimento dell‟iride. Ma questi sistemi implicavano l‟utilizzo di ulteriore
Lo estrassi quindi rapidamente e lo indossai, poi raccolsi uno zainetto con              hardware, urtavano la suscettibilità di alcuni gruppi politici e civili che vedevano in
l‟ossigeno e collegai il tubetto con la tuta attraverso l‟apposita bocchettina. Lo       essi una violazione della privacy, addirittura un tentativo di identificare possibili
zainetto era piccolo, in quanto le permanenze dentro la sala cultura erano sempre        malattie nel caso della lettura dell‟iride, ed in più tali sistemi comportavano dei
molto brevi, quindi non c‟era bisogno di molta autonomia, e non mi impacciava più        rischi ben peggiori ……
di tanto nei movimenti. Raccolsi anche un contenitore per il liquido staminale e mi      Nel 2009 il riconoscimento dell‟impronta digitale venne drasticamente
avviai.                                                                                  abbandonato a seguito dell‟episodio in cui il segretario generale per la difesa USA
Per entrare nella sala cultura bisognava ora accedere ad una breve intercapedine,        venne ucciso da un gruppo di terroristi arabi, che gli amputatarono il dito per
similare a quella che si trova nei palloni che coprono campi da tennis o altri           tentare di accedere ad un bunker nucleare per lanciare un attacco missilistico su
impianti sportivi, solo che in quest‟ultimo caso l‟intercapedine serve per               Washington, attacco che fortunatamente fallì perché…..gli avevano amputato il
equilibrare la pressione, dove mi trovavo io invece serviva per la temperatura e         dito sbagliato.
l‟umidità. Per accedere all‟intercapedine bisognava digitare una password sulla          Per quanto riguardava il riconoscimento vocale, circa un anno più tardi la First
tastierina posta a fianco della porta. La password veniva cambiata ogni giorno dal       National Bank venne derubata, a quanto pare, uno dei rapinatori aveva avuto
direttore dell‟istituto, ma questo non era un problema. Infatti questa persona, un       numerosi incontro con il direttore, allo scopo di riuscire….ad imitarne
noto imbecille usato semplicemente come uomo di paglia, era solito memorizzare           perfettamente la voce….
la password nella suo palmare, dotato, come tutti di una scheda per il collegamento      A questo punto qualsiasi persona di buon senso avrebbe dismesso anche le
wireless. Il brav‟uomo lasciava il palmare sempre acceso, e tutte le mattine si          serrature a riconoscimento dell‟iride, immaginando quello che avrebbe potuto
recava al bar del “Ferrari club” per fare colazione in compagnia di Michel               succedere. Ma l‟industria dei profitti non ha buon senso. Nel febbraio del 2011 il
Schumacker, che si era ritirato a Rio per vivere la sua dorata pensione. Uno degli       direttore di un‟importante società multinazionale farmaceutica venne ucciso e
inservienti del club faceva parte degli Underground, e non aveva fatto altro che         decapitato, e la sua testa venne usata come chiave d‟accesso al Server che deteneva
recarsi in bagno con il suo portatile, attivare il suo software “sniffer” per accedere   un‟importante serie di formule chimiche di una nuova classe di medicinali per
come guest al palmare del direttore, ed in tutta tranquillità andare a leggere le        curare Ebola, che in quegli anni stava mietendo migliaia di vittime.
informazioni dell‟agenda. Era quello che aveva fatto questa mattina,                     Dopo questi tragici avvenimenti si era quindi ritornati precipitosamente alle
comunicandomi subito dopo le password, che avevo memorizzato nella mia                   “vecchie” password, con l‟accortezza, nei sistemi che richiedevano estrema
testolina. Digitai quindi la prima password ed entrai nell‟intercapedine, chiusi la      protezione, di cambiarle il più frequentemente possibile.
porta alle mie spalle ed attesi una decina di secondi che si accendesse la luce verde
(un'altra cosa che con il tempo non era cambiata) della tastierina posta sulla           Ora ero all‟interno della sala cultura. Una sala quadrata, di circa 20 metri di lato, su
seconda porta. Digitai la seconda password, la serratura si sbloccò ed entrai.           cui erano disposte file di banconi con più ripiani, e su ogni bancone innumerevoli
                                                                                         celle di cultura. Ogni bancone era diviso in sezioni, ognuna delle quali conteneva
Tutte queste password..... Stealth mi aveva raccontato come nel primo decennio del       una certa tipologia di organi o di liquidi staminali. Sembrava di essere nell‟antro di
un moderno creatore di Frankestain, in numerose celle si potevano distinguere             l‟aspettativa di vita molto bassa, spesso non c‟erano soldi per mangiare,
organi quasi completi, che da li a qualche giorno sarebbero stati pronti per il           figuriamoci per curarsi, e quindi si moriva spesso per malattie che, nell‟ospedale in
trapianto all‟interno del ricco compratore. Era difficile non avere un senso di shock     cui mi trovavo adesso sarebbe state considerate “minori”.
alla vista di quegli “oggetti”, immersi in un liquido gelatinoso trasparente, così
riccamente colorati, lucidi, palpitanti. Proseguivo con un misto di paura e stupore       Ed era proprio per evitare altre lacrime inutili che adesso bisognava trovare una
lungo il corridoio centrale, finchè ad un certo punto qualcosa destò la mia               soluzione veloce per togliere Lucia da lì, visto che non sembrava avesse granchè
attenzione, facendomi trasalire ed inviandomi una sorta di scossa lungo tutta la          fretta di andarsene.
spina dorsale: ero arrivato alla sezione “muscoli cardiaci”; decine e decine di cuori     Mi avvicinai quindi ad uno zainetto con l‟ossigeno, posto nell‟angolo più lontano
pulsavano ritmicamente, in una sorta di balletto primordiale, fissandomi a poche          dalla porta che dava sul corridoio, e svitai la valvola di chiusura fino a che
decine di centimetri dal mio viso, come atleti smaniosi di scendere in campo, come        l‟ossigeno non cominciò ad uscire con un fischio sibilante, come una pentola a
guerrieri che avanzano fieri ed impavidi verso la loro battaglia. Era uno spettacolo      pressione, corsi dall‟altra parte della stanza nascondendomi dietro una armadio,
ipnotico, come una sorta di rientro nel ventre materno, ad osservare la vita che          abbracciando il mio prezioso “thermos”. I secondi passavano con una lentezza
cresce dall‟interno della vita stessa. Era uno spettacolo osceno ed elegante al tempo     esasperante, era possibile che non sentisse il fischio e non entrasse a vedere?
stesso, affascinante e ripugnante a seconda dell‟ottica in cui ci si voleva porre. Uno    Improvvisamente un dubbio pauroso mi assali; e se avesse chiamato qualcuno, e si
scienzato credo vi avrebbe visto la vittoria dell‟intelligenza umana sul destino, un      fossero precipitate diverse persone all‟interno della stanza? Fortunatamente, dopo
logico risultato della somma di centinaia d‟anni di studi e progressi; un moralista, o    alcuni istanti vidi Lucia entrare nella stanza, e dirigersi cautamente verso l‟origine
forse un uomo di religione o un filosofo probabilmente avrebbero visto in questa          del fischio, e quando fu ad un paio di metri dalla bombola e vidi che cominciava a
specie di supermarket un atto blasfemo, uno scoperchiamento del vaso di Pandora,          chinarsi, uscii dal mio nascondiglio, mi appoggiai con tutto il peso alla porta e mi
in definitiva una intollerabile sfida immorale alle leggi della natura o di Dio.          ritrovai in corridoio. Senza aspettare un istante mi precipitai verso l‟ascensore e
Beh, io non avevo tempo per disquisire con me stesso sugli aspetti morali di tutto        premetti il pulsante di chiamata. Mentre sul display vedevo la cifra indicante la
ciò, dovevo trovare alla svelta la sezione PK18, che conteneva una serie di cellette      posizione dell‟ascensore diminuire 4,3,2,1, sentii il fischio cessare, Lucia era
con il liquido staminale che mi interessava. Le sezioni erano disposte in ordine          riuscita a chiudere la valvola, e probabilmente adesso sarebbe uscita. “Muoviti
alfabetico, per cui dopo pochi metri raggiunsi il mio obiettivo, individuai la celletta   dannazione!” sibilai a denti stretti, 0, -1, -2, la porta si aprì, balzai all‟interno con il
che mi serviva, aprii il contenitore che mi ero portato appresso, una specie di           braccio proteso verso la pulsantiera, premetti il pulsante “-1” e mi girai. In quel
termos quadrato, vi inserii la celletta e richiusi il tutto. Una volta che fossi uscito   momento Lucia usciva dalla sala vestizione, la vidi aprire la bocca in un
dalla sala cultura, il contenitore mi avrebbe dato quattro ore di tempo per arrivare a    espressione di stupore, poi disse “Josè?” e cominciò a correre verso di me. Mi
destinazione, dopodichè il suo contenuto si sarebbe irrimediabilmente danneggiato.        sentivo come una volpe catturata da una tagliola, stavo per mettermi a singhiozzare
Ripassai attraverso l‟intercapedine e mi ritrovai nuovamente nella sala di                veramente, pigiai disperatamente più volte sul pulsante dell‟ascensore, e l‟ultima
vestizione. Staccai il tubo dell‟ossigeno, mi tolsi lo zainetto e la tuta, ripiegandola   cosa che vidi prima di chiudere gli occhi dalla paura furono le porte che si
su sè stessa fino a farla diventare nuovamente un sacchettino e me la riaggancia in       chiudevano mentre Lucia era arrivata a pochi metri di distanza.
cinta. Raccolsi il contenitore e mi avvicinai alla porta, che aveva due piccoli oblò      Subito dopo, il silenzio, emisi un lungo sospiro per ritrovare la concentrazione,
che mi consentivano di osservare l‟eventuale presenza di qualcuno nel tratto che mi       “Cristo, c’è mancato davvero poco!” pensai. Pensavo di essere preparato, pensavo
separava dall‟ascensore.                                                                  di riuscire a mantenere il mio sangue freddo maggiormente, ma evidentemente mi
Con mia grande sopresa nel corridoio vidi l‟infermiera, Lucia, che stava piangendo.       ero sopravvalutato, o più semplicemente, ero un essere umano, e la paura è un
Non sapevo se essere in disappunto per il contrattempo o se rattristarmi per lei, che     istinto che non possiamo eliminare. Mi sembrava di essere un bambino che ha
in quel momento mi faceva pena. E‟ brutto vedere qualcuno piangere, e di questo           appena rubato la marmellata dallo scaffale più alto della cucina, e adesso scappa nel
l‟esperienza davvero non mi mancava. Nelle zone di Rio che frequentavo il pianto          suo nascondiglio segreto per godersela, magari assieme agli amichetti che lo
faceva parte della vita quotidiana, la mortalità infantile era molto alta, e              aspettano, ma io non avevo rubato semplice marmellata, anche se effettivamente
volevo raggiungere i miei amici in un luogo che speravo non sarebbe stato                   delle cosucce che erano state massicciamente rovinate nei decenni passati.
scoperto.                                                                                   Vernici, lacche, isolanti, collanti, conservanti, detergenti e prodotti per la pulizia in
Entrai nella sala macchine e diedi un‟occhiata all‟orologio, erano passati solo 8           generale, solventi, pesticidi, plastiche, gomme e resine sintetiche, diserbanti, ecc.
minuti da quando ne ero uscito, ma a me sembravano un‟eternità, salii sopra le              ecc., l‟uomo aveva sintetizzato chimicamente almeno centomila sostanze che non
macchine rifacendo all‟inverso il percorso d‟andata, finchè m‟introdussi nel                erano mai state sino a quel momento presenti in natura, e nella natura stessa queste
condotto d‟aereazione.                                                                      erano fatalmente ritornate sotto forma di rifiuti, gettati volontariamente in enormi
Cominciai a strisciare cercando di non far urtare il “thermos”, e cominciai a pensare       discariche o semplicemente dilavati dalle intemperie. L‟opinione pubblica aveva
a cosa avrebbe fatto Lucia. Non so se aveva avuto il tempo di vedere che avevo con          cominciato a prendere coscienza del problema perché i monumenti delle grandi
me un contenitore per organi, e neppure se aveva seguito con lo sguardo il display          città d‟arte venivano corrosi dalle piogge “acide”, poi si cominciò a capire che
dell‟ascensore fermarsi al piano della sala macchine. Se lo avesse notato, avrebbe          anche la moria di parecchie foreste era collegata al fenomeno. Un po‟ alla volta,
potuto dare l‟allarme in maniera mirata, e la sorveglianza non avrebbe impiegato            molto lentamente, le discariche esaurivano la loro capienza, non si sapeva più dove
molto ad entrare in sala macchine e vedere la grata rimossa. A quel punto avrebbero         eliminare le sostanze. Poi vi furono i primi casi tragici, la percentuale di mortalità e
certamente compiuto una breve ricognizione delle uscite della condottura, e                 di tumori che s‟innalzava massivamente in alcuni paesi la cui falda acquifera si
avrebbero trovato l‟altra grata tagliata, nel punto in cui ero entrato. Bel colpo, mi       scoprì, era inquinata da sostanze chimiche utilizzate dalle fabbriche del luogo, che
venne in mente un vecchio film di fantozzi che avevo scaricato dalla rete, in cui il        scaricavano i residui di lavorazione semplicemente per terra o nei canali più vicini.
protagonista si trova alla porta d‟ingresso di un palazzo condominiale in compagnia         Una bellissima attrice degli anni ‟90, Julia Poberts, aveva vinto un oscar come
della sua amante, e quando si volta per andarsene si ritrova decine di fucili               interprete in un film che denunciava appunto tali situazioni.
appoggiati in faccia da altrettanti poliziotti che lo circondano totalmente; ecco la        Purtroppo, come per tanti altri problemi ambientali, l‟interesse economico era stato
fine che farò, pensavo, una brillante carriera da scienzato potenziale annullata            più forte del buonsenso, lo sfruttamento delle falde era cresciuto senza controllo e
bruscamente da una brevissima carriera da ladro. “L‟intelligenza è la capacità di           queste si erano esaurite, mentre l‟acqua che si trovava nei fiumi, nei laghi, nei mari
adattarsi all‟ambiente esterno”; i documentari di Piero Angela erano sicuramente            e persino nei poli sotto forma di ghiacciai era semplicemente inquinata. Il risultato
tra i miei preferiti, e fortunatamente erano parte di quelle cose che si potevano           di tutto ciò era che chi si poteva permettere un depuratore sufficientemente
scaricare più o meno liberamente su Internet. Quella frase mi era rimasta impressa,         raffinato beveva acqua sana, gli altri bevevano a loro rischio e pericolo.
e la ricordavo spesso ogniqualvolta dovevo affrontare un problema. E la situazione          Ugualmente, chi si poteva permettere di acquistare cibi coltivati od allevati con
in cui mi trovavo era decisamente problematica: dovevo proseguire lungo il                  acqua depurata li acquistava, gli altri…….
persorso originale e rischiare di trovarmi all‟uscita faccia a faccia con qualche
poliziotto, o dovevo prendere altre strade, sperando di trovare un buon punto per           Non avevo idea di dove mi trovassi, l‟unica cosa di cui ero abbastanza certo era di
uscire; ed inoltre, se optavo per la seconda soluzione, sarei riuscito a sfondare la        trovarmi a livello di piano terra, o forse al primo piano, in quanto avevo cercato di
grata, visto che la penna laser sicuramente era ormai scarica?                              tenere conto dei dislivelli che avevo incontrato nel mio percorso all‟interno del
Beh, la prospettiva di trovarmi davanti gli uomini della sicurezza non mi attraeva,         condotto. Cercavo di capire da dove arrivasse la luce esterna, ma era difficile
per cui al primo incrocio della conduttura presi la direzione opposta da quella per         distinguerla dalla luce che arrivava dall‟interno dell‟edificio. Diedi un‟occhiata
cui ero venuto.                                                                             all‟orologio, erano passati ormai venti minuti da quando avevo iniziato il percorso
Le braccia cominciavano a dolermi, ed avevo sete, molta sete, le tensioni e gli             di ritorno. “Cristo, finirà pure questo ospedale!” pensavo, avevo preso la decisione
sforzi fatti sinora mi avevano seccato la lingua, avrei pagato non so cosa per poter        di svoltare, ad ogni incrocio che trovato, una volta a destra e la successiva a sinistra,
bere un bel bicchiere d‟acqua fresca. Già, l‟acqua fresca, l‟acqua chiara e fresca di       in modo che alla fine la mia direzione di spostamento fosse sempre in un senso. In
Lucio Battisti……Gesù, avevo imparato l‟italiano ascoltando e riascoltando le sue            tal modo prima o poi dovevo arrivare alla fine dell‟edificio. Peccato però che
canzoni…..peccato che quel tipo di acqua fosse ormai presente solo sugli schermi            l‟edificio fosse lungo un centocinquanta metri circa….con l‟andatura che stavo
televisivi, all‟interno di raffinatissimi spot pubblicitari. L‟acqua infatti era un‟altra   tenendo avrei potuto metterci ancora un bel pezzo…..
Mentre continuavo a brancolare nel buio, udii uno strano rumore, ma non riuscii a         problema perché la gran parte di noi ragazzini poveri di Rio eravamo cresciuti
capire cosa fosse. Poi il rumore si ripetè, e poi ancora. Non seguiva per niente un       compiendo piccoli furtarelli per sopravvivere, ed eravamo relativamente abituati a
ritmo regolare, o una sequenza particolare, sembrava assolutamente random, però           corse e salti di una certa pericolosità, d‟altronde quando si è inseguiti da poliziotti
abbastanza frequente. Mi avvicinai di qualche metro e mi immobilizzai                     privati che sanno benissimo di godere della più totale impunità anche se uccidono
completamente, trattenendo il respiro per cercare di capire di cosa si trattasse. Un      qualche “ninos de rua” , diventi automaticamente un misto tra Carl Lewis e Javier
sorriso a 32 denti fu il risultato quando capii che si trattavano……degli                  Sotomayor. Già, era proprio un buon esempio, Lewis era probabilmente il più
strombazzamenti di clacson provenienti da un incrocio molto trafficato che distava        grande velocista di tutti i tempi, aveva vinto medaglie d‟oro in quattro olimpiadi, ed
30 metri dal retro dell‟edificio. Rincuorato, procedetti verso l‟origine del suono, e     era Statunitense, la patria del capitalismo più sfrenato; Sotomayor era d‟altronde
dopo un paio di minuti ero all‟uscita del condotto.                                       ancora il detentore del record di salto in alto, con 2.45 metri, record che resisteva da
“Bene, adesso come esco?” dissi tra me e me. C‟era la solita grata a sbarrarmi            circa vent‟anni, un periodo enorme per l‟atletica leggera moderna, ed era Cubano,
l‟uscita, e sicuramente la penna laser era scarica…..ma chissà, magari un minimo di       patria del comunismo più puro e utopico. Era proprio quello che eravamo noi delle
energia è rimasta nella batteria, basterebbe che riuscissi a tagliare uno o magari due    favelas di Rio, capitalisti al massimo in quanto ad iniziative private e tentativi per
angoli….Presi la penna e, trattenendo il respiro, avvicinai la punta ad un angolo         migliorare la nostra condizione con le sole nostre forze, e comunisti totali quando si
della grata, e premetti il pulsante. Un debole fascio luce investi la grata,              trattava di dividere ciò che avevamo con i membri della nostra favela.
incidendola; “Fooorza, dai, andiaaamo!” incitavo puerilmente la penna, sperando           Non mi spaventava affatto il salto, ma solo il rischio di danneggiare il “thermos” ed
non mi abbandonasse troppo presto….un angolo ero riuscito ad inciderlo, passai al         il suo prezioso carico. Cominciai quindi a mettermi il “thermos” a tracolla, poi mi
secondo, ero arrivato praticamente alla fine quando il raggio si spense                   girai prone, avevo già i piedi rivolti verso l‟esterno, e cominciai a scivolare verso
completamente….premetti freneticamente il pulsante più volte, agitai la penna, ma         l‟esterno della grata stessa. Ora avevo i piedi all‟esterno rivolti paralleli al muro
sapevo che era inutile. Beh, meglio che niente, ora si trattava di girarsi, cosa          verso terra, e il busto piegato a novanta gradi per restare aderente al condotto.
tutt‟altro che semplice in uno spazio così angusto, e cominciare a mollare calci con      Sistemai le mani in modo da avere i pollici sul muro e metà del palmo della mano
entrambi i piedi con tutta la forza di cui disponevo. Muovendomi come un                  sul condotto, in modo da potermi tenere appeso, e mi spinsi verso l‟esterno. Con i
contorsionista mi misi in posizione supina, con le gambe rivolte verso la grata, misi     piedi strusciavo sul muro in modo da rallentare al massimo lo scivolamento verso il
il “thermos” in disparte, in posizione di sicurezza, portai le ginocchia fin quasi sul    basso, finchè mi ritrovai appeso al bordo del condotto. Ora dovevo fare in fretta,
mento, per poterle fare scattare come una molla e acquisire maggiore velocità             staccai la mano sinistra tenendomi appeso solo con il braccio destro, il più forte, ma
possibile prima di impattare con i piedi sulla grata. Dovevo cercare di colpire           non avrei resistito molto, misi il k-way sulla pancia, e sopra il thermos; sapevo che
vicino all‟angolo che ero riuscito a tagliare, tra quel punto e la parte in cui vi era    cadendo avrei fatto una capriola all‟indietro, e speravo che il k-way protegesse un
l‟altro angolo quasi tagliato. Feci un paio di prove colpendo con i piedi la grata, per   po‟ il thermos e che questi, stando sul davanti, venisse risparmiato dagli urti. Con
cercare di capire se avessi potuto farmi male, e quanto resistente poteva essere la       un ultimo sforzo spinsi le punte dei piedi in modo da staccarmi di qualche
grata stessa, poi aspettai inspirando profondamente che il frastuono dei clacson          centimetro dal muro e mi lasciai cadere a terra.; si trattava di un balzo di circa un
aumentasse e, quando mi sembrò al massimo, espirando violentemente, lancia i              metro e mezzo, visto la posizione di partenza, e su terreno fortunatamente erboso,
piedi verso la grata, con uno slancio tale da farmi alzare il fondoschiena verso l‟alto   ammortizzati il contatto flettendo le gambe e poi lasciandomi rotolare all‟indietro,
di parecchi centimetri. Un pezzo della grata si staccò dal muro, aspettai ancora che      mentre con il braccio sinistro abbracciavo il thermos per proteggerlo. Feci una
il rumore dei clacson salisse e colpii nuovamente. Dopo parecchi tentativi la grata       caduta all‟indietro stile Judo da manuale; Stealth mi aveva insegnato a cadere
finalmente si staccò e cadde a terra. Avevamo fatto più volte, per ricognizione, il       (diceva che era probabilmente la cosa più importante, bisognava sforzarsi di restare
giro dell‟edificio, e quindi sapevo che mi trovavo sul retro, in un punto in cui          rilassati) ed alcuni principi di base relativi all‟equilibrio, agli sgambetti e alle leve.
c‟erano solo alcune piante e nessun ingresso, per cui non mi ero preoccupato che          Lui stesso in gioventù aveva frequentato per due anni un corso di Judo, poi aveva
qualcuno potesse sentire o vedere la grata cadere. L‟unico piccolo problema era che       smesso in quanto si era era iscritto alle scuole serali, ma ringraziava sempre per
la grata si trovava a circa tre metri d‟altezza dal suolo; lo consideravo un piccolo      quell‟esperienza, dal momento che gli era servita a minimizzare gli effetti di
un‟incidente motociclistico, durante il quale aveva tamponato di striscio una           destinazione.
vettura, ed a seguito di ciò era stato catapultato in aria, ma era stato                Ma oggi almeno non c‟era molto traffico, avevamo scelto una giornata semifestiva,
sufficientemente lucido per effettuare la caduta come gli avevano insegnato, ed         e quindi in venti minuti arrivammo. La sede era all‟interno di un vecchio
effettivamente non si fece nulla (è vero indossava il casco, aveva sempre ritenuto la   complesso industriale abbandonato, di cui utilizzavamo interamente la parte che
sua salute più importante delle mode, ma questo non fu rilevante in quanto il casco     era stata degli uffici a mo‟di laboratori, mentre le ampie sale di produzione erano
non si sporcò nemmeno, segno che non toccò nemmeno il terreno).                         adibite alla vita quotidiana comune.
                                                                                        Mio fratello Enrique si trovava già all‟interno, in un ufficio che avevamo adibito a
La prima cosa che feci appena mi rialzai fu di dare un‟occhiata tutt‟attorno, per       sala operatoria. Oddio, non somigliava per niente ad una sala operatoria, ma non ve
vedere se c‟erano guardie che mi aspettavano; vidi solo, al di la delle inferriate,     n‟era bisogno, in quanto l‟intervento consisteva nel semplice inserimento per via
sulla strada, alcuni automobilisti fermi al semaforo che mi guardavano leggermente      endoscopica di una microtelecamera a fibre ottiche, accoppiata ad un piccolo
sorpresi, ma poi un colpo di clacson dietro a loro li fece ingranare la marcia e        tubicino che serviva per iniettare il gel curativo. Il gel lo avremmo prodotto adesso,
partire; figuriamoci, in questa zona residenziale di Rio circolavano solo persone       usando il liquido staminale che avevo rubato in ospedale, ed inserendolo in una
con un patrimonio non inferiore al milione di dollari, e la macchina meno lussuosa      speciale macchinetta che lo avrebbe amalgamato con una sostanza inerte che lo
che si poteva vedere circolare era una BMW.                                             avrebbe reso appunto un gel in grado di essere applicato alla zona da curare senza
Bene, una volta tanto la loro radicata indifferenza mi faceva comodo, scavalcai la      disciogliersi, ma rimanendo invece attaccato grazie ad un leggere potere incollante.
recinzione e dopo un attimo ero scomparso nel traffico, immerso tra le centinaia di     In questo modo, le cellule staminali sarebbero entrate in contatto con i tessuti
persone che camminavano lungo le vie cittadine.                                         circostanti, ed avrebbero iniziato la loro moltiplicazione per formare, in questo
                                                                                        caso, il rene mancante.
La sede del gruppo Underground in cui vivevo si trovava ai confini tra la periferia     La macchinetta ci era stata donata dal dottor Zichiricchichì, un medico
“ufficiale” di Rio e una delle numerose favelas che la circondavano, in una specie      italo-brasiliano che da diverso tempo ci supportava con i suoi servizi. Lavorava in
di terra di nessuno. Era naturalmente piuttosto distante dalla zona residenziale in     un altro ospedale privato di Rio, ed aveva potuto prendere la macchina quando
cui si trovava l‟ospedala “Santa Virgin”, ma non dovevo certo arrivarci a piedi,        questa venne sostituita da un modello più recente, e dopo averla controllata e
Stealth mi aspettava con la sua auto ad un centinai di metri dall‟ospedale, se ne       revisionata la mise a nostra disposizione. Ora era qui presente, avrebbe operato lui
stava seduto in auto, ascoltando musica classica (l‟ascoltava sempre quando era         mio fratello, Stealth gli porse il thermos:
nervoso). Appena mi vide scattò come una molla fuori dall‟auto e mi venne
incontro:                                                                               -“Buongiorno dottore, ecco qui, Josè ce l‟ha fatta.”
                                                                                        -“Bene, ma nessuno l‟ha visto? è andato tutto liscio?” disse prendendo il thermos
-“Tutto bene?” mi chiese semplicemente. Ormai fra me e lui non c‟era bisogno di            ed appoggiando sul tavolo, a fianco della macchinetta che avrebbe preparato il
     tanti discorsi, bastava ci guardassimo in faccia.                                     gel.
-“Sì, dai andiamo!” gli risposi passandogli il thermos con entrambe le mani. Lui lo     -“Quasi tutto bene!” risposi, e gli raccontai del doppio incontro con Lucia,
     prese con estrema attenzione, si portò sul retro dell‟auto, aprì il baule al cui      l‟infermiera.
     interno c‟era un altro thermos, di dimensioni molto grandi, nel quale introdusse
     quello piccolo, per maggiore sicurezza, anche se ora eravamo a neanche             Avevo già raccontato tutto a Stealth, in macchina, e lui aveva già diramato una
     mezz‟ora di strada dalla nostra destinazione, traffico permettendo.                comunicazione con il suo palmare per raccogliere tutte le informazioni possibili su
Gli ingorghi a Rio erano frequenti, per cui avevamo predisposto per ogni evenienza      questa ragazza. Stealth era considerato ormai da molti hacker come leader, e quindi
degli amici che ci aspettavano in bicicletta in diversi punti del percorso, in modo     ormai non si occupava più dei singoli lavori pratici, gli era sufficiente inoltrare le
che, in caso non potessimo procedere speditamente in macchina, avremmo                  sue richieste, le sue considerazioni, per vedere un gruppo di ragazzi all‟opera. In
consegnato il thermos ad essi, che si sarebbero occupati di portarlo velocemente a      questo caso poi il compito era relativamente semplice, in quanto tutte le
informazioni personali delle persone iscritte all‟anagrafe (quindi non gli abitanti           mai stato decisamente perseguito, continuava tuttora a prosperare, e frequenti erano
delle favela) erano memorizzate nei database di enti pubblici e privati. Per ognuno           i casi di persone che scomparivano, per ricomparire senza un rene o per non
di questi database ogni hacker aveva la lista delle password relative, o comunque             ricomparire mai più. Non appena fu possibile, Internet divenne un mercato virtuale
dei sistemi per scavalcare le barriere d‟accesso, e perciò di una persona “normale”           immenso, bastava digitare su un motore di ricerca la parole “rene” e “vendo” che
si poteva sapere vita morte e miracoli. Naturalmente alcune informazioni                      subito si veniva catapultati in un mondo di disperati che vendevano il rene o parte
(tipicamente quelle bancarie) erano più difficili a procurarsi, soprattutto perché gli        del fegato per bisogno di soldi. La palma dell'efficenza comunque se l'era
enti privati avevano imparato a tenerli off-line, su supporti magnetici od ottici, che        aggiudicata la Cina, che sino al 2010 non aveva abolito la pena di morte, e che anzi
venivano inseriti manualmente quando necessario.                                              sino a quell'anno era organizzata per espiantare metodicamente gli organi dai
                                                                                              condannati appena giustiziati......... un bel risparmio, no?
-“Bravissimo Josè, sei stato veramente in gamba.” mi disse il dr. Zichiricchichì,
     “ora con questo potremo far crescere il rene a tuo fratello, se tutto va bene.”          - “Fatto” disse Zichiricchichì dopo aver iniettato il gel nel sito che aveva ospitato il
Aprì il thermos, estrasse la fiala e la inserì nella macchinetta che, in pochi minuti,        rene estratto, formando un grumo che da una parte si attaccava alla cicatrice.
aveva preparato il gel. Tramite un‟apposita siringa lo estrasse dalla macchinetta, ed         Sarebbero state proprio le cellule cicatriziali ad “informare” le cellule staminali che
agganciò poi la siringa ad un tubetto che si diramava dalla sonda che avrebbe usato           avrebbero dovuto svilupparsi selettivamente fino a formare un nuovo organo.
per l‟endoscopia.
Poi si avvicinò al letto ove giaceva mio fratello ed inserì la cannula della sonda            -“Naturalmente, tu sei sicuro di aver preso la fiala giusta, vero?” mi chiese una
nell‟addome. Su un monitor al plasma posto a fianco del letto si poteva osservare                 volta usciti dalla stanza.
ciò che la sonda inquadrava, Zichiricchichì manovrò fino ad arrivare al punto in cui          -“Ho preso la PK18, come d’accordo!” risposi. La fiala giusta mi era stata indicata
vi era la cicatrice sul tessuto interno lasciata dall‟intervento in cui mio fratello si era       proprio da lui, che, in qualità di medico ufficiale aveva accesso al database
fatto estrarre il rene.                                                                           delle culture, al fine di trovare quella compatibile con eventuali suoi pazienti.
                                                                                              -“Adesso dovremo aspettarci la reazione da parte delle autorità.” commentò
Questo succedeva quattro anni fa, in un periodo in cui io stavo molto male, e                     Stealth, che fino ad allora era rimasto pensieroso in disparte.
l‟unica possibilità era il ricovero presso un ospedale ufficiale, con i relativi costi da     -“Se si sparge la voce” proseguì “che chiunque può penetrare nella sala culture ed
supportare. Enrique non aveva tentennato, si era recato in uno degli ambulatori                   appropriarsi di materiale, il mercato potrebbe subire forti contraccolpi, per cui
clandestini che acquistavano organi, ed aveva venduto il suo rene per pagarmi le                  credo la notizia verrà tenuto segreta.”. “Però la reazione mi preoccupa,
cure in ospedale. Nonostante la tecnologia di cultura delle cellule staminale per                 sguinzaglieranno i loro “Mercker” alla nostra ricerca, avremo delle taglie sulla
ricavare organi fosse ormai affidabile, molti ricchi preferivano ancora utilizzare                nostra testa, e non saranno soddisfatti fino a che non troveranno i responsabili.”
organi di origine umana, per maggiore sicurezza, e perchè le cattive abitudini sono           -“Comunque Stealth” risposi, “le persone a conoscenza del fatto sono tutte qui nel
dure a morire. Evidentemente ciò che era successo fra il 2009 e il 2012 aveva                     raggio di due metri, io, te ed il dr. Zichiricchichì. Gli altri ragazzi hanno avuto
lasciato una scia di diffidenza dura a morire. In quegli anni infatti la ricerca sulle            solo dei compiti parziali, e non sanno cosa c’era sotto.”.
cellule staminali aveva iniziato a concretizzarsi con i fantastici risultati della            -“Tu Josè” disse guardandomi con aria ancor più seria del solito “sei il più in
produzione di organi in vitro, o dell‟inserimento del liquido staminale nel sito                  pericolo di tutti: non hai lasciato impronte digitali in quanto te le abbiamo
biologico danneggiato, per curare o per far crescere direttamente l‟organo                        coperte con uno spray plastico, ma sicuramente troveranno residui di pelle,
mancante. Vi erano stati però diversi casi di rigetto tardivo, o fenomeni aberranti               qualche capello, tracce di saliva, di sudore, rileveranno l‟impronta del tuo
come la crescita di un intero individuo al posto del singolo organo, oppure la                    piede, e naturalmente avranno la descrizione della ragazza”
duplicazione all‟infinito dell‟organo che avrebbe dovuto crescere un‟unica volta, e           -“Ma io non sono schedato, sono un “nino de rua”, ufficialmente non esisto, non
c‟erano state di conseguenza diverse vittime di morti orribili.                                   possono certo mettersi a controllare un milione di ragazzini di Rio e dintorni”
Di conseguenza il mercato di organi umani, che era nato negli anni ‟80 e non era                  risposi. Erano tutte considerazioni che avevamo già fatto, tuttavia eravamo
    entrambi d‟accordo che per un bel po‟ non sarei uscito per le strade, anche
    perché, per limitare al massimo la delinquenza, c‟erano telecamere
    mimetizzate un po‟dappertutto. Le telecamere infatti avevano raggiunto una
    miniaturizzazione così elevata che era possibile inserirle negli oggetti più
    comuni, anche se in realtà erano state piazzate per effettuare una sorveglianza
    solo nei quartieri a rischio, quelli ricchi, nei quali non mi sarei certo recato,
    comunque la prudenza non era mai troppa, e quindi era meglio non uscissi per
    niente.

Stealth aveva parlato del pericolo “Mercker”. Mercker era un termine coniato una
quindicina di anni fa dallo stesso Stealth, e poi diffusosi rapidamente e diventato un
neologismo, formato dalla fusione di Mercenary e Hacker. Stealth aveva cioè
divulgato una verità molto semplice, e cioè che molti Hacker passavano da un lato
all‟altro della barricata con estrema facilità, seguendo la migliore offerta
economica che veniva loro proposta. I migliori Hacker erano estremamente
ricercati, venivano pagati letteralmente a peso d‟oro se riuscivano a trafugare le
informazioni riservati richieste o a mettere i tilt o distruggere particolari computer
(o al contrario, difendere determinate informazioni e/o computer dagli attacchi), e
quindi i loro servizi, anche quando illegali, erano diventati soggetti alla leggi di
mercato come qualsiasi altro prodotto o servizio. Maggiore era la domanda,
maggiore era il prezzo che il potenziale acquirente doveva offrire.
I governi li assoldavano, naturalmente mai ufficialmente, per poter accedere alle
informazioni delle nazioni nemiche, le multinazionali se li contendevano per
trafugare formule chimiche o progetti tecnici, il cinema aveva scoperto nelle loro
storie un nuovo ricco filone da sfruttare.
Erano chiaramente individui privi di qualsiasi scrupolo morale, erano considerati
feccia dai più, e la loro esistenza era molto avventurosa, in quanto i loro nemici
ingaggiavano a loro volta altri Mercker per scoprire la loro identità personale per
farli uccidere.
                                                                                          grossa percentuale a far parte della classe povera. Dopo un relativamente lungo
CAPITOLO II                                                                               periodo di disorientamento, spontaneamente o con l‟aiuto appunto di
                                                                                          Organizzazioni non governative di volontariato, erano state sviluppate diverse
-“Direttore, c‟è una richiesta di accesso chat per lei sulla linea privata, ma non        forme di mutuo aiuto, nelle quali i valori fondanti erano la sobrietà, la
    riusciamo a tracciare la provenienza. Il messaggio afferma che lei sa di cosa si      cooperazione, la reciprocità, la solidarietà, intesa non come beneficenza, ma come
    tratta.”                                                                              diritto-dovere collettivo, la responsabilizzazione di ogni individuo rispetto al
-“Si, me l‟aspettavo, passamela pure, e non perdere tempo nel cercare di tracciarla,      benessere collettivo, la sostenibilità ambientale, la distribuzione equa delle risorse,
    tanto è inutile”.                                                                     la partecipazione democratica alle scelte, tutela dei beni comuni, il primato
                                                                                          dell‟economia locale, la conoscenza e cura del proprio territorio, che veniva
Sulla scrivania del direttore generale dell‟ospedale “Santa Virgin”, dotato di 5          considerato non come possibile fonte di sfruttamento, ma come bene primario da
monitor al plasma da 24 pollici e due videoproiettori laser da 70 pollici, si attivò il   salvaguardare e lasciare inalterato alle generazioni successive. Uno dei paesi che
programma per le chat, ed ecco come si svolse la conversazione virtuale:                  aveva fatto scuola nel settore era stato l‟Italia; Negli anni ‟80 erano nate le Mag
                                                                                          (cooperative di mutua autugestione), il commercio equo e solidale, la nascita di
-“Buonasera direttore, come sta?”                                                         Banca Etica, la diffusione del turismo responsabile, il tutto coordinato e gestito da
-“Bene, la ringrazio, ma non credo che l‟obiettivo di questo colloquio sia il mio         diverse associazioni.
    stato di salute, vero?”
-“Effettivamente volevo sincerarmi che aveste recepito che le mie intenzioni sono         Mi recai subito nella stanza che avevamo adibito a sala computer, e trovai Stealth
    serie, e capire come intendete regolarvi in proposito”                                che discuteva con gli altri ragazzi. Aspettai che terminasse poi mi rivolsi a lui:
-“E‟ troppo presto per darle una risposta, il fatto è accaduto in giornata, e devo
    ancora incontrarmi con gli altri membri del comitato. Sentiamoci domani sera          -“Ciao Stealth, novità?”
    alla stessa ora e le dirò cosa abbiamo deciso”                                        -“Ciao, si qualche novità c‟è, ma un po‟troppo poco.”, fece una pausa, per
-“Va bene direttore, buona notte e sogni d‟oro…”                                              formulare bene le successive frasi, “Come presumevo in rete non stanno
-“Molto spiritoso! a domani.”                                                                 facendo circolare nessuna notizia ufficiale. Abbiamo intercettato solo un paio
                                                                                              di comunicazioni tra le alte sfere che sicuramente parlano di ciò che è successo
                                                                                              ieri, ma in maniera velata, solo noi che sappiamo cosa è successo possiamo dire
                       ******************************                                         di capirne il significato. L‟unica cosa concreta è che abbiamo “agganciato” la
                                                                                              tua infermeria, Lucia Hernandez si chiama, ci ho già messo uno dei ragazzi alle
Avevo passato una notte piuttosto insonne, anche se non era una grande novità, ma             costole.”
in questo caso le preoccupazioni per ciò che stava accadendo mi avevano tenuto
sveglio fino a tardi, per cui quando mi alzai il sole era già alto. I locali in cui       Vedeva dalla mia espressione che volevo sapere anche il resto, quindi proseguì:
dimoravo con gli altri facevano parte di una delle tante realtà di economia solidale
che si erano sviluppate a partire dagli anni ‟80/90, spontaneamente o per merito di       -“Si, l‟hanno già interrogata. Mirco (il nostro ragazzo che la stava controllando) ci
varie ONG, per lo sviluppo e l‟autosufficienza delle economie povere locali. In               ha fatto sapere che un paio di scagnozzi della sicurezza sono andati a esaminare
quel periodo, non solo in Brasile, ma in generale in tutto il pianeta, il modello di          la sua abitazione, ma non hanno evidentemente trovato nulla di sospetto.” “E
sviluppo occidentale, basato sulla proprietà privata, sulla concorrenza, sul profitto,        poi c‟è un‟altra cosa”, ci fu una breve pausa, poi continuò “Questa ragazza
sull‟accumulo, avevano prodotto un enorme aumento del numero dei poveri, e della              nasconde qualcosa, abbiamo trovato molte informazioni su di lei, ma solo a
distanza tra questi è i ricchi. La classe “media”, parametrata naturalmente sulla             partire dal diciottesimo anno di età, quando consegue la patente di guida. Da
realtà locale, si era assottigliata notevolmente, regredendo ed entrando per una              quel momento in poi abbiamo tutto, gli acquisti che ha fatto utilizzando la carta
    di credito o altre procedure online, i lavori che ha fatto sino ad adesso, il suo       qualcuno”
    conto corrente e relativi movimenti, le informazioni sanitarie, i suoi esami del    -“Io non ti ho mica detto che non ci si può fidare di nessuno Josè, dico solo che
    sangue, delle urine, tutto, persino le multe che ha preso.”                             questo qualcuno deve dimostrare esplicitamente di che pasta è fatto, e questo
-“E prima dei diciott’anni?” chiesi io,                                                     significa che deve volontariamente sacrificarsi per te, costantemente, come ad
-“Nulla, nessuna iscrizione nell‟anagrafe, nessun parente, nessuna iscrizione in            esempio fanno molti genitori per i loro figli.”
    scuole pubbliche o private, nessuna registrazione di avvenuta vaccinazione,         -“Va bene” tagliai corto “comunque, se la sicurezza è andata ad ispezionare la sua
    nessun ricovero, niente!”                                                               abitazione, significa che non è schedata come spia, o perlomeno non hanno
-“Potrebbe essere una spia?” azzardai ancora,                                               accesso alla sua scheda”.
-“Mah, tutto può essere, però sinceramente mi sempre troppo giovane, ha 21 anni,        -“Comunque il problema non si pone” concluse Stealth, “tu non sei schedato, ed
    almeno così afferma la sua scheda, ed anche se tu sei la dimostrazione vivente          anche se hanno le tue impronte e la tua immagine, non possono certo setacciare
    che a quell‟età si può già fare qualsiasi cosa, non credo che nessuna                   a fondo tutte le favelas per trovarti, e neppure gli conviene. Si concentreranno
    organizzazione tra virgolette “seria” od “ufficiale” darebbe mai credito alle mie       sull‟aumentare le misure di sicurezza e sul tentare di capire come ci siamo
    teorie e quindi a persone così giovani.”                                                appropriati delle informazioni necessarie per compiere il furto”. “Non
-“Già, infatti io sono quello che sono grazie a te che mi hai addestrato da quando          dobbiamo modificare nulla del nostro piano, è sufficiente che tu non esca di qui
    avevo quattro anni”, dissi, “e poi, lei mi sembrava così ingenua e dolce….”             e te ne stia tranquillo per i prossimi tempi”.
-“Lo sai benissimo come la penso”, replicò allora bruscamente Stealth “mai fidarsi
    delle apparenze, essere dolci può essere semplicemente il metodo migliore per       Detto questo, Stealth mi salutò, dicendo che andava nella sala computer a dare
    carpire la fiducia del prossimo e poterlo quindi al momento opportuno fregare       un‟occhiata alle informazioni riguardanti Lucia, giusto per controllare che non
    alla grande, altro che dolcezza!”.                                                  fosse sfuggito qualche dettaglio importante.
-“Si”, replicai “ma cosa mai avevo da offrirle io che poteva interessarla, perché       Io mi recai da mio fratello, che si trovava seduto su una poltroncina;
    mai avrebbe dovuto fingere con un bambino piccolo che le piagnucolava
    addosso?” chiesi,                                                                   -“Ciao Fratellino”, disse non appena mi vide
-“Perché” rispose Stealth parlando lentamente, come a misurare le parole e a            -“Ciao Enrique”, mio fratello, essendo il maggiore, mi chiamava sempre
    sottolinearne l‟importanza “ogni persona intelligente sa che ogni bambino               “fratellino”, ed era veramente molto protettivo nei miei confronti.
    crescerà e diventerà adulto, è sarà un adulto che potrebbe essere estremamente      -“Mi hanno raccontato già tutto, sei stato bravo, ti ringrazio.”
    riconoscente per chi lo ha trattato bene durante l‟infanzia. Potrà restituire con   -“Aspetta prima di ringraziarmi, speriamo che il liquido funzioni e che l’organo
    ampi interessi ciò che ha ricevuto, potrebbe diventare una persona più o meno           che crescerà sia compatibile”
    importante e aprirti delle porte che altrimenti sarebbero rimaste chiuse,           -“Tu comunque la tua parte l‟hai fatta, ed hai rischiato molto”
    potrebbe votare per te, potrebbe lottare per te. Ed inoltre sarà lui,               -“Tu hai fatto molto di più quando hai venduto il tuo rene per curarmi”
    presumibilmente con tutta la sua generazione, a detenere il potere economico e      -“Josè”, mi chiamava così quando voleva usare un tono solenne “ho già visto nostra
    politico quando tu sarai vecchio, molto vecchio, con tutta probabilità escluso          madre morire per un tumore alla pelle, dopo molte sofferenze, e non avrei certo
    oramai dai giri di potere, e senza più le energie necessarie per lottare                permesso toccasse anche a te”.
    attivamente. A quel punto quindi la tua vecchiaia potrebbe dipendere
    sostanzialmente dalle loro scelte su come trattarti. Se si ricorderanno ancora di   I tumori alla pelle erano da diversi anni l‟altra “maledizione di Dio”, almeno
    come tu li hai trattati quando erano loro ed essere deboli ed inerti, avrai buone   secondo la gente povera, ed avevano un incidenza estremamente elevata, da almeno
    speranza di vivere dignitosamente i tuoi ultimi anni, altrimenti……”.                una decina d‟anni a questa parte.
-“Ok, ok, è storia vecchia ormai per me, rimane il fatto che è brutto vivere così,      Anche in questo caso l‟ignoranza e la povertà della gente faceva sì che le
    guardando agli altri sempre con sospetto, senza mai potersi fidare si               conseguenza di un fenomeno assolutamente scientifico, e cioè il famigerato “buco
dell‟ozono” venissero amplificate.                                                          Peggio ancora, si cominciarono a scoprire, con un escalation più o meno “pilotata”,
Anche camminando semplicemente per le strade si poteva classificare velocemente             traffici di contrabbando delle sostanze vietate, dai paesi industrializzati verso quelli
la classe sociale dei passanti. A parte la qualità dei vestiti, delle scarpe e degli        poveri, in via di sviluppo. Infatti le multinazionali, avendo consistenti scorte di
accessori, c‟era un particolare che non era possibile non notare; l‟ombrellino              CFC nei loro magazzini, che non potevano ormai smerciare nei normali mercati,
parasole. Le persone sufficientemente istruite e ricche, che ci tenevano alla loro          escogitarono la loro vendita a basso prezzo nei paesi in via di sviluppo, trovando
salute, avevano l‟ombrellino parasole ben aperto, mentre gli altri, poveri od               sempre dei funzionari compiacenti che mascheravano opportunamente la
ignoranti, o semplicemente non lo sapevano, oppure, i loro problemi immediati               transazione in cambio di cospicue tangenti. Nonostante gli sforzi della polizia
erano talmente grandi (dovevano procurarsi qualcosa da mangiare), che tutto il              internazionale, si riuscì a bloccare solo la punta dell‟iceberg di questo traffico, per
resto passava in secondo piano.                                                             il quale si utilizzavano, come per il petrolio, navi spesso troppo vecchie o non
Moltissimi poveracci non conoscevano nulla del buco dell‟ozono, anzi, non                   adeguatamente manutenute, che a volte naufragavano prima di arrivare a
sapevano nemmeno cosa fosse l‟ozono o gli UVB, i raggi ultravioletti che                    destinazione, scaricando direttamente il loro carico in mare. Ora, tenendo presente
provocavano i tumori alla pelle, la cataratta, e l‟aumento dei radicali liberi.             che un solo litro di CFC è in grado di distruggere diversi chilometri quadrati di
Infatti per quanto le varie ONG, i vari gruppi di volontariato, internazionali o locali     ozono, si può capire facilmente come gli sforzi “ufficiali” della comunità
che fossero, si sforzassero di fare prevenzione, che in questo caso significava             internazionale venissero vanificati dai delinquenti che contrabbandavano questo
semplicemente informazione, intere fasce di popolazione rimanevano all‟oscuro in            come altri materiali tossici.
materia.
Anche questo era, come l‟effetto serra, anzi ancora di più, un effetto della miopia         -“Lo so Enrique, lo so, ed è triste abituarsi all’idea che solo pagando si riesce ad
umana, una diretta conseguenza del aver messo al primo posto il guadagno                        avere le cure necessarie.”
piuttosto che il rispetto dell‟ambiente e del prossimo. L‟effetto serra infatti era stato
scoperto negli anni ‟80 come una diretta conseguenza dell‟utilizzo dei cosiddetti           -“Purtroppo è così!” si intromise Zichiricchichì che era appena entrato, “Infatti,
CFC in alcuni settori industriali. Per la verità, in tempi piuttosto rapidi, dopo aver          anche se possiamo con relativa facilità analizzare la composizione dei liquidi
scoperto che tali CFC “distruggevano” lo strato di ozono, la comunità                           staminali, non abbiamo assolutamente possibilità di costruire le costosissime e
internazionale aveva stipulato il “Protocollo di Montreal”, nel 1987, con il quale si           avanzatissime apparecchiature necessarie alla loro produzione, potremmo solo
bandiva l‟utilizzo dei suddetti materiali. Più specificatamente, il budo dell'ozono             rubarle, solo che le loro dimensioni sono quelle di un‟automobile di grossa
lasciava passare i pericolosi ultravioletti B-type, causando, negli oceani, una                 cilindrata, non si possono certo infilare in un termos come hai fatto tu per il
diminuzione del fitoplancton, che è l‟anello di partenza della catena alimentare                liquido”.
marina. Gli scienzati da tempo avevano scoperto che i raggi UV-B danneggiavano              -“E’ vero professore”, risposi, “è molto più difficile, ma non direi impossibile, io e
la flora batterica Antartica, danneggiandone il DNA anche delle larve di numerose               Stealth ne parliamo da diversi mesi, ma per una cosa del genere, come per
specie acquatiche, ma più in generale gli effetti malefici erano ancora da scoprire,            molte altre, ci occorre la collaborazione e il coordinamento con gli altri gruppi
in quanto la radiazione ultravioletta è coinvolta in numerosissime reazioni                     di Underground Hacker come il nostro, che al momento non abbiamo. E’ per
fotochimiche, compresa l‟idrolisi delle molecole dell‟acqua, reazioni che                       questo che, non appena le acque si saranno un po’ calmate, io e Stealth
producono radicali liberi che vanno a ossidare e quindi uccidere altre molecole                 cominceremo ad incontrare le altre organizzazioni per cercare di unire le
biologiche.                                                                                     forze”.
Da allora, dopo un iniziale periodo in cui il fenomeno sembrava regredire, si tornò a       -“La qual‟cosa sarà tutt‟altro che facile, fratellino”, era Enrique ora a parlare,
constatare un costante peggioramento della situazione. Ulteriori analisi del                    “come sai i gruppi di hacker organizzati come il nostro, o fanno parte della
problema allora permisero di scoprire che l‟effetto serra e il relativo innalzamento            comunità ebraica, da sempre all‟avanguardia nella tecnologia, e molto forte
delle temperature, anche ai poli, era un fattore che moltiplicava il peggioramento              economicamente, o fanno parte della comunità Cinese, che negli ultimi decenni
della situazione.                                                                               si è sviluppata enormemente sia dal punto di vista industriale/economico, sia
    anche solo per la forza numerica, oppure di comunità islamiche più o meno               mensa e poi rimettiamoci a lavoro per modificare questo stato di cose che tanto
    integraliste, comunità russe, comunità coreane, i neri americani, ed ognuna di          non ci piace.”
    queste si porta dietro odi atavici verso una o più altre comunità. E per questo
    che finora a nessuno è mai venuto in mente di unire i gruppi.”                      Io e Zichiricchichì andammo quindi nel locale adibito a mensa, mentre Enrique
-“Sì Enrique” replicai “ma è proprio qui che sta l’assurdità della cosa. Questi         rimase a letto a riposare, gli avrebbero portato da mangiare comunque tra poco.
    gruppi sono formati da geniacci informatici, geniacci in elettronica, in            La “sala mensa” era una semplice grossa stanza, posta nella sezione del capannone
    chimica, in medicina, ma purtroppo queste persone, intelligentissime nei loro       che una volta doveva essere degli uffici, posta vicino ai bagni, dai quali potevamo
    rispettivi campi d’azione, non lo sono sufficientemente da comprendere che          quindi prelevare l‟acqua, che avevamo ripulito per benino e arredato alla meglio
    non solo così fanno il gioco delle multinazionali loro avversarie, ma               con vecchi mobili. Non c‟era granchè di moderno, ma le donne che venivano a
    addirittura questi odi sono stati creati e vengono continuamente fomentati          cucinare sapevano il fatto loro, e riuscivano a fare miracoli con quel poco che
    proprio dai gruppi di potere, dalle multinazionali, contro le quali si battono”.    avevamo.
    Enrique e Zichiricchichì mi ascoltavano attentamente, anche se non era la
    prima volta che ne parlavamo, quasi a cercare di rinfrescare e ribadire le loro     -“Ciao Maria, cosa c’è di buono oggi?” domandai salutando una signora sulla
    rispettive convinzioni; “E’ la tattica che i romani chiamavano “divide et               sessantina che si stava indaffarando sulle pentole.
    impera”, cioè fa in modo che i tuoi avversari non possano mai allearsi tra loro,    -“Nulla di paragonabile di quanto ti avrei potuto preparare vent‟anni fa, con il pesce
    in modo che, presi singolarmente siano facilmente controllabili. Una tecnica            fresco che tutti i giorni mio marito andava a pescare a pochi chilometri dal
    semplice e diabolica.”                                                                  porto”
-“Faccio sempre fatica a credere che tu abbia davvero solo dodici anni, Josè”, mi
    disse Zichiricchichì, “io infatti, che mi reputo un uomo molto intelligente, ci     Maria si riferiva al fatto che il pesce era da diversi anni assai raro e quindi costoso.
    sono arrivato ad una età nella quale potevo già essere un nonno, altro che un       Nell‟ultimo mezzo secolo lo sfruttamento delle risorse ittiche era stato massiccio,
    bambino”                                                                            “non sostenibile” per usare un termine di moda verso la fine del secolo scorso,
-Enrique sorrideva beatamente, contento dei complimenti che mi venivano rivolti,        diverse specie si erano estinte, la catena alimentare oceanica si era alterata, e la
    poi disse “Non ti gongolare troppo fratellino, come tu stesso hai detto, il         ciliegina sulla torta era stato sempre il buco dell‟ozono, poiché l‟aumento dei raggi
    segreto sta tutto nell‟educazione; prendi un bambino con potenzialità               UV-B che colpivano gli oceani aveva guastato il meccanismo di fotosintesi del
    intellettive geneticamente elevatissime, ma educalo mediocremente, e ne             plancton, che era appunto l‟anello iniziale della catena, oltre a produrre notevoli
    uscirà tutt‟al più un buon tecnico, con un po‟ di fortuna un eccellente tecnico;    quantità di radicali, che con il loro effetto ossidante avevano contribuito non poco a
    prendi invece un bambino geneticamente “normale”, nella media, e comincia           scompaginare il già malridotto ambiente marino. Uno dei primi gravi campanelli
    ad educarlo da piccolo in maniera eccellente, dandogli tutte le informazioni che    d‟allarme era stata la comparsa di un “alga killer” che aveva causato enormi stragi
    richiede, senza tabù e con pazienza, rispondendo correttamente a tutte le sue       di pesci, ma la colpa era stata data alla corrente oceanica “El nino”, ovviamente era
    domande, ed alla tua età avrà una coltura eccellente, con un po‟ di fortuna poi,    molto più comodo così, e non si erano presi adeguati provvedimenti, figuriamoci,
    sarà in grado di andare oltre le spiegazioni ricevute, e tutti lo prenderanno per   come al solito troppi interessi economici in ballo.
    un genio, anche se in realtà a livello di pura intelligenza, non lo è.”
-“Ah beh”, ammisi “sfido chiunque a dimostrare il contrario.”                           -“Beh, non importa Maria”, cercai di consolarla, “l’importante è che comunque
-“Infatti”, si infervorò a questo punto Zichiricchichì, “Da circa mezzo secolo              qualcosa da mangiare l’abbiamo”
    abbiamo la coltura necessaria per educare in maniera eccellente i nostri figli,     -“E tu chiami cibo questa specie di poltiglia che il tuo” e sottolineò quest‟ultima
    ma purtroppo…..”                                                                        parola per far capire come proprio non riuscisse ad abituarsi all‟idea, “amico
-“Vabbè, signori” tagliai corto “sono discorsi che abbiamo fatto e rifatto più volte,       scienziato pazzo Zichiricchichì sintetizza ogni giorno con i suoi diabolici
    inutile stare a piangere sul latte versato, andiamo a mangiare qualcosa in              marchingegni, chiedendo poi a noi povere donne di utilizzarlo in cucina
   abbinandolo con Diosolosachecosa”                                                      -“Lucia non solo non ci farà del male, ma al contrario si rivelerà molto utile”.
-“Questa poltiglia” intervenne divertito Zichiricchichì “come la chiami tu Maria, ci      Eravamo tutti ancora sorpresi, per cui Stealth proseguì:
   è indispensabile per integrare la nostra dieta di tutti quegli elementi che non        -“Beh, come tutti voi sapete, nelle camere dell‟ospedale in cui lavora Lucia, vi sono
   riusciamo a produrre a sufficienza nella nostra serra”.                                   delle microcamere camuffate, sia per sorvegliare lo stato di salute dei pazienti,
                                                                                             sia sopratutto per controllare che le infermiere facciano il loro “lavoro” nel
La “serra”, come la chiamavano noi, era il capannone con la maggior superficie               migliore dei modi. Ed è inutile che vi rispieghi qual è il “lavoro” delle
coperta da finestre che avevamo trovato in quell‟area. Un po alla volta avevamo              infermiere belle e giovani come Lucia.”
sostituito anche parte del tetto con lastroni di vetro, ottenendo appunto una specie
di serra. Avevamo poi trasportato carriolate e carriolate di terra alla interno, e        Lucia, sentendo queste parole, abbassò la testa e un velo di tristezza misto a
cominciato quindi a seminare verdura, legumi, cereali e alcuni alberi di nocciole.        vergogna scese sul suo volto.

-“Sarà,” rispose Maria “sta di fatto che ha un sapore schifoso, e non è facile            -“E come già sapete” proseguì Stealth, queste telecamere fanno parte della Intranet
    abbinarla con qualcosa in modo da renderla più appetibile”.                               dell‟ospedale, Intranet nella quale noi sappiamo penetrare per reperire le
                                                                                              informazioni che ci servono. Ora, le telecamere non sono piazzate solo sulle
Io e Zichiricchichì ci scambiammo un‟occhiata a conferma della verità di quanto               stanze dei pazienti, ma, ad insaputa degli stessi dirigenti, sono piazzate su ogni
appena detto da Maria, e cominciammo a riempirci il piatto con il minestrone                  stanza, su ogni corridoio, nei bagni, nei magazzini, nelle sale cultura, negli
preparato, ed andammo poi a sederci ad un tavolo. Avevamo appena cominciato a                 sgabuzzini, dappertutto. Ed è solo il direttore generale dell‟ospedale ad avere la
mangiare, quanto accanto a noi si sedette Mirco, anche lui con il piatto fumante in           password per visualizzarle tutte. Allora, molto semplicemente, ho aspettato che
mano.                                                                                         uscisse dal suo ufficio per recarsi ad una riunione con i suoi pari all‟esterno
                                                                                              dell‟ospedale, sono entrato nel suo ufficio…”
-“Mirco” dissi, “non stavi sorvegliando quell’infermiera, Lucia?”                         -“Sei entrato nel suo ufficio, nell‟ufficio del direttore generale, ma come? È
-“Si!”, rispose, “ma è arrivato Stealth in persona, e mi ha detto di venire a riposarmi       ultraprotetto, come hai fatto?” interruppe affannosamente Mirco, visibilmente
    un po‟, che voleva dare un‟occhiata lui, approfittando del fatto che la ragazza è         sbalordito.
    al lavoro in ospedale.”.                                                              -“Eh, Mirco, concedimi di avere ancora un paio di assi nella manica. Comunque
-“E’ riuscito ad entrare nell’appartamento?” chiesi                                           posso dirti che si è trattato di una circostanza eccezionale, che non credo si
-“Beh, Josè, il sistema d‟allarme è piuttosto elementare, il codice d‟accesso l‟ho            ripeterà più. E‟ effettivamente quasi impossibile entrare nell‟ufficio del
    trovato io già ieri, non è certo un‟abitazione lussuosa, ed anche per questo non          direttore generale”.
    credo possibile che la ragazza nasconda qualcosa, altrimenti appunto il sistema
    d‟allarme sarebbe molto più sofisticato”                                              Lo guardavamo tutti interdetti, ma non era la prima volta che Stealth ci stupiva con
-“Vedremo se Stealth confermerà questa ipotesi” risposi.                                  le sue imprese, per cui restammo in attesa che proseguisse il suo racconto.
-“Non solo la confermo, ma anzi la ragazza si rivelerà particolarmente utile”.
    Stealth era apparso alle nostre spalle silenzioso come sempre, e, cosa che ci         -“Una volta entrato nel suo ufficio, mi sono accorto che il computer era acceso, e
    lasciò a bocca aperta, al suo fianco c‟era proprio Lucia!                                con il programma di visualizzazione telecamere attivo. Sono quindi andato alla
                                                                                             ricerca di Lucia e l‟ho vista nello spogliatoio delle infermiere che parlava con
Impiegammo qualche secondo per riprenderci dalla sorpresa, dopodiché                         una sua collega, molto carina anch‟essa. Adesso non sto a ripetervi per filo e
Zichiricchichì disse:                                                                        per segno tutto quello che si sono dette, sta di fatto che entrambe fanno quel
                                                                                             lavoro per pagare le costose cure che vengono erogate ad un loro genitore in
-“Come mai la ragazza è con te?”                                                             gravi condizioni di salute, nello stesso ospedale. La loro famiglia infatti è
    povera, un rene l‟hanno già venduto, e quindi ad esse non è rimasta altra scelta      riportandoli alla piena efficienza. L‟intera sequenza di operazioni durava due
    se non prostituirsi, anche se in un ambiente così “di classe” per mantenere in        settimane, ed era molto costosa, cosicché l‟ospedale, all‟avanguardia in questo
    vita i rispettivi genitori. Una storia triste e squallida, come ve ne sono a          settore, era frequentatissimo dal gotha della società mondiale. Aggiungiamo poi
    migliaia qui a Rio, ma che perlomeno questa volta potrebbe portarci un qualche        che il clima era caldo e secco tutto l‟anno, ed il bacino di prostituzione su cui
    vantaggio, visto che Lucia, che a questo punto ho contattato di persona, ha           “pescare” smisurato, ed ecco completato un quadro irresistibile per la maggior
    accettato di collaborare con noi.                                                     parte dei ricconi.
                                                                                          Il risultato di queste operazioni faceva sì che ottantenni miliardari sembrassero dei
A questo punto Lucia si fece avanti e, come aveva fatto la prima volta che ci             sessantenni in piena forma, mentre la maggior parte degli abitanti di Rio, a
eravamo incontrati, si chinò per avvicinare il suo viso al mio, e mi disse:               quarant‟anni sembravano già vecchi decrepiti.
-“Il sig. Stealth mi ha parlato molto di te, Josè. Sono felice di fare la tua
    conoscenza”.                                                                          Finito di mangiare mi recai nella sala dei Server. Utilizzavamo tutto hardware
Poi si rialzò, e rivolgendosi a tutto il gruppo, disse:                                   obsoleto, non avevamo assolutamente i mezzi per stare al passo acquistando
-“Sono felice di conoscere anche tutti voi, signori. Circolano delle voci                 l‟ultima generazione, o meglio non avevamo i mezzi per acquistare nulla, ma
    sull‟esistenza di gruppi come il vostro, ma finora non avevo capito se si trattava    questo non era un problema. Infatti le potenze di calcolo degli elaboratori che
    solo di leggende o di realtà. Spero di potervi essere utile.”                         banche e fabbriche varie regalavano quando effettuavano il cambio, era comunque
-“Lo sarai senz‟altro Lucia” rispose Stealth, “adesso vieni che ti faccio fare un giro    più che sufficiente per le nostre operazioni. E poi era il software che faceva la
    e conoscere gli altri”. Poi si girò verso di me dicendo: “Josè, tu aspettami nella    differenza. Lì eravamo aggiornatissimi, anzi, in anticipo rispetto agli enti pubblici e
    sala server tra mezz‟ora, ti devo parlare”                                            privati. Infatti mentre l‟hardware non si può duplicare e rubare facilmente, il
                                                                                          software sì. Il sistema operativo era ovviamente Linux 4.3, anche se il mercato era
Usciti Stealth e Lucia ci guardammo tra noi, finché Mirco disse                           naturalmente dominato da Vindows Omni.
-“Questo è quello che si chiama un classico colpo di scena”                               A parte questo vi era poi tutto un vasto bacino di software “open source” a cui si
-“Beh, comunque sembrerebbe un colpo di scena positivo” replicò Zichiricchichi.           poteva accedere liberamente, legalmente, soprattutto nel mondo Linux. A parte
                                                                                          quindi i programmi di contabilità, che a noi non servivano minimamente, eravamo
Io non dissi niente, la mia mente elaborava freneticamente tutte le ipotesi che           quindi perfettamente equipaggiati. Anzi, alcuni ritocchi e programmini specifici li
potevano stare alla base di questa novità, e cercava altresì di anticipare quello che     creavamo da soli, oppure collaborano virtualmente con altri circoli hacker come i
Stealth mi avrebbe detto da lì a poco.                                                    nostri.
Probabilmente voleva spiegarmi come intendeva impiegare Lucia, avendo questa              Questo collaborazione sul software era uno dei punti positivi a riguardo dei rapporti
accesso quotidiano all‟ospedale e chissà a quali reparti, avrebbe potuto                  tra i vari gruppi. A tutti infatti interessava svilupparsi e aggiornarsi da questo punto
effettivamente rivelarsi preziosa. Ma un‟altra ipotesi si configurava rapidamente         di vista, e quindi gli scambi e le collaborazioni erano piuttosto frequenti. Inoltre il
nei miei pensieri. Immaginandomi uno scenario sul modello di Mata Hari, di cui            software era un terreno neutrale, come la musica, e per consuetudine la solidarietà
avevo letto ovviamente su Internet, mi immaginavo Lucia carpire segreti                   in questo campo era molto radicata e sviluppata.
confidenziali nel ruolo di amante dei vari pezzi grossi che utilizzavano l‟ospedale       Il discorso cambiava se si ricercavano collaborazioni più strette. Infatti, come si era
per le periodiche operazioni di ringiovanimento. Durante queste operazioni tutto il       discusso poco fa con Mirco e Zichiricchichi, si entrava su un campo minato di
sangue veniva filtrato, eliminando i radicali liberi ed altre cellule dannose ed          pseudopolitica, mista con altre componenti quali la religione, la cultura e un
aggiungendo invece globuli rossi, linfociti ed altre cellule utili, veniva poi            mucchio di altre balle, visto che erano tutte semplicemente delle giustificazioni, dei
effettuata una lunga sequenza di aggiustamenti ormonali, e venivano iniettati una         paraventi, dietro i quali si nascondevano le multinazionali, che operavano per
serie di liquidi staminali in dosi microscopiche in determinati punti dell‟organismo.     controllare e tenere divisi i vari gruppi.
Questi liquidi andavano a fissarsi sui tessuti deteriorati circostanti, rigenerandoli e   Mentre rimuginavo su questi problemi, l‟occhio mi cadde su uno dei monitor,
quello relativo al server a cui erano collegate un paio di telecamere ed alcuni         mani in tasca e fischiettare come un monello che l‟ha appena combinata grossa,
sistemi di controllo di irrigazione delle serre, e così vidi l‟avvicinarsi di una       quando vidi una pattuglia di poliziotti avvicinarsi velocemente. Era una pattuglia
colonna di automezzi della polizia da una delle stradine di accesso alla zona           con i rollerblade, che pattinava lungo le stradine che raccordavano l‟interna zona
industriale. Quasi contemporaneamente si senti risuonare per tre volte un breve         industriale, e che in quel tratto correva parallela alla strada, a circa trenta metri di
squillo di sirena, che era il nostro segnale convenzionale di pericolo. In meno di      distanza dall‟acqua.
mezzo minuto la sala server si riempì di una decina di persone, e un minuto dopo        -“Caro Josè, gambe in spalla.” mormorai a bassa voce e cominciai a correre lungo
arrivo di corsa Stealth.                                                                     il bagnasciuga , “ed al diavolo anche i rollerblade!” pensai. Le pattuglie a
                                                                                             rollerblade erano nate a Los Angeles verso gli anni novanta, poco dopo che
-“Presto Josè, c‟è stata una soffiata, sanno che sei qui, e vogliono prenderti.              erano nate la pattuglie in bicicletta. La amministrazioni si erano infatti rese
    Seguimi!”                                                                                conto che per la microcriminalità e la protezione capillare del territorio queste
-“Come una soffiata?”, chiesi cominciando a correre per seguirlo, e poi un sospetto          soluzioni erano ottimali. Comportavano investimenti tutto sommato ridotti,
    mi balenò in mente; “Lucia, non può essere che lei!”.                                    avvicinavano i poliziotti alla popolazione, ed erano un efficace deterrente. La
-“Non lo so, può essere, cercheremo di scoprirlo più tardi, adesso l‟essenziale e che        miniaturizzazione della parte radio inoltre permetteva che il collegamento con
    tu non ti faccia prendere.”                                                              la centrale fosse realizzato con apparecchi molto piccoli e leggeri, che stavano
Mentre scendevamo precipitosamente alcune rampe di scale che portavano ai                    in un piccolo bauletto nel caso delle pattuglie in biciclette, ed in un piccola
depositi sotterranei replicai;                                                               tasca posteriore sul giubbotto delle pattuglie con i pattini. In molte circostanze
“Ma scusa, chi altro vuoi che sia stato, la porti qui e dopo mezz’ora arriva una            queste pattuglie si erano dimostrate più efficaci delle unità tradizionali, con le
   vagonata di poliziotti, magari ha una pulce impiantata a sua insaputa….”                  loro automobili bloccate dagli ingorghi micidiali che sovente paralizzavano le
Continuando a correre agilmente Stealth replicò; “Ma per chi mi hai preso? L‟ho             strade della città. Rio non faceva eccezione, il traffico era intensissimo, la
   passata con lo scanner prima di farla entrare, e non aveva niente, dai entra.” e          microcriminalità elevatissima, e quindi l‟idea era stata replicata con ottimi
   così dicendo sollevò il tombino che chiudeva il condotto di scarico delle                 risultati.
   sostanze reflue di lavorazione che venivano impiegate quando la fabbrica era in      -“Proprio una grande idea” pensai, “e adesso dove vado, sono nettamente più veloci
   funzione. Il condotto terminava su una spiaggetta, più precisamente nascosto da           di me, e avranno già avvisato la centrale della mia posizione, ma come avranno
   una piccola duna di sabbia, finiva esattamente un paio di metri sopra l‟acqua             fatto a sapere che sarei uscito da li, oppure erano lì per caso anche loro?”.
   dell‟oceano. Evidentemente i proprietari avevano pensato bene che quello era il           Correvo come un matto, ma sapevo di avere ancora pochi secondi a
   sistema più spiccio ed economico per disfarsi di sostanze che invece avrebbero            disposizione per farmi venire un‟idea.
   dovuto subire un lungo (e costoso) processo di depurazione per essere rese           Non appena vidi un altro scarico di cemento che fuoriusciva da un‟altra collinetta di
   innocue.                                                                             sabbia, fermandosi ad un metro circa dall‟acqua, non esitai e mi tuffai. Essendo
Ancora una volta mi ritrovai quindi a strisciare carponi, grattando con palmi e         nato e cresciuto a Rio nuotavo ovviamente bene, ed in poche bracciate raggiunsi
ginocchia sul cemento del condotto. Per fortuna si trattava solo di una cinquantina     l‟obiettivo, alzai le braccia aggrappandomi allo scarico e mi sollevai. Era una
di metri. Al termine avevamo fissato anche una scaletta per risalire, in modo che       parola, infilarsi in un tubo orizzontale, del diametro di circa settanta centimetri
non fosse necessario anche il tuffo in acqua, che in quella zona era ancora             posto sopra la testa avrebbe richiesto un sollevamento completo del corpo sino al
fortemente inquinata, nonostante fossero più di dieci anni che l‟intera zona            altezza della cintura, cosa impossibile da fare non potendo allargare le braccia. Con
industriale era stata abbandonata, visto che era stato ritenuto più conveniente         la coda del occhio vedevo che un paio di poliziotti si stavano togliendo i pattini per
impiantarne una nuova di zecca in paesi con manodopera a costo ancora più basso,        fare quei trenta metri di sabbia che li separavano dall‟acqua, mentre altri parlavano
piuttosto che riconvertire quella attuale a tecnologie più “pulite”, come era stato     agli auricolari delle loro radiotramisttenti.
reso obbligatorio dagli accordi Internazionali di Bruxelles del 2006.
Risalii quindi la scaletta e mi ritrovai sulla spiaggetta, stavo già per mettermi le    -“Cristo, mi sto fregando da solo”, pensai, ma mentre dondolavo appeso alla
tubatura mi accorsi che dandomi il più possibile slancio, avrei potuto aggrapparmi          nessuna fotografia, nessun filmato, nessun compitino di classe a loro memoria.
con le gambe a forbice accavallate sul tubo stesso, a testa in giù. Da quella               Il poliziotto si trovava ora proprio sulla biforcazione del condotto, ancora
posizione, dondolandomi e con un notevole sforzo di addominali, mi aggrappai                sufficientemente illuminato affinché potessi vederlo girare più volta la testa e
anche con le braccia. Strisciando con le gambe lungo il cilindro, riportai le gambe         guardare nella mia direzione. Per fortuna il tratto in cui mi trovavo era al buio,
verso il basso lentamente, per non dover sopportare uno sforzo troppo violento nel          trattenni il respiro e rimasi immobile, con il cuore che mi batteva così forte che
momento in cui mi sarei ritrovato appeso nuovamente con le sole braccia. A questo           avevo paura potesse riuscire a sentirlo. Dopo alcuni istanti che mi sembrarono
punto però le mani erano sulla parte superiore del tubo e quindi, facendo appello a         eterni, il poliziotto proseguì nel altro condotto, rimasi comunque immobile ancora
tutte le mie forze, riuscii a sollevare le ginocchia ed a infilarle all'interno del tubo,   un mezzo minuto e poi ricomincia a muovermi, dapprima cautamente, poi sempre
facendo poi entrare il tronco e la testa. Sentivo già il rumore dei poliziotti che si       più velocemente. Il condotto era molto lungo, ed io cominciavo a capire dove sarei
avvicinavano nuotando, mentre io avanzavo carponi il più velocemente possibile              sbucato, e la prospettiva non mi sorrideva per niente; conoscevo bene questo tratto
tenendo la testa piegata verso il basso e gli occhi fissi allo sbocco del tubo per          di spiaggia, dalla zona in cui ero entrato nella tubatura e procedendo paralleli alla
osservare la situazione. Vidi una testa affacciarsi, un uomo di circa quarant‟anni          spiaggia verso nord, si saliva costantemente verso una piccola scogliera, ed infatti
guardare nella mia direzione, fino a che i nostri sguardi s‟incrociarono.                   la pendenza del condotto me lo confermava. La scogliera aveva un altezza sul pelo
                                                                                            dell‟acqua di circa una trentina di metri, quindi assolutamente sufficienti a farmi
-“Fermati, sei in arresto” urlò, poi, visto che io non accennavo ad obbedirgli,             rompere l‟osso del collo se avessi dovuto tuffarmi. Speravo tuttavia che il tubo
     scomparve verso il basso. Probabilmente tentò di ripetere la mia manovra, ma           uscisse diversi metri più in basso, e magari che ci fosse qualche appiglio per poter
     qualcosa dovette andargli male, perché sentii un‟imprecazione ed il rumore di          scendere a mo‟ di freeclimber sino ad un livello che mi consentisse il tuffo in mare.
     un tonfo in acqua. Mentre io continuavo ad indietreggiare, senti il poliziotto         Continuavo ad avanzare carpóni, con le orecchie tese per la paura che il poliziotto
     che urlava al collega; “Provaci tu, io ti tengo sollevato da sotto!”.                  mi stesse inseguendo, ma dopo circa un paio di minuti cominciai a vedere la luce
Continuavo a retrocedere, fino a che mi accorsi che alla mia sinistra si innestava un       che indicava l‟avvicinarsi dell‟uscita, e quindi, dopo un altro mezzo minuto, mi
altro condotto, che ad occhio e croce correva parallelo alla spiaggia. Senza sapere         ritrovai sul limitare del condotto.
bene perché lo imboccai, almeno adesso procedevo in avanti. Dopo aver fatto                 Maledizione! Peggio di quanto temevo, il mare era decisamente troppo distante,
all‟incirca una trentina di metri, senti un secondo poliziotto che avanzava                 non vi era nessun tipo di appiglio per tentare una discesa, e comunque, anche si ci
all‟interno del condotto, imprecando e chiamandomi;                                         fosse stato, sarei dovuto veramente arrivare sino al pelo dell‟acqua, in quanto vi
                                                                                            erano delle rocce affioranti che mi impedivano qualsiasi tipo di approccio violento
-“Fermati bastardo, non farmi sudare, altrimenti quando t‟agguanto ti concio per le         con la medesima.
    feste prima di consegnarti al sergente, tanto nessuno protesterà per la tua sorte,      “Non mi resta che tornare indietro, non ho scelta!” pensai malinconicamente,
    hai capito, fermati maledetto!”.                                                        “spero solo che il poliziotto abbia fatto altrettanto, altrimenti sono veramente nei
Ah certo, non avevo nessun dubbio, mi avrebbe ridotto male senza pensarci due               guai”. Perlomeno la mia stazza mi permetteva, se pur con una certa fatica, di
volte. A Rio la polizia era notoriamente violenta, da almeno trent‟anni e più. Pur di       girarmi su me stesso, per ritornare un po‟ più confortevolmente. Stavo per
mantenere la città “godibile” per ricconi e turisti, non si esitava ad eseguire             terminare la manovra di conversione, quando l‟urlo del poliziotto mi fece rizzare
periodiche “purghe” nei confronti dei bambini e ragazzini senza casa, che vivano            quei pochi peli che mi ritrovato:
unicamente di piccoli espedienti e furti, eliminandoli fisicamente a decine, a              -“Bastardo, ti ho visto, fermati!”
centinaia ogni anno. Molte organizzazioni umanitarie avevano reso pubblico il               istintivamente, mi girai nuovamente verso l‟uscita, in cerca di una qualche
problema, ma tutto quello che erano riuscite ad ottenere era che adesso le uccisioni        disperata salvezza,
venivano eseguite con maggiore “discrezione”. D‟altronde, trattandosi quasi                 -“Credevi di avermi fregato, eh?” urlava il poliziotto, “invece adesso ti darò io una
sempre di bambini e ragazzini non iscritti ad alcuna anagrafe, la loro esistenza era             ripassata che non te la scorderai per un pezzo, schifoso pezzente”.
puramente virtuale, e la loro sparizione non lasciava pressoché nessun segno,               Ansiosamente, diedi una rapida occhiata dietro di me, il poliziotto era circa ad una
trentina di metri, anche se avanzava con una certa calma, sicuro che ormai fossi in     Gabriele urlare;
trappola. Di nuovo guardai in avanti, poi in basso, verso il mare, poi di nuovo in
avanti, Cristo, se solo avessi avuto le ali per volare come quel gabbiano… quel         -“Josè, sali sulla mia schiena subito, devo raddrizzarmi o precipitiamo, muoviti,
gabbiano…ma non sembrava un gabbiano, avanzava velocemente verso di me,                     muoviti, subito!”. Ero caduto sul suo fianco destro, ad arco, con la forza della
Cristo era decisamente troppo grande, e che strani ali…………... Gabrieleeee!                  disperazione alzai una gamba e poi issai il resto del corpo sulla sua schiena,
-“Gabrieeeleeee!” urlai con quanto fiato avevo in corpo, era proprio lui, con il suo        mentre contemporaneamente lui raddrizzava il deltaplano.
    deltaplano blu cobalto con telaio in kevlar, leggerissimo e resistentissimo;        -“Tutto benee?” mi urlò, io aspettai un paio di secondi per tirare il fiato, poi con un
-“Gabrieeleee, ho la polizia alle costole, vieni a prendermiiii!”                           filo di voce biascicai;
Eravamo sempre stati in sintonia, Gabriele era uno spirito libero, di un intelligenza   -“Chiedilo al mio avvocato”, presi un altro respiro e proseguii,
limpida, di un dinamismo totale, ed era sincero ed onesto, oltre che, per mia           -“Per poco non mi ammazzi, ma chi ti ha dato la patente?”
fortuna, un vero appassionato di deltaplano acrobatico.                                 -“Che cosa pretendi, mi scrocchi un passaggio gratis, per poco non mi spappoli la
Fece una virata passando a circa due metri dal sottoscritto, per valutare fino a dove       milza e non mi fai precipitare, te lo mando io il mio avvocato, ti faccio una
poteva spingersi.                                                                           causa tale che ti faccio rimanere in mutande, ma d‟altronde per te non sarebbe
-“Buttati quando te lo dico ioooo” urlò, ed era quanto volevo sentire, con la coda          nulla di diverso dal solito....” terminò ridacchiando di gusto.
    dell‟occhio notai che il poliziotto era ormai ad una dozzina di metri, e
    continuava ad inveire nei miei confronti.                                           Ma già non lo stavo ascoltando più, pensavo alla possibilità che il poliziotto
-“Non fare cazzate, fermati, non hai scampo” urlò, ma io avevo occhi ed orecchi         avvertisse via radio i colleghi della situazione, ma con un sospiro di sollievo
    ormai fissi sulla virata che stava compiendo il deltaplano, con quelle ali a        ricordai che i sofisticati apparati di telecomunicazione erano troppo costosi per il
    freccia, con corda alare ampia sulla “fusoliera” ed a decrescere vistosamente       Comune di Rio, che quindi era ripiegato su apparati più semplici, che non
    verso l‟esterno, ed un con leggero diedro positivo per aumentarne le                consentivano a persone sotterrate dentro una conduttura di comunicare, sarebbe
    caratteristiche di manovrabilità, e speravo che la bravura di Gabriele non          stato quindi costretto a tornare indietro ed uscire, quindi avevamo alcuni minuti di
    venisse meno proprio questa volta, perché era in pericolo la mia stessa vita, ma    vantaggio.
    probabilmente anzi sicuramente anche Gabriele ne era conscio, descrisse un          -“Vola più basso che puoi, cerchiamo di non farci vedere, tantomeno dai radar”
    ampio cerchio con le ali che man mano si inclinavano perpendicolarmente al              urlai a Gabriele, “e dirigiti al nostro molo nel vecchio porto”.
    terreno, e che avrebbe quindi dovuto concludersi sulla mia verticale, ali           -“Sissignore, signorsì” rispose prontamente Gabriele, “però raccontami cosa è
    parallele alla scogliera, ma non più di un metro e mezzo dalla medesima.                successo intanto”.
-“Tieniti prontoo!” mi urlò mentre si trovava a circa trenta metri da me, mi voltai
    ancora una volta per vedere il poliziotto a meno di cinque metri da me,             Anche se ero certo di potermi fidare ciecamente di lui, partii direttamente
-“Muovitiii” urlai, sporgendomi il più possibile verso l‟esterno, e nemmeno un          dall‟incursione della polizia nella nostra sede, raccontandogli che probabilmente
    secondo dopo lo sentii urlare “Ora!”, e mentre mi immaginavo il poliziotto          era una delle tante operazioni di facciata miranti a ripulire un po‟ il quartiere da
    allungare il braccio per afferrarmi, mi lasciai cadere, con le braccia              quelli che come noi erano considerati semplicemente “elementi destabilizzanti”, e
    spasmodicamente aperte, per afferrare il bozzolo di tessuto in policarbonato        di come credessi di avere trovato scambio nelle conduttore di scarico dei liquami
    che racchiudeva il corpo di Gabriele.                                               industriali.

Il mio salto durò credo circa un metro, ma l‟impatto fu ugualmente molto violento       -“I liquami, una vergogna nella vergogna.”, commentò allora amaramente. “In
(poi calcolai che l‟impatto era avvenuto a circa 18 Km/h), per poco non svenni,             quella zona industriale non solo si scaricavano a mare le sostanze inquinanti
credo che solo l‟istinto di sopravvivenza mi impose di stringermi affannosamente            peggiori, ma pure la produzione procedeva grazie allo sfruttamento massiccio
come un cucciolo di Koala alla schiena della madre, mentre udivo indistintamente            del lavoro minorile. In barba a tutte le convenzioni del mondo infatti, dentro
     quelle fabbriche maleodoranti lavoravano migliaia di bambini”.                       consumatore comprava a 100 dollari, l‟operaio indonesiano che le produceva
Gabriele non solo era intelligente, ma aveva un‟ottima memoria, ed era                    veniva pagato 0,14 dollari, cioè lo 0,14% del prezzo di vendita, mentre uno “sporco
preparatissimo sul tema, essendo un volontario di una delle tante ONG che da              negro” come il campione sportivo Micheal Yordan veniva pagato 20 milioni di
decine di anni operavano in Brasile ed a Rio in particolare. Si riferiva naturalmente     quegli stessi dollari per fare pubblicità; in definitiva, con il 15% di quanto la Mike
alla convenzione 138 siglata nel 1973 dall‟Organizzazione Internazionale del              spendeva in pubblicità, avrebbe potuto raddoppiare i salari dei suoi lavoratori
Lavoro, che proibisce il lavoro ai minori di 15 anni, Ed i bambini di Rio a cui           indonesiani.
faceva riferimento erano naturalmente solo una piccola parte di quei 150 milioni          Una volta Gabriele mi aveva regalato un fazzoletto di seta;
che verso la fine del II° millennio contribuivano in misura determinante a                -“Tieni”, mi disse “era un regalo di mia madre, se l‟era potuto permettere vent‟anni
permettere un elevatissimo stile di vita ai paesi ricchi.                                     fa in quanto i prezzi erano stracciati grazie ai bambini indiani che lavoravano
In quegli anni i mass media ogni tanto ne parlavano, badando bene però di                     dalle 7 di mattina alle 9 di sera a bollire i bachi e a filare la seta, scottandosi di
effettuare le trasmissioni di approfondimento sempre verso la mezzanotte, in modo             rovente.”
da non turbare l‟animo del popolo benpensante. In definitiva quindi poco si fece per      -“Le loro braccia” concluse amaramente Gabriele, “così ruvide e rovinate, non
i bambini che facevano gli spaccapietre in India, rischiando di diventare ciechi per          somigliavano per niente alla seta che producevano.”
la polvere ed il riverbero, o per quelli che lavoravano senza protezione nei 50 gradi
centigradi di una vetreria indonesiana, per quelli che morivano manipolando               Questa breve conversazione era servita a farci dimenticare lo stress violento che
pesticidi nelle piantagioni di banane in Centroamerica, di thè in Bangladesh, Nepal       entrambi, sebbene non volessimo ammetterlo, avevamo subito poco prima,
e India, oppure per coloro che lavoravano nelle concerie con mani e piedi nudi            facendoci giungere a destinazione più rilassati.
immersi nei prodotti chimici in Egitto, Brasile, India o nel Sud-Est asiatico, o per i    Il deltaplano era per Gabriele il modo per rilassarsi e dimenticare per qualche
piccoli Cinesi, Thailandesi o Indonesiani che producevano l‟80% dei giocattoli di         minuto le condizioni in cui lavorava presso la sua ONG di volontariato. Non
tutto il mondo (per i loro “colleghi” benestanti), sempre a contatto con la plastica      avrebbe mai speso soldi per comprarselo, gli era semplicemente stato regalato da
infiammabile, in ambienti surriscaldati, con poco cibo e dormendo in                      una famosa fotomodella brasiliana che si era innamorata di lui quando ancora era
capannoni-ghetto.                                                                         sconosciuta e povera. Lei era stata più fortunata di tantissimi suoi coetanei, nati
Ma quello che mi faceva impazzire particolarmente al solo pensiero erano i tappeti;       poveri e diventati schiavi di persone senza scrupoli che facevano da intermediari
circa un milione di bambini tessevano tappeti su decine di migliaia di telai sparsi fra   per procurare mano d'opera da impiegare a costo zero. Sotto questo aspetto il
il Pakistan, l‟India e il Nepal. I bambini erano preferiti non solo per via delle         Brasile era in ottima compagnia, già nei primi anni del 2000, Nel mondo ci sono 27
piccole dita molto adatte al lavoro, ma anche perché gli adulti non erano disposti a      milioni di persone che lavorano in regime di schiavitù, cioè senza ricevere nessuna
farsi sfruttare proprio sino all‟osso, mentre loro venivano prelevati da lontani          retribuzione oppure obbligati a pagare per estinguere i debiti contratti con il datore
villaggi con l‟inganno di buone prospettive e con la corresponsione di un anticipo        di lavoro. In Brasile, il 20% dei bambini tra i 5 e i 17 anni, sono sfruttati dal mercato
agli ignari e poverissimi genitori, venivano imprigionati in stanzette anguste, con       il lavoro, ed è il terzo Paese al mondo con il maggior numero di lavoratori
poca luce, a rovinarsi ossa e vista dietro un telaio fabbricando nodi su fili ben tesi,   minorenni. Lo stesso Brasile ha abolito la schiavitù solo nel 1988. La tecnica
dormendo poi negli stessi locali in mezzo alla polvere, malnutriti naturalmente, e        standar è adescare il soggetto promettendogli un salario minimo molto elevato; poi,
quando si tagliavano le dita, la ferita veniva bruciata con un fiammifero per non         una volta arrivati nel luogo di lavoro, si scopre che il costo del alloggio e del cibo
sporcare i tappeti di sangue. E questo per dei prodotti che potevano benissimo            sono più elevati del salario, e quindi a fine mese il lavoratore è in debito con il suo
essere fatti a macchina, e che comunque, nelle case dei ricchi, servivano solo a          datore di lavoro o con l'adescatore, debito che aumenta di mese in mese. Il luogo di
diventare un ricettacolo per la polvere, ma niente paura, tanto c‟erano le filippine      lavoro diventa così un campo di concentramento, e chi tenta di fuggire senza prima
per pulire……                                                                              aver estinto il debito, spesso paga con la vita.
Emblematico poi fu il caso di una famosissima ditta produttrice di scarpe da
ginnastica, la Mike, per la quale fu calcolato che per ogni paio di scarpe che il         Atterrammo in un magazzino non più utilizzato nella zona del porto vecchio, e da lì
ci recammo nella vicina sede dell‟ONG in cui lavorava Gabriele, dotata di alcuni
vecchi computer, avuti naturalmente in regalo da qualche azienda privata. Volevo
mettermi al più presto in contatto con Stealth, fargli sapere che stavo bene, e sapere
cosa era successo nella nostra sede.
Poiché c‟era sempre il pericolo che gli ISP tracciassero la provenienza di eventuali
conversazioni, io e Stealth, così come molti altri di noi, avevamo escogitato un
sistema banale ma efficace per scongiurare il pericolo. Ci collegavamo con uno dei
tanti siti che offrivano servizi di chat (cambiandolo ovviamente ogni mese), e ci
inserivamo nella conversazione con dei soprannomi, ed usando una terminologia
che mascherasse la realtà. Veramente moltissime chat in realtà erano col tempo
diventate delle “videochat”, visto che l‟uso delle webcam era ormai endemico
(gran parte delle famiglie occidentali benestanti ne piazzava una in ogni stanza, nel
garage, in giardino, in soffitta, in modo da poter tener sotto controllo l‟abitazione in
ogni momento, sia dal lavoro, sia con i vari palmari, che integravano naturalmente
le funzioni di telefoni cellulari, televisioni portatili e computer), ma in altrettanti
siti web la chat era rimasta di puro testo, molto più intima ed accattivante, che
lasciava ampio spazio all‟immaginazione ed alle sorprese. Oddio, non che fossero
sempre sorprese gradite; sin dalla fine del secolo scorso erano cominciati gli
episodi di minorenni che avevano subito abusi sessuali da parte di adulti che li
avevano adescati tramite le chat. Dopo alcuni anni e centinaia di casi denunciati, si
era tentato di trovare una soluzione legale che imponesse ai gestori dei siti di far
partecipare ai servizi di chat solo utenti che si registravano tramite la firma digitale,
in modo che i dati anagrafici dichiarati rispondessero a verità. Ma la cosa non ebbe
successo, nessuno voleva mettersi così allo scoperto, e spontaneamente nacquero
migliaia di siti che semplicemente non aderivano alla legislazione, e che cercare di
eliminare sarebbe equivalso allo cercare di svuotare l‟oceano con uno scolapasta.
La gente chiaramente per certe cose avrebbe sempre voluto l‟anonimato, e dove c‟è
domanda, l‟offerta si presenta di conseguenza.
Mi collegai quindi al sito di chat in uso nel mese presente, e digitai la mia frase
d‟ingresso per farmi riconoscere da Stealth:
-“Cappuccetto Rosso è tornato, ci sei, nonnina?”
CAPITOLO III                                                                                 Vehicle”, che funzionavano prevalentemente ad energia solare mista con la
                                                                                             tecnologia delle celle di combustione ad idrogeno. Autovetture silenziose,
Sapevo che, se Stealth era libero di colloquiare, non avrei dovuto aspettare molto; il       confortevoli, “pulite”, ma con il non irrilevante difetto di costare una barca di
firmware che gestiva le chat sul suo palmare dava la possibilità di emettere una             quattrini, ed in Brasile, e Rio non faceva eccezione, il reddito medio giornaliero
chiamata vocale quando riconosceva determinate parole chiave, nel caso                       di cinque dollari non consentiva certo l‟acquisto di tali vetture, e quindi quelle
“Cappuccetto Rosso”, e quindi a quel punto era sufficiente che Stealth usasse il             tradizionali a benzina erano rimaste perfettamente legali.
microfono del suo vivavoce pronunciando la parola “rispondi”, seguita dal testo
oggetto della risposta stessa, dal momento che lo stesso software eseguiva il            -“Sali Josè, abbiamo del lavoro da fare”; prima che potessi replicare qualche cosa
riconoscimento vocale e provvedeva ad inoltrare il messaggio alla chat.                      Stealth proseguì:
Dopo pochi istanti infatti vidi comparire sullo schermo la sua risposta;                 -“Non so se abbiano scoperto qualcosa, o se hanno semplicemente dei sospetti, in
-“Sei riuscito a sfuggire al lupo cattivo, Cappuccetto Rosso?”                               ogni caso conviene a tutti che acceleriamo al massimo i tempi di realizzazione
A questo punto sarebbe parso logico rispondere affermativamente, ma io e Stealth             del progetto “Confraternita”.
avevamo pensato che, nell‟eventualità fossi stato catturato e costretto a collegarmi     Il progetto “Confraternita” era banale e semplice; creare una specie di governo
era opportuno trovare un sistema per comunicare la mia situazione, e quindi              costituito dai rappresentanti delle varie fazioni dei no global, in modo da unire le
avevamo optato di rispondere, in situazione di totale assenza di pericolo,               forze e lavorare con degli obiettivi comuni. Infatti, come io ed Enrique avevamo
all‟incontrario;                                                                         detto nel nostro ultimo colloquio, le varie fazioni erano tutt‟altro che amiche tra di
- “No, sono stato catturato e sta cucinandomi a dovere”, frase che ovviamente non        loro, al limite c‟erano delle alleanze temporanee, finalizzate per lo più a colpire
mi sarebbe mai stata fatta pronunciare se fossi stato effettivamente prigioniero di      un‟altra fazione, e i timidi tentativi che qualcuno aveva fatto per creare delle unioni
qualcuno.                                                                                erano sempre falliti per la diffidenza reciproca.
Ovviamente a questo punto il dialogo proseguiva a tono:                                  -“E che cosa significa nella pratica?” chiesi allora.
-“Ah si, ed in quale cucina ti troveresti allora?”                                       -“Significa che abbiamo un appuntamento a Dreamworld”.
-“Sono in quella della buona Aquila Reale”, era così che ci riferivamo a Gabriele,
     naturalmente per via della sua passione al volo.                                    Dreamworld, il “mondo dei sogni”, era l‟ultimo sviluppo che il progresso di
-“Va bene, allora tra poco passerò anch‟io per uno spuntino”                             Internet aveva portato, l‟evoluzione delle chat fusasi con le videoconferenze, la
-“D’accordo, ti lascerò qualcosa in caldo”                                               realtà virtuale e la tecnologica degli elettrodi sensori. In pratica si indossava un
                                                                                         caschetto nella cui parete interna erano collocati una serie di sensori che toccavano
Era un frasario abbastanza semplice, e tenendo presente che esistevano almeno            la testa dell‟individuo, in grado di rilevarne i deboli impulsi elettrici che noi tutti
cinquecentomila siti web dedicati alle chat, era estremamente difficile venissimo        produciamo ogniqualvolta pensiamo di svolgere una qualsiasi operazione fisica o
intercettati, ed anche in tal caso, chi poteva sapere dove si trovava l‟“Aquila          mentale. Tale tecnologica era nata verso a cavallo tra il II ed il III millennio per
Reale”? A dire il vero sarebbe stato tecnicamente possibile se l‟ISP avesse voluto       aiutare i tetraplegici a diventare il più possibile autosufficenti comandando con tale
collaborare con le autorità, ma naturalmente noi sceglievamo solo ed                     caschetto il computer, che a sua volta veniva collegato a tutti gli elettrodomestici e
esclusivamente quelli che facevano parte del mondo No Global, di cui noi stessi          apparecchi vari, dimodochè l‟individuo potesse telefonare, aprire/chiudere porte e
facevamo parte.                                                                          finestre, accendere e spegnere televisione, radio, forno, regolare il termostato ecc.
Circa venti minuti dopo vidi arrivare Stealth sulla sua inconfondibile coupè nera,       ecc. senza fisicamente toccare nulla, ma semplicemente pensando. Era necessario
un duemila turbo 20 valvole, 200 cavalli alimentata con benzina senza piombo.            semplicemente un breve periodo di messa a punto, dal momento che, come per le
                                                                                         impronte digitali, ogni individuo produceva impulsi elettrici con una
-“Alla faccia delle ZEV” pensai io; In gran parte delle città USA ad elevato traffico    personalissima struttura, per far sì che il computer riconoscesse i vari comandi, ma
   stradale avevano abilitato alla circolazione ormai solo le “Zero Emission             dopo di ciò, comandare il computer e tutti i meccanismi ad esso collegati con la
solo forza del pensiero diventava banale, anche se in realtà si trattava della             abitualmente a Dreamworld.
realizzazione di un sogno vecchio quanto l‟uomo, quello di agire semplicemente             In breve tempo erano nati i primi abbozzi di comunità virtuali, con le proprie
con il pensiero.                                                                           banche, assicurazioni, negozi, ed ogni genere di servizio l‟utente potesse
La progressiva messa a punto di tale tecnologia aveva permesso il realizzarsi di           desiderare. Da qui all‟introduzione di una rappresentazione grafica dell‟utente il
“Dreamworld”.                                                                              passo era stato breve, e dipendente solo dalla potenza elaborativa delle macchine e
Si indossava quindi il caschetto, collegato al computer, ci si collegava al sito           dallo sviluppo del software relativo, e questi a loro volta erano collegati ai
Internet di Dreamworld, e si era pronti per entrare in tale nazione virtuale. Ogni         finanziamenti degli sponsor, che naturalmente avevano fiutato velocemente
partecipante si sceglieva un proprio avatar, modellandone sino ai minimi dettagli          l‟opportunità e si erano buttati a pesce nel nuovo business, pubblicizzando i
anche l‟aspetto fisico, visto che, tramite un semplice software era possibile              vantaggi che tali comunità offrivano.
scegliere statura, tipo di corporatura, colore dei occhi, dei capelli, acconciatura,       Il passo finale era stato compiuto da un gruppo eterogeneo di persone, composto da
abbigliamento ecc., sino a comporre il proprio alter ego desiderato. A                     idealisti, filosofi, esperti programmatori, semplici appassionati e cittadini comuni
“Dreamworld” quindi si incontravano perlopiù delle figure che erano vie di mezzo           che, perseguendo un idea di nazione con democrazia e vita sociale perfetta avevano
tra atleti di ginnastica artistica e divi del cinema, e ragazze per lo più di 20-25 anni   fondato appunto un‟entità virtuale, chiamata enfaticamente “Dreamworld”. In tale
con fisici statuari.                                                                       nazione erano stati inseriti i migliori concetti e le migliori idee del vivere sociale,
Le persone virtuali che abitavano a Dreamworld, nella loro realtà fisica in carne ed       adattati opportunamente ad una realtà virtuale.
ossa, erano persone che avevano la possibilità di limitare totalmente o quasi il           Si partiva con una democrazia diretta e paritetica. Governo e Parlamento erano
contatto con il mondo reale. Si trattava quindi, oltre ad una piccola percentuale di       figure con compiti meramente organizzativi e propositivi, ogni decisione veniva
benestanti e/o figli di benestanti, di soggetti che svolgevano lavori presso la loro       presa con referendum elettronico, per cui ogni abitante di dreamworld aveva un
abitazione, e quindi in gran parte legati già comunque al mondo dell‟informatica;          voto, e quasi ogni giorno esprimeva il suo parere su uno o più questioni che
programmatori, sistemisti, disegnatori ed animatori CAD, ingegneri elettronici,            sorgessero. Dreamworld effettuava i propri acquisti e cedeva i propri servizi e
fisici teorici, ed ogni altra categoria il cui lavoro non si estrinseca nella              prodotti (naturalmente prevalentemente informatici) in maniera unitaria, sfruttando
manipolazione di oggetti fisici, bensì nello rimanere seduto davanti a tastiera e          quindi al massimo un discreto potere di trattativa commerciale, ed aveva raggiunto
monitor per elaborare e studiare dati. Non che in questi tipi di lavoro ci fosse nulla     in pochissimo tempo i diecimila abitanti. Poi la crescita era rallentata, ma
di male ovviamente, il problema consisteva nel fatto che lo scambio di                     proseguiva comunque costantemente, ed attualmente erano circa sessantamila.
comunicazioni si era spostato sempre più su canali informatici, iniziando appunto          Riprendendo l‟esempio di Cutiriba, la città brasiliana che verso la fine del
con le e-mail, le chat, i newsgroups; un po‟ alla volta lo spettro di ciò che si poteva    millennio era diventata l‟ecocittà modello, avevano messo in comune le loro
fare con il computer si era ampliato, dal fare la spesa comprensiva del trasporto          biblioteche, convertendo anche quelle cartacee in digitali per poter riciclare la
presso il proprio domicilio ad ottenere documenti, con l‟importantissima                   carta, e provvedevano ad un efficientissimo servizio di raccolta dei rifiuti già
introduzione della firma digitale, e quindi in un colpo solo si erano eliminate le         selezionati. Anzi, proprio come a Cutiriba, chiunque portasse presso i loro sportelli
necessità di contatti con banche, assicurazioni, enti pubblici ecc. Nel frattempo          2 Kg di materiale riciclabile già suddiviso, riceveva in cambio 1 Kg di frutta e
anche la telemedicina aveva compiuto notevoli progressi, non solo nel settore della        verdura.
comunicazione tra medici, con l‟invio di radiografie, TAC, RMN e moltissimi altri          Dreamworld aveva anche una propria valuta, e questa ovviamente, riprendendo
referti per via digitale, ma anche nei riguardi del rapporto medico/paziente. Molti        moltissimi filoni futuristici, veniva chiamata semplicemente “credito”. Un credito
strumenti erano nati per la telediagnosi, ed il numeri di esami che richiedevano una       era l‟equivalente di un kilowattora, ed era facile intuire il perché, dal momento che
presenza fisica presso un ambulatorio si riduceva costantemente. Questo non                l‟energia elettrica era in assoluto il bene più prezioso per qualsiasi società che
significava certamente che fosse tutto risolvibile da casa, moltissimi esami               volesse svilupparsi.
richiedevano ancora la presenza in strutture ospedaliere, ed in effetti tali momenti       E naturalmente creare energia elettrica per tutti non era mai stato semplice, il
erano pressochè gli unici per monitorare la vita di quei soggetti che risiedevano          fabbisogno cresceva ad un ritmo sempre superiore rispetto alle capacità produttiva.
L‟avvento dei reattori nucleari sembrava aver portato la soluzione, ma i pericoli e     frequente questa apparecchiatura. Il casco incorporava un display pieghevole di
gli incidenti occorsi, come quelli di Three Mile Island del 1979 e Chernobyl del        ultima generazione, in pratica la parte anteriore del casco era display. Avendo
1987, avevano spento gli entusiasmi. I rischi connessi con l‟utilizzo della             questo una forma curva, sferica, dava un illusione completa di avere davanti un
tecnologia a fissione erano troppo elevati, semplicemente non ci si poteva              panorama vero, non artificiale, dal momento anche che la risoluzione era
permettere che accadessero incidenti, in quanto le conseguenze, cioè la                 elevatissima e venivano impiegati 256 milioni di colori. Pochi istanti dopo una
radioattività, sarebbero durate migliaia di anni.                                       schermata azzurrina si accese, poi la scritta bianca lampeggiante “connecting” e un
Ma la fame di energia era tale che ci si bendava sovente gli occhi di fronte ai         paio di secondi dopo eccoci all‟interno della piazza centrale di Dreamworld, il
pericoli. Persino nella vecchia Europa, più precisamente nell‟Unione Europea che        luogo che il software di collegamento aveva impostato di default per l‟ingresso.
verso la fine del XX secolo sembrava aver messo al bando la tecnologia dei reattori     Guardai alla mia destra e vidi Stealth, la sua immagine virtuale non era molto
nucleari a fissione, si era ripreso a costruirle, in Finlandia, o a non dismetterle,    distante da quella reale, semplicemente si era tolto una trentina d‟anni, era vestito
soprattutto nei paesi dell‟est, anche se tali centrali erano classificate come          con indumenti di pelle nera lucida, con uno stile di abiti che ricordava quello delle
pericolose. D‟altronde l‟UE, negli anni a cavallo del duemila, importava il 50% del     corti francesi del XVII secolo.
proprio fabbisogno, ed il costo di un kilowattore nucleare costava meno della metà      -“Stai molto bene così vestito!”, gli dissi
di quelli tradizionali.                                                                 -“Si, mi piace, e tu, ti piace il look che ti ho scelto per questa passeggiata?”
La stessa fame di energia aveva spinto la Cina a devastare un'intera regione,           Mi guardai in basso, i pantaloni, le maniche, poi mi avvicinai alla vetrina più vicina
costruendo la diga più grande del mondo, con la creazione di un bacino artificiale      per dare uno sguardo a tutto l‟insieme.
che aveva sommerso intere comunità prima residenti, che erano state fatte sloggiare     -“Hey, sembro un californiano di Venice Beach a caccia di ragazze”, dissi, “sono
senza tanti complimenti ne tantomeno rimborsi di alcun tipo. D'altronde la Cina             alto, atletico, abbronzato, pantaloni al polpaccio larghi, camiciona a mezze
non era certo famosa per il rispetto dei diritti umani, ma tant'è, il suo mercato era       maniche a fiori, berrettino con la visiera al contrario, occhiali da sole molto
talmente appetibile che la comunità internazionale aveva sempre fatto orecchie da           “cool”.
mercante, chiudendo un occhio e avendo cieco l'altro.                                   -“Eh si, un look che va molto da queste parti”, mi rispose Stealth.
Dreamworld era quindi una nazione che rasentava la perfezione, al suo interno ci si     -“Però io al fianco tuo sembro lo scemo del gruppo, il tuo look è molto più, come
muoveva senza nessun mezzo di trasporto, oppure con mezzi di trasporto virtuali,            dire, alla Matrix.”
che non producevano inquinamento né acustico né chimico. Non esistevano                 -“Beh, cosa vuoi, quel film lì l‟ho visto io prima, e quindi è giusto che abbia
individui vecchi, malati, poveri, disoccupati, ladri, non c‟era violenza, scioperi,         l‟esclusiva di copiatura, se così si può dire”.
rivolte, tumulti, non c‟erano prigioni, cimiteri. Tutto gli edifici erano bellissimi,   Terminò la frase con una sonora risata, quando rideva di gusto sembrava veramente
colorati, luminosi, insomma Dreamworld era una trasposizione moderna del paese          tornasse bambino per un attimo, lo stress e le preoccupazioni venivano annullate
delle fiabe di Alice.                                                                   per quei brevi istanti, il viso gli si rilassava, gli occhi brillavano, anche se subito
                                                                                        dopo ritornava il velo di tristezza che sempre accompagnava ogni suo sguardo.
Ero ancora assorto in queste riflessioni quando mi accorsi che stavamo arrivando in     Riprese infatti immediatamente:
uno dei locali attrezzati per il collegamento a banda larga e con l‟hardware            -“Stavo rispondendoti prima che so dove trovare i nostri interlocutori, ma questi in
necessario per “entrare” in Dreamworld.                                                     realtà sono solo degli intermediari, dei portavoce, dei diplomatici diciamo, che
-“Indossa il tuo casco Jose”, mi disse Stealth mentre si preparava ad indossare il          risiedono più o meno stabilmente qui a Dreamworld per diversi motivi. Uno di
    suo.                                                                                    questi motivi è di cercare di carpire e sfruttare il prima possibile le innovazioni
-“Ma sai già dov’è il luogo dell’appuntamento, e con chi ci incontreremo?” chiesi.          tecnologiche che qui a Dreamworld vengono studiate e perfezionate con
-“Te lo spiego man mano che procediamo, avanti.” E così dicendo si infilò con un            maggiore frequenza che in qualsiasi altro luogo “reale” del mondo, il secondo è
    movimento rapido e deciso il casco.                                                     appunto la facilità di mantenere contatti assolutamente anonimo con gli altri
Io feci altrettanto, in maniera un po‟ più impacciata, in quanto non utilizzavo di          gruppi di No Global o altre organizzazioni in generale.
    Ora, noi ci incontreremo con questi emissari, e cercheremo di stabilire un luogo       -“In pratica quindi l’elite bianca dei paesi ricchi si è creata un suo ambiente
    ed una data per un incontro reale.                                                         ideale, se pur virtuale, all’interno di Dreamworld” continuai io
-“Già”, continuai io, “non possiamo fidarci degli incontri virtuali, in quanto non         -“Già”, proseguì Stealth, “i governi dei paesi ricchi non si sono mai preoccupati
    sappiamo realmente con chi abbiamo a che fare”.                                            molto del calo delle nascite, in quanto questo veniva ampiamente compensato
-“Esatto!”, “Non solo non sappiamo chi realmente si cela dietro al suo avatar                  dall‟immigrazione, e per loro, sfruttare una popolazione bianca o nera non
    virtuale, ma al contrario abbiamo già forti sospetti che ci siano degli infiltrati,        cambia minimamente. Negli ultimi decenni vari movimenti hanno cercato in
    delle spie, al soldo delle multinazionali o dei governi che non ci vedono di buon          più riprese di alzare il livello di aiuto e di agevolazione per la famiglia, ma non
    occhio.”                                                                                   ci sono mai riusciti, quello che veniva dato con una mano veniva tolto con
-“Senti Stealth”, lo interruppi, “ho notato che la stragande maggioranza degli                 l‟altra.
    avatar qui presenti hanno la pelle chiara, ci sono pochi mulatti e praticamente        -“E’ logico”, ribattei, “per le multinazionali che foraggiano i vari governi, non ha
    nessun uomo di colore, come mai?”                                                          nessuna rilevanza la razza dei loro clienti, basta che paghino, e tanto meglio se
-“Davvero non ci arrivi da solo?” mi rispose                                                   il loro livello di alfabetizzazione e cultura è basso, così si manovra ancora
-“Beh, vediamo, adesso che ci penso, stando a quello che mi hai detto, dal momento             meglio il popolino. Quindi paradossalmente hanno avuto tutto l’interesse a
    che dietro ad ognuno di questi avatar ci sta una persona che deve comunque                 non alzare il livello di sussidio per le famiglie bianche ad avere figli, tanto ci
    mantenersi con un lavoro, o perché è già possidente, devo presumere che la                 pensavano le nuove famiglie immigrate a rimpinguare la popolazione, e queste
    maggior parte siano persone appartenenti alle classi abbienti, il che significa            famiglie non si facevano molte domande come consumatori, d’altronde per
    automaticamente che il 90% di essi sono per forza dei bianchi.”                            loro, passare da una miseria quasi totale all’abbondanza dei paesi ricchi era
-“Esatto! Negli ultimi cinquant‟anni il tasso medio di natalità nei paesi ricchi è stato       già un traguardo enorme, per cui, cosa importa se la carne era piena di
    bassissimo, mentre nei PVS è stato altissimo, e la massiccia emigrazione ha                ormoni, antibiotici e metalli pesanti, se frutta e verdura non sapevano di niente
    contribuito a mescolare al massimo la popolazione, col risultato che in tutti i            ed erano ugualmente adulterate…..sempre meglio che morire di fame no?”
    paesi ricchi vi sono ora numerosi gruppi di stranieri. Quasi tutte le nazioni          -“Si, Josè, comunque ridendo e scherzando siamo arrivati, entriamo”
    ricche del mondo, tutte prese a perseguire il modello di sviluppo consumistico,
    hanno determinato un ambiente altamente sfavorevole allo sviluppo della                Eravamo arrivati di fronte ad un bar, con un insegna costituita da un display che
    prole, che diventa in pratica un costo, un notevole costo economico. Dopo la           alternava spezzoni di videoclip con effetti ipnotici di colore e effetti sonori che si
    rivoluzione sessuale ed il movimento hippy degli anni „60-‟70, le donne,               sprigionavano da chissa dove. Nel momento in cui ci accingevamo ad entrare, stata
    diventate economicamente indipendenti, hanno chiuso il cerchio, facendo                trasmettendo l‟ultimo videoclip musicale di Britney Spears, che questa volta si era
    entrare le società ricche in un circolo vizioso di egocentrismo/edonismo, con la       messa in coppia con l‟eterna rivale Cristina Aguilera. Non erano più le ventenni
    ricerca del piacere a tutti i costi, con la corsa all‟accaparramento dei beni          degli esordi, ma la vita sana che conducevano, la cura della loro persona, il trucco
    voluttuari, la ricerca dei piaceri effimeri, il bisogno di sensazioni sempre           giusto, le luci e qualche piccolo ritocco al computer le faceva apparire ancora tali,
    nuove. In una società del genere, giocoforza economicamente molto                      per la gioia dei loro fans e delle case discografiche, e l‟invidia di chi invece viveva
    pretenziosa, il bambino diventa una notevole fonte di costo, in quanto la              nel mondo dei poveri ed invecchiava precocemente.
    pubblicità impone che egli debba essere dotato di una serie infinita di sussidi
    alimentari, ludici, generi di conforto ecc., ma non solo, diventa soprattutto un       Una volta entrati Stealth mi guidò verso la parte più interna del locale, nella quale
    divoratore di tempo libero dei genitori, che non possono più quindi conformarsi        vi erano numerosi biliardi, e ci fermammo ad osservare due tavoli con quattro
    con quello che sempre il modello dei mass-media propone, o meglio, si                  giocatori ognuno. Dopo alcuni istante uno dei giocatori chiese a Stealth se
    stressano il più non posso per seguire sia il modello “giovani, belli e gaudenti”,     volevamo giocare.
    sia quello di “genitori premurosi ed affidabili”, coinvolgendo naturalmente in         -“Certamente!” rispose Stealth, e senza perdere tempo prese una stecca e si
    questo gioco al massacro anche i figli.                                                    appoggio sul tavolo. Solo che anziché puntare sulla pallina bianca, puntò
     direttamente su quella con il numero uno, e con un rapido colpo la spedì            avevano fatto un ottimo lavoro, sembrava di trovarsi all‟interno di una specie di
     direttamente in buca.                                                               labirinto del Minotauro, in versione elettronica scintillante. Subito davanti a me vi
Era un tiro assolutamente irregolare, ma era anche il segnale di riconoscimento e di     era una roccia, con una scritta scolpita, anzi meglio, ogni singola lettera emergeva
via libera concordato. Infatti i giocatori di entrambi i tavoli smisero di giocare, e    per un breve istante dal fondo, per poi rientrare velocemente mentre la lettera
tutti assieme ci avviammo a dei tavolini lì vicino e ci sedemmo.                         successiva continuava il ciclo, il tutto senza soluzione di continuità. Bisognava
-“E‟ lui Stealth?”, chiese uno di loro                                                   quindi concentrarsi un po‟ per interpretare la successione di caratteri; aspettai
-“Si, non posso dire in carne ed ossa, ma è lui, come vi proverà tra poco”               quindi che il ciclo raggiungesse la fine, e quindi ripetei ad alta voce le lettere che si
-“Bene Josè”, riprese il tipo, “io mi chiamo Oscar, Stealth ci ha parlato molto di te,   susseguivano rapidamente:
     sappiamo che sei giovanissimo, ma estremamente in gamba, comunque, per              -“C O M E S I R I P R O D U R R Á I N F U T U R O L‟ E N C E P H A L A R T O
     verificare le tue capacità e conoscenze, ti faremo fare un piccolo giochino”             S W O O D I I ?”
-“Che giochino?” chiesi io guardando verso Stealth, “non mi hai detto nulla a            Dovetti controllare la correttezza della mia lettura diverse volte, per via del nome
     proposito”                                                                          della pianta, ma dopo un tre-quattro cicli cominciai a sorridere; avevo letto bene, e
-“Non c‟è n‟era bisogno Josè, a parte il fatto che non volevo ti preoccupassi, non è     conoscevo quella pianta, c‟era un bellissimo articolo sul sito web del National
     nulla che tu non sia in grado di superare agevolmente, basta che mantieni la        Geographic.
     calma e la concentrazione, come hai già dimostrato di saper fare altre volte”       Guardai oltre la roccia, vi erano sei leve, ognuna con a fianco un display; nella
-“Ti faremo entrare in una specie di labirinto”, proseguì Oscar, che contiene una        prima c‟era scritto “Spore”, nella seconda “Tuberi”, nella terza “Bulbi”, nella
     serie di test e domande che ti possono aiutare a trovare più o meno velocemente     quarta “Non si riprodurrà”, nella quinta “rizoma”, nella sesta “Impollinazione”.
     la via d‟uscita a seconda di come ti comporterai                                    Mi veniva da ridere, pensando che chiunque avesse preparato il test aveva
-“Ah si? e dove sarebbe l’ingresso di questo labirinto?”                                 sicuramente il senso dell'ironia, ma mi trattenni, mi avvicinai alla quarta leva e la
-“Proprio dietro di te”, rispose Stealth indicandomi una porta ad un paio di metri.      tirai con decisione. L‟Encephalartos woodii era un albero dal destino tragicomico,
     “Normalmente quella porta non esiste”, ma abbiamo inserito una variante nel         presente nella serra del Royal Botanic Garden di Kew, un albero che “non faceva
     software, che attiviamo solo in casi particolari, come questo. La porta             sesso da più di un secolo”; si trattava infatti di una specie dioica, il che significa che
     scomparirà e ritornerà puro muro, scusa il gioco di parole, non appena tu sarei     gli individui di questo albero si dividono in maschi e femmina, “si trattava però
     entrato.”. “Vai pure!”                                                              dell‟ultimo esemplare vivente”, un maschio. Era una delle tantissime specie che
-“E voi intanto cosa farete?” dissi io alzandomi incuriosito                             l‟uomo aveva estirpato dalla faccia della terra, non si riusciva più a trovare una
-“Semplice”, ce ne staremo qui a seguire il tuo percorso su questo monitor”, disse       femmina, e quindi quest‟albero non potrà mai più riprodursi.
     indicando un display affogato nel piano del tavolo, che in questo momento           La porta si aprì, e mentre entravo pensai alla stupidità degli uomini, che avevano
     stava visualizzando degli spot pubblicitari.                                        dilapidato un enorme risorsa naturale, portando all‟estinzione decine di migliaia di
-“Ah, Josè, un ultima cosa” disse Stealth, in questo test non conta solo fare le cose    specie animali e vegetali; a cavallo del 2000, nella foresta pluviale amazzonica gli
     giuste, ma anche il tempo in cui si fanno, per cui, non prendertela comoda come     entomologi si erano posti a classificare centinaia di migliaia di insetti sconosciuti, il
     al tuo solito.”                                                                     cui ruolo era ancora completamente sconosciuto, e le cui possibili ricadute
-“Solo perché sei tu, Stealth”, risposi, “lo sai che non mi piacciono le cose veloci.”   benefiche sull‟umanità idem. Dalla rana Xenopa Liscia che secerne un antibatterico
-“E fra qualche anno ti piaceranno ancora meno, te lo garantisco”, rispose Stealth,      eccezionale, alla corteccia del Tasso del Pacifico, da cui si estrae il taxolo, una
     scatenando l‟ilarità dei compagni di tavolo.                                        sostanza che combatte il cancro al seno, al Limulo, il cui sangue è usato per
“Ah ha!”, risi mentre chiudevo la porta alle mie spalle, “molto divertente davvero,      controllare se i farmaci e le attrezzature mediche sono sterili, allo Spinarolo, una
chissà se arriverò all’età per fare certe cose.....”,                                    specie di squalo, nel cui fegato è presenta uno steroide naturale, chiamato appunto
                                                                                         squalamina, che combatte il cancro tagliando il rifornimento di sangue al tumore,
Mi trovavo all‟interno del labirinto. Dovevo ammettere che i grafici programmatori       ad un microrganismo presente nelle sorgenti calde dello Yellostone, che ha fornito
l‟enzima perfetto per produrre copie a volontà del Dna, rendendo possibile il boom         “Adesso vedrai, basta che attraversi la prossima porta.”
della ricerca genetica, e chi non conosce poi la peniccillina, la digitale, l‟aspirina,    Senza perdere tempo quindi attraversai un varco opaco che impediva la visione del
tutte sostanze ricavate dalla natura? Solo di Coleotteri ne erano già stati classificati   livello successivo. La parola livello non era impropria in questo caso, visto che mi
350.000 specie diverse, un quinto di tutte le forme note di vita. Molte foreste erano      sembrava ormai di essere il protagonista di un game del tipo arcade.
state disboscate perdendo per sempre il loro contenuto vivente di biodiversità, per        Mi trovavo all'interno di una specie di stadio virtuale, con un vasto pubblico (era
sempre, come un‟enorme biblioteca di libri scientifici mai letti. Un danno                 virtuale o erano veramente gli abitanti di Dreamworld?) già presente sugli spalti.
incalcolabile.                                                                             Ero in area “di servizio” tipo box, solo che al posto delle autovetture o delle moto,
C‟era stato qualcuno che, come sempre, aveva cercato di mettere una pezza; tra gli         c'erano degli skateboard, ma skateboard un po' particolari, visto che avevano sulla
altri, Conservation International, un‟importante organizzazione, “ovviamente non           parte posteriore due piccolissimi reattori, che emettevano luce e rumore,
governativa” con sede in Washington, aveva varato il RAP (Rapid Assesment                  dimostrando di essere già in moto.
Program, Programma di valutazione rapida). In pratica, con un‟azione rapida di             “Allora Josè”, era la voce di uno dei convenuti, “la prossima prova è una gara di
circa quattro settimane, un gruppo di esperti rilevavano il maggior numero                     abilità con gli skateboard, in un percorso ad ostacoli, con degli avversari gestiti
possibile di specie animali e vegetali in una determinata zona geografica                      dal computer, che cercheranno ulteriormente di rallentarti ed impedirti di
“interessante”. Poi, forte dei dati raccolti, l‟organizzazione si rivolgeva ai Paesi           prendere i vari bonus sparsi lungo il percorso”.
interessati per chiedere la loro collaborazione nella difesa delle aree                    “Proprio come la Praystation “V”, Josè”, intervenne Stealth, “con tutte le partite
biologicamente ricche, ottenendo in alcuni casi che tale zona diventasse Parco                 che hai scroccato da Gabriele, dovresti essere allenatissimo no?”
nazionale. Ma più spesso dovevano soccombere agli interessi delle compagnie                La Praystation “V” era naturalmente la discendente della mitica Praystation,
petrolifere, o minerarie, o del legname, che volevano sfruttare la regione e basta. In     arrivata infatti alla quinta generazione, ed aveva adottato la sigla “V” non solo
Inghilterra invece era nata appunto la banca dei semi di Kew, dove, in celle               perchè era il numero romano 5, ma anche perchè in tutte le pubblicità la “V” era la
frigorifere a –20 °C sono conservati i semi di 4000 specie vegetali, che sono però         lettera iniziale di “Victory”, e naturalmente stava ad autocelebrare la vittoria in
solo circa l‟1,5% della flora mondiale, considerando anche che quelle a rischio            termini di quote di mercato sulle rivali consolle per videogiochi Mintendo e
d‟estinzione sono 34 mila. I botanici dei Giardini di Kew puntavano a raccogliere il       Icsbocs. Io ero tra i pochi privilegiati che poteva usarle regolarmente, con gli
10% dei semi della flora mondiale entro il 2010. Già nel 1999 i ricercatori                accessori per rendere più realistico e divertente il gioco, in quanto Gabriele, che era
dell‟Università del Tennessee avevano calcolato che nei successivi cento anni              come me appassionatissimo, mi lasciava usarle quando volevo. In particolare la
poteva avviarsi all‟estinzione circa il 50% della flora e fauna della Terra. Anzi,         Praystation V era utilizzabile anche inserita all'interno di un'apposita “vetturetta”
l‟11% degli uccelli era già sul punto di comparire.                                        con tanto di volante/cloche, pedaliera, e molti altri pulsanti. La vetturetta era dotata
Mi venne anche in mente come in quegli anni andassero di moda i film sul tipo              dei nuovi display a foglio pieghevoli, che la circondavano quasi interamente,
“Jurassic Park”, peccato fossero solo film. In realtà, sinora quando una specie era        consentendo quindi una visione perfetta praticamente in tutte le direzioni.
scomparsa, non si era mai ancora riusciti a riportarla in vita.                            “Sali sul skateboard rosso, Josè, il via è tra pochi secondi, le regole sono
                                                                                               semplici, devi andare più veloce che puoi, prendere tutti i bonus che puoi,
“Muoviti Josè, non sognare ad occhi aperti come al solito!”                                   evitare tutte le trappole e gli ostacoli che puoi, e possibilmente arrivare in fondo
La voce era comparsa all'improvviso, girai la testa dove sembrava provenire, e vidi            prima degli altri concorrenti. Semplice no?”
una sfera volteggiare a mezz'aria, nell'interno vi era il viso di Stealth.                 Era semplice sì, per cui mi buttai con entusiasmo sopra il mio skate e attesi il
“Sembri uno stregone del 'medioevo!” gli urlai in risposta “l'avevi preparata tu          segnale di partenza.
   quella domanda?”                                                                        Ecco quindi dall'alto scendere una serie di semafori, sullo stile proprio degli
“Non fare domande e prosegui alla svelta, ti ricordo che la prova tiene conto             autodromi, ed in rapida sequenza accendersi di rosso il primo, il secondo, il terzo, il
   anche del tempo.”                                                                       quarto, il quinto, ed poi spegnersi tutti contemporaneamente......VIA!
“Beh, allora, qual'è la prossima prova”                                                   Piede destro appoggiato sulla punta dello skate (mi allenavo per cercare di essere il
più possibile ambidestro, ma alla fine rimanevo comunque un destro naturale), con          più aerodinamico, taglio le curve il più possibile, e dopo un centinaio di metri di
il sinistro presi a dare una rapida serie di spinte per prendere velocità. Naturalmente    inseguimento valuto di essere sufficentemente vicino al mio avversario, che non
trattandosi di un ambiente virtuale e di una gara che doveva essere il più possibile       sembra essersi accorto di nulla; punto la lancia, che è ora completamente ritratta,
spettacolare, non si era strettamente vincolati alle leggi fisiche che nel mondo reale     nella sua direzione, ed aziono il grilletto.....zoom, la lancia si estende velocemente e
mi avrebbero costretto a continuare nelle spinte, e nel quale non avrei mai                colpisce al tronco il concorrente “arcobaleno” che, sbilanciato, caracolla a terra.
raggiunto velocità elevate se non in discesa; qui, dopo poche spinte avevo già             Galvanizzato, mi lancio ancora in avanti per conquistare ulteriori posizioni,
raggiunto una velocità ragguardevole, come tutti gli altri concorenti del resto, e         individuo il mio prossimo avversario, un corridore completamente nero, e
potei quindi appoggiare ill piede sinistro sul retro dello skate e cominciare a            comincio ad avvicinarmi. Però, come ogni videogioco che si rispetti, la difficoltà
manovrare per cercare di superare i concorrenti che mi precedevano.                        aumenta progressivamente con l'avanzare del gioco stesso, ecco infatti che il nero
Beh, la cosa si rivelò subito difficile, come in ogni videogame che si rispetti; il        si accorge del mio sopraggiungere, e dopo avermi lanciato una rapida occhiata, si
primo concorrente tutto giallo che mi precedeva, vistomi alle sue spalle, diede uno        infila una mano in tasca e ne estrae una pallina nera, che lancia nella mia direzione,
strappo ad una tasca dei suoi pantaloni, e subito ecco fuoriuscire un denso fumo           una decina di metri davanti a me; appena la pallina tocca terra, ecco apparire la
bianco che azzerava la visibilità, scartai quindi rapidamente sulla destra pregando        famigerata cella multicolore, subito nera; “figlio di software beta”, esclamo mentre
che non ci fossero ostacoli di sorta, e per un attimo mi comparvero in mente le            mi butto sulla destra per evitare il “buco”, ci riesco per un pelo, rimetto la lancia nel
immagine dei bolidi di formula uno ai quali, per la rottura del motore, succedeva          taschino e cerco freneticamente nelle altre tasche per vedere se anch'io sono dotato
sovente la stessa cosa, solo che lì andavano a 300 all'ora. Nel mio caso invece il         della pallina nera, siii, naturalmente, ne ho diverse anch'io.....ne prendo tre e le
brusco scarto verso destra mi consentì di uscire dalla scia di fumo, e a quel punto,       lancio in modo cadano pochi metri davanti al “nero”, ed ecco che appena toccano
con un paio di spinte ulteriori, superai il “giallo”. A questo punto la fisionomia         terra creano altrettanti buchi; a questo punto il “nero” non ha scampo, praticamente
della pistà cambiò, infatti dalla superficie grigia che simulava il cemento, il circuito   tutta la pista è “bucata” in larghezza......arriva in prossimità del buco e......salta,
rivelò una superficie a scacchiera, con caselle di lato di circa 4 metri, ed ogni          dannazione salta, in perfetto stile freestyler fa prendere il volo al suo skate e a sè
riquadro assumeva ciclicamente in rapida sequenza i colori bianco, giallo, rosso ed        stesso superando con un balzo il buco....davvero in gamba....e adesso cosa fa, tira
infine nero, per poi ricominciare, solo che, dannazione, il nero non era in realtà un      fuori dalla tasca, accidenti è la lancia, devo stare attento, mi allontano da lui
colore, era un buco, infatti due concorrenti che si erano trovati con il loro skate        buttandomi sul lato opposto della pista, ed aspetto che mi venga un'idea per
sopra il riquadro nel momento in cui questo era diventato di tale colore, caddero nel      cavarmi d'impiccio. Ma quale idea? Proviamo a cercare nelle tasche cos'altro io
buco che si era istantaneamente formato, ed adesso si stavano leccando le ferite.          possa avere in dotazione per cavarmi d'impiccio....solo che non è facile farlo
Bisognava quindi calcolare bene i tempi, e scegliere la traiettoria giusta......, che      mentre in pista adesso si sono moltiplicati gli ostacoli, infatti qua e là compaiono a
pacchia ragazzi, proprio il tipo sfida che mi esaltava......, bianco, giallo, ok ci        caso le celle multicolore, ed adesso ci sono anche delle piccole mine sparse a
passiamo, rosso, solo se era appena comparso e giusto il tempo strettamente                casaccio, rilevabili solo da una piccola chiazza rossa.....beh almeno qui erano stati
necessario per buttarvisi fuori, nero, teniamolo per buono solo se è ancora il             magnagimi, poco, ma si era avvisati, non certo come le mine vere, di plastica, non
lontananza.....così il tempo che ci impiego per arrivare lo avrà trasformato               individuabili dai metal detector, che a centinaia di milioni erano sepolte in vari
nuovamente in bianco......                                                                 paesi africani e mediorentali, e che continuavano a mietere vittime anche decine
Mentre in lontananza si vedeva la pista ritornare nuovamente di colore grigio              d'anni dopo il termine delle ostilità, né peggio ancora erano camuffate da giocattoli,
asfalto, mi accorgo che, assieme allo skateboard, sono dotato di un giubetto con           in modo che i bambini le raccogliessero speranzosi salvo dopo pochi secondi
diverse tasche e taschini; provo ad aprirne uno ed ecco comparire quella che si            ritrovarsi con gravi ferite in tutto il corpo......lasciamo perdere, cerchiamo nelle
rivela una lancia che si allunga di scatto tramite una specie di grilletto, sino ad        altre tasche.... cos'è questo?, un piccolissimo dispositivo con un unico pulsante, sul
assumere una lunghezza di diversi metri, proprio come quella di un cavaliere               quale è riportato solo un enigmatico “?”. “Stealth”, urlai, “Cosa diavolo è questo
medioevale. Mi lancio quindi all'inseguimento del concorrente che mi precede,              dispositivo, a cosa serve?”
dotato di un “look” arcobaleno a striscie verticali, mi piego sulle gambe per essere       “Ah, quello, beh, quello serve in casi disperati, visto che modifica la situazione
  corrente in modo completamente random, per cui potrebbe andarti bene come             restringeva sempre di più al dettaglio della fase di avvicinamento di questo
  male.”                                                                                piccolissimo corpuscolo al cromosoma, era sicuramente un corpuscolo molto
“E qualcuno l'ha mai usato?” chiesi.                                                   piccolo, ormai stava quasi per toccare il cromosoma, ma ecco, cosa accadeva,
“Si, ma solo perchè non aveva più niente da perdere.”, mi rispose.                     una piccola porzione del cromosoma fuoriusciva dallo stesso, ed al suo posto,
“Splendido” pensai, forse è meglio che lo tenga solo come ultima                       con perfetta corrispondenza entrava il corpuscolo che avevamo osservato
  risorsa....cerchiamo ancora, cosa abbiamo qui, c'è un simbolo, accidenti sembra       avvicinarsi. Era avvenuta quindi una sostituzione, una porzione di DNA era
  proprio, sì, è un kite, il massimo del divertimento con il minimo del rischio,        stata     sostituita,    era     quindi      un'operazione     di     modificazione
  l'avevo provato, naturalmente non nella vita reale, dal momento che non ero           genetica.....modificazione genetica, certo, quell'animazione altro non era che la
  ancora abbastanza forte, ma in virtuale, visto che era uno dei videogiochi da         riproduzione del meccanismo di introduzione di un gene esterno al posto di
  anni più gettonati da tutte le fasce dei consumatori, premo quindi sul simbolo ed     quello originale. Questo meccanismo era stato scoperto dal Prof. Bubbia, al
  ecco che immediatamente sul mio busto compare l'imbragatura dalla quale               quale, per tale scoperta, era stato assegnato il premio Nobel per la scienza, e per
  dipartono i cavi al termine dei quali si trova il piccolo paracadute che funge da     causa del quale la comunità mondiale aveva definitivamente ripudiato la
  vela, e naturalmente ai miei piedi mi ritrovo lo skate agganciato con le apposite     coltivazione e l'utilizzazione dei famigerati OGM. ...... infatti aveva scoperto
  fasce ....... e quindi ecco che mi ritrovo in tensione, devo sfruttare una qualche    che gli organismi, topi da laboratorio o vacche o uomini che fossero, che si
  rampa per poter spiccare il balzo, e naturalmente la pista offre moltissimi           nutrivano di sostanze OGM, fatalmente andavano incontro al destino che
  avallamenti adatti, mi dirigo quindi verso il primo disponibile e spicco il balzo,    avevamo visto nell'animazione. Una parte del loro DNA sostituiva uno o più
  wow, supero il “nero” passandogli sopra la testa, e faccio cadere una pallina         geni, con i geni, cosidetti promotori, che erano stati introdotti nella pianta, per
  nera pochi metri davanti a lui, che crea il solito buco, ed ecco che il “nero” si     esempio per produrre una determinata sostanza insetticida, con la conseguenza
  prepara a spiccare il balzo...ma io sono ancora in volo, sopra e davanti a lui, un    che ben presto l'organismo così modificato, cominciava a produrre tale
  istante, il “nero” salta, e contemporaneamente io lancio un'altra pallina su quello   sostanza, così come faceva la pianta OGM. Ci si era quindi finalmente spiegati
  che dovrebbe essere il suo punto d'atterraggio......buco e ....centro, il “nero” si   il perchè intere popolazioni di determinati paesi, che si nutrivano in maniera
  ritrova ad atterrarvi proprio dentro, ed è quindi definitivamente eliminato.          rilevante di alimenti OGM, soffrissero di tutta una lunga e variegata serie di
  Ok, appena in tempo, ecco lo striscione d'arrivo, giusto il tempo di compiere un      malattie, fino ad allora assolutamente estranee alla storia di tale popolazione, ed
  altro paio di balzi e relativi atterraggi, ed eccomi sfrecciare sopra la riga del     anche dell'umanità in generale.
  traguardo.                                                                            Quella degli OGM, cioè Organismi Geneticamente Modificati, era stata una
“Bene Josè, niente male, un buon punteggio, però dovremmo toglierti dei punti,         delle battaglie, seppur non militari, più cruente che la civilità più recente avesso
  visto tutta la pratica che hai accumulato con i videogiochi negli ultimi anni.”       visto svolgersi, battaglia di puri interessi economici delle multinazionali (con in
“Eh no”, protestai, “non è colpa mia se io sono preparato in tal senso”,               testa la Mondiavolo) che producevano gli OGM appunto, contrapposti alla larga
  piuttosto siete voi che dovete predisporre prove più difficili, no?”                  maggioranza della popolazione, che, seppur tenuta all'oscuro il più possibile
“Hai ragione Josè, allora adesso osserva questa animazione e dimmi cosa                sull'intera faccenda, aveva compreso e temeva possibili effetti negativi causati
  rappresenta”                                                                          dall'entrata nella catena alimentare di tali sostanze.
  In uno schermo virtuale apparso sopra di me vidi avvicinarsi una molecola a           E sì che gli OGM erano venuti alla luce con grandi speranze, di eliminare l'uso
  quella che sembrava un corpuscolo a forma di X.....a forma di X, cavolo, per          di erbicidi ed insetticidi, di migliorare in generale le caratteristiche degli
  forza, a man mano che l'animazione proseguiva si vedeva benissimo che il              alimenti, addirittura di risolvere il problema della fame nel mondo, ma erano
  corpuscolo altro non era che un cromosoma, ora lo si distingueva                      tutte specchietti per le allodole. A chi, ingenuamente, pensava potessero aiutare
  chiaramente..... ed al cromosoma stava avvicinandosi un altro oggetto,                a risolvere il problema della fame nel mondo, Jacques Diouf, direttore generale
  estremamente più piccolo, quindi poteva trattarsi di una molecola semplice,           della Fao all'inizio del nuovo millennio spiegò definitivamente; “a Paesi come
  chissa cosa, forse un virus. Man mano che l'animazione proseguiva, la scena si        l'Africa mancano ancora l'acqua, le strade, le infrastrutture.......A lungo termine,
quando la popolazione mondiale passerà da 6 a 9 miliardi di persone e i terreni si         uniformemente, e con una certa velocità, il sorgere di tutta una serie di prese di
impoveriranno, le tecnologie dovranno incrementare la produttivita' agricola del           posizione da parte delle organizzazioni di Agricoltori, che rifiutavano l'utilizzo
60% circa. Ma a breve termine - aveva sottolineato - i problemi dei Paesi in via           di tali prodotti, supportati dalla stragrande maggioranza dei consumatori. Intere
di sviluppo (Pvs) rispetto alla priorita' della lotta alla fame sono altri: l' acqua (in   regioni, provincie, distretti, associazioni di categoria si affrettavano a
Africa solo l' 1,6% delle risorse idriche viene utilizzato e il 3,8% dei terreni           dichiararsi “OGM free”, dichiarando che così si uccidevano le specialità locali e
coltivabili e' irrigato), le strade che non ci sono, le infrastrutture che mancano. ''.    non si salvaguardava la salute del consumatore, visto e considerato che non
Le buone promesse con cui gli OGM erano stati presentati però, erano solo uno              c'erano ancora prove sufficenti a dimostrare la non pericolosità degli OGM.
specchietto delle allodole. La cruda verità era che le multinazionali che li               Nei paesi poveri invece, succedeva il contrario, a partire da India, Brasile,
producevano, miravano al controllo totale del mercato delle sementi, degli                 Africa, laddove il potere economico delle multinazionali non trovava adeguata
antiparassitari (anche perchè paradossalmente, l'utilizzo di culture OGM                   resistenza nella ricchezza locale, ecco che intere piantagioni venivano via via
costringeva, già nel medio periodo, ad un aumento nel utilizzo appunto di                  convertite a monoculture OGM, con conseguenze catastrofiche sui piccoli
antiparassitari), dei concimi, in una parola, al controllo dell'agricoltura                agricoltori, che dovevano indebitarsi per comprare sementi ed antiparassitari,
mondiale.                                                                                  salvo poi ritrovarsi con un raccolto addirittura minore di quello “normale”, e
Ad un certo punto, visto che gli OGM non passavano con le buone, si copiò la               cadendo in un ciclo vizioso dal quale molti erano usciti solo con il suicidio.
tattica dei virus informatici. Infatti, così come le software house cominciarono a         In Argentina invece, al inizio del nuovo millennio, le colture transgeniche si
creare dei virus informatici per costringere gli utenti a dotarsi degli antivirus che      erano trasformate in un vero e proprio incubo: l'uso indiscriminato di erbicidi
esse producevano, e a tenerli costantemente aggiornati, nel caso degli OGM le              stave rapidamente distruggendo le colture confinanti a quelle geneticamente
multinazionali delle sementi introdussero in Europa degli insetti parassiti (di            modificate e cominciava a farsi sentire anche sulla salute della popolazione
origine americana, e per i quali quindi non c‟era un ecosistema con dei nemici             locale.
naturali per tenerli sotto controllo) che distruggevano i raccolti ed erano                L'allarme era stato lanciato dal settimanale britannico New Scientist, che in un
resistenti ai pesticidi e alla rotazione delle culture, avendo naturalmente                lungo articolo descriveva uno scenario che assomigliava sempre di più a una
preventivamente sviluppato un OGM che invece resisteva allo stesso, OGM che                piaga provocata dalle colture transgeniche. In Argentina, le prime colture
quindi diventava la soluzione più spiccia ed economica.                                    geneticamente modificate (quelle di soia resistente agli erbicidi) erano state
Ma le multinazionali non si fermarono qui, si arrivò alle situazioni tragicomiche          piantate alla fine degli anni Novanta, ma poi, a distanza di circa 15 anni , i
in cui gli agricoltori confinanti, che si ritrovavano il terreno invaso dalle sementi      terreni utilizzati rischiavano di diventare inutilizzabili proprio a causa degli
OGM, dovevano pagare perchè “violavano il brevetto”; della serie “tu mi                    erbicidi.
inquini, ed io devo pure pagarti”; ma tant'è, le legislazioni le fanno gli uomini, le      Nel 2002, scriveva il New Scientist, quasi la metà dei terreni fertili del Paese,
controllano gli uomini e le controversie pure le giudicano gli uomini, e se questi         cioè 11,6 milioni di ettari, erano stati usati per la coltivazione della soia, quasi
uomini sono sensibili ai regali .......                                                    tutta transgenica. Per gli agricoltori argentini, dedicare i terreni ad un solo tipo
Interi stati, primo tra tutti il Messico, erano stati contaminati pesantemente da          di coltivazione significava eliminare le erbacce in un colpo solo con un singolo
OGM senza volerlo.                                                                         prodotto.
A livello legislativo poi, la questione OGM era stata gestita per lugno tempo              La realtà, però, si era dimostrata più complessa, come hanno imparato gli
senza una linea guida precisa. Per esempio, nella UE per un lungo periodo era              agricoltori sudamericani; per eliminare i semi della stagione precedente, infatti,
stato stabilito che non ci potevano essere OGM negli alimenti per gli uomini, ma           bisognava utilizzare un erbicida diverso e se lo stesso campo veniva usato per
ci potevano essere in quelli per il bestiame; un paradosso ridicolo naturalmente,          una determinata coltura nell'arco di varie stagioni le erbacce resistenti
dal momento che poi il bestiame, oppure il suo latte o le uova, veniva mangiato            all'erbicida          principale           invadevano              il         terreno.
dagli uomini, e quindi gli OGM finivano comunque nei nostri stomaci.                       Per questo, gli agricoltori erano stati costretti a far fronte a questo problema con
Per farla breve, nei paesi ricchi e sviluppati si era registrato quasi                     crescenti quantità di erbicidi, che «distruggono le coltivazioni confinanti» e
   provocavano «problemi alla salute della popolazione».                                progressiva, e io stavo osservando cercando di anticipare la progressione.....era
                                                                                        un'immagine in bianco e nero, capelli lunghi e mossi, s'intravedeva del pelo sul
  Stavo ancora ragionando su questi avvenimenti, quando la voce di Stealth mi           mento, quindi era un uomo, la testa sembrava piuttosto allungata, fronte ampia, non
  riportò alla realtà:                                                                  sembrava propriamente bello....la risoluzione era ancora grossolana, però, però,
“Allora Josè, hai la risposta?”                                                        quest'immagine aveva un chè di familiare, dove l'avevo già vista?....sììì, era lui...
“Certo, il filmato descrive il meccanismo di sostituzione genica di quei favolosi      - “Bob Gelbof!”urlai, mentre intanto l'immagine continuava a definirsi,
  OGM che sono stati la tua passione per anni, grazie al tuo amore per la soia.”        confermando l'esattezza della mia risposta. L'immagine mi era familiare per forza,
  Mi riferivo, e Stealth lo sapeva, al fatto che per anni lui stesso era stato un       avevo visto diverse volte il libro con la sua autobiografia sul comodino di Stealth,
  grande consumatore di soia, sotto forma di latte, tofu o legume intero, e quindi      che ne leggeva pezzi della seconda parte ogniqualvolta si sentiva già di morale. Ne
  con tutta probabilità aveva consumato anche prodotto OGM, visto che la soia           leggava la seconda parte perchè la prima, che era l'autobiografia vera e propria
  era stata una delle piante OGM in assoluto più coltivate. Comunque in realtà          “faceva schifo!”, secondo le sue testuali parole, mentre la seconda parte era la
  probabilmente tutta la popolazione mondiale aveva assunto OGM senza                   descrizione dell'organizzazione del disco prima e del concerto poi, curata da Gelbof
  saperlo, sia indirettamente sotto forma di carne provieniente da bestiame nutrito     per raccogliere fondi in favore dell'Africa, colpita nel 1984 dall'ennesima carestia,
  con foraggio contenente OGM, sia direttamente, per esempio tramite la Colza,          che però in tale occasione aveva assunto dimensioni “apocalittiche”. Gelbof, che al
  visto che il suo olio era impiegato in una miriade di prodotti alimentari, dai        tempo era un cantante in un gruppo discretamente famoso, aveva preso a cuore la
  biscotti alle merendine, ed in generale tutto ciò che richiedeva come ingrediente     questione più di tutti i governi del mondo messi assieme, ed assieme ad altri
  “grassi vegetali”.                                                                    cantanti ed ad altre persone, aveva organizzato in quattro e quattr'otto il disco
                                                                                        nell'inverno dello stesso anno, e il concerto nella primavera di quello successivo,
“Bravo Josè, hai indovinato”, era naturalmente la voce di Stealth “quello che          raccogliendo circa 250 milioni di Euro, e continuando poi l'opera con incontro
  visto e riconosciuto era proprio il meccanismo di sostituzione dei geni               presso il mondo politico internazionale, e tramite una Fondazione a tutt'oggi
  promotori con i geni del DNA ospite. Aggiungo che avrei voluto volentieri             esistente, con base proprio a Tierra Libera.
  essere io il tizio che per primo vinse un risarcimento milionario contro la           “Come sto andando sinora?” chiesi.
  Mondiavolo per i danni provocati dall'assunzione di alimenti contenenti i loro           “Abbastanza bene, ma non ti distrarre, continuiamo!”
  dannatissimi OGM. Come sai fu anche questo, ossia il riconoscimento della
  diretta responsabilità delle ditte produttrici degli OGM, che avevano                 Beh, a farla breve mi fecero divertire con una serie di giochini, quiz, domande
  fraudolentemente nascosto le verità sui gravi rischi che i loro prodotti              varie, ed altre prove “atletiche”, una specie di decathlon agevolato da accessori
  comportavano, e le conseguenti pesanti condanne a risarcimenti economici              biomeccanici. Alla fine uscii dal labirinto dallo stesso punto in cui ero entrato.
  milionari (in dollari) che i giudici Statunitensi cominciarono a comminare loro
  verso il 2007, a decretare l'assoluta antieconomicità del “business OGM”. In          “Ben tornato Josè” mi disse Oscar.
  pratica era capitato come per le sigarette, solo che, mentre per le sigarette c'era   “Vi siete divertiti?” chiesi io.
  da sconfiggere un vizio dura a morire (è proprio il caso di dirlo no?), il consumo    “Effettivamente è stato interessante, Stealth ci aveva parlato così spesso di te che
  degli OGM non era certo né una moda né una necessità che qualcuno sentisse              non abbiamo resistito alla tentazione di vedere se i suoi racconti
  come tale.”                                                                             corrispondevano al vero, ed in effetti....”
“Prossimo test, Josè, adesso vediamo quanto tempo ci metti a riconoscere questa        “Allora che punteggio ho ottenuto?” chiesi?
  persona!”                                                                             “Punteggio, quale punteggio?” replicò con finto stupore Stealth, “non crederai
                                                                                          davvero che si possa classificarare l'intelligenza?. Ti ho parlato del punteggio
Su uno schermo virtuale comincio ad apparire un'immagine con grana molto                  solo per tenerti un po' spronato.
grossa, che andava via via raffinandosi, proprio come la visualizzazione di una jpeg      Avremmo potuto certamente classificare la cultura di una persona, possiamo
  persino classificare l'intelligenza matematica e qualche altra particolare abilità,
  ma l'intelligenza complessiva, cioè la capacità di adattarsi al mondo esterno, di
  risolvere i problemi con quello che si ha a disposizione, la capacità di mantenere
  la lucidità sotto pressione, di convincere e coinvolgere gli altri nei propri
  progetti, insomma la personalità di un soggetto è assolutamente difficile da
  incasellare. In realtà questi giochini che ti abbiamo fatto fare sono serviti
  semplicemente per farti conoscere ai ragazzi qui presenti. E devo dire che, per
  quanto parzialmente, la tua personalità è venuta a galla molto bene.”
“Sì”, proseguì Oscar, “adesso possiamo veramente credere che sia stato tu ad
  eseguire il furto del liquido staminale alla clinica di Rio. Ed a questo punto
  naturalmente crediamo sia opportuno che tu affianchi Stealth negli incontri che
  faremo. Noi ora ti salutiamo, il resto te lo dirà Stealth.”

E senza aggiungere altro, Oscar ed i suoi amici si alzarono e se ne andarono. Anche
Stealth si alzò, e mi fece cenno di staccare il collegamento con Dreamworld.
Mi tolsi quindi il casco, e mi ritrovai nel mondo reale, con i suoi colori decisamente
meno brillanti di quelli di Dreamworl, e ci misi qualche secondo a realizzare il
cambio di dimensione. Davanti a me ecco Stealth, questa volta in carne ed ossa,
pensieroso.
“Bene Josè, ora possiamo andare!” mi disse.
CAPITOLO IV                                                                                riduce al minimo l‟impatto sull‟ambiente.
                                                                                           Non esistono quindi datori e prestatori di lavoro, ma tutte le operazioni vengono
-“E adesso dove andiamo Stealth, e Lucia non viene con noi?” chiesi, mentre                decise nell‟ambito locale, con il coordinamento di un organo nazionale a tal scopo
     entravamo nel vecchio ma sempre valido Learjet 35A di una delle aziende per           creato.
     le quali Stealth lavorava come consulente informatico, ed il cui utilizzo da          In buona sostanza questa nazione era assolutamente autonoma dal punto di vista
     parte di Stealth stesso era uno dei bonus concessi a titolo di compenso.              energetico ed alimentare, ma non solo, esportava anche diversi prodotti e servizi
-“A Tierra Libera”, mi risposte mentre si sedeva nella cabina di pilotaggio e              alle nazioni vicine. Tierra Libera aveva un ottimo livello di produzione di energia
     cominciava la procedura di accensione dei motori, “te ne ho parlato spesso, ed        elettrica grazie all'uso massiccio delle turbine SETUR, che erano in grado di
     ora è il momento che ti ci porti, là incontreremo i rappresentanti delle reti di      generare elettricità sfruttando piccoli corsi d'acqua, stagni, ruscelli e le onde del
     Economia Solidale. Lucia invece è tornata nell'ospedale, è lì che ci può essere       mare. Queste turbine, sviluppate da un'azienda della Repubblica Ceca, erano
     eventualmente utile.”.                                                                potenzialmente in grado di rivoluzionare il settore della produzione di energia
Tierra Libera, pensai, dopo tanto parlarne, finalmente ci sarei stato. Quando volte        elettrica, essendo installabili facilmente in moltissimi siti con piccoli flussi di
Stealth, Zicchirichichi, io e gli altri avevamo passato intere serate a parlarne.          acqua, e non abbisognando di grandi manutenzioni. Naturalmente però, a livello
Questa vera e propria nazione era nata con l‟acquisto, da parte di una Cooperativa,        burocratico ben poche erano state le nazioni che avevano capito il potenziale di tale
di diverse isole che il governo Indonesiano aveva messo in vendita. Queste isole si        invenzione, per non dire che molte preferivano ancora utilizzare il petrolio ed il
erano quindi autoproclamate indipendenti e si erano date appunto tale nome.                carbone, intascando le relative tangenti dai fornitori.
Il nome naturalmente era tutto un programma, la Terra della Libertà. Qui lo                Raggiunta quindi l'autonomia economica, Tierra Libera aveva concentrato la sua
Stato-organizzazione, aveva poche mansioni ed ancora meno strutture, quasi tutto           attenzione anche alla struttura sociale interna. Poiché gli abitanti provenivano dalle
era lasciato all‟autogoverno della popolazione.                                            nazioni e culture più diverse, era permessa una struttura sociale interna il più
L‟idea, a livello concettuale, era nata una ventina di anni prima, quando alcuni           possibile libera. Questo significava quindi la completa libertà religiosa, con il solo
paesi dell‟America Latina, come il Brasile e l‟Argentina, a seguito della                  limite della proibizione di ogni forma di violenza fisica e morale verso chichessia,
pesantissima crisi economica che li perseguitava da anni, avevano visto nascere            ma anche la più completa libertà di forme familiari, tutte ugualmente tutelate.
una serie di iniziative di socioeconomia solidale, che si ponevano come alternativa        A livello pratico, vista la mentalità della stragrande maggioranza di coloro che
al modello di economia consumistica dell‟occidente. Un economia basata sulla               venivano a stabilirsi a Tierra Libera, la forma dominante di famiglia che veniva
equa distribuzione della ricchezza, sull‟integrazione tra consumo e produzione e           stabilita era di tipo “aperto”. In genere su un'abitazione di una certa dimensione
quindi sulla valorizzazione dell‟autogestione, sulla sostenibilità ambientale, e           viveva un gruppo di persone legate da sentimenti affettivi chiaramente molto forti,
naturalmente sulla solidarietà. In queste organizzazioni i produttori guadagnano di        ma senza necessariamente un vincolo religioso o civile ufficiale. In pratica era
più e i consumatori spendono di meno, poiché vengono limitati i passaggi                   come se una famiglia fosse composta da più madri e più padri, ognuno
intermedi.                                                                                 intercambiabile, così come i figli venivano cresciuti indifferentemente da quale
Dopo una prima fase, durata naturalmente diverse anni, in cui questi “esperimenti”         fosse la madre fisiologica e il padre fisiologico. Questo fenomeno regolarizzava
vivevano isolati e senza coordinamento, si erano sviluppati Seminari, Convegni,            quello che nei secoli precedenti era sempre avvenuto sotto forma di tradimenti,
incontri informali, si era creata una mappatura delle organizzazioni e dei servizi         separazioni, figli illegittimi ed in generale con molta ipocrisia. Gli abitanti di Tierra
trattati, lo si era reso disponibile su Internet, e questo aveva dato la spinta decisiva   Libera realizzavano quindi una sorta di comunismo familiare, che però derivava
per una forte accelerazione di un circolo virtuoso in cui le risorse economiche e di       non da un'imposizione o da un'ideologia, ma semplicemente dalla constatazione
conoscenza venivano reinvestite all‟interno di queste organizzazioni in cui non            pratica che nella vita molto spesso ci si innamora di più di una persona, e che se
esiste la concorrenza, nessuno predomina né cresce in modo eccessivo, ogni cellula         sappiamo mettere da parte gelosie ed egoismi individuali, si può vivere
si coordina con le altre per produrre i beni richiesti, in cui paradossalmente l‟orario    decisamente meglio, anche se il numero di cuori in una capanna non era più il
di lavoro è ridotto e i compensi sono equi, dove si produce solo il necessario e si        canonico due, ma qualcosa di più.
In alcune zone di Tierra Libera ci si era spinti ancora oltre; per realizzare una       discutere su come risolvere piccoli e grandi problemi quotidiani.
completa unità le nascite avvenivano sì in un classico ospedale, ma poi                 Eh si, perchè non si deve certo pensare che i problemi a Tierra Libera non
l'assegnazione dei bambini ai vari nuclei familiari era assolutamente casuale; cioè i   esistessero, né tantomeno che i suoi abitanti non sapessero divertirsi. Solo che i
bambini non venivano affidati ai genitori naturali, ma ad un nucleo familiare scelto    problemi venivano affrontati collettivamente, senza ipocrisie o interessi sotterranei,
a caso. In pratica era stato realizzato quello che Gandhi aveva suggerito nel corso     e quindi la soluzione veniva trovata quasi sempre abbastanza velocemente. Nei casi
degli scontri tra Indù e Musulmani, quando c'erano stati diversi massacri reciproci;    più complessi naturalmente era prevista una sorta di intervento di un organo
allora Gandhi aveva iniziato uno sciopero della fame, e quando era ormai allo           centrale, che stabiliva il da farsi, e soprattutto i criteri sui quali la decisione era
stremo, si presentò un Indù, che gli confessò di aver ucciso un bambino musulmano       basata, in modo che in futuro fosse già chiaro come comportarsi
in un momento di follia, ed ora era disperato e non sapeva come rimediare. Gandhi       Per quanto riguardava i divertimenti, beh, questo era il punto forte di Tierra Libera.
allora gli disse di andare a cercare un bambino musulmano orfano, e di adottarlo, e     Infatti, essendo così ben organizzati, ed in armonia tra loro, non essendoci
crescerlo insegnandogli tutto ciò che un musulmano avrebbe dovuto sapere.               praticamente disoccupazione e delinquenza, gli abitanti avevano abbastanza tempo
Una parte degli abitanti di Tierra Libera avevano quindi accettato questa filosofia,    e molta voglia di festeggiare. Ed anche questo avveniva principalmente in maniera
ed in questa maniera la comunità aveva acquisito una grande compattezza: infatti        comunitaria.
chi mai avrebbe ingannato o fatto qualunque cosa che avrebbe potuto danneggiare         La televisione esisteva, eccome, avendo Tierra Libera stessa diversi canali
il proprio figlio naturale, non sapendo nemmeno infatti dove questi vivesse e cosa      proprietari, ma ogni famiglia “allargata”, anziché richiudersi nel proprio salotto, si
facesse?                                                                                radunava a gruppi di altre famiglie, o a casa di una di queste, o per l'appunto negli
D'altronde, non solo la famiglia realizzava quest' idea di comunità molto unità, ma     “oratori”. Questo era decisamente un altro punto di forza di Tierra Libera. Poiché
tutto il modo di vivere. Gli acquisti erano centralizzati, i negozi in senso classico   l'unione fa la forza, qualsiasi comunità i cui membri si incontrassero
quindi non esistevano, ma c'erano solo dei magazzini in cui ognuno poteva entrare       frequentemente, trovava molto più facilmente un accordo per risolvere i problemi e
a qualsiasi ora per prelevare quanto gli necessitava, o depositare quanto aveva         decidere come ripartire le risorse per progredire. Condivisi quest'ultima riflessione
prodotto. Era l'evoluzione massima del concetto di Cooperativa; per avere il prezzo     con Stealth, che allora disse:
più basso, si acquistava tutti assieme.                                                 “Vedi Josè”, mi disse Stealth “già ai miei tempi, ogni famiglia era chiusa in sé
Quando usciva un prodotto nuovo, da importare, se ne acquistava qualche                     stessa, tutte le sante sere. Ogni famiglia davanti all'unico vero Dio riconosciuto
campione, lo si testava, i risultati venivano pubblicati sul sito internet di Tierra        dai Paesi ricchi, cioè la Televisione, l'onnipotente Televisione, che impone le
Libera, e quindi ogni villaggio poteva visionarli e rispondere di quanti pezzi              mode, i personaggi, gli stili, i consumi.”
eventualmente necessitava. Trent'anni prima i primi movimenti di Consumatori            “Sì, è storia vecchia”, ribattei, “qualsiasi comunità, piccola o grande non
facevano qualcosa del genere, ossia testavano ogni sorta di prodotti e pubblicavano         importa, anziché riunirsi quotidianamente per discutere e stare insieme, rimane
i risultati dapprima sui loro giornali, e poi sui loro siti Internet, ma il grosso          inesorabilmente divisa, ognuno a casa propria, e quindi i problemi restano a
pubblico continuava ad ignorarli, ed inoltre erano test che avvenivano spesso mesi          carico della classe politica, che non è certo il massimo.”
dopo la commercializzazione degli articoli, quando ormai un grosso numero degli         “Beh”, aggiunse Stealth, “è chiaro che ci sono ovvi limiti geografici, per cui gli
stessi era già stato acquistato. In più c'era il problema della fiducia, dal momento        abitanti di una comunità non possono certo ritrovarsi assieme quando le distanze
che non tutti erano disposti a credere a questi organismi.                                  superano un certo limite, ma all'interno di comunità ristretta sì, potrebbero, e
Ogni comunità poi aveva un atrezzato ed ampio edificio ricreativo, una sorta di             quindi perlomeno risolvere i microproblemi locali, e questo agevolerebbe non
grande oratorio laico, nel quale di giorno si trovavano soprattutto bambini ed              poco una crescita ed uno sviluppo complessivo”.
adolescenti per giocare e stare assieme, mentre alla sera adulti ed anziani (perchè a   “Anche perchè, quando ci si trova in compagnia, anche se c'è una televisione
Tierra Libera ogni anziano abile lavorava sino a quando le condizioni di salute             accesa, alla fine si finisce sempre per preferire la discussione con i propri amici
glielo permettevano, e non certo per guadagnare, visto che salari e pensioni non            piuttosto che una visione passiva dello schermo. Almeno io vedo che tra di noi è
esistevano, ma per puro piacere e senso civico) si ritrovavano per svagarsi e               così”, dissi.
“Direi proprio di sì Josè”, “parlare con i propri simili, soprattutto con quelli più      Beechamp, Pffizer (incluso Warner Cristopher Lambert), Mercks Gimondi &
  esperti e competenti, è molto stimolante, e spesso divertente, di qualsiasi              Co, AstrattoZeneca, Avventis, Bristot-Myers Squib, Vecchiartis, Pharmaca
  programma televisivo. A proposito, ti ho mai detto quello che fu un'ulteriore            (incluso naturalmente Mondiavolo & Downjohn), Hofman-La Broche, Johnston
  motivo per la creazione di Tierra Libera come nazione completamente                      & Johnston. Poi nel settore agrochimico, alcune delle citate più Sygenta,
  indipendente?”                                                                           (AgrAdamo + Phone Poulenc), PASF, DuMont, Baier, ecc. ecc.”
“Mah, me ne hai detti tanti”, risposi, “a quale ti riferiscii stavolta?”                “Scusa, ma non mi pare di aver sentito menzionare nessuna compagnia
“Vedi, Tierra Libera avrebbe potuto essere semplicemente una città all'interno di         petrolifera.....”
  una nazione, ma così facendo avrebbe dovuto rispettarne le leggi, e fra queste         “Si, è vero, infatti agli inizi del nuovo millennio (ed ancora oggi), le imprese
  anche quelle relative alle cosidette “Proprietà intellettuali”, cioè i brevetti. E       farmaceutiche erano quelle che avevano la maggiore disponibilità di liquidi. Più
  nessuno di quelle che immaginava Tierra Libera la poteva immaginare                      dell'informatica, del petrolio, dei minerali. Tieni presente infatti che il mercato
  assoggettata ai brevetti software di Macrohard e meno ancora a quelli delle              farmaceutico era cresciuto da 70 miliardi di dollari nel 1981, a 317 nel 2000. Ed
  Multinazionali che avevano cominciato a praticare la “Biopirateria”.                     inoltre, è anche vero che proprio in questi tre settori si verificò in quel periodo
“Ah, intendi dire quel fenomeno assurdo per cui vengono brevettate le varie               una concentrazione senza precedenti, che vide sconfinamenti di un campo
  specie di piante e/o i principi attivi che queste contengono?”                           nell'altro (il farmaceutico produce anche agrochimico e sementi, ad esempio).
 “Esatto, in questa maniera chi vuole usufruirne (e coltivare una pianta, ad              Le dieci più grandi industrie farmaceutiche avevano già allora il 47% del
  esempio), deve pagare. Pensa che all'inizio del millennio, per il mais, esistevano       mercato mondiale. Nel settore agrochimico, le dieci maggiori controllavano
  già oltre 70 specie brevettate.”                                                         l'87% del mercato (30 miliardi di dollari), e in quello delle sementi, il 30% di un
“E dove li brevettano, visto che non è mai esistito un “brevetto mondiale” chiesi.        mercato di 24,4 miliardi di dollari.”
“Beh, naturalmente li brevettavano nei Paesi per loro più interessanti, come il         “Scommetto che le comunità indigene hanno avuto grossi vantaggi da questa
  Venezuela, Costarica, Colombia, Messico Ecuador, Perù, Congo, Madagascar,                operazione di privatizzazione.”, commentai ironicamente.
  Cina, Indonesia, Australia. Più in generale, tutta la parte di selva tropicale della   “Ah certamente”, rispose con un sorriso altrettanto ironico Stealth, “Pensa che
  Terra.”                                                                                  all'inizio, cioè sino agli anni '90, le imprese andavano presso le comunità
“Stealth, non siamo mai andati a fondo della faccenda, spiegami adesso, perché            indigene, prelevavano le piante, non chiedevano il permesso, né pagavano nulla.
  le piante interessano tanto alle imprese?”                                               Poi si accorsero che era molto più efficace chiedere consiglio agli anziani e agli
“Tu sai Josè, che la natura è una base estremamente importante dell'industria             sciamani. Ai depositari del sapere, insomma. Così cominciarono ad offrire
  farmaceutica. Con i progressi della tecnologia, è sempre più facile, a partire da        denaro (un po' di spiccioli naturalmente) in cambio delle giuste indicazioni. Alla
  un estratto naturale, produrre un composto farmaceutico. A volte le piante               fin fine si ottiene un accentramento di conoscenze nelle mani di pochi, con
  vengono comunque brevettate tali e quali: è il caso del tepescohuite, la corteccia       pessime conseguenze. Non occorre essere un esperto per capirlo: il monopolio,
  di un albero messicano, miracolosa per le ustioni, brevettata da un'impresa              sia di produzione, sia di conoscenza, giova solo monopolisti, il resto del mondo
  spagnola. Quello che l'industria farmaceutica guadagna con i composti naturali           soffre e paga.”
  è impressionante: nel 1996, a livello mondiale, i guadagni in rimedi naturali          “Ho capito” dissi, “quindi, ritornando all'inizio del discorso, siccome non esiste
  ammontavano a 32 miliardi di dollari. E fino al 1980, quasi il 25 per cento dei          un brevetto a copertura mondiale, e siccome Tierra Libera è a tutti gli effetti
  farmaci che si vendevano negli Stati Uniti proveniva da estratti naturali.”              una nazione indipendente, i brevetti delle multinazionali non sono
“A questo punto allora immagino sia superfluo chiederti quali industrie sono              assolutamente tutelati”.
  implicate nella biopirateria?”                                                         “Esatto” risposte Stealth, “se Tierra Libera fosse stata creata all'interno di una
“Si, è superfluo, erano come lo sono purtroppo tuttora le solite, tutti i colossi del     Nazione già esistente, tutta una serie di prodotti brevettati non si sarebbero
  settore farmaceutico, agrochimico e delle sementi. Non più di qualche decina in          potuti utilizzare, se non pagando eventualmente delle royalties ai proprietari.
  tutto. Per i prodotti farmaceutici, ci sono il gruppo Glaxxo e Smit Kline                Invece così, Tierra Libera non ha mai aperto un ufficio brevetti, è una cosa che
  non concepisce, e tutti i prodotti che in molti altri Paesi non si possono utilizzare     dove si trova l'uscita dall'areoporto”
  o fabbricare senza infrangere un brevetto, qui si possono fare.”                        “Poco ma sicuro” mi rispose ridendo, “non mi sento ancora pronto per il
“Beh, scommetto che per il software è la stessa cosa?” ipotizzai.                          paradiso”, per cui adesso concentriamoci per l'atterraggio, tu per il momento
“Si, con l'aggiunta che, come da altre parti, si è sempre privilegiato l'open source,      osserva e memorizzaaaaaa” concluse l'ultima parola buttando in picchiata
  si è stretto una proficua collaborazione con l'India, all'avanguardia in questo           l'aereo, salvo subito riprenderlo non appena lo stesso comincio a protestare con
  campo, e si è quindi raggiunto una sostanziale parità di prestazioni con i                il tipico beep-beep di allarme per uscita dal sentiero ILS. “Che palla di aerei,
  software privati senza neppure utilizzare prodotti coperti da brevetti”.                  non ti ci puoi divertire un attimo che subito si lamentano come suocere, a
                                                                                            proposito, non ti sposare mai Josè, ma credo di avertelo già detto no ....” mi
A furia di parlare il tempo era passato velocemente, ed eravamo ormai in fase di            disse strizzandomi l'occhio.
approccio al sentiero di discesa per l'atterraggio ILS nell'areoporto di Tierra Libera.
Pioveva che Dio la mandava, la visibilità era praticamente nulla, ma grazie
all'Instrumental Landing System, sul monitor della cabina di pilotaggio del Learjet       Dopo l'atterraggio rullammo quindi sino all'hangar assegnatoci per il parcheggio
apparivano i riquadri che delimitavano il sentierio virtuale di discesa ottimale per      del nostro areomobile, e dove ad attenderci c'era già una piccola rappresentanza di
l'avvicinamento alla pista. Stealth intanto stava contattando la Torre di Controllo:      coloro che avremmo incontrato. In testa a tutti c'era Gnagoletto, uno dei
“Tierra Libera approach this is PapaPapa, SierraTangoLimaHotel, how do you               rappresentanti storici di quello che era stato il movimento dei cosidetti “No
    read – over.”                                                                         Global”, sorto spontaneamente a cavallo tra il vecchio e nuovo millennio, e
PapaPapa, SierraTangoLimaHotel this is Tierra Libera approach reading you                sucessivamente uno dei promotori dell'idea e della realizzazione pratica di Tierra
    five, go ahead.                                                                       Libera. Ci venne incontro a braccia aperte e ci abbracciò calorosamente non appena
“Tierra Libera approach PapaPapa, LimaHotel at 4000 feet estimating Libera               discesi dalla scaletta dell'aereo, salutandoci.
    NDB at 20”                                                                            “Benvenuti a Tierra Libera ragazzi, anche se, parlare di ragazzi con te Stealth e
PapaPapa, LimaHotel Tierra Libera approach roger maintain 4000 ft, QNH                      un po' fuori luogo, ormai sei vecchietto anche tu eh?”
    1015.2, EAT. 30, report over Libera NDB, over.                                        “Senti chi parla” risposte con finta stizza Stealth, “se io sono vecchietto tu lo sei
                                                                                             di più, ricordalo”,
“Ecco fatto!”, mi disse Stealth con un ghigno che voleva essere un sorriso,              “Eh, ma la vecchiaia porta saggezza, lo sai, anche se in realtà porta anche diversi
  “Prosegui tu adesso?”                                                                      acciacchi”, concluse, toccandosi la schiena e piegandosi leggermente in avanti,
“Ah ah”, risposi, “molto divertente, ma ti ricordo che non siamo ancora arrivati            come ad indicare di avere problemi in tal punto del corpo.
  al IFR, ed inoltre usare il simulatore che usiamo noi non ha assolutamente i            “Non ci avrai invitati sino a qui solo per parlare dei tuoi dolorini ed artriti varie
  comandi disposti come il tuo Learjet, per cui rischierei di perdere 5 minuti ogni          spero?”, proseguì sempre scherzosamente Stealth,
  volta per cercare il posizionamento degli ipersostentatori, del carrello ecc. ecc.,     “No di certo, venite, venite, si parla sempre meglio con le gambe sotto ad un
  con il risultato che saremmo già schiantati al suolo prima di aver trovato il              tavolo imbandito”, e così dicendo Gnagnoletti ci guidò fuori dall'Hangar presso
  comando da azionare”.                                                                      un edificio poco distante, che fungeva evidentemente da sala riunioni, e al cui
“Va bene, comunque non ti lamentare, con la versione 2015 di Flight Simulator è             interno era stata preparata una lunga tavola imbandita con il pranzo a buffet, e
  in vendita anche il quadro comandi dei principali aeromobili, non appena                   tutta una serie di tavolini per potersi accomodare durante il pranzo stesso.
  possibile copieremo quella del Learjet, così diventerai autonomo anche in               “Caro Josè”, disse Stealth rivolgendomi la parola, “a Rio non ti abbiamo credo
  questo, e io potrò pisolare durante l'intero volo”.                                        mai fatto mancare pane e companatico, ma qui datti da fare, guarda che
“Beh, direi comunque che durante gli atterraggi, perlomeno i primi, farai meglio            spettacolo di pietanze e che varietà, forse è la volta buona che butti su un paio di
  a restare ben sveglio, non vorrei che ti ritrovassi ad aprire gli occhi davanti ad         chili extra.”
  un perplesso San Pietro, saresti capace di aggiustarti la camicia e chiedergli          Aveva ragione diavolo, il tavolo avrebbe risvegliato l'appetito anche ad un
commensale appena uscito da un pranzo di matrimonio, con la sua varietà di forme             risposi appoggiando cortello e forchetta in verticale sulle mie tempie, come a
e colori. Frutta a verdura erano dispensate in tutte le varietà possibili, vedevo per la     imitare una mucca. “Forse che anche qui non se la possono permettere?”
prima volta una serie di specie viste solo in fotografia, mentre parecchie altre non       “Ah, la carne vuoi dire, beh, effettivamente ecco una cosa che ancora non ti
sapevo nemmeno cosa fossero. E poi tutta una serie di minestre di cereali, di                avevo spiegato su Tierra Libera, cioè la sua dieta alimentare.”
legumi, miste, cremine come sopra, ricche insalate, macedonie, succhi di frutta,             Dopo una breve pausa in cui trasse un respiro profondo come a cercare di
sorbetti, gelati, torte e dolci e frutta secca.                                              concentrarsi per preparare una buona risposta, Stealth proseguì; “Vedi Josè, uno
“Mio Dio”, esclamai, “questa è davvero la volta buona che ingrasso,“posso?”,                dei motivi del successo di Tierra Libera sta proprio nella dieta alimentare che
   aggiunsi, avendo notato che la maggior parte dei commensali aveva già                     praticamente la totalità dei suoi membri adotta, in quanto è parte integrante della
   cominciato a far lavorare la mandibole.                                                   filosofia di vita dei suoi abitanti. Essere vegetariani infatti non significa solo
“Ma certo, serviti pure”, rispose Gnagnoletto, “d'altronde noi, mentre vi si                avere il massimo rispetto per ogni forma di vita, e rifiutarsi quindi di cibarsi di
   aspettava, abbiamo gia iniziato a toglierci la fame”.                                     animali e di causar loro dolore con forme di allevamento forzato, trasporti in
Senza pensarci due volte cominciai ad arraffare un piatto e versarci sopra una               condizioni pietose o con uccisioni cruente, ma è anche il miglior compromesso
crema che mi ispirava quanto a colore e profumo, poi su un altro piatto misi un paio         tra esigenze alimentari e risorse economiche impiegate per la loro produzione.
di pezzi di formaggio e dell'insalata di riso freddo, e cominciai voracemente ad             In parole povere si risparmia un mucchio di soldi nell'adottare una dieta
imboccarmi un boccone ora dell'uno ora dell'altro piatto. Intanto mi guardavo in             vegetariana, sia direttamente, evitando di costruire e mantenere tutte le
giro, cercando di riconoscere magari qualche viso conosciuto, ed osservando                  infrastrutture necessarie per l'allevamento degli animali, sia indirettamente sotto
Gnagnoletto e Stealth che conversavano tranquillamente tra loro e con altri                  forma di uno stress ambientale estremamente più basso, e quindi spese per la
commensali, aggirandosi tra i tavoli e scambiando strette di mano, senza                     gestione dell'ambiente assolutamente ridotte.
dimenticare di allungare le mani apparentemente a caso per raccogliere qualche             “Oh beh”, commentai io, “Internet da questo punto di vista ha fornito e fornisce
pietanza e portarsela elegantemente in bocca.                                                un vasto repertorio di informazioni....”
Avevo quasi finito l'insalata di riso, e quindi guardai nuovamente sul tavolo per          “Certo”, proseguì Stealth “Internet ha contribuito non poco a far uscire i
scegliere la prossima portata, quando vidi quello che sembrava dello spezzatino              Vegetariani dalla nicchia in cui fino a pochi decenni fa erano rinchiusi, proprio
mescolato con patate al forno, era senz'altro aggiudicato, e quindi me ne servii una         per la grande quantità di informazioni a disposizione di tutti coloro, ed erano in
generosa porzione nel piatto e la assaggai subito. Le patate erano perfette, ma mi           tanti, che volevano saperne di più. Quando poi esplose il caso della “Mucca
ero sbagliato sullo spezzatino, non era carne, bensì seitan, l'avevo mangiato diverse        Pazza” e qualche anno dopo dei polli con l'influenza, quando divenne palese che
volte girando con Stealth. E ora che i morsi della fame erano calati, questo                 molti allevatori, che pensavano solo ai loro quadagni, e dal momento che la
particolare mi venne in mente, e cominciai a analizzare meglio le tavolate,                  carne naturalmente si vendeva a peso, in un solo mese di trattamento con l‟uso
cercando qualche piatto a base di carne o pesce, ma no, non c'era traccia di tali            di estrogeni, tra i quali il dietilstiberolo che è cancerogeno, cortisone, antibiotici,
alimenti. Era una coincidenza? Forse sapevano che Stealth era vegetariano e il               sulfamidici, antitiroidei, vaccini, anemizzanti, tranquillanti e ormoni vari,
banchetto era stato organizzato su di lui, o forse la maggior parte degli invitati era       facevano aumentare il peso di un vitello da duecento chili di altri 30-40 chili,
vegetariana?, o forse ............?                                                          realizzando così un aumento del guadagno del 15-20% secco, e chissenefrega se
Mi avvicinai a Stealth con il piatto in mano, e quando lui incrociò il mio sguardo gli       magari la carne di un animale così trattato non è poi così sana, ecco spiegato
dissi:                                                                                       ulteriori motivi per cui il numero dei vegetariano cominciò ad aumentare
“E' tutto molto buono Stealth, ma non ti pare che manchi qualcosa?”                         esponenzialmente.
“Cosa vuoi dire?”, rispose con una scrollatina di spalle, evidentemente per lui era       “Ma qui a Tierra Libera ci sarebbero tutte le condizioni per un allemvamento
   tutto normale.                                                                            “biologico”, insomma, di gran qualità e il più naturale possibile, no?” chiesi,
“Voglio dire che non c'è traccia di un paio di tipi di alimenti che solitamente si          anche se intuivo la risposta.
   trovano nelle tavole ricche, anche se abitualmente non le frequentiamo.”,                “Certo che sì Josè, però come ti ho detto all'inizio c'è anche una precisa
  motivazione matematico-finanziaria per preferire la dieta vegetariana”. Altro
  sospiro profondo, qualche momento di riflessione, poi Stealth riprese: “Vedi,         La voce s'intromise di colpo, lasciandomi un attimo disorientato, poi vidi avanzare
  alla fine dei conti, l‟energia necessaria per produrre un chilo di proteine animali   verso di noi un uomo anziano, alto e magro, con i capelli bianchi lunghi e gli
  è da 5 a 20 volte maggiore di quella necessaria per una stessa quantità di            occhiali da sole, che riprese a parlare con un fortissimo accento inglese:
  proteine vegetali. E quando si parla di “consumo di energia” si parla                 “Lascia stare il ragazzo, Stealth, tu parli sempre troppo!”, e così dicendo si tolse
  automaticamente anche di inquinamento, visto che l‟energia deriva in gran parte          gli occhiali da sole, e potei riconoscere, seppure a fatica, l'uomo la cui foto mi
  dalla combustione inquinante del petrolio o di altre risorse non rinnovabili. Per        era stata fatta vedere nel corso del test a Dreamworld, cioè Bob Gelbof, solo
  far parlare i numeri ti dirò brevemente che destinando un ettaro di terra                che, cavolo, in quella foto aveva 33 anni, adesso doveva averne circa il doppio
  all‟allevamento bovino si ricavano in un anno 66 Kg di proteine. Destinando lo           se la memoria non mi ingannava, e quindi non gli somigliava molto. Subito
  stesso terreno alla coltivazione della soia si ricavano 1848 Kg di proteine, cioè        continuò dicendo:
  28 volte di più. Inoltre già verso la fine dello scorso millennio si era capito e     “Ragazzo, Stealth fa tanti discorsi sull'economia, ma vent'anni fa, lo conobbi ad
  calcolato con precisione che non era possibile, a livello idrico, sostenere una          un ricevimento con tante persone eleganti, quando durante la cena il suo vicino
  dieta mondiale basata sulla carne, perchè, molto semplicemente, non c'era                fece le sbaglio di chiedergli perchè rifiutava così tante portate, che naturalmente
  abbastanza acqua.....infatti per produrre un chilo di carne bovina sono necessari        erano a base di carne o pesce; quando Stealth gli rispose che era vegetariano, il
  ben 15.000 litri di acqua, e solo 500 litri per un chilo di patate. Pensa che            suo interlocutore gli chiese se aveva problemi di allergie o intolleranze
  ancor'oggi circa i tre quinti del consumo mondiale di grano grezzo è usato per           alimentari, ed allora lui gli rispose che semplicemente non voleva fare del male
  alimentare gli animali, una parte sempre maggiore di frumento è usato nei paesi          a nessuno, neppure a nessun animale. “Ma sono solo delle bestie!” intervenne
  industrializzati come magime animale - 45% dell'utilizzo totale nell'Unione              una specie di duchessa dall'altro lato del tavolo, “non sono intelligenti come
  Europea. E poi ci sarebbe da parlare anche di tutto il discorso dei sussidi, pensa       noi!”. Allora Stealth disse “Cara Signora”, e non la chiamò col suo titolo
  che i paesi industrializzati spendono ogni anno 350 Miliardi di dollari per              nobiliare apposta, “se domani arrivassero degli extratterestri su astronavi con
  sussidiare i loro produttori agricoli, è così facendo i produttori del Sud del           motore a distorsione gravitazionale, in grado di comunicare tra loro
  mondo sono colpiti da pesanti diminuzioni dei prezzi delle loro merci, e                 telepaticamente, dotati di una tecnologia e di un'intelligenza miliardi e miliardi
  perdono per ciò 700 miliardi di dollari ogni anno. Ogni mucca europea costa              di volte maggiore della nostra, conquistassero la Terra e cominciassero a usarci
  ogni giorno 2,2 dollari in sussidi, mentre contemporanemente quasi tre miliardi          come wurstel a colazione, il tutto con la coscienza pulita perchè tanto “noi non
  di persone sono costrette a vivere con meno di questa cifra.                             siamo intelligenti come loro”, a lei starebbe bene?”. La duchessa a quel punto
“Già, assurdo, però tornando alla carne, per anni però si era pensato che le              comincio a balbettare in cerca di una risposta, ma, visto che non la trovava,
  proteine vegetali non avessero le stesse qualità di quelle animali.....”                 intervenne il suo consorte, un noto politico, molto colto, dicendo “Capisco il suo
“Si, e nel migliore dei casi erano voci diffuse e sostenute dalle lobby degli             punto di vista, ma la questione non credo sia il grado di intelligenza, ma
  allevatori, comunque alla fine la comunità scientifica ortodossa confermò che le         semplicemente il fatto che solo l'uomo è dotato di coscienza, solo lui si rende
  proteine della soia e delgi altri legumi e cereali hanno lo stesso valore                conto di ciò che accade, gli altri animali semplicemente agiscono in base a
  nutrizionale di quelle contenute nella carne. Comunque, per terminare il                 riflessi istintivi, quindi non rendondosi conto di ciò che accade, non soffrono per
  discorso matematico-finanziario, ti dirò che, ai tempi in cui si pensava alla            il loro destino!”, Stealth rispose “Onorevole, Andreetti lei è in grado di
  costituzione di Tierra Libera, erano ben 145 milioni le tonnellate di soia e             dimostrare scientificamente, e sottolineo scientificamente, quanto ha appena
  cereali destinate all‟alimentazione delle mandrie di bestiame. Con un semplice           affermato?”; “Beh, no, non credo, non mi pare sia mai stato dimostrato
  calcolo ci si rese conto che spostare queste quantità dagli allevamenti                  scientificamente”, rispose l'onorevole; “Quindi”, continuò Stealth, “se non è
  all‟alimentazione umana avrebbe garantito, più di qualunque coltivazione                 mai stato dimostrato scientificamente, si tratta semplicemente di un'ipotesi, ora,
  biogenetica, la possibilità di sradicare la fame nel mondo.”                             se io andassi alla polizia, dicendo che lei è un mafioso responsabile
“Fuck-off man, stop cheating the boy!”                                                    dell'omicidio di decine di persone, sicuramente la polizia mi chiederebbe le
  prove....se io rispondessi che la mia è solo un''ipotesi, secondo lei verrebbero a        quindi di elettricità, è risultata essere circa la metà del previsto. Inoltre, la
  prenderla e la condannerebbero alla sedia elettrica?”; “Credo proprio di no!”             scomparsa delle inondazioni e del conseguente deposito di limo, ha costretto
  rispose allora un po'stizzito l'onorevole; “Eppure lei”, concluse Stealth “ha             all‟uso massiccio di fertilizzanti chimici, che hanno causato un forte
  appena emesso ed eseguito una sentenza di morte”, e punto l'indice contro un              inquinamento. I canali d‟irrigazione, non più protetti dallo schermo del
  petto di tacchino che giaceva nel piatto dell'onorevole, “in base ad una pura             sedimento stesso, dilagano alghe infestanti ed è aumentata la salinizzazione che
  ipotesi, in pratica lei ha vestiti contemporaneamente i panni dell'accusa e del           sterilizza i campi. Le acque stagnanti hanno portato all‟apparizione di una
  giudice, ed ha giudicato semplicemente sulla base di un'ipotesi assolutamente             malattia mortale, la biliarzosi e, il disastro ecologico ha provocato la scomparsa
  non provata. Nel suo paese la giustizia funziona sempre così?”, ed appena finita          di molte specie animali e il crollo dell‟industria ittica, dal momento che le
  la frase si mise in bocca una patata e continuò a mangiare nel silenzio                   acque del delta, prive di plancton non attiravano più i pesci.
  imbarazzato generale.                                                                   “Un altro grosso pericolo”, riprese Stealth, “derivante dalle diete carnivore è
“E come finì questa storia?”, chiesi incuriosito.                                          l'anomala concentrazione di animali negli allevamenti. Mi spiego: in natura la
“Che io e Gelbof, finita la cena, ce ne andammo da quel ricevimento, a cui non             concentrazione, cioè la densità di un determinato animale è limitata
  fummo mai più invitati, e facemmo conoscenza.                                             dall'ambiente, dai predatori, dalle risorse disponibili e da altri fattori. Negli
“Vedi Josè”, intervenne a questo punto Gnagnoletto che aveva ascoltato in                  allevamenti intensivi creati dagli uomini tutto ciò non esiste; migliaia e migliaia
  silenzio la nostra conversazione, “spesso l'umanità è colpita da manie di                 di polli per esempio, confinati in pochissimo spazio, nutriti artificialmente,
  grandezza, e opta per le soluzioni più difficili e ciclopiche trascurando quelle di       possono diffondere, visto l'ambiente così ristretto, malattie che in natura si
  dimensioni ridotte, in pratica per far guadagnare i soliti pochi a scapito dei soliti     diffonderebbero con maggiore difficoltà. Ora questo ha due conseguenze
  moltissimi. Spesso è un problema di semplice malafede, come quando si                     allarmanti, la prima è che tali malattie potrebbero in qualche caso trasmettersi
  realizzano impianti sportivi grandiosi per una manifestazione come le                     all'uomo, la seconda è che, proprio per prevenire tali eventualità, al minimo
  Olimpiadi o altre, nelle quali le ditte che vincono gli appalti guadagnano delle          segnale di malattia, le bestie vengono trattate con dose massiccie di antibiotici,
  cifre colossali, mentre i cittadini del Paese ospitatante si ritrovano a pagare tasse     favorendo così la selezione di ceppi sempre più resistenti.”
  maggiorate per trent'anni, per pagare tali impianti, che nella maggior parte dei        “Questo problema” concluse Gnagnoletto “è noto da almeno 30 anni, e da
  casi restano poi inutilizzati. E' successo così molto spesso a partire dalle              altrettanto tempo sono feroci le battaglie tra le lobby degli allevatori e le
  olimpiadi invernali del 1968 a Grenoble. Altre volte invece è proprio un                  comunità scientifiche ed ecologiche, ma alla fine, come sempre, l'interesse
  problema di ignoranza, di non avere sufficente esperienza per capire le                   economico fodera di prosciutto, ed aggiungerei di soldi, gli occhi e le tasche dei
  conseguenze dei propri atti. E' di scuola il caso della diga Egiziana; quando nel         governanti.”
  1964 il presidente Abdel Gamal Nasser inaugurò Sadd el-Ali, la Grande Diga di           “Ma non qui a Tierra Libera” dissi io, qui avete scelto un regime dietetico che
  Aswan, agli egiziani sembrò di essere riusciti a lasciarsi alle spalle un destino di      limita al minimo il consumo di carne, no?”
  precarietà e di povertà. Fino ad allora la sopravvivenza del paese dipendeva            “Esatto” ribadì Gnagnoletto, “non siamo dei fanatici, ogni tanto chi vuole
  dalle provvidenziali, ma anche catestrofiche piene stagionale del Nilo, che               assaggia tranquillamente qualche bocconcino di carne di qualche animale da
  lasciavano più di 100.000 tonellate di sedimento, che assicurava la fertilità dei         pascolo morto per cause naturali, ma rimane un'occasione abbastanza rara, la
  campi. Era stato così dalla notte dei tempi, ma la nuova diga, risultato titanico di      nostra dieta è essenzialmente vegetariana”.
  un incredibile sforzo collettivo di oltre 30.000 uomini che avevano lavorato per        “Comunque”, intervenne Stealth, “qui il problema della malafede, almeno
  5 anni, giorno e notte, prometteva un futuro diverso. I 157 miliardi di metri cubi        riguardo al consumo del petrolio, è stato risolto. Devi sapere infatti che alcuni
  d‟acqua trattenuti nel lago Nasser avrebbero eliminato le piene e prodotto 10             degli abitanti di Tierra Libera sono gli stessi membri del Dipartimento USA
  miliardi di Kilowattori, raddoppiando in un colpo solo la capacità energetica del         dell'energia (DoE) che nel 1991 avevano pubblicato il primo inventario per
  paese, e permettendo così di accelerare l‟industrializzazione dello stesso. Ma il         l'energia eolica, precisando che 3 stati ricchi di vento (North Dakota, Kansas e
  sogno si è trasformato in incubo: per la forte evaporazione la quantità d‟acqua, e        Texas) avevano sufficiente potenza eolica da soddisfare l'intero fabbisogno
  nazionale di elettricità”.                                                              “Eh già”, continuò Gnagnoletto, “ognuno nella sua bella casetta, con tutti i
“Quindi avrebbero potuto sostituire il petrolio con l'energia eolica?”, chiesi.            comfort, davanti alla televisione che gli diceva devi essere così, devi fare cosà,
“Non solo, avrebbero potuto addirittura produrne in surplus e venderla”, mi                deve avere questo e questo, che ti fa vedere la splendida e lussuosa vita delle
  rispose continuando; “Oggi sappiamo che quella fu una stima cauta del                     star, che ti fa vedere tutte quelle belle cose da possedere, tutti quei magnifici
  potenziale dell'energia eolica, perche' si basava sulle tecnologie del 1991. I            luoghi in cui andare in vacanza, per nuotare nelle acque cristalline, sciare su
  miglioramenti del design delle turbine eoliche fatti da allora permettono ad esse         cime innevate, abbronzarsi su spiagge dorate, la TV che ti dice che devi restare
  di operare a velocita' di vento inferiori rispetto a prima; consentono poi di             giovane e bello come i modelli o i testimonial che affollavano gli spot
  convertire il vento in elettricita' molto piu' efficientemente, e di sfruttare il         pubblicitari......bello, ma impossibile da realizzare, almeno per la stragrande
  potenziale eolico in un'area ben piu' estesa. Nel 1991, le turbine eoliche avevano        maggioranza della gente. E poi, restare sempre davanti alla TV significa passare
  un'altezza media di 40 metri. Nei primi anni del 2000, le nuove turbine                   meno tempo in compagnia, ed ogni psicologo non potrà che confermare che
  raggiungevano già i 100 metri con pale più lunghe che consentono di catturare             qualsiasi tipo di malessere aumenta con la solitudine, mentre il Gruppo è sempre
  più efficientemente l'energia eolica, triplicando la quantita' di vento sfruttabile.”     e comunque il migliore mediatore terapeutico.”
“Quindi”, terminò Gnangoletto, “ti lascio immaginare da cosa proviene l'energia          “E' un circolo vizioso”, concluse Stealth “chi ha qualche problemino, chi non si
  elettrica che utilizziamo qui a Tierra Libera, che abbiamo scelto appunto anche           sente a proprio agio con gli altri, tende ad isolarsi, ed in questa maniera quasi
  perchè è in una zona con una buona presenza di vento.”                                    sempre il problema peggiora, quindi l'isolamento si accentua e così via.”
“Certo, energia eolica, energia solare, sia sotto forma di cellule fotovoltaiche         “Qui a Tierra Libera invece è quasi impossibile isolarsi” disse allora
  che di pannelli solari, biomassa con il recupero certosino di tutti i rifiuti umidi,      Gnagnoletto, “come sai abbiamo le famiglie allargate, abbiamo gli oratori, ogni
  e le turbine SETUR che sfruttano ogni minimo corso d'acqua, e al diavolo il               comunità ha il suo salone da incontro pieno tutte le sere, ma naturalmente tutto
  petrolio, il carbone, il nucleare, e anche se è pulito, il metano. E' per questo          questo non è altro che uno degli aspetti che caratterizzano la vita di Tierra
  allora che siete tutti sorridenti?, si respira un'aria di grande allegria e serenità      Libera, ed è scontato solo perchè l'intera mentalità è diversa da quella che vige
  qui a Tierra Libera.”                                                                     nei cosidetti “Paesi sviluppati”.
“Beh, i motivi sono tanti”, ammise Gnanoletto “chiaramente abbiamo una                   “Beh, lo ammetto”, dissi allora io, “sin da quando sono sceso dall'aereo ho
  struttura sociale sana, e qui le percentuale di persone malate di depressione non         sentito che qui si respira un'aria diversa, migliore, e non certo per merito di un
  è certo quel 15% che ormai da un ventennio affligge il resto del mondo                    qualche deodorante o di una candela profumata”.
  “sviluppato”. Già agli inizi del nuovo millennio l'OMS calcolava che la                  “Anche perchè, come saprai”, disse ridendo Gnagnoletto, “tali prodotti erano tra
  depressione era la prima causa di invalidità globale e la quarta fra le 10                i peggiori inquinanti degli ambienti, come emerse dal progetto REACH che la
  principali cause di peso mondiale dei disturbi.                                           Commissione Europea implementò per registrare, valutare e approvare
“E' una delle tante maledizioni del progesso.”, intervenne Stealth “La                     finalmente circa 30.000 delle circa 100.000 sostanze chimiche prodotte dal
  depressione è sempre esistita, ed è sempre andata di pari passo con le condizioni         dopoguerra in poi, dal momento che, ancora nel primo decennio del terzo
  generali di una società, ma vent'anni fa l'allarme esplose, se pur                        millennio, prodotti apparentemente innocui come appunto i deodoranti e i
  silenziosamente, nel mondo medico e farmaceutico: la popolazione aveva                    profumi per le abitazioni contenevano una serie di sostanze estramemente
  percentuali di depressi estremamente allarmenti. E sì che si trattava comunque            pericolose, a partire dagli HAP e dai COV come benzene, stirene, eteri glicolici
  di persone che non eranoo in condizioni di povertà, ma posizionate                        o aldeidi, oppure gli ftalati, tutte sostanze che erano in piccola parte note per i
  trasversalmente su tutte le categorie sociali. Il problema era che il progresso           loro effetti tossici, dal semplice effetto irritante, all'effetto allergenico, sino alle
  aveva portato sì un'aumento delle richezze materiali, ma un forte calo di quelle          cancerogene e/o perturbatrici endocrine, d'altronde, nessuna legge obbligava i
  morali, spirituali, del senso di solidarietà, di amicizia, aveva minato la                produttori a citare in etichetta gli ingredienti utilizzati, l'importante e che
  tranquillità e sobrietà di comportamento imponendo modelli di eccesso e                   avessero un buon profumo ........”
  continuo cambiamento, pena l'essere etichettati come “fuori moda”.
“C'è qualcosa che non va, non capisco!” era Mirco, che ci aveva preceduto di             prima”.
   qualche giorno a Tierra Libera. Aveva in mano il suo Scanner radio, con il quale    “Si dannazione, però qui adesso c'è una concentrazione elevata di cervelli che
   passava gran parte della giornata ad intercettare , o cercare di intercettare, le      molti vorrebbero eliminare, ed anche se la cosa è stata tenuta segreta al
   comunicazioni radio degli organismi che più ci interessava monitorare. “Rilevo         massimo, un sistema di sicurezza si doveva prevedere, Cristo, fai sgombrare
   una stranissima concentrazione di segnali di tipo sconosciuto, di bassissima           subito la sala, fai disperdere i presenti, ed alla svelta!”
   potenza, ma appunto di elevata concentrazione geografica, proprio qui,              Non aveva ancora terminato la frase quando molti fra i presenti cominciarono a
   all'aeroporto. Nel tragitto in macchina che ho compiuto un'ora fa per arrivare,     sbadigliare, al chè Stealt mi urlo di buttarmi a terra e strisciare fuori dal capannone.
   partendo da circa 30 km di distanza, non ho rilevato nulla, ed invece, a pochi
   chilomentri dall'aereoporto sono cominciati ad apparire questi strani segnali,      “Perchè?”, gli urlai mentre strisciavo, “cosa succede?” mentre attorno a me le
   debolissimi, ma a concentrazione sempre maggiore”.                                      persone si accasciavano apparentemente addormentate.
“Non potrebbero essere le comunicazioni radio della Torre o di altra                  “Succede che stiamo subendo un attacco, muoviti, fuori!”
   strumentazione, magari anche degli aerei?” chiesi.                                  Freneticamente guadagnammo l'uscita, ci rimettemmo in piedi e cominciammo a
Mirco mi guardò con aria mista tra l'offeso e l'indispettito, rispondendo “Ma no      correre, o meglio Stealth si mise a correre verso la Torre di Controllo, ed io a
   Josè, i segnali di cui parlo sono su una banda di frequenza ben delimitata,         seguirlo. Entrammo trafelati, e senza aspettare l'ascensore salimmo sulle scale sino
   assolutamente diversa da qualsiasi banda utilizzata o prevista dalle normative      in cima nella sala controllo.
   ICAO o dalle strumentazioni di bordo degli aeromobili. Ti ripeto che sono           “Effettuate una scansione sulla verticale dell'areoporto!” ordinò Stealth agli
   segnali che ad oggi, e scusa se sono solo dodici anni che faccio questo lavoro,         uomini-radar della sala, con un tono che non ammetteva repliche, e comunque
   mi sono sconosciuti”.                                                                   non v'è n'era bisogno, in quanto Stealth era ben conosciuto. Passarono alcuni
Allora Stealth si avvicinò a Mirco e gli disse, quasi sottovoce:                           secondi carichi di tensione, quando alla fine sullo schermo comparirono una
“Hai detto che rilevi segnali debolissimi, ma molto concentrati, proprio qui              serie di minuscoli punticini.
   all'interno dell'areoporto?”                                                        “Sono piccoli, molto piccoli, non possono essere né uomini né tantomento
“Esatto!”, rispose Mirco                                                                  aeromobili, con tutta probabilità si tratta di uno stormo di uccelli!” sentenziò
“E questo non ti suggerisce niente, andando a pescare sulle tecnologie usate              l'addetto.
   soprattutto dai militari e poco dai civili, per via del costo elevatissimo?”        “Non sono uccelli!” disse semplicemente Stealth, che mi strattonò verso di sé e si
                                                                                           mise nuovamente a correre giù per le scale.
I due si guardarono per qualche momento negli occhi, uno sguardo intenso tra due       “Corri Josè, dobbiamo nasconderci!”
persone che si conoscono a lungo ed hanno condiviso la stessa passione, in questo      “Ma Cristo, cosa succede, prima parli di Smart Dust, poi la gente comincia ad
caso per le nuove tecnologie, e vissuto gli stessi entusiasmi e le stesse delusioni        accasciarsi, poi qui dici che non si tratta di uccelli, mi vuoi spiegare.....”
derivanti dalle possibilità offerte prima, e dalle effettive realizzazioni poi.        Sempre continuando a correre e girandosi solo per qualche breve istante, Stealth
“Smart dust”, mormorarono quindi simultaneamente.                                         replicò: “Si sentì parlare di Smart Dust quindici anni fa, come una delle prime
“Gnagnoletto”, disse Stealth, “è possibile che siamo nei guai, tenuto conto del           applicazioni della nanotecnologia, in buona sostanza si trattava di sensori grandi
   fatto che Tierra Libera non dispone di Forze Speciali Militari, né tantomeno vi         come un pannello di polvere, dotati di sistema di comunicazione radio, in grado
   preoccupate tanto di effettuare monitoraggi e controlli di sicurezza particolari,       di rilevare parametri quali umidità, temperatura, pressione, ed altro, e di
   vero?”                                                                                  trasmetterli ad una qualche centrale, sfruttando la capacità di essere ognuno di
“Beh, si”, rispose Gnagnoletto, “come sai, ad oggi non abbiamo avuto particolari          essi un ripetitore degli altri, e quindi in grado di moltiplicare la portata
   problemi di sicurezza, c'è ben poco da rubare qui, visto che le risorse naturali        attraverso il numero di sensori sparsi, che poi le correnti d'aria provvedono a
   sono scarse, il denaro non esiste, oro e gioielli sono totalmente assenti, dal          disperdere. Poi il termine scomparì dalle cronache, sia perchè l'elevato costo di
   momento che sappiamo tutti quanto sangue viene versato per reperire la materia          realizzazione, unito al fatto che poi tale polvere si disperdeva realmente
  nell'aria, ed era impossibile recuperarla, sia perchè il progetto entrò nell'area        fucile;
  militare, per le sue possibilità nel settore dello spionaggio, dal momento che un        “Muovetevi, avanti, dentro!” abbaiò sguaiatamente
  ulteriore sensore incorporabile in questa polvere era molto banalmente un
  microfono.” Terminata questa frase mi fece segno con il dito puntato verso la            Troppo storditi per reagire, entrammo titubanti nel locale, mentre il soldato
  pista.                                                                                   continuava a puntarci contro la sua arma.
“Guarda, è proprio come pensavo!”                                                         “Sin troppo facile!” proclamo allora questi, mentre intanto il secondo soldato,
                                                                                              anch'esso incapucciato ci aveva raggiunto e si era piazzato dietro il primo.
Mi voltai e vidi che dei paracadutisti stavano scendendo sulla pista, dotati di            “Mi aspettavo una resistenza ben più organizzata e difficile da scardinare,
paracadute e tuta di uno strano grigio poco visibile. Stealth allora mi indicò una            Stealth” proseguì nel suo sfogo trionfale, “eventualmente sei sopravvalutato!”
piccola jeep parcheggiata, e ci salto dentro, le chiavi erano inserite, mise in moto,      Non fece in tempo a proseguire l'autocelebrazione che venne colpito violentemente con il
saltai dentro anch'io e partimmo sgommando. Prevenendo le mie ulteriori domande            calcio del fucile dal secondo soldato. Io e Stealth restammo a bocca aperta, stupiti, ma
Stealth riprese:                                                                           prima che potessimo profferire parola, il soldato si tolse il cappuccio.
“Prima hanno fatto cadere smart dust per localizzare esattamente dove eravamo,            “Lucia?” esclamammo contemporaneamente, presi assolutamente alla sprovvista;
                                                                                           “Cosa ci fai qui, come hai fatto a....a....”
    poi evidentemente hanno lanciato un qualche sonnifero, con lo scopo di
                                                                                           Già era sconcertato, da non riuscire a trovare le parole, cosa per lui estremamente
    catturare senza spargimenti di sangue tutti i rappresentanti del mondo
                                                                                           rara, ma decisamente non riuscì a finire la frase quando vide Lucia strattonarmi e
    underground e no-global che oggi sono qui riuniti.”
                                                                                           tirarmi verso sé stessa, e contemporaneamente tenere il fucile puntato contro di lui, con
Detto questo si voltò velocemente all'indietro per dare un'occhiata;                       atteggiamento minaccioso.
“Cristo, c'è qualcuno che c'insegue, tieniti forte, cerco di seminarli.”                  “Ma cosa fai?”, protestai io, con un tono a metà strada tra il divertito e lo stupito, e
Mi voltai indietro anch'io, e vidi un'altra jeep che ci seguiva, poi venni scosso da un        realmente non capivo cosa stesse succedendo.
testacoda, Stealth aveva svoltato bruscamente, buttandosi all'interno del paese che        “Vieni qui Josè!” mi chiamò allora lei, in tono deciso, e poi aggiunse con tono sprezzante
confinava con l'areoporto.”                                                                    “Stealth ci ha venduti, è un traditore!”.
“C'è troppa gente!”, urlai, “rallenta o prendiamo sotto qualcuno!”                        A questo punto un pesante silenzio calò sulla stanza, mentre io guardavo alternativamente
Per tutta risposta Stealth mise di traverso ancora la macchina inserendosi in una          Stealth e Lucia. Quando capii che Stealth non dava segni di replica, non volendo
stradina laterale, meno trafficata, ma lo stesso fece la macchina che ci seguiva,          assolutamente crederci, intervenni in tono quasi supplichevole:
dalla quale vidi uscire quella che sembrava essere una canna di fucile. “Ma non            “Ma cosa dici Lucia?, cosa significa Stealth un traditore?”, poi guardai Stealth e
                                                                                               proseguii “Stealth, cosa cavolo si inventa questa, cosa le passa per la testa, Cristo,
vorranno davvero spararci?” pensai, “cosa abbiamo fatto di così grave?”.
                                                                                               dimmi qualcosa!”
Non feci in tempo ad approfondire questa infausta ipotesi, che la Jeep si affossò          Stealth continuava a non parlare, sembrava decisamente in imbarazzo, mentre Lucia riprese
bruscamente su una ruota;                                                                  a parlare decisa e aggressiva:
“Devono aver sparato ad una ruota!” urlai,mentre la macchina cominciava un                “Josè ascolta, Stealth mi aveva ordinato di ritornare in Ospedale e riprendere il mio
    andamento a pendolo sempre più accentuato, che Stealth cercava invano di                   lavoro, però quello che non ti aveva detto è che mi aveva lasciato le sue chiavi di casa, in
    neutralizzare                                                                              quanto abbiamo avuto una relazione.......” e qui si interruppe un attimo abbassando
“Non riesco a tenerla!” urlò Stealth, “tieniti Josè”                                          leggermento lo sguardo come vergnandosi, “ma ha commesso un errore dettato dal suo
                                                                                               senso di superiorità. Pensava che io fossi troppo stupida per imparare, ma durante il
La macchina dopo un'ultima violenta oscillazione uscì di strada andando a sbattere             tempo che ho passato con lui a casa sua, mentre lui lavorava al computer ed io li facevo
nel porticato di quello che intravidi essere un negozio, restando incastrata al di sotto       compagnia, ho imparato molto, anche alcuni trucchetti da hacker, semplici
dello stesso. Io usci dalla macchina barcollando, e dopo qualche istante anche                 naturalmente, ma sufficenti per consentirmi di aprire la sua posta elettronica, che era
                                                                                               protetta da una password.”
Stealth, che mi guardò e mi fece cenno di entrare. Ma mentre avanzavamo, dalla
                                                                                           “Hai creato un nuovo utente vero? e poi ha importato il file con i messaggi...”, era Stealth,
macchina che ci seguiva scese un soldato, incappucciato, che ci punto contro il
    intervenuto con un tono calmo e rilassato, quasi che gli fosse stato tolto un peso dallo       stava di conseguenza dirigendo proprio verso l'aeroporto, per proteggere tutti coloro che lì
    stomaco.                                                                                       si trovavano, contro questo tentativo di intrusione esterna.
Io ero attonito. Questa dichiarazione di Stealth praticamente era una conferma di quanto lo        Ma io non riuscivo a seguire quello che accadeva all'esterno, ero completamente annichilito
accusava Lucia. Non solo non si era minimamente difeso, ma anzi aveva dettagliato un               dagli ultimi avvenimenti. Stavo per balbettare qualcosa quando Lucia urlò:
particolare del racconto di Lucia. Non potevo crederci, non volevo crederci, allora dissi          “Attenti!”
semplicemente, guardandolo fisso negli occhi, che stavano quasi per piangere:                      Il soldato che era stato colpito da Lucia era rinvenuto, si era portato la mano alla testa, dove
“Stealth, spiegati!”                                                                              sanguinava, aveva guardato la mano insanguinata, e con una smorfia di rabbia aveva urlato:
Lui mi guardò negli occhi, i suoi erano spenti, sembrava in trance, mi rispose con un tono         “Piccolo bastardo, ti ammazzo!”
impersonale, quasi da automa:                                                                      Tutto avvenne in un attimo! Prese da terra il mitra che purtroppo nessuno si era pensato di
“Mi spiace Josè, Lucia ha ragione. Se ha aperto la mia posta elettronica allora ha letto gli      allontanare, rivolse l'arma contro di me, dopo di che sentii il rumore soffocato dei colpi,
    ultimi messaggi che ho scambiato con il direttore dell'ospedale di Rio. Un errore grave,       evidentemente l'arma era munita di silenziatore, e mi ritrovai Lucia davanti, sanguinante.
    che effettivamente ho commesso con la presunzione che nessuno l'avrebbe mai                    Si era gettata sopra di me, facendomi scudo con il suo corpo. Stealth allora urlando aveva
    scoperto”.                                                                                     estratto dallo stivale una pistola e aveva fatto fuoco, appena il tempo di sentire un paio di
Vedendo che non replicavo, proseguì:                                                               spari e due urla di dolore, e tutto era finito.
“Ero stanco Josè, stanco! Stanco di fuggire, di nascondermi, di essere sempre sul chivalà,        Il soldato era a terra in una pozza di sangue, esamine, Stealth, a sua volta colpito, aveva gli
    stanco di dover sospettare sempre di tutto e tutti, stanco di stare in equilibrio precario.    occhi sbarrati verso di me, che mi ero chinato su di lui.
    Dopo anni passati a tessere contatti e cercare di migliorare la mia posizione e quella dei     “Lucia!” esclamò, “Lucia...”
    miei compagni, ero riuscito ad entrare in relazione con le alte sfere degli ospedali di Rio,   “E' qui, è qui!” gli dissi, mentre, aiutato dalle persone che avevano assistito alla scienza,
    volevo cercare di ottenere delle convenzioni per far sì che anche i poveri potessere                spostavo delicatamente Lucia al suo fianco.
    usufruire delle cure più avanzate, ed inizialmente ero anche riuscito ad ottenere qualche      “Mi dispiace Lucia, non volevo coinvolgerti.” mormorò, “non volevo che tu entrassi in
    risultato.” Sospirò profondamente, poi proseguì: “ma col passare del tempo arrivarono i             questa storia.” poi, rivolto a me “non giudicarmi troppo maleJosè, e non ricordardi di me
    primi regali, l'automobile, palmare, una bella casa, accessori vari, mentre i direttori mi          solo per come è andata a finire, purtroppo, a frequentare troppo certa genta, sono stato
    facevano capire che se avessi collaborato e passato loro qualche informazione sul                   corrotto anch'io, ma Dio solo sa quanto ho cercato di restare sempre dalla parte giusta.
    mondo underground, avrebbero continuato ad omaggiarmo. Allora io ho alzato la posta,                Volevo solo il bene per la povera gente .......”
    gli ho fatto capire che potevo manovrare le pedine a loro favore o a loro svantaggio,          “Stai zitto Stealth” lo interruppi, “risparmia il fiato, l'ambulanza sta arrivando, cerca di
    compiendo appunto il furto. Non volevo che oggi succedesse quello che è successo, non               resistere....” poi iniziai a singhiozzare, Stealth aveva gli occhi vitrei, fissi, era esamine,
    gli ho detto niente, ma evidentemente per loro è stato semplice inserire dei sensori spia           era morto.
    sull'areoplano, e quindi ascoltare la conversazione che abbiamo avuto stamattina, e
    regolarsi di conseguenza, evidentemente decidendo di eseguire un “blitz” per catturare         Ero paralizzato dal dolore e dalla rabbia. Rabbia per aver appreso come il mio tutore, la mia
    tutti i capi riuniti qui a Tierra Libera”. Poi guardò Lucia e chiese:                          figura di riferimento, fosse stata corrotta, e dolore perchè naturalmente gli volevo un bene
 “Ma tu come hai fatto ad arrivare qui?”                                                          dell'anima.
“Te l'ho detto che ho imparato molto standoti vicino. Ho visto come facevi ad intercettare        Intanto l'ambulanza era arrivata, prontamente avvertita dai presenti, e gli infermieri stavano
    le comunicazione crittografate del direttore dell'ospedale, e quindi dopo aver scoperto        provvedendo a prestare le prime cure a Lucia, che fortunatamente non era grave. Lucia,
    come stavano le cose, sono rimasta ad osservare l'evolversi della situazione, e quando è       quasi me ne dimenticavo:
    stato dato l'ordine di attacco, con l'indicazione della base di partenza della squadra         “Lucia, cosa ti è saltato in mente? Avresti potuto essere uccisa, hai rischiato grosso per
    d'assalto, mi sono recata lì con la scusa di somministrare delle iniezioni per proteggerli         me.”
    dalla smart dust, ed invece gli ho iniettato acqua distillata, tranne che all'ultimo, che ho   “E' stato istintivo Josè, una madre cerca sempre di proteggere i suoi figli, ed durante il
    narcotizzato, prendendo poi il suo posto con tuta e cappuccio. Nella concitazione                  tempo che ho passato con Stealth, lui mi ha parlato così tanto di te, che ormai mi
    nessuno ha fatto caso al fatto che non ho aperto bocca durante il viaggio.”                        sembrava che lui fosse tuo padre ed io tua madre, d'altronde, quando si conosce una
Intanto si era radunata diversa gente sulla porta del negozio, che si scambiava notizie e              persone buona e brava come te ci si affeziona moltissimo. Io non ho figli, e quindi per
commenti sulla situazione, avendo naturalmente il contatto con la Torre dell'aeroporto, e si           transposizione, tu sei diventato come un figlio per me.”
“Grazie.” fu tutto quello che riuscii a dire.
“Non pensare a me adesso, io sto bene, il proiettile mi ha solo ferito la spalla, nulla di
   grave. Adesso devi pensare a tornare all'aeroporto ed impedire che portino via i
   convenuti.”
“Abbiamo già formato un cordone attorno all'hanger!”. Uno dei presenti era intervenuto.
“Siamo stati in contatto costante con la Torre di Controllo”, proseguì, “e abbiamo ci
   siamo resi conto di quello che poteva succedere, un gran numero di persone si sono
   precipitate all'aeroporto, e ha formato una cintura umana attorno all'hangar, ove
   attualmente ci sono gli assalitori e tutti i convenuti, guarda!”, disse porgendomil il suo
   palmare, che mostrava le riprese delle webcam fisse piazzate all'aeroporto, nonhcè di
   quelle incorporate nei palmari di coloro che si erano piazzati davanti all'hangar.
“Andiamo!” dissi
Mentre salivamo su una vettura, la persona che era intervenuta continuò il suo
aggiornamento, passandomi il palmare che naturalmente fungeva anche da cellulare. Così
parlai direttamente con chi si trovava davanti all'hangar:
“La situazione è di stallo”, mi disse il mio interlocutore, “gli assalitori quando stavano
   uscendo, trovandosi davanti un muro umano, sono rientrati nell'hangar, ed ora
   minacciano di fare una strage di noi tutti se non ci disperdiamo. Ci hanno dato cinque
   minuti per sgombrare, dopo di chè apriranno il fuoco.”
“Stiamo arrivando!, ditegli che il responsabile del furto al “Santa Virgin” di Rio si
   consegnerà a loro in cambio degli altri, e speriamo che questo ci faccia guadagnare un
   po' di tempo.”
“E dove sta questo responsabile?” mi chiese allora l'interlocutore
“Sono io!” risposi.
EPILOGO                                                                                       attimo riflettendo, e poi precisai “no, non credo che a lei questo interessi.
                                                                                              Comunque, come le stavo spiegando, questi dispositivi si comportano ognuno
“Comandante, sono Josè, sono l'autore del furto all'ospedale di Rio, mi faccia               non solo come ricetrasmittente, ma anche come ripetitori dei segnali che hanno
    entrare.”                                                                                 un identificativo di destinazione diverso dal proprio. Ora, a Tierra libera tutti
La porta dell'hangar si aprì, uscì un uomo che mi fece un rapido gesto di                     hanno un dispositivo come questo, quindi in pratica comunicano gratis senza
avvicinarmi, quando fui abbastanza vicino mi prese per il colletto e mi strattonò             nessun problema, ma la cosa ancora più interessante e che sono state
violentemente all'interno dell'hangar.                                                        posizionate delle mini postazioni fisse in terra, e su delle boe in mare, ogni 5 Km
“Chi credi di essere marmocchio?, dì alla tua gente di sgombrare alla svelta,                appunto, per consentire al segnale di raggiungere anche le nazioni confinanti,
    altrimenti sarà peggio per loro”. Poi, prevenendo una mia possibile risposta              dove poi sono convogliate, per mezzo di router tradizionali, nel traffico Internet
    riprese: “Possiamo farlo, abbiamo già troncato i cavi delle fibre ottiche,                mondiale.
    abbiamo il controllo del satellite che vi da il collegamento radio, quindi siete       Non sembrava aver compreso perfettamente, in fondo era un militare d'assalto, non
    senza contatto con il mondo estero. Internet e telefono non funzionano, siete          un tecnico. Quindi continuai:
    isolati, possiamo fare quello che vogliamo ed il mondo non lo verrà a sapere.”         “In parole povere questo significa che tutto quello che è successo sinora, e
Dio, quanto avrei voluto ringraziare la tecnologia e gli uomini che l'avevano                 quello che sta accadendo in questo momento, è visibile in tutto il mondo, non
tradotta in pratica.                                                                          siamo stati affatto tagliati fuori! All'interno dell'hangar ci sono un paio di
“Bravi!”, risposi “avete seguito la procedura standard per un attacco militare da            webcam, in più una buona parte dei presenti è munita dello stesso palmarino
    compiersi in incognito. Prima di tutto tagliare le linee di comunicazione del             che ho io, e naturalmente quando si sono svegliati lo hanno acceso, e quindi la
    nemico, in modo da poter agire liberamente. D'altronde avete decenni di                   notizia e le immagini dell'aggressione sono entrate immediatamente in Internet,
    esperienza in tal senso, chissa quante operazioni di questo tipo avete compiuto           guardate!”, gli porsi il mio palmarino, che avevo sintonizzato ora su
    senza che il mondo non ne sia mai venuto a conoscenza!”                                   goorgle.com, il famoso sito motore di ricerca, e che aveva già inserito nella sua
Il mio interlocutore sembrava un po' interdetto, ma si riprese velocemente;                   home page la notizia del blitz, dedicando una piccola finestra alla
“Hai capito, allora ri conviene fare quello che ti ho suggerito, se ci tieni alla            visualizzazione proprio delle immagini che una delle webcam dell'hangar stava
    salute!”                                                                                  trasmettendo.
“Però avete trascurato una cosa.” proseguii invece, “tutti convinti della vostra          “E' confermato comandante!”. Uno dei militari si era avvicinato, aveva un
    superiorità tecnologica, basata spesso su tecnologia costose, complicate e                auricolare, chiaramente era deputato a tenere i contatti con la centrale operativa.
    magari proprietarie, vi sieti dimenticati che Tierra Libera non comunica con           “Vede Comandante”, proseguii allora io, “qui a Tierra Libera ci sono moltissimi
    l'esterno solo per mezzo della dorsale T1 a fibre ottiche, e con il satellite, linee      soci di Amnesty, ed anzi Amnesty stessa è stata una delle grandi protagoniste
    che appunto voi avete provveduto entrambi a sabotare, ma anche grazie a                   per la creazione di questa nazione, e quindi è naturale che abbia sfruttato il suo
    questo.” e così dicendo estrassi dalla tasca un palmarino, che mostrai a lui e a          bagaglio di esperienze, e tra queste le esperienze accumulate con le cosidette
    tutti gli altri militari che ci stavano ascoltando tenendo sotto la minaccia delle        “Azioni Urgenti”, che hanno permesso di salvare centinaia e centinaia di
    armi i convenuti presenti all'interno dell'hanger, badando bene, mentre facevo            persone oggetto di abusi, semplicemente inviando tempestive comunicazione ai
    loro vedere il mio apparecchio, di inquadrare bene la scena, in modo che tutto il         responsabili e ai loro superiori, alle ambasciate, agli organi di stampa,
    mondo potesse vedere. Poi proseguii:                                                      comunicazioni che rendevano pubbliche quelle malefatte che gli autori invece
“Vede comandante, il dispositivo che ho in mano, ha una portata di soli cinque               speravano restassero segrete. Un conto infatti è macchiarsi di un crimine
    chilometri circa, e si basa sulla tecnologia PMR. La sua passa potenza, solo ½            contando sull'omertà è sul segreto, un conto completamente diverso invece è
    watt, non gli consente di andare oltre tale portata, ma d'altronde consente di            farlo quando si ha la matematica certezza che tutti sanno ciò che sta accadendo.
    avere una lunga autonomia a livello di batterie, e lei certamente saprà quanto a          Ora lei e i suoi superiori sanno che il mondo sa. A Voi la decisione!
    Tierra Libera hanno a cuore il problema dei consumi energetici.”, lo guardai un
Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non
commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia. Per leggere una copia della
licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/publicdomain/ o
spedisci una lettera a Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford,
California 94305, USA.

								
To top