Dichiarazione Ambientale 2006

Document Sample
Dichiarazione Ambientale 2006 Powered By Docstoc
					                SCA PACKAGING ITALIA SpA




Dichiarazione
Ambientale 2006

Cartiera di Lucca
SCA PACKAGING
               Dichiarazione Ambientale 2006

    Rev. 1 del 31/12/2006

    redatta secondo i requisiti del Regolamento CE n° 761/2001 e S.M.I.
    relativa al sito di Porcari
    SCA PACKAGING ITALIA SpA
    Cartiera di Lucca
    Via del Frizzone – 55016 Porcari (LU) - Italia

    Codice attività: NACE 21, ISTAT 21.21
    Codice di attività IPPC: 6.1



    Questa Dichiarazione Ambientale è stata elaborata dal seguente Gruppo
    di Lavoro:

    LIDO FERRI
    Responsabile Ricerca e Sviluppo
    Rappresentante della Direzione per ISO 14001 ed EMAS

    STEFANO ANDREOTTI
    Responsabile Tecnico
    Responsabile legale per la sicurezza e l’ambiente
    Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

    GIAMBI MIRKA
    Responsabile per la gestione del Sistema Qualità-Ambiente

    WALTER MATTEUCCI
    Responsabile Laboratorio Qualità


    e approvata da: CLAUDIO ROMITI
    Amministratore Delegato
    SCA PACKAGING Italia SpA - Cartiera di Lucca




    Per informazioni riguardanti il sistema di gestione ambientale, eventua-
    li chiarimenti, dettagli, copie della presente Dichiarazione Ambientale
    rivolgersi a:

    LIDO FERRI - SCA PACKAGING Italia SpA - Cartiera di Lucca
    Via del Frizzone – 55016 Porcari (LU) – Italia
    tel. +39 0583/2961 - fax +39 0583 296600
    e-mail: lido.ferri@sca.com





              Convalida della dichiarazione

Il presente documento è stato elaborato in conformità al Regolamento
CE/UE n° 761/2001 e s.m.i., per fornire a tutti i soggetti interessati infor-
mazioni circa le attività svolte da SCA Packaging Italia SpA - Cartiera di
Lucca e le azioni intraprese per il continuo miglioramento delle prestazio-
ni ambientali dell’organizzazione.

Con la presente Dichiarazione Ambientale la società si impegna a fornire
un quadro trasparente, veritiero ed aggiornato sullo stato di attuazione
del proprio Sistema di Gestione Ambientale e degli obiettivi ambientali
che l’azienda si è posta per il miglioramento continuo. Il presente docu-
mento costituisce il primo aggiornamento, relativo all’anno 2006, della
Dichiarazione Ambientale.

Come previsto dal Regolamento CE 761/2001, la presente dichiarazione
ambientale è stata sottoposta a verifica da parte del verificatore accredita-
to.

Il verificatore accreditato, l’Istituto Det Norske Veritas Italia srl, Via
Colleoni, 9 - 20041 Agrate Brianza (MI), accreditamento I-V-0003, ha
verificato e convalidato in data 20 Aprile 2007 le informazioni e i dati
presenti in quanto affidabili, credibili ed esatti nonché conformi a quanto
previsto dallo stesso Regolamento.

Aderendo ad EMAS, SCA Packaging Italia SpA - Cartiera di Lucca si
impegna ad elaborare e rendere noti, annualmente, gli aggiornamenti
convalidati dalla Dichiarazione Ambientale all’Organismo Competente e
a metterli a disposizione del pubblico


La prossima validazione della Dichiarazione Ambientale sarà effettuata
entro 2 anni dalla presente.

SCA Packaging Italia SpA - Cartiera di Lucca si impegna a diffondere e
rendere pubblica questa Dichiarazione ambientale ai collaboratori del-
l’azienda ed al pubblico esterno interessato (comunità locale, istituzioni
pubbliche, gruppi d’interesse, etc.).




                                                                                
                                                                          Indice

    LETTERA APERTA DELLA DIREZIONE..........................................................................................................6
    IL GRUPPO SCA ..............................................................................................................................................8
    SCA PACKAGING ITALIA - LA CARTIERA DI LUCCA ...................................................................................9
      La storia dello stabilimento .........................................................................................................................10
      Scheda anagrafica ........................................................................................................................................11
      La descrizione del sito .................................................................................................................................12
    INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E TERRITORIALE ................................................................................13
      Ubicazione dello stabilimento ......................................................................................................................13
      Il territorio ..................................................................................................................................................13
      Climatologia dell’area .................................................................................................................................14
    LE ATTIVITÀ ...................................................................................................................................................15
      Il processo produttivo .................................................................................................................................15
      Lo schema a blocchi del ciclo produttivo .....................................................................................................17
      I dati di produzione .....................................................................................................................................18
      Descrizione degli impianti ausiliari e delle utilities di stabilimento...............................................................18
      Il Gruppo per la produzione di energia elettrica ..........................................................................................19
    IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ....................................................................................................20
       La Politica Ambientale ................................................................................................................................21
       La Struttura organizzativa e responsabilità per la gestione ambientale ........................................................22
       La formazione ed il coinvolgimento del personale .......................................................................................23
    GLI ASPETTI AMBIENTALI ............................................................................................................................24
      L’identificazione e valutazione degli Aspetti Ambientali...............................................................................24
      Gli Aspetti Ambientali Diretti......................................................................................................................25
      Gli Aspetti Ambientali Indiretti ...................................................................................................................28
      La gestione degli Aspetti Ambientali............................................................................................................29
      Nota metodologica per la raccolta e l’eleborazione degli Indicatori Ambientali...........................................30
    ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI....................................................................................................................31
      Consumo di materie prime - Macero ...........................................................................................................31
      Consumo di prodotti chimici ausiliari .........................................................................................................32
      Consumo di acqua ......................................................................................................................................34
      Consumi di energia .....................................................................................................................................37
      Energia elettrica...........................................................................................................................................38
      Energia termica ...........................................................................................................................................39
      Emissioni in atmosfera ................................................................................................................................40
      Gas a Effetto Serra ......................................................................................................................................43
      Rifiuti ..........................................................................................................................................................44
      Scarichi Idrici ..............................................................................................................................................47
      Suolo e sottosuolo .......................................................................................................................................50
      Rumore .......................................................................................................................................................51
      Odore ..........................................................................................................................................................53
      Altri aspetti ambientali ................................................................................................................................54
      Amianto e manufatti contenenti amianto ....................................................................................................54
      Sostanze Lesive per la fascia di ozono (CFC/HCFC) ....................................................................................54
      Elettromagnetismo ......................................................................................................................................54





    Radiazioni ionizzanti ...................................................................................................................................55
    Policlorobifenili, policlorotrifenili (PCB-PCT) .............................................................................................55
    Impatto visivo .............................................................................................................................................55
    Salute e sicurezza dei lavoratori ...................................................................................................................56
    Gestione delle emergenze .............................................................................................................................58
ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI ................................................................................................................59
  Questioni relative al prodotto......................................................................................................................59
  Scelta e composizione dei servizi..................................................................................................................59
  Prestazioni e comportamenti di (sub) appaltatori e fornitori........................................................................60
  Decisioni amministrative e di programmazione ...........................................................................................60
  Sviluppo ambientale del contesto locale (Collaborazione con la Pubblica Ammnistrazione) ........................61
  Sensibilizzazione e cultura ambientale .........................................................................................................61
PROGRAMMI AMBIENTALI ..........................................................................................................................62
  Energia (2005-2007) ...................................................................................................................................62
  Acqua (2005-2008) .....................................................................................................................................62
  Rifiuti (2005-2008) .....................................................................................................................................63
  Emissioni in aria/odori (2006-2007) ............................................................................................................64
  Gestione prodotti chimici (2006-2009)........................................................................................................64
  Amianto .....................................................................................................................................................65
  Sostanze lesive per l’ozono (2006-2008) .....................................................................................................65
  Antincendio - CPI (2006-2009) ..................................................................................................................65
  Gestione del personale .................................................................................................................................65
  Sintesi dei programmi ambientali ................................................................................................................66
PRINCIPALI NORMATIVE AMBIENTALI APPLICABILI................................................................................68
AUTORIZZAZIONI ..........................................................................................................................................73
GLOSSARIO ...................................................................................................................................................74




                                                                                                                                                                     
    Un anno di EMAS

            Dopo circa un anno di esperienza EMAS è importante soffermarci
      un attimo e riflettere su cosa è cambiato nell’ambito della gestione am-
      bientale dello stabilimento, quali problematiche nuove sono sorte, come
      sono state affrontate e quali benefici sono stati ottenuti.


              Indubbiamente in questo periodo in cartiera si è parlato molto di
      EMAS a tutti i livelli. Il raggiungimento di questa registrazione ha porta-
      to certamente vantaggi di immagine: è stata da noi vissuta con legittimo
      orgoglio in occasioni ufficiali come la consegna del Certificato e della
      bandiera da parte del Ministro dell’Ambiente e l’assegnazione del Premio
      Camera di Commercio; è stata sottolineata in interventi a convegni e
      dibattiti pubblici, incontri con Autorità, con fornitori e clienti, in occasio-
      ne di visite di scuole e Università. Il logo EMAS si è affiancato, sui nostri
      strumenti di comunicazione cartacea a quello delle altre certificazioni,
      non solo come ornamento, ma come concreta testimonianza di cultura
      ambientale verificata anche dalle Autorità preposte.


              C’è stata poi la formazione fatta a tutti i nostri dipendenti. Ab-
      biamo organizzato una serie di sessioni, per un totale di 1 ore concen-
      trate per motivi organizzativi su quattro mesi, tenute in collaborazione
      e in connessione con quelle sulla Salute e Sicurezza dei lavoratori che ha
      avuto un buon riscontro di partecipazione e di interesse tale da essere
      di nuovo programmata anche per l’anno in corso. Abbiamo cercato di
      accrescere la sensibilità verso certe problematiche (acqua, rifiuti, energia,
      qualità dell’aria) che sono fondamentali per lo stabilimento ma ugual-
      mente importanti anche per la realtà in cui l’Azienda opera e per i luoghi
      dove i dipendenti vivono con le loro famiglie.


            Ci siamo accorti che progressivamente la coscienza e la consapevo-
      lezza di questo impegno si rafforzava in noi stessi e si trasferiva in quei
      progetti e in quelle decisioni che, in qualche modo, avevano a che fare
      con l’ambiente.





      Abbiamo raggiunto alcuni obiettivi (il consumo specifico di acqua
fresca è passato da ,01 m/ton di carta prodotta del 00 a ,9 del
00), il consumo energetico specifico è passato da 01 kWh/ton a 8
kWh/ton), su alcuni non abbiamo visto significativi miglioramenti mentre
in un caso abbiamo completamente mancato (la produzione dei rifiuti è
aumentata invece di diminuire). Abbiamo però imparato ad approfondire
e misurare meglio i fenomeni adottando, ad esempio, tecniche del tipo
 sigma; abbiamo provato ad affrontare i problemi con approccio più
metodologico e meno approssimativo, aumentando, ad esempio, il nu-
mero di audit interni; abbiamo visto confermata l’importanza di valutare
sempre attentamente i nostri “impatti” anche sull’esterno.


      L’avvento dell’EMAS è stato anche l’occasione, con la definitiva
adozione del nuovo sistema sulla gestione delle non conformità, per
iniziare un percorso di integrazione dei sistemi qualità-ambiente-sicurezza
che potrà avere importanti sviluppi futuri.


      Non possiamo concludere senza parlare dei programmi di mi-
glioramento: ne vogliamo citare due su tutti: il potenziamento della fase
anaerobica dell’impianto di depurazione e l’impianto per l’asciugamento
degli scarti del pulper. Sono due grossi progetti tali da richiedere, per
ciascuno, investimenti superiori al milione di Euro; ci siamo posti come
obiettivo la loro conclusione entro la fine del 00 perché crediamo che
il modo migliore per dimostrare come tutta l’organizzazione sia entrata
davvero nella filosofia e nello spirito dell’EMAS è quello di dare priorità
ai progetti che realmente portano benefici all’ambiente oltre che collocar-
si, in maniera efficiente, nei programmi di sviluppo dell’azienda.



                                          L’Amministratore Delegato




                                                                              
                                                Il Gruppo SCA

    SCA PACKAGING ITALIA SpA - Cartiera di Lucca fa
    parte del gruppo SCA - Svenska Cellulosa Aktiebolaget,
    società multinazionale svedese
    fondata nel 1929, con sede a Stoccolma.

    L’azienda è attiva nel settore forestale e della carta grafica
    (SCA Forest Products), in quello dei
    prodotti per uso igienico-sanitario (SCA Hygiene Pro-
    ducts) ed in quello degli imballaggi
    (SCA Packaging).
    La divisione Nord America si compone a sua volta dei
    settori Hygiene, Packaging e Forest.

                                                                             Il ciclo SCA


    Sca Packaging Italia SpA è strutturata in due
    divisioni:

    •   la Corrugated Division, che produce imballaggi in
        cartone ondulato;

    •   la Containerboard Division, che produce carta per
        ondulatori a base di fibre riciclate e a cui fa capo
        lo stabilimento SCA Packaging Italia SpA -
        Cartiera di Lucca.




    SCA Packaging Italia, leader nel settore degli imballaggi
    in cartone ondulato, con una quota di mercato pari al
    16%, può contare su 28 unità produttive:
                                                                                            +
     2 Cartiere : Lucca e Castelfranco*
                                                                                                SCA Packaging Italia
    12 Impianti integrati per la produzione di cartone                                           Cartiera di Lucca
       ondulato e scatole
    11 Scatolifici per imballaggi in cartone ondulato
     4 Impianti per raccolta e selezione macero
     1 Unità di commercializzazione scatole
        * La cartiera di Castelfranco è stata operativa fino a Luglio 2006


    Legenda
    + Sede Centrale Direzione
        Produzione e vendita cartone ondulato
        Produzione imballaggi in cartone ondulato
        Scatolifici per stampa ad alta qualità
        Raccolta e selezione macero
        Cartiere
        Produzione e vendita cartone ondulato e imballaggi
        Unità commercializzazione scatole


8
                           SCA Packaging Italia
                                         La Cartiera di Lucca


La cartiera SCA PACKAGING
LUCCA rappresenta uno degli
stabilimenti simbolo nel panorama
cartario italiano.

Raccontiamone un po’ di storia...

Nel 1960 il Sig. Renato Giomi
costituisce la ditta Italcarton che
produce cartone ondulato per
imballaggi con sede a Porcari,
Lucca. L’attività produttiva dello
stabilimento per cartone ondulato
da imballaggio inizia nel febbraio
del 1961 con circa 25 addetti; in
pochi anni il numero delle mae-
stranze raggiunge le 100 unità, con
notevole aumento di produzione.

Al fine di realizzare articoli con     scatole industriali con cartoni ad   lavoro anche dai comuni limitrofi
maggiore valore aggiunto, nel          alta resistenza a due e tre onde.    a quello suddetto.
1964 il Sig. Giomi decide di im-
piantare una nuova unità produt-       L’avvio della nuova attività con-    Alla fine degli anni sessanta il Sig.
tiva per la fabbricazione di scatole   sente così un incremento ragguar-    Giomi matura l’idea, realizzata poi
in cartone ondulato: nasce così la     devole dell’occupazione tanto        nel 1970 di completare l’integra-
SuperCassa S.p.A. con stabilimen-      è vero che già in quegli anni il     zione del ciclo produttivo con la
to annesso a quello dell’Italcarton.   gruppo con oltre 250 dipendenti      realizzazione di uno stabilimento
                                       rappresentava l’azienda di mag-      per la produzione di carta testliner
Nel nuovo stabilimento con             giori dimensioni nel Comune di       necessaria per la produzione del
l’utilizzo di macchine tecnologica-    Porcari costituendo una fonte di     cartone ondulato. In quegli anni,
mente avanzate sono confezionate       occupazione che assorbiva forza      infatti, la carta per produrre il
                                                                            cartone era interamente acquistata
                                                                            da paesi esteri produttori.

                                                                            Viene perciò realizzato, nel 1970,
                                                                            sempre nel comune di Porcari, un
                                                                            nuovo e moderno stabilimento
                                                                            per la produzione di carta con
                                                                            l’installazione di una macchina
                                                                            continua in grado di produrre 150
                                                                            tonnellate giornaliere nasceva così
                                                                            l’ITALCARTA.

                                                                            Gli anni settanta vedono espander-
                                                                            si la società in termini produttivi e
                                                                            di fatturato in sintonia con il trend
                                                                            di sviluppo dell’economia nazio-
                                                                            nale.

                                                                            Vengono impiegate ingenti risorse
                                                                            per gli investimenti in tutti e tre i
                                                                            comparti produttivi: carta, carto-
                                                                            ne, scatole.
                                                                                                                    9
     Il più significativo tra questi è            diverse unità produttive di cartone         conta più di 30000 dipendenti. La
     l’implementazione nel 1975, di               e scatole in tutta l‘Italia perseguen-      volontà di espansione sul mercato
     una seconda macchina continua                do sempre il concetto di integra-           europeo e soprattutto l’esigenza di
     in grado di elevare la produzione            zione inteso come realizzazione,            acquisire un know-how nel settore
     di carta fino a 600 tonnellate il            all’interno dello stesso gruppo,            della carta riciclata sono tra i
     giorno facendo balzare la cartiera           della produzione e delle fasi suc-          motivi principali che hanno spinto
     ITALCARTA e l’intero gruppo                  cessive di lavorazione di uno stesso        il colosso svedese ad acquisire il
     Giomi al primo posto in Italia               prodotto per creare un complesso            gruppo cartario di Porcari.
     ed ai primi posti in Europa come             economico con un’efficiente e con-
     volume di produzione.                        veniente organizzazione (concetto           La Cartiera SCA Italcarta recente-
                                                  che si integrerà perfettamente con          mente ridenominata SCA PACKA-
     Successivamente vengono incorpo-             la strategia di espansione della            GING LUCCA, è leader in Italia
     rate le società Italcarton e Super-          multinazionale SCA).                        per la produzione di carta per
     cassa: nasce così il Gruppo ITAL-                                                        ondulatori (liner bianco e brown,
     CARTA SpA.                                   Nel 1988 l’intero pacchetto                 medium, fluting) a base macero
                                                  azionario della ITALCARTA                   grazie ad un potenziale produttivo
     L’espansione del gruppo prosegue             viene ceduto alla SCA una multi-            attuale di circa 380000 ton/anno.
     negli anni con la realizzazione di           nazionale svedese del settore che



     Alcune tappe importanti nella storia dello stabilimento


                                                                       1970
                                                                       Inizio dell’attività produttiva con l'avviamento della
                                                                       macchina PM1. Il nome dell’azienda era “ITALCARTA”
                                                       1975
                               Avviamento della macchina PM2
                                                                       1988
                                                                       La SCA acquisisce Italcarta.
                                                                       Attivazione del nuovo impianto di depurazione
                                                                       delle acque reflue
                                                           1994
                            Riconoscimento del Progetto Life per
                     l’impegno mostrato nella lavorazione delle
                     fibre riciclate e la salvaguardia ambientale
                                                                       1998
                                                                       La cartiera cambia nome divenendo
                                                                       SCA Packaging Lucca
                                                          2001
              Certificazione del Sistema di Gestione Ambientale
                in conformità alla norma UNI EN ISO 14001:96
                                                                       2002
                                                                       Nuovo impianto di desolforazione del bio-gas per
                                                                       utilizzo come bio-combustibile
                                                           2004
                     Rinnovo della Certificazione del Sistema di
                        Gestione Ambientale in conformità alla
                               norma UNI EN ISO 14001:1996
                                                                       2005
                                                                       Adeguamento alla norma UNI EN ISO 14001:2004
                                                          2006
                                            Registrazione EMAS
                                                                       2006
                                                                       Certificazione OHSAS 18001 sulla salute e sicurezza




10
Scheda anagrafica

 Ragione sociale                        SCA Packaging Italia S.p.A.

 Sede legale                            Via Ampere, 56 – 20131 MILANO (MI)
                                        Cartiera di Lucca
 Unità Produttiva
                                        Via del Frizzone - 55016 Porcari (LU)
 Capitale Sociale                       € 9.030.000,00

 Settore di attività                    Produzione di pasta per carta, carta e prodotti della carta

 Codice NACE                            21 Produzione di pasta per carta, carta e prodotti della carta
                                        21.21 Fabbricazione di carta e cartoni ondulati e di imballaggi di carta e
 Codice ISTAT
                                        cartone
 Principali mercati                     Italia, Grecia, Turchia, Nord Africa




Tabella dati di sintesi
                                         u.m.               2003         2004            2005             2006

 Fatturato                                M€            86.743          94.816          92.900           110.600

 Produzione netta vendibile             t / anno        353.304        353.225         363.238           370.716

 Produttività                          t / uomo             1.889        1.930          1.996             2.083

 Dipendenti                                n                187           183            182              178

 Giorni lavorativi                       giorni             329           332            335              332

M€ = milioni di Euro
t = tonnellate




                                               Direzione�
                                               Generale




                              Figura 1 - Organigramma di stabilimento


                                                                                                                     11
     La descrizione del sito
     L’insediamento si sviluppa su di una superficie di circa 195.000 mq di cui 35.000 mq di superficie coperta.

     In sintesi lo stabilimento è articolato nei seguenti reparti/aree produttivi:




                                                        Figura 2 - Descrizione del sito


              Piazzale Materie Prime                                   Movimentazione Bobine e Merci varie


              Preparazione Impasti                                     Uffici
              • Zona Nastri                                            • Uffici di direzione/amministrativi
              • Spappolatori                                           • Uffici tecnici
              • Raffinazione
                                                                       • Ufficio ricezione materia prima
                                                                       • Uffici spedizioni e trasporti
              Servizi Tecnici Zona Nastri
              • Depurazione Acque
              • Laboratorio Chimico Tecnologico                        Servizi Generali
              • Officina meccanica/elettrostrumentale                  • Ricevimento merci
              • Distribuzione energia elettrica                        • Magazzino scorte
                                                                       • Spogliatoi e sale
                                                                       • Per attività varie
              Fabbricazione                                            • Locali centrale termica
              • Macchina Continua                                      • Portineria
              • Ribobinatura




1
Inquadramento geografico e territoriale

Ubicazione dello stabilimento
Lo stabilimento Sca Packaging Italia
SpA è ubicato nel Comune di Porcari
(Lucca) in Via Frizzone.
Il territorio comunale confina a nord,
ad ovest ed a sud con il comune di
Capannori e ad est con i comuni
di Montecarlo ed Altopascio. La
superficie del suo territorio è preva-
lentemente pianeggiante ed attraver-
sata da nord a sud dai torrenti o rii
Ralla e Fossanuova, Leccio, Frizzone,
Fossa Bianca e Tazzera.

Il Comune di Porcari è attraversa-
to, nel senso est-ovest, dall’auto-                                              Area stabilimento
                                                                                  SCA Packaging
strada Firenze-Mare, alla quale si                                                    Porcari

accede dai vicini caselli di Capan-
nori ed Altopascio ed è collegato
con i centri di Montecatini e di
Lucca dalla provinciale detta “di                                                      Fig. 3 - Inquadramento generale dell’area
Capannori” e dalla via Pesciatina.
E’ anche collegato con la Stazio-        • SCA Hygiene - Lucca 1                       La Piana di Lucca comprende i
ne Ferroviaria situata sulla linea       (ex Cartiera San Marco), situata in           comuni di Capannori e Porcari ed
Lucca-Pistoia.                           direzione nord                                è parzialmente ricompresa all’in-
                                         • SCA Hygiene - Lucca 2                       terno del sistema territoriale di
Lo stabilimento sorge nel settore        situata a sud-est, lungo la direttrice        interesse regionale della “Toscana
orientale della Piana di Lucca, in       autostradale.                                 dell’Arno”.
una fascia di territorio ricompresa      • Delicarta SpA, situata a sud-est,
tra la linea Ferroviaria Lucca-Pi-       oltre la direttrice autostradale.             Il territorio si sviluppa a cavallo
stoia (nord), la strada comunale                                                       di due importanti bacini idrogra-
del Frizzone (est), l’autostrada A11     Ad ovest dello stabilimento, oltre            fici, quello del fiume Serchio, che
(sud) e la Fossa Nuova (ovest).          la strada comunale del Frizzone,              incide profondamente sulle carat-
In base alla classificazione del         si estendono terreni ad uso agri-             teristiche socio-insediative attra-
vigente Piano Strutturale del            colo, appartenenti al territorio del          verso il suo complesso sistema di
Comune di Porcari, lo stabili-           Comune di Capannori.                          acque superficiali su gran parte del
mento è ubicato in area destinata        I Centri abitati più prossimi al sito         distretto, e quello dell’Arno, che si
ad insediamenti produttivi ed in         sono rappresentati dalla Frazio-              lega ai delicati equilibri del sistema
particolare in “area per impianti        ne Padule, situata a circa 2 km               delle acque sotterranee della piana
del settore cartario”.                   di distanza e l’abitato di Porcari,           lucchese e alla presenza di bacini
                                         situato a circa 6 km.                         tributari nell’area pesciatina.
In area contigua al sito, in direzio-
ne sud, è situata la Centrale Ter-       Il territorio                                 La felice ubicazione della zona,
moelettrica a metano della società       Il settore orientale della Piana di           la ricchezza di falde acquifere e le
EDISON che rifornisce di vapore          Lucca si presenta come un’ampia               facilitazioni fiscali insieme al basso
lo stabilimento SCA Packaging.           zona pianeggiante di tipo alluvio-            valore della terra al momento della
Sempre in direzione sud, oltre la        nale, nelle vicinanze dell’alveo pro-         nascita della zona industriale,
linea del tracciato autostradale, è      sciugato del lago di Bientina, ad             sono stati i presupposti che hanno
situato l’impianto di depurazione        una distanza di circa 2 km sia dai            portato allo sviluppo industriale
consortile gestito da Aquapur.           rilievi collinari di San Ginese che           del Comune di Porcari. Il resto lo
In area prossima al sito sorgono         delimitano a sud la piana stessa,             hanno la capacità e la lungimi-
inoltre altri importanti stabilimenti    sia dallo sprone collinare di Poggio          ranza degli imprenditori e delle
appartenenti al settore cartario, ed     la Torre che sovrasta l’abitato di            pubbliche autorità locali.
in particolare:                          Porcari.                                                                                  1
     L’area prossima allo stabilimento è            Lo stabilimento infine sorge su di          del Presidente del Consiglio dei
     caratterizzata da una serie di cana-           un’area potenzialmente vulnera-             Ministri del 20/03/2003, n. 3274.
     lette interpoderali che convogliano            bile da subsidenza3 a causa degli           La cartiera, infine, non risulta
     le loro acque nei collettori princi-           eccessivi emungimento di acque              inserita né in ambiti di interesse
     pali rappresentati dal Rio Frizzone            sotterranee.                                naturalistico provinciale o regio-
     e dalla Fossa Nuova. Entrambi i                Per salvaguardare le risorse idriche        nale, né risulta interessata da altri
     corsi d’acqua scorrono con dire-               sotterranee, a livello locale è stato       vincoli o zone di rispetto quali
     zione di flusso NNW-SSE, verso il              stipulato un Accordo Volontario4            servitù militari e aree di interesse
     paleoalveo del lago di Bientina e              che impegna le aziende presenti             archeologico.
     delimitano con il loro corso l’area            nell’area, fra l’altro, a derivare
     di insediamento della cartiera.                parte delle acque necessarie per i          Climatologia dell’area
     Il Rio Frizzone , che ha origine               cicli produttivi, da un condotto            Il clima della zona della Piana Luc-
     come risorgiva a nord dello sta-               consortile (cosiddetto “Tubone”)            chese è caratterizzato da un regime
     bilimento, determina un ambito                 appositamente realizzato e ali-             temperato con piogge scarse nei
     di salvaguardia di tipo “B” (aree              mentato con le acque del Fiume              mesi estivi. La temperatura media
     vincolate potenzialmente eson-                 Serchio.                                    annua si attesta intorno ai 14,0°C.
     dabili in prossimità dello stesso              Relativamente al rischio sismico,           La classe di stabilità atmosferica
     – D.C.R.T. 0/9)1 che interessa              il Comune di Porcari è classificato         più ricorrente è la classe D, relati-
     parzialmente anche i terreni su cui            in Zona 5, ai sensi dell’Ordinanza         va a condizioni neutre.
     sorge la Cartiera.

     La Fossa Nuova convoglia, oltre
     alle acque dei canali demaniali, an-                SCA Hygiene
     che le acque di alcuni torrenti che                   Lucca 1

     scendono dal versante meridionale
     dei rilievi collinari. A causa dei nu-
                                                        SCA Packaging                                      SCA Hygiene
     merosi apporti d’acqua, Il canale è                  Italia SpA                                         Lucca 2

     soggetto, in caso di eventi meteo-
     rici di notevole entità, a fenomeni
     alluvionali. In relazione a tali                     Edison SpA

     fenomeni, le porzioni più orientali
     dello stabilimento risultano par-
     zialmente ricompresi in una zona                     Depuratore
                                                                                                            Delicarta
     a fragilità idraulica, interessata da                 Aquapur

     fenomeni di esondazione di altezza
     d’acqua compresa tra da 20 e 50
     centimetri di tipo ricorrente (1-10
     anni)2.
                                                    Figura 4 - Descrizione dell’area prossima




     1
         Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Tavola A -
         Carta degli ambiti di salvaguardia dei corsi d’acqua
     
         Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Tavola A -
         Carta della fragilità idraulica
     
         Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Tavola A1 -
         Carta della fragilità geomorfologica
     
         Accordo Volontario finalizzato all’individuazione e realizzazione di interventi ed
         azioni per la progressiva soluzione delle problematiche connesse ai fenomeni di
         subsidenza nella Piana di Lucca e nel Padule di Bientina, 0/0/00
     
         Le zone sismiche sono classificate su quattro livelli, secondo una scale descrescen-
         te di probabilità di accadimento dalla zona  alla zona 1

1
                                           Le attività
                                          Il processo produttivo


La Cartiera di Lucca produce carta      2. Preparazione impasto                     finazione dell’impasto fibroso che
per ondulatori (sia copertine che       La fase di preparazione impasti             verrà poi trasformato in fogli.
onde), in diverse varianti di gram-     consiste in successive lavorazioni          Le operazioni principali sono le
matura e colore, utilizzando come       finalizzate alla preparazione e raf-        seguenti:
materia prima carta da macero.
La produzione avviene a ciclo con-                                   Con l’operazione di spappolamento il macero
tinuo, 7 giorni su 7, salvo fermate                                  viene trasformato in una miscela liquida mediante
programmate per interventi di                                        aggiunta di acqua riciclata e tramite l’azione
                                         1. Spappolamento
manutenzione ordinaria e straor-                                     meccanica sviluppata dal rotore dello spappolatore
                                                                     che provoca lo sfaldamento della carta riducendola
dinaria.                                                             in fibre elementari.
La capacità produttiva attuale è di
                                                                     In questa fase è fondamentale eliminare dai maceri
circa 370.000 t/anno di carta.                                       i materiali estranei, come plastica, vetro, ferro,
                                                                     sabbia, colle, paraffina, ecc. la cui presenza crea
Il ciclo produttivo può essere sche-     2. Epurazione pasta         problemi alla produzione e condiziona la qualità.
matizzato in 6 fasi principali così                                  Il procedimento avviene in più fasi in modo da
riassumibili:                                                        togliere inizialmente le parti più grossolane e via via
                                                                     le più piccole.
1. ricevimento e stoccaggio mate-
                                                                     La fase di raffinazione è finalizzata ad aumentare
    ria prima;
                                                                     le caratteristiche di resistenza meccanica
2. preparazione impasto;                                             del materiale, favorendo i legami interfibra. Il
3. dosaggio prodotti chimici;            3. Raffinazione e           trattamento consiste essenzialmente in un’energica
4. formazione, disidratazione e             addensamento             azione meccanica che, mediante frazionamento e
    asciugatura foglio di carta;                                     sfribillazione delle fibre, favorisce la creazione di
5. allestimento finale;                                              un elevato numero di legami tra fibra e fibra per
                                                                     sviluppare solidità e resistenza del foglio.
6. stoccaggio e spedizione prodot-
    to finito.
                                        3. Dosaggio prodotti chimici                giunti prodotti chimici per miglio-
                                        La sospensione raffinata viene              rare le caratteristiche della carta e
                                        raccolta nelle tine di stoccaggio           garantire una maggior resa della
                                        e da qui prelevata in opportune             macchina continua.
                                        proporzioni ed inviata alla tina di         I principali prodotti utilizzati in
Descrizione delle fasi del              miscelazione dove vengono ag-               questa fase sono i seguenti:
processo produttivo
                                                               Rinforza i legami interni al foglio e aumenta la rigidità della
                                         Amido
                                                               carta
1. Ricevimento e stoccaggio
materie prime                            Ritentivi,            Consentono di trattenere nel foglio di carta la maggior
La materia prima è costituita da         Policloruro,          parte delle fibre e dei “fini”, limitandone la perdita nelle
                                         Poliammina            acque durante la fase di formazione del foglio
carta macero proveniente sia da
raccolta differenziata che da ope-                             Conferiscono alla carta una certa resistenza alla
                                         Collanti
ratori privati.                                                penetrazione dei liquidi
Il macero imballato viene approv-                              Conferiscono alla carta le caratteristiche cromatiche
                                         Coloranti
                                                               desiderate
vigionato mediante trasporto su
                                         Carbonato di          Migliora la consistenza e la stampabilità della carta bianca,
strada. Dopo aver effettuato i
                                         calcio                conferendole peso e colore (grado di bianco)
controlli in accettazione, il macero
                                                               Vengono aggiunti sia alle acque del ciclo di fabbricazione
viene sistemato nelle apposite stive     Biocidi               che a quelle fresche per controllare la proliferazione di
di stoccaggio. La gestione degli                               microrganismi
stoccaggi avviene in base a specifi-
che procedure di lavoro finalizzate
a garantire la corretta conserva-
zione del materiale, a prevenirne
il deterioramento, a garantire i
requisiti di sicurezza per la preven-
zione incendi e la sicurezza degli
operatori.
                                                                                                                                 1
     4. Formazione del foglio di              viene ulteriormente disidratato per      Una volta raggiunte le dimensioni
     carta                                    pressione meccanica esercitata da        volute, il rotolo viene trasferito
     La produzione del foglio si svi-         pesanti rulli ad asse orizzontale.       alla bobinatrice dove viene tagliato
     luppa su due macchine continue,                                                   e riavvolto in bobine più picco-
     ciascuna delle quali opera con la        La pressatura del foglio avviene         le, corrispondenti agli ordini dei
     tecnologia della doppia tela di          con intermediazione di feltri che        clienti e funzionali alle modalità di
     formazione (tela e telino): tute le      hanno la funzione di accompa-            trasporto.
     carte prodotte nello stabilimento,       gnare il foglio, poco resistente
     infatti, sono costituite da due strati   perché ancora molto umido, sotto         6. Stoccaggio e spedizione pro-
     accoppiati. Il compito principale        l’azione delle presse e assorbire        dotto finito
     della macchina continua è quello         l’acqua che si origina durante la        Le bobine del prodotto finito
     di formare il foglio di carta da un      pressatura.                              vengono prelevate dalle aree di
     impasto di densità intorno allo                                                   stoccaggio e caricate con l’ausilio
     0,5% e portarlo ad un grado di           In uscita dalle presse (circa 50%        di carrelli elevatori e/o carriponte
     secco di circa il 94%. Questo pro-       di secco), il foglio di carta passa      sui mezzi di trasporto.
     cesso si sviluppa nelle tre sezioni      poi alla “seccheria”, sezione della
     della macchina continua: forma-          macchina continua, dove l’azione         Una parte della produzione della
     zione, presse, seccheria. Sulla tela     di asciugamento è completata per         SCA PACKAGING LUCCA, circa
     si forma la parte inferiore di quello    evaporazione mediante contatto           il 50%, è assorbita dagli ondu-
     che sarà il foglio di carta, il cosid-   tra la carta e la superficie calda       latori consociati sia in Italia sia
     detto “retro” e sul telino la parte      dei cilindri essiccatori, riscaldati a   all’estero, il resto è suddiviso fra
     superiore denominata “copertina”.        vapore diretto.                          clienti italiani ed esteri.
     Alla fine della sezione di formazio-
     ne, i due strati di carta (circa 12%     5. Allestimento finale                   Nella pagina seguente si riporta lo
     di secco) si accoppiano tramite il       Il foglio in uscita dalla seccheria      schema semplificato del processo
     rullo accoppiatore e diventano un        viene avvolto in continuo, su un         produttivo.
     unico foglio; da questo punto ini-       rullo metallico fino a raggiungere
     zia la sezione presse, dove il foglio    le dimensioni ed il peso stabilito.




1
            Lo schema a blocchi del ciclo produttivo


                                                                 PRINCIPALI
  INPUT                         PROCESSO                          OUTPUT
                                                                 AMBIENTALI



              Ricevimento e     1
              stoccaggio MP

MACERO
                Carico MP
                su nastro
                                                                       RIFIUTI
                                2
             Spappolamento
                macero                                ADDITIVI
                                    ACQUA             CHIMICI
 ACQUA                                                                SCARICHI
             Epurazione pasta                                          IDRICI


                                                             3
              Frazionamento               Dosaggio
 ENERGIA           fibre               prodotti chimici              EMISSIONI
ELETTRICA                                                             IN ARIA


              Addensamento                                   4
                                            Tine di
                                        alimentazione
                                           alle MC
                                                                      RUMORE

               Raffinazione
                                      Distribuzione del-
                                         la pasta sulle
                                      tele di formazione
                     ACQUA                                             ODORI

                                            Sezione
                                            presse
                    ENERGIA
                   ELETTRICA
                                                                         CAMPI
                                           Seccheria               ELETTROMAGNETICI

                     VAPORE


                    ENERGIA
                                        Avvolgimento
                                                             5        IMPATTO
                   ELETTRICA                                           VISIVO
                                           rotolo



                                        Bobinatura e
                   ANIME PER
                    BOBINE              taglio bobine



                                                             6
                                                             5
                                     Allestimento carico
                                         e spedizione



                                            CARTA


                                                                                      1
                                                              I dati di produzione


     Tabella 2 - Dati di produzione
                                                                         u.m.             2003          2004             2005              2006
     Consumo di Macero                                                    t                398.349       403.292           410.585           417.713
     Consumo di Prodotti Chimici
                                                            Amidi         t                6.435,8        7.364,8          8.204,2           8.273,0
                                                         Collanti         t                      91,4      114,7                87,7              81,0
                                                         Ritentivi        t                  151,7         148,0             183,9             221,0
                                                       Coloranti          t                  263,7         294,0             370,0             395,0
                                                          Biocidi         t                      66,3          65,8          152,3             194,0
                                            Carbonato di calcio           t                 1660,2        1509,1            2358,8            2886,0
                                      Policloruro di alluminio            t                 2361,0        1398,0             764,0          * 2663,0
                                                    Poliammina            t                                                  388,0             309,0
     Materiale per imballaggio
                                             Anime per bobine             m                452.364       459.222           440.542           422.587
     Carta prodotta                                                       t           353.304           353.225         363.238           370.716

                                                                                                           * L’aumento del consumo di policloruro
                                                                                                           di alluminio è dovuto prevalentemente
     Descrizione degli impianti                                                                            alla chiusura dei cicli delle acque e ad
     ausiliari e delle utilities di                                                                        ottimizzazioni dei dosaggi in relazione
     stabilimento                                                                                          alla qualità della carta e alla produttività
                                                                                                           delle macchine
     I sistemi di approvvigionamento idrico

                               Opera di presa      Allaccio a condotta           Acquedotto
             Pozzi             da Rio Frizzone         “TUBONE”                   pubblico



                     TRATTAMENTI PRELIMINARI


                                                                                USO IGIENICO
                             USI INDUSTRIALI                                     SANITARIO




     L’impianto di depurazione acque reflue

                                                                                                           Parte delle acque depurate vengo-
        Acque reflue dai        Acque            Acque reflue dai                                          no recuperate nel ciclo produttivo
       processi produttivi     meteoriche         servizi igienici
                                                                                                           mentre l’eccesso viene scaricato
                TRATTAMENTO CHIMICO-FISICO                                                                 nella rete fognaria che convoglia
                                                                                                           al depuratore consortile gestito da
                                                                          al depuratore                    Aquapur.
                             TRATTAMENTO
                                                                           AQUAPUR                         La fase di trattamento biologico /
                              ANAEROBICO                                                                   anaerobico produce il biogas che
                                                                                                           viene captato mediante apposite
                             TRATTAMENTO                                                                   campane ed inviato alla sezione di
                              ANAEROBICO
                                                                                                           recupero energetico per la produ-
                     TRATTAMENTO BIOLOGICO
                                                                                                           zione di energia elettrica.

                            Riutilizzo per il
                         processo produttivo

18
                       Il Gruppo per la produzione di energia elettrica


Come già accennato, una piccola               la torre di lavaggio ad acqua; da                   zione dello zolfo: questo sistema
quota di energia elettrica viene              qui è convogliato ad un gasome-                     permette la rimozione di idrogeno
prodotta mediante un motore                   tro che ha la duplice funzione di                   solforato dal biogas e il recupero e
alimentato con il biogas derivante            mantenere in pressione il sistema                   riuso della soda spenta, riconverti-
dalla fase di trattamento biologico           e costituire una sorta di bacino di                 ta biologicamente nel reattore.
delle acque reflue.                           accumulo.
                                                                                                  Come prodotto di scarto si ottiene
Il motore ha una potenza di                   Per poter utilizzare questo bio-                    una miscela di acqua e zolfo ele-
500 kW ed è in grado di coprire               gas per la produzione di energia                    mentare, smaltito come rifiuto.
il fabbisogno di energia elettrica            elettrica è necessario rimuovere
necessaria al funzionamento del-              l’idrogeno solforato, rendendo                      Il sistema di trattamento adottato
l’impianto di depurazione.                    così la miscela meno corrosiva ed                   consente di ridurre il contenuto
                                              eliminando le possibili emissioni di                di idrogeno solforato presente
Il biogas è composto mediamente da:           ossidi di zolfo da combustione.                     nel biogas, da valori pari a circa
• metano                   72-74%                                                                 l’1,5%, a valori inferiori allo 0,1%
• anidride carbonica       24-26%             L’impianto di trattamento del-                      in volume.
• idrogeno solforato         1,5%             l’idrogeno solforato consiste di
                                              una colonna di abbattimento                         Il biogas così depurato, viene poi
Il biogas in uscita dal reattore              con soda caustica, di un reattore                   inviato al motore per la produzio-
anaerobico attraversa una picco-              biologico e di un’unità di separa-                  ne di energia elettrica.




                                Torre di
                              lavaggio ad                       GASOMETRO
                                 acqua

                                                     Biogas
                                                                                               Torcia di
                                                                                              emergenza



             Reattore anaerobico


                                                                      Biogas
                                                   Colonna di        depurato        Motore per la
                                                  abbattimento                       produzione di           ENERGIA
                                                    con soda                        energia elettrica       ELETTRICA
                                                          caustica
                                                           Soda




                                                    Reattore                 Separatore
                                                    biologico                 di zolfo

                                             Sistema per la rigenerazione e recupero della soda




                                            Figura 5 - Schema semplificato impianto biogas




                                                                                                                                         19
               Il sistema di gestione ambientale

     Nella cultura e nelle tradizioni        Il lavoro svolto ha portato l’azien-    Per specifiche attività l’Azienda si
     delle aziende del Nord Europa,          da a conseguire, nel 2001, la           avvale anche di consulenti esterni
     il rispetto per l’ambiente ha, da       certificazione secondo la norma         qualificati. I risultati degli audit e,
     sempre avuto una collocazione           UNI EN ISO 14001:ed. 1996,              in particolare, le eventuali inosser-
     primaria. Questa filosofia ha tro-      rinnovato nel gennaio 2004, e           vanze rispetto ai criteri di valu-
     vato un adeguato riscontro nello        l’adeguamento alla nuova UNI EN         tazione, vengono analizzati con i
     stabilimento di Lucca, dove, quan-      ISO 14001:2004 nell’anno 2005.          responsabili interessati per proce-
     do è stato acquisito dalla multina-                                             dere, se necessario, alla definizione
     zionale svedese SCA, era già ben        Per realizzare ciò l’azienda ha rea-    ed adozione delle necessarie azioni
     radicato questo concetto non solo       lizzati tre passaggi fondamentali       correttive.
     nella mentalità del management          quali:
     ma anche nel livello tecnologico        • l’identificazione e valutazio-        Annualmente infine, la Direzione
     degli impianti.                           ne degli aspetti ambientali           effettuata il riesame del Sistema di
                                               riguardanti le proprie attività;      Gestione Ambientale, per consta-
     Questi presupposti, uniti alla spin-    • l’attuazione di procedure di          tarne l’adeguatezza e l’efficacia,
     ta sempre attiva del Gruppo nella         gestione, controllo e sorve-          acquisendo a tal fine tutte le in-
     medesima direzione, sono stati alla       glianza delle attività;               formazioni necessarie quali l’esito
     base della nascita e dello sviluppo     • la definizione degli obiettivi e      aggiornato della valutazione degli
     del Sistema di Gestione Ambienta-         dei traguardi dell’azienda in         aspetti ambientali, i risultati degli
     le alla SCA Packaging Lucca.              campo ambientale.                     audit, i dati relativi alle prestazioni
     Relativamente a tutti gli elementi                                              ambientali, la sintesi dell’anda-
     che riguardano la gestione degli        Forte dell’esperienza sino ad oggi      mento e dello stato di avanzamen-
     aspetti ambientali, nel corso degli     maturata, l’azienda ha successiva-      to dei programmi ambientali in
     anni SCA PACKAGING Lucca ha             mente implementato la revisione         corso, ecc.
     investito molto in termini di risor-    del proprio Sistema di Gestione
     se umane e finanziarie per il con-      Ambientale per l’adeguamento ai         Sulla base di tali informazioni la
     trollo e la riduzione degli impatti     requisiti specifici del Regolamento     Direzione verifica l’adeguatezza
     derivanti dalle proprie attività,       EMAS n° 761/01 e s.m.i., ottenen-       della politica, degli obiettivi e degli
     rispettando scrupolosamente gli         do la Registrazione nel 2006.           elementi del sistema, comprese le
     obblighi derivanti dalla normativa                                              risorse assegnate e, se necessario,
     ambientale applicabile, garantendo      L’impegno assunto dall’azienda          apporta adeguate modifiche.
     le migliori condizioni di esercizio     è stato formalizzato attraverso
     degli impianti produttivi e delle       l’approvazione del documento
     utilities di stabilimento, realizzan-   di politica ambientale, di seguito
     do importanti progetti di miglio-       riportato.
     ramento tecnologico e gestionale,
     sempre nell’ottica di conseguire        L’intero Sistema di Gestione
     un costante miglioramento delle         Ambientale così implementato,
     proprie prestazioni ambientali.         viene periodicamente sottoposto
                                             a verifiche ispettive, eseguite da
     In questo processo, grande atten-       personale qualificato esterno ed
     zione è stata rivolta al personale      interno (audit).
     dell’azienda, cercando di diffon-
     dere a tutti i livelli i principi del   Le verifiche vengono effettuate sulla
     rispetto dell’ambiente e attuando       base di un piano annuale. Ulteriori
     piani di formazione e addestra-         verifiche possono essere effettuate
     mento per la crescita professionale     nel caso in cui si ritenga necessario
     del personale e per garantire la        controllare l’attività di specifici
     corretta applicazione delle proce-      reparti o funzioni in seguito, ad
     dure di lavoro.                         esempio, alla segnalazione di una
                                             non conformità del sistema, oppure
                                             in caso di modifiche ai processi,
                                             cambiamento di personale, ecc.
0
                               La Politica Ambientale



       Rispetto, Eccellenza, Responsabilità da condividere con dipendenti, clienti,
fornitori e la collettività, sono i valori che guidano il gruppo SCA nello sviluppo delle
proprie attività.
       La Direzione della Cartiera di Lucca, in accordo a tali linee di indirizzo, è forte-
mente motivata a perseguire uno sviluppo sostenibile del proprio business integrando le
esigenze economiche con i principi di salvaguardia dell’ambiente e tutela della sicurezza.
       A tale fine l’organizzazione ha implementato un Sistema di Gestione Ambientale
in accordo con la norma UNI EN ISO 14001 e il Regolamento EMAS, attraverso il quale
si impegna a:
•      Identificare e valutare gli aspetti ambientali significativi, diretti ed indiretti.
       Tali aspetti sono debitamente considerati nelle decisioni relative alle proprie
       attività, prodotti, servizi.
•     Prevenire l’inquinamento e mirare al miglioramento continuo delle proprie
      prestazioni ambientali attraverso:
      • La riduzione dei consumi idrici,
      • Il miglioramento dell’efficienza nell’utilizzo delle risorse energetiche,
      • L’ottimizzazione della gestione dei rifiuti,
      • La diffusione delle conoscenze sulle problematiche del settore cartario e la
        promozione della cultura ambientale mediante iniziative che coinvolgono
        associazioni di categoria, scuole ed Enti locali.
•      Garantire il rispetto della legislazione ambientale vigente e sviluppare le proprie
       attività anche nel rispetto della Politica Ambientale di Distretto, valorizzando il
       rapporto con il territorio.
•      Formare e informare tutti i livelli del personale sulle problematiche ambientali e
       stimolare la partecipazione attiva dei dipendenti;
•      Attuare, verificare e riesaminare periodicamente le linee di politica generale e
       l’intero Sistema di Gestione Ambientale.
•      Diffondere alle parti interessate tutte le informazioni relative alla politica
       ambientale, alle prestazioni ambientali e agli obiettivi prefissati della SCA e dello
       stabilimento di Lucca.

Giugno 2005


L’Amministratore Delegato




                                                                                               1
            La Struttura organizzativa e responsabilità per la gestione ambientale


     L’intero Sistema di Gestione Am-         si impegna costantemente a garan-      zione ed attuazione dei progetti di
     bientale è basato sulla responsa-        tire le risorse finanziarie, umane e   miglioramento ambientale. Sono
     bilizzazione diffusa a tutti i livelli   tecnologiche necessarie.               inoltre responsabili per la promo-
     operanti in Azienda, dove ciascu-                                               zione delle attività finalizzate alla
     na figura professionale riveste sia      L’organizzazione generale prevede      sensibilizzazione, formazione e
     il ruolo di soggetto attuatore di        l’assegnazione di compiti specifici    all’addestramento del personale
     quanto previsto nell’ambito del          in relazione alla posizione ricoper-   applicato alla propria area funzio-
     SGA, sia il ruolo di soggetto pro-       ta in azienda e dell’area di appli-    nale.
     motore di interventi migliorativi        cazione (dirigenti, assistenti di
     per il sistema stesso.                   produzione, capo piazzale, ecc.).      Al personale operativo, impegnato
                                                                                     nell’esecuzione diretta delle atti-
     Al fine di rendere efficace l’appli-     I compiti generali assegnati a         vità, è richiesto un atteggiamento
     cazione del Sistema di Gestione          ciascun responsabile di funzione       di partecipazione consapevole ed
     Ambientale, la Direzione di Sca          prevedono un ruolo di supporto         un adeguato livello di conoscenza
     Packaging Italia SpA-Cartiera di         alla Direzione per l’attuazione        dei contenuti del SGA e dei criteri
     Lucca, ha definito ruoli, compiti e      del SGA, responsabilità dirette in     operativi definiti in specifiche
     responsabilità del personale coin-       merito alle attività di sorveglianza   istruzioni operative.
     volto nella gestione ambientale e        e la collaborazione nell’individua-




                                                            Direzione�
                                                            Generale





                    La formazionel ed il coinvolgimento del personale


Il coinvolgimento e l’impegno di       garantire il rispetto continuo dei       Aumentare il grado di coinvolgi-
tutto il personale dell’Azienda è      requisiti del SGA e coinvolgere il       mento del personale è uno degli
posto alla base del successo del       personale nel processo di migliora-      obiettivi ambientali che l’azienda si
Sistema di Gestione Ambientale.        mento delle prestazioni ambientali.      è posta per il triennio 2005-2008.
                                       Le attività formative sono rea-
Grande attenzione viene quindi         lizzate mediante la definizione di       Il piano di formazione per il perio-
rivolta alla pianificazione ed ese-    un piano di formazione annuale,          do 2005-2008 prevede un incre-
cuzione delle attività di informa-     rivolto a tutto il personale e artico-   mento del +5% delle ore di forma-
zione, formazione e addestramento      lato in base alla funzione ricoperta     zione dedicate a temi ambientali
di tutto il personale che, a vario     e al reparto di appartenenza.            rapportate al totale delle ore di
titolo opera presso lo stabilimento.                                            formazione effettuate complessiva-
                                       Tutti i responsabili di area/funzio-     mente (attualmente la percentuale
Per ciascuna funzione aziendale        ne ambientale sono stati coinvolti       si attesta intorno al 15%).
sono state identificate le necessità   in corsi di formazione avanzata e
formative e le modalità più ap-        specifica. Inoltre sono stati formati
propriate di partecipazione per        n° 2 auditor interni.




                                                                                                                        
                                Gli aspetti ambientali
                        L’identificazione e valutazione degli aspetti ambientali


     Il processo di identificazione e        l’Azienda, pur non avendo un             Il risultato di questa analisi ci ha
     valutazione degli aspetti ambien-       controllo gestionale completo, può       permesso di delineare “la mappa”
     tali rappresenta un passaggio           esercitare una qualche influenza.        degli aspetti ambientali associati a
     fondamentale per lo sviluppo e          L’identificazione degli aspetti          ciascuna attività.
     la crescita dell’intero Sistema di      ambientali parte dall’analisi del
     Gestione Ambientale. Sui risultati      processo produttivo suddiviso in         Il passaggio successivo ha previsto
     di questa analisi si fondano infatti    fasi elementari, completato con lo       l’applicazione della metodologia di
     le linee di indirizzo enunciate nella   studio delle utilities di stabilimen-    valutazione (descritta nelle pagine
     politica ambientale, la definizione     to (per esempio impianti per la di       seguenti) allo scopo di estrapolare
     degli obiettivi e traguardi ambien-     trasformazione e la distribuzione di     dalla totalità degli aspetti ambien-
     tali, il controllo per garantire la     energia elettrica, l’impianto di trat-   tali considerati, quelli significativi
     prevenzione dell’inquinamento e         tamento acque reflue, ecc.), i servizi   per SCA Packaging Italia SpA
     il miglioramento continuo delle         generali (servizio manutenzione, uf-     - Cartiera di LUCCA.
     nostre prestazioni ambientali.          fici tecnici ed amministrativi, ecc.),
                                             le attività svolte da imprese esterne
     Tale analisi considera sia gli          (servizio trasporti, appalto attività
     aspetti ambientali diretti cioè tutti   di manutenzione, ecc.).
     quelli su cui l’Azienda esercita un
     completo controllo gestionale,          Per ogni attività vengono conside-
     sia gli aspetti ambientali indiretti,   rati il funzionamento in condizioni
     cioè gli aspetti ambientali sui quali   normali, anomale e di emergenza.





                                         Gli Aspetti Ambientali Diretti


Nel processo per identificare gli          • Rischio di incendio;                      (per esempio quantità di rifiuti
aspetti ambientali diretti, l’Azien-       • Radiazioni Ionizzanti;                    prodotti) e la potenzialità di
da ha preso in considerazione i                                                        produrre danni ambientali;
seguenti:                                  • Amianto;
                                                                                    3. l’efficienza di gestione: la
                                           • Sostanze dannose per l’ozono;             possibilità di attuare azioni di
• Consumi di acqua                         • Elettromagnetismo;                        miglioramento in relazione alle
• Scarichi idrici;                                                                     tecnologie e alle risorse azien-
                                           • Impatto visivo.
                                                                                       dali disponibili;
• Generazione di Rifiuti;
                                                                                    4. la sensibilità collettiva: im-
• Uso e contaminazione del suolo;          Dopo aver individuato gli aspetti           portanza che l’aspetto ambien-
• Emissioni in atmosfera;                  ambientali associati a ciascun atti-        tale in esame riveste per le parti
                                           vità, è stata effettuata la valutazio-      interessate e per i dipendenti;
• Consumo di energia (energia
                                           ne della significatività con l’esame
  elettrica, carburanti, combusti-                                                  5. la frequenza: durata dell’at-
                                           dei seguenti elementi:
  bili);                                                                               tività relativa e la probabilità
                                           1. la conformità legislativa, cioè          di accadimento di eventuali
• Consumo di prodotti chimici;                il grado di rispetto dei requisiti       emergenze.
• Rumore;                                     legislativi applicabili;
• Generazione di odori                     2. la rilevanza: la quantifica-
                                              zione dell’aspetto ambientale




Questi parametri di valutazione
sono stati infine di integrati con
l’esame della criticità del territorio
e la sensibilità ambientale della
popolazione locale (6.) effettuata
sulla base dello studio relativo
all’Analisi Ambientale Iniziale del
Distretto Cartario di Capannoni,
realizzata nell’ambito del progetto
Life-Pioneer.
                                                (CONFORMITÀ LEGISLATIVA + RILEVANZA +
Ad ogni parametro è assegnato un                  EFFICIENZA + SENSIBILITÀ COLLETTIVA)
punteggio da 0 (non significativo)                                   X
a 3 (significativo).                                           FREQUENZA
                                                                     +
                                                        CRITICITÀ DEL TERRITORIO
Una volta attribuiti i punteggi                                      =
relativi ai criteri di valutazione,                     LIVELLO DI SIGNIFICATIVITÀ
all’aspetto in esame viene attri-
buito il punteggio finale dato alla
formula:

Gli aspetti ambientali diretti sono
considerati significativi se:                        LIVELLO DI SIGNIFICATIVITÀ ≥ 18




                                                                                                                            
     Di seguito si riportano le tabelle di sintesi con l’indicazione degli aspetti ambientali significativi valutati in
     normali condizioni operative, in caso di anomalie e/o emergenze.


     NORMALI CONDIZIONI OPERATIVE
       ASPETTI AMBIENTALI                           ATTIVITA’
                                                    Impianto depurazione acque
       Scarichi Idrici
                                                    Servizi Igienici
                                                    Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
                                                    Preparazione impasti
       Energia
                                                    Mezzi di sollevamento e movimentazione materie prime e prodotti finiti
                                                    Dosaggio Chimici
                                                    Preparazione impasti
                                                    Dosaggio Prodotti Chimici
       Acqua
                                                    Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
                                                    Servizi per il personale
                                                    Caricamento nastri
                                                    Dosaggio prodotti Chimici
       Rifiuti
                                                    Impianto depurazione acque
                                                    Attività di manutenzione
                                                    Impianto Biogas
                                                    Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
       Emissioni in atmosfera
                                                    Mezzi di sollevamento e movimentazione materie prime e prodotti finiti
                                                    Caldaie per riscaldamento
                                                    Dosaggio Prodotti Chimici
       Consumo di prodotti chimici                  Impianto depurazione acque
                                                    Attività di Manutenzione
                                                    Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
       Rumore                                       Preparazione impasti
                                                    Mezzi di sollevamento e movimentazione materie prime e prodotti finiti
       Odori                                        Impianto depurazione acque
       Elettro magnetismo                           Trasformazione e distribuzione interna di energia elettrica
       Impatto visivo                               Edifici
       Radiazioni ionizzanti                        Dispositivi di controllo in linea delle macchine continue (sorgenti sigillate)



                           Radiazioni ionizzanti

                                 Impatto visivo

                            Elettromagnetismo

                                          Odori

                                        Rumore

                  Consumo di prodotti chimici

                         Emissioni in atmosfera

                                          Rifiuti

                                         Acqua

                                        Energia

                                  Scarichi idrici

                                                    0   3     6   9   12   15    18   21   24    27   30   33    36   39





CONDIZIONI OPERATIVE ANOMALE
ASPETTI AMBIENTALI                                ATTIVITA’
Scarichi Idrici                                   Malfunzionamento Impianto depurazione acque
Emissioni in atmosfera                            Torcia di emergenza Biogas
Rumore                                            Valvole di sfioro Machina continua 1 e 2
Energia                                           Macchina Continua MC1-MC2
Rifiuti                                           Utilizzo di addittivi chimici
Suolo                                             Stoccaggio macero su piazzale
                                                  Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
Odori
                                                  Malfunzionamento Impianto depurazione acque

                                   Odori


                                   Suolo


                                   Rifiuti


                                 Energia


                                 Rumore


                  Emissioni in atmosfera


                           Scarichi idrici

                                              0       3       6       9      12        15    18   21     24    27    30   33   36   39


CONDIZIONI OPERATIVE DI EMERGENZA
ASPETTI AMBIENTALI                                                        ATTIVITA’
Scarichi Idrici (immissione contaminanti in rete                          Impianto depurazione acque
fognaria consortile)
                                                                      Aree stoccaggio macero, serbatoi stoccaggio gasolio, stoccaggio oli
Incendi, Esplosioni
                                                                      lubrificanti/oli esausti, GPL per riscaldamento
                                                                      Perdite accidentali, percolamenti da serbatoio di stoccaggio gasolio,
Suolo, sottosuolo, acque sotterranee
                                                                      stoccaggio oli lubrificanti/oli esausti, rete fognaria di stabilimento
                                                                      Motore biogas
Emissioni in atmosfera
                                                                      Torcia di emergenza biogas
Energia (consumi eccedenti i limiti di frnitura)                      Formazione, disidratazione e asciugatura del foglio di carta
Amianto                                                               Dispersione di materiali
Sostanze dannose per l’ozono (fuga di gas R22)                        Impianti di climatizzazione
Radiazioni ionizzanti                                                 Dispositivi di controllo in linea delle macchine continue (sorgenti sigillate)

                     Radiazioni ionizzanti


           Sostanze dannose per l’ozono


                                 Amianto


                                  Energia


                   Emissioni in atmosfera


     Suolo, sottosuolo, acque sotterranee


                      Incendi, esplosioni


                            Scarichi idrici

                                              0   3       6       9   12    15    18    21   24   27   30 33   36   39
                                                                                                                                                       
                                                      Gli Aspetti Ambientali Indiretti


     Nell’identificazione degli aspetti                   La valutazione della significatività
     ambientali indiretti sono stati con-                 degli aspetti ambientali indiret-
     siderati i seguenti elementi:                        ti viene condotta sulla base dei
     • questioni relative al prodotto                     seguenti di criteri:
       (scelta e trasporto delle materie                  1. Potenziale controllo gestio-
       prime, uso e recupero/smalti-                         nale (la possibilità da parte
       mento dei rifiuti, ecc.);                             della Cartiera di influenzare o
                                                             controllare il comportamento
     • scelta e composizione dei servizi
                                                             dei soggetti intermedi);
       (servizi di manutenzione, servizi
       di trasporto, servizi di smalti-                   2. Natura dell’impatto (derivante
       mento; servizi di pulizia, ecc.);                     da attività di tipo industriale o
                                                             da altre attività);
     • prestazioni e comportamenti
       di (sub) appaltatori e fornitori                   3. Numerosità degli impatti
       (fornitura vapore; appalti di                         (il numero degli impatti
       lavori sul sito);                                     ambientali associati).
     • decisioni amministrative e di                      Ad ogni parametro è assegnato
       programmazione (sviluppo di                        un punteggio, da 1 (minimo) a 12
       nuovi progetti, strategie della                    (massimo).
       casa madre);
     • sviluppo ambientale del conte-                     Gli aspetti ambientali indiretti
       sto locale (collaborazione con la                  sono considerati significativi se:
       Pubblica Amministrazione);
     • sensibilizzazione e cultura am-                     LIVELLO DI SIGNIFICATIVITÀ ≥ 8
       bientale (contributo alla ricerca;
       educazione ambientale);
     • comportamenti dei dipendenti
       (mobilità casa lavoro).



                            Comportamento
                             dei dipendenti

                        Sviluppo ambientale
                         del contesto locale

                    Decisioni amministrative
                      e di programmazione

                           Questioni relative
                                 al prodotto

                          Sensibilizzazione e
                          cultura ambientale

                     Scelta e composizione
                                 dei servizi

               Prestazioni e comportamenti
               di (sub) appaltatori e fornitori

                                                  0           2              4              6              8   10   12

                                                             Figura 7 - Grafico Aspetti Ambientali Indiretti


8
                                La gestione degli Aspetti Ambientali


Nell’ambito del Sistema di Ge-          sull’andamento delle prestazioni        • emissioni in atmosfera, suolo e
stione Ambientale l’Azienda ha          ambientali.                               sottosuolo, ecc.;
definito specifiche procedure ed                                                • gestione e controllo dei
istruzioni operative per regolare e     Specifiche procedure operative            fornitori;
controllare le attività connesse agli   sono quindi previste per:
                                                                                • gestione delle emergenze am-
aspetti ambientali significativi.
                                                                                  bientali.
                                        • la gestione dei cicli produttivi
L’applicazione di tali procedure          (approvvigionamento materie
assicura una gestione coordinata          prime, conduzione impianti,           L’intero Sistema di Gestione Am-
di tutte le attività fornisce a tutto     spedizione del prodotto finito);      bientale e le singole aree/reparti
il personale le norme di compor-                                                produttivi sono periodicamente
                                        • la gestione delle attività di ma-
tamento da seguire per prevenire                                                sottoposti a verifiche ispettive
                                          nutenzione;
e far fronte ad eventuali incidenti                                             interne (audit) e ad attività di
                                        • la gestione di rifiuti, risorse       monitoraggio e sorveglianza,
od emergenze di natura ambientale
                                          idriche e scarichi di acque reflue,   secondo quanto definito nei piani
e garantisce il costante monito-
                                          risorse energetiche, movimen-         di controllo.
raggio sullo stato di avanzamento
                                          tazione delle sostanze presenti
dei progetti di miglioramento e
                                          in sito e gestione delle aree di
                                          stoccaggio;




                                                                                                                     9
     Nota metodologica per la raccolta e l’elaborazione degli indicatori ambientali


     Lo scopo del lavoro è rendere                 I dati ambientali riportati nel             dell’andamento degli indicatori
     partecipe il pubblico degli sforzi            presente documento sono stati rac-          ambientali: il periodo preso a ri-
     compiuti dall’azienda per mi-                 colti ed elaborati con l’intento di         ferimento copre gli ultimi quattro
     gliorare l’ecocompatibilità della             fornire una informazione quanto             anni, dal 2003 al 2006.
     propria attività: si tratta quindi            più possibile chiara e trasparente
     di uno strumento di informazione              delle prestazioni ambientali del-           Laddove applicabile, inoltre, sono
     mirato a rendere comprensibile                l’azienda.                                  forniti i dati per un confronto con
     all’opinione pubblica ed in genera-                                                       i limiti di legge applicabili e con
     le alle “parti interessate” (autorità,        La scelta degli indicatori ambien-          i valori di riferimento definiti nel
     cittadini, organizzazioni ecc...) i           tali è stata operata sulla base dei         documento BREF che descrive
     principi contenuti nella politica             risultati della valutazione degli           le migliori tecniche disponibili in
     ambientale e nel sistema di gestio-           aspetti ambientali ed in conformità         campo ambientale e i relativi valo-
     ne ambientale della società.                  ai requisiti definiti nella Racco-          ri di prestazione ottenibili specifici
                                                   mandazione della Commissione                per la produzione di carta a base
     La creazione di un rapporto                   Europea 2003/532/CE del 10                  di macero.
     fondato su trasparenza e fiducia              luglio 2003 concernente la scel-
     reciproca con le autorità e il terri-         ta degli indicatori di prestazione          I valori specifici sono tutti calco-
     torio circostante, soprattutto per            ambientale e dall’analisi di rap-           lati in rapporto con la quantità di
     quanto riguarda i temi ambientali,            porti ambientali e/o dichiarazioni          carta “netta vendibile”.
     è considerato dalla nostra azienda            ambientali di altre realtà industria-
     un elemento fondamentale.                     li dello stesso settore.
     La Dichiarazione Ambientale co-
     stituisce un importante strumento             Le informazioni riportate consen-
     per consolidare questo rapporto.              tono una valutazione nel tempo




     
         Il termine Bref, acronimo dall’inglese “Best Available Techiniques Reference
         documents”, indica il documento di riferimento per l’identificazione delle migliori
         tecniche, edito dall’ufficio IPPC della UE sito in Siviglia.



0
                        Aspetti ambientali diretti
                                   Consumo di materie prime - Macero


La materia prima è costituita da
carta da macero.

Al sito giungono varie tipologie di
carta, da quella raccolta in modo
differenziato dai cittadini, agli
scarti d’imballaggi dei prodotti in-
dustriali, ai quotidiani e alle riviste
invendute.

Il macero utilizzato nello stabili-
                                                 Provenienza              U.M.   2003       2004      2005      2006
mento è quasi esclusivamente di
provenienza nazionale, con piccole               Nazionale                 %      97         97        98         98
percentuali di provenienza estera,
in diminuzione nel corso degli anni.             Estero                    %       3         3          2         2



Le fonti di macero possono essere
così suddivise:
Tabella 3 - Macero - Consumo totale

Descrizione                                                               U.M.    2003      2004      2005      2006

Carte e cartoni provenienti da raccolta industriale, urbana e da centri
                                                                            t    236.795   244.595   246.162   268.563
commerciali

Carta bianca da fonte editoriale e raccolta uffici                          t    15.341    14.262    18.356    20.277

Refili di ondulati e raccolta industriale di qualità superiore              t    146.213   144.435   146.067   128.873

                                                Macero, consumo totale      t    398.349   403.292   410.585   417.713




                                                   Tabella 4 - Carta da macero - Consumo specifico




                                                                                                                         1
     Tabella 4 - Carta da macero - Consumo specifico

      Descrizione                                                               U.M.       2003         2004         2005          2006
                                         Macero, consumo specifico totale
                                                                                Kg/t    1.127,496    1.141,743    1.130,347 1.126,774
                                           (Kg di macero/t carta prodotta)

     Il consumo specifico del macero               Questi parametri, unitamente alle
     dipende soprattutto da:                       tipologie di carte prodotte, sono
                                                   causa, nel tempo, di oscillazioni
     1. Andamento del mercato della                nel consumo specifico. Date le
        carta da macero e qualità della            notevoli implicazioni di natura
        raccolta differenziata;                    sia ambientale che economica,
                                                   l’attenzione verso tale parametro,
     2. Efficienza del processo produt-
                                                   anche a livello di gruppo, è forte:
        tivo;
                                                   esso è costantemente monitorato
     3. Umidità media della materia                e vengono messi in atto continui
        prima in ingresso.                         interventi per migliorarlo.




                                        Consumo di prodotti chimici ausiliari

     Il consumo di prodotti chimici è              tuita dai prodotti chimici utiliz-
     connesso principalmente ai cicli              zati nei processi di trattamento
     di fabbricazione che richiedono               e depurazione delle acque reflue,
     l’utilizzo di additivi per migliora-          che rappresentano circa il 3 % dei
     re le caratteristiche della carta e           consumi totali.
     garantire una maggior resa della
     macchina continua.                            Il restante 1% è costituito dai con-
                                                   sumi di prodotti chimici, quali oli
     Il loro impiego per i cicli di fabbri-        e grassi lubrificanti, per le attività
     cazione rappresenta circa il 96%              di manutenzione.
     dei consumi totali.
     Un’altra voce importante è costi-



     Tabella 5 - Prodotti Chimici Ausiliari - Consumi totali suddivisi per area di utilizzo

      Utilizzo                                                                U.M.       2003          2004          2005          2006
      Produzione                                                                t      10.253,89     11.443,96     11.288,90 *15.592,42
      Depurazione Acque                                                         t          245,01       363,07        303,66       *490,95
      Manutenzione                                                              t           69,99         75,81         80,18         93,55
                                                                     Totali     t      10.564,59     11.877,02     11.668,37     16.176,92

     * L’aumento dell’utilizzo dei prodotti chimici è da attribuirsi prevalentemente alla chiusura più spinta del ciclo delle acque ed alla
       differenziazione del prodotto finale, richiesta dal mercato




Tabella 6 - Prodotti Chimici Ausiliari - Consumi specifici per tipologia di prodotto
                                                                                                                                                                    Limite
                                                                     U.M.            2003               2004                2005                  2006
                                                                                                                                                                    BREF
    Produzione
                                                        Amidi        kg/t             18,2161            20,8502              22,5863               22,3165          n.a.
                                                     Collanti        kg/t               0,2586             0,3246              0,2414                 0,2176         n.a.
                                                     Ritentivi       kg/t               0,4295             0,4190              0,5063                 0,5959         n.a.
                                                   Coloranti         kg/t               0,7463             0,8322              1,0186                1,0654*         n.a.
                                               Antischiuma           kg/t                 115,4             113,4              154,0**            196,350**          n.a.
                                                      Biocidi        kg/t               0,1877             0,1862            0,4193**               0,5227**         n.a.
                                     Carbonato di calcio             kg/t               4,6991             4,2723           6,4939***              7,7860***         n.a.
    Depurazione Acque
                                    Acido fosforico 75%              kg/t               0,2147             0,1599              0,2846            0,8873*****         n.a.
                                           Antischiuma****           kg/t               0,0283             0,0311              0,0385                 0,0324         n.a.
                                                  Nutrienti 7        kg/t               0,0057             0,0134              0,0105                 0,0162         n.a.
                                               Soda liquida          kg/t               0,6467             0,5343              0,2963                 0,3750         n.a.
                                                         Urea        kg/t               0,1323             0,1209              0,1452                 0,0135         n.a.
    Manutenzione
                                  Oli e grassi lubrificanti          kg/t               0,1981             0,2146              0,2207                 0,2523         n.a.
n.a = non applicabile
*       Il consumo di coloranti è rimasto pressoché costante negli anni. Nel 2005 e 2006 l’aumento dei consumi specifici è da ricondurre al maggior utilizzo di prodotti
        stabilizzati in soluzione acquosa, prodotti che richiedono, per le loro differenti caratteristiche, un dosaggio specifico maggiore rispetto ai coloranti stabilizzati in
        acido acetico.
**      L’aumento nel consumo di biocidi e antischiuma è da mettere in relazione con la progressiva riduzione dell’apporto di acqua chiara (riduzione dei prelievi idrici),
        conseguente alla chiusura sempre più spinta del ciclo delle acque. Il riutilizzo continuo delle acque di processo comporta, infatti, un peggioramento in termini
        qualitativi per la formazione di limi e alghe, fattori che devono essere corretti con un maggior apporto di additivi chimici.
*** L’aumento nel consumo di carbonato di calcio che si registra nel 2005 e 2006, è una conseguenza del passaggio alla produzione sulla macchina continua 2,
    macchina che richiede consumi specifici maggiori. Il cambiamento della linea di produzione si è reso necessario per motivi di mercato che ha richiesto la produ-
    zione di formati diversi, ottenibili solo con la macchina continua 2.
**** L’antischiuma viene utilizzato in minima parte anche nella conduzione dell’impianto di depurazione
***** L’aumento della voce acido fosforico e la contemporanea diminuzione significativa di urea sono dovuti all’utilizzo di un’ unica miscela formata, in proporzioni
      fisse, dai due elementi


In relazione all’utilizzo di pro-                             Nel grafico sottostante si riporta
dotti chimici, l’azienda da anni                              un confronto negli anni dei consu-
sta portando avanti una politica                              mi assoluti di coloranti, divisi per i
volta alla progressiva riduzione dei                          due gruppi indicati.
prodotti che potrebbero presentare
rischi per la salute e sicurezza degli
addetti e per l’ambiente.

Il progetto su cui l’Azienda è
attualmente impegnata, è la pro-
gressiva sostituzione dei coloranti
stabilizzati con acido acetico
(prodotti etichettati come perico-
losi) con coloranti stabilizzati con
soluzione acquosa (prodotti non
etichettati come pericolosi).

    
        I nutrienti vengono utilizzati nel processo di desolforazione del biogas prodotto
        dall’impianto di depurazione acque.
        Il sistema è stato messo a regime nel corso del 00.
                                                                                                                                                                                   
                                                     Consumo di acqua


     L’acqua è una risorsa indispensabi-        • ciclo di macchina;                           L’impasto infatti deve ancora
     le per la fabbricazione della carta.       • ciclo di preparazione impasti;               subire i vari processi di epurazione
                                                • cicli misti.                                 e raffinazione. Le acque in eccesso
     Tutte le fasi del processo cartario,       La pulizia degli ausiliari del                 derivanti dal ciclo di preparazione
     dallo spappolamento alla pulizia           processo di formazione del foglio              impasti vengono a loro volta recu-
     dell’impasto alla formazione e es-         impiega la maggior parte di acqua              perate nel processo previo tratta-
     siccamento del foglio e all’utilizzo       chiara prelevata dai sistemi di ap-            mento nel flottatore.
     dei prodotti chimici, non possono          provvigionamento: in questa fase
     fare a meno di questa risorsa.             del ciclo di produzione, l’impasto             La pasta in uscita dal flottatore
                                                ha ormai raggiunto l’ottimale stato            viene reinserita nel ciclo della pre-
     Al fine di ottimizzare l’impiego           di raffinazione e purezza e per                parazione impasti mentre le acque
     delle risorse idriche, l’intero ciclo      evitare contaminazioni del prodot-             in eccesso vengono avviate all’im-
     delle acque è strutturato in modo          to è necessario l’apporto di acque             pianto di depurazione assieme ad
     da favorire il massimo riutilizzo          chiare (acque non riciclate).                  altri contribuiti idrici in uscita da
     delle acque di processo attraverso                                                        altre sezioni di impianto.
     un’articolata rete di recupero e           L’eccesso di acqua che così si
     ridistribuzione delle acque.               determina per l’ingresso di acqua              Un ulteriore recupero di acque si
                                                chiara, unitamente a circa la metà             realizza infine anche in uscita dal
     All’interno del processo sono mo-          di quella che deriva dall’asciuga-             processo di depurazione, da dove,
     vimentati enormi quantità d’acqua          mento della carta, va quindi ad                parte delle acque trattate e depu-
     continuamente riciclata fra le             alimentare il processo della pre-              rate, sono inviate ad una vasca di
     diverse sezioni:                           parazione impasti, che si presenta             miscelazione che raccoglie anche le
                                                ad uno stadio ancora preliminare.              acque prelevate dal Rio Frizzone.




                                       Figura 8 - Schema semplificato del ciclo delle acque industriali





Tabella 7 - Prelievi di acqua - Valori assoluti
                                                                                                                               Limiti di
 Fonte                                       Uso                U.M.    2003           2004         2005         2006
                                                                                                                             concessione
 N. 6 pozzi                              Industriale            m³     1.556.907 1.392.469 1.409.002 1.175.496                   2.361.600
 Opera di presa da
                                         Industriale            m³      392.823       365.108       275.463      295.091             432.000
 Torrente Frizzone
 Prelievo indiretto da
                                         Industriale            m³         8.097       89.687       135.842      231.666                 n.a
 Fiume Serchio “Tubone”
 Acquedotto pubblico                  Igienico-sanitario        m³             264          450          606          697               n.a.
                         Acqua, consumo assoluto totale     8
                                                                m³     1.958.091 1.847.714 1.820.913 1.702.950
n.a = non applicabile




             Figura 9 - Prelievo da pozzi                               Figura 10 - Prelievo da Torrente Frizzone
                        Confronto con i valori limite                               Confronto con i valori limite


Tabella 8 - Consumi specifici per la produzione
                                                                U.M.    2003         2004         2005         2006         Valori BREF 9
                                   Acqua, consumi specifici m³/t        5,54         5,23         5,01         4,59              7




                                        Figura 11 - Consumi specifici - Confronto con le BAT




8
    Nel consumo totale è inclusa la quota di acqua chiara restituita a EDISON a
    compensazione delle perdite per sfiati e condensazioni nell’ambito del ciclo di
    fornitura del vapore.
9
    Vedi Bref, capitolo , tabella .
                                                                                                                                               
     Avendo individuato il “consumo                   Per garantirne un uso proficuo,              matico l’ulteriore riutilizzo nel
     idrico” come aspetto ambientale                  l’acqua prelevata dal condotto,              processo delle acque depurate.
     significativo, l’Azienda si è impe-              prima dell’immissione nel ciclo
     gnata da anni alla progressiva so-               produttivo, viene trattata in uno            L’acqua in uscita dall’impianto di
     stituzione dell’acqua di falda con               specifico impianto che ne assicura           depurazione non è riutilizzabile nel
     acqua di superficie e alla continua              un adeguato livello qualitativo in           ciclo tal quale, proprio per le inter-
     ricerca di soluzioni volte a ridurre             relazione alle esigenze di produ-            ferenze sul processo dei sali ancora
     i consumi di acqua chiara tota-                  zione.                                       presenti. L’attenzione perciò è stata
     le ottenendo nel tempo risultati                 Per la riduzione dei consumi, la             particolarmente rivolta all’abbas-
     apprezzabili.                                    linea guida seguita dall’Azienda è           samento di questo parametro per
                                                      stata quella di sostituire progressi-        rendere l’acqua idonea al suo riuti-
     L’obiettivo aziendale rimane quello              vamente all’acqua chiara, l’acqua            lizzo programmando azioni sia sul
     della chiusura molto spinta del ci-              di processo dopo un trattamento              processo che sull’impianto.
     clo produttivo10, soluzione comun-               spinto nell’attuale impianto di
     que vincolata ad una valutazione                 depurazione. Grazie a ciò, negli             È in corso la sperimentazione per
     integrata e complessiva degli effetti            anni il consumo specifico è andato           la desalinizzazione dell’acqua con
     che tale operazione può avere sul-               progressivamente diminuendo fino             tecnologia innovativa.
     l’ambiente e sul prodotto.                       a raggiungere, nel 2006, un valore
                                                      di 4,59 m3/ton di carta prodotta,
     Per ciò che riguarda la sostituzione             valore che colloca lo stabilimento
     dell’acqua di falda con quella di                fra quelli con i consumi più bassi
     superficie, gia nel 1999 l’Azienda               non solo a livello italiano, ma
     differenziò le fonti di approvvigio-             anche europeo.
     namento con la richiesta di conces-
     sione per il prelievo dal Torrente               Nuove azioni di miglioramento
     Frizzone che scorre parallelamente               che l’Azienda sta sviluppando
     al confine ovest dello stabilimento.             prevedono l’introduzione di un
     In tempi più recenti l’Azienda ha                impianto di desalinizzazione, come
     provveduto a collegarsi all’impian-              trattamento terziario delle acque
     to dell’acquedotto industriale della             in uscita dal depuratore biologico.
     Piana di Lucca, comunemente                      L’elevato contenuto salino è infatti
     conosciuto col nome di “Tubone”.                 uno dei fattori che rende proble-




     10
          Per chiusura del ciclo si intende la riduzione dei prelievi di acqua chiara (prelevata
          dai pozzi, dal Rio Frizzone e dalla condotta “Tubone”) grazie all’aumento della
          quantità di acqua riciclata nel processo.




                                                               Consumi di energia


La gestione dei consumi energetici                        lata e secondo specifiche procedure                      sanitario e l’utilizzo di gasolio
è uno degli aspetti più rilevanti per                     operative nell’ambito del proprio                        per i carrelli elevatori ed i gruppi
il ciclo di produzione della carta.                       sistema di gestione ambientale.                          elettrogeni d’emergenza.
Per loro natura i processi e gli im-
pianti utilizzati comportano infatti                      Ad essi si aggiungono poi i consu-                       Nella seguente tabella si riportano
ingenti consumi di energia elettrica                      mi di gasolio e g.p.l. per il riscal-                    i consumi energetici complessivi
e di energia termica, fattori che                         damento dei locali e la produzione                       espressi come valori assoluti.
l’azienda gestisce in forma control-                      di acqua calda per uso igienico-


Figura 12 - Consumi energetici per tipologia (Valori assoluti


                        Tipologia                                      Utilizzo                 U.M.        2003            2004            2005           2006
    Energia Elettrica
                                                           Processi produttivi, servizi
                                         Acquistata                                             MWh       147.996         146.481         145.629        140.277
                                                                    generali
                                                            Impianto di depurazione
                                      Autoprodotta                                              MWh         1.668           1.304          1.926*          2.157
                                                                     acque
    Energia Termica
                                                               Processi produttivi,
                                              Vapore       riscaldamento dei locali di          MWh       397.727         391.938         441.410        459.007
                                                               lavoro, uffici tecnici
    Combustibili
    Biogas prodotto                                                                               m³     1.619.813 1.113.869 1.816.955 2.407.932
                                                           Riscaldamento degli uffici
                                             Gasolio                                               l       13.787           9.404         10.365          10.005
                                                                 amministrativi
                                                              Riscaldamento degli
                                             G.P.L.**                                              l           0              0           21.368          26.292
                                                                   spogliatoi
    Carburanti
                                             Gasolio             Carrelli elevatori                l      249.004         255.859         233.983        232.031
n.a = non applicabile
*     L’aumento dell’energia autoprodotta è frutto della maggiore efficienza di funzionamento conseguita grazie ad una più attenta gestione e manutenzione
      dell’impianto
**    Nel corso del 2005 sono stati inaugurati i nuovi locali ad uso spogliatoi, servizi igienici, serviti da impianto per la produzione di acqua calda e riscaldamento
      alimento a G.P.L..




                                                                                                                                                                          
                                                            Energia elettrica


     Tutta l’energia elettrica viene                 motore alimentato con il biogas                ticolare riferimento alle fasi di
     acquistata dal mercato a mezzo                  generato dal digestore anaerobico.             epurazione, raffinazione, alla fase
     ENEL Distribuzione come vettore,                Il consumo più rilevante di energia            di formazione del foglio, disidrata-
     ad eccezione di una piccola quota               elettrica è imputabile alla fase di            zione e asciugatura (alimentazione
     che viene autoprodotta con un                   preparazione impasti, con par-                 macchine continue).




     Tabella 9 - Consumi specifici per la produzione

                                                                     U.M.     2003        2004       2005       2006     Valori BREF 11
                                                 Energia Elettrica Mwh/t       0,419        0,415      0,401     0,378      0,7÷0,8




                                    Figura 13 - Grafico consumi specifici di energia elettrica




     Negli anni l’attenzione verso                   dei risultati sino ad oggi ottenuti,
     questo parametro, è sempre stata                l’Azienda è intenzionata a conti-
     costante. Alcune scelte tecniche                nuare in questa direzione perché,
     nelle apparecchiature e soprattutto             col passare del tempo, il fattore
     continue ottimizzazioni a livello               energetico sta acquistando valore
     generale di processo, hanno por-                sempre più strategico per la gestio-
     tato a risultati soddisfacenti. Forte           ne complessiva delle attività.




     11
          Vedi Bref, capitolo , tabella .



8
                                                       Energia termica


Per quanto riguarda l’energia                   Il contratto di fornitura di vapore        • l’impianto di cottura
termica, lo stabilimento approvvi-              prevede la copertura dell’intero             dell’amido;
giona il vapore necessario ai cicli             fabbisogno necessario per la pro-          • riscaldamento dei locali
produttivi mediante fornitura da                duzione di carta.                            macchine;
centrale termica esterna, alimenta-             Il vapore è utilizzato prevalente-         • riscaldamento degli edifici.
ta a metano, e gestita dalla società            mente per l’asciugatura della carta
EDISON SpA.                                     delle due macchine continue. Altre
                                                utenze minori sono:


Tabella 10 - Consumi specifici per la produzione

                                                                U.M.     2003       2004    2005       2006     Valori BREF 12
                         Consumi specifici Energia Termica      GJ/t     4,05       3,99    4,37       4,46        6,0÷6,5




                                Figura 14 - Grafico consumi specifici di energia termica




L’analisi dell’andamento sul consu-             to l’azienda a concentrare notevoli        • l’utilizzo di apparecchiature ad
mo specifico di energia termica ha              risorse sui sistemi di monitorag-            alto rendimento energetico;
registrato fino al 2004 una ridu-               gio e controllo e ad operare con           • l’autoproduzione di energia
zione progressiva. L’aumento che                una continua attenzione verso il             elettrica da biogas;
si registra nel 2005 e nel 2006 è da            risparmio energetico con tutte le          • l’approvvigionamento di energia
attribuire ad un incremento nella               soluzioni possibili.                         termica da impianti moderni ed
produzione di quelle tipologie di                                                            operanti ad elevata efficienza;
carta che richiedono un maggior uti-            Le più importanti azioni di                • l’ottimizzazione dell’uso del
lizzo della sezione size-press e quindi         miglioramento avviate negli anni             vapore nel processo;
un maggior consumo di vapore.                   sono state:                                • attività di costante confronto e
                                                • l’adozione di sofisticati sistemi          scambio di informazioni con gli
L’attenzione per l’ambiente e la                  per il controllo dei consumi               stabilimenti SCA sul consumo
necessità di avere costantemente                  e delle prestazioni delle varie            energetico specifico.
sotto controllo i consumi, ha spin-               utenze;




1
     Vedi Bref, capitolo , tabella .



                                                                                                                                 9
                                                      Emissioni in atmosfera


     Le emissioni in atmosfera connesse             Per ciascuna delle tre tipologie di
     alle attività svolte da SCA Packa-             sorgenti individuate, nella seguente
     ging Italia SpA - Cartiera di Lucca            tabella si riportano le informazio-
     derivano essenzialmente dalle                  ni di dettaglio relativamente alla
     seguenti sorgenti:                             tipologia delle emissioni, all’im-
                                                    pianto che le origina e ai principali
     1. impianti industriali e attività
                                                    inquinanti:
        connesse;
     2. impianti termici ad uso civile;
     3. motori a combustione.


     Tabella 11 - Emissioni in atmosfera - Tipologia e caratteristiche

                                                                                                                      Caratteristiche delle
      Sorgente                                                 Tipologia                            Impianto
                                                                                                                           emissioni

                                                                                        Macchina Continua 1
                                                    Emissioni relative ai
                                                                                        Macchina continua 2              Aria e vapore
                                                    processi di disidratazione e
                                                                                        Sfiati e valvole di                 acqueo
                                                    asciugamento carta
                                                                                        emergenza
      Impianti industriali e attività connesse      Emissioni relative agli sfiati di   Silos amido, serbatoi
                                                                                                                            Polveri
                                                    polmonazione                        stoccaggio prodotti chimici

                                                    Emissione relative al sistema       Biofiltro
                                                    di depurazione acque                Torri di raffreddamento         Vapore acqueo

                                                    Emissioni relative alla                                             CO, CO2, NOx,
                                                                                        Caldaia da 185 KW
                                                    combustione di gasolio                                               polveri, SOx
      Impianti termici ad uso civile
                                                    Emissioni relative alla
                                                                                        Caldaia da 255 kW                CO, CO2, NOx
                                                    combustione di g.p.l.

                                                                                        Carrelli elevatori, gruppi
                                                    Emissioni relative alla                                             CO, CO2, NOx,
                                                                                        elettrogeni di emergenza
                                                    combustione di gasolio                                               polveri, SOx
                                                                                        alimentati
      Motori a combustione interna
                                                    Emissioni relative alla             Motore Jenbacher               Carbonio organico
                                                    combustione di biogas               Torcia di emergenza           totale, CO, NOx, HCl




0
Tabella 12 - Emissioni in atmosfera - Numero di punti di emissione e funzionamento

                                                                                           n° di
                       Tipologia                                      Impianto                            Funzionamento
                                                                                         emissioni

                                                          Macchina Continua 1 e
                                                          Macchina continua 2,               19       Continuo
 Emissioni relative ai processi di disidratazione e       pompe a vuoto
 asciugamento carta
                                                                                                      Discontinuo e/o in caso
                                                          Sfiati e valvole                   12
                                                                                                      di emergenza

                                                          Silos amido, serbatoi
 Emissioni relative ai sfiati di polmonazione                                                8        Discontinuo
                                                          stoccaggio prodotti chimici

                                                          Biofiltro                          1        Continuo

                                                          Sfiato desolforazione biogas       1        Discontinuo
 Emissione relative al sistema di depurazione acque
                                                          Sfiato di sicurezza biogas         1        In caso di emergenza

                                                          Torri di raffreddamento            2        Continuo

 Emissioni relative alla combustione di gasolio           Caldaia da 185 KW                  1        Discontinuo

 Emissioni relative alla combustione di g.p.l.            Caldaia da 255 kW                  1        Discontinuo

                                                                                             16       Discontinuo
                                                          Carrelli elevatori
 Emissioni relative alla combustione di gasolio                                              4        In caso di emergenza
                                                          Gruppo elettrogeno e
                                                          pompe di emergenza

                                                          Motore Jenbacher                   1        Discontinuo
 Emissioni relative alla combustione di biogas
                                                          Torcia di emergenza                1        In caso di emergenza



Analizzando il numero dei punti di             liquido e poco o affatto volatili         e del D.P.R. 551/1999, attraverso
emissione e la durata delle emis-              (carbonato di calcio e policloru-         interventi annuali che prevedono:
sioni si osserva che le emissioni in           ro di alluminio);                         • pulizia caldaia e bruciatore;
atmosfera sono dovute prevalente-            • gli sfiati derivanti dalla mo-            • controllo generale dell’impianto
mente ai cicli di produzione della             vimentazione dei prodotti in                 e verifica sicurezze;
carta (emissioni di vapor acqueo),             polvere (amidi) sono convogliati          • verifica del rendimento di com-
seguono poi le emissioni derivanti             e trattati con filtri a maniche;             bustione.
dai processi di combustione (gaso-           • le eventuali emissioni si genera-
lio, g.p.l. e biogas) e le emissioni           no solamente in occasione delle           L’emissione derivante dal motore
derivanti dai processi di depura-              operazioni di carico dei pro-             Jenbacher per la produzione di
zione delle acque.                             dotti, attività limitata a pochi          energia elettrica, è classificata come
                                               minuti, per una media di circa            emissione poco significativa ai
Le emissioni derivanti dai serbatoi            80 carichi/anno.                          sensi dell’art. 269, c.14 del D.Lgs.
di stoccaggio dei prodotti chimici                                                       152/2006 (impianto alimentato a
ausiliari risultano nel complesso            Per quanto riguarda gli impianti            biogas di potenza termica nominale
poco rilevanti in considerazione             di generazione del calore ad uso            inferiore a 3 MW). L’impianto è
del fatto che:                               riscaldamento, gli stessi sono              comunque soggetto al rispetto dei
• i serbatoi contengono prodot-              sottoposti a controllo e manuten-           limiti stabiliti dall’allegato I alla
   ti prevalentemente allo stato             zione, ai sensi del D.P.R. 412/1993         parte V del D.Lgs. 152/2006.




                                                                                                                                  1
     Tabella 13 - Emissione da motore Jenbacher - Confronto con i limiti di riferimento


           Parametro          U.M.        2003        2004          2005         2006       Limiti di legge 13   Limiti BREF

                 NOx         mg/Nmc      422,83        174,83         465          492             500              n.a.

                  CO         mg/Nmc      451,63        390,31         519          535             800              n.a.

                  HCl        mg/Nmc         6,09         5,86         1,6          5,0              10              n.a.

                 COT         mg/Nmc      102,23          0,22          40           43             150              n.a.

     n.a = non applicabile
     n.d = non determinato




     * Il peggioramento del parametro NOx è da collegarsi a momentanee e particolari condizioni di combustione




     1
          Limiti definiti dall’allegato I alla parte V del D.Lgs. 1/00 - “Norme in materia ambientale”.




                                                  Gas a Effetto Serra


Le uniche fonti che producono                te dalle caldaie per la produzione
anidride carbonica e quindi og-              di acqua calda e il gruppo elettro-
getto della disciplina in materia di         geno.
“gas a effetto serra”, sono costitui-


               Parametro        U.M.          2003           2004          2005        2006          Quote Assegnate 14
                      CO2         t               43,31         29,53        38,29        62,6               60



I valori di anidride carbonica sono          I dati riferiti al 2005 e 2006            Inoltre in azienda sono presenti al-
calcolati a partire dai consumi di           comprendono anche il contributo           cuni condizionatori contenenti gas
combustibile e utilizzando i metodi          derivante dalla caldaia alimentata        refrigeranti ad effetto serra. Tali
previsti dalla normativa in materia          a g.p.l., attivata nel corso dell’an-     impianti vengono tenuti sotto con-
di “emission trading”.                       no 2005.                                  trollo al fine di prevenire eventuali
                                                                                       fughe secondo quanto previsto dal
I dati riferiti al periodo                   L’emissione derivante dal motore          D.P.R. 47/2006.
2003÷2004 comprendono il con-                Jenbacher non contribuisce alla sti-
tributo derivante dalla combustio-           ma complessiva perché alimentato
ne di gasolio.                               a biogas, fonte rinnovabile, a cui
                                             è associato un fattore di emissione
                                             pari a 0.




1
     Schema di Decisione di assegnazione delle quote di CO per il periodo 00-00



                                                                                                                               
                                                                                 Rifiuti


     Il complesso delle attività svolte da                         disposizioni normative come ri-                         • dall’altra si ha la produzione
     SCA PACKAGING ITALIA SpA                                      fiuti speciali pericolosi e non                           di rifiuti assimilati ai rifiuti
     - Cartiera di Lucca determinano la                            pericolosi. Per le attività di re-                        urbani che vengono conferiti al
     produzione di diverse tipologie di                            cupero e/o smaltimento di que-                            servizio pubblico di raccolta e
     rifiuti:                                                      ste tipologie di rifiuti, l’azienda                       smaltimento.
     • da una parte si hanno tutti quei                            si avvale di ditte specializzate
        rifiuti derivanti dalle attività                           nel settore ed in possesso delle                        Nella seguente tabella si riporta
        industriali e dei servizi connessi,                        necessarie autorizzazioni per                           il riepilogo dei rifiuti prodotti nel
        classificate secondo le vigenti                            l’esercizio di tali attività;                           corso degli ultimi quattro anni:

     Tabella 14 - Valori assoluti dei principali rifiuti prodotti

                 Descrizione                         Attività                2003              2004               2005               2006          U.M.      Destinazione
      Scarti della separazione
      meccanica nella produzione Preparazione                                                                                                                Recupero e/o
                                                                         32.870,160         32.985,360         36.201,300 47.342,700                  t
      di polpa da rifiuti di carta e Impasti                                                                                                                 smaltimento
      cartone
      Sabbie da preparazione                  Preparazione
                                                                           3.046,560          2.983,700          8.047,660        8.659,610           t       Smaltimento
      impasti                                 Impasti
      Fanghi prodotti dal
                                              Depurazione
      trattamento delle acque                                                771,320         2.530,380*            242,720        2.062,220           t       Smaltimento
                                              Acque
      reflue
                                              Preparazione                                                                                                     Recupero /
      Scarti fibre-fanghi                                                              -                  -                  -       904,840          t
                                              impasti                                                                                                         smaltimento
                                              Attività di
      Ferro e acciaio                                                        165,980            330,940            124,860           103,600          t         Recupero
                                              Manutenzione
                                              Impianto di
      Rifiuti contenenti zolfo                                             1.612,640          1.549,260          1.245,200        1.413,140           t       Smaltimento
                                              desolforazione
                                              Ricevimento
      Imballaggi in legno                     materia prima/                     0,022            40,230             17,260            16,120         t         recupero
                                              prodotti ausiliari
                                              Attività di
      Imballaggi in materiali misti                                              8,814            53,737             44,950            32,356         t       Smaltimento
                                              Manutenzione
      Assorbenti, materiali
                                              Attività di
      filtranti, stracci e indumenti                                             9,420            10,460             13,240            12,450         t       Smaltimento
                                              Manutenzione
      protettivi
                                              Attività di
      Spezzoni di cavi elettrici                                               14,940               8,000             4,440             7,880         t         recupero
                                              Manutenzione
                                              Attività di
      Pneumatici fuori uso                                                       9,320            13,140             18,620            11,860         t       Smaltimento
                                              Manutenzione
                                              Attività di
      Oli esausti                                                                4,440             8,840*             4,860             4,580         t         Recupero
                                              Manutenzione
                                              Impianto
      Rifiuti solidi da processi di
                                              sperimentale di                          -                  -                  -         45,070         t       Smaltimento
      filtrazione
                                              desalinizzazione
                                              Attività di
                                                                                                                                                             Recupero e/o
      Altri rifiuti non pericolosi**          Manutenzione,                        0,88              0,53            20,655            23,741         t
                                                                                                                                                             smaltimento
                                              controllo qualità
                                              Attività di                                                                                                    Recupero e/o
      Altri rifiuti pericolosi***                                                  4,15              1,66             3,243            26,866         t
                                              Manutenzione                                                                                                   smaltimento
                      TOTALE RIFIUTI                                           38.519             40.516             45.989            60.667         t


     * = nel corso del 2004 sono stati effettuati interventi di manutenzione straordinaria (periodicità triennale).
     ** = comprende imballaggi in plastica, metallici, cartucce per stampanti, apparecchi fuori uso, veicoli fuori uso
     *** = comprende batterie esauste, filtri dell’olio, neon, vernici, sali e soluzioni contenenti metalli pesanti, imballaggi contenenti sostanze pericolose, solventi per
         pulizia impianti, emulsioni oleose


Le tipologie di rifiuti più rilevanti                dovuto a:                                      Lo scarto è costituito prevalen-
per i quantitativi prodotti sono                     1) aumento materie prime                       temente da sabbia, fibre mace-
rappresentate da:                                    utilizzate;                                    rate, frammenti di vetro e ferro.
                                                     2) Peggioramento della qualità                 Questa tipologia di rifiuto, da
• scarto del pulper e code,                          delle stesse;                                  solo, rappresenta circa il 14%
  rifiuti originati in continuo                      3) Temporaneo peggioramento                    del totale dei rifiuti prodotti.
  dai processi di preparazione                       del grado di secco nel materiale             • Rifiuti contenenti zolfo (CER
  impasto. Lo scarto del pulper,                     smaltito.                                      050702), rifiuto originato dai
  costituito prevalentemente da                      Queste tipologie di rifiuto (CER               processi di depurazione del
  plastica, polistirolo e fibra di                   030307) rappresentano circa                    biogas. Lo scarto è costituito
  carta, viene convogliato ad una                    il 78% del totale dei rifiuti                  da zolfo elementare diluito in
  pressa per eliminare l’acqua                       prodotti.                                      acqua ad una concentrazione
  trattenuta dalla fibra. Le code                  • fanghi (CER 030302), rifiuto                   del 3-4%. Questa tipologia di
  invece sono costituite da fili di                  originato dai processi puli-                   rifiuto, da solo, rappresenta
  ferro e frammenti di plastica.                     zia dell’impasto fibroso e da                  circa il 2% del totale dei rifiuti
  L’aumento considerevole del                        attività di manutenzione per la                prodotti.
  quantitativo nell’anno 2006 è                      pulizia degli impianti.


Tabella 15 - Valori percentuali dei principali rifiuti prodotti

                                                                                          U.M.   2003      2004      2005       2006
Scarti della separazione meccanica nella produzione di polpa da rifiuti
                                                                                           %     85,34     81,41     78,72      78,04
di carta e cartone
Altri Rifiuti non pericolosi*                                                              %     14,64     18,56     21,26      21,91
Rifiuti pericolosi                                                                         %     0,02      0,03       0,02      0,05
* comprende anche i codici CER 030302 e 050702


Tabella 16 - Valori specifici dei principali rifiuti prodotti riferiti ai dati di produzione

                                                                                          U.M.   2003      2004      2005       2006
Scarti della separazione meccanica nella produzione di polpa da rifiuti di
                                                                                          kg/t    93,04      93,38     99,66     127,71
carta e cartone
Altri Rifiuti non pericolosi                                                              kg/t    15,96      21,29     26,92      35,86
Altri Rifiuti pericolosi                                                                  kg/t      0,02      0,03      0,02       0,08
                                                                  RIFIUTI TOTALI          kg/t   109,02    114,70     126,61     163,65
	


Nella definizione delle modalità                   • Batterie;                                    recupero del ferro di cui sono, in
di smaltimento più appropriate,                    • Solventi per la pulizia di pezzi             prevalenza, costituite.
l’Azienda privilegia, laddove pos-                   meccanici;
sibile, le soluzioni atte a favorire               • Scarto di pulper e code.                     Nel corso degli anni tuttavia il
il recupero e riutilizzo dei rifiuti                                                              ricorso ad attività di recupero,
prodotti.                                          Per ciò che riguarda lo scarto di              soprattutto per quanto riguarda lo
                                                   pulper esso può essere destinato               scarto del pulper, si sono progres-
Le principali tipologie di rifiuti                 sia in discarica che al riutilizzo             sivamente ridotte per la mancanza
avviati a recupero sono le seguenti:               presso impianti di trattamento                 di idonei impianti.
• Ferro e acciaio;                                 (bricchettaggio) oppure diretta-               Il confronto tra i quantitativi di
• Imballaggi in legno e in plastica                mente alla termoutilizzazione. Le              rifiuti avviati ad attività di recupe-
• Oli esausti;                                     code invece possono essere avviate             ro e smaltimento è riportata nella
• Cavi elettrici;                                  ad impianti di trattamento volto al            seconda tabella:
                                                                                                                                           
     Tabella 17 - Confronto valori assoluti tra rifiuti avviati a recupero e a smaltimento

                                                                                               U.M.    2003      2004      2005      2006
                                        Scarto pulper e code (CER 030307) – Recupero            t     11.603     5.787     6.122    16.449
                                                                    Altri Rifiuti - Recupero    t       185       388       153       493
                                    Scarto pulper e code (CER 030307) – Smaltimento             t     21.267    27.198    30.079    30.894
                                                                 Altri Rifiuti - Smaltimento    t      5.463     7.143     9.635    12.831



     L’intera gestione dei rifiuti è                 mento finalizzati alla separazione               viata a recupero energetico tramite
     regolata da specifiche procedure                dei flussi dei materiali per permet-             termovalorizzazione.
     gestionali ed operative. In partico-            tere trattamenti singoli e differen-             Accanto a questi interventi di
     lare sono costantemente control-                ziati su ciascuna corrente.                      natura impiantistica, l’azienda ha
     late tutte le attività connesse alla            Visti i risultati non soddisfacenti              inoltre realizzato nel corso de-
     gestione dei rifiuti quali:                     del 2006 relativamente alla ridu-                gli anni un’importante azione di
                                                     zione dei volumi, è stato definito               sensibilizzazione dei confronti dei
     • controllo della produzione e                  un nuovo progetto atto a ridurre                 fornitori di materia prima: le ca-
       caratterizzazione dei rifiuti;                drasticamente il contenuto di umi-               ratteristiche qualitative del macero
     • conferimento del rifiuto dal-                 dità nello scarto del pulper fino ad             in ingresso influiscono infatti in
       l’area di produzione alle zone                arrivare a contenuti di secco su-                maniera preponderante sui volumi
       destinate al deposito tempora-                periori al 70%. Tale progetto sarà               di rifiuti prodotti. La sensibiliz-
       neo ed il controllo periodico di              completato già nel corso del 2007.               zazione dei fornitori di macero è
       tali aree;                                                                                     stata volta ad ottenere una qualità
     • il monitoraggio dei quantita-                 Nel 2005 è stato completato il pri-              migliore del materiale e la rigida
       tivi prodotti e la gestione delle             mo stadio di intervento che ha per-              applicazione di procedure sul con-
       pratiche amministrative (com-                 messo di massimizzare la separa-                 trollo qualità della materia prima
       pilazione dei registri di carico              zione della sabbia (CER 030310)                  in ingresso, ben sapendo che la
       scarico, dei formulari, la denun-             con l’introduzione di un apposita                stessa qualità è strettamente dipen-
       cia annuale dei rifiuti);                     apparecchiatura denominata ELE-                  dente da particolari condizioni e
     • le disposizioni in materia di                 PHANT e l’installazione di sistema               periodi di mercato.
       sicurezza e di tutela ambientale              di videosorveglianza che
       da adottare nelle fasi di manipo-             consente il monitorag-
       lazione e deposito dei rifiuti;               gio in continuo, tramite
     • la gestione dei rapporti con i                monitor, degli impianti
       fornitori dei servizi di smalti-              in corrispondenza dei
       mento e trasporto;                            punti in cui si originano
     • le modalità operative per il con-             i rifiuti. Gli andamenti
       ferimento a terzi, privilegiando,             della produzione del
       laddove possibile, il massimo                 pulper e delle sabbie è
       ricorso alle attività di recupero;            rappresentata nel grafi-
     • la gestione delle eventuali emer-             co accanto.
       genze connesse alla produzione
       di rifiuti;                                   Nel corso del 2006
     • le attività di formazione e adde-             si è proceduto al completamen-                   Grazie ai contenuti innovativi dei
       stramento del personale.                      to dell’impianto di separazione                  propri progetti di miglioramento
                                                     della pasta di carta dallo scarto                per la riduzione dei rifiuti, l’azien-
     L’azienda prosegue inoltre il per-              di pulper. Questo intervento ha                  da ha potuto usufruire di un finan-
     corso sino ad oggi intrapreso per               migliorato l’efficienza delle presse             ziamento per il bando di idee volto
     il miglioramento della gestione dei             già installate a valle dei processi              alla riduzione della produzione
     rifiuti e la riduzione dei volumi               per la riduzione della percentuale               dei rifiuti indetto dalla Regione
     prodotti, attraverso la realizzazio-            di acqua residua nello scarto di                 Toscana con decreto N° 7481 del
     ne di nuovi progetti di migliora-               pulper. La pasta di carta viene av-              06/12/02 – DGRT 588/02.

                                                Scarichi idrici


La gestione integrata dei flussi        Solo l’eccesso di acque non recu-           Lo scarico derivante invece dai
idrici connessi alla produzione         perabili nei cicli produttivi viene         servizi igienici degli uffici ammini-
della carta rappresentano uno degli     avviato allo scarico finale verso il        strativi e degli spogliatoi è inviato
aspetti ambientali più significativi    depuratore consortile.                      direttamente in pubblica fognatura.
per la Cartiera di Lucca, che da
anni è impegnata per la progressiva     Lo scarico è esercitato nel rispet-         L’impianto di depurazione è man-
riduzione dei consumi idrici e l’ot-    to delle dell’autorizzazione allo           tenuto sottocontrollo attraverso
timizzazione dei processi di tratta-    scarico idrico in pubblica fognatu-         un piano di monitoraggio che
mento delle acque di processo.          ra (Atto n° 75/04 del 25/03/2004            prevede l’esecuzione di controlli
                                        - Autorità d’Ambito n° 2 “Basso             interni per la verifica dell’efficienza
Nell’ambito del Sistema di Ge-          Valdarno”) e del regolamento del            di funzionamento ed una serie di
stione Ambientale sono applicate        Gestore del Servizio Idrico.                controlli eseguiti con il supporto di
specifiche procedure gestionali ed                                                  laboratori esterni per la verifica dei
operative che consentono all’azien-                                                 valori di scarico.
da di gestire in forma integrata
le attività che danno origine a
scarichi idrici e l’impianto di depu-
razione in modo da garantire nel
tempo il corretto andamento dei
cicli delle acque ed il rispetto dei
limiti previsti per lo scarico finale
che viene convogliato all’impianto
di depurazione consortile gestito
da AQUAPUR.

Le acque reflue derivano da:

• Cicli di produzione della carta
  e servizi connessi: acque reflue
  industriali
• Servizi igienici: acque reflue as-
  similate alle acque reflue dome-
  stiche
• Pluviali e pozzetti di raccolta
  acque meteoriche di piazzale:
  acque meteoriche

Tutte le acque reflue sono con-
vogliate, tramite la rete fognaria
di stabilimento, ad una vasca di
raccolta e da qui vengono inviate
all’impianto di depurazione. Il
processo di depurazione consiste
in una serie di trattamenti chimi-
co-fisici e biologici come illustrato
nello schema semplificato.
                                             Figura 15 - Schema semplificato dell’impianto di depurazione acque reflue

Il sistema consente, in alcuni punti
del processo depurativo, il recupe-
ro di acque e fibre da riutilizzare
nella produzione della carta.



                                                                                                                              
     Nella seguente tabella si riepiloga-             corso degli ultimi quattro anni ed i
     no i volumi di acque scaricate nel               valori quantitativi degli inquinanti:

     Tabella 18 - Volumi acqua scaricata e inquinanti emessi

                                                                    U.M.      2003          2004          2005           2006         Limiti di Legge 15
                                       Volume acque scaricate         m³    1.611.350 1.574.260 1.489.925               1.326.533        1.700.000
                                                           BOD5        t         61,46           95,76      56,49             53,84          n.a.
                                                            COD        t       371,07           405,15     322,07         301,34             n.a.
                                              Fosforo totale (P)       t          1,43            1,23          1,57           0,79          n.a.
                                                Azoto totale (N)       t         20,59           27,25      24,43             11,53          n.a.
                                     Solidi sospesi totali (SST)       t       117,63            91,32      60,34        * 117,18            n.a.
     n.a = non applicabile


     Tabella 19 - Valori medi di concentrazione dei principali inquinanti e rispettivi limiti

                                                                    U.M.       2003        2004          2005          2006       Limiti di Legge 16
                                                           BOD5      mg/l        38,14          60,82     37,92         40,58              650
                                                           COD       mg/l      230,29      257,31        216,17        227,17             1300
                                              Fosforo totale (P)     mg/l         0,89           0,78      1,06           0,6                50
                                                Azoto totale (N)     mg/l        12,78          17,31     16,40          8,69                30
                                    Solidi sospesi totali (SST)      mg/l        73,00          58,00     40,50         88,33              730

     * L’aumento dei solidi sospesi è da mettere in relazione all’andamento non soddisfacente della fase anaerobica
       dell’impianto di depurazione




     1
        Volume di scarico autorizzato dall’Autorità d’Ambito n°  “Basso Valdarno”con
        Prot. N°  del 9/11/00.
     1
        Limiti di accettabilità così come definiti nel “Regolamento dei limiti di emissione
        delle attività produttive asservite all’impianto di Casa del Lupo e soglie qualitative
        dei rifiuti liquidi confluiti a mezzo autobotte” – Aquapur Multiservizi S.p.A.



8
Tabella 20 - Scarico specifico dei principali inquinanti e confronto con i valori BREF


                                              U.M.          2003           2004            2005        2006      Valori BREF 17
                                     BOD5      kg/t        0,17396        0,27111        0,1555261   0,1452074       0,15
                                     COD       kg/t        1,05029        1,14700        0,8866697   0,8128824        1,5
                        Fosforo totale (P)     kg/t        0,00404        0,00349        0,0043274   0,002147        0,005
                          Azoto totale (N)     kg/t        0,05827        0,07716        0,0672693   0,0310954       0,05
                Solidi sospesi totali (SST)    kg/t        0,33294        0,25854        0,1661224   0,3160712       0,15
n.a = non applicabile



Pur garantendo un ampio margine
di rispetto nei confronti dei limiti di
legge, il confronto con i valori del
BREF mostra, per alcuni parame-
tri (BOD5, azoto totale e solidi
sospesi) un superamento dei valori
indicati come indice di prestazione
ottimale.
Il mancato allineamento con i valo-
ri indicati dal BREF è da ricondurre
alla chiusura del ciclo delle acque.

Come già precedentemente descrit-
to, l’Azienda è impegnata da anni
nell’importante progetto per la ri-
duzione dei consumi di acqua chia-
ra. E’ chiaro però che la chiusura
spinta dei cicli produttivi comporta
una serie di effetti sia dal un punto
di vista ambientale che di processo
che vanno attentamente considerati
al fine di ottenere il migliore equili-
brio fra le diverse esigenze.

In relazione a tale problematica,
l’azienda ha previsto importanti
interventi per il triennio 2006-
2008, finalizzati a conseguire
un miglioramento dell’efficienza
dell’impianto di depurazione, quali
l’ottimizzazione della fase aerobica
soprattutto in relazione alla distri-
buzione dell’ossigeno ed il raddop-
pio del reattore anaerobico che sarà
realizzato già nel 2007.



1
     Vedi Bref, capitolo , tabella .



                                                                                                                                  9
                                                  Suolo e sottosuolo


     Lo stabilimento sorge su terreni           ne in continuo dei dati e l’analisi    interessata da fenomeni di inquina-
     prevalentemente argillosi (fino alla       dell’andamento;                        mento derivanti da pregresse situa-
     profondità di 7-8 mt dal piano di        • misuratori di portata presso           zioni e/o da emergenze ambientali.
     campagna) caratterizzati da un             ogni pozzo.
     basso coefficiente di permeabilità,                                               I risultati delle analisi dei pozzi
     tale da garantire una buon grado         Entrambi i sistemi sono collegati        e delle registrazioni del livello di
     di protezione del sottostante oriz-      in continuo con il sistema informa-      falda, vengono trasmesse ad uno
     zonte di ghiaie e sabbie (sezione        tico interno per la raccolta, analisi    Studio Geologico esterno che
     compresa tra 8 e 23 m) dove ha           ed archiviazione dei dati.               annualmente redige un rapporto
     sede un acquifero, di tipo con-                                                   sullo stato della falda.
     finato, di notevole rilevanza per        Annualmente inoltre, si provvede
     l’elevata disponibilità idrica e la      all’esecuzione di controlli analitici    Le attività svolte non comportano
     qualità delle acque.                     per la verifica dei valori qualitativi   in normali condizioni operative,
                                              delle acque sotterranee.                 impatti diretti su suolo e sottosuo-
     Nella Piana, l’acquifero è utilizza-     Le analisi dei parametri chimi-          lo. Tutta la superficie operativa
     to sia per uso idropotabile che per      co-fisici sono commissionate a           dello stabilimento è infatti asfalta-
     uso industriale ed agricolo.             laboratori esterni qualificati, per      ta e impermeabilizzata.
                                              verificare nel tempo la stabilità dei
     I pozzi dello stabilimento attingo-      parametri monitorati.                    Gli unici elementi che possono
     no da questa risorsa e per l’impor-                                               avere interazioni con il suolo sono
     tanza che tale elemento riveste per      Tra i parametri di interesse sono        costituiti dalla rete fognaria, le
     la collettività, l’azienda ha attivato   controllati anche gli inquinanti         tubazioni interrate e il serbatoio
     una procedura per il costante mo-        previsti dal dal D.Lgs. 152/2006         interrato per lo stoccaggio di gaso-
     nitoraggio dei consumi idrici e dei      per verificare il rispetto dei limiti    lio, elementi di potenziale rischio,
     livelli di falda.                        fissati in materia di siti inquinanti.   per i quali è prevista l’applicazione
                                              I valori riscontrati risultano           di severe procedure di gestione
     In azienda sono infatti attivi:          conformi per tutti i parametri           e controllo per evitare qualsiasi
     • un misuratore della falda acqui-       previsti, a dimostrazione del fatto      rischio di contaminazione.
        fera che consente la registrazio-     che l’area di insediamento non è




0
                                                      Rumore


In base alla classificazione acustica   di servizio. Tutti questi impianti            Al fine di caratterizzare le emissio-
effettuata dal Comune di Porcari,       sono ubicati all’interno di capan-            ni sonore prodotte dalle attività
il sito sorge su di un’area posta in    noni di tipo industriale, per cui             svolte, l’Azienda ha provveduto ad
Classe VI - “Area esclusivamente        l’effetto acustico verso l’esterno            effettuare uno studio di “Valuta-
industriale”, non esistono infatti in   risulta sensibilmente contenuto.              zione di Impatto Acustico” che ha
area prossima centri abitati.            All’esterno restano in funzione le           permesso di verificare il rispetto
                                        soffianti e le pompe dell’impianto            dei valori limite di zona.
Le principali sorgenti di emissio-      di depurazione reflui, il gruppo
ni rumorose sono costituite dai         elettrogeno e i mezzi per la mo-              Nella seguente figura si riporta la
macchinari per la produzione della      vimentazione della carta (camion              mappa dei punti di misura e i va-
carta (spappolatori, macchine con-      da trasporto carta da macero e                lori rilevati sia nel periodo diurno
tinue, ventilatori) e dai ventilatori   carrelli elevatori).                          che notturno.



                                   Figura 16 - Mappa punti di monitoraggio acustico




                                                                                                                              1
     Livelli di Immissione
     Tabella 21 - Confronto limiti immissione
                          Leq                     Limite                                     Leq                      Limite
                                    Classe                                                             Classe
      Pos.   Periodo   rilevato                 immissione              Pos.   Periodo    rilevato                  immissione
                                   acustica                                                           acustica
                        dB(A)                     dB(A)                                    dB(A)                      dB(A)
       1     Diurna     60.5       Classe V        70                    1     Notturna    59.5       Classe VI           70
       2     Diurna     65.5       Classe VI       70                    2     Notturna    65.2       Classe VI           70
       3     Diurna     62.0       Classe VI       70                    3     Notturna    61.3       Classe VI           70
       4     Diurna     58.0       Classe VI       70                    4     Notturna    57.3       Classe VI           70
       5     Diurna     58.0       Classe VI       70                    5     Notturna    54.2       Classe VI           70
       6     Diurna     48.7       Classe VI       70                    7     Notturna    49.0       Classe VI           70
       7     Diurna     46.8       Classe V        70                    9     Notturna    56.8       Classe VI           70
       8     Diurna     55.8       Classe VI       70
       9     Diurna     64.0       Classe V        70
       10    Diurna     63.7       Classe VI       70


     Tutti i valori rilevati si dimostrano               state inoltre osservate componenti            (Impianti con cicli produttivi
     entro i limiti di legge sia in periodo              impulsive o tonali.                           continui) e pertanto può benefi-
     diurno che notturno. Durante le                     L’Azienda rientra nelle categorie             ciare della deroga dal rispetto del
     rilevazioni fonometriche non sono                   previste dal D.M. 11/12/1996                  criterio differenziale.

     Livelli di Emissione
     Secondo quando riportato art.2                      zione del rumore proveniente dal              con i limiti di emissione. Questa
     comma 3 del DPCM 14/11/97, i                        singolo impianto. Analogamente                condizione risulta quindi sicura-
     rilevamenti e le verifiche del livello              le postazioni 9,10 e11 ubicate                mente cautelativa poiché tutte le
     di emissione devono essere effet-                   in prossimità dell’infrastruttura             postazioni di misura non hanno
     tuati in corrispondenza degli spazi                 viaria risultano significativamente           registrato il solo contributo del-
     utilizzati da persone e comunità.                   influenzate dal rumore generato               l’azienda, ma la pressione sonora
     Detto rilievo richiede inoltre che                  dal traffico veicolare presente sul           complessiva generata anche da
     sia presente unicamente il con-                     tracciato autostradale e sulla viabi-         sorgenti estranee all’attività (tes-
     tributo della sorgente sonora in                    lità ordinaria.                               suto industriale presente nell’area,
     oggetto di valutazione.                             Sebbene possa apparire poco age-              infrastrutture viarie, etc.).
     A fronte di ciò si evince come le                   vole verificare l’entità del livello di       In tale situazione si attestano
     postazioni 1 e 2 abbiano registrato                 emissione, è pur sempre possibile             comunque valori di emissione
     la pressione sonora dovuta all’atti-                operare, nelle postazioni di misura           inferiori ai livelli limite fissati per
     vità di due impianti a ciclo pro-                   in cui il contributo dell’attività            la classe acustica di appartenen-
     duttivo continuo che, non potendo                   dell’impianto è preponderante                 za, nonostante la penalizzazione
     essere esclusi o disattivati, non                   (3,4,5,6,7 e 8), il confronto dei             correlata alla vicinanza di altre
     permettono quindi la discrimina-                    livelli di pressione sonora rilevati          sorgenti.

     Tabella 22 - Confronto limiti emissione

                           Leq                    Limite                                     Leq                   Limite
                                      Classe                                                          Classe
      Pos.   Periodo    rilevato                 emissione              Pos.   Periodo    rilevato                emissione
                                     acustica                                                        acustica
                         dB(A)                     dB(A)                                   dB(A)                    dB(A)
       3      Diurna      62.0      Classe VI       65                   3     Notturna    61.3      Classe VI       65
       4      Diurna      58.0      Classe VI       65                   4     Notturna    57.3      Classe VI       65
       5      Diurna      58.0      Classe VI       65                   5     Notturna    54.2      Classe VI       65
       6      Diurna      48.7      Classe VI       65                   7     Notturna    49.0      Classe V        55
       7      Diurna      46.8      Classe V        65
       8      Diurna      55.8      Classe VI       65





                                                      Odore


Il tema delle emissioni odorigene è      Lo studio condotto, ha permesso          Basandosi su questi fattori, l’azien-
stato preso seriamente in esame da       di individuare le sezioni di impian-     da si è quindi attivata sia con l’at-
parte dell’Azienda in passato e in       to più critiche sulle quali sono stati   tuazione di azioni concrete all’in-
relazione a ciò sono stati program-      apportati numerosi interventi, tra i     terno dello stabilimento, sia con
mati e realizzati interventi, sia        quali si segnalano i principali:         processi di collaborazione con le
impiantistici che di processo, volti                                              istituzioni partecipando a incontri/
alla riduzione del fenomeno.             • modifica del sedimentatore             dibattiti sull’argomento nell’am-
                                           primario con la riduzione del          bito delle iniziative (Agenda 21 ed
Nel corso degli anni sono state in-        volume di accumulo e del tempo         altre) attualmente in essere.
fatti realizzate analisi strumentali       di permanenza dell’acqua al suo
per approfondire la conoscenza del         interno;                               I risultati ad oggi raggiunti sono
fenomeno, indagare sulle possibili       • aggiunta di dispositivi meccanici      soddisfacenti e per il futuro,
cause, studiare e realizzare inter-        per mantenere areate le superfici      facendo tesoro dell’esperienza
venti appropriati.                         delle vasche ritenute critiche;        acquisita, sono stati programmati
                                         • convogliamento in un biofiltro         sia interventi di manutenzione, sia
L’analisi è stata focalizzata sul-         di tutte le emissioni odorigene        impiantistici, orientati in un’ottica
l’impianto di depurazione acque,           provenienti dai serbatoi col-          volta al controllo e riduzione del
area dello stabilimento ritenuta           legati alla sezione anaerobica         fenomeno odorigeno.
più critica sia per la specificità dei     dell’impianto.
processi che in essa avvengono sia
per la collocazione “geografica”         L’esperienza maturata ha permesso
rispetto ad aree sensibili esterne:      di evidenziare come, per la riso-
l’impianto sorge infatti al confine      luzione del fenomeno degli odori,
dello stabilimento, in area prossi-      giocano un ruolo fondamentale di-
ma alla viabilità pubblica (Via del      versi elementi, alcuni di conoscen-
Frizzone).                               za generale, altri “impiantistici”
                                         altri gestionali e comportamentali.




                                                                                                                          
                                              Altri aspetti ambientali


     Amianto e manufatti contenenti amianto
     In azienda sono presenti alcune         Per l’esecuzione di interventi che      Questo aspetto ambientale è
     coperture in lastre di cemento          possono interessare materiali           oggetto di un piano di migliora-
     amianto e materiali per coibenta-       contenenti amianto (rimozione,          mento che porterà alla completa
     zioni contenenti amianto.               trasporto di tale materiale e smalti-   rimozione del materiale contenente
                                             mento finale), l’azienda si affida ad   amianto presente nelle coibenta-
     L’azienda ha effettuato una map-        imprese specializzate nel settore, in   zioni e nelle coperture rispettiva-
     patura delle zone con presenza          possesso delle necessarie qualifiche    mente entro il 2010.
     di materiale contenente amianto         professionali ed autorizzazioni.
     ed ha implementato una specifi-
     ca procedura che regolamenta le         In azienda sono presenti com-
     modalità e periodicità delle attività   plessivamente circa 15.000 m2 di
     di monitoraggio e controllo di tali     coperture in cemento amianto, a
     materiali.                              fronte di una superficie coperta
                                             complessiva di 35.000 m2.



     Sostanze Lesive per la fascia di ozono (CFC/HCFC)
     Nelle apparecchiature di raffred-       L’azienda ha già avviato la pro-        Tutte le apparecchiature sono
     damento e negli impianti di con-        gressiva sostituzione degli idroclo-    state accuratamente censite e per
     dizionamento dei locali di lavoro,      rofluorocarburi, con idrofluoro-        quelle contenenti più di 3kg di
     vengono utilizzati fluidi refrigeran-   carburi tipo R407, fluidi a minore      fluidi refrigeranti, è programmata
     ti contenenti idroclorofluorocarbu-     impatto sull’ozono stratosferico        l’esecuzione di prove annuali per
     ri (tipo R22), per un totale di circa   programmando la completa sosti-         la verifica delle eventuali fughe di
     300 kg.                                 tuzione degli R22 entro il 2008.        gas.




     Elettromagnetismo
     Le cabine elettriche ed i trasfor-      Ad oggi non sono state condotte
     matori presenti in stabilimento co-     misurazioni specifiche, si ritiene
     stituiscono delle sorgenti di campi     tuttavia che, date le caratteristiche
     elettromagnetici. Gli impianti, che     degli impianti e la loro collocazione
     operano ad una frequenza di 50          in locali isolati, l’aspetto in esame
     Hz, sono tutti alloggiati in loca-      non presenti condizioni di rischio in
     li dedicati e non frequentati da        materia di esposizione della popola-
     personale.                              zione ai campi elettromagnetici.





Radiazioni ionizzanti
Sui dispositivi di controllo in linea         cartellonistica, tutto il personale     Date le caratteristiche delle appa-
delle macchine continue sono                  è stato adeguatamente informato         recchiature utilizzate e valutate le
installati dei sensori per la misura          sulle corrette procedure di lavo-       rigorose modalità gestionali appli-
della grammatura che utilizzano               ro e sulle misure di sicurezza cui      cate nel rispetto delle severe leggi
piccole quantità di materiale ra-             attenersi nello svolgimento delle       in materia, l’aspetto ambientale in
dioattivo (n°2 sorgenti sigillate18 di        proprie attività.                       esame non risulta significativo.
radiazioni beta).                             L’Azienda provvede inoltre, con il
                                              supporto dell’Esperto Qualifica-
Le aree dove sono presenti le                 to, alle verifiche periodiche della
sorgenti sigillate sono opportuna-            radioprotezione, ai sensi del DLgs,
mente segnalate mediante apposita             230/95.



Policlorobifenili, policlorotrifenili (PCB-PCT)
In azienda non sono presenti                  Tutti i trasformatori ed i conden-
apparecchiature contenenti fludi              satori contenenti PCB-PCT sono
isolanti con PCB-PCT.                         stati sostituiti nel corso del 2002.



Impatto visivo
Lo stabilimento sorge in area                 Gli edifici e le strutture presenti     Frizzone) è presente una bordura
industriale, in prossimità di altri           non creano quindi un impatto            di alberi d’alto fusto, che operano
importanti insediamenti industria-            visivo sul territorio poiché inseriti   un effetto di mitigazione.
le quali la Centrale Termoelettrica           in un contesto omogeneo. Occorre        In area prossima sono infine assen-
Edison SpA e la Cartiera SCA                  inoltre rilevare che lungo il confine   ti ricettori sensibili (centri residen-
Hygiene – Lucca 1.                            con la viabilità pubblica (Via del      ziali, percorsi panoramici).




18
     Ciascuna sorgente è racchiusa in una schermatura metallica.



                                                                                                                                
                                          Salute e sicurezza dei lavoratori


     La salute e la sicurezza di ogni        • l’attenta valutazione e monito-       Tutte le attività in tema di salute
     singolo dipendente costituiscono          raggio dei rischi residui presenti    e sicurezza dei lavoratori sono
     da sempre elementi prioritari e im-       nelle varie attività di stabilimen-   coordinate dal Servizio di Preven-
     prescindibili per la buona gestione       to coinvolgendo i responsabili        zione e Protezione, costituito da
     e crescita delle dell’azienda.            delle diverse aree;                   un Responsabile che si avvale della
                                                                                     costante collaborazione del perso-
     “Sicurezza per crescere” è il motto     • il puntuale aggiornamento del         nale interno.
     che meglio sintetizza le linee di         documento di valutazione dei
     indirizzo adottate dalla Direzione        rischi;                               In azienda è attiva una procedura
     di SCA Packaging per la tutela                                                  per la rilevazione degli infortuni.
     della salute e sicurezza dei lavora-    • la prevenzione e pianificazione       Qualsiasi segnalazione è conside-
     tori, per la crescita e soddisfazione     delle attività, sviluppo dei piani    rata un potenziale infortunio da
     professionale.                            di formazione ed informazione,        valutare attentamente, per questo
                                               come previsto dal documento di        gli infortuni segnalati, indipen-
     Questo impegno ha portato                 valutazione dei rischi;               dentemente dal fatto che originino
     l’azienda in tempi recenti a svilup-                                            o meno giornate di lavoro perse,
     pare un Sistema di gestione della       • l’applicazione delle procedure        vengono attentamente analizzati al
     salute e sicurezza nei luoghi di          del sistema di gestione della         fine di definire attività di preven-
     lavoro conforme ai requisiti dettati      salute e sicurezza, che dovran-       zione.
     allo standard OHSAS 18001, cer-           no costituire uno strumento di
     tificato da un Ente terzo accredita-      lavoro pienamente utilizzato
     to nel luglio 2006.                       dall’intera organizzazione;

     Tale sistema è stato adottato quale     • il monitoraggio costante delle
     strumento efficace per completa-          attrezzature, degli impianti
     re e razionalizzare l’applicazione        e delle modalità operative in
     delle vigenti normative in mate-          azienda;
     ria, con particolare riferimento al
     D.Lgs. 626/94.                          • le attività di auditing interni,
                                               sia formali, che informali;
     Gli elementi essenziali che costi-
     tuiscono le basi del Sistema di         • il coinvolgimento e responsabi-
     gestione della salute e sicurezza         lizzazione di tutte le maestran-
     nei luoghi di lavoro sono:                ze al miglioramento continuo
                                               delle condizioni di lavoro.





Nella seguente tabella si riportano
i dati riepilogativi sugli infortuni
occorsi nel periodo 2003÷2006.


Tabella 23 - Analisi Infortuni


                                                 U.M.         2003          2004           2005        2006
           Infortuni con giorni persi              n°                 4               8           3           2
                            Giorni persi          gg                51            86          36         121
                           Segnalazioni            n°               30            35          32          36
                           Ore Lavorate           ore        342.150       336.804        320.800     311.752
                  Indice di frequenza*                            11,7          24,5          9,1         6,4
                      Indice di gravita**                          0,1           0,3          0,1         0,4
 (*)indice di frequenza:                       1.000.000 x n° infortuni/ore lavorate
 (**) indice di gravità:                       1.000 x n° giorni persi/ore lavorate




                                                              Indice di Frequenza




                                       Figura 17 - Andamento degli indici di frequenza dal 2003 al 2006




                                                                 Indice di Gravità




                                            Figura 18 - Andamento degli indici di gravità dal 2003 al 2006




                                                                                                                  
                                             Gestione delle emergenze


     L’analisi delle possibili situazio-     Comando Provinciale dei Vigili del       • impianto di estinzione automa-
     ni di emergenza ha portato alla         Fuoco, a seguito della presentazio-        tico a sprinkler per i sottomac-
     definizione specifiche istruzioni       ne di un piano generale di coordi-         china;
     operative per limitare e contenere      namento e riordino per le pratiche
     gli eventuali effetti negativi per la   di prevenzione incendi presentate        • impianto di estinzione a gas
     sicurezza e l’ambiente.                 nel corso degli anni (periodo di           estinguente per la sala conte-
                                             riferimento 1997-2003).                    nente gli armadi di controllo
     In particolare il sistema comprende:                                               dello stabilimento e per il centro
                                             Dopo aver realizzato tutti gli             elaborazione dati.
     • emergenze di origine naturale         interventi integrativi, in data
       (terremoto, alluvione, bufera di      24/10/2005 è stata presentata la         Le dotazioni impiantistiche sono
       vento, ecc.);                         dichiarazione di inizio attività ai      poi integrate da estintori di vario
                                             sensi dell’art. 3del DPR 37/98 e         peso e diverso agente estinguente
     • emergenze impiantistiche e di         la richiesta per il sopralluogo da       (polvere e CO2).
       processo (incendio, sversamenti       parte dei Vigili del Fuoco ai fini del
       accidentali, rottura serbatoi,        rilascio del Certificato di Preven-      Per garantire un maggior grado di
       black-out di processo, fughe di       zione Incendi.                           protezione antincendio, ed alli-
       gas, ecc.);                                                                    nearsi così agli standard richiesti
                                             In data 09/05/2006 il Comando            dal Gruppo SCA, l’Azienda ha
     • emergenze da cause esterne            Provinciale dei Vigili del Fuoco ha      inoltre previsto ulteriori interventi,
       (emergenza presso gli insedia-        rilasciato all’azienda il Certificato    da completarsi entro il 2009, che
       menti limitrofi).                     di Prevenzione Incendi.                  prevedono la compartimentazione
                                                                                      fra le macchine continue e i ma-
     Il personale addetto è stato adegua-    Il sistema per la protezione an-         gazzini prodotto finito e l’instal-
     tamene formato circa le modalità        tincendio è costituito da una rete       lazione di un sistema a sprinklers
     operative per prevenire situazioni      antincendio con idranti e attacco        anche nei magazzini prodotto
     di emergenza e sul comportamento        per i VV.F., da una riserva idrica       finito e parti di ricambio
     da adottare in caso di emergenza.       da 4100 mc e da:
     Oltre a ciò sono state addestrate                                                Lo stabilimento, infine, non rientra
     apposite squadre di intervento          • due gruppi antincendio, costitui-      nel campo di applicazione del
     tramite periodici corsi specifici e       ti da motopompa, elettropompa          D.Lgs. 334/99 e s.m.i. relativo al
     simulazioni di emergenza.                 e pompa pilota per l’alimen-           controllo dei pericoli di incidenti
                                               tazione degli idranti e degli          rilevanti connessi con determinate
     In relazione al rischio incendio,         impianti sprinkler e a schiuma;        sostanze pericolose.
     l’Azienda ha ottenuto il Parere
     Favorevole sul progetto antincen-       • impianto a diluvio (reparti
     dio (pto. 6564, pratica n. 10741),        macchina continua 1, macchina
     rilasciato in data 24/05/2004 dal         continua 2, seccheria);




8
              Aspetti ambientali indiretti

Questioni relative al prodotto
Il prodotto finito è confezionato in     Il cliente intermedio è rappre-          (Good Manifacturing Practice) che
bobine.                                  sentato dai produttori di cartone        prevedono l’aumento dei control-
L’unico imballaggio è costituito         ondulato.                                li, sia sul prodotto che in tutto lo
dalle anime in cartone su cui viene      Per soddisfare le crescenti esigenze     stabilimento, volti ad assicurare
avvolta la carta.                        qualitative del settore imballaggio      ulteriori miglioramenti agli stan-
Non è previsto l’utilizzo né di          e per rispondere ad indicazio-           dard di qualità la carta destinata
bancali di legno né di reggette          ni della Casa Madre, verranno            all’imballaggio.
metalliche.                              introdotte le regole del GMP




Scelta e composizione dei servizi
L’azienda si affida a terzi, specia-     I trasporti gestiti direttamente         est, che riceve tutti i trasportatori
lizzati nei rispettivi settori, per i    sono organizzati in modo da ridur-       in ingresso allo stabilimento.
servizi di trasporto materie prime       re al minimo possibile il numero di
e prodotti finti, i servizi di smalti-   viaggi a vuoto: ciò significa che per    Tale realizzazione ha consentito di
mento ed i servizi di pulizia.           ogni viaggio viene valuta la pos-        fluidificare i flussi in entrata e in
                                         sibilità di abbinare alle spedizioni     uscita dallo stabilimento (ottimiz-
I servizi di trasporto, effettuati       per la consegna dei prodotti finiti      zazione del traffico sulla viabilità
esclusivamente su gomma, rap-            (viaggi di andata) un viaggio di ri-     pubblica), di ridurre i tempi di
presentano un aspetto ambientale         torno con l’approvvigionamento di        sosta, con una conseguente ridu-
significativo in ragione del numero      macero, e viceversa. Questa prassi       zione delle emissioni derivanti dai
di mezzi che ogni giorno entrano         che presenta indubbi vantaggi di         mezzi in attesa delle operazioni di
ed escono dallo stabilimento.            economicità ed efficienza produtti-      carico/scarico. Ulteriore fattore di
                                         va, consente in parallelo di ridurre     miglioramento è stata la riduzione
Per quanto connesso alla forni-          gli impatti associati all’utilizzo del   del rischio di incidenti, grazie a
tura di materia prima (macero) a         trasporto su strada (emissione di        percorsi interni più brevi e meglio
seconda delle necessità, i trasporti     gas di scarico, emissioni acustiche,     delimitati.
possono essere organizzati dal-          consumi di energia, traffico, ecc.).
l’Azienda tramite propri fornitori
selezionati per il servizio di tra-      Inoltre, al fine di migliorare la
sporto (franco partenza) oppure          gestione ed il controllo del traffico
interamente gestiti dal fornitore di     in area prossima, l’azienda ha rea-
macero (franco arrivo).                  lizzato un nuovo accesso, sul lato




                                                                                                                          9
     Prestazioni e comportamenti di (sub) appaltatori e fornitori
     I rapporti con i fornitori di servizi        Per quel che riguarda i fornitori di     fornitori è tenuto costantemente
     (appaltatori), di materie prime e            servizi di trasporto e smaltimento       sotto controllo tramite attività di
     prodotti ausiliari, i fornitori di           di rifiuti, sono selezionati in base     sorveglianza periodica. Eventuali
     servizi di trasporto e smaltimento           alla conformità legislativa (posses-     situazioni o comportamenti in
     rifiuti, sono regolati da specifiche         so delle necessarie autorizzazioni)      contrasto con gli obiettivi e la po-
     procedure nell’ambito del Sistema            ed alla qualità del servizio.            litica ambientale aziendale o con le
     di Gestione Ambientale.                                                               procedure che gli appaltatori sono
                                                  Tutti i fornitori e gli appaltatori      tenuti a seguire, vengono pronta-
     Le procedure definiscono le mo-              vengono periodicamente informati         mente segnalate al fine di consen-
     dalità per la selezione dei fornitori        sui requisiti del Sistema di Gestio-     tire l’attuazione di eventuali azioni
     e la regolamentazione del servizio           ne Ambientale e sui contenuti della      correttive e/o preventive.
     oggetto del contratto di fornitura.          politica ambientale.
                                                                                           I laboratori che effettuano analisi
     I fornitori di prodotti vengono              Le imprese che operano all’interno       chimico-fisiche e biologiche, relati-
     scelti, oltre che per la qualità ed          dello stabilimento sono inoltre          ve ai parametri ambientali vengo-
     economicità del servizio, anche in           informate sulle modalità operative       no scelti in base al possesso delle
     base a criteri ambientali, quali il          da adottare nello svolgimento delle      qualifiche professionali richieste
     possesso di certificazioni ambien-           operazioni di loro competenza e          ed in base all’adozione di sistemi
     tali o adesione a programmi di               sugli aspetti ambientali connessi        certificati per la qualità e/o accre-
     miglioramento ambientale.                    a tali operazioni. L’operato di tali     ditamento SINAL19 .



     Decisioni amministrative e di programmazione
     Esiste un canale diretto tra la Car-         Nell’ambito dei processi decisio-
     tiera e la casa madre, costituito dal        nali e di programmazione, gioca
     C.P.D. (Containerboard Process               un ruolo fondamentale la stretta
     Development), centro ricerche per            collaborazione ed il confronto con
     il settore imballaggi.                       la casa madre e le altre Cartiere
     La collaborazione verte sui temi             appartenenti al gruppo. La condi-
     della ricerca e sviluppo, dell’am-           visione delle esperienze permette
     biente, della qualità e dello svilup-        di ridurre la possibilità di errore in
     po del processo produttivo.                  fase di progettazione e scelta della
                                                  tecnologia e contemporaneamente
                                                  arricchire il know-how della SCA.




     19
          Sistema Nazionale per l’Accreditamento dei Laboratori.



0
Sviluppo ambientale del contesto locale (Collaborazione con la Pubblica Amministrazione)
La partecipazione a progetti ad          Questo atteggiamento propositivo          • Progetto Semina - SEMplifi-
ampio respiro a carattere sia            e collaborativo ha portato l’Azien-         cazione come Incentivo nella
nazionale che locale relativamente       da ad aderire a progetti legati allo        Normativa e nelle Autorizza-
all’ambiente e alla sicurezza ha         sviluppo della Agenda 21 della              zioni ambientali, finalizzato alla
permesso all’Azienda di consoli-         Provincia di Lucca, quali:                  definizione di Linee Guida per
dare i rapporti con il territorio e le                                               la semplificazione normativa,
autorità predisposte al suo con-         • Progetto Life Pioneer - Paper             autorizzativa e dei controlli da
trollo.                                    Industry Operating in Network:            parte della Pubblica Ammini-
                                           an Experiment for Emas Revi-              strazione locale.
L’intenzione della Direzione è             sion (L’industria della carta ope-
quello di proseguire in questo per-        rante in rete: un esperimento di
corso nella convinzione che solo           revisione dell’Emas), che coin-
la conoscenza delle realtà e delle         volge Università, enti pubblici
problematiche aziendali da parte           locali, associazioni di categoria
del “mondo esterno “ può portare           e imprese del Distretto Cartario.
a valutazioni serene e favorire un         L’azienda partecipa al progetto
dialogo costruttivo.                       in qualità di partner.




Sensibilizzazione e cultura ambientale
L’apertura al dialogo con le scuole,     tesi di laurea e progetti specifici, ha   Lucca, Camera di Commercio di
la consuetudine a favorire visite        portato non solo crescita culturale       Lucca, Lucense, Liceo Classico
in Azienda e sezioni esplicative in      e miglioramenti in Azienda ma ha          “N. Machiavelli”) ed il Master in
aula, la realizzazione di specifici      anche dato l’opportunità agli stu-        “Produzione della Carta/Cartone e
audiovisivi e materiale divulgativo      denti di confrontarsi, spesso per la      Gestione del Sistema Produttivo”
cartaceo, sono state solo alcune         prima volta, col mondo del lavoro         (Università di Pisa e Celsius, So-
delle azioni che lo stabilimento ha      e, talvolta, di venire direttamente       cietà Lucchese per la Formazione e
promosso in tale direzione.              integrati nell’organico aziendale.        gli Studi Universitari).

I continui rapporti con le Univer-       L’Azienda è tra i sostenitori di          SCA Packaging Italia S.p.A. – Car-
sità e Istituti di Ricerca nazionali     progetti di formazione superio-           tiera di Lucca partecipa al Gruppo
ed esteri esplicatasi anche nella        re e universitaria quali il Corso         Ricerca & Innovazione di Assin-
collaborazione fattiva dell’azienda      IFTS “Tecnico per l’innovazione”          dustria Lucca e di Legambiente.
con studenti per la realizzazioni di     (CISITALUCCA, Assindustria




                                                                                                                          1
                               Programmi ambientali

     L’Azienda, da sempre, ha persegui-     Con l’acquisizione della certifica-      I progetti di miglioramento di fu-
     to una filosofia mirata al migliora-   zione ISO 14000 nel 2002 questi          tura attuazione, sono stati definiti
     mento, stimolata a ciò sia dal fatto   progetti sono stati sistematicamen-      sulla base dei risultati della valuta-
     che, appartenendo a un gruppo          te registrati dal sistema di gestione.   zione degli aspetti ambientali signi-
     multinazionale, il benchmarking                                                 ficativi, tenendo conto anche degli
     con gli altri stabilimenti è consue-   Di seguito si passa a fornire il         obiettivi di miglioramento definiti
     tudine, sia dai continui input della   dettaglio sulle azioni realizzate nel    nel Piano di Azione per l’Agenda
     Direzione.                             corso degli anni ed i programmi          21 Locale della Provincia di Lucca
                                            di prossima realizzazione suddivisi      e nel Piano Regionale di Azione
                                            per aspetto ambientale.                  Ambientale (PRAA) 2004-2006.




     ENERGIA (2005-2007)
     La riduzione dei consumi ener-         • attenzione specifica al problema       Inoltre sono previsti interventi
     getici è diventata strategica per        nell’acquisto dei nuovi macchi-        volti ad ottimizzare l’utilizzo del
     l’industria in generale e per quella     nari;                                  vapore in particolare nella secche-
     cartaria in particolare.                                                        ria della MC1.
     Le azioni messe in atto nello          • modifica dello spappolatore 5
     stabilimento sono state indirizzate      e installazione pompe ad alta          Relativamente ai consumi di ener-
     sia alla riduzione dei consumi che,      efficienza.                            gia elettrica è stata realizzata la
     soprattutto, all’ottimizzazione                                                 modifica dell’azionamento elettri-
     dell’uso dei macchinari:               Relativamente alle prossime azioni       co della MC2 che ci ha consentito
                                            si prevede di continuare su questa       di ridurre di più del 3% i consumi
     • installazione di un software che     linea facendo sempre più attenzio-       relativi alla macchina.
       controlla e ottimizza i consumi      ne all’efficienza dei motori elettrici
       intervenendo ad ogni supera-         e dei macchinari in genere.
       mento di limiti impostati;
                                            Il programma di miglioramento
     • installazione di apparecchiature     ambientale prevede inoltre di au-
       per il monitoraggio dei consu-       mentare del 10% la produzione di
       mi su ogni settore significativo     energia elettrica derivante da fonti
       dello stabilimento;                  rinnovabili (biogas).


     ACQUA (2005-2008)
     Sono stati messi in atto vari inter-     di ossidazione dell’impianto di        • altri interventi sul processo, so-
     venti mirati sia alla sostituzione       depurazione;                             prattutto nella produzione delle
     dell’acqua di falda con acqua di                                                  carte bianche, volti ad ottenere
     superficie sia volti alla “chiusura    • adozione di un sistema di con-           ulteriori recuperi;
     del ciclo” ed in particolare sono        trollo in continuo del livello di
     state attivate le seguenti azioni:       falda;                                 • allacciamento al cosiddetto
                                                                                       “Tubone” e relativo impianto di
     • installazione di un misuratore di    • ricircolo dell’acqua depurata            trattamento.
       ossigeno in continuo nella vasca       in sostituzione di acqua chiara
                                              nelle tenute delle pompe;





Per il futuro sono in programma i       • il raddoppio del reattore anae-          fronte di un consumo specifico
seguenti interventi:                      robico, con il potenziamento             attuale pari a circa 5 mc/ton;
                                          della fase di raffreddamento e
• una dettagliata analisi dell’at-        l’introduzione di uno stadio di        • aumento del 20% dell’efficienza
  tuale ciclo delle acque eseguito        eliminazione del carbonato di            di abbattimento del COD rela-
  da un primario istituto di ricer-       calcio.                                  tivamente alla fase anaerobica
  ca internazionale con misura-                                                    (valori attuali di efficienza di
  zioni di portate, qualità, flussi,    • aumento della quota di acqua             abbattimento pari a circa 60%)
  distribuzioni e simulazioni di          di superficie utilizzata, compa-         con la messa in attività del nuo-
  futuri scenari;                         tibilmente con le possibilità di         vo reattore.
                                          approvvigionamento dal tubo-
• la messa a regime dell’impian-          ne, dal 30,9% (valore relativo al      Compatibilmente con i risultati
  to di trattamento delle acque           2006) al 35%.                          che proverranno dall’impianto
  depurate (elettrodialisi) per                                                  attualmente in sperimentazione,
  chiudere ulteriormente il ciclo       Gli obiettivi che si intendono rag-      verrà valutata la possibilità di
  delle acque;                          giungere sono i seguenti:                ampliamento della fase di elettro-
                                                                                 dialisi.
• l’ottimizzazione della fase aero-     • riduzione del 30% del consumo
  bica soprattutto in relazione alla      specifico di acqua pari a circa
  distribuzione dell’ossigeno;            3,5 mc/ton entro il 2008, a



RIFIUTI (2005-2008)
Le azioni sono state principalmen-      • separazione dei diversi flussi che     Attualmente la percentuale di scar-
te rivolte alla riduzione dei rifiuti     vanno a costituire lo scarto del       to di pulper avviato al recupero è
pericolosi, alla diminuzione dei vo-      pulper ( sabbia, pasta di carta,       pari circa al 30% della produzione
lumi prodotti ed al miglioramento         trecce ) e specifico trattamento       complessiva per tale tipologia di
delle aree destinate al deposito          per ciascuno di essi;                  rifiuto. Il nuovo obiettivo che si
temporaneo.                             • ridefinizione di tutte le aree di      intende raggiungere è l’avvio al re-
                                          deposito temporaneo.                   cupero di almeno il 50% di detto
In particolare ad oggi sono state                                                scarto. Anche per raggiungere que-
realizzate le seguenti azioni:          Per il prossimo triennio sono            sto obiettivo nell’anno 2007 verrà
                                        previsti ulteriori interventi finaliz-   messo in funzione un impianto di
• smaltimento completo di tutti i       zati al trattamento dello scarto del     trattamento con possibilità di rag-
  trasformatori contenenti PCB;         pulper per migliorarne le caratteri-     giungere gradi di secco attorno al
• installazione di nuova pressa         stiche qualitative ed incrementare       80%, trasformando così il rifiuto
  per ridurre il contenuto di acqua     così la percentuale di rifiuti avviati   in ottimo combustibile.
  nello scarto del pulper;              al riutilizzo mediante termovalo-
                                        rizzazione.




                                                                                                                        
     EMISSIONI IN ARIA/ODORI (2006-2007)
     Le azioni relative a tale settore        • Riduzione del volume del              il loro percorso all’interno del
     sono state rivolte alla riduzione          sedimentatore primario per ab-        perimetro aziendale sarà molto più
     delle emissioni in genere.                 bassare i tempi di permanenza         breve e meglio delimitato.
                                                dell’acque ed evitare fenomeni
     • Sviluppo di tesi di laurea sul-          di degradazione anaerobica del        Per il futuro l’azienda ha in pro-
       l’origine e trattamento degli            sedimentato.                          gramma uno studio per verificare
       odori in cartiera;                                                             le caratteristiche del vapore emes-
                                              Al fine di migliorare la logisti-       so dalle fumane della seccheria.
     • Acquisizione di un desolforatore       ca interna allo stabilimento con
       di moderna tecnologia per eli-         chiare implicazioni sul traffico e
       minare le impurezze dal biogas;        quindi sulle relative emissioni, è in
                                              costruzione un ingresso alternativo
     • Biofiltrazione delle emissioni dei     sul lato est progettato per i camion
       serbatoi dell’impianto di depu-        afferenti materia prima ed altre
       razione;                               tipologie di materiali. In tal modo



     GESTIONE PRODOTTI CHIMICI (2006-2009)
     La corretta ed efficiente gestione       • corretta gestione dei processi          trasporto (ADR), disponibile sul-
     dei prodotti chimici è presupposto         produttivi e del dosaggio dei           la rete interna per i Responsabili
     per l’ottenimento dei miglioramen-         prodotti chimici al fine di otti-       del Sistema di Gestione Ambien-
     ti ambientali e di resa produttiva.        mizzarne i consumi.                     tale e del Sistema di Gestione
     Le linee di azione sono state                                                      della Sicurezza;
     quindi strutturate su tre assi di        Questo impegno si è tradotto
     intervento:                              nell’allestimento di idonei siti di     • utilizzo di un network inter-
                                              stoccaggio, nell’applicazione di ri-      nazionale (SCA) con tutte le
     • l’adozione di soluzioni tecniche e     gorose procedure gestionali e nella       informazioni relative ai prodotti
       gestionali finalizzate alla riduzio-   continua attività di formazione           chimici utilizzati in cartiera.
       ne dei rischi per la salute e sicu-    rivolta al personale addetto.
       rezza degli operatori ed il rischio    Sono inoltre stati realizzati impor-    E’ prevista in futuro la realizzazio-
       di sversamenti accidentali;            tanti strumenti di supporto per il      ne di una specifica area di stoc-
                                              personale addetto quali:                caggio di tutti i prodotti chimici.
     • la sperimentazione e l’utilizzo                                                L’intervento è finalizzato alla
       di prodotti connotati da bassi         • la raccolta informatizzata di tut-    riduzione del rischio di sversamen-
       profili di rischio ambientale con        te le schede tecniche e di sicurez-   ti accidentali, grazie alla riduzione
       la progressiva sostituzione, a           za, consultabili sulla rete interna   delle movimentazioni interne e
       parità di resa qualitativa, dei          per tutto il personale addetto;       grazie al maggior controllo eser-
       prodotti pericolosi per l’ambien-                                              citabile su di un’unica area, allo
       te, con prodotti di nuova conce-       • la gestione di un archivio infor-     scopo predisposta.
       zione e non etichettati secondo le       matico contenente la sintesi delle
       vigenti disposizioni in materia di       informazioni sull’etichettatura
       sostanze e preparati pericolosi;         dei prodotti e sulle modalità di





AMIANTO
L’azienda ha già realizzato impor-      l’eternit utilizzato come copertu-      Ulteriori interventi sono previ-
tanti interventi per la progressiva     ra degli edifici è stato infatti già    sti per la completa sostituzione
rimozione dei materiali contenenti      rimosso e correttamente smaltito        dell’eternit sulle coperture degli
amianto, la maggior parte del-          (circa 70%).                            edifici, da realizzarsi entro il 2010.



SOSTANZE LESIVE PER L’OZONO (2006-2008)
E’ già stata avviata la progressiva     nelle apparecchiature di raffredda-     locali di lavoro, il completamento
riduzione degli idroclorofluorocar-     mento per i cicli produttivi e degli    degli interventi è previsto entro il
buri (gas freon R22) utilizzati oggi    impianti di condizionamento dei         prossimo triennio.



ANTINCENDIO – CPI (2006-2009)
Sono stati già realizzati interventi    È prevista la separazione fisica fra    L’Azienda ha ottenuto il Certifi-
significativi come l’installazione di   le macchine continue e i magazzini      cato di Prevenzione Incendi nel
sprinklers nelle cappe essiccatrici     prodotto finito mediante la costru-     Maggio del 2006.
delle macchine continue e sulle         zione di apposite pareti divisorie e
centraline della lubrificazione nei     l’installazione di sprinklers anche
locali sottomacchina.                   nei magazzini prodotto finito e
                                        parti di ricambio.


GESTIONE DEL PERSONALE
È stato introdotto il sistema di        sitamente pensato per migliorare        razionale e scientifico nella valuta-
gestione amministrativa “SAP”.          la registrazione della formazione e     zione e gestione dei problemi.
Per rendere più fruibili e facilitare   facilitare alcune pratiche nella ge-    Sessioni di training sono attual-
il personale nella partecipazione       stione del personale, nella valuta-     mente in programmazione ed già
alla gestione dei sistemi Ambien-       zione dei fornitori, e nella gestione   si sono visti risultati molto positivi
te, Sicurezza e Qualità, è stata        delle non conformità.                   su due specifici progetti analizzati
completata l’introduzione di un         È stata introdotta la tecnica del       con tale metodo.
sistema software (Q-Base) appo-         “sei sigma” per un approccio più




                                                                                                                         
                                               Sintesi dei programmi ambientali


         Aspetti                                                                                                                          Stato di
        Ambientali                   Obiettivo                           Intervento                    Tempi      Responsabilità       avanzamento
         Diretti                                                                                                                       al 31/12/2006
                                                                 Incremento dei controlli
                               Aumentare del 10% la                                                             Responsabile
                                                                         sull’impianto            2005-2008
     Consumi di            produzione di energia elettrica                                                     Manutenzione                Raggiunto
                                                             Formazione e sensibilizzazione         attività
     energia elettrica      derivante da fonti rinnovabili                                                    Elettrica/Elettro-       obiettivo per 2006
                                                            degli operatori addetti al controllo continuativa
                                      (biogas)                                                                nica/Strumentale
                                                                         dell’impianto
                                                                                                  2005-2007
     Consumo di           Ridurre del 3% i consumi relativi     Modifica dell’azionamento                      Responsabile                Raggiunto
                                                                                                    attività
     energia elettrica           alla macchina MC2                          elettrico                              Tecnico             obiettivo per 2006
                                                                                                 continuativa
                          Ottimizzare l’utilizzo del vapore
                             nella seccheria della MC1       Installazione di apposite barre
     Consumo di                                                                                                Responsabile              Installazione
                              (allo stato attuale non è     per migliorare la resa termica dei 2005-2007
     vapore                                                                                                        Tecnico                completata
                             possibile indicare un target            cilindri essiccatori
                                     quantificato)
                                                               Dettagliata analisi situazione
                                                              relativa a parametri qualitativi                Rappresentante
     Prelievi idrici          Riduzione consumi idrici                                               2007
                                                                e quantitativi e simulazioni                   della Direzione
                                                                         futuri scenari
                                                                                                                                   Continuazione della
                            Ridurre del 30% il consumo                                                                            sperimentazione con
                                                               Messa a regime dell’impianto di
                                specifico di acqua                                                                Rappresentante     la tecnologia del-
     Prelievi Idrici                                          trattamento delle acque depurate        2005-2008
                          (consumi specifici attuali pari a                                                       della Direzione l’elettrodialisi; ridotto
                                                                        (elettrodialisi)
                                     5 mc/ton)                                                                                    il consumo specifico
                                                                                                                                       a 4,59 m3/ton
                                  Aumentare del 20%
                           dell’efficienza di abbattimento
                          del COD relativamente alla fase                                                         Rappresentante
     Scarichi idrici                                           Introduzione di un nuovo enzima        2005-2007                             In corso
                                        anaerobica                                                                della Direzione
                             (valori attuali di efficienza di
                          abbattimento pari a circa 60%)
                             Aumentare dell’efficienza di
                            abbattimento di COD e BOD5                 Raddoppio del reattore
                                                                                                                  Rappresentante
     Scarichi idrici            (allo stato attuale non è     anaerobico ed ottimizzazione della      2007-2008                             In corso
                                                                                                                  della Direzione
                              possibile indicare un target           distribuzione dell’ossigeno
                                       quantificato)
                                                                     Introduzione di un sistema
     Scarichi idrici/         Chiusura ulteriore del ciclo                                                        Rappresentante
                                                                 di abbattimento del carbonato        2007-2009
     prelievi idrici                   delle acque                                                                della Direzione
                                                                                di calcio
                              Avviare a recupero almeno                Interventi per migliorare                                         Raggiunto
                                                                                                                  Rappresentante
     Rifiuti                il 50% dello scarto di pulper           le caratteristiche qualitative    2005-2008                        obiettivo 2006.
                                                                                                                  della Direzione
                                         prodotto                              del pulper                                              Nuovo obiettivo
                                                                      Introduzione di una fase
                            Ottenere un valore di gradi di                                                         Responsabile
     Rifiuti                                                       di disidratazione spinta dello       2007
                               secco superiore al 70%                                                                Tecnico
                                                                           scarto del pulper
                            Migliorare la logistica interna,         Costruzione di un ingresso
     Emissioni da                                                                                                  Responsabile
                          ridurre i tempi di stazionamento          alternativo sul lato est per i    2006-2007                           Raggiunto
     traffico veicolare                                                                                              Tecnico
                                ed il rischio di incidenti       camion afferenti materia prima
                                                                     Studio di approfondimento
                               Analisi quali-quantitativa         per verificare le caratteristiche               Rappresentante
     Emissioni in aria                                                                                2006-2007                         In corso studio
                                       delle fumane                       del vapore emesso                       della Direzione
                                                                   dalle fumane della seccheria
                               Riduzione del potenziale
                                                                  Realizzazione di una specifica
     Gestione                 impatto sul suolo e/o sulle                                                          Responsabile
                                                                     area di stoccaggio di tutti i    2006-2009                             In corso
     prodotti chimici         acque di scarico dovuto a                                                              Tecnico
                                                                            prodotti chimici
                                   perdite accidentali
                                                                 Sostituire completamente il Gas
     Sostanze lesive                                              R22 presente negli impianti di                   Responsabile
                           Eliminazione dei gas freon R22                                             2006-2008                             In corso
     per l’ozono                                                condizionamento e nei sistemi di                     Tecnico
                                                                            raffreddamento
                                                              Separazione fisica fra le macchine
                                                                continue e i magazzini prodotto
                                                                  finito mediante la costruzione
                                 Aumentare il grado di                                                             Responsabile
     Rischio Incendio                                              di apposite pareti divisorie e     2006-2009                             In corso
                                protezione antincendio                                                               Tecnico
                                                               l’installazione di sprinklers anche
                                                                 nei magazzini prodotto finito e
                                                                           parti di ricambio

    Aspetti                                                                                                                Stato di
   Ambientali                 Obiettivo                         Intervento                  Tempi        Responsabilità avanzamento
    Diretti                                                                                                             al 31/12/2006
                                                      Completa sostituzione dell’eternit                  Responsabile
Amianto                Eliminare rischio amianto                                              2010                             In corso
                                                         sulle coperture degli edifici                      Tecnico
                                                     Introduzione del software Q-Base
                       Facilitare il personale nella
                                                        per la gestione delle attività di  2005-2008
Gestione del        partecipazione alla gestione dei                                                     Rappresentante
                                                       formazione, gestione delle non        attività                         Raggiunto
personale            sistemi Ambiente, Sicurezza e                                                       della Direzione
                                                                 conformità.              continuativa
                                  Qualità
                                                          Formazione del personale
     Aspetti                                                                                                               Stato di
   Ambientali                 Obiettivo                         Intervento                  Tempi        Responsabilità avanzamento
    Indiretti                                                                                                           al 31/12/2006
                                                         Introduzione delle norme in                                        Introdotte norme
                                                      materia di ambiente e sicurezza                                          in materia di
Prestazioni e      Evitare che le attività svolte da
                                                         nella regolamentazione del       2005-2008                             ambiente e
comportamenti di fornitori di beni e servizi presso                                                       Responsabile
                                                              contratti di fornitura        attività                         sicurezza nella
(sub) appaltatori      la Cartiera producano un                                                             Acquisti
                                                            Sensibilizzare i fornitori.  continuativa                      regolamentazione
e fornitori         impatto ambientale negativo
                                                     Coinvolgere il personale operativo                                       del contratti di
                                                            sulle attività di controllo                                          fornitura
                       Aumentare i controlli, sia
                     sul prodotto che in tutto lo    Introduzione delle regole del GMP
Questioni relative                                                                                       Responsabile di
                   stabilimento, per migliorare gli    (Good Manifacturing Practice)      2006-2007                            In corso
al prodotto                                                                                                produzione
                   standard di qualità per la carta condivise a livello di Gruppo SCA
                        destinata all’imballaggio
                      Migliorare i rapporti con la
Sensibilizzazione    Pubblica Ammnistrazione e           Partecipazione in qualità di
                                                                                                         Rappresentante
e cultura          diffondere la conoscenza della docenti ad un corso di formazione 2006-2007                                 Raggiunto
                                                                                                         della Direzione
ambientale          tecnologia della carta e degli        rivolto al personale ARPAT
                     aspetti ambientali associati
Sensibilizzazione Diffondere la conoscenza della
                                                     Organizzazione di visite in azienda                 Rappresentante
e cultura           tecnologia della carta e degli                                        2006-2007                            In corso
                                                              da parte di studenti                       della Direzione
ambientale           aspetti ambientali associati

La Direzione di SCA Packaging                  tecnologiche necessarie al raggiun-
S.p.A. - Cartiera di Lucca, s’im-              gimento degli obiettivi ambientali
pegna a garantire la disponibilità             sopra descritti.
delle risorse finanziarie, umane e




                                                                                                                                                 
     Principali normative ambientali applicabili


     ACQUA
     Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 (parte terza) e s.m.i
         Norme in materia ambientale
     Legge n. 36 del 05/01/1994
         Disposizioni in materia di risorse idriche.
     Decreto Legislativo del Governo n. 275 del 12/07/1993
         Riordino in materia di concessioni di acque pubbliche.
     Regio Decreto n. 1285 del 14/08/1920
         Regolamento per la derivazione ed utilizzazione di acque pubbliche.
     Regio Decreto n. 1175 del 11/12/1933
         Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici.
     Regolamento Regionale 24 luglio 2002, n. 28 (28/R)
         Regolamento di attuazione LR 21.12.2001, n. 64 (Norme sullo scarico di acque reflue e ulteriori modifiche alla
         legge regionale 1 dicembre 1998, n. 88).
     L.R. 31 Maggio 2006 n.20
         Norma per la tutela delle acque dall’inquinamento




     ARIA
     Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 (parte quinta) e s.m.i
         Norme in materia ambientale.
     Legge n. 549 del 28/12/1993 e successive modifiche
         Misure a tutela dell’ozono stratosferico e dell’ambiente.
     Regolamento (CE) n° 2037/2000 del parlamento europeo e del consiglio del 29/06/2000
         Sostanze che riducono lo strato di ozono.
     Decreto Ministeriale del 26/03/1996
         Attuazione del D.L. 10 febbraio 1996, n. 56 sulle sostanze dannose per la fascia di ozono stratosferico.
     Decreto del Presidente della Repubblica n°147 del 15/02/2006
         Regolamento concernente modalità per il controllo ed il recupero di fughe di sostanze lesive della fascia di ozono
         stratosferico da apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria e pompe di calore, di cui al Rego-
         lamento CE n° 2037/2000.
     Regolamento (CE) n°842/2006 del parlamento europeo e del consiglio del 17/05/2006
         su taluni gas fluorurati ad effetto serra.




8
ARIA   (segue)
Direttiva 2003/87/CE del 14/07/2004 e s.i.
    Piano nazionale d’assegnazione delle quote di emissioni dei gas effetto serra.
D.Lgs. n° 273 12/11/2004
    Disposizioni urgenti per l’applicazione della direttiva 2003/87/CE in materia di scambio
    di quote di emissione dei gas ad effetto serra nella Comunità europea.
Decreto Legislativo n°216 del 04/04/2006
    Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas ad effetto
    serra nella Comunità, con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto.
Legge Regionale n.33 del 05/05/1994
    Norme per la tutela della qualità dell’aria.




AMIANTO
Decreto Legislativo del Governo n° 277 del 15/08/1991
    Attuazione delle direttive CEE n° 80/1107/CEE, n° 82/605/CEE, n° 83/477/CEE, n° 86/188/CEE e n° 88/642/CEE,
    in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici
    durante il lavoro, a norma dell’art. 7 della legge 30 luglio 1990, n° 212.
Legge n° 257 del 27/03/1992 e s.m.
    Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto.
Decreto Ministeriale n° 248 del 29/07/2004
    Regolamento relativo alla determinazione e disciplina delle attività di recupero dei prodotti e beni di amianto e
    contenenti amianto.




CAMPI ELETTROMAGNETICI
Legge n. 36 del 23/04/2001
    Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.




                                                                                                                             9
     ENERGIA
     Legge ordinaria del Parlamento n. 10 del 09/01/1991
              Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio ener-
              getico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia.
     Decreto del Presidente della Repubblica n. 412 del 26/08/1993 (modificato negli allegati F e G dal
     DPR 17/03/2003)
              Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione degli impianti ter-
              mici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia in attuazione dell’art. 4, c. 4 della L.10/91.
     Decreto del Presidente della Repubblica n. 53 del 11/02/1998
              Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla autorizzazione alla costruzione e all’esercizio di
              impianti di produzione di energia elettrica che utilizzano fonti convenzionali.
     Legge Regionale n° 39 del 24/02/2005
              Disposizioni in materia di energia.


     IPPC
     Decreto Ministeriale del 31/01/2005
              Emanazione di linee guida per l’individuazione e l’utilizzazione delle migliori tecniche disponibili, per le attivita’
              elencate nell’allegato I del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 372.
     Decreto Legislativo del Governo n° 59 del 18/02/2005
              Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento.
     Legge Regionale n 61 del 22/12/2003
              Norme in materia di autorizzazione integrata ambientale 20. Modifiche alla legge regionale 3 novembre 1998 n. 79
              (Norme per l’applicazione della valutazione di impatto ambientale)
     Norma Tecnica - Dicembre 2001
              Reference Document on Best Available Techniques in the Pulp and Paper Industry.


     PREVENZIONE INCENDI
     Decreto Ministeriale del 16/02/1982
              Modificazioni del D.M. 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di
              prevenzione incendi.
     Decreto del Presidente della Repubblica n° 577 del 29/07/1982
              Approvazione del regolamento concernente l’espletamento dei servizi antincendi.
     Decreto Ministeriale del 10/03/1998
              Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro.


     0
          L’”Autorizzazione Integrata Ambientale” è il provvedimento che autorizza l’esercizio di un im-
          pianto o di parte di esso a determinate condizioni che devono garantire la conformità ai requisiti
          previsti dal Decreto Legislativo 9/0”Attuazione integrale della direttiva 9/1/CE relativa alla
          prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento”.


0
RADIAZIONI IONIZZANTI
Decreto Legislativo del Governo n° 230 del 17/03/1995
    Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 92/3/Euratom e 96/29/Euratom in materia di radia-
    zioni ionizzanti.
Decreto Legislativo del Governo n° 241 del 26/05/2000
    Attuazione della direttiva 96/29/EURATOM in materia di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori
    contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti.



RIFIUTI
Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 (parte quarta) e s.m.i.
    Norme in materia ambientale.
Decreto Ministeriale n. 145 del 01/04/1998
    Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai
    sensi degli artt. 15, 18, comma 2, lettera e), e comma 4, del D. lgs n. 22 del 05/02/1997.
Decreto Ministeriale n. 148 del 01/04/1998
    Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli artt. 12, 18,
    comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del D. lgs n. 22 del 05/02/1997.
Decreto Ministeriale del 05/02/1998
    Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli artt. 31 e
    33 del D. lgs n. 22 del 05/02/1997.
Decreto Legislativo n. 95 del 27/01/1992
    Attuazione delle direttive 75/439/CEE e 87/101/CEE relative alla eliminazione degli oli usati.
Legge Regionale n.25 del 18/05/1998 e succ. modifiche (LR n. 29 del 26/07/02)
    Norme per la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati.




                                                                                                                             1
     RUMORE
     Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1/03/1991 e s.m.
         Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell’ambiente esterno.
     Legge n° 447 del 26/10/1995
         Legge quadro sull’inquinamento acustico.
     Decreto Ministeriale del 11/12/1996
         Applicazione del criterio differenziale per gli impianti a ciclo produttivo continuo.
     Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14/11/1997
         Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore.
     Legge Regionale n° 89 del 01/12/1998 e successive modifiche ed integrazioni
         Norme in materia di inquinamento acustico.




     SOSTANZE PERICOLOSE
     Decreto Legislativo n° 52 del 3/02/1997
         Attuazione della direttiva 92/32/CEE concernente classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze
         pericolose.
     Decreto Legislativo n° 65 del 14/03/2003
         Attuazione delle direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE relative alla classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura
         dei preparati pericolosi.




     SUOLO E SOTTOSUOLO
     Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 (parte quarta) e s.m.i.
         Norme in materia ambientale.
     Legge ordinaria del Parlamento n. 349 del 08/07/1986
         Istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale.





                                        Autorizzazioni

Emissioni in atmosfera                                                                    Ente competente

Richiesta di autorizzazione per le emissioni esistenti ai sensi dell’art. 12 del DPR
                                                                                           Regione Toscana
203/88 inoltrata alla Regione Toscana in data 28/06/1989

Progetto di adeguamento ai sensi dell’art.13 del DPR 203/88, presentato alla
                                                                                           Regione Toscana
Regione Toscana in data 29/07/1991

Dichiarazione attestante l’avvenuta realizzazione del progetto di adeguamento e
il rispetto dei valori di emissione previsti dalla delibera del consiglio regionale del   Provincia di Lucca
19/02/1991 n.33 redatta ai sensi dell’art. 13, comma 4 della LR 05/05/1994 n.33

                                                                                          Comune di Lucca
Comunicazione di sussistenza delle condizioni di poca significatività delle emissioni
in atmosfera derivanti dal gruppo di cogenerazione della potenzialità termica di 1.4      ARPAT Dip. Prov.le
MW del 23/03/1999                                                                               Lucca
                                                                                          Provincia di Lucca

                                                                                               Ministero
Autorizzazione ad emettere gas a effetto serra
                                                                                           dell’Ambiente e
Aut. Min. Ambiente n° 1334 del 03/01/2005
                                                                                          Tutela del territorio


Approvvigionamento e scarichi idrici                                                      Ente competente

Deliberazione Giunta Regione Toscana n° 5421 del 11/05/1981
                                                                                           Regione Toscana
(concessione relativa a n°6 pozzi)

Decreto Giunta Regionale Toscana n°01682 del 15/03/1996
Acque Sotterranee – Voltura Concessione emungimento per uso industriale nel                Regione Toscana
comune di Porcari (LU) (concessione relativa a n°6 pozzi)

Decreto Giunta Regionale Toscana n°02226 del 14/07/1995
Rio Frizzone – Concessione derivazione acqua per uso industriale ed antincendio            Regione Toscana
nel Comune di Porcari (LU)

Atto n° 75/04 del 25/03/2004                                                              Autorità d’Ambito n°
Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura                                         2 “Basso Valdarno”

Prot. N° 3735 del 29/11/2004                                                              Autorità d’Ambito n°
Errata corrige all’Atto n° 75/04 del 25/03/2004                                           2 “Basso Valdarno”



Energia                                                                                   Ente competente
Comunicazione di Attivazione generatore energia elettrica
                                                                                                 U.T.I.F.
Impianto esente da imposta per energia elettrica (art.52, c.3, par. C) ed da obbligo di
                                                                                           Ufficio di Livorno
denuncia e relativa licenza di esercizio (art.53, c.3)


Deposito olio minerali                                                                    Ente competente
                                                                                           Ufficio Territoriale
Concessione Deposito oli minerali ad uso industriale
                                                                                            del Governo di
(prot. N. 2243/Sett. 1°/2000 del 13/02/2003
                                                                                                 Lucca


Certificato di Prevenzione Incendi                                                        Ente competente
                                                                                               Comando
CPI rilasciato in data 09/05/2006                                                         Provinciale dei Vigili
                                                                                          del fuoco di Lucca




                                                                                                                   
                                                    Glossario

     A
     Acqua chiara: si intende l’acqua prelevata da pozzo, oppure dal Rio Frizzone o dalla condotta “TUBONE”

     Aspetto Ambientale: Elemento di un’attività, prodotto o servizio di un’organizzazione che può interagire con
           l’ambiente. Un aspetto ambientale significativo è un aspetto ambientale che ha un impatto ambientale
           significativo.

     Aspetto Ambientale Indiretto: Aspetto ambientale sul quale l’azienda può avere un controllo gestionale solo
           parziale (trasportatori terzi, fornitori, ecc.).

     Audit Ambientale: Strumento di gestione comprendente una valutazione sistematica, documentata, periodica e
            obiettiva dell’efficienza dell’organizzazione, del Sistema di Gestione e dei processi destinati alla protezione
            dell’ambiente.


     B
     BOD5: dall’inglese “Biochemical Oxygen Demand”. Ossigeno richiesto dai batteri per la completa ossidazione
           dell’inquinante (BOD5= lettura dopo cinque giorni durante i quali il campione è stato conservato in condizioni
           standard).


     C
     Classe di stabilità atmosferica: criterio di classificazione per le condizioni di stabilità atmosferica introdotto da
           Pasquill. Le classi di stabilità, sono denotate con le lettere dalla A, la più instabile, alla F (o G), la più stabile,
           in relazione con il valore del gradiente termico.

     COD: dall’inglese “Chemical Oxygen Demand”. Ossigeno necessario per decomporre chimicamente tutto il materiale
           inquinante.


     I
     Impatto ambientale: qualunque modificazione dell’ambiente, negativa o benefica, totale o parziale, conseguente
           ad attività, prodotti o servizi di un’organizzazione.
     IPPC: dall’inglese “Integrated Pollution Prevention and Control” (in italiano, Prevenzione e Riduzione Integrate
           dell’Inquinamento)


     M
     Macero: con il termine carta da macero si intende quella carta che ha già servito allo scopo per la quale è stata
           fabbricata e che viene utilizzata nel ciclo produttivo.
             Sotto il profilo delle fonti di raccolta, il macero si distinguere in:
     Macero da raccolta industriale e commerciale è costituito dai refili di cartotecnica, casse di cartone ondulato,
           rese di quotidiani e periodici, tabulati, ecc. Tale macero localizzato presso industrie cartotecniche e editoriali,
           uffici, grandi magazzini, è raccolto da recuperatori professionali e quindi selezionato e imballato prima di
           essere fornito alle cartiere per rientrare nel ciclo produttivo;





M   (segue)

Macero domestico proveniente da raccolta differenziata, contiene tutti quei prodotti cartari detenuti nelle
      abitazioni e nei piccoli negozi e uffici.
      Tale macero, prevalentemente costituito da carta mista e giornalame, deve essere isolato dai rifiuti solidi
      urbani all’origine, cioè prima che la carta sia mescolata con altri materiali che, inquinandola, la rendano
      inutilizzabile. Ciò presuppone l’organizzazione, da parte dei comuni, della raccolta differenziata.


N
NACE: dal francese “Nomenclature des Activités dans la Communauté Européenne” codice identificativo della
      tipologia di attività economica inserito all’interno di un sistema di classificazione per settore economico
      dell’Unione Europea.


O
Obiettivo Ambientale: il fine ultimo ambientale complessivo, derivato dalla politica ambientale, che
       un’organizzazione decide di perseguire e che è quantificato ove possibile.


P
Politica Ambientale: obiettivi e principi generali di azione di un’organizzazione rispetto all’ambiente, ivi compresa
        la conformità a tutte le pertinenti disposizioni regolamentari sull’ambiente e l’impegno ad un miglioramento
        continuo delle prestazioni ambientali; tale politica ambientale costituisce il quadro di riferimento per fissare
        e riesaminare gli obiettivi e target ambientali.

Prestazione Ambientale: Risultati misurabili del sistema di gestione ambientale, conseguenti al controllo
      esercitato dall’organizzazione sui propri aspetti ambientali, sulla base della sua politica ambientale, dei suoi
      obiettivi, dei suoi traguardi.

Progetto Life Pioneer: Paper Industry Operating in Network: an Experiment for Emas Revision (L’industria della
      carta operante in rete: un esperimento di revisione dell’Emas).


S
Subsidenza: processo di abbassamento del terreno provocato da un prelievo eccessivo di fluidi dal sottosuolo
      (acqua in primo luogo, ma anche metano e petrolio).

Solidi Sospesi Totali (SST): Esprimono il grado di trasparenza dell’acqua, alterato dalla presenza di materiale
       vario rilasciato durante le diverse lavorazioni, nonché a seguito del processo di trattamento dei reflui.




                                                                                                                           
SCA PACKAGING ITALIA SpA
Cartiera di Lucca
Via Del Frizzone
55016 Porcari (LU)
Tel. +39 0583 2961
Fax + 39 0583 296600