Assessment of left ventricular functions by tissue Doppler

Document Sample
Assessment of left ventricular functions by tissue Doppler Powered By Docstoc
					  Assessment of left ventricular functions by tissue Doppler
    echocardiography in patients with Cushing’s disease

   Valutazione della funzione ventricolare mediante lo studio
   ecocardiografico con Doppler del tessuto in pazienti con
                       malattia di Cushing

  Bayram NA, Ersoy R, Aydin C, Gul K, Kees T, Topaloglu O, Drmaz T, Bozkur E,
                                   Cakir B.
                   J. Endocrinol Invest. 2009, 32: 248-252.


                                    RIASSUNTO

Obiettivo. Valutare quanto lo studio ecocardiografico mediante Doppler del tessuto
possa migliorare, attraverso la maggiore sensibilità nella identificazione della
disfunzione diastolica, la definizione della storia naturale della cardiopatia nei
pazienti con Malattia di Cushing in fase attiva e la precoce individuazione di segni
locali di disfunzione sistolica prima della comparsa della sintomatologia clinica della
cardiopatia stessa.
Metodi. Undici donne con malattia di Cushing di nuova diagnosi e 32 soggetti di
controllo, paragonabili ai pazienti per età, sesso e BMI sono stati arruolati nello
studio. Lo studio ecocardiografico è stato praticato mediante ecocardiografia
tradizionale e mediante Doppler del tessuto. La velocità di picco sistolico (S’m), la
velocità di picco diastolico precoce (E’m), la velocità di picco diastolico tardivo
(A’m), l’accelerazione isovolumetrica (IVA), il periodo pre-sistolico (PCT’m), il
periodo sistolico (CT’m), il periodo diastolico (RT’m) sono stati calcolati in
corrispondenza della porzione settale e laterale dell’annulus mitralico.
Risultati. Utilizzando lo studio Doppler del tessuto (TDI) il valore di E’m, ed il
rapporto E’m/A’m erano significativamente più bassi, il rapporto PCT’m/CT’m era
più alto mentre, S’m, A’m, PCT’m ed il periodo di rilasciamento isovolumetrico
miocardico nella porzione laterale e settale dell’annulus mitralico erano
sovrapponibili nei pazienti con CD e nei soggetti di controllo (p > 0,05).
L’accelerazione isovolumetrica (IVA) nella porzione laterale e settale dell’annulus
risultava significativamente più bassa nei pazienti con CD rispetto ai soggetti di
controllo (p < 0,05). Lo studio di correlazione mostrava che l’IVA nella porzione
laterale dell’annulus correlava positivamente con la velocità di picco sistolico nella
porzione laterale dell’annulus (r = 0,58; p = 0,002) e l’IVA nella porzione settale
dell’annulus correlava positivamente con la velocità di picco sistolico nella porzione
settale dell’annulus (r = 0,51; p = 0 ,008).
Conclusioni. Il nostro studio conferma che i pazienti con CD hanno un’alterazione
della funzione diastolica. Soprattutto viene dimostrata un’alterazione della funzione
sistolica attraverso lo studio Doppler del tessuto. Noi raccomandiamo, pertanto, lo
studio Doppler del tessuto insieme ai parametri della ecocardiografia tradizionale per
la valutazione del rischio cardiovascolare nei pazienti con Malattia di Cushing.


                                   COMMENTO
I pazienti con malattia di Cushing (MC) in fase attiva presentano un’incidenza di
patologia cardiovascolare, coronaropatia, insufficienza cardiaca ed infarto superiore
rispetto alla popolazione generale. In particolare, sembra che la MC si associ a
disfunzione sistolica e diastolica indipendentemente dalla presenza di ipertensione
arteriosa. Precedenti studi hanno valutato la funzione ventricolare dei pazienti con CD
mediante ecocardiografia tradizionale osservando un aumento dello spessore relativo
della parete del ventricolo sinistro, positivamente correlato alla durata di malattia,
oltre che una diminuzione della velocità del flusso transmitralico e del rapporto E/A,
espressione di disfunzione diastolica. La valutazione del rapporto E/A mediante
ecocardiografia tradizionale, tuttavia, non permette una valutazione adeguata in caso
di conservata frazione di eiezione (1,2).
Il Doppler del tessuto è una metodica ecocardiografica che offre una misurazione
quantitativa della contrazione miocardia e della velocità di rilasciamento di un
selezionato segmento miocardico. La valutazione mediante TDI del rapporto tra la
velocità di flusso transmitralico e la velocità di picco diastolico precoce (E/E’m),
indipendentemente dalla frazione di eiezione, si correla con la pressione telediastolica
del ventricolo sinistro.
In questo studio viene dimostrato per la prima volta come il Doppler del tessuto possa
facilitare l’identificazione di anomalie miocardiche in pazienti con MC nonostante
una funzionalità globale conservata. La velocità di picco sistolico (S’m), variabile
correlata al pre e al post carico, è un indice della fase di eiezione utilizzato per
descrivere la funzione sistolica del ventricolo sinistro. D’altra parte, l’accelerazione
isovolumetrica (IVA), parametro indipendente dal carico, sembra essere più sensibile
della S’m nello studio della contrattilità del ventricolo sinistro. In questo studio l’IVA
dei pazienti con MC è chiaramente più bassa rispetto ai soggetti di controllo ed una
correlazione positiva è stata riscontrata tra l’IVA e la velocità di picco sistolico (S’m).
Il Doppler del tessuto potrebbe descrivere una fase precoce della cardiopatia
nonostante la funzione cardiaca conservata in pazienti con MC. Lo studio TDI, in
particolare la valutazione dell’accelerazione isovolumetrica (IVA), dovrebbe essere
praticato insieme alla ecocardiografia tradizionale nella valutazione del rischio
cardiovascolare nei pazienti con MC.

    1. Fallo F, Budano S, Sonino N, Muiesan ML, Agabiti-Rosei E, Boscaro M. left
       ventricular structural characteristics in Cushing’s sindrome. J Hum Hypertens.
       1994, 8: 509-13.
    2. Muiesan ML, Lupia M, Salvetti M. Left ventricular structural and functional
       characteristics in Cushing’s sindrome. Jam Coll Cardiol. 2003, 41:2275-9.

Rosario Pivonello
Dipartimento di Endocrinologia ed Oncologia
Molecolare e Clinica
Università Federico II
Napoli
E-mail: rpivone@tin.it

Monica De Leo
Dipartimento di Endocrinologia ed Oncologia
Molecolare e Clinica
Università Federico II
Napoli
E-mail: emme_de_leo@yahoo.it