Docstoc

2004

Document Sample
2004 Powered By Docstoc
					Marche News - N. 40                                                                        Agenzia della Giunta Regionale




MARCHE NEWS
AGENZIA DELLA GIUNTA REGIONALE
Direttore responsabile: Sauro Brandoni - Condirettore: Renzo Pincini
Settimanale di informazione politica e amministrativa a cura dell’Ufficio Stampa
della Giunta regionale - Direzione e redazione: via Gentile da Fabriano n. 9
60125 Ancona - Tel. 071/8062103 – Fax 071/8062105
Redazione: Anna D’Ettorre, Antonio Filippini, Sandro Premici, Emma Ratti
Segretario di redazione: Gianfranco Andreucci
Stampa: Biemmegraf Piediripa di Macerata
Aut. Trib. Ancona n. 1 del 24/25.01.1996                                           ANNO IX N. 40 del 6 dicembre 2004


In questo numero:                                Piano casa, proposta di legge
                                                 Servizio a pag. 2
                                                 Bilancio Regione, conti in regola
                                                 Servizio a pag. 4
                                                 Raccolta differenziata, i virtuosi
                                                 Servizi a pag. 12

    pag.   2      EDILIZIA                      Riordino sistema politiche abitative

    pag.   3      VIABILITÀ                     Quadrilatero, incontro Matelica: Modesti

    pag.   4      BILANCIO                      “Libro bianco FI”, replica Agostini
                   AMBIENTE                      Tecnico “acustica ambientale”

    pag.   5      SERVIZI SOCIALI               Linee guida programmazione, Secchiaroli

    pag.   6      SANITÀ                        Piani salute, indicazioni ed esperienze

    pag.   7      INFORMATICA                   Ricerca & trasferimento tecnologico

    pag.   9      LAVORO                        Apprendistato, commercio e cooperazione

    pag. 10       CULTURA                       Stagione Orchestra filarmonica marchigiana

    pag. 11       AMBIENTE                      Controllo integrato attività Raffineria api
                                                 Schema sviluppo riconversione area api

    pag. 12       AMBIENTE                      Comuni ricicloni 2004

    pag. 13       PRESIDENZA                    Delegazione in Brasile
                   AMBIENTE                      Rete ecologica marchigiana



                                                 Iniziativa della Regione Marche per promuovere la
                                                 larga banda nei territori geograficamente
                                                 svantaggiati
Nel Bollettino Ufficiale della Regione Marche n.123 del 24/11/2004 sono stati pubblicati i bandi pubblici per la formazione
della graduatoria dei progetti da ammettere al contributo pubblico relativo all‟Intervento A01 – MarcheWay previsto
nell‟Accordo di programma quadro “Società dell‟Informazione” sottoscritto il 31 maggio 2004.
I bandi riguardano: il finanziamento di progetti finalizzati alla realizzazione di reti wireless di zona. Sono considerati
ammissibili gli interventi da effettuare o effettuati da aggregazioni di comuni (Province, Comunità montane, Unioni di
comuni, Consorzi) con un numero di abitanti inferiore a 5.000 secondo i criteri definiti nel bando integrale. Le risorse
finanziarie complessive a disposizione risultano pari a euro 853.000; il finanziamento di progetti finalizzati che riguardano
l‟acquisizione di servizi di connettività a larga banda ADSL. Sono considerati ammissibili gli interventi da effettuare o
effettuati da Comuni con un numero di abitanti inferiore a 3.000 secondo i criteri definiti nel bando integrale. Le risorse
finanziarie complessive a disposizione risultano pari a euro 139.000.
Per maggiori informazioni il testo dei bandi integrali con i relativi allegati è visionabile sul sito www.regione.marche.it alla
voce bandi. 


6 dicembre 2004                                                                                                        pag.   1
Marche News - N. 40                                                   Agenzia della Giunta Regionale



Proposta di legge della Giunta

Riordino del sistema
regionale delle politiche abitative
Modesti: a fronte di una domanda di 6.500 alloggi sociali c’è una disponibilità
di appena 500 unità abitative. Cresce il disagio anche dei redditi medio – bassi



L
        a Giunta regionale,      trovare risposte sul libero          perseguano, accanto all’o-
        dopo             aver    mercato            dell’af-fitto,    biettivo fondamentale di
        approvato il Piano       oppure vi riescono solo              garantire il diritto all’abita-
casa con una dotazione di        impegnando una              parte    re per i ceti più deboli, qu-
96 milioni di euro per           molto rilevante del loro             ello di un ampliamento e
realizzare 2000 alloggi e        reddito.     È     questa      la    calmieramento                  del
calmierare gli affitti, ha       condizione che caratterizza          mercato dell’affitto e di
deliberato anche la legge        molte                    famiglie    nuove forme d’accesso alla
di riordino del sistema          monoreddito,               nuclei    propri-
regionale delle politiche        familiari di anziani, giovani        età di un alloggio”.
abitative.                       coppie o genitori soli con           La responsabilità di queste
“L’esigenza di mettere ma-       un figlio a carico”.                 politiche chiama in causa,
no a una riorganizzazione        “A questa realtà – ha                in modo diretto, le Regioni
dell’intervento pubblico in      aggiunto Modesti - che               e      il    sistema         delle
campo abitativo - ha sot-        riguarda        una         parte    autonomie locali, a partire
tolineato l’assessore all’E-     significativa               della    dalle              competenze
dilizia, Cataldo Modesti,        popolazione residente, si            sull’Edilizia     re-sidenziale
illustrando la proposta di       aggiungono        inoltre      gli   pubblica a esse trasferite
legge al governo regionale       effetti di una mobilità              in modo definitivo con la
- scaturisce, in primo           sociale     che        interessa     riforma del titolo V° della
luogo,    dall’analisi   della   sempre      più     il     nostro    Costituzione.
domanda abitativa nella          territorio,        per         le    Le risposte ai problemi a-
nostra regione e dalla           caratteristiche di solidità          bitativi si devono sempre
divaricazione tra questa e       del suo tessuto economico            più     integrare       con      gli
le tendenze del mercato          e produttivo che attira              obiettivi di riqualificazione
immobiliare. Anche nella         lavoratori provenienti da            urbana, con le nuove
nostra realtà si assiste a       altre regioni e da altri             politiche di welfare, con le
una crescita del disagio         Paesi, e per la presenza di          politiche di sostenibilità
abitativo, caratterizzato in     alcuni     importanti        sedi    energetica e ambientale, e
primo        luogo       dalla   universitarie.       con      un     con le stesse politiche
domanda di alloggi sociali       numero        crescente        di    economiche                        e
in affitto proveniente dalle     studenti fuori-sede. Questi          occupazionali.
fasce più deboli della           fe-nomeni,       destinati      a    Il    disegno        di     legge
popolazione,       la      cui   crescere                             configura       una       diversa
consistenza è valutabile         quantitativamente             nel    articolazione                delle
regionalmente      in    circa   tempo,                  mettono      competenze         istituzionali,
6.500 domande di nuclei          radicalmente                   in    attribuendo         un       ruolo
familiari, a fronte di una       discussione l’idea che una           centrale ai Comuni non
disponibilità annuale di         diffusione ulteriore della           solo in riferimento alle
alloggi pubblici, sempre in      proprietà immobiliare delle          funzioni       amministrative
ambito regionale, di circa       famiglie, oltre il livello alto      riferite              all’Edilizia
500     unità.   A     questa    già     raggiunto,         renda     residenzi-ale            pubblica
domanda si affianca, in          marginale il problema della          (Erp), ma come soggetti di
modo progressivo, quella         locazione e possa rendere            governo       delle      politiche
proveniente da ceti sociali      non più necessario un                abitative         a        livello
a reddito medio - basso          intervento pubblico.                 territoriale.
che non hanno i requisiti        Queste esigenze chiedono             “Questa          più         forte
per accedere all’offerta         invece di essere governate           responsabilizzazione            dei
pubblica    e,   al    tempo     attraverso politiche più             Comuni – ha affermato
stesso, non riescono a           efficaci e diversificate che         Modesti - deve tradursi in

6 dicembre 2004                                                                                 pag.   2
Marche News - N. 40                                                        Agenzia della Giunta Regionale



un impegno a utilizzare gli          disincentivante      per    chi       Macerata in merito alla
                                                                           problematica della viabilità e, in
strumenti urbanistici, la            supera il livello reddituale
                                                                           particolare, sulla “Quadrilatero”.
disponibilità       di      aree     previsto per la decadenza.            L‟incontro, presieduto dal
edificabili, la leva della           Il secondo elemento è una             capogruppo Massimo Montesi, ha
fiscalità immobiliare (Ici),         riduzione del prelievo Ici            visto la presenza di sindaci e
                                                                           amministratori dei Comuni della
per favorire processi di             sul patrimonio, dato che in
                                                                           zona montana. Tra gli altri, sono
investimento pubblico e              alcuni casi il prelievo Ici           intervenuti nel dibattito i sindaci di
privato sugli obiettivi di           supera la redditività annua           Matelica e Esanatoglia e il vice
politica abitativa, e per            dell’alloggio.                        sindaco di Pioraco. La relazione è
costruire le condizioni di           Il    terzo     elemento      è       stata svolta dall‟assessore regionale
                                                                           ai Lavori Pubblici, Cataldo Modesti,
equilibrio gestionale per            rappresentato dagli effetti           il quale ha ricostruito le varie tappe
una valorizzazione anche             che possono derivare da               della vicenda. Il programma delle
economica del patrimonio             una           diversificazione        infrastrutture viarie denominato
abitativo                          dell’offerta          pubblica,       “Quadrilatero” – ha ricordato
                                                                           l‟assessore - è nato nella primavera
pubblico”.                           attraverso l’im-pegno degli           del 1999, a seguito del terremoto
La      riforma      ridefinisce     Iacp        sul       versante        del „97. Il 21 aprile „99 fu sottoscritta
anche           le       regole      dell’edilizia in affitto a            l‟intesa istituzionale di programma
amministrative                 ed    canoni moderati, rivolti a            tra il presidente del Consiglio dei
                                                                           ministri, Massimo D’Alema e il
economiche                    che    ceti intermedi che via via            presidente della Regione, Vito
presiedono all’Erp, snellen-         produca un riequilibrio del           D’Ambrosio. Il 7 maggio „99 tra il
do e sburocratizzando le             canone medio. Più in                  ministero delle Infrastrutture e
procedure amministrative             generale, va conquistato              l‟assessore regionale ai Trasporti fu
                                                                           sottoscritto l‟Accordo di programma
attraverso il ricorso a re-          un equilibrio economico               quadro sulla viabilità in attuazione
golamenti e aumentando la            degli Enti, che oggi in               dell‟Intesa. Con tale accordo lo
autonomia dei Comuni nel             alcuni       casi      sembra         Stato stanziò una somma pari a
rispetto di regole generali          precario      o     raggi-unto        circa 522 miliardi di lire. Da quel
                                                                           momento si mise mano alla
stabilite dalla legge. Una           attraverso          operazioni        redazione dei progetti.
particolare attenzione va ri-        patrimoniali. Ciò non toglie          La Regione - ha spiegato Modesti -
volta a meccanismi che su-           che diversi “fondamentali”            ha seguito direttamente la
perino la ereditarietà degli         appaiono positivi, a partire          progettazione della Pedemontana,
                                                                           affidandola, a seguito di bando, alla
alloggi pubblici e favorisca-        dalla contenuta incidenza             società Bonifica. Il progetto, da
no il turn-over: infatti la          dei costi di struttura e di           qualche tempo, è approvato con
quota annua di riutilizzo            personale         e       dalle       tutte le autorizzazioni necessarie.
del     patrimonio      sembra       potenzialità     tecniche     e       Per le altre strade la progettazione
                                                                           è curata dall‟Anas. “Con l‟avvento
aggirarsi sul 2-2,5% e               progettuali che gli Istituti          del Governo Berlusconi e il varo
appare piuttosto bassa.              esprimono.                            della cosiddetta legge obiettivo - ha
Altro aspetto decisivo è il          La pratica di queste nuove            ribadito l‟assessore Modesti - è
raggiungimento di un equ-            opportunità        pone     un        stato stravolto il percorso iniziato.
                                                                           Da un lato, si sono espropriati gli
ilibrio economico nella ge-          problema                     di
                                                                           enti locali e le Regioni dei loro poteri
stione amministrativa e              riorganizzazione          delle       di programmazione e di governo del
manutentiva                   del    attuali     strutture     degli       territorio. Dall‟altra parte, con la
patrimonio, equilibrio oggi          Istituti, a cominciare da u-          costituzione della Quadrilatero SpA
                                                                           (Società privata i cui soci – Anas e
raggi-unto         sacrificando      na maggiore snellezza dei
                                                                           Sviluppo Italia – sono pubblici e
parte       del-le     esigenze      Consigli                     di       operano con denaro pubblico), si
manutentive.                 Tale    amministrazione,              e       fanno gestire a privati cittadini, in
equilibrio       è    ottenibile     proporrà                nuove         forma privatistica, ingenti somme di
attraverso tre elementi.             potenzialità di crescita di           finanziamenti pubblici”. In sostanza,
                                                                           secondo Modesti, “tutta
Il primo è rappresentato             ogni singolo Istituto.              l‟operazione non ha fatto altro che
da     una      manovra        sui                                         rallentare l'esecuzione delle opere.
canoni, che garantisca la            VIABILITÀ                             Con le procedure ordinarie, a
tutela delle fasce più                                                     questo punto, ci sarebbero stati i
                                     Quadrilatero,                         cantieri aperti. Naturalmente
deboli,        ma         riveda     incontro a Matelica                   l‟obiettivo principale è quello di
l’incidenza canone/ reddito          La relazione di Modesti               realizzare le infrastrutture e
per i nuclei familiari a                                                   nonostante le forzature del Governo
reddito medio e medio-alto                                                 nazionale la Regione Marche ha
che            legittimamente        A      Matelica, presso il Palazzo
                                           Ottoni, domenica 21
                                           novembre si è tenuto un
                                                                           fatto e farà la propria parte”. Per
                                                                           andare avanti - ha chiarito
risiedono nel patrimonio             convegno indetto dal Gruppo           l‟assessore - la Società Quadrilatero
Erp, fino a un canone                consiliare dei DS alla Provincia di   deve avere l‟intesa della Regione, la


6 dicembre 2004                                                                                          pag.   3
Marche News - N. 40                          Agenzia della Giunta Regionale



stessa è subordinata a due
condizioni irrinunciabili:
1. la garanzia sulla copertura
finanziaria a carico dello Stato,
qualora la percentuale prevista a
carico del territorio (17-20%) non si
realizzasse come da previsione del
Pav; 2. la certezza che le eventuali
modifiche agli strumenti di
programmazione territoriale della
Regione e degli enti locali (Pit, Ptc e
Prg) che si rendessero necessarie
dovranno essere concordate con gli
enti interessati. “Da ultimo - ha
concluso Modesti - c‟è bisogno di
chiarezza e certezza sulla copertura
finanziaria. Il costo totale delle opere è
stimato in 2.157 milioni di euro. Le
somme annunciate con la delibera
Cipe del 27 maggio „04 (stranamente
ancora non pubblicata) ammontano a
900 milioni di euro”. 




6 dicembre 2004                                                    pag.   4
Marche News - N. 40                                                  Agenzia della Giunta Regionale



“Libro bianco” di Forza Italia

“I numeri si commentano
non si modificano”
La replica di Agostini: conti in regola e certificati



“A
             ccuse totalmen-      milioni di euro. Diverse           commentati, ma non mo-
             te infondate e       categorie, inoltre, sono           dificati”.
             piene          di    state     esentate      dall’a-    All’incontro con la stampa
imprecisioni tecniche. I          umento        dell’Irap        e   ha partecipato anche il
conti della Regione sono in       riduzioni      sono       state    direttore del dipartimento
regola e certificati”.            previste per le cooperative        Programmazione             e
Così replica l’assessore          sociali”.                          Bilancio.
regionale      al    Bilancio,    Agostini         ha,       poi,    Pietro      Marcolini    ha
Luciano       Agostini,     al    lamentato che da tre anni          precisato che “metà dei
Libro bi-anco sulla finanza       lo Stato non trasferisce           ricorsi       Irpef     dei
regionale, presentato da          alle Marche le addizionali         contribuenti,    contro   la
Forza Italia nei giorni           regionali Irpef e Irap             Regione, non ha fon-
scorsi.                           riscosse: “Som-mate agli           damento, in quanto l’aliqu-
L’occasione è un incontro         ulteriori trasferimenti, non       ota dello 0,9% non è un’ad-
con la stampa, nel corso          ancora assegnati e relativi        dizionale regionale, ma
del quale vengono forniti i       alla sanità, nel mese di           sostituisce un contributo
dati      sulla      gestione     settembre am-montano a             che lo Stato non riconosce
contabile della Regione.          950 milioni di euro. Ogni          più alle Regioni”. 
Secondo l’assessore, “FI          anno      queste     mancate
                                                                     AMBIENTE
scambia la competenza con         entrate      costano        alla   Tecnico “acustica ambientale”
la cassa, quando sostiene         Regione, in termini di             Un professionista a
che abbiamo avuto più tra-        oneri finanziari, tra i 40 e i     tutela
sferimenti dallo Stato. In        60 milioni di euro. Se non
                                                                     dell’inquinamento
realtà gli euro di quest’an-      vi dovessimo far fronte, a-        Su proposta dell‟assessore Marco
no erano di competenza            vremmo potuto azzerare             Amagliani la Giunta regionale ha
degli esercizi precedenti.        quasi totalmente il deficit        approvato la deliberazione con cui si
                                                                     riconosce la figura professionale di tecnico
In particolare, relativi al       della      sanità.     Questo      competente in acustica ambientale. “In
Fondo sanitario 2003. Non         aspetto non viene invece           verità – ha precisato Amagliani – questa
                                                                     professione è sempre esistita, perché
si è trattato di risorse          citato nel Libro bianco”.          istituita dalla Leg-ge quadro
aggiuntive. Anzi, i tagli del     Sul fronte dell’indebitamen-       sull‟inquinamento acustico. Si è ravvisata
                                                                     l‟opportunità di deliberare un nuovo
Governo nazionale sono            to,        Agostini          ha    provvedimento, in sostituzione e modifica
noti a tutti”.                    sottolineato       come       le   delle vigenti disposizioni in materia.
Agostini ha anche negato          Marche non si-ano fuori            L'attività di tecnico competente in acustica
                                                                     ambientale può essere svolta previa
che le Marche vantino una         dal patto di sta-bilità. “Se       presentazione di apposita domanda
tassazione     tra    le   più    siamo tra le Regioni che           all'assessorato regionale all‟Ambiente e
                                                                     tutte le istanze saranno vagliate da una
elevate: “Abbiamo scelto          risultano      in     re-gola,     apposita commissione regionale. ”Questa
un’ali-quota      progressiva     significa    che     abbiamo       professione, specializzata nell‟effettuare le
sull’Ir-pef, tant’è che il        avviato      un’azione        di   misurazioni, redigere i piani di risanamento
                                                                     acustico e svolgere le attività di controllo, è
67% dei marchigiani non è         recupero all’interno dei           molto richiesta dalle pubbliche
toccato     dall’addizionale”.    parametri di riferimento.          amministrazioni, dagli Enti pubblici o privati
                                                                     e dai cit-tadini. La deliberazione fissa criteri
Introdotta       nel     2001,    Non a caso la Corte dei            e modalità per la presentazione delle
esenta i contribuenti fino a      Conti cita le Marche come          domande ai fini dell‟aggiorna-mento
15 mila euro di reddito e         esempio      nazionale      nel    dell‟elenco professionale istituito in
                                                                     Regione. Il provvedimento, inoltre,
prevede aliquote più alte         settore     della    gestione      stabilisce che la formazione di tecnici
per     i   redditi    elevati.   attiva del debito”.                competenti in acustica ambientale sia
                                                                     ritenuta valida anche nell‟ambito di corsi di
“Abbiamo iniziato a ridurre       L’assessore       ha     infine    perfezionamento per laureati e corsi di
questa addizionale – ha           ribadito       di      essere      formazione post diploma di elevato livello
affermato - Lo abbiamo            disponibile a un confronto         tecnico scientifico. I programmi formativi
                                                                     dovranno contenere lezioni teoriche e
fatto, in parte, nel 2003, e      pubblico      sul     bilancio     pratiche, attivati da Università o da altre
in maniera più consistente        regionale, poiché “i numeri        strutture pubbliche o private, con 180 ore di
                                                                     esercitazioni. La partecipazione ai corsi
quest’anno, per circa 13          possono                essere      qualificanti, due anni per i laureati o titolari


6 dicembre 2004                                                                                          pag.    5
Marche News - N. 40                             Agenzia della Giunta Regionale



di diploma universitario e quattro anni per i
diplomati, consentirà ai professionisti la
possibilità di avere una formazione
completa in tutti i campi dell‟acu-stica
ambientale. A tale scopo è stato
predisposto uno schema di convenzione tra
Regione e Università Politecnica delle
Marche per il riconoscimento del corso di
perfezionamento per tecnici competenti in
acustica ambientale che la stessa
Università intenderà organizzare. 




6 dicembre 2004                                                       pag.   6
Marche News - N. 40                                                       Agenzia della Giunta Regionale



Bilancio sulle consultazioni:
più luci che ombre e grande partecipazione

Linee guida della
programmazione sociale
Secchiaroli: “Finora non era mai stato avviato
un processo così ampio di consultazione”



O
          ltre tredici mila           provincia di Fermo), nelle          su cui proseguire, i punti
          presenze e quattro          ri-unioni con i coordinatori        critici su cui lavorare
          mila le persone             di     ambito       e  con      i   maggiormente, come per
intervenute, in un anno, ai           presidenti dei Comitati dei         esempio la qualità della
tavoli di concertazione per           sindaci,              condotti      partecipazione.
il confronto sulle linee              dall’assessore                      Ampia consultazione della
guida dei Piani territoriali          Secchiaroli,          si       è    base degli attori sociali,
tri-ennali                       di   registrata una presenza             ma ancora insufficiente è il
programmazione sociale. È             media di 100 persone per            livello di      concertazione
questa                     grande     ogni provincia. Un ulteriore        vero e proprio e di co-pro-
partecipazione         il     dato    confronto è stato inoltre           gettazione,      così      come
positivo che l’assessore              riservato alle organizzazioni       indicato dalle linee guida
regionale       alle     Politiche    sin-dacali regionali che            regionali.
Sociali,               Marcello       hanno offerto un valido             Fondamentale sarà anche
Secchiaroli, ha messo in              contributo al documento             accrescere                      la
rilievo,      tracciando        un    presentato in bozza.                consapevolezza sull’utilità
bilancio         delle        con-    Terminata la sperimentazi-          della rifor-ma da parte dei
sultazioni avvenute nei 24            one dei Piani annuali 2003          singoli     cittadini         che
Ambiti      territoriali      della   si sta avviando adesso la           fruiscono dei servizi. Per
regione. “Un movimento                fase successiva di stabiliz-        questo, le linee guida
importante            –         ha    zazione del processo di             tendono a sollecitare un
sottolineato Secchiaroli –            programmazione territori-           percorso di partecipazione
per una regione che, pur              ale      nel     campo     delle    di    “utenti, cittadini e
manifestan-do vivacità a              politiche sociali previsto          famiglie” e un maggiore
livello         di         singole    dalla riforma avviata con           coinvolgimento del mondo
esperienze comunali, non              l’ap-provazione della legge         delle imprese economiche
aveva       mai      visto      un    328/00.                             e produttive.
processo così ampio e                 Gli incontri provinciali si         Attenzione         è       stata
contestuale                      di   sono       articolati  in    un     riservata       anche         alle
partecipazione”.                      intervento                    di    connessioni da sviluppare
“I Piani d’ambito – ha                presentazione del lavoro di         tra la programmazione
proseguito l’assessore -              valutazione della prima             regionale di settore e i
hanno avviato non solo un             sperimentazione dei Piani           Piani di ambito,              con
circuito        virtuoso         di   di ambito 2003 effettuata           particolare riferimento al
confronto e dibattito, ma             dall’Osservatorio regionale         Piano         infanzia           e
anche di progettazione e di           delle       politiche    sociali,   adolescenza,        al     Piano
operatività; in sostanza a            l’illustrazione              del    anziani     e     all’atto      di
un          aumento              di   documento in bozza delle            riordino delle dipendenze
partecipazione                    è   linee guida e in un inter-          patologiche             appena
corrisposta un aumento di             vento di Stefano Ricci,             approvato dalla Gi-unta
servizi, si sono fatte più            responsabile dei servizi di         regionale.
cose, più partecipate e               integrazione socio-sanita-          Centrale è risultato, infine,
senza spese aggiuntive”.              ria dell’Asur sui percorsi          il processo di integrazione
Il bilancio è quindi positivo         che       l’Azienda    intende      sociosanitaria      alla     luce
in           termini             di   mettere in atto.                    delle recenti innovazioni
coinvolgimento,           se     si   La valutazione complessiva          apportate,        a       livello
calcola che nei cinque                delle      consultazione     ha     istituzio-nale, dalla legge
incontri              provinciali     naturalmente individuato,           regionale 13/03 e, a livello
(compresa          anche         la   ac-canto alle note positive         operativo,       dal       Piano


6 dicembre 2004                                                                                    pag.   7
Marche News - N. 40                                                      Agenzia della Giunta Regionale



sanitario Una alleanza per           Giunta   regionale   entro          Ambiti     territoriali,    per
la salute.                           dicembre: da qui partirà            arrivare    alla     definitiva
Le linee guida saranno por-          un ulteriore percorso di            stesura dei Piani di zona
tate all’approvazione della          concertazione a livello di          triennali. 
Incontro in Regione

Piani per la salute
Indicazioni ed esperienze
Melappioni: “Una priorità per la sanità, un’opportunità per il territorio”



L’
          elaborazione dei           duate e verificate a livello        anziani,       sul      disagio
          Piani per la salute        locale”. I Piani comunitari         giovanile,
          “sarà     il      tema     per      la   salute       (Pcs)    sull’inquinamento
fondamentale della sanità            rappresentano                 gli   atmosferico (traffico), sulla
del 2005. Uno strumento              strumenti che il Piano              promozione di stili di vita
previsto dal Piano sanitario         sanitario             regionale     corretti,    sulla    diversità
regionale che riteniamo di           individua     per      tradurre     culturale (immigrazione) e
assoluta priorità per la             nella pratica le politiche di       sulla     salute     mentale.
crescita della comunità              promozione della salute.            Franco               Pesaresi
marchigiana”.                        Sono               programmi        (Comune di Ancona) ha
Lo ha sottolineato l’asses-          pluriennali, coordinati a           spiegato la decisione del
sore regionale alla Sanità,          livello locale, che mirano a        capoluogo di privilegiare il
Augusto         Melappioni,          “migliorare la salute della         tema       della     sicurezza
introducendo         l’incontro      comunità”. Il territorio di         stradale (“Principale causa
dedicato                      alla   riferimento è il distretto          di morte degli uomini fino
presentazione delle linee            sanitario      e       l’ambito     a 40 anni”), suggerendo
guida               (“semplici       sociale. Al comitato dei            alla Regione di for-nire
indicazioni”,      è        stato    sindaci è riconosciuta la           indicazioni      precise      e
sottolineato)                 che    responsabilità politica della       auspicando l’individuazione
serviranno alla definizione          realizzazione dei Pcs e             rapida di alcuni progetti su
dei Piani. Erano presenti            l’individua-zione       di   un     cui lavorare subito.
oltre    un    centinaio        di   comitato territoriale a cui         Gabriele Paolucci (Cgil)
rappresentanti degli enti            compete la realizzazione            ha riconosciuto che i Pcs
locali, delle organizzazioni         degli interventi previsti           “accrescono il livello di
sindacali e mediche, del             (secondo le priorità dei            partecipazione nelle scelte
mondo scolastico, delle              singoli territori). L’incontro      sanitarie e sociali”. Teme
realtà produttive e delle            è servito per puntualizzare         tuttavia      che      l’ampia
forze     dell’ordine,        che    la situazione, conoscere le         composizione dei comitati
hanno      riempito        l’Aula    esperienze          maturate,       territoriali              (“che
Verde della Regione. “Se             riflettere sul percorso da          coinvolgono tante realtà e
riusciremo      a      lavorare      fare.     Sono     intervenuti      tante esperienze”) possa
insieme – ha ribadito                anche       Francesco         Di    ostacolare l’individuazione
Melappioni                       –   Stanislao            (dirigente     delle priorità d’intervento,
determineremo una svolta             dell’Agenzia sanitaria re-          come anche “le non chiare
si-gnificativa nella crescita        gionale),           Giuseppe        scelte del ruolo guida”
della          partecipazione        Zuccatelli           (direttore     rilevabili nelle indicazioni
democratica                      e   dipartimento Servizi alla           proposte alla discussione.
nell’individuazio-ne        delle    Persona), Antonio Aprile            Altro “grosso problema”,
priorità      del       sistema      (direttore generale Asur)           secondo Paolucci, è la
sanitario.    La     centralità      Mario Biocca (Agenzia               questione      delle    risorse
della       programmazione           sanitaria Emilia Romagna)           economiche         disponibili,
compete alla Regione, le             e Mariella Martini (Ausl            che non vengono indicate.
decisioni al territorio. La          Reggio       Emilia)      hanno     Antonio                Aprile,
salute      non        riguarda      illustrato i contenuti del          all’opposto, apprezza “le
solamente la sanità, ma è            Pcs dei rispettivi ambiti di        linee guida soft, perché
la risultante di un insieme          com-petenza. Gli interventi         consentono di esaltare la
di scelte che vanno indivi-          ven-gono concentrati sugli          progettualità degli enti


6 dicembre 2004                                                                                 pag.   8
Marche News - N. 40                                                      Agenzia della Giunta Regionale



locali”.            Secondo          L’assessore Melappioni ha           rappresentata dal timore
Zuccatelli      “i     piani         concluso         l’incontro         che    il   territorio   non
obbligano ad ascoltare e             ribadendo “una certezze e           recepisca questa novità.
favoriscono               la         una preoccupazione. La              Le risorse, comunque, non
partecipazione.    Sono     i        certezza è che si stia              cadranno a pioggia, ma si
catalizzatori    di     una          avviando un percorso di             concentreranno su quanti
comunità      che     voglia         democrazia,              la         seguiranno             questo
esercitare un ruolo”.                preoccupazione            è         percorso”. 
Convegno sull’innovazione e società dell’informazione

Ricerca & trasferimento tecnologico
Spacca: “Gioco di squadra nel territorio per costruire nuovi poli integrati
di eccellenza. Elevare al 3 per cento le spese di ricerca delle Marche”



“L
             a          ricerca      noscenza e l’innovazione si         e      investimento        nelle
             applicata,        il    diffondono concretamente            Marche; integrazione delle
                trasferimento        con la ricerca quando un            risorse pubbliche regionali,
tecnologico e l’innovazione          intero sistema territoriale         nazionali ed europee; co-
costituiscono i motori di            è capace di fare gioco di           involgimento del sistema
sviluppo dell’occupazione            squadra:      tra      imprese,     del         credito           nel
di     qualità      e      della     università,         istituzioni,    finanziamento
competitività, soprattutto           centri di ricerca, strutture        dell’innovazione             ter-
in una regione come le               finanziare. Ciò vale anche          ritoriale; raggiungimento
Marche             fortemente        e    soprattutto        per    le   nelle       iniziative         di
specializzata              nelle     Marche”.                            dimensioni              critiche
produzioni del made in               Spacca si pone altri due            adeguate;      selezione       di
Italy”: lo ha detto il               traguardi per il prossimo           applicazioni e innovazioni
vicepresidente             della     futuro: “Dobbiamo elevare           utilizzabili nelle concrete
Regione        Gian      Mario       la quota di spesa in ricerca        realtà produttive e sociali”.
Spacca, aprendo i lavori             e sviluppo fino al 3 per            “Naturalmente - prosegue
del Convegno “Ricerca &              cento del Pil regionale, in         Spacca          -       rimane
trasferimento tecnologico”,          coerenza con gli obiettivi          prioritaria               anche
organizzato dalla Regione            europei di Lisbona, per             l’incentivazione diretta alle
presso      la    Facoltà     di     sostenere la crescita di            attività aziendali di ricerca
ingegneria di Ancona.                una      autentica       società    e                 innovazione,
“Dobbiamo fare più ricerca           regionale                   della   particolarmente utile per le
- ha spiegato Spacca - ma            conoscenza. Ma è anche              piccole imprese che hanno
soprattutto è necessario             necessario attrarre nuovi           bisogno di un sostegno
trasformare le azioni di             talenti,       cervelli         e   pubblico per sviluppare
ricerca      in    applicazioni      investimenti in strutture di        queste funzioni strategiche
utilizzabili concretamente           ricerca      nelle      Marche,     per la propria capacità
soprattutto dalle piccole            affinché             l’apertura     competitiva.
imprese, dai distretti, e            internazionale della nostra         È sempre per tale finalità
dal-l’intera         comunità        comunità non riguardi solo          che il Governo regionale
regionale”                           le produzioni, ma anche le          ha anche previsto l’utilizzo
Come fare? Per Spacca è              persone, le informazioni e          della leva        fiscale per
indispensabile un autentico          le conoscenze”.                     sostenere gli investimenti
salto      di     prospettiva:       Molteplici le linee operative       innovativi     delle     piccole
“Dobbiamo rafforzare un              di        intervento          da    imprese”. 
sistema diffuso di poli di           privilegiare,           secondo
eccellenza nelle attività di         Spacca:       “Sviluppo        di   Lo sviluppo dei distretti
ricerca     e    innovazione,        collaborazioni pro-gettuali         industriali delle Marche
puntando su reti territoriali        di                 eccellenza;
capaci di integrare le               orientamento della ricerca          Dopo l’intervento del vice
migliori            esperienze       alle esigenze dei territori e       presidente della Giunta
pubbliche e private nei              dei singoli sistemi locali;         regionale   Gian    Mario
processi di trasferimento            promozione internazionale           Spacca, che ha aperto il
tecnologico.        La      co-      delle opportunità di ricerca        convegno sull’innovazione

6 dicembre 2004                                                                                  pag.   9
Marche News - N. 40                                                         Agenzia della Giunta Regionale



te-cnologica        e      società     trasformazione             strut-    investito sulle università 6
dell’in-formazione,           sono     turale.                              milioni di euro”.
stati       sviluppati           gli   È necessario promuovere              “In     particolare        -     ha
interventi       programmati:          all’orizzonte del 2010 – ha          evidenziato Forastieri –
Valeria      Cenacchi,           in    affermato Cenacchi – una             gli       investimenti            in
rappresentanza                della    economia basata sulla co-            tecnologie digitali sono in
Direzione generale della               noscenza competitiva e               grado        di      re-alizzare
politica    regionale         della    sostenibile, che consenta            incrementi                    della
Commissione             europea;       la     creazione      di     una     produttività dei sistemi
Pietro               Marcolini,        maggiore e più qualificata           economici.
dirigente      generale         del    occupazione e una più                Queste tecnologie possono
diparti-mento                          grande coesione sociale.             fornire grandi contributi di
programmazione e bilancio              Le azioni innovative 2000 -          efficienza e di produttività,
della     Regione        Marche;       2006, finanziate con i               solo se viene sfruttato fino
Lucio               Forastieri,        Fondi strutturali (Fesr), si         in fondo il valore di
dirigente      del        servizio     sono concentrate su tre              innovazione                        e
regionale          Informatica;        assi prioritari strategici:          trasformazione”.
Paola             Bichisecchi,         innovazione       tecnologica,       “Il programma regionale
dirigente      del        servizio     società dell’informazione e          azioni innovative – ha
regionale       Industria         e    sviluppo sostenibile.                precisato Antonio Minetti
Artigianato;                Paolo      Su 156 progetti ammissi-             -    ha     come        obiettivo
Pasquini,               dirigente      bili,    139     sono       stati    generale l’incremento della
servizio               regionale       finanziati                  dalla    compe-titività        attraverso
Trasporti,       e      Antonio        Commissione e-uropea. Le             la       realizzazione            di
Minetti, dirigente Autorità            azioni             innovative,       esperienze                   pilota
ambientale regionale.                  nonostante abbiano a-vuto            finalizzate alla diffusione di
Le conclusioni sono state              una funzione dimostrativa            sistemi di gestione di
tratte           dall’assessore        importante, non saranno              qualità integrati in ambiti
regionale               Luciano        mantenute nel prossimo               produttivi      omogenei           o
Agostini.                              periodo                        di    distretti.
Le       relazioni          hanno      programmazione dei fondi             L’attivazione          di      tale
sottolineato che la crescita           strutturali”.                        programma,          nell’ambito
e lo sviluppo competitivo              “L’osservatorio      regionale       produttivo meccanico di
di un sistema economico                sull’innovazione         e      il   Fabriano e Jesi, è stata
sono       l’effetto          della    trasferimento tecnologico            svolta      in      modo         da
capacità      di     creare       e    –        ha       sottolineato       evidenziare        gli     aspetti
valorizzare                          Marcolini – è finalizzato            ambientali       legati        alla
la     conoscenza          e     le    alla realizzazione di un             specifica                tipologia
potenzialità innovative da             confronto tra domanda e              produttiva e alle criticità
parte di tutti i soggetti che          offerta di tecnologia e allo         ambientali pregresse”.
lo compongono.                         sviluppo      di      pro-getti      Paolo        Pasquini            ha
La regione Marche si trova             congiunti      di        ricerca     illustrato       i         sistemi
attualmente in una situazi-            sull’innovazione. Tale stru-         innovativi nella logistica
one complessa, tipica delle            mento è indirizzato a un             distrettuale, mentre Paola
fasi di transizione.                   maggiore coinvolgimento              Bichisecchi ha fatto una
La struttura produttiva,               delle                università      panoramica                    sulla
caratterizzata da imprese              marchigiane       visto      che     certificazione di qua-lità
di     piccole      dimensioni,        queste giocano un ruolo di           dei prodotti nelle pic-
specializzate       in      settori    interfaccia         con         il   cole e medie imprese.
tradizionali, è alla ricerca           fabbisogno delle imprese
di u-na nuova identità.                in    termini     di     ricerca     Le conclusioni
Questa la si può trovare               scientifica.           Bisogna       dell’assessore Agostini
attraverso       le      imprese       puntare                sull’alta
capaci di apprendimento,               formazione       universitaria       “Il Programma regionale di
creatività,        ricerca        e    ed è per questi motivi che           azioni innovative si è posto
innovazione, che attivino              la Regione Marche, negli             l’obiettivo di sostenere e
un               cambiamento           anni      2002-2003,          ha     accelerare il processo di
tecnologico           e        una                                          sviluppo del tessuto socio-

6 dicembre 2004                                                                                       pag.   10
Marche News - N. 40                  Agenzia della Giunta Regionale



economico         marchigiano,
secondo un approccio che
mira a valorizzare misure
sperimentali in grado di
promuovere una diffusa in-
novazione di sistema.
Possiamo esprimere un gi-
udizio            decisamente
positivo       per        quanto
riguarda qu-esta specifica
azione comunitaria.
La      limitatezza         della
dotazione finanziaria del
programma          non       può
determinare
automaticamente
cambiamenti decisivi per
la     nostra       economia;
tuttavia, lo stesso, potrà
costituire un seme, che
inserendosi in un terreno
fertile, produrrà un effetto
moltiplicatore.
Le pur limitate risorse
delle     azioni    innovative
hanno                 stimolato
esperienze avanzate delle
nostre piccole e medie
imprese. Guardiamo con
occhio attento ai fattori di
riequilibrio fra la costa e i
territori interni, per far
crescere anche in questo
ambito le innovazioni nelle
piccole e medie imprese,
volano         di        crescita
qualitativa     dell’economia
locale.
Entro il 15 maggio 2005 la
Regione Marche intende
presentare un secondo
programma,                   che
riprenderà uno dei temi
strategici     stabiliti    dalla
Commissione:           l’identità
regionale e lo sviluppo
duraturo. La Re-gione si
avvarrà,      come       per    il
precedente        programma,
del     supporto        di    un
partenariato          regionale
ampio e diffuso”. 




6 dicembre 2004                                            pag.   11
Marche News - N. 40                                                            Agenzia della Giunta Regionale



Recepiti i protocolli di intesa con il settore del commercio e della cooperazione

Apprendistato, via libera
dalla Giunta regionale
Ugo Ascoli: “Mantenuti gli impegni. Unica Regione
ad aver previsto un percorso formativo dettagliato”



D
          are           certezza       Come ha spiegato l’asses-               attuazione al Ccnl per le
          applicativa           ai     sore      al    Lavoro,        Ugo      cooperative                   di
          contratti             di     Ascoli, “siamo la prima                 distribuzione.
apprendistato                          regione          italiana          a    Gli atti deliberativi di attu-
professionalizzante nel set-           sottoscrivere un accordo in             azione            dell’accordo
tore del commercio e                   tal senso con le parti                  avranno       validità     fino
terziario, alla luce della             sociali.                                all’entrata in vigore della
nuova disciplina introdotta            Non appena approvata la                 nuova legge regionale, la
dal decreto legislativo 276            deliberazione (vedi sempre in           cui proposta di legge n.
del 2003 (legge 30). È                 terza    colonna,       N.d.R.),    i   261 è già stata approvata
questo          il         senso       contratti di apprendistato              dalla terza Com-missione
dell’accordo       firmato      in     professionalizzante              nel    consiliare, e comunque
Regione tra l’asses-sore               commercio potranno già                  non oltre il 30 giugno
alle Politiche del Lavoro,             essere validi ed efficaci”.             2005.
Ugo          Ascoli,            le     Dopo       che      il    ministro
organizzazioni          sindacali      Maroni, con una circolare               L’atto dell’esecutivo
Cgil,      Cisl        e      Uil,     apposita ha precisato che
Confcommercio,                         questo tipo di contratto di             La Giunta regionale ha
Confesercenti e le tre                 apprendistato               doveva      approvato,       nei    giorni
centrali            cooperative        essere       reso        operativo      scorsi, la deliberazione che
(Legacoop,           Agci        e     attraverso un atto delle                recepisce i contenuti delle
Confcooperative).              Un      Regioni         “la        Regione      intese.
accordo       a        carattere       Marche – ha sottolineato                L’atto della Giunta sblocca
transitorio, valido fino a             l’assessore re-gionale - si             di fatto l’applicazione dei
giugno, recepito poi con               è immediatamente attivata               contratti in questo settore,
una delibera della Giunta              per evitare il rischio che il           anche se in via transitoria,
regionale (servizio in terza           settore       terziario       fosse     in attesa dell’approvazione
colonna, N.d.R.), che ha la            privato di un importante                della legge regionale sulla
finalità specifica di evitare          contratto        a       carattere      occupazione e la tutela del
vuoti     contrattuali       che       formativo, con pos-sibili               lavoro che all’art. 17
altrimenti                             ricadute anche dal punto                regola l’apprendistato e
penalizzerebbero i giovani             di vista occupazio-nale”.               rinvia       a        delibere
da assumere nel settore                L’intesa raggiunta impegna              applicative in materia.
del commercio, in questa               la Regione a disciplinare               “Abbiamo mantenuto l’im-
contingente          fase       di     gli      aspetti         di      sua    pegno       di     approvare
passaggio tra la vecchia e             competenza                   (profili   rapidamente                  la
la nuova normativa.                    formativi...), al fine di               deliberazione        -      ha
Un’intesa che avrà validità            rendere        applica-bile         i   commentato l’assessore al
limitata nel tempo, anche              contratti collettivi nazionali          Lavoro e Formazione, Ugo
perché la nuova legge                  di lavoro firmati il 2 luglio           Ascoli - che consentirà al
regionale sull’occupazione,            da Confcommercio e le                   settore      terziario       di
tutela e qualità del lavoro,           organizzazioni di categoria             assumere giovani con un
in attesa di approvazione              di Cgil, Cisl e Uil, e il 6             contratto      ben     definito
da parte del Consiglio                 luglio da Confesercenti e               anche nella parte che
regionale,             disciplina      dalle stesse sigle sindacali;           riguarda la formazione.
compiutamente il contratto             al    fine di          dare una         Siamo infatti la prima
di              apprendistato          disciplina      omogenea           a    Regione ad aver siglato
professionalizzante in uno             tutto il settore, l’intesa              un’intesa specifica, anche
specifico articolo.                    prevede anche l’impegno                 se sperimentale, ma anche
                                       della Regione a dare                    l’unica         ad        aver
                                                                               regolamentato

6 dicembre 2004                                                                                        pag.   12
Marche News - N. 40                                                            Agenzia della Giunta Regionale



dettagliatamente i profili         materie e in relazione ai
formativi degli apprendisti.       profili professionali.
Ora                attendiamo      Complessivamente devono
l’approvazione della legge         essere almeno 120 le ore
regionale, da parte del            annue da svolgersi all’in-
Consiglio,       con     molta     terno e all’esterno dell’a-
probabilità     in    aula    a    zienda:          quest’ultima
dicembre, per poi aprire           formazione      in   quantità
un ampio confronto con             prevalente, nell’ambito di
tutte le parti sociali in          strutture accreditate già
materia di apprendistato,          esistenti. 
così      come         previsto
                                     www.my.marche.it
anche nella proposta di             La web TV della Regione
legge n. 261”.                      CULTURA
Si ricorda che l’accordo fir-       Presentata in conferenza stampa in Regione
mato con le parti sociali,
alla luce della          nuova
                                    La nuova stagione sinfonica
disciplina introdotta dal           dell’Orchestra filarmonica marchigiana
decreto legislativo 276 del         Dal 10 dicembre, “Verso Mozart”, per conoscere tutti
2003 (legge 30), è valido           gli aspetti del grande compositore
fino a giugno.
Il ministro Maroni, con             “Verso Mozart” è il titolo della stagione sinfonica 2004-2005
una circolare apposita,             dell‟Orchestra filarmonica marchigiana che aprirà il 10 dicembre al
aveva      precisato        che     “Pergolesi” di Jesi e l‟11 dicembre alle “Muse” di Ancona. Il concerto
questo tipo di contratto di         di apertura , con la direzione di Woldemar Nelsson, ha in un
apprendistato           doveva      programma Verdi, Chopin e Ciajkovskij.
essere     reso      operativo      “Una stagione – ha sottolineato il presidente della Fondazione FORM,
                                    Giovanni Mantovani, nel corso della conferenza stampa di
attraverso un atto delle            presentazione, tenutasi nella sede della Regione – progettata e
Regioni che le Marche,              organizzata con forte impegno e nel rispetto dei tempi previsti, che ha
appunto, hanno definito             voluto proporre per la prima volta un‟offerta integrata di lirica e
proceduralmente con la              sinfonica”.
deliberazione adottata.             “Un ringraziamento particolare a tutti gli enti e le istituzioni che ci
                                    sostengono e con i quali abbiamo ottimi rapporti di collaborazione – ha
La finalità è quella di evi-
                                    proseguito- ma in particolare alla Regione Marche per la sensibilità nei
tare vuoti contrattuali che         nostri confronti e l‟onere notevole che si è assunta”.
altrimenti                          Nazareno Re , portavoce del presidente della Regione, Vito
penalizzerebbero i giovani          D’Ambrosio, ha messo in evidenza come “ dopo tante conferenze
da assumere nel settore             stampe per le stagioni dell‟OFM, quest‟anno si possa parlare
terziario in qu-esta fase di        finalmente solo di musica e arte, e non anche di ricerca di risorse
                                    finanziarie”.
passaggio tra la vecchia e
                                    “A differenza di altre regioni - ha proseguito Re - dove le Orchestre
la nuova normativa.                 regionali sono quasi imposte agli enti teatrali, nelle Marche l‟OFM è
In       particolare,        nel    ricercata come partner di sviluppo delle attività culturali dai diversi enti
documento allegato alla             che vi collaborano.
deliberazione             viene     Infatti, insieme ad altri soggetti, l‟Orchestra filarmonica marchigiana è
previsto      un      percorso      diventata un perno di quello che si può chiamare davvero Sistema
                                    musicale, nel concetto più armonico della parola. Non sistema come
formativo         trasve-rsale      sinonimo abusato per nascondere una razionalizzazione di risorse
comune a tutte le figure            umane ed economiche, ma come significato di integrazione e
professionali di settore,           partecipazione attiva, per contribuire a creare un circuito virtuoso della
articolato su quattro aree:         Musica”.
1. competenze relazionali,          “La dedica a Mozart - ha spiegato Fabio Tiberi, direttore generale
2. organizzazione ed eco-           artistico dell‟Orchestra - significa un avvicinamento al 2006, quando le
                                    celebrazioni per il 250° della nascita di Mozart saranno al culmine. Noi
    nomia,                          abbiamo voluto evidenziare e anticipare altri aspetti del grande
3. disciplina del rapporto          compositore di Salisburgo: non solo l‟esecuzione di brani, ma dare la
    di lavoro,                      visione di un Mozart innovatore, cerniera tra passato e futuro, virtuoso
4. sicurezza sul lavoro.            talento giovanile e modello per Bruckner, lo stesso Ciajkovskij,
Ulteriore    formazione       è     Beethoven, Mahler e molti altri.
                                    “Il nucleo centrale della stagione - ha continuato Tiberi - da fine
richiesta     in     specifiche
                                    gennaio, con un concerto per la Giornata della Memoria, in cui spicca
                                    tra l‟altro “A survivor from Warsaw” di Schonberg, a Pasqua con il
                                    Requiem di Mozart, vede come protagonista (oltre a Gustav Kuhn
                                    che dirigerà Strauss e Mahler in aprile) un grande maestro direttore
6 dicembre 2004                     d‟orchestra: Woldemar Nelsson, russo di nascita e tedesco                pag.   13
                                    d‟adozione, che nessuno poteva credere avesse scelto di vivere da
                                    anni a Piticchio di Arcevia”.
                                    Per la stagione 2004-2005 è stata privilegiata la scelta per lo più di
Marche News - N. 40                                                       Agenzia della Giunta Regionale




Convenzione Regione Marche - Arpam

Controllo integrato sulle
attività della Raffineria api
Quattro nuove figure professionali per potenziare l’agenzia



N
          ei giorni scorsi è         nell’ambito                  della
          stata firmata la           collaborazione         tra    Re-    Schema di sviluppo
          convenzione tra la         gione, Arpam, Direzione in-          strategico per la
Regione Marche, per il               terregionale dei Vigili del          riconversione
tramite dell’Autorità ambi-          Fuoco      ed      Enti     locali
                                                                          dell’area api
entale, e l’Arpam per l’at-          interessati,         nell’ambito
tuazione       del     controllo
integrato della Raffineria
                                     appunto delle competenze
                                     del Ctr.
                                                                          C       ome prevedono gli accordi
                                                                                  istituzionali fra Regione
                                                                                  Marche, Provincia di Ancona
api. Viene quindi data               L’Arpam          ha        quindi    e Comune di Falconara Marittima, e
concreta applicazione alle           individuato quattro figure           nel quadro di un‟imminente
decisioni       prese       dalla    professionali, di cui due            precisazione del protocollo d‟intesa
                                                                          da esse recentemente firmato, sono
Giunta regio-nale con DGR            con                       elevata    stati convocati, dall‟assessore
n. 1041 del 21 settembre             specializzazione                ed   all‟Ambiente Marco Amagliani,
2004       in     merito       al    esperienza                   nella   presenti l‟assessore all‟Ambiente
potenziamento               della    valutazione integrata del            della Provincia di Ancona Patrizia
                                                                          Casagrande e gli assessori
struttura dell’Agenzia regi-         rischio industriale, nella           Giancarlo Scortichini e Fausto
onale per la protezione am-          progettazi-one e gestione            Api del Comune di Falconara
bientale delle Marche per            di      impianti          chimici    Marittima, i membri del gruppo di
gli adempimenti connessi             complessi, in particolare            lavoro per la redazione dello
                                                                          “Schema di sviluppo strategico
al controllo integrato dello         quelli      petrolchimici        e   alternativo dell‟area api”, secondo
stabilimento industriale.            nell’attuazione delle nor-           quanto disposto con la risoluzione
In particolare la Giunta             mative sulla sicurezza (Se-          del Consiglio regionale del 15
regionale, soprattutto alla          veso bis, antincendio, 626,          settembre 2004. Gli esperti
                                                                          elaboreranno una relazione tecnica
lu-ce            dell’incidente      ecc.).                               multidisciplinare volta a definire
verificatosi l’8 settembre           Il nuovo personale Arpam,            contributi per uno o più percorsi di
scorso, a-veva deliberato            già selezionato, procederà,          sviluppo alternativi rispetto agli
di        potenziare           le    in collaborazione con le             attuali assetti economico-territoriali.
                                                                          Lo studio sarà svolto a contatto
competenti            strutture      altre strutture esistenti,           permanente con le strutture
dell’Arpam       per      l’attu-    alla            individuazione,      politiche e tecniche della Regione e
azione di un sistema                 attuazione         e      verifica   avrà una prevalente connotazione
integrato di controlli della         periodica        di      specifici   di fattibilità economica e sociale sul
                                                                          medio-lungo termine, soprattutto
Raffineria,                  con     programmi di lavoro in               alla salvaguardia dell‟occupazione.
un’attenzione       particolare      materia         di      controllo    In particolare terrà conto di casi
sia alla verifica del pieno          integrato della Raffineria,          nazionali e internazionali di
rispetto       del      sistema      nonché                        con    riconversione di impianti industriali
                                                                          complessi, delle prospettive di
prescrittivo individuato in          l’organizzazione                 e
                                                                          sviluppo dell‟economia regionale,
sede di rinnovo della                l’intensificazione           delle   delle dinamiche del mercato
concessione         petrolifera      verifiche        dell’attuazione     petrolifero e delle prospettive più
(giugno 2003), che delle             delle     prescrizioni       della   avanzate in materia energetica.
                                                                          Tutti gli elaborati terranno conto del
attività istruttorie in cor-so       Concessi-one         petrolifera.
                                                                          Piano energetico ambientale
presso il Comitato tecnico           Infine fornirà il supporto           regionale (Pear) e degli studi
regionale (Ctr) sul Rap-             tecnico      ai     componenti       articolati già prodotti dalla Regione
porto di sicurezza api 2004.         Arpam e Regi-one Marche              Marche per il tramite di Arpam,
Occorre sottolineare che le          del    Ctr      per      qu-anto     Enea e Svim in materia ambientale,
                                                                          della sicurezza integrata, nonché
attività      connesse         al    riguarda         le       attività   delle previsioni e delle proposte
sistema       integrato       dei    istruttorie sul Rapporto di          urbanistiche e territoriali e del
controlli si svolgeranno             sicurezza api 2004.                marcato del lavoro locale nella sua


6 dicembre 2004                                                                                        pag.   14
Marche News - N. 40                                                               Agenzia della Giunta Regionale



specifica connotazione                 Giovanni Marsili primo ricercatore         Ronchi, Gianni Silvestrini direttore
occupazionale. Il gruppo di dieci      all‟Istituto superiore di sanità, l‟avv.   scientifico di Kyoto Club e l‟ex
esperti sarà coordinato da Vinicio     Sergio Morichi di Ernst e Young, il        ministro del Lavoro Tiziano Treu. I
Bottacchiari, direttore generale di    prof. Stefano Pareglio                     termini per la consegna dello
Sviluppumbria s.p.a. e comprende il    dell‟Università Cattolica, il prof.        schema completo dell‟elabo-razione
Magnifico Rettore dell‟Università di   Fabio Polonara dell‟Università             sono stati fissati entro il prossimo
Ferrara Patrizio Bianchi, Walter       Politecnica delle Marche, l‟ex             mese di febbraio. 
Ganapini di Macroscopio s.p.a.,        ministro dell‟Ambien-te Edo
Raccolta differenziata

Comuni ricicloni 2004: Mergo, Camerano,
Macerata, Montefano i più virtuosi
Amagliani: “Un dato incoraggiante, ma l’obiettivo
prioritario resta la riduzione dei rifiuti”



M
                          ergo,        comune di Ostra che ha                     intorno ai 400 chili l’anno
                   Camerano,           ridotto considerevolmente                  per ogni abitante: “Un
                     Macerata,         la produzione dei consumi.                 dato ancora troppo elevato
Montefano: sono questi i               Mergo (con il 37,8 per                     che, se non ridotto, rischia
Comuni delle Marche che                cento) e Camerano (con il                  di inficiare - ha precisato
si    sono      maggiormente           35,6%), infine, sono le                    – qualsiasi politica di
distinti      nella     raccolta       sole amministrazioni ad                    recupero e di smaltimento
differenziata dei rifiuti, con         aver raggiunto e sfondato                  dei rifiuti”.
indici compresi tra il 37,8            la so-glia del 35 per cento                Ma per il raggiungimento
e il 32,2 per cento. È                 prevista       dal       decreto           degli obiettivi prefissati oc-
quanto         risulta     dalla       Ronchi                                     corre anche – è stato
seconda         edizione     del       già per l’anno 2003.                       sottolineato – dotare tutto
premio “Comuni ricicloni”,             I    risultati    dell’indagine            il                     territorio
organizzato                dalla       sono     stati     commentati              dell’impiantistica
Legambiente regionale in               positivamente                              necessaria,       superare      il
collaborazione         con    la       dall’assessore         regionale           ritardo dei comuni nella
Regione Marche e con                   all’Ambiente,             Marco            formazione dei consorzi
l’Arpam, Agenzia regionale             Amagliani: “Negli ultimi                   previsti      dalla        legge
per         la       protezione        anni c’è stato un au-mento                 regionale:         attualmente
dell’ambiente. Secondo i               significativo della raccolta               nelle Marche opera un solo
dati della ricerca condotta            differenziata,              basti          consorzio, il Con.sma.ri, in
sui 136 comuni della                   pensare che nel ’96 il dato                provincia di Macerata al
regione che hanno aderito              della raccolta differenziata               quale       aderiscono         57
all’iniziativa, Mergo, con il          era appena del 3,5 per                     comuni; due consorzi sono
24,7 per cento, è il                   cento, mentre oggi siamo                   in fase di formazione in
comune con il più elevato              al 20 per cento. Questo                    provincia       di     Ancona,
valore di raccolta della               dimostra l’efficacia della                 mentre nelle province di
carta,         seguito       da        politica sinora perseguita                 Ascoli e di Pesaro e
Castorano, Macerata e                  dal governo regionale. Ma                  Urbino manca del tutto
Camerino; per quanto                   gli     obiettivi       prioritari         qualsiasi             strut-tura
riguarda la raccolta di                restano il raggiungimento                  consortile.        Un      netto
vetro e alluminio al primo             del 35 per cento stabilito                 miglioramento nella rac-
posto risultano Poggio                 dal      decreto        Ronchi,            colta dei rifiuti si otterrà
San Marcello (11,7 per                 mediante                        la         anche       dal     passaggio,
cento),        Montelupone,            sensibilizzazione              dei         previsto per il prossimo
Potenza           Picena       e       cittadini     e     l’incoraggi-           anno, dall’attuale regime
Macerata, mentre per                   amento degli enti locali a                 di tassazione basato sulla
plastica e per i rifiuti               uscire       dalla       pigrizia          su-perficie delle abitazioni
organici in pole position              amministrativa,          e      la         a quello incentrato sul
sono Camerano (18,8 per                riduzione dei quantitativi                 quantitativo        di     rifiuti
cento), Potenza Picena,                dei rifiuti prodotti.”.                    effettivamente prodotti.
Montelupone                  ed        Quantitativi che, in base                  Per Luigi Quarchioni,
Esanatoglia. Una menzi-                alle statistiche ufficiali,                presidente                  della
one speciale, inoltre, per il          nelle Marche si aggirano                   Legambiente Marche la

6 dicembre 2004                                                                                              pag.   15
Marche News - N. 40                                                                  Agenzia della Giunta Regionale



ricerca      evidenzia alcuni         di raccolta e verifica dei
elementi positivi, come               dati interna all’Agenzia, di
l’incremento medio del 5              garantire   un     adeguato
per cento nella raccolta dei          supporto            tecnico-
rifiuti    rispetto      all’anno     scientifico   ai    comuni,
scorso; ma il dato medio              specie quelli più piccoli,
del 20 per cento resta                organizzando      corsi   di
ancora molto al di sotto di           formazione        per      il
quello delle regioni più              personale che si occupa
avanzate del Nord.                    della gestione dei rifiuti.
“Siamo orgogliosi dell’ini-           
ziativa – ha commentato               PRESIDENZA
Marco           Francalancia,         Delegazione in Brasile
della            Legambiente,         Una delegazione della Regione Marche,
                                      guidata dal presidente della Giunta, Vito
curatore della ricerca - ma           D’Ambrosio, si è recata in Brasile. Ne
non va dimenticato che                hanno fatto parte l’assessore Ugo
                                      Ascoli, il consigliere regionale Guido
gran      parte      di    piccoli    Castelli e i dirigenti Fabrizio Costa e
comuni non ha ancora                  Marco Bellardi. La delegazione
                                      marchigiana si è congiunta, in Brasile
raggiunto al soglia del 10            con quelle delle Regioni Umbria,
per cento della raccolta              Toscana ed Emilia Romagna. Le
                                      rappresentanze delle quattro regioni
differenziata”.                       sono state impegnate in convegni e
Soddisfatto                Carlo      incontri con i massimi vertici politici;
                                      iniziative organizzate per dare
Migliorelli,          assessore       concretezza agli accordi di
                                      collaborazione firmati nell’estate scorsa
all’Ambi-ente                della    a Roma presso l’ambasciata del Brasile.
Provincia di Macerata, la             Il progetto sottoscritto il 1° luglio 2004
più virtuosa delle Marche             prevede un percorso di collaborazione
                                      per l’implementazione di politiche di
in      base      ai     risultati    sviluppo locale integrato tra le Regioni
dell’indagine. “I dati sono           italiane e quelle di cinque territori
                                      brasiliani selezionati: area di Manaus
molto buoni rispetto allo             (AM), Serra de Capivara (PI), Area di Juiz
scenario non solo                   de Fora (MG), Assi Pelotas-Bagé (RS) e
                                      Rio Claro-Piracicabada (SP). In
regionale, ma anche nazi-             particolare il progetto mira ad introdurre
                                         Presentato lo studio
                                      in Brasile, nell’arco di un triennio, le
onale:          merito         del
Con.sma.ri che ha favorito              “Rete ecologica marchigiana”
                                      esperienze italiane nelle politiche di
                                      sviluppo locale; è prevista la formazione
                                      di 200 dirigenti e tecnici delle varie sfere
la      pianificazione       della      Una nuova sfida per conservare la natura
                                      governative. 
raccolta differenziata. Gli
obiettivi                    sono       Presentato ad Ancona lo studio sulla “Rete ecologica marchigiana”
l’incentivazio-ne            della
                                        realizzato dal WWF Italia per la Regione Marche, che ha per
raccolta “porta a porta”,               obiettivo quello di mettere in relazione le aree protette con il resto del
progetto già avviato nel                territorio. In particolare la Rete rappresenta uno strumento per l‟avvio
centro storico di Macerata              di un progetto di tutela della biodiversità nelle Marche, individuando
per quanto riguarda i rifiuti           nelle aree di maggior interesse naturalistico e di maggior valenza,
organici, la riduzione dei              corridoi ecologici e punti caldi di biodiversità. L‟assessore regionale
rifiuti    prodotti      con     il     all‟Ambiente, Marco Amagliani, e il responsabile del WWF Italia per
riutilizzo,     ad      esempio,        il programma Mediterraneo, Franco Ferroni, hanno illustrato alla
degli imballaggi ri-ciclabili,          stampa i risultati ottenuti.
                                        In sostanza il lavoro si è sviluppato incrociando e sintetizzando le
dei cosiddetti “vu-oti a
                                        informazioni più attendibili, sulla base di banche-dati e cartografie
perdere” - bottiglie di                 reperite ed elaborate con sistemi GIS (Geografic Information
vetro e lattine - attuando              System).
una politica basata su un               In tal modo sono state individuate le aree potenzialmente ricche di
modello di sviluppo che                 biodiversità (“core-areas”) prodotte dalla sovrapposizione
contrasti decisamente la                informatizzata di carte che per le specie animali fanno riferimento ai
dannosa         pratica      della      modelli di idoneità ambientale dei vertebrati. Intorno a queste aree di
termovalorizzazione”.                   presumibile rilevanza biologica, sono state descritte zone di
                                        maggiore biopermeabilità (potenziali aree di protezione e potenziali
Gisberto                Paoloni,
                                        corridoi ecologici).
direttore               generale        Le aree a maggior biodiversità sono localizzate prevalentemente
dell’Arpam, ha sottolineato             lungo le due dorsali montuose dell‟Appennino e nelle aree collinari
l’esigenza di migliorare il             interne della Provincia di Pesaro e Urbino e di Ascoli Piceno.
catasto dei rifiuti, struttura          In concomitanza con la Rete ecologica, la Regione Marche ha dato il
                                        via al programma di monitoraggio di aree-pilota SIC (siti di interesse
                                        comunitario) e ZPS (zone di protezione speciale della fauna),
6 dicembre 2004                                                                                              pag. 16
                                        investendo circa 140.000 euro.
                                        “Il progetto - ha sottolineato Amagliani - è stato svolto con una
                                        puntuale e attenta attività informativa e pone le Marche come una
                                        regione all‟avanguardia per la realizzazione della rete ecologica,

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Stats:
views:8
posted:5/25/2010
language:Italian
pages:16