INDIVIDUATI GLI “AUTOCARRI” EQUIPARATI ALLE AUTOVETTURE

Document Sample
INDIVIDUATI GLI “AUTOCARRI” EQUIPARATI ALLE AUTOVETTURE Powered By Docstoc
					INDIVIDUATI GLI “AUTOCARRI” EQUIPARATI ALLE AUTOVETTURE

Riferimenti:   Art. 35, comma 11, DL n. 223/2006 convertito dalla Legge n. 248/2006
               Provvedimento Agenzia Entrate 6.12.2006


Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha emanato l’apposito Provvedimento in base al quale è
possibile individuare se un veicolo “adattato”, che consente il trasporto di persone, viene
equiparato fiscalmente ad un’autovettura, con applicazione delle limitazioni previste ai fini IVA e
imposte dirette.

Nell’ambito delle misure antielusive contenute nella Manovra correttiva, l’art. 35, comma 11, DL n.
223/2006 prevede che:
   “Al fine di contrastare gli abusi delle disposizioni fiscali disciplinanti il settore dei veicoli, con
   provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate, sentito il Dipartimento per i trasporti
   terrestri del Ministero dei trasporti, sono individuati i veicoli che, a prescindere dalla
   categoria di omologazione, risultano da adattamenti che non ne impediscono l'utilizzo
   per il trasporto privato di persone. I suddetti veicoli devono essere assoggettati al regime
   proprio degli autoveicoli di cui al comma 1, lettera b), dell'articolo 164 del testo unico delle
   imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.
   917, ai fini delle imposte dirette, e al comma 1, lettera c), dell'articolo 19-bis1 del decreto del
   Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, ai fini dell'imposta sul valore aggiunto.”
Ora l’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento 6.12.2006 specifica che rientrano nella citata
previsione i veicoli che, pur immatricolati o reimmatricolati come N1 (autocarri), abbiano:
– – codice di carrozzeria F0 (effe zero);
– – 4 o più posti;
– – un rapporto tra la potenza del motore espressa in kW e la portata del veicolo, ottenuta
   quale differenza tra la massa complessiva e la tara, espressa in tonnellate, uguale o
   superiore a 180.
La verifica del rapporto potenza/portata risulta pertanto dalla seguente formula:
                                                 Pt (kW)
                                                Mc – T (t)
dove:
Pt      è la potenza del motore espressa in kW
Mc      è la massa complessiva
T       è la tara

Se il risultato è inferiore o uguale a 180                  Non si applicano le limitazioni IVA e
                                                             II.DD. previste per le autovetture
Se il risultato è superiore a 180                           Si applicano le limitazioni IVA e II.DD.
                                                             previste per le autovetture

I dati per individuare i veicoli interessati dal Provvedimento in esame possono essere desunti
dalla carta di circolazione del veicolo (mod. MC820F) come evidenziato:

                             Dati                 Riferimento carta di circolazione
                   Categoria del veicolo        (J)                         N1
                   Codice carrozzeria           (J.2)                       F0
                   Numero posti                 (S.1)                     4 o più

Per poter determinare il citato rapporto i dati, desumibili sempre dalla carta di circolazione, sono
così individuati:
                    Potenza motore (Pt)                        (P.2)
                    Massa complessiva (Mc)                     (F.2)
                                                pagina 3 della carta di circolazione
                    Tara (T)                    (può essere definita anche come
                                                “massa a vuoto”)

  N.B.   In alcuni casi si è riscontrato che a pagina 3 della carta di circolazione viene riportata
         direttamente la portata del veicolo.

Qualora la carta di circolazione sia redatta sugli stampati di tipo “vecchio” (mod. MC804F) i predetti
dati sono indicati distintamente a pagina 2.
                    Veicolo marca Renault, modello Megane SW 1,9 Cdi, immatricolato come
 Esempio 1          “autocarro per trasporto di cose - uso proprio”.
                    Dalla carta di circolazione risulta:
                    Categoria del veicolo                                                                   (
                    Codice carrozzeria                                                                   (le
                    Numero posti
                    Potenza motore                                                                       (let
                    Massa complessiva                                                                    (le
                    Massa a vuoto

                    Il rapporto potenza/portata è pari a 96 / (1,890 – 1,350) = 96 / 0,540 = 177,77
                    Essendo 177,77 < 180 il veicolo in esame non è equiparato fiscalmente ad
                    un’autovettura.

                    Veicolo marca Hyundai, modello Santa Fe, immatricolato come “autocarro per
 Esempio 2          trasporto di cose - uso proprio”.
                    Dalla carta di circolazione risulta:
                    Categoria del veicolo                                                                   (
                    Codice carrozzeria                                                                   (le
                    Numero posti
                    Potenza motore                                                                       (let
                    Massa complessiva                                                                    (le

                    Essendo indicata direttamente la Portata pari a kg 587 (0,587 t) il rapporto
                    potenza/portata è pari a 82,50 / 0,587 = 140,54
                    Essendo 140,54 < 180 il veicolo in esame non è equiparato fiscalmente ad
                    un’autovettura.
                    Veicolo marca Renault, mod. Espace, immatricolato come “autocarro per
 Esempio 3          trasporto di cose - uso proprio”.
                    Dalla carta di circolazione risulta:
                    Categoria del veicolo                                                                   (
                    Codice carrozzeria                                                                   (le
                    Numero posti
                    Potenza motore                                                                       (let
                    Massa complessiva                                                                    (le

                    Essendo indicata direttamente la Portata pari a kg 705 (0,705 t) il rapporto
                    potenza/portata è pari a 110 / 0,705 = 156,02
                    Essendo 156,02 < 180 il veicolo in esame non è equiparato fiscalmente ad
                    un’autovettura.
                    Veicolo marca Suzuki, mod. Grand Vitara, immatricolato come “autocarro per
  Esempio 4         trasporto di cose - uso proprio”.
                    Dalla carta di circolazione risulta:
                    Categoria del veicolo                                                                               (
                    Codice carrozzeria                                                                               (le
                    Numero posti
                    Potenza motore                                                                                   (let
                    Massa complessiva                                                                                (le

                    Essendo indicata direttamente la Portata pari a kg 415 (0,415 t) il rapporto
                    potenza/portata è pari a 80 / 0,415 = 192,77
                    Essendo 192,77 > 180 il veicolo in esame è equiparato fiscalmente ad
                    un’autovettura.
Il Provvedimento in esame precisa infine che potranno essere emanati successive disposizioni
finalizzate ad individuare i veicoli:
– –       ai quali non è applicabile il Provvedimento 6.12.2006, nei casi in cui comunque non
    consentono il trasporto privato di persone;
– –      ai quali si estende l’applicazione del Provvedimento 6.12.2006, anche se non rientrano
    nei parametri previsti dal medesimo Provvedimento, nei casi in cui comunque consentono il
    trasporto privato di persone.


                                           RIFLESSI APPLICATIVI

Avendo riscontrato che il veicolo soddisfa le condizioni sopra esaminate allo stesso sono applicabili le
limitazione previste:
– –       dall’art. 164, comma 1, lett. b), TUIR ai fini delle imposte dirette;
– –       dall’art. 19-bis1, lett. c) e d), DPR n. 633/72 ai fini IVA.

LIMITAZIONI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE
Essendo equiparata ad un’autovettura devono essere applicate le nuove limitazioni introdotte dal DL n.
262/2006 (Informativa SEAC 1.12.2006, n. 276). Così, ad esempio con riferimento ad un autocarro utilizzato
da un’impresa edile non si potrà dedurre alcunché.

LIMITAZIONI AI FINI IVA
In ambito IVA, tenendo conto della Sentenza UE che ha ritenuto illegittimo il regime di indetraibilità di cui
all’art. 19-bis1, lett. c) e d), DPR n. 633/72, a decorrere dal 14.9.2006 per la detrazione dell’IVA a credito per
le autovetture va verificata l’inerenza del veicolo.
Tuttavia, considerato che anteriormente all’emanazione del Provvedimento in esame, il soggetto interessato
doveva comunque valutare l’inerenza dell’autocarro, di fatto ora, ancorché sia equiparato ad
un’autovettura, si dovrebbe continuare a detrarre l’IVA nella stessa misura adottata in precedenza.

DECORRENZA
Sia l’art. 35, comma 11, DL n. 223/2006 che il Provvedimento 6.12.2006 non dispongono nulla in
termini di decorrenza delle nuove disposizioni.
A tal fine si potrebbe ipotizzare che gli effetti ai fini IVA siano applicabili agli acquisti effettuati dal
6.12.2006, mentre gli effetti ai fini delle imposte dirette siano applicabili dal 2006. Sul punto è
auspicabile un intervento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

				
DOCUMENT INFO