Documento buona causa Associazione Integrazione

Document Sample
Documento buona causa Associazione Integrazione Powered By Docstoc
					             INTEGRAZIONE - ONLUS
             Associazione per l’integrazione scolastica, la riabilitazione e l’inserimento sociale dei minori disabili
             Presso Municipio, Piazza del Popolo, 1 - 36030 VILLAVERLA (VI)
             Fax: 0445/350224
             Presidente Maria Rita Dal Molin (Villaverla) - tel. 0445/855671
             cell. 338/9355000 e-mail integrazionepetaloazzurro@yahoo.it
             Iscrizione Albo Regionale del Volontariato N. VI 0403
             C.F. 93017310249




MISSION

L‟Associazione Integrazione è un‟organizzazione non lucrativa di utilità sociale,
che si occupa di integrazione scolastica e sociale di minori disabili.


LA NOSTRA STORIA

    Nata dall‟esigenza di alcuni genitori della provincia di Vicenza che
     credevano nella necessità di dar vita ad una nuova Associazione di non
     soli genitori che si occupasse dell‟integrazione scolastica e sociale dei
     minori disabili, ipotizzando logisticamente il Comune di Villaverla quale
     sede strategica per l‟ambito provinciale sia per il coinvolgimento
     dell‟Assessore ai Servizi Sociali del Comune Maria Grazia Bettale, nonchè
     per la sensibilità che questa Amministrazione, allora guidata dal
     compianto Sindaco Maria Elisabetta De Toni “Lisa”, ha sempre dimostrato
     nei confronti dei più deboli.
    L‟Associazione INTEGRAZIONE si è costituita il 12 febbraio 2000 con otto
     genitori della provincia e un assessore ai servizi sociali (più precisamente
     del Comune di Villaverla).
    Promuove l‟informazione e il dialogo tra tutte le persone che ruotano
     attorno ai minori diversamente abili ed ai loro progetti di vita.
     L‟intento è di partecipare il positivo che esiste in ciascuna istituzione che
     molto spesso non viene reso pubblico; mettere in rete quanto si
     raccoglie, al fine di suscitare nuove motivazioni in tutti per alimentare il
     dialogo fra le parti.
    Iscritta all‟Albo Regionale del Volontariato al numero VI0403 e all‟Albo
     delle Associazioni di Volontariato del Comune di Villaverla.
    L‟Associazione Integrazione opera nell‟ambito della Provincia di Vicenza
     e, per il raggiungimento degli obiettivi, svolge diverse attività

Attività dell’Associazione:
       organizzazione di iniziative di dibattito, formazione e informazione sui
        temi legati alla disabilità, in costante dialogo e collaborazione con
        tutte le associazioni locali, che a diverso titolo si interessano di disabili
        e con le più significative associazioni e comitati a livello nazionale;
       redazione di un foglio informativo “Il Petalo Azzurro”. Nasce come
        supplemento alla Rivista Handicap e Scuola a cura del Comitato per
        l‟Integrazione Scolastica degli Handicappati di Torino. Il foglio
       vorrebbe proporsi come una sorta di Tavola Rotonda permanente tra
       tutti gli interessati, che possono partecipare i propri articoli o lettere.
       Viene stampato in 5.000 copie e distribuito ai soci dell‟associazione, ai
       genitori di bambini disabili, alle scuole, agli enti locali, alle ULSS, alle
       unità riabilitative pediatriche della Provincia di Vicenza, oltre alle
       associazioni di volontariato ed a tutte le agenzie educative della
       nostra Provincia che lo richiedono nonché a quanti ne facciano
       esplicita richiesta. Il Foglio nasce con l‟intento di offrire le esperienze
       più significative raccolte dal panorama nazionale ed internazionale, le
       disposizioni legislative, nonchè le esperienze positive locali di genitori,
       insegnanti, riabilitatori, amministratori.
       Il Petalo Azzurro costituisce la massima espressione dell‟Associazione.
      Disponibilità a proporre o a partecipare qualsiasi attività attinente
       l‟integrazione scolastica e sociale dei minori diversabili.
      Progetto       di formazione “Pedagogia dei Genitori” finalizzato
       all‟interazione fra più soggetti (genitori, operatori, insegnanti)
       attraverso momenti di informazione e confronto che, chiarendo e
       valorizzando i singoli ruoli, valorizzino e diffondano l‟importanza
       dell‟intervento educativo familiare.

        L’obiettivo generale del Percorso del progetto consiste nel:

         Valorizzare la Pedagogia della famiglia a supporto dell‟integrazione
          scolastica e sociale;
         Sottolineare e diffondere la dignità dell‟azione pedagogica dei
          genitori come educatori esperti;
         Invitare operatori scolastici e sanitari a considerare l‟importanza del
          coinvolgimento dei familiari nella predisposizione dei singoli piani
          educativi individualizzati;
         Condividere tra più soggetti, nel rispetto reciproco dei ruoli, una
          linea educativa unitaria e finalizzata al raggiungimento di un
          benessere psico-fisico del bambino disabile e contemporaneamente
          anche del gruppo classe.

dove trovarci:

   Ogni primo martedì del mese alle ore 20,45 ci incontriamo presso la Sala
    Consiliare del Comune di Villaverla per degli incontri a tema, ma
    soprattutto per ascoltare le persone che si avvicinano per la prima volta
    alla nostra realtà.

   Attualmente siamo in 126 Soci, trai quali anche alcune amministrazioni
    comunali: Comune di Calvene, Comune di Carrè, Comune di Fara
    Vicentino, Comune di Lugo Vicentino, Comune di Marano Vicentino,
    Comune di Santorso, Comune di Schio, Assessore ai Servizi Sociali del
    Comune di Thiene, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Sarcedo,
    Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Villaverla. Tra gli aderenti
    anche la FISM (Federazione Italiana Scuola Materna) sezione di Vicenza,
    la Scuola Materna Bambino Gesù di Villaverla, la Fondazione Famiglia
    “Filippi” di Villaverla e l‟Istituto Comprensivo Statale di Sarego.
    Per comunicare con noi, non è necessario essere soci; per raggiungerci
     potete utilizzare la nostra e-mail integrazionepetaloazzurro@yahoo.it
     oppure inviando un fax al Comune di Villaverla al numero 0445/350224 o
     telefonando presso l‟abitazione dell‟attuale Presidente Dal Molin Maria
     Rita 0445/855671 - cell. 338/9355000

Come aderire:

    Versando la quota associativa di € 25,00 a mezzo bollettino postale al
     numero di c/c postale intestato all‟Associazione Integrazione di Villaverla
     n. 20675302 , o direttamente in Associazione.


I percorsi fatti ad oggi:

      Il Foglio Informativo “Il Petalo Azzurro”
            già uscito con i primi 5 numeri:
          1. Supplemento al n. 91 Maggio Giugno 2000 di “Handicap & Scuola”
             Direttore Responsabile: Mario Tortello
          2. Supplemento al n. 94 Novembre Dicembre 2000 di “Handicap &
             Scuola” - Direttore Responsabile: Mario Tortello
          3. Supplemento al n. 97 Maggio Giugno 2001 di “Handicap & Scuola”
             Direttore Responsabile: Mario Tortello
          4. Supplemento al n. 101 Gennaio Febbraio 2002 di “Handicap &
             Scuola” – Direttore Responsabile: Bruna Rossetto Giaccherino
          5. Supplemento al n. 107 Gennaio Febbraio 2003 di “Handicap &
             Scuola” – Direttore Responsabile: Bruna Rossetto Giaccherino


          Incontri promossi dall’Associazione per l’integrazione scolastica:


                   Incontrarsi per capirsi – 6 novembre 2001 a Villaverla
                   Problemi Scuola – 5 aprile 2002 a Villaverla
                   Problemi per l‟integrazione scolastica anno 2002/2003
                    10 dicembre p.v.


      IL Progetto “La Pedagogia dei Genitori”:

      15 dicembre 2001 Convegno “La Pedagogia dei Genitori”, si è
       svolto nella Sala del Cinema Parrocchiale “Card. Elia Dalla Costa” di
       Villaverla, moderato dal Dott. Sante Bressan Dirigente dei Servizi Sociali
       Regione Veneto, con il patrocinio della Regione Veneto, la Provincia di
       Vicenza, l‟Unione dei Comuni, il Comune di Villaverla, l‟Ulss 4 “Alto
       Vicentino”, il CSA di Vicenza (ex Provveditorato) il Centro di Servizio per
       il Volontariato e il Comitato Handicap & Scuola di Torino
        per una valorizzazione delle competenze educative dei genitori
        perché la famiglia venga riconosciuta come un‟effettiva risorsa per
           scuola, aziende Ulss ed Enti Locali
       perché i genitori assumano dignità di formatori di insegnanti,
        educatori, medici e personale sanitario, amministratori, psicologi,
        assistenti sociali
       per la pedagogia dei genitori come pedagogia della responsabilità,
        pedagogia dell‟identità, pedagogia della speranza, pedagogia della
        fiducia

dopo il convegno il percorso formativo:

            25   gennaio 2002 “La prima comunicazione”
            08   febbraio 2002 “L‟integrazione scolastica”
            15   marzo 2002 “L‟integrazione sociale e il tempo libero”
            12   aprile 2002 “L‟integrazione nel mondo del lavoro”
            10   maggio 2002 “L‟orgoglio e la gioia di essere genitori”
            07   giugno 2002 Sintesi, valutazione e prosecuzione del progetto

      Agli incontri hanno partecipato circa ottanta persone: genitori, insegnanti
      curricolari e di sostegno, amministratori locali, operatori addetti
      all‟assistenza, educatori ed animatori, “tecnici” professionisti e dirigenti
      delle quattro ULSS della Provincia e della scuola, volontari e referenti del
      tempo libero, disabili adulti.

     16 marzo „02 – giornata di studio “La Pedagogia dei Genitori” promossa
      dall‟Ulss 3 - Direzione dei Servizi Sociali
     26 aprile „02 – Convegno Internazionale “La Pedagogia dei Genitori” a
      Brindisi promosso dall‟Associazione Italiana Persone Down
     31 ottobre „02 – Corso di Alta qualificazione per Insegnanti a Vicenza
     13 novembre „02- Presentazione progetto “Pedagogia dei Genitori” a
      Vicenza presso Ente Fiera – incontro organizzato dall‟Associazione
      A.GEN.DO. di Vicenza
     13 dicembre ‟02 – Corso di formazione S.O.S. per insegnanti di sostegno
      organizzato dal CTI di Arzignano-Montecchio
     18 dicembre ‟02 – Avvio Gruppo di Lavoro sulla “Prima Comunicazione”
      promosso dall‟Ulss 4 “Alto Vicentino” al quale collaboreremo come
      associazione con i “tecnici” referenti.
     Formazione di base per insegnanti che svolgono attivita‟ con alunni
      diversamente abili e per genitori - durata un anno - con il Centro
      Territoriale per l‟Integrazione di Vicenza



Primo Modulo “L‟integrazione – Passato Presente Futuro” “Valutazione della Qualità”

  10 gennaio – 25 gennaio 2003 (incontri di 4 ore ciascuno)
    Relatori: “Tecnico/Professionista” – Genitori - Diversabili
            Salvatore Nocera
            Grando Itala
            Andriollo Loretta
            Galiotto Erika ed Alessandra
         Secondo Modulo “Le innovazioni metodologiche per l‟integrazione”

   13 febbraio – 25 febbraio 2003 (incontri di 4 ore ciascuno)
     Relatori: “Tecnico/Professionista” – Genitori - Diversabili
             Dario Ianes
             Michelon Antonio
             Stella Laura
             Tizian Lorenzo
             Stella Michele


  Terzo Modulo - Progetto “La Pedagogia dei Genitori” - Valorizzazione del ruolo e
                    delle competenze educative dei genitori

      8 marzo – 25 marzo 2003 (incontri di 4 ore ciascuno)
        Relatori: “Responsabile Progetto” “Tecnico/Professionista”
            Genitori – Diversabili
            Maria Rita Dal Molin
            Riziero Zucchi
            Marcella Zordan
            Italo Nassi
            Giovanna Palermo
            Paolo Brunale


Quarto Modulo - Il termine “diversabile” definisce nel modo giusto le persone disabili?

      5 aprile – 28 aprile 2003 (incontri di 4 ore ciascuno)
      Relatori: “Responsabile Progetto” “Tecnico/Professionista”
            Genitori – Diversabili
            Claudio Imprudente
            Roberto Ghezzo
            Sandra Negri
            Albina Crivellaro
            Daniele Frigo
            Flavia Costalunga
            Maria Lucia Simonato
            Sara


Quinto Modulo - “Dire, fare,creare con matematica-mente”


      9 maggio – 24 maggio 2003 (incontri di 4 ore ciascuno)
      Relatori: “Tecnico/Professionista” - Genitori - Diversabili
            Sergio Vallortigara
            Rosa Zaltron
            Margherita Perin
            Patrizia Fontana
            Sabrina Serman
            Silvia Gnata
Tra i due incontri è sempre previsto un lavoro di gruppo tra gli insegnanti,
suddivisi per ogni territorio di riferimento della Provincia di Vicenza. I vari
elaborati prodotti vengono analizzati dai relatori nell‟incontro successivo.

      15 febbraio 2003 incontro per le classi Terze – Scuola Media
       “Battistella” di Magrè di Schio (VI)
        moderatore: Rita Dal Molin (Presidente Associazione Integrazione) -
        relatori: Costalunga Flavia,Galiotto Alessandra ed Erika

      Convegno del 22 febbraio ‟03 a Vicenza, organizzato dal Comune di
       Vicenza e dal Comi.Vi.H. “Integrazione Opportunità” tra i relatori le
       Gemelle Galiotto Erika ed Alessandra - nostre associate

      Convegno del 1 marzo ‟03 ad Arzignano, organizzato dal Centro
       Territoriale per l‟Integrazione di Arzignano/Montecchio tra i relatori
       Rita Dal Molin (Presidente Associazione) – Letizia Finato – nostra
       associata

      Aprile „03:

        4 aprile
            1. incontro nella Scuola Media di Villaverla per presentare il
               “Progetto Calamaio” ideato da Claudio Imprudente nel 1986
            2. “Diversabile sei tu” relatore Claudio Imprudente (C.D.H.
               Bologna) – con la nostra collaborazione – incontro serale
               nella Biblioteca del Comune di Villaverla
        9 aprile – “Confrontiamoci con . . .” Il Progetto “La Pedagogia dei
               Genitori”, relatori Rita Dal Molin, Itala Grando e Maria Grazia
               Bettale
        11 aprile “L‟Altro come ricchezza” – incontro serale organizzato
               dall‟Istituto Comprensivo Ten. Giulio Laverda, dal Comune di
               Breganze e dalla Parrocchia, in collaborazione con la nostra
               Associazione e l‟Associazione Breganze Solidale. Moderatore
               Rita Dal Molin, relatori Itala Grando, per la nostra
               Associazione e Antonio Michelon, Maria Lucia Simonato,
               Francesca Berto ed Emanuela Dalla Valle per l‟Associazione
               Breganze Solidale. Altri relatori il Professor Brusaferro
               Giuliano (Psicologo-Pedagogista) e Fernanda Rossetto
               (Insegnante)

      16 maggio ‟03 – “Scuola, Famiglia, Territorio. Costruire una rete di
       buona integrazione” – incontro serale organizzato dalla Scuola Media
       Statale “Anna Frank” – Relatrice per la nostra associazione Letizia
       Finato “Le relazioni possibili: il ruolo del Genitore”
Prossimi appuntamenti:

      Incontro a Bassano del Grappa con la collaborazione delle associazioni
       e dell‟Ulss 3 dal tema “La Prima Comunicazione”
      Avvio percorso formativo “La Pedagogia dei Genitori” ad Arzignano
       con il Centro Territoriale per l‟Integrazione
      20 giugno – inaugurazione del sito internet dell‟associazione
       www.pedagogiadeigenitori.org a Villaverla in Villa Ghellini - seguirà il
       concerto dell‟Associazione Cantare Suonando di Schio -

Potenziali Partners:

Tutte le persone         genitori   e   non   che   condividono     gli   obiettivi
dell‟associazione:

      genitori non solo di bambini diversabili
      disabili adulti
      insegnanti e dirigenti del mondo della scuola
      amministratori di enti pubblici
      ulss
      operatori, educatori ed animatori
      professionisti che direttamente ed indirettamente sono coinvolti nel
       cammino di vita di tanti bambini “diversabili”
      agenzie educative e referenti del tempo libero
      associazioni che si occupano di handicap e/o condividono l‟attenzione
       per coloro che vivono disagio
      volontari

Partners nei progetti:

        Comitato Handicap & Scuola di Torino
        A.I.P.D. sezioni di Brindisi e Pisa-Livorno
        A.Gen.Do di Vicenza
        Associazione Contro l‟Esclusione di Schio (VI)
        Associazione Aprirsi di Vicenza

Partners internazionali:
      Scozia
      Francia

Partenariati per l‟apprendimento Grunditvig 2 – Istituto Partner-
Autorizzazione all‟attività 01/08/2002 – 31/07/2003
Codice progetto: 02-itao1-s2g01-00026-2

Visite di scambio progetto europeo:

      Edimburgo (Scozia)                dal 29/11 al 02/12/2002
      Tolosa (Francia)                  dal 20 al 24 marzo 2003
      Italia (Pisa)                     dal 15 al 19 maggio 2003
Collaborazioni con:
       Le quattro ULSS della Provincia,
       CSA (Centro Servizi Amministrativi) ex Provveditorato di Vicenza,
       CTI (Centro Territoriale per l‟Integrazione Scolastica) di Vicenza,
       CTI Alto Vicentino
       CTI Arzignano/Montecchio
       CTI Mason Vicentino
       CTI “Area Berica” si spera di attivare una collaborazione entro il 2002.
       Claudio Imprudente Direttore della Rivista Accaparlante e del Centro
        Documentazione Handicap di Bologna ed ideatore del Progetto
        “Calamaio”

Risorse:
    L‟associazione si sostiene grazie all‟attività di volontariato degli associati.
    Costituisce una risorsa sicura la quota associativa annuale pari ad €
    25,00.
    Annualmente si richiedono contributi per l‟attività ed i progetti al Centro
    di Servizio per il Volontariato di Vicenza, alla Provincia di Vicenza e alla
    Regione Veneto.
    Beneficiamo di contributi di privati che condividono le nostre finalità e
    raccogliamo offerte da devolvere all‟associazione attraverso dei
    “lavoretti” fatti da mamme ed amici che presentiamo in occasione di
    feste e momenti d‟incontro nell‟ambito locale e provinciale.

   Ricordiamo che i contributi saranno utilizzati in conformità alle finalità
    istituzionali e che gli stessi, adeguatamente documentati, potranno
    essere fiscalmente detratti, ai sensi dell‟articolo 13 “erogazioni liberali”
    del D.Lgs. 460/97
    I contributi possono essere versati:

        1. c/c postale intestato all‟Associazione Integrazione di Villaverla n.
           20675302
        2. UniCredit Banca Spa – Ag. Thiene cod. ABI 06355 cod. CAB
           60790 c/c n. 007419164540

Progetti futuri:

       informatizzare un foglio mensile che dia notizie in tempo reale a tutti
        gli aderenti, attraverso un sito internet
       realizzare due numeri monografici annuali del foglio informativo “Il
        Petalo Azzurro”
       promuovere a livello provinciale ed europeo il Progetto “La Pedagogia
        dei Genitori”
       realizzare la pubblicazione degli atti del convegno “La Pedagogia dei
        Genitori”del 15 dicembre 2001 nonchè del percorso del progetto
        svoltosi da gennaio a giugno 2002. Riteniamo questi percorsi e queste
        esperienze validi strumenti di lavoro per gli “addetti ai lavori”
        (famiglie, scuola, ulss, associazioni, amministrazioni, ecc.)
   stimolare la costituzione di gruppi di lavoro, coinvolgendo i diretti
    interessati, genitori e disabili, rispetto alla prima comunicazione e al
    percorso di vita dei bambini “diversabili” e delle loro famiglie:

          nelle aziende socio sanitarie locali
          nella scuola
          nella società e nel mondo del lavoro

   partecipare ad iniziative di dibattito e di promozione di iniziative per
    l‟anno europeo delle persone con disabilità

   proporre corsi di formazione gestiti dalla nostra associazione

                          percorsi di integrazione . . .

        L‟altro come ricchezza
        Chiamatemi per nome
        La Pedagogia dei genitori

   promuovere il concorso “Chiamatemi per nome” che coinvolga le
    scuole di ogni ordine.

     Vogliamo dare un concreto contributo all‟integrazione scolastica e
      stimolare gli alunni delle classi ad una maggiore attenzione ai
      compagni con bisogni speciali convinti che la loro presenza
      all‟interno della classe, tanto più se riconosciuta ed integrata, sia
      una risorsa enorme per la crescita di tutti.

     Vogliamo aiutare a costruire una relazione alla pari con chi ci
      sembra “troppo diverso” da noi, un laboratorio di pace, fatto di
      semplici e concreti gesti quotidiani, che permetta di uscire dalla
      logica aiutante-aiutato.

     Vogliamo valorizzare le esperienze di integrazione in cui si è saputo
      affrontare le difficoltà per quelle che sono, senza ipocrisie e senza
      allarmismi, coniugando professionalità e attenzione alle persone.