Your Federal Quarterly Tax Payments are due April 15th Get Help Now >>

I Vini Speciali by Levone

VIEWS: 137 PAGES: 10

									                                   I Vini Speciali

                              MACROFAMIGLIE DI VINI SPECIALI

I vini speciali rappresentano un vasto gruppo di prodotti caratterizzato da un elevato
                   grado alcolico o zuccherino oppure spumantizzati.


  Esistono tre macrofamiglie di vini speciali:




            BRUT NATURE
                                        fino a 3 g/l di zucchero residuo
            EXTRA
            BRUT
                                        fino a 6 g/l
            BRUT                        fino a 15 g/l
            EXTRA
            DRY
                                        12÷20 g/l
            SEC, DRY, SECCO             17÷35 g/l
            DEMI-SEC                    33÷50 g/l
            DOUX, DOLCE                 oltre 50 g/l




                                                                                         1
                                     VINI SPUMANTI
               Gli spumanti sono vini speciali caratterizzati dallo sviluppo
                   di anidride carbonica all'interno della massa liquida.

                                     La spumantizzazione
La CO2 può provenire da rifermentazione naturale in bottiglia o recipiente oppure essere
introdotta artificialmente (6g/l di CO2 a 3 atm vini non DOC, 7g/l di CO2 a 3,5 atm vini DOC).
Nel primo caso si parla di spumante naturale, nel secondo di spumante artificiale.
Gli spumanti naturali sono prodotti con due metodologie:
 CHAMPENOIS o METODO CLASSICO, con rifermentazione in bottiglia ed utilizzo di
vitigni neutri quali PINOT NERO, PINOT BIANCO, PINOT GRIGIO, CHARDONNAY

   CHARMAT o MARTINOTTI, con rifermentazione in grandi recipienti (autoclave) ed
utilizzo di vitigni aromatici quali MOSCATO BIANCO (Asti), MOSCATO GIALLO, MALVASIA
NERA (Casorso d'Asti e Castelnuovo don Bosco), BRACHETTO, PROSECCO, VERNACCIA
(Serrapetrona)

 Tra i vitigni che possono essere utilizzati per ottenere degli spumanti troviamo RIESLING,
GARGANEGA, ALBANA, VERDICCHIO, GRECO, TREBBIANO, MALVASIA per i bianchi, FREISA,
LAMBRUSCO, CESANESE per i rossi.
Gli spumanti artificiali (es.: vini frizzanti) si ottengono insufflando CO2 nel vino e
conservandolo poi in autoclave per 4-5 ore. C'è l'obbligo di menzionare la dicitura
"addizionato di CO2".




                                                                                              2
                        CHAMPENOIS o METODO CLASSICO
Il termine Champenois è un'esclusiva francese per il prodotto della regione Champagne che
attribuisce il nome anche al prodotto finale. Per questo motivo in Italia il sistema di
rifermentazione in bottiglia si definisce Metodo Classico.
Questo sistema dovrebbe essere stato ideato verso la metà del 1600 dal monaco Dom
Perignon il quale decise di mescolare diversi tipi di vini per esaltare le caratteristiche del
prodotto finale.

Queste sono le fasi del processo di spumantizzazione:
  1. Cuvée/assemblage: vendemmia anticipata per garantire un corredo acido che sia
      adeguato ai trattamenti che dovrà subire il prodotto; si possono utilizzare anche
      diverse annate dello stesso vino per garantire un prodotto dalle caratteristiche costanti
      nel tempo;
  2. liqueur de tirage: per attivare la rifermentazione viene aggiunto al vino il liquore di
      tiraggio, uno sciroppo a base di lieviti, zucchero di canna (fino a 24g/bottiglia; 4g
      forniscono 1 atmosfera circa di pressione), sali minerali, caseina e argilla (questi ultimi
      per facilitare l'eliminazione delle fecce);
  3. imbottigliamento: il vino viene immesso nelle bottiglie (champagnotte) che saranno a
      tutti gli effetti i contenitori definitivi per la futura commercializzazione;
      l'imbottigliamento avviene a tenuta stagna con tappi metallici del tipo a corona che
      presentano all'interno una piccolo cilindro di plastica, la bidule, che servirà a
      raccogliere meglio le fecce;
  4. presa di spuma: il vino viene lasciato rifermentare per 4 mesi in posizione orizzontale
      e per l'azione dei lieviti sugli zuccheri si libera calore, si producono alcol e CO2,
      ottenendo così uno spumante (bollicine piccole=qualità);
  5. maturazione: per almeno 12 mesi (es: Franciacorta per 30 mesi), i lieviti oramai
      esausti o morti si depositano sul fondo formando le fecce che gradualmente liberano
      sostanze aromatiche nel liquido; periodicamente le bottiglie vengono scosse
      (sbancamento) per evitare che le fecce si incrostino sulle pareti;
  6. rimescolamento: le bottiglie vengono poste su appositi cavalletti, le pupitres, sui quali
      sono ruotate ed inclinate periodicamente per veicolare le fecce verso il collo entro 1-2
      mesi; alla fine di questo periodo le bottiglie si troveranno in posizione quasi verticale;
  7. sboccatura o degorgement: bisogna eliminare le fecce che si sono depositate sul
      tappo. I metodi sono due, uno tradizionale e uno moderno:
           a la volée, un tempo il cantiniere toglieva il tappo, liberava la bottiglia dalle
              fecce e rapidamente la raddrizzava per cercare di non perdere troppo vino a
              causa della spinta dovuta alla pressione interna;
           a la glace, oggi si immerge la bottiglia in una soluzione refrigerante a -25°C in
              modo che la parte di vino contenente le fecce si congeli. Si stappa la bottiglia e
              si asporta il cilindretto ghiacciato con le fecce;
  8. liqueur d'expedition (o liqueur de dosage): si esegue la colmatura del liquido perso
      (5-20ml) con il degorgement utilizzando un'apposito sciroppo, il liqueur d'expedition,
      costituito da vino/mosto/zucchero di canna che riporta a volume la bottiglia ma
      soprattutto caratterizza il prodotto della singola casa; se non viene eseguita la
      colmatura lo spumante si definisce pas dosé oppure nature (es: obbligatorio per
      Moscato e Malvasia);




                                                                                                 3
   9. chiusura (bouchage définitif): si tappa la bottiglia con il tappo di sughero che in
       origine è un cilindro perfetto e da questo momento assume la forma di fungo; a
       contatto con il vino ci sono due rondelle di sughero più pregiato per prevenire muffe e
       altro; le bottiglie sono conservate altri 2 mesi prima di essere immesse sul mercato;
       quando si stappa una bottiglia più il tappo tenderà ad allargarsi e più il prodotto sarà
       fresco;
   10. vestizione (habillage): si completa la vestizione della bottiglia con la capsula sotto la
       gabbietta, l'etichetta (anteriore) e la controetichetta (posteriore). L'etichetta riporta
       principalmente:
            la dicitura blanc de blanc se fatto con uve bianche, blanc de noir se fatto con
               uve nere;
            la data di sboccatura espressa nella forma mese/anno, quadrimestre/anno,
               semestre/anno, data precisa (in Italia si può dire obbligatorio, in Francia
               nicchiano per ragioni di mercato...);
            la definizione millesimato 'anno vendemmia' ,se si sono utilizzate uve dello
               stesso anno di vendemmia anche se di vitigni diversi;
            a seconda del residuo zuccherino il vino si classifica come:
                   BRUT fino a 15 g/l di zucchero
                   EXTRA DRY 12÷20 g/l
                   SEC (SECCO) 17÷35 g/l
                   DEMI-SEC 33÷50 g/l
                   DOUX (DOLCE) oltre 50 g/l

In Francia si producono vini speciali Champenois nella Champagne con vitigni PINOT NOIR,
CHARDONNAY, PINOT MEUNIER (del mugnaio, perché hanno molta pruina e i chicchi
sembrano infarinati).

In Spagna si adotta il metodo Cava o Tradicional. In Catalogna si usano i vitigni PARELLADA,
XAREL-LO, MACABEO (produzioni Cadorniu e Freixnet, più grandi al mondo).

In Italia le maggiori produzioni con metodo classico provengono dall' Oltrepò Pavese con
PINOT NERO, dalla Franciacorta con CHARDONNAY e dall' Istituto Talento Metodo Classico
con PINOT NERO e CHARDONNAY. Questo Istituto, nato nel 1995 per valorizzare e
promuovere il prodotto italiano nel mondo, ha rinunciato al termine spumante (troppo
generico e spesso associato anche a vini aromatici) per adottare il nome TALENTO.




                                                                                               4
                                   METODO CHARMAT o MARTINOTTI
Questo metodo di spumantizzazione permette di ottenere spumanti che siano consumati in
tempi rapidi. Questi vini hanno aromi fruttati e molto freschi legati ai vitigni di partenza.
Rispetto al metodo classico la fermentazione avviene in grandi recipienti (autoclavi) e le fasi
successive (es.: imbottigliamento) sono effettuate in condizioni isobariche (cioé a pressione
costante).
Al momento della presa di spuma si possono ottenere sia spumanti dolci che secchi. Per
ottenere vini aromatici la rifermentazione si interrompe quando il tenore zuccherino ha
raggiunto il grado voluto (si ottiene riducendo di colpo la temperatura a -4/-5°C).

      Le fasi di produzione si riassumono come segue:
   preparazione vino base
   preparazione lieviti, in modo che sia pronto per la rifermentazione
   travaso in autoclave verticale: l'autoclave viene riempita con vino base, zuccheri e lieviti
    (capacità 50.000 litri - 100.000 litri, inox, con doppia parete per far circolare sostanze
    refrigeranti e controllare la temperatura di fermentazione)
   rifermentazione in autoclave tra 12 e 18°C; se si vogliono mantenere gli aromi delle uve
    questo periodo va dai 30 agli 80 giorni; se si vuole invece accentuare il bouquet dovuto al
    contatto con le fecce si prolunga questa fase fino a 12 mesi (Charmat lungo);
   travaso in autoclave orizzontale: una volta spumantizzato il vino si può travasare
    isobaricamente grazie a bocchette poste sopra il livello delle fecce: si separa il vino dalle
    fecce e si evita perdita di CO2
   imbottigliamento: avviene in maniera isobarica con filtrazione sterilizzante
   tappatura: si può effettuare con tappi in sughero (spumanti secchi) o anche in materiale
    plastico (spumanti dolci).

Da notare che dopo la rifermentazione si può anche ricorrere a procedimenti di
centrifugazione, filtrazione, refrigerazione, chiarificazione per avere una buona stabilità ed
ottenere il grado di limpidezza desiderato.
E' importante sottolineare che per questo tecnica di spumantizzazione esiste da tempo una
specie di contesa tra Italiani e Francesi: fu infatti l'enologo piemontese Federico Martinotti
il primo a ideare alla fine dell'800 un sistema di rifermentazione in autoclave, ma nei primi
anni del XX secolo fu poi il francese Charmat ad impegare su scala industriale il metodo.




                                                     I VINI FRIZZANTI
Quelli naturali riprendono le tecniche del metodo Charmat ma la rifermentazione è ancora
più breve e la pressione finale interna è inferiore (da 2 a 5 g/l di CO2 per 1-2,5 atm di
pressione; i vini fermi o tranquilli arrivano fino a 2 g/l di CO2 per circa 1 atm)
(GU n.238 del 9-10-2004) - Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti


Quelli artificiali invece sono realizzati con pompe che creano il vuoto e poi insufflano CO2 nei
serbatoi preparando il vino per l'imbottigliamento.




                                                                                                                               5
                                        I VINI LIQUOROSI
I vini liquorosi vengono prodotti da un vino base al quale si aggiunge una combinazione di
alcol, mosto concentrato, acquavite, mistella per aumentarne il titolo alcolometrico.
La gradazione alcolica di partenza è di almeno 12° mentre quella svolta finale va dai 16 ai
22°. La concentrazione zuccherina è siperiore ai 50g/l (40 per i vini secchi).
La mistella o sifone è una combinazione infermentescibile di mosto, acquavite e zucchero
con titolo alcolometrico dai 16 ai 22°.
I prodotti più famosi sono
    il Porto, il Marsala, con vino + alcol/mosto;
    il Madeira, lo Sherry (Jerez/Xeres), con mosto + alcol.


                                               PORTO
Il grande vino portoghese è ancora oggi rappresentato dal PORTO, il più famoso e diffuso vino
liquoroso conciato.
Il Porto nasce nella valle del Douro (un fiume che nasce in Spagna col nome Duero), una zona
nell'interno della città di Porto con presenza di vallate molto scoscese, dove ci sono forti escursioni
termiche che danno carattere e concentrazione zuccherina alle uve, ma lasciano inalterato il
patrimonio acido (una buona presenza di acido fa da inibitore alla fermentazione).
Si produce con una quindicina di varietà di uve, tutte rigorosamente Autoctone portoghesi e la
principale è la TOURIGA NACIONAL.
Il Porto è un vino speciale, arricchito, dal grado alcolico elevato. La vinificazione avviene nel modo
più tradizionale che si possa immaginare e in alcune aziende l'uva si pigia ancora con i piedi. Durante
questa vinificazione si arricchisce il mosto per aumentare il grado alcolico aggiungendo il più delle
volte del brandy (Aguardente), dai 13°-15° naturali si arriva fino a 18°-20° tipici del Porto. Anche le
botti utilizzate per l'invecchiamento sono piuttosto vecchie, nulla è lasciato all'innovazione ma il Porto
resta un vino di grande fascino.
Ovviamente il Porto non è tutto uguale, ha una sua classificazione e la maggior parte dei nomi è
inglese perché proprio gli Inglesi lo hanno scoperto, valorizzato e commercializzato.
Le tipologie più commerciali sono blended, cioè ottenute con uve di diverse annate.
Il Porto RUBY è il prodotto base dal colore rubino chiaro molto trasparente, non di grande struttura e
piuttosto facile da bere. E' un vino di solito invecchiato 4 o 5 anni in legno con uve non
particolarmente selezionate, è sempre un blend di varie annate in modo da ottenere un prodotto
simile tutti gli anni ma massificato.
Salendo di livello troviamo il Porto TAWNY , con un invecchiamento di norma un po' superiore, dai 4 ai
6 anni in botte, frutto di uve un po' più selezionate e soprattutto più concentrate che danno un corpo
di solito più importante ed interessante.
Cambiamo letteralmente categoria e tipologia quando andiamo a conoscere il vero grande Porto che si
chiama VINTAGE: prende questo nome perché è fatto con uve millesimate, cioè di una sola
vendemmia, ma solo nelle grandi annate.
Ma quali sono le grandi annate? Le grandi annate in Portogallo sono stabilite da un organismo
governativo, c'è una apposita commissione che dice che in una determinata annata si può
imbottigliare il vino e venderlo come Porto Vintage. E' difficile che in un decennio ci siano più di 3 o
4 vintage, negli anni '90 ci sono stati il 91 il 94 ed il 97 già in commercio, poi si vedrà.
Produrre del Porto Vintage è quindi molto costoso, si utilizzano uve ultraselezionate, le migliori che
un'azienda può avere insieme alle botti più idonee per l'invecchiamento che viene ridotto a 2 anni
proprio per stancare e ossidare meno il vino che dovrà sostenere un lungo affinamento in bottiglia. I
grandi Porto Vintage costano molto cari, appena escono sul mercato non c'è proporzione con il Ruby
ed il Tawny (almeno 10 volte di più). Come capacità di evolversi e mantenersi in bottiglia, 50 anni
sono un tempo medio ma spesso vengono superati.
I nomi più importanti sono Quinta do Fonseca ("quinta" significa "azienda", "proprietà"), Quinta do
Noval, Dow e altre, quasi sempre in mano a proprietà inglesi.


                                                                                                        6
Il LATE BOTTLED VINTAGE (LBV) è un vino di una determinata annata imbottigliato più tardi, anziché
2 anni di invecchiamento in legno ne subisce da 4 a 6. Stà un po' a metà strada tra il Vintage e gli altri
Porto e rappresenta una sorta di 2ª fascia produttiva.
La maturazione del Porto, indipendentemente da dove le aziende siano ubicate viene effettuata in
una località poco distante da Porto, Vila Nova de Gaja, una città-cantina dove una volta le botti
venivano trasportate dalle chiatte sul corso del fiume Douro.
Un vino del genere si utilizza con abbinamenti particolari come formaggi piccanti (Roquefort,
Castelmagno, pecorino di fossa), cioccolato fondente, Sacher torte.




                                              MARSALA
La diffusione del più famoso vino liquoroso italiano è da attribuirsi al commerciante inglese John
Woodhouse che nel 1773 riparò a Marsala a causa di una tempesta. Avendo apprezzato il vino locale
decise di spedirne una partita in Inghilterra rinforzandola con alcol etilico per farla resistere al
viaggio.
Nel 1832 furono i Florio i primi italiani ad occuparsi della produzione, seguiti dai Rallo e dai
Pellegrino.
Le uve provenienti dai vitigni GRILLO, INZOLIA, CATARATTO, PIGNATELLO ed altri subiscono i
seguenti trattamenti:
    1. vendemmia;
    2. vinificazione in bianco: il vino viene posto in contenitori da 3-400 litri, scolmi, nei quali inizia
        la fermentazione;
    3. concia: si aggiunge mosto cotto per avere il tipo AMBRA (Marsala grezzo), altrimenti mistella e
        mosto concentrato per ottenere i tipi FINE e SUPERIORE. Il grado di dolcezza raggiunto è
        sicuramente influenzato dalla quantità di mosto cotto aggiunto;
    4. alcolizzazione: in presenza della Guardia di Finanza per raggiungere un titolo alcolometrico di
        18-21° si addiziona alcol etilico. In alcuni casi si esegue anche l'aromatizzazione (es.: all'uovo);
    5. invecchiamento: il metodo fondamentale è il soleras che consiste nel disporre le botti a
        caduta in maniera che si esegua il travaso di 1/3 del vino da quella superiore alle due
        sottostanti. Ogni botte contiene vino di diverse annate per arricchire il prodotto finale di aromi
        e profumi pregiati.

I Marsala si distinguono per
    Colore
            BIANCO, ORO, AMBRA
            ROSSO, RUBINO
    Grado Zuccherino
            SECCO fino a 40g/litro
            SEMISECCO 40÷100g/litro
            DOLCE oltre 100g/litro
    Grado alcolico e invecchiamento
            FINE 1 anno 17% alcol minimo
            SUPERIORE 2 anni 18% alcol minimo
            SUPERIORE RISERVA 4 anni 18% alcol minimo
            VERGINE e/o SOLERAS 5 anni 18% alcol minimo (senza mistella)
            VERGINE e/o SOLERAS STRAVECCHIO (Riserva) 10 anni 18% alcol minimo




                                                                                                          7
                                                   MADEIRA
Il nome Madeira deriva dall'omonima isola a largo delle coste portoghesi. La produzione è analoga a
quella del Porto con la differenza che il vino è sottoposto ad oscillazioni termiche fino ai 50°C
mediante stufe (estufas). Questa fase della lavorazione ha origine dai viaggi eseguiti nei secoli scorsi
durante i quali le navi cariche di vino portoghese facevano rotta per le Americhe attraversando anche
a linea equatoriale e sottoponendo il carico ad oscillazioni termiche che al momento erano
indesiderate ma che conferivano al vino caratteristiche di pregio. Per vini Madeira con invecchiamento
superiore ai 10 anni è proibito il metodo soleras, cioè delle botti "a caduta" (cfr. Marsala). Il miglior
Madeira è millesimato.
In ordine crescente di qualità si ha questa classificazione:
     SERCIAL
     VERDELHO
     BUAL (meno dolce, fumé)
     MALMSEY (dolce, ambra scuro)




                                                    SHERRY
Lo SHERRY (o JEREZ o XERES) non è un liquore alla ciliegia come alcuni credono, ma è un "signor"
vino. E' un vino tradizionale, se vogliamo è un po' il papà del nostro Marsala che nacque proprio per
merito dell'Inglese John Woodhouse, il quale già conosceva le tecniche di produzione dello Sherry con
arricchimento a base di alcol oppure di mosto alcolizzato. Lo Sherry è un vino speciale di elevato
grado alcolico, viene aggiunto anche qui del brandy locale come i vari Cardinal Mendoza e Carlos I che
hanno conquistato grosse fette di mercato internazionale.
Il vitigno base è il PALOMINO, uva ricchissima di zuccheri un po' come il Grillo che in Sicilia è la base
per il Marsala, il quale consente già in fermentazione lo sviluppo di un elevato grado alcolico. Insieme
al Palomino concorre non sempre un'altra uva chiamata PEDRO XIMENEZ . Il Palomino è un vitigno più
raffinato dal punto di vista dei profumi mentre il Pedro Ximenez è qualcosa di più grasso e
strutturato. Ci sono poi delle nicchie produttive che vedono il PEDRO XIMENEZ vinificato in purezza
come il produttore Lustao che fa uno sherry con invecchiamento minimo di 40 anni in botte. Diventa
una sorta di melassa che abbinata a praline di cioccolato è qualcosa di particolare.
La lavorazione è simile ad un vino normale con la differenza che le uve vengono fatte un po' appassire
e si aggiungono lieviti "filmogeni". Questi microrganismi producono il "velo de flor", un mantello in
superficie che protegge il vino da fenomeni ossidativi e allo stesso tempo rilascia aromi particolari
precipitando sul fondo. La tecnica di invecchiamento è la "soleras", che consiste nel disporre le botti
a caduta in maniera che si esegua il travaso di 1/3 del vino da quella superiore alle due sottostanti.
Ogni botte contiene vino di diverse annate per arricchire il prodotto finale di aromi e profumi pregiati.
Il vino di Jerez, lo Sherry, può avere varie denominazioni che indicano semplicemente una diversità e
non sono una classificazione di qualità:
      FINO, mai di grandissimo impatto perché gioca tutto sulla finezza e l'eleganza dei profumi ed è
         un vino secco;
      AMONTILLADO, così chiamato perché le uve vengono tratte da una piccola zona chiamata
         Montilla, uno sherry più grasso e potente prodotto anche in versione meno secca, un po'
         abboccata;
      MANZANILLA, secco, delicato e pallido;
      OLOROSO, che è un prodotto spesso e volentieri particolarmente pregiato dai profumi molto
         intensi. I migliori sono quelli secchi;
      PALO CORTADO, ormai raro, normalmente rappresenta la riserva che le case si scelgono con le
         migliori uve spesso anche surmaturate.

NB: Da non confondere con lo Cherry Brandy (alc. 34% Vol.), che è un liquore dolce, mediamente alcolico, a
base di ciliegie e loro derivati. Di antica tradizione e produzione è diffuso in tutta Europa dalla Danimarca alla
Penisola Balcanica. E' un liquore delicato che, nel profumo e nell'aroma ricorda il frutto da cui proviene; le sue
note aromatiche infatti ricordano i fiori di ciliegio, poi via via la rosa ed il lampone. Tipico liquore da dessert,
va servito a temperatura ambiente.
                                                                                                                   8
                                            I VINI PASSITI
I vini passiti sotto l'aspetto legale non sono vini speciali poiché non si ricorre all'aggiunta di mistelle.

Si ottengono per appassimento delle uve che può essere naturale o artificiale:
     NATURALE: con i grappoli ancora sulla vite si sottopone l'uva a sovramaturazione (vendemmia
        ritardata) per indurre una concentrazione maggiore di zucchero (es.: Aleatico). Alcune
        produzioni come i Sauternes ed il Tokaji ungherese si ottengono da uve "botritizzate", cioè
        attaccate dalla muffa nobile Botrytis Cinerea che apporta trasformazioni all'interno dell'acino e
        lo arricchisce di un corredo aromatico pregiato.
        Un altro vino pregiato è il Picolit del Friuli le cui uve subiscono la cosiddetta "acinellatura",
        cioè un aborto floreale che riduce la presenza di acini sul grappolo ad un rapporto 5/30.
        Rispetto alle bacche rimaste la linfa è quindi più del necessario.
        Esistono infine gli Ice-Wine prodotti da vitigni presenti in regioni in cui la temperatura
        invernale scende gradualmente fino a -7°C e solidifica l'acqua nell'acino.
     ARTIFICIALE: si realizza la vendemmia un po' anticipata e si pongono i grappoli ad appassire al
        sole (es.: Greco di Bianco, Anghelu Ruju) per elevare la concentrazione zuccherina facendo
        evaporare l'acqua, oppure su graticci durante le stagioni fredde (dicembre-febbraio, l'Amarone
        che non è zuccherino ma secco perché i lieviti consumano lo zucchero e portano la gradazione
        alcolica a 15-16°, la Malvasia, il Torcolato). Per alcune produzioni la vinificazione avviene
        addirittura durante la settimana santa (da qui il nome Vin Santo di Toscana).

La vinificazione è in bianco, piuttosto lenta perché realizzata a basse temperature in modo da non
provocare alterazioni del patrimonio aromatico.
Il vino è considerato maturo nel giro di 3-5 anni.
Per alcuni vini passiti esiste la possibilità di addizionare alcol o mosto concentrato: in questo caso si
parla di Vino Passito Liquoroso (es.: Caluso)




                                       VINI AROMATIZZATI
I vini aromatizzati (minimo 10°) partono da un vino/mosto fermo al quale si aggiungono
alcol, zucchero o mosto, infine erbe o spezie aromatizzanti in giusta proporzione.
 Ad esempio, per ottenere il Barolo Chinato si usa corteccia di china; il Vermouth o Wermut è
il termine tedesco per l'assenzio e dà il nome al vino aromatizzato sicuramente più conosciuto
(Martini).
Il vino così ottenuto viene filtrato e chiarificato, e dopo una maturazione di 6-12 mesi si
imbottiglia.
Da non confondere con i vini aromatici i quali sono invece ottenuti da uve aromatiche (es.:
Moscato, Gewurtztraminer, ecc.).




                                                                                                               9
                                          I VINI NOVELLI
Il vino novello, un fenomeno di massa quasi tutto italiano, rappresenta un settore in costante crescita
negli ultimi anni. Ogni anno si celebra il rito del dèblocage, l'apertura delle bottiglie alla mezzanotte
del 6 novembre, una sorta di battesimo che dà inizio alla commercializzazione del prodotto per la
stagione in corso e all'invasione degli scaffali di enoteche e ristoranti.
Pare che il vino novello abbia origini francesi, quando negli anni '30 del XX secolo il ricercatore Flanzy
sperimentò la conservazione dei grappoli sotto CO2 ed ottenne involontariamente un mosto gradevole
e profumato. I primi a produrlo furono i vignaioli del Beaujolais, la regione a sud della Borgogna, con
l'appellativo di Beaujolais Noveau, ricavandolo esclusivamente da uva Gamay.
In Italia la primogenitura del vino novello va ex-aequo ad Angelo Gaja negli anni '70 con il «Vinot» ed
al «S.Giocondo» di Giacomo Tachis per i Marchesi Antinori, ma oggi il fenomeno conta più di 400
produttori per 15-20 milioni di bottiglie.
A differenza dei cugini francesi, nel nostro Paese si utilizzano un po' tutti i vitigni (sono 59 quelli
previsti dai vari disciplinari) con prevalenza di Merlot, Cabernet Sauvignon e Sangiovese, ma a fare
la parte del leone è soprattutto il Nord, con 6 bottiglie su 10. La regione con il maggior numero di
bottiglie prodotte è il Veneto (intorno ai 5 milioni).
Questo vino particolare è stato disciplinato per legge nel 1999, con successive modificazioni, e si
produce con il processo di macerazione carbonica, una tecnica che tende ad esaltare le
caratteristiche di freschezza e di sentore fruttato, regalando un prodotto molto apprezzato e
beverino.
I grappoli interi sono posti all'interno di apposite vasche da 50-70hl, nelle quali dopo aver prodotto il
vuoto d'aria viene immessa co2, a 30° per 7-14gg. I grappoli che si trovano sul fondo delle vasche
vengono schiacciati dalla massa d'uva e liberano il mosto. I lieviti indigeni migrano dalla buccia alla
polpa alla ricerca di ossigeno ed acqua, innescando un processo di fermentazione intracellulare. Al
termine del ciclo si procede alla vinificazione in rosso, con una lieve pigiatura e un'ulteriore
fermentazione di 3-4gg.
D.M. 13 luglio 1999.
Nuove disposizioni per la produzione, la commercializzazione e l'immissione al consumo dei vini a
denominazione di origine e ad indicazione geografica tipica designati con la qualificazione "novello"
La gradazione minima è 11% vol, il limite massimo di zuccheri riduttori residui non deve superare i
10g/l, il termine ultimo per l'imbottigliamento è il 31 dicembre dello stesso anno della vendemmia,
mentre la commercializzazione non può avvenire prima delle ore 0:01 del 6 novembre, giorno del
dèblocage (solo nell'ambito di manifestazioni espositive e promozionali è consentito porre in
degustazione i vini "novelli" a partire dalle ore 0:01 del 5 novembre dell'annata di produzione delle
uve; il Beaujolais Nouveau francese, invece, si potrà assaggiare solo a partire dal terzo giovedì di
novembre).
Per l'assenza quasi totale di tannino il vino prodotto in questa maniera non è particolarmente longevo,
e induce gli addetti ai lavori a promuoverlo in modo massiccio, così da venderlo e consumarlo in tempi
brevi (non più di 5-6 mesi dall'uscita).
Dal punto di vista del marketing si è trattato senza dubbio di una scelta vincente, perché il vino
novello ha contribuito ad avvicinare i giovani con moderazione al vino e in seguito al vino di qualità. Il
novello ha però anche i suoi detrattori, poiché rappresenta in qualche misura una realtà
contraddittoria.
Il disciplinare di legge obbliga infatti il ricorso alla macerazione carbonica per almeno il 30% delle uve
(mentre il Beaujolais richiede il 100%), ma ammette l'utilizzo della vinificazione tradizionale per il
resto dell'uvaggio.
Forse proprio per questa ragione, oppure solamente per un po' di snobismo, alcuni grandi produttori
dichiarano che il novello non lo produrranno mai, perché altrimenti danneggerebbe l'immagine dei
loro vini di punta.
L'appuntamento per appassionati ed operatori del settore è ogni anno al Salone Nazionale del Vino
Novello (www.vinonovello.org), organizzato dalla Fiera di Vicenza in collaborazione con Civiltà del
Bere, e la partecipazione delle aziende associate all'Istituto Nazionale del Vino Novello.




                                                                                                       10

								
To top