Docstoc
EXCLUSIVE OFFER FOR DOCSTOC USERS
Try the all-new QuickBooks Online for FREE.  No credit card required.

BOZZA DI VERBALE DELLA RIUNIONE - DOC

Document Sample
BOZZA DI VERBALE DELLA RIUNIONE - DOC Powered By Docstoc
					BOZZA DI VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I Trieste, 6-7 Luglio 2005 Presenti: F. FERRONI M. MAGGI G. BRUNI A. CARDINI S. ALBERGO C. BOZZI G. PASSALEVA P. MORETTINI M. PRIMAVERA R. DE SANGRO C. MERONI P. PAOLUCCI P. CHECCHIA R. FERRARI M. BIASINI M. DELL'ORSO C. LUCI A. DI CIACCIO P. BRANCHINI N. PASTRONE S. DALLA TORRE Presenti a parte della riunione: S. Bianco, C. Bloise, C. Bosio, F. Bossi, M. Bozzo, F. Bradamante, A. Bressan, M. Calvetti, P.L. Campana, M. Candusso, R. Carlin, G. Carlino, M.G. Catanesi, M. Cobal, F. Cossutti, M. Curatolo, G. Darbo, M. De Palma, G. Della Ricca, D. Della Volpe, U. Diaz, V. Duic, M. Giorgi, P. Giusti, B. Gobbo, L. Lanceri, A. Lai, R. Nania, P. Pagano, A. Penzo, R. Santonico, A. Scribano, F. Tessarotto, G. Tonelli, N. Turini, G. Venanzoni, L. Vitale, A.M. Zanetti, A. Zoccoli. - Presidente - Coord. Sez. di Bari - Coord. Sez. di Bologna - Coord. Sez. di Cagliari - Coord. Sez. di Catania - Coord. Sez. di Ferrara - Coord. Sez. di Firenze - Coord. Sez. di Genova - Coord. Sez. di Lecce - Coord. L. N. Frascati - Coord. Sez. di Milano - Coord. Sez. di Napoli (in sost.) - Coord. Sez. di Padova - Coord. Sez. di Pavia - Coord. Sez. di Perugia - Coord. Sez. di Pisa - Coord. Sez. di Roma - Coord. Sez. di Roma II - Coord. Sez. di Roma III - Coord. Sez. di Torino - Coord. Sez. di Trieste

MERCOLEDÌ 6 LUGLIO 2005
1. Comunicazioni F. Ferroni ( ppt, pdf ) 2. Approvazione verbali di Gennaio e Aprile 3. Assegnazione dotazioni P. Checchia (ppt, pdf) 4. CMS Stato del Tracker R. Dell’Orso (ppt, pdf) 5. CMS Review del Tracker G. Darbo (ppt, pdf) 6. CMS Referee C. Bozzi (ppt, pdf) 7. TOTEM Status Report M. Bozzo (ppt, pdf) 8. TOTEM Referee M. De Palma (ppt, pdf) 9. Referee ZEUS S. Albergo (ppt, pdf) 10. ATLAS RPC R Santonico (ppt, pdf) 11. ATLAS Referee N. Pastrone (ppt, pdf) 12. Discussione sulle dotazioni P. Checchia (ppt, pdf), S. Dalla Torre (ppt, pdf)

1. Comunicazioni. F. Ferroni. Il Presidente dà il benvenuto a tutti. Sono cambiati due coordinatori: Marcello Maggi sostituisce Mauro de Palma (BA) e Giovanni Passaleva sostituisce Raffaello d’Alessandro (FI). Il presidente augura un buon lavoro ai nuovi coordinatori e ringrazia i coordinatori uscenti. Per il 2006 non ci saranno piu’ le sigle BTeV e HeraB mentre nascono P236, LHCf e ILC. Il Presidente afferma che per quanto riguarda ILC si era pensato inizialmente di finanziare l’attività su Dotazioni, ma i tempi sono sembrati maturi per aprire una sigla. Vengono proposti i seguenti referee: M. Dell’Orso, G. Passaleva e R. De Sangro. F. Navarria scade come membro dell’ACCU (attualmente ne è il chairman), ma e si dichiara disponibile per un nuovo mandato. A Kaon 2005 una larga parte degli speaker finanziata dall’INFN non ha dichiarato l’INFN nelle proprie affiliazioni (ma solo SNS: Collazuol, Sozzi, Giudici, Cabibbo…). Le prenotazioni per la riunione di Napoli scadranno il 31 luglio, l’agenda sara’ pubblicata per la prossima settimana. Indicativamente la riunione seguira’ lo schema dello scorso anno. Un mese dopo la riunione della CSN1 di settembre, a Bari si terra’ il III Workshop italiano sulla fisica di ATLAS e CMS (www.ba.infn.it/~lhcwks). ATLAS ha acquisito il suo primo raggio cosmico. Babar ha presentato a Uppsala una nuova risonanza, la Y(4260), che decade in J/Psi pi+ pi-. Per quel che concerne i prossimi concorsi nazionali per Art. 36 il prossimo direttivo dovrebbe bandire un concorso per 30 posti a termine, di durata di 5 anni; sono previste nella graduatoria anche 20 idoneita’. L’aver superato un concorso nazionale diventera’ titolo per altri concorsi. L’idoneita’ permettera’ anche di accedere al budget di sezione per posti che si renderanno disponibili. In questo concorso ci saranno 5 commissioni corrispondenti alle 5 commissioni scientifiche INFN. Martedi’ prossimo in presidenza ci sara’ una riunione per lanciare i lavori per la definizione della roadmap dell’INFN, che deve produrre un piano strategico per il futuro; il Presidente ha invitato i presidenti delle commissioni, i membri della giunta ed i direttori dei laboratori nazionali. 2. Approvazione Verbali Gennaio e Aprile. Tutti. L’approvazione dei verbali viene rimandata alla prossima riunione. 3. Assegnazione Dotazioni. P. Checchia. Checchia presenta le Assegnazioni aggiuntive per le dotazioni (vedi database). Suggerisce che le partecipazioni alle conferenze siano cofinanziate al 50% dagli esperimenti di appartenenza (come avviene gia’ in molte sedi). Invita inoltre a cercare di rimanere entro i fondi assegnati una volta che questi siano stati concordati. Ribadisce pero’ che le decisioni del curatore delle dotazioni non sono pareri scientifici (come quelli dei referee degli esperimenti) e in quanto tali e’ necessario che siano condivisi. La commissione approva la proposta di assegnazione, riportata nella tabella.
Missioni Interne
Sezione Descrizione Referee/coordinatore BA Vari (conferenze-CSN1) Totale per la sezione Nuovo Referee: Bosisio TS Ulteriore assegnazione Totale per la sezione Dotazioni Totale per il capitolo di spesa Ric. 1.5 10.5 12 1 6 7 19 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 Ass 1.5 5 6.5 1 2 3 9.5 Asj 0 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 50% con gruppi tenendo conto di assegnazione di maggio 50% con gruppi Commento

Missioni Estere

Sezione BO RM2 TO Dotazioni

Descrizione 1 FTE aggiuntivo + gruppo multimediale al CERN+ invito a conferenza Workshop RPC in Corea Conferenze + workshop ILC + 0,5 FTE Totale per il capitolo di spesa

Ric. 4 6 10 20

Ric. sj 0 0 0 0

Ass 3 3 5 11

Asj 0 0 0 0

AsD 0 0 0 0

Commento Conferenza + FTE + 50% con gruppi 50% con gruppi ILC ok. Rimanente 50% con gruppi

Materiale di Consumo
Sezione Descrizione Storno inventariabile BA Organizzazione Workshop Atlas CMS Totale per la sezione BO CA CS CT FE FI GE LE LNF MI NA PD PG PI PV RM1 RM2 Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Test irraggiamento alla Casaccia RM3 Storno inventariabile Totale per la sezione TN TO TS UD Dotazioni Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Storno inventariabile Totale per il capitolo di spesa Ric. 7 5 12 9.5 7 7 6.5 7 7 7.5 7 10.5 9 7 9 14 13.5 7.5 11 7 3.6 7 10.6 2.5 8 7 6.5 193.6 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Ass 9 5 14 12.5 9 9 8.5 9 9 10.5 9 13.5 12 9 12 9 16.5 9.5 14 9 3.5 9 12.5 4.5 11 9 9.5 Asj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Commento

0 241.5

Materiale Inventariabile
Sezione BA BO CA CS CT FE FI GE taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre Descrizione Ric. 29 39 14 17 13 23 28 32 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 0 Ass 5 6.5 5 5 4.5 5 5 4.5 Asj 0 0 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 Commento

LE LNF MI NA PD PG PI PV RM1 RM2 RM3 TN TO TS UD Dotazioni

taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre taglio settembre Totale per il capitolo di spesa

20 42 36 28 37 23 54 30 45 16 21 5 33 27 13 625

0 0 0 0 0 0

5 7.5 6 5 6 5

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

0 10.5 0 0 0 0 0 0 0 0 0 5.5 8 5 5 0.5 5 5 3.5 123

Il Presidente informa che dall’anno prossimo non saranno garantite le riassegnazioni. I coordinatori devono riuscire a spendere tutto. Dalla Torre interviene ricordando che lo scorso anno ci sono stati solo due casi di grossi avanzi di dotazioni e che questi sono scorrelati dalle dimensioni della sezione, trattandosi verosimilmente di incidenti. Negli anni precedenti non si erano mai verificati avanzi consistenti. Il Presidente suggerisce ancora di cercare di spendere tutto entro l’anno. 4. CMS: Stato Tracker. R. Dell’Orso. Dell’Orso presenta lo status del tracker di CMS. Per quanto riguarda la produzione dei moduli a microstrip di silicio la Hamamatsu ha consegnato tutti i sensori sottili (320 micron) necessari per la costruzione del TIB (Tracker Inner Barrel) e parte del TEC (Tracker Endcap). Sono stati inoltre consegnati 14.500 sensori spessi (500 micron) dei 20.000 necessari per la costruzione del TOB (Tracker Outer Barrel) e del TEC. Il 63% della totalita' degli ibridi (elettronica di readout) e' stato consegnato. La qualita' dei moduli finora prodotti (oltre il 60% dei TIB e 20-30% dei moduli TOB, TEC) e' eccellente (numero di strisce difettose inferiore allo 0.3%) e lo yield elevato. Per quanto riguarda l’integrazione del tracciatore tutte le strutture meccaniche sono pronte ed e' iniziata l'attivita' di integrazione dei moduli su rod (TOB), petali (TEC) e shell (TIB). In particolare, per quanto riguarda il TOB l'integrazione e' iniziata in USA (USCB e FNAL) e la costruzione della wheel del TOB e' completata, come pure il commissioning dello schermo termico all'interno del Tracker Cylinder (CERN). Per quanto riguarda il TEC, e' iniziata l'integrazione dei petali nei 6 centri di integrazione (Aachen, Karlsrue, Louvain, Lyon, Strasbourg, Bruxelles). L'integrazione del TEC forward e' iniziata ad Aachen, mentre e' stata presa la decisione di integrare il TEC backward direttamente al CERN. Per questo motivo e per il test con DAQ del 25% dell'intero Tracker, e' prevista la costruzione di una nuova clean room al CERN entro settembre 2005. Per quanto riguarda lo stato di integrazione del TIB/TID e' stata ultimata l'integrazione del layer 3 forward del TIB ed e' iniziata (a Pisa e Firenze) l'integrazione del layer 4 forward. La meccanica del layer 2 forward e' stata completata, mentre per il layer 1 forward e' in corso l'incollaggio delle parti di precisione. Il layer 3 e' attualmente sottoposto al test di burn-in, che consente la lettura di un settore del tracciatore con il sistema di acquisizione finale di CMS. I primi risultati sono incoraggianti mostrando una distribuzione di rumore uniforme ed un numero di strip cattive inferiore all'1%. Ha avuto successo il primo test di inserzione meccanica del layer 3 (backward) all'interno del layer 4 (backward), impiegando la macchina di inserzione collaudata a Pisa. Per quanto riguarda il TID

(Inner Disks), entro luglio dovrebbe essere ultimata la preparazione di tutti i ring (3 per ciascuno dei 3 dischi) necessari per l'integrazione della parte forward. A Torino, dove avverra' l'integrazione dei ring e dei dischi, e' gia' stato effettuato un test di assemblaggio dei moduli su un ring e lettura con DAQ finale. Nel mese di luglio e' previsto un test di cablatura e un test di inserzione di un prototipo TIB/TID nella meccanica del TOB finale al CERN. In conclusione la schedule, che prevede l'ultimazione della parte forward del TIB/TID per ottobre 2005, della parte backward del TIB/TID e del TOB per febbraio 2006 e delle due TEC (forward e backward) per aprile 2006 e' considerata stretta, ma con ancora qualche margine di contingenza. L'LHCC considera inoltre che non sarebbe stato possibile chiedere, alla comunita' del Tracker, una produzione superiore a quella avuta nel corso dell'ultimo anno; ma afferma anche che si apre adesso un nuovo capitolo riguardante un gran numero di attivita' di commissioning e installazione che richiederanno un enorme sforzo gestionale e organizzativo al CERN. Il Presidente chiede quale possa essere prevedibilmente il prossimo punto critico del progetto. Tonelli risponde che il rischio maggiore e’ di fare sbagli in questa fase; infatti le cose devono essere fatte in fretta, ma con estrema attenzione. 5. CMS: Review del Tracker. G. Darbo, Bozzi, Dell’Orso, Morandin. Il 14 giugno, si è tenuta a S. Piero a Grado una review sull’integrazione del tracker. I problemi dei sensori e degli ibridi sono risolti al momento. I referee esprimono sollievo per la chiusura del contratto ST. Per gli ibridi la situazione e’ migliorata, ma ancora la produzione e’ inferiore a quella necessaria. Per quanto riguarda l’integrazione la schedula e’ estremamente stretta e non c’e’ contingenza. Il Presidente chiede quando la schedula diventera’ un problema drammatico. Tonelli risponde che se si avranno al piu’ due mesi di ritardo non vi saranno particolari problemi. Questi due mesi extra potrebbero essere integrati nella fase di commissioning. Se il ritardo sarà maggiore di questi due mesi, la schedule globale ne sarà influenzata. Tonelli conclude che a ottobre sarà possibile vedere la situazione “a regime” e ringrazia i referee della review sull’integrazione. 6. CMS: Referee. C. Bozzi. Bozzi prende parola a nome dei referee di CMS e riassume le richieste di finanziamento presentate che riguardano: (1) missioni estere per il tracciatore a silicio e per nuovi gruppi a Milano e Trieste; (2) fondi CORE per il tracciatore; (3) richieste varie per ECAL-Milano, DT Torino e Bologna, Bari RPC. E' stata effettuata una rassegna del tracciatore a Pisa il 14 giugno. I referee sono positivamente impressionati del progresso nell'integrazione e dei risultati raggiunti e attendono i risultati di importanti prove di sistema, quali ad esempio il test a bassa temperatura in camera climatica. Maggiori dettagli sullo stato del tracciatore sono stati trattati nella relazione di Darbo. I gruppi del tracciatore ripropongono richieste di missioni estere rimaste inevase dopo l'ultima riunione, per complessivi 233kE. Rispetto a maggio, il piano di trasporto e installazione di TIB/TID+ al CERN e' meglio definito. Si prevede inoltre di effettuare un run di cosmici con parti di tutti i sottorivelatori durante il test del magnete in superficie (MTCC), al quale parteciperanno i gruppi di Bari, Padova e Perugia che non sono significativamente impegnati con l'installazione. I referee propongono l'assegnazione complessiva di 144kE, suddivisi sezione per sezione come indicato in tabella, che tiene conto degli slittamenti temporali nella schedula di installazione e della mancanza di un piano dettagliato per MTCC. Il recente interesse del gruppo di Milano ex-BTeV per CMS, manifestato alla riunione di maggio, si e' concretizzato in contatti con il gruppo dei pixel. In particolare, il gruppo di Milano dispone a Fermilab di un telescopio con relativo sistema di acquisizione che si rivelerebbe utile nel caratterizzare i dispositivi a pixel tramite test di prova su fascio. La richiesta di 80kE corrisponde a 12.5 mesi-uomo per effettuare 2 test su fascio a Fermilab e partecipare a riunioni di CMS al CERN. I referee non hanno avuto sufficienti informazioni per

valutare le motivazioni e i costi dell'ingresso del gruppo di Milano. In particolare, non e' chiaro se richiederanno un ingresso formale nella comunita' dei pixel, se questo comporta degli (ulteriori) impegni costruttivi a carico dell'INFN. D'altro canto, i referee ritengono che l'iniziativa sia una presa di contatti ben circoscritta, ragionevole, e che mette a frutto le competenze e gli strumenti del gruppo e propongono l'assegnazione di 40kE su dotazioni1 a Milano. I referee richiedono la presentazione di un programma di ricerca coerente alla riunione di settembre, in cui sia possibile valutare complessivamente gli impegni a lunga scadenza e l'impatto sulle richieste finanziarie. Sarebbe inoltre opportuno un coinvolgimento sul calcolo di CMS, date le competenze specifiche del gruppo sull'argomento. Il Presidente chiede chiarimenti sulle attivita’ del gruppo di Milano. Tonelli risponde che, relativamente alle richieste di ME, si tratta dei viaggi di 3 persone per 1 mese per due volte, le cui responsabilita’ sono il DAQ (1 persona), il telescopio (2 persone per l’installazione) e il software (1 persona). Il Presidente conclude che sembrano richieste troppo alte, anche se si tratta di un gruppo di 10 persone. La Commissione approva la proposta dei referee. Per quanto riguarda i fondi CORE del tracciatore, vengono proposti finanziamenti di 1000kE a Firenze per il pagamento della gara degli alimentatori, la cui consegna e' avvenuta prima del previsto e lo sblocco di 280kE s.j. a Pisa per pagamento dei sensori del tracker. Rispetto a quanto previsto in precedenza, si tratta di un riarrangiamento di fondi CORE in base al quale i sensori di temperatura verranno acquistati dal CERN e l'INFN finanzia unicamente i sensori di silicio. In questo senso e' stata accolta dall'esperimento la proposta dei referee che suggerivano di utilizzare i contributi dell'INFN agli extra-costi del tracker solo per l'acquisto di sensori e non di alimentatori e cavi. La commissione approva. Per quanto riguarda il calorimetro elettromagnetico (ECAL) c'e' stata una "crisi delle radiografie" nel sistema di raffreddamento. La ditta che effettua le saldature dei tubi non ha rispettato le specifiche, che prevedevano di effettuare le saldature in atmosfera di argon e i test a campione del CERN hanno evidenziato possibili problemi di tenuta nel lungo periodo. Il CERN ha quindi chiesto che venissero effettuate radiografie su tutti i pezzi. I costi delle radiografie al CERN sono insostenibili, quindi si sta cercando di effettuare radiografie all'ENEA. Contemporaneamente, il gruppo di Milano sta interagendo con la ditta (CECOM, Guidonia, Roma) che effettua le saldature, la quale si e' mostrata molto collaborativa e disposta a risolvere il problema, il che eviterebbe spiacevoli contenziosi e ritardi non quantificabili. Per il momento tutto cio' si traduce in richieste di finanziamento di missioni interne ed estere da parte di Milano per effettuare il trasporto dei pezzi dal CERN in ditta e viceversa. Vengono richieste anche missioni estere e 2PC per il monitoring di ECAL durante il MTCC. I referee propongono il finanziamento di 5kE su MI, 7.5kE complessivi su ME, e 2kE su inventario, da prendere su MOF-B. Il presidente afferma di non vedere un’analisi seria di questi costi di MI, in quanto bisognerebbe chiarire i dettagli. Viene proposto inoltre il finanziamento di 3kE su ME a Trieste per attivita' di monitoring online ECAL. Per quanto riguarda gli RPC, vengono richiesti 22kE CORE per il completamento del progetto sorter per il trigger di muoni. Si tratta di un filtro che riduce drasticamente la quantita' di dati da inviare al Global Muon Trigger (GLT), composto da un crate VME, tre schede e un backplane specializzato e disegnato ad-hoc. I referee propongono l'assegnazione di 10kE e richiedono un consuntivo dell'attivita' a settembre per poter completare il finanziamento. Per quanto riguarda i DT, il gruppo di Bologna richiede 25kE su consumo per accelerare l'assemblaggio dell'elettronica del trigger DT (minicrate), che e' al momento un fattore limitante nell'installazione delle camere. Dato che i tecnici di Bologna sono gia' impegnati al CERN per lavorazioni delle camere e preparazione per l'installazione, si pensa di appaltare l'assemblaggio del minicrate ad una ditta specializzata. I referee comprendono l'esigenza di accelerare la produzione dei minicrates, approvano l'idea di un aiuto straordinario e limitato nel tempo, ma sono perplessi sull'entita' del finanziamento richiesto e sul fatto che la richiesta ufficiale sia arrivata molto tardi. Ritengono che esistano modi piu' economici per affrontare problemi simili (ad esempio, contratti d'opera, fondi FAI), che un finanziamento di 12kE siano adeguati alle attivita' da svolgere, e che non bisogna creare precedenti. Sono disponibili a rivedere la situazione a settembre qualora ci fossero problemi nella produzione. La commissione approva. Altre richieste su C.A. (50kE) e consumi (8kE) sono

stati presentati dal gruppo di Torino muoni per il progetto DDU. Il completamento del finanziamento per la costruzione delle schede era previsto per l'anno prossimo, ma almeno una scheda serve per il MTCC. I referee notano che il progetto dura da parecchi anni e non si e' ancora accertato il buon funzionamento dei prototipi. Propongono pertanto un finanziamento di 17kE per completare lo sviluppo di 2 prototipi e ritengono che altri fondi possano essere richiesti solo dopo aver finito la fase di sviluppo. La richiesta di 8kE di consumo per le boards del test stand non viene accettata in quanto viene ritenuto sufficiente il finanziamento precedente di 4kE, dato il livello preliminare di sviluppo della scheda. In generale, i referee hanno qualche perplessita' sulla continuita' delle attivita' di sviluppo e manutenzione. Ad esempio, il responsabile "storico" del progetto DDU (R. Cirio) sara' allo 0% in CMS nel 2006. Per quanto riguarda richieste minori, non viene accolta una richiesta di 5kE su consumi a Padova (PD.SI) per spese impreviste di magazzino. Vengono invece proposti finanziamenti per 11kE su consumi a Padova DT per sblocco s.j. MOF-B e 7kE su MI a Bari per integrazione del tracker a S. Piero a Grado. In conclusione il Presidente si lamenta di tutte queste richieste dell’ultima ora e raccomanda di non portare in commissione le richieste non adeguatamente discusse dai referee. Checchia interviene affermando che c’e’ un problema con i visitatori cinesi previsti e coperti dai fondi FAI in quanto l’ambasciata non ha dato loro il visto; globalmente si tratta di 17 m.u. Il sommario di richieste ed assegnazioni e’ presentato in tabella.
Missioni Interne
Sezione BA.SI MI Descrizione richiesta aggiuntiva da estrapolazione fino a fine anno spese correnti visite Cecom e viaggi per radiografare le saldature Assegnazione Aggiuntiva 3 Assegnazione Aggiuntiva 1 PI Assegnazione Aggiuntiva 2 10.00 Ke a MI interno- 7.00 Ke a BA.SI interno Totale per la sezione CMS Totale per il capitolo di spesa Ric. 7 10 0 0 0 0 0 17 Ric. sj 0 0 0 0 0 -17 -17 -17 Ass 7 5 0 0 0 0 0 12 Asj 0 0 -1 -45 -3 -7 -56 -56 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 Reso Sub Judice di 1 Keuro Reso Sub Judice di 45 Keuro Reso Sub Judice di 3 Keuro 7.0 Ke a BA.SI interno Commento Keuro 7.0 dal sj: PI interno (52 Ke).

Missioni Estere
Sezione BA.SI CT FI MI Descrizione missioni estere aggiuntive per installazione e per MTCC missioni estere aggiuntive per MTCC e nuova persona missioni estere aggiuntive per installazione missioni estere aggiuntive per ECAL MTCC(22KE) e per Milano Tracker (80KE) per test beam (2 periodi) e riunioni al CERN e FNAL missioni estere aggiuntive per metabolismo e per MTCC missioni estere aggiuntive per MTCC missioni estere aggiuntive per metabolismo (35) installazione (63) e per MTCC (40) missioni aggiuntive per nuovo assegno Totale per il capitolo di spesa Ric. 27 12 15 102 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 18 8 9 7.5 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 40 Commento Completamento finanziamento installazione e MTCC metab. nuova laureanda (3.8 kE) + Completamento finanziamento MTCC Completamento finanziamento installazione 40kE per Milano tracker 7.5kE per monitoring ECAL MTCC 2 pdoc al CERN Completamento finanziamento MTCC Completamento finanziamento MTCC Completamento finanziamento installazione (62kE) e MTCC (22kE) nuovo assegno solo nel 2006. Assegnati 3kE per responsabilita` monitoring online ECAL

PD.SI PG PI TS CMS

22 19 138 10 345

0 0 0 0

13 11 84 3

0 0 0 0 0

0 0 0 0 40

0 153.5

Materiale di Consumo
Sezione Descrizione Ric. Ric. sj Ass Asj AsD Commento

BO

Spese di manpower addizionale per assemblaggio dei minicrates sblocco da sj dei MOF-B per spese impreviste

25 11 0 11 36

0 0 -11 -11 -11

12 11 0 11 23

0 0 -11 -11 -11

0 0 0 0 0 Keuro 11.0 dal sj: PD.MU consumo (-29 Ke). OK al completamento utilizzo fondi M&O B 11.0 Ke a PD.MU consumo

PD.MU

11.00 Ke a PD.MU consumo Totale per la sezione

CMS

Totale per il capitolo di spesa

Materiale Inventariabile
Sezione MI CMS Descrizione acquisto 2 PC per monitor tst stand cosmici Totale per il capitolo di spesa Ric. 2 2 Ric. sj 0 0 Ass 2 2 Asj 0 0 AsD 0 0 Commento da prendere dai MOF-B

Costruzione Apparati
Sezione BA.RPC Descrizione Assegnazione Aggiuntiva Schede Sorter per Trigger finanziamento per far fronte alle fatture 2005 dei PSU (contratto CAEN) 150.00 Ke a PI apparati 130.00 Ke a PI apparati sblocco delsj dei monitor di temperatura tramutati in sensori sblocco di sj per sensori Totale per la sezione TO.MU CMS finanziamento aggiuntivo per DDU Totale per il capitolo di spesa Ric. 10 Ric. sj 0 Ass 10 Asj 0 AsD 0 Commento CORE, backplane + full sorter (in aggiunta a 14kE dati nel 2004 per half sorter)

FI

1000

0 1000

0

Trattasi di pagamento gara che era stato 0 posticipato al 2006 e che ora viene riportato al 2005 per consegna puntuale della produzione. 0 0 150.0 Ke a PI apparati 130.0 Ke a PI apparati

0 -150 0 -130 130 0

0 -150 0 -130 130 0

PI

Keuro 130.0 dal sj: PI apparati (0 Ke). Contributo 0 assegnato per sensori nell`ambito del nuovo piano CORE. 0 0 Viene finanziato il completamento di due prototipi 0 DDU per complessivi 40 KE (finanz. precedenti 9/04 e 5/05), 0 Keuro 150.0 dal sj: PI apparati (0 Ke). Contributo assegnato nell`ambito del nuovo piano CORE.

150

0

150

0

280 -280 50 0

280 -280 17 0

1340 -280 1307 -280

7. Totem: Status Report. Marco Bozzo. Bozzo presenta lo status attuale di TOTEM, esperimento per la misura a O (%) della sezione d’urto totale p-p. La collaborazione cresce. Siena/PI entra in TOTEM, + 4.5 FTE (9 fisici). Il gruppo di GE e’ aumentato fino a 6.5 FTE. La prossima discussione per il MoU sara’ il 15/7/2005. C’e’ stato una TOTEM detector review con CMS il 3/5/2005, ed un’Electronic Review il 12/5/2005. Quello che e’ si e’ capito e’ che il DAQ di TOTEM sembra essere compatibile con quello di CMS. Bozzo presenta quindi le attivita’ delle quali sono responsabili i vari gruppi italiani. Genova e’ responsabile dei rivelatori di T1, che saranno costruiti a S. Pietroburgo secondo il progetto di Genova e sotto il controllo di Genova. Genova e’ inoltre responsabile della costruzione del supporto meccanico sull’endcap di CMS e della “centine” per l’assemblaggio del telescopio. Genova segue inoltre parte dell’eletronica di FE e di trigger, e parte del DAQ ed e’ infine responsabile della simulazione della parte inelastica. Il nuovo gruppo Pisa/Siena partecipera’ alla costruzione del rivelatore T2 e alla sua simulazione, inoltre partecipera’ all’elettronica di FE e al trigger inelastico con T1+T2. Il gruppo di Bari e’ responsaibile del DAQ e dell’interfaccia di trigger. Per i dettagli delle varie attivita’ si rimanda alle trasparenze. Bozzo mostra infine le richieste finanziarie per il 2005, legate alle seguenti attivita’: (1) Inizio Costruzione T1; (2) Studi vari su T2; (3) Prototipi DAQ e test con CMS.

Il Presidente interviene osservando che in Totem si è arrivati ad un cambiamento importante nell’esperimento, la massa critica ora c’e’ e quindi siamo nella condizione di cominciare a discutere seriamente un piano di finanziamento. Rimane l’impressione che l’esperimento continui a costare molto. Bozzo risponde che c’e’ effettivamente un aumento dei costi, in particolare sull’elettronica, che pero’ e’ ora meglio definita. Bozzo stima che il costo di Totem sia di 6 MCHF, senza contingenza. Al momento i finanziamenti previsti sono di 2 MCHF dal CERN, 500 kCHF dalla Finlandia e poi tra USA e ITALIA si arriva a 5-5.5 MCHF. Bradamante si complimenta con Bozzo per il lavoro fatto per questo esperimento, si tratta di una fisica importante da portare avanti. Paolucci chiede se l’elettronica delle CSC sia quella di CMS. Bozzo risponde che si sono usate schede gia’ pronte nei limiti del possibile, per le quali pero’ si sono evidenziati dei limiti di throughput e si sta ristudiando la questione, in particolare si sta studiando se e’ ragionevole fare una lettura digitale dei catodi. 8. Totem: Referee. M. de Palma, G. Chiefari, M. Curatolo. I referee riportano la nuova situazione della collaborazione che finalmente sembra adeguata al conseguimento degli obiettivi. La nuova situazione si è creata di seguito una serie di eventi positivi: (a) il finanziamento di Totem da parte del CERN comunicato ufficialmente da J. Engelen il 31 Maggio, (b) un mutato atteggiamento di CMS verso Totem, che ora prevede EDR comuni per la parte di elettronica e di trigger e una LoI comune per la fisica diffrattiva da presentare entro Novembre 05, (c) il potenziamento del gruppo di GE con la partecipazione di due giovani ricercatori (E. Robutti e M. Lovetere) prima impegnati a tempo pieno in BaBar, (d) l’ingresso del gruppo Pi/Si con un peso iniziale di circa 5 FTE su 9 parteciparti. L’interesse del gruppo Pi/Si è sulle GEM e relativa elettronica al cui sviluppo parteciperanno da subito, ma con responsabilità e compiti che saranno meglio chiariti nell’immediato futuro. I referee condividono la scelta del gruppo di GE di costruire le camere presso PNPI, perché permette di massimizzare la possibilità di adempiere con successo gli impegni su T1 e sull’annessa elettronica, mentre chiedono al gruppo Pi/Si di dare un supporto rilevante anche al progetto di trigger-DAQ (di responsabilità del gruppo di Bari, il quale sembra al momento avere un carico eccessivo). I referee, nell’attesa della definizione del contributo CORE dell’INFN all’esperimento, propongono di finanziare tutte le richieste di costruzione apparati presentate dai gruppi. I referee e la commissione tutta si complimentano con M. Bozzo per la determinazione e la perseveranza con cui, anche nei momenti più difficili, ha creduto nell’iniziativa ed ha spinto per la sua realizzazione. Il Presidente chiede se sia possibile dare tutto il CORE su Consumo. Scribano risponde affermativamente, in quanto si tratta di acquisti di materiale per costruire rivelatori. Calvetti si congratula con Marco Bozzo per il fatto che ora TOTEM sia diventato un esperimento vero. Dalla Torre interviene affermando che “questa fisica s’ha da fare”, e che dal punto di vista del bilancio della Commissione si sta parlando di 300k€ che non rappresenta una grossa perturbazione. Il Presidente conclude congratulandosi ancora con Bozzo. La commissione approva le proposte dei referee, ma per esigenze di bilancio parte delle cifre richieste su Costruzione Apparati saranno invece assegnate su consumo.
Missioni Interne
Sezione BA GE PI.Dot TOTEM Descrizione contatti Genova-Pisa-Bari-Roma contatti Pisa-Genoova-Bari-Roma contatti con Bari, Genova, Pisa, Roma Totale per il capitolo di spesa Ric. 5 5 10 20 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 4 4 6 14 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 Commento

Missioni Estere

Sezione BA missioni CERN

Descrizione

Ric. 20 25 10 35 15 5 20 75

Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 0

Ass 12 20 10 30 15 5 20 62

Asj 0 0 0 0 0 0 0 0

AsD 0 0 0 0 0 0 0 0

Commento

riunioni CERN e workshop fisica diff. GE visite a PNPI organizzazione lab costruzione CSC Totale per la sezione missioni CERN PI.Dot workshop GEM a helsinki Totale per la sezione TOTEM Totale per il capitolo di spesa

Materiale di Consumo
Sezione v. c. apparati BA metabolismo Totale per la sezione v. apparati v. apparati GE automatizzazione strumento misura tensione dei fili metabolismo Totale per la sezione v. apparati v. apparati PI.Dot metabolismo Totale per la sezione TOTEM Totale per il capitolo di spesa 10 49 239 0 0 0 6 45 222 0 0 0 0 0 0 Descrizione Ric. 27 3 30 125 20 3 12 160 20 19 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Ass 25 2 27 125 20 3 2 150 20 19 Asj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Commento

Materiale Inventariabile
Sezione BA TOTEM oscillografo Totale per il capitolo di spesa Descrizione Ric. 8 8 Ric. sj 0 0 Ass 2 2 Asj 0 0 AsD 0 0 per dischi Commento

9. Zeus: Proposta dei Referee. S. Albergo, G. Chiefari, R. d’Alessandro S. Albergo riporta le proposte dei Referee di ZEUS alla Commissione. Considera preliminarmente come lo stato dell’esperimento risulti soddisfacente, sia dal punto di vista della luminosità distribuita da HERA-II, che ha ormai raggiunto il valore di progetto di 1 pb-1/day, sia dal punto di vista dell’efficienza di ZEUS, intorno al 90%. Il run di fisica prosegue ininterrottamente dall’inizio dell’anno e uno shutdown è previsto soltanto a partire da metà novembre 2005. Le proposte finanziarie dei referee vedono la restituzione alla Commissione di 30 KEuro del subjudice indiviso Missioni Estere di ZEUS (92 KEuro sulla sede di PD). Questi 30 KEuro corrispondono al 90% della quota di s.j. spettante alla sede di Bologna, che vedrà diminuire nella seconda metà del 2005 la propria partecipazione a ZEUS da 8.7 FTE a 5.2 FTE. Della restante parte del subjudice (62 KEuro Missioni Estere) viene invece proposto lo sblocco totale, distribuito proporzionalmente tra tutte le sedi dell’esperimento (a Bologna, in conseguenza della restituzione, risulterebbero assegnati soltanto 3 KEuro). I Referee propongono anche l’assegnazione di finanziamenti aggiuntivi in corso d’anno alle sedi di Cosenza (5.5 KEuro Missioni Estere), Firenze (2.5 KEuro Missioni Estere) e Padova (17 KEuro Missioni Estere). La commissione approva le proposte dei referee, riassunte nella tabella allegata.

Missioni Estere
Sezione Descrizione Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Assegnazione Aggiuntiva 1 33.00 Ke a BO estero- 6.00 Ke a RM1 estero- 6.00 Ke a TO estero- 7.00 Ke a FI estero- 23.00 Ke a PD estero- 7.00 Ke a CS estero Sblocco S.J per missioni deputy spokesman PD 10.00 Ke a PD estero Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Totale per la sezione RM1 Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Sblocco S.J e integrazione per completamento attivita` di presa dati con run prolungato e per attività analisi e coordinamento Totale per il capitolo di spesa 0 55 65 8 -10 0 -92 0 0 40 50 6 -10 0 -92 0 0 0 0 0 Keuro 6.0 dal sj: PD estero (-164 Ke). 10.0 Ke a PD estero Keuro 23.0 dal sj: PD estero (-82 Ke). Ric. 58 Ric. sj 0 Ass Asj AsD Commento

BO

3

0

Keuro 3.0 dal sj: PD estero (82.0 Ke). Si 0 suggerisce che 30 KEuro dal s.j. siano assegnati su Dotazioni a Bologna 0 Keuro 7.0 dal sj: PD estero (82.0 Ke).

CS

15

0 12.5

0

FI

14 0 0 10

0 0 -82 0

9.5 0 0 10

0 -30 -52 0

0 0

Keuro 7.0 dal sj: PD estero (82.0 Ke). Reso Sub Judice di 30 Keuro

6.0 Ke a TO estero- 6.0 Ke a RM1 estero- 23.0 Ke 0 a PD estero- 7.0 Ke a CS estero- 7.0 Ke a FI estero3.0 Ke a BO estero 0 Keuro 10.0 dal sj: PD estero (10.0 Ke).

TO ZEUS

10 170

0 -92

6 87

0 -92

0 0

Keuro 6.0 dal sj: PD estero (-164 Ke).

Il Presidente chiede se ci siano delle novita’ sui Pentaquark. Carlin risponde che ZEUS ha un’evidenza a 4.5 sigma, risultato ancora non maturo per la pubblicazione. 10. ATLAS: Status RPC. R. Santonico. Santonico presenta lo stato della produzione degli RPC di ATLAS. Il problema della delaminazione e’ stato capito e curato e la produzione e’ potuta ripartire. C’e’ un problema di elevata corrente di leakage sulle prime unita’ di RPC prodotte, problema noto che era stato curato inserendo una protezione in PET. Alcune delle camere senza protezione in PET sono in test alla GIF. In queste camere si evidenzia un aumento continuo della corrente di leakage fino a circa un fattore 10 rispetto al valore iniziale. Sebbene l'aumento del leakege non abbia peggiorato l'efficienza delle camere,il leakage potrebbe essere un problema quando parte da un valore piu' elevato. Santonico mostra inoltre che si stanno sostituendo camere con alta leakage current. In ogni caso la soglia di accettazione e’ ancora in discussione. Santonico conclude mostrando le richieste finanziarie. Paolucci interviene affermando che a CMS hanno osservato una deriva della corrente su tempi lunghi (3 settimane) nel 2003 e per questo motivo hanno modificato circa 30 camere già costruite inserendo la C di PET, lavoro che è stato poi eseguito su tutte le camere costruite in seguito. La modifica ha portato enormi miglioramente al fenomeno osservato. Segue quindi un’accesissima discussione sull’organigramma ufficiale dei compiti a BB5, in particolare la mancanza di Di Ciaccio. Viene inoltre osservato che anche Santonico non e’ piu’ in posizione ufficiale. Di Ciaccio vede un potenziale problema nella mancanza di responsabili RPC nella gestione dell'organizzazione del sistema a muoni. Calvetti afferma che in queste situazioni e’ di fondamentale importanza che il rivelatore funzioni, altrimenti alla fine la responsabilita’ sara’ attribuita all’INFN e quindi bisogna quindi battersi perche’ vengano fatte le scelte corrette. Luci, commentando l’organigramma di BB5, afferma che BB5 va pensato come un piccolo esperimento e il responsabile deve avere un ruolo di

responsabilità a BB5. Primavera conclude sottolineando come sia importante una posizione coerente della comunita’ RPC per rinforzare le nostre convinzioni tecniche. 11. ATLAS: Referee. N. Pastrone, Bedeschi, Carlin, Dalla Torre. Pastrone parla a nome dei referee di ATLAS. Per quanto riguarda gli RPC il problema dei pannelli delaminati e’ stato risolto, mentre invece sono stati riscontrati problemi di leakage current nelle camere BMLD che necessitano di riparazioni. Per questo motivo si raccomanda la massima attenzione alla schedule. Sono stati inoltre richiesti 20k€ per acquistare nuovi elettrodi per 24 BOS e 24 BOL, delle quali erano stati finanziati a maggio ’04 solo i volumi gas. Pastrone parla quindi dell’integrazione a BB5 e dell’installazione. In generale l’attivita’ e’ sempre piu’ frenetica e il test con i cosmici sempre piu’ critico e cruciale e la manpower esperta non sembra sufficiente. Per il trigger di LVL1 si spera in una rapida consegna degli ASICs. Per completare LVL1 manca il finanziamento del LV per un totale di 668 k€ (cost review 2003). Per quel che riguarda il finanziamento INFN sono stati finanziati 50k€ come anticipo 2004 e ci sono 100 k€ SJ nel 2005 e sono previsti infine 100 k€ per il 2006. A luglio 2005 e’ arrivata in extremis ai referee la richiesta di sblocco del SJ, ma senza offerte. I referee si dichiarano preoccupati per la mancanza di chiarezza di organizzazione e di informazione e richiedono al piu’ presto un piano globale. Vengono infine discusse le richieste aggiuntive e le integrazioni di ME. La commissione approva la proposta dei referee.

Missioni Interne
Sezione BO.Dot GE PV ATLAS Riunioni Collaborazione italiana Riunioni Collaborazione italiana Totale per il capitolo di spesa Descrizione Ric. 6 5 7 18 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 6 5 5 16 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 Commento Richiesta di ATLAS-RPC

Missioni Estere
Sezione BO.Dot CS LE LNF NA PI RM1 RM2 RM3 ATLAS Integrazione e Commissioning MDT Integrazione e Commissioning RPC Integrazione e Commissioning MDT Integrazione e Commissioning RPC Integrazione e Commissioning Tiles Integrazione e Commissioning MDT, LV1 e DAQ Integrazione e Commissioning RPC Integrazione e Commissioning MDT Totale per il capitolo di spesa Descrizione Ric. 70 4.5 22.5 18 22.5 13.5 16 31.5 7 205.5 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Ass 70 4.5 22.5 18 22.5 13.5 16 31.5 7 Asj 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Commento ATLAS-RPC 52.5 keu (5mu+30) ATLAS-LUMI 17.5 keu (3mu+4)

0 205.5

Materiale di Consumo
Sezione CS LE NA ATLAS Descrizione Consumi per irraggiamento con n alla Casaccia Stazione di test e BB5 Assepannelli di readout Totale per il capitolo di spesa Ric. 5 9 20 34 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 3 6 20 29 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 richiesta dettagliata in C.A.; 16.5 CORE, 3.5 IVA Commento

Trasporti e Facchinaggi
Sezione Descrizione Ric. 0 GE 10.00 Ke a LE trasporti Totale per la sezione LE ATLAS Finanziamento aggiuntivo Totale per il capitolo di spesa 0 0 20 20 Ric. sj 0 -10 -10 0 -10 Ass -10 0 -10 10 0 Asj 0 -10 -10 0 -10 AsD 0 0 0 Keuro 10.0 dal sj: GE trasporti (0 Ke). necessita` di 0 razionalizzare i trasporti ed usare le risorse do dotazioni 0 10.0 Ke a LE trasporti Commento

Costruzione Apparati
Sezione Descrizione 100.00 Ke a RM1 apparati RM1 Lavorazione cavi LV Totale per la sezione ATLAS Totale per il capitolo di spesa Ric. Ric. sj Ass Asj AsD 0 Commento 100.0 Ke a RM1 apparati

0 -100 100 0

0 -100 100 0

Keuro 100.0 dal sj: RM1 apparati (0 Ke). Da 0 utilizzarsi per la gara degli alimentatori. Le spese sui cavi vanno preventivamente approvate dai referee 0 0

100 -100 100 -100

100 -100 100 -100

12. Dotazioni: Discussione. P. Checchia, S. Dalla Torre. Per la discussione sulle dotazioni, dopo un’introduzione, Checchia prende in considerazione l’ipotesi di effettuare una riduzione strutturale delle risorse assegnate. Ribadisce che un eventuale risposta negativa a tale ipotesi non potra’ evitare che, a causa di esigenze di bilancio, il taglio alla fine ci sia. Viene deciso di soprassedere per il momento alla riduzione. Checchia propone un piccolo ritocco di 2 k€ di missioni interne per supplire ai viaggi delle sedi piu’ periferiche (Ts, Ba, Le, Ca, Ct) e la proposta viene accettata dalla Commissione. Checchia invita i colleghi coordinatori ad attenersi, nel formulare le richieste, alle formule concordate onde evitare di dover ricalcolare ogni volta tutte le voci. Il Presidente interviene affermando che la correzione agli algoritmi e’ una cosa delicata da fare. In ogni caso il suo commento e’ che in generale le piccole sezioni potrebbero essere aiutate di piu’.

Giovedi 7 luglio 2005
1. Proposta TS per la riunione di settembre 2. KLOE (fisica) G. Venanzoni (ppt, pdf) 3. KLOE (referee) P. Paolucci (ppt, pdf) 4. Prospettive per LNF M. Calvetti (ppt, pdf) 5. Tier2 (update) F. Bossi (ppt, pdf) 6. LHCb Stato e richieste P. Campana (ppt, pdf) 7. LHCb Referee R. Nania (ppt, pdf) 8. COMPASS Referee P. Branchini (ppt, pdf) 9. BABAR Referee C. Luci (pdf) 10. Kopio Referee A: Di Ciaccio (ppt, pdf)

1. Proposta TS per Riunione Settembre 2006. S. Dalla Torre. Dalla Torre presenta la proposta di fare la riunione di settembre 2006 alla ex-Stazione Marittima, l’attuale centro congressi di Trieste. Dalla Torre ha fatto per ora una pre-opzione su sala grande + 3 salette. Cio’ ha implicazioni logistiche, soprattutto nella ripartizione dei costi; si puo’ risparmiare sugli alberghi a favore del resto delle spese. Il preventivo di Dalla Torre di circa 20 kEuro, a fronte di risparmi per alberghi dell’ordine di 12 kEuro, fa’ si che il totale rimanga intorno alle spese precedenti per tale riunione. Tessarotto darebbe una mano per l’organizzazione. Gli orari del centro congressi sono tali che al massimo a mezzanotte sia necessario chiudere i lavori. Checchia chiede di lasciare un po’ di tempo per poter sentire altre proposte. Il presidente propone di aspettare fino a fine luglio eventuali proposte via email. Se ci sono altre proposte si decide a settembre, altrimenti Trieste e’ confermato. 2. KLOE: La Fisica. G. Venanzoni. Venanzoni presenta lo stato dell’analisi e della presa dati dell’esperimento KLOE. Con particolare riferimento ai risultati e alle misure recentemente pubblicate o in fase di pubblicazione della fisica con i mesoni K, vengono discusse:  La misura dei BR assoluti dei decadimenti principali del K L (KL  e, con una precisione statistica dello 0.2% e sistematico dello 0.5%;  La misura diretta della vita media del KL nel decadimento in 3con una precisione totale dello 0.6 %, che è la precisione più alta esistente;  La determinazione dei fattori di forma semileptonici;  La determinazione del valore di Vus della matrice CKM: KLOE ha contribuito a ristabilire l’unitarietà nella prima riga della CKM;  La misura del BR del decadimento KSe3 con una precisione dell’1%;  La misura del BR del decadimento di violazione di CP KS KLOE (1.210-7) rappresenta un miglioramento di due ordini di grandezza rispetto al limite posto dalla collaborazione SND;  La misura del BR del decadimento KS   La misura del BR del K+2 con una precisione dello 0.2%, e l’estrazione del parametro Vus della matrice CKM;  La misura dei BR Ke3, K3;  La misura della vita media del K. Per la fisica che non coinvolge i mesoni K, vengono discusse le analisi dell’ f0 e dell’  performance -1 della macchina in termini di luminosità giornaliera (7 pb ) e mensile. Ad oggi sono stati raccolti, dall’inizio della presa dati corrente, Maggio 2004, circa 1.3 fb -1. La luminosità massima integrata in un mese (150 pb-1, raggiunta a Novembre del 2004 e ad Aprile del 2005), rappresenta circa un 70% della luminosità potenzialmente raggiungibile da DAFNE sulla base della luminosità prodotta giornalmente, a causa delle svariate interruzioni della macchina dovute principalmente a problemi con l’alimentazione dei magneti e con il sistema di raffreddamento. Vengono quindi discusse le prospettive di fisica con 2 fb-1 , che è quanto si pensa di raccogliere per la fine del 2005 (assumendo 150 pb-1/mese nei restanti 5 mesi). Viene mostrato come la luminosità così ottenuta permetterebbe, tra l’altro, di migliorare molte delle misure esistenti, di accedere al settore dei decadimenti rari del KS e allo studio dei Dalitz plot dei decadimenti radiativi della . Infine vengono mostrate le prospettive di run per il 2006, che prevedono 200 pb-1 a 1 GeV (per la misura della sezione d’urto adronica alla soglia) e uno scan in energia, per un totale di 3-4 mesi di presa dati.

Checchia chiede quando si arrivera’a raccogliere 200 pb-1. Venanzoni risponde a fine marzo 2006. Luci si domanda se per la misura della asimmetria di carica del Kl sia importante acquisire altra statistica. Venanzoni risponde che in alcuni casi la statistica e’ importante. Bossi aggiunge che sulla statistica raccolta KLOE e’ stato superato da KTeV. 3. KLOE: proposte referee. P. Paolucci, Checchia, Fantechi, Lista. I referee, dopo aver partecipato al Workshop sulla Fisica di KLOE tenutosi nel maggio 2005, ritengono che il gruppo di KLOE stia ottenendo degli ottimi risultati di fisica ed altrettanti ne potrà ottenere nei prossimi anni analizzando i dati raccolti nel 2004 e nel 2005. Un piccolo, ma molto affiatato gruppo di giovani ricercatori sta assiduamente lavorando all’analisi dei dati raccolti nel 2001 e nel 2002 ottenendo dei risultati davvero incoraggianti. Per fare continuare sulla stessa strada e’ strettamente necessario che il gruppo riesca a mantenere costante, se non addirittura ad aumentare, il numero di FTE e che contemporaneamente possa raddoppiare la potenza di calcolo in modo da poter portare a termine in un tempo breve anche le analisi relative ai dati raccolti nel 2004 e nel 2005. Fino ad oggi gli eventi acquisiti da KLOE passano attraverso tre passi: il monitoring, la calibrazione e la ricostruzione, che sono tutti eseguiti dalla farm offline. Questa farm consiste in un totale di 200 CpuB80 di cui 10 sono usate per la calibrazione, 98 per la ricostruzione (7.5 pb -1 /giorno) mentre da 12 ad 84 sono dedicate alla analisi dei dati. I lavori previsti per il 2005 ed il 2006 sono: il riprocessamento dei dati 2001, 2002 e 2004 per un totale di circa 24.000 giorni CpuB80, la ricostruzione e DST per i dati raccolti nella seconda meta’ dell’anno 2005, per un totale di 14.000 giorni CpuB80 e la produzione MonteCarlo 2004-2005 che corrisponde a circa 29.000 giorni CpuB80. Il totale previsto e’ quindi di circa 70.000 giorni CpuB80 che con l’attuale farm corrisponde a circa 15 mesi di lavoro. Ricordiamo inoltre che lo spazio totale per i DST e’ di 50 TB (2001-2005) e quello per il MC di circa 30 TB (2001-2005). Vista quindi l’enorme mole di lavoro da svolgere nei prossimi mesi e l’importanza di portare avanti la analisi dei dati in un tempo breve, come ha anche sottolineato il Comitato Scientifico dei Laboratori di Frascati, i referee sono pienamente d’accordo sull’idea di sovvenzionare un incremento sostanziale del sistema di calcolo di KLOE tra il 2005 ed il 2006. Le richieste di KLOE sono quindi di acquistare 6 quadri-processori powerV corrispondenti a circa 200 CpuB80 per un costo stimato di 140 KEuro (IVA inclusa) ed un totale di 20 TB di spazio disco (fiber channel) e di un nuovo controllore per un otale di 140 KEuro (IVA inclusa). Richiedono inoltre l’acquisto di 200 cassette (60 TB) per 20 KEuro dal sb-judice di consumo di Frascati, 25 KEuro di gas (sj Frascati) e 3 KEuro per Roma III dal loro sub-judice. Una volta analizzate attentamente le richieste i referee concordano sull’accettare le richieste di sblocco dei sub-judice e di finanziare l’acquisto delle CPU per un totale di 140 KEuro, facendo pero’ notare che per questa ultima voce e’ essenziale la velocita’ con cui si puo’ arrivare all’acquisto e suggeriscono quindi di concentrarsi sull’espletamento delle formalita’ burocratiche nella speranza di ottenere le macchine per novembre 2005. Per quanto riguarda l’acquisto dei dischi, i referee, hanno deciso di finanziare solo dischi del tipo SATA per un totale di 14 dischi da 250 GB corrispondenti a 21 TB e due controllori SATA Mix DS4800 per 50 KEuro. Il totale assegnato alla richiesta di spazio disco e’ quindi di 110 KEuro (IVA inclusa). I referee fanno inoltre notare che non ritengono necessario l’acquisto di dischi del tipo FC e che quindi anche l’anno prossimo (2006) saranno sempre finanziati solo dischi SATA. La proposta economica finale e’ quindi: (1) sblocco s.j. di 40 KEuro (apparati); (2) sblocco s.j. di 83 KEuro (consumo); (3) extra di 175 KEuro (apparati). I referee vogliono infine sottolineare che la presa dati 2005 sta procedendo molto bene ed il goal di ottenere 2 fb-1 e’ sicuramente alla portata di KLOE e di DAPHNE. Checchia raccomanda di prestare attenzione alle gare, in quanto se le CPU arrivano a dicembre non serviranno a niente e questi sono i tempi da gara standard. Morettini chiede quale sia il ritardo tra arrivo e messa in operazione. Bloise risponde che nel passato il tempo tipico e’ stato di un mese. Morettini chiede se non si possano usare CPU piu’ economiche. Paolucci risponde che non e’

praticabile ora ricominciare a sviluppare core software. La commissione approva la proposta dei referee.
Materiale di Consumo
Sezione Descrizione 25.00 Ke a LNF apparati- 25.00 Ke a LNF consumo 20.00 Ke a LNF consumo LNF Gas per completare la presa-dati del 2005 200 cassette magnetiche Totale per la sezione Manutenzione elettronica apparato - CPU di II livello RM3 3.00 Ke a RM3 consumo Totale per la sezione KLOE Totale per il capitolo di spesa Ric. 0 0 25 20 45 3 0 3 48 Ric. sj -50 -20 0 0 -70 0 -3 -3 -73 Ass 0 0 25 20 45 3 0 3 48 Asj -60 -20 0 0 -80 0 -3 -3 -83 AsD 0 0 0 0 0 0 0 0 0 Keuro 3.0 dal sj: RM3 consumo (3.0 Ke). 3.0 Ke a RM3 consumo Commento 35.0 Ke a LNF apparati- 25.0 Ke a LNF consumo 20.0 Ke a LNF consumo Keuro 25.0 dal sj: LNF consumo (-10 Ke). Keuro 20.0 dal sj: LNF consumo (0 Ke).

Costruzione Apparati
Sezione Descrizione Potenza di calcolo = 3 quadriprocesori Power5 o configurazione di equivalenza equivalente 40.00 Ke a LNF apparati LNF Spazio disco - controller + 20 TB Potenza di calcolo - 3 quadriprocessori Power5 o configurazione di potenza equivalente Totale per la sezione KLOE Totale per il capitolo di spesa Ric. 70 0 140 70 280 280 Ric. sj 0 -40 0 0 -40 -40 Ass 70 0 110 70 250 250 Asj 0 -40 0 0 -40 -40 AsD 0 0 0 0 0 0 40.0 Ke a LNF apparati Keuro 40.0 dal sj: LNF apparati (0 Ke). Keuro 35.0 dal sj: LNF consumo (-70 Ke). Commento

4. Prospettive per LNF. M. Calvetti. Calvetti presenta le prospettive per i LNF, ritenendo importante l’opinione della CSN1 nella definizione del futuro delle strutture e delle attivita’ locali ai Laboratori di Frascati. A LNF la divisione acceleratori conta 40 fisici e/o ingegneri e 40 tecnici. Dafne ha raggiunto la luminosita’ di picco di 1.4 1032. KLOE finisce a marzo 2006. C’e’ anche un programma di fisica nucleare a Finuda, programma scientifico appena cominciato. Luce di sincrotrone: nel 2005 sono stati anche dati giorni dedicati a esperimenti di luce di sincrotrone. Esiste anche un fascio di fotoni taggati fino a 70 MeV alla BTF. Dafne e’ un “esperimento”: si studia il controllo dinamico della lunghezza dei bunch, argomento di interesse internazionale, per il quale ci sara’ un workshop a novembre a LNF. E’ un esperimento puro di fisica di macchina, utile per lo sviluppo di future macchine acceleratrici. Al di la’ del 2008 gli esperimenti attuali o in progetto a dafne sono conclusi. Sul futuro, Calvetti afferma che alzare energia o la luminosita’ nella attuale sala e’ praticamente impossibile. I futuri interessi di fisica dei LNF sono i fattori di forma del protone e del neutrone, le interazione gammagamma, Finuda, Siddharta, il completamento della fisica KLOE, il potenziamento dei fasci estratti anche per quel che riguarda la luce di sincrotrone. I LNF ritengono importante l’upgrade di DAFNE: questo comporta la costruzione di dipoli per avere possibilita’ di aumentare l’energia fino a 2.4 GeV e la luminosita’ di un fattore 4. Il progetto sara’ pronto per fine anno e ci si aspetta l’opinione delle CSN per i primi del 2006. Nel 2006 si passera’ al disegno costruttivo e si prevede la costruzione per il 2007-9. Per quanto riguarda le altre attivita’ non Dafne, Calvetti cita FLAME @ LNF, progetto approvato dal comitato scientifico Nuove Tecniche Acceleratrici. Verra’ inoltre upgradato il LINAC fino a 1.5 GeV. CNAO: i magneti, costruiti Ansaldo, verranno testati a LNF. Legnaro e LNF partecipano inoltre a CLIC. Calvetti presenta infine la situazione del Gruppo Teorico di LNF, composto da 10 persone, ma in prospettiva si vorrebbe rafforzare il gruppo di

fenomenologia. Per ultimo Calvetti cita la partecipazione di LNF ad esperimenti di fisica nello spazio. Calvetti conclude ritenendo che il parere della CSN1 sull’upgrade di Dafne, sia per quel che riguarda la macchina che per la fisica, sia necessario. Checchia, a proposito dell’upgrade di Dafne, chiede che probabilita’ ci sia di avere un’adeguata comunita’ di fisici volonterosa di realizzare le misure che diverranno possibili con l’upgrade. Calvetti risponde che si dovranno sentire i fisici dopo aver fatto il progetto di principio in quanto poi saranno loro a fare l’esperimento. Luci interviene dicendo che la fisica dei K ha sempre dato delle grosse sorprese e che quindi sembra utile continuare su questa strada. D’altra parte la comunita’ dei K, almeno a Roma, si sta un po’ disperdendo. Calvetti risponde che al momento non c’e’ un singolo argomento di fisica forte, ma il panorama globale e’ validissimo e diversificato e dovrebbe comunque attrarre persone dall’esterno. Bradamante interviene sostenendo che l’interdisciplinarita’ e’ importante, ma si esce dal nostro campo: a Trieste per esempio c’e’ gia’ una macchina da 1.5 GeV per la fisica della materia. Calvetti risponde che queste attivita’ interdisciplinari, FEL, laser come ondulatori, luce di sincrotrone, sono importanti in quanto nell’area romana ci sono tre universita’ e molti interessi diversi. La discussione continua e Calvetti mostra come vari siano i progetti per i LNF per il futuro. Il Presidente conclude dicendo che si aspetta una presentazione per un upgrade di Dafne per settembre, e a novembre potra’ poi essere studiato il caso di fisica. 5. Tier2 update. F. Bossi. Bossi presenta il piano di azione elaborato dal gruppo di referaggio per l’approvazione dei TIER2 degli esperimenti. Il piano prevede: 1) l’elaborazione di un documento standard che descriva i requirement necessari per la realizzazione di un TIER2 (che esiste gia’ in bozza); 2) la stesura da parte degli esperimenti di un documento che descriva i loro piani per la realizzazione degli stessi; 3) la discussione nelle commissioni scientifiche 1 e 3 dei documenti di cui ai punti precedenti. I punti 1 e 2 da espletare entro Luglio, il punto 3 a Settembre. Il tutto per cercare di giungere all’approvazione per i TIER2 per Ottobre 2006. Nel frattempo una serie ripetuta di problemi al CNAF ha evidenziato l’importanza di un corretto dimensionamento delle infrastrutture (gruppo frigorifero, trasformatore…) in primis al TIER1 e di conseguenza ai TIER2. E’ stato presentata (ed approvata) la divisione delle risorse al TIER1 per i vari esperimenti per il 2005-2006. Si propone di indire per l’anno corrente: 1) una gara per l’acquisizione di 800 KSpecint di CPU per un ammontare di 500 kEuro. 2) una gara per l’acquisizione di 400 TB di spazio disco per un ammontare di 1000 kEuro. Il presidente commenta che il documento sul Tier2 dovra’ essere reso pubblico. Bossi promette che lo sara’ entro luglio. Il Presidente commenta inoltre che questo documento dovra’ essere realistico e basato su personale certo. Primavera chiede se l’impegno di un direttore attuale dovra’ essere mantenuto dal direttore di domani. Il Presidente risponde che questo e’ impossibile, ma il direttore si deve impegnare per fare partire il progetto con i mezzi che ha a disposizione. Il presidente ringrazia Bossi per la presentazione.

6. Richieste LHCb. P. Campana. Campana presenta le richieste di LHCb. Gli argomenti discussi sono l’elettronica, il sistema HV, le prospettive per l’installazione, lo stato della costruzione delle camere e lo stato dei finanziamenti core. Per quel che riguarda le HV Campana chiede alla commissione una chiara e immediata indicazione sulla soluzione da scegliere in quanto una decisione a settembre comporterebbe un

ritardo di tre mesi, si vorrebbe far partire subito la gara. Il Presidente interviene affermando che se la gara viene vinta da University of Florida (UF), quest’ultima ci deve dare la garanzia che durante il commissioning ci sia un team di persone di UF pronte a intervenire. Per ultimo Campana mostra i piani di installazione e lo stato di finanziamento del rivelatore di muoni. Il Presidente ringrazia Campana per la presentazione, e lo ringrazia anche per la gestione dei rapporti con i colleghi di Syracuse, faccenda delicata e preoccupante per il futuro. 7. Referee LHCb. R. Nania, Batignani, Ferrari, Meroni. MUONI: La produzione delle camere procede con un ritmo compatibile con le previsioni, anche se con qualche mese di ritardo. La percentuale di scarti a Ferrara e Firenze e' piu' alta, ma includono le camere iniziali: da tenere sotto controllo per la riunione di settembre. I tempi di vestizione delle camere (necessarie 530 camere in 6-7 mesi) sembrano al limite e bisogna avere per settembre una valutazione reale. Relativamente alle richieste finanziarie, i referee sottolineano un’assegnazione dalla contingenza (come stimata ad Aprile) di 66 k€ per nuove stime a rialzo per Faraday Cage, Connettori HV e ordine integrativo catodi (C.A. per LNF) e un finanziamento parziale, 40k€ dei 60k€ richiesti, di Consumi su LNF. I referee richiedono un maggiore controllo su questi consumi ed una minore confusione con costi per la costruzione MWPC (e quindi CORE). Desta piu’ di qualche preoccupazione il Sistema HV. Il numero di canali necessari per le MWPC nella versione minimale e' di 2640. Esplorati due fornitori: CAEN (195 E/ch in discussione ) e University of Florida/PNPI (~125 SF/ch). Nella Money Matrix “attuale” sono previsti 410kSF (235 CERN + 175 INFN). Per le GEM sono necessari solo 72 ch e inoltre hanno esigenze particolari in termini di Vmax e chiedono gia' adesso l'autorizzazione a comprare moduli CAEN. LHCb richiede un OK per la gara via CERN che preveda UF/PNPI come fornitore. I referee non vedono problemi sulla scelta per le GEM. Esprimono pero' dubbi sulla possibile scelta di UF/PNPI poiche' non è una industria, non è nella collaborazione e benche' abbia evidenti costi inferiori, non e' chiara l'affidabilità e la manutenzione a lungo termine (anche se il possibile contratto menzionera' esplicitamente questi punti). Inoltre si nota che il contributo dell'INFN e' del 40% , ma la gara e' sotto totale gestione CERN. Inoltre i referee hanno forti dubbi sugli aspetti burocratici per INFN (autorizzare il CERN a far partecipare alla gara anche UF/PNPI) e sulle responsabilità finali. La proposta e’ che LHCb muoni definisca chiaramente le responsabilità (INFN o CERN) e ridefinisca di conseguenza la Money Matrix. Inoltre i referee propongono l’approvazione di 95k€ di extracosto per test CARIOCA + package chips, che non puo’ piu’ essere fatto in Brasile a causa del divieto di esportare i chips in questo paese. Sono stati dettagliati lo schema ed i costi per i cavi, si ritiene pero’ sottovalutato il costo dell’istallazione: da rivedere a settembre. Non vengono ritenuti giustificati i consumi per elettronica su LNF. RICH: Buono lo stato di avanzamento dei lavori per RICH2: positiva la PRR degli alloggiamenti HPD di Genova. Anche PRR dell’ Aerogel per il RICH1 e’ stato effettuato con successo. Si aspettano i risultati del test dello specchio in Be prodotto in Russia. Solo 10 HPD consegnati, con pretest effettuato a DEP e da verificare al CERN con un ulteriore ritardo di 1-2 mesi. In autunno, il primo test sara' fatto su una colonna invece che su due colonne. I referee sono contrari all'anticipo di 40 kE per il sistema di cooling: essendo la cifra piccola (Cost share; 160kSF UK, 90 kSF INFN (=60kE) ) non e' necessario un suo frazionamento. I referee sottolineano che non e' stato ancora risolto il problema del contributo UK. Viene proposto un nuovo finanziamento per le missioni italiane e lo sblocco del sub-judice attualmente assegnato a Roma 1 (100 kE) per le missioni estere. Segue la tabella delle assegnazioni proposte, in kE. La commissione approva la proposta referee.
Missioni Interne
Sezione Descrizione Ric. Ric. sj Ass Asj AsD Commento

BO CA LNF RM1 LHCb

Contatti scientifici e gruppo di lavoro fisica-italia Incremento FTE (+2.7) Mtg. Elettronica (CA) - Walls (BG) - Gruppi di fisica Controllo produzione FEE Totale per il capitolo di spesa

5 9 10 4.5 28.5

0 0 0 0 0

5 8 10 4 27

0 0 0 0 0

0 0 0 0 0

Missioni Estere
Sezione BO CA GE Attivita` trigger Incremento FTE - Test beam PSI Responsabilita` ECS + costruzioni Test beam GEM a PSI Installazione walls LNF PRR S.Pietroburgo + Fisica + Annecy (mecc.) Totale per la sezione MI Aerogel+elettronica+simulazione 20.00 Ke a BO estero- 12.00 Ke a CA estero- 15.00 Ke a LNF estero- 30.00 Ke a LNF estero- 15.00 Ke a LNF estero- 8.00 Ke a MI estero Totale per il capitolo di spesa 15 60 8 0 0 0 12 52 8 0 0 0 0 0 0 Keuro 8.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Keuro 12.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Descrizione Ric. 20 21 13 15 30 Ric. sj 0 0 0 0 0 Ass 15 15 10 13 27 Asj 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 Commento Keuro 15.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Keuro 15.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Keuro 10.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Keuro 13.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke). Keuro 27.0 dal sj: RM1 estero (100.0 Ke).

RM1

0 -100

0 -100

15.0 Ke a CA estero- 10.0 Ke a GE estero- 13.0 Ke a LNF estero- 27.0 Ke a LNF estero- 12.0 Ke a 0 LNF estero- 8.0 Ke a MI estero- 15.0 Ke a BO estero 0

LHCb

122 -100

100 -100

Materiale di Consumo
Sezione CA FE LNF RM1 RM2 LHCb Descrizione Assegnazione Aggiuntiva Completamento approvvigionamento gas Preparazione walls al Cern-Meccanica a LNFDisegni FC-Carrelli-Angolare gas M1-Scatole per tasporti Spese sito Potenza ed elettronica (FEE+SB) Acquisto carrelli per wpc FE+FI Totale per il capitolo di spesa Ric. 3 5 60 10 10 88 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 Ass 3 5 40 5 5 58 Asj 0 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 Keuro 5.0 dal sj: FE trasporti (5.0 Ke). Commento

Trasporti e Facchinaggi
Sezione FE LNF LHCb Descrizione 5.00 Ke a LNF trasporti Spedizioni CERN+Teramo+Siti produzione Totale per il capitolo di spesa Ric. 0 15 15 Ric. sj -5 0 -5 Ass 0 15 15 Asj -5 0 -5 AsD 0 0 0 Commento 5.0 Ke a FE consumo

Materiale Inventariabile
Sezione LNF LHCb Descrizione Schede HV per test stand (anticipo CORE GEM) Totale per il capitolo di spesa Ric. 7.5 7.5 Ric. sj 0 0 Ass 7.5 7.5 Asj 0 0 AsD 0 0 Commento

Costruzione Apparati
Sezione CA Descrizione Pack. & test chips (81 kE CORE) LV (CORE) LNF Cavi (CORE) IB+ODE (CORE) Ric. 95 206 42 22 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 95 206 42 22 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 Commento

Crates (CORE) Completamento finanziamento CORE WPC come da MM (2220 ksf)(CORE 55 kE) Totale per la sezione 12.00 Ke a RM1 apparati 12.00 Ke a RM1 apparati 4.00 Ke a RM1 apparati RM1 Cavi vari (3a parte) Cavi vari (2a parte) Cavi vari (1a parte) Totale per la sezione LHCb Totale per il capitolo di spesa

60 66 396 0 0 0 4 12 12 28 519

0 0 0 -12 -12 -4 0 0 0 -28 -28

60 66 396 0 0 0 4 12 12 28 519

0 0 0 -12 -12 -4 0 0 0 -28 -28

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 12.0 Ke a RM1 apparati 12.0 Ke a RM1 apparati 4.0 Ke a RM1 apparati Keuro 4.0 dal sj: RM1 apparati (0 Ke). Keuro 12.0 dal sj: RM1 apparati (0 Ke). Keuro 12.0 dal sj: RM1 apparati (0 Ke).

8. Referee COMPASS. P. Branchini, Bagniaia, Cenci. Branchini presenta a nome dei referee di Compass. E’ stata presentata una richiesta di missioni estere dell’esperimento Compass. La motivazione e’ legata all’upgrade del RICH approvato in Aprile. La richiesta e’ divisa in due punti: (1) richiesta di missioni legate alle operazioni sul detector: nello specifico 19 settimane uomo per smontare il vecchio rivelatore e rimontare il nuovo. Questa richiesta e’ condivisa pienamente dai referee. (2) Richiesta di 21 settimane uomo legata ai test alla GIF. Qui i referee consiglierebbero di moderare i costi o di trovare una alternativa. Le richieste totali ammontano a 51 Keuro per la sede di Ts e di 15 per quella di Torino. La proposta dei referee, considerati i punti sopra elencati e’ di 30 kEuro per Trieste e 10 per Torino. La commissione approva la proposta dei referee.
Missioni Estere
Sezione Descrizione assegnazione intergrative di 3 m.u. per l`upgrade del RICH1 e per coordinamento gruppo di fisica adronica assegnazione integrativa di 11 m.u. per l`upgrade del RICH1 Totale per il capitolo di spesa Ric. 15 Ric. sj 0 Ass Asj AsD Commento

TO.MW

10

0

0

costruzione del nuovo rivelatore

TS COMPASS

51 66

0 0

30 40

0 0

0 0

costruzione del nuovo rivelatore

9. Referee BaBar. C. Luci, De Palma, Staiano. Luci presenta a nome dei referee di Babar. Per quanto riguarda le ME a PD viene richiesto lo sblocco parziale di 216 k€. Vengono restituiti 15k€ di consumo da Ferrara e 20 k€ da Pisa assegnati sempre per installazione. Luci mostra infine la proposta per le ME aggiuntive. La commissione approva la proposta referee.
Missioni Interne
Sezione BA FE GE LNF Descrizione Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Ric. 0.5 2.5 2 2 Ric. sj 0 0 0 0 Ass 0.5 2 1.5 1.5 Asj 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 Commento

MI PG.Dot PI RM1 TO TS BABAR

Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Completamento assegnazione precedente Totale per il capitolo di spesa

1 0.5 4 3.5 1 2 19

0 0 0 0 0 0 0

1 0.5 3 2.5 1 1.5 15

0 0 0 0 0 0 0

0 0 0 0 0 0 0

Missioni Estere
Sezione BA FE GE LNF NA Descrizione Ulteriori necessita` per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi e per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi e per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi e per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi e per completare le attivita` fino a fine anno. Assegnazione Aggiuntiva 1 Ulteriori necessita` per completare le attivita` fino a fine anno. PD 55.00 Ke a TS estero- 40.00 Ke a TO estero- 10.00 Ke a PI estero- 15.00 Ke a PD estero- 30.00 Ke a NA estero- 32.00 Ke a LNF estero- 20.00 Ke a GE estero- 22.00 Ke a FE estero- 2.00 Ke a BA estero Totale per la sezione PI TO Ulteriori necessita` per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi e per completare le attivita` fino a fine anno. Ulteriori necessita` per task aggiuntivi, per completare le attivita` fino a fine anno e per correggere un errore in sede di assegnazione (sett. `04) Totale per il capitolo di spesa Ric. 2 22 20 32 30 0 15 Ric. sj 0 0 0 0 0 0 0 Ass 2 22 15 30 26 Asj 0 0 0 0 0 AsD 0 0 0 0 0 0 0 Commento Keuro 2.0 dal sj: PD estero (349.0 Ke). Keuro 22.0 dal sj: PD estero (349.0 Ke). Keuro 15.0 dal sj: PD estero (349.0 Ke). Keuro 30.0 dal sj: PD estero (349.0 Ke). Keuro 26.0 dal sj: PD estero (349.0 Ke). Reso Sub Judice di 134 Keuro Keuro 15.0 dal sj: PD estero (215 Ke). 40.0 Ke a TO estero- 55.0 Ke a TS estero- 2.0 Ke a BA estero- 22.0 Ke a FE estero- 10.0 Ke a PI estero- 15.0 Ke a GE estero- 26.0 Ke a NA estero30.0 Ke a LNF estero- 15.0 Ke a PD estero

0 -134 15 0

0 -226

0 -215

0

15 -226 10 40 0 0

15 -349 10 40 0 0

0 0 0 Keuro 10.0 dal sj: PD estero (-698 Ke). Keuro 40.0 dal sj: PD estero (-698 Ke).

TS

55

0

55

0

0

Keuro 55.0 dal sj: PD estero (-698 Ke).

BABAR

226 -226

215 -349

0

Materiale di Consumo
Sezione Descrizione Rabbocco per spese aggiuntive richieste per la produzione dei 2/3 finali delle schede di FE per il rivelatore LST FE 7.00 Ke a FE consumo Assegnazione Aggiuntiva 1 Totale per la sezione PI BABAR Assegnazione Aggiuntiva 1 Totale per il capitolo di spesa Ric. 7 0 0 7 0 7 Ric. sj 0 -7 0 -7 0 -7 Ass Asj AsD Commento

7 0 0 7 0 7

0 -7 -15 -22 -20 -42

0 0 0 0 0 0

Keuro 7.0 dal sj: FE consumo (30.0 Ke). 7.0 Ke a FE consumo Reso Sub Judice di 15 Keuro

Reso Sub Judice di 20.0 Keuro

Trasporti e Facchinaggi
Sezione Descrizione Spedizione a SLAC delle schede di FE prodotte nel 2005 FE 5.00 Ke a FE trasporti Assegnazione Aggiuntiva 1 Ric. 5 0 0 Ric. sj 0 -5 0 Ass 5 0 0 Asj 0 -5 -5 AsD 0 0 0 Commento Keuro 5.0 dal sj: FE trasporti (10.0 Ke). 5.0 Ke a FE trasporti Reso Sub Judice di 5 Keuro

Totale per la sezione BABAR Totale per il capitolo di spesa

5 5

-5 -5

5 5

-10 -10

0 0

10. Referee Kopio. A. Di Ciaccio. Di Ciaccio presenta lo stato di KOPIO. La Baseline review a BNL e' stata molto positiva cosi’ come la review di fisica dell’HEPAP su KOPIO e MECO. Nonostante cio' a giugno la Commissione del Congresso USA ha cancellato entrambi gli esperimenti RSVP. Alla Conferenza KAON 2005 Turner, capo del direttorato Matematica e Fisica dell'NSF, ha commentato questa decisione dicendo che l'NSF si riunira' ad agosto e dara' la sua raccomandazione. La ragione per cui il Congresso ha depennato il programma RSVP e’ perche' le richieste finanziarie erano eccessivamente elevate. Il Presidente interviene dicendo che tutti i comitati hanno sempre detto che il pacchetto RSVP e’ fondamentale, ma la cifra richiesta superava il budget di un fattore 20. Il problema e’ che Kopio e Meco, finanziati da NFS, hanno bisogno di AGS, finanziato da DOE. AGS funziona finche’ funziona RHIC. NFS dovrebbe prendersi il carico del funzionamento di AGS, valutabile a 20 M$/anno e questo e’ un aggravio aggiuntivo. Se decidessero di chiudere RHIC prima del previsto tutto diventerebbe ancora piu’ complicato. Luci commenta comunque che, in Italia, non c’e’ massa critica per fare l’esperimento, ed, inoltre, ci sono molte altre attività ora piu’ definite che potrebbero fare interferenza. La commissione approva la proposta dei referee.
Missioni Estere
Sezione Descrizione Ric. 11 PG.Dot 5.00 Ke a PG.Dot estero Totale per la sezione KOPIO Totale per il capitolo di spesa 0 11 11 Ric. sj 0 -5 -5 -5 Ass 11 0 11 11 Asj 0 -5 -5 -5 AsD 0 0 0 0 Commento Keuro 5.0 dal sj: PG.Dot estero (5.0 Ke). 5.0 Ke a PG.Dot estero

Fine della riunione ore 13:37.