Docstoc

La radio come strumento di propaganda - KidsLink

Document Sample
La radio come strumento di propaganda - KidsLink Powered By Docstoc
					La radio
Dalla propaganda di regime alle radio clandestine
1924-1945




           A cura della classe III A
       Scuola secondaria di primo grado
                Galileo Galilei
             Sasso Marconi (BO)
         Anno scolastico 2009-2010
                                                    1
L’Unione Radiofonica
Italiana
               Nel 1924 nasce l’URI
              Il regime fascista non fa
               molto uso della radio
               come mezzo di
               propaganda,si limita ad
               usare il mezzo come un
               altoparlante nazionale
               per i discorsi di
               Mussolini.
              Il regime esercita già un
               controllo sui notiziari e
               sull’informazione.

                                           2
La propaganda
       Fino agli anni ’30 il mezzo
        di informazione preferito
        rimane la carta stampata,
        Solo in seguito Mussolini
     comprenderà l’importanza della
          Radio come strumento
    di propaganda,visto l’alto tasso
di analfabetismo della popolazione e la
    scarsa attitudine alla lettura del
              popolo italiano.




                                          3
La fascistizzazione della
società italiana

          Tra il 1933 e il 1934
    con l’apertura di Radio Rurale
    e Radio Scuola comincia l’uso
         scientifico della radio
      come mezzo di propaganda
            per accelerare il
   consenso della popolazione ad
un’ adesione piena e totale al regime.




                                         4
Radio Rurale




 Promossa dall’Ente Radio Rurale,era destinata
 alle zone di riunione collettiva,agli ambienti
 contadini e alle scuole.

                                                  5
Radio Balilla

    Realizzata con materiali
       non troppo pregiati
    veniva prodotta in Italia.
     Il prezzo contenuto ne
 permetteva la diffusione anche
         ai meno abbienti.
         La radio diventa
        uno strumento di
  PROPAGANDA POLITICA.




                                  6
La caduta di Mussolini
       Il 25 luglio 1943 la
        radio annuncia la
      caduta del fascismo.




                              7
La Germania nazista




                      8
L’uso scientifico della radio

 A differenza del
 fascismo,il nazismo
 preferisce subito la
 radio alla carta
 stampata, ritenendo
 la voce più
 immediata,vibrante e
 quindi più
 convincente per le
 masse.

                                9
 La tecnica usata dai
  tedeschi fu quella della
  “ripetizione”.
 Gli ascoltatori venivano
  bombardati dagli stessi
  concetti e dalle stesse
  frasi.
 Alla tecnica ripetitiva
  venne poi aggiunto lo
  slogan,ancora più
  convincente e facile da
  memorizzare.

                             10
 Goebbels,ministro della propaganda del Reich
affermava: “Le notizie sono un’arma da guerra,il loro
scopo è quello di vincere la guerra,non quello di dare
informazioni”.




                                                         11
Radio Londra




               12
13
 .

Le trasmissioni italiane della BBC
               iniziarono
      con la crisi di Monaco.
      Con l’inizio della guerra
            le trasmissioni
      in italiano aumentarono.       La redazione di Radio Londra
                                        divenne presto famosa
                                             per la velocità
                                            nel trasmettere
                                      le informazioni nel mondo.




                                                                    14
Il “Colonnello Buonasera”
In Italia divenne
presto famosa la
figura del Colonnello
Harold Stevens
che,con i suoi
commenti pacati e
ragionevoli, seppe
trasmettere agli        Il colonnello Stevens
italiani, stanchi e
sfiduciati,serenità e
fiducia nel futuro.
                                                15
Dopo l’8 settembre
del 1943, attraverso
le trasmissioni di
Radio Londra,
venivano spediti i
messaggi speciali dei
comandi militari
alleati diretti alle
formazioni partigiane
italiane.

                        16
Alcuni messaggi in codice

 Felice non
  è felice                La mia barba è           La mucca non dà latte
                              bionda



                                               Le scarpe mi stanno
  E’ cessata la pioggia
                                                      strette

                              Giacomone
                            bacia Maometto


     L’aquila vola
                                             Il pappagallo è rosso


                                                                       17
Le trasmissioni in italiano
di Radio Londra
iniziavano con le prime
note della quinta sinfonia
di Beethoven,
probabilmente perché,
scandite secondo
l’alfabeto morse,
codificavano la lettera V
di Victory, messaggio
caro a Churchill.

                              18
Le radio clandestine




                       19
Caterina
la radio della speranza
Questa radio fu ideata e
costruita nel campo di
Sandbostel da alcuni
ufficiali italiani.
 Fu di grande conforto per
i prigionieri che potevano
ascoltare le notizie
dell’approssimarsi della
liberazione.
 L’ascolto avveniva tra le
21 e le 23,quando il lager
era senza luce.

                             20
Radio libertà
Operò dalla fine del 1944 nelle province di
Vercelli e Biella.
Fu molto importante perché riuscì a rendere
inefficace una radio collaborazionista: “Radio
Baita”.




                                                 21
Radio Cora
Creata da un gruppo fiorentino del Partito d’Azione
svolse un’azione importante perché trasmetteva
informazioni sugli spostamenti militari lungo la via
appenninica.
L’attività di Radio Cora venne scoperta dai
nazifascisti, i suoi attivisti vennero prima torturati e
poi uccisi.



                                                           22
25 Aprile 1945




 Finalmente le radio italiane possono
 trasmettere la voce di un paese libero.


                                           23
A cura della classe III A
Scuola secondaria di primo grado
Galileo Galilei
Sasso Marconi (BO)


Pietro Bassetti
Jessica Benetti
Matteo Benini
Luca Bolelli
Boschi Federica
Alessandro Ceol
Andrea Fiocchi
Lucrezia Fornasini                 24
Il partito d’Azione
    Il Partito d'Azione rinacque nel luglio del 1942,
        riprendendo il nome del movimento politico
 risorgimentale fondato nel 1853 da Mazzini e sciolto
  nel 1870. Di orientamento radicale, repubblicano e
 socialista-moderato, ebbe vita breve e si sciolse nel
   1947. I suoi membri furono chiamati "azionisti" e il
           suo organo ufficiale era "L'Italia libera".




                                                          25
Il campo di Sandbostel
Sandbostel è una cittadina tedesca della Bassa
Sassonia (Niedersachsen), situata a 43 km a
nord-est da Brema e 60 km ad ovest di Amburgo.
Durante la Seconda Guerra Mondiale fu costruito
nelle vicinanze di Sandbostel uno dei più famosi
campi per prigionieri di guerra, lo Stalag X B,
dove dal 1939 al 1945 furono internati 1 milione
di prigionieri di 46 nazioni, 50.000 dei quali
morirono di fame, malattia o uccisi.

                                                   26
 La crisi di Monaco
La conferenza di Monaco si tenne dal 29 al 30
settembre 1938, fra i capi di governo di Regno Unito,
Francia, Germania e Italia. L'oggetto della conferenza fu
la discussione, poco prima della seconda guerra
mondiale, delle rivendicazioni tedesche sulla porzione di
territorio cecoslovacco abitato dai Sudeti (popolazione di
etnia tedesca) e si concluse con l'accordo di Monaco,
che portò all'annessione di fatto della Cecoslovacchia
allo stato tedesco. Poiché i rappresentanti cecoslovacchi
non vennero fatti partecipare alle trattative, il trattato
venne da essi etichettato come Diktat di Monaco.


                                                             27

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:1
posted:4/25/2013
language:Italian
pages:27