dayco-magazine_n2_june2012_it

Document Sample
dayco-magazine_n2_june2012_it Powered By Docstoc
					NUMERO 2 - MAGGIO 2012
                        Editoriale
                                                                                                                                                                                       ®




                                     Ascoltare il mercato,
                                     guardare al futuro
                                           l momento è difficile, è inutile negarlo.    servizio o un prodotto, bensì partner a pieno     giusto e bilanciato ottimismo, con


                                     I     La crisi economica mondiale che ormai
                                           da più di tre anni attanaglia i mercati
                                           non accenna, almeno per ora, a
                                           risolversi in un nuovo ordine e molte
                                     aziende continuano a muoversi nell’incer-
                                                                                        titolo, protagonisti attivi del nostro
                                                                                        successo. Sono parte integrante
                                                                                        dell’azienda: lo erano in passato, lo saranno
                                                                                        sempre più in futuro. La posta in gioco, alta
                                                                                        ma non irraggiungibile, è quella di un nuovo
                                                                                                                                          un’attitudine positiva ma anche realista,
                                                                                                                                          che nasce dalla consapevolezza che un
                                                                                                                                          futuro esiste e che per raggiungerlo
                                                                                                                                          bisogna imboccare senza esitazione un
                                                                                                                                          percorso sconosciuto. Un percorso che
                                     tezza. E tuttavia, anche in questo contesto,       modello di sviluppo, che guardi a una             disegna giorno per giorno un’azienda
                                     Dayco è riuscita a segnare alcuni importanti       strategia di crescita realmente condivisa e       grande, globale, dove si parla una sola
                                     risultati lungo il percorso di rinnovamento        profittevole per tutti: l’azienda, gli utenti     lingua e si ascolta un solo messaggio, che
                                     che solo un anno fa, proprio su queste             finali, il mercato nel suo equilibrio generale.   però riesce ad essere tradotto in
                                     pagine, iniziavamo a delineare.                    Non può esserci fiducia nel futuro, del resto,    innumerevoli idiomi e cadenze. Un’azienda
                                     Siamo convinti del resto che davvero ogni          se non c’è in primo luogo una fiducia             dove si lavora costantemente per una
                                     genere di difficoltà può essere superata se        reciproca. Senza il rapporto con i nostri         crescente fidelizzazione di collaboratori e
                                     la si affronta con l’arma giusta: la fiducia.      partner non potremmo esprimere la nostra          clienti, che anche nei momenti più difficili
                                     Fiducia nel futuro, per la precisione.             visione positiva del futuro. E senza il nostro    non ci hanno lasciato. Hanno creduto in noi.
 David Martínez                      È questo il grande motore di forza che da          investimento i nostri partner non potrebbero      Una constatazione che mi riempie di
                                     sempre ci spinge e ci dà motivazione. È la         credere in noi. “Condivisione” è dunque           soddisfazione e di speranza per il domani.
President EU/SAO/Asia
                                     fiducia che ci ha permesso di pianificare,         davvero la nostra parola d’ordine, il             Perché le persone sono davvero la parte più
                                     decidere e investire risorse nella grande          fondamento di una nuova forma di mercato          importante di una realtà come la nostra:
                                     scommessa di rinnovamento che abbiamo              e di un nuovo modo di stare nel mercato,          un’azienda vive di mercato e il mercato è
                                     lanciato. Ed è ancora la fiducia che ci ha         che guardi non solo alla crescita, ma anche       fatto da persone. Credere nel mercato, per
                                     permesso di aggiornare il nostro modello al        alla stabilità e al consolidamento della          noi, significa dunque credere nelle persone.
                                     nuovo modello economico, di immaginare             crescita stessa.                                  Saperle ascoltare. Se infatti abbiamo un
                                     una nuova strategia e una nuova forma di           Sulla condivisione di valori e di obiettivi si    merito in questo successo, credo sia stato
                                     mercato. Perché la fiducia nel futuro, per         basano le nostre missioni, le nostre visioni      proprio quello di aver saputo ascoltare il
                                     Dayco, significa anche e soprattutto fiducia       e le nostre strategie. “Nostre”, appunto,         mercato, capirlo senza condizionarlo.
                                     nel mercato, nella sua capacità di rinnovarsi      perché condivise, così come condiviso è il        Senza questo “ascolto” non avremmo fatto
                                     e di dare, a chi sa ascoltarlo, le indicazioni     successo che traspare dai risultati raggiunti     forse le stesse scelte e gli stessi
                                     per affrontare al meglio ogni cambiamento.         nell’ultimo anno, che ci vedono crescere, in      investimenti. E senza questo “ascolto”, non
                                     Fiducia: su questo siamo andati avanti, su         alcune aree addirittura con tassi importanti,     avremmo trovato il modo giusto per
                                     questo abbiamo investito in questi anni. E         nonostante il quadro di generale difficoltà       trasmettere il messaggio di fiducia ai nostri
                                     su questo, soprattutto, si fonda il rapporto       dell’economia globale e che, in un                partner. Che non solo ci hanno compreso,
                                     ogni giorno più saldo con i nostri clienti, a      momento difficile come questo, si rivelano        ma a loro volta ci hanno premiato con il loro
                                     tutti i livelli. Clienti che per noi, da sempre,   ancora più importanti e significativi.            ottimismo, la loro fiducia, il loro impegno
                                     non sono semplici interlocutori, referenti         Consci di queste difficoltà, abbiamo voluto       per un futuro più luminoso.
                                     con cui dialogare o a cui indirizzare un           porci di fronte ai possibili sviluppi con un


                                                                                                                                                             MAGGIO 2012           1
                      ®
                               NUMERO 2                                       Coordinamento Editoriale
                                                                              Franca Pierobon
                               Rivista periodica
                               iscritta al Tribunale Ordinario di Pescara     Grafica
                               N. 488/2011 V.G.                               Pomilio Blumm srl
                               N. 07/2011 Reg. Stampa                         Via Venezia, 4 - 65121 Pescara
                               N. 72/2011 Cron.
                                                                              Stampa
                               Direttore Responsabile                         Ivrea Grafica, Ivrea - To
                               Daniela Panosetti



                      Indice




4
Il cliente è
il nostro
partner




6           Un brand
            da valorizzare                                10
                                                                            I numeri
                                                                            di una leadership
            insieme




                                                                            15           TB SET:
                                                                                         soluzioni per
                                                                                         ogni situazione



    7    Informazione                                18         Frontiera
         a tutto campo                                          orientale


2       POWER WORLD
                                                            World
                               D AY C O   M A G A Z I N E




                                                             Maggio
                                                             2012



                               20                 Sostenibilità
                                                  e innovazione:
                                                  un lavoro
16                                                d’orchestra
Da Mosca
a Varsavia




             28
             Il TAM risponde
                                                Editoriale

                                                Marketing
                                                                                1

                                                                                4

                                                Comunicazione                   6

                                                Prodotti                       10

                                                Zoom                           16


       30
        Il meccanico
                                                Ricerca & Sviluppo

                                                Garage
                                                                               20

                                                                               26

        Dayco                                   Update                         36



                                                                 MAGGIO 2012   3
                        Marketing




       Il cliente è
       il nostro partner
                                                     Una strategia globale negli obiettivi, ma locale nella realizzazione.
                                                     Una rete logistica sempre più adeguata ai singoli mercati.
                                                     E un’idea di vendita “allargata”, che si conclude solo con l’installazione
 Bruno Vallillo
                                                     del prodotto. Bruno Vallillo, Vice President, General Manager Europe,
Vice President
General Manager Europe                               illustra il modello Dayco. E i motivi che lo hanno reso vincente.

               n modello del tutto nuovo, a          diversi per composizione e ampiezza».              frequenza». Di qui la decisione di preparare    parchi circolanti composti da veicoli che,


U              livello produttivo, logistico e
               commerciale. Una visione
               realmente innovativa, fondata
sui principi, strettamente connessi, di
fiducia e qualità. E un’impostazione
                                                     Proprio i mercati emergenti rappresentano
                                                     oggi il fronte più promettente di questa
                                                     “scommessa al futuro” intrapresa da Dayco.
                                                     Accanto alle posizioni già consolidate, infatti,
                                                     il marchio ha visto crescere notevolmente la
                                                                                                        un catalogo e una linea di prodotto specifica
                                                                                                        per questa categoria di veicoli, che copra
                                                                                                        con un unico range tutta l’Europa “matura”
                                                                                                        e tutta la parte emergente.
                                                                                                                                                        per via dell’anzianità, sono sempre meno
                                                                                                                                                        seguiti dalle reti ufficiali, ma che
                                                                                                                                                        necessitano dello stesso livello qualitativo
                                                                                                                                                        OE. Un settore estremamente strategico,
                                                                                                                                                        per il quale sono stati previsti importanti
strategica che sappia rispondere al                  propria quota nelle aree di nuovo sviluppo,                                                        investimenti nell’area testing, estendendo
cambiamento col cambiamento, reagendo                in particolare Russia e Brasile. «Paesi            QUALITÀ ELEVATA                                 il programma di ricerca R&D europeo
per rilancio, più che per resistenza,                emergenti, ma soprattutto esigenti - nota          E SERVIZI DIFFERENZIATI                         all’area asiatica e sudamericana.
scommettendo sul futuro, senza per questo            Vallillo - con un mercato ormai moderno e                                                          D’altra parte, come spiega Vallillo: «Non
perdere di vista il presente. È questo               in grado di accogliere nuovi strumenti e           Va in questo senso l’impegno di Dayco a         tutto è standardizzabile. Ogni paese
l’obiettivo che Dayco sta perseguendo, con           nuovi servizi».                                    incrementare ulteriormente un’offerta già       presenta le proprie specificità, in termini di
grande convinzione, ormai già da qualche             Tra i settori più promettenti, quello              quasi completa, integrando progressiva-         anzianità e composizione del parco
anno. Una scelta difficile, che ha impegnato         dell’Heavy Duty, dove Dayco è già leader                       mente all’interno del proprio       circolante, ma anche di situazione
tutte le divisioni e tutti i livelli aziendali, ma   assoluta per l’offerta OE. «Un                                     catalogo la totalità delle      culturale, linguistica, infrastrutturale e
che a distanza di poco tempo sta già                 mercato che diventa di mese in                                        applicazioni presenti        persino climatica (si pensi ai fenomeni di
mostrando i suoi frutti.                             mese più esigente, soprattutto                                          sui nuovi mercati.         stagionalità)». Il primo passo per venire
                                                     nella gamma dei veicoli medi,                                            Molte risorse sono        incontro a queste esigenze diversificate è
                                                     che vanno dai 35 ai 70 quintali:                                         state destinate ad        dunque l’ascolto del mercato, «la capacità
PAESI EMERGENTI,                                     la tendenza infatti, in armonia                                           esempio a coprire        di capire in anticipo le sue esigenze, in
MERCATI ESIGENTI                                     col generale cambiamento di                                               quei segmenti di         modo da essere sempre pronti a
                                                     modello economico, è                                                                                rispondere alle richieste dei clienti, a tutti i
«In un momento in cui la maggior parte dei           quella di trasportare                                                                                 livelli: dal distributore al ricambista fino al
settori produttivi continua a risentire delle        meno merci, ma                                                                                         meccanico che installa il componente».
generali difficoltà dell’economia mondiale,          con maggiore                                                                                           Sul piano organizzativo, questa
Dayco mantiene una posizione leader in                                                                                                                    impostazione si è tradotta nella divisione
molte famiglie di prodotto e in molti mercati                                                                                                             delle diverse esigenze di mercato intorno
- afferma con un certo orgoglio Bruno                                                                                                                     a tre grandi divisioni: marketing, logistica
Vallillo, Vice President, General Manager                                                                                                                 e vendita. «Quest’ultima, in particolare, è
Europe. - La gamma dei kit, ad esempio, ci                                                                                                                stata del tutto riconfigurata,
vede proprio da quest’anno player                                                                                                                           abbandonando il concetto di vendita
dominanti sui mercati maturi, ma sta                                                                                                                          classica per un’impostazione volta ad
diventando una soluzione sempre più                                                                                                                               adattare il più possibile la strategia
richiesta anche nelle aree East                                                                                                                                   globale ai diversi mercati». Nell’area
Europe e Bric, caratterizzate da                                                                                                                                    europea, ad esempio, le
parchi circolanti spesso assai                                                                                                                                       attività di vendita sono
                                                                                                         Officina e cliente non sono semplici
       Un rapporto                                                                                       interlocutori, ma parti attive delle strategie
                                                                                                         aziendali. In nome di una garanzia di

       di fiducia                                                                                        qualità che nasce prima di tutto dalla
                                                                                                         condivisione di obiettivi.

                officina rappresenta il vero           che hanno risposto allo sforzo di


L’              passaggio nodale della
                nostra “catena di valore”. È lì
                che il nostro prodotto arriva
                davvero a prendere vita,
grazie all’esperienza e alla competenza del
                                                       rinnovamento dell’azienda scegliendo
                                                       sempre di più la nostra qualità, la nostra
                                                       completezza di gamma, i nostri
                                                       investimenti logistici, riconoscendo così il
                                                       valore degli investimenti fatti in direzione di
meccanico. È estremamente importante                   un reale rinnovamento».
dunque che questo passaggio sia il più                 La condivisione di obiettivi e prospettive con
fluido possibile, che l’installatore sappia            i clienti è del resto uno degli aspetti più
che avrà da Dayco il massimo della qualità,            importanti del modello che Dayco sta
ma soprattutto del servizio e della                    definendo anno per anno: «Stiamo
reperibilità del prodotto». Così Bruno Vallillo        cercando di rendere tale rapporto sempre
spiega la centralità che il rapporto con le            più stretto e partecipato, includendo i clienti
officine riveste nel modello Dayco.                    in modo diretto, come veri e propri partner
Proprio in quest’ottica si sta procedendo              nel percorso di innovazione di prodotti e
anche a un ulteriore miglioramento e                   processi. Penso ad esempio alla
potenziamento delle logiche di confeziona-             costituzione dei grandi gruppi di acquisto -
mento e allestimento dei prodotti: l’obiettivo         continua - e agli ingenti investimenti che
è quello di fornire insieme al singolo                 sono stati fatti in comunicazione,                partner, in direzione di un sempre più             quella di giocare sempre come player, e
componente, in un’unica soluzione, anche               soprattutto in termini di offerta di servizi e    elevato livello di qualità, in tutti gli aspetti   non come follower. Il che significa guardare
gli accessori specifici per il corretto                informazioni specificamente rivolti alle          della nostra attività».                            per prima cosa al mercato e alla sua
montaggio. L’officina, nel modello Dayco,              officine. È in questo quadro che va letta         Una fiducia che si percepisce chiaramente          evoluzione, e solo in seconda battuta alla
non è dunque un semplice terminale del                 anche la sfida che Dayco ha lanciato (e           anche nelle scelte riguardanti il marketing,       concorrenza. Nella convinzione che per
processo di vendita, ma una parte attiva               vinto) sul versante “garanzie”. Il prodotto       nel quale Dayco si è posta obiettivi               guidare il mercato bisogna anche lasciarsi
delle scelte strategiche aziendali. «E se              Dayco può infatti contare su un grado di          certamente ambiziosi, ma che sicuramente           guidare dal mercato stesso: ovvero,
queste scelte come si è visto si sono                  garanzia maggiore di quello imposto dalla         potranno essere raggiunti se si continuerà         appunto, saperlo ascoltare. Un modello -
dimostrate premianti, è altrettanto vero -             legge: «Un “extra” che siamo in grado di          a seguire la strada già tracciata. «Rispetto       conclude - che sono convinto sia vincente
precisa Vallillo - che la scelta più importante        offrire proprio perché siamo sicuri di quello     ai nostri competitor ci siamo dati fin da          sempre, non solo in questo caso».
l’hanno fatta i nostri clienti, diretti e indiretti,   che stiamo facendo, insieme ai nostri             subito una semplice regola - rivela Vallillo -



articolate intorno a tre direzioni                     tempo un’offerta differenziata a livello          «L'investimento logistico è partito circa tre      installato. In altri termini, il nostro compito
commerciali, corrispondenti a Sud, Centro-             locale, il più possibile appropriata e            anni fa, con l’idea di abbandonare i               può ritenersi concluso solo quando
Nord ed Est Europa, ovvero ad altrettante              adeguata a ogni singolo paese, e uno              magazzini          centrali         puntando       abbiamo risposto a tutte le esigenze del
macro-aree che raggruppano paesi carat-                standard qualitativo elevato e uniforme a         maggiormente sui nodi periferici,                  nostro cliente finale, sia in termini qualitativi
terizzati da esigenze commerciali e                    livello globale, per ogni area e per ogni         avvicinando il più possibile il prodotto al        che di servizio».
produttive se non simili, certamente                   aspetto dell’offerta.                             luogo in cui poi verrà effettivamente              Di qui la volontà di fornire un range sempre
comparabili o comunque in grado di essere              Qualità, dunque, non solo del prodotto in         utilizzato e dando così ai nostri partner delle    più ampio di servizi aggiuntivi e facilities
elaborate in un quadro di risposta comune.             sé, ma anche degli allestimenti, delle            officine la sicurezza di poter contare sulla       esplicitamente finalizzate a rendere più
«Coerentemente con questo assunto, la                  informazioni e del servizio in generale.          massima disponibilità del prodotto».               semplici, rapide ed efficienti le procedure
vendita è oggi potenziata in particolare su            «Si tratta evidentemente di un processo che       Il processo oggi continua in due direzioni:        di montaggio, con strumenti che vanno
alcune aree che mostrano interessanti                  richiederà un certo tempo per realizzarsi a       l’apertura di nuovi magazzini locali e             dalla disponibilità di technical information
indici di crescita, sia nei mercati maturi,            pieno, ma che è già ampiamente avviato e          l’ampliamento di quelli esistenti.                 “tagliate” sui singoli prodotti alla presenza
come ad esempio l’Inghilterra, sia                     ci impegnerà sempre di più nel prossimo           Agli investimenti diretti sul territorio si        costante della figura del Tecnico
soprattutto nell’Est Europa, dove paesi                futuro», precisa Vallillo.                        aggiungono inoltre quelli destinati agli studi     Aftermarket, per arrivare all’organizzazione
come la Polonia si stanno imponendo come               Proseguono ad esempio a pieno ritmo le            specifici per individuare e mettere a punto        di seminari e workshop a livello locale,
piazze estremamente promettenti».                      azioni di investimento e ampliamento sul          i sistemi più adeguati ad accorciare al            direttamente sul territorio.
                                                       piano logistico. La struttura di distribuzione    massimo i tempi e garantire la massima
                                                       negli ultimi anni si è progressivamente           efficienza logistica.
DAL MAGAZZINO ALL’OFFICINA                             adattata a un modello di sempre maggiore          Come spiega ancora Vallillo, infatti, «per
                                                       “vicinanza” al mercato di riferimento,            Dayco la vendita non termina nel momento
L’obiettivo primario di Dayco rimane                   adattandosi alle diverse infrastrutture dei       in cui il pezzo viene ordinato, ma quando
insomma quello di garantire allo stesso                diversi paesi.                                    viene effettivamente e correttamente


                                                                                                                                                                                MAGGIO 2012              5
                    Comunicazione & Promozione

                                                                                                                                   «Una sezione del sito Dayco
                                                                                                                                   appositamente dedicata alla figura del-
                                                                                                                                   l’autoriparatore, dove previa registrazione
                                                                                                                                   si può accedere a una sorta di “spazio di
                                                                                                                                   lavoro virtuale”, che mette a disposizione
                                                                                                                                   alcuni strumenti estremamente utili per
                                                                                                                                   l’attività quotidiana nelle officine, come la
                                                                                                                                   diagnostica online o le technical e service
                                                                                                                                   information: a oggi l’archivio disponibile
                                                                                                                                   conta quasi 4000 layout di trasmissione
                                                                                                                                   e 200 TI».
                                                                                                                                   Queste schede informative, preziose per
                                                                                                                                   conoscere nel dettaglio le caratteristiche
                                                                                                                                   tecniche del prodotto e le modalità di
                                                                                                                                   montaggio, sono accessibili anche
                                                                                                                                   attraverso la newsletter, che viene inviata
                                                                                                                                   periodicamente a tutti i nominativi iscritti
                                                                                                                                   al portale e che contiene tutte le notizie
                                                                                                                                   più aggiornate sul mondo Dayco: dalla
                                                                                                                                   presentazione di una nuova linea di

      Un brand                                                                                                                     prodotto al resoconto dell’ultima fiera a
                                                                                                                                   cui si è partecipato.
                                                                                                                                   Come anticipa Pierobon, «nel corso del

      da valorizzare insieme                                                                                                       2012 questo canale verrà ulteriormente
                                                                                                                                   aggiornato nella forma e nei contenuti:
                                                                                                                                   verrà potenziata la sua funzione
                                                                                                                                   commerciale e promozionale, facendone
                                                                                                                                   anche un veicolo per lanci di iniziative e
Una comunicazione sempre più tecnica, articolata sulle esigenze e le                                                               offerte particolari, ma anche la frequenza,
richieste specifiche dell’utente finale: l’autoriparatore.                                                                         in modo da garantire un contatto il più
Dall’intensificazione di eventi sul territorio ai successi dell’area garage,                                                       possibile continuo e ricco con il nostro
uno sguardo ai diversi mezzi con cui Dayco “parla” al suo target.                                                                  interlocutore».
                                                                                                                                   Altra importante novità di questi mesi è
                                                                                                                                   l’inaugurazione, proprio a partire da
                                                                                                                                   questo numero del magazine, della


                                D
                                             ialogo diretto con gli autoripa-     UN DIALOGO DIRETTO
                                             ratori, partecipazione a fiere ed                                                     “Rubrica del Tecnico Aftermarket” in
                                             eventi sul territorio e offerta di   Raggiungere un target come questo,               versione cartacea: «Uno spazio dedicato
                                             informazioni chiare, complete        tuttavia, è un’operazione tutt’altro che         a rispondere in modo puntuale alle
                                e tecnicamente approfondite. Sono i tre           semplice. Come spiega Franca Pierobon,           domande che più frequentemente
                                “pilastri” su cui si basa la comunicazione        responsabile comunicazione Dayco, «si            vengono poste ai nostri tecnici dagli au-
                                targata Dayco. Una strategia che,                 tratta di un bacino di riferimento che solo      toriparatori».
                                coerentemente col modello di partecipa-           in Europa conta più di 300mila referenti.
                                zione e partnership tra azienda e cliente,        È evidente quanto sia difficile stabilire un
                                appare fortemente focalizzata su quello           contatto diretto e, tanto più, riuscire a        OCCASIONI DI INCONTRO
                                che può definirsi “l’utente finale” del           instaurare un rapporto stabile di fidelizza-
                                prodotto e che in quanto tale è in grado di       zione. Con i giusti strumenti e la giusta        L’insieme di queste iniziative, com’è
                                esprimere meglio di chiunque altro i              motivazione, tuttavia, siamo convinti che        evidente, ha come obiettivo quello di
                                bisogni specifici del mercato e dunque            questo dialogo si possa creare. Anzi, in         estendere il più possibile questo percorso
                                fornire l’immagine più puntuale della             certi contesti già è iniziato». L’Italia in      di fidelizzazione, che in Italia è già
 Franca Pierobon                “domanda” a cui la produzione tenta di            questo senso rappresenta un mercato              piuttosto avanzato, agli altri mercati
Responsabile Comunicazione      rispondere. L’obiettivo è quindi quello di        apripista, con un database complessivo           europei.
                                stimolare il più possibile questa domanda,        di circa 2000 contatti, “raccolti”               A questo scopo il bacino di contatti diretti
                                per far sì che l’autoriparatore arrivi al         soprattutto nel corso di eventi sul territorio   con le officine viene implementato mese
                                momento dell’acquisto con un’idea già             e già coinvolti in una serie di interessanti     per mese, grazie soprattutto all’intensifi-
                                molto chiara del brand Dayco, della qualità       operazioni di fidelizzazione.                    cazione di eventi sul territorio, dalla par-
                                dei suoi prodotti e dell’ampiezza di scelta       Tra queste, la principale è quella che ruota     tecipazione alle fiere all’organizzazione di
                                che offre.                                        intorno alla creazione dell’Area Garage:         seminari e corsi tecnici rivolti agli autori-



  6     POWER WORLD
                     Comunicazione & Promozione


                                                               Informazione
                                                               a tutto                                                          COMUNICAZIONE DI FILIERA



                                                               campo
                                                                                                                                Il portale rappresenta del resto il vero fulcro della
                                                                                                                                strategia di comunicazione Dayco. «Il numero di contatti
                                                                                                                                e di registrazioni, in particolare nell’area garage, è in
                                                                                                                                crescita, probabilmente anche grazie alla percezione da
                                                                            questa intensa attività di comunicazione            parte del target della volontà di Dayco di “parlare sempre


                                                               A            below the line si accompagna naturalmente
                                                                            un costante ricorso alle forme più tradizionali,
                                                                            con la diffusione di leaflet, volantini,
                                                                            brochure, con una particolare cura negli
                                                               allestimenti dei punti vendita, sia officine che negozi di
                                                                                                                                di più la sua lingua”, puntando con forza su una
                                                                                                                                comunicazione incentrata sull’aspetto tecnico dei
                                                                                                                                prodotti e del loro uso». Accanto al sito, tuttavia, un ruolo
                                                                                                                                determinante sul piano comunicativo viene svolto dalla
                                                                                                                                catena distributiva. Se infatti l’autoriparatore rappresenta
                                                               ricambi, considerati vere e proprie “vetrine” del brand.         il target “finale” della comunicazione Dayco, altrettanto
                                                               Grande attenzione viene inoltre riservata da Dayco alle          importanti per l’azienda sono le figure del ricambista e
                                                               opportunità di coinvolgimento e interazione diretta legate       del distributore, in grado per il loro ruolo di trasmettere
                                                               ai nuovi media. «L’uso delle nuove tecnologie all’interno        in modo completo ed efficace le informazioni tecniche e
                                                               delle officine è infatti in crescita, favorito dalla parallela   di prodotto lungo tutti i gradini della filiera. «I corsi, ad
                                                               trasformazione della figura del meccanico, sempre più            esempio, nascono spesso come risposta a specifiche
                                                               “high-tech” e sempre più abituato a sfruttare al meglio          richieste dei distributori, i quali a loro volta raccolgono
                                                               le possibilità di semplificazione offerte dalla                  gli input specifici dei ricambisti, più direttamente a
                                                               comunicazione di rete».                                          contatto con gli utenti finali. Proprio per questo spesso
                                                               Va in questa direzione il progetto di Dayco di realizzare        è proprio il ricambista a organizzare gli incontri,
                                                               in futuro una versione online del Magazine, ma anche il          informando i propri referenti territoriali e invitandoli a
                                                               crescente utilizzo di QR code, inseriti sia sulle pagine         partecipare». Sempre grazie alla collaborazione dei
                                                               pubblicitarie che sulle etichette dei prodotti, partendo         distributori sono state pianificate diverse operazioni di
                                                               dai kit per poi passare alle timing belt e i componenti          co-marketing a livello locale, dove Dayco è presente
                                                               rigidi. «In questo modo l’autoriparatore, nel momento            soprattutto come brand più che come interlocutore
                                                               stesso in cui aprirà la scatola del prodotto, attraverso il      diretto, e alcune interessanti iniziative di merchandising
                                                               suo smartphone potrà accedere immediatamente alle                e di sponsorizzazione. Tra queste, è in programma
                                                               informazioni tecniche di riferimento, direttamente dal           un’attività che mira a coinvolgere, attraverso uno dei suoi
                                                               sito e direttamente nella propria lingua». In alternativa,       motoristi più noti, lo storico marchio Abarth: «Solo un
                                                               se non si possiede uno smartphone, le stesse                     anticipo - conclude Pierobon - di un calendario di eventi
                                                               informazioni saranno accessibili anche inserendo una             che, lo assicuriamo, si preannuncia particolarmente
                                                               versione numerica del codice sul sito.                           intenso e impegnativo per tutto il 2012».
paratori, «occasioni di incontro fondamentali per stabilire
un dialogo effettivo col nostro target e, soprattutto,
accoglierne gli spunti e le esigenze».
I training courses, in particolare, diventeranno sempre più
importanti e numerosi in tutti i mercati, grazie anche al-
l’attivazione di un nuovo concetto di corso e alla riorga-
nizzazione dell’intera area dei Tecnici Aftermarket,
entrambe ispirate a una sempre maggiore vicinanza fisica
al luogo di lavoro. A questi incontri di natura prettamente
tecnica e formativa, si affiancherà un fitto calendario di
eventi locali, convention e road-show, con finalità più
propriamente commerciali, sia nei mercati maturi –
Francia, Inghilterra, Germania – sia in quelli emergenti,
soprattutto in Est Europa – Polonia, Romania, Ungheria e
naturalmente Russia. «Tra gli appuntamenti già pianificati
– precisa Pierobon – spicca l’annuale Fiera di
Francoforte, evento irrinunciabile per il settore automotive
in ambito europeo, dove Dayco presenterà diverse
novità di prodotto ».



                                                                                                                                                                  MAGGIO 2012            7
                      Comunicazione & Promozione




      Strategie differenziate
             lessibilità e ascolto del mercato    In Polonia ad esempio la situazione             La strategia è stata quella di individuare i      che per presenze di espositori, che oggi


F            sono i principi su cui si fonda il
             modello Dayco, che parte da
             una linea strategica comune,
adattandola poi ai vari contesti. Non
stupisce dunque che questa formula di lo-
                                                  distributiva molto particolare -
                                                  estremamente organizzata, forse anche
                                                  più di alcuni mercati maturi dell’Europa
                                                  occidentale - richiede la capacità di colpire
                                                  in modo mirato, localmente. Differente è
                                                                                                  distributori specializzati nell’Aftermarket
                                                                                                  della Lada, che pur numericamente
                                                                                                  limitati, movimentano volumi molto
                                                                                                  importanti, soprattutto al di fuori dell’area
                                                                                                  di Mosca, il cui parco circolante è più simile
                                                                                                                                                    arrivano da tutta Europa.
                                                                                                                                                    Soprattutto, data l’immensa estensione del
                                                                                                                                                    territorio russo, il MIMS rappresenta
                                                                                                                                                    un’occasione fondamentale per conoscere
                                                                                                                                                    e incontrare di persona rappresentanti
calizzazione abbia funzionato anche in            invece la situazione in Russia, dove per        a quello di una metropoli europea. Una            provenienti da ogni angolo del paese, da
paesi dalle esigenze così diverse, come ad        ragioni di estensione geografica, si è scelto   scelta che evidentemente ha funzionato,           città a volte lontanissime come Vladivostok.
esempio quelli dell’Europa orientale.             di mantenere il core business a Mosca e da      portando presto Dayco a occupare la               Si può dire, anzi, che mentre l’approccio al
Quando si parla dell’Europa dell’Est,             lì muoversi in direzione delle altre grandi     posizione di leader nel mercato russo e           mercato Lada ha permesso al marchio di
tuttavia, si tende a pensare a una sorta di       città come San Pietroburgo.                     confermando l’opportunità e la forza di un        farsi conoscere dal basso, attraverso l’in-
macro-area uniforme, che in realtà è al           Emblematico in questo senso è il caso della     modello che non vuole semplicemente               teressamento di meccanici e ricambisti, la
contrario percorsa da grandi differenze e         Lada, l’auto russa per eccellenza. Entrare      “parlare” ai clienti, ma coinvolgerli in un       fiera di Mosca ha aiutato a spingere il po-
particolarità locali. Occorre quindi              nel mercato Lada per Dayco ha significato       dialogo reale, imparare la loro lingua e          sizionamento Dayco a livello istituzionale,




diversificare anche l’attività di                 infatti poter contare automaticamente su        adattarla alla propria. Sotto questo aspetto,     inserendolo nel quadro competitivo locale.
comunicazione a seconda dei mercati di            una forte leva pubblicitaria, che ha            di fondamentale importanza in questo              Da un lato dunque è stato possibile
riferimento, focalizzandosi in alcuni casi su     permesso di far crescere la brand               paese è la presenza al MIMS di Mosca. Una         raggiungere nuovi clienti, dall’altro siamo
una comunicazione istituzionale di brand,         awareness dal basso, molto più                  fiera che negli anni da appuntamento              riusciti a consolidare quelli già acquisiti,
in altri su una strategia più esplicitamente      velocemente di quanto sarebbe accaduto          nazionale o comunque rivolto ai paesi ex          confermando nei fatti l’utilità di quella
promozionale, attraverso attività sul             sfruttando i canali classici di advertising,    sovietici della Federazione Russa, è              versatilità di “linguaggio” che Dayco ha
territorio, fiere, eventi e home exibition        senza aspettare che il valore di marchio si     diventato oggi una realtà internazionale a        posto alla base della sua strategia di
presso i nostri partner.                          trasferisse dall’alto lungo tutta la filiera.   tutti gli effetti, sia per numero di visitatori   comunicazione.




  8      POWER WORLD
                       Comunicazione & Promozione




      Qualità significa
      sicurezza
           n meccanico al lavoro nella sua        condiviso, ovvero che la scelta di qualità

U          officina. D’un tratto si scorge
           passare una figura nera e
minacciosa: è un’ombra che aleggia, la
                                                  non è una scelta accessoria, ma una
                                                  necessità. «Inizialmente si è trattato di un
                                                  piccolo gruppo, ma il numero di aderenti
morte che incombe, in attesa che il               sta rapidamente crescendo» commenta
riparatore commetta un errore, installando        Padierna. L’obiettivo è di trasmettere non
sulla vettura un pezzo scadente o difettoso.      solo al cliente finale, ma anche ai
Ma il meccanico non si scompone e,                distributori e agli autoriparatori, un
sereno e sorridente, mostra all’insolito          principio semplice ma estremamente
ospite come un lavoro ben fatto non lasci         importante, ovvero che «il prezzo non può
nulla da temere, fino a un finale ironico che     e non deve essere il primo e unico
lascia lo spettatore divertito, ma anche più      parametro da seguire nella scelta di un
consapevole. È il video diffuso nei mesi          componente, perché prima del costo viene
scorsi in Spagna e in Portogallo nell’ambito      la qualità della riparazione, che è e rimane
della campagna di sensibilizzazione               l’argomento più importante».
“recambioletal”, fortemente voluta da un          Installare un pezzo non certificato significa
gruppo di componentisti attivi nell’area, tra     installare infatti un pezzo che
cui anche Dayco. Sotto lo slogan “elegir          probabilmente non ha ricevuto la giusta
calidad es elegir seguridad” (“scegliere          omologazione e dunque a lungo andare
qualità significa scegliere sicurezza”), la       può creare problemi seri.
campagna intende affermare con forza              La modalità scelta per comunicare tale
l’importanza per il cliente finale di scegliere   messaggio è volutamente “forte”, anche
per il ricambio marche garantite di qualità       se chiaramente sarcastica. Una scelta che,
Primo Impianto.                                   pur sollevando qualche inevitabile critica,
Come racconta Bruno Padierna, Direttore           è risultata premiante, permettendo al video
Vendite Spagna e Portogallo, il progetto          di totalizzare quasi 15 milioni di visite sul
nasce da un dato osservato sul mercato.           sito relativo.
«Negli ultimi anni è infatti aumentato il         «Ora dovrebbe partire la seconda fase
numero di clienti che richiedono prodotti         della campagna - conclude Padierna -,
meno costosi, ma di qualità che i riparatori      che prevede l’apertura di un dialogo diretto
sanno essere insufficiente per garantire          con tutti i principali interlocutori locali del
non solo un lavoro ben fatto, ma                  settore: gruppi di acquisto, distributori,
soprattutto la sicurezza del risultato».          grandi produttori, in modo da creare un
Si è deciso così di mettersi insieme per          fronte unico accomunato dalla scelta
lanciare al mercato un messaggio                  consapevole di qualità».




                                                                                                    MAGGIO 2012   9
                     Prodotti




     I numeri
     di una leadership
                                Avanzamento tecnologico, ampliamento di gamma e un rapporto diretto
                                di collaborazione con i principali produttori automobilistici.
                                Così Dayco ha raggiunto e consolidato il suo primato nel mercato europeo
                                dei tenditori automatici, con 1000 codici di prodotto e una copertura di
                                più del 93% del parco circolante europeo.


                                     tenditori automatici rappresentano       della cinghia, i picchi di tensione e le     tipi di tenditori automatici: automatici e


                                I    in questo momento, insieme alle
                                     cinghie, il prodotto di punta
                                     dell’offerta Dayco, la linea tecnolo-
                                gicamente più avanzata, tanto per la
                                distribuzione principale quanto per gli
                                                                              vibrazioni generate dal movimento della
                                                                              cinghia stessa, assicurando una
                                                                              tensione costante. Un obiettivo che può
                                                                              essere raggiunto con vari metodi e
                                                                              dispositivi, che presentano diverse ca-
                                                                                                                           fissi. «I tenditori automatici, “active
                                                                                                                           spring” o idraulici, sono - spiega
                                                                                                                           Corrado Bisegna, Senior Product
                                                                                                                           Manager - tenditori intelligenti: quando
                                                                                                                           correttamente installati, sono infatti in
                                accessori. La funzione del tenditore,         ratteristiche strutturali e dunque anche     grado di ottimizzare la tensione a
 Corrado Bisegna                com’è noto, è quella di assorbire             diversi vantaggi.                            seconda del carico motore».
Senior Product Manager          costantemente, per tutta la durata di vita    Nel dettaglio, il catalogo Dayco offre due   I tenditori fissi sono invece elementi con
                                                                                                                           i quali l’operatore regola la tensione della
                                                                                                                           cinghia contestualmente all’operazione
                                                                                                                           di fissaggio applicata. Una volta
                                        DAGLI STATI UNITI                                                                  impostato, di conseguenza, questo tipo
                                                                                                                           di tenditore non può essere adattato alle
                                        ALL’EUROPA                                                                         eventuali variazioni di tensione esterna.
                                                                                                                           Dayco, pertanto, invita l’installatore
                                                                                                                           all’utilizzo del Dayco tensiometer al fine
                                    Ormai da diversi anni Dayco occupa        laborazione tra Dayco e i principali         di verificare il corretto tensionamento
                                    una posizione di leadership sul           produttori di automobili e HD, che           della cinghia. I tenditori sono componenti
                                    mercato europeo dei tenditori             porterà a un range di fornitura              di un sistema più complesso, a contorno
                                    automatici. Un obiettivo consolidato,     sempre più completo e specializzato,         del quale ci sono infatti una serie di
                                    al termine di un percorso iniziato        sia per la distribuzione principale che      componenti accessori, indispensabili per
                                    quasi trent’anni fa. Siamo infatti alla   per la secondaria. In particolare viene      ottimizzare il rendimento dell’intero
                                    fine degli anni 80 quando la multina-     fortemente potenziata l’offerta di           sistema del giro-cinghia. Tra questi
                                    zionale americana “sbarca” nel            soluzioni per i tenditori automatici,        prodotti, che per la loro funzione devono
                                    vecchio continente, portando con sé       componenti che per alcuni tipi di            avere la stessa durata di vita del
                                    la tecnologia di produzione dei           motori diventano assolutamente               tenditore, vanno annoverati ad esempio
                                    tenditori automatici. Qui il know-how     necessari. È anche grazie a questo           i damper (vedi box dedicato), ma anche
                                    già sviluppato negli Stati Uniti verrà    rapporto di collaborazione, che              gli idler (galoppini), che servono ad
                                    perfezionato e adattato alle differenze   permette di rispondere in modo               accompagnare il giro della cinghia per
                                    di funzionamento e costruzione dei        puntuale agli standard qualitativi           facilitarne il movimento all’interno della
                                    motori locali, realizzando così la        richiesti dai vari produttori, se dagli      trasmissione, interrompendo il
                                    distribuzione a cinghia timing belt,      anni 90 in poi Dayco arriva a coprire        cosiddetto “ramo libero”. «In assenza di
                                    che era e rimane fino a oggi una          la leadership del mercato in questa          idler o di una puleggia che lo governi,
                                    produzione tipicamente europea.           linea di prodotto: un primato che            infatti, più il tratto di cinghia è lungo, più
                                    Nasce in quel periodo l’intensa col-      resiste tuttora.                             è facile che vada in risonanza», chiarisce
                                                                                                                           ancora Bisegna.
        Focus: DAMPER
    In un sistema di trasmissione, il circuito principale viene affiancato dal cosiddetto
    circuito ausiliario, che ha il compito di governare elementi come l’alternatore, il
    compressore dell’aria condizionata e in alcuni casi la pompa dell’acqua. Tra gli
    accessori interni di questa trasmissione, uno dei più importanti è il damper. Si
    tratta normalmente di una puleggia opportunamente dotata di alcune parti in
    gomma, atte ad assorbire e ammortizzare le vibrazioni dell’albero motore, evitando
                                              che queste vengano trasferite al resto del
                                              sistema. Accanto ai damper classici,
                                              Dayco produce anche delle varianti
                                              decisamente più complesse, chiamate
                                              DDS (double damping system) e
                                              concepite per essere montate su motori                                                                             modo più preciso e specifico
                                              più potenti e performanti. Un esempio                                                                               possibile le diverse esi-
                                              è la serie di motori Fiat Multijet                                                                                     genze e problematiche
                                              1.9/2.0, motori diesel di                                                                                                 dei vari motori.
                                              nuova generazione,                                                                                                        In linea con questa
                                              estremamente                                                                                                             impostazione, con
                                              performanti, che                                                                                                      particolare riferimento
                                              necessitano quindi                                                                                                alla linea dei tenditori
                                              di un doppio sistema                                                                                         automatici, di cui Dayco è già
                                              di smorzamento.                                                                                     leader europeo, si è deciso di realizzare
                                              Tutto questo implica                                                 Il rapporto con i produttori   delle vere e proprie “monografie” dedicate
    la capacità di gestire una serie di difficoltà tecnologiche non                                          e con le novità tecnologiche in-     ad alcuni motori selezionati che, per la loro
    indifferenti, a partire dalla necessità di mettere a contatto e                             trodotte sul mercato è in effetti, per Dayco,     complessità di architettura, presentano
    “fondere” componenti in gomma e in metallo, oltre all’elaborazione di mescole               il primo e più specifico parametro da se-         alcune criticità di gestione e
    specifiche, in grado di reagire in modo corretto alle intense vibrazioni che questi         guire nell’elaborazione dei propri piani di       manutenzione. La diffusione sempre più
    tipi di motori trasmettono al sistema. Va infine considerato che ogni motore                sviluppo di Primo Impianto. Altrettanta se        ampia dei tenditori automatici, che nei
    richiede un damper specifico: ne deriva una gamma di applicazioni amplissima,               non maggiore importanza riveste tuttavia          motori moderni sono ormai previsti già a
    attualmente pari a circa 110 modelli.                                                       per la divisione Aftermarket il contatto di-      livello di progettazione, porta infatti,
                                                                                                retto e costante con l’utente finale, l’in-       insieme ai molti benefici, anche un rischio
                                                                                                stallatore, considerato partner a                                collaterale, ovvero la
                                                                                                pieno titolo dell’azienda, in                                            tendenza da parte
                                                 Di qui, come precisa Gianluca
                                                                                                quanto in grado di in-                                                     degli installatori a
PRODUTTORI E INSTALLATORI:                       Fantozzi, technical depar-
PARTNER A PIENO TITOLO                           tment, la grande attenzione di                        dicare nel
                                                 Dayco verso un costante e pro-
Tenditori e damper, insomma, svolgono            gressivo avanzamento tecno-
una funzione estremamente importante             logico: «Un’esigenza direttamente
per il corretto ed efficace funzionamento        legata al rapporto diretto con le case
                                                                costruttrici, le quali formu-
                                                                lano richieste sempre più
                                                                precise ed evolute, per
                                                                prodotti di anno in
                                                                                                                                                                              pensare che in
                                                                anno più efficaci e
                                                                                                                                                                             questi motori il
                                                                performanti per
                                                                                                                                                                            tenditore “faccia
                                                                peso, prestazioni
                                                                                                                                                                        tutto da sé”, per così
                                                                ed efficienza. Coe-
                                                                                                                                                                  dire. In realtà tali motori,
                                                                rentemente con
                                                                                                                                                                   pur montando dei
                                                                questo approc-
                                                                                                                                                                   tenditori automatici di
                                                                cio - aggiunge -
                                                                                                                                                                   architettura decisamente
del sistema di trasmissione. Funzione che        con alcuni produttori di Primo
                                                                                                                                                                 semplice, richiedono una
si riflette nella complessità strutturale del    Impianto si sono configurati
                                                                                                                                                               serie di attenzioni e
prodotto: ogni tenditore, infatti è composto     veri e propri rapporti di siner-
                                                                                                                                                           accortezze nell’installazione,
da un sistema piuttosto articolato di            gie progettuali, ad esempio col
                                                                                                                                                  rispettando le quali si riescono ad evitare
componenti, la cui progettazione e               gruppo Fiat, Psa, Ford, Volkswa-
                                                                                                                                                  una serie di problemi piuttosto frequenti;
realizzazione richiede un notevole impegno       gen per il segmento auto e per il
                                                                                                                                                  da quello del salto dente a quelli più gravi
in termini di conoscenze tecniche ed             segmento Heavy Duty con Scania,
                                                                                                                                                  come la rottura del tenditore stesso.
investimenti in ricerca.                         Volvo, Iveco, Mercedes».



                                                                                                                                                                     MAGGIO 2012          11
                      Prodotti


                                                                                                      da Dayco mostra
                                                                                                      tutta la sua effi-
                                                                                                      cienza.
                                                                                                      «Le divisioni
                                                                                                      Primo Impianto
                                                                                                      e Aftermarket -
                                                                                                      spiega Bisegna -
                                                                                                      agiscono infatti in
                                                                                                      piena continuità:
                                                                                                      l’aggiunta di nuo-
                                                                                                      ve applicazioni av-
                                                                                                      viene sempre in pri-
                                                                                                      ma battuta d’intesa con
                                                                                                      la casa produttrice, alla
È estremamente importante, dunque,                clienti rappresentano gli assi principali della     ricerca della migliore qualità,
fornire agli installatori tutte le informazioni   strategia di prodotto Dayco, grazie ai quali        per poi trasferirsi, quasi sen-
per procedere al montaggio nel modo               nel corso degli anni si è riusciti a raggiun-       za soluzione di continuità,
corretto. «Tra i motori a cui Dayco sta           gere una copertura di gamma amplissima              sul segmento Aftermarket. In
dedicando una specifica attenzione -              per tutti i prodotti, in particolar modo per i      questo modo - continua - riusciamo
precisa Fantozzi - segnaliamo in                  componenti rigidi.                                  a garantire una copertura non solo ampia,
particolare il modello 1.7 TD della General       Come illustra nel dettaglio Corrado Bise-
Motors, uno dei più diffusi a livello europeo     gna, «al momento l’offerta Dayco di ten-
per quanto riguarda la gamma Opel e               ditori automatici è di oltre 500 articoli per
Vauxhall».                                        ciascuna delle due famiglie di prodotto, di-
                                                  stribuzione principale e accessoria, rag-
                                                  giungendo in entrambi i casi una copertura
                                                  superiore al 93% del parco circolante eu-
                                                   ropeo, dunque tutte le principali case pro-
                                                            duttrici». Complessivamente si
                                                                         tratta di più di 1000 co-
                                                                             dici “sciolti”, che
                                                                              vengono poi com-
                                                                               binati all’interno
                                                                                dei kit in base al    ma effettiva e massimamente funzionale,           “infinite possibilità”: ovvero infinite soluzioni
                                                                                 layout dei singoli   ovvero a garantire prodotti equivalenti al-       per le infinite situazioni ed esigenze che si
                                                                                  motori.             l’originale, in ogni fase di vita del veicolo e   possono venire a creare».
                                                                               L’ampliamento di       su diverse combinazioni di offerta, realiz-
                                                                            gamma è d’altra parte     zando davvero, come recita il nostro claim,
UN’OFFERTA                                              un lavoro continuo e costante: il ca-
IN CONTINUO AMPLIAMENTO                           talogo viene infatti aggiornato e integrato
                                                  quotidianamente, cercando di seguire
La continua ricerca di nuove soluzioni tec-       a stretta distanza la continua evoluzione
nologiche, il dialogo costante con i pro-         dei prodotti sul mercato di Primo
duttori e il contatto diretto e sempre più        Impianto. In vista di questo obiet-
                           articolato con i       tivo, il modello di integrazione
                                                              orizzontale adottato




 12      POWER WORLD
Prodotti




           MAGGIO 2012   13
            Prodotti




14   POWER WORLD
                     Prodotti


      TB SET: soluzioni
      per ogni situazione
Una combinazione vincente, quella studiata da Dayco
per la sua nuova linea di prodotto, che per la prima
volta mette insieme, in un unico set, una coppia di
cinghie già abbinate. Perfette per le sostituzioni
parziali, quando il componente sciolto non è
sufficiente, ma il kit completo non è necessario.

La vocazione di Dayco alla versatilità insieme alla volontà di offrire al cliente non solo prodotti di alta
qualità, ma servizi e combinazioni in grado di facilitare il lavoro concreto dell’autoriparatore ha portato
negli anni a puntare su soluzioni differenziate, il più possibile “tagliate” sui diversi problemi che si
possono presentare su un motore.
È esattamente in quest’ottica che va letta la recentissima introduzione nel catalogo Dayco di una
nuova linea di prodotto: il TB SET. L’idea è quella di fornire in un’unica soluzione l’abbinamento di
due cinghie che normalmente si trovano nei kit di distribuzione più complessi, ma che in
determinate situazioni è più utile poter sostituire senza intervenire sul resto del sistema.
«Esistono ad esempio alcuni motori diesel in cui la pompa di iniezione è comandata dalla cinghia,
per cui per un problema alla pompa è sufficiente sostituire la parte flessibile della distribuzione,
senza toccare il resto - spiega ancora Gianluca Fantozzi, technical department -. Oppure casi in
cui si è da poco effettuato l’intervento di sostituzione completo e si ha la necessità di fare
un’ulteriore manutenzione su una sola parte, ad esempio la pompa dell’acqua».
In questo modo Dayco riesce a fornire all’installatore soluzioni specifiche per l’intero arco di
possibilità di intervento sul motore: dalla sostituzione (sempre comunque preferibile) dell’intero
sistema, comprensivo di pompa dell’acqua, all’installazione del kit di base, fino appunto a


                                                                                                              quella del set cinghia-cinghia o del singolo
                                                                                                              componente “sciolto”.
                                                                                                              «Il meccanico può così scegliere
                                                                                                              autonomamente, in base alla sua esperienza
                                                                                                              e alle diverse situazioni che si possono
                                                                                                              verificare, lo strumento di volta in volta più
                                                                                                              adatto», conclude Fantozzi.
                                                                                                              Il lancio del TB SET si inserisce in questo
                                                                                                              senso perfettamente in quel rapporto di
                                                                                                              fiducia e collaborazione reciproca tra
                                                                                                              produttore e professionista del ricambio su
                                                                                                              cui Dayco ha puntato fin dall’inizio.
                                                                                                              L’abbinamento cinghia-cinghia non è affatto
                                                                                                              un impoverimento della soluzione kit, che
                                                                                                              rimane quella più consigliata e in larga
                                                                                                              crescita in tutto il mercato europeo, ma al
                                                                                                              contrario una sua estensione: un extra, una
                                                                                                              facility ulteriore che si vuole offrire al cliente
                                                                                                              che si trova ad effettuare sostituzioni parziali.




                                                                                                                                     MAGGIO 2012           15
                     Zoom




     Da Mosca a Varsavia:
     un’orizzonte in rapida crescita
Mercati molto diversi, promettenti ma anche
estremamente peculiari.
L’Europa centro-orientale si conferma come
uno degli scenari più strategici del percorso di
internazionalizzazione di Dayco.

Dalla Russia alla Polonia, dalla Repubblica    inizialmente limitata, che nel tempo è an-
Ceca fino ad arrivare alle ex-repubbliche      data crescendo, fino a portare l’azienda a
sovietiche del Centro Asia: bastano queste     creare una rete importante di distribuzione
poche coordinate a esprimere l’ampiezza        e a rendere familiare e diffuso un marchio
e la vastità del bacino di mercato che ge-     che all’epoca in quelle zone era quasi
nericamente si fa corrispondere all’area       completamente sconosciuto. Un traguardo
dell’Europa centro-orientale. Un orizzonte     raggiunto grazie soprattutto all’applica-
di esigenze, culture e parchi circolanti as-   zione nei vari paesi di quel principio di col-
sai diversi, che Dayco ha iniziato a esplo-    laborazione e partnership tra azienda e
rare circa sei anni fa, come un territorio     cliente che Dayco ha posto al centro del
vergine tutto da conquistare. Una presenza     proprio modello relazionale.


                                                                                                MERCATI DA ESPLORARE                              sioni, ma diventato man mano più grande,
                                                                                                                                                  proporzionalmente alla parallela crescita
                                                                                                «La graduale penetrazione nell’area East          della presenza del marchio sul territorio. Il
                                                                                                Europe è stata forse la sfida più difficile che   tutto sempre con l’obiettivo di rinsaldare e
                                                                                                abbiamo affrontato negli ultimi anni – rac-       rafforzare il rapporto diretto col cliente-par-
                                                                                                conta Andrea Taverna, Regional Sales Ma-          tner, esigenza ancora più importante
                                                                                                nager Central East Europe – Oggi possiamo         quando ci si muove su un territorio di in-
                                                                                                dire che il brand awareness è cresciuto no-       credibile estensione come quello russo.
                                                                                                tevolmente, ma continuiamo a supportarlo          Altro contesto importante di questa area è
                                                                                                con attività mirate di marketing e promo-         sicuramente quello polacco, un mercato
                                                                                                zione sui singoli mercati». In questa area la     che nello scenario dell’Europa centro-orien-
                                                                                                Russia rappresenta sicuramente il mercato         tale rappresenta quello più maturo, molto
                                                                                                principale per dimensione e per parco auto        simile a quello italiano o tedesco, sia per
                                                                                                circolante. Quella russa è anche l’area in        dimensioni di parco circolante che per an-
                                                                                                cui il parco clienti e di conseguenza il fat-     zianità dei veicoli.
                                                                                                turato sono cresciuti in maniera significativa.   La strategia da seguire in questo caso è
                                                                                                «Di qui – continua Taverna – la necessità         dunque in parte diversa rispetto agli altri
                                                                                                di essere presenti in loco. Tre anni fa infatti   paesi della stessa area. «L’attività Dayco in
                                                                                                abbiamo aperto una sede a Mosca, per se-          Polonia si basa molto su attività mirate di
                                                                                                guire più da vicino i clienti. Nella stessa       marketing e pubblicità a supporto della ven-
                                                                                                ottica è stato localizzato anche il customer      dita. Anche lì naturalmente possiamo con-
                                                                                                service, ora fornito in lingua locale». In Rus-   tare su un team selezionato a livello locale,
                                                                                                sia inoltre Dayco è presente ormai da cinque      in grado di seguire il cliente da vicino, di-
                                                                                                anni alla fiera al MIMS di Mosca con un           rettamente sul territorio, con una presenza
                                                                                                proprio stand, dapprima di piccole dimen-         quotidiana e continuativa».
                      Zoom

GRANDE POTENZIALE                                                                                   rilevanti, come nel caso di Bielorussia e       volga in modo diretto gli operatori della
                                                                                                    Ucraina, che infatti restano di competenza      distribuzione, nel comune intento di rag-
Proseguendo idealmente a sud della Po-                                                              dell’ufficio di Mosca, altre ancora in via di   giungere, soddisfare e fidelizzare il cliente
lonia, il percorso di affermazione del mar-                                                         sviluppo, come le repubbliche di Kaza-          finale». Si tratta in effetti di paesi emer-
chio Dayco va a disegnare un arco che                                                               khstan, Uzbekistan, Kyrgyzstan, Tajikistan,     genti, ma con potenziali importanti, che
attraverso l’area balcanica va dalla Re-                                                            Turkmenistan. «Alcuni di questi paesi, tut-     garantiscono un discreto traino del settore
pubblica Ceca all’Ungheria fino alla Ro-                                                            tavia, hanno un grande potenziale, ancora       automotive e, di conseguenza, dei settori
mania. In quest’ultimo paese, in partico-                                                           poco sfruttato.                                 a esso connessi, caratterizzati peraltro da
lare, l’azienda può ormai contare su una                                                            È a questo potenziale che stiamo puntando       un quadro competitivo piuttosto articolato
presenza ampia e solida, confermata da                                                              – interviene Taverna. – In ognuno di que-       e ben radicato. In questo contesto, la sfida
feedback estremamente positivi in termini                                                           sti mercati siamo dunque presenti con al-       principale per Dayco è stata prima di tutto
di numero di clienti attivi, crescita di brand                                                      meno un distributore, in alcuni casi anche      quella di far conoscere il marchio. Rag-
awareness e dunque anche di fatturato.                                                              con strutture di clienti preesistenti, che      giunto questo primo obiettivo, si è iniziato
Ci sono poi le varie repubbliche ex-sovie-                                                          stanno rapidamente crescendo. In en-            a lavorare sull’espansione commerciale.
tiche, caratterizzate da contesti economici                                                         trambi i casi, diventa cruciale creare una
assai diversi: alcuni ormai decisamente                                                             rete di relazioni di collaborazione che coin-




          ltre alla partecipazione alle fiere,

O         uno dei canali più efficaci per am-
          pliare e consolidare la propria
presenza su un nuovo mercato sta nell’or-
ganizzazione di attività di training in loco,
gestite dai Tecnici Aftermarket e spesso
organizzate dagli stessi distributori. Distri-
butori che peraltro, essendo arrivati da
poco sul mercato, si mostrano particolar-
mente sensibili al tema dell’aggiornamento
e in generale all’uso di tecnologie il più
possibile avanzate, sia sul piano logistico
che nei sistemi informatici di supporto. In
questo contesto il servizio di training offerto
da Dayco, in molti casi inserito in una sorta
di formula “academy”, funziona anche
come strumento di fidelizzazione. L’obiet-
tivo per il futuro è quindi di intensificare
questo tipo di attività, trasferendo sempre
più know-how dall’azienda al cliente, sti-                                                                                                          particolarità che vanno captate, comprese


                                                  Obiettivo
molando di conseguenza il più possibile                                                                                                             e tradotte in vincoli strategici. Ma vanno
una sorta di “domanda dal basso”.                                                                                                                   anche commisurate ad alcuni elementi co-
In Polonia invece, come già notato, la si-                                                                                                          muni a tutta l’area, come ad esempio la
tuazione distributiva è del tutto particolare:                                                                                                      stagionalità della domanda, che vede un
non esiste la figura del ricambista, ma ogni
distributore ha un raggio di azione nazio-
nale con il suo network di magazzini re-
gionali e di officine di proprietà o in fran-
                                                  fidelizzazione                                                                                    notevole calo nel periodo invernale, per le
                                                                                                                                                    temperature estremamente rigide, per poi
                                                                                                                                                    avere un’esplosione nel periodo primave-
                                                                                                                                                    rile. «Una caratteristica, quella della sta-
chising, con le quali ha un rapporto diretto.                                                                                                       gionalità, decisamente rara in un settore
Di conseguenza dal distributore al cliente        Croazia, Bosnia, Serbia e Montenegro.             vecchio stile che magari cerca di importare     come l’automotive, che di solito non risente
non esistono passaggi intermedi. «Realiz-         Racconta Taverna: «In questo caso ci sono         direttamente il componente dall’estero e        del fattore climatico – conclude Taverna
zare un’azione forte su un distributore si-       reti distributive organizzate, simili a quelle    solo quando incontra difficoltà finisce col     – ma anche un’ulteriore conferma di
gnifica quindi vedere automaticamente tra-        italiane o polacche, ma minori dal punto          rivolgersi al distributore».                    quanto sia importante, per un player come
smettere i suoi effetti su tutto il mercato –     di vista numerico. Si tratta infatti di mercati   Insomma, per l’area East Europe l’impe-         Dayco, guardare al mercato senza pregiu-
spiega Taverna –.Situazione ancora di-            di dimensioni ancora limitate, dove accanto       rativo Dayco di ascoltare prima di tutto il     dizi e preconcetti, ma con tutti i mezzi per
versa nei paesi dell’area balcanica, dalla        alle spinte in avanti coesistono ancora re-       mercato sembra avere un peso ancora più         comprenderlo e rispondere nel miglior
Slovenia alla Macedonia, passando per             altà appartenenti al passato, col meccanico       evidente. Ogni mercato presenta le sue          modo possibile».



                                                                                                                                                                       MAGGIO 2012          17
                    Zoom



      Frontiera orientale
Nel complesso mosaico del mercato asiatico la Cina rappresenta senza dubbio il
tassello principale. E da qui parte anche la strategia di espansione Dayco nell’area.
Dopo l’attivazione della rete logistica e commerciale, si localizza anche la
produzione, con il nuovo stabilimento Suzhou.

             n nuovo stabilimento di         Riccardo Bosco, VP General Manager              ESPANSIONI PRODUTTIVE                          parte dall’Europa in parte dall’Argentina:


U            produzione per l’Aftermarket
             nell’area industriale di
             Suzhou, la più importante nei
dintorni di Shanghai: un ulteriore passo
nel percorso di espansione di Dayco a
                                             Dayco Aftermarket Asia, le ragioni che
                                             hanno portato alla decisione da parte
                                             dell’azienda di avviare una vera e propria
                                             attività produttiva – e non solo distributiva
                                             – in territorio cinese.
                                                                                             Inaugurato nel maggio 2011, l’impianto di
                                                                                             Suzhou accoglie al momento due linee di
                                                                                             produzione, le più importanti: cinghie di
                                                                                             distribuzione e cinghie accessorie.
                                                                                                                                            «Un dato importante, che mostra il livello
                                                                                                                                            crescente di autonomia dell’azienda in
                                                                                                                                            questa regione» commenta Bosco.
                                                                                                                                            «Oltre al segmento Aftermarket, infatti, lo
                                                                                                                                            stabilimento è destinato a servire le
Oriente, che va ad affiancare e integrare    «L’Asia è un tassello fondamentale della        La prospettiva però è di allargare             principali case automobilistiche mondiali
una presenza già consolidata a livello       strategia di internazionalizzazione e loca-     rapidamente il range. Le condizioni del        presenti in Cina, da Volkswagen a Ford e
distributivo e commerciale, ma che           lizzazione che Dayco sta portando avanti        mercato, infatti, sono promettenti. Già allo   General Motors, ma anche alcuni
rappresenta anche un’opportunità             - spiega Bosco. - E la Cina rappresenta         stato attuale Dayco può garantire una          produttori locali di Primo Impianto,
importante per la comunità locale, a cui     probabilmente il mercato più importante         fornitura che copre circa l’80% del            soprattutto per quanto riguarda le
promette nuovo sviluppo e nuove              in questa parte del mondo».                     fabbisogno aftermarket sul mercato             cosiddette passenger car e l’heavy duty,
occasioni di lavoro. Queste, secondo                                                         cinese, il restante 20% viene importato in     puntando dunque a un forte posiziona-




 18     POWER WORLD
                      Zoom

mento strategico nel contesto asiatico».          estremamente interessante - anticipa           per avere un numero esatto occorre              aumentando nel pubblico cinese la brand
Obiettivo, quest’ultimo, facilitato anche         Bosco - che vedrà Dayco protagonista per       aspettare il risultato di specifiche indagini   awareness di Dayco come marchio di
dalla recente acquisizione degli impianti         un percorso di progressivo avvicinamento       di mercato tuttora in corso.                    Primo Impianto e Aftermarket leader a
di un player locale, nel Sud Ovest della          agli altri mercati Aftermarket dell’area                                                       livello mondiale.
Cina, specializzato nella produzione di           asiatica, dove già oggi esistono due unità                                                     Canali privilegiati di questa impostazione
cinghie di trasmissione per il settore heavy      produttive che con un simile ampliamento       UN MERCATO PECULIARE                            strategica, considerate le caratteristiche
duty e destinato, nel corso dei prossimi          di domanda potrebbero incrementare                                                             peculiari del mercato cinese, sono le
mesi, a una riorganizzazione tecnico-             ulteriormente i propri flussi di offerta».     «Quello cinese è un mercato che cresce a        affissioni pubblicitarie nei grandi centri
produttiva, apportando il know-how                Cresce parallelamente anche la rete            ritmi elevatissimi – sottolinea Bosco – è       specializzati di commercializzazione del-
specifico dell’azienda per adattare               distributiva, che si fa sempre più fitta e     dunque molto difficile riuscire ad ottenere     l’automotive, i cosiddetti autocenter e
procedure e processi al modello Dayco.            capillare. In un anno si è passati da 4-5      un dato esatto: per avere informazioni          autopark, oltre naturalmente alla parteci-
Mentre infatti il mercato Aftermaket si
muove con maggiore flessibilità e rapidità,
espandersi nel settore OE richiede più
tempo. Proprio per questo la creazione di
un polo produttivo locale rappresenta un
asset strategico importante, in grado di
portare effetti positivi sia sul medio che sul
lungo periodo. L’apertura di uno
stabilimento in loco, inoltre, permette un
notevole guadagno in termini logistici,
riducendo tempi e costi di trasporto e
consentendo di movimentare quantitativi
maggiori su distanze più estese.
Al mercato cinese, in grande espansione,
viene così offerto un servizio migliore, a
costi competitivi, nel pieno rispetto delle
garanzie di qualità Dayco.
Spiega Bosco: «I processi di produzione
sono gli stessi in tutti i nostri stabilimenti,
dal controllo delle materie a quello della
qualità in linea di produzione».


UN TEAM IN CRESCITA

Alla crescita dell’ impegno produttivo su
territorio cinese si affianca ovviamente il
potenziamento delle attività gestionali e
commerciali.
«L’organizzazione Aftermarket si è
accresciuta e consolidata - spiega Bosco
- arrivando a contare un team di sette            distributori indipendenti ai 15 attuali, per   attendibili occorre incrociare diverse fonti    pazione a fiere e saloni dedicati.
figure: un direttore vendite, tre manager         la maggioranza di notevoli dimensioni,         e diversi parametri, rendendo più difficile     «In questa prospettiva è stata pianificata
di area, con diverse responsabilità               con l’obiettivo di arrivare rapidamente a      ogni attività di screening.                     anche un’ampia presenza di advertising
geografiche (nord, centro e sud del               20-25.                                         Basti pensare che su un totale di 14            su alcune delle più diffuse riviste dedicate
paese), un responsabile per la pianifica-         «La copertura di un territorio tanto vasto     milioni di immatricolazioni, le statistiche     all’automotive, puntando prima di tutto
zione logistica e per il customer service,        richiede del resto una presenza diffusa, in    indicano circa 5-6 milioni di autovetture       sull’offerta di gamma completa per la
un product manager e un marketing                 grado di coinvolgere tutti i maggiori centri   di produzione cinese che sfuggono alla          produzione di cinghie, per poi passare
manager». Di pari passo cresce anche              di interesse: si parte quindi da accordi       registrazione». A tutto questo si aggiunge,     successivamente alla promozione di altre
l’organizzazione rivolta al Primo Impianto,       commerciali nelle aree a più alto              ovviamente, la complessità del contesto         famiglie di prodotto», conclude Bosco.
che mira appunto ad aprire nuovi margini          potenziale di domanda per poi allargarsi       culturale di ricezione, che richiede            Un’altra tappa di un percorso di
di fornitura per costruttori locali, destinati    gradualmente a tutte le province della         strategie di marketing e comunicazione          espansione che si presenta tanto
a essere coperti dall’impianto appena             Cina», precisa Bosco. Per quanto riguarda      estremamente specifiche, essenzial-             complesso quanto stimolante e ricco di
inaugurato. «A questo proposito si sta            i ricambisti, invece, al momento la rete       mente finalizzate, in questa fase, a far        prospettive.
delineando in questi mesi un progetto             Dayco ne conta circa 30mila, anche se          conoscere il marchio e renderlo familiare,



                                                                                                                                                                   MAGGIO 2012          19
            R&D - Ricerca e Sviluppo



     Sostenibilità e innovazione:
     un lavoro d’orchestra
                                       Ridurre i consumi e le emissioni, potenziando al
                                       tempo stesso le prestazioni dei motori.
                                       Per raggiungere questo difficile obiettivo, ogni
                                       componentista deve fare la sua parte.
                                       Carlo Trappolini illustra i traguardi segnati da
                                       Dayco nell’area ricerca, grazie a collaborazioni
                                       pilota e progetti innovativi.


                                       Il contatto costante con le case produttrici         adottando massicce strategie di localizza-
                                       per la produzione di primo impianto rap-             zione della produzione nei Paesi BRIC (Bra-
                                       presenta un pilastro strategico della formula        sile, Russia, India e Cina), che impongono
                                       Dayco, fin dall’inizio della sua esperienza          anche a noi di adeguarci, inaugurando nuovi
                                       europea. Grazie a questa scelta di collabo-          stabilimenti o potenziando quelli esistenti
                                       razione, oggi Dayco nell’area europea è for-         in quelle zone. E questo non solo per ragioni
                                       nitore di tutti i principali costruttori mondiali:   commerciali, ma anche per ragioni di so-
                                       dai gruppi PSA e Renault alla Ford (Inghil-          stenibilità legate al cosiddetto “Global Fo-
                                       terra), dalla Volvo Car ai gruppi Volkswagen,        otprint”».
                                       Daimler, Opel e BMW per la Germania, oltre           Dayco, d’altra parte, è già presente in Asia
                                       ovviamente a Fiat per l’Italia e, attraverso         e Sud America: «Penso allo stabilimento
                                       piattaforma comune, anche Chrysler. Un               per la produzione di componenti flessibili
                                       impegno considerevole, che ha portato la             in Argentina e a quello di componenti rigidi
                                       Dayco a raggiungere la posizione di leader           in Brasile – precisa –. In Cina è già avviato
                                       mondiale nel Primo Impianto.                         l’impianto per i flessibili mentre quello per i
                                                                                            rigidi è in India ».
                                                                                            È in Europa però che i vantaggi di questo
                                       PRIMO IMPIANTO                                       modello di collaborazione si percepiscono
                                                                                            al meglio, avendo ormai raggiunto un equi-
                                       Nello specifico la collaborazione con i pro-         librio di piena maturità. Come regola ge-
                                       duttori si articola all’interno di Dayco da un       nerale, infatti, i centri locali sono tenuti a
                                       lato in un settore specifico di attività dedicate    seguire strettamente le indicazioni della
                                       sia all’application che alla gestione dei pro-       casa madre europea. Spiega Trappolini:
                                       getti focalizzati per cliente; dall’altro in una     «La volontà di confrontarsi costantemente
                                       sorta di special task force che si occupa in         con i produttori, soprattutto per quanto ri-
                                       particolare del settore HD.                          guarda i motori più diffusi, fa sì che la nostra
                                        Ne parliamo con Carlo Trappolini, Project           tecnologia di Primo Impianto, coerente-
                                       Manager, che si occupa appunto della ge-             mente con il “modello Dayco”, ovvero il
                                       stione di progetti di sviluppo specifici per         continuo adeguamento alle esigenze mer-
                                       l’Aftermarket, dopo aver lavorato in Dayco           cato, derivi non da una “semplice” osser-
                                       prima nel reparto testing (simulazione di-           vazione, ma da una collaborazione effettiva,
                                       namica delle trasmissioni), poi come Pro-            e dunque direttamente dall’esperienza di-
                                       duct Engineer, Technical Account Manager             retta a fianco dei produttori e dalla cono-
                                       per l’area tedesca. «Tutti i gruppi citati –         scenza ravvicinata delle rispettive esigenze
                                       spiega Trappolini – stanno al momento                di mercato».



20   POWER WORLD
                      R&D - Ricerca e Sviluppo


MENO CONSUMI,                                    pare l’evoluzione del parco circolante e ri-
                                                 spondere con immediatezza alle richieste
                                                                                                    di propria competenza. «Non basta più in-
                                                                                                    tervenire su una sola parte del motore,
                                                                                                                                                     quanto riguarda i sistemi di trasmissione
                                                                                                                                                     una delle strategie consiste nel contenere
MENO EMISSIONI                                   non solo del mercato, ma del quadro nor-           come avveniva in passato, ad esempio             le tensioni di esercizio delle cinghie, per
                                                 mativo che ne regola l’andamento nel con-          sulla regolazione intelligente dell’emissione    ridurre le perdite per attrito e dunque di
Tra le richieste più forti espresse dal mer-     testo europeo. Particolarmente importante          della quantità di aria-combustibile e sul-       energia».
cato negli ultimi anni spiccano quelle legate    in questi casi è lavorare in una prospettiva
alla riduzione dei consumi (nuove norma-         sistemica. Si tratta infatti di obiettivi che si
tive europee che limitano le emissioni di        ottengono solo attraverso la cooperazione
CO2), per ragioni di efficienza. Queste re-      di tutte le componenti del sistema. L’effi-
strizioni si affiancano a quelle già in vigore   cienza realizzata dal singolo componente
Euro 5 e successivamente Euro 6, che im-         è relativamente impattante, ma considerata
pongono la progressiva riduzione degli ele-      su larga scala, e in interazione con l’otti-
menti inquinanti derivanti dalla combu-          mizzazione del sistema, può produrre effetti
stione (CO HC NOx, particolati). «Tali           considerevoli. «Lavorando su più fronti i
normative, insieme alla continua ricerca         benefici si moltiplicano. Se ogni compo-
di metodi per la riduzione dei consumi,          nentista riesce a ridurre anche di pochi
rendono sempre più difficile gestire i motori    grammi o frazioni l’emissione di CO2, mi-
– spiega Trappolini –. Gran parte di questa      gliorando l’efficienza complessiva del vei-
gestione viene oggi affidata alle soluzioni      colo, per la propria parte di competenza, il
elettroniche, ma la ricerca meccanica ri-        risultato complessivo su milioni di vetture
mane essenziale per ottimizzare i risultati      diventa importante in termini di riduzione
ottenuti». Nella stessa ottica il reparto R&D    sia di costi che di inquinamento».
Dayco sta già lavorando, insieme ai prin-        Ogni fornitore è chiamato dalle case auto-
cipali costruttori, su motori che rispettino     mobilistiche a studiare soluzioni ottimizzate
le normative suddette, in modo da antici-        e a dare il proprio contributo con i prodotti


                                                                                                     Ford Fox-Bio trasmissione principale
                                                                                                     (cinghia e tenditore) più cinghia pompa olio

                                                                                                    l’abbattimento degli elementi inquinanti         FORD E VOLKSWAGEN:
                                                                                                    allo scarico. Oggi per raggiungere i risultati   COLLABORAZIONI PILOTA
                                                                                                    richiesti bisogna comunque che tutti i com-
                                                                                                    ponentisti operino in concerto sotto la guida    Per Dayco il raggiungimento di questi obiet-
                                                                                                    di quel direttore d’orchestra che è il pro-      tivi ha significato aprire un fronte di ricerca
                                                                                                    duttore dell’auto».                              importante, essenzialmente incentrato
                                                                                                    Si inserisce in questo quadro anche la ten-      sulla verifica del livello di tensioni, sia sta-
                                                                                                    denza crescente al downsizing dei motori,        tiche che in esercizio. «La soluzione che
                                                                                                    ovvero alla ricerca di prestazioni ottimali      abbiamo proposto, ottenendo finora ottimi
                                                                                                    su dispositivi di dimensioni sempre più ri-      riscontri, riguarda nella maggior parte dei
                                                                                                    dotte. «Un risultato – spiega Trappolini –       casi l’uso di cinghie in olio, che possono
                                                                                                    che si ottiene incrementando le prestazioni      essere installate su un motore progettato
                                                                                                    di motori di cilindrata ridotta, un tempo li-    originariamente a catena senza che il co-
                                                                                                    mitati alle utilitarie e ora, con aggiunta di    struttore sia costretto ad apportare modi-
                                                                                                    turbo e variatore di fase, divenuti appetibili   fiche importanti, ma semplicemente cam-
                                                                                                    anche per altri tipi di vetture. Si stima che    biando le pulegge. In questo modo il
                                                                                                    già nei prossimi 2/3 anni si possa ridurre       sistema diventa di fatto intercambiabile
                                                                                                    la cilindrata media circolante del 15%. In       con quello a catena ».
                                                                                                    quest’ottica si spiega anche la crescente        È quello che è stato fatto ad esempio con
                                                                                                    adozione di motorizzazioni a 2 e 3 cilindri».    il motore Ford Lynx 1800 diesel, nell’ambito
                                                                                                    A questa tendenza si aggiunge quella, pa-        di un progetto pilota scaturito d’intesa col
                                                                                                    rallela e complementare, di una generale         costruttore e volto alla realizzazione di una
                                                                                                    riduzione delle masse in movimento, ov-          alternativa alla soluzione a catena: «Il mo-
                                                                                                    vero del “peso” che la vettura si porta die-     tore in questione presentava in origine un
                                                                                                    tro. «Posto che i consumi sono legati anche      sistema di trasmissione caratterizzato da
                                                                                                    alla massa del veicolo – prosegue – per          catena primaria in olio seguito da una cin-



                                                                                                                                                                         MAGGIO 2012            21
                      R&D - Ricerca e Sviluppo


                                                                                                STOP AND START,                                   cinghia di larghezza circa il doppio di quella
                                                                                                                                                  comunemente usata. Una soluzione im-
                                                                                                UNA SFIDA RIUSCITA                                pensabile: vista la riduzione degli ingombri
                                                                                                                                                  motore sotto il cofano ormai spinta al mas-
                                                                                                Sempre nell’ottica prioritaria di una pro-        simo, infatti, sarebbe stato necessario ri-
                                                                                                gressiva riduzione dei consumi e delle            disegnare tutta la vettura».
                                                                                                emissioni inquinanti è stato varato il pro-       Di conseguenza alcune case produttrici,
                                                                                                getto “Stop and Start”, altro fronte di ricerca   tra cui Fiat, BMW, Ford, Volkswagen, hanno
                                                                                                estremamente interessante. Anche qui il           abbandonato l’idea, optando per l’uso di
                                                                                                punto di partenza è la direttiva comunitaria      motori elettrici di avviamento, chiedendo
                                                                                                di riduzione delle emissioni inquinanti. In       ai produttori di queste componenti di po-
                                                                                                quest’ottica si collocano i sistemi che con-      tenziarli in modo da garantire maggiore af-
                                                                                                sentono di spegnere il motore della vettura       fidabilità (un numero dieci volte superiore
                                                                                                ogni volta che questa è ferma.                    di avviamenti). «Altre case automobilistiche
                                                                                                Ne è emerso un progetto estremamente              invece – precisa – hanno preferito per va-
                                                                                                sfidante e complesso, preceduto da un             rie ragioni rimanere fedeli al sistema a cin-
                                                                                                lungo percorso di definizione di esigenze         ghia, che garantisce un avviamento più ra-
                                                                                                e obiettivi specifici da parte delle case au-     pido e silenzioso».
                                                                                                tomobilistiche.                                   La PSA, ad esempio, proprio grazie al con-
                                                                                                Spiega Trappolini: «Una possibilità per as-
                                                                                                solvere questa funzione è l’adozione di al-
                                                                                                ternatori in grado di svolgere la doppia fun-
                                                                                                zione di caricare la batteria, assorbendo
                                                                                                energia in modo quindi “passivo”, e di riav-
                                                                                                viare il motore, attraverso la cinghia ac-
                                                                                                cessori, con un funzionamento “attivo”.
                                                                                                Seguendo i criteri di progetto per i com-
                                                                                                ponenti esistenti è stato verificato che a
                                                                                                causa delle forti sollecitazioni che si pro-
                                                                                                ducono nella fase di avviamento mediante
                                                                                                alternatore, si sarebbe dovuto adottare una




ghia dentata tradizionale in cascata. Dayco      I vantaggi principali del passaggio dal si-
ha fornito un kit di pulegge, slitte e cinghia   stema a catena a quello della cinghia ad
“in olio”. Nel 2008, peraltro, il sistema        olio sono dunque: minori sollecitazioni, mi-
Dayco è stato premiato da Ford per il suo        nori perdite energetiche e conseguente-
contenuto d’innovazione».                        mente minore consumo, minore rumoro-
Un altro esempio di collaborazione parti-        sità, minore peso complessivo del motore
colarmente riuscita è il motore TDI Com-         e infine minore costo totale della trasmis-
mon Rail 1.6 L della Volkswagen, presen-         sione. La valutazione del risparmio va in
tato durante il 30mo International Vienna        effetti condotta sul motore complessivo:
Engine Symposium, nel 2009. «In questo           «Su un totale di 150 grammi di emissioni
caso il sistema a catena destinato a essere      – specifica Trappolini – il contributo sulla
sostituito con cinghia riguardava il co-         trasmissione è di circa 0,5-1 grammi, dun-
mando della pompa dell’olio. Grazie all’in-      que dallo 0,4 allo 0,6% del totale: ma l’ef-
novazione introdotta da Dayco, che ha svi-       fetto va considerato nel suo aspetto siste-
luppato una cinghia capace di lavorare           mico, per cui il contributo di ogni
senza tenditore direttamente immersa             componente, anche minimo, diventa fon-
nell’olio, si è ottenuto un risparmio di ener-   damentale».
gia medio di circa 50W».                                                                          PSA - belt starter generator




 22      POWER WORLD
                      R&D - Ricerca e Sviluppo


tributo Dayco, al termine di un lungo per-
corso comune di ricerca e di confronto, ha
mandato in produzione un sistema di av-
viamento alternatore a doppia funzione
(“attivo” e “passivo”) più cinghia.
Racconta ancora Trappolini: «Abbiamo
adottato una cinghia di lunghezza tradi-
zionale, opportunamente ottimizzata e ac-
coppiata a un sistema di tensionamento
in grado di gestire la corretta funzionalità
della fase di avviamento, che come si è
detto produce intense sollecitazioni su tutti
i componenti».
Il sistema Dayco, regolarmente brevettato,
permette di ottenere una serie di vantaggi
sia in fase di funzionamento tradizionale
(definito “passivo”), dove è il motore a dare
impulso all’alternatore, sia nella fase in-
versa di avviamento, in cui è il motore ad
assorbire potenza dall’alternatore.
Questo grazie a un funzionamento che si
basa non più sull’inversione, bensì sul
mantenimento di equilibrio tra i rami-cin-
ghia in entrata e in uscita rispetto all’alter-
natore: anziché avere uno o due tenditori
sui rami, il dispositivo di tensionamento
mette in connessione i due rami della tra-
smissione a monte e a valle dell’accessorio
che assorbe potenza. «In pratica il sistema
trova da sé il suo equilibrio.                    tradizionale provocherebbe sollecitazioni     equilibrante è la connessione rigida delle    esterne, a sua volta innesca un meccani-
Nel sistema tradizionale all’aumento delle        eccessive fino alla rottura del componente.   pulegge.                                      smo virtuoso di ulteriore innovazione, por-
forze sul ramo a valle corrisponde un al-         Il sistema Dayco è invece disegnato geo-      Il progetto è un esempio di come l’attività   tando il processo di ricerca verso risultati
lentamento di tensione su quello a monte:         metricamente in modo che si crei in ogni      R&D spesso segua dei percorsi inattesi,       più avanzati ed efficaci di quelli previsti.
nell’inversione che avviene durante la fase       momento un equilibrio di forze tra i due      per cui la messa a punto di una soluzione     Anche nel caso del sistema “Stop and
di avviamento l’uso di un tensionamento           rami». Fulcro di questo dispositivo auto-     innovativa, ricercata magari per esigenze     Start”, spiega Trappolini, «quello che è nato
                                                                                                                                              come un progetto di pura ottimizzazione
                                                                                                                                              dell’esistente si è gradualmente trasfor-
                                                                                                                                              mato in un percorso di ricerca a sé stante,
                                                                                                                                              verso sistemi sempre più “smart” e intel-
                                                                                                                                              ligenti».
                                                                                                                                              Possiamo quindi affermare, per conclu-
                                                                                                                                              dere, che Dayco ha maturato nel corso de-
                                                                                                                                              gli anni una profonda conoscenza dei si-
                                                                                                                                              stemi di trasmissione di potenza,
                                                                                                                                              diventando leader del mercato OE come
                                                                                                                                              fornitore dell’intera gamma dei componenti
                                                                                                                                              della trasmissione. Questa leadership con-
                                                                                                                                              sente all’azienda di scegliere, di progetto
                                                                                                                                              in progetto, le specifiche tecniche dei sin-
                                                                                                                                              goli componenti, in modo da ottimizzare il
                                                                                                                                              comportamento globale della trasmissione.




                                                                                                                                                                 MAGGIO 2012          23
            Editoriale




24   POWER WORLD
Editoriale




             MAGGIO 2012   25
                      Garage




      Dall’officina alla rete
Motori sempre più complessi. Prestazioni sempre più differenziate.
Per rispondere a tutte queste esigenze il supporto tecnico Dayco si amplia e moltiplica i servizi.
Sia sul territorio, grazie alla presenza dei Tecnici Aftermarket, che sul web, con lo spazio
personalizzato dell’officina virtuale.

L’accuratezza del supporto tecnico è uno        aree di interesse economico crescente».           sorta di “archivio tecnico” personalizzato e       preparare e prevedere tutti i dettagli del-
degli asset principali su cui la formula        Nello specifico, il Tecnico Aftermarket si        personalizzabile. «Le technical information        l’intervento sul motore ancora prima di
Dayco punta da sempre. Rientrano in             occupa di fornire supporto sia al                 sono davvero strumenti utilissimi –                effettuarlo, stabilendo in anticipo quali
questo quadro una serie di strumenti che        rivenditore, partecipando ad attività di          sottolinea Fantozzi – soprattutto quando           pezzi dovrà ordinare, quali operazioni
l’azienda ha voluto mettere a disposizione      training o vere e proprie work session            si lavora su motori più complessi o meno           dovrà eseguire e anche, se vuole,
del cliente per rendere più semplice,           rivolte ai meccanici e organizzate spesso         diffusi, che magari entrano in officina            estendere la garanzia di un anno ulteriore
intuitivo e allo stesso tempo estremamente      direttamente dai distributori o dai               raramente e che dunque richiedono un               rispetto a quella standard per i kit
accurato il lavoro concreto e quotidiano sui    ricambisti di zona, sia alla parte                trattamento estremamente specifico e più           contenenti una cinghia HT, grazie all’ope-
motori, che diventano anno dopo anno più        commerciale, aiutando a illustrare ai clienti     delicato».                                         razione Long Life +1».
complessi e innovativi. Dalla figura del        i nuovi prodotti, come sono articolati e          Essendo legate direttamente ai diversi
Tecnico Aftermarket, vero e proprio snodo       sviluppati o come identificarli all’interno del   prodotti e motori, le TI richiedono un’im-
di contatto tra azienda e cliente, all’imple-   catalogo.                                         plementazione continua, che segue passo            SOLUZIONI IMMEDIATE
mentazione di un archivio completo di           «Il Tecnico Aftermarket insomma – spiega          dopo passo le innovazioni tecnologiche del
schede informative di montaggio fino allo       Fantozzi – è un “tecnico che parla ai             mercato.                                           La creazione del proprio archivio persona-
strumento di diagnostica online.                tecnici”, che parla la stessa lingua del          Ma come si accede a queste schede                  lizzato online di technical information non
Il tutto accessibile e personalizzabile         meccanico e del rivenditore: una sorta di         tecniche, concretamente? Nell’ottica di            è l’unico vantaggio per chi si registra
attraverso un’area “speciale” del sito          “facilitatore”, quasi un “divulgatore             fornire le più ampie opportunità di utilizzo,      nell’area garage. Un altro servizio
Dayco: l’officina virtuale.                     scientifico” del prodotto, il cui ruolo è prima   Dayco ha previsto diverse strade possibili:        estremamente efficace, accessibile da
                                                di tutto quello di rendere più agevole non        «Innanzitutto tramite l’archivio dell’area         questa specifica sezione del sito, è quello
                                                solo l’uso dei prodotti, ma anche la              garage sul sito, che Dayco mette                   della diagnostica online.
I TECNICI AFTERMARKET, TERMINALI                comprensione dei vantaggi tecnici che un          gratuitamente a disposizione di tutti gli          Spiega Fantozzi: «Recentemente è stata
DI ASCOLTO SUL MERCATO                          determinato          componente             può   iscritti. Un altro canale è l’invio periodico di   inaugurata una nuova versione di questo
                                                presentare». In questo senso il Tecnico           bollettini attraverso la newsletter, alle quali    strumento interattivo, arricchendola di
L’imperativo di vicinanza e dedizione al        Aftermarket rappresenta un “terminale di          le TI vengono allegate man mano che                dettagli e informazioni utili a una più rapida
cliente su cui si fonda il “modello Dayco”      ascolto” verso il mercato estremamente            vengono completate. Una modalità del               ed efficace risposta alle varie casistiche di
trova una delle sue espressioni più             importante per un’azienda che, come               tutto nuova è invece quella del QR                 prodotto. Qualora questo non fosse
significative nella figura del Tecnico          Dayco, mette al centro del proprio modello        stampato direttamente sulla confezione             sufficiente, è sempre possibile contattare
Aftermarket. Un servizio che Dayco ha           la comprensione delle esigenze e delle ca-        del prodotto, che rimanda al link della TI         il Tecnico Aftermarket, attraverso la mail
voluto mettere a disposizione dei clienti       ratteristiche variabili del mercato.              corrispondente archiviata nel sito».               indicata nella rubrica dedicata a questa
direttamente sul territorio, dove tecnici                                                         A prescindere dalla modalità di accesso,           figura, con risposte in tempo reale, proprio
specializzati svolgono attività di supporto                                                       comunque, l’utilità di questo strumento sta        perché sappiamo che normalmente chi
alle vendite e di ausilio ai clienti.           TECHNICAL INFORMATION                             soprattutto nella possibilità data all’autori-     lavora su un motore deve rispettare a sua
«Risiedendo stabilmente nel paese di                                                              paratore di crearsi la propria “biblioteca         volta una tempistica molto stretta, in modo
riferimento, il Tecnico Aftermarket             Tra gli strumenti più efficaci che il Tecnico     virtuale”, consultabile in ogni momento e          da lasciare soddisfatto il proprio cliente.
conosce in modo approfondito il mercato         Aftermarket ha a disposizione per dare un         “tagliata” sulle esigenze variabili del            Che poi - conclude Fantozzi - rappresenta
di riferimento, la lingua e le esigenze dei     supporto accurato e specifico all’utente          mercato locale in cui si opera.                    anche, in ultima analisi, il nostro cliente
clienti – spiega Gianluca Fantozzi,             finale ci sono le technical information:          «È uno dei molti servizi aggiuntivi offerti agli   finale».
Technical Dept. –. Al momento questa            schede informative specifiche per ogni            iscritti all’officina virtuale – sottolinea
figura è presente in Italia, Spagna, Francia,   prodotto contenenti istruzioni di montaggio       ancora Fantozzi –. Un’area che funziona
Germania, Inghilterra, ma presto si             dettagliate, che il cliente può scaricare a       come una vera e propria piattaforma di
aggiungeranno Polonia, Turchia e altre          propria discrezione e organizzare in una          lavoro online, dove il meccanico può



 26      POWER WORLD
Garage




         MAGGIO 2012   27
                                                Il TAM risponde
                                          Le risposte ai quesiti più frequenti poste online dagli autoriparatori
                                          ai nostri tecnici aftermarket da questo numero anche sul magazine.
                                          Invia la tua domanda all’indirizzo mail info.it@dayco.com e avrai
                                          una risposta entro poche ore.



                                            Quale strumento è opportuno utilizzare
                                            per la sostituzione del montaggio di
                                            componenti rigidi su una trasmissione?
                                          La chiave dinamometrica è lo strumento indispensabile per poter effettuare il montaggio di tenditori fissi o
                                          automatici, poiché è in grado di dare il corretto serraggio alla vite, come riportano i disegni, il layout e il giro
                                          cinghia, consultabili dal catalogo online Dayco.


                                            Quanto costano le informazioni tecniche
 Gianluca Fantozzi
                                            sulle procedure di montaggio?
Coordinatore gruppo tecnici aftermarket
                                          Sono completamente gratuite, reperibili direttamente sul sito
                                          www.dayco.com accedendo all’area Garage Virtuale.



                                             Come si interpreta la marcatura
                                             sul dorso della cinghia Poly-V?
                                          Sulla Poly-V c’è una stringa di numeri e lettere che indica le caratteristi-
                                          che generali dell’articolo, utili nel momento in cui verrà montato sulle
                                          pulegge e sul motore.
                                          Prendiamo ad esempio il codice 6PK 1836S: il 6 sta per il numero di
                                          nervature, mentre PK è il profilo della cinghia, quindi profilo Poly-V K
 Andy Walters                             come da normativa ISO 9981; 1836 invece indica lo sviluppo effettivo
                                          della cinghia una volta montata sulle pulegge; la sigla S infine identifica
                                          la struttura della mescola, arricchita di fibre affinché possa essere
                                          performante in maniera opportuna sulla trasmissione.




 28      POWER WORLD
                       Perché non è possibile
                       rimontare una Timing Belt
                       già montata, anche se nuova?
                    Perché la Timing Belt, una volta che è stata montata e correttamente tensionata, ha raggiunto il massimo
                    delle sue performance dal punto di vista dell’allungamento. Quindi se effettuiamo il montaggio una seconda
                    volta la Timing Belt non lavorerà più alla tensione corretta, con il rischio di generare una serie di conseguenze
Daniel Cosano
                    che possono andare dal salto del dente alla rottura della cinghia, fino alla rottura del motore.



                       Nel caso in cui venisse
                       montata male, invece?
                    In quel caso si può installarla di nuovo, con la consapevolezza però che rimontare una cinghia già tensionata
                    non è mai una cosa opportuna, perché le sue prestazioni decadono in maniera esponenziale.



Juergen Ohneberg     I prodotti Dayco sono
                     coperti da garanzia?
                   Tutti i prodotti Dayco offrono una garanzia di due anni. In più, i kit
                   contenenti la cinghia HT godono di un ulteriore anno di garanzia: questa
                   estensione, denominata Long Life + 1, si può attivare direttamente dal
                   sito Dayco con cinque semplici passaggi che consentono di ottenere
                   un certificato personalizzato da consegnare al cliente.
                                                                                                      Franco D’Emilio



                                                                                                                 MAGGIO 2012     29
            Garage



              Il meccanico Dayco




30   POWER WORLD
 Garage

Quali sono le richieste più frequenti che vengono fatte all’autoriparatore?
Quali i problemi che si presentano più spesso nel corso dell’attività e che tipo di
strumenti sono più utili per risolverli? E soprattutto, perché scegliere Dayco?
L’abbiamo chiesto a chi con queste domande si confronta ogni giorno.


                      Intervista a Fabrizio Roma                                          Perché un automobilista trova vantaggioso rivolgersi
                                                                                          a lei come officina indipendente piuttosto che ad una
                      Fabrizio Roma, titolare dell’officina “Autoriparazioni Roma         autorizzata?
                      Fabrizio” di Biella, ci racconta la sua esperienza con i prodotti   Perché si instaura un rapporto di fiducia, e poi anche di
                      Dayco.                                                              amicizia.

                      Da quanti anni ha aperto la sua officina?                           Dayco offre anche un servizio di supporto e assistenza.
                      Dal 1985. Prima lavoravo in un’altra officina, sempre a Biella,     A lei è mai capitato di contattare direttamente l’azienda
                      in centro.                                                          per avere chiarimenti?
                                                                                          No.
                      Da quanti anni conosce e usa i prodotti Dayco?
                      Da molti anni, non so esattamente quanti. Ho conosciuto i           In questo numero del magazine dedichiamo un focus
                      prodotti grazie alle indicazioni dei miei fornitori.                specifico ai damper. Le è mai capitato di sostituire
                                                                                          uno?
                      Quindi sono stati i ricambisti a suggerirle il prodotto?            Sì, certamente, anzi ultimamente se ne cambiano sempre
                      Sicuramente per le cinghie. Per quanto riguarda la nostra           di più.
                      zona, la Dayco la fa da padrona.
                                                                                          Secondo lei per quale ragione?
                      Quali sono i prodotti Dayco che utilizza più frequente-             Ho notato che come primo montaggio le pulegge hanno una
                      mente?                                                              durata di 120 o 150 mila km, poi è necessario sostituirle. Per
                      Kit di distribuzione e cinghie servizi.                             cui quando effettuo una distribuzione controllo le condizioni
                                                                                          della puleggia e se necessario la sostituisco, insieme alla
                      Utilizza o ha utilizzato altri brand dopo aver conosciuto           cinghia dei servizi.
                      i prodotti Dayco?
                      I nostri ricambisti per il 70% o 80% hanno il prodotto Dayco.       A suo parere è necessario un rapporto diretto con
                      Certo, dispongono anche dei prodotti dei concorrenti, ma            l’azienda che realizza i prodotti che lei monta sulle
                      Dayco è molto utilizzato nella nostra zona.                         auto?
                                                                                          Secondo me è molto importante, perché possono sempre
                      Quindi lei non dispone di ricambi nella sua officina, ma            sorgere problemi o magari servono chiarimenti. Certo
                      li acquista nel momento del bisogno?                                spesso ci si rivolge al ricambista, ma sapere di poter avere
                      No, acquistiamo anche degli stock che ci vengono                    un contatto diretto con il produttore è certamente un
                      eventualmente proposti dal ricambista.                              vantaggio.

                      All’incirca quanti sono i suoi clienti che in un anno               Lei utilizza il computer per lavoro?
                      vengono a chiedere il ricambio dei componenti, che si               Si, i manuali che normalmente consultiamo sono tutti sul pc.
                      tratti di Dayco o di un altro brand?
                      Più o meno tra i 500 e i 600 direi.                                 Dayco ha attivato sul sito un’area che si chiama
                                                                                          Garage Virtuale per avere un rapporto diretto con i
                      In linea generale, quando un cliente ha la necessità di             meccanici. Accedendo a questa sezione,
                      cambiare un componente, chiede nello specifico che                  gratuitamente, è possibile scaricare una serie di
                      gli venga cambiato solo il tenditore o lei tende a fargli           informazioni molto utili. Come valuta questa iniziativa
                      cambiare tutto?                                                     intrapresa dalla Dayco?
                      Quando si tratta di cinghie io preferisco cambiare sempre           In modo molto positivo: la possibilità di accesso diretto alle
                      tutto, per una maggiore sicurezza, mia e del cliente.               informazioni è sicuramente più rapida ed instaura un
                                                                                          rapporto di fiducia diretto con la Dayco.
                      Le è mai successo che fosse un cliente a chiederle una
                      marca in particolare?                                               Consulta delle riviste? Le tornano utili per il suo lavoro?
                      Di solito il cliente si limita a chiedere un ricambio originale o   Sì, le consulto. Soprattutto l’Autoriparatore.
                      di pari qualità, non essendo molto informato al riguardo.


                                                                                                                               MAGGIO 2012         31
32   POWER WORLD
                      Garage




       Il meccanico Dayco
Intervista a Riccardo Asta
Riccardo Asta, da quattro anni meccanico         mente, per quanto riguarda il diesel, è il     E invece le capita che le richiedano il      Lei sa che Dayco ha inserito nel
dell’officina Nicola dell’Orto di Abbadia        multijet Jtd.                                  ricambio originale?                          proprio sito una sezione dedicata ai
Alpina vicino Pinerolo, è un vero professio-                                                    Raramente.                                   meccanici, il Garage Virtuale, dove è
nista del mestiere: un’avventura iniziata        In linea generale lei sostituisce solo                                                      possibile reperire gratuitamente le
per passione a soli 14 anni e che piano          componenti o tutto il sistema?                 Dayco offre anche un servizio di             technical information, le istruzioni di
piano si è trasformata in un’occupazione a       Tutto il sistema, non faccio mai il lavoro a   assistenza. Le è mai capitato di             montaggio ?
tempo pieno. Alla luce di questa lunga           metà. Cambiamo sia il gruppo interno che       risolvere un problema usufruendo di          Si.
esperienza, gli abbiamo chiesto un parere        quello esterno, costa di più, ma conviene.     questo servizio?
sui prodotti Dayco.                              C’è una maggiore garanzia e si lavora          Si, abbiamo avuto un problema con un Jtd     Lei conosce l’operazione Long Life +
                                                 meglio.                                        che poi abbiamo risolto confrontandoci e     1? Si può estendere la garanzia per un
Da quanto tempo conosce e usa i                                                                 lavorando insieme sull’automobile, quindi    anno.
prodotti Dayco?                                  Quante distribuzioni si fanno più o            ho un giudizio molto positivo al riguardo.   Si, me l’ha spiegata il tecnico, G. Fantozzi,
Praticamente da quando ho iniziato a fare        meno al mese?                                                                               durante un nostro incontro.
questo mestiere, ventisei anni fa in             In media 4 o 5 a settimana.                    Che tipo di problema era?                    Secondo lei fra le officine della zona,
un’officina multimarca. Poi sono passato                                                        C’era un problema sul bullone di un          c’è più competizione o più
in una concessionaria dove usavo prodotti        Le è mai capitato che un cliente spon-         cuscinetto.                                  cooperazione?
originali con cinghie Dayco.                     taneamente le chiedesse una marca                                                           A mio avviso più competizione, perché
                                                 specifica?                                     Come giudica l’idea di Dayco di              purtroppo il cliente tende a cercare il
Acquista i prodotti direttamente dai             No, l’automobilista non ha consapevolezza      instaurare un rapporto diretto con il        risparmio. Non sempre considera che un
rivenditori?                                     del marchio, si fida del meccanico.            meccanico, offrendo un servizio              prezzo maggiore significa anche un
Si.                                                                                             gratuito?                                    prodotto più completo, ad esempio il fatto
                                                 Lei crede che la leva sia solo quella          Molto valido.                                che insieme alla cinghia vengono sostituiti
Ha avuto mai difficoltà a trovare i              economica?                                                                                  anche gli accessori.
prodotti Dayco dal rivenditore?                  Alla base sì: dipende poi da noi meccanici     Lei usa il computer nell’ambito della
Assolutamente no. Li troviamo sempre.            far capire al cliente che non bisogna          sua attività?                                Secondo lei l’automobilista conosce la
                                                 rinunciare alla qualità, installando una       Si.                                          differenza tra ricambio originale ed
Qual è il prodotto Dayco con cui ha a            marca sconosciuta che magari fa                                                             indipendente?
che fare più frequentemente?                     risparmiare 5 euro ma non dà le stesse                                                      No. Ma sa che, normalmente, il ricambio
I kit di distribuzione del motore Fire, che si   garanzie.                                                                                   originale costa di più.
trova su Punto, Grande Punto e Musa.

Perché sono macchine più anziane?
No, perché sono utilitarie. L’80% dei
motori del gruppo Fiat è della famiglia Fire,
per cui la trasmissione è sempre la stessa.
Un altro motore su cui si lavora frequente-




                                                                                                                                                                MAGGIO 2012          33
                       Garage



      Motore GM 1.7 diesel:
      come montare la trasmissione
Il corretto settaggio di un componente è un’operazione estremamente                                                                                     facendo attenzione al senso di rotazione
                                                                                                                                                        e posizionandola secondo l’ordine
importante, anche su motori di per sé relativamente semplici, come ad
                                                                                                                                                        seguente: puleggia albero motore,
esempio il modello GM 1.7 diesel, prodotto a partire dalla fine degli anni ’90                                                                          puleggia pompa dell’olio, puleggia pompa
da una joint venture tra Opel ed Isuzu, sulla base del motore Isuzu 4EE1.                                                                               di iniezione, puleggia albero a camme;
                                                                                                                                                      – allentare la vite del tenditore sino a farlo
a cura dell' Ing. Maurizio Rissetto                                                                                                                     appoggiare alla cinghia, in modo che
                                                                                                                                                        applichi la corretta tensione alla stessa;
Le caratteristiche salienti di questo motore       resistere, con la massima affidabilità, alle     – il motore deve essere freddo, fermo da          – rimuovere i fissaggi dalle pulegge e far
sono: l’architettura a 4 cilindri in linea, il     sollecitazioni dei motori sui quali è prevista     almeno 4 ore;                                     compiere al motore una rotazione di 60°
basamento in ghisa e la testa in alluminio,        la loro installazione.                           – dopo aver verificato che il cilindro 1 sia al     in senso inverso alla normale rotazione;
i doppi alberi a camme in testa (DOHC) e le        Tuttavia, indipendentemente dal                    PMS, posizionare le viti di fissaggio negli     – fissare definitivamente il tenditore alla
4 valvole per cilindro. Nel corso degli anni       fabbricante, si sono verificate alcune             appositi fori della puleggia dell’albero a        coppia di 38 Nm;
è stato prodotto prima con l’iniezione diretta     anomalie del galoppino, nella versione a           camme e della pompa di iniezione,               – far effettuare all’albero motore 6 giri di
e poi equipaggiato con il sistema common           “tazza”, peraltro motivate e sperimentate          accertandosi che la tacca sul pignone             assestamento e verificare che le viti di
rail e installato su diversi veicoli di Opel e     essere causate da un tensionamento                 dell’albero motore sia allineata alla riga di     fissaggio possano essere inserite
Vauxhall: Corsa, Astra, Meriva, Combo C,           eccessivo della cinghia di distribuzione, a        riferimento della cinghia e alla tacca            liberamente nei fori delle pulegge e che il
Zafira. In versione common rail è stato il         seguito di un montaggio non corretto del           presente sul riparo della pompa olio;             segno di riferimento della puleggia
primo motore con questo sistema ad                 tenditore. Per la ragione di cui sopra, dal      – posizionare il tenditore e precaricarlo           dell’albero motore coincida con la linea
essere utilizzato da Opel.                         momento che la circuitazione della cinghia         ruotandolo in senso antiorario, usando            presente sulla cinghia e con il riferimento
Dayco offre nel suo catalogo, per le diverse       di distribuzione delle diverse versioni è          una chiave a brugola, sino a che il foro          del riparo della pompa dell’olio;
generazioni/versioni di questo motore, una         simile, vogliamo richiamare l’attenzione           esagonale non si trova in posizione di ore      – in caso contrario, ripetere da capo le
serie di componenti rigidi e flessibili, sia per   sulla rilevante importanza del corretto            5, quindi fissare il tenditore stringendo la      operazioni precedenti.
la distribuzione che per il movimento degli        settaggio, in questo caso per il motore            vite;
organi ausiliari: kit distribuzione, cinghie per   Z17DTH:                                          – installare la cinghia di distribuzione          Se il tenditore dovesse subire una rotazione
distribuzione ed accessori, idler, tenditori,                                                                                                         o uno spostamento, anche di lieve entità,
pulegge e damper.                                                                                                                                     durante la fase di serraggio della vite, la
Per il comando della distribuzione in                                                                                                                 variazione dalla posizione ottimale
particolare - composto da una timing belt,                                                                                                            causerebbe un incremento esponenziale
un tenditore e un galoppino,                                                                                                                          della tensione di lavoro della cinghia,
conformemente a quanto proposto dall’OE                                                                                                               sottoponendo l’intero sistema ad elevate
- l’offerta prevede diverse opportunità, a                                                                                                            sollecitazioni compromettendone la
seconda della combinazione anno/versione                                                                                                              funzionalità e l’affidabilità.
del motore. La caratteristica principale di                                                                                                           Si vede bene da questo esempio quanto sia
questa trasmissione è data dal tenditore, il                                                                                                          importante conoscere nel dettaglio le
quale assume la funzione di caricamento                                                                                                               istruzioni di montaggio di ogni componente
della tensione alla cinghia in fase di                                                                                                                e poterle recuperare in ogni momento.
montaggio e, successivamente, dopo i giri                                                                                                             Un’esigenza del cliente che Dayco ha molto
di assestamento del motore e il serraggio                                                                                                             a cuore e che cerca di soddisfare con ogni
definitivo della vite, diventa un tenditore                                                                                                           mezzo: dalla possibilità di scaricare le
fisso, perdendo la capacità di modulare la                                                                                                            relative technical information a quella di
tensione della cinghia. Anche il galoppino                                                                                                            rivolgersi all’occorrenza al tecnico
posto tra la puleggia dell’olio e la puleggia                                                                                                         aftermaket, pronto a chiarire ogni dubbio e
della pompa di iniezione si è modificato con                                                                                                          dettaglio dell’autoriparatore ed evitare
l’evoluzione del motore, passando dalla                                                                                                               l’insorgere dei problemi, affrontandoli alla
versione con struttura “a tazza” a una con                                                                                                            base, prima ancora che si verifichino le
struttura “piena”. Entrambe le versioni sono                                                                                                          criticità.
state progettate e realizzate in modo tale da



 34       POWER WORLD
Garage




         MAGGIO 2012   35
                   Update            Set di cinghie di distribuzione TB SET




 Citro    CX 25D            2.5 D    KTB118   TBSET118   94374+94254     SEAT Cordoba        1.4 i

 Citro    C25 D             2.5 D                                        SEAT Ibiza          1.4 i

 Peug J5                    2.5 D                                        SEAT Ibiza SC       1.4 i

 FORD Courrier              1.8 D    KTB142B TBSET142B 94696+94688       SEAT Ibiza ST       1.4 i

 FORD Escort                1.8 D                                        SEAT Leon           1.4 i

 FORD Escort                1.8 D                                        VOLK Bora           1.4 i

 FORD Fiesta                1.8 D                                        VOLK Bora Variant   1.4 i

 FORD Mondeo                1.8 D                                        VOLK Caddy          1.4 i

 FORD Mondeo Clipper        1.8 D                                        VOLK Caddy Life     1.4 i

 MITS L200                  2.5 D    KTB268   TBSET268   94012+94019     VOLK Golf           1.4 i

 MITS L300                  2.5 D                                        VOLK Golf Variant   1.4 i

 MITS Pajero                2.3 TD                                       VOLK Golf SW        1.4 i

 MITS Shogun                2.3 TD                                       VOLK Golf Plus      1.4 i

 ALFA Alfasud III           1.2      KTB275   TBSET275   94140+94140     VOLK Golf SW        1.4 i

 ALFA Alfasud               1.35                                         VOLK Lupo           1.4 i

 ALF      Arna              1.2                                          VOLK New Beetle     1.4 i

 ALFA 33                    1.3 AS                                       VOLK Polo           1.4 i

 ALFA 33 Sport Wagon        1.3 AS                                       VOLK Polo Cross     1.4 i

 ALFA 33 Super              1.3 DC                                       VOLK Polo Variant   1.4 i

 AUDI     A2                1.4 i    KTB347   TBSET347   941014+941013   VOLK Polo Fun       1.4

 SEAT Altea                 1.4 i                                        VOLK Polo Cross     1.4 i

 SEAT Altea XL              1.4 i                                        MITS Challenger     2.5 TD KTB400   TBSET400   94522+94658




36       POWER WORLD
               Update             Set di cinghie di distribuzione TB SET




MITS L300               2.5 D                                       ROVE 420                   2.0 TD

MITS L200               2.5 D                                       ROVE 620                   2.0 Di

MITS L400               2.5 TD                                      AUDI   A4                  2.5 TDi KTB472     TBSET472   94839+94755

MITS Montero            2.5 TD                                      AUDI   A4 Avant            2.5 TDi

MITS Montero Sport      2.5 TD                                      AUDI   A6                  2.5 TDi

MITS Pajero Sport       2.5 TD                                      AUDI   A6 Avant            2.5 TDi

MITS Pajero             2.5 D                                       VOLK Passat                2.5 TDi

MITS Shogun             2.5 D                                       VOLK Passat Variant        2.5 TDi

MITS Space Gear         2.5 TD                                      VOLK Transporter           2.4 D     KTB473   TBSET473   94523+94774

HOND Accord Aerodeck    2.0 i     KTB437   TBSET437   94212+94213   VOLK Transporter Allstar   2.4 D

HOND Accord             2.0 i                                       VOLK Transporter Camper 2.4 D

HOND Prelude            2.0 i                                       VOLK Transporter Caravelle 2.4 D

HOND Shuttle            2.2 i                                       VOLK Transporter Classic   2.4 D

ROVE 618                1.8 i                                       VOLK Transporter Multivan 2.4 D

ROVE 620                2.0 i                                       VOLK Transporter Syncro    2.4 D

ROVE 623                2.3 i                                       VOLK LT 28                 2.5 SDi KTB489     TBSET489   94775+94774

HOND Accord             2.3 i     KTB444   TBSET444   94212+94433   VOLK LT 35                 2.5 SDi

HOND Prelude            2.3 i                                       VOLK LT 46                 2.5 TDI

HOND Accord             2.0 TDi KTB456     TBSET456   94697+94698   VOLK Transporter           2.5 TDi

HOND Civic              2.0 TDi                                     VOLK Transporter Allstar   2.5 TDi

HOND Civic Aerodeck     2.0 iTD                                     VOLK Transporter Ambul. 2.5 TDi

ROVE 220                2.0 TD                                      VOLK Transporter Camper 2.5 TDi




                                                                                                                         MAGGIO 2012   37
                    Update             Set di cinghie di distribuzione TB SET




 VOLK Transporter Caravelle 2.5 TDi                                      AUDI   A4 Avant       2.5 TDi

 VOLK Transporter Classic    2.5 TDi                                     AUDI   A6 Allroad     2.5 TDi

 VOLK Transporter Multivan 2.5 TDi                                       AUDI   A6             2.5 TDi

 VOLK Transporter Syncro     2.5 DTi                                     AUDI   A6 Avant       2.5 TDi

 VOLV S70                    2.4 TDi                                     AUDI   A8             2.5 TDi

 VOLV S80                    2.4 TDi                                     SKOD Superb           2.5 TDi

 VOLV V70                    2.4 TDi                                     FORD Courrier         1.8 D     KTB613   TBSET613   94696+94379

 VOLV 850                    2.5 TDi                                     FORD Mondeo           1.8 TD

 Gallo    Santamo            2.0 i     KTB540   TBSET540   94195+94736   FORD Mondeo Clipper   1.8 TD

 HYUN Elantra                1.8                                         HOND Accord           2.0 i     KTB661   TBSET661   94212+94460

 HYUN Lantra                 1.8                                         HOND Accord           2.3 i

 MITS Colt                   1800                                        HOND Accord           1.8 i

 MITS Eclipse                2.0 i                                       HYUN Elantra          1.6       KTB676   TBSET676   94195+94735

 MITS Galant                 2.0                                         HYUN Lantra           1.6

 MITS Lancer Evolution IV    2.0 i                                       MITS Galant           2.0       KTB704   TBSET704   94195+94468

 MITS Lancer Evolution V     2.0 i                                       MITS Space Wagon      2.0

 MITS Lancer Evolution VI    2.0 i                                       VOLK Polo             1.3 D     KTB720   TBSET720   94386+94237

 MITS Lancer Evolution VII 2.0 i                                         VOLK Polo             1.4 D

 MITS Lancer Evolution VIII 2.0 i

 MITS Lancer F               1800

 AUDI     A4 Cabriolet       2.5 TDI KTB609     TBSET609   94839+94897

 AUDI     A4                 2.5 TDi




38       POWER WORLD
018230

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:0
posted:4/22/2013
language:Unknown
pages:44
Fischer Fost Fischer Fost SPM http://razzi.me/iasiatube
About If the shared docs can help you, pls view some as to support my sharing.