Documents
Resources
Learning Center
Upload
Plans & pricing Sign in
Sign Out

2011-BILANCIO

VIEWS: 0 PAGES: 170

									Bi l a n c i o
     2011
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                     Bilancio 2011




                                              Presentazione
                      Consiglio di Amministrazione 26 aprile 2012 (progetto completo)
                                     Organo di Indirizzo 26 aprile 2012

                                              Approvazione
                       Consiglio di Amministrazione 19 aprile 2012 (parte contabile)
                      Consiglio di Amministrazione 26 aprile 2012 (progetto completo)
                                     Organo di Indirizzo 26 aprile 2012




                                                   Pag. 2
Bilancio 2011                                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




Indice


RELAZIONE AL BILANCIO
Sommario......................................................................................................... pag.        4

Premessa .......................................................................................................... pag.      6

Prima Sezione: l’identità ................................................................................. pag.            10

Seconda Sezione: la gestione del patrimonio ................................................ pag.                           29

Terza Sezione: l’attività istituzionale ............................................................. pag.                  63


BILANCIO CONTABILE
Sommario......................................................................................................... pag.     134

Premessa .......................................................................................................... pag.   135

Criteri di Valutazione ..................................................................................... pag.          137

Schemi di Bilancio .......................................................................................... pag.         140

Nota Integrativa .............................................................................................. pag.       145

Rendiconto finanziario di liquidità ............................................................... pag.                   166


RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ........................................................ pag.                             168


ESTRATTO DELIBERA DI APPROVAZIONE ....................................................... pag.                             169




                                                                     Pag. 3
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                                                        Bilancio 2011




SOMMARIO RELAZIONE AL BILANCIO

PREMESSA
Introduzione del Presidente ......................................................................................................................pag.              6

PRIMA SEZIONE: L’IDENTITÀ
1A - La storia ed il quadro normativo di riferimento                                                                                                   pag.       10
1B – Il quadro economico di riferimento – la situazione del territorio................................................pag.                                        11
1C – Il quadro di riferimento per l’attività istituzionale – strategie di missione
    – l’evolversi del ruolo delle fondazioni ...........................................................................................pag.                      20
1D - Gli stakeholder di missione ..............................................................................................................pag.               21
1E – Il quadro di riferimento in ordine alla gestione del patrimonio ..................................................pag.                                       22
1F – L’organizzazione................................................................................................................................pag.         23
          1F1 – Gli Organi statutari .............................................................................................................pag.            23
          1F2 - La struttura operativa ..........................................................................................................pag.             24
          1F3 – Gli Organi consultivi...........................................................................................................pag.              25
          1F4 – La sede ..................................................................................................................................pag.    27
          1F5 – Gli espletamenti in materia di privacy ..............................................................................pag.                         27
          1F6 - Gli espletamenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro .........................................pag.                                       27

1G – I principali processi di indirizzo, governo e gestione ...................................................................pag.                               27

SECONDA SEZIONE: L’IMPIEGO DEL PATRIMONIO
2A – Patrimonio Immobiliare ...................................................................................................................pag.               29
          2A1 – Lucca, Piazza S. Martino n. 7 ............................................................................................pag.                    29
          2A2 – Lucca, Via dei Macelli ........................................................................................................pag.               29

2B – Patrimonio Mobiliare........................................................................................................................pag.             30
          2B1 – Patrimonio mobiliare culturale .........................................................................................pag.                      30
          2B2 – Patrimonio mobiliare per investimenti produttivi ...........................................................pag.                                  30

2C – Composizione investimenti ..............................................................................................................pag.                 34
2D – Le partecipazioni ..............................................................................................................................pag.         35
          2D1 – Banca del Monte di Lucca spa...........................................................................................pag.                       35
          2D2 – Banca Carige spa ................................................................................................................pag.             40
          2D3 – Cassa Depositi e Prestiti spa ..............................................................................................pag.                  43
          2D4 – ENEL spa ..............................................................................................................................pag.       45
          2D5 – TERNA spa ...........................................................................................................................pag.         53

2E – Nextam Partners SGR spa .................................................................................................................pag.                58
2F – Altre tipologie di investimento .........................................................................................................pag.                60
          2F1 – Polizze di capitalizzazione ..................................................................................................pag.                60
          2F2 – Depositi a termine ...............................................................................................................pag.            60
          2F3 – Buoni Postali fruttiferi.........................................................................................................pag.             60
          2F4 – Quote Fondo di investimento .............................................................................................pag.                     60
          2F5 – Obbligazioni ........................................................................................................................pag.         61
          2F6 – Commodities ........................................................................................................................pag.          61




                                                                                  Pag. 4
Bilancio 2011                                                                                                                    Fondazione Banca del Monte di Lucca




TERZA SEZIONE: L’ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
Il quadro generale – profili quantitativi ................................................................................................. pag.                      63
Risorse destinate all’attività istituzionale ................................................................................................ pag.                    63
Erogazioni .................................................................................................................................................. pag.    64
Il processo erogativo ................................................................................................................................. pag.          67
           - Aspetti generali .......................................................................................................................... pag.         67

Interventi istituzionali .............................................................................................................................. pag.          69
           - Interventi straordinari ............................................................................................................... pag.             69
           - Auditorium e sale espositive della Fondazione ....................................................................... pag.                               71
           - Attività nazionale e internazionale del sistema Fondazioni ................................................... pag.                                      76

La comunicazione, l’Ufficio stamp .......................................................................................................... pag.                     86
Gli interventi ............................................................................................................................................. pag.     87
           - Progetti Pluriennali .................................................................................................................... pag.           87

Settori Rilevanti ......................................................................................................................................... pag.      90
           - Arte, attività e beni culturali ..................................................................................................... pag.              90
           - Educazione, istruzione e formazione........................................................................................ pag.                        91
           - Volontariato, filantropia e beneficenza .................................................................................... pag.                       93
           - Sviluppo Locale ........................................................................................................................... pag.        95

Settori Ammessi ......................................................................................................................................... pag.        99
           - Protezione e ricerca ambientale ................................................................................................ pag.                   99

Progetti Istituzionali.................................................................................................................................. pag.         99
           - Attività degli organismi autonomi ............................................................................................ pag.                     99

Le erogazioni previste da norme di legge ............................................................................................... pag.                        116
Le delibere di erogazione ......................................................................................................................... pag.             118




                                                                                    Pag. 5
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




PREMESSA


Introduzione del Presidente

Anche nel corso dell’anno 2011 la Fondazione ha proseguito, da un lato, nella conservazione e
valorizzazione del patrimonio e, dall’altro lato, nella contribuzione allo sviluppo sociale, culturale,
ambientale ed economico del territorio, in ottemperanza alla sua missione istituzionale di
sussidiarietà.

Nel far ciò, si è attenuta alla legge, ai pareri dell’Autorità di vigilanza ed ai criteri ed orientamenti
dettati dall’Organo di Indirizzo, soprattutto con il Documento Programmatico Previsionale per
l’anno 2011.

La crisi globale, economica e finanziaria, che aveva già dato avvertimenti nella seconda metà del
2007 e si era manifestata in tutta la sua ampiezza nel 2008 e nel 2009, non è ancora superata.

Alla crisi hanno retto i Paesi del Bric (Brasile, Russia, India e Cina) ed altri emergenti ( es. Sudafrica),
dove il processo di crescita ha avuto un rallentamento, ma è comunque proseguito a livelli pur
sempre elevati, rispetto ai Paesi avanzati.

In questi ultimi (Usa, Europa e Giappone) i segni di parziale ripresa hanno avuto breve durata e si
sono sempre accompagnati a ricadute e impreviste ulteriori perdite di valore: la recessione non è
ormai una previsione temuta, ma una realtà per alcuni paesi europei (i cosidetti Pigs), con
conseguente pericolo di vulnus alla coesione sociale, e comunque in tutta l’euro zona si assiste ad un
rallentamento della produttività, in particolare nell’ultimo trimestre del 2011, dovuto soprattutto al
peggioramento dell’industria (dati BCE).

Peraltro nel nostro Paese la ripresa appare particolarmente faticosa per il divario del punto di
partenza, visto che l’economia italiana, mentre negli anni ottanta era cresciuta del 25% e negli anni
novanta del 16%, tra il 2000 ed il 2007 è cresciuta del 7%, quando gli altri Paesi dell’area euro
sono cresciuti del 14%, e nel biennio 2008-2009 la crisi ci ha tolto 6,5 punti di prodotto interno
lordo, mentre i detti Paesi ne perdevano 3,5 (dati Banca d’Italia).

A ciò si aggiunga la poca attraenza offerta dall’Italia all’afflusso dei capitali esteri, vista la lentezza
della burocrazia e della giustizia, le infrastrutture obsolete nelle regioni e zone periferiche, l’elevata
imposizione fiscale, la corruzione, le mafie.

E’ così che gli investimenti diretti esteri (FDI) in Italia sono stati nel triennio 2008-2010 pari
all’1,7% degli investimenti fissi italiani contro l’11,3% della media europea. In termini assoluti i FDI
in Italia ammontano ad € 18 miliardi (90 in Germania, 132 in Francia, 112 in Spagna, 208 in UK,
228 in Belgio, 51 in Svezia, 40 in Polonia), pari all’1,6% dei FDI attratti dall’Europa, pari questi
ultimi a 1138 miliardi contro i 686 degli USA ed i 1039 dell’intera Asia (Cina e India comprese), a
riprova che non è vero che i capitali internazionali vadano solo ove ci sono bassi costi di produzione,
poche regole e mercati in espansione, preferendo invece ambienti dove siano reperibili tecnologie,
innovazioni, condotte trasparenti, regole certe, tutela dei diritti, tasse relativamente più contenute.

Anche nel campo dei capitali in uscita, la cui entità rappresenta la capacità delle sue imprese di
svilupparsi ed espandersi nel mondo, l’Italia non regge il confronto con i principali partners
occidentali: i suoi capitali in uscita rappresentano il 5% di quelli in uscita dall’Unione europea, pari
all’8% degli investimenti fissi italiani, la metà della media europea che è del 16% (Fonte: Ministro
dello Sviluppo).

L’uscita italiana dalla recessione sarà quindi molto lenta al punto che ottimistiche oggi appaiono le
previsioni del ‘Documento di economia e finanza’ del 2011, secondo cui nel 2014 il Pil sarebbe
tornato sul livello del 2007 e comunque “in termini di prodotto procapite il recupero del livello



                                                   Pag. 6
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




precrisi sarà ancora più lento” (così aveva detto l’allora governatore della Banca d’Italia, all’apertura
del convegno a palazzo Koch del 21.4.2011 sul tema <Europa 2020: quali riforme strutturali per
l’Italia>).

In effetti la ripresa della crescita economica, degli investimenti e dei consumi è accompagnata dal
permanere di una serie di fenomeni che la frenano: anche se l’indebitamento netto è per la prima
volta dall’avvio dell’euro inferiore alla media dell’area, il debito pubblico è salito ancora negli ultimi
4 anni di 16 punti raggiungendo il 120% del Pil a fronte di una media dei 34 paesi Ocse del 100%
(dati Ocse); la spesa in conto corrente è stata rallentata, ma la spesa in conto capitale è stata
fortemente ridotta, ai livelli più bassi degli ultimi decenni (così il governatore, nella detta occasione);
la pressione fiscale è aumentata nonostante fosse già molto elevata nel confronto internazionale e in
prospettiva storica; la disoccupazione pure è aumentata (sebbene non superiore al tasso
dell’eurozona, che nell’aprile 2012 ha raggiunto il 10,8%, il livello più alto dalla nascita dell’euro,
dato BCE) e aumenta la sottoccupazione, specie giovanile e femminile, specie al sud; non si colma lo
storico gap tra sud e nord; il trend dei fallimenti e comunque delle chiusure delle imprese è in salita
(nel primo trimestre dell’anno 2012 tra imprese nuove, circa 120.000, e imprese chiuse, circa
146.000, vi è un saldo negativo di circa 26.000 imprese, il triplo rispetto al primo trimestre del
2011, dati “Movimprese” di Infocamere); la produzione continua a diminuire (nel primo trimestre
2012 è scesa del 2,3% con punte ben più elevate in alcuni settori, come quello edile, e così è sceso il
Pil procapite (del 4,4% nel quinquennio 2008-2012 rispetto a quello precedente, dati Censis);
nonostante l’espansione di liquidità della BCE e delle Banche centrali statali, permane la
disarmonizzazione tra offerta e domanda di credito, specie con riguardo alle piccole imprese ed alle
famiglie (ad una debolezza della richiesta, conseguenza e causa della debolezza del sistema, si
accompagna l’effetto frenante del deleverage imposto dalle nuove regole sui requisiti di capitale e
dal timore di creare nuove sofferenze, visto che i crediti a rischio delle prime 10 banche italiane si
sono incrementati per oltre 16 miliardi nel 2011); si riaffaccia l’inflazione, che aggrava le
insufficienze dei redditi fissi; i conflitti bellici, anche civili, del 2011 non hanno certo favorito la
normalizzazione dei prezzi delle materie prime e degli alimenti.

Si assiste ad una caduta del reddito reale, ad una riduzione dei consumi, ad una diffusa sensazione di
futuro peggioramento (così la pensa il61% delle famiglie, dati Censis), si teme l’insorgenza di
insofferenze sociali, anche se in Italia resiste, un sistema diffuso di ‘welfare state’, che, pur non
dotato di servizi eccellenti e pur sottoposto ad attacchi in nome dell’obiettivo della riduzione delle
spese (un milione e seicentomila famiglie italiane – secondo il Censis - sono “in forte difficoltà” a
sostenere gli aumentati costi dei servizi sociali), rimane comunque l’ultimo baluardo avverso il
pericolo della rottura della coesione sociale.

Infine i valori mobiliari, nei quali è da sempre investita la maggior parte del patrimonio delle
Fondazioni bancarie, dopo aver segnato una ripresa nel 2010, sebbene, soprattutto in Italia, non
generalizzata e non costante, hanno di nuovo, salvo eccezioni, subito perdite nel 2011.

In particolare la capitalizzazione di borsa delle banche quotate ha subito nuove flessioni, dopo il
trend positivo del primo trimestre del 2011 (es. di variazione percentuale dei titoli nell’anno 2011:
Unicredit – 53,8%; Intesa S.Paolo – 29,2%, Monte Paschi Siena –63%; UBI – 45%, B.Popolare –57%;
dati Sole 24 Ore) che si vanno ad aggiungere alle flessioni precedenti (l’indice Ftse Italia Banche
indica una perdita media dal 9 maggio 2007 ad oggi dell’87%, dati Sole 24 Ore).

Le perduranti difficoltà delle banche sono ovviamente effetto della crisi in atto, dello stop della
crescita in generale, ma trovano causa anche in motivi specifici, come ad esempio l’imposizione
troppo rigida del rispetto di coefficienti stabiliti in modo troppo uniforme dalle Autorità Monetarie e
di Vigilanza, l’appiattimento degli spreads (all’inizio del 2011, attenuato dall’innalzamento di un
quarto di punto del costo del denaro) e l’incremento dei crediti deteriorati, che non accenna a
fermarsi (a febbraio 2012 i crediti inesigibili delle principali banche italiane erano saliti del 16,5%
rispetto al 2011) e che è indice qualificato della permanenza delle sofferenze degli operatori del
mercato e delle famiglie.

Per queste ragioni la Banca del Monte Spa, i cui proventi hanno da sempre costituito le maggiori
entrate per la Fondazione, dopo anni di incremento degli utili durato fino al 2008, ha
improvvisamente denunciato nel bilancio 2009 un utile ridotto del 52% rispetto al bilancio 2008 e
quindi ha distribuito nel 2010 un dividendo altrettanto ridotto (da euro 3.168.000 nel 2009 ad euro
1.507.049 nel 2010 ed ancora più ridotto nel 2011 (€1.349.596). (Si tratta comunque di



                                                   Pag. 7
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                Bilancio 2011




performance migliore del sistema bancario italiano, dove si è assistito a risultati addirittura negativi,
perdite invece di utili, ed a dividendi pari allo zero o a percentuali vicinissime allo zero; dati Facset e
Sole 24 Ore)

Nonostante tutto quanto sopra, il patrimonio della Fondazione della Banca del Monte di Lucca che è
sempre cresciuto negli anni (patrimonio netto al 31.12.2007, 67.365.905,00; patrimonio netto al
31.12.2008, senza la rivalutazione nella Banca del Monte di Lucca spa, 68.709.636,00; 72.760.242
con detta rivalutazione; patrimonio netto al 31.12.2009, 74.030.061; patrimonio netto al
31.12.2010, 74.591.276) si è conservato ed è cresciuto, sia pur leggermente, anche nel 2011 fino a
raggiungere euro 74.966.222; le risorse disponibili, sempre salite pure esse negli anni (avanzo
dell’esercizio al 31.12.2007, 4.247.923,00; avanzo di esercizio al 31.12.2008, 4.372.266,00;
avanzo dell’esercizio al 31.12.2009, 4.588.918,73), si sono invece attestate ad € 2.806.076,26 al
31.12.2010 (con una redditività media netta del patrimonio al 5,3% rispetto alla media del 4,1%
delle fondazioni medio piccole e del 3,6% del sistema delle Fondazioni, dati Acri) e ad € 1.874.727
al 31.12.2011, soprattutto a causa della sopraricordata diminuzione del dividendo proveniente dalla
Banca conferitaria (quasi 1/3 nel 2011 del dividendo del 2009) ed a causa dei minori rendimenti
degli altri investimenti dovuti alla crisi, oltreché alla temporanea sottrazione all’investimento
redditizio dell’importo destinato all’aumento di capitale.

Ciononostante, anche l’esercizio 2011, unitamente alla crescita patrimoniale sopraricordata, ha
comportato un apprezzabile avanzo che ha permesso di conservare un buon livello di erogazioni,
ricorrendo ai fondi di riserva erogativi in misura inferiore a quanto cautelativamente consentito
dall’OI in sede di approvazione del DPP 2011.

Non così è stato per altre Fondazioni bancarie il cui patrimonio nell’ultimo quadriennio, 2008-
2012, si è molto ridotto, financo, in alcuni casi, a quasi dimezzarsi (fonte Sole 24 Ore 28.1.2012).

Questo è stato possibile per la F.BML grazie all’assenza di strumenti finanziari derivati e all’assenza,
o quasi, di investimenti in obbligazioni strutturate, in titoli illiquidi, in titoli di natura speculativi (ivi
compresi gli “hedge funds”) e grazie ad una costante attenzione, quasi giornaliera, all’evolversi della
situazione economica, che ha consentito un adeguamento tempestivo degli investimenti. Sono da
ricordare, ancora una volta, la drastica decisione di liberarsi delle gestioni patrimoniali individuali
esterne all’inizio del 2008 e cioè al manifestarsi dei primi risultati negativi di esse, nonché l’impiego
della liquidità in operazioni di pronti conto termine a breve, tramite un continuo monitoraggio dei
tassi offerti dal mercato, durante tutto il 2008, mentre per il 2009 sono da ricordare l’immediato
abbandono delle operazioni di pronti conto termine appena ribassati i tassi di sconto e la ricerca di
nuovi impieghi remunerativi soprattutto nel campo delle obbligazioni, con particolare riguardo alle
emissioni dello Stato italiano, ma anche di altri Stati, e delle imprese di primo livello,
prevalentemente bancarie.

Nel 2010, visto l’appiattimento generale dei tassi ed i segnali di ripresa, si sono poste in essere
operazioni di investimento tali da consentire l’affaccio sui mercati azionari per somme e operazioni
relativamente limitate e per settori molto diversificati.

E’ così ancora aumentata la diversificazione degli investimenti, nell’ambito di una politica di
contenimento del rischio ed è aumentato il rendimento degli strumenti finanziari non immobilizzati
(GPM + port.amministrato), da euro 1.552.091 nel 2009 ad euro 1.688.821 nel 2010, nonostante il
calo di euro 4 milioni della massa finanziaria disponibile (utilizzati a fine 2009 per l’aumento del
capitale della banca conferitaria).

Nei primi sette mesi del 2011 si è proseguito sulla scia del 2010, sempre più diversificando gli
investimenti, salvo dismissioni nel campo azionario nell’agosto e riacquisti nel quarto trimestre,
operazioni azzeccate nel timing, cosicché la Fondazione è riuscita ad evitare i rischi di un anno
particolarmente difficile (cfr. il paragrafo sul patrimonio mobiliare nella seconda sezione della
relazione al bilancio) ed è altresì riuscita a conservare la propria quota di proprietà della banca
conferitaria, partecipando all’eccezionale aumento di capitale (cfr. ibidem).

Anche nel 2011 è proseguito il rendimento dell’edificio locato all’Ordine dei Dottori Commercialisti
ed Esperti contabili di Lucca, che lo utilizza come sede, ma anche come luogo di servizi e di
convegni. Con tale acquisto e tale destinazione la Fondazione ha posto in sicurezza una quota del
patrimonio e al contempo ha coniugato la redditività con lo scopo istituzionale, con la contribuzione



                                                     Pag. 8
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




cioè allo sviluppo del territorio, realizzabile appunto anche tramite il modo di utilizzo del
patrimonio.

Nell’attività di amministrazione del patrimonio, importante è stato il contributo consultivo dato dal
Comitato Investimenti. Importanti sono stati altresì i suggerimenti dati dalla società di consulenza
dei cui servizi la Fondazione aveva deciso di usufruire fin dalla prima parte del 2009, visto
l’aumento delle difficoltà di lettura dei mercati conseguente alla crisi, nonché la accresciuta
complessità degli investimenti, data la loro continua diversificazione e data la diminuzione dei tassi
ai minimi storici.

Le risorse hanno così permesso di assolvere all’ordinaria gestione della Fondazione (il cui costo è
ancora una volta leggermente diminuito) ed hanno al contempo permesso di adempiere all’attività
istituzionale, rispettando gli impegni pluriennali assunti, promuovendo nuovi progetti, propri o
concordati, e mantenendo un buon rapporto tra patrimonio e erogazioni deliberate, che nel 2011
ammontano ad euro 2.589.365 (€. 2.684.265 nel 2010, € 3.009.953 nel 2009; € 2.916.273 nel
2008; 2.468.145 nel 2007).

Una selezione oggettiva delle iniziative e dei progetti a cui contribuire è stata facilitata dagli studi e
dai pareri delle Commissioni consultive settoriali, nel rispetto dei criteri orientativi dettati
dall’Organo di Indirizzo.

Nel corso del 2011, le dette Commissioni hanno intensificato il monitoraggio dei progetti approvati.

Una selezione oculata ed un monitoraggio, almeno a campione, sono resi necessari dalla grande
divergenza tra l’importo (finale) disponibile (€ 2.589.365) e l’importo totale delle richieste (€
12.160.920) nel 2011 ancor più alto che nel 2010, a riprova di quel trend incrementativo che è
conseguenza dell’aumento del bisogno dovuto alla crisi ed alla conseguente diminuzione dei redditi
dei soggetti privati e dei proventi degli enti pubblici.

Le Fondazioni bancarie vengono considerate ancore di salvataggio; in particolare tale viene
considerata la Fondazione Banca del Monte di Lucca, il cui affidamento è basato pure sul costante e
virtuoso confronto che essa ha proseguito anche nel 2011 - nel rispetto dei ruoli - con i suoi
referenti sia locali, che sono tutti i soggetti pubblici e privati impegnati nello sviluppo solidale del
territorio, sia oltre i confini della provincia, come il Volontariato, le Università, le Fondazioni, l’Acri,
l’European Foundation Centre, etc.

Il confronto permette di privilegiare progetti concordati, nella scelta e nella realizzazione dei quali il
know how che la Fondazione mette a disposizione dei referenti ha sempre più influenza.

I buoni risultati ed il clima di fiducia, che continua ad avvertirsi intorno alla Fondazione, sono
merito dell’apporto personale, coeso e concorde, dei componenti degli organi della Fondazione, del
personale dipendente, dei consulenti e collaboratori.

A tutti rinnovo i ringraziamenti, anche per aver contribuito, ciascuno nel proprio ruolo, a lavorare
insieme in serenità.
                                                            Alberto Del Carlo




                                                   Pag. 9
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




PRIMA SEZIONE:
                                                                                      L’IDENTITÀ

1A - La storia ed il quadro normativo di riferimento
La Fondazione Banca del Monte di Lucca trae le sue origini dal Monte di Pietà, istituito dal Governo
della Repubblica Lucchese il 25 maggio 1489 anche con la finalità di combattere l’usura, secondo
criteri ispirati agli insegnamenti, in particolare, di fra Bernardino da Feltre.

Fin dal 1516 il Monte ebbe la propria sede presso il Palazzo dell’Opera di S. Croce in Piazza S.
Martino, adiacente alla Cattedrale di Lucca, là dove oggi la Fondazione si trova.

Nel 1953 il Monte fu classificato Monte di Credito su Pegno di 1a categoria, per poi diventare nel
1977 Banca del Monte di Lucca, ente morale.

La Fondazione Banca del Monte di Lucca, nell’attuale struttura, è il prodotto di un processo
legislativo, ben descritto nella sentenza della Corte Costituzionale 24/29.9.2003 n. 300, riguardante
le Casse di Risparmio ed Enti morali assimilati (Banche del Monte, Istituti di Credito di diritto
pubblico, Monti di credito su pegno di seconda categoria).

Tale processo ha avuto inizio con l’emanazione della legge 30.7.1990 n. 218 e del decreto legislativo
20.11.1990 n. 356 ed è consistito nello “scorporo” delle aziende bancarie dai precedenti enti morali
creditizi e nella “scissione” di questi in due soggetti: gli enti “conferenti” (enti pubblici) e le società
per azioni “conferitarie”, enti e società cosi definiti, perché i primi - titolari del o di parte del
capitale sociale delle seconde - conferirono alle seconde le aziende bancarie.

Agli enti conferenti fu affidata, oltreché la gestione del pacchetto azionario da essi detenuto nelle
società conferitarie, l’attività - tradizionale per le Casse di Risparmio e Monti di pietà - di
promozione dello sviluppo sociale, culturale ed economico.

Con la legge delega 23.12.1998 n. 461 e il decreto legislativo 17.5.1999 n. 153, gli enti conferenti
cessarono di essere enti pubblici e vennero trasformati in fondazioni.

Le Fondazioni trovano oggi compiuta disciplina nel detto d.lgs. 153/1999, nel testo vigente, come
integrato dalle sentenze della Corte Costituzionale n. 300 e 301 del 24/29.9.2003 e dalle modifiche
legislative successive. Quelle sentenze hanno definito natura e ruolo delle Fondazioni.

La Fondazione è persona giuridica privata, senza fine di lucro che persegue esclusivamente scopi di
utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico (d.lgs. 153/99, art. 2, e Corte Cost., sent.
cit. 300/2003).

Essa, pertanto, pur non rientrando - per la sua natura privata - tra i soggetti svolgenti funzione
pubblica, ha finalità di interesse generale e quindi pubbliche, per cui, pur non potendosi sostituire
agli enti locali, può collaborare con essi e con tutti gli altri soggetti pubblici e privati che pure
perseguono l’interesse generale del territorio, in rapporto di “sussidiarietà” (Cost., art. 118, co 4°).

La Fondazione è dotata di piena autonomia: autonomia statutaria, nella formazione appunto degli
statuti (autoregolamentazione); autonomia organica, nella nomina dei componenti dei propri organi
e nella scelta degli Enti a cui conferire il potere di designazione di detti componenti (autodichia);
autonomia di gestione, nel determinare i propri indirizzi e le proprie decisioni (autogestione) sia
nell’amministrazione del patrimonio, sia nella destinazione delle risorse.

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale 24-29/9/2003 n. 301, l’Autorità di vigilanza
(provvisoriamente esercitata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze) ha visto affievolirsi la
funzione di indirizzo, conservando invece l’importante funzione di controllo sulla conformità alla
legge ed allo statuto degli atti delle Fondazioni e di verifica della corrispondenza di tali atti a
determinati parametri previamente fissati dal legislatore: appunto il rispetto della legge e dello
statuto, la sana e prudente gestione, la redditività del patrimonio e l’effettiva tutela degli interessi
contemplati nello statuto (art. 2, lett. i, L. 461/1998).



                                                  Pag. 10
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




Dopo alcuni tentativi di intervento d’imperio sulle risorse patrimoniali delle Fondazioni avvenuti alla
fine dell’anno 2006 e dopo l’avvio del progetto “Sviluppo Sud” e la nascita della “Fondazione per il
Sud”, con il contestuale componimento della vertenza con il volontariato in merito agli
accertamenti previsti dall’art. 15 della L. 266/91, nonché dopo l’abrogazione dell’art. 7 della L.
262/2005, che limitava il diritto di voto delle Fondazioni nelle assemblee delle società bancarie
conferitarie, non vi sono più state rilevanti ragioni di conflittualità tra le Fondazioni ed i Poteri
statali, legislativo ed esecutivo, in ordine alla autonomia patrimoniale gestionale ed operativa delle
prime. Anzi, vi sono stati nuovi progetti comuni, come quello relativo al più ampio ruolo assegnato
alla Cassa Depositi e Prestiti o quelli relativi ai sostegni alle popolazioni colpite da calamità naturali.

Le Fondazioni, grazie alla serietà, correttezza e professionalità dei loro interventi sui territori di
riferimento e la ricerca di condivisione dei fini di tali interventi, si sono meritate la fiducia di detti
poteri, così come dei poteri locali, che ne vanno sempre più riconoscendo l’insostituibile ruolo
sussidiario di corpi intermedi della società, soggetti dell’organizzazione delle libertà sociali (art. 118
Cost. e sent. 300/2003 Corte Cost.) capaci di perseguire autonomamente gli scopi loro assegnati dal
legislatore.

Permangono nell’ambito legislativo, sia civilistico che fiscale, questioni ancora pendenti che
riguardano le Fondazioni di origine bancaria, ma che presentano anche profili generali interessanti
tutte le tipologie di Fondazione.

Le problematiche delle Fondazioni e delle Casse di Risparmio o banche similari di riferimento sono
talvolta comuni sia a livello italiano, che europeo, che mondiale; vi possono quindi essere esperienze
e soluzioni a vario livello, la cui conoscenza può essere utile per adeguate applicazioni anche
localmente.

Restano quindi importanti i contatti intrattenuti con le altre fondazioni italiane, con quelle europee e
con il movimento mondiale delle Casse di Risparmio e banche similari, nonché con le relative
associazioni rappresentative. Peraltro in occasione di tali contatti si cercano soluzioni condivise che
possano generare strumenti legali e operativi validi per l’intero settore.

Per questi motivi la Fondazione
a) ha confermato l’adesione all’Acri e la disponibilità a partecipare alle iniziative formative culturali
   sociali e filantropiche da essa proposte, sia direttamente, sia tramite la Consulta regionale;
b) ha confermato l’adesione all’European Foundation Centre (EFC) ed è stata confermata per un
   altro triennio nel Governing Council in occasione dell’assemblea generale di Cascais (Portogallo),
   così come ha confermato l’adesione ai gruppi di lavoro su temi specifici, quale il Consorzio
   europeo delle fondazioni per la tutela dei diritti dei disabili e dei diritti umani (European
   Consortium of Foundations on Human Rights and Disability), nell’ambito del quale, proprio
   grazie alla Fondazione, si è costituita la Lega delle Città Storiche Accessibili (League of Historical
   Accessible Cities);
c) ha confermato la volontà di conservare contatti con il mondo delle Fondazioni bancarie, delle
   Casse di Risparmio e banche similari e delle Fondazioni in genere, partecipando ai periodici
   appuntamenti (convegni, congressi, assemblee, etc.), ed in particolare al congresso triennale
   mondiale, dove si cercano soluzioni ai problemi comuni e si possono incontrare sinergie per
   collaborazioni a progetti comuni;
d) ha inteso contribuire all’approfondimento del ruolo delle Fondazioni e delle Banche, specie
   nell’attuale situazione di eccezionale crisi finanziaria ed economica, mediante la partecipazione a
   seminari e convegni e pure mediante l’organizzazione di essi, anche a Lucca.



1B - IL QUADRO ECONOMICO DI RIFERIMENTO
     LA SITUAZIONE DEL TERRITORIO
L’illustrazione che segue intende in primo luogo descrivere sinteticamente lo scenario economico
internazionale e nazionale. Prosegue poi con la rappresentazione della situazione economica della
provincia di Lucca al 31.12.2011, in base – se non diversamente specificato – agli indicatori forniti
dall’Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Lucca (che la Fondazione ringrazia per la
consueta disponibilità e puntualità nel fornire i dati disponibili), sia con riferimento alle
informazioni strutturali, sia relativamente ai dati congiunturali.



                                                  Pag. 11
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




L’economia internazionale
Il 2010 ha registrato un ritorno alla crescita a ritmo sostenuto per l’economia mondiale; tale
crescita, tuttavia, si è realizzata in modo disomogeneo risultando più significativa nei paesi
emergenti rispetto a quelli industrializzati. Nel corso del 2011 la ripresa internazionale ha perso
slancio e sia il settore commerciale che quello manifatturiero hanno via via rallentato la propria
ripresa.

Le rinnovate sofferenze delle economie avanzate sono da ricercarsi nella ripresa della crescita dei
prezzi delle materie prime, nel venir meno dello stimolo indotto in precedenza da alcune politiche
fiscali espansive, ma anche nella minor espansione delle economie emergenti.
Anche l’inflazione ha registrato un perdurante e progressivo aumento.

Nel 2011 il tasso di crescita Usa è stato intorno all'1,7%, quasi la metà rispetto all'anno precedente. Il
rafforzamento sperimentato negli ultimi tre mesi dell'anno non ha spazzato via i timori sullo stato di
salute dell'economia americana, la cui velocità di crescita è risultata sotto la media rispetto agli
ultimi decenni. Tale rallentamento si ritiene sia da attribuire alla riduzione della spesa per i consumi
privati soprattutto determinata dall’aumento dei prezzi dei beni energetici.

In Giappone si registra una tenuta complessiva dell’economia superiore alle attese del mercato anche
considerata la recente emergenza nucleare nonostante il rapporto debito/Pil abbia raggiunto il
200% (dati OCSE). Al termine del 2011 la contrazione del Pil è di poco inferiore all’1%, ed è stata
determinata soprattutto alla minore capacità d’esportazione, in particolar modo nel settore
automobilistico.

I paesi emergenti hanno visto tassi di crescita ancora sostenuti, ma in calo rispetto al 2010 (Cina
+9,2 rispetto al 10,3% del 2010, India intorno all’8%, ma con stime intorno al 7% per il 2012).

Nell’area euro, dopo una vigorosa espansione osservata nel primo trimestre, l’aumento del PIL si
assesta complessivamente intorno ad un 0,7% annuo con una leggera recessione nell’ultimo
trimestre. Le cause principali di questa regressione sono ancora una volta da ricondursi
principalmente ad un rallentamento della domanda interna, causato dalla contrazione dei consumi
privati e dalla riduzione di investimenti pubblici produttivi nonché dalle imponenti misure di
risanamento della finanza pubblica e dalla incertezza derivante dalla crisi dei debiti sovrani.

L’economia nazionale e quella regionale
Tutte le difficoltà manifestatesi nell’eurozona si sono presentate in particolar modo per l’Italia, dove
complessivamente il 2011 si è chiuso con una recessione su base annua del 0,4% e con una brusca
frenata della seppur flebile crescita registrata nel primo semestre.

Oltre al costante rallentamento dei consumi delle famiglie, cui nel 2011 corrisponde anche una
significativa riduzione della propensione al risparmio (scesa al 12%), si è verificata una notevole
contrazione degli investimenti complessivi dovuta in modo prevalente al perdurare della crisi
immobiliare, ma anche ad un trend non positivo della domanda estera nell’ultimo trimestre.

Nella media del 2011, il tasso di disoccupazione è pari all'8,4%, invariato rispetto ad un anno prima,
anche se l’evoluzione dell’offerta di lavoro è complessivamente più debole. Secondo le stime
dell’Istat, il risultato sconta la differente dinamica della componente straniera rispetto a quella
italiana, che si è ridotta di 170.000 unità.

Nel complesso la crescita dell’export nazionale risulta sostenuta (+ 11,4% per l’Italia e + 13% per
l’Italia centrale). La Toscana in particolare è da annoverarsi tra le regioni che maggiormente hanno
contribuito a tale incremento con un +13,7 %.Tuttavia, anche in Toscana, le previsioni delineano un
peggioramento del tasso di disoccupazione.

Per quanto riguarda la numerosità delle imprese sul territorio regionale, nel 2011, l'espansione si
ferma al +1%, contro il +1,2% del 2010, con un tasso di crescita che è andato diminuendo nel corso
dei 12 mesi. A fine 2011 le imprese in Toscana sono 417.200 unità, con un saldo imprenditoriale di
+4.375 unità. Numeri comunque più positivi della media nazionale.
Da notare, infine, che in Toscana diminuiscono del 4,2% le imprese giovanili, mentre crescono le
imprese straniere (+ 5,3% nel 2011).




                                                  Pag. 12
Bilancio 2011                                                                                                     Fondazione Banca del Monte di Lucca




L’economia provinciale
La provincia di Lucca – con 39.314 imprese e 47.138 unità locali – si colloca al secondo posto nel
sistema economico della Toscana, dopo la sola e ben più grande Firenze e seguita al terzo posto da
Pisa che pur con una popolazione superiore vanta un numero inferiore di imprese.

IMPRESE, ADDETTI e U.L. per SETTORI di ATTIVITA' ECONOMICA. ANNI 2011 e 2010. LUCCA, TOSCANA E ITALIA.
                                                             2011                                   2010
           Provincia di Lucca
                                                     Imprese                                Imprese                                           Unità
                                                                    Unità Locali
           Settore Economico                  Attive        Addetti                  Attive       Addetti                                     Locali

A Agricoltura, silvicoltura pesca                        2.655                4.604              2.738           2.742            3.888          2.823
B Estrazione di minerali da cave e miniere                     68              466                130               69                 470         129
C Attività manifatturiere                                4.827             33.325                5.853           4.938           33.685          5.965
D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore
                                                               30              176                 65               26                 168             51
e aria condiz...
E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di
                                                               65             1.609               131               68            1.571            135
gestione d...
F Costruzioni                                            8.482             16.748                8.903           8.583           17.036          8.993
G Commercio all'ingrosso e al dettaglio;
                                                        10.028             23.651               13.045          10.167           23.439        13.134
riparazione di aut...
H Trasporto e magazzinaggio                              1.024                4.472              1.430           1.055            4.136          1.453
I Attività dei servizi di alloggio e di
                                                         3.310             14.696                4.128           3.260           13.048          4.042
ristorazione
J Servizi di informazione e comunicazione                    653              2.174               819             642             2.151            829
K Attività finanziarie e assicurative                        798              1.762              1.180            801             3.503          1.251
L Attività immobiliari                                   2.388                2.745              2.590           2.335            2.775          2.528
M Attività professionali, scientifiche e
                                                             981              2.099              1.197            967             1.982          1.166
tecniche
N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di
                                                         1.124                4.274              1.351           1.063            3.560          1.281
supporto alle imp...
O Amministrazione pubblica e difesa;
                                                               0                 0                  0                0                  0              0
assicurazione sociale...
P Istruzione                                                 118               386                179             112                  336         167
Q Sanità e assistenza sociale                                134              2.137               227             127             1.968            211
R Attività artistiche, sportive, di
                                                             865              4.232              1.019            856             3.634            996
intrattenimento e diver...
S Altre attività di servizi                              1.722                3.696              1.886           1.725            3.607          1.894
X Imprese non classificate                                     42                62               267               27                 27          186
TOTALE PROVINCIA                                        39.314          123.314                 47.138          39.563         120.984         47.234
TOTALE TOSCANA                                        366.121          1.189.116               450.764         366.558        1.137.065       449.843
TOTALE ITALIA                                        5.275.515       18.663.917              6.325.907 5.281.934             18.540.175      6.306.588



                IMPRESE, ADDETTI e U.L. per NATURA GIURIDICA. ANNI 2011 e 2010. PROVINCIA di LUCCA.

                                                                    2011                                           2010
                      Natura Giuridica
                                                   Imprese          Addetti           U.L.       Imprese          Addetti       U.L.
                SOCIETA' DI CAPITALE                   6.941         50.947           11.246        6.773          50.432       10.949

                SOCIETA' DI PERSONE                    8.226         26.878            9.933        8.319          26.689       10.029

                IMPRESE INDIVIDUALI                  23.294          35.644           24.663       23.620          35.400       24.998

                ALTRE FORME *                           853            9.845           1.296             851         8.463        1.258
                TOTALE PROVINCIA                     39.314         123.314           47.138       39.563         120.984       47.234

                *: RIENTRANO IN QUESTA CLASSE LE COOPERATIVE, LE SOCIETA' CONSORTILI, ECC…




                                                                       Pag. 13
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                        Bilancio 2011




                                       I PRINCIPALI SETTORI DELLA PROVINCIA
                                               dati al 4° trimestre 2011
                                        Addetti alle      Dimensione media degli
                             Imprese     Imprese                 Addetti           Unità Locali   % Imprese Artigiane
       Calzaturiero
                               456        2.953                     6,5                515               58,1



                             Imprese    Addetti alle      Dimensione media degli   Unità Locali   % Imprese Artigiane
                                         Imprese                 Addetti
         Lapideo
                               387        1.647                     4,3                462               69,3


                                        Addetti alle      Dimensione media degli
                             Imprese     Imprese                 Addetti           Unità Locali   % Imprese Artigiane
         Cartario
                               172        5.158                     30,0               275               23,3



                             Imprese    Addetti alle      Dimensione media degli   Unità Locali   % Imprese Artigiane
                                         Imprese                 Addetti
         Nautico
                               483        4.510                     9,3                581               57,3


                                        Addetti alle      Dimensione media degli
                             Imprese     Imprese                 Addetti           Unità Locali   % Imprese Artigiane
        Meccanico
                               307        3.097                     10,1               386               60,3



                             Imprese    Addetti alle      Dimensione media degli   Unità Locali   % Imprese Artigiane
                                         Imprese                 Addetti
      Manifatturiero
                              4.827       33.325                    6,9               5.853              65,8


Si confermano anche le tre caratteristiche strutturali più rilevanti:
    • L’alto tasso di imprenditorialità – abbiamo ormai più di 10 imprese ogni 100 abitanti contro
        le 9,8 a livello regionale
    • La forte componente artigiana, con circa 14.159 aziende (Il 36% del totale rispetto 31,8%
        della media toscana)
    • La varietà delle principali filiere produttive (il cartario, il calzaturiero, la cantieristica ed il
        lapideo).

Nel corso del 2011 il numero delle imprese si è ridotto di 249 unità e tale lieve contrazione si
registra soprattutto nel settore dell’artigianato.

Riguardo alla tipologia di imprese osserviamo quanto segue:
    • Il principale settore per numero di imprese attive è quello del Commercio, Turismo e Servizi
       con una percentuale di poco inferiore al 59% del totale, che risulta comunque superiore sia
       alla media regionale (57%) sia a quella nazionale. Questo settore occupa il 57% degli
       addetti. Da segnalare una lieve crescita del settore del turismo e dei servizi, che vede anche
       un incremento del numero degli addetti (di poco superiore al 10 %).
    • Segue il settore delle costruzioni (quasi il 22% delle imprese)
    • Terza posizione per il comparto industriale (circa il 12% delle imprese), con un numero di
       addetti, però, che si attesta oltre il 20 % a dimostrazione della solida struttura delle industrie
       lucchesi.
    • Infine, nell’agricoltura la percentuale delle imprese attive scende al 6,7% ed al 4% del totale
       degli addetti.




                                                       Pag. 14
Bilancio 2011                                                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




Un dato significativo per comprendere la realtà produttiva locale è quello attinente agli stranieri che
operano in provincia. A fine 2011 Lucca conta 4867 imprenditori di nazionalità estera di cui 3106
extracomunitari.
     IMPRENDITORI STRANIERI ATTIVI (COMUNITARI, EXTRACOMUNITARIE E N.C.) PER SETTORE ECONOMICO.
     ANNO 2011. PROVINCIA DI LUCCA.
                                                                                                      Nazionalità

                                   SETTORE                                                                            Non
                                                                            Comunitaria          Extra U.E.                             TOTALE
                                                                                                                   Classificata

     A Agricoltura, silvicoltura pesca                                                    59               53                  3             115
     B Estrazione di minerali da cave e miniere                                             -                 1                4                  5
     C Attività manifatturiere                                                            177              294                 78            549
     D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz...                         -                 5                 -                 5
     E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d...                         3                 8                 -             11
     F Costruzioni                                                                        618         1.122                    17          1.757
     G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut...                       239              964                 44          1.247
     H Trasporto e magazzinaggio                                                          25               50                  4              79
     I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione                                 161              219                 24            404
     J Servizi di informazione e comunicazione                                            19               27                   -             46
     K Attività finanziarie e assicurative                                                10               16                  1              27
     L Attività immobiliari                                                               60               99                  7             166
     M Attività professionali, scientifiche e tecniche                                    46               41                  1              88
     N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp...                      54               100                  -            154
     O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale...                                                                                --
     P Istruzione                                                                           2                 4                 -                 6
     Q Sanità e assistenza sociale                                                          2              11                   -             13
     R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver...                       44               38                  6              88
     S Altre attività di servizi                                                          49               51                  1             101
     X Imprese non classificate                                                             3                 3                 -                 6
     TOTALE PROVINCIA                                                                1.571            3.106                190             4.867


Invece per quanto riguarda l’analisi dell’imprenditoria femminile si rileva la presenza di 9080
“imprese in rosa”, per le quali cioè la presenza femminile in termini di assetti proprietari ed
amministrazione è superiore al 50 %. I settori con una maggiore rappresentatività femminile sono il
commercio, i servizi di ristorazione e le altre attività di servizi (lavanderie, centri estetici
parrucchieri ecc), mentre il manifatturiero conta solo 816 imprese, cioè circa il 16 % del totale.

     NUMERO DI IMPRESE FEMMINILI SECONDO IL GRADO DI PRESENZA, PER SETTORE DI ATTIVITÀ ECONOMICA.
     PROVINCIA DI LUCCA 2011*
                                                                                                  Presenza Femminile
                                     Settore
                                                                                Esclusiva          Forte          Maggioritaria         TOTALE

                                                                                 Attive           Attive              Attive             Attive
     A Agricoltura, silvicoltura pesca                                                    926              16                       1        943
     B Estrazione di minerali da cave e miniere                                             4               2                       -             6
     C Attività manifatturiere                                                            587          190                        39         816
     D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz...                         1               1                       -             2
     E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d...                         4               2                       1             7
     F Costruzioni                                                                        302              78                     21         401
     G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut...                   2.527            211                        58       2.796
     H Trasporto e magazzinaggio                                                            96             33                       4        133
     I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione                                 959          156                        28       1.143
     J Servizi di informazione e comunicazione                                            139              18                     12         169
     K Attività finanziarie e assicurative                                                197              13                       3        213




                                                                      Pag. 15
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                            Bilancio 2011




     NUMERO DI IMPRESE FEMMINILI SECONDO IL GRADO DI PRESENZA, PER SETTORE DI ATTIVITÀ ECONOMICA.
     PROVINCIA DI LUCCA 2011*
                                                                                                 Presenza Femminile
                                     Settore
                                                                                Esclusiva        Forte        Maggioritaria   TOTALE

     L Attività immobiliari                                                             477          151                 50       678
     M Attività professionali, scientifiche e tecniche                                  187              28              14       229
     N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp...                    249              42               1       292
     P Istruzione                                                                           33           5                1        39
     Q Sanità e assistenza sociale                                                          36           20               2        58
     R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver...                     193              45              14       252
     S Altre attività di servizi                                                        872              19               1       892
     X Imprese non classificate                                                             8            2                1        11
     TOTALE PROVINCIA                                                                 7.797        1.032                251     9.080

Il Comparto Manifatturiero
Asse portante dell’economia provinciale, il comparto Manifatturiero annovera 4.824 imprese e
33325 addetti. Attorno a queste imprese inoltre si muovono tutta una serie di attività di supporto
che costituiscono il cosiddetto indotto e che sono difficilmente quantificabili.

Per comprendere il reale andamento del comparto occorre soprattutto considerare i dati
congiunturali dell’industria che a causa della restrizione dell’accesso al credito registrano alla fine
del 2011 un rallentamento generalizzato.

La flessione produttiva registrata a livello provinciale risulta in linea alle altre province della
Toscana ad eccezione di Firenze ed evidenzia nell’ultimo trimestre 2011 un calo del 3,5% della
produzione rispetto al quarto trimestre 2010 (+0,9% il valore regionale), nonché una riduzione del
fatturato totale pari a –2,2%

La contrazione coinvolge tutti i settori con un picco negativo (- 9%) nella produzione di metallo.
Flessioni meno consistenti segnano, peraltro, il cartario cartotecnico (-3,9%), l’alimentare (-2,7%), la
nautica (-2,4%), le calzature (-1,9%) e il tessile (-1,1%).

Continua il rallentamento del livello medio dei prezzi di vendita, cresciuti appena dello 0,9%. I
prezzi contenuti ed il calo della produzione hanno determinato una flessione del fatturato
complessivo (-2,2%) e del fatturato estero (-1,3%), anche se resta alta l’incidenza del fatturato estero
sul totale provinciale (oltre il 46%). Si conferma, pertanto, il marcato orientamento all'esportazione
che da sempre caratterizza il nostro sistema industriale.

Anche gli ordini tendono a diminuire e l’occupazione risulta in lieve calo (-0.1%), leggermente
superiore a quanto si è verificato a livello regionale (-0,1%).

Anche per il settore dell’Artigianato il 2011 ha segnato un anno negativo. Le perdite di fatturato alla
fine del primo semestre si sono attestate intorno al 5% ed è calato il numero delle imprese artigiane
attive (-1.7%). Stabile, invece, il numero degli addetti seppure a livelli ancora lontani rispetto alle
numerosità riferibili al periodo ante 2008.

I movimenti di Import-Export
Questi dati - di fonte ISTAT e aggiornati fino al terzo trimestre 2011 - sono particolarmente
significativi in una provincia come la nostra con una forte vocazione per gli scambi internazionali e
sono anche un importante indicatore della capacità competitiva delle imprese.

Nei primi tre trimestri del 2011 le esportazioni lucchesi hanno raggiunto il valore di circa 2717
milioni con un aumento (circa il 10%) rispetto ai valori dell’anno precedente, seppure con un
risultato inferiore rispetto alla regione Toscana che si attesta circa al +14%.

Esaminando la graduatoria provinciale per settore, il primato per fatturato rimane alla cantieristica
(+1,9 rispetto al 2011). Al secondo posto il cartario (+ 9,8). Al terzo posto l’Industria Meccanica,
dove la componente principale rimane quella dei macchinari per cartiere e che complessivamente



                                                                      Pag. 16
Bilancio 2011                                                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




registra un aumento rispetto al 2010 del 30%. Al quarto posto il calzaturiero che durante il 2011 ha
continuato il miglioramento già registrato nel 2010, registrando un aumento percentuale del
fatturato del 9,1%. Seguono l’industria metallurgica (+ 7,9%), il settore alimentare (6,5%) e quindi il
lapideo (+4,6%).

Parallelamente all’aumento della domanda estera i primi nove mesi del 2011 hanno visto anche un
lieve aumento delle importazioni passate da 1239 a 1317 milioni di euro con un aumento
percentuale del 6,3% rispetto al 2010. Qui la voce più importante riguarda il settore cartario
(+8.9%).

Complessivamente la bilancia commerciale lucchese nei primi tre trimestri del 2011 presenta un
attivo di 1400 milioni di euro.

    Esportazioni della provincia di Lucca, per i principali settori e prodotti. Totali Toscana e Italia.
    Dati cumulati III trimestre 2010 - III trimestre 2011 e relativa variazione percentuale (Valori assoluti).

    EXPORT                                                gennaio-settembre 2010*            gennaio-settembre 2011*           Variaz.%
                                                               Valore          incid.%            Valore             incid.%
    Ind. Cantieristica                                        603.539.976         24,5             614.788.246          22,6          1,9

    Ind. Carta                                                500.031.526         20,3              549.252.028         20,2          9,8
    di cui                                                    175.716.236           7,1             213.667.433          7,9         21,6
    Pasta da carta, carta e cartone
    Articoli di carta e di cartone                            324.315.290         13,2              335.584.595         12,3          3,5
    Ind. Meccanica                                            303.917.876         12,3              395.775.038         14,6         30,2
    di cui                                                    217.902.512           8,8             292.775.390         10,8         34,4
    Macchine per impieghi speciali
    Ind. Cuoio e Calzature                                    230.165.080           9,3             247.747.195          9,1          7,6
    di cui                                                    207.183.595           8,4             218.955.327          8,1          5,7
    Ind. delle Calzature
    Ind. Metallurgica                                         194.370.934           7,9             215.440.124          7,9         10,8
    Rame ed altri minerali                                    160.257.796           6,5             176.899.871          6,5         10,4
    Ind. Alimentari e tabacco                                 168.650.049           6,8             177.433.993          6,5          5,2
    di cui                                                    139.354.877           5,7             145.147.747          5,3          4,2
    Olio di oliva, di semi, etc
    Ind. Lapidea, del Vetro, Pietre estr.                     108.939.205           4,4             126.370.242          4,6         16,0
    di cui                                                      73.048.764          3,0              81.614.749          3,0         11,7
    Ind. Lapidea
    Pietre estratte sabbia argilla                              16.144.849          0,7              17.058.466          0,6          5,7
    Ind. del vetro, materiale costruzione etc.                  19.745.592          0,8              27.697.027          1,0         40,3
    Fabbricazione materiale elettrico e meccanica             105.480.446           4,3             118.703.863          4,4         12,5
    di precisione
    Ind. Chimica e delle vernici e farmac.                      74.786.772          3,0              74.481.072          2,7         -0,4
    di cui                                                      61.055.278          2,5              61.025.943          2,2          0,0
    Farmaceutici
    Ind. Tessile e Abbigliamento                                53.033.340          2,2              64.197.804          2,4         21,1
    di cui                                                       2.548.305          0,1              13.290.856          0,5        421,6
    Filati per cucire
    Articoli a maglia                                            9.931.934          0,4              10.117.849          0,4          1,9
    Articoli di abbigliamento                                   32.937.728          1,3              40.789.099          1,5         23,8
    Ind. Gomma e Plastica                                       45.329.344          1,8              50.230.086          1,8         10,8

    Altre attività economiche (1)                               77.314.725          3,1              83.292.611          3,1          7,7

    TOTALE PROVINCIA                                        2.465.559.273        100,0           2.717.712.302        100,0          10,2

    TOTALE REGIONE TOSCANA                                 19.264.721.044                       21.940.609.009                       13,9

    TOTALE ITALIA                                        246.427.810.099                       279.739.314.375                       13,5
    Fonte: elaborazioni Ufficio Statistica CCIAA di Lucca su dati commercio estero ISTAT.
    *: Dati Provvisori
    (1) Rientrano in questo raggruppamento: Pesca ed agricoltura, minerali energetici e non, attività professionali e sociali, Ind. del
    Legno, Prodotti dell'editoria e della stampa
     altri Mezzi Trasp., Altre Ind. Manifatt. non altrove classificate.




                                                                   Pag. 17
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                            Bilancio 2011




    Importazioni della provincia di Lucca, per i principali settori e prodotti. Totali Regione Toscana e Italia.
    Dati cumulati III trimestre 2010 - III trimestre 2011 e relativa variazione. (Valori assoluti).
                         IMPORT                          gennaio-settembre 2010*            gennaio-settembre 2011*
                                                                                                                              Variaz.%
                                                                Valore         incid.%           Valore            incid.%
    Ind. Carta                                                  446.393.381       36,0            485.978.879         36,9            8,9
    di cui
    Pasta da carta, carta e cartone                             438.316.758       35,4             477.269.932        36,2            8,9
    Articoli di carta e di cartone                                 8.076.623        0,7              8.708.947         0,7            7,8
    Ind. Chimica e delle vernici e farmac.                      144.589.703       11,7            159.596.975         12,1          10,4
    di cui
    Farmaceutici                                                 56.455.675         4,6             50.089.957         3,8          -11,3
    Ind. Alimentari e tabacco                                   172.104.980       13,9            158.885.362         12,1           -7,7
    di cui
    Olio di oliva, di semi, etc                                 123.501.362       10,0             117.191.420         8,9           -5,1
    Ind. Meccanica e Metallurgica                               139.795.509       11,3            125.911.198          9,6           -9,9
    di cui
    Rame ed altri minerali                                       37.955.208         3,1             30.614.627         2,3          -19,3
    Ind. Cuoio e Calzature                                       76.535.049         6,2             80.205.639         6,1            4,8
    di cui
    Ind. delle Calzature                                         67.800.478         5,5             69.800.408         5,3            2,9
    Ind. Tessile e Abbigliamento                                 44.035.989         3,6             62.407.560         4,7          41,7
    Fabbricazione materiale elettrico e meccanica
                                                                 41.184.925         3,3             41.591.323         3,2            1,0
    di precisione

    Ind. Lapidea, del Vetro, Pietre Estr.                        26.633.359         2,1             25.587.604         1,9           -3,9
    Ind. Lapidea                                                   4.012.020        0,3              6.422.285         0,5          60,1
    Pietre estratte sabbia e argilla                             14.312.898         1,2             11.321.391         0,9          -20,9
    Ind. del vetro, materiale costruzione etc.                     8.308.441        0,7              7.843.928         0,6           -5,6
    Ind. Cantieristica                                           24.574.841         2,0             25.219.727         1,9            2,6
    Ind. Gomma e Plastica                                        17.934.742         1,4             22.554.821         1,7          25,8
    Prodotti agricoli, caccia e pesca                            20.896.933         1,7             28.295.727         2,1          35,4
    Altre attività economiche (1)                                84.571.199         6,8           100.981.785          7,7          19,4
    TOTALE PROVINCIA                                          1.239.250.610      100,0          1.317.216.600       100,0             6,3
    TOTALE REGIONE TOSCANA                                  14.800.743.707                     16.343.956.564                       10,4
    TOTALE ITALIA                                          267.493.050.125                    302.881.381.147                       13,2
    Fonte: elaborazioni Ufficio Statistica CCIAA di Lucca su dati commercio estero ISTAT.
    *: Dati Provvisori
    (1) Rientrano in questo raggruppamento: Minerali energetici e non, attività professionali e sociali, Ind. del Legno, Prodotti
    dell'editoria e della stampa
    altri Mezzi Trasp., Altre Ind. Manifatt. non altrove classificate.

Il Commercio
A fine 2011 le imprese commerciali operanti nella nostra provincia erano 10.028 in leggera
diminuzione rispetto al 2011.

Per quanto riguarda l’analisi congiunturale sono disponibili solo i dati regionali relativi al quarto
trimestre 2011 sull’andamento delle vendite al dettaglio che vedono la Toscana attestarsi su una
riduzione del 4,6%. Si tratta di uno scenario diversificato a seconda della tipologia distributiva: vi è
un leggero calo per la grande distribuzione (oltre 20 addetti) con –1,5%, mentre la situazione è più
critica per i piccoli negozi per i quali si registra un calo di oltre il 5%.

L’Agricoltura
Si conferma anche per il 2011 il fenomeno della progressiva contrazione del comparto (2655
imprese contro le 2742 del 2010). Si tratta di un settore strutturalmente debole, anche tenuto conto
della quantità minima di aziende con un numero di dipendenti superiore a 10, che, tuttavia, è
estremamente importante per la salvaguardia degli equilibri idrogeologici, per la tutela
dell’ambiente e del paesaggio e per la conservazione delle tradizioni del territorio.

Nell’ambito delle produzioni erbacee i cereali rivestono una significativa importanza quantitativa,
mentre i nostri prodotti principali rimangono l’olio (che rappresenta l’85% del nostro export




                                                                    Pag. 18
Bilancio 2011                                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




alimentare) ed il vino. Nel 2010 si è registrata una riduzione generalizzata delle quantità prodotte in
linea con la contrazione della numerosità delle imprese.

Il Turismo
Altro settore fondamentale della nostra economia, comprende, in una visione strutturale completa, le
attività ricettive e di ristorazione, quelle ricreative e culturali, balneari ed i pubblici esercizi.

Le imprese che offrono servizi turistici a fine 2011 sono 3310 delle quali l’81 % opera nel settore
della ristorazione ed il 19% nei servizi di alloggio. Gli addetti ammontano a 14696 e nel complesso,
tale comparto pesa circa il 13% sul totale regionale.

Per quanto riguarda le presenze, i dati disponibili al 2010 evidenziano un aumento del numero degli
arrivi (oltre 900.000 turisti di cui 57% italiani e 43% stranieri) Positivo anche l’indicatore relativo
alla spesa dei turisti stranieri in provincia di Lucca (+17% nei primi mesi del 2011).

Il Mercato del lavoro
L’analisi si riferisce ai dati del 2010.

Il tasso di disoccupazione in provincia di Lucca cresce dal 6% del 2009 al 8% del 2010: un valore
che è superiore alla media regionale (6,1%). Anche il tasso di occupazione sta via via riducendosi ed
è attualmente al di sotto di quello regionale (nel 2010 è stato pari al 44,1%).

      IMPRESE, ADDETTI e U.L. per COMUNE E S.E.L.*. ANNI 2011 e 2010. PROVINCIA di LUCCA.
                                                      2011                                       2010
                  Comune
                                      Imprese       Addetti        U.L.         Imprese         Addetti         U.L.

      ALTOPASCIO                          1.688         5.408        2.042          1.676           4.520         2.024
      CAPANNORI                           4.310        15.834        5.088          4.305          13.444         5.072
      LUCCA                               8.362        26.130       10.110          8.408          24.023        10.106
      MONTECARLO                            471         1.181             533        486            1.124              544
      PESCAGLIA                             306          977              346        322              865              358
      PORCARI                               914         5.112        1.126           916            4.883         1.119
      VILLA BASILICA                        128          482              149        131              455              151

      PIANA DI LUCCA                     16.179        55.124       19.394        16.244           49.314        19.374

      BAGNI DI LUCCA                        587         1.412             682        609            1.251              697
      BARGA                                 849         4.057        1.076           831            3.730         1.048
      BORGO A MOZZANO                       678         2.853             825        679            2.736              822
      COREGLIA ANTELMINELLI                 398         1.047             484        408              998              493
      FABBRICHE DI VALLICO                   38               70          49          36                  51           47

      MEDIA VALLE                         2.550         9.439        3.116         2.563            8.766         3.107

      CAMAIORE                            3.741         9.566        4.295          3.824           8.395         4.331
      FORTE DEI MARMI                     1.074         3.777        1.524          1.117           3.019         1.537
      MASSAROSA                           2.026         5.014        2.251          2.040           4.575         2.249
      PIETRASANTA                         2.816         8.461        3.438          2.820           7.029         3.396
      SERAVEZZA                           1.297         3.572        1.530          1.292           3.046         1.532
      STAZZEMA                              267          530              311        271              479              311
      VIAREGGIO                           7.098        21.395        8.524          7.224          19.467         8.594

      VERSILIA                           18.319        52.315       21.873        18.588           46.010        21.950

      CAMPORGIANO                           119          280              148        125              260              156
      CAREGGINE                              42               85          48          44                  71           48
      CASTELNUOVO DI
                                            684         2.856             843        685            2.279              843
      GARFAGNANA
      CASTIGLIONE DI
                                            128          298              137        126              235              137
      GARFAGNANA
      FOSCIANDORA                            48               61          51          51                  54           54
      GALLICANO                             266          819              347        284              866              366




                                                         Pag. 19
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                         Bilancio 2011




      IMPRESE, ADDETTI e U.L. per COMUNE E S.E.L.*. ANNI 2011 e 2010. PROVINCIA di LUCCA.
                                                      2011                                  2010
                  Comune
                                      Imprese       Addetti        U.L.         Imprese     Addetti        U.L.

      GIUNCUGNANO                            58               85          64          62              72          68
      MINUCCIANO                            147          349              176        152         283              178
      MOLAZZANA                              66               93          72          68              91          74
      PIAZZA AL SERCHIO                     214          432              263        215         365              274
      PIEVE FOSCIANA                        170          450              223        178         401              225
      SAN ROMANO IN
                                             86          167              95          84         124              96
      GARFAGNANA
      SILLANO                                59               86          64          61              61          63
      VAGLI SOTTO                            51          154              73          49         134              70
      VERGEMOLI                              29               55          39          31              45          39
      VILLA COLLEMANDINA                     99          166              112        101         126              112

      GARFAGNANA                          2.266         6.436        2.755         2.316       5.467         2.803

      TOTALE PROVINCIA                   39.314      123.314        47.138        39.711     109.557        47.234

      SEL.*: SISTEMA ECONOMICO LOCALE.




1C – IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER L’ATTIVITA’ ISTITUZIONALE –
    STRATEGIE DI MISSIONE – L’EVOLVERSI DEL RUOLO DELLE
    FONDAZIONI
La definitiva chiarezza sulla loro natura e sulla loro collocazione funzionale ha, ormai da tempo,
incoraggiato le 88 fondazioni bancarie italiane a diventare enti di progettazione, riducendo il ruolo
tradizionale di enti di mera erogazione. Questa mutazione ha fatto sì che le fondazioni oggi tendano
ad agire come attori dello sviluppo, investendo preferibilmente in progetti propri o in progetti
preventivamente concordati con i destinatari delle contribuzioni e facendosi, talora, capofila per la
raccolta di sinergie, quando il realizzo di detti progetti comporta esborsi rilevanti, o promuovendo
imprese strumentali, fondazioni di comunità, etc., quando detto realizzo richiede organizzazione a
se stante.

Anche la FBML ha intrapreso e consolidato negli ultimi anni questo percorso, verso una mission
prevalentemente progettuale. Ogni anno, infatti, in termini qualitativi e quantitativi maggiori,
favorisce progetti propri e/o progetti concertati con i principali stakeholder (enti pubblici,
istituzioni, fondazioni e associazioni private); soprattutto progetti dai quali possa derivare un effetto
propulsivo sullo sviluppo culturale, sociale, economico, ambientale del territorio e che, una volta
realizzati, possano lasciare in modo evidente un segno positivo e duraturo dell’intervento della
Fondazione.

Ha inoltre confermato l’adesione a soggetti (associazioni, fondazioni, etc.) di particolare rilievo, che
operano sul territorio nei settori rilevanti prescelti e comunque nei settori ammessi (d.lgs. 153/99,
art. 1 lett. c-bis e d; art. 2, comma 2).

Al contempo la Fondazione non ha smesso di sostenere iniziative e progetti proposti da terzi.

Anche nel corso di quest’anno sono stati sottoposti a controllo i metodi valutativi, con l’intenzione di
renderli il più possibile oggettivi per effettuare delle scelte ponderate e agevolare il controllo dei
risultati. A tal fine continuano ad essere utili i criteri orientativi annualmente approvati dall’Organo
di Indirizzo, che periodicamente vengono migliorati sulla base dell’esperienza acquisita.

Detti criteri sono puntualmente applicati dalle Commissioni consultive di settore, composte da
valenze interne ed esterne alla Fondazione, nella fase ex-ante, quando esse esprimono pareri
particolarmente utili per la successiva valutazione e selezione oggettiva dei progetti e delle iniziative
da parte dell’organo decisionale, nonchè nella fase di monitoraggio dei progetti più importanti, sia
in-itinere, sia ex-post, quando esse valutano i risultati e la misura dei benefici apportati al territorio.




                                                         Pag. 20
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




Le Commissioni settoriali svolgono opera utile anche nella fase precedente alla presentazione dei
progetti, attraverso la consultazione di esse anche da parte dei proponenti, così da rendere i progetti
più consoni ai criteri orientativi ed a limitare i costi, così da ricondurli nell’ambito delle disponibilità
finanziarie della Fondazione.

Oltre che ai criteri orientativi, sono state apportate modifiche anche al Bando, sempre con l’intento
sia di semplificarne la lettura, sia di ottenere presentazione di progetti più chiari. Il bando 2012 è
stato ristrutturato nei termini, con l’intenzione di collegare le erogazioni agli “avanzi”
effettivamente disponibili e al contempo di consentire ai soggetti richiedenti di conoscere per tempo
il se ed il quantum del sostegno della Fondazione, cosicché essi possano tempestivamente
programmare la loro iniziativa ed i loro progetti.

Data la positiva esperienza del sistema di informatizzazione delle richieste introdotto nel 2008, si è
confermata la modalità di presentazione delle richieste online, cercando di incrementare la
presentazione degli allegati su formato elettronico (intendendo con il tempo giungere così a un
risparmio in termini di materiale di consumo e quindi di risorse ambientali), ma conservando,
almeno per il momento, anche il sistema cartaceo.

La Segreteria, come di consueto, ha aiutato i richiedenti nella presentazione dei progetti e delle
iniziative, soprattutto al fine di superare le problematiche inerenti l’utilizzo di attrezzature e
procedure informatiche. L’esperienza è da ritenersi positiva e continua anche l’istruzione dei
soggetti richiedenti per addivenire a operazioni più snelle, a una migliore formulazione dei progetti,
a una più rapida catalogazione e valutazione da parte delle commissioni.

Infine la Fondazione sta ponendo particolare attenzione al processo culturale (in corso) i
approfondimento delle possibilità che le Fondazioni bancarie hanno di giocare un ruolo importante
nell'ambito del “c.d. Riformismo sperimentale”, che inizia dal testare ciò che funziona e ciò che non
funziona nel campo delle politiche di welfare.

La loro natura privata e non profit (che consente loro di prendere decisioni senza preoccuparsi di
scontentare elettori o azionisti e di guardare al lungo periodo e ai rendimenti sociali differiti) mette
le Fondazioni d'origine bancaria nella condizione ideale per sperimentare pragmaticamente possibili
innovazioni nelle politiche sociali ed economiche. (Cfr., ad esempio, il progetto “Lavoro e Psiche”,
con cui la Fondazione Cariplo sta testando, attraverso un random controlled trial, una nuova
metodologia per facilitare l’inserimento lavorativo di disabili psichici, in collaborazione con la
Regione Lombardia e con molte organizzazioni del settore, o il progetto della stessa detta Fondazione
per testare interventi nel campo delle politiche dell’istruzione con l'obiettivo di aumentare la
percentuale di alunni di origine straniera nella frequenza a percorsi di istruzione superiore, o
interventi nel campo delle politiche sociali per affrontare il tema dei senza fissa dimora).



1D – GLI STAKEHOLDER DI MISSIONE
I soggetti di riferimento con cui la Fondazione, di solito, tiene i rapporti sono i seguenti:
- le associazioni di volontariato, di promozione sociale, di promozione culturale; di assistenza e
    beneficenza, di tutela dei giovani, anziani, disabili, emarginati, etc.;
- le Fondazioni non bancarie aventi scopi sociali e culturali;
- le altre Fondazioni bancarie svolgenti attività sul territorio o progetti di dimensioni territoriali più
    ampie con effetti che si riflettono anche sul territorio lucchese;
- le istituzioni private, aventi finalità pubbliche o di categoria e comunque senza scopo di lucro
    come le Misericordie, le Associazioni degli Industriali, degli Artigiani, dei Commercianti, degli
    Agricoltori, i Sindacati, le Coop. sociali;
- le Accademie, le Università, gli Istituti di Alta cultura e Istruzione postuniversitaria;
- le Scuole;
- gli Enti pubblici territoriali (Provincia, Comuni, Comunità Montana);
- gli altri Enti pubblici operanti sul territorio (ASL, CCIAA, etc.);
- gli altri Enti pubblici istituzionali come i Ministeri o la Regione in ordine a progetti o iniziative
    che interessano anche il territorio lucchese.




                                                   Pag. 21
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                 Bilancio 2011




Conseguentemente alle sopradette strategie di missione, la Fondazione ha intensificato il confronto
con tutti i detti soggetti di riferimento, sia per concordare i progetti ab inizio, sia per aiutarli a
predisporli, sia per assisterli nel presentarli e talora anche nel realizzarli, sia per scegliere insieme il
più idoneo, in caso di presentazione di più progetti da parte dello stesso soggetto, sia per spiegare le
ragioni del rigetto in caso di richieste non accolte, sia per monitorare i progetti in fase di
realizzazione, sia per valutare il grado di positività dell’impatto di essi sul territorio.

In tal modo si è cercato di evitare ogni contraddizione tra gli interventi della Fondazione ed i
programmi di tutti gli altri soggetti pubblici e privati che perseguono lo sviluppo del territorio ed il
benessere della popolazione e si è anzi cercato di ottenere per detti interventi il massimo effetto,
nell’ambito di un rapporto di sussidiarietà.

Particolarmente utili si sono manifestati gli incontri con i rappresentanti legali degli Enti pubblici
(Provincia, Comuni, etc.), che hanno consentito di evitare inflazione di richieste, di razionalizzarle,
di adeguarle alla disponibilità della Fondazione, nonché di scegliere progetti condivisi, rispondenti
alle finalità ed ai criteri della Fondazione ed al contempo alla programmazione istituzionale.



1E – IL QUADRO DI RIFERIMENTO IN ORDINE ALLA GESTIONE DEL
     PATRIMONIO
L’ACRI, nel documento intitolato “Analisi di Gestione”, riferito all’anno 2010, ha valorizzato alcuni
indicatori relativi alla gestione economico patrimoniale. La gestione della Fondazione BML risulta
allineata con quella delle altre Fondazioni medio-piccole; anzi è tra le migliori sotto vari profili,
specie sotto quello della redditività e delle erogazioni.

     indici di gestione (fonte ACRI con riferimento ai dati di bilancio 2010)        FBML      Fondazioni      Fondazioni tutte
                                                                                              medio-piccole
  DIVERSIFICAZIONE DELL'INVESTIMENTO DEL PATRIMONIO
                                                                                                                          54,00
     1) partecipazione conferitaria/patrimonio                                        38,80            41,10
  REDDITIVITA'
                                                                                                                           3,60
     2) ordinaria del patrimonio                                                       5,30             4,10
                                                                                                                           2,30
     3) della partecipazione nella conferitaria                                        6,20             4,40
                                                                                                                           3,40
     4) degli investimenti finanziari (indice calcolato a valori contabili)            4,20             3,00
  OPERATIVITA'
                                                                                                                           0,84
     5) oneri funzionamento/media patrimonio (indice calcolato a valori contabili)     1,20             1,06
                                                                                                                          74,40
     6) avanzo d'esercizio/proventi totali (indice calcolato a valori contabili)      71,80            69,30
  ATTIVITA' EROGATIVA
                                                                                                                          57,00
     7) attività istituzionale/proventi totali                                        57,40            49,10
                                                                                                                           2,40
     8) erogazioni deliberate/patrimonio medio                                         3,70             2,00

L’evoluzione del processo di dismissione delle partecipazioni nelle banche conferitarie ha portato, a
dicembre del 2010, al punto che 18 delle 88 Fondazioni non hanno più partecipazioni dirette nelle
rispettive banche conferitarie; delle restanti 70, coerentemente con la vigente normativa, 15
fondazioni di piccola dimensione detengono oltre il 50% del capitale della banca e 55 hanno una
quota di partecipazione inferiore al 50%.

La Fondazione conserva la proprietà del 40,00% del capitale della società bancaria conferitaria e
continua ad avere sereni e proficui rapporti con la Cassa di Risparmio di Genova e Imperia spa
(Banca Carige), che possiede il 60,00%.

L’obiettivo condiviso tra i soci e tra questi e gli amministratori della Banca resta quello di migliorare
l’andamento generale e la redditività della Banca del Monte di Lucca spa, affinché, da un lato,
aumentino i dividendi da distribuire e quindi sia consentito alla Fondazione di incrementare la
disponibilità per l’attività istituzionale; dall’altro lato, la Banca continui ad essere per il territorio
strumento di occupazione, di buon investimento del risparmio delle famiglie, di sostegno alle
imprese.




                                                                      Pag. 22
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Nel corso del 2011, i soci hanno aumentato in modo rilevante (€ 30 mln) il capitale sociale della
Banca del Monte di Lucca spa, così da ottenere il rispetto dei coefficienti in previsione delle regole
c.d. di Basilea 3 e di patrimonializzare la Banca per un piano industriale di sviluppo.

Sempre nel corso del 2011, causa il perdurare ed anzi per certi aspetti l’aggravarsi della crisi, sono
emerse ulteriori sofferenze, che, insieme al permanere di tassi d’interesse modesti, hanno
ulteriormente ridotto l’utile della Banca e quindi il dividendo per la Fondazione che si è manifestato
inferiore allo scorso anno ed anche a quanto preventivato.

La Fondazione si tiene informata periodicamente sulle strategie adottate dalla BML spa attraverso
incontri di resoconto e di discussione ed attraverso approfonditi esami nell’ambito del Comitato
Investimenti.

L’attività di detto Comitato, che si avvale di esperti interni ed esterni qualificati, contribuisce
all’individuazione dei migliori investimenti e al monitoraggio costante degli stessi, nonché aiuta
nella selezione dei gestori e dei consulenti esterni.

La Fondazione si è avvalsa della consulenza di Nextam Partners di Milano, soggetto indipendente e
dotato di esperienza anche nel campo delle Fondazioni, che, dal 2009, ha l’incarico di formulare
proposte per migliorare la gestione del patrimonio, secondo il criterio del miglior risultato possibile
con il minor rischio possibile.

Proficuo è il confronto tra il Comitato Investimenti e la detta società di consulenza.

Gli organi della Fondazione, attraverso i pareri espressi dal Comitato Investimenti e dall’Advisor, con
un’attenta politica di investimenti, cercano di conservare il valore patrimoniale e di incrementarlo,
risultato costantemente ottenuto fino ad oggi e quindi anche nel 2011 (cfr. oltre II sezione,
paragrafo 2B), anche se la redditività del patrimonio è stata inferiore a quella degli scorsi anni,
proprio per la drastica riduzione del dividendo della Banca conferitaria e per perdita, sia pure
contenuta, in fondi gestiti all’estero.



1F – L’ORGANIZZAZIONE
1F1 - Gli Organi statutari
Nel corso del 2011 vi è stato il rinnovo degli organi di indirizzo e amministrazione.

Alla data del 31.12.2011, la composizione degli organi della Fondazione è la seguente.

Composizione Organi Sociali
  Presidente                                                avv. Alberto Del Carlo

  Consiglio di Amministrazione        Vice Presidente       Rag. Giuliano Nieri
                                      Consiglieri           Dott. Umberto Chiesa
                                                            Dott. Pietro Roni
                                                            Sig. Luigi Rosi
  Organo di Indirizzo*                Vice Presidente       Avv. Ilaria Maffei
                                      Componenti            Prof. Pietro Paolo Angelini
                                                            Sig. Fosco Bertoli
                                                            Dott. Francesco Carignani
                                                            Geom. Pierluigi Alfonso Cinquini
                                                            Dott. Claudio Grandi
                                                            Rag. Oriano Landucci
                                                            Dott. Walter Ramacciotti
                                                            Dott. Luca Rinaldi




                                                 Pag. 23
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                         Bilancio 2011




  Collegio Sindacale                         Presidente                 Dott.ssa Carla Saccardi
                                             Sindaci                    Dott. Marco Marchi
                                                                        Dott. Enrico Motroni

È ancora pendente ricorso al TAR Lazio relativo alla mancata nomina di due designati.

1F2 - La struttura operativa
La struttura operativa fissa della Fondazione, nel corso del 2011, è stata composta da cinque unità
con rapporto di lavoro a tempo indeterminato (di cui 2 part time e 1 in congedo di maternità).
           Qualifica          1999    2001   2002   2003    2004     2005   2006   2007   2008    2009   2010    2011
                              2000
  Quadri                          -      -      -      -        1       1      1      1      1       1      1        1
  Impiegati                       -      -      -      -        1       2      3      3      3       3      4        4
  Apprendisti                     -      -      1      1        1       -      -      -      -       -      -        -
  Personale distaccato            -      1      1      1        -       -      -      -      -       -      -        -
  TOTALE                          0      1      2      2        3       3      4      4      4       4      5        5

Visto il progressivo incremento e ampliamento sia qualitativo che quantitativo dell’attività
istituzionale e dei rapporti con gli stakeholders pubblici e privati, la struttura operativa è affiancata
(fin dall’ottobre 2006) con una figura svolgente – a tempo determinato – alcune funzioni direzionali
e di coordinazione, individuata nella persona del dott. Giuseppe Bartelloni, selezionato tra altri per
la sua notevole esperienza di gestione di grandi enti pubblici e privati e per l’equità delle richieste.

La struttura continua ad essere anche supportata da consulenze esterne per materie specifiche e da
collaborazioni a progetto (*) collegate ad iniziative inerenti le attività istituzionali.
I principali collaboratori a progetto e consulenti di fiducia sono i seguenti.

   Collaboratore Organizzativo (*)                                                  dott. Giuseppe Bartelloni
   Consulente amministrativo – contabile e tributario                               dott. Roberto Sclavi
   Consulente del Lavoro                                                            Studio Maffei di Viareggio
   Responsabile della Sicurezza                                                     ing. Enrico Corso
   Professionisti incaricati di seguire manutenzione, lavori o quanto               geom. Lelio Deghè
   necessario per gli immobili di proprietà                                         ing. Michele Giannini
                                                                                    ing. Andrea Ferro
   Sopraelevazione dell’edificio di Via dei Macelli (direzione dei                  geom. Lelio Deghè
   lavori, etc.)                                                                    (progettista)
   Valutazione per offerte e investimenti immobiliari                               geom. Lelio Deghè
                                                                                    dott. Giovanni Ricottone
   Catalogatore Biblioteca                                                          dott.ssa Federica Fontana
   Direttori Scientifici Fondo Fratel Arturo Paoli                                  prof. Piergiorgio Camaiani
                                                                                    prof.ssa Bruna Bocchini
   Ricercatori documentazione su Fratel Arturo Paoli (*)                            dott.ssa Silvia Pettiti
                                                                                    prof.ssa Paola Paterni
   Progettista per il rifacimento della Piazza S. Martino e finiture e              Studio Ingeo di Lucca
   consulente urbanistiche per grandi progetti
   Progettiste itinerario accessibile nel centro storico                            arch. Elena Pino
                                                                                    arch. Simona Romanini
   Collaboratori per i rapporti con gli artisti contemporanei e per le              dott. Marco Palamidessi
   esposizioni                                                                      dott. Giampaolo Frizzi
   Consulente per la organizzazione degli eventi nella nuova sede                   arch. Alessandra Guidi
   Per assistenza e difesa in fase di rinnovo degli organi                          prof. avv. Giuseppe Morbidelli
                                                                                    avv. Gaetano Viciconte

I suddetti consulenti di fiducia non hanno compensi fissi, ma solo qualora delle loro prestazioni la
Fondazione si serva (salva l’esistenza di alcuni contratti in corso di durata definita).




                                                           Pag. 24
Bilancio 2011                                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




Nuove collaborazioni saranno eventualmente istituite solo se necessarie al miglior funzionamento
della Fondazione e/o al miglior perseguimento delle sue finalità istituzionali.

Lo sviluppo dell’attività istituzionale rende necessaria la struttura operativa fissa nel numero di
almeno cinque unità ed opportuna la istituzione del Segretario Generale previsto dall’art. 16 dello
Statuto o di figura equivalente (opportunità che potrà essere colta qualora si verifichi uno stabile
incremento reddituale).

1F3 - Gli Organi consultivi
Al fine di supportare l’attività degli organi deliberativi, hanno continuato a operare le apposite
Commissioni Consultive, cui partecipano esperti sia interni che esterni.

La composizione di dette commissioni al 31.12.2011 è quella risultante dal seguente schema, nel
quale sono indicate anche le rispettive competenze.

A)Commissione per la valutazione delle richieste di contributo e il monitoraggio dei progetti approvati.
    Denominazione            Incarico                       Nominativi                                  Competenze
   Commissione Beni       Coordinatore:    prof. Paolo Mencacci,                                Le richieste inerenti:
   Artistici, Storici e   Componenti:         prof. Michelangelo Zecchini esperto                    il settore Arte, Attività
   archeologici       e                       esterno in archeologia),                               e Beni Culturali,
   attività culturali e                       arch. Glauco Borella (esperto esterno in               le      proposte       di
   artistiche                                 arti figurative e beni culturali),                     pubblicazioni
   (CBASA)                                    dott. Giampaolo Frizzi (esperto esterno in             editoriali inerenti tutti
                                              arte sacra, musica contemporanea,                      i        settori       di
                                              grafica),                                              competenza,
                                              prof. Pietro Paolo Angelini (esperto in                progetti inerenti i beni
                                                letteratura),                                        ambientali non di
                                              dott. Walter Ramacciotti (esperto in                   competenza         della
                                                geopolitica,     umanesimo       e     beni          CPILO in quanto di
                                                ambientali),                                         stretta      connessione
                                              geom. Pierluigi Cinquini (esperto in beni              con gli altri beni
                                                immobili culturali acclarati),                       culturali e con le
                                              prof.ssa Delia Giuffrida (esperta esterna              attività culturali
                                                in storia dell’arte),
                                              dott. Claudio Grandi (esperto in
                                                organizzazione di eventi),
                                               prof. Vincenzo Placido (esperto esterno
                                                in cinematografia),
                                               sig. Fosco Bertoli (esperto in editoria).

   Commissione            Coordinatore:    avv. Ilaria Maffei,                                  Le richieste inerenti:
   Solidarietà (CSOL)     Componenti:           prof. Raffaello Ciucci (esperto esterno in           il settore Volontariato,
                                                sociologia),                                         Filantropia,
                                              prof. Pietro Paolo Angelini (esperto di                Beneficenza
                                                volontariato, disabilità),
                                              sig. Luigi Rosi (esperto di volontariato,
                                                bisogni familiari, emergenze locative),
                                              avv. Tommaso Pellegrini, (esperto esterno
                                                di     emarginazione,        immigrazione,
                                                allocazioni, diritti della persona),
                                              dott.     Luca     Rinaldi      (esperto  di
                                                cooperazione sociale),
                                              geom. Pierluigi Cinquini (esperto di
                                                imprese sociali),
                                              P.I. Gaetano Ceccarelli (esperto esterno di
                                                volontariato),
                                              dott. Carlo Milianti (esperto esterno di
                                              solidarietà e associazionismo),
                                              dott. Francesco Monticelli (esperto
                                              esterno in psicologia e handicap).
   Commissione            Coordinatore:    prof. Pietro Paolo Angelini,                         Le richieste inerenti:
   Formazione             Componenti:         avv. Gian Paolo Bertoni (esperto esterno               il settore Educazione,
   (CFOR)                                     di problematiche giuridiche e sociali nel              Istruzione           e
                                              campo formativo),                                      Formazione
                                              avv. Florenzo Storelli (esperto esterno in             progetti     di   alta
                                              alta formazione),                                      formazione
                                              dott. Andrea Casali (esperto esterno in
                                              formazione),
                                              prof. Vittorio Barsotti (esperto esterno,
                                              Dirigente Scolastico Liceo Classico N.
                                              Machiavelli),



                                                          Pag. 25
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                            Bilancio 2011




    Denominazione            Incarico                      Nominativi                               Competenze
                                             prof.ssa Carmen Maione (esperto esterno,
                                             Dirigente Scolastico Scuola Media
                                             Buonarroti di Ponte a Moriano),prof.ssa
                                             Claudia Poleschi (esperto esterno
                                             insegnante di Storia e Filosofia),
                                             prof. Luca Vaglio (esperto esterno
                                             rapporti con mondo universitario).
   Commissione           Coordinatore:    dott. Umberto Chiesa,                             Le richieste inerenti:
   Progetti Pilota e     Componenti:         dott. Pietro Roni (esperto di impresa,              il settore Sviluppo
   Sviluppo Locale                           specificatamente della Media Valle del              Locale
   (CPILO)                                   Serchio e Garfagnana),                              progetti rispondenti ai
                                             rag. Oriano Landucci (esperto in                    criteri indicati per le
                                             management bancario e finanziario)                  proposte di Progetti
                                             dott. Francesco Carignani (esperto nel              Pilota in qualsiasi
                                             ramo assicurativo),                                 settore
                                             dott. Luca Rinaldi (esperto in imprese              progetti inerenti i beni
                                             cooperative),                                       ambientali (in attesa di
                                             dott. Walter Ramacciotti (esperto in                costituzione           di
                                             pubblica amministrazione),                          apposita
                                             avv. Tommaso Pellegrini, esperto esterno            Commissione)        salvo
                                             in diritto),                                        quelli     di     stretta
                                             dott. Enrico Martinucci (esperto esterno            connessione con gli
                                             nel commercio, specificatamente all’area            altri beni culturali e
                                             lucchese)                                           con le attività culturali
                                             sig. Silvano Bacci (esperto esterno esterno         che rimangono di
                                             in artigianato, specificatamente all’area           competenza          della
                                             Alta Versilia),                                     CBASA
                                             sig. Lamberto Serafini (esperto esterno
                                             nel campo dei trasporti e nel campo del
                                             turismo).
   Commissione                                                                              in attesa di costituzione
   Ambientale                                                                               dell’apposita Commissione
   (CAMB)                                                                                   autonoma, le competenze
                                                                                            vengono assegnate alla
                                                                                            CPILO

B) Commissione per la valutazione e monitoraggio degli investimenti.
    Denominazione            Incarico                      Nominativi                               Competenze
   Comitato              Coordinatore:    rag. Oriano Landucci, (esperto               in   Valutazione delle offerte
   Investimenti          Coordinatore     management bancario e finanziario),               che     pervengono       alla
   (COMINV)              f.f.:               dott. Pietro Roni (esperto settore             Fondazione, monitoraggio
                         Componenti:         immobili),                                     degli            investimenti
                                             dott. Roberto Sclavi (commercialista,          patrimoniali in essere,
                                             tributarista, esperto di fondazioni),          verifica rispetto indicazioni
                                             dott. Enrico Motroni (commercialista,          vigente Regolamento in
                                             esperto diritto societario e di economia),     materia di patrimonio
                                             dott. Andrea Casali (imprenditore)
                                             esterno,
                                             dott. Francesco Carignani (esperto settore
                                             assicurativo),
                                             geom. Pierluigi Cinquini (esperto settore
                                             imprenditoriale in particolare area
                                             Versilia),
                                             dott. Walter Ramacciotti (esperto settore
                                             bancario),
                                             dott. Luigi Vannucchi (già direttore
                                             generale di istituto bancario),
                                             dott. Claudio Grandi (esperto nel settore
                                             industriale,
                                             Nextam Partners SGR spa (advisor).

C) Commissione per la gestione degli immobili e degli spazi espositivi e convegnistici.
    Denominazione            Incarico                      Nominativi                               Competenze
   Commissione           Componenti:          dott. Pietro Roni (amministratore             Gestione degli immobili
   Immobile                                   delegato),                                    strumentali e non della
   (COMIMM)                                   geom. Pierluigi Alfonso Cinquini.             Fondazione.

D) Commissione per seguire adeguatamente le norme tempo per tempo emanate inerenti la Fondazione.
    Denominazione            Incarico                      Nominativi                               Competenze
   Commissione           Coordinatore:    avv. Alberto Del Carlo (esperto di diritto        Problematiche giuridiche
   Giuridica (CGIU)      Coordinatore     amministrativo)                                   varie inerenti le fondazioni
                         f.f.:               avv. Tommaso Pellegrini (esperto esterno       in generale e al fondazione



                                                         Pag. 26
Bilancio 2011                                                                                        Fondazione Banca del Monte di Lucca




    Denominazione              Incarico                            Nominativi                                  Competenze
                          Componenti:               in diritto di istituzioni e enti),                 BML in particolare.
                                                    avv. Gian Paolo Bertoni (esperto esterno
                                                    di diritto assicurativo, finanziario e
                                                    commerciale),
                                                    avv. Ilaria Maffei (esperto di diritto civile,
                                                    assicurativo, no profit),
                                                    dott. Roberto Sclavi (commercialista,
                                                    tributarista, esperto fondazioni),
                                                    avv. Florenzo Storelli (esperto esterno di
                                                    diritto penale).

E) Commissione per la revisione statutaria.
    Denominazione              Incarico                            Nominativi                                  Competenze
   Commissione            Coordinatore:         avv. Alberto Del Carlo                                 Stesura     proposta     di
   Statuto                Componenti:              avv. Ilaria Maffei,                                 revisione dello Statuto al
   (COMSTA)                                        avv. Tommaso Pellegrini,                            fine di adeguarlo alle
                                                   avv. Gian Paolo Bertoni.                            normative vigenti e alle
                                                                                                       nuove     esigenze    della
                                                                                                       Fondazione
     •    Le Commissioni di cui alle lettere “a” “b” e “c” si riuniscono periodicamente.
     •    Le Commissioni di cui alle lettere “d” ed “e” si riuniscono occasionalmente, se e quando se ne presenti la necessità.
     •    Le composizioni delle Commissioni elencate sotto la lettera “a” non sono definitive, in quanto alcuni componenti devono ancora
          fare le proprie scelte in ossequio al criterio secondo cui è opportuno che, salvo giustificate eccezioni, una stessa persona non
          partecipi a più di due commissioni.

1F4 – La sede
La sede e gli uffici della Fondazione continuano ad essere situati all’ultimo piano del Palazzo sito in
Lucca, Piazza S. Martino 4, di proprietà della Banca conferitaria BML spa, che ha sede ai piani
inferiori. Con detta Banca è stata rinnovata la convenzione (contratto di service) che regola l’uso dei
locali, nonché dei servizi vari svolti dalla stessa e ne determina i costi.

1F5 - Gli espletamenti in materia di privacy
Il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, meglio noto come Codice in materia di protezione dei
dati personali, prevede una serie di adempimenti che ogni soggetto deve rispettare entro il 31 marzo
di ogni anno.

La Fondazione ha provveduto nel corso del 2010 a nominare l’amministratore di sistema e, nel
marzo 2011, a integrare e modificare il DPS.

1F6 - Gli espletamenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro
Nel 2010 i dipendenti hanno nominato il proprio responsabile della sicurezza dei lavoratori sul
posto di lavoro (di seguito RLS), che, insieme al Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione
(di seguito RSPP), ha iniziato a valutare la situazione esistente e le implementazioni necessarie per
l’osservanza delle disposizioni legislative vigenti.

È stato altresì posto in essere quanto necessario per la partecipazione del RLS a corsi di formazione e
inoltre il RSPP è stato indicato come Datore di Lavoro Delegato (a far data dall’1/11/2009) ed ha
provveduto a fine anno all’individuazione del Medico Competente.

Il Consigliere delegato ad hoc dott. Pietro Roni ha continuato la collaborazione avviata con il RSSP
per aggiornare la documentazione inerente i luoghi di lavoro e attuare le prescrizioni del D.Lgs
81/08.



1G - I PRINCIPALI PROCESSI DI INDIRIZZO, GOVERNO E GESTIONE
Nel corso dell’anno 2011, la Fondazione ha provveduto ai seguenti adempimenti:
   ha adempiuto agli obblighi di legge;
   ha proseguito in una politica degli investimenti finalizzata, anche attraverso una opportuna
   diversificazione, alla ricerca dei migliori rendimenti con contenuto livello di rischio; ha attuato
   interventi correttivi a difesa degli effetti della crisi finanziaria economica in corso;
   ha svolto l’attività istituzionale sul territorio;
   ha proseguito nel processo di orientamento dell’elargizione dei contributi verso selezionati
   progetti propri o di terzi, cui legare l’immagine della Fondazione, in quanto idonei a dare un


                                                                Pag. 27
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




    significativo apporto allo sviluppo complessivo del territorio, senza dimenticare il necessario
    supporto ai progetti, anche “minori”, di tutti quei soggetti che operano proficuamente nella
    realtà territoriale locale, dando preferenza a quelli che operano nei settori rilevanti;
    ha consolidato i contatti con la galassia delle Fondazioni, non solo bancarie, a livello toscano,
    italiano, europeo e internazionale, così da partecipare al discorso culturale in corso sul loro ruolo
    attuale e futuro;
    ha partecipato a (e organizzato) convegni, seminari etc su argomenti finanziari, economici,
    creditizi, culturali, sociali e attinenti comunque ai settori di intervento;
    ha modificato il regolamento per la gestione del patrimonio (art. 3 e 4 dello Statuto);
    ha costituito una snella struttura organizzativa interna separata per la gestione del patrimonio
    (art. 7 del regolamento detto e art. 5 d.lgs 153/99).

Le Commissioni Consultive, cui partecipano esperti sia interni che esterni, hanno continuato a
operare proficuamente. La composizione di dette commissioni ha subito integrazioni periodiche sia
in conseguenza delle variazioni che sono intervenute nei componenti gli organi sociali, sia al fine di
assicurare la copertura con esperienze qualificate di tutti i profili dei vari settori con particolare
attenzione anche alla capacità valutativa della dimensione degli effetti dei progetti sul territorio.




                                                  Pag. 28
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




SECONDA SEZIONE:
                                                LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

2A - PATRIMONIO IMMOBILIARE
La Fondazione è proprietaria dei seguenti due beni immobili.

2A1 – Lucca, Piazza S. Martino n. 7
L’edificio sito in Lucca, piazza S. Martino 7, dotato di ingresso anche da via del Molinetto (ingresso
accessibile anche ai disabili), fu venduto alla Fondazione dalla Banca nel 2004.

È stato quasi completamente ristrutturato.

Al piano terra si trova l’auditorium, due sale e il locale di accesso da via del Molinetto.

L’auditorium, che contiene 99 seggi a gradinata, è stato ripulito, messo a norma, attrezzato e
arredato e serve per esigenze logistiche della Fondazione stessa (es. riunioni congiunte di Organi,
seminari di studio, presentazione di progetti propri) ed al contempo costituisce uno spazio aperto
alla città per convegni, congressi, conferenze, piccoli concerti, eventi rappresentativi etc.,
organizzati dalla Fondazione stessa o da terzi.

I locali siti al piano terreno sono destinati a servizio dell’auditorium (accoglienza degli ospiti e dei
relatori, segreteria, etc.) in occasione di eventi di particolare prestigio, mentre di norma sono
destinati a esposizione di opere di artisti soprattutto locali o ad altre attività culturali sociali e
artistiche. Sono diventati col tempo un luogo periodico di incontro degli artisti locali ed u punto di
attrazione anche per artisti di fama.

Sono state attrezzate e arredate anche le due stanze sovrastanti le sale espositive, site al “mezzanino”.

Una di esse già accoglie il Fondo Paoli, l’altra è destinata a sala di lettura e consultazione, sia del
Fondo Paoli (ed a tal uso ha già ospitato studiosi ed editori anche illustri), sia dei volumi della
biblioteca della Fondazione e degli altri beni culturali della stessa (documenti, collezioni, etc.).

Il piano sotterraneo, cosiddetto “caveau”, è in fase di allestimento per raccogliere l’allocazione, in
modo ordinato e tale da consentire un facile reperimento, tutti i beni culturali della Fondazione:
libri, documenti, collezioni, opere d’arte, etc. (vedi oltre paragrafo 2B.1 “Patrimonio mobiliare
materiale”). Conseguentemente la Fondazione potrà porsi anche quale potenziale recettore di
donazioni di patrimoni (collezioni d’arte, documenti, biblioteche), anche privati, al fine di tutelarne
la conservazione e la fruibilità da parte del pubblico.

Infine sta per essere completata la ripulitura e l’aggiornamento dell’arredamento e delle attrezzature
dell’ultimo piano già destinato a “foresteria”.

Gli allestimenti della restante parte dell’edificio (piano primo e piano secondo ed accessori) saranno
effettuati appena la redditività della Fondazione tornerà a livelli buoni e stabili.

Dopodichè il fabbricato potrà essere destinato in parte a nuova sede ed in parte a fini strumentali,
come supporto logistico per la programmazione e realizzazione di progetti sia propri che di terzi,
inerenti i settori di intervento della Fondazione.

Dell’arredamento di questi due piani potranno far parte anche alcuni dei principali beni culturali
(quadri, libri, etc.) di cui la Fondazione dispone.

2A2 - Lucca, Via dei Macelli
Il fabbricato è stato acquistato nel gennaio 2008. Ospita la sede dell’Ordine dei Dottori
Commercialisti ed Esperti Contabili di Lucca, nonché iniziative culturali in campo economico.
L’intervento di ristrutturazione è terminato a febbraio 2009 e dal marzo 2009 sono decorsi gli effetti
del contratto di locazione stipulato con il detto Ordine. La pratica per l’autorizzazione alla




                                                  Pag. 29
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                Bilancio 2011




sopraelevazione è giunta a termine. Pertanto la Fondazione può decidere se e quando procedere
all’operazione di sopraelevazione.

Il comma 3 bis dell’art. 7 del d.lgs. 153/1999 consente alle fondazioni di acquistare con parte del
proprio patrimonio beni, anche immobili, di interesse storico o artistico con stabile destinazione
pubblica, o beni immobili destinati a propria sede o a propria attività istituzionale o ad attività di
imprese strumentali; quanto sopra è consentito anche se i detti beni immobili non producono
redditività. La stessa norma consente inoltre di investire in beni immobili produttivi di adeguata
redditività (come definita al comma 1 dello stesso art. 7) nel limite di una quota del proprio
patrimonio non superiore al 15,00%, così determinato dalla modifica apportata dal comma 1ter
dell’art. 52 del dl 31.5.2010 n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30.7.2010 n. 122.

Pertanto, la Fondazione ha già deliberato di investire in beni immobili diversi da quelli strumentali,
una quota del proprio patrimonio che si avvicini alla detta percentuale, con l’obiettivo principale di
diversificare il rischio di investimento, cercando comunque di conseguire una redditività adeguata
alla redditività media di mercato da investimenti immobiliari.

A questo scopo è ancora in corso l’esame di diverse offerte di immobili produttivi di reddito per
procedere nel breve tempo all’eventuale acquisto di immobili per un valore massimo di € 8,7 mln.

La Fondazione, sempre ai sensi e nei limiti del comma 3bis dell’art. 7 del d.Lgs 153/99, si riserva
pure l’acquisto di immobili di interesse storico o artistico o di immobili da destinarsi a propria
attività istituzionale o ad attività di imprese strumentali.



2B – PATRIMONIO MOBILIARE
Il patrimonio della Fondazione, oltreché dai detti immobili, è costituito da beni mobili, di natura
culturale e di natura finanziaria.

2B1 – Patrimonio mobiliare culturale
Il detto patrimonio è costituito dai seguenti cespiti.
     L’Archivio storico del Monte di Pietà, che contiene una documentazione importante per la
     conoscenza della storia e dell’economia lucchese di oltre cinque secoli.
     La Biblioteca della Fondazione, caratterizzata da una collezione di oltre 15.000 volumi, la
     maggior parte dei quali riguardanti Lucca. Della biblioteca fanno parte anche i volumi derivanti
     dalla biblioteca Cicerchia e quelli derivanti dalla biblioteca Fava.
     Le collezioni di opere d’arte, sculture, monete e documenti vari provenienti principalmente da
     autori lucchesi o che hanno avuto dei legami con il territorio provinciale.
     I volumi, diari, documenti e altri materiali riguardanti la vita e le opere di Fratel Arturo Paoli,
     conservati nell’apposito Fondo.
     La documentazione di recente acquisita dopo la scomparsa del Maestro Ardinghi, con cui la
     Fondazione va a costituire un altro importante archivio sulla storia della città di Lucca.

La sistemazione adeguata del detto patrimonio della Fondazione e la definitiva catalogazione di esso,
che prosegue secondo standard internazionali dettati dall’UNESCO, consentiranno di renderlo
fruibile alla comunità locale. Chiunque sarà interessato a conoscere, studiare, approfondire Lucca
sotto ogni aspetto (il territorio, i personaggi, la storia, l’economia, l’arte, la spiritualità, la tradizione,
etc.). Potrà accedere alla consultazione.

La Fondazione si è proposta come recettore di donazioni di patrimoni (opere d’arte, documenti,
biblioteche, collezioni, anche privati, al fine di tutelarne la conservazione e la fruibilità da parte del
pubblico.

Dal 2008 in poi sono stati donati alcuni quadri da pittori che hanno esposto nei locali della
Fondazione ed altri sono stati acquistati. In entrambi i casi si tratta di opere di artisti
prevalentemente lucchesi individuate tramite il critico dott. Marco Palamidessi e la consulenza della
Commissione Beni Culturali, opere che andranno ad arricchire la quadreria della Fondazione.

2B2 – Patrimonio mobiliare per investimenti produttivi
Si tratta di beni di natura prevalentemente finanziaria.



                                                    Pag. 30
 Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




 Prevalentemente da questi ultimi la Fondazione ha tratto le risorse per sostenere le spese di
 funzionamento e per svolgere l’attività istituzionale.

 I. Fondamentale è la partecipazione nella società conferitaria Banca del Monte di Lucca Spa, come
    sopra descritta (cfr. sezione 1E), perché i relativi dividendi, ancorchè abbiano in questi ultimi
    esercizi risentito della crisi generale che certamente non ha risparmiato le banche, rimangono
    un importante contributo alle entrate. Detta partecipazione, pur pesando per il 38,00%
    dell’attivo patrimoniale, ha contribuito alle entrate per il 43,17%.

II. Di rilievo sono anche gli altri investimenti della Fondazione che sono stati effettuati nel rispetto
    delle leggi in materia e delle direttive impartite dall’Organo di Indirizzo e a seguito di un attento
    e costante monitoraggio della situazione dei mercati, effettuato con l’ausilio del Comitato
    Investimenti e dell’Advisor.

      All’inizio del 2009, è stato scelto, come sopra ricordato, un Advisor indipendente che ha
      affiancato il suddetto Comitato nella funzione di consulenza (cfr. sezione 1E).

      Il Comitato Investimenti (COMINV) è un gruppo di lavoro che, sommando le specifiche
      competenze dei singoli membri che lo compongono, segue la Fondazione in una delle sue
      finalità essenziali: la conservazione ed incremento del patrimonio nei suoi valori reali attraverso
      forme di investimento scelte nel corretto equilibrio tra redditività e rischiosità.

      Esso trova le opportune professionalità ed esperienze non solo nel novero dei membri che
      compongono gli organi della Fondazione, ma anche nella disponibilità di soggetti esterni,
      qualificati nel settore.

      Il Comitato Investimenti non ha poteri decisionali; è uno strumento di analisi e di consulenza
      con funzioni propositive e consultive nell’ambito della gestione del patrimonio finanziario,
      immobilizzato e non, della Fondazione.

      Il ruolo del Comitato Investimenti non si esaurisce con le proposte di operazioni finanziarie: si
      completa con l’essenziale funzione di analisi e di monitoraggio degli investimenti in essere, per
      poter cogliere le giuste opportunità di realizzo e tendere, per quello che è possibile,
      all’ottimizzazione della redditività del patrimonio mobiliare della Fondazione.

      Di tutto il suo lavoro il Comitato riferisce periodicamente al Consiglio di Amministrazione.

III. Il 2011 verrà ricordato come l’anno in cui la crisi dei mercati governativi europei ha realizzato
     un triste salto di qualità, passando da un paese economicamente poco rilevante come la Grecia,
     il cui contributo al PIL europeo è di circa il 2%, ad un paese centrale negli equilibri economico-
     politici come è invece l’Italia. A partire dal mese di giugno i mercati hanno messo in atto una
     netta inversione di tendenza rispetto all’ottimismo mostrato nella prima metà dell’anno,
     iniziando a testare e dubitare sulla tenuta dei conti pubblici italiani. Come in una profezia che si
     auto avvera, le condizioni di servizio del debito via via più onerose hanno iniziato a pesare sul
     sistema bancario e sull’economia reale, soffocati da costi di finanziamento troppo elevati e
     continue manovre di aggiustamento fiscale dall’impatto anticiclico e recessivo. In altri termini
     quella che è nata come una crisi di fiducia dei mercati finanziari si è nel tempo trasformata in
     una crisi che ha investito l’economia reale, dando ulteriore sostegno ai timori iniziali di tenuta
     dei conti pubblici. Per vari motivi, non ultimo lo scarso sostegno della classe politica europea,
     che anzi ha messo pubblicamente in dubbio l’autorevolezza e l’impegno del nostro paese, anche
     l’Italia è entrata in una spirale negativa in grado di portare al default nell’arco di poco tempo.
     In questo scenario il mercato è stato travolto dal terrore del contagio, andando a colpire uno ad
     uno tutti gli assets rischiosi, tra cui le obbligazioni societarie ed in particolar modo quelle
     finanziarie. Gli spreads sono schizzati ai massimi, mentre l’unico strumento in grado di
     proteggere i risultati si è rivelato essere il Bund ed in generale le obbligazioni risk free.
     Per tutto quanto sopra il 2011 ha visto delle flessioni pesanti dei mercati azionari ed in
     particolare di quelli obbligazionari. Durante l’anno, infatti, si è prodotta una serie di revisioni al
     ribasso delle stime degli analisti per quanto riguarda l’Europa.
     A metà anno la grave crisi del debito governativo dei paesi periferici ha portato a problemi di
     credit crunch per l’economia reale e di funding per il sistema bancario.



                                                   Pag. 31
 Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




      Tuttavia, a partire da ottobre scorso, in Europa sono stati sostituiti è cinque governi dei paesi
      cosiddetti PIIGS (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna), un acronimo tanto vero quanto
      difficile da accettare per dei paesi che dell’Europa sono stati i fondatori. A novembre si è
      insediato alla BCE Mario Draghi, quale nuovo e proattivo presidente della banca Centrale. A
      partire da ottobre si è presentata una certa ripresa negli USA, con l’uscita di dati macro sempre
      più incoraggianti.
      Il nuovo anno è dunque iniziato con alcuni elementi incoraggianti che potranno influenzare
      positivamente l’andamento dei mercati nel corso del 2012.
      Il governo italiano in carica sta procedendo con un programma di riforme molto apprezzato
      dalle cancellerie europee e nord americane e dai rispettivi mercati. La ritrovata fiducia si sta
      concretizzando in un restringimento dello spread tra il rendimento dei titoli di Stato italiani ed il
      rendimento del bund tedesco, cosa che porta ossigeno per il sistema bancario e,
      conseguentemente, industriale del nostro paese.
      Il nuovo programma di rifinanziamento per il sistema bancario posto in atto dalla BCE
      rappresenta un ulteriore elemento di stimolo dei mercati e dell’economia.

IV. Agli inizi del 2008, nella fase iniziale di questa lunga crisi economica, la Fondazione seppe
    uscire totalmente e molto tempestivamente dagli investimenti, in fondi comuni bilanciati ed
    azionari, orientandosi verso operazioni brevi di Pronti contro Termine, con sottostanti titoli di
    buon livello.
    Durante il 2010 e i primi sette mesi del 2011, visto l’appiattimento generale dei tassi e d i
    segnali di ripresa che, seppur timidi, sembravano confermati a livello mondiale, la Fondazione,
    su proposta del Comitato Investimenti, di concerto con la consulenza dell’Advisor, ha ritenuto di
    prendere in considerazione operazioni di investimento che si affacciassero sui mercati azionari
    per importi relativamente contenuti e per settori estremamente diversificati, avvalendosi di
    gestioni patrimoniali delle maggiori case di investimento.

      Nell’agosto del 2011 la Fondazione ha ritenuto alleggerire la propria presenza su prodotti
      azionari e su quelli obbligazionari soprattutto di emissione bancaria, investendo la liquidità
      sopraggiunta di nuovo in operazioni di Pronti Contro Termine. Questa scelta dettata da un
      atteggiamento di prudenza opportuno nel particolare contesto, si è poi rivelata anche
      sufficientemente azzeccata nel suo timing, attenuando nel portafoglio i contraccolpi economici
      della crisi. Per esempio il fondo IVI European, mentre ha segnato una performance del -8,65%,
      nel portafoglio della Fondazione, che lo ha venduto ad agosto e lo ha riacquistato in ottobre, ha
      registrato una performance di -4,22%. (Nei primi mesi del 2012 sta annullando tale, sia pur
      minore, risultato negativo).

      Nel mese di ottobre e dicembre, la Fondazione, rilevando i segnali positivi suddetti (dati macro
      Usa, cambiamento dei governi dei cinque paesi europei più deboli dal punto di vista del rapporto
      debito pubblico/Pil, i cosiddetti PIIGS, e, non ultimo, cambiamento della presidenza alla BCE con
      la nomina di Mario Draghi), ha riacquistato sul mercato, a prezzi molto interessanti, poco alla
      volta, su parere del Cominv e dell’Advisor, parte delle posizioni. prima abbandonate, sui prodotti
      azionari (in particolare fondi su Usa, Europa e paesi emergenti) e su titoli governativi italiani.

      Tutto questo ha attenuato notevolmente gli effetti economici negativi di una anno
      eccezionalmente difficile e riparato la Fondazione da rischi che nel contesto potevano rivelarsi
      eccessivi.

V. Nel 2011 si è, inoltre, compiuto un evento rilevante nella gestione del patrimonio della
   Fondazione: l’aumento del capitale sociale della banca conferitaria Banca del Monte di Lucca
   Spa (per € 30 mln), che ha impegnato la Fondazione per € 12.000.000,00. L’operazione, che
   prevedeva da parte della Fondazione l’acquisto di n. 12.000.000 nuove azioni al prezzo di €
   1,00 ciascuna, si è realizzata in due tranches di € 6.000.000,00 ciascuna. La prima tranche è
   stata versata in data 31/03/2011, la seconda in data 30/09/2011.
   La provvista per versare i primi 6.000.000 di Euro è stata rinvenuta nella vendita a Carige (alla
   pari) di € 6.000.000 di obbligazioni BML presenti nel portafoglio della Fondazione.
    La provvista per versare, invece, la seconda tranche di 6.000.000,00 di Euro è provenuta
    interamente da un finanziamento offertoci da Banca Carige al tasso dell’euribor secco a 3 mesi.
    Questo ha permesso alla Fondazione di non essere costretta a cercare liquidità vendendo titoli in
    portafoglio in un contesto di mercato non favorevole e di continuare, comunque, a percepire
    flussi cedolari da detti titoli a tassi certamente maggiori del tasso del finanziamento. Man mano



                                                   Pag. 32
  Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




        che scadranno i titoli in portafoglio verrà utilizzata la relativa liquidità per abbattere il
        finanziamento fino al suo completo esaurimento.
        Con la sottoscrizione ed il versamento dell’ultimo aumento di captale sociale della BML Spa,
        sopra descritto, è stato mantenuto il medesimo rapporto di partecipazione, cioè il 40%, mentre il
        60% rimane detenuto dalla Carige.

 VI. Parte del patrimonio è impiegata in obbligazioni a tasso variabile emesse dalla conferitaria che,
     oltre a garantire un rendimento in linea coi tassi di mercato in assenza di rischio di tasso e di
     emittente, hanno permesso di attivare in via indiretta risorse per lo sviluppo del territorio
     derivanti dall’impiego, da parte della BML spa, della provvista conseguente alla sottoscrizione.

       Ciò che non è stato investito attraverso detto canale è stato impiegato in altre partecipazioni
       societarie, in obbligazioni di emittenti private, in titoli di Stato italiani, tedeschi e francesi,
       prevalentemente a tasso fisso, buoni postali, polizze di capitalizzazione, fondi comuni di
       investimento obbligazionari o bilanciati, una gestione patrimoniale e strumenti di tesoreria (cfr.
       il successivo schema degli investimenti).
VII. Le principali modifiche intervenute, o prospettate, relative all’asset allocation hanno riguardato:
       la partecipazione all’aumento del capitale sociale della banca conferitaria Banca del Monte di
       Lucca Spa, con l’acquisto di n. 12.000.000 di nuove azioni al prezzo di € 1,00 ciascuna, come
       sopra spiegato;
       la vendita in maggio, per circa 800.000,00 Euro, di fondi Lyxor Euro MTS 1-3Y e l’acquisto
       per un controvalore analogo di obbligazioni del Credito Valtellinese 4,50% scad. 27/11/13;
       il rimborso a luglio, da parte di Banca Intesa dell’obbligazione subordinata tier 1 6,988%
       29/7/2049 per un controvalore di 1.046.000,00;
       la riqualificazione in agosto, durante la prima fase di turbolenza dei mercati, dell’asset
       allocation della GPM con il contenimento dell’esposizione al rischio e la riduzione di tale asset
       mediante un prelievo di 3.500.000,00 di Euro, interamente riposizionato in un’operazione di
       Pronti contro Termine;
       il riacquisto di quote di fondi obbligazionari e bilanciati (Europa, USA e paesi emergenti del
       cosiddetto bric) e di titoli governativi italiani, a fine settembre e nei mesi di novembre e
       dicembre, in attenuazione della linea estremamente prudenziale con un timing ottimale, così
       da cogliere le opportunità di prezzo che esprimeva il mercato.

VIII. Il patrimonio è quindi impiegato nel modo stabilito dall’art. 7, comma 1, del d.lgs. 153/1999 e
      cioè in maniera diversificata, ancor più diversificata rispetto agli esercizi precedenti, in modo
      che sia ripartito il rischio di investimento e che sia prodotta adeguata redditività. La
      diversificazione non riguarda soltanto la qualità del prodotto o il soggetto emittente, ma anche la
      sua allocazione geografica: si vedano non soltanto il bund tedesco o l’oat francese, ma anche la
      composizione del portafoglio presso la Gestione Patrimoniale Nextam Sgr, che spazia anche in
      aree geografiche quali l’Europa, i paesi emergenti del BRIC e gli Stati Uniti d’America, e di fondi
      comuni di investimento che spaziano su mercati emergenti o sul mercato globale.

 IX. Il reddito, detratti i costi necessari ad un’ottimale operatività e detratte le riserve di legge, è
     interamente destinato al compimento dell’attività istituzionale, per cui è assicurato il
     collegamento funzionale tra l’impiego del patrimonio, la sua redditività e le finalità istituzionali
     (come pure richiesto dal detto art. 7 co. 1).

  X. Per quanto riguarda il collegamento funzionale tra l’impiego del patrimonio e lo sviluppo del
     territorio, questo collegamento (sempre richiesto dal detto art. 7 co. 1) è realizzato mediante la
     stessa assegnazione delle erogazioni ad iniziative e progetti rientranti nel settore “ammesso”
     individuato (che è appunto lo “sviluppo locale”) e anche a quelle rientranti nei settori
     “rilevanti” individuati, perché pure le erogazioni in tali settori sono sempre orientate a
     perseguire lo sviluppo del territorio. Ad esempio, la contribuzione ad un intervento di
     conservazione artistica, mediante utilizzo di personale locale specializzato e spesso giovane,
     produce sviluppo per le imprese locali, formazione specialistica a giovani che affrontano
     impegni di prestigio nel proprio territorio, valorizzazione del patrimonio artistico utile anche ai
     fini di incremento del flusso turistico. Altro esempio: la contribuzione alla Scuola di Alto
     Perfezionamento IMT, richiamando questa a Lucca decine di laureati da varie parti del mondo e
     producendo specialisti, ricercatori e insegnanti di notevole livello, favorisce innegabilmente lo
     sviluppo culturale ed economico del territorio.



                                                   Pag. 33
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




     Nell’ottica di detto collegamento con lo sviluppo del territorio, rientra la partecipazione nella
     conferitaria Banca del Monte di Lucca Spa, che tradizionalmente esercita credito al consumo
     locale e credito alla piccola e media impresa locale, attraverso i suoi sportelli prevalentemente
     diffusi nello stesso territorio in cui agisce la Fondazione. È invece in quest’ottica che la
     Fondazione ha partecipato all’aumento di capitale sopra spiegato. Peraltro il piano industriale
     della Banca del Monte di Lucca prevede l’apertura di nuove agenzie in ambito provinciale, al
     fine di sviluppare e consolidare il radicamento della banca sul territorio. La prima apertura di
     nuova agenzia si è concretizzata a dicembre 2011 con lo sportello di Marlia, nel Comune di
     Capannori.

     Nella stessa ottica di collegamento con lo sviluppo del territorio, rientra anche la conservazione
     della quota di partecipazione nella Cassa Depositi e Prestiti Spa, auspicandosi che questa possa
     facilitare il finanziamento di infrastrutture del territorio su progetti di enti ed istituzioni locali.

     La Fondazione ha colto ogni occasione affinché l’impiego del suo patrimonio fosse sempre più
     collegato con le sue finalità istituzionali e con lo sviluppo del territorio.



2C - Composizione investimenti
La situazione degli investimenti è quella risultante dal seguente schema (A) e dal seguente grafico
(B).
A. Schema composizione investimenti a valori di bilancio

                            Fondi Comuni di Investimento                 2.776.994
                            Proprietà immobiliari                        6.562.321
                            Buoni Postali                                2.930.363
                            Partecipazioni                              46.520.611
                            Polizze capitalizzazione                     5.194.161
                            Gestione patrimoniale                        4.924.355
                            Conti correnti
                            totali

B. Grafico della composizione degli investimenti a valori di bilancio




                                                     Pag. 34
Bilancio 2011                                                                  Fondazione Banca del Monte di Lucca




C. Evoluzione del patrimonio netto (valori in mln di €)




2D - Le partecipazioni
I fatti salienti inerenti le società partecipate sono, in sintesi, riportati nei paragrafi che seguono e
sono stati elaborati sulla base dei dati forniti dalle stesse società. Il testo comprende anche brani delle
relazioni di dette società.

2D1 - BANCA DEL MONTE DI LUCCA SPA
La Banca del Monte di Lucca è una "banca rete" che fa leva, da un lato, su un forte radicamento sul
territorio e, dall'altro lato, sull'appartenenza ad un conglomerato finanziario in grado di realizzare
un'offerta a 360 gradi per soddisfare in modo sempre più compiuto le aspettative dei suoi diversi
stakeholder.
La Banca del Monte di Lucca in data 27 luglio 2011 ha provveduto ad approvare il piano industriale
2011-2014, in coerenza con le linee dettate dalla Capogruppo, confermando l’obiettivo di creazione
di valore nel medio lungo periodo per gli azionisti e per gli altri stakeholder consolidando ed
integrando il proprio ruolo di banca capace di differenziarsi nella qualità del servizio offerto al
cliente anche attraverso una progressiva evoluzione delle risorse e delle strutture.
Anche nel 2011, pur nel difficile contesto delineato, la Banca ha perseguito questa strategia
concentrandosi sulla propria area territoriale, nell’ottica di rafforzare, sviluppare e migliorare le
relazioni con la clientela e proseguendo la razionalizzazione dell’operatività a vantaggio dello
sviluppo dell’attività tradizionale di intermediazione.
In particolare, nel corso dell’esercizio la Banca ha dovuto fronteggiare la crescente rischiosità del
credito, indotta dalle difficoltà incontrate nel quadro di riferimento da imprese e famiglie; ciò,
unitamente al leggero aumento dei costi, determinato in buona parte dalla presenza di una nuova
filiale che, acquisita alla fine di maggio 2010, lo scorso anno aveva fatto parte del perimetro della
Banca per soli sette mesi, e pur in presenza di una redditività commerciale in crescita, sia nella
componente del margine d’interesse sia dei ricavi da servizi, ha comportato una diminuzione
dell’utile dell’esercizio.
In prospettiva, in un quadro congiunturale previsto per tutto il 2012 ancora critico, l’azione della
Banca sarà volta al recupero della redditività, sviluppandosi in coerenza con il Piano Strategico
2011-2014 approvato e dedicando la massima attenzione a:
- sviluppo dei ricavi e dell’offerta commerciale, con l’obiettivo di individuare le aree di business
(territori, prodotti, clienti) in cui esiste ancora potenziale di valore inespresso;
- razionalizzazione dei costi e dei processi operativi con la ricerca costante dell’efficienza tecnico-
operativa, soprattutto con riguardo alla rivisitazione di quei processi che assorbono notevoli quantità
di risorse;
- ottimizzazione della liquidità, del capitale e del costo del rischio, finalizzata all’efficienza allocativa
delle risorse scarse;
- focalizzazione sull’innovazione e sulle competenze, per il continuo miglioramento dei processi e
dei prodotti, ma anche dei comportamenti e delle capacità relazionali delle risorse umane.

I FATTI DI RILIEVO INTERVENUTI NELL’ESERCIZIO
Il Consiglio di Amministrazione nella riunione del 16 febbraio 2011, nel quadro della revisione
complessiva del piano sportelli in Toscana del Gruppo determinatasi a seguito dell’acquisizione degli
sportelli dal Gruppo Monte dei Paschi di Siena, ha deliberato la modifica della localizzazione delle




                                                          Pag. 35
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                     Bilancio 2011




due aperture previste per il prossimo triennio, sostituendo le piazze di Livorno e Quarrata con quelle
di Capannori e Viareggio.
In data 1° marzo l’Assemblea straordinaria della Banca del Monte di Lucca SpA, conformemente alla
delibera del Consiglio di Amministrazione della Capogruppo del 9 novembre 2010 ed attesa
l’intervenuta autorizzazione della Banca d’Italia, ha deliberato una prima tranche di aumento di
capitale sociale per un importo complessivo di 15 milioni di cui 7,8 milioni a quota capitale e 7,2
milioni a sovrapprezzo azioni, fissando al 31 marzo 2011 il termine per la relativa sottoscrizione.
Successivamente, previa autorizzazione della Banca d’Italia, il Consiglio di Amministrazione della
Banca, nella seduta del 15 giugno 2011, avvalendosi della delega attribuitagli dall’Assemblea
straordinaria dei Soci del 1° marzo 2011, ha deliberato di procedere ad una seconda analoga
tranche di aumento di capitale; il 27 settembre quindi i soci Fondazione Banca del Monte di Lucca e
Banca Carige hanno partecipato, secondo le rispettive quote di interessenza, alla sottoscrizione e
versamento della seconda tranche di aumento del capitale sociale per un importo complessivo di 15
milioni di cui 7,8 milioni a quota capitale e 7,2 milioni a sovrapprezzo azioni.
Al termine delle predette operazioni, il nuovo capitale sociale della Banca è ora pari a 44.841.251
euro, suddiviso in n. 86.233.175 azioni da 0,52 euro cadauna.

L'ATTIVITA' DI INTERMEDIAZIONE
A partire da settembre 2006 la Banca del Monte di Lucca non colloca più proprie obbligazioni alla
clientela ordinaria, ma solo quelle della Capogruppo Banca Carige essendo questa l’unica emittente
per la clientela di tutto il Gruppo.
Ai fini di mantenere un equilibrio economico- patrimoniale adeguato, a partire dal 2008 la Banca
emette obbligazioni volte a coprire i fabbisogni finanziari a m/l termine sottoscritte da Banca Carige.
L’effetto di tali scelte incide in misura rilevante sulla composizione qualitativa e quantitativa delle
Attività Finanziarie Intermediate (AFI) della Banca. Per una corretta valutazione, la presente
relazione fornisce anche un’informativa sulla dinamica degli aggregati che compongono le AFI
depurate da tale effetto.
Il totale delle Attività Finanziarie Intermediate per conto della clientela – raccolta diretta ed indiretta
- è pari a 1.405,1 milioni, in calo dello 0,2% nell’ultimo trimestre ed in crescita del 6,1% nei dodici
mesi. Al netto delle obbligazioni infragruppo le AFI nel trimestre aumentano dello 0,5% e nell’anno
diminuiscono dello 0,4%.
La provvista globale, che include la raccolta diretta da clientela e quella da banche, ammonta a
903,4 milioni, in aumento del 2,3% da settembre ma in diminuzione dello 0,4% nell’anno.

I dati relativi alla raccolta ed agli impieghi sono i seguenti.

           dati in            raccolta             Totale         impieghi        totale masse         variazione
           migliaia     diretta       indiretta   provvista                       patrimoniali    assoluta          %
            2001        245.548        267.438       512.986            236.640        749.626
            2002        273.318        270.229       543.547            278.683        822.230      72.604              9,69
            2003        358.730        270.432       629.162            347.221        976.383     154.153          18,75
            2004        439.110        280.330       719.440            429.964       1.149.404    173.021          17,72
            2005        503.176        303.469       806.645            531.186       1.337.831    188.427          16,39
            2006        552.326        311.358       863.684            630.051       1.493.735    155.904          11,65
            2007        531.574        352.420       883.994            707.102       1.591.096     97.361              6,52
            2008        738.420        348.145     1.086.565            775.672       1.862.237    271.141          17,04
            2009        787.468        383.060     1.170.528            853.845       2.024.373    162.136              8,71
            2010        840.184        484.179     1.324.363            923.634       2.247.997    223.624          11.05
            2011        869.455        535.684     1.405.139            931.134      2.336.273      88.276              3,93


La raccolta diretta ammonta a 869,5 milioni, in calo nel trimestre dello 0,4% ed in aumento nei
dodici mesi del 3,5%. Escludendo le emissioni obbligazionarie infragruppo e comprendendo le
emissioni obbligazionarie effettuate per conto di Banca Carige, la raccolta diretta aumenta dell’1,1%
nell’ultimo trimestre e dello 0,6% nei dodici mesi.

I debiti verso clientela, pari a 410,5 milioni, risultano in calo sia su settembre (-0,1%) che su
dicembre (-1,5%). I conti correnti contribuiscono per 401,7 milioni (-0,5% rispetto a settembre e -
2,8% rispetto a fine 2010).



                                                              Pag. 36
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




I titoli in circolazione, pari a 458,1 milioni, risultano in calo dello 0,6% da settembre ed in crescita
dell’8,4% nei dodici mesi. Tale incremento è legato alle nuove emissioni obbligazionarie pari a fine
anno a 379,5 milioni, interamente sottoscritte dalla Capogruppo. Escludendo queste ultime ed
includendo quelle emesse dalla Capogruppo e collocate alla clientela della Banca, i titoli in
circolazione si attesterebbero a 257 milioni (in aumento nel trimestre del 3,1% e da inizio anno del
4%).
Le passività finanziarie valutate al fair value, - obbligazioni per le quali è stata adottata la fair value
option ammontano a 0,9 milioni (+4,2% rispetto a settembre 2011 e -16,8% a dicembre 2010).
In relazione alle scadenze, la dinamica della raccolta a breve termine evidenzia un calo dello 0,1%
nel trimestre e dell’1,5% nei dodici mesi, con un’incidenza sul totale del 47,1% (47% a settembre
2011 e 49,5% a dicembre 2010); la componente a medio/lungo termine cala dello 0,6% nel
trimestre ma cresce dell’8,3% nei dodici mesi in virtù delle citate nuove emissioni obbligazionarie,
con un’incidenza sul totale del 52,9% (53% a settembre e 50,5% a fine 2010).

La raccolta indiretta ammonta a 535,7 milioni, sostanzialmente stabile nell’ultimo trimestre (+0,1%)
e in crescita del 10,6% nei dodici mesi. Escludendo le emissioni obbligazionarie effettuate per conto
di Banca Carige la raccolta indiretta diminuisce nel trimestre dello 0,6% e nei dodici mesi del 2,1%.

Il risparmio gestito è pari a 117,2 milioni, in diminuzione sia su settembre 2011 (-6,1%) sia su
dicembre 2010 (-12,1%). All’interno i fondi comuni e Sicav (60,2 milioni) diminuiscono nell’ultimo
trimestre (-5,1%) e nei dodici mesi (- 20,7%); le gestioni patrimoniali passano da 4,6 milioni di
dicembre 2010 a 4,4 milioni di settembre a 4,8 milioni di dicembre 2011; i prodotti bancario-
assicurativi (52,3 milioni) diminuiscono dell’8,3% nell’ultimo trimestre e dello0,9% nell’anno.

Il risparmio amministrato risulta in aumento sia nell’ultimo trimestre (+1,9%), sia nei do- dici mesi
(+19,3%), dimensionandosi a 418,4 milioni; all’interno, i titoli obbligazionari si attestano a 233,2
milioni, sostanzialmente stabili nel trimestre (-0,3%) e in aumento nell’anno (+26,3%) per la
dinamica delle obbligazioni Carige collocate alla clientela; i titoli di Stato, pari a 153,3 milioni,
aumentano sia da settembre (+2,6%), sia da dicembre 2010 (+20%), mentre i titoli azionari, pari a
31,4 milioni, aumentano da settembre del 18,2% ma diminuiscono del 16,5% da dicembre 2010.

I crediti verso clientela, al lordo delle rettifiche di valore, ammontano a 931,1 milioni,
sostanzialmente stazionari nel trimestre (-0,2%) ed in crescita dello 0,8% nei dodici mesi; al netto
delle rettifiche di valore, pari a 34,5 milioni (+6,6% da settembre 2011 e +26,4% da dicembre
2010), l’aggregato si attesta a 896,7 milioni (-0,4% nei tre mesi e sostanzialmente stabile rispetto a
dicembre 2010).
Gli impieghi a medio lungo termine (681,6 milioni) rappresentano il 73,2% del totale e risultano in
calo dello 0,8% nel trimestre, ma in crescita dell’1,1% nell’anno; i crediti a breve (182,5 milioni)
diminuiscono dell’1,4% da settembre 2011 e del 9% da inizio anno.
I crediti ai privati, pari a 296,1 milioni, risultano sostanzialmente stabili da settembre e in
diminuzione dello 0,7% da inizio anno; i crediti alle imprese sono pari a 515,1 milioni e mostrano
un calo nel trimestre (-2,4%) e nell’anno (- 3,1%). Nel 2011 le nuove stipule di mutui a privati sono
state pari a 24,1 milioni in diminuzione del 14,4% rispetto ai 28,1 milioni di dicembre 2010; il
numero delle stipule risulta pari a196 contro i 210 del 2010.
Si ricorda che in virtù dell’accordo di cooperazione commerciale stipulato con Creditis Servizi
Finanziari SpA (società del Gruppo Carige specializzata nel credito al consumo), la Banca dal1°
luglio 2008 ha collocato tramite detta Società prestiti personali per 20,9 milioni di cui 6,7 milioni
nel 2011; includendo tali finanziamenti il credito al consumo cresce nel trimestre del 3% e nei
dodici mesi del 10,9%.

Il saldo interbancario netto (differenza tra crediti e debiti verso banche) evidenzia una posizione
debitrice netta di fondi per 17,8 milioni in diminuzione del 65,5% rispetto ai 51,7 milioni di
dicembre 2010.

I crediti deteriorati per cassa e firma tutti alla clientela sono pari a 130,2 milioni, in crescita dello
0,5% nel trimestre e del 29,3% nell’anno.
Le attività deteriorate rappresentano il 13,6% del valore nominale dei crediti per cassa e firma alla
clientela e ad esse fa capo il 92,3% delle rettifiche di valore, con un livello di copertura pari al
24,5%.
L’analisi dei singoli aggregati per cassa alla clientela evidenzia quanto segue:



                                                  Pag. 37
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




- le sofferenze sono pari a 67,1 milioni, in aumento del 10,2% nei tre mesi (+36,6% nei dodici
mesi), e risultano svalutate per il 40,5% (43,1% a settembre e 43,7% a dicembre 2010);
- gli incagli ammontano a 43,6 milioni, in diminuzione del 5,4% da settembre e in aumento del
44,9% nei dodici mesi, e sono svalutati per il 9,9% (7% a settembre e 8,9% a dicembre 2010);
- le esposizioni scadute ammontano a 16,4 milioni, in diminuzione rispetto ai 16,7 milioni di
settembre e in aumento rispetto ai 15,5 milioni di dicembre 2010, e sono svalutate dell’1,9% (1,3% a
settembre 2011 e 1% a dicembre 2010).
I crediti di firma deteriorati sono pari a 1,8 milioni (analogamente a settembre e dicembre 2010) e
sono svalutati del 6%.
Complessivamente, le rettifiche di valore sui crediti per cassa e di firma ammontano a 34,6 milioni.
18 L'indice di rischiosità - rapporto sofferenze/ impieghi – è pari al 7,2%, in aumento rispetto al
6,5% di settembre ed al 5,3% di dicembre 2010. In particolare, le società non finanziarie e famiglie
produttrici si attestano al 9,1%; l'esame per settori di attività economica indica il rapportosopra la
media per Edilizia e Opere Pubbliche (13,7%), seguito da Carta, prodotti e stampa (9,3%). Le
istituzioni sociali private e unità non classificabili si attestano al 9,6% e le Famiglie consumatrici
presentano un indice di rischiositàdel 4,3%.

I RISULTATI ECONOMICI
Il conto economico evidenzia un utile netto pari a 2,5 milioni, in diminuzione del 30,3% sul 2010
(3,6 milioni). Tale andamento, pur registrandosi la crescita della redditività commerciale, è
riconducibile principalmente al fatto che la Banca ha dovuto fronteggiare la crescente rischiosità del
credito, indotta dalle difficoltà incontrate nel quadro di riferimento da imprese e famiglie; i costi
operativi sono in aumento, in buona parte per la presenza di una nuova filiale che, acquisita alla
fine di maggio 2010, lo scorso anno aveva fatto parte del perimetro della Banca per soli sette mesi.
Il conto economico recepisce inoltre le disposizioni in materia di Irap, aumentata dal 4,82% al
5,57% (introdotte con il decreto n° 98 del 2011, convertito in legge il 15 luglio u.s. – L.n.
111/2011), determinando maggiori accantonamenti per imposte.

Il margine d’interesse ammonta a 21,7 milioni, in aumento del 2,4% rispetto al 2010.
L’incremento è stato determinato dall’effetto quantità in relazione alla crescita dei volumi.
Gli interessi attivi aumentano del 9,7%, quelli passivi del 22%. In particolare, il margine da clientela,
considerando anche gli interessi passivi su titoli in circolazione, aumenta del 4,7% a 21,6 milioni. I
rapporti con le banche evidenziano un margine negativo per 321 mila euro a fronte dei 75 mila
euro del 2010.

Le commissioni nette evidenziano una crescita del 3,9% a 9,6 milioni.
Quelle attive sono pari a 10,5 milioni con una crescita del 3,3% riconducibile principalmente alla
componente di tenuta e gestione dei conti correnti (3,8 milioni; +9,2%), alle componenti dei servizi
di gestione, intermediazione e consulenza (+4,1% a 2,5 milioni) in particolare collocamento di titoli
(+15,1%). Le commissioni passive si attestano a 0,9 milioni, in diminuzione del 2,3%.

Il margine d'intermediazione raggiunge i 31,8 milioni, in aumento del 4,5% rispetto all’anno
precedente.

Le rettifiche di valore nette per il deterioramento di crediti e di altre poste finanziarie sono pari a 6,7
milioni, in aumento del 13,1% rispetto all’anno precedente (5,9 milioni) in connessione
all’aumentata rischiosità complessiva dell’attività creditizia.

Il risultato netto della gestione finanziaria risente di tale aumento e risulta in diminuzione del 2,5% a
25,2 milioni.

I costi operativi si dimensionano a 19,9 milioni, superiori del 9,3% rispetto al 2010. Le spese
amministrative si attestano a 21,3 milioni, in aumento del 4,6%, in parte per l’allargamento del
perimetro della Banca nel 2011 rispetto al 2010, anno in cui la filiale di Livorno ex MPS ha fatto
parte della rete della Banca solo per sette mesi essendo stata acquisita alla fine di maggio; in
dettaglio:
- le spese per il personale passano da 11,8 milioni del 2010 a 12,5 milioni (+5,6%);
- le altre spese amministrative ammontano a 8,8 milioni (+3,2% sul 2010).
Gli accantonamenti netti ai fondi rischi ed oneri nel 2011 presentano utilizzi per 129 mila euro
contro accantonamenti per 299 mila euro nel 2010.
Le rettifiche nette su attività materiali (619 mila euro) sono in diminuzione sul 2010 del 6,1%.



                                                  Pag. 38
Bilancio 2011                                                                                     Fondazione Banca del Monte di Lucca




Le rettifiche nette su attività immateriali ammontano a 16 mila euro, in crescita del 6,7% rispetto al
2010.

Il risultato della gestione operativa dei dodici mesi si è pertanto attestato a 5,3 milioni (-17,2%
rispetto al 2010). Gli accantonamenti per imposte sul reddito sono pari a 2,8 milioni.

L’utile netto si dimensiona così a 2,5 milioni, a fronte dei 3,6 milioni del 2010.
Tenendo presenti le altre componenti reddituali rilevate direttamente a patrimonio netto, l’utile
complessivo risulterebbe positivo per 2,5 milioni, inferiore ai 3,6 milioni del 2010.
Per l’utile netto si propone la seguente distribuzione che prevede un pay-out del 92,74%.

Al 31 dicembre 2011 il personale della Banca del Monte di Lucca è pari a 168 unità, in diminuzione
di 2 unità rispetto a fine anno 2010 a seguito di 4 assunzioni e 6 cessazioni . I dirigenti
rappresentano lo 0,6% del totale, i quadri direttivi il 26,2% ed il restante personale il 73,2%. Il
numero di dipendenti operativi sul mercato è pari all’81,5% del totale e un’unità della Capogruppo
opera presso la Banca. Il 100% del personale è a tempo indeterminato, di questo oltre il 96% è a
tempo pieno. L’età media è 46 anni, l’anzianità media è 19 anni e il personale femminile rappresenta
quasi il 50% del personale bancario.

Al 31 dicembre 2011 il capitale sociale della Banca risulta pari a euro 44.841.251, rappresentato da
n. 86.233.175 azioni ordinarie detenute da Banca Carige (60%) e dalla Fondazione Banca del Monte
di Lucca (40%). Nell’anno è stato realizzato un aumento di capitale per complessivi 30 milioni (di
cui 14,4 milioni quale sovrapprezzo di emissione) in due tranche da 15 milioni ciascuna, una a
marzo l’altra a settembre.

Sotto il profilo patrimoniale, la Banca del Monte di Lucca presenta al 31/12/2011 una eccedenza
patrimoniale pari a 41,5 milioni ed indicatori di Total Capital Ratio (15,1%) e Tier 1 Ratio (12,4%)
superiori ai limiti di vigilanza.
Si fa presente che il Consiglio di Amministrazione ha deliberato un aumento di capitale per 30,
milioni diviso in due tranche di pari importo, versato e computato nel patrimonio di vigilanza
rispettivamente al 31/03/2011 e al 30/09/2011.

Utile di esercizio nei suoi vari componenti:
                                                                   Consuntivo €              variazione
                                                                 2011       2010                 %
                        Margine di interesse                      21.693           21.174           2,451
                        Margine di intermediazione                31.822           30.395           4,695
                        Risultato       netto   gestione          25.164           24.508           2,676
                        finanziaria
                        Costi operativi                          -19.886          -18.186         9,348
                        Utile ante imposte                         5.273            6.323       -16,606
                        Imposte                                    2.762           -2.720         1,544
                        Utile netto                                2.511            3.603        30,308
                        (valori percentuali)
                        ROE                                            3,11          7,11
                        ROAE                                           3,47          7,13

Le variazioni dell’utile di esercizio sono le seguenti:

                                                 utile di                      variazione
                                               esercizio €               assoluta €             %
                             2001                  857.640,65
                             2002                1.569.833,46                  712.192,81       83,04
                             2003                2.492.524,80                  922.691,34       58,78
                             2004                4.270.250,64                 1.777.725,84      71,32
                             2005                4.174.262,00                   95.988,64        2,25
                             2006                7.372.963,47                 3.198.701,47      76,63
                             2007                8.110.412,36                  737.448,89       10,00
                             2008                8.538.554,00                  428.141,64        5,28
                             2009                4.027.880,82            - 4.510.673,18        - 52,83




                                                             Pag. 39
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                               Bilancio 2011




                                                   utile di                       variazione
                                                 esercizio €                assoluta €               %
                                  2010              3.603.317,00               -424.563,82      - 10,54
                                  2011             2.510.688,66              -1.092.628,34       -30,32

                                         (valori espressi in %)                          2011            2010
                       Cost/income = costi operativi/margine di intermediazione              62,49         59,8
                       Spese del personale/margini di intermediazione                        39,21        38,82
                       R.O.E                                                                  3,11         7,11
                       Patrimonio di base/totale attivo ponderato (tier 1)                    12,4         7,34
                       Patrimonio di vigilanza/totale attivo ponderato                        15,1        10,67

Anche il 2012 sarà un anno difficile, ma rimane fermo impegno della banca proseguire il percorso
di crescita, affrontando con determinazione le rinnovate sfide di efficienza e redditività, consolidare
i punti di forza, la vicinanza alle realtà locali e la capacità di percepire e rispondere ai bisogni delle
famiglie e delle imprese; in considerazione a ciò gli Amministratori della Banca hanno valutato la
sussistenza della continuità aziendale e, pertanto, il bilancio d’esercizio 2011 è stato redatto sulla
base di tale presupposto.
In questo quadro, i risultati economici conseguiti dalla Banca nell’anno sono stati inferiori a quelli
del 2010, in considerazione del peggioramento della qualità del credito e dell’aumento dei costi
operativi, in parte condizionati dall’allargamento del perimetro della rete di vendita.

2D2 - BANCA CARIGE SPA
Il capitale sociale a fine anno era composto da n. 1.790.391.948 azioni del valore nominale di €
1,00; di queste 1.616.082.233 erano azioni ordinarie e 174.309.715 erano azioni di risparmio
convertibili.

La Fondazione, a fine anno, deteneva n. 3.725.177 azioni per un valore di carico di € 8.821.422,41
che le conferivano una partecipazione al capitale per lo 0,2081%.

Il 2011 si è caratterizzato per la progressiva trasmissione all’economia reale di una nuova fase della
crisi finanziaria derivante questa volta dal sovraindebitamento di alcuni Stati europei (tra cui
l’Italia). La crisi di fiducia tra i vari operatori finanziari, scatenata dalla presenza nei loro portafogli
di titoli emessi dai Paesi in maggiore difficoltà, ha determinato il blocco dei mercati finanziari
istituzionali e severe tensioni sulla liquidità che hanno minacciato la stabilità degli istituti di credito.
La Banca Centrale Europea è intervenuta con iniezioni di liquidità straordinarie che hanno avuto
l’effetto di riequilibrare, almeno temporaneamente, le tesorerie delle banche che in taluni casi sono
tornate a collocare sui mercati istituzionali lasciando presagire la ripresa di un loro normale
funzionamento, indispensabile al finanziamento dell’economia.

Nel complesso il quadro macroeconomico europeo è rimasto difficile, in particolare in Italia dove la
combinazione di bassa crescita, elevato debito pubblico e incertezza politica si è tradotta nella
caduta degli indici borsistici e nell’allargamento dello spread tra titoli di Stato italiani e tedeschi. La
perdita di valore del risparmio legata all’andamento sfavorevole dei mercati finanziari, insieme alla
contrazione del reddito disponibile si è riflessa sulla riduzione dei consumi e pertanto anche sulla
produzione industriale e sulla dinamica degli investimenti. L’intermediazione realizzata dal Sistema
bancario ha comunque registrato una moderata crescita.

Pur in tale difficile contesto il Gruppo Carige è riuscito a conseguire un utile netto significativo e in
aumento, grazie alla crescita delle quantità intermediate, ad un attento monitoraggio del credito e al
controllo dei costi operativi.

Le quantità hanno registrato lo sviluppo sia della raccolta complessiva (+2,6% a 52 miliardi), sia
degli impieghi (+8,5% a 27,5 miliardi) a conferma della costante azione del Gruppo di sostegno alle
imprese e alle famiglie operanti nel tessuto economico di riferimento; in particolare i finanziamenti
alle imprese sono aumentati del 4,6% a 15,4 miliardi e quelli alle famiglie del 2,4% a 8,1 miliardi.
La soddisfacente dotazione di liquidità è stata mantenuta soprattutto grazie a sempre elevati livelli di
raccolta dalla clientela, con il collocamento di circa 2,4 miliardi di obbligazioni, ma anche alla
provvista sui mercati internazionali attraverso l’emissione di 550 milioni di covered bond e 750
milioni di obbligazioni senior sotto il programma EMTN. Dalla Banca Centrale è stato possibile
ricevere liquidità nell’anno utilizzando i covered bond di propria emissione e partecipando all’asta
triennale per 1,3 miliardi con collaterale costituito da obbligazioni garantite dal Governo.



                                                                  Pag. 40
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il costante controllo della qualità del credito ha consentito di mantenere il rapporto netto
sofferenze/impieghi al 2,8%, allineato al livello di Sistema, e di contenere l’incremento annuo delle
sofferenze al 21,5%.

L’utile netto del Gruppo (186,7 milioni; +5,3%) ha beneficiato della dinamica positiva del margine
d’interesse (+8,3% a 764 milioni), grazie alla crescita dei volumi in un contesto generale di spread
tra tassi in diminuzione, delle commissioni nette (+1% a 300,3 milioni) e del risultato delle poste
finanziarie1 (+24,1% a 77,9 milioni). I costi operativi salgono a 669,8 milioni (+4,6%) in parte per
l’inclusione per l’intero esercizio dei costi relativi agli sportelli acquisti nel mese di maggio 2010 dal
Gruppo Banca Monte dei Paschi di Siena. L’attento monitoraggio del credito ha consentito di
mantenere il costo del rischio (il rapporto tra rettifiche di valore e crediti) ad un livello dello 0,43%,
allineato agli anni precedenti e inferiore al Sistema.

L’utile lordo ha registrato una crescita del 6,8%, mentre la tassazione ha beneficiato dell’esercizio
dell’opzione di affrancamento degli avviamenti iscritti nel bilancio consolidato e ha scontato i
maggiori oneri determinati dall’aumento dell’aliquota Irap dal 4,82% al 5,57%, determinando un
tax rate del 32,5% (37,4% il tax rate 2010).

I ratio di vigilanza si mantengono su livelli adeguati anche in considerazione dell’integrale
conversione in azioni (effettivo dal prossimo 23 marzo) del prestito “Banca Carige 4,75% 2010 –
2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni” considerando i quali il CT1 salirebbe al 6,7% e
il TCR al 10,1%. Il ROE è risultato del 5,9%, in crescita rispetto al 5% del 2010.
                                                   ***
La Capogruppo ha registrato un utile di 175,8 milioni, che consente di sottoporre all’Assemblea
ordinaria degli Azionisti - convocata per il 27 aprile 2012 - la proposta di distribuzione di un
dividendo in contanti invariato rispetto all’esercizio precedente, nella misura di 0,0700 Euro per le
azioni ordinarie e di 0,0875 Euro per le azioni di risparmio. La data di stacco dividendo proposta è il
21 maggio 2011, con pagamento a partire dal 24 maggio 2011.

Le banche controllate chiudono l’esercizio con un utile complessivo di 30,4 milioni (l’utile di Banca
Cesare Ponti, pari a 9,7 milioni, include 6,6 milioni di benefici fiscali legati agli effetti derivanti
dall’opzione per l’affrancamento fiscale dell’avviamento iscritto nell’attivo a seguito del
conferimento del ramo di azienda attuato dalla Capogruppo ad inizio anno). Le compagnie
assicurative mostrano complessivamente un utile di 13,1 milioni (Carige Vita Nuova 25,5 milioni;
Carige Assicurazioni -12,4 milioni); positivi anche i risultati netti di Creditis (8,1 milioni) e di
Carige AM SGR (1,1 milioni).

Nei prossimi mesi l’attività del Gruppo si svolgerà in un contesto ambientale caratterizzato da
prospettive ancora recessive dell’economia italiana e da elevata volatilità dei mercati finanziari, che
si riverbereranno anche sulle banche. Esse si troveranno inoltre a fronteggiare le penalizzanti norme
di settore introdotte in questi anni e più recentemente, che stanno progressivamente regolamentando
il pricing dei servizi bancari e impongono requisiti di patrimonializzazione crescenti. La costante
attenzione posta dal Gruppo Carige ai profili di liquidità, patrimonializzazione e rischio, il ritorno di
efficienza dagli investimenti in information technology proseguiti anche nell’esercizio concluso,
nonché l’andamento dell’intermediazione e della redditività dei primi mesi del corrente esercizio,
consentono di ritenere, anche in prospettiva, il proseguimento dell’equilibrato percorso di crescita
del Gruppo, con adeguati ritorni reddituali.

Dettaglio dei risultati consolidati
Nell’esercizio il margine di interesse è salito a 764 milioni (+8,3% sul 2010) e le commissioni nette
sono in lieve crescita a 300,3 milioni (+1%); nonostante l’elevata volatilità conseguente alle
perduranti tensioni sui mercati, le poste finanziarie presentano un risultato di 77,9 milioni, in
crescita del 24,1% rispetto al 2010, includendo un utile di circa 30 milioni derivante dal riacquisto
di titoli propri.

Il margine di intermediazione risulta pari a 1.144,1 milioni (+7,1% annuo); le rettifiche di valore
nette per il deterioramento di crediti e di altre poste finanziarie crescono del 51,1% a 175,7 milioni
soprattutto in relazione alla svalutazione di titoli di Stato greci; il risultato netto della gestione
finanziaria e assicurativa si attesta a 944,6 milioni (+5,5%). Al netto di costi operativi in aumento
del 4,6% a 669,8 milioni, l’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte si attesta a 279,5
milioni.


                                                  Pag. 41
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                          Bilancio 2011




Considerati accantonamenti per imposte sul reddito per 90,9 milioni e un utile di pertinenza di terzi
di 2 milioni, l’utile netto si dimensiona a 186,7 milioni (+5,3% rispetto al 2010).

Il risparmio complessivamente raccolto (AFI) si attesta a 52.011 milioni, in aumento del 2,6%
rispetto al 2010. La raccolta diretta, pari a 28.440 milioni, è cresciuta nell’anno del 7%. La raccolta
indiretta, pari a 23.571,2 milioni è in calo del 2,2%. All’interno, il risparmio gestito, pari a 9.523,3
milioni, diminuisce del 7,9%. Il risparmio amministrato, pari a 14.047,8 milioni, risulta in crescita
del 2,2% con i titoli di Stato pari a 5.653,3 milioni, in aumento del 15,9%.

I crediti verso clientela (al lordo delle presunte perdite) raggiungono i 27.534,6 milioni, in crescita
dell’8,5%, con una ricomposizione a favore della componente a breve termine, in crescita dell’11,3%
(6,8% la componente a medio/lungo termine).

La rete di vendita del Gruppo conta 677 filiali bancarie – 10 in più rispetto a dicembre 2010 – e 431
agenzie assicurative. Il personale è pari a 5.974 unità, di cui 5.481 rappresentate da personale
bancario.

Dettaglio dei risultati della Banca Carige S.p.A.
L’andamento della Capogruppo ricalca sostanzialmente quello consolidato. Il margine di
intermediazione risulta pari a 858,2 milioni (+3,5% annuo); al netto delle rettifiche di valore per il
deterioramento di crediti e di altre poste finanziarie, pari a 108,3 milioni, il risultato netto della
gestione finanziaria si attesta a 749,9 milioni (+2,2% annuo). I costi operativi (+1,9%) sono pari a
512,5 milioni. L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte si attesta così a 237,4 milioni
(+2,8%). Al netto degli accantonamenti per imposte sul reddito pari a 61,5 milioni, l’utile netto si
attesta a 175,8 milioni (-2,7%).

Il risparmio complessivamente raccolto si attesta a 46.181,2 milioni sostanzialmente stabile rispetto
al 2010 (-0,5%) rispetto a settembre 2010. La raccolta diretta (26.775,9 milioni) contribuisce con
un incremento dell’8% e quasi compensa la diminuzione della raccolta indiretta (-10,2%) pari a
19.405,4 milioni. Sia il risparmio gestito, pari a 7.863,2, sia il risparmio amministrato, pari a
11.542,2 milioni sono in diminuzione rispettivamente del 14,1% e 7,3%.
I crediti verso clientela (al lordo delle presunte perdite) raggiungono i 23.722,2 milioni, in crescita
dell’8,5%.

Il Consiglio di Amministrazione di Carige inoltre, avvalendosi della facoltà attribuitagli
dall’Assemblea straordinaria dei Soci del 13 febbraio 2012 ai sensi dell’art. 2443 del Codice Civile, e
ad integrazione della precedente delibera assunta in data 11 febbraio 2010, ha determinato in
386.916.573 il numero massimo delle azioni ordinarie a servizio della conversione del prestito
“Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni”, al fine di
procedere al rimborso anticipato del Prestito in massima misura in azioni, ivi compreso il premio per
il rimborso, pari al 10% del valore nominale dell’obbligazione, tenuto conto del valore di mercato
delle azioni ordinarie Banca Carige registrato nel “Periodo di Riferimento per il Rimborso
Anticipato”, ai sensi dell’articolo 12 del Regolamento del Prestito.
La media aritmetica dei prezzi ufficiali delle azioni ordinarie Banca Carige registrata nel Periodo di
Riferimento per il Rimborso Anticipato - iniziato il 24 febbraio 2012 e terminato 15 marzo 2012 -
risulta essere pari a Euro 1,1128 (il “Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie”), quindi inferiore al
“Prezzo di Conversione” pari a Euro 2,40.
Pertanto, ai sensi dell’articolo 12, comma 3, lettera b), del Regolamento del Prestito, la Banca
consegnerà ai titolari delle obbligazioni, alla data di rimborso anticipato prevista per il 23 marzo
2012, un numero di azioni ordinarie risultante dalla divisione fra (i) il valore nominale
dell’obbligazione aumentato del premio del 10% e (ii) il Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie,
ossia numero 2,37239396 azioni ordinarie Banca Carige per ciascuna obbligazione, utilizzando le
azioni ordinarie di nuova emissione, fermo restando che ogni obbligazionista riceverà un numero
intero di azioni ordinarie arrotondato per difetto e riceverà in contanti il controvalore, arrotondato
al centesimo di Euro superiore, della parte frazionaria, valutata in base al Valore di Mercato delle
Azioni Ordinarie.

Ulteriori dettagli in relazione alle modalità di rimborso anticipato del Prestito saranno forniti
mediante apposito avviso che verrà pubblicato domani sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” nonché, sia in
lingua italiana che in lingua inglese, sul sito internet www.gruppocarige.it, ai sensi degli articoli 12
e 21 dell’inerente Regolamento.


                                                    Pag. 42
Bilancio 2011                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il pieno esercizio della facoltà di rimborso in azioni consentirà alla Banca Carige di incrementare i
mezzi propri in funzione del controvalore del prestito (pari a circa Euro 391 milioni), realizzando
pertanto una efficace iniziativa di capital management con effetti positivi netti stimati sui ratios di
vigilanza in circa 170 punti base, assicurando così la massima stabilità allo sviluppo della stessa, in
linea con le previsioni già formulate nel Piano strategico del Gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione di Carige ha infine deliberato la proposta all’Assemblea ordinaria,
già convocata per il prossimo 27 aprile, di autorizzare il Consiglio stesso, per la durata di 18 mesi a
partire dalla data della deliberazione assembleare, ad effettuare operazioni di acquisto e di vendita di
azioni proprie.
L’acquisto potrà avvenire sui mercati regolamentati, con le modalità previste dall’art. 144-bis,
comma 1, punti b) e c) del Regolamento Emittenti Consob, fino ad un controvalore massimo pari alla
disponibilità della Riserva per acquisto azioni proprie di € 77 milioni e ad un quantitativo massimo
globalmente detenibile pari a n. 71.617.211 azioni Banca CARIGE S.p.A., di cui fino a n. 71.515.043
azioni ordinarie e fino a n. 102.168 azioni di risparmio convertibili, corrispondenti rispettivamente
alla venticinquesima parte del capitale ordinario e di risparmio.
L’acquisto potrà avvenire ad un prezzo minimo pari alla media dei prezzi ufficiali rilevati sull’MTA
negli ultimi 10 giorni di borsa aperta antecedenti il giorno dell’operazione, diminuita del 25%, e ad
un prezzo massimo pari alla media dei prezzi ufficiali rilevati sull’MTA negli ultimi 10 giorni di
borsa aperta antecedenti il giorno dell’operazione, aumentata del 25%.
La vendita di tutte o parte delle azioni proprie eventualmente detenute dalla Banca potrà avvenire in
tutte le forme e le modalità consentite dalla vigente normativa di riferimento ad un prezzo minimo
non inferiore alla media dei prezzi ufficiali rilevati sull’MTA negli ultimi 10 giorni di borsa aperta
antecedenti il giorno dell’operazione, diminuita del 25%, con l’intesa che il corrispettivo venga ad
essere ricomputato nella “riserva per acquisto azioni proprie: quota disponibile”.
Le motivazioni per cui viene richiesta la nuova delega rientrano nelle finalità consentite dalla
normativa vigente e, in particolare, la dotazione di uno strumento di flessibilità strategica ed
operativa.
In merito alla precedente autorizzazione assembleare in materia di acquisto di azioni proprie, si
rappresenta che dalla data della stessa (29 aprile 2011) ad oggi, la Banca non ha effettuato acquisti
e vendite di azioni ordinarie o di risparmio.

2D3 - CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA
Il capitale sociale, interamente versato, ammonta a € 3.500.000.000 e si compone di n°
245.000.000 azioni ordinarie e di n° 105.000.000 azioni privilegiate, ciascuna per un valore
nominale di € 10,00. La Società non possiede azioni proprie.

La società è controllata dallo Stato italiano. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze è azionista al
70%, mentre il 30% del capitale è in mano ad un nutrito gruppo di Fondazioni di origine bancaria,
sotto forma di azioni privilegiate.




La FBML detiene n. 200.000 azioni privilegiate per un valore di carico di € 2.000.000, che le
conferiscono la partecipazione al capitale per lo 0,057%.

Il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato il Progetto di bilancio di CDP per
l’esercizio 2011 (cosiddetto “bilancio separato”). Il documento sarà sottoposto all’approvazione
dell’Assemblea degli azionisti il prossimo 30 maggio. Il Cda ha approvato altresì il Bilancio
consolidato, che aggrega anche i risultati del Gruppo TERNA e delle altre società controllate.




                                                 Pag. 43
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




BILANCIO SEPARATO CDP SPA
Il 2011 si è chiuso con nuovi impieghi per circa € 16,5 miliardi, il massimo livello raggiunto da
CDP dopo la trasformazione in Spa, ed un utile netto di € 1.612 milioni, in crescita del 18% rispetto
all’esercizio precedente, al netto di fattori di discontinuità.

Di seguito i principali indicatori dell’andamento economico-patrimoniale della società.

Flussi di nuovi Impieghi 2011
Gli impieghi di CDP continuano ad essere caratterizzati da un’elevata qualità creditizia, con
svalutazioni e perdite pressoché nulli.

Nel corso del 2011, CDP ha mobilitato risorse per circa € 16,5 miliardi (+41%), compresi € 4,2 mld
tra operazioni non ricorrenti e impieghi in partecipazioni e fondi. Al netto di questi, il 38% del totale
(€ 6,2 miliardi) è stato destinato a finanziamenti diretti a Enti pubblici, il 24% a operazioni
finalizzate al sostegno dell’economia a favore dell’imprese (circa € 4 miliardi, riferiti in particolare
al plafond destinato alle PMI) e il 13% a finanziamenti alle imprese e partenariati pubblico-privato
per lo sviluppo delle infrastrutture (€ 2,1 miliardi). I principali settori d’intervento sono stati le reti
di trasporto e servizi pubblici locali, il sostegno delle PMI e dell’attività di export finance e i
finanziamenti destinati all’edilizia pubblica e al social housing.

Plafond PMI: 52mila imprese finanziate
Ad alimentare nel 2011 gli impieghi di CDP, proprio l’attività a favore dell’accesso al credito e
all’incremento del circolante delle PMI, che Cassa svolge avvalendosi della collaborazione del
sistema bancario.

Il primo plafond, pari a € 8 mld, risulta, all’inizio di aprile 2012, interamente allocato e quasi
interamente erogato (€ 7,8 mld, di cui circa € 4 mld nel solo 2011).

Sono state finanziate in tutto circa 52mila PMI, per un importo medio pari a € 150mila. Oltre il 40%
delle risorse CDP è andato a finanziare progetti di medio lungo termine delle piccole e medie
imprese (con scadenze oltre i 5 anni).

L’esaurimento risorse del Primo plafond e il perdurare delle difficoltà di accesso al credito ha spinto
di recente CDP a mettere a disposizione delle PMI altri € 10 mld, di cui € 2 mld dedicati al problema
del ritardo nei pagamenti della PA.

Dati patrimoniali
L’attivo è cresciuto di quasi il 10% rispetto all’esercizio precedente e si è attestato a € 274 miliardi.
Le disponibilità liquide sono pari a € 129 miliardi, evidenziando un incremento di circa un miliardo
di euro rispetto all’esercizio precedente.

Lo stock della raccolta postale ha superato i € 218 miliardi (+5% circa rispetto alla fine del 2010)
malgrado la sfavorevole congiuntura economica e la conseguente contrazione della propensione al
risparmio delle famiglie.

Lo stock di crediti verso la clientela e banche è cresciuto del 7%, attestandosi a € 98,6 miliardi,
soprattutto per effetto del consistente volume di nuova operatività di CDP nell’ambito dei programmi
per il supporto all’economia. Il valore delle partecipazioni e dei titoli azionari ha raggiunto i € 19,8
miliardi, prevalentemente in seguito alla costituzione del Fondo Strategico Italiano e all’acquisizione
dell’89% del capitale sociale di TAG, la società titolare dei diritti di trasporto relativi al tratto
austriaco del gasdotto che collega la Russia all’Italia.

Il patrimonio netto si è attestato a € 14,5 miliardi, evidenziando una crescita del 5% rispetto al 2010.

Dati economici
Il 2011 si è chiuso con un utile netto di € 1.612 milioni. Tale risultato positivo è conseguente, in
particolare, all’aumento del margine di interesse (+40%, a € 2.329 milioni) derivante dalla
stabilizzazione dei tassi di impiego e raccolta.

L’utile d’esercizio 2011 risulta in crescita del 18% rispetto a quello 2010, se si epurano entrambi
(altrimenti non confrontabili) dai fattori di discontinuità quali, per il 2010, la plusvalenza di circa €
1 miliardo registrata da CDP a seguito della permuta azionaria perfezionata con il MEF e, per il


                                                  Pag. 44
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




2011, un diverso metodo di contabilizzazione conseguente alla diversa natura del corrispettivo
riconosciuto a Poste Italiane per l’attività di collocamento e gestione del Risparmio Postale.




BILANCIO CONSOLIDATO (SINTESI)
I dati consolidati al 31 dicembre 2011 evidenziano un utile netto di pertinenza della capogruppo
pari a € 2.167 milioni, in flessione del 7,5% rispetto al risultato 2010.

Il totale attivo di Stato patrimoniale ha raggiunto i € 287.143 milioni, con un incremento del 10%
rispetto al 2010, mentre il patrimonio netto di pertinenza della capogruppo si è attestato a € 15.525
milioni, mostrando una crescita del 12%.

2D4 - ENEL SPA
Il capitale sociale di Enel ammonta a € 9.403.357.795, rappresentato da 9.403.357.795 azioni
ordinarie del valore nominale di € 1,00.

La FBML detiene n. 500.000 azioni per un valore di carico di € 3.248.000, che le conferiscono la
partecipazione al capitale per lo 0,005%.

I due principali azionisti restano il Ministero dell'Economia con il 13,9% del capitale e la Cassa
depositi e Prestiti con il 17,4%. Il flottante è pari a circa 68,7% del capitale totale.

Il Consiglio di Amministrazione di Enel SpA (“Enel”), presieduto da Paolo Andrea Colombo, ha
approvato i risultati dell’esercizio 2011.
Fulvio Conti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, ha così commentato: “Nel corso
del 2011 il nostro Gruppo ha conseguito risultati molto soddisfacenti e ancora una volta in linea con
gli obiettivi precedentemente indicati, pur operando in un generale quadro economico sfavorevole,
che si è reso ancora più difficile nell’ultimo trimestre dell’anno, in particolare in Italia e in Spagna.
Nel corso del 2012 si confermerà, perlomeno nella prima parte dell’anno, l’andamento negativo
delle economie dei Paesi maturi in cui operiamo, che tuttavia dovrebbero cominciare a dare segni di
ripresa a partire dal 2013. Proseguirà invece la crescita dei Paesi emergenti, già manifestatasi nel
corso del 2011.
In tale contesto, nel corso dei prossimi cinque anni il Gruppo Enel provvederà ad intraprendere
rilevanti azioni manageriali in termini di ottimizzazione degli investimenti, incremento delle
efficienze e risparmi di costo, con conseguente miglioramento della generazione di cassa. Si prevede
che tutto ciò possa consentire di realizzare nell’arco di piano risultati in miglioramento uniti ad
un’accresciuta solidità patrimoniale.”




                                                 Pag. 45
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




I dati patrimoniali al 31 dicembre 2011 e al 31 dicembre 2010 escludono (ove non diversamente
indicato) i valori relativi alle attività e alle passività possedute per la vendita che, al 31 dicembre
2011, riguardano essenzialmente, la società Endesa Ireland ed altre minori che, in base allo stato di
avanzamento delle trattative per la loro cessione a terzi, ricadono nell’applicazione dell’IFRS 5.
Si segnala che il completamento del processo di allocazione del costo di acquisizione da parte di Enel
del 40% del capitale di SE Hydropower, effettuato secondo quanto previsto dal principio contabile
internazionale di riferimento IFRS 3 e nei termini consentiti dallo stesso, congiuntamente ad una
migliore rappresentazione degli effetti rilevati nel precedente esercizio sulla vendita di quote
partecipative senza perdita di controllo, hanno determinato alcune variazioni nei valori iscritti nel
bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 che, pertanto, sono stati opportunamente rettificati e
ripresentati ai soli fini comparativi.
Nel presente comunicato vengono utilizzati alcuni “indicatori alternativi di performance” non
previsti dai principi contabili internazionali così come adottati dall’Unione Europea – IFRS-EU
(Ebitda, Indebitamento finanziario netto, Capitale investito netto, Attività nette possedute per la
vendita, Utile netto ordinario del Gruppo), il cui significato e contenuto sono illustrati in allegato, in
linea con la raccomandazione CESR/05-178b pubblicata il 3 novembre 2005.

STRATEGIA E OBIETTIVI PER IL PERIODO 2012-2016 ANDAMENTO PREVISTO PER IL 2012
Nel corso degli ultimi anni il quadro macroeconomico mondiale ha confermato la tendenza che ha
visto, da una parte, i mercati maturi caratterizzati da un ciclo negativo con PIL e produzione
industriale in calo, dall’altra, i mercati emergenti con elevati tassi di crescita sostenuti da espansione
demografica, disponibilità di risorse nonché quadri regolatori e istituzionali stabili.
Tale tendenza si è accentuata nel corso dell’ultimo trimestre del 2011 e si prevede continui anche
nella prima metà del 2012.
Ciò si è anche riflesso sui mercati energetici, con i mercati maturi caratterizzati da assenza di
crescita di domanda elettrica e i mercati emergenti che hanno invece continuato a registrare una
domanda elettrica in espansione.
In particolare, la debolezza della domanda di energia elettrica caratterizzerà il mercato italiano per
l’intero 2012. Nel nostro Paese, gli effetti negativi di tale fenomeno vengono accentuati da una
rilevante crescita del margine di riserva, che dovrebbe attestarsi intorno al 45% per effetto
principalmente dell’incremento della capacità solare fotovoltaica installata, pari a circa 15 GW a
fine 2012.
Come conseguenza, si prevede che gli spark spreads (differenza tra prezzo medio di sistema e costo
variabile di un impianto a ciclo combinato) della generazione domestica scenderanno nel 2012 di
circa 5 €/MWh rispetto al 2011, con conseguenti ripercussioni sul margine operativo lordo della
divisione Generazione ed Energy Management che dovrebbe attestarsi a circa 1,3 miliardi di euro
rispetto ai circa 1,9 miliardi di euro del 2011 (quest’ultimo al netto delle partite straordinarie pari a
circa 300 milioni di euro).
Con riferimento alla Spagna, il 2012 sarà caratterizzato da una domanda in calo rispetto al 2011. Il
margine operativo lordo delle attività di Endesa in Iberia dovrebbe scendere a circa 3,7 miliardi di
euro rispetto ai circa 4 miliardi di euro del 2011.
Le attività di Endesa in America Latina dovrebbero invece beneficiare della crescita economica
dell’area e del conseguente incremento sia della domanda (+4% rispetto al 2011) che della
produzione di energia elettrica (+5% rispetto al 2011). Conseguentemente il margine operativo
lordo dovrebbe crescere del 10% circa nel 2012, assestandosi a circa 3,6 miliardi di euro.
Con riferimento alla Divisione Internazionale, la Russia dovrebbe registrare a fine 2012 un margine
operativo lordo pari a circa 500 milioni di euro, invariato rispetto al 2011, nonostante il trend
d’incremento dei prezzi del gas stia registrando un rallentamento rispetto alle previsioni originarie.
In Slovacchia, il margine operativo lordo dovrebbe attestarsi a circa 800 milioni di euro, invariato
rispetto al 2011.
Sempre nel corso del 2012, la Divisione Energie Rinnovabili dovrebbe incrementare la propria
capacità netta installata di circa 1 GW, portandola a circa 8,1 GW. Ciò dovrebbe determinare un
incremento del margine operativo lordo di tale Divisione di circa 300 milioni di euro rispetto ai
circa 1,4 miliardi di euro del 2011, quest’ultimo al netto delle partite non ricorrenti pari a circa 200
milioni di euro.

PIANO INDUSTRIALE 2012-2016
Per il piano industriale 2012-2016, si confermano le seguenti priorità strategiche:
- Consolidamento della posizione di leadership nei mercati maturi di riferimento;
- Crescita organica nel settore delle fonti rinnovabili nonché in America Latina, in Russia ed in
    Europa Orientale;



                                                  Pag. 46
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




- Accelerazione dei processi di efficientamento ed eccellenza operativa;
- Rigido controllo degli investimenti e attenzione ai processi d’innovazione;
- Rafforzamento della stabilità finanziaria.
Tali priorità strategiche si tradurranno nei seguenti obiettivi divisionali:

ITALIA
Margine operativo lordo:
- pari a circa 5,7 miliardi di euro nel 2012, di cui:
    o circa 3,9 miliardi di euro per la Divisione Infrastrutture e Reti
    o circa 1,3 miliardi di euro per la divisone Generazione ed Energy Management
    o circa 500 milioni di euro per la Divisione Mercato
- pari a circa 5,3 miliardi di euro nel 2014, di cui
    o circa 3,7 miliardi di euro per la Divisione Infrastrutture e Reti
    o circa 1,1 miliardi di euro per la Divisone Generazione ed Energy Management
    o circa 500 milioni di euro per la Divisione Mercato
- pari a circa 5,3 miliardi di euro nel 2016, di cui
    o circa 3,5 miliardi di euro per la Divisione Infrastrutture e Reti
    o circa 1,3 miliardi di euro per la divisone Generazione ed Energy Management
    o circa 500 milioni di euro per la Divisione Mercato
Investimenti: pari complessivamente a circa 7,1 miliardi di euro nel periodo 2012-2016 di cui circa
il 64% effettuati dalla Divisione Infrastrutture e Reti, circa il 31% dalla Divisione Generazione ed
Energy Management e circa il 5% dalla Divisione Mercato.

IBERIA E AMERICA LATINA
IBERIA
Margine operativo lordo: pari a circa 3,7 miliardi di euro nel 2012 (per il 72% proveniente da
attività regolate e per il 28% da attività non regolate); pari a circa 3,8 miliardi di euro nel 2014 (per
il 74% proveniente da attività regolate e per il 26% da attività non regolate); pari a circa 4 miliardi
di euro nel 2016 (per il 74% proveniente da attività regolate e per il 26% da attività non regolate);
Investimenti: pari complessivamente a circa 5,3 miliardi di euro nel periodo 2012-2016, di cui circa
il 55% destinati ad attività regolate e circa il 45% ad attività non regolate.

AMERICA LATINA
Margine operativo lordo: pari a circa 3,6 miliardi di euro nel 2012 (per il 50% proveniente da
attività regolate e per il 50% da attività non regolate); pari a circa 3,9 miliardi di euro nel 2014 (per
il 50% proveniente da attività regolate e per il 50% da attività non regolate); pari a circa 4,6 miliardi
di euro nel 2016 (per il 49% proveniente da attività regolate e per il 51% da attività non regolate);
Investimenti: pari complessivamente a circa 5,4 miliardi di euro nel periodo 2012-2016 di cui il
60% destinato ad attività regolate e il 40% ad attività non regolate.

DIVISIONE INTERNAZIONALE
Margine operativo lordo: pari a circa 1,6 miliardi di euro nel 2012 (circa 800 milioni di euro in
Slovacchia, circa 500 milioni di euro in Russia e circa 300 milioni di euro nei rimanenti Paesi della
Divisione); pari a circa 1,8 miliardi di euro nel 2014 (circa 900 milioni di euro in Slovacchia, circa
600 milioni di euro in Russia e circa 300 milioni di euro nei rimanenti Paesi della Divisione); pari a
circa 2,4 miliardi di euro nel 2016 (circa 1,2 miliardi di euro in Slovacchia, circa 800 milioni di
euro in Russia e circa 400 milioni di euro nei rimanenti Paesi della Divisione).
Investimenti: pari complessivamente a circa 4,0 miliardi di euro nel periodo 2012-2016 di cui circa
il 55% in Slovacchia, circa il 30% in Russia e circa il 15% nei rimanenti Paesi della Divisione.

DIVISIONE ENERGIE RINNOVABILI
Margine operativo lordo: pari a circa 1,7 miliardi di euro nel 2012; pari a circa 2,2 miliardi di euro
nel 2014; pari a circa 2,6 miliardi di euro nel 2016.
Investimenti: pari complessivamente a circa 6,1 miliardi di euro nel periodo 2012-2016. Con
riferimento agli investimenti destinati allo sviluppo, si rileva la seguente apertura geografica: 29%
Italia, 34% America Latina, 22% Nord America e il rimanente 15% tra Iberia e resto d’Europa.

AZIONI MANAGERIALI
Nei mercati maturi, Italia e Iberia, il Gruppo Enel punta al mantenimento della propria posizione di
leadership principalmente attraverso progetti di capacità di generazione di back-up e di efficienza in
Italia, nonché nuova capacità idroelettrica di pompaggio in Spagna. Inoltre, verranno perseguiti



                                                 Pag. 47
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




progetti innovativi e ad alto valore aggiunto, come la mobilità elettrica e l’installazione dei contatori
digitali in Spagna.

Nei mercati in crescita, il Gruppo Enel investirà per aumentare la capacità netta installata di circa
6,6 GW entro il 2016, di cui circa 4,5 GW nella Divisione Energie Rinnovabili, circa 1,1 GW in
America Latina (Bocamina II, El Quimbo, Casalaco e Reserva Fria), circa 1 GW in Slovacchia
(Mohovce 3 e 4) e tramite il riefficientamento della capacità di generazione in Russia.

Gli investimenti complessivi del Gruppo Enel per il periodo 2012-2016 ammontano a circa 27
miliardi di euro, in calo di circa 4 miliardi di euro rispetto al precedente piano industriale 2011-
2015, per effetto sia dei minori investimenti in Italia ed Iberia, per circa 3 miliardi di euro, sia dei
benefici derivanti dal progetto “Optima Capex”, per circa 1 miliardo di euro.

Il Gruppo Enel continuerà, inoltre, a perseguire maggiori efficienze e risparmio di costi attraverso
l’implementazione delle sinergie tra Enel ed Endesa (pari a circa 1,3 miliardi di euro annui a partire
dal 2011) e la realizzazione del programma Zenith (che dovrebbe assicurare circa 5,9 miliardi di
euro di maggiore cassa disponibile al 2015 rispetto a fine 2008). Inoltre il Gruppo Enel ha lanciato
un nuovo programma di efficentamento e snellimento dei processi chiamato “Progetto One
Company”, che dovrebbe consentire di realizzare ulteriori risparmi per circa 400 milioni di euro
annui a partire dal 2016. Tale progetto è finalizzato principalmente a semplificare i processi
decisionali, a unificare le attività della Holding di Gruppo e ad accentrare le attività globali di
servizio.

Nel complesso, le azioni manageriali descritte consentiranno al Gruppo Enel di aumentare i flussi di
cassa disponibili tali da portare, nel periodo 2012-2016, a una riduzione dell’indebitamento
finanziario netto consolidato di circa 14,5 miliardi di euro.
Nell’ambito del piano industriale 2012-2016 è inoltre prevista una revisione della politica dei
dividendi, che sarà basata – a decorrere dai risultati dell’esercizio 2012 – su un pay-out pari almeno
al 40% dell’utile netto ordinario di Gruppo. Nell’arco del piano stesso si prevede che i dividendi
saranno distribuiti una volta all’anno, senza ricorrere, quindi, al pagamento di acconti sul
dividendo.

OBIETTIVI QUANTITATIVI
Per il 2012 si prevedono attualmente i seguenti target:
    - Ebitda pari a circa 16,5 miliardi di euro
    - Utile netto ordinario di Gruppo pari a circa 3,4 miliardi di euro
    - Indebitamento finanziario netto pari a circa 43 miliardi di euro
Per il 2014 si prevedono attualmente i seguenti target:
    - Ebitda pari a circa 17,0 miliardi di euro
    - Utile netto ordinario di Gruppo pari a circa 3,8 miliardi di euro
    - Indebitamento finanziario netto pari a circa 39 miliardi di euro
Per il 2016 si prevedono attualmente i seguenti target:
    - Ebitda pari a circa 19,0 miliardi di euro
    - Utile netto ordinario di Gruppo pari a circa 5,0 miliardi di euro
    - Indebitamento finanziario netto pari a circa 30 miliardi di euro

DATI OPERATIVI 2011
Vendite di energia elettrica e gas
Le vendite di energia del Gruppo Enel ai clienti finali nel 2011 si attestano a 311,8 TWh, in crescita
di 2,8 TWh (+0,9%) rispetto al precedente esercizio.
L’aumento è da riferirsi essenzialmente alle maggiori quantità vendute all’estero (+12,0 TWh),
relative principalmente alle attività svolte in Francia (+5,8 TWh), in America Latina (+5,4 TWh) e
in Russia (+1,6 TWh), parzialmente compensate dai minori volumi venduti in Italia (- 9,2 TWh).
Le vendite di gas alla clientela finale sono state pari a 8,5 miliardi di metri cubi, in decremento di
0,4 miliardi di metri cubi (-4,5%) rispetto al 2010. Le vendite di gas sul mercato nazionale sono
diminuite di 0,9 miliardi di metri cubi, mentre quelle realizzate all’estero, riferibili esclusivamente
ad Endesa, sono risultate in crescita di 0,5 miliardi di metri cubi.

Produzione di energia elettrica
La produzione netta complessiva del Gruppo Enel nel 2011 è pari a 293,9 TWh (+1,3% rispetto ai
290,2 TWh dell’anno precedente), di cui 79,0 TWh in Italia e 214,9 TWh all’estero.



                                                 Pag. 48
Bilancio 2011                                                                  Fondazione Banca del Monte di Lucca




In Italia, gli impianti di produzione del Gruppo Enel hanno generato 79,0 TWh, in diminuzione di
2,6 TWh rispetto al 2010. Il decremento della produzione da fonte idroelettrica (-5,9 TWh), dovuto
alle non favorevoli condizioni di idraulicità riscontrate nel 2011 rispetto al 2010, è stato
parzialmente compensato da una crescita della produzione termoelettrica (+2,9 TWh) e delle altre
fonti rinnovabili (+0,4 TWh).
La domanda di energia elettrica sul mercato nazionale nel 2011 si è attestata a 332,3 TWh, in
aumento dello 0,6% rispetto al 2010 e sostenuta in particolare dalle importazioni nette, che hanno
registrato un aumento di 1,5 TWh (+3,3%).
All’estero la produzione netta del Gruppo Enel nel 2011 è stata pari a 214,9 TWh, in aumento di 6,3
TWh (+3,0%) rispetto al precedente esercizio. L’incremento è da riferirsi principalmente alle
maggiori quantità generate da Endesa nella penisola iberica (+8,1 TWh, nonostante la contrazione
di 0,6 TWh riferibile alla variazione di perimetro degli impianti di ECyR confluiti in Enel Green
Power Espaňa alla fine del mese di marzo 2010) e all’incremento della produzione delle società della
Divisione Energie Rinnovabili (+1,0 TWh), connessa principalmente alla già citata variazione di
perimetro relativa all’operazione ECyR.
L’energia elettrica prodotta dalle centrali del Gruppo Enel in Italia e nel resto del mondo è stata
generata per il 58,4% da fonte termoelettrica, per il 28,2% da fonti rinnovabili e per il 13,4% da
fonte nucleare.

Distribuzione di energia elettrica
L’energia elettrica vettoriata sulla rete di distribuzione del Gruppo Enel nel 2011 si è attestata a
435,0 TWh, di cui 246,0 TWh in Italia e 189,0 TWh all’estero.
I volumi di elettricità distribuita in Italia diminuiscono di 1,0 TWh (-0,4%) rispetto a quanto rilevato
nel precedente esercizio.
L’elettricità distribuita all’estero è pari a 189,0 TWh, con un incremento di 4,4 TWh (+2,4%)
rispetto al precedente esercizio che risulta connesso principalmente al maggior apporto di Endesa
(+3,9 TWh), sia nella penisola iberica (+1,6 TWh) che in America Latina (+2,3 TWh).

DATI ECONOMICO-FINANZIARI CONSOLIDATI 2011
I Ricavi del 2011 sono pari a 79.514 milioni di euro, con un incremento pari a 6.137 milioni di
euro (+8,4%) rispetto al 2010. La variazione positiva è da riferire sostanzialmente ai maggiori ricavi
da generazione e trading di energia elettrica e di combustibili, oltre alla crescita dei ricavi da vendita
di energia elettrica a clienti finali sui mercati liberi non domestici. Inoltre, i ricavi del 2011
includono i proventi (per complessivi 429 milioni di euro) derivanti dalla cessione di alcune
partecipazioni e dalla rimisurazione a fair value delle attività e passività di talune società per le
quali, a seguito di operazioni effettuate nel 2011, si sono modificati i requisiti relativi al controllo.

L’Ebitda (margine operativo lordo) del 2011 è pari a 17.717 milioni di euro. L’incremento rispetto al
precedente esercizio, pari a 237 milioni di euro (+1,4%), risente, oltre che dei sopracitati proventi
da cessione di partecipazioni e rimisurazione a fair value, dell’incremento dei risultati delle Divisioni
Mercato, Infrastrutture e Reti, Internazionale ed Energie Rinnovabili, parzialmente compensato dalla
riduzione del margine delle Divisioni Generazione ed Energy Management e Iberia e America Latina.
Per tale ultima Divisione, la variazione del margine risente anche degli effetti derivanti dalle
cessioni, perfezionate a fine 2010, delle attività relative alla rete di distribuzione del gas e alla rete di
trasmissione dell’energia elettrica in Spagna, nonché della rilevazione nel 2011 dell’imposta
patrimoniale prevista in Colombia.

L’Ebit (risultato operativo) del 2011 ammonta a 11.366 milioni di euro, in aumento dell’1,0%
rispetto al dato del 2010 (11.258 milioni di euro) a fronte di un incremento degli ammortamenti e
perdite di valore per 129 milioni di euro.

l Risultato netto del Gruppo del 2011 ammonta a 4.148 milioni di euro rispetto ai 4.390 milioni di
euro dell’esercizio precedente (-5,5%). Tale riduzione è dovuta al maggior carico fiscale
dell’esercizio (che risente anche dell’adeguamento della fiscalità corrente e differita rilevato a
seguito della modifica intervenuta alla disciplina della c.d. “Robin Hood Tax” in Italia), che ha più
che compensato il miglioramento della gestione operativa e finanziaria del Gruppo.

L’Utile netto ordinario del Gruppo del 2011 è pari a 4.097 milioni di euro e risulta in diminuzione
di 308 milioni di euro (-7,0%) rispetto ai 4.405 milioni di euro dell’esercizio 2010.
Il Capitale investito netto al 31 dicembre 2011, inclusivo delle attività nette possedute per la vendita
pari a 323 milioni di euro, ammonta a 99.069 milioni di euro ed è coperto dal patrimonio netto del



                                                   Pag. 49
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




Gruppo e di terzi per 54.440 milioni di euro e dall’indebitamento finanziario netto per 44.629
milioni di euro.
L’Indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2011 si attesta a 44.629 milioni di euro,
registrando un decremento di 295 milioni di euro (-0,7%) rispetto al 31 dicembre 2010. In
particolare, i flussi di cassa generati dalla gestione operativa e dalle cessioni di taluni asset non
strategici sono stati parzialmente compensati dagli investimenti effettuati nel periodo e dal
pagamento dei dividendi. Al 31 dicembre 2011, l’incidenza dell’indebitamento finanziario netto sul
patrimonio netto complessivo, il cosiddetto rapporto debt to equity, si attesta a 0,82 a fronte di 0,83
di fine 2010, mentre il rapporto tra Indebitamento finanziario netto ed Ebitda è pari a 2,5 (2,6 al 31
dicembre 2010).
Gli Investimenti effettuati nel 2011 sono pari a 7.484 milioni di euro (di cui 6.845 milioni di euro
riferibili a immobili, impianti e macchinari) e si incrementano di 394 milioni di euro rispetto al
2010.
Al 31 dicembre 2011 i Dipendenti del Gruppo sono pari a 75.360 unità (78.313 unità a fine 2010).
Il decremento registrato, pari a 2.953 unità, è da riferire sostanzialmente alle variazioni di perimetro
riferite a cessioni di società effettuate nel corso dell’esercizio (-2.462 unità) e al saldo netto tra
assunzioni e cessazioni (-491 unità). Al 31 dicembre 2011 i dipendenti impegnati nelle società del
Gruppo con sede all’estero sono pari a 38.518 unità.

RISULTATI 2011 DELLA CAPOGRUPPO
La Capogruppo Enel SpA, nella propria funzione di holding industriale, definisce gli obiettivi
strategici a livello di Gruppo e coordina le attività delle società controllate. Svolge inoltre la funzione
di tesoreria centrale, provvede alla copertura dei rischi assicurativi, fornisce assistenza e indirizzi in
materia di organizzazione, gestione del personale e relazioni industriali, nonché in materia
contabile-amministrativa, fiscale, legale e societaria. Inoltre, fino al 31 dicembre 2011, Enel SpA è
stata titolare di un contratto pluriennale di importazione di energia elettrica sulla frontiera elvetica.

I Ricavi della Capogruppo nel 2011 ammontano a 762 milioni di euro, con un incremento di 85
milioni di euro rispetto al 2010 (+12,6%), riferibile principalmente ai maggiori ricavi per
prestazioni di assistenza e consulenza rese alle società controllate (37 milioni di euro) e da vendita
di energia elettrica (24 milioni di euro), nonché al provento generato dalla vendita della
partecipazione detenuta in Deval SpA (21 milioni di euro).

I Proventi netti da cessione di partecipazioni, pari a zero nell’esercizio 2011, si riferivano nel 2010
essenzialmente alla plusvalenza, al netto dei costi di transazione, derivante dalla cessione di una
quota pari al 30,8% della partecipazione posseduta in Enel Green Power SpA effettuata mediante
offerta globale di vendita (728 milioni di euro).

L’Ebitda dell’esercizio 2011, negativo per 63 milioni di euro, registra una riduzione di 722 milioni
di euro rispetto al 2010. Tale variazione è riferibile essenzialmente alla rilevazione nell’esercizio
precedente del citato provento netto derivante dalla cessione della quota di minoranza di Enel Green
Power.

L’Ebit del 2011 è negativo per 96 milioni di euro e, inclusivo di ammortamenti e perdite di valore
pari a 33 milioni di euro (22 milioni di euro nell’esercizio 2010), registra una riduzione di 733
milioni di euro rispetto al 2010, in linea con l’andamento del margine operativo lordo.

Gli Oneri finanziari netti e proventi da partecipazioni risultano positivi per 2.351 milioni di euro
(2.237 milioni di euro nel 2010) e includono (i) dividendi distribuiti dalle società controllate e da
altre imprese per 3.223 milioni di euro (3.369 milioni di euro nel 2010) e (ii) oneri finanziari netti
per 872 milioni di euro (1.132 milioni di euro nel 2010). In particolare, la riduzione degli oneri
finanziari netti, pari a 260 milioni di euro, è riferibile essenzialmente al decremento degli oneri netti
da strumenti derivati su tassi, ai maggiori interessi attivi maturati sui conti correnti intersocietari,
nonché agli effetti connessi alla rilevazione nel 2010, ed all’esercizio nel corso del 2011, della
“bonus share” concessa nell’ambito dell’offerta globale di vendita di azioni di Enel Green Power.

L’Utile dell’esercizio 2011 ammonta a 2.467 milioni di euro, a fronte di 3.117 milioni di euro del
2010.

L’Indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2011 risulta pari a 13.594 milioni di euro, in
aumento di 280 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010, per effetto essenzialmente dell’utilizzo



                                                  Pag. 50
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




di linee di credito bancarie i cui effetti sono stati parzialmente compensati dai rimborsi effettuati nel
corso dell’esercizio.

Il Patrimonio netto al 31 dicembre 2011 ammonta a 24.190 milioni di euro, in diminuzione di 326
milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010. Tale variazione è riferibile essenzialmente alla
distribuzione del saldo sul dividendo dell’esercizio 2010 (per 1.693 milioni di euro), nonché
dell’acconto sul dividendo dell’esercizio 2011 (per 940 milioni di euro), nonché all’utile
complessivo rilevato nell’esercizio 2011 (per 2.307 milioni di euro).

AVVENIMENTI RECENTI
In data 30 novembre 2011 è stata data esecuzione all’accordo stipulato il 24 ottobre 2011 tra Enel e
CVA SpA (CVA) che prevede la cessione da parte di Enel del 51% del capitale di Deval SpA e
Vallenergie SpA per un corrispettivo complessivo di circa 40 milioni di euro. CVA, società della
Regione Valle d’Aosta, era già titolare del restante 49% del capitale delle società in questione.
La cessione è stata effettuata a seguito del nulla osta da parte dell’Autorità Garante della
Concorrenza e del Mercato.

In data 5 dicembre 2011 è stato siglato un Protocollo tra Regione Emilia-Romagna ed Enel, nel
contesto del Piano energetico regionale, per un uso più efficiente dell’energia su tutto il territorio
interessato e il ricorso a fonti rinnovabili per la produzione, unitamente all’impegno per ridurre le
emissioni di CO2.

In data 8 dicembre 2011 l'agenzia Standard & Poor's ha posto sotto osservazione (“creditwatch”) per
un eventuale abbassamento il rating di Enel a lungo termine, attualmente pari ad “A-”. Tale
modifica segue di pochi giorni l’analoga revisione disposta da Standard & Poor's in merito al rating
della Repubblica Italiana e tiene conto della composizione dell’azionariato di Enel, che vede una
partecipazione pubblica pari a circa il 31% del capitale della Società.

In data 16 gennaio 2012 la Società ha provveduto a fornire al mercato alcune valutazioni
preliminari circa gli effetti per il Gruppo Enel del nuovo sistema tariffario nazionale per le attività di
distribuzione e misura dell’energia elettrica. In base a stime preliminari di Enel, il nuovo quadro
regolatorio determinerà un livello di ricavi tariffari per il 2012 in leggero incremento rispetto al
2011. In particolare, in base a tali stime, all’avvio del periodo regolatorio 2012-2015 il capitale
investito netto riconosciuto ai fini regolatori (così detta Regulatory Asset Base - RAB) dovrebbe
attestarsi per le attività di distribuzione e misura della controllata Enel Distribuzione SpA a circa
21,5 miliardi di euro, al netto della RAB per le attività di commercializzazione della controllata Enel
Servizio Elettrico SpA, pari a circa 0,4 miliardi di euro.
Nel periodo 2012-2015 il tasso medio di remunerazione del capitale investito (così detto WACC) per
le attività di distribuzione e misura è stato fissato al 7,6%, in aumento rispetto al precedente periodo
regolatorio 2008-2011 (quando è risultato pari al 7% per la distribuzione e al 7,2% per la misura).
Per quanto riguarda i costi operativi, è stato confermato per il periodo 2012-2015 il meccanismo di
price cap, che prevede l’aggiornamento annuale delle tariffe per tener conto del tasso di inflazione e
di un tasso di riduzione annuale dei costi riconosciuti (così detto X factor) pari al 2,8% per le attività
di distribuzione e al 7,1% per le attività di misura (risultati pari, rispettivamente, all’1,9% e al 5% nel
periodo regolatorio 2008-2011).

In data 2 febbraio 2012 Enel ha concluso l’operazione, avviata nel tardo pomeriggio del giorno
precedente, finalizzata alla cessione di 102.384.037 azioni ordinarie, pari al 5,1% del capitale
sociale, di Terna SpA. Il corrispettivo complessivo è risultato pari ad 281 milioni di euro ed ha
comportato per Enel una plusvalenza su base consolidata di 178 milioni di euro, al netto degli oneri
accessori. Il quantitativo venduto è pari al totale della partecipazione attualmente posseduta da Enel
in Terna, le cui azioni sono negoziate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da
Borsa Italiana SpA. L’operazione, realizzata attraverso una procedura di accelerated bookbuilding
rivolta a investitori istituzionali italiani ed esteri, si è chiusa ad un prezzo finale di assegnazione pari
a Euro 2,74 per azione. L’operazione è stata regolata mediante consegna dei titoli e pagamento del
corrispettivo in data 7 febbraio 2012.

In data 13 febbraio 2012, si è chiusa anticipatamente l’offerta pubblica delle obbligazioni Enel a
tasso fisso e a tasso variabile riservate ai risparmiatori retail. Nel corso dell’offerta, Enel ha
aumentato il valore nominale dell’offerta, inizialmente prevista in 1,5 miliardi di euro, fino
all’importo complessivo massimo di 3 miliardi di euro, a fronte di una domanda che è stata
superiore a 5 miliardi di euro. L’ammontare complessivo emesso risulta essere pari a 2,5 miliardi di


                                                   Pag. 51
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




euro con riferimento alle obbligazioni a tasso fisso, e a 500 milioni di euro con riferimento alle
obbligazioni a tasso variabile. Per quanto riguarda le obbligazioni a tasso fisso (con scadenza 20
febbraio 2018), il tasso di interesse nominale annuo lordo è pari al 4,875%, mentre l’emissione è
avvenuta a un prezzo pari al 99,95% del loro valore nominale. Gli interessi maturati saranno
corrisposti agli investitori annualmente in via posticipata.
Le obbligazioni a tasso variabile (anch’esse con scadenza 20 febbraio 2018), sono invece fruttifere di
interessi che saranno corrisposti agli investitori semestralmente in via posticipata e calcolati al tasso
variabile nominale annuo pari all’Euribor a 6 mesi maggiorato di un margine pari a 310 punti base;
tali obbligazioni sono state emesse a un prezzo pari al 100% del loro valore nominale.

In data 27 febbraio 2012, General Electric e la controllata Enel Distribuzione SpA, società che
gestisce oltre l’85% della rete elettrica di distribuzione italiana, hanno raggiunto un accordo di
partnership strategica che avrà durata fino al 31 dicembre 2014, finalizzato allo sviluppo di progetti
di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni di CO2 su tutto il territorio nazionale.
L’approccio integrato ai progetti, le sinergie fra le competenze tecniche e finanziarie del gruppo
General Electric, abbinate all’esperienza di Enel Distribuzione nell’ambito del meccanismo
incentivante dei titoli di efficienza energetica, potranno consentire di implementare con efficacia
operativa interventi complessi su clienti specifici. Le due società avvieranno al più presto i primi
progetti per diffondere su larga scala soluzioni innovative sotto il profilo tecnologico, gestionale e
finanziario, cogliendo anche le opportunità dei recenti sviluppi nella normativa incentivante
l’efficienza energetica in Italia e coinvolgendo diversi partner su tutto il territorio nazionale
specializzati per tecnologie e clienti target.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE
Il quadro macroeconomico globale si presenta ancora molto incerto e, nelle economie mature
europee, il ciclo economico non sembra presentare, al momento, segnali di ripresa, con previste
contrazioni del PIL in Spagna e in Italia. Nei paesi emergenti dell’Europa dell’Est, in Russia e nei
paesi dell’America Latina, al contrario, si evidenziano trend positivi di crescita e di consolidamento
dell’economia. Il Gruppo proseguirà, quindi, il percorso di crescita intrapreso nei citati paesi
emergenti, nonché il proprio impegno nel settore delle fonti rinnovabili, con l’intento di rafforzare
nello stesso il ruolo di leader a livello mondiale.
Si conferma, altresì, la ricerca e l’innovazione tecnologica tra le priorità strategiche per rendere più
efficiente e responsabile il modo di produrre e consumare energia. Si continuerà a porre la massima
attenzione alla qualità del servizio per i clienti finali ed al valore dei rapporti con le comunità locali
attraverso una trasparente politica di responsabilità sociale d’impresa.
Il Gruppo continuerà a realizzare programmi di efficienza operativa e a massimizzare le sinergie in
tutti i Paesi in cui opera, oltre a seguire una rigorosa disciplina nelle scelte di investimento al fine di
migliorare ulteriormente la propria posizione finanziaria consolidata.
In tale contesto, la diversificazione geografica e tecnologica raggiunta dal Gruppo, unitamente ad un
portafoglio ben equilibrato tra attività regolate e non regolate, potrà consentire di controbilanciare
in grande misura l’impatto che la segnalata debolezza delle economie europee, in particolar modo in
Italia ed in Spagna, potrebbe avere sui energetici risultati del Gruppo.

ASSEMBLEA E DIVIDENDI
Il Consiglio di Amministrazione di ENEL spa ha inoltre convocato l’Assemblea degli azionisti per il
prossimo 30 aprile 2012, in unica convocazione di parte ordinaria e straordinaria.
Tale Assemblea sarà chiamata anzitutto, in sede ordinaria, ad approvare il bilancio di esercizio e ad
esaminare il bilancio consolidato 2011, nonché a deliberare circa la distribuzione di un dividendo
complessivo relativo all’intero esercizio 2011 di 0,26 euro per azione. Il monte dividendi relativo
all’esercizio 2011 risulta quindi pari a circa 2.445 milioni di euro a fronte di un utile netto
consolidato ordinario (ossia riconducibile alla sola gestione caratteristica) pari a circa 4.097 milioni
di euro, in linea con la politica dei dividendi finora applicata e caratterizzata da un pay-out pari al
60% dell’utile netto consolidato ordinario.
Si ricorda in proposito che il Consiglio di Amministrazione di ENEL spa, nella riunione del 28
settembre 2011, ha deliberato la distribuzione agli azionisti di un acconto sul dividendo
dell’esercizio 2011 pari a 0,10 euro per azione, il cui pagamento è avvenuto a decorrere dal 24
novembre 2011 con data di “stacco cedola” coincidente con il 21 novembre 2011. Per quanto
concerne il saldo del dividendo dell’esercizio 2011, pari ad euro 0,16 per azione, il Consiglio di
Amministrazione propone di fissare il 18 giugno 2012 come data di “stacco cedola” e il 21 giugno
2012 per il pagamento. Al pagamento del saldo del dividendo concorre esclusivamente l'utile di
esercizio 2011 di Enel SpA, pari a 2.467 milioni di euro (di cui 940 milioni di euro già distribuiti a
titolo di acconto).


                                                  Pag. 52
Bilancio 2011                                                             Fondazione Banca del Monte di Lucca




EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E OBBLIGAZIONI IN SCADENZA
Le principali emissioni obbligazionarie effettuate dal Gruppo Enel nel corso 2011 sono le seguenti:
- emissione, in data 25 gennaio 2011, di prestiti obbligazionari in pesos colombiani da parte di
    Emgesa per un controvalore complessivo di 290 milioni di euro;
- emissione, nei mesi di marzo e giugno 2011, nell’ambito del programma di Global Medium
    Term Notes, di prestiti obbligazionari da parte di Enel Finance International NV nella forma di
    private placement e piazzamenti pubblici (relativamente ai franchi svizzeri), con garanzia di
    Enel SpA, le cui caratteristiche sono di seguito indicate:
- 150 milioni di euro a tasso fisso 5,6% con scadenza 10 marzo 2031;
- 50 milioni di euro a tasso fisso 5,65% con scadenza 21 marzo 2030;
- 150 milioni di franchi svizzeri a tasso fisso 2% con scadenza 23 dicembre 2015;
- 100 milioni di franchi svizzeri a tasso fisso 3% con scadenza 23 giugno 2020;
- 11.500 milioni di yen a tasso fisso 1% con scadenza 14 giugno 2018;
- emissione, in data 15 giugno e 17 ottobre 2011, di prestiti obbligazionari in real brasiliani da
    parte di Ampla e Coelce per un controvalore complessivo di 311 milioni di euro;
- emissione, in data 12 luglio 2011, nell’ambito del programma di Global Medium Term Notes, di
    un prestito obbligazionario da parte di Enel Finance International NV, con garanzia di Enel SpA,
    destinato a investitori istituzionali per un controvalore complessivo di 1.750 milioni di euro,
    strutturata nelle seguenti due tranches:
- 1.000 milioni di euro a tasso fisso 4,125% con scadenza 12 luglio 2017;
- 750 milioni di euro a tasso fisso 5% con scadenza 12 luglio 2021;
- emissione, in data 24 ottobre 2011, nell’ambito del programma di Global Medium Term Notes,
    di un prestito obbligazionario da parte di Enel Finance International NV, con garanzia di Enel
    SpA, destinato a investitori istituzionali per un controvalore complessivo di 2.250 milioni di
    euro, strutturata nelle seguenti due tranches:
- 1.250 milioni di euro a tasso fisso 4,625% con scadenza 24 giugno 2015;
- 1.000 milioni di euro a tasso fisso 5,750% con scadenza 24 ottobre 2018.
- Nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2012 e il 30 giugno 2013 è prevista la scadenza di
    prestiti obbligazionari dell'importo complessivo di 4.818 milioni di euro, di cui:
- 600 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso dalla Capogruppo
    Enel SpA, in scadenza nel mese di marzo 2012;
- 400 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso variabile, emesso dalla
    Capogruppo Enel SpA, in scadenza nel mese di marzo 2012;
- 300 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso variabile, emesso da Endesa
    Capital, in scadenza nel mese di luglio 2012;
- 400 milioni di sterline inglesi (consolidati per un controvalore di 479 milioni di euro) relative a
    un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso da International Endesa BV, in scadenza nel
    mese di luglio 2012;
- 230 milioni di dollari statunitensi (consolidati per un controvalore di 178 milioni di euro)
    relativi a un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso da International Endesa BV, in
    scadenza nel mese di settembre 2012;
- 150 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso variabile, emesso da
    International Endesa BV, in scadenza nel mese di novembre 2012;
- 1.000 milioni di dollari statunitensi (consolidati per un controvalore di 773 milioni di euro)
    relativi a un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso da Enel Finance International NV, in
    scadenza nel mese di gennaio 2013;
- 700 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso da International
    Endesa BV, in scadenza nel mese di febbraio 2013;
- 750 milioni di euro relativi a un prestito obbligazionario a tasso fisso, emesso dalla Capogruppo
    Enel SpA,in scadenza nel mese di giugno 2013.

2D5 - TERNA SPA
La FBML detiene n. 200.000 azioni per un valore di carico di € 340.000 che le danno una
interessenza nel capitale dello 0,010%.

RISULTATI 2011: SETTIMO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA
Salgono Ricavi, Ebitda, Utili e Investimenti. Dividendo a quota 21 centesimi




                                                Pag. 53
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




• 2011: impatto negativo della Robin Hood Tax compensato dai proventi delle Attività Non
Tradizionali; Utile Netto delle Attività Continuative Adjusted1 a quota 465,3 milioni di euro (+1,1%)
• Dividendo complessivo a 21 centesimi di euro per azione grazie ai proventi delle Attività Non
Tradizionali, in linea con l’esercizio precedente
• Record investimenti per la rete: 1.219,8 milioni di euro (+5% sul 2010)

Milano, 20 marzo 2012 – Il Consiglio di Amministrazione di TERNA SpA, riunitosi sotto la
presidenza di Luigi Roth, ha approvato il Piano Strategico 2012-2016 e i risultati 2011.
Il Piano e i risultati vengono illustrati dall’Amministratore Delegato Flavio Cattaneo nel corso di un
incontro con la comunità finanziaria e i media.
“Abbiamo superato un anno di crisi in modo molto soddisfacente” - ha commentato
l’Amministratore Delegato Flavio Cattaneo. “Congiuntura negativa e Robin Hood Tax hanno pesato
molto ma per il settimo anno consecutivo i nostri risultati sono stati comunque positivi grazie ad una
strategia preventiva sul business non tradizionale e non regolamentato, 1 Scontati gli effetti
complessivamente imputabili alla cosiddetta “Robin Hood Tax” (153,8 milioni) e all’adeguamento
dell’Irap (8,7 milioni) e al netto delle altre poste straordinarie (-24,5 milioni). Per il 2010 rettifiche
straordinarie pari a -5 milioni.
L’innovazione e la tecnologia. Strategia che crescerà anche nei prossimi anni. Efficienza, sicurezza e
minor costo per il sistema elettrico e creazione di valore per gli azionisti sono i driver dell’azione
futura. La nuova politica dei dividendi è coerente con la strategia di creazione di valore e darà
ancora soddisfazioni agli azionisti. Il 2012 è partito bene e l’impegno di tutta la squadra di Terna mi
convince che avremo un anno ancora in crescita”.
PIANO STRATEGICO 2012-2016
Focus su tecnologia e innovazione per la sicurezza della rete; cresce l’impegno sulle Attività Non
Tradizionali
La rete del futuro per un nuovo sistema elettrico
Nei prossimi 5 anni saranno investiti 4,1 miliardi di euro per la sicurezza e l’ammodernamento della
Rete elettrica, dei quali l'82% sarà destinato allo sviluppo della Rete. Se si considerano anche gli 1,2
miliardi già investiti nel 2011, il piano d’investimenti raggiunge i 5,3 miliardi, superando così i 5
miliardi del precedente Piano.
Ai 4,1 miliardi, si deve aggiungere fino a circa 1 miliardo di euro per la realizzazione di sistemi di
accumulo a batterie per 240 MW, al momento non ancora autorizzati e a condizione comunque
dell’ottenimento di una congrua remunerazione. Lo sviluppo della rete elettrica resta quindi
prioritario anche nel nuovo Piano.
Valorizzando le forti competenze tecniche e ingegneristiche della Società, oltre al miliardo di euro
per la realizzazione delle batterie, potrebbero rientrare tra le Attività Non Tradizionali fino a 900
milioni di investimenti, sia in Italia che all’estero, in progetti per clienti privati, dove il rendimento
atteso è maggiore di quello delle attività regolamentate. Viene così praticamente raddoppiato
l’ammontare obiettivo di spesa in Attività Non Tradizionali (fino a 1,9 miliardi di euro) rispetto al
miliardo previsto nel Piano precedente.
Pertanto, nell’arco di Piano si prevede che possano essere investiti fino a 6 miliardi di euro.
Terna svilupperà a regime oltre 300 cantieri in tutta Italia, per un valore di 2,9 miliardi di euro,
e nel corso del 2012 partiranno i cantieri di tre opere strategiche: l’elettrodotto a 380 kV Foggia-
Benevento, tra Puglia e Campania; l’elettrodotto a 380 kV Trino – Lacchiarella, tra Lombardia e
Piemonte; l’elettrodotto a 380 kV Dolo – Camin, tra Venezia e Padova. Proseguiranno, poi, i lavori
iniziati nel 2011 del “ponte elettrico” “Sorgente – Rizziconi”*, tra Sicilia e Calabria per oltre 730
milioni di euro di investimenti, si procederà con il piano di ammodernamento e razionalizzazione
delle grandi aree metropolitane che coinvolge le città di Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo,
Genova per un investimento complessivo di circa un miliardo di euro.

Miglioramento dei margini
L’aumento dei ricavi e il controllo dei costi si tradurranno in un Ebitda cumulato negli anni di Piano
2012-16 in crescita del 19% circa rispetto al precedente Piano quinquennale. La crescita annuale
media dell’Ebitda passerà dal 5% al 7,5%, con un consistente miglioramento del cash flow operativo.

L’Ebitda margin alla fine del periodo sarà superiore all’80%, in crescita rispetto al target del 78% del
vecchio Piano.

Struttura finanziaria più forte




                                                  Pag. 54
Bilancio 2011                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




Prosegue l’impegno per il rafforzamento dei coefficienti patrimoniali. Nel corso del Piano
l’Indebitamento Netto si stima crescere di 1,6 miliardi di euro a 6,7 miliardi, che implica una
riduzione significativa di 1 miliardo di euro rispetto al Piano precedente.
La struttura del capitale rimane solida: nell’arco di Piano il rapporto tra Indebitamento Netto e RAB
si mantiene inferiore al 55% in tutti gli anni di Piano e migliora il rapporto tra Indebitamento Netto
ed Ebitda rispetto al 4,2x di fine 2011, rimanendo sotto le 4 volte.

Nuova politica dei dividendi
A partire dal 2012 si prevede un dividendo base dalle Attività Tradizionali pari a 19 centesimi di
euro per azione, a cui si aggiungerà il contributo delle Attività Non Tradizionali (pay out del 60% sui
risultati e/o gains).

Revisione sistema tariffario
Il nuovo meccanismo tariffario per il periodo 2012-2015 ha rivisto il livello di remunerazione degli
investimenti e anche la tipologia di investimenti che ricadono nelle diverse categorie. L’Autorità per
l’Energia e il Gas ha previsto alla fine del 2013 una revisione della componente ‘Risk Free’ nella
determinazione del WACC, considerando il rendimento medio annuale dei BTP a 10 anni nel
periodo novembre 2012 - ottobre 2013.

Flessibilità finanziaria
Per aumentare la propria flessibilità finanziaria, Terna potrebbe eventualmente valutare la cessione
di un gruppo di asset per reinvestire i proventi in nuovi investimenti di sviluppo, senza mettere a
rischio nel lungo termine la stabilità della struttura del capitale.

Nuovo assetto organizzativo
La distinzione tra Attività Tradizionali e Attività Non Tradizionali si riflette sul nuovo assetto
organizzativo che sarà operativo a partire dal 1° a prile 2012 con due Società dipendenti dalla
Holding. La prima, Terna Rete Italia S.p.A., si occuperà delle attività di trasmissione e di
dispacciamento. La seconda, Terna Plus S.r.l., sarà focalizzata sulle nuove Attività Non Tradizionali,
sia in Italia che all’estero, tra le quali i sistemi di accumulo a batterie.

I RISULTATI CONSOLIDATI 2011
Ricavi a 1.635,6 milioni di euro (+2,9%); Ebitda a 1.229,7 milioni di euro (+4,7%); Ebit a 835,6
milioni di euro (+2,6%); Utile Netto delle attività continuative adjusted a 465,3 milioni di euro,
(+1,1%); Investimenti per la rete a 1.219,8 milioni di euro (+5%); dividendo proposto per il 2011:
21 centesimi di euro per azione, in linea con quello distribuito nel 2010
I Ricavi dell’esercizio 2011, pari a 1.635,6 milioni di euro, sono riferiti alla Capogruppo per circa
1.484,5 milioni di euro e alla controllata Terna Rete Italia per circa 150,1 milioni e registrano un
aumento di 46,4 milioni di euro (+2,9% rispetto ai 1.589,2 milioni di euro del 2010). Tale
incremento è originato principalmente dal maggiore corrispettivo per l’utilizzo della rete, in crescita
di 74,6 milioni di euro, parzialmente compensato dai maggiori proventi one-off rilevati nel 2010 (-
11,8 milioni di euro) e dai minori ricavi per prestazioni di ingegneria impiantistica a favore di terzi
(- 10 milioni di euro).

I Costi di esercizio operativi ammontano a 405,9 milioni di euro (di cui 394,4 milioni di euro per la
Capogruppo e 10,8 milioni per la controllata Terna Rete Italia S.p.A.) e registrano un decremento di
circa 8,4 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente (-2%) essenzialmente attribuibile ai minori
costi per materiali e prestazioni di ingegneria impiantistica.

L’Ebitda (Margine Operativo Lordo) si attesta a 1.229,7 milioni di euro, con un incremento di 54,8
milioni di euro rispetto ai 1.174,9 milioni di euro del 2010 (+4,7%). L’Ebitda margin passa dal
73,9% del 2010 al 75,2% del 2011.

Gli Ammortamenti complessivi dell’esercizio crescono di 33,6 milioni di euro rispetto al 2010,
attribuibili alla Capogruppo per 30 milioni di euro, principalmente per l’entrata in esercizio di
nuovi impianti, e alla controllata Terna Rete Italia per +3,5 milioni di euro.

L’Ebit (Risultato Operativo) è pari a 835,6 milioni di euro, in crescita di 21,2 milioni di euro
(+2,6%) rispetto agli 814,4 milioni di euro del 2010.




                                                Pag. 55
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




Gli Oneri finanziari netti dell’esercizio si attestano a 121,0 milioni di euro e registrano un
incremento (18,5 milioni di euro) rispetto ai 102,5 milioni di euro del 2010, imputabile
principalmente all’incremento dell’indebitamento e dei tassi di interesse.

Le Imposte sul reddito a carico dell’esercizio sono pari a 387,3 milioni di euro, con una crescita di
140,5 milioni di euro (+56,9%) rispetto al 2010, essenzialmente per effetto della ‘manovra
correttiva bis’ (c.d. Robin Hood Tax) a fronte di un risultato ante imposte sostanzialmente in linea
con il 2010. Il tax rate dell’esercizio, pari al 54,2%, senza tener conto degli effetti fiscali “one off” si
attesta al 46,0%, in crescita di circa 11 punti rispetto al dato del 2010, sostanzialmente in
conseguenza delle addizionali IRES (+10,7%) e IRAP (+0,5%) sull’utile ante imposte.
A causa della Robin Hood Tax, l’utile netto dell’esercizio delle attività continuative si attesta a 327,3
milioni di euro (465,1 milioni nel 2010). Di conseguenza l’Utile Netto di Gruppo, grazie al risultato
delle attività operative cessate (pari a 112,7 milioni di euro), si attesta a 440,0 milioni di euro, con
una flessione di 172,0 milioni (pari a -28,1%) rispetto all’esercizio precedente. L’Utile Netto delle
Attività Continuative Adjusted2 è pari a 465,3 milioni di euro, in crescita di 5,2 milioni di euro (pari
a +1,1%) rispetto all’esercizio precedente, anche’esso rettificato delle poste one-off.

Gli investimenti complessivi effettuati dal Gruppo in Attività Tradizionali sono pari a 1.219,8 milioni
di euro, in crescita del 5% rispetto all’esercizio precedente. A questi si aggiungono 9,4 milioni di
euro su Attività Non Tradizionali, per un totale di 1.229,2.

La situazione patrimoniale-finanziaria consolidata al 31 dicembre 2011 rileva un Patrimonio netto
di Gruppo pari a 2.751 milioni di euro (a fronte dei 2.773,2 milioni di euro al 31 dicembre 2010)
mentre l’indebitamento finanziario netto è pari a 5.123,1 milioni di euro (rispetto ai 4.722,4 milioni
di euro di indebitamento finanziario netto effettivo3 delle attività continuative al 31 dicembre
2010). Il rapporto debt/equity (indebitamento finanziario netto delle attività
continuative/patrimonio netto) al 31 dicembre 2011 è pari a 1,86.

I Dipendenti del Gruppo a fine 2011 sono 3.495.

RISULTATI 2011 DELLA CAPOGRUPPO – TERNA SpA
La Capogruppo chiude il 2011 con i ricavi a 1.553,9 milioni di euro, in crescita del 3,2% rispetto ai
1.505,1 milioni di euro dell’esercizio precedente.
I costi operativi ammontano a 432,3 milioni di euro in diminuzione dello 0,8% rispetto al 2010.

L’Ebitda si attesta a 1.121,6 milioni di euro, pari al 72,2% dei ricavi (in crescita di 1,2 punti
percentuali rispetto al 2010), con un incremento di 52,3 milioni di euro rispetto ai 1.069,3 milioni
di euro dello scorso anno (+4,9%).

Gli ammortamenti, pari a 348,8 milioni di euro crescono di 30,0 milioni di euro rispetto al 2010.
Scontati gli effetti complessivamente imputabili alla cosiddetta “Robin Hood Tax” (153,8 milioni) e
all’adeguamento dell’Irap (8,7 milioni) e al netto delle altre poste straordinarie (-24,5 milioni). Per il
2010 rettifiche straordinarie pari a -5 milioni.
Il saldo include la posizione finanziaria netta attiva verso RTR al 31 dicembre 2010 (euro 254,6
milioni).

L’Ebit è pari a 772,8 milioni di euro, in crescita del 3% (pari a +22,3 milioni di euro) rispetto al
2010.

Gli oneri finanziari netti, pari a 8,8 milioni di euro, rilevano un consistente decremento rispetto agli
87,7 milioni di euro del 2010. Tale variazione è riconducibile sostanzialmente alla distribuzione dei
dividendi effettuata dalla controllata Suntergrid nel corso dell’esercizio (euro 100,0 milioni), che ha
più che compensato gli effetti dell’incremento dell’indebitamento netto e dell’andamento dei tassi di
interesse di mercato nel corso del 2011.

Le imposte sul reddito sono pari a 344,2 milioni di euro, in crescita rispetto all’esercizio precedente
di 112,1 milioni di euro (+48,3%), sostanzialmente per effetto della manovra fiscale sopradescritta
(c.d. Robin Hood Tax) a fronte di un risultato ante imposte in crescita di 101,2 milioni di euro
rispetto al 2010.

L’utile netto dell’esercizio delle attività continuative si attesta a 419,8 milioni di euro, con una
riduzione di 10,9 milioni di euro (-2,5%) rispetto ai 430,7 milioni di euro del 2010. L’utile netto


                                                   Pag. 56
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




dell’esercizio, incluso il risultato derivante dalle attività destinate alla vendita (pari a 33,8 milioni di
euro per il rilascio del fondo riferito alle obbligazioni contrattuali connesse alla cessione di Terna
Participações), si attesta a 453,6 milioni di euro, rispetto ai 432,1 milioni di euro dell’esercizio
precedente.
Lo situazione patrimoniale-finanziaria evidenzia un Patrimonio Netto pari a 2.555,3 milioni di euro
(a fronte dei 2.546,9 milioni di euro del 2010), mentre l’indebitamento finanziario netto èpari a
4.805 milioni di euro (+601,2 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010).

FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO
Entrate in vigore le delibere per il nuovo periodo di regolamentazione tariffaria 2012-2015
In data 2 gennaio 2012 sono entrate in vigore le delibere n. 199/11, n. 204/11 e n. 197/11 con
lequali l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha stabilito, per il nuovo periodo di regolazione
2012- 2015, la remunerazione per l’erogazione dei servizi di trasmissione, distribuzione, misura e
dispacciamento dell’energia elettrica e la regolazione della qualità del servizio di trasmissione. Tra le
novità introdotte dalla delibera n.199/11, l’AEEG porta il tasso di remunerazione base del capitale
investito riconosciuto (WACC) dal precedente 6,9% al 7,4%, e ne stabilisce una revisione entro
novembre 2013, a valere per il secondo biennio del periodo regolatorio (2014-2015). A partire dal
2012, l’AEEG ha riconosciuto un ulteriore 1% forfettario sul WACC, finalizzato a compensare
l’effetto del cosiddetto “regulatory lag”, ovvero il ritardo con cui la tariffa remunera gli investimenti
effettuati. La delibera n. 204/11 aggiorna per il 2012 il corrispettivo per il servizio di
dispacciamento dell’energia elettrica, pari a 0,0526 €c/kWh. La delibera n. 197/11 sulla
regolazione della qualità del servizio conferma il quadro del precedente periodo regolatorio basato
su un meccanismo di premi/penalità. La qualità del servizio sarà monitorata solo dall’indicatore
dell’Energia Non Fornita. Con tale meccanismo l’impatto massimo potenziale è stimato per il Gruppo
Terna compreso nel range -12/+30 milioni di euro l’anno.

Terna unica nella Gold Class dell’annuario Sam (Sustainability Yearbook 2012)
In data 30 gennaio 2012 Terna, unica società elettrica italiana e tra le migliori del mondo, è entrata
nella Gold Class del Sam – Sustainability Yearbook 2012, l’annuario dell’agenzia internazionale di
rating che effettua lo screening delle aziende valutandone la possibilità di accesso, di permanenza o
l’esclusione dai prestigiosi indici Dow Jones. Se paragoniamo questo risultato con quelli degli anni
precedenti (la Silver Class del 2011 e la Bronze Class del 2010) si vede come Terna ribadisca e anzi
migliori il proprio posizionamento ai vertici mondiali del settore, piazzandosi davanti ai migliori
operatori internazionali.

Emissione obbligazionaria a 5 anni per 1,25 miliardi di euro
In data 13 febbraio 2012 Terna ha lanciato sul mercato un’emissione obbligazionaria in euro, a
tasso fisso, con scadenza a 5 anni, per totali 1,25 miliardi di euro, nell’ambito del proprio
programma di Euro Medium Term Notes (EMTN) a cui è stato attribuito un rating A- Credit Watch
Negative da Standard and Poor’s, A3 Outlook Negative da Moody’s e A da Fitch.
Il bond ha scadenza il 17 febbraio 2017, cedola annuale pari a 4,125 % e prezzo di emissione pari a
99,809% ed è stato prezzato con uno spread di 257 punti base rispetto al midswap. I titoli sono stati
quotati presso la Borsa del Lussemburgo.

Conferma del rating da parte di S&P
Lo scorso 8 marzo, Standard & Poor’s (S&P) ha confermato il rating di lungo e breve termine
dimTerna SpA rispettivamente ad 'A-' ed 'A-2' ed il rating del debito senior non garantito ad 'A-'. Allo
stesso tempo, l'Agenzia ha rimosso il rating di lungo termine della Società ed il rating del debito
senior non garantito dallo stato di 'CreditWatch' con implicazioni negative, stato in cui gli stessi
erano stati posti l'8 dicembre 2011. L'outlook è negativo.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE
L’esercizio 2012 vedrà la Società impegnata nella realizzazione di quanto previsto nel Piano
Strategico 2012-2016 approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20 marzo 2012, con
investimenti complessivi in linea rispetto all’esercizio appena concluso.
In particolare il Gruppo sarà impegnato nel completamento dell’implementazione della nuova
struttura societaria e organizzativa che prevederà una maggiore focalizzazione sulle attività non
tradizionali.
Con riferimento al Piano di Sviluppo la Società continuerà a sviluppare e realizzare le
interconnessioni con l’estero (Montenegro e Francia) a ridurre le congestioni della rete e a garantire
la connessione degli impianti di generazione da fonti rinnovabili.



                                                   Pag. 57
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                          Bilancio 2011




Inoltre, nel corso del 2012, saranno avviate le attività propedeutiche legate alla realizzazione dei
progetti di sistemi di accumulo presentati nel Piano di Sviluppo.
In termini di ricavi si registrerà un aumento della componente regolamentata riconducibile agli
investimenti realizzati nel 2010 e agli impatti della recente revisione tariffaria.
In continuità con gli anni precedenti la Società perseguirà l’attività di razionalizzazione dei processi
e efficienza sui costi operativi, assicurando al contempo la massima qualità del servizio di
trasmissione e di dispacciamento.
Con riferimento alla gestione finanziaria la recente emissione obbligazionaria ha garantito le risorse
disponibili all’attività d’impresa fino al 2015.



2E – NEXTAM PARTNERS SGR SPA
Riportiamo fedelmente parte di quanto contenuto nella relazione Nextam: “Osserviamo che nel
corso del 2011, il portafoglio mobiliare della Fondazione sotto consulenza è passato da 50,745,807
euro al 31 Dicembre 2010 a 41,919,710 euro, questa diminuzione è dovuta in gran parte
all’aumento di capitale della vostra conferitaria.
Riteniamo che il portafoglio della Fondazione abbia un’allocazione eccessiva alla componente
azionaria (23%) considerata nel suo complesso. Osserviamo che il 13% è investito nel titolo Banca
Carige, che possiamo classificare come partecipazione strategica. In questa ottica, ovvero escludendo
l’investimento in Banca Carige, riteniamo che circa il 10% di allocazione al mercato direzionale sia
corretta. Tuttavia anche in questa prospettiva e alla luce del fatto che questa partecipazioni
strategica è detenuta in un titolo italiano, suggeriamo di mantenere sempre una buona
diversificazione del restante portafoglio azionario in merito al quale rileviamo un’eccessiva
concentrazione sul mercato europeo/domestico a scapito di quello americano.
Suggeriamo, pertanto, di aumentare l’esposizione al mercato USA a fronte di una riduzione
dell’esposizione alle azioni domestiche.
Riteniamo, infine, che il portafoglio dovrebbe costruire una posizione in prodotti maggiormente
decorrelati con i mercati azionari a scapito della componente obbligazionaria.

Il 2011 verrà ricordato come l’anno in cui la crisi dei mercati governativi europei ha realizzato un
triste salto di qualità passando da un paese economicamente poco rilevante come la Grecia, il cui
contributo al PIL europeo è di circa il 2%, ad un paese centrale negli equilibri economico-politici
europei come è invece l’Italia.
A partire dal mese di giugno i mercati hanno messo in atto una netta inversione di tendenza rispetto
all’ottimismo mostrato nella prima metà dell’anno, iniziando a dubitare e testare la tenuta dei conti
pubblici italiani. Come in una profezia che si auto avvera, le condizioni di servizio del debito via via
più onerose hanno iniziato a pesare sul sistema bancario e sull’economia reale, soffocati da costi di
finanziamento troppo elevati e continue manovre di aggiustamento fiscale dall’impatto anticiclico e
recessivo. In altri termini, quella che è nata come una crisi di fiducia dei mercati finanziari si è nel
tempo trasformata in una crisi che ha investito l’economia reale, dando ulteriore sostegno ai timori
iniziali di tenuta dei conti pubblici. Come se non bastasse, la classe politica europea, invece che
aiutare la terza economia dell’Unione ponendo un limite oltre al quale la crisi di fiducia e gli elevati
tassi d’interesse non sarebbero più stati tollerati, ha gettato benzina sul fuoco mettendo
pubblicamente in dubbio l’autorevolezza e l’impegno del Paese. Anche l’Italia è quindi entrata in una
spirale negativa in grado di portare al default nell’arco di poche settimane. In questo scenario
catastrofico il mercato è stato travolto dal terrore del contagio, andando a colpire uno ad uno tutti
gli asset rischiosi, tra cui le obbligazioni societarie ed in particolar modo quelle finanziarie. Gli
spread sono schizzati ai massimi mentre l’unico strumento in grado di proteggere i risultati si è
rivelato essere il Bund ed in generale le obbligazioni risk free, presenti nell’indice con un peso di
oltre il 50%.

Indicazioni per l’anno in corso
L’anno che si è appena chiuso ha visto delle flessioni pesanti dei mercati azionari ed in particolare di
quelli obbligazionari. Durante l’anno, infatti, abbiamo avuto innanzitutto una serie di revisioni al
ribasso delle stime degli analisti per quanto riguarda l’Europa.
A metà anno, la grave crisi del debito governativo dei paesi periferici ha portato a problemi di credit
crunch per l’economia reale e di funding per il sistema bancario.
Tuttavia, a partire da ottobre scorso, in Europa sono stati sostituiti i cinque governi dei paesi
cosiddetti PIIGS, un acronimo tanto vero quanto difficile da accettare per dei paesi che dell’Europa
sono stati i fondatori. A novembre si è insediato alla BCE Mario Draghi, quale nuovo e proattivo



                                                 Pag. 58
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




presidente della Banca Centrale. A partire da ottobre abbiamo assistito al manifestarsi della ripresa
USA, con l’uscita di dati macro sempre più incoraggianti.
Abbiamo dunque iniziato il nuovo anno con alcuni elementi incoraggianti che riteniamo
influenzeranno positivamente l’andamento dei mercati nel corso del 2012.
Il governo Monti sta procedendo con un programma di riforme minimale ma essenziale, molto
apprezzato sia in Italia che, soprattutto, all’estero. Questo si sta concretizzando in un restringimento
degli spread, ovvero in ossigeno per il sistema bancario e, conseguentemente, industriale del nostro
paese.
Il nuovo programma di rifinanziamento a lungo termine annunciato dalla BCE rappresenta un
ulteriore elemento di stimolo dei mercati e dell’economia.
Insomma, riteniamo che questo 2012 sia impostato in maniera diversa rispetto all’anno precedente e
che, date le attuali valutazioni, sia opportuno un ribilanciamento dell'esposizione azionaria ed un
rilassamento dei parametri di sicurezza cui noi ci siamo sempre attenuti, ovvero solo titoli
governativi tedeschi. Ecco: riteniamo importante ricostituire un’esposizione significativa anche ai
titoli governativi italiani, aventi duration medie.
Sempre sul fronte obbligazionario, invitiamo ancora a considerare i subordinati bancari, oggetto in
questo mese di gennaio di alcuni richiami da parte degli emittenti stessi. Questo riteniamo sia un
segnale importante da cogliere prontamente. Da parte nostra non abbiamo mai ridotto la loro
esposizione e invitiamo a considerare l’ipotesi di non consegnare i titoli aventi step up elevati.
Per quanto riguarda la componente azionaria, oltre ad un generale incremento del peso, suggeriamo
di incrementare in modo particolare la componente USA.

Come evidenziato precedentemente, elenchiamo in forma sintetica quanto Nextam Partners SIM
propone per il primo Trimestre 2012:
Azioni: considerando la partecipazione in Banca Carige come strategica, consigliamo di aumentare
la diversificazione geografica della restante parte del portafoglio azionario. In particolare
suggeriamo di ridurre la componente europea domestica a favore del mercato azionario americano.
Consigliamo, inoltre, un eventuale incremento verso gestori caratterizzati da una minore
correlazione con il mercato azionario.
Commodities: suggeriamo di mantenere la medesima esposizione.
Hedge: consigliamo di costruire gradualmente una posizione in portafoglio verso fondi Hedge,
privilegiando le strategie più liquidite e decorrelate.
Obbligazioni: invitiamo la Fondazione a riflettere sulla concentrazione verso i titoli di debito italiani.
Ribadiamo la necessità di avere in portafoglio una componente risk free oltre al fatto di ottenere una
diversificazione settoriale relativamente alle obbligazioni societarie. Per quanto riguarda i Tier 1 in
portafoglio, segnaliamo come nel corso dei mesi di Gennaio e Febbraio sono state annunciate da
alcune delle principali Banche Italiane (Unicredit, Banco Popolare di Lodi, UBI e Intesa Sanpaolo)
delle offerte di riacquisto facoltative (c.d. tender offer) relative ai titoli subordinati, in particolare
Tier 1. Tra i titoli che le Banche si offrono di ricomprare, sono presenti alcuni titoli che la
Fondazione detiene in portafoglio.
A nostro avviso non è conveniente partecipare ai riacquisti dei titoli essendo ancora valida l’idea
sottostante l’investimento, ovvero la percezione di un elevato flusso cedolare attraverso una classe di
attivi che è destinata a scomparire dati i cambiamenti regolamentari messi in atto da Basilea III e
dalla CRD IV.
I titoli subordinati emessi prima del 2010-2011 sono difatti destinati a scomparire da qui al 2021
non essendo stati in grado di adempiere al loro obiettivo primario: la creazione di un cuscinetto loss
absorbing in grado di fornire capitale alle banche emittenti nei momenti di crisi. La subordinazione
difatti è rimasta vincolata alla possibilità di fallimento degli istituti e si è rivelata del tutto inutile nel
processo di ricapitalizzazione resosi necessario in Europa in seguito alla crisi. La risposta dei
regolatori al problema si è quindi sviluppata tra le altre cose verso la creazione di nuove tipologie di
strumenti ibridi, in grado di convertirsi da debito a capitale e di ricapitalizzare in via automatica un
istituto che si trovasse in temporanea difficoltà. Dato questo cambiamento regolamentare è stato
previsto un arco di tempo all’interno del quale le banche avrebbero dovuto sostituire (cioè
richiamare) i vecchi titoli con quelli nuovi o con forme alternative di capitale azionario.
Il comportamento attuale degli emittenti, che hanno lanciato offerte di riacquisto sul mercato, non fa
altro che confermare la nostra idea iniziale che questi titoli devono e saranno destinati a scomparire
dal mercato.
Il fatto che data la congiuntura attuale di valutazioni depresse e liquidità semi-illimitata fornita dalle
BCE si sia creata una finestra per permettere alle banche emittenti di riacquistarli sotto la pari, non
modifica a nostro avviso l’orientamento generale che spingerà gli emittenti a richiamare questi
strumenti alla pari.



                                                    Pag. 59
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                               Bilancio 2011




Inoltre, i titoli da noi selezionati presentano una caratteristica fondamentale che costituisce un
margine di sicurezza rispetto alla rischiosità tipica dei titoli subordinati: lo step up elevato. In caso di
mancato richiamo questi titoli presentano infatti un flusso cedolare molto oneroso che da un lato
remunera l’investitore anche in caso di forte incertezza legata al richiamo, dall’altro impatta a conto
economico sull’emittente che è quindi incentivato a richiamare il titolo per sostituirlo con qualcosa
di meno oneroso, che oggi è la liquidità delle BCE ma che tra qualche anno potrebbe essere un
mercato obbligazionario di nuovo funzionante su livelli “normali”.
Infine, segnaliamo che per diverse obbligazioni, tra cui quelle di UBI e Banco Popolare, sarebbe
prevista una clausola che imporrebbe all’emittente di pagare la cedola in caso di riacquisti sui titoli e
che metterebbe quindi al sicuro il pagamento della cedola anche in un anno difficile come il 2012.
L’adesione all’operazione non permetterebbe, tra l’altro, di trovare titoli altrettanto interessanti in
termini di flusso cedolare e rendimento.”



2F - ALTRE TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO
2F1 - POLIZZE DI CAPITALIZZAZIONE
I contratti di capitalizzazione sono caratterizzati dalla garanzia della restituzione del capitale
investito al netto delle commissioni d’ingresso e della corresponsione di un rendimento minimo pari
al 2,00%; nei fatti il rendimento annualmente determinato risulta superiore a detto minimo e viene
consolidato a favore dell’assicurato, al lordo delle imposte maturate, che vengono prelevate solo
all’atto di disinvestimento, ed al netto della percentuale trattenuta annualmente sul rendimento da
parte della compagnia.

Le caratteristiche ed i risultati dell’investimento sono indicati nella tabella che segue.
                                                                                                    NUOVA         NUOVA
                               GENERALI           GENERALI         ASSITALIA         MILANO         TIRRENA       TIRRENA
 valore a inizio anno           1.140.785,00       108.913,00      1.121.564,47      1.138.973,62    16.271,28    1.549.111,86
 caricamenti                               0,00          0,00                 0,00           0,00         0,00            0,00
 premio investito               1.140.785,00       108.913,00      1.121.564,47      1.138.973,62    16.271,28    1.549.111,86
 giorni investimento                       365           365                  365             365             0             0
 valore riscatto a fine anno    1.179.114,98       112.572,51      1.143.995,76      1.174.623,49    16.463,28    1.567.391,38
 rendimento lordo                     38.329,98      3.659,51         22.431,29        35.649,87        192,00      18.279,52
 imposte differite                     4.791,25       457,44              2.803,91       4.456,23        24,00        2.284,94
 rendimento netto                     33.538,73      3.202,07         19.627,38        31.193,64        168,00      15.994,58
 rendimento % lordo
 annuo dichiarato                           nd            nd                   nd          3,68%        4,33%           4,33%
 Trattenuto                                 nd            nd                   nd          0,60%        1,00%           0,50%
 rendimento riconosciuto
 ante imposte                               nd            nd                   nd          3,13%        2,00%           4,33%
I rendimenti sono stati rilevati dalle comunicazioni ufficiali pervenute dalle compagnie o dalle
indicazioni trasmesse dagli agenti di zona.

2F2 - DEPOSITI A TERMINE
Al 31/12/2011 la Fondazione non ha depositi a termine.

2F3 - BUONI POSTALI FRUTTIFERI
La Fondazione mantiene l’investimento nei buoni fruttiferi postali che ha un rendimento che a
tutt’oggi risulta competitivo rispetto ad altre forme a pari grado di rischio.

2F4 – QUOTE FONDO DI INVESTIMENTO
La Fondazione, a fine 2008, ha sottoscritto una quota nel Fondo Toscana Innovazione emesso dalla
SICI, cui partecipano i principali enti ed istituzioni della Regione, al fine di favorire lo sviluppo
economico territoriale, mediante il sostegno allo start up di imprese innovative. Nel corso del 2011
la Fondazione è stata richiamata a versare la seconda tranche di € 40.000,00 portando al 43% il
totale versato rispetto a quanto sottoscritto.




                                                                Pag. 60
Bilancio 2011                                                                  Fondazione Banca del Monte di Lucca




2F5 – OBBLIGAZIONI
A fine anno il portafoglio obbligazionario della Fondazione ammontava a circa 31 milioni, con
un’allocazione pari al 49% in titoli governativi, pari al 47% in titoli societari, di cui 21% subordinati
(BML 2013, Carige 2018, Levante e Unicredit) e al 4% in investimenti a breve termine aventi
carattere monetario, ovvero Bubill tedeschi ed il fondo FT Euro Liquid Reserve e liquidità. La
componente governativa in titoli, quindi escludendo i fondi, risulta essere concentrata all’83% in
Italia e al 17% in Germania, mentre la parte societaria, anche questa fortemente concentrata in Italia
per la quasi totalità dei titoli, risulta essere esposta ai titoli del settore finanziario, rappresentati per
lo più da posizioni appartenenti al settore bancario ed in particolare al Gruppo Carige.
Data questa allocazione del portafoglio obbligazionario, il rendimento a scadenza risulta essere pari
a circa il 4.5%, mentre la sensibilità del portafoglio a movimenti di tassi e spread (duration) è
stimabile pari a 2.21 anni.
È evidente l’opportunità di una riduzione della concentrazione eccessiva in Italia, nonché
l’opportunità, da un lato, di una maggiore allocazione ad investimenti risk free, in grado di fornire
una maggiore protezione del capitale, e, dall’altro lato, di una più ampia diversificazione settoriale
sulla componente societaria. Queste operazioni potranno essere facilitate se si allenteranno le
tensioni del mercato dei titoli governativi manifestatesi nel 2011 e se si ridurrà l’elevata illiquidità
che si manifesta nei momenti di stress più acuto, tensione e illiquidità che influenzano fortemente gli
investimenti.

2F6 - COMMODITIES
In data 14 marzo 2011 la Fondazione ha investito € 439.497 nella componente commodities con
l’acquisto dell’ETF UBS CMCI Composite SF nel quale le materie prime sono al 70% legate
all’energia.




                                                   Pag. 61
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                Bilancio 2011




TERZA SEZIONE:
                                                                         L’ATTIVITÀ ISTITUZIONALE

Il quadro generale – profili quantitativi
Continuano le ripercussioni sui bilanci, anche delle Fondazioni bancarie, della crisi ancora in atto,
visti gli andamenti della Borsa e dell’economia reale.

I dati, anche nel 2012, potrebbero, non migliorare: le preoccupazioni, infatti, continuano, vista la
perdurante diminuzione registrata dai rendimenti dei titoli di Stato e delle obbligazioni d’impresa e
visto i dividendi, di recente deliberati sul bilancio 2011, in genere inferiori ai dividendi deliberati
nel 2011 sul bilancio 2010. I primi mesi del 2012 hanno invece segnato un miglioramento nei
risultati della Banca e nell’utile che farebbe bene sperare anche per il 2013.

Nel 2012 potrebbe essere necessaria quindi l’integrazione del plafond definito in sede di Documento
Programmatico Previsionale, con il ricorso di nuovo ai fondi facoltativi per attività istituzionali, che
la Fondazione ha accumulato secondo legge, Statuto e prassi prudenziale negli ultimi anni; ricorso
nei limiti già disposti dall’Organo di Indirizzo.

Il relativo contenimento delle disponibilità finanziarie da dedicare all’attività istituzionale rende
necessario selezionare ancor di più gli obiettivi del sostegno sussidiario e le proposte che pervengono
dalla comunità locale di riferimento.

Continuerà altresì la ricerca del miglior collegamento fra asset allocation e interventi istituzionali, al
fine di ottenere da un lato il mantenimento del valore patrimoniale e un’adeguata redditività dagli
investimenti e dall’altro il mantenimento del sostegno adeguato al territorio, che sempre più sta
manifestando bisogni, talora essenziali.

La Fondazione, nonostante la crisi, ha conservato il valore del patrimonio e, utilizzando
parzialmente i fondi, ha mantenuto un livello adeguato delle erogazioni.

Risorse destinate all’attività istituzionale
La Fondazione, in sede di Documento Programmatico Previsionale, oltre a determinare il plafond
assegnato allo svolgimento delle attività istituzionali, ha indicato la ripartizione delle risorse fra i
settori scelti dall’Organo di Indirizzo, nell’ambito dei settori ammessi.

Come già indicato e, visto l’art. 7, co. 2 del Provvedimento del Ministro del Tesoro 19.04.2001
(pubblicato in G.U. 26.4.2001 n. 96), parte delle somme accantonate nel fondo di stabilizzazione
delle erogazioni e nei Fondi per le erogazioni è stata destinata dal Consiglio di Amministrazione, su
delibera dell’Organo di Indirizzo, a onorare impegni pluriennali, a far fronte a impegni urgenti non
previsti ed a contribuire a iniziative e progetti ritenuti meritevoli di sostegno, ove il plafond stabilito
per ciascun settore nel Documento Programmatico Previsionale è risultato insufficiente.

La sintesi dell’attività istituzionale è illustrata dai dati, dalle tabelle e dai grafici seguenti.

                                             DPP INIZIALE                   VARIAZIONI               CONSUNTIVO
       Settore                           importo     importo %          importo    importo %    importo     importo %
                                        INIZIALE      INIZIALE           variato     variato   consuntivo   consuntivo
       Arte Attività e beni culturali     415.000            22,3%             0           0      808.863          30,9%
       Educazione, Istruzione e
                                          415.000                              0           0      547.788
       Formazione                                            22,3%                                                 20,9%
       Volontariato, Filantropia e
                                          371.217                              0           0      592.073
       Beneficenza                                           19,9%                                                 22,6%
       Sviluppo Locale                    420.000            22,6%             0           0      580.241          22,1%
       Protezione e Ricerca
                                          240.000                              0           0       91.400
       Ambientale                                            12,9%                                                  3,5%
       Totale                           1.861.217           100,0%             0           0    2.620.365         100,0%




                                                              Pag. 62
Bilancio 2011                                                                                           Fondazione Banca del Monte di Lucca




L’attività istituzionale si è basata prevalentemente sull’esame e la selezione delle proposte pervenute
con il Bando annuale. Continua però la partecipazione attiva della Fondazione al processo di
definizione dei progetti e delle iniziative, fin dal loro sorgere o successivamente; l’apporto della
Fondazione ad una migliore definizione degli obiettivi e delle modalità di realizzazione si può
riscontrare in molti dei progetti cui è stato assegnato un contributo.

Il rapporto tra erogazioni nei settori rilevanti e erogazioni nel settore ammesso è il seguente.
                                                             Progetti                  Erogazioni deliberate
                                                      N                 %             Euro               %
                          Settori rilevanti           382                   99,0%     2.528.965              96,5%
                          Settore ammesso                4                   1,0%        91.400                3,5%
                          Totale                       386              100,0%        2.620.365           100,0%


Erogazioni
I contributi sono stati erogati con l’avanzo netto dell’anno e con un prelievo dai fondi per le
erogazioni nei settori rilevanti e dal fondo di stabilizzazione delle erogazioni, il detto prelievo è stato
inferiore a quanto concesso dall’Organo di Indirizzo per ragioni cautelative, profilandosi la necessità
di attingere da quei fondi anche nel 2012.




                                                     RICHIESTE PERVENUTE                                 RICHIESTE ACCOLTE
                                              Progetti            Importo richiesto               Progetti        Erogazioni Deliberate
                                       N.            %             Euro              %         N.        %             Euro        %
 Arte Attività e beni culturali         249          38,4%         6.136.192         50,5%     108       28,0%         808.863     30,9%
 Educazione, Istruzione e               141          21,8%         2.007.052         16,5%     101       26,2%         547.788     20,9%
 Formazione
 Volontariato, Filantropia e            173          26,7%         2.619.594         21,5%      115      29,8%         592.073     22,6%
 Beneficenza
 Sviluppo Locale                         71          11,0%         1.243.740         10,2%      58       15,0%          580.241    22,1%
 Protezione e Ricerca Ambientale         14           2,2%           154.341          1,3%       4        1,0%           91.400     3,5%
 Totale                                 648         100,0%        12.160.920        100,0%     386      100,0%        2.620.365   100,0%


Le percentuali di accoglimento delle richieste rispetto ai settori di pertinenza evidenziano un
sorpasso del settore sociale (29,8%) sugli altri settori, anche su quello culturale, sebbene questo
continui ad essere il primo rispetto all’entità dell’erogato (30,9%). Confrontando le percentuali degli



                                                                    Pag. 63
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                           Bilancio 2011




importi richiesti, con quelle degli importi erogati è evidente la preferenza accordata al settore sociale
ed a quello dello sviluppo economico, in conformità alla volontà di partecipare ad alleviare gli effetti
della crisi e venire incontro ai bisogni primari in un momento di particolari difficoltà.

La preferenza accordata ai progetti sociali, assieme alla decisione degli Organi di venire incontro ai
bisogni primari in un momento di particolare difficoltà, continua l’incremento dei valori medi delle
delibere, ma rimane tuttora variegata la ripartizione fra le classi d’importo.

Rimane variegato il valore medio dei contributi in tutti i settori come da grafico che segue.




Si mantiene stabile, rispetto all’anno precedente, il numero delle richieste pervenute nell’arco
dell’intero esercizio, a fronte della costante crescita registrata negli esercizi precedenti. La quantità e
l’entità dei contributi richiesti non ha mai consentito alla Fondazione, né la consentirà, di accogliere
tutte le proposte e nemmeno di contribuire a quelle accolte nella misura richiesta (se non in casi
eccezionali).

Per questo è necessaria – si ripete – una selezione il più possibile ragionata e oggettiva, per la quale
la Fondazione si è appositamente attrezzata.
Nella tabella che segue è illustrata la ripartizione dei contributi rispetto alle aree territoriali in cui
viene storicamente ed economicamente ripartita la Provincia di Lucca, con indicazione degli altri
interventi che, comunque, nella maggior parte dei casi, hanno legami con il territorio provinciale,
vuoi perché l’ente organizzatore ha sede in Provincia di Lucca, vuoi perché il progetto o iniziativa
coinvolgono soggetti residenti nella Provincia o originari di essa, oppure riguardano opere, beni,
personaggi legati alla storia della Provincia.

             Area                                  Progetti           Erogazioni Deliberate     Popolazione     Pro Capite
                                              N.              %         Euro           %             N.            Euro
             Lucca                                 214        55,4%    1.781.715       68,0%          85.970          20,72
             Piana di Lucca                         46        11,9%     233.850         8,9%          73.811           3,16
             Media Valle del Serchio                17         4,4%         69.500      2,7%          33.606           2,06
             Garfagnana                             28         7,3%     111.250         4,2%          29.341           3,79
             Versilia                               51        13,2%     228.542         8,7%        167.072            1,36
             Fuori Provincia di Lucca               25         6,5%     173.008         6,6%          63.229           2,73
             Internazionale (*)                      3         0,8%         11.000      0,4%
             ESTERO                                  1         0,3%          1.500      0,1%
             Fuori Regione                           1         0,3%         10.000      0,4%      4.303.088
             Totale                                386    100,0%      2.620.365      100,0%       4.756.117            0,55
                 (*) si intendono compresi anche eventi organizzati in Provincia aventi risonanza di tipo internazionale.




                                                                  Pag. 64
Bilancio 2011                                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il medesimo prospetto, effettuato sulla base del riferimento comunale, fa emergere quanto segue.
                    Comune                Progetti               Erogazioni Delibrate          Popolazione    Pro Capite
                                    N.           %                Euro              %              N.           Euro
      ESTERO                             3           0,8%              11.000           0,4%
      ALTOPASCIO                         7           1,8%              20.000           0,8%       14.777           1,35
      BAGNI DI LUCCA                     1           0,3%                 800           0,0%         6.558          0,12
      BAGNO A RIPOLI                     1           0,3%                3.600          0,1%       25.767           0,13
      BARGA                              7           1,8%              36.000           1,4%       10.307           3,49
      BORGO A MOZZANO                    5           1,3%              24.700           0,9%         7.381          3,34
      CALENZANO                          1           0,3%                1.000          0,0%       15.877           0,06
      CAMAIORE                           8           2,1%              54.600           2,1%       32.289           1,69
      CAMPORGIANO                        2           0,5%                2.500          0,1%         2.317          1,07
      CAPANNORI                      31              8,0%             174.350           6,7%       45.855           3,80
      CASTELNUOVO DI GARFAGNANA      15              3,9%              58.000           2,2%         6.109          9,49
      CASTIGLIONE DI GARFAGNANA          1           0,3%                1.000          0,0%         1.896          0,52
      COREGLIA ANTELMINELLI              1           0,3%                5.000          0,2%         5.296          0,94
      FABBRICHE DI VALLICO               2           0,5%                1.500          0,1%            505         2,97
      FIRENZE                            2           0,5%                7.500          0,3%      364.710           0,02
      FORTE DEI MARMI                    2           0,5%                2.000          0,1%         7.760          0,25
      FOSCIANDORA                        1           0,3%                4.000          0,2%            633         6,31
      GALLICANO                          3           0,8%              12.750           0,5%         3.949          3,22
      LIVORNO                            2           0,5%                7.000          0,3%      160.949           0,04
      LUCCA                          214         55,4%              1.781.715       68,0%          84.640          21,05
      MASSAROSA                          6           1,6%              20.100           0,8%       22.933           0,87
      MILANO                             2           0,5%              25.758           1,0%     1.299.633          0,01
      MINUCCIANO                         1           0,3%                7.000          0,3%         2.307          3,03
      MONTECARLO                         3           0,8%                4.000          0,2%         4.573          0,87
      PESCAGLIA                          1           0,3%                1.500          0,1%         3.763          0,39
      PIAZZA AL SERCHIO                  1           0,3%                5.000          0,2%         2.494          2,00
      PIETRASANTA                        7           1,8%              36.942           1,4%       24.833           1,48
      PIEVE FOSCIANA                     1           0,3%                1.000          0,0%         2.436          0,41
      PISA                               9           2,3%              65.375           2,5%       87.461           0,74
      PORCARI                            3           0,8%                5.500          0,2%         8.582          0,64
      ROMA                               6           1,6%              56.775           2,2%     2.718.768          0,02
      SAN MARCELLO PISTOIESE             1           0,3%                5.000          0,2%         6.924          0,72
      SCARPERIA                          1           0,3%                1.000          0,0%         7.538          0,13
      SERAVEZZA                          1           0,3%                5.000          0,2%       13.440           0,37
      STAZZEMA                           3           0,8%                3.900          0,1%         3.376          1,15
      TORINO                             1           0,3%              10.000           0,4%      908.263           0,01
      VERGEMOLI                          2           0,5%              14.000           0,5%            336        41,66
      VIAREGGIO                      24              6,2%             106.000           4,0%       64.192           1,65
      VILLA BASILICA                     2           0,5%              30.000           1,1%         1.759         17,05
      VILLA COLLEMANDINA                 1           0,3%                6.000          0,2%         1.396          4,29
      BRASILE                            1           0,3%                1.500          0,1%
      Totale                        386       100,0%                2.620.365    100,0%         5.982.582           0,44

Nella tabella che segue è rappresentata la ripartizione delle erogazioni rispetto alla configurazione
dei soggetti destinatari.




                                                       Pag. 65
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                   Bilancio 2011




                                                            progetti               erogazioni deliberate
                                                      N.                %          Euro                    %

              Associazione riconosciuta                     22           5,7%          74.450           2,8%
              Associazione non riconosciuta                 46          11,9%         226.365           8,6%
              Fondazione                                    31           8,0%         562.189          21,5%
              Comitato riconosciuto                          2           0,5%           5.000           0,2%
              Coop. Sociale tipo A                           7           1,8%          23.100           0,9%
              Cooperativa (altra tipologia)                  2           0,5%          12.500           0,5%
              Altri Enti - Stato                             3           0,8%          19.500           0,7%
              Altri enti - Ente pubbl territ                67          17,4%         835.215          31,9%
              Altri enti - Ente relig/eccles                10           2,6%          38.350           1,5%
              Altri enti privati extra C.C.                  8           2,1%          32.700           1,2%
              Ente straniero                                 8           2,1%         158.698           6,1%
              Altro                                         30           7,8%         131.960           5,0%
              Persona fisica                                 1           0,3%           3.000           0,1%
              Società ex Cod.Civ.                            7           1,8%          45.335           1,7%
              ONLUS                                         11           2,8%          20.200           0,8%
              Organizzazione di Volontariato                50          13,0%         210.000           8,0%
              Istituzione scolastica                        36           9,3%          93.423           3,6%
              Forze dell'Ordine                              3           0,8%           7.080           0,3%
              Ass.Sportiva Dilettantistica                  17           4,4%          31.325           1,2%
              Ass. Promozione Sociale                       25           6,5%          89.975           3,4%
              TOTALE                                       386         100,0%       2.620.365         100,0%

Un’altra interessante indicazione proviene dalla categoria del soggetto beneficiario dei contributi
assegnati dalla Fondazione.
                                                             progetti               erogazioni deliberate
                                                       N.                %           Euro                   %
             Ospedali e strutture sanitarie
             pubbliche                                        3             0,8%          29.000               1,1%
             Ospedali e strutture sanitarie private           1             0,3%           3.000               0,1%
             Scuole ed enti di formazione
             pubbliche                                       34             8,8%         73.867                2,8%
             Scuole ed Enti di formazione privati             3             0,8%        252.000                9,6%
             Asili e Scuole materne private                   2             0,5%          2.500                0,1%
             Bibbl./musei/teatri/ist.music.
             pubblici                                         2           0,5%           37.567              1,4%
             Bibbl./musei/teatri/ist.music. privati           4           1,0%           16.200              0,6%
             Associazioni Culturali varie                    72          18,7%          355.665             13,6%
             Univer./centri studi/ist.ric. pubblici          13           3,4%           90.168              3,4%
             Enti ed Organismi assistenziali                 62          16,1%          221.375              8,4%
             Associazioni sportive e ricreative              26           6,7%           53.925              2,1%
             Associazioni naturalistiche                      3           0,8%            6.900              0,3%
             Amministrazione pubblica                        71          18,4%          840.098             32,1%
             Centri di servizio per il volontariato           1           0,3%            2.000              0,1%
             Organismi ecclesiastici e religiosi              9           2,3%           37.350              1,4%
             Altri soggetti                                  60          15,5%          421.678             16,1%
             Interventi diretti                              11           2,8%          140.422              5,4%
             Associazioni di categoria                        5           1,3%           32.450              1,2%
             N.C.                                             4           1,0%            4.200              0,2%
             TOTALE                                         386         100,0%        2.620.365        100,0%




                                                       Pag. 66
Bilancio 2011                                                                     Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il processo erogativo
Aspetti generali
L’attività istituzionale della Fondazione continua a rivolgersi prioritariamente a favore del territorio
della Provincia di Lucca, zona statutariamente e tradizionalmente di riferimento.

Detta attività, nel rispetto della natura della Fondazione, è condotta non in sostituzione, ma in
rapporto di collaborazione con gli Enti territoriali (art. 118 Cost.) e con gli altri Enti pubblici e
privati che svolgono attività di interesse generale, con obiettivi solidaristici (art. 2 Cost. e di nuovo
art. 118 Cost.).
                                                   Progetti            Erogazioni Deliberate
                 SOGGETTO BENEFICIARIO
                                              N.              %         Euro              %

                 Enti pubblici                     117         30,3%    1.113.916         42,5%
                 Enti privati                      269         69,7%    1.506.449         57,5%
                 TOTALE                            386        100,0%    2.620.365        100,0%

La Fondazione intende porsi come punto di riferimento importante per la raccolta delle energie
disponibili al fine di rendere il territorio sempre più “luogo di realizzo della solidarietà”(art. 2 e
sempre art. 118 Cost.).

Anche nell’esercizio in esame sono state seguite le linee programmatiche definite dall’Organo di
Indirizzo, salve le modifiche che si sono rese opportune a fronte del variare delle situazioni, al
sopravvenire di nuove esigenze preminenti, all’affievolirsi di quelle fino a oggi presentatesi.

L’attività svolta negli ultimi anni è stata condotta mediante la realizzazione di progetti pluriennali,
l’avvio di nuovi organismi autonomi aventi finalità similari a quelli istituzionali della Fondazione, il
sostegno a iniziative innovative e il finanziamento di attività tradizionalmente rilevanti per il
territorio che altrimenti correrebbero il rischio di andare disperse.

Questo sistema di interventi paralleli sarà continuato, cercando di evitare un eccessivo incremento
della quota di budget annua vincolata da impegni pluriennali e privilegiando quei progetti
concordati che presentino maggiore utilità per il territorio e al contempo conferiscano migliore
efficacia all’intervento della Fondazione.

Pertanto, è proseguita l’attuazione degli interventi già precedentemente approvati, previa verifica del
processo di realizzazione dei progetti, della loro effettiva utilità per il territorio, della sussistenza
delle condizioni che hanno condotto alla iniziale scelta contributiva.

In particolare, per quanto riguarda la costituzione di organismi autonomi o la partecipazione negli
stessi (es. Fondazioni), la Fondazione pone una particolare attenzione alle possibilità di sviluppo e
autofinanziamento degli stessi organismi dopo un prefissato periodo di start-up, al fine di evitare
così di disperdere le risorse disponibili in contribuzioni infruttuose, o di vincolare il proprio budget
per un tempo indefinito a favore di soggetti che non riescano a rendersi indipendenti o che non
abbiano i requisiti per essere autonomamente utili al territorio. A tal fine la Fondazione richiede che
negli statuti delle fondazioni di associazioni a cui partecipa siano inserite norme che le consentano
facile disimpegno.

In ottemperanza a quanto previsto nel DPP, la Fondazione si è dotata di una serie di criteri
orientativi delle erogazioni, parte dei quali viene inserita nel Bando annuale.

Si tratta comunque di criteri preferenziali adottati per dare un orientamento uniforme alle
valutazioni delle Commissioni consultive e alle scelte erogative della Fondazione. Questi criteri non
hanno escluso e non escludono il sostegno a progetti/iniziative anche non del tutto rispondenti a
essi, qualora sia richiesto da ragioni di necessità, opportunità, urgenza, eccezionalità.

Il lavoro svolto dalle apposite Commissioni consultive (già citate nella relazione economico
finanziaria), chiamate a esaminare le numerose richieste pervenute e a sostenere il Consiglio di
Amministrazione attraverso la proposizione di pareri motivati in merito ai progetti o alle iniziative
presentate ed anche a monitorare modalità ed effetto della realizzazione dei progetti e iniziative
accolte, si è manifestato il migliore stanziamento del processo valutativo interno.



                                                    Pag. 67
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                                             Bilancio 2011




                                                              Progetti                 Erogazioni deliberate                Di cui pluriennali
      Risorse per tipologia di settore                     N             %               Euro               %          % n progetti % importo
      Settori rilevanti                                     382          99,0%         2.528.965            96,5%             6,5%      29,7%
      Arte Attività e beni culturali                        108          28,3%           808.863            32,0%                  3,7%         16,0%
      Educazione, Istruzione e Formazione                   101          26,4%           547.788            21,7%                  9,9%         46,7%
      Volontariato, Filantropia e Beneficenza               115          30,1%           592.073            23,4%                  5,2%         22,5%
      Sviluppo Locale                                        58          15,2%           580.241            22,9%                  8,6%         40,0%
      Settori ammessi                                           4          1,0%           91.400             3,5%                 25,0%         84,8%
      Protezione e Ricerca Ambientale                           4     100,0%              91.400          100,0%                  25,0%         84,8%
      Totale                                                386       100,0%           2.620.365          100,0%                   6,7%         31,6%


                                                                Progetti                Erogazioni deliberate
                                                                                                                        valore medio interventi
       Risorse per settore di spesa                        N               %                Euro            %
       Arte Attività e beni culturali                       108            28,0%         808.863            30,9%                           7.489,47
       Educazione, Istruzione e Formazione                  101            26,2%         547.788             20,9%
                                                                                                                                            5.423,64
       Volontariato, Filantropia e Beneficenza              115            29,8%         592.073             22,6%
                                                                                                                                            5.148,46
       Sviluppo Locale                                        58           15,0%         580.241             22,1%
                                                                                                                                           10.004,15
       Protezione e Ricerca Ambientale                          4           1,0%              91.400            3,5%
                                                                                                                                           22.850,00
       Totale                                               386       100,0%           2.620.365            100,0%                          6.788,51


                                          Erogazioni a valere su                   Erogazioni a valere su          Totale          Totale erogazioni anno
                                Pag.                                  Pag.
                                               anno 2011                            esercizi precedenti          pagamenti                  2011
 Erogazioni a valere su                      n.                                       n.                                              n.
                                 N.                                    N.                                              N.
 anno 2011                                progetti    importo                      progetti       importo                          progetti       importo
 Arte Attività e beni
                                 130            48      299.622            107          63         505.650                  237           111      805.272
 culturali
 Educazione, Istruzione e
                                  36            25      274.292             54          47         200.947                   90            72      475.239
 Formazione
 Volontariato, Filantropia e
                                  73            49      186.515             74          58         434.558                  147           107      621.073
 Beneficenza
 Sviluppo Locale                  93            26      289.264             35          20         168.540                  128            46      457.804
 Protezione e Ricerca
                                      4          3       16.900              5            4            30.667                 9             7       47.567
 Ambientale
 Totale                          336          151     1.066.592            275         192        1.340.363                 611           343    2.406.955




                                                                      Pag. 68
Bilancio 2011                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




INTERVENTI ISTITUZIONALI
Si premette un capitolo illustrativo dei progetti sostenuti dalla Fondazione in occasione di eventi
straordinari occorsi nel 2011.

INTERVENTI STRAORDINARI
150 Unità d’Italia
Nell’ambito del suo programma teso a tenere viva la “memoria”, la Fondazione ha contribuito ad
una serie di iniziative celebrative del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Si ricordano in particolare i seguenti.

    La cerimonia pubblica commemorativa organizzata dalla Provincia di Lucca i 16 marzo 2011
    presso il Teatro del Giglio.
    L’esposizione dei documenti storici del Fondo Michele Rosi, realizzata dalla Provincia in
    collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa.
    La messa in scena dello spettacolo “Il venditore di carillon” realizzato dall’Associazione Kalliope
    Accademia della Voce Artistica, un racconto in parole e musica con l’omaggio alla tradizione



                                                 Pag. 69
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




    musicale italiana e non solo degli ultimi 150 anni di storia.
    L’inno di Mameli, cantato da 150 bambini in rappresentanza di tutte le scuole elementari del
    territorio comunale, in Piazza San Michele sotto il loggiato di Palazzo Pretorio organizzato dal
    Comune di Lucca alla presenza delle autorità civili e militari.
    L’acquisto di n° 300 copie del volume di Denis Mack Smith dal titolo “Garibaldi. Una vita a più
    immagini” con la prefazione di Carlo Azeglio Ciampi, edito da Passigli Editore.
    Le cinque mostre (Lucca e le Mura: itinerari del Risorgimento, Il monumento a Vittorio Emanuele
    II, L’esposizione provinciale dal 1877 nelle scritture dell’archivio Sardi, La stampa locale 1870-
    1882, L’iconografia risorgimentale) realizzate sotto il titolo “Lucca nel Risorgimento 1863-
    1897”, dal Comune di Lucca, in collaborazione con l’Università di Firenze, la Soprintendenza, il
    Museo Nazionale di Palazzo Mansi, la Biblioteca Statale, l’Archivio di Stato, il MEF, l’editrice
    M.P.Fazzi.
    Il fumetto “Le chiavi della città” realizzato su iniziativa del Comune di Lucca da Francesca Ciani,
    Iacopo Moretti e Riccardo Pieruccini su progetto di Matteo Orsi, che contiene una storia
    risorgimentale della città di Lucca tramite un linguaggio figurativo destinato soprattutto ai
    giovani.
    Un sito web appositamente dedicato alle dette mostre ed al detto fumetto.
    Celebrazioni varie organizzate dal Comune di Capannori.
    Concerti di musiche patriottiche realizzati nell’ambito del programma Associazione “Serchio
    delle Muse” a Castelnuovo, Borgo a Mozzano ed altre località della Provincia con la
    collaborazione dei Comuni interessati.
    Apposizione di una lapide in ricordo dei caduti della Guerra di Indipendenza e di una lapide in
    ricordo del patriota Vincenzo Cotenna, sul Piazzale della Chiesa di Monte S. Quirico e cerimonia
    di commemorazione dello stesso e della sua famiglia presso il Convento dei Padri Cappuccini di
    Monte S. Quirico.
    Pubblicazione con il Comune di Lucca sulla storia di “Palazzo Santini”, sede del Comune.
    Pubblicazione con il Comune di Lucca dell’opera “Viaggio con figure nel fiabesco italiano” di
    Calvino.
    Iniziative di promozione dei valori della Repubblica Italiana assunte dalla Prefettura di Lucca.
    L’organizzazione da parte della Provincia di Lucca di un concerto e di un intrattenimento
    musicale “Canzone d’autore italiano” tenutisi il 16 ed il 17 marzo 2011 presso il Palazzo Ducale,
    con presentazione del CD “Note tricolore”.
    La commemorazione da parte dell’ANPI del garibaldino lucchese Tito Strocchi.
    Il concerto per l’Unità d’Italia del 12 marzo 2011 organizzato dall’Azienda Speciale Teatro del
    Giglio.
    Iniziative varie del Comune di Castelnuovo Garfagnana (Seminari di storia, etc…).
    La Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate organizzate dal Consiglio Provinciale delle
    Associazioni d’Arma (AssoArma).
    Il concerto per il 150° Anniversario della Costituzione del primo comando dell’Arma a Lucca
    organizzato dai CC.
    La storia a fumetti dei 150 anni dell’Italia unita, pubblicata a cura del Museo del Fumetto.

Sussidio agli alluvionati lucchesi, insieme alle Fondazioni e alle Banche del territorio
Nel corso del 2011 è andato a compimento l’aiuto dato ai danneggiati dall’alluvione del Natale 2009
nell’ambito della Convenzione promossa dall’Amministrazione Provinciale di Lucca denominata
“Evento calamitoso dicembre 2009 nella provincia di Lucca – accordi per l’attivazione di interventi
in favore delle famiglie danneggiate residenti nel territorio della provincia di Lucca”.
ACRI – Iniziativa pro terremotati di Haiti
È continuata la raccolta fondi tra le Fondazioni di origine bancaria per l’aiuto alla popolazione di
Haiti, duramente colpita da un catastrofico terremoto nel gennaio 2010, che ha causato più di
260.000 vittime.
L’ACRI, sulla base del progetto dal titolo “CRESCERE INSIEME, NUTRIRSI BENE. Partnership con le
Fondazioni di origine bancaria per la lotta alla malnutrizione in Haiti”, realizzato in loco da tre Ong
- Fondazione AVSI, Fondazione Rava NPH Italia Onlus, Oxfam Italia e strutturato per sopperire ai
bisogni della post emergenza, ha invitato le fondazioni a mobilitarsi per conseguire i seguenti
obiettivi:
- rafforzare i Centri nutrizionali e sanitari di base per il monitoraggio, la prevenzione e la cura della
malnutrizione;
- migliorare la produzione agrozootecnica e la trasformazione dei prodotti agropecuari;
- produrre prodotti alimentari e lanciare un programma di educazione alimentare;
- integrare la dieta delle mense scolastiche e sostenere le famiglie degli scolari.


                                                 Pag. 70
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




L’intervento programmato è coerente con le linee di sviluppo di Haiti, come identificate sia dalla
comunità internazionale che dal Governo Haitiano, e si inquadra nei programmi pluriennali dei
soggetti proponenti.

L’importo raggiunto grazie agli stanziamenti delle 43 fondazioni partecipanti, fra cui la Fondazione
BML, ammonta a € 772.330,00.


Auditorium e Sale espositive del palazzo della Fondazione Banca del Monte di
Lucca
L’attività convegnistica ed espositiva si è sviluppata nell’arco dell’intero anno in esame grazie alla
programmazione pianificata con cura dalla Commissione Immobili, che ha tenuto conto del costante
incremento di richieste di utilizzo degli spazi, della volontà di proseguire con l’allestimento delle
mostre degli artisti locali dell’opportunità di intercalarle con esposizioni di artisti affermati e/o
retrospettive di rilievo.

Segue il calendario completo degli eventi e delle mostre che hanno interessato per tutto l’anno gli
spazi disponibili.

         Data                Organizzatore                                 Titolo
    18-dic / 9-genn   Lions Club                   100 Anni 100 immagini
        8-gen         FBML - Corpo Musicale        Concerto di Natale
                      Città di Lucca
         11-gen       Società Lucchese dei Lettori Presentazione Libro: Roberto Pazzi “Mi spiacerà morire
                                                   per non vederti più”
         12-gen       UNIPI                        Tavola Rotonda: Valutazione delle politiche e
                                                   partecipazione civile
        14-gen        FBML                         Presentazione libro Emmanuel Pesi: Resistenze Civili
     15-gen/6-feb     Mostra                       Antologika di Giampaolo Frizzi
        29-gen        Soroptimist International    Convegno" Nascere in Toscana: un parto su misura"
         1-feb        Società Lucchese dei Lettori Presentazione libro di Andrea Bajani “Ogni promessa”
         4-feb        Quality Evolution            Seminario: Acustica degli edifici
                      consulting SRL
         7-feb        CNA Lucca                    Convegno: Uniti sulla Strada Sicura
    12-feb / 27-feb   Mostra Mirta Vignatti        Giardini Sognanti
        24-feb        Casa Editrice la Tribuna     Convegno: Misure pre-cautelari, interrogatorio
                                                   dell'indagato e diritto di difesa"
         26-feb       Comune di Lucca              Presentazione libro di Antonella Manzione: Martina va
                                                   alla guerra
          3-mar       Ordine Architetti            Incontro Tecnico Bim Mediazione
          4-mar       Giuristi Cattolici           Convegno "Impegno dei cattolici nell vita sociale e
                                                   politica tra i dopoguerra e il Concilio Vaticano II"
    5-mar / 20-mar    Mostra Luporini              Campi di Luce
        8-mar         Maria Pacini Fazzi           Presentazione Libro di Teresa Tosi: “La rosa canina e
                                                   altri fiori di parole”
         15-mar       Società Lucchese dei Lettori Presentazione libro Giuseppe Schillaci “L’anno delle
                                                   Ceneri”
         18-mar       Caritas Lucca                Presentazione libro di Luigino Bruni e Alessandra
                                                   Smerilli "La leggerezza del ferro"
         25-mar       Ordine Architetti di Lucca   Convegno: "La trasformazione del paesaggio e
                                                   l'autorizzazione Ambientale Semplificata"
         30-mar       Società Medico chirurgica Convegno: “L'ospedale per intensità di cura nell'ambito
                      lucchese                     del piano sanitario nazionale”
          5-apr       Società Lucchese dei Lettori Presentazione libro di Mari Alessandro: "Troppo
                                                   Umana Speranza"
          8-apr       Società Medico chirurgica    Convegno: “La medicina di iniziativa”
                      lucchese
         15-apr       FBML-IMT                     Seminario sul nuovo assetto dell’UE a poco più di un
                                                   anno dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona
         15-apr       Società Medico chirurgica    Convegno: “La Società della salute”
                      lucchese
         16-apr       Ordine avvocati              Corso per difensori di ufficio



                                                   Pag. 71
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                       Bilancio 2011




         Data                    Organizzatore                                    Titolo
        29-apr             Ordine Architetti di Lucca   Conferenza Nazionale Ordine degli Architetti
        30-apr             Ordine degli Avvocati        Corso per difensori di ufficio
    16-apr / 1-mag         Roberto Angelo Fiori         Mostra Ego Sapiens
        5-mag              Fondazione Campus            Lectio Magistralis “La città ospitale:come
                                                        programmare lo sviluppo turistico locale” del Prof.
                                                        Niccolò Costa
          6-mag            Ordine Architetti di         Riunione caparol sui sistemi di isolamento termico a
                           Lucca& Caparol SRL           cappotto
          7-mag            CLUSTER                      Tavola Rotonda per I I00 anni della Rivista
                                                        LuccaMusica
    7-mag /22-mag          Marino Consani               SopraSotto
       11-mag              Missio Diocesi Lucca         Presentazione documentario e dibattito a seguire
                                                        “Rassegna del cinema e cultura africana”
         14-mag            Associazione Italiana        Congresso: “Obiettivo: Over 100 - le ultime frontiere
                           Donne medico sez. Lucca      della medicina”
         16-mag            Ordine avvocati              Corso per difensori di ufficio
         23-mag            Ordine dei consulenti del    Corso di formazione
                           lavoro
         29-mag            CLUSTER                      Concerto – spettacolo multimediale del liceo musicale
         30-mag            FBML-IMT                     Seminario “La legislazione antireciclaggio: i nuovi
                                                        indicatori di anomalia e le funzioni di compliance”
         31-mag            Società Lucchese dei Lettori Presentazione libro di Anna Likhons:"Divorzio
                                                        all'Islamica"
     5-giu / 26-giu        Antonio Possenti              Mostra Zoo Possenti
         6-giu             CLUSTER                      Presentazione Libro di Ilaria Biagini "Quando la musica
                                                        è donna"
         8-giu             Ordine degli Architetti      Incontro tecnico sulla sicurezza
         9-giu             Panathlon Club               Presentazione 6 finalisti Premio Bancarella Sport
         10-giu            FBML                         Convegno “Città di Lucca….diventare accessibile”
         11-giu            Ordine degli Avvocati        Corso per difensori di ufficio
         23-giu            FBML –IMT - BML              Seminario sul governo delle fondazioni di origine
                                                        bancaria, per definire lo stato dell’arte su composizione
                                                        ed attività prevalenti degli organi di governo e sulla
                                                        relazione tra il loro operato e le strategie filantropiche
         24-giu            Ordine dei consulenti del    corso di formazione
                           lavoro
     2-lug / 16-lug        Alessandro Ballerini         Mostra Terre di Lucca Storie e misteri
         26-lug            FBML                         Cerimonia di consegna dei diplomi per la
                                                        frequentazione al Master in “Valutazione degli
                                                        interventi di politica sociale e di sviluppo territoriale”
     3-sett / 18-sett      Gianpaolo Bianchi            Mostra Costellazioni
          9-set            Ordine Avvocati di Lucca     Corso per difensori d'ufficio
          9-set            Ordine Architetti Lucca      Incontro tecnico decreto sviluppo
         12-set            Lo Schermo.it                Presentazione edizione del "Lo Schermo.it" in lingua
                                                        inglese
          21-set           Associazione Italiana        Tavola rotonda: L'assistenza alla malattia dell'Alzheimer
                           Malattie di Alzheimer
        23-set             Ordine Architetti Lucca      Incontro tecnico: grafica, stampa firme per architettura
     24-sett / 9-ott       Raffaello Di Vecchio         Mostra InTarsia
        28-set             Onlus Wabzeliwick -          Conferenza del Prof. Nardone: "uscire dalle trappole
                           Nardone                      (abbuffarsi, vomitare, torturarsi) in tempi brevi"
           8-ott           Confartigianato              Seminario: Come affrontare l'invecchiamento celebrale:
                                                        quali mezzi di prevenzione, quali cure sono a
                                                        disposizione e cosa offre
                                                        “il territorio"
          11-ott           CLUSTER                      Concerto inaugurale della stagione autunnale
                                                        dell’associazione in omaggio a Gaetano GianiLuporini e
                                                        alla sua musica del 75° compleanno di Giani Luporini
          15-ott           Giani Luporini               Inaugurazione mostra dipinti “Ancora cantano i miei
                                                        colori”
          18-ott           CLUSTER                      Giancarlo Cardini con concerto pianistico di otto poesie
                                                        di GianiLuporini musicate da
          19-ott           Collegio Geometri della      Riunione dei collegi provinciali
                           Provincia di Lucca
          22-ott           Promolucca editrice          Consegna premio "Scrivi la frase d'amore piu bella"




                                                        Pag. 72
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




           Data             Organizzatore                                  Titolo
                                                 organizzato nell’ambito della mostra Exposposi
          25-ott      CLUSTER                    Tavola Rotonda "Fare Musica oggi" con la
                                                 partecipazione di compositori lucchesi
          29-ott      CLUSTER                    Tavola Rotonda "La situazione della musica a Lucca -
                                                 Parte seconda"
          3-nov       CLUSTER                    Concerto dei primi tre classificati al concorso
                                                 internazionale di composizione San Rossore
          4-nov       Parrocchia di Monte San    Presentazione del libro di Roberto Pizzi e a cura del
                      Quirico                    prof.Romiti: “La famiglia Cotenna di Monte S. Quirico
                                                 ed il risorgimento Lucchese"
         11-nov       Ordine Architetti Lucca    Incontro tecnico sulla sicurezza
         12-nov       Ordine Avvocati Lucca      corso di formazione
         18-nov       Associazione               Convegno: “Misure di prevenzione e protezione
                      Prevenzioneincendiitalia   incendi”
         18-nov       Ordine Avvocati Lucca      Corso sul processo amministrativo
         19-nov       Collegio Geometri della    Riunione dei collegi provinciali
                      Provincia di Lucca
         19-nov       Soroptimist / BML Spa      Seminario “Riformare la giustizia: Necessità di
                                                 vendetta? “
         21-nov       CLUSTER                    Concerto del chitarrista finlandese Patrick Kleemola
         26-nov       Associazione Cenacolo      Presentazione del libro sui re Magi di Franco Cardini
                      delle Muse                 “Il giglio, la stella e tre corone”
         26-nov       LuccaDigitalPhotoFest      Inaugurazione Mostra: Fotografi per un giorno
         29-nov       COMUNE DI LUCCA            Convegno: il disagio abitativo tra pubblico e privato:
                                                 possibili modelli di intervento
          16-dic      Ezio Ricci                 Mostra “Ezio Ricci, Lessico familiare”
          17-dic      Corpo Musicale città di    Concerto di Natale
                      Lucca
          19-dic      CCIAA Lucca                Seminario: Turchia e Croazia in fase di adesione
                                                 all'Unione Europea - prospettive e opportunità per le
                                                 pmi"

Seguono alcune indicazioni in merito ai principali eventi.

Mostre

Giampaolo Frizzi - Antologika
Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del prof. Roberto Giovannelli,
Giampaolo orienta inizialmente la sua ricerca pittorica verso un tipo di surrealismo convenzionale,
che richiama la maniera di Dalì e di Mark Ernst. A partire dal 1989 Frizzi comincia una
rivisitazione assai personale del manierismo alla Beccafumi/Rosso Fiorentino, non disdegnando
‘citazioni’ dal luminoso romanticismo di William Turner. Fra il 1991 e il 1992 organizza tre mostre
personali di produzioni ( apprezzate, per inciso, dal non dimenticato Pier Carlo Santini) . La mostra
“Antologika”, inaugurata il 15 gennaio, è composta da un nucleo di circa quaranta opere, frutto di
un lavoro lungo e articolato che si estende dalla fine degli anni Ottanta fino al 2010 e rappresenta
un “ focus on” sull’evoluzione artistica di Frizzi lungo un periodo relativamente esteso, dagli esordi
“citazionistici” e archeologici sino alla riscoperta di una dimensione umana più intima, soggettiva e
espressionista.

Arianna Luporini – Campi di Luce
Vi è uno stretto legame tra Arianna Luporini e la Fondazione Banca del Monte di Lucca.
E’ lei che due anni orsono ha inaugurato le sale espositive della Fondazione, dando il via a questo
progetto di incontro tra la città ed i suoi artisti, che continua con sempre più fecondi risultati.
Un suo grande bel quadro – che rappresenta i luoghi pucciniani con suffuso stupore, che pare
tradursi in musica nostalgica – arreda l’ingresso dell’auditorium della Fondazione, luogo di
frequenti manifestazioni di ogni tipo, quasi a testimoniare il legame tra pittura e musica ed ogni
altra espressione d’arte e di cultura.
Arianna è stata tra i primi ad essere insignita del titolo di “amico della Fondazione” e anche con lei è
nata l’associazione degli “Amici della Fondazione”. Da allora, la pittrice ha varcato le porte delle
Mura e si è confrontata col mondo, al pari dei nostri antenati, che portavano le mercanzie nelle
Fiandre e nella Catalogna. Arianna ha esposto le sue opere in varie città d’Italia ed anche all’estero.
Oggi torna più ricca di esperienza e di consensi, eppur torna in punta di piedi, con un ciclo di opere




                                                 Pag. 73
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




nuove, dove rappresenta stati d’animo delicati, paesaggi di luce che riflettono la sua persona,
luminosa.

Angelo Roberto Fiori – Ego sapiens
La Fondazione Banca del Monte di Lucca, nell’ambito della sua attività di promozione delle
espressioni artistiche e culturali, ospita Angelo Roberto Fiori, pittore molto apprezzato dalla critica
come dal pubblico, originario della Garfagnana e formatosi all’Istituto d’Arte di Lucca (con i Maestri
Antonio Luporini, Pierluigi Romani e Mario Palagi) e all’Accademia di Firenze. Dalle sue opere
traspare una personalità complessa – difficilmente riconducibile ad una corrente definita – capace di
emozionare l’osservatore con composizioni figurative finemente orchestrate, di coinvolgerlo in
sinfonie di forme e colori, in una esperienza sensitiva fuori dall’ordinario.
L’esposizione di Fiori è un saluto alla primavera incipiente e un omaggio di primavera alla comunità
lucchese, sempre più attenta e ricettiva nei confronti dell’arte contemporanea.

Mario Consani - SopraSotto
Marino Consani è docente di Educazione Artistica nella Scuola Media: già per il gusto per il bello
che risveglia nei nostri ragazzi dobbiamo essergli riconoscenti. Marino Consani è pure pittore. La
sua mostra nei locali espositivi della Fondazione Banca del Monte di Lucca offre l’occasione di
avvicinare e conoscere, con piacevole sorpresa, un’arte che, fuori dagli schemi figurativi
tradizionali, attraverso la tecnica del collage, conduce in un mondo di forti suggestioni cromatiche.
In lui, almeno apparentemente, nessun messaggio o racconto, ma un salutare bagno di forme e
colori, del quale auguro a tutti i visitatori di godere.

Antonio Possenti – ZOO Possenti
Nella lunga carriera del più famoso dei pittori lucchesi, costellata di mostre nazionali ed
internazionali di grande importanza, che hanno diffuso nel mondo la sua luminosa dimensione,
mancava un evento quale quello oggi esposto presso la Fondazione Banca del Monte di Lucca. “Zoo
Possenti” riunisce nelle medesime stanze il Maestro, Antonio Possenti, suo figlio Giovanni e la
nipotina Giulia: sono tre visioni del mondo che, unite nell’affetto familiare, trovano espressione,
ognuna a suo modo, tramite il denominatore figurativo comune, che è il tema degli animali, uno dei
principali tratti distintivi dell’immaginario possentiano; animali amati per l’”innocenza”, per l’essere
simboli di quella libertà e curiosità che, per l’appunto, è tipica dei bambini come dei grandi artisti.

Alessandro Ballerini – Terre di Lucca, Storie e Misteri
Alessandro Ballerini è avvocato di buona fama, fedele erede del padre. E’ pure amante della natura,
della montagna, sciatore provetto. Sono testimone dell’impegno, della competenza, della correttezza
nell’esercizio della sua professione e della sua attività sportiva. Solo da poco mi si è disvelato pittore:
di sempre, ritrovo le dette qualità di Ballerini uomo, quella sua passione, che lo spinge ad operare
per il meglio, manifestata in maniera sommessa, quasi a chiedere venia della sua bravura, dei suoi
successi …, sana modestia, virtù assai rara, ormai; di nuovo, scopro – stupito – le qualità di Ballerini
artista, questa sua abilità nell’immergerci nella suggestione di fiabe e leggende, che hanno arricchito
la storia della nostra Lucchesia, racconti e personaggi talora strani, bizzarri, surreali, che affondano
le radici nell’humus socio culturale delle nostre più schiette tradizioni ed al contempo assurgono ad
emblemi di vizi e virtù universali.

Giampaolo Bianchi - Costellazioni
Giampaolo Bianchi è fra i lucchesi che tengono ben alta la bandiera dell’arte figurativa
contemporanea: fra i più apprezzati pittori di tutta la Toscana, nella sua lunga e prolifica carriera ha
esposto su tutto il territorio nazionale, oltre ad essersi fatto conoscere in paesi come la Francia, la
Spagna, il Regno del Bahrain e gli Stati Uniti d’America. Parallelamente all’arte che più lo
rappresenta, Bianchi si è confrontato con la scultura e la grafica, non tralasciando mai la passione di
un’intera vita, quella per la scrittura. Evento nell’evento, infatti, è la pubblicazione di un suo libro,
che raccoglie scritti rimasti per decenni, come si dice, nel cassetto. Apprezzeremo quindi con gioia la
scoperta di questo lato rimasto finora nascosto, e che saprà senz’altro suscitare curiosità e
ammirazione, sentimenti che già nutriamo nei confronti della sua straordinaria produzione
figurativa.

Raffaello Di Vecchio – inTarsia
L’artista lucchese Raffaello Di Vecchio ci offre una esposizione ricca di riferimenti alla storia
dell’arte e della cultura: dai colti rimandi al Rinascimento italiano, alla Metafisica, alla Pop Art e così
via, fino alle citazioni, tra l’affettuoso e l’ironico, di capolavori figurativi e letterari anche
contemporanei. Di Vecchio non manca mai di stupirci; una personalità, la sua, discreta e


                                                  Pag. 74
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




determinata, che si disvela nella bellezza di ogni suo lavoro, che scaturisce, come miracolo finale, da
quella attenzione manuale e da quella meticolosità esecutiva che stanno ancora, come un tempo,
checché se ne dica, alla base dell’espressione artistica.

Gaetano Giani Luporini – Ancora cantano i miei colori
Gaetano Giani Luporini proviene da una famiglia di musicisti; prestigioso fu il nonno, Gaetano
Luporini e prestigioso è ormai anch’egli, musicista e compositore di riconosciuta virtuosità. Oggi si
mostra alla sua comunità lucchese come pittore, dopo tanto tempo: l’ultima apparizione risale al
1966. Sarà interessante scoprire quanto la visione musicale si trasfonde nella visione figurativa e
quanto entrambe siano nutrite da un afflato poetico, tramite il quale Luporini esprime
armoniosamente la ricca esperienza della sua vita.

Ezio Ricci – Lessico familiare
Con la retrospettiva dedicata ad Ezio Ricci la Fondazione Banca del Monte di Lucca intende offrire
alla città l’opportunità di riconoscere una personalità di notevole rilievo e valorizzare un artista che
ha lasciato un bel segno nella pittura lucchese del Novecento. Ezio Ricci,insegnante e direttore
dell’Istituto d’Arte “Augusto Passaglia”, nell’arco di quasi settant’anni di attività, tratto nutrimento
dal vigoroso rapporto con la sua terra, con la vita domestica e l’intimità familiare, ci ha lasciato
testimonianze pittoriche ricche di pathos nella loro purezza delle forme e nella loro composizione
armonica. Le opere esposte, rigorosamente selezionate, sono di proprietà degli eredi; altre sono
disseminate in raccolte pubbliche e private non sempre identificate.
Ricci è anche disegnatore di cartoni preparatori di vetrate che pure vengono esposti in questa
occasione; si potrà avere agile conferma della sua levatura professionale di decoratore, visitando la
Chiesa Monumentale di San Francesco in Lucca, per ammirare i dodici vetri istoriati da lui ideati con
le scene della vita del Santo.

Eventi
La Fondazione Banca del Monte di Lucca talora in collaborazione con la Banca del Monte e/o IMT
ha organizzato una serie di convegni gratuiti di approfondimento e di riflessione finalizzati a
focalizzare le tematiche di maggiore attualità ed interesse in campo giuridico, economico, sociale e
delle istituzioni nazionali e sovranazionali. Il 15 aprile si è tenuto il primo seminario sul nuovo
assetto dell’UE a poco più di un anno dell’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, presso
l’auditorium della nostra Fondazione. Hanno partecipato al convegno in veste di relatori Frediano
Finucci, Capo Redattore Economia del TG La7; Roberto Adam, Capo Dipartimento Politiche
Comunitarie del Ministero delle Politiche Europee e ordinario di Diritto dell’Unione europea presso
l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata; Fabio Pammolli, direttore IMT Alti Studi Lucca; Andrea
Santini, associato di Diritto Internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e
Antonio Leone, ex Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Lucca.

Il 30 maggio si è tenuto il secondo seminario dal titolo “La legislazione antiriciclaggio” a cui ha
partecipato il prof. Fabrizio Cerbioni, Presidente Banca del Monte di Lucca Spa, il dott. Riccio Da
Passano del Gruppo Carige e il Colonnello Antonio Leone della Guardia di Finanza.

Il 9 giugno si è tenuta nell’Auditorium della Fondazione la presentazione dei sei finalisti del
“Bancarella Sport”, premio assegnato alle opere che valorizzano l’etica nello sport, nell’ambito del
premio letterario “Bancarella” di Pontremoli. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il
Panathlon Club Lucca.

Il 26 luglio sono stati consegnati i diplomi ai 16 studenti del master “Valutazione degli interventi di
politica sociale e di sviluppo territoriale”. Il Master, promosso dall’Università di Pisa, Facoltà di
Scienze Politiche, in collaborazione con l’Associazione italiana di valutazione, e realizzato con il
contributo della Fondazione e con il patrocinio della Consulta toscana delle fondazioni bancarie, ha
dotato i partecipanti, provenienti da tutta Italia, di una preparazione tecnico-professionale che
riflette le esigenze concrete di Enti pubblici, di aziende e di organizzazioni private no profit.

Il 16 dicembre, in occasione della presentazione del film di Leonardo Pieraccioni “Finalmente la
felicità” girato a Lucca durante i mesi estivi, è stata inaugurata presso la sede della Banca del Monte
di Lucca, alla presenza del regista, la mostra di foto del backstage del film, trenta scatti del fotografo
lucchese Leonardo Baldini.




                                                  Pag. 75
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




Attività nazionale e internazionale del sistema Fondazioni
ACRI, Roma: “87° Giornata Mondiale del Risparmio”
Il 26 ottobre 2011 si è celebrata a Roma, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, l’87ª
edizione della Giornata Mondiale del Risparmio, istituita nell’ottobre del 1924 in occasione del 1°
Congresso Internazionale del Risparmio, svoltosi a Milano, e da allora organizzata annualmente
dall’Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria e delle Casse di Risparmio Spa.

Quest’anno il tema della Giornata è stato “Il risparmio per la crescita economica e sociale”.

Insieme al Presidente dell’Acri, Giuseppe Guzzetti, sono intervenuti: il Ministro dell’Economia e delle
Finanze Giulio Tremonti, il Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, il Presidente dell’Abi
Giuseppe Mussari; erano presenti alcune fra le più alte cariche dello Stato, numerosi esponenti del
mondo politico e istituzionale, dell’economia e della finanza, la stampa e diversi rappresentanti dei
consumatori e dei sindacati, per una partecipazione complessiva di oltre settecento persone.

Numerosi sono stati i temi toccati da Guzzetti, che ha colto l’occasione per sottolineare quanto segue.
1) In un mare indubbiamente agitato le banche italiane sembrano navigare in modo soddisfacente.
Le difficoltà ci sono, ma ci sono anche le capacità e le risorse per farvi fronte. E il rigore della sana e
prudente gestione bancaria italiana meriterebbe ben diversi corsi borsistici.
2) Le Fondazioni hanno sempre fatto la loro parte, cercando il giusto equilibrio fra la tutela dei loro
patrimoni e la solidità delle banche partecipate. Mantenere l’investimento nelle banche italiane – e
se necessario rafforzarlo, nella misura del possibile – è nell’interesse del Paese e delle stesse
Fondazioni: banche più forti e competitive possono meglio sostenere l’economia reale, tutelare
adeguatamente i risparmiatori e dare maggiori dividendi! In merito alle erogazioni, anche se negli
ultimi due anni hanno perso il loro trend di crescita, al netto dell’inflazione rispetto al 2000 sono
cresciute di circa il 10% e il valore del patrimonio è stato più che conservato: dal 1992 a oggi, al
netto dell’inflazione, è cresciuto del 45%, con un incremento medio annuo composto del 2,2%.
3) Come per l’Europa anche per l’Italia non è più rinviabile il momento della definizione di un
disegno complessivo di sistema, che individui le opportunità di crescita all’interno del nuovo
scenario globale, superando le resistenze di chi coltiva l’illusione che si possa passare attraverso
processi di trasformazione epocale, come l’attuale, senza esserne coinvolti. Le istituzioni bancarie e
finanziarie possono seriamente contribuire a rendere questo progetto effettivamente percorribile, ma
solo se non dimenticano di assumere il progresso economico e sociale come riferimento per le loro
scelte, così come fu un paio di secoli addietro per quelle banche, particolarmente le Casse di
Risparmio e le Banche del Monte, che seppero ben accompagnare il nostro Paese nel passaggio dalla
civiltà agricola a quella industriale.
Il Paese reale, che lavora e si sacrifica, è pronto a fare la sua parte – ha detto Guzzetti - come l’ha
fatta nel ricostruire l’Italia dopo la guerra e nei momenti più difficili attraversati in questi circa
settant’anni di storia. Attende solo che chi ha la responsabilità del Governo faccia scelte adeguate
alla gravità della crisi, che consentano di esprimere appieno questo potenziale.
ACRI, Roma: “Contabilità, Bilancio e fiscalità delle Fondazioni di Origine Bancaria”
Il 19 maggio 2011 si è svolta una giornata di studio, promossa d'intesa dalla Commissione
Formazione e Organizzazione e dalla Commissione Questioni contabili e statistiche dell'Acri, al fine
di approfondire organicamente le questioni attinenti ai bilanci economico-patrimoniale e di
missione, alla contabilità e al regime tributario delle Fondazioni di origine bancaria.

Il tema dell'incontro, rivolto ai Segretari generali, ai loro collaboratori e a coloro che nelle
Fondazioni si occupano delle tematiche di bilancio e fiscali, è stato "Contabilità, Bilancio e Fiscalità
delle Fondazioni di Origine Bancaria".

La sessione del mattino, coordinata dall'avv. Melley, Presidente della Commissione per la Formazione
e l'Organizzazione dell'Acri, è stata dedicata ai temi della contabilità e del bilancio, con un
inquadramento iniziale sulla disciplina di bilancio, sui criteri di valutazione e sui principi contabili,
a cura del prof. Matteo Pozzoli (Associato di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di
Napoli “Parthenope”) e un approfondimento in merito ai criteri di redazione del bilancio e alle
rilevazioni contabili dei fatti amministrativi specifici delle Fondazioni presentato dal dr. Sergio
Invernici (Responsabile amministrativo di Fondazione C.R. Torino). Ha concluso la mattinata la
dr.ssa Ida Linzalone (Segretario Generale di Fondazione Vodafone) con una relazione sulla natura, le
finalità e i contenuti del bilancio di missione.



                                                  Pag. 76
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




Nei lavori del pomeriggio, coordinati dal dr. Marotta, Presidente della Commissione per le Questioni
contabili e statistiche dell’Acri, sono stati trattati i temi inerenti alla fiscalità delle Fondazioni, a cura
del prof. avv. Lorenzo Trombella (Professore di Diritto tributario nel Corso di Alta Formazione per
Magistrati Tributari, Università di Siena), per quanto riguarda il regime fiscale delle Fondazioni, e a
cura del dr. Roberto Sclavi (Segretario generale di Fondazione C.R. Volterra), che ha sviluppato le
questioni operative connesse alla dichiarazione dei redditi e all'impatto della normativa tributaria
sull'attività istituzionale e ai rapporti con le società strumentali.

ACRI Assbank, Benevento “Basilea 3: la solidità e la redditività premesse della sana e prudente
gestione”
Nella Masseria Roseto Cotroneo, Contrada Roseto, si è tenuto il tradizionale convegno annuale delle
Casse di Risparmio e delle Banche private.

Nel corso del convegno è stato rilevato in sintesi quanto segue.

La revisione dell’Accordo di Basilea, giunto alla sua terza versione, comporta un’ulteriore necessità
di rafforzamento patrimoniale da parte delle banche in un momento in cui le condizioni di mercato
rendono particolarmente difficile conseguire i profitti che sono stati possibili negli anni scorsi. La
solidità e la redditività diventano quindi i due perni essenziali per la costruzione delle strategie
bancarie dei prossimi anni per i motivi di reciproco supporto che essi si offrono: una banca solida
può impostare politiche di gestione più redditizie senza sconfinare nell’assunzione di rischi eccessivi;
una banca redditizia è in grado, in diverse forme, di acquisire risorse patrimoniali. Di qui la
constatazione che i due termini del problema coniugano, in essenza, la sana e prudente gestione,
poiché permettono una crescita sostenibile atta a dare la giusta soddisfazione agli azionisti senza
indebolire la solidità della banca. Peraltro una strategia che mirasse alla redditività, trascurando di
preservare la solidità, sarebbe contraria ai principi della sana e prudente gestione.

Hanno partecipato al convegno il Presidente Acri Giuseppe Guzzetti ed il Direttore Generale ABI
Giovanni Sabatini.

Osservatorio Mestieri d’arte
Venerdì 21 gennaio 2011 presso la sala delle Assemblee dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze si è
tenuta la presentazione alle Fondazioni di origine bancaria delle attività dell'Associazione
dell'Osservatorio dei Mestieri d'Arte della Toscana, alla presenza del Presidente dell’ACRI
(Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa) e Presidente della Fondazione Cariplo,
Giuseppe Guzzetti, ospite d'onore della mattinata.

Grande partecipazione è stata dimostrata dalle Fondazioni aderenti all'Acri. Oltre ai Presidenti delle
Fondazioni di origine bancaria aderenti all'Associazione OmA Toscana (Fondazione Monte Paschi
Siena, Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, Fondazione
Cassa di Risparmio di San Miniato, Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, Fondazione Banca del
Monte di Lucca) hanno preso parte all'evento i rappresentanti delle Fondazioni di Carrara, di Pistoia
e Pescia, dell’Emilia Romagna, della Lombardia, del Lazio, del Piemonte, della Liguria, del Friuli
Venezia Giulia. Consensi e sensibilità al tema della giornata sono stati espressi, tramite l’invio di
lettere e di note, dai Presidenti delle Fondazioni dell’Umbria, delle Marche, dell’Abruzzo, del
Trentino Alto Adige, del Veneto, impossibilitate a partecipare per impegni istituzionali inderogabili.
In questa occasione dieci ulteriori Fondazioni hanno manifestato la volontà di entrare a far parte
dell’Associazione OmA Toscana: La Spezia, Viterbo, Civitavecchia, Pistoia e Pescia, Carrara, Biella,
Cuneo, Carisbo, Monte di Bologna e Ravenna, Udine e Pordenone.

I relatori intervenuti hanno concordato con la linea espressa dall'Associazione Osservatorio dei
Mestieri d’Arte della Toscana, poiché la gran parte dei territori su cui operano le Fondazioni ha una
forte vocazione a valorizzare la cultura dell’artigianato e dei mestieri della tradizione e sulla
necessità di recuperare attraverso lo strumento fondamentale della formazione, l'immenso
patrimonio di saper fare che costituisce la nostra Nazione.
A tal riguardo il Presidente Guzzetti ha affermato: “In Lombardia rimangono tracce di altari fatti in
scagliola realizzati dalle note maestranze di Como, i magistri comacini che Cariplo, Fondazione da
me presieduta, valorizza come distretto culturale.” Ha inoltre ricordato quanto le altre Fondazioni
siano impegnate in azioni di recupero e valorizzazione dei territori e di trasmissione dei saperi: “la
Fondazione Cassa di Risparmio di Torino dal 2003 ha ideato il progetto Mestieri Reali per la
promozione di formazione teorica e pratica che, a partire dalla dote di esperienze e conoscenze


                                                    Pag. 77
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                          Bilancio 2011




tecniche che si sono sviluppate nei cantieri di restauro delle Residenze Sabaude, ha l’obiettivo di
favorire la creazione di nuove professionalità in grado di sviluppare un approccio specialistico al
processo del restauro architettonico e artistico; la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
che sostiene l’attività dell’Accademia dell’Artigianato Artistico di Este; la Fondazione Cassa di
Risparmio di Volterra che finanzia il progetto “Stage artistico professionale con l’Accademia di
Carrara”; e infine nel territorio di Alessandria – una terra tradizionalmente legata alla produzione
orafo-argentiera – la locale Fondazione, insieme al Politecnico di Torino, ha attivato un master in
ingegneria del gioiello”.
Importante dunque il ruolo delle Fondazioni su queste tematiche e ancor di più strategica sarà “la
collaborazione, che non costituisce - come ha sottolineato Gabriello Mancini, Presidente della
Fondazione Monte dei Paschi di Siena – concorrenza fra i territori e le Fondazioni, ma anzi
un’opportunità”, vista “la capacità del grande gruppo di poter sostenere le piccole aziende con gli
strumenti a disposizione”.
Luciano Nebbia, Direttore Generale della Banca CR di Firenze ha trattato il tema dell’accesso al
credito delle piccole imprese artigiane: facilitare l’accesso al credito è fondamentale per consentire
alle aziende di affacciarsi sui mercati regionali, nazionali ed internazionali.

Il progetto Osservatorio dei Mestieri d’Arte della Toscana, nato nel 2001 per volontà e sostegno
dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, dal marzo 2010 si è costituito in Associazione senza scopo di
lucro fra le Fondazioni bancarie della Toscana e oggi coinvolge le altre Fondazioni bancarie italiane
per costituire una rete di competenze e specificità a sostegno dei mestieri d'arte.

L’Associazione OmA Toscana è presieduta dal Prof. Giampiero Maracchi che, nella sua relazione,
ribadisce l’impegno “a livello regionale, nazionale e internazionale, grazie alla costituzione di una
rete Europea di Istituzioni volte alla valorizzazione dell'Artigianato Artistico e tradizionale, per
favorire il dibattito in ordine alla conservazione e alla promozione del saper fare con azioni concrete
di sostegno e di formazione”.

L’incontro ha dunque evidenziato che i mestieri d'arte possono essere una risposta alla necessità di
trovare nuove forme di occupazione attraverso la formazione di qualità e il sostegno alle attività di
apprendistato presso le aziende artigiane ancora esistenti.

È doveroso sensibilizzare i giovani sulla possibilità di intraprendere il mestiere artigianale che può
aprire prospettive occupazionali e di mercato: il manufatto, in quanto oggetto unico e
personalizzato ha un valore aggiunto che risiede nelle capacità individuali e nella creatività;
attraverso una sempre più diffusa divulgazione delle esperienze di formazione presso le aziende
artigiane si potrà promuovere l’accettazione sociale del mestiere d'arte. Essere artigiano oggi
significa conoscere il design, innovare grazie all'uso delle moderne tecnologie, sperimentare nuovi
materiali e sostenere l'ambiente.

“Per tutto questo sarà indispensabile – ha dichiarato nel suo intervento il Presidente Guzzetti – un
importante investimento in formazione volto a recuperare, valorizzare e trasmettere quei ricchi
giacimenti di competenze, know how e conoscenza dei materiali e delle tecniche che si sono
sedimentati lungo il corso dei secoli nelle nostre regioni. Per vincere la sfida che ci pone davanti la
competizione internazionale di quei paesi che fino a qualche anno fa chiamavamo emergenti e che
nel frattempo sono diventate delle superpotenze economiche c’è bisogno di un Sistema Paese che
sappia governare, coordinare e valorizzare le diverse esperienze locali. In altre parole sappia
espandere il valore delle competenze distintive dei nostri territori e creare reti di soggetti diversi:
imprese, università, Enti locali, Terzo settore, Fondazioni di origine bancaria”. In conclusione del suo
intervento ha aggiunto che “L’Associazione OmA è senza dubbio una buona pratica da studiare e
approfondire; e l'incontro tra le Fondazioni di origine bancaria su questa tematica può fornirci utili
spunti di approfondimento per valutare la possibilità di esportare l’esperienza anche fuori dalla
Toscana”.
L’Associazione OmA Toscana, soddisfatta dei risultati conseguiti in solo un anno di vita, ha proposto
di creare una importante rete con le altre Fondazioni italiane per promuovere i mestieri d'arte.


Consulta Regionale delle Fondazioni Toscane



                                                 Pag. 78
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




Continua la partecipazione alla Consulta Regionale delle Fondazioni Toscane, che essendo una delle
più attive tra le Consulte Acri che svolge un’importante opera di coordinamento delle attività delle
Fondazioni e di approfondimento delle problematiche istituzionali.

European Foundation Centre
Annual General Assembly (AGA), Cascais (Portogallo)
Nel 2011 la città di Cascais ha ospitato l’appuntamento annuale assembleare del Centro Europeo
delle Fondazioni.

Nella giornata delle pre-conferenze sono stati organizzati seminari, incontri e riunioni dei vari
network e gruppi di interesse formatisi all’interno e con le altre organizzazioni filantropiche
europee, oltre all’incontro delle otto Fondazioni della Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese
(CPLP).

Il giorno di apertura della 22a AGA sul tema “Risorse e sostenibilità - Gli Oceani” ha accolto oltre
600 delegati.

Il Presidente del Portogallo Aníbal Cavaco Silva ha sottolineato la necessità di combinare gli sforzi
del governo, della comunità scientifica e delle ONG per fornire una migliore conoscenza degli
oceani e trovare modi per ridurre al minimo i rischi di inquinamento.

Emílio Rui Vilar, Presidente della Fundação Calouste Gulbenkian e presidente del’EFC, ha fatto un
riassunto degli obiettivi e dei risultati della sua presidenza, precisando tra l’altro che una delle
principali priorità era stata quella di condurre le fondazioni europee a guardare oltre i confini
dell’Europa.

La sessione plenaria su “Ocean Governance in Europa - una nuova frontiera: Sfide e opportunità per
le fondazioni europee” ha avuto come keynote speaker SAR la Principessa Laurentien dei Paesi Bassi,
che ha sottolineato come la sostenibilità debba diventare in qualche modo parte del nostro DNA e
che è importante ascoltare i giovani nella ricerca di soluzioni.

Durante la sessione plenaria di chiusura, Francis Charhon, Presidente della Fondation de France, è
stato insignito del EFC Philanthropy Compass Prize, che onora le persone che hanno avuto un
impatto significativo sul corso della filantropia europea. Luc de Tayart Borms della Fondazione Re
Baldovino ha sottolineato il contributo critico dell’onorevole Charhon al Comitato economico e
finanziario, in particolare i suoi sforzi per lo statuto europeo delle fondazioni. La sessione plenaria di
chiusura ha visto anche il passaggio della Presidenza da Emilio Rui Vilar della Fundação Calouste
Gulbenkian a Marco Parlangeli della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

Altri avvenimenti:
• il Mercator Fund’s Raymond Georis Prize for Innovative Philanthropy in Europe è stato assegnato a
Bassma Kodmani, Direttore Esecutivo dell’Iniziativa araba di riforma, che promuove la riforma
democratica nel mondo arabo; nel suo discorso di accettazione, la signora Kodmani ha parlato del
cambiamento che è in corso oggi nel mondo arabo, di quanto ci sia ancora da fare e di come il
compito risulti esaltante;
• la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato 2011 ha vinto l’EFC Photo Competition con
Compagni;
• la Fondazione BML è stata confermata nel Governing Council per il mandato 2012-2014.

Autumn General Assembly, Bruxelles (Belgio)
Si è tenuta, per la prima volta nella storia dell’EFC, l’assemblea autunnale.

La decisione di incontrare gli aderenti all’EFC è stata voluta per aumentare la conoscenza e lo
scambio fra aderenti e per poter programmare meglio le attività dell’anno successivo, soprattutto
alla luce del perdurare della crisi economico finanziaria.

Nell’AGA è stato preso atto della necessità di procedere alla sostituzione del Presidente Marco
Parlangeli che per motivi personali non fa più parte della FMPSiena. Al suo posto l’AGA, su proposta
del Management Committee e del Governing Council, ha eletto il sig. Erik Rudeng dell’Institusjonen
Fritt Ord di Oslo.



                                                  Pag. 79
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




Governing Council
In concomitanza con le assemblee sopraricordate si è anche riunito l’Organo di Governo dell’EFC, di
cui la Fondazione fa parte anche per il prossimo mandato.

League of Historical and Accessible cities, Lega delle Città Storiche Accessibili (LAC)
L’accessibilità come diritto di cittadinanza è un vero e proprio cambiamento culturale, un modo
diverso di concepire la vita quotidiana, l’obiettivo che sta alla base di tutti i progetti di abbattimento
di barriere architettoniche che la Fondazione sta portando avanti negli ultimi anni.

                                              La prima parte del 2011 è stata propedeutica alla
                                              presentazione del progetto alla comunità. Un susseguirsi
                                              di incontri con le associazioni e i tecnici incaricati per
                                              individuare le migliori soluzioni possibili. Un continuo
                                              scambio anche con i tecnici del Comune di Lucca per le
                                              scelte di competenza.

                                                Il 10 giugno nell’Auditorium della Fondazione è stato
                                                organizzato il convegno Città di Lucca… diventare
                                                accessibile, organizzato dalla Fondazione stessa con
                                                l’European Foundation Center (EFC) e il CESVOT, in
                                                collaborazione con il Comune di Lucca, la Provincia di
                                                Lucca, la Soprintendenza BAPPSAE di Lucca e Massa
Carrara e con il patrocinio della Facoltà d’Ingegneria dell’Università degli Studi di Pisa. Di fronte ad
una folta platea costituita soprattutto dai rappresentanti delle tante associazioni di volontariato
cittadine, si sono susseguiti gli interventi di qualificati relatori.

La tutela dei diritti
“Da anni l’attenzione verso i diversamente abili e l’accessibilità di tutti alla città e ai servizi, è una
tematica verso cui la Fondazione è particolarmente sensibile e a cui sta dedicando attenzione
attraverso il sostegno e la promozione di diversi progetti – ha detto il presidente della Fondazione
BML Alberto Del Carlo in apertura del convegno - è proprio in quest’ottica che è entrata a far parte
del Consorzio Europeo per la tutela dei diritti dei disabili e promosso la costituzione della Lega
Europea per le città accessibili.”
Sull’importanza di un intervento sinergico tra enti, istituzioni, fondazioni bancarie e associazioni di
volontariato, ha incentrato il suo intervento anche il presidente del CESVOT Patrizio Petrucci che ha
manifestato la piena disponibilità del Centro Servizi di cui è a capo a mettere in campo la propria
esperienza e a collaborare con le altre realtà cittadine al fine di rendere Lucca una città pienamente
accessibile.
Per far questo, secondo il sindaco di Lucca Mauro Favilla, occorre operare su diversi fronti:
“regolamentare opportunamente i nuovi interventi e, parallelamente, operare fattivamente
intervenendo sulle strutture già esistenti per renderle accessibili anche ai diversamente abili,
cercando di ovviare alle evidenti difficoltà che una città antica come la nostra presenta”.
L’accessibilità ed il turismo
“I fabbricati storici sono organismi complessi – ha aggiunto Francesco Cecati, funzionario della
Soprintendenza di Lucca - però, se studiati attentamente, possono presentare anche soluzioni
alternative, per venire incontro alle esigenze di tutti.”
Ma l’abbattimento delle barriere architettoniche può essere anche un’opportunità per aprire la città
ad un nuovo tipo di turismo, quello dei diversamente abili. Su questo ha incentrato la sua relazione
il prof. Luca Fanucci (Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa) che, dati
alla mano, ha tratteggiato la situazione attuale: “In Italia, nell’ultimo anno, il 54,6% della
popolazione ha fatto almeno un viaggio nell’ultimo anno: di queste persone, solo il 2,9% aveva
esigenze speciali. Il 45,4% che non ha viaggiato, non lo ha fatto per problemi legati a diversi tipi di
disabilità. Potenzialmente, dunque, ci sarebbero circa 3 milioni di turisti diversamente abili che si
potrebbero muovere, alimentando il bacino turistico di questa città, se ci fosse una risposta adeguata
a certe esigenze speciali. Accessibilità, dunque, non solo come uno dei diritti fondamentali
dell’uomo, ma anche come investimento per una crescita, dal punto di vista economico oltre che
sociale, della città.”




                                                  Pag. 80
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




È anche in quest’ottica che la Fondazione si pone come interlocutore per raccogliere le istanze delle
principali associazioni che operano nel settore della disabilità, con le quali è stato compiuto un
processo di condivisione, e se nel primo caso partecipa ad un progetto del Comune di Lucca, nel
secondo e nel terzo è promotrice di un altro progetto che rafforza, amplia e arricchisce il primo. Una
città accogliente a 360 gradi, potrebbe essere una meta per tutti.

I progetti nel dettaglio
La Fondazione ha individuato un itinerario da rendere
accessibile nel centro storico ed ha scelto di sostenere alcuni
progetti diversi, ma collegati e mirati a rendere la città
accessibile a tutti.

È su questi ultimi che si è incentrata la relazione di Elizabeth
Franchini che, coadiuvata da Elena Pino, ha illustrato il
progetto Lucca… diventare accessibile, riguardante l’area
sud-est del centro storico. Il progetto di abbattimento delle
barriere architettoniche prevede l’inserimento di nuovi
attraversamenti pedonali, nuove rampe per l’accesso agli
edifici presenti, nuovi posti auto realizzati in prossimità di
edifici di interesse pubblico e di un sistema di percorsi tattili.

Il secondo progetto è dell’amministrazione comunale ed è stato illustrato da Enrico Favilla, e
riguarda alcune importanti aree del centro storico: piazza San Martino, piazza Antelminelli, piazza
San Giovanni e le vie degli Antiquari; nasce per riqualificarle, e si arricchisce di interventi si
abbattimento di barriere architettoniche a naturale completamento dell’itinerario della Fondazione.

Il terzo progetto, promosso e sostenuto dalla Fondazione, è firmato da Simona Romanini: questo
giovane architetto l’ha presentato nell’ambito de Gli Stati Generali delle intelligenze realizzati dal
quotidiano La Nazione nel novembre 2009; prevede ausili e facilitazioni che caratterizzano un
percorso pedonale dalla stazione ferroviaria al centro storico, andando a confluire nel circuito
accessibile.

Un quarto progetto, denominato Le mura per tutti, è stato ideato nel 2007 dall’Università di Pisa e
dall’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione (ISTI) del CNR di Pisa, in collaborazione con
l’UIC Lucca e altri enti, istituzioni e fondazioni lucchesi per creare una tecnologia di ausilio alla
mobilità per persone ipo/non vedenti. Questa iniziativa, sostenuta dalla Fondazione, prevede un
percorso attrezzato mediante l’utilizzo di dispositivi portatili (un bastone intelligente, un terminale
mobile con GPS e un auricolare Bluetooth) che sarà testato sul tratto di Mura sovrastante l’itinerario.

Il ruolo delle nuove tecnologie
Nel 2011, la questione dell’accessibilità non può prescindere il mondo di internet. Per questo,
Riccardo Andreini del settore formazione e progettazione del CESVOT, ha chiuso l’incontro con la
presentazione del progetto Volontariato e accessibilità del web, annunciando la prossima
realizzazione di un corso formativo a disposizione delle associazioni che hanno un sito internet e
desiderano renderlo accessibile o crearlo direttamente secondo i criteri di accessibilità.

Il 16 e 17 giugno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino ha organizzato un meeting
internazionale sull’accessibilità cui è stato abbinato il periodico incontro tecnico della LAC.

Una due giorni alla presenza di esponenti provenienti da tutto il mondo e coinvolti a vario titolo
sulla materia dell’accessibilità.

Un’occasione di confronto e conoscenza di metodi di lavoro, esperienze, realtà e difficoltà che ogni
ente e/o istituzione è chiamata ad affrontare per implementare la conoscenza della materia e
l’accessibilità nella vita quotidiana.

La mattina del 16 l’incontro periodico della Lega ha visto la presentazione dettagliata dei progetti e
dei relativi stati di avanzamento.

La comunicazione di avvenuta pubblicazione del sito della LAC dove sono tempestivamente aggiunti
tutti i materiali e le informazioni inerenti i singoli progetti. Il sito è dotato di una parte pubblica per



                                                   Pag. 81
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




diffondere le informazioni a tutti e di un’area riservata per lo scambio di informazioni fra aderenti
alla LAC.

Il progetto Lucca insuperabile percorso cittadino per i non vedenti è stato presentato al Rotary Club
il 22 settembre nella foresteria di Palazzo Bernardini. La giovane architetto Simona Romanini ha
presentato ai Soci del Club il progetto di percorso pedonale per i non vedenti che la Fondazione ha
deciso di adottare.

Il progetto renderà accessibile la città attraverso anche sistemi di avanzata tecnologia e disegna un
percorso segnato da mappe tattili e da interventi sulla pavimentazione, che si snoda dalla stazione di
Lucca, attraversa Porta San Pietro e arriva a Piazza S. Martino, con deviazioni verso i vari punti di
interesse culturale.

Il Presidente della Fondazione ha sottolineato l’importanza del progetto “Lucca insuperabile”, che si
inserisce nel programma a favore delle disabilità.

I partecipanti alla Lega si sono, infine, ritrovati a fine novembre a Parigi per fare il punto dei progetti
di accessibilità e aggiornare la tempistica e valutare gli eventuali programmi futuri. Tutti i
partecipanti alla Lega ritengono che questo percorso non debba esaurirsi con il completamento dei
progetti e quindi sarà molto importante considerare come andare avanti e come coinvolgere anche
altre fondazioni sensibili in senso lato all’accessibilità (per es. gestori di musei, housing sociale,
ecc…).

La futura programmazione
Esauriti i singoli progetti sarà molto importante la realizzazione della guida con le best practices e la
divulgazione delle informazioni a tutti i livelli affinchè anche altri interessati a realizzare un
progetto in questo ambito possano conoscere la nostra esperienza e poterne beneficiare per le scelte
che saranno chiamati a effettuare per rendere gli interventi coerenti e integrati nel proprio
ambiente.

Un altro elemento condiviso è di far valutare il percorso realizzato agli utenti che maggiormente ne
potranno beneficiare.

Tutto quanto senza dimenticare di continuare a seguire l’evoluzione delle discussioni a livello
europeo dato che è stato inserito nell’agenda del 2012 la preparazione dell’atteso Accessibility
European Act e i nuovi programmi per i fondi strutturali.
Consorzio europeo delle fondazioni per la tutela dei diritti dei disabili e dei diritti umani (European
Consortium of Foundations on Human Rights and Disability), ECD
L’ECD, fondato nel 2009, ha l'obiettivo di garantire la ratifica e l'effettiva attuazione della
Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. Formato da Fundación
ONCE, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Fondation de France, Fundação Calouste Gulbenkian,
Sabanci Foundation, The Atlantic Philanthropies, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e
Fondazione ESSL, il Consorzio si propone di dare un contributo peculiare alla mobilitazione del
settore delle fondazioni di svolgere un ruolo di catalizzatore per assicurare che i governi europei e
altre parti interessate e si impegnino a sostenere sia la ratifica sia l’attuazione della Convenzione.

Alcune pietre miliari di questo progetto sono l’organizzazione di seminari di alto livello per gli
esperti del Comitato economico e sociale europeo, di fornire ai responsabili politici e legislatori
soluzioni ai problemi che emergono dalla convenzione, che richiedono chiarimenti o discussione.
Finora sono stati organizzati tre seminari (in particolare sugli articoli 12, 33, 27).

I principali risultati conseguiti fino a oggi sono:
- lo studio realizzato sulle sfide e le buone pratiche seguite nell’attuazione della Convenzione delle
  Nazioni Unite consegnato alla Commissione Europea. Le analisi sugli obblighi previsti dalla
  Convenzione, le informazioni sulle diverse pratiche relative all’attuazione della Convenzione da
  parte della Unione europea e dei suoi Stati membri è alla base della strategia e delle azioni adottate
  dall’UE per il periodo 2010-2020,
- il lancio del progetto pilota e operativo della Lega delle Città Storiche Accessibili, per migliorare
  l’accessibilità dei centri storici. Questo programma viene attuato simultaneamente in 5 diverse città
  storiche europee e uno dei suoi principali risultati sarà la creazione di una guida alle best practice




                                                  Pag. 82
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




  tecnico per fornire soluzioni innovative per affrontare la questione dell'accessibilità nelle città
  storiche,
- una serie di sei conferenze per formare operatori giuridici (notai, avvocati, giudici, difensori civici,
  ecc.) provenienti da tutta Europa sulla Convenzione delle Nazioni Unite; in questo caso l’ECD
  collabora con l’ERA (Accademia di Diritto Europeo),
- il protocollo di intesa sottoscritto con l’EDF (Forum Europeo della Disabilità) per l'organizzazione
  di attività aventi alla base il motto Niente su di noi senza di noi.

La crescita economica in Europa durante il primo decennio del 21° secolo non hanno portato a
condizioni di vita ottimali per le persone con disabilità, mentre era significativamente migliorata la
loro inclusione nella società attraverso alcune azioni poste in essere dagli Stati membri, di intensità
diversa in tutta l’UE.

L’attuale crisi economica sta avendo effetti devastanti sulle strutture economiche, politiche e sociali
che sono state costruite nelle nostre società negli ultimi decenni di crescita economica. C’è un grosso
rischio che l’attuale situazione economica e le politiche sociali che ne derivano, metta a repentaglio
l’attuazione della Convenzione in Europa mettendo in pericolo la piena ed effettiva partecipazione
delle persone con disabilità in tutti gli aspetti della vita come cittadini.

Gli stereotipi di povertà, esclusione sociale, discriminazione, emarginazione, analfabetismo può
essere la triste eredità delle attuali riforme economiche, sociali e politiche attuate da alcuni governi
dell'Unione Europea.

A causa della crisi finanziaria, c’è un grosso rischio di stigmatizzazione sociale da parte dei media e
dei partiti politici populisti e demagogici. Inoltre, i servizi sociali sono stati ridotti in tutta Europa. Da
un calo del lavoro sia delle persone con disabilità e agenti del settore sociale, ai tagli dei pagamenti
diretti o finanziamenti disponibili per i servizi, riduzioni di meccanismi di finanziamento o
pagamenti diretti per la vita indipendente, l’alloggio, per l’integrazione scolastica, l’assistenza
sanitaria e di sostegno spese, i costi di assistenti personali. L’impatto di tutte queste misure di
austerità incideranno pesantemente sull’effettiva inclusione sociale e la vita dei circa 80 milioni di
persone con disabilità e delle loro famiglie in Europa.

Per questo motivo, durante il consueto incontro in occasione dell’assemblea generale di Cascais oltre
a esaminare lo stato dell’arte della ratifica e implementazione della UNCRPD, l’ECD ha deciso di
procedere con un nuovo progetto: uno Studio sui tagli sui diritti delle persone con disabilità a causa
delle misure di austerità.
I principali aspetti da evidenziare nello studio sono un quadro di insieme dei servizi sociali esistenti
a livello nazionale, regionale, locale (pre crisi del 2008) a livello pubblico e privato in ogni dato
paese con un focus particolare sui servizi sociali di cui beneficiano in particolare le persone con
disabilità oltre alla situazione dei benefici o indennità per le persone con disabilità in ogni paese.

Altrettanto importante sarà identificare la natura e la portata dei tagli ai servizi sociali che hanno
avuto luogo a seguito della crisi economica e le successive misure di austerità con la raccolta di
prove e dati su come questi tagli hanno colpito le persone con disabilità e analizzare l’impatto
specifico sui loro diritti (diritto al lavoro, vita indipendente, istruzione, ecc).

I Paesi su cui sarà effettuato lo studio sono: Regno Unito, Polonia, Spagna, Francia, Grecia,
Portogallo, Italia, Irlanda, Belgio, Germania, Svezia, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia.

Data l’importanza di poter disporre di questi dati quanto prima lo studio dovrebbe essere concluso
entro maggio 2012.

L’altro incontro periodico si è tenuto a Madrid a novembre.

I singoli partecipanti hanno illustrato le attività inerenti le tematiche di disabilità e diritti umani
portate avanti a livello singolo e fatto il punto anche sull’evoluzione della Lega.

In particolare è stato valutato in anteprima il Zero Project Report realizzato dall’EESL Foundation.

Si tratta di una valutazione scientificamente rigorosa, ma chiara, delle disuguaglianze e delle
ingiustizie. Uno studio che si è dimostrato essere un metodo efficace per coinvolgere l’interesse dei


                                                    Pag. 83
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                          Bilancio 2011




media, e, quindi, anche, dei politici, nelle questioni altrimenti sfuggenti, e, allo stesso modo, per
ottenere miglioramenti.

Il report è stato reso disponibile su internet e la presentazione è avvenuta durante la conferenza
internazionale organizzata a Vienna a gennaio, anche in stretta collaborazione con l’ECD. Il
programma della conferenza è stato molto ricco e fra le best practice c’era la presentazione della
legge italiana in materia di inclusione scolastica.

La due giorni di Madrid si è chiusa con una visita molto interessante alla TECHNOSITE. Si tratta di
un’azienda è leader nel settore tecnologico soprattutto per ausili e web accessibili, realizzazione di
postazioni di lavoro adeguate a persone disabili. Fa parte delle principali associazioni europee per la
valutazione dei siti, l’accessibilità in genere, formazione e realizzando di ausili. Il team comprende
anche task force formata da disabili che direttamente testano e valutano. Durante la presentazione
hanno fornito alcuni spunti interessanti su cui riflettere anche per verificare l’accessibilità del sito
della Fondazione che è in fase di valutazione.

L’ECD ha anche continuato a seguire i lavori della UE in materia di fondi strutturali e del futuro Atto
sull’accessibilità, ha presenziato a eventi per illustrare l’attività e gli obiettivi del consorzio,
continuato a fornire sostegno all’ERA per l’organizzazione di seminari di alto livello.

Ma la decisione maggiormente importante presa e condivisa da tutti gli aderenti è di considerare
questo primo triennio un successo ed è stato deciso di continuare a lavorare insieme magari
cercando di coinvolgere anche altre fondazioni al fine di arricchire l’ECD di ulteriore know-how e
arricchire così lo scambio ritenuto da tutti un elemento importante.

A questo proposito va infine ricordato l’accordo stilato con ARIADNE, un network istituito all’inizio
del 2009 da una serie di finanziatori europea; una rete partecipativa dei donatori e grant-maker che
fornisce la struttura e le opportunità per il collegamento di finanziatori, per la condivisione di
conoscenze e competenze, per approfondire grant-making competenze e per sviluppare rapporti di
cooperazione e collaborazione efficace.

La missione di ARIADNE è di aumentare l’impatto dei finanziamenti in Europa, approfondendo la
conoscenza e la comprensione dei diritti umani e la giustizia sociale tra i responsabili di
sovvenzione; il supporto a pratiche e processi di grant-making in un contesto europeo; di consentire
la cooperazione e la collaborazione tra i finanziatori più appropriati per ciascun donatore; di far
crescere il numero di donatori disposti a investire in questa attività incoraggiandoli a partecipare a
una rete efficace e solidale.

ARIADNE si concentra a livello globale sui diritti umani e sulla giustizia sociale, i suoi membri sono
interessati in senso ampio alle questioni dei diritti umani.

ARIADNE è attualmente registrato come progetto di dialogo globale, un ente di beneficenza inglese
che ha la promozione dei diritti umani come uno dei suoi principali obiettivi.

Attualmente la struttura della rete è la seguente:
• ARIADNE nella sua centrale è responsabile della definizione delle politiche globali della rete, in
consultazione con i membri, per il mantenimento del portale, per budget complessivo, per
l'approvazione di nuovi membri, e per organizzare la riunione annuale della rete e la nota
informativa. È guidata da un Advisory Board composto da rappresentanti di Oak Foundation, OSI ed
Elizabeth Palmer un fiduciario del dialogo globale.

Proseguono poi i contatti con l’ACRI per cercare di organizzare, in collaborazione con la FCRTorino
il seminario nazionale per la divulgazione della convenzione ONU per i diritti delle persone con
disabilità.

L’incontro a carattere divulgativo nasce nell’ambito del Consorzio europeo per diffondere a pubblici
specifici i contenuti della UNCRPD e delle conclusioni dello studio, realizzato dallo stesso: “Sfide e
buone pratiche nell’Unione Europea per la Convenzione ONU sui diritti delle persone disabili”.
L’ECD è dunque da considerarsi partner dell’incontro in particolare per quanto riguarda la
redazione dell’agenda e il coinvolgimento di relatori specifici.




                                                 Pag. 84
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




epea – European Photo Exhibition Award 01
Si è tenuta ad Amburgo, nella sede principale della Fondazione Körber (promotrice del progetto e
che già da anni organizzava un award a livello tedesco di fotografia), la riunione di avvio di una
nuova iniziativa a livello europeo sostenuta anche dalla Fondazione: una mostra itinerante
fotografica di giovani fotografi europei che si terrà a partire dalla metà del 2012.

Sono quattro gli Stati coinvolti nel progetto:
- Italia, rappresentata dalla Fondazione,
- Norvegia, rappresentata da The Freedom of Expression Foundation di Oslo,
- Portogallo, con la Fundação Calouste Gulbenkian tramite la propria sede di Parigi,
- Germania, rappresentata dalla Fondazione Körber di Amburgo.

I giovani fotografi sono stati selezionati da esperti incaricati da ogni Fondazione. La Fondazione BML
sarà coadiuvata dal dottor Enrico Stefanelli, ideatore del LuccaPhotoFestival.

Ecco i 3 nomi italiani: Gabriele Croppi (Milano) che utilizza la fotografia come forma artistica ed ha
al suo attivo numerose mostre ed esposizioni in importanti gallerie; Davide Monteleone (Roma) che
nel 2007 ha vinto un premio nell’ambito del World Press Photo ed ha ricevuto due premi anche
quest’anno; Pietro Masturzo (Napoli) che, anche se ha iniziato da soli 5 anni a fotografare, nel 2010
è stato il vincitore assoluto del World Press Photo.

La prima mostra sarà inaugurata ad Amburgo a primavera 2012 e, tenendo conto dei diversi festival
internazionali di fotografia già presenti nelle sedi coinvolte, si sposterà poi a Parigi, quindi a Lucca e,
infine, a Oslo ad inizio
2013.

Nell’ambito del programma di avvicinamento alle mostre sono stati inseriti due workshop il primo
tenutosi a Amburgo (13/14 maggio 2011) e il secondo a Lucca (21 e 22 ottobre 2011).

Il workshop di Amburgo, tenutosi nella sede della Koerber Stiftung, ha dato l’avvio ai lavori.

                                    Nel workshop di ottobre a Lucca i fotografi, insieme ai curatori
                                    hanno visionato i lavori realizzati procedendo alla difficile scelta
                                    delle opere che andranno a comporre la mostra itinerante.

                                    Il curatore Stefanelli ha definito questo evento importantissimo
                                    per la nostra città evidenziando che Lucca rappresenta l’Italia con
                                    tre grandissimi nomi. Fin dal primo incontro si è creato subito un
                                    forte spirito di gruppo sia tra i fotografi che tra i curatori e ritiene
                                    ci siano tutte le premesse per fare di questo progetto un grande
                                    evento.


The Ambrosetti House, Cernobbio: “Lo scenario dei mercati finanziari, del loro governo e della
finanza”
Nell’ambito del programma annuale di workshop dedicati ai mercati finanziari, la Fondazione ha
partecipato a questo importante appuntamento a Villa d’Este. Scopo del workshop è stato quello di
garantire la migliore conoscenza e interpretazione dei possibili scenari economici, finanziari, dei
mercati finanziari e delle istituzioni con una visione internazionale.

Come ogni anno, l’evento ha riunito alcuni tra i massimi responsabili delle più importanti realtà
industriali e di servizi, nonché delle principali istituzioni economiche e finanziarie, nazionali ed
internazionali tra cui il Ministro dell’Economia e delle Finanze, il Presidente dell’Università Bocconi,
il Ministro delle Finanze Greco e quello Polacco, un membro del Comitato esecutivo della Banca
Centrale Europea, il Direttore Generale del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Segretario
Generale della Camera dei Deputati, il Consigliere del Presidente per l’Economia Internazionale della
Corea del Sud, l’Amministratore Delegato di Banca Unicredit nonché vari economisti e professori
universitari di fama internazionale ed infine esponenti del settore bancario.




                                                  Pag. 85
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




Associazione Lucchesi nel mondo – sezioni estere
Appena possibile proseguono gli scambi di informazioni e progetti di collaborazione promossi dalle
sezioni presenti in tutto il mondo.


BOSTON
La delegazione della Fondazione Banca del Monte di Lucca e della Banca del Monte di Lucca spa, che
si trovava a Boston in occasione dell’inaugurazione della prima sezione di Boston dell’Associazione
Lucchesi nel Mondo e in occasione, altresì dell’inaugurazione della mostra “G.Puccini e Lucca nel
mondo” ha incontrato 40 imprenditori di origine prevalentemente lucchese, ai quali hanno
presentato la possibilità di scambi culturali ed economici tra Lucca e il New England.
Successivamente lo stesso messaggio è stato trasmesso in occasione dei due eventi suddetti, ai quali
hanno partecipato oltre 120 americani di origine lucchese, il tutto grazie al prezioso contributo del
console generale d’Italia dottor Giuseppe Pastorelli.




La Comunicazione, l’Ufficio Stampa
L’ufficio stampa è affidato a NotePress della Note sas di Franceschini Co. di Lucca, per la quale è di
fatto esercitato dalla responsabile dott.ssa Anna Benedetto e dalla collaboratrice dott.ssa Chiara
Parenti (entrambe giornaliste). Negli ultimi mesi queste hanno incrementato la loro attività,
continuando ad operare con i media locali, dove la presenza della Fondazione si è attestata
stabilmente dal 2009, anno di inizio della loro attività, ed aggiungendo ai media tradizionali (tra cui
si annovera oggi anche il web) i social network.

In questo nuovo ambito, nel quale si è andata progressivamente spostando l’attenzione delle persone
(con milioni di utenti collegati), la Fondazione ha iniziato i suoi primi passi grazie ad una pagina
Facebook, riscattata, e ad un profilo Twitter, in fase di riscatto. Entrambi gli account, sono seguiti
dall’ufficio stampa, che (in stretto raccordo con la segreteria della Fondazione), li usa come veicolo
informativo declinando i contenuti istituzionali nei linguaggi opportuni; la pagina di Facebook viene
utilizzata anche come vetrina della rassegna stampa web più rilevante e la pagina Twitter (canale
utilizzato da agenzie, testate giornalistiche, giornalisti e singole fonti), viene utilizzata in linea con la
sua caratterizzazione, come luogo di inserimento le news istituzionali della Fondazione.

Per quanto riguarda Facebook, si è espressamente evitato di utilizzare la pagina per la creazione di
eventi, per non cadere nella facile associazione delle iniziative della Fondazione alla comunicazione
di tipo commerciale (definita spam), di cui è ricco facebook.

Tra gli eventi più impegnativi dell’ultimo periodo, si segnalano la presentazione del Fondo
Documentazione Arturo Paoli (FAP) e quella del calendario delle mostre 2012, che hanno richiesto
(e richiederanno) l’invio delle informazioni più rilevanti ai media locali, anche a testate regionali e
nazionali, specie a quelle di settore.

NotePress si è occupata direttamente anche dell’organizzazione dell’evento di presentazione del
Fondo Documentazione Arturo Paoli, il 3 dicembre nell’auditorium di San Romano (circa 1.000 le
persone presenti), curando tutti gli aspetti di selezione del pubblico, circolazione degli inviti, recall e
gestione logistica dell’evento, in stretta collaborazione con la responsabile del Fondo
Documentazione, dott.ssa Silvia Pettiti, e del referente per il Fondo, dott. Marco Marchi. Per questo
lavoro, ha collaborato anche la giornalista e dott.ssa Laura Gianni.

Ecco, nel dettaglio, gli eventi di cui è stata curata la comunicazione (intendendosi compresi l’invio a
riviste mensili, un invito nei giorni precedenti l’inaugurazione delle mostre, una fotonotizia a taglio
del nastro avvenuto, un richiamo sulla chiusura e gli eventuali raccordi con colleghi di enti ed
associazioni interessate):

     -    12 gennaio, tavola rotonda “Valutazione delle Politiche pubbliche e partecipazione civile”;
     -    13 gennaio, concerto Ardinghi-Canino;
     -    Lancio del nuovo sito e del bando contributi 2012;



                                                   Pag. 86
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




     -    12-27 febbraio, mostra di Mirta Vignatti;
     -    nomina del nuovo CDA della Fondazione;
     -    5-20 marzo, mostra di Arianna Luporini;
     -    8 aprile, seminario “Danno alle persone da attività sanitarie”;
     -    presentazione progetto “Incubatore impresa donna”;
     -    16 aprile-1 maggio, mostra di Angelo Roberto Fiori;
     -    7 maggio – 29 maggio, mostra di Mario Consani;
     -    4 giugno – 26 giugno, mostra di Antonio Possenti;
     -    2 luglio – 16 luglio, mostra di Alessandro Ballerini;
     ‐    3-18 settembre, mostra di Giampaolo Bianchi;
     ‐    12 settembre, presentazione di “Lo Schermo International”;
     ‐    24 settembre – 9 ottobre, Raffaello Di Vecchio;
     ‐    7 ottobre, conferenza stampa di presentazione della stagione autunnale di CLUSTER;
     ‐    15-30 ottobre, mostra di Giani Luporini;
     ‐    10 novembre – 14 dicembre, Lucca Digital Photo Fest;
     ‐    16 novembre, conferenza stampa presentazione Fondo Documentazione Arturo Paoli;
     ‐    26 novembre inaugurazione sede Banca del Monte Lucca a Marlia;
     ‐    mostra Finalmente la Felicità di Leonardo Pieraccioni;
     ‐    3 dicembre, inaugurazione Fondo Arturo Paoli;
     ‐    22 dicembre – 8 gennaio, mostra di Ezio Ricci.

Si segnala la produzione e la pubblicazione di ulteriori articoli riguardanti le iniziative su vari
priodici e riviste tra cui Living Tuscany, LuccaMusica, notiziario dei Lucchesi nel Mondo,
pubblicazioni dell’OMA, LoSchermo.it, il Giornale di Coreglia ed il bimestrale di Itinera Out-Luk.

L’ufficio cura altresì la rassegna stampa giornaliera che viene raccolta e pubblicata su
    ‐ sito della Fondazione
    ‐ pagina Facebook della Fondazione
    ‐ inviata quotidianamente per e-mail
e consegnata in copia cartacea in una raccolta semestrale in due volumi.



GLI INTERVENTI ORDINARI

PROGETTI PLURIENNALI
La Fondazione, ha fatto fronte agli impegni già deliberati negli esercizi precedenti, come riportato
nella tabella che segue

           Richiedente                               Oggetto                            2011           Termine
Arte Attività e beni culturali
Arciconfraternita di           la ristrutturazione della Chiesa della Misericordia
Misericordia di Lucca -        in Piazza S. Salvatore
LUCCA (LU)                                                                             15.000,00             2016
Comune di Lucca - LUCCA        partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS
(LU)                           Comune di Lucca
                                                                                       50.000,00             2013
Fondazione Giuseppe Pera -     sostenere le attività della Fondazione e le
LUCCA (LU)                     iniziative correlate
                                                                                         1.666,66            2012
Fondazione Lucchese per        università IMT Lucca
l'Alta Formazione e la Ricerca
- LUCCA (LU)                                                                           10.000,00             2013
Filarmonica Gaetano            ristrutturazione sede filarmonica
Luporini - San Gennaro -
CAPANNORI - (LU)                                                                         5.000,00            2012




                                                    Pag. 87
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                     Bilancio 2011




        Richiedente                                        Oggetto                          2011         Termine
Opera delle Mura di Lucca -           valorizzazione delle mura in preparazione del
LUCCA (LU)                            500° anniversario
                                                                                            12.500,00          2012
Parrocchia Di San Matteo In           restauro e risanamento conservativo del
Nave - NAVE (LU)                      campanile della chiesa della parrocchia di san
                                      matteo di nave, lucca.
                                                                                             3.000,00          2012
Comune di Viareggio -                 l'acquisto di arredi per tre stanze della Villa
VIAREGGIO (LU)                        Borbone                                               10.000,00          2012
Centro Internazionale per lo          il progetto 'Lucca 200 anni fa' pubblicato dalla
studio delle cerchia urbane           Publied
C.I.S.C.U. Urbane - LUCCA
(LU)                                                                                         5.000,00          2013
Comune di Pietrasanta -               realizzazione volume fotografico
PIETRASANTA (LU)                                                                            15.000,00          2012
FONDAZIONE CENTRO ARTI                Viaggi nell'arte e nella cultura contemporanea
VISIVE DI PIETRASANTA -
Pietrasanta (LU)                                                                             5.000,00          2012
Soprintendenza BAPPSAE di             valorizzazione dei musei nazionali di lucca e
Lucca e Massa Carrara                 iniziative per le scuole e il pubblico adulto
Direzione Musei di Lucca -
LUCCA (LU)                                                                                   9.000,00          2012
Misericordia di Borgo a               restauro convento san francesco borgo a mozzano
Mozzano - BORGO A                     - 1° lotto
MOZZANO (LU)                                                                                 5.000,00          2012
PARROCCHIA SAN                        restauro conservativo alla torre campanaria
LEONARDO IN PIAZZA AL                 Parrocchia San Leonardo
SERCHIO COGNA - Piazza Al
Serchio (LU)                                                                                 5.000,00          2012
Comune di Altopascio -                la stagione teatrale 2011/2012
ALTOPASCIO (LU)                                                                             10.000,00          2012
                                      Totale Arte Attività e beni culturali                228.733,54
Educazione, Istruzione e Formazione
Comune di Lucca - LUCCA               partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS
(LU)                                  Comune di Lucca
                                                                                            50.000,00          2012
Fondazione Giuseppe Pera -            sostenere le attività della Fondazione e le
LUCCA (LU)                            iniziative correlate.
                                                                                             1.666,66          2012
Fondazione Lucchese per        il Corso di Laurea in Scienze del Turismo e laurea
l'Alta Formazione e la Ricerca specialistica in 'Progettazione e gestione dei
- LUCCA (LU)                   sistemi mediterranei' della Fondazione Campus
                                                                                            45.000,00          2013
Fondazione Lucchese per               università IMT Lucca
l'Alta Formazione e la Ricerca
- LUCCA (LU)                                                                                72.000,00          2013
Fondazione Lucchese per               quota ordinaria spese di gestione (triennio 2011-
l'Alta Formazione e la Ricerca        2013)
- LUCCA (LU)                                                                                40.000,00          2013
PARROCCHIA DEI SS                     percorso gratuito formazione scolastica e attività
GIOVANNI BATTISTA E                   aggregative
STEFANO PROTOMARTIRE -
Camaiore (LU)                                                                               15.000,00          2012
Istituto di Alta Cultura              Attività orchestrale Istituto Superiore di studi
Musicale L. Boccherini -              musicali L.Boccherini
LUCCA (LU)                                                                                   6.500,00          2012
Comune di Gallicano -                 Web 2.0 - il nuovo portale del CIAF
GALLICANO (LU)                                                                               7.000,00          2012
Prefettura di Lucca Ufficio           animatamente
Territoriale del Governo
Comitato Prov.le
Valorizzazione Repubblica -
LUCCA (LU)                                                                                  10.000,00          2012
                                      Totale Educazione, Istruzione e Formazione           259.666,66




                                                           Pag. 88
Bilancio 2011                                                                       Fondazione Banca del Monte di Lucca




           Richiedente                               Oggetto                                2011           Termine
Volontariato, Filantropia e Beneficenza
Fondazione dell'Ospedale       manifestazione 2008 per raccogliere fondi da
Pediatrico Meyer - FIRENZE     destinare alla Fondazione Meyer e assegnazione
(FI)                           borsa di studio pro specializzazione pediatrica
                                                                                           12.500,00             2013
PIAGENTINI MARCO -             il pagamento degli interessi del mutuo per
VIAREGGIO (LU)                 l'acquisto della casa del sig. Piagentini
                                                                                             3.000,00            2012
CE.I.S. Centro Italiano di     il Progetto 'Anna', 'Casa Emma' e 'Centro
Solidarietà Gruppo Giovani e   Pachamama'
Comunità Lucca - LUCCA
(LU)                                                                                       25.000,00             2014
Comune di Lucca - LUCCA        Soluzioni casa
(LU)                                                                                       15.000,00             2012
Congregazione Missionaria      ASSISTENZA AI MINORI E STUDENTI
delle Sorelle di S. Gemma
Galgani - CAMIGLIANO (LU)                                                                    2.500,00            2012
A.S.D. G.S. CERRETOLI -        bonifica da amianto degli spogliatoi del campo
Castelnuovo Di Garfagnana      sportivo di cerretoli
(LU)                                                                                         3.000,00            2012
Prefettura di Lucca Ufficio    convegno bullismo illustrazione e proposte
Territoriale del Governo       provenienti da ricerche promosse dalle Istituzioni
Comitato Prov.le               per proporre politiche giovanili a misura di
Valorizzazione Repubblica -    minore
LUCCA (LU)                                                                                    500,00             2012
                               Totale Volontariato, Filantropia e Beneficenza              66.500,00
Sviluppo Locale
Comune di Lucca - LUCCA        partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS
(LU)                           Comune di Lucca
                                                                                           50.000,00             2013
Fondazione Palazzo Boccella    la stipula del mutuo per l'ultimazione dei lavori di
- LUNATA (LU)                  Palazzo Boccella
                                                                                             6.000,00            2019
Fondazione Giuseppe Pera -     sostenere le attività della Fondazione e le
LUCCA (LU)                     iniziative correlate.
                                                                                             1.666,68            2012
Fondazione Lucchese per        il Corso di Laurea in Scienze del Turismo e laurea
l'Alta Formazione e la Ricerca specialistica in 'Progettazione e gestione dei
- LUCCA (LU)                   sistemi mediterranei' della Fondazione Campus
                                                                                           45.000,00             2013
Fondazione Lucchese per        università IMT Lucca
l'Alta Formazione e la Ricerca
- LUCCA (LU)                                                                               40.000,00             2013
Il Melograno Mutualità e       150 del movimento cooperativo in provincia di
Sviluppo onlus - LUCCA (LU) lucca
                                                                                             6.500,00            2012
Comando Provinciale Vigili     Acquisizione di un autovettura per Servizi
del Fuoco - LUCCA (LU)         d'Istituto
                                                                                             5.000,00            2012
Comune di Minucciano -         Polo sportivo a sermezzana
MINUCCIANO (LU)
                                                                                             7.000,00            2013
CESECA - SEGROMIGNO IN         pubblicazione volume '30 anni di Ceseca'
MONTE (LU)                                                                                 10.000,00             2012
Schermo.it - LUCCA (LU)        la pubblicazione periodica in lingua inglese per
                               lettori di lingua inglese
                                                                                             6.500,00            2012
Fondazione Banca del Monte     la messa in onda della S. Messa domenicale oltre
di Lucca - LUCCA (LU)          che per il Santo Natale e che per l'Epifania oltre
                               che alla realizzazione di due trasmissioni sulla
                               Fondazione della durata di 1/2 ora l'una                    3.300,00              2012
                               Totale Sviluppo Locale                                    180.966,68
Protezione e Ricerca Ambientale
Croce Verde Pubblica         acquisto mezzo protezione civile
Assistenza Ponte a Moriano -
Lucca (LU)                                                                                 10.000,00             2013




                                                    Pag. 89
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                      Bilancio 2011




           Richiedente                                     Oggetto                           2011         Termine
                                      Totale Protezione e Ricerca Ambientale                10.000,00

                                      impegno complessivo a carico del 2011                745.866,88

In conclusione, le delibere pluriennali con competenza anno 2011 possono essere così riassunte.

                                                      da esercizi precedenti           su futuri esercizi
     Delibere a valere su anno 2011                n. progetti         importo n. progetti               importo
     Arte Attività e beni culturali                         8      161.666,66       29,00           398.625,31
     Educazione, Istruzione e Formazione                   12      297.711,48       17,00           458.833,33
     Volontariato, Filantropia e Beneficenza                6      200.500,00       17,00           291.000,00
     Sviluppo Locale                                        5      250.166,68       20,00           409.039,05
     Protezione e Ricerca Ambientale                                72.500,00        2,00            34.500,00
     Totale                                                31      982.544,82       85,00         1.591.997,69




PROGETTI ANNUALI SETTORI RILEVANTI


Arte, attività e beni culturali
Nel corso dell’esercizio finanziario 2011 sono state accolte 105 domande per una erogazione pari a
€ 875.102.

I settori di intervento riguardano le iniziative promosse dagli enti locali (Amministrazione
provinciale di Lucca, Comune di Altopascio, Capannori, Coreglia Antelminelli, Forte dei Marmi,
Lucca, Massarosa, Pietrasanta e Viareggio), varie associazioni culturali e musicali, circoli culturali,
Fondazioni e Parrocchie.
Sono state inoltre curate alcune pubblicazioni attinenti la cultura locale.

Segue la relazione sui progetti più significativi.

a) La Fondazione ha contribuito per conto del Comune di Viareggio alla ristrutturazione di tre stanze
della Villa Borbone ed ha contribuito, inoltre, all’acquisto di mobili per il loro arredo.

b) Associazione italiana di canto - Rispondendo ad un invito del Maestro Hunt la Fondazione ha
organizzato due concerti, uno a Villa Oliva e uno a Villa Grabau.

c) L’Associazione Scuola civica di Musica di Castelnuovo Garfagnana ha realizzato il consueto
progetto “International Academy of Music” nel corso dell’estate 2011.
L’International Academy of Music è un Festival internazionale di musica, di concerti eseguiti da
complessi cameristici e da solisti. Vi è stata la presenza di circa 20 concertisti di varia nazionalità,
insegnanti di prestigiosi conservatori degli U.S.A., Germania, Russia ed Israele, a cui si sono
affiancati allievi provenienti da tutto il Mondo. Sono stati eseguiti a Castelnuovo e nei comuni della
Valle del Serchio ben 15 concerti, utile è risultata la collaborazione con le realtà musicali del
territorio ed in particolare con l’Istituto di Alta Cultura Musicale Boccherini.

d) L’Associazione Lucca Compositori Europei, creata con lo scopo di diffondere la cultura musicale e
lo spettacolo nel territorio lucchese, ha presentato il progetto e realizzato, grazie al finanziamento
della Fondazione, la messa in scena del musical “West side Story”. L’evento è avvenuto in
collaborazione con la Fondazione Festival Pucciniano e del Comune di Viareggio.
Parte del ricavato della serata è stato devoluto all’Anffas.




                                                         Pag. 90
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




e) L’Associazione Lucchesi nel Mondo pubblica, con attività di volontariato ed il totale contributo
della Fondazione, il periodico Notiziario Lucchesi nel Mondo, inviandolo gratuitamente e via posta
aerea a circa 7000 famiglie di lucchesi residenti all’estero. Viene così creato un legame tra la terra
natìa e l’emigrante all’estero che riesce a conservare in parte la cultura e le tradizioni lucchesi.
Una parte della rivista viene tradotta in inglese onde facilitare la lettura alle seconde e terze
generazioni, che hanno perso ormai familiarità con la lingua italiana.

f) Durante l’anno l’Associazione Musicale Il Serchio delle Muse ha eseguito, in collaborazione con
14 Comuni della Valle del Serchio, ben 15 concerti compreso un dittico nel segno di Puccini nel
quale la musica lirica esalta la ricorrenza del centocinquantesimo anniversario dell’unità di Italia.
Il concerto tenuto nel giardino di casa Pascoli il 10 agosto ha ottenuto una particolare rilevanza
come ogni anno, in quanto legato alla lettura di brani poetici.

g) Lucca Jazz Donna è un Festival interamente ed esclusivamente dedicato alla figura femminile.
Esso, unico per tipologia in Italia, ha lo scopo di selezionare e valorizzare la donna nell’ambito della
musica jazz, nel canto, nella composizione, nell’arrangiamento e nell’uso dei vari stili musicali.
È nato nel marzo 2005 ed ha lanciato nel mondo del jazz numerosi astri nascenti, quali, ad esempio,
la batterista Kim Thompson e Ruth Young, ultima compagna di Chet Baker.
Le manifestazioni hanno registrato nel corso degli anni un costante incremento di pubblico e di
approvazione da parte degli esperti.
La Fondazione anche quest’anno ha finanziato numerose manifestazioni quali “Jazz dal Mondo”
presso l’auditorium di San Girolamo, “Live at Montreaux 1976” al Cinema Centrale ed altro.
Il Festival si è svolto dal 29 gennaio al 13 marzo 2011, focalizzandosi sulla tematica “Cultura e
solidarietà”.

h) La Fondazione Lucchese delle Associazioni Musicali (FLAM) ha realizzato anche quest’anno l’VIII
Edizione del “Cantiere della Musica”.
Il Cantiere intende valorizzare la professionalità e le competenze comprovate di musicisti che
operano sul territorio senza tuttavia escludere la collaborazione esterna. Sono stati eseguiti 20 eventi
musicali tra concerti, conferenze e incontri in vari Comuni e località della Provincia.

i) La Fondazione Mario Tobino intende sviluppare le proprie attività attraverso una serie di proposte
culturali rivolte ai giovani e agli studenti, quali ad esempio, il “Premio Mario Tobino” per gli Istituti
di istruzione secondaria di I° grado.
Si sono tenuti nel corso del 2011 incontri con le singole classi, al fine di approfondire il legame tra
letteratura ed esperienze mediche vissute da Tobino.

l) La Misericordia di Borgo a Mozzano intende restaurare il Convento di San Francesco: la
Fondazione, consapevole dell’importanza del progetto, contribuisce alle spese di restauro.

m) La pro-loco di Castiglione di Garfagnana, da alcuni anni, promuove nel corso dell’estate varie
iniziative finalizzate alla valorizzazione del Borgo medievale e al legame con l’arte (poesia, pittura e
musica). Nel corso dell’estate 2011 le iniziative sono state legate alla celebrazione del 150°
anniversario dell’Unità di Italia.




Educazione, istruzione e formazione
RELAZIONE COMMISSIONE FORMAZIONE – periodo di attività 2011
Nell’ambito della formazione, nel corso dell’esercizio finanziario 2011, sono stati finanziati 95
progetti con l’erogazione di un finanziamento totale pari a
€ 686.888.

Specificatamente, sono stati finanziati i progetti di 30 istituzioni scolastiche, di 11 associazioni
sportive, di 11 enti locali e altri enti pubblici (prefettura di Lucca), di 7 istituzioni universitarie o
parauniversitarie, di 6 Associazioni culturali, di 5 Associazioni nel settore della musica e del canto,
di 4 Associazioni - Fondazioni, di 3 Associazioni teatrali, di 3 Associazioni parrocchiali, di 3
Associazioni artistiche e di 16 associazioni di altri settori.




                                                 Pag. 91
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




Merita osservare che la quasi totalità delle richieste sono state accolte anche se, a volte, con
finanziamenti contenuti, rispetto a quanto richiesto.
Il finanziamento più elevato è stato erogato per sostenere i corsi di specializzazione universitaria e/o
alta qualificazione post-universitaria.
I settori di intervento sono stati numerosi e, come sopra indicato, riguardano un ambito molto ampio
che va dai progetti presentati dalle scuole a quelli promossi da associazioni sportive, musicali, corali,
artistico – teatrali; dalle iniziative organizzate dall’Università a quelle degli enti locali; da quelle
presentate dalle Accademie a quelle pervenute dalle Fondazioni.

Ne consegue che le varie esigenze del territorio sono presenti nelle richieste accolte, recependo così i
reali bisogni del tessuto culturale locale e contribuendo alla crescita formativa del territorio con
significative azioni mirate.
Tutte le zone del territorio sono presenti nella mappatura dei progetti finanziati.

Si elencano alcuni progetti ritenuti significativi.
1. SETTORE UNIVERSITA’
     a) L’Università di Pisa – Dipartimento di Ingegneria Chimica, Chimica Industriale e Scienza dei
     Materiali ha organizzato, un Master di I Livello in “nautical management”. L’obiettivo del
     Master è stato quello di creare figure professionali capaci di governare il processo produttivo e
     commerciale di una (imbarcazione) dall’ordine del cliente fino alla consegna in mare.
     La formazione si è pertanto focalizzata sulla pianificazione e gestione del sistema produttivo e
     commerciale, con particolare attenzione alle qualità, ai costi di produzione, alla sicurezza,
     all’impatto ambientale e alla gestione delle risorse umane.
     Vi è stata la partecipazione di un elevato numero di corsisti.
     Nei precedenti anni accademici la nostra Fondazione aveva già finanziato l’organizzazione di un
     Master in “Produzione della carta e gestione del sistema produttivo”.
     b) Il Centro Linguistico Interdipartimentale dell’Università di Pisa, legalmente rappresentato dal
     Prof. Bruno Mazzoni, Preside della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, avendo quale scopo
     formativo quello di svolgere attività didattiche e di ricerca di interesse generale per l’Ateneo,
     nell’ambito dell’insegnamento delle lingue e delle metodologie relative, nonché la certificazione
     delle abilità linguistiche, ha organizzato un Master intitolato “Linguistica e nuove tecnologie per
     l’insegnamento delle lingue moderne”. Il progetto è iniziato il 15.09.2011 ed è terminato il
     15.12.2011. Gli obiettivi generali prefissati erano i seguenti: aggiornare gli insegnanti sui nuovi
     metodi e materiali di insegnamento della lingua (strumenti cartacei ed elettronici); orientare gli
     insegnanti alla scelta delle certificazioni internazionali adeguate ai livelli di insegnamento;
     avvicinare l’Università alla scuola in modo da stabilire un dialogo costante che dovrebbe
     protrarsi nel tempo. Tali obiettivi sono stati raggiunti dopo un corso frontale di 40 ore circa,
     seguiti da attività on line. I corsi sono stati tenuti da docenti universitari e da lettori di
     madrelingua in servizio presso l’Università di Pisa. I corsisti appartenevano al territorio
     regionale.

2. SETTORE ASSOCIAZIONI-FONDAZIONI
    a) La Music Academy di Lucca è stata costituita nel 2007 per riunire privati cittadini con lo scopo
       di diffondere nel territorio lucchese la cultura musicale, la conoscenza della musica, l’uso
       degli strumenti musicali.
       Nell’anno formativo 2011-2012 ha svolto a Capannori il progetto: “Officina della Musica”.
       Gli obiettivi generali del progetto sono quelli di educare il bambino al linguaggio dei suoni ed
       evitare quell’ignoranza acustica che provoca non solo incapacità di capire la musica, ma
       anche isolamento culturale e incapacità di viaggiare nei linguaggi di altre culture.
       Le adesioni al progetto sono state numerose e gli istituti scolastici coinvolti hanno espresso
       giudizi lusinghieri. Per i prossimi anni ci si attende una crescita delle adesioni a simile
       progetto.
     b) L’associazione del Festival Pucciniano costituita nel settembre del 1990 promuove attività
       musicali creando le condizioni per la conservazione, valorizzazione, conoscenza e diffusione
       del patrimonio artistico di Giacomo Puccini e dell’ambiente e dei luoghi dove il Maestro visse
       e compose le sue opere.
       Il progetto, sostenuto da anni dalla Fondazione, in collaborazione con il Comune di Viareggio,
       è quello dell’“Accademia di Alto Perfezionamento per Cantanti Lirici”, a cui sono iscritti
       studenti provenienti da tutto il mondo. Agli allievi più meritevoli è offerta la possibilità di
       ricoprire dei ruoli nelle opere pucciniane in cartellone, dando così loro l’opportunità di
       cantare a fianco di artisti di fama internazionale. Nell’edizione 2011 il corso ha visto la




                                                 Pag. 92
Bilancio 2011                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




        partecipazione come docenti del Soprano Lucetta Bizzi, del Basso Luigi Roni, della regista
        Vivine Alexandra Hewitt, dei Maestri Natalia Valli, Valerio Galli.

3. SETTORE COMUNI – ENTI ASSIMILATI
   a) Il Comune di Capannori ha svolto nel corso del 2011 il progetto “Far sapere..saper fare”. Gli
      obiettivi generali erano i seguenti: consolidare una stretta collaborazione tra
      Amministrazione locale, istituzioni scolastiche e associazioni del territorio; garantire
      momenti di formazione, di confronto e dunque di crescita ai docenti e ai genitori; rinnovare
      l’offerta didattica; promuovere le aggregazioni dei cittadini e dei giovani studenti;
      valorizzare le energie e le competenze professionali in loco; formare gli insegnanti in
      collaborazione con le Università di Pisa e di Firenze. È nato così un patto per la scuola tra il
      Comune di Capannori ed il territorio con il coinvolgimento in modo costruttivo e partecipe
      di tutte le componenti interessate. Sono stati organizzati convegni, dibattiti, giornate di
      studio, per tutta la durata dell’anno scolastico. La partecipazione attiva e progettuale da
      parte della cittadinanza è da ritenersi soddisfacente.
   b) La Prefettura di Lucca, Ufficio territoriale dl Governo, sotto la guida del Sig. Prefetto Dott.
      Alessio Giuffrida, ha curato nel corso del 2011 il progetto “Animatamente”, con la
      realizzazione di un cortometraggio. Gli obiettivi perseguiti sono stati quelli del
      coinvolgimento degli studenti sulla riflessione dei pericoli per la salute derivanti dall’uso di
      sostanze stupefacenti. Il lavoro svolto sarà esteso sul territorio con una campagna di
      sensibilizzazione diffondendo un messaggio creato in prima persona dai ragazzi. È stato
      realizzato un cortometraggio sull’uso delle sostanze psicoattive, è stato allestito un apposito
      stand nell’ambito della manifestazione Lucca Comics. L’iniziativa si è inserita in un progetto
      più ampio, promosso dalla Provincia di Lucca in collaborazione con enti e istituzioni, che
      operano nell’ambito della prevenzione contro le sostanze stupefacenti, appartenenti al
      Forum Provinciale Dipendenze (ASL, Forze dell’ordine, Ufficio Scolastico Provinciale, CONI,
      ACAT). La metodologia utilizzata è stata quella del Peer Education, che facilita un messaggio
      educativo alla pari, che coinvolge in primis l’azione educante del giovane studente.




Volontariato, Filantropia e beneficenza
Anche nella nostra realtà locale, per la crisi finanziaria ed economica, si sono prodotti effetti molto
negativi sul piano sociale con un ampliamento notevole della fascia di popolazione che vive in
condizioni di povertà.
La Fondazione nell’anno 2011 ha dedicato particolare attenzione ai fenomeni sociali emersi a
seguito della crisi economica ed ha cercato di sostenere quelle realtà quali centri di ascolto,
parrocchie e associazioni presenti sul territorio, che sono impegnate nell’aiuto e sostegno alle
famiglie in difficoltà, quali ad esempio Il Germoglio di Camaiore, il Comitato Popolare Piazza San
Francesco di Lucca, l’Opera di Santa Zita onlus di Lucca, il Gruppo di Volontariato Vincenziano di
Viareggio, Il Piazzale ed altro di Capannori e la Società’ di San Vincenzo de Paoli di Castelnuovo
Garfagnana.
Accanto all’aiuto a queste realtà sono state sostenute iniziative volte all’inserimento lavorativo di
soggetti svantaggiati attraverso l’agricoltura sociale, come ad esempio i progetti ideati dall’Azienda
Agricola Calafata e dalla Cooperativa La Mongolfiera, rivolte a soggetti svantaggiati e esclusi dal
mercato del lavoro e appartenenti alle categorie delle cosiddette nuove povertà.

Appreso che 450.000 donne tra i 16 e i 70 anni in Toscana hanno subito, almeno una volta, episodi
di violenza fisica e/o sessuale, la Fondazione ha deciso, grazie alla proposta del Ceis, di appoggiare
interventi specifici per affrontare i problemi sopra descritti:
-progetto “Anna” per le vittime di tratta sottoposte a sfruttamento;
-progetto “Casa Emma” per coloro che subiscono violenza domestica.

I progetti si sviluppano attraverso varie fasi, che vanno dal contatto all’inserimento nella casa
protetta e al contemporaneo e complesso passaggio nel lasciare la casa d’origine, al momento in cui
le assistite riescono a ritrovare autonomia e serenità, riprendendo così in mano la gestione della
propria vita.




                                                Pag. 93
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




La Fondazione ha inoltre deciso di contribuire al Centro Pachamama, che il Ceis ha deciso di mettere
in piedi, per assistere e aiutare tutti quei giovani e adolescenti che si avvicinano alla droga o già
fanno uso di sostante stupefacenti. Il centro si configura come una struttura proposta all’accoglienza
psicologica di adolescenti e genitori ed è inserito in un circuito di rete con i servizi locali e le
strutture preposte ad occuparsi delle diverse problematiche.
Le risorse umane e professionali presenti nel centro hanno una connotazione psicologica che
permette la presa in carico sia di situazioni che necessitano di terapie di sostegno sia di psicoterapia.
Il centro si trova a Camaiore presso i locali messi a disposizione dalla ASL 12 Versilia.

L’aiuto e l’assistenza ai soggetti svantaggiati, in questo caso ragazze madri accompagnate dai loro
bambini, nel 2011 è proseguito con il contributo alla Parrocchia di Segromigno in Monte che ha
aperto, nei suoi locali, una casa famiglia che riesce ad accogliere un numero discreto di donne,
prevalentemente immigrate che riescono così ad assistere adeguatamente i loro piccoli in un
ambiente di ritrovata serenità e di inclusione sociale, grazie anche alla collaborazione e
partecipazione di volontari appartenenti alla comunità locale.

Nell’ambito della disabilità la Fondazione si è posta da tempo il compito di collaborare a rimuovere
quegli ostacoli e ad effettuare quegli interventi in modo da far sì che gli handicap fisici o mentali dei
disabili non impediscano o impediscano il meno possibile la loro capacità di azione e la loro
partecipazione sociale.

Anche nell’anno 2011 la Fondazione ha sostenuto con convinzione i progetti Persona Estate e Estate
insieme, realizzati dall’ANFFAS di Lucca, che consentono ai disabili in età scolare e non solo, di
partecipare a iniziative socio ricreative nel periodo che intercorre dalla chiusura delle scuole al
periodo delle vacanze dei genitori; attraverso lo sport, e tramite la partecipazione ad attività
espressive quali la musica e il teatro, sono stati finanziati interventi di reinserimento sociale di
soggetti disabili come quelli organizzati dall’Associazione Sportiva Dilettantistica L’Allegra Brigata,
che ha permesso a molti giovani di partecipare ai Giochi Nazionali estivi Special Olympics Italia, che
rappresentano il più importante evento sportivo a livello nazionale per atleti con disabilità
intellettiva e che coinvolgono svariate attività sportive, che vanno dall’atletica al golf; L’Associazione
Sportiva Dilettantistica S.Michele Sport, Handicap e Giovani insieme ha realizzato un Centro Socio-
Ricreativo e aggregativo per il tempo libero per giovani normo e diversamente abili che grazie a
un’ampia serie di attività sia sportive che ludico-ricreative e formative riesce a offrire opportunità ai
giovani sul territorio di svago consentendo al contempo lo sviluppo di dinamiche relazionali;
l’Associazione Sportiva Dilettantistica Club Scherma Lucca TBB ha organizzato corsi di scherma,
tennis, ping pong, pallacanestro e tiro a segno, utilizzando attrezzature propedeutiche per creare
situazioni di coinvolgimento e socializzazione tra ragazzi disabili e non; le Associazioni Sportive
Dilettantistiche Focolaccia Sci di Fondo e Circolo Vela Mare hanno organizzato anche grazie alla
Fondazione corsi di sci e di vela per fornire ai ragazzi un’opportunità sportiva e aggregativa molto
importante.

Come componente del Governing Council dello European Foundation Center, la Fondazione ha
subito aderito al Consortium of Foundations on Human Rights and Disability, un consorzio
internazionale nato con l’obiettivo di essere un luogo di scambio di esperienze nel settore, di
approfondimento dei problemi e delle soluzioni, di proposta di progetti.

Fra le proposte in esame da parte del consorzio c’è quella presentata proprio dalla Fondazione per
unire alcuni centri storici europei nel progetto comune di abbattimento delle barriere
architettoniche; inoltre la Fondazione attua la best practice di coinvolgere nei lavori del consorzio
alcune fra le più attive associazioni che operano in provincia ed i delegati al settore degli Enti locali
e Istituzioni, proprio con lo scopo di creare sinergie e affrontare in termini costruttivi l’argomento,
anche in sede internazionale.

Dalla proposta iniziale si è sviluppata, nell’ambito del gruppo di interesse sulla disabilità, la Lega
delle Città Accessibili (League of Accessibile Cities), per la realizzazione di un progetto europeo di
abbattimento delle barriere architettoniche già ampliamente descritto, e che richiamiamo a tal
proposito, nella parte di Bilancio di Missione relativo alla partecipazione agli Organismi esterni.

Nell’ambito del settore sociale rientrano anche gli interventi che la Fondazione opera al di fuori del
territorio lucchese, quasi sempre a fianco di soggetti no profit della comunità locale: Associazione
Amany Nyayo di Lucca, Associazione Diritto alla salute e alla Vita (DSV) di Lucca, Associazione
Homexpeople Home di Viareggio, Associazione Lucca Tuareg, Associazione Amici del Mondo Onlus


                                                  Pag. 94
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




di Pietrasanta. Si tratta di interventi mirati a piccoli progetti, concretamente individuati e definiti
anche nei tempi, senza intermediazioni alcune che in modi diversi, vanno dalla creazione di centri
polifunzionali e cooperative alla realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia
elettrica, contribuiscono in modo significativo allo sviluppo di aree del Terzo Mondo quali il Congo,
Niger e Burkina Faso troppo spesso dimenticate.



Sviluppo Locale
Segue l’elenco di alcuni soggetti e alcuni progetti a cui la Fondazione ha dato il proprio sostegno.

Centri Commerciali Naturali (A.S.Com.Tur., Confcommercio Lucca, Associazione Compriamo a
Castelnuovo e Comune di Massarosa).
La crisi che ha colpito negli ultimi anni il commercio tradizionale al dettaglio e che ha portato alla
chiusura di numerose attività commerciali, determinando anche in questo settore un aumento della
disoccupazione, ha spinto, su sollecitazione delle Associazione di categoria del commercio, la
Regione Toscana ad adottare provvedimenti per la salvaguardia di queste attività, danneggiate anche
dalla espansione della Grande Distribuzione.

La scelta fatta è stata quella di stimolare nelle varie località della regione l’aggregazione tra
imprenditori commerciali e turistici al fine di realizzare ed offrire servizi in comune anche
innovativi, offerte commerciali vantaggiose, manifestazioni e spettacoli. Tutto questo è stato
denominato “nascita dei Centri Commerciali Naturali - CCN”, per distinguerli ed al tempo stesso
paragonarli al Centri Commerciali della Grande Distribuzione. La Regione Toscana ha contribuito,
per facilitare la nascita di Organismi imprenditoriali locali, alla realizzazione e promozione di
eventi.

Queste iniziative hanno avuto molto successo ed in molti casi questi Organismi hanno stimolato le
Amministrazioni Locali a realizzare infrastrutture a favore di questi Centri Commerciali Naturali
(parcheggi, marciapiedi, illuminazione, arredo urbano). Tutto questo è stato molto apprezzato dalla
Regione Toscana che ha destinato per la loro realizzazione diversi finanziamenti.

Nella nostra Provincia numerose località hanno istituito Centri Commerciali Naturali e volentieri
questa Fondazione ha dato il proprio sostegno per la realizzazione dei loro progetti, riconoscendo
che la salvaguardia del commercio tradizionale al dettaglio vuol dire anche la salvaguardia e la
valorizzazione dei centri storici e la conservazione di un servizio sociale nelle frazioni montane e
collinari.

A.S.Com.Tur.
Questa associazione ha collaborato, sotto forma di sostegno, alle attività realizzate da alcuni CCN,
nello specifico le seguenti.
- Il CCN di Segromigno in Monte ha realizzato la manifestazione “Non solo fiera” dove si sono
   dislocati nella zona dell’Indiana oltre 100 banchi ambulanti e di arti e mestieri. La festa è stata
   animata dalla partecipazione di sbandieratori e saltimbanco.
- Il CCN di Segromigno in Piano ha realizzato nel mese di ottobre la 2a fiera d’autunno con la
   partecipazione sia degli ambulanti sia dei commercianti che hanno esposto davanti ai negozi la
   propria merce. Nel periodo natalizio la frazione è stata abbellita dalle classiche illuminazioni.
- Il CCN di Porcari ha realizzato nel mese di ottobre la mostra delle vetrine, una settimana in cui
   gli esercizi commerciali offrono ai propri clienti omaggi e sconti particolari. Presso la sede del
   Comune è stata realizzata la mostra fotografica delle vetrine che hanno aderito all’iniziativa.
- Il CCN di S. Concordio ha realizzato la manifestazione “2° trofeo CCN di S. Concordio”, una gara
   ciclistica in notturna lungo un percorso allestito con oltre 100 bancarelle.
- Il CCN di Guamo-Coselli ha realizzato “La festa dell’auto e del mercato ambulante”, con
   l’allestimento di un piccolo mercato di banchi commerciali ed artigiani e di un’esposizione di
   automobili. Per le vie della frazione, inoltre, sono stati realizzati spettacoli vari di artisti di strada,
   giocolieri, sbandieratori ed esibizioni di una scuola di ballo.
- Il CCN Centro Storico di Lucca ha curato l’illuminazione natalizia. L’attenzione si è concentrata
   soprattutto sull’illuminazione del centro storico al fine di valorizzare al massimo le bellezze
   storico-artistiche e l’appeal di una passeggiata per le strade ed i vicoli di maggior richiamo. Le




                                                    Pag. 95
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




    luci utilizzate sono state a led, capaci di garantire un importante risparmio energetico ed un
    basso impatto ambientale.

Confcommercio Lucca
Questa Associazione, in collaborazione con il Comune di Lucca e la società Metro, ha realizzato il
progetto “Iniziativa Gratta & Sosta”. Sono stati stampati 100.000 buoni parcheggi (validi fino al 31
dicembre 2013) da utilizzare nelle aree di sosta a parcometro sia all’interno che all’esterno delle
mura. Gli stessi sono stati poi messi a disposizione dei commercianti che li possono acquistare per
omaggiarne i loro clienti.
Parallelamente sono state predisposte delle vetrofanie ad hoc per segnalare ai consumatori
quali sono gli esercizi che offrono i ticket.

Associazione Compriamo a Castelnuovo
Anche per il corrente anno la Fondazione ha contribuito alla realizzazione della manifestazione “La
settimana del Commercio”. L’iniziativa, giunta alla sua 28a edizione, si è tenuta dal 12 al 21 agosto
e ha avuto la collaborazione del Comune, Provincia, Comunità Montana, Parco Alpi Apuane e
Confcommercio.

Per i commercianti si tratta di 10 serate di grande sforzo, ma anche di tante soddisfazioni. La
settimana è il momento clou della stagione estiva della Garfagnana e richiama migliaia di visitatori.
L’apertura è stata affidata ad alcune band musicali locali. Nella primavera la consulta giovanile di
Castelnuovo organizza un concorso fra band locali. Le prime tre classificate hanno avuto l’onore di
aprire l’edizione di quest’anno della Settimana.

Nelle serate successive si sono tenuti: la premiazione dei migliori video realizzati da giovani, una
sfilata di moda, il concerto della Filarmonica Giuseppe Verdi che ha portato tutta la sua tradizione e
l’allegria della sua musica per le vie della città con concerto finale in Piazza delle Erbe, un concerto
di musica classica, una serata per i più piccoli con proiezione di cartoni animati, animazione e
giochi, la festa della ciccia (i macellai locali hanno proposto piatti con la buona carne della
Garfagnana) ed una serata di magia.

Comune di Massarosa
La rivitalizzazione dei centri storici è uno degli obiettivi che l’Amministrazione vuole portare avanti.
Questo obiettivo ha iniziato a concretizzarsi attraverso una serie di manifestazioni come Il
Mercatino dell’Antiquariato, Massarosa sotto le stelle e Magie del Natale, che, di anno in anno, sono
andate sempre più affermandosi all’interno del panorama versiliese, grazie anche ad una capillare
campagna pubblicitaria con messaggi radiofonici, manifesti e banner pubblicitari su specifici portali
di promozione turistica.

Le manifestazioni sono state organizzate con la collaborazione dei commercianti e delle associazioni
di volontariato locale e hanno richiamato una grande affluenza di pubblico. Numerose sono state le
iniziative ad esse collaterali, negli ultimi anni una delle iniziative più seguita è stata una tappa per la
selezione regionale di Miss Italia. Concerti durante le manifestazioni natalizie, con cori e bande
provenienti dalla Toscana hanno fatto sì che l’offerta proposta al pubblico fosse di livello qualitativo
medio-alto.

Le suddette iniziative si sono accompagnate all’inizio dei lavori per il rifacimento viario ed urbano
del centro storico, con l’intento di accrescere l’attraenza di Massarosa.

Comune di Barga
Con il progetto “La Cultura e l’Arte nel territorio di Barga” si è inteso realizzare una serie di
iniziative culturali, artistiche, sportive con l’obiettivo di consolidare e far crescere il livello
qualitativo dell’offerta indirizzata alle migliaia di turisti che visitano Barga, ma anche ai cittadini in
genere.

L’obiettivo principale riguarda lo sviluppo del territorio e quindi l’implemento turistico, la diffusione
dell’arte e della cultura ed al tempo stesso la conservazione della tradizione locale.

Le principali iniziative realizzate sono state le seguenti.
- Centenario Pascoliano – A Castelvecchio Pascoli, la Casa Pascoli ed il Borgo di Caprona sono stati
   lo scenario di una ricostruzione storica della vita contadina di cento anni fa, per riscoprire il



                                                  Pag. 96
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




    fascino dell’antico Borgo, dove viveva il Poeta, e riassaporare il gusto dei prodotti tipici di un
    tempo.
-   I° Maggio a Fornaci – Mostra mercato del fiore e della motorizzazione. La mostra dei fiori di ogni
    tipo e dei mezzi di trasporto e da lavoro di ogni genere è arricchita da stands di vario tipo: mobili
    di arredamento, fossili, minerali, acquari, articoli da campeggio ed articoli sportivi. Negli ultimi
    anni si è affermata anche la expo dedicata alle energie rinnovabili.
-   Calendimaggio – Trattasi di una gara mediovale di tiro con la balestra con figurinanti in costume,
    che si sono esibiti in tutto il centro storico. Sono arrivati nella cittadina gruppi in costume
    medioevale e balestrieri da tutta la regione, ma anche dalla Romagna, Liguria e Marche. Oltre
    alla dimostrazione di tiro si sono svolti corteggi storici e un particolare mercato mediovale con
    giochi, stoffe e articoli vari del tempo.
-   Festa del Centro storico – Nel mese di luglio la parte più antica di Barga ha ospitato la “Festa del
    Centro Storico”. Durante questa manifestazione nelle varie piccole piazze e nei fondi di Barga
    Castello, sono allestite mostre di pittura, scultura, fotografia e stand di oggettistica. Accanto a
    queste , concerti di musica jazz, lirica e leggera.
-   Festival Opera Barga. Nel mese di aprile il Teatro dei Differenti ha ospitato masters di alto
    perfezionamento per musicisti e cantanti della Cardiff International Academy of Voice di Dennis
    O’Neill, celebre tenore che si è esibito in tutto il mondo. Questi corsi di perfezionamento –che
    vedono anche la presentazione al pubblico di concerti e opere liriche – sono stati il preludio al
    Festival vero e proprio di Opera Barga che si è tenuto fra giugno e luglio.
-   Presepio vivente – Il 23 dicembre, nel centro storico, sono state rappresentate le arti ed i mestieri
    del passato con la mistica rievocazione della Natività. Oltre duecento figurinanti hanno dato vita
    a quella che è la più antica rievocazione del Presepe Vivente in Valle del Serchio

Comune di Pietrasanta
Il progetto Pietrasanta Grandi Eventi si inserisce nel vasto programma intrapreso
dell’Amministrazione Comunale per la promozione di iniziative culturali ed artistiche con la finalità
principale di avvicinare un numero sempre maggiore di cittadini e turisti alla cultura ed all’arte
nelle loro svariate espressioni.

Una serie di iniziative culturali, manifestazioni ed eventi sono previsti durante tutto l’arco dell’anno
con l’obiettivo principale di rendere maggiormente attrattivo il territorio per un lungo periodo,
diversificando l’offerta e destagionalizzando i flussi turistici concentrati prevalentemente nel periodo
estivo e legati al turismo balneare.

I principali eventi del 2011 sono stati i seguenti.
- Wine art festival – il 20 e 21 marzo, in Piazza Duomo e Chiostro di S. Agostino, si è tenuta la
    terza edizione della esposizione di vini italiani ed internazionali con premiazione del miglior
    sommelier italiano.
- L’arte del cavallo – nel parco della Versiliana, il 28 e 29 maggio si è tenuta la dodicesima
    edizione del concorso di morfologia del purosangue arabo, concorso che è entrato nel calendario
    internazionale delle competizioni, richiamando centinaia di splendidi esemplari provenienti da
    ogni parte d’Europa e del mondo.
- Premio Carducci – la città di Pietrasanta ogni anno, quest’anno il 27 luglio, celebra la figura e le
    opere del premio nobel per la letteratura con il Premio Carducci. In oltre mezzo secolo di vita, ha
    premiato la migliore produzione della nostra poesia ed ha consentito di mantenere sempre
    costante l’attenzione del pubblico e dei giornali sui valori etici ed estetici della poesia. Da due
    anni è stato avviato anche un progetto didattico che vede coinvolti gli istituti scolastici inferiori e
    superiori della Versilia al fine di favorire la partecipazione dei giovani studenti al Premio.
- Festival Pietrasanta in Concerto – nel chiostro S. Agostino e piazza Duomo si è tenuto, per il
    quinto anno, il Festival internazionale di musica con la presenza di solisti di fama internazionale.
    Nato per volontà del direttore artistico M° Michael Guttman, musicista e direttore d’orchestra di
    fama internazionale, il Festival è realizzato dall’Associazione Musica Viva (Firenze).

CESECA
Ceseca è una società pubblico-privata che dal 1984 opera a favore del settore calzaturiero lucchese
e per lo sviluppo economico del territorio.

Nell’imminenza del trasferimento della sede nei nuovi locali del Polo Tecnologico – Cittadella della
Calzatura, la società ha ritenuto opportuno di porre una pietra miliare che costituisca lo spartiacque
tra il passato ed il futuro, con la pubblicazione di un libro sulla sua storia.



                                                  Pag. 97
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




Il progetto editoriale, che verrà pubblicato sia in italiano che in inglese, è articolato in modo da
coniugare le esigenze storico/celebrative con quelle di analisi sull’evoluzione del settore, con
particolare riferimento al distretto locale e sui valori che hanno consentito a Ceseca di rimanere
allineato ad un mercato oltremodo variabile e turbolento. La parte finale conterrà le proiezioni ed i
progetti per il futuro.

PROVINCIA DI LUCCA – Promozione turistico-culturale
Il progetto di promozione turistico-culturale intende coordinare e promuovere le iniziative culturali
e gli eventi turistici organizzati nel territorio provinciale, mettendo in rete le Istituzioni pubbliche,
gli enti di promozione turistica e gli eventi culturali al fine di offrire un servizio integrato ai
visitatori, ai turisti, agli imprenditori turistici e alla cittadinanza.

L’intento è quello di predisporre per tempo il calendario degli eventi delle varie Amministrazioni
locali e presentarlo e pubblicizzarlo in comune. In questo modo si eviterà anche il verificarsi di
eventi programmati nello stesso periodo.

Lo SCHERMO
La testata giornalistica Loschermo.it adibirà una pubblicazione internazionale periodica di almeno
dieci articoli in lingua inglese per lettori di lingua inglese, sia stranieri che italiani emigrati di
seconda e terza generazione che non conoscono l’italiano.

Il fine è quello di garantire attraverso le potenzialità del giornale, visibile in tutto il mondo e in
grado di sfruttare eccellenti posizioni di indicizzazione garantite dalla visibilità assegnata da Google
alle testate giornalistiche, la massima divulgazione di fatti, iniziative ed eventi riguardanti il
territorio attraverso la traduzione dei più significativi articoli pubblicati dal giornale nel periodo che
sarà oggetto della pubblicazione e la produzione di contenuti specifici orientati ad informare il
lettore straniero sulle caratteristiche di eccellenza del territorio, oltre a approfondimenti mirati a
stimolare la partecipazione ed il dibattito grazie alla possibilità degli utenti di interagire in tempo
reale con i contenuti della testata secondo le modalità del web.

In questo modo LoSchermo.it ritiene di fornire un utile servizio in grado di permettere ai lucchesi
nel mondo e agli emigrati in genere di rimanere in contatto con la loro terra natia e, per quanto
riguarda i lettori stranieri, l’iniziativa, unica del suo genere a Lucca, si ritiene possa essere in grado
di apportare un notevole ritorno in termini di promozione e conoscenza del territorio nel mondo,
oltre che di richiamo verso i tanti eventi di eccellenza organizzati durante l’anno in tutta la
provincia.

Il Melograno Mutualità e Sviluppo
L’Associazione ha tra i suoi scopi quello di contribuire all’affermarsi di un processo unitario nel
movimento cooperativo, diffondere la cultura cooperativa ed operare per sviluppare la cooperazione
e l’associazionismo.

Il progetto, condiviso da questa Fondazione, riguarda la realizzazione di una ricerca storico-
economica per la pubblicazione di un‘opera riguardante i 150 anni del movimento cooperativo con
particolare riferimento alla provincia di Lucca ed all’incidenza sul tessuto sociale ed economico della
cooperazione. I risultati della ricerca saranno presentati nelle scuole superiori della Provincia e
dibattuti in un convegno a carattere regionale.

Associazione Società Libera - Premio Internazionale alla Libertà
Il Premio Internazionale alla Libertà ideato dalla Società Libera si è svolto sotto l’Alto Patrocinio del
Presidente della Repubblica ed in collaborazione con la RAI. L’evento, si trattava della nona edizione,
si è tenuto a Lucca, in piazza San Martino, nella serata del 24 giugno ed ha visto la presenza di oltre
seicento persone. È stato ripreso dalla RAI e trasmesso l’8 luglio.

La connotazione del premio è la volontà di esaltare:
       - un valore culturale: i premiati come figura guida
       - un valore educativo: la sensibilizzazione verso il tema della responsabilità individuale
       - un valore sociale:    la riflessione su comportamenti eccellenti.

Il premio, attribuito da una giuria composta da figure rappresentative del mondo culturale ed
imprenditoriale, è stato assegnato alle seguenti persone nell’ambito delle seguenti quattro categorie:
       - Cultura                 Giovanni Reale


                                                  Pag. 98
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




          - Ricerca scientifica     Richard Tremblay
          - Economia                Franco Stefani
          - Speciale alla “Libertà” Vo Van Ai




PROGETTI ANNUALI SETTORI AMMESSI

Protezione e ricerca ambientale
Università di Pisa Dipartimento di Scienze Farmaceutiche di Pisa
Questo dipartimento ha come finalità la ricerca in campo farmaceutico, ricerca multidisciplinare
resa possibile dalle competenze dei diversi gruppi di ricerca afferenti. Nell’ambito della ricerca in
campo fitochimico vengono eseguiti studi su piante medicinali, aromatiche e alimentari provenienti
da varie aree geografiche allo scopo di identificare specie vegetali con promettenti attività biologico-
farmacologiche e di purificare e caratterizzare nuovi metabolici secondari responsabili di tale
azione.

Molte specie vegetali, comuni nelle zone collinari e montane di Lucca, presentano attività biologiche
e/o terapeutiche; queste vengono oggi riscoperte con un nuovo sviluppo applicativo in agricoltura
sia come erbicidi che come insetticidi naturali in alternativa all’uso di composti di sintesi,
responsabili di tossicità o inquinamento ambientale. Lo scopo di questo progetto è stato quello di
selezionare un gruppo di piante aromatiche (piante ad oli essenziali), caratterizzare i componenti
degli estratti, dei loro oli essenziali e studiare la loro attività erbicida, antifunghina ed insetticidida
da utilizzare poi nelle aziende agricole e florovivaistiche a carattere biologico.

Croce Verde Pubblica Assistenza di Ponte A Moriano
Questo Ente oltre a svolgere, con i propri mezzi e volontari, attività di raccolta e trasporto di feriti ed
ammalati sia alle strutture pubbliche sanitarie sia al proprio domicilio presta la propria opera nel
campo della protezione civile. Tale attività è molto utile sia perché nella zona si sono avuti in passato
danni per eventi atmosferici eccezionali sia perché l’Ente è situato in zona a rischio eventi tellurici.

Al fine di migliorare l’operatività del gruppo addetto a questo specifico scopo la Fondazione ha
contributo all’acquisto di un mezzo idoneo agli interventi richiesti nelle varie calamità.




PROGETTI ISTITUZIONALI

Attività degli organismi autonomi
Fondo Documentazione Arturo Paoli

Cenni biografici
Arturo Paoli (Lucca, 30 novembre 1912) ha trascorso un secolo di vita attraverso due continenti,
l’Europa e il Sud America, partecipando in prima persona a eventi che hanno fatto la storia del
Novecento.

Nel 1940 viene ordinato sacerdote, durante gli anni della guerra partecipa alla rete di protezione
“Delasem” per nascondere gli ebrei perseguitati dal fascismo. Viene arrestato e poi rilasciato, rischia
la vita per salvare un ebreo. Nel 1999 riceve a Brasilia il riconoscimento di Giusto tra le nazioni
dallo Stato di Israele e nel 2006 la medaglia d’oro al valore civile dalla Presidenza della Repubblica
Italiana. Nel 1949 la Segreteria di Stato del Vaticano lo chiama a Roma come vice assistente
nazionale della Gioventù cattolica. Nel 1954, a causa delle sue posizioni riguardo all’impegno dei
cattolici in politica, viene però allontanato e incaricato di imbarcarsi come cappellano in una nave



                                                  Pag. 99
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




di emigranti italiani in Argentina. Nel viaggio di ritorno incontra un religioso dei Piccoli Fratelli di
Charles de Foucauld e intravede una prospettiva per il suo futuro.

Il periodo di preparazione per entrare nella congregazione dei Piccoli Fratelli prevede un anno di
vita nel deserto, in Algeria. Nel 1959 viene inviato in Sardegna, tra i minatori della regione Iglesias,
per fondare una Fraternità insieme a altri due Piccoli Fratelli. Lavora come operaio per la
manutenzione delle strade, predica in una piccola chiesina che poco a poco diventa sempre più
affollata. Ma non è ben visto da una parte delle autorità vaticane e gli viene suggerito di lasciare
l’Italia.

A 42 anni lascia l’Italia in modo pressoché definitivo, vi farà ritorno stabilmente soltanto nel 2005.
La prima tappa della sua vita in America Latina è l’Argentina, a Fortin Olmos con i boscaioli.
Incontra la povertà, le diseguaglianze sociali e le privazioni umane, che segnano la vita delle
persone più svantaggiate, e questi diventano i temi della sua predicazione e della sua ricerca di fede.
Viaggia spesso a Buenos Aires dove tiene conferenze, frequenta le case degli intellettuali argentini,
perseguitati da parte dei militari.

Anche Paoli, come altri piccoli fratelli, finisce nell’elenco dei condannati a morte dal regime. Si salva
in Venezuela, senza poter fare ritorno in Argentina. Dal 1973 risiede in Venezuela, prima a Bojò, poi
a Monte Carmelo e infine a Caracas. Viene invitato in tutto il continente sud americano a tenere
conferenze, scrive libri e saggi. La teologia della liberazione è diventata la teologia dell’America
Latina. Arturo Paoli ne è uno dei protagonisti. Il Brasile è la nazione dove la prassi di questa teologia
ha terreno più fertile. Nel 1985 Paoli si trasferisce in Brasile, prima a Sao Leopoldo poi a Foz do
Iguaçu. Diventa animatore di progetti sociali e di promozione umana.

Nel 2005, 93enne, decide di tornare definitivamente in Italia. Ritorna nella sua città d’origine,
Lucca, dove l’Arcivescovo mons. Italo Castellani gli offre la Chiesa di San Martino in Vignale, con
annessa abitazione che Paoli intitola Casa Beato Charles de Foucauld. Ogni giorno la sua casa è e la
sua chiesa crocevia di persone di ogni età, condizione sociale, credo religioso, stato civile.

Il “Fondo” e la sua apertura
Il progetto di una raccolta sistematica delle carte e degli scritti di Arturo Paoli nasce nel 2005 grazie
alla dedizione di un amico di Paoli, Luciano Fava, ed all’interesse di un folto gruppo di amici e
persone legate al sacerdote, sia lucchesi che italiane e di altri paesi, come quelli latino-americani.

“L’importanza di tale progetto va ben al di là del riconoscimento dovuto ad una personalità molto
amata; infatti la sua vita svoltasi in Italia sia ai vertici dell’Azione cattolica negli anni Cinquanta, che
come ‘piccolo fratello’ di Charles de Foucauld nel deserto algerino o in Sardegna o in numerosi paesi
dell’America latina, ha attraversato momenti e problemi tra i più significativi della storia della
Chiesa e della società italiana e mondiale del XX secolo”, scrissero i professori Bruna Bocchini e Pier
Giorgio Camaiani nella lettera del 4 gennaio 2006 indirizzata alla Fondazione Banca del Monte di
Lucca, con la quale accettavano l’incarico di responsabili scientifici del nascente Fondo
Documentazione. Per scelta dello stesso Arturo Paoli, i due professori sono consulenti scientifici del
Fondo.

Annunciato dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca
alla fine del 2008 per renderne nota l’esistenza e
permettere a chi lo desiderasse di contribuire alla sua
crescita, il Fondo raccoglie attualmente la gran parte
degli scritti editi di Fratel Arturo Paoli: i libri, gli articoli
pubblicati su numerose riviste nazionali, le registrazioni
di conferenze ed incontri pubblici, filmati storici,
testimonianze, interviste. Il Fondo raccoglie anche
numerosissimi scritti sulla vita e sul pensiero di Paoli. Le
raccolte sono frutto della ricerca svolta presso
importanti archivi, in particolare quello dell’Azione
Cattolica di Roma, della Pro Civitate Christiana di Assisi, della Arcidiocesi di Lucca, nonché frutto di
donazioni ed oggi costituiscono la Biblioteca del Fondo Documentazione Arturo Paoli.

Importante anche la parte costituita dai materiali provenienti dagli archivi privati di amici e di
gruppi, raccolti e catalogati in sub fondi intestati ai singoli donatori. Si tratta principalmente di
lettere, manoscritti, appunti, trascrizioni o registrazioni di conferenze, locandine promozionali di


                                                  Pag. 100
Bilancio 2011                                                                  Fondazione Banca del Monte di Lucca




incontri con Arturo Paoli, fotografie e filmati, taluni di particolare valore storico come lo scambio
epistolare intercorso fra Paoli, David Maria Turoldo ed il cardinal Martini.

Sono presenti tutti i libri di Arturo Paoli editi in italiano (oltre 50), alcuni in spagnolo, in francese, in
portoghese, più di 1.200 le lettere; tra i riconoscimenti, ci sono la medaglia al Merito Civile conferita
dal Presidente della Repubblica Italiana, la copia del Decreto del Ministero dell'Interno che attesta
l'ottenuta onoreficenza di "Medaglia d'oro", il 3 giugno 2005; la pergamena originale, in lingua
ebraica e inglese, con il riconoscimento di “Giusto tra le nazioni” ad Arturo Paoli da parte dello Yad
Vashem, istituzione del Parlamento Israeliano, Gerusalemme, datata 7 luglio 1999; copia del Decreto
della Provincia di Santa Fe (Argentina) che intitola ad “Arturo Paoli” la strada provinciale n. 40 che
collega la città di Reconquista con Fortín Olmos.

Consulenti scientifici del Fondo Documentazione Arturo Paoli sono i professori Bruna Bocchini e
Pier Giorgio Camaiani. Delegato della Fondazione Banca del Monte di Lucca al Fondo è il dottor
Marco Marchi. Responsabile della gestione del Fondo è la dott.ssa Silvia Pettiti.

 “Giovani, siete voi che dovete innamorarvi dell’Italia e farla rinascere!”.
È questa la strada che Fratel Arturo Paoli ha indicato sabato 3 dicembre in un affollato Auditorium di
San Romano a Lucca, che ha preceduto l’inaugurazione del Fondo Documentazione a lui intitolato.

L’incontro, che è stato aperto dal presidente della Fondazione, organizzatrice dell’evento in
occasione del 99esimo compleanno del sacerdote lucchese, ha visto un intervento della professoressa
Bruna Bocchini Camaiani nel suo ruolo di consulente scientifico del Fondo Paoli.

Il grande auditorium cittadino è a fatica riuscito a contenere la straordinaria e calorosa
partecipazione di quasi un migliaio di persone venute ad incontrare Fratel Arturo, tra cui il professor
Luigi Zoja, psicanalista di fama internazionale ed uno dei tanti amici che con Arturo condivide un
intreccio di riflessioni e pensieri sul e per il mondo.

                                                   Una donazione importante al Fondo Documentazione
                                                   è    stata   fatta   in     occasione     dell’incontro
                                                   dall’Arcivescovo di Lucca Monsignor Italo Castellani,
                                                   che ha consegnato il certificato di Battesimo di Fratel
                                                   Arturo portando un suo messaggio all’auditorium.

                                              Molti concetti espressi da Fratel Arturo sono presenti
                                              nel suo ultimo libro “La Rinascita dell’Italia”, scritto
                                              per l’occasione ed edito da Maria Pacini Fazzi Editore
                                              per la Fondazione, che è stato dato in omaggio ai
                                              presenti. Questa, come le altre pubblicazioni di Fratel
                                              Arturo, andrà ad arricchire il Fondo di
Documentazione, inaugurato nella serata di sabato alla presenza del sindaco di Lucca Mauro Favilla.

Molte le autorità che hanno partecipato ai due eventi: diversi Sindaci e rappresentanti dei Comuni,
della Provincia, l’onorevole Raffaella Mariani, gli assessori del Comune di Lucca Letizia Bandoni e
Moreno Bruni, gli assessori del Comune di Capannori Gabriele Bove ed Alessio Ciacci, il presidente
del Tribunale di Lucca Gabriele Ferro ed il comandante della Guardia di Finanza di Lucca Gabriele
Failla. Hanno inviato il loro messaggi per l’occasione Monsignor Loris Francesco Capovilla, ex
segretario di papa Giovanni XXIII, Padre Alex Zanotelli e diversi amici di Fratel Arturo dal Brasile e
dall’Argentina. C’erano anche rappresentanti di altre chiese e religioni fra cui il prof. Domenico
Maselli per la Chiesa Valdese e delegati dell’Islam e dell’Ebraismo e della confessione Ba’ai.

Alerr Foundation
La Fondazione BML ha sostenuto i progetti dell’ALERR Foundation nel campo dell’energia eolica e
solare. Segue la presentazione di tali progetti (fonte: Sito ALERR Foundation).

Il vento una risorsa per il territorio e l’autoproduzione di energia elettrica, acronimo (verita
energetica)
Il progetto si inquadra nell’ambito delle attività già intraprese, finalizzate ad incrementare sul
territorio le conoscenze e l’uso di tecnologie innovative sul tema delle energie rinnovabili.




                                                   Pag. 101
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                          Bilancio 2011




ALERR ha, in passato, coordinato il monitoraggio del vento effettuato con apparati strumentali in
nove stazioni e uno studio sulle potenzialità eoliche nel territorio della Provincia di Lucca mediante
modelli matematici. Queste attività, integrate anche con misure effettuate da altri soggetti, hanno
consentito di acquisire elementi conoscitivi utili per poter valutare, con buoni margini di
accuratezza, la produzione elettrica annuale di mini turbine eoliche (potenza nominale min. di 20
kW) installate in differenti parti del territorio provinciale.

Poiché non tutti i siti hanno la medesima ventosità, è necessario operare per individuare i livelli di
energia del vento ove c’è la volontà da parte di soggetti privati o pubblici di investire risorse per
l‘installazione di mini turbine eoliche.

Partendo dal fatto che il potenziale eolico è poco conosciuto e sottostimato, l’effettuazione di un
monitoraggio sul territorio consente di integrare le conoscenze già acquisite e di individuare località
adatte all’istallazione di mini turbine eoliche.

A fronte di alcune critiche circa la redditività degli impianti eolici di piccola potenza, è necessario
far prevalere, più che la redditività economica, aspetti importanti e non marginali relativi all’auto
produzione di energia elettrica per mezzo di una risorsa disponibile sul territorio, il vento,
inesauribile e privo di effetti negativi sull’ambiente. I vantaggi di questa soluzione sono anche altri:
- i costi di investimento e di manutenzione sono accessibili ad un numero elevato di utenti,
- sono impianti semplici da mettere in esercizio e da gestire,
- possono lavorare scollegati dalla rete elettrica (collegamento in isola),
- forniscono in bassa tensione (220 o 380 V), attraverso un contatore, energia alla rete nazionale di
distribuzione la quale continua ad alimentare l’utenza; il contatore memorizza l’energia elettrica
prodotta dalla turbina che verrà detratta dal consumo annuale; l’energia elettrica prodotta mediante
tecnologia eolica di piccola taglia gode di incentivi per gli sconti sulla bolletta elettrica.

A fronte di una maggiore attenzione e preoccupazione per gli impatti sull’ambiente delle “fattorie
del vento” di grandi e medie dimensioni, il Piano di Indirizzo Energetico Regionale (PIER) tende a
semplificare notevolmente le procedure autorizzative per gli impianti eolici di potenza nominale
fino a 60 kW; questi impianti possono essere installati a seguito di presentazione di DIA al Comune,
nei casi in cui non siano necessari autorizzazioni ambientali, paesaggistiche, di tutela del patrimonio
storico-artistico, della salute e della pubblica incolumità.

Partendo da una situazione di carenza di impianti eolici operativi, il PIER prevede il potenziamento
dell’uso dell’energia eolica per arrivare al 2010 ad istallare 300 Mw, mentre quelli attualmente
istallati sono solamente 27.8 Mw.

La Regione Toscana ha già commissionato uno studio in alcune zone ad altissima vocazione eolica
individuate insieme ai comuni interessati; per mezzo di questo studio sarà possibile avere una
valutazione delle potenzialità eoliche ed mappe dettagliate sul campo di vento ottenute mediante
simulazioni modellistiche integrate da misure strumentali realizzate da parte dei soggetti interessati
a realizzate parchi eolici.

Quindi, mentre per i parchi eolici di media e grossa potenza si avranno studi e valutazioni
complesse sulla ventosità, il singolo cittadino che desidera intraprendere iniziative personali e senza
fini di profitto per contribuire a valorizzare le energie alternative, non avrà mai strumenti adeguati e
neppure indicazioni chiare, da parte degli organi pubblici con responsabilità di gestione del
territorio e di tutela dell’ambiente, per poter istallare una piccola turbina nella propria pertinenza.

Proprio a causa di chiare informazioni la diffusione delle piccole turbine viene rallentata; le
esperienze rimangono poche e scarsamente diffuse con costi di montaggio e di acquisto degli
apparati ancora eccessivi; quindi il singolo cittadino, motivato all’istallazione di piccole turbine
eoliche ma privo di riferimenti, abbandona l’idea di installare un piccola turbina anche se nella
propria pertinenza c’è vento sufficiente per uno sfruttamento vantaggioso dal punto di vista
economico.

In questo contesto di incertezza diffusa, ALERR è la struttura del territorio adatta ad attivare azioni
locali finalizzate a fornire un supporto e coordinamento alle richieste provenienti dal territorio per
l’utilizzo di piccole turbine eoliche.




                                                Pag. 102
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




È chiaro che rispondere a questa domanda in modo preciso e puntuale non è facile anche a fronte di
studi già effettuati da ALERR sul territorio. Questi studi hanno fornito indicazioni generali sul campo
di vento sul territorio provinciale, ma non possono essere utilizzati per dare risposte sulla
potenzialità eolica di un sito specifico; infatti, il vento nei bassi strati dell’atmosfera mostra una forte
e imprevedibile variabilità con l’orografia e l’uso del suolo; talvolta la vegetazione, la presenza di
edifici o particolari orografie possono modificare il vento tanto da concentrare o azzerare la sua
energia.

Pertanto solo attraverso il monitoraggio strumentale si possono avere chiare indicazioni sulle
caratteristiche anemologiche di un sito.

È chiaro che il monitoraggio del vento per l’istallazione di piccole turbine deve avere caratteristiche
diverse rispetto a quello usato per progettare di parchi eolici di medie e di grandi dimensioni, dove
gli imprenditori possono investire ingenti risorse economiche. Per l’autoproduzione di energia
elettrica con piccoli impianti e con l’investimento di limitate risorse il monitoraggio deve essere
economico, facile a realizzarsi, affidabile e con una precisione di misura adeguata allo scopo finale.

Si fa notare che l’autoproduzione di energia può essere molto utile nel settore agricolo, specialmente
quello montano, che è un soggetto economicamente debole e che va difeso perché rappresenta il
modello agricolo familiare, che ha storicamente caratterizzato l’agricoltura italiana. Questo settore
deve essere sostenuto e deve essere messo nelle condizioni di poter avere benefici reali dall’utilizzo
dell’energia eolica almeno per l’autoproduzione di energia elettrica. È noto però che le singole
aziende agricole, spesso a carattere familiare, o singoli cittadini non hanno sempre l’intraprendenza
imprenditoriale e/o le conoscenze necessarie per poter decidere l’opportunità di installare una
piccola turbina eolica perché le esperienze in Italia sono scarse, poco pubblicizzate e talvolta
scoraggiate. ALERR invece, sfruttando la sua organizzazione tecnica e i contatti già attivati con ENEA
e l’Università di Pisa, Dipartimento Sistemi Elettrici ed Automazione, ha le competenze e gli
strumenti per affrontare e risolvere le problematiche relative all’installazione di alcune miniturbine
attivando un processo di diffusione delle conoscenze all’interno di una rete di soggetti interessati a
favorire l’uso del vento e delle energie rinnovabili nel contesto provinciale.

Pertanto ALERR propone un progetto, grazie al prezioso contributo della Fondazione, per
l’attivazione di un monitoraggio della velocità del vento semplice ed economico ma efficace, in
collaborazione con altri soggetti interessati; questo progetto contribuirà a fare chiarezza sul tema
delle turbine eoliche di piccola potenza per l’autoproduzione di energia elettrica sul territorio
provinciale; infatti con questa iniziativa ALERR affronta e risolve anche problemi reali di gestione del
monitoraggio del vento e attiva una campagna di diffusione sull’energia ricavata dal vento che è un
veicolo di pubblicità efficace specialmente nel territorio provinciale e porta nuove conoscenze a
beneficio delle comunità locali.

Questo il progetto può avere finalità rivolte all’innovazione tecnologica; infatti, sarà individuata sul
mercato un tipo di strumentazione in grado di fornire la soluzione ottimale per tutte quelle
applicazioni relative al rilevamento della velocità del vento; ALERR si impegna a contattare PMI
toscane interessate allo sviluppo di strumentazione innovativa in grado di essere utilizzata per
applicazioni di questo tipo. Le caratteristiche della strumentazione, che dovrà essere facilmente
installata su terreni o su infrastrutture già esistenti, dovrà avere le seguenti caratteristiche:
- di facile utilizzo, di ridotte dimensioni ed economica,
- utilizza un software adatto anche a non esperti,
- visualizza la velocità del vento e permette l’acquisizione e la registrazione dei dati rilevati per
alcuni mesi e il successivo trasferimento attraverso un cavo seriale RS232 per la connessione a PC,
- acquisisce e memorizza la velocità del vento ad intervalli di 10 minuti.

La costruzione del progetto sarà effettuata con il coinvolgimento e la collaborazione almeno dei
seguenti soggetti: ALERR, Università di Pisa, Dipartimento Sistemi Elettrici e Automazione, Comuni o
Privati, ENEA, e i produttori e/o rivenditori di apparati di monitoraggio interessati a far conoscere i
loro prodotti.

Tali soggetti svolgeranno le attività aderendo ad un gruppo di lavoro; questo gruppo sarà coordinato
dal Presidente di ALERR che, con l’aiuto di un Comitato Tecnico, pianifica le attività e verifica i
risultati raggiunti insieme a campagne di comunicazione e discussione pubblica sul ruolo
dell’energia eolica per quanto riguarda l’auto produzione di energia elettrica da parte di privati e
aziende agricole.


                                                  Pag. 103
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




Echo Action 2 - Solar Connection, La promozione e la diffusione del risparmio e dell'efficienza
energetica
Ha l’obiettivo di promuovere il risparmio e l’efficienza energetica e diffondere il fotovoltaico e il
solare termico nelle abitazioni private; informare e “consigliare” i cittadini; migliorare le condizioni
di accesso al credito; incentivare le aziende fornitrici ed installatrici che operano sul territorio a
migliorare la loro offerta dal punto di vista economico e qualitativo.

È rivolto a tutti i cittadini del Comune di Capannori e alle aziende fornitrici ed installatrici che
operano nel territorio comunale, agli istituti di credito che operano nel territorio comunale.

Le azioni previste sono la sottoscrizione di un protocollo di intesa tra Comune di Capannori e ALERR;
un avviso alle aziende, accordi con istituti di credito, campagna di informazione e raccolta delle
adesioni dei cittadini.

Similarmente e in parallelo è stato sviluppato anche il progetto “Energia dal sole, Comune di
Seravezza e Alerr per la diffusione del risparmio e dell'efficienza energetica”.

Fondazione Palazzo Boccella
È stata costituita nel 2002 con obiettivo di recuperare lo storico Palazzo Boccella sito in S. Gennaro e
l’edificio della ex scuola elementare di S. Gennaro per la valorizzazione dei prodotti tipici locali e
quindi per la promozione del turismo eno-gastronomico anche attraverso la realizzazione di una
struttura museale.

È stato predisposto il progetto di riavvio dei lavori di completamento del recupero e restauro del
Palazzo e la Fondazione lo ha approvato insieme al nuovo Patto fra i Soci Fondatori e alla stipula di
un mutuo fondiario con ammortamento decennale a tasso fisso.

È stato nominato un nuovo Presidente dotato di esperienza amministrativa. Si cerca di collegare la
promozione dei prodotti locali con analoghe iniziative del Comune di Montecarlo e del Comune di
Altopascio.

Fondazione Giuseppe Pera
È stato elaborato un progetto di massima di utilizzo dell’immobile.

È stata costituita a Lucca nel 2010 con l’obiettivo di valorizzare il pensiero di Giuseppe Pera e quindi
gli studi giuslavoristici.

Giuseppe Pera (Lucca 1928-2007), Ordinario di Diritto del Lavoro all’Università di Pisa, è ricordato
per l’importante contributo scientifico e politico-culturale nel campo del diritto del lavoro e delle
relazioni industriali, concretatosi in numerosissimi libri, saggi e articoli, nel magistero e nel dialogo
con gli allievi.

Collaboratore fin da giovanissimo a “Critica Sociale”, “Risorgimento Socialista”, “Il Ponte” e “Il
Mulino”, nel 1952 fu espulso dal PSI per avere assunto posizioni antistaliniste. In seguito continuerà
in totale indipendenza e libertà di pensiero a scrivere di politica e problematiche sociali.

Dal 1985 al 2003 ha diretto la Rivista Italiana di Diritto del Lavoro. Ha poi voluto lasciarne la
direzione a Pietro Ichino, pur continuando per alcuni anni a collaborarvi con le sue Noterelle, delle
quali un’antologia è stata raccolta in volume. Allievo di Luisa Riva Sanseverino, ha avuto cari anche
Pietro Calamandrei, Manlio Rossi Doria, il Mahatma Gandhi, Benedetto Croce, e Lev Nikolaevič
Tolstoj.

La Fondazione si è dotata di un Manifesto, di uno Statuto e di un International Board che annovera
numerosi studiosi di diritto ed economia del lavoro dei principali Paesi stranieri, nonché di un
Comitato Scientifico composto dagli stessi membri che compongono il Comitato Scientifico della
Rivista italiana di diritto del lavoro: è presieduta da Pia Pera ed è sostenuta economicamente da
numerosi partners.




                                                 Pag. 104
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




In pochi mesi la Fondazione ha creato le condizioni per lo svolgimento di un Meeting internazionale
di studiosi che si ritroveranno in Lucca, con cadenza periodica, per mettere a punto una visione
comune sulla sperimentazione di politiche attive del lavoro.

Ampio spazio sarà dedicato ai giovani, con l’istituzione di Borse di studio e ricerca e con l’attivazione
di strumenti di formazione e dialogo.

Il Manifesto della Fondazione è il seguente (estratto dal sito).

La lezione di Giuseppe Pera: apertura liberale, laicità, chiarezza.
- Nella ricchissima eredità lasciataci da Giuseppe Pera abbiamo voluto porre in primo piano il suo
atteggiamento liberale nei confronti di ogni idea politica e corrente culturale, in ogni campo. Questa
apertura ha sempre indotto il grande giuslavorista lucchese – e deve indurre anche noi – a
selezionare gli interlocutori e i loro contributi sulla base non dell’area ideologica da cui provengono,
ma soltanto della loro capacità di gettare luce nuova sui vari aspetti della realtà. Nella
consapevolezza, comunque, che nessun contributo potrà mai illuminarla da solo nella sua interezza.
- Su questo atteggiamento liberale si è fondata la laicità del pensiero di Giuseppe Pera: metodo
indispensabile per la collaborazione tra tutte le persone di buona volontà nella ricerca del bene
comune. Ma anche metodo personale di ricerca: poiché solo un atteggiamento profondamente laico
consente di “tutto conoscere per poter scegliere ciò che è buono”, cogliere lo spirito dovunque esso
soffi, sacrificare il meno possibile dell’infinita complessità del reale sull’altare delle semplificazioni
ideologiche. E nutrire sempre una feconda curiosità nei confronti di tutte le esperienze offerte dal
grande libro della storia e dal panorama internazionale.
- Né va dimenticato il magistero profuso nel promuovere e incoraggiare nuove energie da dedicare
allo studio delle materie giuslavoristiche e, dunque, sostenere i giovani studiosi nel delicato
momento dell’intrapresa del duro, seppure affascinante percorso della ricerca scientifica.
- Infine – ultimo non certo per importanza il comandamento della chiarezza. “La chiarezza è
l’onestà del filosofo”, diceva Schopenhauer; “di qualsiasi studioso”, aggiungeva Giuseppe Pera, il
quale rifuggiva da ogni forma di oscurità e diffidava di tutto quanto viene scritto o detto in
linguaggio iniziatico. La bontà di un’idea si misura sulla sua immediata comprensibilità anche da
parte dei “non addetti ai lavori”. E tutti ricordano la sua straordinaria capacità di esporre in modo
chiaro, sintetico, incisivo e diretto, anche i concetti giuridici più complessi.
- Apertura liberale e laica a tutte le esperienze e idee, nella ricerca di quelle migliori, chiarezza e
semplicità di linguaggio come garanzia di verificabilità di ogni discorso, dedizione e umiltà nel
sostenere i giovani nell’approccio alla ricerca: questi sono i valori e i comandamenti principali cui
vogliamo ispirare l’azione del Centro di studi che sta nascendo nel nome di Giuseppe Pera e nella
sua terra, col supporto di tutti gli Attori del territorio.
Il primo terreno di impegno.
- Giuseppe Pera ha improntato l’intera sua vita ad un impegno che lo ha portato a spaziare, con
grande naturalezza, da un settore all’altro della materia giuslavoristica come testimoniano, se non
altro, i tre corposi volumi nei quali è stata da ultimo raccolta la sua produzione scientifica, relativa
alle branche del diritto del lavoro, del diritto sindacale, del diritto della previdenza sociale.
Su questi stessi terreni si colloca il contributo che la Fondazione, nella fase di avvio della sua
esistenza, si impegna a dare al progresso del Paese. Un contributo di ricerca comparatistica ed
elaborazione, che, almeno in questa fase si prefigge di seguire le seguenti direttrici tematiche:
- superamento della fase ormai ultrasessantennale del “diritto sindacale transitorio”, caratterizzata
dalla inattuazione e mancata sostituzione dell’articolo 39 della Costituzione, con l'obiettivo di
promuovere un sistema di relazioni industriali ispirato al pluralismo e alla democrazia sindacale;
- semplificazione e universalizzazione del diritto del lavoro italiano: superamento del marcato
dualismo attuale fra protetti e non protetti e dell’ipertrofia del sistema giuslavoristico, riduzione dei
costi di transazione, oggi in Italia abnormemente elevati; superamento o attenuazione, dove
possibile, dei diaframmi istituzionali che oggi impediscono l’incontro fra una cospicua offerta
latente di lavoro per servizi alla persona, alla famiglia e alle comunità urbane, e una inesauribile
domanda di tali servizi, oggi largamente insoddisfatta;
- impulso allo studio della storia del diritto del lavoro e delle relazioni industriali, in Italia e in
Europa;
- impulso agli studi comparatistici, soprattutto in ambito europeo, in funzione di una sempre più
intensa armonizzazione del nostro ordinamento nazionale agli standard comunitari;
- impulso agli studi in materia di protezione sociale, di lavoratori e cittadini, comunitari e non, in
funzione del perseguimento di livelli più avanzati di libertà e di giustizia sociale.


                                                 Pag. 105
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                         Bilancio 2011




Il 25 e il 26 marzo 2011 la Fondazione ha organizzato a Lucca, in collaborazione con la Banca
d’Italia e il Centre for Economic Policy Research un seminario dal titolo “Il ruolo della
sperimentazione per il progresso di un’efficace legislazione del lavoro”nel quale giuristi ed
economisti del lavoro tra i più autorevoli da ogni parte del mondo, in un dialogo serrato, hanno
messo a fuoco linee guida condivise e input derivati dalla sperimentazione sul campo e discusso di
come queste possano contribuire a indurre scelte dei legislatori di tutto il mondo, sulla via del
progresso sociale ed economico.

Fondazione Giovanni Pascoli
Si è concluso il lavoro di adeguamento del testo statutario secondo le proposte presentate dalla
Fondazione BML.

Inoltre si sono rinnovati due appuntamenti ormai tradizionali che coinvolgono Casa Pascoli, il
territorio del Comune di Barga e l’ingente patrimonio culturale legato al poeta.

Festa del “Borgo della Poesia: la castagna e i suoi sapori”, Castelvecchio Pascoli
Il treno storico, con carrozze d’epoca trainate dalla motrice a vapore e partito da Livorno con
fermate a Pisa e a Lucca è arrivato puntuale all’appuntamento con il paese di Giovanni Pascoli.

Un viaggio che è un’esperienza davvero unica per grandi e piccini, un modo diverso di viaggiare
gustando i ritmi lenti della sbuffante motrice a vapore mentre attraversa la Valle “del Bello e del
Buono”, come il poeta amava definire la valle del fiume Serchio con i suoi incantevoli panorami e le
sue produzioni agricole.

A Castelvecchio il treno è stato accolto alla stazione dalla banda musicale che ha accompagnato i
partecipanti alla festa, dove è stato possibile partecipare al “Convivio Pascoliano” un percorso
degustativo tra i piatti più tipici della cucina locale: mondine, torte salate, pane fatto in casa,
insaccati e formaggi garfagnini, bruschetta e vino buono, minestra di farro Igp della Garfagnana,
dolci tipici e “la befana di Castelvecchio Pascoli” deliziando tutti i palati.

I mercatini dell’artigianato e dei prodotti tipici hanno accompagnato come di consueto questa
manifestazione insieme a spettacoli di animazione dedicati ai bambini. Era presente la Filarmonica
“A.Catalani” di Coreglia Antelminelli ad allietare il pubblico; l’attore Piero Nannini ha recitato le
poesie del Pascoli accompagnato dalla fisarmonica di Fabrizio Gronchi.

Omaggio a Pascoli
Come ogni 10 agosto, da 20 anni, è tornato puntuale l’appuntamento con la musica e la poesia.

Nel 2011 la serata è stata ispirata al Risorgimento, di cui si è celebrato l’anniversario e che ha
ispirato spesso Pascoli fornendogli importanti spunti per le sue liriche; l’evento 2011 ha riassunto
quindi il concetto di “eroe” nella lirica dello scrittore Myricae, presentando nella lettura di Elia
Schilton, acclamato recentemente in tutto il mondo per la sua interpretazione de I Demoni di
Dostoevskij, per la regia di Peter Stein, numerose pagine legate a questo filo del pensiero. Liriche
notissime del mondo pascoliano si sono accompagnate a pagine meno frequentate, dedicate a Lev
Tolstoj, figura mitica di una visione del mondo, che univa arte e fede, a Giuseppe Garibaldi,
rappresentato vecchio ma non domato a Caprera, passando per Dante Alighieri, Ulisse e Virgilio
altrettanti numi di un Pantheon personale, per approdare alla nuova figura di ulissiade a cui Pascoli
dedicò pagine memorabili: l’emigrante, che dall’Italia povera di possibilità si recava nelle Americhe e
in molti altri luoghi.Sono risuonati quindi passi di Pietole, “sacra all’Italia raminga”, concludendo
con pagine dedicate a fiori e alberi, che hanno dato la composizione di un botanico tricolore.

La parte musicale è stata dedicata, invece, a pagine di Giuseppe Verdi, che dalla vicenda
risorgimentale è rimasto il maggiore testimone nell’immaginario collettivo italiano, con particolare
attenzione ai melodrammi in cui si è declinata la visione politica del compositore, nata dal
tumultuoso svolgersi degli eventi.

La serata, presentata da Luca Scarlini, è stata organizzata dalla Fondazione Giovanni Pascoli, dalla
Misericordia di Castelvecchio Pascoli, dal Comune di Barga e dalla Provincia di Lucca.

Fondazione Lucchese per l’alta formazione e la ricerca (FLAFR)



                                                Pag. 106
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il “contenitore” lucchese dedicato alle offerte formative di profilo universitario, post universitario;
incubatore di idee per la ricerca tecnologica, l’organizzazione di master innovativi e di qualità.

Segue un sunto delle attività svolte quotidianamente da FLAFR e, più nello specifico, dalle sue
principali componenti, IMT e Celsius.

IMT Lucca (Istituzioni, mercati e tecnologie) (Fonte: sito IMT)
IMT nasce dalla convergenza tra il Consorzio Interuniversitario Studi Avanzati (CISA) − fondato
dall’Università Luiss Guido Carli di Roma, dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dal Politecnico
di Milano, cui si è unita con apposito accordo l’Università di Pisa − e la FLAFR, fondazione di
partecipazione promossa da Comune di Lucca, Provincia di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di
Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca, CCIAA di Lucca, Associazione degli Industriali della
Provincia di Lucca.

Il nuovo Statuto della Scuola riconosce a FLAFR una partecipazione al Consiglio Direttivo della
Scuola.

Lo sviluppo del nuovo modello di governo, incentrato sulla partecipazione delle università
promotrici e degli enti finanziatori, ha preso avvio con l'insediamento del Consiglio Direttivo nel
2007. Nella riunione di insediamento è stato nominato il Direttore della Scuola, che ha promesso
l'adozione del documento di IMT Policy ed è stato deliberato l'avvio dei lavori per lo sviluppo delle
Aree di Ricerca della Scuola.

IMT è “istituto statale di istruzione universitaria di alta formazione dottorale con ordinamento
speciale inserito nel sistema universitario italiano”.

IMT si inserisce all'interno del sistema di istruzione universitaria di terzo livello per formare capitale
umano qualificato in ambiti ad alta valenza applicativa, rilevanti per la modernizzazione e
l'internazionalizzazione del sistema Paese, caratterizzati da skill shortage e alta produttività
potenziale.

IMT si propone di realizzare l'integrazione tra ricerca e insegnamento promuovendo Programmi di
Dottorato con orientamento applicativo nell'ambito delle scienze sociali ed economiche, del
management, delle tecnologie industriali e dell'informazione, con particolare riferimento ai processi
di innovazione tecnologica e istituzionale, attraendo stabilmente a Lucca giovani ricercatori e
docenti di alta qualificazione internazionale.

Ha i seguenti obiettivi principali:
•    qualificarsi come centro di ricerca di rilevanza internazionale in alcune aree di competenza
     distintive, strutturando Programmi di Dottorato in stretta connessione con l'attività di ricerca e
     promuovendo, dove possibile, opportune collaborazioni con gli Atenei che aderiscono
     all'iniziativa e con altre università e centri di ricerca;
•    attrarre allievi, giovani ricercatori e docenti meritevoli con procedure competitive aperte su
     scala internazionale;
•    rafforzare i legami con il tessuto socioeconomico del territorio per il trasferimento di
     competenze e risultati applicativi.

IMT è stato accreditato da ISSNAF − Italian Scientists and Scholars of North America Foundation −
organizzazione non profit volta a promuovere l'interazione in Ricerca e Sviluppo fra gli italiani attivi
in Nord America e le Istituzioni accademiche e non, nei settori delle Arti e delle Scienze Umane,
dell'Ingegneria e dell'Informatica, della Matematica, della Fisica e della Chimica, della Medicina e
della Biologia, delle Scienze naturali e ambientali, dell'Economia e delle Scienze Sociali.

IMT si sviluppa come istituto di ricerca internazionale in ambiti ad alta rilevanza applicativa e come
graduate school dedicata alla selezione meritocratica e alla formazione di élites professionali e di
competenze per le istituzioni, il sistema delle imprese, il territorio.

In IMT gli obiettivi di comprensione teorica e quelli di utilità sociale e industriale della ricerca sono
realizzati congiuntamente. I programmi di ricerca e di insegnamento di IMT coltivano saperi che
hanno per oggetto attività pratiche e pongono le basi per una scienza della progettazione riferita alle



                                                 Pag. 107
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




attività di sviluppo tecnologico e al funzionamento delle organizzazioni e delle istituzioni
economiche (Scienze dell'Artificiale).

IMT concentra le proprie attività su di un numero limitato di Aree di Ricerca interdisciplinari, che
costituiscono i centri di riferimento per la selezione dei ricercatori e per la composizione della
faculty. Le Aree di Ricerca alimentano i Programmi di Dottorato della Scuola, realizzando le
condizioni di massa critica necessarie alla costruzione di una vibrante comunità intellettuale e
all'integrazione tra ricerca e insegnamento. Tutti i docenti di IMT sono chiamati a contribuire alle
attività di ricerca, di insegnamento e di supervisione degli allievi.

IMT contribuisce all'avanzamento della frontiera della ricerca: i ricercatori e i docenti di IMT sono
selezionati sulla base di procedure competitive internazionali e sono valutati sulla base della loro
capacità di pubblicare su riviste peer reviewed a elevato impact factor. IMT promuove la presenza
sistematica di ricercatori e docenti visiting di alta qualificazione scientifica nel panorama
internazionale. Tutte le attività di ricerca di IMT sono sottoposte alle regole di valutazione della
comunità scientifica internazionale.

IMT si qualifica come centro di riferimento nell'attrazione e nella valorizzazione di giovani
ricercatori. Le selezioni competitive per giovani ricercatori di IMT si svolgono secondo gli standard
internazionali, in conformità con la Carta Europea dei ricercatori e con il Codice di condotta per
l'assunzione dei ricercatori. L'impiego del finanziamento privato a complemento del finanziamento
pubblico sostiene un sistema di incentivi fondato su livelli di remunerazione in linea con gli
standard europei e la definizione di premi di produttività.

I programmi di insegnamento di IMT si concentrano sulle fasi avanzate del percorso educativo,
fortemente globalizzate, in cui università e istituti di alta formazione competono per attrarre risorse
e talenti. IMT attrae allievi ad elevato potenziale, inserendosi attivamente nei circuiti internazionali
di mobilità di capitale umano e misurandosi su benchmark internazionali. I corsi di Dottorato di
IMT si tengono esclusivamente in lingua inglese e prevedono una valutazione rigorosa dei percorsi
formativi e dei risultati conseguiti degli allievi.

Un sistema di servizi residenziali, di borse di studio e di prestiti d'onore sostanzia e rende effettivo il
concetto di diritto allo studio per gli allievi meritevoli e promuove le pari opportunità.

La comunità IMT si fonda sulla piena partecipazione di allievi e docenti alle attività della Scuola,
valorizzando a pieno il sistema campus e i servizi residenziali per allievi e ricercatori offerti dalla
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la Ricerca.

IMT concorre allo sviluppo e all'internazionalizzazione del territorio e promuove la valorizzazione e
il trasferimento dei risultati della ricerca.

IMT realizza condizioni di efficienza amministrativa e gestionale. L'uso intensivo delle tecnologie
informatiche e la gestione dei processi sostengono l'adozione di un modello organizzativo integrato,
non burocratico, incentrato sulla direzione per obiettivi, la valutazione delle performance,
l'applicazione diffusa del principio di responsabilità. I regolamenti e il sistema di incentivi di IMT
sono al servizio della ricerca e della imprenditorialità accademica.

IMT promuove l'integrazione di ricerca e Programmi di Dottorato.

Le aree di ricerca sono state create anche grazie al contributo dei due Advisory Boards.

L’Area di Ricerca in Economics and Institutional Change integra prospettive e orientamenti
metodologici nell'affrontare i processi di cambiamento istituzionale nei sistemi economici, sociali e
politici. Il funzionamento di mercati e industrie, i concetti chiave dell'economia politica, i modelli di
crescita economica e la struttura dei processi politici, l’architettura e le dinamiche delle istituzioni
democratiche sono tra i principali oggetti di investigazione.

L’Area di Ricerca in Computer Science and Applications è attualmente strutturata attorno a due
filoni principali di investigazione (Computer Architectures e Networking and Software Systems for
Global Computing). Ricercatori e allievi lavorano su problemi teorici e applicazioni pratiche
nell'ambito del networking, coprendo le dimensioni architettoniche, computazionali e semantiche.




                                                  Pag. 108
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Il corpo docente di IMT si compone di:
- Professori di ruolo. Nel 2011 IMT ha reso più forte il suo progetto, stabilendone l’irreversibiltà,
affidando a due professori la copertura di altrettanti posizioni permanenti.
- professori visiting part-time, docenti per corsi di insegnamento e supervisori.
- Assistant Professors e Post-Doctoral Fellows, le due categorie in cui si dividono i giovani ricercatori
residenti di IMT (sulla base di curriculum scientifico e livello di esperienza). Essi sono affiliati alle
Aree di Ricerca di IMT, sono impegnati nell'insegnamento nei Programmi di Dottorato e sono
attivamente coinvolti nella supervisione degli allievi, garantendo una partecipazione continua alle
attività della Scuola.
- Visiting Professors, ospitati per periodi che variano da uno a dodici mesi su base annua.
Tipicamente i professori visiting italiani hanno un contratto annuale per attività part-time a IMT,
mentre I professori visiting stranieri svolgono attività continuative per un periodo di almeno un
mese.
- Research Assistants: i Research Assistants hanno il ruolo di collaboratori/assistenti in specifiche
attività di ricerca.

Al corpo docente si aggiungono altresì studiosi esterni che collaborano regolarmente con IMT in una
serie di attività, principalmente:
• Docenze in Programmi di Dottorato:
• Ph.D. in Computer Science and Engineering
• Ph.D. in Economics Markets Institutions
• Ph.D. in Management and Development of Cultural Heritage
• Ph.D. in Political Science and Institutional Change

Seminari di Ricerca:
• Research Area in Economics and Institutional Change
• Research Area in Computer Science and Applications

Partecipazione negli organi accademici, in particolare:
• Advisory Board: Research Area in Economics and Institutional Change
• Advisory Board: Research Area: Computer Science and Applications
• Collegi dei docenti dei programmi di dottorato (si veda la pagina del singolo dottorato)
• Partecipazione a commissioni di selezione e di valutazione per il personale docente e ricercatore

Tutti sono coinvolti nella supervisione degli allievi.

I Programmi di Dottorato di IMT, tenuti in lingua inglese, si inseriscono nell'ambito delle Aree di
Ricerca.

Il Programma in Computer Science and Engineering ha come obiettivo la preparazione di ricercatori
e professionisti con una vasta preparazione nei fondamenti dell'informatica e nelle applicazioni a
una varietà di sistemi e discipline all'avanguardia. Le frontiere dell'informatica influenzano i
percorsi di altre discipline e la vita quotidiana, e sono il target della ricerca attiva sulla scena
internazionale.

Il Programma in Economics, Markets, Institutions si pone l'obiettivo di trattare questioni di economia
politica, economia pubblica applicata, il funzionamento di aziende e mercati, l'impatto della
macroeconomia sulla produttività e sulla crescita, con una forte integrazione di capacità teoriche,
tecniche e pratiche, per educare professionisti altamente qualificati in grado di analizzare,
progettare e gestire interventi concreti di economia politica.

Il Programma in Management and Development of Cultural Heritage forma sia ricercatori sia
professionisti capaci di operare al livello dirigenziale nel campo della gestione della cultura e del
patrimonio culturale, in istituzioni sia pubbliche sia private. Il programma formativo s’incardina
attorno a insegnamenti di taglio economico, gestionale, umanistico e giuridico, per gli aspetti
specificamente legati al patrimonio culturale e al paesaggio.

Obiettivo principale del Programma in Political Systems and Institutional Change è la formazione di
analisti con una profonda e aggiornata conoscenza in vari ambiti, tra i quali teoria politica e




                                                  Pag. 109
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




istituzionale, diritto ed economia politica, in grado di progettare e gestire programmi e progetti
complessi.

I temi dominanti di innovazione istituzionale e tecnologica in termini di scienze della progettazione
“Scienze dell’Artificiale” comprendono l'insieme dei saperi che hanno per oggetto attività pratiche e
pongono le basi per una scienza della progettazione, che comprenda sia il lavoro del singolo
progettista sia il design e il funzionamento di organizzazioni e istituzioni.

Le scienze della progettazione compongono il tessuto connettivo della Scuola e a strutturano il
campo concreto di formazione per le diverse figure professionali: economisti, scienziati sociali,
esperti nella gestione di progetti complessi di conservazione e valorizzazione dei beni culturali,
computer scientist, ingegneri.

Gli allievi giocano un ruolo attivo nei progetti di ricerca della Scuola, sono sollecitati a essere
creativi nella risoluzione di problemi, trascorrono periodi di specializzazione all’estero e presso
imprese e istituzioni di settore, formando e accrescendo la comunità intellettuale di IMT.

Gli elementi centrali dei Programmi di Dottorato di IMT possono essere brevemente riassunti nei
punti seguenti, tutti incentrati sullo stretto legame fra insegnamento e ricerca:
• il potenziamento di corsi orientati all'acquisizione di capacità di ricerca e di metodologie e
    strumenti di analisi;
• il potenziamento degli aspetti multidisciplinari e delle prospettive di rilevanza applicativa;
• una focalizzazione più consapevole dei temi specifici di ricerca che saranno approfonditi in sede
    di tesi;
• momenti di trasferimento dei risultati della ricerca.

Allo stato attuale i Programmi di Dottorato sono articolati su tre periodi di riferimento:
I anno: dedicato alla formazione attraverso attività didattiche e seminariali, alla formazione di tipo
trasversale all'attività di ricerca e alla focalizzazione degli ambiti di ricerca su cui l'allievo si
concentrerà negli anni successivi;
II anno: dedicato al completamento del percorso formativo e all'attività di ricerca, oltre che al
soggiorno presso atenei e centri di ricerca internazionali;
III anno: dedicato alla fase finale di approfondimento e sistematizzazione della ricerca con la
redazione della tesi.

L’identità scientifica della Scuola è definita in un processo di co-evoluzione tra Aree di Ricerca e
Programmi di Dottorato.

Il corpo docente e ricercatore è reclutato nelle Aree di Ricerca. Le Aree di Ricerca definiscono le linee
nelle quali si inseriscono prioritariamente i Programmi di Dottorato.




                                                 Pag. 110
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Come indicato nella Policy, “in IMT gli obiettivi di comprensione teorica e quelli di utilità sociale e
industriale della ricerca sono realizzati congiuntamente. I programmi di ricerca e di insegnamento
di IMT coltivano saperi che hanno per oggetto attività pratiche e pongono le basi per una scienza
della progettazione riferita alle attività di sviluppo tecnologico e al funzionamento delle
organizzazioni e delle istituzioni economiche (Scienze dell’Artificiale)”.
IMT nasce come graduate school e come campus, un campus strutturato in due ambiti: quello delle
strutture della Scuola concentrate in un'area ristretta all'interno delle mura della città storica e
quello “naturale” del centro storico, per volontà specifica di realizzare uno spazio integrato nel
tessuto urbano, che possa coniugare i migliori standard di attrezzature e infrastrutture inserite in un
contesto di altissimo valore ambientale, storico e artistico.

Il campus è elemento essenziale del modello organizzativo, poiché in esso nasce la Comunità di IMT
ed è nelle sue soluzioni architettoniche che si fonda la reale possibilità di realizzare progetti
multidisciplinari. Gli immobili e le infrastrutture ad essi connessi sono messi a disposizione dalla
FLAFR.

Nel complesso di San Micheletto, ex monastero interamente ristrutturato, sono situate le aule
utilizzate per le attività didattiche e seminariali, nonché il Ph.D. Office. Nel medesimo complesso si
trova la foresteria, destinata ad accogliere professori visiting e docenti esterni che svolgono attività
didattica presso la Scuola.

L’edificio cosiddetto ex Boccherini, parte integrante del complesso di San Ponziano, il cui restauro è
stato completato nell’estate 2006, è diventato la nuova sede legale della Scuola e ospita ad oggi la
Direzione, una parte degli uffici dedicati al corpo docente residente e visiting, gli uffici
dell'amministrazione, e alcuni servizi e spazi comuni.

La Chiesa di San Ponziano ospita la Biblioteca che raccoglie, in una nuova struttura in vetro e acciaio
costruita al centro dell'edificio, alcune delle postazioni di lavoro degli allievi, dei ricercatori e del
personale docente. La Biblioteca di IMT è stata disegnata per sfruttare a pieno le potenzialità offerte
dalle tecnologie di comunicazione e di digitalizzazione, in particolare, realizzando una piattaforma
di riferimento di riviste accessibili online, sia per quanto concerne i numeri correnti, che
relativamente alle collezioni.

L’edificio denominato Stecca, accoglie numerosi alloggi e uffici open space per gli allievi, una
mensa, una caffetteria e spazi studio con connessione a Internet.

Il nuovo modello organizzativo definisce le condizioni per il coinvolgimento e l'assunzione di
responsabilità da parte di FLAFR nel governo dell'Istituto e, allo stesso tempo, realizza un modello di
governance universitaria innovativo. L'intervento di FLAFR a sostegno dello sviluppo di IMT si
sostanzia in:
• messa a disposizione gratuita delle strutture edilizie e dei servizi residenziali (aule, uffici,
    biblioteca, alloggi, mensa e relativa manutenzione), di buona parte delle attrezzature
    (apparecchiature per ufficio, PC, parte del software, ecc.) e degli arredi;
• erogazione di fondi per attrarre giovani ricercatori e capitale umano qualificato.

IMT promuove forme di coordinamento e di collaborazione con altri istituti universitari, in una
logica di razionalizzazione da un lato e di potenziamento delle attività dall'altro.

L’anno accademico 2010-2011 dell’Imt si è aperto con la lezione inaugurale di Lorenzo Bini
Smaghi, membro del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea, che ha tenuto una lezione
sullo studio dello sviluppo Europeo dopo la crisi attualmente in corso a livello mondiale “Quale
Europa dopo la crisi?” , partendo dalla considerazione che la crisi, pur trovando l’Europa
impreparata ha avuto da quest’ultima una risposta per certi versi sorprendente.

L’intervento è stato preceduto da un’introduzione del direttore prof. Pammolli sui           risultati e sui
programmi di ricerca e d’insegnamento di Imt sottolinenando l’importanza per la              città di saper
promuovere ricerca ai più alti livelli per poter fornire a quest’ultima le migliori e        reali ricadute
applicative dalla presenza della scuola e dei suoi laboratori. La cerimonia si è             tenuta presso
l’Auditorium di San Romano.




                                                 Pag. 111
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




All’inaugurazione era poi presente il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria
Stella Gelmini, che nel suo intervento si è voluta congratulare con quanti (sostenitori, professori,
ricercatori e studenti) si siano impegnati, non senza numerose difficoltà, per avviare un ciclo di
studi di eccellenza a carattere universitario, consapevoli che la ricerca scientifica e la formazione del
capitale umano qualificato costituiscono oggi le fonti primarie della ricchezza umana e materiale
delle nazioni, nonché il motore della crescita del Paese.

I 45 nuovi allievi sono stati selezionati fra oltre 1.300 candidature provenienti da tutto il mondo.

Ma IMT non è soltanto fulcro dei dottorati. Ricordiamo che nel corso dell’anno sono organizzate
numerose conferenze e altrettanti seminari spesso aperti anche alla cittadinanza.

Corso di laurea in ingegneria meccanica
Basandosi sulla tradizione formativa pluri-decennale del Corso di Laurea e di Diploma Universitario
precedenti di uguale denominazione, il Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica si propone di
formare una figura professionale caratterizzata da una solida preparazione culturale, sia di base che
specifica, dal possesso delle capacità critiche e di “problem solving” richieste ad un moderno
Ingegnere Meccanico e da competenze operative sempre aggiornate e tali da conferirle una grande
versatilità, mettendola in grado di coprire efficacemente la maggior parte delle richieste del mondo
produttivo ed industriale moderno e del terziario avanzato.

Corso di laurea in ingegneria chimica
Da molti decenni la Laurea in Ingegneria Chimica viene rilasciata dalla Facoltà e l’esperienza sin qui
maturata ha mostrato un alto gradimento dell’Industria sia privata che pubblica verso i Laureati in
questo settore.

Basandosi sulla tradizione formativa del precedente Corso di Laurea di uguale denominazione, il
Corso di Laurea in Ingegneria Chimica si propone di impartire una buona preparazione culturale,
sia scientifica di base che professionale specifica, che consenta di affrontare, con adeguata capacità
critica, le problematiche legate alla varietà dei processi e degli impianti dell’industria chimica.

Il campo operativo dell’Ingegneria Chimica è rappresentato dalle attività industriali e di servizio in
cui si producono e/o si trattano sostanze e materiali, impiegati sia come prodotti intermedi che come
beni di consumo diretto, o che sono destinati al recupero o allo smaltimento finale. L’ingegneria
chimica si occupa quindi specificatamente delle Attività di Processo e di Servizio in cui si realizzano
trasformazioni della materia. La preparazione acquisita permette al laureato di inserirsi
proficuamente nelle diverse aree dell’industria e di affrontarne le specifiche esigenze, in particolar
modo quelle legate alla conduzione degli impianti, all’ottimizzazione dei processi industriali e al
conseguimento di standard di sicurezza e di impatto ambientale. Egli dovrà essere in grado di
organizzare e gestire la produzione di manufatti industriali, beni di largo consumo e servizi nei
settori:
• chimica di base (produzione di prodotti chimici intermedi);
• tecnologie per la salvaguardia dell’ambiente e per la sicurezza industriale;
• chimica fine, cioè produzione di beni e materiali di consumo diretto (materiali per applicazioni
convenzionali ed avanzate, prodotti biotecnologici ed alimentari, carta e cartone, cuoio e pelli,
farmaceutici, etc).

Master di primo livello - Edizione IX Anno Accademico 2011-2012
Il Master Universitario in “Produzione della carta/cartone e gestione del sistema produttivo” nasce
sulla base di una convenzione tra l’Università di Pisa e Celsius.

Il Master si caratterizza per la sua innovativa struttura didattica, in cui le competenze di docenti
universitari e manager industriali si integrano con l’obiettivo di fornire una rigorosa preparazione
immediatamente spendibile nel mondo industriale.

Genitori ed educatori si diventa. I problemi dello sviluppo
Sono stati organizzati diversi seminari di aggiornamento per genitori ed educatori al fine di
approfondire la tematica della prevenzione e dell’aiuto nei disturbi dell'infanzia, della fanciullezza e
dell'adolescenza.

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il Comune di Lucca, Assessorato all'Istruzione
e coordinata dal Prof. Pietro Pfanner.


                                                 Pag. 112
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Master Psicopedagogia delle disabilità. Disturbi e strategie della relazione
In considerazione dell’attenzione particolare rivolta dalla Fondazione alle iniziative inerenti la
disabilità, ha accolto favorevolmente la richiesta di contributo per l’organizzazione dell’edizione
2011/2012 del Master.

Le Scienze della Formazione hanno acquisito una grande importanza nel panorama universitario
italiano dopo la riforma delle Facoltà di Magistero, poiché è apparso sempre più evidente la necessità
e la difficoltà di formare professionalmente i giovani a un rapporto educativo efficace.

Con queste iniziative delle Facoltà di Scienze della Formazione e le Facoltà di Lettere e Filosofia, in
associazione con le Facoltà di Psicologia e di Medicina, si è cercato di stabilizzare e di omogeneizzare
l'impegno formativo per gli “insegnanti di sostegno”, superando un lungo periodo di assenza dello
Stato, supplita per lunghi anni da iniziative private (alcune delle quali storicamente meritevoli)
rilevatesi comunque insufficienti. L’impegno per il recupero dei disabili è oggi ben presente nel
mondo accademico e va oltre l'età della scuola, perché abbraccia tutte le età della vita, quando è
presente un bisogno e una speranza di riabilitazione. Questo sforzo formativo ha consentito di
unificare i concetti di “sostegno” e parallelamente quello di “handicap”, ora superato dalla
letteratura e dalla legislazione internazionale a favore del termine di “disabilità”. Si intende oggi per
disabilità un disturbo duraturo o permanente delle funzioni relazionali, e cioè dell'apprendimento e
del comportamento, che richiede comunque un “sostegno” a cominciare da quello scolastico.
Sostegno distinto da quello richiesto nelle condizioni di marginalità sociale.

Nonostante i progressi compiuti restano incertezze concettuali e operative, che la ricerca scientifica
dovrà chiarire insieme a una rigorosa sperimentazione multidisciplinare che sappia unificare sul
piano pedagogico le discipline biopsicologiche e quelle socioeducative.

Questo Master dell’Università di Pisa, promosso a Lucca, vuole offrire un'occasione per un progresso
culturale e operativo che possa utilizzare gli indirizzi scientifici delle Facoltà di Medicina e
Chirurgia e di Lettere e Filosofia.

Il progresso culturale può essere ottenuto con lo studio della mente umana, cioè delle sue capacità
spontanee di apprendimento e di sintesi dell'esperienza, delle difese complesse dagli insulti
ambientali, delle strategie di controllo e di adattamento, nonché necessariamente con lo studio dei
disturbi specifici dello sviluppo neuropsichico, lievi o gravi, transitori o duraturi, molto più
frequenti di quanto si creda, spesso plastici, e cioè in certa misura prevenibili e recuperabili.
Disturbi comunque riconoscibili (se già conosciuti culturalmente) come quadri specifici di funzioni
motorie, percettive, espressive, di pensieri, affetti, condotte. Questi quadri sono causati da fattori
multipli, biologici e sociali, ed hanno sempre l'effetto comune di impoverire la varietà e la ricchezza
della salute.

Questo è l’indirizzo formativo del Master che richiede un grande impegno per i docenti e per gli
allievi.

Il Master vuol favorire il possesso delle nozioni e delle competenze necessarie per affrontare un
rapporto psicopedagogico efficace con i soggetti disabili di ogni età, dall’infanzia all’età adulta, con
qualunque tipo di disabilità, delle funzioni motorie, senso-percettive, linguistiche, cognitive e
relazionali, che ostacolano i processi di apprendimento, la convivenza sociale e il lavoro.

Per raggiungere questo difficile obiettivo la preparazione di partenza può essere varia, ma sempre a
livello di una laurea in discipline umanistiche o antropologiche, e cioè: insegnante, pedagogista,
educatore di comunità, dirigente scolastico, psicologo clinico, terapista della riabilitazione motoria,
linguistica o occupazionale, operatore di igiene mentale, medico specialista in neuropsichiatria dello
sviluppo, ricercatore. Si vuole affermare il principio che ogni disabile ha necessità anzitutto di un
sostegno educativo informato e corretto, specifico per le sue disabilità, a cui si dovranno aggiungere
competenze professionali di settore.

Il Corso è interprofessionale ma sono previste alcune integrazioni specialistiche per le diverse
professionalità in occasione delle esercitazioni. Il Corso ha due articolazioni (con lezioni ed
esercitazioni specifiche) in rapporto a diversi livelli di studio che portano a due tipi di Diploma: un
Diploma di Master di I° livello per i Corsisti che hanno conseguito una laurea triennale o un



                                                 Pag. 113
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                             Bilancio 2011




diploma universitario, ed un Diploma di 2° livello per quelli in possesso della laurea secondo il
precedente ordinamento o laurea.

PROMO P.A. Fondazione
La Fondazione BML partecipa alla Fondazione PROMO P.A. e ne sostiene i programmi. Segue una
relazione sulla natura, servizi e attività della Fondazione (Fonte: sito PROMO P.A.).

La PROMO P.A. una Fondazione impegnata per la riforma e l'innovazione della Pubblica
Amministrazione, realizza progetti e diffonde modelli, idee e pratiche innovative in tema di
governance, beni culturali, turismo e marketing territoriale, energia e ambiente, tecnologie per la
P.A., svolge attività di ricerca, formazione (seminari, corsi, preparazione a concorsi), consulenza.
Enti, Studiosi, Dirigenti della Pubblica Amministrazione e professionisti, che aderiscono alla
Fondazione, costituiscono una knowledge based community aperta alla circolarità della conoscenza
e delle esperienze, che si confronta in appuntamenti ricorrenti (convegni annuali e rassegne) rivolti
al mondo pubblico e privato. È associata al European Foundation Centre (EFC) di Bruxelles e al
Groupe Européen d’administration publique (GEAP ),
La Promo P.A. promuove e finanzia autonomamente indagini, studi e ricerche su temi connessi
all'innovazione e alla modernizzazione della Pubblica Amministrazione, allo sviluppo locale e al
miglioramento del rapporto tra sistema economico produttivo e istituzioni.

Contemporaneamente realizza studi e ricerche per conto di Amministrazioni pubbliche centrali e
locali, Camere di commercio, organismi privati, associazioni di categoria, mondo del volontariato.

Accanto all'attività di ricerca e di analisi, sviluppa attività di elaborazione e di proposta finalizzate a
fornire orientamenti, soluzioni e linee guida operative ai decisori politici e agli opinion maker
presenti sul territorio.

La Fondazione, infine, promuove la costituzione di Osservatori permanenti, cioè di gruppi di lavoro
stabili nel tempo che, partendo dai risultati delle ricerche effettuate, svolgono attività costanti di
analisi e monitoraggio dei dati, networking tra i soggetti e azioni di affiancamento e sviluppo
operativo.

Le ricerche recenti e in corso: VI Rapporto “Imprese e burocrazia: come le Micro e Piccole Imprese
giudicano la Pubblica Amministrazione”, “L’attuazione del federalismo fiscale in Emilia Romagna: le
opinioni e le attese degli Enti Locali”. “Lucchesia Card”, “AUREA: realizzazione di un sistema
territoriale di controllo di regolarità amministrativa”, “Te.Be. tecnologie e Beni Culturali”.

Promo PA Fondazione svolge anche attività di formazione mirate al mondo della Pubblica
Amministrazione, dei Professionisti (avvocati, consulenti del lavoro, architetti, ingegneri...) e delle
Aziende, attraverso seminari e corsi di formazione presso gli enti, per promuovere lo sviluppo delle
conoscenze e lo scambio di esperienze manageriali, giuridiche, organizzative di Amministratori,
Dirigenti e Funzionari ed operatori. Elabora annualmente un’analisi dei fabbisogni per conoscere le
necessità del mercato di riferimento.

I seminari sono condotti su tematiche di attualità da docenti esperti delle materie oggetto dei corsi e
hanno l'obiettivo di rispondere tempestivamente alle necessità di approfondimento su argomenti
interessati da innovazioni legislative o gestionali della Pubblica Amministrazione e si svolgono a
Roma, Firenze e Milano.

È attiva anche nel campo della preparazione post-universitaria, attraverso l'organizzazione di master
e corsi di preparazione ai Concorsi per la Pubblica Amministrazione. L’obiettivo è fornire ai
partecipanti una preparazione approfondita, che permetta loro di affrontare con successo le prove
concorsuali per l’accesso alla Pubblica Amministrazione. Tutti i corsi sono contraddistinti dall’alto
livello qualitativo delle lezioni e dei docenti. Ai partecipanti viene fornito l’accesso alla piattaforma
di e-learning. Organizza corsi presso le sedi degli Enti che sono tenuti da docenti ed esperti dei
diversi settori di interesse per la P.A. e strutturati sulla base degli specifici fabbisogni formativi
manifestati dall’Ente committente.

Promo PA è inoltre protagonista nella realizzazione di convegni ed eventi di rilevanza nazionale ed
internazionale, rivolti alle pubbliche amministrazioni e partecipati dai massimi esperti del settore,
curandone l'organizzazione ed ogni aspetto ad esso relativo e garantendo un elevato standard di


                                                  Pag. 114
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




qualità nel servizio offerto nelle fasi di pre evento – evento- post evento. Attraverso la progettazione
di convegni tematici, la Fondazione promuove ed approfondisce la conoscenza dello scenario
complessivo degli argomenti trattati, rafforza il brand degli Enti partecipanti, diffonde modelli, idee
e pratiche innovative in tema di governance, beni culturali, turismo e marketing territoriale, energia
e ambiente, tecnologie, e sostiene la P.A. nel processo di riforma e innovazione.

In particolare, Promo PA porta avanti progetti per lo sviluppo di modelli di controllo di gestione,
controllo strategico, auditing amministrativo interno, misurazione dell'impatto delle politiche
pubbliche, modelli e sistemi di governance, incentivazione dell’e-government da parte delle
Pubbliche Amministrazioni per il miglioramento dell'erogazione dei servizi, implementazione di
tecniche di valutazione e misurazione dell'azione amministrativa e dei suoi effetti, attuazione di
sistemi di valutazione del personale, predisposizione dei piani formativi per il personale, analisi
organizzativa e sviluppo di modelli organizzativi delle organizzazioni complesse, pianificazione
dello sviluppo turistico-culturale integrato, inserimento lavorativo dei disabili nella valorizzazione
dei Beni Culturali.

Le iniziative divenute un appuntamento ricorrente sono:
• Lu.Be.C. Lucca Beni Culturali, incontri e convegni intorno alla filiera beni culturali - tecnologie
    – turismo: che si svolge a Lucca, ogni anno, la terza settimana di ottobre, affiancata dalla
    rassegna espositiva Lu.Be.C. Digital Technology.
• Ener.Loc.: convegno su energia, enti locali e ambiente, che, in accordo con le istituzioni locali si
    svolge a Sassari la terza settimana di settembre.

Al Real Collegio, nel centro storico, si è infatti rinnovato l’appuntamento con Lu.Be.C., evento
cardine del dibattito internazionale intorno alla filiera beni culturali, turismo, tecnologia. Apertura
con una sessione plenaria dal titolo “Beni Culturali ed identità nazionale: dal 150° anniversario
dell’Unità d’Italia verso il futuro” presentata dal Presidente del Consiglio Superiore per i Beni
Culturali Andrea Carandini.

PROMO PA, completa la propria attività, con l’impegno nella produzione e divulgazione di
pubblicazioni relative alle tematiche affrontate nel corso delle proprie molteplici sezioni di interesse.
Le pubblicazioni sono interamente curate dalla Fondazione, sia nella veste grafica che nei contenuti.
Sono attualmente attive tre collane:
    • protagonisti: collana dedicata a riflessioni “a caldo” fatte dai protagonisti su tematiche
        innovative;
    • convegni: collana che ospita gli atti dei convegni annuali organizzati dalla Fondazione;
    • ricerche e sviluppo: collana dove vengono pubblicati i risultati delle attività di ricerca
        condotte dalla Fondazione.

Fondazione Giacomo Puccini, Fondazione Festival Pucciniano, Centro Studi Giacomo Puccini,
Accademia di alto perfezionamento per cantanti lirici del repertorio pucciniano, Fondazione
Simonetta Puccini, Comune di Lucca, Comune di Viareggio e Provincia di Lucca
Sono questi i principali enti pubblici e privati che operano per valorizzare l’opera di Giacomo
Puccini ed ai quali la Fondazione BML dà il suo sostegno.

Grazie ad una ritrovata collaborazione tra Comune di Lucca, Fondazione Giacomo Puccini e
Simonetta Puccini, Lucca è tornata ad avere la disponibilità della casa natale del Maestro, dove sono
stati ultimati i restauri e, a sei anni dalla chiusura per il contenzioso sulla proprietà, il 13 settembre
2011 è stata inaugurata alla presenza di tutte le autorità cittadine e del Presidente della Regione
Toscana, con soddisfazione generale.

Una volta ultimati i restauri sarà la Fondazione Giacomo Puccini a mantenere inalterata la
destinazione a Museo della casa natale del maestro, gestendone al meglio l’attività e a dover poi far
fronte, con i proventi del museo, alle spese e agli oneri di ordinaria e straordinaria manutenzione
dell’immobile e degli arredi. La dimora di Puccini costituirà un richiamo turistico, con quindi,
positive ricadute economiche.

La Fondazione Giacomo Puccini, il Centro Studi e Comune di Lucca, promuovono Lucca e Puccini
nel mondo, una nostra itinerante sulla vita ed opere di Puccini, allo scopo di attuare nuovi contatti
culturali, turistici e commerciali che riescano ad attrarre in città nuovi flussi. Dopo le missioni




                                                 Pag. 115
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




condotte in Cina nel 2009 e a Panama e in Argentina nel 2010, è stata la volta di Boston insieme al
Consolato italiano e all’Associazione Lucchesi nel Mondo.
Lo scopo è quello di associare in modo indelebile il maestro a Lucca, potenziando quindi l’attrattiva
di un turismo di alto livello, appassionato dell’opera lirica e amante dell’arte.

Dal 2002 è stata costituita, grazie al contributo della Fondazione BML e all’interessamento del
Comune di Viareggio, l’Accademia di Alto Perfezionamento per cantanti lirici del repertorio
pucciniano, cui la Fondazione Festival Pucciniano dedica una parte della propria attività.
Come già rilevato (cfr. settore Arte Attività e Beni Culturali), l’Accademia ha lo scopo di preparare e
valorizzare giovani cantanti lirici e perfezionarli ai ruoli del repertorio pucciniano. Il Festival
Pucciniano offre agli allievi più meritevoli la possibilità di ricoprire dei ruoli all'interno del
cartellone annuale che si svolge nel Teatro all’aperto di Torre del Lago, dando così la possibilità di
cantare insieme ad artisti di fama internazionale, oltre che nei concerti che vengono organizzati in
Italia e all’estero durante l'anno.

L’Accademia prevede alcune lezioni con la concomitanza dei docenti di canto e di arte scenica per
acquistare dimestichezza con l'opera non solo attraverso il canto: sono previste brani d'assieme che
simulano la messa in scena in teatro di interi atti di opere pucciniane.




LE EROGAZIONI PREVISTE DA NORME DI LEGGE

Legge n. 266/91 in tema di volontariato
Sono insorte questioni nell’attuazione del contenuto dell’“Accordo del 22.10.2008 in merito
all’utilizzo dei fondi ex art. 15 L. 266/91 per la “progettazione sociale”, con cui, fra l’altro, l’ACRI
ha inteso dare un maggior coinvolgimento alle Fondazioni nell’ambito della progettazione sociale. In
Toscana la Consulta delle fondazioni ha continuato a seguire l’evolversi delle questioni sospendendo
il percorso intrapreso con tutte le istituzioni interessate, in attesa di una migliore definizione del
quadro nazionale di riferimento.

Le attività continuano a fare riferimento all’accordo sottoscritto nel giugno 2010 fra Acri, il Forum
del Terzo Settore, CSVnet – Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato,
Consulta Nazionale Permanente del Volontariato presso il Forum, Convol - Conferenza Permanente
Presidenti Associazioni e Federazioni Nazionali di Volontariato, Consulta Nazionale dei Comitati di
Gestione - Co.Ge..

Le Fondazioni, a valere sui bilanci degli esercizi dal 2010 al 2014 e con riserve accantonate negli
anni precedenti, continuano ad assegnare ogni anno per cinque anni:
• € 24,4 milioni alla Fondazione per il Sud, che dovrà utilizzarne almeno 5 milioni per le
organizzazioni del volontariato del Mezzogiorno;
• € 60 milioni ai Centri di servizio per il volontariato, di cui una quota decrescente da 49 a 46
milioni utilizzabile dai Csv per i servizi, d’intesa con i Co.Ge, e il resto per la progettazione sociale,
d’intesa anche con le Fondazioni.

Un altro punto importante dell’intesa è la definizione di un sistema perequativo nazionale tra aree
regionali.

Nell’accordo è stato altresì definito quanto segue.
1. L’introduzione di un nuovo modello di ripartizione regionale dei fondi per i Csv, che tiene conto
di vari indici, non solo demografici, ma anche riferiti al bacino di utenza dei Csv stessi, alla struttura
del territorio e alle condizioni economiche.
2. L’introduzione di un sistema premiale, i cui criteri saranno definiti con successivi accordi,
attraverso cui sarà distribuita una quota pari al 10% dei fondi disponibili per i Csv.
3. L’impegno a realizzare congiuntamente un’approfondita analisi del funzionamento dei sistemi
regionali dei Co.Ge e dei Csv, volta a definire le loro specifiche competenze e a individuarne,
attraverso modelli e standard quali/quantitativi di funzionamento, il fabbisogno finanziario.




                                                 Pag. 116
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




A tal fine l’accordo nazionale pone uno specifico impegno delle parti a promuovere l’adozione di un
modello unificato di rendicontazione dell’attività dei Csv e dei Co.ge. e fissa un termine di 15 mesi
per il completamento dell’attività di studio.

Nel dicembre 2010 il Consiglio dell’Acri ha approvato il documento in merito alle linee guida a cui i
soggetti del territorio impegnati nel processo di allocazione dei fondi destinati alla progettazione
sociale ex accordo nazionale dovranno ispirarsi nelle procedure di impiego delle somme assegnate.

Il testo, concordato tra le parti firmatarie dell’accordo, è frutto di un’approfondita analisi svolta da
tutte le componenti interessate e intende assicurare l’organica e omogenea applicazione dell’accordo
su base nazionale.

Per quanto riguarda le Fondazioni, le linee guida pongono le condizioni per realizzare una delle
principali finalità perseguite con l’accordo, cioè la valorizzazione del loro ruolo attraverso una piena
e paritaria partecipazione alla definizione degli indirizzi per l’assegnazione delle risorse destinate al
sostegno dei progetti del volontariato.

L’ACRI nel trasmettere tali linee guida ha invitato le Fondazioni a prendere attenta visione di quanto
da esse previsto e di adoperarsi nei rispettivi territori per la loro applicazione. L’esame del
documento sarà sottoposto quanto prima alla Consulta Regionale Toscana per tutti gli
approfondimenti del caso.

I principali punti illustrati nelle linee guida forniscono indicazioni in merito a:
1. aspetti procedurali;
2. principi generali inerenti le tipologie di bando ammesse, la natura e i contenuti degli
interventi da sostenere;
3. spese di funzionamento del processo.

Infine, nel febbraio 2011, l’ACRI, anche in considerazione dei positivi esiti del processo realizzatosi
lo scorso anno, ha confermato anche relativamente agli accantonamenti previsti nel bilancio 2011 e
nei successivi sino a tutto il 2014 di procedere, in sede di chiusura del bilancio, a destinare alla
regione di appartenenza il 50.00% dell’importo accantonato, rinviando ad un successivo momento
la scelta della Regione a cui destinare il restante 50,00%, da effettuarsi sulla base di indicazioni
fornite dall’Acri al fine di assicurare una distribuzione territoriale dei fondi rispondente agli obiettivi
di perequazione individuati in sede nazionale.




LE DELIBERE DI EROGAZIONE




                                                  Pag. 117
Fondazione Banca del Monte di Lucca              Bilancio 2011




                                      Pag. 118
Bilancio 2011                                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                                    Importo
                                         Arte Attività e beni culturali
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS                   50.000
                                                        Comune di Lucca
European Photography Exhibition Award European          organizzazione dell'edizione nazionale italiana               40.000
Foundation Centre - HAMBURG - (DE)                      dello European Photo Exhibition Award in
                                                        collaborazione con la Koerber Stiftung di
                                                        Amburgo, la The Freedom of Expression
                                                        Foundationn di Oslo e la Fundaçao Calouste
                                                        Gulbenkian di Lisbona
Associazione Lucca Compositori Europei - LUCCA -        la messa in scena del musical 'West side story'               35.000
(LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -          Co-finanziamento Piano Integrato Spettacolo                   30.000
(LU)
Biblioteca e Pinacoteca FBML - LUCCA - (LU)             catalogazione, archiviazione e sistemazione Fondo             27.567
                                                        Arturo Paoli
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          Giacomo Puccini e Lucca nel mondo - Mostra                    20.000
                                                        itinerante
Comune di Viareggio - VIAREGGIO - (LU)                  festival viareggio europacinema 2011 - 28°                    20.000
                                                        edizione
Gruppo Archeologico Capannorese - Capannori -           scavo del sito romano di via martiri lunatesi                 20.000
(LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -          CABINA DI REGIA                                               20.000
(LU)
LIVING srl - LUCCA - (LU)                               il contributo per spazi pubblicitari sulla rivista            16.290
                                                        Living Tuscany
Fondazione Banca del Monte di Lucca - Mostra Ricci      la realizzazione della mostra Ezio Ricci                      16.000
- LUCCA - (LU)
Arciconfraternita di Misericordia di Lucca - LUCCA -    la ristrutturazione della Chiesa della Misericordia           15.000
(LU)                                                    in Piazza S. Salvatore
Fondazione Banca del Monte di Lucca gestione spazi      allestimento mostre nelle sale espositive di                  15.000
- LUCCA - (LU)                                          proprietà
Associazione Lucchesi nel Mondo - Lucca - (LU)          notiziario lucchesi nel mondo                                 15.000
Comune di Pietrasanta - PIETRASANTA - (LU)              realizzazione volume fotografico                              15.000
FONDAZIONE MARIO TOBINO - LUCCA - (LU)                  Attività culturali e letterarie Mario Tobino                  15.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -          il progetto arti figurative                                   15.000
(LU)
Opera delle Mura di Lucca - LUCCA - (LU)                valorizzazione delle mura in preparazione del                 12.500
                                                        500° anniversario
Circolo Lucca Jazz - LUCCA - (LU)                       Festival Lucca Jazz Donna 2011                                12.000
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la          università IMT Lucca                                          10.000
Ricerca - LUCCA - (LU)
Associazione Musicale Il Serchio Delle Muse -           serchio delle muse estate 2011                                10.000
VERGEMOLI Fraz. Calomini - (LU)
Promo P.A. Fondazione - LUCCA - (LU)                    LuBeC Lucca Beni Culturali 2011                               10.000
Promo P.A. Fondazione - LUCCA - (LU)                    la quota di adesione alla Fondazione per l'anno               10.000
                                                        2011
Associazione Musicale Lucchese - LUCCA - (LU)           la realizzazione della piattaforma per la Chiesa              10.000
                                                        Dei Servi
Comune di Viareggio - VIAREGGIO - (LU)                  l'acquisto di arredi per tre stanze della Villa               10.000
                                                        Borbone
Athena Communications - CAMAIORE - (LU)                 il progetto 'Bolgheri Melody RacConta'                        10.000
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          150° unità d'italia.viaggio con figure nel fiabesco           10.000
                                                        italiano di i.calvino.
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          archivio storico comunale.creazione banca dati                10.000
                                                        digitale dei carteggi pucciniani presenti
                                                        all'archivio storico e l'istituto musicale boccherini
Fondazione Giovanni Pascoli - CASTELVECCHIO             il borgo della poesia - iniziative di valorizzazione          10.000
PASCOLI - (LU)
Biblioteca e Pinacoteca FBML - LUCCA - (LU)             catalogazione e incremento dotazione della                    10.000
                                                        Biblioteca su Lucca
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -          L'ora di teatro - FITA                                        10.000
(LU)
Comune di Capannori - CAPANNORI - (LU)                  150 a Capannori                                               10.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -          la valorizzazione degli spazi espositivi                      10.000
(LU)
Comune di Altopascio - ALTOPASCIO - (LU)                la stagione teatrale 2011/2012                                10.000
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          il contributo per la stagione teatrale 2011/2012              10.000
                                                        del Giglio
Soprintendenza BAPPSAE di Lucca e Massa Carrara         valorizzazione dei musei nazionali di lucca e                  9.000




                                                         Pag. 119
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                          Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                               Importo
Direzione Musei di Lucca - LUCCA - (LU)              iniziative per le scuole e il pubblico adulto
S. Marco Litotipo - BADIA CANTIGNANO - (LU)          l'acquisto di n° 1000 copie del volume 'Le Mura di           9.000
                                                     lucca si raccontano...l'evoluzione di una città e del
                                                     suo sistema difensivo'
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                       LUCCA COMICS AND GAMES 2011                                  8.473
Associazione Kalliope Accademia della Voce Artistica la realizzazione dello spettacolo 'Il venditore di           8.000
- COLLE DI COMPITO - (LU)                            Carillon'
Comune di Capannori - CAPANNORI - (LU)               il progetto di sviluppo pluriennale, nei termini da          7.500
                                                     concordare, per la valorizzazione della scoperta
                                                     archeologica dell'area sacra del Frizzone
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       l'organizzazione della Settimana della cultura               7.500
(LU)                                                 lucchese del 900
Scuola Normale Superiore SNS - PISA - (PI)           Il fondo Michele Rosi (1864-1934) presso il                  7.000
                                                     Centro Biblioteca e Archivi della Scuola Normale:
                                                     inventariazione archivistica e valorizzazione
                                                     storica.
Associazione Culturale Scuola Civica di Musica di    international academy of music                               7.000
Castelnuovo di Garfagnana - CASTELNUOVO
GARFAGNANA - (LU)
Fondazione Banca del Monte di Lucca ARTISTI          visibilità e valorizzazione dei giovani artisti              6.200
EMERGENTI - LUCCA - (LU)                             lucchesi
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       il progetto denominato 'Sostegno tradizioni                  6.000
(LU)                                                 popolari'
Consulta Regionale delle Fondazioni della Toscana - adesione all'OMA (Osservatorio Mestieri d'Arte)               5.000
LIVORNO - (LI)
Filarmonica Gaetano Luporini - San Gennaro -         ristrutturazione sede filarmonica gaetano luporini           5.000
CAPANNORI - - (LU)                                   di san gennaro
Istituto di Alta Cultura Musicale L. Boccherini -    Pubblicazione di un libro relativo alla storia dei           5.000
LUCCA - (LU)                                         170 anni dell'Istituto Musicale L.Boccherini già
                                                     Giovanni Pacini
Centro Internazionale per lo studio delle cerchia    il progetto 'Lucca 200 anni fa' pubblicato dalla             5.000
urbane C.I.S.C.U. Urbane - LUCCA - (LU)              Publied
FONDAZIONE CENTRO ARTI VISIVE DI                     * NOTE OGGETTO INESISTENTI *                                 5.000
PIETRASANTA - Pietrasanta - (LU)
Comune di Coreglia Antelminelli - COREGLIA           Il Giornale di Coreglia Antelminelli                         5.000
ANTELMINELLI - (LU)
Misericordia di Borgo a Mozzano - BORGO A            restauro convento san francesco borgo a mozzano              5.000
MOZZANO - (LU)                                       - 1° lotto
OMA Osservatorio d'Arte dei Mestieri della Toscana la quota associativa OMA 2011                                  5.000
- FIRENZE - (FI)
PARROCCHIA SAN LEONARDO IN PIAZZA AL                 restauro conservativo alla torre campanaria                  5.000
SERCHIO COGNA - Piazza Al Serchio - (LU)             Parrocchia San Leonardo
Associazione Accademia Italiana di canto - Lucca -   stagione 2011 - accademia italiana di canto                  5.000
(LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       il Museo dell'emigrazione italiana                           5.000
(LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       la mostra 'Carte rivelatrici. I tesori nascosti della        5.000
(LU)                                                 collezione Peggy Guggenheim' che si terrà dal 18
                                                     settembre al 15 gennaio 2012. Iniziative illustrate
                                                     nella lettera del 22 giugno.
Filarmonica Gaetano Luporini - San Gennaro -         l'organizzazione del concerto che si terrà presso la         4.000
CAPANNORI - - (LU)                                   Chiesa dei Servi di Lucca il prossimo 4 maggio
                                                     2011
Maria Pacini Fazzi Editore Srl - LUCCA - (LU)        la pubblicazione sulla storia di Palazzo Santini             4.000
Passigli Editori Srl - BAGNO A RIPOLI - (FI)         il volume su Garibaldi di Denis Mack Smith                   3.600
Flam - Federazione Lucchese Delle Associazioni       CANTIERE DELLA MUSICA VIII Edizione 2011                     3.500
Musicali - LUCCA - (LU)
Azienda Speciale Teatro Del Giglio A.t.g. - Lucca -  il concerto del 12 marzo 2011 in occasione del               3.000
(LU)                                                 150° anniversario dell'Unità d'Italia
Parrocchia Di San Matteo In Nave - NAVE - (LU)       restauro e risanamento conservativo del                      3.000
                                                     campanile della chiesa della parrocchia di san
                                                     matteo di nave, lucca.
Fondazione Barsanti E Matteucci - LUCCA - (LU)       la quota di adesione alla Fondazione per l'anno              3.000
                                                     2011
Associazione Musicale 'Marco Santucci' - CAMAIORE Festival Organistico 'Città di Camaiore' XVI                    3.000
- (LU)                                               EDIZIONE - 2011
Associazione Amici del Liceo Scientifico Galileo     il mio liceo                                                 3.000
Galilei di Castelnuov Garfagnana (ex Ass.a.s.i.a.) -
CASTELNUOVO GARFAGNANA - (LU)
Fondazione Barsanti E Matteucci - LUCCA - (LU)       opere di divulgazione, aggiornamento tecnico e               3.000
                                                     valori umani dei due scienziati



                                                         Pag. 120
Bilancio 2011                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                                 Importo
Lucca In Voce - LUCCA - (LU)                         Lucca in voce 2011                                             3.000
Comune di Viareggio - VIAREGGIO - (LU)               la mostra Il Risorgimento nel Cinema                           3.000
Comune di Altopascio - ALTOPASCIO - (LU)             la programmazione di due concerti per la                       3.000
                                                     promozione del nuovo teatro
Consorzio di Bonifica Auser Bientina - CAPANNORI - Archivio storico del consorzio di bonifica auser-                2.500
(LU)                                                 bientina
Associazione Club La Bohème - LUCCA - (LU)           il concerto lirico sinfonico dell'orchestra ucraina            2.040
                                                     di Lugansk
Maria Pacini Fazzi Editore Srl - LUCCA - (LU)        edizione del volume 'La Rosa Canina e altri fiori di           2.000
                                                     parole' di Teresa Tosi e Annalisa Testa
Associazione Lucchesi nel Mondo - Lucca - (LU)       'lucchesità vizi e virtù' presentazione del libro in           2.000
                                                     nord america dal 15 al 25 aprile
COMITATO TRATTORI D'EPOCA E TREBBIATURA-- - esposizione biennale trattori d'epoca                                   2.000
Montecarlo - (LU)
Corale Giacomo Puccini - CAMIGLIANO - (LU)           rassegna corale 2011 e attività anno 2011                      2.000
Fondazione Simonetta Puccini - TORRE DEL LAGO - puccini e i pittori - prodotto editoriale                           2.000
(LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       la locazione del Teatro del Giglio per lo                      2.000
(LU)                                                 svolgimento di una cerimonia pubblica di
                                                     commemorazione
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       l'esposizione dei documenti storici del Fondo                  2.000
(LU)                                                 Michele Rosi
Associazione Culturale 'Amici della Musica d'Organo CORSANICO FESTIVAL 2011 - XXX° RASSEGNA                         2.000
- CORSANICO - (LU)                                   INTERNAZIONALE DI MUSICA CLASSICA
Comune di Massarosa - MASSAROSA - (LU)               Festival di musica da camera della Versilia                    2.000
                                                     'Concerti di Pieve a Elici'
ASSOCIAZIONE CULTURALE METROPOLIS -                  cartasia sesta edizione biennio 2011/2012                      2.000
Capannori - (LU)
Circolo Amici della Musica 'A. Catalani' - PORCARI - MANIFESTAZIONI 2011                                            2.000
(LU)
Lions Club Lucca Host - LUCCA - (LU)                 Premio Biennale 'Tesi di laurea per la Città'                  2.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       Progetto Musica                                                2.000
(LU)
FONDAZIONE NESI - Livorno - (LI)                     enrico bartoletti: vescovo, fratello, amico di don             2.000
                                                     alfredo nesi
Federgat Federazione Gruppi Attività Teatrali -      I Teatri del Sacro. Lucca seconda edizione dal 19              2.000
ROMA - (RM)                                          al 25 settembre
Publied Sas - LUCCA - (LU)                           la pubblicazione 'Arte a Lucca'                                2.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       Lucca Film Festival 2010                                       2.000
(LU)
Fondazione Giuseppe Pera - LUCCA - (LU)              sostenere le attività della Fondazione e le iniziative         1.667
                                                     correlate.
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -       l'organizzazione di un concerto e per                          1.500
(LU)                                                 l'intrattenimento musicale a Palazzo Ducale in
                                                     occasione del cd 'Note Tricolore' prevista per il
                                                     16/17 marzo
Maria Pacini Fazzi Editore Srl - LUCCA - (LU)        l'acquisto di alcune di copie del Catalogo della               1.500
                                                     Mostra Ghilardi
Associazione Paesana Colognora di Pescaglia - Lucca valorizzazione e sviluppo del museo del castagno                1.500
- (LU)
SEZIONE LUCCHESE DELLA SOCIETà FILOSOFICA            Convegno del 12/11/2011                                        1.500
ITALIANA - Lucca - (LU)
Corpo Musicale Citta' Di Lucca - LUCCA - (LU)        CONCERTO DI NATALE 2010 PRESSO                                 1.000
                                                     VS.AUDITORIUM
Associazione Musicale Belle Epoque - Lucca - (LU)    la manifestazione 'Nasce l'Italia'                             1.000
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                       l'esecuzione dell'Inno di Mameli da parte di un                1.000
                                                     coro di bambini
Panathlon Club Lucca Club di Lucca - CAPANNORI libro sullo sport per il 50° del Panathlon                           1.000
- (LU)
Pro Loco Castiglione Garfagnana - CASTIGLIONE DI TUTTE LE ARTI IN PIAZZA A CASTIGLIONE,                             1.000
GARFAGNANA - (LU)                                    'BORGO DELL’ARTE'
Coro Alpi Apuane - Pieve Fosciana - (LU)             attività anno 2011                                             1.000
PARROCCHIA DI SAN BARTOLOMEO - Castelnuovo dialetto e tradizioni chiozzine                                          1.000
Garfagnana - (LU)
TEMPO DI MUSICA ASSOCIAZIONE CULTURALE -             concerti all'oratorio dell'angelo custode                      1.000
Lucca - (LU)
Gruppo Volontari Della Solidarieta' - Barga - (LU)   la pubblicazione sui disabili del volume 'Accanto a            1.000
                                                     te'
Comune Di Forte Dei Marmi - FORTE DI MARMI -         la presentazione in prima nazionale dell'opera di              1.000
(LU)                                                 Marco Natalizi 'Emel'jan Ivanovic Pugacev. La




                                                         Pag. 121
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                          Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                               Importo
                                                        rivolta degli orfani'
Tipografia Francesconi Snc - LUCCA - (LU)               la pubblicazione 'Grazie Giuditta' di Franca              1.000
                                                        Lombardi Del Roso
NOVA SCHOLA POLIFONICA 'S.MARIA ASSUNTA'DI              studio e diffusione della musica nel territorio             900
STIAVA - Massarosa -stiava - (LU)                       comunale
ARTISTI & ASSOCIATI - Bagni Di Lucca - (LU)             Colori & Sapori                                             800
Fondazione Banca del Monte di Lucca - LUCCA -           l'acquisto del dipinto 'Il giudizio' dell'artista           800
(LU)                                                    Giampaolo Frizzi
Fondazione Banca del Monte di Lucca - Concerto          il concerto del Duo Bruno Canino - Prof. Ardinghi           726
CANINO - LUCCA - (LU)
CIRCOLO FOTOCINE GARFAGNANA - Castelnuovo               Garfagnana Fotografia 2011                                  500
Di Garfagnana - (LU)
Club Nautico Versilia - Associazione Sportiva           la mostra di Sandro Zingoni 'Lo specchio del mare'          400
Dilettantistica - VIAREGGIO - (LU)
Rotary Club Lucca Distretto 2070 - ITALIA - LUCCA       la realizzazione del concerto Voci di Fonopoli che          400
- (LU)                                                  si terrà a Lucca presso l'auditorium Boccherini
                                                        sabato 17 settembre.
Totale                                                                                                         808.863
                                Educazione, Istruzione e Formazione
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la          università IMT Lucca                                     90.000
Ricerca - LUCCA - (LU)
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS              50.000
                                                        Comune di Lucca
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la          il Corso di Laurea in Scienze del Turismo e laurea       45.000
Ricerca - LUCCA - (LU)                                  specialistica in 'Progettazione e gestione dei
                                                        sistemi mediterranei' della Fondazione Campus
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la          quota ordinaria spese di gestione (triennio 2011-        40.000
Ricerca - LUCCA - (LU)                                  2013)
Fondazione Festival Pucciniano - TORRE DEL LAGO         accademia di alto perfezionamento per cantanti           20.000
PUCCINI - (LU)                                          lirici
Music Academy Lucca - LUCCA - (LU)                      officina della musica                                    20.000
Università degli Studi di Pisa Dipartimento di          Master VIPST (Valutazione Interventi)                    15.000
Scienze Sociali - PISA - (PI)
Centro Internazionale Ricerche Giuridiche Iniziative l'organizzazione della II edizione del Master               15.000
Scientifiche - MILANO - (MI)                         'Biotechnology law and management'
CELSIUS scrl - LUCCA - (LU)                          il Master di Psicopedagogia delle Disabilità anno           15.000
                                                     accademico 2010/2011
PARROCCHIA DEI SS GIOVANNI BATTISTA E                percorso gratuito formazione scolastica e attività          15.000
STEFANO PROTOMARTIRE - Camaiore - (LU)               aggregative
Comune di Villa Basilica - VILLA BASILICA - (LU)     mi metto in gioco ...                                       15.000
Fondazione dell'Ospedale Pediatrico Meyer -          manifestazione 2008 per raccogliere fondi da                12.500
FIRENZE - (FI)                                       destinare alla Fondazione Meyer e assegnazione
                                                     borsa di studio pro specializzazione pediatrica
Università di Pisa Dip. Ingegneria Chimica e         il master di primo livello in nautical management           10.000
Chimica Ind. e Scienza Materiali - PISA - (PI)
Prefettura di Lucca Ufficio Territoriale del Governo animatamente                                                10.000
Comitato Prov.le Valorizzazione Repubblica - LUCCA
- (LU)
Comune di Capannori - CAPANNORI - (LU)               far sapere ... saper fare                                   10.000
CENTRO LINGUISTICO INTERDIPARTIMENTALE               Master 'Linguistica e nuove tecnologie per                   8.000
Centro Linguistico Interdipartimentale               l'insegnamento delle lingue moderne'
dell'Università di Pisa - Pisa - (PI)
Comune di Gallicano - GALLICANO - (LU)               Web 2.0 - il nuovo portale del CIAF                          7.000
Istituto di Alta Cultura Musicale L. Boccherini -    Attività orchestrale Istituto Superiore di studi             6.500
LUCCA - (LU)                                         musicali L.Boccherini
Comune Di Villa Collemandina - VILLA                 Realizzazione di pavimentazioone con erba                    6.000
COLLEMANDINA - (LU)                                  sintetica e abbattimento barriere architettoniche
                                                     del campo polivalente posto in Villa Collemandina
Università di Pisa facoltà di Lingua e Letterature   premio di laurea 'Valorizzazione del patrimonio              6.000
Straniere Centro Linguistico Interdipartimentale     culturale lucchese'
dell'Università di Pisa - Pisa - (PI)
Associazione Culturale 'Primo Teatro' - LUCCA - (LU) 'lo spazio dedicato'                                         5.500
Istituto Superiore d'Istruzione 'Simone Simoni'      museo della scienza                                          5.000
Castelnuovo Gar - CASTELNUOVO DI
GARFAGNANA - (LU)
Istituto Professionale di Stato per i servizi        l'arte a tavola nel catering e banqueting                    5.000
commerciali turistici e della pubblicità G.Marconi -
VIAREGGIO - (LU)
Quotidiano Avvenire - MILANO - (MI)                  l'abbonamento al quotidiano Avvenire da                      5.000
                                                     distribuire nelle scuole di Lucca



                                                         Pag. 122
Bilancio 2011                                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                                   Importo
Associazione Casa delle Sette Arti - LUCCA - (LU)       31 concorso artigianato e scuola                              5.000
Panathlon Club Lucca Club di Lucca - CAPANNORI          il Premio Bancarella Sport                                    5.000
- (LU)
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                         il contributo da destinare alla squadra femminile              5.000
                                                       di pallacanestro Lucca le mura
CELSIUS scrl - LUCCA - (LU)                            il contributo alle attività programmate per l'anno             4.545
                                                       2005
Istituto Comprensivo Marco Polo Viani - VIAREGGIO LA NUOVA LAVAGNA PER I NATIVI DIGITALI                              4.000
- (LU)
Fondazione Banca del Monte di Lucca ARTISTI            visibilità e valorizzazione dei giovani artisti                3.000
EMERGENTI - LUCCA - (LU)                               lucchesi
Polisportiva San Filippo - LUCCA - (LU)                campi verdi per ragazzi                                        3.000
Comitato Provinciale C.O.N.I. Lucca - LUCCA - (LU) accademia dello sport 'Mimmo Brignole'                             3.000
Paideia, Insieme Per L'educazione - Capannori - (LU) fare comunità (sèguito e io ti cullerò)                          3.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -         percorsi di pace                                               3.000
(LU)
Associazione Teatro del Carretto - LUCCA - (LU)        IMPARO LE LINGUE CON IL TEATRO - PERCORSO                      2.625
                                                       FORMATIVO PER LE SCUOLE DI LUCCA CON
                                                       SPETTACOLI IN LINGUA
Istituto Comprensivo C. Piaggia di Capannori -         educazione alla affettività e alla salute per                  2.500
CAPANNORI - (LU)                                       prevenire il disagio
Istituto Superiore Artistico A. Passaglia - LUCCA -    <Quel che non è> Cocorso nazionale di                          2.500
(LU)                                                   decorazione murale. Conferenze e visite guidate.
                                                       Mostra - mercato di finitura di interni
Associazione La Compagnia Delle Arti - Lucca - (LU) FESTA EUROPEA DELLA MUSICA                                        2.500
Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale            Gli animali con i bambini                                      2.500
Comitato Locale Lucca Sez Femminile - LUCCA -
(LU)
Liceo Scientifico Statale A. Vallisneri - LUCCA - (LU) Laboratorio di fisica sperimentale on line                     2.000
Istituto Comprensivo di Borgo a Mozzano - BORGO        iinformatica e istruzione                                      2.000
A MOZZANO - (LU)
ISI SANDRO PERTINI turistici e della pubblicità S.     DIDATTICA LABORATORIALE                                        2.000
Pertini - LUCCA - (LU)
Direzione Didattica Statale Lucca VI - LUCCA - (LU) UNA LIM IN CLASSE                                                 2.000
Istituto Tecnico Industriale E. Fermi - LUCCA - (LU) Scuola e disabilità:integrazione e sussidi didattici             2.000
Istituto di Istruzione Superiore N. Machiavelli -      Scuola e nuove tecnologie                                      2.000
Lucca - (LU)
ISTITUTO COMPRENSIVO TORRE DEL LAGO -                  click...@pprendo                                               2.000
Viareggio - (LU)
Istituto Superiore d'Istruzione 'Simone Simoni'        potenziamento attrezzature didattiche                          2.000
Castelnuovo Gar - CASTELNUOVO DI
GARFAGNANA - (LU)
50&piu' Universita' - Lucca - (LU)                     conoscere sapere fare                                          2.000
Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare Progetto Anni scolastici digitali - Introduzione di                2.000
e Media di Castelnuovo Garfagnana -                    tecnologie nella didattica
CASTELNUOVO GARFAGNANA - (LU)
Istituto Comprensivo Lucca 5 - PONTE A MORIANO senza zaino: ambienti di apprendimento                                 2.000
- (LU)                                                 migliorati
Istituto Comprensivo Statale di Porcari - Icsp -       1961/2011=porcari festeggia i 50 anni della sua                2.000
PORCARI - (LU)                                         scuola media pea
Istituto Tecnico Commerciale e per G-eometri 'l.       Amico Libro - Biblioteca Scolastica Itcg                       2.000
Campedelli' - CASTELNUOVO GARFAGNANA - (LU) Campedelli
Centro Cultura Lucca - LUCCA - (LU)                    Progetto culturale 2011                                        1.875
AMICI DEL JAZZ - Lucca - (LU)                          Luccajazzdonna foto dreaming                                   1.875
Comando Provinciale Guardia di Finanza - LUCCA - l'acquisto di un computer portatile                                  1.700
(LU)
Fondazione Giuseppe Pera - LUCCA - (LU)                sostenere le attività della Fondazione e le iniziative         1.667
                                                       correlate.
Fondazione Banca del Monte di Lucca ARTISTI            progetto di visibilità e valorizzazione di giovani             1.576
EMERGENTI - LUCCA - (LU)                               artisti lucchesi, assegnazione contratto a progetto
                                                       a dott. Marco Palamidessi per importo compenso
                                                       pattuito oltre oneri da definire a chiusura del
                                                       progetto nel 2011
Istituto Comprensivo Camigliano - Capannori - (LU) obiettivo scuola: il futuro è oggi                                 1.500
ISTITUTO COMPRENSIVO MASSAROSA 1 -                     nuovi spazi per il linguaggio musicale                         1.500
MASSAROSA - (LU)
Istituto di Istruzione Secondaria Superiore della      Laboratorio di Fisica                                          1.500
Piana di Lucca ITCG Benedetti e Lic. Scient.
Majorana - PORCARI - (LU)
Azienda USL 12 Viareggio - LIDO DI CAMAIORE -          Formazione in emergenza: migliorare l'assistenza               1.500




                                                          Pag. 123
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                 Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                                 Oggetto                                                 Importo
(LU)                                                         e prevenire lo stress nel soccorritore di secondo
                                                             livello
Istituto Professionale per i servizi sociali 'M. Civitali'   Innovazione tecnologica                                     1.500
di Lucca - LUCCA - (LU)
Ente Nazionale Sordomuti - Lucca - (LU)                      Corso di Lingua Italiana dei Segni                          1.500
Istituto Superiore d'Istruzione Barga Fratelli Pieroni -     sale audiovisivi                                            1.500
BARGA - (LU)
ASD Villaggio Lucca - LUCCA - (LU)                           crescita e formazione giovanile                             1.500
Associazione Il Mondo dei Bambini c/o sig.a Loreta           VOLARE CON LA FANTASIA                                      1.500
Siderman - LUCCA - (LU)
Associazione Culturale la Rondine - SAN LORENZO              SPETTACOLO 'NEL LABORATORIO FANTASTICO'                     1.500
A VACCOLI - (LU)
Soroptimist International Club di Lucca c/o Riotta           giocampus                                                   1.125
Adele Via Nuova per Pisa traversa 4° n.45 - SANTA
MARIA DEL GIUDICE - (LU)
A.n.b.i.m.a. Provinciale Cori Italiani Musicali              Scorribanda 2011 e partecipazione dell'Orchestra            1.125
Autonomi - Lucca - (LU)                                      di Fiati alla Messa Papale in San Pietro a Roma il
                                                             17 aprile 2011, domenica delle Palme.
Associazione Artistico Culturale Laboratorio Brunier         attività artistica 2011                                     1.125
Laboratorio Brunier - LUCCA - (LU)
Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti -               gli artisti nelle scuole: il fare nell'arte                 1.125
LUCCA - (LU)
Questura di Lucca Gabinetto Provinciale di Polizia           scena del crimine                                           1.125
Scientifica - LUCCA - (LU)
Unione Nazionale Veterani Dello Sport Sezione G.             calcio a cinque - trofeo del bianco giovani amici           1.125
Dovichi - LUCCA - (LU)                                       2003
Istituto Statale di Istruzione Montecarlo - Villa            scuola aperta al territorio                                 1.000
Basilica Media di Montecarlo - MONTECARLO -
(LU)
Istituto Comprensivo A.Manzoni di Marlia e                   progetto legalità                                           1.000
Lammari - CAPANNORI - (LU)
Associazione Dilettantistica Scacchistica Lucchese -         progetto giovani e scacchi                                  1.000
Lucca - (LU)
Istituto Comprensivo di Altopascio - ALTOPASCIO -            einstein                                                    1.000
(LU)
Istituto Comprensivo Don Aldo Mei - Capannori -              equilibrat@mente                                            1.000
(LU)
COOPERATIVA DADO MAGICO A R.L. - Capannori -                 DINDONDAN                                                   1.000
(LU)
Istituto Professionale per l'Industria e l'Artigianato       laboratorio delle energie rinnovabili                       1.000
Giovanni Giorgi - LUCCA - (LU)
ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DI SANT'ANNA                    suoni in movimento                                          1.000
- Stazzema - Fraz. Pontestazzemese - (LU)
Basket Femminile Le Mura Lucca - LUCCA - (LU)                il Trofeo Marisa Parca                                      1.000
Associazione Istituto d'arte drammatica - LUCCA -            bambiland                                                     900
(LU)
Arcidiocesi di Lucca - Ufficio Pastorale Missionaria -       OltreMondo… e la bimba dalla faccia marrone?                  850
LUCCA - (LU)
Centro Internazionale Ricerche Giuridiche Iniziative         incontri di preparazione alla costituenda                     758
Scientifiche - MILANO - (MI)                                 Fondazione CIRGIS
H-DEMIA DI MUSICA - Lucca - (LU)                             h-demia di musica                                             750
Associazione I Bambini e la Città Onlus - Lucca -            Parchi gioco del centro storico di Lucca                      750
(LU)
Club Ippico Treggiaia - SANTA MARIA DEL GIUDICE              happy ippo                                                    750
- (LU)
FILARMONICA G.PUCCINI DI SEGROMIGNO IN                       Masterclass per Ottoni                                        750
MONTE - CAPANNORI - (LU)
ASSOCIAZIONE IL CHIOSTRO - Lucca - (LU)                      Il Chiostro in Musica: A Cavallo dell'Unità d'Italia          750
Associazione Socio Culturale e Missionaria San               biblioteca san giovanni leonardi - diecimo                    750
Giovanni Leonardi Missionaria S.Giovanni Leonardi
Diecimo - DIECIMO - (LU)
ASD Sassi-Eglio - SASSI - (LU)                               creazione parco giochi per bambini                            750
ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMBATTENTI E                         cerimonie unità d'italia                                      750
REDUCI FEDERAZIONE PROVINCIALE - Lucca - (LU)
Gruppo Sbandieratori di Gallicano - GALLICANO -              La bandiera : dalla scuola alla competizione                  750
(LU)
Istituto Comprensivo Pietrasanta 2° - PIETRASANTA -          scaffale interculturale                                       742
(LU)
Consiglio Provinciale Permanente delle Associazioni          assoarmalucca e il 150° dell'unità d'italia                   700
d'Arma ASSOARMA - LUCCA - (LU)




                                                              Pag. 124
Bilancio 2011                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                                 Importo
Associazione Nuoto Lucca Capannori S.D. -               attività acquatica 2011                                       500
CAPANNORI - (LU)
GRUPPO DONATORI DI SANGUE FRATRES S. ANNA               Sensibilizzazione alla donazione del sangue                   500
- Lucca - (LU)
ARCI MARINA DI PIETRASANTA - Pietrasanta - (LU)         Ballando s'impara                                             400
Direzione Didattica Statale I Circolo di Lucca -        il 3° Torneo di Tennis da Tavolo del Centro Storico           300
LUCCA - (LU)                                            di Lucca
Università degli Studi di Pisa Dipartimento di          l'organizzazione del Master Universitario di II               175
Scienze Sociali - PISA - (PI)                           livello su 'Valutazione degli interventi di
                                                        assistenza e promozionale sociale'
Villaggio Del Fanciullo - LUCCA - (LU)                  lo stage presso la Fondazione di un ospite del                100
                                                        Villaggio
Totale                                                                                                           565.788
                              Volontariato, Filantropia e Beneficenza
League of Accessible Cities European Foundation       progetto di abbattimento delle barriere                      75.000
Centre - BRUSSELS - (BE)                              architettoniche nel centro storico di Lucca
                                                      nell'ambito del progetto europeo di accessibilità
                                                      nei centri storici europei
Fondazione Banca del Monte di Lucca gestione spazi contratti di guardianaggio, pulizie e gestione                  40.000
- LUCCA - (LU)                                        diretta degli spazi della sede
CE.I.S. Centro Italiano di Solidarietà Gruppo Giovani il Progetto 'Anna', 'Casa Emma' e 'Centro                    25.000
e Comunità Lucca - LUCCA - (LU)                       Pachamama'
Comune Di Castelnuovo Di Garfagnana -                 ATTIVITA' SOCIALI 2011                                       21.000
CASTELNUOVO GARFAGNANA - (LU)
League of Accessible Cities European Foundation       adozione del progetto 'LUCCA insuperabile la città           20.000
Centre - BRUSSELS - (BE)                              per tutti', progetto di Simona Romanini selezionato
                                                      dagli Stati Generali indetti da La Nazione nel
                                                      2009
Comune di Capannori - CAPANNORI - (LU)                sport insieme                                                18.000
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                        Soluzioni casa                                               15.000
Comune di Villa Basilica - VILLA BASILICA - (LU)      'solo' in compagnia ...                                      15.000
Comune di Capannori - CAPANNORI - (LU)                corso di italiano per donne migranti                         14.000
Fondazione dell'Ospedale Pediatrico Meyer -           manifestazione 2008 per raccogliere fondi da                 12.500
FIRENZE - (FI)                                        destinare alla Fondazione Meyer e assegnazione
                                                      borsa di studio pro specializzazione pediatrica
Anffas Onlus Di Lucca - Associazione Famiglie Di      Progetto persona estate                                      12.000
Persone Con Disabilità Intelletive E/o Relazionali -
LUCCA - (LU)
Fraternita di Misericordia Corsagna e Gruppo          RICHIESTA PAGAMENTO RATA MUTUO                               10.000
Donatori di Sangue Fratres - CORSAGNA - (LU)
European Consortium on Human Rights and               organizzazione di un convegno internazionale in              10.000
Disability European Foundation Centre - BRUSSELS - collaborazione con la Fondazione Cassa di
(BE)                                                  Risparmio di Torino per la divulgazione
                                                      dell'UNCRPD
CONFRATERNITA DI MISERICORDIA SANTA                   Attiviamo i servizi della Confraterniata di                  10.000
GEMMA GALGANI - Capannori - (LU)                      Misericordia Santa Gemma Galgani
Confraternita Di Misericordia Di Lido Di Camaiore - Parco della fratellanza                                        10.000
Lido di Camaiore - (LU)
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -        Bando Uno spazio per le idee                                 10.000
(LU)
Villaggio Del Fanciullo - LUCCA - (LU)                Accoglienza, integrazione e socializzazione                  10.000
Anffas Onlus Di Lucca - Associazione Famiglie Di      progetto persona estate 2012                                  9.000
Persone Con Disabilità Intelletive E/o Relazionali -
LUCCA - (LU)
Anffas Onlus Di Lucca - Associazione Famiglie Di      e_state insieme                                               9.000
Persone Con Disabilità Intelletive E/o Relazionali -
LUCCA - (LU)
Associazione Umanitaria Yra - LUCCA - (LU)            Ricordando Chernobyl: aiutiamoli a vivere                     8.000
AGRICOLA CALAFATA - Lucca - (LU)                      a come accompagnare: percorsi di inclusione                   7.500
                                                      lavorativa di soggetti svantaggiati attraverso
                                                      l'agricoltura sociale
ACRI - ROMA - (RM)                                    il progetto a favore dei paesi di Sviluppo                    7.000
Associazione Famiglie Per La Salute Mentale - S.Vito esci con noi 2011                                              6.000
- Lucca - (LU)
Anffas Onlus Di Lucca - Associazione Famiglie Di      Al mare, ai monti ...in vacanza                               6.000
Persone Con Disabilità Intelletive E/o Relazionali -
LUCCA - (LU)
Parrocchia di San Lorenzo in Segromingo in Monte - Completamento di una casa famiglia per ragazze                   6.000
SEGROMIGNO IN MONTE - (LU)                            madri e risanamento del debito parrocchiale
                                                      subito per i lavori negli anni passati




                                                         Pag. 125
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                              Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                              Oggetto                                                 Importo
League of Accessible Cities European Foundation           progetto di accessibilità europeo nei centri storici        5.000
Centre - BRUSSELS - (BE)                                  cui partecipa Lucca tramite la Fondazione nella
                                                          neo costituita Lega delle Città Accessibili
U.S.D. STIAVA - Massarosa - (LU)                          Miglioramento struttura scuola calcio                       5.000
ASSOCIAZIONE DYNAMO CAMP ONLUS - San                      A Dynamo Camp i bimbi malati oncologici e                   5.000
Marcello Pistoiese - (PT)                                 leucemici di Lucca tornano a sorridere
Unione dei Comuni Media Valle del Serchio -               estate ragazzi 2011                                         5.000
BORGO A MOZZANO - (LU)
Giovani e Comunità Società Cooperativa Sociale -          quando l'età da limite diventa risorsa                      5.000
CAPANNORI - (LU)
Associazione Don Franco Baroni onlus - LUCCA -            dalla parte del malato - c'è molto da fare quando           5.000
(LU)                                                      non c'è più niente da fare
ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE                        settimane verdi 2011                                        5.000
'PERCORSO IN FATTORIA' - Lucca - (LU)
C.re.a. Societa' Cooperativa Sociale - Viareggio - (LU)   Cimbilium: l'orchidea della diversità sboccia a             5.000
                                                          Camaiore
Fondazione Lucchese di Solidarietà - LUCCA - (LU)         Sostegno pagamento rate Azienda agricola La Ficai           5.000
Gruppo Volontariato Vincenziano Viareggio Onlus -         centro vincenziano per aiuti apersone indigenti             5.000
VIAREGGIO - (LU)                                          italiane e straniere
Associazione Diritto alla Salute e alla Vita DSV -        realizzazione di un impianto fotovoltaico per la            4.500
LUCCA - (LU)                                              produzione di energia elettrica in c.c. e un sistema
                                                          di p.v. water pumping a mpata oswe congo
Amany Nyayo Onlus - LUCCA - (LU)                          Radio baasneere - per una comunicazione libera              4.500
                                                          in burkina faso
Comune di Fosciandora - FOSCIANDORA - (LU)                Miglioramento dell'illuminazione pubblica per               4.000
                                                          scopi sociali
AIR.CO Associazione Internazionale Ricerche sul           Music Open                                                  4.000
Conflitto - Lucca - (LU)
Associazione Araba Fenice Onlus - VIAREGGIO -             laboratori del verde                                        4.000
(LU)
COOPERATIVA SOCIALE IL CAPPELLO - Massarosa -             Il filo d'Arianna                                           3.600
(LU)
Gruppo Volontari Accoglienza Immigrati - LUCCA -          l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                   3.500
(LU)
Lucca In Voce - LUCCA - (LU)                         lucca in voce 2010                                               3.000
PIAGENTINI MARCO - VIAREGGIO - (LU)                  il pagamento degli interessi del mutuo per                       3.000
                                                     l'acquisto della casa del sig. Piagentini
ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA                L'allegra brigata ai Giochi nazionali estivi Special             3.000
L'ALLEGRA BRIGATA - Capannori - (LU)                 Olympics
MOVIMENTO PER LA VITA CENTRO DI AIUTO ALLA aiuto a una madre                                                          3.000
VITA FRANCA POCCI ONLUS VIAREGGIO -
Viareggiio - (LU)
Centro Provinciale Sportivo Libertas Lucca - LUCCA 'immaginando il parco' percorso di                                 3.000
- (LU)                                               sensibilizzazione alla eco-sostenibilità rivolto a
                                                     soggetti abili e diversamente abili.
Associazione Italiana Sclerosi Multipla-aism Onlus - Cultura e animazione associativa                                 3.000
LUCCA - (LU)
Archimede Associazione di Promozione Sociale -       arts therapies and the intelligence of feeling -                 3.000
LUCCA - (LU)                                         convegno mondiale
ASSOCIAZIONE FIORE DI MARIA - Capannori - (LU) PROGETTO ARCIMBIMBO 2011                                               3.000
Auser Volontariato Territoriale - Lucca - (LU)       per un concreto aiuto alla collettività                          3.000
Comitato Popolare di Piazza San Francesco - LUCCA sostegno economico a famiglie in difficoltà                         3.000
- (LU)
La Mongolfiera Società cooperativa Sociale - LUCCA seme ritrovato                                                     3.000
- (LU)
LA MANO AMICA SOCIETà COOPERATIVA SOCIALE teatral mente                                                               3.000
- Lucca - (LU)
Casa Degli Anziani Della Parrocchia Di Santa Maria Mantenimento rette molto basse                                     3.000
Del Giudice del Giudice - LUCCA - (LU)
A.S.D. G.S. CERRETOLI - Castelnuovo Di Garfagnana bonifica da amianto degli spogliatoi del campo                      3.000
- (LU)                                               sportivo di cerretoli
HOMEXPEOPLEXHOME - Viareggio - (LU)                  Integrazione sociale e supporto educativo e                      2.700
                                                     sanitario per bambini maltrattati e ragazzi
                                                     disabili, Unawatuna, Sri-Lanka
A.S.D. FOCOLACCIA SCI FONDO LUCCA - Lucca -          lo sci di fondo con atleti disabili                              2.700
(LU)
Associazione Sportiva Dilettantistica S. Michele     CENTRO GIOVANI                                                   2.700
Sport, Handicap e giovani insieme - Borgo a
Mozzano - (LU)
League of Accessible Cities European Foundation      convegno di presentazione alla Comunità                          2.698




                                                           Pag. 126
Bilancio 2011                                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                             Oggetto                                                   Importo
Centre - BRUSSELS - (BE)                                 Lucchese del progetto di abbattimento barriere nel
                                                         centro storico di Lucca 'Lucca... diventare
                                                         accessibile'
Società Bocciofila Lucchese - LUCCA - (LU)               Contributo mantenimento bocciofila                            2.500
Congregazione Missionaria delle Sorelle di S.            ASSISTENZA AI MINORI E STUDENTI                               2.500
Gemma Galgani - CAMIGLIANO - (LU)
ASSOCIAZIONE LUCCA TUAREG - Lucca - (LU)                 progetto di sviluppo agricolo cooperativa tartite             2.500
Athenaeum Musicale Società Cooperativa Socilale -        umanizzazione delle strutture della salute:                   2.500
FIRENZE - (FI)                                           miglioramento dell'accoglienza e della
                                                         permanenza del bambino e dei suoi familiari in
                                                         ospedale
Centro Nazionale per il Volontariato - LUCCA - (LU)      l'iniziativa 'Villaggio Solidale - Salone Nazionale           2.000
                                                         del volontariato'
A.S.D. GARFAGNANA NUOTO - Castelnuovo Di                 Progetto Aquananda                                            2.000
Garfagnana - (LU)
Gruppi di Volontariato Vincenziano Onlus Lucca -         continuazione del nostro servizio a sostegno delle            2.000
LUCCA - (LU)                                             categorie indigenti
Circolo Vela Mare Associazione Sportiva                  Progetto 'De Coubertin' - La Vela per tutti                   2.000
Dilettantistica - VIAREGGIO - (LU)
I.RI.FO.R. onlus Sez. Prov.le di Lucca - LUCCA - (LU)    L'Informatica per 'tutti'.                                    2.000
ASSOCIAZIONE CULTURALE COMETE - Castelnuovo              acquisto ecografo per ospedale di barga                       2.000
Di Garfagnana - (LU)
Il Germoglio di Camaiore - CAMAIORE - (LU)            ACQUISTO DI GENERI ALIMENTARI                                    2.000
Associazione Umanitaria Il Cammino Onlus -            'LA CICOGNA DEI BAMBINI DI CHERNOBYL                             2.000
ALTOPASCIO - (PI)                                     2011'
Gruppo Volontari Della Solidarieta' - Barga - (LU)    XXII Settimana della Solidarietà                                 2.000
IL PIAZZALE E ALTRO ONLUS - Capannori - (LU)          progetto di aiuto a famiglie in difficoltà                       2.000
                                                      economica
Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro giornata nazionale delle vittime degli incidenti sul             2.000
- LUCCA - (LU)                                        lavoro 2011
CENTRO EQUITAZIONE LA LUNA ASSOCIAZIONE               Volteggiando per un sorrico                                      2.000
SPORTIVA DILETTANTISTICA - Lucca - (LU)
Associazione Amici Del Mondo Onlus -                  aiuto per lo sviluppo del territorio                             1.800
PIETRASANTA - (LU)
Associazione Umanitaria 'solidarieta' Nel Mondo-      un ambulatorio ad ebolowa in camerun                             1.800
onlus' - Camaiore - (LU)
Fondazione Cristian Larini Onlus - CAMAIORE -         Progetto Sole                                                    1.800
(LU)
Associazione Lucchesi nel Mondo - Rio de Janeiro -    l'aiuto alle persone bisognose colpite dalle frane e             1.500
24030050 Niteroi Rio de Janeiro                       dall'alluvione
Gruppo Volontari Carceri - LUCCA - (LU)               Una nuova casa                                                   1.500
Associazione Pro Loco di Camporgiano -                allestimento di area ludico ricreativa per giovani               1.500
CAMPORGIANO - (LU)                                    ed anziani
Associazione di Aiuto ai Laringectomizzati A.d.a.l. - 'morfeo' il sonno del laringectomizzato                          1.500
LUCCA - (LU)
Donatori di Sangue Fratres Segromigno in Monte -      cultura e sport per giovani.                                     1.500
CAPANNORI - (LU)
Associazione Sportiva Dilettantistica CLUB            sei felice ....sorridi....!!!attività sportiva e non per         1.500
SCHERMA LUCCA TBB - LUCCA - (LU)                      ragazzi diversamente abili
Scuola Materna Paritaria Moni - LUCCA - (LU)          l'acquisto di attrezzature per la scuola                         1.500
Associazione per le tradizioni ed il folcrore della   l'iniziativa ' Solidarietà sotto l'albero'                       1.500
Valle del Serchio La Befana - BARGA - (LU)
Angsa Toscana Onlus Lucca - Lucca - (LU)              per continuare a crescere insieme...                             1.350
Associazioni Campioni del Cuore Onlus -               l'edizione di Campioni del Cuore 2011                            1.200
VIAREGGIO - (LU)
Associazione Banco Alimentare della Toscana -         xv giornata nazionale della colletta alimentare                  1.000
CALENZANO - (FI)
Associazione Di Volontariato La Finestra c/o Casa     Acquisto attrezzature per la cucina della Casa                   1.000
Famiglia Anziani - LUCCA - (LU)                       Famiglia Anziani di S. Anna
Comune di Camaiore - CAMAIORE - (LU)                  PREMIO DEEZAN 2011                                               1.000
Società di S. Vincenzo de' Paoli Conferenza S. Pietro Beneficienza                                                     1.000
Apostolo - CASTELNUOVO DI GARFAGNANA - (LU)
European Consortium on Human Rights and               Study on the cuts on the rights of people with                   1.000
Disability European Foundation Centre - BRUSSELS - disabilities due to the economic crisis
(BE)
Associazione Umanitaria 'Il Germoglio' - VIAREGGIO l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                           1.000
- (LU)
Congregazione Missionaria delle Sorelle di S.         l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                        1.000
Gemma Galgani - CAMIGLIANO - (LU)
Conferenza San Vincenzo De Paoli -                    l'iniziativa Solidarietà sotto l'albero                          1.000




                                                           Pag. 127
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                              Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                                Oggetto                                               Importo
CAMPORGIANO - (LU)
P.a Croce Verde - Forte Dei Marmi - (LU)                    l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
Croce Verde P.a. Lucca - LUCCA - (LU)                       l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
Gruppi di Volontariato Vincenziano Onlus Lucca -            l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
LUCCA - (LU)
Gruppo Volontariato Vincenziano Viareggio Onlus -           l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
VIAREGGIO - (LU)
Associazione Caritativa Casa Di Riposo 'Sacro Cuore         l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
Di Gesù' - Onlus - Viareggio - (LU)
Associazione Amici Del Popolo Guarani - Viareggio -         l'iniziativa di ' Solidarietà sotto l'albero'             1.000
(LU)
Associazione Amici Del Mondo Onlus -                        l'iniziativa ' Solidarietà sotto l'albero'                1.000
PIETRASANTA - (LU)
ALCO Associazione Lucchese Cuore Oncologico -               l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
LUCCA - (LU)
Parrocchia di S. Giovanni Bosco - VIAREGGIO - (LU)          l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                 1.000
OPERA DI SANTA ZITA ONLUS - Lucca - (LU)                    informatizzazione magazzino generi alimentari               500
Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi di          l'iniziativa ' Solidarietà sotto l'albero'                  500
Guerra - Sez. Lucca- - LUCCA - (LU)
Associazione di Volontariato in Unità Locali di             l'iniziativa ' Solidarietà sotto l'albero'                  500
Servizio - ALTOPASCIO - (LU)
Gruppo Caritas Spianate - SPIANATE - (LU)                   l'inizitaiva ' Solidarietà sotto l'albero'                  500
Gruppo Donatori di Sangue Frates Monte San                  l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                   500
Quirico - LUCCA - (LU)
Gruppo Donatori Di Sangue Fratres Ugo Giannini di           l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                   500
Lunata - CAPANNORI - (LU)
Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Centro             l'iniziativa 'Solidarietà sotto l'albero'                   500
Carlo Del Prete - LUCCA - (LU)
Prefettura di Lucca Ufficio Territoriale del Governo        convegno bullismo illustrazione e proposte                  500
Comitato Prov.le Valorizzazione Repubblica - LUCCA          provenienti da ricerche promosse dalle Istituzioni
- (LU)                                                      per proporre politiche giovanili a misura di
                                                            minore
Anffas Onlus Di Lucca - Associazione Famiglie Di            l'acquisto di 25 uova di Pasqua                             125
Persone Con Disabilità Intelletive E/o Relazionali -
LUCCA - (LU)
Villaggio Del Fanciullo - LUCCA - (LU)                      l'assistenza alla processione della Santa Croce            100
Totale                                                                                                             592.073
                                                        Sviluppo Locale
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                     il rifacimento della pavimentazione di Piazza                     67.500
                                                   Antelminelli
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                     partecipazione al bando Lucca Dentro, PIUSS                       50.000
                                                   Comune di Lucca
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la     il Corso di Laurea in Scienze del Turismo e laurea                45.000
Ricerca - LUCCA - (LU)                             specialistica in 'Progettazione e gestione dei
                                                   sistemi mediterranei' della Fondazione Campus
Fondazione Banca del Monte di Lucca gestione spazi allestimento mostre nelle sale espositive di                      41.446
- LUCCA - (LU)                                     proprietà
Fondazione Lucchese per l'Alta Formazione e la     università IMT Lucca                                              40.000
Ricerca - LUCCA - (LU)
Associazione Società Libera - ROMA - (RM)          l'ottava edizione del Premio Internazionale alla                  20.000
                                                   Libertà
Associazione Compriamo A Castelnuovo - Centro      Iniziative 2011                                                   20.000
Commerciale Naturale - CASTELNUOVO DI
GARFAGNANA - (LU)
A.s.com.tur - Associazione per lo Sviluppo         attività 2011                                                     20.000
Commerciale e Turistico A.S.COM.TUR. - LUCCA -
(LU)
ACRI - ROMA - (RM)                                 il contributo associativo 2011                                    16.775
Comune di Barga - BARGA - (LU)                     La cultura e l'arte nel territorio di Barga                       15.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -     Promozione turistico-culturale                                    15.000
(LU)
Comune di Pietrasanta - PIETRASANTA - (LU)         grandi eventi                                                     13.000
Università di Pisa Dip. Ingegneria Chimica e       il master di primo livello in nautical management                 10.000
Chimica Ind. e Scienza Materiali - PISA - (PI)
Athena Communications - CAMAIORE - (LU)            il progetto 'Bolgheri Melody RacConta'                            10.000
CESECA - SEGROMIGNO IN MONTE - (LU)                pubblicazione volume '30 anni di Ceseca'                          10.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -     i Mondiali di Ciclismo                                            10.000
(LU)
Fondazione Banca del Monte di Lucca - Seminari -   il Convegno sul Trattato di Lisbona del 15 aprile,                 8.473




                                                             Pag. 128
Bilancio 2011                                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                             Oggetto                                                   Importo
LUCCA - (LU)                                             Convegno 31 maggio, Convegno 23 giugno
Capitaneria Di Porto - Guardia Costiera Viareggio        Riammodernamento Sala Operativa Capitaneria di                8.000
MINISTERO DEI TRASPORTI - VIAREGGIO - (LU)               Porto - Guardia Costiera Viareggio.
Compagnia Balestrieri Lucca - LUCCA - (LU)               Compagnia Balestrieri Lucca - Attività                        8.000
Fondazione Palazzo Boccella - LUNATA - (LU)              il contributo associativo ordinario alla Fondazione           7.200
Associazione Amici Di Comunicazionevirtuosa -            il Premio Giornalistico per giornalisti 'on line'             7.000
LUCCA - (LU)
Comune di Massarosa - MASSAROSA - (LU)                   valorizzazione centri commerciali naturali                    7.000
Comune di Minucciano - MINUCCIANO - (LU)                 Polo sportivo a sermezzana                                    7.000
Il Melograno Mutualità e Sviluppo onlus - LUCCA -        150 del movimento cooperativo in provincia di                 6.500
(LU)                                                     lucca
Schermo.it - LUCCA - (LU)                                la pubblicazione periodica in lingua inglese per              6.500
                                                         lettori di lingua inglese
Fondazione Palazzo Boccella - LUNATA - (LU)              la stipula del mutuo per l'ultimazione dei lavori di          6.000
                                                         Palazzo Boccella
Unione Nazionale Cronisti Italiani - ROMA - (RM)         il Premio Cronista 2011 Piero Passetti                        6.000
Amministrazione Provinciale di Lucca - LUCCA -           incubatore impresa donna                                      6.000
(LU)
Comune di Gallicano - GALLICANO - (LU)                  Realizzazione nuovo auditorium inserito nel 1°                 5.000
                                                        lotto del nuovo plesso scolastico di Gallicano
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          la realizzazione di ' Musicalia Antiqua - Mostra               5.000
                                                        mercato di antiquariato musicale' e 'Toys in Lucca
                                                        - Mostra mercato del giocattolo d'epoca'
Centro Internazionale Ricerche Giuridiche Iniziative l'organizzazione della II edizione del Master                     5.000
Scientifiche - MILANO - (MI)                            'Biotechnology law and management'
European Foundation Centre - BRUSSELS - (BE)            la quota di adesione 2011                                      5.000
Comando Provinciale Vigili del Fuoco - LUCCA -          Acquisizione di un autovettura per Servizi                     5.000
(LU)                                                    d'Istituto
Cooperativa Centro Culturale Compitese - PIEVE DI       22^ mostra antiche camelie della lucchesia                     5.000
COMPITO - (LU)
Associazione Pro Loco Castelnuovo Garfagnana -          Centenario dell'arrivo della ferrovia a Castelnuovo            5.000
CASTELNUOVO DI GARFAGNANA - (LU)                        di Garfagnana
Confraternita di Misericordia di Castelvecchio          serata omaggio a pascoli                                       5.000
Pascoli - Barga - (LU)
Associazione Lucca Dimostra - LUCCA - (LU)              InFieraDesign. L' abitare ecologico                            5.000
FONDAZIONE TERRE MEDICEE - Seravezza - (LU)             Manifestazione Enolia                                          5.000
Università di Pisa Dipartimento di Scienze della        una passeggiata sui monti pisani come viaggio                  5.000
Terra - PISA - (PI)                                     nella storia della terra: siti geologici e percorsi
                                                        didattici
Comune di Vergemoli - VERGEMOLI - (LU)                  SISTEMAZIONE PRELIMINARE DEL CAMPO                             4.000
                                                        SPORTIVO DI VERGEMOLI
Procura della Repubblica - LUCCA - (LU)                 l'acquisto di 1080 risme per il funzionamento                  3.127
                                                        degli uffici
Venerabile Confraternita di Misericordia di             4 secoli di solidarietà                                        3.000
Altopascio - ALTOPASCIO - (LU)
Apt Lucca - Lucca - (LU)                                il Festival Col Legno musica a Lucca 2011                      3.000
Associazione tra i proprietari terrieri di fabbricati e I sentieri delle Pizzorne                                      2.700
terreni edificabili dell'altopiano delle Pizzorne -
VILLA BASILICA - (LU)
ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO E DELL'OLIO DI programma comunicazione e promozione aziende                               2.500
LUCCA, MONTECARLO E VERSILIA - Capannori -              locali anno 2011
(LU)
Comitato Pari Opportunità Consiglio dell'Ordine dei per l'evento che si terrà nel mese di novembre con                 2.000
Dottori Commercialisti - LUCCA - (LU)                   la partecipazione di rappresentanti di altre
                                                        categorie professionali e rappresentanti delle
                                                        principali istituzioni lucchesi.
Fondazione Giuseppe Pera - LUCCA - (LU)                 sostenere le attività della Fondazione e le iniziative         1.667
                                                        correlate.
S.A.S.T. Soccorso Alpino e Speleologico Toscano -       Acquisto jackets alta visibilità per i volontari               1.500
Stazione di Lucca - Castelnuovo Di Garfagnana -
(LU)
Fondazione Banca del Monte di Lucca - SCUDO -           il convegno 'Danno alle persone da attività                    1.200
LUCCA - (LU)                                            sanitarie: aspetti medico legali, legali e gestionali
                                                        del rischio clinico'
Comando Provinciale Carabinieri Lucca - LUCCA -         i lavori presso il Comando Carabinieri Lucca                   1.080
(LU)
Comune di Montecarlo - MONTECARLO - (LU)                la realizzazione del 'Salotto del Vino e del Verde'            1.000
Associazione Rione del Bastardo - Lucca - (LU)          spazio festa estate 2011                                       1.000
Comando Provinciale Carabinieri Lucca - LUCCA -         Celebrazione del 197° annuale della fondazione                 1.000
(LU)                                                    dell'Arma dei Carabinieri




                                                           Pag. 129
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                               Bilancio 2011




Delibere inerenti fondi dell’esercizio di riferimento
Beneficiario                                            Oggetto                                                    Importo
Comando Provinciale Guardia di Finanza - LUCCA -        festa del corpo 2011                                           1.000
(LU)
Associazione Sportiva Dilettantistica Lucca Marathon    terza lucca marathon                                           1.000
- LUCCA - (LU)
Comune di Massarosa - MASSAROSA - (LU)                  lo studio di fattibilità per impianto fotovoltaico             1.000
Questura di Lucca - LUCCA - (LU)                        159° anniversario della fondazione della polizia               1.000
Premio Internazionale 'Le Velo' L'Europa per lo sport   la XV edizione del Premio Internazionale 'Le Velo              1.000
- SCARPERIA - (FI)                                      - l'Europa per lo sport '
Camera Penale di Lucca - LUCCA - (LU)                   la tavola rotonda sulla Riforma Costituzionale                   800
                                                        della Giustizia
Protezione Civile Città di Viareggio - TORRE DEL        il convegno ' Il volontariato locale nel sistema di              700
LAGO - (LU)                                             Protezione Civile' del 25/26 giugno 2011
Università di Pisa Dipartimento di Scienza della        il progetto di ricerca La Democrazia in                          623
Politica, Facoltà di Scienze Politiche - PISA - (PI)    provincia.Politica e società a Lucca dalla
                                                        Resistenza agli anni '50
Scuola Superiore Sant'Anna di Studi Universitari e      il progetto 'Analisi territoriale per l'individuazione           500
Perzionamento - PISA - (PI)                             degli areali del Comune di Capannori a più alta
                                                        vocazione per la produzione di biomassa
                                                        lignocellulosica e da colture dedicate a
                                                        destinazione energetica'
Capitaneria Di Porto - Guardia Costiera Viareggio       la giornata 'Un mare di sicurezza'                               500
MINISTERO DEI TRASPORTI - VIAREGGIO - (LU)
Aps Communitas ASDC - LUCCA - (LU)                      l'iniziativa 'Un, due e tre...comunità: 'noialtri' e la          500
                                                        convivenza sociale
Lucca Wine Treasures - LUCCA - (LU)                     l'acquisto di 10 copie della pubblicazione 'Lucca                450
                                                        Wine Treasures'
Totale                                                                                                              580.241
                                     Protezione e Ricerca Ambientale
Comune di Lucca - LUCCA - (LU)                          il rifacimento della pavimentazione di Piazza                 67.500
                                                        Antelminelli
Croce Verde Pubblica Assistenza Ponte a Moriano -       acquisto mezzo protezione civile                              10.000
Lucca - (LU)
Università di Pisa Dip. di Scienze Farmaceutiche -   CARATTERIZZAZIONE DI SOSTANZE DA PIANTE                           7.000
PISA - (PI)                                          AROMATICHE E LORO UTILIZZO COME
                                                     ERBICIDI, ANTIFUNGINI ED INSETTICIDI
                                                     NATURALI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA
Centro Internazionale Ricerche Giuridiche Iniziative l'organizzazione della II edizione del Master                     5.000
Scientifiche - MILANO - (MI)                         'Biotechnology law and management'
A.DI.P.A. ASSOCIAZIONE PER LA DIFFUSIONE DI          risvegliare la passione per la coltivazione di orti e             1.500
PIANTE FRA AMATORI - LUCCA - (LU)                    giardini.
ASSOCIAZIONE PROGETTO PICCOLECUCCE -                 RADUNO An.Di. 2011 e IO RISPETTO                                    400
Capannori - (LU)
Totale                                                                                                                91.400




                                                         Pag. 130
Bilancio 2011              Fondazione Banca del Monte di Lucca




                Pag. 131
Fondazione Banca del Monte di Lucca              Bilancio 2011




                                      Pag. 132
Bilancio 2011                                      Fondazione Banca del Monte di Lucca




                          B i l a n ci o
                         C o n ta b ile


                                     C rit e ri di v a lu t a z io n e
                                         S c h e m i di B ila n c io
                                             N o t a I n t e g ra t iv a
                R e n dic o n t o f in a n z ia rio di liqu idit à




                                Pag. 133
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                     Bilancio 2011




SOMMARIO BILANCIO

a) PREMESSA

b) CRITERI DI VALUTAZIONE

c) SCHEMI DI BILANCIO
    - STATO PATRIMONIALE
    - CONTO ECONOMICO

d) NOTA INTEGRATIVA
   - STATO PATRIMONIALE
     Voci dell’Attivo
         Sezione         1   - Immobilizzazioni materiali e immateriali
         Sezione         2   - Immobilizzazioni finanziarie
         Sezione         3   - Strumenti finanziari non immobilizzati
         Sezione         4   - Crediti
         Sezione         5   - Disponibilità liquide
         Sezione         7   - Ratei e risconti attivi
     Voci del Passivo
         Sezione         1   - Patrimonio netto
         Sezione         2   - Fondi per l’attività di istituto
         Sezione         3   - Fondi per rischi ed oneri
         Sezione         4   - Trattamento di fine rapporto
         Sezione         5   - Erogazioni deliberate
         Sezione         6   - Fondo per il Volontariato
         Sezione         7   - Debiti
         Sezione         8   - Ratei e risconti passivi
     Conti d’Ordine
   - CONTO ECONOMICO
        Sezione   1 - Risultato delle gestioni patrimoniali individuali
        Sezione   2 - Dividendi e proventi assimilati
        Sezione   3 - Interessi e proventi assimilati
        Sezione   4 - Rivalutazione (svalutazione) netta di strumenti finanziari non immobilizzati
        Sezione   5 - Risultato della negoziazione di strumenti finanziari non immobilizzati
        Sezione  10 - Oneri
        Sezione  11 - Proventi straordinari
        Sezione  12 - Oneri straordinari
        Sezione  13 - Imposte
        Sezione  14 - Accantonamento alla riserva obbligatoria
        Sezione  15 - Erogazioni deliberate in corso d’esercizio
        Sezione  16 - Accantonamento al fondo per il Volontariato
        Sezione  17 - Accantonamento ai fondi per l’attività di istituto
        Sezione  18 - Accantonamento alla riserva per l’integrità del patrimonio
   - ALTRE INFORMAZIONI
        Sezione   1 - Misure organizzative adottate nella separazione dell’attività di gestione del
                       patrimonio
        Sezione   2 - Compensi e rimborsi spese Organi Statutari
        Sezione   3 - Personale Dipendente

e) RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI LIQUIDITÀ




                                                          Pag. 134
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




PREMESSA
Il bilancio, relativo all’esercizio 1° gennaio – 31 dicembre 2011 è redatto in euro e composto da
Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa, che comprende anche il Rendiconto
Finanziario.
È corredato della Relazione sulla Gestione, redatta dagli Amministratori, che si compone a sua volta
di diverse sezioni che illustrano i risultati economico patrimoniali e le attività istituzionali del
periodo in esame (Bilancio di Missione).

Tutti i documenti sono stati redatti tenendo presenti:
    − le disposizioni del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999;

     −    le indicazioni contenute nel Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19/04/2001,
          pubblicato nella G.U. del 26/04/2001 n. 96 e successive integrazioni, ritenute applicabili in
          quanto non in contrasto con le disposizioni del D.Lgs 153/99, in attesa dell’emanazione del
          Regolamento previsto dall’art. 9, comma 5, del detto D.Lgs;

     −    le norme contenute negli articoli da 2421 a 2435 bis c.c., ove applicabili;

     −    i principi contabili forniti dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti per gli enti
          senza fine di lucro;

     −    le indicazioni contenute nel Decreto del Direttore Generale del Tesoro del 26 marzo 2012,
          in ordine alle percentuali degli accantonamenti;

     −    la facoltà di valutare, anche per il 2011, gli strumenti finanziari non immobilizzati, anche
          conferiti in gestione patrimoniale, al valore che gli stessi avevano nel bilancio chiuso al
          31/12/2010, ai sensi delle disposizioni del Dl 185/2008 (art. 15 commi 13, 14 e 15)
          convertito con modifiche dalla L. 2/2009, disposizioni confermate anche per gli anni
          successivi, compreso il 2011.
          In relazione alla elevata volatilità evidenziata dai mercati, la fondazione per l’esercizio 2011
          ha deciso di utilizzare tale facoltà per il portafoglio titoli in gestione diretta, non
          utilizzandola invece per i titoli conferiti in gestione patrimoniale per la loro natura di
          investimento fungibile e anche per le rilevanti problematiche contabili che sarebbero emerse
          atteso che la fondazione, come consentito (Provv. Min.Tesoro 19.4.2001), ha optato per la
          contabilizzazione in base al risultato emergente dai reports contabili prodotti dai gestori.

In particolare, si ritiene opportuno evidenziare di seguito i principi più significativi:
• nell’ottica di rappresentare il valore attuale del patrimonio della Fondazione, la rilevazione dei
    proventi e degli oneri avviene nel rispetto del principio di competenza, indipendentemente dalla
    manifestazione finanziaria, e del principio della prudenza;

•    le valutazioni sono effettuate appunto secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione
     dell'attività;

•    si è tenuto conto dei rischi e delle perdite di competenza dell'esercizio, anche se conosciuti dopo
     la chiusura di questo;

•    le svalutazioni, conseguenti ai criteri di valutazione di seguito illustrati per le singole poste del
     bilancio, e l’ammortamento di elementi dell'attivo sono effettuati con una rettifica in
     diminuzione del valore di tali poste e di tali elementi; le svalutazioni operate non vengono
     mantenute se sono venuti meno i motivi che le hanno originate;

•    nella redazione del bilancio si è applicato, ove possibile, il principio di prevalenza della sostanza
     sulla forma;

•    non sono stati effettuati compensi di partite, ad eccezione di quelli previsti dalle disposizioni di
     cui al citato provvedimento ministeriale 19/04/2001;




                                                  Pag. 135
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                        Bilancio 2011




•    i dati sono esposti rappresentando il raffronto con il precedente consuntivo;

•    l’adozione della nuova procedura informatica di formazione del Bilancio determina l’esposizione
     negli schemi di bilancio di arrotondamenti automatici, che si rendono necessari per esigenze di
     quadratura, ma che non comportano rilevazioni contabili; conseguentemente nella nota
     integrativa possono emergere differenze nei saldi o nei totali di norma contenute in una unità di
     Euro.




                                                 Pag. 136
Bilancio 2011                                                                 Fondazione Banca del Monte di Lucca




CRITERI DI VALUTAZIONE

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI
Le immobilizzazioni materiali ed immateriali sono iscritte al costo d’acquisto o di produzione e sono
soggette ad ammortamento sistematico in funzione della loro prevista utilità futura.

In dettaglio:
     Beni immobili strumentali
     Sono iscritti al costo d’acquisto, maggiorato delle spese di ristrutturazione e di adattamento
     funzionale se ritenute incrementative del valore dei beni e comunque entro il valore di mercato
     dei beni stessi.
     Risulta presente il solo immobile acquistato per essere destinato a sede della Fondazione e luogo
     di svolgimento delle attività istituzionali; il cespite non è soggetto ad ammortamento in quanto
     non ancora entrato in funzione.

     Beni immobili da reddito
     Sono iscritti al costo d’acquisto, maggiorato delle spese di ristrutturazione e di adattamento
     funzionale, se ritenute incrementative del valore dei beni e comunque entro il valore di mercato
     dei beni stessi.

     Beni mobili d’arte
     Sono beni detenuti come stabile investimento della Fondazione. Sono iscritti al costo d’acquisto,
     maggiorato delle spese di restauro, se ritenute incrementative del loro valore; per la loro natura
     non sono soggetti ad ammortamenti.

     Beni mobili strumentali
     I mobili e le attrezzature da ufficio, destinati ad essere utilizzati per le attività d’istituto, sono
     iscritti al costo d’acquisto, rettificato annualmente per effetto dell’ammortamento per tener
     conto del degrado tecnico-economico.

     Altri beni
     La voce comprende i beni immateriali relativi a programmi software e licenze d’uso utilizzati
     per il funzionamento delle attrezzature d’ufficio.
     A motivo della rapida obsolescenza il valore di iscrizione nell’attivo è soggetto ad ammortamento
     sistematico in tre esercizi.

     Altri beni mobili d’arte acquistati con fondi per erogazioni
     Sono beni di elevato valore socio-culturale acquisiti dalla Fondazione con l’utilizzo dei fondi per
     erogazioni istituzionali, iscritti in bilancio al costo di acquisto, maggiorato degli oneri relativi
     alla conservazione e all’impianto funzionale per i volumi facenti parte del progetto della
     biblioteca, destinati alla libera fruibilità del pubblico. Anche essi non sono soggetti ad
     ammortamenti.
     Il controvalore relativo ai costi sostenuti è rappresentato dal fondo (indisponibile) di pari
     importo iscritto in passivo di Stato Patrimoniale, che non ha natura rettificativa, ma ha la
     funzione di dare conto dell’avvenuto utilizzo dei fondi per erogazioni istituzionali.

Le opere d’arte ed i beni materiali che costituiscono investimenti o che comunque non risultano
soggetti a deperimento fisico-economico non sono assoggettati ad ammortamento sistematico, ma
sono eventualmente adeguati al minor valore in caso di deprezzamento ritenuto durevole.

I restanti beni sono soggetti ad ammortamento sistematico in funzione del previsto periodo di
utilizzazione tecnico-economica.

IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE
Le immobilizzazioni finanziarie sono costituite dalla quota della partecipazione nella società
conferitaria BML spa, da un’interessenza nella società Banca Carige Spa, dalla partecipazione nella
Cassa Depositi e Prestiti S.p.A e in altre società ad elevato dividendo (Terna ed Enel): sono valutate al
costo d'acquisto; dalle valutazioni effettuate non emergono perdite di valore ritenute durevoli.




                                                  Pag. 137
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




STRUMENTI FINANZIARI NON IMMOBILIZZATI
Gli strumenti finanziari, per la parte non affidata in gestione patrimoniale, sono costituiti quasi
esclusivamente da titoli di debito (es. obbligazioni sovrane, obbligazioni d’impresa, etc.); gli
strumenti finanziari affidati in gestione patrimoniale sono costituiti da titoli di debito e titoli di
capitale.

Come consentito dal Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19 aprile 2001, la Fondazione si
avvale della facoltà di contabilizzare il risultato delle gestioni patrimoniali mediante scritture
riepilogative riferite alla data di chiusura dell’esercizio ed effettuate in conformità ai rendiconti
trasmessi, conservati presso la Fondazione.

Per la valutazione degli strumenti finanziari non immobilizzati il criterio ordinario adottabile sia per
i titoli quotati che non quotati è quello di cui al punto 10.7 del provvedimento del Ministero del
Tesoro 19/4/2001 e cioè quello che fa riferimento al minore valore tra costo d’acquisto (o di carico
all’1/1/2009 per i titoli a suo tempo oggetto di rivalutazione per applicazione del precedente
criterio) e valore di mercato, desunto ove necessario, dall'andamento del mercato (valore di mercato
di titoli con analoghe caratteristiche, quotati in mercati organizzati e regolamentati), dallo stato di
solvibilità degli emittenti e dall'eventuale situazione di difficoltà nel servizio del debito da parte del
Paese di residenza di questi.

La Fondazione per l’esercizio ha ritenuto opportuno avvalersi per il portafoglio a gestione diretta
della facoltà introdotta per la prima volta dal D.L. 185/2008 convertito in L. 2/2009 come sopra
spiegato in premessa.

Le operazioni da regolare, ove esistenti, sono valutate con gli stessi criteri.

CREDITI
Sono valutati secondo il presumibile valore di realizzazione, calcolato in base alla situazione di
solvibilità dei debitori. I crediti verso l’Erario, chiesti a rimborso nei precedenti esercizi ed oggetto di
contenzioso, sono rettificati, con iscrizione di un fondo nel passivo di pari importo.
Gli altri crediti non sono stati oggetto di rettifiche di valore.

Nella categoria sono ricompresi i crediti derivanti dalla sottoscrizione di contratti di capitalizzazione
con primarie compagnie di assicurazione che per la loro natura risultano annualmente consolidati
nel risultato e garantiti nel capitale dalle particolari normative che riguardano il settore.

RATEI E RISCONTI
I ratei e i risconti attivi e passivi sono determinati secondo il principio della competenza temporale; i
ratei attivi accolgono in prevalenza gli interessi su strumenti finanziari maturati alla data di
chiusura dell’esercizio.

FONDI PER RISCHI ED ONERI
Tali fondi sono destinati a coprire perdite, oneri o debiti di natura determinata, di esistenza
probabile o certa.

Tale voce comprende:
- il Fondo di accantonamento per cause, controversie legali e rischi diversi, che è stato costituito
   anche in relazione al contenzioso in essere con l’Amministrazione finanziaria per le dichiarazioni
   dei redditi prodotte prima dell’emanazione del D.Lgs 153/99; il mantenimento del fondo trova
   maggior ragione nell’evoluzione in senso negativo della giurisprudenza di legittimità di cui si è
   già dato cenno;

- i Crediti d’imposta pregressi, che rappresentano la contropartita dell’accantonamento dei crediti
  in contestazione su pregresse annualità tuttora in attesa di definizione;

- il Fondo di accantonamento per dividendi Cassa Depositi e Prestiti spa, costituito a titolo
  prudenziale in considerazione delle disposizioni contenute nello statuto della società, in base alle
  quali i maggiori dividendi distribuiti rispetto alla misura garantita potrebbero essere computati in
  diminuzione del valore nominale delle azioni privilegiate in sede di recesso o di conversione in
  azioni ordinarie.




                                                  Pag. 138
Bilancio 2011                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




FONDI PER L’ATTIVITÀ DI ISTITUTO
     Fondo di stabilizzazione delle erogazioni: è stato costituito ai sensi dell’art. 6 del provvedimento
     del Ministero del Tesoro del 19 aprile 2001 (pubblicato in G.U. 26/04/2001 n. 96) con “la
     funzione di contenere la variabilità delle erogazioni d’esercizio in un orizzonte temporale
     pluriennale”, allo scopo prudenziale di assicurare la continuazione dell’attività istituzionale in
     modo il più possibile stabile rispetto al variare dei risultati di esercizio;

     Fondo per le erogazioni nei settori rilevanti: anch’esso è stato istituito ai sensi del detto
     Provvedimento (art. 7) che stabilisce l’appostazione a questo fondo delle somme accantonate per
     effettuare le erogazioni, per le quali non sia stata assunta la delibera di erogazione; si tratta di
     somme in attesa di essere destinate all’attività istituzionale;

     Fondi per le erogazioni negli altri settori ammessi: il fondo è stato costituito in sede di
     approvazione del bilancio consuntivo, anno 2006, mediante apposito accantonamento
     deliberato dall’Organo di Indirizzo in tale sede, riducendo per pari importo la proposta di
     accantonamento al fondo per le erogazioni nei settori rilevanti; ha la stessa ragione e funzione
     del fondo precedente;

     Altri Fondi. Fondo con vincolo di destinazione: si tratta di un fondo indisponibile che accoglie il
     controvalore contabile delle erogazioni effettuate per l’acquisto di opere d’arte e di volumi che
     compongono l’attuale dotazione della Biblioteca prevalentemente di interesse territoriale.

IMPLICAZIONI INERENTI L’EURO
Le attività e le passività denominate nelle valute aderenti, o comunque variabili in funzione
dell’andamento dei tassi di cambio delle valute dei paesi aderenti, sono state tradotte nella moneta di
conto applicando i tassi di conversione irrevocabilmente fissati; le restanti attività e passività in
valuta sono state valorizzate al tasso di cambio in essere a fine anno.

FISCALITÀ DIFFERITA
Con riferimento ai carichi fiscali latenti su investimenti che non prevedono l’applicazione delle
imposte, se non in sede di liquidazione, sono state accantonate come debiti le imposte maturate sui
rendimenti delle polizze di capitalizzazione, nonché sui buoni postali fruttiferi, che sono esposti
nell’attivo al lordo dell’imposta stessa.

MISURE FISCALI D.LGS 153/99
Con la revisione del regime fiscale previsto per la dismissione delle partecipazioni nelle società
conferitarie introdotto da ultimo con il D.L. 143/2003, la Fondazione, in quanto avente patrimonio
inferiore a € 200.000.000, potrà beneficiare “sine die” delle agevolazioni previste nell’art. 12 del
D.Lgs. 153/99; pertanto anche le cessioni che saranno poste in essere nei prossimi esercizi
fruiranno del regime di esenzione dalla tassazione.




                                                    Pag. 139
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                           Bilancio 2011




                                                   STATO PATRIMONIALE
      ATTIVO                                                        Esercizio 2011                   Esercizio 2010

 1    Immobilizzazioni materiali e immateriali                                       6.978.479                  6.981.026
        a) beni immobili                                     6.562.321                            6.562.321
             di cui:
          - beni immobili strumentali                        4.169.988                            4.169.988
          - beni immobili non strumentali                    2.392.332                            2.392.332
        b) beni mobili d'arte                                   35.830                              35.830
        c) beni mobili strumentali                              69.648                              75.436
        d) altri beni                                               14                                  37
        e) beni d'arte acquistati con fondi erogativi          304.301                             300.667
        f) donazioni ricevute                                    6.365                               6.735

 2    Immobilizzazioni finanziarie                                               46.650.611                    34.610.611
        a) partecipazioni in società strumentali                        0                                 0
          di cui:
          - partecipazioni di controllo                                 0                                 0
        b) altre partecipazioni                             46.520.611                           34.520.611
          di cui:
          - partecipazioni di controllo                                 0                                 0
        c) titoli di debito                                          0                                    0
        d) altri titoli                                        130.000                              90.000

 3    Strumenti finanziari non immobilizzati                                     30.156.418                    37.524.571
        a) strumenti finanziari affidati in gestione
      patrimoniale individuale                               4.378.143                            9.694.906
        b) strumenti finanziari quotati                     13.194.661                            9.418.751
          di cui:
          - titoli di debito                                            0                                 0
          - titoli di capitale                                          0                                 0
          - parti di organismi di investimento
           collettivo di risparmio                                      0                                 0
        c) strumenti finanziari non quotati                 12.583.614                           18.410.914
          di cui:
          - titoli di debito                                12.583.614                           18.410.914
          - titoli di capitale                                       0                                    0
          - parti di organismi di investimento
           collettivo di risparmio                                      0                                 0

 4    Crediti                                                                        5.890.580                  5.250.767
        di cui:
        - esigibili entro l'esercizio successivo             4.306.725                               80.989
        - esigibili oltre l'esercizio successivo             1.583.833                            5.169.778

 5    Disponibilità liquide                                                           699.794                     813.770

 6    Altre attività                                                                        0                             0
        di cui:
        - attività impiegate nelle imprese
          strumentali direttamente esercitate                           0                                 0

 7    Ratei e risconti attivi                                                         209.858                     175.019
        di cui:
        - interessi su titoli                                  202.720                             175.019

      Totale generale Attivo                                                     90.585.740                    85.355.764




                                                         Pag. 140
Bilancio 2011                                                                           Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                  STATO PATRIMONIALE
     PASSIVO                                                     Esercizio 2011                     Esercizio 2010

1    Patrimonio netto                                                        74.966.223                         74.591.278
       a) fondo di dotazione                                18.250.000                        18.250.000
       b) riserva da donazioni                                   6.365                             6.365
       c) riserva da valutazioni e plusvalenze              46.372.026                        46.372.026
       d) riserva obbligatoria                               6.867.926                         6.492.980
       e) riserva per l'integrità del patrimonio             3.469.905                         3.469.905
       f) avanzi (disavanzi) portati a nuovo                         0                                 0
       g) avanzo (disavanzo) esercizi precedenti                     0                                 0
        -    arrotondamento                                          1

2    Fondi per l'attività di istituto                                         3.225.469                           4.348.416
       a) fondo di stabilizzazione delle erogazioni          1.580.186                          2.339.779
       b) fondi per le erogazioni nei settori rilevanti      1.340.982                          1.707.970
       c) fondi per erogazioni negli altri settori
          ammessi                                                    0                                  0
       d) altri fondi                                          304.301                            300.667
         - fondi con vincolo di destinazione                   304.301                            300.667

3    Fondi per rischi ed oneri                                                1.228.753                           1.228.753
       - per imposte                                            96.414                             92.344
       - altri                                               1.132.339                          1.136.409

4    Trattamento di fine rapporto di lavoro
     subordinato                                                                   42.828                             31.040

5    Erogazioni deliberate                                                    4.278.491                           4.060.954
       a) nei settori rilevanti                              4.077.478                          3.907.066
       b) negli altri settori statutari                        143.500                             99.667
       c) residui da interventi da ricollocare                  57.513                             54.221

6    Fondo per il volontariato                                                    149.295                            223.661
       a) Fondo destinato al Ce.S.Vo.T.                        124.299                            186.247
       b) Fondo da destinare/F.do Speciale Abruzzo              24.996                             37.414

7    Debiti                                                                   6.603.341                              777.332
       di cui:
       - esigibili entro l'esercizio successivo              6.603.341                            722.332

8    Ratei e risconti passivi                                                      91.340                             94.330
      - Ratei                                                   25.340                             94.330
      - Risconti                                                66.000                                  0

     Totale generale Passivo                                                 90.585.740                         85.355.764




                                                          Pag. 141
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




                                                 CONTI D'ORDINE

     CONTI D'ORDINE DEL PASSIVO                             Esercizio 2011               Esercizio 2010
1    Conti d'ordine e memoria :                                        52.310.235                    52.310.235
      - Titoli e valori presso terzi                 32.188.558                     32.188.558
      - Partecipazioni a custodia presso terzi       20.121.677                     20.121.677

2    Impegni di erogazioni                                              2.126.923                    2.373.880

3    Crediti di imposta in contestazione                                       0                                 0

     TOTALE CONTI D'ORDINE                                             54.437.158                  54.684.115




                                                     Pag. 142
Bilancio 2011                                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                CONTO ECONOMICO

                                                                     Esercizio 2011                      Esercizio 2010
   1 Risultato delle gestioni patrimoniali individuali                             -300.802                               595.396
   2 Dividendi e proventi assimilati                                              2.192.869                             2.139.492
       a) da società strumentali                                       0                                     0
       b) da altre immobilizzazioni finanziarie                2.192.869                             2.139.492
       c) da strumenti finanziari non immobilizzati                    0                                     0
   3 Interessi e proventi assimilati                                                  841.589                             932.415
       a) da immobilizzazioni finanziarie                              0                                     0
       b) da strumenti finanziari non immobilizzati              686.243                               772.401
       c) da crediti e disponibilità liquide                     155.346                               160.014
   4 Rivalutazione (svalutazione netta) di strumenti
     finanziari non immobilizzati                                                          0                              -69.645
   5 Risultato della negoziazione di strumenti
     finanziari non immobilizzati                                                      11.400                             177.092
   6 Rivalutazione (svalutazione) netta di
     immobilizzazioni finanziarie                                                          0                                     0
   7 Rivalutazione (svalutazione) netta di attività non
     finanziarie                                                                           0                                     0
   8 Risultato d'esercizio delle imprese strumentali
     direttamente esercitate                                                                0                                   0
   9 Altri proventi                                                                    90.791                              87.840
        di cui:
        - contributi in conto esercizio                                   0                                  0
        - fitti attivi                                               90.791                             87.840
 10 Oneri:                                                                            937.151                           1.013.552
     a) compensi e rimborsi organi statutari                     269.175                               266.125
     b) per il personale                                         193.373                               188.548
            di cui:
          - per personale distaccato                                     0                                    0
      c) per consulenti e collaboratori esterni                  140.689                               168.603
      d) per servizi di gestione del patrimonio                   33.252                                98.046
      e) interessi passivi e altri oneri finanziari               27.210                                 2.960
      f) commissioni di negoziazione                              11.334                                17.467
      g) ammortamenti                                             16.576                                17.610
      h) accantonamenti                                                0                                     0
      i) altri oneri                                             245.542                               254.193
 11 Proventi straordinari                                                              27.934                              46.863
        di cui:
        - entrate straordinarie diverse                              27.934                             46.863
        - plusvalenze da alienazioni di
         immobilizzazioni finanziarie                                    0                                    0
 12 Oneri straordinari                                                                  7.601                              30.491
        di cui:
        - uscite straordinarie diverse                                7.601                             30.490
        - minusvalenze da alienazioni di
          immobilizzazioni finanziarie                                   0                                    0
 13 Imposte                                                                            44.302                              59.334
      - Imposte di bollo e tasse sui contratti di borsa                  20                                 38
      - IRAP                                                         20.000                             20.000
      - IRES                                                         20.000                             35.000
      - ICI                                                           4.282                              4.296
    A riportare Avanzo (disavanzo) dell' esercizio                                1.874.727                            2.806.076




                                                          Pag. 143
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                        Bilancio 2011




                                                                     Esercizio 2011                Esercizio 2010
      Riporto Avanzo (disavanzo) dell' esercizio                                  1.874.727                     2.806.076
 14   Accantonamento alla riserva obbligatoria                                       374.945                      561.215
 15   Erogazioni deliberate in corso d'esercizio                                   2.589.365                    2.684.265
        a) nei settori rilevanti                                 2.497.965                     2.606.598
        b) negli altri settori ammessi                              91.400                        77.667
 16   Accantonamento al fondo per il volontariato                                     49.993                       74.829
        a) accantonamento al fondo                                  49.993                        74.829
        b) utilizzo Fondazione per il sud                                 0                             0
 17   Accantonamento ai fondi per l'attività
      dell'istituto                                                              -1.139.576                        -514.233
        a) al fondo di stabilizzazione delle erogazioni                  0                             0
        b) ai fondi per le erogazioni nei settori
           rilevanti                                                                                   0
        c) ai fondi per le erogazioni negli altri settori
           ammessi                                                       0                             0
        d) altri fondi.
          -fondo acquisto opere d'arte                                   0                            0
        e) utilizzo fondi erogativi                             -1.139.576                     -514.233
 18   Accantonamento alla riserva per l'integrità del
      patrimonio                                                                          0                                0
      Avanzo (disavanzo) dell'esercizio                                                   0                                0




                                                            Pag. 144
Bilancio 2011                                                                                        Fondazione Banca del Monte di Lucca




NOTA INTEGRATIVA

                                            Stato Patrimoniale Attivo
      Sezione 1 - IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI

      a) BENI IMMOBILI
                                                          Beni strumentali         Beni da investimento               totale


      A) Esistenze iniziali                                         4.169.988                  2.392.332                  6.562.321


      B) Incrementi
           Acquisti
           Rivalutazioni
           Altre variazioni


      C) Decrementi
           Vendite
           Svalutazioni
           Ammortamenti
           Altre variazioni


      D) Consistenze finali                                         4.169.988                  2.392.332                  6.562.321


       E) Rivalutazioni totali


       F) Ammortamenti e svalutazioni totali


      Le altre variazioni sono relative ad oneri inerenti la ristrutturazione e la riconversiore dell'immobile, portati ad incremento
      dello stesso in quanto ritenuti accrescentive del valore.


      b) BENI MOBILI D'ARTE
                                                          Quadri d'autore

      A)   Esistenze iniziali                                          35.830


      B)   Incrementi
           Acquisti
           rivalutazioni
           Altre variazioni

      C)   Decrementi
           Vendite
           Svalutazioni
           Ammortamenti
           Altre variazioni

      D) Consistenze finali                                            35.830

      E)   Rivalutazioni totali

      F)   Ammortamenti e svalutazioni totali

      Sono beni detenuti come stabile investimento della Fondazione. Sono iscritti al costo d'acquisto, maggiorato delle spese di
      restauro, se ritenute incrementative del loro valore. Per la loro natura non sono soggetti ad ammortamento.




                                                                 Pag. 145
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                           Bilancio 2011




                                              Stato Patrimoniale Attivo
c) BENI MOBILI STRUMENTALI
                                                    Computer e
                                                    macchine da          Mobili e arredi   Beni < 516,4        Totale voce
                                                      ufficio

                  A) Esistenze iniziali                        9.091            66.345                               75.436

                  B) Incrementi                                5.594              4.102                1.078         10.774
                       Acquisti                                5.594              2.497                1.078
                       rivalutazioni
                       Altre variazioni                                           1.605

                  C) Decrementi                                3.901            11.583                 1.078         16.562
                       Vendite
                       Svalutazioni
                       Ammortamenti                            3.901            11.583                 1.078
                       Altre variazioni

                  D) Consistenze finali                       10.783            58.865                               69.648

                  E) Rivalutazioni totali

                      Ammortamenti e
                   F) svalutazioni totali                     33.716            49.438                 1.470         84.623

Gli ammortamenti sono stati calcolati applicando le seguenti percentuali:

Computer e macchine da ufficio 20,00%
Mobili e arredi                12,00%

Le aliquote di cui sopra sono applicate nella misura del 50% nell'anno di acquisto.

Non vengono applicati ammortamenti anticipati.
Beni inferiori a € 516,40 ammortizzati al 100,00%


d) ALTRI BENI

                                                              Software

          A)   Esistenze iniziali                                         37

          B)   Incrementi
               Acquisti
               rivalutazioni
               Altre variazioni

          C)   Decrementi                                                 23
               Vendite
               Svalutazioni
               Ammortamenti                                               14
               Altre variazioni                                            9

          D) Consistenze finali                                           14

          E)   Rivalutazioni totali

          F)   Ammortamenti e svalutazioni totali

Trattasi di licenze d'uso per le quali è previsto l'ammortamento per quote costanti in tre esercizi.




                                                                   Pag. 146
Bilancio 2011                                                                                           Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                             Stato Patrimoniale Attivo
   e) OPERE D'ARTE ACQUISTATE CON FONDI PER EROGAZIONI
                                                               Quadri e arredi antichi       Collezioni librarie         Totale voce


   A) Esistenze iniziali                                                        164.410                 136.257                    300.667


   B) Incrementi                                                                   2.983                     651                       3.634
        Acquisti                                                                   2.983                     651                       3.634
        rivalutazioni
        Altre variazioni


   C) Decrementi
        Vendite
        Svalutazioni
        Ammortamenti
        Altre variazioni


   D) Consistenze finali                                                        167.393                 136.908                    304.301


   E) Rivalutazioni totali


   F) Ammortamenti e svalutazioni totali

   La presente voce ricomprende gli acquisti effettuati con fondi per erogazioni istituzionali effettuate per evitare la dispersione di
   preziosi oggetti d'arte del territorio, nonché per la costituzione di una biblioteca all'interno della Fondazione di libera consultazione
   da parte del pubblico.

   Trattandosi di progetti propri della Fondazione, il controvalore delle somme impiegate è contabilizzato per pari importo tra i fondi
   per l'attività di istituto (cfr. Sezione 2 del Passivo).
   Per la loro natura i beni non sono soggetti ad ammortamento.




   f) DONAZIONI

   A)   Esistenze iniziali                                                         6.735

   B)   Incrementi

        Acquisti
        rivalutazioni
        Altre variazioni

   C)   Decrementi                                                                   370

        Vendite
        Svalutazioni
        Ammortamenti
        Altre variazioni                                                             370

   D) Consistenze finali                                                           6.365

   E)   Rivalutazioni totali

   F)   Ammortamenti e svalutazioni totali

   La presente voce comprende i beni pervenuti in donazione alla Fondazione e destinati ad incrementare il valore della biblioteca e
   della collezione di opere d'arte della Fondazione che sarà posta a libera disposizione del pubblico.
   Trattandosi di progetti propri della Fondazione, il controvalore delle somme impiegate è contabilizzato per pari importo nello Stato
   Patrimoniale Passivo (cfr. Sezione 1 Patrimonio Netto, lett. b).




                                                                  Pag. 147
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                                Bilancio 2011




                                             Stato Patrimoniale Attivo
Sezione 2 - IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

a) PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ STRUMENTALI
                                                                                                  (risultati al 31.12.2011 delle società partecipate
b) ALTRE PARTECIPAZIONI                                                                 i relativi dividendi saranno incassati nel corso del 2012)
                                                                                      Per quelli di competenza del presente bilancio cfr. CE sez.2
Composizione

BANCA DEL MONTE DI LUCCA SPA (Società conferitaria)

                                                    Piazza San Martino 4 - 55100
Sede:
                                                    LUCCA
                                                    raccolta del risparmio tra il pubblico e l'esercizio del credito, incluso il credito su pegno, il
Oggetto o scopo:
                                                    credito agrario ed il credito artigiano

Tipo quotazione                                     Società non quotata

Capitale sociale                                    € 44.841.251 diviso in n. 86.283.175 azioni del v.n.u. di € 0,52

Valore Patrimonio netto                             € 83.414.000 pari a € 0,96 per azione

Risultato:                                          utile di esercizio per € 2,511 milioni

Quota capitale posseduta:                           n. 34.493.270 azioni del v.n. di € 0,52 pari al 40% del Capitale Sociale

Valor partecipazione al patrimonio netto            € 33.113.539 (pari a € 0,96 per azione)

Ultimo dividendo percepito:                         pari a € 0,027 per azione, per un totale di € 931.318,29

Valore di Bilancio:
                                                         32.111.188
Non sussiste il controllo ai sensi dell'art. 6, commi 2 e 3, del D.Lgs. 17/5/1999, n. 153.


BANCA CARIGE SPA

Sede:                                               Via Cassa di Risparmio n. 15 - 16123 GENOVA
                                                    raccolta del risparmio tra il pubblico e l'esercizio del credito, incluso il credito su pegno, il
Oggetto o scopo:
                                                    credito agrario ed il credito artigiano
Risultato:                                          utile di esercizio per € 175,809 milioni

Ultimo dividendo percepito:                         pari a € 0,0700 per azione, per un totale di € 260.762,39

Quota capitale posseduta:                           n. 3.725.177 azioni del v.n. di € 1,00 pari al 0,21% del Capitale Sociale

Tipo quotazione                                     Società quotata; valore al 31/12/11 € 1,864 per azione

Valore di Bilancio:                                 8.821.422

Non sussiste il controllo ai sensi dell'art. 6, commi 2 e 3, del D.Lgs. 17/5/1999, n. 153.




                                                                  Pag. 148
Bilancio 2011                                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                             Stato Patrimoniale Attivo
CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA

                                            Via Goito n. 4 - Roma
Sede:
                                            il finanziamento, sotto qualsiasi forma, dello Stato, delle Regioni, degli enti locali, degli enti
Oggetto o scopo:
                                            pubblici e degli organismi di diritto pubblico…
Risultato:                                  utile di esercizio per € 1.612 milioni

Ultimo dividendo percepito:                 pari a € 1,06 per azione, per un totale di € 212.000,00

Quota capitale posseduta:                   n. 200.000 azioni privilegiate del v.n. di € 10,00 pari al 0,057% del Capitale Sociale
                                            Società non quotata
Tipo quotazione

Valore di Bilancio:                         2.000.000

Non sussiste il controllo ai sensi dell'art. 6, commi 2 e 3, del D.Lgs. 17/5/1999, n. 153.
L'acquisto della partecipazione, oltre a rispondere a criteri di economicità per le condizioni riservate agli azionisti privilegiati, è da
ricondurre all'oggetto della società di sostenere lo sviluppo infrastrutturale del territorio mediante il sostegno creditizio agli enti
territoriali.
 TERNA SPA

 Sede:                                      Viale Regina Margherita n. 125 - Roma
                                            l'esercizio dei diritti di proprietà della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica,
 Oggetto o scopo:
                                            comprensiva delle linee di trasporto e delle stazioni di trasformazione
 Risultato:                                 utile di esercizio per € 440 milioni

 Ultimo dividendo percepito:                pari a € 0,21 per azione, per un totale di € 42.000,00

 Quota capitale posseduta:                  n. 200.000 azioni del v.n. di 0,22 pari allo 0,010% del Capitale Sociale

 Tipo quotazione                            Società quotata; valore al 31/12/11 € 2,5949 per azione

 Valore di Bilancio:                        340.000

 Non sussiste il controllo ai sensi dell'art. 6, commi 2 e 3, del D.Lgs. 17/5/1999, n. 153.


 ENEL SPA

 Sede:                                      Viale Regina Margherita n. 137 - Roma
                                            l'assunzione e la gestione di partecipazioni ed interessenze in società ed imprese italiane o
                                            straniere, nonché lo svolgimento, nei confronti delle società ed imprese controllate, di
 Oggetto o scopo:
                                            funzioni di indirizzo strategico e di coordinamento sia dell'assetto industriale che delle
                                            attività dalle stesse esercitate
                                            utile di esercizio € 2.467
 Risultato:
                                            milioni
 Ultimo dividendo percepito:                pari a € 0,26 per azione, per un totale di € 130.000,00

 Quota capitale posseduta:                  n. 500.000 azioni del v.n. di € 1,00 pari allo 0,005% del Capitale Sociale

 Tipo quotazione                            Società quotata; valore al 31/12/11 € 3,248 per azione

 Valore di Bilancio:                        3.248.000

 Non sussiste il controllo ai sensi dell'art. 6, commi 2 e 3, del D.Lgs. 17/5/1999, n. 153.




                                                                  Pag. 149
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                   Bilancio 2011




                                               Stato Patrimoniale Attivo
 Variazioni annue della voce 2b (solo BML spa)

 Valore di bilancio iniziale
                                                             34.520.611

 Acquisti
                                                             12.000.000
 Rivalutazioni

 Altre variazioni

 Vendite

 Svalutazioni

 Altre variazioni

 Valore di bilancio finale                                   46.520.611


 Il dettaglio delle variazioni è di seguito riportato:


 Acquisti:
 sottoscrizione aumento di capitale
 B.m.L Spa n. 12.000.000
 di azioni del v.n.u di € 0,52 emesse
 a € 1,00                                                    12.000.000
 Vendite:




 Rivalutazioni:




 d) ALTRI TITOLI
 Valore di bilancio iniziale
                                                                  90.000
 Acquisti
                                                                  40.000
 Rivalutazioni

 Altre variazioni

 Vendite

 Svalutazioni

 Altre variazioni

 Valore di bilancio finale                                      130.000

 Sottoscrizione quota di fondo mobiliare chiuso Toscana Innovazione versato per 43%




                                                             Pag. 150
Bilancio 2011                                                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                               Stato Patrimoniale Attivo
   Sezione 3 - STRUMENTI FINANZIARI NON IMMOBILIZZATI

   a) AFFIDATI IN GESTIONE PATRIMONIALE INDIVIDUALE


   Gestore:         NEXTAM PARTNERS SGR SPA

   Conferimenti e prelievi nell'esercizio

   Patrimonio iniziale
                                                                                     9.664.010
   Conferimento nel periodo

   Prelievi nel periodo                                                              4.427.323




   Altre informazioni

   Risultati economici

   Risultato di gestione al lordo di imposte e commissioni                                                   -313.361

   Risultato di gestione al lordo commissioni (cfr. voce 1 Conto Economico)                                  -300.802

   Risultato di gestione al netto di imposte e commissioni                                                   -299.772

   Valori patrimoniali

   Saldo c/c liquidità gestioni (cfr. voce crediti)                                                           546.212

   Imposte di competenza da addebitare L. 461/97 (cfr. sezione 7 debiti)                                         1.030

   Valore finale portafoglio titoli comprensivo ratei e interessi                                           4.378.143

                          Valore finale gestione                                                            4.923.326

   Informazioni complementari

   Imposte di competenza L. 461/97 (cfr. sezione 7 debiti)                                                       1.030

   Commissioni di gestione                                                                                       3.252

   Commissioni di negoziazione                                                                                   9.307


   Parametro di riferimento - composizione                                                 peso
   non contrattualizzato - gestione a rendimento assoluto



   Variazione del paramento di riferimento nel periodo                                         n.d.

   Rendimento lordo dichiarato nel periodo                                              -4,40%

                Tabella di raccordo con Sezione 1 del Conto Economico - Risultato delle gestioni patrimoniali individuali


                                                       Patrimonio                                        Risultato di     Risultato economico
                                                      iniziale a +/-       Patrimonio finale          gestione al netto      delle gestioni
                                                        movimenti                                       di imposte e          (voce 1 CE)
                                                                                                        commissioni

   Nextam Partners SGR spa                               9.664.010                   4.923.326               -299.772               -300.802

                                        TOTALE           9.664.010                   4.923.326               -299.772               -300.802




                                                                       Pag. 151
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                       Bilancio 2011




                                            Stato Patrimoniale Attivo
   b) STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI


                        Categorie                           valore iniziale                    valore finale
                                                     di bilancio       di mercato       di bilancio     di mercato


   STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI                        9.418.751          9.606.635     13.194.661       12.783.846
   Titoli di debito                                    7.761.838          7.949.721     10.338.197          9.914.696
   di cui:
        Titoli di stato                                4.471.573          6.468.901       6.447.848         4.631.206
        Altri titoli di debito                         3.290.265          3.869.296       3.466.848         3.318.515


   Titoli di capitale                                                                       199.550            182.206


   Parti di organismo di
   investimento collettivo del risparmio               1.656.913          1.656.913       2.656.914         2.686.944



   Variazioni annue degli strumenti finanziari quotati non immobilizzati e non affidati in gestione patrimoniale


                                                      Titoli di         Altri titoli     Titoli di     Parti di OICR     Totale
                                                       Stato            di debito        capitale


   valore di bilancio iniziale                         4.471.573          3.290.265                         1.656.913     9.418.751



   - acquisti                                          1.997.328              579.031       199.550         1.000.001     3.775.910


   - rivalutazioni (1)


   - trasferimenti dal portafoglio immobilizzato


   - vendite


   - rimborsi


   - svalutazioni (1)


   - trasferimenti al portafoglio immobilizzato


   - altre variazioni (2)



   valore di bilancio finale                           6.468.901          3.869.296         199.550         2.656.914    13.194.661

   (1) cfr. sezione 4 del Conto Economico
   (2) Trattasi del risultato della negoziazione su operazioni dell'anno (cfr. Sezione 5 Conto Economico)




                                                                   Pag. 152
Bilancio 2011                                                                                              Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                   Stato Patrimoniale Attivo
  c) STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI


                                                                  valore iniziale                    valore finale
                         Categorie
                                                          di bilancio        di mercato       di bilancio        di mercato


  STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI                          18.410.914          18.410.914    12.583.614         11.600.691
  Titoli di debito                                          18.410.914          18.410.914    12.583.614         11.600.691
                       di cui: Titoli di stato
                                Altri titoli di debito      18.410.914          18.410.914    12.583.614         11.600.691


  Titoli di capitale


  Parti di organismo di investimento
  collettivo del risparmio




  Variazioni annue degli strumenti finanziari non quotati non immobilizzati e non affidati in gestione patrimoniale


                                                         Altri titoli di    Titoli di Stato    Titoli di       Parti di OICR     Totale
                                                            debito                             capitale


  valore di bilancio iniziale                               18.410.914                                                          18.410.914



  - acquisti


  - rivalutazioni


  - trasferimenti da altri conti


  - trasferimenti dal portafoglio immobilizzato


  - vendite


  - rimborsi                                                 6.000.000                                                           6.000.000


  - svalutazioni (1)


  - trasferimenti al portafoglio immobilizzato


  - altre variazioni (2)                                        172.700                                                            172.700



  valore di bilancio finale                                 12.583.614                                                          12.583.614


  (1) cfr. sezione 4 del Conto Economico
  (2) l'importo comprende € 161.301 (cfr. sez. 3 Conto Economico) relativo agli interessi maturati sui BPF nell'anno al lordo
  dell'imposta maturata di € 20.163 (cfr. sez. 2 Conto Economico) e del risultato netto della negoziazione su operazioni in titoli




                                                                     Pag. 153
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                                 Bilancio 2011




                                              Stato Patrimoniale Attivo
        Composizione del portafoglio (titoli quotati, voce 3b)

                                    descrizione                                    valore di bilancio           valore di mercato



        TITOLI DI STATO
        FR OAT 3% 01/12 (*)                                                                      626.160                      764.773
        BPTi 15/9/2014 (*)                                                                     1.194.628                    1.164.716
        BPTi 15/9/2012                                                                           594.830                      602.022
        BPTi 15/9/2017 (*)                                                                       586.465                      521.413
        BPTi 15/9/2035                                                                           405.891                      311.522
        Bund 5% 02/12 (*)                                                                      1.063.600                    1.049.590
        BTP 4,75% 1/2/2013                                                                       396.304                      409.672
        BTP 7,25% 1/11/26                                                                        203.400                      206.880
        BTP 9% 1/11/23                                                                           219.980                      225.207
        CTZ 30/9/2013                                                                            178.280                      183.940
        BTP 4,25% 15/8/2013                                                                      500.817                      505.827
        BTP 2% 15/12/2012                                                                        498.547                      502.286
                                                                      totale                   6.468.901                    6.447.848



        ALTRI TITOLI DI DEBITO
        Argo Mor 2036B                                                                         1.477.500                    1.355.388
        Unicredit Cap Trust Fx Fi 29/10/49                                                       579.031                      330.378
        Banco Popolare 3,75% 09-12 (*)                                                         1.000.000                    1.000.369
        Banca Carige cv 4,75% 2010-15                                                            812.765                      780.713
                                                                      totale                   3.869.296                    3.466.848


        TITOLI DI CAPITALE
        Tod'S                                                                                     99.892                        89.216
        Lvmh                                                                                      99.658                       92.990
                                                                      totale                     199.550                      182.206


        PARTI DI OICR
        Pimco total return bond                                                                 596.218                       611.347
        Templeton liquidità reserve                                                           1.060.695                     1.066.408
        Carmignac Securitè                                                                    1.000.001                     1.009.189
                                                                    totale                    2.656.914                     2.686.944
                                                        totale complessivo                   13.194.661                    12.783.846



        Composizione del portafoglio (titoli non quotati, voce 3c)
                                    descrizione                                    valore di bilancio           valore di mercato

        ALTRI TITOLI DI DEBITO
        Banca del Monte di Lucca Spa 03/13 7 FRN sub.                                          3.992.400                    3.711.517
        Buoni fruttiferi postali                                                               3.091.664                    3.091.664
        Carige TV2018 Sub                                                                      3.000.000                    2.202.272
        Levante Nord TV Sub                                                                      499.550                      500.000
        Mediobanca CLN 19/4/2012 (*)                                                          2.000.000                     2.095.238
                                                                      totale                 12.583.614                    11.600.691
                                                        totale complessivo                   12.583.614                    11.600.691
        (*) i titoli sono stati costituiti in pegno a favore della Banca Carige spa a fronte dell'anticipazione in conto corrente
        concessa (cfr. sez. 7 debiti)




                                                                   Pag. 154
Bilancio 2011                                                                                          Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                              Stato Patrimoniale Attivo

 Sezione 4 - CREDITI

 Composizione per tipologia
 Conti correnti per liquidità gestioni patrimoniali
                                                                                           546.212
 Depositi vincolati a termine per investimento                                                     0

 Polizze di capitalizzazione                                                              5.194.161

 Crediti per operazioni pronti contro termine                                                      0

 Altri crediti di funzionamento                                                              24.990

 Acconti versati per I.R.A.P.                                                                18.913

 Acconti versati per IRES                                                                      8.773

 Crediti verso erario per iscrizioni provvisorie a ruolo                                       1.116

 Crediti verso erario per I.R.A.P.                                                                 0

 Credito verso erario per IRES 2005                                                                0

 Crediti d'imposta pregressi                                                                 96.414

                                                                         totale           5.890.579
 La voce crediti d'imposta rappresenta l'ammontare richiesto a rimborso nei precedenti esercizi e non ancora liquidato per le annualità
 fino al 30/09/1998. Il controvalore di tali crediti è accantonato prudenzialmente in apposito fondo del passivo in attesa dell'incasso
 (cfr. "Fondi per rischi ed oneri").



 Sezione 5 - DISPONIBILITÀ LIQUIDE

 Composizione
 Conti correnti bancari attivi                                                              699.480

 Conti correnti bancari passivi                                                                  -17

 Conto corrente postale                                                                          262

 Fondo Cassa                                                                                      68

                                                                         totale             699.794
 I conti correnti bancari passivi si riferiscono all'apertura di credito a scadenza fissa 31/12/2010 concessa da Banca Carige spa.



 Sezione 7 - RATEI E RISCONTI ATTIVI

 Composizione
 ratei su:

 operazioni pronti contro termine                                                                  0

 depositi vincolati a termine                                                                      0

 titoli in amministrazione                                                                  202.720

 titoli in gestione                                                                                0

 risconti su:

 altre spese amministrative                                                                    7.138

                                                                         totale             209.858




                                                                 Pag. 155
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                        Bilancio 2011




                                           Stato Patrimoniale Passivo
 Sezione 1 - PATRIMONIO NETTO



  Variazioni intervenute nei conti del patrimonio netto




                                                                      accantonamenti    trasferimenti
                                                 esistenze iniziali    dell'esercizio    da/ad altri    utilizzi     esistenze finali
                                                                                            conti

  Fondo di dotazione                                  18.250.000                                                          18.250.000

  Riserva da rivalutazioni e plusvalenze              46.372.026                                                          46.372.026

  Riserva da donazioni                                       6.365                                                              6.365

  Riserva obbligatoria                                    6.492.980          374.945                                       6.867.926

  Riserva per integrità del patrimonio                    3.469.905                                                        3.469.905

  Avanzi (disavanzi) portati a nuovo

  Avanzo (disavanzo) residuo

  Esistenze finali                                   74.591.276             374.945                                     74.966.222



  La Riserva obbligatoria risulta costituita con specifico accantonamento pari al 20% dell'avanzo dell'esercizio ai sensi art. 9.6 del
  Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19/04/2001 e del decreto del Direttore Generale del Dipartimento del Tesoro del 26
  marzo 2012




                                                                 Pag. 156
Bilancio 2011                                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                             Stato Patrimoniale Passivo
  Sezione 2 - FONDI PER L'ATTIVITÀ DI ISTITUTO

  Variazioni intervenute nell'esercizio


                                                          Fondo di               Fondo per le            Fondo per le            Fondo con
                                                      stabilizzazione        erogazioni nei settori     erogazioni nei           vincolo di
                                                      delle erogazioni             rilevanti           settori ammessi          destinazione

  Esistenze iniziali                                         2.339.779                  1.707.970                                     300.667

  Accantonamenti dell'esercizio                                          0                        0                      0                  3.634

  Trasferimenti da altri conti (1)                                       0                 12.996                                              0

  Utilizzi (2)                                                -759.592                   -379.983                                              0

  Trasferimenti ad altri conti                                           0                        0                      0                     0

  Esistenze finali                                           1.580.186                  1.340.983                                     304.301

        (1) cfr. sezione 6 del Passivo
        (2) cfr. sez.17 del Conto Economico




  Sezione 3 - FONDI PER RISCHI ED ONERI

                                                          A fronte             A fronte crediti di    A fronte dividendi
                                                        cause passive        imposta verso l'Erario          CDP                   Totale


  Esistenze iniziali                                           384.209                     92.344               752.200             1.228.754

  Accantonamenti dell'esercizio                                          0                        0                      0                     0

  Utilizzi                                                       -4.070                      4.070                       0                     0

  Esistenze finali                                             380.139                     96.414               752.200             1.228.754

  Per le imposte sul reddito cfr. Voce 13 Conto Economico "Imposte"; il debito dell'anno è stato rilevato alla voce "Debiti".




  Sezione 4 - TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

  Variazioni intervenute nell'esercizio
  Esistenze iniziali                                             31.040

  Accantonamenti dell'esercizio                                  11.789

  Utilizzi                                                              -2

  Esistenze finali                                               42.828




                                                                   Pag. 157
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                           Bilancio 2011




                                             Stato Patrimoniale Passivo
  Sezione 5 - EROGAZIONI DELIBERATE

  Contributi deliberati ma non ancora erogati

  Delibere dell'anno 2005 e anni precedenti                   293.402

  Delibere dell'anno 2006                                     262.337

  Delibere dell'anno 2007                                     331.236

  Delibere dell'anno 2008                                     445.435

  Delibere dell'anno 2009                                     607.943

  Delibere dell'anno 2010                                     802.919

  Delibere dell'anno 2011                                   1.477.705

                                               totali       4.220.978

  Questa sezione riguarda i contributi deliberati per finalità istituzionali, ma non ancora esborsati, perché si tratta di progetti la cui
  realizzazione non è ancora terminata o non ancora documentata.


  Contributi erogati nell'esercizio:

  Esistenze iniziali                                                                 4.060.954
                             a) nei settori rilevanti       3.907.066
                            b) nei settori ammessi             99.667
    c) residui da interventi conclusi da riallocare            54.221



  Aumenti:

  - Delibere assunte nell'esercizio                                                  2.620.365
           a carico dell'esercizio (cfr. CE voce 15)        2.589.365
           A fronte utilizzo diretto fondi erogativi           31.000



  Diminuzioni:

  - Erogazioni liquidate nell'esercizio                                              2.406.955
                  a fronte di delibere dell'esercizio       1.066.592
         a fronte di delibere di esercizi precedenti        1.340.363



  Esistenze finali:                                                                  4.278.491

                             a) nei settori rilevanti       4.077.478

                             b) nei settori ammessi           143.500

    c) residui da interventi conclusi da riallocare            57.513




                                                                 Pag. 158
Bilancio 2011                                                                                            Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                             Stato Patrimoniale Passivo
 Sezione 6 - FONDO PER IL VOLONTARIATO

 Variazioni intervenute nell'esercizio
                                                                                     Toscana              Da destinare
  Esistenze iniziali                                                                      186.247                   37.414

  Accantonamenti dell'esercizio                                                            24.996                   24.996

  Decisione quota da destinare                                                             37.414                  -37.414

  Versamenti                                                                             -124.359

  Esistenze finali                                                                        124.299                   24.996
  L'accantonamento è stato effettuato ai sensi dell'art. 9.7 Provvedimento Ministero del Tesoro del 19/04/01 e si riferisce alle somme da
  destinare ai fondi speciali per il volontariato di cui all'art. 1 comma 1 del D.M. 8.10.1997 attuativo delle disposizioni di cui all'art. 15
  comma 3 L. 266/91




Sezione 7 - DEBITI
Composizione

Ritenute da riversare all'Erario                                                         15.169

Debiti per contributi previdenziali ed assistenziali                                     15.279

Saldo dovuto per l'anno ai fini IRAP                                                     20.000

Saldo dovuto per l'anno ai fini IRES                                                     20.000

Compensi e altre competenze spettanti al personale                                       14.979

Conti correnti passivi                                                               6.011.346

Imposte maturate su polizze di capitalizzazione                                          86.548

Imposte maturate su buoni postali fruttiferi                                           136.458

Altri debiti di funzionamento                                                               423

Debiti per imposte su GPM da addebitare                                                   1.030

Fatture da ricevere                                                                            0

Debiti verso fornitori e professionisti                                                282.108

                                                              totale                 6.603.341




                                                                   Pag. 159
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                                    Bilancio 2011




Stato Patrimoniale Passivo
Sezione 8 - RATEI E RISCONTI PASSIVI

Composizione

ratei su:

imposte sostitutive su ratei titoli in amministrazione                   25.340

altri ratei                                                                     0

risconti su:

acconto su dividendo                                                     66.000

                                                 totale                  91.340


L'acconto dividendo percepito dalle società partecipate (ENEL e TERNA), non essendo giuridicamente certo, è stato contabilizzato tra i
risconti passivi in attesa della delibera definitiva di riparto ai soci.




 CONTI D'ORDINE
 Composizione


 Beni presso terzi:

 titoli presso terzi (nominale)                                                       32.188.558

 partecipazioni a custodia presso terzi                                               20.121.677

                                                                totale                52.310.235

 Impegni di erogazione:

 nei settori rilevanti                                                                 2.126.923

                                                                totale                 2.126.923

                                                  totale complessivo                  54.437.158

 I titoli sono esposti al valore nominale per i titoli in amministrazione, al valore di libro per i titoli in gestione patrimoniale.




                                                                     Pag. 160
Bilancio 2011                                                                                   Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                  Conto Economico
      Sezione 1 - RISULTATO DELLE GESTIONI PATRIMONIALI INDIVIDUALI

                                                                                             -300.802
      Nextam Partners SGR spa



                                                                                    totale   -300.802



      Sezione 2 - DIVIDENDI E PROVENTI ASSIMILATI

      dividendi:

      Banca del Monte di Lucca Spa                                                           1.349.596

      Banca Carige Spa                                                                        260.762

      Cassa Depositi e Prestiti Spa                                                           400.000

      Enel Spa                                                                                140.000

      Terna Spa                                                                                42.000

      Altre partecipazioni detenute per negoziazione                                              510

                                                                                    totale   2.192.869




      Sezione 3 - INTERESSI E PROVENTI ASSIMILATI

      interessi e proventi su:

      conti correnti bancari e conto corrente postale                                          15.705

      pronti contro termine                                                                    12.233

      depositi vincolati                                                                            0

      polizze di capitalizzazione                                                             127.408

      titoli amministrati                                                                     545.105

      buoni postali fruttiferi                                                                141.138

                                                                                    totale    841.589




      Sezione 4 - RIVALUTAZIONE (SVALUTAZIONE) NETTA DI
                  STRUMENTI FINANZIARI NON IMMOBILIZZATI

      svalutazioni:

       - su titoli quotati

       - su titoli non quotati

      rivalutazioni:

       - su titoli quotati

       - su titoli non quotati

                                                        Rivalutazione (svalutazione) netta




                                                                 Pag. 161
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                                                           Bilancio 2011




                                                      Conto Economico
Sezione 5 - RISULTATO DELLA NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI
             FINANZIARI NON IMMOBILIZZATI

perdite da negoziazione e rimborso titoli:

 - su titoli quotati

 - su titoli non quotati

utili da negoziazione e rimborso titoli:

 - su titoli quotati

 - su titoli non quotati                                                              11.400

imposta capital gain su utili di negoziazione

 - su titoli quotati e non quotati

                                                risultato della negoziazione          11.400




Sezione 9 – ALTRI PROVENTI
Composizione

fitti attivi
                                                                                      90.791

                                                                      totale          90.791




Sezione 10 - ONERI

totale voci analitiche conto economico da lett. a ) a h)                            691.609

dettaglio della voce i) altri oneri

spese immobili a reddito                                                               6.181

oneri istituzionali (viaggio, rappresentanza, comunicazione)                          59.493

contributi associativi                                                                14.038

bolli su operazioni su titoli                                                          3.003

oneri sede istituzionale                                                              72.062

contratto service con BML spa per locali operativi                                    45.375

altre spese di funzionamento e amministrative                                         41.983

assicurazioni (escluso immobili)                                                       3.409

                                                                      totale        937.151
Per quanto riguarda gli organi sociali cfr. Altre Informazioni, Sezione 2 - Compensi e rimborsi spese Organi Statutari.
Gli incarichi conferiti a consulenti e collaboratori esterni si riferiscono a contratti di consulenza stipulati con professionisti per
l'assistenza in materia contabile, fiscale, del lavoro e di bilancio ed ai legali e ai tecnici che sono stati incaricati delle pratiche di
contenzioso in essere.




                                                                    Pag. 162
Bilancio 2011                                                                                         Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                      Conto Economico
   Sezione 11 - PROVENTI STRAORDINARI

   Composizione

   plusvalenze da alienazioni di immobilizzazioni finanziarie
                                                                                                  0
   altri proventi
                                                                                                  0
   insussistenza di oneri spesati in precedenti esercizi
                                                                                            27.934

                                                                   totale                   27.934




   Sezione 12 - ONERI STRAORDINARI

   Composizione


   assistenza legale per procedura rinnovo organi sociali                                     4.748

   sopravvenienze e insussistenze passive                                                     2.853

                                                                   totale                     7.601




   Sezione 13 - IMPOSTE

   Composizione


   imposta Comunale sugli Immobili (ICI)                                                      4.282

   imposte varie                                                                                 20

   imposta regionale sulle attività produttive (I.R.A.P.)                                   20.000

   imposte sui redditi (IRES) di competenza                                                 20.000

                                                                   totale                   44.302




   Sezione 14 - ACCANTONAMENTO ALLA RISERVA OBBLIGATORIA


   accantonamento dell’anno                                                                374.945

                                                                  totale                   374.945

   L'accantonamento è stato effettuato nella misura del 20% dell'avanzo dell'esercizio, ai sensi dell'art. 8, comma 1 D.Lgs 153/99 e del
   decreto del Direttore Generale del Dipartimento del Tesoro del MEF del 26 marzo 2012




                                                                 Pag. 163
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                              Bilancio 2011




                                                      Conto Economico
 Sezione 15 - EROGAZIONI DELIBERATE IN CORSO D'ESERCIZIO

 nei settori rilevanti                                                               2.497.965

 negli altri settori ammessi                                                           91.400

                                                                            totale   2.589.365




 Sezione 16 - ACCANTONAMENTO AL FONDO PER IL VOLONTARIATO

 quota determinata ai sensi punto 9.7 dell'Atto di Indirizzo del 19/04/01              49.993

                                                                            totale     49.993




 Sezione 17 - ACCANTONAMENTO AI FONDI PER L'ATTIVITÀ DI ISTITUTO

 accantonamenti:

 - al fondo stabilizzazione erogazioni                                                      0

 - al fondo per le erogazioni nei settori rilevanti                                         0

 - al fondo per le erogazioni nei settori ammessi                                           0

 utilizzi:

 - del fondo stabilizzazione erogazioni                                               759.592

 - del fondo per le erogazioni nei settori rilevanti (1)                              379.983

 - del fondo per le erogazioni nei settori ammessi (1)

                                                                            totale   1.139.575
 (1) cfr. sezione 2 del Passivo



 Sezione 18 - ACCANTONAMENTO ALLA RISERVA PER L’INTEGRITÀ
               DEL PATRIMONIO

 accantonamento dell'anno

                                                                            totale




                                                                Pag. 164
Bilancio 2011                                                                                          Fondazione Banca del Monte di Lucca




                                                       Altre informazioni
Sezione 1 - MISURE ORGANIZZATIVE ADOTTATE NELLA SEPARAZIONE
            DELL'ATTIVITÀ DI GESTIONE DEL PATRIMONIO
Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 30 giugno 2011, ha provveduto a redigere un "Regolamento per la gestione del
patrimonio", successivamente approvato dall'Organo di Indirizzo ai sensi dell'art.4 punti 5 e 6 dello Statuto. IL Consiglio di
Amministrazione, ai sensi dell'art. 7 di detto Regolamento ha pure approvato, nella seduta del 4 agosto 2011, la costituzione e
composizione di una Struttura Interna Organizzativa separata. Si rimanda a quanto esposto nella sezione "Relazione economica e
finanziaria" della Relazione sulla Gestione.




Sezione 2 - COMPENSI E RIMBORSI SPESE ORGANI STATUTARI


                                                                         Compensi           Medaglie        Rimborsi spese       n.
                                                                                                                             componenti

Organo di Indirizzo                                                                 0             53.035               939        12

Consiglio di Amministrazione                                                    91.718            23.411             1.326        5

Collegio Sindacale                                                              41.121            10.872               404        3

Commissioni Consultive                                                           1.000            42.461             2.889       60*

                                                          totale               133.838           129.779             5.558

I compensi ed i rimborsi spese sono relativi al corrispettivo spettante ai componenti degli Organi Statutari, al netto delle maggiorazioni
per IVA, Cap, oneri previdenziali e assicurativi (ove dovuti) ed al lordo delle ritenute di legge.

Le voci relative agli organi sociali comprendono i compensi e le medaglie di presenza spettanti ai componenti del Consiglio di
Amministrazione e del Collegio Sindacale, le medaglie di presenza per la partecipazione alle riunioni dell'Organo di Indirizzo nonchè gli
ulteriori emolumenti attribuiti per la partecipazione alle riunioni delle Commissioni Consultive in virtù di specifici incarichi.
* di cui 31 sono esperti esterni e gli altri componenti degli organi sociali


Sezione 3 - PERSONALE DIPENDENTE

La composizione della pianta organica della Fondazione è la seguente:


                                                       31/12/2011              31/12/2010

dirigenti/quadri                                                     1                      1

impiegati *                                                          4                      3

impiegato tempo determinato **                                       0                      1

stage***                                                             1                      0

                                              totale                 6                      5

- di cui
* 2 a part time
** sostituzione maternità
*** Progetto Regione Toscana - Giovani Sì




                                                                   Pag. 165
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                        Bilancio 2011




Rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità

        FONTI


        incremento riserva obbligatoria                                374.945

        incremento fondo TFR                                            11.788

        incremento debiti per erogazioni deliberate                    219.537

        incremento dei debiti di funzionamento e di finanziamento     5.824.009

        decremento delle attività finanziarie non immobilizzate       7.368.152

        decremento delle immobilizzazioni materiali ed immateriali        2.547

        Totale fonti (A)                                             13.800.979




        IMPIEGHI


        incremento delle immobilizzazioni finanziarie                12.040.000

        incremento dei crediti                                         639.812

        incremento dei ratei attivi e risconti attivi                   34.839

        decremento del fondo per attività istituzionali               1.122.948

        decremento del fondo per il volontariato                        74.366

        decremento ratei e risconti passivi                               2.990



        Totale impieghi (B)                                          13.914.955




        Liquidità generata dalla gestione (A-B)                        -113.976




        consistenza liquidità a inizio esercizio                       813.770

        consistenza liquidità a fine esercizio                         699.794
        decremento/incremento liquidità                                -113.976




                                                        Pag. 166
Bilancio 2011                                                               Fondazione Banca del Monte di Lucca




RELAZIONE COLLEGIO SINDACALE

Onorevole Organo di Indirizzo,
il progetto del Bilancio Consuntivo sottoposto alla nostra valutazione dal Consiglio di
Amministrazione, è composto da:
   - Stato Patrimoniale,
   - Conto Economico,
   - Nota Integrativa.

È inoltre corredato dalla Relazione composta di due sezioni:
a) Relazione sulla Gestione che fornisce, in modo chiaro, veritiero e corretto la situazione
economico-finanziaria della Fondazione;
b) Bilancio di Missione, che illustra le attività istituzionali.

Poiché non è ancora stato emanato il più volte annunciato Regolamento in materia di Bilancio, il
documento è stato redatto tenendo conto delle seguenti fonti normative:
- il Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19/4/2001, pubblicato nella G.U. del 26/4/2001
    e successive integrazioni, in quanto ritenuto sostanzialmente non in contrasto con le disposizioni
    previste dal D.Lgs 153/99 e contiene altresì note esplicative inerenti i criteri seguiti, lo Stato
    Patrimoniale e il Conto Economico,
- lo Statuto vigente,
- le norme contenute negli artt. da 2421 a 2435 c.c., ove applicabili alla Fondazione anche alla
    luce delle interpretazioni emanate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, per gli
    enti senza fine di lucro,
- le percentuali di accantonamento applicate rispettano i limiti previsti dal decreto del Direttore
    Generale del Dipartimento del Tesoro del 26 marzo 2012.

Ciò premesso, per quanto di competenza attestiamo che:
    sono stati espletati i controlli periodici di dovere, senza rilevare alcuna irregolarità contabile;
    abbiamo regolarmente presenziato alle riunioni degli organi sociali;
    i dati del precedente esercizio sono correttamente posti a confronto con lo Stato Patrimoniale ed
    il Conto Economico;
    sono stati preventivamente approvati i criteri per l’iscrizione nell’attivo dei beni immateriali e le
    misure per il loro ammortamento;
    concordiamo sui criteri di valutazione adottati, che risultano conformi alle indicazioni della
    normativa vigente e alla prassi contabile, anche con riferimento ai beni materiali. Abbiamo
    preso atto della modifica nel criterio di valutazione degli strumenti finanziari non immobilizzati
    non quotati, che si è adeguato al criterio usato per i quotati;
    abbiamo verificato la consistenza della voce nel passivo del Fondo Acquisti beni d’arte come
    contropartita, di natura indisponibile, della voce dell’attivo “Opere d’Arte acquistate con Fondi
    per Erogazioni” che comprende le opere d’arte o volumi acquistati con fondi per erogazioni e
    che risulta quindi patrimonio indisponibile vincolato agli scopi statutari;
    gli accantonamenti relativi ai Fondi di Riserva, risultano calcolati entro i limiti massimi
    contenuti nella normativa richiamata in premessa;
    i crediti di imposta relativi ad annualità ancora in contestazione con l’Erario o per le quali non si
    sono ancora prescritti i termini per l’accertamento, sono oggetto di accantonamento integrale,
    tenuto conto che il relativo incasso non è attualmente certo atteso il perdurare delle controversie
    sull’esistenza dei crediti stessi;
    l’accantonamento al Fondo per il Volontariato (ex art. 15 L. 266/91), è stato calcolato e
    contabilizzato secondo le disposizioni previste dal D.Lgs 153/99 e della interpretazione del
    Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19/04/01;
    le imposte sono state calcolate applicando, in via prudenziale, l’aliquota IRES del 27,50%, con
    riserva di attivarsi nelle sedi contenziose per richiedere l’applicazione dell’agevolazione di cui
    all’art. 6 del DPR 601/73 che si ritiene continui a spettare alla Fondazione, anche alla luce
    dell’evoluzione, ancora in corso, della giurisprudenza di merito e di legittimità. Il Collegio
    Sindacale ritiene pertanto corretto il comportamento cautelativamente adottato dalla




                                                 Pag. 167
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                            Bilancio 2011




    Fondazione, pur con la necessità di monitorare l’evolvere della normativa, della prassi e della
    giurisprudenza in merito;
    il Fondo Rischi ed oneri risulta capiente secondo il dettaglio esposto nella Nota Integrativa.
    In relazione all’accantonamento disposto dal Consiglio di Amministrazione in materia di
    dividendi percepiti dalla Cassa Depositi e Prestiti spa, il Collegio Sindacale prende atto del
    criterio prudenziale adottato, ritenendo che questo risponda alla costante politica di bilancio
    della Fondazione e, pertanto, niente rileva in merito;
    l’utilizzo dei Fondi erogativi è stato effettuato nei limiti di quanto deliberato dall’Organo di
    Indirizzo.

Illustriamo i dati principali del Bilancio che corrispondono a quelli contenuti nella contabilità:

      STATO PATRIMONIALE
         ATTIVO                                                         €           90.585.739,58

           PASSIVO                                                      €           15.619.517,97
           PATRIMONIO                                                   €           74.966.221,61
              * Fondo di Dotazione                                      €           18.250.000,00
              * Riserva da Donazioni                                    €                6.364,83
              * Riserva da Rivalutazioni e Plusvalenze                  €           46.372.026,43
              * Riserva Obbligatoria                                    €            6.867.925,59
              * Riserva per l’Integrità del Patrimonio                  €            3.469.904,76
              * Avanzi/Disavanzi portati a nuovo                        €                    0,00
      TOTALE A PAREGGIO                                                 €           90.585.739,58

      CONTI D’ORDINE                                                    €          54.437.157,66

      CONTO ECONOMICO
         RENDITE                                                        €               2.863.781
         SPESE, PERDITE E ACCANTONAMENTI                                €                 989.054
      AVANZO DI GESTIONE                                                €               1.874.727

Diamo atto che, in ottemperanza all’art. 8 del D.Lgs 153/99, la Fondazione ha provveduto alla
destinazione del reddito come segue:

      Avanzo/Disavanzo di esercizio primario                            €               1.874.727
      - erogazioni deliberate in corso d’esercizio                      €               2.589.365
      Avanzo/Disavanzo residuo                                          €                -714.638

      ai sensi del decreto ministeriale
      - Riserva Obbligatoria                                            €                    374.945
      - Riserva Integrità del Patrimonio                                €                          0
      ai sensi del Provvedimento 19/04/2001
      - Fondo stabilizzazione delle erogazioni                          €                       0
      - Fondo erogazioni settori rilevanti                              €                       0
      - Fondo erogazioni settori ammessi                                €                       0
      - Utilizzo Fondo stabilizzazione erogazioni                       €               1.139.576
      - Utilizzo Fondo erogazioni settori rilevanti                     €                       0
      - Utilizzo Fondo erogazioni settori ammessi                       €                       0
      ai sensi dell’art. 15 L. 266/91
      - Fondo volontariato                                              €                     49.993
      Avanzo/Disavanzo di esercizio finale                              €                          0

Al termine dell’esame del progetto di Bilancio consuntivo, relativo all’esercizio chiuso il 31 dicembre
2011, il Collegio Sindacale esprime parere favorevole alla sua approvazione.

Lucca, 26 aprile 2012
                                                                     Il Collegio Sindacale




                                                     Pag. 168
Bilancio 2011                                                                Fondazione Banca del Monte di Lucca




ESTRATTO DELIBERA DI APPROVAZIONE
ORGANO DI INDIRIZZO

Viene distribuita a tutti copia del progetto di bilancio 2011 che il Consiglio di Amministrazione
sottopone all’approvazione dell’Organo di Indirizzo; il documento, composto di n. 176 pagine,
costituisce allegato facente parte integrante del presente verbale.

Il Presidente, dopo aver dato lettura delle parti più significative della sua introduzione, riepiloga la
struttura del documento; ringrazia gli organi sociali, lo staff, i consulenti e i collaboratori, le
commissioni consultive, Tutti coloro che hanno contribuito alla predisposizione del documento.
Invita, quindi, i presenti ad intervenire per critiche, osservazioni, richieste di chiarimenti, modifiche.

Passa, poi, a descrivere la prima sezione della relazione al bilancio, soffermandosi, in particolare, sul
paragrafo “1E - IL QUADRO DI RIFERIMENTO IN ORDINE ALLA GESTIONE DEL PATRIMONIO”, in
cui, in una tabella riepilogativa, sono confrontati alcuni indicatori di gestione economico
patrimoniale della FBML con la media degli indicatori delle fondazioni medio-piccole e di tutte le
fondazioni bancarie italiane (dati elaborati dall’ACRI). Evidenzia, quindi, come la gestione della
Fondazione BML sia allineata con quella delle altre fondazioni medio-piccole, risultando, anzi, sotto
vari profili migliore rispetto alla media, specificamente sotto quello della redditività e delle
erogazioni. Prosegue, riassumendo le parti salienti della seconda sezione dedicata alla gestione del
patrimonio elaborata con la preziosa collaborazione del sig. Landucci, che ringrazia per la
disponibilità, la professionalità e l’impegno manifestati. Infine, passa alla sezione relativa all’attività
istituzionale, ponendo l’attenzione sui grafici riepilogativi siti al termine della sezione, che mostrano
la leggera flessione rispetto al 2010 del totale deliberato (da 2,68 mln nel 2012 a 2,62 mln nel
2011) e l’incremento del numero delle richieste di contributo accolte rispetto agli anni precedenti.
Terminato l’intervento del Presidente, seguono osservazioni e domande.

                                                OMISSIS

Il Presidente prosegue nel suo intervento con l’illustrazione del bilancio contabile. Ricorda ai
presenti che il bilancio è stato predisposto tenendo conto delle seguenti norme e dei seguenti
indirizzi:
    − le disposizioni del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999;
    − le indicazioni contenute nel Provvedimento del Ministero del Tesoro del 19/04/2001,
        pubblicato nella G.U. del 26/04/2001 n. 96 e successive integrazioni, ritenute applicabili in
        quanto non in contrasto con le disposizioni del D.Lgs 153/99, in attesa dell’emanazione del
        Regolamento previsto dall’art. 9, comma 5, del detto D.Lgs;
    − le norme contenute negli articoli da 2421 a 2435 bis c.c., ove applicabili;
    − i principi contabili forniti dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti per gli enti
        senza fine di lucro;
    − le indicazioni contenute nel Decreto del Direttore Generale del Tesoro del 26 marzo 2012,
        in ordine alle percentuali degli accantonamenti;
    − la facoltà di valutare, anche per il 2011, gli strumenti finanziari non immobilizzati, anche
        conferiti in gestione patrimoniale, al valore che gli stessi avevano nel bilancio chiuso al
        31/12/2010, ai sensi delle disposizioni del Dl 185/2008 (art. 15 commi 13, 14 e 15)
        convertito con modifiche dalla L. 2/2009, disposizioni confermate anche per gli anni
        successivi, compreso il 2011; in relazione alla elevata volatilità evidenziata dai mercati, la
        fondazione per l’esercizio 2011 ha deciso di utilizzare tale facoltà per il portafoglio titoli in
        gestione diretta, non utilizzandola invece per i titoli conferiti in gestione patrimoniale per la
        loro natura di investimento fungibile e anche per le rilevanti problematiche contabili che
        sarebbero emerse, atteso che la fondazione, come consentito (Provv. Min.Tesoro 19.4.2001),
        ha optato per la contabilizzazione in base al risultato emergente dai reports contabili
        prodotti dai gestori;
    − l’indirizzo approvato dall’Organo di Indirizzo nella seduta del 30.11.2010 per l’utilizzo dei
        fondi erogativi a copertura delle adesioni agli organismi esterni e a sostegno degli impegni
        pluriennali assunti non onorabili con le rendite di esercizio.



                                                  Pag. 169
Fondazione Banca del Monte di Lucca                                                           Bilancio 2011




Dopo aver richiamato i criteri sopra riportati, il Presidente passa ad evidenziare e spiegare le varie
sezioni dello Stato Patrimoniale e del Conto economico e risponde ai diversi quesiti dei presenti che
intervengono chiedendo chiarimenti ed esprimendo le loro impressioni.
Prende, infine, la parola il dr. Marchi che riporta ai presenti il parere favorevole del Collegio
Sindacale all’approvazione del progetto di bilancio, così come esposto nella relazione al bilancio
redatta dai sindaci.

L’Organo di Indirizzo, al termine della discussione, decide di mettere a votazione il progetto di
bilancio 2011 e lo approva all’unanimità. Conferisce al Presidente la delega di apportare le
modifiche e le correzioni che si rendano necessarie.

L’Organo d’Indirizzo, vista la propria delibera del 30 novembre 2010 in punto di approvazione del
documento programmatico previsionale, delibera che prevedeva l’integrazione del budget 2011
(avanzo previsionale destinabile all’attività istituzionale) mediante il prelievo dal Fondo di
stabilizzazione di quanto necessario alla copertura degli impegni pluriennali (€ 694.044) e dei
progetti propri (€ 232.000), nonché dei costi di adesione agli organismi esterni a cui la Fondazione
partecipa, e mediante altresì il prelievo dal Fondo per le erogazioni nei settori rilevanti fino
all’ammontare di € 1 milione, considerato che per l’integrazione del budget 2011 dovuta all’attività
istituzionale effettivamente svolta è stato sufficiente l’importo complessivo di € 1.139.576, ciò visto e
considerato, prende atto e convalida la decisione del Consiglio di Amministrazione di prelevare da
detti fondi nel 2011 un importo minore a quello consentitogli, così da poter attingere da essi anche
negli anni successivi, e delibera di ripartire il prelievo di detto importo (€ 1.139.576) per € 696.044
dal Fondo di stabilizzazione e per il resto (€ 443.532) dal Fondo per le erogazioni rilevanti.

                                               OMISSIS




                                                 Pag. 170

								
To top