Docstoc

AltroconsumoTest Salute017Frutta secca ed essiccata buona e sana

Document Sample
AltroconsumoTest Salute017Frutta secca ed essiccata buona e sana Powered By Docstoc
					     FRUTTA SECCA ED ESSICCATA: BUONA E SANA
     Che la frutta secca ed essiccata sia gustosa
     e dal sapore stuzzicante è ben noto da
     tempo. L’aurea esotica e la comparsa sul
     mercato di nuove specialità, poi, hanno
                                                           naturale. Così, la nocciola o la mandorla
                                                           si conservano a lungo anche senza
                                                           subire trattamenti particolari, mentre
                                                           l’uva o l’albicocca vanno essiccate,
                                                                                                       Siamo alla
     indubbiamente accresciuto la curiosità dei            altrimenti non reggono più di tanto.               E’ universalmente nota
     consumatori per questi alimenti, la cui               In generale, sono i frutti relativamente
     fama esce dal letargo proprio durante                 deperibili e ricchi d’acqua (prugna,        della frutta fresca. Sono poco
     l’inverno, per raggiungere il picco                   mango, ananas, uva, albicocche, noce di         secca ed essiccata. Ricca
     massimo nel periodo natalizio.                        cocco, mela...) ad aver bisogno
     Frutta di moda, dunque, ma poco                       dell’essiccazione. Questo processo
                                                                                                                     un posto elevato
     conosciuta sul versante salutistico.                  diminuisce la quantità d’acqua presente
     Oltre a essere buona, è anche sana? Fa                nel frutto, riducendone fortemente il
     bene all’organismo? E’ nutriente?                     volume. In sostanza, il frutto secco è un   bassa, perché - tranne eccezioni - la
     Vi diamo un assaggio: secchi o essiccati,             concentrato di frutto fresco. A parità di   frutta fresca non ne contiene quasi.
     questi frutti sono pieni di buoni principi            peso, contiene da 4 a 5 volte in più di     Insomma, la frutta essiccata è una
     (nutritivi). Peccato per la massiccia                 minerali e oligoelementi (potassio,         formidabile alleata della salute, oltre ad
     quantità di zucchero, che li rende una                magnesio, calcio, ferro...) e un tenore     essere fonte di soddisfazione per il
     bomba calorica...                                     ancora più elevato di vitamine (tranne la   palato. Ha solo un peccatuccio originale:
                                                           C, distrutta durante l’essiccazione).       l’elevato tenore in zuccheri, che la
                                                           Per non parlare delle fibre, che            rende molto calorica. Chi deve perdere
       Frutta essiccata:                                   raggiungono - è solo un esempio - i         peso, dunque, è meglio che privilegi la
                                                           24g/100 g per dell’albicocca secca,         meno zuccherina frutta fresca.
       concentrazione                                      contro i 2 g/100 g dell’albicocca fresca.
       estrema                                             Diventa più consistente la quantità di
                                                           zucchero (60% in media, contro il 10-
                                                           15% della maggior parte della frutta
     La distinzione tra frutta essiccata e                 fresca) e di proteine (3% circa, contro
     frutta secca dipende dalla durata di                  l’1%). Maggiore anche la percentuale di
     conservazione del frutto allo stato                   grassi, che rimane comunque molto
                                                                                                                         LA MELA
                                                                                                       In Italia si trova sotto forma di rondelle o di ba-
                                                                                                       stoncini essiccati. Questi prodotti, che proven-
                                                                                                       gono prevalentemente dal Trentino, possono es-
                                           LA PRUGNA                                                   sere venduti aromatizzati: all’albicocca, alla
                                                                                                       pesca, alla pera, al limone...
     Detta anche susina, è il frutto di una pianta originaria del Caucaso, attualmente coltiva-
                                                                                                       Le mele essiccate sono particolarmente ricche di
     ta anche in Europa. In senso stretto, la prugna è il frutto essiccato, mentre la susina è il
                                                                                                       fibra, ma sono ben tollerate anche dagli intestini
     frutto fresco. La prugna che troviamo in commercio appartiene generalmente alla va-
                                                                                                       più fragili. Si possono consumare così come sono
     rietà California (più grossa) o a quella dei Balcani (di dimensioni più ridotte). Le pro-
                                                                                                       per uno spuntino, oppure pucciate nel latte per
     prietà lassative di questo frutto sono note. La ricchezza di fibre non è l’unica ragione:
                                                                                                       la prima colazione. Sono usate anche nella pre-
     anche il sorbitolo fa la sua parte, agendo contro la pigrizia intestinale. Attenzione alla
                                                                                                       parazione di dolci al posto del frutto fresco, pre-
     linea: l’apporto calorico del frutto essiccato è di circa 220 Kcal/100 g, contro le 40
                                                                                                       via opportuna reidratazione in acqua.
     Kcal/100 g dispensate dalla susina fresca. Di solito, le prugne secche vanno immerse
                                                                                                       Prezzo al Kg: 36.000 lire.
     per qualche tempo in acqua per ammorbidirle prima di essere consumate.
     Prezzo al Kg: 5.500 lire.




                    IL MANGO
     Originario dell’India, è attualmente coltiva-
     to in tutte le regioni tropicali e subtropicali.
     Come il resto della frutta fresca, anche il
     mango è ricco di minerali, oligoelementi e
     vitamine. Si distingue per la presenza mas-
     siccia di betacarotene, precursore della vi-
     tamina A.
     Si trova spesso nelle macedonie di frutta
     secca ed essiccata.




14   SALUTEST n°16 ottobre 1998
                                                                      
frutta... secca!                                                                                                                          L’ALBICOCCA
                                                                                                                             Quelle di un arancione intenso provengono
                                                                                                                             principalmente dalla Turchia, mentre quel-
                                                                                                                             le più pallide sono originarie dell’Iran, della
 l’importanza, per un’alimentazione equilibrata,                                                                             California e dell’Australia.
conosciuti, al contrario, i numerosi pregi della frutta                                                                      Ricche di fibre, facilmente digeribili, le albi-
                                                                                                                             cocche combattono la costipazione grazie
di minerali, vitamine e fibre, merita di occupare                                                                            alla capacità di ritenere l’acqua. Per lo stes-
 nell’empireo dei cibi amici della salute.                                                                                   so motivo, sono indicate in caso di diarrea.
                                                                                                                             L’albicocca essiccata contiene il 56% di zuc-
                                                                                                                             cheri, ossia quasi 5 volte quelli presenti nel
                                                                                 L’ANANAS                                    frutto fresco! In termini calorici, significa
  In un ambiente secco e al riparo dalla                                                                                     250 Kcal per 100 g del frutto secco contro
                                                                   La madrepatria è l’America centrale, so-                  le 30 Kcal del frutto fresco.
  luce, la frutta essiccata può conservarsi
                                                                   prattutto il Brasile, ma oggi viene coltivato             Prezzo: 12.000 lire/Kg.
  fino a un anno. Se, al momento di                                in numerosi paesi tropicali. In barba alla sua
  mangiarla, risulta troppo secca, fatela                          immeritata fama di frutto dal potere dima-
  macerare un quarto d’ora in acqua calda                          grante, è invece tra quelli più ricchi di zuc-
  (anche il tè va bene). Per alcuni piatti                         cheri: 80% circa. Occhio al peso, allora!
  sfiziosi, è necessario che la frutta                             L’ananas è soprattutto utilizzato nelle ma-
  secca riacquisti il suo volume                                   cedonie di frutta essiccata, ma lo si trova in
  originario: basta lasciarla in                                   commercio anche da solo.
                                       v




  ammollo una decina di ore.




                  IL DATTERO
  Fa parte della famiglia delle Palme, diffusa
  nell’Africa settentrionale e nel Medioriente. Ne
  esistono numerose varietà raggruppabili in due
  categorie: datteri molli e teneri, con polpa zuc-
  cherina; duri e secchi, con polpa secca, fragile,
  farinacea e poco zuccherina.
  Vengono importati in Europa come frutto da ta-
  vola. Per questo arrivano raramente allo stato
  fresco, ma essiccati e confezionati.
  La varietà più apprezzata è la Deglet-Nour
  (significa “dita di luce”).
  La caratteristica principale è l’elevato
  contenuto di zucchero: 100 grammi di
  datteri secchi contano 250 Kcal.
  Sono, inoltre, una buona fonte di minerali e
  contengono molta fibra.
  Il consumo è indicato nelle diete ingrassanti e
  nei casi di stitichezza. E’ sconsigliabile ai coliti-
  ci, ai diabetici e a chi è in sovrappeso.
  Prezzo al Kg: 12.500 lire.                                                                                                LA NOCE DI COCCO
                                                                                                                    La parte bianca e carnosa commestibile si
                                                                                                                    chiama copra e contiene, allo stato natura-
                                                                                                                    le, il 50% circa d’acqua.
                                          L’UVA PASSA                                                               A differenza di altri frutti essiccati, è ricca di
  Viene generalmente essiccata al sole. La sua dolcezza intensa è dovuta all’eliminazione di                        grassi: più del 60% anche dopo il tratta-
  gran parte dell’acqua, processo che aumenta sensibilmente la percentuale di zuccheri. Va da                       mento! Tant’è che dalla noce di cocco viene
  sé che il potere calorico sia molto elevato, pari a 280 Kcal per 100 g (contro le 60 Kcal for-                    estratto l’olio di copra, uno dei pochi grassi
  nite da 100 grammi di uva fresca). Tra le più note varietà di uva per l’appassimento: l’uva                       vegetali che contiene acidi grassi saturi,
  Malaga, l’uva sultanina o uva di Smirne e l’uva di Corinto. Talvolta, i chicchi vengono olia-                     cioè quelli cattivi, che nuocciono alle arte-
  ti per evitare che si appiccichino l’uno all’altro. Questa pellicola oleaosa serve a prevenire                    rie. Meno male che è ricca di fibre.
  un’eccessiva disidratazione, senza aumentare il valore calorico. E’ usata nella preparazione                      Spesso presente nelle macedonie di frutta
  di dolci. Può essere conservata anche sotto spirito.                                                              secca ed essiccata, la noce di cocco è sfrut-
  Prezzi: bionda 26.000 lire/Kg; sultanina cile 13.000/Kg; sultanina 5-6.000 lire/Kg; ven-                          tata anche in pasticceria.
  tura 4.500 lire/Kg.                                                                                               Prezzo: 26.500 lire/Kg.

                                                                                                                                  SALUTEST n°16 ottobre 1998                    15
                                                                                                                     applicato per prolungare ancora di più la
                                                              Frutta secca...




                                                         v
                                                                                                                     durata di conservazione.
                    LA BANANA
                                                              di natura                                              Un’altra differenza tra frutta secca ed
      E’ il frutto “dello sforzo fisico” perché è ric-                                                               essiccata è il tenore in olio, ben più
      chissimo di potassio, elemento che aiuta a                                                                     elevato nella prima (rappresenta
      prevenire i crampi muscolari.                          Ci sono frutti naturalmente secchi, che                 generalmente più del 50% in peso). Si
      In commercio circolano soprattutto bana-               non hanno bisogno di essere essiccati                   tratta, però, di grassi insaturi, cioè buoni
      ne che, oltre ad avere subìto il processo di           perché contengono una percentuale                       per l’organismo.
      essiccazione, sono state passate nell’olio
                                                             irrisoria d’acqua (appena il 5%): la noce,              La frutta secca è ricca anche di proteine,
      (“chips” di banane). Queste banane fritte
                                                             le mandorle, i pistacchi...                             calcio, potassio, magnesio, fosforo, ferro,
      sono molto meno sane delle banane sem-
      plicemente essiccate, perché sono più gras-            Un leggero essiccamento è talvolta                      vitamine (soprattutto B ed E) e fibre.
      se e due volte più caloriche.
      Prezzo: 10.000 lire/Kg.



                                                                                                                                                LA MANDORLA
                                                                               E’ il frutto del mandorlo, una pianta originaria dell’Asia Minore diffusa nel bacino del
                                                                           Mediterraneo fin dall’antichità. Ne esistono due varietà: la mandorla dolce e la mandorla
                                                                    amara. La prima è usata soprattutto in campo alimentare, mentre la seconda è destinata preva-
                                                                    lentemente ad uso farmaceutico. La mandorla amara - velenosa per l’uomo - viene anche sfrut-
                                                                    tata in minime dosi nella preparazione di alcuni tipi di biscotti, come gli amaretti. Le mandorle
                                                                     dolci possono avere il guscio tenero, semiduro o duro. Oltre a essere consumate direttamente,
                                                                       vengono sfruttate dall’industria alimentare nella preparazione di torroni, confetti, amaretti e
                                                                      farina di mandorle. Inoltre, a partire da questi frutti si producono la pasta di mandorle, il mar-
                                                                                        zapane, il latte di mandorle e un olio particolare usato in campo farmaceutico.
                                                                                                               Prezzo: 8.000 lire/Kg intera; 19.500 lire/Kg sgusciata.




                       IL FICO
      La terra madre è l’Asia, ma è ora coltivato in
      tutto il bacino mediterraneo. La coltura è svi-
      luppata soprattutto in Spagna e Turchia. Da
      quest’ultimo paese proviene buona parte dei
      fichi commercializzati in Italia.
      I fichi essiccati sono oggetto di un notevole
      commercio specialmente in alcune regioni
      del Sud Italia: Calabria, Puglia e Sicilia.
      Ne esistono molte varietà di vari colori:
      verde, marrone chiaro, nero e nero-blu. I
      marroni sono i più adatti per l’essiccazione.
                                                                             IL PISTACCHIO                                          LA NOCCIOLA
      I fichi essiccati sono caratterizzati da uno
      scarso contenuto vitaminico, mentre degna                  E’ il seme dell’albero omonimo originario della          Frutto del nocciolo, albero originario del
      di nota è la presenza massiccia di ferro.                  Siria e della Mesopotamia. Nel nostro paese è            Caucaso oggi diffuso in tutta Europa, è
      Il valore calorico di 100 grammi è molto ele-              coltivato soprattutto in Sicilia. Il pistacchio è        oleoso e molto calorico: 660 Kcal circa
      vato, pari a quasi 260 Kcal contro le 50 forni-            particolarmente oleoso, ricco di grassi (più del         per 100 g.
      te dai fichi allo stato fresco.                            50%). Il suo apporto calorico è dunque partico-          Le nocciole sono consumate soprattutto
      Ma l’apporto calorico può ancora aumentare                 larmente elevato: poco più di 600 Kcal per 100           secche e tostate (con o senza guscio) e
      se il fico viene farcito con noci, mandorle, o             grammi di prodotto. E’ utilizzato fresco o secco         vengono impiegate dall’industria dolcia-
      canditi (arancia o cedro). Possono anche es-               come aromatizzante nella preparazione di salse           ria per certi tipi di dolci (cioccolata, tor-
      sere infornati e cosparsi di zucchero a velo o             e salumi. Trova, inoltre, impiego nell’industria         rone...).
      miele, o ancora essere ricoperti di cioccolato.            dolciaria per confezionare dolci e gelati.               Prezzo: 7.500 lire/Kg intera; 15.500 lire
      Prezzo: 7.000-8.000 lire/Kg.                               Prezzo: 15.000-17.500 lire/Kg.                           sgusciata.

16   SALUTEST n°16 ottobre 1998
  Unica macchia: le calorie, davvero
  tante.
  Attenzione alla frutta secca venduta con
  il guscio: deve essere privo di fessure,
  buchi o tracce di muffa. Se, scuotendolo
  si sente rumore all’interno, vuol dire                                                                                                         L’ARACHIDE
  che la porzione commestibile del frutto
                                                                       Chiamata anche nocciolina americana o spagnoletta, l’arachide era già conosciuta dagli
  è rinsecchita.
                                                                     Indiani d’America prima che Colombo sbarcasse nel Nuovo Mondo. Furono i portoghesi
  La frutta conservata in contenitori sotto                            che, nel XVI secolo, importarono la pianta in Europa. Attualmente i maggiori produttori
  vuoto o in scatola si conserva più a                               di arachidi sono India e Cina. Mentre al di fuori dei paesi d’origine i semi vengono adope-
                                            v
  lungo di quella in sacchetti.                                          rati soprattutto per l’estrazione dell’olio, in India, Cina e Africa le noccioline sgusciate
                                                                                   fanno parte dell’alimentazione quotidiana per il loro elevato valore nutritivo.
                                                                     Si tratta, infatti, di un alimento iperlipidico, cioè ricchissimo di grassi, e ipercalorico: 600
                                                                     Kcal per 100 g. E’, ovviamente, controindicato per chi è in sovrappeso. Non manca il lato
                                                                          positivo della medaglia. L’arachide si distingue, infatti, per il suo elevato contenuto di
                                                                      acido folico, una vitamina molto importante per l’organismo (soprattutto per le gravide).
                                                                                                          E’ saggio tenere i bambini alla larga dalle arachidi, di di-
                                                                                                                   mensioni tali da poter raggiungere e bloccare le
                                                                                                                       vie respiratorie, con rischio di soffocamento.
 LA NOCE COMUNE                                                                                                                              Attenzione alle allergie!
                                                                                                                                       Prezzo: 6.000-7.500 lire/Kg.
La sua madrepatria è la
Persia.
E’ disponibile in diverse
varietà: la noce di Sorrento,
con guscio tenero e un po’
allungato; la noce di San
Giovanni, tardiva e di media ta-
glia; la noce feltrina, dal guscio
tenero e prodotta principal-
mente in Piemonte e Abruzzo.
La noce è costituita da un parte
esterna (mallo), dal nocciolo
(guscio) e dal seme (gheriglio),
che è la parte commestibile.
E’ un frutto oleoso ipercalo-
rico: 100 g di noci fresche for-
niscono 580 Kcal circa, 100
g di noci secche 690 circa.
Si usa in cucina per prepara-
re dolci gustosi o raffinate
salse; il frutto acerbo è sfrut-
tato per la produzione di li-
quori.
Prezzo:
7.000-8.500 lire/Kg intera;
24.000 lire/Kg sgusciata.




        LA NOCE DEL BRASILE                                                                                                LA NOCE DI ACAGIU’
                                                                LA NOCE DI PECAN                                               (ANACARDI)
Queste grosse noci a sezione triangolare hanno
gusci legnosi, duri, di colore bruno scuro.             E’ detta anche noce americana perché pro-                   E’ il frutto dell’Anacardio, un albero che cre-
La noce è bianca, soda e per il suo elevato conte-      viene soprattutto dagli Stati Uniti del Sud, ma             sce nell’America tropicale e in India.
nuto di grassi tende a irrancidire facilmente. I semi   anche dal Messico e dalla Cina.                             Grande come una castagna a forma di cuore,
freschi vengono utilizzati per l’estrazione di un       Ha un guscio liscio, sottile, di color marrone              il frutto contiene un nocciolo commestibile
olio commestibile.                                      ed è venduta sempre matura.                                 consumato tostato e salato, oppure utilizzato
Il potere calorico è alto: 690 Kcal per 100 g. E’,      E’ un frutto ricchissimo di grassi (almeno il               sotto forma di farina (cucina orientale).
però, ricca di vitamine del gruppo B e di minerali.     72%), decisamente calorico: 710 Kcal per                    Questi frutti secchi sono gli unici ad essere
Attenzione: alla noce del Brasile si può essere al-     100 g di prodotto. Un alimento ideale, in-                  commercializzati senza guscio, molto tossico
lergici.                                                somma, per chi ha bisogno di prendere peso!                 per l’uomo perché contiene un olio altamen-
Prezzo: 7.000 lire/Kg intera.                           Prezzo: 24.000 lire/Kg intera.                              te caustico.

                                                                                                                                  SALUTEST n°16 ottobre 1998             17
                                                            Gli additivi sfruttati




                                                        v
                                                                                                           IL VALORE NUTRIZIONALE
                                                                                                               DI 100 G DI FRUTTA
                                                            La frutta secca può contenerne due:                SECCA O ESSICCATA
                                                            acido sorbico e anidride solforosa.




                                                                                                                              Energia (kcal)




                                                                                                                                                                           Zuccheri (g)
                                                                                                                                               Proteine (g)

                                                                                                                                                              Grassi (g)
                                                            Acido sorbico




                                                                                                                                                                                          Fibra
                 LA CASTAGNA                                La legge permette di aggiungere alla
                                                            frutta essiccata acido sorbico (E200) e i
      L’albero del castagno vive soprattutto                                                               Frutta essiccata
                                                            suoi sali di potassio (E202) e calcio
      nell’Europa mediterranea.                             (E203) a una dose massima di 1g/Kg.            Albicocca          250                5              1          56              8
      Si trovano numerose varietà di castagne.                                                             Ananas             330                0              0          81              4
                                                            La funzione di questi additivi è di
      La più nota è il marrone, di grandi dimen-
                                                            impedire lo sviluppo di muffe e lieviti.       Banana             270                3              1          63              6
      sioni e qualità pregiata.
      La principale caratteristica di questo frut-          La tossicità dell’acido sorbico e dei suoi     Cocco              600                6            62              6           14
      to è l’elevatissimo contenuto di amido:               sali è bassa. Ma non sono rari i casi di       Dattero            250                3              1          63              9
      oltre il 70% degli zuccheri sia nella casta-          persone sensibili a questo additivo, che       Fico               260                4              3          58             13
      gna secca che in quella fresca. Bassi, inve-          devono quindi optare per la frutta             Mango              310                5              1          72              7
      ce, i grassi.                                         preconfezionata, la cui etichetta deve         Mela               260                2              0          63             17
      A confronto con gli altri frutti secchi, la ca-       indicare se il prodotto ne contiene.           Prugna             220                2              1          55              8
      stagna è dunque “poco” calorica: 160
                                                                                                           Uva                280                2              1          72              5
      Kcal per 100 g di frutto fresco contro le             Anidride solforosa
      300 Kcal circa per quello secco.                                                                     Frutta secca
                                                            La situazione relativa all’anidride
      Se ne può ricavare una farina che viene                                                              Arachide           600              29             50              9           11
                                                            solforosa è più complessa.
      generalmente usata nella preparazione di                                                             Castagna           290                6              3          62             14
                                                            La quantità consentita dalla legge,
      un dolce caratteristico, il castagnaccio.                                                            Mandorle           600              22             55              5           13
      Prezzo: 13.000 lire/Kg.                               infatti, varia a seconda del frutto (per
                                                            esempio, nelle albicocche, pesche, uva,        Nocciole           660              14             64              6            8
                                                            prugne, fichi, la dose massima è di 200        Noce comune        690              14             68              5            6
                                                            mg/Kg, mentre nelle banane può                 Noce di Acagiù     540              19             39           29              4
                                                            toccare i 1000 mg/kg).                         Noce del Brasile 690                14             67              7            9
                                                            L’anidride solforosa è capace di inibire la    Noce di Pecan      710                7            72              8            9
                                                            crescita microbica e di impedire               Pinolo             600              32             50              4            5
                                                            l’imbrunimento per ossidazione dei             Pistacchio         610              18             56              8           11
                                                            frutti. Brava, ma perché differenziarne il
                                                            dosaggio? Si potrebbe rispondere:
                                                            perché la tendenza all’ossidazione varia      ...e per gli altri
                                                            a seconda del tipo di frutto.                 La frutta secca o essiccata fa anche bene
                                                            Ma sono proprio necessari dosaggi così        a bambini e adolescenti, che hanno
                                                            elevati?                                      bisogno di molte calorie e di nutrienti
                                                            Se ne potrebbe fare a meno se non             essenziali alla crescita. Non può essere
                                                            badassimo al lato esteriore della frutta!     considerata un farmaco, ma aiuta in
                                                            Criticabile, poi, il fatto che la legge non   caso di costipazione, grazie alle fibre.
                                                            obblighi a riportare sulla confezione         E’ chiaro che la frutta secca/essiccata
                                                            avvertenze nel caso di prodotti trattati      non può sostituire completamente la
                                                            con dosi alte di anidride solforosa.          frutta fresca. Ci piacerebbe, tuttavia, che
                                                                                                          venisse inserita più spesso nei menu.

                                                                                                          Per non farsi prendere in castagna
                                                            Alimenti fruttuosi                            • Prima di acquistarla, esaminate a
                                                            La frutta secca/essiccata è fedele alleata    fondo la frutta secca/essiccata: ha un
                    IL PINOLO                               della salute, ricca com’è di sostanze         bell’aspetto? Ci sono tracce di muffa?
                                                            essenziali per l’organismo.                   • Frutta secca: meglio i frutti con
      E’ il seme del pino, albero che affonda le
      radici nell’Asia Minore, ma attualmente
                                                            Unica controindicazione: le calorie.          guscio non trattato con anidride
      diffuso in tutto il bacino mediterraneo.                                                            solforosa.
      Appartiene alla categoria della frutta oleo-          Per gli sportivi...                           • Frutta secca sgusciata: controllate
      sa. Il suo apporto calorico arriva a 600              La frutta essiccata è ideale per gli          l’eventuale aggiunta di conservanti.
      Kcal per 100 g di prodotto.                           sportivi, perché fornisce in forma            • La frutta secca non trattata va
      I grassi, presenti nel seme in dosi massic-           concentrata e direttamente utilizzabile       incontro a un naturale irrancidimento.
      ce (quasi il 50%), irrancidiscono facil-              gli zuccheri di cui i muscoli hanno           Di conseguenza va conservata al riparo
      mente, rovinandone il sapore.                         bisogno per sforzi intensi.                   da sorgenti di luce e di calore.
                                                            La frutta secca va bene più per sforzi di     E’, inoltre, opportuno conservare la
                                                            lunga durata.                                 frutta secca sgusciata in frigorifero. s

18   SALUTEST n°16 ottobre 1998

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags: test
Stats:
views:6
posted:3/20/2013
language:Unknown
pages:5