Docstoc

3

Document Sample
3 Powered By Docstoc
					Liberà economiche e diritti
sociali nell’Unione Europea
  (i casi Viking, Laval, Rüffert,
          Lussemburgo)
Per conseguire gli obiettivi previsti all'articolo 151, la
Comunità sostiene e completa l'azione degli Stati membri
nei seguenti settori:
a) miglioramento, in particolare, dell'ambiente di lavoro,
per proteggere la sicurezza e la salute dei lavoratori;
b) condizioni di lavoro;
c) sicurezza sociale e protezione sociale dei lavoratori;
[omissis…]
Par.5. Le disposizioni del presente articolo
non si applicano alle retribuzioni, al diritto di
associazione, al diritto di sciopero né al diritto
di serrata.
l’art. 153 TCE esclude ogni competenza
  regolativa “positiva” dell’Unione in
materia di diritto di sciopero e di serrata

    non preclude però una competenza
   regolativa “negativa” in caso di
 contrasto con gli altri diritti del TCE, in
      particolare artt. 49 e 56 TCE
  Caso Laval (causa C-341/05)

     Caso Viking (C-438/05)

  Entrambi decisi dalla Grande
Sezione della Corte di Giustizia nel
         dicembre 2007
Caso Rüffert (causa C-346/06)

Caso Lussemburgo (C-319/06)

 Entrambi decisi dalla Corte di
      Giustizia nel 2008
 La nave Rosella, di proprietà della compagnia finlandese Viking Line, svolge
un servizio di traghetto da Helsinki a Tallin (Estonia).
 Nel 2003, adottando una strategia detta di flag of convenience, la Viking
manifesta l’intenzione di registrare la nave sotto bandiera estone e di
applicare all’equipaggio imbarcato sulla Rossella trattamenti legali e
contrattuali estoni concordati con i sindacati locali.
 Il sindacato finlandese dei marittimi, con il sostegno del sindacato
internazionale, proclama uno sciopero, diretto ad ostacolare tale disegno.
 La Viking cita i sindacati davanti la Corte di Londra (competente perché a
Londra è la sede del sindacato internazionale) ed in primo grado ottiene un
provvedimento che ordina la sospensione dello sciopero.
 La Corte d'appello avvia invece una procedura di rinvio pregiudiziale,
chiedendo alla Corte di Giustizia se lo sciopero possa ritenersi legittimo alla
luce del diritto comunitario
                 Art. 49 TFUE (ex 43)
Le restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini di
   uno Stato membro nel territorio di un altro Stato
                  membro sono vietate.
    La libertà di stabilimento importa l'accesso alle
  attività non salariate e al loro esercizio, nonché la
 costituzione e la gestione di imprese, alle condizioni
definite dalla legislazione del paese di stabilimento nei
              confronti dei propri cittadini
 Un appalto per ristrutturare una scuola nella città di
Vaxholm (Svezia), viene vinto dalla impresa lettone Laval,
che impiega lavoratori lettoni (distaccati in Svezia) cui
applica le condizioni di lavoro e le retribuzioni concordate
con il sindacato lettone.
 Iniziati i lavori, il sindacato svedese chiede alla Laval di
sottoscrivere per adesione il contratto collettivo dei
lavoratori edili svedesi.
 Di fronte al rifiuto della Laval, il sindacato proclama uno
sciopero che ha il sostegno, in solidarietà, del sindacato
degli elettrici, che di fatto blocca il cantiere.
 La Laval si rivolge ad un giudice svedese che solleva la
questione di rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di
giustizia
              Art. 56 TFUE (ex 49)

Le restrizioni alla libera prestazione dei servizi
  all'interno della Comunità sono vietate nei
   confronti dei cittadini degli Stati membri
stabiliti in un paese della Comunità che non sia
   quello del destinatario della prestazione
         OUT-SOURCING




 Viking vuole delocalizzare, ossia trasferire la
propria sede all’estero per poi prestare servizi
      – a condizioni economicamente più
       vantaggiose – anche in altri paesi
 Può uno sciopero effettuato da lavoratori
residenti in paesi con alti livelli di protezione
 sociale essere utilizzato come una legittima
  forma di protesta nei confronti di imprese
che, provenienti da paesi low-cost, cercano di
   sfruttare il loro vantaggio competitivo?
  Può l’esercizio di un diritto sociale (lo
  sciopero) limitare quello di una libertà
  economica garantita dall’ordinamento
sovranazionale (la libertà di stabilimento o
           di prestare servizi)?
 E’ il prezzo dell’allargamento
 I paesi di nuova accessione sono entrati a far parte
dell’UE proprio per sfruttare il loro vantaggio
competitivo nel mercato interno
       - La legge del Land della Bassa Sassonia in materia di appalti pubblici stabilisce che le
    imprese partecipanti alle gare devono impegnarsi a corrispondere ai loro dipendenti
    quanto meno le retribuzioni fissate dal contratto collettivo del luogo di esecuzione della
    prestazione, nonché a vincolare gli eventuali subappaltatori al rispetto dello stesso
    obbligo
       - Una società tedesca (di cui il sig. Rüffert era curatore fallimentare) aveva affidato in
    subappalto dei lavori edili ad una società avente sede sociale in Polonia
       - Essendo stato appurato che quest’ultima non rispettava le retribuzioni prescritte da
    contratto del settore edile, l’amministrazione tedesca aveva risolto il contratto ed
    irrogato la penale contrattuale alla società tedesca
       - A tale decisione si è opposto il curatore fallimentare
       - Il giudice tedesco ha sollevato questione pregiudiziale dinanzi alla CGCE chiedendo se
    la clausola del bando di gara relativa al rispetto delle retribuzioni vigenti nel luogo di
    esecuzione dell’appalto, si ponesse in contrasto con la dir. 71/96 (sul distacco dei
    lavoratori) e se, in quanto andava oltre quanto necessario per la loro tutela, costituisse
    ostacolo alla libera circolazione dei servizi
     - Una legge del Granducato del Lussemburgo del 2002,
    attuativa della Direttiva 96/71, stabilisce che costituiscono
    “disposizioni imperative di ordine pubblico nazionale” e, in
    quanto tali, valgono per TUTTI i lavoratori che esercitano
    un’attività nel territorio del Granducato, INCLUSI QUELLI
    DISTACCATI, tutte le previsioni (legislative, regolamentari,
    amministrative, contrattuali erga omnes) riguardanti
    un’ampia serie di materie del rapporto di lavoro
     - La commissione ha presentato ricorso alla CGCE
    chiedendo che essa accertasse che il Granducato del
    Lussemburgo avesse traspostoin modo inesatto gli artt. 3.1.
    e 3.10 della Dir. 96/71
Questi casi – fatta eccezione per Viking – hanno posto
      problemi interpretativi riguardanti anche la
    Direttiva sul distacco (Dir. 96/71) dei lavoratori



     Cosa stabilisce questa direttiva?
     Art. 3.1: Gli Stati membri provvedono affinché le
    imprese (rientranti nell’ambito di applicazione della
    direttiva) garantiscano ai lavoratori distaccati nel
    loro territorio le condizioni di lavoro e di
    occupazione fissate, nello stato membro in cui è
    fornita la prestazione, da disposizioni legali,
    regolementari o amministrative ovvero, nel solo
    settore delle costruzioni, da contratti collettivi
In linea di principio la Corte tende a riconosce
      che ragioni di tutela sociale possono
      legittimamente ostacolare la libera
 prestazione di servizi da parte di un’impresa
oltre confine che cerchi di sfruttare il proprio
  vantaggio competitivo costituito da un più
             basso costo del lavoro
1.   La libera prestazione dei servizi può essere
        limitata solo da norme giustificate da
      ragioni imperative di interesse generale e
     applicabili a tutte le persone o imprese che
       esercitino un’attività nel territorio dello
                     Stato ospitante
2.   Fra tali ragioni rientra certamente la tutela
     dei lavoratori (considerata in quanto tale e
          nella sua interezza scopo legittimo
              compatibile con il Trattato)
3. Nella misura in cui una normativa interna di
  tutela del lavoro è suscettibile di limitare una
   libertà fondamentale garantita dal Trattato,
      occorre sottoporla ad una valutazione di
           compatibilità, sulla base di un
             test di proporzionalità;
     occorre, cioè, verificare se la normativa
     lavoristica sia necessaria e proporzionata
     È necessario che le discipline dei singoli istituti
    previste dalle disposizioni legali, regolamentari o
    amministrative ovvero, nel solo settore delle
    costruzioni, dai contratti collettivi dello Stato in cui
    è fornita la prestazione siano compatibili con la
    libera circolazione dei servizi fornita dal Trattato
                                 Sent. Viking




   • Punti 43, 44, 45: richiamo alle Carte europee dei diritti che riconoscono lo
   sciopero come diritto sociale fondamentale - In quanto tale , esso fa parte
              integrante dei principi generali del diritto comunitario
 • Punto 55: Non è esclusa dall’ambito di applicazione dell’art. 49 TFUE (ex 43)
un’azione collettiva intrapresa da un sindacato (…) al fine di indurre un’impresa
 a sottoscrivere un contratto collettivo il cui contenuto sia tale da dissuaderla
  dall’avvalersi della libertà di stabilimento (azioni come questa costituiscono,
                                  cioè, “restrizioni”)
 •La libertà degli armatori di immatricolare le loro navi in uno Stato diverso da
          quello di cui sono cittadini rientra nella libertà di stabilimento
    •Giurisprudenza della CGCE ripresa dalla sentenza: punti 75 e 77 ( lettura )
                                 Sent. Viking




                                    • Conclusione:
    •Posto che le azioni collettive di sciopero costituiscono restrizioni , esse
 possono, in linea di principio, essere giustificate da una ragione imperativa di
interesse generale come la tutela dei lavoratori, purché sia accertato che le
  stesse sono idonee a garantire la realizzazione del legittimo obiettivo
perseguito e non vadano al di là di ciò che è necessario per conseguire
                            tale obiettivo
   •La Corte rimanda al giudice nazionale del rinvio tale valutazione (test di
                               proporzionalità)
                          Sent. Laval




  • In Svezia i contratti collettivi non sono provvisti di un
                regime di efficacia erga omnes
•La Dir. 96/71 (art. 3, n. 8) dà agli Stati membri, in mancanza
  di un sistema di contrattazione collettiva erga omnes , la
    facoltà di avvalersi dei contratti applicabili a tutte le
      imprese simili appartenenti al settore interessato
         •La Svezia non si è avvalsa di questa facoltà
                   •Ergo: punto 110 (lettura)
•Molti passaggi della sent Viking vengono ripresi dalla Laval
              Il concetto di bilanciamento

«La Comunità non ha soltanto una finalità economica
    ma anche una finalità sociale» onde «i diritti che
  derivano dalle disposizioni del Trattato relative alla
   libera circolazione delle merci, delle persone, dei
  servizi e dei capitali devono essere bilanciati con gli
     obiettivi perseguiti dalla politica sociale» di cui
                    all’art. (ex) 136, § 1.
           IMP: equivalenza fra obiettivi e valori economici
                ed obiettivi e valori sociali nel Trattato
            bilanciamento
           Il                        : un
          concetto chiave che emerge dalle
                     2 sentenze




  •Richiede un giudizio di proporzionalità
      •Adeguatezza rispetto allo scopo
   •Idoneità della misura restrittiva della
libertà economica al raggiungimento dello
 scopo (ragioni di interesse generale, quali
           la tutela dei lavoratori)
                         Sent. Rüffert




   • Problema: l’obbligo di rispettare le condizioni salariali
     previste dai contratti collettivi applicate nel luogo di
esecuzione dei lavori, contemplato dalla legge del Land della
 Bassa Sassonia , rappresenta una restrizione ingiustificata
             della libertà di prestazione dei servizi?
    •La questione non verte – come nei primi due casi - su
    un’azione di lotta sindacale, ma su un provvedimento
      legislativo nazionale (di garanzia di diritti sociali dei
                            lavoratori)
                           Sent. Rüffert




                     • Come risolve la CGCE?
• il contratto collettivo di cui si chiede applicazione non è un
         contratto ad efficacia collettiva generalizzata
•Ergo: la relativa tariffa salariale non può essere considerata
“tariffa salariale minimia” ai sensi dell’art. 3, § 1 della Dir. sul
                             distacco
                 •Dichiarazione finale: lettura

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:3
posted:12/2/2012
language:Italian
pages:28