Trofeo delle Regioni della FISO

Document Sample
Trofeo delle Regioni della FISO Powered By Docstoc
					                                      Trofeo delle Regioni della FISO
        Molti lettori de “La Spalletta” si staranno chiedendo: “Cos’è questa FISO?” La risposta è
semplice: è la Federazione Italiana Sport Orientamento. Ma se la risposta è tanto semplice, praticare
l’orienteering a livello agonistico così semplice non è! Non per tutti, almeno. Ma a Volterra - che tanto
ha dato a questa disciplina sportiva – c’è un ragazzo, Francesco Zollo, che ha avuto l’onore di
rappresentarci a livello nazionale, partecipando al Trofeo delle Regioni, svoltosi in Val Badia dal 14 al
16 settembre 2012. Infatti, Il Capo Delegazione della Toscana, il colonnello della Folgore Roberto Luisi,
in accordo con i Presidenti delle Società che praticano l’orienteering, ossia la corsa ad orientamento, ha
convocato il nostro atleta della SAV a questa importantissima manifestazione, sicuramente la più
prestigiosa a livello nazionale.
        Così il nostro Francesco ha partecipato alle due gare che si sono svolte sabato 15 e domenica
16 nei pressi di Corvara, in Alta Val Badia, un posto meraviglioso, dal quale si possono ammirare le
vette delle Dolomiti, patrimonio dell’Unesco.
        Arrivato nel tardo pomeriggio del 14 settembre a La Villa, una piccola località a non più di 5 km
da Corvara, dove il gruppo della Toscana ha soggiornato per questa tre giorni di fatica e divertimento,
Francesco ha aspettato con tanta trepidazione la mattinata del giorno successivo. Il 15, infatti, si è
svolta la prima corsa ad orientamento (una staffetta fra due atleti della medesima categoria), che
avrebbe dovuto essere cittadina, ma, in realtà, i boschi intorno a Corvara hanno accolto i circa 2000
partecipanti (!), che al termine della manifestazione erano decisamente zuppi (e non solo di sudore,
ma anche dell’acqua di torrenti e fiumi che avevano dovuto guadare alla ricerca delle lanterne
posizionate dagli efficientissimi organizzatori della manifestazione). L’emozione (ma anche la fretta di
dare il cambio al suo compagno staffettista) ha giocato un brutto scherzo a Francesco che, giunto nei
pressi del traguardo con un ragguardevole tempo di 46 minuti e 9 secondi, si è accorto di non aver
“punzonato” proprio la lanterna del “punto spettacolo”, quella più vicina al traguardo.
        L’amarezza per la beffa subita è stata subito dimenticata dopo neanche 24 ore, quando, nei
pressi di San Cassiano, sulla stupenda vetta del Piz Soraga, si è svolta la gara individuale, nella quale
Francesco ha dato il meglio di sé, riuscendo a trovare tutte le lanterne distribuite su un percorso
durissimo, che lo ha visto attraversare boschi, prati, torrenti e pascoli (con il consenso delle serafiche
mucche!) per la bellezza di circa un’ora e mezza. Una faticaccia, insomma, ma l’arrivo al traguardo è
stato esaltante!
        Cosa dire di più se non incitare tutti i “curiosi” a chiedere alla Società Atletica Volterra di
potersi iscrivere all’orienteering, una disciplina sportiva in rapida crescita, in cui saggezza e capacità
atletiche si mescolano in modo unico e incredibile! Se non ci credete, basta chiedere a Francesco e a
tutti quegli atleti – più o meno giovani – che hanno fatto della corsa ad orientamento un punto di
riferimento insostituibile per la loro formazione non solo sportiva, ma anche umana!




    Francesco con la maglia di rappresentanza del Comitato Regionale FISO della Toscana

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:97
posted:10/12/2012
language:Italian
pages:1