Docstoc

Desert Island TopTen Albums.rtf

Document Sample
Desert Island TopTen Albums.rtf Powered By Docstoc
					                                 === ELEPHANT TALK ===
                                    rivista musicale elettronica
                         <http://www.burioni.it/forum/ridi/et/ethome.htm>
                          diretta da Riccardo Ridi <mailto:ridi@aib.it>
                           --------------------------------------------------
                           Anno IX Numero 57 (24 Marzo 2003)
                           --------------------------------------------------

                                             INDICE

- DESERT ISLAND SONGS: I RISULTATI COMPLESSIVI / di Riccardo Ridi
- DESERT ISLAND SONGS: I VOTI INDIVIDUALI / a cura di Riccardo Ridi, con la
   collaborazione di Claudio Gnoli, Filippo Tagliaferri e Giulia Visintin
- DESERT ISLAND SONGS: UNA ANALISI CRONOLOGICA E DI GENERE / di Giulia
   Visintin
- DESERT ISLAND SONGS: LE ALTRE CLASSIFICHE / a cura di Riccardo Ridi
- DESERT ISLAND SONGS: LA META-CLASSIFICA / a cura di Riccardo Ridi
- CLASSIFICHE 2002: ULTIMI ARRIVI / a cura di Riccardo Ridi
- SEMPRE RINGRAZIARE GLI AMICI CHE INSISTONO / di Renzo Pietrolungo
- SANREMO 2003: LE PRIME SERATE / di Gianni Galeota

--------------------------------------------------
- DESERT ISLAND SONGS: I RISULTATI COMPLESSIVI / di Riccardo Ridi

Dal successo della "Elephant Talk Desert Island Selection" dedicata agli album (cfr. ET54), e'
nato il nostro appello a redattori, collaboratori e lettori di ET a segnalarci le 10 canzoni che si
porterebbero dietro sulla famosa isola deserta inventata proprio per tali giochi.

Per "canzone" abbiamo inteso qualsiasi brano musicale di qualsiasi genere (pop, rock, folk, soul,
funk, blues, jazz, italiano, straniero, ecc.), inciso dal 1900 a oggi e dotato di una parte vocale
(cioe' cantata) rilevante. Non era indispensabile che la canzone fosse stata pubblicata come
"singolo". Si e' votata la singola interpretazione e non la composizione, includendo quindi anche
le cosiddette "cover", alle quali comunque verra' dedicata anche una successiva puntata specifica
della ET Desert Island (preparatevi...).

34 i votanti, fra i quali 12 donne e 22 uomini. Per gli album erano stati 33 (9 donne e 24 uomini).
Possiamo arrischiarci a ipotizzare che le donne siano piu' interessate alle singole canzoni che agli
album nel loro complesso ?

Fra gli interpreti stravincono i Beatles (13 voti, piu' 3 per IMAGINE di Lennon, con ben 10
canzoni diverse votate, tutte una sola volta eccetto A DAY IN THE LIFE con 4 voti), seguiti da
Bowie (9 voti per 5 canzoni, HEROES la piu' votata con 3 preferenze). Entrambi erano arrivati
terzi ex aequo dopo Pink Floyd e Mozart nella classifica degli album.

I Pink Floyd scendono invece in terza posizione, accanto a U2 e Peter Gabriel (che pero' possono
contare anche su alcuni voti per Bono e i primi Genesis), tutti con 7 voti. Massima dispersione di
voti per i Pink Floyd, nessuna canzone dei quali ottiene piu' di un voto, mentre ONE degli U2 e
HERE COMES THE FLOOD di Gabriel ne ottengno rispettivamente 3 e 2. Degno di nota che i



                                         1
due voti per HERE COMES THE FLOOD sono per due diverse versioni, nessuna delle quali e'
quella originale dell'album di esordio di Gabriel solista.

Complessivamente, alla luce di entrambe le "desert island selections" finora effettuate, potremmo
identificare in Beatles, Pink Floyd e David Bowie il trio di artisti pop-rock prediletti dai lettori di
Elephant Talk. Genesis e Gabriel potrebbero, unendo le forze, costituire il quarto elemento del
poker.

Totalizzano 5 voti 6 artisti, fra i quali compare il primo italiano: King Crimson (con anche due
collaborazioni di Fripp con Sylvian e Gabriel e nessuna canzone votata piu' di una volta), Neil
Young e Nick Cave (anch'essi senza canzoni che svettino), Jimi Hendrix (due voti ciascuna per
HEY JOE e LITTLE WING), i Led Zeppelin (STAIRWAY TO HEAVEN prevedibilmente
sbanca, rastrellando 4 dei 5 voti) e Franco Battiato (2 voti per PROSPETTIVA NEVSKI).

11 gli artisti con 4 voti, fra cui il secondo italiano: Bob Dylan, Frank Zappa, Joni Mitchell, David
Sylvian e Fabrizio De Andre' (tutti senza canzoni preferite) e anche Rolling Stones, Queen, Cure,
Smiths, Talking Heads e Nirvana (2 voti rispettivamente a SYMPATHY FOR THE DEVIL,
DON'T STOP ME NOW, A FOREST, THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT, ONCE
IN A LIFETIME, COME AS YOU ARE e SMELLS LIKE TEEN SPIRIT queste ultime due
entrambe dei Nirvana).

Difficile, come al solito, il conteggio per l'obliquo Brian Eno. Come solista totalizza 3 voti, tutti
per BY THIS RIVER, a cui bisogna pero' aggiungere almeno THE SOUL OF CARMEN
MIRANDA in coppia con John Cale e, forse, almeno uno spicchio di FOR YOUR PLEASURE
dei primi Roxy Music, dei quali faceva parte, e di ONCE IN A LIFETIME dei Talking Heads, di
cui e' stato coautore, coproduttore e cointerprete.

Fra i numerosi artisti con tre voti degni di nota in particolare Lou Reed (con un voto
supplementare per i Velvet Underground, alla cui area possono essere ricondotti anche i due voti
per John Cale), Van Morrison (con un voto supplementare per gli Them) e Otis Redding (con tre
voti tutti per THE DOCK OF THE BAY).

Per quanto riguarda gli italiani, dopo Battiato con 5 voti e De Andre' con 4, seguono con 3 Lucio
Battisti, Francesco De Gregori e Paolo Conte, quest'ultimo anche con due voti supplementari per
la "cover" di Via Con Me eseguita da Roberto Benigni.

Gli artisti con la maggiore longevita' artistica si sono rivelati, nell'ordine: De Andre' (31 anni dal
1965 al 1996), Van Morrison (26 anni dal 1968 al 1994, che diventerebbero 29 partendo da
GLORIA degli Them del 1965) Zappa (22 anni dal 1969 al 1991), Reed (20 anni dal 1972 al
1992, che diventerebbero 25 partendo da FEMME FATALE dei Velvet Underground del 1967),
Ellis Regina (19 anni dal 1974 al 1993), Queen (17 anni dal 1975 al 1992), Battiato (16 anni dal
1979 al 1985), Gabriel (13 anni dal 1977 al 1990, che diventerebbero 18 partendo da SUPPER'S
READY dei Genesis del 1972), Brian Eno (12 anni dal 1977 al 1989, che diventerebbero 17
partendo da FOR YOUR PLEASURE dei Roxy Music del 1972), King Crimson (12 anni dal
1969 al 1981, che diventerebbero 24 arrivando fino a DAMAGE di Fripp & Sylvian del 1993).

Ecco l'elenco completo delle canzoni interpretate da artisti che siano stati votati da almeno 2 fra i
34 partecipanti al sondaggio:



                                          2
The Beatles HELP (1965)
The Beatles FOR NO ONE (1966)
The Beatles PENNY LANE (1967)
The Beatles I'M THE WALRUS (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
The Beatles LONG LONG LONG (1968)
The Beatles DEAR PRUDENCE (1968)
The Beatles WHILE MY GUITAR GENTLY WEEPS (1968)
The Beatles HEY JUDE (1970)
The Beatles LET IT BE (1970)

John Lennon IMAGINE (1971)
John Lennon IMAGINE (1971)
John Lennon IMAGINE (1971)

David Bowie SPACE ODDITY (1969)
David Bowie SPACE ODDITY (1969)
David Bowie LIFE ON MARS? (1971)
David Bowie LIFE ON MARS? (1971)
David Bowie CHANGES (1971)
David Bowie HEROES (1977)
David Bowie HEROES (1977)
David Bowie HEROES (1977)
David Bowie ASHES TO ASHES (1980)

Peter Gabriel HUMDRUM (1977)
Peter Gabriel BIKO (1980)
Peter Gabriel & Robert Fripp HERE COMES THE FLOOD (live NYC, 1980)
Peter Gabriel SAN JACINTO (1983)
Peter Gabriel IN YOUR EYES (1986)
Peter Gabriel RED RAIN (1986)
Peter Gabriel HERE COMES THE FLOOD ("Shaking The Tree" version, 1990)

Genesis SUPPER'S READY (1972)
Genesis THE CINEMA SHOW (1973)
Genesis THE LAMIA (1974)

U2 SUNDAY BLOODY SUNDAY (1982)
U2 NEW YEAR’S DAY (1983)
U2 PRIDE (1984)
U2 ONE (1991)
U2 ONE (1991)
U2 ONE (1991)
U2 STAY (1993)

Bono CAN'T HELP FALLING IN LOVE [Weiss-Peretti-Creatore] (1992)


                                  3
Bono & Clannad IN A LIFETIME (1985)

Pink Floyd ASTRONOMY DOMINE (live version from "Ummagumma", 1969)
Pink Floyd FAT OLD SUN (1970)
Pink Floyd ALAN'S PSYCHEDELIC BREAKFAST (1970)
Pink Floyd ECHOES (1971)
Pink Floyd MONEY (1973)
Pink Floyd SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND (1975)
Pink Floyd COMFORTBLY NUMB (1979)

King Crimson EPITAPH (1969)
King Crimson 21st CENTURY SCHIZOID MAN (1969)
King Crimson THE NIGHT WATCH (1974)
King Crimson THE SHELTERING SKY (1981)
King Crimson ELEPHANT TALK (1981)

Robert Fripp & Peter Gabriel HERE COMES THE FLOOD (live NYC, 1980)
Robert Fripp & David Sylvian DAMAGE (1993)

Jimi Hendrix HEY JOE [Billy Roberts] (1967)
Jimi Hendrix HEY JOE [Billy Roberts] (1967)
Jimi Hendrix LITTLE WING (1967)
Jimi Hendrix LITTLE WING (1967)
Jimi Hendrix BOLD AS LOVE (1967)

Led Zeppelin BABY I'M GONNA LEAVE YOU [trad.] (1969)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)

Neil Young AFTER THE GOLD RUSH (1969)
Neil Young TILL THE MORNING COMES (1970)
Neil Young HEARTS OF GOLD (1972)
Neil Young CORTEZ THE KILLER (1975)
Neil Young LIKE A HURRICANE (1977)

Nick Cave THE SHIP SONG (1990)
Nick Cave JACK THE RIPPER (1992)
Nick Cave THE GOOD SON (1993)
Nick Cave THE ONE THAT I'VE BEEN WAITING FOR ? (1997)
Nick Cave IDIOT PRAYER (1997)

Bob Dylan IT'S ALL OVER NOW, BABY BLUE (1965)
Bob Dylan JUST LIKE A WOMAN (1966)
Bob Dylan BALLAD OF A THIN MAN (1967)
Bob Dylan KNOCKING ON HEAVEN'S DOOR (1973)

The Rolling Stones SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)


                                     4
The Rolling Stones SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)
The Rolling Stones GIMME SHELTER (1969)
The Rolling Stones WILD HORSES (1971)

Frank Zappa WILLIE THE PIMP (1969)
Frank Zappa SHARLEENA (1970)
Frank Zappa DUMB ALL OVER (1981)
Frank Zappa STAIRWAY TO HEAVEN [Led Zeppelin] (1991)

Joni Mitchell FOR FREE (1970)
Joni Mitchell HEJIRA (1976)
Joni Mitchell PAPRIKA PLAINS (1977)
Joni Mitchell DRY CLEANER FROM DES MOINES (1979)

Queen BOHEMIAN RAPSODY (1975)
Queen DON'T STOP ME NOW (1978)
Queen DON'T STOP ME NOW (1978)
Queen I'M GOING SLIGHTLY MAD (1992)

The Cure A FOREST (1980)
The Cure A FOREST (1980)
The Cure CLOSE TO ME (1983)
The Cure PICTURE OF YOU (1990)

Talking Heads BORN UNDER PUNCHES (1980)
Talking Heads ONCE IN A LIFETIME (1980)
Talking Heads MEMORIES CAN'T WAIT (live version from "The Name Of This Band Is T.H.", 1982)
Talking Heads ONCE IN A LIFETIME (live version from "Stop Making Sense", 1984)

The Smiths THIS CHARMING MAN (1983)
The Smiths HAND IN GLOVE (1984)
The Smiths THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT (1986)
The Smiths THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT (1986)

David Sylvian & Ryuichi Sakamoto FORBIDDEN COLOURS (1983)
David Sylvian POP SONG (1989)
David Sylvian ORPHEUS (1992)
David Sylvian & Robert Fripp DAMAGE (1993)

Nirvana COME AS YOU ARE (1991)
Nirvana COME AS YOU ARE (unplugged version, 1994)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)

Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
John Cale & Brian Eno THE SOUL OF CARMEN MIRANDA (1989)



                                   5
Roxy Music FOR YOUR PLEASURE (1972)
Roxy Music ALWAYS UNKNOWING (1982)
Bryan Ferry THESE FOOLISH THINGS [Maushwitz & Strachey] (1973)

Velvet Underground FEMME FATALE (1967)
Lou Reed PERFECT DAY (1972)
Lou Reed HEROIN (live version from "Rock'n Roll Animal", 1974)
Lou Reed SWORD OF DAMOCLES (1992)

John Cale HALLELUJAH [Leonard Cohen] (1984)
John Cale & Brian Eno THE SOUL OF CARMEN MIRANDA (1989)

Them GLORIA (1965)
Van Morrison BALLERINA (1968)
Van Morrison INTO THE MYSTIC (1970)
Van Morrison TUPELO HONEY (live version from "A Night In San Francisco", 1994)

Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)

Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Rem DRIVE (1992)

The Police EVERY BREATH YOU TAKE (1983)
Sting, ROXANNE ("live aid" version, 1985)
Sting THEY DANCE ALONE (1986)

Jethro Tull AQUALUNG (1971)
Jethro Tull LIFE IS A LONG SONG (1971)
Jethro Tull REQUIEM (1975)

The Clash LONDON CALLING (1979)
The Clash LONDON CALLING (1979)
The Clash SHOULD I STAY OR SHOULD I GO ? (1982)

Caetano Veloso TERRA (1990)
Caetano Veloso VOCE E LINDA (1993)
Caetano Veloso VOCE E LINDA (1993)

Bruce Cockburn IN THE FALLING DARK (1976)
Bruce Cockburn NANZEN JI (1978)

Cat Stevens FATHER AND SON (1970)
Cat Stevens MAY BE YOU'RE NIGHT (1970)

Tim Buckley PHANTASMAGORIA IN TWO (live version from "Dream Letter", 1968)
Tim Buckley LORCA (1970)


                                    6
Tom Waits BETTER OFF WITHOUT A WIFE (1975)
Tom Waits SOLDIER'S THINGS (1983)

Cocteau Twins BLUE BELL KNOLL (1988)
Cocteau Twins CAROLYN'S FINGERS (1988)

Dire Straits SULTANS OF SWING (1978)
Dire Straits PRIVATE INVESTIGATIONS (1982)

Elvis Costello SHIPBUILDING (1983)
Elvis Costello SHIPBUILDING (1983)

Soft Cell TAINTED LOVE [Ed Cobb] (1981)
Soft Cell TAINTED LOVE [Ed Cobb] (1981)

The Style Council HEADSTART FOR HAPPINESS (1983)
The Style Council MY EVER CHANGING MOODS (1984)

The Doors LIGHT MY FIRE (1967)
The Doors THE END (1967)

Don McLean AMERICAN PIE (1971)
Don McLean AMERICAN PIE (1971)

Husker Du IT'S NOT PECULIAR (1987)
Husker Du IT'S NOT PECULIAR (1987)

John Martyn COULDN'T LOVE YOU MORE (1977)
John Martyn ONE WORLD (1992)

Julian Cope FEAR LOVES THIS PLACE (1992)
Julian Cope UP-WARDS AT 45° (1992)

Kate Bush WUTHERING HEIGHS (1986)
Kate Bush THE SENSUAL WORLD (1989)

Tori Amos SILENT ALL THESE YEARS (1992)
Tori Amos CORNFLAKE GIRL (1994)

Sinead O' Connor NOTHING COMPARES 2 YOU [Prince] (1990)
Sinead O'Connor THE EMPEROR'S NEW CLOTHES (1990)

Elton John NIKITA (1985)
Elton John SOMEONE TO WATCH OVER ME (1994)

Marvin Gaye I HEARD IT THROUGH THE GRAPEVINE [Whitfield & Strong] (1968)
Marvin Gaye WHAT'S GOING ON (1971)



                                     7
Jefferson Airplane WHITE RABBIT (1967)
Jefferson Airplane VOLUNTEERS (1969)

The Who PINBALL WIZARD (1969)
The Who BABA O'RILEY (1971)

Simon & Garfunkel AMERICA (1967)
Simon & Garfunkel BRIDGE OVER TROUBLED WATER (1970)

Nick Drake NORTHERN SKY (1970)
Nick Drake NORTHERN SKY (1970)

Xtc MAKING PLANS FOR NIGEL (1979)
Xtc DEAR GOD (1986)

Skunk Anansie SECRETLY (1999)
Skunk Anansie SECRETLY (1999)

Dulce Pontes O INFANTE (1996)
Dulce Pontes O INFANTE (1996)

Ellis Regina & Antonio Carlos Jobim AGUAS DE MARCO (1974)
Ellis Regina & Milton Nascimento O QUE FOI FEITO DUVERA (1993)

Franco Battiato L'ERA DEL CINGHIALE BIANCO (1979)
Franco Battiato PROSPETTIVA NEVSKI (1980)
Franco Battiato PROSPETTIVA NEVSKI (1980)
Franco Battiato CUCCURUCUCU (1981)
Franco Battiato L'OMBRELLO E LA MACCHINA DA CUCIRE (1995)

Fabrizio De Andre' LA CANZONE DI MARINELLA (1965)
Fabrizio De Andre' SALLY (1978)
Fabrizio De Andre' ANIME SALVE (1996)
Fabrizio De Andre' PRINCESA (1996)

Lucio Battisti EMOZIONI (1970)
Lucio Battisti LA LUCE DELL'EST (1972)
Lucio Battisti LA LUCE DELL'EST (1972)

Francesco De Gregori LA DONNA CANNONE (1983)
Francesco De Gregori LA STORIA (1985)
Francesco De Gregori BELLAMORE (1992)

Paolo Conte ALLE PRESE CON UNA VERDE MILONGA (1981)
Paolo Conte LO ZIO (1982)
Paolo Conte MAX (1987)

Roberto Benigni VIA CON ME [Paolo Conte] (1983)
Roberto Benigni VIA CON ME [Paolo Conte] (1983)


                                   8
Francesco Guccini LA LOCOMOTIVA (1972)
Francesco Guccini L'AVVELENATA (1976)

Lucio Dalla DISPERATO EROTICO STOMP (1977)
Lucio Dalla CARA (1980)

Ivano Fossati PANAMA (1981)
Ivano Fossati UNA NOTTE IN ITALIA (1986)

Csi AND THE RADIO PLAYS (1994)
Csi ANNARELLA (live version from "La terra, la guerra, una questione privata", 1996)

Ecco anche l'elenco riassuntivo delle canzoni votate almeno 2 volte. Le versioni diverse ma di
uno stesso interprete sono state qui fuse. Tutte le canzoni sono in lingua inglese, con l'eccezione
di PROSPETTIVA NEVSKI (Battiato), LA LUCE DELL'EST (Battisti) e VIA CON ME
(composta da Conte e interpretata da Benigni).

4 voti:
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Da tenere presente che STAIRWAY TO HEAVEN e' anche l'unica canzone votata
nell'esecuzione di due diversi interpreti, ovvero nella versione originale dei Led Zeppelin e nella
"cover" di Frank Zappa, qui non conteggiata.

3 voti:
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
John Lennon IMAGINE (1971)
David Bowie HEROES (1977)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
U2 ONE (1991)

2 voti:
Jimi Hendrix HEY JOE [Billy Roberts] (1967)
Jimi Hendrix LITTLE WING (1967)
The Rolling Stones SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)
David Bowie SPACE ODDITY (1969)
Nick Drake NORTHERN SKY (1970)
David Bowie LIFE ON MARS? (1971)
Don McLean AMERICAN PIE (1971)
Lucio Battisti LA LUCE DELL'EST (1972)
Queen DON'T STOP ME NOW (1978)
The Clash LONDON CALLING (1979)
The Cure A FOREST (1980)
Franco Battiato PROSPETTIVA NEVSKI (1980)
Talking Heads ONCE IN A LIFETIME (1980 e 1984)
Peter Gabriel HERE COMES THE FLOOD (1980 e 1990)
Soft Cell TAINTED LOVE [Ed Cobb] (1981)
Elvis Costello SHIPBUILDING (1983)


                                         9
Roberto Benigni VIA CON ME [Paolo Conte] (1983)
The Smiths THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT (1986)
Husker Du IT'S NOT PECULIAR (1987)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Nirvana COME AS YOU ARE (1991 e 1994)
Caetano Veloso VOCE E LINDA (1993)
Dulce Pontes O INFANTE (1996)
Skunk Anansie SECRETLY (1999)

--------------------------------------------------
- DESERT ISLAND SONGS: I VOTI INDIVIDUALI / a cura di Riccardo Ridi, con la
collaborazione di Claudio Gnoli, Filippo Tagliaferri e Giulia Visintin

- Erika Bartolini:

Ci tengo a sottolineare che e' quello che mi porterei sull'isola, quindi che non mi verrebbe a noia,
non cio' che ritengo in assoluto essere la migliore produzione musicale per me.

Francesco Guccini L'AVVELENATA (1976)
New Order BLUE MONDAY (1983)
Duran Duran CARELESS MEMORIES (live version, 1984)
Duran Duran NEW RELIGION (live version, 1984)
Alice in Chains WOULD? (1992)
Nick Cave JACK THE RIPPER (1992)
Nick Cave THE GOOD SON (1993)
Csi AND THE RADIO PLAYS (1994)
Buena Vista Social Club CANDELA (1997)
Amr Diab HABIBI (1999)

- Petra Bartolini:

David Bowie SPACE ODDITY (1969)
Lucio Battisti LA LUCE DELL'EST (1972)
Inti Illimani LA FIESTA DE SAN BENITO (1973)
Queen BOHEMIAN RAPSODY (1975)
Roberto Vecchioni LUCI A SAN SIRO (1976)
The Cure CLOSE TO ME (1983)
Nirvana COME AS YOU ARE (1991)
U2 STAY (1993)
Tori Amos CORNFLAKE GIRL (1994)
De Glaen PATOLOGIA ANIMALE (1996)

- Stefano Bazzone:

Chuck Berry JOHNNY B.GOODE (1955)
Jimi Hendrix HEY JOE [Billy Roberts] (1967)
Chic GOOD TIMES (1979)
Ac/Dc YOU SHOOK ME ALL NIGHT LONG (1980)


                                          1
                                      0
John Cale HALLELUJAH [Leonard Cohen] (1984)
Died Pretty BLUE SKY DAY (1986)
James Brown SEX MACHINE (live version from "Live in New York", 1988)
Nick Cave THE SHIP SONG (1990)
Les Negresses Vertes L'HOMME DES MARAIS (1991)
Csi ANNARELLA (live version from "La terra, la guerra, una questione privata", 1996)

- Vanni Bertini:

The Doors LIGHT MY FIRE (1967)
The Rolling Stones SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)
Van Morrison BALLERINA (1968)
Tim Buckley LORCA (1970)
Lucio Battisti EMOZIONI (1970)
John Lennon IMAGINE (1971)
Lou Reed HEROIN (live version from "Rock'n roll animal", 1974)
Bob Marley NO WOMAN NO CRY (1974)
The Clash LONDON CALLING (1979)
Soft Cell TAINTED LOVE [Ed Cobb] (1981)

- Simone Caldelli:

Them GLORIA (1965)
Bob Dylan IT'S ALL OVER NOW, BABY BLUE (1965)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
Jimi Hendrix HEY JOE [Billy Roberts] (1967)
The Band THE WEIGHT (1968)
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
Grateful Dead UNCLE JOHN'S BAND (1970)
The Allman Brothers Band IN MEMORY OF ELIZABETH REED (1971)
The Rolling Stones WILD HORSES (1971)
Neil Young CORTEZ THE KILLER (1975)

- Gianna Campaioli:

Criteri di selezione utilizzati: [A] Intensità emotiva. Provata fin dalle prime note, anzi soprattutto
alle prime note quando, d'istinto, mi viene da dire "Wow! Noooooooo E' fantasticaaaaaaa!". [B]
Reattività. In ognuna delle canzoni sono stata incapace di rimanere zitta e/o ferma. [C]
Oggettività. Canzoni che non mi ricordano niente e nessuno, sono incontaminate, mi piacciono
proprio perché mi piacciono tout court.

Nina Simone MY BABY JUST CARES FOR ME [Kahn & Donaldson] (1957)
Dusty Springfield SON OF A PREACHER MAN [Hurley & Wilkins] (1968)
Franco Battiato PROSPETTIVA NEVSKI (1980)
Edie Brickell & New Bohemians WHAT I AM (1988)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Macy Gray I TRY (1999)
Fiorella Mannoia SALLY [Vasco Rossi] (1999)
Skunk Anansie SECRETLY (1999)


                                           1
                                       1
Nelly Furtado I'M LIKE A BIRD (2000)
Madonna DON'T TELL ME (2000)

- Vanni Campo:

Esta selecciòn me sta matando! Come si fa a ridurre a 10 il numero delle tue canzoni più amate?
Col cuore sanguinante provo ad estrarre dalle amatissime:

Louis Armstrong WHAT A WONDERFUL WORLD (1967)
Ok, sono un vecchio sentimentale; ma per me è da dispnea grave.

The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
Vi capita mai di fare qualcosa ed al tempo stesso vedervi con obiettività dall'esterno mentre la
fate? Ecco, quando mi succede mi viene sempre in mente questa canzone.

Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
Solo, stai lì seduto a perdere tempo, nessuno sa chi sei o da dove vieni; pensi ai fatti tuoi e
intanto le navi passano...

Joe Cocker WITH A LITTLE HELP FROM MY FRIENDS [Beatles] (1969)
Il grigio del cielo livido riempie i tuoi occhi, le chitarre ed il basso ti trafiggono cuore e polmoni,
il tuo stomaco è il punching-ball della batteria, la voce di Joe ti afferra per la trachea e insieme
all’organo ti trascina su per una scala a chiocciola i cui gradini sono gli infiniti tasti
dell’Hammond, per poi scaraventarti giù da mille metri a schiantarti nel fango di Woodstock.
Una delle non molte canzoni dei Beatles delle quali la cover è moooolto meglio dell'originale.

Dire Straits SULTANS OF SWING (1978)
Love at first sight: l'ho sentita e me ne sono innamorato. E mica lo so precisamente perché... Mi
piace il ritmo, mi piace la chitarra, l'atmosfera, le parole, tutto. "E' tutto un insieme di cose che fa
sì che..."

Peter Gabriel & Robert Fripp HERE COMES THE FLOOD (live NYC, 1980)
"When the night shows", e poi brividi.

Roberto Benigni VIA CON ME [Paolo Conte] (1983)
Sono incerto sulla datazione: doveva essere in "Tu mi turbi", può darsi? Ma di quando era il
film? Boh, ad ogni modo ho sempre trovato che avesse qualcosa in più rispetto alla versione
originale (e sai, buttala via!...)

Peter Gabriel SAN JACINTO (1983)
I hold the line

Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Tutta canna e vai!!!

Santana CORAZON ESPINADO (1999)
Non riuscirò mai a trovare un difetto a questa: la batteria è perfetta, il ritmo è quello giusto, la
chitarra è impeccabile, lo spagnolo mi fa impazzire, il testo ha quel tanto di dolor d'amore e di
ruffianeria che non può non piacerti... che cosa pretendere di più?


                                           1
                                       2
- Paolo Cantiani:

Fa male, fa molto male, ma ci provo lo stesso.

The Beatles FOR NO ONE (1966)
Cat Stevens MAY BE YOU'RE NIGHT (1970)
Bruce Cockburn IN THE FALLING DARK (1976)
Joni Mitchell PAPRIKA PLAINS (1977)
Paolo Conte MAX (1987)
Caetano Veloso TERRA (1990)
Caetano Veloso VOCE E LINDA (1993)
Ellis Regina & Milton Nascimento O QUE FOI FEITO DUVERA (DUVERA) (1993)
Fabrizio De Andre' PRINCESA (1996)
Cassandra Wilson WATERS OF MARCH [Jobim] (2002)

Comunque fa molto male, molto male.

- Silvia Caroti:

Gino Paoli IL CIELO IN UNA STANZA (1960)
David Bowie SPACE ODDITY (1969)
Cat Stevens FATHER AND SON (1970)
John Lennon IMAGINE (1971)
James Taylor YOU'VE GOT A FRIEND [Carole King] (1971)
Lucio Battisti LA LUCE DELL'EST (1972)
Jackson Browne THE ROAD (1977)
Earth, Wind & Fire SEPTEMBER (1978)
Djavan SINA (1982)
Caetano Veloso VOCE E LINDA (1993)

- Luca Della Gatta:

Jimi Hendrix LITTLE WING (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
Cream POLITICIAN ("Goodbye" version", 1969)
Fairport Convention AUTOPSY (1969)
Frank Zappa WILLIE THE PIMP (1969)
Kinks STRANGERS (1970)
Pink Floyd FAT OLD SUN (1970)
Bob Dylan KNOCKING ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Talking Heads MEMORIES CAN'T WAIT (live version from "The Name Of This Band Is T.H.", 1982)
Tom Waits SOLDIER'S THINGS (1983)

- Gianluigi Diana:

Allora, ecco una lista che mi è venuto da scrivere di getto
(per ciò solo, secondo una stupida scuola di pensiero, avrebbe più valore!)



                                         1
                                     3
Frank Zappa DUMB ALL OVER (1981)
Xtc DEAR GOD (1986)
Husker Du IT'S NOT PECULIAR (1987)
Jane's Addiction TED, JUST ADMIT IT... (1988)
Pixies THE HAPPENING (1990)
Dinosaur Jr. THUMB (1991)
Julian Cope UP-WARDS AT 45° (1992)
Nine Inch Nails DEAD SOULS [Joy Division] (1994)
Mad Season WAKE UP (1995)
Nick Cave THE ONE THAT I'VE BEEN WAITING FOR ? (1997)

- Giuseppe Fantola:

Invio con lieto spirito partecipativo la mia lista di hits, senza formule d'accompagnamento alla
singola corteggiatrice che si staglia sulla sua scena (ma non disdegno, sarà per un'altra volta) e
con una breve dichiarazione, per aver lasciato senza rappresentanza 15 lunghi anni di storia del
rock, nonché aver ostentato nell'ultima citazione di fare a meno di ogni criterio di distanza:
ebbene, rinuncio al cantautorato - viva le eccezioni - e al progressive (scelgo il lirismo?), ma mi
abbandono anch'io senza tristezza alla convalescenza post-rock degli ultimi Sonic.

Pink Floyd ASTRONOMY DOMINE (live version from "Ummagumma", 1969)
Frank Zappa SHARLEENA (1970)
The Smiths HAND IN GLOVE (1984)
Husker Du IT'S NOT PECULIAR (1987)
Frank Zappa STAIRWAY TO HEAVEN [Led Zeppelin] (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Julian Cope FEAR LOVES THIS PLACE (1992)
Franco Battiato L'OMBRELLO E LA MACCHINA DA CUCIRE (1995)
Nick Cave IDIOT PRAYER (1997)
Sonic Youth DISCONNECTION NOTICE (2002)

- Simone Forni:

MA CHE MONDO MERAVIGLIOSO! IMMAGINATE che verso LA FINE di un palindromo
un amico ti chieda di indicare le dieci canzoni da portare sull'isola deserta! Ma con solo dieci
canzoni a disposizione io al secondo giorno mi impiccherei alla palma più alta!!!! Almeno così
eventuali mani pietose potrebbero darmi sepoltura e mettere sulla tomba IL SUONO DEL
SILENZIO come EPITAFFIO. Comunque, giusto PER IL VOSTRO PIACERE, mi siederò
PRESSO QUESTO FIUME e proverò a darvi risposta: che diamine, proviamo a fare gli EROI
almeno UNA VOLTA NELLA VITA. Ed ora che ho provato e non sono riuscito? Non resta che
abbandonarmi ad uno dei miei DOLCI SOGNI: immaginare una sottile PIOGGIA ROSSA che
bagna UNA delle STRADE DI FILADELFIA mentre cani ribelli mangiano diamanti e ragni di
vetro cavalcano detriti spaziali. Forse STO DIVENTANDO LEGGERMENTE PAZZO?

The Doors THE END (1967)
King Crimson EPITAPH (1969)
Roxy Music FOR YOUR PLEASURE (1972)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
David Bowie HEROES (1977)


                                         1
                                     4
Talking Heads ONCE IN A LIFETIME (1980)
Eurythmics SWEET DREAMS (1983)
Peter Gabriel RED RAIN (1986)
U2 ONE (1991)
Queen I'M GOING SLIGHTLY MAD (1992)

- Gianni Galeota:

Luigi Tenco VEDRAI VEDRAI (1967)
Alan Stivell AN HANI A GARAN (1973)
Genesis THE LAMIA (1974)
Jethro Tull REQUIEM (1975)
Yes TURN OF THE CENTURY (1977)
Clannad & Bono IN A LIFETIME (1985)
Kate Bush THE SENSUAL WORLD (1989)
Tears for Fears SOWING THE SEEDS OF LOVE (1989)
Dulce Pontes O INFANTE (1996)
Samuele Bersani REPLAY (2000)

- Vittorio Ghione:

Sperimentato che una ricerca meditata è impossibile, ecco 10 tra le canzoni senza le
quali in questo momento la vita in un'isola deserta mi risulterebbe, per infinite ragioni,
insopportabile. Chissà quanti, come me, tra pochi giorni o poche settimane fa avrebbero
scelto canzoni in parte diverse...

Tom Waits BETTER OFF WITHOUT A WIFE (1975)
Pink Floyd SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND (1975)
Queen DON'T STOP ME NOW (1978)
Joni Mitchell DRY CLEANER FROM DES MOINES (1979)
The Style Council HEADSTART FOR HAPPINESS (1983)
Elvis Costello SHIPBUILDING (1983)
Talking Heads ONCE IN A LIFETIME (live version from "Stop Making Sense", 1984)
Joe Jackson THE BEST I CAN DO (1989)
Van Morrison TUPELO HONEY (live version from "A Night In San Francisco", 1994)
Jovanotti PER LA VITA CHE VERRA' (1997)

- Eleonora Giusti:

Edith Piaf NON, JE NE REGRETTE RIEN (1960)
Fabrizio De Andre' LA CANZONE DI MARINELLA (1965)
Lucio Dalla CARA (1980)
Paolo Conte ALLE PRESE CON UNA VERDE MILONGA (1981)
Dire Straits PRIVATE INVESTIGATIONS (1982)
Roberto Benigni VIA CON ME [Paolo Conte] (1983)
Sting, ROXANNE ("live aid" version, 1985)
Rem DRIVE (1992)
Dulce Pontes O INFANTE (1996)
Avion Travel DORMI E SOGNA (1998)


                                          1
                                      5
- Massimo Liverani:

Ma me ne porterei mille altri! (e' stata dura!)

Pink Floyd ECHOES (1971)
Genesis SUPPER'S READY (1972)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
Peter Gabriel HUMDRUM (1977)
The Cure A FOREST (1980)
King Crimson THE SHELTERING SKY (1981)
Tuxedomoon THE CAGE (1983)
Laurie Anderson SMOKE RINGS (1986)
Cocteau Twins CAROLYN'S FINGERS (1988)
David Sylvian POP SONG (1989)

- Patrizia Lucchini:

Ivan della Mea O CARA MOGLIE (1965)
Bob Dylan JUST LIKE A WOMAN (1966)
       Una vera canzone d'amore da un cantore della protesta pacifista
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
      Perche' mi ricorda l'incontro con l'uomo della mia vita e perche' mi e' sempre piaciuta, al
      di la' di tutto
Janis Joplin SUMMERTIME [Gershwin] (1968)
      Un vero classico nella sua interpretazione piu' sconvolgente e drammatica
The Beatles WHILE MY GUITAR GENTLY WEEPS (1968)
      Perche' sembra una canzone "minore" dei Beatles, ma invece e' un grande omaggio alla
      vena creativa di George
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
      Come si puo' fare una canzone struggente, malinconica e vitale insieme
Neil Young HEARTS OF GOLD (1972)
      La migliore di un album epico ("Harvest"), dove la scelta e' difficilissima
Francesco De Gregori LA DONNA CANNONE (1983)
      La canzone italiana nella sua essenza, senza fronzoli
Sting THEY DANCE ALONE (1986)
      Commovente canto in difesa e memoria delle madri dei desaparecidos
U2 ONE (1991)
     La voce di Bono e un brano di grande bellezza: un classico dal primo momento

Ma ce ne sarebbero molte molte molte altre...

- Stefania Manzi:

Mina LA BANDA (1967)
Velvet Underground FEMME FATALE (1967)
Neil Young TILL THE MORNING COMES (1970)
The Beatles HEY JUDE (1970)
Don McLean AMERICAN PIE (1971)


                                           1
                                       6
John Martyn COULDN'T LOVE YOU MORE (1977)
Queen DON'T STOP ME NOW (1978)
Eduardo De Crescenzo ANCORA (1981)
The Style Council MY EVER CHANGING MOODS (1984)
Prince STARFISH & COFFEE (1987)

- Juliana Mazzocchi:

The Beatles HELP (1965)
Don McLean AMERICAN PIE (1971)
Lou Reed PERFECT DAY (1972)
Francesco Guccini LA LOCOMOTIVA (1972)
Franco Battiato PROSPETTIVA NEVSKI (1980)
The Communards YOU ARE MY WORLD (1985)
The Smiths THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT (1986)
The Proclaimers I'M ON MY WAY (1988)
Sinead O'Connor THE EMPEROR'S NEW CLOTHES (1990)
Juan Luis Guerra ROMPIENDO FUENTE (1992)

- Marco Misuri:

Premettendo che è veramente difficile restare soddisfatti scegliendo solamente dieci canzoni,
ritengo comunque opportuno dichiarare i miei criteri di scelta.
Molto semplicemente... sono voluto andare al cuore delle mie preferenze, abbandonando altri
sentieri ugualmente luminosi ed illuminanti... Per cui: Niente evergreen, ne' standard jazz. Niente
'Funny valentine', 'Night & day', 'My foolish heart', 'It had to be you', 'Summertime', 'Stardust',
ect. che possono riempire tranquillamente almeno cinque liste ma che, obiettivamente, non sono
le radici della mia isola musicale...
Analogamente niente (o quasi) classici del rock & dintorni, quei brani che ormai fanno parte
della storia della musica pop-rock... Per cui: Niente 'Smoke on the water', 'Satisfaction', 'Stairway
to heaven', niente Beatles ne' Stones, niente Pink Floyd ne' Genesis, peraltro già nominati nei
Desert Island Album...
Piuttosto ho scelto quei brani che periodicamente mi richiamano all'ascolto, quei brani che nel
tempo continuo a ricercare e che ancora mi trasmettono emozioni molto, molto intense...

David Crosby LAUGHING (1971)
Una grande voce & un grande autore, magari poco prolifico ma grande! (il brano in questione ha
gareggiato con 'Guinnevere'...)

Marvin Gaye WHAT'S GOING ON (1971)
Un classicissimo della soul music, attualissimo ancora oggi (e piu' volte ripreso da vari
interpreti...)

Joni Mitchell HEJIRA (1976)
La summa delle songs della grandissima cantautrice canadese, con la partecipazione del piu'
grande bassista del mondo...

The Smiths THIS CHARMING MAN (1983)
Nel testa a testa con 'Please, let me get what I want' ne esce vittoriosa per ragioni di cuore... -


                                           1
                                       7
Elvis Costello SHIPBUILDING [Costello - Langer] (1983)
con la tromba di Chet Baker, commovente... sia la canzone che l'intervento di Chet...

Chet Baker ALMOST BLUE [Costello] (1987)
la collaborazione prosegue... e continua a dare i suoi frutti... interpretazione da brividi...

John Martyn ONE WORLD (1992)
Un CantAutore che ha alternato prove eccellenti ad altre piu' ordinarie, 'One world' appartiene
sicuramente al primo insieme, un'intensa ballata...

U2 ONE (1991)
Una scelta forse scontata ma come si fa a lasciarla fuori? (...is it getting better? But do you feel
the same?...)

Dead Can Dance THE CARNIVAL IS OVER (1993)
Un'altra voce indimenticabile, un'altra formazione da sogno... per un brano che mi ha lasciato il
segno...

David Sylvian & Robert Fripp DAMAGE [Sylvian-Fripp-Gunn] (1993)
Tra le ultime produzioni di Sylvian sicuramente la piu' intensa & coinvolgente... il mio autore
preferito in assoluto...

- Piero Moreschini:

The Rolling Stones SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)
The Who PINBALL WIZARD (1969)
Pink Floyd MONEY (1973)
Bruce Springsteen BORN TO RUN (1975)
David Bowie HEROES (1977)
U2 PRIDE (1984)
Sinead O' Connor NOTHING COMPARES 2 YOU [Prince] (1990)
The Cure PICTURE OF YOU (1990)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
The Cranberries DREAMS (1992)

- Simone Moretti:

The Rolling Stones GIMME SHELTER (1969)
Neil Young AFTER THE GOLD RUSH (1969)
Nick Drake NORTHERN SKY (1970)
Van Morrison INTO THE MYSTIC (1970)
Joni Mitchell FOR FREE (1970)
The Who BABA O'RILEY (1971)
Genesis THE CINEMA SHOW (1973)
Pink Floyd COMFORTBLY NUMB (1979)
U2 NEW YEAR’S DAY (1983)
The Smiths THERE'S A LIGHT THAT NEVER GOES OUT (1986)



                                            1
                                        8
- Rossana Morriello:

Jefferson Airplane WHITE RABBIT (1967)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
David Bowie CHANGES (1971)
The Clash LONDON CALLING (1979)
Soft Cell TAINTED LOVE [Ed Cobb] (1981)
The Fuzztones STRYCHNINE [The Sonics] (1984)
Red Hot Chili Peppers GIVE IT AWAY (1991)
Nirvana COME AS YOU ARE (unplugged version, 1994)
Jamiroquai VIRTUAL INSANITY (1996)
Gorillaz CLINT EASTWOOD (2001)

- Antonella Panzino:

L' unico commento che mi sento di fare sulle mie scelte e' che alcuni brani mi danno una
specie di carica e di esaltazione, che per la verita' non e' molto duratura, altri mi
inducono invece alla contemplazione (quali mai possono essere tra questi dieci?).

The Beatles I'M THE WALRUS (1967)
Procol Harum SALAD DAYS (ARE HERE AGAIN) (1967)
Jimi Hendrix BOLD AS LOVE (1967)
The Beatles LONG LONG LONG (1968)
The Beatles DEAR PRUDENCE (1968)
Pink Floyd ALAN'S PSYCHEDELIC BREAKFAST (1970)
Iggy Pop THE PASSENGER (1977)
David Bowie HEROES (1977)
Lou Reed SWORD OF DAMOCLES (1992)
Pearl Jam BUGS (1994)

- Renzo Pietrolungo:

Ancora una volta, sotto la spinta dell'ala demoplutobibliotecaria, siamo al sadico giochino di
selezionare e distillare 10 titoli; e adesso chi glielo va a spiegare all'undicesimo o al dodicesimo
titolo? e se per caso se ne avessero a male e si rifiutassero di suonare sul mio impianto? ci
rendiamo conto? Natale e' appena alle spalle, fa freddo e di nuovo la scelta e' dura.

Led Zeppelin BABY I'M GONNA LEAVE YOU [trad.] (1969)
The Beatles LET IT BE (1970)
Nick Drake NORTHERN SKY (1970)
Jethro Tull LIFE IS A LONG SONG (1971)
Nucleus ARIADNE (1973)
King Crimson THE NIGHT WATCH (1974)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
Bruce Cockburn NANZEN JI (1978)
David Sylvian e Ryuichi Sakamoto FORBIDDEN COLOURS (1983)
Fabrizio De Andre' ANIME SALVE (1996)

- Carlo Piccioli:


                                          1
                                      9
Sinceramente, stavolta e' stata piu' dura dell'altra; ci sono moltissimi singoli che meriterebbero di
essere portati sull'isola deserta.......molti piu' dei 10 permessi.

Jethro Tull AQUALUNG (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
David Bowie LIFE ON MARS? (1971)
Patti Smith BECAUSE THE NIGHT [Patti Smith & Bruce Springsteen] (1978)
Depeche Mode PERSONAL JESUS (1990)
Pearl Jam JEREMY (1991)
Type O Negative BLOODY KISSES (1993)
Moonspell OPIUM (1994)
Soundgarden BLACK HOLE SUN (1994)
Skunk Anansie SECRETLY (1999)

- Andrea Ridi:

E' una lista un po' "datata", ma dopo tanti ripensamenti ho deciso che se una canzone non mi e'
venuta a noia dopo 15-20 anni non mi verra' a noia mai.

The Beatles PENNY LANE (1967)
David Bowie LIFE ON MARS? (1971)
Gloria Gaynor I WILL SURVIVE (1978)
Patrick Hernandez BORN TO BE ALIVE (1979)
Franco Battiato L'ERA DEL CINGHIALE BIANCO (1979)
Blondie CALL ME (1980)
U2 SUNDAY BLOODY SUNDAY (1982)
The Clash SHOULD I STAY OR SHOULD I GO? (1982)
Marianne Faithfull THE HAWK (1986)
Alice THE FOOL ON THE HILL [Beatles] (1987)

- Riccardo Ridi:
Funk sciamanico & pop esangue, prevalentemente dal decennio
della mia formazione musicale & sentimentale (gli eighties).

Xtc MAKING PLANS FOR NIGEL (1979)
David Bowie ASHES TO ASHES (1980)
Talking Heads BORN UNDER PUNCHES (1980)
King Crimson ELEPHANT TALK (1981)
Roxy Music ALWAYS UNKNOWING (1982)
Shriekback HUBRIS (1984)
Cocteau Twins BLUE BELL KNOLL (1988)
John Cale & Brian Eno THE SOUL OF CARMEN MIRANDA (1989)
Massive Attack & Tracey Thorn PROTECTION (the eno mix) (1994)
Moby WHY DOES MY HEART FEEL SO BAD? (1999)

- Michele Santoro:



                                          2
                                      0
Premetto di avere un concetto piuttosto "ristretto" di canzone: essa a mio avviso si
caratterizza per la sua durata breve (i classici tre-minuti-tre), oltre che per la sua
consolidata e riconoscibile scansione interna (la struttura strofa-ritornello-strofa, per
dirla un po' alla buona). Infine, per me la canzone si identifica sostanzialmente con la
"canzone italiana".
Cio' detto, la lista seguente non e' certo rappresentativa delle dieci canzoni che porterei
nell'isola deserta, ma e' piuttosto un florilegio di brani particolarmente insoliti o
significativi di autori che di norma non mi piacciono (e di cui non possiedo nemmeno
un disco), insieme ad altri che per contro ritengo eccellenti.

Quartetto Cetra UN BACIO A MEZZANOTTE (1954)
Fred Buscaglione LOVE IN PORTOFINO (1959)
Alan Sorrenti VORREI INCONTRARTI (1972)
Lucio Dalla DISPERATO EROTICO STOMP (1977)
Fabrizio De Andre' SALLY (1978)
Enzo Jannacci SILVANO (1979)
Franco Battiato CUCCURUCUCU (1981)
Ivano Fossati PANAMA (1981)
Paolo Conte LO ZIO (1982)
Elton John NIKITA (1985)

- Filippo Tagliaferri:

Elvis Presley HEARTBREAK HOTEL (1956)
Ray Charles WHAT'D I SAY (1959)
The Kingsmen LOUIE LOUIE (1963)
Jimi Hendrix LITTLE WING (1967)
Bob Dylan BALLAD OF A THIN MAN (1967)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
Beach Boys GOOD VIBRATIONS (1967)
Marvin Gaye I HEARD IT THROUGH THE GRAPEVINE [Whitfield & Strong] (1968)
Tim Buckley PHANTASMAGORIA IN TWO (live version from "Dream Letter", 1968)
Neil Young LIKE A HURRICANE (1977)

- Franco Toni:

Cosi come vengono d'istinto:

King Crimson 21st CENTURY SCHIZOID MAN (1969)
Jefferson Airplane VOLUNTEERS (1969)
John Lennon IMAGINE (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Peter Gabriel BIKO (1980)
The Cure A FOREST (1980)
Simple Minds BELFAST CHILD [trad.] (1989)
Jeff Buckley GRACE (1994)
Chumbawamba TIMEBOMB (1997)
Radiohead PARANOID ANDROID (1997)



                                          2
                                      1
- Caterina Tosi:

Non pensavo che ci sarei riuscita, invece l'ho fatta in un solo pomeriggio e la spedisco
subito perchè se ci rimetto le mani non la mando più. Tra un mese forse sceglierei altre
canzoni, forse alcune rimarrebbero, forse già domani mi verranno in mente delle
esculsioni ingiustificate. Bah, cogliamo l'attimo...

Ella Fitzgerald HOW LONG HAS THIS BEEN GOING ON (1959)
Lei e' grandissima, quando canta Gershwin ancora di piu'. E' stato difficile sceglierne
una.

Simon & Garfunkel AMERICA (1967)
Un amore di gioventu', e forse un po' meno scontata di altre piu' famose.

Ellis Regina & Antonio Carlos Jobim AGUAS DE MARCO (1974)
Se la classifica fosse in ordine di preferenza sarebbe la prima: la amo fin da bambina,
quando l'ascoltavo cantata da Mina, sogno una compilation con tutte le cover possibili;
ho scelto questa versione perche' e' particolarmente divertita e divertente.

Kate Bush WUTHERING HEIGHS (1986)
Perche' mi fa venire voglia di cantare a squarciagola (tanto l'isola e' deserta).

Peter Gabriel HERE COMES THE FLOOD ("shaking the tree" version, 1990)
Non potendo portare l'opera omnia o quasi, scelgo questa, in una versione intensa con
accompagnamento minimalista.

Tori Amos SILENT ALL THESE YEARS (1992)
Mi piacciono le voci femminili, mi piacciono i pianoforti. E' perfetta.

David Sylvian ORPHEUS (1992)
Con David Sylvian in realta' non ho una grande confidenza, ma questa la trovo
stupenda.

Francesco De Gregori BELLAMORE (1992)
Chissa' perche' tra tutte le sue canzoni che frequento da decenni ho scelto questa: ma ci
deve essere sempre una spiegazione a tutto?

Portishead IT'S A FIRE (1994)
Un colpo di fulmine, non c'e' altro da dire.

Alanis Morissette UNSENT (1998)
Oltre alla canzone mi piace l'idea: dall'isola deserta, quando mi saro' stufata di ascoltare
solo queste dieci canzoni, comincero' a spedire messaggi in bottiglia con "le parole che
non ti ho detto" agli amici lontani (e vorra' dire che e' l'ora di venire a riprendermi).
   _____
- Giulia Visintin:

Le canzoni di una che piange al cinema (ma non alle scene "che fanno
piangere"). Con queste canzoni, invece, fa tutto fuor che quello.


                                           2
                                       2
Simon & Garfunkel BRIDGE OVER TROUBLED WATER (1970)
Bryan Ferry THESE FOOLISH THINGS [Maushwitz & Strachey] (1973)
The Manhattan Transfer BLUE CHAMPAGNE (1975)
Barbra Streisand MEMORY (1981)
The Police EVERY BREATH YOU TAKE (1983)
Francesco De Gregori LA STORIA (1985)
Ivano Fossati UNA NOTTE IN ITALIA (1986)
Peter Gabriel IN YOUR EYES (1986)
Bono CAN'T HELP FALLING IN LOVE [Weiss-Peretti-Creatore] (1992)
Elton John SOMEONE TO WATCH OVER ME (1994)

--------------------------------------------------
- DESERT ISLAND SONGS: UNA ANALISI CRONOLOGICA E DI GENERE / di
Giulia Visintin

L'orientamento dei votanti di ambo i sessi è stato concorde: decisa preferenza per i gruppi
stranieri, che fra i votanti maschi raccolgono addirittura la maggioranza assoluta, e in
generale per gli esecutori non italiani. Più distribuito il voto delle signore, che anche alle
categorie meno votate attribuiscono comunque una quota di voti maggiore di quella
riservata dai signori.

GRUPPI STRANIERI: 46,76 % dei voti complessivi
(40 % dei voti femminili, 50,45 % dei voti maschili)

MUSICISTI STRANIERI: 32,06 % dei voti complessivi
(28,33 % dei voti femminili, 34,09 % dei voti maschili)

MUSICISTI ITALIANI: 10,59 % dei voti complessivi
(15 % dei voti femminili, 8,18 % dei voti maschili)

MUSICISTE STRANIERE: 8,23 % dei voti complessivi
(12,5 % dei voti femminili, 5,9 % dei voti maschili)

GRUPPI ITALIANI: 1,47 % dei voti complessivi
(2,5 % dei voti femminili, 0,9 % dei voti maschili)

MUSICISTE ITALIANE: 0,88 % dei voti complessivi
(1,66 % dei voti femminili, 0,45 % dei voti maschili)

Questa la distribuzione delle canzoni per anno, dal Quartetto Cetra (UN BACIO A
MEZZANOTTE) del 1954 a Cassandra Wilson (WATERS OF MARCH) e Sonic Youth
(DISCONNECTION NOTICE) del 2002:

1954   *
1955   *
1956   *
1957   *
1959   ***


                                         2
                                     3
1960   **
1963   *
1965   *****
1966   **
1967   **********************
1968   **************
1969   **************
1970   *****************
1971   *********************
1972   ********
1973   *******
1974   *****
1975   *******
1976   ****
1977   **************
1978   ********
1979   *********
1980   ************
1981   **********
1982   *******
1983   ****************
1984   *********
1985   *****
1986   ***********
1987   ******
1988   ******
1989   ******
1990   ********
1991   *************
1992   **************
1993   ********
1994   ************
1995   **
1996   *******
1997   ******
1998   **
1999   *******
2000   ***
2001   *
2002   **

Accorpando per decennio:

Rocking Fifties     7 voti
Swinging Sixties    60
Popping Seventies   100
Roaring Eighties    88
Shining Nineties    79
New Millennium      6


                                 2
                             4
--------------------------------------------------
- DESERT ISLAND SONGS: LE ALTRE CLASSIFICHE / a cura di Riccardo Ridi,

- Lettori del supplemento "Musica!" di "Repubblica" (Dicembre 1999):

The Beatles YESTERDAY (1965)
John Lennon IMAGINE (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Bob Dylan KNOCKIN' ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Pink Floyd WISH YOU WERE HERE (1975)
Queen BOHEMIAN RHAPSODY (1975)
U2 WITH OR WITHOUT YOU (1987)
U2 ONE (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)

- Lettori del "Mucchio Selvaggio" (estate 1999):

The Rolling Stones SATISFACTION (1965)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
John Lennon IMAGINE (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Bob Dylan KNOCKIN' ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Pink Floyd WISH YOU WERE HERE (1975)
Clash LONDON CALLING (1979)
U2 ONE (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)

- Lettori di "Q" (Febbraio 1999):

The Beatles STRAWBERRY FIELDS FOREVER (1967)
The Beatles HEY JUDE (1970)
John Lennon IMAGINE (1971)
Queen BOHEMIAN RHAPSODY (1975)
The Stone Roses FOOL'S GOLD/WHAT THE WORLD (1989)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Oasis LIVE FOREVER (1994)
Oasis WANDERWALL (1995)
The Verve BITTERSWEET SYMPHONY (1997)

- Redazione di "Mojo" (Agosto 1997):

The Ronettes BE MY BABY (1963)
The Rolling Stones SATISFACTION (1965)
Bob Dylan LIKE A ROLLING STONE (1965)
Ike & Tina Turner RIVER DEEP MOUNTAIN HIGH (1966)


                                        2
                                    5
Beach Boys GOOD VIBRATIONS (1967)
The Beatles STRAWBERRY FIELDS FOREVER (1967)
Marvin Gaye I HEARD IT THROUGH THE GRAPEVINE (1968)
The Beatles HEY JUDE (1970)
Marvin Gaye WHAT'S GOING ON (1971)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)

- Artisti presenti in almeno 2 delle precedenti 4 liste:

Bob Dylan KNOCKIN' ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Bob Dylan KNOCKIN' ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Bob Dylan LIKE A ROLLING STONE (1965)

John Lennon IMAGINE (1971)
John Lennon IMAGINE (1971)
John Lennon IMAGINE (1971)

Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)

Marvin Gaye I HEARD IT THROUGH THE GRAPEVINE (1968)
Marvin Gaye WHAT'S GOING ON (1971)

Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)

Pink Floyd WISH YOU WERE HERE (1975)
Pink Floyd WISH YOU WERE HERE (1975)

Queen BOHEMIAN RHAPSODY (1975)
Queen BOHEMIAN RHAPSODY (1975)

Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)

The Beatles YESTERDAY (1965)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
The Beatles STRAWBERRY FIELDS FOREVER (1967)
The Beatles STRAWBERRY FIELDS FOREVER (1967)
The Beatles HEY JUDE (1970)
The Beatles HEY JUDE (1970)

The Rolling Stones SATISFACTION (1965)
The Rolling Stones SATISFACTION (1965)

U2 WITH OR WITHOUT YOU (1987)


                                        2
                                    6
U2 ONE (1991)
U2 ONE (1991)

--------------------------------------------------
- DESERT ISLAND SONGS: LA META-CLASSIFICA / a cura di Riccardo Ridi

Cumulando la classifica di ET con le quattro precedenti, e' possibile azzardare una sorta di
"canone" della canzone pop-rock-soul, ovvero un cd antologico che potremmo proporre a chi,
proveniendo da un'altra cultura musicale, da un'altra generazione o da un altro pianeta, ci
domandasse "cosa ascoltavano i giovani umani sul pianeta terra, fra il 1960 e il 2000 A.D." ?

The Rolling Stones SATISFACTION (1965)
                   oppure SYMPATHY FOR THE DEVIL (1968)
The Beatles A DAY IN THE LIFE (1967)
                  oppure STRAWBERRY FIELDS FOREVER (1967)
Otis Redding THE DOCK OF THE BAY (1968)
Marvin Gaye I HEARD IT THROUGH THE GRAPEVINE (1968)
                    oppure WHAT'S GOING ON (1971)
John Lennon IMAGINE (1971)
Led Zeppelin STAIRWAY TO HEAVEN (1971)
Bob Dylan KNOCKIN' ON HEAVEN'S DOOR (1973)
Pink Floyd WISH YOU WERE HERE (1975)
Queen BOHEMIAN RHAPSODY (1975)
           oppure DON'T STOP ME NOW (1978)
Brian Eno BY THIS RIVER (1977)
David Bowie HEROES (1977)
Nirvana SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)
Rem LOSING MY RELIGION (1991)
U2 ONE (1991)

--------------------------------------------------
- CLASSIFICHE 2002: ULTIMI ARRIVI / a cura di Riccardo Ridi

- Il Mucchio Selvaggio:

1.    Beck
2.    Johnny Cash
3.    Queens Of The Stone Age
4.    Low
5.    Black Heart Procession
6.    Wilco
7.    Notwist
8.    The Flaming Lips
9.    Beth Gibbons
10.   Lambchop
11.   L'Altra
12.   Solomon Burke
13.   interpol
14.   Coral


                                       2
                                   7
15.   Bruce Springsteen
16.   Steve Von Till
17.   Badly Drawn Boy ABOUT A BOY
18.   Tom Waits BLOOD MONEY
19.   Electric Soft Parade
20.   Libertines

- Buscadero:

1.    Bruce Springsteen
2.    Los Lobos
3.    Johnny Cash
4.    Van Morrison
5.    Tom Waits ALICE e BLOOD MONEY
6.    Steve Earle
7.    Solomon Burke
8.    Bob Dylan
9.    Willy De Ville
10.   Blasters
11.   Norah Jones
12.   Ryan Adams

- Rock & Folk:

1.    Queens Of The Stone Age
2.    Coldplay
3.    Libertines
4.    Vines
5.    David Bowie
6.    Red Hot Chili Peppers
7.    Interpol
8.    Oasis
9.    Audioslave
10.   Peter Gabriel
11.   Death In Vegas
12.   Prince RAINBOW CHILDREN
13.   John Spencer Blues Explosion
14.   Supergrass

--------------------------------------------------
- SEMPRE RINGRAZIARE GLI AMICI CHE INSISTONO / di Renzo Pietrolungo

A volte succede che una serie di circostanze non produca effetto fintanto che un elemento, a
volte casualmente non si incarichi di ricollegare le cose in modo che assumano una forma
significativa; mi è successo anche nell'occasione della mia scoperta di un artista italiano di
nome Marco Parente.

Le prime avvisaglie le avevo avute lo scorso anno in occasione di un concerto in Pistoia
che mi era stato consigliato ed al quale non ero andato un po' per scetticismo e un po'


                                         2
                                     8
per pigrizia. Invito glissato.

Poco dopo, la stessa persona mi offre di farmi una copia del primo album, ma io, impegnato
al tempo in numerosi "restauri" di concerti di Peter Gabriel, non avevo proprio tempo da
dedicare ad altre esperienze musicali.

Arriviamo all'inizio di quest'anno e di nuovo c'e' un concerto in zona...niente neanche
stavolta, però stavolta ricevo una recensione molto positiva da un amico di Bologna che
e' uno dei miei "pusher" di fiducia per quanto riguarda la scena musicale dei nostri giorni.
Comincio ad alzare le antenne.

Infine, in occasione della recente manifestazione per la pace in Roma, riesco fortunosamente
ad organizzare un incontro con un altro "pusher" romano che insiste per farmi ascoltare
i primi 2 album; e così,nei pressi del Colosseo, il mio incontro con la musica di Marco Parente
ha inizio.

L'amico romano mi magnifica il concerto che ha visto a Bologna insieme a 2 amici e i commenti
entusiastici si sprecano. Vabbe', prometto, lo metto in testa ai prossimi ascolti.
Le mie modalità di ascolto sono un po' particolari, a volte faccio degli assaggi sul pc in
ufficio dopo le 17.00 quando perlopiù rimango da solo, più spesso assaggio a casa e se il
suono e la musica mi catturano l'attenzione registro su MD per l'ascolto in auto ed infine
se ho voglia di riascoltare passo all'ascolto casalingo definitivo - complicato? ...già...
Cominciamo.

Metto uno dei 2 cd a caso...chitarra acustica ed elettrica distorta, parte la voce ed e'
un dramma...ci siamo...il solito sfigato dell'area fiorentina - stop - brano successivo
...bella ballata...bella strumentazione...voce meno tirata...testi interessanti...brano
successivo...ritmica densa...etno-elettronica...andiamo avanti...e così di brano in brano
sento aumentare la curiosità...va bene...merita un passaggio in auto... quello che ho
assaggiato per primo era in realtà il 2° album. Al 1° album, successivamente, non ho fatto
fare la stessa trafila e cosi' alternando i 2 cd Marco Parente mi ha fatto compagnia per
un paio di settimane...e mi e' venuto in mente un commento del mio amico romano "chissà
come mai uno così non se lo incula nessuno!!"...già...già perché i 2 album sono veramente
molto molto belli, il primo leggermente inferiore al secondo...la voce e' sincera anche
quando la metrica incespica e sbatacchia contro la ritmica oppure quando e' abbondantemente
filtrata, anche quando ci porta in paesaggi brumosi e nebbiosi o direttamente in un cespuglio
di rovi l'utilizzo di strumenti acustici (chitarra, violino, contrabbasso, piano) ed elettrici
  e' molto personale, anche la distorsione ed il rumore partecipano talvolta alla costruzione del
  suono e le melodie non sono mai banali, se per caso una ballata rischia di scivolare nel
consueto ecco che un‚agile colpo d'ala lo porta in un ambiente meno riconoscibile, con ritmiche
molto diversificate - si va da momenti di raffinato jazz a ballate folkeggianti...nel primo
album c'e' una gradevole apparizione di Carmen Consoli in un brano che inizia con un cantato
in portoghese, mentre nel secondo mi pare di riconoscere Cristina Donà.

Non mi rimane che andare a comprarmi il recente 3° album...il romano mi dice che e' bello
come gli altri... Una rapida occhiata in rete...qualche collaborazione...toh! ha suonato la batteria
ne
"L'Albero Pazzo" di Andrea Chimenti dove c'e' la collaborazione con David Sylvian...un
batterista?!


                                          2
                                      9
Mi capita poche volte in un anno di venire catturato da suoni originali, recentemente
mi e' successo con Sigur Ròs oppure con Fennesz o con Molvaer, con Jim O'Rourke e pochi
altri nonostante che mi passino tra le mani molti molti album - e in piu' stavolta non
c'e' bisogno di tradurre i testi.

Non ho idea se su ET qualcuno abbia in passato speso parole, recensito e/o ascoltato i
suoi album o lo abbia visto dal vivo, ma sento di dovere raccomandare caldamente almeno
l'ascolto del secondo album "Testa, dì cuore".

--------------------------------------------------
- SANREMO 2003: LE PRIME SERATE / di Gianni Galeota

... ma se c'e' una cosa che mi sono spergiurato, e' quella di non interloquire affatto con il
pippo, ognun per se' che fa per tre, e non mi va di nominarlo col suo nome invano. In
fondo in fondo se la parla lui da solo, se la disfa e se la canta, e quando mai che parla lui
di me?

Siccome questo e' dato, non mi ci allungo oltre, e lo sepolgo qua.

Sara' che quest'anno questo festival mi resta un po' intoppato nelle vene e nelle arterie,
tutte piene di iperlipemia che mi sono scoperto in abbondanza, dove in mezzo al sangue
ci corrono treni di panna grassa imbevuti di simpatici ateromi, molto poco adatti alla
mia verde eta', che vanno in su e in giu', sempre di piu', lungo binari di crema che mi ci
spuma nelle vene, e ci sogghigna dentro, quasi volesse farmi un bel dispetto spiritoso.

Sara' per tutta questa crema che mi ottunde la via della carotide al cervello, ma quasi
non riconosco la tivvu', e la scambio per una finestra aperta sul mondo bellissimo che ci
intoppa tutti dentro, come ateromi alle pareti delle arterie giovanili.

Me lo sono bevuto il mio cervello, sara' forse per questo, ma 'sto festival mi sembra un
gran Bel Bello, tutto lindo e senza guerre, tutto aperto sui siparietti che gli artisti in gara
mica gli fanno cantare le canzoni e basta. No, li fanno agire e raccontarsi, e nel racconto
viene fuori la stoffa, quando c'e'. Quando non c'e', allora viene fuori il Minghi.

(Ma Sergio Cammariere esce sul palco, e non nasconde un'emozione. Si guarda intorno
e quasi si spaura. Sotto i baffi ha tutta la musica del mondo, e nelle dita le note che
suona piano e forte. Si avvicina al pippo e lo saluta, affacciato al siparietto che gli
spetta. Ora suona Gershwin, e gia' sembra tranquillo).

Insomma, i siparietti: una novita' mica da poco, come quell'altra non da poco che la
gente se la guarda la tivvu', ma non su quel canale li'. Preferisce dinoccolarsi le dita sui
canali di quegl'altri, di quelli che non sono di sanremo, e guarda un po' che schifo che ci
fanno gli italiani. Preferiscono aprire altri sipari, che sistema poco avvezzo!
Telecomandano a numeri diversi da quell'Uno che accende il tuo Sanremo, quello che ti
fa stare in pace con il mondo, e che ti spegne anche la guerra.

Io non lo so perche', ma gli italiani preferiscono la guerra. E guerra sia. Il pippo spara
cinque serata al sapore dell'antrace, che ammorbano anche chi ateromi non ne ha, e ci


                                            3
                                        0
trasforma tutti in colitici, diabetici, afasici, trifasici, intronati. E ti spara un Dopofestival
che doveva essere pieno di sgarbi, ed invece ci sono solo gli sgarbati. Oppure gli stonati,
come quelli che sputano sulle giurie stando all'ultimo posto, oppure quelli che gli
sbavano addosso dall'altare del primo e del secondo.

(Ma Sergio Cammariere suona sul palco, e va ben oltre. Lui Sanremo la conosce, ma per
un altro palco, quello del Club Tenco che lo ha premiato non molto tempo fa. Il Club di
chi al Festival non c'e' mai andato e non ci vuole andare. Lui invece c'e' venuto, e si e'
portato Gershwin in gita di piacere).

In tempi di guerra non mancano i giovani lanciati alla trincea, che le giurie gli hanno
detto una roba tipo "te ne potevi stare pure a casa, senza di voi si vincono le guerre", e
magari qualcuno non c'e' rimasto mica bene. Ma insomma, in fondo la vetrina e'
garantita, anche se qualcuno l'ha rotta con la testa.

Per il resto, e' andato tutto per le lunghe, e meno male, perche' senno' ci toccava andare
a letto presto, piu' o meno quando suona il coprifuoco. Evviva per la novita' dell'anno,
che oltre al siparietto ci ha regalato un gradito ritorno, vale a dire il valido duo dei
fratelli Righeira, se qualcuno se li ricorda, vispi, brillanti e ballerecci come sempre, e
soprattutto molto giovanili, piu' giovani di chi arrancava giu' in trincea. Hanno fatto
carnevale con un ciuffo in testa, tutti ben tuffati nello smoking. Un vero spasso vederli
canticchiare un'aria fresca e senza smog, sorridendo come due vecchie volpi che non
tradiscono di essere ventenni. Bobby e Tony Righeira, per quel che ci riguarda,
dovrebbero vincere il trofeo di chi diverte.

(Ma Sergio Cammariere suona Gershwin nelle dita e nelle corde dei suoi baffi, mentre
Serena Autieri esce ad intonarlo con la voce, e quasi Cammariere puo' finalmente
ritirarsi nel suo guscio, fatto di note, di dita che sanno accordare orecchie e cuori, di
occhi spauriti, di faccia magra, di sorrisi appena appena, e di baffi corsari).

E poi quell'altra novita', quella si' che mi e' piaciuta assai, che quasi mi ha disciolto il
treno di grasso che mi sbuffa nelle vene: il ritorno delle sorelle Righeira, se qualcuno se
le ricorda, vispe, brillanti e ballerecce come sempre, e soprattutto molto giovanili, piu'
giovani di chi arrancava giu' in trincea. Hanno fatto carnevale con abiti da festa, e molto
luccicanti. Un vero spasso vederle ballucchiare, e cantare, e suonare le chitarre,
sorridendo come due vecchie volpi che non tradiscono di essere ventenni. Claudia e
Serena Righeira, per quel che ci riguarda, dovrebbero vincere il trofeo di chi ci alluzza.

Ma nel frattempo se ne vanno i giovani, e filano via lisci, come il sangue di chi non
soffre di ateromi. In evidenza la dodicenne travestita da trentenne, che chissa' a che ora
e' andata a letto, che questo ci interessa, e non ci fa dormire.

(Ma Sergio Cammariere adesso tocca a lui. Basta con Gershwin, si e' chiuso il siparietto.
Adesso tocca a lui. Il pippo gli va vicino e gli fa strazio dicendo che adesso tocca a lui.
Si alza in piedi, e' troppo magro, e non sa dove mettere le mani. Si guarda intorno, dice
appena un abbozzo di parola, tipo "E' un piacere trovarmi qui a Sanremo" e si fa silenzio
intorno. Le parole sono rotte, e passano a fatica, e' la gola che sta prendendo la
rincorsa).



                                             3
                                         1
Ma nel mondo del festival ci sono anche tutti gli altri, e tutti quei cantanti in gara venuti
a fare festa con le bombe. Avete mica visto le facce del Minghi battagliero che gli sputa
in faccia al Coccoluto presidente di giuria, che mica gli e' piaciuto di capitombolare giu'
fino in fondo alla trincea? Ma la Zanicchi ha fatto la signora, altra classe, da vera
ragazza del '99 richiamata al fronte.

E la guerra continua.

Dalla finestra sul mondo vedo la bomba di carta che scoppia a carnevale, le trombette, le
stelle ridenti, i coriandoli di sangue non versato, e per fortuna, mentre il mondo
s'impazza di sanremo, e tutti cambiano canale. Dall'altra parte c'e' di tutto: da ridere, da
piangere, perfino da pensare. Molti scelgono di ridere, di piangere e pensare, invece di
impazzare con la guerra di sanremo.

(Ma Sergio Cammariere inizia a cantare nel silenzio. All'improvviso cade un buio che si
accomoda in attesa, e che ci tiene il fiato. Nelle case, chi non ha scelto di tradire si
prepara. Inizia il canto insieme ad un accordo che il pianoforte avvia da solo, in piena
sintonia col suo compagno di viaggio. La voce parte insicura, ma piena di sicurezze sul
da farsi. L'orchestra la sorregge e l'accarezza. Chissa' perche', sembra spezzata ma
invece non lo e', anzi stranisce la sua solidita').

Io lo giuro, di avere sentito tutte fino in fondo le canzoni, o forse alcune le ho sognate.
Certo non e' stato un gran bel sogno vedere le due voci D'Angelo finire al piano terra,
sdoppiate come due anime a confronto che battono la bazza tutte e due, e nemmeno
vedere i saltellanti Eiffel capitombolare giu' dalla torre come chi non e' gradito.

Ma insomma, dico io, cosa vogliamo? Volgiamo gli occhi altrove, e guardiamo cosa il
mondo ci riserva, come una triste alternativa: Barbarossa che ci addorma con le zingare
sui ritmi non abbastanza tzigani da farle decollare, o la voce di Leali, che pure la lealta'
ci aggrada in bui tempi di guerra, ed anche in-Fausti come questi.

(Ma Sergio Cammariere intona una gracile preghiera, d'argilla con l'anima d'acciaio. Si
guarda poco intorno, a volte senza vedere niente, preferisce disegnare con le mani
partiture che nessuno vede, ma che tutti sentono svolazzare intorno, con ali di velluto
nero).

Ed ho sentito cose, giuro, senza dormirci dentro nemmeno una russata, che hanno fatto
impallidire vene e polsi densi di ateromi addormentati, tipo un'altra grande novita' che
mi e' piaciuta: il ritorno delle zie Righeira, se qualcuno se le ricorda, serie,
gorgheggianti e vocaliste come sempre. Hanno fatto carnevale con vocalizzi
d'eccezione, e per davvero molto roboanti. Un vero spasso vederle arrampicarsi sulle
note ardite, senza sbavare mai. Russo e Ruggiero Righeira, per quel che ci riguarda,
dovrebbero vincere il trofeo di chi una grande voce non basta a fare una canzone.

L'altra cugina vocalista d'Oxa l'hanno portata a far la guerra, ma siccome aveva perso
molto sangue si e' presentata candida, spompata, ed anche un po' depressa, che quasi
l'hanno mandata avanti a prendersi le bombe in faccia, e accada quel che accada.




                                           3
                                       2
(Ma Sergio Cammariere canta anche per altri, al posto di chi non c'e' potuto andare a
fare il festival di questa guerra sottotraccia, perche' di guerre ne ha gia' fatte tante, ed e'
un po' stanco. Tanto stanco da non alzarsi piu'. Voci di altri, di chi forse ci sarebbe stato
bene al festival dei vivi, ma che non ce l'hanno fatto entrare. A ben guardare ci sono
davvero, si avverte la presenza. Ce li fa cantare avanti a noi, per un'altra volta ancora,
anche stavolta intensi, seri come sempre, ma senza il lutto sulla faccia).

Abbiamo visto saltellare sulle mine una Syria dal nome che ci evoca una guerra soltanto
per il nome, che nel siparietto era fiera della sua mammita' senza pudore. E dalla
mamma il testimone della bomba a mano, gia' tolta la sicura, passa tra le dita
inchitarrate di chi ricorda un babbo, ma che non e' soltanto il suo. Cristiano De Andre' ci
apre il siparietto sui tempi di quando il babbo scriveva l'album insieme al De Gregori, e
di quando lui, bimbetto curioso, puntiglioso, e un po' saccente, gli gironzolava intorno a
far domande su domande. A lui gli scrissero alla fine una canzone come per dirgli togliti
via dalle balle, che si chiamava "Oceano". E lui la canta, e ci commuove. Poi chiude il
siparietto e canta la sua, che ci commuove meno.

Ma meno male che c'e' la coppia delle cugine Righeira, se qualcuno se le ricorda ancora,
dotate, vocianti come sempre, e mica male. Hanno fatto carnevale con singulti molto
ben gridati, e non lo dico perche' siamo in guerra. Un'ariosa soddisfazione vederle
sgolacchiarsi sulle note molto black, senza concedere mai nulla al troppo bianco. Alexia
e Lisa Righeira, per quel che ci riguarda, dovrebbero vincere il trofeo di chi una grande
voce puo' fare molto bene a una canzone.

Gli altri facciano pure con le acciughe, per avere la voce bella fresca e temperata, ma il
Britti preferisce schiarirla col caffe', magari potendo anche ingollarne settemila. Ruggeri
e la Miro', come due coniugi Righeira, prendono a schiaffi in bocca chi prende a schiaffi
il condannato a morte, e non ci provi piu'. In questi giorni da Caino ci fa bene ricordarlo.

(Ma Sergio Cammariere canta come Bindi, come Tenco. Dolente, febbricitante, intenso
come quello sparo all'Hotel Savoy di tanti anni fa, che nessuno ha sentito quella notte,
ma che tutti risentiamo ancora, e molto spesso. E lo risentiamo adesso, tra le note
scavate di quella voce che ci sta davanti, e che chissa' perche' sembra piu' forte di uno
sparo)...

             <----ELEPHANT-----TALK-----fine del numero 57---->




                                            3
                                        3

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:3
posted:10/10/2012
language:Latin
pages:33
suchufp suchufp http://
About