Docstoc

Panthera di Infracom, il primo ERP italiano certificato "IBM Ready for Pure System"

Document Sample
Panthera di Infracom, il primo ERP italiano certificato "IBM Ready for Pure System" Powered By Docstoc
					  Infracom, Panthera il primo ERP italiano certificato “IBM
                 Ready for Pure Systems”


Infracom orgogliosa di Panthera, eccellenza italiana in ambito gestionale,
primo ERP in Italia ad ottenere la prestigiosa certificazione IBM “Ready for
PureSystems”. “In qualità di partner IBM certificati PureSystems non solo
siamo in grado di offrire una soluzione integrata progettata per affrontare
le sfide più complesse dei nostri clienti – afferma Massimo Lippi, Direttore
Generale di Infracom Italia - ma offriremo loro anche l'opportunità di
aumentare il ROI, riducendo i tempi e i costi di sviluppo e di crescita del
business e sfruttando il 70% del budget IT attualmente dedicato alla
manutenzione degli attuali sistemi per l'innovazione.”




Panthera ERP, simbolo dell’eccellenza italiana in ambito gestionale, è il primo
ERP in Italia a poter esibire la prestigiosa certificazione IBM “Ready for
PureSystems”.

Pure Systems è la nuova piattaforma IBM di sistemi integrati che concretizza e
mette in pratica le logiche cloud computing, già strategiche per Infracom Italia
S.p.A proprietaria di Panthera ERP.

Questo risultato è il naturale riconoscimento delle capacità di innovare
e anticipare le tendenze di mercato di Panthera, a cui si aggiunge la sua
dimensione transnazionale che gli consente di servire i propri clienti in tutto
il mondo, qualità queste che hanno soddisfatto i criteri valutativi di IBM
nell’assegnazione del certificato.
“In qualità di partner IBM certificati PureSystems non solo siamo in grado di
offrire una soluzione integrata progettata per affrontare le sfide più complesse
dei nostri clienti – afferma Massimo Lippi, direttore generale di Infracom Italia
- ma offriremo loro anche l'opportunità di aumentare il ROI, riducendo i tempi
e i costi di sviluppo e di crescita del business e sfruttando il 70% del budget IT
attualmente dedicato alla manutenzione degli attuali sistemi per l'innovazione.”

Dopo aver completato un’impegnativa fase di test delle performance, Panthera
può ora esibire la certificazione “Ready for PureSystems”. I sistemi Pure
Systems integrano nodi di elaborazione, storage, networking e funzioni di
virtualizzazione e gestione in un unico sistema infrastrutturale, capace di
identificare tempestivamente le risorse necessarie all’ottimizzazione del data
center: ben si adattano così alla strategia Cloud di Infracom.




***
Infracom Italia Operatore italiano di telecomunicazioni, data center e ICT
outsourcing, ha la propria sede principale a Verona ed è presente, con 500
professionisti, in 14 città italiane, con centri di competenza a Milano, Firenze,
Roma ed Imola. Infracom Italia offre un’ampia gamma di servizi, coniugando
competenze, asset e capacità di innovare con soluzioni che vanno dagli
aspetti infrastrutturali ai servizi gestiti di rete e di data center, dalle soluzioni
di comunicazione integrata voce e dati alle soluzioni di cloud computing,
dalle soluzioni di outsourcing per i sistemi e le architetture informatiche
delle aziende fino al full ICT outsourcing. Infracom Italia possiede e gestisce
autonomamente 9.000 Km di rete in fibra ottica con copertura nazionale e 4
data center a Milano, Verona, Imola e Brindisi, per oltre 5.000 m2 di superficie
totale disponibile.


FONTE: Infracom

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Stats:
views:16
posted:10/4/2012
language:Italian
pages:3
Description: Infracom orgogliosa di Panthera, eccellenza italiana in ambito gestionale, primo ERP in Italia ad ottenere la prestigiosa certificazione IBM “Ready for PureSystems”. “In qualit� di partner IBM certificati PureSystems non solo siamo in grado di offrire una soluzione integrata progettata per affrontare le sfide pi� complesse dei nostri clienti – afferma Massimo Lippi, Direttore Generale di Infracom Italia – ma offriremo loro anche l’opportunit� di aumentare il ROI, riducendo i tempi e i costi di sviluppo e di crescita del business e sfruttando il 70% del budget IT attualmente dedicato alla manutenzione degli attuali sistemi per l’innovazione.”