Attuazione dello Screening Colorettale - GISCoR - Gruppo Italiano by z8OBCl

VIEWS: 4 PAGES: 33

									            CARCINOMA DEL COLON RETTO
                 SCREENING REGIONALE


  “Il modello organizzativo della Regione Umbria”




                  Congresso GISCoR 2011
                   Perugia, Sala dei Notari
                        6-8 ottobre 2011
                Basilio Ubaldo Passamonti
Direttore UOC Diagnostica di Laboratorio Az. USL n2 Perugia
                                                              1
                  FASI DEL PERCORSO




1.   CAMPAGNA INFORMATIVA;
2.   INDIVIDUAZIONE DELLA POPOLAZIONE BERSAGLIO;
3.   GESTIONE INVITI;
4.   PERCORSO I° LIVELLO, ESECUZIONE DEL TEST;
5.   PERCORSO II° LIVELLO DIAGNOSTICO, TERAPIA E F-UP;
6.   MONITORAGGIO DELLA QUALITA’;
7.   COINVOLGIMENTO DEL MMG.

                                                         2
  1) CAMPAGNA INFORMATIVA: AZIONI PREVISTE




PROMOZIONE: IDENTIFICATIVI DELLA CAMPAGNA, LA GRAFICA,
PUBBLICITA’ SUI MEDIA, SITI INTERNET AZIENDALI;

INFORMAZIONE: INVITO, DEPLIANT, MEDIA, STAMPA LOCALE,
 PERIODICI DI COMUNI, SITI INTERNET, CONFERENZE STAMPA;

FORMAZIONE: FARMACIE, CENTRI DI SALUTE E MMG;



                                                          3
               DGR N. 45 DEL 12/01/2006
           CONVENZIONE CON POSTE ITALIANE:


CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PROGETTATA DALLA REGIONE E
   PRODOTTA DA POSTEL SECONDO I SEGUENTI STEP:


1. PRODUZIONE DI DEPLIANTS;
2.    PRODUZIONE DI ESPOSITORI PER I DEPLIANTS INVIATI A MMG,
     FARMACIE,UFFICI POSTALI, AASSLL ED Az. OSPEDALIERE;
3.   PRODUZIONE DI MANIFESTI.


                                                                4
2) INDIVIDUAZIONE POPOLAZIONE BERSAGLIO:
UOMINI E DONNE RESIDENTI DI ETA’ 50-74 ANNI


         UMBRIA: 262406

 Az.USL n.1:    34.584;
 Az.USL n.2:   102.845;
 Az.USL n.3:    52.313;
 Az.USL n.4:    72.664.

                                              7
                  DI COSA DISPONIAMO


   ANAGRAFICA REGIONALE “DINAMICA” DEGLI ASSISTITI
    PROVVISTA DI CODICE FISCALE
   AGGIORNAMENTO CON LE ANAGRAFI COMUNALI
   AGGIORNAMENTO MENSILE DEI TRASFERITI E DECEDUTI;
   COLLEGAMENTO ALLE SDO ED AL CUP (colonscopie
    spontanee);
   AGGIORNAMENTO QUOTIDIANO TRAMITE COLLEGAMENTO
    AL LIS DEL DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA CLINICA
    AZIENDALE E DELL’AZ.OSPEDALIERA DI PERUGIA, DEI FOBT
    SPONTANEI.

                                                           8
                     EVOLUZIONE DEL SOFTWARE


Gli applicativi Demetra ed Athena (WEB) sostituiscono il software della società G.S.I
che da qualche anno ormai è stata acquistata dalla società di informatica Noemalife




                                                                                    9
      FLUSSO DEI DATI NELLA RETE INFORMATICA




  Demetra ed Athena colloquiano fra di loro e fanno riferimento ad un
                                                                   U.O. Citologia



  unico database e ad un’unica anagrafica (regionale degli assistiti )
ciò vuol dire che tutti condividono in tempo reale le stesse informazioni.
                                                                                10
3) GESTIONE INVITI: CARATTERISTICHE DELL’UMBRIA




▪ PREVALENTEMENTE MONTUOSA, POPOLAZIONE A BASSA
 DENSITA’, DISTRIBUITA IN UN TERRITORIO COSTITUITO DA
 DUE PROVINCE CON AMPIO BACINO DI UTENZA;


▪ VIE DI COMUNICAZIONE POCO VELOCI;

▪ ETA’ DELLA POPOLAZIONE TARGET.

                                                        11
12
            DGR N. 45 DEL 12/01/2006
       CONVENZIONE CON POSTE ITALIANE


        INVIO DEL KIT AL DOMICILIO:
▪ LETTERA DI INVITO PERSONALIZZATA E FIRMATA DAL
  MEDICO DI MEDICINA GENERALE e RESPONSABILE
  SCREENING;
▪ KIT PER PRELIEVO;
▪ OPUSCOLO INFORMATIVO;
▪ BUSTA DI RITORNO PREAFFRANCATA E INDIRIZZATA
  AL LABORATORIO, PERSONALIZZATA CON CODICE A
  BARRE (CODICE FISCALE E DATA DI INVIO DEL
  LOTTO).
                                                   13
14
15
16
             3) GESTIONE INVITI: LE RELAZIONI.



    PREDISPOSIZIONE MENSILE DEI CALENDARI, SPEDIZIONE
    SETTIMANALE DEGLI INVITI AGGIORNATI SECONDO LE
    INFORMAZIONI OTTENUTE TRAMITE:
    ANAGRAFICA DINAMICA;
   COLLEGAMENTO AL LIS DELLA PATOLOGIA CLINICA AZIENDALE
    ED OSPEDALIERA;
   RECUPERO TRIMESTRALE DEI DATI CUP RELATIVI ALL’ATTIVITA’
    DEL II°LIVELLO DIAGNOSTICO (colonscopie spontanee);
   RECUPERO DATI ISTOLOGIE DA “ATHENA”.

                                                           18
               DGR N.45 DEL 12/01/2006
            CONVENZIONE CON POSTE ITALIANE




   PRODUZIONE ED INVIO KIT;
   RACCOLTA DELLE PROVETTE ENTRO LE 48 ORE E CONSEGNA AL
    LABORATORIO;
   ATTIVAZIONE DEL PORTALE PER INVIO DEI REFERTI NEGATIVI AL
    CITTADINO.



                                                            19
             DGR N. 45 DEL 12/01/2006
        CONVENZIONE CON POSTE ITALIANE:



PERCHE’ POSTE italiane?
PERCHE’ SERVIZIO UNIVERSALE!
La scelta si è basata sull’esigenze della nostra Regione, alla luce
degli obiettivi dello screening, di raggiungere tutta la popolazione
a rischio in ogni suo punto.
L’adesione condiziona in modo diretto l’efficacia dello
screening in termini di riduzione di incidenza e di mortalità ma
anche di costi sostenuti per l’intera operazione.                    20
             VANTAGGI PER IL CITTADINO



    RICEVERE IL KIT NELLA PROPRIA ABITAZIONE EVITANDO:

▪ SCOMODI SPOSTAMENTI;
▪ PERMESSI LAVORATIVI PER RITIRARE IL KIT;
▪ ORARI LIMITATI DEI LABORATORI, CENTRI DI SALUTE E
  FARMACIE; CASSETTE POSTALI SEMPRE DISPONIBILI!
▪ ATTESE NEGLI AMBULATORI DEI MMG;
▪ POSSIBILE IMBARAZZO DOVUTO AL TIPO DI ESAME;
▪ RISPOSTA DELL’ESAME IN TEMPI BREVI A CASA (7gg).
                                                         21
              VANTAGGI PER LE AZIENDE




▪ RAGGIUNGIMENTO CAPILLARE DI TUTTA LA POPOLAZIONE;
▪ RISPARMIO DI PERSONALE   E RAZIONALIZZAZIONE DEI COSTI;

▪ REALIZZAZIONE DI UN RAPPORTO “INDIRETTO”   TRA LA
 STRUTTURA SANITARIA E LA POPOLAZIONE.


                                                            22
  Gara per la fornitura di sistemi di prelievo, di diagnostici e di relativa Strumentazione
  in service per lo screening del colon retto occorrente alle ASL della Regione Umbra.
                        GARA 2006          GARA 2009
  Periodo fornitura      biennale         quadriennale             SPESA USL 2
  Test annui           60.000/anno        60.000/anno                ANNUALE
  richiesti              completi           completi          1,34*39000 = 52.260,00
                                                             0,61*210000 = 12.810,00
  Prezzo per test        2,01 euro          1,34 euro
  Prezzo flacone di      1,18 euro          0,61 euro
  prelievo
  Prezzo altri           0,58 euro          0,60 euro     TOT. 60.000 PZ=euro 65.070,00
  reagenti (Latice e
  Buffer )
                                                            Costo cittadino = euro 1,08
  Prezzo, STD,           0,25 euro          0,13 euro
  Controlli e
  consumabili
€ 1,34/costo per “test FOBT completo” esguito;
€ 0,61/flacone prelievo non restituito;
€ 1,08/costo MEDIO cittadino invitato;
€ 2,46/pro capite = costo preparazione e spedizione plico; preparazione e
  spedizione risposta; busta di ritorno (Da contratti);
€ 3,54 = COSTO MEDIO MATERIALI I° LIVELLO;
€ 1,85 = COSTO MEDIO PERSONALE COMPLETO;
€ 5,39 COSTO MEDIO I° LIVELLO COMPLETO
         4) PERCORSO DI I° LIVELLO E
       CARATTERISTICHE DEL TEST FOBT


▪ REAZIONE Ag - Ab monoclonale;

▪ REAZIONE SPECIFICA CHE NON SUBISCE INTERFERENZA DA
  CIBO, DA SOSTANZE CON ATTIVITA’ PEROSSIDASICA, DA Hb
  ANIMALI, NE’ DA SANGUINAMENTI CHE NON SIANO DI
  PROVENIENZA COLICA.

▪ REAZIONE AVVIENE SOLO CON L’Hb INTEGRA.


                                                     25
        IL FLACONE DI PRELIEVO DEL CAMPIONE




Il prelievo del campione fecale è importante perché:
 Deve essere igienico sia per          il cittadino che per
  l’operatore
 Deve essere in grado di standardizzare il materiale
  inserito
 Deve stabilizzare l’Hb nel tempo (almeno 6gg)
 Deve essere di facile uso (a prova di errore)
 Deve richiedere minimo impegno per il cittadino
 Deve facilitare il riconoscimento del cittadino              26
          Scelta intervallo biennale ad “1” campione

      Intervallo di     Sensibilità              N.campioni      Specificità
      tempo anni          %                                         %

          1                 89                      1               96

          2                 87                      3               84



       Vantaggio marginale per un costo doppio
       Ant. diagnostica non inferiore a 2 anni           Caduta di specificità

Castiglione ed altri: J.Cancer Prev.2004; Br.J.Cancer 1996; J. Of Med.Screening 1997
                                                                                   27
                    INVIO A DOMICILIO DEL TEST


               SI (esegue test)
                                                             NO       RICHIAMO
  CONSEGNA TEST                                                       A SEI MESI
                            RECUPERO SPONTANEI                        NO
   LABORATORIO
                                                              PORTALE DEI MMG

NEG                          POSITIVO
 CONTROLLO           INADEGUATO                       II LIVELLO           POSITIVO
  A DUE ANNI
                                                            NEG
     Ritiro test presso           Esclusione dall’invito per 5 anni
  Farmacie,Centri Salute,            poi rientro nello Screening           Follow -up
 5) II° LIVELLO GESTIONE DEL PAZIENTE POSITIVO
                   AL TEST DI SCREENING


  INVIO AL PAZIENTE DEL REFERTO POSITIVO CON ISTRUZIONI PER
  LA PREPARAZIONE INTESTINALE ED INVITO A RIVOLGERSI AL
  PROPRIO MMG PER LA PRESCRIZIONE DI:
■ ESAME COLONSCOPICO;
■ FARMACI PER LA PREPARAZIONE (MODALITA’ FORNITE AI MMG);
■ ESAMI (PROFILO EMOCOAGULATIVO,CHE, CPK, EMOCROMO);
■ INFORMAZIONE ESAME II° LIVELLO e COMPILAZIONE DEL
  QUESTIONARIO (procedura, complicanze).

                UTILIZZANDO IL CODICE D04

                                                          29
        6) MONITORAGGIO DELLA QUALITA’
                 DGR 630 DEL 30/06/2008


COSTITUZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DI COORDINAMENTO
REGIONALE PER I PROGRAMMI DI SCREENING CHE:
1. HA ELABORATOUN ELENCO DI INDICATORI (GISCoR) PER
   MONITORARE A LIVELLO REGIONALE LO SCREENING;
2. HA ATTIVATO IL CONTROLLO DI QUALITA’INTERNO ED ESTERNO
   EFFETTUATO DAL LABORATORIO;
3. HA CONSOLIDATO IL RAPPORTO SISTEMATICO E CONTINUO CON
   IL REGISTRO TUMORI UMBRO DI POPOLAZIONE (RTUP) PER LA
   VALUTAZIONE DEL PROGRAMMA (STUDIO IMPATTO).


                                                        30
     7) COINVOLGIMENTO DEL MEDICO DI MEDICINA
                  GENERALE


PER FACILITARE L’ATTIVITA’ DI RINFORZO DA PARTE DEL MMG
NEL FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE DEGLI ASSISTITI ALLO
SCREENING, L’ADESIONE AL I°LIVELLO E’ DISPONIBILE E
CONSULTABILE IN CONTINUO DA PARTE DI CIASCUN MEDICO
NEL PORTALE MMG AD ACCESSO RISERVATO IN CUI E’ STATA
CREATA UNA SEZIONE DEDICATA.

          (https://medici.ausl2.umbria.it/)


                                                          31
I risultati della ricerca sono ordinati per codice fiscale dell’assistito e per data
dell’evento (che puòessere un invito oppure un esame effettuato).
Se l’esito fobt risulta positivo, la corrispondente linea sarà evidenziata di rosso.




                                                                                  32
   IL NUMERO TELEFONICO UNICO CHE
RISPONDE ALLE DOMANDE DEL CITTADINO



                                      33

								
To top