Inside Cover or Main Title Page, with Logo (add carriage return if by eprITM4m

VIEWS: 0 PAGES: 31

									"Dalla valutazione degli apprendimenti alla valutazione di
          sistema nell'ottica del Bilancio sociale



                          Angelo Paletta
                     Dipartimento di Scienze aziendali
               Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
                         angelo.paletta@unibo.it
                         Phone +39 0512098100
                            Fax +39 051246411




                Riccione, 24 marzo 2011
              Lo scenario

• Domanda di maggiore qualità, integrazione,
  personalizzazione dei servizi formativi
• Riduzione delle risorse statali
• Maggiore competizione nell’attrazione delle
  risorse
• Spinta verso la sussidiarietà orizzontale
• Test-based Accountability
• Evidence-based education
Decreto legislativo 150/2009, emanato in attuazione della legge 15/2009

               Responsabilità dei risultati
    Qualità
    Produttività
    Trasparenza/rendicontazione
                                                          Monitoraggio e eventuali
                                                            interventi correttivi




           Collegamento tra gli obiettivi e
              l'allocazione delle risorse
                                                                b
                                                                                      c

       Definizione e assegnazione                                        f
      degli obiettivi, dei valori attesi
                                                                    Rendicontazione
        di risultato e dei rispettivi                a                                    Misurazione e
                  indicatori                                                                valutazione
                                                                                      d        della
                                                                                           performance,
                                                                                          organizzativa e
        Utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri
                                                                     e                      individuale
                  di valorizzazione del merito
                               Brunetta!
• Che cosa dobbiamo intendere per “performance” della scuola?
• Quali metodologie e strumenti abbiamo a disposizione per misurarla, se
  effettivamente possiamo misurala?
• Chi contribuisce a produrre la performance: gli studenti, le famiglie, i singoli
  docenti, i gruppi, la scuola, il sistema, oppure tutti questi attori insieme e
  contestualmente? E come conseguenza, chi ne porta le responsabilità?
• Possiamo fare riferimento a “standard definiti a livello nazionale e
  internazionale”? E se si che cosa ci può dire e che cosa potrebbe nascondere, la
  conformità a tali standard?
• E’ opportuno legare al raggiungimento della performance incentivi ad alto
  contenuto opportunistico, come sono quelli finanziari e materiali, a titolo di
  premio/punizione per dirigenti e docenti?
• Se le scuole devono rendicontare la performance, esiste un modello comune di
  riferimento per rispondere alle diverse attese e per rendere possibile la
  comparabilità delle scuole?
        Alcune questioni chiave…
• Coniugare accountability e miglioramento delle
  pratiche educative
• Promuovere una cultura organizzativa evidence-
  based
• Sviluppare un sistema di management e
  leadership socialmente responsabile
Sistemi di accountability
Quasi-mercati
Quasi mercati e rendimenti scolastici
          degli studenti
I rapporti scuola-famiglia all’interno
  dei nuovi sistemi di accountability
In Italia
Accountability e incentivi per il
    personale della scuola
Un sistema equilibrato di incentivi
       intrinseci/estrinseci
                           Il Bilancio Sociale

• Il Bilancio sociale può essere definito come un processo volontario
  attraverso il quale un’organizzazione, pubblica o privata, profit e
  non profit, valuta e comunica agli stakeholder, risorse, scelte
  risultati in rapporto alla missione, alla visione ed ai valori etici posti
  a fondamento dell’attività istituzionale.
• Il Bilancio sociale presuppone il concetto di responsabilità ed il
  dovere di coinvolgimento a tutto campo degli stakeholder ,
  dall’analisi dei bisogni e delle aspettative alla costruzione del
  consenso intorno alle scelte, fino al monitoraggio ed alla
  comunicazione dell’effettiva creazione di valore.
    Gli SCOPI e le OPPORTUNITA’ del
            bilancio sociale
•Scopo 1 – Promuovere un senso diffuso di responsabilità per dimostrare
l’impegno alla sostenibilità della missione educativa e per accrescere la
legittimazione sociale della scuola e del personale nei confronti di tutti gli
stakeholder, interni ed esterni.
•Scopo 2 - Creare le condizioni reputazionali rispetto a richieste di fondi
(fund raising) che le scuole già da tempo avanzano alle famiglie e ad altri
stakeholder e che per il futuro rappresenta un tema centrale di sviluppo della
scuola a causa della riduzione di finanziamenti pubblici .
•Scopo 3 - Favorire il coordinamento interistituzionale sulle politiche di
sviluppo locale a base territoriale, facendo del bilancio sociale uno
strumento di governance per dialogare con i molti interlocutori sociali che
condividono con la scuola tali responsabilità.
•Scopo 4 - Portare a sistema esperienze in molti casi già avviate in merito ai
sistemi di gestione della qualità e all’autovalutazione di istituto,
riconoscendo nel bilancio sociale l’epilogo di un ciclo unitario di gestione
della performance scolastica.
       Cosa non è il bilancio sociale
Non sono rispettate le condizioni essenziali della filosofia
della rendicontazione sociale se l’istituto scolastico non è in
grado di:
1.definire la propria identità istituzionale e gli obiettivi
strategici perseguiti

1.comunicare agli stakeholder gli obiettivi della scuola e i
suoi risultati

1.tener conto del punto di vista degli stakeholder, interni
ed esterni, e costruire un’autentica condivisione sugli scopi
della scuola e sulle sfide del cambiamento
segue
1. rendicontare gli apprendimenti degli studenti anche in
   relazione ai dati forniti dal sistema nazionale di valutazione

1. rendicontare le risorse economiche e finanziarie sulla base
   dell’anno scolastico, coniugando il ciclo amministrativo delle
   entrate e delle spese con le scelte didattiche ed
   organizzative assunte dalla scuola

1. bilanciare le risorse disponibili sull’anno scolastico con la
   visione strategica della scuola, rendendo leggibili le risorse
   rispetto alle scelte e ai risultati
                         6 snodi cruciali

1. Dal generale progetto educativo      4. Dagli obiettivi strategici alla
   (POF) ai concreti obiettivi              decisione intorno ai progetti e alle
   strategici perseguiti dalla scuola       specifiche iniziative e azioni che
   alla luce delle                          segnano l’operatività didattica,
   minacce/opportunità esterne e            organizzativa e amministrativa della
   delle forze/debolezze interne            scuola (piano delle attività)
2. Dagli obiettivi strategici alla      5. Dagli obiettivi strategici
   definizione di indicatori di             all’allocazione delle risorse
   performance per la misurazione           (budgeting)
   degli obiettivi                      6. Dalla misurazione dei risultati
3. Dalla misurazione degli obiettivi        all’analisi degli scostamenti rispetto
   alla definizione dei target              agli obiettivi (collegare obiettivi,
                                            risultati e risorse)
  Il sistema di misurazione della performance


 Un indicatore non è una statistica. Un indicatore misura un obiettivo
 Un singolo indicatore o un insieme di dati, raramente possono fornire
  utili informazioni intorno ad un fenomeno cosi complesso come
  l’educazione e la sua qualità (Shavelson e altri, 1991).
 Un sistema non è una semplice raccolta di indicatori, ma misura distinti
  elementi e fonisce informazioni su come i singoli elementi interagiscono
  per produrre determinate condizioni di funzionamento del sistema
  (Jonen & Nielsen, 1994).
 La conoscenza fornita da un sistema di misurazione è maggiore della
  somma delle informazioni fornite dai singoli indicatori (Ogawa, Collm,
  1998).
La crescita di valore aggiunto della scuola
Progressione di competenze per livelli                                                           Progressione di competenze per livelli
(dati lordi effettivi)                                                                           (standard predittivo di valore aggiunto)




                     1,3%           0,4%                                                                                              1,3%

                                     4,2%               -0,9 (L6) -3,5 (L5) - 5,2 (L4)
                                                                                                                                      7,7%
                                                                  = - 9,6%


                                    15,1%                                                                                            20,3%

                                                                    Gap
                                                                  di valore
                                    27,4%                                                                                            27,4%



                                    27,6%                                                                                              24%
                                                       +3,6 (L2)+3,9 (L1) +2,1 (L0)
                                                                 = + 9,6%

                                      18%                                                                                            14,1%
                 10%


                                      7,3%                                                                                              5,2%


Fonte: A. Paletta, Scuole responsabili dei risultati. Accountability e bilancio sociale, Il Mulino, Bologna 2011
CONCLUSIONI

								
To top