Storia della musica Lezione 3 by d9n1aQO

VIEWS: 8 PAGES: 23

									                         Storia della musica
                              Lezione 3

                       La riproduzione del suono
►   Automazione, perforazione e player piano.

►   Fonografo, grammofono e royalties.

►   Nascita dell’industria discografica.

►   Musica registrata ed evoluzione dei supporti musicali.

►   Audiocassette, sistema Dolby e ascolto in macchina.

►   Compact Disc ed industria pirata.

►   Video clip come incontro tra tecnologia discografica e televisiva.
            Musica e civiltà automatiche

► Primadegli anni
 Novanta è
 inconcepibile sentire
 musica senza vederla.

► Ascesa delle classi
 borghesi nel 600:
 invenzione del
 concetto di pubblico e
 di spazi appositi per lo
 spettacolo.
                     Gestazione del fonografo

Sei secoli di gestazione:
► Medioevo: alberi artificiali fatti di
   metalli preziosi con uccelli che
   cinguettano, organi a cilindro).

►   Rinascimento: automatismo e
    moda culturale, bambole,
    marionette ed androidi,
    Athanasius Kircher (1660) e la
    sua Arca musarithmica per
    comporre musica.

►   Illuminismo: gli automi di
    Jacques de Vaucanson (1738) e
    Jaquet-Droz (1770).
Antesignani del fonografo
              Tecnologia della perforazione

► Evoluzione del vecchio pianino meccanico: il player piano
  (piano automatico), gamma di ottave di un pianoforte
  normale, si può intervenire sull’espressione tramite leve,
  pedali, e volani.
► Impotenza umana e possibilità tecniche: la perforazione è
  in grado grazie al rullo perforato di suonare musiche
  inaccessibili a qualsiasi pianista (fino a 30 tasti
  simultaneamente)
► Messa in commercio: The Pianola (1899)
► Ultimi sofisticati strumenti: reproducing piano, riproduzione
  di una particolare versione dei brani tramite sfumature
  dinamiche ed azionamento dei pedali.
► Sedotti dalla perforazione: Busoni, Rachmaninov e
  Stravinskij
Player Piano e reproducing piano
        Musica riprodotta:il brevetto del fonografo

►   Thomas Edison: 19
    febbraio 1878, registrato e
    riproduttore di suoni
    manuale.
►   1888: talking machine,
    versione elettrica del
    fonografo utilizzata per il
    mondo della musica.
►   Limiti: gamma dei suoni
    catturabili ridotta, due
    minuti per cilindro e
    impossibilità di produzione
    su grande scala dei cilindri
    preregistrati.
 Grammofono a disco: nascita delle royalties e delle
               case discografiche
►   1887: Emile Berliner, duplicazione all’infinito del master originario e
    apertura del mercato delle royalties che si sovrappone a quello dei
    diritti d’autore.

►   Nasce l’industria discografica:

America
(Columbia, 1897);
(Victor Talking Co., 1901)
Inghilterra
(Grampohone Co., 1898)
Francia
(Pathè Frères, 1897)
Germania
(International Zonophone, 1901)
Italia
(Polyphon, 1901)
    Diffusione ed edizioni complete: nascita di un nuovo mass medium


► Stati Uniti: oltre 150 mila fonografi venduti
► Pubblicazione dei singoli movimenti delle sinfonie più note:
  versioni troncate, abbreviate e riarrangiate per banda
► 1913: escono le prime edizioni complete, violini ridotti a
  sei, viole a due, niente timpani, contrabbassi, via i
  pianissimo ed i fortissimo.
► Limitazioni tecniche della riproduzione della voce: la musica
  su disco è per lo più strumentale (ragtime, marce,
  ballabili).
► Caruso ovvero la prima pop star moderna: tra il 1906 e il
  1921 incasserà due milioni di dollari
     I primi grandi successi della musica riprodotta

►   Stephen Foster: Old Folks at Home, 130 mila copie (10
    mila in buono vendita).

►   Charles Harris: pubblicazione della ballata After the Ball, 5
    milioni di copie.

►   Superamento del mercato degli spartiti: White Christmas
    (Irving Berlin), a cinque anni dalla pubblicazione (1942)
    vende 3 milioni di spartiti e 5 milioni di dischi.

►   La versione di Bing Crosby supererà i 130 milioni di copie.
 La musica registrata:diffusione del disco nel mondo

► Crescitadelle case discografiche e delle filiali nella
  prima Grande guerra: tre compagnie dominanti nel
  1912, 46 nel 1916.

       e nuove terre fertili: Sud America e Cina,
► Filiali
  bazaar dell’Asia Centrale.
          Registrazioni elettriche e radio

► 1924: introduzione della registrazione elettrica,
 estensione della soglia uditiva a 5000 Hz, aumento
 del volume d’ascolto e miglioramento della qualità.

► 1922: in America la radio entra in competizione
 con i dischi, ed innalza senza precedenti il
 consumo musicale.
                 Prime star della pop music

►   Al Jolson (1886-1950),
    incisione di Carry Me Back
    to Old Virginny, supera il
    milione di copie.

►   Norvegia, Irlanda, Malesia
    e Turchia: mercato in
    rapida ascesa.
Depressione e juke-box

            ►   Anni della Depressione: il film
                sonoro e la radio rimpiazzano i
                dischi troppo cari.
            ►   13 milioni di pezzi all’anno: il
                juke-box è introdotto su vasta
                scala negli anni 30.
            ►   Record assoluto della prima
                Guerra: Beer Barrel Polka
                (Andrew Sister), 300 mila copie.
            ►   Il musical Oklahoma! (1943), 1
                milione e 300 mila copie.
            ►   Nel 1947 i dischi venduti negli
                Usa sono 400 milioni, 3 milioni e
                mezzo i giradischi portatili.
            ►   In Europa l’austerità tiene basse
                le cifre fino ai tardi anni
                Cinquanta
     Nastro magnetico, Long Playing ed alta fedeltà

►   Nastro magnetico, brevettato nel 1935, commercializzato nel 47:
    nuova estetica del suono, non si deteriora con l’uso, può essere
    tagliato, rimontato (mentre un disco rotto è da buttare).

►   Nel 48 la Columbia lancia il disco microsolco (Long Playing), 23 minuti
    per facciata.

►   Tecnologia in vinile: messa da parte della gommalacca, modernità del
    disco, riproduzione senza interruzioni e qualità sonora senza confronti.

►   Nascita dell’alta fedeltà: macchine che riproducono tutto ciò che
    l’orecchio è in grado di ascoltare.
Estetica del disco
       Supporti e forme: tra canzonetta e classica

►   Formato “canzonetta”: 45 giri microsolco, divisione tra
    album e singoli, due modi diversi di consumare musica.

►   Le case discografiche negli anni 50 aumentano a 200.

►   Ambito classico: il disco stereofonico (1956), perfetta
    simulazione delle condizioni di ascolto reali di una sala da
    concerto.

►   Laboratori Bell e Leopold Stokowski (Fantasia, 1940).
 Registrazione stereofonica:dalla presa diretta alla perdita di
                          originalità

►   Prima il suono era emanato da
    una singola fonte: la
    registrazione stereofonica è
    immersione nei suoni.

►   Stereofonia e nastro magnetico:
    fase adulta del grammofono
    (distinta in due momenti)

1)Riproduzione perfetta.

2)Arte dei suoni prodotti e miscelati
   in studio.
                    Audiocassetta, Dolby e CD

►   Consumo più disinvolto: mercato delle audiocassette (1963) con
    relativo lettore portatile.

►   Sistema Dolby: riduzione del fruscio, e competizione tra cassetta e
    disco.

►   Un nuovo spazio musicale: l’ascolto in macchina.

►   Industrie pirata a basso costo:rivoluzione commerciale in Asia e Stati
    Arabi.

►   Ultima frontiera della musica riprodotta: il Compact Disc e la scrittura
    digitale (1982), sostituzione completa del vinile in una quindicina di
    anni.
Audiocassetta, Dolby e CD
    Album più venduti: prima del pop, classica,jazz, pop/rock


►   Colonna sonora de “The Sound of Music” (1965), 15 milioni
    di copie.

►   Concerto n°1 di Cajkovskij, 15° posto nella hit parade degli
    anni 50, 1 milione di copie.

►   I tre tenori (Carreras-Pavarotti-Domingo), 4° posto nel
    1994.

►   Koln Concert di Keith Jarret.

►   Thriller di Michael Jackson, oltre 45 milioni di copie.
                       Tecnologie di fine 900

►   Evoluzione verso una specializzazione dell’ascolto.

►   Video-clip: filmato promozionale costruito attorno ad una canzone,
    incontro tra discografia e televisione.

►   Walkman: riproduttore a cassette portatile che permette di cucirsi
    addosso una colonna sonora.

►   Karaoke: macchina per cantare su basi preregistrate, cultura del pub e
    cultura dello schermo televisivo.

►   Diffusione di musica tramite Internet:personalizzazione dell’ascolto,
    poter ordinare la propria compilation, scelta dei brani, ascolto gratuito
    di alcuni estratti prima dell’acquisto.

►   Era della perdita della fedeltà: formati compressi e velocità di
    download, linea telefonica e server di scambio dati, Emule e la
    possibilità di trovare facilmente ogni discografia che è collegata al
    momento.
LP CD Ipod

								
To top