Docstoc

Slide 1 - Ambasciata dItalia in Angola.ppt

Document Sample
Slide 1 - Ambasciata dItalia in Angola.ppt Powered By Docstoc
					Investire in Angola


  AMBASCIATA D’ITALIA A LUANDA
              2011
                Tappe fondamentali


Pace nel 2002, dopo lunghissima guerra civile di 27 anni




      Nuova costituzione nel gennaio 2010, che istituisce una
      repubblica presidenziale/parlamentare




            Prossime elezioni legislative - presidenziali nel 2012
                 Contesto economico


PIL di 103 miliardi $ (est. 2011)




       18 milioni di abitanti




               43% della popolazione sotto i 15 anni




                       Forza lavoro di 7 milioni di persone
                         Contesto economico

Esportazioni                                    Bilancia commerciale
                                                2008-2011 (% crescita)
   Petrolio greggio
   Diamanti
   Prodotti derivati del petrolio raffinato
   Caffè                                      15
   Prodotti ittici
                                               10
   Legname
                                                5                                     EXP
Importazioni                                                                          IMP
                                                0
   Macchinari e apparecchiature
    elettriche                                  -5
   Veicoli
   Pezzi di ricambio                          -10
   Medicinali
   Alimentari
   Prodotti tessili                                 Fonte: EIU Country Report 2011
                  Punti forti del Paese


Sistema democratico


  Assenza di conflitti sociali, nonostante squilibri visibili


     Notevole stabilità politica


        Forte presenza cattolica (oltre il 50% della popolazione)


           Dirompente crescita economica
            Punti forti del Paese

                     Angola: PIL reale
                         (variazioni percentuali)
25

20

15

10

 5

0
     2006        2007           2008           2009           2010      est. 2011
            Fonte: EIU Country Report – Annual data & forecast (2011)
             Punti deboli del Paese


2009-2010: notevole crisi di liquidità (intervento del FMI con
uno stand-by agreement del valore di 1,4 milioni $)



   2009-2010: accumulo di debiti privati con imprese straniere
   fino a circa 6,5 miliardi $ (quasi interamente ripagati)




      Eccessiva dipendenza dal petrolio (75% delle entrate)
             Punti deboli del Paese


Inflazione intorno al 13%



    Residui di inefficienza amministrativa e corruzione



        Squilibri sociali



            Altissimi costi per avviare un’attività economica
       Fattori economici incoraggianti

Generale clima di fiducia, o euforia



     Resoconti positivi da parte di FMI e BM



          Petrolio e gas liquido (Soyo, Progetto LNG)



               Superamento della crisi di liquidità


                    Revisione della legislazione fiscale, per
                    maggiori introiti derivanti da questo settore
        Fattori economici incoraggianti

Ricostituzione di riserve in divise straniere


 Sostanziale stabilità del cambio Kwanza-Dollaro
 (circa 98 Kwanzas per Dollaro)


  Grande slancio del settore delle costruzioni e delle infrastrutture



    Ruolo centrale dell’ANIP (Agenzia nazionale per l’investimento
    privato) nel processare gli investimenti


     Facilitazioni per gli investitori (ma solo oltre il milione di Dollari
     di investimento)
ANIP e leggi di riferimento



Private Investment Law (L. 20/11 del 20-05-2011)




    Company Law (L. 1/04 del 13-02-2004)
    Aree di
    sviluppo
    industriale
-    Viana – Provincia di
     Luanda
-    Catumbela – Provincia
     di Benguela
-    Fútila/Cabinda –
     Provincia di Cabinda
-    Caálà/Huambo –
     Provincia di Huambo
-    Matala/Huila –
     Provincia di Huila
-    Capanda/Malange –
     Provincia di Malange
-    Soyo/Zaire – Provincia
     di Zaire
Incentivi per gli investimenti esteri diretti

   Stessi incentivi per investitori nazionali e stranieri


   Luglio 2009 - introdotto incentivo per le compagnie di costruzione
   impegnate in progetti edilizi, con l’approvazione del decreto che
   prevede l’esenzione da dazi doganali e imposte sui consumi per le
   importazioni di materiale edilizio

   Accesso preferenziale al mercato regionale (Southern African
   Development Community - SADC, Common Market for Eastern and
   Southern Africa - COMESA, Economic Community of Central
   African States - ECCAS)

     Accordi commerciali:
                                -Cotonou Agreement
                                - Everything but Arms (EBA)
                                - African Growth and Opportunity Act (AGOA)
       Le cinque regole d’oro

Business plan



Location



Angolanizzazione


Calendario realistico


Documentazione amministrativa e
burocratica efficace
La nuova legge sugli investimenti privati (PIL)

                                 Applicazione

           È entrata in vigore il 20 maggio 2011, in sostituzione della
                          Legge 11/03 del 13 maggio 2003

     Stabilisce l’accesso a incentivi e facilitazioni per gli investimenti in
                  Angola di imprenditori sia angolani che stranieri

        Si applica solo agli investimenti di valore uguale o superiore a un
                                milione di Dollari
   Non si applica agli investimenti nei settori dell’esplorazione petrolifera, dei
diamanti, delle istituzioni finanziarie o ad ogni altro settore soggetto ad un regime
                                   legale differente
     L’Agenzia Nazionale per l’Investimento Privato (ANIP) è indicata dalla
     PIL quale organo responsabile per l’esecuzione delle politiche nazionali
                                 sugli investimenti
    La nuova legge sugli investimenti privati

                              Rimpatrio dei fondi

     Nel caso di investimenti di stranieri, è permesso il rimpatrio dei fondi:
•    previo il pagamento delle tasse in Angola;
•    in accordo con il tasso di cambio estero;
•    gradualmente;
•    in maniera proporzionale alle dimensioni dell’investimento


    Il rimpatrio dei dividendi non è consentito per gli investimenti
    inferiori ad un milione di Dollari


    A seconda del valore dell’investimento e della zona geografica in cui esso è
    effettuato, i profitti potrebbero non essere rimpatriabili prima di due
    o tre anni dal termine del progetto
La nuova legge sugli investimenti privati

         Procedura amministrativa per gli investitori

    Tappe della procedura per l’approvazione di un investimento:

•   Presentazione all’ANIP della proposta di investimento;
•   Nel caso in cui accetti la proposta di investimento, l’ANIP considera
    la proposta, negozia il contratto di investimento e sottomette la
    documentazione all’approvazione delle autorità competenti
•   Nel caso in cui l’ANIP accetti la proposta di investimento, il CNFI analizza
    la proposta e negozia con l’investitore eventuali incentivi e benefici
    (La Commissão de Negociação de Facilidades de Investimento
    (CNFI), istituita dall’ANIP, negozia i termini degli incentivi e dei benefici
    concessi all’investitore)
•   Se le negoziazioni sono concluse con successo, la proposta (insieme al
    contratto e alle opinioni favorevoli dell’ANIP e del CNFI) è sottoposta
    all’approvazione dell’organo competente
    La nuova legge sugli investimenti privati

           Procedura amministrativa per gli investitori


       ..tappe della procedura per l’approvazione di un investimento

•    Per gli investimenti uguali o inferiori ai 10 milioni $, l’ANIP ha la
     possibilità di approvare il progetto. Per gli investimenti superiori, tale
     facoltà compete esclusivamente all’Esecutivo angolano
•    In seguito all’approvazione, l’ANIP firma il contratto ed emette il
     Certificado de Registo de Investimento Privado (CRIP), che conferma
     l’avvenuta approvazione del progetto

                                        In seguito:
•    L’ANIP monitorerà costantemente la realizzazione e lo sviluppo del
     progetto
•    Le ditte chiamate a realizzare il progetto sono tenute ad impiegare cittadini
     angolani, assicurando loro adeguate condizioni di lavoro
                   Italia – Angola
                 I settori per noi favorevoli


Agricoltura
(progetto UIGE                              Arredamento e
  proposto da                               illuminazione
    ANIP)                  Pesca


    Ambiente
(discarica di Luanda;
 progetto Lubango)                       Infrastrutture




Moda                      Marmi e
                           pietre                Turismo
         La grande tradizione italiana

Cooperazione anni ’80-’90



   Notevole presenza di ONG



      Pionieri industriali (Intertransports, Interconsult, Coinda)



         Generale simpatia nei nostri confronti
Imprese italiane già operanti in Angola

ENI                                     TREVI
                 SAIPEM


                                                GRIMALDI
   CMC
                    CREMONINI/
                      INALCA
                                                    RIVOLI
PELLEGRINI
                        NEW
   IVECO              HOLLAND                    PIAGGIO
                            Tramite
     Tramite                                       Tramite
                          importatori
   importatori                                   importatori
                           portoghesi
    portoghesi                                    portoghesi
          Dati sull’import/export italiano

      Prodotti esportati:                 Prodotti importati:

 Meccanica strumentale               Petrolio greggio
 Macchine industriali                Pietra, sabbia, argilla
 Mobili
                                      Macchine di impiego generale
 Arredamento da interni
 Tubature                            Altri prodotti in metallo
 Valvole e materiali collegati ad    Altre macchine per impieghi
  industria petrolifera                specifici
 Moda
                                      Legno grezzo
 Alimentari
 Veicoli

 Problema delle triangolazioni
    con Sudafrica e Portogallo
           Dati sull’import/export italiano

 Italia: bilancia commerciale con l’Angola (in milioni di Euro)
     600

     500

     400

     300                                                                                                      EXP
                                                                                                              IMP
     200

     100

       0
             2000      2001       2002      2003     2004    2005   2006    2007    2008    2009     2010


               2000           2001       2002      2003     2004    2005    2006    2007    2008      2009    2010

      EXP       69,6          119,1      113,4     91,8     99,8    132,3   149,3   196,0    223,3    510,3   226,5

      IMP       21,8          62,1       306,5     179,2    28,4    67,3    41,1    142,6   309,0      26,4   263,1

     SALDO      47,8          56,9       -193,1    -87,5    71,4     65     108,1   53,3     -85,7    483,9   -36,6



                          Fonte: elaborazione Ambasciata d’Italia a Luanda su dati ISTAT
                Debolezze italiane

    Angola non più            Mancanza di progetti a
prioritaria per la nostra    forte impatto (es: Israele
     cooperazione                  Aldeia Nova)



                             Costi di partenza troppo
Attenzione ancora non
                               elevati per le nostre
      strategica
                             piccole e medie imprese



                                  Assenza di un
 Mancanza di linee di
                               collegamento aereo
      credito
                                     diretto
              Elementi italiani di forza


          Regioni                         Maggiore attenzione di Sace
      (Abruzzo – Huila)                            e Simest




                          Applicazione dal 2010
                       dell’Art. 7 della Legge 49/87
                            della Cooperazione




Rilancio di alcune attività di
                                            Nostra presenza passata
       cooperazione
Investire in Angola

GRAZIE PER L’ATTENZIONE




      AMBASCIATA D’ITALIA
          A LUANDA
             2011

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:6
posted:7/19/2012
language:Italian
pages:26
wangnuanzg wangnuanzg http://
About