OCCIDENTE N°20 (IV) 13/07/2012

Document Sample
OCCIDENTE N°20 (IV) 13/07/2012 Powered By Docstoc
					La “novità” sarebbe che “torna” Berlusconi.E che novità sarebbe ? (Pag.4)




 /informazioni- commenti-opinioni –immagini /
 / informazioni - commenti- opinioni –immagini /
“

    “Occidente non è solo storia e geografia. E’ Tradizione, è Pensiero e capacità di lotta
     tenace, è Legge e sguardo rivolto al Cielo. E’ insegnamento al mondo. E’ Civiltà”.

 Palermo-------------------n°20 -------------13 Luglio2012

                                                                                              .. l'Eterno Ritorno è uno dei
                                                                                              capisaldi della filosofia di Friedrich
                                                                                              Nietzsche. Il ragionamento che sta
                                                                                              dietro al semplice - ma spesso
                                                                                              incompreso - concetto di Nietzsche è
                                                                                              il seguente:In un sistema finito, con
                                                                                              un tempo infinito, ogni combinazione
                                                                                              può ripetersi infinite volte. Ad
                                                                                              esempio, tirando infinite volte tre
                                                                                              dadi a sei facce, ognuna delle 216
                                                                                              combinazioni potrà comparire
                                                                                              infinite volte. A tale legge non poteva,
                                                                                              chiaramente, sottrarsi la Politica
                                                                                              italiana con annessi e connessi di
                                                                                              bugie, ridicolaggini e piccoli e grandi
                                                                                              bluff evidenti a tutti e con poche
                                                                                              sorprese come negli spettacoli dei
                                                                                              Circhi equestri ridotti alla miseria da
                                                                                              pubblici sempre più smagati e
                                                                                              distanti. Così l’Eterno ritorno in
                                                                                              chiave italica produce la tentata
                                                                                              Resurrezione di Silvio Berlusconi,
                                                                                              una specie di “finalone con tamburi”
                                                                                              che tutti prevedevano e per il quale
                                                                                              le scarne scommesse non trovavano
*C'è un vento tecnocratico che umilia la politica che, a sua volta, non sembra                nemmeno bookmakers pronti a
essere in condizioni di contrastare culturalmente quell'egemonia tecnocratica                 riceverle. L’unico dubbio è
sostenuta proprio da quei poteri forti di cui parlava Mario Monti qualche giorno              rappresentato dal livello di
fa. Solo che dietro vi fosse la forte tensione ideale ed etica d’altri tempi, solo che        coinvolgimento di Angelino Alfano.
fosse residuato un minimo di Senso dello Stato, su questa linea logica, una Destra            Vien da chiedersi : davvero una
viva e coraggiosa potrebbe e dovrebbe riproporre ,oggi, le Camere delle                       persona intelligente poteva credere di
competenze e delle professionalità, termini più moderni dell'antica definizione               poter guidare il Partitone di
delle Camere dei Fasci e delle Corporazioni.                                                  proprietà del Cavaliere ? Davvero
Per dirla in maniera ancora più brutale, se la politica democratica non difende il            Alfano era convinto di pilotare il PdL
proprio ruolo e le proprie responsabilità nel decidere uomini e donne che devono              verso delle Primarie autentiche ? Ed
sovraintendere a compiti di servizio pubblico, dalle authority alla Rai, “in nome di          era vittima o complice quando
                                                                                              annunziava per il PdL una catarsi
Cosa” si pensa di contrastare le varie forme di populismo che invadono le piazze
                                                                                              che avrebbe costituito “il più grande
del Paese e lo tsunami antiparlamentare che avanza?
                                                                                              Evento politico degli ultimi
La crisi dell'Italia è la grande crisi dei partiti,, la summa dei loro peccati originari,
                                                                                              decenni” ? Faceva l’imbonitore in
la loro insignificanza sul terreno di una proposta culturalmente riconoscibile e
                                                                                              nome e per conto del Padrone della
politicamente praticabile nonché la fuga ingloriosa dalle responsabilità di
                                                                                              Ferriera oppure è stato cinicamente
governo. Sinanche in Grecia il governo del tecnico Lucas Papademos aveva dentro
                                                                                              usato per depistare sia il PD che
i rappresentanti di tutti i partiti. In Italia invece, abbiamo assistito a una fuga           Monti ? Certo qualche dubbio viene
precipitosa confermando, così, una crisi dei partiti che arriva da lontano.                   notando come Alfano si sia subito
È la crisi dei partiti personali ciascuno con il proprio ridicolo cerchio magico che          formalmente messo da parte,
ha messo in campo in questi anni protagonisti in larga parte inadeguati e senza,              suggerendo anzi al Cavaliere di
peraltro, preoccuparsi della loro formazione. Guardateli in controluce e in nessuno           mettersi accanto, come “vice”, una
dei partiti potrete riconoscere un profilo culturale certo del tipo di quelli che             donna. Un’uscita che non si capisce
conoscono tutti i cittadini europei. Siamo stati per 20 anni il Paese dei partiti con         se sia stata “candida” fino alla feccia
nomi senza storia e senza cultura (l'Ulivo, l'Asinello, la Margherita, Forza Italia e         o con la punta intrisa nel veleno
via di questo passo) e siamo diventati lo zimbello d'Europa. Se abbiamo oggi                  dello sberleffo finale, visti i
potuto puntare su una “nuova” credibilità è perché Monti è il presidente europeo              burrascosi trascorsi amorosi dell’ex
della commissione "Trilateral" ed è stato autorevole consulente della Goldman                 Premier. Una battuta mesta, in ogni
Sachs e non già perché il nostro sistema istituzionale abbia partorito un esecutivo           caso, che inquadra perfettamente il
politicamente di rilievo. Forse l’Italia dovrà bere sino in fondo l'amaro calice di un        clima da Opera Buffa che l’Italia
sistema politico modesto e balbettante perché la mediocrità che vi si è insediata             riesce a mettere su anche quando la
non ha la forza morale e culturale di una vera e propria catarsi nell'interesse della         situazione è tragica ed i tempi sono
nostra Nazione e per la sua stessa sopravvivenza.                                             decisamente burrascosi.
                                             Su Facebook, dal contatto diuturno e continuo              Nel 2011 i morti sul lavoro sono stati 920,
                                                                                                          il numero più basso mai registrato, in
                                                   con tantissimi Amici, nascono spesso, a
                                                                                                          ulteriore calo del 5,4% rispetto ai 973
                                            fiammate, discorsi “impegnativi” che, al di là del
                                                                                                        dell'anno precedente. Lo comunica l'Inail
                                               “politichese” richiedono che, all’impronta, si            presentando il rapporto annuale. In calo
                                            mettano in chiaro concetti ed argomenti, capaci              anche il totale degli infortuni sul lavoro
                                               d’andare alle radici delle Idee e dei Princìpi               denunciati all'Istituto: 725 mila, in
                                                                                                                            rispetto ai 776 mila del
                                                                                                        flessione del 6,6% risp
                                                                                                          2010. Come non vedere subito, però, il
                                                                                                         nesso con la Crisi e col milione di nuovi
                                                                                                                       Disoccupati ?




                                                   di
Capita, infatti, che nella foga polemica sui tagli d questo Governo, qualcuno
definisca ”sprechi” perfino i quattro spicci che l’Italia spende per la sua Difesa.
Abbastanza normale che certi borbottii escano sul “il Giornale”, un po’ meno che
                         nazionali”
riecheggino tra “social-nazionali” che si richiamano esplicitamente al Fascismo.

    …Ed allora Noi ci si sente in obbligo di rispondere…Ci si deve scusare, ma sul
     Ed
tema Militare non siamo disponibili ad accedere a tesi pacifiste, buoniste, riduzioniste. Una
                       dovere
Nazione ha il diritto-dovere d'essere armata e d'essere "al passo" con gli Altri. Chi riduce le
spese militari (già ridicole per l'Italia, fanalino di coda a livello europeo) DELEGA , fatalmente
                                                                              uscire
la propria sicurezza ad Altri. Cioè agli Usa. E noi, proprio, vorremmo usci da questa Tutela
                                                            POLITICA,
che data dal 1945. Questo passa, certo, prima dalla POLITICA lo sappiamo bene.. Ma gli
Armamenti, in un mondo che NON è un letto di rose, sono la pietra        pietra-base di ogni Libertà.
Altrimenti ...porteremo in eterno armi altrui. Noi NON sogn          sogniamo un'Italia-Svizzera. E
polemizzare col Governo Monti non ci induce a capovolgere i nostri Convincimenti su ciò che
"dovrebbe" essere uno Stato Serio ed una Nazione in piedi. Con Plinio, infine, noi pensiamo
                                                   re,
che Vita Militaris Est e che l'elemento militare, anche nel degradato mondo moderno, sia da
valutarsi un gradino più in sù dei salotti borghesi e delle bocciofile dopolavoristiche. Ci si scusi
la Schiettezza. Ma siamo evoliani incalliti. Fedeli ad un modello esistenziale che, lo
riconosciamo, oggi non produce molte manifestazioni visibili. Perchè che dalle Rovine si possa
e si debba riemergere non "mutati", non sviliti Noi lo crediamo fermamente.

                                     Prima
° Nostro nonno amava ripetere :"Prima il bastone armato per andare in negozio
(primi del '900) poi, caso mai, la carne per la Domenica". (Primum vivere, deinde
philosofari”). Se muori di fame ci sarà sempre chi comprerà il tuo palazzo per
farci un Grattacielo o un Mc Donald. La sicurezza è il primo dei Valori. Perchè se
come Nazione "andremo ancora sotto" man     mangeremo solo SE E QUANDO avremo
fatto i bravi nelle miniere o negli Alberghi dei nuovi Padroni. Perchè mille bande
sono sparite e la Mafia resta ? Perchè la Mafia ragiona come uno Stato ed è                              L’INAIL però non mette in conto i
     p                                                                                                        “morti per Equitalia” !
                                                                 singolo colpo e del
ARMATA e colpisce i suoi nemici e traditori anche al di là del sin
singolo affare. L'uso delle Armi è la chiave di volta della storia dell'Umanità. E
non c'è mai stata Pietà per chi pensava di scavarsi in un angolino un nido di
passerotti...vedi Tibet. A che ti serve il Pensiero, la Tradizione, il cibo
  anquillo...quando
tranquillo...quando arriva un vicino bellicoso e ti mette alla catena ? E
s'impossessa dei tuoi campi agricoli e dei tuoi negozi ?...E poi...lo si sa che il 70%
del nostro Bilancio militare se ne va per ...STIPENDI ? E si sa che sul Bilancio
                    inistero
dello Stato il Ministero della Difesa incide solo sullo 0,84 % della spesa
complessiva ? Siamo già sulla soglia del Pericolo.....Oltre d'un millimetro e
cadiamo tra le nazioni del terzo e quarto mondo....A livello Ghana, Zambia,
                                           enti
Mali......Lo si ricorda che gli ultimi, recenti bombardamenti su Tripoli li abbiamo
fatti con bombe PRESTATE da Inghilterra e Germania ? E che sul confine orientale
disponiamo solo di SETTE MINUTI DI FUOCO ? Altro che “tagli” e “risparmi” !




                                       L'Italiano medio borbotta almeno per gli ultimi tre anni di
                             ogni Legislatura. Gli ultimi tre mesi è proprio incazzato nero. Le
                              ultime due settimane scaglia anatemi, parla a voce forte al bar.
                                                            Voo-doo...infine cade in catatonia da
                              Gli ultimi due giorni fa riti Voo
                                   eccesso di bile. La Domenica va a votare regolarmente.
                            Non rivelerà mai a nessuno per Chi ha votato. Il giorno dopo non se
                                                    lo ricorda nemmeno lui
                                     (probabilmente una telefonata dell'ultimo minuto).
                            Tre settimane dopo si morde le mani. Per due anni non parla più di
                                politica con nessuno. All'inizio del terzo anno ricomincia a
                             borbottare "contro quegli stronzi che , tornando a votare, hanno
                            rimesso in mano l'Italia alla stessa, identica MANICA DI BANDITI".
                                                     Ed il Ciclo ricomincia.
     m




                                                                                                              57.000 euro a Schettino per un’intervista RAI

                      * Fidel Castro vuole                   Era mai possibile che
                  riempire di nuovo lo Zoo                   non ci fosse il colpo di
                  dell'Avana.     E,    facendo              scena anche sul Simbolo?
                  molto        infuriare     gli             Era inevitabile, come la
                  animalisti di tutto il mondo,              torta in faccia nelle
                  ha ordinato in Africa 25                   Comiche. Ed eccola la
                milioni di dollari di animali                Metamorfosi, la Palingenesi, il Maquillage
selvatici.(cifra enorme per il bilancio                      miracoloso. Il gran colpo di teatro
cubano,non troppo florido & solido).                         annunciato. Disegnatore un imprenditore
Purtroppo s'invecchia.                                       (e figurati!), talent-scout un artista come
E non potendo più tenere in gabbia masse di                  Vittorio Sgarbi. Quasi un gioco di
oppositori indigeni, il buon Fidel si                        prestigio cui però con l’Italia e con
accontenta di metterci animali esotici....                   “l’Amore”, si girava attorno da tempo.
E poi...le gabbie possono sempre tornare                     Ritocco accurato e molto “easy” , ma
utili. Non stiamo a raccontarvi la Felicità dei              “professional”. Roba da grandi ateliers. Il
Cubani.Proprio non aspettavano altro.                        logo della Ditta è stato aggiornato. Adesso
Se non altro per vedere quanto siano fortunati               resta da capire se offrirà Saldi veri,
al confronto. Tranne che per quei capatosta                  novità, merce d’importazione oppure
che noteranno maligni che gli animali in                     reste di magazzino, ritinte e riciclate come
gabbia vengono regolarmente nutriti due                      “nuove” e coi prezzi ritoccati ad arte. La
volte al giorno..                                            Ditta, si sa, ha storie da farsi perdonare.




                      L’Italia ha bisogno che le politiche pubbliche non solo siano eque nei loro effetti
sui cittadini, ma che siano giuste e meritocratiche. Bondi & Monti hanno invece optato per tagli che
di fatto sono lineari. Nel campo della Sanità, come in ogni altro ambito, un governo davvero
preparato costringerebbe al risanamento prima le regioni e gli enti più spreconi, limitando allo
stretto indispensabile i sacrifici delle regioni più parche e produttive; poi, ottenuto un riequilibrio
virtuoso, se ancora necessario, può continuare a tagliare ma a questo punto in maniera omogenea.
Che senso ha ridurre i piccoli ospedali, seguendo l’unico criterio dei posti letto? Piuttosto
bisognerebbe chiedersi: quell’ospedale, per quanto piccolo, serve una comunità sufficientemente
ampia? E nel farlo bisogna valutare se i collegamenti stradali sono adeguati, se le ambulanze
attrezzate, se i tempi “utili” per il salvataggio nei casi più gravi. Perchè vietare ai medici di fare, dal
posto di lavoro, interurbane o di chiamare numeri di cellulare? Si presuppone che i medici usino il
telefono pubblico solo o prevalentemente per fini personali, il che denota una fortissima sfiducia
civica e una straordinaria miopia professionale: come fa un medico a consultare uno specialista di
un’altra città o a fissare una visita fuori provincia? Deve farlo a spese proprie?L’impressione è che
l’aver infranto (finalmente!) il tabù dei tagli alla spesa pubblica, si risolva alla fine nell’ennesima
operazione demagogica con effetti imprevedibili ma comunque ingiusti. Non basta individuare gli
sprechi, che anche nella Sanità sono ingenti, occorre procedere a studi specifici che richiedono tempo
e preparazione. Invece il governo ha scoperto quanto sia distante la realtà dalle loro elucubrazioni
ideologiche e per togliersi dall’imbarazzo ha incaricato Bondi, il quale ha fatto il suo lavoro di gelido
manager, dimenticandosi però che lo Stato non si può trattare come un’azienda. Ci vuole perlomeno
competenza, virtù che Bondi e men che meno Monti hanno.
                                            discesa
                                      La ri-discesa in campo di Berlusconi non è un atto di
                                      forza o arroganza; al contrario è un segnale certo di
                                      mancanza di idee e Debolezza. Una mossa disperata.

 Una persona normale prende in mano il Corriere o il Foglio, legge che Berlusconi intende
ricandidarsi a Palazzo Chigi e pensa: 1994-96-2001-   -06-08-13. No, non è la serie magica e misteriosa di
Lost e neanche la sequenza di Fibonacci. E’ semplicemente l’estr  l’estrema sintesi dell’epopea politica
berlusconiana. Si è candidato cinque volte (la prossima sarebbe la sesta), ha vinto in tre occasioni. E i
risultati quanti e quali sono stati? Pochi e deludenti.
                                             ,               di
Prometteva di fare la rivoluzione liberale, con due secoli d ritardo culturale,, di rivoltare la vecchia
Italia ammuffita e stanca, di creare un nuovo e moderno “centrodestra” in cui, però della Destra si
ignorava e/o si disprezzava apertamente TUTTO.
                                                              Evidentemente il Cavaliere non masticava
Andava dalla Thatcher a chiedere consigli e suggerimenti. Evide
ancora bene l’inglese. Puntualmente, dopo trionfi storici nelle urne e qualche anno di governo,
c’erano sempre rimpianti su ciò che si sarebbe potuto fare e non si è fatto. C’era Sempre
un’attenuante. Uno strano incidente di percorso .

                                     Prima perché Bossi in canottiera aveva tradito, poi perché Follini
                                     aveva chiesto la testa di Tremonti in una sera d’agosto, infine per
                                     il colpo basso di Fini. Tutti fatti inconfutabili, è vero. Ma tutti
                                     riconducibili all’errore del Calderone in cui si poteva tenere
                                     insieme tutto ed il contrario di tutto. Ma di sicuro molto di più,
     abba                            nei nove anni in cui ha controllato Palazzo Chigi, il sedicente
                                     “centrodestra” (praticamente sempre più appiattito al Centro e
                                                                          dovuto
                                     nell’indistinto) avrebbe potuto e dovu fare. Oggi, la nuova
                                     discesa in campo del Cavaliere Azzurro sa tanto di gesto

           ,
disperato, di ultima mossa per salvare il salvabile di un partito che non c’è più. Di “confessione”, anzi
: chè il PDL senza il Cavaliere s’è dimostrato solo un lumacone capace solo di ess essiccarsi al sole torrido
dei problemi italiani ed europei. L’ex primo partito italiano che solo quattro anni fa trionfava alle
elezioni è diventato terra di conquista per capibastone impresentabili e vestali improponibili. Ha
perso la fiducia di un popolo che, più o meno entusiasta, aveva deciso di ridare fiducia a Silvio
Berlusconi. Non conta più nulla, alle Amministrative lo si è visto. Alfano, il delfino designato, il
giovane con iPad in mano, si è dimostrato più vecchio dei vecchi parlamentari che ancora passano le
                             enze
giornate a parlare di preferenze e di alchimie elettorali che interessano solo a loro.
E’ difficile oggi poter pensare che, dopo qualche dichiarazione sull’opportunità (eventuale) di uscire
dall’Euro e qualche barzelletta sulla Merkel, tutto possa tornare com’era prima dell’avvento dei
tecnocrati e dei banchieri. Il livello dello scontro italiano s’è alzato, gli orizzonti sono foschi, l’Italia
intera ha l’impressione di franare in una Recessione di cui non si scorge il fondo, il terminal. Non è
                                        role
più tempo di battute ad effetto o di parole d’ordine da documentario yankee.
                                                                                                   fa,
Come se nulla fosse e con le stesse facce che ingloriosamente hanno fatto i bagagli otto mesi fa non si
va da nessuna parte. Anche perché questo strombazzato “evento” ha come primo effetto definitivo
l’unica cosa buona che quel che resta del PdL sembrava aver partorito: le primarie. Se si vuole , sul
fronte dei Moderati, costruire una ultima possibilità decente accettabile, presentabile , occorrerebbe
trovare il Coraggio Politico di azzerare tutta l      l’attuale classe dirigente: nessuno escluso. Tutto
andrebbe rifondato partendo dal basso, coinvolgendo una base ora caduta (comprensibilmente) in
letargo e in depressione. Ma il Coraggio non è merce moklto in uso tra i Moderati.
Silvio Berlusconi potrebbe anche fare il padre nobile, ma non può, anche perché l’età anagrafica e
soprattutto politica è quella che è, guidare in prima persona il nuovo progetto. Altrimenti si torna al
                                                                     capolavori della cinematografia, che
già visto e al già sentito. Diciamola tutta: non si tratta di certi ca
                                                            contrario:
più li vedi e più li ammiri, ma dell’esatto speculare contrario ogni volta che riguardi il film di
Berlusconi scopri solo nuovi difetti. Ma, diciamolo chiaramente : nel PDL chi ha la Statura ed i titoli
                                                    regista-primattore che non sa nemmeno chi sia De
per dirlo chiaro in faccia al Patròn produttore-regista
Tocqueville?




                                        Paolo, NOI ci stiamo provando
                                                                                             occidente

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Stats:
views:31
posted:7/16/2012
language:Italian
pages:4
Description: Agenzia di informazione diretta da Guido Virzi Bisettimanale di formazione e controinformazione.