Docstoc

La politica del BIL- Roberto Lorusso

Document Sample
La politica del BIL- Roberto Lorusso Powered By Docstoc
					Un	
  nuovo	
  rinascimento	
  con	
  la	
  POLITICA	
  DEL	
  BIL	
  	
  
                            19	
  giugno	
  2012	
  
IL PIL ED I TENTATIVI
DI CONTRAFFAZIONE

“il PIL misura tutto,
eccetto ciò che
rende la vita
veramente degna
di essere vissuta".
mitico discorso del 1968 all'Università del
Kansas di Robert Kennedy.


Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
Nel 2008 il presidente francese
Nicolas Sarkozy ha dato vita alla
(CMPEPS) Commissione sulla
Misurazione della Performance
Economica e del Progresso
Sociale, con gli economisti:

Joseph Stiglitz (Presidente),
Amartya Sen (Consigliere) e
Jean Paul Fitoussi (Coordinatore).



    Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
L’obiettivo della commissione è stato
identificare i limiti del PIL quale indicatore
della prestazione economica e del
progresso sociale, inclusi i problemi
relativi alle sue rilevazioni; considerare
quali informazioni aggiuntive potrebbero
essere necessarie per la produzione di
indici più pertinenti sul progresso sociale;
valutare la fattibilità di strumenti
di misurazione alternativi e discutere su
come presentare le informazioni
statistiche in modo appropriato.



     Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
La commissione (CMPEPS) avendo presente un concetto di
"benessere pluridimensionale" ha previsto l’utilizzo di ben
altri otto indicatori (più oggettivi) che potessero dare vita ad
una misurazione del Benessere, e precisamente:

1.  Standard di vita materiali (reddito, consumo
    e ricchezza)
2.  Salute
3.  Istruzione
4.  Attività personali (incluso il lavoro)
5.  Partecipazione politica e governance
6.  Rapporti sociali e relazioni
7.  Ambiente (condizioni presenti e future)
8.  Insicurezza, di natura economica così
    come fisica

         Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo
Economico (OCSE) ha evitato di dare vita ad una
classifica generale, invitando tutti ad utilizzare l'indice
interattivo per comporre una propria graduatoria finale.
Il sito dell’organizzazione dice:

"Non è l'Ocse a decidere che cosa rende la vita
migliore. Sei tu a decidere per te stesso".


                 better life index
L'organizzazione svolge prevalentemente un ruolo di assemblea consultiva che consente
un'occasione di confronto delle esperienze politiche, per la risoluzione dei problemi comuni,
l'identificazione di pratiche commerciali ed il coordinamento delle politiche locali ed internazionali dei
paesi membri. L'OCSE conta 34 paesi e ha sede a Parigi.




                Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                                                        BILOSOFIA

La Bilosofia è un modo di pensare al Futuro che, guidato da questo
principio,
«Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono
dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito
di fratellanza.»
offre a ciascuno di noi l’opportunità di riappropriarsi di uno stile di
vita, pieno di senso, che favorisce la crescita del Benessere Interno
Lordo (BIL) anziché il Prodotto Interno Lordo (PIL).

Vivere secondo la Bilosofia significa avviare una rivoluzione silenziosa, che
ha origine da ogni nostro gesto quotidiano. Niente di straordinario e niente
compiti difficili. Non si tratta di diventare eroi o santi, ma semplicemente
di amare la vita, coinvolgendo la nostra mente e il nostro cuore in tutto ciò
che facciamo.

La Bilosofia è ispirata da: Dichiarazione universale dei diritti umani; Carta della Terra;
Dottrina Sociale della Chiesa; Principi di sostenibilità.
Art. 1, DICHIARAZIONE UNIVERSALE DIRITTI UMANI. Parigi, Assemblea Generale delle Nazioni Unite, 10.12.1948




                                Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                      Politica familiare
              PIL                                   BIL

dire sempre di si ai nostri figli dire qualche no ed educare
                                  alla responsabilità
regalare giocattoli per farci      lavorare di meno e dedicare
perdonare della nostra             tempo alla loro educazione
assenza nella vita di famiglia

non farsi mancare nulla            risparmiare per il futuro dei
(vivere di superfluo)              nostri figli


               Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                       Politica Industriale
                PIL                                    BIL

distribuire tutti gli utili di        reinvestirli nella formazione
esercizio                             dei propri collaboratori

introdurre l’obsolescenza             dare 7 anni di garanzia
programma nei prodotti




                  Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                      Politica Sociale
             PIL                                BIL

costruire nuove carceri         investire nell’educazione e
                                della formazione di bambini e
                                giovani (sostenendo genitori,
                                scuole, oratori, sport, teatro,
                                ecc) e non creare delinquenti,
                                ladri e assassini
finanziare l’aborto             finanziare le nascite




              Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                     Politica della Salute
              PIL                                  BIL

finanziare la cura della           finanziare gli oratori, luoghi
LUDOPATIA (dipendenza da           del sapere e dell’arte,
gioco) che è stata inserita nei    associazioni ricreative, scuole
livelli essenziali di assistenza   di lingue straniere, ecc…




                Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                   Politica Ambientale
             PIL                                   BIL

incentivare la produzione di      educare, incentivare e
energia da fonti rinnovabili      sostenere l’efficienza
                                  energetica




              Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                      Politica Fiscale
             PIL                               BIL

tassare pesantemente il        tassare chi decide di fare
lavoro ed il reddito d’impresa reddito (senza lavorare)
                               utilizzando i “soldi” come
                               merce (Tobin tax)
tassare la benzina,             tassare il gioco
aumentare l’IVA




             Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                         Politica dei Partiti
                PIL                                    BIL

consenso a breve                       gratitudine delle generazioni che
                                       verranno

rimborso spese elettorali ai partiti   finanziare scuole di partecipazione
                                       politica e vita democratica




                   Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                        Politica Bancaria
              PIL                              BIL

vendere prodotti (scadenti!)    finanziare l’economia reale di
                                un territorio/comunità
trattare con i clienti che      dare credito a chi non ne ha
hanno tanti soldi

guardare nello stato            guardare e dare valore al
patrimoniale, solo alla         patrimonio di competenze,
presenza di immobilizzazioni    organizzazione, relazioni,
materiali                       progetti, brevetti, ecc.
chiedere fidejussioni           gestire processi relazionali di
                                fiducia
investire in comunicazione      offrire consulenza gratuita a
commerciale                     giovani imprenditori


         Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
                   Circuito del giovane settantenne.

Un giovane settantenne si presenta in banca e chiede ad funzionario di
guadagnare qualcosa da una somma di 20.000 euro di cui dispone. Fa
capire il suo interesse a ricavare buoni interessi senza rischiare molto. Il
funzionario lo accontenta. I 20.000 euro vengono investiti in un fondo che
come tutti gli altri deve svolgere l’unica funzione possibile: produrre
reddito. Supponiamo che il fondo vada a sostenere la capitalizzazione di
una azienda multinazionale con diverse sedi nel mondo, una anche in
Italia. I report semestrali purtroppo dicono che il conto economico dello
stabilimento italiano è in perdita. Il fondo chiede agli amministratori di
rimediare immediatamente. Si dice che non è tempo di pensare a
riconversioni industriali, bisogna abbandonare l’Italia e andare a produrre
dove il costo del lavoro è più basso. Quindi si procede ad una operazione
al fine di ottenere maggiore produzione a minori costi. Lo stabilimento
italiano viene chiuso. Circa 200 persone in cassa integrazione. Per noi
significa dolore ma anche maggiore spesa pubblica, e quindi maggiori
tasse, che pagherà anche il nostro giovane settantenne.
                   Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
Cosa ne deduciamo?
Che il nostro pensionato ha dato una spintarella
all’aumento della disoccupazione?
Che pensava di ricavare un po’ di interessi e si è
trovato maggiori tasse da pagare?
E se quel funzionario di banca si fosse comportato in
modo diverso? Perché non lo ha fatto?

PERCHE’
•  La finanza ha reso schiava (serva) l’economia,
•  L’economia ha reso schiavo (servo) l’uomo.

ANZICHE’:
•  L’economia essere a servizio dell’uomo,
•  La finanza essere a servizio dell’economia.

           Roberto Lorusso – pensare@bilosofia.it
          Roberto	
  Lorusso	
  bilosofo	
  
+39	
  3276650477	
  .	
  pensare@bilosofia.it	
  .	
  
                bilosofia.it	
  	
  

				
DOCUMENT INFO
Description: Cosa significa orientare il proprio stile di vita al consumismo pi� sfrenato del neoliberismo o invece al benessere della persona e delle comunit�? Lo spiega Roberto Lorusso nel suo intervento all'Accademia del Rinascimento a Lecce il 19 giugno 2012.