Docstoc

OCCIDENTE N°19 (IV) 10/07/2012

Document Sample
OCCIDENTE N°19 (IV) 10/07/2012 Powered By Docstoc
					PERCHE’ ANCHE CONFINDUSTRIA BOCCIA LA SPENDING-REVIEW (Pag. 3)




                                                                                                                 Condannati a
                                                                                                               tappeto gli uomini
                                                                                                                   delle Forze
                                                                                                               dell’Ordine. “Dice”
                                                                                                                    che hanno
                                                                                                                  “ecceduto”.
/informazioni- commenti-opinioni –immagini /                                                                    Manganelli ha
/ informazioni - commenti- opinioni –immagini /                                                                   chiesto pure
“                                                                                                                   “SCUSA”.
                                                                                                                   Ma, CHI,
    “Occidente non è solo storia e geografia. E’ Tradizione, è Pensiero e capacità di lotta
                                                                                                                 chiederà mai
     tenace, è Legge e sguardo rivolto al Cielo. E’ insegnamento al mondo. E’ Civiltà”.
                                                                                                               scusa a Genova
 Palermo-------------------n°19---------------10 Luglio2012                                                    ed ai Genovesi ?

                                                                                              E’ capitato spesso nella storia che
                                                                                              delle minoranze venissero chiamate a
                                                                                              prove dall’esito incerto o
                                                                                              chiaramente infausto per salvare
                                                                                              posizioni-chiave o per agevolare la
                                                                                              messa in sicurezza di obiettivi di
                                                                                              grande importanza. In tutte le guerre
                                                                                              a qualche ufficiale è stato chiesto di
                                                                                              rimanere indietro per far da
                                                                                              copertura alla ritirata d’un esercito.
                                                                                              Nel caso delle Termopili ciò accadde
                                                                                              spontaneamente, così come tutti
                                                                                              volontari furono i texani che
                                                                                              frenarono l’esercito messicano di
                                                                                              Santana. Molto più spesso le azioni di
                                                                                              copertura, ai margini d’una ritirata
                                                                                              generalizzata, sono state formalizzate
                                                                                              in ordini trasmessi per via
                                                                                              gerarchica. Per salvare i più s’accetta
                                                                                              la prospettiva di sacrificare i pochi.
                                                                                              Ma ciò attiene alle regole della
                                                                                              guerra. Nella vita civile, invece, per
                                                                                              far salvi dei “bersagli grossi” è
                                                                                              notoria la tecnica del “capro
                                                                                              espiatorio” da nessuno conclamata,
                                                                                              ma da quasi tutti praticata. In
                                                                                              relazione alla sentenza del G8 di
                                                                                              Genova le condanne inflitte dalla
                                                                                              Cassazione per un complessivo di 85
Raccontano in giro che stanno addirittura “governando” l’Italia!                              anni hanno risalito di molto la catena
                                                                                              del comando, colpendo la Polizia
                                                                                              italiana fino ai suoi massimi livelli.
                                                                                              Con la sentenza s’è fatta salva la
Si può governare bene, benissimo, meno bene, male, malissimo, meno male. I                    faccia dello Stato democratico che ha
giudizi di merito saranno sempre diversi a seconda di chi li emette. Ma la cosa               sanzionato durissimamente gli
peggiore, in democrazia è che un governo, piaccia o no, risicatamente legittimo               “eccessi” dei suoi servitori di prima
secondo Costituzione, si riduca a non governare, cioè a gestire l'esistente, cioè a           linea. E non abbiamo aggiunto a caso
rimescolare l'immutabile fogna. Come fosse uno di quei tanti banali governi di                l’aggettivo “democratico”. Perché
coalizione che hanno imperversato da aprile 1948 a dicembre 2011. In una                      questa sentenza mette a nudo la
Repubblica che, secondo astratti principi e concreti interessi, è stata costruita in          contraddizione tra la Realtà ed i bei
modo che non potesse governare nessuno, e che il potere decisionale fosse                     princìpi virginali della nostra
sempre condizionato da oligarchie organizzate, intellettuali, ideologiche,                    Costituzione tutta ipocritamente
sindacali, politiche, economiche, editoriali, mediatiche, giudiziarie, che hanno              garantista, illuminista ed, a modo
ragione di vita nei loro poteri d’interdizione, bene, in questa Repubblica in cui le          suo, idealista. Perché le Democrazie
regole da rispettare sono solo quelle che dettano le oligarchie, i partiti, il motore         si ritrovano dinanzi le sommosse di
della politica, si sono rattrappiti, anchilosati nella miope, esiziale e suicida              piazza, proprio volute dagli
difesa dei loro singoli perimetri elettorali. Deriva da questa impostazione il                organizzatori come prove di forza ed
blocco di qualsiasi progetto di stare tutti insieme, nei momenti d’emergenza, per             anche le Guerre. E le vivono Male,
salvare La Nazione, lo Stato, il Popolo.. Aggiustare i conticini, le “pendenze” ,             con disagio. Non puoi mandare
rincorrere le ubbie dell’Unione Europea NON è “governare”. Governare sarebbe                  Uomini in prima linea, pretendendo a
dare un senso ad uno sforzo comunitario condiviso. Ed invece vige il Silenzio dei             priori e senza dirlo che non voli una
ragionieri. E le oligarchie esultano. Ma non se ne esce, o i partiti hanno la forza           manganellata di troppo e che una
di guardare oltre i propri orticelli, mettendosi al servizio dei cittadini e non delle        bomba non provochi anche morti tra
oligarchie, oppure prevarrà un’agonia senza fine accompagnata dalla ridicola                  i civili. Non esiste “la guerra
ricerca di un Papa straniero, vecchio complesso della sinistra italiana e nuovo               democratica” col Galateo in mano.
difetto provincialistico dell’attuale fronte moderato che sembra sempre guardare              Non esiste il contrasto ad una folla di
con malcelata infatuazione ai modelli anglosassoni. Ma tutta italiana è la china              devastatori senza l’uso della Forza. E
da risalire ed italiane debbono essere le gambe per risalirla, come italiani                  non si rinnega, non si colpisce alle
possono e devono essere gli impulsi psichici per dare un senso a quest’Impresa.               spalle chi hai delegato all’intervento.
                                                        Macchè opinioni politiche ! Se non
                                                    padroneggi la scienza delle finanze non sei
                                                    nessuno ed è meglio che non apri bocca…




                                                                  -di Luigi Cardarelli-
Et voilà, lo stato etico, economico e sociale di un Paese si evince dai titoloni dei giornali; adesso qui da
                                                     aese
noi il problema è di sapere se davvero Mario Monti porta sfiga, oppure se Travaglio abbia o no tifato
per l'Italia. La casta egemone al governo vuole dichiarare fuorilegge chi non stava con gli "azzurri", così
come definisce irresponsabili quelli che si oppongono ai soliti magheggi. I patrioti veri sono loro, che
c'hanno portato in bancarotta! Mentre il pm Ingroia titolare d'inchieste very important, non sazio
di popolarità si mostra pure sul patinato blog di Beppe Grillo. Tutto il resto è noia o quasi, tra Nicole
Minetti, Sara Tommasi e la Fico. Un popolo ridotto purtroppo col cervello all'ammasso. Però per
dimostrar che in fondo il rating è alto e che ci stiamo riprendendo, è stato subito arrestato uno ch   che
sventolava una bandiera con la svastica: ritenuto ben più pericoloso di assassini e stupratori.
 Del super ministro Passera indagato a Biella per semplice evasione se ne parlerà nel week-end di
ferragosto. Un plauso a Casini e Bersani che alla base del l  loro accordo elettorale per il 2013, hanno
pattuito che Mario Monti debba salire almeno al Colle, se non ancor più su. A riprova certa del
loro credo antipopolare, carbonaro e aristocratico. In seconda battuta ci sarà Marpionne, che dimostra
sempre di volerci bene. Ma come si può ancora parlare di crescita e di pil in un paese come questo,
dove chi lavora e chi produce non riesce a vedere ormai il becco di un quattrino? A meno d'inventar
fatture false o moderne truffe. I soldi vanno tutti a calciatori e poli politici, a giornalisti, avvocati e
magistrati, ai presentatori di tv. Chi produce ed investe veramente si ritrova in rosso o soltanto tasse
da pagare per mantenere codesti griffati parassiti. Guardate la povera fine che hanno fatto fare alla
nostra decantata agricoltura, dove non vengono neppure i marocchini a lavorare. I gangsters europei
han deciso che dobbiamo comprare tutto dalla Spagna e dal Marocco o chissà dove, che la nostra
dev'esser una grande patria di banchieri. Seppure in default.
 Il mio debole respiro è nelle fetide mani di Caronte, allorchè il defunto centrodestra vorrebbe Giorgio
Barilla candidato premier. Chiaramente in bianco, senza sugo. Non dimenticatevi Tremonti; lui aveva
tutto previsto già 10 anni fa......




                                                                                                                      Governo
                                                                                                                      Tecnico
                               Non bisogna essere economisti bocconiani, c aro Monti, per capire che se
     p
l’Italia cresce ad un ritmo inferiore all’1% non si possono pagare ad Altri degli interessi del 5, 6 e                              Voto anticipato
persino del 7%.Quei 100 miliardi di interessi che paghiamo sul debito pubblico è la somma che ci
serve per crescere.
Lei ci dirà che comunque dobbiamo onorare gli impegni debitori assunti. E noi Le rispondiamo che
nei momenti di assoluto bisogno in cui ci va di mezzo il futuro della nostra vita e quella dei nostri
figli, vanno riviste profondamente le regole in vigore ed eventualmente si rinegoziano o se ne trovano
altre che coniugano le due esigenze, ambedue assolutamente importanti e necessarie.
Ad esempio, si può trasformare la Banca Centrale Europea in una Banca con funzioni simili a quelle             Sottosegretario
della Federal Reserve o alla Banca d’Inghilterra; in questo caso la BCE p            potrebbe immettere        POLILLO
liquidità, metterla a disposizione dei singoli Paesi, opporsi a fenomeni finanziari speculativi.
Ma la prima cosa che è proprio indispensabile fare, è spiegare ai cittadini la gravissima speculazione
finanziaria internazionale; come essa vanifichi tutti gli sforzi e ci impedisca di crescere; come sia
immorale e inaccettabile che si chiedano degli interessi da strozzini proprio ai Paesi sull’orlo del
fallimento grazie anche alla logica di tale sistema di strozzinaggio internazionale.
        rà
Si dovrà spiegare loro che le cause che hanno prodotto il tracollo del 2008, sono ancora tutte
presenti; che la speculazione è ripresa alla grande e ci sono seri motivi per pensare che una nu     nuova
                              sentare
grande crisi si possa ripresentare alle porte. Si dovrà ricordare c    come elemento nuovo positivo, la
decisione della Gran Bretagna, dell’Irlanda, della Germania e degli USA di aprire dei dossiers per
accertare eventuali responsabilità penali a carico delle banche che di questo ultimo scandalo si sono
rese responsabili.
                                        e
Spetta a Lei, caro Presidente, spiegare queste cose “coram populo” e assumere tutte le responsabilità
etiche, professionali e politiche che derivano dal suo ruolo istituzionale. Lei non può esimersi dal                             Oscar Wilde
                                                       continuare
ricordare queste circostanze essenziali. Non può continua a far credere ai cittadini italiani che i
mali di oggi siano tutti colpa loro, cittadini ignari della criminale finanza internazionale che Lei
conosce molto bene avendo avuto modo di dialogare con la stessa nelle sue precedenti incarnazioni.
                                                                                                                                        “Il coraggio è la
Lei toglie ai poveri italiani per dare ai ricchi della finanza internazionale .
                                                                                                                                       prima delle qualità
Parlando della mafia, Falcone e Borsellino erano soliti dire che il modo migliore per sconfiggerla
fosse quello di parlarne in tutte le sedi e in continuazione. In caso contrario, si ris       rischiava di                              umane. Perchè è
diventarne correi. L’esperienza recente dà loro ragione.                                                                                    quella che
Temiamo che il loro avvertimento valga anche per la crisi internazionale presente e coinvolga nel                                       garantisce tutte
giudizio il suo silenzio. In caso contrario, potrà risparmiare a se stesso gli enormi sacr
                                                                                        sacrifici che il suo                                 le altre”
ruolo richiede e a noi, il danno e la beffa di una ricetta nata distorta, rivelatasi perniciosa e del tutto
                                               liberati.
negativa e di cui possiamo e vogliamo esser liberati Possibilmente senza una Guerra Civile.
                                   “Sono un militare
       m                                 italiano
                                 soggetto all’esclusiva
                                  oggetto
                                Giurisdizione nazionale
                                 In virtù del principio
                                             à
                                d’immunità delle forze
                                  militari in transito.
                                   Considero illegale                   Il Governo taglia, restringe,
                                          questo                         ridimensiona tutto e tutti.
                                  entativo
                                tentativo di sottrarmi                  Però ha imbarcato altri due
                                           con                                 sottosegretari.
                                      la forza alla                       E (mica scherziamo!) per
                                     giurisdizione                          deprimerci il doppio e
                                        Italiana”                         precipitarci in uno stato
                                                                      d'animo catatonico-depressivo,
                                   Sono queste le parole                   ne ha nominato uno (ex-
                                pronunciate il 19 Febbraio                 prefetto) che si chiama
                                da Massimiliano Latorre in               SABATO MALINCONICO.
                                attesa di processo in India,          Un tocco di Humor “gotico”...
                                  quando viene arrestato              Dal carnevale berlusconiano al
                                  dalla polizia del Kerala.                  funerale montiano.
                                   Una dichiarazione da                        UNO SBALLO...
                                   prigioniero di guerra                   La prossima sarà donna.
                                 riportata sul giornale di                      E si chiamerà
                                  bordo dell’Enrica Lexie              DOMENICA DIMERDA.....

                                              Strana sintonia tra Confindustria e Sindacati.
                                           Imprenditori e lavoratori hanno bisogno di uno Stato
                                             che faccia girare denaro e non che lo prosciughi

                                                                                                                  DIAZ
                                                                                                                  NEW
                                                                                                                 STYLE

                                                                                                                Arrestare,
                                                                                                                  ma con
                                                                                                                delicatezza
La notizia precisa, in genere, la si fa”girare” poco, ma o anno lo Stato dà alle aziende 35 miliardi di
                                                         ogni                                                      e poi
euro, di essi solo 4,5 vanno ai privati. Il resto parte per municipalizzate ed enti statali. Se ne parla         chiedere
pochino perché, obiettivamente, è cosa che mal si concilia col concetto di “libero mercato”.
                                                                                                                  SCUSA

Il dente avvelenato di Confindustria con Mario Monti nasce da lontano e nasconde una sottile
contraddizione. L'erario ha un debito da 70 miliardi nei confronti delle imprese. Se dovesse pagare nel
giro di pochi mesi quel debito, sarebbe bancarotta.

Da qui una prima, motivatissima, fonte di rabbia. C'è poi, e qui si entra nel merito del giudizio duro
                 ma,                                                                                             Il Governo ha reclutato in Romania un nuovo
dell'attuale presidente degli industriali Giorgio Squinzi (stranamente, ma nemmeno troppo, a braccetto              super-esperto in Economia e Trasfusioni
                                     ),
con la cigiellina Susanna Camusso), il capitolo governo tecnico: poco o nulla è stato fatto per la crescita
e per la ricerca, in un periodo in cui un'azienda cresce qualitativamente (investendo) o muore. E invece,
per ora, si sono visti solo tagli e una riforma del lavoro, che a suo tempo il ministro del Welfare Elsa
Fornero aveva definito epocale (ormai è un ritornello!) , che invece concede ben meno di quanto
necessario in tema di flessibilità, soprattutto in uscita. Insomma, gli imprenditori si trovano con le mani
                                                       e
legate (dal governo) proprio mentre la crisi li prende a pugni in faccia.

Riassumendo: competitività calante, pressione fiscale reale intorno al 60% (mazzata Imu compresa),
riforme azzoppate, tagli ulteriori in arrivo. Ecco, proprio i tagli sono la grande preoccupazione degli
                                                                                                                   Il nuovo super-esperto ha dichiarato che
                                rdi
industriali. Perché dei 35 miliardi destinati ogni anno alle imprese solo 4,5 arrivano materialmente agli
                                                                                                                  parteciperà esclusivamente alle sedute del
imprenditori privati e il grosso rimanente va alle municipalizzate e parastatali. Il brivido di Squinzi (e
di Emma Marcegaglia) è che si userà ancora la manna e si assottiglieranno quei 4,5 miliardi, unica
                                     erà            mannaia                                                           Governo che si terranno in notturna.
fonte di ossigeno (pur discutibile) per le aziende. L'attacco di Squinzi si presta a una retrolettura: i toni
duri su Monti, la bocciatura sull'operato attuale e sulle prospettive prossime ("Il governo tecnico non è
            turo")
il nostro futuro") nasconderebbero la prefedenza degli industriali per un esecutivo politico, più facile da
condizionare. E la prova indiretta sarebbe la critica mossa a Squinzi dal suo predecessore in via
                                                  .
dell'Astronomia Luca Cordero di Montezemolo. "Le sue parole fa     fanno male al Paese e a Confindustria",
                 zemolo.
ha detto Montezemolo. Forse perché proprio il Ferrarista, insieme all'amico Pierferdinando Casini, è
                                                               2013.
uno dei maggiori sostenitori di Monti oggi e domani, dopo il 2013

Proprio così : è la novità del momento: certa Politica, in fuga, lancia alle sue spalle “uova di drago” e fa
                                                   on
circolare già adesso l’ipotesi di un Monti-bis. Con Monti che, pare, non disdegni affatto l’ideuzza.
                                               rospettiva
Quando non si hanno più idee ed orizzonti la prospettiva normale dei Mediocri , d     d’altro canto, è quella

di eternizzare il Presente, di congelarlo, di fissarlo nel tempo. Vecchia malattia italiana.
                                                                CERCANSI TURISTI PER
                                                             RICICLAGGIO DI DENARO!!!
                                                        DEROGA CASH PER TURISTI. Nessun
                                                       tetto alle spese in contanti per gli stranieri.
                                                            IL LUNGIMIRANTE MONTI HA
                                                      DECISO, NON SOLO DI NON TAGLIARE
                                                         NESSUNA TASSA AL REDDITO DEI
                                                      POVERACCI....MA DI FACILITARE GLI
                                                      STRANIERI CHE ARRIVANO IN ITALIA
                                                          A RICICLARE IL DENARO : molte
                                                       persone hanno già telefonato ai loro amici
                                                      stranieri per farli venire in Italia e aiutarli a
                                                         riciclare un po' di denaro. ovviamente,
                                                          mentre prima l'evasione era fatta fra
                                                              italiani...ADESSO SI DOVRA'
                                                          COINVOLGERE UNO STRANIERO
                                                        (TURISTA MA SEMPRE STRANIERO)
                                                                                                            Ohps! C’eravamo
                                                             che si prenderà una percentuale...
                                                       DA OGGI ALCUNE "TURISTE" CINESI                        scordati di
                                                          CHE VERRANNO ASSOLDATE IN                          RINGRAZIARE!
                                                      ITALIA DALLA MAFIA CINESE (E NON
                                                           SOLO) PER SPENDERE A GO GO
                  "I posti letto pubblici secondo     CONTANTI...EXTRACOMUNITARI CHE
               le prime stime provvisoriedi 7.000          VERRANNO ASSOLDATI DALLE                                                     Guardi, se Le
            prime stime diminuiranno                                                                      Dipendenti, anche voi
                                                        ORGANIZZAZIONI CRIMINALI PER                                                    va bene, c’è
unità a partire dal 2013". A dirlo è il ministro                                                          dovete cedere qualcosa….
                                                          RICICLARE E LAVARE DENARO                                                  rimasto solo un po’
della abba Renato Balduzzi, I tagli relativi al
       Salute,                                        SPORCO AL COSTO DI POCHI EURO!!!                                                   di questo…
settore sanitario ammonteranno a 7,9 miliardi di         MONTI METTE I CEROTTI MA LE
euro, in un periodo compreso tra il 2012 e il              FALLE SI MOLTIPLICANO...LA
2014: "Circa 900 milioni sono relativi al 2012, 4,3      DITTATURA E GLI OBBLIGHI CHE
miliardi è il definanziamento per il 2013 e 2,7        LEDONO LE LIBERTA' PORTANO AL
miliardi per il 2014, per un totale di 7,9 miliardi     FALLIMENTO..SOLO QUESTIONE DI
di euro"."Da subito gli uffici e lo staff del                 MESI! E BRAVO IL NOSTRO
ministero sono a disposizione per discutere delle        PRESIDENTE DEL CONSIGLIO........
modifiche" imposte dalla spending review.                       UN VERO COGLIONE!!!!
Compreso il patto per la Salute da discutere con
le Regioni. Il decreto sulla revisione della spesa
prevederà anche "una quota premiale per quelle
Regioni che hanno seguito procedure virtuose                      -Valter Melchiorri-
sull'acquisto di beni e servizi". Critico il leader
del PD, Bersani secondo il quale "il decreto va
corretto nella parte sulla sanità. Non vorrei che     -LA   VITA E’ FATTA A SCALE-
una rottura istituzionale tra Stato e Regioni
rendesse ingovernabile il processo". Ci prova.
                                                                   Il  provvedimento      sulla
                                                      'spending review' si abbatte sul
                                                      governo dei tecnici. La fiducia nel
                                                      premier Mario Monti, infatti, è scesa
                                                      di due punti percentuali dopo il
                                                      decreto sul taglio della spesa
                                                      attestandosi al 40%. Il consenso del
     CASINI:                                          presidente del Consiglio era salito al
    mi apro a                                         42% dopo il buon risultato per
    sinistra                                          l'Italia del consiglio Ue di Bruxelles di
                                                      fine     giugno. E'    quanto    emerge
                                                      dall'ultimo     sondaggio      realizzato
                                                      dall'Ispo di Renato Mannheimer e
                                     Casinisti        pubblicato da Affaritaliani.it.
                                    in delirio        Movimenti interessanti anche tra i
                                      in tutta        partiti. Cresce di un punto la Lega
                                        Italia        Nord, dopo il congresso che ha sancito
                                                      l'ascesa di Roberto Maroni alla
                                                      segreteria federale. Il Carroccio è
                                                      tornato al 7%. In rialzo anche il Popolo
                                                      della Libertà: +1 al 19%. Partito
                                                      Democratico stabile al 25%.
     ecce                                             Il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo
                                                      subisce la prima contrazione dopo la
                                                      continua crescita degli ultimi mesi:
                                                      perde tre punti e si attesta al 16%,
                                                      tornando il terzo partito nazionale
                                                      scavalcato dal Pdl. E non finisce qui.

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Stats:
views:26
posted:7/10/2012
language:
pages:4
Description: Agenzia di informazione diretta da Guido Virzi Bisettimanale di formazione e controinformazione.