PEDALARE SENZA FATICA (MUSCOLARE) by 2ZyEPZx5

VIEWS: 6 PAGES: 1

									CICLISMO POTENZA RESISTENZA E COPPIA MOTRICE DR ZANI ZENO

In questi ultimi anni grazie a strumenti tecnici innovativi come cardio-frequenzimetri
misuratori di potenza SRM -POWERTAP cicloergometri si possono valutare le capacità
metaboliche, le soglie prestazionali e le capacità di resistenza da cui derivare le qualità
agonistiche di un dato ciclista e misurando tali dati nel tempo si codifica l'allenamento e si
comparano i valori di un atleta con altri per prevederne i risultati atletici.
Da queste valutazioni funzionali derivano tutte le metodiche lecite e non per migliorare la performance
del ciclismo.IL sottoscritto da anni si occcupa di un altro aspetto tecnico dinamico da cui è scaturito un
brevetto di pedivelle potenziate autoacceleranti che migliorano notelvolmente il rendimento atletico
specie in salita e sopratutto in accelerazione. Evidenziare tali miglioramenti su strada è semplice
capirne i relativi cambiamenti fisici e dinamici molto meno. La chiave di lettura che mi ha fatto
comprendere le qualità tecniche di questo nuovo prodotto risiede nella coppia motrice valore tecnico
oggi molto considerato in meccanica motoristica. Definizione di coppia motrice (da wikipedia) la coppia
motrice è il momento torcente applicato da un motore(le gambe) ad una trasmissione(mozzo ruota
posteriore).Essa varia al cambiare dei giri del motore (RPM gambe) e ha un valore massimo ad un
certo numero di rotazioni.La coppia motrice indica l'energia muscolare in una singola pedalata ad un
determinato ritmo di rotazione.l'unità di misura della coppia è il N m (newtonmetro).In qualsiasi veicolo
la velocità massima si ottiene alla potenza massima (wattaggio alla soglia) e l'accelerazione massima si
raggiunge al picco di coppia massima.La coppia rappresenta la forza espressa dalla contrazione
muscolare ad ogni determinato regime di pedalata,mentre l'inerzia del ciclista in bici è una resistenza
che limita l'accelerazione;più elevata è la coppia rispetto all'inerzia più elevata sarà l'accelerazione.Ad
oggi non risultano codificati test a secco idonei a valutare la coppia motrice essendo le bielle (pedivelle)
del motore ciclistico praticamente identiche (170-175MM) per tutti.Ora analiziamo indirettamente con
parametri motoristici la performance di un ciclista stradista; un ciclista ben allenato che parte da fermo
seduto usando i vari cambi raggiunge la sua velocità massima dopo diverse centinaia di metri in salita
ripida a bassa frequenza di pedalata tutti i ciclisti sono incapaci di accelerare da seduti,in cima ad uno
strappo allungando i rapporti c'e una fase di latenza nell'accelerazione. In pianura ad elevata velocità e
frequenza di rotazione specie i passisti velocisti accelerano e scattano rapidamente anche varie volte
senza problemi.Da questa analisi si evince che la coppia motrice di qualsiasi stradista è alta a 90-110
RPM ed è molto bassa a 50-70rpm per cui in caso di rallentamenti strettoie variazioni di pendenza
cadute l'accelerazione è intrinsicamente ridotta dal sistema standard. Per migliorare la performance
non è sufficiente aumentare il wattaggio massimo perchè l'effetto scia può annullare questo fattore. Per
distanziare gli avversari o creare spaccature del gruppo occorre accelerare rapidamente specie da
basse medie velocità.Le PEDIVELLE POTENZIATE BREVETTO DR ZANI rispondono a questo
requisito(coppia elevata a varie frequenze di rotazione) per cui sono particolarmente idonee al
agonismo. Fabio Sacchi ex pro è rimasto stupito dalla capacita di inserire il 52/12 dopo 500 metri dalla
partenza da fermo, con pedivelle potenziate da 190mm, Rodolfo Massi ex pro ha evidenziato una
immediata accelerazione in cima a diversi strappi con pedivelle potenziate da 187mm.Da questi esempi
reali si evidenzia indirettamente l'elevata coppia motrice incrementata da questo nuovo componente
che cambierà sicuramente lo svolgimento delle gare. Da questa analisi risulta altresi' importante
valutare nel ciclista la coppia motrice come si fa da molti anni in campo motoristico(banco prova
potenza e coppia) da cui derivare una qualità agonistica fondamentale l'accelerazione.Utilizzando le
pedivelle potenziate si introduce nel cislismo una nuova scienza LA MESSA IN FASE DELLE MASSE
IN ROTAZIONE da cui deriva la scelta della misura proporzionale al cavallo e alla massa degli arti
inferiori. E l'altezza dei braccetti. Per modificare il picco di coppia motrice si può variare taglia,
dimensione braccetti e inserire rialzi allo scopo di migliorare la performance e accelerazione in
specifiche situazioni es. crono ,crono scalate ultramaratone triathlon crono squadre. Allenatori direttori
sportivi medici dello sport devono conoscere i principi fisici e biomeccanici e le caratteristiche corporee
che determinano coppia potenza e resistenza capacità che migliorano accelerazione velocità e
endurance. La scelta di questi nuovi parametri tecnico-scientifici saranno alla base dei successi
agonistici.



                                     DR ZANI MEDICO DEL CICLISMO SOCIO A.I.M.E.C.
CESENA VIA MATTEOTTI 287 CELL 3292113137 EMAIL ZANIZENO@VIRGILIO.IT

								
To top