guida mutui casa by KitA23

VIEWS: 7 PAGES: 3

									                 Guida alle richieste di mutui destinati a privati – clientela retail

   Il presente documento ha lo scopo di fornire alcune indicazioni circa le operazioni gradite agli istituti di credito.



1. Indicatori Generali
 Il processo di valutazione dell’erogabilità delle operazioni di mutuo ipotecario residenziale prevede l’utilizzo di scoring
Basati su rating interni di ciascun istituto e informazioni provenienti dal SIC.
Sono stati individuati alcuni parametri, non esaustivi, che se rispettati tutti contemporaneamente, pur non garantendo l’esito
positivo della valutazione, consentono una maggiore rapidità di delibera.


Tali parametri sono


         finalità:acquisto e/o ristrutturazione immobile residenziale/ non residenziale;
          importo massimo: euro 200000,00;

         rapporto rata/reddito: inferiore o uguale al 40%;
       percentuale di finanziamento:
Abitazioni primarie: 80%
              Abitazioni secondarie, negozi, uffici, box: 60%
         durata del mutuo sommata all’età del richiedente: non superiore ai 75 anni
         clientela standard1: cittadini italiani residenti con lavoro autonomo o a tempo indeterminato




         rapporto rata/reddito: oltre il 50%;
         percentuale di finanziamento:
                 Clientela standard2 : oltre il 95%
                 Clientela non standard: oltre l’80%




1 In caso di cointestazione, la richiesta si considera standard se la condizione sul rapporto rata/reddito risulta soddisfatta
considerando i soli redditi dei soggetti standard.
2 Idem
2. Modalità di determinazione dei valori di concedibilità
   2.1. Modalità di calcolo rapporto rata/ reddito
   Somma degli impegni mensilizzati (rata del mutuo + altri impegni già in essere) divisa per la somma
   dei redditi netti da lavoro o pensione del richiedente. In caso di contestazione si considerano gli
   impegni e i redditi da lavoro o pensione di ogni cointestatario.

    2.2. Reddito netto da pensione o lavoro
   Il valore può essere ricavato:
          Dalla dichiarazione dei redditi: detrarre dalla somma dei redditi annuali lordi da lavoro e
            assimilati l’importo dell’imposta netta e dividere per 12 mensilità
          Dal CUD, parte B – dati fiscali: detrarre dall’importo dei redditi annui lordi gli importi delle
            ritenute effettuate e dividere per 12 mensilità
          Dalla busta paga: confrontare gli importi netti in busta paga di due o più mensilità utilizzare il
            minore, moltiplicando per il numero di mensilità previste dal contratto di lavoro diviso per 12

    2.3. Impegni finanziari



         - Finanziamenti in corso la cui estinzione avvenga prima della erogazione del finanziamento
               richiesto (es. mutuo su abitazione in contestuale vendita che viene estinto con i flussi
               derivanti dalla vendita stessa o trasferito al compratore con accollo liberatorio). In questa
               fattispecie in sede di erogazione del finanziamento deve essere verificata l’avvenuta
               estinzione dell’impegno precedente acquisendo idonea documentazione.
        - Finanziamenti in corso la cui estinzione avvenga a cura della banca mediante il retratto del
               finanziamento richiesto (es. operazioni di surroga, consolidamento debito)
        - Nostri finanziamenti che vengono revocati nell’ambito della stessa istruttoria (es.
               operazioni di rinegoziazione per riscadenzamento)

   L’importo degli affitti non viene conteggiato nella determinazione del rapporto rata/reddito per
   operazioni di mutuo con finalità acquisto prima casa.

    2.4. Scelta del cointestatario prevalente
   Il cointestatario che assume il ruolo di cointestatario prevalente , di regola, coincide con il soggetto
   che ha capacità reddituale migliore in termini di importo e stabilità (gli altri cointestatari assumono il
   ruolo di coobbligati).

    2.5. Valore dell’immobile oggetto della garanzia
   Il valore effettivo dell’immobile è dato dal minore fra il prezzo pagato dall’acquirente (risultante dal
   contratto preliminare di compravendita – compromesso – o dalla proposta di acquisto firmata da
   entrambe le parti) e il valore riportato nella perizia, obbligatoria per tutte le operazioni di mutuo.
3. Documentazione necessaria per la valutazione di una richiesta di finanziamento – mutuo
    ipotecario retail


                         Documento                                         Da richiedere

   Copia di un documento di identità in corso di
                                                        A tutti i soggetti coinvolti nell’istruttoria
   validità
   Ultima dichiarazione dei redditi (mod. Unico,         A tutti i soggetti coinvolti nell’istruttoria, se
   mod. 730 o mod. CUD);                                lavoratori dipendenti
                                                         A tutti i soggetti coinvolti nell’istruttoria, se
   Ultime 2 buste paga
                                                        lavoratori dipendenti
   Certificazione del datore di lavoro dell’anzianità    Al richiedente e a tutti i cointestatari, se
   di servizio                                          lavoratori dipendenti
                                                         Al richiedente e a tutti i cointestatari, se
   Estratto della C.C.I.A.A.                            iscritti CCIAA (titolari di ditta individuale,
                                                        artigiani,coltivatori diretti ecc.)

    Attestato di iscrizione all’Albo                    Richiedente e contestatari
                                                         Al richiedente o cointestatario principale, se
   Utenza recente intestata e regolarmente pagata       lavoratore dipendente con contratto a tempo
                                                        determinato o stagionale, oppure cittadino
                                                        non italiano o non residente
   Copia permesso di soggiorno (o permesso di
                                                         A tutti i soggetti coinvolti nell’istruttoria, se
   soggiorno CE di lungo periodo) in corso di
                                                        non cittadini italiani.
   validità
   Originale del certificato contestuale residenza e
                                                        A tutti i soggetti coinvolti nell’istruttoria
   stato di famiglia
   Copia della promessa di vendita o
   compromesso
   Planimetria catastale con l’indicazione delle
   proprietà confinanti sia dell’immobile che delle
   pertinenze (cantina, solaio, box, etc.)
   Copia del certificato NCEU o visura per              Al richiedente o al cointestatario prevalente
   immobile
   Copia dell’ultimo atto di acquisto dell’immobile
   Mod. 240 o Mod. 4 dell’Ufficio Successioni per
   immobili pervenuti da successioni

								
To top