Presentazione di PowerPoint by 14fiIbF

VIEWS: 4 PAGES: 20

									               Cap. VIII: I gruppi di pressione
                                       Struttura del capitolo

• Il cuore della politica? Introduzione storica sul
  fenomeno dei gruppi
• Democrazia e gruppi
• Gruppi di pressione, lobbying, gruppi di
  interesse
• Tipologie dei gruppi
• Il rapporto tra gruppi e partiti
• I circuiti di rappresentanza dei gruppi:
  pluralismo e neo-corporativismo
Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001    1
Riferimenti storici al fenomeno dei gruppi



•   Le gilde (Medio evo)
•   Le corporazioni (i Comuni italiani)
•   I gruppi professionali (XIX secolo)
•   I sindacati (XIX e XX secolo)
•   Le organizzazioni di interessi (XX secolo)


Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   2
     I gruppi: definizioni dalla letteratura
                                 Bentley [1908]:
un gruppo coincide con ogni sezione della società
che agisca o tenti di agire

                                 Truman [1951]:
Qualsiasi gruppo che, sulla base di atteggiamenti
condivisi, presenta domande ad altri gruppi della
società
                      Almond e Powell [1978]:
Individui legati da comuni preoccupazioni e
interessi, che sono consapevoli di questo legame
     Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   3
                        Democrazia e gruppi
• I gruppi rappresentano allo stesso tempo la
  libertà di unirsi ad altri per presentare
  domande ai leaders politici e la minaccia
  che già possiedono risorse importanti
  possano mobilitarsi più efficacemente di
  altri, rafforzando così le diseguaglianze del
  potere politico (Baumgartnet & Leech)

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   4
   Definizione empirica di gruppo di interesse

• Un gruppo di interesse può essere definito come
  un insieme di persone, organizzate su basi
  volontarie, che mobilita risorse per influenzare le
  decisioni e le conseguenti politiche pubbliche.
Caratteri:
• L’organizzazione del gruppo (di solito),
  formalizzata da apposite norme
• L'aggregazione è volontaria
• La partecipazione è libera.

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   5
  Funzione dei gruppi di interesse
• La funzione principale dei gruppi è
  l’articolazione degli interessi ossia la
  formulazione della domanda politica




Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   6
          Criteri di classificazione dei
               gruppi di interesse
•   Struttura organizzativa
•   Modalità di azione
•   Obiettivi
•   Risorse




Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   7
                   Struttura organizzativa:
             La tipologia dei gruppi di interesse
                 di Almond e Powell [1978]


•   Gruppi di interesse anomici
•   Gruppi di interesse non associativi
•   Gruppi di interesse istituzionali
•   Gruppi di interesse associativi


Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   8
                                       Modalità di azione

• Forme di azione “deboli” e/o convenzionali
  (comunicazione, contatti, informazione)
• Forme di azione forti e/o non convenzionali
  (campagne presso l’opinione pubblica,
  ricorsi in giudizio, corruzione,
  finanziamento campagne elettorali, scioperi,
  marce, sit-in etc.)

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   9
                                                Obiettivi
• Gruppi di difesa di interessi oggettivi
  (categorie occupazionali, appartenenze
  etniche) versus gruppi fondati
  sull’espressione di preferenze morali
  (gruppi filantropici, umanitari etc.)
• Gruppi di interesse pubblico versus gruppi
  di interesse speciale

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   10
Risorse a disposizione dei gruppi
•   Risorse economico-finanziarie
•   Risorse numeriche
•   Risorse di influenza
•   Risorse conoscitive
•   Risorse organizzative
•   Risorse simboliche

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   11
                              Il rapporto gruppi- partiti

Gatekeeping partitico
                                                                        simbiosi



                           Situazioni
                           intermedie                              dominio condizionato




                                                                        neutralità
Accesso autonomo dei
 gruppi alle decisioni
    Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001                          12
Argomenti a favore e contro i gruppi
           di interesse
• La teoria pluralista dei gruppi



• L’approccio di Olson




Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   13
       La teoria pluralista dei gruppi
•        La presenza dei gruppi come fonte di :
1)       Equilibrio. La pluralità dei gruppi garantisce equilibrio
         fra forze contrastanti. La sfida dei gruppi attivi porta alla
         mobilitazione dei gruppi latenti
2)       Socializzazione. La vita nelle associazioni educa
         all’interazione con gli altri. Le appartenenze multiple
         facilitano la tolleranza reciproca
3)       Autonomia della società dallo stato. I gruppi esprimono
         la capacità della società di organizzarsi dal basso. La
         funzione essenziale dello Stato è la mediazione fra i
         diversi interessi

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001         14
                              La critica di Olson
1)       I gruppi a difesa di interessi generali sono difficili da
         organizzarsi a tutto vantaggio dei gruppi a difesa di
         interessi particolaristici
2)       Nell’insieme le organizzazioni e collusioni di interessi
         particolari riducono l’efficienza e il reddito aggregato
         delle società in cui operano e moltiplicano le divisioni
         nella vita politica.
3)       Le coalizioni (di interessi) a fini distributivi abbassano la
         capacità di una società di adottare nuove tecnologie e di
         riallocare risorse in risposta al mutare delle condizioni,
         riducendo il tasso di crescita economica. La loro crescita
         accresce la complessità della regolazione, il ruolo dello
         Stato e la complessità delle intese e modifica la direzione
         dell’evoluzione sociale
 Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001        15
                  Pluralismo [Schmitter, 1974]

                                                          Un sistema di rappresentanza degli
                                                         interessi dove le unità costitutive
                                                          sono organizzate in numero
                                                          indefinito, in competizione tra loro,
                                                          volontarie, non strutturate
         Attori politici                                  gerarchicamente, non
                                                          necessariamente riconosciute o
                                                          organizzate dal governo, e non
                                                          esercitano il monopolio della
      Decisioni politiche
                                                          rappresentanza

Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001                                16
                         Forme di pluralismo

• Il lobbysmo negli Usa
• Il Partisan pluralism (Gb)
• Il clientelismo (paesi mediterranei)




Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   17
              Neo-corporativismo [Schmitter 1974]

                                                       Un sistema di rappresentanza di
                                                       interessi dove le unità costitutive
Gruppo A                                      Gruppo B sono organizzate in numero limitato
                                                       di categorie non competitive,
                                                       strutturate gerarchicamente,
                                                       differenziate funzionalmente,
                                                       riconosciute, se non organizzate dal
                                                       governo, non competitive tra loro,
                                                       che esercitano complessivamente il
             governo                                   monopolio della raprresentanza



   Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001                        18
       Logica dei membri nel pluralismo e nel
                 neocorporativismo
a) Pluralismo: Struttura organizzativa frammentata
   e povera di risorse, che deve fare affidamento
   sulle sue risorse, poco capace di sviluppare
   programmi di lungo periodo
b) Neocorporativismo: associazioni forti e
   integrate, ricche di risorse, relativamente
   indipendenti dai membri e capaci di sviluppare
   prospettive di lungo termine


Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   19
    Logica dell’influenza nel pluralismo e nel
               neocorporativismo
a) Pluralismo: i gruppi esercitano influenza
   attraverso varie forme di pressione, ma non vi
   sono rapporti strutturati.(Lobbying)
b) Neocorporativismo: un sistema istituzionalizzato
   di interazioni attribuisce alle associazioni ruoli
   particolari nell’elaborazioni e soprattutto nella
   realizzazione delle politiche pubbliche
   (Concertazione)


Cotta-della Porta-Morlino, Scienza politica, Il Mulino, 2001   20

								
To top