Bando progetti specializzazione

Document Sample
Bando progetti specializzazione Powered By Docstoc
					                                                                   Numero 13/S06                            Pag.
                                           Ancona

                                                                   Data     04/02/2009
             REGIONE MARCHE
              GIUNTA REGIONALE



                                 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL
                         SERVIZIO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO
                                    N. 13/S06 DEL 04/02/2009

Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione dei progetti di formazione per percorsi
di specializzazione – ANNO 2008/2009 P.O.R. Marche – FSE 2007/2013, Asse IV – Os. I
– Cat.74.



                                                          -.-.-


      VISTO il documento istruttorio riportato in calce al presente decreto, dal quale si rileva la necessità di
adottare il presente atto;

      RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di emanare il
presente decreto;

         VISTO l’articolo 16 bis della legge regionale 15 ottobre 2001, n. 20;

      VISTA l’attestazione della copertura finanziaria di cui all’articolo 48 della legge regionale 11 dicembre
2001, n.31;

         VISTA la legge regionale di approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2009 n.38 del 24 dicembre
2008;

VISTA la DGR di approvazione del POA per l’anno 2009 n.1917 del 22 dicembre 2008.

                                                    -DECRETA-

    1.    Di approvare l’Avviso pubblico, allegato “A” al presente atto (comprensivo degli allegati A1, A2, A3, A4,
          A5), finalizzato alla presentazione dei progetti di formazione per percorsi di specializzazione. L’intervento
          rientra nel POR Marche Os.I - FSE 2007 – 2013 Asse IV. Gli allegati sono parte integrante e sostanziale
          del presente atto;



    2.    di dare atto che la copertura finanziaria, pari a € 3.420.000,00, è garantita dalla disponibilità esistente sul
          capitolo del bilancio 2009 – residui stanziamento anno 2008 come di seguito indicato:



     CAPITOLO                                                                      SIOPE           IMPORTO

     32101666 (e/20204002 acc.to 47 anno 2008 e 20115002 acc.to
     anno 2008 decreto residui da stanziamento n. 441/09)                        10603/0000         3.420.000,00




    3.    di stabilire che la valutazione dei progetti pervenuti e ritenuti ammissibili sarà effettuata da un’apposita
          Commissione nominata con decreto del Dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro che
          svolgerà la valutazione ed individuerà, per ciascun progetto, le spese ammissibili;
4.   di stabilire che il Dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro provvederà con propri atti
     all’esclusione dei progetti pervenuti non ammissibili ai sensi del presente avviso pubblico,
     all’approvazione della graduatoria di merito dei progetti, all’impegno di spesa delle risorse e
     all’erogazione del finanziamento a favore dei Soggetti beneficiari, e agli atti conseguenti all’attuazione
     dell’intervento;

5. di dare evidenza pubblica al presente avviso, completo dei suoi allegati, attraverso la pubblicazione sul
   BURM e sul sito www.istruzioneformazionelavoro.marche.it.




                                     IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
                                         (Dott. Mauro Terzoni)
                                                                Numero 13/S06                            Pag.
                                         Ancona

                                                                Data     04/02/2009
          REGIONE MARCHE
           GIUNTA REGIONALE




                                       - DOCUMENTO ISTRUTTORIO -

A) NORMATIVA DI RIFERIMENTO

-      Regolamento (CE) n. 1081/2006 recante le disposizioni sul Fondo sociale europeo;
-      Regolamento (CE) n. 1083/2006 concernente le spese ammissibili al finanziamento dei Fondi strutturali;
-      Regolamento (CE) n. 1828/2006 recante modalità di applicazione dei regolamenti sui Fondi strutturali;
-      Regolamento (CE) n. 1989/2006 che modifica l’allegato III del regolamento generale sui Fondi strutturali;
-      Programma Operativo Regione Marche FSE 2007-2013 approvato dalla Commissione Europea con
       decisione C (2007) 5496 dell’8/11/2007;
-      DGR. n. 975 del 01/08/2005 “Approvazione del modello di attestato di qualifica da rilasciare al termine
       degli interventi di formazione professionale”;
-      DGR. n. 192 del 18/02/2008 “POR Marche FSE 200/2013: documento attuativo del programma e linee
       guida per le attività di formazione professionale”;
-      DGR. n. 974 del 16/07/2008 “DGR n. 62/2001. Integrazione del Regolamento istitutivo del dispositivo di
       accreditamento delle strutture formative della Regione Marche;
-      DGR. n. 975 del 16/07/2008 “Manuale per la gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la
       formazione e le politiche attive del lavoro”.

B) MOTIVAZIONE

    La Commissione Europea, con decisione C (2007) 5496 del 08/11/2007, ha approvato il Programma
    Operativo Regione Marche FSE 2007/2013.

    Successivamente, la Giunta Regionale, con propria deliberazione n. 192 del 18 febbraio 2008 ha approvato
    il “documento attuativo del programma e linee guida per le attività di formazione professionale. POR Marche
    FSE 2007/2013”, che individua nell’Asse IV “Capitale umano” l’obiettivo specifico i) “aumentare la
    partecipazione alle opportunità formative lungo tutto l’arco della vita e innalzare i livelli di apprendimento e
    conoscenza”.

    La Regione Marche, coerentemente con la direzione intrapresa nell’istruzione e formazione superiore,
    intende promuovere con il presente Avviso la realizzazione di percorsi di specializzazione, in collegamento
    con le dinamiche occupazionali e lo sviluppo economico regionale, sostenendo la realtà dei fabbisogni
    professionali e favorendo profili ad alto assorbimento occupazionale nei settori di interesse strategico e nelle
    politiche di sviluppo regionali e locali.

    I corsi di specializzazione si rivolgono a diplomati e laureati specie se in possesso di titolo di studio specifico
    nel settore in cui si innesta la specializzazione. I corsi di specializzazione, finalizzati all’apprendimento di
    abilità, conoscenze e capacità in settori avanzati per i quali lo sviluppo organizzativo e dei servizi e le
    esigenze di programmazione indicano un’evoluzione definita e puntuale, possono rappresentare decise
    opportunità lavorative per occupati anche da riconvertire con un’alta professionalità, per disoccupati e
    inoccupati, diplomati o laureati.

    La direzione intrapresa dal sistema dell’Alta Formazione della Regione Marche, sostenuta dai considerevoli
    risultati conseguiti nei Master e nell’IFTS e con i Poli Formativi e Tecnologici, si completa con i percorsi di
    specializzazione, nella direzione della strategia di Lisbona che si prefigge di realizzare una crescita
    economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro.

    Le attività formative di specializzazione devono costituire un’area di eccellenza del sistema regionale della
    formazione professionale e collocarsi all’interno dei modelli di programmazione integrata con i mercati
    territoriali ed il sistema delle imprese, rispondendo alle esigenze di trasformazione e mutamento del tessuto
    socio-economico regionale. I progetti formativi dovranno facilitare un coerente inserimento lavorativo e
    rispondere quindi alle esigenze di formazione delle imprese locali e caratterizzarsi per l’alto contenuto
    professionale.
   Tutti i progetti dovranno prevedere una relazione sul fabbisogno formativo ed occupazionale per la specifica
   figura professionale presentata, disposta e sottoscritta con la collaborazione delle Associazioni dei lavoratori
   e dei datori di lavoro maggiormente significative e presenti nell’ambito della specifica realtà socio-economica
   in cui si intende realizzare il corso di specializzazione.

   Come indicato dal documento approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 28 gennaio 2008 e
   nel Documento Attuativo del POR FSE 2007-13 (DGR 192/08), la valutazione di progetti dovrà essere
   effettuata utilizzando i criteri della qualità, dell’efficacia potenziale e dell’economicità ed i pesi indicati nelle
   tabelle dell’allegato “A”. La valutazione dei progetti viene espressa in 100/100 ed ai fini del finanziamento il
   punteggio complessivo non potrà essere inferiore a 60/100.




C) ESITO DELL’ISTRUTTORIA

   Sulla scorta delle motivazioni sopra esposte si propone l’adozione dell’atto avente per oggetto:

Avviso pubblico per la presentazione dei progetti di formazione per percorsi di
specializzazione – ANNO 2008/2009 P.O.R. Marche – FSE 2007/2013, Asse IV – Os. I –
Cat.74.


                              Il Responsabile dell’Alta Professionalità
                       Integrazione dei sistemi istruzione, formazione e lavoro
                                           (Dott. Enzo Carli)
                                                             Numero 13/S06                         Pag.
                                      Ancona

                                                             Data    04/02/2009
         REGIONE MARCHE
          GIUNTA REGIONALE




                        ATTESTAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA

      Si attesta che la copertura finanziaria della spesa prevista con il presente atto, per un importo pari ad €
      3.420.000,00, è garantita dalle disponibilità finanziarie esistenti sul capitolo n. 32101666 (e/20204002
      acc.to 47 anno 2008 e 20115002 acc.to anno 2008), bilancio 2009 – residui stanziamento anno 2008,
      decreto residui n. 441/09.
      Codice siope 10603/0000.




                              IL RESPONSABILE DELLA P.O. DI SPESA
                                          (Dott. Tommaso Patrizi)




                                               - ALLEGATI -




“A” Avviso Pubblico per la presentazione dei progetti di formazione per percorsi di specializzazione (Anno
2008/2009 P.O.R. Marche – FSE 2007- 2013, Asse IV – Os. I – Cat. 74);
“A1”: Schema di richiesta di finanziamento del progetto per singolo Ente o Associazione;
“A2” Schema di richiesta di finanziamento del progetto nel caso di ATI o ATS;
“A3”: Dichiarazione di impegno tra le parti coinvolte nella realizzazione del corso;
“A4”: Scheda Descrizione Stage Modulo Generale;
“A5”: Scheda Descrizione Stage Modulo Individuale;
                                                                                                           Allegato A


                                               AVVISO PUBBLICO
    PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI FORMAZIONE PER PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE –
                ANNO 2008/9 P.O.R. Marche – FSE 2007-2013, Asse IV- Os. I - Cat. 74




                                                     Articolo 1
                                                     (Finalità)
    I corsi di specializzazione, le professioni dell’innovazione produttiva e organizzativa

La Regione Marche, in attuazione delle disposizioni contenute nel Programma Annuale delle Politiche Attive del
Lavoro anno 2008 emana il presente Avviso pubblico nell’ambito dell’Asse IV Obiettivo specifico del POR FSE
2007/2013, al fine di realizzare e finanziare attività formative di specializzazione.
I progetti finanziati dovranno concorrere a realizzare il Piano di intervento territoriale per il sistema di istruzione e
formazione tecnica superiore 2007/2009.
        La Regione Marche in connessione con le dinamiche occupazionali e lo sviluppo economico regionale,
nell’ambito dell’alta formazione superiore, intende realizzare per l’anno 2009 n. 20 corsi di specializzazione.
I corsi della durata di 600 ore sono ripetibili con le stesse modalità indicate nell’art.6 del presente Avviso per
l’anno 2010, privilegiano i profili professionali ad alto assorbimento occupazionale nei settori di interesse
strategico delle politiche di sviluppo locali, regionali e nazionali.
La Regione Marche, Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro, ha inteso avviare un percorso in rete e
sviluppando la massima concertazione con le Istituzioni territoriali e le Parti Sociali, procedendo quindi ad una
puntuale programmazione dei citati interventi, individuando a seguito di un’attenta analisi dei fabbisogni formativi
ed occupazionali, i singoli percorsi formativi che si ritengono prioritari per lo sviluppo del territorio e ciò per
addivenire ad un’offerta formativa condivisa, utile ed efficace per implementare le politiche di sviluppo economico
attraverso percorsi ed interventi che sviluppano al meglio professionalità e competenze, conoscenze, abilità
individuali, indispensabili per promuovere il migliore inserimento al lavoro.
La Regione Marche ha altresì realizzato un’indagine sui fabbisogni professionali e formativi del tessuto
sociale marchigiano, ricerca avviata nel mese di gennaio e conclusasi nel mese di novembre 2008, è stata
condotta mediante un’analisi dell’offerta formativa finanziata dalla Regione Marche nel triennio 2005-
2007.Dall’analisi della ricerca incrociata con le indicazioni pervenute al Servizio, emergono, una serie di indicatori
di fabbisogni per settori di seguito riportati. Nell’indagine si osserva che i disoccupati, ed in particolare quelli alla
ricerca di una prima occupazione, si sono concentrati su corsi di formazione superiore e che le indicazioni delle
imprese per grandi gruppi professionali ISTAT prevedono oltre 4000 assunzioni per le professioni tecniche e per
le professioni intellettuali, scientifiche di elevata specializzazione. L’indagine è correlata da alcune indicazioni
emerse da una serie di focus group che hanno visto la partecipazione di un numero variabile di stakeholders in
rappresentanza delle Istituzioni, centri Locali per l’Impiego, l’Orientamento e la Formazione e le Parti sociali. I
fabbisogni formativi e professionali emersi riguardano sia i filoni tipici - quelli che caratterizzano e/o hanno
caratterizzato storicamente il territorio, per i quali si immagina la necessità di una rivitalizzazione o trasformazione
- sia sui settori emergenti -quelli che, alla luce delle tendenze che investono l’economia globale, acquistano
rilevanza nell’ottica di una trasformazione dell’assetto produttivo del territorio.
Tra le indicazioni prioritarie è possibile circostanziare i seguenti settori;
- servizi alle imprese,
-turismo inteso anche come ruralità, ambiente, agriturismo;
-industria manufatturiera;
-igiene e sicurezza del lavoro;
-tecnologie innovative per le attività culturali.
                                                                  Numero 13/S06                            Pag.
                                          Ancona

                                                                  Data    04/02/2009
           REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE




La Regione Marche approverà 15 corsi di specializzazione per le figure professionali dei settori prioritari.
Le strategie occupazionali seguite dalle imprese consentono di individuare alcune traiettorie attraverso le quali si
diffondono conoscenze e competenze strategiche sul versante dell’innovazione di prodotto e di processo, della
rimodulazione dell’assetto organizzativo, delle strategie di marketing e comunicazione.
Le figure professionali richieste dalle imprese sono aggregate in un sistema classificatorio gerarchico o
classificazione ISCO (International Standard Occupational Classification) elaborata già nel 1988 dall’International
Labour Office.
Nell’ambito delle professioni dell’innovazione produttiva e dell’innovazione organizzativa, high skill, ISCO gruppi
1, 2 e 3 - dirigenti, impiegati con elevata specializzazione e tecnici -riferibili è possibile evidenziare cinque diversi
raggruppamenti professionali, ossia:
1) le professioni della ricerca e della progettazione;
2) le professioni per l’innovazione nel processo produttivo;
3) le professioni per la promozione, il marketing e la comunicazione;
4) le professioni per l'innovazione nella logistica e nella distribuzione;
5) le professioni per lo sviluppo delle risorse umane e la formazione aziendale.

Le professioni dell’innovazione produttiva rappresentano pertanto un ulteriore sbocco privilegiato per la
fascia più alta dell’offerta formativa e per le quali la Regione Marche approverà ulteriori 5 corsi di
specializzazione.
Coplessivamente saranno realizzati n.20 corsi di specializzazione.
I corsi di specializzazione si rivolgono a diplomati e a laureati specie se in possesso di titolo di studio specifico nel
settore in cui si innesta la specializzazione. I corsi di specializzazione, finalizzati all’apprendimento di abilità,
conoscenze e capacità in settori avanzati per i quali lo sviluppo organizzativo e dei servizi e le esigenze di
programmazione indicano un’evoluzione definita e puntuale, possono rappresentare decise opportunità lavorative
per occupati anche da riconvertire con un’alta professionalità, per disoccupati e inoccupati, diplomati o laureati.
La direzione intrapresa dal sistema dell’Alta Formazione della Regione Marche, sostenuta dai considerevoli
risultati conseguiti nei Master e nell’IFTS e con i Poli Formativi e Tecnologici, si completa con i percorsi di
specializzazione, nella direzione della strategia di Lisbona che si prefigge di realizzare una crescita economica
sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro.
Le attività formative di specializzazione devono costituire un’area di eccellenza del sistema regionale della
formazione professionale e collocarsi all’interno dei modelli di programmazione integrata con i mercati territoriali
ed il sistema delle imprese, rispondendo alle esigenze di trasformazione e mutamento del tessuto socio-
economico regionale. I progetti formativi dovranno facilitare un coerente inserimento lavorativo e rispondere
quindi alle esigenze di formazione delle imprese locali e caratterizzarsi per l’alto contenuto professionale,
l’innovazione: degli obiettivi, della metodologia, dello stage formativo, della didattica.
Per la specifica figura proposta, coerentemente con il tabulato delle qualifiche e delle specializzazioni regionali,
dovrà essere individuato il profilo professionale con la definizione delle competenze in ingresso e la definizione
degli standard minimi in esito. Qualora la stessa figura professionale non dovesse figurare tra quelle annoverate
nel tabulato delle qualifiche o equipollenti, congiuntamente al progetto, dovrà essere presentata specifica
richiesta per la nuova figura professionale e per la stessa professionalità, dovranno essere indicati finalità,
obiettivi, discipline di insegnamento, durata e organizzazione didattica, profilo professionale e standard minimi
delle competenze di base e trasversali.
Tutti i progetti dovranno prevedere una relazione sul fabbisogno formativo ed occupazionale per la specifica
figura professionale presentata, disposta e sottoscritta con la collaborazione delle Associazioni dei lavoratori e dei
datori di lavoro maggiormente significative e presenti nell’ambito della specifica realtà socio-economica in cui si
intende realizzare il corso di specializzazione.
La Regione Marche, coerentemente con la direzione intrapresa nell’istruzione e formazione superiore, intende
promuovere con il presente Avviso la realizzazione di percorsi di specializzazione, in collegamento con le
dinamiche occupazionali e lo sviluppo economico regionale sostenendo la realtà dei fabbisogni professionali,
favorendo profili ad alto assorbimento occupazionale nei settori di interesse strategico e nelle politiche di sviluppo
regionali e locali.
Il presente avviso comprende le modalità e termini di presentazione, indicazioni sull’organizzazione didattica; sui
criteri di ammissibilità e di valutazione dei progetti, nonché le modalità di realizzazione dei corsi di
specializzazione.
I progetti formativi dovranno essere coerenti con le politiche attive del lavoro, senza peraltro sovrapporsi con
l’offerta formativa universitaria di primo livello, dei master e dell’IFTS, caratterizzandosi per il loro alto contenuto
professionale e per il diretto riscontro con le esigenze della realtà socio-economica locale a cui sono riferite.
I corsi di specializzazione potranno consentire ai giovani l’acquisizione di competenze a livello post-secondario a
partire dalla qualificazione delle competenze possedute e delle esperienze professionali maturate che potranno
per i giovani, facilitare ed accelerare o un loro idoneo inserimento professionale, mentre per gli adulti occupati
un’ulteriore opportunità di completamento e di riqualificazione professionale particolarmente significativa in virtù
dell’attuale fase di ristrutturazione e di riorganizzazione dei sistemi produttivi e dei servizi.
Per gli adulti inoccupati o disoccupati il corso di specializzazione, attraverso la riqualificazione delle conoscenze
su specifici settori del segmento produttivo e dei servizi, potrà rappresentare una condizione favorevole quale
allargamento delle opportunità di inserimento lavorativo.
I corsi di specializzazione costituiscono quindi un grande opportunità per proseguire nella direzione strategica
indicata dal Consiglio Europeo di Lisbona, e vanno a collocarsi all’interno di modelli di programmazione formativa
integrata con il territorio, con il sistema delle imprese e dei mercati territoriali, rispondendo all’esigenza di
competitività e di trasformazione del tessuto socio-economico regionale.
Per favorire ed agevolare un possibile inserimento lavorativo, verranno privilegiati interventi formativi innovativi
nei contenuti, nei percorsi, nella professionalità; a sostegno di quanto indicato, i progetti didattici dovranno
prevedere una specifica relazione concertata con le Parti Sociali più rappresentative dei mercati territoriali.




                                                   Articolo 2
                                              (Risorse finanziarie)
Per l’attuazione dell’intervento la Regione Marche destina la somma di euro 3.420.000,00.
Per ogni progetto é previsto un finanziamento massimo di euro 85.500,00
La categoria di spesa di riferimento ai sensi del regolamento (CE) n. 1083/2006 é il n.74
Documento attuativo POR 2007/2013
Classificazione CUP, settore11, sottosettore 71, cat.004, IFTS.
Al finanziamento dei progetti contribuiscono:

          Fondi provenienti dal FSE Ob. 3 Asse IV anno 2008 per € 3.420.000,00
           Capitolo 32101666 (e/20204002 acc.to 47 anno 2008 e 20115002 acc.to anno 2008)
           Decreto residui da stanziamento n. 441/09
           Codice siope 10603/0000.



                                                  Articolo 3
                                             (Soggetti proponenti)

Possono presentare domanda di finanziamento:

     le strutture formative pubbliche oppure private che, alla data di presentazione della domanda di
       finanziamento, risultino accreditate presso la Regione Marche, ai sensi delle Deliberazioni della Giunta
       regionale n. 62, del 17/01/2001, la n. 2164 del 18/09/2001 e s. m e la n. 974 del 16/07/2008 e s. m ., per
       la macrotipologia formativa formazione superiore;
     le strutture formative non accreditate alla sola condizione che, alla data di presentazione della domanda
                                                                 Numero 13/S06                            Pag.
                                          Ancona

                                                                 Data     04/02/2009
           REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE



        di finanziamento, le stesse abbiano presentato la richiesta di accreditamento per la macrotipologia
        formazione superiore al Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Marche.

    L’affidamento della realizzazione delle attività e la conseguente concessione delle risorse finanziarie potranno
riguardare unicamente soggetti, risultati idonei, che siano accreditati ai sensi delle vigenti disposizioni, al
momento della stipula della convenzione.
I progetti dei corsi di specializzazione possono essere presentati da enti pubblici o privati che abbiano ad oggetto
delle proprie attività la formazione professionale o organismi di formazione pubblici o privati anche in
Associazione temporanea d’impresa o di scopo (in prosieguo ATI o ATS) anche in fase di costituzione.
Ciascun Ente di cui sopra può presentare non più di due progetti.
Nel caso di ATI o ATS ogni componente dovrà dichiarare contestualmente alla domanda di richiesta di
finanziamento, l’impegno a formalizzare l’Associazione temporanea d’impresa o di scopo nel caso in cui il
progetto presentato venga ammesso a finanziamento, entro 60 giorni dalla pubblicazione della graduatoria dei
progetti. L’atto di costituzione dell’ATI o ATS dovrà essere redatto con atto pubblico da un notaio o con scrittura
privata autenticata da un notaio, con l’indicazione dei compiti assegnati ad ogni singolo partecipante nonché la
procura al soggetto capofila destinatario del finanziamento, denominato d’ora in poi Ente Gestore e trasmesso in
originale al Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Marche.



                                                  Articolo 4
                                           (Destinatari del progetto)
I destinatari delle attività corsuali di specializzazione sono giovani, adulti, occupati, disoccupati o inoccupati,
comunque diplomati o laureati.
Il corso di specializzazione è destinato ad un gruppo classe di un minimo di 8 ed un massimo di 15 allievi (Art.6
Reg.to reg.le n.33/92). L’Allievo non dovrà, pena l‘esclusione dal corso superare n. 150 ore di assenza, pari al
25% del monte ore complessivo del corso. Qualora il corsista superi tale limite e rinunci al corso, subentrerà il
primo avente diritto preso dalla graduatoria dei selezionati aventi i requisiti previsti per la partecipazione al corso.
In tal caso i costi saranno riconosciuti solo dal momento del subentro e sempre per il gruppo classe formato al
massimo da 15 allievi.
Ai fini dell’ammissione all’esame finale di fronte ad una Commissione esaminatrice composta nei modi e termini
previsti dalla vigente normativa regionale, è obbligatoria la frequenza del 75% del monte ore corso.
All’allievo che abbandonerà il corso verranno riconosciuti dall’Ente Gestore solo gli specifici crediti maturati
durante il percorso realizzato.
Nel caso in cui il numero degli Allievi che intendono partecipare al corso sia superiore al massimo consentito di
15, l’ente formativo gestore, di concerto con il funzionario addetto alle verifiche e controllo, designato dal
Dirigente della P.F. Istruzione, Diritto allo Studio e Rendicontazioni, dovrà predisporre apposita selezione
attraverso prove scritte e/o pratiche congiunte ad un colloquio motivazionale e al termine della selezione,
predisporre l’apposita graduatoria di merito.
I corsi di specializzazione possono prevedere una riserva pari all’80% dei posti disponibili in favore di soggetti
residenti o domiciliati nella Regione Marche. In mancanza delle indicazioni sopra specificate, il bando è aperto a
tutti.
La partecipazione ai corsi di specializzazione è completamente gratuita per gli allievi ammessi al corso.
Ogni singola edizione dei corsi di specializzazione deve svolgersi nell’arco temporale di 8 mesi con una durata
complessiva di 600 ore comprensive di stage, delle lezioni individuali e dell’esame finale (DGR n.4626/89 e s.
m.).



                                                  Articolo 5
                                            (Requisiti del progetto)

   I soggetti proponenti il progetto devono presentare una proposta progettuale nell’apposito formulario
disponibile sul sistema informativo della formazione professionale (SIFORM). Il progetto deve avere le seguenti
caratteristiche che costituiscono le condizioni indispensabili al processo di integrazione e quindi di ammissibilità al
presente bando:


             o   tenere conto, in presenza di giovani o adulti occupati, dei loro impegni di lavoro nell’articolazione
                 dei tempi e delle modalità di svolgimento dei percorsi formativi;

             o   prevedere verifiche periodiche sull’apprendimento ed eventuali iniziative didattiche di supporto.

Qualora si presentino gli stessi corsi di specializzazione conclusi negli anni 2007 e 2008, finanziati dalla Regione
Marche, l’Ente Gestore dovrà dimostrare di avere occupato almeno il 30% degli Allievi specializzati nella
precedente edizione del corso.

5.1 Durata
L’intervento formativo deve articolarsi in un corso della durata di 600 ore articolato in 2 moduli della durata
ognuno di 300 ore. Nell’anno 2009 saranno realizzati complessivamente n. 20 corsi di specializzazione sulla base
delle indicazioni settoriali di cui all’art. 1 del presente avviso, ripetibili con le stesse modalità nell’anno 2010.

5.2 Tematiche
I progetti formativi dovranno prevedere:

-metodologie didattiche innovative;
-misure di accompagnamento agli allievi ai corsi, a supporto della frequenza per eventuali debiti formativi
riscontrati sia in accesso che in itinere ai fini del conseguimento dei crediti, delle certificazioni intermedie e finali,
nonché a supporto dell’inserimento lavorativo (orientamento, accompagnamento al lavoro, tutoring);
-l’utilizzo di materiali e supporti didattici specifici e originali per il percorso formativo proposto;
 tale materiale dovrà rimanere a disposizione dell’Ente Regione;
 - i percorsi fanno riferimento a competenze di base, trasversali e tecnico-professionali; dovranno essere sempre
definite le competenze acquisite;
- una relazione sul fabbisogno formativo ed occupazionale per la specifica figura professionale presentata,
disposta e sottoscritta con la collaborazione delle Associazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro maggiormente
significative e presenti nell’ambito della specifica realtà socio-economica in cui si intende realizzare il corso di
specializzazione;
 -prevedere il rispetto del limite massimo di costo che viene fissato in €.85.500,00 per ogni progetto;
- assicurare il pieno rispetto delle pari opportunità.
- effettuare le verifiche periodiche di apprendimento durante il percorso ed eventuali iniziative didattiche di
supporto;

5.3 Costo ora allievo
Il costo ora allievo massimo consentito per il progetto o progetti presentati a valere sul presente Avviso è pari ad
euro 9,50/ora. In ogni caso il costo non potrà essere inferiore del 25% di quello massimo.
.
5.4 Qualifica
Al termine di ciascun percorso di specializzazione e previo il superamento delle prove finali di esame, l’Ente
Gestore rilascerà ad ogni Allievo, ai sensi della legge n.845/78, l’attestato di Specializzazione sulla base del
modello indicato dalla D.G.R. n.975 /2005, corredato dal percorso formativo realizzato dall’allievo con indicati gli
standard professionali minimi conseguiti al termine del corso. La certificazione finale dovrà prevedere i loghi della
Regione Marche, del FSE, del Ministero del Lavoro e dell’Ente Gestore.

5.5 Stage
Lo stage, obbligatorio e irrinunciabile per gli allievi, è l’elemento professionalizzante, la cui durata di 180 ore è
pari al 30% del monte ore corso; tale attività deve rispondere a standard di qualità, è svolta in luoghi di lavoro,
oltre l’attività di formazione pratica previste dal progetto formativo. Lo stage aziendale può essere svolto anche
all’estero e deve essere collocato all’interno dei corrispondenti sistemi di certificazione europea.

        Lo stage ha una valenza:
                                                                  Numero 13/S06                            Pag.
                                          Ancona

                                                                  Data     04/02/2009
           REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE




·     didattica, che risponde efficacemente alla necessità di completare gli obiettivi formativi previsti dal
percorso;
·    di orientamento attivo, per facilitare le scelte professionali mediante l’esperienza diretta in un contesto
produttivo;
·    di comprensione dell’organizzazione aziendale e del lavoro
·    di opportunità di accompagnamento all’inserimento lavorativo;
·    formativa, in grado di ampliare il patrimonio di proprie competenze;
·      valutativa in quanto rilascia crediti.

Al termine dello stage si dovrà prevedere:

·     il rientro in aula per un’analisi critica dell’esperienza lavorativa appena conclusa;
·     la valutazione dell’attività di stage.

Nella progettazione dello stage dovranno essere ben definiti, attraverso una convenzione tra le parti, l’Ente
Gestore e le aziende pubbliche e/o private coinvolte, gli obiettivi, i ruoli e le funzioni assegnate ai soggetti
partecipanti.
La disponibilità da parte delle istituzioni e organismi pubblici o privati, interessati ad ospitare gli stagisti deve
essere formalizzata da un accordo scritto tra le parti che in prima fase è corrispondente alla scheda “Descrizione
Stage Modulo Generale” (Allegato A4) che, successivamente all’ammissione al finanziamento, si traduce in una
convenzione scritta. Al momento della realizzazione dello stage, dovrà essere inviata a questo Ente la scheda
“Descrizione Stage Modulo Individuale” (Allegato A5), compilata in ogni sua parte.

5.6 Docenti
Il progetto dovrà prevedere che il corpo docente deve essere composto per almeno il 30% da esperti provenienti
dal mondo del lavoro, in possesso di una specifica e documentata esperienza professionale nel settore, maturata
per almeno 5 anni. Le ore di docenza, riferita agli esperti di cui sopra, devono essere congrue alle finalità e agli
obiettivi professionali da conseguire e di norma, attenersi intorno al 30% dell’intero monte ore del corso;

5.7 Certificazione competenze e Crediti
 Il progetto deve prevedere il riconoscimento dei crediti formativi, definiti dalle competenze acquisite ai fini del loro
riconoscimento.

5.8 Libretto formativo
L’Ente gestore avrà cura di predisporre in via sperimentale, per ogni allievo, un apposito libretto formativo con la
declaratoria delle Unità Capitalizzabili, dei crediti formativi e quant’altro utile all’immediato riconoscimento
professionale. Il Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro fornirà indicazioni e modalità in merito.




                                            Articolo 6
                          (Finanziamento successive edizioni del progetto)

L’amministrazione si riserva la facoltà di finanziare un’ulteriore edizione del medesimo corso, realizzato dallo
stesso soggetto proponente in seguito al finanziamento a valere sul presente Avviso.
Il finanziamento di successive edizioni è subordinato all’effettivo inserimento occupazionale di almeno il 50 %
degli allievi disoccupati/inoccupati che hanno terminato con profitto la prima edizione di corso. Nel caso di
occupati, il collocamento di almeno il 50% degli stessi in una fascia contrattuale superiore a quella posseduta
prima di iniziare il corso.
 Nel computo della percentuale vanno considerati gli allievi che hanno conseguito la certificazione finale.

Fatto salvo quanto indicato all’ultimo comma del presente articolo, per il finanziamento della successiva edizione
del corso dovranno essere soddisfatte tutte le seguenti condizioni:
    a) inserimento occupazionale di almeno il 50% degli allievi entro il termine massimo di 2 mesi dalla data di
        fine della prima edizione del corso. Tale condizione è ritenuta essenziale per dimostrare la stretta
        connessione tra la frequenza del corso e l’occupazione ottenuta nonché per velocizzare le procedure di
        inserimento occupazionale;
    b) tipologia di contratto di assunzione a tempo indeterminato dei soggetti che hanno trovato
        un’occupazione, o tipologie contrattuali a tempo determinato o atipiche purché per periodi di durata non
        inferiore a 12 mesi;
    c) occupazione coerente con il percorso formativo effettuato.
    La dimostrazione dell’esistenza delle condizioni di cui ai punti a) b) e c) avverrà in uno dei seguenti modi:
               o   dichiarazione rilasciata dall’impresa che ha effettuato l’assunzione relativa al tipo di contratto e
                   alle mansioni svolte dall’interessato;
               o   copia del contratto di lavoro;
               o   copia del modello di comunicazione dell’assunzione al CIOF.

In difetto di tutti i presupposti di cui al comma precedente, potrà comunque essere concesso, a discrezione della
Regione Marche, il finanziamento della successiva edizione del corso, purchè vengano soddisfatte almeno due
delle condizioni di cui sopra; in ogni caso l’inserimento occupazionale non potrà essere inferiore al 30% degli
allievi disoccupati/inoccupati frequentanti la prima edizione del corso.
La percentuale di allievi occupati del 30% viene ridotta al 20% nel solo caso in cui vengano occupate almeno 3
donne o almeno 2 soggetti in situazione di disabilità ai sensi dell'art. 1 della legge 12/03/1999, n. 68.
Il rifinanziamento non potrà prevedere il rimborso delle spese di progettazione dell’intervento formativo.
L’Amministrazione regionale, a suo insindacabile giudizio, si riserva la facoltà di non finanziare le ulteriori edizioni
del corso, qualora se ne ravvedesse l’opportunità per ragioni di interesse generale anche tenendo in
considerazione eventuali irregolarità riscontrate nella modalità di gestione dei progetti, senza che per questo i
Soggetti proponenti i singoli progetti possano vantare dei diritti nei confronti della Regione Marche in merito al
finanziamento delle ulteriori edizioni del corso.



                                              Articolo 7
                        (Modalità e termini per la presentazione dei progetti)

Per la presentazione del progetto occorre inviare quanto segue:

 a) la richiesta di finanziamento, di cui all’Allegato A1 del presente avviso, in bollo vigente, firmata dal legale
    rappresentante del Soggetto proponente.
    In caso di ATI o ATS da costituire, la domanda, di cui all’Allegato A2, è presentata e sottoscritta dal legale
    rappresentante del soggetto individuato come capofila dell’Associazione unitamente all’allegato A3
    sottoscritta da ogni futuro componente dell’Associazione. Nel caso, invece, in cui l’Associazione sia già
    costituita, è sufficiente la sottoscrizione della dichiarazione di cui all’allegato A2 da parte del legale
    rappresentante del soggetto capofila.
 b) Il progetto formativo, utilizzando il formulario SIFORM attraverso la procedura informatica al sito internet
    http://www.siform.regione.marche.it., prodotto su supporto cartaceo, in duplice copia, una delle quali deve
    essere siglata in originale in ogni pagina e sottoscritta dal soggetto che presenta la domanda, l’altra in
    copia; in caso di ATI o ATS è richiesta la sigla in ogni pagina del progetto da parte di ciascuno degli
    associati;
    Per accedere alla procedura informatizzata è necessario possedere un USERNAME (LOGIN) e di una
    password. I soggetti già in possesso di USERNAME (LOGIN) e password per l’accesso al SIFORM
    possono utilizzare quelle già assegnate, ma i soggetti sprovvisti potranno ottenerle registrandosi sul
    SIFORM, utilizzando l’apposita funzionalità (Registrazione Impresa).
    Nella pagina principale del sito sono indicati i riferimenti (e mail e n. telefonico) per contattare l’assistenza
    tecnica al fine dell’utilizzo della procedura informatizzata.
                                                                Numero 13/S06                         Pag.
                                        Ancona

                                                                Data   04/02/2009
          REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE



 c) copia fotostatica di un documento di riconoscimento in corso di validità, chiara e leggibile, del
    rappresentante legale del soggetto proponente;
 d) nel caso di ATI o ATS da costituire, la dichiarazione dell’allegato A3 dei legali rappresentanti dei singoli
    soggetti partecipanti all’Associazione;
 e) nel caso di ATI o ATS già costituite, copia dell’atto di costituzione regolarmente registrato;
 f) impegno al riconoscimento dei crediti ECTS;
 g) la documentazione comprovante la partecipazione dei Docenti provenienti dal mondo del lavoro non
    inferiore al 30% del corpo insegnanti;
 h) di non aver presentato più di due progetti formativi;
 i) una relazione sul fabbisogno formativo ed occupazionale per la specifica figura professionale presentata,
    disposta e sottoscritta con la collaborazione delle Associazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro
    maggiormente significative e presenti nell’ambito della specifica realtà socio-economica in cui si intende
    realizzare il corso di specializzazione.

Tutta la documentazione deve essere inviata tramite Raccomandata Postale A/R entro 45 giorni dalla data di
pubblicazione dell’Avviso pubblico nel Bollettino Ufficiale Regionale al seguente indirizzo:

REGIONE MARCHE
SERVIZIO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO
VIA TIZIANO 44 – 60125 ANCONA

Fa fede la data del timbro postale. Qualora il giorno di scadenza coincida con un giorno festivo oppure di sabato,
la scadenza si intende prorogata al primo giorno non festivo successivo.

Sulla busta dovrà essere indicato in modo chiaro e leggibile:
     1) OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI FORMAZIONE PER
        PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE – ANNO 2008/9 P.O.R. Marche – FSE 2007-2013, Asse IV- Os. I -
        Cat. 74
     2) DENOMINAZIONE DEL SOGGETTO FORMATIVO che presenta il progetto
     3) CODICE SIFORM _________



                                                Articolo 8
                                            (Spese ammissibili)

 –  REG (CE) n. 1081/2006 recante le disposizioni sul Fondo sociale europeo;
 –  REG (CE) n. 1083/2006 concernente le spese ammissibili al finanziamento dei Fondi strutturali;
 –  REG (CE) n. 1828/2006 recante modalità di applicazione dei regolamenti sui Fondi strutturali;
 –  REG (CE) n. 1989/2006 che modifica l’allegato III del regolamento generale sui Fondi strutturali;
 –  Le spese dovranno essere previste negli interventi autorizzati dal Programma Operativo Regione Marche
      FSE 2007 – 2013 approvato dalla Commissione Europea con decisione C 2007) 5496 dell’8.11.2007, e
      della DGR n. 192/2008 “Documento attuativo del programma e linee guida per le attività di formazione
      professionale”;
  – Le spese ed i massimali di spesa per le singole voci di costo sono stabiliti nel “Manuale per la gestione e la
      rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le politiche attive del lavoro” adottato con DGR n. 975
      del 16.07.2008.
Per quanto non espressamente previsto dal presente avviso, si fa comunque riferimento alla normativa e
regolamentazione europea, nazionale e regionale di settore applicabile vigente in materia.
                                                Articolo 9
                                        (Inammissibilità dei progetti)
Non sono ammessi alla valutazione i progetti che:

              siano stati presentati dopo i termini previsti dal presente Avviso per l’invio della documentazione
       di cui all’articolo 7 o con modalità diverse dalla spedizione a mezzo Raccomandata postale A/R. Fa fede
       il timbro postale;
              siano privi della richiesta di finanziamento di cui all’allegato A1 (comprensiva dei relativi allegati)
       o in caso di ATI o ATS di cui all’Allegato A2 (comprensiva dei relativi allegati) e dell’Allegato A3 nel caso
       di ATI o ATS non costituite;
              siano stati presentati da soggetti che (anche in ATI o ATS – costitute o da costituire) alla data
       della presentazione della domanda non risultino accreditati presso la Regione Marche per la
       macrotipologia alta formazione o non abbiano presentato la domanda di accreditamento al Servizio
       Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Marche per la macrotipologia alta formazione, alla data di
       presentazione della domanda di finanziamento;
              siano stati presentati da un soggetto che risulti candidato sia a titolo individuale e sia in qualità di
       componente di un ATI o ATS o Consorzio in più di due progetti;
              siano stati presentati senza utilizzare il formulario Siform mediante la procedura informatizzata
       (attraverso il sito http://www.siform.regione.marche.it), di cui almeno una copia del formulario siglata in ogni
       pagina dal singolo che presenta la domanda, o da tutti gli associati in caso di ATI o ATS, e sottoscritta,
       da parte del soggetto che presenta la domanda, l’altra in copia;
              abbiano un costo ora allievo superiore a quello massimo previsto dal presente avviso o inferiore
       di più del 25%;
              la partecipazione nel progetto dei docenti provenienti dal mondo del lavoro sia inferiore al 30%;
               siano privi della relazione sul fabbisogno formativo ed occupazionale per la specifica figura
       professionale presentata, disposta e sottoscritta con la collaborazione delle Associazioni dei lavoratori e
       dei datori di lavoro maggiormente significative e presenti nell’ambito della specifica realtà socio-
       economica in cui si intende realizzare il corso di specializzazione;
     abbiano previsto una durata del corso superiore o inferiore alle 600 ore oppure un numero di ore stage
       inferiore o superiore a 180 ore.

Il decreto di inammissibilità del progetto o progetti alla fase valutazione è comunicato agli interessati.
Ai sensi della legge n. 241/1990 e s.m. tale provvedimento deve essere preceduto da un’apposita comunicazione
ai destinatari sui motivi ostativi all’accoglimento della loro richiesta di finanziamento del progetto.



                                               Articolo 10
                                    (Selezione e criteri di valutazione)
VALUTAZIONE DEI PROGETTI FORMATIVI
Come indicato dal documento approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 28 gennaio 2008 e nel
Documento Attuativo del POR FSE 2007-13 (DGR 192/08), la valutazione di progetti dovrà essere effettuata
utilizzando i criteri della qualità, dell’efficacia potenziale e dell’economicità e i pesi indicati di seguito:

Criteri                                                                                                Pesi

1. Qualità                                                                                              50

2. Efficacia potenziale                                                                                 30
3. Economicità                                                                                          20
                                                                  Numero 13/S06                           Pag.
                                          Ancona

                                                                  Data     04/02/2009
          REGIONE MARCHE
           GIUNTA REGIONALE



Griglia di Valutazione (relativa agli indicatori di valutazione utilizzata per la selezione dei
                                 progetti attività formative)
Criteri approvati dal                                                                                        Pesi
         C DS           Indicatori di dettaglio
                        1. Qualità del progetto didattico (QPD)                                                  22

      Qualità           2. Qualità e adeguatezza della docenza (QUD)                                             13
     (peso 50)
                        3. Esperienza pregressa enti (EPA)                                                       10
                                                                                                                 5
                        3. Qualità e adeguatezza dell’attrezzatura prevista (QUA)
                        4. Efficacia potenziale dell’intervento proposto rispetto alle finalità                  20
                        programmate (EFF)
Efficacia potenziale
     (peso 30)          5. Rispondenza del progetto all’obiettivo di favorire le pari opportunità (MNG)          10


   Economicità          6. Economicità del progetto (ECO)                                                        20
    (peso 20)



Criteri approvati dal                                                                                        Pesi
         C DS           Indicatori di dettaglio
                            1. Qualità del progetto didattico (QPD)                                              22

                                a)analisi fabbisogni formativi e professionali
                                b)contenuti formativi
                                c)presenza di moduli di bilancio competenze e di orientamento
                                d)qualità ed efficacia delle misure di accompagnamento
                                  eventualmente previste
                                e)presenza di elementi innovativi
                                f)modalità di selezione e valutazione degli allievi
                                g)descrizione dello stage
                                h)chiarezza nell’elaborazione progettuale
                                i)descrizione analitica del preventivo finanziario



      Qualità                   Qualità e adeguatezza della docenza (QUD)                                        13
     (peso 50)
                                a)titolo di studio
                                b)la pertinenza del titolo di studio rispetto ai moduli previsti
                                c)l’esperienza didattica e professionale pregressa
                                d)la presenza di un congruo rapporto tra numero di docenti e
                                  ore di formazione
                                e)l’utilizzo adeguato di codocenti e tutor
                                f)la rispondenza del team previsto alle finalità del progetto



                                     Esperienza pregressa enti (EPA)                                             10

                                I punteggi saranno assegnati tenendo conto del numero di corsi,
                               finanziati con risorse pubbliche, che gli enti proponenti hanno avviato
                               e concluso tra il 1° luglio 2002 (data di entrata in vigore del dispositivo
                               di relativo all’accreditamento) e la data di pubblicazione dell’avviso sul
                               BUR:

                       - nessun corso -> 0 punti;
                       - da 1 a 5 corsi -> 1 punto;
                       - da 6 a 15 corsi -> 2 punti;
                       - da 16 a 25 corsi -> 3 punti;
                       - da 26 a 35 corsi -> 4 punti;
                       - più di 35 corsi -> 5 punti.




                            Qualità e adeguatezza dell’attrezzatura prevista (QUA)                           5

                            -attrezzatura tecnologicamente e quantitativamente adeguata-> 2
                             punti
                            -attrezzatura tecnologicamente o quantitativamente inadeguata->
                             1 punto
                            -attrezzatura sia tecnologicamente che quantitativamente
                             inadeguata->0 punti



                        Efficacia potenziale dell’intervento proposto rispetto alle finalità
                        programmate (EFF):                                                                   20
Efficacia potenziale    I punteggi saranno assegnati tenendo conto dell’impatto potenziale
                        del progetto sugli obiettivi esplicitati nel bando pertinente del
                        POR(cioè sull’obiettivo specifico in attuazione del quale il bando è
                        stato emanato) e sulle finalità generali perseguite con il POR FSE
                        2007-20013(incrementare la qualità del lavoro,favorire l’inserimento
                        occupazionale stabile,la sicurezza nei luoghi di lavoro, la crescita dei
                        livelli occupazionali)


     (peso 30)                      5    Rispondenza del progetto all’obiettivo di favorire le pari
                                         opportunità (MNG):                                                  10


                                  Presenze + 75% del totale (punti2)
                                  Presenze tra 50% e 74% del totale i (punto1)
                                  Misure Accompagnamento ( cumulabile con quello
                                  assegnato sulla base della quota dei destinatari
                                  appartenenti alla categoria target (punti1)

   Economicità         6. Economicità del progetto (ECO)                                                     20
    (peso 20)
                          Al costo ora/allievo più basso fra quelli presentati viene attribuito il
                          punteggio20
                          Agli altri costi ora/allievo presentati viene attribuito il punteggio
                          risultante dalla differenza fra il costo ora/allievo stabilito nel
                          avviso pubblico ed il costo ora/allievo in esame.
                          La formula matematica è la seguente:

                          (Qbase –Qx):x=(Qbase-Qmin):20
                                                                Numero 13/S06                          Pag.
                                         Ancona

                                                                Data    04/02/2009
           REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE




                       Dove :
                       Q base           = costo ora/allievo previsto nell’avviso pubblico
                       Q min            = costo ora/allievo più basso fra quelli pervenuti
                       Qx               = costo ora/allievo in esame




Laddove non diversamente specificato i punteggi relativi ai singoli indicatori di dettaglio saranno assegnati
attraverso la seguente griglia:
ottimo -> 4 punti;
buono -> 3 punti;
discreto -> 2 punti;
sufficiente -> 1 punto;
- insufficiente o negativo -> 0 punti.

I punteggi assegnati saranno normalizzati e tale procedura sarà realizzata dividendo il punteggio attribuito per il
punteggio massimo totalizzabile sull’indicatore pertinente.
I punteggi normalizzati saranno successivamente ponderati (moltiplicati) per il peso associato ai singoli indicatori.
Il punteggio complessivo da assegnare ai singoli progetti sarà determinato attraverso la somma dei punteggi
normalizzati e ponderati.
Affinché un progetto possa essere finanziato, il punteggio complessivo non potrà essere inferiore a 60/100.
I progetti pervenuti alla Regione Marche saranno esaminati dal Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro al fine di
accertare, in una prima fase, l’esistenza delle condizioni previste dall’Avviso pubblico per l’ammissione alla fase
di valutazione. Le condizioni per l’ammissibilità sono quelle di non incorrere in una o più delle cause di
inammissibilità indicate all’art. 9.
I progetti ammissibili verranno valutati da un’apposita Commissione nominata con decreto del dirigente del
Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro che svolgerà la valutazione ed individuerà, per ciascun progetto, le
spese ammissibili. Il Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro potrà svolgere, laddove ritenuto necessario,
un’istruttoria finalizzata ad evidenziare le spese inammissibili.
Il punteggio sull’economicità dei progetti sarà attribuito sulla base del finanziamento pubblico richiesto dal
soggetto proponente.




                                                   Articolo 11
                                                  (Graduatoria)

Il dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro approva la graduatoria sulla base della valutazione
espressa dalla Commissione di Valutazione.
Il decreto di approvazione della graduatoria é comunicato a tutti i soggetti interessati.
Il Dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro potrà procedere con provvedimento motivato allo
scorrimento della graduatoria di merito dei progetti pervenuti, al fine di ammettere a finanziamento, secondo
l’ordine della graduatoria, quei progetti ritenuti idonei.
         Il Dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro approva con apposito decreto le graduatorie
predisposte dal Nucleo di valutazione o dalla Commissione interna di valutazione e concede il relativo
finanziamento. Si intendono idonei i progetti che avranno conseguito un punteggio minimo non inferiore a 60/100.
La Regione Marche provvederà alla pubblicazione della stessa sul B.U.R. ed a comunicare a tutti i soggetti
richiedenti l’esito del procedimento. La Regione Marche approverà la graduatoria delle domande.

       Per i progetti ammessi a finanziamento comparirà a fianco di ciascuno l’indicazione della somma
concessa fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.
I restanti progetti, idonei e non finanziati dalla Regione, potranno, comunque, essere finanziati da enti privati o
pubblici; in tal caso dovrà essere data comunicazione alla Regione Marche, Servizio Istruzione, Formazione e
Lavoro.
Per ogni progetto approvato dovrà essere stipulata apposita convenzione tra l’Ente gestore e la Regione Marche.
La Regione potrà rifinanziare con ulteriori finanziamenti successivi progetti ammessi in graduatoria anche con le
economie derivanti dalla gestione di precedenti bandi.




                                            Articolo 12
                           (Adempimenti e vincoli del soggetto finanziato)

                 Entro 40 giorni dalla data di notifica di ammissione al finanziamento del progetto, dovrà essere
perfezionata la richiesta di finanziamento, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, attraverso l’invio
dell’atto costitutivo della forma associativa scelta, regolarmente registrato, nonché dell’accettazione del
finanziamento.
La mancata presentazione di uno degli elementi sopraindicati, comporterà l’esclusione dal beneficio e il subentro
del successivo in graduatoria.
A partire dall’attivazione del corso l’Ente Gestore dovrà avvalersi del SIFORM per quanto concerne la gestione
didattica e del monitoraggio fisico-finanziario.
In particolare è vincolante l’utilizzo degli stampati realizzati attraverso il sistema Siform per la produzione delle
obbligatorie autocertificazioni mensili di spesa.




                                              Articolo 13
                              (Modalità di erogazione del finanziamento)
Il finanziamento verrà erogato secondo le modalità previste dall’apposita convenzione sulla base di quanto
previsto dall’art. 1.3.2. del Manuale per la gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le
politiche attive del lavoro (DGR n. 975 del 16/07/2008).
Gli acconti potranno essere richiesti anche in un’unica soluzione, purchè sia stata conclusa l’attività formativa e
comunque prima della presentazione del rendiconto, fermo restando che le spese esposte nel rendiconto siano
quietanzate per il 100% del loro ammontare.
 L’importo residuo sarà liquidato all’Ente gestore a conclusione della verifica del rendiconto finale.




                                                Articolo 14
                                         (Tempi del procedimento)

Il procedimento amministrativo inerente il presente Avviso pubblico è avviato il giorno successivo alla scadenza
dei termini per la presentazione delle domande.
L’obbligo di comunicazione di avvio del procedimento a tutti i soggetti che hanno presentato richiesta di
finanziamento, sancito dalla legge n. 241/1990 e s. m., è assolto di principio con la presente informativa. Il
procedimento dovrà concludersi entro n. 90 giorni successivi dalla scadenza dei termini per la presentazione
delle domande mediante un provvedimento espresso e motivato. Qualora l’amministrazione regionale avesse la
necessità di posticipare i tempi per l’emanazione del provvedimento finale di approvazione della graduatoria e
ammissione a finanziamento per comprovate esigenze, ne dà comunicazione agli interessati.
                                                                 Numero 13/S06                           Pag.
                                         Ancona

                                                                 Data    04/02/2009
           REGIONE MARCHE
            GIUNTA REGIONALE




                                                Articolo 15
                                     (Obblighi del Soggetto Attuatore)
Il soggetto incaricato dell’attuazione del progetto deve:

    a) avviare le azioni progettuali compresa l’attività formativa ed eventuali seminari di promozione
       dell’intervento entro n. 60 giorni dalla data della stipula della Convenzione, pena la decadenza del
       contributo; presentarsi per la firma della Convenzione nei tempi stabiliti dall’Amministrazione che potrà
       fissare termini perentori, e concludere le iniziative entro 8 mesi dalla data di comunicazione del loro
       avvio, salvo eventuali proroghe debitamente autorizzate, a seguito di motivata richiesta, dal dirigente del
       Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro, pena la pronuncia di decadenza;
    b) attenersi, per la gestione delle attività formative ammesse a finanziamento, alle disposizioni del Manuale
       per la gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le politiche attive del lavoro,
       approvato con DGR n.975 del 16/07/2008 e per quanto non espressamente previsto, alle
       norme/regolamenti comunitari e nazionali vigenti in materia;
    c) utilizzare per la gestione delle attività formative ammesse a finanziamento il Sistema informativo della
       formazione professionale (SIFORM).



                                               Articolo 16
                               (Revoche, restituzioni, conservazione atti)
I casi di revoca o restituzione sono contemplati dal Manuale per la gestione delle attività di formazione
professionale, che i soggetti che presentano domanda dichiarano di conoscere al momento della presentazione
della domanda.
Altre disposizioni di revoca e criteri e modalità di restituzione o irregolarità non disciplinate dal Manuale e dal
presente Avviso sono regolate dalle vigenti disposizioni comunitarie, nazionali e regionali applicabili secondo i
principi di cui alla legge n. 241/1990 e s.m.
La documentazione originale inerente i progetti finanziati, ai sensi del regolamento (CE) n. 1828/2006, dovrà
essere conservata, dal beneficiario del finanziamento, per eventuali controlli, fino a tre anni dalla chiusura del
programma operativo.



                                                Articolo 17
                             (Interazioni con il sistema di accreditamento)
In presenza di segnalazione, motivata e debitamente sottoscritta, al dirigente della PF FSE e Formazione della
Regione Marche competente in materia di Accreditamento delle Strutture Formative, di non conformità nella
gestione delle attività formative con le regole previste dal Manuale regionale da parte del soggetto promotore o
incaricato dell’attuazione del progetto di cui al presente avviso, l’Amministrazione regionale effettua una verifica
diretta presso la sede operativa del soggetto promotore o incaricato dell’attuazione del progetto, senza alcun
obbligo di preavviso, ai sensi di quanto stabilito dal paragrafo 2.3 di cui all’Allegato 4 della delibera n. 2164/2001
avente ad oggetto l’approvazione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative
della Regione Marche.
Eventuali accertamenti di non conformità alle regole che disciplinano i processi formativi secondo gli standard
previsti dal sistema di accreditamento determinano la sospensione e la revoca dell’accreditamento come previsto
dalle delibere di giunta regionale n. 62/2001, n. 2164/2001, n.974/2008 e s. m.



                                                    Articolo 18
                                                  (Informazioni)
Il presente Avviso pubblico è reperibile nel sito internet http//www.istruzioneformazionelavoro.marche.it alla
Sezione bandi. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al responsabile del procedimento, Alta Professionalità
dott. Enzo Carli, e-mail: enzo.carli@regione.marche.it, tel 071-8063807 o alla dr.ssa Marta Poiani, e-mail:
marta.poiani@regione.marche.it, tel 071-8063802. Sarà attivata nel sito, laddove necessario per chiarire
disposizioni dell’Avviso pubblico, una sezione di risposte alla domande pervenute da rendere accessibile a tutti gli
interessati.



                                                Articolo 19
                                         (Clausola di salvaguardia)
L’Amministrazione regionale si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio di revocare, modificare o annullare,
il presente Avviso pubblico, prima della stipula della Convenzione, qualora ne ravvedesse l’opportunità per
ragioni di pubblico interesse, senza che per questo i soggetti proponenti i singoli progetti possano vantare dei
diritti nei confronti della Regione Marche.
La presentazione della domanda comporta l’accettazione di tutte le norme del presente Avviso.



                                                  Articolo 20
                                             (Tutela della privacy)
I dati personali raccolti dal Servizio Istruzione Formazione e Lavoro nello svolgimento del procedimento
amministrativo saranno utilizzati esclusivamente per le operazioni relative al procedimento attivato con il presente
avviso ed in conformità al Decreto legislativo n. 196/2003 (Codice in materia di Protezione dei Dati Personali).
I dati a disposizione potranno essere comunicati a soggetti pubblici o privati, dove previsto da norme di legge
oppure di regolamento, quando la comunicazione risulti necessaria per lo svolgimento di funzioni istituzionali. Il
titolare del trattamento dei dati è il Servizio Istruzione Formazione e Lavoro. Il responsabile del trattamento dati è
il Dirigente del Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro.



                                            Articolo 21
               (Funzione dei Centri per l’impiego l’orientamento e la formazione)
Ai centri per l’impiego competenti per territorio, è assegnato un ruolo di garanzia nel rapporto che si attiva tra
l’Ente di formazione, le imprese e gli allievi. Si considera competente per territorio il Centro per l’impiego nel cui
ambito territoriale si trova la sede formativa dell’ente promotore. Sarà compito dei centri per l’impiego promuovere
l’iniziativa presso i propri iscritti e segnalare agli Enti proponenti gli eventuali possibili utenti interessati.




Allegati al presente Avviso:

 “A1”:   Schema di richiesta di finanziamento del progetto per singolo Ente o Associazione;
 “A2”    Schema di richiesta di finanziamento del progetto nel caso di ATI o ATS;
 “A3”:   Dichiarazione di impegno tra le parti coinvolte nella realizzazione del corso;
 “A4”:   Scheda Descrizione Stage Modulo Generale;
 “A5”:   Scheda Descrizione Stage Modulo Individuale;
                                                       Numero 13/S06                     Pag.
                                   Ancona
                                                                          Bollo
                                                       Data   04/02/2009 vigente
         REGIONE MARCHE
          GIUNTA REGIONALE



ALLEGATO A1 AL DDS N:

                   SCHEMA DI DOMANDA DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO
                                (in caso di soggetto singolo)




RACCOMANDATA A. R.

                                                        Alla REGIONE MARCHE
                                                        Servizio Istruzione Formazione e Lavoro
                                                        Via Tiziano, n. 44
                                                        60125 ANCONA


OGGETTO: P.O.R. Marche –F.S.E. 2007-13, Asse IV OS I CAT. 74 – Avviso pubblico per la
         presentazione dei progetti di formazione per percorsi di Specializzazione – ANNO
         2008/09

       Il sottoscritto ______________________________________________________________
nato a __________________________________ il _____________________________________ in
qualità di legale rappresentante di ________________________________________________ con
sede legale in____________________________ via __________________ , n. ____ e sede operativa
in _______________ , via __________________ , n. __ C. F.:________________________ e partita
IVA____________:

                                             chiede

l’ammissione a finanziamento del progetto riferito all’intervento denominato “Avviso pubblico per la
presentazione dei progetti di formazione per percorsi di Specializzazione – ANNO 2008/09”,
previsto dal Piano Annuale per l’occupazione e la qualità del lavoro adottato con DGR n. 406 del
26.03.2008, per il quale, e viene richiesto il sottoindicato finanziamento:

      TOTALE                                                           € __________________




                                            dichiara

a) che il soggetto rappresentato è accreditato presso la Regione Marche, ai sensi delle deliberazioni
   della Giunta regionale n. 62 del 17/1/2001 e n. 2164 del 18/9/2001, con decreto del Dirigente del
   Servizio Istruzione Formazione e Lavoro n. ____ del ___________ ;
   oppure
      che il soggetto rappresentato ha inoltrato richiesta di accreditamento al Servizio Istruzione
      Formazione e Lavoro ai sensi delle deliberazioni della Giunta regionale n. 62 del 17/1/2001 e n.
      2164 del 18/9/2001, in data ______________;
b)   che nei confronti del soggetto rappresentato non sono in atto provvedimenti di sospensione o
     revoca della condizione di accreditamento da parte della Regione Marche (indicare solo se già
     accreditato);
c)   che per il medesimo progetto non è stato chiesto né ottenuto alcun altro finanziamento pubblico;
d)   di conoscere la normativa che regola l’utilizzo delle risorse del Fondo Sociale Europeo e le
     disposizioni contenute nel “Manuale per la gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la
     formazione e le politiche attive del lavoro” adottato con deliberazione della Giunta regionale n. 975
     del 16.07.2008;
e)   dichiara di rispettare l’articolo 17 della Legge 12 marzo, 1999, n. 68.

Alla presente allega la seguente documentazione:
     1. copia fotostatica di un documento di riconoscimento, in corso di validità;
     2. progetto in duplice copia, rilegato, di cui una siglata in originale e sottoscritta dal soggetto
        proponente, redatto sull’apposito formulario mediante la procedura informatizzata (sito internet:
        http://siform.regione.marche.it);



Distinti saluti.

Data _________________________


                                                   Firma per esteso e leggibile
                                                    del rappresentante legale
                                             _______________________________
                                                           Numero 13/S06                    Pag.
                                       Ancona
                                                                               Bollo
                                                           Data    04/02/2009 vigente
          REGIONE MARCHE
           GIUNTA REGIONALE



ALLEGATO A2 AL DDS N:

                   SCHEMA DI DOMANDA DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO
                         (in caso di ATI o ATS costituita o da costituire)




RACCOMANDATA A. R.

                                                             Alla REGIONE MARCHE
                                                             Servizio Istruzione Formazione e Lavoro
                                                             Via Tiziano, n. 44
                                                             60125 ANCONA



OGGETTO: P.O.R. Marche – F.S.E. 2007-13, Asse IV OS I cat. 74, – Avviso pubblico per la
         presentazione dei progetti di formazione per percorsi di Specializzazione – ANNO
         2008/09



Il sottoscritto _______________________________________________________________ nato a
______________________________ il ____________________, in qualità di legale rappresentante
di___________________________________________________________         con   sede     legale
in__________________________ via __________________, n. __           e sede operativa in
__________________________________ , via ____________________ , n. ___
C. F.:________________________ e partita I.V.A.____________

              e quale capofila della        costituenda      ovvero         costituita

                Associazione Temporanea di Impresa /Associazione Temporanea di Scopo

                                                chiede

l’ammissione a finanziamento del progetto riferito all’intervento denominato “Avviso pubblico per la
presentazione dei progetti di formazione per percorsi di Specializzazione – ANNO 2008/09”,
previsto dal Piano Annuale per l’occupazione e la qualità del lavoro adottato con DGR n. 406 del
26.03.2008, per il quale, viene richiesto il sottoindicato finanziamento:



                                                                                TOTALE FINANZIAMENTO
                                                                       €    __________________________
                                               dichiara

a) che il soggetto rappresentato è accreditato presso la Regione Marche, ai sensi delle deliberazioni
   della Giunta regionale n. 62 del 17/1/2001 e n. 2164 del 18/9/2001, con decreto del Dirigente del
   Servizio Istruzione Formazione e Lavoro n. ____ del ___________ ;
   oppure
   che il soggetto rappresentato ha inoltrato richiesta di accreditamento al Servizio Istruzione
   Formazione e Lavoro ai sensi delle deliberazioni della Giunta regionale n. 62 del 17/1/2001 e n.
   2164 del 18/9/2001, in data ______________;
b) che nei confronti del soggetto rappresentato non sono in atto provvedimenti di sospensione o
   revoca della condizione di accreditamento da parte della Regione Marche (indicare solo se già
   accreditato);
c) che per il medesimo progetto non è stato chiesto né ottenuto alcun altro finanziamento pubblico;
d) di conoscere la normativa che regola l’utilizzo delle risorse del Fondo Sociale Europeo e le
   disposizioni contenute nel “ Manuale per la gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la
   formazione e le politiche attive del lavoro“ di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 975 del
   16.07.2008;
e) dichiara di rispettare l’articolo 17 della Legge 12 marzo, 1999, n. 68;
f) dichiara altresì che tutti i componenti l’ATI o ATS sono regolarmente accreditati.
g) di volersi costituire (nel caso di costituenda ATI o ATS), per la realizzazione delle attività formative,
   in Associazione Temporanea d’Impresa (ATI) o in Associazione Temporanea di Scopo (ATS) con i
   seguenti soggetti:

    - denominazione (o ragione sociale) ______________________________________
   con sede legale in __________________ , Via _________________, n. _________
    - denominazione (o ragione sociale) ______________________________________
   con sede legale in __________________ , Via _________________, n. _________
    - denominazione (o ragione sociale) ______________________________________
   con sede legale in __________________ , Via _________________, n. _________


Alla presente allega la seguente documentazione:
1. copia fotostatica di un documento di riconoscimento, in corso di validità, del sottoscritto e di   tutti i
   legali rappresentanti dei soggetti che costituiscono l’Associazione;
2. nel caso di ATI o ATS costituita o da costituire, le dichiarazioni dei legali rappresentanti di tutti gli
   altri soggetti facenti parte della Associazione, di cui all’allegato A3.
3. copia dell’atto di costituzione dell’ ATI o ATS, regolarmente registrato, ove la Associazione sia già
   costituita;
4. progetto in duplice copia, rilegato, di cui una siglata in originale e sottoscritta dal soggetto
   proponente, redatto sull’apposito formulario mediante la procedura informatizzata (sito internet:
   http://siform.regione.marche.it);

Distinti saluti.

Data _________________________

                                                    Firma per esteso e leggibile
                                             del soggetto che presenta la domanda
                                             _______________________________
                                                         Numero 13/S06                       Pag.
                                    Ancona

                                                         Data   04/02/2009
         REGIONE MARCHE
           GIUNTA REGIONALE




La presente domanda viene sottoscritta, con firma per esteso e leggibile, anche dai legali
rappresentanti della costituenda ATI o ATS

   –   Denominazione (o ragione sociale) __________________________________________
       Il legale rappresentante (nome e cognome) ___________________________________


   –   Denominazione (o ragione sociale) __________________________________________
       Il legale rappresentante (nome e cognome) ___________________________________


   –   Denominazione (o ragione sociale) __________________________________________
       Il legale rappresentante (nome e cognome) ___________________________________
ALLEGATO A3 AL DDS N:

Dichiarazione dei legali rappresentanti dei singoli soggetti partecipanti alla Associazione Temporanea d’Impresa o
Associazione Temporanea di Scopo (costituta o da costituire)


Il   sottoscritto   ____________________________________________________________________
nato a ___________________________ il __________________________________ , nella sua
qualità di legale rappresentante di “ _________________________________________________” con
sede in      _________________________ , Via _____________________ , n. _________, con
riferimento all’avviso pubblico per la presentazione di interventi denominati “Avviso pubblico per la
presentazione dei progetti di formazione per percorsi di Specializzazione” – ANNO 2008/09”,
previsto dal Piano Annuale per l’occupazione e la qualità del lavoro adottato con DGR n. 406 del
26.03.2008,



                                                  dichiara



    A) (nel caso di ATI o ATS da costituire) di volersi costituire in Associazione Temporanea di
       _______________
   con i seguenti soggetti:
      1) denominazione (o ragione sociale) _______________________________________
         con sede in _______________________ , Via ___________________ , n. _______
      2) denominazione (o ragione sociale) _______________________________________
         con sede in _______________________ , Via ___________________ , n. _______
      3) denominazione (o ragione sociale) _______________________________________
         con sede in _______________________ , Via ___________________ , n. _______
B) (nel caso di ATI o ATS da costituire) che il soggetto capofila di detta Associazione sarà il
    seguente:___________________
C) che il soggetto rappresentato è stato accreditato presso la Regione Marche con decreto del
   Dirigente del Servizio Istruzione Formazione e Lavoro della Giunta regionale n. _________ del
   _________ ;
    oppure
    che il soggetto rappresentato ha inoltrato richiesta di accreditamento al Servizio Istruzione
   Formazione e Lavoro ai sensi delle deliberazioni della Giunta regionale n. 62 del 17/1/2001 e n.
   2164 del 18/9/2001, in data ______________;
D) che nei confronti del soggetto rappresentato non sono in atto provvedimenti di sospensione o
   revoca della condizione di accreditamento da parte della Regione Marche (indicare solo se già
   accreditato);
E) che per il medesimo progetto non è stato chiesto né ottenuto alcun altro finanziamento pubblico;
F) di conoscere la normativa che regola l’utilizzo delle risorse del Fondo Sociale Europeo e le
   disposizioni di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 975 del 16.07.2008 “Manuale per la
   gestione e la rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le politiche attive del lavoro”.

Data __________________
        Firma per esteso e leggibile
                             _____________________________________
                                                         Numero 13/S06                          Pag.
                                    Ancona

                                                         Data       04/02/2009
         REGIONE MARCHE
           GIUNTA REGIONALE



ALLEGATO A4 AL DDS N:

Logo Regione Marche             Logo Ministero     Logo U.E.                Logo M.I.U.R.
                                  Del Lavoro

     Logo Università             Logo   Scuola        Logo Ente                  Logo Azienda
                                                     Di Formazione

Progetto di specializzazione:

                                        DESCRIZIONE STAGE
                                         MODULO GENERALE
                                        (da allegare al progetto)

(da replicare tante volte quanti sono i “progetti stage” programmati. Si ribadisce che la compilazione
del presente modulo è condizione di ammissibilità e che il numero degli allievi nei vari progetti deve
essere pari al numero complessivo degli allievi previsti)

    N. allievi coinvolti: …………………….
    Descrizione del progetto da realizzare all’interno dello stage …………………………
     ………………………………………………………………………………………….
     ………………………………………………………………………………………….
          Modalità di svolgimento ……………………………………………………………….
      (indicare se in unica soluzione o in momenti diversi)
          Obiettivi da raggiungere …………………………………………………………………
     ……………………………………………………………………………………………
     …………………………………………………………………………………………..
          Sede ………………………………………………………………………………………
     (indicare denominazione, localizzazione e attività prevalente dell’ente/Impresa ospitante)
          Durata …………………………………………………………………………………….
          Tutor aziendale ……………………………………………………………………………
              Docente referente …………………………………………………………………………
              Modalità e frequenza delle verifiche dello stato di avanzamento del progetto
     …………………………………………………………………………………………….

       Modalità di presentazione dei risultati finali …………………………………………….
       (auspicabile seminario di studio e confronto con gli altri stagisti)


     Firma ente gestore                             Firma legale rappresentante azienda

   ___________________                              _______________________________

   Per l’autentica della firma è sufficiente allegare una copia di un documento di identità chiaro e
   leggibile (L. 191/98)
ALLEGATO A5 AL DDS N:


Logo Regione Marche               Logo Ministero      Logo U.E.             Logo M.I.U.R.
                                    Del Lavoro


     Logo Università               Logo   Scuola        Logo Ente             Logo Azienda
                                                        Di Formazione

Progetto di specializzazione:

                                          DESCRIZIONE STAGE
                                          MODULO INDIVIDUALE
                                     (da inviare prima dell’inizio stage)

(da replicare tante volte quanti sono i “progetti stage” programmati. Si ribadisce che la compilazione
del presente modulo è condizione di ammissibilità e che il numero degli allievi nei vari progetti deve
essere pari al numero complessivo degli allievi previsti)

       Cognome e Nome Allievo ……………………………………………………………..
       Descrizione del progetto da realizzare all’interno dello stage …………………………
       ………………………………………………………………………………………….
       …………………………………………………………………………………………
       Modalità di svolgimento ………………………………..
       (indicare se in unica soluzione o in momenti diversi)
       Obiettivi da raggiungere ………………………………………………………………
       Sede ……………………………………………………………………………………
       (indicare denominazione, localizzazione e attività prevalente dell’ente//impresa ospitante )
       Durata …………………..
       Tutor aziendale ……………………..
       Docente referente …………………….
       Modalità e frequenza delle verifiche dello stato di avanzamento del progetto
       ….………………………………………….
       Modalità di presentazione dei risultati finali …………………………………………….
       (auspicabile seminario di studio e confronto con gli altri stagisti)
       Locali rispondenti ai requisiti di agibilità ed idoneità autorizzati da Azienda sanitaria con un
       certificato igienico sanitario e in regola con quanto stabilito dalla 626/94.


     Firma ente gestore         Firma legale rappresentante azienda            Firma allievo

   ___________________          ____________________________                ________________


   Per l’autentica della firma è sufficiente allegare una copia di un documento di identità chiaro e
   leggibile (L. 191/98)

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:9
posted:6/7/2012
language:
pages:28