Docstoc

OCCIDENTE N°11 (IV) 5/06/2012

Document Sample
OCCIDENTE N°11 (IV) 5/06/2012 Powered By Docstoc
					 Poteri Speciali a Mario Monti;verso QUALE META siamo in marcia ? (Pag. 3)


  ò




  /informazioni- commenti-opinioni –immagini /
  / informazioni - commenti- opinioni –immagini /
 “

     “Occidente non è solo storia e geografia. E’ Tradizione, è Pensiero e capacità di lotta
      tenace, è Legge e sguardo rivolto al Cielo. E’ insegnamento al mondo. E’ Civiltà”.

  Palermo-------------------n°                  11---------------5 Giugno2012
                                                                                               .. Deleveraging è il Termine inglese
                                                                                               che indica una riduzione del livello di
                                                                                               indebitamento delle istituzioni
                                                                                               finanziarie. Uno dei problemi più
                                                                                               frequenti e spinosi che queste si
                                                                                               trovano di fronte è proprio
                                                                                               l’indebitamento (leverage) eccessivo.
                                                                                               Esso, per il sistema creditizio
                                                                                               europeo, è divenuto il Padre di tutti i
                                                                                               problemi. Per affrontarlo, ad oggi le
                                                                                               vie tradizionali percorse sono
                                                                                               state l’aumento del capitale sociale o
                                                                                               la riduzione dei prestiti alla
                                                                                               clientela. Ma questi non sono proprio
                                                                                               tempi per rischiosi aumenti del
                                                                                               capitale sociale e d’altro canto
                                                                                               tagliare i prestiti ha effetti
                                                                                               potenzialmente molto negativi
                                                                                               sull’economia reale. Una terza via
                                                                                               (molto praticata in anni recenti) è
                                                                                               stata l’intervento pubblico: vere e
                                                                                               proprie politiche di salvataggio per
                                                                                               cui lo Stato stanzia rilevanti risorse
                                                                                               di capitale a favore di grandi banche
                                                                                               e istituti finanziari. L’ultima strada è
                                                                                               quella della vendita dei Beni
                                                                                               Immobili accumulati nel tempo. C’è
                                                                                               però chi , si sicuro gode di questa
                                                                                               situazione. E chi, se non Goldman
                                                                                               Sachs? Pochissimi giorni fa il suo
                                                                                               presidente Gary Cohn ha messo in
                                                                                               evidenza le opportunità che offre il
* Il partito personale del Cavaliere ha perso lustro e potenza, ma rimane il partito           processo di «deleveraging» - vendere
del fondatore. Senza di lui varrebbe,vale zero. Hanno voglia i peones di darsi da              proprietà - in atto nel sistema
fare per dimostrare il contrario e garantirsi il domani, a prescindere dal capo. Non           finanziario del Vecchio Continente,
hanno le carte in regola. Privi di personalità, incapaci di imporsi, mutilati nel              con le banche europee intente a
carattere, se maine ebbero uno, psicologicamente sudditi del leader, non riescono              ridurre i loro bilanci nell’ordine di
non soloa costruirsi un futuro, ma neppure a immaginarlo: sono gregari di                      una somma complessiva che potrebbe
Berlusconi. Contro il quale talvolta lanciano un sasso, ma subito nascondono la                toccare anche i 2.000 miliardi di
mano, terrorizzati di essere scoperti. In faccia non gli dicono mai niente che lo              dollari. «Il potenziale è estremamente
possa irritare. Non osano contraddirlo, salvo disubbidirgli non appena usciti dalla            interessante, vediamo un’opportunità
sua stanza. Lui dà un ordine, loro subito lo eseguono, però al contrario. Poi si               di guadagno in Europa... Siamo in
giustificano affermando che non avevano capito bene. Quindi allargano le braccia               una posizione unica - ha aggiunto
sconsolati, invocando perdono. Se lo ottengono, ne approfittano per mendicare                  Cohn - perché abbiamo i livelli
qualcosa: di solito, una poltrona. Se n’è accorto perfino Vittorio Feltri che lo ha            adeguati di capitale, abbiamo i
scritto a chiarissime, perfide lettere su “il Giornale”. Il punto è che i partiti a            contatti giusti a livello di clientela e
guida carismatica sono tutti uguali e tutti fanno la stessa fine: tengono finché tiene         abbiamo la capacità di valutare le
il manico; quando questo non regge più, ciascun militante diventa un potenziale                opportunità e di aiutare le banche
ammutinato. La disgregazione comincia così: l’interesse generale passa in                      europee a smobilizzare enormi fette
secondo piano, prevale il desiderio di ogni individuo di pararsi le terga. I furbi             dei loro bilanci in un modo
cercano un’intesa col nemico, dal quale pretendono di essere salvati e riciclati; i            relativamente efficiente». Il manager
fessi cercano di trarre qualche vantaggio dal caos: un posto, una carica, un osso da           Usa ha concluso dicendo che
spolpare. I berluscones si sono rivelati inconsistenti. “Povere cose”lo erano anche            Goldman potrebbe finire per
in precedenza, ma il gruppo compatto sopperiva al deficit dei singoli. Ora che lo              guadagnare soldi nel caso di una
squadrone si è ridotto a rappresentativa di vecchie glorie senza gloria, si avverte            rottura dell’euro. Chissà cosa ne
la sua inadeguatezza. Non riesce neppure a contrastare i dilettanti allo sbaraglio di          pensa l’ex Goldman, Mario Monti?
Mario Monti, ancora convinti che l’Europa e l’euro siano i fari della politica                 Deciderà di fare il Gran Passo
italiana. Non si accorgono che invece sono fuochi fatui, lumini cimiteriali.                   vendendo l’Italia a pezzettini ai suoi
                                                                                               Amiconi d’oltre-oceano ?
                                                           IL PDL frastornato dall’ultima
                                                            serie di sconfitte è prossimo
                                                           all’implosione. Il Cavaliere se
                                                                n’è accorto e cerca di
                                                                 metterci una pezza




"Continuo ad avere fiducia in un gruppo dirigente con il quale ho combattuto cento battaglie.
E' rafforzando il nostro movimento che si può cambiare, innovare, aggregare forze giovani e
nuove. No alla sua disgregazione". Che altro poteva dire ? Silvio Berlusconi decide di intervenire
con questa nota, mentre il marasma sembra essersi impossessato del Pdl. D’altra parte che altro
tono poteva o doveva usare di fronte alla Vaporizzazione del “suo” partitone-collage ? Il
capogruppo alla Camera, Fabrizio Cicchitto, dal canto suo, torna a minacciare il passaggio
all'opposizione: "Va posto un problema di fondo - dice - o in tempi brevi-medi da un lato Monti
segna una svolta e nel contempo si aggrega un vasto schieramento di moderati e riformisti,
oppure il Pdl non può rimanere a metà del guado e deve passare all'opposizione". Mentre il
capogruppo al Senato, Maurizio Gasparri, avverte il governo: "Una frettolosa ratifica del fiscal
compact in Parlamento è impensabile". Ma il termine”a metà del guado” è chiaramente
eufemistico. Il PdL è impastoiato nel fango fino al collo e più si agita, più tende a sprofondare
° L'ex ministro Ignazio La Russa, invece, se la prende con Giorgio Stracquadanio che ha parlato
di un partito che rischia di diventare preda delle falangi degli ex An: "Stracqua chi...? Non l'ho
letto. Non leggo Stracquadanio. Lo leggerò quando alle elezioni ci saranno almeno dieci persone
che lo voteranno...". Questo mentre continua il pressing dei cosiddetti formattatori, i giovani del
Pdl, che vogliono resettare il partito e ricostruirlo su basi nuove. Per ora continuano a
considerare Alfano il loro interlocutore principale ma hanno dato al segretario solo un mese di
tempo per attuare l'invocata svolta. Altrimenti ? Altrimenti si divideranno in due sottogruppi :
uno che chiederà, comunque, un “posticino”, una cabina modesta nel Titanic che affonda ed un
altro che cercherà scampo altrove e subito, intanto, si precipiterà alle poche scialuppe di
salvataggio. Con poca convinzione , ma con immenso cinismo.


                        I partiti rispondono all’Anti-Politica degradandosi sempre più




Disperati. Invece di contrastare l’Anti-politica con una Scelta Politica e Morale di
Qualità…cercano ormai nei camerini dei teatri, dietro le quinte, nella sala-trucco
  p
delle TV commerciali, nei circhi equestri….. Si cercano testimonial,madonne
pellegrine, icone del buon gusto e del bon ton. Tutto ciò che occorre per fare
scordare i partiti e le loro scorrerie nella Pubblica amministrazione, sui costi della
politica. Le storie del Trota hanno dato il colpo di grazia, dopo le cene eleganti di
Arcore. Se il Colouche di casa nostra, Beppe Grillo,capeggia virtualmente la seconda
formazione politica del Paese, non è certo dovuto alla qualità affabulatoria del
geniale capocomico, ma alla perseveranza , alla pertnacia nel Male dei leader
tradizionali. Non hanno capito che anche le sagge motivazioni – la democrazia non
può essere affidata ai riccastri – non ottengono ascolto. Invece di prendersi l’anno
sabbatico – facendo una pausa dei prelievi – con una riforma del rimborso forfettario,
ed una riforma delle legge elettorale e della rappresentanza parlamentare, cercano
conduttori televisivi e giornalisti di chiara fama avvinti come l’edera al potere da
sempre. Cercano ancora Veline coscia lunga. E anchor-men. Divetti di sit-com e
conduttori…Dimostrando così, sul campo, d’esser proprio loro i Campioni, i
Tedofori dell’Anti-Politica. Gli untori della nuova Pestilenza italiana.


 Vi sono in giro su Facebook Pagine davvero strambe. Tremendamente critiche sul
       Governo Monti ed i suoi balzelli. Solo che, scava scava, viene fuori che si tratta di
       "nostalgici" di Silvio.In queste Pagine NON si trovano notizie sugli atti del nostro
    Parlamento. Anche se vengono citati spesso i sacrifici ingiusti cui è chiamato il popolo
  italiano....Queste Pagine hanno psichicamente "RIMOSSO" il dato di base elementare che
  ogni Aumento proposto dal Governo Monti viene votato in Parlamento (epperciò diviene                 Riicordatii
                                                                                                       R cordat
Legge) anche da Silvio Berlusconi e dal suo partito,in agape fraterna col Pd e col "centro" di          DA CHI e
                                            Casini e Fini.                                             DA DOVE t’è
Ma che sia una Rimozione psichica spontanea, semi-automatica è solo una nostra illazione.
 Grave. Perchè ci troveremmo dinanzi ad una forma di dissociazione della personalità. Più
                                                                                                         arrivato
 facile, invece, che si tratti di un tentativo di occultamento in cui il predicatore in malafede        QUESTO
      sa di parlare ad un pubblico che preferisce tenere gli occhi chiusi....per non esser            COLPO BASSO
                                                                                                      COLPO BASSO
                                                                                                      COLPO BASSO
                          contraddetto dalla dura, inaccettabile Realtà.
  m                                                                     Ci stanno preparando
                                                                     qualche tiro brutto brutto, se
                                                                      ne vedono già tanti segnali
                                                                        ed uno in particolare…




              Verso COSA ci vuole trascinare ?
              ??                                                                                              Monti rassicura;all’Italia ? CI
*Singolari coincidenze? Solo in Italia la realtà supera la fantascienza. Dopo l’attentato di Brindisi ed il   STIAMO PENSANDO, SOLO CHE
terremoto in Emilia Romagna è imminente la guerra all’Iran? Cos’altro ci vuole a persuadere i
recalcitranti? Diamo un’occhiata all’ultima trovata. «Norme in materia di poteri speciali sugli
assetti societari nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività
di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni»: è il
titolo della recente legge dello Stato italiano, numero 56, promulgata l’11 maggio 2012 e passata
inosservata alla gran massa dell’opinione pubblica. Strano. In calce reca la firma del Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano e del Primo Ministro non eletto dal popolo tricolore. Il proponente è
proprio il maggiordomo dell’alta finanza speculativa (Trilateral Commission, Goldman Sachs,
Bilderberg, Aspen, eccetera) a cui mancavano i super poteri. Il Premier abusivo - recentemente
volato in Usa a prendere nuovi ordini - precisamente il 9 marzo scorso aveva indicato tale auto-
attribuzione (mediante un Decreto-legge) giustificata dalla «straordinaria necessità ed urgenza».
Il Parlamento ha approvato all’unanimità: infatti al Senato i contrari risultano zero, mentre
i favorevoli 246 (20 gli astenuti). Alla Camera, infine, hanno votato a favore ben 401 deputati (42
contrari e 2 astenuti). Quali saranno i criteri d’esercizio di tali poteri speciali? L’esercizio del golden
share è lo specchietto per le allodole. C’è ben altro: l’arbitrarietà del concetto di minaccia effettiva.
Ovvero di grave pregiudizio per gli interessi essenziali della difesa e della sicurezza nazionale. Chi
attenta all’Italia? E’ un pretesto per restringere ulteriormente la sbandierata libertà (di impresa) in
democrazia? Come mai neanche un’apertura di tg (locale) per questa clamorosa notizia? Strano che
nessun impiegato della comunicazione in servizio permanente effettivo (la ditta Travaglio & Santoro)
abbia detto alcunché. E Grillo, pardon Casaleggio, tace inspiegabilmente? Come mai nell’occasione
Vendola non ha pontificato, visto che mette il becco su tutto, peggio del prezzemolo avariato?
 Latitano perfino Saviano (neanche un elzeviro su Repubblica) e Fabio Fazio. Non capiscono nulla o
capiscono Tutto e tacciono proprio per questo ? Perché il Nemico appare strapotente e fa paura ?


                                                     "L'unico Verdetto è Vendicarsi:
                                                   Vendetta. E diventa un Voto non
                                                    mai Vano, poiché il suo Valore e
                                                    la sua Veridicità Vendicheranno
                                                      un giorno coloro che, fino ad
                                                    oggi, sono stati Vigili e Virtuosi
                                                   pagando in silenzio le follie d’una
                                                      Democrazia divenuta Casta e
                                                          Palazzo dei privilegi

                                    Il capo italiano della Trilateral ed ex Rettore della
                                  Bocconi Paolo Secchi lo dice chiaro e tondo a “il Fatto”:
                                  “Monti è uno dei nostri, quando è stato nominato
                                                 eravamo riuniti”!
                                La sconcertante dichiarazione giornalistica resa da Secchi
                                 conferma in pieno l’analisi fatta da noi sull’influenza di
                                circoli supersegreti some la Commissione Trilaterale e il
                                   Club Bilderberg, che agiscono dietro le quinte della
                                     politica e, più probabilmente, ne determinano le
                                                   decisioni più importanti.
                                  I fatti, poi, rappresentano la prova del 9 di questa tesi,
                                    visto che tutte le più importanti decisioni di politica
                                economico-finanziaria assunte dal Governo di Monti & C.
                                   vanno nell’esatta direzione della filosofia politica di
                                 questi circoli, in Italia come in Grecia. Monti, più che il
                                Capo del Governo italiano, è il Commissario incaricato da
                                   Trilateral e Bilderberg, per il tramite burocratico di
                                Napolitano, di sostituire alla democrazia rappresentativa
                                         parlamentare la dittatura dell’alta finanza.
                                                               Sono in tutte le piazze, urlano
                                                               nei bar, dilagano in TV e pure
                                                                  nei salotti degli “amici”




                                                                            Dilaga il Becerume dei
                                                             Giacobini sotto la Ghigliottina già
                                                             montata per “il Vecchio Mondo”.
                                                             Avanza, urla, ti vuole annichilito, vuole
                                                             stringerti all’angolo, s’insinua “a destra”,
                                                             si presenta con camicioni sgargianti e ti
                                                             vuole all’angolo reprobo, vergognoso dei
                                                             tuoi pareri, del tuo stesso “essere in un

certo modo”. E’ un assedio sempre più forte, anche se caotico. Non è la Rivoluzione …è la Rivolta in
sé e per sé. Non è indirizzata contro un Nemico preciso; è un’arma grossolana , ma è super-
potenziata dagli argomenti banali offerti dai mass-media .a tavola, al bar, in compagnia di amici.
Troppo difficile da tollerarsi in silenzio.. Serata a casa di amici. L’uomo oltre il tavolo ti fissa. Alza
l’angolo destro della bocca. Forse c’è un accenno di risucchio – come faceva l’immortale barone Fefè,
quello interpretato da Mastroianni nel film di Pietro Germi-. Ci conosciamo da pochi minuti.
“Cosìscrivi sui blog, su Facebook ?” – ma si vede che sa, dal sogghigno , e dice “scrivi”col tono di
chi indica il palo in una banda di rapinatori. “Sì”. “Ed è E’ vero che che ti dichiari “di
destra”….Non si può negare il nome, certo il nome, anche se cerchi di specificare. Ma non Ti fa
neanche aprire bocca: “Lascia stare. Come vi sentirete, tu e i tuoi compari, quando avrete davanti
otto baionette della gente pronta a fare giustizia?” – e il ghigno si muta in risolino soddisfatto, come a
dire agli altri intorno: gliel’ho detto, avete visto? Lo Stronzetto verde-rosso-viola sorseggia spesso
vino, ha il sorrisetto odioso di commiserazione, sono i gruppi scelti, i più puri tra i puri, la Pura
     abba
Razza Antiberlusconiana d’incrollabile fede. “Perché non vai a fare in culo?”, domandi Tu, allora
“Ti pagano bene, eh?”. Gelo intorno. Gli amici provano a far finta di niente. “Sai, non farci caso, è
fatto così”. ….Ah, sì, è fatto così? Conosci uno da un quarto d’ora e quello vorrebbe vederTi fucilato,
e non dovresti farci caso? E perché non si cura? Chi gli ha messo in testa che può vomitare cose del
genere senza prender schiaffi, continuare a bere vino e a disquisire delle sorti nazionali, della merda
governativa e della merda collaborazionista (Te compreso)? E perché Ti ritrovi a cena con un simile
boia fallito del Kgb ? Ma non è facile sfuggire. C’è sempre un indice pronto e puntato – Indice
supremo, da Verità e Via, non indice qualsiasi – c’è sempre un raccattatore di verbali di questura e
di pessima letteratura di complotti e svelamenti delinquenziali, tutta una trama, tutta una spiata,
tutta una verbalizzazione – gente che sogna celle, e spioncini da cui spiare. E non perché i farabutti
in cella non debbano andare, e possibilmente lì restare.
Macché, lo stronzetto comunardo arcobaleno , adesso anche in versione grillista ,chiede altro:
partecipazione diretta al suo sbavamento, nessun dubbio, nessuna moderazione ammessa – che
                                                                                                               Ma insomma,
subito te la ritrovi come capo d’imputazione: diserzione. E’ una sudorazione continua, quella dello
                                                                                                             QUANTO c ostano
Stronzo colorato di sinistra come per i replicanti di “Blade Runner”, va a caccia dei Non-
                                                                                                                in blocco ?
Abbastanza-Antiberlusconiani, essendo Berlusconi la sua ossessione e il suo concentrato vitaminico
quotidiano. Non ci fosse, si sentirebbe come san Girolamo quando Roma cadde in mano ai barbari,
dopo che per anni e anni il sant’uomo ne aveva denunciato vizi e corruzione: “La fonte delle nostre
lacrime si è disseccata…”. E adesso che Berlusconi ha un basso profilo Lui va a caccia, ovunque dei
suoi “tentacoli occulti” a partire da Monti che non sarebbe altro che un fantoccio del Cavaliere…E’
una sorta di Purezza primigenia da Tagliatori dei teste amazzonici, un fervore ideologico da
Direttorio repubblicano epperò privo d’una qualsiasi vera ideologia. Una furia da guerrieri ubriachi
o da scimmie in un Museo. Iconoclastia. Raptus da innovatori privi d’una Invenzione. Le parole si
ingolfano in gola, però hai tutto in testa e vorresti proiettarglielo addosso, in un colpo solo…e allora
? Soccorre il vocabolario segreto di cui si son salvate poche parole….”Senti, bellino, io sono fascista,
e col MIO di plotone d’esecuzione…su di Te non sprecheremmo nemmeno una pallottola; non la
vali. Per quelli come Te basta una bella randellata, nemmeno mortale o sanguinosa. Un bel colpo
nelle chiappe giusto per levarti di torno. E’ chiaro?”. Tutto d’un fiato. Altro che Cavalieri liberal !
E il vino cessa d’oscillare nella coppa e tutti i colori declinano , virano verso il bianco d’un pallore
che parla di sorpresa, di panico, di fantasmi che riemergono in forma corporea anche
solo per un attimo. Ma è quell’attimo magico in cui tutte le Torri di Babele crollano
con un solo soffio. L’Armata Nera Perduta, per una sera, ha avuto la sua rivincita.
In attesa del giorno in cui verrà meno la sua Maledizione.



             I dati del Barometro Politico di giugno dell’Istituto Demopolis confermano
il crollo elettorale dell’asse di centrodestra che, prima dell’Esecutivo di Monti, ha governato a lungo
il Paese. Se ci si recasse oggi alle urne per le Politiche, il PDL otterrebbe appena il 17%, perdendo
circa 20 punti percentuali rispetto al 2008. Non differente il trend della Lega Nord che si ritrova oggi
sotto il 5%, con un elettorato che si ritiene in ampia parte tradito. La crisi di PDL e Lega e la
contestuale crescita dell’astensione creano oggi – secondo l’indagine dell’Istituto di ricerche diretto
da Pietro Vento – un bacino potenziale di estremo appeal nell’area moderata, oggi in cerca di
rappresentanza. L’UDC, con l’8%, conferma i propri consensi, ma non riesce – se non in minima
parte – ad intercettare gli elettori delusi da Berlusconi.Il PD si conferma in questa fase, con il 25%,
primo partito del Paese; si attestano tra il 7 e l’8% SEL ed IdV. In ascesa appare il movimento dei
grillisti , assimilabile alla ventata radicale degli anni ’80, quotato oggi tra il 12 ed il 15%.

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Stats:
views:21
posted:6/5/2012
language:Italian
pages:4
Description: Agenzia di informazione diretta da Guido Virzi Bisettimanale di formazione e controinformazione.