Domanda e Autorizzazione CIG Ordinaria by c8Jp856R

VIEWS: 119 PAGES: 12

									                                Domanda e Autorizzazione CIG Ordinaria


Da questa versione è possibile inserire , variare e stampare la Domanda di Cassa Integrazione
Guadagni, per fare questo occorrono degli agganci nelle voci variabili collegate alla tabella di
Indennità , inoltre delle nuove informazione nell’azienda e di conseguenza nei dipendenti.

La domanda per la concessione della cig è per “Stabilimento/Cantiere”. Quindi nello stesso mese,
e anche per lo stesso giorno,nell’azienda, possono coesistere diverse domande cig ciascuna
specifica per ogni stabilimento/cantiere che contiene nell’azienda solo i dipendenti ivi in servizio.
L’archivio delle domande cig è organizzato secondo un numero progressivo, nell’ambito
dell’azienda, affinché la domanda possa essere individuata in modo assolutamente univoco.

Le settimane da indicare nella domanda di integrazione cig partono dal lunedì e terminano la
domenica. Le settimane sono sempre intere; a titolo esemplificativo non è possibile presentare la
domanda dal 29 al 30 di un mese per i giorni di lunedì e martedì e poi un’altra domanda dal 1 al
3 per i giorni di mercoledì, giovedì e venerdì del mese successivo;oppure se l’evento cig si è
verificato solo di lunedì 12 e giovedì 17, la domanda deve essere sempre dal 12 al 17.



Poiché la domanda di integrazione cig va presentata entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga
in corso al termine della settimana in cui ha avuto inizio la sospensione o riduzione dell’ orario e
considerato che ciascuna domanda può contenere al massimo 13 settimane, tutto ciò significa
che:
Per i giorni di Cig per i quali è già stato calcolato il cedolino, l’ evento Cig verrà considerato dal
programma a “ consuntivo “, altrimenti sarà “presuntivo”; quindi se il periodo non termina nel mese
ma prosegue nel mese successivo la domanda, oltre a contenere il primo mese a “consuntivo”
comprenderà anche le settimane (fino a un totale massimo di 13 ) che saranno sicuramente
“presuntive”




                              NUOVE INFORMAZIONI DA INSERIRE

                                            “TABELLE”

                                           “Voci Variabili”


Sono stati previsti i due nuovi successivi flag nelle voci variabili collegate alla Tabella Indennità
Enti Prev.li /Cassa Integrazione Guadagni, necessari per identificare la voce nella fase di
valorizzazione automatica della domanda cig e della successiva sua autorizzazione da parte
dell’Inps :
    - Ore assenza Cig : per individuare la voce utilizzata dall’utente per la trattenuta assenza cig
    - CIG: per individuare la voce cig
-
“BANCA DATI AZIENDA”

Dati di Base

Nella pagina “Altre” dei “Riferimenti tabellari” sono state referenziate le quattro voci necessarie per
i calcoli automatici in fase di inserimento dell’autorizzazione Cig. I codici di queste voci,
appositamente create, vengono valorizzati con la versione. L’utente però può sostituirle a suo
piacimento purché le voci siano “coerenti” con la funzione da svolgere.

Nuove Voci variabili

cig anticipata dal DL : recupero ore cig non autorizzate                                          = 971
cig non anticipata dal DL    : pagamento c/Inps ore cig autorizzata soggetta Ctr-Addiz.           = 972
pagamento c/Inps ore cig autorizzata Non sogg.Ctr-Addiz.                                          = 973
pagamento c/DL ore cig non autorizzate                                                            = 974

E’ stato inoltre previsto il codice del giustificativo che l’utente può utilizzare, in fase di apertura
della mensilità o nell’aggiornamento mensile, per valorizzare in automatico le presenze del mese
delle ore cig “presuntive” inserite nella domanda di integrazione cig.
Archivio Reparti Per Domanda Cig”

Nel menu “Gestione Archivi azienda” è stata creata una cartella “Archivi dati per CIG” nella quale è
stata collocata la già esistente funzione “Archivio numero dipendenti per CIG” ed è stata aggiunta
la nuova funzione “Archivio reparti per domanda Cig” con la quale l’utente, se vuole che venga
automaticamente valorizzato il quadro H della domanda cig, può inserire i cinque reparti previsti
dall’Inps.
                                      “BANCA DATI DIPENDENTI”


Quando l’utente, per una azienda dell’Industria, ha inserito i reparti per il quadro “H” della domanda
di integrazione cig, deve referenziare tali codici in ciascun dipendente affinché sia possibile la
valorizzazione automatica del quadro “H” per l’Industria. Tale codice reparto è stato previsto nella
pagina relativa alla “Collocazione aziendale” dei dati di base del dipendente dove è stato aggiunto
ai codici preesistenti.
                                   MENU “Indennità Enti Previdenziali”

Il menu Indennità Enti Previdenziali – Indennità Cig, nelle elaborazioni mensili, è stato
implementato con l’inserimento di tutte le funzioni relative all’immissione sia della domanda cig che
dell’autorizzazione dell’Inps.


                         INSERIMENTO DOMANDA INTEGRAZIONE CIG

E’ stata prevista sia la gestione della domanda cig per l’Industria che per l’Edilizia.
Il programma di inserimento della domanda cig valorizza in modo completamente automatico
tutti i dati relativi all’integrazione cig .
L’utente deve solamente inserire pochi dati specifici alla domanda, tra i quali : la data di
presentazione della domanda e lo Stabilimento/Cantiere , ciò in quanto l’Inps individua le domande
in base a questi due dati, il periodo della cig e la causale.




Per gli eventi già verificatisi, cioè a “consuntivo”, il programma rintraccia le voci cig nelle mensilità
per le quali è già stato effettuato l’aggiornamento automatico mensile.
Invece per i giorni di cig relativi alle mensilità per le quali non è stato ancora eseguito
l’aggiornamento automatico mensile, il programma considera le ore di cig “presuntive” e i giorni
sono considerati a zero ore.

Per le ore di Cassa Integrazione Ordinaria “presuntive” inserite nella domanda Cig, l’utente non
deve preoccuparsi di caricare i relativi giustificativi nei mesi successivi, perché sarà il programma
ad inserirli automaticamente nella fase di apertura della mensilità.

Oltre all’inserimento della domanda cig sono state previste diverse altre funzioni necessarie ed utili
per una corretta e completa gestione della cig :

 -   indice delle domande cig inserite
 -   stampa laser delle due tipologie di domande (Industria e Edilizia) compreso l’allegato per
     l’Edilizia
 -   una serie di tabulati molto utili per il controllo da parte dell’utente dei dati inseriti
     automaticamente nella domanda cig :
          a. dettaglio per dipendente di tutti i dati inseriti automaticamente nella domanda
          b. dettaglio dati quadro “D”
          c. dettaglio dati quadro “E”
          d. dettaglio dati quadro “H”

Inoltre la stampa del tabulato per dipendente degli eventi di cig, già presente nelle precedenti
versioni, è stata notevolmente implementata con tutti i dati relativi all’evento, affinché l’utente abbia
un quadro completo delle integrazioni cig calcolate mensilmente.




Una volta inserita la domanda di integrazione cig, il programma si pone in “variazione” in modo che
l’utente possa immettere gli altri dati eventualmente necessari oppure per modificare quelli inseriti
automaticamente. E’ prevista anche la funzione di cancellazione della domanda.

Ad ogni domanda viene automaticamente associato un record per ciascun dipendente con tutti i
dati di dettaglio in modo che il passo successivo relativo all’inserimento dell’autorizzazione cig
possa essere anch’esso generato in modo automatico.
                          Inserimento autorizzazione INPS per ore CIG


E’ stata realizzata una nuova funzione che consente all’azienda di inserire l’autorizzazione cig
dell’Inps. Per fare questo il programma fornisce la lista delle domande cig già inserite nell’azienda
e in attesa dell’autorizzazione.
L’utente sceglie la domanda di cui è arrivata l’autorizzazione Inps individuata tramite la data della
domanda che è riportata nel modello dell’autorizzazione inviato dall’Inps.

L’inserimento dell’autorizzazione deve avvenire dopo che sia stato calcolato il cedolino relativo
all’ultima settimana di cui alla domanda, altrimenti non sono disponibili gli eventi cig caricati nel
cedolino.

Il programma dopo aver individuato la domanda, la visualizza ed apre una nuova finestra nella
quale chiede e memorizza :
          - il numero e la data dell’autorizzazione
          - il numero totale delle ore autorizzate
          - se deve essere versato il contributo addizionale cig; l’imponibile di tale contributo è
              l’importo dell’integrazione ed è calcolato in automatico;
l’anno e il mese in cui nel Dm10 deve essere esposta la cig autorizzata e per l’esposizione
della cig arretrata nell’Emens; la successiva elaborazione del DM10 e dell’Emens esporrà in
automatico i dati relativi alla cig autorizzata.
Inserita l’autorizzazione, se le ore autorizzate non corrispondono alle ore richieste, occorre inserire
il totale effettivo delle ore per le quali L’INPS ha inviato l’autorizzazione




e poi variare le ore autorizzate CIG per l’intera settimana oppure per singolo dipendente nel giorno
interessato alla modifica .
Se si vuole recuperare dai dipendenti l’eventuale differenza non autorizzata , spuntare la casella
sotto esposta e confermare, in questo modo le voci di recupero verranno calcolate in automatico
ed esposte sul cedolino dei dipendenti interessati




Se le ore autorizzate corrispondono a quelle richieste ,non avverrà alcun recupero sul cedolino .


Alla conferma ci sarà il riepilogo dei dati dell’autorizzazione con l’importo a credito nel quadro “D”
del mod. DM/10, con il numero dell’autorizzazione INPS e le ore sul quadro “F”
Il telematico EMENS, genererà due record : il primo con i dati della mensilità ordinaria , il secondo
record contiene la CIG Pregressa , per il mese di competenza , con l’importo da accreditare per
dipendente
                               CIG non anticipata dal datore di lavoro



il programma , in fase di inserimento dell’autorizzazione,individua tutti i dipendenti che per il
periodo della domanda autorizzata abbiano le voci di integrazione cig relative con il flag indennità
cig a carico Inps non anticipata dal datore di lavoro; il programma chiede all’utente su quale
mensilità deve essere effettuato il pagamento dell’indennità cig non anticipata (per tale mensilità
non deve essere già passato il calcolo del cedolino)
si possono verificare due casi :


– il totale delle ore autorizzate sono uguali a quelle richieste :
           - in tale caso il programma per ciascun dipendente crea la voce 972 o 973 (a seconda
              che l’integrazione sia soggetta o no al contributo addizionale cig) per il pagamento
              dell’integrazione cig;; l’importo dell’integrazione cig è quello che verrà esposto a credito
              in automatico sul DM10
            - poi dal mese in cui si è verificato l’evento cig preleva i dati per il record “cig pregressa”
                 dell’emens
            -
– il totale delle ore autorizzate sono inferiori a quelle richieste :
            - il programma chiede all’utente di modificare manualmente le ore autorizzate per
                 ciascun dipendente fino a che il totale delle ore autorizzate risultanti
                 dall’autorizzazione corrispondano esattamente alle ore autorizzate risultanti dai
                 dipendenti
            - se l’utente vuole pagare a suo carico le ore cig non autorizzate, crea la voce 974 per
                 pagare tali ore
            - totalizza l’importo dell’integrazione autorizzata che va memorizzato nel record
                 della domanda per poterlo poi esporre a credito del Dm10
            - infine dal mese in cui si è verificato l’evento cig preleva i dati per il record arretri cig
                 dell’emens rapportandoli alle ore autorizzate dall’Inps rispetto quelle anticipate dal
                 datore di lavoro.


                                      Contributo addizionale cig


Il programma calcola il contributo addizionale cig nel seguente modo :

           -   se l’indennità cig è stata anticipata dal datore di lavoro, il contributo addizionale è
               calcolato al momento dell’immissione dei dati relativi all’autorizzazione cig; in tale
               sede questo importo può essere modificato manualmente dall’utente
           -   se l’indennità cig non è stata anticipata dal datore di lavoro, il contributo
               addizionale è calcolato dalla voce con la quale viene erogata l’indennità cig

In ambedue i casi, comunque, tutto viene svolto in modo completamente automatico.

								
To top