CORRIERE ROMAGNA 12/11/05 by wKdjTCK

VIEWS: 27 PAGES: 28

									CORRIERE ROMAGNA 12/11/05

Weekend ricco di appuntamenti interessanti con il secondo derby della stagione al Palafiera tra Forlì
e Conselice e la sfida alla prima della classe Trento da parte di Lugo, mentre la Combitras, tra le
donne, dà l’assalto al primo posto.FORLI’-CONSELICE - Per la prima volta nella storia si
affrontano in campionato le prime squadre di Forlì e Foris Index Cm e quella di domani al Palafiera
(ore 17.30, arbitri Magri di Ferrara e Onfiani di Reggio Emilia) è la partita della verità soprattutto
per la squadra forlivese che finora non ha mai vinto e vuole rompere il ghiaccio. “Abbiamo bisogno
di un successo a tutti i costi - dichiara il tecnico Pietro Mazzi - Per noi è molto difficile questa
partita perchè affrontiamo una squadra che sta bene, arriva da due ottimi risultati e non ha nulla da
perdere. Noi, invece, dobbiamo dimostrare in condizioni di emergenza di essere una squadra vera”.
In campo ci dovrebbe essere spazio per l’ultimo arrivato, l’ucraino con passaporto italiano
Aleksander Shadchin, schiacciatore, grande protagonista del massimo campionato italiano negli
anni novanta (Modena, Schio, Roma e Treviso le sue squadre) e reduce dal successo nella A1
tedesca con il Friedrichshafen.Ancora problemi di formazione, comunque, per Mazzi che dovrà fare
a meno dei due centrali Leonelli e De Leonibus e dunque si affiderà ancora una volta al giovane
Cicognani. Problemi muscolari anche per Selvaggi che ha saltato qualche allenamento in settimana
ma dovrebbe esserci.In casa Conselice si va a caccia di una vittoria di prestigio e del primo successo
esterno. “Ci attende una partita durissima contro una squadra che non lascerà nulla al caso - afferma
il tecnico Marco Dalmonte - mentalmente stiamo bene, fisicamente un po’ meno perchè Guerra e
Morandi sono alle prese con malanni alle ginocchia e si sono allenati a singhiozzo. Giochiamo su
un campo che ha ospitato la grande pallavolo e questo non ci deve condizionare. Mi aspetto una
gara molto equilibrata nella quale dovremo fare bene tutto per vincere contro una squadra non certo
costruita per ottenere la salvezza”.LUGO-TRENTO - Appuntamento di lusso, oggi pomeriggio, per
la Gattelli che alle 17.30 (arbitri Lot e Rossetto di Treviso) ospita la capolista imbattuta Trento.
Finora la prima della classe ha lasciato per strada solo un set (contro Forlì) ma Massimo Benedetti,
tecnico lughese, non si fa intimidire. “E’ una grande squadra che può vincere il campionato ma non
è imbattibile - spiega - giocano una pallavolo semplice ma hanno un primo tempo micidiale e una
palla in banda molto pesante. Battono bene e possono contare su individualità molto interessanti. Ci
vuole il miglior Lugo per impensierirli, non certo quello di Modena”. Per l’occasione Benedetti sta
studiando un cambiamento tattico con l’inserimento di Tarlazzi nel ruolo di opposto e lo
spostamento di Casadei in banda al posto di Toschi, per avere qualche centimetro in più a
muro.MIRANDOLA-MORCIANO - Esaurito l’entusiasmo per l’avvio scoppiettante, la Rovelli,
reduce da due sconfitte, torna nei ranghi e oggi affronta il primo vero scontro salvezza della
stagione. I romagnoli saranno impegnati alle 18 (arbitri Gelati e Beltrami di Mantova) sul campo
del Mirandola, squadra di medio-bassa classifica, molto temibile tra le mura amiche. “Il campo di
Mirandola è uno di quelli che fa la differenza - spiega il tecnico Rovinelli - la luce e la grandezza
del palasport cambiano le carte in tavola per gli ospiti, soprattutto in ricezione. Noi dobbiamo
ritrovare prima di tutto lo spirito delle prime gare di campionato e magari anche un po’ di forma.
Stiamo pagando dal punto di vista psicologico questi passaggi a vuoto ma possiamo riprenderci a
partire da Mirandola”. All’appello mancherà il palleggiatore Pesaresi, alle prese con uno stiramento,
mentre è al rientro lo schiacciatore Pascucci. Le altre gare: Treviso-Oderzo, Vicenza-Cavriago,
S.Donà-Padova, Bologna-Modena.VERONA-COMBITRAS - La Combitras non vuole perdere il
passo delle prime. Dopo quattro vittorie consecutive la squadra forlivese è attesa da un test molto
importante a Verona che ha appena sbancato Ravenna. “E’ una squadra completa e solida - dichiara
il tecnico Andy Delgado - possono contare su un buon organico e su una qualità media piuttosto
elevata. E’ una squadra che attacca molto bene e commette pochi errori per cui sarà molto
importante il nostro lavoro a muro che potrebbe essere efficace anche solo sporcando qualche
pallone e permettendo alla difesa un lavoro più semplice. La mia squadra sta andando bene ma
restiamo con i piedi per terra, sapendo che si può ancora migliorare molto”. Combitras al gran
completo, fischio d’inizio alle 20.30, arbitrano Migliorati e Ghirardi di Brescia.REGGIO EMILIA-
                  TEODORA - La Teodora non vuole farsi scappare l’occasione. Reggio Emilia è
                  una squadra imbottita di giocatrici di categoria superiore ma l’avvio ritardato della
                  preparazione e le difficoltà di amalgama non hanno permesso alle emiliane di
                  vincere ancora una partita. “Non vorrei che Reggio Emilia si svegliasse proprio
                  contro di noi - afferma il tecnico ravennate Sergio Guerra - arriviamo dalla brutta
                  prestazione in casa con Verona e abbiamo bisogno di punti proprio come le nostre
avversarie. Loro non stanno esprimendo un buon volley e con una buona prova da parte nostra
potremmo anche riuscire a portare a casa punti da questa trasferta”.Niente stangata del giudice
sportivo che ha diffidato Zebi e ammonito Guerra. Si gioca domani alle 17.30 (arbitri Florian e
Zanussi di Treviso), Teodora al completo. Le altre gare: Baricella-Volta Mantovana, Manzano-
Parma, Cavazzale-Albignasego, S.Donà-Fontanellato, Cadelbosco-Vicenza.
Enrico Spada

14/11/05

Shadchin prende subito in mano Forlì

Volley Forlì-Foris Index Conselice 3-0 (25-22, 25-13, 25-23)FORLI’: Selvaggi 2, Ballico, Gherardi
14, Cicognani 2, Shadchin 16, Campana 8, Valletta (libero), Casadei 10, Crociani, Mengozzi. N.e.:
Del Poggetto. All.: Mazzi.FORIS INDEX: Collini 1, Ranieri 3, Rinieri 7, Belloni 6, Guerra 7,
Morandi 3, Romagnoli (libero), Maccagni 3, Marzola, Sossella, Lazzari, Saiani 5. All.:
Dalmonte.ARBITRI: Magri di Ferrara e Olfiani di Reggio Emilia.NOTE: Forlì ace 6, battute
sbagliate 6, muri 9, errori 17. Foris Index battute sbagliate 9, muri 4, errori 14. Durata set: 27’, 19’,
28’. Spettatori: 200 circa.FORLI’ - Shadchin guida il Forlì alla prima vittoria stagionale. L’avvento
dello schiacciatore italo-ucraino ha finalmente sbloccato la formazione di Pietro Mazzi che ha
regolato per 3-0 il Conselice nell’atteso derby, incamerando tre punti e facendo capire di non aver
nessuna intenzione di restare nei bassifondi della classifica.Ottima la prova anche di Alberto
Casadei, una prestazione che in pratica potrebbe aprire un “caso-Ballico”. Il giocatore made in
Forlì, infatti, è stato spedito in campo da coach Mazzi nelle fasi iniziali del primo parziale dopo che
l’opposto veneto aveva attaccato due palloni senza realizzare nemmeno un punto. Da quel momento
Casadei è rimasto sul terreno di gioco fino alla fine realizzando 10 punti col 53% di positività e
convincendo per grinta e voglia di vincere. Difficile, dunque, per lui tornare a giocare in posto
quattro e difficile per Mazzi pensare di tenerlo ancora in panchina.Per il Conselice, invece, una
partita da dimenticare con la ricezione incapace di rispondere in maniera positiva all’atteggiamento
aggressivo in battuta del Forlì e con Guerra e Morandi assolutamente sotto tono. Dalmonte le ha
provate tutte, utilizzando i dodici giocatori a sua disposizione, ma contro uno Shadchin che dopo
due soli allenamenti con la sua nuova squadra è stato capace di far registrare il 70% di ricezioni
perfette e il 46% in attacco, c’è stato davvero poco da fare.Nel primo set era la Foris Index a partire
bene con Belloni a far la parte del leone. Avanti 9-4, però, gli ospiti accusavano il ritorno dei
forlivesi. Shadchin, dopo tre attacchi a vuoto, saliva in cattedra e per Conselice cominciavano i
dolori. Due errori di fila dei ravennati, più una veloce di Campana e un’ace dell’italo-ucraino
portavano Forlì avanti per 18-14, poi era Casadei a mettere a terra la palla del 20-15. La Foris Index
provava a restare a galla e risaliva fino al -1 (22-21), ma pagava lo sforzo e s’inchinava per 25-22 di
fronte al 6° punto del set dello “zar”. Nel secondo non c’era partita. I forlivesi galvanizzati dalla
vittoria del parziale precedente scattavano al via come nemmeno Carl Lewis ai bei tempi (4-0, 8-1,
12-2, 18-6). Conselice ballava paurosamente in ricezione e Forlì chiudeva per 25-13 dopo appena
19 minuti.Nel terzo si ricominciava a giocare palla su palla (3-7, 8-8, 14-16). Conselice provava più
volte la fuga (15-19, 18-21), ma sul più bello era ancora Shadchin, coadiuvato dall’ottimo Gherardi,
a spegnere sul nascere i sogni dei rivali. Un errore di Saiani, poi, regalava il 25-23 e la prima
vittoria a Forlì.
Gian Luca Bosi
Gattelli, niente da fare

Gattelli Lugo-Blue City Trento 1-3 (21-25, 22-25, 25-20, 22-25)GATTELLI: Romagnoli 18, De
Angeli 4, Sintini 5, De Marco 2, Ortolani 2, Casadei 8, Tarlazzi 19, Toschi (libero). N.e. Ravaioli,
Brini, Gattelli, Ferrari. All.: Benedetti.BLUE CITY: Moro 7, Follador 11, Paoli 13, Lorenzi 8,
Rizzo 17, Daniele 2, Zancarli (libero), Ballarin, Divan, Sabbadin, Pasquali. N.e. Gotsch. All.:
Giuliani.LUGO - Non basta una buona Gattelli per strappare punti alla capolista Blue City. Un
successo risicato per la “regina” in una partita condizionata dall’infortunio al ginocchio del centrale
lughese Roberto De Marco a metà del secondo set.La rivoluzione tattica studiata da Benedetti ha
dato buoni frutti: Casadei in banda e Toschi nel ruolo di libero al posto del giovane Brini, con
Tarlazzi opposto. Ne guadagnano muro e difesa (Toschi difficilmente viene chiamato in causa in
ricezione). Trento non sembra in giornata e nel primo set lascia l’iniziativa ai lughesi che
mantengono un esiguo vantaggio fino al 20-19. Gli ospiti si svegliano nel finale e con Rizzo e Paoli
ribaltano la situazione. Stessa storia nel secondo set, quando la Gattelli mette in difficoltà i quotati
rivali ma si deve arrendere in volata (25-22). Nel terzo parziale cambia l’inerzia: Trent sbaglia
qualcosa più del solito e Lugo ne approfitta gestendo bene un buon vantaggio conquistato nella fase
centrale. I romagnoli vincono 25-20 ma poi non riescono a dare continuità contro un Trento che
conferma di essere la squadra più forte del girone e chiude 25-22.

Un Pesaresi non al meglio basta e avanza per Morciano

Mirandola-Dolciaria Rovelli Morciano: 1-3 (23-25, 28-26, 20-25, 18-25)MIRANDOLA: Da Como
1, Baraldi 14, Garusi 1, Schiavo 11, E. Caleffi 8, Bozzoli 9, Bonifazzi 10, Giusti 1, Bottecchi
(libero). N.e. D. Caleffi, Bonavita, Mari. All.: Zucchi.DOLCIARIA ROVELLI: Alessandrini 1,
Romani 18, Salgado 14, Giorgetti 14, Pietrelli 18, Ciandrini, Pascucci 3, Pesaresi 5, Terenzi 1, Ricci
(libero). N.e. Simoncelli, Ummarino. All.: Rovinelli.MIRANDOLA - La Rovelli ritrova vittoria e
tranquillità espugnando con un sofferto 3-1 il campo del Mirandola. In avvio Rovinelli deve
rinunciare al palleggiatore Pesaresi, alle prese con un problema muscolare. Il primo set è molto
equilibrato ma il Morciano ha qualcosa in più degli avversari e si impone in volata 25-23.Nel
secondo set tornano ad aleggiare nubi minacciose sul cielo della Rovelli: Morciano commette
qualche errore di troppo e Mirandola ne approfitta soprattutto nel finale di set per imporsi 28-26.A
questo punto il tecnico romagnolo non ci pensa due volte e getta nella mischia Pesaresi che, pur non
al meglio, gestisce molto bene la situazione e riesce a dare tranquillità alla squadra. La Rovelli torna
ad essere padrona del campo e vince piuttosto agevolmente il terzo set 25-20. Nel quarto parziale
parte bene la squadra ospite che fa leva sul muro per prendere un vantaggio rassicurante e nel finale
c’è anche il tempo per il rientro di Pascucci, reduce da un infortunio alla spalla, prima del 25-18
conclusivo a favore di Morciano.

IL RESTO DEL CARLINO ROMAGNA

11/11

La Rovelli a caccia di punti senza il suo palleggiatore

MORCIANO — Ha voglia di tornare in sella, la Rovelli. E la trasferta di domani (h. 18) a
Mirandola rappresenta una buona occasione per muovere nuovamente la classifica, contro
un’avversaria che sin qui ha racimolato solo tre punti. «Sì, non è una partita impossibile – ammette
il coach del Morciano, Daniele Rovinelli –. Quella emiliana è una probabile rivale per la salvezza,
abbiamo il dovere di provarci, anche se non siamo certo in un momento positivo». Dopo il brillante
avvio, infatti, Terenzi (nella foto) e compagni sono incappati in due 0-3 consecutivi (a Treviso e in
casa con Vicenza), due rovesci che hanno minato qualche certezza all’interno del gruppo. «Il clima
generale però è buono», aggiunge il tecnico, che al 99% dovrà fronteggiare una pesante emergenza
nel ruolo del palleggiatore, con Pesaresi che accusa uno stiramento alla coscia. La sua alternativa
naturale è Alessandrini, ma è chiaro che l’alzatore titolare non si sostituisce mai facilmente. Sempre
assente Nesti – e la cosa ormai non fa più notizia, visto che sono 6 mesi che lo schiacciatore è out…
–, mentre Pascucci, altra pedina importante, è a mezzo servizio.

12/11

E nel volley a Forlì arriva Shadchin

di Simone Feroli
FORLI’ — Il Volley Forlì c’è. Non sul campo — dopo la retrocessione dall’A2 dell’anno scorso i
forlivesi sono ultimi con un solo punto dopo 4 giornate — ma sul mercato. Infatti la società del
presidente Giovanni Gavelli con un colpo a sorpresa ha ingaggiato Alexander Shadchin (nella foto
con l’allenatore Piero Mazzi). Trentasei anni, il giocatore ucraino naturalizzato italiano ha una
lunga carriera alle spalle. Arrivato nel 1992 ha un trascorso di nove anni in serie A1, tra Modena,
Schio, Roma, Padova, Ancona, Treviso e Milano, uno in A2 — con la maglia del Verona —, oltre
alle esperienze nel campionato brasiliano, greco, e in quello tedesco dove lo scorso anno ha vinto il
torneo con la casacca del Friedrichshafen dove ha giocato anche l’ex Forlì Ristic.
[FIRMA]Shadchin (nella foto Sabatini) ha iniziato la sua carriera nel 1984 come centrale e poi negli
anni si è trasformato in schiacciatore. E, proprio in quel ruolo, il Volley Forlì ha maggiori problemi,
con Mengozzi e Casadei che fino ad ora, per tanti motivi, non hanno reso al massimo. Dunque sarà
[FIRMA]Shadchin, insieme a Ballico e Gherardi, a caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco
forlivese. Il giocatore di Kremenchiuk, nonostante le trentasei primavere, è dato in gran spolvero;
con ogni probabilità esordirà domani quando al Palafiera sbarcherà la Foris Index Conselice. Il Forlì
arriva dal kappaò per 3-1 incassato sul campo dell’Oderzo. Il Conselice, invece, nel turno
precedente ha ottenuto un’importante vittoria interna per 3-0 contro la Sisley Treviso. In classifica,
sette punti per il Conselice e uno soltanto per il Volley Forlì, punto oltretutto ottenuto nella prima
giornata contro il Morciano corsaro al Palafiera (2-3). Insomma, l’ingaggio di [FIRMA]Alexander
Shadchin arriva proprio al momento giusto. Dopo quattro giornate l’allenatore del Forlì, Pietro
Mazzi, deve già fare i conti con una classifica deficitaria. E il giocatore ucraino è arrivato per far
sbloccare i suoi nuovi compagni.

Gattelli, emozioni e sogni Foris, derby stuzzicante Teodora, tanta nostalgia

RAVENNA — E’ un week-end ad alta tensione quello che aspetta le due compagini di B1
impegnate nella quinta giornata di andata. Spettacolo e motivazioni non mancheranno di certo. Si
comincia oggi alle 17.30 al PalaLumagni dove la Gattelli Lugo (3) ospita la capolista Trento,
capace di mettere, uno dietro l’altro, quattro successi di fila compreso l’ultimo, sette giorni fa, nello
scontro diretto contro la Zinella Bologna (9). La matricola trentina ha nell’alzatore Daniele (ex
Modena in A1 e Schio in A2), negli schiacciatori Moro e Follador, nonché nell’ opposto Gotch
(l’anno scorso a Bolzano in A2) i punti di forza. La Gattelli cercherà di metterle i bastoni fra le
ruote, dando continuità al punto conquistato a Modena contro la Villa d’Oro. Domani poi (alle
17.30) sarà la volta della Foris Index Conselice (6) che, reduce dall’ impresa sul Treviso, gioca a
Forlì (1) il più incredibile dei derby. Incredibile, perché mai nessuno si sarebbe aspettato di trovare i
forlivesi all’ultimo posto della classifica. Ancora privi di Leonelli, ma col nuovo acquisto Shadchin
(trentaseienne fuoriclasse ucraino, di passaporto italiano, in arrivo dalla Germania) i padroni di casa
dovranno più che altro temere lo stato di grazia dei gialloblù. Una sfida da non perdere insomma.
Sugli altri campi: Treviso (7)-Oderzo (6), Vicenza (4)-Cavriago (9), Mirandola (3)-Morciano (5),
S.Donà (3)-Padova (9), Bologna (9)-Modena (6).
In campo femminile, nel girone B, la Teodora Ravenna (3) posticipa a domani la gara di Reggio
Emilia contro il fanalino di coda in un match che ha tutto il sapore dell’amarcord, viste le sfide (con
in palio anche lo scudetto) degli anni Ottanta-Novanta. Per le ragazze di Sergio Guerra si tratta della
migliore occasione per tornare a muovere la classifica dopo lo scivolone interno col Verona. E per
fortuna che, al danno della sconfitta, non si è aggiunta la beffa della squalifica: Zebi, espulsa, è stata
diffidata, mentre a Guerra è arrivata una ammonizione. Sugli altri campi: Baricella (0)-Volta
Mantovana (12), Manzano (9)-Parma (8), Cavazzale (8)-Albignasego (3), S.Donà (5)-Fontanellato
(8), Cadelbosco (10)-Vicenza (4), Verona (7)-Forlì (11).
Nel girone C il Club Italia Ravenna (1), penultimo della classe e reduce dalla scoppola di S.Croce
sull’Arno, ospita, alle 17, all’ex Villaggio del Fanciullo, il S.Casciano Val di Pesa (6), a sua volta
sempre vittorioso in casa, ma anche sempre sconfitto in trasferta.

13/11

C’è il derby col Conselice Il Forlì presenta Shadchin
FORLI’ — Vincere. E’ l’unico obiettivo per il Volley Forlì che oggi (ore 17,30) ospita il Conselice
per il secondo derby stagionale. Il primo, quello col Morciano, ha visto gli avversari imporsi per 3-
2, regalando alla truppa di coach Mazzi l’unico punto raccolto fino ad ora. Il Conselice, dall’alto dei
sette punti in graduatoria — e del successo interno di sette giorni fa per 3-0 con il Sisley Treviso —
scende al Palafiera con la carica giusta per portare a casa un successo prezioso. Mai quanto lo
sarebbe per il Forlì, ancora a caccia del primo sorriso stagionale. I padroni di casa probabilmente
schiereranno dall’inizio l’ultimo arrivato, Alexander Shadchin, con lo spostamento di Casadei e
Mengozzi in panchina. Questo dunque il probabile startin’ six del Volley Forlì: Selvaggi al
palleggio, De Leonibus e Campana al centro, Ballico opposto, Gherardi e Shadchin schiacciatori.
Valletta sarà il libero.
s.f.

14/11/05

VOLLEY B1 COL NUOVO INNESTO FORLI’ TROVA LA STRADA DELLA VITTORIA AI
DANNI DELLA FORIS INDEX CONSELICE

Shadchin dà la carica

 3-0
VOLLEY FORLI’: Mengozzi, Cicognani 2, Crociani, Campana 8, Selvaggi 2, Casadei 13, Gherardi
11, Ballico 1, Shadchin 15. Ne: Matassini, Del Poggetto. Libero: Valletta. All. Mazzi.
FORIS INDEX CONSELICE: Maccagni 3, Morandi 2, Ranieri 3, Marzola, Sossella, Lazzari,
Guerra 7, Belloni 7, Rinieri 5, Saiani 4, Collini 1. Libero: Romagnoli. All. Dalmonte.
Arbitri: Magri di Ferrara e Olfiani di Reggio Emilia.
Parziali: 25-22, 25-13, 25-23.Durata set: 30’, 19’, 26’. Spettatori 550.
FORLI’ — Finalmente è arrivato il primo successo in campionato del Volley Forlì. La truppa di
coach Mazzi, complice l’inserimento di Shadchin (nella foto Sabatini), ha di colpo cancellato paure
e timori mettendo ko il Conselice. Nel primo set partono bene gli ospiti con Belloni, centrale molto
bravo in attacco. Padroni di casa in difficoltà soprattutto con Ballico che, dopo gli errori iniziali, ha
lasciato il posto a Casadei. Il cambio ha ribaltato l’andamento del set. chiuso 25-22. Nel secondo
bene Casadei, Shadchin, Selvaggi (2 aces) e Gherardi. Avanti 10-2 e poi 20-9, il Forlì non ha avuto
difficoltà a chiudere il parziale. Nel terzo il Conselice si è portato avanti fino al 18-22, ma Shadchin
e soci si sono ripresi. In casa Forlì bene il servizio (sei aces), ok il muro (nove) e la ricezione. Ora
Forlì è consapevole della sua forza.
Simone Feroli
VOLLEY B1 BUONA GARA

Gattelli, peccato

1-3
GATTELLI LUGO: De Angeli 4, Romagnoli 18, Sintini 5, De Marco 2, Ortolani 2, Casadei 8,
Tarlazzi 19, Toschi libero; ne Ravaioli, Brini, Gattelli, Ferrari. All.Benedetti.
BLUE CITY TRENTO: Moro 7, Follador 11, Paoli 13, Lorenzi 8, Rizzo 17, Daniele 2, Zancarli
libero, Ballarini, Divan, Sabbadin, Pasquali; ne: Gotsch. All.Giuliani.
Arbitri Lot e Rossetto di Treviso.
Successione set: 21-25, 22-25, 25-20, 22-25.
LUGO — L’impresa di rallentare la corsa dell’imbattuta capolista resta come un colpo in canna. La
Gattelli ci ha provato, ma ha dovuto ammainare bandiera bianca di fronte alla superiorità fisica
degli avversari. Superiorità testimoniata, fra le altre cose, dallo score dei muri (14-8 a favore degli
ospiti). Il sestetto di Massimo Benedetti, che ha presentato la novità di Toschi nel ruolo di libero, ha
puntato sul fattore campo e, in effetti, le 5 battute vincenti hanno confermato che nella tana del
PalaLumagni non è mai facile fare risultato. A condizionare la sfida, oltre all’incapacità dei lughesi
di amministrare i vantaggi accumulati in avvio di secondo e quarto set, ci si è messa poi anche la
sfortuna quando, nel corso del secondo parziale, il centrale De Marco è stato costretto al forfait per
un infortunio ad un ginocchio. Al suo posto il giovane Ortolani, che comunque è entrato senza
timori.

VOLLEY B1 RISCATTO

Rovelli pimpante

1-3


STADIUM MIRANDOLA: Da Como 1, Schiavo 11, Caleffi E. 8, Baraldi 14, Bonifazzi 10, Bozzoli
9; Bottecchi (libero), Giusti 1, Garusi 1, Caleffi D. ne, Bonavita ne, Mari ne. All.: Zucchi.
ROVELLI MORCIANO: Alessandrini 1, Romani 18, Giorgetti 14, Salgado 14, Pietrelli 18,
Ciandrini; Ricci (libero), Pascucci 3, Terenzi 1, Pesaresi 5, Simoncelli ne, Ummarino ne. All.:
Rovinelli.
Arbitri: Gelati e Beltrami.
NOTE – Parziali: 23-25, 28-26, 20-25, 18-25.
MORCIANO — Torna al successo, la Rovelli, capace di cogliere un prezioso “pieno” a Mirandola.
Tre punti d’oro per la matricola della Valconca, che cancella così con un colpo di spugna i recenti
rovesci contro Sisley Treviso e Vicenza. Non è stato facile, però. Nei primi due set il Morciano è
ancora in affanno, con tanti, troppi patemi in ricezione. Così già nella seconda frazione coach
Rovinelli rivuole il malconcio Pesaresi per distribuire il gioco. E l’innesto del palleggiatore titolare,
che regala maggiore tranquillità ai compagni, funziona. Sistemate un po’ le cose, nel terzo e nel
quarto set l’incontro non ha storia, con la Rovelli che può chiudere il discorso.
Il Morciano è stato efficace soprattutto a muro (ben 15 i punti spremuti in questo fondamentale...),
da qui i tabellini consistenti dei centrali Giorgetti e Salgado, terminali dell’attacco insieme a
Romani e Pietrelli.
a. c.

IL RESTO DEL CARLINO BOLOGNA 12/11
IL PROGRAMMA DEL WEEKEND

La Zinella ritrova il Villa d’Oro e vuole dimenticare il ko di Trento

La quinta giornata della serie B prevede due posticipi: domani pomeriggio saranno impegnate sia la
CBS Eurotend Zinella che il Campagnola Crespellano. Gli uomini di Luca Moretti , reduci dalla
sconfitta di Trento, ospiteranno al Paladozza (ore 17,30, ingresso gratuito) il Villa d’Oro Modena.
La formazione ospite è già stata avversaria dei gialloneri in Coppa Italia ed in entrambe le occasioni
Brogioni e compagni si sono imposti per 3/1.
Per la serie B2 femminile, la capolista Campagnola Crespellano domani sarà impegnata
(Crespellano, ore 18) contro il Fano, squadra a tre punti dal team di Sergio Ardizzoni. Tutte in
trasferta invece le altre nostre rappresentanti di questo campionato: la Fatro Carisbo Ozzano (nella
foto Zamuner) quest’oggi è attesa a Tortoreto (fanalino di coda con un solo punto conquistato
mentre le ragazze di Claudio Casadio sono ad una sola lunghezza dalla vetta) così il Globo San
Lazzaro sarà di scena a Ravenna contro il Torrione (primo in classifica a pari punti con il
Campagnola). Per la serie B1, il Giordani Baricella (B1) questo pomeriggio (Castel Maggiore, ore
17) non avrà vita facile contro un Volta Mantova deciso a confermare la leadership del girone.
Infine, la serie B2 maschile metterà di fronte l’Europonteggi PGS Welcome (Pal. Salesiani, ore
20,30) al Reggio Emilia.
l. t.

14/11/05

Zinella come in Coppa E’ un’Iride di tenebra

di Laura Tommasini
Le insidie del match contro l'Iride erano conosciute fin dalla vigilia, non fosse altro che per le
sconfitte patite dalla CBS Eurotend in Coppa Italia. E infatti la maledizione continua: Modena vince
(3-2) anche in campionato. Brogioni e compagni erano chiamati a dimostrare che il passo falso della
settimana precedente in casa della capolista Trento era stato solo un episodio. Invece, davanti ad un
buon pubblico che ha sempre sostenuto i gialloneri, il team di Luca Moretti ha faticato oltre il
previsto per entrare in partita. Ne è così uscito un primo set con Modena che ha sfoderato un ottimo
muro, mentre in casa CBS Eurotend l'attacco e la difesa non sono stati particolarmente efficaci.
Giusto però sottolineare come durante la frazione (con gli ospiti avanti 20/16) la Zinella abbiano
saputo trovare la reazione che tutti si aspettavano ed abbiano ripreso in mano il set con grande
carattere, fino al 23/22 per i modenesi che hanno poi chiuso 25/22. Purtroppo neppure il set
successivo si è distaccato di molto con la CBS Eurotend, incapace di sfruttare il vantaggio ottenuto
(12/9). A fare il break decisivo in favore dell'Iride ci ha pensato un buon turno di battuta degli ospiti
che si sono trovati sul 18/13. Anche in questo caso, però, il team di Luca Moretti ha reagito al
meglio riportandosi in parità (21/21) prima di subire l'ennessimo allungo di Bulgarelli e compagni,
che hanno chiuso sul 25/23. Un grande equilibrio ha invece caratterizzato il terzo set fino al 21 pari.
Deltchev prima e Verri poi hanno permesso ai gialloneri di gestire il primo vero vantaggio della
sfida. E sul 24/23 è toccato nuovamente ad Andrea Verri mettere il sigillo sulla frazione (25/23). Da
quel momento il calo fisico accusato da Modena è andato di pari passo con una CBS Eurotend
molto più concreta e motivata. Proprio Brogioni e compagni hanno preso in mano la sfida come
gioco ed iniziativa, senza permettere agli ospiti qualsivoglia reazione (25/14). Necessario quindi il
tie-break per assegnare la vittoria: ad avere la meglio è stata l'Iride per 15/11.

IL RESTO DEL CARLINO MODENA

12/11
VOLLEYNational in casa contro l’insidioso Audax

Stadium e Agidi cercano riscatto Iride sfida domani lo Zinella

Con la 5ª di campionato si conclude il primo mese di attività nei torni minori di pallavolo: in B1
maschile la Stadium Mirandola cerca il riscatto in casa con l’abbordabile Rovelli Morciano, mentre
la Coseam Iride Volley scenderà in campo domani pomeriggio a Bologna, ospite di una Eurotend
Zinella Bologna messa meglio in classifica, ma già battuta due volte in Coppa Italia. Scendendo di
categoria, impegno casalingo relativamente rischioso per la National Villa d’Oro, che riceve
l’Audax Parma: avversaria parmense anche per l’Eurotecnica Scuola di Pallavolo, che domani è
ospite del Riccoboni.
In casa anche l’Universal Carpi, con il Cesena. Nel torneo femminile fari puntati su Nonantola,
dove l’Agidi si gioca già una fettina di salvezza contro il Pool Reggio.
Turno casalingo anche per la Vemac Vignola che vuol scalare la classifica a scapito del
Castelmaggiore: difficile la trasferta dell’Emec Montale contro la terza della classe, il Pianengo.
B1 Maschile, Gir. B: Stadium Mirandola–Dolciaria Rovelli Morciano (Palasport, ore 18); Eurotend
Zinella BO - Coseam Iride Volley (domani).

13/11

1-3
(23/25 28/26 20/25 18/25)
STADIUM MIRANDOLA: Schiavo 8, Caleffi E. 10, Bozzoli 9, Baraldi 17, Bonifazzi 11, Da Como
2, Bottecchi (L), Mari, Caleffi D., Giusti 2, Garusi 1, n.e. Bonavita; all.: Zucchi.
ROVELLI MORCIANO: Terenzi 1,Giorgietti 13, Pietrelli 17, Alessandrini 1, Pascucci 1, Romani
19, Salgado 14, Pesaresi 5, Ricci (L), n.e. Ummarino, Simoncelli e Ciandrini; all.: Rovinelli.

14/11/05

B1 MASC. GIRONE B
2-3
(22/25 23/25 25/23 25/14 11/15)

CBS EUROTEND RAGAZZI BOLOGNA: Baldi, Brogioni, Deltchev, Verri, Blanzieri, Sabattini,
Sintini, Orefice, Torreggiani, Zappaterra (L), N.E. Trevisan e Nulli Pero; all.: Moretti.
COSEAM IRIDE VOLLEY: Cortellazzi 3, Bulgarelli 8, Lattanzi 16, Porcelllini 12, Mosters 9,
Bellei 16, La Torre (L), Silva, Giannotti 1, Spiga 2, n.e. Dall’Olio; all.: Fortunati.

IL RESTO DEL CARLINO REGGIO EMILIA

12/11

VOLLEY Le gare del week-end in B1, B2, C e D
Ritorna la sfida Reggio-Teodora, ma quant’è triste...
Quinto turno nei campionati di volley con un confronto che arriva dal passato.
SERIE B1/F - Contro il Novello Vicenza (4), il Crovegli (10), attualmente terzo, può salire ancora
in classifica. A Cadelbosco si gioca alle 21. Domani al PalaBigi si gioca un match che per molti
anni ha assegnato lo scudetto: la Pallavolo Reggio (0) ospita il Teodora Ravenna (3) in un amarcord
malinconico. In palio ci sono tre punti pesanti per la salvezza.
SERIE B1/M - Per l'Edilesse Cavriago (9) impegno in veneto; i reggiani, dopo 3 vittorie, cercano il
poker domani alle 17,30 contro l’abbordabile Vicenza (4).

14/11/05

VOLLEY CADELBOSCO TRAVOLGE IL TALENTUOSO VICENZA E BALZA AL
SECONDO POSTO IN CLASSIFICA

Crovegli, è qui la festa

La quinta giornata della serie B1 femminile regala una nuova soddisfazione al Crovegli Cadelbosco
(13), che sconfiggendo con un nettissimo 3-0 (25-16, 25-18, 25-16) il Novello Vicenza (4), sestetto
talentuso ma imbottito di giovani, balza al secondo posto in classifica alle spalle del Volta
Mantovana. Alle giallorosse il prossimo turno riserverà l'insidioso derby di Fontanellato.
Nello stesso girone, il B, è invece crisi nera in casa Pallavolo Reggio (0): le cittadine, ancora al palo
in classifica, sono state sconfitte 1-3 (21-25, 28-26, 21-25, 20-25) sul parquet del PalaBigi dal
Teodora Ravenna (6), formazione diretta avversaria nella lotta per la salvezza. La partita - amarcord
di tante sfide scudetto degli anni passati - è stata a dire il vero abbastanza combattuta, e nel secondo
set le biancoazzurre hanno dato la sensazione di poter conquistare i primi punti stagionali; ma alla
lunga le romagnole si sono imposte meritatamente, mettendo in luce tutti i limiti tecnici di un
sestetto a cui servirà davvero un'impresa per mantenere la categoria.
In campo maschile continua invece la marcia dell'Edilesse Cavriago (11): i ragazzi di coach Claudio
Benedetti hanno violato al quinto set (17-25, 26-24, 22-25, 25-21, 8-15) il campo del Polazzo
Vicenza (5), volando così al secondo posto in classifica alle spalle dello scatenato Trento, sestetto
finora dominatore assoluto del girone. I reggiani, al quarto hurrà consecutivo, dopo un ottimo avvio
avrebbero potuto chiudere il discorso già nel quarto parziale, ma si sono scontrati contro la fame di
punti dei coriacei berici. Sabato prossimo i giallloneri affronteranno al PalaPianella lo Zinella
Bologna nel big match del sesto turno, una sfida da play off.
Massimo Pratissoli

IL MATTINO DI PADOVA

SABATO, 12 NOVEMBRE 2005
PROGRAMMA
Quinta giornata dei campionati di serie B di volley, terza per le serie C e D. Il programma. Serie ...
-----------------------------------------------------------------------------
 Quinta giornata dei campionati di serie B di volley, terza per le serie C e D. Il programma. Serie
B/1 maschile: Alisea-Venpa Cib Pd (domani ore 18 a S. Donà di Piave). Serie B/1 femminile:
Cavazzale Vi-Tecnogas Albignasego (domani ore 18 a Monticello Conteotto). Serie B/2 maschile:
Itas Trento-Cementeria Monselice (oggi ore 20,30); Silvolley Trebaseleghe-Five Ve (domani ore
17,30). Serie B/2 femminile: Italunion Vispa Pd-Atomat Udine (oggi ore 21 a Villatora di Saonara);
Marchiol Villorba-Pan d’Este Micromecc. Pd (oggi ore 20,30). Serie C maschile: Mestrino-Livenza
(oggi ore 21); Pool Volley-Reale Mutua (oggi ore 21 a Pontelongo); Gdm Imasaf-Tognetto (oggi
ore 21); Somec Pd-Bessica Tv (oggi ore 18 pal. Via Gozzano); S. Giovanni Vr-Vergati Sarmeola
(oggi ore 18); Legnaro-Belluno (oggi ore 21); Verona-Thermal Aliper Abano (oggi ore 20,30);
Sisley Tv-Sav Loreggia (oggi ore 18,30). Riposa: Tencarola. Serie C femminile: S. Bortolo Ro-
Piombino (oggi ore 21); Banco Sapori Pd- Feltre (oggi ore 21, pal. Briosco); Cema Trasformatori-
Scorzè (oggi ore 20,30 a Ospedaletto Euganeo); Reale Mutua-SEI (oggi ore 20,30 a Castelfranco);
Bevande Vr-Imasaf Cittadella (oggi ore 20.45); Preganziol-Megius (oggi ore 20); Extend Tombolo-
Cis (oggi ore 19,30). Serie D maschile: Pgs Esedra-3M Aldebaran (oggi ore 20.30 alla Mandria);
Lunazzi Tv-Banco Sapori Pd (oggi ore 17,30 a Padernello); Portogruaro-Campodarsego (oggi ore
20,30); Silvolley-Vittorio Veneto (oggi ore 20,30); Five Ve-Massanzago (oggi ore 20,30). Serie D
femminile: Compu&Games-Mozzecane (oggi ore 20,30 PalaEste); Buttapietra Vr-Thermal (oggi
ore 19); Commerciale-Forza10Monselice (oggi ore 20,30 a Castelbaldo); Guarino Vr-Legnaro (oggi
ore 21 a Borgo Venevia); Prel Medoacus Pd-Volpe (oggi ore 21 a Saccolongo); Inglesina-Euganea
Battaglia (oggi ore 20,30 ad Altavilla); Vispa Sartori Pd-Nova Funghi Pd (oggi ore 18 a Villatora di
Saonara); Prosciutt. Italiana Vi-USMA (oggi ore 20,30); Iss Loreggia-Aurora (oggi ore 21);
Salgareda Tv-Expan Fratte (oggi ore 20,30); Cassola-Pan d’Este Micromecc. Pd (oggi ore 18,30);
Brogliano Vi-Murialdina Pd (oggi ore 20). (d.z.)

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
-------------------------------------------------------------------------------
ALISEA SAN DONÀ - VENPA PADOVA: 3 - 0
(25-20, 25-16, 25-15) ALISEA SAN DONÀ: Vecchiato (13), Baldo, Kosmina (18), Rigonat (1),
Sulina, Guarato (9), Boraso, Talpo (8), Mantelato (12), Franchin (libero). N.e.: Quarti e Korbinian.
Allenatore: Scaggiante.
VENPA CIB UNIGAS: Marcato (6), Borselli (4), Baggio (2), Ursic (7), Sertoli (2), Marini (1),
Villatora (1), Luciani (1), Pasinato (12), De Sario, Bellini, Facco (libero). Allenatore: Di Pietro.
ARBITRI: Marmiroli e Licchelli di Reggio Emilia.
NOTE: durata set 25’, 22’, 23’.

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
Quinto successo per le ragazze del Pan d’Este
Volano anche Monselice e Silvolley, mentre a sorpresa il Venpa crolla a San Donà
--------------------------------------------------------------------------------
PADOVA. Giornata tutto sommato positiva per i colori padovani: vincono quattro delle sei
formazione impegnate nei tornei di B.
 Venpa Cib. Prima o poi doveva capitare: alla quinta giornata il sestetto di coach Di Pietro perde la
prima gara di campionato. A fare la differenza a San Donà è soprattutto il servizio della squadra di
casa e la grande giornata dell’opposto Kosmina, che chiude addirittura con l’88% di positività in
attacco. «Abbiamo faticato a entrare in partita - commenta il tecnico padovano - ma non facciamo
drammi».
 Pan d’Este. Ancora imbattuto. Dopo cinque giornate. A tenere in alto il nome del Valsugana
Volley, nella giornata storta di Pasinato e soci, è il sestetto di coach Cisaro. Contro il Marchiol
Villorba il Pan d’Este ha tuttavia perso il primo punto della stagione, pagando i problemi trovati in
attacco da Stradiotto e Pasquato, ieri non al meglio. Il sestetto della Marca ha invece puntato su
ricezione e difesa, riuscendo a trascinare la più quotata formazione padovana sino al tie break, lì
dove è uscito il carattere delle ospiti. E sabato prossimo, al PalArcella, c’è il big match col
Pordenone.
 Cementeria Monselice. Quarto successo consecutivo dei ragazzi di coach Stocco. Nemmeno il
PalaGhiaie, gigantesco palazzetto che ospita anche le gare dell’Itas Trentino in serie A/1, spaventa
Strenghetto e compagni. In evidenza soprattutto Zanotto, miglior marcatore della partita,
decisamente in un momento di forma esaltante. Ad aiutare il sestetto della Rocca i molti errori della
squadra di casa (19 solo in battuta), giovane e ancora inesperta.
 Silvolley Trebaseleghe. I ragazzi di Zambonin hanno interpretato bene la gara fin dai primi minuti
e solo nel secondo set i veneziani del Five sono riusciti a contrastarli. L’equilibrio ritorna nel terzo
set fino al primo time out tecnico. Poi Stival e Siviero danno la svolta al match, imponendo il loro
gioco agli avversari. Nessuna speranza per il Five nel quarto set, vinto alla grande dai padovani, che
sabato prossimo hanno il derby con il Monselice. «E’ una vittoria importante - ha detto il coach
Zambonin - questi tre punti ci permettno di restare agganciati al vertice della classifica, a tre
lunghezze dalla capolista».
 Tecnogas Albignasego. «Abbiamo gestito l’incontro con il giusto agonismo: sempre in partita,
potevamo chiudere al quarto set». Pienamente soddisfatto del match contro il Cavazzale,
l’allenatore Balsano loda il gioco delle sue atlete. «Finalmente Ghisellini ha giocato tutti i cinque
parziali: mancava un leader in campo, e la partita di oggi l’ha dimostrato». Infortunata Michelini:
sospetta microfrattura alla mano sinistra. Fitta la girandola di cambi. Il risultato porta il Tecnogas ad
agguantare due punti preziosi in vista del prossimo appuntamento contro il Reggio Emilia.
 Italunion Vispa. Non decollano le padovane. Reduci da quattro sconfitte, non riescono a trovare
sicurezza nei fondamentali. La reazione arriva solo al terzo set. Troppo tardi. Il prossimo match sarà
contro Trento.
(Diego Zilio e Cristina Chinello)


LA TRIBUNA DI TREVISO

SABATO, 12 NOVEMBRE 2005
Sisley-Lae, tempo di superderby
Volley B/1. La partita alle 18,30 alla palestra della Ghirada
Una sfida tutta in famiglia per Bruno e Franco Da Re
--------------------------------------------------------------------------------
E’ tempo di super derby nel girone B della B1 maschile. Oggi alle 18.30 (arbitra il trevigianissimo
Federico Delvecchio) nella Palestra 1 de La Ghirada la Sisley sfida la Lae Electronic Oderzo, due
squadre partite con ambizioni diverse ma dopo 4 giornate a braccetto a centro classifica con due
vittorie e due sconfitte ciascuna. I giovani orogranata precedono i cugini opitergini di un punto (7-6)
per il bonus raccolto nella sconfitta 3-2 in casa dei padovani del Venpa Cib, alle spalle dei trentini
del Blue City a punteggio pieno. Un solo precedente nella stagione 1999/2000, in B2, e la Sisley si
impose con un doppio 3-1. Gli orogranata quell’anno conquistarono la B1 per poi cedere il diritto
sportivo alla Lae. (e.s.)
 Qui Sisley. La vigilia in casa Sisley è vissuta con relativa tranquillità. Finora i ragazzi di Michele
Zanin hanno vinto le gare casalinghe, due sfide in chiave salvezza, obiettivo del team orogranata
formato da atleti (tutti tranne il centrale Elia) under 20 che per la prima volta si ritrovano a disputare
il terzo campionato nazionale. Nell’ultima settimana la squadra ha dovuto fare a meno del
palleggiatore Saitta, prestato alla prima squadra dopo l’infortunio di Carletti. Formazione tipo per
Treviso che recupera il libero Pasini fermo per un problema alla schiena. Derby in famiglia per i
fratelli Bruno e Franco Da Re rispettivamente Procuratore Generale della Sisley e Direttore
Sportivo della Lae Electronic. Conflitto di interessi invece per Davide Grigoletto, preparatore
atletico di entrambe le formazioni. Torneranno in Ghirada da ex molti giocatori della Lae, come i
fratelli Nicola e Matteo Daldello vincitori di tre scudetti in maglia Sisley, così come Nicola
Campagnaro. Due titoli tricolori anche per Andrea Parisotto, ma il grande ex è Fabio Berto, pupillo
di Zanin arrivato alla Sisley nel 1989 da Mogliano assieme al tecnico, e divenuto il primo atleta di
«serie A» cresciuto a Treviso. Per il capitano della Lae, sono 5 le presenze in prima squadra nella
stagione ’93/ ’94 coronata con il mitico primo scudetto vinto a Milano. (e.s.)

DOMENICA, 13 NOVEMBRE 2005

Spettacolo in Ghirada: decide un muro al tie-break
Sisley-Lae è un thriller che dura due ore e mezza
EMANUELE SPIRONELLO
-------------------------------------------------------------------------------
Un derby bellissimo. Uno spettacolo durato due ore e mezza che ha premiato la Sisley, più cinica e
smaliziata, nonostante la giovane età, nelle palle decisive del tie break, degna conclusione di una
partita intensissima e infinita che ha appassionato gli oltre 500 spettatori della Ghirada. Nel quinto
set sta tutta la partita, incerta fino alla fine con gli orogranata spinti dalla propria battuta, decisiva,
mentre Oderzo, sotto 8-5, è risalita grazie alla propria difesa con un Matteo Daldello in versione
felino. Alla fine ha deciso il muro di Favaretto che ha fermato l’opposto opitergino Bastianini, best
scorer dell’incontro con 28 punti. Ma il vero protagonista del match è il palleggiatore della Sisley
Saitta, nazionale juniores, autentico trascinatore dei suoi con una attenta regia e con 10 punti. La
Lae incassa così la terza sconfitta in campionato, ma denota netti miglioramenti di gioco e
rendimento con il solo Orel a steccare.
 Tutti i set sembrano fatti in fotocopia. Nel primo Oderzo parte bene (5-2), ma Treviso torna in
parità con gli ace di Burbello (5 ala fine) e di Elia (12-12). Con il muro la Sisley va a +3 (17-14) e
ci vogliono le battute di Cester, inserito da Cappelletto, a minare le certezze trevigiane in ricezione.
Maruotti su palla scontata fatica a passare e l’errore di Cuda in attacco regala il sorpasso Lae (23-
22). Oderzo spreca la prima palla set, e Treviso con Cuda, migliore in attacco nel set, sorpassa. Al
quarto tentativo Treviso, chiude Elia che mura Berto. Oderzo accusa il colpo e la Sisley scappa via
impartendo un parziale iniziale di 6-1. Orel è in crisi, l’ex schiacciatore di Trieste e Padova ha
percentuali deludenti in ricezione (12%) e in attacco (14%) e Cappelletto lo richiama in panchina
per Cester. L’andamento del set sembra a senso unico per la Sisley, ma sul 12-6 è capitan Berto a
suonare la carica. Bastianini, in ombra all’inizio, sfonda il muro di Treviso: 14-14. L’ex opposto di
Perugia diventerà un’arma letale in attacco, ma è Treviso che sciupa due palle set. Maruotti prima
spara out (24-24), poi si becca il muro di Ioppi e Bastianini pareggia. Nel terzo l’Oderzo non sfrutta
l’abbrivio del set precedente e subisce il servizio stavolta di Saitta (11-4). Ma Treviso accusa un
nuovo black out, merito della difesa di Oderzo che impatta 18-18. Gli ospiti hanno una palla set,
Elia la annulla in pallonetto e Cuda con due contrattacchi consecutivi regala il 2-1 ai padroni di casa
con Kovar decisivo su un’ottima copertura su muro di Campagnaro.
 La Lae non può più sbagliare e nel quarto set soffre solo le battute del solito Saitta, che riporta
sotto Treviso fino al 17-19 prima di subire il muro decisivo di Daldello su Favaretto dopo un quasi
ace di Vanin. Nel tie break si avanza punto a punto finchè «pupone» Elia ferma due volte
Campagnaro a muro. Treviso cambia campo sull’8-5 ma Bastianini, Orel e Berto si procurano tre
palle set che Treviso annulla prontamente. Saitta mette l’ace del 17-16 e al secondo tentativo
Favaretto chiude la porta in faccia a Bastianini e regala a Treviso la vittoria.

SISLEY TREVISO - LAE ELECTRONIC ODERZO: 3 - 2
(29-27, 25-27, 26-24, 23-25, 19-17) SISLEY: Favaretto 9, Burbello 19, Maruotti 13, Elia 13, Saitta
10, Cuda 19; Pasini (L), Kovar 3, Bugin, Vanin. N.e.: Puhar. All.: Zanin.
LAE: Nicola Daldello 7, Berto 19, Ioppi 11, Bastianini 28, Orel 6, Campagnaro 10; Matteo Daldello
(L), Cester 3, Savio. N.e.: Parisotto, Raccis. All.: Cappelletto.
ARBITRI: Delvecchio e Serafin di Treviso.
NOTE: spettatori 500 circa. Durata set: 32’, 33’, 31’, 30’, 22’; totale incontro 148’. Sisley: battute
vincenti 13, sbagliate 27, muri 14, errori 38. Lae: battute vincenti 5, sbagliate 15, muri 14, errori 35

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
Zanin: «Tra Sisley e Lae derby ad alto livello»
-------------------------------------------------------------------------------
Il derby di sabato sera tra Sisley e Lae fa ancora parlare di sé. Due ore e mezza di battaglia, quattro
set su cinque finiti ai vantaggi, che la Sisley ha vinto con solo due punti finali di vantaggio, 122 a
120. Difficile trovare le parole giuste per descriverlo, ci prova il tecnico vincitore, Michele Zanin.
«Si è giocato su livelli molto alti. Mi è piaciuta la mentalità dei miei ragazzi ma adesso voglio che
prestazioni così si vedano anche in trasferta. «Michele Zanin e Giovanni Cappelletto sono amici da
una vita, e ieri si ritrovavano contro per la prima gara ufficiale in B1 tra le due società. «Mi spiace
per Oderzo e per «Johnny» - continua Zanin - hanno giocato una bella partita soprattutto in difesa
dove sono stati migliori di noi» Ma allora dove ha vinto la gara Treviso? «La battuta al salto è il
loro punto di forza - parla lo sconfitto - e ci hanno messo in difficoltà per tutta la gara». Il
presidente opitergino Antimo Puca a fine gara ha abbandonato la palestra in Ghirada scuro in volto.
«Ci hanno dato una lezione di pallavolo» ha dichiarato, e l’impressione che i proclami di salto in
Serie A dette ad inizio stagione siano stati troppe affrettate. «Sono aspettative difficili da rispettare
perché ritengo che la nostra squadra abbia un grosso potenziale di crescita ma che non può puntare
al primo anno al salto di categoria - il pensiero del coach della Lae, Cappelletto - Per andare in A
servono giocatori che la A l’hanno giocata e non, come nel nostro caso, solo con le potenzialità per
militarci in futuro». Si sono visti però dei miglioramenti rispetto alle altre due sconfitte più nette
contro Conselice e Rovelli. «Se la squadra lavorerà con sacrificio miglioreremo soprattutto
tecnicamente. Sabato siamo andati decisamente meglio rispetto alle altre due sconfitte ma ancora
cerchiamo una solidità di squadra». Contro la Sisley è mancato Orel, quello che dovrebbe essere un
punto di riferimento per la Lae. «Orel paga il fatto di aver trascorso tre anni in serie A in panchina.
Si allena alla grande, anche venerdì aveva fatto una seduta di alto livello, ma poi gli manca il ritmo
e la pressione della partita». Anche capitan Berto condivide il parere del tecnico: «Ci serve tempo
per crescere ma stiamo migliorando. Abbiamo giocato una bella partita soffrendo la loro superiorità
fisica». Felice il capitano orogranata Burbello: «Raccolti due punti importanti per la salvezza,
dispiace non aver giocato con continuità ma siamo contenti di aver mantenuto inviolato il nostro
campo».
(Emanuele Spironello)

LA NUOVA VENEZIA

SABATO, 12 NOVEMBRE 2005
Alisea, gran derby con il Venpa
Volley. In B/2 rischia l’Edilmar in casa contro il Metallsider
-------------------------------------------------------------------------------
VENEZIA. Voglia di riscatto per tutte le formazioni della nostra provincia nella quinta giornata dei
campionati di volley. In B/1 maschile, l’Alisea San Donà ospita i padovani del Venpa CIB
(palasport Barbazza, domani ore 18, arbitri Marmiroli e Lucchelli) ed è una delle sfide più
interessanti del programma. «In quest’avvio di stagione il Vempa si è dimostrato squadra compatta
che ha già assimilato gli automatismi di gioco» spiega Sperotto, d.s. dei sandonatesi.
 «Pur non avendo cambiato molto nel sestetto base rispetto alla scorsa stagione - aggiunge Sperotto
- stanno confermando il valore di giocatori come Pasinato, Marcato e non ultimo di quel Paolo
Borselli che tutti ricordiamo da noi fino a due stagioni fa. Dobbiamo quindi stare attenti alle azioni
d’attacco provenienti proprio da loro e lavorare tatticamente in battuta e a muro». Il tecnico
Scaggiante dovrà fare a meno di Sulina bloccato dall’influenza, al suo posto ci sarà nel sestetto di
partenza Damir Kosmina.
 In campo femminile l’Omega Veneto San Donà attende invece il Manghi Fontanellato (palasport
Barbazza, oggi ore 20.30, arbitri Siddi e Carrara). Le emiliane hanno solo quattro punti ma nelle
ultime due gare hanno giocato con l’emergenza palleggiatore. «Si presenteranno con la squadra al
completo - spiega Bertocco - per cui ci vorrà una bella partita e molta determinazione per riuscire a
fare punti. Abbiamo lavorato molto e bene in settimana, siamo fiduciosi». Assente il libero Martina
Simonetti, al suo posto Eleonora Babbo o Alessandra Ventura.
 In B/2 maschile, match interno per l’Edilmar Pool Brenta che ospita il Metallsider Tridentinum
(Prozzolo, oggi ore 20.30, arbitri: Buratto e Betto). «Ci attende un’altra delle candidate alla
promozione. Un avversario tosto» commenta il tecnico rivierasco Dino Meggiorini. Impegni esterni
invece per il Bibione Mare atteso a Gorizia dal Rast Imsa (oggi, ore 21, arbitri: Brezigar e Maida) e
per il Five Venezia a Trabaseleghe (domani, ore 17.30 arbitri Favalli e Cecconato).
(Laura Bergamin)

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
--------------------------------------------------------------------------------
PT ALISEA CAPACITAS - VENPA CIB PADOVA: 3 - 0
(25-20, 25-16, 25-15) PT ALISEA: Vecchiato 11, Kosmina 17, Rigonat, Guarato 9, Talpo 8,
Mantellato 12, Franchin. Ne Baldo, Korbinian, Sulina, Boraso, Quarti. Allenatore: Scaggiante.
VENPA PD: Marcato 3, Borselli 3, Baggio 2, Ursic 5, Sertoli 1, Marini 3, Villatora 1, Luciani,
Bellini, Pasinato 10, Facco. Ne De Sario. Allenatore: Di Pietro.
ARBITRI: Marmiroli e Licchelli.
NOTE: durata set 24’, 23’, 23’ per complessivi 70 minuti di gioco. Spettatori 250 circa. Alisea:
errori battuta 3, ace 7, errori ricezione 2, percentuali ricezione positive 77%, errori attacco 6,
percentuali punti attacco 68%, muri 10. Venpa: errori battuta 8, ace 1, errori ricezione 16,
percentuali ricezione positive 59%.

Serie B/1 maschile. Kosmina, Mantellato e Vecchiato trascinano i compagni. La soddisfazione di
coach Scaggiante
L’Alisea rifila tre sberle al Venpa
Una prestazione autoritaria dopo tre sconfitte consecutive
-----------------------------------------------------------------------------
SAN DONA’. Nel giorno forse più carico di tensione di tutta la prima parte di campionato, l’Alisea
si riscopre una grande squadra e rifila un perentorio 3-0 al Venpa Cib Padova dell’ex Paolo Borselli
e dell’ex campione del mondo Michele Pasinato. Reduce da tre sconfitte consecutive, il sestetto di
Scaggiante era chiamato a dare segnali di ripresa, ma neppure il più ottimista dei tifosi avrebbe mai
scommesso su una gara tanto perfetta, come quella vista ieri al PalaBarbazza. A parlare sono i
numeri: 7 servizi vincenti contro l’unico ace di Ursic sulla sponda padovana, 10 muri contro i 2 del
Venpa, ma soprattutto il 68% di attacchi a segno e una percentuale di ricezioni positive del 77%,
con uno stellare 51% di ricezioni perfette. Dati che fotografano una prestazione maiuscola, di gran
lunga la migliore della stagione, propiziata dal trio delle meraviglie Vecchiato (11 punti),
Mantellato (12) e Kosmina (17). Quest’ultimo, gettato nella mischia a causa della sindrome
influenzale che ha colpito capitan Sulina, ha risposto presente alla chiamata di Scaggiante, che a
fine partita non ha mancato di elogiarne la prestazione. «Siamo felici della sua prova, perché è un
giocatore su cui stiamo investendo - ha spiegato il tecnico - Sulla carta ha ottime potenzialità, ma
dobbiamo essere pazienti nel lasciarlo crescere, visto che non è molto che ha iniziato a giocare a
volley».
 Il racconto della gara è presto fatto. Tre set in fotocopia, con l’Alisea a dominare in lungo e in
largo. Più combattuto il primo parziale, con Padova mai doma, ma San Donà comunque in grado di
gestire un vantaggio di 4-5 punti, fino al 25-20 finale. Il secondo e il terzo parziale, invece, non
sono durati che una manciata di scambi. Quanto bastava al sestetto sandonatese per fare la
differenza. A rendere l’idea basti il break iniziale di 10-1 con cui Vecchiato e compagni hanno
aperto il terzo set. A fine gara, coach Luciano Scaggiante ha il volto disteso di chi, in poco più di
un’ora, ha visto cancellati i timori accumulati in tre interminabili settimane. «La squadra si è
ritrovata, ha riscoperto di possedere dei valori tecnico-tattici. La voglia di far bene non è mai
mancata in allenamento, ma finalmente è esplosa anche durante la partita. La chiave del successo?
Sicuramente ha inciso l’ottima prestazione in ricezione, ma ancora più la prova al servizio. Basti
pensare che siamo riusciti a piazzare 23 break point contro i 5 del Venpa. Servendo con continuità è
stato possibile colpire gli avversari in quello che è il loro fondamentale più debole».
 I tre punti consentono all’Alisea di uscire dalla zona retrocessione, balzando a quota 6, e di
guardare con più serenità alle delicate sfide in programma contro Morciano, in trasferta, e Oderzo,
in casa tra quindici giorni. La parola d’ordine ora è continuità.
 (Giovanni Monforte)

LA GAZZETTA DI MODENA

SABATO, 12 NOVEMBRE 2005
CAMPIONATI NAZIONALI
Stadium: assalto alla Rovelli La National sfida l’Opem Parma
--------------------------------------------------------------------------------
Turno numero 5 nei campionati nazionali di pallavolo di serie B1 e B2.
La Stadium (3 punti) ospita oggi a Mirandola (ore 17.30) la Rovelli Rimini (a quota 5): ovvio che
l’optimum sarebbe un bel successo pieno per scavalcare i romagnoli. L’Iride (6) affronta domani la
Eurotend Bologna (9). Match casalingo stasera per la Ve.Ma.C a Vignola (20.30) contro la Galleria
del Mobile, mentre alle 18 l’A.Gi.Di (2 punti) ha una grande occasione a Nonantola contro la Pool
Club (1). L’Emec (4) dopo il primo successo stagionale cerca il bis in trasferta contro la Golden
Pack (9). La National Transports (11 punti) riceve l’Opem Parma (5), l’Eurotecnica (8) viaggia
verso Parma dove sfida la Riccoboni (4), l’Universal Carpi (4) deve sfruttare il turno casalingo
(Palasport Ferrari, ore 17.30) che la vede opposta al Volley Club Cesena che vanta due punti in più
in classifica.

DOMENICA, 13 NOVEMBRE 2005
Grave passo falso casalingo della Stadium che si fa sorprendere dalla Rovelli Rimini: i romagnoli ...
--------------------------------------------------------------------------------
Grave passo falso casalingo della Stadium che si fa sorprendere dalla Rovelli Rimini: i romagnoli si
impongono per 3-1.
 In serie B2 femminile la Ve.Ma.C vince agevolmente contro la galleria del Mobile battuta 3-0.
Punti preziosissimi per l’A.Gi.Di Nonantola che si impone per 3-2 sulla Pool Club reggio Emilia. In
B2 maschile l’Eurotecnica è impegnata oggi a Parma contro la Riccoboni. L’Universal Carpi coglie
un bel successo (3-0) contro il Volley Club Cesena.
 Nei campionati regionali la Bbs Castelfranco si porta al comando della classifica della serie C
femminile. Colpo grosso della Pfb S.Damaso che coglie il primo successo della stagione proprio sul
campo della ex capolista Maxicolor Villa d’Oro. L’attesissimo match tra Gb Galardi Carpi e Gfm
Cavriago si conclude col successo delle padrone di casa in quattro set che sono così ora sole in vetta
alla classifica.

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
STADIUM - ROVELLI MORCIANO: 1 - 3
SUPER IRIDE A BOLOGNA
--------------------------------------------------------------------------------
STADIUM - ROVELLI MORCIANO: 1 - 3
Parziali: 23-25 28-26 20-25 18-25
Durata set. 22’ 35’ 26’ 20’
Stadium Mirandola: Baraldi 17 Da Como 2 Bonifazzi 11 Caleffi E. 10 Bozzoli 9 Schiavo 8. Libero:
Bottecchi. Mari 0 Caleffi D. 0 Garusi 1 Bonavita ne Giusti 2. All. Zucchi
Rovelli Rimini: Romani 19 Alesandrini 1 Pietrelli 17 Pascucci 1 Salgado 14 Giorgetti 13. Libero:
Ricci. Terenzi 1 Ummarino ne Simoncelli ne Pesaresi 5 Ciandrini ne. All. Rovinelli
Arbitri: Gelati e Beltrami
Note: ace Stadium Mirandola 1 Rovelli Rimini 1 battute sbagliate 8/13 muri 7/15

EUROTEND BO - IRIDE MODENA: 2 - 3
Parziali: 22-25 23-25 25-23 25-14 11-15
Durata set: 245’ 23’ 26’ 22’ 17’
Eurotend Bologna: Brogioni Baldi Sintini Blanzieri Verri Deltchev Libero: Zappaterra. Sabatini
Torregiani Orefice. All. Moretti
Iride: Cortellazzi 3 Bellei 16 Bulgarelli 8 Mosterts 9 Porcellini 12 Lattanzi 16 Silva 0 Spiga 2
Giannotti 1 Libero: La Torre. Dall’Olio ne. All. Fortunati
Arbitri: Compiani e Avaldi
Note: ace 5 muri 8. Cambio di campo nel quinto set 8-7 in favore dell’Iride. Spettatori presenti
all’incontro 200

GAZZETTA DI REGGIO

SABATO, 12 NOVEMBRE 2005
Volley serie B2 maschile. I Vigili a Bologna
Malz Correggio vuole allungare la serie utile
---------------------------------------------------------------------------
REGGIO. Dopo aver mosso la classifica con il punto rimediato in casa contro l’Universal Carpi, i
Vigili del Fuoco saranno impegnati questa sera (ore 20.30) a Bologna contro l’attuale cenerentola
del girone D. Un match nettamente alla portata del sestetto biancorosso che, per iniziare a
riemergere dalle zone pericolose della classifica, deve assolutamente tornare a Reggio con l’intera
posta in palio in tasca. Coach Meringolo dovrà ancora fare a meno del centrale Fontanesi e del
palleggiatore Gallingani, recuperati completamente invece sia Zenari, che con ogni probabilità verrà
schierato fin dall’inizio in diagonale al centro con Caramaschi, che Bettini, uscito anzitempo dal
derby di Domenica scorsa per una botta rimediata al capo. In cabina di regia ennesimo ballottaggio
Giorgini-Borelli, mentre già definita la diagonale degli schiacciatori di banda, che sarà composta da
capitan Costa e Pizzetti; Venturi giocherà come sempre nel ruolo di libero.
 MALZ. Si ripete, oggi pomeriggio, l’occasione, per Malz e Viadana, di incontrarsi, dopo
l’interruzione estiva dei campionati nazionali. Le due formazioni, quella reggiana e quella
mantovana, hanno avuto modo di studiarsi e contendersi vittorie, già l’anno scorso.
 I padroni di casa accoglieranno gli ospiti con tutte le formalità del caso, rispettando le regole della
buona educazione pur senza dimenticare che l’obiettivo della giornata è pur sempre quello di fare
più punti degli avversari. Malz, che precede Viadana di tre lunghezze, scenderà in campo animata
dalla convinzione di aumentare il divario che la separa dai lombardi. Una nuova vittoria, dopo la
bella partita di due settimane fa con Anderlini di Modena, non farebbe altro che gratificare i
giocatori ed il pubblico di casa. La formazione del Correggio volley si presenterà all’appuntamento
al completo per non lasciarsi sfuggire neppure un’occasione. L’inizio della partita è fissato per le 17
alla palestra Einaudi.
 CAVRIAGO. Il Cavriago sarà invece impegnato domani a Vicenza (ore 17.30).
Luisa Cigarini

DOMENICA, 13 NOVEMBRE 2005
Volley B1. In forse l’infortunato Franceschelli
L’Edilesse a Vicenza obbligata a non fallire
-------------------------------------------------------------------------------
CAVRIAGO. Trasferta difficile per l’Edilesse che alle 17.30 di oggi affronterà Vicenza. Benché la
squadra veneta sia una neopromossa non ci si può permettere di sottovalutarne le vere potenzialità;
del resto anche Trento, sebbene neopromossa, si trova a guidare il campionato sola con 12 punti.
Vicenza conta sua una rosa non proprio verdissima composta da giocatori maturi come Basso
(classe ’67) e Milocco (classe ’61) la squadra conta su un gioco lento ma privo di errori; ciò che
invece deve preoccupare Cavriago è la capacità dei vicentini di sfruttare al meglio i difetti avversari
rendendo il gioco nervoso. Unico «intoppo» per l’Edilesse l’infortunio di Franceschelli, pedina
fondamentale per il gioco a muro, che lo ha tenuto fermo fino a venerdì impedendogli di allenarsi.
E’ sempre più probabile l’entrata in campo della banda Armeti che dopo 4 partite di campionato
non ha ancora avuto modo di mostrare il proprio gioco, il romano durante gli allenamenti è stata
inserite più volte nel sestetto titolare al posto di capitan Rozzi, che peraltro si è rivelato un ottimo
sostituto.
 Il secondo allenatore del team, Dante Leonardi, è convinto che la tattica da utilizzare domenica sia
la battuta in salto: dato che i Vicentini non posseggono doti particolari in questo fondamentale si
presume che non siano abituati nemmeno a ricevere questo tipo di servizio.

LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005

B1 maschile. Difficile superare il muro del Vicenza, l’arbitro non facilita le cose
Quinta vittoria per il Cavriago
Gioca anche Armeti dopo quattro turni d’assenza
---------------------------------------------------------------------------
POLAZZO VICENZA - CAVRIAGO: 2 - 3
(17/25, 26/24, 22/25, 25/21, 8/15) Polazzo Vicenza: Tirozzi 2, Basso 10, Michetti 2, Adamoli 7,
Bizzotto 16, Cavaliere 10, Cancellieri 14, Greggio 5, Vianello (libero). All. Rossetto.
Edilesse Cavriago: Luppi 9, Giumelli 5, Artioli 2, Jurewicz 24, Rozzi 11, Bassoli 11, Armeti 9,
Bonini 7, Peli (libero). All. Benedetti.
Note: durata set 23’, 27’, 29’, 27’ e 12’. muri punto Vicenza 11, 14 errori in battuta e 2 aces; muri
punto Cavriago 18, 13 errori in battuta e 3 aces.

 VICENZA. Quinto match per il Volley Cavriago che incassa due preziosi punti che lo portano a
quota 11, secondo in classifica. A inizio partita il servizio del regista Giumelli mette subito in seria
difficoltà la squadra di casa che riesce a colmare il divario in ricezione con un ottimo gioco a muro.
La partita si conclude con un ottimo attacco da banda di Lorenzo Bonini che chiude sul 25-17.
 Tornano in campo le due formazioni e il primo timeout tecnico va a quella di casa (8-7). La partita
procede con esempi di gioco lento e poco divertente. Molti gli errori dei gialloneri che non riescono
a evitare il muro vicentino (21-18). Anche l’arbitro peggiora la situazione. Il set si chiude sul 26-24.
 Bonini sostituito da Armeti. il giocatore romano finalmente entra in campo e ha modo di
dimostrare il proprio valore dopo quattro giornate di assenza. Il coach Benedetti sul punteggio di 9-
5 sostituisce anche il regista Giumelli con Riccardo Artioli. Fondamentale in questo parziale il
gioco al centro di Bassoli. Al 12 pari i biancorossi accelerano conquistando il secondo timeout
tecnico (16-12).
 La difesa cavriaghese si fa più compatta riuscendo a trattenerne i colpi (21-21). Il sorpasso arriva
con un’invasione dei vicentini ed è ancora Vicenza che porta alla conclusione del parziale con un
errore di invasione (22-25).
 Stessa formazione nel quarto set, Cavriago si pone subito in vantaggio e i vicentini commettono
molti errori. Finale del set teso con numerosi errori da entrambe le parti che portano sul 24-21.
Benedetti spezza la concentrazione del Polazzo ma l’esperto Basso chiude sul 25-21.
 Nel tiebreak ottimo incipit giallonero (2-5). Rientra in campo Giumelli e si velocizza il gioco. I
cavriaghesi conquistano il match ball sul 6-14 grazie a un attacco di Armeti, annullati i due match
ball successivi. Luppi chiude con una veloce al centro.
Saverio Migliari

TRENTINO 8/11

Rizzo: è presto per farsi illusioni, ma sappiamo di essere forti
Il poker della Blue City non è un bluff
Weekend memorabile per il volley cadetto trentino: en plein maschile in B2, vincono anche
Torrefranca e Ata, sabato protagoniste
Nicola Baldo
 TRENTO. Piovono sorrisi sulla pallavolo cadetta. Nella settimana che porta all’atteso derby in rosa
fra Torrefranca e Ata entrambe reduci da una vittoria, infatti, si registrano solo successi anche in
campo maschile. Quattro vittorie per Metallsider Tridentum, Tassullo, Trenta e Itas. Ma quattro su
quattro l’ha fatto anche la Blue City in B1, poker di vittorie nelle prime quattro giornate. Risultati
pronosticabili da pochi, che hanno proiettato i biancoblu di Nicola Giuliani soli in vetta alla
classifica. Gianmaria Rizzo, opposto della Blue City, vi aspettavate una partenza così lanciata?
«Direi proprio di no, anche perché la Coppa Italia sicuramente non poteva essere un test probante
non avendo potuto giocare contro squadre di B1. C’è da dire che io personalmente, così come altri
miei compagni, non mi sono mai confrontato con questo livello, non sapevo dove si andava a
parare». Quello che più ha stupito però è stata la facilità di alcune vittorie... «A questo non so dare
spiegazioni. Per il semplice fatto che nemmeno noi sappiamo analizzare questa situazione,
certamente ci sono cose che devono ancora mettersi a posto ma finora non abbiamo mai fatto
giocare i nostri avversari, o per fortuna o per bravura siamo sempre riusciti ad imporre il nostro
gioco. Soprattutto se pensiamo che abbiamo molti esordienti e molti giovani. Fra me, Paoli, Lorenzi
e tutta la panchina nessuno aveva fatto la B1, certo abbiamo elementi d’esperienza ma tre su sei non
è la squadra intera». Forse i vari Moro, Follador, Daniele hanno portato una cosa: qualità
nell’allenamento? «Una cosa che quest’anno ho notato ancor più dell’anno scorso è l’aumento
proprio della qualità dell’allenamento. Moro, oltre ad essere una gran persona, è uno che non molla
mai, Follador da sempre l’anima e Daniele pure, han fatto capire a noi giovani l’importanza di
allenarsi bene. Io poi sono sempre stato uno che si accontenta, ma ora ho imparato che per godere
dei frutti bisogna prima lavorare parecchio». L’obiettivo resta una tranquilla salvezza o...? «È
troppo presto per pensare ad altro, siamo consapevoli di essere una buona squadra ma il campionato
è lungo e gli avversari forti. Ancora il nostro campionato non si è assestato, con le piccole che
hanno vinto con le grandi. Noi dobbiamo solo vivere alla giornata, pensando a partita dopo partita».
Voi siete una squadra che ha bisogno di battere bene per imporre il proprio gioco, un’arma che fin
qui sta girando bene. «Sì, abbiamo incontrato finora alzatori di un’altra categoria e d’esperienza
come Brogioni. Se non battiamo così avremmo molte difficoltà nel leggere il gioco di queste
squadre, la velocità della palla in B1 è un’altra cosa rispetto alla B2». Il segreto di questa partenza
lanciata sta nell’aver cambiato poco con inserimenti mirati? «La società si è mossa bene. L’anno
scorso erano stati messi ottimi paletti, quest’anno hanno azzeccato le persone giuste anche
caratterialmente per farci fare un altro salto in avanti». Veniamo a lei, sembra essersi calato
rapidamente nel ruolo di opposto? «A me è sempre piaciuto fare l’opposto, mi piace avere sempre
la palla e attaccare. Ho sempre visto la pallavolo come un gioco d’attacco. Sono contento però
soprattutto perché sto crescendo anche in altri fondamentali come battuta, muro e difesa, arrivando
ad un livello di concentrazione che non mi aspettavo di avere. Pensavo di soffrire di più per il
cambio di ruolo ma, ripeto, quattro gare non rappresentano un esempio definitivo su questo
campionato». Da ex schiacciatore forse nell’attacco da prima linea ha incontrato meno problemi,
mentre per quello di seconda linea servirà lavorare un po’ di più? «Sicuramente sulla palla da
seconda linea dobbiamo lavorare, cambiano molte cose rispetto ad un attacco “normale” da
sottorete. Con i muri della B1 poi è dura, ma penso che con un po’ di tempo riusciremo a migliorare
anche quella». Il livello di questa B1? «Ancora è dura dare risposte precise, secondo me fra le
squadre che abbiamo affrontato finora ce n’erano alcune forti ma abbiamo sempre imposto il nostro
gioco. Più avanti, quando tutto si sarà assestato, si potranno capire sino in fondo i valori di tutte le
squadre».

DOMENICA, 13 NOVEMBRE 2005
Serie B. Blue City vince a Lugo
L’Ata Domonet fa suo l’atteso derby in rosa
-------------------------------------------------------------------------------
TRENTO. Va all’Ata Domonet con un netto 3-0 (25-23, 25-18, 25-18) la stracittadina con il
DeltaDator Torrefranca, big match del quinto turno dei campionati cadetti. Contro un DeltaDator
troppo falloso e impreciso in ricezione, l’Ata Domonet ha messo in mostra una bella coppia di
posto-4 Prandi e Daloiso e un gioco ben distribuito dalla regista Gardumi. Ed oggi, alle 18 a
Pordenone, esordio sulla panchina del Risto 3 Volano per Alessandro Tonni in casa della capolista.
In B1 maschile continua la striscia positiva della Blue City, che a Lugo di Romagna batte il Gattelli
Spa 1-3 (21-25, 22-25, 25-20, 22-25) infilando così la quinta vittoria in altrettante gare e
mantenendo la vetta del girone. Vittoria esterna, in B2, anche per la Metallsider Tridentum 3-0
sull’Edilmar Pool Brenta (18-25, 21-25, 16-25) rinforzando il proprio secondo posto, a pari punti
con la Tassullo Spa Tama vittoriosa a Cles 3-1 (25-19, 25-23, 21-25, 25-16) sul Sem San Vito. E,
sempre fra le mura amiche, l’Itas Diatec Trentino ferma a due la sua striscia positiva cedendo
all’ambizioso Monselice per 0-3 (21-25, 20-25, 21-25). Ed è stato un sabato amaro anche per la
Trenta Volley, uscita sconfitta dal campo della capolista Futura Cordenons per 3-0 (25-14, 25-22,
25-19). (niba)


LUNEDÌ, 14 NOVEMBRE 2005
Ha espugnato a fatica (1-3) il campo del Lugo: primato consolidato
La Blue City centra la cinquina
Successo giunto grazie al potenziale d’attacco ed un Paoli devastante a muro
-----------------------------------------------------------------------------
LUGO DI ROMAGNA (Ravenna). La Blue City infila la quinta. Cinque successi in cinque gare di
campionato, resta l’unica squadra ancora imbattuta e si conferma in vetta al girone. Una vittoria
però quella di Lugo arrivata faticando, contro una Gattelli ben messa in campo e molto precisa in
ricezione, capace di giocare una pallavolo precisa e ordinata. Soprattutto perchè il sestetto trentino
non ha spinto come è stata sua “consuetudine” in battuta, permettendo così ai romagnoli di fare la
propria, intensa, partita. Ma a far pendere l’ago della bilancia ci ha pensato il grande potenziale
offensivo della Blue City.
 Moro e Follador in posto-4 così come Rizzo opposto in attacco han fatto il loro. Ed in modo
egregio. Con, in più, un Alessandro Paoli che al centro ha fatto un partitone con 14 punti finali dei
quali ben sette a muro. E proprio il muro è stata un’altra arma fondamentale per la squadra di coach
Nicola Giuliani, che grazie ai “block” tanto ha costruito (13 punti diretti alla fine) e tante palle ha
sporcato. Insomma, un 3-1 meritato anche se con qualche brivido, anche se più sudato rispetto alle
prime quattro giornate nelle quali la Blue City ha asfaltato tutto e tutti. Un successo giunto grazie
alla continuità, alla pazienza della Blue City di attendere gli errori avversari e grazie al non
innervosirsi quando alcune cose non girano e invece filano lisce in casa degli avversari. Ma
soprattutto questa è una vittoria che mantiene i biancoblù del patron Daniele Sontacchi in vetta al
girone B della B1, imbattuta e con le immediate inseguitrici tenute a debita distanza.
 Coach Giuliani manda in campo Daniele in regia con Rizzo opposto, Moro e Follador schiacciatori,
Lorenzi e Paoli centrali con Zancarli libero. Pronti via e l’equilibrio regna sovrano già dalle prime
battute (7-8), con i padroni di casa che tengono molto bene in ricezione ed i biancoblù che non
ingranano in ricezione. Sono però ancora i ragazzi di Giuliani a restare avanti di una lunghezza
appena (15-16), finché i “tre moschettieri” di palla alta non riescono a scavare un piccolo break a
favore dei trentini (19-22). È il break che decide il set, con la Blue City che tiene regolare il cambio
palla e ipoteca il parziale. Invece, l’inizio del secondo set parla solamente romagnolo con i padroni
di casa che mettono il naso fuori già dalle prime battute (8-7). Sempre una o due lunghezze di
vantaggio per gli uomini di coach Benedetti, con Rizzo e soci che non riescono a trovare una buona
fluidità di gioco causa l’ottima prova in seconda linea del Gattelli Spa (16-13). Ma la capolista
dimostra di non esser mai doma, sistema alcune cose e soprattutto ritrova rapidamente tranquillità e
incisività, andando ad impattare il punteggio sul 20-20. Ed, ancora una volta, il break finale lo
trovano Rizzo e soci andando così a vincere anche il secondo set. Nel terzo parziale sono ancora i
padroni di casa a sprintare (8-5), mentre una Blue City un po’ innervosita non riesce a reagire. Lugo
vola 16-12 prima e sul 23-15, Moro e Follador guidano il tentativo di rimonta trentino che però si
infrange sul 23-20, lasciando strada alla vittoria del set per i romagnoli. Il copione cambia nel
quarto parziale, con la Blue City subito avanti 8-5. Rizzo fa 16-14, Paoli mura ma Lugo trova la
parità sul 22-22. Ma, ancora una volta, sono i ragazzi di Giuliani ad avere il sangue freddo giusto
per trovare il break che ipoteca questo 3-1. La quinta vittoria di fila finisce così in cassaforte. Ed
ora, sabato sera, sfida interna contro lo Stadium Mirandola Modena. (niba)

GATTELLI SPA LUGO - BLUE CITY: 1 - 3
PARZIALI: 21-25, 22-25, 25-20, 22-25
GATTELLI SPA LUGO: Romagnoli 18, De Angeli 4, Sintini 8, Demarco 3, Ortolani 2, Casadei 8,
Carlatti 18, Toschi (L). Ne: Ravaioli, Brini, Gattelli, Ferrari.
Allenatore: Massimo Benedetti.
BLUE CITY: Follador 12, Rizzo 18, Moro 14, Daniele 2, Lorenzi 9, Paoli 14, Zancarli (L), Divan,
Ballarini, Sabbadin, Götsch. Ne: Pasquali.
Allenatore: Nicola Giuliani.
ARBITRI: Lot e Rossetto di Treviso.
DURATA SET: 23’, 25’, 24’, 21’.
NOTE- Gattelli Spa Lugo: 4 ace, 5 muri, 12 errori in battuta, 13 errori di gioco, 66 per cento
ricezione positiva con 43 per cento perfetta, 49 per cento in attacco. Blue City: 2 ace, 13 muri, 16
errori in battutam 8 errori in attacco, 67 per cento di positività in ricezione con 42 per cento di
perfette, 54 per cento di positività in attacco.

IL GAZZETTINO

Sabato, 12 Novembre 2005
LE ALTRE
Sisley-Lae Oderzo, derby spettacolo in Ghirada
Treviso
(a.s.) - Il calendario della B1 maschile propone finalmente il derby, attesissimo tra un'ambiziosa Lae
che per il momento non è riuscita ad imporsi e la matricola Sisley che sta reggendo bene l'urto del
passaggio di categoria. Si gioca in Ghirada alle 18,30.
B2 FEMMINILE - La giornata propone al Maeg Codognè la trasferta in casa dell'Avanzi Ariano
Polesine, formazione di metà classifica. Per la matricola Marchiol Villorba scontro casalingo con la
capolista Pan D'Este Micromeccanica Padova. Si gioca a Carità alle 20,30.
B2 MASCHILE - In casa il Came Cancelli Dosson che ospita il fanalino di coda Ferroalluminio Ts.
Domenica, a Dosson, alle 18.
C FEMMINILE. Girone A: S. Vito-Zanchetta Mareno, Arcole-Godigese Cimm. Girone B: Reale
Mutua Castelfranco-Sei Pool (20,30 palasport). Girone C: Albatros Tv-Dolomia Bl (18, Natatorio),
Preganziol-Megius (20, palestra elementari).
MASCHILE. Girone A: Mestrina-Livenza Cessalto, Pool Pd-Reale Mutua Giorgione, Airsystem
Castellana-Mogliano. Girone B: Somec Pd-Ri.Me. Bessica. Riposa: Group Povegliano. Girone C:
Isola della Scala-Iveco Marmi Tv, Lunazzi Paese-Chimica Ecologica Vr (20,30 palasport), Sisley-
Loreggia (18,30 Ghirada).
D FEMMINILE. Girone C: Loreggia-Aurora Gaiarine, Sedico Bl-Altiniadistribuzione, Salgareda-
Fratte (20,30 palasport), Meduna-General Filter Paese (20,30 palestra comunale), S. Donà-Kallima
Fontanelle. Girone D: Mogliano-Castion (20,30 Olme), Pagotto Arcade-Pizzeria Tiglio Nervesa
(20,30 palasport), Carinatese-Veneto Banca (20,30 palestra comunale).
MASCHILE. Girone A: Pavan Zero Branco-Intrepida (20,30 palestra comunale), Biancade-Silitex
Vr (20,30 Moro), Carbonera-Brenta (21 Da Zara). Girone B: Lunazzi Paese-Banco Sapori Pd (17,30
palasport), Castion di Loria-Marmi Lanza Vr (20,30 palestra comunale). Girone C: Nervesa-
Meduna (20,30 palestra medie), Lae -Bassano (20,30 palestra comunale), Silvolley-Vittorio, La
Piave-San Donà (20,30 palestra medie).

Sabato, 12 Novembre 2005
VOLLEY B1 La squadra di Scaggiante chiamata al riscatto contro la forte Vempa Padova
Alisea prova a cambiare rotta
In serie B2 anche Bibione, Edilmar e Five vogliono uscire dal momento nero

Bisogna sicuramente cercare di cambiare rotta in casa del PT Alisea Capacitas, che si ritrova
solamente con tre punti all'attivo nel girone B del campionato di B1 di volley maschile dopo quattro
giornate. Un inizio tutto in salita per la squadra di Scaggiante che comunque nella trasferta di
Cavriago qualche segnale positivo (più efficacia a muro e in difesa, più gioco al centro) lo aveva
fatto vedere. Purtroppo il calendario propone per domani alle 18 al Palasport Barbazza un
avversario certo non agevole. Il Vempa Cib Padova dei vari Pasinato, Marcato e Borselli (uno dei
beniamini dei tifosi sandonatesi fino a due stagioni fa) sta infatti navigando nelle zone alte della
classifica. I padovani hanno infatti cambiato pochissimo rispetto alla scorsa stagione e forte di un
grande amalgama di gioco si stanno esprimendo su grandi livelli in queste settimane, assestandosi al
secondo posto in graduatoria. Purtroppo San Donà che sta lentamente recuperando Quarti (non
ancora sceso in campo comunque dopo l'infortunio), dovrà fare a meno domani di Davor Sulina,
colpito dall'influenza. Il giovane Kosmina ha fatto vedere buone cose finora quando Scaggiante l'ha
utilizzato in alternativa al capitano, bisognerà però vedere come l'opposto reggerà la pressione di
una gara in cui dovrà essere protagonista assoluto.
Il periodo nero tocca comunque anche le formazioni veneziane che militano nel girone C del torneo
di B2, tutte sconfitte nello scorso turno di campionato e che sicuramente si ritrovano ad affrontare
questa settimana avversari da prendere con le molle. Il Bibione Mare va a far visita stasera alle 21 al
Rast Imsa Gorizia e certo dovrà fare molto di più di quanto messo in mostra con il Cles per sperare
di portare a casa qualcosa. L'Edilmar Pool Brenta riceve invece stasera alle 20.30 a Prozzolo il
Metallsider Trident Trento, una delle formazioni più forti del girone e per spuntarla servirà una
prova senza sbavature e senza soprattutto quei cali di rendimento che finora sono costati cari. Il
Five Venezia sarà infine impegnato domani alle 17.30 sul campo del Silvolley Trebaseleghe,
squadra già affrontata in Coppa Italia qualche settimana fa. Visto che Simionato e compagni sono
più forti in trasferta che in casa, potrebbe anche arrivare qualche positiva sorpresa.
Andrea Manzo

Sabato, 12 Novembre 2005
Venpa Cib e Pan d'Este per allungare la striscia vincente
Dopo quattro vittorie nelle prime quattro partite, il Venpa Cib Unigas (serie B1 maschile) è atteso
domani alle 18 a Sandonà da un test decisamente più probante di quelli affrontati finora. Nessuno fa
proclami, ma un risultato favorevole sarebbe un indice sicuro delle qualità dell'organico (che
rispetto alla scorsa stagione ha cambiato molto poco) e potrebbe legittimare per la squadra di Mario
Di Pietro obiettivi di alta classifica. In questo momento Sandonà, che ha tre punti in graduatoria, è
ben lontana dal secondo posto occupato a quota nove dal Venpa in coabitazione con Bologna e
Cavriago, ma la partita che attende l'ex Paolo Borselli e compagni non si annuncia delle più facili.
Più difficile la situazione, in campo femminile, per il Tecnogas Albignasego. Neopromossa in B1 e
con un organico infarcito di giovani, la squadra di Fabio Balsano ancora non ha trovato un assetto
definitivo in campo e si ritrova con tre punti in classifica, frutto di un successo e tre sconfitte. Il
derby di domani (si gioca alle 18) a Cavazzale con la Caoduro allenata dal padovano Federico
Rampazzo si presenta come un appuntamento particolarmente insidioso, visto che le vicentine,
retrocesse dalla A2, sono intenzionate a disputare un campionato da protagoniste.
In serie B2 maschile Silvolley e Cementerie Monselice si sono già perfettamente calate nella lotta
per i play off. Questa sera Monselice sarà di scena a Trento per sfidare, alle 20.30, l'Itas, mentre
Trebaseleghe se la vedrà domani alle 17.30 nel palasport di casa con il Five Venezia. Entrambe le
squadre vogliono cercare di tenere il ritmo forsennato dello scatenato Pordenone.
A punteggio pieno, il Pan D'Este Micromeccanica questa sera (20.30) a Villorba cercherà di
continuare la sua marcia, dopo il facile successo nel derby con il Vispa Italunion. Da parte loro, le
giovani di Diego Bortoletto ospiteranno a Villatora di Saonara (si gioca alle 21) l'Udine.
M.Zi.

Lunedì, 14 Novembre 2005

Sisley Treviso - Lae Oderzo3-2
PARZIALI: 29-27, 25-27, 26-24, 23-25, 19-17
SISLEY TREVISO: Bugin 1, Burbello 20, Cuda 20, Vanin 0, Elia 18, Favaretto 7, Maruotti 13,
Kovar, Pasini (libero), Saitta 11. All. Zanin
LAE ELECTRONIC ODERZO: Berto 19, Campagnaro 10, Daldello M (libero), Cester 5, Parisotto
ne, Mattiuzzo ne, Bastianini 20, Orel 8, Raccis ne, Daldello N., Salvio 0, Ioppi 10. All. Cappelletto.
Vice: Sovilla.
ARBITRI: Del Vecchio e Serafin di Treviso.NOTE: durata dei sets: 28', 33', 30', 31', 21'. Durata
complessiva dell'incontro due ore e 35 minuti. Ace 12-4, muri punto 14-12, errori in battuta 27-14,
errori punto 15-14. Totale punti 122-120.
Treviso
Grande derby alla Ghirada. La matricola Sisley batte al tie break gli ambiziosi cugini della Lae
Electronic Oderzo con una gara mozzafiato. Oltre due ore e mezza di gioco per mettere il sigillo sul
primo derby di B1 della Marca.Cinque set giocati sul filo del rasoio con i due sestetti a rincorrersi
punto su punto, azione su azione. Un inseguimento che vede i padroni di casa portarsi in vantaggio
dopo 28 minuti. La Sisley vuole fare bella figura, forza la battuta (alla fine saranno 27 gli errori in
questo fondamentale, e 12 gli aces), cerca di mettere in crisi la costruzione del gioco avversario.
Oderzo non vuole cedere. Gioca punto su punto e conquista la parità, nel secondo set, dopo 33
minuti di gioco. Una gara estenuante che prosegue così anche nei successivi parziali, con i due
sestetti pronti ad approfittare di ogni debolezza avversaria. Sarà un incertissimo tie break, alla fine,
a decidere, e per i giovani talentuosi di Michele Zanin, la vittoria vale quasi un passaggio di
testimone nel panorama del "volley minore di Marca".
Per la matricola trevigiana due punti preziosissimi per la geografia della pallavolo di Marca, ma
anche per la classifica di B1 in cui sono lanciatissimi nelle zone alte. Per Oderzo una sconfitta che
brucia soprattutto per il morale e si scontra con le ambizioni della vigilia. Ma il campionato è
ancora lungo e la squadra di Cappelletto ha tutto il tempo di serrare le fila e ricomporsi.

Lunedì, 14 Novembre 2005
Anche il Venpa conosce la sconfitta
SANDONÀ: Vecchiato 13, Kosmina 18, Rigonat, Guarato 9, Talpo 8, Mantellato 12, Quarti,
Korbinian, Baldo, Sulina, Boraso ne, Franchin (L). All. Scaggiante.
VENPA : Marcato 6, Borselli 4, Baggio 2, Ursich 7, De Sario, Sertoli 2, Marini 1, Villatora 1,
Luciani 1, Pasinato 12, Bellini, Facco (L). All. Di Pietro.Arbitri: Marmiroli e Licchelli di Reggio
Emilia.
Parziali: 25-20 (25'); 25-16 (22'); 25-15 (23').
Anche per il Venpa arriva la prima sconfitta in campionato, dopo una striscia positiva di quattro
partite. Un calo di concentrazione comprensibile. Di Pietro non ha dubbi sulle ragioni della secca
sconfitta: i suoi giocatori hanno semplicemente giocato male, dal primo all'ultimo, nessuno escluso.
La classica giornata storta, della quale ha saputo approfittare con tranquillità e bel gioco il Sandonà,
trascinato da un Kosmina assolutamente ispirato, a segno per l'88\% delle palle avute a
disposizione. Solo nel primo set il Venpa è riuscito a contrastare, seppur mai in modo convincente,
il sestetto di Scaggiante. Pasinato tra i suoi è quello che è riuscito ad attaccare con maggiore
determinazione ed efficacia. Per il resto i padovani hanno sofferto in tutti i fondamentali, dal
servizio alla difesa, rendendo difficile la gestione del gioco anche in attacco.I secchi punteggi degli
altri due parziali stanno a significare di una squadra deconcentrata e mai davvero in partita. Nel
secondo set partono a raffica i giocatori del Sandonà, costringendo il Venpa a forzare molto per
tentare di non perdere troppo gli avversari. Forzare porta i padovani all'errore e Kosmina e
compagni chiudono in fretta. Stessa cosa nel terzo e ultimo parziale: il Venpa tenta come può di
rietrare in partita ma non gli riesce niente e il Sandonà chiude agevolmente set e incontro.

Lunedì, 14 Novembre 2005
PARZIALI: 25-20 (24'); 25-16 (23'); 25-15 (20'). Tot.1.07'
SAN DONA': Vecchiato, Baldo, Talpo, Sulina, Rigonat, Franchin (lib.), Mantellato, Boraso,
Guarato, Kosmina, Quarti, Korbinian. All. Scaggiante.
PADOVA: Marcato, Borselli, Baggio, Ursich, De Sario, Sertoli,Marini, Villatora, Luciani, Facco
(lib.), Bellini, Pasinato. All. Di Pietro
ARBITRI: Marmiroli e Licchelli di Reggio Emilia.
Torna alla vittoria il PT Alisea Capacitas che si sbarazza in tre set del Vempa Cib Padova.
I veneziani, privi dell'influenzato Sulina, splendidamente sostituito del giovane Kosmina (top scorer
finale con 17 punti), hanno letteralmente dominato i patavini, secondi in classifica, grazie alla
sapiente regia di Rigonat, bravo a variare continuamente le soluzioni d'attacco togliendo ogni punto
di riferimento agli avversari.
Importante anche la prestazione di Guarato, sia in attacco che a muro, tornato finalmente ai livelli di
rendimento a cui aveva abituato.
Parte subito bene la squadra di casa che si esprime al meglio in ogni fondamentale. In vantaggio 8-5
al primo set point, San Donà è ancora avanti al secondo (16-12) e mantiene il divario fino al termine
del parziale 25-20. Sulla falsariga del precedente comincia il secondo set, con l'opposto Kosmina
che con tre punti consecutivi trova il 14-10.
Gli risponde da par suo l'ex campione del mondo Pasinato che col turno di battuta riporta sotto i
suoi 15-12. Scaggiante chiama time-out e subito l'Alisea riprende a marciare ritrovando un ampio
vantaggio.
E' un muro di Talpo proprio su Pasinato a regalare il punto del 25-16. Il terzo set è decisamente
senza storia. San Donà va subito 4-0 poi Kosmina fa impazzire i padovani in battuta portando i
padroni di casa sull'8-1 al fischio tecnico.
Di Pietro prova a cambiare qualcosa ma i veneziani girano a mille e non c'è scampo. Ancora il
giovane Kosmina mette il sigillo all'incontro per il definitivo 25-15. Finalmente soddisfatto il
tecnico Scaggiante. «Abbiamo sempre lavorato bene in palestra - spiega - finalmente siamo riusciti
a dimostrare anche sul campo quello che sappiamo fare. Naturalmente c'è ancora da lavorare, siamo
attesi da due turni di campionato molto delicati, però quest'oggi ha funzionato tutto a dovere, dalla
battuta alla ricezione, dal muro all'attacco. Naturalmente positiva la prova di Kosmina, che oltre alle
potenzialità fisiche che conoscevamo ha dimostrat di saper gestire bene la pressione di una gara di
campionato da titolare».
Andrea Manzo

IL GIORNALE DI VICENZA

12/11

VOLLEY B1 DONNE. Nuovo tecnico
Caoduro cambia
Arriva Brancato
Rampazzo rimarrà nel settore giovanile
Cavazzale. Fulmine a ciel sereno: la Caoduro cambia allenatore. Alla guida della prima squadra è
stato chimato Salvatore Brancato, ex tecnico del Vigliano, lo scorso campionato promosso in B1,
con trascorsi a Tortolì (B2, B1, A2), Altamura (B1) e Palermo (A1). La società e Federico
Rampazzo hanno preso la decisione di comune accordo. «Mi sono reso conto - fa sapere Rampazzo
con una nota sul sito della società - che, nonostante i positivi risultati conseguiti, le metodiche di
allenamento da me proposte alla prima squadra non venivano accolte con il giusto entusiamso».
Rampazzo continuerà ad occuparsi del settore giovanile.
Novello (s. m.) Dopo la prima vittoria di campionato contro il S. Donà, la Novello Vicenza sfiderà
stasera (alle 21), in trasferta, il Crovegli Cadelbosco. La formazione emiliana occupa il terzo posto
in classifica alle spalle di Forlì e Volta Mantovana. La Novello recupera Ilaria Antonucci e Stefania
Bedin.
B1 maschile. I biancorossi della Polazzo si scontreranno domani sera, al palazzetto, con gli
avversari dell'Edilesse Cavriago. Dopo il successo in trasferta nella quarta giornata i vicentini
cercheranno in bis.
B2 femminile. Tornano in campo stasera le ragazze del Gps Schio per la quinta giornata di
campionato. Le scledensi affronteranno in trasferta, alle 18.30, l'Italpont Torriana. Gioca invece in
casa, sempre questa sera alle 20.30, il Sorelle Ramonda Montecchio, l’obiettivo è la vittoria contro
il Cedap Monfalcone.

13/11


B1 MASCHILE. Arriva il Cavriago, in campo pure Cavaliere
Polazzo prepara il bis
B1 donne. La Caoduro ospita l’Albignasego

(s. m.) Dopo la prima vittoria, dall'inizio del campionato, strappata a Morciano, la Polazzo Vicenza
cercherà il bis stasera (17.30) in casa contro l'Edilesse Cavriago. I biancorossi potranno contare su
un ritrovato Maurizio Vianello, sospeso e poi reintegrato dalla società berica nel giro di pochi
giorni, e sull'ex azzurro Luca Milocco tornato nelle sue vesti di capitano dopo le dimissioni
rientrate. Positiva, nell'ultimo incontro, la prestazione del giovane Adamoli, chiamato a sostituire
Padovani costretto a fermarsi a causa del consueto dolore al polpaccio destro. In buona condizione
anche Riccardo Bizzotto, ormai recuperato dall'infortunio di inizio stagione, ed Enrico Greggio, top
scorer con 12 punti. Della rosa berica farà parte anche Rodolfo Cavaliere, rientrato dal beach.
I tre punti conquistati nella quarta giornata di campionato hanno rilanciato in una posizione più
tranquilla la formazione maschile vicentina che ora si trova a quota quattro punti in classifica.
Gli avversari dei biancorossi, allenati da Claudio Benedetti, invece, dopo un passo falso nella prima
giornata contro Oderzo, hanno vinto le successive tre gare ed ora occupano il secondo posto in
graduatoria a quota nove punti assieme a Padova e Bologna (già affrontate dalla formazione
vicentina, che si è anche già scontrata contro Trento, primo in classifica). Avversario di spicco nel
Cavriago sarà Lakasz Jurewicz, classe 1977, lo scorso anno in B2 con il Trento.
In settimana i ragazzi di Delio Rossetto, in preparazione alla gara odierna, hanno giocato
un'amichevole a Voghera contro la squadra locale di serie B2 dell'Adolescere.

14/11

Jurewicz strega la Polazzo
Milocco guida due volte la rimonta, poi il crollo al tie break
Polazzo Vicenza2
Edilesse Cavriago3
POLAZZO VICENZA: Cavaliere 11, Cancellieri 15, Vianello (L), Bizzotto 17, Greggio 5, Michetti
3, Basso 11, Adamoli 7, Milocco, Tirozzi 2. Ne: Padovani, Fracasso, All. Rossetto.
EDILESSE CAVRIAGO: Bassoli 11, Giumelli 4, Bonini 7, Peli (L), Rozzi 10, Jurewicz 22, Armeti
9, Artioli 2, Luppi 8, Bonini 7, Cerofolini. Ne: De Curtis e Franceschelli. All. Benetti
Parziali: 17-25, 26-24, 22-25, 25-21, 8-15.
(s.m.) Sconfitta al tie break per la Polazzo che cede di misura al Cavriago e comunque sale a quota
5 punti in classifica. La formazione di Rossetto è scesa in campo con Michetti in regia, Bizzotto
opposto, Cancellieri e Cavaliere schiacciatori di banda, Basso e Greggio centrali con Vianello
libero. Partono bene i biancorossi che schierano anche Riccardo Bizzotto, recuperato dall'infortunio
di inizio stagione, e Rodolfo Cavaliere, rientrato dal beach; Padovani viceversa è in panca per onor
di firma.
Gli ospiti rispondono con Giumelli in palleggio con Jurewicz opposto, Bonini e Rozzi schiacciatori
di banda, Luppi e Bassoli centrali con Peli libero. Si arriva al 16 pari, da qui gli avversari prendono
il largo e si portano prima sul 17-23 poi chiudono.
Nella seconda frazione i vicentini corrono sul 7-5 ma vengono superati sul 9-10; si arriva al 20-17
per la Polazzo, ma gli avversari non mollano; il punteggio si sposta sul 21 pari per un errore
biancorosso. Entra Adamoli al posto di Michetti, ma il cambio viene invertito dopo il turno di
battuta. La Polazzo conquista il set point sul 25-24, e non si lascia sfuggire il secondo parziale.
Il terzo set si apre con la squadra di casa che guida per 10-6. Rossetto decide di far entrare, seppur
per breve tempo, il capitano Milocco; si raggiunge il 22 pari ma gli ospiti si portano prima sul 22-24
e poi al conclusivo 22-25 per un attacco out di Cancellieri. Il quarto parziale si apre con un buon
turno di battuta di Luppi; dal 22-20 i berici si portano in vantaggio prima con Adamoli, poi con un
errore di battuta avversario che sposta il punteggio a 24-21. È Basso a chiudere il set a favore della
Polazzo che poi, arrivata al tie break, si spegne.


L’ADIGE

8/11

Di MARCO FONTANA
TRENTO - Quarta giornata di campionato
TRENTO - Quarta giornata di campionato ricca di soddisfazioni per le squadre regionali impegnate
nella serie cadetta: vincono tutte, eccezion fatta per il Risto3 Volano Volley.
Blue City Trento: vola la compagine di Nicola Giuliani che nella sfida fra prime delle classe spazza
via Bologna e rimane solitario in vetta alla classifica. Per una squadra partita con l´obiettivo di
salvarsi non c´è male. Fra i singoli brillano tutti, da Rizzo (sempre percentuali d´attacco altissime) a
Daniele (sabato ottimo), da Follador a Moro, dai centrali a Zancarli. Sorpresa.
Tassullo spa Tama: vince a Bibione (come da pronostico) e rimane seconda ad un punto da
Pordenone. Fin qui tre vittorie e una sconfitta (al tie break con la Metallsider) ma anche tanti
infortuni. Fino e Tovazzi sono rientrati, De Agostini e Radice ne avranno ancora per un po´.
Sfortunata ma vincente.
Metallsider Tridentum: quattro vittorie su quattro, superato anche l´ostacolo Trebaseleghe. Squadra
solida, compatta, lotterà fino alla fine per la vittoria. Bene Ravagnan, possono crescere i martelli.
Imbattuta.
Itas Diatec: dopo due ko i giovani di Angelini hanno ingranato e hanno infilato due importanti e
convincenti successi. Battere quest´Itas sarà dura per tutti. In copertina Sbrolla e De Paola, entrambi
in formissima. Da Castellani ci si attende un rendimento più costante. Mina vagante.
Trenta Fiemme Fassa: è finalmente arrivato sabato il primo successo in serie B2. La ricezione va
ancora a corrente alternata, in forma Bristot e Ubaldo Capra, devono crescere Eddy Capra e Savio.
In crescita.
DeltaDator Torrefranca: tre vittorie (due facili facili con le abbordabilissime Monfalcone e Schio)
ed una sconfitta per le ragazze di Koja. Rimane l´emergenza centrali con l´assenza della Paolucci e
le condizioni fisiche precarie della Eccel. In copertina le giovani, dalla Tait a Francesca Bortolotti,
dalla Bleggi alla Sommadossi. Emergenti.
Ata Domonet: dopo un avvio difficile le «atine» hanno conquistato due vittorie scaccia-crisi
confermando di essere in crescita. La prova del nove arriverà sabato con l´atteso derby contro il
Torre. In «palla» Daloiso, Castellano e Prandi, Gardumi e Dobrilla possono dare di più. Ritrov.. ata.
Risto3 Volano: una vittoria e tre sconfitte per le lagarine che hanno però perso contro tre formazioni
di medio-bassa classifica, Ariano, Montecchio e Villorba. E sabato c´è la capolista Pordenone.
Cercasi impresa.

12/11

Volley B
In B1 maschile la capolista Blue City cerca il quinto successo consecutivo in casa dell´abbordabile
Lugo Ravenna
Tutti disponibili e sestetto confermato
In B2 maschile Metallsider e Tassullo non dovrebbero avere grossi problemi
Sfida difficilissima per la Trenta Volley
cerca il terzo sigillo l´Itas Diatec

Blue city
RAVENNA 20.30
Sarà la quinta perla?
I trentini primi in classifica a punteggio pieno cercano il quinto successo consecutivo
sull´abbordabile parquet del Lugo Ravenna. Nicola Giuliani non ha alcun problema di formazione
(qualche acciacco per Rizzo ma ci sarà) e il sestetto sarà quello canonico che fin qui ha sempre
vinto. Tre i giocatori più rappresentativi del Lugo, Romagnoli, Toschi e Casadei.
Sestetto: Daniele (p) - Rizzo (o), Follador - Moro (s), Paoli - Lorenzi (c), Zancarli (l).

13/11

B1 maschile
Quinta perla per il Blue City Trento
Continua

B1 maschile
Quinta perla per il Blue City Trento
Continua la marcia in vetta del Blue City di coach Nicola Giuliani che ieri sera ha espugnato
l´abbordabile parquet di Ravenna con un convincente 3 a 1: 25-21, 25-22, 25-20, 25-22.
b2 maschile
Metallsider e Tassullo in gran spolvero
Mantiene il secondo posto dietro Cordenons il Metallsider di Hernandez che vince per 3 a 0 in casa
dell´Edilmar Brenta con parziali 25-18, 25-21, 25-16. Vince a Cles 3 a 1 la Tassullo spa con Agazzi
trascinatore (23 punti) sul Sem S.Vito: 25-19, 25-23, 21-25, 25-16. Scivola al PalaTrento l´Itas
Diatec di coach Angelini cedendo nettamente al Monselice per 0 a 3 (parziali 21-25, 20-25, 21-25).
Secca sconfitta in trasferta per la Trenta Fiemme e Fassa che ha Cordenons perde 3 a 0 (25-14, 25-
22, 25-19).
b2 femminile
L´Ata Domonet con la legge del più forte
Vince il derby del PalaBocchi alla grande l´Ata Domonet di coach Mongera che s´impone in
crescendo per 3 a 0 al DeltaDator Torrefranca (25-23, 25-18, 25-19). Le migliori Daloiso e Prandi.
Il Risto3 Volano gioca oggi alle 18 a Pordenone.

14/11/05
Per il Blue City è cinque su cinque
Nemmeno il Lugo riesce a fermare la serie positiva del team di Giuliani

LUGO - Cinque su cinque, il Blue City di Nicola Giuliani
Mattia Zeni (Bolghera)

LUGO - Cinque su cinque, il Blue City di Nicola Giuliani non si ferma in questo splendido inizio di
campionato in B1 e passa anche sul difficile campo di Lugo col piglio della prima della classe. Non
è stata una vittoria facile quella di Daniele e compagni perché il Lugo in casa è una formazione che
lotta su ogni pallone, coriacea e difficile da mettere sotto. C’è voluta la solita prova da grande
orchestra della formazione trentina che mette in cascina un altro successo importante per rimanere a
guardare il resto del campionato dall’alto in basso, e per una matricola ciò è sicuramente
orgoglioso. C’è il sestetto classico in campo per il Blue City con Daniele in palleggio e
l’influenzato Rizzo opposto, centrali Paoli e Lorenzi, Moro e Follador in banda. I padroni di casa,
guidati da Massimo Benedetti, propongono l’esperto De Angeli in cabina di regia con Tarlazzi
opposto, Romagnoli e Casadei schiacciatori, centrali Sintini e De Marco. La gara si dimostra subito
equilibrata con le squadre a lottare punto su punto ed il Blue City a virare per primo, di una
lunghezza, al primo time out tecnico. Follador è ispirato e Daniele lo cerca sovente, ma Moro e
Rizzo non sono da meno, quest’ultimo nonostante l’influenza che lo attanaglia. Nel finale
l’accelerazione decisiva dei trentini che chiudono sul 25-21 con un break finale di 9-6 dopo la
seconda sospensione, a sedici. La seconda frazione non si discosta molto dalla precedente, ma
questa volta è Lugo ad avviare meglio il suo motore. La battuta del Blue City non è brillante come
al solito e la ricezione romagnola permette all’ottimo De Angeli di costruire azioni importanti.
Zancarli invece non è tanto fortunato perché il soffitto basso della palestra lo penalizza in diverse
occasioni. Paoli (nella foto a destra in battuta) invece è invalicabile a muro (alla fine se ne
conteranno 7, metà del suo bottino) mentre Lorenzi aiuta nella fase d’attacco i «bracci armati» di
Moro, Rizzo e Follador. Tornando alla seconda frazione il Blue City come al solito esce dalla zona
di galleggiamento nel finale e fa sua anche la seconda frazione con tre punti di vantaggio. La
formazione di casa decide di provare il tutto per tutto nel terzo set, per rientrare in gara. I romagnoli
forzano la battuta e mettono in difficoltà il Blue City, costretto suo malgrado a rifiatare. Il set
scappa via sotto i colpi di Romagnoli e Tarlazzi, ben assecondati da De Angeli. Sul 13-23 Giuliani
opta per Divan in seconda linea al posto di Moro e la ricezione del giovane schiacciatore si dimostra
importante tanto che il Blue City rimonta cinque punti. Servirebbe una crisi psicologica del Gattelli
ed un miracolo trentino, ma ciò non succede ed i romagnoli chiudono sul 25-20 allungando la gara.
Quarto set al cardiopalma perché il Blue City non vuole perdere la sua immacolata graduatoria ed
ovviamente i padroni di casa cercano la rincorsa al tie break. Prima va avanti il Blue City, poi Lugo
mette la freccia e fino al 21-20 per i trentini non si capisce chi possa estrarre il carico da «undici».
L’asso capita alla formazione di Giuliani che mette dalla sua il break decisivo per allungare il passo
verso la vittoria. Finisce 25-22 e così anche la «quinta» è suonata dalla banda di Giuliani. La
vittoria sul campo di Lugo diventa importante non solo per la vittoria in se stessa e per il primato
inattaccato, ma fornisce una prova ulteriore di maturità contro una formazione coriacea e che ha
recuperato uomini importanti proprio in questa sfida. I trentini non vogliono ancora scoprirsi, ma
incominciare a sognare non è certo un delitto.C.C.

GATTELLI LUGO 1
BLUE CITY 3
21-25, 22-25, 25-20, 22-25 (90-95)
GATTELLI LUGO: Romagnoli 18, De Angeli 4, Ravaioli ne, Brini ne, Sintini 8, De Marco 3,
Gattelli ne, Ferrari ne, Toschi (L), Ortolani 2, Casadei 8, Tarlazzi 18. All. Benedetti
BLUE CITY: Follador 12, Zancarli (L), Götsch, Rizzo 18, Pasquali ne, Moro 14, Daniele 2, Lorenzi
9, Divan, Ballarini, Paoli 14, Sabbadin. All. Giuliani.
ARBITRI: Lot e Rossetto.
DURATA SET: 23’, 25’, 24’, 21’ (tot. 1h. e 33’)
NOTE: Lugo (attacchi 57, ace 4, muri 5, errori attacco 12, errori battuta 12) Blue City (attacchi 56,
ace 2, muri 13, errori attacco 8, errori battuta 16)

Il coach: un´impresa importante
«Siamo stati bravi»
LUGO - La quinta vittoria del Blue City è probabilmente quella più apprezzata da Nicola Giuliani e
lo spiega in questa maniera: «Credo che sia stata - sottolinea Giuliani - un´impresa importante
perché contro una formazione forte in casa e che ha cambiato parecchio nel suo assetto. Non era
facile, ma i ragazzi hanno dimostrato di sopperire anche ad una battuta non certamente positiva
come in altre gare. Siamo stati bravi nei momenti decisivi a girare i set dalla nostra parte».
Ancora una volta è stata la prova complessiva della formazione a pesare sulla bilancia trentina?
«Certo, e lo possiamo vedere dai tabellini personali con i giocatori chiamati in causa in attacco
sopra il 50% ed un muro d´alto livello».
Lo sguardo va alle prossime sfide che Giuliani considera importanti anche per il prosieguo della
stagione: «Adesso ci aspetta la gara interna con Mirandola e poi in trasferta a Modena. Sono due
gare alla nostra portata, ma da affrontare con il solito spirito perché in B1 nessuno regala niente.
L´importante è continuare a vincere in queste due sfide perché la seconda parte del torneo ci
propone una serie d´incontri difficili e che porteranno a conoscere il vero volto della nostra
formazione».C.C.

								
To top