Documents
Resources
Learning Center
Upload
Plans & pricing Sign in
Sign Out

Foglio1 - Sandro Di Remigio.xls

VIEWS: 135 PAGES: 505

									visto   voto   anno nazione genere        titolo
S       10.0   1943 USA     Religioso     BERNADETTE



S       10.0   2003 USA-ITA Religioso     LA PASSIONE DI CRISTO - The Passion



S       10.0   1955 SPA      Religioso    MARCELLINO PANE E VINO




S       9.0    1995 USA      Avventura    BRAVEHEART (Cuore impavido)

S       8.8    1998 USA      Drammatico   THE TRUMAN SHOW




S       8.3    2000 USA      Storico      IL GLADIATORE



S       8.3    1998 ITA      Drammatico   LA VITA È BELLA



S       8.2    1994 USA      Commedia     FORREST GUMP

S       8.2    1993 USA      Drammatico   L'UOMO SENZA VOLTO



S       8.2    1980 USA      Drammatico   THE ELEPHANT MAN




S       8.0    2003 USA      Animazione   ALLA RICERCA DI NEMO
S       8.0    2000 USA      Drammatico   CAST AWAY




S       8.0         ITA                   DON CAMILLO (TUTTI)
S       8.0    1977 USA      Comico       FRANKSTEIN JUNIOR
S       8.0         USA                   L'ERA GLACIALE
S   8.0   1993 USA     Drammatico      SCHINDLER'S LIST - LA LISTA DI SCHINDLER



S   8.0        USA                     SHREK




S   8.0   1988 USA     Doc. musicale   U2 RATTLE AND HUM

S   7.9   2002 ITA     Commedia        CASOMAI




S   7.8   2002 USA-NZ Fantastico       IL SIGNORE DEGLI ANELLI - LE DUE TORRI

S   7.7   2003 ITA     Drammatico      IO NON HO PAURA

S   7.6   2000 USA     Fantascienza    FREQUENCY - IL FUTURO È IN ASCOLTO
S   7.6        ITA                     SIAMO UOMINI O CAPORALI
S   7.6        USA                     THE BLUES BROTHERS
S   7.5   1999 USA     Drammatico      AMERICAN HISTORY X



S   7.5   1996 USA     Drammatico      DEAD MAN WALKING - CONDANNATO A MORTE




S   7.5   1987 USA     Drammatico      GLI INTOCCABILI




S   7.5   2000 USA-NZ Fantastico       IL SIGNORE DEGLI ANELLI - LA COMPAGNIA DELL'ANELLO



S   7.5   1994 USA     Drammatico      LE ALI DELLA LIBERTÀ
S   7.4   1992 USA     Drammatico      ALIVE - SOPRAVVISSUTI

S   7.4   1966 ITA     Western         IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO




S   7.4   2000 USA     Avventura       U-571



S   7.3                Drammatico      ARANCIA MECCANICA
S   7.3   1989 USA   Commedia     L'ATTIMO FUGGENTE




S   7.2   2002 USA   Commedia     ABOUT A BOY




S   7.2   2001 USA   Drammatico   DONNIE DARKO
S   7.2   1999 USA   Fantastico   IL SESTO SENSO

S   7.2   2003 USA   Avventura    MASTER & COMMANDER: SFIDA AI CONFINI DEL MARE

S   7.2       USA    Avventura    RAMBO 1
S   7.2                           ROCKY 2
S   7.2   1997 USA   Drammatico   THE GAME - NESSUNA REGOLA

S   7.2   1988 USA   Comico       UNA PALLOTTOLA SPUNTATA
S   7.1   1995 USA   Drammatico   APOLLO 13

S   7.1   1996 USA   Azione       FACE/OFF

S   7.1   2004 USA   Animazione   GLI INCREDIBILI - UNA NORMALE FAMIGLIA DI SUPEREROI
S   7.1   1999 USA   Biografico     HURRICANE




S   7.1   1995 USA   Giallo         I SOLITI SOSPETTI



S   7.1   1992 ITA   Commedia       PUERTO ESCONDIDO

S   7.1   1998 USA   Drammatico     TITANIC



S   7.1   1993 USA   Drammatico     UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA

S   7.0   2000 USA   Commedia       AMERICAN BEAUTY




S   7.0   1998 USA   Drammatico     ARLINGTON ROAD - L'INGANNO



S   7.0   2001 USA   Guerra         BEHIND ENEMY LINES - DIETRO LE LINEE NEMICHE

S   7.0   2001 USA   Drammatico     BLOW




S   7.0   1997 USA   Fantascienza   CONTACT




S   7.0   1998 ITA   Comico         COSÌ È LA VITA

S   7.0   1982 USA   Fantascienza   E.T




S   7.0   1996 USA   Thriller       EXTREME MEASURES
S   7.0   1994 USA   Horror         FRANKENSTEIN DI MARY SHELLEY
S   7.0        USA    Fantascienza   GUERRE STELLARI




S   7.0   1999 USA    Fantascienza   GUERRE STELLARI: EPISODIO 1 - LA MINACCIA FANTASMA

S   7.0        ITA    Comico         IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI
S   7.0   1990 USA    Thriller       IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI
S   7.0   1997 ITA    Drammatico     Il VIAGGIO DELLA SPOSA

S   7.0                              IO SO CHE TU SAI CHE IO SO
S   7.0   1997 USA    Giallo         IPOTESI DI COMPLOTTO
S   7.0        ITA                   L'ALLENATORE NEL PALLONE
S   7.0   2003 ITA    Drammatico     L'AMORE RITORNA

S   7.0   1997 USA    Thriller       L'AVVOCATO DEL DIAVOLO
S   7.0   2003 USA-GERDrammatico     MONSTER

S   7.0   2003 USA    Drammatico     MYSTIC RIVER



S   7.0        USA                   PEARL HARBOR




S   7.0   2002 ITA    Commedia       PINOCCHIO




S   7.0   1996 USA    Poliziesco     RANSOM

S   7.0        USA    Fantastico     RITORNO AL FUTURO 1
S   7.0   1998 USA    Guerra         SALVATE IL SOLDATO RYAN



S   7.0        USA                   STAR WARS - L'ATTACCO DEI CLONI




S   7.0   1997 ITA    Comico         TRE UOMINI E UNA GAMBA

S   7.0   1991 USA    Commedia       UNA PALLOTTOLA SPUNTATA 2 E 1/2 - L'ODORE DELLA PAURA
S   7.0   1993 USA    Comico         UNA PALLOTTOLA SPUNTATA 33 E 1/3 - L'INSULTO FINALE
S   7.0   2003        Commedia       UNA SETTIMANA DA DIO

S   7.0   1993 GB     Drammatico     VIAGGIO IN INGHILTERRA
S   6.9   2003 USA     Drammatico     21 GRAMMI

S   6.9   1993 USA     Drammatico     BRONX

S   6.9   1990 USA     Avventura      CACCIA A OTTOBRE ROSSO

S   6.9   2000 ITA     Commedia       CHIEDIMI SE SONO FELICE



S   6.9          USA   Thriller       DUEL




S   6.9   1990 ITA     Comico         FANTOZZI ALLA RISCOSSA
S   6.9   1993 ITA     Comico         FANTOZZI VA IN PARADISO

S   6.9   1989 ITA     Comico         FANTOZZI VA IN PENSIONE
S   6.9   1996 ITA     Comico         FANTOZZI: IL RITORNO

S   6.9   1996 USA     Poliziesco     HEAT – LA SFIDA




S   6.9   2004 USA     Fantascienza   IO, ROBOT



S   6.9                               L'ESORCISTA




S   6.9   2002 USA     Drammatico     MONTECRISTO

S   6.9   1998 USA     Thriller       NEMICO PUBBLICO

S   6.9   2004 USA-GB Drammatico      NEVERLAND- UN SOGNO PER LA VITA
S   6.9   2001 USA    Guerra          PEARL HARBOR

S   6.9   1993 ITA                    PUERTO ESCONDIDO




S   6.9   1989 USA     Fantastico     RITORNO AL FUTURO 2
S   6.9   1990 USA     Fantastico     RITORNO AL FUTURO 3

S   6.9   1976                        ROCKY 1
S   6.9                               ROCKY 4
S   6.9        USA                  SPIDERMAN 2
S   6.9   1994 USA     Avventura    TRUE LIES

S   6.8   1987 USA     Poliziesco   BEVERLY HILLS COP II - UN PIEDIPIATTI A BEVERLY HILLS II
S   6.8        USA     Drammatico   BUTTERFLY EFFECT
S   6.8   1988 ITA     Commedia     CARUSO PASKOSKI DI PADRE POLACCO
S   6.8   1993 USA     Commedia     EROE PER CASO



S   6.8   1994 USA     Fantastico   IL CORVO

S   6.8   1990 ITA     Comico       LE COMICHE

S   6.8   2004 USA     Biografico   RAY
S   6.8   2004 USA     Thriller     SECRET WINDOW

S   6.8   2004 ITA     Commedia     TU LA CONOSCI CLAUDIA?




S   6.7   1994 USA     Commedia     BEVERLY HILLS COP III
S   6.7   1991 USA     Thriller     CAPE FEAR - PROMONTORIO DELLA PAURA

S   6.7   1999 USA     Thriller     ECHI MORTALI
S   6.7   1999 USA     Fantastico   IL MIGLIO VERDE



S   6.7   1964 ITA                  IL VANGELO SECONDO MATTEO




S   6.7   1991 ITA     Comico       JOHNNY STECCHINO

S   6.7   2002 USA     Horror       LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE

S   6.7   1991 ITA     Commedia     MALEDETTO IL GIORNO CHE T'HO INCONTRATO

S   6.7   1988 USA     Drammatico   RAIN MAN - L'UOMO DELLA PIOGGIA
S   6.7   1998 USA-FRA Thriller     RONIN

S   6.7   2004 USA     Fantastico   SE MI LASCI TI CANCELLO

S   6.7                Commedia
          2001 ITA-GB-FRA           SOUTH KENSINGTON



S   6.7   1998 USA     Animazione   Z LA FORMICA




S   6.6   2002 GB-EIRE Drammatico   BLOODY SUNDAY

S   6.6   1990 USA     Fantastico   GHOST - FANTASMA

S   6.6   1989 USA     Avventura    INDIANA JONES E L'ULTIMA CROCIATA

S   6.6   2003 USA     Drammatico   LA 25ma ORA

S   6.6   1991 ITA     Comico       LE COMICHE 2
S   6.6   1996 ITA     Commedia     SONO PAZZO DI IRIS BLOND
S   6.6   2003 USA     Fantastico   THE BUTTERFLY EFFECT

S   6.6   2000 USA     Drammatico   THIRTEEN DAYS
S   6.6   1994 USA     Drammatico   VENTO DI PASSIONI
S   6.5        USA     Biografico   A BEAUTIFUL MIND




S   6.5   1998   USA   Animazione   A BUG'S LIFE: MEGAMINIMONDO
S   6.5   1992   ITA   Commedia     AL LUPO AL LUPO
S   6.5   1992   USA   Commedia     BEETHOVEN
S   6.5   2001   USA   Guerra       BLACK HAWK DOWN



S   6.5   1998 USA     Thriller     DELITTO PERFETTO

S   6.5   1982 ITA     Comico       ECCEZZZIUNALE... VERAMENTE

S   6.5   1989 GB      Drammatico   ENRICO V

S   6.5   2000 USA     Drammatico   ERIN BROCKOVICH

S   6.5   1989 ITA     Biografico   FRANCESCO

S   6.5   1987 USA     Guerra       FULL METAL JACKET

S   6.5   2002 USA     Drammatico   GANGS OF NEW YORK

S   6.5        ITA     Religioso    GESÙ DI NAZARETH
S   6.5   1989 USA     Commedia     I GEMELLI

S   6.5   2000 USA     Horror       IL MISTERO DI SLEEPY HOLLOW

S   6.5                Guerra
          2001 GER-GB-EIRE          IL NEMICO ALLE PORTE




S   6.5          USA   Thriller     IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI




S   6.5   1994 ITA     Commedia     LE NUOVE COMICHE

S   6.5   2003 USA     Avventura    L'ULTIMO SAMURAI
S   6.5   1999 USA   Fantascienza   MATRIX




S   6.5   1990 ITA   Commedia       MEDITERRANEO




S   6.5   1990 USA   Drammatico     MUSIC BOX - PROVA D'ACCUSA

S   6.5   1989 USA   Drammatico     REVENGE - VENDETTA

S   6.5   1991 USA   Avventura      ROBIN HOOD, PRINCIPE DEI LADRI

S   6.5   1986 ITA   Farsesco       SETTE CHILI IN 7 GIORNI
S   6.5   2002 USA   Fantascienza   SIGNS

S   6.5   2000 USA   Avventura      SOGNANDO L'AFRICA

S   6.5        USA                  SPIDERMAN




S   6.5   2001 USA   Spionaggio     SPY GAME
S   6.5          USA                      TERMINATOR




S   6.5   2000 USA         Drammatico     THE BIG KAHUNA

S   6.5   1999 USA         Horror         THE BLAIR WITCH PROJECT

S   6.5   2000 GER-USADrammatico          THE MILLION DOLLAR HOTEL

S   6.5   2001 USA         Horror         THE OTHERS




S   6.5   1995 USA         Animazione     TOY STORY - IL MONDO DEI GIOCATTOLI
S   6.5   1987 USA         Drammatico     WALL STREET

S   6.4   1998   USA       Thriller       BREAKDOWN-LA TRAPPOLA
S   6.4   1988   ITA       Commedia       COMPAGNI DI SCUOLA
S   6.4   2003   ITA-SPA   Commedia       È GIÀ IERI
S   6.4   1999   USA       Drammatico     FIGHT CLUB

S   6.4   1998 ITA         Commedia       GALLO CEDRONE
S   6.4   2001 USA         Thriller       HANNIBAL



S   6.4   1994 ITA-FRA Comico             IL MOSTRO

S   6.4                 Drammatico
          1986 ITA-FRA-GER                IL NOME DELLA ROSA

S   6.4   2002 ITA         Drammatico     IL PIÙ BEL GIORNO DELLA MIA VITA

S   6.4   1997 FRA         Fantascienza   IL QUINTO ELEMENTO
S   6.4   2002 ITA         Comico         LA LEGGENDA DI AL, JOHN E JACK

S   6.4   1999 GB          Commedia       NOTTING HILL

S   6.4   1991 ITA         Commedia       PENSAVO FOSSE AMORE E INVECE ERA UN CALESSE

S   6.4   1993 USA         Drammatico     PHILADELPHIA



S   6.4   1987 ITA         Avventura      RENEGADE - UN OSSO TROPPO DURO
S   6.4   1987 USA         Poliziesco     ROBOCOP
S   6.4                                   ROCKY 3
S   6.4   1996 USA         Fantastico     STRANGE DAYS
S   6.4   1989 USA         Poliziesco     TANGO & CASH

S   6.4   2000 USA         Drammatico     UN KM DA WALL STREET

S   6.3   1998   USA       Animazione     ANASTASIA
S   6.3   1987   USA       Poliziesco     ARMA LETALE 1
S   6.3   1989   USA       Poliziesco     ARMA LETALE 2
S   6.3   1992   USA       Poliziesco     ARMA LETALE 3
S   6.3   1998   USA       Poliziesco     ARMA LETALE 4

S   6.3   1992 USA         Thriller       BASIC INSTINCT
S   6.3   1989 USA     Fantastico     BATMAN



S   6.3   1997 USA     Fantastico     BATMAN & ROBIN

S   6.3   1995 USA     Fantascienza   DREDD - LA LEGGE SONO IO

S   6.3   1999 USA     Poliziesco     ENTRAPMENT - IN TRAPPOLA

S   6.3        USA     Drammatico     FINAL DESTINATION 2
S   6.3   1999 USA     Thriller       IL COLLEZIONISTA DI OSSA

S   6.3   1993 USA     Commedia       IL FIGLIO DELLA PANTERA ROSA

S   6.3   1993 USA     Giallo         IL FUGGITIVO

S   6.3   1998 ITA     Commedia       IL SIGNOR QUINDICIPALLE

S   6.3   1993 USA     Fantastico     JURASSIC PARK



S   6.3   1998 USA     Avventura      LA MASCHERA DI ZORRO

S   6.3   2000 USA     Horror         LE VERITÀ NASCOSTE

S   6.3   2003 USA     Fantascienza   MATRIX RELOADED



S   6.3   2000 USA     Thriller       MEMENTO
S   6.3   2003 USA     Commedia       MONNA LISA SMILE

S   6.3   2004   ITA   Drammatico     NON TI MUOVERE
S   6.3   2003   USA   Fantascienza   PAYCHECK
S   6.3   1991   ITA   Commedia       PIEDIPIATTI
S   6.3   1987   USA   Avventura      PREDATOR
S   6.3   1990   USA   Drammatico     RISVEGLI

S   6.3   1990 USA     Fantascienza   ROBOCOP 2

S   6.3   2004 USA     Commedia       SHALL WE DANCE?



S   6.3   1989 USA     Drammatico     SORVEGLIATO SPECIALE

S   6.3   2004 USA     Avventura      SPIDER MAN 2




S   6.3   1995 ITA     Comico         VIAGGI DI NOZZE

S   6.2   1999 GER-USADrammatico      8MM-DELITTO A LUCI ROSSE

S   6.2   1992 USA     Fantastico     BATMAN - IL RITORNO



S   6.2   1995 USA     Fantastico     BATMAN FOREVER

S   6.2   1986 USA     Fantastico     CORTO CIRCUITO
S   6.2   1988 USA     Commedia       CORTO CIRCUITO 2
S   6.2   1998 USA     Fantastico     DEEP IMPACT

S   6.2   1995 USA     Avventura      DIE HARD - DURI A MORIRE
S   6.2   2000 FRA     Drammatico     I FIUMI DI PORPORA

S   6.2   1999 USA-GERFantastico      IL TREDICESIMO PIANO

S   6.2   2001 ITA     Commedia       MARI DEL SUD



S   6.2   1990 FRA     Thriller       NIKITA

S   6.2   2002 USA     Thriller       RED DRAGON



S   6.2   1999 USA     Thriller       RESURRECTION

S   6.2   1999 USA     Fantascienza   VIRUS

S   6.1                Commedia
          2003 GB-USA-OLA-FRA         ANYTHING ELSE



S   6.1   1998 USA     Fantascienza   ARMAGEDDON-GIUDIZIO FINALE
S   6.1   1997 USA     Thriller       CODICE MERCURY
S   6.1   2001 USA     Azione         CODICE: SWORDFISH




S   6.1   2001 USA     Commedia       IL DIARIO DI BRIDGET JONES



S   6.1   1998 USA     Fantastico     IL DOTTOR DOLITTLE
S   6.1   2001 USA     Comico         IL DOTTOR DOLITTLE 2




S   6.1   2002 USA     Drammatico     JOHN Q




S   6.1   2002 ITA     Drammatico     LA FINESTRA DI FRONTE

S   6.1   2001 ITA     Drammatico     L'ULTIMO BACIO




S   6.1   1990 USA     Commedia       MAMMA HO PERSO L'AEREO
S   6.1   1992 USA     Commedia       MAMMA HO RIPERSO L'AEREO: MI SONO SMARRITO A NEW YORK
S   6.1   2000 USA     Avventura      MISSION IMPOSSIBLE 2
S   6.1   2001 SPA     Drammatico         PARLA CON LEI




S   6.1   1990 USA     Commedia           PRETTY WOMAN

S   6.1   2002 USA     Avventura          SPIDER MAN

S   6.1   1998 USA     Commedia           TUTTI PAZZI PER MARY
S   6.1   2000 USA     Drammatico         UNBREAKABLE - IL PREDESTINATO

S   6.0   1996 GB      Avventura          007 GOLDENEYE

S   6.0   1998 USA     Avventura          007 IL DOMANI NON MUORE MAI

S   6.0   1998 USA     Fantastico         AL DI LÀ DEI SOGNI



S   6.0   1993 USA     Animazione         ALADDIN
S   6.0   2002 ITA-SPA Commedia           AMNÈSIA

S   6.0   2001 USA     Commedia           AMORE A PRIMA SVISTA

S   6.0   1982 ITA     Comico             ATTILA FLAGELLO DI DIO
S   6.0   1990 USA     Fantascienza       ATTO DI FORZA

S   6.0   2001 USA     Thriller           BANDITS




S   6.0        USA     Giallo             BASIC ISTINCT
S   6.0   2001 GB      Comm. drammatica   BIRTHDAY GIRL

S   6.0   2003 ITA     Comm. drammatica   CATERINA VA IN CITTÀ



S   6.0   2004 GB      Commedia           CHE PASTICCIO, BRIDGET JONES!




S   6.0   1993 USA     Avventura          CLIFFHANGER

S   6.0   1986 USA     Poliziesco         COBRA
S   6.0   1986 USA     Avventura          CODICE MAGNUM

S   6.0   1997 USA     Poliziesco         COP LAND

S   6.0        USA                        DADDY DAY CARE
S   6.0   2002 USA     Thriller           DON'T SAY A WORD

S   6.0   2001 USA     Azione             DRIVEN

S   6.0        USA     Commedia           E ALLA FINE ARRIVA POLLY
S   6.0   2000 USA     Thriller       FEMME FATALE

S   6.0        FRA     Giallo         FIUMI DI PORPORA
S   6.0   1997 ITA     Comico         FUOCHI D'ARTIFICIO




S   6.0   2000 USA     Azione         FUORI IN SESSANTA SECONDI

S   6.0   1995 GB-USA Azione          GOLDEN EYE
S   6.0   1982 ITA    Commedia        GRAND HOTEL EXCELSIOR

S   6.0   1986 ITA     Comico         GRANDI MAGAZZINI

S   6.0   2001 USA     Fantascienza   HARRY POTTER E LA PIETRA FILOSOFALE




S   6.0   2004 USA     Drammatico     I DIARI DELLA MOTOCICLETTA
S   6.0   1996 ITA     Commedia       IL CICLONE

S   6.0   2002 USA     Commedia       IL MIO GROSSO GRASSO MATRIMONIO GRECO

S   6.0   2003 ITA     Commedia       IL PARADISO ALL'IMPROVVISO
S   6.0   1986 ITA     Commedia       IL RAGAZZO DEL PONY EXPRESS

S   6.0   1993 ITA     Comico         IL SILENZIO DEI PROSCIUTTI
S   6.0   1999 USA     Avventura      IL TALENTO DI MR. RIPLEY

S   6.0   1996 USA     Fantascienza   INDEPENDENCE DAY

S   6.0   2002 USA     Thriller       INSOMNIA
S   6.0   1997 USA     Avventura      JURASSIC PARK - IL MONDO PERDUTO
S   6.0   1992 USA     Animazione     LA BELLA E LA BESTIA
S   6.0                               LA CASA DI VETRO
S   6.0   2000 USA     Comico         LA FAMIGLIA DEL PROFESSORE MATTO

S   6.0   1999 USA     Avventura      LA FIGLIA DEL GENERALE

S   6.0   1989 USA     Commedia       LA GUERRA DEI ROSES

S   6.0   2003 USA                    LA MALEDIZIONE DELLA PRIMA LUNA

S   6.0   1986 USA     Horror         LA MOSCA
S   6.0   1999 USA     Avventura      LA MUMMIA

S   6.0   1993 ITA     Drammatico     LA SCORTA




S   6.0   1989 USA     Animazione     LA SIRENETTA
S   6.0   2004 USA-GB Drammatico      L'ALBA DEL GIORNO DOPO
S   6.0                Avventura
          1988 USA-FRA-ITA            LE GRAND BLEU
S   6.0   1994 USA     Thriller       LO SPECIALISTA

S   6.0   1987 USA    Avventura       LO SQUALO 4 - LA VENDETTA
S   6.0   2003 USA    Commedia        LOVE ACTUALLY- L'AMORE DAVVERO
S   6.0   2000 USA-GERHorror          L'UOMO SENZA OMBRA

S   6.0   1996 USA     Spionaggio     MISSION IMPOSSIBLE

S   6.0   2000 USA     Fantascienza   MISSION TO MARS

S   6.0   1986 AUSLIA Commedia        MR. CROCODILE DUNDEE
S   6.0               Avventura
          1988 USA-AUSLIA             MR. CROCODILE DUNDEE II
S   6.0   1993 USA    Commedia        MRS. DOUBTFIRE - MAMMO PER SEMPRE

S   6.0   2002 ITA     Commedia       MY NAME IS TANINO
S   6.0   2002 ITA     Comico         NATI STANCHI

S   6.0   1987 USA     Horror         NIGHTMARE
S   6.0   2001 USA     Azione         OCEAN'S ELEVEN

S   6.0   2003 USA-CAN Horror         ORE 11:14 - DESTINO FATALE




S   6.0   1986 USA     Commedia       OVER THE TOP

S   6.0   1996 ITA     Poliziesco     PALERMO-MILANO SOLO ANDATA
S   6.0   1991 ITA     Commedia       PARENTI SERPENTI

S   6.0   1998 USA     Commedia       PATCH ADAMS

S   6.0   1995 USA     Animazione     POCAHONTAS
S   6.0   1990 USA     Fantastico     PREDATOR 2

S   6.0        USA     Avventura      RAMBO 2
S   6.0   1988 USA     Avventura      RAMBO 3

S   6.0   1993 USA     Comico         ROBIN HOOD - UN UOMO IN CALZAMAGLIA

S   6.0   2001 USA     Thriller       S.Y.N.A.P.S.E - PERICOLO IN RETE

S   6.0   1986 ITA     Farsesco       SCUOLA DI LADRI
S   6.0   1987 ITA     Farsesco       SCUOLA DI LADRI - PARTE SECONDA
S   6.0   1986 USA     Comico         SCUOLA DI POLIZIA 3: TUTTO DA RIFARE

S   6.0   1989 USA     Commedia       SENTI CHI PARLA

S   6.0   1990   USA   Commedia       SENTI CHI PARLA 2
S   6.0   1993   USA   Commedia       SENTI CHI PARLA ADESSO!
S   6.0   1998   USA   Commedia       SLIDING DOORS
S   6.0   1994   USA   Avventura      SPEED

S   6.0   1997 USA     Thriller       SPEED 2
S   6.0   1986 ITA     Comico         SUPERFANTOZZI
S   6.0                               SYNAPSE
S   6.0                               TAXI
S   6.0   1999 USA     Commedia       TERAPIA E PALLOTTOLE

S   6.0   1991 USA     Fantascienza   TERMINATOR 2 - IL GIORNO DEL GIUDIZIO

S   6.0   2003 USA     Fantascienza   THE CORE

S   6.0   1997 USA     Thriller       THE PEACEMAKER
S   6.0   1996 USA      Avventura      THE ROCK

S   6.0   1988 USA      Thriller       TRAPPOLA DI CRISTALLO - A UN PASSO DALL'INFERNO
S   6.0        USA                     TWO WEEKS NOTICE
S   6.0                                UN CORPO DA REATO
S   6.0   1999 ITA-GB   Biografico     UN TÈ CON MUSSOLINI



S   6.0                                V ELEMENTO
S   6.0   1993 USA      Fantastico     VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA

S   6.0   1995 USA      Drammatico     VIRUS LETALE

S   6.0   1982 ITA      Commedia       VIUUULENTEMENTE... MIA

S   6.0                 Catastrofico   VULCANO
S   6.0   2000 USA      Commedia       WHAT WOMEN WANT




S   6.0   1997 USA      Drammatico     WILL HUNTING - GENIO RIBELLE

S   6.0   2002 USA-RC Azione           XXX

S   5.9   2003 ITA      Drammatico     3 METRI SOPRA LA CIELO
S   5.9   2004 USA      Fantastico     CATWOMAN



S   5.9   2000 USA      Avventura      CHARLIE'S ANGELS

S   5.9   2003 USA      Commedia       DUE SETTIMANE PER INNAMORARSI

S   5.9   2000 USA      Horror         FINAL DESTINATION

S   5.9                Giallo
          2001 GB-USA-GER              GOSFORD PARK




S   5.9   2001 ITA      Avventura      I CAVALIERI CHE FECERO L'IMPRESA




S   5.9   2001 USA      Commedia       I TENENBAUM

S   5.9   1997 USA      Commedia       IL MATRIMONIO DEL MIO MIGLIORE AMICO

S   5.9   2003 ITA      Commedia       L'AMORE È ETERNO FINCHÈ DURA
S   5.9   1999 USA      Drammatico   LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

S   5.9   2001 GER      Thriller     L'ESPERIMENTO

S   5.9   1997 USA      Fantastico   MEN IN BLACK

S   5.9   1993 USA      Drammatico   MY LIFE - QUESTA MIA VITA

S   5.9   2000 ITA      Commedia     PANE E TULIPANI



S   5.9   2001 USA      Commedia     PRIMA O POI MI SPOSO

S   5.9   2000 USA      Thriller     RAPIMENTO E RISCATTO




S   5.9   2003 ITA      Drammatico   RICORDATI DI ME

S   5.9   1999 USA      Commedia     SE SCAPPI, TI SPOSO

S   5.9   1997 USA      Avventura    SETTE ANNI IN TIBET
S   5.9   1992 USA      Commedia     SISTER ACT - UNA SVITATA IN ABITO DA SUORA

S   5.9   2000 FRA      Commedia     TAXXI

S   5.9   2004 USA-GERThriller       THE BOURNE SUPREMACY




S   5.9   1996 USA      Drammatico   TWISTER
S   5.8   1997 ITA      Comico       A SPASSO NEL TEMPO: L'AVVENTURA CONTINUA

S   5.8   1988 USA      Commedia     COCKTAIL



S   5.8   2001 USA      Azione       FAST AND FURIOUS




S   5.8   1993 FRA-GB Drammatico     LUNA DI FIELE



S   5.8   2003 GIA      Horror       THE CALL - NON RISPONDERE



S   5.8   1987 USA      Commedia     TRE SCAPOLI E UN BEBÈ
S   5.8   1998 USA      Drammatico   VI PRESENTO JOE BLACK

S   5.7   1999 USA      Commedia     AMERICAN PIE

S   5.7   1999 USA      Drammatico   BOYS DON'T CRY

S   5.7   1998   USA    Fantastico   CITY OF ANGELS - LA CITTÀ DEGLI ANGELI
S   5.7   1989   USA    Commedia     NON GUARDARMI: NON TI SENTO
S   5.7   1998   USA    Thriller     PIOGGIA INFERNALE
S   5.7   1989   USA    Commedia     QUATTRO PAZZI IN LIBERTÀ
S   5.6   1987 USA      Comico         BALLE SPAZIALI
S   5.6   1998 USA      Azione         BLADE

S   5.6   2001 USA      Sentimentale   BOUNCE




S   5.6   1987 USA      Musicale       DIRTY DANCING - BALLI PROIBITI
S   5.6   2000 ITA      Drammatico     LA STANZA DEL FIGLIO




S   5.6   2000 TW-USA Avventura        LA TIGRE E IL DRAGONE




S   5.6   2004 USA      Commedia       PALLE AL BALZO - DODGEBALL

S   5.5   1991 ITA      Commedia       ABBRONZATISSIMI

S   5.5   2003 USA      Commedia       COME FARSI LASCIARE IN 10 GIORNI

S   5.5   2001 ITA      Storico        IL MESTIERE DELLE ARMI




S   5.5        ITA                     LA STANZA DEL FIGLIO




S   5.5   2000 USA      Drammatico     LE REGOLE DELLA CASA DEL SIDRO

S   5.5   1994 USA      Fantascienza   STARGATE - L'AVVENTURA

S   5.5   2004 USA      Poliziesco     STARSKY & HUTCH




S   5.5   1999 USA      Fantastico     STIGMATE

S   5.5   2000 USA      Azione         VERTICAL LIMIT

S   5.4   2002 HK-CIN   Drammatico     HERO
S   5.4   2002 USA     Avventura      LE QUATTRO PIUME

S   5.4        USA     Horror         MY LITTLE EYE
S   5.4   2002 ITA     Biografico     UN VIAGGIO CHIAMATO AMORE



S   5.2   2002 USA-GB Thriller        28 GIORNI DOPO
S   5.2   2004 USA    Commedia nera   LA DONNA PERFETTA



S   5.2   1997 GB      Comico         MR. BEAN L'ULTIMA CATASTROFE
S   5.0   1993 USA     Comico         ACE VENTURA: L'ACCHIAPPANIMALI
S   5.0   2000 ITA     Commedia       C'ERA UN CINESE IN COMA

S   5.0   1996 USA     Horror         DAL TRAMONTO ALL'ALBA

S   5.0   1999 USA     Commedia       DESTINI INCROCIATI

S   5.0   2004 ITA     Sentimentale   L'AMORE RITROVATO




S   5.0   1986 USA     Erotico        NOVE SETTIMANE E MEZZO
S   5.0   2001 USA     Drammatico     O COME OTELLO
S   5.0   1998 USA     Poliziesco     OUT OF SIGHT - GLI OPPOSTI SI ATTRAGGONO

S   5.0   2004 ITA     Drammatico     OVUNQUE SEI

S   5.0   1999 USA     Commedia       PASSION OF MIND
S   5.0                Fantascienza
          2002 USA-GB-GER             RESIDENT EVIL




S   5.0   2000 USA     Thriller       THE SKULLS - I TESCHI

S   5.0   1999 USA     Drammatico     TITUS

S   5.0   1986 USA     Horror         VENERDÌ 13: JASON VIVE
S   4.9   2000 ITA     Commedia       BODYGUARDS



S   4.9   2004 USA     Commedia       CLOSER

S   4.9   2003 USA                    LA LEGGENDA DEGLI UOMINI STRAORDINARI



S   4.7   1996 CAN     Fantastico     HACKERS
S   4.5                Spionaggio
          2004 FRA-GB-GER-SPA         AGENTS SECRETS
S   4.5   2002 FRA      Drammatico     IRREVERSIBILE




S   4.5   1987 USA      Comico         LA RIVINCITA DEI NERDS 2

S   4.5   1987 ITA      Farsesco       RIMINI RIMINI
S   4.0   2002 Usa                     CHARLIE'S ANGELS PIÙ CHE MAI
S   4.0   1999 USA      Fantascienza   HAUNTING PRESENZE

S   4.0                Drammatico
          2003 ITA-GB-FRA              THE DREAMERS - I SOGNATORI

S   4.0   2001 GB       Thriller       THE HOLE
S   3.9   2002 GB       Drammatico     MAGDALENE




S   3.7                                LA STORIA INFINITA
S   3.5        USA                     ALASKA
S   3.4   2001 GB       Horror         THE CALLING - LA CHIAMATA

S   3.0   1987 USA-ITA Fantastico      THE BARBARIANS
S   2.0   1990 ITA     Erotico         PAPRIKA
N   7.0   1994 USA    Hard boiled    PULP FICTION




N                                    13 VARIAZIONI SUL TEMA




N         2001 USA    Poliziesco     15 MINUTI. FOLLIA OMICIDA A NEW YORK



N                     Fantascienza   2001: ODISSEA NELLO SPAZIO




N         2002 USA-GB Commedia       40 GIORNI E 40 NOTTI

N         1946                       A CIASCUNO IL SUO DESTINO
N         1971                       A CLOCKWORK ORANGE
N         1997 GB     Drammatico     A FIOR DI PELLE

N                                    A L'ATTAQUE




N         1951                       A PLACE IN THE SUN
N         1991 USA    Commedia       A PROPOSITO DI HENRY

N         2002 USA    Drammatico     A PROPOSITO DI SCHMIDT

N                     Commedia       A QUALCUNO PIACE CALDO




N         1998                       A SPASSO CON DAISY
N         1951                       A STREETCAR NAMED DESIRE
N   2001 FRA   Drammatico     A TEMPO PIENO




N   2001 USA   Fantascienza   A.I. INTELLIGENZA ARTIFICIALE



N   2003 ITA   Commedia       A/R ANDATA+RITORNO



N   1934                      ACCADDE UNA NOTTE
N   2001 ITA   Animazione     AIDA DEGLI ALBERI
N   1999 USA   Drammatico     AL DI LÀ DELLA VITA




N                             AL POSTO DEL CUORE




N   2002 USA   Biografico     ALÌ




N              Fantascienza   ALIEN
N   1986 USA   Fantascienza   ALIENS - SCONTRO FINALE
N   1950                      ALL ABOUT EVE
N   1930                      ALL QUIET ON THE WESTERN FRONT
N   2001 ITA   Commedia       ALLA RIVOLUZIONE SULLA DUE CAVALLI



N   2001 USA   Commedia       ALMOST FAMOUS - QUASI FAMOSI

N   1984       Biografico     AMADEUS
N                             AMARCORD
N              Storico        AMEN




N   2002 FRA   Storico        AMEN
N   1973                      AMERICAN GRAFFITI
N   1997 USA   Drammatico     AMISTAD



N                             AMORE E GUERRA
N   2001 ITA     Commedia     AMORES PERROS

N   1951                      AN AMERICAN IN PARIS
N   1998 USA     Thriller     ANALISI DI UN DELITTO

N   1966         Drammatico   ANDREI ROUBLEV




N                             ANNA DEI MIRACOLI
N   1977                      ANNIE HALL
N   1979         Guerra       APOCALYPSE NOW
N                Guerra       APOCALYPSE NOW REDUX




N                             ARIZONA DREAM
N                             ARIZONA JUNIOR
N   1987 FRA     Drammatico   ARRIVEDERCI RAGAZZI




N   1994 USA     Drammatico   ASSASSINI NATI - NATURAL BORN KILLERS




N   1996 USA     Giallo       ASSASSINS

N                Comico
    2001 BEL-FRA-OLA          ASSOLUTAMENTE FAMOSI!




N   2001 USA     Animazione   ATLANTIS: L'IMPERO PERDUTO
N   1998 USA     Azione       ATTACCO AL POTERE

N   1987 USA     Drammatico   ATTRAZIONE FATALE
N   2000 USA     Drammatico   AUTUMN IN NEW YORK




N                             BAISE MOI




N   1990 USA     Western      BALLA COI LUPI
N   1962       Storico        BARABBA




N   2001 IRA   Drammatico     BARAN
N                             BARRIERA INVISIBILE
N                             BARRY LYNDON
N                             BARTON FINK
N                             BELLE AL BAR
N   1959       Storico        BEN-HUR
N                             BETTY LOVE




N                             BIANCA




N              Comico         BIANCO, ROSSO E VERDONE
N   2003 USA   Fiabesco       BIG FISH - LE STORIE DI UNA VITA INCREDIBILE



N                             BILLY ELLIOT




N   1982       Fantascienza   BLADE RUNNER




N   1967                      BONNIE AND CLYDE
N   1956                      BRAMA DA VIVERE
N                             BRIAN DI NAZARETH
N   1938                      BRINGING UP BABY
N                             BROADWAY DANNY ROSE
N                             BRUCIO NEL VENTO




N   1969                      BUTCH CASSIDY AND THE SUNDANCE KID
N   1971                     CANE DI PAGLIA



N                            CANTANDO SOTTO LA PIOGGIA
N   1937                     CAPITANI CORAGGIOSI
N   1993 USA    Drammatico   CARLITO'S WAY




N               Drammatico   CARO DIARIO
N   1942                     CASABLANCA
N                            CASINÒ
N                            CENTRAL DO BRASIL




N               Western      C'ERA UNA VOLTA IL WEST
N                            C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA




N   1974                     CHINATOWN
N   2000 USA    Commedia     CHOCOLAT




N   1936                     CIN CIN
N   1941                     CITIZEN KANE
N   1931        Drammatico   CITY LIGHTS
N                            CLERKS
N   1977                     CLOSE ENCOUNTERS OF THE THIRD KIND
N   1999 USA-GERDrammatico   COLPEVOLE D'INNOCENZA

N                            COMMEDIA SEXY IN UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
N               Drammatico   CONDANNATO A MORTE PER MANCANZA DI INDIZI
N                            CONTA SU DI ME




N               Thriller     COP LAND




N                            CRIMINI E MISFATTI
N                            CROCEVIA DELLA MORTE
N                            CUL DE SAC
N   1989 USA      Drammatico   CUORE SELVAGGIO



N   1992 USA      Commedia     CUORI RIBELLI
N   1990                       DANCES WITH WOLVES
N   1988 USA      Poliziesco   DANKO

N                              DANTON
N   1995 USA      Drammatico   DEAD MAN
N                              DEBITO DI SANGUE




N                              DECALOGO
N                              DERSU UZALA
N   1943                       DIES IRAE(*)
N   2000 USA      Animazione   DINOSAURI
N   1950                       DIO HA BISOGNO DEGLI UOMINI (*)
N   1965                       DOCTOR ZHIVAGO
N                              DOLORES CLAIBORNE
N                              DONNE SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI
N   1944                       DOUBLE INDEMNITY
N   1964                       DR. STRANGELOVE
N                              D-TOX




N   1933                       DUCK SOUP
N   1977                       DUE VITE UNA SVOLTA
N                              E POI BRESSON (TUTTI O QUASI
N   1969                       EASY RIDER
N   1990 USA      Fantastico   EDWARD MANI DI FORBICE

N                Thriller
    2002 USA-GB-GER            ENIGMA

N                              ERASERHEAD
N                              ESSI VIVONO




N   1950                       EVA CONTRO EVA
N   1996 USA      Biografico   EVITA
N                            EVOLUTION




N                            EXCALIBUR
N               Drammatico   EYES WIDE SHUT
N   1940                     FANTASIA
N   1996                     FARGO
N                            FEBBRE A 90°




N   1986 USA    Drammatico   FIGLI DI UN DIO MINORE
N               Drammatico
    1991 FRA-GER-AUSTLA      FINO ALLA FINE DEL MONDO




N                            FIORE DI CACTUS
N                            FIUME ROSSO
N                            FRAILTY




N   1931                     FRANKENSTEIN
N                            FRATELLI
N                             FRATELLO, DOVE SEI?




N   1953                      FROM HERE TO ETERNITY
N   1954                      FRONTE DEL PORTO
N   1996 USA   Drammatico     FUGA DA LOS ANGELES
N   1968                      FUNNY GIRL
N                             GALAXY QUEST




N   1982                      GANDHI
N                             GANGSTER STORY




N   1998 USA   Fantascienza   GATTACA - LA PORTA DELL'UNIVERSO

N   1980                      GENTE COMUNE
N   1956                      GIANT
N   1999 FRA   Storico        GIOVANNA D'ARCO



N                             GIÙ LA TESTA
N                             GLI ANNI IN TASCA DI TRUFFAUT
N   1992 USA   Western        GLI SPIETATI




N                             GLI UCCELLI
N                             GO NOW
N                             GODARD
N   1939                      GONE WITH THE WIND
N   1987 USA   Commedia       GOOD MORNING VIETNAM
N   2003 GER   Commedia       GOODBYE, LENIN!
N   1990                      GOODFELLAS
N   1986 USA   Avventura      GROSSO GUAIO A CHINATOWN
N   1967                      GUESS WHO'S COMING TO DINNER
N                             HANA BI
N                             HAPPINESS




N                             HARRY A PEZZI
N                             HARRY TI PRESENTO SALLY
N   1952                      HIGH NOON
N   1986 USA-GB Fantastico    HIGHLANDER - L'ULTIMO IMMORTALE
N   1991 USA    Fantastico    HOOK

N                             I BANCHIERI DI DIO (IL PAPA MAFIOSO)
N                             I CANCELLI DEL CIELO




N                             I CENTO PASSI




N                             I FIGLI DEL DESERTO
N                             I GIORNI DEL VINO E DELLE ROSE
N   1946                      I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA
N                             I MISERABILI
N                             I NOSTRI ANNI




N                             I PREDATORI DELL'ARCA PERDUTA
N                             I QUATTROCENTO COLPI




N   1990 USA     Poliziesco   I SEGRETI DI TWIN PEAKS
N                             I SETTE SAMURAI
N                           I SOLITI IGNOTI
N                           IL BUIO OLTRE LA SIEPE
N                           IL CACCIATORE
N                           IL CASANOVA DI FEDERICO FELLINI
N                           IL CASTELLO




N                           IL CATTIVO TENENTE




N                           IL CERCHIO




N                           IL CIELO SOPRA BERLINO




N   1987 GER   Fantastico   IL CIELO SOPRA BERLINO

N   1998 USA   Thriller     IL COLLEZIONISTA

N                           IL COLORE VIOLA
N                           IL DOTTOR STRANAMORE
N                           IL FASCINO DISCRETO DELLA BORGHESIA
N                           IL GIORNO DELLA CIVETTA
N   1996 USA   Animazione   IL GOBBO DI NOTRE DAME
N              Grottesco    IL GRANDE DITTATORE




N   1998 USA   Commedia     IL GRANDE LEBOWSKI




N                           IL GRANDE LEBOWSKY
N                           IL GRANDE SONNO
N                           IL LADRO DI BAMBINI




N   1992 ITA   Drammatico   IL LADRO DI BAMBINI

N                           IL LAUREATO




N                           IL MANDOLINO DEL CAPITANO CORELLI




N                           IL MISTERO DEL FALCO
N                           IL MUCCHIO SELVAGGIO
N   1998 USA   Thriller     IL NEGOZIATORE

N                           IL PADRINO
N   1990 USA   Drammatico   IL PADRINO PARTE III

N                           IL PARADISO PERDUTO




N   1996 USA   Drammatico   IL PAZIENTE INGLESE



N                           IL PIANETA DELLE SCIMMIE (1967)
N   1988 ITA   Commedia     IL PICCOLO DIAVOLO
N   1994 ITA   Commedia     IL POSTINO
N   1987 DAN     Commedia       IL PRANZO DI BABETTE




N   1999 USA     Drammatico     IL PREZZO DELLA LIBERTA

N   1995 USA     Sentimentale   IL PROFUMO DEL MOSTO SELVATICO

N                               IL RE DEI GIARDINI DI MARVIN DI BOB RAFELSON
N   1994 USA     Animazione     IL RE LEONE

N                               IL RE SCORPIONE




N   1997 USA     Avventura      IL SANTO

N   2000 EIRE-GB Spionaggio     IL SARTO DI PANAMA



N                               IL SETTIMO SIGILLO
N   1993 USA     Thriller       IL SOCIO

N                               IL SORPASSO
N   1992 USA     Fantastico     IL TAGLIAERBE
N                               IL TAMBURO DI LATTA
N                               IL TEMPO DEI CAVALLI UBRIACHI




N                               IL TERZO UOMO




N   1997 USA     Fantastico     IL TOCCO DEL MALE

N                               IL TORO
N                           IL VIAGGIO DI FELICIA




N                           ILLUMINAZIONE




N   1999 USA   Drammatico   IN FONDO AL CUORE

N                           IN THE MOOD FOR LOVE DI WONG KAR WAI
N                           INCONTRI RAVVICINATI
N   1967                    INDOVINA CHI VIENE A CENA
N                           INSIDER




N   1999 USA   Avventura    INSIDER DIETRO LA VERITÀ

N                           INTRIGO INTERNAZIONALE
N                           IO & ANNIE
N   1934                    IT HAPPENED ONE NIGHT
N                           ITALIANO PER PRINCIPIANTI




N   1946                    IT'S A WONDERFUL LIFE
N   1997 USA   Thriller     JACKAL

N                           JACKIE BROWN
N   1999 USA   Commedia     JAKOB IL BUGIARDO

N   1975                    JAWS
N   1996 USA   Drammatico   JERRY MAGUIRE




N                           JESUS CHRIST SUPERSTAR
N   1991 USA     Drammatico   JFK - UN CASO ANCORA APERTO




N   1993 ITA-FRA Drammatico   JONA CHE VISSE NELLA BALENA

N                             JURASSIC PARK III




N                             KAGEMUSHA
N   1933                      KING KONG
N   1986 USA     Fantastico   KING KONG 2
N                             KING OF NEW YORK
N   2001 USA     Drammatico   K-PAX: DA UN ALTRO MONDO



N   1979                      KRAMER CONTRO KRAMER
N                             KRISTIN FIGLIA DI LAVRANS
N                             L' ULTIMO BACIO




N   1997 USA     Poliziesco   L.A. CONFIDENTIAL

N                             L’ALBERO DI ANTONIA
N                             L’APPARENZA INGANNA
N                             L’ARMATA BRANCALEONE
N                             L’ATTIMO FUGGENTE
N                             L’ESORCISTA
N                             L’ORA DI RELIGIONE
N                             L’UOMO CHE NON C’ERA
N                             LA CONVERSAZIONE




N                             LA CORAZZATA POTEMKIN
N                             LA DOLCE VITA (F.FELLINI)
N                             LA DOTTORESSA AL DISTRETTO MILITARE
N                             LA FIAMMA DEL PECCATO
N                             LA GRANDE ABBUFFATA
N   1999 ITA     Commedia     LA GUERRA DEGLI ANTÒ

N                             LA LEGGE DEL MITRA
N   1991 USA     Drammatico   LA LEGGENDA DEL RE PESCATORE




N                             LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE




N   1988 ITA-FRA Drammatico   LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE
N   1995 USA     Drammatico   LA LETTERA SCARLATTA

N                             LA LISTA DI SCHINDLER
N                             LA MALA EDUCACION
N                             LA MORTE CORRE SUL FIUME
N                             LA MUMMIA - IL RITORNO




N                             LA NOBILDONNA E IL DUCA




N   1999 FRA-SPA Horror       LA NONA PORTA

N                             LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI
N                           LA PASSIONE DI GIOVANNA D'ARCO




N                           LA RABBIA GIOVANE




N                           LA RICOTTA (P.P PASOLINI)
N                           LA SCALA A CHIOCCIOLA E I GANGSTER DI SIODMAK
N                           LA SCIANTOSA (GIANNELLI)
N                           LA SERA DELLA PRIMA
N                           LA SETTIMA STANZA
N   1942                    LA SIGNORA MINIVER
N                           LA SOTTILE LINEA ROSSA




N   1998 USA   Guerra       LA SOTTILE LINEA ROSSA



N   1996 USA   Drammatico   LA STANZA DI MARVIN

N                           LA STRADA
N                          LA STRADA DI FELIX




N                          LA STRADA VERSO CASA




N                          LA VITA È MERAVIGLIOSA
N                          LADRI DI BICICLETTE




N   1993 GB   Drammatico   LADYBIRD LADYBIRD




N             Drammatico   L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI(*)
N                          LAMERICA
N                            LANTANA




N                            L'APPARENZA INGANNA




N                            L'APPARTAMENTO
N   1962                     LAWRENCE OF ARABIA
N   1992 USA   Hard boiled   LE IENE



N   1996 DAN   Drammatico    LE ONDE DEL DESTINO




N   1988 USA   Drammatico    LE RELAZIONI PERICOLOSE

N   1990 SPA   Drammatico    LÉGAMI

N                            L'ESTATE DI KIKUJIIRO




N                            LEZIONI DI PIANO
N                            LIMELIGHT (CHARLES CHAPLIN)
N                            L'IMPLACABILE




N                            L'INQUILINO DEL TERZO PIANO
N              Drammatico     LO SPECCHIO




N                             L'ODIO
N   1985                      L'ONORE DEI PRIZZI
N                             LONTANO DAL PARADISO
N                             L'ORA DI RELIGIONE




N                             LOST SOULS (LA PROFEZIA)




N                             LUCI DELLA CITTA'
N              Drammatico     LUCI D'INVERNO




N                             L'ULTIMO CAPODANNO
N   1992 USA   Western        L'ULTIMO DEI MOHICANI
N                             L'UOMO CHE NON C'ERA




N                             L'UOMO CHE SAPEVA TROPPO




N   1998 USA   Sentimentale   L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

N                             L'URLO DI CHEN TERRORIZZA L'OCCIDENTE
N   1970                    M*A*S*H
N   1998 USA   Drammatico   MAD CITY - ASSALTO ALLA NOTIZIA

N                           MAGNIFICAT
N                           MAGNOLIA




N                           MALENA (TORNATORE)




N   1999 USA   Biografico   MAN ON THE MOON




N                           MANHATTAN
N                           MEAN STREETS
N   1989 ITA   Drammatico   MERY PER SEMPRE



N   1969                    MIDNIGHT COWBOY
N                           MILANO CALIBRO 9
N   1986       Storico      MISSION




N   1986 GB    Drammatico   MISSION
N                           MISTER HULA HOOP
N                           MISTERIOSO OMICIDIO A MANHATTAN
N   1936                    MODERN TIMES
N                           MOMENTI DI GLORIA
N                            MONSTER & CO




N   2002                     MONSTER'S BALL
N                            MOULIN ROUGE




N   1939                     MR. SMITH GOES TO WASHINGTON
N                            MULHOLLAND DRIVE
N   1935                     MUTINY ON THE BOUNTY
N   1964                     MY FAIR LADY
N   1998 GB     Drammatico   MY NAME IS JOE

N   1989 USA    Drammatico   NATO IL 4 LUGLIO



N   1993 EIRE   Drammatico   NEL NOME DEL PADRE

N                            NELLA SOCIETÀ DEGLI UOMINI




N                            NESSUNA PIETÀ PER ULZANA




N   1976                     NETWORK
N                            NO MAN’S LAND




N                            NODO ALLA GOLA
N   1996 USA    Avventura    NOME IN CODICE: BROKEN ARROW

N   1959                     NORTH BY NORTHWEST
N   1983       Drammatico   NOSTALGHIA




N                           OGNI LASCIATO È PERSO




N   2000 USA   Drammatico   OGNI MALEDETTA DOMENICA



N                           OLTRE IL GIARDINO
N   1954                    ON THE WATERFRONT
N   1975                    ONE FLEW OVER THE CUCKOO'S NEST
N   1989 USA   Drammatico   ORCHIDEA SELVAGGIA
N   1955                    ORDET (*)
N                           ORIZZONTI DI GLORIA
N   1997 ITA   Commedia     OVOSODO

N                           PACCO DOPPIO PACCO E CONTROPACCOTTO
N                           PALLOTTOLE SU BROADWAY
N   1997 USA   Drammatico   PARADISO PERDUTO

N   1970                    PATTON
N   1999 USA   Azione       PAYBACK-LA RIVINCITA DI PORTER

N   1996 USA   Drammatico   PENSIERI PERICOLOSI

N                           PER UN PUGNO DI DOLLARI
N   1994 ITA   Commedia     PERDIAMOCI DI VISTA

N                           PIER PAOLO PASOLINI E LA RAGIONE DI UN SOGNO




N                           PLANET OF THE APES




N   1986 USA   Drammatico   PLATOON

N   1991 USA   Avventura    POINT BREAK
N   1989 USA     Commedia       POLIZIOTTI A DUE ZAMPE
N                               POMI D'OTTONE E MANICI DI SCOPA
N                               POSSESSION




N   1997 USA     Thriller       POTERE ASSOLUTO

N                               PRIGIONIERI DELL'OCEANO
N                               PRISCILLA, LA REGINA DEL DESERTO
N                               PROFONDO ROSSO
N   1993 USA     Drammatico     PROPOSTA INDECENTE

N   1960                        PSYCHO
N   1996 USA     Sentimentale   QUALCOSA DI PERSONALE

N   1998 USA     Commedia       QUALCOSA È CAMBIATO

N                               QUALCUNO VOLO' SUL NIDO DEL CU****
N                               QUARTO POTERE
N                               QUASI FAMOSI - ALMOST FAMOUS QUASI FAMOSI




N   1990 USA     Drammatico     QUEI BRAVI RAGAZZI

N                               QUI NON È IL PARADISO




N                               QUIZ SHOW
N   1980                        RAGING BULL
N   1981                        RAIDERS OF THE LOST ARK
N   1996 CAN-GB Fantastico      RAINBOW - IL MONDO SEGRETO DEI COLORI
N   1985   Drammatico   RAN




N   1954                REAR WINDOW
N   1955                REBEL WITHOUT A CAUSE
N                       RENOIR
N                       RITORNO A CASA




N                       ROLLERBALL




N                       ROMA CITTA APERTA
N                       ROSEMARY'S BABY
N                       ROSETTA
N   1999 FRA   Drammatico   ROSETTA

N   2002 USA                S1M0NE




N                           SACRIFICIO




N   1986 SVE   Drammatico   SACRIFICIO

N                           SALÒ O LE 120 GIORNATE DI SODOMA




N                           SALVATORE GIULIANO
N   1932                    SCARFACE
N                           SECRETS AND LIES (MIKE LEIGH)
N                           SENTIERI SELVAGGI




N   1989 USA   Avventura    SENZA ESCLUSIONE DI COLPI

N   1987 USA   Thriller     SENZA VIA DI SCAMPO
N                           SESSION 9




N                           SETTIMO SIGILLO




N   1995 USA   Poliziesco   SEVEN
N   2002 FRA-POR Commedia    SEX IS COMEDY

N   2002 USA    Drammatico   SFIDA PER LA VITTORIA

N   1998 USA    Storico      SHAKESPEARE IN LOVE



N   1953                     SHANE
N   1989 USA    Commedia     SHE-DEVIL - LEI, IL DIAVOLO

N   1997 USA    Drammatico   SHE'S SO LOVELY
N                            SHINING
N   2002 USA    Azione       SHOWTIME

N   1952                     SINGIN' IN THE RAIN
N                            SMOKE
N   1937                     SNOW WHITE AND THE SEVEN DWARFS
N                            SOCIETY - THE HORROR
N   1999 USA    Commedia     SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

N                            SOLARIS




N   1959                     SOME LIKE IT HOT
N                            SONATINE E SILENZIO SUL MARE DI KITANO
N                            SOTTO LA SABBIA




N   1939                     STAGECOACH
N   2004 ITA    Commedia     STAI CON ME



N                            STALINGRAD




N                            STALKER
N   1977                     STAR WARS
N   1950                     SUNSET BOULEVARD
N                            SUSANNA DI HOWARD HAWKS
N                            SUSPENSE
N                                 SWING




N   2002 FRA-GIA Comm. Musicale   SWING
N                                 TALK RADIO
N   1976                          TAXI DRIVER
N   2000 FRA     Commedia         TAXXI 2

N                                 TEMPI MODERNI
N   1988 USA     Poliziesco       TEQUILA CONNECTION
N   1951                          THE AFRICAN QUEEN
N   1960                          THE APARTMENT
N   2001 ITA     Drammatico       THE BELIEVER




N   1946                          THE BEST YEARS OF OUR LIVES
N   1915                          THE BIRTH OF A NATION
N   1957                          THE BRIDGE ON THE RIVER KWAI
N   1978                          THE DEER HUNTER
N   1990 USA     Musicale         THE DOORS

N                                 THE FACULTY




N   1971                          THE FRENCH CONNECTION
N                                 THE GAME CON DOUGLAS
N   1972                          THE GODFATHER
N   1974                          THE GODFATHER PART II
N   1925                          THE GOLD RUSH
N   1967                          THE GRADUATE
N   1940                          THE GRAPES OF WRATH
N                                 THE GUILTY - IL COLPEVOLE




N                                 THE INCREDIBLE SHRINKING MAN
N   1927                          THE JAZZ SINGER
N                                 THE KILLER
N                                 THE LIFE OF DAVID GALE
N   1941                          THE MALTESE FALCON
N                                 THE MAN WHO WASN'T THERE




N   1962                          THE MANCHURIAN CANDIDATE
N                                 THE MASK
N                           THE MEXICAN




N   1940                    THE PHILADELPHIA STORY
N   2003 USA   Thriller     THE QUIET AMERICAN

N                           THE ROCKY HORROR PICTURE SHOW
N                           THE SCORE




N   1956                    THE SEARCHERS
N   1991                    THE SILENCE OF THE LAMBS
N   1965                    THE SOUND OF MUSIC
N   2004 USA   Commedia     THE TERMINAL




N   1949                    THE THIRD MAN
N   1948                    THE TREASURE OF THE SIERRA MADRE
N   2000 USA   Thriller     THE WATCHER




N   1969                    THE WILD BUNCH
N   1939                    THE WIZARD OF OZ
N   1991       Drammatico   THELMA & LOUISE




N   1990 USA   Drammatico   THELMA & LOUISE
N                             TI PRESENTO I MIEI




N                             TO KILL A MOCKINGBIRD
N                             TOMB RAIDER




N                             TOOTSIE
N                             TORO SCATENATO
N                             TRAFFIC




N                Commedia
    1998 FRA-BEL-GER          TRAIN DE VIE - UN TRENO PER VIVERE



N   1996 GB      Drammatico   TRAINSPOTTING

N                             TRAPPOLA CRIMINALE




N                             TRAVOLTI DA UN INSOLITO DESTINO
N                 Commedia
    1994 FRA-SVI-POL          TRE COLORI



N                             TRUFFAUT
N   1988 USA     Biografico   TUCKER - UN UOMO E IL SUO SOGNO

N                             TURNE'
N                             TUTTA LA CITTÀ NE PARLA
N   2000 ITA     Commedia     TUTTO L'AMORE CHE C'È



N                             UN 'ALTRA DONNA
N                             UN AMERICANO A ROMA DI ALBERTO SORDI
N                             UN DOLLARO D'ONORE
N                             UN LUPO MANNARO AMERICANO A LONDRA
N                              UN MONDO PERFETTO




N   1993 USA    Drammatico     UN MONDO PERFETTO
N   1988 GB     Commedia       UN PESCE DI NOME WANDA
N                              UN UOMO CHIAMATO CAVALLO
N                              UN UOMO SENZA SCAMPO




N   1952                       UN UOMO TRANQUILLO
N                              UNA GIORNATA PARTICOLARE
N   1999 USA-FRA Commedia      UNA STORIA VERA




N   1992                       UNFORGIVEN
N   2001 USA    Thriller       UNICO TESTIMONE

N   1996 ITA    Sentimentale   VA' DOVE TI PORTA IL CUORE

N                              VAJONT




N                              VAMPYR




N                              VERSO IL SOLE




N   1958                       VERTIGO
N                              VIALE DEL TRAMONTO
N                           VIGO
N   1991                    VITA PER LA VITA




N                           WE WERE SOLDIERS




N   1961                    WEST SIDE STORY
N   1997 GB    Biografico   WILDE

N                           WINDTALKERS




N                           WITHNAIL AND I
N   1939                    WUTHERING HEIGHTS
N   1942                    YANKEE DOODLE DANDY
N   1997 GB    Musicale     YO-YO MA - INSPIRED BY BACH

N                           Z L’ORGIA DEL POTERE
N                           ZARDOZ
N   1997 USA   Commedia     ZEUS E ROXANNE - AMICI PER LA PINNA

N                           ZUPPA D'ANATRA, UNA NOTTE ALL'OPERA
regia              attori
Henry King         Lee J. Cobb, Vincent Price, Jennifer Jones, Charles
                   Bickford, Gladys Cooper, Anne Revere, William Eythe

Mel Gibson.        Jim Caviezel, Maia Morgenstern, Monica Bellucci,
                   Ivano Marescotti, Rosalinda Celentano, Claudia Gerini,
                   Sergio Rubini
Ladislao Wajda     Pablito Calvo, Rafael Rivelles




Mel Gibson.        Mel Gibson, Sophie Marceau, Patrick McGoohan,
                   Catherine McCormack, Brendan Gleeson
Peter Weir         Jim Carrey, Laura Linney, Noah Emmerich, Natascha
                   McElhone, Holland Taylor, Ed Harris



Ridley Scott       Russell Crowe, Joaquin Phoenix, Richard Harris,
                   Djimon Hounsou, Connie Nielsen, Oliver Reed, Derek
                   Jacobi, John Shrapnel, David Hemmings
Roberto Benigni.   Horst Buchholz, Roberto Benigni, Giustino Durano,
                   Nicoletta Braschi, Giuliana Lojodice, Giorgio Cantarini,
                   Horst Buchholz
Robert Zemeckis.   Sally Field, Tom Hanks, Gary Sinise, Robin Wright
                   Penn, Mykelti Williamson
Mel Gibson         Mel Gibson, Nick Stahl (Chuck Norstad), Gaby Hoffman
                   (Megan), Richard Masur (carl), Geoffrey Lewis (Stark)

David Lynch        Anthony Hopkins, John Hurt




Andrew Stanton
Robert Zemeckis    Tom Hanks, Helen Hunt, Nick Search




MEL BROOKS
Steven Spielberg.      Ben Kingsley, Ralph Fiennes, Liam Neeson, Jonathan
                       Sagalle, Beatrice Maccola, Caroline Goodall, Embeth
                       Davidtz, Andrzej Seweryn




Phil Joanou.           Sonny Bono, The Edge, Adam Clayton, Larry Mullen jr

Alessandro DAlatri     Stefania Rocca, Fabio Volo




Peter Jackson.         Elijah Wood, Viggo Mortensen, Sean Astin, Ian
                       McKellen, Liv Tyler, Cate Blanchett, Orlando Bloom
Gabriele Salvatores.   Diego Abatantuono, Dino Abbrescia, Aitana Sánchez-
                       Gijón
Gregory Hoblit.        Dennis Quaid, Jim Caviezel



Tony Kaye.             Edward Norton, Edward Furlong, Beverly D'Angelo,
                       Elliott Gould, Fairuza Balk

Tim Robbins.           Sean Penn, Scott Wilson, Susan Sarandon, Robert
                       Prosky, Raymond J. Berry, R. Lee Ermey, Eva Amurri




Brian De Palma.        Sean Connery, Robert De Niro, Kevin Costner, Andy
                       Garcia, Billy Drago, Richard Bradford, Charles Martin
                       Smith, Jack Kehoe, Brad Sullivan, Patricia Clarkson

Peter Jackson.         Elijah Wood, Ian McKellen, Ian Holm, Christopher Lee,
                       Liv Tyler, Sean Bean, Cate Blanchett, Sean Astin,
                       Orlando Bloom
Frank Darabont.        Morgan Freeman, James Whitmore, Tim Robbins
Frank Marshall.        Ethan Hawke, Vincent Spano, Josh Hamilton, Bruce
                       Ramsey, Josh Lucas
Sergio Leone           Clint Eastwood, Lee van Cleef, Eli Wallach




Jonathan Mostow.       Harvey Keitel, Matthew McConaughey, Bill Paxton,
                       David Keith, Jon Bon Jovi, Jake Weber Eric Paladino,
                       Matthew Settle
Stankey Kubrick
Peter Weir            Robin Williams, Ethan Hawke, Norman Lloyd, Robert
                      Sean Leonard, Josh Charles, Gale Hansen




Paul e Chris Weitz    H. Grant, R. Weisz




Richard Kelly         Jake Gyllenhaal
M. Night Shyamalan.   Bruce Willis, Haley Joel Osment, Toni Collette, Olivia
                      Williams
Peter Weir.           Russell Crowe, Richard Stroh, Paul Bettany, Billy Boyd,
                      James D'Arcy
                      Sylvester Stallone

David Fincher.        Sean Penn, Carroll Baker, Michael Douglas, Armin
                      Mueller-Stahl, James Rebhorn
David Zucker.         Ricardo Montalban, Priscilla Presley, Leslie Nielsen
Ron Howard.           Kevin Bacon, Ed Harris, Kathleen Quinlan, Tom Hanks,
                      Bill Paxton, Gary Sinise
John Woo.             Nicolas Cage, John Travolta, Joan Allen, Gina
                      Gershon, Dominique Swain
Brad Bird.
Norman Jewison.            Rod Steiger, Denzel Washington, Liev Schreiber, John
                           Hannah, Deborah Hunger




Bryan Singer.              Stephen Baldwin, Kevin Spacey, Chazz Palminteri,
                           Gabriel Byrne, Benicio Del Toro, Kevin Pollak,
                           Giancarlo Esposito
Gabriele Salvatores.       Valeria Golino, Claudio Bisio, Diego Abatantuono,
                           Antonio Catania, Renato Carpentieri
James Cameron.             Billy Zane, Gloria Stuart, Kathy Bates, Bill Paxton,
                           Leonardo DiCaprio, Frances Fisher, Kate Winslet,
                           Bernard Hill, Billy Zane, David Warner
Joel Schumacher.           Barbara Hershey, Robert Duvall, Michael Douglas,
                           Tuesday Weld
Sam Mendes.                Annette Bening, Kevin Spacey, Mena Suvari, Thora
                           Birch, Wes Bentley, Chris Cooper




Mark Pellington.           Jeff Bridges, Tim Robbins, Hope Davis, Joan Cusack,
                           Robert Gossett, Spencer Treat, Clark Hope Davis

John Moore.                Gene Hackman, Owen Wilson, Joaquin De Almeida,
                           David Keith, Olek Krupa, Gabriel Macht
Ted Demme.                 Johnny Depp, Penelope Cruz, Franka Potente, Rachel
                           Griffiths, Paul Reubens, Jordi Mollà, Cliff Curtis, Miguel
                           Sandoval, Ethan Suplee, Ray Liotta, Kevin Gage, Max
                           Perlich, Jesse James, Miguel Pérez, Dan Ferro

Robert Zemeckis




                           Carlina
Giacomo Poretti, Massimo Venier. Torta, Antonio Catania, Aldo Baglio, Giovanni
                           Storti, Marina Massironi
Steven Spielberg           Drew Barrymore




Michael Apted.             Gene Hackman, Hugh Grant, Sara Jessica Parker
Kenneth Branagh.           Kenneth Branagh, Robert De Niro, Helena Bonham
                           Carter
George Lucas.               Liam Neeson, Ewan McGregor, Jake Lloyd, Natalie
                            Portman, Samuel L. Jackson, Keira Knightley

Jonathan Demme.             Jodie Foster, Scott Glenn, Anthony Hopkins
Sergio Rubini.              Umberto Orsini, Sergio Rubini, Carlo Mucari, Giovanna
                            Mezzogiorno, Franco Javarone

Richard Donner.             Julia Roberts, Mel Gibson, Patrick Stewart

Sergio Rubini.              Sergio Rubini, Fabrizio Bentivoglio, Margherita Buy,
                            Giovanna Mezzogiorno, Mariangela Melato
Taylor Hakford.             Al Pacino, Charlize Theron, Keanu Reeves
Patty Jenkins.              Charlize Theron, Christina Ricci, Bruce Dern, Scott
                            Wilson, Pruitt Taylor Vince, Annie Corley
Clint Eastwood.             Sean Penn, Tim Robbins, Kevin Bacon, Laurence
                            Fishburne, Marcia Gay Harden, Laura Linney, Adam
                            Nelson, Emmy Rossum




Roberto Benigni.            Roberto Benigni, Nicoletta Braschi, Carlo Giuffrè, Kim
                            Rossi Stuart, Lando Buzzanca, Giuseppe Barra, Bruno
                            Arena, Massimiliano Cavallari, Mino Bellei, Alessandro
                            Bergonzoni, Corrado Pani, Vincenzo Cerami, Luis
                            Molteni, Riccardo Bizzarri
Ron Howard.                 Lili Taylor, Mel Gibson, Gary Sinise, Rene Russo,
                            Delroy Lindo, Brawley Nolte
Robert Zemeckis.
Steven Spielberg.           Tom Sizemore, Tom Hanks, Edward Burns, Matt
                            Damon, Giovanni Ribisi, Jeremy Davies, Barry Pepper




                              Marina Massironi,
Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti. Giacomo Poretti, Aldo Baglio,
                              Giovanni Storti, Maria Pia Casilio, Carlo Croccolo
Jerry Zucker.                 George Kennedy, Priscilla Presley, Leslie Nielsen
Peter Segal.                  George Kennedy, Priscilla Presley, Leslie Nielsen
Tom Shadyac.                  Jim Carrey, Jennifer Aniston, Morgan Freeman, Philip
                              Baker Hall
Richard Attenborough.         Debra Winger, Joseph Mazzello, Anthony Hopkins,
                              Edward Hardwicke, John Wood
Alejandro Gonzalez Inarritu. Sean Penn, Benicio Del Toro, Naomi Watts, Clea
                             Duvall, Danny Huston
Robert De Niro.              Robert De Niro, Chazz Palminteri, Lillo Brancato,
                             Francis Capra, Joe Pesci
John McTiernan.              Sean Connery, Scott Glenn, Alec Baldwin, James Earl
                             Jones
                              Giovanni Storti, Marina Massironi,
Aldo Baglio, Giacomo Poretti,Antonio Catania, Massimo Venier. Giacomo Poretti,
                             Aldo Baglio, Giovanni Storti, Silvana Fallisi, Paola
                             Cortellesi
Steven Spielberg            Dennis Weaver, Jacqueline Scott




Neri Parenti.               Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Gigi Reder
Neri Parenti.               Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Anna Mazzamauro,
                            Gigi Reder, Plinio Fernando
Neri Parenti.               Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Anna Mazzamauro
Neri Parenti.               Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Anna Mazzamauro,
                            Gigi Reder
Michael Mann.               Jon Voight, Robert De Niro, Al Pacino, Val Kilmer, Amy
                            Brenneman




Alex Proyas.                Will Smith, Bridget Moynahan, Alan Tudyk, James
                            Cromwell, Bruce Greenwood, Adrian Ricard, Chi
                            McBride, Jerry Wasserman, Scott Heindl




Kevin Reynolds.             James Caviezel, Guy Pearce, Richard Hamis, Michael
                            Wincott, Henry Cavill
Tony Scott.                 Jon Voight, Gene Hackman, Jason Robards, Will Smith

Marc Forster                JONNHY DEEP, Kate Winslet
Michael Bay.                Kate Beckinsale, Ben Affleck, Josh Hartnett, Cuba
                            Gooding Jr., Michael Kaplan, Jennifer Garner




Robert Zemeckis.            Christopher Lloyd, Michael J. Fox, James Tolkan
Robert Zemeckis.            Christopher Lloyd, Michael J. Fox, Mary Steenburgen,
                            Eljiah Wood
James Cameron.                Tom Arnold, Jamie Lee Curtis, Arnold Schwarzenegger,
                              Tia Carrere, Eliza Dushku
Tony Scott.                   Eddie Murphy, Judge Reinhold, Brigitte Nielsen
Eric Bress                    Amy Smart, Ashton Kutcher
Francesco Nuti.               Francesco Nuti, Ricky Tognazzi, Clarissa Burt
Stephen Frears.               Andy Garcia, Dustin Hoffman, Geena Davis, Joan
                              Cusack, Kevin O'Connor, Stephen Tobolowsky, Maury
                              Chaykin
Alex Proyas.                  Ernie Hudson, Brandon Lee, Michael Wincott, Rochelle
                              Davis
Neri Parenti.                 Renato Pozzetto, Paolo Villaggio, Fabio Traversa,
                              Tiziana Pini

David Koepp                  Johnny Depp, John Turturro, Maria Bello, Timothy
                             Hutton, Ving Rhames, Charles Dutton
Aldo Baglio, Giacomo Poretti,Aldo Baglio, Giacomo Poretti, Giovanni Storti, Paola
                              Giovanni Storti, Massimo Venier.
                             Cortellesi, Max Pisu, Ottavia Piccolo, Sandra
                             Ceccarelli, Silvana Fallisi, Daniela Cristofori, Rossy De
                             Palma, Marco Messeri, Rufin Doh
John Landis.                  Hector Elizondo, Eddie Murphy, Judge Reinhold
Martin Scorsese.              Nick Nolte, Juliette Lewis, Jessica Lange, Robert De
                              Niro
David Koepp.                  Kevin Bacon, Kathryn Erbe, David Cope Zachary
Frank Darabont.               Tom Hanks, David Morse, Michael Clarke Duncan,
                              Michael Jeter, James Cromwell, Bonnie Hunt, Sam
                              Rockwell, Barry Pepper
Pier Paolo Pasolini           Enrique lrazoqui,Otello Sestili




Roberto Benigni.            Franco Volpi, Paolo Bonacelli, Roberto Benigni,
                            Nicoletta Braschi
Albert Hughes, Allen Hughes.Johnny Depp, Heather Graham, Robbie Coltrane,
                            Susan Lynch, Ian Holm
Carlo Verdone.              Carlo Verdone, Giancarlo Dettori, Margherita Buy,
                            Elisabetta Pozzi
Barry Levinson.             Valeria Golino, Dustin Hoffman, Tom Cruise
John Frankenheimer.         Jean Reno, Robert De Niro, Stellan Skarsgard, Sean
                            Bean
Michel Gondry               Jim Carrey, Kate Winslet, Elijah Wood, Mark Ruffalo,
                            Kirsten Dunst, Tom Wilkinson
Carlo Vanzina.              Rupert Everett, Elle Macpherson, Judith Godrèche,
                            Enrico Brignano, Giampaolo Morelli, Max Pisu, Naike
                            Rivelli, Jean-Claude Brialy
Eric Darnelle.                Irene Papas, Jean-Louis Trintignant, Charles Denner,
                              Yves Montand, Pierre Dux, Bernard Fresson, François
                              Périer, Jacques Perrin, Georges Géret

Paul Greengrass.            James Nesbitt, Nicholas Farrell, Tom Pigott-Smith,
                            Gerald McSorley
Jerry Zucker.               Demi Moore, Patrick Swayze, Whoopi Goldberg, Tony
                            Goldwyn
Steven Spielberg.           Harrison Ford, Sean Connery, Denholm Elliott, Alison
                            Doody
Spike Lee.                  Edward Norton, Philip Seymour Hoffman, Anna Paquin,
                            Rosario Dawson, Brian Cox, Barry Pepper
Neri Parenti.               Renato Pozzetto, Paolo Villaggio
Carlo Verdone.              Carlo Verdone, Andréas Ferréol, Claudia Gerini
                            A
Eric Bress, J. Mackye Gruber. shton Kutcher, Amy Smart, Kevin Schmidt, Melora
                            Waters, Elden Henson
Roger Donaldson.            Kevin Costner, Bruce Greenwood, Steven Culp,
                            Michael Fairman
Edward Zwick.             Brad Pitt, Anthony Hopkins, Julia Ormond
R. Howard




John Lasseter, Andrew Stanton.
Carlo Verdone.             Carlo Verdone, Sergio Rubini, Francesca Neri
Brian Levant.              Dean Jones, Charles Grodin, Bonnie Hunt
Ridley Scott.              Josh Hartnett, Tom Sizemore, Ewan McGregor, Sam
                           Shepard, Jason Isaacs, Jerry Bruckheimer, Ridley
                           Scott, Eric Bana, Orlando Bloom
Andrew Davis.             Michael Douglas, Viggo Mortensen, Gwyneth Paltrow

Carlo Vanzina.            Massimo Boldi, Stefania Sandrelli, Diego Abatantuono

Kenneth Branagh.          Kenneth Branagh, Paul Scofield, Ian Holm, Brian
                          Blessed, Derek Jacobi, Emma Thompson
Steven Soderbergh.        Julia Roberts, Albert Finney, Aaron Eckhart, Marg
                          Helgenberger
Liliana Cavani            Mickey Rourke, Helena Bonham Carter, Paolo
                          Bonacelli, Fabio Bussotti
Stanley Kubrick.          Matthew Modine, Adam Baldwin, Kevyn Howard, Dorian
                          Harewood, Lee Ermey
Martin Scorsese.          Leonardo DiCaprio, Cameron Diaz, Daniel Day-Lewis,
                          Jim Broadbent
Zeffirelli
Ivan Reitman.             Danny DeVito, Arnold Schwarzenegger, Chloe Webbe

Tim Burton.               Christopher Walken, Christina Ricci, Johnny Depp,
                          Miranda Richardson, Marc Pickering
Jean-Jacques Annaud.      Ed Harris, Bob Hoskins, Jude Law, Joseph Fiennes,
                          Rachel Weisz




Jonathan Demme            Jodie Foster, Anthony Hopkins, Scott Glenn D.




Neri Parenti.             Renato Pozzetto, Paolo Villaggio, Ramona Badescu,
                          Sergio Di Pinto
Edward Zwick.             Tom Cruise, Ken Watanabe, William Atherton, Billy
                          Connolly, Darin Fujimori, Seizo Fukumoto
                         Laurence
Larry Wachowski, Andy Wachowski. Fishburne, Joe Pantoliano, Keanu Reeves,
                         Carrie Ann Moss, Gloria Foster




Gabriele Salvatores.       Claudio Bisio, Claudio Bigagli, Giuseppe Cederna,
                           Diego Abatantuono, Ugo Conti, Gigio Alberti, Irene
                           Grazioli, Luigi Montini, Antonio Catania




Constantin Costa Gavras.   Jessica Lange, Frederic Forrest, Armin Mueller-Stahl

Tony Scott.                Madeleine Stowe, Anthony Quinn, Tomas Milian, Kevin
                           Costner, Sally Kirkland
Kevin Reynolds.            Morgan Freeman, Mary Elizabeth Mastrantonio, Kevin
                           Costner, Pat Roach
Luca Verdone.              Renato Pozzetto, Carlo Verdone, Tiziana Pini
M. Night Shyamalan.        Mel Gibson, Joaquin Phoenix, Rory Culkin, Cherry
                           Jones
Hugh Hudson.               Kim Basinger, Eva Marie Saint, Vincent Perez, Daniel
                           Craig




Tony Scott.                Robert Redford, Brad Pitt, Catherine McCormack,
                           David Hemmings, Stephen Dillane
John Swanbeck.               Danny DeVito, Kevin Spacey, Peter Facinelli, Paul
                             Dawson
Daniel Myrick.               Heather Donahue, Joshua Leonard, Michael C.
                             Williams
Wim Wenders.                 Mel Gibson, Jimmy Smits, Milla Jovovich, Jeremy
                             Davies
Alejandro Amenábar.          Nicole Kidman, Fionnula Flanagan, Christopher
                             Eccleston, Alakina Mann, James Bentley, Elaine
                             Cassidy, Eric Sykes, Renée Asherson, Gordon Reid,
                             Keith Allen, Michelle Fairley, Alexander Vince, Ricardo
                             López, Aldo Grilo
John Lasseter.               Denholm Elliott, Louis Gossett jr, Sean Astin
Oliver Stone.                Michael Douglas, Daryl Hannah, Charlie Sheen, Martin
                             Sheen
Jonathan Mostow.             Kurt Russell, Kathleen Quinlan, J.T. Walsh
Carlo Verdone.               Athina Cenci, Carlo Verdone, Eleonora Giorgi
Giulio Manfredonia.          Antonio Albanese, Fabio De Luigi, Goya Toledo
David Fincher.               Brad Pitt, Helena Bonham Carter, Edward Norton, Meat
                             Loaf, Meat Loaf Aday
Carlo Verdone.               Carlo Verdone, Regina Oriuoli, Paolo Triestino
Ridley Scott.                Giancarlo Giannini, Ray Liotta, Gary Oldman,
                             Francesca Neri, Anthony Hopkins, Julianne Moore,
                             Ivano Marescotti, Fabrizio Gifuni, Enrico Lo Verso
Roberto Benigni.             Jean-Claude Brialy, Michel Blanc, Roberto Benigni,
                             Nicoletta Braschi
Jean-Jacques Annaud.         Sean Connery, F. Murray Abraham, Christian Slater,
                             Kim Rossi Stuart
Cristina Comencini.          Margherita Buy, Virna Lisi, Sandra Ceccarelli, Luigi Lo
                             Cascio, Ricky Tognazzi, Jean-Hugues Anglade
Luc Besson.                  Gary Oldman, Bruce Willis, Ian Holm, Milla Jovovich
Aldo Baglio, Giacomo Poretti,Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti, Antonio
                              Giovanni Storti, Massimo Venier.
                             Catania, Ivano Marescotti, Aldo Maccione
Roger Mitchell.              Julia Roberts, Hugh Grant, Rhys Ifans, Emma
                             Chambers
Massimo Troisi.              Marco Messeri, Francesca Neri, Angelo Orlando,
                             Massimo Troisi
Jonathan Demme.              Denzel Washington, Jason Robards, Tom Hanks,
                             Antonio Banderas, Mary Steenburgen, Joanne
                             Woodward
E.B. Clucher.                Robert Vaughn, Terence Hill, Ross Hill
Paul Verhoeven.              Dan O'Herlihy, Peter Weller, Nancy Allen

Kathryn Bigelow.             Juliette Lewis, Ralph Fiennes, Angela Bassett
Andrei Konchalovsky.         Kurt Russell, Jack Palance, Sylvester Stallone, Michael
                             J. Pollard, Teri Hatcher
Ben Younger.                 Ben Affleck, Giovanni Ribisi, Vin Diesel, Scott Caan,
                             Nia Long
Gary Goldman, Don Bluth.
Richard Donner.              Gary Busey, Mel Gibson, Danny Glover
Richard Donner.              Patsy Kensit, Mel Gibson, Danny Glover
Richard Donner.              Mel Gibson, Danny Glover, Joe Pesci
Richard Donner.              Mel Gibson, Danny Glover, Rene Russo, Chris Rock,
                             Kim Chan, Jet Li
Paul Verhoeven.              Michael Douglas, Sharon Stone, George Dzundza,
                             Jeanne Tripplehorn, Dorothy Malone
Tim Burton.                Jack Nicholson, Kim Basinger, Michael Keaton, Jack
                           Palance, Jerry Hall, Robert Wuhl, Pat Hingle, Michael
                           Gough
Joel Schumacher.           Chris O'Donnell, Uma Thurman, Arnold
                           Schwarzenegger, George Clooney
Danny Cannon.              Armand Assante, Max von Sydow, Diane Lane,
                           Sylvester Stallone
Jon Amiel.                 Sean Connery, Will Patton, Catherine Zeta-Jones, Ving
                           Rames

Phillip Noyce.             Denzel Washington, Michael Rooker, Angelina Jolie,
                           Queen Latifah
Blake Edwards.             Claudia Cardinale, Roberto Benigni, Debrah Farentino,
                           Herbert Lom
Andrew Davis.              Harrison Ford, Tommy Lee Jones, Sela Word, Joe
                           Pantoliano
Francesco Nuti.            Francesco Nuti, Novello Novelli, Sabrina Ferilli, Antonio
                           Petrocelli, Giulia Weber
Steven Spielberg.          Sam Neill, Jeff Goldblum, Laura Dern, Richard
                           Attenborough, Arianna Richards, Joseph Mazzello, Bob
                           Peck, Samuel L. Jackson, Martin Ferrero
Martin Campbell.         Anthony Hopkins, Antonio Banderas, Stuart Wilson,
                         Catherine Zeta-Jones
Robert Zemeckis.         Michelle Pfeiffer, Harrison Ford, James Remar, Miranda
                         Otto, Katharine Towne
                         Keanu
Andy Wachowski, Larry Wachowski. Reeves, Laurence Fishburne, Carrie Ann Moss,
                         Hugo Weaving, Jada Pinkett, Monica Bellucci, Ray
                         Anthony
Christopher Nolan.         Joe Pantoliano, Guy Pearce, Carrie Ann Moss
Mike Newell                Julia Roberts, Kirsten Dunst, Julia Stiles, Maggie
                           Gyllenhaal
Sergio Castellitto         Segio Castellitto, Penelope Cruz, Claudia Gerini
John Woo                   Ben Affleck, Uma Thurman
Carlo Vanzina.             Enrico Montesano, Renato Pozzetto, Victor Cavallo
John McTiernan.            Carl Weathers, Bill Duke, Arnold Schwarzenegger
Penny Marshall.            Max Von Sidow, Robin Williams, John Heard, Robert
                           De Niro, Julie Kavner
Irvin Kershner.            Peter Weller, Nancy Allen, Galyn Georg, Tom Noonan

Peter Chelsom.             Richard Gere, Jennifer Lopez, Susan Sarandon,
                           Stanley Tucci, Bobby Cannavale, Anita Gillette, Lisa
                           Ann Walter
John P. Flynn.             Darlanne Fluegel, Donald Sutherland, Sylvester
                           Stallone
Sam Raimi.                 Tobey Maguire, Kirsten Dunst, James Franco, Alfred
                           Molina, Rosemary Harris, J. K. Simmons, Donna
                           Murphy, Daniel Gillies, Dylan Baker, Bill Nunn, Vanessa
                           Ferlito, Aasif Mandvi, Willem Dafoe, Cliff Roberston


Carlo Verdone.             Carlo Verdone, Veronica Pivetti, Claudia Gerini, Cinzia
                           Mascoli
Joel Schumacher.           Nicolas Cage, James Gandolfini, Joaquin Phoenix,
                           Peter Stormare, Anthony Heald
Tim Burton.                Christopher Walken, Michelle Pfeiffer, Danny DeVito,
                           Michael Keaton, Michael Murphy, Michael Gough, Pat
                           Hingle, Paul Reubens
Joel Schumacher.           Jim Carrey, Chris O'Donnell, Tommy Lee Jones, Val
                           Kilmer, Nicole Kidman, Drew Barrymore, Pat Hingle
John Badham.               Steve Guttenberg, Ally Sheedy, Fisher Stevens
Kenneth Johnson.           Fisher Stevens, Michael McKean, Jack Western
Mimi Leder.                Morgan Freeman, Robert Duvall, Téa Leoni, Eljiah
                           Wood
John McTiernan.            Jeremy Irons, Samuel L. Jackson, Bruce Willis, Colleen
                           Camp
Mathieu Kassovitz.   Dominique Sanda, Jean Reno, Jean-Pierre Cassel,
                     Nadia Farès, Vincent Cassel, Karin Belkhadra
Josef Rusnak.        Armin Mueller-Stahl, Vincent D'Onofrio, Gretchen Mol,
                     Craig Bierko
Marcello Cesena.     Diego Abatantuono, Victoria Abril, Giulia Steigerwalt,
                     Stefano Scandaletti, Chiara Sani, Antonio Stornaiolo

Luc Besson.          Philippe Leroy, Jean-Hugues Anglade, Tchéky Karyo,
                     Jeanne Moreau, Anne Parillaud
Brett Ratner.        Anthony Hopkins, Edward Norton, Ralph Fiennes, Emily
                     Watson, Harvey Keitel, Mary Louise Parker, Philip
                     Seymour Hoffman
Russell Mulcahy.     Christopher Lambert, Robert Joy, David Cronenberg,
                     Barbara Tyson, Philip Williams
John Bruno.          Donald Sutherland, Jamie Lee Curtis, Joanna Pacula,
                     Marshall Bell, William Baldwin
Woody Allen.         Christina Ricci, Jason Biggs, Woody Allen, Stockard
                     Channing, Glenn Close, Danny DeVito, Jimmy Fallon,
                     Diana Krall
Michael Bay.         Bruce Willis, Liv Tyler, Ben Affleck
Harold Becker.       Bruce Willis, Alec Baldwin
Dominic Sena.        John Travolta, Hugh Jackman, Halle Berry, Don
                     Cheadle, Sam Shepard, Astrid Veillon, Craig Braun,
                     Vinnie Jones, Camryn Grimes, Sam Shepard, Rudolf
                     Martin, Zach Grenier, Drea De Matteo, Nick Loren,
                     Timothy Omundson, William Mapother


Sharon Maguire.      Renée Zellweger, Colin Firth, Hugh Grant, Gemma
                     Jones, Jim Broadbent, Sally Phillips, Honor Blackman,
                     James Callis
Betty Thomas.        Eddie Murphy, Ossie Davis
Steve Carr.          Eddie Murphy, Kristen Wilson, Jeffrey Jones, Kevin
                     Pollak, Kyla Pratt, Raven-Symone, Lil' Zane, James
                     Avery, Andy Richter, Denise Y. Dowse, Elayn Taylor,
                     Victor Raider-Wexler, Mark Griffin, Ken Hudson
                     Campbell, Anne Stedman
Nick Cassavetes.     Denzel Washington, Anne Heche, Robert Duvall, Ray
                     Liotta, James Woods




Ferzann Ozpetek.     Giovanna Mezzogiorno, Massimo Girotti, Raoul Bova,
                     Massimo Girotti, Filippo Nigro
Gabriele Muccino.    Stefania Sandrelli, Stefano Accorsi, Giovanna
                     Mezzogiorno, Giorgio Pasotti, Regina Orioli,
                     Pierfrancesco Favino, Martina Stella, Claudio
                     Santamaria, Silvio Muccino, Sabrina Impacciatore




Chris Columbus.      Daniel Stern, Joe Pesci, Macaulay Culkin
Chris Columbus.      Daniel Stern, Tim Curry, Joe Pesci, Macaulay Culkin
John Woo.            Anthony Hopkins, Tom Cruise, Thandie Newton, Ving
                     Rames, Hugh Jackman
Pedro Almodóvar.             Leonor Waitling, Javier Camara, Rosario Flores, Darío
                             Grandinetti, Paz Vega




Garry Marshall.                Julia Roberts, Ralph Bellamy, Richard Gere, Hector
                               Elizondo, Laura San Giacomo
Sam Raimi.                     Tobey Maguire, Kirsten Dunst, Willem Dafoe, Cliff
                               Roberston, James Franco
Bobby Farrelly, Peter Farrelly.Cameron Diaz, Matt Dillon, Ben Stiller
M. Night Shyamalan.            Samuel L. Jackson, Bruce Willis, Robin Wright Penn

Martin Campbell.             Sean Bean, Joe Don Baker, Pierce Brosnan, Famke
                             Janssen, Izabella Scorupco
Roger Spottiswoode.          Jonathan Pryce, Pierce Brosnan, Teri Hatcher, Michele
                             Yeoh
Vincent Ward.                Annabella Sciorra, Robin Williams, Cuba Gooding Jr.,
                             Jessica Brooks Grant, Josh Paddock, Max von Sydow

John Musker, Ron Clements.
Gabriele Salvatores.           Diego Abatantuono, Sergio Rubini, Martina Stella, Bebo
                               Storti
Bobby Farrelly, Peter Farrelly.Gwyneth Paltrow, Jack Black, Jason Alexander, Susan
                               Ward, Anthony Robbins
Franco Castellano.             Angelo Infanti, Diego Abatantuono, Rita Rusic
Paul Verhoeven.                Sharon Stone, Michael Ironside, Arnold
                               Schwarzenegger, Rachel Ticotin
Barry Levinson.                Bruce Willis, Billy Bob Thornton, Cate Blanchett, Troy
                               Garity, Brian F. O'Byrne, Stacey Travis, Bobby Slayton,
                               January Jones, Azura Skye, Peggy Miley, William
                               Converse-Roberts, Richard Riehle, Micole Mercurio,
                               Scott Burkholder, Anthony Burch



Jez Butterworth.             Nicole Kidman, Ben Chaplin, Vincent Cassel, Mathieu
                             Kassovitz, Kate Evans
Paolo Virzì.                 Sergio Castellitto, Alice Teghil, Margherita Buy, Claudio
                             Amendola, Antonio Carnevale, Paola Tiziana Cruciani,
                             Galatea Ranzi
Beeban Kidron.               Renée Zellweger, Jacinda Barrett, Morne Botes, Jim
                             Broadbent, James Callis, Colin Firth, William Gaunt,
                             Hugh Grant, Shirley Henderson, Andrew Houghton,
                             Gemma Jones, Lucy Joyce, Sally Phillips, Catherine
                             Russell
Renny Harlin.                John Lightgow, Sylvester Stallone, Janine Turner,
                             Michael Rooker
George Pan Cosmatos.         Sylvester Stallone, Reni Santoni, Brigitte Nielsen
John Irvin.                  Kathryn Harrold, Arnold Schwarzenegger, Darren
                             McGavin
James Mangold.               Ray Liotta, Harvey Keitel, Annabella Sciorra, Robert De
                             Niro, Sylvester Stallone, Robert Patrick

Gary Fleder.                 Michael Douglas, Brittany Murphy, Famke Janssen,
                             Jennifer Esposito, Brittany Murphy
Renny Harlin.                Sylvester Stallone, Burt Reynolds, Estella Warren, Kip
                             Pardue, Gina Gershon, Til Schweiger
John Hamburg                 Ben Stiller, Jennifer Aniston
Brian De Palma.              Antonio Banderas, Peter Coyote, Rebecca Romijn-
                             Stamos, Eriq Ebouaney

Leonardo Pieraccioni.        Bud Spencer, Claudia Gerini, Massimo Ceccherini,
                             Leonardo Pieraccioni, Barbara Enrichi, Vanessa
                             Lorenzo, Mandala Tayde, Claudio Santamaria, Bud
                             Spencer
Dominic Sena.                Robert Duvall, Nicolas Cage, Delroy Lindo, Angelina
                             Jolie, Giovanni Ribisi
Martin Campbell.             Sean Bean, Pierce Brosnan, Izabella Scorupco
Pipolo, Franco Castellano.   Enrico Montesano, Carlo Verdone, Eleonora Giorgi,
                             Adriano Celentano, Diego Abatantuono
Pipolo, Franco Castellano.   Enrico Montesano, Renato Pozzetto, Paolo Villaggio

Chris Columbus.              Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, John
                             Cleese, Richard Harris, Ian Hart, Alan Rickman, Maggie
                             Smith




Walter Salles                Gael Garcia
Leonardo Pieraccioni.        Massimo Ceccherini, Paolo Hendel, Leonardo
                             Pieraccioni, Lorena Forteza, Natalia Estrada
Joel Zwick.                  Joey Fatone, Nia Vardalos, John Corbett, Michael
                             Constantine
Leonardo Pieraccioni         Pieraccioni, Angie Cepeda
Franco Amurri.               Jerry Calà, Isabella Ferrari, Tiberio Murgia, Alessandro
                             Benvenuti
Ezio Greggio.                Billy Zane, Shelley Winters, Ezio Greggio
Anthony Minghella.           Gwyneth Paltrow, Matt Damon, Jude Law, Cate
                             Blanchett
Roland Emmerich.             Bill Pullman, Jeff Goldblum, Will Smith, Mary
                             McDonnell, Vivica A. Fox
Christopher Notan            Al Pacino
Steven Spielberg.            Julianne Moore, Jeff Goldblum, Arliss Howard
Gary Trousdale, Kirk Wise.

Peter Segal.                 Eddie Murphy, Larry Miller, Janet Jackson, John Ales

Simon West.                  Madeleine Stowe, Timothy Hutton, James Woods, John
                             Travolta, James Cromwell
Danny DeVito.                Kathleen Turner, Michael Douglas, Danny DeVito,
                             Marianne Sägebrecht
Gore Verbinski               Johnny Depp, Orlando Bloom, Geoffrey Rush, Keira
                             Knightley
David Cronenberg.            Geena Davis, Jeff Goldblum, John Getz
Stephen Sommers.             Rachel Weisz, Arnold Vosloo, Brendan Fraser, John
                             Hannah, Kevin O'Connor
Ricky Tognazzi.              Claudio Amendola, Tony Sperandeo, Ricky Memphis,
                             Enrico Lo Verso, Carlo Cecchi, Leo Gullotta, Angelo
                             Infanti, Ugo Conti, Francesca D’Aloja

Ron Clements, John Musker.
Roland Emmerich            Dennis Quaid,
Luc Besson.                Jean Reno, Jean-Marc Barr, Rosanna Arquette, Sergio
                           Castellitto
Luis Llosa.                Rod Steiger, Eric Roberts, James Woods, Sharon
                           Stone, Sylvester Stallone
Joseph Sargent.            Michael Caine, Karen Young, Lorraine Gary
Richard Curtis             Hugh Grant, Emma Thompson, Rowan Atkinson
Paul Verhoeven.            Elisabeth Shue, Kevin Bacon, Josh Brolin, Kim
                           Dickens, William Devane, Rhona Mitra
Brian De Palma.            Jon Voight, Jean Reno, Emmanuelle Béart, Tom
                           Cruise, Henry Czerny, Vanessa Regdrave
Brian De Palma.            Tim Robbins, Gary Sinise, Don Cheadle, Connie
                           Nielsen
Peter Faiman.              Paul Hogan, Linda Kozlowski, Mark Blum
John Cornell.              John Meillon, Paul Hogan, Linda Kozlowski
Chris Columbus.            Robin Williams, Sally Field, Robert Prosky, Pierce
                           Brosnan
Paolo Virzì                Corrado Fortuna
Dominick Tambasco.         Salvo Ficarra, Valentino Picone, Marica Coco, Stefania
                           Bonafede
John Lemond.               Jenny Neumann, Gary Sweet, Nina Landis
Steven Soderbergh.         George Clooney, Brad Pitt, Julia Roberts, Andy Garcia,
                           Matt Damon, Don Cheadle, Scott Caan
Greg Marcks.               Hilary Swank, Colin Hanks, Rachael Leigh Cook, Henry
                           Thomas, Ben Foster, Rick Gomez, Clark Gregg, Shawn
                           Hatoshy, Barbara Hershey, Stark Sands, Patrick
                           Swayze
Menahem Golan.             Susan Blakely, Sylvester Stallone, David Mendenhall

Claudio Fragasso.          Giancarlo Giannini, Ricky Memphis, Raoul Bova
Mario Monicelli.           Paolo Panelli, Alessandro Haber, Marina Confalone,
                           Pia Velsi
Tom Shadyac.               Robin Williams, Bob Gunton, Monica Potter, Philip
                           Seymour Hoffman, Daniel London
Mike Gabriel, Eric Goldberg.
Stephen Hopkins.             Danny Glover, Ruben Blades, Maria Conchita Alonso,
                             Kevin Peter Hall
                             Sylvester Stallone
Peter MacDonald.             Richard Crenna, Sylvester Stallone, Marc De Jonge

Mel Brooks.                Roger Rees, Mel Brooks, Cary Elwes, Richard Lewis

Peter Howitt.              Tim Robbins, Claire Forlani, Rachael Leigh Cook, Ryan
                           Phillippe
Neri Parenti.              Massimo Boldi, Paolo Villaggio, Lino Banfi
Neri Parenti.              Massimo Boldi, Paolo Villaggio, Florence Guerin
Jerry Paris.               Steve Guttenberg, Bob Goldthwait, George Gaynes

Amy Heckerling.            George Segal, John Travolta, Olympia Dukakis, Kristie
                           Alley
Amy Heckerling.            John Travolta, Olympia Dukakis, Kristie Alley
Tom Ropelewski.            John Travolta, Olympia Dukakis, Kristie Alley
Peter Howitt.              Gwyneth Paltrow, John Linch, John Hannah
Jan De Bont.               Jeff Daniels, Sandra Bullock, Dennis Hopper, Keanu
                           Reeves
Jan De Bont.               Sandra Bullock, Jason Patric, Willem Dafoe
Neri Parenti.              Paolo Villaggio, Gigi Reder, Liù Bosisio



Harold Ramis.              Robert De Niro, Chazz Palminteri, Billy Crystal, Lisa
                           Kudrow, Joe Viterelli
James Cameron.             Arnold Schwarzenegger, Edward Furlong, Linda
                           Hamilton
Jon Amiel.                 Delroy Lindo, Stanley Tucci, Hilary Swank, Aaron
                           Eckhart
Mimi Leder.                George Clooney, Nicole Kidman, Alexander Baluev
Michael Bay.             Sean Connery, Ed Harris, Michael Biehn, Nicolas Cage

John McTiernan.          Bonnie Bedelia, Bruce Willis, Alan Richman



Franco Zeffirelli.       Lily Tomlin, Maggie Smith, Massimo Ghini, Joan
                         Plowright, Cher, Judi Dench, Baird Wallace, Charlie
                         Lucas, Claudio Spadaro

William Dear.            Fabiana Udenio, F. Murray Abraham, David Dundara,
                         Farrah Forke, Kim Miyori
Wolfgang Petersen.       Morgan Freeman, Donald Sutherland, Dustin Hoffman,
                         Rene Russo
Carlo Vanzina.           Laura Antonelli, Diego Abatantuono, Roberto Della
                         Casa
Mick Jackson.            Tommy Lee Jones, Don Cheadle, Anne Heche
Nancy Meyers.            Mel Gibson, Alan Alda, Helen Hunt, Marisa Tomei




Gus Van Sant.            Robin Williams, Minnie Driver, Matt Damon, Ben
                         Affleck, Stellan Skasgard
Rob Cohen.               Vin Diesel, Asia Argento, Samuel L. Jackson, Marton
                         Csokas
Luca Lucini              Riccardo Scamarcio, katy Louise Saunders
Pitof.                   Halle Berry, Sharon Stone, Benjamin Bratt, Lambert
                         Wilson, Frances Conroy, Alex Borstein, Frances
                         McDormand
Joseph McGinty Nichol.   Drew Barrymore, Cameron Diaz, Tim Curry, Bill Murray,
                         Lucy Liu, Sam Rockwell
Marc Lawrence.           Hugh Grant, Sandra Bullock, Alicia Witt, David Haigh

James Wong.              Devon Sawa, Kerr Smith, Ali Larter, Tony Todd, Kristen
                         Cloke, Seann William Scott
Robert Altman.           Maggie Smith, Jeremy Northan, Emily Watson, Kristin
                         Scott Thomas, Stephen Fry, Ryan Phillippe, Helen
                         Mirren, Jude Law




Pupi Avati.              Edward Furlong, Marco Leonardi, Raoul Bova, Thomas
                         Kretschmann, Stanislas Merhar, Gigliola Cinquetti




Wes Anderson.            Gene Hackman, Anjelica Huston, Ben Stiller, Gwyneth
                         Paltrow, Luke Wilson, Owen Wilson
Paul J. Hogan.           Julia Roberts, Cameron Diaz, Dermot Mulroney, Rupert
                         Everett
Carlo Verdone            Carlo Verdone, Laura Morante, Stefania Rocca
Luis Mandoki.          Paul Newman, John Savage, Kevin Costner, Illeana
                       Douglas, Robin Wright Penn
Oliver Hirschbiegel.   Moritz Bleibtreu, Oliver Stokowski, Christian Berkel,
                       Wotan Wilke Möhring, Justus von Dohnanyi
Barry Sonnenfeld.      Tommy Lee Jones, Vincent D'Onofrio, Will Smith, Linda
                       Fiorentino
Bruce Joel Rubin.      Bradley Whitford, Michael Keaton, Nicole Kidman,
                       Queen Latifah
Silvio Soldini.        Bruno Ganz, Licia Maglietta, Marina Massironi,
                       Giuseppe Battiston, Antonio Catania, Felice Andreasi

Adam Shankman.         Jennifer Lopez, Alex Rocco, Matthew McConaughey,
                       Justin Chambers, Bridgette Wilson
Taylor Hackford.       Meg Ryan, David Caruso, Russell Crowe, Pamela
                       Reed, David Morse, Anthony Heald




Gabriele Muccino.      Fabrizio Bentivoglio, Monica Bellucci, Laura Morante,
                       Silvio Muccino, Nicoletta Romanoff
Garry Marshall.        Julia Roberts, Richard Gere, Joan Cusack, Hector
                       Elizondo
Jean-Jacques Annaud.   Brad Pitt, David Thewlis, Dorjee Tsering
Emile Ardolino.        Bill Nunn, Harvey Keitel, Whoopi Goldberg, Maggie
                       Smith
Gérard Pirès.          Samy Naceri, Frédéric Diefenthal, Marion Cotillard,
                       Emma Sjöberg, Manuela Gourary
Paul Greengrass.       Matt Damon, Franka Potente, Brian Cox, Julia Stiles,
                       Karl Urban, Gabriel Mann, Joan Allen, Marton Csokas,
                       Tom Gallop, John Bedford Lloyd, Ethan Sandler,
                       Michelle Monaghan, Karel Roden, Tomas Arana,
                       Oksana Akinshina
Jan De Bont.           Jami Gertz, Bill Paxton, Helen Hunt
Carlo Vanzina.         Christian De Sica, Massimo Boldi, Marco Messeri,
                       Mariangela D'Abbraccio
Roger Donaldson.       Tom Cruise, Bryan Brown, Elisabeth Shue, Laurence
                       Luckinbill, Kelly Lynch, Gina Gershon, Ron Dean, Justin
                       Louis
Rob Cohen.             Paul Walker, Vin Diesel, Michelle Rodriguez, Jordana
                       Brewster, Rick Yune, Chad Lindberg, Johnny Strong,
                       Matt Schulze, Ted Levine, Ja Rule, Vyto Ruginis, Thom
                       Barry, Stanton Rutledge, Noel Gugliemi, R.J. de Vera


Roman Polanski.        Kristin Scott Thomas, Peter Coyote, Hugh Grant,
                       Emmanuelle Seigner, Kristin Scott Thomas, Victor
                       Banerjee
Takashi Miike.         Kazue Fukiishi, Atsushi Ida, Renji Ishibashi, Goro
                       Kishitani, Matsushige Yutaka, Anna Nagata, Kou
                       Shibasaki
Leonard Nimoy.         Tom Selleck, Steve Guttenberg, Ted Danson
Martin Brest.          Jeffrey Tambor, Brad Pitt, Anthony Hopkins, Claire
                       Forlani, Jake Weber
Paul Weitz.            Natasha Lyonne, Jason Biggs, Chris Klein, Mena
                       Suvari
Kimberly Pierce.       Hilary Swank, Chloe Sevigny, Peter Sarsgaard,
                       Brendan Sexton III
Brad Silberling.       Meg Ryan, Nicolas Cage, Colm Feroe
Arthur Hiller.         Anthony Zerbe, Gene Wilder, Richard Pryor
Mikael Solomon.        Morgan Freeman, Christian Slater, Minnie Driver
Howard Zieff.          Peter Boyle, Christopher Lloyd, Michael Keaton
Mel Brooks.               Mel Brooks, John Candy, Rick Moranis
Stephen Norrington.       Wesley Snipes, Kris Kristofferson, Stephen Dorff, N'
                          Bushe Wright
Don Roos.                 Ben Affleck, Gwyneth Paltrow, Tony Goldwyn, Alex
                          Linz, David Dorfman, Natasha Henstridge, Joe Morton,
                          Johnny Galecki, Jennifer Grey, David Paymer, Sam
                          Robards, Lisa Carpenter-Prewitt, Nicole Tocantins,
                          Caroline Aaron, Juan García
Emile Ardolino.           Patrick Swayze, Jennifer Grey, Cynthia Rhodes
Nanni Moretti.            Silvio Orlando, Laura Morante, Nanni Moretti, Stefano
                          Accorsi, Giuseppe Sanfelice di Monteforte, Paolo De
                          Vita, Jasmine Trinca, Claudio Santamaria

Ang Lee.                  Chang Chen, Zhang Ziyi, Michelle Yeoh, Lang Sihung,
                          Cheng Pei Pei




Rawson Marshall Thurber   Vince Vaughn, Ben Stiller

Bruno A. Gaburro.         Eva Grimaldi, Alba Parietti, Jerry Calà, Mauro Di
                          Francesco
Donald Petrie.            Adam Goldberg, Matthew McConaughey, Kate Hudson

Ermanno Olmi.             Sandra Ceccarelli, Hristo Jivkov, Sergio Grammatico,
                          Dessy Tenekedjieva




Lasse Hallström.          Michael Caine, Charlize Theron, Tobey Maguire, Kieran
                          Kulkin
Roland Emmerich.          Viveca Lindfors, Kurt Russell, Mili Avital, James
                          Spader, Jaye Davidson
Todd Phillips.            Ben Stiller, Owen Wilson, Snoop Doggy Dogg, Vince
                          Vaughn, Carmen Electra, Molly Sims, Amy Smart,
                          Juliette Lewis, Chris Penn, Fred Williamson, Jason
                          Bateman
Rupert Wainwright.        Patricia Arquette, Gabriel Byrne, Jonathan Pryce, Nia
                          Long
Martin Campbell.          Scott Glenn, Bill Paxton, Robin Tunney, Izabella
                          Scorupco, Chris O’Donnell
Zhang Yimou.              Jet Li, Tony Leung, Maggie Cheung, Donnie Yeng
Shekhar Kapur.             Heath Ledger, Kate Hudson, Wes Bentley, Djimon
                           Hounsou

Michele Placido.           Stefano Accorsi, Laura Morante, Alessandro Haber,
                           Katy Louise Saunders, Galatea Ranzi, Diego Ribon,
                           Consuelo Ciatti
                           Cillian Murphy
Frank Oz.                  Nicole Kidman, Matthew Broderick, Bette Midler, Glenn
                           Close, Christopher Walken, Roger Bart, Jon Lovitz,
                           Faith Hill, Tom Riis Farrell
Mel Smith.                 Rowan Atkinson, Peter MacNicol
Tom Shadyac.               Jim Carrey, Sean Young
Carlo Verdone.             Carlo Verdone, Beppe Fiorello, Narit Nissen, Anna
                           Safroncik, Elisabetta Rocchetti
Robert Rodriguez.          Harvey Keitel, Juliette Lewis, George Clooney, Salma
                           Hayek, Quentin Tarantino, Tom Savini
Sydney Pollack.            Harrison Ford, Kristin Scott Thomas, Bonnie Hunt,
                           Charles Dutton
Carlo Mazzacurati.         Stefano Accorsi, Maya Sansa, Marco Messeri,
                           Luisanna Pandolfi, Vania Rotondi, Giacomo La Rosa,
                           Marie Christine Descouard, Anne Canovas, Claude
                           Lemaire
Adrian Lyne.               Mickey Rourke, Kim Basinger
Tim Blake Nelson
Steven Soderbergh.         Jennifer Lopez, Michael Keaton, George Clooney,
                           Dennis Farina, Ving Rhames, Don Cheadle
Michele Placido.           Barbora Bobulova, Stefano Accorsi, Stefano Dionisi,
                           Violante Placido
Alain Berliner.            Demi Moore, Stellan Skarsgard, William Fichtner
Paul Anderson.             Milla Jovovich, Michelle Rodriguez, Eric Mabius, James
                           Purefoy




Rob Cohen.                 Joshua Jackson, Paul Walker, Leslie Bibb, Hill Harper

Julie Taymor.              Alan Cumming, Jessica Lange, Anthony Hopkins, Harry
                           J. Lennix, Laura Fraser
Tom McLoughlin.            Thom Mathews, Jennifer Cooke, David Kagan
Neri Parenti.              Christian De Sica, Massimo Boldi, Anna Falchi, Cindy
                           Crawford, Enzo Salvi, Biagio Izzo, Megan Gale, Victoria
                           Silvstedt
Mike Nichols.              Jude Law, Julia Roberts, Clive Owen, Natalie Portman,
                           Nick Hobbs, Colin Stinton
Stephen Norrington         Sean Connery, Stuart Townsend, Peta Wilson, Shane
                           West, Jason Flemyng, Naseeruddin Shah, Richard
                           Roxburgh, David Hemmings
Iain Softley.              Lorraine Bracco, Angelina Jolie, Johnny Lee Miller
Frédéric Schoendoerffer.   Vincent Cassel, Monica Bellucci, André Dussollier,
                           Charles Berling, Ludovic Schoendoerffer, Bruno
                           Todeschini, Sergio Peris-Mencheta, Eric Savin, Serge
                           Avedikian, Gabrielle Lazure
Gaspar Noé.            Monica Bellucci, Vincent Cassel, Albert Dupontel,
                       Philippe Nahon




Joe Roth.              Robert Carradine, Curtis Armstrong, Andrew Cassese

Sergio Corbucci.       Paolo Villaggio, Serena Grandi, Laura Antonelli
McG                    Cameron Diaz
Jan De Bont.           Lili Taylor, Liam Neeson, Catherine Zeta-Jones, Owen
                       Wilson
Bernardo Bertolucci.   Michael Pitt, Louis Garrel, Eva Green, Robin Renucci,
                       Anna Chancellor, Florian Cadiou
Nick Hamm.
Peter Mullan




Richard Caesar.        Alice Krige, Laura Harris, Richard Lintern, Alex Roe -
                       Brown, Francis Magee
Ruggero Deodato.       Richard Lynch, Eva La Rue, Sheeba Alahani
Tinto Brass.           Martine Brochard, Debora Caprioglio, Stéphane Ferrara
Quentin Tarantino.   Rosanna Arquette, Harvey Keitel, Samuel L. Jackson,
                     Uma Thurman, Bruce Willis, Tim Roth, John Travolta,
                     Eric Stoltz, Maria de Medeiros, Amanda Plummer, Ving
                     Rhames, Frank Whaley, Alexis Arquette, Paul
                     Calderon, Christopher Walken


                     di Jill Sprecher con J. Turturro, M. McCounaghey




John Herzfeld.       Robert De Niro, Charlize Theron, Kelsey Grammer,
                     Oleg Tabakov, Vera Farmiga, Ed Burns, Karel Roden




Michael Lehmann.     Josh Hartnett, Shannyn Sossamon, Maggie Gyllenhaal,
                     Monet Mazur, Vanessa Shaw



Carine Adler.        Samantha Morton, Claire Rushbrook, Rita Tushingham

Robert Guédiguian    Ariane Ascaride, Gerard Méylan




Mike Nichols.        Harrison Ford, Annette Bening, Bill Nunn, Mikki Allen

Alexander Payne.     Jack Nicholson, Kathy Bates, Hope Davis, Dermot
                     Mulroney
Billy Wilder         Jack Lemmon, Tony Curtis
Laurent Cantet.            Aurélien Recoing, Karin Viard, Serge Livrozet, Jean-
                           Pierre Mangeot, Monique Mangeot, Nicolas Kalsch,
                           Marie Cantet, Félix Cantet, Maxime Sassier, Elisabeth
                           Joinet, Nigel Palmer, Christophe Charles, Didier Perez,
                           Olivier Lejoubioux, Pauline De Laubie


Steven Spielberg.          Haley Joel Osment, Jude Law, Frances O'Connor, Sam
                           Robards, Jake Thomas, Daveigh Chase, Brendan
                           Gleeson, William Hurt, Jack Angel
Marco Ponti.               Libero de Rienzo, Vanessa Incontrada, Kabir Bedi,
                           Remo Girone, Ugo Conti, Giovanni Carretta Pontone



Guido Manuli.
Martin Scorsese.           John Goodman, Patricia Arquette, Nicolas Cage, Ving
                           Rhames, Tom Sizemore




Robert Guédiguian          Ariane Ascaride, Gerard Meylan




Michael Mann.              Will Smith, Jamie Foxx, Jon Voight, Mario Van Peebles,
                           Ron Silver, Jeffrey Wright, Mykelti Williamson




James Cameron.             Michael Biehn, Sigourney Weaver, Paul Reiser



Maurizio Sciarra.          Adriano Giannini, Andoni Gracia, Francisco Rabal,
                           Oscar Ladoire, Georges Moustaki, Gwenaëlle Simon

Cameron Crowe.             Frances McDormand, Jason Lee, Billy Crudup, Patrick
                           Fugit, Kate Hudson, Zooey Deschanel



C. Costa-Gavras            M. Kassovitz, U. Tukur




Constantin Costa Gavras.   Ulrich Tukur, Mathieu Kassovitz

Steven Spielberg.          Morgan Freeman, Matthew McConaughey, Anthony
                           Hopkins, Djimon Hounsou, Stellan Skarsgard, Nigel
                           Hawthorne
Woody Alen
Alejandro Gonzalez Inarritu. Goya Toledo, Emilio Echevarria, Gael Garcia Bernal,
                             Alvaro Guerrero, Vanessa Bauche

Rowdy Herrington.            Tom Berenger, Eric Stoltz, Cuba Gooding Jr., Marianne
                             Jean-Baptiste, Marc Pellegrino
Andrej Tarkovski             Anatolij Solonicyn




Francis Ford Coppola         Martin Sheen, Marlon Brando




Louis Malle                  G. Manesse, R. Fejto




Oliver Stone.                Robert Downey Jr., Juliette Lewis, Tommy Lee Jones,
                             Woody Harrelson, Tom Sizemore, Rodney Dangerfield,
                             Maria Pitillo, Pruitt Taylor Vince, Balthazar Getty

Richard Donner.              Sylvester Stallone, Antonio Banderas, Julianne Moore,
                             Anatoly Davydov
Dominique Deruddere.         Josse De Pauw, Eva van der Gucht, Werner De Smedt,
                             Thekla Reuten




Gary Trousdale, Kirk Wise.
Edward Zwick.                Annette Bening, Denzel Washington, Bruce Willis, Sami
                             Bouajila, Tony Shalhoub
Adrian Lyne.                 Anne Archer, Glenn Close, Michael Douglas
Joan Chen.                   Richard Gere, Winona Ryder, Anthony La Paglia,
                             Elaine Stritch




Virginie Despentes           Coralie Trinh Thi Con Raffaella Anderson, Karen Bach




Kevin Costner.               Kevin Costner, Mary McDonnell, Graham Greene
Rkhard Fleiscber             Anthony Quinn, Silvana Mangano, Vittorio Gassman




Abe Levitow, Majid Majidi.   Fouad Nahas, Majid Majidi
                             JOHN GARFIELD E GREGORY PECK




N. LaBute                    R. Zellweger, M. Freeman




Nanni Moretti                Nanni Moretti




Tim Burton.                  Ewan McGregor, Albert Finney, Billy Crudup, Jessica
                             Lange, Alison Lohman, Helena Bonham Carter, Steve
                             Buscemi, Danny DeVito
S. Daldry                    J. Bell, J. Walters




Ridley Scott                 con Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Penn col., 111',




Silvio Soldini               I. Franek, B. Lukesova
Sam Peckinpah      Dustin Hoffman, Susan George




Brian De Palma.    Sean Penn, Al Pacino, Penelope Ann Miller, Viggo
                   Mortensen




Walter Salles      Fernanda Montenegro, Vincius De Oiveira




SERGIO LEONE
SERGIO LEONE       Robert de Niro, James Woods




Lasse Hallström.   Juliette Binoche, Leslie Caron, Alfred Molina, Johnny
                   Depp, Lena Olin, Peter Stormare, Judi Dench, Carrie
                   Ann Moss




Bruce Beresford.   Tommy Lee Jones, Annabeth Gish, Bruce Greenwood,
                   Ashley Judd, Benjamin Weir

Peter Hyams        Michael Douglas Drammatico, 1983 - 109'
Kenneth Lonergan   Laura Linney, Matthew Broderick




J. Mangold         S. Stallone, H. Keitel A Garrison




FRATELLI COEN
David Lynch.                Diane Ladd, Isabella Rossellini, Nicolas Cage, Willem
                            Dafoe, Laura Dern, Harry Dean Stanton, Freddie Jones,
                            Sheryl Lee
Ron Howard.                 Nicole Kidman, Tom Cruise, Thomas Gibson

Walter Hill.                James Belushi, Peter Boyle, Arnold Schwarzenegger

                            G.DEPARDIEU
Jim Jarmusch.               Johnny Depp, Lance Henriksen, Gary Farmer
Clint Eastwood




C.T. Dreyer                  M. Skot-Hansen, P. Knudsen.
Ralph Zondag, Eric Leighton.
J.Delannoy                   P. Fresnay, D. Gélin, M. Robinson




J. Gillespie                S. Stallone, T. Berenger




Tim Burton.                 Winona Ryder, Johnny Depp, Dianne Wiest, Alan Arkin

Michael Apted.              Kate Winslet, Dougray Scott, Saffron Burrows, Martin
                            Glyn Murray

John Carpenter              Roddy Piper, Keith David




Alan Parker.                Madonna, Antonio Banderas, Jonathan Price
Randa Haines.   Piper Laurie, William Hurt, Marlee Matlin
Wim Wenders.    Max von Sydow, Sam Neill, Solveig Dommartin, William
                Hurt, Jeanne Moreau




                MATTHAU, LA BERGMAN E GOLDIE HAWN
Elia Kazan
John Carpenter.        Kurt Russell, Stacy Keach, Steve Bushemi




Andrew Niccol.         Ethan Hawke, Uma Thurman, Alan Arkin, Jude Law




Luc Besson.            Faye Dunaway, John Malkovich, Dustin Hoffman,
                       Vincent Cassel, Tchéky Karyo, Milla Jovovich, Pascal
                       Greggory, Faye Dunaway



Clint Eastwood.        Morgan Freeman, Gene Hackman, Richard Harris, Clint
                       Eastwood, Frances Fisher, Anna Thompson, Saul
                       Rubinek




MICHAEL WINTERBOTTOM



Barry Levinson.        Robin Williams, Forest Whitaker, Noble Willingham
Wolfgang Becker.       Katrin Sass, Daniel Brühl

John Carpenter.        Kurt Russell, Kim Cattrall, Dennis Dun
Russell Mulcahy.    Sean Connery, Christopher Lambert, Roxanne Hart
Steven Spielberg.   Julia Roberts, Robin Williams, Dustin Hoffman, Maggie
                    Smith, Bob Hoskins, Charlie Korsmo




David Lynch.        Michael Ontkean, Sheryl Lee, Kyle MacLachlan
Wim Wenders




Wim Wenders.                 Bruno Ganz, Peter Falk, Solveig Dommartin, Otto
                             Sander
Gary Fleder.                 Morgan Freeman, Cary Elwes, Tony Goldwyn, Ashley
                             Judd




Gary Trousdale, Kirk Wise.   Lon Chaney jr, Ernest Torrence, Patsy Ruth Miller
Charlie Chaplin              Charlie Chaplin, Paulette Goddard




Joel Coen.                   Steve Buscemi, Jeff Bridges, John Turturro, John
                             Goodman, Julianne Moore, David Huddleston, Sam
                             Elliott, Philip Seymour Hoffman, Tara Reid, Peter
                             Stormare
G.Amelio




Gianni Amelio.          Enrico Lo Verso, Valentina Scalici, Giuseppe
                        Ieracitano, Marina Golovine, Florence Darrel




F. Gary Gray.           Samuel L. Jackson, J.T. Walsh, Kevin Spacey, David
                        Morse, Ron Rifkin

Francis Ford Coppola.   Eli Wallach, Andy Garcia, Joe Mantegna, Raf Vallone,
                        Diane Keaton, Al Pacino




Anthony Minghella.      Nino Castelnuovo, Colin Firth, Juliette Binoche, Kristin
                        Scott Thomas, Ralph Fiennes, Willem Dafoe, Naveen
                        Andrews

Roberto Benigni.        Roberto Benigni, Nicoletta Braschi, Walter Matthau
Massimo Troisi.         Philippe Noiret, Renato Scarpa, Maria Grazia Cucinotta,
                        Massimo Troisi
Gabriel Axel.     Bibi Andersson, Stéphane Audran, Jarl Kulle




Tim Robbins.      Joan Cusack, John Cusack, Bill Murray, Vanessa
                  Redgrave, John Turturro, Emily Watson
Alfonso Arau.     Giancarlo Giannini, Anthony Quinn, Keanu Reeves,
                  Aitana Sanchez-Gijon

Roger Allers.     Woody Allen, Molly Ringwald, Jean-Luc Godard, Peter
                  Sellars, Norman Mailer




Phillip Noyce.    Val Kilmer, Elisabeth Shue, Rade Serbedzija, Valery
                  Nikolaev, Henry Goodman
John Boorman.     Jamie Lee Curtis, Pierce Brosnan, Geoffrey Rush,
                  Harold Pinter, Caterine McCormack, Leonor Varela,
                  Daniel Radcliffe
I.Bergman
Sydney Pollack.   Holly Hunter, Gene Hackman, Ed Harris, Hal Holbrook,
                  Tom Cruise, Jeanne Tripplehorn
D.RISI
Brett Leonard.    Jeff Fahey, Pierce Brosnan




Gregory Hoblit.   Donald Sutherland, Denzel Washington, John
                  Goodman
Ulu Grosbard.          Michelle Pfeiffer, Whoopi Goldberg, Treat Williams,
                       Jonathan Jackson




Michael Mann.          Al Pacino, Diane Venora, Russell Crowe, Linsday
                       Crouse, Christopher Plummer, Gina Gershon




Michael Caton-Jones.   Sidney Poitier, Richard Gere, Bruce Willis, Diane
                       Venora, Mathilda May

Peter Kassovitz.       Robin Williams, Alan Arkin, Bob Balaban, Hannah
                       Taylor-Gordon ....

Cameron Crowe.         Renée Zellweger, Tom Cruise, Cuba Gooding Jr., Kelly
                       Preston, Jerry O'Connell, Jay Mohr, Bonnie Hunt,
                       Regina King, Jonathan Lipnicki, Todd Louiso, Mark
                       Pellington, Jeremy Suarez, Jared Jussim, Benjamin
                       Kimball Smith, Ingrid Beer, Lucy Liu
Oliver Stone.      Kevin Bacon, Jack Lemmon, Donald Sutherland, Sissy
                   Spacek, Gary Oldman, Kevin Costner, Tommy Lee
                   Jones, Edward Asner, Walter Matthau, Sally Kirkland,
                   John Candy, Tomas Milian




Roberto Faenza.    Juliet Aubrey, Jean-Hugues Anglade, Jenner Del
                   Vecchio, Francesca De Sapio




John Guillermin.   John Ashton, Brian Kerwin, Linda Hamilton
                   CHARLES CHAPLIN
Iain Softley.      Kevin Spacey, Jeff Bridges, Alfre Woodward, Mary
                   McCormack, Peter Gerety, Saul Williams, David Patrick
                   Kelly, Celia Weston




Curtis Hanson.     Danny DeVito, Kim Basinger, Russell Crowe, Kevin
                   Spacey, Guy Pierce, James Crowell




Riccardo Miani.    Flavio Pistilli, Federico Di Flauro, Paolo Setta, Regina
                   Orioli
Terry Gilliam.    Robin Williams, Jeff Bridges, Amanda Plummer,
                  Mercedes Ruehl




Ermanno Olmi      Rutger Hauer, Anthony Quayle




Ermanno Olmi.     Anthony Quayle, Rutger Hauer, Sandrine Dumas
Roland Joffé.     Demi Moore, Robert Duvall, Gary Oldman, Robert
                  Prosky



                  ROBERT MITCHUM




Roman Polanski.   Johnny Depp, Lena Olin, Emmanuelle Seigner, Frank
                  Langella, James Russo
T. Dryer




Terrence Malick.   Sean Penn, Nick Nolte, Elias Koteas, John Savage,
                   Woody Harrelson, John Cusack, George Clooney, Ben
                   Chaplin, Jim Caviezel, Adrien Brody
Jerry Zaks.        Diane Keaton, Robert De Niro, Hume Cronyn, Leonardo
                   DiCaprio, Meryl Streep
Federico Fellini   Giulietta Masina, Anthony Quinn
Ken Loach.     Crissy Rock, Vladimir Vega, Sandie Lavelle, Mauricio
               Venegas, Ray Winstone




Ermanno Olmi   Luigi Ornaghi, Francesca Moriggi
Quentin Tarantino.   Harvey Keitel, Steve Buscemi, Tim Roth, Michael
                     Madsen, Chris Penn, Lawrence Tierney, Quentin
                     Tarantino
Lars von Trier.      Katrin Cartlidge, Stellan Skarksgard, Emily Watson,
                     Jean Marc Barr




Stephen Frears.      Michelle Pfeiffer, Glenn Close, John Malkovich, Uma
                     Thurman, Keanu Reeves
Pedro Almodóvar.     Francisco Rabal, Victoria Abril, Antonio Banderas,
                     Loles León
Andrej Tarkovski   A. Solonicyn, A. Demidora




Ingmar Bergman     Bjornstrand, Gunner - Thulin, Ingrid - Von Sydow, Max




Michael Mann.      Daniel Day-Lewis, Elizabeth Rowe




Alfred Hitchock




Robert Redford.    Robert Redford, Sam Neill, Kristin Scott Thomas,
                   Scarlett Johansson
Constantin Costa Gavras.   Dustin Hoffman, Alan Alda, Mia Kirshner, John Travolta

Pupi Avati
                           Tom Cruise




Milos Forman.              Jim Carrey, Danny DeVito, Courtney Love, Paul
                           Giamatti




Marco Risi.                Michele Placido, Claudio Amendola, Francesco
                           Benigno, Alessandro Di Sanzo, Roberto Mariano,
                           Matteo Mondello



Roland Joffè               Robert De Niro, Jeremy Irons, Ray McAnally




Roland Joffé.              Robert De Niro, Jeremy Irons, Ronald Pickup
Ken Loach.      Peter Mullan, Louise Goodall, Gary Lewis, David
                McKay, Lorraine McIntosh, Marie Kennedy
Oliver Stone.   Tom Cruise, Willem Dafoe, Kyra Sedgwick, Raymond J.
                Barry, Tom Berenger, Stephen Baldwin, Lili Taylor,
                Richard Panebianco
Jim Sheridan.   Emma Thompson, Daniel Day-Lewis, John Lynch, Pete
                Postlethwhaite, Jerry Concon




D. Tanovic      F. Djuric, K. Cartlidge




John Woo.       Christian Slater, John Travolta, Delroy Lindo, Samantha
                Mathis, Frank Whaley
Andrej Tarkovskij   Oleg Jankovski, Erland Josephson, Domiziana
                    Giordano




Piero Chiambretti




Oliver Stone.       Cameron Diaz, Charlton Heston, Matthew Modine, Al
                    Pacino, Dennis Quaid, Jamie Foxx, James Woods




Zalman King.        Mickey Rourke, Jacqueline Bisset, Carre Otis
C.T. Dreyer

Paolo Virzì.        Nicoletta Braschi, Edoardo Gabbriellini, Malcom Lunghi,
                    Matteo Campus, Claudia Pandolfi



Alfonso Cuaròn.     Anne Bancroft, Ethan Hawke, Robert De Niro, Gwyneth
                    Paltrow

Brian Helgeland.    Mel Gibson, Kris Kristofferson, Gregg Henry, Maria
                    Bello, Deborah Kara Unger, Lucy Liu
John N. Smith.      Michelle Pfeiffer, George Dzundza, Courtney Vance



Carlo Verdone.      Carlo Verdone, Asia Argento, Aldo Maccione, Sonya
                    Gessner




Oliver Stone.       Tom Berenger, Willem Dafoe, Charlie Sheen, Johnny
                    Depp
Kathryn Bigelow.    Gary Busey, Patrick Swayze, Keanu Reeves
Bob Clark.         Dan Aykroyd, Gene Hackman, Dom DeLuise




Clint Eastwood.    Scott Glenn, Gene Hackman, Ed Harris, Clint Eastwood




Adrian Lyne.       Robert Redford, Demi Moore, Oliver Platt, Woody
                   Harrelson

Jon Avnet.         Michelle Pfeiffer, Robert Redford, Stockard Channing,
                   Joe Mantegna
James L. Brooks.   Jack Nicholson, Helen Hunt, Greg Kinnear, Cuba
                   Gooding Jr.

ORSON WELLES




Martin Scorsese.   Ray Liotta, Robert De Niro, Joe Pesci, Paul Sorvino,
                   Lorraine Bracco, Debi Mazar, Samuel L. Jackson




Bob Hoskins.       Dan Aykroyd, Saul Rubinek, Bob Hoskins, Tery Finn
Akira Kurosawa   Tatsuya Makadai, Mieko Arada
                           Anne Yernaux, Fabrizio Rongione, Emilie Duquenne,
Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne.
                           Olivier Gourmet
Andrew Niccol              Al Pacino




Andrej Tarkovski




Andrei Tarkovsky.          Erland Josephson, Susan Fleetwood, Gudrun
                           Gisladottir




FRANCESCO ROSI




Newton Arnold.             Jean Claude Van Damme, Norman Burton, Forest
                           Whitaker, Donald Gibb, Leah Ayres
Roger Donaldson.           Gene Hackman, Sean Young, Kevin Costner




David Fincher.             Brad Pitt, Morgan Freeman, Kevin Spacey, Gwyneth
                           Paltrow
Catherine Breillat.   Anne Parillaud, Roxane Mesquida, Grégoire Colin,
                      Ashley Wanninger
Michael Corrente.     Robert Duvall, Michael Keaton, Brian Cox, Ally McCoist,
                      Cole Hauser
John Madden.          Colin Firth, Rupert Everett, Ben Affleck, Gwyneth
                      Paltrow, Judi Dench, Joseph Fiennes, Geoffrey Rush



Susan Seidelman.      Linda Hunt, Ed Begley jr, Sylvia Miles, Meryl Streep,
                      Roseanne Barr
Nick Cassavetes.      Sean Penn, John Travolta, Robin Wright Penn

Tom Dey.              Robert De Niro, Eddie Murphy, Rene Russo, William
                      Shatner




Michael Hoffman.      Michelle Pfeiffer, Rupert Everett, Kevin Kline, Sophie
                      Marceau, David Strathairn, Stanley Tucci
Andrej Tarkovski




Livia Giampalmo.      Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini, Yari
                      Gugliucci, Paolo Briguglia, Marta Mondelli, Claudio
                      Gioé
T. Gatlif          O. Copp, L. Rech




Tony Gatlif.       Oscar Copp, Lou Rech, Tchavolo Schmitt



Gérard Krawczyk.   Samy Naceri, Frédéric Diefenthal, Emma Sjoberg,
                   Bernard Farcy, Marion Cotillard

Robert Towne.      Michelle Pfeiffer, Kurt Russell, Mel Gibson



Henry Bean.        Billy Zane, Theresa Russell, Summer Phoenix, Ryan
                   Gosling, Glenn Fitzgerald, Garret Dillahunt, Kris Eivers,
                   Joel Garland, Joshua Harto, Tommy Nohilly




Oliver Stone.      Meg Ryan, Val Kilmer, Kyle MacLachlan, Michael
                   Madsen
R. Rodriguez       E. Wood, J. Hartnett




Anthony Waller     Bill Pulmann, Gabrielle Anwar




Joel Coen          Billy Bob Thornton, Frances McDormand
Phillip Noyce.      Michael Caine, Brendan Fraser, Do Thi Hai Yen, Rade
                    Serbedzija, Tzi Ma, Robert Stanton




Steven Spielberg.   Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones, Stanley Tucci,
                    Diego Luna, Zoe Saldana, Chi McBride, Barry Shabaka
                    Henley, Kumar Pallana, Eddie Jones, Michael Nouri,
                    Jude Ciccolella



Joe Charbanic.      Keanu Reeves, Marisa Tomei, James Spader




Ridley Scott        S.Sarandon, G. Davis




Ridley Scott.       Brad Pitt, Harvey Keitel, Susan Sarandon, Geena
                    Davis, Michael Madsen, Christopher McDonald
Radu Mihaileanu.        Agathe De La Fontaine, Lionel Abelanski, Rufus,
                        Clément Harari, Marie José Nat, Bruno Abraham-
                        Kremer, Michel Muller, Johan Leysen
Danny Boyle.            Ewan McGregor, Robert Carlyle, Ewen Bremner, Kelly
                        MacDonald, Jonny Lee Miller, Kevin McKidd




LINA WERTMULLER
Krzysztof Kieslowski.   Janusz Gajos, Jerzy Stuhr, Zbigniew Zamachowski,
                        Julie Delpy, Janusz Gajos, Juliette Binoche



Francis Ford Coppola.   Martin Landau, Jeff Bridges, Frederic Forrest, Frederic
                        Forrest, Dean Stockwell



Sergio Rubini.          Sergio Rubini, Gérard Depardieu, Margherita Buy,
                        Damiano Russo, Francesco Cannito, Marcello Introna,
                        Michele Venitucci, Teresa Saponangelo
Clint Eastwood.       Kevin Costner, Clint Eastwood, Laura Dern
Charles Crichton.     Jamie Lee Curtis, John Cleese, Kevin Kline




David Lynch.          Sissy Spacek, Harry Dean Stanton, Richard
                      Farnsworth, Everett McGill, Jane Galloway




Harold Becker.        John Travolta, Vince Vaughn, Teri Polo, Steve Buscemi

Cristina Comencini.   Virna Lisi, Tchéky Karyo, Margherita Buy, Massimo
                      Ghini




Carl Theodor




Michael Cimino        W. Harrelson, J. Seda
Krzysztof Zanussi          Christoph Waltz




R. Wallace                 M. Gibson, M. Stowe




Brian Gilbert.             Stephen Fry, Vanessa Redgrave, Jude Law, Orlando
                           Bloom




BRUCE ROBINSON



                           Tony Kendall, Mimmo Crao, Phoenix Milan Jim
Atom Egoyan, Patricia Rozema, Kevin McMahon, François Girard, Grant,Podsedly, Niv Fichman.
                           Sullivan



George T. Miller.          Steve Guttenberg, Kathleen Quinlan, Arnold Vosloo
recensione
A Lourdes, nella seconda metà del secolo scorso, una contadinella, Bernadette Soubirous, ha la visione della Madonna. Le autorità civili e religiose (il prete del vil



Recensione schematica completa: la sto sviluppando.



Grande film spagnolo di quasi quarant'anni fa, che già all'epoca aveva mietuto consensi (menzione speciale al Festival di Cannes, Orso
d'argento al Festival di Berlino) e che non può non commuovere anche adesso se lo si guarda con l'occhio libero da preconcetti. Siamo in un
piccolo paese spagnolo: un frate scende dal suo convento, meta -quel giorno - del pellegrinaggio di tutta la popolazione nel ricordo di un evento
straordinario avvenuto nel convento in un tempo ormai lontano. Quel frate va a trovare una bambina ammalata e, per confortare la famiglia,
racconta quell'evento che il paese stava festeggiando: la storia di Marcellino. Dopo le fine della guerra con i francesi, tre frati decidono di
ricostruire un convento in rovina su un monte desolato. Con l'appoggio del sindaco del paese e l'aiuto di altri confratelli riescono nella loro opera,
finché una mattina la quiete dei religiosi è rotta dalla scoperta di un neonato in fasce, abbandonato alle porte del convento. Il piccolo, battezzato
con il nome di Marcellino, conquista subito le simpatie dei fraticelli che non vorrebbero separarsene. Ma il padre superiore li richiama alla realtà:
un bambino non può crescere bene senza genitori e fratelli. Iniziano le ricerche dei genitori di Marcellino, finché si viene a sapere che sono
morti. Non trovando nessuna famiglia idonea ad adottare quel neonato cui si erano tanto affezionati, i frati decidono di tenere con sé Marcellino: -
ognuno - gli avrebbe fatto da padre. Il fanciullo cresce insieme ai dodici frati, che gli perdonano scherzi e marachelle e che vengono coinvolti dai
suoi giochi e dalla sua simpatia. Ben presto, però, Marcellino si accorge che, se è bello avere dodici papà, la mancanza di una mamma e di un
amico con cui giocare non è facilmente colmabile. E se riesce a inventarsi Manuel, compagno delle sue avventure quotidiane, intuisce che il suo
vero desiderio è vedere la propria madre, disposto anche ad essere più buono pur di raggiungerla "in cielo". Le sue giornate scorrono comunque
La storia di William Wallace, il ribelle che fra il 1290 e il 1305 guidò i clan scozzesi contro Edoardo I Plantageneto, re d'Inghilterra.

(di Peter Weir lo stesso regista dell'attimo fuggente: In un mondo falso ci sono dei segni (il faro che cade, l'interferenza radio,...) che lo fanno
"pensare", quei segni sono dei fatti concreti che lo riportano ad altro, che lo segnano, il suo cuore desidera qualcosa di vero: lo sguardo della
ragazza, l'amore per quella ragazza. L'unica cosa 'vera' che ha incontrato. Per lei supera tutto anche la tempesta finale e anche la voce del
falso "dio" (Truman chiede "ma io chi sono?" "Ma tu chi sei?). Va oltre, rischia perchè sa che è in gioco la sua libertà, il suo desiderio di verità)
La Coerenza di un uomo leale che crede fino in fondo nel suo ideale "Roma" fino alla morte. Effetti speciali notevoli. (Giovanni Piersigilli)



Commovente l'amore dei genitori, tra di loro e verso il figlio, fino a dare la vita. La realtà è fatta sia di allegria e sia di dolore.




"L'uomo-elefante" è il crudele nome con il quale viene esibito come fenomeno da baraccone in un circo, nella Londra di inizio secolo, John
Merrick, orrendamente deformato da una grave malattia congenita. Un giorno, però, lo vede casualmente un medico che si interessa al suo
caso. Combatte l'ostilità dei colleghi che lo considerano incapace di intendere e di volere, capisce che può essere curato ed avere un'esistenza
come gli altri. La pietà iniziale del dottore diventa prima rispetto, poi amicizia. John se ne accorge: nessuno lo aveva mai trattato come un uomo.
Solo l'amore rende la vita umana, non la normalità: John si sente finalmente vivo ed esprime la sua sensibilità artistica. Ma l'uomo è anche
malvagio: una notte un gruppo di balordi lo fanno ubriacare, lo umiliano, lo deridono, mostrandogli per la prima volta la sua immagine allo
specchio. Per John è un'esperienza sconvolgente, che lo segnerà per sempre e che culminerà nel suo rapimento da parte del padrone del circo.
John riuscirà a fuggire, finalmente riceverà pubbliche dimostrazioni di affetto e un personale trionfo una sera a teatro. Ma l'amicizia del dottore e
della cittadinanza non basteranno... Il film di Lynch, dall'ambientazione suggestiva in bianco e nero, è un chiaro invito alla solidarietà umana nei
confronti di chi è emarginato dalla società. John Merrick è il "diverso" che l'uomo fa fatica ad accettare, anche se momenti di verità si ritrovano
nel dottore e in altri personaggi, segno di un'umanità in cui convivono il bene ed il male, la generosità gratuita e la crudeltà più bieca.

Pixar Animazione.
Abituato a scandire col cronometro ogni istante della sua vita, un dirigente di una compagnia di spedizioni si ritrova, a causa di un incidente
aereo, solo su di un'isola deserta. Il film da una parte è una cruda descrizione dell'impotenza dell'uomo (il protagonista non riesce nemmeno a
uccidersi), dall'altra fa emergere, insieme alla volontà di sopravvivenza, la speranza. Legata in questo caso a un segno un paio d'ali che
qualcuno ha disegnato su un imballo, e inteso proprio come rimando a una realtà certa e piu grande.

Chuck Noland (T. Hanks) è un affermato ingegnere della FedEx, una multinazionale di Import-Export e la sua vita corre frenetica senza un
attimo di pausa tra cellulari e cercapersone. Quando l'aereo su cui viaggia si inabissa nell'oceano, Chuck, vivo per miracolo, si ritrova solo e
ferito su un'isola deserta. Ultima fatica del grande Bob Zemeckis (Ritorno al futuro, Forrest Gump), Cast Away è un grande film sull'uomo e sulla
sua ricerca di una identità certa. Giocato tutto su opposizioni temporali (il tempo frenetico della società civilizzata contro l'eternità passata da
Chuck sull'isola), acustiche (i rumori assordanti della città contro il silenzio della natura), mentali (la progettualità razionale di minata da una follia
crescente), Cast Away è un atto d'accusa contro una tecnologia che non può, per natura, salvare l'uomo. Il film riesce ad evitare l'ostacolo del


Animazione troppo carino!!
di A. Adamson e V. Jenson con Shrek e la Principessa Fiona
Shrek è un orco che vive in una foresta incantata, finché si trova la casa invasa dalle creature del bosco, sfrattate dal potente Lod Farquand. Per
ritrovare la tranquillità, Shrek dovrà salvare una bellissima principessa.
Dagli stessi autori di Z - La Formica esce domani in tutta Italia, Shrek, il primo film d'animazione digitale, in concorso a Cannes. Antidisneyano
nell'assunto (Shrek non sopporta la convivenza con le creature del bosco: Biancaneve, Cenerentola, persino Pinocchio...; il principe, tra
Biancaneve e la Bella addormentata, sceglie di salvare Fiona), Shrek è una divertente favola digitale, con protagonista l'orco più scorretto della
storia del cinema: brutto, asociale, puzzolente, Shrek è il "diverso" per eccellenza, forse proprio quel "diverso" che la Disney negli ultimi anni non
ha mai saputo esprimere con convinzione. Strabiliante negli effetti speciali, che rendono naturale ogni espressione dei protagonisti, Shrek cerca
di essere un film nuovo per il pubblico adulto cui si rivolge: ritmo forsennato, citazioni cinematografiche, gag esilaranti (e qualche battuta un po'
sconcia) non possono indirizzarlo ad una platea di ragazzini. Comunque, Shrek attore è due spanne sopra tutto il cast di Pearl Harbor.
di Fortunato Simone


La speranza nella coppia. Vista da un occhio laico, ma generosamente appassionato verso gli uomini e difensore a oltranza delle coppie che si
sposano, D'Alatri si becca gli insulti di cinici e nichilisti perché racconta, forse con qualche ingenuità, la parabola di due giovani che si amano, si
sposano (in chiesa, senza sapere perché) e si ritrovano sotto l'assedio del mondo, amici compresi, che cospira contro la ricerca di una vera
felicità. Ma forse un prete li salverà... Angosciante e divertente al tempo stesso, Casomai chiede di scommettere su chi vuole costruire, mentre
tutto intorno incita alla distruzione dei legami. A CURA DI GIUSEPPE MUSICCO



Veramente un bel film.



Totò sempre unico

Citazione finale: "Non siamo nemici ma amici, non dobbiamo essere nemici, anche se la passione può averci fatto vacillare non deve rompere i
profondi legami del nostro affetto, le corde mistiche della memoria risuoneranno quando verranno toccate, come se ha toccarle fossero i migliori
angeli della nostra natura."
In una cultura contraddittoria come quella americana, la nostalgia di un bene e di vera libertà. L'uomo, non appena la somma del male che ha
compiuto Dead man walking (letteralmente: morto che cammina) è un film che ha due pregi: innanzitutto fa discutere proprio in quanto non è la
rappresentazione di una teoria, ma di un fatto e, in secondo luogo, ha una forza artistica che riesce quasi sempre a evitare le cadute nella
retorica, pur così facili visti i temi e le situazioni che tocca. Non riassumiamo la trama, contando sulla notorietà e sul passaparola. Vediamo il
primo pregio. I1 film, quasi a dispetto delle apparenze e dei motivi del suo successo commerciale, non tratta come tema principale le idee sulla
pena di morte, sulla fede o su quant'altro pur entra nella trama del film. Un'opera come questa non è fatta per chiarire, per accomodare le idee,
semmai per scombinarle. Presenta una storia, un fatto, una verità umana. Infatti, suor Helen, generosa, sprovveduta, commossa per il valore
infinito della persona, non riesce quasi mai a dare spiegazioni al suo impegno umano e pastorale, ma se ne sta li e alla fine, dinanzi all'"uomo
morto che cammina" che le ha appena confessato la verità mostrandosi per la prima volta libero, non può non dire che Cristo è con lui, presente.




La vera storia di una squadra di footbal americano che durante un viaggio in aereo precipitano in Cile nel 1972 e vengono ritrovati dopo circa 1 mese ormai allo str

Nel mondo del cinema la firma di Sergio Leone è sinonimo di qualità. Lo testimoniano tra l'altro i film dedicati all'epico mondo del West
americano, che il regista romano amava profondamente. Come tutta la sua generazione, del resto, cresciuta nutrendosi di massicce dosi di John
Wayne e analoghi eroi cinematografici. Eroi tutti d'un pezzo, manicheisticamente in grado di perseguire il bene e debellare il male. Muovendosi
all'interno del genere western, Sergio Leone crea qualcosa di completamente nuovo, il cosiddetto western all'italiana. Restano i motivi classici,
sparatorie, risse e inseguimenti. Ma - portati all'esasperazione e letti attraverso il filtro di una costante ironia - vengono definitivamente collocati
nella sfera dei miti. I suoi personaggi "positivi" sono tutt'altro che eroi buoni ed onesti. Sono simpatiche canaglie, prevalentemente mosse dal
proprio tornaconto. Il buono, il brutto e il cattivo appartiene a tale nuovo filone. Girato neI 1966, conserva inalterate tensione narrativa e capacità
d'incollare allo schermo lo spettatore, grazie anche al valore degli attori, perfettamente a loro agio nei ruoli loro assegnati. Tre pistoleri, uno
cattivo per definizione, gli altri oscillanti tra odio reciproco, amore quasi morboso per il denaro e rari slanci di altruismo. Tutti sono alla ricerca di
"Una volta alcuni comuni amici discussero con lui di un film che era sembrato loro grande e affascinante, pur nel suo risvolto tragico, proprio sul
piano dell'affettività. Il film era 'L'attimo fuggente', e forse molti lo ricorderanno, è la storia della poetica e della struggente relazione tra un
professore e i suoi allievi. Loro erano entusiasti di quel film e invece lui lo detestava. E sai perchè? Perchè diceva Giussani, l'insegante in quel
film comunicava sì emozioni forti, ma non c'era niente che comunicasse dentro quelle emozioni, tanto è vero che non proponeva un'esperienza
e non offriva delle ragioni. E' la ragione, infatti, che fonda la dignità dell'esperienza, e ne dà l'ossatura". (Luigi Amicone - Tempi 29/09/05 pag.25)
Dal sito di Don Gabriele
L'attimo fuggente (1989) di Peter Weir

di Fiorella Barzaghi
Introduzione

Quando nel 1989 apparve nelle sale cinematografiche italiane, L'attimo fuggente di Peter Weir ottenne unanimi consensi sia di critica che di
pubblico; il film riusciva infatti in quel momento nell'ardua impresa di dare corpo a un sogno collettivo, mettendo in moto dei processi di
proiezione e identificazione con i personaggi, soprattutto con la figura di Keating, insegnante di indubbio fascino e originalità, capace di
catalizzare le simpatie di giovani e adulti.

Tenuto conto di tale impatto emotivo e psicologico, il rivedere il film a distanza di anni, può consentire di verificarne la tenuta, metterne alla
prova la capacità di suggestione, e insieme dà anche l'opportunità di analizzare con maggior distacco le problematiche sottese, osservare luci e
ombre, pregi e limiti di quella stessa proposta educativa.

Possiamo così sintetizzare quelli che ci sono sembrati punti utili alla discussione comune:

L'Accademia di Welton e la famiglia: le insufficienze di un mondo adulto incapace di ascoltare i bisogni giovanili
Il prof. Keating: il fascino dell'anticonformismo
La strada per essere creativi: risvegliare le energie positive della persona
Rilievi critici: le ambiguità e i limiti della proposta di Keating


Le insufficienze del mondo adulto

L'ambiente di Welton è soffocante e inadeguato a una vera crescita umana dei ragazzi che frequentano la scuola: l'insegnamento che vi si
pratica si regge sulla ripetizione meccanica di contenuti sempre uguali e sulla trasmissione di regole di vita che assomigliano a forme vuote,
incapaci di misurarsi con la realtà e soprattutto lontane dalla vita, dalle aspirazioni, dagli interessi e dai bisogni dei ragazzi. Tra le mura di quelle
aule sembra d'essere in un mondo asettico, esangue, un pallido riflesso di ciò che in una società sana dovrebbe essere la scuola.

Anche le famiglie rivelano una tendenziale incapacità o indifferenza educativa: i genitori che vi compaiono sembrano pensare e trattare i figli
come un possesso esclusivo, un bene da investire e far fruttare per ottenerne lustro e soddisfazione personale. La stessa scelta della scuola è
funzionale a questo progetto in quanto rappresenta il trampolino di lancio necessario ad assicurare ai loro figli un futuro professionale
debitamente programmato e una posizione sociale ambita, indipendentemente dalle loro aspirazioni.
“Una storia di amicizia bizzarra ma educativa” La storia di amicizia tra uno scapolo impenitente e un ragazzino con problemi di adattamento.
Tratto da un best seller del nuovo Re Mida dell’editoria, Nick Hornby (Febbre a 90°, Alta fedeltà) , About a Boy – Un ragazzo, è una storia
simpatica e a tratti persino sincera di uno strano rapporto d’amicizia. Lui è il più classico degli sciupafemmine: sbruffone, aitante, riccastro,
antipatico, seducente, modaiolo e senza cervello. L’altro è un ragazzino con alle spalle una vita famigliare turbolenta (la madre è una hippy sola,
depressa e vegetariana). Entrambi soli come due cani, non faranno fatica, dopo il primo incontro, a diventare amici. Piccolo romanzo di
formazione girato in chiave moderna con un attore di grido (Grant è un Big Jim cresciutello con cui tutte le donne over 18 vorrebbero giocare),
ben scritto (da Peter Hedges, già sceneggiatore di Buon compleanno Mr. Grape) e abbastanza fluente nella narrazione, About a Boy è un film
carino e corretto. Forse troppo simile a Il diario di Bridget Jones (con cui condivide, oltre ad uno dei protagonisti, anche una certa leggera auto
ironia), ha il merito di approfondire degnamente almeno la psicologia dei due protagonisti e di raccontare una storia d’amicizia bizzarra ma
educativa.(Fortunato Simone)

È difficile che una commedia faccia pensare, e non duri la brevità del sorriso dopo una boutade. About a Boy è, allora, una rarità. Il protagonista
è Hugh Grant: trentenne alla moda, scapolo, con una bella casa nel centro di Londra, vive di rendita con i diritti d'autore di una famosa canzone
Un film geniale. Massima attenzione a tutti i particolari.




Simaptico film di animazione.
La storia vera di un pugile ingiustamente accusato di omicidio. Ci cono diversi punti che mi hanno colpito:
1) Non accetta la casacca a strisce perché lui è innocente!! 90 giorni di isolamento.
2) La decisione di andare fino in fondo con la massima attenzione a tutti i fattori dei 4 amici: riescono a trovare le prove della sua innocenza.
3) Mi colpisce come il ragazzo nero dalla semplice lettura del libro dalle lettere e dallo sguardo di Hurricane visto la prima volta gli riesce a dire
"Tu sei innocente". Sandro

di N. Jewison con D. Washington, L. Schreiber La storia vera di Rubin "Hurricane" Carter, campione dei pesi medi di pugilato, accusato di
duplice omicidio nel 1967 e assolto dopo più di vent'anni di carcere. Da uno dei più scandalosi errori giudiziari americani, un film teso,
avvincente e ricco di spunti educativi. Un ragazzo di colore si dà al pugilato per violenza e disperazione. La realtà lo frega di continuo e, nel
momento di maggior successo, lo sbatte in una lurida galera. Per sempre. Convinto della propria innocenza, l'uomo rinuncia a tutto quello che in
carcere gli potrebbe essere strappato: amici, lavoro, privilegi, la famiglia stessa. Si annulla come uomo e rinuncia a vivere. Ma la realtà e più
grande e imprevedibile di qualsiasi progetto, ed un gruppo di amici accompagnerà Rubin nella lotta per se stesso. Un grande film sulla libertà,
che è adesione ad un incontro di bellezza che cambia la vita, ed anche un'immagine vigorosa e realistica del fondamento dell'amicizia, che è




 Il protagonista, un uomo di mezza età sottomesso alle altre persone (compresi i suoi famigliari), incontra la Bellezza, personificata in una
compagna di classe della figlia e dà una svolta alla propria vita incentrandola sul raggiungimento del suo sogno (conquistare la ragazzina).
Il film tratta molto bene il tema della Bellezza, in certe scene accostandola ad una specie di "riflesso di Dio sulle cose": "In quei momenti puoi
vedere Dio che ti guarda, e se stai attento puoi ricambiare il suo sguardo".
La Bellezza ha anche una funzione redentrice dell'uomo: il protagonista, che da un sogno erotico arriva ad un amore quasi platonico per una
ragazzina, cambia completamente la propria vita: da insignificante che era, comincia ad avere uno "spessore" e lo rende felice.
Molto bella anche la figura del ragazzo ossessionato dalla ricerca della bellezza che cattura con la videocamera.
Forse un po' troppo "esteta", tuttavia il regista ha fatto un ottimo film, anche dal punto di vista tecnico. La fotografia è splendida e i dialoghi
altrettanto. Un film per certi versi "dannunziano" (da Monto beni82@iol.it )




Guerra in Bosnia




Da appassionato di fantascienza il film mi è piaciuto per l'originalità e il ritmo elevato. La cosa che però dà al film un valore assoluto, forse anche
al di là delle intenzioni del regista, è il percorso della protagonista (Jodie Foster) in merito al metodo per raggiungere la certezza sulle cose che
più interessano all'uomo: Dio, il destino, i rapporti con gli altri. Il dialogo interrotto con il predicatore (Mc Conaughey) sulla terrazza durante il
ricevimento e l'audizione davanti alla commissione d'inchiesta nella parte finale del film sono i punti culminanti di questa lettura. Lo definirei un
film sulla Certezza Morale e come tale l'ho proposto come primo film in un cineforum in casa di amici nella quaresima in un percorso con "Andrej
Rublev" - "Il deserto dei Tartari" - "Il vangelo secondo Matteo". Mi interesserebbe molto sapere cosa ne pensi e il giudizio di altri.



Voto: 7,5 - Un bambino di dieci anni trova un extraterrestre abbandonato sulla terra dai suoi simili e decide di nasconderlo a casa.
Se Matrix non è un film sul Senso Religioso, E.T. è un film sull'Avvento: un alieno scende sulla terra, si rivela ai bambini che sono gli unici a
comprenderlo; comunica pace e amore, compie dei miracoli ma viene perseguitato dal Potere, che lo vorrebbe utilizzare come cavia da
laboratorio. Si sacrifica per il bene dei suoi amici, risorge e prima di andarsene non esita a dire ai suoi amici: "Sarò con voi per tutti i giorni della
vostra vita". E.T., uno dei più grandi successi commerciali di sempre, è ricco di riferimenti al Vangelo. Altro che il pastone New Age di Trinity e
Morpheus...
(Fortunato Simone)
di G. Lucas con H. Ford, C. Fisher In una lontana galassia un gruppo di ribelli in lotta contro il malvagio impero galattico. Prima che fosse Il
signore degli anelli, fu Guerre Stellari, la più grande saga comparsa sugli schermi. Tante le somiglianze, non solo a livello progettuale (Guerre
Stellari nasce come Trilogia, come Il signore degli anelli), ma anche a livello semantico. L'uomo e una missione grande a lui affidata,
accompagnato da un gruppo di fedeli cavalieri. Un compito ben preciso (l'anello da una parte, e la salvezza della principessa dall'altra), per cui si
è pronti a sacrificare la vita. Ma, soprattutto la fiducia nell'uomo (decisivo in entrambi i film), combattuto tra la fragilità di fronte al Male e alla
Promessa di Fedeltà che grida dal profondo. Certo, nel film di Lucas c'è molta ambiguità (tutta l'idea della Forza - Energia puzza di New Age),
ma rimane prepotente, ed in questo sta la ragione di un successo così eclatante, il grido dell'uomo verso il compimento di sé.
di Fortunato Simone



Mitico

Bellissimo la serietà e la tenacia del personaggio di Rubini ad aiutare la sposa fino alla fine. Un compito chiaro da raggiungere con responsabilità.

Alberto Sordi

troppo divertente



Mitica Charlize Theron..la mia attrice preferita
Una storia vera e molto triste. Sempre una interpretazione eccezionale della Charlize Theron




di Michael Bay con Ben Affleck, Kate Beckinsale
Buongiorno, sono Toshiro Mifune, e, quando ero vivo, ero un grande attore giapponese. Vi scrivo da quassù, perché sono molto arrabbiato.
Scrivo in giapponese, ma il mio grande amico Simone (che conosce benissimo la mia lingua) tradurrà queste parole. Al cineforum del mio Cielo,
San Bonaventura, che è un po' il mistico del gruppo, ci ha fatto vedere Pearl Harbor, un film americano che parla male della mia gente: a
nessuno di noi è piaciuto, solo San Tommaso è voluto rimanere, perché di fronte a cotanti effetti speciali, non credeva ai propri occhi. Il film mi
ha fatto arrabbiare, non tanto perché dice falsità sul mio Giappone (non è mica vero che abbiamo attaccato gli Stati Uniti a tradimento: mentre i
nostri ambasciatori firmavano la dichiarazione, noi attaccavamo. E allora? È colpa mia se siamo furbi...), ma perché è gonfio di retorica e di
luoghi comuni: ai miei tempi magari si facevano sempre dei film retorici, ma si cercava almeno di raccontare una storia, con un po' di
complessità: certo non si impiegavano tre ore di tempo per raccontare quattro bombardamenti e i dubbi d'amore di una ragazza un po' fessa.
Simone dice che il film è un po' una Pearlata, ma è troppo cattivo: per me è solo brutto. Sayonara, T. Mifune.
di Fortunato Simone




"Lucas impegnato più come becchino che come regista" Il giovane Anakin deve difendere in tutti i modi la senatrice Amidala, in grave pericolo di
morte. Qui giace una valorosa e storica saga, uccisa e seppellita per mano del suo stesso padre. I poveri resti, dopo un'attenta ricerca, sono
stati ritrovati su un pianeta della Repubblica di nome Tattoine dove, dopo un esame accurato del Dna, si sono potuti conoscere anche i principali
responsabili. Hayden Christensen e Natalie Portman, attori con poco carisma, meno fascino, zero simpatia. George Lucas e Jonathan Hales,
sceneggiatori becchini, colpevoli di aver sepolto il cadavere fornendo dialoghi da fotoromanzo ad una storia d'amore già bolsa, ed un
approfondimento psicologico degno di un brutto fumetto (si veda al proposito la scena dell'incontro tra Anakin e la madre, che non vedeva da
anni). Gli autori di effetti speciali belli e gratuiti, manieristi e narcisi, la cui vanità ha dato il colpo di grazia ad una serie di film che era stata
poetica senza computer e con pochi modellini di plastica e cartone. Il movente della strage è da riconoscersi nel vil denaro ed in grossi interessi
economici, che hanno portato a rispolverare dopo vent'anni tre film che non avevano certo bisogno di aggiunte. Che il denaro sia con voi. di G.
Lucas con E. McGregor, N. Portman
I soliti Aldo, Giovanni e Giacomo che mi piaciono sempre per alcune battute mitiche



Un camion insegue una macchina e, senza alcun motivo apparente, cerca di distruggerla.
A ventiquattro anni, si possono fare tante cose nella vita: ci si può laureare (se va bene), ci si può sposare (se va male), si può poltrire in
università in attesa di chissà quale illuminazione. Steven Spielberg faceva semplicemente una cosa, un capolavoro. Appena terminati gli studi e
con pochi dollari in tasca, il futuro regista di E.T. e di Indiana Jones realizzava un’opera folgorante, Duel, film nato per la tv via cavo e solo
successivamente distribuito nei cinema. Nella vicenda dell’uomo inseguito dal gigante di ferro, quello che più impressiona è l’ignoto di cui è
avvolta l’azione intera. Chi è l’autista del camion? Perché vuole schiacciare l’auto? Dove siamo? Quando siamo? I fondamenti tradizionali del
racconto cinematografico (Chi?, Dove?, Come?, Quando?) sono spazzati per lasciar posto ad una narrazione apocalittica, non priva di riferimenti
letterario-biblico-cinematografici (Davide e Golia, Moby Dick, King Kong). Dialoghi ridotti al minimo, un solo protagonista in carne e ossa,
velocità, adrenalina e tensione per 80 minuti. di Fortunato Simone




Un rapinatore mai acciuffato dalla polizia, un poliziotto coraggioso e incorruttibile. In mezzo un colpo da milioni di dollari.
di Michael Mann con Robert De Niro, Al Pacino
Un rapinatore mai acciuffato dalla polizia, un poliziotto coraggioso e incorruttibile. In mezzo un colpo da milioni di dollari.
Sono tante le cose belle della vita: c'è il cielo, il mare e le stelle; le donne belle e il buon vino; ci sono Dante, Manzoni e Cornell Woolrich; ci
sono Bruce Springsteen, Brando, Orson Welles. E poi c'è Michael Mann, semplicemente uno dei registi più grandi degli ultimi vent'anni. Mann
ha fatto dei capolavori assoluti come Insider e il misconosciuto Strade violente. Ha saputo rendere nuovo il thriller con Manhunter - Frammenti di
un omicidio e rinverdire i fasti del cinema in costume con L'ultimo dei Mohicani. E ha saputo fare il più grande crime movie degli anni '90 con
Heat. Mann sa tratteggiare come pochi la profondità dei suoi personaggi, scavati tra il male e il bene, con una complessità introspettiva degna di
alte pagine letterarie. Sa dare spessore anche alle figure apparentemente di contorno. Mann è l'inventore dell'epica moderna fatta di eroi
sconfitti eppure provvisti di una statura morale gigantesca. L'inventore di un nuovo modo di fare cinema vecchio come il mondo. Anzi, come
l'epica.



Di William Friedkin Con Linda Blair, Max Von Sidow Voto: 7,5
Regan, una ragazzina di dodici anni, diventa improvvisamente maligna e blasfema: contro il parere dei medici, la madre decide di rivolgersi ad
un esorcista…
Capolavoro sommo di William Friedkin (Il braccio violento della legge, Vivere e morire e a Los Angeles) e film scandalo degli anni '70,
L'esorcista è il primo horror adulto della storia del cinema. Scritto da un autore cattolico (W.P.Blatty, Uno sparo nel buio) per rendere omaggio ai
Gesuiti da cui venne educato, ai tempi costituì un vero e proprio caso. Fiorirono analisi di esperti sociologi e psicanalisti, increduli di fronte a
spettatori in preda a crisi isteriche dopo la visione del film. Adesso, rieditato in digitale e con l'aggiunta di dieci minuti in più, L'esorcista fa, se
possibile, ancora più impressione: ritmo incandescente, intepreti in stato di grazia, un'ambientazione torbida e claustrofobica fanno da sfondo ad
una riflessione realistica sulla presenza del demonio nella realtà. Suggestivo, geniale e, per una volta tanto, pienamente ortodosso. Linda Blair
da allora (1973) non si è più tolta di dosso l'immagine dell'indemoniata. Che la Warner, comunque, ricicli un horror di quasi trenta anni fa, per
tirare su un po' di soldi, non fa paura. Fa piangere.
di Fortunato Simone




BELLO MA SEMBRA CHE LÌIMMAGINAZIONE SIA L'UNICA SPERANZA



Mi è parso un film straordinario per la lettura che offre dell’attuale realtà. La domanda iniziale del film: «Chi ci ripagherà delle mutilazioni
dell’anima?» è portata avanti attraverso il racconto della vita dello yuppie Mario: una vita «qualunque» che il regista Salvatores guarda con
amore (che è Funica forma di conoscenza). Secondo me la figura di Mario è emblematica del cittadino per bene, manovrato da un sistema a cui
appartiene e che, di fatto, lo incastra; persona abbindolabile e manovrabile da qualsiasi sistema alternativo nel quale creda di potersi
nascondere. Ma scappare non serve mai: ciò che occorre è un luogo sicuro in cui potere dire io con verità. (Lettera firmata Cuneo)
Modificare il futuro




Non avevo capito nulla fino alla fine




Secondo matteo in senso letterale. Pasolini non accetta l'ultima tentazione dell'interpretazione. Rilegge e traduce. La sua è una fedele
trasposizione, in immagini, di alcune tra le pagine più emozionanti dell'evangelista. Dall'Annunciazione alla missione degli Apostoli. Da brividi il
Discorso della Montagna. Per l'ambientazione il regista friulano ha scelto la martonata terra di Lucania. Una didascalia dedica il film alla "cara,
lieta e familiare memoria di Giovanni XXIII". Un' ultima considerazione. Il laico Pasolini ha firmato un' opera autenticamente religiosa.
è un film abbastanza pesante!




Guerra in Irlanda 1972




Con M. Gibson, J. Phoenix
R. Crowe, J. Connelly Nel 1947 il giovane e promettente John Nash viene ammesso a Princetown per la specializzazione post lauream in
matematica. Il ragazzo ha doti invidiabili, ma qualcosa nel suo cervello comincia a tradirlo... Deludente filmone del più antiquato dei registi
americani, Ron Howard ex amico sfigato di Fonzie. Il punto di partenza è la storia vera di un matematico schizofrenico premiato con il Nobel;
l’intento è quello di rifarsi alla Hollywood classica e gloriosa degli anni ’40; il risultato è un film debole, con molte inverosimiglianze (a partire dal
cast: chi ci crede al trentottenne Russel Crowe neo laureato in matematica?), eccessivamente prolisso e con musiche aberranti. E, francamente,
l’ennesimo colpo di scena stile Il Sesto senso, fa sospettare che non ci sia più in giro uno sceneggiatore decente. Crowe gioca a fare il grande
attore (scimiottando i vari Hoffman, Williams e De Niro), ma la sua tanto osannata interpretazione (una nomination agli Oscar) non si discosta
dalla pura accademia, mentre la vera sorpresa è la Connelly, splendida ventinovenne ed ex ragazzina prodigio di C’era una volta in America.
Ennesimo titolo inglese non tradotto in italiano: zelo filologico o risparmio sui manifesti? Risparmio sui manifesti.
di Fortunato Simone



Guerra in Somalia. Si sta sempre in tensione.




La vita di San Francesco




Paragonato a The Passion questo film sarebbe da cancellare!!




di Jean-Jacques Annaud con Jude Law, Ed Harris Durante la battaglia di Stalingrado, un cecchino russo semina il panico tra le linee nemiche.
Per ucciderlo, verrà mandato dalla Germania il maggiore Koenig
Annaud non è mai stato una cima: ha fatto un film sopravvalutato (Il nome della Rosa), un filmetto pruriginoso (L'amante), una "roba" sonnolenta
(Sette anni in Tibet). Ciò che irrita de Il nemico alle porte è il manierismo inutile con cui viene girato il film e che vanifica i primi 10 minuti di pur
buon cinema (pienamente debitori di Spielberg). Forse - ci chiediamo - è una storia di guerra vista dalla parte tedesca? No, perché di tedeschi
se ne vedono tre: un ciccione che si fa la doccia, un generale scorbutico, e Ed Harris che pensa solo a puntare il fucile. Forse il film è girato
nell'ottica russa? No, perché a simboleggiare la tragedia di un popolo c'è cecchino con la faccia da bambino, un ispettore un po' sfigato, e il
cattivissimo Kruscev. Forse è una storia d'amore, travestita da film di guerra? No, perché, a parte un amplesso in caserma, la vicenda amorosa
c'entra come i cavoli a merenda. Forse è un film politico? No, perché i giudizi sul comunismo sono di una banalità imbarazzante. Forse non è un
film. E alla fine si muore tutti. Ma solo di noia.
di Fortunato Simone
Regia di Jonathan Demme con Anthony Opkins, Jodie Foster col., 115', 1991
Perchè Buffalo Bill (è il soprannome che gli ha cucito addosso l'Fbi) uccide donne piuttosto in carne per poi scuoiarle? Apparentemente è la
domanda chiave del film. Ma un altra, misteriosamente, incalza lo spettatore. Quale metodo si deve seguire per svelare la realtà? E andando in
profondità a questo problema (solo un presupposto di adesione al reale consente allo spirito critico di chi indaga, di indagarlo per davvero) che Il
Silenzio degli Innocenti evita di essere spacciato per opera di genere, sia pur splendida, per approdare alla corte del cinema che conta e rimane.
Dunque, abbiamo Buffalo Bill che impazza. Uccide e incide secondo una logica. Il detective è una donna, Clarice Starling. L'anima, l'ambizione
di arrivare e la curiosità di conoscere. Su questa curiosità lavora Hannibal Lecter. E' la figura chiave del film. Dignitosamente vive la propria
reclusione in un carcere criminale. Ex psichiatra di fama mondiale, ha rovinato tutto mettendosi ad uccidere e mangiando, letteralmente, la carne
delle sue vittime. Clarice è convinta che Hannibal possa aiutarla a trovare Buffalo Bill. Inizia così un rapporto serrato fra i due. Le domande
prendono il sopravvento. Clarice si ritrova ad essere indagata dal suo geniale interlocutore. Ecco che i suoi segreti, anche quelli più intimi e
finora rimossi, trovano la luce. Ma Hannibal, anch'egli a suo modo attratto dalla ragazza, collabora. Lui sa: Buffalo Bill è stato suo paziente. Ma
non dice nulla a Clarice. La provoca ad usare la ragione partendo dagli elementi certi, reali, che sono già in suo possesso. Gli indizi finalmente
prendono consistenza. Adesso si può agire contro Buffalo Bill. Nonostante ciò il film non finisce. Forse si vuol dire che la pazzia è di questo


Bello ma un po' lento
Matrix
Ho visto il film Matrix, mi ha provocato in un punto: la realtà qual è? Nel film l'ipotesi era che la realtà era costruita dai computer e ci voleva un
gruppetto di uomini con a capo Neo (anagramma di one, cioè uno) per tentare di salvare il mondo. Noi forse viviamo questa situazione: la
pubblicità, il computer,il mondo che viviamo, non cioffre per caso un mondo falso, apparente, nel cui tranello noi per primi cadiamo? Allora
penso a quante volte don Gius ci diceva e ci dice: "Voi non sapete guardare la realtà, se no Dio vi sarebbe sempre presente"; o a Cesana, che
hadetto: "Il movimento non dovete definirlo, ma viverlo". Insomma, mi è piaciuta questa provocazione.
Luigi (da Tracce feb 2001)

MATRIX Dopo il capolavoro di Tarkowski proiettato addirittura al Meeting (e questa e' classe e non ci sono cazzi...quando si dice essere avanti)
affrontiamo un DVD meno riflessivo: Matrix Matrix è un film di violenza gratuita in delicato equilibrio tra New Age e Millenarismo. La visione,
inoltre, è fortemente motivata dalla presenza della protagonista femminile. Filmicamente Matrix è perfetto (attori, effetti, colonna sonora
totalmente integrata nello svolgimento dell'azione...) tuttavia lasciano a desiderare le scene di arti marziali (per chi ha visto i film di Bruce Lee,
ovviamente, per gli altri lasciamo perdere...) e, ovviamente, alcune cadute di stile, come il bacetto di biancaneve che salva la situazione finale.
Faccio notare, inoltre, che il DVD l'ho visto al 90% in inglese (sottotitolato in inglese) in quanto in italiano la recitazione fa abbastanza pena (al
contrario di Odissea nello spazio in cui la versione italiana è letteralmente un altro film (1000 volte meglio) rispetto a quella originale). Sul
versante filosofico purtroppo siamo un pochino scarsi come originalità delle tematiche che sono le solite di tutti i film di fantascienza da Odissea
in poi: Rinascita Nichilsmo Zen L'uomo come distruttore del pianeta Terra -> computer che si incazzano con l'uomo...come se fossero inscritti a
GreenPeace Stati di alterazione psichica Monismo mente-corpo Intelligenza artificiale che soppianta l'uomo... Interazione uomo-macchina
attraverso la corteccia cerebrale Se vogliamo cercare un po' di originalità dobbiamo quasi cadere nel blasfemo pensando che Matrix sia una
specie di giardino dell'Eden che procura una vita dopotutto piacevole rispetto alla dura realtà in cui si trova effettivamente la Terra e che il vivere
in un paradiso virtuale sia ciò che è meglio per noi...chissà se gli autori volevano essere così contorti. Carlo Alberto bentivoglio



Mediterraneo
di Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono, Claudio Bisio Voto: 2

Nel 1941 una pattuglia dell'esercito italiano viene mandata a presidiare una sperduta isola dell' Egeo: tagliati fuori dal mondo per tre anni, i
soldati si dimenticano della guerra familiarizzando con la gente del posto.
Sopravvalutatissimo film del più veltroniano dei registi italiani, Gabriele Salvatores, Mediterraneo è una falsa quanto amorale storia di libertà e di
amicizia. Dedicato "a tutti quelli che fuggono", dovrebbe essere una riflessione sui valori perduti di un'intera generazione (quella post '68 di
Salvatores e compagni), ma si risolve in un irritante elogio del disimpegno e dell'indifferenza, fornendo per lo più come modelli di amicizia e
compagnia, squallidi buffoni dal muso buono che sprecano il tempo scambiandosi donne, liquori e opinioni. Disperato, irragionevole e con un
finale tutto chiuso in un sentimentalismo sterile. L'Oscar vinto nel 1991 odora di accordi sotto banco. Forse Aldo, Giovanni & Giacomo non
vinceranno nessun premio, ma il loro ultimo film, Chiedimi se sono felice, se non è un capolavoro, mostra nella sua semplicità almeno un'idea
sana e normale di amicizia: tre amici, un tradimento, una frattura forte, un amico che rimprovera aspramente l'altro di avergli soffiato la donna.
Fino a qualche anno fa, una vicenda del genere poteva essere percepita come una banalità sconcertante, ma adesso, in pieno regime tollerante,
anche la frase più scontata diviene politicamente scorretta.
la storia di un ex nazista




ciao Sandro,

“Presto la verità apparirà sotto gli occhi di tutti”

"Il film appare più fragile di una ragnatela" Uno studente, morso da un ragno modificato geneticamente, scopre di avere poteri straordinari. Così
così. Il film che dovrebbe far sfracelli al botteghino di quest'estate non convince. Eppure, le premesse per un grande film c'erano tutte: un
soggetto intrigante, un regista di talento (Raimi è l'autore de La casa e dello splendido Soldi sporchi), uno sceneggiatore tosto (David Koeep,
scrittore per Carlito's Way), effetti speciali garantiti. Con tutto questo, Spiderman appare molto più fragile di una ragnatela. Soffre di scompensi
vistosi (la fase preparatoria è troppo lunga rispetto allo spazio lasciato alle gesta del super eroe), i personaggi sono poco più che abbozzati,
alcune scene chiave poco approfondite (tutta la sequenza del costume dell'eroe). Ironia e citazioni, certo non mancano, e Raimi sa fare il suo
mestiere, per cui il film è a tratti divertente, ma su tutto pesa la sensazione del già visto (compresi gli effetti speciali, assolutamente nella norma).
Un passatempo che non dice nulla ai profani di fumetti e che invece farà arrabbiare molto chi per i fumetti perde la testa. Cast scialbo: Maguire è
perfetto solo nel ruolo dello sfigato, Defoe brutto anche senza trucco, la Dunst è brava quanto bella. Cioè poco, decisamente poco. di S. Raimi
con T. Maguire, W. Defoe
di James Cameron con Arnold Schwarzenegger, Linda Hamilton Voto: 8
Terminator è un robot killer proveniente dal futuro ed incaricato di uccidere una donna dal destino particolare.
Se Matrix non era un film sul senso religioso, Terminator è un film sull'annunciazione o almeno parte da essa: un uomo proveniente dal futuro
annuncia ad una donna che suo figlio sarà il salvatore del mondo. L'ipotesi suggestiva rende ancora più interessante quello che, assieme a
Blade Runner, resta il più grande film di fantascienza degli anni '80; ritmo serrato, colpi di scena a ripetizione, effetti speciali (per i tempi)
all'avanguardia per la più lucida riflessione sul rapporto Uomo-Macchina e Uomo-Tempo degli ultimi anni. Schwarz nella parte del robot, non è
mai stato così espressivo.
di Fortunato Simone
Girato tutto in una stanza. Gioco di dialoghi.




Colpisce la semplicità della bambina che riesce a vedere in mondo in modo vero e sincero al contrario di come fanno tutti gli adulti che gli sono intorno.
iniziano in mod avvincente..ma dopo si perdono un po'




Un Film al contrario



Film molto crudo che mi ha messo molto nervoso mentre lo vedevo. Mostra in modo chiaro l'irrazionalità di un uomo che si muove sensa un vero senso alla vita. E




di Fortunato Simone
"Se nemmeno i cattivi son cattivi il tutto puzza di buonismo" Un operaio con grossi problemi finanziari prende in ostaggio il pronto soccorso di un
ospedale, per permetter e al figlio malato le cure necessarie. Quando tutte le buone intenzioni di questo mondo non salvano un film brutto. Gli
americani evidentemente non sono molto portati a fare film a tesi o film di denuncia. E così, uno spunto che avrebbe potuto essere molto
provocatorio (la questione del sistema sanitario americano) diventa un inno ai buoni sentimenti, ai neri che non sono poi così cattivi come la
pelle potrebbe far supporre, agli operai poveri e disgraziati. John Q. è uno con le palle: il figlio ha bisogno di un cuore nuovo e lui, dopo aver
venduto mezza casa, si ingegna a prendere in ostaggio il pronto soccorso dell'ospedale. Bontà sua. Il problema è che, messo piede in corsia,
Washington diventa un George Clooney un po' più abbronzato e il film la versione più lunga e goffa di E.R. - Medici in prima linea. Un modesto
thriller ospedaliero, con un cast sprecato, poca azione, troppa retorica, e dove tutto puzza di buonismo. Persino i cattivi: sono pentiti, a volte
convertiti, agiscono a fin di bene. Larve edulcorate dell'esistenza di un male che dà fastidio. E che, quindi, si nasconde. Dietro tutte le
giustificazioni possibili. di N. Cassavetes con D. Washington, R. Liotta


di Gabriele Muccino con Stefano Accorsi, Giovanna Mezzogiorno
Una coppia di trentenni scopre di aspettare un bambino, mentre i legami sentimentali degli amici si afflosciano disperatamente.

Se il film di Muccino è stato uno degli incassi maggiori della passata stagione, qualche motivo ci dovrà pur essere. Lo stile è accattivante, la
regia corretta, la sceneggiatura senza falle, gli attori bravi. Ma il punto del film è un altro, la messa a fuoco del sentimento come fine ed origine di
ogni cosa. Per il mondo, è il sentimento il padrone della vita. È lui che permette a due persone di unirsi e di separarsi al sorgere delle prime
difficoltà; è in nome suo che nella vita bisogna provare tutto come si fosse nella boutique a scegliersi un abito; è lui che porta a sperimentare
tutto e a giudicare una mazza. Il risultato è la nascita di una nuova specie: gli uomini-larva che, senza radici e veri padri, si cagano sotto davanti
alle prime responsabilità: i più coraggiosi si sposano a più di trent'anni, divorziano solo un paio di volte (rimanendo buoni amici) e, scopando a
destra e manca, magari gli scappa anche un pargoletto. Li chiamano liberi, ma sono i veri schiavi.

di Fortunato Simone
di Pedro Almòdovar con J. Camara, D. Grandinetti Un infermiere ed un giornalista diventano amici accudendo due ragazze in coma. Di fronte al
genio, il Potere si è sempre fatto in quattro per ingabbiarlo in schemi di comodo. E così, Almòdovar è stato, di volta in volta, il paladino
anarchico, omosessuale, ateo, anarchico, trasgressivo. Eppure, i suoi ultimi film rappresentano l'espressione più libera ed audace della
tradizione cristiana. I vocaboli che il regista usa, sono gli stessi di cui è imbevuta la storia di Spagna (e con cui Pedro fa sempre i conti, nel bene
e nel male). Ed il lessico ha, evidentemente, la sua importanza in un film che si intitola Parla con lei. Dove si parla di miracolo, ma anche di fede,
carità, gratuità, speranza, amicizia, libertà. Parla con lei è un inno alla speranza di fronte ad un miracolo così sconvolgente quanto impossibile
da un punto di vista scientifico. Un miracolo che si genera solo per un intervento gratuito e commovente di Benigno, il protagonista fatto ad
immagine e somiglianza non di quel Benigni (con cui il regista cerca di depistarci), ma dell'unico Benigno che, benignamente, fa ancora i
miracoli. E crea quella bellezza che solo i personaggi di questo strano regista spagnolo sanno riconoscere e contemplare. Tra le lacrime.

di Fortunato Simone

N.B. C'è una scena molto particolare e spinta per cui io sconsiglierei la visione ai minorenni! (sandro)




Ricostruzione del paradiso dantesco.




Film scarsissimo ma con i discorsi di Attila che sono unici per la comicità




Bravo Castellitto
Harry Potter, un ragazzino inglese, scopre d'un tratto di avere degli incredibili poteri magici.

di Chris Columbus con Daniel Radcliffe, Richard Harris
Harry Potter, un ragazzino inglese, scopre d'un tratto di avere degli incredibili poteri magici.
Una volta (bei tempi) li arrostivano: a volte sbagliavano (siamo sempre uomini), spesso ci azzeccavano (Giordano Bruno). Nel nuovo millennio,
maghi, stregoni e streghe diventano d'un tratto eroi magnetici e figure imitabili per ragazzini da dieci anni in su. Merito di una mastodontica
operazione di marketing, o della faccia pulita e accattivante di maghetti che sembrano usciti da una pubblicità di cioccolatini? Harry Potter è un
lungo (2 ore e mezza) e bolso spot del "volemose bene" dove il Male e il Bene sono fin troppo distinguibili (tanto da essere divisi persino in due
squadre). Sono per il Bene le faccine pulite, gli sfigati ciccioni, i ragazzi di colore e i clochard; per il Male è invece la squadra dei Serpi Verdi,
capeggiata da un nazista biondo e da un sosia di Renato Zero. Saranno solo favole, ma anche le favole comunicano certi valori, e qui siamo ai
saldi del Maurizio Costanzo Store: tolleranza, apertura per il diverso, amore a iosa, e un sospetto metodo educativo che vuole il talento bastare
di per se stesso (nella scuola dei maghi, Harry da chi impara se sa già tutto ed è accolto come un messia?).
La Direzione non censura. Stigmatizza. Avanti così e arrosto finirà il nostro amato stregone. Fortunato, no? L.A.
di Fortunato Simoneche diventasse famoso. Film vedibile ma mi è sembrato l'ulteriore abbellimento di un idolo…ma che bello non era…soprattutto con il fucile in m
Che Guevara prima




Eccezionale Depp
La mentalità moderna…nulla di buono




questo film sembra mostrare come si comporta la gente comune se si trovasse in una situazione proprio "da film",e questo è ammirevole secondo me, aggiungend




Hackers e uno pseudo Bill Gates




Solito film catastrofico. Si ferma il nucleo terrestre.
Vale la pena solo per Liv Tyler




Voto: 2 - Ray è un pubblicitario con uno strana dote: quella di sentire i pensieri delle donne.
A cosa pensano le donne? Secondo la spocchiosa regista a tre cose: sesso, trucchi e tanti, tanti vestiti, lasciando in letargo quella che una volta
si chiamava intelligenza. Chi ogni giorno deve farsi mezz'ora di metrò sopravvivendo ai discorsi comatosi delle immancabili vicine di posto
potrebbe ritenere il giudizio realistico e centrato. Il filmetto è stupido, noioso e mai divertente; la vicenda scontatissima si arena dopo la prima
mezz'ora e procede tra dialoghi da denuncia per concludersi in un finale tanto zuccheroso da ricovero in una clinica per diabetici. Gibson non fa
mai ridere ed è penoso nella tanto decantata scena della ceretta (per cui usa una controfigura): i tempi di cuore impavido sono lontani anni luce.
Solo per femminucce e perditempo; astenersi chi ha un minimo di sale in zucca.
di Fortunato Simone



Esagerazione assoluta

Si può vedere anche se avrei eliminato un paio di scene.
Carina l'attrice e Sharon Stone. Perde molto la banalità della storia.




Inghilterra, anni ’30: durante una festa, si consuma un misterioso
omicidio...
Classico giallo ad enigma, girato da una vecchia volpe come Robert Altman (M.A.S.H., I compari, America Oggi), che gioca a sorprendere lo
spettatore, rispolverando La regola del gioco di Renoir. Un divertissement acuto e crudele, ben diretto dal regista che deve orchestrare qualcosa
come una dozzina tra attori protagonisti e non, sorretto da una sceneggiatura solida, e un po’ più sfilacciato nella parte finale (dove il
meccanismo si inceppa sul lato melodrammatico). Cast sontuoso e perfetto.
Di R. Altman
Con M. Smith, J. Northam
di Fortunato Simone

I cavalieri che fecero l'impresa
di Pupi Avati con Edward Furlong, Raul Bova Alla fine del 1200, cinque cavalieri partono alla ricerca della Sacra Sindone.

I cavalieri che fecero che fecero l'impresa è uno di quei casi in cui una buona idea non basta a salvare il film. L'ultimo lavoro di Avati è un film
sbagliato che parte da un'idea giusta e vera: che per compiere una grande impresa non bastano le capacità dell'uomo. Infatti a conquistare la
Sindone furono uomini disgraziati, violenti, donnaioli, ma dal cuore semplice e dai desideri grandi. Il problema è che, per rendere visivamente,
un'idea del genere, ci vogliono un po' di capacità. Che Avati, complice anche un budget ridotto o un cast terribile, non dimostra di avere. Ritmo
piattissimo, dialoghi da sceneggiato televisivo, recitazione a spanne, non possono giovare certo ad un film, comunque coraggioso nell'affrontare
un genere (avventuroso) ed un tempo (il Medioevo) visto raramente nel nostro cinema. Un'occasione sprecata, con una sorpresa tutta horror:
sangue a volontà, nasi, teste mozzate, interiora umane come nutrimento per un cagnetto affamato. Una volta si accusava Clint Eastwood di
avere due espressioni: una col cappello, una senza. Con Bova, il compito è più semplice. Ne ha infatti soltanto una. Quella da babbeo.

di Fortunato Simone




Solo alcune battute salva il film
di T. Hacford con M. Ryan, R. Crowe Voto: 6+
Mentre sta costruendo una diga a Tecala, una regione delle Ande, il capo-ingegnere Peter Browman, viene catturato dalle forze antigovernative.
A negoziare il riscatto viene chiamato un ex-militare.
Accettabile filmetto del veterano Hackford (Ufficiale e gentiluomo, L'avvocato del diavolo) che confeziona un prodotto per tutta la famiglia,
giocando solo sullo charme degli attori più che sulla plausibilità del racconto. Noiosetto ed indeciso per due terzi, più avvincente nel finale,
Rapimento e riscatto è una storiella d'amore, travestita d'azione, senza un sussulto e piatta come il titolo. Unico motivo d'interesse la storia
d'amore vera consumata sul set tra i due protagonisti (e prontamente già conclusa). La quarantenne Ryan è cotta come una pera e fa gli occhi
dolci al suo australiano anche quando non dovrebbe; Crowe, più realisticamente, si limita a flirtare e a mollarla per la sua mandria di vacche in
Australia.
di Fortunato Simone




i dialoghi sono lenti così come molte scene, per alcuni risulta noioso. io farei notare invece come questi dialoghi sono tali perchè l'idea che si vuole dare dei protag
La tigre e il dragone
di Ang Lee con Chon Yun Fat, Michelle Yeoh Voto: 7,5

Nell'antica Cina, un maestro d'arti marziali e un guerriero donna si mettono in cerca di una spada leggendaria finita nelle mani della temibile
Volpe di Giada.
La tigre e il dragone è uno splendido melodramma d'azione, d'armi ed eroi. Traendo la vicenda da un'antica leggenda cinese, Ang Lee (Ragione
e sentimento, Cavalcando col diavolo) rispolvera la tradizione epica orientale per compiere un tuffo nel passato millenario di un popolo
misterioso. Una storia avvincente e piena di colpi di scena, acrobazie da pelle d'oca (il coreografo è lo stesso di Matrix) e attori in stato di grazia
(Chon Yun Fat è considerato il De Niro orientale) sono solo alcuni degli ingredienti che hanno fatto impazzire il pubblico americano che lo ha
premiato giustamente del prestigioso Golden Globe come miglior film straniero. È l'Oscar più certo del 2001: anche perché se la concorrenza si
chiama Malèna....

Troppo demenziale




FILM veramente pesante (Sandro)
 Gli ultimi giorni di vita di Giovanni de' Medici capitano di un'armata pontificia nella campagna contro i Lanzichenecchi di Carlo V.
Rigorosissimo da un punto di vista formale, filologico della ricostruzione storica, l'ultimo film di Olmi racconta il '500, attraverso uno dei
personaggi più controversi: Giovanni dalle Bande Nere, condottiero spregiudicato, violento e devotissimo al Pontefice. Olmi ha coraggio a
descrivere un'epoca contraddittoria, attraverso l'eroismo ispirato dalla fede di un uomo che seppe arrestare, seppur per poco, l'avanzata dei
Lanzichenecchi. Un'epopea del sacrificio, che non sbanda mai nella retorica, ma che restituisce la memoria al valore di uomini dimenticati,
eppure fondamentali pedine nel corso della storia. Di sicuro impatto la sequenza dello sfregio violento al Cristo crocefisso e commovente il
finale, con i ricordi struggenti d'amore dell'eroico capitano. Un film che avvince e che fa tifare per Giovanni e per la lingua italiana, mai così
espressiva. E si odia il duca d'Este, traditore, e quel luterano dal nome ignobile, che, con un cappio d'oro, discese l'Italia per attaccarvi il Papa.
Ma è con l'amarezza, che scrivo queste righe. E non esiste eroe che la potrebbe strappare.
di Fortunato Simone
di e con N. Moretti voto: 7,5
Uno psicanalista entra in crisi dopo l'incidente occorso al figlio.
Dopo il passo falso di Aprile, Moretti aggiusta il tiro e realizza la sua opera più sofferta e riuscita. Abbandonando le nevrosi ed i narcisismi con
cui aveva creato una vera e propria maschera cinematografica, il regista romano cambia registro e gira un film sul dolore e l'abbandono. La
stanza del figlio è il grido straziante dell'uomo che non può accettare la morte perché la sente incomprensibile; che cerca di trovare una
soluzione al dramma senza concessioni a facili nostalgie o sentimentalismi; che cerca di ripartire, inutilmente, solo con le proprie forze. Un film
serio e maturo sulla dignità di un uomo di fronte ad un vuoto terribile che nessuno al mondo potrà mai riempire. Il dolore è "troppo" per l'uomo
solo: smisurato, incommensurabile, infinito, misterioso: il dolore è fatto d'Altro. Bisogna dirlo a Moretti.
di Fortunato Simone




Troppo pesante
Tipo grande fratello horror
Film molto pesante



Virus




Il film più scarso di Verdone eccetto le sue solite mitiche battute




Chiave moderno dell'OTELLO




"Il migliore dei film tratti dai videogiochi"
A causa di un incidente in un vasto laboratorio sotterraneo, un virus letale si propaga velocemente contaminando il mondo intero. Le premesse
per una nuova schifezza estiva c'erano tutte: l'ennesimo tentativo di replicare il successo di un vendutissimo videogioco (e dopo i vari e
maldestri Mortal Kombat, Tomb Raider, Final Fantasy, c'era in effetti da avere paura); un cast di seconde scelte e di dubbio fascino; una
sceneggiatura che si preannunciava inesistente. Tutto vero. Eppure, Resident Evil è meno malvagio di quanto si potrebbe pensare (ed è certo il
migliore dei film tratti da videogiochi). Intanto perché possiede il fascino dark e apocalittico del testo virtuale di partenza. Non che sia una novità
vedere zombies cannibali in giro per la città, ma le ambientazioni sono azzeccate, qualche idea è addirittura buona (la trovata del laboratorio
sotterraneo) e tutta la lettura anarchica fra le righe (è per colpa di una potente multinazionale che il virus si è propagato) mette simpatia. A
crederci di più, e a metterci più soldi, si sarebbe potuto curare meglio e fare più cose. Come realizzare effetti decenti, sostituire il manichino
usato come protagonista con un'attrice degna, distribuire il film in una stagione migliore.
di P. W. S. Anderson con M. Jovovich, M. Rodriguez
di Fortunato Simone


Sarà bello per chi gli piace il genere….troppo pesante!




Ho aspettato tutto il film che il film partisse…non è mai partito..
Irreversible
"Direttamente da Cannes un film violentemente gratuito e irragionevole " Un uomo cerca disperatamente lo stupratore della sua donna. Macché
scandalo. Nell'arca di Gaspar Noé c'è spazio solo per la normalità del mondo di oggi, per quelle specie protette chiamate omosessuali
(possibilmente in mucchio), transessuali, violenti, puttane, stupratori, papponi. Tutto il resto dell'umanità può tranquillamente annegare. L'uomo
ha già deciso. Per il Male. Per la Vendetta. Per la Distruzione di sé. Per l'Istinto. Per il Nulla. Il problema della vita è divertirsi, con chiunque, a
seconda dei gusti, ovviamente. Ma guai a chi mi pesta i piedi (o la morosa). Che tu sia maledetto, quindi, stupratore della mia donna. Farò io
giustizia e ti massacrerò la faccia con un estintore. Direttamente da Cannes, un film sconcertante ma che riflette bene i tempi: una storia di
ordinaria abiezione senza speranza, girata con uno stile da film porno (nel senso che nulla, o quasi, viene lasciato all'immaginazione), in realtà
studiata a tavolino, per solleticare gli istinti più bassi dello spettatore. Violentemente gratuito e profondamente irragionevole, è l'ennesimo
manifestarsi di un Potere che mira a ridurre l'uomo a meccanismo, per distruggerlo. Per i fans dei protagonisti, lui si spoglia più di lei. E non è
certo un bel vedere. di G. Noé con Monica Bellucci, V. Cassell




Insopportabile questo film!!



anti Chiesa
"Magdalene": diario di uno spettatore

IO, CATTOLICO E INDIGNATO
Vittorio Messori, "Corriere della Sera" del 14 Settembre
Alla fine della proiezione di "Magdalene", Leone d'oro a Venezia, nel cinema milanese gli spettatori hanno applaudito. Mentre li guardavo
sfollare, immerso tutto solo nella poltrona, pensavo che - se mi avessero riconosciuto - qualcuno mi avrebbe ingiunto, indignato, di vergognarmi
di dirmi ancora cattolico. In effetti, si sono ridotte a poche le minoranze contro le quali la dittatura del "politicamente corretto" permette - anzi,
incoraggia - il disprezzo: fumatori, obesi, pedofili, nazisti, cattolici. Anzi, le due ultime categorie sembrano ormai unite, come conferma la
locandina di quell'altro film, dove la croce di Cristo si trasforma nella croce uncinata di Hitler. Forse (pensavo uscendo dal cinema) sarebbe
tempo che anche i cattolici mettessero in piedi ciò che gli ebrei, e giustamente, hanno creato da tempo: una "Anti-defamation League", che
rivendichi i diritti della verità e la dignità delle persone. A cominciare da quelle suore - di sadismo e depravazione da pasoliniana Salò, - esse
pure femmine, ma che non rientrano nei proclami del regista scozzese: "Ho voluto denunciare la violenza imposta alle donne, a tutte le donne".
Tranne a quelle, s'intende, che hanno una croce sul petto, diffamate da Peter Mullan che, per coltivare meglio lo scandalo, si dice "cattolico"
solo perché battezzato in quella Chiesa. A promemoria degli spettatori, tanto indignati per quanto visto sullo schermo quanto ignari della realtà,
andranno dunque precisate alcune cose:

1) I "Magdalen's Institutes", prima ancora che case religiose, erano "Riformatori giudiziari", "Case di correzione minorile", in diretto collegamento
con il ministero della Giustizia e la magistratura della Repubblica d'Irlanda. La gestione, affidata a congregazioni religiose (avviene tuttora anche
in Italia, dove le suore sono ancora presenti nelle carceri femminili e in molti altri, civilissimi Paesi del mondo), era sottoposta al controllo degli
ispettori dello Stato, che esigeva dalle suore rigorosa sorveglianza e disciplina sulle ospiti e teneva le monache responsabili in caso di fuga o
rivolta.
2) La grande maggioranza delle ricoverate era composta da giovanissime inviate negli Istituti con sentenza dei tribunali minorili a causa di reati
penali. A queste vere e proprie detenute, degne ovviamente di compassione ma spesso turbolente se non pericolose, Mullan non accenna
affatto, concentrandosi su tre casi della minoranza composta da ragazze ricoverate nelle "Houses" su richiesta esplicita dei genitori.
3) Queste ospiti erano immediatamente dimesse se i genitori o i tutori lo richiedevano, come ammette il film stesso, dove basta l'arrivo di un
fratello con la lettera del parroco del villaggio per permettere a una delle ragazze di far subito le valigie.
4) Il lavoro manuale era imposto dalla convenzione con lo Stato, sia per fini "rieducativi" che per intenti economici: almeno parte della spesa per
la gestione dei Riformatori doveva rientrare grazie all'attività delle lavanderie, i cui clienti erano soprattutto Ferrovie dello Stato, accademie
militari e altri enti governativi. Dei soldi che, ossessivamente, è fatta contare dal regista, la Superiora doveva rendere ragione al ministero della
Giustizia oltre che alla sua Congregazione religiosa.
5) Come ha ammesso Mullan stesso, in Gran Bretagna le Case di correzione minorili (gestite, qui, dalla Chiesa anglicana) non differivano da
quelle irlandesi, quanto a regolamento sostanzialmente carcerario. Nei mitici, esclusivi, costosi "colleges", essi pure anglicani - da Oxford, a
Cambridge, a Eton - dove si allevavano i rampolli delle migliori famiglie dell'Impero, i ragazzi non erano trattati molto meglio: anche qui erano in
vigore, tra l'altro, le punizioni corporali, nulla avanza perché l'uomo non ha più l'io")
(un filmetto ma c'è una grande frase "ilcon fruste, bastoni, digiuni imposti, inginocchiamenti in pubblico.
Film demenziale di una gara in Alaska. Veramente squallido.
Film antichiesa
Storie varie tra minimalismo, cinismo e speranza. Piccolo film indipendente raccoglie storie di vita: dalla vicenda di un professore di fisica
pestato a sangue, che si incrocia con quella di un avvocato coinvolto in un incidente stradale e immobilizzato dai sensi di colpa, a quella della
ragazza vittima dell’incidente e salva per miracolo. Il tono è quello dei racconti di Carver, l’intreccio quello dell’Altman di America Oggi, ma le
tematiche affrontate vanno ben oltre il minimalismo del disimpegno: peccato e rimorso, speranza, delusione e cinismo. Storie semplici e
quotidiane, ma pervase da una domanda intensa: perché? (Fortunato Simone)




Nel 2001, un’astronave parte per Giove per scoprire cosa si nasconde dietro un misterioso monolite nero. Dal genio di Kubrick, il più grande film
di fantascienza ed uno dei capolavori di sempre. Uscito nel 1968, (un anno prima dello sbarco sulla Luna), 2001 è un’opera di vasto respiro dove
si confondono intuizioni profetiche, riflessioni sull’uomo, la macchina, il tempo, la vita. Un’opera sinfonica e un film muto al tempo stesso; un
miracolo della tecnica nell’era pre-digitale ed un inno alla ragione dell’uomo, che desidera comprendere il Mistero ma si arresta alle soglie di
questo. A differenza della macchina. Da rivedere al cinema, dove esce in una nuova versione. (Fortunato Simone)
Il film, realizzato qualche anno fa, è di una attualità sorprendente in quanto profezia di un futuro fantascientifico che diventa realtà.
Il termine Odissea è una parola antica che indicava i viaggi di Odisseo alla ricerca della patria; viaggi che si svolgevano per mare, attraverso il
Mare Nostrum ", quando i confini del mondo erano segnati dalle colonne d'Ercole.
Nel tempo, attraverso le scoperte, gli spazi si sono dilatati: la terra da piatta diventa tonda e lo sguardo viene puntato nel cielo.
L'uomo moderno, novello Dedalo, riesce a librarsi nel vuoto e a segnare l'aria di infinite traiettorie alla ricerca di ciò che sta più in là.
Il viaggio immaginario di Astolfo che con l'ippogrifo approda sulla luna diventa viaggio reale: e la luna è solo trampolino di lancio per la conquista
di altri pianeti.
Ma cosa spinge l'uomo verso luoghi ignoti? Il desiderio di conoscenza.
C'è dentro ogni uomo una domanda (ed è cosi per natura) che esige una risposta ed è proprio da questo che scatta la ricerca, una ricerca che è
caratterizzata dalla incontentabilità, per cui raggiunto un obiettivo ce se ne pone un altro e poi un altro ancora, fino ad arrivare ad un punto che
soddisfa la domanda. Emerge dal film la figura dello scienziato che è mosso proprio da questo desiderio, ma la sua navicella spaziale, pur
perfetta in tutti iCATTOLICI SFIGATI, CHE NON SI GODONO LA VITA) L'Ulisse Dantesco vuole affrontare l'Oceano alla scoperta di un mondo
anti Chiesa: (I suoi meccanismi, rassomiglia tanto alla zattera con cui




A Marsiglia, due amici soggettisti dai caratteri molto diversi devono scrivere un film di natura politica: decidono così di ambientare la loro storia in
un’autofficina di Marsiglia. Commedia sociale dai tratti vivaci e autentici, A l’attaque colpisce per la naturalezza e semplicità con cui pure si
adombra una vicenda di ordinaria difficoltà di vivere. Guédiguian, abituato a raccontare storie di disagio e povertà, dà voce al popolino che di
solito la voce non ha. I suoi film raccontano sempre di persone semplici e sincere che amano la vita, e alla quale rimangono attaccate con la
caparbietà tipica degli umili. Gente che sa riconoscere l’importanza delle proprie tradizioni e che ha fame di vivere, di ballare, di fare l’amore, di
recitare poesie, di gustare tutti i colori della vita. Gente che si mette assieme nel nome di un ideale di giustizia che persegue fino in fondo, nel
nome di un’unità non di natura ideologica ma a partire dalla necessità quotidiana e da un’amicizia. Gente, cioè popolo. Un piccolo film sulle
cosiddette classi meno abbienti, che evita autocommiserazioni facili e fornisce giudizi certi sull’uomo e sulla sua storia. Godibile, libero e
intelligente. Da vedere, anche rispetto al tanto temuto G-8. (Fortunato Simone)




Due jazzisti disoccupati, testimoni involontari del massacro di San Valentino, per sfuggire ai gangster sulle loro tracce, si nascondono in
un'orchestra femminile. A qualcuno piace Jack. A tutti piace Jack. E non potrebbe essere altrimenti. Lemmon ha interpretato le commedie più
perfette degli ultimi cinquant'anni: A qualcuno piace caldo, L'appartamento, Irma la dolce, Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?,
Prima pagina, tutte opere firmate da Billy Wilder, un genio che sapeva far ridere con film costruiti con poco. A qualcuno piace caldo ha in sé
pochi ingredienti e nessuno autenticamente nuovo: due simpatici spiantati, una bellona (la Monroe), gangster cattivissimi in agguato,
travestimenti da donna e equivoci a non finire. Una commedia tutta bulli, pupe e torte in faccia. Eppure la miscela funziona benissimo e si ride
per due ore, anche dopo quarant'anni. Perché? Perché c'è dietro la mano di uno dei registi più grandi del Dopoguerra, perché è scritto da uno
sceneggiatore coi fiocchi come Diamond, perché ci sono attori formidabili, perché non c'è volgarità, e perché la Monroe fa la sua splendida
figura. (Fortunato Simone)
In un futuro prossimo, una famiglia distrutta dal male irreversibile del figlio, decide di testare un bambino – robot dell’ultima generazione, in grado di provare sentim




Voto: 7/8 - New York, giorni nostri. Frank Pierce è un paramedico in crisi perché non riesce più a salvare vite umane.
Dal più grande regista vivente, Martin Scorsese, un grande film passato un po’ in sordina in Italia. La vicenda del paramedico afflitto da sensi di
colpa, ansie religiose e deliri d’onnipotenza è la quintessenza dell’uomo secondo l’ex seminarista Scorsese: solo, fragile, sperduto, in attesa di
un incontro-risposta che possa spalancare il suo cuore. Ricco di riferimenti religiosi (a partire dai nomi: la ragazza si chiama Mary, il vagabondo
che ad un certo punto si incontra è Noel, il Natale) e con squarci di vera poesia cristiana (la crocifissione dello sfuttatore). Da recuperare
assolutamente. (Fortunato Simone)
Nella Marsiglia di oggi, due adolescenti alle prese con il primo (e unico) amore.
Favola semplice sulle ragioni del cuore da Robert Guédiguian, un regista francese specializzato in storie d’ordinaria difficoltà e speranza. Due
adolescenti si vogliono bene; prima amici, poi innamorati, sono divisi dalla legge che accusa lui di stupro e lo spedisce in galera. Ma lei aspetta
un bambino e si sente sperduta: per fortuna c’è la famiglia, anzi le famiglie, che fanno di tutto perché questa nascita avvenga. Un piccolo grande
film che è un inno alla vita (tutto il film ruota intorno all’attesa del bambino per cui tutti si mobilitano tra sacrifici e privazioni) e alla purezza dei
due giovani protagonisti che contagia tutto il microcosmo cittadino. Narrato con l’ausilio della voce fuori campo della ragazza, che commenta con
struggimento il proprio amore per lui, Al posto del cuore dice della vera natura dell’amore che non è valvola di sfogo per gli istinti, ma è sacrificio
e dono per l’altro e prende forma nella gioia e nel dolore quotidiano: tutto serve ed è per te, perché la tua vita sia compiuta, anche la sofferenza.
di Fortunato Simone

La vera storia di Cassius Clay, dall’incoronazione, giovanissimo, a campione mondiale dei pesi massimi, fino al match di Kinshasa contro
George Foreman. Quanta meraviglia e quanto stupore generano i capolavori. E Alì è uno dei segni più luminosi. Quanto è grande l’umanità di un
autore che non si stanca mai di sperare nell’uomo e nel suo infinito desiderio. E quanto è grande l’amore per la persona, e quanto rispetto per il
suo dolore e la fragilità del peccato. Muhammad Alì ha il mondo ai suoi piedi, ma è inquieto e non se ne sta mai in pace. È un personaggio
scomodo, si trova per caso leader di un popolo oppresso; viene sfruttato, strumentalizzato, abbandonato nel momento di maggior difficoltà, ma il
suo cuore, indomito, lotta e si infiamma per ideali grandi di Giustizia e Libertà. Sa di essere un uomo disgraziato, violento, sbruffone e donnaiolo,
ma aderisce con fedeltà alla sua vocazione, e porta su di sé un peso grave, nella salda certezza di un Tu che potrà salvarlo. Il primo, grande film
religioso del 2002 è l’ennesimo capolavoro di Michael Mann (L’ultimo dei Mohicani, Heat – La sfida, Insider – Dietro la verità), l’ultimo dei geni
del cinema, capace di restituire ai suoi personaggi la dignità di persone. E di persone grandi. (Fortunato Simone)




anti Chiesa:IL PAPA È UN NAZISTA
"Il Vangelo di Costa Gavras è l'unico (certamente) non autentico" Un ufficiale tedesco e un prete cattolico tentano in tutti i modi di fermare le
deportazioni degli ebrei. Dal Vangelo secondo Costa - Gavras. In quel tempo, il popolo di Israele era perseguitato su tutta la Terra da uomini
malvagi, chiamati nazisti, e dai sommi sacerdoti (cattolici). Ma a Berlino, capitale dell'impero ariano, c'erano due uomini, che erano buoni e
giusti, e volevano far cessare le stragi. Il primo era un tenente nazista e protestante che, pentitosi, chiese aiuto alla propria chiesa. E l'ottenne. Il
secondo, era un prete italiano, cattolico progressista. Anche lui domandò aiuto ai propri superiori, ma non ebbe risposta. Mentre gli eccidi
dilagavano, il prete e il nazista viaggiarono verso il Vaticano dove regnava il ricco ed ossuto capo dei sommi sacerdoti. Egli era chiamato Pio XII
ed era un uomo di grande potere e crudeltà. Informato dai due uomini giusti sulle atrocità commesse dai nazisti, Pio XII disse all'assemblea:
"Non trovo nessuna colpa in quello che dite. Sono solo poveri ebrei". Mandò quindi il prete italiano nel campo di concentramento presso un
ufficiale nazista. L'ufficiale si rallegrò molto perché da molto tempo desiderava vederlo, e dopo averlo schernito più volte, lo uccise. In quel
"Si può percepire la Trinità semplicemente come un'icona... uno splendido oggetto da museo... oppure possiamo rivolgerci a quel contenuto
spirituale umano della Trinità che è vivo e comprensibile per noi, uomini della seconda metà del XX secolo". Per arrivare al senso della storia,
rappresentato da quella Trinità che, a colori, illumina il finale di questo film cristallino e potente, Tarkovskij parte da un'adesione puntuale alla
realtà, fin nell'estrema crudeltà di alcune sequenze: la storia di Roublev. il monaco pittore di icone vissuto nella Russia del XV secolo. Ed ecco
che il "contenuto spirituale umano" dell'opera di Roublev, la Trinità, torna ad essere "vivo" e "comprensibile". Allora come oggi. (Tracce Aprile
1992)



Vietnam: il capitano Willard viene incaricato di porre fine al comando del capitano Kurtz, un disertore che, fuoriuscito in Cambogia, ha dato vita
ad un vero e proprio piccolo impero.
Tre anni di estenuanti riprese nelle Filippine, un infarto (occorso al protagonista e tossicodipendente Martin Sheen), litigi e dissapori continui tra
troupe, regista e attori (che portarono addirittura Brando sul punto di abbandonare il set): sono questi solo alcuni degli aspetti che rendono
Apocalypse Now un film maledetto e titanico. Uno sforzo produttivo e finanziario enorme, mai visto in precedenza in campo cinematografico, e
che ripagò in pieno le attese di Coppola (che per realizzare il suo capolavoro rischiò soldi e moglie), premiato dalla critica (Palma d'oro a
Cannes) e dal pubblico. Non un film sulla guerra, ma sul male che rende l'uomo come una bestia folle; una spaccatura nel terreno per una
discesa agli inferi visivamente straordinaria e terribile al tempo stesso. 193 minuti (43 in più rispetto alla pellicola uscita nel 1979), sovraeccitati,
nervosi e folli per un film che segna l'approssimarsi angoscioso dell'uomo al Demonio, carismatico e delirante principe delle tenebre. Da vedere
solo sul grande schermo.(Fortunato Simone)


Siamo in Francia durante l'occupazione nazista. In un collegio cattolico di Fointainbleau i ragazzini imparano l'educazione, le nozioni, senza
trascurare il sano divertimento. Il film è visto con gli occhi, il cuore e le emozioni del dodicenne Quentin. Questi, dopo un approccio tutt'altro che
esaltante diventa amicissimo di un giovane più avanti di lui negli studi. È un'amicizia vera quella che nasce. Ma il dramma è in agguato. Un
brutto giorno giunge nel collegio un camion delle SS. Che si porta via l'amico di Quentin perché ebreo. Con lui altri sventurati tra i quali il caro
sacerdote. Una storia realmente accaduta. Indimenticabile la figura del prete.(Tracce Gen 1993)




Un padre di famiglia, cerca in tutti i modi di far diventare la figlia brutta e obesa, una star della televisione. Recente film fiammingo sconosciuto ai
più, eppure interessante nell'affrontare la questione del successo e dei meccanismi dello spettacolo. Un uomo semplice sogna di far diventare la
figlia una star televisiva. Rapisce per questo una vera starlette del piccolo schermo per poter ottenere un provino per la figlia. Ma, a causa dei
maneggi di un discografico, finirà lui stesso sotto i riflettori, protagonista suo malgrado, dell'ennesima farsa dei buoni sentimenti e delle finte
riconciliazioni. Un film divertente, intelligente, cattivo. (Fortunato Simone)




Will Keane (R. Gere) è un playboy cinquantenne sempre a caccia di belle donne: dopo aver conosciuto la bella e malata Charlotte (W. Ryder)la
sua vita cambierà radicalmente. Polpetta sentimentale, noiosa e menagrama dell'orientalizzante Joan Chen, che ce la mette tutta nel cavare
fuori dagli occhi della sprovveduta spettatrice la prevedibile lacrimuccia. Puntando tutto sullo charme (uff!) dell'ingessatissimo Gere e sui sorrisi
accondiscendenti di una svogliata Winona Ryder, Autumn in New York, ricicla i soliti cliché del cinema sentimentale, (manciate di omaggi a New
York comprese), ma appesantisce la presunta leggerezza del film con menate adolescenziali: "mi piaci, non mi piaci, sono innamorata, sei
innamorata, sono malata di cuore, non possiamo andare avanti così" finendo col mortificare uno spettatore già costretto al film da una morosa in
vena di iniziative. Brutto, scontatissimo e meno coinvolgente di uno spot di Berlusconi. Da antologia (del grottesco) la poesia dell'allodola
recitata da Gere alla sua bella sul lettino d'ospedale. (Fortunato Simone)

Manu e Nadine, due giovani ai margini della società, dopo l'ennesima violenza, decidono di allearsi contro il potere maschile seducendo e poi
uccidendo senza pietà tutti gli uomini che capitano nelle loro grinfie
"Baise moi" è un film porno: punto e basta. Non è né un film d'interesse culturale (se non per addetti ai lavori), né tanto meno un film artistico, (al
massimo un film hard-tistico). E di scandaloso, sinceramente, ci vedo solo il fatto che sia riuscito ad avere una distribuzione in Italia. La storia è
trita e ritrita: due novelle Thelma & Louise, da ex vittime dei cattivissimi maschioni di turno, diventano agguerrite ninfomani un po' sadiche,
seminando il panico tra i membri (in senso proprio) del sesso forte. Per il resto, una seduta ginecologica con dialoghi che sembrano scritti da
Alvaro Vitali. La Anderson (vera pornostar) e la Bach si muovono anche bene e sembrano conoscere la materia, ma Selen è di un altro livello.
La disgraziata coppia di registe, che si prendono però molto sul serio, ha reso un servizio ineguagliabile all'umanità intera: ha affossato per
sempre il femminismo. Adesso rimane solo la Maraini.
di Fortunato Simone
col., 140', A Gesù Cristo la croce, a Barabba la libertà. Ma per chi è morto il figlio di Dio divenuto uomo? Seguendo la vicenda umana del reietto
Barabba appare evidente che è stato per la salvezza di tutti gli uomini. Ma per lui innanzitutto. Il cammino di Barabba è un cammino di
conversione. E d'incontro. Passaggi dolorosi e quasi contro la propria volontà. Quando Nerone lo getta nelle segrete in compagnia dei cristiani
perseguitati, accusato di aver partecipato all'incendio di Roma trova lo sguardo dell'apostolo Pietro che già aveva conosciuto a suo tempo in
Palestina. Finalmente è pronto: muore in croce come Gesù.




Una mite cameriera di provincia, dopo la tragica morte del marito, decide di vedere realizzato il suo sogno: partecipare ad una soap opera.
Commedia briosa del cattivissimo LaBute (Nella società degli uomini) che gioca a disfare il sogno americano, incarnandolo in una donnetta di
provincia appassionata di telenovelas. Betty è l'alter ego femminile di Forrest Gump: come lui è mite, non appariscente, abbastanza anonima, un
po' oca. Come lui, sogna ad occhi aperti, e fantastica una vita diversa, piena di colpi di scena e di sentimento. Come lui, compie un viaggio,
inseguita da mezzo mondo, per coronare un sogno che, lentamente, sembra prendere le forme della realtà; contro di lei, d'altro canto, il mondo
intero, che non le dà fiducia credendola folle. Ma Betty prosegue nel suo viaggio ed arriva anche al di là di Forrest, partecipando come
protagonista al suo sogno di bellezza e di amore. Vede materializzarsi il suo principe azzurro. Proprio lui, con il viso e le fattezze tanto sospirate:
è lei la regina delle donne che sanno sognare, o l'ultima delle stupide, affascinata da una realtà capace solo di ingannare. Una black comedy
divertente e crudele, sottilmente nichilista, sui sogni impossibili che fanno breccia nel cuore delle donne. (Fortunato Simone)
Michele Apicella divide la propria vita tra l'insegnamento in una scuola e lo studio ossessivo delle situazioni sentimentali degli amici e
conoscenti.
Bianco è il colore della purezza e del bello. Michele insegue la bellezza: scruta nel cuore degli amici e si tormenta per le loro mancanze e per le
loro infedeltà. Diogene moderno, Michele cerca a suo modo, in maniera ossessiva, la verità della promessa che gli uomini si scambiano da
giovani, ma che nel tempo si sciolgono con malinconia. Promesse di fedeltà, di amore, di amicizia, per sempre. Promesse uniche, esclusive. Per
Michele la vita è una cosa seria e richiede un impegno totale e assoluto: così, non trovando che macerie di sogni e ideali spezzati, si improvvisa
assassino e uccide senza pietà chi ha tradito il desiderio del proprio cuore. O la vita va spesa per qualcosa che duri o tanto vale soffocare il
grido che hai dentro e chiuderti nell'isolamento più assoluto, anche di fronte all'incontro che potrebbe cambiarti la vita, perché non sei capace di
sostenerlo e finiresti per rovinare tutto. Un film terribile e serio che con la sua sete di radicalità anticipa molto del recente La stanza del figlio.
(Fortunato Simone)




Voto: 3 - In un paesino del Nord dell'Inghilterra, durante gli scioperi del 1984, l'undicenne Billy tenta di diventare ballerino, nonostante un padre
violento ed un fratello bruto.
L'ultima bufala della settimana si chiama Billy Elliot, un film tanto strombazzato dai media, quanto sciocco, banale ed inconsistente. Più ricco di
luoghi comuni che di vere emozioni (il padre cattivo, il ragazzino buono, la mamma morta, i poliziotti cattivi, i minatori buoni, l'amico gay), mai
intrigante ma lento e macchinoso nella costruzione, è il solito ideologico falso film di denuncia che mira più a far lacrimare le sensibili spettatrici
che a dir qualcosa di veramente interessante. Uno sfacciato inno alla tolleranza, alla libertà ed al "rispetto del diverso", che non merita nemmeno
per sbaglio un'occhiata curiosa. Una stupidaggine ipocrita che potrebbe far fessi solo progressisti nostalgici e le sempre presenti fans della
lacrima facile. (Fortunato Simone)
Los Angeles: anno 2025. "Ci sono due lavori in pelle da sistemare in città, ispettore Deckard." Lavori in pelle li chiamano alla Centrale di Polizia.
In realtà si tratta di replicanti. Esseri in tutto simili all'uomo. Costruiti da una nota società di genetica. Servono per lavorare nelle miniere delle
colonie extramondo. O per soddisfare i bisogni sessuali dei pionieri inviati su pianeti lontani. Uomini e donne all'apparenza. Con le stesse
debolezze e paure. Ma resistenti, come nessuno altro, al dolore e alla fatica. Di solito sono programmati per vivere pochi anni. Tre, quattro al
massimo. Qualcuno dura di più. Spediti lontano si spengono lentamente. Ma qualcuno torna. Anzi. Negli ultimi tempi le fughe si sono
intensificate. Così è stata creata la squadra Blade Runner, di cui Deckard fa parte. Li cercano. Li scovano. Li "sistemano". Questo caso però è
diverso. Quelle domande che prima Deckard non si poneva montano tumultuosamente: perché tornano? perché affrontano il rischio di un rientro
sulla Terra? cosa li spinge? Deckard è stanco di "sistemare". Vuole capire. Andare al fondo della questione. E scopre che gli uomini, creatori dei
replicanti, hanno infuso in loro, inconsapevolmente, le stesse eterne domande. Chi sono io? Da dove vengo? Verso dove vado? Un poema
moderno sul destino dell'uomo. Accompagnato dalla splendida colonna sonora di Vangelis. ()




Tobias Horvath vive in Svizzera e lavora da dieci anni in una fabbrica di orologi. La sua vita scorre monotona e faticosa fino all'arrivo di una
donna dal volto conosciuto. Bruciare nel vento significa consumarsi nel nome di qualcosa o di qualcuno. Ed è una caratteristica dell'uomo
inquieto (e vero) che non trova mai pace né soddisfazione, ma domanda e attende. Tobias è uno scarto del mondo: è figlio di una prostituta e di
un insegnante che non lo ha mai voluto riconoscere; straniero in terra straniera (proviene da un oscuro paesino dell'Est europeo), vive isolato da
tutti, assemblando pezzi di orologi che non vedrà mai completati. E la sera scrive. Scrive un diario di lacrime e poesie per lei, che ha conosciuto
solo da bambino. Solo lei potrà abbracciare e comprendere un passato fatto di sangue e di menzogna. E solo a lei schiuderà il segreto del suo
cuore. Totalmente, come nell'amore più vero. Nell'epoca dei film tratti da videogame o girati come videoclip, Soldini gira un film coraggioso e
controcorrente, tratto da un libro non facile, di cui si conserva tutta l'impostazione letteraria. Non privo di durezze e di complessità, senza la
leggerezza di Pane e tulipani ma con una radicalità rara anche nel cinema d'autore. (Fortunato Simone)
Storia di un borghese piccolo piccolo. Finora un esistenza tranquilla con buone soddisfazioni. Il nostro uomo è un brillante matematico
felicemente sposato. Ma ecco la faccia brutta della realtà bussargli alla porta: si scatena contro sua moglie e la sua casa un'inspiegabile
vampata di violenza. Il matematico per un po' sopporta, poi reagisce con pari violenza.



Il boss Carlito Brigante, appena uscito di prigione, cerca di costruirsi una vita onesta. Ma tutto congiura contro di lui. C'è chi bestemmia e chi fa
buoni film. A De Palma, fino a qualche anno fa, riuscivano persino dei capolavori. Carlito fa di cognome Brigante, ma vorrebbe cambiar vita.
Uscito dal carcere, ritrova la ballerina di cui era innamorato, apre un locale per guadagnare pulito ed evita qualsiasi giro losco. Ma la fedeltà ad
una promessa data lo trascinerà all'inferno. Noir pessimista dell'autore de Gli intoccabili che gira un film struggente sull'impossibilità del sogno
americano. Splendidi i protagonisti, finale da pelle d'oca. (Fortunato Simone)




 Voto: 7/8 - Dora è un'ex-insegnante che sbarca il lunario scrivendo lettere ad analfabeti di Rio de Janeiro. Un giorno le si presenta Ana e
Giosué, il figlio di nove anni; quando la donna muore, Dora si prenderà cura del ragazzino.
Film rivelazione del 1998 (quando sfiorò l'Oscar, battuto al fotofinish da Benigni), Central do Brasil è un gran film religioso e popolare sul vero
volto del Brasile, riassunto nella vicenda struggente di un bambino alla ricerca di un Padre. Accompagnato da una donna che solo nel tempo
scoprirà la maternità, Giosué sperimenterà la compagnia e l'accoglienza di una persona piena di limiti, scottata dalla vita ma desiderosa di
riscatto. Vero road movie (nel senso che la meta coincide con lo scopo ultimo), pieno di riferimenti cristologici (il padre si chiama Jésus e fa il
falegname, i fratelli sono Isaias e Moisés), straordinario nei dialoghi, semplice ed essenziale nel racconto e con un finale da pelle d'oca.
(Fortunato Simone)

1923-1968: l'ascesa e il declino di due gangster newyorkesi, Noodles e Max.
C'era una volta un'amicizia. E di quelle grandi. Di quelle che spaccano il cuore e aprono gli occhi. Di quelle per cui potresti dare la vita. Il
capolavoro di Leone ed uno dei più grandi film degli anni '80, parte dall'amicizia grande di due gangster in erba, e dei loro sogni, e delle loro
promesse, per ritrovarli 40 anni dopo, pieni di acciacchi e stanchezza, e sommersi dal cinismo. Per 217 minuti Leone, racconta come mai prima
d'allora, la vita di due uomini straordinari nella violenza e nella poesia: quanto è umanamente contraddittorio il personaggio di Noodles, capace
di comprare un intero ristorante per la donna che ama, per poi violentarla senza pietà, come un animale. Quanto è assoluta la sua devozione per
l'amico d'infanzia. Quanto struggimento nella scena della morte dell'amico bambino. Quanta Bellezza. Quanta Speranza nel futuro, nell'amore,
nella donna. Ma tutto svanisce, la Promessa non è mantenuta. La Realtà è infida, imbroglia, inganna il tuo cuore che sperava cose grandi, e ti
perdi in una boccata, amarissima, di fumo. (Fortunato Simone)

Fine anni ’50. In un paesino della Francia, una donna apre una cioccolateria in quaresima
Occhio. Quella che appare una tenue favola sulla tolleranza e contro ogni moralismo è invece una subdola operazione anticattolica e
massonica. Per Lasse Hallstrom il mondo è bianco e nero. Anzi, rosso. Da una parte una “figlia del vento” dalle scarpette rosse che vende
cioccolatini e dà colore alla vita. Il tutto nel nome di un ideale del disimpegno e della libertà anarchica che vuol dire tutto e niente. Dall’altra, un
lugubre moralismo appartenente alla chiesa (cattolica), soggiogata dal potere laico, che destina i fedeli ad una vita di sola privazione e sacrifici.
Palle. Se esiste una chiesa del genere, non è certo quella che fa capo al Santo Padre. (Fortunato Simone)




In un paesino della provincia americana, vive Sammy, una giovane madre divorziata da poco. L'arrivo del fratello, dopo anni di assenza,
sconvolgerà il ritmo rassegnato della sua vita.
Piccolo grande film sull'accoglienza e la libertà, ostacolate dal moralismo bacchettone dell'America Protestante. Sammy è una brava madre,
lavoratrice accanita, frequenta la chiesa dove tutti la guardano di buon occhio: è salva. Poco importa se abbia due amanti: basta non dirlo. Terry
è un ragazzo maldestro e generoso; ha viaggiato tanto dopo la morte dei genitori, ha frequentato brutte persone ed è finito anche in galera, non
va nemmeno in chiesa (metodista): per il mondo è un poco di buono. Eppure nessuno ha trattato il piccolo nipote come lui, nessuno gli ha mai
fatto compagnia, nessuno gli ha mai fatto da padre. Ma il mondo puritano delle regole e delle leggi farisaiche, non può accettare l'errore
dell'uomo, e quando Terry sbaglia, seppur a fin di bene, e finisce in prigione, il mondo lo ripudia. Per sempre. E il bambino torna orfano. Efficace
stoccata contro la comunità ovattata e intransigente dell'America buonista, tutta frittelle, casa, chiesa, motel, sermoni e condanne. Due
nominations agli Oscar. Che rimarranno tali.
di Fortunato Simone
New Jersey, uno sceriffo onesto combatte una personale battaglia contro un gruppo di poliziotti corrotti Dolente ritratto di una provincia
americana abitata solo da arroganza e corruzione, Cop Land è l'esempio limpido del cinema americano che fu, in cui azione e approfondimento
psicologico potevano anche convivere. Diretto da un regista giovane ma già in grado di tenere a freno un grande cast, è un film solido, dai toni
crepuscolari, pieno di rabbia per il destino di loosers che, per un crudele destino, non possono conoscere felicità e successo. Stallone, nella
parte dello sceriffo sfigato, tonto e sordo non ha mai recitato così bene. (Fortunato Simone)
“A 80 anni suonati un’altra buona prova del grande Clint”. Un agente dell’Fbi in pensione sulle tracce di un misterioso serial killer.
Ho dei ricordi bellissimi legati al nome di Clint Eastwood. Ricordi che portano nomi diversi: Gli spietati, Un mondo perfetto, Per un pugno di
dollari, Fino a prova contraria. Film diversi, malinconici e struggenti, interpretati e/o diretti da Eastwood, uno di poche ma solide parole. Uno che
ha 40 anni di carriera sul volto e ne ha passati venti prima di farsi notare come regista. Uno che ha dovuto sudare sette camicie per farsi
accettare nell’Olimpo di Hollywood. Uno che utilizza con semplicità i ferri del mestiere: buoni attori, un buona storia, una sceneggiatura ferrea, e
il film è servito. Così Debito di sangue, è un thriller come non se ne fanno più: senza effetti speciali, senza (troppa) violenza, con protagonista un
vecchio poliziotto che, a settant’anni suonati, riprende in mano un caso mai risolto di omicidio. Ma il film funziona, pur seguendo uno dei più
classici canovacci. Funziona e commuove, perché pieno di rimpianti, di sogni spezzati, di ferite mai rimarginate. Clint: la prova vivente che al
cinema, il talento lo si può anche imparare, seguendo grandi maestri (Sergio Leone e Don Siegel) e, soprattutto, facendo tanta, tanta fatica.
con C. Eastwood, J. Daniels. (Fortunato Simone)




(*)senso religioso dell'uomo




un agente di polizia, in crisi per la morte violenta della moglie, viene spedito in una pericolosa clinica di disintossicazione. Sono passati quasi
dieci anni e nessuno se n'è accorto. Stallone è finito, bruciato, fallito. Flaccido e bolso come un manzo pazzo, non ha mai cominciato a recitare
veramente (a parte qualche eccezione: F.I.S.T., Rocky, Rambo e Cop Land) e, comunque, ha finito ben presto. Negli ultimi anni di (evidente)
degrado fisico non ha avuto nemmeno l'intelligenza di cambiare genere di film. E ha continuato, imperterrito, a fare film cappa & muscoli. Buon
per lui, che si guadagna il pane. Peggio per noi, che dobbiamo sorbirci la sua bocca storta e le vene varicose. Peggio per me, soprattutto, che
sono costretto a vedermeli tutti, i film di Stallone. Dovrebbero darlo a me l'Oscar, l'Oscar per la tenacia, perché sono riuscito a vedermi fino alla
fine tutti gli ultimi film di Sly. Quali lingue potrebbero dire dell'intreccio di un film rispetto a cui le stupidaggini con Chuck Norris hanno la statura
dei capolavori? E cosa si può dire di un ultracinquantenne con trent'anni di (disonorata) carriera, che recita così male da apparire dislessico?
Nulla, o come diceva un amico: "Ama e fa' ciò che vuoi". Cioè, impiccati. (Fortunato Simone)




Un giovane vagabondo scopre, grazie a degli strani occhiali neri che molti umani sono in realtà extra-terrestri mascherati che condizionano
l'umanità. Essi vivono, mescolandosi alla popolazione pacifica, nell'attesa della conquista del mondo e della sottomissione del genere umano.
Essi: cioè, ieri i comunisti, oggi gli islamici. Sempre e comunque extra-terrestri per visione sul mondo e per odio alla libertà. Tutta la paranoia
degli anni '80 in questo divertente fanta-horror, in cui gli alieni si confondono tra gli yuppies reaganiani: da una parte i ricchi, che abitano nei
grattacieli e occupano le posizioni politiche più importanti sono marziani crudeli, dall'altro il sottobosco dei poveracci, che capitanati da un Don
Chisciotte, riusciranno a liberare il mondo. Un film curiosamente "di sinistra", che, dietro uno stile brioso e divertito, centra il problema del
conflitto tra uomo e potere e indica l'unica conclusione realistica. Per cambiare il mondo e renderlo libero bisogna avere un altro tipo di sguardo,
che rivelerà molte cose. Praticamente, un film cristiano (e infatti è un prete il creatore degli occhiali magici).
di Fortunato Simone
di Ivan Reitman con D. Duchovny, J. Moore
A seguito della caduta di un meteorite, la Terra rischia l'invasione di una serie di strane creature.
E lo chiamano cinema d'intrattenimento. Intrattenere: verbo transitivo, II coniugazione, "far trascorrere a qualcuno il tempo in modo gradevole".
In modo gradevole. In modo piacevole. Passare una serata senza troppi pensieri. Io, una serata senza troppe pretese la passo davanti ad un
film che, se proprio non brilla per idee, è per lo meno divertente ed ha minimamente un cast decente. Se non ha almeno uno di questi tre
requisiti, il film d'intrattenimento diventa un film di "trattenimento" nel senso che devi trattenere per due ore la rabbia di aver buttato via soldi e
tempo per niente. Ma poi ti sfoghi all'uscita. Eccome se ti sfoghi. Evolution è puro cinema di trattenimento: Reitman ricicla l'unica idea buona
della sua vita (gli scienziati acchiappafantasmi di Ghostbusters) e la mescola al più inflazionato soggetto degli ultimi tempi: l'invasione
dell'America dallo spazio. Sai che novità: ci siamo dovuti sorbire Independence Day, Deep Impact e Armageddon, e ne abbiamo fin sopra i
capelli di marziani bombaroli e presidenti martiri. In più, ci mettono anche un gruppo di attori cani e battutacce da caserma. Non un film. Un
clistere.
(interessante la posizione di mago merlino e parsifal by Gabriele Congedo)




L'amore tra un professore, ultras dell'Arsenal, e una collega calciofoba. Un film divertente e veritiero nel raccontare la principale causa di attrito
nella vita di coppia: il pallone. Lui è sfegatato per l'Arsenal e vive con trepidazione la possibile vittoria in campionato. Lei è una rompiballe. È
bella, intelligente precisa. Sarà anche una madre perfetta. Ma non sa distinguere un corner da un colpo di testa. E, cosa ben peggiore, tratta il
calcio come un semplice gioco e il tifo come una malattia infantile. E alla fine (ultima giornata di campionato, scontro decisivo per il titolo, minuti
finali) imporrà un crudele aut-aut. Ma l'avrà vinta?
di D. Evans con C. Firth, R. Gemmell
di Fortunato Simone


Regia di Wim Wenders con Wilhiam, Solveig Dommartin
col., 159', 1991
Si può giocare a mosca cieca con la vita e poi rimanere con un pugno di mosche nella mano sudata. Ma questa benda, falsamente liberatoria, si
chiama sogno. È la macchina che fabbrica illusioni per la gioia dei protagonisti! Wenders racconta lucidamente e amaramente questa fuga.
Virtualmente è la fine.
Francesco
Da Francesco a Francesco. Liliana Cavani, nel 1966, firma Francesco d'Assisi. Sono tempi in cui il vento fischia a senso unico. Così del Santo
traccia un profilo terzomondista antelitteram. E l'eroe dei poveri, del riscatto sociale. E basta. 23 anni dopo, il ritorno. Via la patina conformista.
Non
più e non solo un uomo innamorato degli animali ed ecologista. Ma fedele a Gesù Cristo. Un discepolo, un testimone, un Santo. Perciò un
uomo. La critica ufficiale non ha gradito. Addirittura se l'è presa con Mickey Rourke che è bravissimo. Insomma una ragione in più per una bella


"Un film non è bello perchè coincide con le nostre idee" Un mite padre di famiglia si improvvisa serial killer in seguito ad alcune ambigue visioni
Perché un film è bello? Certo non perché dice le cose su cui sono d'accordo. O, per lo meno, non solo per questo. Altrimenti, sarebbero
capolavori filmacci come We Were Soldiers (dove il protagonista si dichiara cattolico), e sarebbero da buttare tutti i film di Kubrick, agnostico
convinto. Vagliate tutto e trattenete ciò che vale. Tutto il film. Secondo la totalità dei suoi fattori. Cioè: forma (regia, genere, recitazione, script,
musiche) e contenuto (il messaggio appunto). Per questo, Frailty è un gran bel film. Non perché mi trovi d'accordo. Un padre di famiglia, vedovo,
ha delle visioni in cui un angelo del Signore gli chiede di estirpare il male dal mondo. E lui, obbediente, si improvvisa serial killer ammazzando a
destra e manca e coinvolgendo anche i figli. Eppure, Frailty è interessante perché è ben confezionato (tensione, colpi di scena, ritmo da
vendere, buon cast), perché presuppone e radicalizza una visione del mondo puritana (chi ha peccato paghi), e perché è raccontato secondo il
punto di vista di uno dei figli (pare) pentito. Un bel thriller, girato con pochi soldi ma con buone idee.
di e con Bill Paxton

di Fortunato Simone

di Abel Ferrara con Christopher Walken, Chris Penn
Nell'America della Depressione, due fratelli devono vendicare l'assassinio del fratello minore.
di Abel Ferrara con Christopher Walken, Chris Penn
Nell'America della Depressione, due fratelli devono vendicare l'assassinio del fratello minore.
Nella settimana della Mostra di Venezia, un film vergognosamente dimenticato al Lido (in quell'anno - 1996 - vinse il bolso Michael Collins). Dal
genio cattolico e sofferto di Ferrara (alcolista, drogato e quant'altro) e dalla mano dell'amico sceneggiatore St. John (reverendo protestante
senza colpe) un autentico capolavoro sull'incidenza del Male nell'uomo. Tre fratelli e un'unica famiglia (mafiosa): uniti, sanguigni, bestiali. Una
Trinità della carne che vede in scena il Padre biblico (Walken nella parte del dio della vendetta), il Figlio (Gallo, figliol prodigo, ucciso prima del
suo ritorno a casa), e lo Spirito (Penn, febbrile nel suo male d'amore verso il Padre). Il Figlio (un sindacalista: l'anima più rivoluzionaria della
famiglia) viene ucciso; il colpevole verrà trovato e torturato, dopo aver ammesso la propria dipendenza dal peccato originale, che blocca e
condanna soltanto. Un capolavoro sulla libertà dell'uomo immerso nella storia più brutale. Ci si domanda il perché del peccato, del male e della
morte. E si va a fondo.
di Joel Coen con George Clooney, John Turturro, John Goodman Voto: 7
La fuga di tre detenuti nell'America degli anni '20 tra balli, oscure profezie e citazioni ironiche.
Ultimo ameno film dei fratelli Coen (Fargo, Il Grande Lebowski), che si divertono a riscrivere l'Odissea di Omero, demitizzandola e
ambientandola durante la grande Depressione americana. Meno graffiante dei film precedenti, Fratello dove sei, è un puro divertissement cine-
letterario, ricchissimo di citazioni anche molto dotte (dal berretto alla Furore di Clooney, novello Ulisse, al Polifemo dalla parlantina sciolta
interpretato da Goodman). Non privo di riferimenti più scontati (le Sirene), il film, dopo un avvio un po' difficile, s'incanala giusto tra i più svariati
generi. E tra prison-movie, musical, commedia brillante e farsa politica, i Coen ci dicono la loro sull'America che fu e che è con uno sguardo ad
un tempo trasognato e divertito. Il rischio è però che tra ammicamenti autoreferenziali e riferimenti compiaciuti, allo spettatore possa scappare
un più che concreto sbadiglio. Comunque uno dei miglior film in circolazione. Clooney è meno cicciobello e più simpatico del solito; Goodman e
Turturro semplicemente spaziali.
di Fortunato Simone

6 oscar



di D. Parisot con T. Allen, S. Weaver Dei miti extraterrestri scambiano per eroi il cast di un telefilm di fantascienza. Una civiltà di marziani un po'
tonti, attaccata da mostri terribili, affida il proprio destino a degli attori della televisione ritenuti veri paladini. Credono in loro, nel coraggio e
nell'amicizia dimostrata nelle loro avventure. E sperano nel miracolo della salvezza, affascinati da un mito che sembra fatto solo di cartapesta.
Una parodia gustosa e tutt'altro che banale di Star Trek, la serie di fantascienza improbabile nella messinscena (tutine colorate e fondali fasulli)
quanto geniale nella narrazione. Per un Trekkie come il sottoscritto, un film da leccarsi i baffi.
di Fortunato Simone


Le imprese, le fughe e la tragedia di una coppia di fuorilegge degli anni '30, Bonnie & Clyde.
di Arthur Penn con Warren Beatty, Faye Dunaway
Le imprese, le fughe e la tragedia di una coppia di fuorilegge degli anni '30, Bonnie & Clyde.
Il mondo (cinematografico) si divide in tre categorie: ci sono i capolavori memorabili e i film medi dimenticabili. Della terza (i film lassativi, che
provocano nello spettatore un subitaneo impulso a rifugiarsi nella toilette), farò volentieri a meno di parlare. Gangster Story è senza dubbio un
capolavoro, perché in grado di esprimere profeticamente un giudizio storico sulla stagione a venire del '68. Giovani ribelli senza causa, Bonnie &
Clyde vorrebbero cambiare il mondo, forti solo della loro giovinezza incosciente. Vorrebbero fuggire e lasciarsi dietro tutto il male e quelle paure
che li hanno sempre condizionati (paure familiari per Bonnie, difficoltà sessuali per Clyde). Uccidono e rapinano, più per una sfida al mondo che
per un bisogno reale. Giovani, bellissimi e disperati, vorrebbero certezze nella vita per ripartire da capo; vorrebbero che non vi fosse dolore e
che la giovinezza continuasse per sempre, e gridano come se qualcuno potesse sentirli e avverare i loro sogni. Ma, evidentemente, il cielo è
fatto di sordi.
di Fortunato Simone




Il mondo senza più "buoni e cattivi" Western da grande cast e senza indiani. Da subito si percepisce una differenza rispetto allo stesso genere
western. La morte entra in campo attraverso la malattia di una donna. La violenza attraverso lo sfregiamento di una prostituta. Il protagonista è
un ex fuorilegge, ex assassino spietato, ex alcolizzato: ma Will (Clint Eastwood), l'uomo che vediamo al presente ha messo a riposo la pistola da
5 anni, alleva suini, è vedovo padre di due bimbi, non sa più sparare né cavalcare, è un vecchio dedito solo ai figli. Quando i suoi maiali si
ammalano e le difficoltà si fanno pressanti accetta un lavoro di bounty killer unendosi a un contadino negro, Ned (Morgan Freeman) anche lui ex
ribaldo, e a un giovane miope con la vocazione dell'assassino. Il film non vuole giustificare nessuno, nemmeno il "bravo ragazzo" che, dopo aver
deturpato senza ragione il volto di una prostituta, viene condannato dalla legge solo a pagare una multa al gestore del bordello. Alle prostitute la
società non concede neanche un minimo di dignità, neanche legale. Lo sceriffo che difende le vite e la legge, è il primo a tradire lo spirito della
giustizia: è un sadico depravato, alla ricerca di gloria personale. È la fine della leggenda: qui i vincitori non sono i virtuosi, né con la vita, né con
le pistole: sono solo i più spietati. Tutto ciò non apporterebbe molto di nuovo alla rivoluzione sul genere già vista in "C'era una volta il west" di


ANNI SESSANTA
Nel New Jersey dei nostri giorni, storie di ordinaria follia ed infelicità.
di T. Solondz con B. Gazzara, J. Adams
Nel New Jersey dei nostri giorni, storie di ordinaria follia ed infelicità.
Caro Babbo Natale, questo film è per te. Certo, non posso dire di conoscerti (a Natale, io frequento altre persone, un po' più serie), ma vorrei
regalarti questo film per farti capire com'è la vita. Che non è proprio dolce come le caramelle che regali. Non è nemmeno un concentrato di
bontà e di amore. La vita è fatta di dolore e di sangue, ma anche di bellezza. E ci sono dei giorni speciali che chiamiamo feste, i quali, più che
per scambiarsi doni, servono per far memoria della nascita di un uomo che ha cambiato il mondo. E che non sei certo tu, caro Babbo. Non
pretendo mica di farti ragionare. Tu hai altro a cui pensare. Hai dei colori sociali da difendere e un'idea (quella della bontà fine a se stessa), da
inculcare, ma vorrei che almeno qualcuno dei tuoi zuccherosi accoliti desse un'occhiata al film. Che è duro da mandar giù: parla di una famiglia
e del tentativo di rendere bella una vita che di bello sembra non avere un tubo. L'uomo tende per natura al vero, ma ogni giorno rischia di essere
schiacciato dal peccato. È questo il dramma della vita, caro Babbo.
di Fortunato Simone




anti Chiesa
Wyoming, 1890: ricchi possidenti terrieri assoldano dei mercenari per massacrare dei contadini immigrati ladri.
E' il film che ha fatto fallire una potente casa hollywoodiana, la United Artists, costando più di 60 milioni di dollari di allora e incassandone 1. Già
solo per questo andrebbe visto. Era il 1980 e l'America conosceva più a fondo il genio di un uomo chiamato Cimino, capace nel giro di 2 anni di
distruggere il mito del Vietnam (Il cacciatore) e il mito della frontiera (I cancelli del cielo). Un'opera sontuosa che in origine doveva durare più di 5
ore, sulle crepe di una falsa democrazia americana che pare premiare solo i potenti.
di M. Cimino con C. Walken, M. Rourke
di Marco Tullio Giordana con Luigi Lo Cascio, Tony Sperandeo
Alla fine degli anni '70, a Cinisi, piccolo paese siciliano, comanda incontrastato il boss Tano Badalamenti. Cento passi distante dall'abitazione
del mafioso vive Peppino Impastato, un ragazzo che si ribella all'autorità mafiosa.

Marco Tullio Giordana, non nuovo a tematiche politiche (Pasolini, un delitto italiano) riesuma uno dei tanti casi irrisolti dalla giustizia in Italia, per
il racconto di un'Italia vittima del potere mafioso. Combinando la tradizione florida del cinema di denuncia politica al racconto di un giovane
suggestionato dal '68 ed in lotta per la libertà, Giordana ha il pregevole merito di non scadere mai nella facile retorica (tranne, forse, nel finale)
né in una santificazione dell'Impastato tanto semplice quanto inopportuna, per il racconto di un giovane rabbioso, in lotta contro il mondo
"vecchio" ma da questo miseramente schiacciato. In questo senso, Peppino è il vero simbolo della gioventù sessantottina - che arriva con dieci
anni di ritardo nell'isolata Cinisi - tutta slanciata verso ideali grandi (Giustizia, Libertà), incompresa dalle istituzioni e tragicamente votata al
fallimento.
di Fortunato Simone




CANNES di Daniele Gaglianone con Virgilio Biei, Piero Franzo
Nel Piemonte di oggi, due anziani vivono tra i terribili ricordi della guerra.
La Palma di latta per il peggior film visto al Festival di Cannes, spetta - manco a dirlo- ad un film italiano. I nostri anni, presentato nella sezione
più "culturale" del Festival, la Quinzaine des Réalizateurs, è il solito, stanchissimo film sulla Resistenza. Inattaccabile e ricattatorio, spesso
indecifrabile, il film dell'esordiente Gaglianone sembra, francamente, un film fatto ad hoc per il Festival, più che rivelarsi un'opera sincera; passi
una certa ingenuità dell'autore, incapace di prendere la strada del documentario o del film autobiografico, passi la scelta economica di attori non
professionisti e di un desolante bianco e nero, ma quando ci si trova davanti alle sempre verdi quattro palle sulla Resistenza, si rimane
stupefatti. Perché raccontare (male) sempre le stesse cose: lo strazio del ricordo e la sopravvivenza dell'oggi? Perché non approfondire, per
esempio, la psicologia dei personaggi, la storia intima degli attori... Perché accontentarsi del bollino "progressista Doc"? Forse perché solo così,
si riesce ad andare a Cannes?
di Fortunato Simone

Un ragazzino dodicenne si difende come può da un ambiente ostile: marina la scuola, racconta qualche bugia, compie piccoli furti. Pizzicato per
il furto di una macchina da scrivere, verrà internato in riformatorio.
di F. Truffaut con J.-P. Léaud, A. Rémy
Un ragazzino dodicenne si difende come può da un ambiente ostile: marina la scuola, racconta qualche bugia, compie piccoli furti. Pizzicato per
il furto di una macchina da scrivere, verrà internato in riformatorio.
I quattrocento colpi è un film sul legame che rende liberi, ricercato con ostinazione da un ragazzino che domanda solo di essere accolto per
quello che è: un bambino non particolarmente diligente ma nemmeno troppo monello. Ma nessuno sembra dargli ascolto. Non il maestro di
scuola, che pensa a più a punire gli alunni che a educarli, e nemmeno i due distratti genitori. Senza una figura autorevole, scaricato da un
mondo che premia solo i vincenti, ad Antoine non rimarrà che la fuga verso quel mare che non ha mai potuto vedere, verso quell'immensità che
ha sempre sussurrato nelle preghiere, e verso un abbraccio che non avrà mai fine. Primo lungometraggio del ventisettenne Truffaut, ricco di
spunti autobiografici (Truffaut, orfano e mezzo delinquente, venne accolto nella casa di un grande critico francese), è uno dei pochi film dalla
parte dei bambini e del loro desiderio, spesso soffocato, di essere amati per sempre. (simone_fortunato@libero.it)
"Il grande Robert è ora che se ne vada in pensione" In una prigione militare, un generale organizza una rivolta contro il direttore violento e privo
di scrupoli. A sessant'anni bisognerebbe evitare almeno due cose: molestare i bambini e girare film del genere, film muscolari e con poco
cervello. Robert Redford, di anni ne ha sessantacinque e non è uno stupido. Ha lasciato un segno nella storia interpretando film memorabili (La
stangata, I tre giorni del Condor), ha diretto un pugno di film anche buoni (In mezzo scorre il fiume, L'uomo che sussurrava ai cavalli), ne ha
prodotti altrettanti, inventando anche un Festival (Sundance). è affermato e non ha bisogno di soldi. Perché fare un film del genere? Perché
interpretare il solito thrillerino con le solite facce da cattivo, le solite situazioni da caserma, i soliti colpi di scena. Perché ostinarsi ad essere
l'eroe buono, biondo e (almeno un tempo) bello, senza macchia e senza paura, provvisto di coraggio e fascino? Forse per sfoggiare un fisico
non privo dei segni del tempo. Strano e brutto, Il castello. Strano, perché l'idea di partenza è buona avrebbe meritato miglior sorte. Brutto,
perché infarcito di tutti i cliché carcerari. Dal direttore aguzzino, alle guardie sanguinarie, al detenuto fragilino e destinato ad una brutta fine. di R.
Lurie con R. Redford, J. Gandolfini
di A. Ferrara con H. Keitel, V. Argo Voto: 9
Un tenente della polizia americana, dedito all'alcool ed alle droghe, si ritrova per le mani il caso dello stupro di una suora: la sua vita comincerà
a cambiare.
Se Matrix non è un film sul Senso Religioso, Il cattivo tenente è un film sulla conversione e sul perdono cristiano. Il tenente è un uomo violento
che si droga, beve, cambia sempre donne diverse e trascura la famiglia; ma questo paradosso vivente (è un uomo della legge!) incontra una
donna pura e violentata che può perdonare; va in crisi e sperimenta il dramma della libertà e la gratuità di un sacrificio per il bene dell'altro.
Scritto da un pastore protestante ed un cattolico fervente, è un film duro che descrive la dinamica dell'incontro cristiano. Imperdibile.
di Fortunato Simone

Il cerchio
 La vita di sofferenza di alcune donne nell'Iran dei nostri anni.
di Jafar Panahi con F. Orafai, M. Almani
La vita di sofferenza di alcune donne nell'Iran dei nostri anni.
Non è che impazzisca di gioia davanti ad un film iraniano. Anzi, di solito mi rompo un po' perché il ritmo è quello che è e le storie più o meno
sempre le stesse (storie di ordinario progressismo: emancipazione della donna, aborti, libertà della persona...), tanto che su queste coproduzioni
(spesso franco-iraniane) sorge sempre il dubbio che siano prodotti fatti ad hoc per il pubblico cinefilo e tollerante dell'Europa occidentale.
Rimane comunque il documento sulla società civile dei paesi islamici, come in questo caso.
Il cerchio, vincitore a Venezia due anni fa, è il prototipo del film fatto con soldi occidentali e indirizzato ai cuori degli europei, ma che, nonostante
una certa retorica diffusa, ha il pregio di mettere a fuoco la condizione della donna in Iran. Che equivale a zero.
Donne cacciate di casa perché la creatura che hanno dato alla luce è femmina, ragazze schiacciate dalla società perché incinte, ex detenute
costrette a battere perché senza speranza, donne senza nemmeno la dignità di poter essere chiamate per nome. E poi dicono che la Chiesa è
maschilista.

di Fortunato Simone
Regia di Wim Wenders con Bruno Ganz, Peter Falk
B/n e col., drammatico, Francia! Germania, 1987, mm. 125'
Il cielo abbraccia ancora una Berlino dilaniata dal muro. Ma l'intorpidita coscienza dell'uomo d'oggi, di cui Wenders ama occuparsi con scrupolo
talvolta intellettuale, non conosce barriere. Questo spaccato di realtà è osservato da due angeli, Damiel e Cassiel. Il quotidiano li avvince e li
attrae. Soltanto i bambini li vedono. E possono sorrider loro. Indubbio che l'angelo rappresenti l'innocenza. Uno sguardo che dovrebbe diventare
il nostro. Sulla bocca di Damiel la speranza: "Gli angeli amano le nostre lacrime,/ di questa rugiada avidi;/ talvolta siamo dei loro/ con le nostre
guance umide".




Il grande dittatore
Il grande dittatore con i baffi, Hitler (ma potrebbe essere benissimo anche Stalin) riesce a far suo il potere. La Germania, ma non solo, pare
vivere la stagione del "grande sonno". Chaplin è intelligente osservatore delle cose del mondo, prima che abile cineasta, prende a pretesto
l'ascesa di Hitler per farne una satira tagliente sulla faccia stupida del potere. Chaplin non ha inteso costruire un sosia di Hitler, bensì irridere il
dittatore con il fare del suo Charlot. L'artista venne accusato di aver politicizzato il genere comico. Evidentemente la stagione del "grande sonno"
era lungi dall'essere conclusa. Allora come oggi? Famosa la sequenza della danza del dittatore con il mappamondo sul "preludio" del Lohengrin
di Wagner. Monito per tutti quelli che vogliono fare il "padrone del mondo".
da Tracce Lug/Ago 1992
Regia di Gianni Amelio con Enrico Lo Verso, Valentina Scalici
col., 125', 1992
Il regista Gianni Amelio colpisce al cuore. E ci ferisce. Chiama in causa la pietà ma per lei pare non esserci più posto. Una madre disgraziata e
due figlioletti. A Rosetta, solo 11 anni, fa fare la prostituta. Scoperto questo sporco mercato la legge affida i bimbi ad un istituto. Tocca ad un
giovane carabiniere condurli da Milano a Civitavecchia. Ma non è un viaggio piuttosto un cammino. L'estraneità scompare dopo qualche
chilometro. Con il carabiniere i due fanciulli scoprono un padre. Il dolore rimane. Affiora, però, sulle loro facce provate un abbozzo di sorriso
innocente.


 di Mike Nichols con Dustin Hoffman, Anne Bancroft
Il neolaureato Benjamin, tornato a casa dal college, intrattiene una relazione segreta con la ricca signora Robinson, almeno fino a quando
conoscerà la di lei figlia.
Un film sessantottino prima che il '68 fosse. Uscito nel 1967 in anticipo sui tempi ed eletto immediatamente (assieme ad Easy Rider) film
simbolo del periodo, Il laureato, a vederlo oggi, appare un po' datato e troppo schematico. Spirito ribellistico, contestazione anti-borghese, sogni
impossibili ma realizzabili, si fondono in una storia d'amore squilibrata ma coinvolgente, modaiola eppure sincera. Nichols ha coraggio nel
raccontare una vicenda scabrosa (l'amore edipico tra uno studente e un'insospettabile signora), affidandosi all'estro di un allora sconosciuto
Dustin Hoffman e alle musiche di Simon & Garfunkel. Il risultato è un film fresco e compatto, ben recitato (soprattutto nel duetto Hoffman-
Bancroft) e con uno dei finali più plagiati dalla storia del cinema. Da allora si cominciò a capire che anche la colonna sonora poteva contribuire al
successo del film. Per la cronaca, il trentenne Hoffman, già vecchio per la parte nel film, non si è mai laureato.
di Fortunato Simone

La storia d'amore tra una bella paesana, Pelagia e il capitano italiano Antonio Corelli, sullo sfondo della lotta greca contro l'occupazione italo-
tedesca.
di John Madden con Nicholas Cage, Penelope Cruz
Cefalonia, 1940. La storia d'amore tra una bella paesana, Pelagia e il capitano italiano Antonio Corelli, sullo sfondo della lotta greca contro
l'occupazione italo-tedesca.
Ci sarebbero tanti aggettivi per sintetizzare il film. Penso che "imbecille" basti e avanzi. Imbecille come chi lo ha prodotto, girato, sceneggiato,
fotografato, interpretato. John Madden, dopo la sopravvalutata melassa di Shakespeare in Love, cerca di bissare il gran colpo, dirigendo una
stanca storia d'amore affidandola ad attori del calibro di Cage e della Cruz. Il primo è una mummia ed ha la stessa espressione quando suona il
mandolino, fa l'amore ed è moribondo. La seconda, è bella come una sguattera ed ha lo charme di una donnaccia da strada appena finiti gli
straordinari. E il film è una passerella lunga 130 minuti dei luoghi comuni più inflazionati: dagli italiani visti come il popolo tutto pizza, spaghetti e
mandolino, ai greci, popolo di pescatori romantici ed ignoranti, ai tedeschi tutti nazisti sanguinari. Un insulto a qualsiasi intelligenza che deve
trattenere a stento le risa davanti a dialoghi aberranti e ad un lieto fine rivoltante quanto posticcio. Forse il peggiore film dell'anno. Astenersi




Con Robert De Niro, Gwyneth Paltrow
Film molto bello, fotografia stupenda. Osservazioni
1)C'è l'amore gratuito(De Niro) e l'amore cinico (la vecchia).Lui tra tutto il male una cosa la fa buona e con gratuità
2)E' un altro che ti fa gratuitamente quando credi che sei tu a far tutto. Quando ti sembra tutto bello e arrivi nella città del tuo sogno ti chiedi
"chissà cosa c'è dietro tutto questo?". Ma è per una tua decisione che lo riconosci, lo segui e stai con lui fino alla sua morte e capisci tutto.
3) Hai un sogno, lo idealizzi, fai tutto per lei, urli:" ho fatto tutto per te"..."l'idolo", sali le scale e non c'è più.
di Sandro D.R.




di Massimo Troisi (di Elena Pagetti)
... l'ho interpretato come documento utile a spiegare il valore dell'arte in rapporto alla condizione umana. "Il postino" è l'ultima opera
cinematografica realizzata da Troisi per i suoi amici e lasciata quasi come un testamento (è noto a tutti che Troisi sapeva di non aver ancora
molto da vivere). Racconta l'amicizia tra Mario Ruoppolo, un giovane insoddisfatto che vive su di una piccola isola del golfo di Napoli, abitata da
gente semplice e povera, e il poeta Pablo Neruda, comunista, amico del popolo e poeta dell'amore, immaginato accolto dal governo italiano
sull'isola a seguito dell'esilio a cui era stato condannato in patria. Inizialmente incuriosito dall'abilità del poeta (di cui è diventato il postino
personale) nel conquistare il cuore delle donne, Mario ne ricerca l'amicizia; nel rapporto che si instaura tra i due, il poeta si rivela per Mario
maestro e padre. Padre, cioè colui che spalanca alla realtà indicandola come buona; in questo senso si vede nel film, in contrasto, la figura del
padre naturale di Mario che non è in grado di parlare al figlio, non lo comprende. Mario legge le poesie di Neruda, desidera capire e si "insinua"
nella vita di Neruda ponendo domande sulla poesia. Neruda risponde e, quasi senza accorgersene, svela a Mario la possibilità di un senso: per
Esaltato a suo tempo come un capolavoro, il film del danese Axel, vecchio artigiano dalla carriera assai modesta, è piuttosto un caso di incontro
fortunato e raro, dove le suggestioni della pagina scritta (quella di Karen Blixen) vengono valorizzate e alleggerite dalla trasposizione
cinematografica. Due anziane sorelle, Martine e Filippa, vivono nella memoria severa del padre, pastore luterano. Al villaggio approda un giorno
la parigina Babette, che chiede e ottiene rifugio e ospitalità. Sarà un pranzo sontuoso e raffinato - che dopo anni di anonima convivenza la
domestica offre ai diffidenti paesani per festeggiare la vincitrice di diecimila franchi - a sciogliere le amarezze, i rancori e i rimpianti stratificatisi
negli anni. Un girotondo finale, nel segno del perdono, corona maliziosamente il successo delle sopraffine pietanze preparate da Babette.
da Tracce Mag 1992




di C. Russell con The Rock, K. Hu "Come uccidere 197 cattivi e farsi solo un graffio" 3000 a. C. Nella città di Gomorra un tiranno sanguinario è
deciso a sterminare le popolazioni nomadi del deserto africano. Ma l'ultimo degli Accadi si ribellerà. Quando l'ora (e mezza) di Storia è più utile
de L'ora di religione. Lo spin - off della (orrenda) saga della Mummia possiede tutte le virtù di un discreto cinema d'intrattenimento: azione, ritmo,
muscoli, belle donne, breve durata e, soprattutto, un minimo di ironia. Richiamandosi al glorioso peplum all'italiana, Russell confeziona un film
pugni & sberloni fregandosene bellamente dei due ingredienti principali di un buon film: attori e storia. Qui, il protagonista è un ragazzone di un
paio di quintali, chiamato The Rock, campione di wrestling e negato per qualsiasi altro mestiere al di fuori del ring: al suo attivo, in 90 minuti
scarsi, 197 morti per k.o., una ferita (lieve), mezza espressione. La storia, invece, è piacevolmente sgangherata: Accadi, Sumeri, Babilonesi,
Amazzoni, Nubiani, Assiri e qualche Mohicano, con l'aiuto (decisivo) di una stregonessa cinese mezza nuda, si ribellano tutti insieme ad un
monarca nazista ante litteram che ha ridotto in schiavitù il popolo africano. E, ovviamente, stravincono massacrando tutti. Un fumettone
divertente, stupidino, mai volgare.




In un villaggio curdo posto al confine tra Irak e Iran la vita di una famiglia composta da cinque fratelli. Uno di loro, affetto da una forma rara di
nanismo, ha bisogno di essere operato al più presto.
di B. Ghodabi con attori non professionisti
In un villaggio curdo posto al confine tra Irak e Iran la vita di una famiglia composta da cinque fratelli. Uno di loro, affetto da una forma rara di
nanismo, ha bisogno di essere operato al più presto.
Intenso e struggente come pochi, Il tempo dei cavalli ubriachi è un atto d'amore grande e fedele alla realtà che può essere dura e misteriosa, ma
davanti alla quale l'uomo è chiamato a rispondere. Sempre. Così, in un posto che sembra dimenticato da Dio, quattro fratelli si spezzano la
schiena per mettere da parte qualche soldo per il fratello sofferente. Poco importa se l'operazione tanto sospirata varrà solo qualche mese di vita
in più per il fratellino, perché ad interessare è la vita sempre e comunque, e la posizione dei ragazzi, libera, gratuita e amorosa di fronte al reale
anche quando sembra solo congiurare contro la felicità dell'uomo. Una preghiera tenace e duratura perché si chiarisca il cammino e si conforti la
sofferenza, con quella testardaggine che solo i bambini possiedono ancora. Mai ruffiano o lamentoso, un capolavoro sull'essenza gratuita del
vero amore e sulla statura grande dell'uomo religioso.
di Carol Reed con Orson Welles, Alida Valli A Vienna, nel secondo Dopoguerra, uno scrittore americano, in cerca di un amico scomparso
misteriosamente, si ritroverà invischiato in una vicenda di contrabbando.
Finalmente disponibile in videocassetta, dopo essere uscito l'anno scorso nei cinema, in una nuova versione restaurata, Il terzo uomo è il più
classico dei film gialli. Adattato da un romanzo di Graham Green, dallo stesso Welles, che però rinuncia significativamente al lieto fine, Il terzo
uomo è il racconto della smania di potere di un uomo, quello stesso personaggio che Orson interpreterà per tutta la sua vita: se stesso.
Narrativamente esemplare - il film si costruisce intorno ad un misterioso terzo testimone di un incidente - come in una tragedia, dopo un
estenuante gioco d'attese e sorprese, il film culmina nel riconoscimento tra i due protagonisti, che dà l'avvio allo scioglimento del dramma. Un
racconto gotico, avvincente ancora oggi e per nulla invecchiato: dialoghi perfetti, cast straordinario. I 13 minuti in cui compare Welles, valgono
tutto il prezzo della videocassetta; almeno per quel che dice sull'orgoglio del popolo svizzero. Finale memorabile.
di Fortunato Simone
di Atom Egoyan con Bob Hoskins, Elaine Cassidy
Hilditch è un direttore di mensa, appassionato di cucina e tremendamente solo. Quando Felicia, giunge dall'Irlanda per cercare il fidanzato,
Hilditch le propone il suo aiuto.
Dietro la vicenda della diciassettenne in cerca del ragazzo ed avvicinata da un ometto solo apparentemente bonario, si nascondono tutti gli
elementi classici delle fiabe. Felicia, a metà tra Cappuccetto Rosso e Pollicino, si perde in una grande città che non conosce; ha una meta (il
fidanzato) che pian piano si sfoca e si allontana sempre di più; continua a sbagliare strada, ed alla fine finisce dritta nelle fauci dell'Orco o del
Lupo di turno. Che ha una particolarità: uccide (e mangia) per mancanza d'amore. Uno splendido giallo, dal sapore hitchcockiano, sulla
solitudine e l'ambiguità del male dove il cattivo, invece di suggerire orrore, suscita quasi pietà e comprensione. Sullo sfondo, pesantissimo, una
storia d'amore impossibile per motivi politici: lui, irlandese, si è arruolato nell'esercito inglese. L'ennesimo affondo alla ricerca della radice della
sofferenza, da uno dei registi più affascinanti e coerenti degli anni '90.
di Fortunato Simone

Regia di Krystof Zanussi con Stanislaw Latallo, Malgorzata Pritutak
col, 90', 1973
Una gita in montagna. Cade nel vuoto il compagno di cordata. L'aspirante scienziato rimane turbato da quella morte. Ha come un risveglio.
Intuisce, seppur non nitidamente, che lo scopo della vita è la ricerca della verità. E che la scienza da sola non porta da nessuna parte.
Dal sito di Don Gabriele




di Michael Mann con Al Pacino, Russel Crowe voto: 7
Jeffrey Wigand è capo ricercatore di una potentissima industria del tabacco da cui viene licenziato senza motivo.Wigand possiede però delle
informazioni che, rivelate, avrebbero un effetto devstante per l'intero commercio del tabacco. Entra così in contatto giornalista della CBS deciso
a fare un'inchiesta sull'argomento.
Poderoso film del grande Michael Mann (L'ultimo dei Mohicani, Heat) che, trasforma una vicenda d'attualità prosaica e tutto sommato un po'
banale, in una grande riflessione sull'uomo, sul dolore e sulla solitudine. Solido ed essenziale nella struttura narrativa, il film è tutto centrato sui
due splendidid protagonisti di cui si mette a nudo un eroismo fragile, fatto di grandi slanci ma anche dell'angoscia di non riuscire. Sempre in
bilico tra i toni epici e tragici del racconto, Insider è un film su due anti-eroi, sulla loro paura e sul loro tentativo di realizzare qualcosa di
veramente grande; un film "classico"nel vero senso della parola, un film d'altri tempi, dove, per una volta tanto, gli effetti speciali sono
sceneggiatura ed attori. Grandissimo (e tinto) come sempre Al Pacino, anche se la vera sorpresa è l'ingrigito Russel Crowe.
di Fortunato Simone




In una cittadina danese, storie d’amore e di gelosia tra i partecipanti ad un corso di italiano
Simpatica commediola nordica, rara nel suo genere (è davvero un’impresa, infatti, trovare film del Nord Europa più simpatici che tristi), in cui la
speranza di una vita diversa è relegata ad un corso di lingua italiana, dove i freddi nordici, contagiati dalla musicalità della nostra lingua, si fanno
prendere la mano e finiscono addirittura per innamorarsi tra di loro. Un’idea buona, molti luoghi comuni (l’Italia è pizza, spaghetti e Venezia) ed
un desiderio fortissimo di fuggire dall’asettico grigiore del Nord.
di Lone Scherfig
con A. W. Berthelsen, A. Stovelbaek
di Fortunato Simone
Regia di Oliver Stone
Con Kevin Costner, Joe Pesci, Donald Sutberland
col 121', 1991
I1 fatto: muore assassinato mentre è in visita a Dallas, nel Texas, il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy. Immediatamente la
macchina ufficiale della giustizia trova il colpevole: Lee Oswald. Il solito pazzo. Un pazzo che però viene ucciso. Perché? Il procuratore Jim
Garrison non crede alla versione ufficiale. Si mette in azione. Tenacemente smonta tassello dopo tassello la verità di regime. Film di denuncia,
appassionante, che vuole stare alla larga dai giudizi sommari. Non da prendere come oro colato. Però è l'altra faccia dell'America. Ancora
aperta.


di Joe Johnston con Sam Neill, Téa Leoni
Due genitori separati si riuniscono per salvare il figlio caduto da un aliante nel parco giurassico.
Quante bestie ha lo zio Joe (Johnston, regista del film e amicone di Spielberg)? Tante: stegosauri, brontosauri, tirannosauri… ma soprattutto
una: lui. Perché non se ne può più di film fotocopia che riciclano senza imbarazzo la stessa vicenda del plot (già misero) del primo film jurassico.
E bisogna essere solo delle bestie per riuscire a fare ancora peggio dei peggiori film di Spielberg: almeno nel primo film della saga jurassica, si
tentava di coprire la morale vera del film (che è quella, becera, di far tanti soldi), con un discorso pseudo-scientifico (la clonazione che resuscita i
dinosauri), qui si saltano tutti i preamboli, e si passa direttamente all'azione. O meglio, a quello che dovrebbe essere concepita come azione:
mostri digitali che aprono la bocca, un paio di braccini azzannati, qualche bestiola svolazzante. E quando si comincia a sperare che la dolce
famiglia ricongiunta possa finire piacevolmente sul piatto del Velociraptor, la delusione sbarca con le immancabili truppe americane che, uscite
dal nulla, salvano la famiglia ritrovatasi attorno al pericolo. Un film campato per aria e con un finale imbarazzante.
di Fortunato Simone




di Gabriele Muccino con Stefano Accorsi, Giovanna Mezzogiorno
Una coppia di trentenni scopre di aspettare un bambino, mentre i legami sentimentali degli amici si afflosciano disperatamente.
Se il film di Muccino è stato uno degli incassi maggiori della passata stagione, qualche motivo ci dovrà pur essere. Lo stile è accattivante, la
regia corretta, la sceneggiatura senza falle, gli attori bravi. Ma il punto del film è un altro, la messa a fuoco del sentimento come fine ed origine di
ogni cosa. Per il mondo, è il sentimento il padrone della vita. È lui che permette a due persone di unirsi e di separarsi al sorgere delle prime
difficoltà; è in nome suo che nella vita bisogna provare tutto come si fosse nella boutique a scegliersi un abito; è lui che porta a sperimentare
tutto e a giudicare una mazza. Il risultato è la nascita di una nuova specie: gli uomini-larva che, senza radici e veri padri, si cagano sotto davanti
alle prime responsabilità: i più coraggiosi si sposano a più di trent'anni, divorziano solo un paio di volte (rimanendo buoni amici) e, scopando a
destra e manca, magari gli scappa anche un pargoletto. Li chiamano liberi, ma sono i veri schiavi.
di Fortunato Simone




di F. F. Coppola con G. Hackman, J. Cazale Un esperto di intercettazione telefonica vive con terrore l'ipotesi di essere, a sua volta, spiato. Uno
di quei film immancabili per una videoteca ideale. Attuale e profetico al tempo stesso (il film è del 1974, influenzato evidentemente dallo
scandalo Watergate, ma anticipa con altrettanta evidenza le paranoie e i grandi fratelli di oggi). La conversazione è però anche una superba
immagine dell'uomo in lotta contro un potere più grande di lui ma senza nome né volto. Harry Caule è spiato e pedinato. Ma da chi? E perché?
Uno dei capolavori del cinema, ripreso in parte dal recente, solido Nemico pubblico, sempre con un titanico Hackman.
di Fortunato Simone




Mi sembra girato in Abruzzo
"La leggenda del re pescatore - afferma il regista Terry Gilliam - è la storia della ricerca del Santo Graal nella New York della seconda metà del
XX secolo. E un film sulla redenzione, e il fatto positivo è che è possibile parlarne con semplicità".
Jack Lucas - uomo abituato a non occuparsi delle disgrazie altrui se non per renderle occasioni di un guadagno personale - si trova, per colpa
della sua sbrigativa arroganza, improvvisamente privato del suo successo. Quello che gli rimane è soltanto la coscienza, lucida ma disperata, di
un'esistenza incapace di dare ragione di sé.
Un disegno apparentemente inspiegabile e sicuramente misterioso lo conduce - senza un soldo e senza prospettive - all'incontro con Parry,
sognante barbone, con alle spalle una cattedra in storia medioevale che continuamente riemerge nel suo singolarissimo modo di vedere il
mondo che lo circonda.
Aiutando Parry a conquistare il cuore della donna che ama in segreto, Jack spera di allontanare il maleficio della propria anima. Questa strana
amicizia chiede qualcosa di più: il ritrovamento del Santo Graal, fonte della grazia di Dio.
I termini sono quelli di una scommessa: o Parry è assolutamente pazzo e come tale va abbandonato o, al massimo, accudito, oppure c'è almeno
una possibilità che quello che dice sia vero, che nella vita c'è un compito, un destino al quale siamo chiamati e che non è pensato da noi.
Questa possibilità per essere verificata deve essere seguita fino in fondo.
E nel film la partita viene giocata: il riscontro inaspettato è la letizia - commossa e commovente - espressione piena dell'aver affidato la propria
Regia di Ermanno Olmi con Rutger Hauer, Anthony Quayle col., 122', 1988
Andreas è un vagabondo sempre ubriaco che passa le notti sotto i ponti della Senna. Un giorno un vecchio signore dall'aria distinta gli dà 200
franchi: è l'incontro che gli cambierà la vita. Andreas rimane stupito dalla sua generosità e afferma che saprà restituirli. Lo sconosciuto
benefattore gli indica la persona alla quale dovrà restituire il denaro: è la santa Teresa di Lisieux, nella chiesa a lei consacrata. Questo impegno
inizia a segnare le giornate di Andreas che vive momenti di grazia, ottiene un lavoro, ritrova un amore del passato e amicizie che sembravano
perdute. Ma le alterne vicende del vivere quotidiano rischiano più volte di distogliere Andreas dal suo compito. Quei 200 franchi su cui ha
impegnato l'onore sono, spesso, dilapidati per il bere, per le donne, o persi casualmente. Ma avviene sempre qualcosa che gli dà la possibilità di
recuperarli: casualità della vita? Per Andreas non è così: il suo male è sempre perdonato. Ma è una persona che perdona: così Andreas, di
fronte all'apparizione della piccola santa Teresa, ammetterà, con le lacrime agli occhi, di non essere stato sempre fedele a quell'impegno, ma
sarà accolto dallo sguardo amoroso della santa e morirà in pace. Olmi riesce nella non facile impresa di mantenersi all'altezza del romanzo di
Joseph Roth, da cui ha tratto il film e conclude con la frase finale del romanzo di Roth: "Dio conceda a noi poveri bevitori una morte così lieve e




di Steven Sommers con Brendan Fraser, Rachel Weisz La famiglia O'Connell alle prese con un nuovo risveglio della mummia. Si salveranno?
Sì, purtroppo.
Se fosse un film, si potrebbe dire che il sequel de La Mummia, è un film orribile, sciocco, lamentoso, svogliato, sonnolento. Se fosse un film. In
realtà La Mummia - Il ritorno è solo un video-giocattolone, e fatto pure male. Due ore di animazioni digitali (tutte uguali), capriole fasulle, sguardi
da baccalà del protagonista, dialoghi osceni, situazioni aberranti, affosserebbero per sempre qualsiasi fumettone, anche dei migliori. Un film per
morosi: nel senso che, tra il casino si può fare anche altro. Il finto aitante Fraser gioca a fare l'Indiana Jones dei poveracci: in sovrappeso da far
schifo, meno espressivo e atletico del suo antagonista, ad ogni scatto (digitale) rischia un'ernia. La Weisz risuscita in continuazione e rompe le
balle al figlio: l'unica nota realistica. E i cattivi? Sono i soliti bruttoni, stupidi e vestiti male. Mai così lontani dalla realtà: i veri cattivi hanno i
capelli (finti), hanno la pancetta, gli occhialini sul naso, e Famiglia Cristiana sotto il braccio. Domenica, hanno votato un partito, dal colore
sbiadito. Li chiamano tolleranti, ma preferiamo nominarli in altro modo. Le Mummie.
di Fortunato Simone


La pericolosa vita, durante la Rivoluzione, di una bella inglese realista residente in Francia.

di Eric Rohmer con J. Dreyfus, L. Russell

La pericolosa vita, durante la Rivoluzione, di una bella inglese realista residente in Francia.
Non fraintendetemi: se ultimamente parlo di capolavori è perché nei mesi autunnali escono decine di film e c'è più possibilità di vedere qualcosa
di buono. Vedrete (e vedremo) che porcherie ci riserverà la stagione natalizia. Comunque, se volete vendicarvi dell'amico che vi ha fregato la
ragazza, consigliategli i vari Bounce, Crazy Beautiful, Save The Last Dance. E se è sopravvissuto all'insano trittico, dategli il colpo di grazia con
The Unsaid, più efficace del cianuro. Se invece l'amico non vi ha fregato la ragazza e vi è ancora amico, consigliategli La nobildonna e il duca.
Partendo da riferimenti letterari (le cronache dell'epoca) e pittorici (il film è girato in studio ma con fondali dipinti, così che le scene sembrano
quadri animati), Rohmer entra nelle pieghe della storia, per giudicare uno degli avvenimenti cardine della modernità. La Rivoluzione francese, è,
per una volta tanto, vista non secondo la visione riduttiva degli Ideali e del Progresso, ma secondo lo sguardo di una nobildonna ricca e fedele al
re e travolta, come tutti, dal terrore di quegli anni. Utile per insegnanti, famiglie e studenti.

di Fortunato Simone
Regia di Theodor Dryer Francia 1928
di Charles Peguy
Carl Theodor Dreyer, uno dei più grandi geni del cinema, ci consegna la drammatica rappresentazione del processo, e del martirio di Giovanna
d'Arco, l'umile pulzella d'Orleans che liberò la Francia dagli inglesi nel 1430. Considerato unanimemente dalla critica un capolavoro, segue
scrupolosamente gli atti del processo. Lo scontro tra la dialettica degli intellettuali accusatori e la fede di Giovanna; l'ira della presunzione sulla
realtà che non ammette altro riferimento oltre se stessa ("Ascoltate Giovanna, noi sappiamo. ."); la semplice certezza che soffre e non odia; tutto
questo ci fa partecipi e astanti del processo. Che accade così, sotto i nostri occhi. Il film, come ogni suo particolare, vibra - attraverso notevoli
piani/sequenza di primissimi piani, di volti, sguardi indagatori, gesti della trepida attesa delle risposte di Giovanna. Che puntualmente rivelano
una sapienza più grande. Quella della Grazia. Se in questa funesta profezia del Potere, per Dreyer, la fede è solitudine che definisce la vicenda
terrena, il protagonista finale è una coscienza comune: il popolo. Insieme a colei che lo fa invocare: "Hanno ucciso una santa".


La rabbia giovane

di Terrence Malick con Martin Sheen, Sissy Spacek La fuga impossibile di due giovani che attraversano l'America in cerca di un sogno.

Corri, ragazzo, corri. A piedi, in macchina, con tutto quello che hai, corri. Ma non sai il perché. Di te, non sappiamo nulla: sei un ragazzo di 25
anni, e hai il cuore inquieto. Conosci una ragazza; ti innamori della sua trasparenza e del suo sguardo triste. La guardi come nessun uomo l'ha
mai guardata; le vuoi bene davvero e non la tocchi nemmeno con un dito: sei veramente innamorato. Ma non sai il perché. Scappi con lei verso
le montagne, che non hai mai visto: ma non sai il perché, di questo viaggio. Ti lasci dietro una scia di sangue, ma questo sembra quasi non
importarti, perché sei nato per correre e per fare cose grandi: non vuoi rovistare nella polvere per tutto il resto della tua vita. Durante il viaggio,
canti le canzoni di Nat "King" Cole e sospiri al pensiero di quanta sofferenza avresti potuto dire con una voce del genere. Non sei cattivo più di
altri; ma hai qualcosa che i mediocri non riescono a sentire. È il cuore, e il desiderio che la vita vada spesa per qualcosa di grande. Ma non sai
che cosa. E soffri come un cane.

di Fortunato Simone




Di Terrence Malick con Sean Penn, Jim Caviezel, Nick Nolte voto: 7/8
La seconda guerra mondiale vista attraverso gli occhi del colonnello Tall (N. Nolte) e del soldato Witt (J. Caviezel), combattenti sul fronte
giapponese.
Capolavoro del genere bellico ed uscito in contemporanea al sopravvalutato Salvate il soldato Ryan, il film di Malick è un affondo
antispettacolare sulla crudeltà della guerra e sul significato del male nella storia dell'uomo. Lentissimo, ricchissimo di inserti filosofici e letterari,
La sottile linea rossa è un film atipico per il cinema di Hollywood (che pure è scesa in campo in massa per aiutare, anche economicamente, il
regista) ed offre un‚alternativa concreta al cinema gridato, posticcio, retorico e spettacolare dell'ultimo Spielberg. Non per tutti i gusti (c'è chi ha
storto il naso per il contenuto troppo "alto" del film), eppure una delle riflessioni più acute sul rapporto tra Natura e Uomo. Cast stellare (Sean
Penn, Nick Nolte, JohnTravolta, Woody Harrelson, George Clooney, John Cusack, John Savage) con le star che, pur di partecipare, hanno
lavorato a compenso sindacale. Grande la sequenza del rapporto epistolare tra il soldato e la giovane moglie.
di Fortunato Simone




Regia di Federico Fellini con Giulietta Masina, Anthony Quinn b/n, 100', 1954
Controverso il rapporto tra cinema e poesia. Certo è che di fronte ad alcune opere cinematografiche non si ha paura a definirle "poetiche". E' il
caso de La strada, uno dei capolavori di Federico Fellini. E poesia si respira negli sguardi di Gelsomina (Giulietta Masina), personaggio
dolcissimo e malinconico, tenacemente innamorata del suo Zampanò, girovago testardo e violento (Anthony Quinn); si respira in quel continuo
vagabondare senza meta, nei toni amari e disillusi dei dialoghi. Gelsomina e Zampanò sono due artisti di un circo ambulante, caratterialmente
lontanissimi ma uniti dalla stessa strada, cioè dal Destino. Il circo è metafora della vita: tante sono le possibili finzioni, ma sotto la maschera c' è
la realtà nuda e cruda. Se non è chiaro lo scopo per cui si cammina, la strada porta solo fatica e sofferenza, o tutt'al più un vago sentimento di
nostalgia, sottile e struggente, per il tempo passato e per le inconfessate speranze di felicità, che non sembrano compiersi mai. Vero simbolo
della delicatezza dei sentimenti, la Gelsomina cui dà vita una Giulietta Masina in stato di grazia ha un posto di rilievo nella galleria dei grandi
personaggi che il cinema ci ha regalato. Ma in risalto è da mettere anche il tocco da maestro di Fellini, che sa unire realismo e intimismo, poesia
e consapevolezza del dolore umano con risultati difficilmente imitabili.

di Federico Fellini con Anthony Quinn, Giulietta Masina
La vicenda di Zampanò e Gelsomina: lui è un rozzo e brutale girovago, lei è una ragazza mite e gentile che lo segue ovunque.
Salutiamo Anthony Quinn, rispolverando il ruolo che l'ha reso celebre: Zampanò è un vagabondo che non conosce amore né gentilezza. Lo
accompagna una ragazza, che come un animaletto non lo molla un istante benché lui la tratti come un cane, sfogandosi con lei per una vita di
La strada di Felix

di O. Ducastel con S. Bouajila, A. Ascaride

Il viaggio di un giovane alla ricerca di un padre che non ha mai conosciuto.
Felix è un ragazzo felix perché dalla vita ha tutto: ha un compagno dolce da accarezzare, vive avventure a ripetizione, si gode la vita. Felix è il
campione della modernità: gode di una libertà assoluta, che gli permette di fare qualsiasi cosa senza render conto ad alcuno, vive alla giornata,
e prende le cose come vengono; succhia le persone come fossero dei frappè e quando si stanca, è pronto a passare ad una nuova persona.
Felix è un uomo cresciuto senza padri e secondo una concezione fasulla della libertà, per cui si può fare di tutto ma entro certi limiti: Felix è un
codardo perché la sua trasgressione alle norme civili (l'omosessualità sfacciata) si ferma laddove proprio le norme mettono i paletti (e infatti
Felix si guarda bene dal "corrompere" un minorenne, per quanto la voglia sia grande). Felix è un vigliacco perché non ha il coraggio di
approfondire un rapporto, ma si limita al momento, intenso ma soprattutto poco impegnativo. Felix non è un "diverso", è come tutti gli altri: quelli
che progettano di non fare figli per fare le vacanze, quelli che si stancano della moglie perché rompe. Felix non è un uomo. È un animale. Senza
coscienza.

di Fortunato Simone
   Zang Yi Mou
Lungo una strada, una donna aspetta trepidante il ritorno del suo amato. Attende ogni giorno, tenacemente, l'arrivo di colui che le ha cambiato la
vita. Con il freddo, il gelo e le intemperie attende giorno dopo giorno, per anni il mondo le rinfaccia la sua pazzia, ma la donna attende, certa del
suo arrivo. Una speranza tenace, certa e indomita. Girato nella Cina atea del Nuovo Millennio, un film cristallino e commovente, che mostra una
strada inedita, nel cinema, di positivo rapporto con la realtà.


La strada verso casa
di Zhang Ymou Con Zhang Ziyi, Luo Yusheng Voto: 7/8

Un uomo d'affari torna al proprio villaggio per la morte del padre. Durante i preparativi per il funerale, la madre racconta al figlio come conobbe il
marito...
Per chi si accontenta di qualche film natalizio o di qualche sceneggiato para-religioso con i Castellitto o con le Cucinotta di turno è difficile che
possa piacere un film del genere. Il film migliore della settimana è La strada verso casa, un film che ha tutti in numeri per tenersi lontano lo
spettatore medio. È cinese, il regista Zhang Yimou (Lanterne Rosse, Non uno di meno) ed è un ex fuoriuscito da poco reintegrato nel Partito. Si
narra una storia d'amore apparentemente sorretta dal filo rosso della nostalgia con ritmo orientale, molto lento per la pupilla occidentale. Eppure
La strada verso casa merita di essere visto perché è un film sulla famiglia e sulla verità nel rapporto tra uomo e donna. Tutto sorretto intorno a
pochi attori e da una messa in scena cristallina ed essenziale, autenticamente commovente nella figura della tenace e splendida protagonista
di Vittorio De Sica con Lamberto Maggiorani, Enzo Stajola
A un padre di famiglia, che ha finalmente trovato lavoro come attacchino, viene rubata la bicicletta, necessaria per il lavoro. Disperato, l'uomo
cercherà di trovare una soluzione.
Chi non ha visto Ladri di biciclette alzi la mano. De Sica, di cui, proprio in questi giorni cade il centenario della nascita, era un genio e
accompagnò l'Italia a risollevarsi dalla disperazione della guerra. Inventò un nuovo modo di far cinema: non più sui set artificiosi ma per le strade
a filmare la realtà quotidiana, senza astenersi da un giudizio. Così, Ladri di biciclette è un film pessimistico fin nel profondo perché ritrae una
realtà mortificata dalla guerra, e in cui sembra vigere soltanto la legge della violenza e del più forte. Persino la legge è impotente di fronte al
dolore di un uomo a cui è stato rubato e che è costretto a umiliarsi nel nome della famiglia che stenta a vivere. Un film eccezionale perché
usando attori non professionisti e le macerie della guerra come scenografia, De Sica riesce a dire dell'uomo, del suo dolore, della sua fatica,
della sua dignità, molto più che attraverso centomila insipidi discorsi.

di Fortunato Simone
La lotta tenace di Maggy contro i servizi sociali britannici che le hanno tolto quattro figli La lotta tenace di Maggy contro i servizi sociali britannici
che le hanno tolto quattro figli. Più società, meno Stato. Abbasso lo Stato che pretende di avere la parola definitiva sull'uomo. Che strappa i figli
ad una donna giudicata irresponsabile senza chiedere nemmeno permesso. Lo Stato può tutto. Lo Stato è il Potere. E Ken Loach è il paladino
degli oppressi. Classe '36, trent'anni di film alle spalle (tra cui Piovono pietre e My Name is Joe), Loach è uno dei pochi uomini di sinistra seri. Di
quelli che credono ancora all'ideale e che non si disperdono in fiumi di parole o allegri girotondi. Un film duro, struggente, un melodramma
potente.
Di K. Loach
Con C. Rock, V. Vega
di Fortunato Simone
"Un bel film in una stagione dove i distributori sono impegnati a vendere solo pop corn" In una cittadina australiana si incrociano storie di disagio,
tradimenti e infelicità. Un poliziotto tradisce la moglie. Ha peccato. Proprio lui, che è un uomo di legge, ha tradito, più e più volte. Eppure, osa
sperare nel perdono di lei e in un abbraccio. è un santo. Anche una donna vorrebbe tradire il marito. è sul punto di farlo, ma si ravvede e non
cade. Anche lei osa sperare. Anche lei è una santa. Nella stessa città, un'altra donna è infelice per la morte prematura del figlio e l'indifferenza
dolorosa del marito. Non tradisce, ma si perde nella disperazione di una selva di tenebre. Ha perduto la speranza, per dannarsi nella solitudine.
Dall'Australia, un film potente sulla fragilità dell'uomo che sa scoprirsi vero nel dramma del peccato, e allo stesso tempo, un'opera realista nel
mostrare il peccato non come obiezione, ma come necessità per un percorso di salvezza. Una delle sorprese della stagione, purtroppo non
premiato dal pubblico a causa di una distribuzione che pensa solo a vendere pop corn, bibite e gelati. Per chi l'ha visto, sono comunque molte le
affinità con il Magnolia di P.T. Anderson: per tematiche, stile, intreccio e titolo floreale. Lantana è infatti il nome di una pianta dai fiori colorati.
di R. Lawrence con A. LaPaglia, G. Rush

di Fortunato Simone
François Pignon ha passato un anno terribile: la moglie lo ha lasciato, il figlio lo considera un inetto, la ditta dove lavora lo sta per licenziare. Con
l'aiuto di un vicino di casa escogita un modo per salvare il lavoro: fingersi omosessuale.

di Francis Veber con D. Auteuil, G. Depardieu
François Pignon ha passato un anno terribile: la moglie lo ha lasciato, il figlio lo considera un inetto, la ditta dove lavora lo sta per licenziare. Con
l'aiuto di un vicino di casa escogita un modo per salvare il lavoro: fingersi omosessuale.
Commedia garbata e divertente scritta e diretta dal francese Veber, autore del quasi capolavoro La cena dei cretini, L'apparenza inganna è solo
apparentemente l'ennesimo film sull'omosessualità, in realtà è una commedia intelligente sui pregiudizi degli uomini. Il macho interpretato da
Depardieu, che si è sempre mostrato arrogante e scontroso nei confronti di Pignon, si rivela psicologicamente debole, dopo la rivelazione della
"vera" natura del collega; il figlio di Pignon ritorna dal padre quando scopre il suo coraggio nel mostrare di fronte al mondo intero il vero volto; la
collega che lo ha sempre ritenuto un imbelle deve ricredersi per rimanere affascinata. Una commedia degli equivoci progettati, girata con grande
ironia e delicatezza, che ha la forza in dialoghi e situazioni ai limiti del surreale, ed in interpreti perfetti nel ruolo. A dimostrazione che non solo le
volgarità stupide e sconce (leggi Scary Movie 2, American Pie 2) fanno ridere, ma anche il garbo e l'ironia.




di Lars von Trier con Emily Watson, Jean-Marc Barr Voto: 9
Nord della Scozia: dopo che il marito ha avuto un incidente che lo ha paralizzato, Bess si degrada come prostituta convincendosi che è l'unico
modo perché guarisca.
Da un danese protestante ora convertito al cattolicesimo, uno dei film più radicali e autenticamente religiosi degli ultimi anni. Una ragazza un po'
matta, sicuramente santa, che concepisce tutta la vita come amore e gratuità, di fronte al dolore del marito, domanda il miracolo e, perché
questo avvenga, non si ferma nemmeno all'estremo sacrificio, mentre la rigida comunità protestante la condanna. Un film duro, estremo,
provocatorio, contro corrente, non per gli animi più delicati, impressionabili o moralisti, ma solo per uomini veri.
di Fortunato Simone
(Il regista è stato allievo di Dreyer (Ordet,..) By Alessandro R. di Siena)




 di e con Takeshi Kitano Il piccolo Masao vive da solo con la nonna. All'arrivo dell'estate un perditempo, Kikujiro, decide di passare l'estate con il
bambino
Piccolo grande film da uno dei registi più interessanti dell'Estremo Oriente. Masao è un bambino di otto anni, vive con la nonna perché i genitori
sono scomparsi. È triste perché l'estate deve passarla da solo, mentre gli amici vanno in vacanza con la famiglia. In un cassetto, un giorno,
trova la foto della mamma: è bellissima e vorrebbe raggiungerla ma vive lontana; c'è bisogno di un amico. Spunta Kikujiro, un uomo brutto e
rozzo che, costretto dalla moglie, decide di accompagnare il bambino. Kikujiro è un uomo difficile, e non sa trattare con il bambino; lo trascina in
bettole a giocare d'azzardo e si comporta da uomo violento. Ma poi i due, nel tempo, si affezionano, si fanno compagnia ed incontrano amici che
li aiutano a sostenere il fardello pesante del dolore quotidiano. Ed ecco che, come per miracolo, tutto può avvenire: che la vita diventi piena di
colori; che il bambino trovi un papà; che lo zainetto metta le ali. Un road-movie emozionante, e per una volta tanto, con una meta possibile e
concreta.



Nel 2019 in una crudele trasmissione televisiva, detenuti condannati a morte si giocano la vita.
Un piccolo film di fantascienza, in anticipo sui tempi. Da uno dei primi romanzi di Stephen King non in veste horror, una buona immagine del
potere esercitato dalla Tv. In un futuro non lontano, il mondo è schiavo di un sanguinario realty-show, dove dei detenuti devono superare varie
prove per aver salva la vita. Chi perde, muore. Nel peggiore dei modi. Tutti, tranne il divo Arnold, allora (1984) in splendida forma (dopata). Un
film estivo, senza pretese filosofiche, abbastanza avvincente, debitore di almeno una dozzina di fumetti.
di P. M. Glaser con A. Schwarzenegger, M. C. Alonso
di Fortunato Simone
Tracce Gen 1993
Lo specchio
Regia di Andrej Tarkovskij
A proposito di questo film la critica ufficiale, quindi di regime, ha scritto: <<Lo specchio è come una confessione. È l'artista che si confessa, ma
la semplice sincerità non è un pregio". Per noi è già un buon punto di partenza. Scritto in chiave autobiografica, la storia propone un uomo di
quarant'anni impegnato a trarre un bilancio della propria esistenza. Fin qui, la sua vita non è stata un lungo fiume tranquillo: l'infanzia travagliata,
però nelle braccia di una madre che c'è; la Mosca dolorosa ma anche fragilmente eccitata del periodo staliniano; la dura stagione della guerra; la
terribile ricostruzione. Tarkovskij usa la tecnica del flashback per dare immagine alla memoria.
Protagonista è sempre l'uomo teso alla ricerca. Gli affetti, la famiglia e la fede sono come la pioggia, simbolo della vita.
da Tracce Gen 1993




anti Chiesa: LIBERI DI BESTEMMIARE DIO E LA MADONNA
di M. Bellocchio con S. Castellitto, C. Conti "Il primo film italiano in cui vengono pronunciate due inutili bestemmie" Un artista ateo riceve
improvvisamente la notizia che sua madre, assassinata anni prima, verrà fatta beata. Quel ghibellino di Bellocchio. Iracondo e bestemmiatore.
Se fosse un patito di cinema, Dante ti precipiterebbe nelle profondità della terra. Assieme a quel Filippo Argenti che tu citi nel tuo film. A
mordervi tra di voi. Come cani rabbiosi. Sei cresciuto tra i preti e sei finito a lanciare bestemmie. La tua rabbia giusta che hai mostrato nel tuo
primo film, si è annacquata col passare del tempo, diventando un'ideologia di comodo. E sei finito a bestemmiare, mostrando il vero volto di
quella tolleranza di cui sei fiero paladino. Ma non porgerò l'altra guancia di fronte ad un pugno di insulti. Non tutte le disgrazie vengono per
nuocere. Hai fatto un film contro i preti, tanto violento quanto culturalmente povero, in cui la Chiesa è un po' come la mafia. Beatifica per ragioni
di comodo (merchandising, vendita di santini) e soggioga le menti ignoranti degli uomini con la menzogna dei dogmi. Anche il demonio, a volte,
è in cattiva forma. Ma ha già pronte nuove munizioni ed un fucile di precisione di nome Amen. Che Dio ci assista e perdoni quel genio della Rai
che ha pure finanziato un film di bestemmie e stupidità.

Di Janusz Kazminski Con Winona Ryder, Ben Chaplin, Elias Koteas Voto: 3
Maya, fervente cristiana ex posseduta, scopre che uno scrittore di successo, Peter Kelsom è la vittima sacrificale per la reincarnazione del
demonio. Assieme ad un diacono, la ragazza cercherà di salvare il disgraziato.
Intendiamoci: il demonio è una cosa seria. Non è un mostriciattolo cattivello a caccia di torroncini e non è nemmeno un essere vagamente
maligno che passa tutto il tempo a gingillarsi sulla sua nuvolona nera, in sostanza disinteressato alle cose del mondo. Il diavolo c'è, la sua
presenza è manifesta, fa paura e il suo essere riguarda più la sfera celeste che l'intelligenza umana. Insomma bisogna tenergli almeno un po' di
rispetto. Quello che manca nel disgraziato Lost Soul, squallidissima fotocopia in bianco e nero dell' Esorcista che grida allo scandalo riciclando
la storia millenaria dell'Anticristo e cosparge di dialoghi aberranti una vicenda risibile ed involontariamente comica. Cast sprecatissimo, messa in
scena rozza, effetti speciali dilettanteschi, sottofondo mistico di grana grossa: le classiche 13.000 da spendere meglio. Il diavolo, se ce l'avesse,
si rivolterebbe nella tomba.
di Fortunato Simone

di Ingmar Bergman
Io ed un gruppo di miei amici l'abbiamo guardato e ne siamo rimasti colpiti. La cosa eccezionale che emerge, oltre alla straordinaria atmosfera
di Mistero che il regista riesce ad imprimere nell'opera, è la riflessione sulla umanità di Gesù.
Maurizio Panizzi & amici



Nel 1949, in una cittadina del nord della California, un modesto barbiere tira avanti tra insoddisfazioni personali e i tradimenti della moglie. Ad un
certo punto in lui scatta qualcosa.
di Joel & Ethan Coen con Billy B. Thornton, Frances McDormand
Nel 1949, in una cittadina del nord della California, un modesto barbiere tira avanti tra insoddisfazioni personali e i tradimenti della moglie. Ad un
certo punto in lui scatta qualcosa.
Che film, che film, che film. I Coen non ne sbagliano uno: possono fare dei thriller glaciali e nichilisti (Fargo), film strampalati sul post '68 (Il
grande Lebowski), film epico - musicali (Fratello, dove sei?) avvicinandosi sempre a dei capolavori. Si professano nichilisti di professione; i loro
film, spesso, non hanno consapevolmente né capo né coda, eppure in loro c'è un'attenzione all'uomo, alle sue speranze schiantate, che non può
che colpire. L'uomo che non c'era è un grande omaggio al cinema e alla letteratura noir degli anni '50: ci sono echi di maestri del cinema come
Lang, Tourneur, Ulmer, Dmytryk, Siodmark che convivono assieme ai grandi romanzi di gente come Cornell Woolrich, Jim Thompson, James M.
Cain. Tutti autori sconosciuti presso il grande pubblico, eppure in grado di scavare nel male più radicale del cuore dell'uomo per scoprire un
punto fisso per una rinascita altrettanto radicale, verso la speranza più luminosa. Un film perfetto nella scrittura, nella regia, nella direzione di
attori insuperabili.
di Fortunato Simone

L'UOMO CHE NON C'ERA
di Joeldi Alfred Hitchcock con James Stuart, Doris Day
Regia Coen
col., 120', 1956
Spy story d'autore, ovvero il mistero secondo Hitchcock. La vicenda esplode in Marocco e si conclude felicemente in Inghilterra. C'è da sventare
l'attentato ad un ambasciatore, ma prima occorre decifrare un messaggio in codice. Come sempre è una questione di metodo.
di Paul Thomas Anderson
Un incontro è quello che attendono tutti i personaggi di questo film duro e corale. Varie storie si accavallano nell'America dei giorni nostri, storie
dolorose tutte giocate, biblicamente, nel dramma con il padre. C'è chi scopre. d'un tratto, che il padre abbandonato da anni è in punto di morte, e
chi vive nella solitudine più disperata per dimenticare una violenza subita in famiglia. Tutti marchiati da un legame indelebile, risponderanno
secondo libertà a un reale che sembra fatto solo di dolore. Solo l'incontro con un amore gratuito e misericordioso potrà salvarli.


Di Paul Thomas Anderson Con Tom Cruise, Julianne Moore Voto: 7,5
Le vicende di più personaggi si intrecciano nella Los Angeles dei nostri tempi.
Superba parabola sulla ricerca di un senso nella vita, Magnolia è un film-fiume (180 min.), che, seguendo in parallelo la vicenda di più
protagonisti, riflette sul destino dell'uomo, sulla felicità, sul dolore. Giocato intorno alla sofferta figura del padre (i personaggi hanno un rapporto
difficile con la figura paterna), e attorno alla condizione difficile della malattia (fisica o interiore), ricco di riferimenti biblici (le piaghe dal cielo) e
surreali (la pioggia di rane), Magnolia è la vera sorpresa della scorsa stagione. Riprendendo molto (forse troppo) America oggi di Altman e
prendendo le distanze dall'ambiguità di un American Beauty, il film del giovane Anderson si addentra nell'abisso delle contraddizioni dei suoi
di Giuseppe Tornatore Con Monica Bellucci, Giuseppe Sulfaro Voto: 3
Nella primavera del 1940, mentre Mussolini dichiara guerra a Francia e Inghilterra, un ragazzino (G. Sulfaro) si innamora della donna più
desiderata del paese: Maddalena detta Malèna (M. Bellucci).
Imbarazzante ultimo film del sempre più bolso Giuseppe Tornatore, che dopo i passi falsi de L'uomo delle stelle (brutto) e La leggenda del
pianista sull'oceano (brutto e noioso), cerca di rinverdire i fasti del lontano Nuovo Cinema Paradiso (Premio Oscar 1988), con una storia dal
sapore antico, d'amore e di sale cinematografiche. Il risultato è sconcertante: sceneggiatura inesistente, dialoghi risibili, una ricostruzione storica
grossolana (i fascisti sono tutti dei repressi, potenzialmente maniaci, possibilmente viscidi). Sono solo alcuni degli elementi che condannano
all'oblio perpetuo un film già ripetitivo dopo pochi minuti. Se, poi, si aggiungono attori appena sufficienti (il giovane Sulfaro è spontaneo ma
antipatico), volgarità gratuite e un Morricone al peggio di sempre, allora si sfiora il disastro. A metà strada tra Quel gran pezzo dell'Ubalda e i
famigerati Vanzina, Malèna, una super-produzione costata 40 miliardi e (ahimé!) già venduta all'estero, è il punto più basso della carriera di un
ex-Pemio Oscar, ex-Autore, ex-promessa del Cinema italiano. Unica consolazione: la Bellucci che tiene la bocca cucita. Per fortuna solo quella.
di Milos Forman con Jim Carrey, Danny De Vito La vera storia di Andy Kaufman, celebre comico americano degli anni '80.
Dal regista di Qualcuno volò sul nido del cuculo e di Amadeus, un altro film amaro e poco conciliante. La storia di Kaufman, scomodo
personaggio della televisione americana, è solo il pretesto per un giudizio sull'ottimismo degli anni '80, dove tutti i sogni di successo si potevano
avverare e sul fascino ambiguo della macchina mediatica. Tutto è spettacolo e finzione, anche la vita privata, soprattutto quando è drammatica.
Di Kaufman, l'uomo triste che faceva ridere la gente con i suoi personaggi surreali, non conosciamo nemmeno il vero volto: vive la vita di tre
personaggi diversi, sbeffeggia crudelemente la fidanzata in pubblico, sfida e provoca i suoi spettatori per poi riconquistarli. Forse la verità di
Andy si mostrerà davanti alla morte, quando nessuna maschera potrà più tenere. Un film sulla diversità del genio, fragile e solo di fronte alla
banalità di un mondo che non può capirlo.
Duro da digerire, ma con un finale eccezionale. Jim Carrey, quando ci si mette, è un attore straordinario. Peccato che Hollywood non se ne sia
ancora accorta.




Nel 1700 i Gesuiti fondarono nell'Alto Paranà, la zona tra Argentina, Brasile e Paraguay abitata dagli indios guarany, le missioni chiamate
"reducciones". Il film inizia nel momento in cui l'esemplare avventura della Compagnia di Gesù viene messa in crisi dalle pressioni che sul
papato, isolato ed impotente, esercitano i portoghesi, che si vedono sottrarre lo sfruttamento degli indios. Incastonata nella grande storia, la
conversione spettacolare di Mendoza (De Niro), mercenario, mercante di schiavi e assassino. Palma d'Oro a Cannes nell' 86. Un modo per
ricordare che la scoperta dell'America non fu solo conquista.
Da Tracce Aprile 1992
di P. Docter Nella città di Mostropoli, a causa di un errore, riesce ad entrare una bimba pestifera... Ti amo perché ci sei. È questo il grido che
scorre sotteso ad un film d'animazione solo apparentemente infantile. Ed invece è quanto di più realista e vero possa esistere. In una città
abitata solo da mostri brutti quanto improbabili, compare, come un fulmine a ciel sereno, una bimba monella che sa combinare solo guai. I
mostri ne hanno terrore, non hanno mai visto un cucciolo di umano da così vicino ed hanno paura di buscarsi qualche malattia. Due di loro,
però, dopo le diffidenze iniziali, prendono con sé la bimba. La nutrono, la crescono, le insegnano a non aver paura, mossi solo dal desiderio che
sia felice e, nel contempo, rimasti affascinati da uno sguardo che sembra pieno solo di stupore e di meraviglia. E così, tra gioie e fatiche, anche
l'incontro più imprevisto diventa un'avventura da affrontare di tutto cuore. Un film raro nel cinema d'animazione, totalmente privo della vis
polemica di Shrek e del buonismo ricattatorio della Disney, ma anche assolutamente dalla parte e al servizio dei bambini e della loro esigenza
semplice: quella di essere voluti bene. Un grande film sull'esperienza di un incontro vero, adatto per bambini e adulti.

di Fortunato Simone

La storia d'amore tra uno spiantato scrittore di musical e una bellissima cortigiana nella Parigi di fine '800.
di Baz Luhrmann con Nicole Kidman, Ewan McGregor
La storia d'amore tra uno spiantato scrittore di musical e una bellissima cortigiana nella Parigi di fine '800.
Erano anni che non si vedeva al cinema un film di tale freschezza e novità. Moulin Rouge è il capolavoro della stagione. L'australiano Luhrmann
(Romeo + Giulietta) riesce nell'impresa impossibile di resuscitare il musical e di renderlo appetibile al pubblico moderno attraverso uno stile
esuberante, dialoghi frizzanti e, soprattutto, musiche moderne. I più grandi successi della musica pop e rock degli ultimi trent'anni (solo per citare
alcuni: Beatles, Elton John, U2, Phil Collins, Police, Madonna) vengono riarrangiati (e spesso modificati anche nel testo) per accompagnare la
storia d'amore della Kidman e di McGregor (che cantano non doppiati). Un capolavoro di messinscena, coreografia, montaggio, recitazione, che
rende lo spettatore realmente partecipe di un vortice spettacolare di immagini e colori. Moulin Rouge è qualcosa di più che un semplice film: è il
cinema delle origini, che non si basava sul concetto principe dell'immedesimazione, ma sull'esperienza di una bellezza che scorre via e che si
vorrebbe trattenere. Per sempre, per sempre... Un film epocale da vedere e rivedere, con una Kidman mai così bella.




di Neil LaBute con M. Malloy, A. Eckhart
Entrambi delusi dal mondo del lavoro e con una fresca storia d'amore finita male, due amici decidono di vendicarsi: sedurre una ragazza, farla
innamorare e poi rivelarle che è tutto uno scherzo.
La cattiveria dell'uomo non conosce limiti. Ci vuole proprio una bella dose di cinismo e disprezzo dell'altro, per fare quello che i due protagonisti
fanno ad una povera segretaria d'azienda. Lei è bruttina e handicappata, e dalla vita ha ricevuto ben poco: un lavoro modesto e l'affetto dei
genitori. Su di lei, improvvisamente, puntano gli occhi due uomini; è un sogno fragile ad occhi aperti. Sentirsi voluta bene, desiderata, riscoprirsi
bella, indossare vestiti per loro; avere il privilegio drammatico di una scelta, con la preoccupazione che l'altro, innamorato deluso, non soffra. Gli
uomini soffrono, non lo danno a vedere come noi, ma nell'intimo soffrono e la delusione può portare all'abbrutimento. Devo stargli vicina, come
amica, e confortarlo. Sogno. Immaginarsi il giorno delle nozze, la casa, i bambini... Ma i sogni non durano, e si rivelano per quello che sono:
scherzi maledetti di una realtà che è fatta solo di dolore.
di Fortunato Simone
di Robert Aldrich con B. Lancaster, B. Davison
Un gruppo di Apache guidati dal sanguinario Ulzana fugge da una riserva seminando panico e distruzione. Titoli per una storia del cinema
(western, negli anni '70). 1970: crolla il mito bianco della conquista del West e dell'esercito nordista senza macchia. Escono in rapida
successione Soldato Blu, Piccolo grande uomo e Un uomo chiamato cavallo. Gli indiani sono le vittime, gli americani invasori sanguinari. 1972:
esce Nessuna pietà per Ulzana. Ed è subito scandalo. Accusato di essere ultra conservatore e filo-fascista perché non esita a mostrare gli
indiani come belve sanguinarie, Aldrich gira uno dei più duri western mai usciti sul grande schermo, fornendo spunti interessanti. Il mito della
frontiera è in realtà una lotta per il potere dove non esiste una vera contrapposizione tra bene o male, ma ciò che conta è l'odio viscerale per
l'altro, alimentato da decenni di soprusi e violenze vicendevoli. Nessuno si salva (nemmeno il sessantenne Lancaster) e Ulzana ne fa peggio dei
Talebani. Cinico e crudele, ma almeno si sventa l'equivoco del buon selvaggio.
di Fortunato Simone

Conflitto serbo-bosniaco. Un soldato serbo ed un bosniaco si ritrovano feriti nella terra di nessuno, intrappolati tra i due fronti.
Tragicomica farsa, diretta da un regista bosniaco che evita qualsiasi forma di retorica faziosa per denunciare l’assurdità della guerra e gli
ambigui maneggi dei capi dell’Onu, intenti a tutto tranne che a porre fine al conflitto. Insolitamente premiato con l’Oscar per il miglior film
straniero, No Man’s Land è un buon film da “discussione”, con ottimi spunti per un giudizio realista sulla guerra, sul potere delle Nazioni Unite e
sull’importanza dei media. Da vedere. (Fortunato Simone )
Nostalgia, ovvero "dolore del ritorno": alla casa, alla memoria, al "luogo del cuore", a quell'appartenenza originaria che genera e mette in
discussione il nostro turbato presente. A Cannes, nel 1983, Tarkovskij si affannava a spiegare che il termine russo non aveva niente in comune
con quello italiano: non malinconia, struggimento o ritorno al passato, ma una sorta di "malattia mortale", di compassione, un sentimento che
assomiglia alla "perdita". Di questa "perdita", soffrono tutti i personaggi del film: l'intellettuale russo Gonciarov, stanco delle bellezze artistiche
che, intorno a lui, contribuiscono a rinnovare l'insopportabile sentimento della lontananza; Eugenia, la bellissima traduttrice che lo accompagna,
incapace di inginocchiarsi e chiedere, davanti alla Madonna del Parto di Piero della Francesca; Domenico, il "folle di Dio", che si immolerà per la
salvezza del mondo, nella Piazza del Campidoglio, sulle note dell'Inno alla gioia. Il film, tradisce ad ogni immagine la sofferenza del regista russo
che, di lì a pochi mesi, sceglierà di abbandonare definitivamente il suo paese.(Tracce Mag 1992)

dVoto: 4,5
La tumultuosa storia sentimentale di Piero C., alle prese con una terribile delusione d'amore.
Il viaggio sentimentale e autobiografico di Chiambretti si trasforma sin dalle prime immagini in un logorroico ritratto narcisista di un ex ragazzo
prodigio della tv. Un'opera prima che rimarrà tale (nel senso che non avrà seguito), destinata ad essere triturata da una concorrenza che
trabocca di filmetti del genere ed un'operazione commerciale sconcertante e inutile (perché distribuirlo dopo Natale?). Uniche salvezze nel
miasma cianotico di dialoghi risibili e situazioni scoraggianti, le due stangone della Cavazzoni e della Asbert purtroppo vestite; per il resto la
solita brutta televisione. Il film segna l'esordio come produttrice indipendente di Rita Rusic ex-moglie di Cecchi Gori, che dopo i proclami iniziali
inneggianti un fantomatico nuovo cinematografico, sembra mestamente indirizzata a ripercorrere le gesta del Vittorio nazionale
di Fortunato Simone




di Laura Betti
La vita, le opere e il dramma di Pasolini attraverso il racconto per immagini dei suoi migliori amici.
C'era una volta un uomo libero appassionato della realtà. Di tutta la realtà. Era un poeta, uno scrittore, un pittore, un regista, un saggista, un
linguista, un giornalista, un drammaturgo. Il Potere lo perseguitava per usarlo, ma lui sfuggiva a qualsiasi riduzione ideologica. Era un uomo fatto
di luci ed ombre; in lui bestialità immonda e spirito religioso convivevano drammaticamente. La sua vita era fatta del sole del genio e di lunghe
notti sottomesse all'istinto. Man mano passava il tempo, i suoi zigomi si scavavano sempre più per far spazio ad un teschio, profezia di una
morte disperata. Pasolini non fu ucciso. Fu lui a cercare sempre più la morte, sommerso da notti sempre più lunghe. A distanza di venticinque
anni, gli amici più cari parlano di lui in modo sognante e malinconico. Usano di lui lo stesso linguaggio, le stesse espressioni, lo stesso sguardo.
E si sentono terribilmente orfani, come noi. Ci manchi, Pier Paolo. Ci manca la tua radicalità nel tuo impegno alla vita, ci manca la tua libertà
estrema, ci manca il tuo desiderio di incontrare qualcuno che potesse cambiarti la vita. L'avrai incontrato Pier Paolo?
di Fortunato Simone
Durante una missione di soccorso un pilota americano naufraga su di un pianeta sconosciuto, dove le scimmie hanno sottomesso gli umani.
di Tim Burton con Mark Whalberg, Tim Roth
Durante una missione di soccorso un pilota americano naufraga su di un pianeta sconosciuto, dove le scimmie hanno sottomesso gli umani.
Doveva essere remake e così non è stato. L'ultimo film di Tim Burton (Edward mani di forbice, Batman) è una rilettura assai libera de Il pianeta
delle scimmie, originale lettura fanta-sociologica sorta in pieno Sessantotto. Eliminando tutti gli interrogativi su di un futuro incerto, dominato da
una prospettiva post-atomica, tipica degli anni della Guerra Fredda (anche se forse tali dubbi potrebbero in questo momento essere rispolverati),
Burton gira un film sul conflitto tra ragione e istinto, non privo di riferimenti cristologici. Un uomo delle stelle giunge su un mondo barbarico,
dominato da scimmie-guerrieri che hanno reso schiavi gli uomini, diventati quasi delle bestie. Non attraverso l'uso illuminato della ragione, ma
attraverso la violenza scaltra degli uomini, si arriverà ad un certo equilibrio. Il primo film hollywoodiano di Burton è anche il suo più cupo e
pessimista, dove le ceneri del Progresso attecchiscono nel futuro e portano solo violenza e distruzione. Nei secoli dei secoli. Un film ironico e
divertente, che solo nel finale perde smalto per una conclusione frettolosa.
“Ma avete mai visto degli assistenti universitari?”
Londra, oggi. Due brillanti studiosi accademici, scoprendo il carteggio amoroso tra due importanti poeti di epoca vittoriana, si innamorano
perdutamente l’uno dell’altra.
Titolo fuorviante. Non si tratta di un film satanista. Non ci sono bambine possedute e preti esorcisti. Magari. Ci sarebbe stato almeno un po’ più
di azione e ritmo. Invece, la possessione in questione è quella d’amore, quella tra due personaggi che nemmeno in un film di fantascienza. Lei:
giovane, bella, alta, bionda, intelligente, e ha pure i quattrini. Ha solo un difetto: è inglese. Lui: alto, bello, biondo, brillante, simpatico,
coraggioso. è squattrinato ed è americano. Professione di entrambi: assistenti universitari. Studiano come dei pazzi e nel bel mezzo di una
ricerca comune su due poeti del secolo scorso, scoprono un carteggio compromettente tra i letterati che li spingerà a desiderare l’Amore. Ma
siamo diventati tutti pazzi? Ma avete visto mai degli assistenti universitari? Almeno i miei erano tutto tranne che belli bravi e intelligenti. E non li
ho mai visti innamorati. Se non di sé. Un film erotico che vorrebbe raccontare una classica storia d’amore con riferimenti tanto scarni quanto
campati per aria. Con il risultato di annoiare a morte tutti, letterati e innamorati.
Di N. LaBute
Con G. Paltrow, A. Eckhart
di Fortunato Simone




UN FILM DEGLI ANNI 30 COSÌ INNOVATIVO E PIEO DI TENSIONE,GRANDE HITCHCOCK!




di Cameron Crowe con Billy Cudrup, Frances McDormand AL CINEMA Nel 1973 un giornalista in erba segue la tournee di un gruppo rock con la
speranza di poter scrivere per una rivista famosa
Quasi famosi è un film deludente e poco coraggioso. Vero è che dietro la macchina da presa c'è un signore che proviene da un filmetto pastoso
come Jerry Maguire; vero anche che i premi americani non sono mai stati una garanzia in fatto di qualità; certo è che dal fresco vincitore un
Oscar "pesante", come quello per la miglior sceneggiatura, qualcosa di buono doveva pur esserci. Un abbaglio. Quasi famosi è l'ennesima
rivisitazione nostalgica della grande stagione degli anni '70, piena di cliché e senza un minimo di critica intelligente: droga, sesso, rock & roll,
belle pupe, concerti da sballo, figli dei fiori, madre borghese e provincialotta. E l'idea di raccontare tutta la vicenda attraverso lo sguardo
innocente di un ragazzino genio, più che una trovata originale, sembra fare il "cattivo" verso a Forrest Gump. Un film inutile e ripetitivo, con un
finale tutto bacini, coccoline, mi dispiace, hai ragione tu, amici come prima, evviva la famiglia, i nanetti, Biancaneve, il Brutto Anatroccolo, il
Presidente degli Stati Uniti. In poche parole, un film per i fans. Dei Gazosa.
di Fortunato Simone
Stile, mentalità e rito di un mondo dentro il mondo ma figlio di quel mondo. Scorsese racconta 1'universo mafia, attraverso la storia "vera" di
Henry Hill, da ragazzino già col carisma del bossa pentito eccellente. Un'America che saltella fra potenza e miseria.
Un furgone portavalori, con i sacchi dei pagamenti dell'Ici è alleggerito di ben otto miliardi. I sospettati sono due impiegati postali di cui si sono
perse le tracce.
di Gianluca Maria Tavarelli con Fabrizio Gifuni, Antonio Catania
Torino, giugno 1996. Un furgone portavalori, con i sacchi dei pagamenti dell'Ici è alleggerito di ben otto miliardi. I sospettati sono due impiegati
postali di cui si sono perse le tracce.
Sorprendente thriller tutto italiano del quasi sconosciuto Gianluca Maria Tavarelli, che confeziona un poliziesco teso e con un gran senso del
ritmo. Attraverso un racconto ad incastro di grande suggestione, Tavarelli, coadiuvato da un cast di ottimi attori (tra cui gli eccellenti Fabrizio
Gifuni e Antonio Catania), gira un racconto dalla parte dei frustrati e del loro sogno di compiere un'impresa grande che possa riscattare una vita
comune. Un film insolito nel panorama minimalista del cinema recente italiano, che, dietro a dialoghi scanzonati ed a figure che sembrano non
prendersi mai sul serio, cela una radicalità coraggiosa e audace, ed una sfida decisa alla realtà incolore di una vita povera di ideali. Un film di
genere e, al tempo stesso, un attento ritratto sociologico degli anni '90, tra qualunquismo, disimpegno, solitudine e disagio nascosto. In una
parte minore, un mito per tutti noi: Adriano Pappalardo.
Film numero ventisette per il maestro giapponese; uomo di buone letture, scrive una tragedia sulla falsa riga di Re Lear shakespeariano,
sposandola con una parte importante della storia del suo paese. Siamo nel sedicesimo secolo; un signore settantenne decide di abbandonare il
potere mentre è ancora in vita e di dividere terre e castelli fra i tre figli. Si scatena una violenta contesa tra gli eredi, per i quali la lotta per il
potere viene prima di ogni altra cosa. Il vecchio che credeva di essersi meritato un futuro tranquillo, viene umiliato dalla ferocia dei suoi stessi
figli. Scene di rara bellezza e l'uso di colori sgargianti non sono di semplice contorno.
da Tracce Lug/Ago 1992




di Manoel de Oliveira con Michel Piccoli, Catherine Deneuve
Nella vita di un attore di grande talento, irrompe, un giorno, la tragedia: la moglie, la figlia e il genero sono morti in un incidente stradale.
Ci si sente dei pivelli a parlare di un regista come Manoel de Oliveira, il decano dei cineasti: classe 1908, diverse decine di film all'attivo ed una
freschezza intellettuale che farebbe arrossire tante menti più giovani e già cotte. Pochi lo conoscono, almeno presso il grande pubblico, forse
per la letterarietà dei suoi film, sicuramente per una mala distribuzione che lo costringe ad uscite estive, ed è un peccato perché si potrebbe
imparare molto da uno che si ostina da più di sessant'anni a mettere in pellicola i più grandi capolavori della letteratura di ogni tempo. E quando
non lavora sui "classici", si impegna nell'impresa impossibile di portare il teatro sullo schermo. Ritorno a casa è proprio questo, teatro filmato, e
non solo perché il protagonista è un attore di teatro e la sua vita ruota intorno ad un palcoscenico, ma perché rispetta il film, nel rispetto delle
regole aristoteliche del cinema classico (unità di tempo, luogo, azione) mette in scena la tragedia di un uomo, che nel pieno della propria fortuna,
si ritrova a non avere più nulla. Capolavoro.
di Fortunato Simone

di John McTiernan con Chris Klein, Jean Réno In Russia, tre campioni di Rollerball, un gioco violento sui pattini a rotelle, decidono di ribellarsi
alle regole. Nel 1975, un buon artigiano del cinema come Norman Jewison firmava uno dei suoi titoli più celebri, Rollerball, solida metafora
sportiva sul potere onnisciente, interpretata da un grande James Caan. Più di trent'anni dopo, ad un altro abile mestierante, John McTiernan
(Nomads, Predator, Die Hard) affidano il remake. Ed è subito un disastro. Cast sbagliato in partenza (Chris Klein prelevato direttamente da
American Pie 2 è impresentabile come protagonista, mentre Réno, in versione mafioso russo, è evidentemente fuori parte), discutibili
cambiamenti nelle locations (perché ambientare il film nella Russia di oggi e coinvolgere la mafia?), voragini enormi nella sceneggiatura, sono
solo le evidenze solari di un film raffazzonato alla meglio che scontenta tutti, i cinefili amanti dell'originale e gli spettatori di buon senso che da un
film del genere pretendono, almeno, logica e azione. Che, ovviamente, latitano. Per non parlare delle scene di combattimento, senza suspense,
con brutti effetti e controfigure rachitiche. In ordine di bruttezza, è terzo dopo gli orrori della Cruz (Il mandolino e Vanilla Sky).
di Fortunato Simone

ROLLERBALL (il DVD del trimestre)
La trama è un po' la stessa di tutti i film dell'epoca: "l'individuo contro
il potere che governa il mondo". Fino a qui
niente di speciale, anzi comincia un po' ad essere stancante... anche perchè
in ROLLERBALL l'individuo non sa recitare
un gran che'. E' un po monosillabico.
La piacevole sorpresa è che le scene di massacro sulla pista di rollerball
ci appaiono alla nostra sensibilità alquanto tranquille
(ecco il perchè del remake un po' più tirato come tempi) mettendo in
evidenza il resto del film che avrebbe meritato un po'
più attenzione.
che dire? Io tutto questo eroe positivo in Caan non ce lo vedo. Se se ne
andava in pensione dopo 10 anni di onorato servizio
a massacrare il prossimo non avrebbe creato la scia di sangue che pervade la
metà del film...non ci avrebbero rimesso i suoi
migliori amici, ad esempio.
Purtroppo, anche noi, nella nostra società siamo pieni di questi "Eroi" che
alla fine della storia si sono fatti i cazzi loro lasciando
chi non si poteva difendere col culo per terra.
Sinceramente, mi sembra questo il miglior insegnamento da trarre dalla
visione di questo bellissimo DVD.
bENTIVOGLIO




Regia dei fratelli Dardenne
Vincitore a Cannes nel 2000 il film narra la lotta per la sopravvivenza di Rosetta, una lotta molto dura per conquistare una vita come quella degli
altri (avere un lavoro, degli amici). Ma a che cosa vale la vita? Tutta la lotta per essa non da la risposta ed è come se il film suggerisse che la
vita non basta alla vita.
Girato tutto con camera a mano, è un film duro, perché racconta la durezza di una quotidianetà dove pur di sopravvivere sei costretta a tradire
l'amico, perdendo così anche il senso della lotta. E sulla sua via crucis finale, dove la croce è la bombola per il gas e la vittima sacrificale lei, si
apre, appena accennata, l'ipotesi del perdono. Intensissimo lo sguardo di Rosetta che guarda l'amico tradito con cui si chiude il film.
Uno dei film più intensi e veri degli ultimi anni.
“Tutti stravedono per una donna che non esiste”
Un regista sull’orlo del licenziamento ha un’idea geniale per rilanciarsi: utilizzare una star “virtuale”.
Dallo sceneggiatore di uno dei capolavori degli ultimi anni, The Truman Show, e dal regista del buon Gattaca, un film ricco di spunti sul potere
dei media. Tutti stravedono per S1m0ne, donna bellissima, attrice perfetta, ma nessuno sa chi è. Tutti si appassionano a lei, l’amano follemente.
C’è pure chi ne scrive la biografia. Ma S1m0ne esiste solo come immagine, in uno schermo. È solo un’immagine ma riesce, incredibilmente, a
essere più vera di attori in carne e ossa. Niccol, sceneggiatore e regista, racconta una storia paradigmatica sul potere dei media e sulla
possibilità di alterare arbitrariamente il reale. Il risultato è un film lineare nella narrazione quanto ricchissimo di spunti per comprendere una
realtà dove sembra dominante solo l’apparenza. Molto adatto per le scuole e per un pubblico di più giovani (che nel film troveranno non pochi
riferimenti ai cosiddetti reality show), S1m0ne mostra però alcune pecche. Personaggi che avrebbero meritato ben più approfondimento (il
giornalista sulle tracce di S1m0ne) e un tono costantemente sopra le righe, ci confermano in un sospetto. Che non sempre un ottimo
sceneggiatore è un ottimo regista.
di Andrew Niccol
con A. Pacino, C. Keener
Regia di Andrei Tarkovskij con Erland Josephson, Susan Fleetwood
col., 147', 1986
Sacrificio, racconta di una preoccupazione e di un gesto liberatorio. Il protagonista, un anziano attore ritiratosi in campagna con la famiglia è
tutto fuorché un uomo tranquillo. Soffre, s'interroga: quale sorte per me, la mia famiglia, l'umanità? Un mattino la radio annuncia l'imminenza di
una catastrofe nucleare. Egli ha come un risveglio. Poi sceglie: far voto di rinuncia a qualunque cosa purché Dio salvi i suoi cari. Tarkovskij
sembra suggerire che lontano da Dio tutto è lecito, ma che una vita così si rivela un'avventura senza ritorno.




Salò o le 120 giornate di Sodoma
Sul finire della guerra, alcuni gerarchi fascisti torturano un gruppo di ragazzi. È il film maledetto per eccellenza. E a ragione. Perché è il
testamento definitivo di uno dei geni del '900. Perché è un'immagine terribile, realista e dantesca dell'Inferno. E perché anticipa, profeticamente,
le mosse del Potere del Nuovo Millennio. Senza un vero volto, ma attraverso tante facce, esso opera per ridurre l'uomo ad Istinto. Inculca in lui
una parola, Libertà, concepita in senso amorale, anarchico ed edonistico. Liberi di seguire il proprio piacere, fregandosene della Fatica, del
Dolore e, soprattutto, del Peccato. di P. P. Pasolini con P. Bonacelli, G. Cataldi

di Fortunato Simone




di John Ford con John Wayne, Nathalie Wood
Texas 1868: dopo che gli indiani gli hanno massacrato la famiglia, il reduce sudista Ethan Edwars si mette in cerca della nipote scomparsa.
Il film dei film, e il più grande Ford mai visto. Ethan è l'eroe sconfitto e stanco: torna a casa dove l'aspetta la famiglia del fratello, ma è il calore di
un attimo, perché arriva la violenza ed il freddo. Ethan è solo, ma, testardo, vuole trovare Debbie, la nipote, l'unico affetto rimastogli. Ethan parte
alla ricerca di lei, attraversa l'America, e gli anni, per lei; ha un po' paura, perché non sa cosa è diventata, chi è diventata (una donna,
un'indiana?): Ethan è in cerca di qualcuno di cui non conosce il volto. È ostinato, ma, alla fine, la trova: ma è una donna indiana ed è diversa da
quella che si aspettava. È sul punto di ucciderla, ma si trattiene, e la abbraccia, in un sospiro lunghissimo. La porta a casa, ad una nuova
famiglia, ricostruita con fatica; l'abbandona nelle braccia dei nuovi genitori, e si allontana dalla soglia, per un destino di solitudine. Un western
psicanalitico, con accenti edipici: chi non lo vede è perduto. In videocassetta è introvabile, disponibile in Dvd.

di Fortunato Simone




Degli operai sistemando un manicomio, scoprono segreti terribili Thriller a basso costo, atipico nell'ambientazione (un manicomio abbandonato),
nella narrazione (solo apparentemente lineare), nei personaggi (operai in cerca di lavoro) e nei meccanismi della suspence. Girando interamente
con una videocamera digitale, Anderson tiene incollato lo spettatore con uno stile originale, senza mai mostrare nulla (sangue compreso) e
nonostante che la storia proprio non brilli per freschezza di idee. Un thriller inquietante, non banale come riflessione sul Male, e con attori, per
una volta tanto, perfetti nei loro ruoli. di B. Anderson con P. Mullan, D. Caruso
di Fortunato Simone
Regia di Ingmar Bergman con Max Von Sydow, Gunnar Bjornstrand
B/n, Svezia, drammatico, 1956,mm. 101' C'è un bergman della psicologia e un Bergman del mistero. Questo film appartiene alla sua stagione
più felice, quando traeva spunti dalla vita, carica di genuina drammaticità, per mettere a fuoco personaggi di indubbio fascino. Vitali, irrequieti,
perciò veri. Come non pensare subito al cavaliere, interpretato da un superbo Max Von' Sydow, protagonista di questa storia ambientata in una
Svezia medioevale. Lui, il cavaliere appunto, torna a casa dopo dieci anni. Ha preso parte ad una crociata. Lo attende una scommessa persa in
partenza. Una partita a scacchi con la morte che vale una vita. È il momento della resa dei conti: bleffare è fatica sprecata.
sono Enrico De Petri, hai parlato con mio fratello qualche volta in msn, io ti volevo parlare come promesso del film con Mel Gibson uscito qualche tempo fa. si parl



Signs
Un pastore protestante scopre un giorno misteriosi cerchi nel suo campo di grano…

Shyamalan ama i suoi film. Fin troppo. Tanto da clonarli, nella speranza del medesimo successo. Dopo il buon Il Sesto Senso e il discutibile
Unbreakable, l’unico regista indiano di risonanza planetaria ci riprova servendo al pubblico la stessa portata, con gli stessi ingredienti, ma attori
diversi. Una famiglia segnata da un dolore lancinante scopre nei campi circostanti la propria fattoria segni misteriosi, probabilmente provenienti
da extraterrestri. Nessuno sembra crederci, ma, pian piano, la verità apparirà. Utilizzando uno schema simile ai film precedenti (indizi
disseminati qua e là, capovolgimento finale), Shyamalan ha buon gioco per tutta la prima parte, dove, citando a mani piene Hitchcock, riesce a
creare buona suspence, ma cade male in un finale dichiaratamente d’effetto e fintamente logico. E il versante escatologico si riduce a qualcosa
tra il ridicolo e l’aberrante (la fede come riconoscimento di un insieme di coincidenze logiche). Peccato perché l’indiano ha un certo talento nel
condurre la macchina da presa. Meno, decisamente meno, nel scrivere storia e dialoghi.


Di M. Night Shyamalan
di François Ozon con Charlotte Rampling
Durante un vacanza estiva, una donna matura perde il marito, scomparso nel mare. Tornata in città, non riuscirà a darsi pace della perdita
dell'uomo.
Sotto la sabbia è una vera e propria sorpresa: durissimo e delicato al tempo stesso, il film di Ozon si regge tutto sulla splendida prova della
Rampling, che non riesce a riconoscere la morte del marito. Del resto, come fare ad accettare la morte, avvenuta in maniera così improvvisa e
terribile? Così la donna si rifugia nell'immaginazione e nella fantasia; esce con gli amici ed è convinta di averlo accanto; si guarda allo specchio
ed è convinta di vederlo; quando prepara da mangiare, è sempre attenta a cucinare leggero, per non aggravargli il diabete; va a letto e lo sente
accanto, e gli parla, gli rivela i segreti che non gli ha mai detto nel corso del loro lungo matrimonio. Un film sul dolore e sulla morte, sentita come
un tonfo secco, un rimbombo plastico, un rumore sordo. Un dolore lancinante, che nessun medicina o discorso potrà mai guarire. Rimane la vita,
certo, ma soli, soli, soli... Forse è meglio mettere la testa sotto la sabbia, per cancellare tutto e per non soffrire più. Finale impressionante con lei
che torna sul luogo della morte, e comincia a capire.




di Joseph Vilsmeier con Dominique Horwitz, Thomas Kretschmann Stalingrado 1942: un gruppo di soldati tedeschi finisce, per punizione, in un
plotone d'esecuzione
Il miglior film tedesco degli anni '90 ed uno dei maggior kolossal europei di sempre. Stalingrad, uscito in sordina nel 1993, è un poderoso film
bellico, girato completamente dal punto di vista degli sconfitti, i tedeschi. Vilsmaier, che dopo il film, non ha saputo più replicarsi, ha buon gioco
nel dirigere un gruppo di soldati della Wermacht, imbarazzati ed indecisi in una battaglia senza senso, ma eroici e tenaci fino alla fine. Un film
avvincente, dal sapore epico, che finalmente rende giustizia al valore dell'esercito regolare tedesco (spesso in disaccordo radicale con le
famigerate SS) e dice del dramma di un popolo, quello russo, schiacciato tra due dittature. Grande ricostruzione storica, con una Stalingrado
ricostruita nei dettagli, spettacolari esterni (girati nell'inverno bielorusso), notevole prova corale degli attori, per una volta, anche loro,
genuinamente tedeschi (e non americani travestiti), eccezionalmente brutti e, per questo, finiti presto nel dimenticatoio. Finale da brividi. In tutti i
sensi.

di Fortunato Simone
Max, un ragazzino appassionato di musica, viene iniziato alla musica gitana da una giovane zingarella, Swing.
Da un regista gitano, un film di formazione che ha per protagonisti ragazzini e per oggetto la bellezza. Gatlif tiene alla proprie origini, mostrando
un popolo colorito e anarchico ma profondamente unito attorno alle corde di una chitarra e a delle voci meravigliose; non è retorico nel
rappresentare la fisionomia di un popolo per sua natura sfuggente e carico di contraddizioni e non si piange addosso quando documenta
l’emarginazione ed il pregiudizio (in entrambi i sensi). Realistico e, musicalmente, straordinario.( Fortunato Simone )




I marziani invadono la Terra, mimetizzandosi tra i professori di una scuola Divertente horror gramsciano, che ricicla un vecchio spunto del
cinema, centrando l'interesse sull'ambiente scolastico. Gli alieni si sono fatti furbi e, per conquistare il mondo, invece che tirar missili, pensano
ad occupare scuole e ad informare della nuova mentalità gli studenti. Un buon film, con una certa suspence, e politicamente scorretto: gli alieni,
infatti, sono devastati da un'unica, potentissima arma, la cocaina. Praticamente, una fotografia della scuola italiana da 50 anni a questa parte.
Gli alieni, infatti, esistono. Eccome. Chiedetelo ai vostri figli. ( Fortunato Simone)




Un rampante avvocato si trova nei guai per aver stuprato la sua segretaria.
Strano ma vero: The Guilty funziona, e bene per giunta. Il film su cui non avremmo scommesso una lira per ovvi motivi (titolo orribile, cast
debole), si rivela un B-movie più che dignitoso. Prodotto da una casa indipendente dallo strapotere delle major e girato in economia tra il Canada
e gli Stati Uniti, il film di Waller ha la sua forza nel ritmo e in un continuo crescendo di tensione che, per un'ora e mezza abbondante, inchioda
alla sedia lo spettatore. Si parte con la più classica delle storie - il ragazzo scapestrato che si mette in cerca del padre che non ha mai
conosciuto - per passare alla storia d'amore (l'avvocato e la segretaria; il figlio e la stessa segretaria), passando per il thriller più reso, e finendo
nel dramma familiare e giudiziario. Una vera e propria tragedia, infossata nel cinismo e nell'indifferenza quotidiana, dove tutto è fatto di intrighi,
doppi giochi e scorrettezze. Pullman - da non confondersi con l'omonimo mezzo di trasporto specializzato per gite di infanti e/o pensionati - è
uno dei pochi attori ad avere il carisma di un comodino e, contemporaneamente, una espressione per ogni ruolo. Sempre la stessa. (Fortunato
Simone)




Negli anni'50, in una cittadina della provincia americana, un timido barbiere trova la forza per ribellarsi tentando un ricatto con l'amante della
moglie.
Dagli autori più intelligenti di Hollywood, i fratelli Coen (Joel alla regia, Ethan alla produzione) un altro film di gran classe. The man who wasn't
there è l'ennesimo, amaro e ironico ritratto della provincia americana di ieri e di oggi, impersonata da un barbiere senza qualità, che dopo
l'ennesima umiliazione ritrova l'antica fiamma dell'orgoglio. Ma il ricatto che l'uomo proverà a fare, innescherà una lunga e infinita serie di
disavventure che lo porteranno sulla soglia del grottesco e del surreale. Un film divertente e cinefilo, che strizza gli occhi ai grandi film noir degli
anni'50 (in particolare all'eccezionale Detour di Ulmer) e alla stessa cinematografia dei Coen: dal misconosciuto Blood Simple ai più recenti
Fargo, Il Grande Lebowski e Fratello dove sei? Spigliato e irriverente, è stato l'unico momento leggero del pesantissimo Concorso del Festival di
Cannes. Thornton e la McDormand, mostri di bravura, come sempre. Chissà se, all'uscita in Italia, il pubblico, vedendolo, riuscirà a superare il
complesso dei film in bianco e nero.
di Gore Verbinski con Julia Roberts, Brad Pitt Il viaggio tumultuoso di un ragazzo in Messico alla ricerca di un'antica pistola maledetta.
Non era una cattiva idea quella di The Mexican: raccontare una storia d'amore, perdendosi sempre in vicende periferiche, che sembrano
allontanare i due amanti, ma che poi li ricongiungono. Una commedia romantica che si mescola con il road movie, il gangster movie, il pulp, il
grottesco, il western alla Leone, e che gioca moltissimo sul sottile confine tra apparenza e realtà, a partire da quella pistola che fa iniziare e
concludere il film. Perché è importante questa pistola? Perché tutti la vogliono? Oppure, perché proprio Jerry, gangster per caso, deve partire
per trovarla? E chi ha preso in ostaggio la sua ragazza? Un film scritto bene, ma piuttosto macchinoso e troppo parlato a vuoto; soprattutto, privo
di quel senso del ritmo che qualsiasi poliziesco o action movie, anche dei più scassati, dovrebbe avere. Risultato: sbadigli a crepapelle e rumori
in sala. Cast di richiamo ma, francamente, inadeguato: tra gli occhioni di Pitt e i dentoni da Oscar della Roberts, l'unico ad emergere, sornione e
beffardo, è il grande Gandolfini (lo psicopatico). Niente di che, quindi: ma almeno, si cerca di scrivere un film. Di questi tempi, non è poco.

di Fortunato Simone




Tre uomini diversi per il colpo del secolo: rubare alla sede della dogana di Montreal uno scettro antico dal valore inestimabile.
di Frank Oz con Robert De Niro, Marlon Brando
Tre uomini diversi per il colpo del secolo: rubare alla sede della dogana di Montreal uno scettro antico dal valore inestimabile.
The Score, ossia quando la rapina va bene e il film no. Frank Oz, autore stagionato di commedie ben poco eccezionali (Bowfinger, In&Out)
cerca di dare una svolta alla propria carriera imboccando la strada del crime movie. Per far questo, assolda il più grande attore in circolazione
(Robert De Niro), gli affianca il giovane più promettente (Ed Norton) e mette entrambi a confronto di un genio di nome Marlon Brando. Ma non
sempre due o tre mostri sacri insieme fanno un buon film. Anzi. Se diretti male o, come in questo caso, lasciati a briglie assolutamente sciolte,
anche i più grandi interpreti possono schiacciare il film sotto la propria immagine "ingombrante". Come in questo caso: The Score delude
perché, pur ricalcando l'impostazione del crime movie più classico (preparazione, rapina, fuga), perde proprio dove punta e cioè sugli attori,
logorroici e gigioni senza freni. Un film ambizioso sulla carta, e che sarà ricordato forse solo per le bizze del buon Brando (che recitava in boxer
facendosi riprendere dalla cintola in su), che non per il risultato modesto sul piano della narrazione cinematografica.




di Joe Charbanic con James Spader, Marisa Tomei, Keanu Reeves voto: 4,5
A Chicago un serial killer (K. Reeves) semina il panico rapendo e poi uccidendo senza pietà giovani ragazze. Sulle sue tracce si metterà l'agente
speciale Campbell (J. Spader)
The Watcher ovvero Il Guardone; fosse stato tradotto all'italiana, ci saremmo aspettati gli epigoni della Premiata Coppia Alvaro Vitali-Edwige
Fenech. Lasciato all'americana il titolo potrebbe anche abbindolare qualcuno in vena di passare un paio d'ore divertenti al cinema sotto casa. Il
film è un'accozzaglia nefasta d'effetti speciali (fatti male), mescolati ad una storia banale, girata piattamente e satura di riferimenti scontati agli
ultimi thriller da cassetta. Si sprecano così i richiami ai vari Il silenzio degli innocenti, Seven, Il collezionista, The Eye-Lo sguardo, The Cell, fino
ad arrivare a tirare in ballo il povero vecchio Hitchcock. Ma se al Maestro del brivido si riconosce l'arte della suspence, all'esordiente Charbanich
si deve riconoscere al massimo l'arte della scopiazzatura abominevole, mirata a dar fiato ad un film che subito arranca miseramente tra dialoghi
improponibili e attori fuori parte. Che gusto c'è a seguire un thriller quando sai da subito chi è l'assassino? Le signore in sala facciano a meno di
strapparsi le vesti: il bel Keanu è felicemente sposato da qualche anno. Con un uomo.



Apparente nobiltà nelle intenzioni, miseria nel risultato. Thelma & Louise più che un film è un affascinante tranello. È facile farsi ammaliare da
una vicenda che stuzzica i sentimenti. Poi, gratta gratta, ti accorgi che qualcosa non torna. Che la soluzione zoppica. Vediamo perché. Due
giovani donne oggi negli Stati Uniti d'America. Sono amiche. Una è annoiata del lavoro, l'altra vive un matrimonio che la convince poco.
Improvvisamente decidono di trascorrere insieme un weekend tutto per loro. Lontano dal mondo. Partono. Ma quello che doveva essere un
viaggio diventa una fuga. Rompere con la realtà spezzando qualunque legame porta solo a scegliere una brutta via d'uscita. Falsa libertà.
(Tracce Gen 1993)

Un salto verso la libertà
"Un fotogramma per fidar senso a una storia" potrebbe essere il "grido" pubblicitario affidato a Thelma e Louise, il film che ha fatto parlare di sé,
fino a creare un vero e proprio caso. La storia è quella di due donne:
Thelma è malmaritata a un uomo che la trascura, la tradisce, non sa amarla ed accoglierla; Louise è innamorata di un eterno vagabondo non
ancora pronto a vivere fino in fondo la sua storia d' amore.
(Attenzione finale qui c'è scritto il finale) Thelma e Louise partono per un weekend che si trasformerà ben presto in una fuga violenta in reazione
alle brutalità maschili. Fuga che termina in auto sull'orlo del Grand Canyon, dove le protagoniste, obbligate dalla legge alla resa, scelgono
un'ultima strada, quella del salto dallo strapiombo...
Altri giudicheranno del femminismo che il film porta avanti, a noi interessa solo ridare, in breve, uno spessore simbolico al gesto finale di questa
femminilità ferita e fragile. Il punto non è "arrendersi o suicidarsi". La scelta compiuta è una scelta di libertà che non può significare la morte o il
di Jay Roach con Robert De Niro, Ben Stiller Voto: 6/7
Greg (B. Stiller) desidera sposarsi ma prima deve conquistare la fiducia del terribile padre di lei (R. De Niro).
Commedia brillante del regista di Austin Powers, Ti presento i miei, rinverdisce i fasti della grande commedia rosa americana, tutta basata su
equivoci, scambi di persona, situazioni paradossali, con l'aggiunta di una dose non esigua di sano cinismo. Sceneggiatura perfetta, interpreti
formidabili (De Niro si conferma grande anche in ruoli a lui "meno" consoni; Stiller è un talento emergente), gag a non finire, fanno di Ti presento
i miei un solido prodotto d'intrattenimento: caustico, simpatico, mai volgare e, per una volta tanto, senza quell'happy end da voltastomaco che fa
tanto felici le giovani sensibili dal cuore tenero, e fa star male i rispettivi uomini. Un film innocuo, carino e sempliciotto, ben al di sopra della
media internazionale. Hannibal (e Matrix) compresi.
di Fortunato Simone

1962
di S. West con A. Jolie, J. Voight Lara Croft, figlia ribelle di un archeologo scomparso, deve recuperare un talismano prezioso. Contro di lei,
un'intera setta segreta. Trovare una sola cosa buona in un film del genere è come trovare qualcosa di simile ad una donna nella De Filippi:
impossibile. Forse bisognerebbe avere un joystick gigante per apprezzarlo, ma a vederlo così, come un film, Tomb Raider fa un'unica
impressione: schifosa. Nulla è decente. Non la storia, che dovrebbe avvincere con ripetuti colpi di scena, ma che finisce solo per scimmiottare i
peggiori b - movies pseudoarcheologici degli anni '80 (l'orribile saga di Allan Quatermain, con Chamberlain protagonista). Non i dialoghi,
superflui per questo genere di film e qui particolarmente stupidi. Non gli attori, che sulla carta avrebbero qualcosa da dire (la Jolie ha vinto un
Oscar, Voight è un grande del cinema anni '70), ma che superano costantemente la soglia del ridicolo (la prima, per incapacità innata, il secondo
perché fuori parte). Rimarrebbero gli effetti speciali, il meno che si possa chiedere ad un film che prende le mosse da un videogame. Ma che
sono ridotti all'osso (sono usati per rendere appuntite le tette della Jolie). Un film scoraggiante, di cui ci si dimentica ancora prima dei titoli di
coda.
1982

di S. Soderbergh con M. Douglas, C. Zeta-Jones Voto: 7
Il giudice americano, incaricato dal Presidente di stroncare il mercato della droga, cerca una difficile intesa con il governo spagnolo.
Traffic è un film profondamente morale sul dramma della libertà dell'uomo. Tutti i personaggi sono contraddittori e potentemente umani: il
poliziotto messicano è corrotto e falso fino al midollo, eppure riesce a vivere un rapporto autentico con l'amico, è attento con la moglie di questi e
nel finale rischia la vita seguendo un ideale puro di giustizia. Così come il giudice, spinto alla lotta contro la droga anche per motivi personali, ma
pronto a rinunciare al proprio potere per il bene della figlia. O la Zeta-Jones, combattuta tra i compiti di madre e di moglie di un delinquente. Uno
di quei pochi film in cui si concilia l'esigenza di spettacolo con tematiche forti e controcorrente. Da vedere, anche perché farà incetta di Oscar.
di Fortunato Simone




di John Frankenheimer con Ben Affleck, Charlize Theron, Gary Sinise voto 6,5
Rudy è in carcere per furto d'auto; dopo la morte del compagno di cella, all'uscita di prigione decide di cambiare identità e viene convinto da una
dark lady a tentare un colpo impossibile ad un casinò di provincia.
Dal decano del cinema di azione John Frankenheimer (L'uomo di Alcatraz, Ronin) un simpatico giocattolone travestito da thriller dove tutto è il
contrario di quello che sembra. Doppi e tripli giochi, colpi di scena continui e dialoghi simpatici fanno di Trappola criminale un film solido, forse
un po' ingarbugliato nel racconto ma godibile e seguibile senza troppa difficoltà. Un film a suo modo natalizio (si veda che ruolo ha Babbo Natale
ai fini del colpo nel casinò), ricco di citazioni di genere (Il braccio violento della legge, Fargo), ironico e poco violento (rispetto alla standard a cui
siamo abituati), in una parola, un solido cinema d'intrattenimento. Trio di interpreti simpatici e un po' sopra le righe con Sinise (Forrest Gump,
Mission to Mars) macchietta simpatica, la Theron sempre più paffuta e simile ad un maialino, Affleck belloccio, robusto e stupidotto: il massimo
per le ragazze.
di Fortunato Simone
Evaso dal carcere la notte di Halloween del 1963, la fuga impossibile di un detenuto verso l'Alaska
di Clint Eastwood con Kevin Costner, Clint Eastwood
Evaso dal carcere la notte di Halloween del 1963, la fuga impossibile di un detenuto verso l'Alaska.
Da Clint Eastwood, il grande vecchio del cinema americano, uno dei film più sensibili sul Sogno e la Storia americana. Dietro la folle fuga di un
detenuto verso l'Alaska della Frontiera e della Speranza, si nasconde il crollo e la disillusione di una nazione senza più padri: è il 1963, anno
dell'assassinio di Kennedy, avvenuto a poche miglia dalla fuga del personaggio interpretato da Costner. L'America è senza più capo, senza più
corpo; il viaggio senza speranza del detenuto tanto carico di aspettativa non potrà che essere solitario e accompagnato da soli fantasmi (come il
giovane ostaggio che indossa per tutta la durata del viaggio un vestito da fantasma). Un road movie che ha come protagonisti loosers orfani (il
detenuto, l'ostaggio e il ranger interpretato da Eastwood sono orfani anche fisicamente) e solitari, cercatori assetati di una verità che sembra
ormai solo un miraggio. Un film coraggioso, amarissimo, totalmente sostenuto dall'ottima interpretazione di Costner per una volta tanto
convincente quanto simpatico.
di Fortunato Simone




Nel Sud degli Usa un maturo sceriffo si innamora di una ragazza disinibita Salutiamo per l'ultima volta John Frankenheimer grande artigiano del
cinema (L'uomo di Alcatraz, Il braccio violento della legge n°2, Ronin), ricordando uno dei suoi film meno conosciuti. La storia d'amore
impossibile tra un tutore della legge maturo e posato, e una ragazza diabolica, figlia di un contrabbandiere, e che sa amare solo per interesse.
Una tragedia del Destino inevitabile, ambientata in un paesino desolato del Sud Ovest americano, colmo di pregiudizi e povertà. Un grande film
crepuscolare con un intensissimo Gregory Peck.
di J. Frankenheimer
con G. Peck, T. Weld
di Fortunato Simone



di David Lynch con Richard Farnsworth, Sissy Spacek voto: 8
I fratelli Straight non si parlano da diversi anni e vivono lontani. Quando Lyle, ha un attacco di cuore, Alvin decide di raggiungerlo a qualsiasi
costo. Ci riuscirà a bordo di una falciatrice.
Il film più bello dell'anno passato è anche il capolavoro assoluto di David Lynch, ex ragazzo terribile della nuova Hollywood (The Elephant Man,
Cuore Selvaggio, Twin Peaks?) Raccontato in forma di western (Alvin è un vecchio cowboy, che cavalca un mezzo antiquato come una
falciatrice) è uno un film che fa pensare senza far fumare il cervello. Semplice ed essenziale, è il racconto di due fratelli che hanno litigato ma
che cercano una riconcilazione. Segnato da figure bibliche (Alvin è un po' un Caino che vuole tornare sui propri passi), questo On The Road in
chiave religiosa (il lungo viaggio di Alvin è una via Crucis con tanto di tappe e benedizione cattolica finale) è un film d'altri tempi. Tutto ruota
intorno alle vere domande dell'uomo (Chi sono? Qual è il mio Destino? Perché esiste il Dolore?), non trascurando nulla ma scandagliando il
mistero del cuore. Attori da urlo e finale strepitoso.
di Fortunato Simone




Il disastro del Vajont raccontato da uno dei sopravvissuti.
di R. Martinelli con D. Auteuil, L. Morante
Il disastro del Vajont raccontato da uno dei sopravvissuti.
Vajont, ossia quando la finzione riesce a superare la realtà. Cioè ad essere più orrenda. Martinelli, dopo il fiasco di Porzus, bissa un sicuro
insuccesso, realizzando un'opera ambiziosa quanto rozza e grossolana. Le buone intenzioni ci sono tutte (girare un film sulla tragedia del
Vajont, che coniughi impegno civile ed interesse spettacolare), lo sforzo produttivo è notevole (18 miliardi spesi), il risultato a dir poco penoso:
attori in evidente stato confusionario, una rievocazione documentaristica senza nerbo, dialoghi da sceneggiato televisivo, psicologia dei
personaggi tagliata con l'accetta, ritmo latente, effetti speciali da baraccone. E, come ciliegina sulla torta, una storia d'amore (tra le due mummie
protagoniste) alla Titanic, con tanto di abbraccio sulla diga maledetta, che dopo i primi venti minuti viene già voglia di vederla crollata. Un
kolossal vergognoso, scritto male, diretto peggio, contaminato dalla presenza sullo schermo del regista che si crede Godard e ritaglia per sé e le
figlie delle comparsate ai limiti del grottesco. A detta di molti, Andrea Bocelli, autore della colonna sonora, è stato l'unico ad aver visto e
Regia di Carl Theodor Dreyer con Julian West, Henriette Gerard
B/n., 90', 1932
Chi ha in mente il vampiro di Francis Ford Coppola, eroe solitario, figlio del romanticismo, un po' anarchico, è fuori strada. In questo film di
Dreyer il male è nei suoi confini. E siccome sta a casa sua è tentatore. Così il mostro e le tenebre, anziché collocati nel buio sono posti in
superficie. In un ambiente chiaro, bianco, quasi pulito. L'uomo, solo riconoscendo personalmente il male, può desiderare la salvezza. E quindi
impegnarsi in una lotta.
voto: 7+
Un medico in carriera viene sequestrato da un giovane detenuto indiano, malato terminale di cancro. Dovrà accompagnarlo da uno stregone
guaritore. Uno dei film più sottovalutati degli ultimi anni. La vicenda del medico ricco, bianco e giovane e dell'indiano povero, carcerato, malato,
è ben più di una denuncia di conflitto sociale. È piuttosto la lotta drammatica tra il razionalismo quadrato e moralista di un dottore che non riesce
ad accettare il proprio limite di fronte alla malattia, e la domanda di un ragazzo, cestinato dal mondo, che il miracolo avvenga. Anche a costo di
attraversare in macchina mezzo Stato, verso il sole. Forse la più secca risposta al mito di Thelma & Louise.
di Fortunato Simone
Maximilian Kolbe, padre francescano morto in un lager nazista durante l'occupazione della Polonia, è stato canonizzato da Giovanni Paolo II
nell'ottobre del 1982. Krzysztof Zanussi è riuscito a tradurre in buon cinema la dolorosa e nello stesso tempo magnifica vicenda vissuta da
Kolbe. 1941, Auschwitz. Un prigioniero del campo riesce a fuggire. I tedeschi per rappresaglia condannano a morte per fame dieci prigionieri.
Kolbe in principio non era tra loro. Ma di fronte alle urla di uno di essi, chiede agli aguzzini di poter prendere il suo posto. E accontentato. In quei
giorni Kolbe non cessa mai di rivolgersi ad alta voce alla Madonna. Così come assiste e rincuora i suoi fratelli. La cella buia che lentamente li
vede morire si trasforma miracolosamente in un luogo di vita e di preghiera.
"Dopo 25 anni di film sul Vietnam non è rimasto molto da dire" La rievocazione di una delle battaglie più cruente nel Vietnam. Erano soldati.
Erano eroi. Erano attori. Soprattutto uno, Mel Gibson lontano parente di quella star che diede vita a Braveheart, capolavoro di fierezza e spirito
religioso. Lo abbiamo esaltato nelle sue gesta contro gli inglesi, salvo poi ricrederci trovandolo impegnato in filmetti deboli (Payback), filmacci
guerrafondai (Il patriota) o in fiction pseudotelevisive, (What Women Want). Infine lo ammiriamo prodigarsi per il bene della Patria in un film di
guerra. Mel è uno con gli attributi. è un colonnello pluridecorato, padre di famiglia, cattolico e con un grappolo di figli. è un condottiero
coraggioso, tratta con dolcezza i propri subordinati, che bombarda di discorsi paternalistici. è un uomo perfetto, senza macchia. È un eroe.
Peccato che il film faccia schifo. Sarà per le badilate di retorica che sopravanza minuto dopo minuto, battuta dopo battuta. Sarà perché dopo
venticinque anni di film sul Vietnam è rimasto effettivamente poco da dire. Sarà perché il cast è assemblato male e diretto peggio. Sarà perché
una regia inesistente pensa più a scopiazzare male grandi classici che a portare avanti il compitino. O semplicemente, sarà perché il bel Mel, ha



"Un film in cui si fa strage di musi gialli"
Durante la II guerra mondiale, in Estremo Oriente, ad un sergente dei marines americani viene affidata la vita di un indiano Navajo, tra i pochi a
conoscere un codice per le comunicazioni via radio. Di John Woo, ormai, sappiamo tutto. Che è stato un grande autore di action movies nella
patria Hong Kong (The Killer); che si è incartapecorito col suo arrivo ad Hollywood (Nome in codice: Broken Arrow, Senza tregua); che è riuscito
a mettere insieme e far recitare discretamente due dei peggiori attori degli ultimi anni (Cage e Travolta in Face Off); che ha fatto un sacco di
quattrini con un brutto sequel (Mission: Impossible 2). Sappiamo anche che le sue storie parlano di amicizia, eroismo, fedeltà fino alla morte, e
che quasi sempre ci sono di mezzo delle donne. In Windtalkers cambiano gli scenari, non la storia. Durante la seconda guerra mondiale, un
sergente si riscatta da precedenti errori sacrificando la propria vita per un buon selvaggio marconista. Niente di nuovo sotto il sole: buone scene
di battaglia, attori sufficienti, dialoghi spesso ridicoli, una storia d'amore appena accennata come la psicologia dei protagonisti. Ma, in
compenso, si fa strage di musi gialli. Un tema che di questi tempi è tornato di moda.
di J. Woo con N. Cage, C. Slater
di Fortunato Simone
a. Le autorità civili e religiose (il prete del villaggio, il dottore, il magistrato, la badessa del convento dove Bernadette è inviata perché rinsavisca) non credono al miracolo. Dovranno convince
no ritrovati dopo circa 1 mese ormai allo stremo. Commovente che all'estremo del dolore l'unica cosa che li inizia a fare sperare è il rosario detto insieme anche a chi non credeva. (Sandro)
ungere con responsabilità.
utti gli adulti che gli sono intorno.
e si muove sensa un vero senso alla vita. Eccezionale la colonna sonora di vasco. Bravissima la Cruz.
e bello non era…soprattutto con il fucile in mano
esto è ammirevole secondo me, aggiungendo quello di far notare che le cose che accadono sono volute tutte con uno scopo. l'assurdo invece a mio parere è che per spiegare questo modo d
ali perchè l'idea che si vuole dare dei protagonisti è quella di persone che parlano non come se ci fosse un pubblico a cui spiegare velocemente o solennemente che cosa sta accadento, ma
ma generazione, in grado di provare sentimenti umani. A.I. è un film che schianta e fa tremare i polsi, perché ha il coraggio di andare oltre il confine delle cose del mondo e di approssimarsi
Mel Gibson uscito qualche tempo fa. si parla principalmente di un'invasione aliena, tuttavia io credo che lo scopo non sia di fare un film di fantascienza con effetti speciali, ma sia un tentativo
rché rinsavisca) non credono al miracolo. Dovranno convincersi.
e è il rosario detto insieme anche a chi non credeva. (Sandro)
ssurdo invece a mio parere è che per spiegare questo modo di vedere le cose succede proprio un fatto che non è mai accaduto: un'invasione aliena...
are velocemente o solennemente che cosa sta accadento, ma solo per capire cosa sta succedendo, cosa fare e perchè.
ndare oltre il confine delle cose del mondo e di approssimarsi al Mistero. Solo Kubrick finora era riuscito a fare qualcosa di simile, ma il suo 2001, squadrato e razionalista, non aveva posto u
un film di fantascienza con effetti speciali, ma sia un tentativo più o meno ad effetto di spiegare come nelle cose che accadono intorno a noi apparentemente senza senso ci sia un disegno
e, ma il suo 2001, squadrato e razionalista, non aveva posto una domanda esplicita, fermandosi a contemplare, dopo un viaggio senza tempo, il Mistero della vita. Era un viaggio, o un naufr
intorno a noi apparentemente senza senso ci sia un disegno preciso voluto da qualcuno. questo si capisce bene volutamente alla fine della storia. il regista che ha anche una parte da attore
o senza tempo, il Mistero della vita. Era un viaggio, o un naufragio, quel film; A.I. è una domanda. Domanda di compimento, nella voce tremolante di un bambino robot che chiede di diventar
alla fine della storia. il regista che ha anche una parte da attore è lo stesso che ha diretto "il sesto senso", la suspense e tensione del film lo dimostrano. un'altra cosa che rende questo film pa
a voce tremolante di un bambino robot che chiede di diventare un bambino vero, per essere amato totalmente. Domanda di eternità, nella domanda alla madre di non morire mai. Domanda
e del film lo dimostrano. un'altra cosa che rende questo film particolare è il fatto che i protagonisti non usano armi(nemmeno le hanno) e non conoscono arti marziali, si limitano a difendersi b
rnità, nella domanda alla madre di non morire mai. Domanda di infinito, per poter vivere sempre accanto a lei. Spielberg colpisce perché, nel porre tutto il dolore dell’uomo di fronte al meccan
hanno) e non conoscono arti marziali, si limitano a difendersi basandosi sulle conoscenze che hanno di questi alieni(le porte sbarrate), come fossero gente comune.
e perché, nel porre tutto il dolore dell’uomo di fronte al meccanismo dell’istinto (e in fondo siamo tutti robot, perché i vizi si ri
arrate), come fossero gente comune.

								
To top