Indice �Stigma�

Document Sample
Indice �Stigma� Powered By Docstoc
					                      Il primo libro dello stigma
                              A cura dell’AILAS
                    Associazione Italiana Lotta Allo Stigma




       Da quando abbiamo iniziato a occuparci di “stigma” – in sostanza dal
congresso della Società Italiana di Psichiatria Sociale nel 2002 – la domanda che più
frequentemente ci è stata posta, inevitabilmente, è stata: ma cos’è lo stigma?
       A sintetizzare, traducendo in una parola meno carica di storia e più
immediatamente comprensibile, diremo che il significato di “stigma” corrisponde a
quello di “pregiudizio”. Meglio ancora, se ci concediamo di evidenziare la
composizione di quest’altra parola, lo stigma è un pre-giudizio: un giudizio già
emesso prima ancora di un’osservazione attenta, prima ancora di una doverosa e più
complessa riflessione.
       In realtà, lo stigma non dipende da un’intenzione critica
deliberatamente esercitata: la volontà soggettiva, nel momento in cui diviene
consapevole del pre-giudizio da cui è guidata in modo parassitario non ha in
realtà che poche alternative: da un lato la denuncia e lo schieramento
contrario e dall’altro un’oggettiva collusione variamente giustificata – come
pessimismo sociale o esistenziale, come calcolo e vantaggio personale o di
gruppo di appartenenza, come indifferenza o pigrizia mentale.
       Non è in alcun modo nelle capacità di un singolo individuo produrre
uno stigma poiché esso corrisponde a una forma di consenso e a una
corrispondente pratica collettiva.
Lo stigma è dunque un pre-giudizio prodotto altrove, in un altro tempo, in un
altro luogo, in altre circostanze da un soggetto collettivo e impersonale.
                                                                   Dalla prefazione di
                                                 R. Tatarelli, P. Girardi, A. Ruberto

Contributi di:

Emilia Agrimi, Umberto Albert, Domenico Berardi, Filippo Bogetto, Biancamaria
Bortolotti, Bernardo Carpiniello, Mauro Giovanni Carta, Filomena Castagna, Guido
Di Sciascio, Paolo Girardi, Roberta Girau, Alessandro Grispini, Giuseppe Maina,
Giovanni Manfredi, Francesca Ada Mannu, Josè Mannu, Marco Menchetti, Marcello
Nardini, M. Germana Orrù, Davide Perrone, Roberto Poli, Maurizio Pompili,
Antonio Rampino, Paola Rocca, Amedeo Ruberto, Paola Saracco, Franco Spinogatti,
Ilaria Tarricone, Roberto Tatarelli.
pp. 194, € 14,00
info@fioriti.it
www.fioriti.it                                       ISBN 88-87319-78-2-0



Indice


Le ragioni della lotta allo Stigma


Lo stigma e la promozione della salute mentale
Roberto Tatarelli, Giovanni Manfredi

Le radici del pregiudizio
Alessandro Grispini

Stigma e media
Bernardo Carpiniello, Roberta Girau, Francesca Ada Mannu, M. Germana Orrù

Stigma e contesto famigliare: Modelli di intervento terapeutico nel doc
Filippo Bogetto, Umberto Albert, Giuseppe Maina, Paola Saracco

Lo Stigma e la formazione degli operatori sanitari
Mauro Giovanni Carta, Francesca Ada Mannu


La lotta allo stigma nella comunità locale: analisi di un progetto orientato alla
popolazione giovanile
Emilia Agrimi, Roberto Poli, Franco Spinogatti



Lo Stigma e la Cura


Lo stigma come fattore antiterapeutico
Paolo Girardi, Maurizio Pompili

Quando lo stigma è... un effetto collaterale: il problema degli effetti indesiderati nella
terapia con antipsicotici
Guido Di Sciascio, Antonio Rampino, Marcello Nardini

Lo stigma nelle cosiddette patologie psichiatriche “minori”
    Domenico Berardi, Biancamaria Bortolotti, Marco Menchetti, Ilaria Tarricone



Prototipo dei processi di stigmatizzazione: L’impatto sociale dell’esordio della
schizofrenia
Paola Rocca, F. Castagna, D. Perrone, Filippo Bogetto

Pregiudizio e inclusione: percorsi antistigma nelle comunità terapeutico-riabilitative
Josè Mannu

Note per una strategia di superamento degli stigmi
Amedeo Ruberto

Emilia Agrimi, Unità Operativa di Psichiatria, Cremona.
Umberto Albert, Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, Dipartimento di
Neuroscienze, Università degli Studi di Torino.
Domenico Berardi, Istituto di Psichiatria “P. Ottonello”, Università degli Studi di
Bologna.
Filippo Bogetto, Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, Dipartimento di
Neuroscienze, Università degli Studi di Torino.
Biancamaria Bortolotti, Istituto di Psichiatria “P. Ottonello”, Università degli Studi
di Bologna.
Bernardo Carpiniello, Dipartimento di Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria,
Università di Cagliari.
Mauro Giovanni Carta, Clinica Psichiatrica Università degli studi di Cagliari.
Filomena Castagna, Dipartimento di Neuroscienze, Sezione di Psichiatria,
Università degli Studi di Torino.
Guido Di Sciascio, Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche, Università
di Bari.
Paolo Girardi, cattedra di psichiatria, Università di Roma “La Sapienza”, II polo
universitario.
Roberta Girau, Dipartimento di Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria, Università
di Cagliari.
Alessandro Grispini, Dipartimento di Salute Mentale, Roma E.
Giuseppe Maina, Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, Dipartimento di
Neuroscienze, Università degli Studi di Torino.
Giovanni Manfredi, cattedra di psichiatria, Università di Roma “La Sapienza”, II
polo universitario.
Francesca Ada Mannu, Dipartimento di Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria,
Università di Cagliari.
Josè Mannu, Comunità Terapeutica Urbania, Roma.
Marco Menchetti, Istituto di Psichiatria “P. Ottonello”, Università degli Studi di
Bologna.
Marcello Nardini, Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche, Università
di Bari.
M. Germana Orrù, Dipartimento di Sanità Pubblica, Sezione di Psichiatria,
Università di Cagliari.
Davide Perrone, Dipartimento di Neuroscienze, Sezione di Psichiatria, Università
degli Studi di Torino.
Roberto Poli, Unità Operativa di Psichiatria, Cremona.
Maurizio Pompili, cattedra di psichiatria, Università di Roma “La Sapienza”, II polo
universitario.
Antonio Rampino, Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche, Università
di Bari.
Paola Rocca, Dipartimento di Neuroscienze, Sezione di Psichiatria, Università degli
Studi di Torino.
Amedeo Ruberto, cattedra di psichiatria, Università di Roma “La Sapienza”, II polo
universitario.
Paola Saracco, Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, Dipartimento di
Neuroscienze, Università degli Studi di Torino.
Franco Spinogatti, Unità Operativa di Psichiatria, Cremona.
Ilaria Tarricone, Istituto di Psichiatria “P. Ottonello”, Università degli Studi di
Bologna.
Roberto Tatarelli, cattedra di psichiatria, Università di Roma “La Sapienza”, II polo
universitario.

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:22
posted:4/25/2012
language:Italian
pages:4