NURSING UP

Document Sample
NURSING UP Powered By Docstoc
					                      NURSING UP
                                      Regione Sicilia
                   Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari
                               della Funzione Infermieristica


                     FOGLIO NOTIZIE
Foglio notizie a scopo                                                Legge 1 febbraio 2006, n. 43
informativo, formativo e                  "Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica,
sindacale.                                 riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per
Redatto in maniera autonoma                                 l'istituzione dei relativi ordini professionali"
dal coordinamento Nursing Up.          Il 31.08.2006 il Consiglio dei Ministri ha prorogato di 12 mesi il termine per
                                       l’attuazione della delega relativa all’istituzione degli ordini per talune professioni
E’ possibile contattare la
                                       sanitarie e per la prevista trasformazione dei collegi IPASVI .
redazione tramite fax al
                                       Il Provvedimento lascia amareggiate tutte le categorie sanitarie che attendevano
seguente numero
                                       l’emanazione dello schema di decreto Legislativo precedentemente concertato con
0912530812;
                                       gli organismi Ministeriali.
E-Mail:                                Il 30.08.2006 con una pagina pubblicata sul quotidiano “ la Repubblica ”, le
segreteria@nursingup-sicilia.it        professioni sanitarie avevano lanciato un ultimo appello al Ministro Turco per
                                       l’approvazione della bozza di Decreto, evidentemente invano.
relazioni@nursingup-sicilia.it
                                       Nursing Up in occasione dell’ultimo incontro tenuto con il vice Ministro Gian
oppure chiamando lo                    Paolo Patta, ha reiterato formalmente ogni sollecitazione in tal senso pure
3805419927.                            esprimendo le doverose riserve per talune parti specifiche dello schema di decreto
                                       rispetto alle quali ha richiesto e dettagliato le modifiche ritenute necessarie (vedi
La redazione valuterà
                                       equivalenza dei titoli precedenti alla Legge 42/99, incompatibilità dell’incarico di
autonomamente se inserire nel
                                       componente gli organismi degli ordini etc) .
foglio notizie lettere, domande o
                                       Nursing Up ritiene gravissima la mancata approvazione del provvedimento e
quant’altro inviato da terzi.
                                       sollecita una immediata ripresa delle consultazioni da parte del Ministero
Il presente foglio notizie è           competente per giungere alla necessaria ed urgente l’approvazione del
distribuito gratuitamente.             provvedimento.
                                       Al momento attuale la situazione e’ delicatissima, i Presidenti delle associazioni
                                       delle professioni sanitarie e della Federazione Collegi degli infermieri e dei tecnici
          SOMMARIO                     di radiologia potrebbero valutare forme di mobilitazione.
                                       Nursing Up, nell’ interesse dell’infermieristica, ha attuato una strategia di
Legge 01/02/2006 n. 43                 condivisione di principio delle linee generali sulle quali fondavano i provvedimenti
             pag. 1/2/3/4              elaborati attraverso il contributo di gran parte del mondo delle professioni
Dalle altre regioni          pag. 5    sanitarie, limitandosi a segnalare esclusivamente le modifiche e/o integrazioni che
                                       riteneva inderogabili.                                            Continua all’interno
Dall’Az. USL 6               pag. 6
                                           Università: Stop alle          lauree telematiche in scienze
  Siamo su INTERNET                    infermieristiche (non si parla di Master)                            14 luglio 2006
                                       Il Ministro dell’Università e della Ricerca, On. Fabio Mussi, di concerto
  www.nursingup.it                     con il Ministro per le Riforme e l’Innovazione Tecnologica nella
  http://www.nursingup-                Pubblica Amministrazione, Luigi Nicolais, ha abrogato oggi la modifica
  sicilia.it/                          apposta nel 2005 al DM 17.04.03 all’art. 8, comma 1. Ovvero, è
                                       negata alle Università telematiche la possibilità di attivare corsi di
                                       laurea in Scienze Infermieristiche a causa della impossibilità di
        NURSING UP
                                       svolgere la pratica autonomamente. Ciò avveniva in precedenza
      Infermieri per gli               attraverso la stipula di convenzioni con le Università statali.
          Infermieri

CICLOSTILATO IN PROPRIO                                   -1-                             CICLOSTILATO IN PROPRIO
               Legge 1 febbraio 2006, n. 43                     dell'organizzazione didattica dei corsi di laurea già
     "Disposizioni in materia di professioni sanitarie          esistenti, ovvero all'istituzione di nuovi corsi di laurea,
    infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-        nei limiti delle risorse a tal fine disponibili nei rispettivi
 sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per          bilanci.
       l'istituzione dei relativi ordini professionali"         3. L'iscrizione all'albo professionale è obbligatoria
   pubblicata nella G. U. n. 40 del 17 febbraio 2006            anche per i pubblici dipendenti ed è subordinata al
                                                                conseguimento del titolo universitario abilitante di cui
                             ART. 1.                            al comma 1, salvaguardando comunque il valore
                         (Definizione).                         abilitante dei titoli già riconosciuti come tali alla data di
1. Sono professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica,      entrata in vigore della presente legge.
riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione,           4. L'aggiornamento professionale è effettuato secondo
quelle previste ai sensi della legge 10/08/2000, n. 251,        modalità identiche a quelle previste per la professione
e del decreto del Ministro della sanità 29 marzo 2001,          medica.
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del                  5. All'articolo 3-bis, comma 3, lettera b), del decreto
23/05/2001, i cui operatori svolgono, in forza di un            legislativo 30/12/1992, n. 502, sono aggiunte, in fine,
titolo abilitante rilasciato dallo Stato, attività di           le seguenti parole: ", ovvero espletamento del
prevenzione, assistenza, cura o riabilitazione.                 mandato parlamentare di senatore o deputato della
2. Resta ferma la competenza delle regioni                      Repubblica nonché di consigliere regionale".
nell'individuazione e formazione dei profili di operatori       6. All'articolo 16-bis del d. l. 30/12/1992, n. 502, dopo
di interesse sanitario non riconducibili alle professioni       il comma 2 è aggiunto il seguente:
sanitarie come definite dal comma 1.                            "2-bis. I laureati in medicina e chirurgia e gli altri
3. Le norme della presente legge si applicano alle              operatori delle professioni sanitarie, obbligati ai
regioni a statuto speciale e alle province autonome di          programmi di formazione continua di cui ai commi 1 e
Trento e di Bolzano in quanto compatibili con i                 2, sono esonerati da tale attività formativa
rispettivi statuti speciali e le relative norme di              limitatamente al periodo di espletamento del mandato
attuazione.                                                     parlamentare di senatore o deputato della Repubblica
                             ART. 2.                            nonché di consigliere regionale".
                           (Requisiti).                                                     ART. 3.
1. L'esercizio delle professioni sanitarie di cui                   (Istituzione degli ordini delle professioni sanitarie).
all'articolo 1, comma 1, è subordinato al                       1. In ossequio all'articolo 32 della Costituzione e in
conseguimento del titolo universitario rilasciato a             conseguenza del riordino normativo delle professioni
seguito di esame finale con valore abilitante                   sanitarie avviato, in attuazione dell'art. 1 della legge
all'esercizio della professione. Tale titolo universitario è    23/10/1992, n. 421, dal decreto legislativo
definito ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera c), è       30/12/1992, n. 502, dal decreto legislativo 7/12/1993,
valido sull'intero territorio nazionale nel rispetto della      n. 517, e dal decreto legislativo 19/06/1999, n. 229,
normativa europea in materia di libera circolazione             nonché delle riforme degli ordinamenti didattici
delle professioni ed è rilasciato a seguito di un               adottate dal Ministero dell'istruzione, dell'università e
percorso formativo da svolgersi in tutto o in parte             della ricerca, al fine di adeguare il livello culturale,
presso le aziende e le strutture del Servizio sanitario         deontologico e professionale degli esercenti le
nazionale, inclusi gli Istituti di ricovero e cura a            professioni in ambito sanitario a quello garantito negli
carattere scientifico (IRCCS), individuate dalle regioni,       Stati membri dell'Unione europea, la presente legge
sulla base di appositi protocolli d'intesa tra le stesse e      regolamenta le professioni sanitarie di cui all'articolo 1,
le università, stipulati ai sensi dell'articolo 6, comma 3,     nel rispetto dei diversi iter formativi, anche mediante
del decreto legislativo 30/12/1992, n. 502, e                   l'istituzione dei rispettivi ordini ed albi, ai quali devono
successive modificazioni. Fermo restando il titolo              accedere gli operatori delle professioni sanitarie
universitario abilitante, il personale del servizio             esistenti, nonché di quelle di nuova configurazione.
sanitario militare, nonché quello addetto al comparto                                       ART. 4.
sanitario del Corpo della guardia di finanza, può                (Delega al Governo per l'istituzione degli ordini ed albi
svolgere il percorso formativo presso le strutture del                                  professionali).
servizio stesso, individuate con decreto del Ministro           1. Il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi
della salute, che garantisce la completezza del                 dalla data di entrata in vigore della presente legge,
percorso formativo. Per il personale addetto al settore         uno o più decreti legislativi al fine di istituire, per le
sanitario della Polizia di Stato, alle medesime                 professioni sanitarie di cui all'articolo 1, comma 1, i
condizioni, il percorso formativo può essere svolto             relativi ordini professionali, senza nuovi o maggiori
presso le stesse strutture della Polizia di Stato,              oneri a carico della finanza pubblica, nel rispetto delle
individuate con decreto del Ministro dell'interno di            competenze delle regioni e sulla base dei seguenti
concerto con il Ministro della salute, che garantisce la        princípi e criteri direttivi:
completezza del percorso formativo.                             a) trasformare i collegi professionali esistenti in ordini
2. Gli ordinamenti didattici dei corsi di laurea di cui al      professionali, salvo quanto previsto alla lettera b) e
comma 1 sono definiti con uno o più decreti del                 ferma restando, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n.
Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di   251, e del citato decreto del Ministro della sanità
concerto con il Ministro della salute, ai sensi e per gli       29/03/2001, l'assegnazione della professione
effetti di cui all'articolo 17, comma 95, della legge           dell'assistente sanitario all'ordine della prevenzione,
15/05/1997, n. 127, e successive modificazioni.                 prevedendo l'istituzione di un ordine specifico, con albi
L'esame di laurea ha valore di esame di Stato                   separati per ognuna delle professioni previste dalla
abilitante all'esercizio della professione.                     legge n. 251 del 2000, per ciascuna delle seguenti
Dall'applicazione delle disposizioni di cui al presente         aree di professioni sanitarie: area delle professioni
comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri a              infermieristiche; area della professione ostetrica; area
carico della finanza pubblica. Le università possono            delle professioni della riabilitazione; area delle
procedere alle eventuali modificazioni
CICLOSTILATO IN PROPRIO                                    -2-                              CICLOSTILATO IN PROPRIO
professioni tecnico-sanitarie; area delle professioni           province autonome di Trento e di Bolzano, ai sensi
tecniche della prevenzione;                                     dell'art. 4 del decreto legislativo 28/08/1997, n. 281, e
b) aggiornare la definizione delle figure professionali         recepiti con decreti del Presidente della Repubblica,
da includere nelle fattispecie di cui agli articoli 1, 2, 3 e   previa deliberazione del Consiglio dei ministri.
4 della legge 10/08/2000, n. 251, come attualmente              3. L'individuazione è subordinata ad un parere tecnico-
disciplinata dal decreto ministeriale 29 marzo 2001;            scientifico, espresso da apposite commissioni, operanti
c) individuare, in base alla normativa vigente, i titoli        nell'ambito del Consiglio superiore di sanità, di volta in
che consentano l'iscrizione agli albi di cui al presente        volta nominate dal Ministero della salute, alle quali
comma;                                                          partecipano esperti designati dal Ministero della salute
d) definire, per ciascuna delle professioni di cui al           e dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo
presente comma, le attività il cui esercizio sia riservato      Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di
agli iscritti agli ordini e quelle il cui esercizio sia         Bolzano e i rappresentanti degli ordini delle professioni
riservato agli iscritti ai singoli albi;                        di cui all'articolo 1, comma 1, senza oneri a carico della
e) definire le condizioni e le modalità in base alle quali      finanza pubblica. A tal fine, la partecipazione alle
si possa costituire un unico ordine per due o più delle         suddette commissioni non comporta la corresponsione
aree di professioni sanitarie individuate ai sensi della        di alcuna indennità o compenso né rimborso spese.
lettera a);                                                     4. Gli accordi di cui al comma 2 individuano il titolo
f) definire le condizioni e le modalità in base alle quali      professionale e l'ambito di attività di ciascuna
si possa costituire un ordine specifico per una delle           professione.
professioni sanitarie di cui al presente comma,                 5. La definizione delle funzioni caratterizzanti le nuove
nell'ipotesi che il numero degli iscritti al relativo albo      professioni avviene evitando parcellizzazioni e
superi le ventimila unità, facendo salvo, ai fini               sovrapposizioni con le professioni già riconosciute o
dell'esercizio delle attività professionali, il rispetto dei    con le specializzazioni delle stesse.
diritti acquisiti dagli iscritti agli altri albi dell'ordine                               ART. 6.
originario e prevedendo che gli oneri della costituzione              (Istituzione della funzione di coordinamento).
siano a totale carico degli iscritti al nuovo ordine;           1. In conformità all'ordinamento degli studi dei corsi
g) prevedere, in relazione al numero degli operatori,           universitari, disciplinato ai sensi dell'articolo 17,
l'articolazione degli ordini a livello provinciale o            comma 95, della legge 15/05/1997, n. 127, e
regionale o nazionale;                                          successive modificazioni, il personale laureato
h) disciplinare i princípi cui si devono attenere gli           appartenente alle professioni sanitarie di cui all'articolo
statuti e i regolamenti degli ordini neocostituiti;             1, comma 1, della presente legge, è articolato come
i) prevedere che le spese di costituzione e di                  segue:
funzionamento degli ordini ed albi professionali di cui         a) professionisti in possesso del diploma di laurea o del
al presente articolo siano poste a totale carico degli          titolo universitario conseguito anteriormente
iscritti, mediante la fissazione di adeguate tariffe;           all'attivazione dei corsi di laurea o di diploma ad esso
l) prevedere che, per gli appartenenti agli ordini delle        equipollente ai sensi dell'art. 4 della legge 26 febbraio
nuove categorie professionali, restino confermati gli           1999, n. 42;
obblighi di iscrizione alle gestioni previdenziali previsti     b) professionisti coordinatori in possesso del master di
dalle disposizioni vigenti.                                     primo livello in management o per le funzioni di
2. Gli schemi dei decreti legislativi predisposti ai sensi      coordinamento rilasciato dall'università ai sensi
del comma 1, previa acquisizione del parere della               dell'articolo 3, comma 8, del regolamento di cui al
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le           decreto del Ministro dell'università e della ricerca
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,          scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e
sono trasmessi alle Camere ai fini dell'espressione dei         dell'art. 3, comma 9, del regolamento di cui al decreto
pareri da parte delle Commissioni parlamentari                  del Ministro dell'istruzione, dell'università e della
competenti per materia, che sono resi entro quaranta            ricerca 22/10/2004, n. 270;
giorni dalla data di trasmissione. Decorso tale termine,        c) professionisti specialisti in possesso del master di
i decreti sono emanati anche in mancanza dei pareri.            primo livello per le funzioni specialistiche rilasciato
Qualora il termine previsto per i pareri dei competenti         dall'università ai sensi dell'art. 3, comma 8, del
organi parlamentari scada nei trenta giorni che                 regolamento di cui al decreto del Ministro
precedono o seguono la scadenza del termine di cui al           dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica
comma 1, quest'ultimo s'intende automaticamente                 3/11/1999, n. 509, e dell'art. 3, comma 9, del
prorogato di novanta giorni.                                    regolamento di cui al decreto del Ministro
                             ART. 5.                            dell'istruzione, dell'università e della ricerca
      (Individuazione di nuove professioni in ambito            22/10/2004, n. 270;
                           sanitario).                          d) professionisti dirigenti in possesso della laurea
1. L'individuazione di nuove professioni sanitarie da           specialistica di cui al decreto del Ministro dell'università
ricomprendere in una delle aree di cui agli articoli 1, 2,      e della ricerca scientifica e tecnologica 2/04/2001,
3 e 4 della legge 10/08/2000, n. 251, il cui esercizio          pubblicato nel supplemento ordinario alla G. U. n. 128
deve essere riconosciuto su tutto il territorio nazionale,      del 5/06/2001, e che abbiano esercitato l'attività
avviene in sede di recepimento di direttive comunitarie         professionale con rapporto di lavoro dipendente per
ovvero per iniziativa dello Stato o delle regioni, in           almeno cinque anni, oppure ai quali siano stati conferiti
considerazione dei fabbisogni connessi agli obiettivi di        incarichi dirigenziali ai sensi dell'art. 7 della legge
salute previsti nel Piano sanitario nazionale o nei Piani       10/08/2000, n. 251, e successive modificazioni.
sanitari regionali, che non trovano rispondenza in              2. Per i profili delle professioni sanitarie di cui al
professioni già riconosciute.                                   comma 1 può essere istituita la funzione di
2. L'individuazione è effettuata, nel rispetto dei princípi     coordinamento, senza nuovi o maggiori oneri a carico
fondamentali stabiliti dalla presente legge, mediante           della finanza pubblica. A tal fine, l'eventuale
uno o più accordi, sanciti in sede di Conferenza                conferimento di incarichi di coordinamento ovvero di
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le         incarichi direttivi comporta per le organizzazioni
CICLOSTILATO IN PROPRIO                                    -3-                             CICLOSTILATO IN PROPRIO
sanitarie e socio-sanitarie pubbliche interessate, ai         Il 4 settembre è formalmente decaduta la delega al
sensi dell'art. 7 della legge 10/08/2000, n. 251,             governo, prevista dalla legge 43/06, per l'istituzione
l'obbligo contestuale di sopprimere nelle piante              degli ordini delle professioni sanitarie. I Collegi e le
organiche di riferimento un numero di posizioni               Associazioni professionali, come preannunciato
effettivamente occupate ed equivalenti sul piano              all'indomani del Consiglio dei Ministri del 31 agosto,
finanziario.                                                  si incontreranno venerdì 8 settembre a Firenze per
3. I criteri e le modalità per l'attivazione della funzione   decidere quali iniziative assumere nel merito.
di coordinamento in tutte le organizzazioni sanitarie e
                                                              Intanto, dopo le dichiarazioni dei Presidenti di
socio-sanitarie pubbliche e private sono definiti, entro
                                                              alcune professioni e il comunicato stampa del
novanta giorni dalla data di entrata in vigore della
presente legge, con apposito accordo, ai sensi dell'art.
                                                              Ministro Turco, la discussione e le dichiarazioni si
4 del decreto legislativo 28/08/1997, n. 281, tra il          fanno sempre più accese di pari passo con
Ministro della salute e le regioni e le province              l'aumentare dell'irritazione e dell'indignazione dei
autonome di Trento e di Bolzano.                              professionisti nei confronti di questa ingiustificata
4. L'esercizio della funzione di coordinamento è              decisione.
espletato da coloro che siano in possesso dei seguenti        31/08/2006 (MINISTERO DELLA SALUTE)
requisiti:                                                    "Professioni sanitarie: proroga di 12 mesi
a) master di primo livello in management o per le             della delega per l'istituzione di Ordini e Albi"
funzioni di coordinamento nell'area di appartenenza,          Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta
rilasciato ai sensi dell'art. 3, comma 8, del                 del Ministro della Salute Livia Turco, un ddl per il
regolamento di cui al decreto del Ministro                    differimento di 12 mesi del termine per l'esercizio
dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica     della delega per l'istituzione degli Ordini e degli Albi
3/11/1999, n. 509, e dell'art. 3, comma 9, del                delle     professioni     sanitarie,    infermieristiche,
regolamento di cui al decreto del Ministro                    ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della
dell'istruzione, dell'università e della ricerca              prevenzione.
22/10/2004, n. 270;
                                                              Grazie a questo disegno di legge, che godrà di una
b) esperienza almeno triennale nel profilo di
                                                              corsia preferenziale per una rapida approvazione
appartenenza.
5. Il certificato di abilitazione alle funzioni direttive
                                                              del Parlamento, il Governo avrà tempo fino al
nell'assistenza infermieristica, incluso quello rilasciato    4/09/2007 per affrontare con attenzione la materia
in base alla pregressa normativa, è valido per                insieme alle diverse professioni e per ricollegare la
l'esercizio della funzione di coordinatore.                   regolamentazione del settore all'interno della
6. Il coordinamento viene affidato nel rispetto dei           annunciata più ampia riforma di tutti gli Ordini
profili professionali, in correlazione agli ambiti ed alle    professionali italiani.
specifiche aree assistenziali, dipartimentali e               "Abbiamo mantenuto l'impegno preso a fine luglio
territoriali.                                                 ha dichiarato il Ministro Turco per fare un buon
7. Le organizzazioni sanitarie e socio-sanitarie,             lavoro insieme ai 500.000 professionisti sanitari
pubbliche e private, nelle aree caratterizzate da una         interessati al riordinamento dei loro Ordini e Albi
determinata specificità assistenziale, ove istituiscano       atteso ormai da tanti anni".
funzioni di coordinamento ai sensi del comma 2,               31/08/2006 (SOTTOS. ALLA SALUTE, G. Patta)
affidano il coordinamento allo specifico profilo              "La mancata approvazione dello schema di decreto
professionale.                                                legislativo di istituzione degli ordini delle professioni
                            ART. 7.                           sanitarie è un'occasione persa, a cui il Governo
                     (Disposizioni finali).
                                                              dovrà porre rimedio mettendo subito in agenda il
1. Alle professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica,
                                                              riordino complessivo dell'esercizio delle professioni
riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione già
riconosciute alla data di entrata in vigore della
                                                              intellettuali e tenendo in giusto conto le peculiarità
presente legge continuano ad applicarsi le disposizioni       delle professioni sanitarie, non assimilabili alle
contenute nelle rispettive fonti di riconoscimento, salvo     altre".
quanto previsto dalla presente legge.                         Lo afferma il sottosegretario alla Salute G. P. Patta.
2. Con il medesimo procedimento di cui all'art. 6,            Il testo di legge proposto il 21 luglio scorso,
comma 3, della presente legge, in sede di Conferenza          "fortemente condiviso dall'insieme delle associazioni
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le       di categoria - rileva Patta in una nota - mirava, con
province autonome di Trento e di Bolzano, previa              i suoi contenuti innovativi, a rinnovare la vita delle
acquisizione del parere degli ordini professionali delle      organizzazioni       professionali    attraverso     una
professioni interessate, si può procedere ad                  maggiore democrazia interna ed una apertura agli
integrazioni delle professioni riconosciute ai sensi          utenti.
dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo             Soltanto con l'esercizio di un effettivo controllo sui
30/12/1992, n. 502, e successive modificazioni.               comportamenti professionali degli operatori può
3. La presente legge non comporta nuovi o maggiori            essere infatti raggiunta quella trasparenza che deve
oneri a carico della finanza pubblica.                        caratterizzare il lavoro in sanità, indispensabile per
                                                              una utenza bisognosa, debole e priva di potere
                                                              contrattuale". "L'esaurimento della delega -
                                                              conclude il sottosegretario alla Salute - lascia così
                                                              insoluti i problemi di 500.000 operatori, gran parte
                                                              dei quali restano incardinati in albi professionali
                                                              vetusti ed inadeguati alle moderne esigenze degli
                                                              utenti e delle categorie stesse".

CICLOSTILATO IN PROPRIO                                   -4-                          CICLOSTILATO IN PROPRIO
    RASSEGNA STAMPA- corriere del trentino                 Infermieri: «A Medicina siamo in
                        23/8/2006                          difficoltà»
Sindacati critici: solo pubblicità Morandini:              Alto Adige del 20/08/2006 ed.
« Ennesima bufala »                                        Nazionale p. 20
Corriere dell'Alto Adige del 23/08/2006                    BOLZANO. Il Nursing Up, il sindacato degli
ed. TRENTO p. 2                                            infermieri,    interviene    sulla   carenza    di
TRENTO - Sindacati del personale sanitario e mondo personale              denunciata     dai    medici    del
politico attaccano la scelta dell'Azienda sanitaria e      Dipartimento di Medicina del San Maurizio.
dell'assessore alle politiche per la salute, Remo          «Sono anni - spiega il segretario provinciale
Andreolli. « La neurochirurgia a Trento è una              Massimo Ribetto - che denunciamo il problema
cattedrale nel deserto » , afferma Paolo Panebianco, della carenza cronica di infermieri in Alto Adige
segretario di Nursing Up. Gli fa eco Ettore Tabarelli e in particolar modo all'ospedale di Bolzano.
(Uil sanità): « Assessorato e Apss fanno di tutto per Sono anni che ci appelliamo all'assessorato per
farsi pubblicità. Hanno i soldi e allora pensano di        far fronte a questo problema. Per quanto
poterli buttare via ». Si contesta infatti la volontà di   riguarda poi Medicina 1 e Medicina 2
creare una unità operativa che manca di una base           intendiamo       sottolineare     di   come     la
d'appoggio indispensabile come la casistica. Due soli      problematica interessi oltre ai medici anche gli
interventi in due mesi parlano chiaro. Sul fronte          infermieri. Gli infermieri mancano in tutto
politico l'aria è pesante: « Stanno barando. Il reparto l'ospedale anche perchè le piante organiche
non ha avuto nessun inizio - si spinge a dire il           sono ormai antiquate e come sindacato
consigliere autonomista Carlo Andreotti - . In questi chiediamo di poterle vedere per affrontare una
termini potevano aprirla anche a casa mia, l'unità         discussione     seria    con    l'amministrazione
operativa. Siamo ben lontani dall'avvio del reparto ».     dell'Asl. E' vero - continua - che gli infermieri
Per Pino Morandini (Udc), la specialità è « l'ennesima sul "mercato" sono pochi, ma il sindacato si
                                                           interroga se l'Azienda abbia mai pensato negli
bufala».
                                                           anni di rivedere il loro fabbisogno nei diversi
Tutti ritengono che l'unità operativa di neurochirurgia
                                                           reparti e servizi, in considerazione degli
al S. Chiara, arrivata dopo circa vent'anni di dibattiti, obiettivi e dei carichi di lavoro di ciascun
accelerazioni e passi indietro, abbia un solo scopo.       reparto e servizio. Il fatto che la carenza di
« Si vuole colpire l'opinione pubblica e la fantasia       personale infermieristico sia "esploso" in
delle persone - afferma Panebianco - ma mancano            agosto dipende sicuramente da più fattori, le
innanzitutto i numeri per far sì che il reparto funzioni». ferie estive, il probabile accumulo di congedi
Morandini è più esplicito: « È inutile volersi             per maternità nello stesso periodo (la
incaponire in un progetto se non ci sono i numeri.         professione infermieristica è prevalentemente
Un'unità operativa di neurochirurgia dovrebbe avere femminile) da un lato, ma dall'altro anche e
una base di 6 700 mila abitanti. Solo così ci sarebbe soprattutto la necessità di far fronte
una casistica sufficiente a tenere alta la qualità del     all'emergenza degli altri reparti. Questo
servizio».                                                 significa che se le due medicine erano ad un
Andreotti volge l'attenzione anche verso un'altra          livello di personale appena sufficiente prima
questione: « La scelta di avere un rapporto privilegiato dell'estate, il dover chiudere stanze in alcuni
con Verona, in termini di scambio di personale, non altri reparti per far fronte al periodo estivo e
è piaciuta a Bolzano, che si è indispettita, per il fatto ciò che ne consegue, ha portato ad un
di essere stata ignorata.                                  "collasso" dei reparti di Medicina generale, i
Tutto fa pensare che l'unico risultato della mossa di      quali si trovano costretti ad accettare i ricoveri
Andreolli sia di aver deteriorato i rapporti con l'Alto che normalmente fluirebbero nei reparti
Adige » .                                                  specialistici. Queste considerazioni - incalza
                                                           Ribetto - non fanno che avallare la nostra tesi
Il direttore Apss, Carlo Favaretti, però ha già obiettato che
«il rapporto con Bolzano è tale e quale».                  di carenza cronica di personale in tutto
                                                           l'ospedale e dunque la necessità prioritaria di
Tabarelli infine punta il dito sul sovraffollamento
                                                           andare a modificare le vecchie piante
delle sale operatorie: «Vengono a Trento le equipe
                                                           organiche». Il superlavoro che si trova a
di Verona, con tutti gli infermieri appresso.
                                                           sopportare da mesi il Dipartimento di medicina
Occupano le sale operatorie ritardando gli interventi
                                                           del San Maurizio riguarda quindi anche gli
programmati degli altri pazienti».                         infermieri che si dicono, tra il resto,
« A ben guardare - conclude il sindacalista Uil - ci       preoccupati per l'apertura ufficiale della Stroke
costa di meno trasportare il malato in elicottero a        Unit che vedrà impegnati al capezzale dei
Verona, che chiamare medici e infermieri a Trento.         pazienti, soprattutto infermieri.
Trento è una cattedrale nel deserto».

CICLOSTILATO IN PROPRIO                             -5-                        CICLOSTILATO IN PROPRIO
    Rideterminazione della Pianta Organica                        Proposta di regolamento in materia di
        dell’Azienda USL 6 di Palermo                                   Posizioni Organizzative
L’az. USL 6 ha presentato alle OO.SS. la rideterminazione
                                                                 L’az. USL 6 ha presentato alle OO.SS la proposta di
della Pianta Organica. Da una prima analisi della stessa
appare evidente come sia stato particolarmente penalizzato       regolamento in materia di posizioni organizzative.
il personale del comparto, ed in particolar modo il              Ricordiamo cosa prevede il CCNL in merito:
personale infermieristico.                                       ART. 20 CCNL 1998/2001
Da una prima analisi il rapporto medico-infermiere risulta       Posizioni organizzative e graduazione delle
essere quasi di 1 a 1.                                           funzioni
Qualche esempio riguardante solo i Presidi Ospedalieri:          1. Le aziende ed enti, sulla base dei propri
P.O. Ingrassia             medici 156      infermieri 197        ordinamenti e delle leggi regionali di organizzazione
P.O. Corleone              medici 74       infermieri 71         ed in relazione alle esigenze di servizio, istituiranno
P.O. Petralia              medici 76       infermieri 90         posizioni organizzative che richiedono lo
P.O. Termini Imerese       medici 94       infermieri 121
                                                                 svolgimento di funzioni con assunzione diretta di
P.O. Partinico             medici 122      infermieri 154
P.O. E. Albanese           medici 27       infermieri 37         elevata responsabilità.
P.O. Casa del Sole         medici 101      infermieri 137        2. Le posizioni organizzative, a titolo esemplificativo,
                                                                 possono riguardare settori che richiedono lo
Appare altresì assai curioso come nell’attuale proposta di       svolgimento di funzioni di direzione di servizi,
pianta organica (come anche nella passata) U.O. simili sia       dipartimenti, uffici o unità organizzative di
come tipologia che come dotazione di posti letto e servizi       particolare complessità, caratterizzate da un elevato
annessi, abbiano una diversa previsione di personale             grado di esperienza e autonomia gestionale ed
assegnato (vedi Ginecologia ed Ostetricia, Ortopedia e           organizzativa o lo svolgimento di attività con
Traumatologia, Radiodiagnostica). Riteniamo che nella            contenuti di alta professionalità e specializzazione,
previsione si debbano considerare “moduli tipo” di U.O.
                                                                 quali ad esempio i processi assistenziali, oppure lo
calando poi questi moduli nelle varie realtà locali.
Sarebbe auspicabile che la proposta di pianta organica           svolgimento di: attività di staff e/o studio; di ricerca;
venisse supportata da studi sui carichi di lavoro e che non      ispettive di vigilanza e controllo; di coordinamento di
sia solo frutto di esperienze personali che sicuramente non      attività didattica.
possono abbracciare la totalità delle ampie realtà presente      3. La graduazione delle funzioni è definita da
all’interno dell’Azienda.                                        ciascuna azienda o ente in base a criteri adottati per
Non si possono prevedere tagli sulla dotazione organica          valutare le posizioni organizzative individuate. Nella
senza aver prima verificato i dati delle attività svolte e le    graduazione delle funzioni le aziende ed enti tengono
necessità della popolazione assistita.                           conto, a titolo esemplificativo, dei seguenti elementi,
Il rischio e che così facendo si possa aprire solo al privato.   anche integrandoli con riferimento alla loro specifica
Altra grossa lacuna nella previsione di pianta organica
                                                                 situazione organizzativa :
risulta essere la quasi assenza della figura del dirigente
delle professioni sanitarie. Appare curioso come la nostra       a) livello di autonomia e responsabilità della
Azienda non intenda avvalersi di una figura adeguatamente        posizione, anche in relazione alla effettiva presenza
formata per garantire qualità assistenziale così come            di posizioni dirigenziali sovraordinate;
previsto dalla normativa vigente; tali dirigenti                 b) grado di specializzazione richiesta dai compiti
valorizzerebbero altresì l’autonomia organizzativa e             affidati ;
gestionale della professione infermieristica e tecnica.          c) complessità delle competenze attribuite ;
                                                                 d) entità delle risorse umane, finanziarie,
         Progressione orizzontale                                tecnologiche e strumentali direttamente gestite ;
           (passaggio di fascia)                                 e) valenza strategica della posizione rispetto agli
                                                                 obiettivi aziendali.
                                                                 Appare curioso come in tale proposta vengano
Che fine hanno fatto i passaggi di fascia che
potrebbero essere usufruiti dal personale per l’anno             previsto posizioni organizzative prevalentemente in
2006?                                                            campo amministrativo che non sanitario. Ma la nostra
Nonostante l’anno volga oramai al termine, sia nella             è un’azienda sanitaria od amministrativa?
RSU che in delegazione trattante non è stato ancora              Ecco in sintesi la previsione aziendale:
discusso il possibile passaggio di fascia.
Il consigliere del Nursing Up ha sollevato per due                      MACROSTRUTTURA                 n. posizioni org.
volte la questione (sia in assemblea RSU che in                  Presidi Ospedalieri                          09
delegazione trattante) ma l’appello sembra essere                Distretti                                    28
caduto nel vuoto.                                                Dipartimenti Salute Mentale                  01
A chi giova tutto ciò?                                           Dipartimenti di prevenzione                  04
Sicuramente non ai dipendenti che vedrebbero                     Dipartimenti Sanitari Funzionali             09
rimpinguato il misero stipendio mensile con                      Dipartimenti Amministrativi                  50
l’auspicato aumento alla fascia superiore.                       Direzione Aziendale                          15

CICLOSTILATO IN PROPRIO                                     -6-                           CICLOSTILATO IN PROPRIO

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:12
posted:4/24/2012
language:Italian
pages:6