Anno scolastico 2002-2003 &nb by lJPCklKY

VIEWS: 0 PAGES: 10

									Anno scolastico 2006-2007                                                                      Classe I M

                                    PROGRAMMA DI LATINO
Testi: HANS H. ORBERG, Lingua latina. Familia Romana, Vivarium novum
       HANS H. ORBERG, Lingua latina. Latine disco, Vivarium novum

Da “FAMILIA ROMANA”:

                  Cap. I            IMPERIUM ROMANORUM. LITTERAE ET NUMERI                      pag. 7
                  Cap. II           FAMILIA ROMANA. LIBER TUUS LATINUS                          pag 13
                  Cap. III          PUER IMPROBUS                                               pag.19
                  Cap.IV            DOMINUS ET SERVI                                            pag.26
                  Cap.V             VILLA ET HORTUS                                             pag.32
                  Cap.VI            VIA LATINA                                                  pag.41
                  Cap.VI            PUELLA ET ROSA                                              pag.48
                  Cap.VIII          TABERNA ROMANA                                              pag.54
                  Cap. IX           PASTOR ET OVES                                              pag.63
                  Cap. X            BESTIAE ET HOMINES                                          pag.69
                  Cap. XI           CORPUS HUMANUM                                              pag.77
                  Cap. XII          MILES ROMANUS                                               pag.85
                  Cap. XIII         ANNUS ET MENSES                                             pag.95
                  Cap. XIV          NOVUS DIES                                                  pag.103
                  Cap. XV           MAGISTER ET DISCIPULI                                       pag.110
                  Cap. XVI          TEMPESTAS                                                   pag.118
                  Cap. XVII         NUMERI DIFFICILES                                           pag.126
                  Cap. XVIII        LITTERAE LATINAE                                            pag.135
                  Cap. XIX          MARITUS ET UXOR                                             pag.145


N. B Gli alunni promossi con debito formativo sono tenuti a conoscere le seguenti strutture morfo-
sintattiche:

   declinazioni
   verbi attivi, passivi, deponenti (indicativo presente e imperfetto, imperativo presente, participio presente,
    infinito presente)
   esse, ire, ferre, velle, fieri, posse
   aggettivi di I e di II classe di grado positivo, comparativo e superlativo (regolari e irregolari); avverbi e
    gradi dell’avverbio
   pronomi personali, dimostrativi, relativi, interrogativi, indefiniti
   calendario romano, numerali
   proposizioni infinitive, causali, relative, temporali, concessive, interrogative dirette
   ablativo assoluto ( con e senza part. presente )
   principali complementi
   particolari costrutti verbali (doceo, pareo, iubeo, ecc.)

Gli alunni inoltre dovranno saper leggere, capire e tradurre (senza vocabolario) un passo formulato sulla
base del lessico assimilato fino al cap. 19°.
Gli alunni pertanto sono tenuti a ripassare i capitoli dal 1° al 19° del testo Familia Romana.




I rappresentanti di classe

……………………………

……………………………                                                                                    L’ insegnante
                                                                                        (Prof. Adriana Purpura)
                        ATTIVITA’ PER LE VACANZE
                               LATINO I M

1) Lettura dei Colloquia Personarum da I a XVIII
2) Ripasso di tutto il programma svolto durante l’anno scolastico
3) Traduzione scritta dei seguenti brani:
                                       PROGRAMMA SVOLTO                         A.S.    2006/07



MATERIA                  Italiano

CLASSE                   3^ A

INSEGNANTE           Purpura Adriana
_______________________________________________________________________________________________
Letteratura
 Il Medioevo. Dal latino alle lingue romanze. Letteratura e lingua d’oc e d’oil. Le “chanson de geste” e la
    lirica provenzale.
 La poesia religiosa del Duecento. Francesco d’Assisi, Laudes creaturarum. Jacopone da Todi,
    Donna de Paradiso.
 La scuola siciliana. Jacopo da Lentini, Amor è un desio che vien da core.
 I poeti toscani. Guittone d’Arezzo, Tuttor ch’eo dirò «Gioi», gioiva cosa.
 Lo stilnovo. Guido Guinizzelli, Al cor gentil rempaira sempre amore, Io voglio del ver la mia donna
  laudare. Guido Cavalcanti, Chi è questa che vèn, ch’ogn’om la mira, Perché io non spero di tornar
  giammai, Voi che per li occhi mi passaste ‘l core
 Dante Alighieri. Dalla Vita nuova: Vide cor tuum cap.III, XVIII-XIX Donne ch’avete intelletto
  d’amore, XXVI Nuove lodi di Beatrice, Tanto gentile e tanto onesta pare. Da Le Rime: Guido, io vorrei
  che tu Lapo ed io. Dal De vulgari eloquentia: I,10 I volgari d’Italia, I, XII-XIII siciliani contro Toscani;
  Dal Convivio: I, cap. IX, «Principi, baroni, cavalieri e molt’altranobile gente…». Dal De Monarchia: III,
  XV, 7-18 . Epistola a Cangrande
 La poesia comico-realistica. Cecco Angiolieri, S’i’ fosse fuoco, ardei ‘l mondo, Tre cose solamente
  m’enno in grado.
 La prosa nel duecento.
 Francesco Petrarca. Dalle Familiari: La salita al monte Ventoso. Africa. Dal Secretum: libro II
    L’accidia come malattia dello spirito. Dal Canzoniere: Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono, I; Solo et
    pensoso i più deserti campi, XXXV; Pace non trovo e non ò da far guerra,CXXXIV; Erano i capei d’oro
    a l’aura sparsi, XC; Era il giorno ch’al sol si scoloraro, III; Movesi il vecchierel canuto e bianco, XVI;
    Chiare,fresche,dolci acque,CXXVI; Padre del ciel, dopo i perduti giorni, LXII. I trionfi.
   Giovanni Boccaccio. Le opere anteriori al Decameron. Dal Decameron: il Proemio; Introduzione alla
    prima giornata: la peste di Firenze; Ser Ciappelletto, I,1; Federigo degli Alberghi,V,9; Guido Cavalcanti,
    VI, 9; Lisabetta da Messina, IV,5; Frate Cipolla, VI, 10; Andreuccio da Perugina, II, 5; Nastagio degli
    Onesti, V, 8
   Cronache, storie e libri di viaggio nel Trecento: Dino Compagni e Giovanni Villani.
   L’Umanesimo. Lorenzo de’ Medici. Dai Canti Carnascialeschi: Canzone di Bacco. Leon Battista
    Alberti. Luigi Pulci. Poliziano. Io mi trovai, fanciulle, un bel mattino
   La poesia pastorale. Sannazaro
   Il poema cavalleresco. Matteo Maria Boiardo.
   Rinascimento e manierismo. La poesia e la prosa nel cinquecento.
 La questione della lingua.
 Niccolò Machiavelli. Da Il principe capp. I, VII, XII. La mandragola. Discorsi sopra la prima deca di
    Tito Livio.
 Francesco     Guicciardini. Le storie fiorentine. La storia di Italia. Da I ricordi
  6,10,23,66,76,110,117,121, 125,141,212.
 Ludovico Ariosto. Dall’Orlando Furioso: Proemio, canto I, 1-4; Angelica si innamora di Medoro,
  XIX, 20-37, 40; La pazzia di Orlando, canto XXIII, 101-136. Astolfo sulla Luna, canto XXXIV, 70-87.
 Torquato Tasso. Dalla Gerusalemme Liberata: Proemio, canto I, 1-5. Il combattimento di Tancredi e
  Clorinda, canto XII, 52-69.

Divina Commedia: Inferno
Canti: I, III, V, VI, X, XIII, XXVI, XXXIII
                PER GLI ALUNNI PROMOSSI CON DEBITO FORMATIVO


MATERIA                     Italiano

CLASSE                      3^ A
INSEGNANTE                  Purpura Adriana

* ESERCIZI /         LETTURE ....... CONSIGLIATI:

Studio di tutto il programma
Analisi del testo dei passi in programma (riassunto o parafrasi; analisi lessicale, retorica, sintattica, metrica;
approfondimento: contestualizzazione)
Lettura de La Mandragola di Machiavelli
Lettura de La Locandiera di Goldoni
Vedi attività per le vacanze



* CONOSCENZE-COMPETENZE DA VERIFICARE :

CONOSCENZE

    Conoscere le linee fondamentali della storia letteraria dalle origini a Tasso, con particolare attenzione alle
     opere e al pensiero degli autori, nonché ai momenti culturali di rilievo
    Conoscere alcuni canti dell’Inferno di Dante
    Conoscere le varie tipologie di testi
    Conoscere i procedimenti di analisi testuale
COMPETENZE

        Individuare la tipologia di un testo
        Riconoscere la continuità di elementi tematici attraverso il tempo
        Analizzare i caratteri specifici di un testo narrativo e poetico




                                                                                    L’insegnante
                                                                                  (Adriana Purpura)



                                       ATTIVITA’ PER LE VACANZE

                                                        Italiano

                                          Per tutti gli alunni di III A
    1) Tasso, vita e opere; La Gerusalemme Liberata, analisi testuale dei passi letti in classe (parafrasi,
       analisi lessicale, retorica, sintattica, metrica); contestualizzare e approfondire il rapporto tra l’autore
       e il suo tempo)
    2) Leggere: La Locandiera di Goldoni, La Mandragola di Machiavelli
    3) Leggere quattro libri a scelta tra i seguenti:
            - Salinger, Il giovane Holden
            - Wilde, Il ritratto di Dorian Grey
        -   Uhlmann, L’amico ritrovato
        -   Frank, Il diario di Anna Frank
        -   Shakespeare, Romeo e Giulietta
        -   De Carlo, Due di due

                     Per gli alunni promossi con debito formativo
1) Studio di tutto il programma
2) Analisi del testo dei passi in programma (riassunto o parafrasi; analisi lessicale, retorica, sintattica,
   metrica; approfondimento: contestualizzazione)
3) Leggere La Mandragola di Machiavelli, La Locandiera di Goldoni
4) Leggere quattro libri a scelta tra i seguenti:
       - Salinger, Il giovane Holden
       - Wilde, Il ritratto di Dorian Grey
       - Hulmann, L’amico ritrovato
       - Frank, Il diario di Anna Frank
       - Shakespeare, Romeo e Giulietta
       - De Carlo, Due di due
                           PROGRAMMA SVOLTO                        A.S.    2006/07



MATERIA                 Latino

CLASSE                  3^A

INSEGNANTE              Purpura Adriana

_______________________________________________________________________________________________

Lettura testi latini

 Lingua Latina pars II, Roma aeterna
Cap. 36: Roma aeterna
Cap. 37: Troia capta
Cap. 38: Pius Aeneas
Cap. 39: Karthago
 Catullo. Dal Liber, carmi: 7, 51, 85, 86
 Cesare. Dal De Bello Gallico: libro I, libro IV capp. 1-13

Letteratura latina

 Le origini della letteratura latina. Il quadro storico e culturale di Roma nell’età delle conquiste.
 Il poema epico: L. Andronico, Nevio, Ennio
 La satira e Lucilio
 Catone, fondatore della prosa latina
 Plauto e la commedia latina
 Terenzio. Lettura in traduzione di passi scelti dall’antologia. Adelphoe, atto I, scena II, 81-154; atto IV,
  scena V, 679-711; atto V, scena IV, 855-881
 Catullo
 Cesare




       Firma degli alunni                                                       Firma dell’insegnante
      Rappresentanti di classe

_____________________________                                       ______________________________




              PER GLI ALUNNI PROMOSSI CON DEBITO FORMATIVO


MATERIA                 Latino

CLASSE                  3^A

INSEGNANTE              Purpura Adriana
* ESERCIZI /        LETTURE ....... CONSIGLIATI :

Tradurre il cap. XL di Roma aeterna
Tradurre De Bello Gallico libro IV, 14-29
Tradurre Liber di Catullo: carme 101 (lettura, comprensione, traduzione e analisi)



* CONOSCENZE DA VERIFICARE :

Gli alunni con debito formativo dovranno dimostrare di possedere le seguenti conoscenze e competenze
disciplinari:
    a) Conoscenze

   Declinazioni
   Verbi attivi, passivi, deponenti
   Aggettivi
   Pronomi
   Proposizioni
             - infinitive
             - temporali
             - concessive
             - finali
             - consecutive
             - causali
             - cum narrativo
             - interrogative
             - completive con ut / ne
   ablativo assoluto
   coniugazione perifrastica attiva e passiva
   costruzione del verbo videor
   La storia letteraria dalle origini a Catullo (Lucrezio escluso)

    b) Competenze
   Saper leggere, capire e tradurre (senza vocabolario) un passo formulato sulla base del lessico
    assimilato dalla lettura del De Bello Gallico.

Gli alunni, pertanto, sono tenuti a svolgere le consegne estive.
Testi adottati:
Hans H. Ørberg, Roma aeterna, Accademia Vivarum Novum
Roncoroni, Gazich, Marinoni, Sada, Exempla humanitatis, Carlo Signorelli Editore.
C. Iulius Caesaris, Commentarii de bello gallico, Accademia Vivarium Novum


                                  ATTIVITA’ PER LE VACANZE

                                                Latino III A

                                       Per tutti gli alunni di III A


    1) Traduzione
    -   De bello gallico: Liber IV, dal n. 14 al n. 23

    -   Liber di Catullo: lettura, comprensione, traduzione e analisi del carme 101

    2) Ripetizione di tutte le strutture morfologiche


                         Per gli alunni promossi con debito formativo
    1) Traduzione
    -   De bello gallico: Liber IV, dal n. 14 al n. 29

    -   Roma aeterna: capitolo XL

    -   Liber di Catullo: carme 101 (lettura, comprensione, traduzione e analisi)

    2) Ripetizione di tutte le strutture morfologiche

 Declinazioni
  Verbi attivi, passivi, deponenti
 Aggettivi
 Pronomi
 Proposizioni
          - infinitive
          - temporali
          - concessive
          - finali
          - consecutive
          - causali
          - cum narrativo
          - interrogative
          - completive con ut / ne
 ablativo assoluto
 coniugazione perifrastica attiva e passiva
 costruzione del verbo videor

    3) Storia della letteratura
        dalle origini a Catullo (Lucrezio escluso)

								
To top