pof testo by lJPCklKY

VIEWS: 104 PAGES: 187

									        P.O.F.
Piano dell’offerta formativa

      Anno Scolastico
        2010/2011
                     LICEO SCIENTIFICO STATALE “G. GALILEI”
Il Liceo Scientifico “G. Galilei” si propone come centro di formazione e di cultura.
Nel rispetto della tradizione degli studi liceali, assicura una formazione culturale di tipo generale,
fondata sul perfetto equilibrio tra la trasmissione della cultura letteraria e filosofica e la acquisizione
di conoscenze scientifiche e del metodo per la loro indagine. Tale equilibrio deriva dalla fiducia
pedagogica nella fondamentale unità del sapere.
Se a questo obiettivo ci spinge la storia stessa della nostra cultura, in cui gli studia humanitatis
hanno sempre teso alla formazione completa, determinata al tempo stesso dalla volontà di guardare
dentro l’uomo e dalla curiosità di conoscerne l’ambiente di vita, è naturale che agli strumenti
collaudati della trasmissione culturale fondata sul libro e sul colloquio tra insegnante e allievo, si
affianchi l’uso ben temperato degli strumenti innovativi di informazione.
L’innovazione dispiega il suo effetto formativo sui giovani non certo quando li alletta verso una
realtà artificiale, ma quando riconnette il bagaglio delle conoscenze trasmesse dalle generazioni
precedenti alla contemporaneità.
L’introduzione del nuovo quadro orario a partire dalle classi prime di questo anno, con l’aumento
delle ore dedicate alle materie scientifiche, è stato accompagnato al Galilei dalla introduzione, per
scelta autonoma e con finanziamenti autonomi, dalla integrazione delle ore di Latino e di Inglese,
per compensare un evidente difetto della riforma ministeriale che avrebbe penalizzato altrimento
l’area linguistica, sia moderna che classica, e dalla espansione della didattica di laboratorio con
un’ora di fisica-chimica laboratoriale aggiunta nelle classi prime.

Mète generali del servizio scolastico.
La scuola è intesa come comunità solidale e accogliente per tutti, tesa ad integrare e valorizzare le
differenze e a rispondere ai molteplici e differenti bisogni.
La scuola pertanto offre interventi, risorse, competenze educative e servizi.
La scuola accerta competenze e conoscenze con titoli di studio di valore legale.
La scuola persegue come fine ultimo l’organica compenetrazione di due linee di azione: da un lato il
rispetto per l’individuo in formazione, dall’altro la funzione di trasmissione della tradizione
culturale da una generazione all’altra.

In questo senso ogni paragrafo del Piano dell’offerta formativa vuole rispondere alle necessità degli
studenti e delle loro famiglie garantendo un’organizzazione della scuola consona ad una
preparazione generale che si integri con la realtà; l’obiettivo fondamentale del nostro Liceo è offrire
un’ampia formazione culturale mirata principalmente all’acquisizione da parte degli studenti delle
capacità di “imparare a imparare”, che potrà poi essere utilizzata sia nella prosecuzione degli studi a
livello universitario che in ogni altro percorso di vita sociale. La mèta dell’”imparare a imparare”
prevede due percorsi contemporanei:

       acquisizione di un metodo e di un linguaggio;
       continuo incremento del possesso funzionale di contenuti culturali, tali da sorreggere
       l’acquisizione organica delle future conoscenze;
       rimotivazione agli studi scientifici.

Conseguente la definizione dei grandi obiettivi formativi:

       Educazione a vari tipi di scrittura
       Acquisizione del linguaggio matematico e scientifico
       Acquisizione graduale e continua dei contenuti culturali
       Potenziamento della conoscenza della lingua inglese e della seconda lingua
                                                                                                         2
       straniera opzionale
       Approfondimento dei linguaggi specifici delle varie discipline
       Approfondimento dell’ambito d’uso del linguaggio multimediale
       Avvicinamento al linguaggio dell’immagine
       Avvicinamento al linguaggio non verbale
       Avvicinamento alla pratica sportiva

In particolare, la programmazione didattico-educativa, rivolta a favorire l’apprendimento e
l’acquisizione di un metodo di studio proficuo, prevede nel presente anno scolastico (anche
avvalendosi della collaborazione con esperti esterni) alcuni obiettivi strumentali, volti al
miglioramento dell’ambiente educativo e della dotazione di tecnologie educative.


       Utilizzo evoluto dei laboratori scientifici ed informatici esistenti.
       Adeguamento dell’ambiente scolastico al benessere, alla sicurezza e alla formazione
       scientifica degli allievi
       Ampliamento dell’offerta formativa (potenziamento studio lingue straniere)
       Sviluppo di progetti con caratteristiche di trasversalità ai vari ambiti disciplinari (ed. alla
       salute, orientamento,ambiente ,solidarietà), con esclusione di interventi estemporanei e non
       connotati nella strategia educativa corrente
       Ampliamento organico di iniziative di visita guidata, viaggio e soprattutto scambio culturale
       Integrazione funzionale del lavoro amministrativo e della programmazione contabile con la
       progettazione didattica
       Miglioramento nelle collaborazioni esterne con risorse istituzionali, culturali, professionali,
       sociali ed economiche; attuazione di accordi di rete.

Il Liceo è quest’anno costituito da 34 classi.
Durante l’anno scolastico, diviso in quadrimestri, si svolgono attività pomeridiane di recupero e
sostegno oltre ad attività extracurriculari e sportive.
La programmazione didattica è integrata da altri progetti particolari, che possono riguardare classi o
gruppi di alunni, ad esempio: Olimpiadi della Matematica, scambi culturali con l’estero, Patente
Europea per l’Informatica (ECDL), Attività Sportive, Educazione alla Salute, preparazione per gli
accertamenti esterni delle conoscenze delle lingue straniere.
Il Liceo “G. Galilei” è dotato di una Biblioteca d’Istituto, biblioteche di Fisica, Scienze, Lingue, un
laboratorio linguistico multimediale, un laboratorio di Fisica e due di Chimica, un’aula di Scienze,
due aule di disegno, tre laboratori di Informatica, due Palestre, una sala di proiezione, due aule di
proiezione minori e un’aula magna.

I laboratori di Fisica e di Chimica e l’aula di Scienze sono stati completamente ristrutturati lo scorso
anno.

La dotazione di PC in uno dei due laboratori di informatica è dello scorso anno, negli altri risale
rispettivamente a due e tre anni fa.

Entro il presente anno scolastico sono previsti i seguenti interventi di ammodernamento delle
strutture:

   -   Rifacimento di tutte le parti esterne aggettanti in cemento e di parte del tetto (durata dei
       lavori: circa un anno a partire da dicembre-gennaio). Lavori già appaltati in modo esecutivo
       dall’Amministrazione Provinciale.
   -   Ristrutturazione completa dell’aula magna (impianto elettrico e di illuminazione,
       sostituzione degli infissi alle pareti e al tetto, montaggio tende ignifughe telecomandate per
       l’oscuramento, sostituzione delle sedie, ritinteggiamento). Durata dei lavori: circa tre mesi, a
                                                                                                      3
       partire dal prossimo novembre). Finanziamento Fondazione MPS tramite Amministrazione
       Provinciale.
   -   Creazione di una foresteria tramite ristrutturazione dell’appartamento prima adibito ad
       alloggio del custode. L’ambiente è in grado di ospitare in tre ampi vani da sei a dieci
       persone, con uso di cucina. La foresteria è richiesta al Liceo dalla presenza di numerosi
       scambi con scuole straniere, ora che i tagli al servizio dell’istruzione hanno riguardato anche
       l’abolizione delle missioni all’estero, con le quali in passato i nostri docenti finanziavano il
       soggiorno degli ospiti stranieri in Italia. Il servizio di foresteria sarà esteso alla ospitalità di
       scrittori, scienziati, pedagogisti e in generale di ogni collaboratore esperto di attività culturali
       ed educative del Liceo, data la carenza o l’assenza di disponibilità finanziarie per
       organizzare tale ospitalità. Il servizio di foresteria, subordinatamente alle esigenze del Liceo
       Galilei, sarà a disposizione delle altre scuole senesi dietro semplice rimborso delle spese.
   -   Installazione di un planetario mobile con cupola leggera nei locali dell’aula magna.
   -   Creazione di un piccolo museo mineralogico riguardanti i caratteri geologici della Toscana.

Gli ultimi due punti dell’elenco precedente si inseriscono nel progetto Liceo-Museo, iniziato con la
realizzazione del Pendolo di Foucault che per 19 metri di altezza nel vano delle scala sud del Liceo
dimostra perennemente, con i suoi led luminosi, il moto di rotazione terrestre. L’ambiente del
Galilei dovrà divenire un percorso espositivo ed interattivo di attrezzature scientifiche, che
sottolineino la sua vocazione e spronino alla conoscenza studenti e visitatori.




      MATERIE D’INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE
  DEI CORSI ORDINARI PER GLI ISCRITTI PRIMA DELL’A.S.2010 2011
      (ATTUALI CLASSI SECONDA, TERZA, QUARTA E QUINTA)




                                                                                                         4
    MATERIE DI                                    ORARIO
  INSEGNAMENTO                                 SETTIMANALE
                 Anno di corso                 I^   II^   III^   IV^   V^

Lingua e Lettere Italiane                      4    4      4     3     4
Lingua e Lettere Latine                        4    5      4     4     3
Lingua e Lettere Straniere                     3    4      3     3     4
Storia ed Educazione Civica                    3    2      2     2     3
Geografia                                      2     -     -      -    -
Filosofia                                      -     -     2     3     3
Scienze Nat., Chimica, Geografia Astronomica   -    2      3     3     2
Fisica                                         -     -     2     3     3
Matematica                                     5    4      3     3     3
Storia dell’Arte e Disegno                     2    2      2     2     2
Religione                                      1    1      1     1     1
Educazione Fisica                              2    2      2     2     2
                      Totale                   26   26    28     29    30




                                                                           5
   MATERIE D’INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO
      di LICEO SCIENTIFICO SECONDO IL NUOVO ORDINAMENTO A
     PARTIRE DAGLI ISCRITTI DELL’A.S. 2010 2011 (ATTUALI CLASSI
                    PRIMA E FUTURE ISCRIZIONI)




                                                                             ORARIO SETTIMANALE


MATERIE D’INSEGNAMENTO                                                  I      II    III    IV        V

Lingua e Lettere Italiane                                               4      4      4      4        4

Lingua e cultura latina                                                 4      4      3      3        3

Lingua e cultura straniera                                              4      4      3      3        3

Geografia                                                               1      1

Storia                                                                  2      2      2      2        2

Filosofia                                                                             3      3        3

Matematica                                                              5      5      4      4        4

Fisica                                                                  2      2      3      3        3

Laboratorio propedeutico alle Scienze matematiche, fisiche e naturali   1      1

Scienze Naturali, Biologia,Chimica, Scienze della terra                 2      2      3      3        3

Storia dell’arte e Disegno                                              2      2      2      2        2

Scienze motorie e sportive                                              2      2      2      2        2

Religione cattolica (per Studenti che si avvalgono dell’insegnamento)   1      1      1      1        1



Totale ore sett.                                                        30    30     30     30        30




                                                                                                  6
MATERIE D’INSEGNAMENTO ED ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO
   SPERIMENTALE P.N.I. – PIANO NAZIONALE DI INFORMATICA
  (ATTUALI CLASSI SECONDA, TERZA E QUARTA CHE ABBIANO
   SCELTO QUESTO INDIRIZZO, ABOLITO DAL PRESENTE A.S. )


      MATERIE DI                                            ORARIO
    INSEGNAMENTO                                         SETTIMANALE
                  Anno di corso                          I^        II^      III^      IV^        V^

Lingua e Lettere Italiane                                 4         4         4         3         4
Lingua e Lettere Latine                                   4         5         4         4         3
Lingua e Lettere Straniere                                3         4         3         3         4
Storia ed Educazione Civica                               3         2         2         2         3
Geografia                                                 2         -         -         -         -
Filosofia                                                 -         -         2         3         3
Scienze Naturali, Chimica, Geografia Astronomica          -         2         3         3         2
Fisica                                                    3         3         3         3         3
Matematica                                                5         5         5         5         5
Storia dell’Arte e Disegno                                2         2         2         2         2
Religione                                                 1         1         1         1         1
Educazione Fisica                                         2         2         2         2         2
Totale                                                   29        30        31        31        32


    SPERIMENTAZIONE PARZIALE COORDINATA – MATEMETICA E FISICA P.N.I.
                          BIENNIO/TRIENNIO


MATEMATICA: il programma di matematica del pni prevede sia l’uso di tecniche proprie
dell’informatica per la risoluzione di problemi matematici, sia lo studio di alcuni argomenti di
matematica moderna che si rivela molto utile nel proseguimento degli studi, senza l’aumento di ore
settimanali nel primo anno. Nel triennio, poi, saranno svolti alcuni argomenti trattati nei primi due
anni delle facoltà scientifiche che, pur richiedendo un maggior impegno, consentiranno agli alunni
di affrontare i corsi universitari con maggiore consapevolezza legata ad una più solida preparazione.
Infine, l’approccio all’informatica offre agli studenti la possibilità di comprendere meglio i concetti
fondamentali sviluppando le loro capacità logiche.

FISICA: Il programma sperimentale di Fisica al biennio prosegue in parte lo studio delle scienze
iniziato nella scuola media.

   Prevede un orario più impegnativo, ma senza superare quello della scuola dell’obbligo.
   Dedica un consistente numero di ore al laboratorio e questo aiuta gli allievi ad assimilare
    gradualmente la materia e ad affrontare più facilmente nel triennio lo studio teorico dei concetti
    già acquisiti a livello sperimentale.
   L’uso del laboratorio di Informatica dà la possibilità di elaborare subito i dati sperimentali e

                                                                                                      7
      visualizzare, con grafici e diagrammi, le leggi fisiche.
     La stampa di tutto il materiale dà poi la possibilità di una rielaborazione individuale dei dati
      sperimentali.


                              I CONTATTI SUL WEB
Sito del Liceo:         www.galilei.siena.it

Preside:                www.presidegalilei.it
                        www.antoniovannini.it
                        antonio.vannini@istruzione.it

Segreteria:             segreteria.galilei@libero.it


                     I CONTATTI CON LE PERSONE
                                      Dirigente Scolastico
                                   Preside Prof. Antonio Vannini
    (riceve senza appuntamento al mattino: potete accertare la sua presenza con una telefonata; se non
        reperibile o disponibile sul momento, si è messi comunque in contatto con lui per telefono)

                                       I Docenti del Liceo




                                                                                                         8
COLLABORATORI del PRESIDE

 Prof.ssa Antonella Lamioni
     Prof.ssa Maria Pratelli
Prof.ssa Maria Grazia Simoncini
     Prof. Sergio Valentini.




 FUNZIONI STRUMENTALI
                                  9
                  FUNZIONE                       NOMINATIVO
                  1. controllo POF
                                                 Prof. Roberto Monaci
                  2. Gestione e sviluppo del
                     patrimonio              Prof. Sergio Valentini
                     informatico,
                     progettazione dei
                     finanziamenti
                  3. Educazione alla salute
                     e ambiente              Prof.ssa Stefania Satta
                  4. Coordinamento/utilizzo
                     Biblioteca              Prof. Eugenio Gualandi

                  5. Continuità/dispersione/ Prof.ssa Maria Grazia Simoncini
                  orientamento




         -   L’UFFICIO DI SEGRETERIA PER I SERVIZI GENERALI E
                             AMMINISTRATIVI –
                    Si accede per l’intera mattinata: rivolgersi in prima istanza al
                                        bancone al primo piano


                                              Direttore:
                                      Dr.ssa Mariaconcetta Gintoli



                                         Assistenti Amministrativi

Mariella Cappelletti (Protocollo, visite, viaggi e mobilità studentesca)
Marilena Rovetini (Didattica e Alunni)
Paola Valli (Didattica e Alunni)
Simone Palazzi (Registrazioni alunni, corrispondenza)
Rosita Banducci (Contabilità e Personale)
Benedetta Castagnini (Contabilità e Personale)

Assistente tecnico: Giuliano Bartolommei




                           I servizi di custodia, portineria e accoglienza

                                            Collaboratori
                                        Scolastici
                                                                                       10
Piano Uffici e “front office”
Luciana Lardori
Portineria
Marzia Gorini
Teresa Scerra
Piani sottostanti
Annina Ciniglia
Alessandro Rosi
Ala “ Bandini 1”
Domenico Caligiuri
Ala “ Bandini 2 ”
Rosanna Rossi



                ATTREZZATURE, LABORATORI, AULE SPECIALI
PALESTRE
Due palestre, complete di adeguate attrezzature ginnico sportive ed impianto docce.

LABORATORIO DI FISICA
Attrezzato con apparecchi per la realizzazione di esperienze di Fisica per le cinque classi e impianto
di proiezione per audiovisivi e documentari specifici. Completamente ammodernato e ristrutturato
nel 2009.
N° 3 AULE DI INFORMATICA

LABORATORIO DI SCIENZE
Attrezzato per dimostrazioni e semplici esperienze di biologia. Attrezzato con microscopi.
Completamente ammodernato e ristrutturato nel 2009.

LABORATORIO DI CHIMICA
Attrezzato per esperienze dimostrative e lavori di gruppo. Completamente ammodernato e
ristrutturato nel 2009.

AULA SPECIALE DI CHIMICA
Per particolari esperienze da svolgere in sicurezza. Allestimento definitivo.

LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE

SALA PROIEZIONE E CONFERENZE
- N° 90 posti
- Antico Proiettore per “pizze” 16 mm. professionale
- Videoproiettore per grande schermo.

n. 2 AULE DA DISEGNO

LABORATORIO DI STORIA

AULA MAGNA
- 300 posti seduti.

                                                                                                   11
BIBLIOTECA
- n. 14.000 testi librari e collane di periodici.

                         - ORARIO -ENTRATA ED USCITA ALUNNI -

                                     ORARIO ANTIMERIDIANO
   INIZIO lezioni ore 8.20                                      TERMINE lezioni ore 12.20/13.20


Gli studenti possono entrare nei locali scolastici fin dalle 7.40, pur non vigilati dal personale della
scuola, dato l’evidente maggior pericolo derivante dal traffico stradale nella via antistante l’edificio.
Intervallo di ricreazione dalle 10.15 alle 10.25.
Orario particolare per le classi (SOLO PNI) con orario settimanale di 31 ore (senza rientri
pomeridiani per l’ed. fisica)

MARTEDI
(orario di 31 ore)
1^ora               8,05
2^ora               9,00
3^ora               9,50
INTERVALLO 10,40/10,50
4^ora              10,50
5^ora              11,40
6^ora              12,30


SOLO INDIRIZZO PNI: Un pomeriggio al mese NOVEMBRE – DICEMBRE – FEBBRAIO –
MARZO – APRILE – MAGGIO lezioni pomeridiane dalle ore 14,00 alle ore 16,00 per recupero
flessibilità oraria.


                                  DOCENTE COORDINATORE
   Per ogni classe è designato un Docente Coordinatore che assume i seguenti compiti:

   - è a disposizione nell'ora di ricevimento per conversare con Studenti e Famiglie circa i
problemi di apprendimento degli Allievi e può farsi tramite di suggerimenti e richieste presso i
Colleghi della classe;
   - è a disposizione per raccogliere dubbi e richieste di dialogo e di consiglio da parte degli
Allievi, con l'obbligo della assoluta riservatezza;
   - segnala con la dovuta riservatezza al Preside ogni situazione di disagio scolastico e personale
degli Allievi e fornisce allo stesso un proprio parere sui metodi di intervento volti ad agire sulle
cause di disagio o ad istruire provvedimenti straordinari nei confronti degli Allievi;
   - segnala alla Presidenza o direttamente alle Famiglie ritardi ripetuti o artificiosi, assenze
ingiustificate o comportamenti contrari alla disciplina scolastica;
   - segue ogni iniziativa di accoglienza nelle classi iniziali;
   - istruisce in collaborazione con il Preside il documento del Consiglio di Classe;
   - presiede le riunioni del Consiglio di Classe (esclusi gli scrutini) in caso di assenza o
impedimento del Dirigente Scolastico;
   - cura gli adempimenti di cui al protocollo di accoglienza degli alunni stranieri;



                                                                                                       12
   - in casi straordinari di assoluto impedimento del Dirigente o di chi possa sostituirlo secondo la
normativa vigente, presiede le riunioni di scrutinio, avvalendosi, se lo ritenga necessario, della
collaborazione di un Assistente Amministrativo per la gestione del sistema informatico.

                       CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE

                        Criteri generali per la verifica e la valutazione.
  1)     Si effettueranno almeno tre prove scritte a quadrimestre per le materie con valutazione
         degli scritti, salvo diversa programmazione per materia e/o diversa tipologia.
   Le prove scritte vengono corrette secondo criteri presentati agli studenti precedentemente, anche
in forma generale all’inizio dell’anno.
   Le prove scritte vengono corrette con annotazioni chiare. Possono essere usati segni
convenzionali solo se spiegati precedentemente alla classe. Saranno comunque evitate simbologie
eccessivamente meccaniche o inutilmente artificiose.
   Le prove scritte vengono ripresentate alla classe, corrette e valutate, in un tempo congruo dalla
effettuazione.

   2) Al termine di ogni verifica orale il docente commenterà sinteticamente quanto esposto
dall'allievo, comunicando l’esito in decimi. Tale esito può essere anche riassuntivo di prove scandite
nel tempo.
   La conduzione del colloquio non dovrà tendere a far approdare l'allievo a risposte
predeterminate, ma a valutare le sue capacità di approccio alla materia e l'abilità conseguita di
sistemare le nozioni in un contesto disciplinare.

   3) Le eventuali prove d'ingresso sono valutate come tali e non come prove di verifica ai fini della
valutazione quadrimestrale.

  4) Sarà cura dei docenti evitare eccessiva concentrazione di prove scritte e orali.

   5) Le verifiche scritte ed orali, nelle loro varie modalità potranno avvenire, a seconda del
giudizio e della convinzione metodologica del singolo docente, in modo continuativo e distribuito in
tutto l’arco del quadrimestre, oppure alla conclusione di un argomento, di un modulo o di una unità
didattica. Gli allievi dovranno in ogni caso aver chiara la logica necessità della verifica e la
motivazione della scelta temporale.

   6) I colloqui possono essere integrati da prove strutturate o semistrutturate che concorrono alla
votazione orale.




                                                                                                   13
          CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DELLA VALUTAZIONE NUMERICA
                             DELLE VERIFICHE.


                     GIUDIZIO DI PROFITTO                                  VALORE DI    VOTO
                                                                          PROFITTO


   Sono state verificate: conoscenza completa della materia, capacità
di rielaborare i contenuti, di operare collegamenti, di organizzare         OTTIMO       9-10
autonomamente le conoscenze in situazioni nuove, di operare analisi
e sintesi.


   Sono state verificate: conoscenza completa della materia, capacità
di rielaborazione personale dei contenuti e capacità di operare              BUONO              8
collegamenti e di applicare contenuti e procedure.


   La preparazione è al di sopra di una solida sufficienza. Lo
studente conosce e comprende analiticamente i contenuti e le               DISCRETO             7
procedure proposte.


   La preparazione è sufficiente. E' stata verificata l'acquisizione
delle nozioni che consentono allo studente di evidenziare alcune          SUFFICIENTE           6
abilità disciplinari sebbene non risultino adeguatamente approfonditi
i contenuti.


   La preparazione è insufficiente. E' stata verificata una conoscenza     MEDIOCRE             5
frammentaria e superficiale dei contenuti.


  La preparazione è gravemente insufficiente. E' stata verificata una
conoscenza lacunosa degli argomenti di base e della struttura della         SCARSO              4
materia. Lo studente stenta a conseguire anche gli obiettivi minimi.


   La preparazione è assolutamente insufficiente. Lo studente non
conosce gli argomenti proposti e non ha conseguito nessuna delle         MOLTO SCARSO           3
abilità richieste.


   Lo studente rifiuta di sottoporsi a valutazione, consegnando prove         NON               1-2
scritte in bianco o non rispondendo a domande poste oralmente,           VERIFICABILE
senza giustificare il proprio rifiuto.

   Le assenze dello studente non consentono una valutazione                   NON
attendibile. Le assenze non sono imputabili a motivi di salute né a      CLASSIFICATO
cause di disagio o svantaggio obiettivo o soggettivo.


                                                                                               14
CRITERI PER LA CONDUZIONE DELLO SCRUTINIO FINALE
    -        Al fine di assicurare omogeneità di comportamento nei singoli Consigli di Classe, si
ricorrerà all’applicazione di categorie di giudizio esclusivamente riferite a criteri educativi e
didattici, in relazione agli obiettivi disciplinari previsti per le singole discipline.
    -        Sarà scrupolosamente evitato il ricorso alla determinazione di quantitativi minimi di
materie con voto di sufficienza per procedere alla sospensione del giudizio, nella convinzione
che il servizio scolastico svolge prioritariamente una funzione educativa rivolta al
conseguimento della formazione di ogni cittadino rimuovendo gli ostacoli peculiari ed
individuali posti allo sviluppo delle singole personalità. Nessuna insufficienza può pertanto, di
per sé e senza adeguata motivazione, essere ignorata.
    -        I parametri valutativi sono quelli previsti dalla tabella sui livelli di profitto.
    -        Potrà ammettersi il riferimento ad obiettive e circostanziabili motivazioni educative
riferite alla crescita intellettuale e morale dell’Allievo, affinchè il Consiglio, in piena autonomia
di coscienza e di giudizio, possa valutare le insufficienze, senza che la decisione individuale
determini ipso facto una condizione di indiscriminato livellamento degli altri giudizi.
    -        Sarà discriminante per la sospensione del giudizio in presenza di non gravi
insufficienze, la motivazione concernente la concreta possibilità di recupero affidata al lavoro
estivo personale dell’Allievo, coadiuvato e favorito dalle iniziative di didattica integrativa di cui
al paragrafo sul recupero dei debiti, eventualmente impostato secondo le indicazioni fornite a
fine anno dai Docenti: al fine di prendere questa decisione, si penderà in considerazione la
capacità mostrata dall’Allievo nella organizzazione autonoma del lavoro e nella profusione
dell’impegno individuale durante l’anno.
    -        L’omogeneità della organizzazione dei lavori di scrutinio dovrà essere assicurata
dalla diligenza del Dirigente Scolastico, che garantirà con la sua presenza adeguati spazi di
riflessione e di dibattito ad ogni caso che si presenti come problematico, nell’ambito dello
spazio temporale previsto all’interno di ogni Consiglio, impiegabile pienamente grazie alle
procedure informatizzate di registrazione dei voti. Lo spazio temporale è compreso comunque
all’interno dei giorni lavorativi tra l’ultima giornata di lezione e il terzo (o, in casi eccezionali, il
secondo giorno) precedente la seduta preliminare degli esami finali di Stato. In caso di assenza o
impedimento del Dirigente e qualora in ogni caso il Consiglio, straordinariamente, dovesse
essere presieduto da un Docente delegato, tale Docente avrà cura di coordinare la sua opera con
gli altri Docenti sui quali graverà lo stesso compito.
    -        La riflessione e il dibattito di cui al capoverso precedente sono dedicati
prevalentemente alla disamina delle situazioni di non grave insufficienza o di insufficienze che
comunque siano considerate recuperabili con il lavoro estivo. Il verbale dello scrutinio riporterà
in forma schematica le motivazioni della promozione quando deliberata pur in presenza di
insufficienze. In caso di ammissione alla classe successiva per raggiunto livello di sufficienza in
tutte le materie, o di non ammissione alla classe successiva a causa di una o più gravi
insufficienze, il verbale riporterà la mera presa d’atto di tale situazione, a meno che non si voglia
aggiungere particolari elementi di giudizio ai fini formativi. La motivazione di tali delibere è in
tal caso affidata alla motivazione dei voti delle singole discipline, di cui il Consiglio può
chiedere conto, in sede di scrutinio, al Docente interessato.
    -        Gli studenti segnalati appositamente dal consiglio di Classe sono obbligati alla
partecipazione agli interventi didattici integrativi eventualmente programmati, fatta salva la
possibilità di provvedere privatamente da parte della famiglia al recupero, nei modi previsti dalla
norma.
    -        Qualora il Consiglio di Classe nella sua autonoma valutazione lo ritenga opportuno,
si potrà non ammettere alla classe successiva un allievo che presenti una grave insufficienza
anche in una sola disciplina, ove si ritenga che l’atteggiamento verso l’attività didattico-
educativa sia stato negativo e non si sia verificato alcun tentativo di recupero né alcuno scarto
                                                                                                      15
   formativo dalla situazione iniziale.

   MOTIVAZIONE DELLE PROPOSTE DI VOTO.

   Le proposte di voto, di esclusiva pertinenza dei Docenti della materia, se positive o non decisive
per la non promozione o l’attribuzione del debito, possono essere motivate esclusivamente dalla
presenza dei resoconti sul profitto nel registro personale del Docente. Se negative, nel caso in cui si
traducano in una non promozione od in un debito formativo, saranno accompagnate da sintetica e chiara
motivazione, con rapido riferimento anche al livello di partenza e ai tentativi di recupero avvenuti.


   PUBBLICAZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI

   Allo scopo di adempiere all’obbligo della comunicazione del risultato finale prima della
pubblicazione generale degli scrutini, e tenuto conto della esperienza di pubblicazione sul web delle
valutazioni periodiche e finali, sarà seguita la seguente modalità. Le valutazioni finali saranno
pubblicate sul sito internet del dirigente due giorni prima della pubblicazione all’albo. Poiché la
pubblicazione è riservata (avviene su area accessibile tramite password personale), ogni alunno
interessato e/o l’esercente la potestà parentale avranno agio di scegliere la modalità di
apprendimento diretto o mediato del risultato, sulla base della propria emotività. Qualora un alunno
o gli esercenti la potestà non abbiano la possibilità di accedere ad internet o comunque optino per
una comunicazione cartacea, potranno richiedere la scheda dei risultati finali in segreteria in forma
riservata nei due giorni precedenti la pubblicazione degli scrutini all’albo.


   ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA

   Il voto di condotta è attribuito dal Consiglio di Classe con l’osservazione dei seguenti indicatori:

1) regolarità della frequenza e puntualità (ritardi e assenze ripetuti e non giustificati con adeguata
documentazione inficiano tale regolarità)
2) impegno, partecipazione ed attenzione durante le ore di lezione
3) comportamento decoroso nei corridoi anche durante l’intervallo
4) comportamento corretto con gli altri alunni e con tutto il personale della scuola
5) espressione verbale con linguaggio corretto e non volgare
6) conferimento di sanzioni disciplinari
7) comportamento consono all’attività educativa durante visite, viaggi e scambi e attività sportiva
8) rispetto dell’ambiente e abbigliamento decoroso

Il Consiglio di Classe attribuisce il voto tenendo conto dei punti precedenti, senza ordine di
importanza e non sulla base di livelli quantificati, ma in modo discrezionale.



            RIPARTIZIONI DELL’ANNO SCOLASTICO AI FINI
                          VALUTATIVI
   Tutte le classi dell’Istituto adottano la suddivisione in quadrimestri, con la seguente motivazione:
considerata la consolidata esperienza, si ritiene che la suddivisione in quadrimestri offra maggiori
possibilità per l'effettuazione di unità o moduli programmatici di varia lunghezza, solo al termine
dei quali (e non secondo troppo ravvicinate scadenze eteronome rispetto alla programmazione
disciplinare) effettuare le valutazioni di rito.

                                                                                                         16
   La comunicazione dei voti all’interno del quadrimestre è garantita dalla prassi innovativa della
pubblicazione riservata dei voti selle singole valutazioni durante l’intero arco del quadrimestre, in
tempi congrui rispetto alla effettuazione della valutazione stessa. Anche assenze e ritardi vengono
comunicati in tempi congrui alle famiglie tramite web.


                    PROVE PRELIMINARI ESAMI DI STATO
   Le prove preliminari degli esami di Stato per Candidati esterni avvengono entro il mese di
maggio. I Consigli di Classe potranno articolarsi in sottocommissioni, poichè l’esame preliminare,
per sua natura, tende ad accertamenti disciplinari mirati al contenuto e alla sussistenza di
competenze su singole materie o parti di materie.



                RECUPERO CARENZE E DEBITI FORMATIVI
   Recenti innovazioni normative introducono nuovi obblighi per la scuola e nuove scadenze per gli
Allievi e impongono l’individuazione delle carenze, prima ancora che esse si trasformino in debiti
formativi. D’altra parte la possibilità di un recupero del debito è concentrata nel solo periodo estivo.
   Si prevede pertanto la seguente sequela.
   Carenze.
   In sede di scrutinio quadrimestrale si rilevano le carenze. Esse vengono segnalate nella normale
comunicazione dei voti che segue lo scrutinio. Ogni Docente fornisce una descrizione delle carenze
e del lavoro di recupero consigliato in modo sintetico e adoperando la possibilità di inserire note nei
moduli della comunicazione quadrimestrale dei voti, visibili sul web e consegnati agli allievi in
cartaceo. La nota comprende anche un sintetico riferimento al tipo di recupero consigliato. A marzo
e comunque entro la metà di aprile nella comunicazione dei voti comparirà anche l’avvenuto (o
meno) recupero della carenza.
   Debiti Formativi.
   In sede di scrutinio finale vengono rilevati e deliberati gli eventuali debiti formativi. Essi
vengono segnalati nella normale comunicazione dei voti che segue lo scrutinio. Ogni Docente
fornisce una descrizione delle carenze e del lavoro di recupero consigliato in modo sintetico e
adoperando la possibilità di inserire note nei moduli della comunicazione finale dei voti, visibili sul
web e consegnati agli allievi in cartaceo, solo su richiesta dell’interessato. La nota comprende anche
un sintetico riferimento al tipo di recupero consigliato.

  Modalità degli interventi di recupero dei debiti
  Corsi di recupero di durata da 10 a 15 ore affidati ai Docenti interni all’Istituto, se disponibili, o a
Docenti esterni in possesso dei requisiti per l’insegnamento della materia.

   MODALITA’ DELLA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO

   Al fine di favorire, ove possibile, il lavoro di recupero in maniera “mirata”, la sospensione del
giudizio può avvenire:
   a) sull’intera programmazione annuale, effettivamente svolta, della materia e su tutte la abilità
       richieste;
   b) su una delle abilità generali da raggiungere (scritta, orale o pratica);
   c) su un segmento determinato della programmazione dei contenuti.

   Il docente della materia indicherà in sede di scrutinio una delle modalità sopra esposte. In caso di
   modalità di cui alle lettere “b” e “c”, indicherà anche la prova di verifica da sostenere e/o il
   segmento di programmazione dei contenuti da recuperare.
                                                                                                       17
     CASI PARTICOLARI DI EDUCAZIONE PERSONALIZZATA

    ALUNNI CON FORTE DISAGIO.
    Nei confronti di Alunni in situazione di particolare disagio personale, familiare o sociale,
obiettivamente rilevato, tale da impedire obiettivamente un apprendimento attuato tramite gli
standard formativi dell’Istituto, ove non ricorrano le condizioni per procedere ad una istruzione
individualizzata in attuazione della legge 104/1992, il Consiglio di Classe, in accordo con la
Famiglia e con gli Operatori in campo psicologico o neuropsichiatrico o sociale, può progettare un
piano di studi personalizzato che preveda l’adozione di uno o più dei seguenti criteri:
    - istituzione di un portfolio delle competenze e delle capacità, in totale o parziale sostituzione
della valutazione normale. In tal caso i voti finali potranno essere assegnati anche su un numero
molto ridotto di materie, mentre per le altre potrà essere registrato un credito da far valere l’anno
successivo nella classe che il Consiglio di Classe deciderà di far frequentare all’Allievo; in ogni
caso, prima dell’ammissione all’ultima classe, ogni obiettivo disciplinare dovrà essere stato
raggiunto, se pur a prescindere dalla ordinaria scansione temporale;
    - assegnazione di ore di tutoraggio da effettuare sia nella forma di copresenza con il Docente
titolare della materia sia nella modalità del recupero o del sostegno allo studio individuale, anche
pomeridiano, soprattutto nelle materie in cui si è considerato un credito;
    - preparazione procrastinata agli esami, con le valutazioni per l’ammissione ottenute tramite
accrediti di anni diversi nei vari ambiti disciplinari.

 ISTRUZIONE DOMICILIARE

 REFERENTE :Prof.ssa Maria Stella Damiani

  Sulla base di quanto contenuto nella C.M.84/02 MPI che prevede l’istituzione del servizio
scolastico domiciliare per alunni ammalati, rientrati al proprio domicilio dopo degenza
ospedaliera e non in grado di riprendere l’ordinaria frequenza scolastica per almeno 30gg, è
dato attivare, su richiesta della famiglia, una specifica procedura, riferita ad alunni iscritti che
si trovino nella suddetta situazione.

  Per la realizzazione di tale progetto possono essere coinvolti vari soggetti, fra i quali oltre
alla scuola e alla famiglia, i docenti appartenenti al consiglio di classe, volontari, centri di
riabilitazione.

  Per ogni intervento viene redatto un piano d’intervento personalizzato che specifica tempi e
metodi di valutazione.
  In sede di scrutinio finale, la proposta di voto può fondarsi su modalità di valutazione
alternative purchè equivalenti nelle possibilità di sondare l’effettivo raggiungimento degli
obiettivi della classe.
  Le prove di valutazione possono svolgersi presso il domicilio dell’alunno.



PROTOCOLLO D’ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

Commissione Accoglienza Intercultura
Dirigente scolastico Prof. Antonio Vannini
Prof.ssa Maria Grazia Simoncini
Prof.ssa Nadia Maggi
Prof.ssa Stefania Satta
Ass.Amm.vo Sig.ra Marilena Rovetini
                                                                                                       18
FINALITA’
     1. Definizioni pratiche condivise in tema di accoglienza degli alunni stranieri
     2. Facilitazione dell’inserimento e orientamento degli alunni stranieri
     3. Sviluppo di un adeguato clima di accoglienza
     4. Aggiornamento docenti relativamente all’insegnamento dell’italiano L2
     5. Utilizzazione di testi facilitati per stranieri, attinenti la programmazione curriculare
CONTENUTI
Il protocollo d’accoglienza:
     1. Contiene criteri ed indicazioni relative alla procedura di iscrizione ed inserimento nelle
         classi degli alunni stranieri
     2. Definisce le fasi e le modalità dell’accoglienza, attribuendo compiti e ruoli degli operatori
         scolastici e di coloro che partecipano a tale processo
     3. Propone modalità di intervento per l’apprendimento della lingua italiana e dei contenuti
         curriculari
LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA-INTERCULTURA (CAI)
La commissione accoglienza-intercultura è formata da:
      Dirigente scolastico
      Docente/i referenti per gli alunni stranieri
      Personale di segreteria
La CAI è aperta alla collaborazione degli studenti stranieri che possano assistere i compagni neo-
arrivati della propria nazionalità nel processo di inserimento, facilitando i contatti con lui e con la
sua famiglia grazie alla conoscenza della lingua di origine. Per gli studenti-tutor sarà prevista
l’attribuzione di crediti scolastici aggiuntivi.
La CAI deve:
     1. seguire le fasi dell’inserimento dello studente straniero
     2. progettare le attività destinate agli studenti stranieri
     3. individuare i materiali per l’apprendimento dell’italiana L2
I membri della CAI possono partecipare a Corsi di Aggiornamento e si rendono disponibili in
qualità di consulenti e/o formatori interni per gli altri docenti.

PROCEDURE
FASE 1          ISCRIZIONE
Cosa consegnare
    1. Modulistica bilingue (ove disponibile)
    2. Materiale informativo sulla scuola Italiana nella lingua del paese di provenienza (se resa in
        futuro disponibile)
    3. Calendario scolastico
    4. Modulo per l’insegnamento della religione cattolica o dell’attività alternativa
Cosa chiedere
    1. Autocertificazione dei dati anagrafici
    2. Documenti sanitari attestanti le vaccinazioni fatte
    3. Certificato attestante la classe e la scuola frequentata nel Paese d’origini (tradotto)
    4. Informazioni riguardanti la scuola frequentata nel Paese d’origine (se disponibili)
L’addetto della segreteria facente parte della CAI, invita i genitori ad un immediato colloquio con il
Preside. Potranno poi aver luogo colloqui con i genitori ed il ragazzo condotti da un docente della
commissione accoglienza-intercultura coadiuvato, eventualmente, da un mediatore linguistico, o da
uno degli studenti-tutor.
La segreteria terrà un apposito elenco di alunni stranieri e lo aggiornerà in base alle nuove iscrizioni.
FASE 2 PRIMA ACCOGLIENZA
Colloquio con lo studente e con i genitori
Finalità del colloquio
Fornire:
                                                                                                      19
     informazioni sul sistema scolastico italiano in generale
     informazioni sul funzionamento dell’Istituto
     informazioni sulle strutture del territorio che offrono servizi agli stranieri
Facilitare:
     la compilazione dei moduli di iscrizione
Raccogliere:
     informazioni relative al sistema scolastico del paese d’origine e sul percorso scolastico dello
        studente
     informazioni sul livello di conoscenza dell’italiano (somministrando al neo arrivato un test
        – composto da una parte scritta ed una parte orale)
Alla luce di quanto emerso nel corso del colloquio sarà compilata una SCHEDA DI
RILEVAZIONE DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA, relative alle abilità linguistiche di
comunicazione in L2 e alle difficoltà presenti per l’inserimento nella scuola italiana.
FASE 3          ACCOGLIMENTO DELLA DOMANDA
     Alunni stranieri in possesso di regolare licenza media conseguita in Italia
    Per gli studenti che hanno frequentato solo parzialmente la scuola in Italia, ma con regolare
    attestato di licenza media, si richiede la compilazione, a cura della scuola di provenienza, della
    scheda di passaggio Scuola Media-Scuola Superiore.
    Le informazioni in essa contenute saranno utilizzate per l’inserimento nelle classi prime e per
    l’eventuale riduzione curriculare ed inserimento nei moduli aggiuntivi di insegnamento
    dell’italiano L2, finalizzato all’acquisizione delle competenze linguistiche sia per comunicare
    sia per studiare
     Casi particolari
    Nel caso in cui la domanda di iscrizione pervenga ad anno scolastico già avviato, ai sensi
    dell’art. 45 del D.P.R. 394 del 31 agosto 1999, si sottopone immediatamente lo studente a test di
    ingresso finalizzato all’accertamento del possesso dei prerequisiti minimi necessari per
    affrontare il corso di studio della classe in cui l’alunno sarà inserito. Alla luce di tale
    accertamento, la CAI individuerà la classe in cui lo studente sarà inserito, la riduzione
    curriculare e l’inserimento nei moduli aggiuntivi di insegnamento dell’italiano L2 finalizzata
    all’acquisizione delle competenze linguistiche per comunicare.
    FASE 4 DETERMINAZIONE DELLA CLASSE
    Proposta di assegnazione alla classe
    Per gli studenti stranieri ricadenti nei casi particolari (di cui alla fase 3), la classe e la sezione di
    inserimento saranno stabiliti dal Dirigente Scolastico su indicazione della CAI sulla base di
    quanto emerso dal colloquio e dal test e in base ai seguenti parametri (riferibili all’art.45 D.P.R.
    394/99):
        1. Età anagrafica
        2. Scolarità pregressa e sistema scolastico del Paese d’Origine
        3. inserimento in classi dove sia possibile l’instaurarsi di rapporti significativi con i nuovi
             compagni
        4. Abilità e competenze rilevate durante il colloquio
        5. Riduzione del rischio di dispersione scolastica
Per la scelta della sezione la CAI valuterà tutte le informazioni utili sulla classe e sceglierà in
un’ottica che superi il criterio numerico e miri alla situazione ottimale per il neo-arrivato e per la
classe. Inoltre, per la scelta della sezione, si considereranno i seguenti elementi:
                  Presenza nella classe di alunni stranieri provenienti dallo stesso Paese
                  Criteri di valutazione della complessità della classe (disagio, handicap,
                     dispersione)
                  Ripartizione degli alunni stranieri nelle classi al fine di evitare la costituzione di
                     classi-ghetto
L’inserimento avviene, ove non si registrino palesi difficoltà linguistiche o comunque forti ostacoli
alla comunicazione:

                                                                                                          20
       Nella classe successiva a quella frequentata con successo nel proprio Paese
       Nella classe corrispondente all’età anagrafica, per evitare un disagio ulteriore che potrebbe
        preludere alla dispersione
CASI PARTICOLARI
Inserimento ad anno scolastico già iniziato e/o in presenza di un corso di studi molto differenziato:
     Prolungare il periodo di osservazione
     Somministrazione immediata del test di ingresso (scritto e orale)
     Possibilità di inserimento in classi inferiori rispetto a quella dell’età anagrafica
     Coinvolgimento della famiglia (eventualmente supportata da un mediatore linguistico-
        culturale) nelle scelte da effettuarsi
FASE 5          INSERIMENTO, FACILITAZIONE, INTEGRAZIONE
Il Consiglio di Classe si riunisce in seduta straordinaria solo nel caso in cui l’applicazione del
presente protocollo presenti obiettive difficoltà , dopo aver ricevuto:
    1. copia del titolo di studio e/o del corso di studi seguiti dall’alunno nel Paese d’origine con le
        indicazioni delle materie di studio
    2. scheda introduttiva di rilevazione della situazione iniziale, relativa alle abilità linguistiche
    3. fac-simile per eventuale richiesta di mediatore culturale.
Ove non si ravveda la necessità di una seduta straordinaria, la documentazione di cui sopra è
custodita dal Docente coordinatore, che la tiene a disposizione dei colleghi.
Nel corso del Consiglio di Classe straordinario o della prima riunione utile si provvede:
             ad informare tutti i docenti del nuovo inserimento
             a fornire informazioni dettagliate in merito al percorso di studi realizzato dallo
                studente straniero e alle competenze linguistiche conseguite
             ad individuare criteri di programmazione, verifica e valutazione personalizzati
             ad escludere dal curricolo di classi precedenti l’ultima alcune discipline sostituendole
                con moduli di italiano L2 per comunicare o per studiare
             a nominare un tutor (generalmente il coordinatore di classe) che svolga il ruolo di
                mediazione tra il Consiglio di Classe, lo studente e la famiglia
             ad individuare uno studente-tutor
Verranno elaborati piani di studio personalizzati, individuando obiettivi mirati.
Quando sia possibile affrontare i contenuti delle discipline curricolari, dovranno essere selezionate
dai docenti che individueranno i nuclei tematici irrinunciabili e li semplificheranno per permettere il
raggiungimento degli obiettivi minimi.
Come si afferma nelle ‘Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri’ (marzo
2006) i programmi per i singoli alunni comportano un adattamento della valutazione.
In questo contesto che privilegia la valutazione formativa rispetto a quella ‘certificativa’ si prendono
in considerazione il percorso dell’alunno, i passi realizzati, gli obiettivi possibili, la motivazione e
l’impegno, e soprattutto, le potenzialità di apprendimento dimostrate”
Come previsto dalla normativa D.P.R. 394/99, la valutazione dell’alunno di recente immigrazione,
basata sull’adattamento del programma può essere sospesa (posticipata) nella fase iniziale (1°
quadrimestre) per alcuni ambiti disciplinari (D.P.R. 275/99).
Il voto di valutazione, in classi diverse da quella terminale, potrà non essere la semplice media delle
misurazioni rilevate, ma tenere conto del raggiungimento degli obiettivi trasversali, impegno,
partecipazione, progressione nell’apprendimento, e del superamento di eventuali condizioni di
disagio.
Alle classi con presenza di alunni stranieri saranno forniti materiali utili alla prima accoglienza. Si
raccoglieranno testi semplificati, esercitazioni e materiale fornito, di anno in anno, dai docenti che
vorranno mettere a disposizione della scuola i frutti del loro lavoro.
INDICAZIONI PER L’ACCOGLIENZA
Semplificazione dei libri di testo
I docenti potranno fornire agli studenti stranieri parti del testo semplificate, attinenti la
programmazione curriculare. La semplificazione terrà conto dei seguenti criteri:

                                                                                                     21
        Le informazioni devono essere ordinate in senso logico e cronologico
        Le frasi devono essere brevi (20-25 parole)
        Si devono usare solo frasi coordinate
        Si deve usare solo il vocabolario di base
        Si devono fornire spiegazioni scritte dei termini che non riguardano il vocabolario di base
        Si deve evitare l’uso dei pronomi
        Si deve rispettare l’ordine soggetto-verbo-oggetto
        I verbi devono essere utilizzati nei modi verbali finiti, nella forma attiva e prevalentemente
         al presente
      Si devono evitare le forme impersonali
Corsi di aggiornamento per docenti:
      Esterni Realizzati da agenzie esterne alla scuola e frequentati dai membri
                        della Commissione Accoglienza Intercultura ed eventualmente dai
                        docenti direttamente coinvolti nell’insegnamento della L2
      Interni Realizzati dai docenti facenti parte la commissione accoglienza a
                        vantaggio dei docenti interni della scuola
Laboratorio Italiano L2:
Verranno attivati se del caso corsi di italiano come L2 a vari livelli:
- prima alfabetizzazione (in orario curricolare per i primi 2 mesi dell’anno scolastico)
- livello intermedio/avanzato (in orario pomeridiano).
STUDENTI TUTOR
Se possibile, potranno essere individuati Studenti già inseriti nel Liceo che per le loro conoscenze
linguistiche possano coadiuvare i Docenti nell’accoglienza e nella comunicazione con gli Studenti
neo-arrivati.


        PROGETTO TUTELA AMBIENTE SCOLASTICO
    L’edificio scolastico richiede una cura particolare che integri la normale manutenzione a carico
dell’Ente Locale obbligato (Provincia di Siena). Tale cura è rivolta al duplice fine di mantenere
standard qualitativi di agibilità e decoro ai locali dove si svolge il servizio educativo e di conservare
le caratteristiche estetiche delle strutture architettoniche.
    Le azioni che fanno parte del progetto fanno capo alle seguenti tipologie:
        a)       pulizia e ritocco della tinta murale;
        b)       eliminazione di elementi grafici deturpanti pareti e suppellettili;
        c)       lavori di semplice quotidiano giardinaggio in limitate aree circostanti l’edificio;
        d)       modifiche funzionali nell’arredamento dei locali e mantenimento delle condizioni dei
    mobili e delle suppellettili;
        e)       ritocchi conservativi e migliorativi di mobili e suppellettili.
        Al progetto possono partecipare, come risorsa umana, in primo luogo i Collaboratori
    scolastici e l’Assistente tecnico. In casi particolari il personale docente e gli Allievi (in caso per
    esempio di destinazione a lavori utili alla comunità scolastica, oppure per spontanea
    disponibilità di una classe alla manutenzione del proprio ambiente).

       In particolare, nel presente a.s., potrà realizzarsi, a cura delle singole classi, la pulizia del
   passamano delle due scalinate, con successiva ricoloritura con vernici a acqua o trattamento del
   legno. Prevista la sorveglianza di un collaboratore scolastico.


       E’ prevista la pittura dell’aula “autogestita” da parte degli stessi studenti.



                                                                                                       22
    INFORMAZIONI FONDAMENTALI SULLA SICUREZZA A SCUOLA

1. La sicurezza è un bene di tutti. Agire con prudenza è la norma fondamentale per la prevenzione
   e la protezione contro i rischi.

2. Per agire con prudenza è necessario, da una parte conoscere tutti i possibili rischi, dall’altra tutte
   le corrispondenti misure di tutela e comportamentali.

3. L’attività scolastica in genere, in ogni spazio dell’edificio, in situazioni di normale diligenza,
   non comporta rischi per la sicurezza e la salute di studenti, docenti, non docenti e genitori.

4. L’utilizzazione prudente e corretta, nel rispetto nel rispetto di tutte le norme e i divieti, di
   strutture, attrezzature ed impianti è condizione fondamentale per la sicurezza di tutti.

5. Rispettare il divieto di fumare non è solo una disposizione di legge, ma anche una buona regola
   per la tutela della salute e per prevenire incendi.

6. Per la prevenzione del rischio di incendio è vietato accumulare all’interno della scuola rifiuti o
   materiali combustibili.

7. Le vie di fuga e le uscite di sicurezza devono essere sempre libere da ogni ostacolo o blocco.

8. Per evitare gli infortuni in palestra, nelle aule e negli spazi comuni, interni ed esterni della
   scuola, soprattutto durante gli spostamenti ed il cambio delle lezioni, è buona regola non correre,
   non spingere, specie se si è in prossimità delle scale; docenti o non docenti, anche se non
   direttamente impegnati nella vigilanza, sono tenuti, in spirito di collaborazione, a segnalare al
   Preside comportamenti a rischio da parte delle/degli alunne/i.

9. Chiunque sia a conoscenza di situazioni a rischio o di pericolo, è tenuto conto, con spirito di
   solidarietà e collaborazione, ad intervenire ed a riferire al Preside.

10. Tutte le persone hanno l’obbligo di conoscere e rispettare le norme del Piano di Sicurezza
    depositato presso la Segreteria

11. L’organizzazione del Piano di Sicurezza è volta a migliorare la sicurezza e la salute dio tutte le
    persone che partecipano all’attività scolastiche, in particolar modo di tutti gli studenti durante la
    loro permanenza a scuola.

12. A tal fine, in base alla vigente normativa, è stato elaborato un documento sulla sicurezza che
    stabilisce le norme da attuare in caso di pericoli accidentali o di calamità naturali e istituisce un
    servizio di prevenzione e protezione.

13. Nessuna attività di educazione fisica o sportiva può essere svolta senza la presenza del docente
    responsabile. Gli allievi d’altra parte, dovrebbero eseguire solo esercizi indicati dal docente, nel
    rispetto delle istruzioni del caso. Durante l’attività di educazione fisica, ai fini della sicurezza,
    gli allievi sono equiparati ai lavoratori ed hanno l’obbligo sia di rispettare sempre le istruzioni
    impartite dal docente all’interno e all’esterno degli impianti sportivi e nell’uso degli attrezzi, sia
    di sottoporsi alle visite mediche per la partecipazione all’attività agonistica.



                                                                                                       23
14. Le attività dei laboratori non presentano particolari rischi. Il laboratorio di fisica, il laboratorio
    linguistico ed il laboratorio multimediale possono essere utilizzati solo in presenza di un docente
    responsabile. Non sono possibili eccezioni a questa regola fondamentale per la sicurezza di tutti.

15. Agli studenti ed al personale senza esperienza è assolutamente vietato tentare di risolvere
    “problemi” legati a disfunzioni dell’impianto elettrico.

16. L’uso dei monitor, di norma, non deve superare la durata di due ore senza interruzione.

17. E’ dovere dei docenti che utilizzano il laboratorio conoscere le regole per un buon uso degli
    attrezzi multimediali e dare agli allievi i suggerimenti necessari per correggere i comportamenti
    sbagliati.

18. Gli allievi e gli addetti sono sempre obbligati a segnalare ogni tipo di anomalia nel
    funzionamento delle apparecchiature.

19. In caso di infortunio e/o malore è d’obbligo avvertire da parte di chiunque rilevi l’infortunio o il
    malessere con urgenza (senza perdita di tempo) l’ufficio di segreteria e/o la portineria, per
    l’immediata richiesta d’intervento del soccorso medico d’urgenza (118); contestualmente si
    cercherà di mettersi in contatto telefonico con uno dei genitori dell’alunno interessato. In tempi
    rapidi dovrà essere informato il dirigente o suo collaboratore. Nessuno senza titolo o esperienza
    reale di soccorso è autorizzato ad intervenire. Qualora si tratti di evidente leggero malessere,
    l’alunno potrà rimanere in attesa del soccorso, del genitore o della ripresa dello stato normale di
    salute nel locale identificato come “ambulatorio”, sorvegliato da un collaboratore scolastico.


I Rischi Possibili

La possibilità che si verifichi una situazione di pericolo che renda necessaria l’evacuazione
dell’intera popolazione scolastico; può manifestarsi per le cause più disparate:

1. Incendi che si sviluppano all’interno dell’edificio;
2. Incendi che si sviluppano nelle vicinanze della scuola, e che potrebbero coinvolgere l’edificio
   scolastico;
3. Terremoti;
4. Crolli dovuti a cedimenti strutturali dell’edificio scolastico;
5. Alluvioni;
6. Avviso o sospetto della presenza do ordigni esplosivi;
7. Inquinamenti dovuti a cause esterne, se viene accertata, da parte delle autorità competenti, la
   necessità di uscire dall’edificio piuttosto che rimanere all’interno;
8. Ogni altra causa che venga ritenuta pericolosa dal Capo d’Istituto;


NORME IN CASO DI PERICOLO

Per ridurre i rischi da una condizione di emergenza e facilitare le operazioni di allontanamento dai
luoghi pericolosi, bisogna:

1. Essere preparati a situazioni di pericolo;
2. Stimolare la fiducia in se stessi;
3. Indurre un sufficiente autocontrollo per attivare comportamenti razionali e corretti.



                                                                                                       24
PIANO DI EVACUAZIONE
Per non essere colti impreparati al verificarsi di una situazione di emergenza ed evitare dannose
improvvisazioni, è necessario conoscere le caratteristiche spaziali distributive dell’edificio, nonché
il funzionamento di tutti i dispositivi atti a prevenire un sinistro.

A tale scopo è stata realizzata la planimetria dell’edificio con l’indicazione delle vie di fuga, dei
punti di raccolta, del posizionamento degli estintori e degli idranti.

Un estratto della copia di tale planimetria è stata affissa nei corridoi.

PROCEDURA DI EVACUAZIONE

All’emanazione del segnale di evacuazione dell’edificio scolastico tutti i presenti all’interno
dell’aula dovranno comportarsi come segue:

1. Tutti dovranno mantenere la calma ed interrompere ogni attività;
2. L’insegnante presente in aula raccoglierà il registro delle presenze e si avvierà verso la porta di
   uscita della classe per coordinare l’evacuazione;
3. Lo studente apri-fila inizierà ad uscire dalla classe tenendo per mano il secondo studente e così
   via fino all’uscita dello studente chiudi-fila, il quale provvederà a chiudere la porta, indicando in
   tal modo l’uscita di tutti gli studenti della classe;
4. Tutti dovranno seguire le vie di fuga indicate, ricordandosi di non spingere, non gridare e non
   correre;
5. Ogni classe dovrà dirigersi verso il punto di raccolta esterno prestabilito, seguendo le indicazioni
   riportate nelle planimetrie di piano ed aula;
6. Raggiunto tale punto l’insegnante di ogni classe provvederà a fare l’appello dei propri studenti e
   compilerà il modello di evacuazione;
7. In caso di studenti non presenti alla verifica finale, l’insegnante informerà il Capo d’Istituto e la
   squadre di soccorso

ASSICURAZIONI: INFORTUNI E RESPONSABILITÀ CIVILE

Studenti, docenti, personale non docente sono coperti da assicurazione in caso di infortunio e per la
responsabilità civile contro terzi. I contratti di assicurazione sono consultabili presso la Segreteria
dell’Istituto.

Uscite di sicurezza
E’ vietato utilizzare le uscite di sicurezza se non nei casi di emergenza.

LAVORI PREVISTI NEL CORSO DI QUESTO ANNO SCOLASTICO.

Come sopra accennato, durante il presente a.s. avranno luogo lavori di ristrutturazione esterna
(rifacimento parti aggettanti in cemento e porzioni del tetto) ed interna (ristrutturazione aula magna)
che porranno problemi di sicurezza alla vita scolastica.
Per spiegare i comportamenti a rischio che potrebbero insorgere per la presenza dei cantieri, sarà
convocata in tempi congrui una riunione per lavoratori, studenti e genitori al fine di chiarire le
modalità di esecuzione dei lavori ed i possibili rischi. Saranno inoltre pubblicate nei siti della scuola
le istruzioni per ovviare alle difficoltà di convivenza con i cantieri e ai rischi.
Ogni parte della esecuzione dei lavori è comunque assolutamente esterna alla scuola e distante
dall’entrata principale. Le uscite di sicurezza e le vie di fuga saranno ovviamente sempre sgombre e
praticabili.



                                                                                                      25
 VARIAZIONI ED ADATTAMENTI IN ITINERE di OGNI PARTE
                     DEL POF
Ogni variazione significativa ad ogni tipo di programmazione del POF nel corso dell’anno
scolastico, una volta proposta dal Consiglio di Classe (se l’attività riguarda una sola classe) o da più
Consigli o dal Collegio (se riguarda l’intero Liceo) o da un singolo docente o dal dirigente (se non
in contrasto con le linee programmatiche del presente POF, ma identificabile come integrazione o
non sostanziale modifica) e deliberata dal Consiglio di Istituto espressamente come integrazione al
POF per bisogni sopraggiunti e non identificabili all’inizio dell’anno scolastico, diviene ad ogni
effetto programmazione di istituto e parte integrante dell’offerta formativa.




                                                                                                      26
   PROGRAMMAZIONE
 DELLE VARIE DISCIPLINE

      Definizione dei contenuti e degli obiettivi formativi
       per il biennio del Liceo Scientifico Galilei di Siena
                 in base al nuovo quadro orario
(nell’a.s. 2010 2011 riguarda solo le classi prima, nell’a.s. 2011
                   2012 riguarderà il biennio)
 N.B.: Sono programmate per alcune materie solo le classi del
     biennio, per altre le cinque classi, se le innovazioni si
  dispiegano nel quinquennio. Per le materie non presenti in
    questo paragrafo o per gli anni di corso non citati, si fa
       ovviamente riferimento ai programmi del vecchio
        ordinamento riportati nel paragrafo successivo.

                                      Materie letterarie
       I docenti dell’area letteraria del Liceo Scientifico Galilei di Siena, in seguito alla riunione
per materia tenutasi il giorno 8 settembre 2010 dalle 8.30 alle 12.30, producono il seguente
documento per definire i contenuti e gli obiettivi formativi per il biennio (e una sintesi per gli anni
successivi) in base al nuovo quadro orario imposto dal Ministero della Pubblica Istruzione. La
riunione, cui hanno presenziato quasi tutti gli insegnanti di materie letterarie (Italiano, Latino, Storia
e Geografia) dell’Istituto, ha visto l’unanimità sui punti espressi di seguito.

                        LINGUA E LETTERE ITALIANE NEL BIENNIO
Obiettivi specifici
        Si ritiene opportuno che l’insegnamento della lingua e letteratura italiana nel primo biennio
conduca al raggiungimento delle seguenti finalità: padronanza della lingua nella ricezione e nella
produzione orale e scritta; capacità di riflessione sulle strutture e sul funzionamento della
comunicazione linguistica; capacità di analisi nell’ambito dei generi letterari e delle varie tipologie
testuali, rispetto alle loro strutture e alle loro tecniche di produzione; acquisizione dell’abitudine alla
lettura e dell’interesse per la letteratura come espressione e rappresentazione di valori e situazioni
universali.
                                                                                                        27
         Pertanto, gli obiettivi individuati, il cui raggiungimento si persegue entro la fine del biennio
con ritmi e approfondimenti diversi a seconda del livello e della rispondenza delle classi, sono
ripartiti nelle competenze relative a lettura, scrittura e parlato, come segue:
    1. Lettura
         L’alunno sarà gradualmente portato verso le capacità di
         - riconoscere i più comuni registri linguistici e le intenzioni comunicative degli autori;
         - individuare le tematiche essenziali e ricostruire le concatenazioni logiche e cronologiche;
         - comprendere testi in prosa e poetici e individuarne con l’aiuto dell’insegnante le strutture
             sintattiche e le tecniche espressive fondamentali;
         - distinguere i principali generi letterari;
         - acquisire la coscienza della storicità della lingua italiana attraverso la lettura di testi
             letterari e lo studio della storia della lingua.


   2. Scrittura
      Alla fine del biennio, l’alunno deve essere in grado di
      - scrivere in modo sufficientemente corretto, chiaro e consequenziale, mantenendosi
          aderente alla traccia e usando affermazioni e argomenti credibili;
      - utilizzare un lessico appropriato sulla scorta di letture, esercitazioni mirate e discussioni
          guidate;
      - produrre testi di varia tipologia, secondo un’attenta graduazione delle difficoltà che va
          valutata dal docente;
      - comporre testi su consegne vincolate, paragrafare, riassumere cogliendo i tratti
          informativi salienti di un testo, titolare, parafrasare, relazionare, utilizzare registri e punti
          di vista diversi;
      - prendere appunti ed esaminare attentamente le correzioni.


   3. Parlato
      Lo studente deve saper
      - rispondere in modo pertinente alle domande ed esporre in modo chiaro le sue conoscenze
          sull’argomento proposto;
      - usare un lessico corretto;
      - avere coscienza della lingua che parla.

Contenuti
        I contenuti specifici dell’intervento linguistico – grammaticale non possono essere
rigidamente prefissati, perché le direzioni del lavoro e gli apprendimenti dipenderanno in larga
misura dai livelli di partenza di ciascuna classe e dai problemi che si evidenzieranno nel corso del
lavoro nelle produzioni scritte e orali degli studenti. Tuttavia, lo svolgimento del programma di
grammatica è stato scandito in modo da risultare il più possibile utile in funzione propedeutica allo
studio della lingua latina.
CLASSE I
Primo quadrimestre
        - Fonetica, ortografia e formazione delle parole.
        - Analisi logica corrispondente ai casi della declinazione latina (i più comuni
            complementi), struttura della frase, indicativo e infinito di Essere e delle tre coniugazioni
            attive e passive.


                                                                                                        28
       -    Complementi da rendersi, in latino, con l’ablativo, congiunzioni coordinanti,
            proposizioni coordinate, aggettivo qualificativo e suoi gradi, aggettivo possessivo,
            dimostrativo, indefinito, participio, proposizione relativa, complemento predicativo del
            soggetto e dell’oggetto.
       -    Proposizione causale, finale, modo imperativo.
       -    Pronomi personali, il si passivante e impersonale, aggettivo numerale, interrogativo,
            particelle pronominali e avverbiali.

Secondo quadrimestre
      - Congiuntivo, condizionale, congiuntivo indipendente, gerundio.
      - Proposizione consecutiva, oggettiva, soggettiva.
      - Il pronome relativo. Le parti invariabili.
      - Il pronome misto.

         In contemporanea, nei due quadrimestri, lettura e analisi del testo poetico, narrativo, epico.
CLASSE II
         Per la classe seconda si prevende, nell’ambito del programma di grammatica propedeutico al
latino, il completamento dell’analisi del periodo.
         Per la narrativa, la lettura dei Promessi sposi e di altre significative opere di prosa o poesia
della letteratura italiana e straniera.
         Per la scrittura, nel corso del biennio saranno affrontate le varie tipologie testuali.

        Relativamente al secondo biennio e al quinto anno, i docenti di lettere concordano – dati
gli scarsi cambiamenti a livello di orario – di insistere sulle definizioni degli obiettivi e dei contenuti
già presenti nel Piano dell’Offerta Formativa della scuola, aderendo al massimo grado alle
indicazioni ministeriali.

                           LINGUA E CIVILTÀ LATINA NEL BIENNIO
Obiettivi specifici
         Nella programmazione dell’insegnamento della lingua latina nel biennio, è necessario in
primo luogo ricordare che non può procedere indipendentemente da quello dell’italiano, ma con
continui riferimenti e collegamenti tra le due lingue.
         Le finalità della materia sono le seguenti: creare una continuità e una interdisciplinarietà tra
l’insegnamento e lo studio della lingua latina e dell’italiano, tramite l’osservazione delle
somiglianze e delle differenze che si stabiliscono tra i due linguaggi; avvicinare gli alunni allo
studio della lingua e della civiltà latina.
         Lo studio della lingua e della cultura latina è fondamentale e irrinunciabile nel percorso
liceale, la cui mission è la formazione di una cultura e di una personalità le più complete possibili in
tutti i loro aspetti. È dunque uno strumento indispensabile al potenziamento delle capacità logiche e
di ragionamento, nonché un importante motivo di consapevolezza dell’appartenenza all’identità
comune europea.
         Ecco gli obiettivi:
          - acquisizione di un metodo di scomposizione della frase e dei periodi;
          - conoscenza delle principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina;
          - lettura e traduzione di testi per una conoscenza più approfondita della cultura e della
             civiltà del mondo antico;
          - studio del lessico e analisi di termini latini passati con trasformazioni e non in italiano;
          - padronanza della lingua latina sufficiente a orientarsi nella lettura diretta dei testi;
          - sviluppo delle capacità metalinguistiche.

Contenuti
                                                                                                        29
CLASSE I
Primo quadrimestre
       - Fonetica, prima e seconda declinazione, indicativo presente e infinito presente di sum e
          delle quattro coniugazioni attive e passive.
       - Complementi di luogo, complementi con l’ablativo (origine, provenienza, materia etc.),
          indicativo imperfetto, dativo di possesso, aggettivi della prima classe.
       - Aggettivi possessivi e pronominali, complemento di causa, di mezzo, indicativo futuro
          semplice, complemento predicativo del soggetto e dell’oggetto, congiunzioni
          coordinative.
       - Participio perfetto e futuro, perifrastica attiva, terza declinazione.

Secondo quadrimestre
      - Indicativo perfetto attivo e passivo, l’impersonale, complementi di tempo.
      - Genitivo di pertinenza, indicativo piuccheperfetto attivo e passivo, complemento di colpa
          e di pena, proposizione causale, indicativo futuro anteriore attivo e passivo.
      - Proposizione temporale, complementi in dativo, uso non riflessivo di is, proposizione
          infinitiva e finale, congiuntivo presente, imperfetto, perfetto e piuccheperfetto, pronomi e
          aggettivi dimostrativi, pronomi e aggettivi determinativi, consecutive, congiuntivo
          indipendente, cum narrativo.

CLASSE SECONDA
Primo quadrimestre
   - I gradi dell’aggettivo. I pronomi (personali, possessivi, dimostrativi, determinativi, relativi,
       interrogativi, indefiniti e correlativi). I numerali e il calendario. Avverbi, congiunzioni,
       preposizioni, interiezioni.
   - I composti di sum. I verbi deponenti. Verbi in –ĭo. Le completive.
   - Verbi derivati e verbi composti. Verbi anomali o atematici. Le proposizioni interrogative.

Secondo quadrimestre

   -     I verbi difettivi. I verbi impersonali. Le proposizioni relative. Le proposizioni temporali e
         causali. Sintassi dei casi: nominativo, genitivo e dativo. Il periodo ipotetico.
     - Le proposizioni concessive, avversative e condizionali. Sintassi dei casi: accusativo,
         vocativo e ablativo. Determinazioni di luogo e tempo.
     - Le proposizioni comparative. Il discorso indiretto. Ripasso della sintassi dei casi. Sintassi del
         verbo.
     Schede lessicali distinte nel corso dei due anni scolastici in base al programma svolto.
     Ogni insegnante apporterà eventuali necessarie modifiche a tale programma in base al libro di
     testo in adozione e alle proprie esigenze didattiche.
     L’ora di laboratorio sarà dedicata a esercitazioni e al potenziamento e approfondimento della
     materia.
     Numero verifiche scritte almeno 3.
     Numero verifiche orali almeno 2.
         Relativamente al secondo biennio e al quinto anno, i docenti di lettere concordano – dati
gli scarsi cambiamenti a livello di orario – di insistere sulle definizioni degli obiettivi e dei contenuti
già presenti nel Piano dell’Offerta Formativa della scuola, aderendo al massimo grado alle
indicazioni ministeriali.
                                        STORIA NEL BIENNIO
Obiettivi specifici
         Le finalità di questa materia sono le seguenti: promuovere e sviluppare la conoscenza del
divenire storico, la consapevolezza della storia come ricerca e ricostruzione del passato fondata sulla
                                                                                                        30
valutazione critica delle testimonianze; ampliare i propri orizzonti culturali attraverso la conoscenza
di culture diverse; sviluppare la capacità di riflettere, alla luce delle esperienze acquisite nello studio
del passato, sulla complessità del presente.
        Gli obiettivi:
    - esporre in forma chiara e progressivamente autonoma i fatti e i problemi relativi a eventi
        storici;
    - dimostrare conoscenza e capacità di avvalersi del lessico specifico;
    - riconoscere i rapporti di causa ed effetto, affinità e diversità nei fenomeni storici, dimostrare
        di avere compreso i fondamentali nessi sincronici e diacronici; individuare e distinguere con
        la guida dell’insegnante dati di fatto e ipotesi interpretative / ricostruttive;
    - conoscere i metodi della storiografia.

Contenuti
CLASSE I
   - Nascita della città.
   - Civiltà antiche del Vicino Oriente, civiltà giudaica e fenicia.
   - Minoici e Micenei; póleis e colonie.
   - Civiltà greca e Alessandro Magno.
   - Civiltà romana – fine della Repubblica.

CLASSE II
  - Augusto, la dinastia giulio-claudia, i Flavii.
  - Caduta dell’Impero. Società ed economia nell’Europa dell’Alto Medioevo.
  - La Chiesa nell’Europa dell’Alto Medioevo; nascita e diffusione dell’Islam.
  - Impero e regni dell’Alto Medioevo.
  - Il particolarismo signorile e feudale.


                                    GEOGRAFIA NEL BIENNIO
Obiettivi specifici
        L’insegnamento della geografia è caratterizzato dall’aspetto spiccatamente interdisciplinare
della materia ed è finalizzato a promuovere negli allievi la comprensione della realtà contemporanea
attraverso le forme di organizzazione del territorio in connessione con le strutture economiche,
sociali e culturali.
        Gli obiettivi:
    - cogliere il ruolo delle società umane e la responsabilità delle scelte in merito alla
        organizzazione e alla salvaguardia dell’ambiente naturale e artificiale;
    - inquadrare i fenomeni nel tempo e nello spazio, cogliendo i possibili riferimenti
        interdisciplinari;
    - leggere e interpretare il materiale (carte geografiche, tematiche e storiche, grafici e
        fotografie, altro materiale iconografico);
    - usare un linguaggio appropriato alla disciplina.


Contenuti
       Oltre alle conoscenze di base della disciplina acquisite nel ciclo precedente relativamente
alla geografia descrittiva (l’Italia, l’Europa, gli altri continenti e i loro Stati più importanti),
andranno proposti allo studio gli argomenti che seguono, attraverso alcuni esempi concreti che
possano consolidare la conoscenza di concetti fondamentali, da sviluppare poi nell’arco dell’intero
quinquennio:

                                                                                                        31
   -   descrizione sintetica e collocazione sul planisfero dei principali Stati del mondo, con
       un’attenzione particolare all’area mediterranea ed europea e ai fattori fondamentali per gli
       insediamenti dei popoli (esistenza o meno di confini naturali, vie d’acqua navigabili e vie di
       comunicazione, porti e centri di transito, dislocazione delle materie prime, flussi migratori,
       aree linguistiche, diffusione delle religioni);
   -   studio delle condizioni naturali, fisiche e climatiche, dei dati della storia anche culturale,
       della politica, della demografia, dell’economia, delle relazioni internazionali;
   -   la demografia nei suoi vari aspetti: i ritmi di crescita delle popolazioni, le grandi migrazioni
       del passato (dal mondo antico in poi) e del presente, la distribuzione della popolazione; i
       fattori che incidono sulla variabile demografica: il clima, l’ambiente e la sua tutela, le fonti
       di energia, l’acqua, la salute, l’istruzione, l’aspettativa di vita, la mortalità infantile etc.;
   -   le diverse rappresentazioni della terra e le loro finalità, dalle origini della cartografia fino al
       GPS; lettura e produzione di indicatori statistici, grafici e istogrammi, individuazione di dati
       geografici su una carta muta.


                                  Matematica e Fisica
                                      Obiettivi di Matematica
Obiettivi formativi

Acquisire procedure tipiche del pensiero matematico
Comprendere ed utilizzare consapevolmente il linguaggio formale specifico
Acquisire consapevolezza del ruolo e della natura dei modelli matematici
Acquisire l’abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare problemi e possibili soluzioni
Avviare alla conoscenza delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico per
individuare le interazioni con le diverse forme del sapere
Acquisire un metodo di studio flessibile ed autonomo che consenta di condurre ricerche ed
approfondimenti personali
Utilizzare criticamente strumenti informatici

Obiettivi specifici

Gli obiettivi specifici da raggiungere faranno riferimento alle competenze di base che devono
essere certificate alla fine del percorso dell’obbligo di istruzione in relazione all’asse matematico.

   1. Utilizzare correttamente le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico,
      rappresentandole anche sotto forma grafica

Comprendere il significato logico-operativo di numeri appartenenti ai diversi sistemi numerici.
Utilizzare le diverse notazioni e saper convertire dall’una all’altra. Comprendere il significato di
potenza; calcolare potenze e applicarne le proprietà. Risolvere espressioni nei diversi insiemi;
rappresentare la soluzione di un problema con una espressione. Impostare uguaglianze di rapporti
per risolvere problemi di proporzionalità e percentuale; risolvere problemi di proporzionalità diretta
e inversa. Risolvere equazioni, disequazioni, sistemi, verificare la correttezza dei procedimenti
utilizzati, rappresentare graficamente e interpretare geometricamente la soluzione . Comprendere il
concetto di funzione.

   2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, dimostrare le proprietà delle figure geometriche
   individuando invarianti e relazioni


                                                                                                       32
Riconoscere i principali enti, figure e luoghi geometrici e descriverli con linguaggio naturale.
Individuare le proprietà delle figure. Costruire figure geometriche elementari mediante strumenti
tradizionali (riga e compasso) e mediante programmi informatici di geometria. Applicare le
principali formule relative alla retta e alle figure geometriche sul piano cartesiano. Comprendere i
principali passaggi logici di una dimostrazione.



   3. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi

Progettare e formalizzare un percorso risolutivo di un problema attraverso modelli algebrici e
grafici. Convalidare i risultati conseguiti sia empiricamente sia mediante argomentazioni. Tradurre
dal linguaggio naturale al linguaggio algebrico e viceversa.

   4. Analizzare i dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi
      anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti
      di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico

Raccogliere, organizzare e rappresentare un insieme di dati. Leggere e interpretare tabelle e grafici
in termini di corrispondenze fra elementi di due insiemi. Riconoscere una relazione tra variabili, in
termini di proporzionalità diretta o inversa e formalizzarla attraverso una funzione matematica.
Rappresentare sul piano cartesiano il grafico di una semplice funzione. Valutare l’ordine di
grandezza di un risultato. Elaborare e gestire dati e semplici calcoli attraverso un foglio elettronico,
rappresentare in forma grafica i risultati dei grafici eseguiti.

MATERIA : MATEMATICA                      CLASSI: PRIME

CONTENUTI DISCIPLINARI
ARITMETICA e ALGEBRA:
- Comunicazione e linguaggio
- Teoria degli insiemi
- Elementi di logica
- Relazioni e funzioni
- Insiemi numerici :N, Z , Q e cenni su R e C
- Formalizzazione degli insiemi numerici e relativi ampliamenti
- Calcolo letterale: monomi ( definizioni, operazioni ), polinomi ( definizioni, operazioni, prodotti
notevoli,
                    fattorizzazione )
- Frazioni algebriche ( definizione, C.E., semplificazione, operazioni )
- Equazioni di primo grado in un’incognita
- Algoritmi e problemi
- Disequazioni: lineari intere, frazionarie, particolari disequazioni di grado superiore al primo,
sistemi di
                 disequazioni


GEOMETRIA ANALITICA:
- Coordinate cartesiane sulla retta, coordinate cartesiane nel piano
- La retta: l’equazione lineare in x e y, forma esplicita dell’equazione di una retta, condizione di
parallelismo
            e di perpendicolarità
- La parabola con asse di simmetria coincidente con l’asse y e vertice nell’origine


                                                                                                        33
DATI e PREVISIONI
- Elementi di statistica

GEOMETRIA:
- Gli elementi introduttivi
- La congruenza e i triangoli
- Parallelismo e perpendicolarità nel piano
- Trasformazioni geometriche ( generalità, isometrie )
- Quadrilateri particolari: parallelogrammi e trapezi
- Circonferenza
- Circonferenza e poligoni
- Risoluzione di problemi geometrici per via algebrica

ELEMENTI di INFORMATICA:
Utilizzo di alcuni programmi informatici a scelta tra Cabrì, Geogebra, Derive, Excel.

MATERIA : MATEMATICA                      CLASSI: SECONDE

CONTENUTI DISCIPLINARI:
ALGEBRA:
- Sistemi lineari ( risoluzione grafica e algebrica ); matrici e determinanti; problemi in più incognite
- Numeri reali
- Radicali
- Equazioni di secondo grado, di grado superiore al secondo e irrazionali
- Disequazioni di secondo grado: risoluzione con l’uso della parabola
- Disequazioni irrazionali
- Disequazioni con valore assoluto
- Sistemi di grado superiore al primo
- Problemi di secondo grado

DATI E PREVISIONI
- Elementi di calcolo delle probabilità

GEOMETRIA:
- Equivalenza dei poligoni. Teoremi di Pitagora ed Euclide
- Grandezze, misura, proporzionalità ( richiami e approfondimenti dalla prima)
- Lunghezza della circonferenza e area del cerchio
- Omotetia e Similitudine. Teorema di Talete
- Risoluzione di problemi geometrici per via algebrica

ELEMENTI DI INFORMATICA :
Elaborazione di strategie di risoluzioni algoritmiche nel caso di problemi semplici e di facile
modellizzazione
Utilizzo di alcuni programmi informatici a scelta tra Cabrì, Geogebra, Derive, Excel.




                                      Scienze Naturali


                                                                                                      34
                       PIANO DI LAVORO Primo Biennio (nuovo ordinamento)



Docenti: Lamioni, Parigi, Satta, Tozzi

Materia: SCIENZE |NATURALI




Obiettivi generali:

     Nel primo biennio prevale un approccio di tipo fenomenologico e osservativo descrittivo,
tenendo presente che il percorso di apprendimento delle scienze non segue una logica lineare ma
piuttosto ricorsiva.
     La scansione degli argomenti sarà ispirata a criteri di gradualità, di connessione e di sinergia dei
vari saperi all'interno delle scienze naturali.
     Il tutto verrà supportato dall'attività laboratoriale attraverso l'organizzazione e l'esecuzione di
attività sperimentali.




                                              Classe PRIMA

 Obiettivi formativi

      capacità di osservare fenomeni naturali e possibilmente interpretarli;
      dimestichezza con la terminologia scientifica e padronanza di un lessico essenziale tale da
       permettere una agevole comprensione del testo;
      comunicazione in forma chiara e corretta dei contenuti studiati sia attraverso l’esposizione
       orale che scritta;
      spiegazione ed uso autonomo dei termini specifici.




                                   PROGRAMMA PREVENTIVO


                                               Chimica

Misure e grandezze
Trasformazioni fisiche della materia
Trasformazioni chimiche della materia
Teorie delle materia

                                          Scienze della Terra


                                                                                                      35
Forma e rappresentazione della Terra
Moto dei pianeti intorno al sole
Movimenti della terra
La luna
Il sole
Litosfera
Atmosfera
Idrosfera
Rocce e paesaggio




               Laboratorio propedeutico alle Scienze Chimiche, Fisiche e Naturali

Obiettivi formativi

L'attività di laboratorio si propone di dare a tutti gli studenti una conoscenza iniziale della Chimica e
della Fisica e di porli in grado di farsi un'idea dei procedimenti mediante i quali si forma la
conoscenza scientifica. Il corso è stato progettato in modo da poter costituire una solida base di
conoscenze per lo studio successivo e più avanzato della Chimica, della Biologia e della Fisica.
L'attività servirà agli studenti non solo per aiutarli a capire alcuni dei principi fondamentali delle
scienze e ad acquisire utili tecniche di laboratorio, ma fornirà loro anche l'opportunità di sviluppare
capacità di comunicazione nel contesto scientifico, poiché incoraggia il singolo a partecipare ad un
processo collettivo di apprendimento.


                                                Chimica

Massa e volume, energia
Solidificazione e fusione
Proprietà caratteristiche (solidificazione, fusione, densità)
Solubilità e separazione delle sostanze
Saggi alla fiamma

                                              Cartografia

Utilizzo delle carte
Orientamento

                                            Classe SECONDA

       Obiettivi formativi

   Oltre agli obiettivi indicati nella classe prima si aggiungono i seguenti punti:

        avvio allo sviluppo della capacità di individuare il nesso di causalità esistente tra i vari
         fenomeni studiati;
        descrizione del rapporto tra struttura e funzione sui diversi livelli di organizzazione;
        capacità di operare collegamenti e confronti tra i diversi dati in possesso degli alunni.



                                                                                                      36
                                 PROGRAMMA PREVENTIVO


                                               Chimica

Leggi fondamentali della chimica
Atomi e modelli atomici
Tavola periodica
Legami e tipi di reazioni chimiche

                                               Biologia


L'acqua e le molecole biologiche importanti

La cellula
Struttura e funzioni
Metabolismo e riproduzione con cenni di biochimica

Sistematica e biodiversità




                     PIANO DI LAVORO Secondo Biennio (nuovo ordinamento)


   Obiettivi generali

     Nel secondo biennio si ampliano e si consolidano i contenuti disciplinari, ponendo l'accento
sulla relazione tra essi. Si introducono in modo graduale ma sistematico i concetti, i modelli ed il
rigore che sono propri delle discipline oggetto di studio e che consentono una spiegazione più
approfondita dei fenomeni.




                                              Classe TERZA

   Obiettivi formativi

   -   acquisizione e approfondimento dei contenuti disciplinari anche in relazione ai temi già
       trattati;
   -   acquisizione e consolidamento di una più ampia e corretta terminologia scientifica;
   -   capacità di lettura ed interpretazione di brani scientifici;
   -   capacità di analizzare le situazioni;
   -   comprensione di fenomeni complessi e loro correlazioni;
   -   applicazione delle conoscenze acquisite in funzione di una continua trasformazione in
       termini di metabolismo, sviluppo ed evoluzione.




                                                                                                 37
                                 PROGRAMMA PREVENTIVO

                                              Biologia


Genetica

Sistematica (continuazione): il Regno Animale

Anatomia e fisiologia umana con riferimento alla biochimica




                                           Classe QUARTA

Obiettivi formativi

   -   acquisire la consapevolezza che gran parte dei fenomeni macroscopici consiste in
       trasformazioni chimiche riconducibili alla natura ed al comportamento di molecole, atomi e
       ioni che costituiscono la materia;
   -   acquisire una corretta comprensione del linguaggio chimico orale e scritto, soprattutto per le
       sostanze di uso quotidiano;
   -   saper svolgere semplici esercizi di scrittura, lettura e applicazione anche quantitativa ;
   -   conoscere le principali classi di composti organici in relazione al ruolo ambientale, biologico
       e all’uso quotidiano ;
   -   potenziamento delle capacità d’analisi e sintesi.



                                 PROGRAMMA PREVENTIVO


                                              Chimica

La mole
Leggi dei gas
Richiami al programma di seconda (particella, atomo, struttura, sistema periodico, legami)
Forze intermolecolari
Classificazione e nomenclatura
Proprietà delle soluzioni
Reazioni chimiche
Velocità di reazione
Equilibrio chimico
Acidi e basi
Reazioni redox
Cenni di elettrochimica


                                         Chimica organica


                                                                                                   38
Richiamo agli idrocarburi e a vari composti organici con particolare riferimento ai temi di attualità e
alla realtà quotidiana.




    PIANO DI LAVORO Classe QUINTA (nuovo ordinamento)


   Obiettivi generali:

Gli studenti a conclusione del percorso di studio oltre a raggiungere i risultati di apprendimento
comuni dovranno:

      avere acquisito una formazione culturale equilibrata nel versante scientifico;
      comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero anche in dimensione storica ed
       in essi tra i metodi di conoscenza propri delle scienze sperimentali;
      saper cogliere i rapporti tra il pensiero e la riflessione filosofica;
      comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi delle
       scienze naturali anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usarle in
       particolare nell'individuare e risolvere problemi di varia natura;
      essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel
       tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti , con
       attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche,
       in particolare quelle più recenti;
      saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana e
       maturare una personale responsabilità nei riguardi della natura e del territorio.




                                     PROGRAMMA PREVENTIVO


                                       Geografia astronomica


Le stelle
Evoluzione dei corpi celesti
Galassie e struttura dell'Universo
La Luna
Il Sole ed il sistema solare


                                               Geologia

Minerali e rocce
Giaciture e deformazione
Fenomeni vulcanici
Fenomeni sismici
Tettonica delle placche e modello globale
La storia della Terra
L'atmosfera; i fenomeni metereologici ed i climi
                                                                                                       39
Biosfera: cicli della materia e risorse naturali
Approfondimenti di ecologia




                                                Inglese
CLASSI I


OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

Raggiungimento del livello A 2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

       L’alunno riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di
        immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia
        locale, lavoro).
       Riesce a comunicare in attività semplici e di routine e che richiedono solo uno scambio di
        informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali.
       Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed
        elementi che si riferiscono a bisogni immediati.




PRINCIPALI CONTENUTI

Per quanto riguarda le strutture grammaticali saranno affrontati i seguenti argomenti:
verb to be and to have, questions and negatives – possessive adjectives and Saxon genitive – present
simple, questions and negatives – articles – there is / there are – preposition of place – some /any –
countable and uncountable nouns – can / can’t – present continuous – past simple verb to be,
questions and negatives – past simple regular verbs, questions and negatives – past simple irregular
verbs, questions and negatives – like and would like – comparative and superlative adjectives –
future forms: going to / will / present continuous – question forms – adverbs of frequency - present
perfect simple, ever / never and yet / just / already – verb patterns – been / gone – ordinal numbers
and dates – compounds with some and any – number formation – verbs and nouns that go together.

Per quel che riguarda le strutture linguistiche saranno affrontati i seguenti argomenti:
number of countries – everyday objects – family relationships – jobs – free time activities – things
in the house – places and people – food and drink – shops and things to buy – town and country
words – describing people – clothes and colours – the weather – talking about a book / a film –
some multi-word verbs.
Durante le ore di lezione svolte nel laboratorio linguistico gli alunni faranno esercizi di spelling,
pronunciation and everyday English, con particolare attenzione a:
the alphabet, spelling names – words that sound the same (here-hear) – words with silent letters
(listen-eight) – social English – at the restaurant – asking for and giving directions – at the train
station / airport – in a clothes shop – on the phone – making suggestions.


                                                                                                           40
Il laboratorio linguistico sarà inoltre utilizzato dall’insegnante per la proiezione di film in versione
originale, sui quali gli alunni verranno chiamati ad esprimere le loro opinioni sia in forma orale sia
scritta.

Per quanto riguarda la composizione scritta si proporranno agli alunni le seguenti abilities:
an informal letter – writing a paragraph – the use of linking words – describing a holiday –
describing your best friend / yourself / your favourite singer or actor – writing a postcard / e-mail –
writing about a past event – writing a book / film review.

Il docente, in base al libro di testo in adozione, svolgerà gli argomenti di cui sopra tenendo conto
delle esigenze della classe.

METODOLOGIA
     Uso del metodo funzionale-nozionale con i modi di approfondimento linguistico che più si
adattano alla realtà della classe: esercizi di ascolto, comprensione e composizione orale e scritta,
nonché ad esercizi di backversion e dettato. Uso del laboratorio linguistico nelle sue varie
componenti: audio, video e c.d..
 Per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti, si farà costante ricorso ad attività di tipo
comunicativo in cui le abilità linguistiche siano usate in varie situazioni.
  La lezione sarà centrata sullo studente che, come soggetto attivo dell’apprendimento, sarà
chiamato ad acquisire, in modo sempre più autonomo e consapevole, una sicura metodologia di
lavoro e consapevolezza di quanto ha appreso.
Saranno privilegiate le abilità audio-orali, sia di base che integrate, anche attraverso la presentazione
di audiovisivi. Il materiale sarà per quanto possibile autentico. La componente culturale sarà
presente sia implicitamente, nelle situazioni in cui si muovono i personaggi del testo, sia
esplicitamente, in alcune letture che hanno lo scopo di dare informazioni su alcuni aspetti di vita
quotidiana e sociale dei paesi anglofoni.
Nell’ora in più a disposizione nel corrente anno scolastico si prevede un’ampia proposta di attività
laboratoriali.




CRITERI DI VALUTAZIONE
     Sarà condotta una valutazione continuativa del progresso degli alunni nello sviluppo delle
quattro abilità con verifiche formative e sommative.

Saranno somministrate un congruo numero di prove scritte a quadrimestre (multiple choices,
riassunti, dettati, retroversioni, etc...) e si auspica di somministrare periodicamente a tutte le sezioni
test concordati in comune.

La valutazione si baserà sulla misurazione di diversi parametri, come illustrato dal Quadro Comune
Europeo.

Per gli alunni provenienti da altra scuola con lo studio della sola lingua Francese, sono previste
prove ridotte e/o semplificate al fine di favorirne il pieno inserimento, riguardo ad obiettivi e
finalità, nell’arco del biennio.



CLASSI Il



                                                                                                       41
OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

Potenziamento del livello A2 fino al raggiungimento degli obiettivi minimi del livello B 1 del
Quadro Comune Europeo di Riferimento.

      L’alunno è in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su
       argomenti familiari che affronta normalmente a scuola, nel tempo libero ecc.
      Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la
       lingua in questione.
      Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse.
      È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre breve-
       mente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti.


PRINCIPALI CONTENUTI

Per quanto riguarda le strutture grammaticali saranno ripresi ed approfonditi gli argomenti studiati
nel primo anno e saranno affrontati i seguenti punti:
modal verbs, form and use – short answers – question tags – present perfect vs past simple – time
expressions – present perfect continuous with for and since - present perfect simple vs present
perfect continuous - intentions and wishes: going to, planning to, would like to, would rather –
using articles – past continuous – past perfect – used to – verbs followed by gerunds or infinitives –
passive – conditional sentences (I, II and III type) – reported speech – future in the past.

Per quanto riguarda le strutture linguistiche saranno ripresi ed approfonditi gli argomenti studiati
nel primo anno e saranno affrontati i seguenti punti:
leisure activities – words to describe feelings – daily routines – dates and special occasions –
ambitions and dreams – geographical features – modern times and traditions – personal
characteristics – hobbies and interests – standard English vs standard American.
Agli alunni verranno inoltre proposte letture che abbiano come argomento elementi di civiltà e
cultura dei Paesi di lingua inglese.
Durante le ore di lezione in laboratorio linguistico, agli alunni verranno proposti film o spezzoni di
film in versione originale inglese sui quali lavorare sia in classe che a casa e saranno
particolarmente privilegiati esercizi di spelling e pronunciation:
pronunciation of difficult sounds, intonation in questions and negative sentences – short answers –
refusing and accepting invitations – phone conversations.

Per quanto riguarda lo sviluppo delle abilità di scrittura saranno riprese ed approfondite le strutture
affrontate durante il primo anno e verranno inoltre sviluppate le seguenti capacità:
more linking words – writing a story – filling in a form – writing formal letters – writing a
biography – writing a composition different topics – answering briefly to questions on different
subjects – connecting paragraphs.
Le abilità comunicative saranno stimolate attraverso la lettura di brani tratti da una scelta di autori in
lingua inglese, il che costituirà un primo approccio alla letteratura in lingua. Su tali brani da leggere
individualmente e/o in classe gli alunni saranno invitati a fare una piccola esposizione orale.


METODOLOGIA

  Ciascuna unità è suddivisa in varie attività volte a sviluppare le abilità linguistiche. Si ascoltano
dei dialoghi registrati da parlanti nativi, si guardano video didattici in lingua, si sviluppa la capacità
di leggere e conversare anche attraverso lavori in coppia, si svolgono dettati, si riassumono brani, si
                                                                                                        42
volgono dialoghi in discorso indiretto, si compone su traccia, si compilano test grammaticali e si
fanno retroversioni. Si usa la lingua straniera in classe.
CRITERI DI VALUTAZIONE
  Gli alunni saranno valutati sulla base dell’attenzione, dell’interesse e dell’impegno mostrato. I
progressi nella preparazione saranno valutati attraverso compiti in classe, esercitazioni di vario
genere e colloqui confrontando i livelli di partenza con i livelli di arrivo. Occorrerà raggiungere gli
obiettivi minimi prefissati per una valutazione positiva.




CLASSI III



OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

  Rafforzare le abilità di tipo induttivo e acquisire gradualmente abilità di astrazione e trasferimento
delle conoscenze linguistiche e culturali, apprezzare e cogliere gli aspetti particolari dello stile e
delle tematiche affrontate dagli autori. Riuscire ad inquadrare un autore nel contesto storico-
letterario del paese e ove possibile europeo.
Potenziamento di una competenza linguistica di livello B 1 del Quadro di Riferimento Comune
Europeo

PRINCIPALI CONTENUTI

GRAMMAR
Present simple and continuous – present perfect – past perfect – present perfect simple and
continuous – the passive – the future (will, may-might, present continuous, present simple, be going
to, future continuous, future perfect) – modals for speculating – third conditional – reported
statements and questions – wish – should have – used to and would – causatives – past modals –
verbs with –ing form and to+ infinitive.
VOCABULARY
Wordbuilding – keywords for texts – modifiers – compound adjectives – idiomatic expressions –
prefixes and suffixes – collocations – delexicalised verbs do and make – connotation and translation
– adjectives (feelings) – verbs of movement – giving opinions – sequence linkers (contrasting ideas)
– review of addition, contrast, purpose, exemplification and conclusion.

LETTERATURA
Lo studio della letteratura, già introdotto, ove possibile, nel secondo anno del biennio, consisterà
nell’introduzione allo studio dei generi letterari (narrativa, teatro, poesia), nella presentazione del
contesto storico-sociale dei diversi periodi, nell’illustrazione dei principali movimenti letterari ed
infine nello studio degli autori più rappresentativi delle varie letterature in lingua inglese. Verranno
proposti brani tratti dalle opere più rappresentative, l’analisi di racconti brevi e/o la proiezione di
film tratti da tali opere.
In merito alla suddivisione nei diversi anni di corso, e compatibilmente con l’organizzazione
didattica individuale di ciascun docente, la programmazione sarà articolata come segue.
La nascita della letteratura in lingua inglese, il Medio Evo ed i suoi principali generi espressivi: il
romanzo epico, l’elegia, la ballata, il poema narrativo.
Presentazione di brani illustrativi dei vari generi. In merito al poema narrativo, particolare
attenzione verrà dedicata a Geoffrey Chaucer ed ai suoi “Canterbury Tales”, con analisi di alcuni dei
brani incentrati sulla descrizione dei pellegrini e del loro viaggio.

                                                                                                     43
Qualora possibile, anticipazione di tematiche inerenti al quarto anno (Milton, Shakespeare, il
Sonetto, il Teatro).



METODOLGIA

  Saranno seguiti gli stessi metodi usati nel biennio per quanto riguarda la pratica linguistica.
L’insegnamento della letteratura sarà basato non solo sullo sfondo storico-letterario ma anche
sull’analisi dei testi e condotto fondamentalmente in funzione dell’acquisizione linguistica e dello
sviluppo di una attitudine individualmente creativa alla lettura e alla produzione scritta.



CRITERI DI VALUTAZIONE

  Sarà tenuto conto della realtà media della classe, dei ritmi di apprendimento e delle competenze
raggiunte con un congruo numero di prove scritte a quadrimestre che consisteranno in composizioni,
riassunti, esercizi strutturali, di vocabolario e retroversione ecc., anche di argomento letterario.

CLASSI IV



OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

   Sviluppare le conoscenze e le competenze linguistiche secondo il testo in uso a
Livello B2

      L’alunno è in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia
       concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione.
      È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l’interazione con un
       parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione.
      Sa produrre testi chiari e articolati su un’ampia gamma di argomenti e esprimere un’opinione su
       un argomento d’attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni.


   Saranno rafforzate le abilità di tipo induttivo ed acquisita la capacità di astrazione al fine di
apprezzare e cogliere gli aspetti particolari dello stile e delle tematiche affrontate dagli autori.
L’alunno dovrà riuscire ad inquadrare un autore nel contesto storico-letterario del paese e, ove
possibile, in quello europeo.

PRINCIPALI CONTENUTI

Speaking – making speculations on pictures, describing images, talking about people and places,
talking about present and past situations, commenting situations, talking about future plans and
intentions.
Reading – guessing meaning from context, skimming, using the context to work out the meaning,
scanning, using linking words, understanding details, related words, synonyms and antonyms,
focusing on key points.


                                                                                                      44
Grammar – present perfect/past simple, time expressions, past continuous / past perfect, future
forms, zero, first, second and third type conditionals, expressing wishes (past, present and future),
present and past habits, the passive, reported speech.
Listening – listening for a purpose, understanding notes, note-taking, focusing on the information
you need, dealing with unknown words, making use of the second listening.
Writing – informal letter, developing a paragraph, short essay on general issues, description and
comment of a story, formal letter, CV, enquiry letter, report, article.

LETTERATURA
Il Rinascimento inglese e le sue peculiarità, che lo distinguono da quello italiano. L’età
elisabettiana, la nascita del teatro e suoi principali generi. Shakespeare poeta e drammaturgo, anche
attraverso l’analisi di alcune sue opere. La poesia del ‘500 e del ‘600. L’età Augustea con la nascita
del giornalismo e del romanzo, con i principali scrittori dell’epoca (Defoe, Swift, od altri).




METODOLGIA


   Si presenteranno situazioni comunicative più complesse, attraverso l’ascolto, la lettura e la
conversazione, sempre in lingua inglese.
    I brani letterari saranno accostati secondo le moderne tecniche di analisi testuale e saranno
successivamente riferiti all’opera da cui sono tratti, all’autore e al contesto storico-letterario del
periodo in cui sono stati scritti.



CRITERI DI VALUTAZIONE


   Gli alunni saranno valutati anche sulla base dell’attenzione, dell’interesse e dell’impegno
mostrati. Le prove consisteranno in composizioni su traccia, domande su testi e autori, analisi delle
opere lette e colloqui in cui si dovrà verificare il livello di capacità creativa e di correttezza
raggiunto in base agli obiettivi previsti.



CLASSI V




OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

Potenziare le conoscenze e le competenze linguistiche secondo il testo in uso a
Livello B2.




PRINCIPALI CONTENUTI



                                                                                                        45
Il Romanticismo inglese e la nascita di una nuova sensibilità poetica, attraverso componimenti scelti
tra i poeti di prima e seconda generazione (Blake, Wordswoth, Coleridge, Shelley od altri).
L’età vittoriana e le relative condizioni economiche e sociali, con particolare riferimento alla loro
denuncia nelle opere di Charles Dickens o altri scrittori. Il teatro vittoriano ed il gusto per la satira.
L’età moderna, con introduzione al contesto storico ed alle due guerre mondiali. La crisi del
romanzo, il sopravvenire di un senso di ansia e ribellione. Il monologo interiore, il flusso di
coscienza, il teatro
Poesia e narrativa del secondo dopoguerra attraverso una selezione degli autori più rappresentativi.


METODOLOGIA

    L’insegnamento della letteratura sarà basato non solo sullo sviluppo storico-letterario ma anche
sull’analisi dei testi e condotto fondamentalmente in funzione dell’acquisizione linguistica e dello
sviluppo di una attitudine individualmente creativa e critica alla lettura e alla produzione scritta.



CRITERI DI VALUTAZIONE

   Sarà tenuto conto della realtà media della classe, dei ritmi di apprendimento e delle competenze
raggiunte con un congruo numero di prove scritte a quadrimestre che consisteranno in composizioni,
questionari e riassunti anche di argomento letterario.



                              Storia dell’Arte e Disegno
CLASSE PRIMA

PROGRAMMA DI DISEGNO
I QUADRIMESTRE
Fondamenti geometrici
Condizioni di parallelismo e di perpendicolarità
Suddivisione di segmenti e di circonferenze
Suddivisione di angoli
Tangenti, raccordi
Applicazioni pratico-operative

Figure piane
Struttura portante delle figure piane
Struttura modulare e tassellonomia
Applicazioni pratico-operative (figure piane e forme architettoniche)

II QUADRIMESTRE
Nozioni di geometria descrittiva
Il sistema di riferimento e i quattro spazi diedri
Rappresentazione di punti, rette e piani
Condizioni di appartenenza
Ribaltamento dei piani
Proiezioni ortogonali di figure piane;

PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE
                                                                                                       46
I QUADRIMESTRE
  La storia dell’uomo attraverso le opere d’arte: la scienza archeologica. Fondamenti scientifici,
tecniche di ricerca, metodi di datazione dei reperti, principali scoperte nella storia, lessico specifico.

La rappresentazione dell’uomo e dello spazio nelle civiltà antiche, il significato di geometria
nell’antichità;

Le grandi civiltà del passato: Egitto e Creta.
Arte micenea: dal sistema trilitico alla pseudocupola;Il megaron
Arte greca
Elementi strutturali del tempio greco;
Tecniche costruttive, materiali e componenti dell’architettura greca.
L’ordine dorico, ionico e corinzio;
Rettangolo aureo e sezione aurea;
La città greca
Il teatro
L’acropoli di Atene: il Partenone, l’Eretteo, i Propilei, il Tempio di Athena Nike;
La scultura: il periodo arcaico, evoluzione della scultura nei frontoni, gli esemplari bronzei, Mirone,
Fidia, Policleto e la scultura classica, il periodo ellenistico;
La pittura vascolare;
L’ellenismo in architettura: l’altare di Pergamo;


II QUADRIMESTRE
Arte in Italia:gli Etruschi;Architettura religiosa e funeraria, la scultura e la pittura; la città
Arte romana: le innovazioni nelle tecniche costruttive, l’arco la volta; il tempio, la casa, architetture
per lo svago, le terme, gli acquedotti e la rete stradale; Il ritratto. La pittura.
La scultura nell’Ara Pacis e nella colonna traiana; Il Foro di Traiano e i Fori Imperiali;
Il palazzo di Diocleziano e la basilica di Massenzio.
Le tecniche: la lavorazione dell’argilla nelle varie epoche
                      la fusione dei metalli
                      la lavorazione delle pietre
Progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare attinenza al
    territorio di riferimento

CLASSE SECONDA

PROGRAMMA DI DISEGNO
I QUADRIMESTRE
I solidi
Poliedri regolari, semiregolari, solidi di rotazione;
Sviluppo di solidi (packaging)
Applicazioni pratico-operative

I/II QUADRIMESTRE
Geometria descrittiva:
Proiezioni ortogonali di solidi semplici e complessi
Sezioni di solidi con piani paralleli e generici
Intersezioni e compenetrazioni di solidi
La teoria delle ombre applicata alle proiezioni ortogonali (dal punto al solido)

II QUADRIMESTRE
Disegno tecnico
Scale di riduzione e di ingrandimento (segni convenzionali, quotature)
                                                                                                       47
Le sezioni in architettura
Rilievo di uno spazio conosciuto e riproduzione secondo le proiezioni ortogonali
Sviluppo di progettazione di semplici oggetti e/o elementi di arredo.
Applicazioni pratico-operative

PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE
I QUADRIMESTRE
Il periodo paleocristiano: caratteri generali, il significato delle immagini, innovazione e tradizione
nelle prime basiliche (elementi strutturali e compositivi), il battistero, la scultura;

Il periodo bizantino: introduzione generale, i mosaici di Ravenna, il Mausoleo di Galla Placidia e il
Battistero degli Ortodossi, S. Apollinare, S. Vitale, elementi strutturali e decorativi bizantini;
Santa Sofia a Costantinopoli;

Arte longobarda e carolingia, caratteri generali;
La corona ferrea: tradizione e scoperte scientifiche.
Arte romanica: la nascita della società comunale, l’edificio religioso cuore della città, la casa torre,
      elementi strutturali e decorativi, caratteristiche tipologiche del romanico: il pilastro, il rosone,
      la tecnica muraria, la copertura.
      La croce dipinta medioevale: significato, evoluzione del linguaggio figurativo; il restauro di
      una croce lignea, tecniche d’indagine e interventi di restauro conservativo;
      Caratteri generali dell’architettura romanica attraverso la lettura di S.Ambrogio a Milano, San
      Geminiano a Modena, San Marco a Venezia, Battistero di San Giovanni a Firenze e San
      Miniato al Monte, Duomo di Pisa e Duomo di Lucca;
      Il romanico nel sud: Castel del Monte.
      Il romanico senese : l’abbazia di S. Antimo a Montalcino, l’Abbazia di Torri a Sovicille;
      La scultura romanica nell’opera di Wiligelmo e di B.Antelami;
      I bestiari medioevali;

II QUADRIMESTRE
Arte gotica
     Arte gotica: nascita e sviluppo di un nuovo sentimento religioso, l’esperienza mistica della
     luce, il cantiere della cattedrale, elementi strutturali e decorativi: il pilastro, la tecnica muraria,
     la vetrata , i materiali da costruzione; Le principali cattedrali gotiche in Europa. Il gotico
     temperato in Italia:la Basilica di Assisi; Il gotico cistercense: Fossanova e San Galgano; Il
     gotico maturo in Italia: S.Croce, S.Maria Novella.
     Il taccuino di Villard de Honnecourt;
     La pittura gotica di Cimabue: Maestà di Santa Trinita;
     La pittura gotica a Siena: Duccio di Buoninsegna, Simone Martini, Ambrogio Lorenzetti;
     Giotto ad Assisi e a Padova;
     La città gotica: sviluppo urbanistico di una città medioevale
     Le tecniche:
     La miniatura;
     L’affresco (realizzazione, materiali, conservazione e restauro);
     La pittura su tavola nel medioevo (approfondimenti dal trattato di Cennino Cennini);

      Approfondimento su tecnica e materiali: la realizzazione delle vetrate piombate( il rosone di
      Duccio nel Duomo di Siena);
      Il colore nella città medioevale: intonaci a calce;

Progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare attinenza al
   territorio di riferimento

CLASSE TERZA
                                                                                                         48
PROGRAMMA DI DISEGNO
I QUADRIMESTRE
Le assonometrie oblique: applicazioni su solidi, su composizioni di solidi;
Applicazioni guidate

Le assonometrie ortogonali: applicazioni su solidi, su composizioni di solidi;
Applicazioni guidate

I/II QUADRIMESTRE
Le assonometrie oblique ed ortogonali: applicazioni ad elementi e spazi architettonici, ad oggetti
(design industriale);

Teoria delle ombre in assonometria. Ombre proprie e portate. Luce posta di fronte, dietro ed a
        fianco dell’osservatore. Applicazioni guidate. Elaborati grafici.
II QUADRIMESTRE
Le assonometrie oblique ed ortogonali: l’esploso assonometrico applicato ad elementi e spazi
architettonici, ad oggetti ( design industriale);
 Il disegno come illusione: dall’esperienza di Escher all’elaborazione individuale di “solidi
impossibili”;

La sezione assonometrica applicata all’architettura;


PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE
I QUADRIMESTRE
Il Rinascimento: caratteri generali
      La nuova figura dell’architetto: Filippo Brunelleschi (La cupola, Ospedale degli
      Innocenti, Sagrestia vecchia di san Lorenzo, Cappella de’ Pazzi);
      La nascita di un nuovo tipo edilizio: il palazzo Rucellai.
      La città ideale: Pienza, Urbino e Ferrara.
      La corte del signore: il modello dei Montefeltro.
      Masaccio e Piero della Francesca: il rigore della geometria prospettica ( La Trinità, Affreschi
      della cappella Brancacci, Sacra conversazione, Flagellazione di Cristo);
      La visione architettonica nella scultura di Donatello: Il Banchetto di Erode nel Battistero del
      Duomo di Siena;
      L.B.Alberti e il modello rinascimentale.
      Sandro Botticelli: il neoplatonismo dell’Accademia Fiorentina e la sua espressione visiva ( La
      Primavera, La nascita di Venere)

II QUADRIMESTRE
Il Rinascimento maturo: caratteri generali
      Bramante e il tempio a pianta centrale:da San Pietro in Montorio al progetto per il nuovo San
      Pietro;
      Le citazioni architettoniche in Raffaello: Lo sposalizio della Vergine; Le stanze vaticane
      Le nuove esperienze di architettura in Michelangelo: Le opere laurenziane, la cupola di
      S. Pietro; la piazza del Campidoglio;
      opere pittoriche:gli affreschi della Cappella Sistina
      le sculture: dal David al non compiuto della Pietà Rondanini
      Leonardo da Vinci: i disegni, le macchine,il progetto di città,opere pittoriche: Annunciazione,
      Adorazione dei Magi, La Vergine delle rocce, il Cenacolo, La Gioconda
      La figura femminile tra realtà e divinizzazione: La Venere dormiente di Giorgione e
      Venere di Tiziano;
                                                                                                  49
     Palladio e le ville venete (la Rotonda e villa Barbaro a Maser)
     G. Vasari: trattatista, pittore ed architetto;
     B. Peruzzi: opere del senese
     La rinascita del teatro: dal teatro Olimpico di Vicenza al teatro neoclassico della Scala
     di Milano;

Progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare attinenza al
   territorio di riferimento




CLASSE QUARTA

PROGRAMMA DI DISEGNO
I QUADRIMESTRE
La prospettiva. Caratteri della proiezione prospettica. La nascita del metodo prospettico e gli
esperimenti ottici di F. Brunelleschi;
Individuazione di rappresentazioni prospettiche nell’arte figurativa;

Prospettiva centrale: applicazioni su figure piane, su solidi, su composizioni di solidi;
attraverso l’applicazione dei vari metodi di rappresentazione (punti di distanza, raggi visuali, punti
di misura) Applicazioni guidate.

Prospettiva accidentale: applicazioni su figure piane, su solidi, su composizioni di solidi;
attraverso l’applicazione dei vari metodi di rappresentazione (punti di distanza, raggi visuali, punti
di misura e perpendicolari al quadro).
Applicazioni guidate.

I/II QUADRIMESTRE
 Prospettiva centrale ed accidentale: applicazione prospettiche ad elementi architettonici e viste
d’interni;

Teoria delle ombre in prospettiva. Luce posta di fronte, dietro ed a fianco dell’osservatore.
        Applicazioni guidate. Elaborati grafici.
II QUADRIMESTRE
Analisi guidata di un progetto architettonico di media complessità: studio degli spazi interni e
        sistema distributivo, rapporto interno/esterno, analisi delle componenti strutturali, materiali
        e tecniche costruttive, simbologie convenzionali.
        Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale.

PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE
I QUADRIMESTRE
I secc. XVII- XVIII: caratteri generali
      La nascita del genere “natura morta”: dalle esperienze di Caravaggio ai trionfi barocchi del
      nord Europa;
      Architetture barocche nell’esperienza di Bernini e Borromini ( il progetto di Piazza S.Pietro,
      Baldacchino di San Pietro, San Carlo alle quattro fontan, S.Ivo alla Sapienza);
       La rivoluzione della forma negli artisti barocchi: Apollo e Dafne di Bernini;
       Lo spazio infinito nelle prospettive barocche;
       Il palazzo reale: Caserta come Versailles;
       La diffusione della conoscenza nella cultura illuminista: l’Encyclopedie di Diderot e
       D’Alambert;

                                                                                                    50
     La nascita del museo: dalle collezioni private al museo pubblico moderno;


IL NEOCLASSICISMO: caratteri generali
          Industrializzazione e urbanesimo – Prima rivoluzione industriale
          Le città utopiche di Owen e di Fourier
          Architettura:. Analisi delle opere di: E.L Boullée e C.N.Ledoux, Pier Marini,
          Jappelli, Valadier
          Pittura. Analisi delle opere di: J.L.David , Goya
          Scultura. Analisi delle opere di: Canova
II QUADRIMESTRE
IL ROMANTICISMO: caratteri generali
          Architettura (caratteri generali), Jappelli -
          Pittura. Analisi delle opere di: Friedrich -, Constable Turner (caratteri generali),
          T. Gericault , E. Delacroix -
REALISMO E IMPRESSIONISMO:
          Il realismo in Francia: Courbet
          La rivoluzione impressionista
          Pittura. Analisi dei caratteri pittorici di alcuni pittori impressionisti
          Manet - Monet - Degàs - Renoir - Cézanne
          I Macchiaioli: G.Fattori. T. Signorini


Progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare attinenza al
   territorio di riferimento

CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI DISEGNO
I QUADRIMESTRE
Analisi guidata di un progetto architettonico: studio degli spazi interni e sistema distributivo,
rapporto interno/esterno, analisi delle componenti strutturali, materiali e tecniche costruttive,
simbologie convenzionali.
Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale,
esecuzione di modelli in scala;

II QUADRIMESTRE
Esperienza progettuale diretta ( da svolgere singolarmente e a gruppi) finalizzata alla progettazione
di un organismo architettonico
Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale;
PROGETTI DI APPROFONDIMENTO.
Particolari progetti di approfondimento,anche a carattere interdisciplinare, potranno essere
sviluppati partendo da tematiche comuni alle discipline caratterizzanti il colloquio d’esame. I temi
potranno essere sviluppati in modo sinergico pur mantenendo uno specifico livello di autonomia.

PROGRAMMA DI STORIA DELL’ARTE
I QUADRIMESTRE
IL POST-IMPRESSIONISMO in generale
           Confronto con l’impressionismo
           Analisi dei caratteri pittorici di alcuni pittori post impressionisti
           Il puntillismo di Seurat
           Gauguin - Van Gogh
IL REALISMO IN FRANCIA ED IN ITALIA NELLA SECONDA META’ DELL’OTTOCENTO
           Courbet
           I Macchiaioli
                                                                                                  51
LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
         Architettura.
          Studio delle architetture in ferro: la nascita di nuove tipologie edilizie (le stazioni
          ferroviarie, la galleria commerciale, il grattacielo
         Antonelli -Mengoni - Sullivan -
         Le esposizioni universali e le architetture temporanee
         Eiffel - Tour Eiffel
         E.V.Le Duc, J.Ruskin e il restauro architettonico;
          Dalla camera ottica alla tecnica fotografica; gli Alinari e il documento storico-
          fotografico

L’ART NOUVEAU Caratteri generali
           Architettura ed arti applicate. La nascita della città moderna
           Gaudì – caratteri generali
           Pittura:Klimt
 I FAUVES
           Matisse
IL CUBISMO
           Pittura
           Picasso - Braque
II QUADRIMESTRE
I PRECURSORI DELL’ESPRESSIONISMO:
            Munch - Il grido
L’ESPRESSIONISMO
       Contenuti e caratteristiche principali Die Brucke
       Kirchner - Marcella
L’ASTRATTISMO
            Caratteristiche generali Il Cavaliere Azzurro
            Kandinskji
IL FUTURISMO
            Caratteristiche generali - I manifesti
            Boccioni, caratteri generali
            Balla, caratteri generali
            L’architettura futurista: Sant’Elia
L’ARTE EUROPEA DEL PRIMO NOVECENTO
          Caratteristiche generali
          Analisi di alcune correnti artistiche significative del periodo
L’ARTE EUROPEA FRA LE DUE GUERRE
          Caratteristiche generali
          Analisi di alcune correnti artistiche significative del periodo
FUNZIONALISMO E RAZIONALISMO
          Caratteristiche generali
          Il Bauhaus
          Architettura funzionalista e Le Corbusier
          Architettura organica e F.L.Wright
       .  Razionalismo in Italia: Michelucci - Piacentini
LA PITTURA E LA SCULTURA DEL SECONDO DOPOGUERRA
          Caratteristiche generali
          Analisi di alcune correnti artistiche significative del periodo
L’ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
          Analisi di alcuni progetti recenti in Italia e in Europa
          R.Piano, Lieberskind, F.Ghery ecc…

CONSERVAZIONE E TUTELA DELL’OPERA D’ARTE.
IL RESTAURO IN PITTURA, SCULTURA E ARCHITETTURA.

Progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare attinenza al
                                                                                             52
   territorio di riferimento




               Programmazione per il vecchio ordinamento
           (nell’a.s. 2010 2011 classe dalla seconda alla quinta)



                                         BIENNIO
                                LINGUA E LETTERE ITALIANE

FINALITÀ

Padronanza della lingua nella ricezione e nella produzione orale e scritta;
capacità di riflessione sulle strutture e sul funzionamento della comunicazione linguistica;
capacità di analisi nell’ambito dei generi letterari e delle varie tipologie testuali, rispetto alle loro
strutture e alle loro tecniche di produzione;
acquisizione dell’abitudine alla lettura e dell’interesse per la letteratura come espressione e
rappresentazione di valori e situazioni universali.

OBIETTIVI SPECIFICI

Gli obiettivi individuati, il cui raggiungimento si persegue entro la fine del biennio con ritmi e
approfondimenti diversi a seconda del livello e della rispondenza delle classi, sono ripartiti nelle
competenze relative a lettura, parlato e scrittura.

a) Lettura
L’alunno sarà gradualmente portato alla capacità di:
riconoscere i più comuni registri linguistici e le intenzioni comunicative degli autori;
individuare le tematiche essenziali e ricostruire le concatenazioni logiche e cronologiche;
comprendere semplici testi poetici e individuarne con l’aiuto dell’insegnate le strutture sintattiche e
le tecniche espressive fondamentali;
distinguere i principali generi letterari.

b) Scrittura
Alla fine del biennio l’alunno deve essere in grado di;
scrivere in modo sufficientemente corretto, chiaro e consequenziale, mantenendosi aderente alla
traccia, usando affermazioni e argomenti credibili;
utilizzare un lessico appropriato;
sulla scorta di letture, esercitazioni mirate e discussioni guidate:
produrre testi di varia tipologia, secondo un’attenta valutazione graduazione delle difficoltà che va
valutata dal docente;
sarà inoltre educato a prendere appunti ed ad esaminare attentamente le correzioni.

c) Parlato
Lo studente deve saper:

                                                                                                      53
rispondere in modo pertinente alle domande ed esporre in modo chiaro le sue conoscenze
sull’argomento proposto;
usare un lessico corretto.

METODOLOGIA

Avendo riconosciuto all’insegnamento di Italiano nel biennio una precipua valenza linguistica
nonché storico-letteraria, la lettura diretta dei testi ne costituisce il presupposto fondamentale per
ogni interpretazione.
Ogni testo proposto verrà letto, nei limiti in cui ciò può avvenire nell’ambito scolastico, a vari
livelli:
intra-testuale (tematiche, codici formali, registri, punto di vista, ecc.)
inter-testuale (relazioni con altri testi dello stesso autore o di altri autori coevi o di altre epoche
extra-testuale (collegamenti, confronti e relazioni con il contesto storico ed altre espressioni
artistiche e culturali).

VERIFICA

Forme di verifica orale:
l’interrogazione – colloquio con l’esposizione e il commento orale a un testo dato;
la registrazione dell’attenzione in classe e della capacità di riepilogare i contenuti presentati;
test, questionari. etc.
Forme di verifica scritta:
Tema di tipo tradizionale su argomenti già trattati e discussi e discussi in classe di facile approccio;
stesura di scritti sulla scorta di tracce strutturate e/o semi strutturate;
stesura di riassunti e commenti a un testo dato.
Considerate le tipologie della I prova dell’Esame di Stato (Analisi testuale, Articolo di giornale,
Saggio breve) si procederà al loro graduale inserimento, ove il livello di conoscenze, competenze,
capacità della classe, lo renda fattibile.
Sono previste almeno due verifiche scritte ufficiali per quadrimestre.

VALUTAZIONE

La valutazione terrà conto della situazione di partenza, dei progressi in itinere, dell’impegno
mostrato e dei livelli raggiunti in relazione agli obiettivi della disciplina.
Si allega griglia di valutazione.
 I docenti potranno somministrare test d’ingresso sulle conoscenze grammaticali e sintattiche
possedute.
Per provvedere ad eventuali situazioni di difficoltà saranno attivati interventi didattici educativi,
secondo le modalità previste in sede di collegio dei docenti e programmate nei singoli consigli di
classe.

CONTENUTI

I contenuti specifici dell’intervento linguistico – grammaticale non possono essere rigidamente
prefissati perché le direzioni del lavoro e gli apprendimenti dipenderanno in larga misura dai livelli
di partenza di ciascuna classe e dai problemi che si evidenzieranno “in itinere” nelle produzioni
scritte ed orali degli studenti.

Classe prima:
lettura ed analisi testuale di passi tratti dai poemi epici classici (Iliade, Odissea, Eneide) a piacere,
ed eventualmente di passi tradotti in italiano da tragedie greche o commedie greche in collegamento
con lo studio della storia delle civiltà antiche;
                                                                                                      54
lettura ed analisi testuale di passi antologici in prosa e di poesie di autori anche stranieri adatti alle
capacità della classe
lettura integrale di almeno due opere di narrativa contemporanea;
lettura ed analisi testuale di articoli tratti da quotidiani e periodici, inerenti a problemi
interdisciplinari di attualità.

Classe seconda:
lettura integrale ed analisi testuale de “I Promessi Sposi”;
lettura ed analisi testuale di passi antologici in prosa e di poesie di autori anche stranieri adatti alle
capacità della classe:
lettura integrale di almeno due opere di narrativa contemporanea;
lettura ed analisi testuale di articoli tratti da quotidiani e periodici, inerenti a problemi
interdisciplinari di attualità.



                                        TRIENNIO
                             LINGUA E LETTERATURA ITALIANA


FINALITÀ

1)Consapevolezza dello spessore storico e culturale della lingua italiana;
2)consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario, come espressione di civiltà
e, in connessione con le altre manifestazioni artistiche, come forma di conoscenza del reale anche
attraverso le vie del simbolico e dell’immaginario;
3)conoscenza diretta dei testi rappresentativi del patrimonio letterario italiano, considerato nella sua
articolata varietà interna, nel suo storico costituirsi e nelle sue relazioni con le altre letterature
europee;
4)padronanza del mezzo linguistico nella ricezione e nella produzione orale e scritta in situazioni
comunicative diverse

OBIETTIVI SPECIFICI

Analisi, contestualizzazione dei testi e riflessione letteraria
Lo studente dovrà essere in grado di analizzare e interpretare i testi dimostrando di saper:
a) Condurre una lettura diretta del testo come prima fonte di interpretazione del suo significato;
b) Riconoscere gli aspetti formali del testo;
c) Cogliere il rapporto tra il testo e il contesto storico culturale in cui esso è maturato;
d) Cogliere,attraverso la conoscenza degli autori e dei testi più rappresentativi, le linee
   fondamentali della prospettiva storica nella tradizione letteraria italiana.
Competenze e conoscenze linguistiche
Lo studente dovrà essere in grado di:
a) Eseguire il discorso orale in forma organica, articolata, con proprietà e correttezza formale;
b) Produrre testi scritti di diverso tipo secondo le modalità previste dall’Esame di Stato, sapendo
   padroneggiare il registro formale;
c) Affrontare, come lettore autonomo e consapevole, la lettura diretta di testi di vario genere.

METODOLOGIA

Avendo riconosciuto all’insegnamento di Italiano nel triennio una precipua valenza storico-
letteraria, la lettura diretta dei testi ne costituisce il presupposto fondamentale per ogni
interpretazione letteraria.
                                                                                                       55
Ogni testo proposto verrà letto, nei limiti in cui ciò può avvenire nell’ambito scolastico, a vari
livelli:
intra-testuale (tematiche, codici formali, registri, punto di vista, ecc.)
inter-testuale (relazioni con altri testi dello stesso autore o di altri autori coevi o di altre epoche
extra-testuale (collegamenti, confronti e relazioni con il contesto storico ed altre espressioni
artistiche e culturali, riflessioni personali sulle tematiche proposte dai testi analizzati).

VERIFICA

Forme di verifica orale:
l’interrogazione – colloquio con l’esposizione e il commento orale a un testo dato;
la registrazione dell’attenzione in classe e della capacità di riepilogare i contenuti presentati;
test, questionari, Tip.A (trattazione sintetica di argomento) Tip. B (quesiti a risposta
singola),previste dall’ordinamentodegli esami di stato per la Terza prova etc.
Forme di verifica scritta:
Il riassunto;
la relazione espositiva;
il saggio breve
l’analisi testuale;
il tema;
l’articolo di giornale
la recensione;
l’intervista;
la lettera Tip.A (trattazione sintetica di argomento) Tip. B (quesiti a risposta singola),previste
dall’ordinamento degli esami di stato per la Terza
Sono previste almeno due prove di verifica ufficiale scritta per quadrimestre.

VALUTAZIONE

La valutazione terrà conto della situazione di partenza, dei progressi in itinere, dell’impegno
mostrato e dei livelli raggiunti in relazione agli obiettivi della disciplina.
Si allega griglia di valutazione.
Per provvedere ad eventuali situazioni di difficoltà saranno attivati interventi didattici educativi,
secondo le modalità previste in sede di collegio dei docenti e programmate nei singoli consigli di
classe.

CONTENUTI

Classe terza:
Società feudale e Medioevo latino
Letterature romanze e amore cortese
La letteratura italiana nell’età dei comuni
La poesia religiosa: la letizia francescana e il furore di Jacopone
“Cortesia” e “gentilezza”, dai poeti provenzali allo Stil novo
La poesia comica
Dante Alighieri esule e profeta: vita, opere, poetica
La Commedia: la struttura e i temi
Analisi testuale di 8/10 canti dell’Inferno
Giovanni Boccaccio tra mercatura e vita cortese: vita, opere, poetica.
Il Decameron: la struttura e i temi
Francesco Petrarca un intellettuale senza patria: vita, opere, poetica
Il Canzoniere: la struttura e i temi


                                                                                                    56
In alcune classi terze, tenuto conto della diversità dei libri di testo adottati, verrà anticipata la
trattazione di autori del ‘900.

Classe quarta:
I fondamenti dell’Umanesimo
La narrativa cavalleresca, la lirica
Il Rinascimento
La corte e il gentiluomo
Ludovico Ariosto: vita opere, poetica
L’orlando furioso: la struttura e i temi.
Niccolò Machiavelli: vita opere visione del mondo
Il principe: la struttura i temi
I Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio: la struttura e i temi
Francesco Guicciardini: un politico all’ombra di Machiavelli
Torquato Tasso: vita, opere, poetica.
La Gerusalemme liberata: la struttura e i temi
Galileo Galilei: vita, opere, pensiero
Dialogo sopra i massimi sistemi: la struttura e i temi
La poesia lirica e il poema eroico: Marino
Carlo Goldoni: vita, opere, poetica.
La locandiera: la struttura e i temi: lettura integrale di una commedia
Giuseppe Parini: vita, opere, ideologia e poetica
Il Giorno: la struttura, la trama, i temi i personaggi, lo stile.
Vittorio Alfieri: vita, opere, la poetica tragica.
Dante Alighieri 8/10 canti del Purgatorio
In alcune classi quarte, tenuto conto della diversità dei testi adottati, verrà anticipata la trattazione di
opere di autori del ‘900.

Classe quinta:
La poesia fra Neoclassicismo e preromanticismo.
U. Foscolo
La Restaurazione e le rivoluzioni, gli intellettuali e l’organizzazione della cultura; l’immaginario
romantico e le poetiche.
G. Leopardi.
L’eroe nella prosa del mondo: il modello romanzesco di Manzoni.
La lotta per la vita: il modello di Verga e il romanzo realista e naturalista nella seconda metà
dell’Ottocento.
G. Verga
Il vate e l’esteta: il modello di D’Annunzio e la poesia lirica nella seconda metà dell’Ottocento
G. Pascoli, G, D’Annunzio.
Il primo Novecento: La stagione delle avanguardie, la lirica del primo Novecento in Italia.
Il disagio della civiltà: il romanzo all’inizio del Novecento e il modello di Svevo e Pirandello
Il simbolo e l’allegoria e il modello di Montale
La narrativa in Italia dagli anni Trenta agli anni Cinquanta
La narrativa in Italia dal dopoguerra al Postmoderno
Dante: Paradiso (canti 8/10)




                                                BIENNIO
                                                STORIA


                                                                                                         57
FINALITÀ

Promuovere e sviluppare la conoscenza del divenire storico la consapevolezza della storia come
ricerca e ricostruzione del passato fondata sulla valutazione critica delle testimonianze;
ampliare i propri orizzonti culturali attraverso la conoscenza di culture diverse;
sviluppare la capacità di riflettere, alla luce delle esperienze acquisite nello studio del passato, sulla
complessità del presente.

OBIETTIVI SPECIFICI

Esporre in forma chiara e progressivamente autonoma i fatti e i problemi relativi ad eventi storici;
dimostrare conoscenza e capacità di avvalersi del lessico specifico;
riconoscere i rapporti di causa ed effetto, affinità e diversità nei fenomeni storici, dimostrare di aver
compreso i fondamentali nessi sincronici e diacronici;
individuare e distinguere con la guida dell’insegnante dati di fatto e ipotesi
interpretative/ricostruttive.
METODOLOGIA

Lezione frontale informativa sul contenuto dei singoli capitoli, affiancata, se necessario, alla lettura
analitica di alcuni paragrafi di particolare interesse per la spiegazione di nuovi termini e distinzione
dell’essenziale dall’accessorio. Particolare attenzione alla trama della storia politica con rilievo degli
aspetti politico-sociali e culturali.
Quesiti atti a stimolare la capacità di collegamento tra eventi storici (rapporti di casa-effetto,
continuità-rottura).
Trattazione di specifici argomenti attraverso la lettura analitica di schede di approfondimento
desunte dal testo in adozione o da articoli di riviste specializzate e non.
Quesiti atti a sollecitare la riflessione ed il dibattito sui problemi del cittadino, della libertà, della
famiglia, della comunità, della pace.
Utilizzo di documenti, raffigurazioni, cartine geografiche e tematiche (anche mediante supporti
multimediali) per l’approfondimento di alcune problematiche.

VERIFICA

I momenti di verifica saranno alternati ai momenti della spiegazione. Si svolgeranno almeno due
verifiche a quadrimestre per accertare la comprensione degli argomenti svolti. Oltre
all’interrogazione tradizionale, saranno possibili altre forme di verifica (questionari, analisi di
documenti, produzione di testi, …).

VALUTAZIONE

La valutazione terrà conto della situazione di partenza, dei progressi in itinere, dell’impegno
mostrato e dei livelli raggiunti in relazione agli obiettivi della disciplina.
Per provvedere ad eventuali situazioni di difficoltà saranno attivati interventi didattici educativi,
secondo le modalità previste in sede di collegio dei docenti e programmate nei singoli consigli di
classe.

CONTENUTI

Classe prima:
Dalla Preistoria al II secolo d.c.:
Le origini dell’umanità
Le civiltà della Mesopotamia
La civiltà del Nilo
                                                                                                        58
La civiltà dell’antica Palestina
Il mondo di Minosse e Agamennone Cretesi e Micenei
La polis e il mondo delle colonie
Sparta e Atene
Il mondo comune dei Greci
L’età classica
Dalla crisi della polis ad Alessandro Magno
L’ascesa di Roma
Dalla monarchia alla repubblica
Le guerre puniche e la conquista dell’oriente
La crisi della repubblica
La fine della repubblica
L’età di Augusto
I primi due secoli dell’impero
Considerata la vastità del programma da svolgere, l’Educazione Civica non potrà essere trattata in
maniera sistematica; verrà approfondita la conoscenza della Costituzione Italiana in maniera
trasversale, ogni volta che se ne presenterà l’occasione e l’opportunità.
Classe seconda:
Dagli Antonini alla crisi del ‘300:
I cristiani: da setta ebraica a eredi della civiltà antica.
La crisi dell'impero romano nel secolo III d.C.
La fine dell'impero d'Occidente.
I regni romano-barbarici e l'impero bizantino.
I Longobardi e l'ascesa del papato.
La civiltà araba.
Società e cultura medievali.
L'impero carolingio.
Nuovi popoli e nuovi imperi.
La società medievale dopo il Mille
L'Europa nell'anno mille
Il comune
Le crociate
L'apogeo dell’Europa medievale
Il tramonto del Medioevo
Poteri universali e stati nazionali nel Basso Medioevo
Verso l'Età Moderna.
Considerata la vastità del programma da svolgere, l’Educazione Civica non potrà essere trattata in
maniera sistematica; verrà approfondita la conoscenza della Costituzione Italiana in maniera
trasversale, ogni volta che se ne presenterà l’occasione e l’opportunità.


                                         GEOGRAFIA

FINALITÀ

L’insegnamento della geografia è caratterizzato dall’aspetto spiccatamente interdisciplinare della
materia ed è finalizzato a promuovere negli allievi la comprensione della realtà contemporanea
attraverso le forme di organizzazione del territorio in connessione con le strutture economiche,
sociali e culturali.

OBIETTIVI SPECIFICI



                                                                                               59
cogliere il ruolo delle società umane e la responsabilità delle scelte in merito alla organizzazione ed
alla salvaguardia dell’ambiente naturale e artificiale;
inquadrare i fenomeni nel tempo e nello spazio, cogliendo i possibili riferimenti interdisciplinari;
lettura ed interpretazione del materiale (carte geografiche, tematiche e storiche grafici e fotografie,
altro materiale iconografico etc.) ed all’uso di un linguaggio appropriato, influenzato da altre
discipline.

METODOLOGIA

Lezione frontale affiancata, se necessario, dalla lettura del manuale.
Puntualizzazione dell’interazione delle variabili risorse-territorio-insediamento umano, ambiente ed
attività economica, rapporti internazionali, valori e civiltà.
Attenzione a problematiche mondiali quali lo sviluppo demografico e l’alimentazione, ai rapporti tra
le varie componenti del “sistema mondo”.
Valorizzazione delle esperienze e delle tradizioni culturali degli alunni.
Approfondimento su brani antologici, articoli, etc.
Utilizzo di documenti, filmati, raffigurazione cartine geografiche e tematiche (anche mediante
supporti multimediali) per l’approfondimento di alcune problematiche.

VERIFICA

I momenti di verifica saranno alternati ai momenti della spiegazione. Si svolgeranno almeno due
verifiche a quadrimestre per accertare la comprensione degli argomenti svolti. Oltre
all’interrogazione tradizionale, saranno possibili altre forme di verifica (questionari, analisi di
documenti, produzione di testi, …).

VALUTAZIONE

In rapporto agli obiettivi specifici, alle abilità e competenze raggiunte la valutazione verterà su
prove di verifica appositamente predisposte.


CONTENUTI (solo classe prima)

I contenuti varieranno in relazione al libro di testo in adozione e verteranno o sulla conoscenza dei
rapporti uomo-ambiente con particolare attenzione ai problemi di maggiore interesse nel mondo
attuale o sull’organizzazione in continenti, stati e altre entità territoriali. In questo caso si procederà
all’inquadramento di aree geografiche piuttosto vaste e non sempre coincidenti con uno Stato.
Classe prima:
Il sistema terra;
il continente europeo;
i continenti extraeuropei;
le superfici coltivate;
l’ineguale distribuzione delle ricchezze;
la popolazione sulla terra;
l’analfabetismo nel mondo;
popolazione urbana e città;
la disponibilità d’acqua nel mondo;
il pianeta devastato;
le principali Organizzazioni e Istituzioni Internazionali.




                                                                                                        60
                                                 LATINO
                                                  Biennio

PREMESSA

Nella programmazione dell’insegnamento della lingua latina nel biennio è necessario ricordare in
primo luogo che l’insegnamento della materia non deve procedere indipendentemente nei confronti
dell’italiano , ma con continui riferimenti e collegamenti tra le due lingue.

FINALITÀ

Creare una continuità ed una interdisciplinarità tra l’insegnamento e lo studio della lingua latina e
l’italiano, tramite l’osservazione delle somiglianze e differenze che si stabiliscono tra i due
linguaggi;
avvicinare gli alunni allo studio della lingua e della civiltà latina.

OBIETTIVI SPECIFICI

Acquisizione di un metodo di scomposizione della frase e dei periodi;
conoscenza delle principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina;
lettura e traduzione di testi per una conoscenza più approfondita della cultura e della civiltà del
mondo antico;
studio del lessico e analisi di termini latini passati con trasformazioni e non in italiano.

METODOLOGIA

Gli alunni saranno avviati allo studio della lingua latina attraverso l’esperienza immediata di
qualche facile testo latino, affine sintatticamente e lessicalmente all’italiano.
Attraverso la conoscenza diretta delle diversità più evidenti che intercorrono tra le due lingue si
passerà allo studio della morfologia latina per portare gli alunni all’apprendimento sistematico della
struttura linguistica di base, utilizzando di volta in volta sia il metodo deduttivo che quello induttivo.
Verranno spesso prese in esame affinità e diversità lessicali e di strutture grammaticali e sintattiche
tra il latino e l’italiano.
Gli alunni saranno invitati a leggere attentamente, capire e tradurre testi latini: la traduzione deve
essere conseguenza di una lettura attenta e di un’analisi puntuale delle strutture morfologiche del
testo latino.
Gli alunni dovranno inoltre imparare a memoria, con uno studio preciso e non approssimativo, un
discreto numero di vocaboli.
Fin dalla classe prima verrà fatta in classe lettura di brani di autori latini, contenuti nei testi adottati,
per rendere più interessante lo studio del latino e non ridurlo ad una assimilazione meccanica di
regole e alla traduzione di frasi e testi appositamente costruiti, e per permettere agli alunni di fare
esperienza di lingua, dimostrando anche concretamente che le regole apprese non sono fini a se
stesse, ma servono a decodificare messaggi che arrivano dal passato e a conoscere direttamente
realtà e valori del mondo greco-romano, nonché gli aspetti fondamentali della civiltà classica, in
correlazione anche con lo studio della storia.

VERIFICA

Le verifiche per la valutazione degli alunni si baseranno:
a) sulla capacità di leggere correttamente il testo latino secondo la programmazione stabilita;
b) sulla capacità di tradurre semplici testi dopo averli scomposti, riordinati, analizzati, compresi;
                                                                                                          61
c) sulla conoscenza degli elementi morfologici e sintattici oggetto di studio;
d) sul bagaglio lessicale in lingua posseduto dagli alunni;
e) sulla capacità di rendere correttamente in italiano il testo latino usando registri linguistici
    adeguati e proprietà di linguaggio.
Sia nelle forma scritta, sia in quella orale le verifiche consisteranno in:
traduzioni dal latino di brani d’autore in versione integrale o adattati;
esercizi differenziati (integrazione, risposta, sostituzione, trasformazione, scelte multiple,
autocorrezione, etc.).
Sono previste almeno due prove di verifica ufficiale scritta per quadrimestre.

VALUTAZIONE

La valutazione terrà conto della situazione di partenza, dei progressi in itinere, dell’impegno
mostrato e dei livelli raggiunti in relazione agli obiettivi della disciplina.
Si allega griglia di valutazione.
Per provvedere ad eventuali situazioni di difficoltà saranno attivati interventi didattici educativi,
secondo le modalità previste in sede di collegio dei docenti e programmate nei singoli consigli di
classe.

CONTENUTI

Classe prima:
Ripasso di grammatica italiana.
Fonetica, pronuncia e accento.
La formazione delle parole.
Le cinque declinazioni.
Gli aggettivi della prima e della seconda classe.
I gradi dell’aggettivo.
I numerali.
I pronomi personali, dimostrativi, relativi.
Generalità del verbo.
Il sistema del presente: i modi finiti attivi e passivi.
Il sistema del perfetto: i modi finiti attivi e passivi.
La formazione del supino.
I modi infiniti.
Il verbo sum e i suoi composti.
Le quattro coniugazioni attive e passive.
La subordinazione.
Le completive infinitive.
Le proposizioni relative.
Le proposizioni finali e consecutive.
Le proposizioni temporali.
Le proposizioni causali.
Le proposizioni narrative

Classe seconda:

I verbi deponenti.
I verbi in –ĭo.
I verbi derivati e i verbi composti.
I verbi anomali (o atematici).
I verbi difettivi.
I verbi impersonali.
                                                                                                  62
Sintassi dei casi.
Le concordanze.
Il nominativo.
Il genitivo.
Il dativo.
L’accusativo.
Il vocativo.
L’ablativo.
Le proposizioni interrogative dirette e indirette.
L’imperativo.
L’infinito.
Il gerundio e il gerundivo.
La perifrastica attiva e passiva




                                                LATINO
                                                Triennio


PREMESSA

Lo svolgimento del programma terrà conto in particolare della fisionomia di ciascuna classe in
relazione alle capacità si apprendimento degli alunni, al loro grado di scolarizzazione, al lavoro
svolto nel Biennio e potrà essere caratterizzato diversamente a seconda degli strumenti didattici
adottati dagli insegnanti.

FINALITA’

L’insegnamento della lingua e della letteratura latina promuove e sviluppa:
la consapevolezza del ruolo storico della lingua latina (civiltà europea, lingua della cultura) e della
continuità di forme e generi letterari latini nella tradizione letteraria dell’Occidente;
l’accesso diretto ai testi, collocati sia in una tradizione di forme letterarie, sia in un contesto storico
culturale più ampio;
l’acquisizione di capacità esegetiche (analisi ed interpretazione dei testi) e di abilità traduttive e
l’abitudine quindi ad operare confronti fra modelli e realtà culturali diverse. Nella fase di ricodifica
in italiano vengono inoltre potenziate le capacità di organizzazione del linguaggio e di elaborazione
stilistica;
la formazione di capacità di astrazione e di riflessione, potenziando abilità mentali di base.

OBIETTIVI SPECIFICI

Conoscenze
Conoscenza delle strutture semantico-lessicali, morfologiche e sintattiche della lingua latina di più
largo uso;
Conoscenza dei generi letterari, degli stili, delle principali strutture retoriche e metriche dei testi
studiati;
Conoscenza dei caratteri salienti della letteratura latina in programma.

Competenze
Comprensione e traduzione di testi latini con l’ausilio del vocabolario;
                                                                                                        63
Identificazione de i legami dei testi e degli autori studiati con la cultura coeva;
Identificazione del ruolo storico della lingua e della letteratura latina;
Applicazione di tecniche e metodi di ricerca del significato originario dei testi.

Capacità
Analisi di testi e tematiche relativi al programma;
Sintesi dei contenuti in maniera funzionale;
Confronto tra testi letterari e autori diversi affrontati in programma;
Elaborazione di collegamenti tra aspetti culturali del mondo latino e del mondo europeo moderno.

METODOLOGIA

La metodologia seguita sarà funzionale al livello di preparazione, alle dinamiche e alla realtà delle
singole classi, ed alle convinzioni metodologico-didattiche dei singoli docenti.
In ogni caso sarà cura degli insegnanti sollecitare l’attiva partecipazione degli alunni al dialogo
educativo e renderli consapevoli della validità e dello spessore culturale delle tematiche e dei testi
trattati. Inoltre si prevede di inserire la didattica del latino nell’ambito assai complesso
dell’educazione linguistica, infatti saranno tenute presenti le prospettive aperte dalla linguistica
teorica e dalla riflessione sulle lingue moderne.
Quindi, nella consapevolezza della centralità del testo in lingua originale, sia per quanto riguarda lo
studio linguistico-grammaticale, sia per quanto riguarda lo studio letterario, ogni testo proposto
verrà trattato a vari livelli:
1. Livello intra-testuale: contenuti di base, codici formali, registro;
2. Livello inter-testuale: relazioni con altri testi dello stesso autore o di altri autori coevi o di altre
     epoche;
3. Livello extra-testuale: collegamenti, confronti, relazioni con il contesto storico, e con altre
     espressioni artistiche e culturali, riflessioni personali sulle tematiche proposte dai testi analizzati.

VERIFICA

Le verifiche per l’orale (almeno due per quadrimestre) potranno essere articolate in revisione dei
compiti domestici, domande circostanziate, colloqui, relazioni personali per una valorizzazione
progressiva dell’autonomie degli studenti nel processo di formazione, interrogazioni tradizionali, e/o
prove scritte di varia tipologia previste dall’ordinamento per gli Esami di Stato:
Tip. A (trattazione sintetica dell’argomento)
Tip. B (quesiti a riposta singola)
Tip. C (quesiti a risposta multipla)
Sono previste almeno due prove di verifica ufficiale scritta per quadrimestre.

VALUTAZIONE

La valutazione terrà conto della situazione di partenza, dei progressi in itinere, dell’impegno
mostrato e dei livelli raggiunti in relazione agli obiettivi della disciplina.
Si allega griglia di valutazione.
Per provvedere ad eventuali situazioni di difficoltà saranno attivati interventi didattici educativi,
secondo le modalità previste in sede di collegio dei docenti e programmate nei singoli consigli di
classe.

CONTENUTI

Classe terza:



                                                                                                          64
Studio della letteratura latina dalle origini all’età di Cesare con lettura e analisi di testi integrali e/o
brani antologici particolarmente significativi degli autori latini del periodo storico-letterario
suddetto, in lingua originale e/o in traduzione italiana.
La prima produzione letteraria (il teatro e la poesia epica):
Livio e Andronico.
Plauto.
Gli inizi della storiografia romana:
L’annalistica e Catone.
Gli sviluppi della commedia:
Cecilio e Terenzio.
Lucillo e la Satira.
L’ultimo secolo della Repubblica.
Analisi testuale di autori classici quindici - venti brani in prosa e non meno di duecento versi.
Sintassi del periodo
La coordinazione e la subordinazione.
Le completive dirette: ut-ne; ut-non; quod dichiarativo, quin e quominus, interrogative dirette e
indirette.
Le completive indirette: periodo ipotetico dipendente e indipendente, le concessive, le avversative e
le condizionali, le comparative e il discorso indiretto.
Classe quarta:

Studio della letteratura latina dall’età di Cesare all’età di Augusto.
Verso la fine della Repubblica.
Lucrezio.
Catullo.
Cicerone.
Cesare.
Sallustio.
L’instaurazione del principato e la politica culturale di Augusto.
Virgilio.
Orazio.
Ovidio.
Analisi testuale di autori classici quindici - venti brani in prosa e non meno di duecento versi.

Classe Quinta
Studio di passi scelti di autori classici dal De rerum natura di Lucrezio (circa 200 versi), dall’opera
di Cicerone (circa 15 capitoli) ed eventualmente di autori di epoca cristiana.
Studio della letteratura latina dalla prima età imperiale alla letteratura tardo-antica con lettura ed
analisi di testi integrali e/o brani antologici particolarmente significativi degli autori latini del
periodo storico-letterario suddetto, in lingua originale, e/o in traduzione italiana.
Fatte salve le scelte di ogni docente, si ritiene imprescindibile la trattazione di autori quali:
Seneca,
Persio,
Lucano,
Petronio,
Quintiliano,
Tacito,
Giovenale (ed eventualmente una scelta tra Marziale, Plinio il Vecchio e Plinio il Giovane,
Svetonio), Apuleio, Ambrogio, Gerolamo, Agostino.




                                                                                                         65
MODALITA’ DI VALUTAZIONE

Le verifiche e le conseguenti valutazioni non saranno considerate attività ai margini del lavoro
didattico, ma parti integranti di esso, attraverso le quali stimolare le capacità degli studenti di
organizzare il proprio pensiero e di trasformarlo in discorso orale o scritto coerente e chiaro.
La valutazione del livello di preparazione degli studenti sarà basata sulle verifiche che saranno
individuali, periodiche e graduate e si articoleranno in scritte e orali.
Le verifiche per l’orale (almeno tre a quadrimestre) potranno essere articolate in revisione dei
compiti domestici, domande circostanziate, colloqui, relazioni personali per una valorizzazione
progressiva dell’autonomia degli studenti nel processo di formazione, interrogazioni tradizionali,
e/o prove scritte di varia tipologia; le verifiche per lo scritto (almeno tre a quadrimestre) si
articoleranno in traduzioni dal latino con la possibilità di quesiti di comprensione linguistica e/o
testuale sul brano assegnato per la traduzione, quesiti di varia tipologia, soprattutto secondo le
tipologie della Terza prova dell’ Esame di Stato di cui verranno svolte simulazioni pluridisciplinari.
Per un’organica e precisa attribuzione di giudizi e voti si terrà conto degli elementi indicati nelle
griglie concordate, dell’impegno, dei progressi, della partecipazione al dialogo educativo e di ogni
altro atteggiamento tenuto dai discenti nei confronti della disciplina.


MATEMATICA


OBIETTIVI ANNUALI                                                          CLASSI PRIME

Acquisire un valido metodo di lavoro
Utilizzare il libro di testo non solo come eserciziario
Conoscere i simboli, le proprietà degli insiemi e gli operatori logici
Saper operare con le frazioni algebriche
Saper risolvere equazioni lineari
Saper risolvere semplici problemi utilizzando le equazioni di primo grado
Conoscere le definizioni e le proprietà della geometria
Acquisire e utilizzare il linguaggio specifico; in particolare, nella geometria, possedere un
linguaggio funzionale alla dimostrazione di semplici teoremi e ricordare le dimostrazioni dei
teoremi fondamentali
Saper costruire percorsi logici diversi per la risoluzione di uno stesso problema
Saper mettere in relazione conoscenze ed informazioni precedenti e definire dipendenze
Riconoscere analogie e differenze
INOLTRE NEL P.N.I.
Saper leggere e interpretare un semplice diagramma di flusso
Saper leggere e interpretare un listato scritto in linguaggio Pascal



OBIETTIVI ANNUALI                                                          CLASSI SECONDE

Consolidare quanto indicato per le classi prime


                                                                                                   66
Acquisire abilità nel calcolo algebrico con particolare riferimento alla risoluzione di equazioni,
disequazioni e sistemi
Saper risolvere un problema scomponendolo in sottoproblemi
Conoscere e saper dimostrare in modo ipotetico-deduttivo i teoremi della geometria euclidea
Aver acquisito e saper usare il linguaggio proprio della disciplina
INOLTRE NEL P.N.I.
Aver acquisito una certa autonomia in laboratorio e consolidato le abilità già acquisite nella scrittura
di programmi in Pascal e/o Delphi con le principali strutture di controllo



STANDARD METODOLOGICI                                                           BIENNIO

Lezione frontale
Discussione collettiva
Lettura in classe di alcune parti del libro di testo
Esercitazioni collettive e singole
Numerose verifiche orali e/o scritte, con o senza valutazione
Periodica correzione dei quaderni
Esercitazioni in laboratorio di informatica


MATEMATICA              CONTENUTI E SCANSIONE TEMPORALE                              CLASSI PRIME

ALGEBRA

AREA TEMATICA 1: I FONDAMENTI                                                               Ore 20

U. A. 1- Predicati, insiemi e logica
Gli insiemi-Insiemi e predicati-Predicati e logica
U. A. 2- Insiemi e relazioni
Le relazioni-Le proprietà delle relazioni in un insieme-Organizzazione degli
elementi di un insieme-Le relazioni fra insiemi diversi

AREA TEMATICA 2: LA MATEMATICA CON I NUMERI                                                  Ore 33

U. A. 1- Il linguaggio dell’aritmetica
Alla conquista dei numeri-L’insieme N-L’insieme Z-L’insieme Q
Le potenze in Q e le proprietà delle potenze-L’insieme R
Il concetto di operazione e le proprietà
Il sistema di numerazione
U. A. 2- Sistemi e basi di numerazione
Da una base all’altra - Operazioni in base 2
Le basi otto e sedici - Gli algoritmi

AREA TEMATICA 3: LA MATEMATICA CON LE LETTERE                                               Ore 35

U. A. 1- Il calcolo letterale e le espressioni algebriche
I monomi- I polinomi- Le operazioni con i polinomi- I prodotti notevoli
La divisione fra polinomi
U. A. 2- La fattorizzazione dei polinomi
Raccoglimento a fattor comune-Prodotti notevoli- Trinomio caratteristico
Ricerca dei divisori- Sintesi sulla scomposizione- M.C.D e m.c.m. tra polinomi
                                                                                                      67
U. A. 3- Le frazioni algebriche
Le frazioni algebriche- La semplificazione- Le operazioni- Le espressioni

AREA TEMATICA 4: MODELLI LINEARI                                                             Ore 20
U. A. 1- Le equazioni
Equazioni e identità- Le equazioni equivalenti
Le equazioni numeriche intere e frazionarie- Le equazioni letterali
U. A. 2- Le disequazioni
Disuguaglianze e disequazioni - Come si risolve una disequazione
Particolari disequazioni di grado superiore al primo - I sistemi di disequazioni

GEOMETRIA


AREA TEMATICA 1: I PRIMI ELEMENTI                                                           Ore 25

U. A. 1- Gli elementi introduttivi
Introduzione- Gli assiomi- Le prime definizioni- Il concetto di congruenza
U. A. 2- La congruenza e i triangoli
Poligoni e triangoli- I primi due criteri di congruenza- Proprietà del triangolo isoscele
Terzo criterio di congruenza- Teorema angolo esterno e quarto criterio
Relazioni tra i lati e gli angoli di un triangolo- La congruenza dei poligoni
U. A. 3- Parallelismo e perpendicolarità nel piano
Le rette perpendicolari- Le rette parallele- Parallelismo, perpendicolarità e poligoni

AREA TEMATICA 2: LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE E I QUADRILATERI
                                                                                   Ore 16
U. A. 1- Le isometrie nel piano
Concetto di trasformazione geometrica- Le isometrie- Il prodotto di trasformazioni
U. A. 2- Quadrilateri particolari: parallelogrammi e trapezi
I quadrilateri e i parallelogrammi - I parallelogrammi particolari
Parallelogrammi e isometrie - Il trapezio-La corrispondenza di Talete

AREA TEMATICA 3: CIRCONFERENZA E POLIGONI                                                   Ore 16

U. A. 1- La circonferenza
I luoghi geometrici- La circonferenza e il cerchio- Corde e angoli al centro
Rette e circonferenze- Angoli alla circonferenza e al centro
U. A. 2- I poligoni e la circonferenza
Poligoni inscritti e circoscritti- Poligoni regolari- Punti notevoli dei triangoli


MATEMATICA             CONTENUTI E SCANSIONE TEMPORALE                               CLASSI SECONDE


ALGEBRA

I FONDAMENTI:                                                                                 Ore 10
Richiami ed approfondimento di quanto svolto l’anno precedente con particolare
riferimento a equazioni, problemi di primo grado in una incognita e disequazioni

AREA TEMATICA 1: MODELLI E PROBLEMI                                                           Ore 15

                                                                                                       68
U. A. 1- I sistemi di equazioni
Le equazioni con due incognite e i sistemi- I principi di equivalenza dei sistemi
I metodi di risoluzione di un sistema- Sistemi determinati indeterminati e impossibili
I sistemi letterali- I sistemi lineari con più di due equazioni
U. A. 2- Modelli e problemi
I modelli- Problemi che hanno come modello un’equazione o una disequazione
Problemi che hanno per modello un sistema- Problemi di natura geometrica

AREA TEMATICA 2: ALGEBRA CLASSICA                                                              Ore 20

U. A. 1- I radicali
La funzione potenza e radice- La proprietà invariantiva e la semplificazione di un radicale
Radicali e valore assoluto - Le operazioni con i radicali - La razionalizzazione, vari casi
Potenze ad esponente razionale - I radicali algebrici

AREA TEMATICA 3: ALGEBRA CLASSICA –MODELLI NON LINEARI                                         Ore 45

U. A. 1- Le equazioni di secondo grado
Caratteristiche generali e la risoluzione- Le equazioni letterali- I legami fra soluzioni e
coefficienti- Problemi sulle equazioni parametriche- Problemi di secondo grado
U. A. 2- Le disequazioni di secondo grado
Il segno di un trinomio di secondo grado- Le disequazioni di secondo grado
Disequazioni e sistemi di disequazioni
U. A. 3- Equazioni di grado superiore al secondo e irrazionali
Il caso generale -Equazioni binomie e trinomie - Le equazioni irrazionali- Problemi
U. A. 4- Sistemi non lineari
Introduzione- I sistemi di secondo grado- I sistemi di grado superiore al secondo
Sistemi particolari- Sistemi e problemi


GEOMETRIA


AREA TEMATICA 1: CONFRONTARE E MISURARE SUPERFICI PIANE                                       Ore 30


U. A. 1- L’equivalenza dei poligoni
Il concetto di equivalenza- Figure equivalenti- Figure equicomposte
I criteri di equivalenza per i poligoni- I teoremi di Pitagora e di Euclide
U. A. 2- Grandezze, misura, proporzionalità e aree
Il problema di misurare- I numeri reali e la misura- Dalle grandezze alle misure: i rapporti
Grandezze proporzionali- La proporzionalità diretta e inversa- Il teorema di Talete
Le aree dei poligoni- I teoremi di Pitagora e di Euclide dal punto di vista numerico
U. A. 3- La lunghezza della circonferenza e l’area del cerchio
La lunghezza di una linea- La circonferenza rettificata- La lunghezza della circonferenza
L’area del cerchio- Archi e settori circolari


AREA TEMATICA 2: TRASFORMAZIONI DEL PIANO: OMOTETIA E SIMILITUDINE

                                                                                               Ore 20
U. A. 1- Una nuova trasformazione: l’omotetia
Ingrandimenti e riduzioni - L’omotetia - Le proprietà dell’omotetia
                                                                                                        69
Il prodotto di omotetie
U. A. 2- La similitudine
La definizione e le prime proprietà - La similitudine nei triangoli
La similitudine nei poligoni - Le applicazioni della similitudine




MATEMATICA           CONTENUTI E SCANSIONE TEMPORALE                     CLASSI PRIME   P.N.I.


ALGEBRA E INFORMATICA


AREA TEMATICA 1: I FONDAMENTI                                                      Ore 20

Comunicazione e linguaggio
Comunicare con il computer-I sistemi operativi
U. A. 1- Predicati, insiemi e logica
Gli insiemi-Insiemi e predicati-Predicati e logica
U. A. 2- Insiemi e relazioni
Le relazioni-Le proprietà delle relazioni in un insieme-Organizzazione degli
elementi di un insieme-Le relazioni fra insiemi diversi

AREA TEMATICA 2: LA MATEMATICA CON I NUMERI                                         Ore 33

U. A. 1- Il linguaggio dell’aritmetica
Alla conquista dei numeri-L’insieme N-L’insieme Z-L’insieme Q
Le potenze in Q e le proprietà delle potenze-L’insieme R
Il concetto di operazione e le proprietà
Il sistema di numerazione
U. A. 2- Sistemi e basi di numerazione
Da una base all’altra - Operazioni in base 2
Le basi otto e sedici - Gli algoritmi
Problemi, algoritmi e linguaggio di programmazione
Algoritmi e linguaggio di programmazione

AREA TEMATICA 3: LA MATEMATICA CON LE LETTERE                                      Ore 35

U. A. 1- Il calcolo letterale e le espressioni algebriche
I monomi- I polinomi- Le operazioni con i polinomi- I prodotti notevoli
La divisione fra polinomi
U. A. 2- La fattorizzazione dei polinomi
Raccoglimento a fattor comune-Prodotti notevoli- Trinomio caratteristico
Ricerca dei divisori- Sintesi sulla scomposizione- M.C.D e m.c.m. tra polinomi
U. A. 3- Le frazioni algebriche
Le frazioni algebriche- La semplificazione- Le operazioni- Le espressioni

AREA TEMATICA 4: MODELLI LINEARI                                                    Ore 20
U. A. 1- Le equazioni
Equazioni e identità- Le equazioni equivalenti
Le equazioni numeriche intere e frazionarie- Le equazioni letterali
U. A. 2- Le disequazioni
                                                                                             70
Disuguaglianze e disequazioni - Come si risolve una disequazione
Particolari disequazioni di grado superiore al primo - I sistemi di disequazioni




GEOMETRIA

AREA TEMATICA 1: I PRIMI ELEMENTI                                                           Ore 25

U. A. 1- Gli elementi introduttivi
Introduzione- Gli assiomi- Le prime definizioni- Il concetto di congruenza
U. A. 2- La congruenza e i triangoli
Poligoni e triangoli- I primi due criteri di congruenza- Proprietà del triangolo isoscele
Terzo criterio di congruenza- Teorema angolo esterno e quarto criterio
Relazioni tra i lati e gli angoli di un triangolo- La congruenza dei poligoni
U. A. 3- Parallelismo e perpendicolarità nel piano
Le rette perpendicolari- Le rette parallele- Parallelismo, perpendicolarità e poligoni

AREA TEMATICA 2: LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE E I QUADRILATERI
                                                                                   Ore 16
U. A. 1- Le isometrie nel piano
Concetto di trasformazione geometrica- Le isometrie- Il prodotto di trasformazioni
U. A. 2- Quadrilateri particolari: parallelogrammi e trapezi
I quadrilateri e i parallelogrammi - I parallelogrammi particolari
Parallelogrammi e isometrie - Il trapezio-La corrispondenza di Talete

AREA TEMATICA 3: CIRCONFERENZA E POLIGONI                                                   Ore 16

U. A. 1- La circonferenza
I luoghi geometrici- La circonferenza e il cerchio- Corde e angoli al centro
Rette e circonferenze- Angoli alla circonferenza e al centro
U. A. 2- I poligoni e la circonferenza
Poligoni inscritti e circoscritti- Poligoni regolari- Punti notevoli dei triangoli




INFORMATICA_______________________________________________________________


U.1- Problemi,algoritmi e linguaggio di programmazione              ( ORE: v. area tematica 1 e 2 )
Introduzione- Le risorse hardware e software- Il sistema operativo Windows
Gli algoritmi- Algoritmi e linguaggio di programmazione

U.2- Esercitazioni in laboratorio con l’uso di PASCAL, DERIVE e CABRI
                                             ( ORE:circa 15 sottratte in parte ai rispettivi moduli)
APPENDICI Ai singoli capitoli del vol.1 e di geometria:“Ci aiuta l’informatica”

                                                                                                       71
MATEMATICA CONTENUTI E SCANSIONE TEMPORALE CLASSI SECONDE P.N.I.


ALGEBRA E INFORMATICA

I FONDAMENTI:                                                                                    Ore 10
Richiami ed approfondimento di quanto svolto l’anno precedente con particolare
riferimento a equazioni, problemi di primo grado in una incognita e disequazioni

AREA TEMATICA 1: MODELLI E PROBLEMI                                                            Ore 15

U. A. 1- I sistemi di equazioni
Le equazioni con due incognite e i sistemi- I principi di equivalenza dei sistemi
I metodi di risoluzione di un sistema- Sistemi determinati indeterminati e impossibili
I sistemi letterali- I sistemi lineari con più di due equazioni
U. A. 2- Modelli e problemi
I modelli- Problemi che hanno come modello un’equazione o una disequazione
Problemi che hanno per modello un sistema- Problemi di natura geometrica

AREA TEMATICA 2: ALGEBRA CLASSICA                                                              Ore 20

U. A. 1- I radicali
La funzione potenza e radice- La proprietà invariantiva e la semplificazione di un radicale
Radicali e valore assoluto - Le operazioni con i radicali - La razionalizzazione, vari casi
Potenze ad esponente razionale - I radicali algebrici
AREA TEMATICA 3: ALGEBRA CLASSICA – MODELLI NON LINEARI                                     Ore 45

U. A. 1- Le equazioni di secondo grado
Caratteristiche generali e la risoluzione- Le equazioni letterali- I legami fra soluzioni e
coefficienti- Problemi sulle equazioni parametriche- Problemi di secondo grado
U. A. 2- Le disequazioni di secondo grado
Il segno di un trinomio di secondo grado- Le disequazioni di secondo grado
Disequazioni e sistemi di disequazioni
U. A. 3- Equazioni di grado superiore al secondo e irrazionali
Il caso generale -Equazioni binomie e trinomie - Le equazioni irrazionali- Problemi
U. A. 4- Sistemi non lineari
Introduzione- I sistemi di secondo grado- I sistemi di grado superiore al secondo
Sistemi particolari- Sistemi e problemi


GEOMETRIA

AREA TEMATICA 1: CONFRONTARE E MISURARE SUPERFICI PIANE                                       Ore 30


U. A. 1- L’equivalenza dei poligoni
Il concetto di equivalenza- Figure equivalenti- Figure equicomposte
I criteri di equivalenza per i poligoni- I teoremi di Pitagora e di Euclide
                                                                                                          72
U. A. 2- Grandezze, misura, proporzionalità e aree
Il problema di misurare- I numeri reali e la misura- Dalle grandezze alle misure: i rapporti
Grandezze proporzionali- La proporzionalità diretta e inversa- Il teorema di Talete
Le aree dei poligoni- I teoremi di Pitagora e di Euclide dal punto di vista numerico
U. A. 3- La lunghezza della circonferenza e l’area del cerchio
La lunghezza di una linea- La circonferenza rettificata- La lunghezza della circonferenza
L’area del cerchio- Archi e settori circolari


AREA TEMATICA 2: TRASFORMAZIONI DEL PIANO: OMOTETIA E SIMILITUDINE

                                                                                         Ore 25
U. A. 1- Una nuova trasformazione: l’omotetia
Ingrandimenti e riduzioni - L’omotetia - Le proprietà dell’omotetia -Il prodotto di omotetie
U. A. 2- La similitudine
La definizione e le prime proprietà - La similitudine nei triangoli
La similitudine nei poligoni - Le applicazioni della similitudine



INFORMATICA_______________________________________________________________


U.1- Problemi,algoritmi e linguaggio di programmazione                               Ore 10
Algoritmi- Algoritmi e linguaggio di programmazione
Richiami ed approfondimenti di quanto appreso l’anno precedente per scriver semplici programmi
in Turbo Pascal e/o Delphi con l’uso delle principali strutture di controllo

U.2- Esercitazioni in laboratorio con l’uso di PASCAL e/o DELPHI, DERIVE e CABRI
APPENDICI ai singoli capitoli del vol.2 e di geometria:“Ci aiuta l’informatica”  Ore 15




MATEMATICA                                                         CLASSE TERZA


Obiettivi annuali


1) conoscenza delle varie parti del programma
2) acquisizione ai un linguaggio formale
3) sicurezza nel calcolo.
4) traduzione di proprietà geometriche in linguaggio algebrico
5) interpretazione geometrica di equazioni algebriche
6) controllo dei risultati ed eventuale ricerca degli errori
7)sviluppo di capacità di analisi e sintesi
8) padronanza del metodo logico-deduttivo
9) Individuazione della via più adatta per risolvere un problema, utilizzando tutte le conoscenze
acquisite


                                                                                                  73
STANDARD METODOLOGICI

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali

Chiarificazione dei. concetti introdotti con applicazioni, domande e interventi degli alunni per tener
vivi attenzione e interesse.
Riflessione individuale o di gruppo sugli argomenti.
Successiva, organizzazione dei problemi svolti in classe e a casa in, maniera sistematica per poter
costruire la base di successivi contenuti.
Eventuale uso del calcolatore.
Eventuale partecipazione a conferenze.
Eventuale collaborazione di docenti universitari e anche studenti universitari.
Eventuale partecipazione a giochi matematici (Olimpiadi).


CONTENUTI
Equazioni e disequazioni irrazionali e con valori assolti.
Il piano cartesiano: Coordinate cartesiane sulla retta . Punto medio di un segmento. Traslazione
sulla retta . Distanza tra due punti appartenenti al piano. Coordinate del punto medio di un
segmento. Baricentro di un triangolo . Area di un triangolo.
La retta: L’equazione lineare in X e Y . Ogni retta del piano è rappresentata algebricamente da un’
equazione lineare e viceversa . Forma esplicita dell’equazione di una retta. Intersezione fra due
rette. Condizione di parallelismo. Condizione di perpendicolarità di due rette. Fascio improprio di
rette. Fascio proprio di rette. Retta per un punto. Distanza di un punto da una retta. Luoghi
geometrici : asse di un segmento; luogo dei punti equidistanti da due rette date. Problemi sulla retta.
 La circonferenza - La circonferenza come luogo geometrico. Intersezione di una circonferenza con
una retta . Rette tangenti ad una circonferenza
Condizioni per determinare l’equazione cartesiana di una circonferenza. Discussione grafica di
alcuni sistemi di 2° grado: circonferenza – retta
L’ellisse: L’ellisse come luogo geometrico. Equazione dell’ellisse. Proprietà dell’ellisse.
Intersezione di un’ellisse con una retta e condizione di tangenza.
L’iperbole: L’iperbole come luogo geometrico. Equazione dell’iperbole. Proprietà dell’iperbole.
Intersezione di una iperbole con una retta e condizioni di tangenza.
La parabola: La parabola come luogo geometrico. Equazione della parabola con asse di simmetria
parallela all’asse Y. Equazione della parabola con asse di simmetria parallela all’asse X.
Intersezione di una parabola con una retta. Rette tangenti ad una parabola. Condizioni per
determinare l’equazione di una parabola. Discussione grafica di alcuni sistemi di 2° grado: parabola
– retta . Problemi sulla parabola . Risoluzione e discussione dei problemi di geometria analitica.




Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI


                                                                                                    74
Le funzioni
Funzione esponenziale e logaritmica.
Rette e piani nello spazio.



MATEMATICA                                                   CLASSE QUARTA

Obiettivi Annuali

      Conoscenza delle varie parti del programma
      Acquisizione di un linguaggio formale
      Sicurezza nel calcolo
      Matematizzazione di problemi di geometria piana e solida con l’uso del linguaggio
       trigonometrico
      Controllo dei risultati del procedimento seguito ed eventuale ricerca degli errori
      Sviluppo di capacità di analisi e sintesi
      Padronanza del metodo logico-deduttivo
      Individuazione della via più adatta per risolvere un problema, utilizzando tutte le conoscenze
       acquisite


Metodologia

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali.
Chiarificazione dei concetti introdotti con domande ed interventi degli alunni.
Riflessione e approfondimento a livello personale o di gruppo dei principali argomenti svolti.
Successiva organizzazione dei problemi svolti in classe e a casa in maniera sistematica per poter
costruire la base dei successivi contenuti.
Eventuale uso del P.C. in particolari situazioni.
Eventuale partecipazione a conferenze.
Eventuale collaborazione con docenti universitari e/o studenti universitari.
Eventuale partecipazione a giochi matematici.

Uso di: libro di testo, giornali, riviste, libri della biblioteca dell’Istituto, videocassette, CD e DVD,
risorse del web.


Contenuti

POTENZE E LOGARITMI
Potenze con esponente reale. La curva esponenziale. Equazioni e disequazioni esponenziali. I
logaritmi. Proprietà dei logaritmi. La curva logaritmica. Equazioni e disequazioni logaritmiche.

ARCHI E ANGOLI
Gli angoli. Misura degli angoli. Formule di trasformazione.

FUNZIONI GONIOMETRICHE
Circonferenza goniometrica. Seno e coseno di un angolo. Prima relazione fondamentale. Tangente e
cotangente di un angolo. Significato goniometrico del coefficiente angolare di una retta. Relazioni
tra le funzioni goniometriche. Grafici delle funzioni goniometriche.

ARCHI ASSOCIATI
                                                                                                      75
Archi supplementari. Archi le cui misure differiscono di  . Archi opposti. Archi esplementari.
Archi complementari. Grafici deducibili dalle curve goniometriche.

FORMULE GONIOMETRICHE
Formule di addizione e sottrazione. Tangente dell'angolo formato da due rette. Formule di
duplicazione. Formule di bisezione.

IDENTITA' E EQUAZIONI GONIOMETRICHE
Identità. Equazioni elementari. Equazioni riconducibili a equazioni elementari. Risoluzione grafica
di equazioni in seno e coseno di primo e secondo grado.

DISEQUAZIONI GONIOMETRICHE
Disequazioni goniometriche elementari. Disequazioni riconducibili a disequazioni elementari.
Risoluzione grafica di disequazioni in seno e coseno di primo e secondo grado.

TRIANGOLI RETTANGOLI
Teoremi sui triangoli rettangoli. Risoluzione dei triangoli rettangoli.

TRIANGOLI QUALUNQUE
Area di un triangolo. Teorema della corda. Teorema dei seni. Teorema delle proiezioni. Teorema di
Carnot. Risoluzione di un triangolo qualunque.

Risoluzione trigonometrica di problemi di geometria piana e solida.

GEOMETRIA
Rette e piani nello spazio. Parallelismo e perpendicolarità nello spazio. I poliedri. I corpi rotondi.
L'equivalenza dei solidi.



Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI

Calcolo del Raggio Terrestre di Eratostene
Applicazioni Topografiche
Trasformazioni nel piano
Applicazioni della trigonometria in fisica


MATEMATICA                                                           CLASSE QUINTA

OBIETTIVI DISCIPLINARI

Obiettivi annuali:

      conoscenza delle varie parti del programma
      acquisizione di un linguaggio formale
      sicurezza nel calcolo
      matematizzazione e risoluzione di problemi di geometria piana e solida con l'uso delle
       conoscenze acquisite nel triennio
      controllo dei risultati del procedimento seguito ed eventuale ricerca degli errori
      sviluppo di capacità di analisi e sintesi
      padronanza del metodo logico-deduttivo

                                                                                                   76
      individuazione della via più adatta per risolvere un problema, utilizzando tutte le conoscenze
       acquisite
      capacità di astrarre proprietà generali da situazioni particolari
      inquadramento storico dell’evoluzione delle idee matematiche fondamentali.

STANDARD METODOLOGICI

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali.
Chiarificazione dei concetti introdotti con applicazioni, domande e interventi degli alunni per tenere
vivi attenzione e interesse.
Riflessione individuale o di gruppo sugli argomenti svolti.
Successiva organizzazione dei problemi svolti in classe e a casa in maniera sistematica per costruire
la base di altri contenuti disciplinari.
Eventuale uso del P.C..
Eventuale partecipazione a conferenze.
Eventuale collaborazione con docenti e studenti universitari.
Eventuale partecipazione a giochi matematici (Olimpiadi).
Uso di: libro di testo, giornali e riviste, libri della biblioteca d’istituto, videocassette, CD, DVD,
risorse WEB.


CONTENUTI ANNUALI


FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE
Definizione di funzione. Campo di esistenza. Grafico di una funzione. Funzioni elementari.
Funzione inversa. Funzioni pari e dispari. Funzione periodica. Grafici deducibili.

LIMITI DI UNA FUNZIONE
Limite finito e limite infinito di una funzione in un punto. Limite finito e limite infinito di una
funzione all’infinito. Limite destro e limite sinistro. Teoremi sui limiti. Operazioni sui limiti.

FUNZIONI CONTINUE
Definizione di funzione continua. Alcune funzioni continue. Punti di discontinuità. Limiti notevoli.
Continuità delle funzioni inverse. Teorema di Weierstrass. Teorema dei valori intermedi. Teorema
di esistenza degli zeri. Determinazione di limiti particolari. Asintoti.

TEORIA DELLE DERIVATE
Definizione di derivata e suo significato geometrico. Continuità delle funzioni derivabili. Derivata
di una costante. Derivata della funzione identica. Derivate di altre funzioni elementari. Regole di
derivazione. Regola di derivazione della funzione composta. Derivate successive. Differenziale di
una funzione e suo significato geometrico.

TEOREMI FONDAMENTALI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE
Massimi e minimi. Teoremi di Rolle, di Cauchy, di Lagrange e relativi corollari. Forme
indeterminate. Regola di De L’Hopital. Punti a tangente orizzontale. Uso delle derivate successive.
Osservazioni sui massimi e minimi locali: punti angolosi e cuspidi. Concavità, convessità, flessi.
Flessi a tangente verticale.

GRAFICI DI FUNZIONI
Studio del grafico di una funzione. Discussione grafica di un’equazione parametrica.

MASSIMI E MINIMI ASSOLUTI DI UNA FUNZIONE
                                                                                                   77
Massimi e minimi assoluti. Problemi di massimo e minimo assoluto.

L’INTEGRALE INDEFINITO
Funzioni primitive di una funzione data. Integrale indefinito e proprietà. Integrali indefiniti
immediati. Integrazione mediante scomposizione o semplice trasformazione della funzione
integranda. Integrazione delle funzioni razionali fratte. Integrazione per sostituzione. Integrazione
per parti.

L’INTEGRALE DEFINITO
Area del trapezoide. Integrale definito. Proprietà dell’integrale definito. Teorema della media.
Funzione integrale. Teorema di Torricelli e relativo corollario. Calcolo di aree di domini piani.
Volume dei solidi di rotazione.

CALCOLO COMBINATORIO
Disposizioni semplici. Permutazioni semplici. Combinazioni semplici. Formula del binomio di
Newton.




Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI

Grafici di funzioni composte.

Applicazione delle derivate alla fisica.

Integrali impropri.

Applicazione degli integrali alla fisica.

TRIENNIO PNI

MATEMATICA                                                        CLASSE III P.N.I.

OBIETTIVI

   1)  Conoscenza delle varie parti del programma
   2)  Acquisizione di un linguaggio formale
   3)  Sicurezza e padronanza delle tecniche del calcolo
   4)  Traduzione di proprietà geometriche in linguaggio algebrico e trigonometrico
   5)  Saper elaborare informazioni ed utilizzare consapevolmente metodi di
       calcolo e strumenti informatici.
   6) Interpretazione geometrica di equazioni algebriche
   7) Controllo dei risultati del procedimento seguito ed eventuale ricerca degli errori
   8) Sviluppo di capacità di analisi
   9) Padronanza del metodo logico deduttivo
   10) Individuazione della via più adatta per risolvere un problema, utilizzando le conoscenze
       acquisite




                                                                                                  78
METODOLOGIA DIDATTICA

   1)   Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
   2)   Chiarificazione dei concetti introdotti con applicazioni, domande e interventi degli alunni
   3)   Riflessione individuale o di gruppo sugli argomenti
   4)   Successiva organizzazione dei problemi svolti in classe e a casa in maniera sistematica per
        poter costruire la base di successivi contenuti
   5)   Uso dell’elaboratore che, oltre a permettere l’approfondimento delle conoscenze,
        consente anche, mediante la visualizzazione di processi algoritmici non attuabile con
        elaborazione manuale, la verifica sperimentale di nozioni teoriche già apprese e rafforza
        negli allievi l’attitudine all’astrazione ed alla formalizzazione.
   6)   Eventuale partecipazione a conferenze
   7)   Eventuale collaborazione di docenti universitari e anche studenti universitari
   8)   Eventuale partecipazione a giochi matematici


Contenuti

DISEQUAZIONI
Disequazioni di primo grado. Disequazioni di secondo grado. Risoluzione di disequazioni di
secondo grado con il metodo grafico. Disequazioni frazionarie e di grado superiore al secondo.
Sistemi di disequazioni. Disequazioni irrazionali. Disequazioni con i valori assoluti.
FUNZIONI
Definizioni e terminologia. Funzioni numeriche e funzioni matematiche. Funzioni pari e funzioni
dispari. Proprietà di una funzione : funzioni iniettive, funzioni suriettive, funzioni biiettive. Funzioni
inverse. Funzioni composte. Funzioni periodiche. Funzioni crescenti e decrescenti in un intervallo.
Funzioni monotone. Grafico di una funzione y = f(x). Classificazione delle funzioni matematiche.
Zeri di una funzione.
PIANO CARTESIANO
Coordinate cartesiane sulla retta. Relazioni tra segmenti di una retta. Punto medio di un segmento.
Distanza tra due punti della retta. Coordinate cartesiane nel piano. Distanza tra due punti.
Coordinate del punto medio di un segmento. Baricentro di un triangolo. Area di un triangolo.
LUOGHI GEOMETRICI
Equazione di un luogo geometrico nel piano cartesiano. Forma implicita e forma esplicita
dell’equazione di una curva. Intersezioni tra curve. Traslazione del sistema di riferimento.
LA RETTA
Assi cartesiani e rette parallele ad essi. Significato goniometrico di coefficiente angolare di una
retta. Retta passante per l’origine. Retta in posizione generica. Condizione di parallelismo tra rette.
Condizione di perpendicolarità di due rette. Equazione generale di una retta. Fascio improprio di
rette. Fascio proprio di rette. Retta per un punto. Retta per due punti. Distanza di un punto da una
retta. Alcuni luoghi geometrici ( asse di un segmento, bisettrice di un angolo). Problemi sulla retta.
Equazioni parametriche di una curva.
LA CIRCONFERENZA
La circonferenza come luogo geometrico. Intersezioni di una circonferenza con una retta. Rette
tangenti ad una circonferenza. Curve deducibili dalla circonferenza. Fasci di circonferenze.
LA PARABOLA
La parabola come luogo geometrico. Equazione della parabola con asse di simmetria parallelo
all’asse y. Equazione della parabola con asse di simmetria parallelo all’asse x. Intersezioni di una
parabola con una retta. Rette tangenti ad una parabola. Condizioni per determinare l’equazione di
una parabola. Parabole sovrapponibili. Curve deducibili dalla parabola. Teorema di Archimede.
Esempi di discussione grafica di sistemi di secondo grado (circonferenza-retta, parabola-retta).
Esempi di discussione di problemi di primo e secondo grado con il metodo grafico.
                                                                                                       79
L ' ELLISSE
L’ellisse come luogo geometrico. Equazione dell’ellisse con i fuochi sopra l’asse x. Proprietà
dell’ellisse. Intersezioni dell’ellisse con una retta e condizione di tangenza. Condizioni per
determinare l’equazione di un’ellisse. Ellisse con i fuochi sopra l’asse y. Curve deducibili
dall’ellisse.
L ' IPERBOLE
L’iperbole come luogo geometrico. Equazione dell’iperbole con i fuochi sopra l’asse x. Proprietà
dell’iperbole. Iperbole equilatera. Iperbole con i fuochi sopra l’asse y. Intersezioni di un’iperbole
con una retta e condizioni di tangenza. Condizioni per determinare l’equazione di un’iperbole.
Iperbole equilatera traslata.
LUOGHI GEOMETRICI
Coniche definite mediante fuoco e direttrice. Equazioni parametriche di una curva. Luogo dei vertici
di una famiglia di parabole. Luogo dei centri di simmetria di una famiglia di iperboli equilatere.
Luogo del punto medio di un segmento intercettato da una curva fissa su una retta variabile.
FUNZIONI CIRCOLARI
Misura degli angoli e degli archi. Circonferenza goniometrica. Le funzioni seno e coseno. La
funzione tangente. Funzioni secante, cosecante e cotangente. Curve goniometriche.
FORMULE GONIOMETRICHE
Archi associati. Formule di addizione e sottrazione. Tangente dell’angolo formato da due rette.
Formule di duplicazione. Formule di bisezione. Formule parametriche razionali. Formule di Werner
e di prostaferesi.
IDENTITA' ED EQUAZIONI GONIOMETRICHE
Identità. Equazioni. Equazioni elementari. Funzioni inverse delle funzioni goniometriche : arcoseno,
arcocoseno, arcotangente. Equazioni riconducibili ad elementari. Equazioni lineari in seno e coseno.
Risoluzione grafica delle equazioni lineari. Equazioni omogenee in seno e coseno. Equazioni
riconducibili ad omogenee. Risoluzione grafica di equazioni omogenee .
RISOLUZIONE DEI TRIANGOLI RETTANGOLI
Teoremi sui triangoli rettangoli. Problemi di Geometria euclidea sull’applicazione dei teoremi sui
triangoli rettangoli.
DISEQUAZIONI GONIOMETRICHE
Disequazioni goniometriche elementari. Disequazioni goniometriche riconducibili ad elementari.
Disequazioni lineari (metodo grafico, interpretazione grafica delle soluzioni). Disequazioni
omogenee (interpretazione grafica delle soluzioni).
RISOLUZIONE DEI TRANGOLI QUALUNQUE
Area di un triangolo. Teorema della corda. Teorema dei seni. Teorema del coseno o di Carnot.
Problemi di Geometria euclidea sull’applicazione dei teoremi sui triangoli qualunque.
Esempi di discussione grafica di problemi risolti per via trigonometrica.
APPLICAZIONI DELLA TRIGONOMETRIA
Angolo tra due rette. Coordinate polari. Rotazione degli assi cartesiani. Rototraslazione degli assi
cartesiani. complementi sulle coniche: ricerca della forma canonica. Equazioni parametriche di
circonferenza, ellisse, iperbole. Applicazioni della trigonometria in Fisica. Problemi di astronomia.
STATISTICA DESCRITTIVA
I dati statistici. Rappresentazione grafica dei dati. Gli indici di posizione centrale. Gli indici di
variabilità. I rapporti statistici. Interpolazione. Il metodo dei minimi quadrati. Regressione.
Correlazione.
INFORMATICA
Implementazione di algoritmi numerici diretti e iterativi. Algoritmi definiti in
modo iterativo e in modo ricorsivo.

LABORATORIO
Per quasi tutte le unità didattiche sono previste esercitazioni in laboratorio di Informatica ( utilizzo
del Derive, di un foglio elettronico, stesura di programmi in un linguaggio di programmazione.


                                                                                                     80
Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI

Calcolo del Raggio Terrestre di Eratostene
Applicazioni Topografiche
Applicazioni della trigonometria in fisica




MATEMATICA                                          CLASSE IV P.N.I.


OBIETTIVI ANNUALI:
   Conoscenza varie parti del programma.
   Acquisizione linguaggio formale.
   Sicurezza nel calcolo.
   Traduzione di parti geometriche in linguaggio algebrico e trigonometrico.
   Saper elaborare informazioni ed utilizzare consapevolmente metodi di
     calcolo e strumenti informatici.
   Sviluppo di capacità di analisi.
   Padronanza nel metodo logico deduttivo.
   Individuazione della via più adatta per risolvere un problema.
   Controllo dei risultati del procedimento seguito ed eventuale ricerca degli
     errori.

CONTENUTI

COORDINATE POLARI
Trasformazione delle coordinate polari in coordinate cartesiane e viceversa.
Equazioni parametriche di una curva.

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO CARTESIANO
Trasformazioni affini. Proprietà invarianti. Particolari trasformazioni affini:
similitudini , isometrie. Dilatazioni. Applicazioni delle trasformazioni geometriche

NUMERI COMPLESSI
Definizione di numero complesso. Rappresentazione cartesiana. Operazioni sui
numeri complessi. Rappresentazione trigonometrica dei numeri complessi.
Corrispondenza tra numeri complessi e vettori. Radici n-esime dei numeri
complessi

SUCCESSIONI NUMERICHE E PROGRESSIONI
Definizione di successione. Successioni limitate. Progressioni aritmetiche.
Progressioni geometriche.

GEOMETRIA DELLO SPAZIO
Rette e piani nello spazio. Angoloidi. Poliedri regolari
Prisma . Piramide. Tronco di piramide. Cilindro. Cono. Tronco di cono. Sfera.
Misura di aree e di volumi

FUNZIONI ESPONENZIALI
Considerazioni sulla potenza ad esponente reale. La funzione esponenziale. Equazioni esponenziali.
Disequazioni esponenziali.
                                                                                               81
LOGARITMI
Definizione di logaritmo. La curva logaritmica. Equazioni logaritmiche. Disequazioni logaritmiche

MATRICI E DETERMINANTI
Definizioni fondamentali. Algebra delle matrici. Determinanti di matrici quadrate. Rango di una
matrice. Sistemi lineari. Teorema di Rouchè-Capelli. Discussione di un sistema parametrico.

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE
Definizione di funzione. Dominio di una funzione. Funzioni monotòne. Funzioni limitate. Funzioni
inverse.

LIMITI DI FUNZIONI
Concetto di limite di una funzione. Limite finito. Limite infinito. Limite di una
funzione all’infinito. Teoremi sui limiti. Operazioni sui limiti.

FUNZIONI CONTINUE
Definizione di funzione continua. Funzioni continue elementari. Proprietà delle
funzioni continue. Punti di discontinuità.. Calcolo di limiti di forme indeterminate.
Grafico probabile di una funzione.

CALCOLO COMBINATORIO
Disposizioni semplici. Disposizioni con ripetizione. Permutazioni semplici..
Permutazioni con ripetizione. La funzione n! . Combinazioni semplici.
Combinazioni con ripetizione. Coefficienti binomiali.

INFORMATICA
Implementazione di algoritmi numerici diretti e iterativi. Algoritmi definiti in
modo iterativo e in modo ricorsivo.

Quasi tutti gli argomenti del programma vengono chiariti e approfonditi tramite
esercizi svolti utilizzando o un linguaggio di programmazione o il foglio
elettronico o un software didattico.

APPROFONDIMENTI
Discussione di equazioni e problemi.
Forma esponenziale dei numeri complessi.
Spazi vettoriali.
Metodi per la risoluzione di sistemi lineari: metodo di Jacobi, metodo di Gauss-
Seidel


STANDARD METODOLOGICI:
Presentazione degli argomenti con lezioni frontali.
Chiarificazione dei concetti introdotti con applicazioni, domande e interventi degli
alunni .
Riflessione individuale o di gruppo sugli argomenti
Successiva organizzazione dei problemi svolti in classe e a casa in maniera
sistematica per poter costruire la base di successivi contenuti.
Uso dell’elaboratore che, oltre a permettere l’approfondimento delle conoscenze,
consente anche, mediante la visualizzazione di processi algoritmici non attuabile
con elaborazione manuale, la verifica sperimentale di nozioni teoriche già apprese
e rafforza negli allievi l’attitudine all’astrazione ed alla formalizzazione.
                                                                                                82
Eventuale partecipazione a conferenze
Eventuale collaborazione di docenti universitari e anche studenti universitari.
Eventuale partecipazione a giochi matematici.




MATEMATICA                                          CLASSE QUINTA P.N.I.

OBIETTIVI

   1.   Conoscenza delle varie parti del programma
   2.   Acquisizione di un linguaggio adeguato
   3.   Saper collegare argomenti affini incontrati nel triennio.
   4.   Saper risolvere problemi
   5.   Matematizzazione di problemi di geometria piana e solida con l’applicazione delle
        conoscenze acquisite nel triennio
   6.   Padronanza del metodo logico e deduttivo
   7.   Consolidamento della capacità di analisi e di sintesi
   8.   Capacità di astrarre da situazioni particolari, proprietà generali
   9.   Inquadramento storico dell’evoluzione delle idee matematiche.


METODOLOGIA
   1. Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
   2. Approfondimento dei concetti appresi con esercitazioni in classe
   3. Riflessione e approfondimento degli argomenti affrontati con domande ed interventi degli
      alunni
   4. Uso del calcolatore per l’analisi numerica e la statistica
   5. Approfondimento di linguaggi di programmazione
   6. Eventuale partecipazione a conferenze
   7. Partecipazione alle Olimpiadi della Matematica
   8. Uso di: libro di testo, riviste scientifiche, libri della biblioteca, risorse del Web.



CONTENUTI PRINCIPALI

Ripasso del concetto di limite di una funzione e di funzione continua.

Derivata di una funzione: definizioni e nozioni fondamentali sulle derivate; significato geometrico
del rapporto incrementale; punti stazionari; interpretazione geometrica di alcuni casi di non
derivabilità; continuità delle funzioni derivabili; derivate fondamentali; teoremi sul calcolo delle
derivate; derivate di ordine superiore al primo; differenziale di una funzione; applicazioni del
concettosi derivata in fisica.

Teoremi sulle funzioni derivabili: teorema di Rolle; teorema di Lagrange, applicazione del teorema
di Lagrange; funzioni derivabili crescenti e decrescenti; teorema di Cauchy, teorema di De
L’Hopital e sue applicazioni.

Massimi, minimi, flessi di una funzione: Definizione di massimo e di minimo relativo; Teoremi sui
massimi e minimi relativi; ricerca dei massimi e minimi relativi e assoluti; concavità di una curva;

                                                                                                 83
punti di flesso; ricerca dei punti di flesso; metodi particolari per la risoluzione dei problemi di
massimo e di minimo.

Studio di una funzione: Asintoto orizzontale, verticale e obliquo; schema generale per lo studio di
una funzione; esempi di studio di funzione; dal grafico di una funzione a quello della sua derivata;
dal grafico di una funzione a quello di una sua primitiva; applicazioni dello studio di funzione alla
discussione delle equazioni parametriche; laboratorio di informatica.

Integrale indefinito: definizione di integrale indefinito; l’integrale indefinito come operatore lineare;
integrazioni immediate; integrazioni delle funzioni razionali fratte; integrazione per sostituzione;
interazione per parti; integrali di particolari funzioni irrazionali.

Integrale definito: introduzione intuitiva al concetto di integrale definito; integrale definito di una
funzione continua; proprietà degli integrali definiti; teorema della media; la funzione integrale;
teorema fondamentale del calcolo integrale; formula fondamentale del calcolo integrale; calcolo
degli integrali definiti con il metodo di sostituzione; area di una parte di piano delimitata dal grafico
di due o più funzioni; volume di un solido di rotazione; integrali impropri.

Equazioni differenziali: equazioni differenziali del primo ordine; equazioni differenziali a variabili
separabili.

Analisi numerica: risoluzione approssimata di un’equazione; separazione delle radici; il metodo
delle secanti; il metodo di Newton; il metodo del punto unito ed interpretazione grafica; valutazione
dell’errore; integrazione numerica: metodo dei rettangoli, metodo dei trapezi; metodo di Cavalieri-
Simpson; valutazione dell’errore; applicazioni informatiche.

Il calcolo della probabilità: la probabilità della somma logica di eventi; la probabilità condizionata;
la probabilità del prodotto logico di eventi; in problema delle prove ripetute; il teorema di Bayes,
laboratorio di informatica.

Le distribuzioni di probabilità: le variazioni casuali discrete e le distribuzioni di probabilità; i giochi
aleatori; i valori caratterizzanti una variabile casuale discreta; il teorema di Bernuolli; variabili
casuali standardizzate; laboratorio di informatica.

Geometrie non euclidee: gli “Elementi di Euclide” e il postulato delle parallele; i tentativi di
dimostrare il postulato delle parallele e la nascita delle geometrie non euclidee; Saccheri e Lambert;
Lobacievskij e la geometria iperbolica; Riemann e la geometria ellittica.


APPROFONDIMENTI: Il teorema di Cebicev; variabili casuali continue



FISICA                                                        CLASSE TERZA

OBIETTIVI

   10. Conoscenza delle varie parti del programma
   11. Acquisizione di un linguaggio specifico
   12. Conoscenza e applicazione di tecniche di misura
   13. Verifiche sperimentali delle leggi del moto
   14. Saper risolvere esercizi
   15. Saper riconoscere la coerenza di un ragionamento logico
                                                                                                        84
    16. Sviluppo di capacità di analisi
    17. Padronanza del metodo logico-deduttivo




CRITERI METODOLOGICI

    9. Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
    10. Verifiche sperimentali di alcune leggi e realizzazione di esperienze di tipo qualitativo
    11. Riflessione e approfondimento dei concetti svolti con domande ed interventi degli alunni
    12. Eventuale partecipazione a conferenze e collaborazione con docenti universitari
    13. Partecipazione alle Olimpiadi della Fisica
    14. Uso di: libro di testo, riviste scientifiche e divulgative, libri della biblioteca, videocassette,
        CD, DVD, risorse del Web.

CONTENUTI PRINCIPALI

Le grandezze: la misura delle grandezze; le definizioni operative; il sistema internazionale di unità
di misura; l’intervallo di tempo; la lunghezza; la massa inerziale; la densità; le dimensioni delle
grandezze.

La misura: gli strumenti; l’incertezza delle misure; il valore medio e l’incertezza; l’incertezza delle
misure indirette; le cifre significative.

La velocità: il punto materiale in movimento; i sistemi di riferimento; il moto rettilineo; la velocità
media; calcolo della distanza e del tempo; il grafico spazio-tempo; il moto rettilineo uniforme.

L’accelerazione: il moto vario su una retta; la velocità istantanea; l’accelerazione media; il grafico
velocità tempo; il moto uniformemente accelerato: posizione e velocità; l’accelerazione istantanea.

I vettori: il moto non rettilineo; i vettori e gli scalari; le operazioni con i vettori; il prodotto scalare e
il prodotto vettoriale.

I moti nel piano: vettore posizione e vettore spostamento; il vettore velocità; il vettore
accelerazione; il moto circolare uniforme; la velocità angolare; l’accelerazione centripeta; il moto
armonico; la composizione di moti.

Le forze: le forze e la velocità; la misura delle forze; le forze sono vettori; la forza peso; la forza
d’attrito; la forza elastica; le forze fondamentali:

L’equilibrio dei solidi: l’equilibrio di un punto materiale; l’equilibrio su un piano inclinato; il corpo
rigido; il momento delle forze; il momento di una coppia di forze; l’equilibrio di un corpo rigido.

I principi della dinamica: il primo principio della dinamica; i sistemi di riferimento inerziali; il
principio di relatività galileiana; l’effetto delle forze; il secondo principio della dinamica; il terzo
principio della dinamica.

Le forze e il movimento: la caduta libera; la forza peso e la massa; la discesa lungo un piano
inclinato; il moto dei proiettili; la forza centripeta.




                                                                                                           85
L’energia meccanica: il lavoro; il lavoro di una forza costante; la potenza; l’energia cinetica; forze
conservative e forze dissipative; energia potenziale gravitazionale; energia potenziale elastica; la
conservazione dell’energia meccanica; la conservazione dell’energia totale.


APPROFONDIMENTI: La quantità di moto; l’impulso di una forza; la legge di conservazione della
quantità di moto.


FISICA                                                       CLASSE QUARTA


Obiettivi Annuali

      Conoscenza delle varie parti del programma
      Acquisizione di un linguaggio formale
      Conoscenza e applicazione di tecniche di misura
      Saper risalire dai dati sperimentali alle leggi generali
      Saper risolvere esercizi e interpretare i risultati
      Riconoscere la coerenza di un ragionamento logico



Metodologia

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali.
Verifiche sperimentali di alcune leggi.
Uso del laboratorio per la realizzazione di esperienze di tipo qualitativo.
Chiarificazione dei concetti introdotti con domande ed interventi degli alunni.
Riflessione e approfondimento a livello personale o di gruppo dei principali argomenti svolti.
Eventuale uso del P.C. in particolari situazioni.
Eventuale partecipazione a conferenze.
Eventuale collaborazione con docenti universitari per visite a laboratori.

Uso di: libro di testo, giornali, riviste, libri della biblioteca, videocassette, CD e DVD, risorse del
web.

Contenuti

LA CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA’ DI MOTO
La quantità di moto. Teorema dell’impulso. Principio di conservazione della quantità di moto. Urti
su una retta.

LA GRAVITAZIONE
La legge di gravitazione universale. Le leggi di Keplero. Il concetto di campo. Il campo
gravitazionale. L’energia potenziale gravitazionale.

GAS E LIQUIDI IN EQUILIBRIO
La densità. La pressione. La pressione nei liquidi e il principio di Pascal. La legge di Stevino. I vasi
comunicanti. Il Principio di Archimede. La pressione atmosferica. La misura della pressione
atmosferica.

LA TEMPERATURA
Il termometro. La dilatazione lineare dei solidi. La dilatazione volumica dei solidi. La dilatazione
volumica dei liquidi. Le trasformazioni di un gas. La prima legge di Gay-Loussac. La legge di
Boyle. La seconda legge di Gay-Loussac. Il gas perfetto. L’equazione di stato del gas perfetto.
                                                                                                     86
IL CALORE
Calore e lavoro. Unità di misura per il calore. Capacità termica e calore specifico. Conduzione e
convezione. Irraggiamento.


I CAMBIAMENTI DI STATO
I passaggi tra stati di aggregazione. La fusione e la solidificazione. La vaporizzazione e la
condensazione. Il vapore saturo e la sua pressione. La condensazione e la temperatura critica. La
sublimazione.

IL PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA
La termodinamica. I sistemi termodinamici. L’equilibrio termodinamico. Il principio zero della
termodinamica. Le trasformazioni termodinamiche. L’energia interna di un sistema termodinamico.
Il lavoro termodinamico. Il primo principio della termodinamica. Applicazioni del primo principio
alle varie trasformazioni. I calori specifici del gas perfetto. Le trasformazioni adiabatiche.

IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA
Gli enunciati di Kelvin e di Clausius del secondo principio della termodinamica. Equivalenza dei
due enunciati. Il rendimento di una macchina termica. Trasformazioni reversibili e irreversibili. Il
ciclo di Carnot. Il teorema di Carnot. Il rendimento della macchina di Carnot. Il frigorifero (cenno).


LE ONDE ELASTICHE
Le onde. Onde trasversali e longitudinali. Fronti d’onda e raggi. Le onde periodiche. Le onde
armoniche. Il principio di sovrapposizione. L’interferenza.

IL SUONO
Le onde sonore. Le caratteristiche del suono. I limiti di udibilità. L’eco. Le onde stazionarie. I
battimenti. Cenno all’effetto Doppler.

I RAGGI LUMINOSI
La luce. La propagazione della luce. La velocità della luce. La riflessione e lo specchio piano. Gli
specchi sferici. Costruzione dell’immagine per gli specchi sferici. La legge dei punti coniugati e
l’ingrandimento. La rifrazione. Le leggi della rifrazione. Gli indici di rifrazione relativo e assoluto.
La dispersione della luce. La riflessione totale. Il prisma. Le fibre ottiche.

LE LENTI L’OCCHIO E GLI STRUMENTI OTTICI
Le lenti sferiche. La formula delle lenti sottili e l’ingrandimento. Il microscopio e il cannocchiale
(cenno).

LE ONDE LUMINOSE
Onde e corpuscoli. L’interferenza della luce. La diffrazione. L’emissione e l’assorbimento della luce
(cenno). La polarizzazione.

Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI

LA TEORIA MICROSCOPICA DELLA MATERIA
Il moto browniano. La pressione del gas perfetto. La temperatura dal punto di vista microscopico.
L’energia interna. L’equazione di stato di Van der Waals per i gas reali. Il moto di agitazione
termica.

ENTROPIA E DISORDINE
La disuguaglianza di Clausius. Espressione matematica del secondo principio. Definizione di
entropia. Entropia di un sistema isolato. Secondo principio in termini di entropia. Stati macroscopici
e stati microscopici. L’equazione di Boltzman per l’entropia. Il terzo principio della termodinamica.

                                                                                                     87
TEORIA DELLA RELATIVITA’




FISICA                                                        CLASSE QUINTA

OBIETTIVI DISCIPLINARI

Obiettivi annuali:

      conoscenza delle varie parti del programma
      acquisizione di un linguaggio formale
      conoscenza e applicazione di tecniche di misura
      saper risalire dai dati sperimentali alle leggi generali
      saper risolvere esercizi ed interpretarne il risultato
      riconoscere la coerenza di un ragionamento logico
      sviluppo di capacità di analisi e sintesi
      inquadramento storico delle teorie fondamentali.

STANDARD METODOLOGICI

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali.
Uso del laboratorio per la verifica sperimentale di alcune leggi e per la realizzazione di esperienze di
tipo qualitativo.
Chiarificazione dei concetti con domande e interventi degli alunni
Riflessione e approfondimento individuale dei rpincipali argomenti svolti.
Eventuale uso del P.C. in particolari situazioni.
Eventuale partecipazione a conferenze.
Eventuale collaborazione con docenti universitari per visite a laboratori.
Uso di: libro di testo, giornali e riviste, libri della biblioteca d’istituto, videocassette, CD, DVD,
risorse WEB.

CONTENUTI ANNUALI

LA CARICA ELETTRICA E LA LEGGE DI COULOMB
Fenomeni elementari di elettrostatica.
Convenzioni sui segni delle cariche.
Conduttori e isolanti.
La legge di conservazione della carica.
La definizione operativa della carica.
L’elettroscopio.
Unità di misura della carica elettrica nel SI.
La carica elementare.
La legge di Coulomb.
Il principio di sovrapposizione.
La costante dielettrica relativa e assoluta.
La forza elettrica nella materia.
Elettrizzazione per induzione.
Polarizzazione degli isolanti

                                                                                                     88
IL CAMPO ELETTRICO
Il vettore campo elettrico.
Il campo elettrico prodotto da una carica puntiforme e da più cariche.
Rappresentazione del campo elettrico attraverso le linee di campo.
Le proprietà delle linee di campo.
Il flusso del campo elettrico e il teorema di Gauss.
Applicazioni del teorema di Gauss.

IL POTENZIALE ELETTRICO
L’energia potenziale elettrica.
L’andamento dell’energia potenziale in funzione della distanza tra due cariche.
Il potenziale elettrico e la sua unità di misura.
La differenza di potenziale.
Le superfici equipotenziali.
La relazione tra le linee di campo e le superfici equipotenziali.
La circuitazione del campo elettrico.

FENOMENI DI ELETTROSTATICA
La condizione di equilibrio elettrostatico e la distribuzione della carica nei conduttori.
Campo elettrico e potenziale in un conduttore carico.
La capacità di un conduttore e la sua unità di misura nel SI.
Potenziale e capacità di una sfera conduttrice isolata.
Il condensatore.
Campo elettrico e capacità di un condensatore a facce piane e parallele.
Concetto di capacità equivalente.
Collegamento di condensatori in serie e in parallelo.
L’energia immagazzinata in un condensatore.

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA
Intensità e verso della corrente continua.
L’unità di misura della corrente nel SI.
I generatori di tensione.
Elementi fondamentali di un circuito elettrico.
Collegamenti in serie e in parallelo dei conduttori in un circuito elettrico.
La prima legge di Ohm.
I resistori.
Collegamento in serie e in parallelo di resistori.
Cenno alle leggi di Kirchhoff.
La potenza dissipata in un circuito per effetto Joule.
La forza elettromotrice e il generatore reale di tensione.

LA CORRENTE ELETTRICA NEI METALLI
La seconda legge di Ohm.
Resistività e temperatura.
I superconduttori.
I processi di carica e di scarica di un condensatore.
Il lavoro di estrazione degli elettroni da un metallo.
L’estrazione di elettroni da un metallo per effetto termoionico e per effetto fotoelettrico.
L’effetto Volta e la differenza di potenziale tra conduttori a contatto.

LA CORRENTE ELETTRICA NEI LIQUIDI E NEI GAS
La dissociazione elettrolitica.
Il fenomeno dell’elettrolisi.
                                                                                               89
La conduzione nei gas, le scariche elettriche, l’emissione di luce.
Il tubo a raggi catodici e le sue applicazioni.

FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI
Fenomeni di magnetismo naturale.
Attrazione e repulsione tra poli magnetici.
Caratteristiche del campo magnetico.
L’esperienza di Oersted e le interazioni tra magneti e correnti.
L’esperienza di Faraday e le forze tra fili percorsi da corrente.
La legge di Ampère.
La permeabilità magnetica del vuoto.
Definizione dell’ampere.
Intensità del campo magnetico e sua unità di misura nel SI.
Forza magnetica su un filo percorso da corrente.
La formula di Biot-Savart.
Il campo magnetico di un filo rettilineo, di una spira e di un solenoide.

IL CAMPO MAGNETICO
La forza di Lorentz.
Il moto di una carica in un campo magnetico uniforme.
Il flusso del campo magnetico e il teorema di Gauss per il magnetismo.
Unità di misura del flusso magnetico nel SI.
La circuitazione del campo magnetico e il teorema di Ampère.
Le sostanze diamagnetiche, paramagnetiche e ferromagnetiche.
Interpretazione microscopica delle proprietà magnetiche.
Il ciclo d’isteresi magnetica.

L’INDUZIONE ELETTROMAGNETICA
La corrente indotta e l’induzione elettromagnetica.
La legge di Faraday-Neumann.
La forza elettromotrice indotta media e istantanea.
La legge di Lenz sul verso della corrente indotta.
Le correnti di Foucault.
L’autoinduzione e la mutua induzione.
L’energia immagazzinata in un campo magnetico.
L’alternatore.
La corrente alternata.
Il trasformatore.

LE EQUAZIONI DI MAXWELL E LE ONDE ELETTROMAGNETICHE
Campi elettrici indotti.
La circuitazione del campo elettrico indotto.
La corrente di spostamento.
Le equazioni di Maxwell e il campo elettromagnetico.
Le onde elettromagnetiche.
L’energia trasportata da un’onda.
Lo spettro elettromagnetico.


Proposte di EVENTUALI ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI

LO STATO SOLIDO
I semiconduttori.

                                                                            90
Il fenomeno della superconduttività.
Le nanotecnologie.

INTRODUZIONE ALLA MECCANICA QUANTISTICA: il corpo nero e l’ipotesi di Plank;
l’effetto fotoelettrico e la quantizzazione della luce secondo Einstein; il principio di
indeterminazione di Heinsenberg; il dualismo onda corpuscolo.

LA TEORIA DELLA RELATIVITA’: l’esperimento di Michelson e Morley; la relatività della
simultaneità; gli assiomi della teoria della relatività ristretta; la dilatazione dei tempi; la contrazione
delle lunghezze.



CLASSI P.N.I.

FISICA                                                        CLASSE PRIMA PNI

 Obiettivi didattico-disciplinari


Obiettivi generali :    1) far acquisire il metodo di studio scientifico basato sull’osservazione
                           diretta dei fenomeni
                        2) evidenziare collegamenti tra il continuo mutare della realtà che ci
                           circonda e le conseguenti teorie scientifiche

Obiettivi disciplinari : 1) conoscenza sicura e approfondita delle varie parti del programma
                         2) acquisizione di un linguaggio formale
                         3) conoscenza di tecniche di misura
                         4) collegamento tra dati sperimentali e le leggi della Fisica
                         5) acquisire la capacità di rappresentare e risolvere semplici problemi fisici
                            mediante l’uso di metodi, linguaggi o strumenti informatici.

Metodologia
Strumenti usati per l'apprendimento
lezione frontale; esperimenti di verifica eseguiti dalla cattedra o in gruppo; discussione
sull’argomento trattato, in cui vengono sollecitati interventi degli allievi; verifica formativa
(risoluzione di esercizi e problemi e correzione dei lavori assegnati a casa); stesura di relazioni sugli
esperimenti effettuati; uso del libro di testo, uso del computer, utilizzo di software didattico.


IL METODO SPERIMENTALE
Obiettivi:
Comprensione dei procedimenti caratteristici dell’indagine scientifica

LE MISURE DELLE GRANDEZZE
Obiettivi:
Eseguire in modo corretto semplici misure con chiara consapevolezza delle operazioni effettuate e
degli strumenti utilizzati

LA LUNGHEZZA, SUPERFICI E VOLUMI. MASSA E TEMPO
Obiettivi:
Raccogliere, ordinare e raggruppare i dati ricavati, valutando gli ordini di grandezza e le
approssimazioni, mettendo in evidenza l’incertezza associata alla misura
                                                                                                          91
RELAZIONI TRA GRANDEZZE
Obiettivi:
Esaminare dati e ricavare informazioni da tabelle e grafici.
Riconoscere il legame esistente tra due grandezze

LA DENSITA’
Obiettivi:
saper calcolare e misurare la densità di un corpo

LE FORZE
Obiettivi:
comprendere il concetto di forza, riconoscere le grandezze scalari e vettoriali.

FORZE ED EQUILIBRIO
Obiettivi:
comprendere il concetto di equilibrio di un corpo rigido

PRESSIONE ED EQUILIBRIO
Obiettivi:
comprendere il concetto di pressione
conoscere le leggi dei fluidi

INFORMATICA
Obiettivi:
 Saper usare un programma di Elaborazione Testi e un Foglio Elettronico

FISICA                                                              CLASSE SECONDA PNI

OBIETTIVI

   18. Conoscenza delle varie parti del programma
   19. Raggiungimento di una maggiore autonomia nel porsi di fronte ad un problema
   20. Acquisire la capacità di raccogliere ed analizzare dati in modo da poter stabilire un legame
       tra le grandezze esistenti
   21. Saper risolvere esercizi
   22. Saper realizzare un algoritmo

CRITERI METODOLOGICI
   15. Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
   16. Verifiche sperimentali di alcune leggi e realizzazione di esperienze di tipo qualitativo
   17. Riflessione sugli argomenti svolti con domande ed interventi degli alunni
   18. Utilizzo del PC per l’analisi e la rappresentazione dei dati sperimentali
   19. Eventuale partecipazione a conferenze, eventuale collaborazione con docenti universitari
   20. Uso di: libro di testo, riviste scientifiche, libri della biblioteca, videocassette, CD, DVD,
       risorse del Web



CONTENUTI PRINCIPALI

Calore e temperatura: la misura del calore; la temperatura; la trasmissione del calore: conduzione,
convezione e irraggiamento; laboratorio di fisica.
                                                                                                92
L’equilibrio termico: la tendenza spontanea all’equilibrio; la capacità termica e il calore specifico; il
bilancio energetico all’equilibrio termico; dipendenza del calore specifico dalla temperatura;
laboratorio di fisica.

Effetto del calore sui corpi: la dilatazione cubica; la dilatazione lineare; termoscopio e termometri;
dilatazione dei gas e temperatura assoluta; le leggi dei gas; laboratorio di fisica.

I cambiamenti di stato: l’energia e gli stati della materia; fusione e solidificazione; vaporizzazione e
condensazione; la liquefazione dei gas; influenza della pressione sulle temperature di fusione e di
ebollizione; laboratorio di fisica.

Il moto dei corpi: il sistema di riferimento; la descrizione del moto; la velocità media; la velocità
istantanea; l’accelerazione; laboratorio di fisica.

Rappresentazione grafica dei moti: utilità dei grafici; la pendenza del grafico; grafico spazio-tempo;
grafico velocità-tempo; grafici nel moto vario; analisi di un grafico.

Le leggi della dinamica: le cause del moto; massa inerziale e massa gravitazionale; le leggi della
dinamica; classificazione dei moti; il moto rettilineo uniforme; moto rettilineo uniformemente
accelerato; moti rettilinei particolari; laboratorio di fisica.

Lavoro ed energia: le forze lavorano; lavoro ed energia; lavoro e forze variabili; energia potenziale
gravitazionale; l’energia cinetica; l’energia potenziale elastica; l’energia si trasforma; le macchine.


APPROFONDIMENTI: le sorgenti di luce; luce e colore; opacità e trasparenza; esperimenti di
laboratorio.


FISICA                                                       CLASSE TERZA PNI

OBIETTIVI

   1)   Conoscenza delle varie parti del programma
   2)   Acquisizione di un linguaggio formale
   3)   Conoscenza e applicazione delle tecniche di misura
   4)   Controllo dei risultati del procedimento seguito ed eventuale ricerca degli errori
   5)   Sviluppo di capacità di analisi
   6)   Saper risalire dai dati sperimentali alle leggi generali
   7)   saper elaborare informazioni ed utilizzare consapevolmente strumenti informatici
   8)   Saper risolvere semplici problemi e interpretare i risultati
   9)   Riconoscere la coerenza di un ragionamento logico

METODOLOGIA DIDATTICA

Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
Verifica sperimentale di alcune leggi
Uso del laboratorio per la realizzazione di esperienze di tipo qualitativo
Chiarificazione dei concetti introdotti con applicazioni, domande e interventi degli alunni
Riflessione e approfondimento a livello personale dei principali argomenti svolti
Uso dell’elaboratore per comprendere le conseguenze di determinate ipotesi e le implicazioni di un
modello.
                                                                                                      93
Uso di programmi di simulazione per lo studio degli aspetti che non si prestano ad esercitazioni di
laboratorio
Uso del libro di testo, giornali e riviste, libri della biblioteca, videocassette, CD, DVD e risorse del
web

CONTENUTI

Il moto. Velocità istantanea. Accelerazione istantanea. Calcolo vettoriale. Prodotto scalare. Prodotto
vettoriale. Il moto curvilineo. Moto circolare uniforme. Moto parabolico. Moto armonico.
Sistemi inerziali e non inerziali. Principio di relatività galileiana. Le forze fondamentali.
Ripetizione e approfondimenti sui principi della Dinamica.
Momento di una forza o di un sistema di forze. Il moto dal punto di vista dinamico. Forza centripeta
e moto circolare. Forza elastica e moto armonico. Il moto del pendolo. Le trasformazioni di Galileo
e il moto relativo. Le forze apparenti.
Il lavoro di una forza. Il concetto di energia. Momento d’inerzia. Momento angolare e
conservazione del momento angolare. Conservazione dell’energia meccanica. Quantità di moto.
Impulso di una forza. Conservazione della quantità di moto.
Teorie sul moto dei pianeti. Le leggi di Keplero. La legge della gravitazione universale. Il concetto
di campo.
Ripetizione e approfondimenti sulle leggi dei gas perfetti
Cenni sulla teoria molecolare della materia
Termodinamica. Primo principio della Termodinamica. Trasformazioni termodinamiche.
Rendimento di una macchina termica. Ciclo di Carnot. Secondo principio della Termodinamica.
Entropia.

Laboratorio
Per quasi tutte le unità didattiche sono previste esercitazioni in laboratorio di Fisica e di Informatica
( utilizzo di un foglio elettronico, stesura di programmi in un linguaggio di programmazione)


FISICA                                                               CLASSE IV P.N.I.

OBIETTIVI ANNUALI

      conoscenza delle varie parti del programma
      acquisizione di un linguaggio formale
      conoscenza e applicazione di tecniche di misura
      collegamento tra dati sperimentali e le leggi della Fisica
      saper elaborare informazioni ed utilizzare consapevolmente strumenti informatici
      saper risolvere semplici problemi e interpretare i risultati
      riconoscere la coerenza di un ragionamento logico

STANDARD METODOLOGICI
Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
Verifiche sperimentali di alcune leggi e uso del laboratorio per la realizzazione di esperienze di tipo
qualitativo
Chiarificazione dei concetti svolti con domande ed interventi degli alunni
Riflessione e approfondimento a livello personale dei principali argomenti svolti.
Uso dell’elaboratore per comprendere le conseguenze di determinate ipotesi e le implicazioni di un
modello.
Uso di programmi di simulazione per lo studio degli aspetti che non si prestano ad esercitazioni di
laboratorio.

                                                                                                      94
Uso del libro di testo,giornali e riviste, libri della biblioteca, videocassette, CD, DVD, risorse della
rete.
Eventuale partecipazione a conferenze
Eventuale collaborazione con docenti universitari per visite a laboratori


CONTENUTI ANNUALI

LE ONDE ELASTICHE
La formazione delle onde.Onde trasversali e longitudinali .Onde periodiche .
Onde armoniche. Il principio di sovrapposizione. L’interferenza.

IL SUONO
Le onde sonore, la velocità del suono, i limiti di udibilità, i caratteri distintivi
La riflessione del suono. Le onde stazionarie. I battimenti. L’effetto Doppler.

I RAGGI LUMINOSI
La luce. La propagazione della luce. La velocità della luce. La riflessione e la rifrazione. Le leggi
della riflessione. La riflessione su uno specchio piano. Gli specchi sferici. Costruzione
dell’immagine per gli specchi sferici. La legge dei punti coniugati e l’ingrandimento. Le leggi della
rifrazione. Gli indici di rifrazione relativo e assoluto. La riflessione totale. La dispersione della luce.

LE LENTI
Le lenti sferiche. Le lenti sferiche convergenti. L’immagine formata da una lente sottile. Le lenti
sferiche divergenti.

LE ONDE LUMINOSE
Il modello corpuscolare e il modello ondulatorio della luce. L’interferenza della luce.L’esperimento
di Young. La diffrazione. La polarizzazione.

LA RELATIVITA’RISTRETTA
L’esperimento di Michelson-Morley. Gli assiomi della teoria della relativita’. La dilatazione dei
tempi. La contrazione delle lunghezze.Le trasformazioni di Lorentz. L’equivalenza tra massa ed
energia.

LA CARICA ELETTRICA E LA LEGGE DI COULOMB
L ‘elettrizzazione per strofinio e per contatto. Conduttori e isolanti. La carica elettrica e la
conservazione della carica. La legge di Coulomb. L’induzione elettrostatica.

IL CAMPO ELETTRICO
Il campo elettrico.Le linee di campo. Il flusso di un campo vettoriale.. Il teorema di Gauss per il
campo elettrico. Il campo elettrico generato da una distribuzione infinita di cariche.

IL POTENZIALE ELETTRICO
 Lavoro del campo elettrostatico. L’energia potenziale. Il potenziale di una carica puntiforme. Le
superfici equipotenziali. La deduzione del campo elettrico dal potenziale
Esperimento di Millikan

LA CAPACITA’
La capacità di un conduttore
Il condensatore. Condensatori in serie e in parallelo
Energia immagazzinata in un condensatore.


                                                                                                        95
APPROFONDIMENTI
Campi vettoriali, campi scalari.
Sviluppo storico dei modelli della luce
Lo spazio di Minkowski ( lo spazio-tempo della relatività ristretta).
Relatività generale

FISICA                                                         CLASSE QUINTA PNI

OBIETTIVI

    23. Conoscenza delle varie parti del programma
    24. Acquisizione di un linguaggio adeguato
    25. Saper collegare argomenti affini incontrati nel triennio.
    26. Saper risolvere problemi
    27. Conoscenze e applicazione di tecniche sperimentali
    28. Padronanza del metodo logico e deduttivo
    29. Consolidamento della capacità di analisi e di sintesi


METODOLOGIA

    21. Presentazione degli argomenti con lezioni frontali
    22. Approfondimento dei concetti appresi con esercitazioni in classe e in laboratorio
    23. Verifiche sperimentali di alcune leggi ed uso del laboratorio per la realizzazione di
        esperienze di tipo qualitativo e quantitativo a gruppi.
    24. Rielaborazione dei dati sperimentali.
    25. Eventuale partecipazione a conferenze, eventuale collaborazione con docenti universitari
    26. Partecipazione alle Olimpiadi della Fisica
    27. Uso di: libro di testo, riviste scientifiche, libri della biblioteca, videocassette, CD, DVD,
        risorse del Web.


CONTENUTI PRINICIPALI

Ripasso generale sull’elettrostatica: cariche elettriche e loro interazioni, la legge di Coulomb, il
campo elettrico, il potenziale.

Fenomeni di elettrostatica: la distribuzione della carica nei conduttori in equilibrio elettrostatico; il
campo elettrico e il potenziale in un conduttore in equilibrio elettrostatico; la capacità di un
conduttore; il condensatore; i condensatori in serie e parallelo; l’energia immagazzinata inn un
condensatore.

La corrente elettrica continua: la corrente elettrica; i generatori di tensione; il circuito elettrico; la
prima legge di Ohm; i conduttori ohmici in serie e in parallelo; la trasformazione dell’energia
elettrica; la forza elettromotrice e la resistenza interna di un generatore di tensione.

La corrente elettrica nei metalli: i conduttori metallici; la seconda legge di Ohm: la resistività di un
conduttore; l’effetto Juole; carica e scarica di un condensatore; l’estrazione degli elettroni da un
metallo.
La corrente elettrica nei liquidi e nei gas: le soluzioni elettrolitiche; la dissociazione elettrolitica; la
pila e gli accumulatori; la conducibilità dei gas; le scariche elettriche nei gas; i raggi catodici.


                                                                                                         96
Fenomeni magnetici fondamentali: le linee del campo magnetico, confronto tra il campo magnetico
e il campo elettrico; forze che si esercitano tra magneti e correnti e tra correnti e correnti;
definizione di Ampere; l’origine del campo magnetico e la sua intensità; la forza elettrica esercitata
da un campo magnetico su un filo percorso da corrente; il motore elettrico; il campo magnetico di
un filo rettilineo percorso da corrente; il campo magnetico di una spira e di un solenoide:

Il campo magnetico: la forza di Lorentz; il moto di una carica in un campo magnetico uniforme; il
flusso del campo magnetico; la circuitazione del campo magnetico; il ciclo di isteresi magnetica.

L’induzione elettromagnetica: le correnti indotte; il ruolo del flusso del campo magnetico; la legge
di Faraday-Neumann; la legge di Lenz; le correnti di Foucault; l’autoinduzione e la mutua
induzione; energia e densità di energia del campo magnetico; l’alternatore; gli elementi circuitali
fondamentali in corrente alternata; la trasformazione della corrente alternata.

Le equazioni di Maxwell e le onde elettromagnetiche: il campo elettrico indotto; il termine
mancante; le onde elettromagnetiche; lo spettro elettromagnetico; le onde radio e le microonde; le
radiazioni infrarosse visibili e ultraviolette; i raggi X e i raggi gamma.

La teoria della relatività ristretta: L’esperimento di Michelson-Morley. Gli assiomi della teoria della
relativita’. La dilatazione dei tempi. La contrazione delle lunghezze. Le trasformazioni di Lorentz.

La crisi della fisica classica; introduzione alla meccanica quantistica


APPROFONDIMENTI: L’esperienza di Rutherford; l’esperimento di Millikan; Fisica nucleare,
Fisica delle particelle




LINGUA INGLESE                                                            CLASSI I


OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

Sviluppo delle abilità comunicative di base, sia ricettive che produttive, da attuarsi essenzialmente
mediante:
-   L’acquisizione di solide basi sintattico grammaticali, su cui poggiare lo sviluppo futuro delle
    abilità comunicative;
-   L’ampliamento della base lessicale, ponendo l’accento                 sulla   competenza   verbale,
    morfosintattica e di realia precipui del mondo anglosassone.



                                                                                                    97
-   Acquisire la consapevolezza che la lingua inglese è un potente strumento di comunicazione e di
    passaggio di informazioni a livello internazionale, e che la sua conoscenza offre molteplici
    vantaggi culturali, di ampliamento di orizzonti e nel mondo del lavoro;
-   Comunicare in inglese in contesto di situazione, coerentemente alle situazioni presentate dal
    libro di testo, dall’insegnante o dai materiali audiovisivi;
-   Il miglioramento della pronuncia
-   Acquisizione di una ortografia corretta.
-   Riflessione metalinguistica sulle basilari strutture grammaticali della lingua attraverso il modo
    induttivo, ove la formulazione della “regola” è il traguardo, anziché il punto di partenza dello
    studio;
-   Consapevole analisi contrastiva L1-L2;
-   Approfondire la conoscenza di alcuni elementi socio-culturali, geografici, storici e letterari dei
    paesi anglofoni;
-   Incoraggiare gli studenti a lavorare autonomamente e potenziare le proprie abilità comunicative
    anche al di fuori della classe, acquisendo gradualmente indipendenza, sicurezza e mezzi per
    l’autovalutazione.
Raggiungimento del livello A 1del Quadro Comune Europeo di Riferimento.




PRINCIPALI CONTENUTI

Per quanto riguarda le strutture grammaticali saranno affrontati i seguenti argomenti:
verb to be and to have, questions and negatives – possessive adjectives and Saxon genitive – present
simple, questions and negatives – articles – there is / there are – preposition of place – some /any –
countable and uncountable nouns – can / can’t – present continuous – past simple verb to be,
questions and negatives – past simple regular verbs, questions and negatives – past simple irregular
verbs, questions and negatives – like and would like – comparative and superlative adjectives –
future forms: going to / will / present continuous – question forms – adverbs of frequency - present
perfect simple, ever / never and yet / just / already – verb patterns – been / gone – ordinal numbers
and dates – compounds with some and any – number formation – verbs and nouns that go together.

Per quel che riguarda le strutture linguistiche saranno affrontati i seguenti argomenti:
number of countries – everyday objects – family relationships – jobs – free time activities – things
in the house – places and people – food and drink – shops and things to buy – town and country
words – describing people – clothes and colours – the weather – talking about a book / a film –
some multi-word verbs.
Durante le ore di lezione svolte nel laboratorio linguistico gli alunni faranno esercizi di spelling,
pronunciation and everyday English, con particolare attenzione a:
the alphabet, spelling names – words that sound the same (here-hear) – words with silent letters
(listen-eight) – social English – at the restaurant – asking for and giving directions – at the train
station / airport – in a clothes shop – on the phone – making suggestions.
Il laboratorio linguistico sarà inoltre utilizzato dall’insegnante per la proiezione di film in versione
originale, sui quali gli alunni verranno chiamati ad esprimere le loro opinioni sia in forma orale sia
scritta.

Per quanto riguarda la composizione scritta si proporranno agli alunni le seguenti abilities:


                                                                                                       98
an informal letter – writing a paragraph – the use of linking words – describing a holiday –
describing your best friend / yourself / your favourite singer or actor – writing a postcard / e-mail –
writing about a past event – writing a book / film review.

Il docente, in base al libro di testo in adozione, svolgerà gli argomenti di cui sopra tenendo conto
delle esigenze della classe.




METODOLOGIA
     Uso del metodo funzionale-nozionale con i modi di approfondimento linguistico che più si
adattano alla realtà della classe: esercizi di ascolto, comprensione e composizione orale e scritta,
nonché ad esercizi di backversion e dettato. Uso del laboratorio linguistico nelle sue varie
componenti: audio, video e c.d..
 Per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti, si farà costante ricorso ad attività di tipo
comunicativo in cui le abilità linguistiche siano usate in varie situazioni.
  La lezione sarà centrata sullo studente che, come soggetto attivo dell’apprendimento, sarà
chiamato ad acquisire, in modo sempre più autonomo e consapevole, una sicura metodologia di
lavoro e consapevolezza di quanto ha appreso.
Saranno privilegiate le abilità audio-orali, sia di base che integrate, anche attraverso la presentazione
di audiovisivi. Il materiale sarà per quanto possibile autentico. La componente culturale sarà
presente sia implicitamente, nelle situazioni in cui si muovono i personaggi del testo, sia
esplicitamente, in alcune letture che hanno lo scopo di dare informazioni su alcuni aspetti di vita
quotidiana e sociale dei paesi anglofoni.




CRITERI DI VALUTAZIONE
     Sarà condotta una valutazione continuativa del progresso degli alunni nello sviluppo delle
quattro abilità con verifiche formative e sommative.

Saranno somministrate un congruo numero di prove scritte a quadrimestre (multiple choices,
riassunti, dettati, retroversioni, etc...) e si auspica di somministrare periodicamente a tutte le sezioni
test concordati in comune.

La valutazione si baserà sulla misurazione di diversi parametri, come illustrato dal Quadro Comune
Europeo.

Per gli alunni provenienti da altra scuola con lo studio della sola lingua Francese, sono previste
prove ridotte e/o semplificate al fine di favorirne il pieno inserimento, riguardo ad obiettivi e
finalità, nell’arco del biennio.




LINGUA INGLESE                                                            CLASSI Il




                                                                                                       99
OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

Si prevede il raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento, come di
seguito delineato:

    Comprendere frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata
     rilevanza

     (Es. informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l’occupazione).
    Comunicare in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni
     su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere in termini semplici aspetti del suo background,
     dell’ambiente circostante. Sa esprimere bisogni immediati.

PRINCIPALI CONTENUTI

Per quanto riguarda le strutture grammaticali saranno ripresi ed approfonditi gli argomenti studiati
nel primo anno e saranno affrontati i seguenti punti:
modal verbs, form and use – short answers – question tags – present perfect vs past simple – time
expressions – present perfect continuous with for and since - present perfect simple vs present
perfect continuous - intentions and wishes: going to, planning to, would like to, would rather –
using articles – past continuous – past perfect – used to – verbs followed by gerunds or infinitives –
passive – conditional sentences (I, II and III type) – reported speech – future in the past.

Per quanto riguarda le strutture linguistiche saranno ripresi ed approfonditi gli argomenti studiati
nel primo anno e saranno affrontati i seguenti punti:
leisure activities – words to describe feelings – daily routines – dates and special occasions –
ambitions and dreams – geographical features – modern times and traditions – personal
characteristics – hobbies and interests – standard English vs standard American.
Agli alunni verranno inoltre proposte letture che abbiano come argomento elementi di civiltà e
cultura dei Paesi di lingua inglese.
Durante le ore di lezione in laboratorio linguistico, agli alunni verranno proposti film o spezzoni di
film in versione originale inglese sui quali lavorare sia in classe che a casa e saranno
particolarmente privilegiati esercizi di spelling e pronunciation:
pronunciation of difficult sounds, intonation in questions and negative sentences – short answers –
refusing and accepting invitations – phone conversations.

Per quanto riguarda lo sviluppo delle abilità di scrittura saranno riprese ed approfondite le strutture
affrontate durante il primo anno e verranno inoltre sviluppate le seguenti capacità:
more linking words – writing a story – filling in a form – writing formal letters – writing a
biography – writing a composition different topics – answering briefly to questions on different
subjects – connecting paragraphs.
Le abilità comunicative saranno stimolate attraverso la lettura di brani tratti da una scelta di autori in
lingua inglese, il che costituirà un primo approccio alla letteratura in lingua. Su tali brani da leggere
individualmente e/o in classe gli alunni saranno invitati a fare una piccola esposizione orale.


METODOLOGIA

    Ciascuna unità è suddivisa in varie attività volte a sviluppare le abilità linguistiche. Si ascoltano
dei dialoghi registrati da parlanti nativi, si guardano video didattici in lingua, si sviluppa la capacità
                                                                                                      100
di leggere e conversare anche attraverso lavori in coppia, si svolgono dettati, si riassumono brani, si
volgono dialoghi in discorso indiretto, si compone su traccia, si compilano test grammaticali e si
fanno retroversioni. Si usa la lingua straniera in classe.

CRITERI DI VALUTAZIONE

 Gli alunni saranno valutati sulla base dell’attenzione, dell’interesse e dell’impegno mostrato. I
progressi nella preparazione saranno valutati attraverso compiti in classe, esercitazioni di vario
genere e colloqui confrontando i livelli di partenza con i livelli di arrivo. Occorrerà raggiungere gli
obiettivi minimi prefissati per una valutazione positiva.




LINGUA E LETTERATURA INGLESE                                                          CLASSI III



OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

 Rafforzare le abilità di tipo induttivo e acquisire gradualmente abilità di astrazione e trasferimento
delle conoscenze linguistiche e culturali, apprezzare e cogliere gli aspetti particolari dello stile e
delle tematiche affrontate dagli autori. Riuscire ad inquadrare un autore nel contesto storico-
letterario del paese e ove possibile europeo.
Conseguimento di una competenza linguistica a livello B 1 del Quadro di Riferimento Comune
Europeo


PRINCIPALI CONTENUTI

GRAMMAR
Present simple and continuous – present perfect – past perfect – present perfect simple and
continuous – the passive – the future (will, may-might, present continuous, present simple, be going
to, future continuous, future perfect) – modals for speculating – third conditional – reported
statements and questions – wish – should have – used to and would – causatives – past modals –
verbs with –ing form and to+ infinitive.
VOCABULARY
Wordbuilding – keywords for texts – modifiers – compound adjectives – idiomatic expressions –
prefixes and suffixes – collocations – delexicalised verbs do and make – connotation and translation
– adjectives (feelings) – verbs of movement – giving opinions – sequence linkers (contrasting ideas)
– review of addition, contrast, purpose, exemplification and conclusion.
LETTERATURA
Lo studio della letteratura, già introdotto, ove possibile, nel secondo anno del biennio, consisterà
nell’introduzione allo studio dei generi letterari (narrativa, teatro, poesia), nella presentazione del
contesto storico-sociale dei diversi periodi, nell’illustrazione dei principali movimenti letterari ed
infine nello studio degli autori più rappresentativi delle varie letterature in lingua inglese. Verranno
proposti brani tratti dalle opere più rappresentative, l’analisi di racconti brevi e/o la proiezione di
film tratti da tali opere.

                                                                                                    101
In merito alla suddivisione nei diversi anni di corso, e compatibilmente con l’organizzazione
didattica individuale di ciascun docente, la programmazione sarà articolata come segue.
La nascita della letteratura in lingua inglese, il Medio Evo ed i suoi principali generi espressivi: il
romanzo epico, l’elegia, la ballata, il poema narrativo.
Presentazione di brani illustrativi dei vari generi. In merito al poema narrativo, particolare
attenzione verrà dedicata a Geoffrey Chaucer ed ai suoi “Canterbury Tales”, con analisi di alcuni dei
brani incentrati sulla descrizione dei pellegrini e del loro viaggio.
Qualora possibile, anticipazione di tematiche inerenti al quarto anno (Milton, Shakespeare, il
Sonetto, il Teatro).



METODOLGIA

    Saranno seguiti gli stessi metodi usati nel biennio per quanto riguarda la pratica linguistica.
L’insegnamento della letteratura sarà basato non solo sullo sfondo storico-letterario ma anche
sull’analisi dei testi e condotto fondamentalmente in funzione dell’acquisizione linguistica e dello
sviluppo di una attitudine individualmente creativa alla lettura e alla produzione scritta.




CRITERI DI VALUTAZIONE


    Sarà tenuto conto della realtà media della classe, dei ritmi di apprendimento e delle competenze
raggiunte con un congruo numero di prove scritte a quadrimestre che consisteranno in composizioni,
riassunti, esercizi strutturali, di vocabolario e retroversione ecc., anche di argomento letterario.



LINGUA E LETTERATURA INGLESE                                                            CLASSI IV



OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI

   Sviluppare le conoscenze e le competenze linguistiche secondo il testo in uso a
Livello B1, così riassunto dal Quadro Comune Europeo:
   Comprendere i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero ecc.
    Sapersi muoversi con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre si viaggia nel
    paese in cui si parla la lingua.
 Essere in grado di produrre un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di
    interesse personale. Essere in grado di descrivere esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e
    ambizioni e spiegare le ragioni delle proprie opinioni e progetti.
    Rafforzare le abilità di tipo induttivo ed acquisire la capacità di astrazione, apprezzare e cogliere
gli aspetti particolari dello stile e delle tematiche affrontate dagli autori. Riuscire ad inquadrare un
autore nel contesto storico-letterario del paese e, ove possibile, in quello europeo.



                                                                                                       102
PRINCIPALI CONTENUTI

Speaking – making speculations on pictures, describing images, talking about people and places,
talking about present and past situations, commenting situations, talking about future plans and
intentions.
Reading – guessing meaning from context, skimming, using the context to work out the meaning,
scanning, using linking words, understanding details, related words, synonyms and antonyms,
focusing on key points.
Grammar – present perfect/past simple, time expressions, past continuous / past perfect, future
forms, zero, first, second and third type conditionals, expressing wishes (past, present and future),
present and past habits, the passive, reported speech.
Listening – listening for a purpose, understanding notes, note-taking, focusing on the information
you need, dealing with unknown words, making use of the second listening.
Writing – informal letter, developing a paragraph, short essay on general issues, description and
comment of a story, formal letter, CV, enquiry letter, report, article.
LETTERATURA
Il Rinascimento inglese e le sue peculiarità, che lo distinguono da quello italiano. L’età
elisabettiana, la nascita del teatro e suoi principali generi. Shakespeare poeta e drammaturgo, anche
attraverso l’analisi di alcune sue opere. La poesia del ‘500 e del ‘600. L’età Augustea con la nascita
del giornalismo e del romanzo, con i principali scrittori dell’epoca (Defoe, Swift, od altri).




METODOLGIA


   Si presenteranno situazioni comunicative più complesse, attraverso l’ascolto, la lettura e la
conversazione, sempre in lingua inglese.
    I brani letterari saranno accostati secondo le moderne tecniche di analisi testuale e saranno
successivamente riferiti all’opera da cui sono tratti, all’autore e al contesto storico-letterario del
periodo in cui sono stati scritti.



CRITERI DI VALUTAZIONE


   Gli alunni saranno valutati anche sulla base dell’attenzione, dell’interesse e dell’impegno
mostrati. Le prove consisteranno in composizioni su traccia, domande su testi e autori, analisi delle
opere lette e colloqui in cui si dovrà verificare il livello di capacità creativa e di correttezza
raggiunto in base agli obiettivi previsti.



LINGUA E LETTERATURA INGLESE                                                         CLASSI V




OBIETTIVI DIDATTICO FORMATIVI



                                                                                                   103
   Sviluppare le conoscenze e le competenze linguistiche secondo il testo in uso a
Livello B1, così riassunto dal Quadro Comune Europeo
 Comprendere i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero ecc.
  Sapersi muoversi con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre si viaggia nel
  paese in cui si parla la lingua.
 Essere in grado di produrre un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di
  interesse personale. Essere in grado di descrivere esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e
  ambizioni e spiegare le ragioni delle proprie opinioni e progetti.

    Rafforzare le abilità di tipo induttivo ed acquisire la capacità di astrazione, apprezzare e cogliere
gli aspetti particolari dello stile e delle tematiche affrontate dagli autori. Riuscire ad inquadrare un
autore nel contesto storico-letterario del paese e, ove possibile, in quello europeo.

PRINCIPALI CONTENUTI

Il Romanticismo inglese e la nascita di una nuova sensibilità poetica, attraverso componimenti scelti
tra i poeti di prima e seconda generazione (Blake, Wordswoth, Coleridge, Shelley od altri).
L’età vittoriana e le relative condizioni economiche e sociali, con particolare riferimento alla loro
denuncia nelle opere di Charles Dickens o altri scrittori. Il teatro vittoriano ed il gusto per la satira.
L’età moderna, con introduzione al contesto storico ed alle due guerre mondiali. La crisi del
romanzo, il sopravvenire di un senso di ansia e ribellione. Il monologo interiore, il flusso di
coscienza, il teatro
Poesia e narrativa del secondo dopoguerra attraverso una selezione degli autori più rappresentativi.


METODOLOGIA

    L’insegnamento della letteratura sarà basato non solo sullo sviluppo storico-letterario ma anche
sull’analisi dei testi e condotto fondamentalmente in funzione dell’acquisizione linguistica e dello
sviluppo di una attitudine individualmente creativa e critica alla lettura e alla produzione scritta.



CRITERI DI VALUTAZIONE

   Sarà tenuto conto della realtà media della classe, dei ritmi di apprendimento e delle competenze
raggiunte con un congruo numero di prove scritte a quadrimestre che consisteranno in composizioni,
questionari e riassunti anche di argomento letterario.



STORIA E FILOSOFIA NEL TRIENNIO

MATERIA :              FILOSOFIA CLASSE TERZA

a) Contenuti disciplinari
Dalle origini della filosofia greca alla riflessione ed esperienza religiosa medievale:
Presocratici
Sofistica
Socrate
Platone

                                                                                                      104
Aristotele
Filosofia ellenistica


    I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i
singoli docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.


b) Obiettivi :

- Acquisizione della terminologia specifica essenziale
- Saper individuare le idee centrali del pensiero complessivo dell’autore
- Saper esporre in maniera chiara alcune delle tesi principali degli autori e delle tematiche
affrontate.
- Individuare e comprendere i caratteri e le ragioni dei problemi affrontati.


c) Metodologie didattiche :

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi (documenti e storiografia),
attività di approfondimento per gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.

IDEI – Modalità di recupero delle carenze formative.
Secondo le direttive stabilite dal Collegio dei docenti e le esigenze specifiche riscontrate dai singoli
docenti potranno essere attuati corsi extracurricolari e curricolari.
Si opererà il recupero delle carenze scegliendo le metodologie più opportune rispetto alle difficoltà
individuate.




MATERIA : FILOSOFIA                   CLASSE 4

a) Contenuti disciplinari
Agostino
Tommaso
Umanesimo e Rinascimento
Galilei
Cartesio
Spinoza
Hobbes
Locke
Hume
Illuminismo
Kant

I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i singoli
docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.

b) Obiettivi intermedi


                                                                                                    105
   -    Acquisizione della terminologia specifica
   -    Saper riconoscere i movimenti filosofici affrontati nella loro contestualizzazione storica
   -    Saper individuare la tesi principale dei brani esaminati
   -    Saper padroneggiare concetti confrontandoli tra di loro in modo da individuare analogie e
differenze nell’ambito delle teorie filosofiche affrontate
     -      Saper esporre con chiarezza i vari contenuti appresi integrandoli con le proprie
     considerazioni.
     - Saper individuare e comprendere i caratteri e le ragioni dei problemi affrontati.

c) Metodologia didattica

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi (documenti e storiografia),
attività di approfondimento per gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.


IDEI – Modalità di recupero delle carenze formative

Secondo le direttive stabilite dal Collegio dei docenti e le esigenze specifiche riscontrate dai singoli
docenti potranno essere attuati corsi extracurricolari e curricolari.
Si opererà il recupero delle situazioni di debito formativo scegliendo le metodologie più opportune
rispetto alle carenze individuate.



MATERIA        FILOSOFIA              CLASSE 5

a) Contenuti disciplinari

Kant ( laddove non sia stato trattato nella classe quarta )
Hegel
Schopenhauer
Marx
Kierkegaard
Positivismo
Nietzsche
Freud
Autori scelti fra le seguenti correnti: Fenomenologia, Neopositivismo e Filosofia del linguaggio,
Storicismo, Esistenzialismo, Filosofia della Scienza.

I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i singoli
docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.


b) Obiettivi
 -Acquisizione della terminologia specifica
- Saper riconoscere i movimenti filosofici affrontati nella loro contestualizzazione storica
- Saper enucleare le idee centrali di un testo e ricondurle al pensiero complessivo dell’autore
 -Saper padroneggiare concetti confrontandoli fra di loro in modo da individuare analogie e
differenze nell’ambito delle teorie filosofiche affrontate
  - Saper esporre con chiarezza i vari contenuti appresi integrandoli con le proprie considerazioni
  - Sapere individuare e comprendere i caratteri e le ragioni dei problemi affrontati
   - Acquistare un’autonomia nella rielaborazione dei contenuti e nella ricerca


                                                                                                    106
c) Metodologia didattica

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi , attività di approfondimento per
gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.



MATERIA : STORIA               CLASSE 3


a) Contenuti disciplinari

Quadro riassuntivo dei principali temi relativi al Medioevo (socio-economici, politico-istituzionali e
religioso-culturali)
Scoperte geografiche e prime conquiste coloniali d'oltreoceano
L'Europa moderna: rurale, commerciale e industriale
L'impero asburgico nel Cinquecento fino a Cateau Cambrésis
Riforma e Controriforma
Europa e Mediterraneo nell'età di Filippo II
La crisi europea del XVII secolo: economia, guerre e rivoluzioni
L'Europa al tempo di Luigi XIV
Cultura e società nel XVII secolo

I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i singoli
docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.

EDUCAZIONE CIVICA: linee generali della Costituzione italiana; tematiche collegate con i
programmi di studio e/o con l'attualità.


b) - Obiettivi
Acquisizione di alcuni elementi della terminologia specifica essenziale
Acquisizione di una capacità di esposizione abbastanza chiara dei contenuti disciplinari
Acquisizione dell’uso consapevole delle testimonianze
Conoscenza dei contenuti essenziali della materia
Capacità di esporre con una certa chiarezza le proprie considerazioni riguardo al periodo storico
affrontato
Capacità di sistemare fatti e idee nella loro dimensione temporale in schemi e quadri riassuntivi
Capacità si stabilire rapporti pertinenti tra passato e presente




c) Metodologia didattica

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi (documenti e storiografia), attività
di approfondimento per gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.




MATERIA : STORIA                     CLASSE 4
                                                                                                  107
a) - Contenuti disciplinari

Colonialismo europeo nel Settecento e nascita degli Stati Uniti d'America
Illuminismo e riformismo illuminato
Economia e società europea nel Settecento: prima rivoluzione industriale
Rivoluzione francese
Impero napoleonico
Restaurazione e nascita del movimento nazionalista in Europa
Risorgimento italiano fino all'unificazione e nuovo assetto europeo della metà Ottocento

EDUCAZIONE CIVICA : linee generali della Costituzione italiana; tematiche collegate
con i programmi di studio e/o con l'attualità.

I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i singoli
docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.



b) - Obiettivi
Conoscenza della terminologia specifica essenziale
Acquisizione dell’uso consapevole delle testimonianze
Acquisizione dei concetti e delle relazioni concernenti le culture di varie popolazioni
Acquisizione di capacità critiche
Conoscenza dei fatti e delle tematiche storiche
Saper usare correttamente la terminologia specifica essenziale
Saper esporre in maniera chiara e coerente le proprie conoscenze e considerazioni
Saper sistemare fatti e idee nella loro dimensione temporale in schemi e quadri riassuntivi
Saper stabilire rapporti pertinenti tra passato e presente


c) - Metodologia didattica

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi (documenti e storiografia),
attività di approfondimento per gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.




MATERIA        STORIA                        CLASSE 5

a) Contenuti disciplinari

STORIA
Colonialismo
Movimento operaio e questione sociale nell’Europa dell’800
L’Italia postunitaria fino alla crisi dello stato liberale
Germania Francia e Inghilterra nella seconda metà dell'ottocento
Seconda industrializzazione e imperialismo
Età giolittiana
I guerra mondiale e Rivoluzione russa
Il dopoguerra europeo
Fascismo e totalitarismi
                                                                                                108
New Deal
Seconda guerra mondiale e Resistenza
Guerra fredda
L’Italia del dopoguerra

EDUCAZIONE CIVICA: linee generali della Costituzione italiana; tematiche collegate
con i programmi di studio e/o con l'attualità.

I contenuti sopra indicati costituiscono l’ambito minimo di riferimento in rapporto a cui i singoli
docenti operano le scelte didattiche, tenuto altresì conto della situazione della classe.



b) - Obiettivi
- Conoscenza della terminologia specifica della disciplina
- Conoscenza degli eventi e delle tematiche storiche;
- Capacità di sistemare fatti e idee nella loro dimensione temporale in schemi e quadri riassuntivi
- Capacità di approccio critico agli avvenimenti storici
- Saper esporre con chiarezza e coerenza argomentativa le proprie considerazioni
- Saper approfondire le tematiche storiche anche attraverso riferimenti al dibattito storiografico
- Saper analizzare il presente attraverso lo studio del passato
- Acquisizione di una più matura coscienza civica e di una autonomia di giudizio

c) - Metodologia didattica

Lezione frontale, lezione dialogica, analisi e commento dei testi (documenti e storiografia),
attività di approfondimento per gruppo, uso dei laboratori informatici dell’istituto.




OBBIETTIVI

1 Comprendere il cambiamento e le generali diversità di tempi storici in una dimensione diacronica
attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree
geografiche e culturali.
2 Conoscere gli elementi maggiormente significativi per confrontare aree e periodi diversi.
3 Comprendere il cambiamento in relazione agli usi, alle abitudini, al vivere quotidiano nel
confronto con la propria esperienza personale.
4 Sviluppo di una solida conoscenza critica mettendo a confronto le idee degli altri per poterne
sviluppare una propria.

CONTENUTI
Incontri e conferenza con esperti e testimoni qualificati che verteranno su temi di storia
contemporanea, politica internazionale e geopolitica. Lettura e analisi di testi specifici e di
quotidiani e riviste.

STRUMENTI
Dibattiti, conferenze, riviste e quotidiani come “La Repubblica”, “Il Corriere della Sera”, “La
Nazione”, “IL Sole 24 Ore”.



                                                                                                      109
Nell’ambito dell’insegnamento di Storia si prevede la collaborazione con l’Istituto Storico della
Resistenza senese per approfondire la conoscenza della Costituzione italiana. Si propone un
percorso che mira a ricostruire il contesto storico in cui è nata la Costituzione italiana: le condizioni
politiche nazionale ed internazionali, le dotrrine e gli ideali, i personaggi che hanno contribuito alla
formulazione e all’approvazione definitiva della legge fondamentale della democrazia italiana. Gli
studenti, in particolare le classi quinte parteciperanno a incontri, dibattiti, conferenze che potranno
tenersi sia all’interno del Liceo Galilei sia nelle sedi dell’ISRS.


SCIENZE NATURALI

CLASSE SECONDA

BIOLOGIA
Motivazioni culturali e sociali per cui la disciplina è insegnata e appresa.

Scopo primario dello studio della Biologia nel biennio dell’istruzione secondaria superiore è
l’apprendimento della “sfera della vita” e di taluni metodi e risultati della ricerca biologica quale
componente scientifica del processo formativo globale. A questo si aggiunge il fatto che tale
disciplina mira a fornire, a livello non specialistico, corrette conoscenze indispensabili per
partecipare consapevolmente a processi di trasformazione sulla vita umana e sull’ambiente e in
particolare ad assicurare la formazione di coscienze vigili e attente agli equilibri biologici e
ambientali in vista di un miglioramento della qualità della vita. E’ importante poi fornire
informazioni biologiche strutturate e con rigorosa scientificità in quanto gli alunni spesso sono già
in possesso di notizie sui risultati della ricerca biologica grazie ai mezzi di informazione di massa;
tuttavia tali notizie entrano nelle menti dei giovani in modo superficiale e disordinato.

Obiettivi generali della materia da raggiungere nel corso dell’intero anno scolastico:

-         capacità di osservare fenomeni naturali e possibilmente interpretarli
-         dimestichezza con la terminologia scientifica e padronanza di un lessico essenziale tale da
    permettere una agevole comprensione del testo;
-         comunicazione in forma chiara e corretta dei contenuti studiati sia attraverso l’esposizione
    orale che scritta;
-         spiegazione ed uso autonomo dei termini specifici ;
-         capacità di individuare il nesso di causalità esistente tra i vari fenomeni studiati;
-         descrizione del rapporto tra struttura e funzione sui diversi livelli di organizzazione;
-         capacità di operare collegamenti e confronti tra i diversi dati in possesso degli alunni;

Premesso che nelle seconde classi lo svolgimento del programma curricolare sarà preceduto da un
modulo di Chimica riguardante atomi, molecole, configurazione elettronica degli atomi e legami
chimici, per quanto concerne le indicazioni metodologiche si farà in modo che l’apprendimento dei
principali metodi e dei risultati della ricerca biologica sia condotto sempre su basi rigorosamente
scientifiche e sia raggiunto stimolando la riflessione degli allievi attraverso la lezione frontale,
semplici sperimentazioni , ponendo sempre particolare attenzione alla visione storica dello sviluppo
delle scienze, l’osservazione diretta. Si inviteranno gli alunni alla lettura in classe di libri di testo,
alla ricerca personale e di gruppo con conseguente esposizione e discussione dei risultati. Il
colloquio con la classe occuperà uno spazio ragguardevole nelle lezioni, le quali punteranno molto
anche all’analisi degli aspetti più concreti della disciplina allo scopo di tenere desta l’attenzione e
per far nascere in tutti i discenti una reale motivazione allo studio. Il lavoro personale sarà guidato
da suggerimenti di metodo oltre che da chiarimenti sui contenuti, si insisterà comunque, nei limiti
del poco tempo disponibile, nel dare una impostazione sperimentale all’insegnamento della
                                                                                                      110
disciplina mediante l’uso diretto del laboratorio da parte degli studenti per l’esecuzione di
esperienze sui contenuti fondamentali del programma e si cercherà di guidare gli alunni ad

osservare i fenomeni direttamente nella realtà che li circonda. Come supporto alla lezione orale e al
testo scritto, in funzione di illustrazione, al fine di incentivare la discussione, si utilizzeranno
videocassette, diapositive, floppy o cd rom.
Le Classi parteciperanno a convegni e/o conferenze, visiteranno mostre di interesse scientifico ogni
volta che se ne presenterà l’occasione. Si ipotizza la possibilità di attuare visite guidate nel
territorio permetteranno l'ampliamento dell'offerta formativa.
Poiché le Classi seconde affrontano lo studio della Biologia a partire da questo anno scolastico
saranno attivati corsi di recupero curricolare all'inizio del secondo quadrimestre per quegli alunni
che presenteranno carenze nello studio della disciplina

Verifiche e valutazione

Le verifiche procederanno in tutte le fasi del processo di insegnamento, al fine di accertare le
competenze e le abilità degli alunni all’inizio, durante e a conclusione di ogni sequenza di
apprendimento. Gli strumenti usati per la valutazione del raggiungimento degli obiettivi saranno
ricondotti a test per la verifica degli obiettivi specifici relativi a settori dell’Unità didattica che
permetteranno di saggiare in tempi brevi il livello di acquisizione di contenuti e il possesso di abilità
semplici o di individuare le capacità non acquisite per le quali progettare interventi di recupero. Le
valutazioni faranno seguito inoltre ad interrogazioni intese come discussioni aperte anche all’intera
classe, a relazioni scritte o orali, a questionari, a schede e a relazioni sul lavoro compiuto, per la
verifica delle attività di tipo sperimentale. Per la valutazione, espressa in decimi, si terrà conto, oltre
che del grado di preparazione raggiunto, dell’atteggiamento dell’allievo nei confronti del lavoro
didattico, del contributo personale alle attività di classe e dei progressi registrati rispetto a
condizioni precedenti.
Al fine di garantire la massima trasparenza nelle valutazioni gli alunni saranno sempre informati dei
voti assegnati e del giudizio da cui tali voti scaturiscono come da scheda allegata nel Registro dei
verbali delle riunioni per materie.
Dato l’esiguo numero di ore a disposizione non si prevedono iniziative particolari che coinvolgono
le intere classi.

   Primo quadrimestre

Modulo I° Chimica e fisiologia della cellula

UD. Verso la teoria evolutiva. Lo sviluppo della teoria di Darwin. I principi unificanti della
biologia moderna. UD. Atomi. Molecole. Modelli di struttura atomica. Configurazione elettronica. I
legami chimici. Reazioni chimiche. UD. Gli elementi biologicamente importanti: i livelli di
organizzazione biologica. L’acqua. Molecole organiche: carboidrati, lipidi, proteine, acidi nucleici.
UD. La cellula: struttura, funzione, movimenti cellulari. Come le sostanze entrano ed escano dalle
cellule.

   Secondo quadrimestre

UD. Flusso di energia. Glicolisi. Respirazione. Fotosintesi. UD. Divisione cellulare: Mitosi e
Meiosi; anomalie cromosomiche.

Obiettivi intermedi.
- Capire che tutti i sistemi viventi sono basati su livelli di organizzazione che vanno
  dall’atomo all’organismo nel suo complesso
- Comprendere che la chimica della macromolecole organiche e la struttura cellulare
                                                                                                      111
  sono le chiavi di letture per interpretare tutti i fenomeni biologici.
- Capire che un ristretto numero di tipi di molecole biologiche formano tutte le
  strutture degli organismi viventi.
- Riconoscere le analogie strutturali che caratterizzano le cellule di tutti gli esseri
   viventi.
- Individuare l’importanza del flusso di energia che permette lo svolgimento dei
  processi indispensabili per il realizzarsi della vita.


Modulo II° La varietà nel mondo dei viventi ( Classi 2° A B E D )
.
  UD. Classificazione degli organismi. Procarioti e virus. Protisti. Funghi. Regno vegetale. Regno
animale: dai Poriferi agli Artropodi. Echinodermi e Cordati. I vertebrati: pesci anfibi, rettili, uccelli
e mammiferi.

Modulo II° La genetica ( Classi 2° C F )

Modelli di ereditarietà: leggi di Mendel, genetica classica, basi cromosomiche dell’ereditarietà,
cromosomi sessuali e caratteri legati al sesso. Malattie genetiche umane.

Obiettivi intermedi.

- Capire che la classificazione degli organismi nei cinque regni della natura ha strette
  connessioni con le diverse tappe del processo evolutivo tuttora in corso nel nostro
  pianeta.
- Comprendere come attraverso un lavoro di classificazione degli organismi sia stato
   possibile individuare e distinguere le somiglianze e le differenze presenti
  nell’enorme varietà delle specie viventi.
- Saper individuare le caratteristiche che hanno permesso alle piante di abbandonare
  l’ambiente acquatico e conquistare le terre emerse.
-Comprendere che gli studi di Mendel hanno permesso di individuare precise regole che sono alla
base della trasmissione dei caratteri ereditari - Eseguire esercizi per prevedere genotipi e fenotipi
dei discendenti di un incrocio -Conoscere i fondamenti della teoria cromosomica dell'ereditarietà –
Spiegare il meccanismo di trasmissione di alcune malattie genetiche

Di comune accordo si è deciso di lasciare libertà ai singoli docenti di posticipare o anticipare, tempo
permettendo, argomenti che vanno dalla classificazione degli esseri viventi alla genetica in
conseguenza del fatto che la Biologia viene affrontata sia nelle classi seconde che terze.




CLASSE TERZA

BIOLOGIA

Obiettivi didattico formativi
   - Acquisizione e approfondimento dei contenuti disciplinari
   - Acquisizione e consolidamento di una più ampia e corretta terminologia scientifica
   - Capacità di lettura ed interpretazione di brani scientifici
   - Capacità di analizzare le situazioni
   - Comprensione di fenomeni complessi e loro correlazioni
                                                                                                     112
    -   Applicazione delle conoscenze acquisite in funzione di una continua trasformazione in
        termini di metabolismo, sviluppo ed evoluzione

METODOLOGIA DIDATTICA

Per raggiungere gli obiettivi prefissati occorre, attraverso le lezioni frontali, presentare agli alunni i
contenuti atti a sollecitarne l’interesse facendo leva sulla loro naturale curiosità per il mondo
circostante ed al tempo stesso stimolarli alla consapevolezza della complessa realtà in cui viviamo.
Per tali motivi, oltre al libro di testo, accompagnato dall’utilizzo di schemi lucidi e grafici alla
lavagna, sarà fatto ricorso alla lettura di articoli di pubblicazioni scientifiche , articoli di quotidiani,
visione di videocassette, diapositive e brevi esercitazioni di laboratorio . Sarà dato spazio inoltre alla
sollecitazione di domande e al dialogo. Si guideranno gli alunni alla discussione collettiva per
abituarli ad ascoltare gli altri, a crearsi idee proprie ed a esporle liberamente e correttamente,
secondo i criteri di un adeguato linguaggio scientifico. Il lavoro personale sarà guidato con
suggerimenti sul metodo di studio e con chiarimenti sui contenuti . La classe parteciperà a convegni
e/o conferenze e visite guidate d’interesse scientifico ogni qualvolta se ne presenterà l’occasione.
Note: Nell'ambito della programmazione curriculare i singoli docenti potranno dare spazio diverso
agli argomenti affrontati, privilegiandone alcuni rispetto ad altri e decidendo                   eventuali
approfondimenti. Nel caso in cui non sia stato terminato il programma previsto per la seconda classe
gli insegnanti, se lo riterranno opportuno, riprenderanno gli argomenti in precedenza non trattati.


VERIFICHE E VALUTAZIONE

Le verifiche degli obiettivi si effettueranno in tutte le fasi del processo di insegnamento, per
accertare competenze ed abilità iniziali, intermedie e conclusive di ogni sequenza di
approfondimento
La verifica degli obiettivi sarà essenzialmente di due tipi: formativa e sommativa.
Per verifica formativa si intende l’acquisizione, da parte del docente, del livello di conoscenze e
abilità, del livello di rielaborazione e di progressione delle capacità di analisi e sintesi raggiunte
dall’alunno su ogni singola unità didattica, attraverso lezioni-dialogo, domande ed esercizi relativi a
contenuti specifici (ultimi argomenti trattati) . Tale verifica sarà giornaliera e valutata con breve
giudizio orale e se necessario sarà seguita da attività di recupero (mediante ulteriori esercizi da
eseguire a casa con l’aiuto del libro di testo, in un primo tempo, ed in seguito senza nessun ausilio);
inoltre servirà al docente per modificare o continuare la metodologia utilizzata.
 La verifica sommativa verrà utilizzata su più unità didattiche utilizzando prove orali (almeno una a
quadrimestre) e scritte (almeno una a quadrimestre) strutturate (somministrazione di questionari a
scelta multipla, correlazione vero o falso, domande aperte,simulazione terza prova) al fine di
potenziare e valutare il collegamento sistematico delle conoscenze e la loro sintesi. La verifica
sommativa sarà valutata in decimi secondo la scala definita in accordo con gli altri docenti di
scienze e dà indicazioni circa la capacità di comprensione, di analisi, di sintesi, e di applicazione
delle conoscenze apprese. Nel caso di prove strutturate, oltre a tener presente nel complesso la scala
di valutazione, sarà fatto uso di griglie di valutazione appositamente preparate e conformi al tipo di
questionario assegnato. Sarà oggetto di valutazione anche il lavoro individuale svolto sul
quaderno,che dovrà comprendere appunti, esercizi di verifica assegnati e relazioni su eventuali
esperimenti di laboratorio.
  Nel corso dell’anno verranno operati tutti gli interventi opportuni e possibili al fine di permettere il
raggiungimento degli obiettivi proposti a tutti gli studenti che si mostreranno nelle ore di lezione
curriculae disponibili all’impegno scolastico. Gli alunni verranno a conoscenza dei voti assegnati al
fine di garantire la massima trasparenza nelle valutazioni. La valutazione quadrimestrale e finale
dell’alunno, pur non prescindendo dalle verifiche di percorso, dovrà evidenziare l’intero processo di
maturazione, comprensivo di tutti gli aspetti formativi, educativi e didattici.
Partecipazione, interesse e impegno dimostrati contribuiranno alla valutazione finale.
                                                                                                       113
Si allega la griglia di valutazione concordata con gli altri colleghi della stessa materia.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICULARE


I QUADRIMESTRE

MODULO I: GENETICA

Unità didattica 1
Modelli di ereditarietà: leggi di Mendel, genetica classica, basi cromosomiche dell’ereditarietà,
cromosomi sessuali e caratteri legati al sesso. Malattie genetiche umane.
Unità didattica 2
Biologia molecolare del gene: struttura del materiale genetico, duplicazione del DNA, codice
genetico e sintesi proteica. Genetica dei virus e dei batteri. HIV
Unità didattica 3
Controllo dell’espressione genica: regolazione genica nei procarioti e negli eucarioti , clonazione
basi genetiche del cancro.
Unità didattica 4
La tecnologia del DNA e la genetica: tecnologia del DNA ricombinante, genomica e biotecnologie.

Obiettivi intermedi:

 -Comprendere che gli studi di Mendel hanno permesso di individuare precise regole che sono alla
base della trasmissione dei caratteri ereditari - Eseguire esercizi per prevedere genotipi e fenotipi
dei discendenti di un incrocio -Conoscere i fondamenti della teoria cromosomica dell'ereditarietà –
Spiegare il meccanismo di trasmissione di alcune malattie genetiche – Conoscere il concetto di
mutazione e i diversi tipi di mutazione – Comprendere che le mutazioni sono alla base della
variabilità naturale – Conoscere gli sviluppi attuali della genetica classica - Comprendere che in
tutte le cellule, la molecola del DNA possiede tutte le informazioni indispensabili per dare origine a
nuove cellule – Descrivere il meccanismo di duplicazione del DNA - Spiegare come l'informazione
del DNA viene trascritta nell'RNA e poi tradotta nelle proteine – Comprendere come funziona il
codice genetico e la sua universalità – Individuare le modalità di regolazione dell'espressione genica
nei procarioti e negli eucarioti - Comprendere le connessioni tra espressione dei geni e
differenziamento cellulare – Conoscere la genetica dei virus e dei batteri e comprendere
l'importanza dell'utilizzo di questi microrganismi nelle biotecnologie- Capire che l’odierna
rivoluzione scientifica ed economica è dovuta ai progressi dell’ingegneria genetica e indicarne le
principali applicazioni.

MODULO II La varietà nel mondo dei viventi ( Classi 3° B G )
.
  UD. Classificazione degli organismi. Procarioti e virus. Protisti. Funghi. Regno vegetale. Regno
animale: dai Poriferi agli Artropodi. Echinodermi e Cordati. I vertebrati: pesci anfibi, rettili, uccelli
e mammiferi.

MODULO II: EVOLUZIONE

Unità didattica 1
Come agisce l’evoluzione: evoluzione biologica e teoria di Darwin.
Unità didattica 2
Origine della specie : Il concetto di specie

Obiettivi intermedi:
                                                                                                     114
- Comprendere come nel XIX secolo un numero sempre più consistente di dati scientifici e di nuove
scoperte contribuì a formulare le nuove ipotesi sulla storia degli organismi viventi – Sistematizzare
le prove a favore della teoria dell'evoluzione - Conoscere i moderni sviluppi della teoria
dell'evoluzione- Spiegare il concetto di variabilità secondo Darwin – Individuare i processi che a
livello cellulare e molecolare contribuiscono a mantenere e ampliare la variabilità - Spiegare il ruolo
della selezione naturale nella teoria di Darwin – Capire che i meccanismi di selezione naturale ci
aiutano a comprendere le tendenze evolutive delle popolazioni nel corso del tempo – Definire i
diversi concetti di specie - Individuare le tappe che portano alla formazione di nuove specie secondo
Darwin – Descrivere I principali meccanismi di speciazione – Individuare le tappe dell'evoluzione
umana.


II QUADRIMESTRE

MODULO III: IL CORPO UMANO: ANATOMIA E FISIOLOGIA

Unità didattica 1
I tessuti. I sistemi di regolazione omeostatica
 Unità didattica 2
Sistemi muscolare e scheletrico
Unità didattica 3
Sistema digerente
Unità didattica 4
Sistema respiratorio
Unità didattica 5
Sistema circolatorio
Unità didattica 6
Sistema immunitario
Unità didattica 7
Sistema escretore
Unità didattica 8
Sistema endocrino
Unità didattica 9
Sistema nervoso
Unità didattica 10
Sistema riproduttore

Obiettivi intermedi:

- Riconoscere nella morfologia e fisiologia umana sia gli aspetti particolari che caratterizzano la
nostra specie, sia quelli evolutivi del mondo animale – Acquisire una generale conoscenza sui
processi chimici e cellulari alla base del funzionamento dell’intero corpo umano – Descrivere
l'organizzazione del corpo umano – Comprendere l'organizzazione gerarchica di cellule, tessuti,
organi, apparati/sistemi - Descrivere le caratteristiche distintive dei diversi tessuti – Comprendere
l'organizzazione dei sistemi di regolazione omeostatica - Conoscere e spiegare l'organizzazione
strutturale e la fisiologia di ciascun apparato - Individuare i collegamenti strutturali e funzionali fra i
diversi apparato - Comprendere l'influenza che hanno alcuni tipi di comportamento sul
mantenimento dell'equilibrio interno al nostro organismo - Conoscere le principali malattie dei
diversi apparati ed individuarne le cause.


CLASSE QUARTA


                                                                                                       115
CHIMICA

NB : Lo svolgimento dei vari argomenti potrà avere una scansione flessibile a causa
dell’adeguamento ai diversi libri di testo adottati nelle varie sezioni.

Obiettivi didattico formativi :
    acquisizione della consapevolezza che gran parte dei fenomeni macroscopici consiste in
        trasformazioni chimiche riconducibili alla natura ed al comportamento di molecole, atomi e
        ioni che costituiscono la materia –
    acquisire una corretta comprensione del linguaggio chimico orale e scritto, soprattutto per le
        sostanze di uso quotidiano –
    saper svolgere semplici esercizi di scrittura, lettura e applicazione anche quantitativa –
    conoscere le principali classi di composti organici in relazione al ruolo ambientale, biologico
        e all’uso quotidiano –
    potenziamento delle capacità d’analisi e sintesi


METODOLOGIA DIDATTICA
Per raggiungere gli obiettivi prefissati occorre, attraverso le lezioni frontali, presentare agli alunni i
contenuti atti a sollecitarne l’interesse facendo leva sulla loro naturale curiosità per le problematiche
di natura chimica ed al tempo stesso stimolarli alla consapevolezza della complessa realtà in cui
viviamo.
 Per tali motivi, oltre al libro di testo, accompagnato dall’utilizzo di schemi lucidi e grafici alla
lavagna, sarà fatto ricorso a semplici esperimenti di laboratorio, alla lettura di articoli di
pubblicazioni scientifiche , alla consultazione di altri libri e riviste e alla visione di videocassette.
Del lavoro sperimentale si valorizzerà non tanto il prodotto, quanto il processo con il quale è stato
ottenuto e anche durante le lezioni teoriche si sottolineerà il rapporto tra aspetti sperimentali e
teorici.
  Per un migliore apprendimento si eseguiranno esercizi e si risolveranno problemi, mezzi atti a
favorire padronanza dei concetti ed a stimolare strategie di pensiero gradualmente complesse.
 Sarà dato spazio inoltre alla sollecitazione di domande e al dialogo. Si guideranno gli alunni alla
discussione collettiva per abituarli ad ascoltare gli altri, a crearsi idee proprie ed a esporle
liberamente e correttamente, secondo i criteri di un adeguato linguaggio scientifico.
Il lavoro personale sarà guidato con suggerimenti sul metodo di studio e con chiarimenti sui
contenuti . Saranno previste relazioni ed approfondimenti individuali o di gruppo su attualità di
interesse specifico.
La classe parteciperà a convegni e/o conferenze e visite guidate d’interesse scientifico ogni
qualvolta se ne presenterà l’occasione.


VERIFICHE E VALUTAZIONE
Le verifiche degli obiettivi si effettueranno in tutte le fasi del processo di insegnamento, per
accertare competenze ed abilità iniziali, intermedie e conclusive di ogni sequenza di
approfondimento
La verifica degli obiettivi sarà essenzialmente di due tipi: formativa e sommativa.
Per verifica formativa si intende l’acquisizione, da parte del docente, del livello di conoscenze e
abilità, del livello di rielaborazione e di progressione delle capacità di analisi e sintesi raggiunte
dall’alunno su ogni singola unità didattica, attraverso lezioni-dialogo, domande ed esercizi relativi a
contenuti specifici (ultimi argomenti trattati) . Tale verifica sarà giornaliera e valutata con breve
giudizio orale e se necessario sarà seguita da attività di recupero (mediante ulteriori esercizi da
eseguire a casa con l’aiuto del libro di testo, in un primo tempo, ed in seguito senza nessun ausilio);
inoltre servirà al docente per modificare o continuare la metodologia utilizzata.

                                                                                                      116
 La verifica sommativa verrà utilizzata su più unità didattiche utilizzando prove orali (almeno una a
quadrimestre) e scritte (almeno una a quadrimestre) strutturate (somministrazione di questionari a
scelta multipla, correlazione vero o falso, domande aperte,simulazione terza prova) al fine di
potenziare e valutare il collegamento sistematico delle conoscenze e la loro sintesi. La verifica
sommativa sarà valutata in decimi secondo la scala definita in accordo con gli altri docenti di
scienze e dà indicazioni circa la capacità di comprensione, di analisi, di sintesi, e di applicazione
delle conoscenze apprese. Nel caso di prove strutturate, oltre a tener presente nel complesso la scala
di valutazione, sarà fatto uso di griglie di valutazione appositamente preparate e conformi al tipo di
questionario assegnato. Sarà oggetto di valutazione anche il lavoro individuale svolto sul
quaderno,che dovrà comprendere appunti, esercizi di verifica assegnati e relazioni su eventuali
esperimenti di laboratorio.
  Nel corso dell’anno verranno operati tutti gli interventi opportuni e possibili al fine di permettere il
raggiungimento degli obiettivi proposti a tutti gli studenti che si mostreranno nelle ore di lezione
curriculare disponibili all’impegno scolastico. Gli alunni verranno a conoscenza dei voti assegnati al
fine di garantire la massima trasparenza nelle valutazioni. La valutazione quadrimestrale e finale
dell’alunno, pur non prescindendo dalle verifiche di percorso, dovrà evidenziare l’intero processo di
maturazione, comprensivo di tutti gli aspetti formativi, educativi e didattici.
 Partecipazione, interesse e impegno dimostrati contribuiranno alla valutazione finale.
Si allega la griglia di valutazione concordata con gli altri colleghi della stessa materia.


PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICULARE

I QUADRIMESTRE

MODULO I: La materia e gli atomi
UD1: Misure e grandezze
UD2: Le proprietà della materia
UD3: Le trasformazioni della materia
UD4: Spiegare il visibile con l’invisibile
Obiettivi intermedi:
Utilizzare le unità di misura del Sistema Internazionale nella risoluzione dei problemi
 Distinguere le grandezze intensive dalle grandezze estensive e determinare la densità di un oggetto
 spiegare alcune proprietà della materia in termini di energia cinetica, potenziale di calore e di
temperatura
 separare ed identificare le sostanze attraverso alcune proprietà intensive
 distinguere gli elementi dai composti e le trasformazioni fisiche da quelle chimiche
spiegare le caratteristiche macroscopiche delle trasformazioni fisiche e chimiche
spiegare le caratteristiche macroscopiche delle trasformazioni chimiche e fisiche mediante il
modello cinetico-molecolare della materia.

 MODULO II: lavorare con gli atomi: la mole
UD1: la mole
UD2: le leggi dei gas
Obiettivi intermedi
usare la mole come unità di misura della quantità di sostanza
applicare le leggi dei gas nella risoluzione dei problemi

MODULO III: all’interno dell’atomo
UD1:Le particelle dell’atomo
UD2: l’atomo ed i livelli di energia
UD3: il sistema periodico
UD4: il modello ad orbitali
                                                                                                      117
Obiettivi intermedi
descrivere la natura delle particelle elementari che compongono l’atomo
spiegare la struttura elettronica a livelli di energia dell’atomo
identificare gli elementi attraverso le loro proprietà periodiche
 utilizzare il modello orbitale dell’atomo.

MODULO IV: dagli atomi alle molecole
UD1: legami chimici
UD2: La forma delle molecole e le forze intermolecolari
UD3: Le soluzioni
Obiettivi intermedi:
Spiegare la struttura delle sostanze che presentano legame ionico, covalente e metallico
spiegare la forma delle molecole e le proprietà delle sostanze
preparare e utilizzare soluzioni in base alle loro proprietà

II QUADRIMESTRE

MODULO V: la nomenclatura e le reazioni chimiche
UD1: La nomenclatura
UD2: le reazioni chimiche
UD3: la classificazione delle reazioni chimiche
Obiettivi intermedi
utilizzare le formule dei composti inorganici per classificarle secondo le regole della nomenclatura
sistematica e tradizionale
 effettuare calcoli stechiometrici
classificare le principali reazioni chimiche identificando reagenti e prodotti

MODULO VI: il trasferimento di protoni ed elettroni
UD1: acidi e basi si scambiano protoni
UD2: le reazioni di ossido-riduzione
UD3: l’elettrochimica
Obiettivi intermedi:
Spiegare le proprietà di acidi e basi
identificare e bilanciare le reazioni di ossidoriduzione –
applicare i principi delle reazioni di ossidoriduzione alle pile e alle celle elettrolitiche

MODULO VII: l’energia le reazioni e l’equilibrio
UD1: la velocità di reazione
UD2: l’equilibrio chimico
Obiettivi intermedi:
descrivere i fattori che influenzano la velocità di reazione –
 spiegare le proprietà dei sistemi chimici all’equilibrio

MODULO VIII: il mondo del carbonio
UD1: dal carbonio agli idrocarburi
UD2: dai gruppi polifunzionali ai polimeri

Obiettivi intermedi:
distinguere gli idrocarburi in base alle loro proprietà chimiche e fisiche –
confrontare diversi gruppi funzionali –
 descrivere la complessità del sistema ambiente e proporre interventi per preservarlo.



                                                                                                118
CLASSE QUINTA

NB: Lo svolgimento dei vari argomenti potrà avere una scansione flessibile a causa
dell’adeguamento ai diversi libri di testo adottati nelle varie sezioni.


GEOGRAFIA GENERALE ED ASTRONOMICA
Obiettivi didattico formativi
-raggiungimento di un patrimonio lessicale ampio e preciso
-interpretare fatti e fenomeni in modo critico e personale
-operare opportuni collegamenti nell’ambito disciplinare e con argomenti di altre discipline
-rafforzare la capacità di sintesi e di rielaborazione
-acquisire consapevolezza della continuità con cui i fenomeni fisici hanno interessato ed interessano
il nostro pianeta
-sapere localizzare il sistema terra nello spazio e nel tempo ed individuare le tappe fondamentali
della sua evoluzione
-maturare una personale responsabilità nei riguardi della natura e del territorio

METODOLOGIA DIDATTICA
Per raggiungere gli obiettivi prefissati occorre, attraverso le lezioni frontali, presentare agli alunni i
contenuti atti a sollecitarne l’interesse facendo leva sulla loro naturale curiosità per il mondo
circostante ed al tempo stesso stimolarli alla consapevolezza della complessa realtà in cui viviamo.
Per tali motivi, oltre al libro di testo, accompagnato dall’utilizzo di schemi lucidi e grafici alla
lavagna, sarà fatto ricorso alla lettura di articoli di pubblicazioni scientifiche , articoli di quotidiani,
visione di videocassette, diapositive e brevi esercitazioni di laboratorio . Sarà dato spazio inoltre alla
sollecitazione di domande e al dialogo. Si guideranno gli alunni alla discussione collettiva per
abituarli ad ascoltare gli altri, a crearsi idee proprie ed a esporle liberamente e correttamente,
secondo i criteri di un adeguato linguaggio scientifico. Il lavoro personale sarà guidato con
suggerimenti sul metodo di studio e con chiarimenti sui contenuti . Saranno previste relazioni ed
approfondimenti individuali o di gruppo su attualità interesse specifico.
La classe parteciperà a convegni e/o conferenze e visite guidate d’interesse scientifico ogni
qualvolta se ne presenterà l’occasione; in particolare è prevista un’uscita didattica al planetario di
Firenze ed al museo di paleontologia del Dip. Di scienze della terra di Firenze.

VERIFICHE E VALUTAZIONE
Le verifiche degli obiettivi si effettueranno in tutte le fasi del processo di insegnamento, per
accertare competenze ed abilità iniziali, intermedie e conclusive di ogni sequenza di
approfondimento
La verifica degli obiettivi sarà essenzialmente di due tipi: formativa e sommativa.
Per verifica formativa si intende l’acquisizione, da parte del docente, del livello di conoscenze e
abilità, del livello di rielaborazione e di progressione delle capacità di analisi e sintesi raggiunte
dall’alunno su ogni singola unità didattica, attraverso lezioni-dialogo, domande ed esercizi relativi a
contenuti specifici (ultimi argomenti trattati) . Tale verifica sarà giornaliera e valutata con breve
giudizio orale e se necessario sarà seguita da attività di recupero; inoltre servirà al docente per
modificare o continuare la metodologia utilizzata.
 La verifica sommativa verrà utilizzata su più unità didattiche utilizzando prove orali (almeno una a
quadrimestre) e scritte (almeno una a quadrimestre) strutturate (somministrazione di simulazioni di
terza prova) al fine di potenziare e valutare il collegamento sistematico delle conoscenze e la loro
sintesi. La verifica sommativa sarà valutata in decimi secondo la scala definita in accordo con gli
altri docenti di scienze e dà indicazioni circa la capacità di comprensione, di analisi, di sintesi, e di
applicazione delle conoscenze apprese. Nel caso di prove strutturate, oltre a tener presente nel
complesso la scala di valutazione, sarà fatto uso di griglie di valutazione appositamente preparate e
                                                                                                       119
conformi al tipo di questionario assegnato. Sarà oggetto di valutazione anche il lavoro individuale
svolto sul quaderno,che dovrà comprendere appunti, esercizi di verifica assegnati e relazioni su
eventuali esperienze di laboratorio.
  Nel corso dell’anno verranno operati tutti gli interventi opportuni e possibili al fine di permettere il
raggiungimento degli obiettivi proposti a tutti gli studenti che si mostreranno nelle ore di lezione
curriculare disponibili all’impegno scolastico. Gli alunni verranno a conoscenza dei voti assegnati al
fine di garantire la massima trasparenza nelle valutazioni. La valutazione quadrimestrale e finale
dell’alunno, pur non prescindendo dalle verifiche di percorso, dovrà evidenziare l’intero processo di
maturazione, comprensivo di tutti gli aspetti formativi, educativi e didattici.
 Partecipazione, interesse e impegno dimostrati contribuiranno alla valutazione finale.
Si allega la griglia di valutazione concordata con gli altri colleghi della stessa materia.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICULARE

I QUADRIMESTRE

MODULO I: La terra nello spazio
UD 1: forma e dimensioni della terra
UD 2: reticolato geografico e coordinate geografiche
UD 3: movimenti della terra prove e conseguenze della rotazione e rivoluzione, moti millenari
UD 4: la luna: caratteri fisici, movimenti, fasi ed eclissi, origine ed evoluzione
UD 5: orientamento e la misura del tempo
UD 6: il sistema solare: il sole, i pianeti, asteroidi, comete, meteore, genesi sistema solare, leggi di
Keplero e di gravitazione universale
UD 7: stelle, galassie, origine ed evoluzione dell’universo
Obiettivi Intermedi:
-sapere definire le caratteristiche del solido che meglio descrive le forme della terra
-sapere descrivere i sistemi di coordinate che consentono di individuare la posizione di un punto
sulla superficie terrestre
-sapere descrivere i movimenti della terra e della luna e comprendere le conseguenze
-spiegare come ci si può orientare di giorno e di notte e come si può misurare il tempo
-comprendere l’origine dell’energia del sole e descrivere le caratteristiche del sole e dei corpi che
formano il sistema solare ed il loro processo di formazione
- sapere descrivere stelle e le galassie in base alla teoria del Big Bang, all’effetto Doppler ed alla
teoria dell’espansione dell’universo.

MODULO II: Mineralogia e litologia
UD 1:minerali
UD 2: rocce magmatiche o ignee
UD 3: rocce sedimentarie
UD 4:rocce metamorfiche
UD 5:ciclo litogenetico
Obiettivi Intermedi:
-sapere elencare le principali categorie dei minerali silicati e non silicati e descrivere le loro
caratteristiche
-sapere indicare i criteri seguiti nella classificazione delle rocce
-sapere descrivere le principali caratteristiche di ogni roccia confrontandole fra loro in base alle
somiglianze ed alle differenze



II QUADRIMESTRE


                                                                                                      120
MODULO III: Dinamica interna della terra
UD 1: l’interno della terra
UD 2: calore interno della terra e il magnetismo
UD 3: la deriva dei continenti
UD 4: l’espansione dei fondali oceanici
UD 5: la tettonica della placche
UD 6: l’orogenesi
UD 7: i fenomeni vulcanici
UD 8: i fenomeni sismici
Obiettivi Intermedi:
-conoscere il modello della struttura interna della terra e le informazioni che hanno contribuito a
costruirlo
-sapere mettere in relazione il calore interno della terra coni fenomeni che si verificano nella
litosfera e sulla superficie
-sapere descrivere la morfologia e sapere discutere le prove dell’espansione dei fondali oceanici
nella tettoniche delle placche la spiegazione dei fenomeni sismici, vulcanici e orogenetici. -sapere
individuare
-sapere descrivere i fenomeni vulcanici e sismici e collocarli nell’ambito della teoria delle tettoniche
delle placche
-sapere descrivere i fenomeni sismici ed avere una corretta conoscenza dei concetti di rispetto e
prevenzione

MODULO IV: la dinamica esterna della terra
UD 1: composizione e struttura dell’atmosfera
UD 2: i moti dell’aria
UD 3: i fenomeni meteorologici
UD 4: l’energia solare e riscaldamento dell’atmosfera
UD 5: cenni sui climi
Obiettivi Intermedi:
-sapere descrivere la struttura e la composizione dell’atmosfera terrestre
-sapere descrivere la circolazione generale dell’aria nella bassa o nella alta atmosfera
-sapere descrivere e spiegare i principali fenomeni meteorologici
-comprendere il ruolo dell’atmosfera nella distribuzione del calore proveniente dal sole
-sapere individuare i fattori che determinano il tempo atmosferico e il clima delle diverse latitudini
-comprendere che l’atmosfera è un sistema dinamico , che ha subito notevoli variazioni dalla sua
formazione ad oggi e che le attività umane influiscono notevolmente sui cambiamenti
dell’atmosfera alterandone la composizione.

MODULO V:
UD 1: relazione tra stratigrafia e paleontologia
UD 2: cronologia assoluta
UD 3 :cronologia relativa (criterio litologico, stratigrafico, paloentologico)
UD 4 :concetto di fossile
UD 5: metodi di fossilizzazione
UD 6: fossili guida
UD 7 :gli eoni criptozoico e fanerozoico
UD 8: le ere e i periodi (principali caratteristiche biologiche,climatologiche e geologiche)
Obiettivi Intermedi
-fornire una visione generale sullo studio degli organismi fossili, delle loro tracce e dei fattori
responsabili della loro origine, evoluzione ed interazione
- fornire cenni sulle possibili applicazioni della paleontologia alle Scienze Geologiche.
-dare conoscenze sugli aspetti paleoecologici ed evoluzionistici dei principali gruppi di invertebrati
e vertebrati
                                                                                                    121
- ricostruire le tappe più importanti della storia della vita



Programma di DISEGNO e STORIA DELL'ARTE

Sono attuabili due percorsi, che il Docente sceglierà secondo le caratteristiche della classe.
L’alternatività dei percorsi è determinata dalla necessità di ricercare la miglior scansione delle due
discipline componenti la materia.

1° PERCORSO

L'insegnamento di Disegno e Storia dell'Arte avviene con la seguente articolazione oraria
settimanale:
Classe I :             1h [solo Disegno] (per un totale di circa 33 ore annuali)
Classe II :            3h (per un totale di circa 99 ore annuali)
Classe III :           2h (per un totale di circa 66 ore annuali)
Classe IV :            2h (per un totale di circa 66 ore annuali)
Classe V :             2h (per un totale di circa 66 ore annuali)
Sulla base di una scelta didattica ben ponderata dagli insegnanti, il programma di Disegno, prevede
in ambito
curricolare la realizzazione di tavole di disegno geometrico mediante sistemi tecnico-grafici

ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI
L'articolazione dei contenuti comuni concordata a livello di dipartimento di Materia è di massima
la seguente:

DISEGNO:
  Classe I :           Costruzioni geometriche elementari;
                       Condizioni di appartenenza (punto - piani - rette) sistema del ribaltamento;
                       Proiezioni Ortogonali di figure piane e solidi.
                       Proiezioni Ortogonali di figure piane e solidi sui piani generici

   Classe II :         Proiezioni Ortogonali di solidi e gruppi di solidi;
                       Sistema di ribaltamento rotazione – inclinazione sui tre piani principali;
                       Sezioni mediante l’ausilio di piani proiettanti paralleli e generici
                       Teoria delle ombre proprie e portate di figure piane e solide

   Classe III :        Proiezioni assonometriche di solidi e gruppi di solidi anche sezionati;
                       Assonometrie oblique: ass. cavaliera rapida , ass. cavaliera militare , ass.
   monometrica
                       Teoria delle Ombre applicata alla Assonometria : di figure solide sovrapposte
                       e affiancate
                        Introduzione alla tecnica della prospettiva centrale, metodo punti di distanza
                       ( strutture esterne )

   Classe IV :         Prospettiva Centrale e Accidentale di spazi interni ed esterni.
                       Metodo dei punti di misura, raggi visuali, prolungamento dei lati.
                       Inizio teoria delle ombre in prospettiva

                                                                                                      122
  Classe V :     Prospettiva Centrale e Accidentale ( approfondimenti )
                 Teoria delle ombre in prospettiva ( approfondimenti anche su elementi
                 architettonici )
                 Realizzazioni grafiche che implicano scelte progettuali o rielaborative da
                 parte dei singoli studenti.



STORIA DELL’ARTE:

  Classe II :    La preistoria - Arte magica - arte decorativa – testimonianze architettura
                 La storia - Le grandi civiltà del vicino oriente
                         Sintesi : Egitto – Sumeri – Babilonesi – Assiri
                         (Architettura – Pittura – Scultura)
                      Arte Cretese e Micenea : Caratteri generali
                                               Le città Palazzo - La città Fortezza – Le tombe
                      Arte Greca : Periodo della formazione – L’età Arcaica
                                   Il Tempio Le tipologie – ordini architettonici
                                   L’età Classica – Architettura – Scultura
                                   L’Ellenismo
                      Arte Etrusca : Caratteri generali – Arte e Religione – Le Necropoli
                                     Architettura – Pittura – Scultura
                     Arte Romana : I Romani e l’Arte – Tecniche costruttive
                                      Architettura – Pittura – Scultura
                     Arte Paleocristiana : Architettura – Edifici a pianta basilicale
                                            Tecnica del mosaico
                                            Arte a Ravenna – Architettura e mosaici
                                            (Tecnica dell’Oro)
                     Arte Barbarica : Cenni: Le Arti Minori – Periodo: Ostrogoto,
                                        Giustiniano Longobardo

  Classe III :   Arte Romanica : Caratteri generali – Architettura – Scultura –Pittura
                                  (Affresco e Pittura su tavola)
                 Arte Gotica :      Architettura origini Francesi e le sue tecniche costruttive
                                    Architettura Gotica in Italia
                 Gotico in Italia : Scultura Nicola e Giovanni Pisano - Arnolfo di Cambio
                                    Pittura Cimabue - Duccio di Boninsegna
                 Arte Gotica fra 1300-1400 : Architettura Cattedrali e Palazzi
                                                Pittura Giotto – S. Martini – A. Lorenzetti
                                                Gotico internazionale G. Da Fabriano
                 Primo Rinascimento 1400 : Architettura F. Brunelleschi – L. Ghiberti
                                               ( Studio della prospettiva)
                 La stagione delle scoperte       Scultura Donatello
                                                 Pittura Masaccio

  Classe IV :    Rinascimento Seconda metà 1400 : P. Della Francesca – S. Botticelli
                 La stagione delle esperienze     A. Da Messina – A. Mantegna – G.
  Bellini
                 Rinascimento 1500 :        Architettura D. Bramante
                                                                                                  123
                    La stagione delle certezze Pittura L. Da Vinci – Raffaello – Michelangelo
                    Il Manierismo : Caratteri Generali
                    1600 : Caratteri del Barocco
                           Architettura Bernini – Borromini
                            Scultura G. L. Bernini Pittura Caravaggio

 Classe V :         Arte dei Secoli XVIII – XIX – XX
                    Neoclassicismo e Romanticismo : Ripetizione periodi precedenti
                                                    Ripetizione delle arti precedenti
                                                    Pittura J. L. David, Scultura Antonio
 Canova
                                                      Architettura G. Pier Marini , G. Quarenghi
                                                      Industrializzazione e Urbanesimo –
                                                      1° rivoluzione industriale
                                                       II Romanticismo in Francia, Inghilterra,
                                                       Germania, Italia. La scuola di Barbison
                    Realismo e Impressionismo : Realismo: i maggiori artisti: Courbet,
                                                 Impressionismo: Monet, Manet, Renoir,
                                                                   Degas, P.Cèzanne
                                                 Post-impressionismo: Seurat, Van Gogh,
                                                                         Gauguin
                                                 I Macchiaioli: G. Fattori. La Scapigliatura
                    Seconda rivoluzione industriale – architettura del ferro e del vetro – nascita
                                                      del grattacielo
                    Art Noveau: G. Klimt e Secessione Viennese – Antonio Gaudì architettura

                    Precursori dell’Espressionismo: E. Munck
                    Espressionismo: contenuti e caratteristiche principali Die Brucke Kirchner
                    Fauves: Matisse
                    Cubismo: Pittura P.Picasso
                              Periodo blu, rosa, il protocubismo, cubismo analitico e cubismo
                               sintetico
                    Futurismo: Caratteristiche generali, pittura e scultura U. Boccioni G. Balla
                              Architettura italiana futurista Antonio Sant'Elia
                    Metafisica: Giorgio De Chirico
                    Surrealismo: Caratteri generali Dalì e Mirò
                    Razionalismo in Architettura : La scuola del Bauhaus - Le Corbusier
                                                     F.L.Wright

Per indicazioni più dettagliate si rinvia sia a quanto definito nella programmazione comune
elaborata nelle riunioni di inizio anno del Dipartimento di Materia, sia alla programmazione
singola dei docenti.
METODI E STRUMENTI
Metodi (strategie didattiche)
   lezione frontale;
   lezione interattiva (dialogica);
   realizzazione di tavole grafiche di disegno tecnico in classe (e anche parzialmente a casa);
   analisi guidata di testi iconici;


                                                                                                   124
Inoltre, qualora lo si ritenga opportuno, in relazione anche con l'attività didattica pluridisciplinare
della classe;
     eventuali dibattiti tematici guidati;
     eventuali lavori di ricerca e/o di approfondimento, individuali o di gruppo;
     eventuale esecuzione di elaborati grafici finalizzati all'apprendimento teorico o
         all'intensificazione della capacità di analisi dell'opera d'arte (e del dato visivo in genere).
Strumenti
   Libro di testo;
   materiale da disegno;
   materiale vario di documentazione (riviste, giornali, saggi, testi critici);
   fotocopie;
   diapositive;
   videocassette didattiche;
   (eventualmente CD rom);
   (eventuali visite di istruzione a monumenti, pinacoteche, musei, mostre temporanee, anche
     al di fuori dell'orario scolastico).
Spazi
Le lezioni vengono svolte - a seconda delle necessità didattiche e delle opportunità - o nelle aule di
studio o in una delle aule attrezzate per il Disegno, o nelle aule di informatica (per alcuni
argomenti di Storia dell'Arte).

CRITERI DI VALUTAZIONE
Disegno
Sono oggetto di valutazione le seguenti conoscenze, capacità e abilità:
   la conoscenza di specifiche modalità convenzionali di rappresentazione grafica, secondo
     l'articolazione proposta per le singole classi;
   le capacità di procedere operativamente realizzando elaborati grafici definiti secondo le
     sopraindicate
   specifiche modalità convenzionali di rappresentazione ;
   la conoscenza e le capacità di utilizzo delle tecniche grafiche;
   le capacità di strutturare coerentemente e razionalmente le rappresentazioni bidimensionali
     della tridimensionalità.
   L'ordine, la precisione e le abilità tecniche nelle rappresentazioni tecnico grafiche
   le capacità di comunicazione grafico-visiva.
   le capacità di rielaborazione, di personalizzazione e di ampliamento autonomo di quanto
     assegnato.
In particolare costituiscono elemento di valutazione degli elaborati grafici (in ordine di priorità):
   1. la comprensione della domanda o dell’istruzione;
   2. la pertinenza dell'elaborato (o di parte di esso) a quanto richiesto;
   3. la coerenza logica interna dell'elaborato;
   4. l'applicazione delle costruzioni e dei procedimenti studiati ed adottati;
   5. (per il triennio)il livello di rielaborazione personale di quanto assegnato
   6. il rispetto delle convenzioni grafiche;
   7. l'ordine grafico e la precisione esecutiva;
   8. l'organizzazione degli spazi, l'impaginazione e la congruenza dimensionale tra foglio e
       immagine;
   9. la pulizia del segno e del supporto cartaceo.

                                                                                                    125
OBIETTIVI
Disegno
Conoscenze
    Conoscenza di specifiche modalità convenzionali di rappresentazione tecnico grafica,
      opportunamente individuate in rapporto alle singole classi (cfr.: Articolazione dei
      contenuti).
    Conoscenza delle fondamentali convenzioni grafiche.
    Conoscenza dei termini essenziali del lessico specifico inerente il disegno, la geometria e
      le specifiche modalità convenzionali di rappresentazione grafica.
    Conoscenza di semplici tecniche grafiche.
Competenze
   Corretto applicazione delle singole modalità convenzionali di rappresentazione tecnico
     grafica conosciute.
   Sviluppo dell'ordine logico ovvero dell'attitudine a strutturare autonomamente e in modo
     logico l'elaborato grafico a partire dai dati disponibili e dalla conoscenza dei procedimenti
     convenzionali di rappresentazione.
   Sviluppo dell'attitudine al controllo mediante verifica sia della coerenza logica interna
     degli elaborati grafici, sia della corrispondenza all'enunciato proposto.
   Uso appropriato dei termini essenziali del lessico specifico inerente il disegno, la
     geometria e le specifiche
   modalità convenzionali di rappresentazione grafica.
Capacita
    Capacità di utilizzare semplici e complesse tecniche grafiche.
    Capacità di procedere a una raffigurazione grafica ordinata, coerente e rispettosa delle
       convenzioni.
    Acquisizione e progressivo potenziamento di abilità manuali; in particolare:
          corretto uso degli strumenti,
          distinzione del segno,
          rigore geometrico e precisione grafica,
          pulizia del supporto cartaceo nell'esecuzione degli elaborati grafici,
          appropriata organizzazione degli spazi e impaginazione (obiettivo di livello medio-
            alto)
          congruenza dimensionale tra foglio e oggetto rappresentato (obiettivo di livello
            medio-alto).
    Capacità di rielaborazione, di personalizzazione e di ampliamento autonomo di quanto
       assegnato (obiettivo di livello alto).
Storia dell'Arte
Conoscenze
     Conoscenza di stili, correnti e singole personalità del campo artistico.
     Conoscenza dei termini essenziali del lessico specifico inerente le espressioni ar+is+iche
        studiate (pittura, scultura, architettura), la storia dell'arte e la critica d'arte.
     Conoscenza dei principali aspetti specifici relativi alle tecniche di produzione dell'opera
        d'arte.
Competenze
    Esposizione analitica o sintetica delle conoscenze inerenti le espressioni artistiche studiate,
      la storia dell'arte e la critica d'arte .
    Superamento dell'approccio superficialmente valutativo dell'opera d'arte, dipendente solo:
      a) dal livello di apprezzamento estetico personale;
                                                                                                126
          b) da criteri inerenti la verosimiglianza dell'immagine.
  In aggiunta viene posto i seguenti obiettivo supplementare dipendente dal tipo di rispondenza
  della classe e/o dalla programmazione del singolo insegnante:
       Sviluppo dell'attitudine a integrare lo studio degli argomenti di Storia dell'Arte con la
          produzione di tavole grafiche attinenti all'argomento.
  Capacità
             Capacità di lettura dell'opera d'arte a più livelli:
             descrittivo (saper fornire una descrizione strutturata secondo possibili schemi di lettura
              con un utilizzo appropriato della terminologia specifica).
             stilistico (saper collocare l'opera in un ambito stilistico, evidenziandone le peculiarità).
             contenutistico (saper individuare i significati principali di un'opera d'arte o di un evento
              artistico),
             storico e sociale (saper storicizzare l'opera d'arte analizzata e inserirla nell'appropriato
              ambito sociale di produzione e di fruizione),
             iconologico (saper riconoscere significati non evidenti dell'opera d'arte sulla base
              dell'individuazione di una struttura simbolica o allegorica).
             Capacità di approfondire e sviluppare autonomamente gli argomenti studiati (obiettivo
              dì livello alto).
             Sviluppo di capacità critiche personali (con finalità interpretative e non valutative)
              (obiettivo di livello alto).

 Tipologie delle prove di verifica
 Disegno
 Le prove di verifica consistono in prove grafiche interamente svolte in classe.
 Sono altresì oggetto di valutazione le tavole grafiche svolte parzialmente in classe, con
 completamento a casa;
 Storia dell'Arte
 verifiche orali (interrogazioni brevi e lunghe) relative sia olla presentazione di un periodo storico,
   di una tendenza artistica, di una singola personalità, sia all'analisi di singole immagini proposte
   dall'insegnante;
 verifiche scritte volte all'analisi di opere d'arte o all'accertamento delle conoscenze in ambito
   artistico (anche per quanto concerne il livello di padronanza dello terminologia specifica); tali
   verifiche potranno comprendere le seguenti tipologie, a seconda delle necessità didattiche:
 analisi testuale guidata;
 analisi testuale libera;
 questionario a risposta aperta;
 questionario a risposta chiusa-multipla.
 eventuali prove grafiche tendenti ad evidenziare le capacità di riproduzione/rielaborazione di
   opere d'arte.

 Per le classi V sono previste durante il corso dell’anno scolastico Simulazioni della terza prova di
 esame di Disegno Tecnico e Storia dell’Arte




2° PERCORSO

DISEGNO                                               CLASSE PRIMA

                                                                                                      127
ORE SETTIMANALI n.01
OBIETTIVI

Prendere coscienza dei molteplici messaggi visivi trasmessi dall’ambiente affinando man mano una
maggiore capacità di “saper vedere” in modo critico;
 Conoscere nel linguaggio verbale e grafico la terminologia appropriata specifica della disciplina;
Acquisire la padronanza delle principali regole di costruzione/riproduzione geometrica;
 Saper esaminare oggetti individuandone la struttura geometrica portante.
 Conoscere e utilizzare in modo appropriato il linguaggio convenzionale della rappresentazione di
figure piane e solide attraverso i metodi della geometria descrittiva;

I QUADRIMESTRE
Fondamenti geometrici
Condizioni di parallelismo e di perpendicolarità
Suddivisione di segmenti e di circonferenze
Suddivisione di angoli
Tangenti, raccordi
Applicazioni pratico-operative

Figure piane
Struttura portante delle figure piane
Struttura modulare e tassellonomia
Applicazioni pratico-operative (figure piane e forme architettoniche)


II QUADRIMESTRE
Nozioni di geometria descrittiva
Il sistema di riferimento e i quattro spazi diedri
Rappresentazione di punti, rette e piani
Il terzo piano di proiezione
Condizioni di appartenenza
Ribaltamento dei piani
Proiezioni ortogonali di figure piane;


MODALITA’ DI LAVORO
Illustrazione ed esposizione di tipo teorico;
Analisi guidata di tipo grafico sulle tematiche oggetto di approfondimento;
Revisioni personalizzate durante l’esecuzione degli elaborati in classe;


STRUMENTI
Elaborati grafici eseguiti a mano libera e con l’aiuto della strumentazione del disegno.

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Risoluzione dell’esercizio
Stadio di realizzazione dell’elaborato
Grado e qualità di precisione e di presentazione dell’elaborato
Interventi creativi personali
Scelta appropriata degli specifici elementi di analisi grafica rapportati alle varie tematiche


DISEGNO E STORIA DELL’ARTE                                           CLASSE SECONDA


ORE SETTIMANALI N.03
                                                                                                 128
PROGRAMMA DI DISEGNO


OBIETTIVI

Approfondimento del concetto di rappresentazione di oggetti e semplici organismi spaziali nello
spazio bidimensionale mediante i metodi della geometria descrittiva;
Acquisizione delle metodologie e degli elementi di riferimento per una corretta costruzione di solidi
semplici e composti;
Acquisizione delle metodologie e delle abilità per la riproduzione grafica di elementi in scala;

I QUADRIMESTRE
I solidi
Poliedri regolari, semiregolari, solidi di rotazione;
Sviluppo di solidi (packaging)
Applicazioni pratico-operative

I/II QUADRIMESTRE
Geometria descrittiva:
Proiezioni ortogonali di solidi semplici e complessi
Sezioni di solidi con piani paralleli e generici
Intersezioni e compenetrazioni di solidi
La teoria delle ombre applicata alle proiezioni ortogonali (dal punto al solido)

II QUADRIMESTRE
Disegno tecnico
Scale di riduzione e di ingrandimento (segni convenzionali, quotature)
Le sezioni in architettura
Applicazioni pratico-operative


MODALITA’ DI LAVORO
Illustrazione ed esposizione di tipo teorico;
Analisi guidata di tipo grafico sulle tematiche oggetto di approfondimento;
Revisioni personalizzate durante l’esecuzione degli elaborati in classe;


STRUMENTI
Elaborati grafici eseguiti a mano libera e con l’aiuto della strumentazione del disegno.

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Risoluzione dell’esercizio
Stadio di realizzazione dell’elaborato
Grado e qualità di precisione e di presentazione dell’elaborato
Interventi creativi personali
Scelta appropriata degli specifici elementi di analisi grafica rapportati alle varie tematiche




PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE

OBIETTIVI


                                                                                                 129
Familiarizzare con i termini specifici del lessico storico- artistico;
Contestualizzare secondo uno schema storico-culturale, cronologico e geografico le opere figurative
e architettoniche proposte;
Acquisire semplici competenze sulle tecniche artistiche adottate nelle varie opere;
Comprendere gli aspetti formali e lo stile di un’opera;
 Saper leggere lo spazio, la forma, lo stile di un organismo architettonico attraverso l’analisi delle
singole componenti (struttura, materiali,elementi decorativi);


I QUADRIMESTRE
  La storia dell’uomo attraverso le opere d’arte: la scienza archeologica. Fondamenti scientifici,
tecniche di ricerca, metodi di datazione dei reperti, principali scoperte nella storia, lessico specifico.

La rappresentazione dell’uomo e dello spazio nelle civiltà antiche, il significato di geometria
nell’antichità;

Le grandi civiltà del passato: Egitto e Creta.

Arte micenea: dal sistema trilitico alla pseudocupola;Il megaron

Arte greca
Elementi strutturali del tempio greco;
Tecniche costruttive, materiali e componenti dell’architettura greca.
L’ordine dorico, ionico e corinzio;
Rettangolo aureo e sezione aurea;
La città greca
Il teatro
L’acropoli di Atene: il Partenone, l’Eretteo, i Propilei, il Tempio di Athena Nike;
La scultura: il periodo arcaico, evoluzione della scultura nei frontoni, gli esemplari bronzei, Mirone,
Fidia, Policleto e la scultura classica, il periodo ellenistico;
La pittura vascolare;
L’ellenismo in architettura: l’altare di Pergamo;
Arte in Italia:gli Etruschi;Architettura religiosa e funeraria, la scultura e la pittura; la città

     Approfondimenti: Il tema del labirinto nell’antichità;
                     Le sette meraviglie del mondo antico;


       Le tecniche: la lavorazione dell’argilla nelle varie epoche
                   la fusione dei metalli
                   la lavorazione delle pietre




II QUADRIMESTRE
Arte romana: le innovazioni nelle tecniche costruttive, l’arco la volta; il tempio, la casa, architetture
per lo svago, le terme, gli acquedotti e la rete stradale; Il ritratto. La pittura.
La scultura nell’Ara Pacis e nella colonna traiana; Il Foro di Traiano e i Fori Imperiali;
Il palazzo di Diocleziano e la basilica di Massenzio.

Il periodo paleocristiano: caratteri generali, il significato delle immagini, innovazione e tradizione
nelle prime basiliche (elementi strutturali e compositivi), il battistero, la scultura;
                                                                                                      130
Il periodo bizantino: introduzione generale, i mosaici di Ravenna, il Mausoleo di Galla Placidia e il
Battistero degli Ortodossi, S. Apollinare, S. Vitale, elementi strutturali e decorativi bizantini;
Santa Sofia a Costantinopoli;

     Approfondimenti: Animali mitologici nell’arte
                     La strada nell’impero romano

Eventuali progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare
   attinenza al territorio di riferimento

MODALITA’ DI LAVORO

Illustrazione ed esposizione di tipo teorico con lezioni di tipo frontale, lettura di testi e monografie
specifiche, ricerche e approfondimenti individuali, visione di filmati e/o diapositive, immagini al
computer;
Schede di analisi percettivo- compositiva di opere d’arte.

STRUMENTI
Libro di testo, fotocopie, schede, colloqui interattivi con gli studenti, uscite didattiche nel territorio
di riferimento;

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Colloquio e schede di verifica con risposte multiple ( minimo n.2 verifiche a quadrimestre):
verrà valutata la proprietà di linguaggio, il grado di acquisizione delle conoscenze, la capacità di
saper riconoscere e collocare nello spazio stilistico- temporale le opere studiate.



DISEGNO E STORIA DELL’ARTE                                    CLASSE TERZA

ORE SETTIMANALI n.02

PROGRAMMA DI DISEGNO

OBIETTIVI

Approfondimento del concetto di rappresentazione di oggetti e architetture nello spazio mediante il
linguaggio grafico.
Acquisizione delle metodologie e degli elementi di riferimento per una corretta rappresentazione
dello spazio assonometrico.
Acquisizione delle metodologie e delle abilità per la esecuzione di semplici rilevamenti con
conseguente restituzione grafica

I QUADRIMESTRE
Le assonometrie oblique: applicazioni su solidi, su composizioni di solidi;
Applicazioni guidate

Le assonometrie ortogonali: applicazioni su solidi, su composizioni di solidi;
Applicazioni guidate

I/II QUADRIMESTRE

Le assonometrie oblique ed ortogonali: applicazioni ad elementi architettonici, ad oggetti (design
                                                                                              131
industriale);

Teoria delle ombre in assonometria. Ombre proprie e portate. Luce posta di fronte, dietro ed a
        fianco dell’osservatore. Applicazioni guidate. Elaborati grafici.
II QUADRIMESTRE

Le assonometrie oblique ed ortogonali: l’esploso assonometrico applicato ad elementi architettonici,
ad oggetti
( design industriale);
 Il disegno come illusione: dall’esperienza di Escher all’elaborazione individuale di “solidi
impossibili”;

La sezione assonometrica applicata all’architettura;

Dal rilevamento di un piccolo spazio funzionale (la camera da letto) alla restituzione grafica
attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale. Applicazione delle varie
simbologie convenzionali.

MODALITA’ DI LAVORO
Illustrazione ed esposizione di tipo teorico;
Analisi guidata di tipo grafico sulle tematiche oggetto di approfondimento;
Revisioni personalizzate durante l’esecuzione degli elaborati in classe;


STRUMENTI
Elaborati grafici eseguiti a mano libera e con l’aiuto della strumentazione del disegno.


TIPOLOGIA DI VERIFICA

Risoluzione dell’esercizio
Stadio di realizzazione dell’elaborato
Grado e qualità di precisione e di presentazione dell’elaborato
Interventi creativi personali
Scelta appropriata degli specifici elementi di analisi grafica rapportati alle varie tematiche



PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE

OBIETTIVI
Contestualizzazione storico-culturale, cronologica e geografica dell’opera e dell’artista in rapporto
ad altri artisti o intellettuali o committenti;
Competenza sulle tecniche artistiche adottate nelle varie opere;
Comprensione degli aspetti formali e dello stile dell’opera;
Capacità nel saper individuare e distinguere il livello iconografico e iconologico dell’opera d’arte;

I QUADRIMESTRE
Arte longobarda e carolingia, caratteri generali;
La corona ferrea: tradizione e scoperte scientifiche.
Arte romanica: la nascita della società comunale, l’edificio religioso cuore della città, la casa torre,
      elementi strutturali e decorativi, caratteristiche tipologiche del romanico: il pilastro, il rosone,
      la tecnica muraria, la copertura.
      La croce dipinta medioevale: significato, evoluzione del linguaggio figurativo; il restauro di
      una croce lignea, tecniche d’indagine e interventi di restauro conservativo;
                                                                                                      132
      Caratteri generali dell’architettura romanica attraverso la lettura di S.Ambrogio a Milano, San
      Geminiano a Modena, San Marco a Venezia, Battistero di San Giovanni a Firenze e San
      Miniato al Monte, Duomo di Pisa e Duomo di Lucca;
      Il romanico nel sud: Castel del Monte.
      Il romanico senese : l’abbazia di S. Antimo a Montalcino, l’Abbazia di Torri a Sovicille;
      La scultura romanica nell’opera di Wiligelmo e di B.Antelami;
      I bestiari medioevali;


II QUADRIMESTRE

Arte gotica
     Arte gotica: nascita e sviluppo di un nuovo sentimento religioso, l’esperienza mistica della
     luce, il cantiere della cattedrale, elementi strutturali e decorativi: il pilastro, la tecnica muraria,
     la vetrata , i materiali da costruzione; Le principali cattedrali gotiche in Europa. Il gotico
     temperato in Italia:la Basilica di Assisi; Il gotico cistercense: Fossanova e San Galgano; Il
     gotico maturo in Italia: S.Croce, S.Maria Novella.
     Il taccuino di Villard de Honnecourt;
     La pittura gotica di Cimabue: Maestà di Santa Trinita;
     La pittura gotica a Siena: Duccio di Buoninsegna, Simone Martini, Ambrogio Lorenzetti;
     Giotto ad Assisi e a Padova;
     Approfondimento su Siena, città gotica: sviluppo urbanistico di una città medioevale, caratteri
     salienti dell’architettura (palazzi, case del popolo, fonti pubbliche, bottini, il Duomo, il
     Palazzo Pubblico, il Campo, il Duomo);


      Le tecniche:
      La miniatura;
      L’affresco (realizzazione, materiali, conservazione e restauro);
      La pittura su tavola nel medioevo (approfondimenti dal trattato di Cennino Cennini);
      Approfondimento su tecnica e materiali: la realizzazione delle vetrate piombate( il rosone di
      Duccio nel Duomo di Siena);
      Il colore nella città medioevale: intonaci a calce;

Eventuali progetti di approfondimento da effettuare nel corso dell’anno anche con particolare
   attinenza al territorio di riferimento

MODALITA’ DI LAVORO

Illustrazione ed esposizione di tipo teorico con lezioni di tipo frontale, lettura di testi e monografie
specifiche, ricerche e approfondimenti individuali, visione di filmati e/o diapositive, immagini al
computer;
Schede di analisi percettivo- compositiva di opere d’arte.

STRUMENTI
Libro di testo, fotocopie, schede, colloqui interattivi con gli studenti, uscite didattiche nel territorio
di riferimento;

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Colloquio e schede di verifica con risposte multiple ( minimo n.2 verifiche a quadrimestre):
verrà valutata la proprietà di linguaggio, il grado di acquisizione delle conoscenze, la capacità di
saper riconoscere e collocare nello spazio stilistico- temporale le opere studiate.


                                                                                                       133
DISEGNO E STORIA DELL’ARTE                                   CLASSE QUARTA


ORE SETTIMANALI n.02

PROGRAMMA DI DISEGNO
OBIETTIVI

Approfondimento del concetto di rappresentazione di oggetti e semplici architetture nello spazio
mediante il linguaggio grafico.
Acquisizione delle metodologie e degli elementi di riferimento per una corretta rappresentazione
dello spazio prospettico.
Acquisizione delle metodologie progettuali e degli elementi di riferimento (funzione, forma,
struttura) tratti dalla lettura di un progetto di architettura di media complessità.

I QUADRIMESTRE

La prospettiva. Caratteri della proiezione prospettica. La nascita del metodo prospettico e gli
esperimenti ottici di F. Brunelleschi;
Individuazione di rappresentazioni prospettiche nell’arte figurativa;

Prospettiva centrale: applicazioni su figure piane, su solidi, su composizioni di solidi;
attraverso l’applicazione dei vari metodi di rappresentazione (punti di distanza, raggi visuali, punti
di misura) Applicazioni guidate.

Prospettiva accidentale: applicazioni su figure piane, su solidi, su composizioni di solidi;
attraverso l’applicazione dei vari metodi di rappresentazione (punti di distanza, raggi visuali, punti
di misura e perpendicolari al quadro).
Applicazioni guidate.

I/II QUADRIMESTRE

 Prospettiva centrale ed accidentale: applicazione prospettiche ad elementi architettonici e viste
d’interni;

Teoria delle ombre in prospettiva. Luce posta di fronte, dietro ed a fianco dell’osservatore.
        Applicazioni guidate. Elaborati grafici.
II QUADRIMESTRE
Analisi guidata di un progetto architettonico di media complessità (villa unifamiliare): excursus
        storico sulla tipologia della casa unifamiliare (dalla domus romana alla villa Savoie di Le
        Corbusier), studio degli spazi interni e sistema distributivo, rapporto interno/esterno, analisi
        delle componenti strutturali, materiali e tecniche costruttive, simbologie convenzionali.
        Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale.
MODALITA’ DI LAVORO

Illustrazione ed esposizione di tipo teorico;
                                                                                                    134
Analisi guidata di tipo grafico sulle tematiche oggetto di approfondimento;
Revisioni personalizzate durante l’esecuzione degli elaborati in classe;


STRUMENTI
Elaborati grafici eseguiti a mano libera e con l’aiuto della strumentazione del disegno.

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Risoluzione dell’esercizio
Stadio di realizzazione dell’elaborato
Grado e qualità di precisione e di presentazione dell’elaborato
Interventi creativi personali
Scelta appropriata degli specifici elementi di analisi grafica rapportati alle varie tematiche



PROGRAMMA DI STORIA DELL’ ARTE

OBIETTIVI
Contestualizzazione storico-culturale, cronologica e geografica dell’opera e dell’artista in rapporto
ad altri artisti o intellettuali o committenti;
Competenza sulle tecniche artistiche adottate nelle varie opere;
Comprensione degli aspetti formali e dello stile dell’opera;
Capacità nel saper individuare e distinguere il livello iconografico e iconologico, la struttura
sintattico-compositiva dell’opera d’arte (luce, colore, movimento, impianto strutturale e prospettico,
l’atmosfera e l’ambiente) anche attraverso l’individuazione delle linee-forza;

I QUADRIMESTRE

Il Rinascimento: caratteri generali
      La nuova figura dell’architetto: Filippo Brunelleschi (La cupola, Ospedale degli
      Innocenti, Sagrestia vecchia di san Lorenzo, Cappella de’ Pazzi);
      La nascita di un nuovo tipo edilizio: il palazzo Rucellai.
      La città ideale: Pienza, Urbino e Ferrara.
      La corte del signore: il modello dei Montefeltro.
      Masaccio e Piero della Francesca: il rigore della geometria prospettica ( La Trinità, Affreschi
      della cappella Brancacci, Sacra conversazione, Flagellazione di Cristo);
      La visione architettonica nella scultura di Donatello: Il Banchetto di Erode nel Battistero del
      Duomo di Siena;
      L.B.Alberti e il modello rinascimentale.
      Sandro Botticelli: il neoplatonismo dell’Accademia Fiorentina e la sua espressione visiva ( La
      Primavera, La nascita di Venere)




I/II QUADRIMESTRE

Il Rinascimento maturo: caratteri generali
      Bramante e il tempio a pianta centrale:da San Pietro in Montorio al progetto per il nuovo San
      Pietro;
      Le citazioni architettoniche in Raffaello: Lo sposalizio della Vergine; Le stanze vaticane

                                                                                                  135
     Le nuove esperienze di architettura in Michelangelo: Le opere laurenziane, la cupola di
     S. Pietro; la piazza del Campidoglio;
     opere pittoriche:gli affreschi della Cappella Sistina
     le sculture: dal David al non compiuto della Pietà Rondanini
     Leonardo da Vinci: i disegni, le macchine,il progetto di città,opere pittoriche: Annunciazione,
     Adorazione dei Magi, La Vergine delle rocce, il Cenacolo, La Gioconda
     La figura femminile tra realtà e divinizzazione: La Venere dormiente di Giorgione e
     Venere di Tiziano;
     Palladio e le ville venete (la Rotonda e villa Barbaro a Maser)
     G. Vasari: trattatista, pittore ed architetto;
     B. Peruzzi: opere del senese
     La rinascita del teatro: dal teatro Olimpico di Vicenza al teatro neoclassico della Scala
     di Milano;

II QUADRIMESTRE

I secc. XVII- XVIII: caratteri generali
      La nascita del genere “natura morta”: dalle esperienze di Caravaggio ai trionfi barocchi del
      nord Europa;
      Architetture barocche nell’esperienza di Bernini e Borromini ( il progetto di Piazza S.Pietro,
      Baldacchino di San Pietro, San Carlo alle quattro fontan, S.Ivo alla Sapienza);
       La rivoluzione della forma negli artisti barocchi: Apollo e Dafne di Bernini;
       Lo spazio infinito nelle prospettive barocche;
       Il palazzo reale: Caserta come Versailles;
       La diffusione della conoscenza nella cultura illuminista: l’Encyclopedie di Diderot e
       D’Alambert;
      La nascita del museo: dalle collezioni private al museo pubblico moderno;

MODALITA’ DI LAVORO

Illustrazione ed esposizione di tipo teorico con lezioni di tipo frontale, lettura di testi e monografie
specifiche, ricerche e approfondimenti individuali, visione di filmati e/o diapositive, immagini al
computer;
Schede di analisi percettivo- compositiva di opere d’arte.

STRUMENTI
Libro di testo, fotocopie, schede, colloqui interattivi con gli studenti, uscite didattiche nel territorio
di riferimento;

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Colloquio e schede di verifica con risposte multiple ( minimo n.2 verifiche a quadrimestre):
verrà valutata la proprietà di linguaggio, il grado di acquisizione delle conoscenze, la capacità di
saper riconoscere e collocare nello spazio stilistico- temporale le opere studiate.




DISEGNO E STORIA DELL’ARTE                                           CLASSE QUINTA


 Ore settimanali n.02


                                                                                                      136
PROGRAMMA DI DISEGNO

OBIETTIVI

Acquisizione delle metodologie e degli elementi di riferimento tratti dalla lettura di un progetto di
architettura.
Saper rielaborare in modo personale, attraverso le tecniche grafiche conosciute, un progetto
architettonico di media complessità;
Capacità nel saper analizzare un’opera architettonica nei vari aspetti formali, funzionali e
         volumetrici;
I QUADRIMESTRE
Analisi guidata di un progetto architettonico di grado complesso ( edificio a carattere collettivo):
excursus storico sulla tipologia del progetto scelto, studio degli spazi interni e sistema distributivo,
rapporto interno/esterno, analisi delle componenti strutturali, materiali e tecniche costruttive,
simbologie convenzionali.
Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale,
esecuzione di modelli in scala;

II QUADRIMESTRE
Esperienza progettuale diretta ( da svolgere singolarmente e a gruppi) finalizzata alla progettazione
di un organismo architettonico ( unità residenziale, settore di edifici a carattere collettivo ecc);
Restituzione grafica attraverso varie tecniche operative di tipo bidimensionale e spaziale;
PROGETTI DI APPROFONDIMENTO.
Particolari progetti di approfondimento,anche a carattere interdisciplinare, potranno essere
sviluppati partendo da tematiche comuni alle discipline caratterizzanti il colloquio d’esame. I temi
potranno essere sviluppati in modo sinergico pur mantenendo uno specifico livello di autonomia.

MODALITA’ DI LAVORO
Illustrazione ed esposizione di tipo teorico;
Analisi guidata di tipo grafico sulle tematiche oggetto di approfondimento;
Revisioni personalizzate durante l’esecuzione degli elaborati in classe;

STRUMENTI
Elaborati grafici eseguiti a mano libera e con l’aiuto della strumentazione del disegno. Materiali e
tecniche della modellazione;

TIPOLOGIA DI VERIFICA
Risoluzione dell’esercizio
Stadio di realizzazione dell’elaborato
Grado e qualità di precisione e di presentazione dell’elaborato
Interventi creativi personali
Scelta appropriata degli specifici elementi di analisi grafica rapportati alle varie tematiche.

PROGRAMMA DI STORIA DELL’ARTE

OBIETTIVI

Contestualizzazione storico-culturale, cronologica e geografica dell’opera e dell’artista in rapporto
ad altri artisti o intellettuali o committenti;
Competenza sulle tecniche artistiche adottate nelle varie opere;
Comprensione degli aspetti formali e dello stile dell’opera;
Capacità nel saper individuare e distinguere il livello iconografico e iconologico, la struttura
sintattico-compositiva dell’opera d’arte (luce, colore, movimento, impianto strutturale e prospettico,
l’atmosfera e l’ambiente) anche attraverso l’individuazione delle linee-forza;
                                                                                                    137
I QUADRIMESTRE
IL NEOCLASSICISMO: caratteri generali
          Industrializzazione e urbanesimo – Prima rivoluzione industriale
          Le città utopiche di Owen e di Fourier
          Architettura. Analisi delle opere di: E.L Boullée e C.N.Ledoux, Pier Marini -Teatro
          alla Scala, Jappelli - Caffè Pedrocchi, Valadier – Piazza del Popolo
          Pittura. Analisi delle opere di: J.L.David – Il Giuramento degli Orazi, La morte di
          Marat, Goya – Le fucilazioni del 3 maggio, La Maya desnuda
          Scultura. Analisi delle opere di: Canova - Dedalo e Icaro, Paolina Borghese, Amore
          e Psiche, Le Grazie
 IL ROMANTICISMO: caratteri generali
          Architettura (caratteri generali), Jappelli - Il Pedrocchino
          Pittura. Analisi delle opere di: Friedrich - Viandante sul mare di nebbia, Constable
          (caratteri generali), Turner (caratteri generali), T. Gericault - La zattera della medusa,
          E. Delacroix - La Libertà che guida il popolo
L’IMPRESSIONISMO:La rivoluzione impressionista
           Pittura. Analisi dei caratteri pittorici di alcuni pittori impressionisti
           Manet - Déjeuner sur l’herbe Olympia Il bar alle Folie Bergère
           Monet - La Grenouillère Le serie
           Degàs - Il balletto, L’assenzio
           Renoir - La Grenouillère (confronto con la stessa opera di Monet)
           Cézanne - La casa dell’impiccato,I giocatori di carte

I/II QUADRIMESTRE
IL POST-IMPRESSIONISMO in generale
           Confronto con l’impressionismo
           Analisi dei caratteri pittorici di alcuni pittori post impressionisti
           Il puntillismo di Seurat - Una domenica pomeriggio all’isola della grande Jatte
           Gauguin - Il Cristo giallo, Da dove veniamo? Cosa siamo? Dove andiamo?
           Van Gogh - I mangiatori di patate, Autoritratto, La camera da letto, Campo di grano
           con volo di corvi
II QUADRIMESTRE

IL REALISMO IN FRANCIA ED IN ITALIA NELLA SECONDA METÀ’ DELL’OTTOCENTO:
        Courbet- Spaccapietre, L’Atelier del pittore
        I Macchiaioli: Fattori - Soldati francesi del ’59 La rotonda di Palmieri Libecciata
        Cavallo morto, Lega – Il pergolato, La visita
        Telemaco Signorini e le vedute senesi;

LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
         Architettura.
          Studio delle architetture in ferro: la nascita di nuove tipologie edilizie (le stazioni
          ferroviarie, la galleria commerciale, il grattacielo
         Antonelli - La Mole Antonelliana
         Mengoni - La Galleria di Milano
         Sullivan - il Guaranty building
         Le esposizioni universali e le architetture temporanee
         Le esposizioni universali Il Cristal Palace
         Eiffel - Tour Eiffel
         E.V.Le Duc, J.Ruskin e il restauro architettonico;
                                                                                             138
              Dalla camera ottica alla tecnica fotografica; gli Alinari e il documento storico-
              fotografico

L’ART NOUVEAU Caratteri generali
          Architettura ed arti applicate. La nascita della città moderna
          Gaudì – caratteri generali
          Pittura
          Klimt - Il bacio, L’abbraccio
I FAUVES
          Matisse - La danza Il nudo rosa

IL CUBISMO
              Pittura
              Picasso - Il periodo blu Il periodo rosa Les demoiselles d’Avignon
              Cubismo analitico
              La Guernica
I PRECURSORI DELL’ESPRESSIONISMO:
          Munch - Il grido
L’ESPRESSIONISMO
      Contenuti e caratteristiche principali Die Brucke
      Kirchner - Marcella
 L’ASTRATTISMO
          Caratteristiche generali Il Cavaliere Azzurro
          Kandinskji - Acquarello e altre opere in generale

IL FUTURISMO
           Caratteristiche generali - I manifesti
           Boccioni, caratteri generali
           Balla, caratteri generali
           L’architettura futurista: Sant’Elia
LA PITTURA METAFISICA
          Caratteristiche generali -
          De Chirico caratteri generali

IL SURREALISMO
          Caratteristiche generali
          Dalì caratteri generali
          Mirò caratteri generali
              —

FUNZIONALISMO E RAZIONALISMO
          Caratteristiche generali
          Il Bauhaus
          Le Corbusier – Villa Savoie
          Architettura organica e F.L.Wright – La casa sulla cascata
      .   Razionalismo in Italia: Michelucci

LA PITTURA INFORMALE AMERICANA – Pollock
       La POP ART – Oldenburg, Warhol, Lichtenstein


CONSERVAZIONE E TUTELA DELL’OPERA D’ARTE.
IL RESTAURO IN PITTURA, SCULTURA E ARCHITETTURA.



                                                                                           139
MODALITA’ DI LAVORO

Illustrazione ed esposizione di tipo teorico con lezioni di tipo frontale, lettura di testi e monografie
specifiche, ricerche e approfondimenti individuali, visione di filmati e/o diapositive, immagini al
computer;
Schede di analisi percettivo- compositiva di opere d’arte.

STRUMENTI
Libro di testo, fotocopie, schede, colloqui interattivi con gli studenti, uscite didattiche nel territorio
di riferimento;

TIPOLOGIA DI VERIFICA

Colloquio e schede di verifica con risposte multiple ( minimo n.2 verifiche a quadrimestre):
verrà valutata la proprietà di linguaggio, il grado di acquisizione delle conoscenze, la capacità di
saper riconoscere e collocare nello spazio stilistico- temporale le opere studiate.




EDUCAZIONE FISICA                                                            CLASSI PRIME

OBIETTIVI ANNUALI GENERALI

Il programma di Ed. Fisica si prefigge di rafforzare l’identità personale degli alunni, di far loro
acquisire più sicurezza con gli altri, di controllare i movimenti attraverso la conoscenza delle
proprie qualità motorie, della propria postura, della propria gestualità abituale. Gli stimoli offerti
tenderanno non solo a valutare il proprio corpo e la motricità ma a promuovere anche la
socializzazione attraverso la proposta di sport di squadra che abituano a fruire dello Sport spettacolo
in modo serio e preparato.
         Particolare attenzione sarà dedicata alla terminologia specifica dei movimenti e alla sua
analisi. Per svolgere qualsiasi tipo di attività è indispensabile avere un adeguato potenziamento
fisiologico. Altri importanti obiettivi sono: la rielaborazione degli schemi motori attraverso la presa
di coscienza del ritmo e del rapporto spazio-corpo in situazioni variate; lo sviluppo della
coordinazione a corpo libero e con gli attrezzi; il miglioramento dell’equilibrio statico, dinamico e
in volo. Per quanto riguarda il consolidamento del carattere, dello sviluppo della socialità e del
senso civico, verranno eseguiti esercizi di preacrobatica, giochi di squadra, attività in ambiente
naturale e compiti di giuria ed arbitraggio. Le attività sportive che verranno maggiormente
approfondite saranno le seguenti: Atletica, Pallavolo, Calcetto e Pallacanestro.
         Durante lo svolgimento della lezione la parte pratica sarà accompagnata dalla spiegazione
dei seguenti concetti: tonificazione, potenziamento, allungamento muscolare e mobilizzazione
articolare con cenni di conoscenza anatomica e fisiologica sugli apparati del corpo umano.
         Le classi verranno inoltre informate sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli
infortuni attraverso alcune lezioni sull’igiene alimentare, sulle tecniche elementari di assistenza e
primo soccorso finalizzata agli infortuni contratti durante lo svolgimento della lezione di Ed.Fisica.
L’intensità degli esercizi e delle attività proposte per l’arricchimento del patrimonio motorio varierà,
nel corso dei cinque anni, in quantità e qualità a seconda delle esigenze e delle caratteristiche
somato-funzionali degli alunni nelle varie fasi auxologiche.

STANDARD METODOLOGICI
        Le lezioni saranno strutturate prevalentemente in forma frontale, deduttiva e induttiva.
Cercheremo di seguire una metodologia di tipo misto nello svolgimento dei vari argomenti trattati
partendo preferibilmente da situazioni globali per poter scendere analiticamente nei dettagli in modo
da ritornare con più facilità e maggiore consapevolezza alla situazione di partenza (globale). La
formazione di opportuni gruppi di lavoro consentirà di assecondare maggiormente gli interessi
                                                                                                  140
prioritari degli studenti e di lavorare con un impegno efficace sia per il miglioramento complessivo
a livello individuale che per il miglioramento generalizzato del livello medio di preparazione. I
giochi sportivi saranno proposti inoltre anche in forma competitiva tesa a dare risalto e a rinforzare
la personalità degli alunni nel rispetto comunque dei valori della lealtà sportiva.


Periodo settembre – dicembre:

Acquisizione delle regole comportamentali nella comunità scolastica. Test motori d’ingresso: test
sulla resistenza, velocità, forza veloce, mobilità articolare. Acquisizione teorica e pratica delle varie
andature preatletiche. Rielaborazione degli schemi motori di base. Terminologia dell’Ed.Fisica.
Conoscenza delle posizioni del corpo nello spazio. Suddivisione del corpo umano. Conoscenza delle
nozioni di allungamento, tonificazione e potenziamento fisiologico. Giochi finalizzati alla
socializzazione. Conoscenza di tecniche di base per la prevenzione degli infortuni e del primo
soccorso. Informazioni sull’igiene personale.
Conoscenza della pallavolo, calcetto, tennis tavolo e della pallacanestro attraverso giochi
propedeutici. Verifiche intermedie.
Periodo gennaio – marzo:

Pratica del gioco e studio dei fondamentali individuali della pallavolo, calcetto, tennis tavolo e della
pallacanestro.
Consolidamento degli schemi motori. Terminologia dell’Ed.Fisica. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei piccoli attrezzi (funicelle, ostacoli ecc.).
Conoscenza delle discipline dell’atletica leggera. Verifiche primo quadrimestre.

Periodo aprile – giugno

Consolidamento dei fondamentali individuali della pallavolo, calcetto, tennis tavolo e della
pallacanestro. Conoscenza e applicazione dei fondamentali di squadra di base dei vari giochi
sportivi
Consolidamento degli schemi motori. Terminologia dell’Ed.Fisica. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei grandi attrezzi (spalliera e trave).
Consolidamento delle discipline dell’atletica leggera. Verifiche finali.

EDUCAZIONE FISICA                                                             CLASSI SECONDE

OBIETTIVI ANNUALI GENERALI

Il programma di Ed. Fisica si prefigge di rafforzare l’identità personale degli alunni, di far loro
acquisire più sicurezza con gli altri, di controllare i movimenti attraverso la conoscenza delle
proprie qualità motorie, della propria postura, della propria gestualità abituale. Gli stimoli offerti
tenderanno non solo a valutare il proprio corpo e la motricità ma a promuovere anche la
socializzazione attraverso la proposta di sport di squadra che abituano a fruire dello Sport spettacolo
in modo serio e preparato.
         Particolare attenzione sarà dedicata alla terminologia specifica dei movimenti e alla sua
analisi. Per svolgere qualsiasi tipo di attività è indispensabile avere un adeguato potenziamento
fisiologico. Altri importanti obiettivi sono: la rielaborazione degli schemi motori attraverso la presa
di coscienza del ritmo e del rapporto spazio-corpo in situazioni variate; lo sviluppo della
coordinazione a corpo libero e con gli attrezzi; il miglioramento dell’equilibrio statico, dinamico e
volo. Per quanto riguarda il consolidamento del carattere, dello sviluppo della socialità e del senso
civico, farò eseguire esercizi di preacrobatica, giochi di squadra, attività in ambiente naturale e
compiti di giuria ed arbitraggio. Le attività sportive che verranno maggiormente approfondite
saranno le seguenti: Atletica, Pallavolo, Calcetto e Pallacanestro.
                                                                                                       141
         Durante lo svolgimento della lezione la parte pratica sarà accompagnata dalla spiegazione
dei seguenti concetti: tonificazione, potenziamento, allungamento muscolare e mobilizzazione
articolare con cenni di conoscenza anatomica e fisiologica sugli apparati del corpo umano.
        Le classi verranno inoltre informate sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli
infortuni attraverso alcune lezioni sull’igiene alimentare, sulle tecniche elementari di assistenza e
primo soccorso finalizzata agli infortuni contratti durante lo svolgimento della lezione di Ed.Fisica.
L’intensità degli esercizi e delle attività proposte per l’arricchimento del patrimonio motorio varierà,
nel corso dei cinque anni, in quantità e qualità a seconda delle esigenze e delle caratteristiche
somato-funzionali degli alunni nelle varie fasi auxologiche.

STANDARD METODOLOGICI
        Le lezioni saranno strutturate prevalentemente in forma frontale, deduttiva e induttiva.
Cercheremo di seguire una metodologia di tipo misto nello svolgimento dei vari argomenti trattati
partendo preferibilmente da situazioni globali per poter scendere analiticamente nei dettagli in modo
da ritornare con più facilità e maggiore consapevolezza alla situazione di partenza (globale). La
formazione di opportuni gruppi di lavoro consentirà di assecondare maggiormente gli interessi
prioritari degli studenti e di lavorare con un impegno efficace sia per il miglioramento complessivo
a livello individuale che per il miglioramento generalizzato del livello medio di preparazione. I
giochi sportivi saranno proposti inoltre anche in forma competitiva tesa a dare risalto e a rinforzare
la personalità degli alunni nel rispetto comunque dei valori della lealtà sportiva.


Periodo settembre – dicembre:

Acquisizione delle regole comportamentali nella comunità scolastica. Test motori d’ingresso: test
sulla resistenza, velocità, forza veloce, mobilità articolare. Acquisizione teorica e pratica delle varie
andature preatletiche. Rielaborazione e consolidamento degli schemi motori di base. Esercizi di pre-
acrobatica a corpo libero. Terminologia dell’Ed.Fisica. Cenni di anatomia, fisiologia e cinesiologia
muscolare. approfondimento delle tecniche di base per la prevenzione degli infortuni e del primo
soccorso.
Esercitazioni pratiche di pallavolo, calcetto, tennis tavolo e della pallacanestro.Verifiche intermedie.
Periodo gennaio – marzo:

Pratica del gioco e studio dei fondamentali individuali della pallavolo, calcetto, tennis tavolo, palla
tamburello e della pallacanestro.
Consolidamento degli schemi motori. Terminologia dell’Ed.Fisica. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei piccoli attrezzi (funicelle, ostacoli ecc.).
Conoscenza e approfondimento delle discipline dell’atletica leggera. Verifiche primo quadrimestre.

Periodo aprile – giugno

Consolidamento dei fondamentali individuali della pallavolo, pallatamburello, badminton, calcetto,
tennis tavolo e della pallacanestro. Conoscenza e applicazione dei fondamentali di squadra di base
dei vari giochi sportivi. Esercizi di pre-acrobatica con uso di attrezzi.
Consolidamento degli schemi motori. Terminologia dell’Ed.Fisica. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei grandi attrezzi (spalliera, trave e scala orizzontale).
Consolidamento delle discipline dell’atletica leggera. Verifiche finali.

EDUCAZIONE FISICA                                                     CLASSI TERZE e QUARTE

OBIETTIVI ANNUALI GENERALI


                                                                                                     142
Il programma di Ed. Fisica si prefigge di rafforzare l’identità personale degli alunni, di far loro
acquisire più sicurezza con gli altri, di controllare i movimenti attraverso la conoscenza delle
proprie qualità motorie, della propria postura, della propria gestualità abituale. Gli stimoli offerti
tenderanno non solo a valutare il proprio corpo e la motricità ma a promuovere anche la
socializzazione attraverso la proposta di sport di squadra che abituano a fruire dello Sport spettacolo
in modo serio e preparato.
         Particolare attenzione sarà dedicata alla terminologia specifica dei movimenti e alla sua
analisi. Per svolgere qualsiasi tipo di attività è indispensabile avere un adeguato potenziamento
fisiologico. Altri importanti obiettivi sono: la rielaborazione degli schemi motori attraverso la presa
di coscienza del ritmo e del rapporto spazio-corpo in situazioni variate; lo sviluppo della
coordinazione a corpo libero e con gli attrezzi; il miglioramento dell’equilibrio statico, dinamico e
in volo. Per quanto riguarda il consolidamento del carattere, dello sviluppo della socialità e del
senso civico, farò eseguire esercizi di preacrobatica, giochi di squadra, attività in ambiente naturale
e compiti di giuria ed arbitraggio. Le attività sportive che verranno maggiormente approfondite
saranno le seguenti: Atletica, Pallavolo, Calcetto e Pallacanestro.
         Durante lo svolgimento della lezione la parte pratica sarà accompagnata dalla spiegazione
dei seguenti concetti: tonificazione, potenziamento, allungamento muscolare e mobilizzazione
articolare con cenni di conoscenza anatomica e fisiologica sugli apparati del corpo umano.
         Le classi verranno inoltre informate sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli
infortuni attraverso alcune lezioni sull’igiene alimentare, sulle tecniche elementari di assistenza e
primo soccorso finalizzata agli infortuni contratti durante lo svolgimento della lezione di Ed.Fisica.
L’intensità degli esercizi e delle attività proposte per l’arricchimento del patrimonio motorio varierà,
nel corso dei cinque anni, in quantità e qualità a seconda delle esigenze e delle caratteristiche
somato-funzionali degli alunni nelle varie fasi auxologiche.

STANDARD METODOLOGICI
        Le lezioni saranno strutturate prevalentemente in forma frontale, deduttiva e induttiva.
cercheremo di seguire una metodologia di tipo misto nello svolgimento dei vari argomenti trattati
partendo preferibilmente da situazioni globali per poter scendere analiticamente nei dettagli in modo
da ritornare con più facilità e maggiore consapevolezza alla situazione di partenza (globale). La
formazione di opportuni gruppi di lavoro consentirà di assecondare maggiormente gli interessi
prioritari degli studenti e di lavorare con un impegno efficace sia per il miglioramento complessivo
a livello individuale che per il miglioramento generalizzato del livello medio di preparazione. I
giochi sportivi saranno proposti inoltre anche in forma competitiva tesa a dare risalto e a rinforzare
la personalità degli alunni nel rispetto comunque dei valori della lealtà sportiva.


Periodo settembre – dicembre:

Riepilogo delle regole comportamentali nella comunità scolastica. Test motori d’ingresso: test sulla
resistenza, velocità, forza veloce, mobilità articolare. Pratica ed approfondimento delle varie
andature preatletiche. Rielaborazione e consolidamento degli schemi motori di base. Esercizi di pre-
acrobatica a corpo libero. Esercizi sulla resistenza, per le classi quarte, attraverso la corsa in vista di
una eventuale futura partecipazione per i maggiorenni alla maratona di New York. Potenziamento
fisiologico attraverso lo sviluppo delle qualità fisiche. Integrazione e conoscenza dell’analisi dei
movimenti. Terminologia dell’Ed.Fisica. Cenni di anatomia, fisiologia e cinesiologia muscolare.
approfondimento delle tecniche di base per la prevenzione degli infortuni e del primo soccorso.
Cenni teorici di pronto soccorso.
Esercitazioni pratiche di pallavolo, calcetto, tennis tavolo e della pallacanestro.Verifiche intermedie.
Periodo gennaio – marzo:



                                                                                                       143
Pratica del gioco ed approfondimento dei fondamentali individuali della pallavolo, calcetto, tennis
tavolo, badminton, pallatamburello e della pallacanestro. Pratica e applicazione dei fondamentali di
squadra dei vari giochi sportivi.
Integrazione e conoscenza dell’analisi dei movimenti. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei piccoli attrezzi (funicelle, ostacoli ecc.) e l’uso dei grandi
attrezzi (spalliera, trave, scala orizzontale e palco di salita, fune e pertica). Pratica delle discipline
dell’atletica leggera. Verifiche primo quadrimestre.

Periodo aprile – giugno

Perfezionamento dei fondamentali nei giochi e agli attrezzi. Pratica e applicazione dei fondamentali
di squadra dei vari giochi sportivi. Integrazione e conoscenza dell’analisi dei movimenti.
Pratica e approfondimento nell’uso dei piccoli e grandi attrezzi.
Consolidamento delle discipline dell’atletica leggera. Verifiche finali.

EDUCAZIONE FISICA                                                     CLASSI QUINTE

OBIETTIVI ANNUALI GENERALI
Il programma di Ed. Fisica si prefigge di rafforzare l’identità personale degli alunni, di far loro
acquisire più sicurezza con gli altri, di controllare i movimenti attraverso la conoscenza delle
proprie qualità motorie, della propria postura, della propria gestualità abituale. Gli stimoli offerti
tenderanno non solo a valutare il proprio corpo e la motricità ma a promuovere anche la
socializzazione attraverso la proposta di sport di squadra che abituano a fruire dello Sport spettacolo
in modo serio e preparato.
         Particolare attenzione sarà dedicata alla terminologia specifica dei movimenti e alla sua
analisi. Per svolgere qualsiasi tipo di attività è indispensabile avere un adeguato potenziamento
fisiologico. Altri importanti obiettivi sono: la rielaborazione degli schemi motori attraverso la presa
di coscienza del ritmo e del rapporto spazio-corpo in situazioni variate; lo sviluppo della
coordinazione a corpo libero e con gli attrezzi; il miglioramento dell’equilibrio statico e dinamico.
Per quanto riguarda il consolidamento del carattere, dello sviluppo della socialità e del senso civico,
farò eseguire esercizi di preacrobatica, giochi di squadra, attività in ambiente naturale e compiti di
giuria ed arbitraggio. Le attività sportive che verranno maggiormente approfondite saranno le
seguenti: Atletica, Pallavolo, Calcetto e Pallacanestro.
         Durante lo svolgimento della lezione la parte pratica sarà accompagnata dalla spiegazione
dei seguenti concetti: tonificazione, potenziamento, allungamento muscolare e mobilizzazione
articolare con cenni di conoscenza anatomica e fisiologica sugli apparati del corpo umano.
         Le classi verranno inoltre informate sulla tutela della salute e sulla prevenzione degli
infortuni attraverso alcune lezioni sull’igiene alimentare, sulle tecniche elementari di assistenza e
pronto soccorso finalizzata agli infortuni contratti durante lo svolgimento della lezione di Ed.Fisica.
L’intensità degli esercizi e delle attività proposte per l’arricchimento del patrimonio motorio varierà,
nel corso dei cinque anni, in quantità e qualità a seconda delle esigenze e delle caratteristiche
somato-funzionali degli alunni nelle varie fasi auxologiche.

STANDARD METODOLOGICI
        Le lezioni saranno strutturate prevalentemente in forma frontale, deduttiva e induttiva.
Cercheremo di seguire una metodologia di tipo misto nello svolgimento dei vari argomenti trattati
partendo preferibilmente da situazioni globali per poter scendere analiticamente nei dettagli in modo
da ritornare con più facilità e maggiore consapevolezza alla situazione di partenza (globale). La
formazione di opportuni gruppi di lavoro consentirà di assecondare maggiormente gli interessi
prioritari degli studenti e di lavorare con un impegno efficace sia per il miglioramento complessivo
a livello individuale che per il miglioramento generalizzato del livello medio di preparazione. I
giochi sportivi saranno proposti inoltre anche in forma competitiva tesa a dare risalto e a rinforzare
la personalità degli alunni nel rispetto comunque dei valori della lealtà sportiva.
                                                                                                       144
Periodo settembre – dicembre:

Riepilogo delle regole comportamentali nella comunità scolastica. Test motori d’ingresso: test sulla
resistenza, velocità, forza veloce, mobilità articolare. Organizzazione autonoma e personale degli
esercizi di pre-riscaldamento e riscaldamento a corpo libero. Preparazione sulla resistenza attraverso
la corsa in vista della partecipazione alla maratona di New York. Potenziamento fisiologico
attraverso lo sviluppo delle qualità fisiche. Integrazione e conoscenza dell’analisi dei movimenti.
Terminologia dell’Ed.Fisica. Approfondimento teorico di anatomia, fisiologia e cinesiologia
muscolare. Approfondimento delle tecniche di base per la prevenzione degli infortuni e del primo
soccorso. Teoria sul primo soccorso successivo ad infortuni causati da traumi muscolari, articolari e
ossei. Approfondimento sull’analisi dei movimenti.
Esercitazioni pratiche di pallavolo, calcetto, tennis tavolo, badminton, pallatamburello e della
pallacanestro.Verifiche intermedie.
Periodo gennaio – marzo:

Organizzazione autonoma e personale degli esercizi di pre-riscaldamento e riscaldamento a corpo
libero. Pratica del gioco ed approfondimento dei fondamentali individuali della pallavolo, calcetto,
tennis tavolo, badminton, pallatamburello e della pallacanestro. Pratica ed applicazione dei
fondamentali di squadra dei vari giochi sportivi.
Integrazione e conoscenza dell’analisi dei movimenti. Sviluppo e consolidamento della
coordinazione di base attraverso l’uso dei piccoli attrezzi (funicelle, ostacoli ecc.) e l’uso dei grandi
attrezzi (spalliera, trave, scala orizzontale e palco di salita, fune e pertica). Potenziamento
fisiologico anche attraverso l’uso della macchina “Multipower”. Pratica delle discipline dell’atletica
leggera. Teoria, in previsione dell’esame di maturità, basata sugli elementi di primo soccorso,
elementi di educazione alimentare e pallavolo. Verifiche primo quadrimestre.

Periodo aprile – giugno

Organizzazione autonoma e personale degli esercizi di pre-riscaldamento e riscaldamento a corpo
libero. Perfezionamento dei fondamentali nei giochi e agli attrezzi. Pratica e applicazione dei
fondamentali di squadra dei vari giochi sportivi. Integrazione e conoscenza dell’analisi dei
movimenti.
Pratica e approfondimento nell’uso dei piccoli e grandi attrezzi con progressioni ginniche.
Consolidamento delle discipline dell’atletica leggera.
Appropriata comprensione del gesto e completa rielaborazione degli schemi motori.
Autonoma analisi del movimento.
Completa e pertinente conoscenza degli elementi di primo soccorso.
Accurata conoscenza teorica dei giochi di squadra di pallavolo e pallacanestro.
Storia dello sport. Doping e le sostanze dopanti. Verifiche finali.



RELIGIONE CATTOLICA

CONTENUTI DISCIPLINARI

BIENNIO
In continuitàcon la scuoladi base. contenuto fondamentaledella scuola secondaria è l' evento
centrale e nucleoessenzialedel cristianesimo:la figura e l' opera di Gesu Cristo, secondo la
testimonianza della Bibbia e la comprensionedi fededellaChiesa,principio interpretativo della
realtàumana e storica, che ha profondamentesegnatola cultura del popolo italiano,dell' Europae
di altreparti del mondo.
                                                                                                     145
Nel BIENNIO l' approfondimentodel mistero di Cristo si sviluppa attraversoi contenuti
fondamentalidelle seguenti aree tematiche:
l-ll mistero della vita: le domande di senso, la domanda religiosa, le religioni.
2-La rivelazione del Dio di Gesù Cristo: la storia della salvezza nella S. Scrittura.
3-L' identità umana e divina di Gesu.
4-La Chiesafondatada Gesù: popolodellaNuova Alleanza.
5-La vita nello Soirito: i valori del cristianesimo.

TRIENNIO
Nel TRIENNIO ì contenuti acquisiti nel biennio vengono consolidati, approfonditi e ampliati,
nella logica di una trattazione ciclica e sistematica, capace di approdare alla identificazionee
allo studio di contenuti nuovi, da essi implicati.

OBIETTIVI ANNUALI
Nel BIENNIO si fissano obiettivi specifici e pertinentinei seguenti obiettivi:
1-Ricercae rielaborazionepersonaledei significati dell' esistenza, nell' incontro con l'
religiosa.
esperienza
2-Il profilo fondamentaledella storia della salvezza attraverso l' accostamentoalle suefonti.
3-Gesu di Nazaret e la sua centralità nella storiadella salvezza.
4-La Chiesa,la suaorigine e la suaidentità.
e corretta comprensione
5- Riconoscimento dei valori del cristianesimo.
Nel TRIENNIO si dà piu spazio al sapere sistematico dei contenuti confessionalie allo sviluppo
delle capacità di rielaborazionepersonale.

Gli obiettivi specifici sono definiti nei seguentiambiti.

1-Comprensione,confronto,valutazionedei diversi sistemidi significato e delle diverse
religioni presenti nel proprio ambiente di vita.
2-I temi fondamentali della storia della salvezza e in particolare4quello dell' Alleanza tra Dio
e l' uomo.
3-Gesù Cristo, compimento della Nuova Alleanza e salvezza per l' intera umanità.
4-La Chiesa:il suo significato teologico,sociale,culturale e storico.
5-La morale cristiana di fronte alle sfide culturali della odierna società.
STANDARD METODOLOGTCI
La didattica dell' IRC è svolta con attenzione a quattro criteri metodologici fondamentali:la
correlazione; la fedeltà al contenuto confessionale,il dialogo interdisciplinare, interreligioso,
interculturale;l' elaborazione di una sintesi concettuale.
I linguaggi dell' IRC sono quelli della tradizione religiosa e culturale cristiana adeguatamente
Integrati con i nuovi linguaggi della comunicazione e le sue tecnologie, specie quelle massmediale
multimediali,con cui oggi sempre più vengono elaborate e trasmesse le proposte culturali anche di
significato esistenziale e religioso.




                                                                                                   146
PROGETTI




           147
CRITERI DI VALUTAZIONE PERIODICA DEI RISULTATI DELLA PROGETTAZIONE
                         NON CURRICULARE


                                DESCRITTORI




  LIVELLO            DOCENTI                   STUDENTI              GRADO DI
                                                                   REALIZZAZIONE
            ·   Alta percentuale docenti ·   Alta percentuale di
                coinvolti (tenendo conto     studenti coinvolti
                della specificità del    ·   Frequenza assidua
                progetto)                    e interessata alle
    ALTO    .   Bassissima percentuale       lezioni                  OTTIMO
                di lezioni curriculari   ·   Utilizzo totale
                perdute senza diverso        delle strutture
                impiego didattico dei
                Docenti
            ·   Alta condivisione
                progetto
            ·   Evidente coerenza e
                fattività




                                                                               148
        ·   Buona partecipazione      ·   Interesse ad alcuni
            dei docenti (tenendo          progetti
            conto della specificità
                                      ·   Frequenza nella
            del progetto)                 norma
BUONO   .   Bassa percentuale di                                   BUONO
                                      ·   Limitato tasso di
            lezioni curriculari                                   DISCRETO
                                          abbandono
            perdute senza diverso
            impiego didattico dei     ·   Discreto utilizzo
            Docenti                       delle strutture
        ·   Buona condivisione
            progetto
        ·   Soddisfacente coerenza
            e fattività
        ·   Limitata percentuale di ·     Interesse passivo
            docenti coinvolti nei   ·     Frequenza
            progetti (tenendo conto       discontinua e / o
            della specificità del         limitata alla fase
MEDIO       progetto)                                           SUFFICIENTE
                                          iniziale
        .   Accettabile percentuale
                                      ·   Significativo tasso
            di lezioni curriculari        d’abbandono
            perdute senza diverso
            impiego didattico dei     ·   Limitato utilizzo
            Docenti                       delle strutture
        ·   Acettabile condivisione
            progetto
        ·   Normale coerenza e
            fattività
        ·   Bassa percentuale di      ·   Scarso
            docenti coinvolti nei         coinvolgimento
            progetti (tenendo conto       degli alunni
            della specificità del     ·   Alto tasso di
BASSO       progetto)                                           INSUFFICIENTE
                                          abbandono
        .   Significativa
                                      ·   Strutture non
            percentuale di lezioni        utilizzate
            curriculari perdute senza
            diverso impiego
            didattico dei Docenti
        ·   Progettazioni non
            portate a termine
        ·   Scarsa condivisione
            progetto
        ·   Difettosa coerenza e
            fattività




                                                                           149
          P1-PROGETTO AUTONOMIA: POTENZIAMENTO DELLE
       DISCIPLINE LINGUISTICHE E DELLE SCIENZE SPERIMENTALI
                            NEL BIENNIO

Problemi da risolvere e mète da raggiungere:

   -   la normativa vigente riferita all’autonomia prevede scelte didattiche, adeguamento
       dell’offerta formativa, ricerca pedagogica come compito essenziale delle istituzioni
       scolastiche;
   -   nonostante la continua diminuzione dei finanziamenti, la disponibilità finanziaria consentirà
       comunque di procedere alle modifiche del quadro orario per un biennio, anche in caso di
       mancata disponibilità in organico delle risorse umane necessarie;
   -   il Regolamento definitivo del Sistema dei Licei presenta un piano di studi per il Liceo
       scientifico che prevede la diminuizione di ore nelle materie letterarie e in lingua straniera,
       rispetto all’ordinamento precedente;
   -   il Collegio dei Docenti ha ravvisato le esigenze didattiche determinate dalla propria
       tradizione, consistenti da un lato nel continuare ad impartire un insegnamento di qualità
       nell’area linguistica, sia moderna che classica, come necessario apporto alla formazione
       completa della personalità degli studenti, dall’altro nella evidente necessità di motivare gli
       studenti allo studio delle materie scientifiche anticipato alla prima classe per la fisica e le
       scienze naturali, tramite la presentazione laboratoriale;
   -   i Docenti del Liceo vedono come rischio per le generazioni future il tendenziale
       impoverimento culturale proveniente dalla diminuzione dell’area linguistico letteraria;
   -   i Docenti del Liceo considerano questa tendenza alla contrazione dell’offerta di formazione
       culturale in contrasto anche e soprattutto con la richiesta di formazione specifica del bacino
       senese, caratterizzato dalla presenza di istituzioni culturali, servizi, turismo colto;
   -   le stesse Famiglie che formano l’utenza del Liceo, parti di una comunità caratterizzata da
       professioni intellettuali, impiegatizie, culturali, turistiche e quindi non prescindenti dalla
       preparazione culturale di base, hanno una forte attenzione alla vastità della cultura generale.


Le classi prime a.s. 2010/2011 usufruiranno pertanto della integrazione dell’orario settimanale di
numero 3 ore obbligatorie così ripartite:

      1 ora di latino
      1 ora di inglese
      1 ora di laboratorio propedeutico alle scienze matematiche, naturali, chimiche e fisiche
                                                                                                  150
            P2-PROGETTO POTENZIAMENTO LINGUE STRANIERE E
                  COMUNICAZIONE SOVRANAZIONALE

                       P2/a CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE
                         CERTIFICAZIONE ESTERNA PET-FCE



PROGETTO CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE
                   CERTIFICAZIONE ESTERNA PET- FCE



REFERENTE : Prof. Roberto Monaci


OBIETTIVI DA REALIZZARE

 -   Approfondire la conoscenza della lingua inglese
 -   Ampliare l’offerta formativa
 -   Favorire l’inserimento universitario degli studenti
 -   Conseguimento di una certificazione esterna riconosciuta a livello internazionale
 -   Ulteriore qualificazione per il proprio futuro nel campo degli studi e nel mondo del lavoro
 -

                         METODOLOGIE e MODALITA’ ORGANIZZATIVE

Lezioni frontali e conversazione



RISORSE

Materiale audio, video e cartaceo.


Il progetto è rivolto a tutti gli alunni delle classi III, IV e V di tutte le sezioni. Le lezioni saranno
svolte da un docente madrelingua esterno e si articoleranno in 2 corsi di 16 ore ciascuno di
preparazione all’esame PET e un corso di 38 ore di preparazione all’esame FCE.
L’effettuazione dei corsi è subordinata al raggiungimento di un adeguato numero di iscritti.


FINALITA’

 -   ampliare ed arricchire l’offerta formativa
 -   rispondere ad un’esigenza formativa finalizzata alla realizzazione degli obiettivi complessivi
     del POF

                                                                                                     151
 -   aprire la scuola al territorio

METODOLOGIA              Lezioni frontali

                   P2 /b - II ^ LINGUA – SPAGNOLO e/o FRANCESE

                                II ^ LINGUA – SPAGNOLO o FRANCESE


REFERENTE :Prof. Roberto Monaci

OBIETTIVI DA REALIZZARE


 -   Fondamenti di Lingua Spagnola e Francese
 -   Proseguimento di un percorso di apprendimento già iniziato nella scuola dell’obbligo
 -   Approfondimento di Lingua Spagnola e Francese
 -   Conseguimento di una certificazione esterna riconosciuta a livello internazionale
 -   Ulteriore qualificazione per il proprio futuro nel campo degli studi e nel mondo del lavoro

FINALITA’

 -   ampliare ed arricchire l’offerta formativa
 -   rispondere ad un’esigenza formativa finalizzata alla realizzazione degli obbiettivi complessivi del POF

                                                 METODOLOGIE

                                   Lezioni frontali e conversazioni

                                                     RISORSE

Materiale audio, video e cartaceo.

il progetto è rivolto a tutti gli alunni delle classi prime e a coloro che hanno già nel passato
frequentato tali corsi.



DOCENTI

docenti madre lingua (Spagnolo/Francese)

L’effettuazione dei corsi è subordinata al raggiungimento di un adeguato numero di iscritti.


In particolare, per il Francese:

             FINALITA’
             Attualmente, il francese come seconda lingua straniera viene insegnata soltanto tre anni alle
             scuole medie e chi poi non frequenta il liceo linguistico corre il rischio di dimenticarla.
             Infatti non bastano tre anni per interiorizzare una lingua e conoscere una cultura.
                 Questo progetto nasce dall'idea che una lingua s'impara e una cultura si scopre poco a poco
             andando di pari passo con la propria crescita e maturazione . E’ importante lavorare sulla

                                                                                                               152
        possibilità di proseguire una formazione già accennata, proprio ad un’età in cui la mente si
        apre e il bisogno di conoscere il mondo, al di là del luogo in cui si è cresciuti, diventa
        importante e costruttivo. Inoltre, oggigiorno, giunti all’università, i giovani si confrontano
        sempre di più con un mondo di lavoro e di studio orientato verso l'Europa. L'università, con
        una seconda lingua straniera già acquisita, costituisce un grande vantaggio. Questo vantaggio
        sarà ‘’materializzato’’ tramite il superamento di diversi livelli del DELF (A1 A2 B1 B2) a
        seconda del proprio livello di preparazione.

        METODI
            Perciò si propone di non chiudere il dialogo in francese, ma di continuare usando la
        metodologia già usata alle scuole medie: un approccio della lingua e cultura francese attuale
        molto coinvolgente per i ragazzi. Canzoni di oggi, film, sequenze televisive o radiofoniche,
        giochi di ruolo, articoli di giornale, dibattiti di società...ecc, tutto ciò costituirà il nostro
        materiale. In questo modo si cercherà di non staccare mai la lingua dalla sua cultura e società.
        Si utilizzeranno anche le risorse di internet per comunicare con la Francia e con classi di
        licei francesi. Con gruppi avanzati si potrà affrontare la cultura francese nel senso più classico
        del termine ed anche la letteratura francese .

        MODALITA’
            I ragazzi saranno accompagnati in questo percorso dall’assistente di francese (laureata in
        lettere moderne in Francia) che lavora presso la scuola media “Cecco Angiolieri” da ottobre
        2009. Queste esperienze le hanno permesso di conoscere molti dei ragazzi che ora cominciano
        la prima classe del liceo e di stabilire con loro un rapporto di fiducia reciproca. L’insegnante
        in questione ha partecipato a molti stage di formazione, presso “l'Istituto Francese di Firenze”,
        relativi all'insegnamento del francese in ambienti scolastici, ed è in contatto con una rete di
        risorse pedagogiche che coinvolge diverse scuole toscane. Inoltre, ha una buona conoscenza
        degli esami DELF in quanto “certificatrice DELF”.

        SOGGETTI COINVOLTI
        b) Prevalentemente gli alunni di prima e di seconda per i quali insistiamo sul discorso della
        continuità didattica. Si può anche proporre questo progetto agli alunni interessati di terza,
        quarta e quinta che intendono riprendere le fila di un discorso interrotto troppo precocemente
        c) Giorno e orario settimanale: 14:00-15:00/15:30 (giorno da definire)




LA CONTINUITA’ : Approfondire le conoscenze acquisite durante i tre anni di scuola media attraverso il
dialogo e le attività coinvolgenti al livello linguistico e culturale.

L’APPRENDIMENTO: Familiarizzarsi con la cultura e la società francese, vicina ma diversa.

LA PREPARAZIONE PER IL FUTURO (STUDI/LAVORO) : superare gli esami DELF, necessari in
una società dove il peso internazionale e europeo è sempre più forte (il Francese è una delle lingue
ufficiale dell’Unione Europea.)



                                 P2 / c SCAMBI CULTURALI


   Docenti collaboratori: Proff.sse Laura Piersimoni e Lucia Papini

   OBIETTIVI DA REALIZZARE:
   Gli obiettivi di tale iniziativa sono molteplici, sia a livello didattico che formativo e socio-
 affettivo.Da un punto di vista didattico, viene privilegiato l’apprendimento della lingua inglese
 in loco e in Italia, con parlanti madrelingua, unitamente ad un approfondimento della cultura e
 della vita del paese della scuola partner. Gli obiettivi formativi includono la conoscenza di stili e
 modi di vita diversi e l’ampliamento degli orizzonti cognitivi degli alunni.

   METODOLOGIE

                                                                                                             153
  Il progetto si articola in due fasi: una prima fase di accoglienza presso questo liceo di un
gruppo di studenti canadesi e due loro insegnanti, che saranno ospitati per due settimane presso
le famiglie della classe prescelta, loro inserimento nelle classi per partecipare all’attività
didattica,organizzazione di gite e di momenti insieme ed incontri. Tale accoglienza verrà
ricambiata da parte della scuola partner per un periodo analogo

  Il progetto è rivolto a TUTTE LE CLASSI

  Prendere parte ad un progetto di scambio culturale, vuol dire, per gli studenti che
partecipano, apprendere nel modo più naturale la lingua straniera ma significa anche,
per gli insegnanti coinvolti, avere la possibilità di perseguire finalità educative di
carattere generale, quali lo sviluppo del senso di responsabilità, dell’autonomia
individuale, dello spirito di collaborazione e della competenza sociale e relazionale; e
finalità specifiche che riguardano la crescita personale e l’allargamento dell’orizzonte
culturale, attraverso il contatto diretto con modi di vita e mentalità diversi, e attraverso
la scoperta di abitudini e costumi di una civiltà differente dalla propria.


                                 SCAMBIO CULTURALE
                              TORONTO ( CANADA ) – SIENA


  Destinatari del progetto:


  Durata del Progetto: annuale
  Periodo di attuazione: Febbraio – Maggio 2011
  Istituzioni coinvolte:

  Riverdale Collegiate Institute,Toronto, Ontario, Canada

  Liceo Scientifico “G.Galilei”, Siena


  Organizzazione e modalità

           Gli obiettivi fondamentali di questo progetto di scambio sono principalmente
due. In primo luogo, l’approfondimento della lingua inglese (l’unica lingua in cui
entrambi gruppi di studenti sono in grado di comunicare - L1 per i canadesi e L2 per i
nostri) che gli studenti utilizzeranno sia nelle attività scolastiche, nei lavori di gruppo
previsti nel progetto, che nella comunicazione quotidiana, cercando di esprimere sia
bisogni che opinioni, emozioni e pensieri; in secondo luogo, la conoscenza e
l’accettazione delle diversità culturali che i corrispondenti avranno modo di riscontrare
sia nella fase preparatoria che nei periodi di soggiorno, sia in Italia che in Canada.
  Il progetto di scambio, proprio al fine di incoraggiare gli studenti ad un paragone
costruttivo fra le due realtà seguirà un percorso ben articolato:
  A
  1) Fase preliminare: gli alunni sono impegnati nella redazione di lettere di
presentazione ed una successiva corrispondenza elettronica con gli studenti californiani.
  2) Diario multimediale: affinché gli studenti coinvolti, sia italiani che americani,
possano avere una conoscenza il più possibile completa della vita del proprio
                                                                                                   154
corrispondente, ogni studente scrive per una settimana un diario, descrivendo le proprie
abitudini e la propria routine, le emozioni, i pensieri
  3) Scambio dei diari : le coppie di corrispondenti si scambiano i rispettivi diari
  4) Formulazione domande: dopo aver letto il diario del proprio corrispondente, ogni
studente formula almeno tre domande, che sono utilizzate in una fase successiva in
un’attività in coppia e che sono riferite a ciò che ha letto nel diario e che lo ha
incuriosito.
  5) Formazione di gruppi di lavoro: la suddivisione in gruppi è fatta in base alle
priorità espresse dai corrispondenti su una lista di argomenti ( come ad es. la vita
familiare, la scuola, il cibo,il trasporto, ecc.) concordata dagli insegnanti italiani e
canadesi.

 B ( Italia o Canada )


  6) attività in coppia: i corrispondenti discutono di ciò che hanno scritto nei propri
diari cercando di individuare sia le somiglianze che le differenze culturali
  7) attività in gruppo: la discussione prosegue in gruppi; ogni gruppo lavora sugli
argomenti scelti
  8)
  C ( Italia o Canada )
  9) analisi dei risultati: durante il soggiorno ogni gruppo analizza i risultati relativi
all’argomento da loro scelto e formula un commento che deve esporre e presentare
oralmente agli altri gruppi.

 Escursioni


      Lo scambio prevede anche la conoscenza da un punto di vista storico – artistico dei
paesi coinvolti nello scambio; a questo fine gli studenti, durante il periodo di accoglienza
in Italia, potranno effettuare visite guidate a Siena ( Santa Maria della Scala, il Duomo,
il Palazzo Pubblico), ed altre a scelta tra Firenze, San Gimignano, Bagno Vignoni,
Pienza, Montepulciano, Montalcino, Pisa, Roma. Per ciò che riguarda il soggiorno in
Canada, gli studenti italiani avranno l’opportunità di visitare mete da concordare.


 Scansione temporale


 Si prevede che lo scambio si svolga in due tempi:
 Prima fase: accoglienza degli studenti californiani in Italia 12/15 giorni nel periodo
Febbraio-Maggio 2011
 Seconda fase: ospitalità in Canada 12/15 giorni nel periodo Febbraio-Maggio 2011


  Per quanto riguarda l’organizzazione del viaggio a Toronto si prevede di utilizzare
come mezzo di trasporto l’aereo ( Italia –Roma – Toronto A/R ) e il pullman da Siena a
Roma e da Roma a Siena.


               IL PARTENARIATO MULTILATERALE COMENIUS

                                                                                               155
                                    “WHY ARE WE AS WE ARE”

       Durata del Progetto: biennale
       Periodo di attuazione: Ottobre 2010 – Giugno 2012
       Istituzioni coinvolte:

       Liceo Scientifico “G.Galilei”, Siena
       Norwich High School for Girls, Norwich
       Lycee d’Enseignement General et de Technologie Agricole de Croix-Rivail, Ducos,
       Martinica
       Sätilaskolan, Satila

Organizzazione e modalità

            Il partenariato multilaterale Comenius “Why Are We As We Are” coinvolge, oltre al
Liceo Scientifico “G.Galilei”, altre tre istituzioni scolastiche di altrettanti paesi europei ( Norwich
High School for Girls, Norwich, Regno Unito; Lycee d’Enseignement General et de Technologie
Agricole de Croix-Rivail, Ducos, Martinica, Francia; Sätilaskolan, Satila, Svezia); tali istituzioni
collaboreranno alla realizzazione di un progetto didattico che ha come principale obbiettivo lo
sviluppo, da parte degli studenti che parteciperanno, delle competenze in lingua straniera.
            Saranno inoltre approfonditi, attraverso anche un approccio interdisciplinare, alcuni
aspetti relativi alle varie identità culturali del partenariato: gli studenti raccoglieranno
informazioni sulle proprie regioni analizzandone la storia, la geografia, l’economia, l’arte, lo sport,
le scienze, la letteratura, le tradizioni religiose, informazioni che, in occasione delle visite nei paesi
stranieri, saranno poi presentate in lingua straniera agli studenti delle istituzioni scolastiche partner,
anche in forma multimediale ( Powerpoint ) e attraverso l’accesso e l’uso del sito di eTwinning.
            Lo scopo di tutto ciò è quello di scardinare, per mezzo di un paragone diretto con le realtà
che gli studenti coinvolti andranno a visitare e conoscere, eventuali preconcetti e stereotipi che
possono avere a proposito delle altre nazionalità e di sviluppare una consapevolezza
dell’appartenenza ad una dimensione transnazionale europea.

   Scansione temporale

Il partenariato è biennale e le visite presso le scuole partner previste sono le seguenti:

Ducos: ultima settimana di Febbraio 2011, primo giorno di accoglienza nel paese straniero fra 19 e
20 Febbraio

Norwich: primo giorno di accoglienza fra 11 e 12 Marzo 2011

Sätila: primo giorno di accoglienza fra 29 e 30 Aprile 2011

( le date sono ancora non definitive e potrebbero subire variazioni )

I programmi per i soggiorni dei paesi ospitanti devono ancora essere concordati.

Il progetto è finanziato dal programma europeo Comenius e devono essere fatte almeno 24 mobilità
( cioè 20 studenti e 4 insegnanti devono recarsi nei paesi delle scuole del partenariato ) nell’arco di
due anni.


                                       SCAMBIO CULTURALE

                                                                                                     156
                                        LUND ( SVEZIA ) – SIENA




        Durata del Progetto: annuale
        Periodo di attuazione: Gennaio – Maggio 2010
        Istituzioni coinvolte:

        Polhemskolan, Lund ( Svezia )
        Liceo Scientifico “G.Galilei”, Siena



        Organizzazione e modalità

        5
          Lund, dove si trova l’istituto partner per questo scambio culturale, è una delle tre più
antiche città svedesi, sede della più grande università scandinava e candidata come Capitale Europea
della Cultura per l’anno 2014. Lo scambio con Polhemskolan, una delle 10 migliori scuole svedesi
per quanto riguarda l’insegnamento della fisica, fa parte anche del progetto Comenius “Italy –
Sweden 1-1”, all’interno del partenariato bilaterale costituito proprio con il nostro liceo.
       Come in tutti i progetti di scambio culturale, e come è già avvenuto lo scorso anno scolastico,
le lingue veicolari da utilizzare sia nella conversazione quotidiana che nelle attività didattiche
previste saranno inglese ed italiano. Gli studenti che prenderanno parte allo scambio con
Polhemskolan, quindi, avranno la possibilità di esercitare in un contesto maggiormente reale
rispetto all’aula scolastica, la lingua inglese, lingua notoriamente ben conosciuta nei paesi
scandinavi. Per ciò che riguarda, invece, l’altra lingua scelta come veicolare per le attività previste
dallo scambio, cioè l’italiano, è studiato come L2 dai corrispondenti svedesi. Gli studenti italiani
inoltre potranno frequentare gratuitamente un corso di 25 ore di lingua svedese al fine di imparare le
espressioni base della conversazione quotidiana.
      Il progetto di scambio consiste in un paragone costruttivo fra le due culture attraverso la
creazione di due questionari. Il primo, ideato dagli stessi studenti che hanno già partecipato
all’esperienza di scambio con Polhemskolan lo scorso anno scolastico, ha preso in considerazione
aspetti culturali quali la religione, la cultura giovanile, la scuola, la vita familiare, la vita futura degli
studenti. Il secondo questionario verrà creato quest’anno dagli insegnanti e tratterà invece aspetti
sociolinguistici come, ad esempio, la lingua formale/informale, la prossemica, la cinesica, la
paralinguistica.
      Le risposte date dagli studenti saranno anonime e saranno analizzate le risposte al fine di
rintracciare quei modi di pensare che sono alla base delle differenze culturali.
      Lo scambio è parte del partenariato bilaterale Comenius “Italy-Sweden” con Polhemskolan ed
è finanziato dalla Comunità Europea in seno al Programma LLP.

   Il programma sia per il soggiorno in Svezia che per il periodo di accoglienza in Italia devono
   ancora essere concordati anche se comunque, si prevedono escursioni e visite guidate con attività
   strutturate o semi-strutturate e, inoltre, la frequenza delle normali lezioni mattutine.


   Per ciò che riguarda le visite previste in Svezia, probabilmente queste saranno: Lund,
   Copenhagen, Malmo, Goteborg, Helsingor, Ystad, Alestenar.
   Durante il periodo di accoglienza in Italia, gli studenti potranno effettuare visite a Siena (Santa
   Maria della Scala, il Duomo, il Palazzo Pubblico ), Firenze, San Gimignano, Bagno Vignoni,
   Pienza, Montepulciano, San Quirico, Montalcino, Perugia.

                                                                                                         157
Scansione temporale


Lo scambio si svolgerà in due tempi:


Prima fase: soggiorno in Svezia Gennaio/Aprile 2011


Seconda fase:       ospitalità in Italia Marzo/Maggio 2011


        In base alle regole relative ai partenariati bilaterali Comenius, devono partecipare
allo scambio almeno 20 alunni italiani e 2 docenti.
Il gruppo di studenti svedesi sarà di 15/20 e saranno accompagnati da 2 docenti, tra cui la
prof.ssa Ann-Sofie Affleck.
        Per quanto riguarda l’organizzazione del viaggio a Lund si utilizzerà come di
trasporto l’aereo ( Pisa/ Firenze – Copenhagen ) e il pullman in partenza da Siena per
l’aeroporto di partenza.




                                   SCAMBIO CULTURALE
                                ANTALYA( TURCHIA ) – SIENA


    Durata del Progetto: annuale
    Periodo di attuazione: Aprile – Novembre 2011
    Istituzioni coinvolte:

    Istituto “Adem Tolunay Anadolu Lisesi”, Antalya (Turchia)
    Liceo Scientifico “G.Galilei”, Siena



    Organizzazione e modalità

Nel corso di questo anno scolastico viene proposto uno scambio culturale con una scuola
dell’antica Licia, una regione a sud della Turchia. La scuola è l’Istituto “Adem Tolunay Anadolu
Lisesi” di Antalya, scuola con cui è già stato fatto uno scambio che si concluderà con la fase di
accoglienza in Italia nel prossimo ottobre. Come in ogni scambio l’obiettivo principale sarà
quello di migliorare le competenze linguistiche, attraverso la scrittura, l’ascolto e l’espressione
orale; la lingua veicolare scelta sarà l’inglese, la lingua comunitaria studiata in entrambi gli
istituti coinvolti nel progetto di scambio.
Altro obiettivo sarà l’approfondimento della conoscenza della civiltà dei due paesi coinvolti
riguardo ad alcuni aspetti storici e storico-artistici dei territori in cui si trovano Siena e Antalya,
approfondimento da operare attraverso visite guidate, talvolta effettuate con esercizi strutturati o
semi-strutturati, ai vari siti di interesse o attraverso lavori di ricerca seguiti da presentazioni

                                                                                                   158
   orali ai propri corrispondenti; fondamentale sarà comunque la conoscenza delle due culture
   coinvolte al fine di una riflessione sulle differenze e di una accettazione delle stesse.
   In relazione a quanto sopra, va precisato che siamo nella fase iniziale del progetto, ci sono già
   stati contatti fra gli insegnanti referenti di entrambe le scuole ma ancora non sono stati avviati
   contatti epistolari, tramite posta elettronica, tra gli studenti turchi e italiani.

 Il programma ( suscettibile molto probabilmente di qualche possibile variazione ) prevederà,
durante la permanenza in Italia, lavori di gruppo a scuola, utili a sviluppare sia le abilità linguistiche
che la conoscenza della cultura dei corrispondenti, la frequenza delle normali lezioni settimanali e
presentazioni/ lezioni sulla storia di Siena che, sulla base di alcune ricerche, saranno tenute dagli
stessi studenti italiani ai loro coetanei stranieri. Anche in Turchia, durante la settimana di
permanenza ad Antalya i nostri alunni avranno la possibilità di frequentare le lezioni scolastiche e di
fare presentazioni/lezioni sulla storia del territorio di Antalya. Le visite previste saranno le seguenti:
Siena, Firenze, San Gimignano, Montalcino, Pienza e Montepulciano in Italia, e per la Turchia,
Antalya, siti storici come Termessos, Olympos, Aspendos, Myra, Phaselis, l'isola di Kekova, le
cascate inferiori e superiori di Duden.

   Scansione temporale


   Lo scambio si svolgerà in due tempi:
   Prima fase: accoglienza in Turchia         Aprile 2011
   Seconda fase:       ospitalità in Italia Settembre - Novembre 2011
           Per quanto riguarda l’organizzazione del viaggio ad Antalya si utilizzerà come di
   trasporto l’aereo (Pisa/ Roma Fiumicino – Antalya e ritorno ) e il pullman in partenza da
   Siena per l’aeroporto di partenza.


                                 SCAMBIO CULTURALE
                            WATSONVILLE ( CALIFORNIA ) – SIENA


Durata del Progetto: annuale
Periodo di attuazione: Febbraio – Aprile 2011
Istituzioni coinvolte:

Pajaro Valley High School, Watsonville, San Francisco, USA
Liceo Scientifico “G.Galilei”, Siena

Organizzazione e modalità

           Gli obbiettivi fondamentali di questo progetto di scambio sono principalmente due. In
   primo luogo, l’approfondimento della lingua inglese ( l’unica lingua in cui entrambi gruppi di
   studenti sono in grado di comunicare - L1 per gli americani e L2 per i nostri) che gli studenti
   utilizzeranno sia nelle attività scolastiche, che nella comunicazione quotidiana, cercando di
   esprimere sia bisogni che opinioni, emozioni e pensieri; in secondo luogo, la conoscenza e
   l’accettazione delle diversità culturali che i corrispondenti avranno modo di riscontrare sia nella
   fase preparatoria che nei periodi di soggiorno, sia in Italia che in California. Gli studenti di
   entrambe le nazionalità, al fine di riflettere sulle somiglianze e le differenze fra le due culture
   coinvolte, dovranno costruire una sorta di diario, anche in forma multimediale, con le proprie
   considerazioni. Il diario verrà scritto durante la prima fase dello scambio ( soggiorno in
                                                                                                      159
  California ) e, durante la seconda fase in Italia, ogni studente scambierà il diario con il proprio
  corrispondente; insieme, gli studenti opereranno una riflessione su ciò che ognuno di loro ha
  annotato a proposito della cultura di appartenenza del corrispondente.


  Escursioni


     Lo scambio prevede anche la conoscenza sia da un punto di vista storico – artistico e
  naturalistico dei paesi coinvolti nello scambio; a questo fine gli studenti, durante il periodo di
  accoglienza in Italia, potranno effettuare visite guidate a Siena ( Santa Maria della Scala, il
  Duomo, il Palazzo Pubblico), Firenze, San Gimignano, Bagno Vignoni, Pienza, Montepulciano,
  Montalcino. Per ciò che riguarda il soggiorno in California, gli studenti italiani avranno
  l’opportunità di visitare San Francisco, Yosemite National Park, Santa Cruz, Monterey, Carmel,
  Berkeley, Stafford.


  Scansione temporale


  Lo scambio si svolgerà in due tempi:
  Prima fase: ospitalità in California 12/15 giorni nel periodo Febbraio-Aprile 2011
  Seconda fase: accoglienza degli studenti californiani in Italia 12/15 giorni nel Giugno 2011
  (dopo la fine delle lezioni)


  Per quanto riguarda l’organizzazione del viaggio a Watsonville ( San Francisco), si prevede di
  utilizzare come mezzo di trasporto l’aereo ( Italia – Pisa/Roma – San Francisco ) e il
  pullman/treno in partenza da Siena per l’aeroporto di partenza prescelto.

                                  SCAMBIO SARDEGNA
                             (SCAMBIO DI REALTA’ DIALETTALI)

Primavera 2011

Soggiorno in Sardegna e accoglienza a Siena




                                       STAGE LINGUISTICO


       OBIETTIVI DIDATTICO CULTURALI
       Effettuazione di uno stage linguistico in una scuola di lingua all’estero al fine di
     favorire l’approfondimento delle competenze linguistiche degli studenti, in particolare
     della lingua inglese, unitamente alla scoperta e conoscenza di usi ed abitudini diverse
     dando anche la possibilità di valutare altri metodi di istruzione.

       LOCALITA’
       Una città nel Regno Unito o Repubblica d’Irlanda

                                                                                                    160
       PERIODO
       Una settimana (sei notti-sette giorni) nel periodo marzo-aprile
       Numero complessivo partecipanti: almeno 2/3 della classe

       docente organizzatore:
       Prof. Roberto Monaci

                 P2 / d PROGETTO con il CENTRO SIENA-TORONTO


DOCENTE: LAURA FAILLI
CLASSI: V M (IV C e V C potranno presenziare ad alcuni incontri).

    La collaborazione con il Centro Siena-Toronto dell’Università di Siena, ormai giunta al suo
ottavo anno, si propone obiettivi di tipo linguistico e culturale, in quanto, essendo incentrata sulla
partecipazione delle alunne/i ad incontri con scrittori contemporanei canadesi, riesce a coniugare
l’aspetto dell’apprendimento linguistico con lo sviluppo di capacità critiche e di conoscenze di una
cultura, quella canadese, ancora largamente sconosciuta rispetto a quella americana. Preparati
dall’insegnante in classe, gli alunni analizzano brani di romanzi, racconti brevi, saggi critici e note
bio-bibliografiche, in modo da trarre il maggior profitto dall’incontro con gli autori. Sono previste
inoltre conferenze di ambito storico, geografico ed artistico, al fine di avvicinare i partecipanti
all’esplorazione del vasto panorama canadese.
    Con l’ingresso di chi scrive nel Comitato Scientifico del Centro, si auspica inoltre una possibile
attività di coordinamento della partecipazione alle attività del Centro da parte di tutti gli interessati,
al di là delle classi solitamente coinvolte, cioè quelle della sottoscritta. Il programma dettagliato
degli incontri è ancora in via di definizione, in quanto elaborato di concerto con le istituzioni
canadesi.
   La collaborazione comprende inoltre una più ampia disponibilità di utilizzo delle strutture del
Centro, attraverso:
              accesso e consultazione della biblioteca e della videoteca;
              incontri in presenza di studenti del Master in Traduzione;
              organizzazione attività integrative;
              ascolto delle registrazioni relative alle conferenze;
              approfondimenti dei temi trattati;
              rapporti e-mail con i partecipanti alle conferenze;
              incontri con i traduttori.
              selezione e predisposizione materiali
              contatti con il centro e con i conferenzieri
              preparazione di elaborati degli studenti.


                           P2 / e PROGETTO CINEMA IN INGLESE


                            PROGETTO CINEMA IN LINGUA INGLESE
                                   Prof. Roberto MONACI
                                                                                                      161
       OBIETTIVI DIDATTICO/CULTURALI
       Motivare gli studenti e rendere più facilmente comprensibile il testo letterario, anche in
     considerazione della loro maggiore sensibilità nei confronti delle immagini rispetto al
     testo scritto. Far esercitare gli alunni alla comprensione linguistica contemporaneamente
     allo studio letterario e favorire un approccio culturalmente più elevato verso un mezzo di
     comunicazione – lo schermo, sia televisivo che cinematografico – che tanta parte ha
     nella vita quotidiana degli alunni.

       FILM PREVISTI:
       PRIDE AND PREJUDICE
       OLIVER TWIST
       TESS
       THE DEAD
       ANIMAL FARM
       LORD OF THE FLIES


       METODOLOGIA

       I film saranno proiettati e discussi nel corso di rientri pomeridiani, sono previsti 6
     rientri di 2 ore ciascuno, dopo adeguato inquadramento e preparazione nel corso del
     regolare svolgimento delle lezioni al mattino, entrando così a far parte direttamente del
     programma annuale.



                         P 3 – PROGETTO LICEO/MUSEO
             (pendolo di Foucault; esposizione mineralogica; planetario;
                   cartelloni di storia della scienza; meridiana)

  Museo nel significato originario, alessandrino, più vicino alla espressione “centro culturale”
che a quello di semplice esposizione o collezione che andò assumendo nei secoli.

  Obiettivo finale: trasformazione di spazi accessori dell’edificio scolastico in punti di
esposizione interattiva di dimostrazioni scientifiche.
  Mèta educativa: sfruttare anche l’edificio come possibilità formativa; presentare la funzione
dell’istituzione scolastica anche tramite l’ambiente fisico della scuola.

  La prima tappa, già interamente percorsa con successo, è stata la realizzazione sperimentale
del pendolo di Foucault, che rimane nei 19 metri di dislivello del Liceo a ruotare
perennemente il suo piano di oscillazione a continua prova della rotazione terrestre. Una
realizzazione complessa, che ha richiesto oltre un anno di esperimenti e ripensamenti, prima di
eliminare ogni significativo margine di errore.
  Le prossime tappe della costituzione del museo delle scienze sparso tra gli ambienti liceali
previste per questo anno scolastico, sono costituite:


 - dall’allestimento di vetrine espositive per minerali, rocce e fossili di provenienza soprattutto
 toscana, in collaborazione con l’Associazione mineralogica senese. L’interattività
 dell’iniziativa sarà garantita da un lato dalla presenza di strumenti di osservazione

                                                                                                      162
 microscopica; dall’altro dalla organizzazione di escursioni guidate nelle zone di provenienza
 dei reperti, con realizzazione di campagne fotografiche per successive esposizioni;

 - dalla realizzazione del planetario di istituto, da sistemare dentro l’aula magna, una volta
 ristrutturata. Il planetario è previsto composto da un proiettore mobile e da una cupola del
 diametro di circa 8 m. realizzata in legno di balza ignifuga. Il proiettore sarà acquistato con il
 già acquisito finanziamento esterno, mentre la cupola sarà realizzata in economia;

 - dalla realizzazione di cartelloni e file per il laboratorio di fisica su:
            a) grandezze e unità di misura
            b) ordine di grandezza di grandezze significative
            c) inquadramento storico delle unità di misura
            d) inquadramento storico delle principali scoperte scientifiche
            e) inquadramento storico delle principali leggi della fisica;

- dalla realizzazione di un orologio solare.


               P4 - EDUCAZIONE ALLA SALUTE AMBIENTE E CIC

       REFERENTE : Prof.ssa Stefania Satta

       COMMISSIONE: Proff. Elena Burchianti e Donatella
                    Tognaccini

       OBIETTIVI GENERALI :

       Potenziare il senso di responsabilità nei confronti di sé, degli altri e dell’ambiente.
       Potenziare la consapevolezza dell’importanza della salute come condizione di
     benessere della propria persona.
       Aumentare negli studenti la percezione del rischio riguardo ai comportamenti e alle
     sostanze di abuso.
       Migliorare i rapporti con le istituzioni del territorio.
       Potenziare il CIC, valorizzando le funzioni di informazione e consulenza.
       Informare in modo corretto, rigoroso e completo allo scopo d rispondere ai quesiti
     posti dagli studenti.
       Favorire e rafforzare attraverso specifiche attività il senso si appartenenza alla scuola.

       METODOLOGIE :

       Lezioni
       Conferenze
       Audiovisivi
       Ricerche
       Visite didattiche e ecologiche
       Esecuzione di prove pratiche
       Concorso fotografico
       Raccolta differenziata

       RISORSE :

       Docenti della commissione Educazione alla salute - ambiente -     CIC
                                                                                                      163
       Docenti della scuola Operatori A.S.L
       Operatori Pubblica Assistenza
       Operatori Sert
       Docenti Universitari
       Operatori Coop
       Psicologo e assistente sociale
       Operatori della provincia e del comune


       Il progetto è rivolto a seconda delle varie tematiche a tutte le classi del liceo.
       Tale progetto è già stato realizzato negli anni scolastici precedenti.


          P4/a- PROMOZIONE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE -


       REFERENTE : Prof.ssa Stefania Satta

       1) Promozione salute e benessere.

       OBIETTIVI DA REALIZZARE
       Favorire una modifica agli stili di vita che comportano rischi per la salute o creino
     situazioni di disagio.
       Promuovere modelli positivi di responsabilizzazione e di tutela della salute

       METODOLOGIE

       Metodologie proprie di psicologia di comunità (lavori in piccoli gruppi role planning)
       Lezioni e conferenze, con presenza di esperti qualificati (Docenti Universitari,
     Ricercatori, Medici, Commissione del Progetto Ed. alla Salute.)
       Discussioni condotte separatamente per la componente alunni e la componente
     genitori.
       Audiovisivi

       RISORSE
       Docenti della Commissione Educazione alla Salute
       Docenti di scuola
       Docenti Universitari e ricercatori
       Operatori ASL
       Psicologo
       Pedagogisti
       Giuristi


       Il progetto è rivolto alle classi prima, seconda e terza di tutte le sezioni della scuola
       Tale progetto è coordinato dal Prof. Fabio Centini, dal Dott. Mario Pellegrini e dal
        Dott. Pietro Martellucci.
       Il progetto è già stato realizzato negli anni precedenti.



2) Corso di pronto soccorso per le classi 3


                                                                                                   164
3) Progetto BENESSERE NELLA NOSTRA SCUOLA :
Corso di yoga, tai chi, ginnastica antistress, rivolto agli studenti , al personale docente e personale
ATA.
Il corso si articola una volta alla settimana al termine delle lezioni a partire dalla fine di ottobre fino
a maggio.


                            P4/b NOI CON GLI ALTRI
Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni
Referente: Prof:ssa Cellerai Paola
Docenti coinvolti: Il consiglio della classe 4A

Il progetto Noi con gli Altri è promosso da Mèta Cooperativa sociale onlus, Unicoop Firenze,
Regione Toscana, Fondazione Monte dei Paschi di Siena.
L’esperienza, rivolta ad una classe IV dell’Istituto, si propone di coadiuvare la scuola nella
costruzione di un apprendistato di cittadinanza che permetta ai giovani di esercitarsi a diventare
parte di una comunità attraverso esperienze ad alto tasso di solidarietà e partecipazione.
Solidarietà e cooperazione dunque come pratiche di buona cittadinanza, una solidarietà intesa non
solo come sforzo di integrazione sociale ma anche come garanzia che tutti abbiano delle opportunità
per realizzare la propria vita.
                                     IL PROGETTO
OBIETTIVI

       -promuovere nei ragazzi l’idea che si diventa buoni cittadini quando si ha consapevolezza
       dell’interdipendenza tra i membri appartenenti ad una comunità
       -stimolare la riflessione sul futuro come prospettiva non individuale ma collettiva
       -rafforzare l’idea che le buone pratiche possono influenzare ed essere esempio per gli altri
       -educare alle differenze come principio chiave di riconoscimento di sé e degli altri
       -stimolare negli studenti il riconoscimento dei ragazzi disabili come cittadini
       -stimolare la conoscenza emozionale dell’altro

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO

           incontri da svolgersi all’interno della scuola
           attività extrascolastiche
           evento/intervento
           documentazione
           partecipazione evento finale: incontro con tutte le classi coinvolte nel progetto Noi con
            gli Altri nel territorio della Toscana
Nella fattispecie, l’intervento vuole coadiuvare i già esistenti percorsi di autonomia e processi di
integrazione sul territorio rivolti ai ragazzi e alle ragazze Down.

Partner del progetto: A.Se.Do (Associazione Senese Down)
Il percorso si articola in circa 10 incontri che verranno distribuiti nell’arco dell’anno scolastico a
partire dal mese di ottobre/novembre 2009 fino al mese aprile/maggio 2010.
Il calendario sarà definito e concordato con i/le docenti che parteciperanno al progetto. Vista la
natura del progetto sarebbe importate il coinvolgimento di più insegnanti per permettere una
ricaduta interdisciplinare.
Ogni incontro è realizzato da due educatrici della Cooperativa Sociale AranciaBlù che operano
utilizzando metodologie attive. Per approfondire la conoscenza del contesto, nel quale i ragazzi
saranno chiamati ad intervenire, è previsto il contributo di testimoni e/o esperti.
                                                                                                        165
                                P4/C- Fotografambiente -

  Concorso fotografico riservato agli alunni collegato all’educazione ambientale e alle
visite di istruzione con tema da stabilire di anno in anno da parte di apposita
commissione.

 Per l’a.s. 2010 2011 il tema è:

 (sarà presentato entro il 4 ottobre)




                              P5 - ISTITUZIONE DEL
                          CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO
                               “Prof. Bruno Casini”

      RESPONSABILE DEL COORDINAMENTO: Prof. Marco Collini

    COMMISSIONE: Proff. MARCO COLLINI, ELISABETTA TANCREDI, LUCA
    LORENZINI, CARMELA SANTORO, ANTONIO VANNINI

      L'attività sportiva avrà inizio il 1° ottobre 2010.
           Gli insegnanti di Ed. Fisica, Prof. Collini Marco, Prof.ssa Tancredi Elisabetta,
    Prof. Lorenzini Luca, Prof.ssa Santoro Carmela cureranno collegialmente le attività di
    avviamento alla pratica sportiva, che prevede l’avviamento alla teoria e alla pratica,
    allenamenti commisurati all’età e al livello dei partecipanti e anche l'adesione ai
    campionati studenteschi sia maschili che femminili dei seguenti sport:
      pallacanestro,
      basket3,
      atletica leggera,
      corsa campestre,
      sci,
      nuoto,
      calcio,
      calcetto,
      rugby,
      ginnastica artistica,
      pallatamburello,
      tennis tavolo,
      scacchi,
      vela,
                                                                                              166
 maratona
  nonché lo svolgimento dei campionati interni maschili e femminili di pallavolo, tennis
tavolo, basket3, pallacanestro e calcetto.


 OBIETTIVI GENERALI:
  d)       Interpretare gli stimoli esterni che consentono all’alunno di adattarsi al suo
ambiente;
  e)       Sviluppare le possibilità di adattamento alle situazioni motorie nuove e via via
sempre più complesse;
  f) Avere coscienza della posizione del corpo nello spazio e della relazione del proprio
corpo con l’ambiente;
  g)       Sviluppare il controllo del proprio corpo;
  h)       Avere un’immagine la più ampia possibile e un atteggiamento positivo di
fiducia verso il proprio corpo;
  i) Controllare gli spostamenti del corpo nello spazio e nel tempo;
  j) Superare il timore rappresentato da situazioni motorie con un alto grado di difficoltà;
  k)       Permettere un maggior affinamento e collegamento tra il campo visivo e la
motricità fine della mano;
  l) Esercitare il senso delle distanze, delle traiettorie e delle spinte;
  m)       Rafforzare tutti i fattori di esecuzione che incrementano la resistenza e le
capacità di perdurare nel compito intrapreso;
  n)       Accrescere il grado di flessibilità o mobilità articolare e di agilità;
  o)       Sviluppare il massimo grado di rapidità di esecuzione del movimento;
  p)       Diminuire il tempo di reazione tra l’attivazione di uno stimolo e la comparsa
della risposta;
  q)       Controllare compiutamente i propri atteggiamenti e attitudini corporei con
azioni equilibrate, coordinate, corrette nell’esecuzione;
  r) Riutilizzare in forma originale e creativa tutto ciò che è stato precedentemente
appreso;
  s)Eseguire gesti e movimenti che simboleggiano ed esprimono emozioni, sentimenti e
stati d’animo.
         -     Approfondire tutte le conoscenze acquisite durante le ore curriculari nelle
varie attività sportive.
         -     Conoscere ed approfondire le discipline sportive esercitate il pomeriggio
riguardanti tutte            le specialità atletiche svolte al campo scuola.
         - Conoscere e saper applicare le regole e casistiche dei vari giochi di squadra.
         -     Saper interpretare con gesti efficaci ed economici gli schemi di base dei
giochi di squadra.
         -       Selezionare gli alunni che si evidenziano nelle varie discipline per
rappresentare la nostra scuola nei Campionati studenteschi.
         - Organizzazione da un minimo di 1 giorno, ad un massimo di 6 giorni bianchi
nelle località sciistiche rivolte ad alcune classi (seconde o terze o quarte) interessate che
aderiscono al viaggio d’istruzione.
         -    Conoscenza ed acquisizione dello sci attraverso gli esercizi di pre-sciistica
eseguiti anche durante le lezioni curriculari al fine di completarli in forma pratica
direttamente sui campi
             scuola nelle località sciistiche con l’aiuto di maestri di sci.
         - Conoscenza e pratica del rugby attraverso la partecipazione alla giornata del
rugby organizzata dalla federazione rugby di Siena.
         -      Conoscenza e pratica della ginnastica artistica attraverso l’adesione alla
giornata dedicata alla ginnastica organizzata dalla federazione ginnastica di Siena.

                                                                                                167
             -    Organizzazione da un minimo di tre ad un massimo di sei giorni all’Elba
     rivolte ad alcune classi (seconde o terze o quarte) interessate che aderiscono al viaggio
     d’istruzione.
             - Conoscenza ed acquisizione della vela attraverso lezioni teoriche da effettuare
     in palestra durante le lezioni curriculari.



                                           METODOLOGIE
       Il progetto prevede lezioni pratiche con ampi riferimenti alla tecnica specifica delle
     discipline sportive ed agli aspetti ad esse collegati.
       Saranno adottati quegli interventi che prevedono un “metodo misto” (sintesi-analisi-
     sintesi) ma anche momenti particolari con “assegnazione dei compiti” e “ risoluzione dei
     problemi, stimolando attenzione e riflessione sull’acquisizione dei gesti tecnici di volta
     in volta proposti.
       Saranno proposti esercizi sui fondamentali individuali e di squadra attraverso schemi
     di gioco semplici ed evoluti finalizzati alla formazione delle varie discipline che
     rappresenteranno la nostra scuola nei campionati studenteschi.




                                                RISORSE

       Si prevede l’impiego di tutte quelle strutture adatte allo scopo con l’impiego del
     maggior numero di palloni, anche per facilitare e sensibilizzare il miglioramento delle
     qualità individuali.

                Il progetto è rivolto a tutte le classi con i Prof.ri, Collini, Tancredi, Lorenzini,
     Santoro.

       Per quanto riguarda la conoscenza e la pratica dello sci, proponiamo ad alcune classi
     seconde o terze o quarte interessate, un viaggio d’istruzione di tre giorni bianchi
     all’Abetone.
       Mentre per la vela, proponiamo un viaggio d’istruzione di quattro giorni all’Elba e
     Pianosa, dove poter svolgere tale attività abbinandola ad escursioni minerarie e culturali,
     possibilmente affiancati da un insegnante di biologia.
       Il progetto, ad eccezione della proposta del viaggio d’istruzione di quattro giorni
     all’Elba e isola di Pianosa, è gia’ stato realizzato negli anni passati con l’ottenimento
     anche di eccellenti risultati.

                                                  P5 / b
 PROGETTO DI PARTECIPAZIONE DI UNA SQUADRA DEL LICEO
     ALLA MARATONA DI NEW YORK DELLL’ANNO 2011
DOCENTI: Failli, Lorenzini, Tancredi, tutti gli insegnanti di educazione fisica e inglese interessati.

CONTENUTI DEL PROGETTO
La prima domenica di novembre 2011 si corre la Maratona di New York. Il presente progetto è
volto a formare una squadra di maratoneti/e del nostro Liceo per la partecipazione a tale evento,
unendo così per la prima volta a livello interdisciplinare le materie di Educazione Fisica e Inglese
                                                                                                       168
OBIETTIVI
Correre la maratona rappresenta un’attività agonistica altamente impegnativa, la cui preparazione
deve essere curata in ogni suo particolare. L’obiettivo è semplicemente quello di riuscire a portare a
termine la maratona entro il tempo massimo (8h30’). La squadra non si propone pertanto di
raggiungere prefissati obiettivi cronometrici, ma sarà possibile, dopo alcuni mesi di allenamento,
dividere gli atleti in alcune “fasce” di tempo (per esempio, un gruppo, insieme ad un insegnante,
potrebbe finire in 5h, un secondo gruppo, insieme ad un altro insegnante, in 5h30’, un terzo in 6h).
Tuttavia, uno degli obiettivi principali è quello di unire l’attività fisica agonistica all’esperienza di
vita in una città cosmopolita quale New York, comunicando in lingua inglese e facendo esperienza
dell’atmosfera unica che si crea in questa città nei giorni della maratona. Per di più, la nostra
“impresa” avrebbe senz’altro risalto a livello locale, e potrebbe servire come progetto pilota da
proseguire in futuro.
Infine, è importante sottolineare l’alto valore formativo e umano nell’assumersi e portare a termine
un impegno di questa portata, e la gioia che ogni maratoneta prova nello stringere tra le mani l’unico
premio realmente in palio: la medaglia di finisher.

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE
Come prerequisiti, è necessario che i ragazzi/e siano maggiorenni alla data del 6 novembre 2011 e
siano in possesso del certificato medico sportivo abilitante all’attività agonistica, che comprende, tra
l’altro: un elettrocardiogramma da sforzo, un esame spirometrico, il vaccino anti tetano, l’analisi
delle urine.
I partecipanti dovrebbero inoltre accertarsi di non avere importanti problemi osteoarticolari, o altre
patologie tali da rendere sconsigliabile un’attività fisica prolungata. Tutti devono avere il consenso
delle famiglie e si dovrebbero inoltre impegnare a NON FUMARE per il periodo di preparazione
alla gara e di limitare al massimo il consumo di alcoolici.

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO
1) Presentazione alle classi (soprattutto le quarte);
2) possibilità di estensione del progetto agli alunni attualmente frequentanti la classe Quinta; ai
genitori; ai docenti; al personale ATA.
3) Riunione con le famiglie dei ragazzi interessati.
4) Stesura di un programma di allenamento di massima.
5) Allenamenti di gruppo e individuali (questi ultimi soprattutto durante i mesi estivi, in cui i
ragazzi dovranno continuare da soli gli allenamenti).
6) Partecipazione a gare preparatorie, anche di mezza maratona.
7) Organizzazione del viaggio e del soggiorno a New York.

Al fine di poter portare a compimento una gara impegnativa come la maratona senza incorrere in
problemi che potrebbero comportare il ritiro, sono necessari almeno sei mesi di allenamenti specifici
durante i quali viene gradualmente aumentato il carico di lavoro e affinata la tipologia degli
allenamenti. Da una prima fase di potenziamento generale (con esercizi di ginnastica, stretching e
core stability) meno focalizzata alla corsa, si passa ad una seconda fare di abbassamento della soglia
aerobica tramite l’incremento del chilometraggio delle sedute di corsa e l’inserimento di prove
ripetute. In una terza fase è consigliabile la partecipazione ad alcune gare di fondo e ad almeno una
gara di mezza maratona. Nella quarta fase si darà maggior enfasi ai lunghi lenti, fino ad arrivare ad
almeno 30 km totali. L’ultima fase deve essere di scarico, con riduzione del carico di lavoro e
mantenimento della velocità acquisita. I docenti coinvolti devono essere disponibili ad
accompagnare i ragazzi durante le sedute di lungo lento e nelle gare preparatorie, e il Preside
dovrebbe concedere alcune mattine nel corso dell’anno (3 o 4) per svolgere tali allenamenti
specifici.

SPONSORS
                                                                                                     169
Dato l’elevato costo del soggiorno di una settimana a New York, incluso viaggio aereo e iscrizione
alla maratona, sarà indispensabile, ai fini della fattibilità di questa iniziativa, la ricerca di sponsors
che possano finanziare parte del viaggio, lasciando a carico degli alunni solo una quota all’incirca
equivalente a quella che avrebbero pagato per un viaggio di istruzione.




                      P6 – PROGETTO “ La metamorfosi in lettore”

“Indubbiamente ciascun essere ha, nell’universo dei libri, un’opera che lo trasforma in lettore,
posto che il destino favorisca il loro incontro.
Quello che Platone disse della metà amorosa - l’altro che circola chissà dove e che conviene
trovare, salvo restare incompleti fino al giorno del trapasso - è ancora più vero per i libri”.
Amélie Nothomb, “Dizionario dei nomi propri”, ed.italiana 2003


REFERENTI: Prof.ssa Donatella Tognaccini ,Prof.ssa Elena Burchianti,
Prof.ssa Damiani Maria Stella

OBIETTIVI GENERALI:

·       Crescita intellettuale dell’alunno attraverso la conoscenza della letteratura
contemporanea.
·       Aiutare l’alunno in un percorso di ricerca creativa di libri che siano per lui importanti;
·       Confrontarsi con personalità significative del panorama letterario;
·       Sentirsi partecipi e protagonisti di un evento culturale;
·       Percepire il termine “cultura” come esperienza di emozioni condivise.

DISCIPLINE INTERESSATE:

In prevalenza materie umanistiche ma anche scientifiche.

METODOLOGIE:

Il progetto prevede l’incontro fra alunni e scrittori o personalità della cultura nel contesto di un
reciproco scambio di idee, emozioni ed esperienze.

       E’ articolato in 2 parti:

A. Conferenza dell’autore sul tema in oggetto: metamorfosi in lettore e poi
in scrittore.

B. Intervento degli alunni: presentazione dei lavori ed intervista.

Lavoro preliminare per l’incontro con l’autore:
1. Lettura individuale approfondita di alcune opere o parti di opere dell’autore in questione;
2. Discussione e confronto in classe;
3. Elaborazione e messa in atto (in modo individuale o collettivo, nella propria classe o in classi
parallele) di forme espressive che traducano quello che gli alunni hanno percepito dalla lettura delle


                                                                                                       170
opere prescelte (stesura di scritti, testi poetici,realizzazione di lavori multimediali, installazioni
artistiche, organizzazione di eventi, altri incontri etc.).

Le attività previste potrebbero richiedere uscite in strutture cittadine (per es.teatri) per l’incontro
con gli scrittori.

RISORSE:

Materiale librario, fotocopie, riviste; esperti esterni; computer; docenti della scuola con competenze
specifiche; materiale audio e video; materiale per la realizzazione di installazioni artistiche,
fotografiche etc. in relazione al punto 3.


                                 P7 –PROGETTO “GIUSTIZIA”.

Il progetto, in collaborazione con il Comune di Siena, Assessorato alla Cultura, si inserisce nel
contesto delle iniziative sul tema “alla ricerca del Buongoverno” che, quest’anno avrà come oggetto
l’allegoria della Giustizia.

Referenti: Prof. E. Burchianti- D. Tognaccini- Prof. M. S. Damiani

OBIETTIVI GENERALI:

·         Sentirsi partecipi e protagonisti di un evento culturale;
·         Percepire il termine “cultura” come esperienza di emozioni condivise.

METODOLOGIE

1) Elaborazione e messa in atto (in modo individuale o collettivo, nella propria classe o in classi
parallele) di forme espressive che traducano quello che gli alunni hanno percepito dalla lettura
dell’opera Antigone di B.Brecht.

Classi coinvolte: da definire.

2) Partecipazione ad iniziative, incontri, eventi anche in collaborazione con l’Assessorato alla
cultura del Comune di Siena, per le celebrazioni relative ai 150 anni dall’Unità d’Italia.


Materiale librario, fotocopie, riviste; esperti esterni; computer; docenti della scuola con competenze
specifiche; materiale audio e video; materiale per la realizzazione di installazioni artistiche,
fotografiche etc.


E’ previsto l’apporto tecnico-artistico del prof. Carlo Carfagni per 40 ore complessive.


                  P8 – ALTRI CORSI OPZIONALI POMERIDIANI
              (per i corsi di seconda lingua francese e spagnola e per la
            preparazione alle certificazioni in lingua inglese, vedi sopra)

                                 P8 /a CORSO DI PIANOFORTE

                                                                                                          171
  Lezioni tenute a piccoli gruppi di tre quattro allievi, di livello iniziale, oppure adeguato ad
eventuali capacità pregresse degli allievi iscritti.
  Il corso è tenuto da Maestro esterno con l’uso del pianoforte verticale della scuola.
  Il corso è finanziato tramite contributo degli allievi, sufficiente a retribuire il compenso del
Maestro che tiene il corso.

                                P8/b CORSO DI FOTOGRAFIA

LEZIONE 1
Le attrezzature e loro funzioni. La fotocamera, gli obiettivi. Tempo di scatto, diaframmi, gli ISO.
LEZIONE 2
L’esposizione, la luce diretta, la luce riflessa, la luce artificiale.
LEZIONE 3
Come si compone un’immagine. La regola dei terzi.
LEZIONE 4
Riprese fotografiche in interno
LEZIONE 5
Visione e commenti delle immagini scattate durante la lezione precedente
LEZIONE 6
Programmi di fotoritocco. Prime operazioni da effettuare su un’immagine. Uso di alcuni strumenti
di lavoro.
LEZIONE 7
Trasformazione di immagini da colore a bianco nero.
LEZIONE 8
Uso avanzato di alcuni strumenti per modificare le immagini

 Il corso è gratuito.

                         P9 - ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO
       REFERENTE: Prof.ssa Maggi Nadia


                                      OBIETTIVI GENERALI :
              Favorire la consapevolezza che l’auto orientamento è un percorso dinamico
     attraverso il quale il soggetto confronta la realtà soggettiva e quella oggettiva per
     comporre un quadro realistico ed effettuare una scelta decisionale autonoma
              Promuovere la costruzione di un proprio “bilancio di competenze”, sia sotto il
     profilo degli interessi professionali e culturali, sia sotto il profilo della personalità e delle
     abilità di problem-solving
              Diffusione del materiale informativo, relativo alle caratteristiche dei vari corsi
     di laurea e sulle reali opportunità di inserimento nel mondo del lavoro
              Potenziare le conoscenze e le competenze utili per affrontare con successo gli
     studi universitari.
              Valutare la validità delle conoscenze competenze capacità acquisite nel
     percorso liceale, alla luce dei risultati ottenuti, nelle varie facoltà, dagli studenti
     diplomati nei precedenti anni scolastici
              Educare gli alunni all’uso dei mezzi informatici per ottenere informazioni sulle
     offerte formative delle Università italiane



                                                                                                         172
 METODOLOGIE:

  1.      Organizzazione di una giornata di “Orientamento Scientifico”nelle ore
curriculari
  2.      Organizzazione di una giornata di “Orientamento Umanistico Letterario”nelle
ore curriculari
  3.      Organizzazione di una giornata di “Contro – Informazione” tenuta dagli alunni
diplomati negli anni precedenti nelle ore extra-curriculari.
  4.      Costituzione, tramite il sito internet del Liceo, di un “Flusso di corrispondenza
elettronica” con gli alunni diplomati negli anni precedenti per monitorare i risultati
raggiunti nel mondo universitario e/o mondo del lavoro
  5.      Attivazione, su richiesta di un congruo numero di studenti delle classi quarta e
quinta, di corsi propedeutici e moduli di raccordo a discipline tipiche dei primi anni
accademici.
  6.      Possibilità di contratti di collaborazione occasionale tra la scuola e ex allievi
finalizzati alla realizzazione di progetti che valorizzino le propensioni e le abilità
maturate durante la frequenza del Liceo.



                                  RISORSE :Culturali:
  Bibliografiche, materiale messo a disposizione dalle Università italiane, da Enti
pubblici e privati collegamenti on-line, test per bilancio competenze, conoscenze e
competenze dei docenti interni alla scuola, dei docenti universitari, degli esperti adatti
alla realizzazione del progetto.

         Docenti:     Per la maggior parte Interni, con la partecipazione di docenti
universitari.
         Per quanto riguarda i corsi di cui al punto 5, si citano a titolo di esempio:
  -            approfondimenti di disegno tecnico e autocad;
  -            propedeutica al latino universitario ed elementi di lingua greca;
  -            logica e teoria dei giochi;
  -            elementi di diritto pubblico e lessico giuridico;
  -            calcolo delle probabilità ed elementi di matematica applicata;
  -            approfondimenti di chimica e biologia;
  -            linguistica e letteratura comparata.



                  P10 – ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
                       “SAPER ESSERE IN AZIENDA”

 REFERENTE: Prof.ssa Maggi Nadia

 Supporto Ente esterno : Camera di commercio industria artigianato agricoltura (Siena)

         Obiettivo: “apprendere facendo”
         Durata: tre settimane in periodo da definire totale ore 24
         Tutor scolastico: docenti classi proposte
         Tutor aziendale : personale delle aziende coinvolte
         Ruolo referente scolastico: interfaccia e controllo, valutazione competenze
acquisite

                                                                                              173
         Ruolo referente aziendale: interfaccia e controllo, valutazione competenze
acquisite

 Classe interessata: classe 3^

   Enti da contattare e con cui stipulare Convenzioni :

  Enti pubblici, aziende,associazioni, organizzazioni ecc. coinvolte: proposte dai docenti
e dal consiglio di Istituto che ha espresso parere favorevole all’attività
  ( con preferenza al settore terziario e scientifico):

 1)       Biblioteche (Intronati)
 2)       S.M. della Scala
 3)       A.r.p.a.t.
 4)       Train
 5)       Sistema Credito
 6)       Enti locali
 7)       Polo Ospedaliero
 8)       Chiron
 9)       Laboratori universitari
 10)      Altro


                                 Dettaglio percorso 1° anno

               1° settimana            2°settimana                3° settimana
 Classe         tipologia attività     tipologia attività         tipologia attività
                    e durata                e durata                  e durata
                 2 ore in classe        20 ore in azienda         2 ore in classe




           P11– PROGETTO CINEMA-TEATRO-MUSICA-ARTE


 REFERENTE : Prof. Enrico Pitzalis

 COMMISSIONE : Proff. Marzocchi, Damiani,Failli,
               Monaci.


 OBIETTIVI GENERALI:

  - Educazione ai linguaggi non verbali
  - Confronto tra diversi codici espressivi
  - Utilizzazione didattica del cinema, teatro, musica in rapporto alle varie discipline
  - Fornire conoscenze in linea con gli attuali standard di progettazione riscontrabili sia
in ambito universitario che in ambito professionale
  - Ristrutturazione e recupero architettonico e bioarchitettura

                                                                                              174
                                     METODOLOGIE

  - CINEMA lezioni introduttive, visione guidata, discussione. Predisposizione
schede di lettura dell’opera cinematografica
  - TEATRO partecipazione a spettacoli teatrali
  - MUSICA lezioni e audizioni musicali
  - ARTE         lettura e interpretazione critica dell’opera artistica (in ottica
  interdisciplinare)
  Visita a musei e mostre
  Corso di preparazione all’utilizzo dell’AUTOCAD in ambiente 2D e 3D
  Lezioni, ricerche guidate, gruppi di progettazione

                                         RISORSE
 -   Film in videocassetta e DVD
 -   CD e audiocassette di musica classica
 -   Videoregistratore e lettore DVD
 -   Apparecchio stereo
 -   Computer
 -   Materiale librario. Riviste. Schede
 -   Esperti esterni
 -   Docenti della scuola con competenze specifiche


  Il progetto nella sua globalità (cinema, teatro, musica, linguaggi artistici) è rivolto a
tutte le classi e coinvolge in linea di massima quasi tutti i docenti di materie letterarie,
storia, lingua straniera, disegno e storia dell’arte.
  Il progetto nelle sue linee generali è già stato realizzato negli anni precedenti.



 DISCIPLINE INTERESSATE

 Italiano, latino, storia, inglese, disegno e storia dell’arte…



         P12 -EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ- EDUCAZIONE
                         STRADALE -


 REFERENTE: Prof. Alfano Giovanbattista

 COMMISSIONE :Prof., E.Tancredi, M.Collini, L.Lorenzini , C.Santoro



                                 OBIETTIVI GENERALI

  -      Ampliare e arricchire l’offerta formativa;
  -      Promuovere la formazione di una coscienza civile e democratica degli studenti
nel rispetto delle leggi dello stato e nel rispetto delle persone e dell’ambiente in cui
viviamo;
                                                                                               175
  Incontri con esperti e/o rappresentanti delle istituzioni locali e regionali sulle seguenti
tematiche:

  1.     Le istituzioni locali e regionali: il ruolo del Sindaco, del Presidente della
Provincia e del Presidente della Regione.
  2.     Come nasce un piano regolatore: gli abusi
  3.     Implicazione del passaggio dalla minore alla maggiore età.
  4.     Il nuovo codice della strada. La patente a punti.
  5.     Norme e comportamenti di guida per il conducente di ciclomotori.
  6.     Iniziative promosse a livello locale, provinciale e regionale relativa
all’Educazione alla Legalità.
  7.     Partecipazione al meeting sui diritti umani (Firenze).

 Le tematiche di cui ai punti 1,2,3,5,6 e 7 sono rivolte agli studenti del triennio
 Le tematiche di cui ai punti,4,5, coinvolgeranno gli studenti delle classi del Biennio.

 IL LICEO IN TRASFERTA

  Collegata all’educazione alla legalità, l’iniziativa di due-tre trasferte domenicali per
partite della locale squadra di calcio e di basket in altre città (es.: Verona, Bologna,
Genova, Roma). Alla trasferta sportiva è legata la visita ad un obiettivo artistico-
monumentale o ambientale della città che ospita la partita e la degustazione di semplici
vivande tipiche. La finalità è di mostrare come il vero ed originario spirito delle
manifestazioni sportive agonistiche è quello di unire i gruppi umani e favorirne la
reciproca conoscenza. Si ritiene in tal modo di offrire un significativo contributo alla
lotta alla violenza collegata alla frequentazione degli stadi.
  (Vedi prospetto visite e viaggi).
  La partecipazione a tale iniziativa, dato il suo spirito, non è soggetta alla presenza
dell’intera classe o almeno dei due terzi e può essere aperta alla partecipazione di esterni.




                         P13- DIDATTICA DEL LATINO


 REFERENTE: Prof. Anna Maria ROMALDO

 COMMISSIONE Proff.Burchianti, Politi, Selis, Marzocchi, Vannozzi.


                                     METODOLOGIE :

 1.              Seminari dei docenti con esperti, dottorandi, autori di testi
                 e colleghi di altre scuole
 2.              Incontri con docenti dell’Università di Siena e con membri
                dell’AICC
 3.              Incontro degli alunni con dottorandi dell’Università degli Studi di

                                                                                                176
                   Siena
     4.              Periodico confronto tra docenti di lettere per verificare l’attività
                   svolta
     5.              Arricchimento e aggiornamento del materiale didattico



                                             RISORSE :

     Materiale didattico di vario genere: libri, riviste, periodici, lavori di convegni e
   conferenze, software, siti internet


     Il progetto è rivolto in particolare ai docenti di lettere e, come ricaduta didattica, a tutte
   le classi; si prevede, altresì, il diretto coinvolgimento degli alunni per una parte
   dell’attività.
     Il progetto prosegue sostanzialmente in linea con l’attività svolta negli anni scolastici
   precedenti.
     Si aggiunge nel presente a.s. la sperimentazione descritta di seguito.




                       P 14 – PROGETTO AREE SCIENTIFICHE


P 14/a – Relatività



     EINSTEIN E LA TEORIA DELLA RELATIVITA’


     docenti: Masi, Pacini C., Pacini P., Boldrini, Pratelli, Branconi, Raviele.


     obiettivi:
            Approfondire lo studio della fisica attraverso la figura di A. Einstein e la sua
             teoria della relatività.
            Analizzare eventi relativistici.
            Scoprire alcune applicazioni di questa teoria nella quotidianità.


     Metodologia:
          lezioni extracurricolari tenute dai singoli insegnanti alla proprie classi o
           contemporaneamente a più classi in aula video.


     Risorse: testi, CD/DVD, Internet, presentazione in PowerPoint.


     Periodo: secondo quadrimestre.

                                                                                                      177
       Ore previste:
             per ciascun docente 15 h di cui:
                    5h di lezione extracurricolare
                    10h di progettazione

                                P 14/b – Provando e riprovando

                          PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE


Denominazione Progetto: Piano nazionale Lauree scientifiche (PLS)

Docente referente: Sergio Valentini

Docenti coinvolti: tutti i docenti di matematica interessati a realizzare le attività proposte

Descrizione: si tratta di una serie di attività (di seguito elencate) da progettare e realizzare in
collaborazione con la facoltà di scienze matematiche e informatiche dell’Università di Siena
nell’ambito del progetto nazionale denominato “Piano Nazionale Lauree scientifiche”. Ogni docente
potrà scegliere una o più attività tra quelle di seguito indicate.

Attività proposte
Attività 1 - Congetturare e argomentare in geometria dinamica
Destinatari: Classi prime e seconde
Esperienze di problem solving in ambiente di geometria dinamica. In particolare, si intende proporre
agli allievi problemi “aperti” che richiedano la produzione di congetture e la loro validazione.

Attività 2 - Far matematica in una classe virtuale
Destinatari: Classi quarte e quinte
Realizzazione di una classe virtuale che offra un ambiente didattico strutturato adeguato a
promuovere l'autovalutazione da parte degli studenti delle proprie competenze cognitive e
metacognitive in matematica e ad incrementarle in vista della partecipazione ai test d'ingresso alle
facoltà scientifiche.

Attività 3 - Matematica ricreativa
Destinatari: Classi quarte e quinte
Laboratorio di orientamento con esperienze di soluzione di problemi tratti da raccolte classiche e
che si prestano a generalizzazioni significative; le proposte di soluzione saranno raccolte e discusse
con i ragazzi per giungere all'esposizione degli aspetti teorici connessi ed evidenziando gli aspetti
storici collegati alle origini dei problemi scelti.

Attività 4 - Rivisitare Aritmetica e Algebra
Destinatari: Classi prime e seconde
Rivisitazione del senso dei simboli occorrenti nel linguaggio aritmetico-algebrico realizzato
attraverso una serie di incontri con gli allievi nei quali sono previste attività di discussione e lavoro
in gruppo su temi di aritmetica e algebra allo scopo di guidare gli studenti a collegare contenuti
teorici, eventualmente già appresi, e a sviluppare capacità meta-cognitive.

Attività 5 - Incontro con la probabilità
Destinatari: classi quarte e quinte
Incontri con studenti motivati e capaci ai quali saranno proposte situazioni problematiche
riconducibili all'ambito della combinatoria e della probabilità.
                                                                                                      178
Attività 6 - Laboratorio di modellizzazione
Destinatari: Classi terze quarte e quinte
Partendo da una realtà fisica sperimentale gli studenti saranno guidati, attraverso attività di
laboratorio partecipato, in un processo di elaborazione di un modello che descriva il fenomeno
fisico prescelto.

Tempi: intero anno scolastico

Risorse umane: Università degli Studi di Siena – Dipartimento di scienze matematiche e
informatiche

Risorse finanziarie occorrenti: nessuna



                     P 14/c – Orto aromatico e sostanze ad uso topico

Docente: prof.ssa Stefania Satta

 1) Messa in opera di un “orto aromatico” in uno spazio esterno della scuola, secondo modalità
organizzative e scelte botaniche da concordare durante l’anno.


 2) INTRODUZIONE ALLO STUDIO ( TEORICO E PRATICO) DELLE SOSTANZE AD USO
 TOPICO.

Il corso è così suddiviso :
    a) Parte teorica sulla struttura, sulle formulazioni e sui meccanismi di funzionamento delle
        sostanze ad uso topico.
    b) Parte pratica sulla preparazione dei prodotti (emulsioni, creme A/O e O/A ,lozioni ecc.)

       Totale ore 16 ( una volta al mese per la durata di 2 ore e 15minuti a partire dal mese di
       novembre ).

       Il corso è rivolto ad un massimo di 12 studenti all’interno delle classi 4 A e 4 B.

       Referente Prof.ssa Satta.

       Collaboratori: Ass. T. Giuliano Bartolommei; Coll. Sc. Gabriele Vanni




                       P 14/e – approfondimenti di matematica


                         1.   Le GEOMETRIE NON-EUCLIDEE (a.s. 2010/2011)




       docenti: Boldrini, Branconi, Masi, Pacini C., Pacini P., Pratelli, Raviele

                                                                                                   179
        obiettivi:
            Approfondire lo studio della matematica
            Avvicinare gli alunni alla storia della matematica
            Analizzare collegamenti tra parti diverse della matematica.
            Scoprire collegamenti tra matematica e altre discipline:
                              Storia dell’arte, scienze, fisica, musica, filosofia, letteratura…….
            Avvicinare la preparazione scientifica degli attuali alunni a quella prevista dalla
              riforma del liceo scientifico

        Metodologia:
           Elaborazione annuale di uno o più approfondimenti
           Lezioni curricolari e/o extracurricolari tenute dai singoli insegnanti alle proprie
             classi o contemporaneamente a più classi in aula video.

        Risorse: testi, CD/DVD, Internet, presentazioni in PowerPoint.

        Periodo: secondo quadrimestre

        Ore previste 2009/2010 per il tema scelto (geometrie non euclidee) per ciascun docente:
           o 4h di lezione extracurricolare
           o 6h di progettazione



                                P14 / f - BIOINFORMATICA
                           L'Informatica al servizio della biologia


REFERENTE
Prof.ssa Antonella Lamioni

Sono coinvolti i docenti di Scienze Naturali. Le lezioni saranno tenute dal Dott. Nicola Menciassi,
laureato in Scienze Biologiche e in Biologia Molecolare con titolo di Dottorato in Chimica-
Cristallografia di Proteine.
Il progetto è rivolto alle classi 3^ e verrà attuato nel 1^ quadrimestre.

OBIETTIVI
Far conoscere a livello base cos'è la bioinformatica e a che cosa serve; apprendere alcune tecniche in
maniera teorica e saperle applicare in laboratorio.

METODOLOGIE
Il progetto si articolerà in due ore di lezione teorica e due ore di attività pratica, da svogersi nell'aula
di scienze e/o nell'aula di informatica.
La teoria verterà sui seguenti argomenti: - Introduzione sui problemi della biologia:genetico,
biomolecolare, ecologico - Dalla Biochimica classica alla Bioinformatica - Principali databases
biologici e software bioinformatici.
Le lezioni pratiche consisteranno nelle seguenti attività: - Ricerca su database ExPASY di una
proteina d'interesse; allineamento di sequenze proteiche e filogenesi della relativa proteina presa in
esame. Analisi dei domini funzionali di una proteina; classificazione in base a famiglia – Predizione
di struttura: Swiss Model e Geno3d; visualizzazione enzima + inibitore, enzima + substrato;
enzimi: ricerca su databases dei percorsi.

RISORSE
                                                                                                        180
Audiovisivi
Videoproiettore
Computer
Internet

PREVISIONE FINANZIARIA
150 euro per ogni ciclo di 4 lezioni



                          P14/g Scienze della terra e Astronomia

                            PROGETTO “SCIENZE DELLA TERRA”

DOCENTE REFERENTE: Francesco Parigi

Saranno coinvolti tutti i docenti di Scienze. Il progetto è rivolto alle classi 5^.

OBIETTIVI
Approfondimento di alcune tematiche relative all'assetto geologico della città di Siena, con
particolare riferimento alla stratigrafia e alla tettonica dei terreni affioranti.

METODOLOGIE
Verrà richiesto l'intervento del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Siena per
l'organizzazione di lezioni e uscite relative ai suddetti argomenti nell'ambito del Comune.
L'attività si svolgerà nel 2^ quadrimestre secondo un calendario da concordare con i docenti
dell'Università.

RISORSE
Computer
Videoproiettore
Audiovisivi
Eventuale materiale fornito dai docenti esterni



                  PROGETTO “IL LICEO SOTTO IL CIELO AUTUNNALE”

DOCENTE REFERENTE: Francesco Parigi

Saranno coinvolti tutti i docenti di Scienze. L'attività, rivolta in particolare agli alunni delle classi
5^, si svolgerà nel piazzale sottostante il Liceo Scientifico nelle ore serali, secondo un calendario da
stabilire.

OBIETTIVI
Avvicinare gli alunni all'osservazione del cielo

METODOLOGIA
Osservazione dei pianeti e della Luna

RISORSE
Telescopio

                                                                                                     181
                             P15– PROGETTO BIBLIOTECA



  REFERENTE :Prof.        Eugenio Gualandi
 COMMISSIONE: Proff. Branconi, Pacini P., Lamioni, Burchianti, Damiani, Gaggi,
Romaldo, Monaci, Pitzalis, Bruni.


  OBIETTIVI GENERALI

   Il progetto si propone l’informatizzazione del catalogo della Biblioteca centrale con il
programma Win-Iride e la pubblicazione in rete del lavoro svolto. Tale attività, ha lo scopo di
creare una vera e propria banca dati da mettere a disposizione di tutti : studenti,docenti, non
docenti ed in futuro, chi sa, anche genitori degli alunni, per il prestito e/o per la consultazione on-
line.

  FINALITA’

  -       promuovere un uso ottimale di risorse esistenti poco o male utilizzate
  -       ampliare ed arricchire l’offerta formativa
  -       rispondere ad un’esigenza formativa finalizzata alla realizzazione degli obbiettivi
complessivi del POF
  -       creare un’occasione di ricerca nel settore
  -       creare un’occasione di aggiornamento e potenziamento delle competenze degli
insegnanti
  -       aderire al Progetto “Biblioteche nelle Scuole” C.M. n. 3352 del 16/09/04

  METODOLOGIE
               Informatizzazione attraverso WINIRIDE
               iniziative per incentivare la lettura (vedi scaffale “Letti per voi”, recensioni dei
libri esposti ecc.)
               recensioni pubblicate sia nel sito del Liceo sez. Biblioteche
               Apertura giornaliera della biblioteca.


  Il progetto è rivolto a tutte le classi del Liceo, ai docenti di tutte le materie ed ai non docenti
ed è nelle sue linee generali continuazione degli ultimi sette anni.




                       P16 -PROGETTO ECDL
             PROGETTO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER


  REFERENTE:Prof.ssa Pratelli Maria


  COMMISSIONE: Proff Branconi Elettra, Pacini Paola, Muti Maria Gioia
                                                                                                          182
 PREMESSE

  L’ ECDL ( European Computer Driving Licence) è un CERTIFICATO rilasciato dalla
ECDL Foundation nel quale si attesta che chi lo ha conseguito possiede le abilità minime
necessarie per poter lavorare in modo appropriato nell’ambito di un ente pubblico,
un’azienda o uno studio professionale.
  La patente ECDL è un certificato riconosciuto dall’Unione Europea con valore valido
in tutta la Comunità.

  Nella stesura del progetto teniamo conto delle considerazioni presenti nei seguenti
documenti :
  -      Convenzione tra MPI e AICA (Dicembre 99- c.m. 482/2000)
  -      Piano di informatizzazione della Pubblica Amministrazione
  -      Protocollo d’intesa tra MPI e Ministero del lavoro e previdenza sociale
  -      Protocollo d’intesa tra MPI e il presidente della Conferenza dei rettori delle
Università italiane

  I criteri organizzativi adottati da AICA prevedono l’individuazione nel territorio
nazionale di raggruppamenti di scuole su base territoriale, in ognuno dei quali ci sia un
istituto capofila che costituisca il referente per l’AICA e faccia da intermediario per gli
istituti associati. Per la nostra zona l’istituto capofila è l’Istituto Tecnico “ Bandini “.

                                         OBIETTIVI

  ECDL favorisce l’acquisizione essenziale, ma completa di tutti gli applicativi di Office
o di qualsiasi altra suite, per cui migliora l’utilizzo efficace delle nuove tecnologie.

                                         MODALITÀ

  Dall’a.s. 2000/01 ECDL è entrata nel POF per le classi del triennio come attività
extracurriculare.

  Il Liceo Galilei ha ricevuto dall’AICA l’accredito di test-center, per cui è stato
possibile sostenere gli esami per il conseguimento della patente ECDL presso il liceo
stesso.

  Per l’a.s. 2008/09 si ritiene di mantenere ancora l’attività extracurriculare nel triennio
con esami e corsi di preparazione agli esami.

 Esami

  Per il conseguimento della "Patente Informatica Europea " sono previsti sette moduli,
cui corrispondono altrettanti esami per ciascuno dei quali sono concessi 45 minuti:

 I concetti di base delle Tecnologie dell'Informazione

 L'uso del computer e la gestione dei file

 L'elaborazione testi

 I fogli elettronici


                                                                                               183
 Le basi di dati

 Le presentazioni

 Le reti informatiche

  La Commissione di esami è costituita dalla prof.ssa Pratelli, referente AICA del
progetto, e dalle prof.sse Branconi, Muti e Pacini, in qualità di esaminatrici.

  Saranno effettuate sessioni di esami nei periodi: ottobre, dicembre, marzo/aprile,
giugno.


 Corsi di preparazione agli esami

  Nel corrente anno scolastico i corsi di preparazione agli esami saranno effettuati solo
se il numero dei partecipanti ad un corso sarà tale da coprire le spese, altrimenti saranno
consigliati testi o corsi da seguire on line.


 Previsione finanziaria:

 -      Associazione AICA: 200 €
   -    Affiliazione Bandini: 284 € (rimborso spese relative allo svolgimento delle
 funzioni di licenziatario ECDL)
 -      Progettazione: 20 ore
 -      Commissione esaminatrice: 100 ore
 -      Preparazione sessioni esami: 50 ore


           P17-PREMIO LETTERARIO “ANDREA E DONATA”

                   PROGETTO “Andrea e Donata” XII Edizione




 REFERENTE: Prof. G. Alfano


 OBIETTIVI GENERALI

 Sensibilizzare gli studenti sui valori imprescindibili della convivenza civile.



 METODOLOGIE

  1.    L’apposita commissione, nella riunione di ottobre individua la tematica e la
propone agli studenti del triennio interessati a partecipare all’iniziativa.

                                                                                              184
  2.      Gli studenti del triennio partecipano all’iniziativa con un elaborato, da inviare
nei termini prestabiliti, sulla tematica proposta.
  3.      La commissione si riunisce nel mese di marzo 2008 per la valutazione degli
elaborati, scegliendone tre per la premiazione.
  4.      Il terzo sabato di marzo ha luogo la cerimonia di premiazione dei tre migliori
elaborati. Per l’occasione viene organizzato un concerto a cura degli studenti.



 RISORSE

 a) Contributo dei genitori di Andrea e Donata.
 b) Contributo degli amici di Andrea e Donata.
 c) Contributo della Dante Alighieri.



  Il progetto è rivolto alle classi del triennio delle scuole secondarie di secondo grado di
Siena città e Provincia.
  Docenti interni nonché docenti esterni in rappresentanza delle scuole partecipanti.


                     P 18 – PROGETTI
   OLIMPIADI DELLA MATEMATICA - OLIMPIADI DELLA FISICA



 REFERENTE: Prof.ssa C.Boldrini (resp. Distrettuale olimpiadi della
matematica) per la Fisica
 REFERENTE: Prof.ssa E.Branconi per la Matematica

 COMMISSIONE:Prof.ssa Prof. M.Guidi



 OBIETTIVI GENERALI
  -       Promuovere le potenzialità intellettive, valorizzando le doti di inventiva, di
ingegnosità e di creatività degli studenti
  -       Stimolare la ricerca e l’approfondimento di tematiche in ambito matematico e
fisico
  -       Incrementare le motivazioni e l’interesse nello studio della matematica e della
fisica (con possibilità di ricaduta nelle classi)
  -       Ampliare e proseguire il processo di preparazione culturale, in armonia con i
linguaggi delle altre discipline, contribuendo alla crescita intellettuale e alla formazione
critica dei giovani e favorendo il potenziamento delle attitudini verso gli studi scientifici.


 METODOLOGIE
  -       Ricerca e trattazione di temi della matematica e della fisica estranei ai
programmi scolastici e/o relativi ad approfondimenti specifici
  -       Risoluzioni di problemi particolari come quelli proposti nelle gare matematiche
e nelle gare fisiche
                                                                                                 185
       -       Ricerca con gli alunni e creazione di particolari problemi

      RISORSE
      -     Aule
      -     Aule di informatica
      -     Software
      -     Internet
      -     Gare matematiche – gare fisiche
      -     Riviste di matematica e testi della biblioteca d’Istituto
      -     Stage organizzati in collaborazione con l’Università di Siena-Dipartimento di
     Matematica

       Il progetto è rivolto, a tutte le Classi.

       La scuola partecipa alle spese di viaggio e pernottamento che i ragazzi e gli
     accompagnatori sostengono per partecipare alle fasi nazionali.

                           P 19 – PROGETTO
           FORMAZIONE ACCOMPAGNATORI VISITE, VIAGGI E SCAMBI

  La quantità di iniziative di viaggio richiede disponibilità e flessibilità nella individuazione
degli accompagnatori. La loro funzione richiede da un lato esperienza di vicinanza all’età
degli allievi, dall’altro una preparazione che possa far divenire il mero compito di
accompagnatore una funzione educativa più evoluta.
  Tale compito potrà essere svolto da docenti della scuola o da altre categorie che, avendo già
esperienza di lavoro a contatto con i giovani in età liceale o comunque con il servizio
dell’istruzione, siano stati formati a svolgere il compito specifico.
  Gli accompagnatori potranno pertanto provenire da:
- docenti in quiescenza o comunque ex-insegnanti;
- personale ATA in servizio nella scuola.
La formazione è costituita da un corso di 30 ore così articolato:
- L’Inglese del viaggiatore: lessico ed espressioni di base per affrontare la comunicazione
    essenziale (Prof.ssa Lucia Papini)                                                 10 ore
- Definizione e legislazione del bene culturale (Preside Antonio Vannini) 2 ore
- Storia del museo e dello scavo archeologico         (Preside Antonio Vannini) 2 ore
- Il viaggio nella letteratura          (Prof. Paolo Conti)                            2 ore
- Legislazione ambientale (Dr.ssa Tozzi, Italia nostra)                                2 ore
- Elementi di legislazione internazionale (Dr.ssa Mariaconcetta Gintoli)               2 ore
- La responsabilità civile dell’accompagnatore (Avv. Otello Mancini)                   2 ore
- Il primo soccorso in viaggio          (Dr. Stefano Nepi, medico chirurgo)            2 ore




                                P 20 - Progetto volontariato
                             CESVOT “Scuola e volontariato in Toscana “
       Gli obiettivi del progetto non sono mutati, ma si sono aggiunte attività proposte per le
     scuole, proposte tese a costruire percorsi che favoriscano la conoscenza delle tematiche
     che le associazioni affrontano con le loro attività, alla costruzione di momenti di incontro
     dentro e fuori la scuola, ad avvicinare i ragazzi alle pratiche di solidarietà e di
     cittadinanza attiva percorribili alla loro età.
                                                                                                    186
 Il progetto intende contribuire alla formazione di giovani toscani dai 15 ai 19 anni a:

 -                   la CITTADINANZA ATTIVA
 -                   la SOLIDARIETA’
 -                   il BENE COMUNE

                                        Missione in Peru’
 scuola per bambini Suore Domenicane

 - modalità: conferenze ,esperti,(collegamento a progetto esterno PRS-T)
 - raccolta fondi (collegamento a progetto esterno PRS-T)
 - tempi: aprile-maggio

                                     Progetto PP Cappuccini

  Tema dell’incontro è quello della situazione della società africana nelle zone in cui
operano attualmente i Cappuccini toscani, cioè la Tanzania e la Nigeria e delle iniziative
intraprese per il sostegno ed il progresso, sia materiale che spirituale.
  La referente della commissione chiede di poter invitare nuovamente padre Corrado
Trivelli ex collega, per un incontro su questi temi ai fini di una giusta formazione e d
educazione dei giovani. Inoltre si prevedono attività a carattere solidale (es.Campansi,
casa circondariale ..)




                                                                                             187

								
To top