Lezioni di Microeconomia Lezione 12 by R1Jh3mT

VIEWS: 65 PAGES: 21

									      Lezioni di Microeconomia

                               Lezione 12

                      Le Forme di Mercato
                               L’Oligopolio


Lezione 11: Mercati non concorrenziali        Slide 1
 Concorrenza monopolistica

          Caratteristiche:

           1) Molte imprese

           2) Libertà di entrata e di uscita

           3) Prodotto differenziato (il potere
                monopolistico dipende dal grado di
                differenziazione)



Lezione 11: Mercati non concorrenziali               Slide 2
     L’impresa in concorrenza monopolistica
     nel breve e nel lungo periodo

P              Breve periodo                  P     Lungo periodo
                                  MC                                  MC

                                        AC                                   AC

PSR

                                              PLR

                                             DSR
                                                                           DLR

                                    MRSR
                                                                    MRLR

                    QSR                Quantità       QLR                  Quantità

    Lezione 11: Mercati non concorrenziali                            Slide 3
 L’impresa in concorrenza monopolistica
 nel breve e nel lungo periodo

          breve periodo
            La    differenziazione del prodotto
               fa sì che l’impresa operi come un
               monopolista (MC < P)
              Il profitto è massimizzato quando MR =
               MC
              l’impresa                 guadagna   profitti
               positivi

Lezione 11: Mercati non concorrenziali                  Slide 4
 L’impresa in concorrenza monopolistica
 nel breve e nel lungo periodo

          lungo periodo
              Altre imprese, attratte dai profitti, entrano sul mercato (non vi sono
               barriere all’entrata)
              La quota di mercato ed il prezzo della singola impresa si riducono
              La curva di domanda si contrae (si trasla verso il basso, DLR) fino a
               diventare tangente al costo medio AC.
              L’impresa realizza solo profitti “normali” (MR=MC) e (P = AC)
              Tuttavia:
                   L’impresa non opera al minimo costo medio di LP
                   l’impresa ha ancora un potere di mercato (p >MC)
                   Nell’industria la quantità prodotta aumenta




Lezione 11: Mercati non concorrenziali                                              Slide 5
 I Mercati oligopolistici

       DEFINIZIONE:

          Forma di mercato in cui le imprese
           presenti sono poche e grandi
          Il prodotto può essere sia omogeneo
           che differenziato
          Le barriere all’entrata possono esserci o
           non esserci



Lezione 11: Mercati non concorrenziali          Slide 6
 I Mercati oligopolistici

       Se le imprese sono “poche” e “grandi”
        la scelta della singola impresa è rilevante per il
         risultato complessivo del mercato …

        … quindi quando un’impresa definisce la propria
         scelta deve tenere conto delle possibili scelte
         delle altre (perché quel che fanno le altre
         influenza il proprio profitto)




Lezione 11: Mercati non concorrenziali                 Slide 7
 I Mercati oligopolistici
       L’impresa oligopolistica sa:

            che i risultati della sua scelta dipendono dalle
             scelte delle altre imprese

            che le altre imprese si trovano nella stessa
             situazione

            Questo fenomeno viene chiamato “interazione
             strategica” ed è ciò che distingue l’oligopolio da
             tutte le altre forme di mercato
                sia in monopolio che in concorrenza, il profitto
                 dell’impresa dipende solo dalla sua scelta


Lezione 11: Mercati non concorrenziali                       Slide 8
                Collusione e cartelli

          Un oligopolio può essere caratterizzato da
           una collusione o da una competizione tra le
           imprese
          COLLUSIONE
              accordo implicito o esplicito tra le imprese per
               evitare o limitare la concorrenza reciproca
          CARTELLO
              accordo formale tra le imprese finalizzato a
               evitare o limitare la concorrenza
                 esempio: OPEC




Lezione 11: Mercati non concorrenziali                        Slide 9
 Oligopolio

          Il modello di Cournot
              Duopolio
                   Vi sono due imprese presenti nel
                    mercato
                   Bene omogeneo
                   Si assume che la produzione dell’altra
                    impresa sia fissa


Lezione 11: Mercati non concorrenziali                 Slide 10
 La decisione dell’impresa 1 riguardo alla
 produzione
                                        Se l’impresa 1 pensa che l’impresa
                                        2 non produrrà nulla, la sua curva
             P1                             di domanda, D1(0), è uguale
                              D1(0)      alla curva di domandadi mercato.


                                                          Se l’impresa 1 pensa che l’impresa
                                                     2 produrrà 50 unità, la sua curva di domanda
                                                     si sposterà verso sinistra di tale ammontare.


                                                              Se l’impresa 1 pensa che l’impresa
                                                         2 produrrà 75 unità, la sua curva di domanda
                                      MR1(0)             si sposterà verso sinistra di tale ammontare.
       D1(75)


      MR1(75)
                                                                       MC1


                           MR1(50)                     D1(50)

                    12.5 25             50                             Q1

Lezione 11: Mercati non concorrenziali                                                    Slide 11
 Oligopolio

          La curva di reazione
              La curva di reazione della impresa 1
               rappresenta quanto tale impresa
               deciderà di produrre in funzione del
               livello di produzione che si attende
               dall’impresa 2.
              Essa è una funzione decrescente .



Lezione 11: Mercati non concorrenziali                Slide 12
 Curve di reazione ed equilibrio di
 Cournot

                    La curva di reazione della impresa 1 mostra
             Q1      quantoessa produrrà in funzione di quanto
                         pensa che l’impresa 2 produrrà.
           100
                                                  La curva di reazione della impresa 2 mostra
                                                   quantoessa produrrà in funzione di quanto
             75                                         pensa che l’impresa 1 produrrà.
                                 Curva di reazione
                                 dell’impresa 2 Q*2(Q1)

                                                                     In un equilibrio a la Cournot,
             50 x                                                     ciascuna impresa prevede
                                                Equilibrio di
                                                Cournot                     correttamente
                                                                      quanto produrranno i suoi
                                                                    concorrenti e, di conseguenza,
             25                       x                                massimizza I suoi profitti
                    Curva di reazione
                    dell’impresa 1 Q*1(Q2)       x

                                                                x
                        25          50         75          100          Q2

Lezione 11: Mercati non concorrenziali                                                Slide 13
 L’oligopolio di Sweezy
       1938  l’economista americano Paul Sweezy
        sviluppò un modello per spiegare la tendenza
        alla rigidità dei prezzi dei mercati oligopolistici
       Ciascun oligopolista si trovi di fronte ad una
        curva di domanda spezzata in corrispondenza
        del prezzo prevalente …
       … poiché le imprese, nel prendere le loro
        decisioni, debbono tener conto di ciò che
        faranno i concorrenti (interdipendenza
        strategica)


Lezione 11: Mercati non concorrenziali                Slide 14
 L’oligopolio di Sweezy
         la curva di domanda ad angolo 
          l’impresa immagina che se aumenta i
          prezzi le concorrenti non la seguono, la
          domanda è elastica e l’impresa perde quote
          significative di mercato
         se diminuisce i prezzi le concorrenti la
          imitano: la domanda è rigida e le vendite
          aumentano di poco
         la domanda ad angolo è una curva di
          domanda congetturale


Lezione 11: Mercati non concorrenziali          Slide 15
 L’oligopolio di Sweezy
    L’interdipendenz                    P    La curva è spezzata
     a tra le imprese                         in corrispondenza del
     oligopolistiche                          prezzo prevalente
     genera una curva
     di domanda con
     due         differenti              P*

     tratti di elasticità
    Un primo tratto
     più elastico
    Ed un secondo
     tratto più rigido                        Q*                  Q



Lezione 11: Mercati non concorrenziali                      Slide 16
     L’oligopolio di Sweezy
                                              La presenza di una curva di
P
                                              domanda spezzata genera
                                              una curva di RMg discontinua

                                              Con un primo tratto
                                              corrispondente alla porzione
P*                                            di curva di domanda più
                                              elastica

                                              Ed un secondo tratto
                                              corrispondente alla porzione
                                              di domanda più rigida

                 Q*                       Q
                                              Tra li due tratti vi è un salto
                                              (corrispondente al punto di
                                              discontinuità)
 Lezione 11: Mercati non concorrenziali                               Slide 17
 L’oligopolio di Sweezy
                                               L’equilibrio con prezzi rigidi:
 P
                                               L’equilibrio si trova in
                                               CMg=RMg

 P*                                      CMg   Uno spostamento verso
                                               l’alto (o verso il basso) della
                                               curva di CMg lascia
                                               inalterato l’equilibrio

                                               Ciò spiega perché in
                                               oligopolio il prezzo resta
                                               costante per lunghi periodi
                                               di tempo
                      Q*                   Q



Lezione 11: Mercati non concorrenziali                               Slide 18
                     La teoria dei giochi:
                     alcune parole chiave


          Gioco
              situazione nella quale agenti interdipendenti
               devono compiere scelte intelligenti
          Strategia
              linea di comportamento che l’agente seguirà, in
               ogni situazione prevedibile
          Strategia dominante
              la migliore strategia possibile,
               indipendentemente dalle scelte degli altri agenti


Lezione 11: Mercati non concorrenziali                     Slide 19
 Dilemma del prigioniero

          Due sospettati vengono arrestati e
           accusati di un crimine
          La polizia non ha prove sufficienti per
           incriminarli a meno che uno dei due
           non confessi
          Pertanto li tiene in celle separate e
           spiega loro le conseguenze delle loro
           eventuali azioni

Lezione 11: Mercati non concorrenziali          Slide 20
   Un esempio di gioco:il dilemma del prigioniero

     •Se nessuno dei due confessa, saranno entrambi condannati per un reato minore (1 mese di
     carcere)
     •Se entrambi confessano la pena sarà di 6 mesi
     •Se uno confessa e l’altro no, chi ha confessato verrà immediatamente rilasciato, mentre l’altro
     dovrà scontare 9 mesi
                                                           Prigioniero 2

                                             Non confessa                  Confessa


                    Non confessa                 -1 -1                       -9 0

   Prigioniero
   1
                    Confessa                      0 -9                       -6 -6




Lezione 11: Mercati non concorrenziali                                                      Slide 21

								
To top