DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMUNITARIE ED INTERNAZIONALI - UNIPA - DOC by OJXgOy

VIEWS: 39 PAGES: 36

									               DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMUNITARIE ED INTERNAZIONALI
                          UNITA' OPERATIVA PROGETTI COMUNITARI
                           UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PALERMO




                                       Bollettino Bandi in Scadenza
                                                              Agosto 2009



             Assessorato al Lavoro
                            Regione Siciliana




****************************************************************************************************************************************************
                                                                     ***********


                                                         Il bollettino
                                                      è realizzato in
                                                     collaborazione
                                                       con SINTESI
*********************************************************************************************************************************** *****************
                                                                     ***********


Aiuti a paesi terzi e vicini
EuropeAid
Invito a presentare proposte per azioni distinte in vari paesi
scadenze: a partire dal 07/08/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Formazione nel settore audiovisivo
Programma MEDIA 2007
Invito a presentare proposte

Continous Training
scadenza: 07/08/2009

Initial Training
scadenza: 19/08/2009


****************************************************************************************************************************************************
                                                                     ***********


Istruzione e Formazione
Lifelong Learning Programme
EQF: Quadro Europeo delle Qualifiche – sostegno a consorzi per una corretta e duratura applicazione
dell’EQF
Sottoprogramma trasversale: Attività chiave 1 - sostegno nel campo dell'istruzione e della formazione
Invito a presentare proposte
scadenza: 14/08/2009


Comenius e Grundtvig
Invito a presentare candidature
scadenza: 15/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Comunità della conoscenza e dell'innovazione
EIT-KICS-2009
Invito a presentare proposte
scadenza: 27/08/2009


******************************************************************************************************** ********************************************
                                                                     ***********


Competitività e innovazione
Programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP)
Invito 2009 a presentare proposte

Europe Innova 2009 - Bando per promuovere l'innovazione IMP3rove
scadenza: 31/08/2009

Programma per l’Imprenditorialità e l’Innovazione (EIP) - ECO-INNOVAZIONE
scadenza: 10/09/2009

Programma di sostegno alla politica in materia di tecnologie dell'informazione e della
comunicazione - ICT PSP
scadenza: 23/09/2009

Europe Innova 2009 - Bando per piattaforme europee per l'Eco-innovazione (ECO EIP)
scadenza: 25/09/2009


********************************************************************************************************************** ******************************
                                                                     ***********


Trasporto aereo sostenibile
Joint Technology Initiative 'Clean Sky'
Primo Bando
scadenza: 31/08/2009


****************************************************************************************************************************************************
                                                                    ***********



Attività culturali in Libano
Bando 2009
scadenza: 31/08/2009


****************************************************************************************************************************************************
                                                                    ***********


Occupazione Affari Sociali e Pari Opportunita’
Programma Progress
Bandi aperti

Relazioni Industriali e Dialogo Sociale
VP/2009/001 – scadenza: 01/09/2009

Azioni Transnazionali sulla Sperimentazione Sociale
VP/2009/005 – scadenza: 01/09/2009

Benessere al lavoro e partecipazione finanziaria
VP/2009/010 – scadenza: 01/09/2009

Informazione, Consultazione e Partecipazione dei Rappresentanti delle Imprese
VP/2009/003 – scadenza: 07/09/2009

************************************************************************************************************************************************* ***
                                                                     ***********


Società civile e Cittadinanza Europea
Programma Europa per i cittadini - Azione 1, Cittadini attivi per l’Europa
Misura 1.1 Incontri tra città Gemellate
Misura 1.2 Collegamento in rete telematico tra le città gemellate
Invito a presentare proposte
scadenza: 01/09/2009


****************************************************************************************************************************************************
                                                                    ***********
Giovani
Programma Gioventù in azione
Invito a presentare proposte
scadenza: 01/09/2009 , 30/09/2009, 01/11/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Nanoelettronica
ENIAC
Inviti a presentare proposte
scadenza: 03/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Sistemi Integrati
Artemis
Inviti a presentare proposte
scadenza: 03/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Giustizia , libertà e sicurezza
Programma Hercule II
Formazione in materia di lotta contro la frode
scadenza: 11/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


Natura e biodiversità
Programma Life+
Invito a presentare proposte 2009
scadenza: 15/09/2009


************************************************************************************** **************************************************************
***********


Cooperazione con Australia, Giappone e Corea
Programma ICI
Bando di cooperazione nel settore dell'istruzione superiore e della formazione fra UE e Australia, Giappone e
Corea
scadenza: 15/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
***********


cooperazione transfrontaliera nel Mediterraneo
Programma ENPI CBC MED
Invito a presentare proposte
scadenza: 16/09/2009


Scambi bilaterali Italia-Germania
Programma Vigoni
Bando 2009
scadenza: 18/09/2009


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********

Promozione di reti scientifiche
Programma COST
Invito a presentare proposte
scadenza: 25/09/2009



Reti di iniziative di mediazione delle conoscenze nei settori dell'istruzione e
formazione
Invito a presentare proposte
scadenza: 29/09/2009
Programma Cultura
Invito a presentare proposte

Proposte per progetti di cooperazione
scadenza: 01/10/2009


Sostegno agli organismi attivi a livello europeo nel settore della cultura
scadenza: 01/11/2009


Sviluppo urbano sostenibile
Programma URBACT II
Bando per la costituzione di un pool di esperti tematici
scadenza: 31/12/2010

****************************************************************************************************************************************************
                                                                     ***********


                                            La Commissione europea ha pubblicato nell’ambito dei programmi di lavoro provvisori del
                                            VII Programma Quadro di azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e
                                            dimostrazione (2007-2013) e del VII Programma quadro della Comunità europea
                                            dell’energia atomica (Euratom) di attività di ricerca e formazione nel settore nucleare
                                            (2007-2011) vari inviti a presentare proposte.

                                                                          RIFERIMENTO: GUCE C N. 316 DEL 22 DICEMBRE 2006, PAG. 23


***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********




Programma Persone
Invito a presentare proposte sulle seguenti tematiche:

Marie Curie: Partenariati con l’Industria, formazione avanzata, mobilità transnazionale, reintegrazione internazionale
Scadenza:
18/08/2009                 FP7-PEOPLE-2009-IEF, FP7-PEOPLE-2009-IOF, FP7-PEOPLE-2009-IIF
08/10/2009                 FP7-PEOPLE-2009-RG



Programma Cooperazione
Invito a presentare proposte sulle seguenti tematiche:

Tecnologie dell'informazione e della comunicazione
Scadenze:
22/09/2009 + ogni 4        FP7-ICT-2009-C - open scheme
mesi                       FP7-ICT-2009-5
26/10/2009                 FP7-2010-ICT-GC
03/11/2009

Energia
Scadenze:
15/10/2009                 FP7-ENERGY-2010-1
15/10/2009                 FP7-ENERGY-2010-FET
30/11/2009                 FP7-ENERGY-2010-INDIA
04/03/2010                 FP7-ENERGY-2010-2

Salute
Scadenze:
29/10/2009                 FP7-HEALTH-2010-two-stage
19/11/2009                 FP7-HEALTH-2010-single-stage
03/02/2010                 FP7-HEALTH-2010-Alternative-Testing

Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e Biotecnologie
Scadenza:
29/10/2009                 FP7-INFLUENZA-2010
14/01/2010                 FP7-KBBE-2010-4

Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di
produzione
Scadenze:
03/11/2009                 FP7-2010-NMP-ICT-FoF

Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, Nanoscienze,
nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione
Scadenze:
03/11/2009                 FP7-2010-NMP-ENV-ENERGY-ICT-EeB

Sicurezza
Scadenze:
26/11/2009              FP7-SEC-2010-1

Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione
Scadenze:
30/11/2009              FP7-NMP-2010-EU-USA
08/12/2009              FP7-NMP-2010-LARGE-4
08/12/2009              FP7-NMP-2010-SMALL-4
08/12/2009              FP7-NMP-2010-SME-4
15/12/2009              FP7-NMP-2010-EU-Mexico
02/02/2010              FP7-NMP-2010-CSA-4

Spazio
Scadenze:
08/12/2009              FP7-SPACE-2010-1

Scienze Socioeconomiche e scienze umane
Scadenze:
15/12/2009              FP7-SSH-2010-4
02/02/2010              FP7-SSH-2010-1
02/02/2010              FP7-SSH-2010-2
02/02/2010              FP7-SSH-2010-3

Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici)
Scadenze:
05/01/2010              FP7-ENV-2010

Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e Biotecnologie
Scadenze:
14/01/2010              FP7-AFRICA-2010

Trasporti (incluso Aereonautica)
Scadenze:
14/01/2010              FP7-AAT-2010-RTD-RUSSIA
14/01/2010              FP7-TRANSPORT-2010-TREN-1
14/01/2010              FP7-SST-2010-RTD-1
14/01/2010              FP7-TPT-2010-RTD-1
14/01/2010              FP7-AAT-2010-RTD-CHINA
14/01/2010              FP7-AAT-2010-RTD-1

Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e Biotecnologie , Scienze
Socioeconomiche e scienze umane, Trasporti (incluso Aereonautica)
Scadenze:
14/01/2010              FP7-OCEAN-2010

Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di
produzione, Trasporti (incluso Aereonautica)
Scadenze:
14/01/2010              FP7-2010-GC-ELECTROCHEMICAL-STORAGE

Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e Biotecnologie, Attività Generali,
Salute, Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione, Trasporti (incluso Aereonautica)
Scadenze:
19/01/2010              FP7-ERANET-2010-RTD



Programma Capacità
Invito a presentare proposte sulle seguenti tematiche:

Potenziale di Ricerca
Scadenza:
15/10/2009              FP7-REGPOT-2010-5
17/12/2009              FP7-REGPOT-2010-1

Infrastrutture di Ricerca
Scadenza:
24/11/2009              FP7-INFRASTRUCTURES-2010-2
03/12/2009              FP7-INFRASTRUCTURES-2010-1

Scienza e Società
Scadenza:
02/12/2009              FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-UNIV
21/01/2010              FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-1
21/01/2010              FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-CAREERS
29/04/2010              FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-NCP

Ricerca a beneficio delle PMI
Scadenza:
03/12/2009              FP7-SME-2010-1

Regioni della Conoscenza
Scadenza:
14/01/2010              FP7-REGIONS-2010-1
Attività di Cooperazione Internazionale
Scadenza:
19/01/2010                 FP7-INCO-2010-1
19/01/2010                 FP7-INCO-2010-2
19/01/2010                 FP7-INCO-2010-3
19/01/2010                 FP7-INCO-2010-6



Programma specifico IDEAS
ERC
Scadenze:
28/10/2009                 ERC-2010-StG_20091028 Scienze fisiche e Ingegneria
18/11/2009                 ERC-2010-StG_20091118 Scienze della vita
18/11/2009                 ERC-2010-StG_20091118
09/12/2009                 ERC-2010-StG_20091209 Scienze sociali e umanistiche
09/12/2009                 ERC-2010-StG_20091209



Costituzione di una base dati di potenziali esperti indipendenti
Invito destinato a singoli individui
Scadenza: bando aperto fino al 31/07/2013

***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********


EuropeAid. Invito a presentare proposte per azioni distinte in vari paesi
Scadenze: dal 07/08/2009

L'obiettivo di EuropeAid è far giungere gli aiuti dove ce n'è più bisogno in modo rapido ed efficiente. Prima di destinare
dei fondi ad un'azione di sviluppo, vengono condotte attente analisi e consultazioni. Rigorosi controlli servono a
garantire che i milioni di euro stanziati ogni anno siano spesi efficacemente e in modo trasparente. Ogni azione è
valutata e seguita per assicurarne la conformità ad elevati standard di qualità.

Per assicurare la coerenza, la complementarità ed il coordinamento nella messa in atto dei programmi di assistenza
esterna in tutto il mondo, EuropeAid intrattiene rapporti di intensa collaborazione con i suoi diversi partner. Lo scopo
fondamentale è rendere gli aiuti esterni più efficaci. Svolgono un ruolo importante in questo campo la società civile, le
organizzazioni internazionali ed i governi dei singoli paesi dell'UE
EuropeAid non si limita a erogare aiuti. In quanto soggetto attivo e proattivo dell'azione per lo sviluppo, s'interessa
anche di questioni di importanza universale, promuove il buongoverno e lo sviluppo umano e sociale, affronta i
problemi della sicurezza e dei flussi migratori, dello sfruttamento delle risorse naturali, e così via.

Sotto l'egida di EuropeAid si svolgono diversi tipi di attività. Il compito principale dell'ufficio, di erogare aiuti, viene svolto
mediante una serie di strumenti finanziari (ENPI, EDF, DCI, EIDHR, IfS, NSCI). EuropeAid è attenta a garantire la
qualità degli aiuti erogati come pure la loro efficacia.

Alcuni problemi, come la povertà e il degrado ambientale, non conoscono frontiere e rappresentano una sfida per tutta
l'umanità. Per affrontare queste sfide universali occorre una cooperazione e collaborazione su scala mondiale. Poiché
spesso i paesi più poveri, che sono i meno attrezzati a farvi fronte, sono quelli più gravemente colpiti da questi
problemi, i paesi più ricchi, come quelli dell'UE, hanno il dovere morale di assistere i paesi in via di sviluppo.

Buongoverno e democrazia non sono un lusso ma diritti fondamentali di tutte le società. Costituiscono inoltre condizioni
fondamentali per un governo efficiente e rappresentativo.
Il grado di sviluppo di una società non dipende solo dal successo economico, ma è anche largamente funzione del suo
grado di sviluppo umano e sociale. La mobilità è un fenomeno connaturato al mondo moderno. Opportunamente
gestite, le migrazioni economiche possono essere un fattore positivo sia per l'Europa che per le altre parti del mondo.

EuropeAid assicura ai paesi partner un sostegno economico diretto a livello macro- e microeconomico. La sua azione
di sostegno può esplicarsi attraverso il sostegno ai bilanci nazionali o il finanziamento di attività di integrazione
regionale e di iniziative di microfinanza.
La sicurezza è un'esigenza umana fondamentale e una condizione essenziale per uno sviluppo sostenibile. L'UE aiuta
perciò i paesi partner a mantenere l'ordine pubblico in tempo di pace e a riportare la stabilità in tempo di crisi.

Le popolazioni dei paesi più poveri dipendono più direttamente dalle risorse naturali. EuropeAid si adopera per
promuovere una crescita economica su basi solide nelle zone rurali, che permetta ai paesi in via di sviluppo di
accedere a condizioni eque ai metodi di produzione, ai mercati e ai servizi. Coloro che sopravvivono al livello minimo di
sussistenza costituiscono i gruppi più vulnerabili in assoluto. L'accesso all'acqua potabile pulita e all'energia costituisce
inoltre un problema costante per molti degli abitanti più poveri del pianeta. Le risorse naturali sono una risorsa vitale
dal punto di vista economico e i paesi in via di sviluppo hanno bisogno di essere aiutati a proteggerle.

Infrastrutture di buona qualità sono un elemento indispensabile per uno sviluppo sostenibile. Qualsiasi paese ha
bisogno di sistemi efficienti per quanto riguarda i trasporti, le fognature, la distribuzione dell'energia e le comunicazioni
in modo da poter prosperare e assicurare alla popolazione un tenore di vita dignitoso. EuropeAid è fortemente
impegnata nel sostenere politiche, investimenti e servizi per il potenziamento delle infrastrutture nei paesi in via di
sviluppo.

I bandi, riguardano azioni dell’Europa verso singoli paesi o verso più paesi (multi). Qui di seguito i prossimi:

EIHDR - Country Based Support Schemes (CBSS)
Serbia - ID: EuropeAid/128689/L/ACT/RS - Scadenza: 07/08/2009
Albania - ID: EuropeAid/128736/L/ACT/AL - Scadenza: 19/08/2009
Uganda - ID: EuropeAid/128534/L/ACT/UG - Scadenza: 28/08/2009
Malesia - ID: EuropeAid/128541/L/ACT/MY - Scadenza: 01/09/2009

Attori non statali e autorità locali nello sviluppo
Ecuador - ID: EuropeAid/128361/L/ACT/EC - Scadenza: 11/08/2009
Colombia - ID: EuropeAid/128540/L/ACT/CO - Scadenza: 15/08/2009
Samoa occidentale - ID: EuropeAid/128686/L/ACT/WS - Scadenza: 18/08/2009
Mauritania - ID: EuropeAid/128562/L/ACT/MR - Scadenza: 19/08/2009
Cuba - ID: EuropeAid/128737/L/ACT/CU - Scadenza: 16/09/2009
Armenia - ID: EuropeAid/128679/L/ACT/AM - Scadenza: 21/09/2009

Sicurezza Alimentare
Corea del Nord - ID: EuropeAid/128275/C/ACT/KP - Scadenza: 28/08/2009

Tutti i paesi:
 EIDHR – Migliorare il rispetto per i diritti umani e le libertà fondamentali nei paesi e nelle regioni dove sono a maggior rischio
    ID: EuropeAid/126352/C/ACT/Multi Scadenza: 30/10/2009


Integrazione e difesa dei diritti dei bambini di strada, lotta contro l’emarginazione delle persone albine ed educazione
civica dei cittadini in vista delle elezioni del 2010 in Burundi - ID: EuropeAid/128722/D/ACT/BI Scadenza: 15/09/2009

 https://webgate.ec.europa.eu/europeaid/online-services/index.cfm?do=publi.welcome




Programma MEDIA 2007 - Invito a presentare proposte
scadenza: 07/08/2009, 19/08/2009

I presenti inviti a presentare proposte si basano sulla decisione n. 1718/2006/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio che istituisce un programma pluriennale unico per azioni comunitarie nel settore audiovisivo per il periodo
2007-2013.
Fra le azioni da realizzare in all’interno del programma Media 2007 figurano quelle relative alla formazione continua ed
iniziale.

In particolar modo per quel che riguarda la formazione continua (scadenza 07/08/2009) si intende migliorare la
formazione professionale dei professionisti del settore audiovisivo affinché acquisiscano le conoscenze e le
competenze necessarie per creare prodotti competitivi sul mercato europeo e sugli altri mercati.

Per la formazione continua l’invito è rivolto ai candidati appartenenti a una delle categorie sottoindicate, le cui attività
contribuiscono allo svolgimento delle azioni suindicate:
- scuole di cinema e di televisione;
- università;
- istituti specializzati in materia di formazione professionale;
- imprese private del settore audiovisivo;
- organizzazioni/associazioni professionali specializzate nel settore audiovisivo.

Per quel che riguarda la formazione iniziale (scadenza 19/08/2009) si vogliono incoraggiare scambi e forme di
collaborazione sostenendo la creazione di reti tra operatori europei del settore della formazione, specialmente istituti di
istruzione superiore, organizzazioni di formazione e partner del settore audiovisivo, nonché incoraggiare la mobilità di
studenti e formatori in Europa.

Per la formazione iniziale l’invito si rivolge a consorzi paneuropei di istituti di istruzione superiore, organizzazioni di
formazione e partner del settore audiovisivo le cui attività contribuiscano al conseguimento dei summenzionati obiettivi
del programma MEDIA descritti nella decisione del Consiglio.

Per essere ammissibili, le azioni e le loro attività svolte nei paesi MEDIA dovranno essere intese a sviluppare, sia per
la formazione iniziale che continua, la capacità di futuri professionisti del settore audiovisivo di comprendere e integrare
una dimensione europea nel proprio lavoro migliorando le competenze nei seguenti campi:
- formazione nel campo della gestione economica, finanziaria e commerciale,
- formazione nel campo delle nuove tecnologie audiovisive,
- formazione nel campo dello sviluppo di progetti di sceneggiature.

I candidati devono avere la loro sede in uno dei seguenti paesi:
-     I 27 paesi del’Unione europea,
-     I paesi dell’EFTA, Svizzera e Croazia.

    http://ec.europa.eu/information_society/media/training/forms/index_en.htm




EQF: Quadro Europeo delle Qualifiche e Sottoprogramma trasversale: Attività chiave 1
all’interno del Lifelong Learning Programme (LLP)
Scadenza: 14/08/2009

L'obiettivo generale del programma LLP è contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della
Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori
posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le
generazioni future.

All’interno di LLP saranno finanziate:
EQF: Quadro Europeo per le Qualifiche - azioni destinate a sostenere consorzi che contribuiranno a una corretta
e duratura applicazione dell’EQF
Sottoprogramma trasversale: Attività chiave 1 - sostegno alla cooperazione europea nel campo dell'istruzione e
della formazione.

Le azioni all’interno dell’EFQ sono destinate a sostenere consorzi che contribuiranno a una corretta e duratura
applicazione dell’EQF, quale quadro generale per agevolare la mobilità e l’apprendimento permanente, favorendo:
- lo sviluppo, la promozione e l’applicazione dell’approccio basato sui risultati dell’apprendimento per tutte le
      qualifiche a tutti i livelli,
- lo sviluppo e l’applicazione dei quadri nazionali delle qualifiche (NQF) generali in base ai risultati
      dell’apprendimento a tutti i livelli,
- una corrispondenza, trasparente e credibile, tra i livelli delle qualifiche nazionali e l’EQF instaurando una fiducia
      reciproca tra i diversi paesi e settori.
Nell’ambito del presente invito la presentazione di domande di sovvenzione è aperta in special modo ai consorzi di
organizzazioni europee, nazionali, regionali e settoriali, ivi compresi, ad esempio, ministeri, enti preposti al rilascio di
qualifiche, associazioni settoriali, parti sociali ed altre principali parti in causa con un interesse e un ruolo nei sistemi
delle qualifiche. I candidati dovranno inoltre essere sufficientemente rappresentativi per quanto riguarda il settore, il
mercato del lavoro o il sistema/i sistemi d’istruzione e di formazione cui il progetto è destinato. Le domande di
finanziamento possono essere introdotte unicamente da consorzi composti da organizzazioni cui partecipano almeno 7
diversi paesi ammissibili. Le candidature possono essere presentate da organizzazioni (comprese tutte le
organizzazioni partner) stabilite in uno dei seguenti paesi:
- i 27 Stati membri dell’UE,
- i tre paesi dell’EFTA/SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia),
- la Turchia.
Almeno tre paesi del partenariato devono essere Stati membri dell’UE.
Le attività ammissibili nell’ambito del presente invito, che saranno eseguite da consorzi, possono includere progetti che
producono reti tramite le quali lo scambio reciproco di esperienze produce risultati concreti e soluzioni durature (ossia
oltre la durata del progetto).
Le attività potrebbero comprendere ad esempio:
      o indagini e ricerca nel settore scelto per individuare questioni, problematiche e ostacoli,
      o workshop e seminari volti ad analizzare le problematiche e a proporre le relative soluzioni,
      o istituzione di gruppi di lavoro specializzati e reti per soluzioni migliorative,
      o redazione di orientamenti e altri strumenti/manuali informativi per assistere esperti e parti interessate
           nell’interpretazione e nell’applicazione dell’EQF; fornitura di traduzioni ove necessario, promozione della
           sensibilizzazione sulle attività del progetto e disseminazione dei risultati alle parti interessate.
Le attività devono aver inizio fra il 1 gennaio 2010 e il 31 marzo 2010.
La durata massima dei progetti è di 24 mesi.

Per quel che riguarda il Sottoprogramma trasversale (Attività chiave 1) gli obiettivi del presente invito a presentare
proposte sono i seguenti:
- sostenere le attività di sensibilizzazione e l’istituzione di forum e altre attività che contribuiranno a una coerenza e
    un coordinamento migliori nell’istituzione e nell’attuazione di strategie nazionali di apprendimento permanente
    coerenti e globali
- sostenere la cooperazione transnazionale nell’elaborazione e nell’applicazione di strategie nazionali di
    apprendimento permanente coerenti e globali, su scala nazionale e regionale, riguardanti tutti i tipi e i livelli di
    apprendimento,
- sostenere l’identificazione dei principali fattori critici che influenzano la corretta applicazione di strategie nazionali di
    apprendimento permanente,
- scambiare esperienze e buone pratiche e, in maniera congiunta, sperimentare, verificare e trasferire innovazioni
    relative allo sviluppo e all’attuazione di strategie di apprendimento permanente,
- garantire un forte impegno, un coordinamento e partenariati istituzionali forti con tutte le parti interessate,
-     applicare strategie di apprendi mento permanente per ottenere efficacia ed equità.

L'invito è diviso in due parti:
Parte A
    Sensibilizzazione a livello nazionale delle strategie di apprendimento permanente e della cooperazione europea nel
    campo dell’istruzione e della formazione. Le domande di finanziamento possono essere introdotte da un
    beneficiario potenziale o da un partenariato composto da più beneficiari indicati qui di seguito.
    Beneficiari possono essere ministeri nazionali dell’istruzione e della formazione, altri organismi pubblici e
    organizzazioni di parti interessate - quali associazioni regionali, nazionali o europee o altri enti privati - attivi nel
    campo dell’apprendimento permanente (istruzione prescolastica, scuole, IFP, istruzione superiore e apprendimento
    per gli adulti).
Parte B
    Sostegno alla cooperazione transnazionale nello sviluppo e nell’attuazione delle strategie nazionali e regionali di
    apprendimento permanente. Le domande di finanziamento possono essere introdotte unicamente da partenariati
    composti da organizzazioni cui partecipano almeno 3 diversi paesi ammissibili.
    Beneficiari possono essere ministeri nazionali dell’istruzione e della formazione, altri organismi pubblici e
    organizzazioni di parti interessate — quali associazioni o altri enti privati — attivi a livello europeo o nazionale nel
    campo dell’apprendimento permanente (istruzione prescolastica, scuole, IFP, istruzione superiore e apprendimento
    per gli adulti).

Le candidature possono essere presentate da organizzazioni (comprese tutte le organizzazioni partner) stabilite in uno
dei seguenti paesi:
- I 27 Stati membri dell’UE,
- I tre paesi dell’EFTA/SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia),
- la Turchia.
Almeno un paese del partenariato deve essere uno Stato membro dell’UE (ciò si applica unicamente alla Parte B del
presente invito).
Il contributo finanziario della Comunità non può superare il 75 % del totale dei costi ammissibili. La sovvenzione
massima per progetto sarà di 120 000 EUR per la Parte A e di 200 000 EUR per la Parte B.

    http://eacea.ec.europa.eu/llp/funding/2009/index_en.htm




EIT-KICS-2009. Invito a presentare proposte
Scadenza: 27/08/2009


E’ stato pubblicato un invito a presentare proposte per la formazione per la formazione di comunità della conoscenza e
dell’innovazione presso l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT).

I settori prioritari compresi nell’invito sono:
      attenuazione e adattamento ai cambiamenti climatici;
      energia rinnovabile;
      la società dell’informazione e della comunicazione del futuro.

    http://eit.europa.eu/kics-call.html




Programma Quadro per la competitività e l'innovazione (CIP).
Scadenze: 31/08/2009 (IMP³rove),10/09/2009 (EIP), 23/09/2009 (ICT PSP), 25/09/2009 ECO-EIP


Sono stati pubblicati quattro inviti a presentare proposte per azioni nell'ambito del programma quadro per la
competitività e l'innovazione (CIP). Tali azioni dovrebbero trattare dell'innovazione, sia non tecnologica che
tecnologica: sono ESCLUSE le attività di ricerca e sviluppo tecnologico.

Il primo è il bando per lo sviluppo dell’uso degli strumenti di gestione dell’innovazione nati nell’ambito del progetto
IMP³rove (progetto finanziato nel 2005 nel quadro dell’iniziativa Europe Innova).

L’obiettivo è quello di garantire la manutenzione e l’ulteriore sviluppo della piattaforma IMP³rove e dei relativi servizi e
promuoverne un ampio
utilizzo da parte dei fornitori di sostegno pubblico all’innovazione e dei consulenti privati che si occupano di gestione
dell’innovazione. Ciò dovrebbe da ultimo migliorare la qualità della consulenza in questa materia e ridurre i costi di
consulenza pagati dalla PMI innovative che vi ricorrono.

Una proposta di progetto deve comprendere (tutte) le seguenti attività:
1. Gestione della piattaforma on-line IMP³rove e dei servizi relativi: tale piattaforma deve essere mantenuta e
   migliorata in modo che rappresenti lo stato dell’arte delle soluzioni disponibili per i prossimi anni e dovrebbe essere
   resa disponibile come piattaforma on-line facilmente accessibile e di facile utilizzo;
2. Gestione della rete dei partner associati IMP³rove che dovrebbe essere allargata per comprendere intermediari di
   grande dimensione (come la rete Enterprise Europe Network), attori finanziari, agenzie per l’innovazione,
   università, business school ed altri operatori interessati;
3. Creazione dell’Accademia Europea per la Gestione dell'Innovazione (formazione per formatori sulla gestione
   dell’innovazione) che assumerà il coordinamento generale delle attività di formazione.
4. Sviluppo di schemi di certificazione per i consulenti nella gestione dell'innovazione e per le piccole PMI:
5. Mantenimento ed aggiornamento e analisi del database IMP³rove;
6. Ideazione di una strategia per l’autosostenibilità della piattaforma nel tempo.

La proposta progettuale dovrebbe comprendere inoltre una o più delle seguenti attività facoltative:
- organizzazione di Tavole Rotonde sulla Gestione dell'Innovazione;
- monitoraggio e analisi dei nuovi sviluppi e tendenze nel Design management;
- monitoraggio e analisi dei nuovi sviluppi e tendenze della gestione della Proprietà Intellettuale.

I beneficiari saranno organismi che offrono sostegno all’innovazione, che abbiano esperienza nel prestare servizi di
gestione dell’innovazione e contatti regolari con le PMI; devono inoltre possedere un'ampia copertura geografica
(ovvero la capacità di raggiungere le PMI di tutti i 27 Stati membri UE).

Il contributo può coprire fino al 65% dei costi ammissibili, per un importo massimo di 2 milioni di euro.

CIP EIP - Eco-Innovazione finanzia progetti pilota e progetti di prima applicazione commerciale sull’eco-innovazione,
relativi a prodotti, servizi, processi produttivi o metodi di gestione eco-innovativi finalizzati alla prevenzione o riduzione
dell’impatto ambientale e all’ottimizzazione dell’uso delle risorse, secondo un approccio che considera l’intero ciclo di
vita.
Le Priorità per il 2009 sono:
1. Riciclaggio dei materiali
      processi e metodi migliori di selezione dei materiali di scarto,
      prodotti innovativi che utilizzino materiali riciclati o che agevolino il riciclaggio,
      innovazioni commerciali tese ad aumentare la competitività dell’industria del riciclo.
2. Edifici
      prodotti innovativi per la costruzione di edifici, destinati a un uso più razionale delle risorse e a un più ridotto
          impatto
      ambientale,
      riuso e riciclo di rifiuti di costruzione e di demolizione,
      sistemi innovativi riguardanti la gestione dell’acqua (risparmio, ri-uso, raccolta di acque piovane, ecc.).
3. Alimenti e bevande
      prodotti puliti e innovativi, compresi metodi e materiali per il confezionamento e processi e servizi per un’alta
          efficienza dell’uso delle risorse,
      prodotti puliti e innovativi, processi e servizi volti a ridurre i rifiuti e le emissioni di gas a effetto serra e/o ad
          aumentare il riciclo e il risparmi di materiali,
      miglioramento dell’efficienze nel consumo di acqua dei processi produttivi o dell’eco-efficienza nella gestione
          dell’acqua,
      prodotti, processi e servizi innovativi puliti finalizzati a ridurre l’impatto ambientale del consumo di cibi e
          bevande.
4. Business verdi e acquisti intelligenti
      approcci innovativi al sistema EMAS,
      prodotti e servizi accessori e di attuazione che permettano la riduzione dell’impatto ambientale, seguendo i
          principi della politica integrata di prodotto e sulla base dell’approccio di ciclo di vita,
      implementazione e miglioramento dell’uso dei criteri ambientali per le decisioni di acquisto delle imprese e
          ampliamento del concetto di appalti verdi al settore privato,
      ecologizzazione della produzione, sostegno a processi ambientali innovativi con un alto potenziale di
          replicabilità.

Il Bando relativo al programma CIP – ICT PSP, per il sostegno alla politica in materia di TIC (Tecnologie
dell’Informazione e della Comunicazione) nel quadro del programma per la promozione della competitività e
dell’innovazione (CIP): priorità 3.5: e-Partecipazione.
Il programma ha il fine di stimolare l’innovazione e la competitività attraverso un’ampia adozione e un miglior uso delle
TIC da parte dei cittadini, delle amministrazioni e delle imprese, e in particolare le PMI.
L’azione 3.5 in particolare ha l’obiettivo di affrontare le attuali sfide poste al processo decisionale attraverso soluzioni
basate sulle TIC: fra le altre cose si tratta di lottare contro il deficit democratico percepito, che richiede nuove relazioni
fra politici e cittadini, in particolare a livello europeo; di avvicinare i cittadini e i politici e al processo decisionale,
sostenendo il coinvolgimento dei cittadini, e di ridurre la complessità del processo decisionale e di quello legislativo.

Il bando riguarda il tema 3: TIC per il governo e la governante, azione 3.5: e-Partecipazione: dare ai cittadini la
possibilità di partecipare a un processo decisionale trasparente nell’UE
Strumento di attuazione: Progetti pilota tipo B. È previsto il finanziamento di più progetti.
I progetti devono concentrarsi su almeno uno dei seguenti obiettivi:
- agevolare un processo decisionale e politico più trasparente, promuovendo una maggiore comprensione e una
maggiore chiarezza dei testi legislativi anche per i non specialisti,
- rafforzare la partecipazione diretta dei cittadini e della società civile al processo decisionale
- coinvolgere i cittadini nel processo decisionale promuovendo le capacità dei social network, utilizzando modelli di
intermediazione, ecc.

I Progetti pilota di tipo B sono progetti che riguardano l’implementazione di servizi innovativi basati sulle TIC
indirizzati a bisogni dei cittadini, delle amministrazioni e delle imprese. Possono riguardare anche la ripetizione e più
ampia convalida di buone prassi (se previsto fra le priorità di un tema). L’enfasi è posta sullo sviluppo dell’innovazione
nei servizi, conseguentemente il progetto deve basarsi su un lavoro di ricerca e sviluppo già completato e può
occuparsi di estendere servizi prototipo già testati o di combinare/integrare soluzioni parziali per realizzare un
approccio nuovo e innovativo. Il risultato in ogni caso deve essere un servizio pilota con alto impatto potenziale. Ci si
attende che i servizi in oggetto siano implementati in almeno 4 Stati partecipanti.
Il progetto deve dimostrare la fattibilità tecnica, organizzativa e legale del servizio e valutare l’impatto della soluzione
proposta nel caso di una su ampia diffusione.
Un progetto di questo tipo deve riunire almeno 4 partecipanti di 4 Stati diversi. Inoltre il consorzio proponente deve
comprendere tutti gli attori chiave necessari nella catena del valore per la installazione del servizio (es. provider di
servizi e contenuti, imprese, comprese le PMI, organizzazioni rappresentative degli organizzatori finali, ecc.).
La durata può variare da 24 a 36 mesi.
I Beneficiari sono persone giuridiche pubbliche o private.
Il contributo, per i Progetti pilota tipo B, può coprire fino al 50% dei costi ammissibili, per un importo medio di 2 - 2,5
milioni di euro.

Nel quadro del programma CIP – EIP è stato pubblicato un nuovo bando dedicato alle Piattaforme dell’innovazione sul
tema dell’Eco – innovazione (ECO-EIP)nell’ambito dell’iniziativa Europe INNOVA.
Le piattaforme europee Europe Innova hanno l’obiettivo di sviluppare tutte le forme di innovazione, tecnologica e non
tecnologica, attraverso attività che sviluppano e testano sulle PMI servizi di supporto nuovi o migliorati.
In particolare l’azione 3 (Piattaforma europea per l’innovazione sul tema dell’Eco-innovazione - ECO-IP), oggetto del
bando, contribuisce all’attuazione delle iniziative Mercati guida e ETAP
Il bando, complementare al bando ENT_CIP_09_C_N01S00 (scaduto il 12 febbraio scorso) riguarda 2 misure
dell’azione, e precisamente:
misura 4: Partenariati settoriali per la piattaforma europea per l’innovazione sul tema dell'Eco – innovazione
misura 6: Potenziamento dell’ampia comunità per l’Eco-innovazione all’interno della piattaforma europea per
l’innovazione sul tema dell'Eco – innovazione.
Il bando beneficia di un budget di 7.065.000 euro, con i quali saranno finanziati al massimo 2 partenariati per l’asse 4 e
1 progetto per l’asse 6.

 http://ec.europa.eu/enterprise/newsroom/cf/itemlongdetail.cfm?item_id=3197&lang=en (IMP³rove)
 http://ec.europa.eu/environment/eco-innovation/call_en.htm (EIP)
 http://ec.europa.eu/information_society/activities/ict_psp/participating/calls/call_proposals_09_bis/index
 _en.htm
 http://ec.europa.eu/enterprise/newsroom/cf/itemlongdetail.cfm?item_id=3238&tpa_id=1007&lang=en
 (ECO EIP)
 http://ec.europa.eu/cip/index_en.htm



Joint Technology Initiative 'Clean Sky'. Primo Bando
scadenza: 31/08/2009


Clean Sky è una iniziativa tecnologica attivata dalla Commissione Europea al fine di mobilitare risorse significative per
incentivare tecnologie avanzate per migliorare l'impatto del trasporto aereo sull'ambiente.

Il settore dell’aviazione si trova in una fase critica per il suo sviluppo. Il suo impatto in termini di emissioni di gas a
effetto serra, attualmente pari al 3% delle emissioni totali, rischia di aggravarsi con l’aumento costante del traffico
aereo. Il trasporto aereo è anche una delle principali fonti di inquinamento acustico. Infine, l’industria aeronautica
europea si trova ad affrontare una concorrenza sempre più agguerrita a livello mondiale.

L’Unione europea ha deciso di raccogliere la sfida puntando su un partenariato pubblico-privato senza precedenti, che
riunisce i principali operatori dell’industria aeronautica e rappresentanti del mondo della ricerca.
Questa scommessa si concretizza oggi nel lancio dell’iniziativa tecnologica congiunta “Clean Sky”, che riunisce 86
organizzazioni di 16 paesi, 54 imprese, di cui 20 PMI, 15 centri di ricerca e 17 università.

Questo nuovo tipo di partenariati è il frutto del programma specifico “Cooperazione” del 7° programma quadro europeo
(7° PQ) per la ricerca e lo sviluppo. Forte di una dotazione di 1,6 miliardi di euro (di cui 800 milioni a titolo del 7° PQ),
l’iniziativa intende accelerare lo sviluppo di tecnologie innovative per dare vita ad una nuova generazione di “aeromobili
ecologici”.
“Clean Sky” sarà incentrata su sei settori tecnici (“dimostratori tecnologici integrati”), che andranno dai motori
all’architettura stessa degli aeromobili. Un valutatore tecnologico analizzerà i risultati delle ricerche, dalla fase
sperimentale alle dimostrazioni in volo.
L’obiettivo dell’iniziativa “Clean Sky” è quello di ridurre, entro il 2020, del 50% le emissioni di CO2, dell’80% quelle di
NOx e del 50% l’inquinamento acustico, e di introdurre al tempo stesso un ciclo di vita ecologico dei prodotti, che
prenda in considerazione tutte le fasi: progettazione, fabbricazione, manutenzione ed eliminazione/riciclaggio.

Il bando include 72 topic, per un valore complessivo di 35,4 M€ (a cui corrispondono 26,5M€ di finanziamento).

“Clean Sky” (“Cielo pulito) riunisce partner dei settori pubblico e privato al fine di sviluppare trasporti aerei in grado di
combinare rispetto dell’ambiente, innovazione e competitività.

 www.cleansky.eu
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=221




Attività culturali in Libano. Bando 2009
scadenza: 31/08/2009

La Delegazione della Commissione europea per il Libano, nel quadro dello strumento ENPI, ha lanciato un invito a
presentare
proposte per la concessione di sovvenzioni per azioni culturali.
Le azioni devono riguardare:
- il dialogo e gli scambi fra culture e civiltà
- la promozione della comprensione reciproca e l’avvicinamento fra i popoli attraverso gli scambi culturali.
Attività possibili:
- organizzazione di festival culturali (musica, danza, canto, teatro, scultura, pittura, ecc), mostre, concorsi o workshop
finalizzati a promuovere il dialogo e gli scambi, in particolare fra giovani di differenti comunità e nazionalità, compresi i
progetti realizzati attraverso i nuovi media (internet, video, registrazioni, animazione, ecc);
- azioni finalizzate ad amplificare i contatti e le reti fra gli artisti professionisti/amatori libanesi e gli organizzatori di fiere
artistiche o biennali o attività culturali internazionali, e/o ad aumentare la conoscenza sugli attori culturali libanesi in altri
Paesi e a promuovere la cooperazione con attori chiave stranieri.
Possono candidarsi a presentare proposte di progetto ONG, operatori del settore pubblico o autorità locali con
nazionalità del Libano, dell’UE o di un altro Paese ENPI. Il proponente può presentare la proposta progettuale da solo
o in partnership con altri soggetti; se il proponente ha nazionalità UE, la proposta progettuale deve necessariamente
prevedere almeno un partner libanese.
Le attività previste dalle proposte progettuali devono coprire una durata non superiore ai 12 mesi e devono svolgersi in
Libano.
Il budget disponibile per questo bando è di € 90.000; il contribuito per progetto può coprire fino all’85% dei costi
ammissibili, per un massimo di € 30.000.
Non saranno presi in considerazione progetti che richiedano un contributo inferiore al 50% dei costi ammissibili di
progetto oppure inferiori a € 15.000.

 https://webgate.ec.europa.eu/europeaid/online-
 services/index.cfm?ADSSChck=1248708736490&do=publi.detPUB&searchtype=AS&Pgm=7573838&zg
 eo=35491&aoet=36538&ccnt=7573876&debpub=&orderby=upd&orderbyad=Desc&nbPubliList=15&pag
 e=1&aoref=128605
Programma Progress
Scadenze: 01/09/2009; 07/09/2009

Gli obiettivi generali del presente programma sono i seguenti:
     a) migliorare la conoscenza e la comprensione della situazione degli Stati membri e degli altri paesi partecipanti
         mediante l’analisi, la valutazione e l’attento controllo delle politiche;
     b) appoggiare lo sviluppo di strumenti e metodi statistici e di indicatori comuni suddivisi, se del caso, per sesso e
         gruppo di età, nei settori contemplati dal programma;
     c) sostenere e seguire, se del caso, l’attuazione della legislazione e degli obiettivi strategici della Comunità negli
         Stati membri e valutarne l'efficacia e l’impatto;
     d) promuovere la creazione di reti, l’apprendimento reciproco, l’identificazione e la diffusione di buone prassi e di
         impostazioni innovative a livello europeo;
     e) sensibilizzare maggiormente le parti interessate e il grande pubblico alle politiche e agli obiettivi comunitari
         attuati nel quadro di ciascuna delle cinque sezioni;
     f) migliorare la capacità delle principali reti di livello europeo di promuovere, sostenere e sviluppare ulteriormente
         le politiche dell’Unione e, se del caso, i suoi obiettivi.
L'integrazione della dimensione di genere è promossa in tutte le sezioni e attività contemplate da questo programma.
Il programma è suddiviso nelle seguenti cinque sezioni:
     1) occupazione;
     2) protezione sociale e integrazione;
     3) condizioni di lavoro;
     4) diversità e lotta contro la discriminazione;
     5) parità fra uomini e donne.

I tipi di attività di cui all’articolo 9 possono essere finanziati mediante:
          un contratto di servizi aggiudicato tramite gara d'appalto, el qual caso si applicano le procedure di Eurostat
           relativamente alla cooperazione con gli istituti nazionali di statistica;
          un sostegno parziale assegnato tramite un invito a presentare proposte. In questo caso il cofinanziamento
           comunitario non può superare, in linea generale, l’80 % della spesa totale sostenuta dal beneficiario. Un sostegno
           finanziario superiore a questo massimale può essere concesso solo in circostanze eccezionali e dopo attento
           esame.

I bandi aperti riguardano:
   I.   Relazioni Industriali e Dialogo Sociale: VP/2009/001 - scadenza 01/09/2009
     II.      Azioni Transnazionali sulla Sperimentazione Sociale: VP/2009/005 –scadenza: 01/09/2009
    III.      Benessere al lavoro e partecipazione finanziaria: VP/2009/010 - scadenza 01/09/2009
    IV.       Informazione, Consultazione e Partecipazione dei Rappresentanti delle Imprese: VP/2009/003 –scadenza:
              07/09/2009

    http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=630&langId=en
    http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=630&langId=it




Programma Europa per i cittadini
Scadenza: 01/09/2009


Il programma "Europa per i cittadini" (2007-2013) intende contribuire ai seguenti obiettivi generali:
    a) dare ai cittadini l'opportunità di interagire e partecipare alla costruzione di un'Europa sempre più vicina,
        democratica e aperta al mondo, unita nella sua diversità culturale e da questa arricchita, sviluppando in tal
        modo la cittadinanza dell'Unione europea;
    b) sviluppare un'identità europea, fondata su valori, una storia e una cultura comuni;
    c) promuovere un senso di appartenenza all'Unione europea tra i cittadini;
    d) migliorare la comprensione reciproca dei cittadini europei rispettando e valorizzando la diversità culturale e
        linguistica, contribuendo al dialogo interculturale.

Gli obiettivi specifici del bando riguardano le seguenti azioni e Misure:

Azione 1 — Cittadini attivi per l'Europa — Misura 1 — Gemellaggio tra città
Questa misura comprende attività che prevedono o promuovono scambi diretti fra cittadini europei, per mezzo della
partecipazione dei cittadini stessi ad attività di gemellaggio tra città.

Misura 1.1 — Incontri fra cittadini nell'ambito del gemellaggio tra città
(scadenza 01/09/2009).
Questa misura comprende attività che prevedono o promuovono scambi diretti fra cittadini europei, per mezzo della
partecipazione dei cittadini stessi ad attività di gemellaggio fra città. Un progetto deve interessare municipalità di
almeno due paesi partecipanti, dei quali almeno uno sia uno Stato membro dell'Unione europea. Del progetto devono
far parte come minimo 25 partecipanti internazionali, provenienti dalle municipalità invitate; da ogni municipalità invitata
devono provenire almeno cinque partecipanti. La durata massima della manifestazione è di 21 giorni. La sovvenzione
massima erogabile è di 22 000 EUR per progetto; può essere stanziato un importo massimo di 40 000 EUR per
progetto se al progetto partecipano almeno 10 città. La sovvenzione minima erogata è di 2 500 EUR.
Le sovvenzioni destinate a incontri fra cittadini nell'ambito del gemellaggio tra città servono a cofinanziare i costi
organizzativi sostenuti dalla città ospite e le spese di viaggio dei partecipanti invitati. Il calcolo della sovvenzione è
basato su tassi forfettari.

Misura 1.2 Collegamento in rete telematico tra le città gemellate
(scadenza 01/09/2009).
Saranno supportate conferenze tematiche e workshops che coinvolgono almeno 3 città gemellate. Questi eventi
dovranno rappresentare l’occasione per future attività di rete e dovrebbero incoraggiare lo sviluppo di una
cooperazione durevole e dinamica tra città gemellate. Inoltre sarà finanziato lo sviluppo di strumenti di comunicazione,
da utilizzare nel contesto di questi eventi, atti a promuovere reti tematiche strutturate e sostenibili. Questa misura
sostiene la formazione di reti istituite sulla base dei legami fra città gemellate. Si tratta di
un elemento importante per garantire una cooperazione articolata, intensa e multiforme tra le municipalità e contribuire di
conseguenza ad amplificare al massimo l'impatto del programma. Un progetto deve prevedere almeno tre eventi, e devono
prendervi parte municipalità di almeno quattro paesi partecipanti, di cui almeno uno sia uno Stato membro dell'Unione
europea. Del progetto devono far parte come minimo 30 partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità invitate. La
durata massima del progetto è di 24 mesi e la durata massima di ciascun evento è di 21 giorni.
L'importo massimo ammissibile per un progetto che rientri in questa misura è di 150 000 EUR. L'importo minimo ammissibile
è di 10.000 EUR. Il calcolo della sovvenzione è basato su tassi forfettari.

    http://eacea.ec.europa.eu/citizenship/index_en.htm
Programma Gioventù in azione. Invito a presentare proposte alle Agenzie nazionali per il
2009
Scadenze: 01/09/2009 , 30/09/2009, 01/11/2009

Gioventù in Azione è il programma istituito dall’UE appositamente per i giovani.
Gli obiettivi generali definiti nella base giuridica del programma Gioventù in azione sono i seguenti:
     promuovere la cittadinanza attiva dei giovani, in generale, e la loro cittadinanza europea in particolare;
     sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza tra i giovani, in particolare per rafforzare la coesione
        sociale dell'Unione europea;
     rafforzare la comprensione reciproca tra i giovani di diversi paesi;
     contribuire allo sviluppo della qualità dei sistemi di sostegno alle attività dei giovani ed allo sviluppo della
        capacità delle organizzazioni della società civile nel settore della gioventù;
     promuovere la cooperazione europea in materia di gioventù.

Il presente invito a formulare proposte con scadenza 01/09/2009 e 01/11/2009 riguarda il sostegno alle azioni e alle
sottoazioni sotto elencate:

Azione 1 - Gioventù per l'Europa
       Sottoazione 1.1 - Scambi di giovani (durata fino a 15 mesi): offrono l'opportunità a gruppi di giovani di paesi
       diversi di incontrarsi e di comprendere gli uni dagli altri aspetti ed elementi di culture differenti. I gruppi
       progettano insieme gli scambi di giovani intorno a un tema d'interesse reciproco.
       Sottoazione 1.2 - Iniziative per la gioventù (durata da 3 a 18 mesi): progetti di gruppo ideati a livello locale,
       regionale e nazionale che aiutano anche a connettere fra loro progetti simili di paesi diversi, in modo da
       sottolineare il loro carattere europeo e da rafforzare la cooperazione e gli scambi di esperienze tra i giovani.
       Sottoazione 1.3 - Progetti gioventù e democrazia (durata da 3 a 18 mesi): sostengono la partecipazione dei
       giovani alla vita democratica della loro comunità locale, regionale o nazionale e a livello internazionale.

Azione 2 - Servizio volontario europeo
L'azione sostiene la partecipazione dei giovani a varie forme di attività di volontariato, sia all'interno che all'esterno
dell'Unione europea. Nell'ambito di questa azione, i giovani partecipano, individualmente o in gruppi, ad attività di
volontariato non retribuite, all'estero (durata fino a 24 mesi).

Azione 3 - Gioventù nel mondo
       Sottoazione 3.1 - Cooperazione con i paesi limitrofi dell'Unione europea (durata fino a 15 mesi). Questa
       azione sostiene progetti con paesi partner limitrofi, in particolare progetti per lo scambio di giovani, di
       formazione e di interconnessione nel campo della gioventù.

Azione 4 - Strutture di sostegno per la gioventù
       Sottoazione 4.1 - Formazione e messa in rete tra coloro che operano nel campo dell'animazione e delle
       organizzazioni giovanili (durata da 3 a 18 mesi): questa azione sostiene in particolare scambi di esperienze, di
       competenze e di pratiche esemplari nonché di attività che possano portare a progetti di lunga durata,
       cooperazioni e attività in rete.

Azione 5 - Sostegno alla cooperazione europea nel settore della gioventù
       Sottoazione 5.1 — Incontri fra giovani e responsabili delle politiche giovanili (durata da 3 a 9 mesi): essi
       mirano a sostenere la cooperazione, i seminari e il dialogo strutturato tra i giovani, gli animatori giovanili e i
       responsabili della politica per la gioventù.
       Possono presentare una domanda: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative, organismi pubblici
       locali e/o regionali, gruppi giovanili informali, enti attivi a livello europeo nel campo della gioventù,
       organizzazioni internazionali senza scopo di lucro, organizzazioni commerciali che organizzano una
       manifestazione nel campo della gioventù, dello sport o della cultura.

I candidati devono essere residenti in un paese che partecipa al programma o in un paese partner limitrofo nei Balcani
occidentali.
La scadenza del 01/09/2009 è per progetti da attuare tra il 1 marzo e il 31 luglio quella del 01/11/2009 per progetti da
attuare tra il 1 febbraio e il 31 luglio.

http://eacea.ec.europa.eu/youth/index_en.htm

Per quel che riguarda il Bando con scadenza 30/09/2009 è nell'ambito dell'Azione 4.4: sostegno a progetti che
incoraggiano la creatività e l’innovazione nel settore della gioventù.

L’ obiettivo è di Sostenere progetti che contribuiscano a:
- migliorare le capacità di creatività e innovazione dei giovani, allo scopo di trovare soluzioni originali e innovative
    nella vita personale, professionale e/o sociale;
- favorire l’accesso dei giovani a modalità creative di espressione della propria personalità, per mezzo di attività non
    formali per i giovani e di attività di lavoro giovanile;
- sensibilizzare all’importanza della creatività, dell’innovazione e dell’imprenditorialità, sia per lo sviluppo personale
    sia per la crescita economica e l’occupazione;
- rafforzare lo spirito imprenditoriale e migliorare le competenze fra i giovani, nonché facilitare lo scambio di
    esperienze e conoscenze;
-   sensibilizzare i giovani sull’importanza della creatività, della conoscenza e della flessibilità per la realizzazione di
    una vita prospera e soddisfacente, in un’epoca caratterizzata da rapidi cambiamenti tecnologici e dall’integrazione
    mondiale;
-   valorizzare l’apertura alla diversità culturale quale mezzo per favorire la comunicazione interculturale e promuovere
    legami più stretti fra le arti, le ONG attive nel settore della gioventù e le scuole.

Saranno finanziati progetti mirati ad introdurre, attuare e promuovere elementi innovativi e qualitativi nell’ambito
dell’istruzione non formale e del lavoro nel settore della gioventù e sarà data priorità a progetti riguardanti i temi
seguenti:

a) l’alfabetizzazione mediatica dei giovani
Questi progetti riguarderanno attività d’istruzione non formale che permettano ai giovani di:
- familiarizzare con tutte le forme di media esistenti, dai quotidiani alle comunità virtuali;
- utilizzare attivamente i media, mediante, tra l’altro, la televisione interattiva, l’uso di Internet, i motori di ricerca o la
     partecipazione a comunità virtuali, e di sfruttare il potenziale dei media non solo a fini di svago ma anche come
     strumento per promuovere la partecipazione attiva, l’accesso alla cultura, il dialogo interculturale, l’istruzione e la
     formazione;
- avere un approccio critico ai media per quanto riguarda la qualità e l’attendibilità dei contenuti;
- utilizzare i media in modo creativo.

b) il lavoro online per i giovani (e-youth work)
I progetti in questo ambito riguarderanno attività d’istruzione non formale che permettano agli operatori/animatori della
gioventù di:
- sviluppare nuovi metodi e forme di lavoro giovanile che tengano conto dei cambiamenti sociali introdotti dall’ultima
     generazione di tecnologie mediatiche;
- scambiare migliori pratiche nel campo del lavoro giovanile relativamente all’ambiente digitale;
- sviluppare approcci orientati alla cd. “gioventù non organizzata” (giovani che non fanno parte di alcuna
     organizzazione giovanile, club, ONG, partito politico, ecc);
- sviluppare e implementare attività e metodologie innovative volte a raccogliere, diffondere e valutare i risultati dei
     progetti che permettono il riconoscimento dell’istruzione non formale e del lavoro giovanile nell’ambiente digitale;
- garantire che le opportunità offerte dalla società dell’informazione siano accessibili a tutti i giovani, incluso quelli
     più svantaggiati (come definiti nel contesto del programma “Gioventù in Azione”);
- promuovere la consapevolezza in merito alla sicurezza e protezione dei giovani nell’utilizzo dei media.

Le attività progettuali potranno consistere in:
- creazione e produzione di strumenti audiovisivi e multimediali innovativi;
- attività virtuali che utilizzano strumenti web;
- seminari;
- corsi di formazione;
- attività di networking;
- campagne di sensibilizzazione;
- scambio di migliori pratiche.

I Beneficiari sono le organizzazioni senza scopo di lucro quali ONG e reti, nonchè enti pubblici che siano registrati da
almeno 2 anni in uno dei paesi del programma, ossia i 27 Stati UE, i Paesi EFTA/SEE, la Turchia.

Il contributo comunitario può coprire fino al 65% dei costi totali ammissibili del progetto, per un massimo di € 100.000.

I progetti devono coinvolgere partner di almeno 4 differenti Paesi (incluso il proponente di progetto), di cui almeno 1
sia Stato UE. I progetti devono avere inizio tra l'1/12/2009 e il 31/03/2010, con una durata minima di 12 mesi e
massima di 18 mesi.

http://eacea.ec.europa.eu/youth/funding/2009/call_action_4_4_en.php

N.B.
La Regione Siciliana, attraverso l’Accordo di Programma Quadro, intende sostenere la partecipazione dei giovani alle
iniziative europee attraverso il cofinanziamento dei progetti presentati alla Commissione Europea nell’ambito dei
Programmi Europei destinati ai giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni.
I soggetti, pubblici e privati, che intendano presentare un progetto alla Commissione Europea (DG EAC .EACEA .
Agenzie nazionali di riferimento) in attuazione dei programmi europei rivolti ai giovani di età compresa tra i 14-30 anni,
possono inoltrare all’Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali una richiesta di
contributo non superiore alla percentuale minima di cofinanziamento richiesta al soggetto proponente da parte del
bando europeo di riferimento.
La domanda di cofinanziamento può essere presentata dagli enti (pubblici o privati) previsti dal bando europeo a cui si
fa riferimento, con sede legale in Sicilia, nel periodo di vigenza del bando europeo, secondo le scadenze
predeterminate dal bando stesso o a seguito di pubblicazione del bando europeo e in ogni caso entro il quindicesimo
giorno dalla data di scadenza dello stesso.
Il soggetto proponente è obbligato a trasmettere per conoscenza agli uffici regionali il progetto presentato agli uffici
europei. L’ufficio regionale, tenendo conto del numero progressivo del protocollo di ingresso, verificherà l’ammissibilità
della richiesta e la relativa disponibilità finanziaria e si impegnerà ad erogare il contributo richiesto solo ed
esclusivamente nel caso in cui la proposta progettuale venga ammessa a finanziamento da parte degli uffici europei.

 www.regione.sicilia.it/famiglia




Invito a presentare proposte nell'ambito del programma di lavoro per l’ENIAC Joint
Undertaking
Scadenza: 03/09/2009

L'ENIAC Joint Undertaking (JU) è stato creato a febbraio 2008 al fine di implementare un'Iniziativa Tecnologica
Congiunta (JTI) nel settore della Nanoelettronica; il principale elemento di questa JTI è un programma di ricerca che
rafforzi l'integrazione e la miniaturizzazione delle componenti e ne aumenti le funzionalità. L'ENIAC Joint Undertaking
(JU) si basa su una partnership pubblico-privata, che unisce la Commissione Europea e circa 17 paesi europei con
AENEAS, un'associazione che rappresenta responsabili di ricerca e sviluppo nell'area della nanoelettronica (aziende,
centri di ricerca, università).

Il bando prevede la presentazione delle proposte in due fasi:
6 Maggio 2009 scadenza presentazione del “Project outline”
3 Settembre 2009 scadenza presentazione del “Full project proposal”.

Sarà obbligatorio presentare la proposta alla prima fase per poter sottomettere l' intera proposta alla seconda fase.

Il budget totale indicativo per il bando 2009 ENIAC è di 90.474 milioni di euro.

 ENIAC-2008-1
 http://eniac.eu/web/calls/call%20for%20proposals.php
 http://www.eniac.eu/



Invito a presentare proposte nell'ambito dei programmi di lavoro per l'Artemis Joint
Undertaking
Scadenza: 03/09/2009

ARTEMIS (ETP) -"Advanced Research and Technology for Embedded Intelligence and Systems" è la Piattaforma
tecnologica sui sistemi integrati ed ha lo scopo di elaborare una strategia per la ricerca e lo sviluppo coerente e
integrata a livello europeo sul tema dei Sistemi Integrati.
I sistemi integrati sono ovunque, all'interno delle automobili, nelle strade, ponti e tunnel, all'interno di strumenti medicali
e robot chirurgici, dentro le case, gli uffici, le fabbriche, all'interno degli aeroplani e degli aeroporti, dentro ai telefoni
cellulari e nell'ambito della comunicazione e persino all'interno degli abiti. I sistemi integrati sono interconnessi
all'interno di reti di diverso genere - l'auto all'infrastruttura della strada, le smart card ai sistemi bancari.

I temi sono:
 -Methods and Processes for Safety-relevant Embedded Systems
 -Person-centric Health Management
 -Smart Environments and Scalable Digital Services
 -Efficient Manufacturing and Logistics
 -Computing Environments for Embedded Systems
 -Security, Privacy and Dependability
 -Embedded Technology for Sustainable Urban Life
 -Human-centric Design of Embedded Systems

 ARTEMIS-2008-1.
 http://artemis-ju.eu/call_2008
 http://www.artemis.eu/



Programma Hercule II. Formazione in materia di lotta contro la frode
Scadenza: 11/09/2009


In generale Il programma si concentra in particolare sui seguenti obiettivi:
a. potenziare la cooperazione transnazionale e pluridisciplinare tra le autorità degli Stati membri, la Commissionee
    l'OLAF;
b. costruire reti negli Stati membri, nei paesi in via diadesione e nei paesi candidati — conformemente ad un
    memorandum d'intesa — che agevolino lo scambio di informazioni, esperienze e migliori pratiche, nel rispetto allo
    stesso tempo delle specifiche tradizioni di ciascuno Stato membro;
c. fornire un supporto tecnico e operativo alle autorità degli Stati membri preposte all'applicazione della legge nella
     lotta contro le attività transfrontaliere illegali, ponendo l'accento sul sostegno alle autorità doganali;
d.    realizzare un equilibrio geografico senza compromettere l'efficacia operativa, inserendo, se possibile, tutti gli Stati
     membri, i paesi in via di adesione e i paesi candidati — conformemente ad un memorandum d'intesa — nelle
     attività finanziate a titolo del programma;
e. moltiplicare e intensificare le misure nei settori individuati come più sensibili, in particolare nel settore del
     contrabbando e della contraffazione di sigarette.
Il programma è attuato attraverso le seguenti azioni nel settore della tutela degli interessi finanziari della Comunità, in
particolare nel settore della prevenzione e della lotta contro il contrabbando e la contraffazione di sigarette:
          a) assistenza tecnica alle autorità nazionali attraverso:
                i) fornitura di conoscenze, attrezzature e tecnologie dell'informazione (TI) specifiche che facilitino la
                      cooperazione transnazionale e la cooperazione con l'OLAF;
                ii) sostegno alle operazioni congiunte;
                iii) promozione degli scambi di personale;
          b) formazione, seminari e conferenze miranti a:
                i) promuovere una migliore comprensione dei meccanismi comunitari e nazionali;
                ii) realizzare scambi di esperienze tra le autorità degli Stati membri, dei paesi in via di adesione e dei
                      paesi candidati;
                iii) coordinare le attività degli Stati membri, dei paesi in via di adesione, dei paesi candidati e dei paesi
                           terzi;
                iv) divulgare le conoscenze, in particolare operative;
                v) appoggiare attività di ricerca di alto profilo, compresi gli studi;
                vi) migliorare la cooperazione tra gli esperti sul campo e i teorici;
                vii) sensibilizzare i giudici, i magistrati e gli altri giuristi alla tutela degli interessi finanziari della Comunità;
          c) sostegno attraverso:
                i) lo sviluppo e la messa a disposizione di banche dati e strumenti TI specifici che agevolino l'accesso ai
                      dati e la loro analisi;
                ii) l'intensificazione degli scambi di dati;
                iii) lo sviluppo e la messa a disposizione di strumenti TI per le indagini e le attività di monitoraggio e
                           intelligence.

All’interno di Hercule II questo bando prevede il finanziamento di azioni di formazione che contribuiscano in maniera
preventiva e/o operativa in materia di lotta contro la frode per gli interessi finanziari della Comunità.

Risultati attesi:
- Rinforzare la cooperazione e lo scambio di informazioni tra vari partner
- Migliorare la conoscenza dell’OLAF (Office européen de Lutte Anti-Fraude) ed i suoi metodi di lavoro negli Stati
    Membri e nei Paesi Candidati

 http://ec.europa.eu/anti_fraud/programmes/training/en-2nd-call.html




Bandi all’interno del Lifelong Learning Programme (LLP)
Scadenza: 15/09/2009

L'obiettivo generale del programma LLP è contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della
Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori
posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le
generazioni future.

Gli obiettivi del programma di apprendimento permanente sono perseguiti attraverso
a. quattro sottoprogrammi settoriali: Comenius, Erasmus, Leonardo da Vinci e Grundtvig;
b. un programma trasversale;
c. il programma Jean Monnet.

I sottoprogrammi settoriali sono i seguenti:
a. il programma Comenius, che risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento di tutte le persone coinvolte
    nell'istruzione prescolastica e scolastica fino al termine degli studi secondari superiori, nonché degli istituti e delle
    organizzazioni che sono preposti a questo tipo di istruzione;
b. il programma Erasmus, che risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento di tutte le persone coinvolte
    nell'istruzione superiore di tipo formale e nell'istruzione e formazione professionali di terzo livello
    (indipendentemente dalla lunghezza dei corsi o dalla qualifica e compresi anche gli studi di dottorato), nonché degli
    istituti e delle organizzazioni che sono preposti a questo tipo di istruzione e formazione o lo agevolano;
c. il programma Leonardo da Vinci, che risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento di tutte le persone
    coinvolte nell'istruzione e formazione professionali non di terzo livello, nonché degli istituti e delle organizzazioni
    che sono preposti a questo tipo di istruzione e formazione o lo agevolano;
d. il programma Grundtvig, che risponde alle esigenze didattiche e di apprendimento delle persone coinvolte in ogni
    forma di istruzione degli adulti, nonché degli istituti e delle organizzazioni che sono preposti a questo tipo di
    istruzione o lo agevolano.
Il programma trasversale comprende le quattro attività chiave di seguito elencate:
1. la cooperazione politica e l'innovazione nel settore dell'apprendimento permanente;
2. la promozione dell'apprendimento delle lingue;
3. lo sviluppo, nel campo dell'apprendimento permanente, di contenuti, servizi, soluzioni pedagogiche e prassi a
     carattere innovativo basati sulle TIC;
4. la diffusione e l'utilizzo dei risultati delle azioni sostenute nell'ambito del programma e dei precedenti programmi
     correlati, nonché lo scambio delle buone prassi.

Il programma Jean Monnet sostiene le istituzioni e le attività nel campo dell'integrazione europea. Comprende le tre
attività chiave di seguito elencate:
a. l'azione Jean Monnet;
b. le sovvenzioni di funzionamento a sostegno di istituzioni specifiche che trattano temi connessi all'integrazione
     europea;
c. le sovvenzioni di funzionamento a sostegno di altre istituzioni e associazioni europee attive nel campo
     dell'istruzione e della formazione.

 Comenius, Grundtvig:                                               15 settembre 2009
 Formazione in servizio

La Carta Universitaria Erasmus stabilisce il quadro delle attività di cooperazione a livello europeo che un istituto
d'istruzione superiore può svolgere nell'ambito del sottoprogramma Erasmus.
L'acquisizione della Carta è condizione preliminare per gli istituti d'istruzione superiore che intendano presentare
proposte per le diverse attività finanziate da Erasmus (mobilità degli studenti e del personale docente o di altro tipo,
corsi di lingua e programmi intensivi Erasmus, progetti multilaterali, reti e misure di accompagnamento, visite
preparatorie).

http://eacea.ec.europa.eu/llp/index_en.htm
http://www.programmallp.it/
http://eacea.ec.europa.eu/llp/funding/2010/call_erasmus_university_charter_en.htm

N.B. La Regione Siciliana, attraverso l’Accordo di Programma Quadro, intende sostenere la partecipazione dei giovani
alle iniziative europee attraverso il cofinanziamento dei progetti presentati alla Commissione Europea nell’ambito dei
Programmi Europei destinati ai giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni.
I soggetti, pubblici e privati, che intendano presentare un progetto alla Commissione Europea (DG EAC .EACEA .
Agenzie nazionali di riferimento) in attuazione dei programmi europei rivolti ai giovani di età compresa tra i 14-30 anni,
possono inoltrare all’Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali una richiesta di
contributo non superiore alla percentuale minima di cofinanziamento richiesta al soggetto proponente da parte del
bando europeo di riferimento.
La domanda di cofinanziamento può essere presentata dagli enti (pubblici o privati) previsti dal bando europeo a cui si
fa riferimento, con sede legale in Sicilia, nel periodo di vigenza del bando europeo, secondo le scadenze
predeterminate dal bando stesso o a seguito di pubblicazione del bando europeo e in ogni caso entro il quindicesimo
giorno dalla data di scadenza dello stesso.
Il soggetto proponente è obbligato a trasmettere per conoscenza agli uffici regionali il progetto presentato agli uffici
europei. L’ufficio regionale, tenendo conto del numero progressivo del protocollo di ingresso, verificherà l’ammissibilità
della richiesta e la relativa disponibilità finanziaria e si impegnerà ad erogare il contributo richiesto solo ed
esclusivamente nel caso in cui la proposta progettuale venga ammessa a finanziamento da parte degli uffici europei.

 www.regione.sicilia.it/famiglia




Programma Life+ - Invito a presentare proposte 2009
Scadenza: 15/09/2009

LIFE+ è lo strumento comunitario volto a contribuire alla conservazione della natura e della biodiversità, alla
formulazione e all’attuazione della politica e della legislazione comunitarie in materia ambientale e a promuovere lo
sviluppo sostenibile.

Il bando riguarda tutte e tre le componenti del programma:

LIFE+ Natura e Biodiversità:
Proteggere, conservare, ripristinare, monitorare e favorire il funzionamento dei sistemi naturali, degli habitat naturali e
della flora e della fauna selvatiche, al fine di arrestare la perdita di biodiversità, inclusa la diversità delle risorse
genetiche, all'interno dell'UE entro il 2010.
LIFE+ Politica e governance ambientale:
Contribuire all’attuazione, all'aggiornamento e allo sviluppo della politica e della legislazione ambientale, compresa
l’integrazione dell’ambiente nelle altre politiche.
LIFE+ Informazione e comunicazione:
a) assicurare la diffusione delle informazioni e sensibilizzare alle tematiche ambientali, compresa la prevenzione degli
incendi boschivi;
b) sostenere misure di accompagnamento quali informazione, azioni e campagne di comunicazione, conferenze e
formazione (compresa la formazione in materia di prevenzione degli incendi boschivi).

Azioni
1. Natura e Biodiversità
         Natura: progetti di migliori pratiche e progetti di dimostrazione che contribuiscano all’implementazione della
         Direttiva Habitat e della Direttiva Uccelli selvatici.
         Biodiversità: progetti di dimostrazione e progetti innovativi che contribuiscano all’implementazione del Piano
         d’azione per arrestare la perdita di biodiversità.
2. Politica e Governance ambientale
         All’interno di questa componente saranno finanziati progetti di dimostrazione e progetti innovativi in linea con lo
         spirito della strategia di Goteborg, in particolare quelli che contribuiscono al processo di Lisbona.
         I progetti devono rientrare in una o più delle aree prioritarie del programma.
         Le proposte progettuali devono riguardare soluzioni innovative per importanti temi ambientali, volte al
         raggiungimento di risultati concreti, fattibili e quantificabili dal punto di vista qualitativo e quantitativo; devono
         inoltre essere visibili e valide dal punto di vista tecnico e finanziario e prevedere aspetti di divulgazione delle
         conoscenze. Infine devono avere un aspetto dimostrative ben sviluppato: si deve cioè prevedere che i progetti
         siano implementati su una dimensione che permetta di valutarne la sostenibilità tecnica ed economica su
         grande scala.
3. Informazione e Comunicazione
           campagne di sensibilizzazione e azioni di comunicazione e in materia ambientale (in particolare sui temi
              della protezione della natura e della biodiversità): tali campagne e azioni possono essere nazionali o
              transnazionali;
           prevenzione degli incendi boschivi (in particolare attraverso azioni di formazione per gli agenti coinvolti
              nella prevenzione degli incendi boschivi e azioni di sensibilizzazione destinate alla popolazione colpite da
              incendi.
Per tutte le componenti saranno considerate prioritarie le proposte progettuali in linea con le priorità strategiche
nazionali selezionate dal Ministero dell’Ambiente.

Tipologie di progetti:
- Progetti di migliori prassi: riguardano tecniche e metodi di conservazione delle specie/habitat appropriati,
   efficienti e giàesistenti e validate.
- Progetti di dimostrazione: riguardano la messa in pratica, la verifica, la valutazione e la divulgazione di
   azioni/metodologie che sono in qualche misura nuove o non familiari nel contesto specifico del progetto
   (geografico, ecologico, socio-economico) che potrebbero essere applicati in modi più ampio altrove in circostanza
   simili; i progetti devono essere ideati fin dall’inizio per dimostrare se tali tecniche e metodi funzionano o no nel
   contesto del progetto.
- Progetti innovativi: riguardano tecniche o metodi che non sono ancora stati applicati o validati prima o altrove e
   che offrono vantaggi rispetto alle migliori prassi esistenti. Il monitoraggio, la valutazione e la divulgazione dei
   principali risultati del progetto e/o delle lezioni apprese è parte integrante del progetto. Un progetto innovativo deve
   inoltre proporsi di valutare se le tecniche o i metodi innovativi per arrestare la perdita di biodiversità funzionano o
   no.
- Campagne di comunicazione e di sensibilizzazione.

Beneficiari
Enti pubblici, organizzazioni commerciali private e organizzazioni private senza scopo di lucro, comprese le ONG.

Entità contributo
In generale le sovvenzioni possono coprire fino al 50% delle spese ammissibili. Eccezionalmente, per i progetti Natura
e Biodiversità, può essere applicata la percentuale massima di cofinanziamento del 75% delle spese ammissibili ai
progetti riguardanti habitat o specie prioritari delle direttive Uccelli selvatici e Habitat.
Non sono stabiliti valori minimi per i progetti, tuttavia la Commissione considera prioritari progetti ampi e ambiziosi e
sottolinea che storicamente la media delle sovvenzioni ha superato il valore di 1 milione di EUR.
Se un ente pubblico partecipa a un progetto in qualità di proponente o di partner associato il suo contributo al progetto
deve superare almeno del 2% il valore del costo del personale imputato al progetto.

Modalità e procedura
I progetti devono iniziare dopo il 1° settembre 2010, devono svolgersi sul territorio dell’UE e devono soddisfare i
seguenti criteri:
- essere di interesse comunitario (ovvero apportare un contributo significativo al conseguimento dell'obiettivo di
     LIFE+);
- essere coerenti e fattibili sotto il profilo tecnico e finanziario, presentando un soddisfacente rapporto costi-
     benefici.
I progetti devono durare il tempo sufficiente a realizzare gli obiettivi che si pongono; la gran parte dei progetti passati
ha una durata compresa fra 2 e 5 anni.
I progetti non richiedono necessariamente il requisito del partenariato ma possono essere presentati da un solo
proponente; la scelta del partenariato va fatta solo se garantisce valore aggiunto al progetto. In caso di partenariato la
Commissione consiglia caldamente di limitarlo a un massimo di 5 partner e chiede di giustificare esplicitamente una
scelta diversa.
I progetti transnazionali (cioè comprendenti partner di diversi Stati UE), considerati particolarmente importanti laddove
la cooperazione transnazionale sia essenziale per la tutela dell’ambiente e in particolare per la conservazione delle
specie, devono essere presentati all’autorità nazionale in cui ha sede il proponente del progetto (ma sono contabilizzati
in capo a tutti gli Stati membri in cui hanno sede proponente e partner in termini proporzionali rispetto alla loro
partecipazione al progetto).
Le proposte progettuali possono essere scritte in tutte le lingue comunitarie (tranne maltese e irlandese), tuttavia la
parte tecnica deve essere scritta anche (o solo) in inglese. Inoltre il Form 1B (Summary description of the project)
DEVE essere scritto in inglese (ed eventualmente nella propria lingua).

 http://ec.europa.eu/environment/life/funding/lifeplus2009/call/index.htm




Programma ICI - Bando di cooperazione nel settore dell'istruzione superiore e della
formazione fra UE e Australia, Giappone e Corea
Scadenza: 15/09/2009

Obiettivo di questo bando è quello di promuovere la comprensione reciproca fra i popoli dell'UE e dei Paesi partner
(Australia, Giappone e Repubblica di Corea) anche attraverso una conoscenza più diffusa delle rispettive lingue,
culture e istituzioni e migliorare la qualità dello sviluppo dell’istruzione superiore e della formazione stimolando la
creazione di partenariati fra istituti di istruzione superiore e formazione professionale nell’UE e nei Paesi partner.

Saranno finanziate azioni che riguardano progetti di mobilità congiunta ICI-ECP
Il bando sostiene la cooperazione fra istituti di istruzione superiore e istituti di istruzione e formazione professionale al
fine di promuovere programmi di studio congiunti e mobilità fra studenti e membri del corpo accademico. I progetti
hanno come obiettivo lo sviluppo internazionale dei curricola e prevedono una mobilità di breve durata tra l'UE ed il
paese partner ICI.

Prima di dare avvio alla mobilità il lead partner (capofila) del progetto deve sottoporre all’EACEA e ai partner di
progetto un memorandum d’intesa riguardante gli insegnamenti, il riconoscimento delle tasse e dei crediti e i piani di
valutazione.

I progetti devono comprendere le seguenti componenti:
- sviluppo di curricola internazionali innovativi,
- servizi agli studenti, preparazione linguistica e culturale,
- organizzazione del quadro per la mobilità studentesca,
- mobilità del personale docente e di staff,
- valutazione,
- divulgazione.

Possono presentare progetti gli istituti di istruzione superiore e istituti di istruzione e formazione professionale.

Il contributo complessivo per i partner europei di progetto varia in relazione al Paese partner e al numero di partner UE:
per i dettagli si rimanda alle linee guida del bando.

Le proposte di progetto devono essere presentate da partnership costituita da almeno 3 istituti di istruzione superiore
e/o di istruzione e formazione professionale con sede in 3 diversi Stati UE e almeno 2 istituti con sede in uno dei
Paese partner.
I progetti possono riguardare studenti universitari studenti di Master. Un progetto può riguardare una categoria o l’altra
ma non entrambe.

 http://eacea.ec.europa.eu/extcoop/ici-ecp/funding/2009/call_2009_en.htm




Programma ENPI CBC MED - Invito a presentare proposte
Scadenza: 16/09/2009


Il Programma "Bacino del Mediterraneo" s'inscrive nel quadro della componente di cooperazione transfrontaliera del
nuovo Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato (ENPI, European Neighbourhood and Partnership Instrument).
L'obiettivo generale del Programma è contribuire a promuovere un processo di cooperazione armoniosa e sostenibile
(CBC, Cross Border Cooperation) nel Bacino del Mediterraneo, affrontando le sfide comuni e valorizzando le
potenzialità dell'area.

Le quattro priorità attorno alle quali si articola il Programma sono:
1. promozione dello sviluppo socio-economico e rafforzamento dei territori;
    1.1. Supporto all'innovazione e alla ricerca nel processo di sviluppo locale dei Paesi del Bacino del Mediterraneo
    1.2. Rafforzamento delle filiere economiche mettendo in sinergia le potenzialità dei Paesi del Bacino del
        Mediterraneo
   1.3. Rafforzamento delle strategie nazionali di pianificazione territoriale attraverso l'integrazione dei vari livelli e
        promozione di uno sviluppo socio-economico equilibrato e sostenibile
2. promozione della sostenibilità ambientale a livello di Bacino;
   2.1. Prevenzione e riduzione dei fattori di rischio per l'ambiente e valorizzazione del patrimonio naturale comune
   2.2. Promozione dell'uso delle energie rinnovabili e miglioramento dell'efficacia energetica al fine di contribuire ad
        affrontare, tra le altre, la sfida del cambiamento climatico
3. promozione di migliori condizioni e modalità per assicurare la mobilità delle persone, dei beni e dei capitali;
   3.1. Supporto ai flussi di persone tra i territori come strumento di arricchimento culturale, sociale ed economico
   3.2. Miglioramento delle condizioni e delle modalità per la circolazione dei beni e dei capitali tra i territory
4. promozione del dialogo culturale e della governance a livello locale.
   4.1. Sostegno alla mobilità, agli scambi, alla formazione e alla professionalizzazione dei giovani
   4.2. Sostegno alla creatività artistica in tutte le sue forme per incoraggiare il dialogo tra le comunità
   4.3. Miglioramento dei processi di governance a livello locale

Tra i soggetti beneficiari sono previsti: autorità pubbliche locali e regionali, associazioni no-profit, agenzie di sviluppo,
università ed enti di ricerca, operatori privati locali e regionali operanti nei settori di intervento del Programma, etc.

I paesi eleggibili sono:
MPC (Mediterranean Partner Countries – Paesi Mediterranei Partner):
Autorità Palestinese, Egitto, Giordania (Irbid, Al-Balga, Madaba, Al-Karak, Al-Trafila, Al-Aqaba), Marocco (Oriental,
Taza-Al Hoceima-Taounate, Tanger-Tétouan), Israele (Marsa Matruh, Al Iskandanyah, Al Buhayrah, Kafr ash Shaykh,
Ad Daqahliyah, Dumyat, Ash Sharquiyah, Al Isma’iliyah, Bur Sa’id, Shamal Sina), Libano, Syria (Latakia, Tartous),
Tunisia (Médenine, Gabès, Sfax, Mahdia, Monastir, Sousse, Nabeul, Ben Arous, Tunis, Ariana, Bizerte, Béja,
Jendouba).

EUMC(EU Mediterranean Countries – Paesi Europei Mediterranei):
Cipro, Francia (Corsica, Languedoc-Roussillon, Provence-Alpes-Côte d’Azur ), Grecia (Anatoliki Makedonia - Thraki,
Kentriki Makedonia, Thessalia, Ipeiros, Ionia Nisia, Dytiki Ellada, Sterea Ellada, Peloponnisos, Attiki, Voreio Aigaio,
Notio Aigaio, Kriti), Italia (Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana), Malta,
Portogallo (Algarve), Spagna (Andalucía, Cataluña, Comunidad Valenciana, Murcia, Islas Baleares, Ceuta, Melilla).

Devono partecipare ai progetti almeno 3 partners provenienti da paesi diversi di cui almeno uno EUMC ed almeno uno
MPC. Almeno il 50% dei costi eleggibili di un progetto dovranno essere dedicati ad attività da implementare nei MPC.

Il budget allocato per il primo bando è di € 32.811.784 (40% del quale sulla Priorità 1)

 http://www.enpicbcmed.eu




Programma Vigoni - Bando 2009
Scadenza: 18/09/2009

Si tratta di un programma di scambio di ricercatori tra le istituzioni universitarie italiane e tedesche, in atto dal
1992, finalizzato a intensificare la cooperazione scientifica tra gli atenei dei due Paesi.
Il Programma - finanziato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e dall'Ateneo Italo-Tedesco da
parte italiana e dal Deutscher Akademischer Austausch Dienst (DAAD) da parte tedesca - consiste in scambi bilaterali
di docenti e ricercatori, generalmente di gruppi di ricerca che hanno così l'opportunità di instaurare dei contatti per
definire il reciproco interesse e la potenzialità nello sviluppo di progetti di ricerca comuni, anche in vista di accedere ad
altre fonti di finanziamento.

I proponenti possono fare richiesta di finanziamento per una durata di due anni e le domande devono essere
presentate dai due partner nel proprio Paese di appartenenza.

Il Regolamento, il bando 2009 (per progetti da realizzare nel biennio 2010-2011) e il facsimile del modulo di domanda
sono scaricabili on-line
Termine per la presentazione delle domande on line: 18/09/2009 ore 14:00

 http://www.ateneoitalotedesco.org/page.asp?pag=1107
 http://www.unipa.it/coperint/pagina_programma_vigoni.htm




Programma COST. Invito a presentare proposte pe la promozione di reti scientifiche
Scadenza: 25/09/2009



La COST (Cooperazione europea nel settore della ricerca scientifica e tecnica) riunisce ricercatori ed esperti in vari
Paesi che lavorano su materie specifiche. Essa finanzia la messa in rete di attività di ricerca realizzate con fondi
nazionali, sostenendo riunioni, conferenze, scambi scientifici a breve termine e attività di diffusione. La COST non
finanzia, dunque, progetti di ricerca in quanto tale, ma piuttosto si propone di incentivare reti di ricerca nuove,
innovative e interdisciplinari in Europa. E’ strutturata in nove settori tematici, quali: biomedicina e scienze biologiche
molecolari; chimica e scienze e tecnologie molecolari; scienza del sistema terrestre e gestione dell'ambiente; prodotti
alimentari e agricoltura; foreste e relativi prodotti e servizi; persone, società, cultura e salute; tecnologie
dell'informazione e della comunicazione; materiali, fisica e nanoscienze; trasporti e sviluppo urbano.
La COST invita i ricercatori di tutta Europa a presentare proposte riguardanti uno dei settori indicati. Tuttavia, proposte
interdisciplinari che non corrispondono chiaramente ad un singolo settore sono particolarmente apprezzate. Sono
anche particolarmente gradite le proposte che rivestono un ruolo di precursore per altri programmi europei e/o che
interessano le idee di ricercatori nella fase iniziale della loro carriera.
Le proposte devono coinvolgere ricercatori provenienti da almeno cinque Paesi della COST (Austria, Belgio, Bulgaria,
Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia,
Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, ex-
Repubblica iugoslava di Macedonia, Regno Unito, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia,
Israele).
Si prevede di concedere un sostegno finanziario di circa € 100.000 all'anno, di norma per un periodo di 4 anni.
Per la valutazione delle proposte è prevista una procedura in due fasi: entro il 25 settembre 2009 devono essere
inviate proposte preliminari. Tra queste ne verranno pre-selezionate circa 80 per le quali dovrà essere presentata una
proposta completa. Le proposte complete saranno richieste entro il 13 novembre 2009 per essere presentate per la
selezione finale entro il 15 gennaio 2010; le decisioni sono attese per maggio 2010 e condurranno alla selezione di 30
nuove reti scientifiche.


 http://www.cost.esf.org/participate/open_call




Reti di iniziative di mediazione delle conoscenze nei settori dell'istruzione e formazione
Scadenza: 29/09/2009

Obiettivo del bando è quello di promuovere la cooperazione internazionale nello sviluppo di meccanismi di
"mediazione delle conoscenze" nell'istruzione e nella formazione. Tali meccanismi mirano a rafforzare il legame tra
ricerca, politica e pratica. Il loro obiettivo è quello di rendere i risultati della ricerca in tema di istruzione e formazione
comprensibili ed accessibili, e di garantire che siano presi in considerazione da politici, responsabili decisionali e
professionisti.

Possono essere finanziate attività quali:
- progetti di cooperazione, di scambi e di mobilità;
- azioni volte alla creazione e al rafforzamento di reti;
- sviluppo, sperimentazione e trasferimento di pratiche innovative;
- conferenze e seminari;
- iniziative di sensibilizzazione e diffusione;
- studi ed analisi;
- creazione e diffusione di strumenti concreti per la condivisione e la diffusione della conoscenza (siti web, brochure,
   prodotti audiovisivi, libri, conferenze, seminari).

Le tematiche che si vuole prendere in considerazione devono riguardare le politiche e le pratiche dell'istruzione e della
formazione. Possono essere considerati tutte le tipologie (formale, non formale) e i livelli (prescolare, primario,
secondario, superiore, formazione per adulti, formazione continua) di istruzione e formazione.
Si intende prestare particolare attenzione alle sfide e alle priorità individuate nella Comunicazione "Un quadro
strategico aggiornato per la cooperazione europea nel settore dell'istruzione e della formazione".

I Beneficiari sono i Ministeri dell'istruzione e altri organismi pubblici, centri di ricerca, università, fondazioni e
associazioni. Questi soggetti devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili sottoindicati.

Il contributo comunitario può coprire fino al 75% dei costi totali ammissibili del progetto e sarà pari a circa € 165.000.

I progetti devono coinvolgere almeno 6 partner di 6 diversi Paesi ammissibili.
I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi, con inizio tra dicembre 2009 e febbraio 2010 e termine entro
marzo 2011.

 http://ec.europa.eu/education/programmes/calls/2609/index_en.html




Programma Cultura. Invito a presentare proposte per l'attuazione di progetti di cooperazione
con paesi terzi
Scadenze: 01/10/2009 e 01/11/2009

Il programma Cultura è stato istituito per valorizzare lo spazio culturale condiviso dagli europei e basato su un comune
patrimonio culturale, sviluppando attività di cooperazione tra operatori culturali provenienti da paesi ammissibili ai
finanziamenti, al fine di favorire l'emergere di una cittadinanza europea. Il programma punta al raggiungimento di tre
obiettivi specifici: promozione della mobilità transnazionale degli operatori culturali, incoraggiamento della circolazione
transnazionale delle opere e dei prodotti artistici e culturali, incoraggiamento del dialogo interculturale. Il presente invito
si concentra sulle seguenti aree di intervento del programma Cultura:

1. Sostegno ai progetti culturali (area di intervento 1)
Le organizzazioni culturali potranno beneficiare di assistenza nella realizzazione di progetti volti a favorire la
collaborazione transfrontaliera e a creare e realizzare attività artistiche e culturali.
Il fulcro di quest'area di intervento è quello di incentivare organizzazioni quali i teatri, i musei, le associazioni
professionali, i centri di ricerca, le università, gli istituti di cultura e le autorità pubbliche di paesi diversi a partecipare al
programma Cultura collaborando in maniera tale che i vari settori possano progredire insieme ed estendere il loro
raggio d'azione a livello artistico e culturale oltre i confini nazionali.

Quest'area d'intervento è suddivisa in quattro categorie:

        Area di intervento 1.1 Progetti di cooperazione pluriennale (di durata compresa tra i tre e i cinque anni)
        La prima categoria si prefigge lo scopo di promuovere i collegamenti culturali transnazionali pluriennali,
        incoraggiando almeno sei operatori culturali da un minimo di sei paesi ammissibili a collaborare e intervenire
        tra e nell'ambito di settori diversi al fine di progettare attività culturali congiunte nell'arco di un periodo di tre fino
        a cinque anni.

                 Area d'intervento 1.2.1 Progetti di cooperazione (della durata massima di 24 mesi)
                 La seconda categoria riguarda le azioni comuni ad almeno tre operatori culturali, attivi tra e all'interno
                 di settori diversi e provenienti da un minimo di tre paesi ammissibili; le azioni finanziate non devono
                 protrarsi per un periodo di tempo superiore ai due anni. In particolare, rientrano in questo campo
                 d'intervento le azioni volte a studiare gli strumenti per una cooperazione a lungo termine.
                 Area d'intervento 1.2.2 Progetti di traduzione letteraria (della durata massima di 24 mesi)
                 La terza categoria riguarda l'assistenza ai progetti di traduzione. Il sostegno dell'UE alla traduzione
                 letteraria si prefigge l'obiettivo di valorizzare la conoscenza della letteratura e del patrimonio letterario
                 dei cittadini europei promovendo la circolazione delle opere letterarie tra gli Stati. Le case editrici
                 potranno ricevere sovvenzioni per la traduzione e la pubblicazione di opere letterarie da una lingua
                 europea a un'altra.

        Area di intervento 1.3 Progetti di cooperazione con paesi terzi (della durata massima di 24 mesi)
        La quarta categoria mira a offrire un appoggio ai progetti di cooperazione culturali volti a favorire gli scambi
        culturali tra i paesi partecipanti al programma e i paesi terzi che hanno concluso accordi di associazione o
        cooperazione con l'UE, a patto che tali accordi contengano clausole di carattere culturale. L'azione deve
        generare una concreta dimensione di cooperazione internazionale. I progetti di cooperazione devono
        prevedere la partecipazione di almeno tre operatori culturali, provenienti da un minimo di tre paesi ammissibili,
        e un'attività di cooperazione culturale con almeno un'organizzazione stabilita nel paese terzo selezionato e/o
        comprendere attività culturali svolte nel paese terzo selezionato.

Il sostegno comunitario è limitato a una percentuale massima del 50% della spesa complessiva ammissibile.

2. Sostegno alle organizzazioni attive a livello europeo nel settore della cultura (area d'intervento 2)
Le organizzazioni culturali che operano, o che intendono operare, nel campo della cultura a livello europeo possono
ricevere un aiuto per coprire le spese operative. Quest'area di intervento è riservata alle organizzazioni che
promuovono un senso di esperienza culturale condivisa in una dimensione squisitamente europea. La sovvenzione
concessa in quest'area d'intervento si configura come un aiuto per coprire i costi operativi sostenuti per le attività
permanenti svolte da organizzazioni beneficiarie.
L'assistenza comunitaria è limitata all'80 % della spesa complessiva ammissibile.

I I bandi si riferiscono alle diverse aree d’intervento secondo il seguente calendario:


  Aree di intervento 1.1 - Progetti di cooperazione pluriennale                                             Scadenza: 01/10/2009


  Area di intervento 1.2.1 - Progetti di cooperazione                                                       Scadenza: 01/10/2009


  Area di intervento 2 - Sostegno agli organismi attivi a livello europeo nel settore della cultura         Scadenza: 01/11/2009



 http://ec.europa.eu/culture/eac/index_en.html
Programma URBACT II. Bando per la costituzione di un pool di esperti tematici
Scadenza: 31/12/2010


E' stato pubblicato sul sito internet del Programma URBACT II il bando per la costituzione di un pool di esperti tematici
nell’ambito dello sviluppo urbano sostenibile. Per ciascun progetto ( Reti tematiche o Working Group) viene designato
un esperto tematico principale per supportare con contributi metodologici e tematici le attività per l'intera durata del
progetto. Se necessario, i progetti possono richiedere un numero limitato di esperti tematici durante l'intero ciclo
progettuale per fornire assistenza ad hoc o per specifici problemi legati all'implementazione di ciascun programma di
lavoro del progetto. Il pool di esperti tematici selezionati rimarrà disponibile fino al 31 dicembre 2010. Il processo di
qualifica per esperti tematici rimarrà aperto durante l'intero periodo di validità in modo che il pool di esperti potrà essere
disponibile a conoscere i problemi dei progetti URBACT II durante il ciclo di vita del progetto.

 http://urbact.eu/

 http://urbact.eu/news-events/single-news/article/the-call-for-application-urbact-ii-thematic-experts-remains-
 open-until-2010-1.html?tx_ttnews%5BbackPid%5D=46&cHash=3ee4c6011b




7FP
****************************************************************************************************************************************************
                                                                     ***********




Azioni Marie Curie all’interno del Programma Persone
Scadenze: 18/08/2009, 08/10/2009

Sono stati pubblicati i bandi Marie Curie:Partenariati con l’Industria, formazione avanzata, mobilità transnazionale,
reintegrazione internazionale, il cui termine di scadenza è stato fissato al 18 agosto 2009. I bandi sono rivolti a
ricercatori esperti che hanno svolto almeno quattro anni di ricerca post-laurea o con il dottorato.

• (IEF) "Intra-European Fellowships for Career Development” FP7-PEOPLE-2009-IEF. Azione che finanzia il sostegno
per la formazione avanzata e la mobilità transnazionale dei ricercatori europei o di un Paese Associato, per un periodo
che va dai 12 ai 24 mesi. I progetti individuali vengono svolti in un istituto ospitante di uno Stato Membro/Associato.

• (IOF) "International Outgoing Fellowships for Career Development"FP7-PEOPLE-2009-IOF. Azione che mira a
rinforzare la dimensione internazionale della carriera dei ricercatori europei, offrendo loro l’opportunità di effettuare
formazione e acquisire nuove conoscenze in un Paese terzo, ma con l’obbligo del reinserimento (1 anno) in uno Stato
Membro/Associato.

• (IIF) "International Incoming Fellowships” FP7-PEOPLE-2009-IIF. Azione che ha come obiettivo quello di rafforzare
l'eccellenza scientifica degli Stati Membri/Associati attraverso lo scambio di conoscenze con i migliori ricercatori
provenienti da uno Stato Terzo, offrendo loro la possibilità di svolgere un progetto di ricerca in Europa in vista di un
mutuo beneficio per Europa e Paese Terzo. Questa fase può durare da 1 a 2 anni.

Il bando FP7-PEOPLE-2009-RG (08/10/2009), Marie Curie Reintegration Grants, include sia le European Reintegration
Grants che le International Reintegration Grants, con una presentazione continua in modalità sportello delle
candidature e con l’8 ottobre 2009 come data di valutazione delle proposte pervenute fino a quel momento.
I fondi sono destinati al supporto per la formazione e lo sviluppo della carriera dei ricercatori esperti che in passato
hanno già beneficiato di un periodo di formazione e mobilità nell’ambito del Programma Quadro per almeno 18 mesi.
Le International Reintegration Grants, in particolare, sono destinate a cittadini di uno Stato Membro o Associato che al
momento della presentazione del progetto siano attivi nella ricerca in un Paese terzo da almeno 3 anni.
Le borse coprono un periodo che va da due a tre anni.

 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7CallsPage




TIC all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 22/09/2009 ( ogni 4 mesi, open scheme - FP7-ICT-2009-C), 26/10/2009 (FP7-ICT-2009-5), 03/11/2009 (FP7-2010-ICT-GC)



In generale l'obiettivo del tema delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione è di migliorare la competitività
dell’industria europea e consentire all’Europa di dominare e plasmare gli sviluppi futuri delle tecnologie
dell’informazione e della comunicazione (TIC) in modo da soddisfare la domanda della società e dell’economia.
Le TIC costituiscono il nucleo della società basata sulla conoscenza. Le attività rafforzeranno la base scientifica e
tecnologica europea nel settore delle TIC e conferiranno all’Europa un ruolo di punta in questo campo, contribuiranno
ad orientare e incentivare l’innovazione e la creatività nei prodotti, nei servizi e nei processi mediante l’uso di queste
tecnologie e garantiranno che i progressi realizzati nelle TIC vengano rapidamente trasformati in benefici per i cittadini,
le imprese, l’industria e le amministrazioni pubbliche europee. Queste attività contribuiranno inoltre a ridurre il divario
digitale e l'esclusione sociale.

Il settore riservato alle Future and Emerging Technologies (FET) all’interno del bando sulle tecnologie dell’informazione
e della comunicazione riguarda ricerca ad alto rischio e con prospettive a lungo termine, guidata dallo scopo. E’ aperto
ad una vasta gamma di bisogni, opportunità e soluzioni e agisce da indicatore che anticipa nuove direzioni ed
opportunità per la ricerca nel campo delle TIC. Sostiene in questo senso la cooperazione con il mondo dell’industria.
Questa ricerca porrà le fondamenta scientifiche per le tecnologie e l’innovazione di domani, in termini di conoscenza e
know-how.
Grazie all’approccio bottom-up, le FET consentono di spaziare in ogni ambito della ricerca collegato con le tecnologie
dell’informazione e della comunicazione.

FET Open scheme: FP7-ICT-2009-C
(22/09/2009, 26/01/2010, 06/07/2010, 28/09/2010, 25/01/2011, 24/05/2011)
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=189

FP7-ICT-2009-5
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=232

 FP7-2010-ICT-GC
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=273




Energia all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 15/10/2009 (FP7-ENERGY-2010-1, FP7-ENERGY-2010-FET), 30/11/2009 (FP7-ENERGY-2010-INDIA), 04/03/2010 (FP7-
ENERGY-2010-2)

L'obiettivo di questo tema è adeguare l’attuale sistema energetico rendendolo maggiormente sostenibile, meno
dipendente da combustibili importati, basato su un insieme di fonti energetiche, in particolare fonti rinnovabili, vettori
energetici e fonti non inquinanti, accrescere l'efficienza energetica, anche razionalizzando l'uso e l'immagazzinamento
di energia; far fronte alle sfide, sempre più pressanti, della sicurezza dell’approvvigionamento e dei cambiamenti
climatici, rafforzando nel contempo la competitività delle industrie europee.
Per quel che riguarda FP7-ENERGY-2010-1, il bando riguarda le seguenti aree di attività:
    - generazione di elettricità rinnovabile
    - produzione di carburante rinnovabile
    - efficienza e risparmio energetico
    - tecnologie per immagazzinare CO2 per la generazione di potenza ad emissione zero
    - reti di energia efficienti

FP7-ENERGY-2010-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=227

Il bando FP7-ENERGY-2010-FET riguarda applicazioni nel campo dell’energia di tecnologie emergenti (FET).

FP7-ENERGY-2010-FET
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=256

Il bando FP7-ENERGY-2010-INDIA finanzia azioni congiunte UE-India sui temi della generazione di elettricità
rinnovabile (fotovoltaico ed energia solare).

FP7-ENERGY-2010-INDIA
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=257

Infine il bando FP7-ENERGY-2010-2 riguarda le seguenti aree di attività:
    -   energia eolica
    -   impianti solari innovativi
    -   biocarburanti e biomassa
    -   tecnologie pulite
    -   sviluppo di reti di distribuzione di energia interattive

 FP7-ENERGY-2010-2
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&
 call_id=264



Salute all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 29/10/2009 (FP7-HEALTH-2010-two-stage), 19/11/2009 (FP7-HEALTH-2010-single-stage), 03/02/2010 (FP7-HEALTH-2010-
Alternative-Testing)
Obiettivo del tema «Salute» è migliorare la salute dei cittadini europei e rafforzare la competitività e la capacità di
innovazione delle industrie e delle aziende europee del settore della salute, affrontando nello stesso tempo questioni
sanitarie di livello mondiale come le nuove epidemie.

Per quel che riguarda FP7-HEALTH-2010-two-stage e FP7-HEALTH-2010-single-stage i bandi riguardano progetti
collaborativi, azioni di coordinamento e supporto nei seguenti ambiti tematici:
      biotecnologie e tecnologie mediche
      indagini, diagnosi e monitoraggio
      sicurezza ed efficacia delle terapie
      approcci terapeutici innovativi
      ricerche sulle malattie cerebrali, sullo sviluppo e sull’invecchiamento dell’individuo
      malattie infettive di particolare rilevanza per la comunità
      ottimizzazione della qualità e dell’efficienza nell’offerta della cura della salute per i cittadini
      trasferimento dei risultati della ricerca clinica nella pratica incluso l’uso di farmaci, l’adozione di comportamenti
        e di interventi organizzativi
      misure di promozione della salute e prevenzione delle malattie

FP7-HEALTH-2010-two-stage
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=279

FP7-HEALTH-2010-single-stage
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=278

Il bando FP7-HEALTH-2010-Alternative-Testing valuterà in un unico step progetti concernenti i seguenti temi:
     - ottimizzazione di metodologie correnti e sviluppo di nuovi metodi per la differenziazione funzionale di cellule in
        vitro
     - utilizzo di soluzioni cellulari per simulazioni di organi come alternative alla sperimentazione con tossicità a
        lungo termine
     - markers intermedi in cellule umane con rilevanza per la sperimentazione con tossicità sistemica
     - biologia per lo sviluppo di modelli informatici predittivi di tipo causale

 FP7-HEALTH-2010-Alternative-Testing
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=280




Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e Biotecnologie all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 29/10/2009 (FP7-INFLUENZA-2010), 14/01/2010 (FP7-KBBE-2010-4)

Scopo del bando FP7-INFLUENZA-2010 è quello di orientare la ricerca sull’influenza umana e animale alla luce del
recente rischio di pandemia per il virus di origine suina e aviaria, tenendo conto del bagaglio di esperienza di progetti
analoghi finanziati dalla UE sul 7° programma quadro.

FP7-INFLUENZA-2010
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=269


Il bando FP7-KBBE-2010-4 riguarda progetti collaborativi di ricerca, azioni di coordinamento e supporto nelle seguenti
aree di attività:
     - produzione sostenibile e gestione di risorse biologiche da foreste e da ambienti marini
     - sicurezza degli alimenti, dalla fattoria alla tavola
     - scienze della vita, biotecnologie e biochimica per prodotti e processi sostenibili

 FP7-KBBE-2010-4
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=233




Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, Nanoscienze, nanotecnologie, materiali
e nuove tecnologie di produzione all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 03/11/2009 (FP7-2010-NMP-ICT-FoF)

Il bando valuterà in unico step progetti relativi a “fabbriche del futuro”, quali: tecnologie informatiche per processi
produttivi snelli e compatibili con le esigenze ambientali, approcci alla catena di approvvigionamento per produzioni
industriali di serie ridotta, piattaforme produttive intelligenti ed elementi funzionali in scala micro e nano.

 FP7-2010-NMP-ICT-FoF
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=281#infopa
 ck
Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Tecnologie dell'informazione e della
comunicazione, Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione
all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 03/11/2009 (FP7-2010-NMP-ENV-ENERGY-ICT-EeB)

Il bando si riferisce ad una serie di misure a favore di edifici ad efficienza energetica, in particolare: sistemi di
isolamento degli edifici basati su nanotecnologie, tecnologie a livello di distretti per l’efficienza energetica, soluzioni
compatibili con gli edifici storici nelle aree urbane, uso di ICT per l’efficienza energetica negli spazi pubblici.
La valutazione sarà in un unico step.

 FP7-2010-NMP-ENV-ENERGY-ICT-EeB
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=290




Sicurezza all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 26/11/2009 (FP7-SEC-2010-1)

Il bando riguarda progetti collaborativi di ricerca, reti di eccellenza, azioni di coordinamento e supporto nel campo della
sicurezza dei cittadini, della sicurezza delle infrastrutture e dei trasporti, delle apparecchiature, dei sistemi di
sorveglianza, della sicurezza dei dati, della gestione della crisi, degli aspetti sociali, culturali e organizzativi relativi alla
sicurezza.
Le proposte saranno valutate in un unico step.
E’ auspicato il coinvolgimento delle PMI e dei beneficiari finali dei progetti

 FP7-SEC-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&
 call_id=275



Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione all’interno del
Programma Cooperazione
Scadenza: 30/11/2009 (FP7-NMP-2010-EU-USA), 08/12/2009 (FP7-NMP-2010-LARGE-4, FP7-NMP-2010-SMALL-4, FP7-NMP-2010-SME-
4), 15/12/2009 (FP7-NMP-2010-EU-Mexico), 02/02/2010 (FP7-NMP-2010-CSA-4)

L'obiettivo di questo tema è rafforzare la competitività dell’industria europea e generare conoscenze per garantire la
sua trasformazione da un’industria ad alta intensità di risorse a un’industria ad alta intensità di conoscenze, mediante
un cambio di passo nelle conoscenze e l'applicazione di conoscenze decisive per nuove applicazioni al crocevia tra
tecnologie e discipline diverse. Ciò produrrà benefici tanto per le nuove industrie ad alta tecnologia quanto per le
industrie tradizionali di elevato valore e basate sulla conoscenza, dando speciale rilievo all'adeguata diffusione dei
risultati di RST alle PMI. Le attività riguardano essenzialmente l'attuazione di tecnologie che hanno un impatto su tutti i
settori industriali e su molti altri temi del 7° programma quadro.

Per quel che riguarda FP7-NMP-2010-EU-USA il bando finanzia progetti collaborativi di ricerca di piccole e medie
dimensioni, di importo no superiore a 1 milione di euro, tra UE e USA nel campo dell’impatto delle tecnologie
sull’ambiente, la salute e la sicurezza.
La valutazione sarà in un solo step.

FP7-NMP-2010-EU-USA
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=276

Il bando FP7-NMP-2010-LARGE-4 finanzierà progetti di importo superiore ai 4 milioni di euro, con valutazione in
due step, nelle seguenti aree di attività:
    -   impatto sull’ambiente, la salute, la sicurezza
    -   nuovi biomateriali
    -   progressi nelle tecnologie chimiche e nella lavorazione dei materiali
    -   trasferimento e integrazione di nuove tecnologie nella progettazione ed esecuzione di processi produttivi
    -   integrazione di tecnologie per applicazioni industriali

FP7-NMP-2010-LARGE-4
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=258

Il bando FP7-NMP-2010-SMALL-4 finanzierà progetti di importo inferiore ai 4 milioni di euro, con valutazione in due
step, nelle seguenti aree di attività:
    -   nanotecnologie e tecnologie convergenti
    -   materiali efficienti basati sulla conoscenza
    -   ingegnerizzazione per lo sviluppo di materiali ad alte prestazioni
    -   sviluppo e validazione di nuovi modelli e strategie industriali
FP7-NMP-2010-SMALL-4
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=259

Il bando FP7-NMP-2010-SME valuterà in due step progetti rivolti alle piccole e medie imprese sui temi delle
nanotecnologie e tecnologie convergenti (caratterizzazione in tempo reale di nanomateriali) e dell’integrazione di
tecnologie per applicazioni industriali (prodotti su fibra multifunzionali di nuova generazione).

FP7-NMP-2010-SME
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=260

Il bando FP7-NMP-2010-EU-Mexico valuterà in un solo step progetti collaborativi di ricerca di piccole e medie
dimensioni, di importo non superiore a 2 milioni di euro, sul tema delle nanotecnologie e tecnologie convergenti
(nanostrutture) in collaborazione tra Stati Membri della UE e partner localizzati in Messico.

FP7-NMP-2010-EU-Mexico
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=277

Il bando FP7-NMP-2010-CSA-4 valuterà in un solo step azioni di coordinamento e supporto sui temi delle
nanotecnologie e tecnologie convergenti e dell’integrazione di tecnologie per applicazioni industriali.

 FP7-NMP-2010-CSA-4
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 61




Spazio all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 08/12/2009 (FP7-SPACE-2010-1)

Il bando riguarda progetti collaborativi, azioni di coordinamento e supporto nel campo delle indagini, dei trasporti e
delle tecnologie del settore aerospaziale, incluse alcune applicazioni di tali tecnologie quali ad esempio quelle
concernenti il monitoraggio dei cambiamenti climatici e le GMES (Global Monitoring for Environment and Security), a
beneficio sia dei cittadini sia della competitività dell’industria spaziale europea.
Le proposte saranno valutate in un unico step.

 FP7-SPACE-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&
 call_id=239



Scienze Socioeconomiche e scienze umane all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 15/12/2009 (FP7-SSH-2010-4), 02/02/2010 (FP7-SSH-2010-1, FP7-SSH-2010-2, FP7-SSH-2010-3)

Il bando FP7-SSH-2010-4 finanzia azioni di coordinamento e supporto concernenti la seguente area di attività:
combinazione di obiettivi economici, sociali e ambientali in una prospettiva europea: percorsi verso lo sviluppo
sostenibile

FP7-SSH-2010-4
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=255

Il bando FP7-SSH-2010-1 riguarda progetti collaborativi di ricerca di grandi dimensioni (min. 6.500.000 euro) nelle
seguenti aree di attività:
     - crescita, occupazione e competitività nella società della conoscenza
     - combinazione di obiettivi economici, sociali e ambientali in una prospettiva europea: percorsi verso lo sviluppo
        sostenibile
     - principali tendenze nella società, stili di vita e loro implicazioni
     - l’Europa e il mondo
     - il cittadino nell’Unione Europea

http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=252

Il bando FP7-SSH-2010-2 riguarda progetti collaborativi di ricerca di piccole e medie dimensioni (max 2.700.000 euro)
nelle seguenti aree di attività:
     - crescita, occupazione e competitività nella società della conoscenza
     - combinazione di obiettivi economici, sociali e ambientali in una prospettiva europea: percorsi verso lo sviluppo
        sostenibile
     - il cittadino nell’Unione Europea

FP7-SSH-2010-2
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=253
Il bando FP7-SSH-2010-3 riguarda progetti collaborativi di piccole e medie dimensioni (max 2.700.000 euro) destinati
ad azioni specifiche di cooperazione internazionale (SICA) nell’area di attività ”Europa nel mondo”.

 FP7-SSH-2010-3
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 54




Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici) all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 05/01/2010 (FP7-ENV-2010)

Il bando riguarda progetti collaborativi di ricerca, reti di eccellenza, azioni di coordinamento e supporto in molte delle
aree di ricerca previste nel programma di lavoro 2010, in particolare:
     - cambiamenti climatici, inquinamento e impatto sull’ambiente
     - ambiente e salute
     - rischi naturali
     - gestione sostenibile delle risorse e biodiversità
     - gestione dell’ambiente marino
     - tecnologie ambientali per l’osservazione, la prevenzione, la mitigazione dei rischi, il recupero dell’ambiente
         naturale
     - protezione del patrimonio culturale
     - metodi e strumenti di osservazione, previsione e valutazione per lo sviluppo sostenibile


 FP7-ENV-2010
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 67




Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e
Biotecnologie all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 14/01/2010 (FP7-AFRICA-2010)


Il bando persegue diversi obiettivi scientifici e tecnologici del partneriato strategico UE-Africa con particolare enfasi su
”Sicurezza dell’acqua e degli alimenti” e ”Migliori condizioni sanitarie per l’Africa”.

 FP7-AFRICA-2010 (bando congiunto: Ambiente/Agroalimentare, Pesca e Biotecnologie /Salute)
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&
 call_id=268



Trasporti (incluso Aereonautica) all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 14/01/2010 (FP7-AAT-2010-RTD-RUSSIA, FP7-TRANSPORT-2010-TREN-1, FP7-SST-2010-RTD-1, FP7-TPT-2010-RTD-1, FP7-
AAT-2010-RTD-CHINA, FP7-AAT-2010-RTD-1)

Obiettivo del tema Trasporti è quello di valorizzare i progressi tecnologici e operativi nella politica europea dei trasporti
e di sviluppare sistemi di trasporto pan-Europei integrati, ecosostenibili, più sicuri ed efficienti a beneficio di tutti i
cittadini e della società in genere, oltre che del clima, nel rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali; intende inoltre
accrescere la competitività raggiunta dalle industrie europee nel mercato globale.

FP7-AAT-2010-RTD-RUSSIA
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=270

FP7-TRANSPORT-2010-TREN-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=237

FP7-SST-2010-RTD-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=238

FP7-TPT-2010-RTD-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=240

FP7-AAT-2010-RTD-CHINA
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=241

 FP7-AAT-2010-RTD-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 51
Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e
Biotecnologie , Scienze Socioeconomiche e scienze umane, Trasporti (incluso
Aereonautica) all’interno del Programma Cooperazione
Scadenza: 14/01/2010 (FP7-OCEAN-2010)

Il bando riguarda una serie di azioni volte a promuovere “l’oceano di domani”, in particolare la quantificazione
dell’impatto dei cambiamenti climatici, i depositi di carbone nei fondali marini e i vettori di cambiamenti nella vita
marina. Saranno finanziati progetti collaborativi di grandi dimensioni, con un approccio multidisciplinare e
multisettoriale.

 FP7-OCEAN-2010
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 74




Energia, Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Nanoscienze, nanotecnologie, materiali
e nuove tecnologie di produzione, Trasporti (incluso Aereonautica) all’interno del
Programma Cooperazione
Scadenza: 14/01/2010 (FP7-2010-GC-ELECTROCHEMICAL-STORAGE)

Il bando finanzia progetti collaborativi relativi a materiali, tecnologie e processi per applicazioni di elettrochimica al
trasporto sostenibile (sustainable automotive electrochemical storage).

 FP7-2010-GC-ELECTROCHEMICAL-STORAGE
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 89




Ambiente (incluso Cambiamenti Climatici), Agroalimentare, Agricoltura, Pesca e
Biotecnologie, Attività Generali, Salute, Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove
tecnologie di produzione, Trasporti (incluso Aereonautica) all’interno del Programma
Cooperazione
Scadenza: 19/01/2010 (FP7-ERANET-2010-RTD)

Il bando riguarda azioni orizzontali di coordinamento e supporto sulle seguenti attività tematiche:
SALUTE: biotecnologie, ricerca sul cancro, malattie rare, epidemiologia genetica
AGROALIMENTARE: produzioni sostenibili, cooperazione tra programmi di ricerca fitosanitaria
NANOTECNOLOGIE: integrazione di tecnologie per applicazioni industriali, nano-tossicologia, catalisi, produzione
industriale
AMBIENTE: gestione sostenibile di risorse, gestione delle acque, biodiversità, eco-innovazione
TRASPORTI: trasporto sostenibile di superficie

 FP7-ERANET-2010-RTD
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=2
 72




Potenziale di Ricerca all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 15/10/2009 (FP7-REGPOT-2010-5), 17/12/2009 (FP7-REGPOT-2010-1)

Obiettivo del bando FP7-REGPOT-2010-5 è quello di finanziare con importi compresi tra 1 e 2 milioni di euro azioni di
supporto intese a liberare e sviluppare il potenziale di ricerca delle organizzazioni con sede nei Paesi dei Balcani
Occidentali, equivalenti a regioni della convergenza (Albania, Bosnia and Herzegovina, Croatia, FYROM, Montenegro
and Serbia)

FP7-REGPOT-2010-5
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=223

Obiettivo del bando FP7-REGPOT-2010-1 è quello di finanziare fino ad un massimo di 4 milioni di euro azioni di
supporto intese a liberare e sviluppare il potenziale di ricerca delle organizzazioni con sede nelle regioni dell’obiettivo
Convergenza e regioni ultraperiferiche.

 FP7-REGPOT-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=222




Infrastrutture di Ricerca all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 24/11/2009 (FP7-INFRASTRUCTURES-2010-2), 03/12/2009 (FP7-INFRASTRUCTURES-2010-1)


Obiettivo generale del programma "Infrastrutture di ricerca" è ottimizzare l'impiego e lo sviluppo delle migliori
infrastrutture di ricerca esistenti in Europa, nonché favorire la creazione di nuove infrastrutture di ricerca di interesse
paneuropeo in tutti i campi scientifici e tecnologici, necessarie alla comunità scientifica europea per rimanere
all'avanguardia nel campo della ricerca e per permettere all'industria di potenziare la propria base di conoscenze e le
proprie competenze tecnologiche.
Le proposte saranno valutate in un unico step.

Il bando FP7-INFRASTRUCTURES-2010-2 riguarda il supporto ad infrastrutture di ricerca esistenti, a infrastrutture
basate su tecnologie dell’informazione e della comunicazione (e-Infrastructures), quali comunità virtuali, software di
simulazione e infrastrutture informatiche distribuite, a nuove infrastrutture di ricerca (fase di implementazione o
riqualificazione), allo sviluppo di politiche e di programmi per le infrastrutture informatiche (conferenze, studi,
cooperazione internazionale).

FP7-INFRASTRUCTURES-2010-2
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=263

Il bando FP7-INFRASTRUCTURES-2010-1 riguarda il supporto a infrastrutture di ricerca esistenti nel campo delle
Scienze Sociali e Umane, delle Scienze della Vita, delle Scienze Ambientali, dell’Energia, dell’Ingegneria, della
Matematica e dell’Informatica, della Fisica e dell’Astronomia, e il sostegno alla fase preliminare per la costruzione di
nuove infrastrutture o per un loro significativo miglioramento in alcuni settori specifici, individuati nel bando. Include
azioni di coordinamento e supporto per lo sviluppo delle politiche per le infrastrutture di ricerca (ERA-NET).

 FP7-INFRASTRUCTURES-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=262




Scienza e Società all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 02/12/2009 (FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-UNIV), 21/01/2010 (FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-1, FP7-SCIENCE-IN-
SOCIETY-2010-CAREERS), 29/04/2010 (FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-NCP)

Il bando FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-UNIV riguarda l’evoluzione del ruolo delle Università nel processo verso
una società fondata sulla conoscenza e mira ad una governance più dinamica dei rapporti tra scienza e società. La
durata massima dei progetti è di due anni. Il finanziamento comunitario non supera i 600.000 euro a progetto.

FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-UNIV
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=287

Il bando FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-1 è aperto a quasi tutti i topic di ricerca del programma di lavoro 2010
Scienza nella Società, in particolare nelle seguenti aree di attività:
mobilità e azioni di apprendimento reciproco
il ruolo dell’etica nella politica europea: democrazia, scienza e diritto
il sostegno al dibattito sulla diffusione dell’informazione, l’accesso ai risultati scientifici e il futuro delle pubblicazioni
scientifiche
il rafforzamento del ruolo della donna nella ricerca scientifica
il supporto all’istruzione scientifica formale e informale e a metodi didattici innovativi
la relazione tra i fabbisogni di formazione di futuri scienziati e le esigenze espresse dalla società
la dimensione europea di eventi scientifici aperti al pubblico

FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=271

Il bando FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-CAREERS investe nei rapporti tra i giovani e la scienza e finanzia azioni di
supporto intese a rafforzare i collegamenti tra l’istruzione scientifica e le carriere in ambito scientifico e tecnologico nel
settore privato attraverso il consolidamento di partneriati tra mondo dell’industria e mondo dell’istruzione.

FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-CAREERS
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=266

Il bando FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-NCP èriservato ad azioni di supporto a compiti specifici dei Punti di
Contatto Nazionali di Scienza nella Società
 FP7-SCIENCE-IN-SOCIETY-2010-NCP
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=283




Ricerca a beneficio delle PMI all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 03/12/2009 (FP7-SME-2010-1)

Il bando è aperto a tutti gli ambiti di ricerca (approccio bottom-up).Almeno 3 partner devono essere piccole e medie
imprese; almeno 2 partner devono essere fornitori di servizi di ricerca. Le proposte saranno valutate in un unico step.

 FP7-SME-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=216




Regioni della Conoscenza all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 14/01/2010 (FP7-REGIONS-2010-1)

Il bando riguarda azioni di coordinamento nel campo della cooperazione transnazionale tra cluster regionali ad alta
intensità di ricerca, con priorità alla competitività economica delle attività connesse con la sanità. I progetti verranno
valutati in un unico step. Il finanziamento comunitario è compreso tra 1 e 3 milioni di euro.

 FP7-REGIONS-2010-1
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=211




Attività di Cooperazione Internazionale all’interno del Programma Capacità
Scadenza: 19/01/2010 (FP7-INCO-2010-1, FP7-INCO-2010-2, FP7-INCO-2010-3, FP7-INCO-2010-6)

Il bando FP7-INCO-2010-1 è riservato a promotori di progetti INCO-NET per azioni di coordinamento e supporto per il
coordinamento bilaterale tra regioni per la cooperazione scientifica e tecnologica, inclusa la definizione di priorità
comuni nelle politiche per la ricerca scientifica e tecnologica.

FP7-INCO-2010-1
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=228

Il bando FP7-INCO-2010-2 riguarda azioni di supporto per sostenere il coordinamento bilaterale di partneriati di
iniziative di ricerca scientifica e tecnologica con l’Algeria.

FP7-INCO-2010-2
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=229

Il bando FP7-INCO-2010-3 riguarda azioni di coordinamento per sostenere il coordinamento di politiche nazionali e
regionali e le attività degli Stati Membri e dei Paesi Associati nel campo della cooperazione internazionale,
segnatamente in Africa, Brasile, Canada, Cina, Giappone, USA. Le azioni ERA-NET mirano a mettere in rete
programmi di ricerca condotti in ambito nazionale o regionale con la prospettiva di una aperture reciproca e lo sviluppo
e l’implementazione di attività congiunte.

FP7-INCO-2010-3
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=230

il bando FP7-INCO-2010-6 riguarda azioni di supporto volte a integrare i Paesi confinanti con l’Europa nell’Area
Europea della Ricerca (ERA). Ammissibili progetti rivolti a Moldova, Georgia, Ucraina, Belarus, Armenia, Azerbaijan,
Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Giordania, aree amministrate dall’autorità palestinese, Libano, Siria.


 FP7-INCO-2010-6
 http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=231




Programma specifico IDEAS – ERC Starting grants
Scadenze: 28/10/2009 (ERC-2010-StG_20091028 Scienze fisiche e Ingegneria), 18/11/2009 (ERC-2010-StG_20091118 Scienze della
vita, ERC-2010-StG_20091118), 09/12/2009 (ERC-2010-StG_20091209 Scienze sociali e umanistiche, ERC-2010-StG_20091209)

E’ stato pubblicato il terzo bando per ‘Starting grants’ dell’European Research Council.

Si tratta di progetti su temi di ricerca ‘di frontiera’, proposti da ‘Principal Investigators’ che abbiano tra 2 e 10 anni di
esperienza di ricerca dopo il dottorato.

Le scadenze nel 2009 sono programmate come segue, con date differenti in base al dominio di ricerca:
      fisica, ingegneria: 28 ottobre 2009
      scienze della vita: 18 novembre 2009
      scienze sociali e umanistiche: 9 dicembre 2009

Rispetto al bando precedente, le modifiche principali sono:
- Aumento del budget disponibile
- Estensione del periodo di eleggibilità da 2 a 10 anni post PhD
- Estensione del periodo di eleggibilità per maternità e del ‘paternity leave’
- Riconoscimento in fase di valutazione di 2 categorie di proponenti: “starters”(dai 2 ai 6 anni
Post PhD) e “consolidators” (dai 6 ai 10 anni post PhD).
- Separazione del budget per le due categorie di cui sopra sulla base della domanda rispettiva per panel
- Introduzione di un incentivo economico per accrescere la partecipazione dei PI dai Paesi Terzi.
- La richiesta massima di finanziamento è di €1.5M a meno che il PI non provenga da un Paese Terzo o il tipo di
ricerca non sia completamente innovativo
Chi ha partecipato al bando StG2 deve aver superato lo step 2 di valutazione e non essere stato finanziato per ragioni
di budget. I proponenti che sono stati eliminati al primo step di valutazione StG2 non possono partecipare al bando
StG3.
La valutazione avverrà in due step a seguito della presentazione di una singola proposta progettuale completa.

ERC-2010-StG_20091028 Scienze fisiche e Ingegneria
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=284

ERC-2010-StG_20091118 Scienze della vita
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=285

ERC-2010-StG_20091209 Scienze sociali e umanistiche
http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7DetailsCallPage&call_id=286




Costituzione di una base dati di potenziali esperti indipendenti
Scadenza: 31/07/2013


E’ stato pubblicato un invito destinato a singoli individui per la costituzione di una base dati di potenziali esperti
indipendenti destinati ad assistere i servizi della Commissione nello svolgimento di compiti legati al Settimo programma
quadro di RST. Con il presente invito la Commissione sollecita le candidature di singoli individui al fine di costituire una
base dati di esperti indipendenti che potrebbero essere interpellati in relazione al Settimo programma quadro di azioni
comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013) e i relativi programmi specifici (programma
quadro CE) e al programma quadro Euratom.

La Commissione nominerà degli esperti indipendenti:
- che assisteranno i suoi servizi nella valutazione delle proposte alla luce degli obiettivi scientifici, tecnologici e
    socioeconomici del Settimo programma quadro. Il lavoro di valutazione comprende l'elaborazione di
    raccomandazioni circa le modalità di orientamento della ricerca ai fini del conseguimento ottimale degli obiettivi del
    programma specifico in questione,
- che assisteranno i suoi servizi nel controllo dei progetti selezionati e finanziati dalla Comunità, ivi compreso,
    qualora necessario, il monitoraggio di progetti finanziati dalla Comunità nell'ambito dei programmi quadro di RST
    precedenti;
- per altre mansioni che potrebbero richiedere competenze specifiche (ad esempio monitoraggio dell'attuazione,
    valutazione e valutazione degli impatti dei programmi e delle politiche di RST).

I potenziali esperti indipendenti devono possedere capacità e conoscenze adeguate in relazione alle aree di attività in
cui potrà essere richiesta la loro assistenza. I potenziali esperti indipendenti dovranno inoltre possedere un'esperienza
professionale di alto livello nel settore pubblico o privato, in uno o più dei seguenti settori di attività:
- ricerca nei settori scientifici e tecnologici pertinenti;
- amministrazione, gestione o valutazione di progetti, programmi o politiche di ricerca e sviluppo tecnologico (RST);
- uso dei risultati dei progetti di RST, trasferimento tecnologico, innovazione, cooperazione industriale, in particolare
    per quanto concerne le PMI;
- problematiche situate alla frontiera tra scienza e società (ad esempio istruzione, comunicazione, competenze,
    rischi, questioni etiche ecc.);
-   cooperazione internazionale in campo scientifico e tecnologico;
-   sviluppo delle risorse umane.

I potenziali esperti indipendenti devono inoltre possedere competenze linguistiche adeguate.Le candidature possono
essere presentate unicamente mediante il modulo elettronico reperibile on-line.
Il modulo di candidatura deve essere compilato in una delle lingue ufficiali dell'Unione europea. I candidati, già ripresi
nella base di dati di esperti indipendenti costituita per l'attuazione del Sesto programma quadro, che intendono
ripresentare la loro candidatura per il Settimo programma quadro sono invitati a riscriversi on-line. In questa pagina
web saranno invitati a trasferire i loro dati nella base dati del 7° PQ e ad aggiornare le loro parole chiave e le
informazioni riguardanti la loro esperienza professionale.

https://cordis.europa.eu/emmfp7/
http://europa.eu.int/eur-lex/lex/JOHtml.do?uri=OJ:C:2006:305:SOM:IT:HTML



***************************************************************************************************************************** ***********************
                                                                     ***********
                                                Assessorato al Lavoro Regione Sicilia

                                   http://www.lavoro.regione.sicilia.it/uffici/fp/2005/index.h
                                                              tm
                                          http://www.regione.sicilia.it/lavoro/uffici/fp/




Formulazione di interventi formativi per lo sviluppo dei saperi e delle competenze
Avviso Pubblico 8 del 29 Maggio 2009
di prossima pubblicazione



****************************************************************************************************************************************************
                                                                    ***********



                                         REGIONE SICILIANA
      Assessorato Regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e
    dell’Emigrazione, DIPARTIMENTO REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE PROGRAMMA
     OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013, FONDO SOCIALE EUROPEO, ASSE I -
                              ADATTABILITA’ ASSE II - OCCUPABILITA’
  Avviso Pubblico N 8 del 29 Maggio 2009 per la formulazione di interventi formativi per lo sviluppo
                                   dei saperi e delle competenze

Il presente Avviso intende sostenere una offerta formativa finalizzata a dar vita ad un processo di costituzione di una
ampia e variegata dotazione di competenze utili sia per gli occupati che necessitano di una riconversione,
riqualificazione e aggiornamento delle proprie competenze professionali, sia per sostenere processi di attivazione per
quell’ampio spettro di cittadini, soprattutto giovani e donne, che trovano difficoltà ad inserirsi o reinserirsi nel mercato
del lavoro.

In particolare, le proposte formative presentate a valere sul presente Avviso devono concorrere a:
     innalzare i tassi di partecipazione al mercato del lavoro delle donne, dei giovani, dei lavoratori in stato di
         disoccupazione, delle persone prive di saperi e professionalità a rischio di marginalizzazione lavorativa e
         sociale;
     sostenere una più rapida transizione dei giovani dagli studi al lavoro;
     contrastare e prevenire la disoccupazione di lunga durata, con particolare riferimento ai lavoratori espulsi dai
         processi produttivi e a quelli delle fasce a più alto rischio di esclusione.

Nella valutazione delle proposte si terrà conto dei principi trasversali dalla programmazione comunitaria, in particolare
del:
•        principio delle pari opportunità di genere;
•        principio della sostenibilità sia sotto il profilo ambientale che sociale;
•        principio dell’innovazione, inteso anche in termini di sperimentazione ed adozione di metodologie didattiche
innovative.
Tutte le proposte formative relative al presente Avviso devono essere presentate da soggetti pubblici o privati
accreditati o in corso di accreditamento, senza scopo di lucro, aventi tra i loro fini la formazione professionale. Non è
ammessa la presentazione di proposte da parte di tali soggetti in forma di raggruppamento.
Per alcune tipologie formative i soggetti proponenti possono essere imprese che intendono usufruire di un programma
di formazione per i propri dipendenti. In tal caso, la proposta deve contenere l’indicazione di un ente incaricato
dell’organizzazione ed erogazione dei corsi di formazione.
Le attività formative devono, di norma, realizzarsi presso sedi accreditate dell’ente di formazione, ovvero, a fronte di
motivate esigenze, presso sedi didattiche occasionali (esclusivamente per i corsi rivolti a lavoratori occupati)
coincidenti con la sede dell’impresa. I beneficiari devono essere residenti in Sicilia.
Ogni proposta progettuale può essere costituita da un massimo di 3 interventi formativi.

Tipologia formativa 1)
Interventi formativi monoaziendali, di una durata compresa tra le 24 e le 120 ore.
Ogni percorso, oltre ai contenuti caratterizzanti, dovrà obbligatoriamente contenere dei momenti o aree disciplinari
relativi alle ICT o alle metodologie di automazione o alle nuove tecnologie informatiche.
Destinatari: Minimo 5 massimo 10
Parametro economico di finanziamento: 24€/ora/allievo/formazione Le grandi imprese sono destinatarie di soli
interventi monoaziendali.

Tipologia formativa 2)
Interventi formativi pluriaziendali, di una durata compresa tra le 24 e le 120 ore, da svolgere secondo le medesime
modalità previste per la tipologia formativa 1). Tali interventi, nel contribuire a rafforzare il bagaglio di competenze dei
lavoratori interessati dall’azione formativa sulla base dei loro effettivi bisogni, potenziandone cosi i livelli di occupabilità,
dovranno essere tarati in modo tale da fornire comunque un effettivo apporto alle imprese presso cui questi lavoratori
sono occupati aumentandone l’impegno innovativo e la competitività.
Destinatari: Minimo 8 massimo 12
Parametro economico di finanziamento: 20€/ora/allievo/formazione Le microimprese sono destinatarie di soli interventi
pluriaziendali

Tipologia formativa 3)
Interventi formativi, pluriaziendali, di accompagnamento all’outplacement. La durata di questi interventi deve essere
compresa tra le 400 e le 600 ore di cui almeno 160 di stage in altre imprese interessate al ricollocamento e 100
finalizzate a sostenere il ri-orientamento e l’outplacement (o ricollocazione professionale di dipendenti in uscita da
un'azienda).
Durante l’intervento gli allievi dovranno comunque mantenere il rapporto di lavoro con l’impresa che richiede
l’intervento e l’eventuale ricollocazione dovrà avvenire solamente una volta che questo è stato concluso.
Destinatari: Minimo 8 massimo 12
Parametro economico di finanziamento: 24€/ora/allievo/formazione

I progetti relativi alle tipologie 1), 2) e 3) devono contribuire a conseguire l’obiettivo operativo FSE “Promuovere la
formazione continua individuale, anche al fine di sostenere la capacità di adattamento dei lavoratori all’innovazione e
alla società dell’informazione”
Le proposte formative di queste tipologie d’intervento rientrano nella disciplina comunitaria in tema di aiuti di Stato alla
formazione

Tipologia formativa 4)
Interventi di acquisizione di competenze di base rivolte a disoccupati e/o inoccupati della durata di compresa tra un
minimo 120 ore e un massimo di 240 ore.
Destinatari: Minimo 12 massimo 22
Parametro economico di finanziamento: 18€/ora/allievo/formazione

Tipologia formativa 5)
Interventi formativi di qualifica della durata compresa tra le 400 e le 800 ore di cui almeno il 20% in stage, finalizzati a
favorire l’inserimento lavorativo dei giovani, anche se non in possesso di una qualifica professionale riconosciuta e
spendibile sul mercato del lavoro.
Destinatari: Minimo 12 massimo 22
Parametro economico di finanziamento: 18€/ora/allievo/formazione

Tipologia formativa 6)
Interventi di specializzazione post diploma o post qualifica che prevedano almeno una fase di formazione d’aula di
durata non superiore a 300 ore, comprensive della prova finale, ed una fase di tirocinio di massimo 2 mesi per
complessive 280 ore. Gli interventi prevedono una acquisizione di competenze specialistiche per i giovani che già
possiedono una qualifica professionale, per alimentare processi di innovazione e/o di ampliamento della base
produttiva.
Destinatari: Minimo 12 massimo 22
Parametro economico di finanziamento: 20€/ora/allievo/formazione

Tipologia formativa 7)
Interventi di formazione permanente iniziale della durata massima di 150 ore finalizzati a sostenere l’acquisizione di
saperi e competenze professionali della popolazione siciliana adulta (35 - 64 anni), in grado sia di rafforzarne i livelli di
occupabilità sia di sostenerne la cittadinanza attiva.
Destinatari: Minimo 12 massimo 18
Parametro economico di finanziamento: 18€/ora/allievo/formazione I progetti relativi alle tipologie 4), 5), 6) e 7)
dovranno contribuire a conseguire l’obiettivo operativo FSE “Favorire condizioni di lavoro e un’offerta formativa
adeguata a supportare i processi di invecchiamento attivo della popolazione”

Ogni intervento formativo dovrà prevedere un modulo obbligatorio di 12 ore relativo all’applicazione del D.Lgs 81/08, di
informazione/formazione sulla prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per le azioni 4), 5) e 6 è riconosciuta una indennità di frequenza pari a 3 €/ora per gli allievi che partecipino almeno al
70% alle attività di formazione in aula previste dal percorso. Nel caso di azioni che prevedono attività di tirocinio,
l’indennità di frequenza prevista per ogni tirocinante passa da € 3,00/ora (tre) a € 5,00/ora (cinque), fino ad un
massimo di 280 ore.



                                             di prossima pubblicazione

								
To top